documento di sintesi

Commenti

Transcript

documento di sintesi
Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente
del Friuli Venezia Giulia
S.O.C. “Pressioni sull’Ambiente”
"Protocollo operativo per l'esecuzione di campionamenti top soil in
alcune aree dell'abitato di Servola"
Sintesi dei risultati
(24 maggio 2016)
Sommario
Premessa .............................................................................................................................................. 2
Materiali e metodi ............................................................................................................................... 2
Risultati ................................................................................................................................................ 3
Considerazioni generali sulla matrice suolo ........................................................................................ 7
Riferimenti ........................................................................................................................................... 8
pag. 1 di 10
Premessa
Nel novembre 2015, su richiesta del Comune di Trieste e dell’ASS n°1 Triestina, è stato messo a
punto un protocollo operativo, al quale si rimanda, per procedere all’esecuzione di indagini sui
terreni prospicenti lo stabilimento siderurgico di Servola. La finalità di tali indagini, condotte a
titolo conoscitivo, ha riguardato la valutazione della presenza di alcuni idrocarburi policiclici
aromatici (IPA) negli stati superficiali del terreno quale eventuale contributo di polveri
aerodisperse emesse dallo stabilimento siderurgico nel corso del tempo, già peraltro oggetto di
valutazione da parte dell’Azienda e di ARPA FVG a mezzo della rete deposimetrica.
Materiali e metodi
I dati oggetto del presente documento di sintesi sono relativi ai campioni di terreno prelevati con
metodologia “top soil” ed analizzati nei primi mesi del 2016, come stabilito dal “Protocollo
operativo per l’esecuzione di campionamenti top soil in alcune aree dell’abitato di Servola” dd.
08.11.2015.
Le aree oggetto di indagine sono rappresentate in figura 1 e di seguito elencate:
Area di verde pubblico, Via Norma Cossetto;
Pineta Stefano Miniussi, Via di Servola
Aiuola Spartitraffico GVT, Via di Servola
Giardino Pubblico Frà V.M. Antollovich, Via Valmaura angolo Via Carpineto
Aiuola Spartitraffico, Piazzale Atleti Azzurri d’Italia;
Associazione Italiana Amici del Presepio, Sezione di Trieste – Club Triestino Fermodellisti
Mitteleuropa, Via dei Giardini 16
Scuola dell’infanzia Don Chalvien, Via I. Svevo 21/1
Scuola primaria statale Biagio Marin, Via M. Praga
Chiesa Cattolica Parrocchiale S. Lorenzo, Via di Servola 40
Piazzale Rosmini;
Giardino Pubblico Muzio De Tommasini, Via Giulia;
Sincrotrone, Basovizza.
I campionamenti sono stati eseguiti dalla IPAS Bonifiche dei siti contaminati della SOC Pressioni
sull’Ambiente di ARPA FVG, in conformità alle procedure PR10.03 (campionamento e trasporto
campioni nel laboratorio multisito) e IO ACC 04/LUD (campionamento e contenitori). I campioni
sono stati prelevati con “metodologia top soil” ovvero campionando i primi 10 centimetri di suolo
superficiale sulla scorta di cinque incrementi rispondenti ai vertici e al centro di un quadrato di un
metro di lato. I campioni così formati sono stati omogeneizzati in campo e setacciati in laboratorio
per ottenere la frazione inferiore a 2 mm su cui sono state condotte le determinazioni analitiche.
Le analisi sono state eseguite dalla SOC Laboratorio/SOS Laboratorio di analisi ambientali e matrici
sanitarie dell’ARPA FVG, con sede a Udine, secondo i metodi indicati in tabella 1.
pag. 2 di 10
Tipologia
Descrizione
frazione granulometrica <2mm
fisici
PARAMETRI
Metodo
D.M. Agricoltura e Foreste – 13/09/99 –
Met.II.1
UNI EN 15934:2012 Met A.
Umidità a 105° C
Benzo(a)antracene
Benzo(a)pirene
Benzo(b)fluorantene
Benzo(k)fluorantene
Benzo(g,h,i)perilene
Crisene
Dibenzo(a,e)pirene
Indenopirene
Pirene
chimici
EPA 8270 C 1996
Tabella 1. Elenco dei parametri analizzati e dei corrispondenti metodi analitici utilizzati dal Laboratorio
Analisi Ambientali e Matrici Sanitarie per la determinazione degli IPA su 15 campioni di top soil prelevati
nelle aree urbane di Trieste.
Risultati
279 Pineta S. Miniussi
280 P.le Rosmini (genn.)
2477 P.le Rosmini 1bis
2478 P.le Rosmini 2
2479 P.le Rosmini 3
2881
Giardino
Antollovich
2882 P.le
d'Italia
2883 Sincrotrone
3157 Aiuola GVT
5793 G.no Pubblico
5794 Scuola Infanzia Don
Chalvien
6127 Chiesa S. Lorenzo
6128 Scuola B. Marin
6129 Via Giardini - Ass.
Amici Presepe
% <2mm
92,2
78,3
86,6
84,3
75,7
77,7
81,1
77,9
81,3
100
94,4
62,8
83,9
88,1
90,6
% Umidità
28,0
22,6
27,9
18,7
16,3
15,5
18,6
23,5
32,3
25,3
22,1
10,2
6,6
19,3
12,0
0,64
0,35
0,83
0,95
1,8
1,4
0,57
0,91
1,4
0,03
1
0,03
2
0,06
1
0,53
0,71
0,00
51
0,00
69
0,01
7
1,3
0,36
0,07
3
0,07
2
2,7
0,58
0,04
2
0,04
3
2,8
1,3
0,5
1,1
0,48
4,4
2
0,84
1,8
0,79
1,5
0,63
0,31
0,66
0,29
2,4
1
0,42
0,82
0,36
2,6
1,3
0,56
1,3
0,49
0,56
0,24
0,05
7
0,13
0,06
2
2,4
1
0,41
0,88
0,38
5,4
2
0,84
2,8
0,96
CSC (Col. B)
CSC (Col. A)
Atleti
ANALITA
Azzuri
278 Via N. Cossetto
Fra'
I risultati analitici degli IPA sono riportati in tabella 2.
Benzo(a)antrace
ne
0,5
10
Benzo(a)pirene
0,1
10
0,5
10
0,04
0,86
0,5
1,1
1,3
2,0
0,07
0,12
0,5
10
0,01
4
0,31
0,18
0,39
0,49
0,78
0,02
4
0,03
8
0,00
46
0,02
2
0,1
10
0,41
0,25
0,56
0,7
0,94
0,06
4
0,58
0,34
0,77
0,93
1,6
0,07
7
0,04
5
<0,0
50
<0,0
50
<0,0
50
0,47
0,28
0,64
0,78
1,0
1,1
0,82
1,5
1,9
3,1
0,03
6
0,04
4
<0,0
010
0,03
8
0,07
6
0,00
89
0,00
87
<0,0
010
0,01
4
0,01
1
0,03
5
0,03
8
<0,0
010
0,03
2
0,06
1
Benzo(b)fluoran
tene
Benzo(k)fluorant
ene
Benzo(g,h,i)peril
ene
Crisene
5
50
Dibenzo(a,e)pire
ne
0,1
10
Indenopirene
0,1
5
5
50
Pirene
0,02
6
0,02
5
0,02
2
0,02
8
0,00
228
0,02
2
0,04
8
0,08
0,01
2
0,06
7
0,13
Tabella2. Risultati analitici degli IPA presenti nei 15 campioni di top soil prelevati nelle aree urbane di
Trieste. In neretto sono riportate le concentrazioni, espresse sulla totalità dei materiali secchi, superiori
ai limiti (CSC) di Colonna A, Tab. 1 dell’All. 5 al Titolo V, Parte IV del D.Lgs. 152/2006; non sono presenti
concentrazioni superiori ai limiti (CSC) di Colonna B, Tab. 1 dell’All. 5 al Titolo V, Parte IV del D.Lgs.
152/2006 . In corsivo sono riportati i valori che non superano le CSC per effetto dell'incertezza di misura.
pag. 3 di 10
Nella figura 1 sono riportati i punti di prelievo; in rosa e in blu i punti sono evidenziati i punti con
concentrazioni di IPA rispettivamente superiori e inferiori ai limiti (CSC) di Colonna A, Tab. 1
dell’All. 5 al Titolo V, Parte IV del D.Lgs. 152/2006.
In figura 2 si riporta la medesima mappa con un inquadramento più puntuale rispetto all’area del
quartiere di Servola ove sono più numerosi i punti di prelievo.
I risultati analitici evidenziano il superamento delle CSC in alcuni punti nell’area di Servola e anche
nei due punti di campionamento “Piazzale Rosmini” e “Giardino Pubblico Muzio De Tommasini,
Via Giulia” assunti nel contesto del “Protocollo operativo” come punti di fondo urbano.
pag. 4 di 10
Figura 1. Mappa riportante i punti di campionamento su 15 campioni di top soil prelevati nelle aree urbane di Trieste (in rosa e in blu i punti con concentrazioni
di IPA rispettivamente superiori e inferiori ai limiti (CSC) di Colonna A, Tab. 1 dell’All. 5 al Titolo V, Parte IV del D.Lgs. 152/2006)
pag. 5 di 10
Figura 2. Mappa riportante i punti di campionamento nell’area di abitato di Servola (in rosa e in blu i punti con concentrazioni di IPA rispettivamente superiori
e inferiori ai limiti (CSC) di Colonna A, Tab. 1 dell’All. 5 al Titolo V, Parte IV del D.Lgs. 152/2006)
pag. 6 di 10
Considerazioni generali sulla matrice suolo
Il suolo è una matrice complessa, caratterizzata da una elevata variabilità orizzontale, tra suoli
diversi, e verticale, tra i diversi orizzonti di uno stesso suolo, a fronte invece di una variabilità
temporale nettamente meno marcata rispetto ad altre matrici, quali l’acqua e l’aria (Barberis et
al., 2006).
I suoli urbani differiscono da quelli rurali per il fatto che sono maggiormente influenzati dalle
attività antropiche; questa influenza si traduce, generalmente, in una maggiore contaminazione.
Le aree urbane, inoltre, presentano uno spettro molto ampio di utilizzo del suolo: giardini pubblici
e privati, campi da gioco, aree ex industriali, argini di fiumi e canali, orti familiari e terreni dedicati
all’agricoltura che, pur essendo spesso localizzati alle periferie, sono soggetti all’influenza dell’area
urbana (Barberis et al., 2006).
Gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) sono inquinanti organici persistenti riconosciuti a livello
internazionale. Tali inquinanti organici sono immessi nell’ambiente da numerose sorgenti, hanno
una struttura chimica stabile ed una considerevole vita media; possono determinare un
inquinamento persistente, pressoché ubiquitario, e accumularsi in occasione di eventi particolari
(Giandon et al., 2012). Gli IPA, infatti, derivano da fonti legate alle attività umane che implicano
l’utilizzo di combustibili fossili quali le emissioni da autoveicoli e da impianti domestici e/o
produttivi e da fonti naturali, quali incendi e attività vulcaniche (Vane et al., 2014; Albanese et al.,
2015; Doherty et al., 2015).
Studi condotti a Glasgow (Scozia), Birmingham (Inghilterra), Boston (USA), Catania (Italia) hanno
definito che le fonti di IPA nei suoli sono riconducibili ad un insieme di fattori in cui predominano i
processi di combustione da motori e da impianti domestici (Bradley et al.,1994; Morillo et al.,
2007; De Guidi et al., 2012; Vane et al., 2014).
Ad ogni modo, lo sviluppo delle attività industriali ha aumentato il rischio di immissione di IPA
nell’ambiente e, in particolare, nel suolo dove si possono verificare fenomeni di accumulo dovuti
all’elevata idrofobicità, alla scarsa o nulla solubilità degli IPA in acqua e alla loro generalmente
bassa tensione di vapore (Biasioli et al., 2007; Kim et al., 2009; Giandon et al., 2012; Albanese et
al., 2015; Marquez-Bravo et al., 2015). Fra i fattori che regolano il destino degli IPA nel suolo si
annoverano il contenuto di carbonio organico, le proprietà idrofobiche della sostanza organica e la
composizione del suolo in termini di contenuto di argilla, limo e sabbia (Heywood et al., 2006;
Albanese et al., 2015).
La degradazione degli IPA presenti nei suoli è generalmente lenta e, comunque, avviene in
prevalenza a carico degli IPA costituiti da 2-3 anelli ovvero a basso peso molecolare; i processi
degradativi di tipo biotico e abiotico sono influenzati dalle temperature stagionali, dall’intensità
della radiazione solare, dalla piovosità e dalla presenza di vegetazione (Maisto et al., 2004;
Heywood et al., 2006; Marusenko et al., 2011; Arena et al., 2014; De Nicola et al., 2015).
Si rimanda alla parte bibliografica per ulteriori approfondimenti anche in riferimento ad indagini
similari condotte in contesti urbani di altre città italiane ed europee segnalando, in particolare
l'interessante contributo sulla contaminazione diffusa organica e inorganica rilevata nel suolo
urbano della città di Torino. In quest’ambito è emerso che i suoli che hanno rilevato
concentrazioni maggiori di contaminati organici sono localizzati in aree scarsamente rimaneggiate
pag. 7 di 10
come quelle dei giardini storici, lontano dalle principali fonti emissive, ad indicare una deposizione
di particolato aereodisperso ricco in sostanze contaminati sul lungo termine (Biasioli et al., 2007).
Riferimenti
Albanese S., Fontaine B., Chen W., Lima A., Cannatelli C., Piccolo A., Qi S., Wang M., De Vivo B.
(2015) Polycyclic aromatic hydrocarbons in the soils of a densely populated regionb and associated
human health risks: the Campania Plain (Southern Italy) case study. Environ. Geochem. Health, 37,
1-20.
Ander E.L., Johnson C.C., Cave M.R., Palumbo-Roe B., Nathanail C.P., Lark R.M. (2013)
Methodology for the determination of normal background concentrations of contaminants in
English soil. Sci. Total Environ., 454-455, 604-618.
Arena C., De Maio A., De Nicola F., Santorufo L., Vitale L., Maisto G. (2014) Assessment of ecophysiological performance of Quercus ilex L. leaves in urban area by an integrated approach.
Water Air Soil Pollut., 225:1824, 1-12.
Banger K., Toor G.S., Chirenje T., Ma L. (2010) Polycyclic aromatic hydrocarbons in urban soils of
differen land uses in Miami, Florida. Soil Sediment Contam., 19, 231-243.
Barberis R., Fabietti G. (2006) Monitoraggio ambientale: dati chimici-agrari e di contaminazione
inorganica e organica. Rapporto sullo Stato dell’Ambiente in Piemonte, ARPA Piemonte, 224-241.
Biasioli M., Barberis R., Ajmone-Marsan F. (2006) The influence of a large city on some soil
properties and metal content. Sci. Total Environ., 356, 154-164.
Biasioli M., Grčman H., Kralj T., Madrid F., Díaz-Barrientos, Ajmone-Marsan F. (2007) Potentially
toxic elements contamination in urban soils: a comparison of three european cities. J. Environ.
Qual., 36, 70-79.
Biasioli M., Ajmone-Marsan F. (2007) Organic and inorganic diffuse contamination in urban soils:
the case of Torino (Italy). J. Environ. Monit., 9, 862-868.
Bradley L.J.N., Magee B.H., Allen S.L. (1994) Background levels of polycyclic aromatic hydrocarbons
(PAH) and selected metals in New England urban soils. J. Soil Contam., 3, 1-13.
Cachada A., Ferreira da Silva E., Duarte A.C., Pereira R. (2016) Risk assessment of urban soils
contamination: The particular case of polycyclic aromatic hydrocarbons. Sci. Total Environ., 551552, 271-284.
De Guidi G., Librando V., Minniti Z., Bolzacchini E., Perrini G., Bracchitta G., Alparone A., Catalfo A.
(2012) The PAH and nitro-PAH concentration profiles in size-segregated urban particulate matter
and soil in traffic-related sites in Catania, Italy. Polycyclic aromatic compounds, Eds. Taylor and
Francis, 32, 439-456.
De Nicola F., Alfani A., Maisto G. (2015) Polycyclic aromatic hydrocarbon contamination in an
urban area assessed by Quercus ilex leaves and soil. Environ. Sci. Pollut. Res., 21, 7616-7623.
De Nicola F., Baldantoni D., Sessa L., Monaci F., Bargagli R., Alfani A. (2015) Distribution of heavy
metals and polycyclic aromatic hydrocarbons in holm oak plant-soil system evaluated along
urbanization gradients. Chemosphere, 134, 91-97
pag. 8 di 10
Doherty R., McIlwaine R., McAnallen L., Cox S. (2015) Assessment of polycyclic aromatic
hydrocarbons in an urban soil dataset. Environmental Forensics: Proceedings of the 2014 INEF
Conference, Eds. O’Sullivan G., Megson D., 92-103.
Fabietti G., Biasioli M., Barberis R., Ajmone-Marsan F. (2010) Soil contamination by organic and
inorganic pollutants at the regional scale: the case of Piedmont, Italy. J. Soils Sediments, 10, 290300.
Giandon P., Dalla Rosa A., Garlato A. (2012) Monitoraggio del suolo. Determinazione delle
concentrazioni di microinquinanti organici. Prima rilevazione a scala regionale 2010-2013. Report
intermedio.
Hammer O., Harper D.A.T., Ryan P.D. (2001) "PAST-PAlaeontological STatistics, ver. 1.89."
Palaeontologia electronica 4.1, 1-9, last version http://folk.uio.no/ohammer/past/
Heywood E., Wright J., Wienburg C., Black H.I.J., Long S.M., Osborn D., Spurgeon D.J. (2006)
Factors influencing the national distribution of polycylic aromatic hydrocarbons and
polychlorinated biphenyls in British soils. Environ. Sci. Technol., 40, 7629-7635.
Hber P.J. (2011) Robust statistics. Ed. Springer Berlin Heidelberg
Kim D.W., Kim S.K., Lee D.S. (2009) Relationship of pyrogenic polycyclic aromatic hydrocarbons
contamination among environmental solid media. J. Environ. Monit., 11, 1244-1252.
Li X., Hou L., Zheng Y., Li Y., Lin X. (2015) Abundance and diversity of polycyclic aromatic
hydrocarbon degradation bacteria in urban roadside soils in Shangai. Appl. Microbiol. Biotechnol.,
99, 3639-3649.
Lilliefors H.W. (1967) On the Kolmogorov-Smirnov test for normality with mean and variance
unknown. J. Am. Stat. Ass., 62: 399-402.
Loreti M. (2006) Teoria degli errori e fondamenti di statistica. Ed. Zanichelli/Decibel.
Maisto G., De Nicola F., Prati M.V., Alfani A. (2004) Leaf and soil PAH accumulation in an urban
area of the mediterranean regione (Naples-Italy). Fresen. Environ. Bull., 13, 1263-1268
Marquez-Bravo L.G., Briggs D., Shayler H., McBride M., Lopp D., Stone E., Ferenz G., Bogdan K.G.,
Mitchell R.G., Spliethoff H.M. (2015) Concentrations of polycyclic aromatic hydrocarbons in New
York City community garden soils: potential sources and influential factors. Environ. Toxicol.
Chem., 9999, 1-11.
Mausenko Y., Herckes P., Hall S.J. (2011) Distribution of polycyclic aromatic hydrocarbons in soils of
an arid urban ecosystem. Water Air Soil Pollut., 219, 473-487
Monaco D., Riccio A., Chianese E., Adamo P., Di Rosa S., Fagnano M. (2015) Chemical
characterization and spatial distribution of PAHs and heavy hydrocarbons in rural sites of
Campania Region, South Italy. Environ. Sci. Pollut. Res., 22, 14993-15003.
Morillo E., Romero A.S., Maqueda C., Madrid L., Ajmone-Marsan F., Grčman H., Davidson C.M.,
Hursthouse A.S., Villaverde J. (2007) Soil pollution by PAHs in urban soils: a comparison of three
European Cities. J. Environ. Monit., 9, 1001-1008.
Peng C., Ouyang Z., Wang M., Chen W., Jiao W. (2012) Vegetative cover and PAHs accumulation in
soils of urban green space. Environ. Pollut., 161, 36-42.
Vane C.H., Kim A.W., Beriro D.J., Cave M.R., Knights, Moss-Hayes V., Nathanail P.C. (2014)
Polycyclic aromatic hydrocarbons (PAH) and polychlorinated biphenyls (PCB) in urban soils of
Greater London, UK. Appl. Geochem., 51, 303-314.
pag. 9 di 10
Wang C., Wu S., Zhou S., Wang H., Li B., Chen H., Yu Y., Shi Y. (2015) Polycyclic aromatics
hydrocarbons in soils from urban to rural areas in Nanjing: concentration, source, spatial
distribution and potential human health risk. Sci. Total Environ., 527-528, 375-383
Wang D., Yang M., Jia H., Zhou L., Li Y. (2008) Seasonal variation of polycyclic hydrocarbons in soil
and air of Dalian areas, China: an assessment of soil-air exchange. J. Environ. Monit., 10, 10761083.
Wang G., Zhang Q., Ma P., Rowden J., Mielke H.W., Gonzales C., Powell E. (2008) Sources and
distribution of polycyclic aromatic hydrocarbons in urban soils: case studies of Detroit and New
Orleans. Soil Sediment Contam., 17, 547-563.
Wilson S.C., Jones K.C. (1993) Bioremediation of soil contaminated with polynuclear aromatic
hydrocarbons (PAHs): a review. Environ. Pollut., 81, 229-249.
pag. 10 di 10

Documenti analoghi

Atti del seminario - Associazione Italiana Pedologi

Atti del seminario - Associazione Italiana Pedologi RIASSUNTO - I suoli nel Gruppo dolomitico del Brenta: caratteri chimici e mineralogici e loro relazioni con l’evoluzione del paesaggio - È stata studiata una toposequenza di suoli evolutisi nel Gru...

Dettagli