FLORIDA: SCIENZIATO AL LAVORO SU UVE CISGENICHE

Commenti

Transcript

FLORIDA: SCIENZIATO AL LAVORO SU UVE CISGENICHE
04 maggio 2011
FLORIDA: SCIENZIATO AL LAVORO SU UVE CISGENICHE RESISTENTI ALLE
FITOPATIE FUNGINE
***
L'industria dell'uva da tavola e da vino della Florida vale 20 milioni di dollari l'anno e risulta
al secondo o terzo posto negli USA. Per salvarla dagli attacchi di muffe e funghi nei vitigni,
un professore dell'Istituto di scienze agricole e alimentari dell'Università della Florida sta
lavorando alla selezione di nuove cultivar di uva, geneticamente predisposte per essere
resistenti alle fitopatie fungine.
Mediante l'ingegneria genetica nota come cisgenesi o "breeding di precisione", il Prof.
Dennis Gray ha trasferito un tratto genetico dell'uva Chardonnay nella varietà Thompson,
con eccellenti risultati. Lo studio è apparso sulla versione online del periodico "Vitro Cellular
and Developmental Biology (Plant)". Molte popolari varietà di uve sono soggette ad attacchi
da parte di muffe e funghi, a causa del clima particolarmente umido e caldo della Florida, in
specie durante il periodo di sviluppo dei grappoli. Di conseguenza, molti produttori si sono
limitati alla produzione della vite moscata (Vitis rotundifolia), una cultivar dalla buccia
spessa, derivata da uve native.
Nel suo studio, il Prof. Gray ha dimostrato di poter aumentare significativamente la
resistenza delle uve Thompson seedless, grazie all'introduzione del gene di Chardonnay.
Lo scienziato spera ora di ripetere con successo questi esperimenti anche per la più
utilizzata uva da vino locale, la Chenin Blanc. Creare cultivar resistenti di uve da tavola e da
vino potrebbe essere non soltanto estremamente vantaggioso per la viticoltura della
Florida, ma potrebbe dar luogo a cultivar brevettate, licenziabili in altri paesi del mondo,
dove i produttori sono oggi costretti ad un massiccio uso di fungicidi.
"Se l'introduzione di resistenze genetiche potrà contribuire a spezzare il circolo dei
trattamenti chimici, non solo ciò si tradurrà in un enorme risparmio di denaro, ma anche in
minor inquinamento ambientale", ha sottolineato il Prof. Gray.
da Freshplaza.it, 28/04/2011