COMUNICATO STAMPA - culturaspettacolovenezia

Commenti

Transcript

COMUNICATO STAMPA - culturaspettacolovenezia
COMUNICATO STAMPA
TEATRO IN CAMPO 2004
DANZA
Venezia, Campo Pisani
Lunedì 9 agosto, ore 21.15
"VOCI"
Magdalena – Il silenzio degli uomini
coreografie di Michela Barasciutti
produzione Compagnia Točnadanza
co-prodotto dal Festival Internazionale Abano Danza, da La Biennale di Venezia e dal
Comune di Venezia
Magdalena
Coreografie di Michela Barasciutti
Regia di Michela Barasciutti e Stefano Maria Ricatti
Musiche originali di Stefano Maria Ricatti eseguite da Ricatti Ensemble
Interpreti: Michela Barasciutti, Luciano Firi
”Nella prima parte della nuova produzione (Magdalena) verrà affrontata l’enigmatica figura
di Maria Maddalena e il suo rapporto con il Cristo, vista sotto forma di passione.
Per questo ci siamo avvalsi della collaborazione del Prof. Alessandro Costantini (Dip. di
Francesistica) dell’Università degli Studi di Venezia – Ca’ Foscari, e del Dott Carlo
Campana della Biblioteca nazionale Marciana che hanno fornito il materiale storicoletterario che ha permesso la realizzazione dei testi per la ricerca storico-filologica che
guida questa creazione. Ci si è avvalsi infatti, oltre che ai riferimenti nei Vangeli Apocrifi
(soprattutto gli Armeni dell’Infanzia e quelli Gnostici), a varie fonti storiche, e ad alcuni testi
letterari del ‘400 e del ‘600.
Se ci basiamo sui testi dei vangeli canonici, scopriamo immediatamente una figura che
viene tracciata con pochissime linee storiche, con apparizioni solamente episodiche,
mentre andando a scavare nei testi apocrifi, scopriamo esattamente il contrario di quello
che la letteratura ufficiale (canonica) vuole farci conoscere.
Abbiamo avuto la netta sensazione che la gigantesca figura di Maddalena sia stata
oscurata, vogliamo pensare, a causa del suo amore profondo, che l’ha spinta a osare ciò
che non poteva essere ammesso; lei ha reso terreno ciò che era mistico, ha reso carnale
ciò che era divino, ha osato amare Gesù Cristo, ma non solo, ancor di più da questo ha
osato farsi amare.
Le musiche per questo balletto sono state appositamente composte da Stefano Maria
Ricatti e nello spettacolo ci sarà la presenza di una proiezione video. “
Michela Barasciutti
Ufficio promozione eventi – S. Marco 1529 – 30124 Venezia
[email protected]
tel: 0412747603 - fax: 0412747619
Il silenzio degli uomini
Coreografia e regia di Michela Barasciutti
Ricerca musicale di Stefano Costantini
Musiche: Istvan Marta, Eleni Karaindrou, Vladimir Vissotsky, Meira Asher, Mari Boine
Interpreti: Elisabetta Rosso, Luciano Firi, Simonetta Dadamo, Carlotta Plebs, Laura Boato
“E’ questo il modo in cui finisce il mondo – non già con uno schianto, ma con un
piagnisteo”. Così termina la poesia The Hollow Men di T.S. Eliot, qui ascoltata dalla voce
stessa dell’autore; ma sul finale si sovrappone sempre più imperante la voce che già prima
si intuiva: si tratta di Antonin Artaud e il suo ”Pour en finir avec le jugement de Dieu”; con
la sua voce stridula, al “vetriolo”, urla sarcasticamente ”Et… vive la guerre, n’est-ce
pas!!??”.
E della guerra si parla; di un campo di battaglia, palcoscenico della follia, della distruzione
e della disperazione degli uomini. Una voce che a volte sembra più un lamento, un pianto,
dove si racconta di corpi che ora ricoprono la terra, bagnandola con il loro sangue.
E da questa immagine del non ritorno, altro non resta che scivolare in una dimensione
altra per poter sopportare il dolore.
“Il mio nome è Rosa, e mi trasformo in una canzone per salvare il sogno”.
E si trasforma in rifiuto contro i ruoli imposti che l’uomo ha dovuto e ancora deve rivestire:
l’aguzzino e la vittima, il cacciatore e la preda.
La metafora de La caccia ai lupi rappresenta la possibilità di liberazione da tutto questo, e
l’urlo sancisce con rabbia la fine della follia.
Ma non basta, bisogna salvare la memoria, bisogna salvarsi dall’oblio (“non lo abbiamo
scolpito nel nostro cuore, non lo abbiamo ripetuto ai nostri figli, così abbiamo smarrito la
nostra essenza”), per impedire che tutto questo si ripeta, bisogna ricordare che “Questo è
un uomo”.
Se da una parte la storia di Maddalena può essere vista come una passione parallela a
quella del Cristo, da un’altra si può considerare la storia dei popoli e delle guerre che li
hanno distrutti, come una grande infinita passione, immensa per numero e tempo.
Se nei generali e nei politici La Ragion di Stato ha cacciato la Ragione, per gli “uomini”
vivono ancora i motivi per rifiutare questa logica.
Michela Barasciutti
Web:
www.tocnadanza.it
Biglietti
Interi € 13,00
Ridotti € 10,00
Ragazzi fino ai 14 anni € 5,00
Apertura biglietteria campo Pisani ore 18.00.
Prevendite
Circuito Box Office Triveneto
Ufficio promozione eventi – S. Marco 1529 – 30124 Venezia
[email protected]
tel: 0412747603 - fax: 0412747619
Prenotickets tel. 041 2719090
Informazioni
340 8444117 dalle 10.30 alle 18.00
041 2747676 mattina
www.teatroincampo.it
[email protected]
Ufficio promozione eventi – S. Marco 1529 – 30124 Venezia
[email protected]
tel: 0412747603 - fax: 0412747619