terreni di coltura - Sinergie Analitiche

Commenti

Transcript

terreni di coltura - Sinergie Analitiche
TERRENI DI COLTURA
Calsystem
Terreni di coltura
Definizione
Si definisce Terreno di coltura il mezzo
nel quale o sul quale può avvenire lo
sviluppo e la crescita in vitro di un
microrganismo
Calsystem
Terreni di coltura
Classificazione
– Definiti o sintetici
– Indefiniti o complessi
–
–
–
–
Elettivi
Selettivi
Differenziali
Di arricchimento
– Liquidi (brodi)
– Solidi (agar)
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni sintetici o definiti
Sono quelli di cui si conosce l’esatta composizione.
Vengono quasi sempre preparati ad hoc a seconda
delle esigenze nutrizionali del microrganismo che
si desidera coltivare.
Generalmente contengono un numero definito di
sostanze a concentrazione nota.
Terreni più complessi nella composizione vengono
utilizzati nella ricerca, per individuare il substrato
più gradito al microrganismo in studio
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni complessi o indefiniti
Sono quelli
S
ll di
d cui non si conosce nell dettaglio
d
l la
l composizione
chimica.
Risultano di estrema utilità perché permettono la coltura
contemporanea di specie con esigenze nutrizionali diverse
fra loro o ancora non ben conosciute.
Contengono generalmente
- peptoni: idrolizzati proteici ottenuti da una parziale
digestione proteolitica
- Estratti di carne magra ricchi in amminoacidi, peptidi,
nucleotidi acidi organici,
nucleotidi,
organici vitamine e sali minerali
- Estratti di lievito ricchi di vitamina B e composti dell’azoto
e del carbonio
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni liquidi ed agarizzati
I terreni che
h si presentano come brodi
b d sono detti
d
liquidi.
l
d
Non consentono la identificazione in base all’osservazione
morfologica e non permettono di isolare il batterio da
eventuali specie contaminanti per le eventuali altre prove.
prove
L’aggiunta dell’agar, un polisaccaride estratto dalle alghe,
rende solido il terreno, permettendo al batterio,
riproducendosi colonie che possono facilmente essere
riproducendosi,
osservate e contate.
Un terreno agarizzato permette una descrizione delle colonie
q
, ne facilita l’identificazione.
e,, quindi,
Comunque permette l’isolamento e la possibilità di eseguire
ulteriori indagini, ragionevolmente, senza contaminazioni.
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni complessi o indefiniti
IL BRODO NUTRITIVO
Uno dei terreni maggiormente usati per la coltura dei batteri
è il brodo nutritivo.
Si prepara bollendo della carne e filtrando i residui solidi in
modo da averne un infuso chiaro (il brodo)
Si aggiunge peptone e, spesso, NaCl allo 0,5%, si corregge il
pH ed il terreno è pronto per essere sterilizzato e, quindi,
usato
q
non permette
p
la caratterizzazione del batterio
Essendo liquido
in base all’osservazione morfologica e non consente di
isolare il batterio da eventuali specie contaminanti.
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni elettivi
Sono terreni ricchi di nutrienti,
nutrienti spesso con la presenza di
sangue di pecora o cavallo, che consentono la crescita di
quasi tutte le specie batteriche di interesse medico
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni selettivi
Sono terreni che favoriscono la crescita solo di particolari
specie batteriche grazie alla presenza di fattori che
inibiscono lo sviluppo di altre specie
In genere viene sfruttata l’attività batteriostatica di alcune
sostanze quali acidi biliari, alcuni coloranti come cristal
violetto, verde brillante, ma soprattutto molecole
antibiotiche.
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni selettivi - Esempi
p
- I SALI BILIARI,, aggiunti
gg
ad un terreno,, lo rendono
selettivo per gli enteropatogeni
- La FUCSINA e la TIONINA inibiscono selettivamente lo
sviluppo di alcune specie di Brucella
- La VANCOMICINA,
VANCOMICINA la COLISTINA,
COLISTINA la NISTATINA
favoriscono l’isolamento colturale delle neisserie
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni differenziali
Sono terreni che,, grazie
g
alla presenza
p
di particolari
p
componenti,
p
,
permettono di distinguere diversi gruppi di batteri,
consentendo una identificazione presuntiva della specie
isolata.
L’aggiunta di sangue rende il terreno differenziale, perché
permette di discriminare le specie emolitiche da quelle non
g
emolitiche ed addirittura a differenziare,, come nel caso degli
streptococchi, i betaemolitici dagli alfaemolitici, non
completamenti emolizzanti
Rende differenziale anche l’aggiunta
gg
di un indicatore quale
q
il
rosso fenolo: una colonia che produce acidi, fermentando ad
esempio uno zucchero, fa virare l’indicatore e la variaizione
quella colonia.
di colore si ha soltanto su q
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni di arricchimento
Consentono di aumentare la carica della specie batterica che
ci interessa isolare, grazie alla presenza di fattori che
inibiscono la crescita di specie batteriche contaminanti
presenti nel campione in esame.
esame
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni di arricchimento - Esempi
LL’aggiunta
aggiunta di CITRATO come unica fonte di carbonio favorirà
la crescita di Enterobacter o Salmonella a svantaggio, per
esempio, di Escherichia coli che non può trasportare
citrato nella sua cellula
cellula.
Calsystem
Terreni di coltura
Terreni cromogeni
I terreni cromogeni sono terreni di coltura in cui sono stati
inclusi dei substrati cromogeni per l’evidenziazione di
enzimi prodotti dal batterio.
X-GLUC (5-bromo-4-cloro-ß-D-glucorinide): substrato per
evidenziare ll’enzima
enzima ß
ß-glucosidasi
glucosidasi comune a tutte le specie
di Listeria
Calsystem

Documenti analoghi