Direttività audio

Commenti

Transcript

Direttività audio
N° 25 agosto/settembre 2010 - € 7,00
Connessioni n° 25 - agosto/settembre 2010
Tecnologia e tendenze nel mondo del Building & Home Automation
Direttività audio
In caso di mancato recapito inviare al CPO di Pesaro per la restituzione al mittente.
Dal line array alle “colonne sonore”
cop25.indd 1
I Mondiali di calcio
in 3D
L’esperienza di acquisto
secondo FNAC
La terza dimenisone
per lo sport
Digital signage per informare
e divertire
Diffusori audio
Bose, EAW, Ecler,
K-array, RCF, JBL
23/08/10 10.27
2009 - foto
o A.B
A.Balea
aleani
ni AF
n
FI e G.S
G.Sal
aaluz
lu zi
nei “Borghi più belli d’Italia”
s kamikazedtf.com
Sala Consiliare di Montelupone
Teatro Nicola degli Angeli di Montelupone
Montelupone,
“Borgo Ideale”,
ha inteso rendere
grande il suono sia in
ambienti chiusi che tra
le vie del paese.
Un suono che supera
il concetto di diffusione
sonora geometrica,
ma offre un effetto
olografico
e tridimensionale
attraverso diffusori
che non deturpano
l’architettura
medioevale dei palazzi.
Montelupone, nelle Marche,
in provincia di Macerata, è
riconosciuto dal: Club
“I Borghi più Belli d’Italia”
dell’ANCI, “Bandiera Arancione”
del Touring Club Italiano, “Targa
Blu” ed è appartenente a
“Il Paesaggio dell’Eccellenza”
cop25.indd 2
FBT elettronica SpA 62019 Recanati (MC) - Italy
Tel. +39-071750591 Fax +39-0717505920
www.fbt.it [email protected]
09/08/10 15.49
.
Conn_25.indb 1
24/08/10 09.05
>6
>10
Soluzioni
Esperienza d’acquisto
SIEC e il mercato
secondo FNAC
Scenari
>18
>14
Soluzioni
I mondiali in 3D
Tecnologia per
l’entertainment
Soluzioni
Le novità per l’associazione della
Digital signage per
La terza dimenisone
Fusione di architettura
system integration
informare e divertire
per lo sport
ed elettronica
>5 Editoriale
>
Dal Mondo
>60 La scommessa
Epson-Screenline
>62 SIM2 cerca partner eccellenti
>66 Scala connected signage
conference
Anno 5
25
Numero
embre
tt
e
/s
to
s
ago
2010
>70 Open Day
>72 Appuntamenti
>74 News
>80
inserzionisti/az. citate
Tecnologia e tendenze nel mondo del Building & Home Automation
Conn_25.indb 2
24/08/10 09.05
Speciale
direttività audio
La teoria del line-array,
Elica, la nuova
direttività audio
in pratica
sala riunioni La teoria del line-array Le “colonne sonore” e i piccoli
Soluzioni
Speciale
Videoproiezione in grande
Niente di nuovo sotto il sole?
d
A
sistemi da installazione
4A
2d
sommario
>26
>22
>34
>46
>50
>54
direttività audio
Speciale
Speciale
Speciale
RCF
direttività audio
direttività audio
direttività audio
VSA 2050
BOSE
K-array, EAW, Ecler
JBL
>42
Speciale
La serie LT
Conn_25.indb 3
La serie CBT
24/08/10 09.05
dal mondo
b
b
A
a
n
g
a
p
m
a
C
amenti
Abbonamento annuale (6 numeri): 35 euro
Numeri arretrati: prezzo di copertina più
le spese di spedizione.
Per informazioni contattare la segreteria:
[email protected] – 0721.208696
Pagamento anticipato a mezzo assegno o bonifico sul c/c:
Nome ..............................................Cognome........................................... Azienda ...................................
IBAN: IT 78 I 08578 68320 000040101538
BCC Credito Cooperativo di Gradara,
intestato a:
Indirizzo ............................................CAP. .................................... Città .....................................................
Telefono ...........................................Cellulare ............................... E-mail ...................................................
B2B Media srl
Viale della Libertà 9
agosto / settembre ‘10 • n. 25
4 47039
Savignano sul Rubicone (FC)
Conn_25.indb 4
Firma
Autorizzo il trattamento dei miei dati personali in conformità alla legge sulla privacy 675/96
24/08/10 09.05
Vi abbiamo parlato
dal mondo
Giorgio Ungania
Direttore editoriale
di ISEC, ora SIEC, la prima associazione italiana che riunisce le aziende e i
professionisti del settore system integration, già all’epoca della sua costituzione.
Ne stiamo seguendo i passi, perché ci sono già alcune novità interessanti che
potrebbero essere decisive per la crescita del comparto: per prima cosa, ha
aperto definitivamente le iscrizioni anche ai professionisti, per poter effettivamente
rappresentare tutti gli attori del mercato; inoltre, in linea con la vocazione dell’ambito
professionale, sta puntando molto sulla formazione come strumento di crescita
di tutto il settore. Formazione che vuole approdare alla certificazione della
professione, uno strumento che potrebbe qualificare gli operatori e creare sempre
maggiore fiducia nel cliente. Ma la certificazione deve anche essere riconosciuta
e riconoscibile, e avere quindi un valore, ed ecco lo spunto che ha fatto nascere
l’accordo SIEC-InfoComm, che prevede appunto una collaborazione per introdurre
anche in Italia la certificazione CTS, legata alla storica e blasonata associazione
americana.
I dettagli dell’accordo, del programma e le ragioni del cambiamento del nome sono
disponibili a pagina 6, nelle interviste concesse dalla Presidente Onoraria di SIEC
Carla Conca e dal Direttore Regionale per l’Europa di infoComm Godwin Demicoli.
Tra le attività che SIEC sta discutendo al suo interno c’è anche quella espositiva: se
da un lato il 2010 è praticamente orfano, in Italia, di occasioni fieristiche di settore,
o vicine a esso, dall’altro le aziende continuano a sentire l’esigenza di incontrare
direttamente il mercato nazionale, i nuovi e vecchi clienti, i possibili interessati, di
presentarsi come portatrici di valori, informazioni e innovazione. Magari avvicinandosi
anche territorialmente ai propri partner, e creando dei momenti di scambio quasi
vis-à-vis. ISE – Integrated Systems Europe di Amsterdam, per quanto ormai presa
d’assalto dagli operatori italiani, evidentemente non risponde a tutte le esigenze di
chi opera in Italia. Non è un caso infatti se questa primavera ha visto fiorire molti
roadshow organizzati dalle aziende stesse, da sole o in partenariato con altre società
al fine di combinare la reciproca offerta di soluzioni: citiamo solo a titolo di esempio
quelli di Roland Systems Group, di Samsung, Prase per il marchio distribuito Biamp,
Exhibo e AGMultivision insieme ecc. Un bello spunto che può portare a riflettere
sulla necessità di rinnovamento dell’offerta fieristica, e di come in Italia ci sia oggi la
possibilità di reinventarne i modelli, dovendo ripartire quasi da zero.
In questo numero troverete inoltre un inserto dedicato alla direttività audio applicata
al mondo delle installazioni: un po’ di teoria e di suggerimenti per sistemi affidabili ed
efficienti.
Alla prossima.
5
Conn_25.indb 5
24/08/10 09.05
SIEC e il mercato
Novità per l’associazione italiana del settore
system integration
A febbraio, di ritorno dalla fiera ISE di Amsterdam, avete
letto su queste pagine l’annuncio della nascita della prima e
unica associazione professionale italiana del settore system
integration. Vi aggiorniamo sulle novità che la riguardano e
l’importante accordo con InfoComm, la storica associazione
statunitense degli operatori AV. A seguire, le interviste
al Presidente Onorario SIEC Carla Conca, e al Direttore
Regionale InfoComm per l’Europa Godwin Demicoli
Barbara Trigari e Chiara Benedettini
6
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 6
n. 25
24/08/10 09.05
scenari
C
iò che ha spinto i soci fondatori a dar vita a ISEC è stata la volontà di dar voce al settore della system
integration in Italia, per sostenerne la crescita e le attività, e ottenere una sempre maggiore riconoscibilità
anche a livello istituzionale del suo mercato, in crescita nonostante il momento non facile dell’economia
mondiale.
SIEC, ancora con il nome provvisorio ISEC, è stata presentata ufficialmente al mercato durante ISE, e a darle
il benvenuto sono state proprio le due maggiori associazioni di settore di rilievo internazionale, l’inglese CEDIA
e l’americana InfoComm, tramite i rispettivi rappresentanti Ulz Baldwin (CEO CEDIA) e Randal A. Lemke
(Executive Director e CEO InfoComm). Il contesto internazionale di ISE, poi, ha offerto l’occasione al gruppo
costituente di confrontarsi con le esperienze di altri paesi, e anche con i professionisti (produttori o installatori)
presenti in fiera: da qui la decisione di ricalibrare alcuni aspetti dello Statuto.
SIEC, professionisti e formazione
Obiettivo di SIEC è anche di fare da collante proattivo tra gli operatori
del mercato, per mettere in comune le necessità e promuoverne
la crescita. Per questo ha introdotto una importante novità, ovvero
la possibilità di accoglierne al suo interno entrambe le sfere, tra
loro complementari e inscindibili: quello delle aziende produttrici
e distributrici, già presenti in SIEC, e quello degli integratori e dei
professionisti che si relazionano con il cliente finale. In questi mesi, quindi, l’associazione ha acquisito ancora
nuovi iscritti e ha aperto le sue porte a system integrator e installatori, che potranno accedere a tutte le
opportunità, formative, di supporto, e in termini di contatti, che SIEC propone.
Definito anche il nome, non più il provvisorio ISEC ma SIEC, System Integration Experience Community.
Infine, il sostegno all’associazione manifestato a ISE da parte di CEDIA e InfoComm non si è fermato alle parole:
in questi mesi si è sviluppato un dialogo serrato tra le tre associazioni che ha portato a un primo accordo con
InfoComm per la formazione e certificazione CTS (Certified Technology Specialist) anche in Italia. Si tratta solo
di un primo passo, importante però, e SIEC si occuperà della gestione e organizzazione dei corsi. La novità
non sta tanto nella possibilità di accedervi (i corsi InfoComm sono disponibili e riconosciuti a livello mondiale),
quanto nella strutturazione di un percorso formativo e di certificazione della professione, oggi inesistente in
Italia, specifico per le necessità del nostro mercato e che auspicabilmente porterà al riconoscimento presso la
comunità professionale e l’utente finale.
SIEC e InfoComm: nuovi percorsi comuni
La formazione è un tema fondamentale per le due associazioni, e da questo presupposto è nato l’accordo,
siglato lo scorso luglio, per una strategia congiunta anche per l’Italia. Abbiamo parlato di questo importante
passo, di cultura di settore e di prospettive per il futuro con Carla Conca, Business Manager Videoproiettori
Epson e Presidente Onorario SIEC, e con Godwin Demicoli, Direttore Regionale InfoComm per l’Europa.
C - Qual è la sua opinione in merito alla formazione, dal punto di vista del Presidente di SIEC ma anche da
quello di manager?
Carla Conca - La nostra esperienza come Epson conferma l’importanza che il canale sia continuamente
informato e addestrato sui prodotti, le novità tecnologiche, ma anche sui nuovi trend; più un prodotto è verticale
e si rivolge a un settore specifico, più la formazione è importante. Infatti abbiamo attivato ormai da anni un
programma di training per i nostri partner, e questa esperienza la porto in SIEC come Presidente Onorario:
7
Conn_25.indb 7
24/08/10 09.05
scenari
penso che un’associazione di settore debba avere tra gli obiettivi primari
quello di far crescere la cultura, la conoscenza e la consapevolezza del
canale, approntando una serie di strumenti adeguati.
C - Quali sono i benefici per i professionisti?
CC - La possibilità di seguire un percorso di formazione ha per i
professionisti un valore doppio: da una parte è fondamentale per l’utente
finale, perché rende palese il valore delle competenze del professionista,
dall’altra, lo stesso professionista può proporsi forte di un curriculum
e un bagaglio di conoscenze riconosciute. Fino a oggi, invece, non
essendoci nessun livello di certificazione, l’utente che deve scegliere un
professionista o va per conoscenze, o si affida al caso.
C - La formazione avrà quindi un ruolo preponderante nell’attività della
nuova associazione?
CC - Per noi è stata l’ispirazione, il motivo per cui si sono potuti sedere
allo stesso tavolo i rappresentanti di grandi marchi spesso in forte
competizione tra di loro. Ci siamo trovati tutti d’accordo sull’argomento
della crescita professionale e della formazione, abbiamo voluto associarci
per proporre qualcosa per far crescere questo mercato.
C - Parliamo dell’accordo con InfoComm, perché è importante?
CC - Non sono molti gli organismi riconosciuti a livello internazionale, e
InfoComm è uno di questi. Abbiamo avuto la possibilità di parlare con
loro e trovare un accordo: SIEC aspira a costruire un percorso che porti,
nel medio periodo e tenendo conto che la nostra è un’associazione
appena nata, a renderla ciò che InfoComm è per gli Stati Uniti e il resto
del mondo, ovvero una istituzione che testimonia la professionalità del
system integrator e il suo valore. Così come la certificazione CTS è
diventata un prerequisito per le gare pubbliche, vorremmo avere anche
in Italia un riconoscimento di questo tipo, in modo che l’operatore possa
affermare il valore della sua professionalità e il suo lavoro sia valorizzato
presso il cliente, pubblico o privato che sia. Fino a oggi, nessuno in Italia
si era ancora impegnato in una operazione di questo genere: secondo noi
è arrivato il momento che si crei spazio per questa professionalità, perché
venga giustamente riconosciuta.
C - Fino a che punto il modello americano può essere trapiantato in Italia?
CC - Secondo me va bene per quanto riguarda il percorso formativo in se
stesso, ma va adeguato alle specificità culturali. Poi andranno adattate
le specifiche elettriche in conformità con le direttive della Comunità
Europea.
8
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 8
n. 25
24/08/10 09.05
scenari
C - InfoComm e formazione: come avete cominciato?
Godwin Demicoli - InfoComm International è stata coinvolta nella formazione
sin dalla fondazione nel 1938. La nostra offerta formativa abbraccia tutti gli
aspetti del settore AV, a partire dalle conoscenze basilari per arrivare alle più
specializzate, passando per il design, l’installazione, la tecnologia e il project
management, la formazione del personale di vendita e dirigente, gli eventi live
ecc. Abbiamo anche corsi che affrontano i temi del digital signage e della video
conferenza.
C - Quali sono le novità dell’accordo con SIEC? Cosa prevede?
GD – Il vero vantaggio è la possibilità di lavorare insieme a un partner che potrà
trasmettere parte dell’offerta in italiano: siamo sempre stati attenti all’aspetto
linguistico perché la materia è complessa come il settore AV e le sue tecnologie,
soprattutto nei paesi europei, dove la tradizione è molto antica e la lingua può
diventare un problema. Infatti, i nostri corsi sono già potenzialmente disponibili
alla comunità professionale italiana, poiché da sempre sono accessibili a livello
mondiale. Tuttavia InfoComm International non ha risorse sufficienti per tradurre
tutto il curriculum formativo nelle lingue locali. Per questo scegliamo di stipulare
un accordo con un partner che si occuperà delle traduzioni e che in cambio
potrà usufruire del nostro materiale didattico.
C - Cosa vi aspettate da questa collaborazione?
GD - La nostra esperienza dimostra che la formazione continua alza i livelli qualitativi,
quindi possiamo osservare una progressione della competenza media degli operatori, con
un conseguente innalzamento della qualità media dei prodotti e delle installazioni. Questo
provocherebbe un miglioramento dell’immagine del settore nel suo complesso agli occhi
dell’utente finale, e il suo riconoscimento definitivo quale mercato professionale e orientato agli
comm.org
www.info
desioni
o per le a
tt
ta
n
o
c
Il
teria:
ella segre
d
o
ll
e
u
q
è
line.org.
[email protected]
ri
te
re
g
e
s
standard.
Non dimentichiamo che si tratta solo di un primo passo, che vorremmo fosse seguito da molti
altri: il nostro obiettivo è rendere disponibile negli altri paesi, nella lingua locale, la stessa ricchezza di contenuto
formativo attualmente disponibile in USA e UK. Ci stiamo anche impegnando con maggior rigore per aumentare
il numero di corsi approvati “Renewal Units” tradotti nelle altre lingue, affinché chi possiede già la certificazione
sia anche in grado di conservarla. Quello che ci aspettiamo dalla collaborazione con SIEC è la possibilità di fare
conoscere e apprezzare i nostri corsi anche a coloro che fin’ora si erano dimostrati riluttanti alla certificazione
poiché non ritenevano di avere gli strumenti adatti per farlo, a causa della barriera linguistica. In futuro contiamo di
vedere un incremento dell’interesse verso i nostri corsi.
C - A cosa serve essere certificati CTS?
GD - I benefici della certificazione per il singolo operatore sono molti, aumentano le possibilità di migliorare la
propria posizione lavorativa, ma la certificazione dà anche credibilità verso gli altri mercati, verso gli utenti finali, i
produttori e la concorrenza. La certificazione poi, per essere mantenuta, spinge chi la possiede ad aggiornamenti
continui per conservare il contatto con le novità tecnologiche e le abilità professionali.
9
Conn_25.indb 9
24/08/10 09.05
soluzioni
L’esperienza d’acquisto
secondo FNAC
Il digital signage di BrightSign per informare
e divertire
Chiara Benedettini
10
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 10
n. 25
24/08/10 09.05
soluzioni
La rete di punti vendita FNAC ha recentemente implementato
in tutti i suoi store francesi un network di digital signage
versatile e di semplice uso per divulgare notizie e migliorare
il rapporto con i clienti. Una soluzione in crescita che presto
coinvolgerà altri otto paesi, per un’esperienza d’acquisto
informata e gradevole
E
ntrare in un punto vendita e trovarsi in un ambiente gradevole, correttamente illuminato, dotato di diffusione
musicale adatta al tipo di prodotti, con personale qualificato, dove le informazioni sono a portata di
mano e di semplice fruizione, dove i bambini sono benvenuti e trovano una loro dimensione, e magari anche
dove l’acquisto è legato a particolare iniziative ludiche o informative… Tutto questo fa parte dell’esperienza
d’acquisto, determinante nella fedeltà al brand e ai prodotti di un dato punto vendita forse quanto i prodotti
stessi: la sensazione positiva legata a quel momento ci accompagna anche successivamente, e ci spingerà,
molto probabilmente, a preferire quel luogo piuttosto che un altro dove la permanenza è stata meno gratificante.
Il digital signage fa sicuramente parte, quando correttamente utilizzato, della positività dell’esperienza
d’acquisto: può essere fonte di intrattenimento, di informazione, e avere anche risvolti ludici, per legare il
consumatore a quel determinato brand. FNAC è leader nella commercializzazione al pubblico di prodotti per
“l’entertainment culturale”, dal CD alle apparecchiature audio e video, ai computer, e ha pensato proprio al ds
per migliorare l’esperienza d’acquisto dei suoi clienti.
FNAC ha 80 store dislocati in Francia, e conta di estendere il progetto digital signage anche agli altri nove paesi
dove possiede punti vendita: ecco quindi la necessità di diffondere contenuti corporate uguali per tutti, per
rafforzare l’identità del marchio e la fiducia del cliente, e contenuti specifici per ogni rivenditore per le attività
particolari di ogni store, gli uni e gli altri gestibili facilmente attraverso un network globale e uno locale. Una
BrightSign HD1010
Si tratta di un player di rete a memoria solida per diffondere contenuti su display anche
interattivi. Dispone di molte opzioni AV ed è predisposto per feed RSS per news,
previsioni del tempo ecc., aggiornamento dei contenuti da remoto, sincronizzazione
via Ethernet per la creazione di videowall, possibilità di temporizzazione degli output.
Dispone anche di porta USB per memoria in stick e slot per SD.
BrighSign HD1010 offre inoltre varie opzioni di networking per l’update dei contenuti e per il collegamento con l’eventuale
BrightSign Network, per la visualizzazione centralizzata dei contenuti; può essere gestito con i software BrightAuthor (per la
creazione di playlist, grafiche, la sincronizzazione e la pubblicazione dei contenuti) e BrightSign Network (per l’uso del player da
remoto e la configurazione del network). Sono disponibili alcuni accessori opzionali: modulo Live Video (per filmati video in formati
S-Video, Composito, PAL, SECAM, NTSC), un modulo di espansione, il GPIO Button Board (per l’interattività).
www.brightsign.biz
www.3gelectronics.it
11
Conn_25.indb 11
24/08/10 09.05
soluzioni
soluzione che deve essere di facile gestione per l’aggiornamento dei
contenuti locali anche per personale non particolarmente esperto,
ma anche scalabile e adattabile alla conformazione dei punti vendita
e soprattutto pronta per future espansioni. Secondo un programma
di comunicazione che prevede tre aree di attività: l’informazione
sulle promozioni in atto, l’informazione generale di brand, e il digital
signage come mezzo comunicativo e di penetrazione anche negli
altri nove paesi dove FNAC è presente.
Un programma che ha anche necessità tecniche ben precise, prima
tra tutte la qualità video generale, per ottenere un impatto visivo
all’altezza del livello di uno dei più rinomati fornitori di tecnologia;
inoltre, i contenuti promozionali e di servizio in Full HD avrebbero
dovuto essere visualizzati contemporaneamente su 80 tipi diversi
di TV esposti per l’acquisto, per valorizzare con contenuti di qualità
le caratteristiche di ognuno e aiutare i clienti nella scelta. Ma anche
l’area dedicata alla vendita dei biglietti avrebbe dovuto essere
coinvolta dal digital signage, per fornire anticipazioni, trailer di film
e clip di spettacoli, per rendere più efficace la loro presentazione.
Infine, era necessario gestire contenuti anche per schermi in formato
portrait per valorizzare la comunicazione con i clienti nei cosiddetti
POP (Point Of Purchase), ovvero i vari dipartimenti del negozio.
TMM Communication, system integrator francese responsabile della
progettazione e installazione, ha così presentato al cliente una rete
basata su player con memoria solida BrightSign, capaci appunto di
risolvere la creazione e distribuzione di contenuti sia in locale che
in network, di offrire affidabilità e stabilità del sistema e, non ultimo,
contenimento dei costi. TMM ha inoltre sviluppato un’interfaccia di
gestione che permette due log on differenti per il corporate e per
l’on-site: il primo consente il collegamento al BrighSign Network,
per l’uso presso le 80 sedi FNAC dei contenuti di brand creati nella
sede centrale per le tre postazioni TV showroom, biglietteria e POP;
il secondo è a uso dei vari store, per aggiungere in maniera semplice
alle presentazioni corporate i contenuti specifici delle iniziative locali.
Affidabilità e semplicità, quindi: BrightSign si basa infatti su una rete
su standard XML (eXtended Mark-up Language) che ha permesso
agli sviluppatori di TMM di connettersi all’hosted network service e
offrire le funzionalità di gestione richieste da FNAC.
Da un punto di vista tecnico, l’installazione ha previsto per l’area
L’uso del digital signage nei Point Of Purchase, i vari dipartimenti dei negozi
TV showroom il posizionamento di una unità BrightSign HD1010
nel dipartimento audiovisivi di ogni punto vendita, collegato ai vari
display TV in esposizione che ricevono contenuti con qualità video
12
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 12
n. 25
24/08/10 09.05
soluzioni
M-PEG-4 Advanced Video Coding (H.264). È stato scelto perché dispone di tutte le funzionalità richieste per la
gestione dei contenuti in locale e networked, oltre ad essere già predisposto per un ampliamento delle uscite AV,
la visualizzazione di video live e il supporto Wi-Fi, e compatibile con i più comuni standard video. Tutti elementi
indispensabili per lo sviluppo del network, come previsto da FNAC.
Per le aree biglietteria è invece stato utilizzato un BrightSign HD210 per ogni display portrait, in modo da distribuire
contenuti in loop in alta qualità direttamente via Internet e in automatico, secondo un
calendario prestabilito. A questi possono poi essere facilmente aggiunti messaggi specifici
htsign.biz
www.brig
c.com
www.fna
comm.fr
www.tmm
per lo store di riferimento, anche a opera di personale con comuni competenze informatiche.
Gli utenti possono così visualizzare facilmente gli eventi in calendario, i prezzi dei biglietti e i
contenuti video connessi, come le demo o i trailer dei film in programmazione.
Lo stesso modello BrightSign HD210 è stato utilizzato per la pubblicità interattiva POP nei
vari dipartimenti dei negozi, al fine di richiamare l’attenzione dei clienti sulle promozioni o sulle
caratteristiche dei prodotti esposti.
Attualmente FNAC e TMM stanno ancora collaborando per estendere l’esperienza d’acquisto legata al digital
signage ai punti vendita di altri otto paesi europei, e alla fine del progetto saranno ben 4.000 le unità installate,
tutte collegate all’infrastruttura BrighSign network e predisposte anche all’aggiornamento in locale. Un upgrade
tecnologico che porterà certamente a un miglioramento del rapporto tra il committente FNAC e la propria clientela.
BrightSign®
Digital Signage & Kiosk Controller - senza PC.
· Eccezionale qualità HD
· Interattività e versatilità
· Soluzioni Network scalabili
· Piattaforma Solid-State ad alta affidabilità
· Potenti funzioni Zone e Sincronizzazione
· Software BrightAuthor gratuito
13
www.brightsign.biz
Conn_25.indb 13
·
www.3gelectronics.it
·
02 525301
·
[email protected]
24/08/10 09.06
soluzioni
I mondiali in 3D
Tra una doverosa prudenza e la voglia di anticipare la
concorrenza, le aziende coinvolte nel video consumer e
nel digital cinema si sono tuffate nel 3D sfruttando l’evento
dell’anno... i mondiali di calcio, naturalmente!
Barbara Trigari
amsung ha aperto le danze annunciando con la pubblicità in televisione i suoi nuovi 3D TV, prima dell’avvio
S
dei mondiali, per giunta con il software di conversione TriDef di DDD per vedere in 3D la TV tradizionale (!).
In Italia sono stati i primi televisori 3D acquistabili al centro commerciale. GfK ha quantificato in 25.000 pezzi
la vendita di 3DTV in Europa, IMS Research stima in 5,99 milioni i televisori 3D acquistati nel 2010 a livello
mondiale.
Sony ha cominciato testando le riprese di alcuni eventi sportivi live con Sky, e ha proseguito realizzando il “3D
Experience Pavillon” a Villa Borghese a Roma (e in altri sei paesi in collaborazione con FIFA), per promuovere
la tecnologia 3D trasmettendo trailer, il meglio delle partite e la musica dei mondiali. Ancora, venti sale italiane
del circuito The Space Cinema hanno ottenuto dalla FIFA il permesso alla trasmissione in stereoscopia di
14
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 14
n. 25
24/08/10 09.06
soluzioni
alcune partite (12 delle 25 riprese in 3D, sulle totali 64). Sony ci ha messo anche l’attrezzatura per le riprese
e la professionalità dei propri uomini, insieme a Eutelsat per la trasmissione (banda di 40 Mbps sui satelliti
Atlantic Bird 3 e W7). In tutto cinque trasmissioni, quattro configurate per il cinema e rivolte a Inghilterra, Italia,
Francia e Russia con pubblicità e commento localizzato, più una per la TV per il broadcaster digitale francese
TF1 (piattaforma Fransat). La produzione dei mondiali in 3D è stata affidata a HBS con tecnologia Sony, la
trasmissione a GlobeCast via W2A verso il punto Eutelsat vicino Parigi, dal quale il segnale è stato ritrasmesso
ad Atlantic Bird 3 per l’Europa, e a W7 per la Russia. Le sale equipaggiate per la ricezione in 3D erano 200 (ma
presto saranno 400), rifornite da Eutelsat in collaborazione con OpenSky con un’antenna receiver da 1,5 metri e
un ricevitore professionale IDC con decoding Sensio e decriptazione BISS.
In effetti, la ripresa e messa in onda live in stereoscopia è ben diversa da una semplice trasmissione in 2D, a
casa come al cinema, soprattutto parlando di eventi sportivi così sentiti, come il calcio, e nei quali sono “in
campo” movimenti rapidi (quindi rallenty per rivedere le azioni) e spazi ampi, primi piani e riprese dall’alto. Eventi
complessi di per sé, che richiedono personale tecnicamente preparato. Tanto più in una occasione come i
Mondiali e con la stereoscopia, tecnologia per la quale non c’è ancora una base di esperienza tale da garantire
un buon margine di sicurezza anche nel live.
Birra o pop corn?
I mondiali in stereoscopia in salotto sono per ora ancora un’utopia, prima di tutto per la difficoltà di mettere
insieme (letteralmente) player (set-top-box abilitato al 3D), televisore e contenuti trasmessi da un operatore.
Magari fra quattro anni, per il prossimo mondiale. Basta leggere le Condizioni di Utilizzo delle nuove
apparecchiature 3D Sony e Samsung, per capire che ci vorrà ancora del tempo. Per la PlayStation 3: “Alcune
persone potrebbero provare fastidio (stress agli occhi, affaticamento o nausea) durante la visione di immagini
video in 3D o giocando con giochi in stereoscopia sul televisore 3D”, da qui il consiglio di interrompere la
visione, o consigliarsi con il proprio medico per la visione del 3D da parte dei bambini. I più piccoli in particolare,
secondo il Presidente e COO di Nintendo America Reggie Fils-Aime, dovrebbero stare più attenti perché la
muscolatura dei loro occhi non è ancora formata. Samsung invece raccomanda: “Sconsigliamo la visione
del 3D se le vostre condizioni fisiche sono cattive, se avete
sonno arretrato o avete bevuto alcolici” (a parte la prima, le
due condizioni che seguono sono abbastanza tipiche del tifoso
da poltrona!), e prosegue avvertendo di non stare troppo vicini
allo schermo e per periodi lunghi, consiglia una distanza pari
ad almeno tre volte l’altezza del televisore, con gli occhi dello
spettatore allo stesso livello dello schermo. Un gran lavoro di
ufficio legale!
La visione al cinema invece, demandando tutti i problemi tecnici
ai gestori della sala ricambiati dal biglietto d’ingresso, ha reso
davvero possibile l’esperienza. Come sarà andata? La finale
di Coppa Italia in 3D era stata un successo, ma la Nazionale
quest’anno è uscita subito dalla competizione portandosi
dietro molto dell’entusiasmo dei tifosi. Stando alle dichiarazioni
dei partner Eutelsat in Germania, Austria e Svizzera, è andata
benissimo, a quanto pare gli spettatori sono entusiasti.
15
Conn_25.indb 15
24/08/10 09.06
soluzioni
Mal di testa al cubo
Presenze di pubblico a parte, abbiamo raccolto in rete i commenti
di professionisti e appassionati, tutti interessati a fissare uno
standard tecnico elevato per le trasmissioni in stereoscopia
evidenziando ogni errore osservato durante la visione.
Naturalmente, sono cattivissimi, ma proprio perché l’obiettivo
è diffondere la stereoscopia come linguaggio a un buon livello,
affinarla (e ci vuole tempo), non certo “bruciarla” per colpa di
errori tecnici anche comprensibili, visto che si tratta delle prime
trasmissioni live 3D in assoluto. Anche per questo, grande dibattito
suscita la questione se faccia bene al mercato consumer disporre
di un 3D non proprio tecnicamente ineccepibile, a un prezzo
accessibile e subito, piuttosto che attendere ancora qualche anno
per uno standard più elevato. La risposta non tarderà ad arrivare.
Va tenuto presente, poi, il fatto che il 3D cui siamo abituati dai vari
Avatar e Alice in Wonderland non è certo un montaggio live, ma il
frutto curatissimo di un lungo lavoro di post produzione.
Glossario
Nella produzione e post produzione, sono parecchie le specificità
dei contenuti e della loro proposta in 3d… scopriamole attraverso
un breve glossario.
Nuovo linguaggio - Classico errore consistente nel pensare al
3D come a un “2D, ma meglio”, senza riflettere sul fatto che si
tratta di un linguaggio completamente nuovo, che va conosciuto
e interpretato. Per esempio: la partita in 3D al cinema è un po’
come la partita allo stadio, l’evento è vissuto da una folla di
tifosi. Bisogna mettere il commento audio della TV, crearne uno
apposta oppure lasciare, come allo stadio, la partita con i rumori
ambientali? The Space Cinema ha creato un commento ad hoc,
anche perché la regia 3D era diversa da quella 2D.
Parallasse e HIT - La ripresa con due telecamere e la tecnologia per la stereoscopia simula il processo
attraverso il quale il nostro cervello ricava la sensazione della profondità e i diversi piani sui quali distinguiamo gli
oggetti. Prese due immagini identiche ma traslate per l’occhio destro e sinistro, la parallasse viene definita come
la distanza che c’è tra lo stesso punto (per esempio, il viso di una persona) nelle due immagini. Sarà maggiore
per gli oggetti in primo piano, inferiore per quelli sullo sfondo. La Horizontal Image Translation (HIT), invece, è
una tecnica utilizzata per modificare la parallasse senza introdurre distorsioni. Si posizionano due telecamere
in allineamento parallelo, con fuoco all’infinito, si sovrappongono le immagini risultanti in modo da portare a
parallasse zero il soggetto desiderato (a fuoco). Poiché tutto viene traslato, la distanza relativa tra gli oggetti
rimane invariata. A quanto pare, qualche operatore ai Mondiali ha giocato un po’ troppo con questa tecnica
durante le riprese, per conferire maggiore profondità ad alcune scene, causando l’inevitabile mal di testa agli
spettatori.
16
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 16
n. 25
24/08/10 09.06
soluzioni
Dissolvenza incrociata in 3D - Diventa fastidiosa se viene applicata a due immagini con una profondità
diversa, come potrebbero essere un’immagine ricavata dalla conversione di un filmato da 2D a 3D e una ripresa
originariamente in 3D. Se poi sono anche fuori sincrono... La vita del regista 3D non è facile!
Finestra stereo - Ovvero il confine entro il quale viene letta l’immagine stereo. Quando si vuole che
un oggetto “buchi” lo schermo si inverte la parallasse dell’oggetto, quindi in sostanza è come se
l’immagine per l’occhio destro fosse spostata un po’ più a sinistra rispetto all’immagine per l’occhio
www.samsung
sinistro, invece che un po’ più a destra o coincidente (per oggetti in primo piano). Non funziona
www.sony
sempre, dipende dal contesto e dalla finestra stereo, perché se l’oggetto non è completamente
www.3d-life.it
visibile nella finestra, risulta tagliato in modo innaturale. Un altro aspetto da tenere presente durante
www.bbc.co.uk/news/10446419
un montaggio live quindi è la posizione della finestra stereo tra due immagini poste in successione.
Da 2D a 3D - I super critici della rete infieriscono contro le conversioni qualitativamente scadenti,
con effetto “sfera invertita”. Oltre a mettere in dubbio la bontà degli algoritmi, osservano che
le telecamere per le riprese tradizionali erano posizionate in maniera diversa sul campo rispetto
www.vmresource.com
/gaming/
chnica.com
http://arste
he-latest/07/sony-t
news/2010
nout-its-ow
to-warn-ab
companys
3d-tech.ar
/06/
/blog/2010
lvision.ae
http://rea
nsso
es
in-3d-l
fifa-2010shooting/
from-day-1
a quelle per la ripresa in 3D (più distanti dal campo, in posizione più elevata), causando quindi
problemi in fase di montaggio delle immagini.
In realtà, tutta questa attenzione rivolta all’evento calcistico dei mondiali girato in 3D dimostra
chiaramente, critiche a parte, un grande interesse nella fruizione di eventi sportivi in stereoscopia. In
rete non si trovano solo critiche, ma anche grandi complimenti alla copertura dell’evento, alla scelta
dei posizionamenti delle telecamere, all’idea di utilizzare un logo Fifa in 3D. Peccato per l’Italia...
ADMARCA .it
l’officina delle idee
Conn_25.indb 17
Euromet Srl
Zona Ind.le Brodolini_60025 Loreto (An) Italy
17
Tel. + 39 071 976444_Fax +39 071 978988
www.euromet.com
[email protected]
24/08/10 09.06
approfondimenti
L’interno del Just Cavalli
Tecnologia per
l’entertainment
Alberto Pilot
Quando architettura ed elettronica si fondono
18
Sempre più spesso le soluzioni architettoniche traggono
giovamento anche dall’inserimento di impianti tecnologici: la
collaborazione tra l’architetto e il system integrator può infatti
offrire al cliente soluzioni affidabili, di qualità e sicuro impatto.
In questo approfondimento analizzeremo due locali molto
famosi nel milanese, con un occhio di riguardo alla tecnologia
utilizzata e… alla collaborazione tra le figure professionali
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 18
n. 25
24/08/10 09.06
approfondimenti
A
bbiamo avuto recentemente la possibilità di visitare in forma privata due realizzazioni dell’Architetto
Daniele Beretta, che ha firmato molti dei locali milanesi più conosciuti, dal Primadonna nel 1982 fino ai
rimaneggiamenti dell’Hollywood, dall’Alcatraz, all’Old Fashion Cafè, al Toqueville 13, e poi La Banque, il De
Sade, per citarne solo alcuni. In questa sede tratteremo del celeberrimo Just Cavalli e del Tropicana, come
vedremo luoghi tra loro molto diversi.
Beretta si avvale di norma di consulenti per la progettazione degli “impianti speciali” dei luoghi che disegna,
ovvero per l’aspetto tecnologico delle soluzioni audio/video e del controllo luci, in questo caso di un lounge
bar e di una discoteca. Il system integrator di riferimento è stato Light Video Sound di Eliano Girola, partner
abituale dello Studio Beretta.
Prima di analizzare nello specifico le due realizzazioni, ci premeva spendere due parole sulla collaborazione
tra figure professionali appartenenti a due ambiti apparentemente diversi, ma che invece possono convergere
per garantire un risultato commisurato alle aspettative del cliente e dei fruitori degli spazi. Un risultato al passo
con i tempi e con le possibilità che la tecnologia offre, oltre che naturalmente una testimonianza di come
l’architettura possa trarre vantaggio dall’integrazione con apparecchiature elettroniche opportunamente scelte
e dimensionate, che quindi non vengono vissute come estranee, ma contribuiscono invece a rendere più
funzionale e pratica la realizzazione del progetto.
Potrebbe sembrare un discorso banale e ormai superato, invece ci capita di imbatterci ancora in situazioni
nelle quali la figura del system integrator (a qualunque livello, dal professionale al residenziale, dal navale
al contract) non viene riconosciuta come portatrice di una specifica professionalità solo grazie alla quale si
possono raggiungere determinati risultati. Una figura non in antagonismo con l’architetto o il progettista, ma di
supporto e integrazione a entrambi, ognuno naturalmente per la propria area di competenza. Trovandosi inoltre,
a causa della nostra legislazione, in una sorta di limbo non codificato fra l’architetto e l’ingegnere progettista,
il system integrator alle volte può a torto risultare per il committente una figura poco visibile e riconoscibile, un
semplice “extra costo”, invece che un tassello essenziale e ineliminabile dal gruppo di
progettazione e realizzazione del lavoro. Ma avremo modo di riparlarne più diffusamente
Apparecchiature installate
in altra sede.
Impianti diversi, filosofia comune
Ci riferiamo al fatto che il Just Cavalli e il Tropicana sono due locali agli antipodi per
quanto riguarda l’offerta al pubblico che li frequenta: anche l’opera di Light Video Sound
è stata commisurata a queste esigenze, scegliendo soluzioni e materiali che fossero in
linea con quanto richiesto dall’architetto.
Il Just Cavalli è un luogo cult della movida milanese: si trova all’interno del Parco
Sempione, ai piedi della Torre Branca, traliccio panoramico sul quale è possibile salire
Just Cavalli
12 diffusori Dynacord MX 8
2 diffusori Dynacord MX 15
2 subwoofer Dynarcod MT 118
3 amplificatori Electrovoice Q66
2 amplificatori Electrovoice Q44
1 processore Wlectrovoice DX 38
1 dimmer Clay Paky Datapack
8 teste mobili Martin SmartMac
60 superlucciole SpotLight
1 software di gestione Martin LightJockey
per ammirare Milano dall’alto. Una immancabile coda rallenta regolarmente l’entrata
del pubblico, cosa che rende possibile osservare l’originale forma del locale: lo spazio
tra interno ed esterno è delimitato da pareti trasparenti sostenute da una importante
struttura metallica, a creare una continuità con il parco, le cui superfici vengono
movimentate da giochi di luci LED montate a terra e a soffitto. L’interno è diviso tra area
bar e ristorante, ma dopo una certa ora il ballo è d’obbligo, così gli impianti audio e luci
sono stati pensati anche per questo uso. La diffusione sonora è affidata a 12 speaker
Dynacord MX 8, dislocati in maniera da coprire tutto lo spazio, dalla caratteristica forma
Tropicana
200 pannelli JBN per “tetto sonoro”
4 subwoofer Dynacrd MT 118
6 diffusori full range
10 amplificatori Crown Microtech 2400
20 PAR
Testa mobile e scanner
50 faretti customizzati con LED RGB Osram
1 software di gestione Martin LightJockey
19
Conn_25.indb 19
24/08/10 09.06
approfondimenti
a spicchio di corona circolare, diffondendo quindi in più punti la
musica. Per dare più corpo ed enfasi al messaggio sonoro, poi,
nella zona dedicata alla pista da ballo ci sono due ulteriori diffusori
MX 15 e due subwoofer MT 118, sempre Dynacord; grazie alle loro
caratteristiche, infatti, questi trasduttori riescono a garantire un
maggior impatto proprio dove serve. Per l’amplificazione la scelta
è caduta su ElectroVoice, con cinque unità utilizzate, divise a loro
volta in tre Q66 dedicati alle vie medio/alte e due Q44 collegati a
ponte per le vie basse; per operare opportunamente tutti i tagli di
frequenza, l’equalizzazione e la limitazione di pressione sonora, si è
fatto ricorso a un processore DX38, sempre ElectroVoice.
Passando alle luci, troviamo ben 60 “superlucciole”, diffusori
SpotLight con lampada mini PAR, un vero classico in ambiente
L’esterno del Just Cavalli
teatrale ma anche per le installazioni: facili da montare, offrono
fasci di luce ben disegnati e orientabili. Sulla pista sono poi state
posizionate otto teste mobili modello SmartMac di Martin, il tutto
gestito via protocollo DMX512 con software Light Jockey per
Windows della stessa Martin, opportunamente programmato per
ricreare gli scenari che poi vengono utilizzati nel locale. Il tutto fa
capo a un dimmer Datapack 18 canali Clay Paky.
Tropicana
Tutt’altro ambiente è il Tropicana, locale da ballo famoso nell’ambito
della musica latina, ma non solo. L’ambiente è molto vasto, ha una
capienza di circa 1.000 persone, ma il soffitto è basso e, trattandosi
L’area bar del Tropicana
di una discoteca multi pista e con esigenze di organizzazione degli
spazi, l’attenzione del progettista si è concentrata sul controllo
dell’emissione degli altoparlanti. Per questo è stato scelto il “tetto sonoro”, costituito da oltre duecento pannelli
della svedese JBN, che costituisce la base dell’impianto audio sulla pista principale: è un prodotto studiato per
fornire un impatto sostanzioso al di sotto dell’area di emissione, e una importante attenuazione al di fuori della
zona interessata dalla sonorizzazione. In questo modo, i frequentatori del locale possono soggiornare e ballare
anche in altre aree del locale, dove si può ascoltare così anche musica diversa senza interferenze. A parziale
rinforzo delle frequenze basse sono stati poi aggiunti quattro subwoofer da 18” agli angoli della pista. Nelle
aree al di fuori del tetto sonoro, sono stati installati diffusori “di richiamo”, sei nella zona sovrastante la pista
e ulteriori due nella zona del bar, tutti opportunamente gestiti da matrici, crossover ed
equalizzatori dedicati.
com
www.architettodanieleberetta.
Per l’impianto luci del Tropicana, oltre ai classici scanner a specchio e le teste mobili,
www.lightvideosound.it
una particolare attenzione meritano i faretti di illuminazione dei bar e della cassa del
www.justcavallihollywood.it
locale, realizzati con appositi LED RGB Osram; questi corpi illuminanti sono stati
www.tropicanamilano.it
customizzati e inseriti in supporti con design proprio, nella variante da soffitto o in
quella da pavimento a incasso. Anche in questo caso a sovrintendere le operazioni ci
pensa il software per Windows di Martin Audio Light Jockey.
20
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 20
n. 25
24/08/10 09.06
approfondimenti
JBN Sound Ceiling
Sound Ceiling è un brevetto dell’azienda svedese JBN rivolto ad architetti e installatori che realizzano locali pubblici, club,
discoteche, e sono costretti a confrontarsi quotidianamente con il problema dell’inquinamento acustico e del contenimento della
diffusione sonora, tradizionalmente connessi alla progettazione di questo tipo di locali. Il “tetto sonoro” è un sistema modulare
composto da speaker inseriti o sospesi nel soffitto direttamente sopra l’area verso la quale va diretto il suono. La precisione nella
diffusione audio permette di ottenere elevate pressioni sonore solo dove serve, con un’attenuazione pari a 10 dB alla distanza di
circa due metri dall’area interessata. Il sistema si può utilizzare anche all’aperto, dove l’attenuazione rispetto ai sistemi tradizionali
arriva a -13-15 dB. La grande direttività di Sound Ceiling è ottenuta sfruttando le interferenze tra gli altoparlanti, collocati
nei pannelli a pochi cm di distanza gli uni dagli altri, interferenze che, come effetto primario, danno appunto il controllo della
dispersione; a seconda dei casi specifici è poi possibile ottimizzare l’effetto con limiter, pannelli fonoassorbenti al di sopra del
tetto, equalizzazione.
Sound Ceiling è costituito da pannelli di due tipologie: uno full range, chiamato USA II e composto da nove piccoli altoparlanti con
risposta in frequenza da 35 Hz a 17 kHz (±5 dB), e uno dedicato ai subwoofer con quattro speaker attivi sulle frequenze da 20 a
400 Hz. USA II ha un SPL massimo pari a 124 dB, impedenza 72 Ohm e potenza 300 W, richiede quindi un amplificatore potente.
Pesa 17 kg/m2, misura 60x60x7 cm ed è disponibile nel colore bianco, nero o custom. Il modulo Sub, disponibile negli stessi
colori dell’USA II, ha una potenza di 200 W, 121 dB SPL a 32 Ohm e pesa 19 kg/m2 in installazione (entrambi i pannelli pesano
ciascuno 7 kg), con misure 60x60x10 cm.
www.jbn.se
distribuito in Italia da Audio Effetti, www.audioeffetti.com
Amplify
your world
DA 250 -P
Amplificatore ultra compatto
ê Potenza: 2 x 50watts / 4Ù a carico nominale o [email protected]Ù a ponte
ê 2 ingressi stereo bilanciati (Linea o entrata Ausiliaria)
ê 2 porte per controlli VCA
ê Filtro HPF per ogni canale
ê Porta seriale RS 485 per il controllo remoto
ê Uscite TTL di fault
ê Ingresso logico per il Mute
ê Alimentatore digitale integrato (95-240VAC)
ê Dimensioni: 141mm (L) x 109mm (A) x 41,5mm (P)
21
Via Nobel, 10 - 30020 Noventa di Piave, VE - Telefono: +39 0421 571411 - Email: [email protected] www.inout-digital.com
Conn_25.indb 21
24/08/10 09.06
Elica
Giuseppe Orlando
La nuova sala riunioni
22
2
2
Come avrete già avuto modo di leggere su queste pagine,
la sala aziendale dedicata alle riunioni o alle presentazioni
per agenti e clienti non ha più soltanto una connotazione
meramente funzionale, ma diventa un biglietto da visita
per l’azienda, soprattutto se questa fa del design il proprio
marchio di fabbrica
agosto
ag
a
gosto
o / s
set
settembre
ttem
mbre
b
‘1
‘10
10 •
Conn_25.indb 22
n. 25
24/08/10 09.06
soluzioni
S
tiamo parlando del Gruppo Elica, azienda italiana con sede a Fabriano, quotata in borsa e nota in tutto
il mondo per la qualità e lo stile delle proprie cappe da cucina. Attiva dagli anni Settanta, vanta oggi la
leadership mondiale in termini di pezzi venduti, otto siti produttivi nel mondo e 2.300 dipendenti. Elica ha deciso
quindi di rinnovare la propria sala adibita alle presentazioni e riunioni introducendo una novità che va oltre il
semplice abbinamento tra illuminazione funzionale e schermo per la proiezione, per approdare al concetto
di immersività. Il system integrator Videoworks SpA di Ancona, ha curato l’integrazione e l’installazione del
sistema, progettando l’ambiente dal punto di vista tecnico con la supervisione dell’architetto Riccardo Diotallevi.
Videoworks ha inoltre coinvolto Mitsubishi Electric per la scelta dei videoproiettori.
Il progetto
I 13x7,5 metri della sala sono circondati su tre lati da un telo in barrisol lungo 16 metri, di cui sette metri
in posizione frontale, sei metri a destra e altrettanti a sinistra, con gli angoli arrotondati e quindi la
sensazione è di continuità. Questa superficie bianca continua diventa uno sfondo per proiezioni
immersive, oppure si trasforma in una accogliente illuminazione d’ambiente che favorisce lo scambio e
la comunicazione. Anche se l’attenzione degli spettatori di una presentazione è orientata verso i relatori
o le slide, è pur vero che la bellezza ed ergonomicità della sala gioca un ruolo molto importante nella
t/vis
lectric.i
ie
h
is
b
u
its
www.m
p.com
licagrou
www.e
s.it
eowork
www.vid
sensazione che conserveranno le persone una volta terminato il lavoro. Elica quindi ha scelto di curare con
on
estrema attenzione i materiali per gli arredi e ovviamente l’illuminazione. Dietro il telo che fa da schermo
per le proiezioni, infatti, è celato un sistema di illuminazione a LED programmato in maniera da variare la
colorazione della luce con una frequenza stabilita (ogni 14 minuti), così da tenere viva l’attenzione delle persone
presenti nella sala, senza disturbare o farsi notare eccessivamente.
Il cuore del sistema è Watchout della Dataton, il sistema software di produzione e presentazione, installato su un
computer nella piccola regia posta accanto alla sala. La proiezione sulle pareti è affidata a ben 11 videoproiettori
Mitsubishi Electric XD3200U
L’XD3200U è l’ultimo arrivato nella famiglia dei proiettori DLP da installazione
della casa giapponese. Vanta una risoluzione nativa di 1.024x768 pixel,
una luminosità di 4.500 ANSI lumen e un livello di contrasto di 2.500:1,
che permette di ottenere immagini brillanti e nitide anche in ambienti
particolarmente luminosi.
È fornito di una lampada a lunga durata da 4.000 ore, concepita per ridurre
al minimo gli interventi di manutenzione e i rispettivi costi d’esercizio, e per
mantenere un basso consumo in modalità stand-by pari a 1W, a conferma
dell’impegno dell’azienda nello sviluppo di soluzioni per il risparmio energetico.
Massima flessibilità d’installazione, manutenzione e libertà di posizionamento, sono assicurate dall’accesso laterale alla
lampada, da un’ampia scelta di connessioni, un comodo Lens-Shift da telecomando e dalle ottiche intercambiabili opzionali
che possono essere cambiate senza rimuovere l’intero coperchio.
Punti di forza comuni sono la bassa rumorosità, una completa possibilità di connessioni e non ultimo il controllo via LAN.
Grazie al software in dotazione, è possibile impostare via LAN vari tipi di allarme anche con invio di una e-mail.
www.mitsubishielectric.it
23
Conn_25.indb 23
24/08/10 09.06
soluzioni
Caratteristiche tecniche dell’XD3200U
Tecnologia di Visualizzazione: 0,7” DMD
Ingressi: Mini D-sub 15pin x1, DVI-D x1, Audio: stereo mini jack x3
Risoluzione: 1.024 x 768 pixel
Uscite: RGB: mini D-sub 15pin x1, DC OUT: 5V 1,5A max
Luminosità: 4.500 lm
Audio: stereo mini jack x1
Contrasto: 2.500:1
Porte comunicazione: LAN (Rj-45)x1, RS-23CD- sub9 pinx1, USB
Schermo: 40” - 300”
x1, stereo mini jack x1
Lampada / Durata: 4.000 ore a 264 Watt in modalità Low Mode;
Altoparlante
2.000 ore a 330 watt in modalità Standard
Dimensioni (WxHxD): 450x187x373 mm inclusa estetica copertura
Compatibilità PC: 640x480 - 1.600x120
cavi posteriore
Nativo: 1.024x768, disponibile Sync on green
Peso: 10,3 kg
Compatibilità Video: NTSC/NTSC 4.43/PAL (inclusi PAL-M,N)
Alimentazione: AC 100 – 240 V, 50/60 Hz
10 W mono
– SECAM/PAL-60; COMPONENTI VIDEO: 480i/p (525i/p),
576i/p (625i/p), 720p (750p 50/60Hz) 1.080i (1.125i 50/60Hz),
1.080p(1125p 50/60Hz), SCART (RGB+1V snyc)
Mitsubishi Electric XD3200U. Le caratteristiche tecniche di queste
macchine, e anche del software Dataton, sono molto evolute,
e qualcuno potrebbe rimanere colpito dal fatto che siano state
scelte per una sala dalle dimensioni tutto sommato ridotte (in
tutto può accogliere 79 persone più tre oratori). La motivazione
della scelta si spiega invece proprio con la necessità di abbinare il
prodotto all’ambiente: grazie al sovradimensionamento, i proiettori
possono lavorare sempre in modalità Low Mode, con risparmio
energetico per la durata delle lampade e soprattutto con un
notevole abbassamento del rumore di fondo. Inoltre, l’eventualità
che si presentino guasti o inconvenienti di qualsiasi tipo viene così
ridotta al minimo.
Multifunzione
La sala Elica, quindi, può trasformarsi in una sala proiezioni
con una importante sensazione di immersività, magari per la
presentazione di un nuovo prodotto, oppure per fare conoscere,
ai nuovi clienti e agenti, il Gruppo. Per le presentazioni tradizionali,
con i documenti in Power Point, la sala è comunque equipaggiata
con uno schermo di tipo tradizionale in formato 4:3. L’illuminazione
d’ambiente creata dalle pareti LED può rimanere accesa durante
riunioni e presentazioni, creando un’atmosfera che caratterizza
in maniera molto glamour l’ambiente. Il tutto contribuisce a
La sala Elica illuminata con diverse gradazioni di colore
comunicare l’immagine di un’azienda all’avanguardia nella
tecnologia e nello stile, quale vuole essere Elica.
24
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 24
n. 25
24/08/10 09.06
soluzioni
s
so
olu
luzi
zion
ni
OH
LD
Dalla teoria del line-array alle
“colonne sonore”
VSHF
Audio e direttività
VSHF
LDOH
La teoria del line-array è ad oggi la risposta più interessante
della ricerca al problema della direttività nella diffusione sonora:
i costruttori possono contare su questa tecnologia per proporre
al mercato prodotti che offrono qualità di emissione e controllo,
caratteristiche alle quali si sono aggiunti raffinati sistemi elettronici
per l’ottimizzazione e la variazione dei rapporti temporali tra gli
altoparlanti, e software per gestire e modificare le impostazioni anche
in tempo reale.
In questo approfondimento ripercorreremo la teoria del line-array,
per poi vedere come l’industria l’ha interpretata con la produzione di
sistemi audio, con un occhio particolare a quelli destinati al mondo
delle installazioni: i line-array compatti e le cosiddette “colonne
sonore”.
25
2
5
Conn_25.indb 25
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
La teoria del line-array
Niente di nuovo sotto il sole?
In questo primo testo di argomento tecnologico, verranno
presi in esame i fondamenti della teoria del line-array, che
tutt’oggi rappresentano la base teorica per i costruttori di
questi sistemi, per passare a una riflessione sui vantaggi,
ma anche sui compromessi che essi richiedono al sound
engineer. Per arrivare a valutazioni e scelte ponderate sul
loro uso.
Davide Carlotti
“
Niente di nuovo sotto il sole”, si potrebbe dire parlando dei sistemi di amplificazione sonora definiti linearray. Infatti, studi sulle basi di questa tipologia di diffusione acustica si possono già trovare in scritti di vari
decenni fa, come il libro di Harry F. Olson, Acoustical Engineering, pubblicato nel 1957. Certo, da allora sono
stati compiuti passi da gigante, che hanno permesso di ampliare la gamma di utilizzo dei line-array, partendo dal
rinforzo del parlato in ambienti eccessivamente riverberanti, fino ad arrivare alla sonorizzazione di grandi spazi
per eventi musicali.
Una tecnologia che sta avendo diffusione sempre
In pillole: pressione sonora con propagazione sferica
più ampia, e che perciò merita uno specifico
approfondimento, con un’attenzione particolare al
Il livello di pressione sonora è proporzionale alla radice quadrata dell’intensità
acustica.
A distanza doppia, con propagazione sferica, l’intensità acustica vale ¼,
pertanto: √ di ¼ = ½.
½ significa metà livello di pressione sonora, che equivale a -6 dB
mondo delle installazioni.
Un po’ di teoria: la sorgente puntiforme…
Partiamo dalla sorgente puntiforme: con questa
definizione si intende una sorgente sonora con
dimensioni infinitamente piccole e dalla quale
l’energia acustica si propaga indisturbata nello
In pillole: pressione sonora con propagazione cilindrica
spazio circostante, originando così una dispersione
omnidirezionale.
A distanza doppia, con propagazione cilindrica, l’intensità acustica vale ½,
pertanto: √ di ½ = 0,707.
0,707 di livello di pressione sonora equivale a -3 dB.
La dispersione omnidirezionale ha forma sferica e
sappiamo dalla geometria che, se raddoppiamo il
raggio di una sfera, la sua area (A=4 ∏r2) aumenta
26
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 26
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
di quattro volte (Fig. 1). Se cambiamo il concetto di raggio con quello di
distanza, possiamo affermare che: ogni volta che il suono si allontana del
doppio da una sorgente puntiforme, l’intensità acustica (cioè la potenza
distribuita sull’area di propagazione, W/cm2) si diffonde su una superficie
quadrupla e di conseguenza si riduce di quattro volte (Fig. 2) . Questo
equivale a un calo del livello di pressione sonora, in campo libero, di 6 dB.
4A
A
d
2d
Sorgente lineiforme infinita
Se impiliamo un’innumerevole quantità di sorgenti puntiformi e le teniamo a
una distanza tra di loro tendente a zero, otterremo una sorgente lineiforme
infinita. Tale sorgente ha dispersione sul piano orizzontale (pari nominalmente
Fig.1 - Sorgente puntiforme. Al raddoppio della distanza l’area di propagazione
a quella di un singolo punto d’emissione) ma, a tutte le frequenze, non su
del suono aumenta di 4 volte.
quello verticale. Questo tipo di dispersione viene definita “cilindrica”; in
d
2d
4d
questo caso la geometria ci dice che l’area laterale del cilindro (Alat = 2∏rh),
quella su cui si propaga l’energia acustica, aumenta di due volte al raddoppio
del raggio (Fig. 3). Analogamente a prima, se per il raggio intendiamo la
distanza dalla sorgente lineiforme infinita, capiamo che a distanza doppia
equivale un’area di dispersione ugualmente doppia. Questo significa un
dimezzamento dell’intensità acustica (Fig. 4), che equivale a un calo del livello
della pressione sonora di 3 dB.
Fig. 2 - Ad ogni raddoppio della distanza da una sorgente a dispersione
Dalla teoria alla pratica
Possiamo considerare la sorgente lineiforme infinita come la base teorica
sferica, l’intensità acustica (rappresentata dai puntini) si distribuisce su
un’area quattro volte maggiore
per capire il funzionamento dei sistemi line-array. Però, come dicono gli Elio
e le Storie Tese, tra il dire e il fare c’è di mezzo “e il” che, nel nostro caso,
significa passare dalla teoria alla pratica tenendo conto di alcuni aspetti.
A
Innanzi tutto quello relativo alla lunghezza della sorgente lineiforme, in quanto
abbiamo detto che, per ottenere una dispersione idealmente cilindrica a tutte
2A
le frequenze, essa deve essere infinita. Nella realtà, la dispersione verticale è
data dal rapporto tra la lunghezza della sorgente (che da questo punto in poi
d
non consideriamo più infinitamente lunga e che chiamiamo “array lineiforme
2d
finito”) e le lunghezze d’onda delle frequenze trasmesse (Fig. 5).
Inoltre, bisogna tenere presente che le sorgenti puntiformi sono pura teoria,
mentre tutte le sorgenti di cui si dispone oggi, come per esempio i trasduttori
comunemente detti “coni”, hanno delle determinate dimensioni fisiche.
Questo comporta che se impiliamo dei “coni” uno sull’altro per ottenere un
array lineiforme finito, la distanza tra i loro centri acustici avrà sempre un
Fig.3 - Sorgente lineiforme infinita. Al raddoppio della distanza
l’area di propagazione del suono aumenta di 2 volte
d
2d
4d
certo valore, il quale determinerà il limite superiore delle frequenze oltre il
quale la dispersione sarà caratterizzata da importanti lobi secondari oltre a
quello principale. A questo proposito esiste anche una regola, la quale dice
Fig. 4 - Ad ogni raddoppio della distanza da una sorgente a dispersione
che la distanza tra i centri acustici di sorgenti adiacenti non deve superare la
cilindrica, l’intensità acustica (rappresentata dai puntini) si distribuisce su
metà della lunghezza d’onda (λ/2) della massima frequenza trasmessa (Fig.6).
un’area due volte maggiore
Sistemi dalla dispersione irregolare non possono garantire una copertura
27
Conn_25.indb 27
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
Lunghezza = 1 x λ
Lunghezza = 2 x λ
Lunghezza = 4 x λ
Lunghezza = 8 x λ
Lunghezza = 16 x λ
Fig. 5 - Mapping della dispersione verticale di un array lineiforme finito lungo 3,5 m a diverse lunghezze d’onda
Fig. 7 – Schematizzazione di trombe
Tromba
accoppiate a driver a compressione
sovrapposte tra loro. Le frecce rosse
Driver
rappresentano la lunghezza dei
¨[
percorsi del suono, mentre gli archi
blu indicano le risultanti curvature dei
fronti d’onda.
Fig. 6 - I due diagrammi polari al centro ci mostrano la dispersione sul piano verticale di un array
Fig. 8 – Il compito della guida
Guida d’onda
lineiforme finito. Quello in alto rappresenta il caso in cui d > λ/2 (lobi laterali significativi), mentre
d’onda è quello di allungare il
quello in basso quando d < λ/2 (direttività controllata).
percorso centrale del suono,
Nel box accanto vediamo tre frequenze prese in esame, con le relative lunghezze d’onda (λ), dalle
quali si evince come sia più facile controllare la direttività della gamma medio-grave anche nel caso
¨[
determinando così un contenimento
della curvatura del fronte d’onda.
di utilizzo di coni di una certa grandezza (per esempio, con coni da 18” si ha dispersione controllata
fino a circa 376 Hz).
omogenea delle aree d’ascolto. Infatti, parte dell’energia acustica che essi disperdono può facilmente andare
verso pareti e soffitti, causando così un aumento del campo riflesso a discapito dell’intelligibilità del programma
sia vocale che musicale. Quindi, risulta ovvio che utilizzando dei “coni” per creare un array lineiforme finito la
loro distanza centro-centro avrà sempre, per quanto piccoli siano, una dimensione che impedisce, da una certa
frequenza in poi, il disperdersi controllato del suono.
Guide d’onda
Come si può ovviare al problema dei lobi laterali che si creano al di sopra di una certa frequenza? Se
pensassimo di cavarcela sostituendo i “coni” con trombe accoppiate a driver a compressione per la dispersione
delle frequenze acute, ci troveremmo di fronte a un altro ostacolo: ogni sorgente creerebbe un’onda ricurva
e non piana e “isofasica” come la teoria richiede (Fig. 7). Il risultato di sovrapporre fronti d’onda ricurvi
(tanti quanti le sorgenti impilate), sarebbe quello di avere nuovamente, al di sopra di una certa frequenza,
una dispersione con lobi laterali importanti e quindi ancora una volta disomogenea. Per ovviare a questo
inconveniente sono state studiate e realizzate le cosiddette “guide d’onda” (Fig. 8), dispositivi che hanno il
compito di limitare la massima ampiezza della curvatura dei fronti d’onda (definita Δx ) ad un punto tale, e non
28
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 28
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
superiore a ¼ della lunghezza d’onda della frequenza massima trasmessa,
da permettere anche in gamma acuta l’accoppiamento coerente tra le varie
sorgenti dell’array (Fig. 9).
A proposito del Δx, esso non ha un valore fisso assoluto valido per tutti i
sistemi line-array.
Infatti, in quelli pensati per le lunghe gittate (70 m e oltre) il Δx viene
molto limitato, in modo da avere accoppiamenti coerenti a frequenze ben
superiori ai 10 kHz. Questa peculiarità, tuttavia, si ripercuote in una limitata
apertura verticale massima ammessa tra le sorgenti, che di norma è di 5° o
poco più. Al capo opposto abbiamo, invece, quelli pensati per la copertura
di aree medio-piccole (30-40 m), i quali hanno Δx con valori più ampi, che
Fig. 9 - I due diagrammi polari al centro mostrano che la relazione fra
limitano un po’ l’accoppiamento coerente alle frequenze superiori ai 10 kHz,
frequenza e Δx determina la presenza di lobi laterali importanti o meno nella
ma permettono un’apertura verticale maggiore (intorno ai 15°) (Fig.10).
dispersione. Nel caso in alto (Δx > λ/4) si ha una dispersione disomogenea,
mentre in basso (Δx < λ/4) la dispersione è controllata. Dalle lunghezze
Lunghezza efficace
d’onda presenti nel box a destra si intuisce che più si sale in frequenza e più
Ora che abbiamo parlato di quali limitazioni e quali compromessi si devono
è necessario contenere la curvatura dei fronti d’onda (per esempio, Δx = 8,5
affrontare coi sistemi line-array, vediamo di capire quando possono
mm nel caso dei 10.000 Hz).
sussistere realmente le condizioni per avere, in campo libero, una caduta di
livello paragonabile a quella della teorica sorgente lineiforme infinita. Per far
questo introduciamo un concetto che qui definiamo “lunghezza efficace”,
che è quella porzione di un array lineiforme finito nella quale le sorgenti
che lo compongono interferiscono tra loro in maniera costruttiva. Si ha una
“interferenza costruttiva” quando, in un dato punto d’ascolto posto sulla
perpendicolare che taglia a metà l’array, giungono segnali di medesima
frequenza e ampiezza in tempi diversi, i quali determinano una differenza
di fase compresa tra 0° (sfasamento nullo) e 90° (Fig. 11). Se per esempio
prendiamo in esame la frequenza di 1.000 Hz, sappiamo che la durata del
Fig. 10 - Nel riquadro A abbiamo una porzione di array composta da sorgenti
suo ciclo corrisponde a 1 ms e, poiché la fase è una rappresentazione in
che generano un Δx contenuto, il quale permette un accoppiamento adeguato
gradi (360) di un evento ciclico, possiamo dire che 1 ms corrisponde a
per le lunghe gittate delle frequenze acute, ma di contro limita l’apertura
360°. Quindi, se più segnali di questa frequenza (1.000 Hz) giungono al
verticale tra le sorgenti stesse. Nel riquadro B, invece, la porzione di array è
nostro punto d’ascolto (P) con una differenza temporale massima tra di loro
composta da sorgenti dal Δx più ampio, il quale limita un po’ l’accoppiamento
corrispondente a 0,25 ms (¼ di 1 ms, che corrisponde ad ¼ di 360°, quindi
della gamma acuta dello spettro audio, ma permette di avere angolazioni
a 90°), allora diciamo che interferiscono tra di loro in maniera costruttiva.
verticali maggiori.
La “lunghezza efficace” al punto P cresce quando la frequenza si
abbassa, e cala quando la frequenza si alza: questo perché più bassa
è la frequenza e maggiore sarà il valore temporale del quarto del suo
In pillole: estensione del campo vicino in relazione
alla frequenza
ciclo, e questo significa un maggior numero di sorgenti che rientrano nel
limite massimo di sfasatura di 90°. In sostanza, avendo la gamma mediograve dello spettro audio maggiori “lunghezze efficaci” di quella acuta,
quest’ultima sarà svantaggiata, nel punto d’ascolto P, in termini di livello
di pressione sonora, a causa del minor numero di sorgenti accoppiate
l2 x f
700
l = lunghezza dell’array; f = frequenza ; 700 = costante che equivale a poco più del doppio della velocità
del suono.
costruttivamente.
29
Conn_25.indb 29
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
Campo vicino e campo lontano
Abbiamo parlato finora di “lunghezza efficace” rispetto a un determinato
punto d’ascolto preso in esame, ma che cosa succede se ci allontaniamo
dall’array? Avverrà che la “lunghezza efficace” (non a tutte le frequenze,
come vedremo in seguito) cresce. Questo fenomeno, puramente
geometrico (dovuto all’aumento di “r” e “r + λ/4”), causa l’incremento
del numero delle sorgenti che rientrano all’interno della finestra di
“interferenza costruttiva”, limitando così a 3 dB la perdita del livello di
pressione sonora al raddoppio della distanza. Quindi, tenendo conto dei
Fig. 11 - Ponendo come condizione che tutte le sorgenti di quest’array stiano
fenomeni fin qui illustrati, possiamo affermare che nella realtà non esistono
emettendo segnali di pari frequenza, fase e ampiezza, diciamo che: la freccia r
dispersioni cilindriche, ma solo condizioni di interferenze che determinano
rappresenta il tempo minimo che il segnale impiega per giungere per primo in P
un’attenuazione della perdita del livello di pressione sonora che si ha
partendo dall’array, mentre quella r + λ/4 rappresenta r sommato alla durata di ¼
del ciclo della frequenza. I due archi, nero e rosso, rappresentano i punti equidistanti
da P prendendo come riferimento rispettivamente r e r + λ/4. Tutti i segnali emessi
allontanandosi da un array lineiforme finito.
Tuttavia giova ricordare che stiamo parlando di array dalle dimensioni
verticali limitate: questo significa che, prima o poi, il beneficio della perdita
dalle sorgenti comprese tra i due archi interferiscono al punto P costruttivamente,
di 3 dB a distanza doppia finisce. Infatti, per tutte le frequenze, esiste un
poiché le loro differenze temporali non determinano uno sfasamento superiore ai
punto oltre il quale la perdita del livello di pressione sonora equivale a
90°. La sommatoria tra due segnali sfasati di 90°, rappresentata nel grafico a destra,
quella di una sorgente dalla dispersione sferica (6 dB al raddoppio della
è 1,41, che equivale a 3 dB. Questo è il limite entro il quale l’interferenza tra segnali
distanza). Tale condizione si ha quando la “lunghezza efficace” raggiunge
viene considerata “costruttiva”
la dimensione verticale dell’array: in questo caso l’effetto benefico delle
“interferenze costruttive” cessa, per mancanza di ulteriori sorgenti. La zona
in cui si ha un calo di 6 dB al raddoppio della distanza viene chiamata
“campo lontano”, mentre viene definita “campo vicino” quella in cui la
4M
8M
16M
32M
64M
perdita equivale a 3 dB. Esiste una formula che, in teoria, ci permette di
calcolare l’estensione del “campo vicino” rispetto alla frequenza, ed è
D:4m
D:8m
D:16m
D:32m
D:64m
r=4.00m
r=8.00m
r=16.00m
r=32.00m
r=64.00m
quella presentata nel 2001 da Marc Ureda all’AES di Amsterdam (vedi box
leff (100Hz)=4.90m
leff (1Hz)=1.64m
leff (10Hz)=0.52m
leff (100Hz)=4.90m
leff (1Hz)=2.37m
leff (10Hz)=0.74m
leff (100Hz)=4.90m
leff (1Hz)=3.30m
leff (10Hz)=1.04m
leff (100Hz)=4.90m
leff (1Hz)=4.66m
leff (10Hz)=1.48m
leff (100Hz)=4.90m
leff (1Hz)=4.90m
leff (10Hz)=2.08m
nella pag. precedente). Se la applichiamo prendendo ad esempio un array
lungo 5 m, vediamo che, ad una frequenza di 100 Hz, il campo vicino è di
3,57 m, mentre a 10.000 Hz si estende fino a 357 m! (Fig.12).
Rel. level
100.00
1000.00
10000.00
Naturalmente, per dare un peso più realistico a tale strabiliante misura,
0.00
-3.00
-6.00
-9.00
-12.00
-15.00
-18.00
-21.00
-24.00
-27.00
-30.00
-33.00
-36.00
-39.00
-42.00
non possiamo ignorare che per cause atmosferiche (temperatura, umidità)
l’energia acustica delle frequenze acute subisce un notevole assorbimento
alla distanza. Per quanto riguarda invece le frequenze gravi, per poter
incrementare il loro “campo vicino” (che abbiamo visto, tramite la formula
di Ureda, essere molto ridotto), l’unica soluzione è quella di aggiungere
Freq.
D=04m, r=4.00m
D=08m, r=8.00m
D=32m, r=32.00m
D=64m, r=64.00m
D=16m, r=16.00m
delle sorgenti all’array lineiforme, in modo da poter creare ulteriori
“interferenze costruttive”.
Fig. 12 - In alto: “Lunghezze efficaci” calcolate a distanze doppie da un array
lineiforme finito lungo 5 m, alle frequenze 100, 1.000 e 10.000 Hz. Nel grafico
sottostante sono rappresentate le relative cadute del livello di pressione sonora nei
Prime conclusioni
L’array lineiforme finito è utile per dare delle spiegazioni teoriche,
ma non è il sistema migliore per la copertura omogenea di aree
cinque punti presi in esame.
d’ascolto, in quanto tende a focalizzare l’energia acustica lungo
30
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 30
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
31
Conn_25.indb 31
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
l’asse che lo taglia perpendicolarmente a metà (almeno fino a quando
la lunghezza d’onda lo permette). Si rende quindi necessario adattare gli
-1.0m
0.0m
1.0m
accoppiamenti tra le varie sorgenti che lo compongono, aumentandoli
o diminuendoli a seconda che le distanze da coprire siano maggiori o
6.0m
minori. Per poterlo fare è necessario che gli array siano composti da
diffusori (intesi come sorgenti multivia), impilabili tra di loro con angoli
verticali variabili (esiste anche una via elettronica per adattare un array
lineiforme finito alla copertura di uno spazio, ma di questo ne parleremo
5.0m
nel prossimo articolo). Questa soluzione (adottata oramai da diversi anni)
permette di modellare lungo l’asse verticale la forma degli attuali linearray, che proprio per questa caratteristica vengono definiti a forma di J
o, più amichevolmente, “banane”.
4.0m
Banane (array a forma di J)
pick points
center of gravity
Con il termine “banana” si intende un line-array a cui è stata data una
forma rettilinea, o quasi, nella parte superiore, e sempre più curvilinea
Fig. 13 – Vista laterale di un array a forma di J.
man mano che si scende verso il basso (Fig. 13). Questo vuol dire, come
detto in precedenza, adattare l’accoppiamento tra i vari diffusori alla
necessità di diffondere in maniera omogenea il suono sulle aree d’ascolto.
-10m
0m
10m
20m
30m
40m
50m
60m
4.0m
8m
6m
4m
2m
0m
-2m
Più gli angoli verticali tra diffusore e diffusore sono stretti (0° o poco
più), maggiore è la gittata delle frequenze acute, ma di conseguenza
minore risulta la loro dispersione verticale. Viceversa, disaccoppiare
diffusori, attraverso un graduale aumento verso il basso delle angolazioni,
-10m
140dB
0m
10m
20m
30m
40m
50m
60m
134dB
128dB
122dB
125 Hz
116dB
110dB
104dB
98dB
92dB
20m
112dB
abbassamento del livello, ma in questo caso una più ampia dispersione
40m
106dB
4.000 Hz
20m
110dB
determina, sempre per quanto riguarda le frequenze acute, un
verticale. Per quanto riguarda le frequenze gravi, invece, di norma esse
si accoppiano coerentemente tra le varie sorgenti, indipendentemente
20m
107dB
dall’apertura verticale tra diffusore e diffusore (questo grazie alle
86dB
dimensioni delle loro lunghezze d’onda), mentre la loro direttività dipende
dalla lunghezza e dalla forma curvilinea dell’array (Fig. 14).
Fig. 14 – Simulazione del livello di pressione sonora su un’area lunga 50 m
utilizzando l’array di Fig. 13, il quale è alto 1,7 m e sospeso a 5,5 m dal suolo.
Nella parte superiore si vede il puntamento dei singoli diffusori (righe tratteggiate
bianche). Nel grafico sottostante si ha la caduta del livello alle frequenze di 125
Hz (riga tratteggiata) e 4.000 Hz (riga continua). Prendendo in esame la distanza
compresa tra 20 e 40 m, si nota che per i 4.000 Hz sussistono ancora condizioni
di “interferenze costruttive”, che determinano un calo del livello di pressione
sonora di 3 dB al raddoppio della distanza.
Anche per le “banane” si può parlare di “lunghezza efficace”, sempre
intesa come quella porzione in cui sono presenti sorgenti che, in un dato
punto d’ascolto, interferiscono costruttivamente. In questo caso però, la
forma curvilinea non costante, insieme al fatto che i line-array solitamente
si appendono, permette di avere un equilibrio timbrico maggiore,
dato che il “campo vicino” (-3 dB al raddoppio della distanza) non ha
un’estensione geometrica lineare (Fig. 15).
Utilizzo dei sistemi line-array
Per quanto riguarda la frequenza di 125 Hz, per essa si ha la condizione di
“campo lontano” e quindi di perdita, a distanza doppia, di 6 dB.
Vista l’ampia gamma di line-array presenti sul mercato, che varia dai
cosiddetti “mini”, a quelli di grande taglia che troviamo installati in spazi
di cospicue dimensioni, è importante capire quali possono essere i
32
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 32
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
parametri decisionali che fanno propendere verso questi sistemi o per
quelli definiti point source.
Indubbiamente i line-array possono offrire dei vantaggi: gestione della
direttività verticale a beneficio del rapporto suono diretto/suono riflesso,
4M
8M
16M
32M
64M
scalabilità, miglior accoppiamento tra più diffusori dello stesso tipo.
Per quanto possa apparire banale, un elenco di tipologie di luoghi in
cui essi sono stati installati ci può aiutare a capire le loro potenzialità di
utilizzo: luoghi di culto, teatri, centri congressi, sale da concerto, centri
D:4m
D:8m
D:16m
D:32m
r=9.95m
r=12.50m
r=19.00m
r=33.90m
D:64m
r=65.00m
leff (100Hz)=2.23m
leff (1Hz)=0.94m
leff (10Hz)=0.28m
leff (100Hz)=2.85m
leff (1Hz)=1.04m
leff (10Hz)=0.30m
leff (100Hz)=4.05m
leff (1Hz)=1.32m
leff (10Hz)=0.42m
leff (100Hz)=4.30m
leff (1Hz)=1.90m
leff (10Hz)=0.61m
leff (100Hz)=4.10m
leff (1Hz)=2.50m
leff (10Hz)=0.97m
fieristici, centri commerciali, stadi, palazzetti dello sport, stazioni e in
100
il rinforzo sonoro deve essere preciso e dettagliato. Se volete avere dei
riferimenti su installazioni di questo tipo, non dovete far altro che cercare
nelle apposite sezioni dei siti dei principali costruttori di sistemi linearray. Qualcuno però può obiettare che il marketing ha spinto forte per
Rel. level
generale tutti quei luoghi nei quali l’acustica non è sempre favorevole e
1000
10000
0.00
-3.00
-6.00
-9.00
-12.00
-15.00
-18.00
-21.00
-24.00
-27.00
-30.00
-33.00
Freq.
aiutare la loro diffusione… personalmente penso che se si è coscienti
dei vantaggi applicativi (e dei compromessi che richiedono) e se si è in
D=04m, r=9.95m
D=08m, r=12.50m
D=32m, r=33.90m
D=64m, r=65.00m
D=16m, r=19.00m
grado di operare delle valutazioni qualitative sui vari marchi e modelli
Fig. 15 – “Lunghezze efficaci” calcolate a distanze doppie da un array a forma di J lungo 5
disponibili, allora non c’è dubbio che i line-array possono rappresentare
m., alle frequenze 100, 1.000 e 10.000 Hz. Nel grafico sottostante sono rappresentate le
la prima scelta in molte occasioni.
relative cadute del livello di pressione sonora nei cinque punti prese in esame.
33
www.rsgemea.com
Conn_25.indb 33
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
La teoria del line array,
in pratica
Le “colonne sonore” e i piccoli sistemi da
installazione
Dopo aver illustrato nel precedente testo i principi fisici
basilari che regolano il comportamento acustico dei sistemi
line-array, esamineremo adesso alcune tipologie di sistemi
presenti oggi sul mercato. In particolare le cosiddette
“colonne sonore”, pensate per il mercato delle installazioni
fisse, e i line-array compatti da installazione. Mettendoli poi in
relazione ai possibili campi di applicazione.
Davide Carlotti
Fig. 3 – Una colonna sonora
Bose Panaray MA12 installata in
ambiente riverberante
I
sistemi che vengono utilizzati per la riproduzione di programmi vocali, noti come “diffusori a colonna” o
“colonne sonore” (da qui in poi li chiamiamo semplicemente “colonne”), vengono definiti in questo modo
perché sono costituiti da una serie di “coni” impilati verticalmente, racchiusi dentro a cabinet rettilinei (Fig.1). Tali
sistemi si installano abitualmente in ambienti dove l’acustica è tutt’altro
che ottimale: chiese, stazioni, aeroporti, spazi espositivi, sale in cui si
tengono riunioni e in generale dove la voce costituisce il programma
audio prevalente.
Proprio per essere adatte a questo scopo, di norma le colonne
contengono coni di piccole dimensioni (4’, e anche meno) e sono
prive di componenti idonei alla riproduzione della gamma grave delle
frequenze. Le ragioni di queste scelte sono dettate dal fatto che, per
mantenere una buona intelligibilità sulle aree d’ascolto, è necessario
avere un rapporto suono diretto/suono riflesso a favore del primo e,
come abbiamo visto nel precedente articolo, il controllo della direttività
cala con il diminuire della frequenza. Questa limitazione non crea
di norma eccessivi disagi, poiché la zona d’ascolto maggiormente
utilizzata dall’orecchio umano per la percezione di messaggi vocali è
34
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 34
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
compresa tra i 170 Hz e i 4 kHz (Fig. 2). Inoltre, per quanto riguarda
la parte alta dello spettro delle frequenze, anch’essa di solito non è
particolarmente estesa: questo aspetto limita certamente la qualità
120
della riproduzione sonora, ma aiuta a contenere lobi secondari di
100
distanza tra i centri acustici dei vari coni impilati uno sull’altro.
Array a colonna per programmi anche musicali
Oltre alle colonne prodotte per il rinforzo vocale, sul mercato si trovano
Sound - pressure level, dB
dispersione importanti, dovuti al rapporto tra la lunghezza d’onda e la
quelle adatte alla diffusione di programmi anche musicali; per questo
di norma sono dotate di tweeter o di driver a compressione per
170 4,000 Hz
80
Speech
42 dB
60
40
20
l’estensione della gamma acuta, e possono essere accoppiate a dei
0
subwoofer per l’incremento delle frequenze gravi (Fig. 3).
20
Ovviamente, con questo tipo di sistemi la diffusione di musica non deve
50
100
300
500
1K
3k
5k
10k
20k
Frequency - Hz
essere intesa come rinforzo sonoro di eventi per i quali ci si aspetta,
e sono richieste, copertura di ampie distanze, disponibilità di livelli di
Fig. 2 – Area utilizzata dall’udito umano per la percezione di segnali vocali.
pressione sonora elevati ed un’estesa riserva di headroom per gestire la
© F. Alton Everest, The master handbook of acoustics
dinamica. Inoltre giova ricordare che, quando la “colonna” e l’eventuale
subwoofer abbinato emettono basse frequenze, la loro dispersione
nel range della gamma grave dello spettro audio è praticamente
suon
livello
al chiuso, un’eccessiva diminuzione dell’intelligibilità del programma
soglia critica per
l’intelligibilità del parlato
o dir
omnidirezionale: questo può determinare, soprattutto nelle installazioni
etto
suono diffuso
-10 dB
diffuso, a causa dell’aumento del campo riflesso (Fig. 4). Esistono
comunque alcune soluzioni per aumentare la direttività a una frequenza
distanza
più bassa possibile, come scegliere “colonne” dalla lunghezza verticale
campo libero
distanza critica
campo riflesso
adeguata e, nel caso siano disponibili, utilizzare sistemi subwoofer dalla
dispersione posteriore controllata (argomento che tratteremo qui di seguito).
Fig. 4 – L’intelligibilità dei programmi sia vocali che musicali dipende dal rapporto tra
il suono diretto che si propaga dal sistema di amplificazione e il suono diffuso causato
Controllo della direttività tramite DSP
dalle riflessioni che si creano in ambienti confinati
Alcune colonne sonore presenti sul mercato non hanno nessun
particolare dispositivo per il controllo della direttività: la loro lunghezza
e la distanza tra i centri acustici delle sorgenti di cui sono dotate
determinano, in relazione alle frequenze che emettono, i valori degli
angoli di dispersione sul piano verticale (che variano al variare della
frequenza) e il formarsi o meno di lobi secondari di emissione in
aggiunta a quello principale.
Accanto a questi sistemi, che possiamo definire “tradizionali” e che
esistono da diverse decine d’anni, ne sono apparsi più recentemente
altri, la cui direttività viene controllata tramite dei DSP (Digital Signal
Processor). Tali dispositivi elettronici processano i segnali che vengono
inviati alle varie sorgenti della colonna, cosa che permette di adattare
Fig. 5 - Esempio schematizzato di
applicazione di filtri “passa-basso” ad una
“colonna” controllata da DSP
l’ampiezza verticale della dispersione e il puntamento, al fine di coprire
adeguatamente le aree d’ascolto. In sostanza i DSP, attraverso funzioni
35
Conn_25.indb 35
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
che regolano ritardi ed equalizzazioni, permettono di
determinare le interferenze tra le varie sorgenti dell’array
in modo da ottenere, per quanto possibile, somme nelle
zone in cui è presente il pubblico e cancellazioni fuori
del lobo di dispersione desiderato.
La possibilità di dirigere la dispersione e il puntamento
verticale secondo le proprie esigenze permette
una maggiore flessibilità nel posizionamento delle
colonne controllate da DSP. Quest’aspetto, insieme
alla possibilità di dare loro un adeguato colore, può
favorire sia l’integrazione pratica (cioè tenere la linea di
visuale pulita), che estetica di questo tipo di diffusori
nel contesto in cui vengono installati. Nella norma
le colonne con controllo elettronico della direttività
hanno un DSP dedicato per ogni sorgente presente,
caratteristica che permette, attraverso l’uso di filtri
passa-basso, di evitare il progressivo diminuire della
dispersione verticale che si ha quando la frequenza
aumenta. I filtri, il cui intervento risulta più deciso
agli estremi e sempre più blando man mano che ci si
sposta verso il centro, accorciano in maniera virtuale la
Fig. 6 - A sinistra: un diffusore
“colonna”, evitando così un eccessivo restringimento del lobo di propagazione della gamma acuta dello spettro
a colonna con subwoofer (Bose
audio (Fig. 5).
L1® Model II).
A destra: un line-array
costituito da più cabinet con
angoli verticali variabili
Line array
Contrariamente alle colonne, le cui dimensioni fisiche e le spaziature fra i trasduttori (coni, driver, tweeter) sono
fisse, i sistemi line-array sono costituiti da più cabinet, i quali, tramite appositi accessori per la sospensione,
vengono agganciati tra di loro l’uno sull’altro. Questa tipologia permette di stabilire quanto lunga deve essere la
linea di diffusione in senso verticale e di distribuire con buona omogeneità, attraverso il grado d’accoppiamento
dato dall’apertura verticale tra i cabinet, il livello di pressione sonora sulle aree d’ascolto (Fig. 6).
Escludendo da questa nostra rassegna i sistemi di grosse dimensioni, utilizzati per la sonorizzazione di eventi in
grandi spazi, ci concentreremo su quelli di taglia mini, utilizzati prevalentemente in ambienti medio piccoli e per
installazioni fisse.
I mini line array (chiamiamoli solo “mini” da qui in poi) sono sistemi multivia che montano coni per la
riproduzione delle medio-basse frequenze (diciamo da 6,5” in giù) e driver a compressione accoppiati a guide
d’onda, o array di tweeter, per quanto riguarda invece la diffusione della gamma acuta. I mini possono essere
passivi (con le vie incrociate tramite crossover) o multi-amplificati, e spesso sono pilotati tramite processori
dedicati. Da queste prime sommarie descrizioni si intuisce che questo tipo di sistemi ha caratteristiche tecniche
simili a quelli di taglia superiore, ma con prestazioni, pesi e ingombri in linea con le loro dimensioni e con i
componenti che montano.
La grande diffusione dei mini, negli ultimi anni, deriva in gran parte dall’esperienza maturata precedentemente
coi sistemi line array più grandi (utilizzati soprattutto nel live), i quali hanno progressivamente sostituito le
36
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 36
n. 25
24/08/10 09.06
Le funzioni di un sistema rack
in un singolo prodotto
direttività audio
ES3323
Amplificatore 320W con sorgente CD, Radio, MP3
per diffusione musicale e annunci fino a 3 ZONE
con gestione di priorità e regolazione di volume
indipendente.
Abbinamento consigliato con BM 3003, base microfonica a 3 zone
^^^YJMP[
Conn_25.indb 37
37
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
classiche “cataste” di diffusori a cui eravamo abituati. Le
stesse condizioni che hanno determinato il sorpasso della
tecnologia “line source” rispetto alla “point source” negli eventi
di grosse dimensioni, si stanno ripetendo ora anche nel campo
delle installazioni.
Certo non sempre la soluzione line array è quella migliore,
ci sono applicazioni nelle quali un classico sistema point
source può essere considerato comunque preferibile. Il
nodo da sciogliere, a questo punto, è relativo ai parametri
che possono far pendere l’ago della bilancia verso l’una
o l’altra scelta. A favore del versante line array ritroviamo
quelli già visti nell’articolo precedente: omogeneità della
pressione sonora ottenibile, estrema precisione della copertura
Fig. 7 - Immagine di una simulazione dei livelli SPL su aree d’ascolto
verticale, scalabilità del sistema e maggiore compatibilità tra
diffusori dello stesso modello. Per quanto riguarda i “point
source”, gli ingombri e i pesi minori (anche se oggi abbiamo
dei “mini” veramente lillipuziani, ma comunque efficaci)
possono far propendere per questa soluzione, la quale può
offrire comunque prestazioni all’altezza delle aspettative del
committente.
I software per le installazioni audio
La rivoluzione informatica che ha trasformato così
pesantemente il nostro modo pensare e agire negli ultimi
vent’anni non ha certamente risparmiato il settore dell’audio
Fig. 8 - Misurazione della risposta in frequenza di un sistema
professionale. Infatti, è ormai pratica comune utilizzare
soluzioni software per progettare, allestire e controllare sistemi
line-array o colonne. Insomma, si è arrivati ad avere quelli
che si possono definire, prendendo il termine dalle corse motoristiche, dei “pacchetti” che comprendono tutto
quanto è utile alle varie figure coinvolte in un’installazione, partendo dal progettista, passando per l’installatore e
concludendo con l’utilizzatore finale.
I software impiegati possono essere divisi in quattro tipologie d’uso: simulazione, settaggi, ottimizzazione
e controllo delle funzionalità. Nel primo caso (simulazione) esistono programmi che calcolano, attraverso
l’elaborazione di dati immessi nell’applicativo dal progettista stesso, vari parametri acustici (livelli SPL, RT60,
STI, ecc.), i quali possono essere visualizzati sotto forma di dati numerici o attraverso rappresentazioni grafiche:
otterremo utili indicatori per stimare se il sistema audio che si prevede di collocare in un certo ambiente sarà
idoneo o meno a svolgere i compiti per i quali verrà installato. (Fig. 7)
Parlando invece di settaggi, si intende la possibilità sia di programmare in anticipo e off-line (cioè senza essere
collegati ad alcuna rete di controllo remoto), sia di modificare in tempo reale i parametri preposti al trattamento
dei segnali che vengono poi inviati agli output del sistema. Tipicamente si può agire su livelli, filtri, delay, e in
generale su tutto ciò che è disponibile tramite i DSP. Importanti da ricordare, sempre per quel che riguarda i
settaggi, sono le funzioni che danno la possibilità di raggruppare più input (per permettere di inviare in una sola
38
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 38
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
volta un comando comune) e di salvare e caricare delle “scene” o dei
preset, in modo da poter richiamare velocemente le configurazioni
desiderate.
L’ottimizzazione, invece, riguarda i software cosiddetti “di misura”, che
vengono impiegati nella fase definita comunemente di “taratura”, nella
quale si procede a perfezionare il comportamento acustico del sistema.
Programmi dedicati, abbinati a schede audio e a microfoni di misura,
permettono di verificare e correggere il livello di pressione sonora (SPL)
sulle aree d’ascolto, l’allineamento temporale tra i vari componenti
del sistema (main, frontfill, infill, linee di ritardo) e la risposta in
frequenza, in vari punti d’ascolto, scaturita dall’interazione tra suono
propagato e ambiente. Inoltre, una volta che si è proceduto alla fase
di taratura, i software di misura possono darci indicazioni su quanto
sono stati efficaci gli interventi operati, al fine di ottenere una corretta
ottimizzazione, calcolando nella situazione reale tutti i parametri che
sono stati ricavati durante la fase di “simulazione”. (Fig. 8)
Infine, il controllo delle funzionalità significa verificare in maniera
Fig. 9 – A sinistra viene mostrato il comportamento direttivo di tre subwoofer
remota il corretto funzionamento del sistema, in modo da poter
incolonnati, i quali sono rivolti tutti verso il fronte e alimentati dallo stesso segnale.
intervenire, nella maniera più rapida possibile, in caso di guasti o
A destra, invece, uno dei tre sub è girato verso il retro e il segnale a lui inviato
malfunzionamenti. Conoscere lo stato dei segnali in ingresso (sia il loro
ha ampiezza e fase “adattate” per ottenere una cancellazione posteriore della
arrivo, sia il loro livello) e sapere che amplificatori e altoparlanti stanno
dispersione dell’intero sistema
lavorando correttamente, sono solo alcuni esempi di possibili controlli,
utili durante il normale funzionamento ma addirittura indispensabili
quando il sistema è chiamato a svolgere anche compiti di diffusione di avvisi e messaggi d’allarme in zone di
pericolo, come stabilito dalla norma EN60849.
Sistemi subwoofer con direttività controllata
Dopo aver più volte sottolineato l’importanza del controllo della dispersione, fattore fondamentale per quel che
riguarda l’adeguata distribuzione del suono sulle aree d’ascolto, vorrei spostare ora l’argomento “direttività”
applicandolo ai subwoofer.
Se vogliamo che il nostro sistema di sub concentri maggiormente la sua propagazione di energia acustica
verso le zone desiderate, bisogna che la sua dispersione non risulti “omnidirezionale”, cosa che si può ottenere
attraverso diverse soluzioni. Alcune, come l’end-fire, si possono studiare sui libri che trattano di acustica, ma
queste generalmente richiedono tempo e spazio per essere attuate mentre altre, più pronte all’uso, ci vengono
proposte direttamente dai vari costruttori, e su queste vorrei spendere qualche parola.
La prima soluzione riguarda un sistema costituito da più subwoofer, che disperdono singolarmente in maniera
quasi del tutto omnidirezionale, ma, attraverso un loro corretto posizionamento e un “trattamento” del segnale
inviato a ognuno uno di loro, cancellano gran parte dell’energia acustica irradiata posteriormente (Fig. 9).
In alternativa, si possono utilizzare dei singoli subwoofer dotati di più coni alloggiati nello stesso cabinet. Anche in
questo caso si hanno delle “interferenze” determinate dalla posizione dei “coni” e dal trattamento dei segnali a loro
inviati. Tali “interferenze” modellano la dispersione del suono secondo il pattern desiderato (per esempio, cardioide o
ipercardioide) (Fig. 10).
39
Conn_25.indb 39
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
Quanto detto finora ha riguardato principalmente la cancellazione
di energia acustica nel campo di propagazione posteriore, ma è
altrettanto importante avere anche il controllo della dispersione
frontale dei sistemi subwoofer, tenendo conto che tutto quel che si
è detto sulla propagazione verticale dei sistemi line array vale anche
sul piano orizzontale. Questo significa che, quando posizioniamo
due o più subwoofer a terra, essi interferiscono tra di loro seguendo
la regola già detta: la propagazione sarà omogenea se la distanza
tra i loro centri acustici sarà inferiore alla metà della lunghezza
d’onda. Risulta quindi evidente che se abbiamo due subwoofer
Fig. 10 - Mapping di dispersioni cardioide (a sx) e ipercardiode (a dx). Le frecce indicano i
distanziati di, per esempio, 16 m, la loro dispersione non potrà che
punti di maggior cancellazione rispetto all’asse di emissione principale
essere caratterizzata da zone di somma e da altre di cancellazione,
determinando così quell’effetto noto come “filtro a pettine” (comb
filter) (Fig. 11). A questo punto, la soluzione ideale è creare un array
di subwoofer (che chiamiamo “subarray”), tenendo conto che la
Fig. 11 - Mapping della dispersione a 50 Hz di 2
subwoofer cardioidi (quadratini bianchi) spaziati tra
loro di 16 m. Ogni variazione di colore dal rosso
al blu rappresenta una diminuzione del livello di
pressione sonora di 6 dB
sua lunghezza e la posizione nello spazio delle sorgenti che lo
costituiscono determinano la sua dispersione (Fig. 12). Infine, la
ciliegina sulla torta è applicare un certo “ritardo” ai vari segnali che
alimentano le vie del subarray, in modo da arcuare la dispersione
orizzontale, in conformità con l’apertura angolare desiderata (Fig. 13).
Conclusioni
Fig. 12 - Mapping della dispersione a 50 Hz di un
subarray lungo 16 m costituito da 10 subwoofer
cardioidi spaziati tra di loro di 1,8 m. A causa
dell’eccessiva direttività, dovuta al rapporto tra la
dimensione orizzontale del subarray (16 m) e la
lunghezza d’onda dei 50 Hz (6,8 m), il livello di
pressione sonora decade eccessivamente ai lati
Negli ultimi anni si è assistito a un progressivo aumento dell’interesse
verso il settore delle installazioni da parte dei costruttori di sistemi
di amplificazione professionali, i quali stanno investendo energie e
risorse per poter offrire soluzioni sempre più prestanti. L’impiego
ormai costante di tecnologie digitali (per il trattamento, lo smistamento
e l’amplificazione dei segnali), l’utilizzo di trasduttori (coni, driver,
tweeter, ecc.) più efficaci e la realizzazione di nuovi sistemi per coprire
quante più applicazioni possibili, stanno determinando un’evoluzione
dell’area d’ascolto
significativa anche nei campi dei “diffusori a colonna” e dei line array.
Più la fetta di torta ad appannaggio delle installazioni si allargherà
Fig. 13 - Mapping dell’ampliamento della dispersione
Delay
7.4 ms
orizzontale (90°) del subarray, ottenuta applicando
e maggiore sarà l’impegno profuso per realizzare nuove soluzioni e
questo ci può far pensare a un futuro nel quale avremo ulteriori sviluppi.
2.7 ms
1.2 ms
0.4 ms
ritardi ai segnali che alimentano le singole sorgenti.
0.0 ms
0.0 ms
0.4 ms
I valori dei ritardi aumentano man mano che dal
1.2 ms
2.7 ms
7.4 ms
centro ci si sposta verso l’esterno: questo permette
di arcuare virtualmente il subarray, in modo da
distribuire più uniformemente l’energia acustica
sull’area d’ascolto
40
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 40
stical
, Acou
. Olson
l Audio
Harry F
ssiona
, Profe
g
n
ri
e
engine
ls, Inc
Sound
Journa
ok for
andbo
H
,
u
o
all
ams &
Glen B
rd W. S
, Howa
rs
e
e
in
Eng
ny
Compa
Jr.,
gene Patronid
Don Davie e Eu
Focal
Engineering,
Sound System
Press
m/
www.jblpro.co
Marc Ureda:
t/pdf/
/Vertec/suppor
products/tour
eda%20
%2001%20Ur
AES%20May
ys.pdf
Line%20Arra
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
IL DIFFUSORE
PASSIVO
PIÙ ATTIVO
Campo sonoro di una colonna passiva tradizionale
Campo sonoro nuova JBL CBT
Rappresentazione a 2 kHz, ad ogni frequenza è diversa
Rappresentazione a 2 kHz, ad ogni frequenza è identica
CON COPERTURA REGOLABILE
IN BASE ALL’APPLICAZIONE
Vi presentiamo la nuova serie JBL CBT, diffusori Line Array a colonna
La nuova serie JBL Professional CBT Constant Beamwidth Technology apre una
nuova era per i diffusori a colonna passivi, basata su anni di ricerche approfondite
condotte dagli ingegneri Harman. Essa rappresenta una soluzione innovativa per
ottenere una perfetta e precisa copertura con il massimo dell’intelleggibilità.
Sviluppata con una tecnologia simile a quelle dei convenzionali Line Array
(tipicamente più complessi e costosi), con la possibilità di commutare la copertura
verticale (da 15° a 45°, in base al modello), con in più una estesa risposta in
frequenza ed un elevato livello d’uscita, la serie CBT si pone come valida alternativa
ai diffusori ed alle colonne tradizionali, oltre che a quelle attive. Fino ad ora non avete
mai potuto sperimentare prestazioni e versatilità simili in un diffusore a colonna
passivo. Conveniente e di facile utilizzo, supera di gran lunga gli altri sistemi
paragonabili. Nuova serie JBL CBT: il nuovo standard qualitativo.
Audio Equipment s.r.l.
Via Don Minzoni, 17 - 20052 Monza (MB)
Tel. +39 039 21.22.21 - Fax +39 039 21.40.011
[email protected] - www.audioequipment.it
Conn_25.indb 41
41
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
VSA 2050
Da RCF la nuova colonna
sonora con controllo
digitale della diretività
A cura della redazione
42
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 42
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
VSA 2050 in breve
VSA 2050 è un array verticale multi-amplificato che elabora il segnale audio inviato
a ogni altoparlante per controllare la dispersione verticale. In questo modo, la
nuova colonna sonora di RCF permette di indirizzare digitalmente il segnale audio
esattamente verso l’area di ascolto, evitando di disperdere l’energia acustica verso
soffitti o pavimenti che creerebbero riflessioni tali da inficiare l’intelligibilità del parlato,
specialmente in ambienti critici con alti tempi di riverberazione. Le sue dimensioni
compatte e la possibilità d’installazione aderente alla parete senza necessità di
inclinazioni fisiche la rendono perfetta dove è richiesto un moderato impatto visivo.
L’obiettivo che gli ingegneri RCF hanno conseguito nella progettazione della VSA 2050
è offrire indirizzamento e controllo della voce su tutta la gamma di frequenze, massima
intelligibilità con un’ampia risposta in frequenza, alta dinamica e coerenza in distanza.
Per raggiungere questi obiettivi sono stati sviluppati sofisticati altoparlanti interamente
dedicati, sfruttando l’esperienza maturata da RCF nella progettazione e costruzione di
trasduttori che, da oltre 60 anni, rappresentano lo stato dell’arte nel settore dell’audio
professionale. A questi nuovi trasduttori sono stati affiancati i più moderni DSP
(Processori di Segnale Digitale), inoltre è stata studiata una lunghezza ottimale della
colonna in relazione al numero e alla dimensione degli altoparlanti; infine, si è scelto
di utilizzare un amplificatore dedicato per ognuno di essi, al fine di ottenere un miglior
controllo, oltre a potenza e dinamica ottimali.
Elettroacustica
I nuovi altoparlanti realizzati per VSA sono stati progettati al fine di offrire la massima
intelligibilità possibile e un’ampia risposta in frequenza. È stata prevista una densità di
flusso da 1,4 Tesla, grazie all’uso di un grande magnete in neodimio per riprodurre un
incredibile range dinamico sulle medie frequenze. L’utilizzo del neodimio ha permesso
inoltre di ottenere trasduttori molto compatti e leggeri e, di conseguenza, con
dimensioni e peso della colonna estremamente contenuti.
Elettronica
Immagini del
VSA 2050
Caratteristiche tecniche
Il potente circuito del DSP è connesso direttamente in digitale con i 20 amplificatori
in Classe D da 50 W, in grado di pilotare i 20 altoparlanti con la potenza richiesta
per ottenere una dinamica ottimale. Il circuito di amplificazione include numerose
protezioni e controlli per operare sempre nella massima sicurezza.
La tecnologia digitale è stata utilizzata anche per l’alimentazione: regolata sia in
voltaggio che in corrente, è interfacciata digitalmente con il DSP per comunicare i
dati riguardanti il voltaggio, la corrente e la temperatura dei numerosi circuiti. VSA
2050 Funziona sia a 115/230 V AC che a 24 DC, quest’ultima utilizzabile anche come
alimentazione di back up. Tutti i LED indicatori di stato sono visibili sul pannello
inferiore della VSA 2050, indicano la corretta presenza delle alimentazioni AC e/o DC
e lo stato di funzionamento del diffusore, dagli amplificatori al DSP e dagli altoparlanti
all’alimentatore.
20 amplificatori Classe D da 50 W
94 dB Max SPL a 30 m
20 trasduttori full-range da 3,5”
Processore 48 kHz 32 bit
Dispersione orizzontale 130°
Controllo della dispersione verticale fino a 10° - 300 Hz
Alimentazione 115/230 Vac (600VA); 24 V Dc
Corpo in alluminio
Terminali di collegamento ceramici e fusibile termico
su ingresso prioritario
Accessori per l’installazione standard inclusi
Configurazione semplice e veloce
Indicatori e controllo per la funzione di monitoraggio
EN 60849
L’abilità di individuare alte e basse frequenze in ingresso permette inoltre di
43
Conn_25.indb 43
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
monitorare, quando richiesto, la connessione tra il sistema di amplificazione
di emergenza RCF e la colonna sonora.
Durante lo sviluppo di VSA 2050 è stata prestata la massima attenzione
ai percorsi critici del segnale e alla circuitazione di controllo per fornire
un’installazione semplice, una facile manutenzione e la massima sicurezza
di funzionamento anche in applicazioni che prevedono la diffusione di
annunci di emergenza ed evacuazione. È anche disponibile una funzione di
attivazione remota per evitare l’accensione o lo spegnimento delle colonne
tramite interruttori elettrici, ma solo quando le colonne non sono parte di un
sistema di allarme.
Connessioni
VSA 2050 presenta un sistema di diagnostica e una doppia alimentazione
AC-DC per utilizzi anche in impianti di evacuazione ed emergenza. Le
connessioni audio sono protette e si trovano sul fondo della colonna: per
il cablaggio indipendente delle sorgenti sonore, principale e prioritaria,
sono disponibili due ingressi bilanciati; l’ingresso prioritario è realizzato con
terminali in ceramica ed è provvisto di un fusibile termico per le applicazioni
in sistemi di allarme. Il comando per l’attivazione dell’ingresso prioritario è
del tipo a logica di sicurezza, e lo stesso vale per l’uscita dedicata a ripetere
lo stato generale di corretto funzionamento della colonna sonora.
Le prese di alimentazione AC e DC sono invece posizionate nella parte
Lo chassis, con le facilitazioni per l’installazione
superiore della colonna, dietro un coperchio di protezione, i connettori
sono del tipo VDE a cablaggio per l’alimentazione AC, e sono costituiti da
terminali a vite ceramici per quella DC.
Configurazione
VSA 2050 viene controllata tramite un telecomando provvisto di
un’intuitiva interfaccia touch screen che permette la programmazione delle
configurazioni in tempo reale:
•
Selezione dell’inclinazione e della dispersione verticale virtuali
•
Ritardo digitale in metri
•
Filtri di ottimizzazione per voce o riproduzione musicale
•
Rotazione della fase audio
•
Mute
•
Volume
•
Stand-By
È possibile inoltre selezionare tre modalità differenti di operazione (Easy Focus,
Easy Beam e Free Beam) che consentono una notevole facilità di configurazione.
Gli unici dati che l’operatore deve inserire dopo avere selezionato uno dei primi due
Il controllo remoto del VSA 2050
gruppi, infatti, sono l’altezza dell’installazione e l’area da coprire. Il terzo gruppo è
indirizzato a utenti che preferiscono operare liberamente sull’emissione acustica.
44
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 44
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
Easy Focus: tramite questa serie di configurazioni è possibile ottenere una dispersione uniforme nell’area
compresa tra la colonna e un punto di limite desiderato, minimizzando l’ammontare del suono oltre questo
punto. Riducendo le riflessioni al di fuori dell’area del pubblico, la modalità Easy Focus è estremamente utile in
ambienti particolarmente riverberanti.
Easy Beam: permette di selezionare l’area che la colonna deve coprire, combinando gli angoli d’inclinazione
inazione e
del fascio con varie altezze d’installazione.
Free Beam: queste configurazioni consentono di selezionare liberamente gli angoli d’inclinazione e
del fascio, così da realizzare un set up personalizzato.
Dal telecomando si può tra l’altro configurare lo spegnimento automatico di ogni colonna dopo un
f.it
www.rc
certo periodo d’inattività; una volta rilevata nuovamente la presenza del segnale audio, la colonna si
riaccende, sempre autonomamente.
Struttura
La struttura di VSA è realizzata in alluminio estruso, per offrire un prodotto leggero, dall’impatto visivo
estremamente limitato e tale da consentire una semplice procedura d’installazione. Inoltre, il corpo in alluminio
ha permesso un approccio modulare nella progettazione e offre un’uniforme dispersione del calore. La griglia
frontale è elegante e acusticamente trasparente.
L’installazione è agevolata grazie al peso di soli 20 kg e agli accessori meccanici a corredo; la pratica dima di
foratura realizzata in legno è ricavata nella confezione.
45
Conn_25.indb 45
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
La Serie LT di Bose
Chiara Benedettini
Sound reinforcement a dispersione controllata
Un esempio di configurazione
La serie LT è stata pensata per sonorizzare ambienti di tutte
le dimensioni, dai piccoli auditoria alle large venue come gli
stadi, offrendo qualità sonora ma anche intelligibilità della
parola grazie a un attento uso delle guide d’onda. La serie
conta infatti un panel di diffusori con dispersione differente,
sia full range che dedicati alle medie e alte frequenze,
completati da subwoofer esterni, da utilizzare da soli o in
cluster
L
a teoria del line-array e i diffusori che i costruttori propongono a partire da questa tecnologia risolvono
molti dei problemi legati alla direttività, alla necessità di portare il suono lontano, di ottenere una pressione
in cluster con quattro LT 4402
sonora importante e uniforme senza assordare le prime file e chiedere alle ultime uno sforzo per comprendere….
e due LT 9402
Tuttavia non tutte le applicazioni di amplificazione del suono si risolvono in questo tipo di approccio, e spesso
46
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 46
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
accade che le necessità siano magari di ottenere un sound reinforcement morbido e discreto, distribuito, con
una dispersione ampia e uniforme, non necessariamente orientata verticalmente come accade con i line-array.
La serie LT di Bose risponde appunto a queste necessità: è stata studiata principalmente per installazioni fisse
in ambienti medi e grandi (i diffusori sono facilmente combinabili), a partire dai 300 posti fino a location quali
stadi, auditoria, sale convegni, teatri ecc. e costituisce una fonte point source adatta a riprodurre sia musica di
qualità che le frequenze tipiche della voce umana, senza dimenticare naturalmente l’intelligibilità.
Le caratteristiche della serie
La serie LT è costituita da sei diffusori a due vie dedicati alla riproduzione delle frequenze medio alte (LT 9702,
LT 9402, LT 4402, LT 3202, LT 6400 e infine LT 9400), da due diffusori full range a tre vie (LT 6403 e 9403), e da
due subwoofer per la riproduzione delle basse frequenze, dai 40 ai 280 Hz, gli MB 12 e MB 24.
Ogni modello della serie, ad eccezione dei due sub, ha ovviamente le sue caratteristiche, ma sono comunque
accomunati da alcuni tratti comuni: per tutti si tratta di apparecchi dedicati alla riproduzione di musica e
parlato, con una cura particolare per l’intelligibilità. Tutti montano il V2 Mid-Frequency Engine®, una tecnologia
brevettata Bose che prevede il montaggio nello stesso cabinet non di uno ma di più driver da 4,5” incastonati in
un sistema per la dispersione del calore che prolunga la vita dell’altoparlante e garantisce l’abbattimento delle
distorsioni, una migliore risposta ai transienti e una più eccellente riproduzione della voce umana.
LT per le frequenze medio alte
La serie LT è pensata per essere utilizzata con il supporto dei subfoower MB 12 e MB 24, copre quindi un range
di frequenze dai 150 Hz ai 18 kHz con SPL massimo con picco di 135 dB a 1 m di distanza, con oscillazioni
dovute alla conformazione dei vari modelli. All’interno si trovano un driver a compressione da ¼” e da quattro
driver da 4,5”, oppure otto nel caso dell’LT 3202 (in entrambi i casi riuniti nel V2 Mid-Frequency Engine).
La differenza sostanziale tra i vari modelli è la dispersione verticale e orizzontale, in modo che il progettista
possa scegliere la soluzione migliore in relazione all’ambiente. Ecco di seguito una tabella riassuntiva:
- LT 9702: 90° orizzontale, 70° verticale
- LT 9402: 90° orizzontale, 40° verticale
- LT 4402: 40° orizzontale, 40° verticale
- LT 3202: 30° orizzontale, 20° verticale
Dimensioni e peso del diffusore cambiano di conseguenza: si va dai 368x571,9x878 mm (PxLxA) e
peso 42,3 kg dell’LT 9702 ai 913x572,6x1072,5 mm e 88,4 kg dell’LT 3202.
L’LT 3202 e l’LT 4402 sono stati progettati per ottenere minore dispersione orizzontale ma
®
maggiore gittata: utilizzano inoltre la tecnologia Bose Coherent Zone , utile a limitare il fenomeno
http://pro.bose
.com
della sovrapposizione delle emissioni tra diffusori adiacenti nelle configurazioni in array: un aiuto
a ridurre l’interferenza del filtraggio a pettine negli array costituiti da diffusori poco direttivi, in
modo da mantenere chiarezza della voce e una gittata del suono importante.
Gli LT 9402 e 9702 sono stati invece concepiti per ottenere una diffusione “short throw” e una
dispersione maggiore, per applicazioni che non richiedono la gittata degli altri due modelli. Nonostante queste
caratteristiche risultano comunque adatti alla diffusione del parlato anche in ambienti riverberanti, grazie alle
efficienti guide d’onda implementate.
Tutti sono costituite da robusti cabinet in compensato marino di betulla del baltico, e sono dotati di ben 16
agganci per le configurazioni più disparate, dall’installazione stand alone in sospensione, a quelle in cluster
di più apparecchi affiancati. La finitura di serie prevede il colore nero e una griglia esterna, sempre nera, ma è
possibile tinteggiare entrambi con colori che si combinino con l’ambiente e il tipo di installazione.
La serie LT può essere utilizzata anche in esterni: quando la sigla riporta il suffisso WR, il cabinet è resistente
47
Conn_25.indb 47
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
all’acqua secondo lo standard IP in classe 5.
La serie si completa con due diffusori esclusivamente per installazioni
in interni: LT 6400 e LT 9400, per applicazioni medium-throw
in auditoria, teatri, luoghi di culto, da utilizzare in array con sub
separati per le basse frequenze. Sono disponibili anche in bianco. La
dispersione si presenta come segue:
- LT 6400: 60°orizzontale, 40° verticale
- LT 9400: 90° orizzontale, 40° verticale.
I full range
Ultimi, ma non in importanza, gli LT 6403 e LT 9403, diffusori
full range a tre vie, concepiti per essere utilizzati da soli per la
sonorizzazione di spazi piccoli e medio-piccoli, oppure per essere
utilizzati in array con gli altri modelli della serie in spazi di medie e
grandi dimensioni. Entrambi i modelli utilizzano una guida d’onda
importante per ottenere comunque una copertura definita e
MB 24
intelligibilità del parlato, però le guide possono essere smontate e
ruotate di 90° per permettere il montaggio del cabinet in verticale
oppure orizzontale.
Rispetto agli altri modelli possono ovviamente arrivare a riprodurre
frequenze più basse (42 Hz – 18 kHz per entrambi), grazie al woofer
interno da 15”, e offrono una pressione sonora di picco a 1 m di 129
dB SPL; è possibile determinare l’uso passivo o attivo grazie alla
regolazione del filtro interno sulle due frequenze dei 300 e dei 1800
Hz. Il costruttore raccomanda inoltre l’uso di un filtro passa alto di
protezione. Le misure sono analoghe a quelle degli altri cabinet:
873,2x612,2x574,3 mm e 67,1 kg di peso, 64,4 kg per LT 9403. La
differenza tra i due modelli sta nella dispersione:
- LT 6403: 60° orizzontale, 40° verticale
- LT 9403: 90° orizzontale, 40° verticale
Il V2 Mid-Frequency Engine®
Andando verso il basso
La serie LT è completata da due sub per dare il giusto supporto alle
basse frequenze denominati MB 12 e MB 24. Il cabinet è a linea di
trasmissione per la riproduzione di bassi profondi e puliti grazie alla diminuzione delle risonanze e del rumore
di porta. Il woofer utilizzato è un 12” (uno nell’MB 12, due nell’MB 24) ad ampia escursione. La risposta in
frequenza va da 40 a 280 Hz e la massima pressione sonora raggiungibile è di 123 dB di picco alla distanza
di 1 m. Utilizzando più moduli (ciascuno di essi è pressoché omnidirezionale) è possibile realizzare particolari
configurazioni (bass array) con cui si riesce a concentrare l’energia alle basse frequenze solo nella zona utile, per
un minore inquinamento acustico.
Peso (35,4 kg l’MB 12, 64,4 kg l’MB 24) e misure (374,3x508x646,2 mm il primo, 873,2x612,2x574,3 mm il
secondo) sono in relazione alle prestazioni richieste; i materiali costruttivi, le finiture e le caratteristiche del
cabinet, invece, sono analoghi alla versione per le frequenze medio/alte.
48
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 48
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
La fiera n.1 in Europa per l‘AV professionale
e l‘integrazione di sistemi, presentata da
1-3 febbraio 2011, Amsterdam RAI
Connections for business!
ISE 2011 è ancora più grande: per esaudire tutte le richieste degli espositori, sono stati aggiunti due
padiglioni in più. Non mancate all‘appuntamento europeo di riferimento per il mercato dei sistemi AV,
prenotate con anticipo il vostro stand, gli spazi sono già quasi tutti esauriti.
Informazioni per gli espositori di ISE 2011: contattare
Ian Morrish (Scandinavia, Benelux, UK e Irlanda) +44 1372 454366, [email protected]
Thomas Haeger (tutti gli altri paesi europei) +49 40 6466 6060, [email protected]
Conn_25.indb 49
Scoprite perché ISE può dare grande valore
aggiunto al vostro business. Visitate:
49
www.iseurope.org
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
K-array,
EAW, Ecler
Le declinazioni della
direttività audio
www.eaw.com
www.ecler.es
www.exhibo.it
www.k-array.c
om
Da oltre 50 anni Exhibo
rappresenta per l’Italia alcuni
dei marchi più prestigiosi
dell’audio professionale,
interpretando questa attività
come una vera mission,
offrendo al mercato prodotti
di qualità uniti ad assistenza
tecnica, progettuale, logistica.
Tra i brand a catalogo,
K-array, EAW e Ecler
offrono soluzioni audio per
applicazioni specifiche,
con elevate caratteristiche
di direttività, alta qualità e
design accattivante.
A cura della Redazione
50
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 50
n. 25
24/08/10 09.06
direttività audio
K-ARRAY
Si può dire che, a parte pochissime eccezioni, l’intera gamma di diffusori acustici creati da K-array siano dei
veri e propri line-array.
Dalla piccolissima Lyzard, alle Vyper, alle Kobra da 50, 100 e 200 centimetri, fino ad arrivare ai moduli KH4
e KH15, ci troviamo di fronte a dei sistemi di array verticale che cambiano solo per le dimensioni dei diversi
elementi, e quindi per le pressioni acustiche generate.
Caratteristiche comuni quindi di tutti i diffusori K-array sono una direttività particolarmente controllata sull’asse
verticale e un’emissione cilindrica nel campo prossimo (dai pochi centimetri delle Lyzard, ai diversi metri delle
KH4 configurate in array).
Il marchio K-Array, tuttavia, è molto conosciuto anche per il particolare design dei propri prodotti. Le già citate
Lyzard, Vyper, Kobra si presentano con un aspetto molto discreto ed elegante, che non lascia immaginare le
incredibili pressioni acustiche generate. Sono quindi i diffusori ideali da impiegare nelle installazioni dove la
necessità di avere un suono fedele e generoso è strettamente legata anche
a una perfetta integrazione con l’arredamento e l’ambiente circostante,
magari disegnato da un noto stilista o un apprezzato architetto.
La serie RedLine, nata in origine per i musicisti, è invece una praticissima
linea di impianti di media dimensione, in grado di risolvere con eleganza e
con prestazioni di tutto rispetto molteplici situazioni e sonorizzazioni. Tre
i modelli: KR100S, KR200S e KF12S, per fornire potenze di esercizio da
2.000 a 4.000 watt.
Sul versante opposto si trovano i grandi sistemi KH15 e KH4, diffusori
dedicati ai grandi eventi che, generalmente, vengono utilizzati in cluster
di array verticali. Anche questi prodotti si distinguono per l’aspetto
decisamente fuori dal comune e per i pesi veramente ridotti.
Dimensioni contenute, pesi ridotti, tutte s celte progettuali che stanno
Vyper, installazione secondo K-Array
cambiando radicalmente le “economie di esercizio” dei services: dove
prima era necessaria un squadra di almeno quattro persone e un camion di
medio-grandi dimensioni, oggi possono bastare due persone e un furgone
per movimentare e allestire un potentissimo impianto line array da decine
di migliaia di watt!
EAW
Il costruttore americano ha attualmente in catalogo ben cinque sistemi
line-array. Il prodotto più famoso è certamente il “gigante” KF760, dalle
prestazioni da stadio, e il popolare KF730, forse il sistema line-array più
conosciuto in Europa, apprezzato per avere una “dimensione” pratica che
lo rende adatto a molteplici applicazioni, all’aperto come indoor.
Recentemente, a testimonianza della prolificità di EAW, sono entrati in
scena tre nuovi modelli.
NTL 720, apparso nell’estate 2008, costituisce una vera eccezione nel
panorama EAW. Si tratta infatti di un sistema attivo, tri-amplificato,
Il minuscolo Lyzard di K-Array
estremamente compatto e potente che, fino a oggi, rappresenta l’impianto
51
Conn_25.indb 51
24/08/10 09.06
speciale direttività audio
di amplificazione più tecnologicamente avanzato disponibile sul mercato.
Oltre infatti all’esperienza di EAW nella costruzione del cabinet, al
processo digitale “Gunness Focusing”, utilizzato per la riduzione dei
problemi acustici tipici dei diffusori caricati a tromba, l’NTL 720, se
utilizzato insieme al processore UX8800, può essere pilotato nel segnale
e controllato nelle prestazioni utilizzando semplicemente un cavo CAT
5, anziché il tradizionale cavo schermato e i cavi o le fibre ottiche per i
controlli.
Quando parliamo di “controllo” dell’impianto, intendiamo la possibilità di
agire sia sui tradizionali parametri di filtratura, equalizzazione, passa alto,
passa basso, limiter, etc., tipici di molti dispositivi del genere, ma anche
sui parametri dei singoli diffusori montati nei cluster per ottimizzare le
prestazioni di tutto l’impianto.
Per capire meglio queste funzionalità è possibile scaricare gratuitamente
dal sito EAW il software EAW Pilot che, funzionando anche off-line,
permette di simulare tutte le funzioni operative del processore.
Un paio di mesi fa, invece, è stato presentato da EAW il KF740; naturale
evoluzione del KF730, si propone come un sistema innovativo che
sostituirà certamente anche molte delle applicazioni fino ad ora riservate
solo al “grande” KF760.
Il KF740 è, poi, un sistema tradizionale, a tre vie e quadri-amplificato.
EAW JFL210, line array compatto da installazione
Anche per lui il processore UX8800 può fornire dei preset dedicati e
studiati direttamente da EAW, in grado di ottimizzare le prestazioni.
Già disponibile da un anno, e già molto apprezzato dalla clientela è invece
il sistema JFL210: estremamente versatile e studiato per funzionare anche
in configurazioni minime (anche una sola “testa” per lato), si propone
come l’impianto EAW con il più alto rapporto prestazioni/prezzo.
Ecler
Il costruttore spagnolo propone sistemi line-array di tipo tradizionale,
formati da componenti singoli sovrapposti al fine di ottenere l’effetto
Un EAW NTL 720 con il retro aperto
“vertical array” e pilotati da amplificatori separati.
Di questi impianti viene apprezzato il costo assolutamente contenuto
rispetto alle grandi pressioni acustiche che possono essere generate.
Ecler propone sistemi “chiavi in mano”, quindi completi sia di amplificatori
e di elettroniche di controllo, sia degli accessori per il montaggio. Una
praticità molto apprezzata da chi desidera un prodotto collaudato, di
costo accessibile e… pronto per funzionare.
CKL3000T, CKL5000T e CKL7000T sono le sigle dei tre sistemi proposti
da Ecler, con potenze che vanno dai 2800 ai 6100 watt. I componenti
di questi sistemi possono essere acquistati anche separatamente per
EAW KF740
ampliare gli impianti base o per creare configurazioni “ad hoc” per le più
diverse situazioni.
52
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 52
n. 25
24/08/10 09.07
chi non si accontenta...
gode di più.
direttività audio
16 - 19 Settembre
2010
Milano
Atahotel Quark
La più importante
manifestazione italiana specializzata
con centinaia di marche e migliaia di prodotti
Audio | Hi-End | AudioVideo | Home Automation
CD | DVD | Blu-ray | Vinile | Edizioni tecniche
Oltre cento sale dimostrative
Concerti live gratuiti
Tante iniziative speciali
Ingresso gratuito 9.30 - 19 | domenica 9.30 - 18
Per info e registrazione on-line www.topaudio.it
Con il patrocinio
Conn_25.indb 53
53
24/08/10 09.07
speciale direttività audio
JBL
La serie CBT
Le colonne sonore CBT di JBL
possono offrire le prestazioni
tipiche dei diffusori a colonna
amplificati pur essendo passive,
grazie a una serie di studi
e all’adozione di sofisticate
soluzioni. A un costo e con una
semplicità di uso e installazione
interessanti
A cura della redazione
I
l controllo della direttività e l’aspetto estetico sono oggi parametri sempre più importanti nei sistemi di
diffusione moderni. Per questo è cresciuta la popolarità dei diffusori a colonna, la cui forma sottile e allungata
si inserisce facilmente in ogni stile architettonico, e le cui prestazioni si adattano particolarmente ad ambienti e
applicazioni complessi dal punto di vista acustico.
I diffusori a colonna rappresentano l’evoluzione in scala ridotta della tecnologia line-array di uso comune per i
grandi sistemi di diffusione, permettendo un controllo della direttività e una risposta in frequenza risolutive per
la maggior parte delle situazioni problematiche. La loro versatilità e precisione li ha resi un tool importante e
apprezzato dalla comunità dei progettisti audio. Lo sviluppo della tecnologia DSP e del controllo remoto hanno
raffinato le soluzioni disponibili, con il solo difetto che l’implementazione più utilizzata (diffusore amplificato e
processato) rimane ancora costosa.
JBL ha così sviluppato la nuova tecnologia chiamata CBT – Constant Beamwidth Technology, capace di
portare le prestazioni dei diffusori a colonna passivi al livello di quelli amplificati, mantenendo però il costo
molto contenuto. Il primo risultato applicativo è la gamma di diffusori a colonna della serie CBT, con risposta
in frequenza consistente indipendentemente da distanza e posizione, eliminazione dei lobi laterali e copertura
verticale asimmetrica tale da garantire uniformità di ascolto tra il fronte e il retro della zona di ascolto.
54
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 54
n. 25
24/08/10 09.07
direttività audio
L’approccio JBL: CBT
Nel 2000 Don Keele (il creatore delle trombe JBL BiRadial a direttività costante) ha iniziato a sviluppare il concetto
di un diffusore a cono di diffusione costante, realizzato con trasduttori discreti in posizione equidistante e a
larghezza di banda completa. Il concetto fu chiamato CBT (Constant Beamwidth Technology) e venne sviluppato
sino ad arrivare alla tecnologia che oggi JBL chiama a “fascio costante”.
Il principio è che sia possibile creare una colonna con un fascio di diffusione costante, piegando la stessa a
una curvatura fissa e mascherando in ampiezza i driver dall’interno all’esterno, con una specifica espressione
matematica (una funzione di Legendre) che elimina i lobi laterali e crea un cono di diffusione costante pari al 66%
della curvatura. In pubblicazione successive Keele e Button dimostrarono che con l’introduzione di un ritardo si
poteva evitare di curvare fisicamente la colonna. Il concetto può essere applicato a una larghezza di banda molto
ampia ed è limitata solo dalla dimensione della colonna e dallo spazio tra i driver.
Un’idea semplice, ma che si stacca nettamente dall’approccio tradizionale di creare un cono di diffusione costante
cambiando la dimensione apparente della sorgente a secondo della frequenza.
JBL ha così sviluppato un metodo, in attesa di brevetto, in grado di simulare le prestazioni di una colonna con
ritardo digitale attraverso un diffusore passivo. Il principio operativo di base è che un “group delay” lineare
in frequenza non è diverso da un ritardo derivato dalla tecnologia digitale. Tutti i componenti passivi (reattivi)
hanno uno sfasamento in gradi che può essere espresso come group delay nel tempo. Il group delay di singoli
componenti passivi non è lineare in frequenza. È comunque possibile configurare reti di induttori e condensatori
per ottenere un group delay lineare su un’ampia banda. Il punto debole potrebbe essere che il group delay è molto
piccolo, in realtà è un vantaggio se si devono sviluppare i ritardi necessari a “curvare” una colonna diritta, perché il
ritardo necessario tra driver successivi è piccolo, in particolare se i componenti sono di dimensioni ridotte.
In pratica, per le CBT è necessario che ogni linea di ritardo venga inviata a ogni driver in modo indipendente, e la
quantità di ritardo deve essere quantificata basandosi sulla frequenza di campionamento. In un tipico sistema a
48 kHz questo risulta 20 µs in tempo e circa 6 mm in distanza, cosa che limita la dolcezza della curvatura virtuale
della colonna. In un sistema passivo CBT il group delay può essere sfruttato in diversi punti della rete a “scala”.
Ogni piccolo group delay nei diversi segmenti si accumula lungo la rete, ma poiché l’ammontare del group delay
derivato è basato su una sintesi analogica, e quindi continuamente variabile, l’errore del tempo di quantizzazione è
irrilevante.
La tecnologia CBT può essere quindi vista come una linea di trasmissione con ritardo e attenuazione che cresce
lungo la stessa. Progettando in modo appropriato i componenti nella rete a scala del group delay, si può ottenere
una curvatura dolce. Per completare il principio CBT, i driver più esterni devono essere mascherati in ampiezza
(attenuati), risultato che si ottiene sempre sfruttando l’accumulo di ritardo e attenuazione lungo la rete. Nella
realizzazione della serie CBT, JBL ha creato un’ottimizzazione a computer dei valori, al fine di ottenere una
larghezza costante del cono di diffusione.
Colonne passive JBL CBT 50LA, CBT 100LA e CBT 70LA
I nuovi sistemi JBL CBT integrano una rete passiva di ritardi (in attesa di brevetto) che forniscono una curvatura
temporale sulla lunghezza della colonna e un mascheramento in ampiezza, in grado di competere in prestazioni
con le soluzioni digitali. I diffusori della serie CBT si comportano in modo molto simile a una grande tromba
a direttività costante sull’asse verticale, ottenendo anche lo stesso controllo sulla diffusione. Il risultato è una
copertura costante in tutta la sua ampiezza, anche fuori asse e su tutta la distanza, simulando il controllo di una
grande sorgente tradizionale.
55
Conn_25.indb 55
24/08/10 09.07
speciale direttività audio
In particolare la CBT 100LA riesce a eliminare i lobi laterali alle medie
frequenze, assai critiche per una colonna diritta.
Controllo dello schema di copertura commutabile
JBL ha fornito la possibilità di controllare lo schema di copertura
attraverso uno switch, anche a diffusore installato e senza passare
attraverso complicati e fastidiosi aggiornamenti o interfacce software.
Lo schema di diffusione di una colonna direzionata in modo passivo può
essere modificato attraverso il cambio dei componenti, cosa che modifica
la quantità di group delay. I diffusori della serie CBT hanno due schemi di
diffusione verticale, uno “largo” e uno “stretto”. Lo schema stretto fornisce
una elevata direttività a copertura costante, per ottenere gli effetti positivi
della colonna (elevata direttività e ottima intelligibilità) e non quelli negativi
(copertura non costante). I sistemi si comportano quindi come una
colonna a elevata direttività senza il restringimento esagerato del cono di
diffusione alle alte frequenze e i lobi laterali alle medie frequenze.
Tonalità regolabile
Tutti i diffusori della serie CBT integrano un equalizzatore che, se attivato,
migliora la presenza del parlato attraverso un’esaltazione della gamma
media ottenuta rimuovendo il filtro notch che appiattisce la risposta in
il diagramma di emissione dei CBT in relazione alle varie frequenze
modalità musicale. Ne consegue l’aumento della sensibilità nella gamma
media e dell’SPL massimo, fino a +5dB.
Downfill
La CBT 70J è dotata di una curvatura asimmetrica nella parte bassa che
permette l’uso come downfill per applicazioni dove si renda necessaria
una copertura ravvicinata in aggiunta a quella a lungo raggio. Integra
quindi in un unico prodotto le caratteristiche di un sistema a lungo e corto
raggio. Si tratta di una soluzione ibrida tra la curvatura fisica e quella
ottenuta tramite i ritardi. La curvatura fisica supera le limitazioni dovute
La risposta in frequenza dei CBT 100LA per la musica (linea continua) e il parlato
alla direttività dei driver fornendo angoli di copertura costante alle alte
frequenze.
(linea tratteggiata)
Estensione del controllo dello schema di diffusione
Il controllo del campo dello schema di diffusione alle basse frequenze
e l’estensione della risposta in basso della CBT 70J possono essere ulteriormente migliorati aggiungendo
il modulo di estensione CBT 70JE. Questo abbassa il controllo dello schema di diffusione (con un errore
compreso tra i + 0/– 10 gradi) da 800 Hz a 400 Hz, per applicazioni esigenti in ambienti riverberanti. Il limite
utilizzabile si estende dai 60 Hz ai 45 Hz. Le CBT 70J sono dotate anche di due switch per la selezione dello
schema di diffusione e per l’equalizzazione, facilmente commutabili anche a diffusore installato.
Il sistema composto dalle CBT 70J e CBT 70JE, oltre a un ottimo controllo alle basse frequenze, garantisce una
sostanziale soppressione dei lobi laterali a frequenze assai più basse di quelle specificate.
56
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 56
n. 25
24/08/10 09.07
direttività audio
Progetto di baffle a bassa diffrazione
Tutti i diffusori della serie CBT incorporano baffle a diffrazione molto bassa, messi a punto con i più moderni
programmi di ottimizzazione 3D e verificati con il sistema di acquisizione dei dati JBL con risposta in
frequenza sferica. La forma risultante delle interfacce dei driver assicura una propagazione senza riflessioni,
in modo che la risposta in frequenza fuori asse non abbia irregolarità e i benefici delle CBT non vengano
compromessi.
La forma unica del baffle dei tweeter nelle CBT 70J fornisce una condizione di confine continuamente variabile
garantendo la trasparenza per i driver delle basse frequenze. Il sistema a due vie 70J incorpora anche una
realizzazione progettuale co-lineare e coassiale che mantiene i driver allineati in ogni direzione.
Trasduttori su misura
JBL è da sempre leader nello sviluppo di trasduttori per i propri sistemi, anche la serie
CBT utilizza componenti JBL progettati e ottimizzati specificatamente. Le CBT 50LA
e CBT 100LA hanno delle necessità che non vengono soddisfatte da driver standard:
per poter funzionare full range, il driver deve avere una risonanza molto contenuta e
com
www.jbl.
ent.it
ioequipm
www.aud
riprodurre le frequenze più alte in modo efficiente. Per essere utilizzati nei line array,
i driver devono avere una risposta in frequenza crescente, poiché in array le basse
frequenze si accoppiano meglio delle alte, il che appiattisce la crescita della risposta con
l’aumentare dei driver.
Tutti i driver nella serie CBT hanno il doppio magnete al neodimio, e il driver da 2” presente nelle CBT 50LA
e CBT 100LA massimizza la caratteristica della risposta, dando una bassa risonanza di soli 100 Hz con una
risposta in frequenza utile sino a 80 Hz all’interno del cabinet accordato. Tutti i driver delle CBT hanno poi
un motore potente e una massa mobile ridotta al minimo, per la massima efficienza. I driver per le basse
frequenze nelle CBT 70J e CBT 70JE utilizzano elementi progettuali e realizzativi tratti dai componenti dei
sistemi da concerto, con una potenza di uscita elevata e un’ottima affidabilità e resistenza alle diverse
condizioni atmosferiche. Anche i tweeter sono stati progettati partendo da un’esperienza pluriennale che
garantisce durata e massima fedeltà nella riproduzione.
Integrazione dei componenti
Uno dei modi migliori per comprendere i vantaggi della serie CBT è la comparazione delle risposte in
frequenza di un tradizionale array diritto, con le CBT appena al di fuori del fuoco di ascolto.
La risposta mostrata a distanze differenti è stata normalizzata sulla risposta in frequenza sull’asse, per
facilitare la comparazione.
La soluzione CBT
La tecnologia CBT risolve molti dei problemi associati alle colonne passive tradizionali e alcuni di quelli creati
dalle colonne amplificate e nei diffusori tradizionali.
Un angolo di copertura specifico viene definito su un’ampia gamma di frequenze, fornendo sia una direttività
costante che una risposta in potenza consistente. I diffusori della serie CBT garantiscono una copertura
consistente e una risposta in frequenza uniforme, permettendo un ascolto identico sia in asse che fuori asse.
La serie CBT unisce insomma una serie di caratteristiche che non sono mai state disponibili in diffusori
passivi, caratteristiche che rendono i prodotti della serie CBT molto flessibili e utilizzabili per le più varie
applicazioni.
57
Conn_25.indb 57
24/08/10 09.07
informazione pubblicitaria
K-array alla Reggia di
Venaria
Le soluzioni K-array sono state scelte per un’installazione
sonora negli esterni della Venaria Reale: il risultato è un suono
potente e di qualità, diffuso da apparecchi praticamente
invisibili che si combinano perfettamente con l’elegante
architettura della Reggia
L
a Reggia di Venaria è un elegante complesso monumentale le cui origini risalgono alla metà del XVII secolo,
quando il Duca Carlo Emanuele II commissionò una residenza di caccia adeguata al suo rango. Nel corso
dei secoli la residenza e il Borgo annesso hanno subito le distruzioni da parte delle truppe francesi di invasione,
le riparazioni e gli ampliamenti affidati a prestigiosi architetti, tra i quali spicca in particolare Filippo Juvarra.
A partire dal 1960 la Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici del Piemonte ha iniziato un lungo e
attento lavoro di restauro e di valorizzazione dell’intero complesso. Chi visita oggi la Reggia di Venaria si trova di
fronte ad uno spettacolo di magnificenza, perfettamente riportato alle condizioni originali.
Un’installazione efficace e invisibile
La nostra attenzione è subito attratta dalla immensa Corte D’Onore sulla quale si affaccia l’austero palazzo della
Galleria Grande. Proprio al centro è situata la grande Fontana del Cervo, recentemente dotata di un sofisticato
Panoramica della Corte D’Onore
impianto di controllo che permette di produrre suggestivi spettacoli di giochi di acqua e luce, sincronizzati con
con la facciata del palazzo della
colonne sonore che ripercorrono tutti i generi musicali: dal classico al rock!
Galleria Grande
Ovviamente tutta questa tecnologia è stata introdotta mantenendo il massimo rispetto per la preziosa
58
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 58
n. 25
24/08/10 09.07
informazione pubblicitaria
architettura dell’ambiente: se i potenti proiettori sono stati collocati a incasso
nella pavimentazione del piazzale, rimaneva il problema di installare un
impianto di amplificazione che fosse fedele, potente ma… invisibile. La
soluzione è stata trovata grazie alle caratteristiche dei prodotti K-array della
serie Kobra: sulla facciata del palazzo della Galleria Grande sono infatti state
installate 12 Kobra KK200 da 2 m e 8 Kobra KK50 da 50 cm. Il tutto, come
si può vedere dalle foto, è stato racchiuso nel ridotto spazio disponibile tra
le grondaie e le colonne portanti dell’edificio. Per mimetizzare ancora di più
i sottili diffusori acustici, la Soprintendenza ha richiesto una colorazione
speciale che permetta di “confonderli” con i mattoni a vista della facciata.
Per la gamma bassa delle frequenze, 6 potentissimi subwoofer KO 40 da 21”
sono stati “nascosti” dietro alle ampie finestre poste alla base dell’edificio.
In sala regia, oltre alle elettroniche di controllo, 14 amplificatori KA 10 si
incaricano di pilotare i diffusori acustici e i sub. Un sistema touch screen
AMX si occupa della gestione e della programmazione settimanale di tutti gli
show della fontana. Il sistema controlla 1 videoregistratore a otto canali audio
su DVD, un processore audio DSP a otto canali, un controller DMX per la
gestione dell’impianto di illuminazione della fontana, collegato anche ai sistemi
di pompe dell’acqua.
Anche da distanza ravvicinata, l’impianto audio è invisibile
Risultati sorprendenti
Il risultato è sorprendente: il pubblico ha la possibilità di assistere alle
evoluzioni dei getti d’acqua della fontana, perfettamente sincronizzati con la
colonna sonora e con i giochi di luce, con la netta percezione che il suono
provenga proprio dalla fontana e non da un impianto di amplificazione.
La realizzazione dell’installazione è stata curata da Acuson srl (www.acuson.
it) di Torino, il cui titolare Gabriele Magagna ci ha rilasciato un commento
soddisfatto: “È stato un lavoro molto delicato, vista l’importanza e il prestigio
della struttura di Venaria Reale, si tratta forse di una delle installazioni
più impegnative che mi sia capitato di affrontare. Il risultato è veramente
sorprendente, ed è a disposizione di tutti i visitatori di questa affascinante area
monumentale.”
I prodotti K-array sono distribuiti in Italia da Exhibo SpA (www.exhibo.it).
Exhibo
S.p.A.
0057
ci, 6 - 2
o da Vin
ard
Via Leon
ro (MI)
al Lamb
82
Vedano
9 49842
, Fax 03
1
4
8
9
4
Tel. 039
hibo.it
www.exhibo.it
www.k-array.net
Solo a pochi metri si intravedono le Kobra fare capolino dalla loro sede.
Si noti il colore speciale
www.acuson.it
www.ex
59
Conn_25.indb 59
24/08/10 09.07
dal mondo
La scommessa
Epson-Screenline
Chiara Benedettini
Filosofia della partnership
Dalla affinità dei valori e della comune visione del mercato è
nato l’accordo Epson-Screenlin, focalizzato sulle specificità
del settore professionale: l’obiettivo è offrire non solo un
prodotto e dei numeri, ma un rapporto di fiducia e delle
soluzioni complete. E integrate
L
o scorso anno Epson, primo produttore mondiale, è
rientrata nel mercato professionale (dal quale aveva scelto
di assentarsi per privilegiare quelli educational, conferencing,
corporate) con il videoproiettore 3 LCD EB-Z8000 da 6.000 Ansi
Lumen ad alta definizione (1.920x1.200) presentato nell’estate
del 2009. Un evento importante che ha posto molte nuove
sfide legate alla riapertura dei giusti canali di vendita, ma anche
alle specifiche esigenze del settore professionale, che richiede
progettualità, assistenza, competenza… Epson e Screenline,
costruttore di schermi per videoproiezione specializzato in
produzioni custom, sono partiti proprio da questi valori per
stabilire una partnership che vede Screenline distributore Epson
in Italia per il settore pro dal gennaio 2010. Ci hanno parlato di
Un’immagine scattata
questa sfida i fautori dell’accordo: Carla Conca, Business Manager videoproiettori Epson, e Stefano Sanna,
all’Education Centre Epson di
Product Manager Screenline.
Parigi: in uso, tre G5300 in
multiscreen
Connessioni – Un costruttore di schermi distribuisce il segmento pro di un produttore di videoproiettori… una
partnership tanto inedita quanto fruttifera. Com’è nata?
Carla Conca – Tutto è partito da una conoscenza personale, con Stefano eravamo già colleghi anche se di
aziende diverse; dopo anni ci siamo rivisti, lui nel frattempo era entrato in Screenline e, parlando della nostra
visione del settore professionale, abbiamo ravvisato tanti aspetti comuni che ci hanno portato a riflettere su una
collaborazione. Che è iniziata come esperimento: avevamo esperienze nello stesso ambito, ma diverse, che
potevano esser messe proficuamente in gioco.
Stefano Sanna – Screenline in quel momento stava modificando il proprio modello distributivo in Italia. Fino
a quel momento aveva affidato la distribuzione ad aziende terze. Il nostro lavoro è stato quello di ricondurla
verso un modello più diretto che comprendesse il dialogo diretto e quotidiano con gli operatori del canale AV
pro. Formata la rete di vendita, ci è sembrato automatico inserire nel nostro portafoglio anche gli apparecchi
che generano la necessità stessa degli schermi. Epson intendeva spingere il settore pro, dove noi eravamo già
inseriti e conosciuti… la cosa giusta al momento giusto.
60
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 60
n. 25
24/08/10 09.07
dal mondo
C – Un sodalizio che riunisce due elementi e forze complementari e va verso il concetto di presentare al
mercato non solo prodotti ma soluzioni complete.
CC – La volontà di entrambi è offrire non solo prodotti ma soluzioni e servizi, un approccio che ci caratterizza
sia come produttori che nelle scelte commerciali. Il canale pro ha bisogno di ricevere accanto alle informazioni
quantitative quelle qualitative: non solo le caratteristiche del prodotto ma come questo si inserisce in un
progetto complesso, e integrato, e anche come va gestita la post vendita, dall’assistenza, al rapporto con
il cliente ecc. Un lavoro che noi e Screenline abbiamo la presunzione di sapere fare bene insieme ai nostri
rivenditori.
C – Il mercato pro ha appunto bisogno di professionalità, qualità del servizio, formazione… avete in
www.epson.it
previsione anche azioni comuni per sostenere questo approccio presso i rivenditori?
www.screenline.it
CC – Epson ha sviluppato molte azioni per la certificazione, riunite nel programma Epson Bestellers
www.screenlineproav.co
m
per gli operatori della videoproiezione, e solo coloro che superano il relativo esame accedono al
percorso specifico, molto tecnico, per i rivenditori degli Z-8000, quindi al canale pro. Permettiamo
loro anche di seguire la manutenzione di primo livello, uno strumento importante che prolunga il rapporto con il cliente
e lo consolida con la fiducia e la stima professionale, per dare valore alla vendita. Non siamo interessati al “cotto e
mangiato”…
C – Qual è stata la risposta del mercato, anche da parte di vostri clienti abituali che si sono trovati davanti alla novità
della vostra collaborazione?
CC – Screenline era già inserita nel mercato pro, noi invece mancavamo da qualche anno, e il ritorno ci ha permesso
anche di riprendere i rapporti con i rivenditori che in questo periodo avevano sostituito Epson con altri marchi per il
segmento ad alta luminosità. Ora la nostra offerta è tornata completa. Con Sanna abbiamo appena esaminato i dati di
vendita del semestre e siamo molto soddisfatti: Future Source ci attesta al 7% di market share per l’Italia per il settore
tra i 6.000 e i 10.000 ANSI Lumen, mentre nel 2009 eravamo allo 0,8 %. Contando che siamo tornati da poco nel
segmento, con per ora un prodotto solo… possiamo dire che il nostro impegno è stato premiato.
SS – Direi che Carla è addirittura troppo conservativa: se esaminiamo le caratteristiche degli Z-8000 e li riposizioniamo
nel segmento dei videoproiettori da oltre 6.000 ANSI Lumen e risoluzione Full-HD, la quota di mercato sale al 10%, per
1/3 della domanda nazionale. Dati esaltanti, direi, che andranno festeggiati con un brindisi!
C – Ad oggi quali sono state le installazioni di maggior soddisfazione?
SS – Ne potremmo inanellare una lunga serie: tra le “grandi” quelle presso Telecom,
Philips Morris, e poi siamo stati onorati dalla scelta degli artisti protagonisti delle
mostre di video arte al Museo di Arte Moderna e Contemporanea Mart, che hanno
voluto Epson per la qualità della resa dell’immagine, senza dimenticare le “piccole”,
alberghi, sale conferenza, ecc.
C – Un commento sulla vostra collaborazione?
SS – In un momento in cui nel mercato tutto è un po’ schematizzato, ci siamo
impegnati in questa avventura trasversale; ci tengo a ringraziare Carla e il suo staff
per questa bella sfida professionale, ci stiamo togliendo molte soddisfazioni.
CC – Anche noi siamo molto soddisfatti della collaborazione, anche dal punto di
vista delle affinità di vedute, e quando alla stima professionale si aggiunge quella
personale, i risultati non possono che risentirne in positivo.
Carla Conca e Stefano Sanna siglano la nuova collaborazione
61
Conn_25.indb 61
24/08/10 09.07
dal mondo
Sim2 Multimedia cerca
partner eccellenti
Intervista a Carlo Segato
Sim2 Multimedia ha intrapreso a gennaio di quest’anno
un processo di riorganizzazione della propria struttura
commerciale e di vendita in Italia. Ne parliamo con l’artefice
di questo progetto, Carlo Segato, responsabile per il mercato
italiano dell’azienda con base a Pordenone
A cura della Redazione
P
rima di entrare in argomento è opportuno inquadrare alcune caratteristiche di Sim2
che ne fanno un’azienda inconsueta per il panorama italiano. Sin dalla sua fondazione,
infatti, avvenuta nel 1995, Sim2 ha potuto vantare il 90% del proprio mercato fuori
dall’Italia, e precisamente oltre il 50% negli Stati Uniti e in Inghilterra, mentre il peso del
mercato italiano non ha mai superato il 10% del totale.
Il quartier generale si trova nella Penisola, ma l’azienda gestisce i mercati esteri con quattro
società appartenenti al gruppo e una serie di distributori in sessanta paesi. Tra le sussidiarie
estere più forti tradizionalmente c’è quella statunitense, fondata nel 1999, grazie alla
quale Francis Ford Coppola ha deciso un giorno di acquistare per il proprio studio di post
produzione alcuni proiettori Sim2. Da qui è nata l’amicizia con il grande regista che, come
racconta Segato, appare oggi nelle campagne pubblicitarie della Casa. Sim2 comunque
era già stata prescelta da David Lynch e, tra gli amici di Coppola, nientemeno che da un
altro prestigioso cliente come Clint Eastwood. Parliamo naturalmente di prodotti hi-end, il
cui prezzo varia in un range che va dai 9.000 ai 50.000 euro per i proiettori a destinazione
domestica.
C - Come nasce il vostro progetto di riorganizzazione della rete commerciale italiana? In
cosa consiste?
Il dr. Segato, responsabile Sim2
Carlo Segato - Il punto di partenza è stata la necessità, per un’azienda come Sim2, di fare in modo che il
per il mercato italiano
rapporto con il mercato e l’organizzazione distributiva fossero percepiti allo stesso livello di eccellenza dei
nostri prodotti. Mi spiego meglio: il proiettore è uno degli elementi di un sistema che deve essere studiato a
regola d’arte, perché non si verifichino squilibri per esempio dal punto di vista dell’audio, o della progettazione
architettonica, insomma perché la fruizione abbia il massimo impatto emozionale richiesto dalla nostra clientela.
Ne consegue che il trader di prodotti di questo tipo debba essere in grado di realizzare progetti anche molto
sofisticati, che stiano al pari dei proiettori Sim2. Il primo aspetto sul quale ho cominciato a lavorare da metà
gennaio è stato la selezione dei dealer. Non che prima non avvenisse alcuna selezione, ma la rete non era
definita dal punto di vista numerico. Intendo creare un gruppo molto ristretto, e soprattutto chiuso, circa 25
62
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 62
n. 25
24/08/10 09.07
dal mondo
in tutto, di partner distributivi abilitati a vendere e a lavorare a progetti con i nostri videoproiettori. Per farlo
stiamo selezionando i migliori attori della distribuzione tradizionale, e con questi intendo gli operatori cui
l’utente finale fa riferimento quando decide di acquistare un impianto home theater, i destination store collocati
nei centri storici delle grandi città specializzati in applicazioni audiovisive hi-end. Accanto a questi operatori
“tradizionali”, stiamo contattando una serie di system integrator, ovvero una tipologia di operatori magari
già coinvolta nell’uso dei nostri prodotti ma non ancora presa in considerazione come categoria sulla quale
imperniare una strategia distributiva ad hoc; una categoria nuova per le politiche aziendali di Sim2.
C - Come avviene la selezione?
CS - Il criterio è quello degli operatori più noti sul mercato e che hanno una reputazione di assoluta
eccellenza per installazioni sofisticate in ambienti di lusso, come richiede il nostro target. Ad accomunare
2.com
www.sim
il grosso rivenditore e il system integrator c’è la capacità di realizzare progetti che richiedono competenze
di livello elevatissimo. Anche a costo di fare sacrifici, abbiamo fatto scelte senza compromessi tra coloro
che ci offrivano le necessarie garanzie di eccellenza. Partiremo con una
comunicazione al mercato dei primi nominativi entro l’estate. Il rapporto di Sim2
con questo numero molto ristretto e chiuso in cui ciascuno conoscerà chi sono
gli altri, verrà sancito anche in maniera molto formale, a garanzia di tutti, di
Sim2 e dei dealer stessi, attraverso un contratto simile a quello di franchising.
C - Quali clausole prevede?
CS - Sicuramente non l’esclusiva! Per questo tipo di operatori il prodotto Sim2
rappresenta uno degli ambiti della loro attività, siano essi rivenditori tradizionali
di apparecchiature audio e video hi-end che operatori nella progettazione
e nella domotica. Se vendessero un solo marchio la loro credibilità sarebbe
inferiore, per noi il fatto che offrano uno spettro di prodotti nell’ambito dei quali
c’è anche Sim2 è un elemento positivo.
Il contratto stabilirà una serie di regole molto precise che sono, da una parte,
a garanzia dell’attività professionale di questi partner distributivi e del loro
business, dall’altra a garanzia del livello di eccellenza che le applicazioni
devono avere, quindi a garanzia di Sim2. Nel contratto sono descritti i
comportamenti commerciali riguardo alla gestione dell’immagine dei proiettori
Alcune figure di spicco del management Sim2: da sinistra Alberto
Fabiano (Regional Marketing & Sales Manager SIM2 USA), Maurizio Cini President & CEO SIM2 Multimedia S.p.A., Giorgio Corazza (ex Presidente
Sim2 USA), in compagnia di Francis Ford Coppola
Sim2, dei diritti di utilizzo delle attività promozionali che Sim2 mette in campo,
ecc. Per esempio, i nostri partner verranno coinvolti nella comunicazione
che faremo con Coppola: chi ha un punto di vendita avrà diritto a supporti di
comunicazione mirati che solo questi operatori potranno usare. In sostanza
chiediamo ai nostri partner selezionati di rappresentare l’immagine e la
comunicazione di Sim2 secondo un unico standard elevato di qualità, descritto
da contratto, e mettiamo a disposizione tutto quello che serve a promuovere
anche la loro attività, grazie all’esibizione in termini di comunicazione di questo
livello di eccellenza.
Inoltre, una volta raggiunto il numero di 25 dealer, composto da un 50%
di rivenditori tradizionali e il rimanente 50% di system integrator, il nostro
Un tecnico SIM2 Multimedia durante una fase di test
programma consiste nell’incrementare i corsi di formazione e aggiornamento
63
Conn_25.indb 63
24/08/10 09.07
dal mondo
utili per qualificarsi a livello professionale, rivolti esclusivamente a quel gruppo ristretto di operatori da noi
selezionati e pubblicati sul nostro sito e in ogni comunicazione che faremo. Entro settembre contiamo di
concludere il grosso della definizione della rete, l’80%, per arrivare entro la fine dell’anno al numero di regime di
25 dealer.
C - Come saranno articolate le iniziative di formazione?
CS - Avremo un’offerta di assoluta eccellenza, con corsi anche molto costosi dal punto di vista dei docenti
coinvolti, che offriremo gratuitamente o a pagamento a seconda della tipologia di corso, ma comunque
esclusivamente ai nostri dealer. Per esperienza posso affermare che saranno molto apprezzati, anche perché è
loro interesse mantenere un certo livello di aggiornamento. L’obiettivo è mettere insieme un sistema di fiducia
e di garanzie in modo che Sim2 sia sicura che gli operatori faranno progetti ai massimi livelli: così la qualità del
nostro prodotto verrà esaltata, e i dealer saranno sicuri che Sim2 tutela e protegge il mercato, quindi anche la
loro attività professionale oltre che commerciale.
C - In questo momento qual è la vostra percezione del mercato?
CS - È estremamente difficile averne una percezione misurata, perché trattandosi di un settore di nicchia non ci
sono istituti che si occupano di fare rilevazioni. La mia sensazione è che il desiderio di gratificazioni come quelle
offerte dall’installazione di impianti home theater o home cinema si stia diffondendo sempre di più, perché è
entrato a far parte di un’idea di lusso più sofisticata rispetto al passato. Mentre solo venti anni fa il concetto
di lusso consisteva nel rappresentare se stessi attraverso simboli altrui, per esempio esponendo la propria
immagine attraverso le griffe della moda, negli ultimi anni le motivazioni d’acquisto di beni di lusso sono legate
al desiderio di una forte gratificazione personale, alla volontà di circondarsi di oggetti che vengono ricercati
perché corrispondono alla personalità di chi li acquista, e alla necessità
di manifestarla. Si tratta di beni, fruizioni estremamente sofisticate,
che offrono una gratificazione emozionale altissima. La componente
di esibizione rimane, è ovvio, ma si avverte la tendenza, anche da
parte degli operatori b2b, a pensare ad applicazioni del tipo l’home
cinema come features, al pari della piscina coperta in una casa di lusso:
elementi distintivi però molto legati alla gratificazione personale.
A titolo di esempio cito un commento che ho sentito spesso dagli
operatori della domotica e da system integrator con i quali ho avuto
modo di parlare: secondo loro, l’inserimento dell’elemento home
Chi è Sim2 Multimedia
cinema, home theater in un progetto più ampio di domotica dà molto
Fondata nel 1995 e con sede a Pordenone, Sim2
più senso all’intero progetto, perché aggiunge un elemento di forte
progetta e produce con tecnologie e R&D interamente
caratterizzazione emozionale, anche nei confronti di un committente
italiani proiettori hi-end per home cinema e home
che ha stanziato un determinato budget senza pensare affatto alla
theater, proiettori professionali per e-cinema, display
sala cinema, semplicemente perché ha altre passioni e interessi. Ho
e grandi display per applicazioni professionali e
visto come questo mercato venga utilizzato anche a livello di b2b per
hi-end (sale controllo, simulazione). È presente nel
qualificare l’attività professionale degli operatori, siano essi architetti
mondo con quattro uffici vendita nazionali collocati in
o system integrator. Il cliente, infatti, quando si rivolge a queste
Cina, Germania, UK e USA.
professionalità, non vuole semplicemente l’automazione delle tende o
delle luci, in realtà sta chiedendo loro delle idee per migliorare il proprio
www.sim2.com
stile di vita, per questo è estremamente ricettivo se riceve proposte che
ritiene allettanti, dalle quali può ricavare gratificazione.
64
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 64
n. 25
24/08/10 09.07
dal mondo
Tutto l’audio e il controllo di cui
hai bisogno ad un prezzo che
non puoi neanche immaginare
Prova a immaginare un
multiprocessore audio
completamente configurabile
nato con la qualità e
l’esperienza studio e live di BSS
dotato di 12 ingressi micro/linea
e 8 uscite, espandibili mediante
cavo CAT 5 con protocollo Blu
Link a bassa latenza.
Ingressi
Immagina che con una sezione
di logica programmabile,
12 porte in ingresso, 6 di uscita
ed una seriale RS232C
configurabile per il controllo
di qualunque apparato
(telecamere, registratori, etc)
rappresenti non solo il cuore
del sistema audio,
Uscite
ma una completa regia di
gestione e automazione.
Pensalo con un software
che ti consenta di costruire
in pochi minuti pannelli di
controllo per lui e per gli altri
apparati connessi, utilizzabili
in full screen dall’utente finale.
Connessioni
Audio Equipment s.r.l.
Via Don Minzoni, 17 - 20052 Monza (MB)
Tel. +39 039 21.22.21 - Fax +39 039 21.40.011
[email protected] - www.audioequipment.it
Conn_25.indb 65
Prova a sognare un tutorial in
italiano scaricabile dal sito che
ti consenta di programmarne le
funzioni base nel giro di un’ora.
Immagina il tutto in una sola
unità rack.
Ora prova a guardarlo…
Porte logiche
Controllo remoto
65
24/08/10 09.07
dal mondo
Scala Connected Signage
Conference
Barbara Trigari
Amsterdam, 26-27 maggio 2010
Dopo l’ISE abbiamo avuto una seconda occasione per
atterrare ad Amsterdam quest’anno, ed è stata la Conferenza
Connected Signage Scala, appuntamento annuale dedicato
dal software provider ai propri partner e clienti
C
onnected Signage di Scala è in sostanza una fiera in miniatura (si fa per dire) che raccoglie sotto un
unico tetto, in questo caso i 1.000 m2 dell’hotel e centro congressi NH Leeuwenhorst vicino Amsterdam,
le aziende partner Scala per le soluzioni di digital signage. Accanto agli stand, una ricca offerta di interventi
a tema; quelli affidati agli uomini Scala e riservati ai partner vertevano sulle novità di prodotto e lo sviluppo
dell’azienda, mentre quelli tenuti dai partner produttori, installatori o comunque professionisti del ds, e aperti a
tutti i partecipanti alla Conference, riguardavano applicazioni sul campo ed esempi di integrazione. Il tutto, come
ormai di consueto negli incontri professionali, condito da occasioni di scambio e networking: tra un intervento
e l’altro, o durante le pause pranzo, cena e caffè, e con il supporto degli addetti allo stand Scala. La situazione
piacevole favoriva le chiacchierate e, forse, l’unica pecca è stata la lontananza dal centro di Amsterdam.
66
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 66
n. 25
24/08/10 09.07
dal mondo
Gli espositori, in tutto 17, spaziavano dal provider di software per la gestione di contenuti su più display
(Matrox) o per il display intelligente (Trumedia), dai fornitori di player e motori digitali (Advantec iServices,
Aopen, IAdea, Spinetix, MediaVue, ViewSonic) a quelli di schermi o sistemi di visualizzazione (Philips, Topaz,
Christie, IAdea, Infinitus, Hantarex), passando per il provider di informazioni sul meteo (AccuWeather.com),
il produttore audio (Kalmann Audio), il fornitore di servizi a 360° (Mdina Media), il player audio (StreamAlot) o
il fornitore di soluzioni via IP (VBrick, per inciso quello che riprende la perdita di petrolio causata dalla BP nel
Golfo del Messico). Tutti, naturalmente, integrati con Scala.
Si ritrovavano infatti nella stessa sala brand molto noti per i loro prodotti professionali, come Christie, o
TruMedia, accanto a fornitori di soluzioni molto più accessibili, pensate per
ampliare la base della clientela a chi magari non ha grandi disponibilità finanziarie
o ancora non ha piena fiducia nell’investimento. Una tendenza del mercato, che
ha preso coscienza del problema prezzo, e di conseguenza una scelta aziendale
esplicita di Scala, come ci confermano Peter Cherna, Vice President of Research
& Development, e Jeff Porter, Executive Vice President, Experts Group (vedi
box). Tutte queste aziende, qualsiasi sia l’entità dell’investimento richiesto per
la soluzione proposta, hanno scelto di appoggiarsi a Scala a garanzia della
professionalità della propria offerta. A dimostrarlo i case study come il network
Libris in Norvegia (librerie), Alior in Polonia (banche) o il centro fiere RAI di
Amsterdam, oppure le applicazioni illustrate dall’azienda Troades per l’integrazione
con il mondo dell’olfatto. Interessante l’apertura offerta dai due insegnanti
dell’Avans College olandese, che si sono chiesti come, in un mondo pervaso dai
social network, sia possibile creare una comunicazione, anche per l’insegnamento,
Lo stand TruMedia
“a prova di futuro”. Ahmed El-Ridi di Specialized Software Services (Emirati Arabi)
ha parlato dell’importanza dell’integrazione dei dispositivi (cartellone pubblicitario,
computer, cellulare, carta di credito, desk informazioni...) per l’advertising del futuro,
e della sua fiducia nella crescita del ds motivata dalle cifre: la pubblicità digitale
vale circa 120 milioni di dollari all’anno nell’area del Medio Oriente e Nord Africa,
che corrisponderebbero al 4% del valore reale, circa 3 miliardi di dollari l’anno. In
quattro anni, il ds potrebbe valere metà del mercato della pubblicità televisiva.
Le soluzioni
Ecco in una rapidissima carrellata alcune delle soluzioni viste ad Amsterdam.
AOpen + Philips - Motore digitale e display in partnership, per integrare in un’unica
soluzione i due prodotti, naturalmente sempre con Scala. In mostra anche un
piccolo display 3D per il ds: 19”. www.aopen.com
IAdea - Attivissima società cinese specializzata in ds, è quella che sta dietro alcuni
progetti firmati Mitsubishi, Nec, ViewSonic, Advantec. Propone un motore digitale
integrato con Scala in maniera nativa e la piccola (10”) Digital Signboard da 300 Nit
accessoriata con tutto quanto serve per realizzare una soluzione ds stand-alone
con la minima spesa e nessun tipo di installazione: si compra, e si usa. Lo stesso
medium basico si può comporre creando un Signwall con tante piastrelle da 10”,
Il Signwall di IAdea
integrate e connesse in rete. www.iadea.com
67
Conn_25.indb 67
24/08/10 09.07
dal mondo
DS according to...
Da un breve scambio di opinioni con Peter Cherna (Vice President of Research & Development) e Jeff
Porter (Executive Vice President, Experts Group), ecco il punto di vista di Scala sul business del ds.
Jeff Porter - A volte i modelli di business sono quelli che offrono le sfide maggiori. Se l’unico modello
promosso è quello che accolla il 100% del costo delle infrastrutture su chi gestisce le campagne
pubblicitarie, allora è quasi impossibile! Secondo noi, chi possiede gli spazi, il negozio, i centri
commerciali, dovrebbe condividere il rischio e lavorare in partnership con i gestori della pubblicità.
Altrimenti, sarebbe come rinnegare il proprio marchio, un’assurdità.
www.tru-media.com
www.accuweather.com
www.advantech.com
C - Secondo Scala, quali aspetti saranno fondamentali per il ds in Europa nel prossimo futuro?
www.aopen.com
www.christiedigital.com
la soluzione più avanzata e più costosa: non tutti hanno bisogno di tutta la complessità...
JP - Prima di tutto, avere a disposizione molte soluzioni in molte fasce di prezzo diverse, e non solo
Peter Cherna - O magari non da subito, preferiscono partire con qualcosa di più semplice.
JP - Abbassando le barriere in entrata abbiamo più clienti interessati a cominciare, anche se partono
da un livello di complessità inferiore. Nei prossimi anni vedrete da parte di Scala un notevole sforzo per
www.hantarex.it
www.iadea.com
www.infinitus-outdoor.com
ampliare l’offerta a partire da soluzioni di ingresso davvero economiche, fino ad arrivare a sistemi molto
www.mediavue.net
PC - Abbiamo riscosso molto successo lavorando con società di rilevanza solo nazionale, per esempio
sofisticati, con tutto quello che ci può stare in mezzo! In passato ci siamo concentrati soprattutto sulle
soluzioni più complesse, cosa che comunque ha funzionato molto bene per molti anni.
con la nostra soluzione SignChannel (www.signchannel.com): basta comprare una cornice digitale e
abbonarsi in rete, al costo di pochi dollari si può verificare concretamente come funziona il ds.
JP - Scala si rivolge sia a network di grandi che di piccole dimensioni, e penso che se ci fossero delle
statistiche, dimostrerebbero che il network medio di Scala è composto da meno di dieci player. I network
superiori ai 1.000 player ci sono, ma sono pochi, il grosso è costituito da quelli più piccoli.
PC - Ha funzionato bene anche la scelta di vendere ai rivenditori, perché spesso questi sono specializzati
su un settore specifico, al quale noi da soli non riusciremmo ad arrivare in maniera così capillare.
JP - Bisogna anche tenere presente che il retail è solo uno dei segmenti per il ds; certo, è consistente,
forse rappresenta il 35% del mercato, ma il restante 65% non è retail.
C - Avete verificato da parte dei vostri clienti una tendenza a impiegare il ds per applicazioni nuove non
previste inizialmente?
JP - Un esempio tipico sono i produttori di telefonini: hanno un nuovo telefono da promuovere, e si
rendono conto che, avendo il negozio pieno di schermi, prima della promozione potrebbero utilizzarli per
addestrare la forza vendite. Ma il problema è anteriore: trovare la giustificazione iniziale per fargli installare
il network.
PC - C’è un’altra forma di evoluzione che concerne l’esperienza della complessità. Molti, arrivati per primi
al ds, si sono abituati a visualizzare di tutto, dal Power Point al file in flash per il Web, o anche lo spot
televisivo, magari senza l’audio; oppure la pubblicità della carta igienica finisce nel palinsesto nel fast
food. Negli ultimi cinque anni abbiamo visto che la clientela comincia a capire l’arte di questo media: quale
messaggio funziona meglio, quale posizionamento. Nessuno però sa cosa succederà quando la stessa
soluzione ds sarà presente in centinaia di negozi, e non solo in uno. Abbiamo ancora molto da imparare.
68
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 68
n. 25
24/08/10 09.07
dal mondo
Minicom - Ronni Guggenheim, CEO Minicom, racconta durante uno degli interventi di Proof of Performance, il
sistema open lanciato a Screen Media Expo, capace di rilevare cosa veramente è stato mostrato dallo schermo
e cosa no, posizionandosi tra PC e display. Gli altri sistemi si limitano a verificare che il contenuto sia andato
in onda. L’ambizione è riuscire a fornire un report anche sulla qualità del video trasmesso, e uniformarsi a uno
standard riconosciuto da Nielsen e Ovab. Al riguardo è già attivo un pilota negli USA.
www.minicomdigitalsignage.com
StreamAlot - L’azienda pan-europea propone lo streaming audio attraverso diversi
mezzi: un “box” dedicato, il PC, o addirittura il registratore di cassa. www.streamalot.eu
Tenq - in partnership con Mdina Media e Scala hanno realizzato un distributore di acqua
di rubinetto con display per le scuole, e possibilità di comprarsi la bottiglietta da portare
nello zaino. Molto più ecologico delle macchinette distributrici di merendine. www.tenq.nl
edia.com
edinam
m
www.m
nage.co
digitalsig
m
o
ic
in
www.m
ilips.com
www.ph
ala.com
www.sc
m
inetix.co
www.sp
TruMedia - A parte le notevoli percentuali di accuratezza (95% nel conteggio, 90%
per l’individuazione del genere, 88% per l’età), per TruMedia segnaliamo il
sistema di rilevazione e quindi di programmazione “intelligente” (PROM, Pro
Active Merchandising) Allio (All-in-One), in sostanza una soluzione che non
appesantisce la CPU del computer e può quindi essere implementata su un
network preesistente, senza grossi sconvolgimenti.
www.streamalo
t.eu
www.tenq.nl
www.topazlabs
.com
www.viewsonic.
com
www.kalmanna
udio.com
69
Conn_25.indb 69
24/08/10 09.07
dal mondo
Ultime novità Panasonic
Barbara Trigari
Il 20 luglio scorso presso la splendida location della Galleria Campari di Sesto San Giovanni (MI), Panasonic
ha presentato alla stampa e ai propri clienti gli ultimi prodotti in ambito professionale. Accanto all'aperitivo, gli
specialisti di prodotto Panasonic hanno illustrato le caratteristiche e le strategie legate alle novità della casa
giapponese, in un’atmosfera informale e allo stesso tempo professionale. Ecco una rapida carrellata di quanto
vedremo sul mercato entro la fine dell’anno, a patire da settembre.
Finalmente anche Panasonic ha cominciato a produrre monitor LCD destinati
al digital signage o all’hotelerie, pur mantenendo, e anzi portando a un ulteriore
grado di evoluzione, la serie dei plasma. Gli LCD sono articolati in due gamme
di prodotto, la serie LRG (televisori LCD professionali dotati di tuner DVB-T)
e la serie LF con cornice ultrasottile. I primi, già disponibili nei formati 32”
e 42”, sono pensati per gli ambienti luminosi e forniti di connessione RS232C, sintonizzatore digitale integrato e angolo di visione fino a 178°. La
possibilità di copiare su card SD i dati di configurazione facilita le installazioni
multiple. Presentati anche i plasma di nuova generazione: miglioramenti nelle
prestazioni e riduzione dei consumi. La serie è la PF20 con pannelli New Neo
PDP a contrasto nativo di 5.000.000:1 e i modelli full HD TH-50PF20 e TH42PF20. Oltre ad avere una luminosità elevata, questi schermi consumano
meno rispetto ai modelli precedenti, il che li rende più appetibili anche nel
digital signage (supportata l’installazione portrait). Ancora per il ds, ma anche
per il noleggio AV, i large display TH-103PF12 e TH-85PF12 da 103” e 85”, le ultime aggiunte ai plasma Neo
PDP della serie 12. Gli schermi infatti sono particolarmente sottili (99 mm di spessore) e leggeri, per favorire
trasporto e installazione.
Applicazioni industriali, turistiche, rental, moda, sono alcuni dei possibili ambiti di riferimento per il sistema
3D passivo realizzato con una telecamera (AG-3DA1, full HD 3D con possibilità di registrare su card SD) per
la ripresa e il playback immediato dei materiali allineando due proiettori Panasonic, schermo argentato e
occhialetti polarizzati usa e getta. Una soluzione accessibile e professionale al contempo.
Si colloca in una fascia di mercato poco presidiata la nuova telecamera AW-HE50, pensata per il conferencing
o gli spettacoli live. Nonostante l’apparenza di telecamera da riprese di sicurezza, la qualità è ben maggiore;
la novità: in realtà è un sistema denominato Serie 50 che integra un controller remoto per le telecamere (AWRP50), uno switcher (AW-HS50) e due modelli di telecamera multi-formato con pan/tilt integrato (HDMI e
interfacce component, oppure HD/SD-SDI, interfacce component e Genlock). La gestione avviene via IP, con
fino a 100 telecamere collegate e la possibilità di gestirle in remoto (singolarmente) o in locale, con un operatore.
Per gli ambiti rental, public display e conference Panasonic ha rilasciato il proiettore “mini” (relativamente alle
potenze in gioco) PT-DZ110XE, un tre chip DLP da 10.000 Ansi Lumen in anteprima italiana, disponibile da
settembre. Caratteristica saliente della linea (tre i modelli annunciati) sono le ridotte dimensioni e peso rispetto
agli altri tre chip DLP sul mercato, e il costo ridotto rispetto alle funzionalità offerte.
L’educational ha spinto Panasonic a produrre un proiettore short throw dedicato a questo mercato e proposto in
abbinamento alle lavagne Panaboard, delle quali è distributore. In mostra c’era un modello multitouch (fino a tre utenti/
studenti) realizzato con un pannello sensibile agli urti che potrebbero verificarsi nelle classi di studenti più “vivaci”.
www.panasonic-broadcast.it
70
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 70
http://panasonic.net/proplasma/
www.panasonic.net/projector/
n. 25
24/08/10 09.07
dal mondo
Domus Sistemi incontra gli architetti della
Provincia di Pistoia Chiara Benedettini
I sistemi di automazione e le dotazioni audio video sono progettati e installati da personale specializzato,
installatori e system integrator, ma sono spesso gli architetti che predispongono la presenza di queste
tecnologie in un ambiente. Ecco la ragione dell’incontro organizzato da Domus Sistemi, rivolto agli
architetti e ingegneri della Provincia di Pistoia (circa 25 i presenti), per proporre loro una panoramica delle
possibilità offerte dall’automazione in ambito residenziale. L’evento ha avuto luogo il 21 giugno, realizzato
in collaborazione con la Commissione 5 “Formazione e aggiornamento professionale” dell’Ordine degli
Architetti, P.P. E C. di Pistoia, di cui Alessia Landini, presente all’incontro, è responsabile, e con ABB,
presente con Roberto Barzotti, che ha illustrato le soluzioni ABB per l’automazione in ambito residenziale
e terziario. La presentazione di Capecchi, titolare di Domus Sistemi, ha inteso illustrare le possibilità di
ottenere servizi centralizzati, di semplice gestione, sicuri ed efficienti tramite l’automazione; Capecchi ha poi
fornito informazioni sugli impianti su BUS Konnex, strutturati non più in maniera fisica ma logica. L’intervento si
è chiuso con alcuni esempi di impianti realizzati: il Pirellone di Milano, la Commerzbank di Francoforte, il grande
Centro Commerciale “I Gigli” di Firenze.
www.domussistemi.it
www.abb.it
www.architettipistoia.it
Anteprime Roland per i professionisti
dell’audio video A cura della Redazione
“In mancanza, quest’anno, di appuntamenti fieristici sul nostro territorio che possano
facilitare l’incontro tra il nostro marchio e i professionisti, Roland ha recentemente proposto
un roadshow in tre tappe (13 luglio Bologna, 14 luglio Firenze, 15 luglio Roma) per incontrare
partner, collaboratori e nuove conoscenze” - ci ha spiegato Francesco Galarà, Managing
Director di Roland Systems Group Italy - “Un modo per presentare i nostri prodotti con calma
e a un numero ristretto e interessato di partecipanti”. L’occasione è stata la presentazione, in
anteprima al mercato italiano, delle novità proposte a InfoComm e al NAB: il V-Mixer compatto
da 32 canali M-300, il mixer video HD multifomat a 16 ingressi V-1600HD, la matrice video e
multi viewer MVS-12 e l’interfaccia MADI REAC S-Madi Bridge. Segnaliamo il mixer video
V-1600HD, in grado di mixare e inviare poi ai visualizzatori una grande varietà di segnali,
dall’HD-SDI, HDMI, Composito e Component, S-Video ecc. per applicazioni broadcast, live,
per installazioni multi schermo, grazie ai suoi Output indipendenti, e per multi schermo con edge blending, dual mode,
split mode ecc. Dispone di diversi effetti quali Chroma e Luminance Key, Picture in Picture, vari tipi di transizioni…
facilmente utilizzabili grazie a una interfaccia intuitiva e user friendly. M-300 è un mixer audio compatto, parte del
V-Mixing System; è adatto al live, broadcast, rental e naturalmente alle installazioni; tra le sue caratteristiche principali,
32 canali (L/C/R out, 8 AUX e 4 matrix), Eq parametrico e dinamico a quattro bande su ogni canale, 11 effetti disponibili,
AD/DA a 24 bit per un suono di qualità, controllabile in remoto da PC esterno. Per incontrare i partecipanti erano presenti
il Product Specialist Andrea Gascone, oltre a un referente per ogni area prodotti e a Galarà stesso; ospite d’onore Flappi
Jmenez, Corporate Product Specialist. Buona la risposta del pubblico, tra i presenti società di produzione radiofonica e
televisiva, enti pubblici, operatori di service audio e video e, naturalmente, i distributori Roland sul territorio.
www.rolandsystemsgroup.net
71
Conn_25.indb 71
24/08/10 09.07
appuntamenti
a cura della redazione
Top Audio&Video
Show
Milano 16-19 settembre 2010
D
el Top Audio&Video abbiamo già parlato più volte, ma in vista della
prossima edizione val la pena riprendere l’argomento per chi intende
visitarla: nata oltre 20 anni fa come emanazione dell’associazione APAF
(Associazione per l’Alta Fedeltà), intendeva, (e intende ancora), dar voce al
settore hi-fi. Ecco perché la scelta della location, l’Atahotel Quark nella zona
Sud di Milano, un enorme albergo anni ‘70: le stanze, liberate dai loro arredi,
sono divenute in questi anni altrettante salette di ascolto indipendenti. Un luogo
tanto improbabile quanto riuscito.
Tuttavia la manifestazione ha saputo rinnovarsi, ed è in virtù di questo
rinnovamento che ve la segnaliamo: nelle ultime edizioni ha fatto un primo
passo verso l’home cinema, e da lì all’automazione, specialmente residenziale
ma non solo. Oggi il retaggio hi-fi è ancora presente, certo, e il pubblico è per
buona parte proveniente dall’ambito consumer, ma sono presenti diversi grandi
marchi produttori e distributori di apparecchi e tecnologie per l’installazione
audio video, il controllo, l’integrazione, che propongono soluzioni estendibili
anche al filone pro.
Perché andarci
Nel panorama fieristico italiano è una delle poche manifestazioni che si avvicina
in qualche modo al mondo dell’automazione. Fa inoltre dei numeri interessanti,
con oltre 20.000 visitatori e 140 aziende presenti nel 2009, infine, per alcuni
grandi marchi questa è l’occasione, per l’Italia, di incontrare il mercato.
Accanto all’esposizione, anche quest’anno ci saranno varie iniziative, come i
consueti concerti, o il premio SIA (System Integrator Award) organizzato dalla
rivista HC- Home Confort and Cinema.
Informazioni generali
Top Audio&Video si svolgerà all’Atahotel Quak di Milano dal 16 al 19 settembre,
dio.it
topau
www.
con orario 9,30-19,00, (domenica 9,30-18,00). La manifestazione è a ingresso
libero. L’hotel è facilmente raggiungibile con mezzi propri ma anche tramite una
navetta che parte dal terminal della Metro, linea 1, Famagosta.
72
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 72
n. 25
24/08/10 09.07
appuntamenti
Viscom
Milano, 21-23 ottobre
V
iscom, organizzata da ReedExpo, è giunta alla sua 22a edizione, ed
è dedicata alla comunicazione nelle sue varie forme: stampa digitale,
cartellonistica, serigrafia, incisione, regalistica sportiva ecc. Ovviamente non
è per questi filoni che la segnaliamo, ma per l’ultimo arrivato, ovvero il digital
signage. A pieno titolo tra i mezzi di comunicazione, la cartellonistica digitale
si è ritagliata quest’anno uno spazio doppio rispetto a quello dell’anno
passato (1.100 m2 nel 2009), nel quale le aziende esporranno le proprie
soluzioni e case history. Una fiera di persone fatta dalle persone, recita il
motto di Viscom, in controtendenza con le abitudini odierne che ci portano a
contatti lavorativi sempre più spesso a distanza.
Perché andarci
L’area dedicata al digital signage costituirà una fiera nella fiera, dove
direttori della comunicazione, manager della GDO, agenzie pubblicitarie,
centri media, rappresentanti delle istituzioni, ma anche installatori e tecnici
potranno entrare in contatto con le aziende che propongono soluzioni
hardware, software, e oramai sempre più spesso entrambe, in una unica
soluzione. L’expo sarà un’occasione anche per partecipare ai workshop
tenuti dagli espositori su tecnologie e case history di rilievo, utili per una
riflessione su una tecnologia che ormai dispone di mezzi maturi ma che
deve ancora precisare i suoi modelli di business.
Non mancheranno inoltre esempi delle ultime tecnologie, che si basano
principalmente sull’interattività, come pannelli touch e con rilevamento
facciale, sistemi multisensoriali, per stimolare l’interesse del pubblico, e sul
3D, magari in auto-stereoscopia.
Informazioni generali
Viscom si svolgerà presso il quartiere fieristico di Milano Rho, porta Est, dal
21 al 23 ottobre, con orario 10,00-18,00. I preregistrati entro il 5 settembre
www.visualcomm
unication.it
riceveranno una tessera d’ingresso gratuita, (chi si registra tra il 6 e il 15
settembre dovrà ritirare la tessera alla reception). Per i non pre-registrati
e sprovvisti di invito, l’ingresso ha un costo dai 20 ai 45 euro (per uno,
due o tre giorni di fiera). Sul sito si trovano le indicazioni per raggiungere i
padiglioni con vari mezzi, e il riferimento del tour operator ufficiale per viaggi
e ospitalità sul posto.
73
Conn_25.indb 73
24/08/10 09.07
news
Digital signage 3D senza occhiali
Tra i produttori di monitor autostereoscopici, ma questa volta mirati ad applicazioni professionali
definite come “outdoor TV”, la francese Alioscopy propone i formati da 24”, 42” e 47”. Sono
LCD full HD a otto punti di vista (invece dei due tradizionali per la stereoscopia) e profilo ottico
lenticolare, quindi appunto autostereoscopici, ma con la differenza di presentare un angolo di
visione ampio, 90° (a una distanza compresa tra 3 e 9 metri per i modelli più grandi, tra 2 e 6
metri per il 24”), caratteristica che permette la visione a più spettatori contemporaneamente.
In pratica sopra il pannello LCD si trova un array di piccole lenti cilindriche, queste fanno sì
che lo spettatore percepisca con ciascun occhio una immagine diversa, producendo così la
sensazione di profondità. Gli schermi Alioscopy sono retrocompatibili con contenuti 2D, e
Alioscopy fornisce anche un software proprietario per il playback delle immagini, mixing e compressione, e
tutto quanto necessario a realizzare contenuti nel formato richiesto dagli schermi: il plugin AlioscopyCamera per
Autodesk Maya, 3ds Max e Softimage, il software AlioscopyMix per convertire le immagini nel formato richiesto.
Oltre al digital signage, le possibili applicazioni sono la comunicazione pubblicitaria in genere (fiere, eventi, show
room...) e la visualizzazione scientifica e medicale, industriale, militare, la simulazione e la formazione.
www.alioscopy.eu
Distribuito in Italia da Media3, www.media3.it
Magenta Research Voyager
Da Magenta una serie di trasmettitori, ricevitori, switcher a matrice e distributori
amplificati dedicati alla distribuzione di segnali audio e video per applicazioni
professionali mission critical 24/7 in contesti AV e digital signage. Si chiama Voyager
e copre tutte le fasi della trasmissione di segnali sfruttando l’architettura modulare
Flex-VCA. Può trasmettere segnale video non compresso multiformato (HDMI con
HDCP, DVI, DisplayPort, RGBHV, SDI multi-rate, Component, S-Video e Composite)
analogico e digitale fino alla risoluzione 1.900x1.200 a 60 Hz, audio analogico e
digitale (incluso i formati HDMI embedded Dolby otto canali e DTS-HD 24 bit), inoltre
segnali complementari USB 2.0 a 480Mbps, RS-232 bidirezionale, IR e CEC, con la
massima interoperabilità. Tutto viaggia su cablaggi in fibra ottica standard SFP, quindi con moduli trasmettitori
esterni sostituibili sul campo e adattabili a ogni tipo di fibra. Alle massime prestazioni, la distanza massima è
di 2 km con fibra ottica multimode, oppure di 30 km con fibra singlemode. Ciascun trasmettitore e ricevitore
può essere configurato in maniera indipendente combinando diversi moduli plug&play, magari per integrare o
cambiare (disponibile anche l’auto-conversione del formato) la configurazione dei tipi di segnale senza dover
sostituire i moduli Core. Il motore HDCP Magenta Research assicura l’handshake attraverso i dispositivi protetti,
in accordo con le specifiche HDCP; anche la gestione EDID è auto-configurabile, oppure personalizzabile
tramite l’utility EDID management. A vigilare sulla corretta risoluzione in uscita del materiale video c’è la
tecnologia ScaleMAX con downscaling di qualità broadcast. La configurazione del sistema e il controllo avviene
tramite interfaccia USB plug&play o tramite la porta opzionale RS-232 (standard nelle matrici) sui singoli
dispositivi (fibra simplex); con fibre in duplex è possibile la gestione in remoto ti tutte le unità Voyager da un
singolo punto.
www.magenta-research.com
74
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 74
distribuito in Italia da www.3gelectronics.it
n. 25
24/08/10 09.07
news
Sim2 Grand Cinema Mico 50
projectiondesign serie F32
“Mico”, come la scintilla in latino, è il nome del proiettore ecologico
Projectiondesign ha aggiornato la serie di
Sim2 per l’Home Theatre raffinato. Ecologico perché in stand-
proiettori professionali da installazione F32
by consuma 0,75W, la sua costruzione non richiede l’impiego di
portando la luminosità di alcuni modelli
materiali nocivi (mercurio, piombo), né il loro riciclo e stoccaggio,
a 8.000 lumen. Nella serie, basata su un
l’imballo è totalmente riciclabile e il suo consumo è ridotto. A
singolo chip DLP, è possibile scegliere la
certificarlo, la conformità con le direttive WEEE, RAEE e RoHS.
configurazione più adeguata alle proprie
Mico 50 è un proiettore LED (decadimento lento, solo il 5% dopo
esigenze (risoluzioni WUXGA, 1.080p,
2.000 ore) a singolo chip DLP (DarkChip4 di Texas Instruments
SXGA+); l’upgrade ha coinvolto anche un
da 0,95” 1.080p) basato sulla tecnologia Sim2 PureLED; utilizza
miglioramento della visualizzazione dei
quindi tre LED PT120 Platlight Luminus indirizzati direttamente
colori (architettura a doppia illuminazione
verso l’ottica, senza ruota
DuArch, gestione
colore, con tecnologia
colore RealColor), ed
DynamicBlack e un
è stato stimolato dalla
nuovo motore ottico. Il
crescente richiesta, da
contrasto full on-full off
parte degli installatori,
è pari a 100.000:1, la
di modelli a luminosità
luminosità è di 800 ANSI
più elevata a causa
Lumen, e la luminosità relativa dei tre chip (corrispondenti ai colori
delle situazioni nelle
primari R, G e B) è regolata da un driver a 8 bit per canale abbinato
quali sono costretti a
a un sensore colore posto nel motore ottico, capace di togliere la
operare. Presentata a InfoComm, l’aggiornata
corrente a ciascun LED in meno di un microsecondo, per un gamut
serie F32 è già disponibile sul mercato.
colore più ampio e più di 200 milioni di colori. La silenziosità invece
www projectiondesign.com
è garantita dal sistema di raffreddamento a liquido.
Distribuito in Italia da www.agmultivision
www.sim2.it
Biamp Vocia certificato EN 54-16
Biamp ha annunciato di aver ottenuto, primo tra i produttori statunitensi, la certificazione EN 54-16 per Vocia, il
DSP a intelligenza distribuita. Presto infatti anche l’Italia, in quanto parte della Comunità Europea, dovrà adeguarsi
alle norme per i sistemi vocali e visivi di evacuazione antincendio sancite dalla EN 54 nelle sue diverse specifiche
(individuate dai numeri che seguono il 54), costringendo gli installatori a utilizzare soltanto apparecchiature certificate.
Il 16 si riferisce ai sistemi di allarme vocale usati nella segnalazione antincendio e ai loro componenti. Biamp ha anche
annunciato tre novità di prodotto, l’amplificatore VA-8600c e la card AM-600c, la centralina EWS-4 Emergency
Paging Station e l’interfaccia di controllo CI-1. La Paging Station per il sistema Vocia, in particolare, è una centralina
con DSP e memoria a bordo in grado di supportare funzionalità di notifica standard e avanzate. Può memorizzare fino
a quattro codici paging, ha otto livelli di priorità (quattro di routine e altrettanti d’emergenza), elaborazione del segnale
(gain, filtri, compressore/limiter), CobraNet e PoE, display LCD retroilluminato, PIN opzionale contro gli accessi
indesiderati, microfoni con cancellazione del rumore, switch ID per l’individuazione dell’unità nel sistema. Grazie alla
decentralizzazione delle funzionalità di elaborazione, routing e immagazzinamento, non dipende da un controller
centralizzato per il suo funzionamento. Conforme alla norma EN 54-16. Montaggio a parete.
www.biamp.com
distribuito in Italia da www.prase.it
75
Conn_25.indb 75
24/08/10 09.07
news
Mitsubishi EW230U-ST educational
Videoproiettore Optoma EX785
Il proiettore EW230U-ST è un prodotto
Il proiettore EX785 proposto da Optoma per il mercato
studiato specificamente per le esigenze
dell’installazione ha scelto la strada della massima flessibilità,
formative, da quelle aziendali a quelle
adottando la lente in posizione centrale, full lens shift (verticale
scolastiche o universitarie, fino alla semplice
-15%/+60%, orizzontale ±10%) e tre lenti intercambiabili.
divulgazione. A una distanza di proiezione
La luminosità è pari a 5.000 ANSI Lumen, il contrasto è
di 63 cm, quindi senza che l’ombra del
2.000:1. Connettività HDMI, DVI-D, doppio VGA, 5BNC,
relatore sia visibile sullo
Component Video, S-Video
schermo, l’apparecchio può
e Composito; risoluzione
proiettare un’immagine di 60”
nativa XGA (1.024x768,
di diagonale con risoluzione
nativa 4:3 e compatibile
1.280x800 p (WXGA) wide
16:9), controllo e monitoring
screen 3D Ready. Si tratta
via RJ45. Presenti cinque
di un prodotto leggero (2,8
ingressi audio dedicati ai
kg) e flessibile: può lavorare
singoli set di connessioni
anche su pareti colorate e la luminosità di
PC e video che rendono il proiettore adatto a funzioni di audio
2.500 Lumen ne amplia il possibile utilizzo. Il
switcher, semplificando l’installazione. Adotta la tecnologia
consumo in stand-by è di 1 W, e la lampada
Texas Instrument a singolo chip DLP (0,7” XGA DMD). È in
ha una durata di 4.000 ore in modalità low
grado di lavorare su schermi di dimensioni molto variabili a
(3.000 in modalità standard). Il proiettore
seconda della lente: da 0,70 a 4,69 metri con lente short-
è compatibile PC Wide, quindi anche
throw (focale fissa 0,8:1), da 1,47 a 5,47 m con lente standard
con i tradizionali lettori DVD o ricevitori
(focale da 1,6 a 2,0:1, zoom 1,25x) e da 1,25 m a 12,51 m con
satellitari. Inoltre, possiede la connessione
lente long throw (focale da 2 a 3:1, zoom 1,5x, distanza di
LAN per il controllo e monitoraggio da
proiezione da 2 a 20 m). Compatibile anche con le proiezioni
remoto; Mitsubishi fornisce gratuitamente
in stereoscopia, mediante l’uso di applicazioni professionali;
anche il software di gestione capace di
nel prossimo futuro Optoma prevede anche aggiornamenti
controllare accensione e spegnimento di
hardware per la 3DTV e il BluRay 3D.Il livello di rumorosità è di
fino a 250 proiettori, mandando messaggi
30/32 dB, pesa 8,6 kg senza lente. Compatibile AMX Dynamic
contemporaneamente a più unità.
Discovery e Crestron Roomview.
www.mitsubishielectric.it/vis
www.optoma.eu
Applicazioni Yamaha compatibili con Mac
I tecnici del suono fedeli a Apple saranno felici di sapere che Yamaha ha presentato a InfoComm
la versione mela-compatibile delle applicazioni M7CL V3 Editor e LS9 Editor per le omonime
console di mixaggio, che adesso possono interfacciarsi direttamente con i Mac. Per garantire
la compatibilità è stato riprogettato appositamente il driver Network-Midi. Come avviene nella
versione per Windows, il software viene eseguito nell’host Studio Manager V2; analoghi anche le
funzioni e l’ambiente operativo, con l’aggiunta di funzionalità avanzate come la modalità Sends on
Fader tramite M7CL V3 Editor.
www.yamahacommercialaudio.com
76
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 76
n. 25
24/08/10 09.07
news
Sennheiser ADN
Audio Distribution Network (ADN) è il nuovo sistema conference reso disponibile da Sennheiser.
La struttura è quella tradizionale con una unità centrale (CU1), l’unità Presidente (C1) e le unità
Delegati (D1), quindi Sennheiser ha pensato di differenziarsi puntando sulla qualità audio: da qui la
scelta di sviluppare tutti i componenti nel proprio reparto R&D. I microfoni montati sulle unità sono
i Sennheiser KE 10 con diagramma polare super-cardioide e limiter basato su DSP; l’amplificazione
con i due altoparlanti sono posti sull’unità principale. L’unità C1 dispone di PC interno con il software
di gestione della conferenza; collegando uno schermo, una tastiera e un mouse si possono gestire
i parametri dei microfoni relatore, mentre l’audio può essere instradato a un mixer esterno via XLR,
inviato a un sistema di amplificazione o trasmesso via radio. Il collegamento con le altre unità avviene
via cavo Ethernet e il numero delle unità collegabili dipende dalla distanza (fino a 40 unità), anche se la
silenziosità dell’unità C1 consente di posizionarla direttamente nella sala conferenza. Grazie all’ampia
disponibilità di interfacce di connessione (XLR per un microfono wireless, Ethernet, IP Address, bus
RJ-45, due porte USB, una porta VGA), ADN è facilmente espandibile e modificabile qualora varino le
esigenze dell’utenza.
www.sennheiser.com
Distribuito in Italia da www.exhibo.it
INTELLIGENT
AUTOMATION
EXPERIENCE
: gestisci e controlla ANCHE
con il tuo i-Phone o i-Pod
IAX è un sistema intelligente di automazione
e domotica impiegabile sia in contesti di tipo
residenziale come appartamenti, ville, interi
edifici e complessi residenziali sia ambienti
quali uffici, sale meeting/riunioni, sale
conferenze/multimediali, sale direzionali
grazie al quale è addirittura possibile arrivare a
controllare anche intere strutture abitative o
lavorative, anche in impianti preesistenti.
Da pochi mesi è possibile gestire e controllare
sia localmente che da remoto le appliances
elettriche, le apparecchiature elettroniche e
gli apparati audio e video anche mediante l’iPhone e/o l’i-Pod come client periferico.
Seguendo la filosofia di semplicità che
contraddistingue queste periferiche anche
l’interfaccia grafica IAX per i-Phone/i-Pod è
stata studiata e sviluppata in maniera
graficamente intuitiva e molto user-friendly.
Per maggiori informazioni collegati alla pagina
www.omniabit.com/presentazione_IAX.html
Conn_25.indb 77
7
77
www.omniabit.com
Via Val Camonica 11 - 20128 Milano
Tel. 02/973728.11 - Fax 02/2573548
Videoconference IP @ 4 Mbps 81.208.56.111
Videoconference ISDN @ 768 Kbps 02/27080901
24/08/10 09.07
news
Proiettore Sanyo PLV-HF10000L
Nuovo proiettore professionale LCD per Sanyo: ha annunciato la disponibilità a
partire dal mese di novembre del modello PLV-HF10000L. Si tratta di un 10.000
Ansi Lumen con risoluzione nativa 2k (1.048x1.080p) e contrasto pari a 3.000:1,
orientato ad applicazioni di e-cinema, rental, simulazione e in generale ad ampi
spazi. Il proiettore adotta un sistema a due lampade e motore ottico QuaDrive con
Colour Control Device, un sistema per il controllo separato della luce gialla, quindi
per una resa migliore dei colori e maggiore luminosità delle immagini. Possiede
la funzione edge blending integrata, per proiezioni su superfici molto ampie:
il proiettore regola digitalmente i valori di luminosità corrispondenti ai bordi di
ciascuna porzione di immagine, al fine di ottenere la massima uniformità e realismo
nella resa finale. Il modello PLV-HF10000L monta la lente in posizione centrale, per facilitare l’installazione (va
bene qualsiasi angolazione entro i 360°), e sistema automatico di manutenzione. Tra le funzioni disponibili,
Picture-in-Picture e Picture-by-picture, shutter meccanico, lens shift orizzontale e verticale, corner keystone
correction (per regolare la distorsione diagonale agendo sui quattro angoli), correzione della distorsione
dell’immagine, color matching. Garanzia tre anni.
www.sanyo.com
Proiettori InFocus 3D educational
Sono pensati per la formazione in ambiti
particolarmente complessi i proiettori DLP 3D
InFocus, destinati alla visualizzazione in tre
dimensioni a un costo ancora accessibile anche
agli istituti scolastici. A prova dell’efficacia della
stereoscopia nell’insegnamento, InFocus cita un
miglioramento del 35% nei test post-corso per
chi ha potuto vedere la lezione in 3D. Il pensiero
va soprattutto agli studenti di chirurgia o di biologia. La serie dei proiettori 3D è la IN100, con due modelli,
IN2116 e IN3116; entrambi visualizzano anche materiale in 2D. Il primo, IN2116 widescreen (risoluzione WXGA
1.280x800p, ma supporta anche 16:9 e 4:3) con luminosità 3.000 lumen (2.400 in EcoMode) e contrasto
2.100:1, presenta connessioni RS-232, USB, wireless verso il computer con adattatore LiteShow II, uscita jack
3,5 mm per computer e video, due ingressi RCA, due VESA e uno S-Video. Si controlla via touch screen oppure
via LAN/WAN. Per semplificare la manutenzione, il proiettore non ha filtro. Il modello IN3116 si differenzia per la
luminosità di 3.500 lumen (2.800 in EcoMode) e la presenza di connessioni HDMI 1.3. Entrambi sono dotati di
altoparlanti per l’audio e menu tradotto in italiano.
www.infocus.com
Distribuito in Italia da Audiogamma, www.audiogamma.it
78
agosto / settembre ‘10 •
Conn_25.indb 78
n. 25
24/08/10 09.07
news
3D TV Infinia
Crestron Procise PSPHD
LG ha appena lanciato una serie di televisori
Crestron punta al mercato hi-end con il nuovo
ultrasottili (2,5 cm di spessore) a LED caratterizzati
processore audio surround Procise PSPHD, e
da un look particolarmente minimalista e dotati
in particolare all’home entertainment, alle sale
di connessione wireless 1.080p, per eliminare il
conferenza aziendali e al custom theater. Per questo
disordine creato dalle connessioni con i cavi. In
il processore unisce caratteristiche tecniche di
pratica tutte
elevata qualità a un’estetica elegante, e la capacità di
le connessioni
adeguare la performance
vengono
alle altre componenti della
ricondotte
catena audio, in modo
alla centralina
da massimizzarne la resa
multimediale, e
acustica (sistema Audyssey
questa provvede
MultEQ XT). L’audio surround arriva a 7.3 canali con
a inviare il
subwoofer multipli, la cui qualità è supportata da
segnale alla TV:
tre DSP a virgola mobile con conversione AD/DA 24
oltre a fare il mestiere del televisore, i modelli Infinia
bit 96 kHz. Supporta i più recenti formati audio non
sono infatti dei display multimediali. I TV LED sono
compressi come Dolby TrueHD, Dolby Digital Plus,
full HD e compatibili con la visualizzazione in 3D. La
DTS-HD Master Audio 7.1, e dispone della connessione
tecnologia utilizzata si chiama Full Led e consiste
HDMI con QuickSwitch HD, un sistema che serve a
in un sistema di retroilluminazione che sfrutta fino
rendere rapido e fluido lo switching audio e video. Non
a 960 LED controllabili per singoli segmenti. LG è
mancano le prese AES/EBU, S/PDIF ottica e coassiale,
riuscita anche a ottenere la certificazione THX che
mono, stereo e multicanale analogiche, XLR bilanciate
fa riferimento a una serie di standard qualitativi
ecc. Le caratteristiche tecniche includono 27 sorgenti
sull’accuratezza nella resa del colore, luminosità,
selezionabili più generatore di rumore, EQ grafico a sei
contrasto per gli amanti del cinema. Il modello
bande o parametrico, delay per sincronizzare il parlato,
3D ready (con occhiali attivi) è il LX9800 400 Hz
modalità Pure per bypassare qualsiasi elaborazione
disponibile nei formati da 55” e 47”.
audio (solo sorgente analogica), downmix indipendente
www.lg.com
mono e stereo, mixer a tre canali con ottimizzazione del
parlato, HDCP.
www.crestron.eu
Display a LED Samsung per usi pro
Samsung propone al mercato la serie EX, monitor da 40”,46” e 55” con built-in PC (non
necessitano quindi di PC esterno), studiati specificamente per usi pubblicitari; molti
i vantaggi introdotti da questa tecnologia: la qualità video è garantita dalla frequenza
a 120 Hz, adatta alla velocità dei contenuti promozionali, inoltre gli EX supportano
immagini in Full-HD a risoluzione 1.920x1.080 con elevato rapporto di contrasto, e
semplice gestione centralizzata dei contenuti grazie alla funzione proprietaria Magicinfo;
la porta RJ-45 consente la connessione in rete LAN per il controllo delle impostazioni di
tutto il network. La tecnologia LED offre inoltre risparmio energetico fino al 40% rispetto
agli LCD (fattore non trascurabile in installazioni importanti), e il design ricercato e il
ridotto spessore (solo 15 kg di peso) lo rendono un apparecchio adatto a ogni contesto.
www.samsung.it
79
Conn_25.indb 79
24/08/10 09.07
Anno 5° - n°25
agosto / settembre 2010
Direttore responsabile:
Elisabetta Ferri
Direttore editoriale:
Giorgio Ungania
Sales & Marketing:
Vincenzo Ametrano - [email protected]
Gli inserzionisti
3G Electronics
Via Boncompagni 3b
20139 Milano
Tel 02.52530220 - Fax 02.5253059
www.3gelectronics.it
p. 13
Prase Engineering s.r.l.
Via Nobel 10
30020 Noventa di Piave (VE)
Tel 0421.571411 - Fax 0421.571480
www.prase.it
p. 21
APAF
Via G.P. Puricelli 7
20147 Milano
Tel 02.87394619
www.topaudio.it
p. 53
RCF
Via Raffaello 13
42124 Reggio Emilia (RE)
Tel 0522.274411 - Fax 0522.232428
www.rcf.it
p. 37
Coordinamento:
Chiara Benedettini - [email protected]
In redazione:
Barbara Trigari, Alessandra Voltani
[email protected]
Tel/Fax 0721 208696
Hanno collaborato a questo numero:
Davide Carlotti, Giuseppe Orlando, Alberto Pilot
Progetto grafico:
Atlante Associati - Pesaro
Audio Equipment
p. 41, 65
Via Solferino 25
20052 Monza (MB)
Tel 039.212221 - Fax 039.2140011
www.audioequipment.it
Roland Systems Group
p. 33
C.so Trapani 16
10139 Torino
Tel 011.19710332 - Fax 011.19710347
www.rolandsystemsgroup.net
Crestron Italia S.r.l
p. 31
Via Verona 16
20063 Cernusco sul Naviglio (MI)
Tel 02.9214375 - Fax 02.92729770
www.crestron-int.be www.crestron.com
Sim2 Multimedia
V.le Lino Zanussi 11
33170 Pordenone (PN)
Tel 0434.383256 - Fax 0434.383260
www.sim2.com
II cop.
Exhibo S.p.A.
Via L. da Vinci 6
20057 Vedano al Lambro (MI)
Tel 039.49841 - Fax 039.4984280
www.exhibo.it
p. 58-59
Sisme S.p.A.
Via Adriatica 11
60027 Osimo Stazione (AN)
Tel 071.7819666 - Fax 071.781494
www.sisme.com
p. 69
Euromet S.r.l
Z.i. Brodolini
60025 Loreto (AN)
Tel 071.976444 - Fax 071.978988
www.euromet.com
p. 17
Vogel’s Products Italia S.r.l.
Piazza F. Caltagirone, 75
20199 Sesto San Giovanni (MI)
Tel 02.24420100 - Fax 02.24420199
www.vogels.com
p. 45
FBT Elettronica S.p.A
Zona Industriale Squartabue
62019 Recanati (MC)
Tel. 071.750591 - Fax 071.7505920
www.fbt.it
III cop.
Yamaha Musica Italia
Viale Italia, 88
20020 Lainate (MI)
Tel 02.93577241 - Fax 02.9370956
www.yamahacommercialaudio.com/
commercial_audio/italy
IV cop.
Grafica e impaginazione:
Andrea Gasperoni Ferri
Stampa:
Tipografia Toscana
Amministrazione:
[email protected]
Tutti i diritti di riproduzione degli articoli e/o delle foto sono riservati.
Manoscritti, foto, disegni, quando non esplicitamente richiesti, non vengono restituiti
© B2B Media, Viale della Libertà, 9 - 47039 Savignano sul Rubicone [FC]
Per la corrispondenza: casella postale 107, uff.postale Pesaro Centro 61100, Pesaro [PU]
Registrazione al Tribunale di Pesaro n.540 del 9/10/2006
Informativa ai sensi dell’art. 13, d.lgs 196/2003. I dati sono trattati, con modalità anche informatiche, per l’invio della
rivista e per svolgere le attività ad essa connesse. Titolare del trattamento è: B2B Media srl – Strada della Romagna 371 –
61100 Colombarone [PU]. Le categorie di soggetti incaricati del trattamento dei dati per le finalità suddette sono gli addetti alla
registrazione, modifica, elaborazione dati e loto stampa, al confezionamento e spedizione delle riviste, al call center, alla gestione
amministrativa e contabile. Ai sensi dell’art.7, d.lgs 196/2003 è possibile esercitare i relativi diritti tra cui consultare, modificare,
aggiornare o cancellare i dati, rivolgendosi al titolare che succitato indirizzo.
Informativa dell’editore al pubblico ai sensi dell’art.13 lgs 196/2003. Ai sensi del decreto legislativo del 30 giugno
2003, n°196 e dell’art.2, comma 2 del Codice deontologico relativo al trattamento dei dati personali nell’esercizio dell’attività
giornalistica, B2B Media srl – titolare del trattamento – rende noto che presso i propri locali siti in Strada della Romagna 371 –
61100 Colombarone [PU], vengono conservati gli archivi di dati personali e di immagini fotografiche cui i giornalisti, praticanti,
pubblicisti e altri soggetti (che occasionalmente redigono articoli o saggi) che collaborano col predetto titolare attingono nello
svolgimento della propria attività giornalistica per le finalità di informazioni connesse allo svolgimento della stessa. I soggetti che
possono conoscere i predetti dati sono esclusivamente i suddetti professionisti, nonché gli addetti preposti alla stampa ed alla
realizzazione editoriale della testata. Ai sensi dell’art.7, d.lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare,
modificare, cancellare i dati od opporsi al loro utilizzo, rivolgendosi al predetto titolare. Si ricorda che, ai sensi dell’art.138,
d.lgs 196/2003, non è esercitatile il diritto di conoscere l’origine dei dati personali ai sensi dell’art.7, comma 2, lettera a), d.lgs
196/2003, in virtù delle norme sul segreto professionali, limitatamente alla fonte della notizia.
Conn_25.indb 80
ISE - Integrated Systems Europe
p. 49
Zuidplein 37
1077 XV Amsterdam
Tel +31(20)7997736 - Fax +31(20)7997801
www.iseurope.org
Omniabit s.r.l.
Via Val Camonica 11
210128 Milano (MI)
Tel 02.97372811 - Fax 02.2573548
www.omniabit.com
p. 77
Le aziende citate
3g Electronics
Advantec iServices
AGMultivision
Allioscopy
AOpen
B2B Media
Biamp
Bose
BrightSign
CEDIA
Clay Paky
Crestron
Crown
Domus Sistemi
Dynacord
EAW
Ecler
ElectroVoice
Elica
Epson
Euromet
Exhibo
FNAC
Hantarex
IAdea
Infinitus
InfoComm
InFocus
JBL
JBN
Kalmann Audio
K-array
Kramer Electronics
Light Video Sound
LG Electronics
Magenta
Martin
Matrox
Mdina Media
Media3
MediaVue
Minicom
Mitsubishi Electrics
Nuova Videosuono
Optoma
Osram
Panasonic
Prase Enigineering
projectiondesign
RCF
Roland Systems Group
Sanyo
Scala
Screenline
Sennheiser
SIEC
SIM2 Multimedia
Spinetix
Spotlight
StreamAlot
TTM Communication
TruMedia
ViewSonic
Yamaha
24/08/10 09.07
2009 - foto
o A.B
A.Balea
aleani
ni AF
n
FI e G.S
G.Sal
aaluz
lu zi
nei “Borghi più belli d’Italia”
s kamikazedtf.com
Sala Consiliare di Montelupone
Teatro Nicola degli Angeli di Montelupone
Montelupone,
“Borgo Ideale”,
ha inteso rendere
grande il suono sia in
ambienti chiusi che tra
le vie del paese.
Un suono che supera
il concetto di diffusione
sonora geometrica,
ma offre un effetto
olografico
e tridimensionale
attraverso diffusori
che non deturpano
l’architettura
medioevale dei palazzi.
Montelupone, nelle Marche,
in provincia di Macerata, è
riconosciuto dal: Club
“I Borghi più Belli d’Italia”
dell’ANCI, “Bandiera Arancione”
del Touring Club Italiano, “Targa
Blu” ed è appartenente a
“Il Paesaggio dell’Eccellenza”
cop25.indd 2
FBT elettronica SpA 62019 Recanati (MC) - Italy
Tel. +39-071750591 Fax +39-0717505920
www.fbt.it [email protected]
09/08/10 15.49
N° 25 agosto/settembre 2010 - € 7,00
Connessioni n° 25 - agosto/settembre 2010
Tecnologia e tendenze nel mondo del Building & Home Automation
Direttività audio
In caso di mancato recapito inviare al CPO di Pesaro per la restituzione al mittente.
Dal line array alle “colonne sonore”
cop25.indd 1
I Mondiali di calcio
in 3D
L’esperienza di acquisto
secondo FNAC
La terza dimenisone
per lo sport
Digital signage per informare
e divertire
Diffusori audio
Bose, EAW, Ecler,
K-array, RCF, JBL
23/08/10 10.27

Documenti analoghi