Ad un paracadutista della Folgore la Croce di bronzo

Commenti

Transcript

Ad un paracadutista della Folgore la Croce di bronzo
Dea Notizie
Ad un paracadutista della Folgore la Croce di bronzo al Merito dell’Esercito
Inviato da Nunzio De Pinto
giovedì 01 marzo 2007
La città di Capua è da sempre terra di uomini illustri ed eroi. Il più famoso è senza ombra di dubbio
Ettore Fieramosca, di cui lo scorso 13 febbraio 2007 si è celebrato il 504° anniversario della disfida di Barletta. A fianco
ad Ettore Fieramosca, eroe e patriota romantico, valoroso, coraggioso, leale, oggi aggiungiamo anche il Colonnello
paracadutista della Folgore Gianluigi De Matteis. Il Colonnello De Matteis, nato a Capua il 9 maggio 1961 e che sino a
tre mesi orsono era in servizio presso una delle migliori unità della Folgore, il 185° Reggimento Artiglieria Paracadutista
“R.A.O.”, ora presta servizio a Livorno presso il Comando Brigata alla cui guida c’è il Generale di
Brigata Maurizio Fioravanti. Il colonnello De Matteis, con decreto ministeriale del 12 gennaio 2007 (pubblicata sulla G.U.
nr. 47 del 26 febbraio u.s.) si è visto attribuire l’alta l’onorificenza della “Croce di bronzo al merito
dell'Esercito” con la seguente motivazione: “Capo cellula J3 presso il Comando dell'Italian Joint Task
Force Iraq nell'operazione "Antica Babilonia", ha operato con professionalità, spiccata determinazione ed elevatissimo
impegno, evidenziandosi quale elemento chiave per l'attività' di pianificazione e per la successiva condotta delle
operazioni. Instancabile, altamente motivato e forte dell'esperienza maturata in precedenti operazioni, ha evidenziato
spiccate doti organizzative, lucidissima visione degli obiettivi e grande capacità di coordinamento e controllo. Coinvolto
costantemente nelle decisioni di maggiore rilievo e di delicatezza dell'attività operativa, ha dimostrato di possedere una
vastissima conoscenza dottrinale e la capacità di applicarla concretamente a sostegno dei reparti destinati ad operare sul
terreno. Nei momenti di maggiore tensione, ha contribuito allo sviluppo di soluzioni operative efficaci, tempestive e
adeguate a ridurre al minimo i rischi per la sicurezza del contingente. In particolare, durante l'operazione "Porta Pia" per
la riconquista dei ponti della città di Nassiriya, in condizioni di continua e prolungata pressione, ha costantemente
dominato la situazione e contribuito con la sua lucidità al pieno successo delle operazioni. Dotato di considerevole
padronanza delle procedure di coordinamento interforze e multinazionali, ha garantito, con la sua attività, la piena
integrazione delle varie componenti del contingente italiano, facilitandone l'inserimento nel dispositivo della Multinational
Division South East a guida britannica. Ufficiale superiore di spicco, il Tenente Colonnello Gianluigi De Matteis ha
contribuito con straordinaria determinazione e senso del dovere ad accrescere l'efficienza ed il prestigio della Italian Joint
Task Force nel contesto internazionale”. - An Nasiriyah, 27 gennaio - 26 maggio 2004”. Ora la città capuana
ha un eroe in più.
http://www.deanotizie.it/webnews
Realizzata con Joomla!
Generata: 29 September, 2016, 18:46

Documenti analoghi