Ottobre 2015 - 1° Circolo Qualiano

Commenti

Transcript

Ottobre 2015 - 1° Circolo Qualiano
www.primocircoloqualiano.gov.it
Anno2 N.1 – Ottobre 2015
L’ editoriale
della dott.ssa Angela Rispo
Con questo numero di
ottobre,
cominciamo il secondo anno della
nostra Gazzetta con progetti molto
ambiziosi, per un “foglio” piccolo
come
il
nostro.
Ci
stiamo
organizzando per dare al progetto
una struttura giornalistica e per prima
cosa
mettiamo
su
una
vera
l’ordine
dei
Redazione!
Abbiamo
contattato
giornalisti per collaborare con loro,
andremo presso le tipografie che
stampano settimanali
per veder
nascere il giornale, conosceremo e
intervisteremo
uno
scrittore
per
imparare dalla sua esperienza.
Conosceremo anche
artisti del
cinema, del teatro e della televisione
per confrontare le diverse modalità
comunicative oltre la carta stampata,
compreso il Web che, grazie al
progetto del MIUR “Generazioni
Seguiteci, sarà bello!
Connesse - Safer Internet Centre” cui abbiamo aderito, ci darà la possibilità di
“navigare” col giusto orientamento.
Quest’anno pubblicheremo ben tre numeri trimestrali, anche grazie al supporto
di aziende del territorio che condividono il nostro progetto scolastico ed
intendono investire nella crescita culturale del loro territorio.
Insomma abbiamo in mente grandi cose: vogliamo che per i bambini,
l’esperienza giornalistica sia ricca di stimoli e, perché no, anche bella da vivere.
In questi tempi di crescente incertezza, siamo fermamente convinti che la culla
del terrore sia l’ignoranza e quindi ci ancoriamo alla cultura e alla
sperimentazione per superare le paure e far crescere le speranze e le
aspettative dei nostri piccoli. Seguiteci, sarà bello!
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
L’ angolo dei giochi
Cruciverba
Sudoku
Barzellette
Un bambino dice alla mamma:-MAMMA SAI che cosa fa un
maiale innamorato?
la mamma:- booooooooo.
il bambino:- fa il prosciutto cotto .
Qual è il colmo per una insegnante di musica?mettere una
nota ad un bambino.
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
Poeti in erba
NONNI
RITORNO A SCUOLA
Le rose sono rosse,
le viole sono blu,
siete bellissimi
e da voi non ci staccheremo più.
UN FELICE RITORNO A SCUOLA
Cantilena del tempo che vola
l’ estate è andata
si ritorna a scuola.
C’ è un’arcobaleno bellissimo
il nonno è dolcissimo.
Loro ci fanno tenerezza
e cacciano lontano la tristezza.
Cantilena dei tempi felici
torno a scuola e rivedo i miei
amici..
I nonni sono speciali
se sono morti sono angeli co le ali.
I nonni sono forti
e se non ci sono più dobbiamo
essere noi forti.
Vi voglio bene.
Cantilena del tempo passato
ripenso all’ estate,
ora che a scuola
sono ritornata.
.
M. Biondi V D
M. Cicala e G. D’ Onofrio IV C
Cantilena del tempo presente
preparo i libri
e nessuno è assente.
Cantilena del tempo passato
mi siedo felice
e non preoccupato.
M. Campanile V D
AUTUNNO
Il vento fastidioso
e questo caldo afoso
non mi fanno respirare.
Ma, a scuola devo andare
perchè sono un alunno
ed è autunno.
Intanto il tempo vola
E devo andare a scuola.
IV C
Cantilena del tempo presente
ritorno a scuola rieccomi
studente.
FILASTROCCA
Filastrocca della quarta
La scriviamo sulla carta
La imprimiamo dentro al cuore
Con queste semplici parole:
„Siamo il mondo di domani
Col futuro nelle mani.
Siamo pronti ad imparare
A lasciarci maturare.
Apriamo le nostre menti
E saremo competenti.
IV C
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
AUTUNNO
L’ autunno è una goccia di
riugiada
su una foglia poggiata,
con un pizzico di gioia
ti fa passare la noia.
Adesso inizia la scuola
e tutto il mondo vola.
Quest’ afa afolina,
è proprio birichina,
caro bimbo, caro alunno
sveglia, sveglia arriva l’
autunno.
A. Paragliola IV C
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
Poeti in erba
SI RITORNA A SCUOLA
Buon anno ai miei amici
spero che quest’ anno siate felici.
Non abbiate paura
perché la strada non sarà poi così
dura.
In terza siamo arrivati
siamo stati molto fortunati.
A scuola dobbiamo impegnarci
ma non dobbiamo troppo
affaticarci.
Vi mando tanti auguri
perché siate più sicuri.
A MAMMA E PAPÀ
Cari mamma e papà
vi auguro molta felicità.
Prometto che quest’ onno mi
impegnerò
e di meno parlerò.
A scuola tutti i giorni andrò
e tante cose imparerò.
Non solo mi impegnerò
ma anche utile a casa sarò.
Mamma anche se a volte ti faccio
arrabbiare
posso rimediare.
Papà sei il migliore che c’è
sei il numero uno per me.
S. Lo Moriello
R. Buono III A
UN NUOVO ANNO
Buon anno amici
spero che siate felici.
Un altro anno insieme passeremo
E spero che ci divertiremo.
Ogni giorno che sono con voi
ci sentiamo come degli eroi.
Come gli eroi con tanto potere
noi conquisteremo il sapere.
Amici la terra è dura
ma noi siamo tipi duri.
S. Lo Moriello
R. Buono III A
AI MIEI GENITORI
Cari mamma e papà
la terza è dura
ma io non ho paura.
Grazie a voi con coraggio
affronterò
tutti gli ostacoli supererò,
le maestre ascolterò.
Con l’ educazione da voi data
sono una bimba fortunata.
R. Di Nardo
III A
R. Di Nardo
L. Centanni III A
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
Si ritorna a scuola
Il ritorno a scuola mi ha
scombussolato un po’ perche
un giorno a casa a riposare,
l’altro a scuola a studiare.
Superato l’ impatto iniziale
posso dire che è stato un
momento
meraviglioso
perchè ho rincontrato di
nuovo i miei amici e le mie
insegnanti.
Finalmente è iniziata la
scuola!
Come ogni anno il rientro a
scuola
è
per
me
emozionante:
potrò
rivedere i vecchi amicii e le
maestre.
Nello stesso tempo sono
anche un pò agitato,perchè
spero che tutto vada nel
verso giusto riuscendo a
dare il meglio di me.
La mia scuola è ben
organizzata e coinvolgente
perchè ci sono tante attività
e progetti da sviluppare.
Vedere tutti che ridevano
e scherzavano mi ha dato
tanta gioia ma nello stesso
tempo mi ha fatto provare
anche molta nostalgia per i
momenti belli che ho
vissuto durante le vacanze.
Ora però tutto questo
appartiene al passato e
voglio godermi solo i
momenti belli di questo
ultimo anno
di scuola
primaria.
M. Campanile V D
Quest’ anno è un po’
diverso dagli altri perchè
abbiamo cambiato la nostra
maestra
d’
italiano,
Annamaria Ciccarelli ,e
questo mi rattrista un pò,
ma
fortunatamente
a
prendere il suo posto c’é la
maestra Morgera Rosanna
che già conoscevo e sono
sicuro che riuscirà a
colmare il vuoto della
vecchia maestra.
S. Barretta V A
Stamattina era il nostro
primo giorno di scuola,
quando è suonata la
campanella siamo entrati in
classe, mi batteva forte il
cuore, ero emozionata e
avevo anche un po’ di ansia.
Per me è stato bello perché
ho rivisto tutti i miei amici e
ci siamo divertiti.
Anche se stanno facendo
ancora dei lavori all’ esterno
, dentro la scuola è
bellissima, ci sono dei
murali vicino a muri dei
corridoi. A merenda la
maestra ci ha offerto dei
panini al cioccolato.
Bhe, per me e i miei amici è
l’ultimo anno di scuola
primaria, l’ anno prossimo
andremo alle medie e quindi
ci divideremo, però è bene
non pensarci perché devono
trascorrere ancora tanti mesi.
Le mie maestre sono
bravissime e bellissime e le
ringrazio per quello che
hanno dato a me e ai miei
amici.
S. Mallardo V E
Abbiamo ,poi,incominciato
a lavorare e a prepararci
per il nostro lungo ed
ultimo anno di scuola
primaria.
G. Onofaro V E
Erano ormai due mesi che
aspettavo
questo
giorno,finalmente si ritorna
a scuola.
Ritrovare tutti è stato
bellissimo, la nostra scuola è
molto migliorata per i lavori
che durante le vacanze sono
stati fatti.
Appena arrivati in classe
abbiamo raccontato come
avevamo
trascorso
le
vacanze estive .
Poi ad ora di merenda
abbiamo fatto una bellissima
festa
di
benvenuto
mangiando panini e nutella,
che le nostre maestre
avevano preparoto per noi.
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
La mia scuola
Ho frequentato anche le
classi della scuola primaria
ed ora sono all’ultimo anno
e quindi, sto purtroppo per
lasciare questa stupenda
scuola .
Io frequento la
Rione Principe.
scuola
E’ una scuola molto
grande con tante classi,
sia
elementari
che
materne, una ampia
palestra, due laboratori di
informatica,
uno
di
scienze
e
bagni
abbastanza efficienti.
La mia scuola è molto
spaziosa , infatti larghi e
lunghi
corridoi.
All’
esterno è circondata da
aiuole , ampi spazi per il
parcheggio e per giocare
all’ aperto .
In questi ultimi cinque anni
sono
cresciuta
vivendo
tantissime emozioni di cui
tutte
bellissime
tranne
quando io e i miei amici
abbiamo dovuto dire addio a
tre nostri compagni di classe
perché ritornavano nel loro
paese natio. Avrò sempre un
bellissimo ricordo delle mie
maestre
e dei miei
compagni. Spero che anche
loro provassero i miei stessi
sentimenti .
M. De Rosa V E
Io sono stata benissimo
negli anni della scuola
materna , infatti le mie
insegnanti giocando mi
hanno
insegnato
tantissime cose aiutando
mi a crescere.
La mia scuola è speciale, io
mi trovo molto bene perchè
ci sono tante comodità: una
bella palestra, due aule
informatiche e una sala
grande dove , a volte, si
proiettano videi.
Ma non solo per questo la
mia scuola è stupenda,in
modo particolare perchè ha
una direttrice fantastica ,
delle maestre speciali, ed
anche i bidelli non sono da
meno, sono bravissimi e
sanno fare il loro lavoro.
La cosa piu spendida è la mia
classe un pò birichina ma
speciale, di cui la cosa più
importante sono le maestre,
le migliori del mondo alle
quali voglio un mondo di
bene.
La scuola è un impegno
serio , certo si può ridere,
scherzare ma quando c’è
da
lavorare
bisogna
concentrarsi.
Mi dispiace che sono in
quinta perché è l’ ultimo
anno di scuola Primaria .
Rione Principe, la scuola
che
frequento,
mi
mancherà
moltissimo
specialmente
le
mie
maestre e i miei amici.
N. Caiazzo V E
S. D’ Onofrio V E
Il primo giorno di scuola
Il primo giorno di scuola è
emozionante per tutti ma
soprattutto per chi frequenta il
primo e l’ ultimo anno,perché in
entrambi casi si affronta una
situazione di cambiamento.
Quando si frequenta l’ ultimo
anno si prova tristezza pensando
che bisognerà lasciare la scuola,
gli amici e le maestre, mentre
per quelli che frequentano il
primo anno l’ingresso a scuola è
una nuova esperienza tutta da
scoprire tra ban chi, nuove
amicizie ed insegnanti.
Già da qualche giorno prima,in
televisione si parla del ritorno a
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
scuola e da quel momento
genitori e figli iniziano ad
organizzarsi comprando tutto il
corredo scolastico.
Quando tutto ormai è pronto i
bambini e i ragazzi si preparano e
allegri e sorridenti per il loro
primo giorno di scuola.
L. Di Marino V E
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
Inaugurazione dell’anno scolastico
astronauta militare italiana,
prima donna italiana negli
equipaggi dell'Agenzia Spaziale
Europea.
Ragazzi e bambini di varie
scuole, provenienti da tutta
Il 28 Settembre 2015 a Italia, ci hanno intrattenuto
Ponticelli il Presidente della ballando e cantando.
Repubblica Sergio Mattarella
Infine Mattarella , con il suo
ha
inaugurato
l’anno
discorso conclusivo, ci ha fatto
scolastico con noi scolari,
capire che le nostre insegnanti
campioni dello sport e
ci devono spronare per
autorità civili e militari.
continuare a studiare e ad
Hanno
parlato
della andare a scuola per evitare di
la
strada
situazione economica con intraprendere
particolare riguardo i tagli sbagliata .Questa è stata una
esperienza unica e molto
per le scuole.
emozionante anche perché
I campioni dello sport hanno eravamo gli unici studenti di
raccontatole loro a noi Qualiano a partecipare ad un
studenti le loro esperienze tale evento.
come studenti e come
M. Campanile V D
sportivi . C’era anche
l’astronauta
italiana
Samantha Cristoforetti un
ingegnere, aviatrice,
Alcuni bambini del 1° Circolo
di Qualiano, tra cui anch’io ,
andranno il 28 Settembre
2015 all’ inaugurazione dell’
anno
scolastico,
alla
presenza del Presidente
della Repubblica Sergio
Mattarella, a Ponticelli.Io
personalmente sono mplto
emozionato perchè oltre al
fotto di incontrare una
persona così importante
come Mattarella,ho saputo
che ci saranno anche
Lorenzo
Fragola,Flavio
Insinna, Fabrizio Frizzi.
Vorrei , inoltre ringraziare la
nostra dirigente Angela
Rispo per avermi scelto
come a rappresentare la
nostra scuola in questa
grande occasione.
L’ incontro si terrà a Napoli,
precisamente in una scuola a
Ponticelli.
Non vedo l’ ora di incontrare
Mattarella e di poterlo
salutare.
Ci saranno anche varie
emittenze
televisive
,compresa la RAI.
La maestra ci ha anche
incaricato di prepararci delle
domande per il Presidente,
qualora ce ne fosse l’
occasione ed io sono molto
eccitato da ciò.
Di sicuro mi divertirò e sarà
uno dei giorni più belli della
mia vita.
B. Onofaro V D
Tutti a scuola
Il 28 Settembre a Ponticelli
nell’ istituto Sannino si è
svolto la manifestazione per
inaugurare il nuovo anno
scolastico.
Oltre a partecipare gli alunni
dei diversi ordini e gradi di
scuole, c’ erano anche molti
personaggi
importanti:
Lorenzo
Fragola,
Flavio
Insinna, il presentatore
Fabrizio
Frizzi
alcuni
sportivi e soprattutto il
Presidente della Repubblica
Sergio Mattarella; ognuno di
loro ci ha donato emozioni
diverse, ma il Presidente ha
fatto un discorso scritto con
l’ anima di tutta Italia
sottolineando il lavoro che
da sempre ogni insegnante,
ogni genitore fa ogni giorno,
nei confronti di ogni singolo
alunno e dei propri figli.
Questa
esperienza
mi
rimarrà per sempre nel
cuore la porterò
con me per tutta la vita. Per
noi napoletani è stato un
onore far svolgere questa
manifestazione a Napoli,
perché ormai siamo abituati
alle notizie negative in TV, di
una città dove c’è sempre
stata violenza e inciviltà;
quindi vedere per due ore
in diretta questa città
raccolta in uno spiazzale
dove si è parlato d’
istruzione e sport, per un fu
turo migliore, è stato
davvero soddisfacente.
La rappresentazione è stata
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
organizzata anche in
onore di Davide Sannino
un diciannovenne ucciso
per opporsi alla violenza
a Ponticelli e soprattutto
frequentava
quella
stessa scuola. È proprio
in
questi
momenti
commemorando questo
ragazzo, si pensa che la
sua morte non sia stata
inutile, ma di esempio a
tutti; ed è in questi
momenti difficili che
diciamo:
”TUTTI
A
SCUOLA”
L.Di Marino V E
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
L’ esperienza di Pietro
Tutti a scuola
Il 28 Settembre un gruppo
di alunni della scuola Viale
Europa e della mia scuola
Rione Principe hanno avuto
la possibilità di partecipare
ad
una
bellissima
manifestazione che si è
svolta
a Ponticelli per
inaugurare il nuovo anno
scolastico.
Ad ospitarci è stato l’
istituto Davide Sannino,
dedicato ad un povero
ragazzo che è stato ucciso
per aver reagito ad una
rapina ed è proprio lui a
rappresentare noi alunni.
A rendere ancora più bella
questa manifestazione,
insieme ad altri personaggi
importanti come Lorenzo
Fragola, Flavio Insinna e
Fabrizio Frizzi, c’ era il
Presidente della Repubblica
Sergio Mattarella.
Egli ha pronunciato un
bellissimo discorso dedicato
a noi bambini, ci augurava
un buon anno scolastico.” Un
bambino, una penna e un
quaderno possono cambiare
il mondo” è questa la frase
più significativa per me.
È stata un’ esperienza
istruttiva
ma
anche
bellissima, spero di poterla
rifare.
G. Onofaro V E
Visita a Montecitorio
La nostra dirigente Angela
Rispo, il 12 ottobre, ha
permesso a 50 alunni delle
classi quinte di andare a
Roma a visitare la Camera
dei Deputati.
Insieme alla maestra, alle
5,45 del mattino siamo
partiti per destinazione
Roma e alle 10,30 siamo,
finalmente, arrivati.
Io il 28 Settembre insieme
ad un gruppo di alunni della
mia scuola Rione Principe
sono andato a Ponticelli per
inaugurare il nuovo anno
scolastico.
Sono partito alle 7,30 da
scuola e sono arrivato alle
ore 9,00.
Quando sono arrivato ho
preso la maglietta con la
scritta „Tutti a scuola”,poi
sono andato nel giardino sul
retro dell’ istituto che ci
ospitava e ho preso posto a
sedere.
Lì c’ erano tanti politici,
cantanti, ballerini e tanti
studenti.
Lo spettacolo è iniziato, l’ ha
l
Tutti in ordine in fila per due
siamo entrati nella stanza
metaldetector dove ci hanno
controllato le borse. Dopo
una signora ci ha fatto da
guida,siamo andati in una
stanza dove sembrava stare
in una nave: c’era il tetto in
legno, i lampadari di ferro.
È a forma di semicerchio, sul
muro c’è un tabellone dove
ci sono tantissimi puntini che
si illuminano quando i
deputati e senatori votano, i
puntini se possono essere
rossi se è un voto negativo o
verde se è un voto positivo.
Abbiamo poi visto la camera
della lettura, dove i deputati
e senatori si informano.
Qualche ora dopo siamo
usciti per pranzare e dopo
siamo andati a visitare un po’
Roma.
Abbiamo visitato la camera
gialla dove si fanno le riunioni
e la camera dei deputati.
condotto Fabrizio Frizzi e l’
ospite d’ onore è stato
Flavio Insinna.
Si sono esibiti dei ballerini di
danza classica e a suonato
varie orchestre. Dopo un pò
sono venuti dei campioni
sportivi di nuoto, judo,
karate, corsa ed altri sport.
Non sapevo che c’era anche
la Rai che trasmetteva tutto
in diretta TV.
C’era il Presidente della
Repubblica,
Sergio
Mattarella,che ha parlato di
quanto è importante la
scuola.
Quando tutto è finito ci
hanno dato uno zaino con
dei libri che spiegavano la
Costituzione
Italiana
e
anche il pronzo a sacco. E’
stata
un’
emozione
indimenticabile perchè ho
capito l’ importanza di
andare a scuola.
P. Micillo V B
Abbiamo visitato la Fontana
di Trevi, dove non abbiamo
espresso il nostro desiderio
con
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
la monetina perchè era
in restauro. Abbiamo
visitato il Panhteon che è
un tempio , abbiamo
anche visto alcuni negozi
dove abbiamo acquistato
qualche calamita.
Dopo aver camminato
tanto eravamo stanchi e
siamo saliti nel bus. Si
erano fatte le 17,00.
Siamo arrivati a Qualiano
alle 20,00 soddisfatte di
questa visita a Roma.
G. Umbaldo e S. Ferrillo
VD
LA GAZZETTA DEL 1° CIRCOLO DI QUALIANO
Visita a Montecitorio
Visita a Montecitorio
Sulla parete c’è un tabellone
Il 12 ottobre siamo andati
a Roma per visitare la
Camera dei Deputati.
Dopo un lungo viaggio in
bus siamo arrivati a via
Venezia .
Prima di visitare la
Camera abbiamo fatto
una passeggiata.
Quando siamo entrati a
Montecitorio
abbiamo
visto un lungo corridoio
che ha il nome di una
nave
“Transatlantico”
perché il soffitto e gli
arredi derivano da una
nave.
La Camera è bellissima, al
centro cè una poltrona
dove siede il Presidente e
tante altre poltrone tutte
disposte in semicerchio
per i deputati.
La nostra scuola il 12
ottobre, ha organizzato per
alcuni alunni delle classi
quinte di andare a Roma a
visitare la Camera dei
Deputati.
Alle 6,00 del mattino
eravamo radunati tutti fuori
scuola ad aspettare il bus e
quando
siamo
partiti
abbiamo salutato le nostre
luminoso che serve per le
votazioni dei deputati.
Abbiamo visitato anche la
sala verde utilizzata per la
lettura; infine il casellario
dove viene distribuita la
posta.
Finita la visita abbiamo
pranzato e poi abbiamo
comprato qualche souvenir
per
ricordare
quella
giornata.
Abbiamo anche visitato il
Pantheon dove ci sono le
tombe di Vittorio Emanuele
II e la regina Margherita di
Savoia.
Abbiamo trascorso proprio
una
bella
giornata,favorevole anche
per il bel tempo.
Vorrei tanto che la scuola
organizzasse più visite così
perchè si è in compagnia di
amici e impari tante cose.
G. Raimondo V D
mamme dal finestrino.
Il viaggio durò alcune ore, nel
frattempo noi giocavamo e
chiacchieravamo.
Arrivati a Roma abbiamo
visto Piazza Venezia, poi
siamo andati a Montecitoriol.
Entrando è arrivata la guida
che ci ha fatto posare zaini,
giacchettine e telefoni.
La guida ci ha fatto vedere il
Transatlantico,un
lungo
corridoio con arredi simili ad
una nave.
Abbiamo visitato la camera
nella quale si riunisce l’
assemblea
dei deputati e
anche altre bellissime stanze.
Io il 12 ottobre con altri
bambini di classe quinta
sono andata a Roma per
visitare la Camera dei
Deputati.
Quando entrammo in quel
meraviglioso
edificio
ci
portarono subito a vedere il
Transatlantico: esso è un
lungo corridoio che fu
costruito intorno al 1650
ispirandosi alle navi. Questo
conduce alla Camera dove
tutti i deputati, i ministri e in
alcuni casi gli esperti di legge
si riuniscono per discutere e
votare leggi.
La Camera dei Deputati ha
un meraviglioso affresco
che è posto dietro alla
seduta del capo dei
ministri.
Qualche ora dopo siamo
usciti e abbiamo pranzato.
Più tardi siamo andati a
visitare il Pantheon , cioè una
chiesa con il buco sul soffitto e
quando piove l’ acqua entra e
scivola nelle tubature.
Dopo abbiamo visitato la
Fontana di Trevi,solo che era
in restauro e quindi non
abbiamo espresso il nostro
desiderio con il lancio del
soldino.
Quando siamo risaliti nel bus
per ritornare a casa abbiamo
anche visto il Colosseo.
Eravamo un pochino stanchi
per
Anno 2 N. 1 – Ottobre 2015
Ci hanno spiegato che il
palazzo fu fatto costruire
da un papa ma poi per
forza maggiore lo dovette
dare allo Stato.
Passammo
anche
nel
corridoio dei busti dei
grandi politici.
Andammo anche nella sala
dedicata ad Aldo Moro che
viene usata per importanti
riunioni. Questa camera
mantiene ancora oggi lo
stile di quando è stata
costruita.
Purtroppo la visita finì ma
ero felice dell’ esperienza
fatta.
V. Petrone V A
aver camminato tanto.
È stata una bellissima
giornata trascorsa con gli
amici.
S. Turco e A. Marrone
VD