Progetto “Tutti a [email protected]” - Linea B

Commenti

Transcript

Progetto “Tutti a [email protected]” - Linea B
Progetto “Tutti a [email protected]” - Linea B
Anno Scolastico 2015/2016
Cod. 26_16
Tra
Sardegna Ricerche nella persona del Direttore Generale Giorgio Pisanu domiciliato per la carica
presso la sede legale, in Cagliari via Palabanda, 9, codice fiscale 92024600923, P.IVA
01930910920, pec: [email protected]
e
il SOGGETTO BENEFICIARIO LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO, con sede
legale in Cagliari, Codice fiscale 80010550921, Codice meccanografico: CAPS04000L, pec:
[email protected],
e-mail [email protected], nella
persona del
Dirigente scolastico Ada Pinna, codice fiscale PNNDAA55P67I182B, in qualità di Legale
Rappresentante dell’Autonomia scolastica
PREMESSO CHE
-
la Giunta della Regione Autonoma della Sardegna, con deliberazione n. 49/8 del 6 ottobre
2015 ha approvato il progetto denominato “Tutti a [email protected] Azioni di contrasto alla dispersione
scolastica e per il miglioramento delle competenze di base degli studenti. Anno scolastico
2015-2016”, quale strumento prioritario per il raggiungimento degli obiettivi di rafforzamento
dei processi di apprendimento e sviluppo delle competenze di base degli studenti sardi;
l’apertura degli Istituti scolastici per accrescere le opportunità di sviluppo di competenze
specifiche, trasversali e digitali; la riduzione delle condizioni di svantaggio personali, familiari
e relazionali dello studente che possono avere effetti negativi sulle capacità di
apprendimento;
1
-
alla luce di tale mandato l’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione,
Spettacolo e Sport in data 14 dicembre 2015 ha individuato l’Agenzia regionale Sardegna
Ricerche quale soggetto attuatore della Linea B) Scuole aperte, finalizzata a migliorare la
qualità dell’offerta formativa e valorizzare il ruolo sociale della scuola, attraverso forme di
apertura al territorio da parte delle Istituzioni scolastiche, per ampliare l’offerta formativa
attraverso azioni extracurricolari centrate sulla metodologia della didattica laboratoriale,
prevedendo inoltre la realizzazione di prodotti digitali multimediali, siti web, blog, narrazioni
digitali. Sardegna Ricerche è supportata per la parte tecnica dalla partecipata CRS4 Surl;
-
Sardegna Ricerche, nell’ambito del progetto suindicato, a seguito della pubblicazione di un
Avviso Pubblico, con determinazioni n.243 del 23/02/2016 e n.264 del 29/02/2016 ha
approvato il Catalogo dei Laboratori didattici innovativi e modelli di apprendimento digitale;
-
con Determinazione del Direttore del Servizio Istruzione n.27 del 26/02/2016 e ratifica n.29 del
1/03/2016 dell’Assessorato della pubblica istruzione è stata approvata la graduatoria delle
domande di partecipazione ai progetti della Linea di azione B: Scuole aperte presentate dalle
Autonomie scolastiche relativamente all’Avviso pubblico “Tutti a [email protected]” approvato con
determinazione n. 730/14234 del 22/12/2015 e rettificato con determinazione n. 4/511 del
21/01/2016;
-
l’Autonomia scolastica ha individuato nel Catalogo suindicato il Laboratorio denominato
“APPMOB” dell’operatore economico Green Share srl che intende far realizzare presso le
proprie sedi;
-
l’Autonomia scolastica è stata ammessa a beneficiare di un contributo per la realizzazione al
laboratorio sopra indicato con determinazione del Direttore Generale di Sardegna Ricerche n.
372 del 17/03/2016;
-
l’Autonomia scolastica ha preso atto che le attività del progetto sono realizzate con il concorso
finanziario della Priorità Istruzione del Piano di Azione e Coesione (PAC) che si applicano le
disposizioni normative e regolamentari comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia e
richiamate dall’Avviso “Tutti a [email protected]”, inclusa ogni modifica regolamentare e normativa che la
Comunità Europea, lo Stato e la Regione Sardegna adotteranno successivamente alla
pubblicazione del presente Avviso;
tutto ciò premesso
le Parti espressamente convengono quanto segue:
2
Art. 1
Premessa e allegati
Le premesse e gli allegati costituiscono parte integrante e sostanziale della presente Convenzione.
Art. 2
Oggetto
La presente convenzione ha per oggetto la realizzazione a favore dell’Autonomia scolastica del
Laboratorio didattico extracurricolare denominato “APPMOB” dell’operatore economico Green
Share srl, con sede in via Montenero 22 – Cagliari, pec [email protected], descritto nella
Scheda progettuale sintetica (Allegato 3), di seguito indicato come OPERATORE ECONOMICO.
Art. 3
Modalità attuative
L’Autonomia scolastica si impegna a rispettare tutte le prescrizioni previste nell’avviso pubblico
“Tutti a [email protected]” dell’Assessorato della pubblica istruzione beni culturali informazione spettacolo e
sport – Anno scolastico 2015/2016 e, nei limiti della dotazione finanziaria riconosciuta e delle
caratteristiche del progetto selezionato, a garantire una dotazione organizzativa minima che
preveda il coinvolgimento delle seguenti figure professionali:
-
un Tutor d’aula per progetto (nei limiti delle ore previste possono alternarsi più figure);
altre figure di supporto, a scelta dell’Autonomia, ritenute necessarie ai fini di garantire
l’apertura della scuola.
Le ore aggiuntive svolte da tali figure professionali dovranno essere remunerate nel rispetto di
quanto stabilito dal CCNL del comparto scuola.
Ciascun laboratorio dovrà essere frequentato da un numero minimo di 10 studenti a un massimo
di 25 e per almeno il 70% delle ore complessive del corso, pena la revoca del finanziamento.
Sarà cura dell’Autonomia scolastica, alle condizioni stabilite nel catalogo, incaricare l’operatore
economico della realizzazione del Laboratorio didattico di cui all’art. 2. L’accordo tra l’Autonomia
scolastica e l’operatore economico dovrà recare indicazione del CIG richiesto dall’Autonomia
scolastica ed avere, inoltre, i contenuti minimi indicati nell’allegato 1.
L’Autonomia scolastica dovrà, inoltre, richiedere all’operatore economico copia del progetto
integrale presentato in sede di valutazione del progetto.
Art. 4
Contributo e modalità di erogazione all’Autonomia scolastica
Sardegna Ricerche provvederà a corrispondere all’Autonomia scolastica le spese generali
sostenute secondo l’importo di seguito indicato a titolo di rimborso spese forfettario per le seguenti
fattispecie a saldo:
3
Tipologia
Importo unitario
B. Laboratorio da 72 ore (scuole secondarie di primo e di secondo grado)
€ 8.500,00
A mero titolo esemplificativo e non esaustivo, con l’importo forfettario a propria disposizione
l’Autonomia scolastica può far fronte alle seguenti tipologie di spesa:
-
spese per il personale docente coinvolto in attività di tutoraggio;
-
spese per attività di coordinamento e monitoraggio;
-
spese per la produzione e l’acquisto di materiale di consumo, didattico e di servizi necessari
all’attuazione delle attività progettuali (ad esempio spese di trasporto);
-
spese di vitto;
-
spese per il personale ausiliare per la funzionalità degli spazi e la loro pulizia.
In aggiunta all’importo forfettario sopra indicato Sardegna Ricerche provvederà ad erogare
all’Autonomia scolastica una somma massima pari a € 1.500,00 per l’acquisto di appositi device
(stampanti 3D, personal computer, stampanti laser, ecc.) strumentali alla partecipazione ai
laboratori. A differenza delle precedenti, tale somma anch’essa erogata a saldo dovrà essere
rendicontata a costi reali, effettivamente sostenuti e contabilizzati in conformità con le disposizioni
normative, ai principi contabili nonché alle specifiche prescrizioni in materia.
Il pagamento potrà essere effettuato da Sardegna Ricerche solo dopo il trasferimento delle risorse
finanziarie da parte della Regione Autonoma della Sardegna.
Art.5
Rimborso del costo del laboratorio didattico all’operatore economico
In aggiunta ai contributi previsti nell’art. 4, che saranno direttamente erogati all’Autonomia
Scolastica, Sardegna Ricerche provvederà a rimborsare all’operatore economico, in nome e per
conto della stessa Autonomia scolastica, il costo del laboratorio didattico previsto nell’articolo 2,
dell’importo forfettario onnicomprensivo (IVA inclusa, se dovuta) massimo lordo di euro 17.200,00.
L’importo verrà erogato da Sardegna Ricerche, subordinatamente al trasferimento delle risorse
finanziarie da parte della Regione Autonoma della Sardegna, dietro verifica della regolarità
contributiva, secondo le due seguenti modalità:
anticipazione fino al 50% dell’importo ammesso, dietro autorizzazione dell’Autonomia
a)
scolastica beneficiaria alle seguenti condizioni:
- stipula della convenzione dell’operatore economico con l’Autonomia scolastica per il
progetto, dietro presentazione, entro 30 giorni dall’inizio delle attività del laboratorio, a
Sardegna Ricerche di fideiussione bancaria o polizza assicurativa irrevocabile, incondizionata
ed escutibile a prima richiesta secondo lo schema fornito da Sardegna Ricerche che sarà
pubblicato sul sito, di importo corrispondente all’anticipazione richiesta;
-
saldo dell’importo complessivo a seguito di presentazione della rendicontazione finale.
4
La garanzia fideiussoria dovrà essere prestata fino al 31.12.2016, e si intenderà prorogata
automaticamente di sei mesi qualora non venga data da Sardegna Ricerche comunicazione di
svincolo.
Sardegna Ricerche autorizza lo svincolo della garanzia fideiussoria al ricevimento e alla verifica
positiva della rendicontazione finale presentata dal richiedente, per un importo totale pari al costo
complessivo del progetto.
b)
Liquidazione in unica soluzione:
- liquidazione in unica soluzione a seguito della presentazione da parte dell’Autonomia
Scolastica della relazione tecnica finale e della rendicontazione della spesa. L’importo sarà
erogato sulla base del provvedimento di determina del Direttore Generale di Sardegna
Ricerche, a seguito della positiva verifica tecnica del progetto e della positiva verifica
amministrativa.
Il provvedimento di liquidazione specifica l’ammontare dell’importo riconosciuto rispetto ai costi
previsti nel progetto approvato e rendicontati.
Art 6
Verifiche e liquidazione
La liquidazione potrà avvenire solo a seguito di trasmissione di certificazione del corretto
svolgimento e conclusione delle attività del laboratorio dall’Autonomia scolastica beneficiaria del
progetto e dietro verifica tecnica e amministrativa della documentazione presentata.
Tutta la documentazione necessaria per la verifica e la liquidazione degli importi, anche
all’operatore economico, dovrà essere trasmessa a cura dell’Autonomia scolastica.
Entro 30 giorni dalla data stabilita per la conclusione delle attività del progetto, l’Autonomia
scolastica beneficiaria, dovrà richiedere l’erogazione dell’importo con la presentazione della –
Domanda
di
liquidazione
-
a
mezzo
PEC,
con
firma
digitale,
all’indirizzo
[email protected], o a mano, o a mezzo raccomandata A/R indirizzata a:
Sardegna Ricerche, via Palabanda 9, 09123 Cagliari (CA), riportante sulla busta la dicitura:
“Sardegna Ricerche – Avviso Pubblico “LABORATORI DIDATTICI INNOVATIVI E MODELLI DI
APPRENDIMENTO DIGITALE” – Domanda di liquidazione”.
Entro la stessa data:
A)
l’Autonomia scolastica dovrà presentare i seguenti documenti predisposti dall’operatore
economico:
-
relazione tecnica finale sul progetto realizzato, contenente la descrizione dettagliata
delle attività svolte e copia degli indicatori di monitoraggio previsti nel progetto approvato.
La documentazione dovrà essere trasmessa anche su supporto elettronico;
5
-
elenco spese sostenute per il progetto come da modello che sarà fornito
successivamente da Sardegna Ricerche;
-
fattura/nota di pagamento intestata all’Autonomia scolastica.
Sardegna Ricerche erogherà l’importo ammesso sulla base della documentazione tecnica attestante
la conclusione delle attività svolte, la documentazione amministrativo-contabile richiesta e la
trasmissione ad opera dell’Autonomia scolastica beneficiaria del progetto della certificazione di
corretto svolgimento e conclusione delle attività di laboratorio.
Qualora il progetto sia stato realizzato parzialmente, si procede ad una valutazione della
realizzazione parziale e all’eventuale riduzione dell’importo ammesso ovvero al mancato
riconoscimento dello stesso ove risultassero profondamente modificati i presupposti del progetto.
B) Per la parte di competenza dell’Autonomia Scolastica questa dovrà consegnare copia a
Sardegna Ricerche dei registri e time sheet relativi alle attività svolte, le fatture di acquisto
device e congiuntamente alla richiesta dell’importo dovuto la relazione sottoscritta da tutto il
personale impiegato che riporti nel dettaglio le attività svolte e i risultati raggiunti da ciascun
allievo.
La verifica del progetto a cura di Sardegna Ricerche prevede:
Verifica tecnica
La verifica tecnica consiste in un controllo della realizzazione. La verifica sarà completata entro 30
giorni dalla data di ricezione della domanda di liquidazione presentata dall’operatore economico.
Verifica amministrativa
La verifica amministrativa consiste nella verifica della validità della documentazione di spesa
presentata. La verifica amministrativa sarà completata entro 60 giorni dalla data di ricezione della
domanda di liquidazione dell’importo presentata dall’operatore economico.
E’ considerata valida solo la documentazione di spesa in regola con le vigenti leggi fiscali e con la
dimostrazione dell’avvenuto pagamento.
I pagamenti dei titoli di spesa devono essere regolati esclusivamente attraverso bonifico bancario o
ricevuta bancaria. Saranno esclusi da rimborso gli importi pagati per contanti e gli importi che
risultino regolati mediante compensazioni di qualsiasi genere.
Ai fini della liquidazione e a saldo, Sardegna Ricerche esaminerà tale rendicontazione e verificherà,
con un giudizio di congruità e di pertinenza le spese evidenziate.
Sardegna Ricerche emanerà, entro 30 giorni dalla conclusione della verifica tecnica e
amministrativa, il provvedimento di liquidazione con determinazione del Direttore Generale e lo
trasmetterà all’operatore economico ed alla Autonomia scolastica beneficiaria.
6
L’Autonomia scolastica e l’operatore economico devono essere sempre in grado di produrre i
documenti giustificativi relativi alle spese di propria competenza.
Art. 7
Durata
Le attività progettuali dovranno obbligatoriamente svolgersi nel periodo compreso tra la data di
stipula della presente convenzione e il 15 giugno 2016. Tutte le altre attività funzionali al progetto
(coordinamento in seno al Collegio dei Docenti, attività amministrativa e di contabilità, ecc.) svolte
eventualmente sia dal personale docente che da quello ATA e/o altre figure di supporto dovranno
concludersi entro e non oltre il 30 giugno 2016, salvo eventuale richiesta di proroga a Sardegna
ricerche approvata dagli uffici competenti che dovesse essere presentata nel corso delle attività.
L’eventuale proroga dovrà essere richiesta per iscritto prima della scadenza del termine
originariamente previsto e non potrà in nessun caso superare il giorno 31/08/2016.
A tal proposito si rammenta che l’eventuale concessione della proroga non fa in alcun modo venir
meno tutti gli obblighi e i doveri che l’Avviso prevede in carico all’Autonomia scolastica, in
particolare quelli che comportano decurtazioni o revoche del finanziamento (pagg. 35 e 36
dell’Avviso rettificato http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_422_20160122104844.pdf), il
cui rispetto ricade nella piena responsabilità delle Autonomie stesse, sintetizzati nella tabella
dell’art. 8.
Tutte le spese saranno riconosciute solo ed esclusivamente dalla data di sottoscrizione della
presente convenzione.
Art. 8
OBBLIGHI DEL SOGGETTO BENEFICIARIO
Le attività saranno libere, gratuite ed aperte agli allievi individuati dal Consiglio di classe sulla base
dei criteri indicati nell’Avviso.
L’Autonomia scolastica si impegna:
-
a garantire il regolare svolgimento del/i laboratorio/i, così come indicato nel/i progetto/i
approvato/i osservando la normativa comunitaria, statale e regionale regolante le materie dei
fondi strutturali, espressamente richiamate nell’Avviso “Tutti a [email protected]” inclusa ogni modifica
regolamentare e normativa che la Comunità Europea, lo Stato e la Regione Sardegna
adotteranno successivamente alla pubblicazione dell’Avviso;
-
ad utilizzare il finanziamento concesso, esclusivamente per far fronte alle spese relative alla
gestione delle attività progettuali trattandosi di risorse pubbliche finalizzate allo svolgimento di
attività di rilevanza pubblicistica e prendendo quindi atto che detto finanziamento non potrà
essere oggetto di cessione, in quanto non configurabile come credito certo, liquido ed esigibile,
né utilizzato per il pagamento di passività pregresse rispetto all’avviso, né essere oggetto di
compensazioni con contributi assegnati per altri progetti;
7
-
a realizzare le attività progettuali per il monte ore previsto dall’avviso pubblico “Tutti a [email protected]”,
espressamente documentate mediante appositi registri predisposti da Sardegna Ricerche e
preventivamente vidimati dall’Assessorato della Pubblica Istruzione, indicanti il giorno, le ore e
le attività svolte firmati dal docente o dai professionisti e controfirmati dal Dirigente Scolastico.
L’Autonomia scolastica dovrà provvedere a compilare la copertina con i dati relativi alla
Autonomia scolastica, a stampare i documenti sopra elencati, consegnarli al Servizio Istruzione
dell’Assessorato per la preventiva vidimazione e a ritirarli a seguito della stessa.
Sardegna Ricerche può richiedere copia degli stessi in qualsiasi momento e effettuare, anche
attraverso visite ispettive, il controllo sul/i registro/i didattici ed i registri delle attività dei
professionisti, sull’effettivo avvio del progetto e sul suo corretto svolgimento. Qualora gli
obiettivi indicati nella proposta progettuale risultino parzialmente conseguiti o non siano
soddisfatti i requisiti minimi richiesti nell’Avviso la normativa comunitaria richiede l’applicazione
delle decurtazioni alle tabelle unitarie di costo standard. Nella tabella che segue sono riportate
le decurtazioni finanziarie che saranno applicate in caso di violazione degli obblighi previsti
nell’avviso:
Descrizione
dell’inadempimento/variazione
Decurtazione
Sostituzione del personale senza
preventiva
comunicazione/autorizzazione di
variazione alla RAS e Sardegna
Ricerche
Decurtazione del 100% delle tabelle unitarie di costo
standard per le ore svolte dal personale non
preventivamente autorizzato;
Mancata vidimazione dei registri
prima dell'avvio dell'attività
Revoca del finanziamento;
Non corretta compilazione e
conservazione dei registri didattici
Nel caso di assenza di firme, fogli illeggibili, mancata
compilazione, evidenti cancellature, ecc.
decurtazione del 100% delle tabelle unitarie di costo
standard per ciascuna ora interessata. Il registro che
sarà acquisito durante una eventuale verifica in
itinere a sorpresa non potrà in alcun modo essere
modificato e pertanto eventuali irregolarità non
potranno in alcun modo essere sanate;
Assenza del corso durante lo
svolgimento delle verifiche in loco a
sorpresa senza preventiva
comunicazione della modifica al
calendario delle attività
Revoca del finanziamento;
8
Riduzione del numero di destinatari
finali
Ogni progetto dovrà coinvolgere un numero minimo di
10 studenti che dovrà frequentare almeno il 70% delle
ore complessive del corso, pena la revoca del
finanziamento;
Mancato rispetto dei termini di
conclusione previsti nell'atto di
concessione (incluse eventuali
proroghe concesse)
-
Revoca del finanziamento.
a comunicare tempestivamente le date di inizio e di termine a mezzo posta elettronica
certificata
all’indirizzo
[email protected]
e
[email protected] . Le stesse attività dovranno obbligatoriamente svolgersi
nel periodo compreso tra la data di stipula della presente convenzione e il 15 giugno 2016
con modalità strettamente connesse alla normale attività didattica. Tutte le altre attività
funzionali al progetto (cooordinamento in seno al collegio dei docenti, attività amministrativa e
di contabilità ecc.) svolte sia dal personale docente che da quello ATA dovranno, invece,
concludersi entro e non oltre il 30 giugno 2016, salvo quanto previsto all’art. 7 in materia di
eventuale proroga;
-
a comunicare in via preventiva il calendario delle attività progettuali e le eventuali modifiche
delle stesse al fine di consentire i controlli in itinere;
-
a mettere a disposizione di Sardegna Ricerche e della Regione autonoma della Sardegna i
risultati finali dei laboratori, che potranno essere utilizzati per fini di pubblico interesse.
Alla comunicazione riguardante la data di avvio del progetto devono essere allegati i seguenti
documenti:
-
fotocopia della prima pagina del registro didattico e/o registro delle attività svolte dai
professionisti vidimato dal Dirigente Scolastico, da cui risultino gli allievi frequentanti il corso,
con relative presenze durante il primo giorno di attività progettuale;
-
descrizione dell’attività firmata dal docente e/o dal professionista che hanno svolto la prima ora
del progetto; elenco dei docenti, dei tutor tecnologici e del personale ATA per ciascun singolo
progetto didattico .
L’Autonomia scolastica si impegna inoltre:
-
a individuare tra il personale docente le figure coinvolte nelle attività di tutoraggio;
-
a selezionare i collaboratori scolastici e gli assistenti amministrativi tra gli iscritti nelle
graduatorie permanenti ed elenchi ad esaurimento;
-
a comunicare in via preventiva le eventuali variazioni del personale docente e non docente
assegnato, con formale rinuncia rilasciata dal personale sostituito unitamente al suo
9
documento di identità. Tale documentazione dovrà essere conservata, a cura di ogni singola
Autonomia scolastica, a disposizione di eventuali controlli da parte della Regione;
-
a rispettare la normativa in materia fiscale e previdenziale e la normativa vigente in materia di
rapporto di lavoro. Nel calcolare le voci di spesa si dovrà tener presente che il costo di ogni
docente, del personale ATA e dei professionisti assegnati nelle diverse linee è da intendersi
onnicomprensivo degli oneri fiscali, previdenziali e assistenziali, nella misura in vigore nel
periodo di riferimento, a carico dell’Autonomia committente e del personale contrattualizzato;
-
a rispettare le disposizioni comunitarie e regionali in tema di “informazione e pubblicità” previste
per il PO FSE 2014/2020 - Regione Autonoma della Sardegna e dal Reg. (CE) 1303/2013 e le
relative prescrizioni PAC;
-
a consentire all’Amministrazione una costante verifica sullo stato di attuazione delle attività
affidate impegnandosi a comunicare tutte le informazioni e i dati richiesti dalla Regione
Sardegna per la valutazione e/o il monitoraggio fisico, procedurale e finanziario delle attività
finanziate, al fine di assicurare la costante verifica sullo stato di attuazione delle stesse;
-
a fornire tramite il caricamento sul sistema di monitoraggio regionale (SIL) i seguenti dati da
mettere a disposizione delle verifiche che saranno condotte dall’Assessorato della Pubblica
Istruzione:

dati di avanzamento procedurale: avvio, sospensioni e conclusione dell’operazione;

dati di avanzamento fisico relativi ai destinatari (ed eventuali altre unità previste ad es.
ore);

dati di avanzamento finanziario relativi alla spesa effettivamente sostenuta (o nel caso
di operazioni attuate mediante unità di costo standard, i dati di attuazione in base ai
quali matura l’importo a cui il beneficiario ha diritto ad es. numero di ore, secondo le
specifiche che saranno fornite);
-
a richiedere agli interessati, in caso di dati sensibili e semi-sensibili, il consenso scritto al
trattamento degli stessi, ai sensi del comma 4 dell'art. 23 e articolo 26 del Codice, e a
trasmetterli al Servizio Istruzione;
-
a garantire la certificazione delle spese e tutti i dati finanziari, fisici e procedurali relativi alle
attività previste dal progetto finanziato secondo le modalità che saranno stabilite dalla Regione
Autonoma della Sardegna;
-
a conservare, conformemente a quanto previsto dalla normativa comunitaria, i documenti
relativi alla certificazione delle spese.
La modulistica relativa alle attività progettuali (registri, time-sheet,) sarà messa a disposizione
prima dell’inizio delle attività progettuali. Il link di riferimento verrà pubblicato tramite apposita
10
comunicazione nella sezione relativa all’avviso Tutti a [email protected] sul sito istituzionale di Sardegna
Ricerche.
Art. 9
Foro competente
Per eventuali controversie in ordine al presente atto è esclusivamente competente il Foro di
Cagliari.
Art. 10
Trattamento dei dati
Il Dirigente scolastico autorizza con il presente atto Sardegna Ricerche al trattamento dei dati per
gli adempimenti degli obblighi di legge e comunque ai fini necessari all’espletamento dell’attività
progettuale, alla valutazione dell’intervento ed alla gestione del finanziamento connesso, secondo
il D.Lgs. n. 196/2003 e s.m.e i.
Art. 11
Imposte e tasse
La presente convenzione è esente da ogni tipo di imposta o tassa, a termini dell’articolo 16, tab. B,
D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642, e sarà registrata in caso d’uso ai sensi del D.P.R. 26 aprile 1986,
n. 131.
Art. 12
CLAUSOLA DI ESONERO DI RESPONSABILITÀ
L’Autonomia scolastica solleva Sardegna Ricerche e la Regione Autonoma della Sardegna da
qualsiasi responsabilità derivante dall’esecuzione delle attività approvate, oggetto del contributo
concesso nei confronti dei terzi e per eventuali conseguenti richieste di danni nei confronti di
Sardegna Ricerche e della Regione. La responsabilità relativa ai rapporti lavorativi del personale
impegnato e ai contratti a qualunque titolo stipulati tra l’Autonomia scolastica e terzi fanno capo in
modo esclusivo all’Autonomia scolastica, che esonera espressamente la Regione da ogni
controversia, domanda, chiamata in causa, ragione e pretesa dovesse insorgere.
L’Autonomia scolastica si impegna altresì a risarcire Sardegna Ricerche e la Regione dal danno
causato dalla mancata osservanza degli obblighi assunti e derivanti in conseguenza della presente
convenzione.
L’autonomia scolastica e l’operatore economico esonerano Sardegna Ricerche da qualsivoglia
controversia conseguente ai rapporti contrattuali instaurati fra la scuola e l’operatore economico.
Art. 13
Tracciabilità
Con riferimento a quanto previsto all’art. 3 della Legge n. 136 del 13 agosto 2010 relativo alla
tracciabilità dei flussi finanziari, tutti i movimenti finanziari relativi alla presente convenzione devono
essere registrati sul conto corrente dedicato e effettuati tramite lo strumento del bonifico bancario
11
o postale. A tal fine l’Autonomia scolastica comunica entro 7 giorni dalla stipula della presente
convenzione gli estremi identificativi del conto corrente dedicato e le generalità e il codice fiscale
delle persone delegate ad operarvi, secondo il modello allegato 2.
Ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari, il bonifico bancario o postale deve riportare, in relazione
a ciascuna transazione posta in essere, il seguente codice unico di progetto (CUP):
G27H15001410002.
Nella convenzione tra l’operatore economico e l’Autonomia scolastica dovrà essere indicato anche
il codice identificativo di gara (CIG) richiesto dall’Autonomia scolastica.
FIRMA DIGITALE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE
DELL’AUTONOMIA SCOLASTICA
(firmare digitalmente il documento)
FIRMA DIGITALE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE
DI SARDEGNA RICERCHE
Si approvano espressamente ai sensi e per gli effetti dell’art. 1341 c.c. le clausole contenute negli
articoli: 7 (termine e proroga), 8 (decurtazioni finanziarie per violazioni), 9 (Foro competente), 12
(esonero da responsabilità).
FIRMA DIGITALE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE
DELL’AUTONOMIA SCOLASTICA
(firmare digitalmente il documento)
Allegato 1: Contenuti minimi dell’incarico all’operatore economico
Allegato 2: Tracciabilità dei flussi finanziari
Allegato 3: Scheda progettuale sintetica del Laboratorio didattico
12
ALLEGATO 1
ALLA CONVENZIONE TRA
SARDEGNA RICERCHE E AUTONOMIA SCOLASTICA
Contenuti minimi dell’incarico all’operatore economico (che possono essere integrati
dall’Autonomia Scolastica in relazione alle specifiche caratteristiche dell’incarico).
CUP: G27H15001410002
CIG: ……………………………….
Oggetto dell’incarico
L’incarico ha ad oggetto l’affidamento all’operatore economico delle attività relative al Laboratorio
didattico denominato “APPMOB” meglio descritto nell’allegato 1 e ammesso da Sardegna Ricerche
al Catalogo dei Laboratori didattici innovativi con determinazione del Direttore Generale n. 243 del
23/02/2016, nell’ambito del Progetto “Tutti a [email protected] - versione integrale. Azioni di contrasto alla
dispersione scolastica e per il miglioramento delle competenze di base degli studenti. Anno scolastico
2015-2016” – Linea B.
Il laboratorio, a carattere extracurriculare, ha quale beneficiario delle relative attività l’Autonomia
scolastica e dovrà essere realizzato in un arco temporale compreso tra la stipula della convenzione
ed il 15 giugno 2016.
Nello svolgimento dell’incarico l’operatore economico dovrà interfacciarsi solo con l’Autonomia
scolastica.
L’operatore economico dovrà avvalersi di un gruppo di lavoro composto da almeno tre unità di
personale per progetto laboratoriale secondo quanto di seguito indicato:
- scuole secondarie di secondo grado: 72 ore come da calendario con la presenza di non meno di 2
persone per 72 ore e di 1 persona per 40 ore.
L’operatore economico dovrà realizzare il Laboratorio utilizzando la struttura organizzativa e il
gruppo di lavoro valutati e ammessi al Catalogo dei Laboratori Didattici Innovativi; non è pertanto
consentito di esercitare forme di intermediazione dei servizi verso altri operatori economici attraverso
l’affidamento della realizzazione di tutto o di parte del lavoro del quale è stato incaricato.
I requisiti soggettivi ed oggettivi richiesti ai fini della partecipazione all’avviso devono sussistere fino
alla definitiva conclusione delle iniziative ammesse ed in ogni caso fino alla scadenza dei termini per
la rendicontazione delle spese.
13
L’Autonomia scolastica si impegna a garantire una dotazione organizzativa minima che preveda il
coinvolgimento delle seguenti figure professionali:
a. un Tutor d’aula per progetto (nei limiti delle ore previste potranno alternarsi più figure);
b. altre figure di supporto, a scelta dell’Autonomia, ritenute necessarie ai fini di garantire
l’apertura della scuola.
Il laboratorio dovrà essere frequentato da un numero minimo di 10 studenti a un massimo di 25 e per
almeno il 70% delle ore complessive del corso, pena la revoca del finanziamento.
Spese ammissibili e rendicontazione forfettaria
Conformemente alle opzioni di semplificazione di costo previste dal “Regolamento (Ue) n.
1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante disposizioni comuni
sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo
europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e
disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo
di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE)
n. 1083/2006 del Consiglio”, il rimborso dei costi sostenuti assume la forma di somma forfettaria ex
articolo 67, paragrafo 1, comma 1, lettera c) e paragrafo 5, lettera a) ed ex articolo 68, paragrafo 1,
comma 1, lettera b) del Regolamento.
Sono riconosciute quali spese ammissibili:
a)
progettazione dell’intervento
b)
risorse umane (personale dipendente, risorse umane esterne)
c)
elaborazione testi didattici o dispense
d)
utilizzo attrezzature e strumentazioni
e)
viaggi e trasferte
f)
materiali di consumo
g)
costi indiretti
L’operatore economico deve sempre essere in grado di produrre i documenti giustificativi relativi alle
spese di propria competenza. Si richiamano le disposizioni del Vademecum per le parti di interesse.
Per la realizzazione del Laboratorio didattico è previsto un importo forfettario onnicomprensivo (IVA
inclusa, se dovuta), massimo, di euro 17.200,00 e in ogni caso nel rispetto dell’importo approvato
con determinazione del Direttore generale di Sardegna Ricerche.
In ogni caso le spese dovranno essere funzionali agli obiettivi del progetto di laboratorio presentato
e commisurate allo svolgimento delle attività in esso previste.
Obblighi dell’operatore economico
L’operatore economico con l’accettazione dell’incarico assume i seguenti obblighi, pena la revoca e
conseguente rimborso delle somme percepite maggiorate degli interessi al tasso di riferimento fissato
periodicamente dalla Commissione Europea vigente alla data di emissione dello stesso
provvedimento di revoca:
a) avviare l’intervento e darne comunicazione, per il tramite dell’Autonomia scolastica, a
Sardegna Ricerche entro il 15 marzo 2016 o diversa data stabilita dalla convenzione (salvo
nei casi in cui il mancato avvio derivi da cause non dipendenti da proprie responsabilità);
b) ultimare l’iniziativa entro il 15 giugno 2016;
c) garantire il rispetto della normativa in materia di appalti pubblici ove applicabile;
14
d) rispettare la normativa ambientale e quella in materia di pari opportunità e non
discriminazione;
e) garantire il rispetto della normativa antiriciclaggio;
f) rispettare gli obblighi connessi alla rendicontazione delle spese e a garantire la completezza
della documentazione amministrativa, tecnica e contabile degli interventi (sia sotto il profilo
formale che di ammissibilità e corrispondenza delle spese rendicontate);
g) rendere disponibile su richiesta di Sardegna Ricerche la documentazione per i controlli
amministrativi e contabili sullo stato di attuazione del progetto ai sensi della normativa
regionale, nazionale ed europea e a garantire la massima collaborazione al fine di agevolare
tali verifiche;
h) garantire che le spese rendicontate siano reali e che le attività siano svolte conformemente a
quanto previsto in sede di approvazione dell’intervento;
i) garantire che non sussista un doppio finanziamento delle spese dichiarate nelle domande di
liquidazione attraverso altri programmi nazionali o comunitari. L’impegno a garantire il
rispetto della suddetta condizione permane anche successivamente alla chiusura
dell’intervento;
j) rispettare gli adempimenti in materia di informazione e pubblicità secondo le previsioni di
cui al Reg. 1303/2013 relative agli interventi informativi e pubblicitari concernenti le
operazioni finanziate;
k) conservare tutti i documenti relativi al progetto sotto forma di originali o di copie autenticate
su supporti comunemente accettati, che comprovano l’effettività della spesa sostenuta;
l) dare immediata comunicazione all’Autonomia scolastica beneficiaria e a Sardegna Ricerche
della volontà di rinuncia mediante lettera raccomandata A/R o PEC;
m) dare tempestiva informazione circa l’insorgere di eventuali procedure amministrative o
giudiziarie concernenti il progetto;
n) comunicare tempestivamente a Sardegna Ricerche eventuali richieste di variazioni
progettuali, concordate con l’Autonomia scolastica. In caso di effettiva necessità, nella fase
di attuazione del piano verrà data la possibilità, previa approvazione da parte di Sardegna
Ricerche, di una eventuale rimodulazione dello stesso, che non implichi una modifica
sostanziale del progetto;
o) comunicare a Sardegna Ricerche, alla conclusione dell’intervento il grado di conseguimento
degli obiettivi fissati quantificando, tra l’altro, gli indicatori fisici di realizzazione, risultato e
impatto previsti;
p) garantire che l’intervento sia conforme alle norme comunitarie, nazionali e regionali
applicabili per l’intero periodo di attuazione;
q) possedere una situazione di regolarità contributiva per quanto riguarda la correttezza nei
pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di
INPS e INAIL;
r) restituire le somme erogate (maggiorate di interessi al tasso legale dalla data dell’evento che
ha dato luogo alla revoca) in caso di inadempimento degli impegni assunti che abbiano
comportato la revoca (totale o parziale) del finanziamento o di mancata esecuzione
dell’intervento;
s) comunicare le variazioni intervenute nello status giuridico e operativo che alterino o
modifichino la sua condizione di soggetto beneficiario;
t) applicare nei confronti dei lavoratori dipendenti le norme sul lavoro e dei contratti collettivi
di lavoro;
u) rispettare la normativa e le regole di condotta necessarie al corretto e sicuro svolgimento delle
attività laboratoriali.
v) rispettare gli obblighi di tracciabilità previsti dal presente incarico.
15
Liquidazione
Sardegna Ricerche provvederà alla liquidazione dell’importo del laboratorio all’operatore
economico, in nome e per conto dell’Autonomia scolastica.
Il pagamento potrà essere effettuato da Sardegna Ricerche, sia in anticipazione che a saldo, solo dopo
il trasferimento delle risorse finanziarie da parte della Regione Autonoma della Sardegna.
La liquidazione potrà avvenire solo a seguito di trasmissione di certificazione di corretto svolgimento
e conclusione delle attività del laboratorio da parte della Autonomia scolastica e dietro verifica
tecnica e amministrativa da parte di Sardegna Ricerche della documentazione presentata.
Tutta la documentazione necessaria per la verifica e la liquidazione degli importi, anche all’operatore
economico, dovrà essere trasmessa a cura dell’Autonomia scolastica.
Entro 30 giorni dalla data stabilita per la conclusione delle attività del progetto, l’Autonomia
scolastica dovrà richiedere l’erogazione dell’importo con la presentazione della – Domanda di
liquidazione - a mezzo PEC, con firma digitale, all’indirizzo [email protected], o a
mano, secondo gli orari richiamati al precedente art. 8, o a mezzo raccomandata A/R indirizzata a:
Sardegna Ricerche, via Palabanda 9, 09123 Cagliari (CA), riportante sulla busta la dicitura:
“Sardegna Ricerche – Avviso Pubblico “LABORATORI DIDATTICI INNOVATIVI E MODELLI
DI APPRENDIMENTO DIGITALE” – Domanda di liquidazione”.
Si sottolinea la necessità per l’operatore economico di raccordare i tempi di presentazione della
documentazione all’Autonomia scolastica, con i tempi per la stessa stabiliti dall’Avviso
dell’Assessorato della Pubblica Istruzione.
L’operatore economico dovrà predisporre i seguenti documenti:
- relazione tecnica finale sul progetto realizzato, contenente la descrizione dettagliata delle
attività concretizzate e copia degli indicatori di monitoraggio previsti nel progetto approvato.
La documentazione dovrà essere trasmessa anche su supporto elettronico;
- elenco spese sostenute per il progetto come da modello che sarà fornito successivamente da
Sardegna Ricerche;
- fattura/nota di pagamento intestata all’Autonomia scolastica.
Qualora il progetto sia stato realizzato parzialmente, Sardegna Ricerche procederà ad una valutazione
della realizzazione parziale e all’eventuale riduzione dell’importo ammesso ovvero al mancato
riconoscimento dello stesso ove risultassero profondamente modificati i presupposti del progetto per
cause riconducibili al soggetto richiedente.
L’importo verrà erogato da Sardegna Ricerche in nome e per conto dell’Autonomia scolastica,
subordinatamente al trasferimento delle risorse finanziarie da parte della Regione Autonoma della
Sardegna, dietro verifica della regolarità contributiva, secondo le due seguenti modalità:
a) Anticipazione fino al 50% dell’importo ammesso, dietro autorizzazione dell’Autonomia
scolastica beneficiaria:
- stipula della convenzione per il progetto, dietro presentazione, entro 30 giorni dall’inizio delle
attività del laboratorio, a Sardegna Ricerche di fideiussione bancaria o polizza assicurativa
irrevocabile, incondizionata ed escutibile a prima richiesta secondo lo schema fornito da
Sardegna Ricerche pubblicato sul sito internet, di importo corrispondente all’anticipazione
richiesta;
- saldo dell’importo complessivo a seguito di presentazione della rendicontazione finale.
16
La garanzia fideiussoria dovrà essere prestata fino al 31.12.2016 e si intenderà prorogata
automaticamente di sei mesi qualora non venga data da Sardegna Ricerche comunicazione di svincolo
Sardegna Ricerche autorizza lo svincolo della garanzia fideiussoria al ricevimento e alla verifica
positiva della rendicontazione finale presentata dal richiedente, per un importo totale pari al costo
complessivo del progetto.
b) Liquidazione in un’unica soluzione:
- liquidazione in unica soluzione a seguito della presentazione da parte dell’Autonomia
scolastica della relazione tecnica finale e della rendicontazione della spesa. L’importo sarà
erogato sulla base del provvedimento di determina del Direttore Generale di Sardegna
Ricerche, a seguito della positiva verifica tecnica del progetto e della positiva verifica
amministrativa. A tal fine l’operatore economico consegnerà all’Autonomia scolastica la
relazione tecnica e l’ulteriore documentazione per la liquidazione.
Il provvedimento di liquidazione specifica l’ammontare dell’importo riconosciuto rispetto ai costi
previsti nel progetto approvato e rendicontati dal richiedente.
La verifica del progetto prevede:
Verifica tecnica
La verifica tecnica consiste in un controllo della realizzazione. La verifica sarà completata entro 30
giorni dalla data di ricezione della domanda di liquidazione presentata dall’operatore economico.
Verifica amministrativa
La verifica amministrativa consiste nella verifica della validità della documentazione di spesa
presentata. La verifica amministrativa sarà completata entro 60 giorni dalla data di ricezione della
domanda di liquidazione dell’importo.
E’ considerata valida solo la documentazione di spesa in regola con le vigenti leggi fiscali e con la
dimostrazione dell’avvenuto pagamento.
I pagamenti dei titoli di spesa devono essere regolati esclusivamente attraverso bonifico bancario o
ricevuta bancaria. Saranno esclusi da rimborso gli importi pagati per contanti e gli importi che
risultino regolati mediante compensazioni di qualsiasi genere.
Sardegna Ricerche esaminerà tale rendicontazione e verificherà, con un giudizio di congruità e di
pertinenza le spese evidenziate.
Sardegna Ricerche emanerà, entro 30 giorni dalla conclusione della verifica tecnica e amministrativa,
il provvedimento di liquidazione con determinazione del Direttore Generale e lo trasmetterà
all’operatore economico ed alla Autonomia scolastica beneficiaria.
Revoca
L’accertamento di eventuali inosservanze delle regole previste dall’Avviso per l’ammissione al
Catalogo dei Laboratori didattici innovativi o l’eventuale difformità dell’intervento realizzato rispetto
all’intervento ammesso, determinerà la revoca del rimborso da parte di Sardegna Ricerche, fatto salvo
quanto stabilito dall’art.11, comma 8, lett. n., dell’Avviso in merito alla richiesta di variazioni
progettuali.
In ogni caso Sardegna Ricerche dispone la revoca totale quando:
a. i richiedenti non rispettino i requisiti e gli obblighi previsti dall’Avviso e dalla normativa di
riferimento;
b. i richiedenti non destinino l’importo agli scopi indicati nella domanda;
17
c. i richiedenti rilascino notizie o dichiarazioni inesatte o reticenti;
d. i richiedenti subiscano protesti, procedimenti conservativi o esecutivi o ipoteche giudiziali o
compiano atti che possano diminuire la consistenza patrimoniale e/o economica o non rispettino gli
obblighi assunti verso Sardegna Ricerche.
In caso di revoca totale, i richiedenti dovranno restituire l’intero ammontare ricevuto, maggiorato
degli interessi legali.
In caso di revoca parziale, Sardegna Ricerche provvede al calcolo proporzionale dell’importo
ammesso e i richiedenti devono restituire la quota proporzionale dell’importo eventualmente
percepito indebitamente, maggiorato degli interessi legali.
Monitoraggio e controlli
Sardegna Ricerche, avvalendosi della partecipata CRS4 Surl, svolgerà periodica attività di
monitoraggio e controllo sullo stato di attuazione degli interventi, anche attraverso sopralluoghi
ispettivi. L’attività mirerà ad accertare la corretta realizzazione dell’intervento, nonché la veridicità
delle dichiarazioni e della documentazione presentate sulla base di quanto previsto dalla normativa
comunitaria, nazionale e regionale e dall’Avviso Pubblico in oggetto.
Clausola di esonero di responsabilità
L’operatore economico solleva l’Autonomia scolastica, Sardegna Ricerche e la Regione Autonoma
della Sardegna da qualsiasi responsabilità derivante dall’esecuzione delle attività del laboratorio nei
confronti dei terzi e per eventuali conseguenti richieste di danni nei confronti dell’Autonomia
scolastica, Sardegna Ricerche e della Regione. La responsabilità relativa ai rapporti lavorativi del
personale impegnato e ai contratti a qualunque titolo stipulati tra l’operatore economico e terzi fanno
capo in modo esclusivo all’operatore economico, che esonera espressamente l’Autonomia scolastica,
Sardegna Ricerche e la Regione da ogni controversia, domanda, chiamata in causa, ragione e pretesa
dovesse insorgere.
L’operatore economico si impegna altresì a risarcire l’Autonomia scolastica, Sardegna Ricerche e la
Regione dal danno causato dalla mancata osservanza degli obblighi assunti e derivanti dall’incarico.
L’Autonomia scolastica e l’operatore economico esonerano Sardegna Ricerche da qualsivoglia
controversia conseguente ai rapporti contrattuali instaurati fra la scuola e l’operatore economico.
Tracciabilità
Con riferimento a quanto previsto all’art. 3 della Legge n. 136 del 13 agosto 2010 relativo alla
tracciabilità dei flussi finanziari, tutti i movimenti finanziari relativi alla convenzione devono essere
registrati sul conto corrente dedicato e effettuati tramite lo strumento del bonifico bancario o postale.
A tal fine l’operatore economico comunica entro 7 giorni dalla stipula della convenzione gli estremi
identificativi del conto corrente dedicato e le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad
operarvi.
Ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari, il bonifico bancario o postale deve riportare, in relazione
a ciascuna transazione posta in essere, il codice unico di progetto “CUP: G27H15001410002” e il
codice identificativo di gara (CIG).
……………………………………………………………………………………………………
18
Si approvano espressamente ai sensi e per gli effetti dell’art. 1341 c.c. le clausole contenute negli
articoli relativi a:
-
liquidazione e verifiche
-
esonero da responsabilità;
-
revoca;
………………………………………………………………………………………………………
Allegato 1: progetto in versione integrale del Laboratorio didattico
Allegato 2: tracciabilità dei flussi finanziari
19
ALLEGATO 2
ALLA CONVENZIONE TRA
SARDEGNA RICERCHE E AUTONOMIA SCOLASTICA
Spett.le
Sardegna Ricerche
Via Palabanda, 9
09123 Cagliari
OGGETTO: Progetto “Tutti a [email protected] Linea B”.
In relazione alla convenzione firmata in data ……………………. nell’ambito del Progetto
“Tutti a [email protected] Linea B” il/la sig/ra …………………………….……. in qualità di Dirigente
scolastico dell’Autonomia Scolastica ……………………………………………………………,
per assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3, della legge n. 136 del 13/8/2010,
comunica quanto segue:
ai sensi del comma 7 dell' Art 3 della legge citata, di seguito si indicano gli estremi del/i conto/i
dedicato/i
Istituto Bancario:
IBAN (composto da 27 caratteri)
Sono abilitati ad eseguire movimentazioni sul predetto conto i sotto elencati n.
soggetti:
nome ................... cognome ............... e codice fiscale…………………………….
nome .................... cognome .............. e codice fiscale ..........................................
nome .................... cognome .............. e codice fiscale ..........................................
nome .................... cognome................ e codice fiscale ..........................................
nome .................... cognome .............. e codice fiscale ............................................
(N.B. qualora si volessero indicare più conti, sarà cura della società integrare il presente atto
con l'indicazione degli estremi degli ulteriori conti e i dati dei soggetti abilitati alla movimentazione)
20
L’Autonomia scolastica si impegna a comunicare a Sardegna Ricerche ogni eventuale
variazione relativa al/i predetto/i conto/o corrente/i e ai soggetti autorizzati ad operare su di esso/i.
L’Autonomia scolastica, inoltre, si obbliga ad inserire nei contratti sottoscritti con tutti i
contraenti a qualsivoglia titolo coinvolti nel progetto un'apposita clausola, a pena di nullità assoluta,
con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità finanziaria prescritti dalla legge.
L’Autonomia scolastica si impegna, altresì, a trasmettere i predetti contratti a Sardegna
Ricerche, stante l'obbligo di verifica imposto dal comma 9 del predetto art. 3 della legge n 136/2010.
L’Autonomia scolastica accetta che Sardegna Ricerche provveda alla liquidazione del
corrispettivo, a mezzo bonifico bancario sull'istituto di credito o su Poste Italiane S.p.A. e sul numero
di conto corrente dedicato indicato nella presente clausola, secondo quanto disposto dal contratto in
questione, sulla base della consuntivazione dei servizi/forniture effettivamente prestati.
L’Autonomia scolastica riconosce a Sardegna Ricerche la facoltà di risolvere in ogni momento
il contratto o di revocare il beneficio qualora venisse accertato il mancato rispetto dell'obbligo di
effettuare tutte le transazioni relative al beneficio in oggetto attraverso l’utilizzo dei conti correnti
dedicati accesi presso le banche o la società Poste Italiane SpA così come previsto dalla legge n.
136 del 13 agosto 2010.
…………………………., lì ……………………………………………
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
21
ALLEGATO 3
ALLA CONVENZIONE TRA
SARDEGNA RICERCHE E AUTONOMIA SCOLASTICA
Dettagli Scheda progettuale
Titolo:
APPrendere i vantaggi della MOBilità sostenibile
Acronimo:
APPMOB
Soggetto proponente:
GreenShare SRL
Sito web:
www.greenshare.it
Laboratorio:
Coding, Bisogni e Strumenti
Autonomie scolastiche destinatarie (Grado):
Secondarie di secondo grado
Ambiti Territoriali:
Cagliari e Oristano
Obiettivo Generale:
L'obiettivo generale che si vuole raggiungere durante il progetto APPMOB è dare agli studenti la
possibilità di creare un'applicazione per dispositivi mobile che permetterà di apprendere i vantaggi che
vengono generati dall'utilizzo di iniziative di mobilità sostenibile.
Metodologia:
Il progetto vuole quindi far scoprire agli studenti le potenzialità della realizzazione di un'app nativa per
smartphone/tablet. Lo scopo principale è quello di fornire l'approfondimento di un linguaggio di
programmazione (Java o Objective-C) attraverso un riscontro pratico dell'utilizzo del linguaggio stesso,
che quindi non risulterà soltanto un insieme di nozioni e regole, ma darà forma ad un risultato pratico.
Altro obiettivo molto importante del progetto APPMOB è quello di fornire uno spunto critico sul tema
della mobilità, fornendo la possibilità di realizzare uno strumento di sensibilizzazione verso le pratiche
sostenibili.
22
Attività previste:
In sostanza si vuole realizzare un'applicazione nativa per dispositivi mobili (Android o iOS), che
interfacciandosi con sistemi esterni che forniscono informazioni riguardo la mobilità (es. Google Transit,
CLACSOON, BusFinder), possa calcolare per ogni percorso inserito una serie di key performance
indicators (KPI) della sostenibilità del mezzo scelto. Ad esempio per il percorso quotidianamente svolto
da casa a scuola, sarà possibile valutare per vari mezzi di trasporto (autobus, auto privata, bici,
scooter, ecc) la CO2 emessa, le kcal consumate, il costo monetario, ecc.
Risultati attesi:
- Conoscenza delle potenzialità tecnologiche dello sviluppo di app native per smartphone/tablet Sviluppo di attitudine al co-working e utilizzo di metodologie di lavoro di gruppo, anche tramite strumenti
online, per lo sviluppo di progetti comuni - Sviluppo di capacità di progettazione e problem solving Sviluppo di capacità di raccolta e analisi informazioni, anche attraverso piattaforme online - Incremento
delle competenze tecniche nello sviluppo di soluzioni digitali - Sviluppo della consapevolezza della
relazione tra progettazione ed esecuzione digitale - Sensibilizzazione rispetto alla tematica della
mobilità sostenibile - Sviluppo di capacità di public speaking, esponendo i risultati raggiunti
Giorni disponibili:
Da lunedì a venerdì
Attrezzature e strumentazione:
2 Tablets 2 Smartphone 4 Pc
Attività esterne all'ambito scolastico:
Non disponibile
23

Documenti analoghi