TS n. 1720 pag. 08

Commenti

Transcript

TS n. 1720 pag. 08
8
SPETTACOLO
DOMENICA 5 febbraio 2012
ANTICA CARTOGRAFIA D'ITALIA
di Carla GUIDI
In occasione delle Celebrazioni
per i 150 anni dell'Unità d'Italia, la
mostra, ospitata presso il Complesso del Vittoriano, vuole proporre una raccolta di circa 200
antiche carte geografiche d'Italia e
stampe di battaglie del Risorgimento della collezione Gianni
Brandozzi realizzate dal XV al XX
secolo. L'esposizione, a cura
dell'Unità Tecnica di Missione per
le celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia - Presidenza
del Consiglio dei Ministri e
dell'Associazione Culturale Giovane Europa, è organizzata e realizzata da Comunicare Organizzando di Alessandro Nicosia. La
rassegna si articola in quattro aree
tematiche. Il percorso tra le antiche
carte d'Italia dal XV al XIX secolo
inizia dalle affascinanti immagini
delle prime carte tolemaiche, con
un'Italia appena abbozzata. Da
questi spunti iconografici, inizia
un graduale processo raffigurativo
che porterà, nel giro di un secolo,
ad immagini sempre più dettagliate e rispettose della realtà. In particolare sarà esposta la prima carta
d'Italia a stampa del 1478. Tra le
opere esposte si segnala "La Tabula Peutingeriana", la carta costantiniana realizzata nel IV secolo raffigurante l'itinerario di viaggio
all'interno di tutto l'impero romano. Si tratta quindi della più antica
carta da viaggio non solo d'Italia,
ma d'Europa e paesi limitrofi.
L'opera esposta è stata stampata in
Italia ed è composta da 12 fogli per
una lunghezza totale di circa 8
metri. All'interno della mostra sarà
possibile ammirare preziose rappresentazioni moderne del '500 e
'600, l'Italia di Augusto Sylvanus
del 1511 prima carta stampata a
due colori in xilografia, opere del
cartografo veneziano Coronelli,
l'Italia figurata del Wischer, rare
carte seicentesche dello Scherer
che mancano alle principali biblioteche italiane, inclusa la biblioteca
Vaticana. Carta simbolo della
mostra è “Panorama Italiano” del
1861, voluta da Cavour per festeggiare la nascita del nuovo stato. La
carta, molto rara, manca alle principali biblioteche d'Italia. Molto
ricco è l'apparato delle carte risorgimentali con delle vere chicche
inedite sulla guerra del '48 a Roma
con stampe da dagherrotipi.
L'ultima sezione è dedicata
all'Italia nelle carte satiriche, una
raccolta di carte umoristiche dove
vengono rappresentate le tensioni
politiche dei vari paesi d'Europa
tra '800 e '900. La mostra diventa
così un importante strumento di
approfondimento, una sorta di
grande lente di ingrandimento che
facilita la lettura della storia e la
ricerca delle origini d'Italia.
Come sottolinea Paolo Peluffo,
Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e
Consulente del Presidente del Consiglio per le Celebrazioni del 150°
Anniversario dell'Unità d'Italia
durante l'anno delle Celebrazioni “C'è un solo simbolo, nelle ricerche sull'immaginario sedimentato
nelle abitudini mentali degli italiani, che contenda al tricolore la
natura di segno principe
dell'identità nazionale. E' lo stivale; la penisola. Con la sua forma
così peculiare è la cartina geografica dell'Italia che assume forma di
simbolo e che taluni pensano addirittura di iscrivere nel bianco della
nostra bandiera, tanto essa appare
caratterizzante di chi siamo, anzi
di “dove” siamo […] Che cosa
sarebbe successo se i direttori del
Ministero dell'Istruzione del 1861
avessero scelto una carta diversa
per le nostre scuole? Se per esempio, avessero scelto la carta che ci
propone la Collezione Brandozzi,
realizzata proprio nel 1861 con
l'Italia vista dalle Alpi, dall'alto
letteralmente. A noi, vista così,
appare a rovescio, ma evidentemente non è così: è semplicemente
l'Italia vista dall'Europa […] Que-
sta Italia della piantina Brandozzi
non è affatto rovesciata, anzi è
posta nella giusta prospettiva: si
capisce l'importanza del mare, che
è la dimensione del possibile sviluppo economico e civile
dell'Italia, dimostra che il Sud
d'Italia non c'è: è il mare; dimostra
la proiezione e la vicinanza fisica
della Grecia, della penisola balcanica, della Tunisia. Ripartiamo
dunque dalla geografia, dalle car-
Carnevale di Roma 2012
Il ritorno alla tradizione Carnascialesca
di Nicola IACOVINO
Dall'11 al 21 Febbraio 2012 tornerà il Carnevale nella città eterna. L'iniziativa
promossa da Roma Capitale, l'Assessorato alle Politiche Culturali e Centro
Storico e dal Comitato per il Carnevale Romano, permetterà di offrire per il
quarto anno consecutivo tutte le tipologie di rappresentazioni artistiche di
piazza che hanno contribuito fin dal Rinascimento a rendere Roma il polo
delle festività legate alla tradizione del Carnevale. Grazie anche all'enorme
numero di spettatori arrivato a quota 600.000 durante la passata edizione,
questo anno si è deciso di coinvolgere maggiormente il pubblico organizzando
eventi che si estendessero per tutto il tessuto urbano, dal centro alle periferie.
Naturalmente anche per questa edizione ventura il vero cuore pulsante della
manifestazione sarà rappresentato dall'arte equestre. In omaggio alla ben nota
corsa rinascimentale che vedeva i cavalli barberi sfidarsi lungo via del Corso,
verranno allestite a Piazza del Popolo una serie di entusiasmanti rappresentazioni equestri, ideate da Marco Lepre e organizzate dall'Accademia del Teatro
Equestre in collaborazione con il Dipartimento Tutela Ambientale e del VerdeProtezione Civile di Roma Capitale e l'assistenza della Federazione Italiana
Sport Equestri. Dopo molti anni il desiderio di riportare nella città eterna la
lunga e gloriosa tradizione dello sport e delle manifestazioni legate al mondo
equestre si è resa improrogabile. L'eccellenza italiana in questi sport per anni
relegata in alcune importanti ma fin troppo specializzate manifestazioni, basti
pensare a Piazza di Siena, aveva bisogno di uno spazio che permettesse la
fruibilità , anche ai possibili nuovi appassionati. Per tutti questi motivi il Carnevale Romano prende il via sabato 11 Febbraio alle ore 16.00 con la grande
sfilata di apertura su via del Corso, coordinata da Alessandro Salari per
l'Accademia del Teatro Equestre, cui prenderanno parte oltre cento cavalli,
carrozze, figuranti in costume, attori della commedia dell'arte e artisti equestri. Quello che per decenni è stato considerato il divertimento del volgo parimenti ad altre forme di arte minori è stato profondamente rivalutato. Un patrimonio di costume e tradizioni dell'italianità che altrimenti sarebbe andato
perduto, ha finalmente la possibilità di riemergere. Il tema del Carnevale 2012
sarà quello dei viaggi e delle grandi scoperte grazie anche all'ausilio dei
magnifici costumi del Teatro dell'Opera di Roma , scelti da Anna Biagiotti.
Fondamentale, per la riuscita della manifestazione di apertura, anche la partecipazione della fanfara a cavallo dell'VIII Reggimento dei Lanceri di Montebello, il IV Reggimento Carabinieri a cavallo , la Polizia e il Corpo forestale
dello Stato oltre alle rappresentanze buttere del Lazio. Da segnalare lo spettacolo diretto da Umberto Scotti “I cavalli di Roma” (sabato 18 e domenica 19
alle ore 18.15), che vedrà la partecipazione di alcuni tra i più celebri artisti
mondiali. Questa rappresentazione ,dopo una tournèe internazionale, che ha
permesso ai suoi artisti di esibirsi al cospetto della Regina di Inghilterra,
dell'Emiro del Qatar, dei Reali della Malesia, del Marocco e della Giordania,
ha tra i suoi principali protagonisti personalità del calibro di: Alizee Froment,
campionessa francese di dressage, Manolo del Theatre du Centaure e Lorenzo- The Flying Frenchman. Domenica 12 e giovedì 16 Febbraio alle ore 18.15
sarà la volta di “Arrivano i Nostri”, spettacolo tutto nazionale di arte equestre
con la voce narrante di A.Benvenuti e la regia di G. Coppetta. “I Pomeriggi di
arte equestre” si terranno invece il 13,14,15 e 20 Febbraio a partire dalle ore
15.00. Questa interessante iniziativa proporrà una spettacolare quanto didattica presentazione delle tradizioni e delle eleganti movenze dell'arte equestre.
Naturalmente la presenza di artisti appartenenti alla rosa dell'Accademia del
Teatro Equestre tra cui Gianluca Coppetta, Silver Massarenti, Andrea Giovannini, Pasquale Beretta e Bartolo Messina, assieme alle rappresentanze delle
forze militari e le rappresentanze buttere ,garantiranno delle esecuzioni indimenticabili. Non ci si può esimere dal citare anche la “Giornata dell'orgoglio
Buttero (Sabato 18 alle ore 15.00) e “La Grande storia della Cavalleria Militare Italiana” (Mecoledì 16 alle ore 15.00), due stupende iniziative tutte
all'insegna della radicata e antica tradizione equestre nazionale. Ma il Carnevale Romano non si esaurisce nelle iniziative dedicate agli appassionati delle
esibizioni equestri. Grazie all'Assessorato alle Politiche della Mobilità e del
Giunto alla sua quarta edizione
il Carnevale romano fa respirare
nuovamente ai cittadini ed ai turisti
i fasti rinascimentali
Trasporto Pubblico Locale e della Regione Lazio oltre che all'Assessorato al
Turismo della Regione Lazio, tutte le principali piazze del centro storico di
Roma, da Piazza del Popolo fino a Castel S. Angelo, diverranno dei veri e propri palcoscenici a cielo aperto per ospitare tutte le rappresentanze della Commedia dell'Arte. A questo riguardo non si può assolutamente mancare allo
spettacolo “Gli Innamorati Immaginari”, ideato e diretto da L.Petrillo, che si
terrà a Piazza Navona dal 12 al 21 Febbraio. A dimostrazione di una mobilitazione artistica polivalente non si può dimenticare il concerto “Toccata e Fuga
Magie di Carnevale”, ensemble di quattro voci accompagnate dal maestro
Sergio La Stella (11 Febbraio, Piazza del Popolo ore 18.15),come pure il balletto degli allievi della Scuola di ballo del Teatro dell'Opera di Roma “Suite dal
Don Chisciotte” (16 Febbraio ore 18.15 al Teatro Nazionale). Degna di nota
anche l'iniziativa “Musica in Maschera” che nella splendida cornice del
Museo di Roma Palazzo Braschi, presenterà un ciclo di cinque concerti che
spazieranno dal Barocco al Romanticismo. L'impegno viene confermato
anche da tutti i teatri del gruppo Agis Lazio i quali, per tutta la durata della
manifestazione, proporranno spettacoli e attività a tema per celebrare le festività del Carnevale Romano. Con il convegno a tema “Il Carnevale Romano
dall'Epoca antica ai Fasti Rinascimentali” nella sala della Protomoteca del
Campidoglio, tributo alle origini delle celebrazioni nella città eterna, le istituzioni universitarie capitoline metteranno a disposizione del pubblico un
importante strumento didattico per tracciare una linea cronologica che metta
in relazione il significato degli antichi festeggiamenti pagani e la loro evoluzione fino ai nostri tempi. A chiusura dei festeggiamenti il 21 Febbraio, martedì grasso, avranno luogo la sfilata dell' Accademia di Costume e Moda, le consuete esibizioni del Carosello del IV reggimento Carabinieri a Cavallo ed un
coinvolgente spettacolo pirotecnico in stile Barocco dalla terrazza del Pincio,
a cura del Gruppo IX Invicta. In breve questi festeggiamenti ,coinvolgendo
l'intera Capitale, daranno il giusto risalto alle tradizioni carnascialesche delle
nostre origini. Per tutte le altre informazioni circa gli eventi è possibile consultare il sito: www.carnevale.roma.it.
te, non certo pensando a una loro
oggettività, ma interrogandole per
le storie che ci raccontano. Questa
è l'esperienza eccezionale di questa straordinaria collezione […] E'
l'inizio di un nuovo viaggio che
abbiamo il dovere di tentare nel
150° anniversario dell'Unità
d'Italia”. FOTO: Heinrich Scherer
Italia in Atlas Marianus Augusta
1699 Incisione su lastra di rame
all'acquaforte - mm 354x235
Complesso del Vittoriano Gipsoteca. Piazza dell'Ara Coeli, 1 Roma –
Dal 1 febbraio al 4 marzo 2012
Orario: dal lunedì al giovedì 9.30 18.30; venerdì, sabato e domenica
9.30 - 19.30
INGRESSO GRATUITO Info:
06/69202049 [www.associazionegiovaneuropa.eu]
tel. 0736/256956
Auditorium Parco Della Musica
Fondazione musica per Roma
Mercoledì 15 febbraio
Equilibrio. Festival della Nuova danza.
Ottava edizione
Prima italiana
Compagnie Faso danse théatre /
Serge-Aimé Coulibaly
“Kohkuma 7ºsud”
Sala Petrassi ore 21
Biglietti 20 euro
Giovedì 16 febbraio
Equilibrio. Festival della Nuova danza.
Ottava edizione
Ugo Dehaes
“Women”
Sala Petrassi ore 21
Biglietti 20 euro
Giovedì 16 febbraio
Rassegna Dialogo
Paolo Fresu tromba
Ralph Towner chitarra
Sala Sinopoli ore 21
Biglietti 15 euro
Sabato 18 febbraio
Equilibrio. Festival della Nuova danza.
Ottava edizione
incontro con
Rachid Ouramdane
Sala Ospiti ore 19
Biglietti: 2 euro
Sabato 18 febbraio
Fabrizio Bosso e la I-Orchestra
“Enchantment”
Omaggio a Nino Rota
Sala Sinopoli ore 21
Biglietti 20 euro
Sabato 18 febbraio
Rassegna Cantando sotto la Storia
“Le canzoni di Sanremo”
Artisti ospiti:
Donatella Rettore e Amedeo Minghi
Teatro Studio ore 21
Biglietti 12 euro
Domenica 19 febbraio
Rassegna Lezioni di Musica
Franco Pulcini
“Musica e parola: Musorgskij e Janacek”
Sala Sinopoli ore 11
Biglietti 8 euro
Domenica 19 febbraio
Rassegna Lezioni di fumetto
Giorgio Cavazzano
Teatro Studio ore 18
Biglietti 8 euro
Domenica 19 febbraio
Equilibrio. Festival della Nuova danza.
Ottava edizione
L'A. / Rashid Ouramdanes
“Ordinary Witnesses”
Sala Petrassi ore 21
Biglietti 20 euro
INFO 06-80241281
www.auditorium.com

Documenti analoghi