Estate - Comune di Piombino

Commenti

Transcript

Estate - Comune di Piombino
2
n.
giugno
2003
notiziario
del comune
Estate
a Piombino
IL PROGRAMMA
DELL’ESTATE PIOMBINESE
ALL’INTERNO
SOMMARIO
Periodico d’informazione
del Comune di Piombino
GIUGNO 2003
3
La fabbrica del futuro
4
Stop ai bocconi avvelenati
5
Estate Piombinese 2003
12
Il “Giro” ed altri eventi
14
Fahrenheit 451
anno XXXIII n. 2 • giugno 2003
Direzione, redazione
amministrazione
Ufficio Stampa
via Ferruccio, 4
tel. 056563289
fax 056536290
e-mail: [email protected]
Grafica e impaginazione
Studiografico M
Piombino
tel. 0565224360
Stampa
Bandecchi & Vivaldi
Pontedera (PI)
tel. 0587483270
Distribuzione
Progetto lavoro
Piombino (LI)
tel. 0565220788
Aut. del Tribunale
di Livorno n. 320/78
Dir. resp. Renzo Pessi
Chiuso in tipografia il
6 giugno 2003
Tiratura
16.000 copie
Copertina
Golfo di Calamoresca e Punta Falcone
elaborazione da foto di Roberto Melillo
RUBRICHE
15
Novità e previsioni per la stagione 2003
16
Città dei Bambini: progetti e iniziative
18
Tutte le strade
portano a... Piombino
20
Il tesoro di Sant’Antimo
2 1 Circondario della
Val di Cornia
2 2 Presidente del
Consiglio Comunale
2 3 Commissione per le
Pari Opportunità
2 4 Gruppi Consiliari
2 8 Libri & dintorni
2 9 Brevi
Piombino Oggi è anche su internet: www.comune.piombino.li.it
GLI SPECIALI DI “PIOMBINO OGGI”
Insieme a questo numero di Piombino
Oggi, i lettori troveranno due pubblicazioni dedicate all’approfondimento
di temi particolarmente interessanti per
la comunità locale: il bilancio preventivo 2003 e lo sviluppo della Costa Est.
A chiare cifre è un’iniziativa di trasparenza e informazione, con la quale si è cercato di presentare nel modo più comprensibile i
contenuti di un documento molto complesso
(e quindi di difficile lettura), ma di importanza
fondamentale per la vita stessa della collettività, favorendo così la partecipazione consapevole dei cittadini alle decisioni e alle politiche dell’amministrazione.
Stessa spiaggia, stesso mare...
illustra invece le novità che, a partire da questa estate, interesseranno la costa est di Piombino e
il parco della Sterpaia. Gli speciali sono stati realizzati a cura della Redazione di Piombino Oggi, dove possono essere indirizzate critiche, commenti e suggerimenti per future pubblicazioni.
PIOMBINO
2
OGGI 2.2003
IL SINDACO
Sviluppo turistico e
acciaio pulito possono
coesistere, ma il governo
deve dimostrare di
credere nella siderurgia
e nell’industria
La fabbrica
del futuro
abbiamo superato la fase del “fumo uguale
pane” e da tempo abbiamo avviato il cammino di un percorso oggi piuttosto avanzato di
“indipendenza” dall’industria e pertanto non
ragioniamo “sotto ricatto”, ma per la convinzione di poter garantire meglio in questo
quadro una serena e stabile prospettiva economica ed occupazionale al territorio
nell’ambito di un processo che necessariamente e convenientemente deve essere
graduale e non “brusco”.
La nostra città ha quindi il diritto di pretendere dal Governo chiarezza ed interventi radicali di bonifica e disinquinamento rilocalizzando impianti, acquisendo
aree e riorganizzandole per garantire sviluppo ecompatibilità ambientale, dotando delle
migliori tecnologie gli impianti produttivi,
realizzando barriere visive, miglioramenti
paesaggistici ed aree “filtro” tra fabbrica e
città. Ed ha anche il diritto di poter realizzare questo progetto in tempi certi e sostenibili con la garanzia dell’attuazione che il Governo, mediante i Ministeri dell’ambiente
delle attività produttive, deve poter assicurare. In questo processo è ancora il Governo
che, ritenendo strategica la siderurgia, deve
garantire questo territorio da negative ripercussioni indotte dalle eventuali fasi recessive
del mercato o da crisi finanziarie dello stabilimento o del gruppo che possono pregiudicare una gestione di qualità della lavorazione o dei processi di disinquinamento. È ormai iniziata la
procedura per definire con Governo, Regione, Provincia, Comune uno specifico accordo
di programma che fissi con
certezza di tempi e di risorse
gli alti obiettivi che devono essere inderogabilmente raggiunti. Questo risultato sarà raggiunto se la città sarà capace
di presentarsi unita a questi
appuntamenti.
a nostra città ed il comprensorio negli
ultimi anni hanno fatto passi da gigante
verso la diversificazione economica. Lo
dimostra il dato relativo all’occupazione che
oggi registra per l’industria “soltanto” il 30%,
mentre nelle altre attività è occupato il 70%,
quando anni fa la situazione era esattamente
rovesciata. La crescita occupazionale si è
verificata nei servizi, nel turismo, nella
nautica, nell’agriturismo, nella stessa agricoltura ed in molti settori del commercio e delle piccole imprese artigianali e piccoli industriali. È proprio questa
nuova e tangibile situazione che – pur nel
suo insufficiente dimensionamento – lascia
intravedere ad alcuni la possibilità di un taglio netto con la nostra antica tradizione manifatturiera riguardante la grande industria siderurgica. La pesantezza delle condizioni
ambientali tuttora influente sull’intorno dello
stabilimento insieme alla obiettiva difficile
convivenza – nella situazione attuale – tra le
lavorazioni siderurgiche con il turismo in fase di progressivo sviluppo (insieme al potenziamento di altri settori che richiedono spazi
occupati da impianti dismessi o rilocalizzabili
come per il porto) fornisce argomenti seri ai
sostenitori di una scelta di “taglio” radicale.
Questo dibattito ha una sua dignità e non
può essere né sottovalutato né snobbato da
nessuno. Tuttavia penso che questo approccio sia profondamente sbagliato anche se
dobbiamo essere pronti ad affrontare qualunque scenario. La grande industria rappresenta un patrimonio a cui non possiamo né dobbiamo rinunciare in funzione degli interessi del nostro territorio ed anche di quelli nazionali. E mi pare che in città
non è ancora sufficientemente chiaro a tutti
che la crisi finanziaria attuale dello stabilimento potrebbe avere conseguenze drammatiche. Per questo abbiamo chiesto al Governo precise risposte sul futuro della siderurgia e dello stabilimento e quale sarà il suo
impegno, quale garanzia sulla prospettiva e
sulla concretezza del processo di disinquinamento che vogliamo realizzare. Da tempo
L
PIOMBINO
Luciano Guerrieri
3
OGGI 2.2003
COMUNICAZIONE SOCIALE
URP NEWS
Stop ai bocconi
avvelenati
Partecipa anche tu alla campagna promossa dalla
Regione Toscana contro l’uso di esche avvelenate
a Regione Toscana, con la sua legge n.39 del 16 agosto 2001 “Norme sul divieto di utilizzo e detenzione
di esche avvelenate”, intende fermare la pratica di disseminare sul territorio bocconi
e polpette avvelenate. A causa di questa
abitudine, purtroppo molto diffusa in Toscana, ogni anno vengono indiscriminatamente uccisi nelle città e nelle campagne migliaia di animali selvatici e domestici.
Si tratta di un problema serio, che
può provocare danni all’ambiente e
alla salute: neanche l’uomo infatti può considerarsi al riparo da questo pericolo e
particolarmente esposti al rischio di avvelenamento sono i bambini, che sono
soliti avvicinare le mani alla bocca dopo aver toccato gli oggetti e la terra. Non tutti sanno che l’utilizzo di queste preparazioni è punito con specifiche sanzioni
penali, indicate dalla Legge dello Stato
n.157 del 1992 (art.30, lettera H), e a seconda dei casi configura ulteriori ipotesi di
reato, previste dal Codice Penale. La legge della Regione aggiunge sanzioni amministrative e multe fino a 1.549 eu-
L
ro, oltre ad una serie di importanti sanzioni
accessorie come la sospensione di autorizzazioni o licenze per attività faunistiche, agricole, silvo-pastorali e di raccolta
di prodotti del bosco.
Le istituzioni, le autorità, le associazioni e
tutti i cittadini, anche privatamente, sono
chiamati a rispettare la legge e ad aiutare
la Regione Toscana a farla applicare, anche segnalando alle forze dell’ordine casi di utilizzo, detenzione e abbandono di
bocconi contenenti sostanze velenose o
nocive. Per questo il Comune di Piombino,
come molti altri enti toscani, ha aderito alla campagna di informazione e sensibilizzazione contro l’uso dei bocconi avvelenati, promossa dalla Regione
in collaborazione con la Federazione regionale degli Ordini dei Medici Veterinari
ed il Coordinamento contro l’avvelenamento degli animali. Il contributo della
città all’iniziativa, che si propone di diffondere la cultura del rispetto per la vita e il
territorio, si concretizza tramite iniziative che fanno capo agli uffici e agli strumenti
della comunicazione pubblica. Presso
l’URP è disponibile copia della legge regionale e della documentazione, contenente indicazioni per la prevenzione, il pronto soccorso, le segnalazioni. La stessa informativa è stata trasmessa dal Sindaco alle associazioni degli agricoltori locali, con richiesta di estenderla ai propri iscritti ed associati, e ad
un elenco di altri destinatari che potranno diffondere anche in città la conoscenza della normativa.
Per maggiori informazioni: Virgilio Ufficio per le Relazioni con il Pubblico,
tel.0565.63274 - sito web www.comune.piombino.li.it > News
Servizi di informazione e comunicazione
PIOMBINO
4
OGGI 2.2003
ICI 2003
l 30 giugno scade il termine per il pagamento dell’acconto ICI, pari alla
metà dell’importo dovuto per l’anno
2002. Il restante 50% dovrà essere pagato
entro il 20 dicembre 2003. Le aliquote
sono invariate. I versamenti devono essere eseguiti, usando il bollettino ministeriale, sul ccp 12919577 intestato a: Tesoriere del Comune di Piombino - ICI. Con il
nuovo Regolamento, le modifiche che
influiscono sul calcolo dell’imposta e le
variazioni del soggetto obbligato, devono
essere comunicate utilizzando l’apposito
modello entro 60 giorni (in caso di acquisto, cessione ecc.) o entro 6 mesi in
caso di successione.
l Informazioni, bollettini e modulistica presso Ufficio ICI tel. 0565.63261347, URP tel. 0565.63274 e on-line:
www.comune.piombino.li.it.
I
Assegno mensile
per il nucleo familiare
cittadini italiani e comunitari con tre o
più figli di età inferiore a 18 anni possono chiedere un contributo economico
mensile. L’importo dell’assegno (13 mensilità) è determinato in relazione al reddito ed alla composizione della famiglia:
nella misura intera, corrisponde a 113,23
euro (per il 2003, il valore ISE per nuclei
familiari con 5 componenti è pari a
20.382,05 euro).
La domanda deve essere presentata
entro il 31 gennaio 2004.
l INFO: Ufficio per gli Affari Sociali,
tel. 0565.63287
I
Assegno di maternità
e cittadine italiane, comunitarie e extracomunitarie (purché in possesso
della carta di soggiorno), che non usufruiscono del trattamento previdenziale di
maternità, possono chiedere un contributo economico per un periodo di 5 mesi.
L’assegno viene concesso in base al reddito: l’importo nella misura intera è di
271,56 euro (con limite ISE, per il 2003 e
per nuclei di tre componenti, pari a
28.308,42 euro). Gli interessati sono
informati di questa opportunità anche dal
Comune, al momento della denuncia di
nascita, o con lettera inviata per posta.
La domanda deve essere presentata
entro 6 mesi dalla data del parto.
l INFO: Ufficio per gli Affari Sociali,
tel. 0565.63287
L
ESTATE PIOMBINESE
Estate
03
S
iamo già agli esordi di un’altra estate che, da abitanti di una città di mare, ci auguriamo lunga, soleggiata,
favorita da una giusta temperatura e da piacevoli brezze: l’ideale perché i nostri concittadini ed i turisti, italiani ed esteri, affluiscano numerosi sulle nostre spiagge,
nei camping, nei villaggi, nei parchi archeologici, naturalistici, balneari e visitino
quanto di meglio abbiamo da offrire, sul
piano culturale: centro storico, musei,
castello. Finalmente anche i più irriducibili turistico/scettici hanno dovuto prendere atto dell’importanza crescente che
questa risorsa sta acquisendo, di anno in anno, e degli imponenti sforzi che si stanno mettendo in atto per valorizzarla ulteriormente. Incoraggiano, in tal senso, le sincere espressioni di stupore e di ammirazione di chi,
turista per caso o per vocazione, si trova per
la prima volta ad assistere all’incredibile
spettacolo del tramonto del sole in piazza
Bovio, protesa sul mare quasi a voler cingere,
in un abbraccio ideale l’Elba, che le sta di fronte, con il contorno, unico, delle altre isole
dell’arcipelago toscano tutte, tranne Gorgona
e Pianosa, perfettamente visibili. Sarà, come sempre, un’estate da godere fino in fondo, con i ritmi che ciascuno vorrà darsi. I tre
assessorati: Cultura e Beni Culturali, Turismo
ed Attività Produttive, Sport e Decentramento, non hanno risparmiato idee (tante) e risorse (non molte a disposizione), per
offrire un calendario che fosse vario e stimolante, capace di spaziare dai momenti di
intrattenimento collettivo, da “bagno di folla”, a situazioni più raccolte e meditate, di
“nicchia”, da veri amatori. L’estate piombinese,
ancora una volta, si è fatta... in cento! Cabaret, danza, spettacoli di animazione per bambini, musica classica, jazz ed
etnica, teatro di strada, mostre fotografiche, filateliche e numismatiche,
mostre di pittura, presentazioni di libri,
grandi incontri sportivi, rassegne enogastronomiche... l’elenco è, naturalmente, approssimato per difetto. Spiccano, fra
tutte le iniziative, quelle che ormai sono
divenute tradizionali: oltre alla Sagra del pesce ed al Corteo storico, il Giro d’Italia a
vela, che ribadisce l’importante ruolo di
rappresentanza che Piombino è riuscita a conquistarsi in questo prestigioso settore sportivo; Agosto con gusto, terza edizione, appuntamento enogastronomico sempre più
ricco di contenuti, nella cornice suggestiva
del Castello; Pellite vino curas...(Arte e vi-
no) mostra di pittura, nata dalla collaborazione fra la Galleria Comunale d’arte moderna
e contemporanea e gli assessorati alla Cultura e alle Attività produttive, che vedrà la
presenza di quaranta pittori di importanza
nazionale, impegnati a confrontarsi con il tema affascinante del vino, in tutte le sue valenze, concrete e simboliche, oggettive ed
allegoriche. Particolarmente significativa la presenza di Sergio Staino, il grande disegnatore satirico, creatore di “Bobo”
che, ai primi di agosto presenterà, al Castello, il suo ultimo libro: “Fino all’ultima
mela”. Saranno tre mesi di attività intensa
che si collocano in mezzo alle altre stagioni come ideale raccordo fra le varie sezioni di un progetto culturale e ricreativo che
non si interrompe mai. Molti saranno i
luoghi, teatro di questi incontri: l’ex asilo
Propatria, spazio ormai irrinunciabile, il Castello e le aree limitrofe, piazza Bovio, il
porto turistico di Salivoli, Riotorto, Baratti,
Populonia, i Parchi... Terminiamo con i dovuti ringraziamenti, nella piena consapevolezza di dimenticare qualcuno: in cima
all’elenco il personale degli uffici preposti:
Cultura, Beni culturali, Sport, Attività produttive, Decentramento. Un riconoscimento
speciale va all’assessorato ai Lavori pubblici cui è affidato il supporto tecnico di
tutti gli eventi ed alla Polizia municipale,
che ha il non agevole compito di gestire, di
volta in volta, gli spazi pubblici destinati agli spettacoli. Poi, naturalmente tutte le associazioni che hanno voluto infoltire il nostro calendario con iniziative proprie, dimostrando, ancora una volta, l’importanza
del loro ruolo. Infine l’ultima e doverosa
menzione spetta alle Amministrazioni degli
altri comuni della Val di Cornia, insieme alle quali, già da molti anni, riusciamo a realizzare quei progetti d’area che connotano
in maniera sempre più significativa, sia nel
numero che nella qualità, il nostro circondario e testimoniano il valore inestimabile
della collaborazione fra Enti.
Gli Assessori
Pablo Gorini, Stefano Ferrini, Alberto Maestrini
Musica & teatro
Mercoledì 2 luglio
ASS. AL DECENTRAMENTO - ASS. AL TURISMO
CIRCOSCRIZIONI CITTADINE - ASSOCIAZIONI DI QUARTIERE
CIRCOLO IL PORTICCIOLO - COMITATO RIEVOCAZIONI STORICHE
Rievocazione Storica
3-4 luglio: interno del Rivellino Mercatino del ’500
5 luglio: il mercatino si sposterà fuori
dalle mura mentre all’interno lo spazio
sarà occupato da una vera e propia “taverna”,
dove (su prenotazione) si potrà gustare una Cena Medievale, animata, fra una portata e l’altra, da dame e cavalieri, danze, mangiafuoco, giullari e giocolanti, maestri d’arme e popolani, in un ambiente che porterà
il visitatore indietro nel tempo. Inoltre sarà
possibile degustare cene medioevali anche nei ristorane che aderiscono all’iniziativa. La serata offrirà numerose attrazioni
ai visitatori del centro Storico dove a partire dal Rivellino, proseguendo per corso Vittorio Emanuele II sfilerà il corteo storico fino al Castello. Lungo il percorso si potranno osservare alcuni “antichi mestieri” e
degustare spuntini medioevali. (Un ticket
potrà essere acquistato ai punti informazione:
piazza Cappelletti, viale del Popolo, Ufficio
turistico la Torre). Durante la serata si potranno ammirare le magnifiche esibizioni degli sbandieratori di San Gemini (Terni).
l Prenotazioni e info: tel.-fax 0565.63269
(orario: 9-13)
Domenica 6 luglio
COMITATO FESTEGGIAMENTI PIOMBINESE
BANDA CITTADINA “A. GALANTARA”
Musica d’ascolto “Sfilata del Mare”
Vie Cittadine - Centro Storico ore 10
Lunedì 7 Luglio
ASSOCIAZIONE ALZHEIMER - CENTRO STUDI MUSICALI
Concerto di musica leggera con
gli allievi del Centro Studi Musicali
Ex Asilo Pro Patria ore 21
Martedì 8 Luglio
CENTRO STUDI MUSICALI - BAR LA VELA
l Quello che pubblichiamo è l’elenco
delle iniziative estive, fornito dall’Ufficio Cultura, alla data di chiusura di
Piombino Oggi. Il programma definitivo è in distribuzione presso la sede comunale e gli uffici turistici; aggiornamenti anche sul sito del comune:
ww.comune.piombino.li.it.
PIOMBINO
5
OGGI 2.2003
“Serate in... Canto”
Piazza Bovio ore 21,30 (fino al 10 luglio)
Mercoledì 9 luglio
ASSESSORATO ALLA CULTURA
ASSOCIAZIONE ETRURIA CLASSICA - AVIS
“Manouche Express”
Musica ata da un complesso intreccio
di stili musicali diversi
Ex Asilo Pro patria ore 21
Giovedì 10 luglio
Domenica 27 luglio
ASSESSORATO ALLA CULTURA
BAR-RISTORANTE CALAMORESCA BEACH
Concerto di chitarra classica
con L. Lombardi
Chiostro S. Antimo ore 21
Beach Party “Party Night”
Spiaggia di Calamoresca ore 23
Sabato 12 luglio
Musiche sinfoniche e operettistiche
Riotorto, piazza del Popolo ore 21
Musical “Notre Dame de Paris”
liberamente tratto da “Il Gobbo di Notre Dame”
Ex Asilo Pro Patria ore 21
*
BAR RISTORANTE CALAMORESCA BEACH
Lunedì 28 luglio
ASS. DIABETICI - BANDA CITTADINA FOLLONICA
Beach Party “Dancer Under the Moon”
Spiaggia di Calamoresca ore 23
Lunedì 14 e martedì 15 luglio
ASSOCIAZIONE MUSICALE “WOODSTOCK”
Musica dal vivo
Esibizione allievi corsi musicali
Ex Asilo pro Patria ore 21
Mercoledì 16 luglio
ASSOCIAZIONE MUSICALE “WOODSTOCK”
Musica dal vivo - Woodstock Day
Realtà dei gruppi musicali a Piombino
Ex Asilo Pro patria ore 21
*
ASSESSORATO AL DECENTRAMENTO
CIRCOSCRIZIONE FALCONE-MONTEMAZZANO
ASSOCIAZIONE IL FALCONE - BAR BRICCO
Festa da ballo “Il Quartiere Toscano”
Piazza Berlinguer (Salivoli) ore 21,15
Giovedì 17 luglio
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Concerto d’organo M. Ginnanneschi
Concattedrale S. Antimo ore 21
*
ASSESSORATO ALLA CULTURA
“Alex Marchetti Straight Band”
Orchestra jazz tradizionale
Ex Asilo Pro Patria ore 21,15
*
GIACOMELLI SPORT
“4° Miss e Mister Bikini” under 25
ospiti canori 1° serata
Bagnetti Salivoli ore 21
*
STUDIO PINOCCHIO - CENTRO DIMENSIONE DANZA D&D
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Concerto “Ensanble Dolce Melos”
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Sabato 2 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA - CENTRO STUDI TIBETANI
I Monaci di Drepung
spettacolo di danze, canti e musiche
Ex Asilo Pro Patria ore 21,15
Domenica 3 Agosto
STUDIO PINOCCHIO - CENTRO DIMENSIONE DANZA D&D
“Pinocchio” musical liberamente tratto dalle musiche dei “Pooh”
Ex Asilo Pro Patria ore 21
Martedì 5 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA
“Otto Coperti” in concerto: le più belle canzoni dagli anni ‘60 ai giorni nostri
Ex Asilo Pro Patria ore 21,15
*
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Concerto di musica classica
A. Giudici, M. Ghizzani
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Mercoledì 6 agosto
ASSESSORATO AL DECENTRAMENTO
CIRCOLAZIONE FALCONE/MONTEMAZZANO
ASSOCIAZIONE FALCONE- BAR BRICCO
Festa da ballo con “Gli amici della notte”
Piazza Berlinguer (Salivoli)
Mercoledì 23 luglio
ASSESSORATO ALLA CULTURA
ASS. ETRURIA CLASSICA - ASS. AMICI DELLA LIRICA
Duo di chitarra “R. Bini - M. Pacini”
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Giovedì 24 luglio
ASSESSORATO ALLA CULTURA
“Gruppo Astio” musica etno-jazz
Populonia, piazza del Castello ore 21
*
GIACOMELLI SPORT
“4° Miss e Mister Bikini” Under 25
Ospiti canori - serata finale
Rist. la Piazzetta loc. Mortelliccio ore 21
ASSESSORATO ALLA CULTURA - ASS. ETRURIA CLASSICA
Duo flauto-pianoforte
P. Zampini, P. Oliva
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Venerdì 22 agosto
BANDA CITTADINA A. GALANTARA
Concerto in ricordo di G. De Monaco
Rivellino ore 21,15
Sabato 23 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA - ASS. ETRURIA CLASSICA
Concerto musica classica
vincitore concorso “Rovere d’Oro”
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Venerdì 24 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA
‘“Osteria della parola”
Spettacolo di cabaret
A. Calonaci, S. Faralli, C. Boncinelli
Ex Asilo Pro Patria ore 21,15
Lunedì 25 Agosto
CENTRO STUDI MUSICALI
ASSESSORATO ALLA CULTURA
Alex Marchetti Cinque et Band
Chiostro S. Antimo
ASSESSORATO ALLA CULTURA
ASS. ETRURIA CLASSICA - AMICI DELLA LIRICA
Giovedì 28 Agosto
Concerto di musica lirica e classica
pianista M. Tongiorgi, duo clarinettopianoforte S. Marcogliese, A. Tiezzi,
Soprano C. Panacci.
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Concerto d’organo M. Ginnanneschi
Concattedrale S. Antimo ore 21
Venerdì 15 agosto
CIRCOSCRIZIONE POPULONIA -FIORENTINA
Ballo in piazza
Ore 21
*
COOP. RIVAVERDE - BAR RISTORANTE LA PIAZZETTA
“Top Five e Corrado degli Album”
serata da ballo con musica dagli anni
sessanta ad oggi
Loc. Mortelliccio ore 21,30
Sabato 16 agosto
“KIWANIS INTERNATIONAL”
CLUB PIOMBINO - RIVIERA ETRUSCA
Sabato 26 luglio
ASSESSORATO ALLA CULTURA
Lunedì 18 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA - ASSOCIAZIONE ETRURIA CLASSICA
Concerto di musica Classica
Chiostro S. Antimo ore 21,15
PIOMBINO
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Mercoledì 27 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA - ASSOCIAZIONE ETRURIA CLASSICA
Pianista Cesare Castagnoli
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Sabato 30 Agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA - ASSOCIAZIONE ETRURIA CLASSICA
Commedia musicale “Sess’A Pil”
regia Massimo Cinque
Ex Asilo Pro Patria ore 21,15
“Gruppo Folk il Porticciolo”
serata con musica d’ascolto
Populonia Stazione ore 21,15
Giovedì 21 agosto
Martedì 26 agosto
Lunedì 11 agosto
Concerto di musica folk
Piazza della Costituzione ore 21
“La gita premio”
Ex Asilo pro patria ore 21,00
BAR-RISTORANTE “CALAMORESCA BEACH”
ASSOCIAZIONE DIABETICI
ORCHESTRA FILARMONICA “MASCAGNI” VENTURINA
SAN VINCENZO DE PAOLI
STUDIO PINOCCHIO - LA BRIGATA DEI DOTTORI
“La Scatola dei Sogni” musica d’ascolto
Rivellino ore 21,15
Beach Party “Under the Stars”
Spiaggia di Calamoresca ore 23
Sabato 19 luglio
Martedì 19 agosto
Domenica 10 agosto
Venerdì 18 luglio
Giancarlo Gorelli
musiche di Ellington, Santana, Prado
Ex Asilo Pro Patria ore 21
Estate 03
6
OGGI 2.2003
Concerto finale degli allievi
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Domenica 31 Agosto
PUBLIAGENT PIOMBINO
Finale regionale “Ragazza Più” 2003
Porto Turistico Salivoli ore 21
Giovedì 4 settembre
ASSESSORATO ALLA CULTURA
“Whisky Trail” musica celtica
Rivellino ore 21
Domenica 14 settembre
AUDIO FOLLIE
Finale italiana Hi-Fi car
& espl circuito Emma
Auto con la più alta pressione sonora
Piazza Bovio orario 8,30-20,30
Domenica 10 agosto
Giovedì 17 luglio
ASS. AL TURISMO - COMITATO FESTEGGIAMENTI PIOMBINESE CIRCOSCRIZIONI CITTADINE
GRUPPO SPORTIVO MONTEMAZZANO
“Ciao Estate”
Piatti tipici marinari e attrazioni
Piazza Bovio orario 17-24
(ore 24: fuochi pirotecnici)
Giovedì 14 agosto
GRUPPO 2000 POGGETTO COTONE
“Festa della cialda” con ballo liscio
Parco Poggetto orario 21-24
Sabato 16 agosto
Enogastronomia
Sagre e Mercati
Domenica 6 luglio
ASS. AL TURISMO - AVT PIOMBINO - ANVA - CONFESERCENTI
“Festa in Piazza” 8° edizione
Grande mercato straordinario con spettacoli di strada, finale con spettacolo pirotecnico.
*
COMITATO UISP PIOMBINO
*
PAPILLON DANCE CLUB
Esibizione danza Sportiva
Piazza Bovio ore 21,30
Domenica 20 luglio
GRUPPO SPORTIVO BALLERINI VAL DI CORNIA
Esibizione di danza sportiva
Piazza Bovio ore 21
Lunedì 21 luglio
BOCCIOFILA PIOMBINESE
Gara serale di bocce “5 gironi”
Bocciodromo ore 20,30
*
ASS. AL TURISMO - ARCIGOLA SLOWFOOD - PROVINCIA DI LIVORNO
“Mercatino dell’Artigianato”
Riotorto, via De Amicis orario 17-24
Finale del Campionato Italiano
Modelli radiocomandati
Autodromo ore 10 (per due giorni)
Sagra della Struscia
Giardini Quartiere Desco orario 19-24
“A Tavola con gli Etruschi”
visita guidata al Parco di Baratti e Populonia, con degustazione di prodotti locali già conosciuti dagli Etruschi,
Castello di Populonia ore 9
CIRCOSCRIZIONE RIOTORTO - ASSOCIAZIONE CULTURALE RIOTORTO
CLUB MODELLISTI PIOMBINESE
Campionato Italiano di nuoto
Golfo di baratti ore 14 (per due giorni)
ASSESSORATO ALLA CULTURA - ARCIGOLA SLOWFOOD
REGIONE TOSCANA - ASS. AMICI DI POPULONIA
Venerdì 20 giugno
Sabato 19 luglio
ASSOCIAZIONE DESCO
Sabato 7 giugno
manifestazione
Castello di Piombino
Festa “Giallo Verde”
Pineta di Riotorto ore 10
Sabato 26 luglio
CIRCOLO NAUTICO BARATTI
Sport
Campionati Italiano Nuoto di Fondo
Golfo di baratti ore 9
Domenica 15 giugno
ASSESSORATO AL TURISMO - INFORMAGIOVANI RIOTORTO
Domenica 27 luglio
SOC. NUOTO PIOMBINO
“Raduno Moto Guzzi”, nell’occasione
mostra e premiazione dei migliori disegni
di bambini “La mia moto”
Riotorto via de Amicis
14° Maratona degli Etruschi
Spiaggia di Salivoli ore 10
Lunedì 23 giugno
Gara Auto modelli radiocomandati
Piazza Verdi ore 17
ASSESSORATO ALLO SPORT - CIRCOLO SCHERMA PIOMBINO
Sabato 2 agosto
CLUB MODELLISTI PIOMBINESI
Raduno nazionale scherma disabili
Palestra Perticale (per tre giorni)
Lunedì 4 agosto
ASSOCIAZIONE DESCO
Giovedì 26 giugno
Sagra della Struscia
Giardini Quartiere Desco orario 19-24
ASSESSORATO ALLO SPORT - PATTINATORI PIOMBINESI
Torneo “Giallo Nero” di doppio
Campi via G. Bruno tutta la giornata
Venerdì 11 luglio
ASSOCIAZIONE TENNISTICA PIOMBINESE
Campionato Italiano Pattinaggio
Pattinodromo tutta la giornata fino al 29 giugno
Sabato 9 agosto
GRUPPO 2000 POGGETTO COTONE
Sabato 28 giugno
Festa de Cocomero” con ballo liscio
Parco Poggetto orario 21-24
ASSESSORATO ALLO SPORT - LEGA NAVALE ITALIANA
Esibizione Gruppo Ballerini
“Papillon” Dance Club
Populonia Stazione ore 21,30
Venerdì 18 luglio
*
CIRCOSCRIZIONE RIOTORTO - ASSOCIAZIONE CULTURALE RIOTORTO
“Mercatino dell’Artigianato”
Via De Amicis Riotorto orario 17-24
30-31 luglio 1-2-3- agosto
ASS. AL TURISMO - COMITATO FESTEGGIAMENTI PIOMBINESE CIRCOSCRIZIONI CITTADINE
“Sagra del Pesce”
Piatti tipici toscani con pesce fresco e
frutti di mare. In una enorme padella di
tre metri e mezzo verrà fritto il pesce fresco di paranza
Piazza Bovio orario 15-24
7-8-9 Agosto
ASSESSORATO AL TURISMO, AVT PIOMBINO, CONSORZIO STRADA DEL VINO “COSTA DEGLI ETRUSCHI”, CONSORZIO “STRADA
DEL VINO DI MONTEREGIO”, CONSORZIO DI TUTELA DOC VAL
DI CORNIA, ASSOCIAZIONE SLOW FOOD, CONSORZIO TIRRENO
PROMOTOUR; IN COLLABORAZIONE CON APT “COSTA DEGLI ETRUSCHI”, CONFESERCENTI, CONFCOMMERCIO, CENTRO ENOGASTRONOMICO “VILLA GUERRAZZI”, COOP TOSCANA LAZIO-SEZIONE SOCI PIOMBINO, CONSORZIO RADICI
“Agosto con gusto”
Vino e prodotti tipici di qualità
della Costa degli Etruschi
Anteprima di Calici di Stelle
Castello di Piombino dalle ore 19,30
Regata Velica Nazionale MISTRAL
Golfo di Salivoli tutta la giornata fino al 29
*
CLUB MODELLISTI PIOMBINESI
ASS. AL DECENTRAMENTO - CIRC. FIORENTINA POPULONIA
Domenica 10 agosto
CIRCOLO NAUTICO PONTEDORO
Gara automodelli radiocomandati
Piazza Verdi ore 17
Gara di Pesca d’Altura
Canale di Piombino ore 7
Domenica 6 luglio
Lunedì 11-martedì 12 agosto
CIRCOLO NAUTICO PONTEDORO
CIRCOSCRIZIONE RIOTORTO
Campionato regionale
pesca in apnea a squadre
Golfo di Folllonica ore 8
“Trekking Sotto le Stelle”
Parco di Montioni orario 20-21
Venerdì 15 agosto
Giovedì 10 luglio
CLUB IL GOMMONE L.N.I.
ASI
5° Torneo Calcio a 5 Blue Lions
Campo Green Field ore 20 (10 lug.-15 ago.)
Sabato 12 luglio
CLUB IL GOMMONE
Isola di Capraia
Marina ore 9
Domenica 13 luglio
CIRCOLO NAUTICO BARATTI
Gara di bolentino a coppie
tra Punta Galera e Populonia
ore 6
*
CIRCOLO “IL PORTICCIOLO”
16° raduno di canoa da Baratti a Marina
ore 9
PIOMBINO
7
OGGI 2.2003
Festa di Mezza Estate
Villa Bona ore 16
Sabato 16 agosto
GRUPPO SPORTIVO BALLERINI VAL DI CORNIA
Esibizione di danza sportiva
Piazza Bovio ore 21
Lunedì 18 agosto
TENNIS CLUB PIOMBINO
Torneo Giallo Nero
Tennis via Piave ore 20
Lunedì 1 settembre
LEGA NAVALE ITALIANA
Regata Velica d’Altura
“Trofeo Daniele Schena”
Golfo Salivoli ore 9
Sabato 13 settembre
CENTRO ATLETICA UISP
Campionato Toscano FIDAL cat. cadetti
Campo Simeone tutta la giornata
Domenica 21 Settembre
AVIS
Pedalata della solidarietà
Pazza Verdi ore 9*/
Domenica 28 Settembre
MOTO CLUB GERMY TUSCANY
Moto raduno “le strade del vino”
Museo Archeologico
del Territorio di Populonia
“Un percorso lungo 5000 anni”
l Info: tel. 0565.221646 - fax 0565.260857
e-mail: [email protected]
Un percorso ideale che dalla preistoria, attraverso
le eccezionali testimonianze etrusche di Populonia, giunge alla Piombino industriale, illustrando
il rapporto tra uomo, territorio e risorse. Dal 5 aprile 2003 la collezione del Museo è stata arricchita
di nuovi reperti, tra cui i tesori della famosa tomba a edicola del Bronzetto d’Offerente.
Nei mesi di luglio e agosto il Museo è aperto da martedì a domenica dalle 17 alle 23.
Mercoledì 2 luglio
“La Defensola. Una miniera di selce di
7000 anni fa”. Proiezione video e conferenza
di Attilio Galiberti
ore 21
Venerdì 4 luglio
Estate nei Parchi
Parco archeologico
di Baratti e Populonia
“Gli Etruschi del Ferro”
Info: tel. 0565.29002 - fax 0565.29107
e-mail: [email protected]
Il promontorio vestito di verde e la linea curva del
golfo fanno da cornice ai resti di una città etrusca.
La Necropoli monumentale lambita dal mare, le tombe scavate nella roccia di un’antica cava che si apre nello scenario del bosco, ci parlano dello splendore di una civiltà fiorita sulla lavorazione del ferro proveniente dall’isola d’Elba.
Nei mesi di luglio e agosto il Parco è aperto tutti i
giorni dalle 9 alle 20. Presso il centro di archeologia sperimentale si terranno laboratori sulla lavorazione della ceramica e della pietra levigata.
l Servizi: parcheggio attrezzato per autocaravan, punto di ristoro, aree attrezzate per la sosta, book-shop
Venerdì 4 luglio
“Intorno a una capanna dell’età del
bronzo”: animazione per bambini presso il Centro di archeologia sperimentale
orario 14-20
Sabato 5 luglio
“La lunga notte dell’archeologia”
apertura straordinaria fino alle ore 1
Buffet “I sapori della terra etrusca”
ore 19 (prenotazione obbligatoria)
“Notte etrusca”
Attraverso un suggestivo percorso illuminato da
torce, è possibile visitare la Necropoli di San Cerbone accompagnati da una guida in costume etrusco.
dalle ore 21
12-26 luglio e 9-23-30 agosto
Laboratorio di archeologia sperimentale
Dalle ore 19 buffet (prenotazione obbligatoria)
19 luglio e 2 agosto
Parchi di Stelle - serata di osservazione astronomica a cura dell’Osservatorio Astronomico di Piombino
Sabato 16 agosto
Visita guidata sotto le stelle
alla necropoli di San Cerbone
Dalle ore 19 buffet (prenotazione obbligatoria)
“La Preistoria sullo schermo”
proiezione di filmati nella piazza del museo
Presso il Bar del Museo degustazione prodotti tipici
ore 21
Sabato 5 luglio
“La lunga notte dell’archeologia”
Apertura straordinaria fino alle ore 1
Domenica 6 luglio
“A tavola... 2000 anni fa”
Visita guidata alla ricostruzione di una scena di banchetto etrusco e degustazione di vini e assaggi di ricette dell’antichità
ore 21
luglio e agosto
5 luglio
“La lunga notte dell’archeologia”
apertura notturna della miniera del Temperino e dei musei del Parco fino alle ore 1
“La miniera anche di notte”
visite guidate nella Miniera
dalle 21
3-31 luglio e 7 e 28 agosto
“I personaggi fantastici
della Miniera del Temperino”
Animazioni teatrali per bambini avventurose e divertenti, nell’affascinante sfondo della Miniera del
Temperino, che avvolgeranno i più piccoli e non mancheranno di divertire pure i loro genitori (di Federico Guerri). Si consiglia la prenotazione.
orario spettacoli 21/ 22/23
Il Parco costiero della Sterpaia
“Nel bosco incantato”
l Info: tel. 0565.49430 - fax 0565.49733
e-mail: [email protected]
Una preziosa e rara foresta umida, tipica dell’antico paesaggio litoraneo della Maremma, sottratta dal Comune di Piombino alla lottizzazione abusiva
che l’aveva interessata a partire dagli anni ‘70. Un
ambiente incantato dove perdersi tra querce secolari, in compagnia dei piccoli animali che lo abitano, fino a scoprire, al di là delle dune sabbiose,
il mare. l Servizi: visite guidate su prenotazione,
pulizia giornaliera della spiaggia, analisi acque
di balneazione, punti ristoro e ristoranti, servizi igienici, docce a gettone, tre punti di accesso al mare per disabili, parcheggi attrezzati per auto e autocaravan, aree pic-nic
“Serate di Archeologia”
Conferenze su temi archeologici
Il Parco naturale di Montioni
“Un’isola di verdi colline”
Parco archeominerario
di San Silvestro
“Un viaggio nel cuore della terra”
Percorrendo le tracce lasciate da pastori e minatori, da taglialegna e carbonai, si penetra in un vasto ambiente naturale popolato da una fauna numerosa e varia. Nel cuore del parco i segni dell’uomo emergono dai resti delle cave di allume e del villaggio minerario di epoca napoleonica voluto da Elisa Bonaparte Baciocchi, sorella di Napoleone.
l Servizi: accesso libero, visite guidate su prenotazione, sentieristica interna percorribili a piedi, in
bicicletta, percorso per disabili, aree attrezzate per
pic-nic, ostello e casa vacanze, stazione di posta per
cavalli, ristorante
l Info: tel. 0565.838680 - fax 0565.838703
e-mail: [email protected]
Dalla miniera del Temperino, con i segni del faticoso lavoro minerario, al castello medievale di Rocca San
Silvestro, in un ambiente dove uomo e natura hanno creato insieme un paesaggio di boschi e macchie
che nascondono antiche vestigia minerarie.
Nei mesi di luglio e agosto il Parco è aperto tutti i
giorni dalle 9 alle 20.
l Servizi: ristorante, aree attrezzate per la sosta,
book shop, bus navetta per collegamento interno
Domenica 22 giugno
“La giornata del medioevo”
Il castello medievale di Rocca San Silvestro riprenderà vita come mille anni fa. I suoi vicoli e le
sue strade si riempiranno dei rumori, dei colori e degli odori del Medioevo.
orario 15-20
Cinema
sotto le stelle
12 luglio -21 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA
COOP. NUOVO METROPOLITAN
Sabato 28 giugno
Rivellino ore 21,45
orario spettacoli 16.30/17.30/18.30
“Lo gnomo del Temperino racconta...”
Lo Gnomo Temperino, accompagnato dal fedele
drago Pucci Pucci, cerca l’aiuto dei bambini per trovare alcune pietre protettive per il popolo degli
gnomi. Si consiglia la prenotazione.
Nell’ambito del progetto “La Città dei Bambini e delle Bambine”, la Coop. Nuovo Metropolitan mette in programmazione 3 film
per ragazzi (riduzioni fino a 11 anni).
PIOMBINO
8
OGGI 2.2003
l Info: Metropolitan 0565.30385
Lunedì 14 luglio
UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ
Mostra “La Bottega delle idee”
lavori eseguiti durante il corso
Rivellino orario 17,30-24
Sabato 19 luglio
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Mostre
Rassegna di artisti
Chiostro di S. Antimo orario: 18-20 / 21-23
(fino al 31 luglio)
Sabato 7 giugno
Giovedì 31 Luglio
CENTRO CULTURALE “AMICIZIA NEL MONDO”
GRUPPO SUB L.N.I.
Mostra Collettiva di Pittura
S. Colli, L. Signorini, I. Biancotti,
G. Xochitl, V. Krishan”
Palazzo Appiani orario 17-19 / 20-22
(fino al 15 giugno)
Mostra storica fotografica
affondamento del piroscafo
“Washington” 23 maggio 1916
Palazzo Appiani ore 21,30
Sabato 14 giugno
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Personale di G.Autunnali
Chiostro Concattedrale S. Antimo
orario: feriali 18-21, festivi 18-23
(fino al 30 giugno)
*
ASSESSORATO ALLA CULTURA
GALLERIA COMUNALE D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
“Macchine per la fabbricazione dei sogni”
Personale A. Caselli e A. Palazzini
Galleria Comunale Via Leonardo Da Vinci
orario: feriali 9-12,30 / 16-19,30,
festivi 17-20 (chiuso il lunedì)
Sabato 21 giugno
CENTRO CULTURALE “AMICIZIA NEL MONDO”
Mostra personale pittura e scultura
Melani Flavio
Palazzo Appiani orario 17-19 / 20-22
(fino al 29 giugno)
*
CIRCOSCRIZIONE FALCONE-MONTEMAZZANO - ASS. IL FALCONE
CIRCOLO FOTOAMATORI IL RIVELLINO
“La Val di cornia ed il suo territorio
visto dagli occhi dei ragazzi”
Mostra fotografica scolastica
Circoscrizione lmg. Marconi 280 orario ....
(fino al 29)
Sabato 28 giugno
UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ
Mostra “La Bottega delle idee”
lavori eseguiti durante il corso
Rivellino orario 17,30 - 24,00
Sabato 5 luglio
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Collettiva di pittori
Chiostro di S. Antimo orario 18-20 / 21-23
(fino al 17 luglio)
*
ASSESSORATO ALLA CULTURA
GALLERIA COMUNALE D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Zhou Zhiwei - Mostra personale
Galleria Comunale Via Leonardo Da Vinci
orario: feriali 9-12,30 / 16-19,30;
festivi 17-20 (chiuso il lunedì)
Sabato 2 agosto
ASSESSORATO AL DECENTRAMENTO - CIRCOSCRIZIONE PORTA A
TERRA-DESCO - ASSOCIAZIONE PORTA A TERRA- CENTRO PIOMBINESE STUDI STORICI
VII Biennale di arte sacra minore
VI Mostra dei Santini
“Il mare nelle Immaginette devozionali:
natura, simboli e protezioni”
Ancora una volta la manifestazione si terrà
nella splendida cornice del chiostro della Concattedrale di S. Antimo, l’inaugurazione è prevista per
sabato 2 agosto alle ore 21,15.
Orario d’apertura:10-12 / 17-20 / 21-23
Fino al 31 agosto (tutti i giorni compresi i festivi)
*
ASSESSORATO ALLA CULTURA
GALLERIA COMUNALE D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Mostra di scultura e pittura
Montecchi Vasco - Boni Angelo
Galleria Comunale Via Leonardo Da Vinci (fino al
15 agosto) orario: feriali 9-12,30 / 16-19,30; festivi 17-20 (chiuso il lunedì)
Giovedì 14 agosto
CIRC. FIORENTINA-POPULONIA - ARCHIVIO FOTOGRAFICO TOSCANO
PRATO - SOVRINTENDENZA ARCHIVISTICA DELLA TOSCANA
DI
Mostra fotografica e presentazione del volume “La tenuta di poggio all’Agnello”
Scuole Elementari di Populonia
Orario 21-23 (fino al 30 agosto)
Sabato 16 agosto
CENTRO CULTURALE “AMICIZIA NEL MONDO”
Mostra di pittura
N. Castellani, E. Castellani
Palazzo Appiani orario: 17-19 / 20-22
(fino al 24 agosto)
ASSESSORATO ALLA CULTURA
GALLERIA COMUNALE D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Gabbie Piattarello mostra personale
Galleria Comunale orario fino al 31 agosto
Venerdì 5 settembre
Vicolo dell’Arte”
Esposizione di opere pittoriche
con cadenza settimanale
Orario: feriali 21-24; festivi 18-24
Venerdì 12 Luglio
Domenica 7 settembre
CONFCOMMERCIO
GRUPPO 2000 POGGETTO COTONE
“Negli armadi della nonna” (2a ediz.)
trine e merletti dal ’700 ad oggi
Museo del Castello di Piombino
orario:... (fino al 27 luglio)
Estemporanea di Pittura
Parco Poggetto Cotone - Inizio ore 9 con la consegna
delle tele, ore 17 chiusura della manifestazione
con premiazioni, piccolo ristoro e musica dal vivo
CIRCOSCRIZIONE PORTA A TERRA DESCO
PIOMBINO
Istituto di Biologia
ed Ecologia Marina
Palazzo Appiani, piazza Bovio
“Visite guidate in Palazzo Appiani”:
dalle segrete ai laboratori
25 giugno / 11 luglio / 12 agosto / 28 agosto /
5 settembre: orario 16,30-19,30
È richiesta la prenotazione (max 30 persone)
“Mattinate sul litorale di Baratti”
escrezioni guidate con raccolta ed
osservazione di materiale spiaggiato
1 luglio / 5 agosto / 2 settembre: orario 9-11
È richiesta la prenotazione
Conferenze con diapositive
Giovedì 3 luglio
“Il mare ed I suoi abitanti:
i pericoli per l’uomo”
Giardini Quartiere Perticale ore 21
Giovedì 10 luglio
Gli animali delle praterie
a Posidonia oceanica:
dai macroinvertebrati ai pesci
Presentazione del volume di R. Bedini
Castello di Piombino, ore 18
Martedì 22 luglio
Dal Plancton ai giganti del mare: la varietà delle dimensioni e delle forme
Populonia Piazza del Castello ore 21,30
Mercoledì 20 agosto
Nuovi arrivi in Mediterraneo:
Specie Tropicali ed Atlantiche
Palazzo Appiani ore 21,30
l Info: tel. 0565.225196 - fax 0565.227021
Lunedì 4 agosto
ASSESSORATO LL.PP. - GRUPPO SUB LEGA NAVALE PIOMBINO
giorno
“Vino Pellite Curas...”
40 opere ispirate al vino realizzate da quaranta artisti italiani. Conferenze ed incontri sul tema del vino dagli Etruschi e dal mondo romano, fino ai
giorni nostri.
Galleria Comunale orario fino al 23 settembre
5 luglio - 13 settembre
Estate Scientifica
9
OGGI 2.2003
Proiezioni diapositive
ambienti subacquei
Rivellino ore 21,30
Associazione Astrofili
di Piombino
Osservatorio Astronomico di Punta Falcone
l Info: tel. 0565.220142 - 43497 - 43290
46054 - fax 0565.228168
www.astropiombino.org
e-mail: [email protected]
“I venerdi dell’osservatorio”
Serate di osservazioni astronomiche con i telescopi dell’Osservatorio di Punta Falcone
Osservatorio Astronomico di Punta Falcone
Tutti i venerdì da luglio a settembre (escluso venerdì
15 agosto) Orario: dalle 21,30 alle 24
Giro d’Italia
a vela (15a ed.)
COMUNE DI PIOMBINOE Y.C. MARINA DI SALIVOLI, IN COLLABOARZIONE CON I CIRCOLI VELICI DI PIOMBINO.
XV GIRO D’ITALIA A VELA 2003
Per il terzo anno consecutivo la città ospita il Giro d’Italia a Vela, una delle più prestigiose manifestazioni sportive nazionali organizzata da Cino
Ricci, celeberrimo Skipper di Azzurra e commentatore dell’America’s Cup. La gara, che sarà seguita in diretta dalla Gazzetta dello Sport e
della RAI, vede impegnata una flotta di 17 G 34
One Design. In questa XV edizione, il Giro parte da Trieste il 26 giugno e arriva a Piombino per
la tappa più ambita, quella conclusiva: lungo le sue
coste si svolgerà quindi l’appassionante Match
race finale tra le prime quattro barche in classifica, che si disputeranno la vittoria.
Giovedì 4 luglio
Serata di Benvenuto
Marina di Salivoli ore 21
Venerdì 25 luglio
Regate campo di gara
di fronte piazza Bovio dalla mattina
Spettacolo con “Pamela Prati”ore 21
Sabato 26 luglio
Finale Match race
Piazza Bovio ore 18premiazioni
Domenica 27 Luglio
Veleggiata con le barche del Giro*
Marina di Salivoli prima mattina
* Veleggiata non competitiva, aperta al pubblico.
Prenotazioni: Y.C. Marina di Salivoli,
tel. 0565.42028
Programma e aggiornamenti sul sito ufficiale: www.velaitalia.net
Altre info: Ufficio Sport tel. 0565.48028
L’Estate
dei Bambini
Domenica 29 giugno
S.A.M. DI GAMBINI ANDREA
Un modo per sentirsi grandi guidando
automobiline e moto a batterie.
Rivellino ore 20,30 fino al 1 luglio
Venerdì 11 luglio
S.A.M. DI GAMBINI ANDREA
Un modo per sentirsi grandi guidando
automobiline e moto a batterie.
Piazza Bovio ore 20,30 fino al 13 luglio
Lunedì 14 luglio
“Spettacolo delle stelle” spettacolo
dei teatranti di strada
Piazza Bovio ore 21,30 fino al 16 luglio
Estate 03
Lunedì 28 luglio
Venerdì 1 agosto
ASSESSORATO ALLA CULTURA-ASS. ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE
ASSOCIAZIONE HABANERA-PROGETTO LA CITTÀ DEI BAMBINI
E DELLE BAMBINE
Ore 17-19,30: laboratorio per bambini dai 5 agli 11 anni, Dare forma costruzione di sculture con palloncini (ore 18,30: merenda).
Ore 21,15: Vladimir COMPAGNIA RUINART DI FIRENZE Dai 4 anni in poi. I ragazzi hanno molto odiato ed amato questo personaggio (alto più di 3
metri) in apparenza scontroso e crudele, ma sostanzialmente ingenuo; gli hanno dato tanta vita da
“obbligare” la compagnia, con molto piacere, a continuare la sua storia. Dopo l’ultimo scontro con il ragno Fumicone, Vladimir, insieme alla sua Palombella,
riprende il cammino verso la montagna dei rifiutati,
dove lo aspetta l’amico Piumino...
Riotorto, Palazzetto dello Sport
“Un Castello di Gomma Piuma”
Lo scorso anno l’Amministrazione Comunale, in collaborazione con il Consiglio dei Bambini e delle Bambine, ha per la prima volta dedicato una settimana della programmazione estiva ai più piccoli, con
spettacoli di teatro di figura, animazione sulle
spiagge e laboratori ludici.
*
Ore 17: inaugurazione della rassegna
ore 18,30: Pista Ragazzi! COMPAGNIA IL MARCHINGEGNO DI AREZZO Dai 3 anni in poi. Uno
strano tipo porta una grande notizia: “...verrà un
extraterrestre da un pianeta lontanissimo e bellissimo, luogo dei nostri sogni... arriverà con un aeroplano e ci vorrà un’accoglienza degna di lui...”.
L’extraterrestre apprezza molto l’accoglienza, anche
se non capisce perché le banane qua da noi si mangino senza buccia... Spettacolo d’attore e clownerie.
Ex Asilo Pro Patria
Martedì 29 luglio
Ore 17-19,30: laboratorio, per bambini dai 5 agli
11 anni, Vietato Buttare! per la costruzione di
oggetti con materiali poveri, (ore 18,30: merenda).
Ore 21,15: Robin Hood COMPAGNIA ABRUZZO
TUCUR DI CHIETI Dai 3 anni in poi. Nell’affascinante mondo dell’Inghilterra medioevale, Robin
Hood e la sua allegra compagnia, immersi nel magico verde della Foresta di Sherwood, tentano di opporsi eroicamente alle cattiverie del perfido Principe Giovanni e del cattivissimo Sceriffo di Nottingham. I ragazzi potranno rivivere un’affascinante
storia dal sapore antico, ricca di sorprese e colpi di
scena. Little Jhon, Frate Tuck, Lady Marianne, lo
Sceriffo di Nottingham e il piccolo soldato Artur,
faranno a gara per impedire o agevolare le imprese
eroiche di Robin Hood. Tra fantasmini, castelli e
antiche leggende, per circa un’ora, tutti potranno
partecipare attivamente all’avventura fantastica
di “Robin Hood nel castello di Nottingham”.
Populonia Alta, Piazza del Castello
Mercoledì 30 luglio
Ore 17-19,30: laboratorio per bambini dai 5 agli 11
anni, Vietato Buttare! per la costruzione di oggetti con materiali poveri, (ore 18,30: merenda).
Ore 21,15: L’incantesimo degli gnomi
COMPAGNIA GLUG TEATRO DI AREZZO Dai 3 anni in poi. Tratto da antiche leggende dolomitiche,
un omaggio al popolo degli gnomi che abitano
quelle montagne. Sia per i curatissimi burattini intagliati nel legno, le fantasiose scenografie, le musiche e gli effetti di luce, lo spettacolo unisce realta’ e fantasia in una storia affascinante e originale.
Ex Asilo pro Patria
Giovedì 31 luglio
Ore 17-19,30: laboratorio per bambini dai 5 agli 11
anni, La ceramica a mano libera modellazione
di oggetti in ceramica, (ore 18,30: merenda).
Ore 21,15: Loira Narpei Show COMPAGNIA HABANERA TEATRO DI PISA Dai 4 anni in poi. Questa
volta è in gioco la tradizione del Circo e il fascino che
da sempre esercita sui bambini. La conduttrice, Loira Narpei vi porterà all’interno di un brillante show,
in cui le tradizionali belve del circo cantano come soprani, un clown balla come Carla Fracci e una carota combatte contro un coniglio. Con l’aiuto di 11
pupazzi animati finemente scolpiti nella gommapiuma, sul filo dell’assurdo lo spettacolo prosegue tra
gag, frizzi, lazzi e risate.
Populonia Stazione
PIOMBINO
10
OGGI 2.2003
Conferenze, libri
e visite guidate
Martedì 8 luglio
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
“Letteratura e religione presso gli Etruschi” Dott.ssa M. Massei Autunnali
Chiostro di S. Antimo ore 21,15
Venerdì 18 luglio
CIRCOLO CULTURALE S.ANTIMO
“Peter Russell.
Un grande poeta del novecento”
E. Natali, N. Varca, M.A. Schiavina
Chiostro di S. Antimo ore 21,15
Lunedì 21 luglio
ASSESSORATO ALLA CULTURA
“Piccolo Porto Antico”
Presentazione libro su Baratti
per ricordare Giancarlo Cappelli
Populonia Piazza del Castello ore 21
Giovedì 24 luglio
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
“Dino Campana poeta del ‘900”
Prof. E. Natali
Chiostro S. Antimo ore 21,15
Martedì 29 luglio
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
“La rinascita del Platonismo nella Firenze
del ‘400” “Dott.ssa M. Massei Autunnali”
Chiostro di S. Antimo ore 21,15
Venerdì 8 agosto
CIRCOLO CULTURALE S.ANTIMO
“Clemente Rebora poeta del ‘900”
Chiostro S.Animo ore 21,15
Venerdì 22 agosto
ASSOCIAZIONE CULTURALE “ALDO ZELLI” - IL FOGLIO LETTERARIO
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
Ricordando Aldo Zelli
e Maribruna Toni
Chiostro di S. Antimo ore 21,15
Venerdì 5 settembre
ASSOCIAZIONE CULTURALE “ALDO ZELLI” - IL FOGLIO LETTERARIO
CIRCOLO CULTURALE S. ANTIMO
“Vite minime” scritti di D. Boccarini
musicati dai “Torcida”
Chiostro di S. Antimo ore 21,15
Redazionale a cura delle Relazioni Esterne dell’APP
Il PORTO ed il suo FUTURO
Il Comitato Portuale, nella seduta del 29 aprile, ha approvato
l’aggiornamento per l’anno 2003 del Piano Operativo Triennale
2001-2003 dell’Autorità Portuale di Piombino.
l Piano, che indica quali sono le linee
di sviluppo del porto, analizza i vari
settori di attività dell’Autorità Portuale, fra i quali la logistica per i passeggeri, la sicurezza ed igiene del lavoro, l’attività promozionale ecc.; ma in particolare delinea quali sono gli interventi infrastrutturali che stanno cambiando e
cambieranno sempre più l’assetto dello scalo piombinese.
In particolare, è stata completata la
realizzazione della banchina Magona (che si chiamerà Marinai d’Italia)
per un costo di circa 2 milioni e mezzo;
sarà invece completato alla fine del
2004 il prolungamento della diga
foranea che prevede un ulteriore allungamento di 20 m rispetto ai 260 m
del progetto originario per un costo
finale di oltre 13 milioni. Entro la fine
dell’anno saranno poi avviati i lavori
per l’adeguamento del molo Batteria, con l’allargamento dello stesso a 22
metri, per un costo di oltre 4 milioni.
Il “tormentato” dragaggio del canale di
ingresso e del bacino di evoluzione (oltre 70.000 mc di sedimenti) è in via di ultimazione (costo 1 milione e 200.000),
mentre sarà completata nell’ottobre del
2003 la costruzione della vasca di contenimento destinata a ricevere i sedimenti dell’escavo interno del porto, per
un costo di oltre 3 milioni.
Con l’approvazione da parte della Regione
della Variante II al Piano Regolatore
Portuale, l’Autorità Portuale può iniziare
concretamente a dar corso alla realizzazione delle opere previste, che avverrà in due stralci:
l il primo stralcio riguarda la costruzione di una seconda vasca di contenimento dei materiali provenienti dalle operazioni di escavo; la realizzazione del
banchinamento di m 245 in parallelo al
I
Al fine di coprire le
ingenti spese per la
realizzazione delle opere previste dalla Variante II al P.R.P., l’Autorità Portuale ha stipulato tre mutui per
un valore di circa 11
milioni l’uno.
Oltre a ciò l’Autorità
Portuale ha avanzato
Lavori di prolungamento della diga foranea
richieste al Ministero
delle Infrastrutture e
dei Trasporti per l’urbanizzazione di Pogpontile Magona, comprensivo del nuogio Batteria, per l’acquisto e l’urbanizvo impianto di scarico delle acque reflue;
zazione delle aree ex IRFID in località Gal’escavo a -13 m su questa banchina e il
gno allo scopo di predisporre la piastra
trasferimento ed il tombamento della
logistica retroportuale, per il raccordo ferdarsena pescherecci, in seguito all’inroviario Portovecchio-Porto e sopratdividuazione delle possibili soluzioni tatutto per il completamento di tutte le
li da garantire un sicuro e alternativo
opere previste dalla Variante II.
ormeggio ai pescherecci. Le progettaL’Autorità Portuale ha indicato anche l’esizioni delle prime due opere sono quasi
genza di un finanziamento pari a circa
completate.
72 milioni per la penetrazione della SS 398
l Il secondo stralcio riguarda il comsul porto: tale intervento è stato inserito
pletamento dei nuovi banchinamenti prenel programma triennale ANAS 2002visti; il completamento dell’escavo a
2004, con relativo finanziamento.
-13 m sulle banchine della Variante; la
Dalla Legge 426/98, che riguarda le borealizzazione dell’escavo a -15 m sul canifiche ambientali, l’Autorità Portuale si
nale di ingresso e bacino di evoluzione e
adopererà affinché giungano risorse per
lo spostamento e la riallocazione dei carconcorrere alla realizzazione dei probonili e del parco minerali della Lucchini.
getti di caratterizzazione dei fondali e delle aree della Variante 2, per
trattare e bonificare eventuali quote di materiali provenienti dagli escavi interni e per contribuire allo
spostamento dei carbonili.
Comunque la partecipazione di risorse private si rende assolutamente indispensabile per la realizzazione di tutte le opere previste dalla Variante II che non potrebbero essere interamente realizzate, in temNavi ormeggiate in porto
pi utili, con le sole risorse pubbliche.
PIOMBINO
11
OGGI 2.2003
Il “Giro”
ed altri eventi
SPORT & TURISMO
La città si conferma sede ideale per grandi
di Laura Pasquinucci
appuntamenti sportivi.
er la seconda volta in tre anni (nella
scorsa edizione era sede di partenza),
la città ospiterà la tappa più ambita,
quella di arrivo, del Giro d’Italia a Vela, la celebre competizione nazionale organizzata
da Cino Ricci. La manifestazione per due
giorni farà confluire a Piombino un folto
pubblico di appassionati e il vasto enturage
del Giro, che sarà seguito da numerose agenzie
e testate giornalistiche, tra cui la Gazzetta
dello Sport e la RAI. Grande attesa, inoltre, si
è diffusa per lo spettacolo con la soubrette Pamela Prati, che la sera del 25 luglio sarà allestito in piazza Bovio.
Non ci sono solo agonismo e passione sportiva, quindi, tra gli ingredienti che rendono
il GiroVela un evento unico nel suo genere e
ad alta valenza promozionale, al quale quest’anno solo 17 barche e 10 città italiane hanno potuto legare il loro nome. Ma quali so-
P
no le carte vincenti che hanno consentito
a Piombino di entrare ancora nella ristretta rosa delle “città del Giro”?
Oltre che alla simpatia del patron e ad una
collaborazione in loco che ha pienamente
soddisfatto le esigenze degli organizzatori,
Piombino deve questo successo alla sua
particolare posizione geografica e al vento
“giusto” che spira regolarmente al largo delle sue coste e che, a meno di clamorose
smentite, fornirà adeguato sostegno alle
prestazioni degli equipaggi impegnati nel
Match Race finale del 26 luglio (le regate
si svolgeranno la mattina, le premiazioni in
piazza Bovio alle ore 18). La competizione
si preannuncia avvincente: tra i favoriti figurano
Roma, Spotorno, Riva del Garda (vincitore
GiroVela 2002), Grado e Fiamme Gialle, ma
potrebbero spuntare degli outsider. La gara è aperta.
Il contributo della Marina
“
Quella della Capitaneria di Porto è una partecipazione
discreta ma essenziale, finalizzata a garantire la sicurezza in
mare nei giorni della manifestazione, caratterizzati da un’alta densità di traffico. Saranno utilizzati i mezzi propri e,
all’occorrenza, unità da Livorno
”
Il Sindaco commenta
“
Ospitare ancora una volta la tappa finale del Giro d’Italia a Vela è un risultato reso possibile dal grande impegno che si è diffuso intorno all’azione dell’amministrazione
comunale, grazie al contributo degli altri organizzatori: YC
Marina di Salivoli e Circoli velici. Si tratta di una manifestazione di cui si vedono i ritorni, misurabili in termini non solo strettamente economici ma anche connessi alla fidelizzazione della città alla nautica: un fenomeno che, oltre ai risvolti
sportivi e culturali, può costituire un’interessante filiera di sviluppo per l’economia territoriale
FOTO DI FABIO TACCOLA
UN PO’ DI STORIA
”
1989 Prima edizione del Giro a Vela,
1999 Arrivano le nuove imbarcazioni G34
dalla banchina di Sanremo Portosele
partono quindici Comet 333
1991 Il percorso raggiunge la sua connotazione definitiva di periplo della penisola
1993 Flotta totalmente rinnovata, la scelta cade sugli Jeanneau One Design 35
1996 Edizione caratterizzata dall’alto
livello tecnico dei partecipanti, vince
l’equipaggio ligure di Savona Riviera
delle Palme
e il Villaggio promozionale che anima
le banchine in ogni sede di tappa
2001 La flotta si completa e schiera 17
G34 One Design. Piombino entra nel
Giro e ospita la finale a Match Race tra
i primi 4 della classifica generale
2002 Riva del Garda Printel vince la
quattordicesima edizione del Giro. La
manifestazione parte da Piombino,
che partecipa alla gara con una propria
imbarcazione.
PIOMBINO
12
OGGI 2.2003
TENNIS
TORNEO NAZIONALE
IL MARE NEL SANGUE
Nato a Rimini, Cino Ricci inizia la sua
carriera marinara con i pescatori di Cervia e sulle barche a vela dei turisti della riviera romagnola. Dal 1969 partecipa a regate nazionali e internazionali, in un crescendo di successi individuali e di squadra.
Skipper di Azzurra, guida l’Italia
nella sua prima partecipazione
all’America’s Cup (Newport 1983),
classificandosi ai primi posti tra
gli sfidanti, e nella successiva edi-
zione del 1987 in Australia. Dopo questa esperienza, che lo rende conosciuto
e amato anche al grande pubblico, diviene commentatore ufficiale della
Coppa e collabora con numerose
testate giornalistiche nazionale.
Esperto di portualità e di approdi, è consulente del Ministero
dei Trasporti e della Navigazione. Da oltre vent’anni organizza
eventi velici prestigiosi, come il
Giro di Sardegna e il Giro d’Italia.
Segnalazioni e curiosità
Velisti per caso... Non poteva mancare all’appello di
Cino Ricci, compagno d’avventure della ditta Blady-Roversi,
la barca dei Velisti per Caso: Emilia-Romagna. La presentazione ufficiale dell’equipaggio (scelto tra 800 candidati, “seguaci” della celebre trasmissione televisiva) ha
avuto luogo a Marina di Ravenna con Patrizio Roversi, di
ritorno dall’Australia. — Adriatica docet
Azzurra forever... Iscritta da Daniele Gabrielli e Mauro Piani, la barca Spirit of Azzurra è affidata ad un equipaggio composto da velisti della mitica imbarcazione. Il team
è sostenuto da un pool di aziende già sponsor di Azzurra 83, di cui il 19 luglio si celebra il ventennale. — Revival
Il Giro si tinge di rosa... In crescita la presenza delle donne alla manifestazione, con
numerose veliste tra gli equipaggi. Si segnala il team tutto femminile capitanato dalla
skipper romana Anna Sargenti. — Pari opportunità nello sport
Sagra del Pesce... Da segnalare la
disponibilità del Comitato Festeggiamenti, che per far posto al Villaggio
promozionale ha rinviato di una settimana
l’inizio della Sagra del Pesce (dal 31 luglio al 3 luglio), tradizionale appuntamento dell’estate piombinese, e fornirà un servizio di ristoro per gli addetti
con stand gastronomici allestiti in piazza Bovio. — Spirito di collaborazione
La barca di Piombino... Per quest’anno niente barca: le sponsorizzazioni dei privati non hanno infatti raggiunto la somma complessivamente occorrente per consentire
alla città di gareggiare con il proprio nome. — Delusione
ORGANIZZAZIONE & INFO
l Marina di Salivoli sarà il centro tecnicologistico dell’organizzazione ed ospiterà
le barche del Giro. Nel complesso, si tratta di un’occasione importante per scoprire la vela e vivere il porto turistico come struttura aperta ai cittadini di Piombino:
il 27 luglio i G34 saranno a disposizione per
una veleggiata non competitiva verso il
golfo di Follonica (per iscrizioni rivolgersi allo YC, tel.0565.48028), in autunno
partirà la scuola di vela dello YC.
l Per altre informazioni, aggiornamenti
e approfondimenti si consiglia di visitare
il sito ufficiale del Giro www.velaitalia.net,
dove sono stati raccolti molti dei dati e delle immagini contenuti in questo servizio.
A Piombino: Ufficio Sport, tel.0565.63294;
YC Marina di Salivoli, tel.0565.48028
PIOMBINO
13
OGGI 2.2003
Associazione tennistica piombinese, con il patrocinio del Comune, ha organizzato per il
terzo anno consecutivo il torneo nazionale di tennis Mazda Piombino
Open. La manifestazione, consolidato
e atteso appuntamento degli sportivi
italiani, ha visto la partecipazione di
64 atleti, alcuni dei quali classificati
tra i primi cinquanta in Italia. La
competizione, caratterizzata da un
alto livello tecnico ed agonistico, si è
svolta dal 31 maggio all’8 giugno. Ma
gli incontri (al momento in cui andiamo in stampa il torneo non è ancora
concluso, per cui non possiamo fornire i risultati) non sono stati l’unica
attrattiva delle migliaia di visitatori
che hanno affollato i campi dell’Atp,
dove sono stati allestiti gli stand dei
numerosi sponsor, ed hanno apprezzato la performance della compagnia
Sueno espanol Ballando nel tempo,
spettacolo di danza che ha affascinato i teatri di tutta Italia con ritmi del
flamenco e del classico spagnolo.
L’
CORSI DI TENNIS
E CAMPI SOLARI
A giugno iniziano come ogni anno i
corsi di tennis estivi e i campi solari
per bambini che verranno tenuti da
insegnanti qualificati sui campi e negli spazi del circolo Atp in via Giordano Bruno. Poi, dal prossimo autunno,
i corsi di tennis si svolgeranno nel
nuovo campo coperto, l’unico in Val
di Cornia, in corso di realizzazione
proprio in questi giorni.
l Per informazioni e iscrizioni ci si può
rivolgere alla segreteria dell’Atp, in loc.
Casone Maresma 19, tel. 0565.224848
CULTURA
Fahrenheit 451
Promozione della lettura e valorizzazione della cultura
scientifica: sono i due principali obiettivi del progetto
promosso dal Comune di Piombino
ahrenheit 451 è il titolo del celebre film
di F. Truffaut, tratto dal romanzo di
Ray Bradbury, che narra di una società futura sempre più automatizzata dove, rinnegando i valori tradizionali della
cultura, viene bandita la lettura e si danno i libri alle fiamme. L’ipotesi fantascientifica, nata ormai quasi quarant’anni fa, diviene oggi una inquietante metafora del presente. Così Fahrenheit 451-Il
libro, la Scienza è anche il titolo voluto
dall’assessorato alla Cultura per un progetto di informazione e divulgazione che
ha un duplice obiettivo: quello generale, di ribadire il valore assoluto del
libro come veicolo irrinunciabile di
cultura e libertà, e quello più specifico di rilanciare il ruolo della Biblioteca
Civica Falesiana.
“L’idea - commenta l’assessore Pablo
Gorini - è nata anche come naturale con-
F
di Laura Pasquinucci
seguenza del successo registrato dal convegno internazionale D.I.C.E., che nello
scorso mese di settembre ha visto la partecipazione presso il Castello di Piombino
di scienziati provenienti da tutto
il mondo (tanto che gli organizzatori hanno presentato
richiesta per ripetere l’esperienza anche nel 2004,
assumendo interamente
i costi e richiedendo al
Comune la sola disponibilità della struttura, n.d.r.)
In quella occasione, furono infatti organizzati
appuntamenti divulgativi
(su temi specifici, ma comunque accessibili) seguiti
da un pubblico numeroso e interessato. A questo si è unita la necessità di incrementare e svecchiare il patrimonio librario scientifico in dotazione alla Biblioteca Civica Falesiana, attualmente più fornita nel settore umanistico: per
questo compito è stata costituita una Commissione, composta
da funzionari del Comune, rappresentanti degli istituti
scolastici superiori
e di associazioni (Astrofili, WWF, Centro
di Entomologia, Istituto di Biologia ed Ecologia Marina)”. Dopo
il buon successo registrato dal ciclo di conferenze con esperti e
dalla rassegna cinematografica a cura di Fabio Canessa, si
attendono ora i risultati della Commissione, che è già al lavoro per la ricerca
dei testi. Il materiale librario che verrà acquistato sarà presentato pubblicamente,
attraverso una mostra, e promosso nelle
scuole.
Per maggiori informazioni:
Ufficio Beni Culturali: tel.0565.63220
PIOMBINO
14
OGGI 2.2003
Per Grazia
Ricevuta
È dedicata al Mare la VI biennale di arte sacra minore
Anno Internazionale dell’Acqua, proclamato dall’ONU per sottolineare
l’importanza delle risorse idriche nel futuro
del pianeta, ha spirato anche il tradizionale appuntamento piombinese con il
mondo dei Santini, il più importante e atteso dai collezionisti e dagli studiosi italiani del settore. Il mare nelle immaginette
devozionali: natura, simboli e protezioni è infatti
il tema della VI biennale di arte sacra minore, che sarà ospitata come di consueto all’interno del Chiostro di Sant’Antimo nel mese di agosto. La rassegna, che
anche per questa edizione unisce al
momento espositivo l’approfondimento dei diversi percorsi
culturali, artistici, sociologici e religiosi legati al fenomeno devozionale, si propone
di illustrare la storia dell’eterno
e conflittuale rapporto tra l’Uomo e l’Acqua in tutte le sue forme, fonte di vita ma anche di pericolo e morte: torrente impetuoso,
sorgente ristoratrice o insidioso abisso,
essa costituisce in fondo una metafora dell’imperscrutabilità e dell’onnipotenza divina, che si rispecchia nella complessa simbologia dei santini.
Anche per questa occasione è stato prodotto un catalogo (BANDECCHI & VIVALDI,
Pontedera) che, oltre ad una cospicua raccolta di immagini, contiene i contributi di numerosi e
qualificati autori. La manifestazione si svolgerà sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, con la benedizione del
Santo Padre ed il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Toscana. La
biennale è organizzata dall’Ufficio Decentramento del Comune
con la Circoscrizione Porta a Terra-Desco e l’Associazione Porta
a Terra, in collaborazione con
Mauro Carrara e il Centro Piombinese di Studi Storici.
L’
Il mare nelle immaginette devozionali. Natura, simboli e protezioni
2-31 agosto 2003
Piombino, Chiostro della Concattedrale di Sant’Antino
Orario: 10-12 / 17-20 / 21-23 (compresi festivi)
Per informazioni: Ufficio Decentramento, tel. 0565.63293
TURISMO & SVILUPPO
Novità e previsioni
per la stagione 2003
Intervista con l’assessore
al Turismo e Attività
produttive Stefano Ferrini
È appena iniziata la stagione turistica: come si presenta quest’anno?
«Le previsioni sono sempre molto difficili,
ma dai contatti con gli operatori sento molto ottimismo in giro, il che fa sempre bene.
Piombino quest’anno può vantare ulteriori
posti letto derivanti dagli ampliamenti dei
villaggi Orizzonte e Pappasole, nonché di
quelli di altri tre nuovi agriturismi. Per quest’ultima tipologia, occorre sottolineare che
nel nostro Comune siamo già a quota 17,
più due in istruttoria; se solo si pensa che
nel 1999 eravamo a quota zero... Si dice che
il mercato tedesco è un po’ in difficoltà e
questo effettivamente l’abbiamo riscontrato
anche alle fiere cui abbiamo partecipato, per
cui qualche preoccupazione c’è. Però l’incidenza sulle nostre strutture mediamente non
è così alta da provocare allarmismi ed inoltre
le ultime analisi aggiornate di quotati studi di
ricerca ridimensionano nettamente i cali previsti. Insomma, la Germania è una locomotiva che difficilmente si ferma!».
Questo per la ricettività, e per il resto
del settore turistico?
«Anzitutto quanto più le nostre strutture sono complete, e tanto più gli effetti benefici si
fanno sentire su tutti gli altri settori dell’economia legati al turismo: quindi commercio,
artigianato e piccola e media impresa. C’è
però un problema, sollevato opportunamente
anche dalle associazioni di categoria e che anch’io, qualche tempo fa, avevo evidenziato.
È quello di una ancora non troppo alta incidenza del turismo sulle attività commerciali
che operano nel centro urbano. Sappiamo bene, del resto, che le oltre 500.000 presenze turistiche derivano in gran
parte dalle strutture localizzate fuori del centro
urbano, per cui sono
necessari almeno tre tipi di interventi per affrontare e risolvere questo problema».
Può spiegare quali?
«Anzitutto procedere
più spediti nell’opera di
risanamento ambienta-
le delle fabbriche. È ben difficile attrarre turisti quando ci sono fumate multicolori...
Questo significa lavorare per un nuovo protocollo d’intesa dove ciascun soggetto faccia
la propria parte, a cominciare dalla Lucchini.
Questo terreno è quello che del resto il Sindaco ha intrapreso con Provincia, Regione e
Governo per giungere ad un accordo complessivo che risolva le varie problematiche
ambientali sul tappeto. Poi si tratta di rendere
più attraente questa città, sia con nuovi arredi
urbani, nuova cartellonistica lungo la via di accesso ed al porto, che con nuovi eventi o attrazioni che portino i turisti in città. Gli investimenti già fatti con il Castello, col Museo Archeologico, con Palazzo Appiani solo per citarne alcuni vanno senz’altro in questa direzione ed abbiamo già presentato ulteriori
progetti all’Unione Europea per il loro completamento (Corte Pentagonale, Polveriera
ed ex “stalle napoleoniche” per il Parco del Castello, acquari di Palazzo Appiani, Rivellino, piazza Gramsci ecc.). Sempre tra le azioni strutturali messe in campo, c’è questo “benedetto” Piano particolareggiato della costa
urbana che, malgrado alcuni ritardi legati
anche al passaggio di competenze sul demanio marittimo da parte della Regione, gli uffici dell’Urbanistica stanno elaborando insieme ad uno studio esterno e che consentirà ai privati finalmente di attrezzare e rendere
meglio fruibili e servite le nostre spiagge. Stiamo parlando della costa che va dal porto
commerciale sino a Spiaggialunga, con la
possibilità di avere quindi spiagge attrezzate
e munite di sevizi, sia per i piombinesi che per
i turisti. Questo significa poter contare su di
un turismo balneare legato anche alla costa
urbana, con evidenti riflessi positivi anche
per il commercio».
Come si inseriscono la nautica e la Piccola e Media Impresa in questo ragionamento?
«Lo studio di Aminti e Pranzini
che abbiamo commissionato offre tre nuove possibilità di porti.
Noi abbiamo bisogno almeno di
un grande porto turistico cui si colleghi un retroporto che sviluppi la
nautica e la cantieristica. Le riflessioni vanno in questa direzione ed a breve dovremmo avere anche gli atti conseguenti. Per
la Piccola e Media Impresa con
PIOMBINO
15
OGGI 2.2003
l’“acchiappaimprese”, come è stato simpaticamente definita la società di servizio cui abbiamo affidato con un bando europeo la gestione delle aree Pip di Montegemoli e quelle della nuova Variante di Colmata-Gagno, saremo in grado di impiantare nuove realtà
imprenditoriali, creando nuovo reddito ed
occupazione che potranno, tra l’altro, anche favorire nuovi consumi ed investimenti
utili al commercio ed all’artigianato».
Il terzo tipo di intervento?
«Riguarda la ricettività in città. La Variante al
PRG affronta il tema in modo davvero nuovo
e forte, rafforzando l’offerta di strutture ricettive nel centro urbano che già era notevolmente cresciuta, grazie agli investimenti dei
nostri albergatori, negli ultimi anni».
L’attrattiva turistica, oltre che sull’ambiente e sulla capacità ricettiva, si gioca anche sugli eventi. Cosa c’è in programma per questa estate?
«Puntiamo sulla qualità. Quindi in primo luogo l’enogastronomia, con Toscana Slow che
si è svolto il 7 giugno al Castello e che ha significato inserire Piombino nel cartellone dei
dieci eventi che la Regione Toscana e Slow Food
organizzano con questa iniziativa di grande prestigio. Poi, naturalmente Agosto con gusto, quest’anno ancora più ricco di sorprese e che
triplica perché si svolgerà il 7, 8 e 9 agosto al
Castello e che vedrà novità rilevanti rispetto
alle passate edizioni, e la Rievocazione Storica,
che culminerà nella cena medioevale in un Rivellino tutto riportato al passato e nei ristoranti che aderiranno all’iniziativa. Poi, ancora, concerti di musica rock nella zona dei
Portici e a Riotorto, raduni di moto ed auto,
sfilate di moda, Ragazza Più al Marina di Salivoli, ed altro ancora».
Una città da giocare
CITTÀ DEI BAMBINI
Progetti e iniziative
Dall’incontro di Francesco Tonucci con l’amministrazione ed il
consiglio dei bambini scaturiscono nuove idee per la città e per
la sua vivibilità per tutti i suoi abitanti. Non un progetto di
parte, che riguarda solo alcuni, ma un’occasione per riuscire a
vivere meglio e per conoscere la propria città.
ambiare la città, questa è la difficile
sfida che sottende gli obiettivi di
questo progetto, che non si prefigge il semplice scopo di far contenti i bambini ma
che vuole incidere in maniera significativa sugli atteggiamenti e sugli stili di vita». Così ha
esordito Francesco Tonucci, responsabile della rete delle Città dei bambini a livello
internazionale, nell’incontro con il Sindaco,
la Giunta e con i tecnici del Comune del 16
aprile scorso. Un incontro che ha avuto l’obiettivo di verificare il percorso avviato da
Piombino, in rapporto a quanto realizzato
in altre città, e di ascoltare voci diverse che
lavorano su questa idea.
«I bambini per crescere hanno bisogno di giocare fuori, nella città. Non si può giocare su
un giardinetto come spazio immutabile, sono spazi che non crescono con lui e quindi
non lo aiutano in questo senso. È importante
quindi attivare interventi che producano
cambiamenti significativi in questo senso, anche culturali. Tolleriamo infatti le sirene degli allarmi delle auto come se fossero diventate normalità insieme a tutti i rumori
della città, ma non siamo più capaci di tollerare il chiasso dei bambini dei giocano. E
questo è un segnale molto negativo».
Nel 1989, 14 anni fa, è stata varata la Carta dei Diritti del bambini, assunta in una legge dello Stato nel 1991. Nonostante il fatto che il diritto al gioco sia uno dei diritti fondamentali sanciti nella Convenzione, ancora oggi, in molti regolamenti municipali è
previsto il divieto di gioco negli spazi verdi
e nelle piazze.
Nel corso della riunione in
Comune Tonucci ha raccontato il suo incontro con i
bambini del Consiglio avvenuto il pomeriggio precedente presso la loro sede.
Un incontro molto bello, durante il quale i bambini hanno discusso soprattutto delle proposte fatte per il concorso di idee su piazza della
Costituzione, evidenziando
visioni diverse del modo di vivere la città e anche molte
«C
a cura del Laboratorio
della Città dei Bambini
insicurezze. Proposte che evidenziano comunque la necessità di avere una città permeabile, in cui sia possibile avere spazi di autonomia essenziali. Piazza della Costituzione dovrebbe essere accessibile ai bambini di una certa età anche senza essere
necessariamente accompagnati. L’adozione di un certo tipo di segnaletica, come il cartello europeo che indica la presenza di una
strada residenziale in zona di abitazioni, aperta alla pedonalità ed al gioco dei bambini, potrebbe contribuire a ridurre la velocità dei veicoli intorno alla piazza.
Un’altra possibilità potrebbe essere creare
degli attraversamenti ai 4 lati attraverso
passaggi pedonali rialzati (il marciapiedi
che attraversa la strada) per ridurre la pericolosità della piazza e a garantire una maggiore autonomia dei bambini. Perché una cosa è certa: se i bambini sono in giro per le
strade, il traffico è rallentato.
In questo senso grande importanza ha l’esperienza “A scuola andiamo da soli”, una
sfida possibile che è stata raccolta da diverse
città italiane: a Pesaro ci sono già 4 scuole
che hanno realizzato questa importante iniziativa e che sta portando a cambiamenti significativi nella vivibilità della città.
Se i bambini dicono
adesso basta!
Nella stessa giornata del 16 Tonucci ha poi
visitato le realizzazioni dello scorso anno relative ai giardini e cortili delle
scuole o vicini ad esse ed ha
incontrato le insegnanti che seguono il progetto. Alle 17,
presso i locali della Biblioteca
Comunale Falesiana, si è svolta la presentazione del suo
nuovo libro Se i bambini dicono
adesso basta!, edito da Laterza, concepito come prosecuzione e aggiornamento della
sua prima opera, La città dei
bambini, un testo che ha accompagnato lo sviluppo del
PIOMBINO
16
OGGI 2.2003
omenica 8 giugno i bambini hanno
animato alcuni degli spazi più significativi della città con giochi e attività
sportive scelti direttamente da loro attraverso il concorso Ti regalo una domenica. L’Amministrazione di Piombino, nell’ambito del progetto La città dei
Bambini, ha infatti coinvolto i ragazzi
nell’elaborazione di questa iniziativa invitandoli a raffigurare le attività che
vorrebbero svolgere per le vie e le piazze cittadine in un giorno di festa.
I manifesti del concorso, scaduto il 10
maggio, sono stati valutati da una commissione formata dagli artisti Eraldo Ridi,
Stefano Fontana, dal Presidente della circoscrizione Porta a Terra Pablo Cinci e
dall’assessore alla Pubblica istruzione di Campiglia Marittima Federica Genovesi che
hanno scelto, tra gli oltre 50 manifesti
pervenuti, quello elaborato dalla classe
V della scuola elementare Diaccioni.
I criteri che hanno ispirato nell’assegnazione
del premio sono stati la capacità di centrare
il tema proposto; l’aver rappresentato la
città come contenitore del gioco nei suoi
angoli e nelle sue piazze più significative;
la varietà delle proposte, che vanno dal gioco libero alla organizzazione di percorsi ciclabili nel centro storico, dalle gare di pesca e pattinaggio alle attività espressive come teatro, pittura e fotografia; la cura estetica e l’elaborazione dei disegni; la fattibilità delle proposte. Molto apprezzato
inoltre il messaggio finale riportato nel manifesto premiato: “Invadiamo allegramente tutti insieme la città”.
Per la realizzazione delle iniziative si ringraziano la Circoscrizione Porta a Terra Desco, il Comitato Valorizzazione Portici, la
Bottega del Commercio equo e solidale.
Tutti i manifesti sono stati messi in mostra
presso il palazzo comunale parallelamente
all’iniziativa.
D
progetto dalla sua nascita. In questo secondo volume, invece di raccontare le esperienze delle diverse città, Tonucci preferisce
dare la parola ai bambini. 26 frasi, proposte
o proteste di bambini, diventano l’argomento dei 26 capitoli del libro. In ogni capitolo l’autore risponde a due domande:
perché un bambino dice questo? Cosa si
potrebbe fare ascoltando i bambini? Ne nasce un’ampia analisi della condizione infantile di oggi e un vasto repertorio delle iniziative, attività ed esperienze realizzate
dalle città in questi anni ed altre possibilità
per dare concrete risposte alle attese dei bambini. Un libro diretto agli amministratori, ai
tecnici della città, ai progettisti, insegnanti, studenti e genitori ed ai bambini. All’iniziativa di presentazione hanno partecipato
anche il Sindaco Luciano Guerrieri e l’assessore alla Pubblica Istruzione Simonetta Polverini.
Pubblica Istruzione N E W S Pubblica Istruzione N E W S
Contro la
dispersione
scolastica
È al lavoro l’Equipe di Area Val di Cornia, che stabilirà gli interventi da realizzare nel prossimo anno
scolastico
Il termine “dispersione scolastica” indica un’ampia tipologia
di situazioni anomale che interferiscono nel regolare compimento degli studi, come la ripetenza, il ritardo, la frequenza irregolare, fino all’esito più eclatante dell’abbandono della scuola.
L’insuccesso formativo è un problema che
non può essere considerato e trattato esclusivamente dal punto di vista individuale, ma deve essere affrontato con il
concorso delle famiglie, delle istituzioni, degli operatori scolastici e di tutti i soggetti attivi della collettività.
Per questo la Regione Toscana, in attuazione della Legge regionale n.53
del 1989 sul diritto allo studio, ha previsto finanziamenti per progetti
specifici elaborati ed attuati a livello
di area (generalmente corrispondente
alle zone socio-sanitarie). La progettazione integrata di area sul territorio
regionale ha avuto inizio nel 1994 e l’esperienza ha confermato la sua validità
come strumento di programmazione
concertata nel settore degli interventi formativi e per gli interventi rivolti
al miglioramento dei problemi legati
alla scolarità, all’innovazione del sistema scolastico e, in particolare, al
pieno raggiungimento del successo
formativo. Nel progetto integrato
di area Piombino-Val di Cornia (PIA)
confluisce la collaborazione dei Comuni, della ASL 6, delle istituzioni scolastiche presenti sul territorio e di servizi privati. Con l’obiettivo di contrastare
a livello preventivo la diffusione del
fenomeno dell’abbandono scolastico
(che nelle strutture locali colpisce so-
n
prattutto la fascia adolescenziale e,
quindi, la scuola media superiore), da
alcuni anni attraverso il PIA vengono
programmati interventi mirati, cofinanziati in larga parte dalla Regione.
Il braccio operativo dell’organizzazione è l’Equipe di Area, costituita sulla base di un protocollo di intesa e formata da personale tecnico, in cui figurano dirigenti degli istituti scolastici e dei Comuni, rappresentanti della
ASL. Il 12 maggio si è insediata l’Equipe che nei prossimi mesi definirà gli interventi da attuare nel corso del prossimo anno scolastico.
cenzo e dell’I.C. di Venturina tel.
0565.851467.
Iscrizioni: si ricevono, entro il 31 luglio, alla segreteria del Centro Territoriale Permanente, presso la Scuola Media “Via Torino” di Piombino, via Torino 21, aperta dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 13.
Ognuno deve
fare la sua parte
Per prevenire le cause e le
manifestazioni del disagio
giovanile occorre l’impegno delle istituzioni e delle
famiglie
Imparare non è
una questione
di età
Colla nelle serrature, armadi sfasciati, segni di effrazione: i danneggiamenti provocati da alcuni ragazzini alla palestra della scuola media
X settembre, riportano all’attenzione
pubblica il fenomeno del vandalismo, espressione concreta di un disagio giovanile
che, ormai da alcuni anni, non risparmia
più la comunità piombinese ed è, anzi,
in aumento, dando origine anche a gravi manifestazioni di violenza di gruppo. A preoccupare è la frequenza degli
episodi, la loro entità e l’età dei responsabili, al limite tra l’infanzia e l’adolescenza: un insieme di effetti che
fanno pensare ad un problema in gran
parte sommerso e, quindi, maggiore di
quanto appaia. Ma se questa “bravate” sono solo la punta di un iceberg insidioso, che ogni tanto squarcia la tranquillità e le coscienze della comunità
piombinese, quali sono le motivazioni che scatenano questo fenomeno, dove vanno ricercate le responsabilità e, soprattutto, cosa si
può fare per riportare al sicuro il
futuro dei bambini di Piombino?
“Responsabilità e rimedi non possono che
dividersi equamente” - risponde l’assessore alla Pubblica Istruzione e Servizi Sociali Simonetta Polverini, insegnante
presso la scuola media cittadina - La società nel suo complesso, l’amministrazione,
le istituzioni scolastiche, ma anche i pri-
n
Aperte le iscrizioni ai corsi
per adulti del Centro Territoriale Permanente
Apprendere in tutto l’arco della vita: è questo l’obiettivo di
chi decide di rientrare in formazione.
A costoro si rivolgono le attività del
Centro Territoriale Permanente del
Distretto 33, che ormai da alcuni anni
si occupa dell’educazione permanente nel nostro territorio e che per il
prossimo anno scolastico propone i seguenti corsi: l conseguimento, in un
anno scolastico, del diploma di licenza elementare e media rivolto ad adulti e ragazzi che abbiano compiuto il 15° anno di età; l lingua italiana
per stranieri, dall’alfabetizzazione di
base al conseguimento della certificazione CILS (in collaborazione con
l’università per gli stranieri di Siena); l
inglese, tedesco, spagnolo a vari livell;
l alfabetizzazione informatica; l preparazione alla patente ECDL; l letteratura, storia, cinema, sicurezza sui
posti di lavoro, consumo consapevole,
teatro.
Info: segreterie della Scuola Media “Via
Torino” tel. 0565.222395, dell’I.C. “Mascagni” tel. 0565.701695 di San Vin-
n
Per informazioni: Ufficio Pubblica Istruzione, tel.0565.63297
Ambiente Piombino
Studenti alla scoperta
della loro città
Il progetto, ideato per approfondire la conoscenza del
territorio, hanno preso parte alunni di
tre diversi cicli scolastici: i bambini delle classi V A e B della scuola elementare XXV Aprile, i ragazzi della scuola media Via Torino (I E sede di via Togliatti)
e della IV AIT dell’IPSCT A.Ceccherelli
(corso Promoter). Attraverso una serie di
n
vo, è da sottolineare infatti come in
questo originale percorso formativo
sessanta ragazzi appartenenti a scuole ed età diverse siano riusciti a lavorare
insieme in modo serio e costruttivo,
sotto la guida dei loro insegnanti.
Nell’ambito del progetto si è attuato, inoltre, il gemellaggio con la scuola media Salvo D’Acquisto di Cerveteri, che con il nostro territorio condivide l’origine etrusca. Le giovani
guide turistiche si sono incontrate
sia a Piombino che a Cerveteri.
incontri e sopralluoghi, i ragazzi hanno
realizzato il logo, simbolo dell’iniziativa, ed una serie di schede sui principali
monumenti ed eventi storici locali. I più
grandi, ormai esperti “promoter” della
città e del suo territorio, hanno fatto
da tutor nei confronti dei più piccoli e insieme, nel corso di alcuni mesi di attività
finanziata in parte dalle scuole e direttamente dalle famiglie, hanno lavorato
seguendo un metodo di lavoro basato
sul reciproco scambio di conoscenze.
Oltre al valore didattico ed educati-
PIOMBINO
17
OGGI 2.2003
vati singolarmente, genitori e famiglie
in primo luogo, devono fare ciascuno la
propria parte e svolgere fino in fondo il
ruolo educativo che è loro assegnato: solo un fronte comune può arginare questo fenomeno, che sta assumendo caratteristiche veramente preoccupanti”.
Un’affermazione che può sembrare addirittura banale, tanta è la sua evidenza e condivisibilità: ma cosa succede nei
fatti? “Al di là delle adesioni di principio,
la realtà poi è ben diversa - continua
Polverini - Lo sforzo dell’amministrazione comunale si è rivolto in particolare ad ottimizzare le forze e le
risorse, attraverso un’azione di coordinamento delle istituzioni pubbliche
(ASL, Servizi sociali, Sert) e di tutti i soggetti comunque preposti all’educazione (associazioni sportive, scuole), senza
dimenticare l’istituzione che per prima
è coinvolta: la famiglia. Un impegno
mirato e svolto in maniera tutt’altro
che generica, con interventi capillari in
ogni struttura didattica, ad ogni livello.
Devo purtroppo constatare che gli incontri
ed i corsi formativi, organizzati per gli
adulti, hanno registrato per la fascia adolescenziale una scarsa partecipazione
da parte dei genitori, il cui contributo è
invece essenziale, non solo all’interno della famiglia, ma anche per l’efficacia
dell’intervento pubblico: se la rete si
smaglia, poche sono le possibilità di riuscita”. L’amministrazione comunale intende comunque promuovere un’azione per ottenere il risarcimento dei danni causati alla palestra: “Non si tratta
di una questione meramente economica o di una ritorsione - chiarisce l’assessore. Chiedendo di risarcire il danno
provocato ad un bene pubblico, si vuol
costringere gli interessati a prendere
coscienza delle proprie responsabilità, a
riflettere sulle conseguenze dei propri
comportamenti e richiamare l’attenzione sul fatto che una palestra, così
come una scuola, un monumento o un
cassonetto dell’immondizia, sono di tutti, anche di chi li distrugge”.
LAVORI PUBBLICI
Tutte le strade
portano a...
Piombino
Lo sviluppo della città
legato alla soluzione
del nodo viario.
iombino, da un punta di vista geografico, trovandosi su di un promontorio circondato dal mare, ha
sempre mantenuto una sorta di (splendido) isolamento che, in varie epoche ne ha
costituito croce e delizia.
Come non ricordare la nostra storia, la tradizione culturale che risale ai fasti del Quattrocento, oppure ai rintocchi negativi delle varie congiunture che qui, per un motivo
od un altro giungevano sempre con termini di ritardo sulle altre realtà produttive?
Ma tutto questo, nella visione attuale non può
più bastare, ed è sempre più necessario collegare la cittadina al resto dell’Italia e dell’Europa, visto che politica è oggi aggregazione, scambio di idee, velocità d’intervento.
In un viaggio al nord-est italiano fatto a metà
maggio, mi chiedevo, guidando, di come possa essere difficoltoso, ad esempio per un
amministratore di quelle terre, giungere nella capitale per svolgere le normali funzioni
che via via ci portano a contatto con i ministeri o le direzioni generali degli enti, e da
come possa nascere la protesta per chi si
sente dimenticato dagli organi centrali per
non poter essere continuamente presente a
curare i propri interessi pubblici. In parte,
succede anche a Piombino, anche se la distanza
è inferiore, ed un buon mezzo ci consente spostamenti rapidi ed efficaci. Ma questa città, i
suoi traffici, il suo porto hanno necessità di
essere collegati degnamente con il resto del
mondo; ed allora, si spiega il perché la Giunta Comunale abbia investito (vediamo come
e cosa) per ovviare a questo limite.
P
Ci siamo resi conto,
in sostanza, che il discorso sulla grande
viabilità non era più
rimandabile, e che se
volevamo dare slancio
alla nostra economia,
dovevamo alzare gli occhi e guardarci attorno: cosa che abbiamo
fatto per trovare le risorse occorrenti e le
giuste sinergie. Oltre
dieci miliardi di vecchie
lire per sistemare tutta la Geodetica: dove
trovarli, senza gravare più di tanto sulle tasche dei piombinesi in termini di Ici, TaRSU
o quant’altro?
È stato collaborando con la Provincia e la Regione che si sono trovati i giusti punti di riferimento affinché fra contribuzioni dirette e
ricorso ai Patti Territoriali, l’esborso del Comune
fosse pari solo al 17% della spesa totale.
Quando ci insediammo, a metà del 1995,
della SS 398 esisteva solo il progetto definitivo fino a Montegemoli, che oltretutto doveva
superare anche la fase dei pareri dei vari Ministeri interessati, e quindi era fortemente a rischio modifica. Qualsiasi verve polemica, che
volesse insistere sui ritardi o sui mancati raccordi politico-istituzionali, non potrebbe però
sfuggire da un dato: in sette anni, completati i progetti e trovati i finanziamenti,
si è al nastro d’arrivo di quei lavori, avendo ampie assicurazioni che
l’asse centrale a quattro corsie
verrà aperto entro fine anno. Non
solo, ma sono serviti anche per
assicurare il futuro del proseguimento fino al porto di Piombino, operando in due direzioPIOMBINO
18
OGGI 2.2003
ni: l’accordo Stato-Regioni, che ha ritenuto strategica per la Toscana quella
viabilità, ed il piano Anas
2002-2004 che ha reperito risorse importantissime
(aggiungo, anche insperate per il periodo in cui sono state trovate), ed accelerato le procedure al
punto che proprio fra pochi giorni si conoscerà il
nome del professionista
vincitore della gara di progettazione. Anche qui non era facile trovare un
miliardo e mezzo di vecchie lire solo per pagare questa, senza gravare sulle tasche dei
cittadini: è soprattutto merito del Sindaco,
che avendo una visione ampia e non campanilistica della vita politica, è riuscito a far sì
che dal nostro erario, uscissero solo...100 milioni! Fatta questa lunga premessa, la conclusione a cui si può giungere è breve: l’ ho già
dichiarato alla stampa, che il peggio è dietro
le nostre spalle, ed anche se ci saranno ancora
sei mesi da tirare la cinghia (vedi semaforo
“solo estivo” alla Geodetica), sicuramente abbiamo recuperato le distanze che ci separavano dalle altre realtà imprenditoriali, colmando questo gap sulla grande viabilità.
L’augurio è che si continui sulla strada della concertazione e della solidarietà fra gli enti locali, perché c’è ancora molto da fare: ma le premesse sono state gettate, il seme ha
germogliato, e l’economia della città ne ricaverà sicuri benefici. Di questo, ne siamo tutti più che sicuri.
Umberto Canovaro
Assessore ai Lavori Pubblici
Stralciato dal Piano delle opere pubbliche 2003
interventi
Centro Giovani e Pegaso
Parco del Castello
(sistemazione bastioni e corte pentagonale
project financing su stalle napoleoniche
e polveriera con destinaz. bar e foresteria
progetti esecutivi a luglio
2.200.000 *
Rivellino (rec. finale)
Campo tiro a volo
Bocciodromo
Cimitero urbano
esecutivo pronto a settembre
progetto pronto a fine mandato
progetto pronto a fine mandato
approvazione esecutiva a luglio
400.000 *
400.000
450.000
1.500.000
Cimitero urbano
da iniziare progettazione
Stadio Magona
pulizia facciata, demolizione tribuna
montaggio tribune del Palazzetto
(entro la primavera fine dei lavori)
(sitemaz. vialetti e altre manutenz.)
Patrimonio
È indifferibile mettere le gambe al progetto di
raddoppio del cimitero urbano di Piombino.
Sistemato quello di Riotorto, gli sforzi dell’assessorato si sono diretti a terminare la progettazione dello stralcio che prevede il “raddoppio” dell’infrastruttura, occupando le vecchie aree ex-Asiu, e la creazione di un altro campo d’inumazione, circa 600 nuovi loculi, e
tombe multiple per uso familiare.
In questo ambito, dovrà prevedersi anche la
costruzione di un forno crematorio, costruito
e gestito dai privati, che allevieranno i disagi attuali di chi ha scelto questa forma, e che
ci si augura la possano incrementare.
Il secondo intervento, di natura forte, sarà
quello di operare su vari plessi scolastici,
al fine di adeguare le strutture alle norme vigenti. La normativa prevede il termine del
regime di proroga entro il 31 dicembre 2004,
e la Giunta, che ha già effettuato numerosi interventi in proposito, sarà in grado di rispettare quella data. È chiaro però che bisogna sfruttare i finanziamenti previsti dalla legge 23/96,
e quindi mettere in campo anche per que-
§
Palazzo Appiani
(raddoppio strutture)
I
2.000.000
1.500.000
lavori già iniziati
(acquario)
tempi per fare i consuntivi su cosa è
stato fatto, ci saranno in seguito. Quello che oggi preme dare in termini di
informazione, è ciò che la Giunta si propone
di fare per ritenere concluso in maniera completa il proprio mandato. Una premessa, tanto per capirsi: l’elencazione che seguirà sta dentro il programma annuale (e triennale) delle opere pubbliche allegato “ope legis” al bilancio 2003, ma non coincide con esso, nel senso che esso riguarderà ciò che sicuramente
si cercherà di fare o di avviare per portare a
conclusione. Dividiamo, per comodità di ragionamento, la programmazione in due:
per il patrimonio, e per le aree pubbliche.
finanziam. (€)
750.000
Palazzo Appiani
(laboratori)
Opere pubbliche
di fine legislatura
progetti e lavori
progetto esecutivo ad ottobre
progetto definitivo entro l’anno
Plessi scolastici (manutenz.)
Elementari Ghiaccioni
Elementari v. XXV aprile
Ex scuole “S. Mina”
Scuola “P. G. Senni”
Elementare Perticale
Materna Riotorto
§
400.000
1° lotto progetto approvato
e finanziato entro fine estate
inizio lavori entro l’anno
2° lotto progetto esecutivo entro l’anno
1° lotto progetto esecutivo entro l’anno
2° lotto esecutivo entro marzo 2004
entro giugno progetto esecutivo
inizio lavori ottobre
conclusioni lavori a settembre 2004
progetto esecutivo entro l’anno
progetto esecutivo entro l’anno
100.000
25.000
181.000 **
103.000
181.000
50.000
130.000
**
**
**
**
250.000
50.000
50.000
Patti Territoriali - * chiesto cofinanziamento P.I.S.L. (Progetti Integrati Sviluppo Locale) - ** L. 23/96
st’anno tutta una serie di interventi importanti.
Sempre per la gioventù, si ritiene di dover
mantenere l’impegno assunto dal Consiglio comunale di dar vita ad un nuovo Centro Giovani, dopo la chiusura di quello di via Corsica per la fatiscenza delle strutture. Dopo l’estate sarà pronto il progetto esecutivo, ed ai
primi mesi del prossimo anno è presumibile
che si apra il cantiere di lavoro.
Ricorrendo a finanziamenti extra-comunali, sarà possibile portare a termine il restauro del Rivellino, emblema della nostra
municipalità, e creare gli acquari di Palazzo Appiani, che rappresenteranno una
nuova forte attrattiva per la città.
Sempre rimanendo ai grandi monumenti
storici, è intenzione della Giunta utilizzare
per la prima volta, a proposito del recupero delle “stalle napoleoniche” del Castello, lo strumento normativo del project-financing, ricorrendo alla scelta di un privato
investitore che si assuma l’onere di mantenerle, modificandone la destinazione d’uso in punto di ristoro e foresteria per i visitatori e i convegnisti, che vorranno utilizzare
la struttura per gli scopi più vari. Nel medesimo
lotto di lavori, sarà previsto – seppur con forme diverse – anche il ripristino del bastione ovest e della Corte pentagonale.
Nel settore del ricreativo, occorre un intervento di forte manutenzione della hall d’ingresso del Cinema Teatro Metropolitan,
PIOMBINO
19
OGGI 2.2003
e poi, dotare la città di due altre infrastrutture richieste da più parti, per le quali è
sentita una particolare necessità: un bocciodromo e un campo di tiro al volo.
Per queste opere, si deve partire completamente dall’inizio, ma si conta di fare (relativamente) presto, trattandosi di opere
non particolarmente dotata di particolare tecnologia.
Aree Pubbliche
Si tratta di continuare, in modo sistematico, nella manutenzione di strade e di marciapiedi. C’è un programma preordinato,
cronologico, e si segue quello: è la maggiore garanzia per il cittadino.
Al di là, e al di fuori del discorso sulle manutenzioni stradali, c’è comunque da costruire
un tratto di via Rosanna Bensi a Riotorto,
come ex novo vanno ricostruite due fognature:
una nel cosiddetto “retro-Lombriconi”, un’altra a Montemazzano Vecchio. Inoltre, per
l’autunno si potrà lavorare sulla sistemazione dell’arredo di piazza Gramsci, che le offrirà un volto totalmente diverso dall’esistente. Saranno poi sistemate ed abbellite
le due rotatorie di via Cavallotti e via della Pace, togliendo i new-jersey di delimitazione e si manuterrà la frazione di Populonia
Stazione. Un’ultima annotazione: il tracciato
della strada Fiorentina-Salivoli sarà inserito nel Piano strutturale, di prossima redazione.
ARTE & MONUMENTI
Il tesoro di Sant’Antimo
Così come accaduto in occasione del restauro del Castello, anche la ristrutturazione dell’Ospedale vecchio sta restituendo
alla luce del presente preziosi reperti e memorie del passato
iatti, boccali, vasi e stoviglie medievali: è “il tesoro” recentemente rinvenuto, insieme ad altre importanti scoperte, durante il restauro della Chiesa di
Sant’Antimo sopra i Canali, presso il complesso attualmente in ristrutturazione dell’ex
ospedale civile. L’annuncio è stato dato da Maria Teresa Lazzarini, Storico dell’Arte della Soprintendenza di Pisa incaricata di seguire i lavori, in occasione della conferenza pubblica organizzata nell’ambito del programma
Visite di Primavera, che aveva per tema proprio
La Chiesa di Sant’Antimo sopra i Canali. I manufatti portati alla luce costituivano materiale di
riempimento della volta di copertura dell’abside: una pratica in uso, all’epoca, per alleggerire le strutture. Meno consueto è invece il
fatto che siano stati utilizzati a questo scopo
oggetti integri ed appartenenti allo stesso pe-
P
di Laura Pasquinucci
riodo: le ceramiche, numerosi pezzi di
buona fattura, sono di produzione arcaica pisana (metà XIII secolo), una provenienza che testimonia tra l’altro la dipendenza di Piombino dalla Repubblica marinara. «Questa scoperta – commenta Maria Teresa Lazzarini – conferma il valore storico ed
artistico dell’edificio, nonché l’importanza
che la Chiesa rivestiva come vero e proprio fulcro della vita religiosa e civile della città. Il ritrovamento, che costituisce un fatto straordinario per Piombino, darà un contributo anche allo studio della ceramica medievale».
Purtroppo la mano dell’uomo, attraverso interventi di disfacimento realizzati in epoche diverse e fino all’Ottocento, con la sconsacrazione decretata dai Bonaparte-Baciocchi, ha
pesantemente inciso sull’aspetto e sulla ricchezza di Sant’Antimo che, in questo senso,
condivide la sorte di un altro edificio storico
della città: il palazzo comunale. Ma il passato glorioso di Sant’Antimo si fa sempre più nitido, mano a mano che procede il restauro: oltre alle ceramiche e ad altri resti di antiche strutture, si sono infatti delineati i fianchi e
l’ingresso originale della Chiesa, mentre
sparse affiorano le lastre di pietra alberese con cui era originariamente costruita.
Le recenti scoperte, che aiuteranno gli esperti
a datare con precisione la fondazione della Chiesa, confermano inoltre l’ipotesi che la costruzione dell’adiacente Torre della Tarsinata
sia addirittura di alcuni decenni antecedente.
Dopo il loro restauro, i reperti dovrebbero
tornare a Piombino per essere esposti al Castello, insieme alla dotazione museale.
da oggi è...
Noleggio camper promozione in “tariffa gialla”
(fino al 24 luglio)
da 4 a 7 posti
1 giorno omaggio
a partire da 95
€ al giorno
(chilometraggio illimitato - autoradio
porta bici - aria condizionata - doppio airbag)
(min. 7 giorni)
1 giorno omaggio
pulmino
9 posti
ogni 7 prenotati
(prenoti 7 paghi 6)
(patente B)
autocarri
fino a 35 q.li
noleggiamo
anche a ore
V E N D I TA CA
MPER
U S ATI EX N
OLEGGIO
via Flemalle (dir.porto) - Piombino e-mail: [email protected]
tel. 0565 224500 - fax 0565 229705
sito internet: w w w.briotravel.it
PIOMBINO
20
OGGI 2.2003
CIRCONDARIO DELLA VAL DI CORNIA
Il Salone agroalimentare
della Toscana Costiera
Durante la trentaduesima edizione della Fiera Mostra economica di Venturina – il Circondario
era tra l’altro presente con un
proprio stand – è stato presentato ufficialmente il progetto di un Salone dell’agroalimentare della Toscana Costiera dedicato ai prodotti enogastronomici di maggior spicco della nostra zona, allargandolo alle altre realtà della Toscana costiera
Prendendo spunto dalla nostra
partecipazione al Salone del Gusto di Torino nell’ottobre scorso si tenta di coniare anche in
Val di Cornia una rassegna che
dedichi ampio spazio ai prodotti tipici di qualità, come il
carciofo violetto, lo spinacio,
l’olio extravergine d’oliva ecc.
Per realizzare questa iniziativa si
è creato un comitato promotore formato da Rossano Pazzagli, presidente del Circondario, Franco Franchini, assessore allo sviluppo rurale della Provincia di Livorno, Roberto Nardi, presidente della Camera di
Commercio di Livorno, Silvia Velo, sindaco di Campiglia M.ma,
Walter Gasperini, presidente del
Consorzio Radici, Tania Grillandini, direttore soci e consumato-
ri di Coop Toscana Lazio. Il progetto, che sta già riscuotendo un
generale interesse, intende coinvolgere anche la cooperativa di
produttori Terre dell’Etruria e gli
altri soggetti del settore distribuzione, puntando ad essere
una delle rassegne del gusto
più importanti dell’intera Toscana. Nei prossimi mesi il gruppo promotore, che si avvale della consulenza di Alberto Bencistà, discuterà i dettagli tecnici di questa operazione. La prima edizione è prevista nel 2004.
biettivo della riforma nazionale del mercato del lavoro è infatti
quello di semplificare l’incontro tra la domanda e l’offerta.
Dal primo marzo di quest’anno ci sono 180 giorni di tempo, in pratica fino alla fine di
settembre, per richiedere la dichiarazione sullo stato di
disoccupazione. Gli
uffici del Centro per
l’Impiego di Piombino
(viale della Resistenza, 4) sono a disposizione per qualsiasi
chiarimento: tel. 0565.26331.
Centro per l’Impiego:
nuove regole
per il lavoro
Dall’inizio di marzo sono state
soppresse le vecchie liste di
collocamento, sostituite dall’“Elenco Anagrafico”. Non esiste
più neanche il libretto di lavoro. Ora, dietro la richiesta dei lavoratori, viene rilasciato un certificato che attesta, insieme allo stato di disoccupazione, che
il singolo non è impegnato in
alcuna attività lavorativa, è immediatamente disponibile a ricevere una proposta di lavoro e
che si impegni in una qualche azione di ricerca attiva di lavoro
(partecipando ad esempio alle
iniziative realizzate dal Centro
per l’Impiego di Piombino). L’o-
Ecco il piano di
formazione 2003
Sono 29 i nuovi corsi formativi
che inizieranno da qui a breve e
sono aperti a tutti: dagli studenti ai soci di cooperative, dai
lavoratori autonomi ai disoccupati, dagli studenti universitari ai lavoratori socialmente utili o in Cig ordinaria. Finanziati nell’ambito del Fondo sociale europeo, i nuovi corsi riguardano ad esempio la sicurezza alimentare nella distribuzione, l’estetica naturale solistica, l’informatica per le piccole e medie imprese, il management ed il marketing, le biotecnologie, la sicurezza in agricoltura, lo studio della lingua
per gli extracomunitari ed altro
ancora. Per ulteriori informazioni puoi rivolgerti all’Ufficio
formazione professionale del
Circondario, tel. 0565/26331.
Premio “Award”
di qualità al Forum
della Pubblica
Amministrazione
di Roma
L’unico progetto toscano premiato alla prima edizione nazionale dell’iniziativa “Sfide
2002-2003. Dalla buona pratica
alla buona amministrazione”
PIOMBINO
21
OGGI 2.2003
che si è svolta a Roma, nell’ambito del Forum della Pubblica
Amministrazione, è stato quello presentato dal Circondario: il
sistema dei Parchi. Motivazione:
“Il progetto – si legge ufficialmente – rappresenta un modello di gestione originale dei
beni pubblici di tipo archeologico-naturalistico da parte di
una società di tipo privatistico
a partecipazione mista”.
L’Agenda 21 locale
della Val di Cornia
È tornato a riunirsi lo scorso 6
maggio il Forum di Agenda 21 locale, attivo presso il Circondario.
Sono stati discussi gli indicatori ambientali che i tre gruppi
di lavoro del Forum, dedicati
all’acqua, alla città ed al paesaggio, dovranno analizzare per
produrre il primo “Stato dell’Ambiente della Val di Cornia”.
Nell’occasione è stato presentato anche il progetto del Piano
pluriennale di sviluppo economico e sociale delle aree protette
ed Anpil della Val di Cornia. Chi
è interessato alle tematiche ambientali può visitare la sezione
ambiente del sito www.circondariovaldicornia.it. Si ricorda
che le adesioni per far parte del
Forum sono sempre aperte.
Acqua e subsidenza
Si è svolto il 28 maggio il tavolo di concertazione sulla crisi
idrica. È stata fatta una ricognizione delle azioni svolte per
fronteggiare la crisi e sono state messe a punto le strategie
per la prossima stagione. Il Circondario, grazie ad un finanziamento della Regione Toscana, sta attuando il progetto di
monitoraggio a terra della pianura in relazione al fenomeno
della subsidenza.
PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Arriva la “bomba”
na delle grandi e complesse questioni che il secolo scorso ha lasciato
in eredità all’attuale è il fenomeno della crescita troppo veloce della popolazione, la cosiddetta
“bomba demografica”.
Invertire la tendenza e accelerare la diminuzione della
natalità nei paesi poveri resta
una priorità assoluta, dal momento che le dinamiche demografiche non sono indipendenti dagli equilibri ambientali, dalla malnutrizione e dalla povertà.
Ma avviare a soluzione il problema non è semplice.
Richiede una grande mobilitazione di energie e risorse e un’efficace opera di sensibilizzazione, visto che le resistenze non
mancano. Nell’Islam prevale ancora l’assioma “che il numero è
potenza”, condiviso a suo tempo
da Mao in Cina e smentito dai
successori tra immani sciagure. A
sua volta il papato persiste, dovunque può esercitare influenza, nel divieto della contraccezione, malgrado il dissenso di eminenti demografici e anche di autorevoli teologici cattolici.
Nel 1968, quando Paolo VI pro-
U
pravvivenza possono solo trasmettere al futuro il problema
ingigantito tragicamente, con un
ineluttabile sterminio tra desertificazioni crescenti, epidemie,
guerre tribali. Un inferno dal quale chi può scappa.
A farne le spese sono soprattutto gli europei.
Infatti “i profughi ambientali” dell’Africa entro meno di 10 anni saranno 212 milioni, fra i quali almeno 70 milioni destinati a premere
per entrare in Europa, sulle vie di
più facile accesso, anzitutto in Italia.
E, usando una triste ma realistica
metafora, si può dire che “se in una barca da 50 posti vengono caricate 100 persone, allora vanno
a fondo tutte e cento”.
C’è chi prevede che la curva demografica si fermerà entro i prossimi 25 anni a 7,5 miliardi.
È vero che in gran parte del mondo in via di sviluppo la diminuzione della natalità è avvenuta
con notevole velocità. Agli inizi
degli anni 80 il numero medio dei
figli per donna era superiore a 4 e
oggi è sceso a 3. È vero che in alcuni grandi paesi poveri il livello di
equilibrio dei 2 figli a donna è stato quasi raggiunto. Basti pensare
Considerazioni
sulle insidie
dell’esplosione
demografica
mulgò l’enciclica “umanae vitae”
a tutela e incitamento della natalità,
la popolazione terrestre veniva
stimata intorno a 3,5 miliardi. Ora abbiamo, in poco più di 30 anni, superato i 6 miliardi.
E ciò è dovuto alla prolificità del
terzo mondo.
Finora nessun investimento di
risorse finanziarie ha potuto
lenire le miserie delle nazioni
strette tra sottosviluppo e iperpopolazione.
Né il fondo monetario, né la banca mondiale possono disporre
dei capitali adeguati a fronteggiare quell’inflazione umana dell’Africa, per esempio, che rende impossibile anche un minimo di accumulazione agraria e di sviluppo.
Anzi, poiché la prolificità dei 70
milioni di africani comporta lo
sconvolgimento del territorio, i
semplici soccorsi di primaria so-
al Brasile e all’Indonesia per non
parlare della Cina, dove una ferrea
politica ha portato sotto questo
livello la fecondità.
Ma va anche detto che in una cinquantina di paesi, con 800 milioni di abitanti, le donne fanno in media più di 5 figli e che in altri paesi grandi o grandissimi come l’India la natalità diminuisce con lentezza.
Le stime mostrano che se la natalità rimanesse invariata al livello attuale (3 figli per donna) il
mondo povero passerebbe da 4,9
miliardi del 2000 a 7,4 del 2025.
Se invece essa diminuisse gradualmente a 2 la popolazione del
2025 di miliardi ne conterebbe 6,3.
Una differenza in meno notevole con
non poche conseguenze sullo sviluppo, la povertà, l’ambiente.
Ecco perché la “bomba demografica” va disinnescata.
L’inerzia politica significa ritardi
e alla fine dei conti anche un
freno allo sviluppo.
E purtroppo la comunità internazionale, con in testa la superpotenza planetaria americana, è
latitante.
Franco Fedi
GRUPPO CONSILIARE
CAPOGRUPPO
Giorgio Fontana
CONSIGLIERE
Maurizio Bracci
Servizi di informazione e comunicazione
L’Ufficio per le Relazione con il Pubblico di Piombino
si trova al piano terra del Palazzo Comunale, in via Ferruccio 2
tel. 056563274 • fax 056563290 • e-mail: [email protected]
Alcuni l centro di informazione sull’amministrazione, gli uffici e i servizi comunali;
servizi: l assistenza nella pratiche, accesso ai servizi
l rilascio modulistica, copia atti e regolamenti
l consultazione gratuita Internet;
l gestione reclami.
PIOMBINO
22
OGGI 2.2003
orario:
9-13 da lunedì a venerdì
9-13 / 15,30-17,30 mer.
COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÀ
La Commissione
e gli studenti
Bilancio del progetto informativo
e formativo realizzato nelle scuole e
nuove prospettive
di collaborazione
A chiusura dell’anno scolastico la
CPO ha terminato il suo intervento negli istituti superiori di Piombino
(Ragioneria, IPC Seccherelli, liceo
Scientifico) inerente la tematica
del “Disagio giovanile: esiste una connotazione di genere?”. Il Progetto
è stato realizzato con il contributo
della Commissione Provinciale di Livorno ed ha coinvolto, in quest’ultima fase effettuata all’interno delle scuole, la pedagogista Rita Roberto, esperta di non violenza e
consulente familiare.
Gli obiettivi di questo specifico
lavoro sono stati soprattutto
quelli di avvicinarsi al mondo adolescenziale con rispetto, facendo sperimentare un’altra modalità di stare insieme: sono state
raccolte le richieste dei ragazzi per
vedere se da parte adulta sussisteva la possibilità di risposte efficaci, verificando, al contempo,se
il disagio avesse un aspetto di genere. Non ultima la possibilità di riferire quanto emerso a tutti gli adulti di riferimento per farne motivo di riflessione.
Il metodo usato negli incontri effettuati è stato quello della pedagogia della non violenza che
prevede l’uso del circle time e
della tecnica della comunicazione efficace: l’ascolto attivo, riformulazione e assertività. Le modalità di formare dei gruppi autogestiti ha vinto le resistenze dei
più riservati, che comunque, si
sono accertati di ciò prima di lasciarsi coinvolgere.
Dall’osservazione dei ragazzi
durante il lavoro è emerso che
essi hanno dato segni di gradimento per essere protagonisti
e non spettatori passivi di un intervento rivolto a loro. Qualcuno
ha proprio verbalmente commentato positivamente la propria
sorpresa per un modo nuovo di essere trattato da parte di un adulto. La Commissione pari opportunità li ringrazia assieme ai loro
insegnanti, alle figure obiettivo e
ai Presidi che hanno collaborato
ad un’esperienza che si colloca all’interno di un più ampio
intervento condotto dall’assessorato alla pubblica istruzione e volto a rispondere al disagio nel territorio.
Le componenti della Commissione sono uscite molto soddisfatte
da questa esperienza, che ha permesso di creare un legame “dichiarato” verbalmente e per scritto da parte degli operatori degli istituti scolastici, disponibili ad altre sollecitazioni per gli anni a venire. Interessanti sono stati anche
gli interventi dei ragazzi inviati via
fax alla Commissione e recanti osservazioni e suggerimenti per come proseguire il lavoro.
In continuità con questo intenso legame ormai istaurato con il
mondo della Scuola, è stata con-
PIOMBINO
siderata la richiesta, peraltro particolarmente apprezzata, inviata
alla Presidente (Raffaella Biagioli)
nel mese di maggio da parte del
Consiglio d’istituto dell’ISIS “Volta-Pacinotti,” circa la necessità
di una lettura al femminile dei
programmi delle attività dell’istituto medesimo.
Le componenti della Commissione
e un nutrito gruppo di Professori
si sono così incontrati presso la
sede della CPO in via Cavour, per esaminare le cause che non permettono l’iscrizione delle ragazze agli istituti tecnici. In questa occasione
sono stati presentati i dati relativi
alle ottime possibilità occupazionali
23
OGGI 2.2003
dei diplomati ISIS-IPSIA, dati che verranno resi noti alla cittadinanza da
parte della Commissione. Verrà
predisposto anche un incontro con
il mondo economico imprenditoriale
al fine di approfondire ulteriormente le opportunità lavorative e il
fabbisogno delle tipologie lavorative che il nostro territorio offre alle ragazze al fine di rimuovere, da una parte, quegli eventuali ostacoli
di tipo culturale che possono condizionare l’iscrizione a scuole indirizzate a professioni tipicamente
maschili e, dall’altra, poter diversificare gli indirizzi interni degli istituti in direzione di “altre” specializzazioni.
GRUPPI CONSILIARI
PARTITO POPOLARE ITALIANO
Un’occasione sprecata
el 1995, con una scelta che ad
alcuni apparve temeraria e ad altri addirittura coraggiosa, l’allora
Partito Popolare di Piombino decise
di entrare a fare parte di una coalizione di centro sinistra, con la speranza di condizionare positivamente la consolidata egemonia della sinistra, la cui politica, nel corso dei
decenni passati, aveva prodotto quel
fenomeno che va sotto il nome di monocultura industriale, di cui oggi si percepiscono interamente i limiti e si
scontano gli effetti negativi. Coloro
che all’interno del Partito Popolare
privilegiavano gli aspetti politici del
difficile passaggio, che stavamo per
compiere e che avevano a cuore solamente gli interessi della città, ritennero che, se bene utilizzata, quella sarebbe stata l’occasione propizia per apportare all’interno della
coalizione una ventata di modernità, di professionalità, di capacità,
di efficienza amministrativa, di esperienza nella gestione della cosa
pubblica e per imprimere finalmente la necessaria accelerazione a quel
processo di diversificazione economica, che stentava ancora a partire
e ad imboccare la strada giusta. La
scelta di entrare a fare parte della
maggioranza di centro sinistra può
essere certamente criticata sul piano strettamente politico da coloro
che, a suo tempo, non l’hanno condivisa ma onestamente e nonostante
le vicende poco edificanti, che hanno interessato il Partito Popolare,
devo dire in tutta coscienza che,
N
sotto questo profilo, a distanza di anni rimango dell’idea che le ragioni, che
l’avevano suggerita allora, mi appaiono valide ancora oggi, alla luce
dei recenti avvenimenti. Ciò che non
ha funzionato, a mio parere, è la gestione che di quella scelta coraggiosa hanno fatto alcuni rappresentanti di quel Partito Popolare,
che oggi, tirando un sospiro di sollievo, sono transitati nella “Margherita” con la speranza di non farsi riconoscere o di rifarsi la perduta
verginità. Le buone idee per potere
camminare hanno bisogno di ottime
gambe ma anche di validi cervelli
politici. E questi ultimi, purtroppo,
non si sono dimostrati all’altezza
della situazione, che si era venuta a
creare per intuizione e volontà di
alcuni di noi. I miei ex colleghi di
partito, Barsi, Canovaro, Polverini, dei
quali conservo un pessimo ricordo
sotto l’aspetto umano e politico,
hanno interpretato probabilmente
l’entrata in maggioranza come un’occasione per loro di conquistare un pochino di potere personale, senza
preoccuparsi minimamente di imprimere alla loro azione e a quella della Giunta, della quale si andava a
fare parte, la necessaria tensione
GRUPPO CONSILIARE
CAPOGRUPPO
Italo Schirinzi
CONSIGLIERE
Roberto Moretti
PIOMBINO
24
morale e politica, che era nelle intenzioni di quanti si erano adoperati
per la nascita della coalizione e di
quelli che l’avevano appoggiata.
Qualcuno di questi noti personaggi,
fra l’altro, avrebbe desiderato percorrere strade diverse ma, avendo ad
un certo punto scoperto che dall’entrata nella maggioranza gli sarebbero potuti derivare vantaggi di carattere politico, non esitò a rinunciare
al proprio progetto alternativo, ad accodarsi umilmente e ad indossare
come un Fregoli le vesti del “sinistro più convinto”, meditando già di
fare l’assopigliatutto, in dispregio
di qualunque etica politica e correttezza nei rapporti con gli altri
colleghi di partito, approfittando
della compiacenza del suo amico
Sindaco e, successivamente, della
complicità di Barsi. I risultati sono
sotto gli occhi di tutti. In quasi otto anni non vi è traccia di un sia
pur minimo tentativo da parte di
Barsi, Canovaro e Polverini di far
valere le ragioni di una forza politica di centro di fronte allo strapotere del partito di maggioranza relativa.
Sembra che l’obiettivo principale,
che si erano prefissato di raggiungere
questi tre signori ed i loro residui
supporter, fosse quello di non arrecare dispiacere al Sindaco e ai
DS, fonte del loro benessere politico, rinunciando a dare alla coalizione quel contributo originale, che
tutti si sarebbero aspettati da loro.
In sostanza si potrebbe dire che in
cambio di un piacere politico o di un
incarico prezzolato si è preferito
OGGI 2.2003
sacrificare la propria identità politica.
Per questo motivo io mi sento di
dire oggi che la scelta a suo tempo
effettuata, può considerarsi, a consuntivo, un’occasione sprecata per
contribuire concretamente a far crescere la nostra città. Ed è per lo
stesso motivo che io, ad un certo
punto, non me la sono più sentita di
dare l’impressione di volere, con il
mio silenzio sulla stampa, assecondare questo loro atteggiamento,
che mi appariva, invece, frustrante
e poco dignitoso sia umanamente che
politicamente ed ho deciso di rendere pubblico il mio dissenso, privandomi così della loro sgradevole
compagnia con mio grande sollievo.
A ciascuno il suo destino. Il guaio è
che molto spesso il destino degli
altri si incrocia, purtroppo, con il
nostro, creandoci qualche fastidio.
Se la Giunta di Luciano Guerrieri,
per esempio, non gode di una buona immagine, perché appare scialba e poco incisiva, dobbiamo riconoscere che una parte di responsabilità è anche degli assessori Canovaro e Polverini e di chi li ha chiamati a farne parte. Io raccomando
perciò di tenere presenti queste cose al momento più opportuno e di
adoperarsi con il voto elettorale per
rendere innocui alcuni personaggi,
che non si sono dimostrati all’altezza dei compiti affidatigli. Bisogna dare la nostra fiducia a chi la merita e non affidare a chicchessia i
destini della città. Buone vacanze
a tutti.
Italo Schirinzi
GRUPPI CONSILIARIN
NUOVA PIOMBINO
ari cittadini, Nuova Piombino ha
fatto un’Assemblea Generale e
ha deciso di confrontare idee e programmi di sviluppo con quella parte del Centro-sinistra disposta a rinnovare con maggiore determinazione il governo della città. Se ci saranno le convergenze e le condizioni potremo arrivare ad un accordo; altrimenti continueremo per la nostra strada: Nuova Piombino non è
cambiata e non ha cambiato i propri obiettivi di sviluppo e di rilancio dell’economia cittadina. Abbiamo deciso di discutere con chi governa la città perché Piombino ha bisogno di aiuto. La crisi dell’industria continua, mentre è tuttora evidente che questa Giunta non è
stata capace di risolvere i problemi
di fondo: sviluppo e occupazione. Si
deve fare molto di più per il turismo, per il commercio, per le piccole
imprese, per il porto. Noi pensiamo che oggi ci sia bisogno di uno
sforzo enorme, che coinvolge tutti:
C
per questo abbiamo ritenuto giusto provare a dare il nostro contributo fattivo per aiutare quelle forze
che spingono nella direzione dello sviluppo. Troppe lentezze, troppo immobilismo: le forze che sono andate con i DS e che avrebbero dovuto
spingere non hanno cambiato niente, non hanno avuto la capacità di incidere. Noi riteniamo di poter incidere perché siamo da sempre solo
al servizio dei cittadini e non dei
Partiti, nessuno ci dà ordini dall’alto, nessuno decide per noi. Rispondiamo solo a Voi, ai nostri e-
GRUPPO CONSILIARE
CAPOGRUPPO
Carlo Torlai
CONSIGLIERI
Stefania Bardini
Giuliano Bellosi
Giuliano Fedeli
Andrea Toninelli
lettori. C’è bisogno di idee e di capacità di gestione: le idee dobbiamo
metterle in campo tutti, da destra e
da sinistra, e tutte le proposte dovranno essere valutate senza pregiudizi; per gestire ci vogliono persone capaci, competenti, motivate, disponibili al confronto: insomma gente non legata solo a logiche
di partito. Intanto continuiamo a
svolgere il nostro lavoro di opposizione costruttiva, mai pregiudiziale, nello spirito di servizio che dicevamo: Nuova Piombino è al servizio
dei cittadini e della città. Stiamo
cercando da sempre, fin dalla nostra
nascita, di mantenere il dibattito
politico sui contenuti, sui progetti,
sui problemi di Piombino, che sono
tanti ed irrisolti. Abbiamo fatto e
stiamo facendo proposte per uno
sviluppo diverso, alcune lanciate
dieci anni fa, oggi attualizzate dagli
eventi e dai risultati e ora copiate da
altre forze politiche, Piombino ha
bisogno di un’economia sempre me-
no legata alla grande industria e
sempre più orientata verso il turismo, il commercio, la piccola impresa. Questo ha caratterizzato la nascita e la vita di Nuova Piombino, insieme alle persone che ne hanno
fatto e che ne fanno parte, persone
che sono già state capaci nel passato
di abbandonare poltrone sicure e
di tornarsene al lavoro. Anche in
questo abbiamo dimostrato di essere
ben diversi da tanti altri politici di ieri e di oggi. Ridurre quindi la presenza di Nuova Piombino ad un problema di poltrone è assolutamente
falso, ingiusto e riduttivo. Peraltro
questo tentativo ripetuto e maldestro di presentare una trattativa politica, nemmeno cominciata, come
una rincorsa ai posti di potere, riduce
la politica ad una pratica poco seria,
svilendola nei contenuti e negli scopi, allontanando sempre di più i cittadini dai loro rappresentanti e dalle istituzioni. Questa politica non è
la nostra.
l Incidenza percentuale dei cittadini
emigrati all’estero
dinarie e ordinarie)
l Spese di gestione
l Controllo delle morosità
l Controllo delle prerogative per il
mantenimento dell’alloggio:
a. reddito
b. composizione familiare
c. effettiva residenza dei familiari
non contraenti
d. fenomeni di eredità di fatto
FI - UDC - AN
Osservatorio sulla trasparenza
degli atti comunali
on l’obiettivo di dare una necessaria e forte spinta politica all’indispensabile trasparenza, che deve
guidare ogni Amministrazione Comunale, i sottoscritti Consiglieri Sergio
Bagnoli, Giorgio Fontana e Giovanni Sironi, Capigruppo dei partiti della Casa delle Libertà presenti in Consiglio
Comunale, annunciano di aver iniziato a mettere a fuoco, anche con i dati e gli atti amministrativi che dovranno essere messi a loro disposizione dalla burocrazia comunale – a norma della legge 241/1990 – alcuni rilevanti aspetti della vita della Città, i dati numerici che li qualificano e la loro ricaduta
sulla vita di tutti i cittadini.
I temi che fino da ora annunciamo,
ma che sono suscettibili di variazioni
ed integrazioni, sono quelli che brevemente di seguito elenchiamo:
l spese di gestione e spese d’investimento
l stato delle indagini ICI e ex TARSU
l decremento demografico nel Comune
l apertura al pubblico degli uffici
l viabilità e Polizia Municipale
l case comunali o comunque pubbliche
l assegnazione consulenze esterne,
motivazione e quantificazione
C
Spese di gestione e spese d’investimento
l Trend negli ultimi cinque anni delle spese di gestione
l Trend negli ultimi cinque anni delle spese di investimento
l Accesso adiuvato alle delibere
Apertura al pubblico degli uffici
l Orario degli Uffici
l Apertura al pubblico
l Disponibilità al pubblico in specie
dell’Ufficio Tributi e dell’Ufficio Urbanistica
l Armonizzazione degli orari di apertura con gli altri Uffici Pubblici
Stato delle indagini ICI ed ex TARSU
l Notizie sulle indagini domiciliari effettuate da Infotirrena ai fini ICI ed
ex TARSU
l Motivazioni
l Costi
l Benefici
l Variazioni con precedente stato
l Ricaduta in termini di esenzione fiscale
Viabilità, controllo e Polizia Municipale
Siamo intenzionati ad indagare
l L’organico della locale PM
l Gli operatori addetti alla viabilità
l Gli operatori addetti ai servizi interni
di PM
l Gli operatori altrove distaccati
l I motivi del distacco, la specializzazione, la cernita dell’organico
Decremento demografico
l Numeri della popolazione del Comune
l Analisi del decremento
l Destinazione e profilo sociale degli
emigrati
l Provenienza e profilo sociale degli
immigrati
l Incidenza percentuale degli extracomunitari
Alloggi comunali o comunque pubblici
l Assegnazione
l Natura delle assegnazioni (straor-
GRUPPO CONSILIARE
FORZA ITALIA
GRUPPO CONSILIARE
UNIONE DEMOCRATICA
CRISTIANA
CAPOGRUPPO
Giovanni Sironi
CAPOGRUPPO
Sergio Bagnoli
CONSIGLIERE
Carmela Negro
PIOMBINO
25
OGGI 2.2003
Assegnazione consulenze esterne, motivazioni e quantificazione
l Segnalazione degli assegnatari
l Delibere di riferimento
Tutti i cittadini che leggono queste
note ed hanno qualcosa da proporre,
testimoniare, far rilevare o da aggiungere potranno disporre di tutta la nostra attenzione e collaborazione, sarà
sufficiente che ci contattino nelle sedi politiche o in quelle istituzionali.
Giovanni Sironi
Sergio Bagnoli
Giorgio Fontana
GRUPPO CONSILIARE
ALLEANZA NAZIONALE
CAPOGRUPPO
Giorgio Fontana
GRUPPI CONSILIARI
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA
esame delle osservazioni alla
Variante Organica al Piano Regolatore Generale è stato concluso
dall’ Ufficio competente, con un lavoro serio e per lo più attento ai criteri generali che la stessa Giunta si era data per l’ accoglimento o meno
delle osservazioni. Nel successivo passaggio in IV Commissione i rappresentanti della maggioranza ( e talora
di parte della minoranza) hanno espresso raccomandazioni alla giunta
difformi, a nostro parere, dai criteri
generali di riferimento e talora dallo stesso parere degli Uffici per cui il nostro
gruppo ha espresso parere contrario.Per citare solo le cose che ci sembrano più importanti:
a) Albergo a Salivoli, sopra il porto:
si tratta di un intervento della dimensione prevista inizialmente di 4500
mc, successivamente estesa a 8000 mc
dall’ ufficio, con la motivazione che
tale fosse il limite massimo per non rompere la compatibilità con il paesaggio, l’ orografia e l’ assetto urbanistico della zona; non ostante ciò ancora estesa a 12000 mc dalla IV Comm..
Noi riteniamo che tali dimensioni configurino un intervento eccessivamente invasivo. E’ indubbia la necessità di
dotare anche il centro cittadino di altri alberghi ( in questo il PRG è vecchio)
ma, se si realizzano in zone di pregio,
occorre molta attenzione a dimensioni e tipologia dell’ insediamento.
b) Previsione di nuovi 85 posti barca
L’
per il porto di Salivoli: accettata come
integrazione a precedente osservazione, si tratta a nostro avviso di nuova previsione che quindi non doveva
essere accolta.
c) Riduzione consistente dell’ area a verde pubblico prevista in loc. Poggio
Mazzano: è una località cui il PRG assegnava l’ importante funzione di cuscinetto verde, sotto forma di Parco Urbano, tra due zone della città: ora di
fatto si certifica, sotto pressione di
chi ha interesse a costruire, che questa funzione è in estinzione.
d) Torri di Salivoli: si rinuncia alla costruzione di tre nuove torri, con marcata riduzione della volumetria degli
interventi previsti ( da 26000 a 7000
mc). Non siamo affezionati alle torri,
ma quei volumi dovevano soddisfare
anche esigenze di edilizia economica e popolare: nel momento in cui si
eliminano, si dovrebbero indicare le possibili alternative.
e) Baratti: su richiesta di un privato, si
concede lo spostamento di un parcheggio. È vero che a tutt’ oggi la ri-
GRUPPO CONSILIARE
CAPOGRUPPO
Francesco Pappalardo
CONSIGLIERE
Michela Batistoni
chiesta sembra ragionevole, ma su
Baratti c’ è un impegno della Giunta a
produrre quanto prima un Piano Particolareggiato: è contraddittorio procede a rimaneggiamenti alla vigilia
dell’ adozione dello strumento che
dovrà assicurare la coerenza degli interventi previsti nella zona in assoluto di maggior pregio del nostro Comune. Valutazioni analoghe si possono fare circa l’ accoglimento di una
osservazione che riguarda l’ area di
“Città Futura”: perché anticipare gli
studi di fattibilità che la Società di
Trasformazione Urbana dovrà presentare, tra l’ atro in tempi non lunghi?
Infine, abbiamo espresso contrarietà
alla decisione della Commissione di raccomandare l’ accoglimento di osservazioni che l’ ufficio aveva dichiarato
non ammissibili perché non in tema o
comunque non conformi ai criteri generali di valutazione. Condividiamo la
preoccupazione espressa dagli altri
componenti della IV Comm., cioè di non
perseguire una astratta rigidità di valutazione anche a fronte di piccoli interventi che non comportino problemi paesaggistici, urbanistici o di altri
tipo. Da tempo sosteniamo che occorre
essere elastici con i piccoli e rigidi con
i forti, non il contrario, come talora
avviene. Ma la auspicata elasticità va
in qualche modo prevista e disciplinata
negli strumenti generali di programmazione e soprattutto chiarita ai cittadini nel corso del procedimento di
presentazione delle osservazioni, non
dopo la chiusura dello stesso, in maniera che tutti gli interessati possano
usufruire delle nuove possibilità di intervento, non solo i più fortunati o
più vicini alla fonti di informazione
del “palazzo”.
Vi sono poi preoccupazioni che riguardano non tanto singole osservazioni quanto problemi più generali
che l’ esame delle osservazioni hanno
fatto riemergere. Tra questi ricordiamo:
- La necessità di dotare Riotorto, che
si avvia ad essere un vero proprio
paese, di un’ area produttiva per le
piccole e medie imprese adeguata ed
adeguatamente protetta dal rischio
idraulico;
- La necessità, nelle aree di Colamata-Gagno, di procedere con urgenza allo sviluppo di una viabilità funzionale allo insediamento di piccole e medie imprese, altrimenti il tanto sbandierato ampliamento delle aree produttive sarebbe vanificato: non c’è
società “Acchiappaimprese” che possa portare nuovi insediamenti produttivi dove non ci sono strade!
- La preoccupazione, per la Costa est, che lo sviluppo turistico punti fondamentalmente ai grandi villaggi, talora mentito aspetto di aree edificate
a “seconde case”, secondo modelli
che altrove hanno mostrato di superare rapidamente i limiti della compatibilità .
Francesco Pappalardo
della provincia,pertanto l’Amministrazione si è trovata nel dilemma tra emettere provvedimenti illegittimi e/o
inefficaci,generando un senso di apparente impotenza.
Così non è stato,perché alcuni provvedimenti,anche se di efficacia limitata,sono stati adottati e soprattutto
si è risposto con l’arma della riflessione
politica e della programmazione.
Così come la Regione sta rivedendo la
sua delibera iniziale,constatato che gli
interventi immediati sono risultati scarsamente efficaci,e si sta orientando
verso „azioni di programma”,anche noi
dobbiamo pensare più a lungo termine,nel studiare provvedimenti sicuramente incisivi in caso di nuovi superamenti,e nel progettare „azioni di programma „ o meglio accordi di programma per affrontare e risolvere queste e altre emergenze ambientali.
La realtà ci consegna un quadro di sviluppo economico e sociale della nostra città,ancora per molti anni legato
alla grande industria,che potrà essere
affiancata dal nascere di nuove imprese,nel campo della piccola e media.impresa,del turismo e dello sviluppo del
porto,ma non totalmente sostituita a breve.Questo non deve essere inteso come una sottomissione al ricatto occupazionale,tanto agitato anche di recente da parte di molti,ma deve essere inserito in un quadro di sviluppo integrato e composito,che ormai appare ben definito:la partita ambientale
trova in questa visione giusta importanza e motivazione;senza risanamento ambientale non vi è può essere sufficiente diversificazione,ma soprattutto non vi può esser rispetto al diritto di
salute dei cittadini.
Il compito può apparire enorme,ma
alcuni processi sono in corso ed alcuni sono già stati completati.Il rifacimento della cokeria è stato completato,anche se i risultati non sono ancora
quelli attesi,probabilmente per motivi
di conduzione e di manutenzione.Se al
termine dell’ anno do osservazione,i
parametri di legge non dovranno essere
rispettati,si dovrà procedere da parte
delle competenti autorità,procedere
agli atti conseguenti,fino alla revoca
dell’autorizzazione degli impianti.Sono già in campo strumenti,o stanno
per essere perfezionati,quali il piano
DEMOCRATICI DI SINISTRA
evento che più di recente ha marcatamente colpito la città è rappresentato dalla recente vicenda dell’inquinamento ambientale da parte delle polveri fini,le cosiddette PM10.Per
oltre quindici giorni si sono avuti superamenti continui dei limiti di attenzione e di allarme,legati a straordinarie
condizioni meterologico,ma soprattutto alla complessa situazione ambientale collegata alla presenza della grande industria nella nostra città.Infatti
non ci dobbiamo nascondere come la
massima fonte di tali inquinanti debba
provenire dall’industria e in primis dalla Lucchini.L’obbligo di intervento da
parte dei sindaci in questi casi,fissato
dalla legge nazionale e dalle normative europee per l’anno 2005,è stato anticipato da una delibera regionale dello scorso anno,che oltre a stabilire il predetto obbligo,stabilisce e vincola le
autorità competenti ad una determinata
tipologia di interventi.Tali indicazioni sono ben articolate nel disciplinare gli
interventi sul traffico,che in generale
è responsabile in linea generale della generazione di tali polveri,mentre risultano
troppo generiche nel caso della gran-
L’
de industria.Capire cosa significhi „ridurre al minimo la marcia degli impianti”,nel caso del ciclo siderurgico
integrato non è certo facile,nemmeno
per i tecnici preposti.
Inoltre la revoca dell’autorizzazione a
condurre gli impianti,data per scontata la sua efficacia, è di competenza
GRUPPO CONSILIARE
CAPOGRUPPO
Roberto Menicucci
CONSIGLIERI
Andrea Baldassarri
Edio Bernardini
Paolo Bertini
Paolo Bientinesi
Ilvio Camberini
Franco Fedi
Tiberio Feltrin
Fabrizio Ferri
Luciano Francardi
Bruna Geri
Paolo Iacopucci
Maida Mataloni
Martina Pietrelli
Matteo Tortolini
PIOMBINO
26
OGGI 2.2003
GRUPPI CONSILIARIN
regolatoredel porto e la creazione della società di trasformazione urbana,che
potranno contribuire ad affrontare molti problemi ambientali ancora irrisolti.Vi è,ed è inutile nasconderlo il problema
delle risorse.Scarse e comunque non sufficienti quelle a disposizione del Comune,indisponibili quelle della Lucchini,per dichiarazione esplicita dell’Azienda stessa.Anche se le recenti difficoltà
economiche paiono in fase di risoluzione,questa giustificazione non ci appare comunque sufficiente.Se l’im-
soggetti da solo dispone dei poteri e
delle risorse necessarie,e solo operando tutti insieme si possono concretizzare obbiettivi complessi in un
accordo di programma puntuale,definito in tempi e modi certi,finanziabile quindi in modo credibile e realizzabile sul campo.Non dobbiamo
quindi nè cedere alla rassegnazione,né assumere toni di scontro o invocare scenari apocalittici,ma usare
le armi del diritto, della nostra intelligenza e della nostra capacità po-
pianto di Piombino è strategico per
l’azienda,e la produzione di acciaio a ciclo continuo è strategico per il Paese,ognuno deve fare la sua parte,senza se e senza ma.
Bene ha fatto l’amministrazione a
coinvolgere in questo dibattittito
tutti i soggetti interessati Comune,Provincia.Regione e Ministero
dell’Ambiente.Infatti problemi di tale rilevanza politica,economica ed
ambientale hanno bisogno di tutte le
sinergie possibili,perché nessuno dei
litica per raggiungere definitivamente il traguardo del risanamento ambientale.Mentre scrivo il processo
do concertazione con la partecipazione di tutti i soggetti plitici ed istituzionali è già iniziato,ed ora spetta a noi sostenerlo con il nostro pensiero ed il nostro operato,aprendo il
confronto anche con quelle forze
sindacali,sociali ed ambientaliste,che
vi si vorrano avvicinare con spririto
di collaborazione
Roberto Menicucci
SOCIALISTI DEMOCRATICI ITALIANI
C’è ancora un futuro
per la sanità pubblica?
un interrogativo questo che sintetizza la preoccupazione nostra,
di gran parte dei cittadini utenti e
degli operatori della salute e del sociale. Al di là dei vari programmi che
riguardano la sanità sia che vengano
da Livorno o da altre parti, credo
che dobbiamo puntare il dito contro
una certa mentalità che rischia di
anteporre gli interessi economici a
quelli più strettamente medici. Va
ripensato, con le dovute eccezioni,
l’orientamento dominante verso gli
ospedali azienda, che è quello del
risparmio. Va appunto ripensato questo orientamento perché il fatto che
il problema economico passi davanti
al problema del paziente, è assolutamente inaccettabile. Questo vale
per chiunque, e non solo per il medico, ma anche per la gente stessa.
L’economia è certamente importante, così come è importante e fondamentale la razionalità e l’uso delle risorse. Però, se questo percorso
viene fatto in maniera non sufficientemente esperta, comporta non
solo un difetto di cura o un razionamento di cura, (razionare significa
dare di più a qualcuno e di meno a
qualcun’altro) ma è anche un errore
nell’impostazione delle cure verso i
malati. Questo è il nodo che va affrontato e combattuto da parte dei
nostri amministratori, perché se si
va avanti ancora un po’ così si rischia di non riuscire più a tornare
indietro. Naturalmente facciamo un
ragionamento proiettato sul futuro,
dal momento che per fortuna oggi
questo non è ancora un fatto totalmente conclamato e se non lo è, è
perché esistono persone che hanno ancora una mentalità aperta al
malato... ma se si indulge ancora
troppo sul dire: “quanto mi fa spendere questo malato”e questo modo
di porsi nei confronti del paziente, diventa un’abitudine, alla fine non si torna più indietro e si rischia di trovarsi nelle condizioni di altri paesi, dove questo accade e purtroppo ha
dato guasti inenarrabili”.
Allora ci domandiamo: ci vogliono
dunque maggiori risorse pubbliche?
Rispondiamo “No.
È arrivato il momento di abbandonare
È
gli slogan ed i pensieri preconfezionati: è infatti innegabile che più risorse
fanno più servizi. È cosa ovvia. Però
non ci si può cullare su questo pensiero rinunciando, come accade qui
nella nostra ASL, a fare solo azioni
di governo della spesa. Esempi?...
provette tour... Uffici ambulatori ASL ancora in via Fucini... Spostamento del laboratorio avvenuto dopo anni ed anni... quanti miliardi sono andati in fumo? Si poteva fare
prima?
In quanti milioni è stato valutato il risparmio con il tour delle provette?... da
Piombino a Portoferraio... a Cecina...
a Livorno e viceversa: sarebbe interessante sapere se c’è stato e perché
invece ora il “tour” delle provette ora
è cessato. Risposte chiare ai cittadini
non sono state date. ...Si risparmiava? Mah... è un mistero. Le persone
hanno il diritto di conoscere i numeri,
e non mi sembra di averli letti.
Le altre domande che ci poniamo
sono: sono sicuri gli Operatori sanitari di avere la coscienza della cultura
dell’accoglienza del paziente in ospedale? Della cortesia nei confronti dei malati e dei loro familiari? Gli operatori sanitari hanno mai pensato
di stare solo mezza giornata dall’altra parte della barricata, cioè quella
del malato? Oppure gli operatori hanno mai pensato alle difficoltà oggettive che hanno i parenti dei malati quando chiedono notizie dei loro congiunti? Siamo a conoscenza
di atteggiamenti di arroganza di dipendenti ASL? Forse no perché probabilmente non ci sono. Infine abbiamo mai sentito la voce dei nostri
amministratori opporsi a questa politica sanitaria improntata sempre
sui numeri? sul contenimento della
spesa? Mai.
Abbiamo invece da qualche anno
sentito parlare sempre del contenimento della spesa... che avviene unicamente perché chi va in pensio-
ne non viene rimpiazzato, abbiamo
sentito invece che sono stati tolti
dei servizi, con il risultato che chi rimane lavora peggio e con meno entusiasmo. Abbiamo mai sentito dire
di tecnologie innovative nella nostra
ASL... quanto viene investito in tecnologie... cioè in quelle cose che
possano attrarre pazienti da noi?
Abbiamo sentito fare gli inviti alle
nostre concittadine a rivolgersi per la
chirurgia della mammella a Livorno,
per carità con ottimo risultato, ma
chiediamo perché non più a Piombino?
Non abbiamo chirurghi? Perché è
stato soppressa l’anatomia patologica che permetteva al chirurgo di
fare un esame istologico seduta stante... guarda caso proprio per la mammella... esame che gli permetteva di
prendere le decisioni sulla scelta
dell’intervento da eseguire.
Abbiamo invece di file chilometriche di attesa per esami, mentre a
pagamento in brevissimo tempo l’esame viene svolto dallo stesso sanitario che opera in ospedale.
Mi viene allora da pensare che i soldi destinati alla Sanità si possono
spendere bene o male. Oggi non mi
GRUPPO CONSILIARE
CAPOGRUPPO
Mario Canneti
CONSIGLIERE
Carlo Armillo Benassi
PIOMBINO
27
OGGI 2.2003
pare che sono stati spesi bene. O
meglio, si è speso bene ma può essere speso meglio.
Bisogna riordinare le idee, fare il governo della spesa, che vuol dire fare
tre operazioni:
1) opporsi ai diktat della nomenklatura livornese
2) ottimizzare e dimensionare in modo
ottimale l’offerta, perché se l’offerta è
troppo bassa, c’è il razionamento,ed ecco le lunghe liste di attesa, se troppo
alta c’è eccesso di spesa inutile
3) la terza operazione è rendere più
appropriata la domanda, inserita in
un contesto di migliore organizzazione del lavoro e delle strutture.
Indubbiamente questo è un lavoro difficile. Ed è qui che si vede l’abilità, l’intelligenza di un amministratore.
Bisogna avere coraggio e dimostrare di averlo! Lasciare da parte la politica e guardare i fatti, ovvero : i risultati. Non si può sempre far finta di
niente ed evocare sempre il vecchio
adagio che le risorse all’origine sono
poche... questo ci porta fuori della corretta via.
Non lo accettiamo.
Mario Canneti
LIBRI & DINTORNI
I best sellers
Le “nuove entrate” nella
Superclassifica della
Biblioteca Civica Falesiana
Andrea Camilleri
IL GIRO DI BOA
pp. 269, SELLERIO
In questa nuova avventura, l’ossessione
di Montalbano ha gli
occhi supplichevoli e spauriti di un bambino di sei anni, un piccolo extracomunitario sbarcato da una delle tante carrette
del mare che ormai quotidianamente traghettano sulle spiagge italiane il loro carico di disperati.
Isabel Allende
IL MIO PAESE
INVENTATO
pp. 187
FELTRINELLI
Isabel Allende raccon-
La Regione
Toscana
ta il suo Cile, immaginato e sognato nella distanza. Il racconto disegna, sul filo
della memoria, un paesaggio interiore
dove i ricordi si sovrappongono. L’autrice
fa rivivere le dimore ora scomparse e le
persone che hanno segnato la sua vita fino alla fuga dalla repressione della dittatura.
Edizioni Il Foglio
La fiaba di Kaslan
Michael Moore
STUPID
WHITE MEN
pp. 305
MONDADORI
La ristampa del primo libro
per ragazzi di Aldo Zelli
Aldo Zelli (Arezzo 1919 - Piombino
1996) scrisse Kaslan. Storia di un dromedario intelligente tra il 1958 e il
1961: il racconto, che ci riporta a
Zavia, prende spunto da un episodio dell’infanzia trascorsa in Libia
(il dromedario Kaslan ed il bambino
Junes sono realmente esistiti). Il risultato è una storia senza tempo, il
cui valore letterario e educativo resta oggi immutato.
Per questo, a distanza di quasi quarant’anni dalla prima edizione (L’Ariete, Milano 1966), la fiaba viene
riproposta ai lettori di ogni età dalle Edizioni Il Foglio.
Il 22 agosto (Chiostro di S.Antimo,
ore 21.15) è in programma la conferenza del prof. Elvio Natali dal titolo “Ricordando Aldo Zelli e Maribruna Toni”: a tutti gli intervenuti sarà consegnata una copia omaggio del volume Per conoscere Aldo
Zelli, di Gordiano Lupi.
Michael Moore ci regala un ritratto degli
Stati Uniti molto diverso dalle oleografie
ufficiali fatte di supremazia tecnologica e
prosperità diffusa. E racconta tutto quello
che vorreste sapere e non avrete mai osato
chiedere sugli “Stupidi Uomini Bianchi”
della Giunta Bush.
Biblioteca Civica Falesiana
Piombino, via Cavour, 52
tel. 0565.226110
Riotorto, via della Bottaccina
tel. 0565.20950
Mazinga e gli altri
Un saggio sui manga giapponesi
ll’ombra del Fuji-Yama, di Alessia Martini, è un’interessante antologia, ben illustrata e documentata, dei più noti cartoni animati
giapponesi, trasmessi dalle TV italiane nel decennio dal 1978 al 1988.
Il saggio, attraverso un centinaio di schede monotematiche suddivise
cronologicamente, passa in rassegna tutti gli anime (contrazione della
parola inglese animation) che sono entrati nell’immaginario collettivo
degli attuali trentenni e quarantenni: dallo storico Atlas Ufo Robot
(1978) ai mitici Cavalieri dello Zodiaco (1988), dalla romantica Candy
Candy (1980) ai fuoriclasse del calcio Holly e Benji (1986).
Il saggio prende in esame le implicazioni psicologiche e sociali scatenate dall’arrivo delle serie nipponiche nei palinsesti nazionali e l’impatto
esercitato dalla censura su questi prodotti. Tra robottoni (Goldrake), ladri (Lupin III), streghe (Bia) e animali parlanti
(Hallo Spank), questo libro consentirà ai “ragazzi di oggi” di tornare bambini, in un suggestivo,
e a tratti struggente, viaggio a ritroso fino ai
giorni della propria infanzia.
A
Aldo Zelli
KASLAN. STORIA DI UN
DROMEDARIO INTELLIGENTE
pp. 100, 5 euro.
Copertina di Elena Migliorini
Premio Cappelletti
Quinta edizione del
concorso letterario
Le edizioni Il Foglio, con il patrocinio del Comune di Piombino, bandiscono il Premio di letteratura inedita Licurgo Cappelletti, per le sezioni di Poesia, Narrativa e Narrativa horror. Le opere devono essere inviate entro il 31 dicembre
2003. Condizioni di partecipazione
nel regolamento, per informazioni:
tel. 0565.45098/49255.
Alessia Martini
ALL’OMBRA DEL FUJI-YAMA
pp. 218, 8 euro
Nelle librerie o da richiedere (senza spese postali) a www.ilfoglioletterario.it
Cronache
e altre storie
Due riconoscimenti all’opera
prima di Franco Micheletti
ranco Micheletti, scrittore di Piombino, ha esordito recentemente nel
panorama letterario con due opere: la
raccolta di racconti Cronache Maremmane
e il romanzo di genere Dubai Operazione
F
Martirio. Storie di vita nel dopoguerra
piombinese, le Cronache Maremmane raccontano un’esperienza individuale e collettiva, dove molti si riconosceranno. La
narrazione scorre amabilmente lungo il
filo dei ricordi che, intrecciando fatti e
personaggi reali con la fantasia e la sensibilità dell’Autore, porta il lettore alla riscoperta (ed alla rivalutazione) di un
mondo ormai lontano. La raccolta, che
PIOMBINO
sarà pubblicata entro l’estate, ha già ricevuto ampi consensi e riconoscimenti:
il racconto La Biciclettina si è aggiudicato
la Sezione speciale Voci della Maremma
del Premio “L.Cappelletti”, mentre La
cassetta dei liquori è risultato vincitore assoluto nella Sezione Narrativa del “Premio Etruria”, dedicato ad Aldo Zelli.
Al collega e amico Franco, i migliori auguri dalla Redazione di Piombino Oggi.
28
OGGI 2.2003
Informazione geografica e
florovivaismo: questi i temi
degli ultimi due numeri
monografici della rivista
Conoscere il territorio
per governarlo meglio
Lo slogan
riassume
efficacemente l’obiettivo
perseguito
dalla Regione Toscana
nel costruire quel
grande patrimonio
di informazioni contenuto nel
sistema informativo territoriale, una moderna banca dati oggi
disponibile anche in Internet. Attualmente tramite lo sportello
cartografico è possibile accedere
gratuitamente a oltre 4.000 carte
tecniche e mappe urbane, per un
totale di circa 3 milioni di ettari di
territorio a portata di clic. Tutte
le mete (compresa la Val di Cornia) sono raggiungibili esplorando l’archivio virtuale. Il servizio,
apprezzato specialmente dai professionisti, nel marzo 2003 ha registrato 118.460 accessi.
Le imprese del verde
Il sistema
florovivaistico toscano è una
realtà produttiva ben
radicata
nell’economia regionale, con
oltre 2.000
aziende operanti nel settore
ed una produzione che costituisce oltre il 40% della produzione italiana. Per consolidare i risultati acquisiti ed espandere i mercati, la Regione ha previsto azioni di tutela, supporto e
valorizzazione, indicate nel Piano
di sviluppo rurale 2000-2006 e
nel Programma per le risorse agricole ed agroalimentari 2003.
l Geografia tra mappe e database e
Florovivaismo, un patrimonio da valorizzare sono in distribuzione (fino ad
esaurimento copie) presso l’URP.
Un anno intenso BREVI
di appuntamenti La storia raccontata
Attività, successi e programmi del Taekwon-do Piombino
el mese di giugno, presso la
palestra Body Line Wellness
club di Piombino, si conclude il
corso di Taekwon-do I.T.F. per
l’anno 2002-2003. Gli istruttori
Roberto D’Andrea, Daniele Bernardeschi e Andrea Finno, si ritengono soddisfatti per gli ottimi
risultati che gli atleti della palestra hanno conseguito durante
un anno intenso di appuntamenti. Gli atleti sono stati infatti impegnati a sostenere gare, esami
per il passaggio di cintura, corsi
di aggiornamento e stage. Ottimi risultati sono stati ottenuti
ai Campionati italiani di Riccione e al II torneo nazionale
città di Latina da Roberto
D’Andrea, cintura nera II Dan,
Giacomo Guatteri, cintura nera I
Dan, Francesca Audano, cintura
rossa, Monica Ghizzani, cintura
blu superiore, e Michela Rosselli,
cintura verde. Ben tredici sono
state le medaglie conquistate
nelle due competizioni, di cui
quattro d’oro, sette d’argento e
due di bronzo. A Francesca Audano è stata consegnata a Latina la coppa come “migliore atleta” per aver conquistato la medaglia d’oro sia nelle forme che
nei combattimenti.
Dopo il brillante risultato ottenuto ai campionati italiani, Giacomo Guatteri è entrato a far
parte della Nazionale italiana
di Taekwon-do ed ha partecipato dal 10 al 13 aprile ai Campionati europei juniores e seniores a Rijeka, Croazia. La
sua prima esperienza agli europei, con i colori azzurri della nazionale italiana, si è rivelata sicuramente positiva per Guatteri,
che ha gareggiato nella catego-
N
Proseguono con successo gli incontri tra i reduci dei lager e gli studenti
entotredici classi visitate, per
degli eroi da cui prendere esempio
un totale di oltre duemila stuper affrontare con coraggio le avdenti delle scuole medie ed altri iversità della vita. Abbiamo capito
stituti di Piombino e dintorni: è
che quando si parla di quegli avvequesto il bilancio dell’iniziativa che
nimenti, i giovani sanno ascoltada quattro anni viene promossa
re e fare tesoro di questi insedalla locale sezione dell’Anei (Asgnamenti, affinché tali orrori
sociazione degli Ex Internati nei
non debbano più ripetersi».
Lager Nazisti), per far conoscere
Oltre che nelle scuole piombinesi,
ai giovani il dramma vissuto nei
gli ex internati hanno incontrato
campi di concentramento. «L’instudenti di Suvereto, Campiglia,
contro diretto tra i reduci e i
Venturina, Donoratico, San Vinragazzi è sempre un’esperienza
cenzo, Gavorrano, Scarlino e Folintensa, sia per gli uni che per gli
lonica: un impegno faticoso, di cui
altri – commentano i protagonisti
si sono fatti carico in particolare il
– nei temi svolti in classe, gli stuPresidente dell’Anei Emilio Schedenti hanno espresso meraviglia
na, il Segretario Aldo Rombai e il
nella scoperta di quei fatti, arrivanConsigliere dell’associazione On.
do a considerare gli ex internati
Rolando Tamburini.
ria 71 kg come titolare nelle prove individuali di forme ed ha per
poco sfiorato la zona medaglie
fermandosi ai quarti di finale.
L’atleta piombinese fa parte anche della squadra rappresentante dell’Italia ai campionati Mondiali (Varsavia dal 13 al 15 giugno). I sei azzurri parteciperanno
anche al quadrangolare tra Italia, Ungheria, Francia e Bulgaria
a Terracina.
Il Taekwon-do viene praticato a
Piombino dal 1993 su iniziativa
del maestro Paolo Giannerini,
cintura nera IV Dan. Questa arte
marziale, che tradotta significa
“arte dei calci e dei pugni in volo”, trae le sue origini dall’antica cultura coreana. Le prime
notizie su questa disciplina risalgono al 37 a.C. durante il regno Koguryu e successivamente
durante la dinastia Silla. I Hwarang, giovani guerrieri umanisti
e studiosi, svilupparono un tipo
di lotta senza armi denominata
Taekyon. La sua diffusione nei
ceti più bassi aveva assunto un
aspetto ludico-ricreativo, fino a
divenire un vero e proprio sport
dal 935 d.C., durante la dinastia
Koryo. Solo nel 1955 l’arte marziale ha assunto il nome attuale
per volere di maestri storici, tra
i quali il generale Choi Hong Hi,
principale artefice e fondatore
di questa arte marziale. Il generale Choi ha creato il Taekwondo unificando le sue conoscenze del Taekyon con le tecniche
del Karate giapponese, tecniche
da lui apprese durante un periodo di permanenza in Giappone. In Italia si è diffuso nel 1965
ed ha trovato subito un largo
consenso.
PIOMBINO
C
Vademecum
per il deportista
In distribuzione la “Guida alla pesca sportiva
sul litorale piombinese”
ituata sul promontorio prospiciente l’isola d’Elba e l’ArcipelaS
go toscano, Piombino ha una naturale vocazione marinara.
Lungo le sue coste, che dal golfo di Follonica si estendono in un
susseguirsi di arenili e scogliere fino allo Stellino, si svolgono tradizionalmente varie attività di pesca sportiva, sia da parte degli
abitanti che dei turisti, sempre più numerosi nel periodo estivo.
Per promuovere un utilizzo consapevole delle risorse naturali, nel rispetto dell’ambiente e delle norme che regolano la materia, è nato
l’opuscolo Guida alla pesca sportiva sul litorale piombinese.
Frutto della collaborazione tra Circolo Pesca Sportiva Il Porticciolo, Comune, AVT e
Capitaneria di Porto Piombino, la Guida
fornisce indicazioni utili e precise sulle ordinanze in materia di immersioni
subacquee, pericoli, divieti. Aprendo il
dépliant, realizzato a colori e con una veste grafica di facile consultazione (a cura
di Star Studio), si ottiene inoltre una cartina del territorio, dove sono indicate le
zone di pesca e di balneazione, parchi e
campeggi, porti e approdi.
Presso: Uffici turistici, URP del Comune,
Circolo Il Porticciolo.
29
OGGI 2.2003
BREVI
Il celiaco in società
Rispettare una dieta rigorosamente senza glutine
pone una serie di problemi psicologici e pratici con cui i celiaci, gli affetti da dermatite erpetiforme e le loro famiglie, devono fare i conti quotidianamente.
Il veto agli alimenti comuni quali
pane, pasta, biscotti, focacce,
pizza, tanto per fare qualche esempio, comporta una educazione alimentare ed una consapevolezza a cui molte persone
non sono abituate.
L’inserimento dei bambini
nelle refezioni scolastiche
e degli adulti nelle mense aziendali o pubbliche non è sempre facile o possibile: la “concessione” della dieta priva di glutine
dipende ancora largamente dalla
sensibilità dei responsabili dei
Servizi di Ristorazione Collettiva.
Il rispetto della dieta a
scuola implica la preventiva
formazione sull’argomento degli
insegnanti e del personale scolastico e chiaramente la loro volontà a collaborare.
Molti prodotti in commercio non possono essere utilizzati dai celiaci per ragioni
di sicurezza: può accadere facilmente che un alimento prodotto
con sostanze gluten-free subisca
una contaminazione durante il
processo di lavorazione ed è
quindi necessario sensibilizzare
le ditte produttrici a collaborare
con l’AIC affinchè il prontuario
dei prodotti si arricchisca sempre di più.
Accade ancora che a livello medico non ci sia una
conoscenza approfondita della
celiachia e questo comporta
spesso un ritardo nella diagnosi
con conseguenze più o meno gravi per l’individuo.
È per aiutare il celiaco a vivere
meglio nella società e per far ca-
*
*
*
*
*
Tra tecnologie e informatica,
new media e terza età
Saper utilizzare il personal computer, inviare e ricevere posta elettronica, navigare in internet: sono capacità indispensabili per muoversi nella società
dell’informazione ed usufruire delle infinite possibilità del web, ma spesso il loro apprendimento risulta
difficile per chi non è più giovane
pire a tutti che siamo in tanti
che esiste l’Associazione Italiana
Celiachia.
Attualmente nella Zona Val di
Cornia e Isola d’Elba stiamo lavorando per:
l corsi di aggiornamento per i
Medici di Base e Pediatri;
l campagna informativa e di sensibilizzazione rivolta alla popolazione;
l inserimento delle diete particolari nell’ambito del diritto allo
studio;
l corsi per le mense scolastiche,
ospedaliere e aziendali rivolti agli
addetti alla preparazione, alla distribuzione;
l costituire e consolidare una rete di ristoranti informati sulla celiachia tramite la partecipazione a
corsi professionalizzanti rivolti agli addetti alla ristorazione (pubblici e privati) e ai docenti delle
scuole alberghiere;
l individuazione di un Gruppo
Giovani;
l progetto Saharawi per l’accoglienza dei bambini celiaci nei
mesi estivi e per l’adozione a distanza.
È importante che l’Associazione cresca e faccia sentire
sempre con più forza la sua
voce: per questo c’è bisogno anche del tuo aiuto e del tempo
che potrai dedicarle per migliorare le tue condizioni di vita e di
tutti i celiaci.
er risolvere questo problema
di democrazia telematica e
pari opportunità generazionale, è
nato Nonno.com. Acquisizione e trasferimento di competenze, un progetto di formazione e informazione
dedicato agli over 50, finanziato
con fondi UE e promosso da Smile Toscana, Provincia di Livorno,
Regione Toscana, Circondario
della Val di Cornia e Comune di
Piombino in collaborazione con
Ciasa, Auser, Spi-Cgil.
L’impresa ha inizio con un corso
di comunicazione, tecniche relazionali e alfabetizzazione
informatica gratuito, al quale
hanno partecipato 20 adulti over
50, tra i quali sono stati selezionati
quattro tutor. Mario Crociani, Roberto D’Alesio, Claudio Moroni e
Mauro Mussi hanno così gestito,
per alcuni mesi, i centri formativi e
ricreativi allestiti presso le associazioni locali Ciasa e Spi-Cgil, trasferendo le competenze acquisite ai
frequentatori dei nonno.point, dotati
di PC e collegamento ad Internet. Il
monitoraggio dell’iniziativa ha
messo in evidenza il grande interesse di questa fascia di potenziali utenti verso le tecnologie
informatiche e i new media: oltre 300 accessi, per un totale di circa 70 utenti, per la maggior parte di
età compresa tra i 50 ed i 60 anni.
«La peculiarità di nonno.com rispetto
ad altre esperienze attuate anche
in Toscana – commenta Silvia Cecchi, responsabile del progetto – è
di aver distribuito più nonno.point
sul territorio, a Piombino e Suvereto: questo ha favorito la diffusione
dell’iniziativa ed ha moltiplicato le
possibilità di accesso, specialmente per gli anziani con problemi di
mobilità».
P
Contattaci e proponi le tue idee...
Segreteria A.I.C. Toscana:
v. don Minzoni 3, 50058 Signa
tel./fax 055.8735129
e-mail: [email protected]
e [email protected]
orario: martedì e giovedì dalle ore 20.30 alle 22.30; sabato
dalle ore 10 alle 12.
Zonale Val di Cornia e Elba:
Lusci Silvia, tel. 0565.220765
Degas e gli italiani a Parigi
Una grande mostra dedicata al grande artista francese
rganizzata da Ferrara Arte e dalle National Galleries of Scotland di
Edimburgo, questa grande esposizione è la prima dedicata alle relazioni intercorse tra Edgar
Degas e gli impressionisti italiani: De Nittis, Boldini, Zandomeneghi, Me-
O
dardo Rosso. Le innovazioni e le influenze lasciate dal pittore e scultore di origine napoletana (1834-1917) emergono dal confronto diretto con le opere di questi artisti, circa novanta
pezzi, attraverso un percorso tematico dedicato
PIOMBINO
ai soggetti (i caffè, le ballerine, le corse dei cavalli) che hanno reso famoso
Degas in tutto il mondo.
Degas e gli italiani a Parigi, Ferrara Palazzo dei Diamanti 14 settembre-16
novembre
Info: Palazzo dei Diamanti Call Center Attività Culturali, tel.0532.209988
30
OGGI 2.2003
In virtù di questa esperienza, gli organizzatori si sono impegnati a verificare la possibilità di trasformare
l’iniziativa in un servizio stabile, anche all’interno dell’istituzione di circoli di studio e dei progetti per la formazione permanente degli adulti.
Circoli di studio La Regione
Toscana, in collaborazione con gli
enti locali, per soddisfare crescente domanda di apprendimento che emerge dalla società civile
ha introdotto sul suo territorio uno strumento nuovo, nel panorama italiano: il circolo di studio.
Il circolo di studio costituisce un sistema formativo volto principalmente a favorire l’offerta di opportunità educative per piccoli gruppi,
tendenzialmente autogestiti. L’idea
è quella di attivare risorse finanziarie mirate, in risposta ad una domanda espressa da gruppi di cittadini, che sentono la necessità di
aumentare le loro conoscenze attraverso un percorso di autoformazione, che può prevedere una limitata assistenza tutoriale. Il sistema ha il vantaggio di
far emergere istanze formative non
preventivamente individuate da istituzioni preposte all’apprendimento, ma nate nel momento stesso in cui gruppi di persone ne sentono la necessità e, per questo,
molto più efficaci; inoltre, essendo
basato su cicli temporali assai ristretti e su una relativa sburocratizzazione delle procedure, assicura il
continuo ricambio della domanda.
L’auspicio è che, insieme agli altri interventi previsti nel settore
dell’apprendimento continuo, il
circolo di studio diventi una ulteriore opportunità radicata nella struttura della società toscana, per aumentarne le capacità
di sviluppo economico, sociale
e culturale.
BREVI
Toscana, terra
dei campanili
Presentata a Piombino la ricerca
di Gian Franco Elia sui localismi
municipali
endenza a privilegiare problemi ed interessi di aree particolari o di determinati centri, sia sul piano politico ed economico che nell’ambito di studi e ricerche. Così il dizionario Devoto-Oli definisce il localismo, che nel passato
e nel presente italiano rappresenta un fenomeno
culturale, politico e sociologico dalle multiformi
sfaccettature. L’innato senso di appartenenza alla
propria collettività, che in ricorrenza di determinate
situazioni può spingersi fino alla rivendicazione dell'autonomia gestionale, rappresenta una realtà diversificata e diffusa che, per la sua entità e le possibili conseguenze, non deve passare inosservata, ma
merita l'attenzione degli studiosi e delle istituzioni.
Nasce da questa constatazione lo studio condotto
da Gian Franco Elia, Docente di Sociologia Urbana
dell'Università di Pisa, contenuto nel volume Viaggio
intorno al campanile. Indagine sui localismi municipali, Liguori editore. La ricerca, che è stata presentata a
Piombino dall’Autore, attraverso l’analisi di alcuni esempi di localismo municipale in Toscana, propone
una chiave di lettura critica del fenomeno, da
studiare anche in relazione ai mutamenti che
attraversano il contesto internazionale (rapporti
con la Comunità europea, globalizzazione, immigrazione) ed interno (riforme istituzionali, federalismo).
L'Italia tra l'altro non è il solo paese europeo dove il
culto del campanile ha radici antichissime e profonde: in evidenza la situazione della Francia, che vanta
ben 36.000 Comuni contro gli 8.000 italiani. Dalla ricerca emerge poi che di localismo non si può parlare in termini assoluti: accanto alle espressioni del
campanilismo estremo e alle rivendicazioni politiche dagli effetti disgreganti, esiste infatti un
localismo “buono”, che si riallaccia alla ricerca delle proprie origini e tende alla valorizzazione della
storia e delle tradizioni di una collettività. E localisti
si diventa, determinanti a questo proposito sono
l'ambiente e la famiglia, come dimostra una specifica ricerca condotta su un campione di giovani studenti. La presentazione del volume del professor Elia ha dato spunto per parlare anche della Val di
Cornia e della consolidata esperienza di amministrazione coordinata attuata sul territorio
che, insieme ai buoni rapporti intercorsi con le istituzioni di riferimento Provincia e Regione, ha di fatto
scoraggiato il sorgere di movimenti marcatamente
autonomisti, sviluppatisi in altre località toscane. La
discussione, arricchita dai contributi del Sindaco Luciano Guerrieri e dell’avvocato Renzo Grassi (Direttore della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale Toscana Umbria, Docente dell’Università di Pisa) e dagli interventi
del pubblico, si è quindi intrattenuta sull'istituzione del Circondario e sul suo ruolo aggregante
svolto all'interno della comunità
comprensoriale, unica nel territorio regionale ad avere una lunga e proficua esperienza di gestione coordinata degli interessi
della popolazione.
T
COMUNE APERTO
Sindaco e assessori
Luciano
GUERRIERI
Diritti del Cittadino
Informazione e Comunicazione
n per appuntamento & 63238
SINDACO
Umberto CANOVARO
Pablo GORINI
VICE SINDACO
Lavori Pubblici, Casa, Viabilità e
Traffico, Polizia Urbana, Protezione Civile
Cultura, Beni culturali
Archivio storico, Musei
+ venerdì ore: 15-17
+ venerdì ore: 16-19
Alberto MAESTRINI
Luigi FAGGIANI
Personale, Finanze, Patrimonio,
CED, Affari generali, Circoscrizioni,
Rapporti con partecipate, Sport
Urbanistica, Ambiente,
Commissione Edilizia
+ giovedì ore: 11-13
+ per appuntamento
& 0565.63317
+ giovedì ore: 9-12
Stefano FERRINI
Simonetta POLVERINI
Lavoro, Attività produttive, Turismo,
Diversificazione economica,
Agricoltura, Caccia, Pesca, Servizi Civici
Scuola, Formazione, Politiche Sociali,
Giovani, Associazionismo, Volontariato
+ per appuntamento
& 0565.63297
+ lunedì ore: 10-13
Presidenti delle Circoscrizioni
Porta a
Terra-Desco
Riotorto
tel. 0565.221323
n via Cellini, 9
+ mercoledì
ore: 16.30-19.30
+ sabato
ore: 9-12
Falcone
Fiorentina
tel. 0565.20826
Montemazzano Populonia
n via De Amicis
tel. 0565.42194
tel. 0565.29449
+ mercoledì
n lgm Marconi, 280 n p.za Minto
ore: 15.30-18.30
+ martedì
Populonia Stazione
sabato
e venerdì
+ sabato
ore: 9-12
ore: 9.30-12.30
ore: 9-12
Difensore Civico
Ufficio Palazzo Comunale + lunedì e venerdì ore: 9.30-13.30
+ mercoledì ore: 9.30-13.30 / 15.15-17.30 + per appuntamento & 0565.63216
Circoscrizione Riotorto + 2° e 4° mercoledì del mese ore: 10-12
+ per appuntamento & 0565.20826
PUBBLICITÀ SU “PIOMBINO OGGI”
n Piombino Oggi nasce nel 1971 come
strumento di informazione istituzionale
del Comune. Negli ultimi anni la rivista
ha registrato un’evoluzione crescente,
non solo dal punto di vista dell’aspetto
editoriale, ma anche per i contenuti e
l’eterogeneità dei temi affrontati, che
riguardano la vita amministrativa, sociale e culturale della comunità locale.
n Queste caratteristiche, unite alla considerevole tiratura (16.000 copie distribuite
gratuitamente) e alla diffusa distribuzione (tutti i capifamiglia del territorio comunale, aziende, uffici turistici, stampa,
biblioteche, enti pubblici provinciali e regionali, internet: www.comune.piombino.li.it), rendono Piombino Oggi un valiPIOMBINO
31
OGGI 2.2003
do veicolo di promozione.
n La redazione di Piombino Oggi raccoglie
inserzioni pubblicitarie a pagamento.
n Gli spazi disponibili sono tuttavia pochi
e ben individuati nell’economia della
rivista, per garantire sia la migliore visibilità e resa dell’inserzione, sia la non
interferenza con la natura e gli obiettivi informativi della pubblicazione.
Per informazioni:
Ufficio Stampa
telefono 0565.63289
fax 0565.63290
e-mail: [email protected]
parrucchieri unisex
Specializzati
in acconciature
ritornano per
RAGAZZA PIÙ
al Porticciolo di Salivoli
Treccine ed
estensioni
di capelli
sintetici
e naturali
Diagnosi delle anomalie
del capello con microcamera.
Cambio taglio e colore al computer.
Manicure e pedicure estetico.
Acconciature e trucchi
per spose & sposi
via Cavalleggeri, 3/B - tel. 0565.43795 - Piombino

Documenti analoghi