Lapitec®, la bellezza che sfida il tempo Un prodotto

Commenti

Transcript

Lapitec®, la bellezza che sfida il tempo Un prodotto
Lapitec®, la bellezza che sfida il tempo
Un prodotto innovativo dalle caratteristiche tecniche ed estetiche ineguagliabili: è il Lapitec®, la pietra
sinterizzata “a tutta massa” versatile e resistente. Può essere utilizzata per un’infinità di applicazioni: dai
rivestimenti di pareti esterne e interne alle pavimentazioni, dai piani cucina alle facciate ventilate. Le grandi
dimensioni delle lastre – nella misura standard di 1500x3365 mm con spessori calibrati da 12, 20 e 30 mm –
e le elevatissime proprietà fisico-meccaniche si uniscono all’eleganza e naturalezza dei colori, per un
risultato eccellente e capace di incontrare ogni gusto estetico e stilistico. Il Lapitec®, infatti, è scelto da
architetti e arredatori come materiale per esprimere al meglio idee, intuizioni e innovazioni sia per gli
ambienti interni sia per gli esterni.
Tecnologia all’avanguardia, per uno stile senza tempo
Classico e moderno. Retrò e futurista. Il Lapitec® supera i vincoli temporali e stilistici e si presta a qualsiasi
realizzazione grazie alle molteplici soluzioni cromatiche ed estetiche, che ne fanno un’alternativa pregiata e
versatile per il rivestimento di pareti, pavimenti, scale o nella realizzazione di piani cucina.
Le lastre di Lapitec® sono planari e dallo spessore omogeneo: queste caratteristiche semplificano
notevolmente le attività di montaggio e conferiscono un risultato estetico perfettamente uniforme. Il
variare del coefficiente di attrito delle diverse finiture rende questa pietra adatta a moltissime applicazioni,
sia nell’arredamento che nell’architettura. Il Lapitec® non viene deteriorato dal tempo e dagli agenti
atmosferici, è resistentissimo agli urti e completamente insensibile ai raggi UV e all’azione degradante delle
piogge acide. Caratteristiche che lo rendono ideale per i rivestimenti esterni e interni di edifici di ogni tipo e
dimensione, ma anche per i bordi e le pavimentazioni di piscine e spa. L’elevata resistenza alla flessione e la
leggerezza – il peso specifico è di 2,4 kg/dm3 – permette di sfruttare questo materiale anche
nell’applicazione di facciate ventilate, pavimentazioni sospese di grandi dimensioni, piani di lavoro e piani
cucina. Per questi ultimi, in particolare, il Lapitec® è particolarmente congeniale poiché la sua superficie
non assorbe, è antimacchia, antigraffio, facilissima da pulire e assolutamente incombustibile.
Tutte le collezioni sono realizzate con la tecnologia Bio-Care che fa del Lapitec® un prodotto autopulente e
antibatterico grazie alle proprietà del biossido di titanio, un catalizzatore in grado di degradare per
ossidazione numerosi composti organici. Questo trattamento, inoltre, rende il Lapitec® particolarmente
indicato per tutti gli usi in cui siano richiesti elevati standard di igiene, come nelle cucine, e protegge le
pareti esterne dallo smog, dallo sporco, dalla polvere, vernici e spray.
Massima scelta fra colori e finiture
Sette le finiture, dodici colorazioni monocromatiche e tre venati, per una gamma di soluzioni che si
prestano alla massima personalizzazione e lasciano grande spazio all’inventiva di ogni designer. I colori si
ispirano alla natura: dai più chiari come il bianco polare, il bianco crema, l’avorio e il grigio cemento,
passando per il sahara, il tabacco, il porfido rosso e l’ebano, fino al grigio piombo, al nero antracite e alle
nuovissime nuances moca e artico. I venati, Michelangelo, perla e corallo conferiscono a ogni superficie un
effetto ricercato.
Le finiture
Fossil è delle sette collezioni la più materica, ideale per il rivestimento di pareti esterne e interne e per
pavimentazioni antiscivolo. Alla vista ha l’aspetto della pietra spaccata, tipico dei fossili, e i colori assumono
una tonalità leggermente più tenue rispetto alle altre linee, dovuta all’effetto sabbiato della finitura.
Vesuvio ha una superficie leggermente strutturata, che evoca la forza e la vitalità del magma vulcanico
durante la sua discesa dal cratere. L’aspetto di un granito fiammato riduce la scivolosità del