Guida utilizzo Micrologic

Commenti

Transcript

Guida utilizzo Micrologic
Distribuzione elettrica bassa tensione
MicroloGic
Unità di controllo 2.0 A, 5.0 A, 6.0 A, 7.0 A
2.0 E, 5.0 E, 6.0 E
Guida di utilizzo
2011
Sommario Unità di controllo Micrologic
2
Regolazione delle protezioni
4
Identificazione dell’unità di controllo
Presentazione
2
3
Procedura di regolazione -
Utilizzo dell’unità test portatile
Regolazione dell’unità di controllo Micrologic 2.0 A/E
Regolazione dell’unità di controllo Micrologic 5.0 A/E
Regolazione dell’unità di controllo Micrologic 6.0 A/E
Regolazione dell’unità di controllo Micrologic 7.0 A
Selezione del tipo di protezione del neutro
4
5
6
7
8
9
Panorama delle funzioni
10
Utilizzo dell’interfaccia HMI
18
Manutenzione
36
Protezioni in corrente
Segnalazioni di sovraccarico e di guasto
Misure
Funzione cronologica degli interventi e preallarmi
Modalità di visualizzazione HMI
Modalità di visualizzazione Vista Rapida (Micrologic E)
Navigazione contestuale
Reset delle segnalazioni di guasto Controllo e sostituzione della batteria
Controllo delle protezioni Guasto a terra e Differenziale
10
14
15
17
18
20
23
36
37
Funzioni opzionali
38
Allegati tecnici
46
Indice analitico
56
Contatti programmabili M2C
Modulo di comunicazione COM
Display fronte quadro FDM121
Curve di intervento
Sostituzione del plug Lungo Ritardo
Selettività logica (ZSI)
Display digitale
Memoria termica
Calcolo dei valori medi (Micrologic E)
Software RSU (Remote Setting Utility)
Campi e precisione delle misure
38
39
41
46
48
49
50
51
52
53
55
1
Micrologic 2.0 A e 2.0 E: protezione standard
Micrologic 2.0 A
Micrologic 2.0 E
100 %
menu
long time
.7
.6
.5
.4
alarm
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
Ir
3 4 5
2.5
6
8
2
1.5
10
x Ir
3 4 5
2.5
6
8
2
1.5
10
x Ir
setting
Micrologic 2.0 A
Micrologic 5.0 E
100 %
40 %
menu
tr
(s) 4 8 12
.9
16
.95
2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
alarm
tsd
(s)
.4 .4 .3
.3
.2
.1
on
setting
2
I t
long time
Ir
.7
.6
.5
.4
at 6 Ir
Isd 4
5
3
2.5
6
2
8
1.5
10
x Ir
Y: versione dell’unità di controllo
identificazione della versione dell’unità
di controllo: 0 indica la prima versione
menu
long time
.7
.6
.5
.4
t
100 %
40 %
Ir
DB119424
DB126331
DB126350
Micrologic 5.0 A
short time
instantaneous
I i
.2
.1
0
delay
tr
(s) 4
8 12
.9
16
.95
2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
0
Ir
Isd Ii
I
Protezione Lungo Ritardo +
Protezione Corto Ritardo +
Protezione Istantanea
alarm
at 6 Ir
short time
8 10
12
4
15
3
2
off
x In
Isd 4
5
3
2.5
6
2
8
1.5
10
x Ir
6
tsd
(s)
.4 .4 .3
.3
.2
.1
on
setting
Micrologic 5.0 A
2
I t
Ii
.2
.1
0
instantaneous
6
4
3
2
delay
8 10
12
15
off
x In
Micrologic 5.0 E
Micrologic 6.0 E
t
DB119425
Micrologic 6.0 A
DB119424
DB126332
Micrologic 6.0 A e 6.0 E: protezione selettiva +
guasto a terra
DB126351
Nota: In questa guida A/E indica che le caratteristiche sono
comuni ad entrambe le unità di controllo Micrologic A e
Micrologic E.
Micrologic 2.0 E
Micrologic 5.0 A e 5.0 E: protezione selettiva
X: tipo di protezione
b 2 protezione standard
b 5 protezione selettiva
b 6 protezione selettiva + guasto a terra
b 7 protezione selettiva + differenziale
Z: tipo di misura
b A per "amperometro"
b E per "energie"
b H per "armoniche"
b senza lettera: nessuna misura
at 6 Ir
Isd
setting
Y
Z
0 Ir
Isd
I
Protezione Lungo Ritardo +
Protezione Istantanea
alarm
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
instantaneous
Isd
X
long time
.7
.6
.5
.4
at 6 Ir
instantaneous
t
2
I t on
100 %
100 %
40 %
menu
long time
.7
.6
.5
.4
Isd
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
2.5
2
1.5
4 5
6
8
10
x Ir
alarm
tsd
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
setting
.7
.6
.5
.4
I t
Ii
instantaneous
8 10
12
4
15
3
off
2
x In
6
delay
Ig
D E F
G
C
H
B
I
A
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
I t
Isd
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
2.5
2
1.5
4 5
x Ir
6
8
10
D E F
G
C
H
B
I
A
ground fault
tsd
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
setting
Ig
off
Ig
0
Ir
Isd Ii
I 0
Protezione Guasto a terra
Protezione Lungo Ritardo +
Protezione Corto Ritardo +
Protezione Istantanea
alarm
at 6 Ir
short time
3
test
tg
on
long time
Ir
at 6 Ir
short time
3
2
I t off
40 %
menu
Ir
I t
delay
Ii
instantaneous
4
3
8 10
12
15
off
2
x In
6
test
tg
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
I t
I
off
ground fault
Micrologic 6.0 A
Micrologic 6.0 E
Micrologic 7.0 A
t
DB119426
DB119424
Micrologic 7.0 A: protezione selettiva + differenziale
DB126352
DB126368
40 %
menu
Ir
t
100 %
40 %
Micrologic 2.0 E
DB119423
Tutti gli interruttori Compact NS630b-3200,
Masterpact NT e Masterpact NW
sono dotati di un’unità di controllo Micrologic
intercambiabile.
Le unità di controllo sono progettate per garantire
la protezione dei circuiti di potenza e dei carichi.
DB126330
Identificazione dell’unità
di controllo
DB126349
Unità di controllo Micrologic
t
100 %
40 %
menu
Ir
long time
.7
.6
.5
.4
.8
x In
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
short time
Isd
4 5
3
6
2.5
8
2
1.5
10
x Ir
setting
alarm
at 6 Ir
tsd
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
I t
off
delay
Ii
instantaneous
8 10
12
15
2
off
x In
6
4
3
test
IΔn 5 7 ΔI 230 350
3
10
2
140
20
1
800
60
30
.5
earth leakage
Micrologic 7.0 A
2
IΔn
0
Ir
Isd Ii
I 0
Protezione Differenziale
Protezione Lungo Ritardo +
Protezione Corto Ritardo +
Protezione Istantanea
I
Presentazione
DB126337
DB126335
DB126367
Unità di controllo Micrologic
1
24 25 26 27
10
Micrologic 6.0 E
logic
Micro
6.0 E
32
32
12
12
11
9
13
100 %
30
13
31
40 %
100 %
29
alarm
menu
time
long
.8 .9
.7
.95
.6
.98
.5
1
.4 x In
Ir
5
tr
(s)
2
1
8 12
16
20
24
4
.5
@6
7
LEd di segnalazione
24 LED di segnalazione sgancio Lungo Ritardo
25 LED di segnalazione sgancio Corto Ritardo
26 LED di segnalazione sgancio Guasto a terra
o Differenziale
27 LED di segnalazione sgancio Auto-protezione
28 LED di segnalazione sovraccarico
31
menu
14
15
18
.7
.6
.5
.4
.8
.9
.95
.98
1
x In
tr
(s)
4
8
2
1
.5
7
alarm
12
16
20
24
DB126355
DB126354
28
long time
Ir
15
@ 6 Ir
instantaneous
Isd
3 4 5
2.5
2
1.5
16
6
8
10
x Ir
17
16
21
20
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
short time
tsd
. 4 . 4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
setting
D
C
B
A
E
7
@ 6 Ir
Isd
4
5
3
2.5
6
2
8
1.5
10
x Ir
Ig
28
alarm
I t
off
delay
. 4 . 4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
I t
instantaneous
off
14
15
19
33
34
16
17
22
ground fault
23
Micrologic 6.0 A/E
Isd
x In
2.5
2
1.5
x Ir
7
alarm
@ 6 Ir
short time
tsd
3 4 5
(s)
instantaneous
.4 .4 .3
.3
.2
.1
6
8
10
on
setting
2
I t
0
Ii
.2
.1
4
3
delay
6 8 10
12
15
off
2
x In
34
long time
Ir
.7
.6
.5
.4
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
tsd
Isd
3 4 5
6
2.5
8
2
10
1.5
x Ir
(s)
(A)
3
2
1
.5
5
.3
.2
.1
7
instantaneous
.2
.1
2
I t 0off
(ms)
230
10
140
20
30
60
Ii
4
3
6
8
2
10
12
15
off
19
test
33
x In
delay
ΔI
7
.4 .4 .3
on
setting
IΔn
28
alarm
@ 6 Ir
short time
8
10
4
12
3
15
off
2
x In
6
test
tg
F
G
H
I
Ii
DB126338
14
.6
.5
.4
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
Micrologic 5.0 A/E
long time
.7
.6
.5
.4
long time
.7
19
Micrologic 2.0 A/E
Ir
Ir
17
34
15
28
14
setting
DB126336
Commutatori di regolazione
14 soglia Lungo Ritardo Ir
15 temporizzazione Lungo Ritardo tr
16 soglia Corto Ritardo Isd
17 temporizzazione Corto Ritardo tsd
18 soglia Istantanea Isd
19 soglia Istantanea Ii
20 soglia Guasto a terra lg
21 temporizzazione Guasto a terra tg
22 soglia Differenziale I∆n
23 temporizzazione Differenziale ∆t
29
4
2
1 fissaggio superiore
2 fissaggio inferiore
3 coperchio di protezione
4 apertura del coperchio di protezione
5 piombatura del coperchio di protezione
6 plug Lungo Ritardo
7 vite di fissaggio del plug Lungo Ritardo
8 connessione con l’interruttore
9 collegamento a infrarossi con il modulo
di comunicazione
10 morsettiera di collegamento esterna
11 alloggiamento della batteria
12 display digitale
13 amperometro e indicatore a barre
30
6
3
8
40 %
Ir
350
800
34
earth leakage
Micrologic 7.0 A
Navigazione
29 tasto di navigazione dei menu
30 tasto di navigazione dei sotto-menu
31 tasto di navigazione "Vista Rapida"
(solo per Micrologic E)
32 tasto di reset delle segnalazioni di sgancio
e di controllo dello stato della batteria
Test
33 pulsante test protezione Differenziale o Guasto a
terra
34 presa test
3
Procedura di regolazione
Utilizzo dell’unità test portatile
regolazione delle protezioni Procedura di regolazione
DB126339
DB1126340
1. Aprire il coperchio di protezione.
5 E
A
5 E
800
2. Selezionare la
regolazione desiderata.
Il valore impostato viene
visualizzato
automaticamente sul
display digitale in valore
assoluto con la relativa
unità di misura.
b Corrente in ampere
(A e kA);
b Temporizzazione in
secondi.
DB126341
3. Se il display non visualizza alcuna informazione, consultare il paragrafo “Display digitale” negli allegati tecnici.
Se non si compie alcuna azione, dopo pochi secondi il display torna al menu principale delle
misure di corrente.
gic 5.0
Microlo
E
4. Chiudere il coperchio di protezione e, se necessario, proteggere le regolazioni tramite piombatura.
100 %
40 %
3
Utilizzo dell’unità test portatile
Consultare la guida di utilizzo dell’unità test portatile.
Per effettuare il test dell’unità di controllo, collegare l’unità test portatile alla presa
test.
DB126343
DB126342
5 E
logic
Micro
5.0 E
100 %
40 %
m
2
4
Regolazione dell’unità
di controllo Micrologic 2.0 A/E
Vedere pagine da 10 a 12 per le informazioni sulle
regolazioni disponibili.
La corrente nominale dell’interruttore in questo esempio è 2000A.
DB119436
regolazione delle protezioni 1
In 2000 A
In =
A
2000
Ir
long time
.7
.6
.5
.4
.8
x In
alarm
.9
.95
.98
1
In = 2000 A
DB119406
DB119478
Regolazione delle soglie
t
Ir
Ir = 0.7 x In = 1400 A
Isd = 3 x Ir = 4200 A
instantaneous
Isd
Isd
3 4 5
2.5
6
2
8
10
1.5
x Ir
I
0
setting
long time
tr
(s)
2
1
4
.5
8
12
16
20
24
alarm
tr = 1 s
DB119440
DB119479
Regolazione della temporizzazione
t
tr
at 6 Ir
0
I
5
Regolazione dell’unità
di controllo Micrologic 5.0 A/E
Vedere pagine da 10 a 12 per le informazioni sulle
regolazioni disponibili.
La corrente nominale dell’interruttore in questo esempio è 2000A.
DB119436
regolazione delle protezioni
1
In 2000 A
In =
2000
A
Ir
.7
.6
.5
.4
Isd
2.5
2
alarm
.8 .9
.95
.98
1
x In
Ii
4 5
3
x Ir
Ir = 0.7 x In = 1400 A
Curva I2t ON
Curva I2t OFF
t
t
Ir
instantaneous
Ii = 3 x In = 6000 A
Isd
6 8 10
4
12
3
15
2
off
x In
6
8
10
setting
Isd
Ii
Ii
I
0
0
8 12
16
2
1
20
24
.5
(s)
4
at 6 Ir
short time
alarm
tr = 1 s
Curva I2t OFF
t
t
tr
tsd = 0.2 s
tsd
.4 .4 .3
.2
.3
.2
.1
.1 2 0
on
6
I t
delay
tr
tsd
(s)
2
I t on
I
Curva I2t ON
DB119446
tr
DB119445
DB119481
Regolazione delle temporizzazioni
long time
Ir
Isd = 2 x Ir = 2800 A
short time
1.5
In = 2000 A
DB119444
long time
DB119443
DB119480
Regolazione delle soglie
tsd
2
I t off
0
I
0
I
Regolazione dell’unità
di controllo Micrologic 6.0 A/E
Vedere pagine da 10 a 13 per le informazioni sulle
regolazioni disponibili.
La corrente nominale dell’interruttore in questo esempio è 2000A.
DB119436
regolazione delle protezioni
1
In 2000 A
In =
A
2000
x In
.9
.95
.98
1
short time
C
B
Ii
A
6 8 10
12
4
15
3
2 x In off
Ii
Ig = 640 A
Ii
I
0
Ii = 3 x In = 6000 A
B
G
H
Isd
Isd = 2 x Ir = 2800 A
test
I
Ir
Isd
instantaneous
setting
D E F
t
Ir
Ir = 0.7 x In = 1400 A
Isd
3 4 5
6
2.5
2
8
1.5
10
x Ir
Ig
In = 2000 A
Curva I2t OFF
t
DB119444
.6
.5
.4
.8
Curva I2t ON
t
0
DB119451
.7
alarm
DB119443
long time
Ir
DB119450
DB119448
Regolazione delle soglie
I
t
Ig
Ig
ground fault
0
I
0
I
2
1
short time
.5
8
12
16
20
24
tr = 1 s
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
ground fault
I t
on
tr
delay
2
I t
I2t on
test
.2
.1
0
off
tsd
tsd = 0.2 s
off
.4 .4 .3
.3
.2
.1
t
tr
(s)
tg
Curva I2t OFF
t
@ 6 Ir
tsd
on
Curva I2t ON
DB119446
(s) 4
alarm
tsd
I
0
I2t off
t
I
0
DB119453
tr
DB119445
long time
DB119452
DB119482
Regolazione delle temporizzazioni
t
tg = 0.2 s
tg
0
tg
I
0
I
7
Regolazione dell’unità
di controllo Micrologic 7.0 A
Vedere pagine da 10 a 13 per le informazioni sulle
regolazioni disponibili.
La corrente nominale dell’interruttore in questo esempio è 2000A.
DB126362
regolazione delle protezioni
1
In 2000 A
In =
2000
A
.8 .9
x In
Isd
3 4 5
6
2.5
2
8
1.5
10
x Ir
(A)
2
1
.5
t
t
Ir
Ii
Ir
Isd
instantaneous
6 8 10
4
12
3
15
off
2
x In
setting
3 5 7
Curva I2t OFF
Ir = 0.7 x In = 1400 A
1
short time
IΔn
In = 2000 A
.95
.98
Curva I2t ON
DB126357
.7
.6
.5
.4
alarm
DB126356
long time
Ir
test
10
Ii
Ii
I
0
Ii = 3 x In = 6000 A
IΔn = 1 A
20
30
Isd
Isd = 2 x Ir = 2800 A
DB126358
DB126363
Regolazione delle soglie
0
I
t
IΔn
earth leakage
0
I
tr
(s)
4 8 12
16
20
1
24
.5
tr = 1 s
alarm
2
Curva I2t ON
Curva I2t OFF
t
t
DB126360
long time
DB126359
DB126364
Regolazione delle temporizzazioni
tr
tr
@ 6 Ir
tsd = 0.2 s
tsd
.4 .4 .3
.2
.3
.1
.2
.1 2 0
(s)
on
Δt
I t
delay
(ms) 230
140
60
test
I2t on
I
I2t off
350
t
Δt = 140 ms
earth leakage
Δt
0
8
tsd
0
off
800
tsd
DB126361
short time
I
0
I
Selezione del tipo
di protezione del neutro
regolazione delle protezioni
DB126372
Sugli interruttori tetrapolari, è possibile selezionare il tipo di protezione del neutro
mediante un commutatore a tre posizioni:
b neutro non protetto (4P 3D)
b neutro protetto a 0,5 In (3D + N/2)
b neutro protetto a In (4P 4D)
/2
3D+N
4P 3D
4P 4D
9
Protezioni in corrente
Panorama delle funzioni
Micrologic A e Micrologic E
Regolazione delle protezioni
È possibile configurare la curva di intervento dell’unità di controllo per soddisfare
i bisogni dell’impianto, utilizzando i seguenti parametri:
DB119427
Micrologic 2.0 A/E
t
1
2
3
0
Ir
Isd
I
Micrologic 6.0 A/E
Micrologic 7.0 A
t
t
t
1
2
I t on
2
DB119430
Micrologic 5.0 A/E,
6.0 A/E, 7.0 A
DB119429
DB119428
1. soglia Ir (Lungo Ritardo)
2. temporizzazione tr (Lungo Ritardo) per 6 x Ir
3. soglia Isd (Istantanea)
2
I t on
2
I t off
2
4
1
I t off
1
3
2
2
5
0
Ir
Isd
Ii
I
1. soglia Ir
(Lungo Ritardo)
2.temporizzazione tr
(Lungo Ritardo) per 6 x Ir
3. soglia Isd (Corto Ritardo)
4. temporizzazione tsd
(Corto Ritardo)
5. soglia Ii (Istantanea)
0
Ig
I
0
1. soglia Ig (Guasto a
terra)
2. temporizzazione tg
(Guasto a terra)
IΔn
I
1. soglia I∆n
(Differenziale)
2. temporizzazione ∆t
(Differenziale)
Protezione Lungo Ritardo
La protezione Lungo Ritardo protegge i cavi (fasi e neutro) contro i sovraccarichi.
Questa funzione si basa sulla misura RMS del reale valore efficace della corrente.
Memoria termica
La memoria termica rappresenta in modo permanente lo stato del riscaldamento dei
cavi, prima e dopo lo sgancio dell’interruttore, qualunque sia il valore della corrente
(con o senza sovraccarico). La memoria termica ottimizza la protezione Lungo
Ritardo dell’interruttore in funzione del riscaldamento dei cavi.
La memoria termica considera un tempo di raffreddamento del cavo di circa 15
minuti.
Soglia Ir Lungo Ritardo e temporizzazione tr standard
Unità di controllo Micrologic
Soglia
intervento tra
1.05 e 1.20 x Ir
Temporizzazione (s)
Ir = In (*) x …
tr a 1.5 x Ir
tr a 6 x Ir
tr a 7.2 x Ir
Precisione2.0 A/E, 5.0 A/E, 6.0 A/E e 7.0 A
da 0 a - 30 %
da 0 a - 20 %
da 0 a - 20 %
0.4
0.5
0.6
0.7
0.8
0.9
altre regolazioni o inibizione sostituendo il plug Lungo Ritardo
0.95
0.98
1
12.5
0.5
0.34
400
16
11
500
20
13.8
600
24
16.6
25
1
0.69
50
2
1.38
100
4
2.7
200
8
5.5
300
12
8.3
* In: corrente nominale dell’interruttore
La precisione della regolazione Ir può essere aumentata utilizzando un diverso plug Lungo Ritardo.
Vedere "Sostituzione del plug Lungo Ritardo" negli allegati tecnici.
10
Panorama delle funzioni
Protezioni in corrente
Micrologic A e Micrologic E
Per le caratteristiche ed il cablaggio esterno ZSI,
vedere "Selettività logica" negli allegati tecnici.
L’unità test portatile può essere utilizzata per verificare
il cablaggio tra gli interruttori per la funzione
di selettività logica.
Protezione Corto Ritardo
b La protezione Corto Ritardo protegge l’impianto contro i cortocircuiti.
b La temporizzazione Corto Ritardo permette di assicurare la selettività con un interruttore a valle.
b Questa funzione fornisce la misura RMS del reale valore efficace della corrente.
b Le opzioni curva I2t ON e curva I2t OFF permettono di migliorare la selettività con i dispositivi di protezione a valle.
b Utilizzo delle curve I2t con la protezione Corto Ritardo:
v I2t OFF selezionata: la protezione è a tempo costante;
v I2t ON selezionata: la protezione è a tempo inverso fino a 10 Ir. Oltre 10 lr, la protezione è a tempo costante.
b Selettività logica (ZSI):
Le protezioni Corto Ritardo e Guasto a terra permettono una selettività cronometrica temporizzando gli interruttori a monte per lasciare il tempo agli interruttori a valle di eliminare il guasto. La selettività logica (Zone Selective Interlocking) consente di ottenere una selettività totale tra gli interruttori tramite cablaggio esterno.
Soglia Isd Corto Ritardo e temporizzazione tsd
Unità di controllo Micrologic
Soglia
Temporizzazione (ms)
a 10 Ir
I2t ON o
I2t OFF
Isd = Ir x … precisione ± 10 %
regolazioni
I2t OFF
I2t ON
tsd (tempo max senza sgancio)
tsd (tempo max di interruzione)
2.0 A/E, 5.0 A/E, 6.0 A/E e 7.0 A
1.5
0
20
80
2
0.1
0.1
80
140
2.5
0.2
0.2
140
200
3
0.3
0.3
230
320
4
0.4
0.4
350
500
5
6
8
10
Protezione Istantanea
b La protezione Istantanea protegge l’impianto contro i cortocircuiti elevati. Contrariamente alla protezione Corto Ritardo, la temporizzazione della protezione Istantanea non è regolabile. Il comando di sgancio è inviato all’interruttore non appena la corrente supera la soglia regolata, con una temporizzazione fissa di 20 ms.
b Questa funzione fornisce la misura RMS del reale valore efficace della corrente.
Soglia Istantanea Isd
Unità di controllo Micrologic
Soglia
Isd = Ir x … precisione ± 10 %
2.0 A/E
1.5
2
2.5
3
4
5
6
8
10
8
10
12
15
OFF
Soglia Istantanea Ii
Unità di controllo Micrologic
Soglia
li = In (*) x … precisione ± 10 %
5.0 A/E, 6.0 A/E e 7.0 A
2
3
4
6
* In: corrente nominale dell’interruttore
11
Panorama delle funzioni
Protezioni in corrente
Micrologic A e Micrologic E Protezione del neutro sugli interruttori tetrapolari
La protezione del conduttore di neutro dipende dal sistema di distribuzione. Vi sono
tre possibilità:
Tipo di neutro
Neutro non protetto
Neutro protetto a metà
(a 0,5 In)
Neutro protetto
(a In)
descrizione
Il sistema di distribuzione non richiede la protezione del conduttore di
neutro.
La sezione del conduttore di neutro è la metà di quella dei conduttori di
fase.
b La soglia Lungo Ritardo Ir per il neutro è uguale alla metà della
soglia regolata.
b La soglia Corto Ritardo Isd per il neutro è uguale alla metà della
soglia regolata.
b La soglia Istantanea Isd (Micrologic 2.0 A/E) per il neutro è uguale
alla metà della soglia regolata.
b La soglia Istantanea Ii (Micrologic 5.0 A/E / 6.0 A/E / 7.0 A) per il
neutro è uguale alla soglia regolata.
La sezione del conduttore di neutro è uguale a quella dei conduttori di
fase.
b La soglia Lungo Ritardo Ir per il neutro è uguale alla soglia regolata.
b La soglia Corto Ritardo Isd per il neutro è uguale alla soglia regolata.
b La soglia istantenea Ii per il neutro è uguale alla soglia regolata.
Protezione del neutro per interruttori tripolari
La protezione del neutro non è disponibile sugli interruttori tripolari.
12
Panorama delle funzioni
Protezioni in corrente
Micrologic 6.0 A/E, 7.0 A Protezione Guasto a terra su Micrologic 6.0 A/E
b Una corrente di guasto a terra nei conduttori di protezione può provocare un riscaldamento locale nel punto di guasto o nei conduttori. Lo scopo della protezione Guasto a terra è quello di eliminare questo tipo di problema.
b Vi sono due tipi di protezione Guasto a terra:
Tipo
descrizione
Residual
Source Ground Return
b La funzione determina la corrente omopolare, ossia la somma
vettoriale delle correnti di fase e del neutro.
b Rileva i guasti a valle dell’interruttore.
b La funzione misura direttamente, tramite un apposito TA
esterno, la corrente di guasto che ritorna al trasformatore
attraverso la terra.
b Rileva i guasti a monte e a valle dell’interruttore.
b Ammette una distanza massima di 10 m tra il TA e l’interruttore.
b La protezione del neutro e la protezione contro i guasti a terra sono indipendenti e
possono quindi essere attive contemporaneamente.
Soglia Guasto a terra Ig e temporizzazione tg
La soglia e la temporizzazione sono regolabili separatamente una dall’altra e sono
identiche nella protezione tipo "Residual" e tipo "Source Ground Return".
Unità di controllo Micrologic
Soglia
Temporizzazione (ms)
a 10 In (*)
I2t ON or
I2t OFF
Ig = In (*) x … precisione ± 10 %
In y 400 A
400 A < In y 1200 A
In > 1200 A
regolazioni
I2t OFF
I2t ON
tg (tempo max senza sgancio)
tg (tempo max di interruzione)
6.0 A/E
A
0.3
0.2
500 A
0
B
C
D
0.3
0.4
0.5
0.3
0.4
0.5
640 A
720 A
800 A
0.1
0.2
0.3
0.1
0.2
0.3
20
80
140
230
80
140
200
320
* In: corrente nominale dell’interruttore
E
0.6
0.6
880 A
0.4
0.4
350
500
F
0.7
0.7
960 A
G
0.8
0.8
1040 A
H
0.9
0.9
1120 A
I
1
1
1200 A
Protezione differenziale su Micrologic 7.0 A
b La protezione Differenziale ha la funzione principale di proteggere le persone contro i contatti indiretti, dal momento che una corrente di guasto a terra può provocare un aumento di potenziale delle masse dell’impianto. La soglia di protezione I∆n è visualizzata direttamente in Ampere, mentre la temporizzazione è a tempo costante.
b Per questa funzione è richiesto un toroide esterno.
b In mancanza di plug Lungo Ritardo, la protezione Differenziale è disattivata.
b q immune ai rischi di sganci intempestivi.
b k tenuta alle componenti non sinusoidali in classe A fino a 10 A.
Soglia differenziale I∆n e temporizzazione ∆t
Unità di controllo Micrologic
Soglia
Temporizzazione (ms)
7.0 A
I∆n precisione da 0 a - 20 % 0.5
regolazioni
∆t (tempo max senza sgancio) 60
∆t (tempo max di interruzione) 140
1
2
3
5
140
200
230
320
350
500
800
1000
7
10
20
30
13
Segnalazioni di sovraccarico
e di guasto
Panorama delle funzioni
Micrologic A e Micrologic E
LEd di sovraccarico
DB126366
Tutte le unità di controllo Micrologic A e Micrologic E
integrano LED di segnalazione sovraccarico e guasti.
long time
Ir
.7
.6
.5
.4
tr
8
(s) 4
.9
12
16
.95 2
.98 1
20
24
1
.5
.8
x In
@ 6 Ir
short time
Isd
4
5
3
2.5
6
2
8
1.5
10
x Ir
tsd
(s)
(A)
3
2
1
.5
5
instantaneous
. 4 .4 . 3
.3
.2
.1
on
setting
IΔn
alarm
2
I t
0
Ii
.2
.1
4
3
delay
test
Δt
(ms)
230
7
10
140
20
30
60
6 8 10
12
15
2
off
x In
350
100 %
40 %
800
earth leakage
Questo LED segnala il superamento della soglia Ir Lungo Ritardo.
Segnalazioni di guasto
DB126347
DB126346
DB126345
DB126344
Attenzione!
La batteria mantiene le segnalazioni di guasto dopo lo sgancio dell’interruttore.
In mancanza di segnalazioni, verificare lo stato della batteria.
Micrologic 6.0 E
Segnala uno sgancio dovuto al superamento della
soglia Lungo Ritardo Ir.
Micrologic 6.0 E
Segnala uno sgancio dovuto al superamento della
soglia Corto Ritardo Isd o della soglia Istantanea Ii.
Micrologic 6.0 E
Micrologic 6.0 E
Segnala uno sgancio dovuto al superamento
della soglia Guasto a terra Ig o della soglia
Differenziale I∆n.
Segnala uno sgancio dovuto all’intervento della
funzione di auto-protezione dell’unità di controllo.
L’auto-protezione (temperatura eccessiva o
cortocircuito superiore ai limiti dell’interruttore) provoca
lo sgancio dell’interruttore e l’accensione del LED Ap.
Attenzione!
Se l’interruttore resta chiuso e il LED di segnalazione
Ap resta acceso, contattare il servizio di assistenza
post-vendita Schneider Electric.
14
Misure
Panorama delle funzioni
Micrologic A e Micrologic E
Funzioni di misura e visualizzazione
b L’unità di controllo Micrologic A misura le correnti istantanee salvandone i valori massimi. b Oltre ai valori misurati dall’unità di controllo Micrologic A, Micrologic E misura i valori di tensione, potenza ed energia.
DB126369
Le misure rilevate dalle unità di controllo Micrologic A e Micrologic E possono essere visualizzate:
b sul display digitale dell’unità di controllo (vedere pagina 24 per Micrologic A e pagina 25 per Micrologic E)
b sul display fronte quadro FDM121 (vedere pagina 41)
b su PC tramite l’opzione di comunicazione Modbus (COM) (vedere pagina 39).
Inoltre, un indicatore a barre sul fronte dell’unità di controllo visualizza in tempo reale le correnti misurate sulle fasi 1, 2 e 3 in percentuale della soglia Lungo Ritardo Ir.
100 %
40 %
1.125 x Ir
1 x Ir
0.8 x Ir
0.6 x Ir
0.4 x Ir
La tabella seguente indica le funzioni di misura e visualizzazione delle unità
Micrologic A e Micrologic E:
Misure
Micrologic
A
E
Visualizzazione su …
Micrologic FdM121 COM
Correnti istantanee I1, I2, I3,
IN, Ig (I∆N)
b
b
b
b
b
Valori massimi di corrente
I1max, I2max, I3max, INmax,
Igmax, (I∆Nmax)
b
b
b
b
b
Valori medi di corrente
I1, I2, I3, IN (1)
b
b
b
b
Valori massimi dei valori medi
in corrente (valore di cresta) I1
max, I2 max, I3 max, IN max (1)
b
b
b
Tensioni tra le fasi
V12, V23, V31 (reti 3 fili e 4 fili)
b
b
b
b
Tensioni tra fase e neutro
V1N, V2N, V3N (reti 4 fili) (2)
b
b
b
b
Tensione media Umed
b
b
b
Squilibrio di tensione Vunbal
b
b
b
Potenze istantanee P, Q, S
b
b
b
Valore massimo dei valori medi
in potenza Pmax, Qmax, Smax
b
b
b
b
Valore medio potenza attiva P
b
b
b
Valore medio potenza
apparente S
b
b
b
Valore massimo del valore
medio di potenza (valore di
cresta) Pmax
b
b
b
Fattore di potenza PF
b
b
b
b
Energia attiva Ep
b
b
b
b
Energia reattiva e apparente
Eq, Es
b
b
b
b
(1) La visualizzazione della corrente di neutro (IN) è disponibile con Micrologic E quando
il parametro "Tipo di rete" è stato configurato a 4 fili 4 TA (44). Vedere pag. 32.
(2) Attenzione!: nel caso di un interruttore tripolare utilizzato su rete 4 fili (3 fasi + N) è necessario
collegare il neutro, se distribuito, al morsetto VN dell’unità di controllo Micrologic.
Se questo non viene fatto le misure della tensione fase / neutro potrebbero essere errate.
Nota: Se il display non visualizza alcuna informazione, consultare il paragrafo “display digitale”
negli allegati tecnici.
15
Panorama delle funzioni
Misure
Micrologic A e Micrologic E
Definizione delle misure
Misure
Corrente istantanea
Corrente di neutro
Massimo valore di corrente
Valori medi di corrente (1)
Tensione
Tensione media
Definizione
Valore RMS della corrente istantanea.
Disponibile con interruttore tetrapolare.
Valore massimo della corrente istantanea misurata
(refresh ogni 500 ms) dall’installazione dell’unità
Micrologic o dall’ultimo reset.
Valore medio di tutte le correnti istantanee misurate
in un intervallo di tempo regolabile dall’operatore
(ad es. 10 min).
Valore RMS della tensione.
Valore medio delle tensioni delle tre fasi V12, V23 e V31:
U med =
V12 + V23 + V31
3
Visualizzazione della percentuale di squilibrio delle
tensioni tra le fasi (Umed).
DB119998
Squilibrio di tensione
U
E max
V avg
0
V12
V23 V31
L’unità Micrologic E misura la differenza massima tra
la tensione istantanea di ogni fase e la tensione media
Umed, calcolando quindi lo squilibrio di tensione:
E max
U squil =
U med
Potenza istantanea
P: potenza attiva totale
Q: potenza reattiva totale
S: potenza apparente totale
P, Q e S sono valori RMS.
Valore massimo di potenza Valore massimo della potenza istantanea (refresh
ogni 1 s) dell’unità Micrologic in tempo reale o
dall’ultimo reset.
Valore medio di potenza (1) Valore medio di tutte le potenze misurate in un dato
intervallo di tempo regolabile dall’operatore (ad es. 10
min).
Fattore di potenza PF
PF = P / S
Energia totale
Ep: energia totale attiva
Eq: energia totale reattiva
Es: energia totale apparente
(1) Per dettagli sulla modalità di calcolo vedere il paragrafo "Calcolo dei valori medi" negli allegati
tecnici.
16
Funzione cronologica
degli interventi e preallarmi
Panorama delle funzioni
Micrologic E
Funzione cronologica degli interventi
Le unità di controllo Micrologic E consentono
di accedere ad informazioni utili ad analizzare
o evitare interventi intempestivi dell’interruttore,
migliorando in tal modo la continuità dell’impianto.
Le informazioni disponibili comprendono la cronologia
degli interventi e dei preallarmi di sgancio.
La funzione cronologica degli interventi visualizza l’elenco degli ultimi 10 interventi.
Per ciascun intervento, vengono registrate e visualizzate le seguenti informazioni:
b la causa dello sgancio: Ir, Isd, Ii, Ig o intervento autoprotezione (Ap)
b la data e l’ora dello sgancio (richiede l’opzione di comunicazione COM).
Lista delle cause di sgancio:
b sovraccarichi (Ir)
b cortocircuiti (Isd o Ii)
b guasti a terra (Ig)
b autoprotezione (Ap).
La videata della funzione cronologica degli interventi è presentata a pagina 28.
Preallarmi
descrizione
Le unità di controllo Micrologic E possono essere configurate per l’invio di preallarmi
attraverso i contatti programmabili opzionali M2C (vedere pagina 38). Questi
preallarmi possono essere utilizzati per allertare gli operatori in caso di corrente
vicina alla soglia di sgancio. In questo modo è possibile prendere opportune misure
(distacco dei carichi, manutenzione, ecc.) prima che si verifichi lo sgancio
dell’interruttore, evitando interruzioni indesiderate dell’alimentazione.
Sono disponibili due tipi di preallarmi, a seconda del tipo di unità di controllo.
b Preallarme Protezione Lungo Ritardo: è possibile configurare tutte le unità di
controllo Micrologic E per l’invio di un preallarme attraverso una delle due uscite
quando la corrente raggiunge il 90% della soglia di protezione Lungo Ritardo Ir.
b Preallarme Protezione Guasto a terra: è possibile configurare le unità di controllo
Micrologic 6.0 E per l’invio di un preallarme attraverso una delle due uscite quando la
corrente raggiunge il 90% della soglia di protezione Guasto a terra Ig.
Se le due uscite non sono necessarie per altre funzioni è possibile attivare entrambe
i preallarmi Ir e Ig.
Vedere pagina 32 per informazioni generali sulle regolazioni dell’uscita (contatti
programmabili M2C) o pagina 35 per un esempio di come impostare un’uscita per
attivare questa o altre funzioni.
Funzionamento
I preallarmi Ir e Ig sono inviati attraverso le uscite (contatti programmabili M2C)
dell’unità di controllo Micrologic E.
b Attivazione (attivazione preallarme): quando la corrente supera la soglia di
sgancio (pari al 90% della corrente di sgancio Ir o Ig), l’uscita passa da 0 a 1 dopo
una temporizzazione fissa di 1 secondo.
b Disattivazione (disattivazione preallarme): quando la corrente scende al di sotto
della soglia di disattivazione (pari all’85% della corrente Ir o Ig), l’uscita torna a 0
dopo una temporizzazione fissa di 1 secondo e il preallarme viene disattivato
automaticamente.
Attivazione (attivazione allarme)
Temporizzazione Soglia
90 % di Ir
1s
85 % di Ir
1s
Preallarme Ig 90 % di Ig
1s
85 % di Ig
1s
Preallarme Ir
DB127875
disattivazione (disattivazione allarme)
Soglia
Temporizzazione
% di Ir o Ig
90 %
Soglia di attivazione
85 % Soglia di disattivazione
Preallarme
1s
1s
17
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Modalità di visualizzazione HMI
Definizioni
b L’unità Micrologic A ha una sola modalità di visualizzazione: la Navigazione contestuale.
b L’unità Micrologic E ha due modalità di visualizzazione: la Navigazione contestuale e la Vista Rapida.
Navigazione contestuale
b la Navigazione contestuale è una navigazione manuale che utilizza i tasti menu e
sulle unità di controllo Micrologic A o E. b Tutte le informazioni sono visualizzabili anche sul display fronte quadro FDM121 o su un PC, utilizzando l’opzione di comunicazione (vedere tabella pagina 40). b Ogni unità di controllo Micrologic ha due menu di navigazione:
v un menu di visualizzazione dei valori principali e delle regolazioni;
v un menu di configurazione per la modifica delle regolazioni.
È possibile accedere al menu di configurazione da qualsiasi videata del menu di visualizzazione, premendo contemporaneamente i tasti menu e
.
b Ogni menu è diviso in diverse sezioni (vedere pagina seguente). Utilizzare il tasto
menu
per scorrere attraverso le diverse sezioni del menu. Arrivati all’ultima sezione, la
pressione del tasto menu permette di tornare immediatamente alla videata della
corrente I1 del menu di visualizzazione.
b Ogni sezione permette di accedere ai valori o alle regolazioni che dipendono dal
tipo di unità di controllo Micrologic, ad esempio:
v misure (corrente istantanea, valori medi di corrente, valori massimi, corrente,
tensione, potenza, energia, ecc.)
v funzione cronologica degli interventi
v videata di regolazione delle protezioni
v regolazioni (per la modifica dei parametri di comunicazione, misura o uscita).
b Utilizzare il tasto
per scorrere attraverso le diverse videate di una sezione.
Premere in qualunque momento il tasto menu per passare alla sezione successiva.
b Tutte le videate dei menu di navigazione dell’unità Micrologic A sono illustrate in dettaglio a pagina 24.
b Tutte le videate dei menu di navigazione dell’unità Micrologic E sono illustrate in dettaglio a pagina 25.
Vista Rapida
b L’unità Micrologic E offre inoltre la modalità di visualizzazione Vista Rapida.
b Questa modalità di visualizzazione permette al display di scorrere automaticamente attraverso un massimo di 10 videate.
b È disponibile una funzione per consentire lo scorrimento manuale.
b Vista Rapida è la modalità di visualizzazione preimpostata di base sulle unità Micrologic E. Per passare da Vista Rapida alla modalità di Navigazione contestuale, è sufficiente premere per alcuni istanti il tasto
.
b Le videate Vista Rapida preimpostate nella configurazione di default, così come il
tempo di visualizzazione, sono facilmente modificabili.
18
Modalità di visualizzazione HMI
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Micrologic 5.0 A
Micrologic E
Micrologic 5.0 A
Corrente
DB126450
Micrologic A
Micrologic 5.0 E
Corrente
A
6308
A
7727
Corrente
Tensione
FF per reti
a 3 fili
A
4632
Tensione
FF per reti
a 3 fili
V
V
266
Energia
100 %
MWh
6233
V
100 %
40 %
40 %
V
270
100 %
Energia
40 %
MWh
V
V
285
Potenza
menu
menu
MW
menu
menu
Navigazione contestuale
Videate Micrologic A
A
Max
A
ppp
ppp
videata di navigazione contestuale, premendo
Corrente ist. e valori medi di corrente
A
ppp
A
menu
Valore max. corrente istantanea
menu
Potete accedere alle videate di configurazione da qualsiasi
Videate Micrologic E
Corrente istantanea
menu
Vista Rapida
ppp
A
ppp
contemporaneamente i tasti
menu
e
.
Valore max corrente istantanea
ppp
Max
A
menu
Max
A
ppp
ppp
ppp
ppp
ppp
ppp
ppp
ppp
Max
A
Tensione
V
menu
V
Potenza
MW
menu
MW
Energia attiva
MWh
menu
MWh
Funzione cronologica degli interventi
ppp
menu
Videata di regolazione protezioni
menu
A
ppp
ppp
ppp
Videata di regolazione protezioni
k A
A
menu
ppp
ppp
Configurazione Micrologic A
Configurazione Micrologic E
Regolazione della comunicazione
Regolazione della comunicazione
menu
menu
ppp
ppp
ppp
ppp
k A
W
Regolazioni delle misure
menu
Min
pppA
MW
Min
ppp
MWh
s
Regolazioni uscite (con contatti
programmabili M2C)
menu
Max
A
ppp
ppp
Versione software
menu
19
Modalità di visualizzazione
Vista Rapida (Micrologic E) Utilizzo dell’interfaccia HMi
Presentazione
La visualizzazione Vista Rapida permette all’operatore
di vedere in tempo reale le misure elettriche più
importanti (correnti, tensioni, potenza attiva, energia)
senza dover agire sulla tastiera.
Le videate scorrono in senso circolare permettendo all’operatore di visualizzare in successione tutte le principali misure elettriche.
In modalità Vista Rapida, l’indicatore a barre dei valori di corrente e il LED di sovraccarico restano sempre visibili.
descrizione delle videate Vista Rapida
La modalità Vista Rapida può essere utilizzata per visualizzare le videate configurate in:
b configurazione standard
b o configurazione personalizzata.
Videate definite in configurazione standard
Le unità di controllo Micrologic E sono fornite con una configurazione standard Vista
Rapida comprendente 9 videate, visualizzate in successione nel seguente ordine:
1. Corrente di fase 1/A
2. Corrente di fase 2/B
3. Corrente di fase 3/C
4. Tensione: fase / neutro (V1N) o fase / fase (V12)
5. Tensione: fase / neutro (V2N) o fase / fase (V23)
6. Tensione: fase / neutro (V3N) o fase / fase (V31)
7. Potenza attiva totale
8. Energia attiva: energia totale attiva (fino a 6 cifre) in MWh
9. Energia attiva: ultima cifra dell’energia totale attiva più 3 cifre decimali
DB126520
Ogni videata viene visualizzata per 2 secondi e quindi sostituita da quella successiva.
Il tempo di visualizzazione è regolabile da 1 s a 9 s con intervalli di 1 s (vedere
"Regolazioni delle misure - Tempo di visualizzazione videate Vista Rapida").
2 - Corrente
(ph 2/B)
3 - Corrente
(ph 3/C)
A
A
1 - Corrente
(ph 1/A)
A
4 - Tensione 4 - Tensione
4W (V1N)
3W (V12)
V
V
9 - Energia
MWh
5 - Tensione 5 - Tensione
4W (V2N)
3W (V13)
V
6 - Tensione 6 - Tensione
4W (V3N) 3W (V23)
8 - Energia
V
7 - Potenza
MW
20
V
V
Modalità di visualizzazione
Vista Rapida (Micrologic E)
Utilizzo dell’interfaccia HMi
impiego
Attivazione / disattivazione Vista Rapida
Micrologic E
Corrente ist. e valori medi di corrente
Corrente
A
menu
p pp
A
ppp
A
Videata 1
Videata 1
Corrente
Max
A
ppp
ppp
Tensione Tensione
FF per reti FF per reti
a 3 fili
a 3 fili
A
Valore max corrente istantanea
menu
Corrente
A
V
V
Max
A
Energia
MWh
Tensione
V
V
menu
ppp
V
V
ppp
Energia
V
Potenza
V
Potenza
MW
menu
MW
ppp
ppp
MW
Active energy
Scorrimento manuale con Vista Rapida
DB126473
Lo scorrimento automatico delle videate in Vista Rapida può essere interrotto,
ad esempio per visualizzare una videata per un tempo superiore ai 2 secondi
se si desidera prendere nota delle misure.
Breve pressione sul tasto Interrompe lo scorrimento
(< 1 s)
automatico e visualizza
la videata in corso per 20 s
se non vi sono ulteriori interventi
da parte dell’operatore.
È quindi possibile scorrere manualmente e in successione ogni videata in Vista Rapida.
DB126473
DB126521
b Alla prima messa in tensione, l’unità Micrologic E attiva automaticamente la modalità Vista Rapida con scorrimento automatico attraverso le videate
preconfigurate.
(<1 s) per attivare la modalità b Premere per alcuni istanti il tasto di navigazione contestuale. Premere nuovamente il tasto (<1 s) per tornare alla modalità Vista Rapida.
b In entrambe le modalità di visualizzazione, la prima videata visualizzata è la videata 1 che mostra la corrente istantanea della fase più carica. In questo esempio, la videata 1 visualizza il valore I1. Breve pressione sul tasto Visualizza l’ultima videata
(< 1 s)
per 20 s se non vi sono ulteriori
interventi da parte dell’operatore.
Ripristino dello scorrimento automatico
Dopo 20 s senza interventi da parte dell’operatore, viene riattivato lo scorrimento
automatico.
Eventi che interrompono lo scorrimento automatico
Lo scorrimento automatico delle videate di Vista Rapida viene interrotto anche in
seguito al verificarsi dei seguenti eventi:
b sgancio (fino al reset dello sgancio con pressione del tasto
)
b modifica della regolazione di una protezione b controllo della batteria (mentre il tasto di test è premuto).
21
Modalità di visualizzazione
Vista Rapida (Micrologic E)
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Personalizzazione
Configurazione personalizzata di Vista Rapida
b La configurazione standard della modalità Vista Rapida comprende le 9 videate presentate a pagina 20.
b È possibile cambiare alcune o tutte le videate della configurazione standard.
b Vista Rapida permette lo scorrimento automatico di un massimo di 10 videate.
b Se si cancellano tutte le videate di Vista Rapida, una breve pressione del tasto non avrà alcun effetto. Il display resta impostato sulla Navigazione contestuale.
Cancellare una videata
Per cancellare una videata da Vista Rapida:
b Accertarsi di essere in scorrimento manuale della modalità Vista Rapida e, se necessario, premere brevemente il tasto
(< 1 s) per attivare
lo scorrimento automatico e quindi premere brevemente il tasto
(< 1 s)
per attivare lo scorrimento manuale.
b quando viene visualizzata la videata da cancellare, mantenere premuto il tasto
(> 4 s) b la comparsa del messaggio "OK dEL" indica l’avvenuta cancellazione della videata.
Visualizzare la videata
da cancellare
Esempio: Cancellare la videata Corrente di fase 2/B
A
A
A
A
3150
31
Premere
il tasto ( > 4 s)
A
302
3021
A
V
V
700
fino alla comparsa del messaggio
MWh
MWh
MW
V
V
680
V
V
69
690
MW
MW
Aggiungere una videata
Per aggiungere una videata (selezionata dal menu di navigazione):
b accedere alla modalità Navigazione contestuale premendo per alcuni istanti il tasto (< 1 s)
b visualizzare la videata che si desidera aggiungere spostando con i tasti menu e
, come descritto nel paragrafo "Navigazione contestuale" a pagina 23.
b quando appare la videata desiderata mantenere premuto il tasto
(> 4 s)
b la comparsa del messaggio "OK Add" indica l’aggiunta della videata alla
configurazione, con l'inserimento all’ultimo posto della Vista Rapida.
kVAr
Visualizzare la videata da aggiungere
MW
kVAr
kVA
kW
kVA
menu
Premere per alcuni istanti (> 4 s)
MW
fino alla comparsa del messaggio
MW
b se si cerca di aggiungere una videata ad una configurazione che contiene già 10
videate, verrà visualizzato il messaggio "QV full".
22
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Presentazione
Navigazione contestuale
b I menu di navigazione presentati nel capitolo "Modalità di visualizzazione HMI"
a pagina 19, permettono di accedere a tutte le videate delle unità di controllo
Micrologic A o Micrologic E.
e sono organizzate in sottomenu
b Le videate sono accessibili con i tasti menu e
corrispondenti ai diversi tipi di informazioni.
A seconda del tipo di unità di controllo Micrologic sono disponibili i seguenti sottomenu,
nell’ordine indicato:
Sottomenu (tipo di informazione)
Menu di visualizzazione
Corrente istantanea
Corrente istantanea e valori medi di corrente
Valori massimi delle correnti istantanee
Tensione
Potenza (totale delle 3 fasi)
Energia attiva (totale delle 3 fasi)
Funzione cronologica degli interventi (ultimi 10)
Videata di regolazione delle protezioni
Menu di configurazione
Regolazione della comunicazione
Regolazioni delle misure
Regolazioni uscite (con contatti programm. M2C)
Versione software
Micrologic A
Micrologic E
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
b
Tasti di navigazione contestuale
Breve pressione sul tasto
(< 1 s)
(simbolo: mano bianca)
Premere e mantenere premuto
(> 4 s)
(simbolo: mano grigia)
Visualizzazione delle informazioni
100 %
6 A corrente nel neutro
(freccia sopra la N).
100 %
100 %
360 A corrente nella fase
1/A (freccia sopra 1/A).
V
100 %
380 V fase / fase
tensione tra le fasi 1/A e
2/B (frecce sopra 1/A e
2/B).
220V fase / neutro
tensione tra la fase 2/B e
il neutro (frecce sopra N
e 2/B).
DB126479
V
DB126478
A
DB126477
A
DB126476
DB126475
Le posizioni delle frecce rivolte verso il basso (una, due o tre frecce) visualizzate sul
display indicano le fasi interessate, come mostrato negli esempi sotto riportati.
MW
100 %
2.556 MW potenza attiva
totale delle 3 fasi (frecce
sopra le 3 fasi).
Videata standard
Esempio: La fase 1 è la fase più carica.
DB126492
Senza interventi da parte dell’operatore, il sistema
visualizza la corrente istantanea della fase più carica.
A
100 %
23
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Visualizzazione menu Micrologic A
La tabella sottostante mostra tutte le videate delle due modalità di navigazione
contestuale (visualizzazione e configurazione) dell’unità Micrologic A, con tutti i
dettagli riguardanti il contenuto della videata e la navigazione attraverso i diversi
sottomenu.
Visualizzazione
Videate
Videata standard
(corrente istantanea della fase più carica)
A
Correnti istantanee
I1
I2
A
I3
A
IN
Ig (Micrologic 6.0 A)
I∆n (Micrologic 7.0 A)
A
A
A
menu
Valori massimi corrente istantanea
Per il reset dei valori massimi di corrente, vedere pagina 27.
I1
Max
I2
A
Max
I3
A
Max
IN
A
Max
Ig (Micrologic 6.0 A)
I∆n (Micrologic 7.0 A)
A
A
menu
Regolazione delle protezioni
(Vedere dettagli a pagina 29)
A
menu
A
S
A
A
A
�
Configurazione
Videate
Regolazione della comunicazione
(Vedere dettagli a pagina 30)
menu
24
A
S
S
�
S
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Visualizzazione menu Micrologic E La tabella sottostante mostra tutte le videate delle due modalità di navigazione contestuale
(visualizzazione e configurazione) dell’unità Micrologic E, con tutti i dettagli riguardanti il
contenuto della videata e la navigazione attraverso i diversi sottomenu.
Visualizzazione
Videate
Videata standard
(corrente istantanea della fase più carica)
A
Correnti istantanee e valori medi
di corrente
I1
I2
A
I3
A
IN
Ig (Micrologic 6.0 E)
A
A
A
menu
I1
I2
A
I3
A
IN
A
A
menu
Valori massimi corrente istantanea
Per il reset dei valori massimi di corrente,
vedere pagina 27.
I1
A
Max
V12
V
I3
Max
A
Max
IN
A
Max
Ig (Micrologic 6.0 E)
A
A
menu
Tensioni (reti 3 fili)
V
I2
V23
V
menu
V
V31
V
V
menu
Tensioni (reti 4 fili)
V1N
V2N
V3N
V
V
V12
V
V23
V31
V
V
V
menu
Potenza
P
PF
Q
S
kVAr
MW
P media
MW
kVA
menu
Energia attiva
Il valore di Ep è visualizzato in MWh su 2
videate, vedere dettagli a pagina 26.
Per il reset dell’energia attiva vedere pagina 27.
Ep (MWh)
Ep (MWh)
MWh
MWh
menu
Funzione cronologica degli interventi
(Vedere dettagli a pagina 28)
La visualizzazione dipende dalla dotazione opzionale (la visualizzazione della data e dell’ora
degli interventi richiede il collegamento di un PC attraverso l’opzione comunicazione).
Regolazione delle protezioni
(Vedere dettagli a pagina 29)
Le regolazioni delle protezioni visualizzate dipendono dal modello di unità di controllo Micrologic E.
Configurazione
Regolazione della comunicazione
(Vedere dettagli a pagina 32)
Regolazioni delle misure
(Vedere dettagli a pagina 32)
Regolazioni uscite (con contatti programmabili M2C)
(Vedere dettagli a pagina 32)
Videate
W
k
menu
Min
MW
Min
A
menu
s
Ar
menu
Ar
Versione software
menu
25
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Visualizzazione dell’energia totale attiva
(Micrologic E)
Energia
L’energia totale attiva (Ep) consumata dalla messa in tensione dell’unità Micrologic è visualizzata su 2 videate:
b la prima videata indica il valore dell’Energia totale in MWh
b la seconda videata indica i valori decimali dell’Energia totale in MWh.
DB126496
Esempio: visualizzazione di Ep = 26.233 MWh (26233 kWh)
MWh
MWh
menu
MWh
DB126511
DB126504
Visualizzazione
del valore totale
dell’Energia totale
in MWh (fino a 6 cifre)
Visualizzazione dei
decimali dell’Energia
totale in MWh (fino a 3
cifre decimali precedute
dall’ultima cifra intera
dell’Ep totale)
MWh
100 %
100 %
menu
menu
Premere il tasto "Freccia"
per spostarsi alla videata
di visualizzazione dei
decimali.
Premere il tasto "Freccia"
per spostarsi alla videata
di visualizzazione dell’Ep
totale.
L’energia totale attiva (Ep) è calcolata e visualizzata positivamente, qualunque
sia il valore del parametro "Segno della potenza". Il valore massimo visualizzato
dell'energia totale attiva è 999 999 999 kWh. Se l'energia totale attiva continua
ad aumentare, il valore visualizzato resta 999 999 999 kWh.
26
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
reset dei valori massimi di corrente
ed energia totale attiva
Reset dei valori massimi di corrente
A
Max
Max
A
Max
A
Resettare
DB126494
Selezionare il valore
massimo di corrente da
resettare (es. I2 max)
DB126493
Max
A
menu
Max
A
DB126495
DB127834
Reset del registro memoria corrispondente.
Selezionare un altro
valore di corrente
da resettare o tornare
al menu principale
Max
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
Premere il tasto "Freccia"
il numero di volte
necessario ad accedere
alla videata I2 max
Premere e mantenere
premuto il tasto "Freccia"
da 3 a 4 secondi.
Il vecchio valore
lampeggia durante
il reset, quindi a display
viene visualizzato
l'attuale valore (il nuovo
valore massimo).
A
Premere il tasto "Freccia"
il numero di volte
necessario a selezionare
un altro valore massimo
da resettare o tornare
al menu principale.
MWh
MWh
A
menu
MWh
Resettare
MWh
DB126485
Selezionare la videata
energia attiva
DB127828
DB126504
DB127827
Reset dell’energia totale attiva (Micrologic E)
Tornare al menu
principale
A
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
Premere il tasto "Freccia"
il numero di volte
necessario ad accedere
alla videata energia totale
attiva (visualizzando
il valore Ep totale
dell’energia totale attiva).
Premere e mantenere
premuto il tasto "Freccia"
da 3 a 4 secondi.
Il vecchio valore
lampeggia durante
il reset, quindi viene
visualizzato il nuovo
valore (partendo da 0).
Premere il tasto "Menu"
per tornare al menu
principale.
27
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Visualizzazione della funzione cronologica
(Micrologic E)
Introduzione
DB126490
DB126489
La funzione cronologica visualizza la lista degli ultimi 10 interventi.
Per ciascun intervento, vengono registrate e visualizzate le seguenti informazioni:
b la causa dello sgancio: Ir, Isd, Ii, Ig o intervento Autoprotezione (Ap) b la data e l’ora dello sgancio (richiede l’opzione di comunicazione COM).
Esempio 1: Visualizzazione del primo intervento (il più recente) dei cinque interventi registrati con la funzione cronologica degli interventi.
Ir: causa dell’intervento.
: simbolo visualizz. funzione cronologica
1: n° di intervento (1 indica il più recente)
5: numero totale degli interventi registrati.
Esempio 2: Visualizzazione del nono intervento dei dieci interventi registrati
con la funzione cronologica degli interventi.
Ii: causa dell’intervento.
: simbolo visualizz. funzione cronologica
9: n° di intervento (1 indica il più recente)
10: numero totale degli interventi registrati.
Lista delle videate delle diverse cause di intervento
Causa
descrizione
sgancio Ir
Protezione Lungo Ritardo
sgancio Isd
Protezione Corto Ritardo
sgancio Ii (1)
Protezione Istantanea
sgancio Ig
Protezione Guasto a terra
sgancio Ap
Autoprotezione
Visualizzazione
(1) Gli interventi della protezione Istantanea (Ii) sulla videata della funzione cronologica
degli interventi, vengono indicati nello stesso modo degli interventi della protezione Corto
Ritardo (Isd). Entrambi sono causati da cortocircuiti.
data e ora dell’intervento
Per ogni videata della funzione cronologica degli interventi, l’unità Micrologic E visualizzerà anche la data e l’ora dell’evento.
Ogni volta che viene meno l’alimentazione 24 Vcc, la data e l’ora riparte dal 1 Gennaio 2000.
Questa funzione del Micrologic E richiede l’opzione di comunicazione e può essere impostata in uno dei due modi disponibili: b sul display fronte quadro FDM121
b o utilizzando un software di supervisione (RCU, ION-Enterprise, ecc.).
Premendo il tasto
verranno visualizzate in successione due videate (data e ora):
S
In questo esempio, la data è il 3 Gennaio 2011 e l’ora è 12 h 34 min 56 s.
28
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Navigazione contestuale
Visualizzazione delle regolazioni
delle protezioni
DB119483
Unità di controllo Micrologic
2.0 A 5.0 A 6.0 A 7.0 A
2.0 E 5.0 E 6.0 E
Soglia Lungo Ritardo Ir
Selezionare il menu
"Regolazioni" .
Il valore Ir viene
visualizzato per primo.
Temporizzazione Lungo Ritardo tr
Premere il tasto "freccia"
per spostarsi sul valore
tr.
Soglia Corto Ritardo Isd
Premere il tasto “freccia”
per spostarsi sul valore
Corto Ritardo Isd.
Temporizzazione Corto Ritardo tsd
Premere il tasto “freccia”
per spostarsi sul valore
tsd.
Soglia Istantanea Ii
Valore soglia istantanea
Ii.
Soglia Guasto a terra Ig
Premere il tasto “freccia”
per spostarsi sul valore
Ig.
A
S
A
S
A
A
oppure
Soglia Protezione Differenziale I∆n
sul valore I∆n .
A
�
Temporizzazione Guasto a terra tg
Premere il tasto “freccia”
per spostarsi sul valore
tg.
S
oppure
Temporizzazione Differenziale ∆t
sul valore ∆t.
�
Premere il tasto “freccia”
per tornare all’inizio del
menu
S
A
29
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Navigazione contestuale
configurazione Micrologic A
Configurazione dei parametri
Quando si utilizza l’opzione di comunicazione con l’unità Micrologic A è necessario
impostare i parametri di comunicazione. La tabella seguente fornisce un elenco di
questi parametri, indicando i possibili valori.
La procedura da seguire per modificare le regolazioni è indicata nella pagina
seguente.
Parametri
descrizione
Formato
(X = cifra)
Valore di
Videata valore
default (unità) di default
Valori possibili
Regolazione della comunicazione (1) per l’unità Micrologic A con opzione comunicazione (rete Modbus)
Indirizzo Modbus
Indirizzo dell’unità Micrologic A sulla rete
Modbus alla quale è collegata.
XX
47
da 1 a 47
Velocità
di comunicazione
Numero di kbit/s (kbaud scambiati sulla
rete Modbus). Deve essere impostato
allo stesso valore per tutti gli apparecchi
collegati in rete.
Utilizzato per il controllo degli errori
basato sul numero di bit nel gruppo di dati
trasmessi.
XX.X
19.2 (kb)
9.6 / 19.2
Eon
E
E (Pari)
n (Nessuna)
Lingua di riferimento per le videate
En o Fr
En
En (Inglese)
Fr ( Francese)
Parità
Lingua
(1) Quando si utilizza l’opzione di comunicazione è necessario impostare i parametri di
comunicazione. Il modulo di comunicazione deve essere configurato solo dopo l’installazione.
La modifica di un parametro su un sistema in funzione può provocare problemi di comunicazione.
30
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Navigazione contestuale
configurazione Micrologic A Procedura di regolazione
b Premere per alcuni istanti il tasto
di un dato parametro.
per scorrere tutte le opzioni di regolazione
b Premere il tasto
leggermente più a lungo per salvare l’impostazione e passare al parametro successivo.
DB126887
Indirizzo Modbus
DB126864
Menu Misure
DB126863
DB126862
b Dopo aver selezionato la lingua, premere e tenere premuto il tasto per tornare al menu "Misure". Menu Misure
A
menu
menu
menu
Parità
100 %
menu
Quindi tenere premuto il tasto
per alcuni istanti per salvare
la regolazione e passare
al parametro successivo.
Selezionare la velocità di
comunicazione desiderata.
Lingua
DB126890
DB126888
100 %
Selezionare l’indirizzo Modbus
desiderato
DB126889
Vi trovate nel menu "Misure".
Premere contemporaneamente
i due tasti per accedere
al parametro regolazioni
dell’opzione comunicazione.
100 %
DB126896
100 %
100 %
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
menu
Selezionare la parità desiderata.
Quindi tenere premuto il tasto
per alcuni istanti per salvare
la regolazione e passare
al parametro successivo.
Selezionare la lingua desiderata.
DB126897
Quindi tenere premuto il tasto
per alcuni istanti per salvare
la regolazione e passare
al parametro successivo.
100 %
menu
Premere il tasto per alcuni istanti
per tornare al menu "Misure".
31
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Navigazione contestuale
configurazione Micrologic E
Configurazione dei parametri
I parametri sono visualizzati nell’ordine indicato dalla tabella
sottostante.
Parametri
descrizione
L’unità Micrologic E ha tre modalità di configurazione dei parametri:
b regolazioni della comunicazione
b regolazioni delle misure
b regolazioni delle uscite.
I parametri corrispondenti (indirizzo, velocità di comunicazione, ecc.) hanno
dei valori di default che devono o possono essere modificati in funzione
delle esigenze dell’impianto o degli utilizzatori. La tabella seguente fornisce
un elenco di questi parametri, indicando i possibili valori. La procedura da seguire
per modificare le regolazioni è indicata nella pagina seguente.
Formato
Valore di
Videata di Valori possibili
(X = cifra) default (unità) default (2)
Regolazione della comunicazione (1) per l’unità Micrologic E con opzione comunicazione (rete Modbus)
Indirizzo Modbus
Indirizzo dell’unità Micrologic E sulla rete Modbus alla quale è
collegata.
XX
Velocità
di comunicazione
Numero di kbits scambiati al secondo (kbauds su rete Modbus). XX.X
19.2 (kb)
Parità
Utilizzato per il controllo degli errori basato sul numero di bit
nel gruppo di dati trasmessi.
Eon
E
Connessione Modbus
Tipo di connessione Modbus:
4 fili (4) o 2 fili + ULP (ULP)
4 o ULP
4
Intervallo (finestra)
Periodo di tempo durante il quale viene calcolato il valore
per il calcolo del valore medio di potenza.
medio di potenza
XX
15 (minuti)
Intervallo (finestra)
per il calcolo dei valori
medi di corrente
Periodo di tempo durante il quale viene calcolato il valore
medio di corrente.
XX
15 (minuti)
Tipo di rete
(3 fili o 4 fili)
e numero di poli
interruttore (TA).
b Regolaz. 43 = 4 fili (3F+N) e interruttore tripolare (3 TA) (3)
b Regolaz. 44 = 4 fili (3F+N) e interruttore tetrapolare (4 TA)
o interruttore tripolare (3 TA) + TA esterno
b Regolaz. 33 = 3 fili (3F) e interruttore tripolare (3 TA) (4)
XX
43
Segno della potenza
Di default, l’unità Micrologic E considera positiva la potenza
che attraversa l’interruttore dai morsetti superiori ai carichi
collegati ai morsetti inferiori.
+ o --
+
Tempo
di visualizzazione
videate Vista Rapida
Durata di visualizzazione di ogni videata in modalità
Vista Rapida
da 1 a 47
47
4.8
9.6
19.2
k
E (Pari)
n (Nessuna)
W
4
ULP
Regolazioni delle misure
Min
Min
da 5 a 60
(con intervalli
di 1 minuto)
MW
A
da 5 a 60
(con intervalli
di 1 minuto)
43
44
33
+
--
2 (s)
da 1 a 9
s
Regolazioni uscite per l’unità Micrologic E con contatti programmabili M2C
Uscita
Con i contatti programmabili M2C sono disponibili due uscite:
b Out 1 e Out 2.
Le possibilità di regolazione sono le stesse per entrambe.
Out 1
Out 2
Evento assegnato
all’uscita
Ad ogni uscita è possibile assegnare degli eventi:
b 3 eventi di sgancio:
v sgancio causato da Ir
v sgancio causato da Isd o Ii
v sgancio causato da Ig (Micrologic 6.0 E)
b 2 eventi preallarme:
v Preallarme Ir
v Preallarme Ig (Micrologic 6.0 E)
Non assegnato
Sgancio Ir
Sgancio Isd (Ii incluso)
Sgancio Ig (6.0 E)
Ar
Ar
Stato uscita
Lo stato dell’uscita (normalmente "0") può essere controllato in tre modi:
b forzato a 1 (per test)
b forzato a 0 (per test)
b passaggio da 0 a 1 (senza riarmo) al verificarsi dell’evento
assegnato (modo normale)
Preallarme Ir
Preallarme Ig (6.0 E)
Forzato a 1
Forzato a 0
Modo normale
(senza riarmo)
(1) Quando si utilizza l’opzione comunicazione è necessario impostare i parametri di comunicazione. Il modulo di comunicazione deve essere configurato solo dopo l’installazione. La modifica di un parametro
di un sistema in funzione può portare ad errori di comunicazione. (2) Tutte le videate di default comprendono un’icona lucchetto chiuso che indica che il valore impostato è protetto. Per apportare modifiche
alle regolazioni occorre aprire il lucchetto
e quindi richiuderlo al termine dell’operazione di modifica per proteggere il nuovo valore impostato. La procedura è descritta in dettaglio nella pagina seguente.
(3) Attenzione!: sugli interruttori tripolari utilizzati sulle reti 4 fili (3F + N), il morsetto VN dell’unità di controllo Micrologic deve essere sempre collegato al neutro. In caso contrario le misure di tensione fase / neutro
possono essere errate. (4) Attenzione!: sugli interruttori tripolari utilizzati sulle reti 3 fili (neutro non distribuito), impostare sempre il valore a 33 (vedere sopra) per evitare segnalazioni di errore tensione fase / neutro.
32
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Navigazione contestuale
configurazione Micrologic E
Procedura generale per configurare i parametri
dell’unità Micrologic E
I parametri si dividono in tre menu:
b regolazioni della comunicazione b regolazioni delle misure
b regolazioni delle uscite.
Di seguito si illustra la procedura generale di modifica delle regolazioni. Le due pagine che seguono contengono degli esempi di configurazione dell’indirizzo Modbus e delle regolazioni di un’uscita.
Accesso alla prima videata del menu di regolazione
della comunicazione
menu
Premere e mantenere premuti contemporaneamente(quattro secondi) i tasti "menu"
e "freccia" per accedere alla prima videata di regolazione della comunicazione.
Viene visualizzato il valore in corso. Un’icona lucchetto chiuso indica che il
parametro di regolazione è bloccato.
Sblocco e accesso al parametro da modificare (lampeggiamento)
menu
Premere il tasto "Vista Rapida" per aprire il lucchetto. Il valore di regolazione
da modificare (o la prima cifra) lampeggerà, indicando che è pronto per essere
modificato.
Selezione della nuova regolazione
menu
Premere il tasto “Vista Rapida” per selezionare il nuovo valore di regolazione.
Sul display verranno mostrate in successione le diverse opzioni di regolazione. Ad ogni pressione del tasto si passerà alla regolazione o opzione successiva.
Conferma e blocco della nuova regolazione
menu
Premere il tasto “freccia” per confermare la nuova regolazione. Il valore smetterà
di lampeggiare e sul display verrà visualizzato un lucchetto chiuso.
Per un valore di regolazione a due cifre ripetere il procedimento anche per
la seconda cifra lampeggiante pronta per essere modificata. Effettuare la modifica
come indicato sopra, quindi premere il tasto "menu" per confermare la regolazione
del nuovo valore. Il valore smetterà di lampeggiare e sul display verrà visualizzato
un lucchetto chiuso.
menu
Premere il tasto “freccia” per passare alla videata relativa al parametro successivo
del menu di regolazione della comunicazione. Per passare al menu successivo
(regolazioni misure), premere il tasto "menu".
Attenzione: All’interno di un dato menu i diversi parametri sono organizzati in loop: dovrete
scorrere in successione tutti i parametri del menu con il tasto “freccia” per tornare allo stesso
parametro. Per passare al menu di configurazione successivo (o uscire dall’ultimo menu)
premere il tasto "menu".
33
Utilizzo dell’interfaccia HMi
Navigazione contestuale
configurazione Micrologic E
Esempio 1: Impostare l’indirizzo Modbus
k
menu
Modificare la prima cifra
DB127036
Sbloccare e accedere alla
prima cifra (lampeggiante)
DB127034
DB127030
Accedere all’indirizzo Modbus
esistente
DB127035
DB127029
L’indirizzo Modbus è un numero a due cifre che identifica l’unità Micrologic E
sulla rete Modbus.
Confermare la prima cifra e
accedere alla seconda cifra
(lampeggiante)
100 %
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
menu
Premere il tasto
per aprire il
lucchetto e visualizzare la prima
cifra (es. 4). Questa lampeggerà,
indicando che è pronta per la
modifica.
Premere ripetutamente il tasto
fino a visualizzare il nuovo
valore desiderato della prima cifra. Potrete scorrere in
successione tutti i valori
disponibili (1).
Modifcare la seconda cifra
Confermare e bloccare
la nuova regolazione (1)
Visualizzare la videata
di configurazione successiva
DB127109
DB127111
DB127110
Premere contemporaneamente
per quattro secondi il tasto menu
e il tasto
per accedere
alla videata di configurazione
dell’indirizzo.
Viene visualizzato l’indirizzo
esistente (indirizzo di default 47
o XX). L’icona lucchetto chiuso
indica che il valore è bloccato.
k
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
Premere ripetutamente il tasto
fino a visualizzare il nuovo
valore desiderato della seconda
cifra. Potrete scorrere in
successione tutti i valori
disponibili come fatto per la
prima cifra.
Premere nuovamente il tasto per confermare e bloccare
la nuova regolazione.
La seconda cifra smetterà
di lampeggiare e verrà
visualizzata l’icona lucchetto
chiuso.
Premere brevemente il tasto
per visualizzare la seconda cifra;
dopo alcuni istanti questa inizierà
a lampeggiare indicando di
essere pronta per la modifica.
Premere nuovamente per pochi
secondi il tasto
per spostarsi
sul parametro successivo.
(1) L’indirizzo massimo è 47. Se si cerca di configurare un indirizzo superiore, l’unità Micrologic
imposterà automaticamente l’indirizzo massimo 47.
34
Navigazione contestuale
Utilizzo dell’interfaccia HMi
configurazione Micrologic E
Esempio 2 : Impostare l’Uscita 1 (per l’unità
Micrologic E con contatti programmabili M2C)
Ar
menu
menu
Premere contemporaneamente
il tasto menu e il tasto
per
quattro secondi per accedere
alla videata dell’indirizzo
Modbus. Quindi premere il tasto
menu
per accedere alla videata
di regolazione dell’uscita.
Viene visualizzata la regolazione
corrente dell’uscita
(la regolazione di default è :
indica che all’uscita non è stato
assegnato alcun evento).
Un’icona lucchetto chiuso indica
che la regolazione è bloccata.
Confermare e bloccare
l’impostazione dell’evento
Ar
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
Premere il tasto
per aprire
il lucchetto. La regolazione
corrente lampeggerà, indicando
che è pronta per la modifica.
Confermare e bloccare la
regolazione stato Uscita 1
DB127134
DB127133
Modificare il modo di controllo
dello stato dell’uscita
Premere più volte il tasto
fino a visualizzare l’evento
di sgancio desiderato. Potrete
scorrere in successione tutti gli
eventi disponibili (vedere la lista
di possibili eventi a pagina 32).
Premere il tasto
per confermare e bloccare la
nuova regolazione. Il valore
di regolazione smette
di lampeggiare e viene
visualizzata un’icona lucchetto
chiuso.
Visualizzare la videata
di configurazione successiva
DB127135
100 %
Modificare l’evento di sgancio
assegnato all’Uscita 1
DB127132
Sbloccare e accedere
alla regolazione
DB127130
DB127113
Accedere alla videata
di configurazione dell’Uscita 1
DB127131
DB127112
Lo stato dell’uscita 1 può essere associato all’occorrenza ad un certo evento di sgancio.
100 %
100 %
100 %
menu
menu
menu
Premere più volte il tasto
fino
a visualizzare il modo di controllo desiderato
(vedere pagina 32). In modo normale,
l’uscita passa da "0" a "1" (senza riarmo)
al verificarsi dell’evento assegnato.
Premere il tasto
per confermare
e bloccare la nuova regolazione.
Il valore di regolazione smette
di lampeggiare e viene visualizzata
un’icona lucchetto chiuso.
Premere nuovamente il tasto menu
per passare alla videata successiva.
35
Manutenzione
Reset delle segnalazioni di guasto
Controllo e sostituzione
della batteria
La procedura da seguire per richiudere l’interruttore
in seguito ad uno sgancio su guasto è illustrata
nella guida di utilizzo dell’interruttore.
Reset delle segnalazioni di guasto
DB127800
b Determinare le cause dello sgancio dell’interruttore in seguito ad un guasto.
La segnalazione del guasto viene mantenuta a display fino al reset della segnalazione sull’unità di controllo.
b Premere il tasto di reset.
Micrologic 7.0 A
Controllo dello stato della batteria
DB119486
Micrologic A
La pressione del tasto “test” dell’unità
di controllo (come il tasto reset) consente
di visualizzare lo stato della batteria.
Carica
Carica al 50%
DB126472
Sostituire la batteria
Micrologic E
La pressione del tasto “test” dell’unità
di controllo (come il tasto reset) consente
di visualizzare lo stato della batteria.
Il livello di carica è indicato in percentuale
(100%, 80%, 60%, 40%, 20% o 0%).
%
Se il display non visualizza alcuna informazione vi sono due possibilità:
b la batteria non è installata nell’apposito alloggiamento dell’unità di controllo;
b o è necessaria un’alimentazione ausiliaria. Vedere "Display digitale" negli allegati tecnici.
Sostituzione della batteria
2. Estrarre la batteria.
DB119459
1. Aprire il coperchio
di protezione dell’alloggiamento
della batteria.
DB119458
Se la batteria necessita di essere sostituita, ordinare una nuova batteria con il catalogo Schneider Electric (codice 33593).
b batteria al litio.
b 1.2 AA, 3.6 V, 850 mA/h.
b tipo: SAFT LS3 SONNENSCHEIN TEL-S.
b durata: 10 anni.
100 %
40 %
+
4. Richiudere il coperchio
di protezione. Premere
il tasto “test” per verificare
la carica della nuova
batteria.
DB119461
DB119460
3. Inserire una nuova
batteria controllando
i poli.
100 %
40 %
36
Controllo delle protezioni
Guasto a terra e Differenziale
Manutenzione
DB126380
b Armare e chiudere l’interruttore.
b Azionare il pulsante Test delle protezioni Guasto a terra e Differenziale servendosi di un cacciavite: l’interruttore sgancia.
logic
Micro
5.0 E
100 %
40 %
Attenzione!:
In caso di mancato sgancio dell’interruttore: contattare il servizio di assistenza
post-vendita Schneider Electric.
37
Contatti programmabili M2C
Funzioni opzionali
Uscite programmabili Micrologic E
Funzioni disponibili
484
474
L’unità di controllo Micrologic E può essere dotata di un massimo di due contatti
programmabili M2C (S1 e S2) utilizzabili per attivare:
b allarmi per segnalare ed identificare eventuali sganci causati dalle protezioni
Lungo Ritardo, Corto Ritardo, Istantanea o Guasto a terra
b preallarmi per avvisare dello sgancio imminente causato dalle protezioni Guasto
a terra (Micrologic 6.0 E) o Lungo Ritardo.
Funzionamento dei contatti
I contatti possono essere configurati per modificare lo stato delle uscite Out1 e/o
Out2 dell’unità Micrologic E con passaggio da 0 a 1 al verificarsi di alcuni tipi di eventi:
b eventi di sgancio, ad esempio quando l’unità di controllo è intervenuta per:
v Protezione Lungo Ritardo Ir
v Protezione Corto Ritardo Isd o Istantanea Ii
v Protezione Guasto a terra Ig (solo Micrologic 6.0 E)
b eventi di preallarme, ad esempio quando la corrente raggiunge il 90 % delle
seguenti soglie di sgancio:
v Protezione Lungo Ritardo Ir
v Protezione Guasto a terra Ig (solo Micrologic 6.0 E).
S1 S2
471
Per informazioni dettagliate su come assegnare i diversi eventi ai contatti, vedere
"Regolazioni uscite" a pagina 32 o l’esempio a pagina 35.
Schema di cablaggio dei contatti programmabili M2C.
Regolazioni
Quando lo stato dell’uscita è impostato in "Modo normale" (vedere pagina 32), i contatti sono senza riarmo: il contatto resta attivato (stato = 1) fino a quando è presente il guasto che ha provocato il cambio di stato.
Sono disponibili altre due regolazioni: forzato a 1 o 0 per il test del sistema di controllo (vedere pagina 32).
Temporizzazioni
b Attivazione: quando la corrente supera la soglia di preallarme o di sgancio
selezionata lo stato dell’uscita passa da 0 a 1 dopo una temporizzazione fissa di 1
secondo.
b Disattivazione: quando l’interruttore apre il circuito o quando la corrente scende
al di sotto della soglia di disattivazione (vedere pagina 17), lo stato dell’uscita torna
a 0 dopo una temporizzazione fissa di 1 secondo.
Schema di funzionamento dei contatti
DB127847
Schema di funzionamento dei contatti per gli allarmi di sgancio delle protezioni Corto
Ritardo, Istantanee Guasto a terra
Soglia Ir, Isd, Ii o Ig
Temporizzazione tr, tsd o tg
t
LED Ir, Isd, Ii o Ig
Contatto senza riarmo
Reset sgancio
Schema di funzionamento dei contatti per i preallarmi Lungo Ritardo Ir e Guasto a terra Ig
DB127875
DB127801
Attenzione!:
Per i contatti M2C è necessario installare
un’alimentazione ausiliaria.
% di Ir o Ig
90 %
Soglia di attivazione
85 % Soglia di disattivazione
Preallarme
38
1s
1s
Funzioni opzionali
Modulo di comunicazione COM
DB126379
Modulo di comunicazione COM
logic
Micro
5.0 E
100 %
40 %
menu
L’opzione COM utilizza un protocollo di comunicazione Modbus per accedere a distanza alle seguenti informazioni e funzioni disponibili sull’unità di controllo Micrologic:
b la segnalazione degli stati,
b i comandi,
b le misure,
b le esigenze di aiuto all’impiego e alla manutenzione.
L’opzione di comunicazione COM si compone di un modulo di comunicazione indipendente installato dietro l’unità di controllo Micrologic, che trasmette e riceve le informazioni provenienti dalla rete di comunicazione. Un collegamento ad infrarossi consente di trasmettere i dati tra l’unità di controllo e il modulo di comunicazione.
Comunicazione Modbus
Bus Modbus
Il Modbus RS485 (Protocollo RTU) è un bus aperto sul quale sono installati
gli apparecchi comunicanti Modbus (Masterpact con opzione COM, PM500/700/800,
Sepam, Vigilohm, ecc…). Questo bus permette il collegamento a qualsiasi
tipo di PLC e PC di supervisione.
Parametri di comunicazione Modbus
L’opzione comunicazione si compone di un modulo
di comunicazione indipendente, installato dietro l’unità
di controllo Micrologic.
Su un interruttore automatico Masterpact o Compact NS dotato di unità di controllo
Micrologic, i parametri Modbus (indirizzo, velocità, parità) vengono impostati mediante
la tastiera dell’unità di controllo.
La suddivisione del sistema di comunicazione Modbus in 4 gestori rende sicuri
gli scambi con il sistema di supervisione e con l’interruttore.
Gli indirizzi dei gestori sono deducibili automaticamente dall’indirizzo dell’interruttore
@xx configurato sull’unità di controllo Micrologic (l’indirizzo di default è 47).
Indirizzi Modbus
@xx
Gestore interruttore
(da 1 a 47)
@xx + 50
Gestore telaio
(da 51 a 97)
@xx + 200
Gestore misure
(da 201 a 247)
@xx + 100
Gestore protezioni
(da 101 a 147)
Numero di apparecchi
Il numero massimo di apparecchi comunicanti da collegare sul bus Modbus dipende
dal tipo (Masterpact con opzione COM, PM, Sepam, Vigilohm, ecc.), dalla velocità
di comunicazione (velocità consigliata 19200 bauds), dal volume degli scambi
e dal tempo di risposta desiderato. L’interfaccia RS485 permette di collegare fino
a 32 punti sul bus (1 master, 31 slave).
Ciascun dispositivo di protezione utilizza 1 o 2 punti di connessione:
b un interruttore fisso utilizza un solo punto di connessione (modulo
di comunicazione interruttore)
b Un interruttore estraibile utilizza due punti di connessione (modulo
di comunicazione interruttore + modulo di comunicazione telaio). In nessun caso
il numero di apparecchi può superare 31 interruttori fissi o 15 interruttori estraibili.
Lunghezza del bus
La lunghezza massima consigliata del bus Modbus è di 1200 m.
Alimentazione del bus
È necessaria un’alimentazione esterna 24 V CC (percentuale di ondulazione < 20%,
isolamento classe II).
39
Funzioni opzionali Opzione di comunicazione COM
dati e funzioni accessibili con l’opzione di comunicazione
Gli interruttori Masterpact e Compact NS dotati di unità di controllo Micrologic ed opzione di comunicazione COM, possono essere integrati in una rete di comunicazione Modbus. In questo caso è possibile accedere a distanza ai seguenti dati e funzioni:
Micrologic
A
E
Indicazioni di stato
ON/OFF
b
b
Molla carica CH
b
b
Pronto a chiudere PF
b
b
Intervento per guasto SDE
b
b
Inserito/estratto/test (con i contatti CE/CD/CT del modulo di
comunicazione opzionale telaio)
b
b
Bobina di apertura MX1
b
b
Bobina di chiusura XF
b
b
Correnti istantanee I1, I2, I3, IN, Ig, I∆N
b
b
Valori max di corrente: I1max, I2max, I3max, INmax, Igmax, I∆Nmax
b
b
Comandi
Misure
Corrente
Corrente media Imed
b
Squilibrio di corrente Isquil
b
Valori medi di corrente
Correnti medie I1, I2, I3, IN
b
Valori massimi delle correnti medie registrate
I1 max, I2 max, I3 max, IN max
b
Tensione
Tensioni tra le fasi V12, V23, V31 (reti 3 fili e 4 fili)
b
Tensioni tra fase e neutro V1N, V2N, V3N (reti 4 fili) (1)
b
Tensione media Umed
b
Squilibrio di tensione Vsquil
b
Potenza
Potenza istantanea P, Q, S
b
Valore medio di potenza P, S
b
Valori massimi delle potenze medie registrate Pmax
b
Fattore di potenza PF
b
Energia
Energia totale Ep
b
Energia totale Eq, Es
b
Configurazione e manutenzione
Impostazione della data e dell’ora dell’unità di controllo
b
b
Nome identificativo dell’unità funzionale (IMU)
b
b
Convenzione di misura delle energie totali
b
Principio di calcolo dell’intervallo d’integrazione della corrente media
b
Principio di calcolo della potenza media
Indicazione dello stato di carica della batteria
b
b
Funzione cronologica degli interventi
Conteggio numero manovre
b
b
b
Assegnazione e configurazione dei contatti programmabili
b
b
Protezione
Corrente nominale dell’interruttore
b
Tipo di protezione del neutro
b
b
Parametri protezione Lungo Ritardo I2t
b
b
b
Parametri protezione Corto ritardo
b
b
Parametri di protezione Istantanea
b
b
Parametri di protezione Guasto a terra
b 6.0 A
b 6.0 E
Parametri di protezione Differenziale
b 7.0 A
(1) Attenzione!: per gli interruttori tripolari utilizzati su reti 4 fili (3F + N), la presa di tensione
neutro esterno VN dell’unità di controllo Micrologic deve essere sempre collegata al neutro.
In caso contrario le misure della tensione fase / neutro possono essere errate.
40
Display fronte quadro FDM121
Funzioni opzionali
Sistema ULP
descrizione
PB106672-176
Il sistema ULP (Universal Logic Plug) è un sistema di collegamento che permette
di costruire una soluzione di distribuzione elettrica che integra funzioni di misura,
comunicazione e di aiuto all’impiego e alla manutenzione degli interruttori Masterpact
e Compact NS.
1
2
3
4
5
1
6
6
7
14
13
12
11
8
9
10
4
1
2
3
BCM ULP: Breaker Communication Module con porta ULP
Unità di controllo Micrologic
Cavo ULP
0.35 m
LV434195
1.3 m
LV434196
3m
LV434197
4
5
6
7
8
9
10
11
12
Cavo Modbus
Cavo Ethernet
Display fronte quadro FDM121
Terminazioni di linea ULP
CCM: Modulo di comunicazione telaio
EGX100: gateway Ethernet
Alimentazione ausiliaria 24 V CC
Interfaccia Modbus
Accessori di rete
TRV00121
TRV00880
33852
13 Cavo ULP
0.3 m
0.6 m
1m
2m
3m
5m
14 Cavo NSX
0.35 m LV434200
1.3 m LV434201
3m
LV434202
TRV00803
TRV00806
TRV00810
TRV00820
TRV00830
TRV00850
TRV00210
TRV00217
41
Funzioni opzionali
Display fronte quadro FDM121 Il sistema ULP permette di arricchire le funzioni degli interruttori Masterpact e Compact NS tramite:
b visualizzazione locale delle misure e dei dati di aiuto all’impiego e alla manutenzione mediante il display fronte quadro FDM121 (versione u V2.1.0)
b funzioni di test, configurazione dei parametri e verifica, con l’apposito modulo di configurazione e manutenzione e il software RSU.
Grazie al sistema ULP, gli interruttori Masterpact e Compact NS diventano uno strumento di misura e di supervisione a servizio dell’efficienza energetica consentendo:
b l’ottimizzazione dei consumi energetici per zona o per applicazione, in funzione dei picchi di carico o di zone prioritarie
b una miglior gestione dell’impianto elettrico.
Per maggiori dettagli sul sistema ULP e sul modulo display fronte quadro FDM121 consultare la guida all’impiego del sistema ULP.
Unità funzionale intelligente
Un’unità funzionale è un insieme meccanico ed elettrico che raggruppa uno o più
prodotti per realizzare una funzione in un quadro elettrico (protezione arrivo,
controllo comando motore). Le unità funzionali sono modulari e si installano facilmente
nel quadro elettrico.
Composta intorno a ciascun interruttore Masterpact e Compact NS, l’unità funzionale
comprende:
b un’apposita piastra per installare l’interruttore Masterpact o Compact NS
b una piastra frontale per evitare l’accesso diretto alle parti sotto tensione
b collegamenti prefabbricati alle sbarre
b dispositivi per realizzare il collegamento e il passaggio dei cavi degli ausiliari.
PB104819
Il sistema ULP permette di completare l’unità funzionale con un display fronte quadro
FDM121 per la visualizzazione di tutte le misure e dei dati provenienti dalle unità
di controllo Micrologic.
Il sistema ULP trasforma l’unità funzionale in un’unità intelligente che integra
le funzioni di misura e di comunicazione.
Unità funzionale
Unità funzionale
intelligente (funzioni di
misura e visualizzazione
locale)
42
Funzioni opzionali
Display fronte quadro FDM121
Menu principale
Presentazione
DB^9^9^9^9^9^9
Il Menu principale comprende 5 menu che presentano le informazioni necessarie
al controllo e all’utilizzo delle unità funzionali del sistema ULP. Il contenuto dei menu
è personalizzato per gli interruttori Masterpact e Compact NS.
La tabella sotto riportata descrive i 5 menu accessibili dal Menu principale.
Menu
Main Menu
Quick view
Quick view
Metering
Metering
Control
Alarms
Services
ESC
OK
Control
Alarms
Services
descrizione
Menu Vista Rapida
Il menu Vista Rapida consente una lettura sintetica
delle informazioni essenziali all’utilizzo.
Menu Misure
Il menu Misure visualizza le informazioni messe a disposizione
dall’unità di controllo Micrologic:
b misure delle correnti, delle tensioni, delle potenze e delle energie
b valori minimi e massimi delle misure.
Menu Comando
Il menu Comando può essere utilizzato per comandare
un interruttore dotato di telecomando.
I comandi disponibili sono:
b apertura interruttore
b chiusura interruttore.
Menu Allarmi
Il menu Allarmi visualizza il report cronologico degli ultimi 10
allarmi rilevati dall’unità di controllo Micrologic a partire
dall’ultima messa in tensione del modulo display fronte
quadro FDM121.
Menu Servizi
Il menu Servizi comprende l’insieme delle funzioni di regolazione
del display fronte quadro FDM121 e delle informazioni
di aiuto all’utilizzo:
b reset (massimi valori medi, contatori di energia)
b regolazione (modulo display)
b manutenzione e verifica (contatori di manovre, tasso
di carico, ecc.)
b versione prodotto (identificazione dei moduli dell’unità
funzionale intelligente)
b lingua.
Per maggiori dettagli sui menu del modulo display fronte quadro FDM121 consultare
la guida all’impiego Sistema ULP.
Navigazione
Per navigare e spostarsi all’interno del Menu principale procedere come segue:
b i tasti r e consentono di selezionare uno dei 5 menu
b il tasto OK conferma la selezione
b il tasto ESC non ha effetto.
Menu Vista Rapida
Presentazione
Il menu Vista Rapida presenta, suddivise in diverse videate, le informazioni essenziali all’utilizzo del dispositivo collegato al display fronte quadro FDM121. Il numero di videate disponibili e il loro contenuto dipendono dal dispositivo collegato al display fronte quadro FDM121. Ad esempio, con gli interruttori Compact NS dipende: b dal tipo di unità di controllo Micrologic (A, E o H)
b dal tipo di rete (trifase 4 fili, trifase 3 fili 3TA, trifase 4 fili 4TA).
Il numero di videata e il numero totale di videate sono indicati nell’angolo in alto a destra del display.
Navigazione
Per navigare e spostarsi all’interno del Menu Vista Rapida procedere come segue:
b i tasti r e consentono di spostarsi da una videata all’altra.
b il tasto ESC permette di tornare al Menu Principale.
b il tasto
permette di modificare il modo di visualizzazione.
43
Funzioni opzionali
Display fronte quadro FDM121
Esempi di videate del Menu Vista Rapida
La tabella sottostante mostra le videate da 1 a 7 del Menu Vista Rapida per
un interruttore Compact NS quadripolare dotato di unità di controllo Micrologic E:
Videata
descrizione
La videata 1 del Menu Vista Rapida visualizza:
b il nome dell’unità funzionale (Aircon FDR nell’esempio
a lato).
Il nome dell’unità funzionale intelligente definito con
il software RSU può essere composto da un massimo
di 45 caratteri, ma solo i primi 14 caratteri sono visibili
sul display fronte quadro FDM121.
b lo stato Aperto/Chiuso/Sganciato ("Aperto" nell’esempio
a lato) dell’interruttore
b la regolazione di corrente Ir della protezione Lungo
Ritardo
b la corrente della fase più carica (I2 = 217 A nell’esempio
a lato)
La videata 2 del Menu Vista Rapida visualizza le correnti:
b Corrente I1 Fase 1
b Corrente I2 Fase 2
b Corrente I3 Fase 3
b Corrente di neutro IN
La videata 3 del Menu Vista Rapida visualizza le tensioni
tra le fasi:
b tensione V12 fase 1/fase 2
b tensione V23 fase 2/ fase 3
b tensione V31 fase 3/fase 1
La videata 4 del Menu Vista Rapida visualizza le tensioni
fase/neutro:
b tensione V1N tra fase 1 e neutro
b tensione V2N tra fase 2 e neutro
b tensione V3N tra fase 3 e neutro
La videata 5 del Menu Vista Rapida visualizza i valori
di potenza:
b Potenza attiva Ptot in kW
b Potenza reattiva Qtot in kVAr
b Potenza apparente Stot in kVA
La videata 6 del Menu Vista Rapida visualizza i valori
di energia:
b Energia attiva Ep in kWh
b Energia reattiva Eq in KVAr
b Energia apparente Es in kVAh
La videata 7 del Menu Vista Rapida visualizza:
b il fattore di potenza PF
44
Funzioni opzionali
Display fronte quadro FDM121
Nome dell’Unità Funzionale Intelligente (IMU)
Per una migliore gestione dell’impianto elettrico, il software RSU consente
di assegnare un nome ad ogni unità funzionale in base alla funzione a cui è associata.
Per visualizzare il nome dell’unità funzionale intelligente procedere come segue:
Fase Azione
Visualizzazione
1
Selezionare il menu Vista Rapida dal menu principale
con i tasti r e .
Premendo il tasto OK si conferma la scelta del menu
Vista Rapida.
2
La videata 1 del Menu Vista Rapida visualizza il
nome dell’unità funzionale intelligente: es. Avviatore.
Il nome dell’unità funzionale intelligente definito
con il software RSU può essere composto da un
massimo di 45 caratteri, ma solo i primi 14 sono
visibili sul display fronte quadro FDM121.
45
Curve di intervento
Allegati tecnici
DB400274
Protezione Lungo Ritardo e Istantanea
(Micrologic 2.0 A/E)
DB400275
Protezione Lungo Ritardo, Corto Ritardo
e Istantanea (Micrologic 5.0 A/E, 6.0 A/E e 7.0 A)
46
Curve di intervento
Allegati tecnici
DB400276
Protezione Guasto a terra (Micrologic 6.0 A/E)
47
Sostituzione del plug
Lungo Ritardo
Allegati tecnici Selezionare il plug Lungo Ritardo
Le unità di controllo Micrologic A/E consentono di scegliere tra diversi campi
di regolazione della soglia Lungo Ritardo Ir, sostituendo semplicemente il plug
Lungo Ritardo. Di seguito i campi di regolazione disponibili:
Codice
Campo di regolazione della soglia Ir
33542
Standard
da 0.4 a 1 x Ir
Regolazione bassa
da 0.4 a 0.8 x Ir
33544
Regolazione alta
da 0.8 a 1 x Ir
33545
Senza Protezione Lungo Ritardo
Ir = In per la regolazione della protezione Corto Ritardo.
33543
Sostituire il plug Lungo Ritardo
Attenzione!
Qualsiasi intervento sul plug Lungo Ritardo richiede
la verifica e la regolazione dell’insieme dei parametri
di protezione.
Procedere come segue.
1. Aprire l’interruttore.
3. Svitare completamente la vite
di fissaggio del plug Lungo Ritardo.
DB126382
DB126381
2. Aprire il coperchio di protezione
dell’unità di controllo.
5 E
48
4. Estrarre il plug.
5. Inserire il nuovo plug.
6. Riavvitare la vite di fissaggio del plug.
7. Verificare e/o modificare le regolazioni
dell’unità di controllo.
DB126383
5 E
DB126384
Attenzione!
Senza plug Lungo Ritardo l’unità di controllo funziona
con le seguenti soglie:
b la soglia lr di protezione Lungo Ritardo è a 0.4
b la temporizzazione della protezione Lungo Ritardo tr
corrisponde al valore della posizione del commutatore
b la protezione Differenziale è disattivata.
5 E
5 E
Selettività logica (ZSI) Allegati tecnici
DB126385
Principio di funzionamento
1
b Guasto A.
L’interruttore a valle 2 elimina il guasto ed invia un segnale all’interruttore a monte 1
che rispetta la temporizzazione con sgancio Corto Ritardo tsd o Guasto a terra tg
sulla quale è impostato.
b Guasto B.
L’interruttore a monte 1 rileva il guasto. In assenza di un segnale da parte
dell’interruttore a valle 2, l’interruttore sgancia immediatamente senza tenere
conto della temporizzazione impostata. Se collegato, rinvia un segnale
ad un eventuale interruttore a monte il cui intervento sarà di conseguenza ritardato
in base alla temporizzazione tsd o tg.
B
2
Nota: Si consiglia di non impostare le soglie tsd o tg dell’interruttore 1 su 0 perchè in questo caso
si perderebbe la selettività logica.
A
Connessione tra unità di controllo
La selettività logica (Zone Selective Interlocking) consente il collegamento tra interruttori a monte e a valle tramite un segnale elettrico logico (0 o 5 volt):
b Micrologic 5.0 A, 6.0 A, 7.0 A
b Micrologic 5.0 E, 6.0 E
b Micrologic 5.0 H, 6.0 H, 7.0 H.
Un’apposita interfaccia permette inoltre il collegamento con gli sganciatori vecchio tipo.
Le indicazioni da Z1 a Z5 corrispondono alle sigle
dei morsetti sull’interruttore.
Cablaggio
b Impedenza: 2.7 Ω / 300 m
b Capacità dei morsetti: da 0.4 a 2.5 mm2
b Tipo di cavi: mono o multibrin
b Lunghezza max: 3000 m
b Limiti d’interconnessione tra interruttori:
v il comune ZSI - OUT (Z1) e l’uscita ZSI - OUT (Z2) possono essere collegati
su un massimo di 10 ingressi;
v su un comune ZSI - IN (Z3) e sugli ingressi ZSI - IN CR (Z4) o GF (Z5) è possibile
collegare fino ad un massimo di 100 interruttori.
DB119703
Attenzione!
gli interruttori dotati dell’opzione ZSI devono, nel caso
in cui quest’ultima non venga utilizzata, essere
equipaggiati di una fileria per la messa in cortocircuito
dei morsetti Z3, Z4, Z5.
Senza l’installazione di questa fileria le temporizzazioni
di protezione Corto Ritardo e Guasto a Terra saranno
impostate di default sul gradino 0 (zero), qualunque
sia la posizione dei commutatori.
interruttore
a monte
1
Z1
Z2
Z3
Z4
Z5
tsd = 0.3
punto B
interruttore
a valle
2
Z1
Z2
Z3
Z4
Z5
tsd = 0.2
punto A
Z1
Z2
Z3
Z4
Z5
Z1
Z2
Z3
Z4
Z5
Test
L’unità test portatile permette di testare il cablaggio e la selettività logica tra più
interruttori.
49
Allegati tecnici
Display digitale Per il collegamento di un’alimentazione ausiliaria
consultare gli schemi elettrici riportati nella guida
di utilizzo dell’interruttore.
b Il display di visualizzazione è autoalimentato e si spegne quando la corrente scende sotto i 0,2 x In (In = corrente nominale).
Un’alimentazione ausiliaria da 24 V CC può essere utilizzata per mantenere la visualizzazione dei valori anche quando la corrente scende sotto i 0,2 x In.
b
v
v
v
La retroilluminazione viene disattivata nei seguenti casi:
corrente inferiore a 1 x In per 1 fase;
corrente inferiore a 0,4 x In per 2 fasi;
corrente inferiore a 0,2 x In per 3 fasi.
b Il valore massimo di corrente non funziona in caso di correnti inferiori a 0.2 x In.
PB101026-32A
b Le funzioni di retroilluminazione del display e il valore massimo di corrente possono essere mantenute aggiungendo un’alimentazione ausiliaria 24 V CC. In tutti i casi le protezioni Lungo Ritardo, Corto Ritardo, Istantanea e Guasto a terra sono autoalimentate.
Caratteristiche dell’alimentazione ausiliaria
b Tensione d’ingresso:
v 110/130, 200/240, 380/415 V CA (+10 % -15 %)
v 24/30, 48/60, 100/125 V CC (+20 % -20 %).
b Tensione di uscita: 24 V CC ±5 %, 1 A.
b Tasso di ondulazione < 1 %.
b Tenuta dielettrica: : 3.5 kV eff. su ingresso / uscita, per 1 minuto.
b Categoria di sovratensione: secondo norma CEI EN 60947-1 cat. 4. Alimentazione ausiliaria
50
Allegati tecnici
Memoria termica
Memoria termica
La memoria termica consente di simulare il riscaldamento e il raffreddamento causati nei conduttori in seguito a variazioni della corrente.
Queste variazioni possono essere dovute a:
b avviamenti frequenti dei motori
b carichi fluttuanti vicini alle soglie di regolazione della protezione Lungo Ritardo
b chiusure ripetute in seguito a guasto.
In caso di sovraccarico temporaneo le unità di controllo dotate di protezione
con memoria termica integrano il riscaldamento provocato dalla corrente.
La memorizzazione di questo valore provoca una riduzione del tempo di intervento.
Unità di controllo Micrologic e memoria termica
Tutte le unità Micrologic sono dotate di serie della memoria termica.
b Per tutte le protezioni, prima dello sgancio, le costanti di tempo di riscaldamento
e di raffreddamento sono identiche e dipendono dalla temporizzazione tr:
v se la temporizzazione è ridotta, la costante di tempo è bassa
v se la temporizzazione è elevata, la costante di tempo è alta.
b Per la protezione Lungo Ritardo, dopo lo sgancio, la curva di raffreddamento
è simulata dall’unità di controllo. Eventuali richiusure dell’interruttore prima
del termine della temporizzazione (dell’ordine di 15 min), producono la diminuzione
del tempo di intervento indicato nelle curve.
Protezione Corto Ritardo e guasti intermittenti
Nella zona di sgancio Corto Ritardo, le correnti intermittenti che non provocano
lo sgancio dell’interruttore sono memorizzate dall’unità di controllo Micrologic.
Questa memorizzazione equivale alla memoria termica della protezione Lungo
Ritardo e provoca una riduzione della temporizzazione di sgancio Corto Ritardo.
In seguito ad uno sgancio, la temporizzazione tsd Corto Ritardo è ridotta a quella
del gradino minimo per 20 s.
Protezione Guasto a terra e guasti intermittenti
Nella protezione Guasto a terra la memorizzazione è dello stesso tipo di quella
della protezione Corto Ritardo.
51
Calcolo dei valori medi
(Micrologic E)
Allegati tecnici
L’unità Micrologic E calcola e visualizza:
b i valori medi delle correnti di fase e di neutro,
b il valore medio della potenza attiva totale.
I massimi valori medi di corrente e potenza sono salvati in memoria.
I valori medi vengono aggiornati una volta al minuto.
descrizione
Il valore medio può essere calcolato a scelta su un dato periodo di tempo.
Negli impianti elettrici, il valore medio viene utilizzato soprattutto per i valori
di corrente e potenza. Il valore medio non deve essere confuso con il valore
istantaneo o con la media aritmetica che spesso si riferisce alla media dei valori
istantanei delle 3 fasi.
Intervallo di calcolo
L’intervallo di tempo (o finestra) sul quale viene calcolata la media può essere di due tipi:
b finestra fissa
b finestra mobile.
Intervallo n
Intervallo n + 1
Durata intervallo
Time shift tra intervalli n e n + 1
Intervallo n
Intervallo n + 1
Durata intervallo
Finestra fissa
Allo scadere di una finestra di tempo fissa:
b viene calcolato e aggiornato il valore medio misurato
b il nuovo valore viene inizializzato per la nuova finestra di misura, partendo dall’ultimo valore dell’ultima finestra.
Finestra mobile
Allo scadere di una finestra di tempo mobile:
b viene calcolato e aggiornato il valore medio misurato
b il nuovo valore viene inizializzato per la nuova finestra di misura, partendo da un tempo dato dopo l’avvio della nuova finestra (sempre inferiore alla durata della finestra).
Le unità di controllo Micrologic E utilizzano il metodo di calcolo a finestra mobile.
b La durata della finestra mobile può essere impostato separatamente per i valori medi di corrente e potenza da 5 a 60 minuti a intervalli di 1 minuto (vedere Regolazioni delle misure a pagina 32). L’impostazione di default è 15 minuti.
b Il time shift tra gli intervalli è uguale a 1 minuto.
Metodo di calcolo
Modello termico: calcolo basato su I2t
Il modello termico rappresenta l’innalzamento di calore nel conduttore (immagine termica).
L’aumento di calore creato dalla corrente I(t) su un intervallo di tempo T è identico a quello creato da una corrente costante Ith sullo stesso intervallo di tempo. La corrente Ith rappresenta l’effetto termico della corrente I(t) sull’intervallo di tempo T.
Il calcolo del valore medio con il modello termico deve essere sempre effettuato su finestra mobile.
Attenzione: Il valore medio termico è simile al valore efficace RMS.
Le unità di controllo Micrologic E utilizzano il modello termico per calcolare sia i valori
medi di corrente sia i valori medi di potenza.
Valori massimi dei valori medi (valori di cresta)
L’unità Micrologic E calcola:
b i valori massimi (di cresta) dei valori medi delle correnti di fase e di neutro dall’ultimo reset
b i valori massimi (di cresta) dei valori medi della potenza attiva totale dall’ultimo reset.
Per accedere e/o resettare i valori massimi o di cresta procedere come segue:
b massimi valori medi di corrente: con l’unità di controllo Micrologic (vedere pagina 25) o l’opzione di comunicazione COM (vedere pagina 40)
b massimo valore di potenza: con l’opzione di comunicazione COM (vedere pagina 39).
52
Software RSU
Allegati tecnici
Presentazione
Il software RSU (Remote Setting Utility) permette di effettuare da PC tutte le funzioni normalmente disponibili attraverso l’interfaccia di dialogo HMI con la tastiera dell’unità di controllo Micrologic.
DB400221
Le diverse funzioni disponibili sono accessibili da tre tabelle:
b Basic prot. utilizzabile per verificare e salvare tutte le regolazioni e i parametri standard dell’unità di controllo Micrologic.
DB400222
b Service utilizzabile per visualizzare e configurare i parametri delle funzioni
di misura e comunicazione.
Sono inoltre disponibili due regolazioni aggiuntive, non accessibili con l’interfaccia
di dialogo HMI dell’unità di controllo:
v "Vn display (V)" che permette di impostare la tensione nominale del sistema
di alimentazione, fissando il valore di riferimento per le percentuali di tensione
visualizzate sul display fronte quadro FDM121.
v "Remote control" che permette di selezionare i comandi Auto (Remote) o Manu
(Local) di apertura e chiusura dell’ interruttore (per gli interruttori dotati di telecomando):
- il modo di comando Auto (Remote) è utilizzabile con opzione comunicazione
e apposito software PC (ad es. RCU Remote Control Utility).
- il modo di comando Manu (Local) può essere configurato dal Menu Comando
del display fronte quadro FDM121 (vedere pagina 43).
Attenzione!: In entrambi i modi, i comandi manuali sul fronte dell’interruttore restano
attivi ed hanno priorità sui comandi effettuati da telecomando o display fronte quadro
FDM121.
53
Software RSU
Allegati tecnici
DB400223
b M2C utilizzabile per configurare i contatti programmabili M2C delle uscite
programmabili delle unità di controllo Micrologic E.
È possibile assegnare all’uscita un allarme o preallarme, oltre ad un modo operativo
(contatto senza riarmo = Modo normale). Per maggiori dettagli vedere "Contatti
programmabili M2C per le uscite dell’unità Micrologic E" a pagina 38.
Modalità di funzionamento del software RSU
Il software RSU offre due modalità di funzionamento: b Modo Offline: non richiede il collegamento del PC all’unità di controllo Micrologic. Questa modalità d’impiego permette all’utente di preparare le regolazioni controllandone la compatibilità con l’unità di controllo, salvandole infine per un successivo upload e utilizzo sull’unità di controllo Micrologic.
b Modo Online: richiede il collegamento del PC all’unità di controllo Micrologic attraverso l’opzione comunicazione. Questa modalità d’impiego permette all’utente di:
v effettuare a distanza tutte le funzioni normalmente disponibili con l’interfaccia
di dialogo HMI dalla tastiera dell’unità di controllo Micrologic
v caricare e scaricare tutte le regolazioni da e verso l’unità di controllo Micrologic.
54
Allegati tecnici
La precisione delle misure di corrente dipende
sia dal valore visualizzato (o trasmesso) che
dalla corrente nominale dell’interruttore (In):
b al di sotto di 0.1 x In le misure non sono significative
b tra 0,05 x In e 0,2 x In la precisione varia dal 4 %
all’1.5 %
b tra 0.2 x In e 1.2 x In, la precisione è uguale all’1.5 %.
La risoluzione della corrente è 1 Ampere.
La risoluzione della tensione è 1 Volt.
La risoluzione della potenza è 1 kW, kVar, kVA.
La risoluzione dell’energia è 1 kWh, KVarh, KVAh.
Campi e precisione
delle misure
Tipo
Corrente istantanea
Tolleranza
a 25 °C
Campo della misura
per specifica precisione
I1, I2, I3
±1.5 %
0.2 x In ... 1.2 x In
IN
±1.5 %
0.2 x In ... 1.2 x In
I t Terra
±10 %
0.05 x In ... In
I t Differenziale
±1.5 %
0 ... 30 A
Correnti massime
I1 max, I2 max, I3 max
±1.5 %
0.2 x In ... 1.2 x In
IN max
±1.5 %
0.2 x In ... 1.2 x In
Valori medi di corrente
±1.5 %
I1, I2, I3
±1.5 %
IN
Valori massimi delle correnti medie
±1.5 %
I1 max, I2 max, I3 max
±1.5 %
IN max
Tensioni tra le fasi (reti 3 e 4 fili)
0.2 x In ... 1.2 x In
0.2 x In ... 1.2 x In
0.2 x In ... 1.2 x In
0.2 x In ... 1.2 x In
V12
±0.5 %
100 ... 690 V
V23
±0.5 %
100 ... 690 V
V31
±0.5 %
100 ... 690 V
Tensioni tra fase e neutro (reti 4 fili) (1)
V1N
±0.5 %
100 ... 690 V
V2N
±0.5 %
100 ... 690 V
V3N
±0.5 %
100 ... 690 V
±0.5 %
0 ... 100 %
±0.5 %
0 ... 100 %
Tensione media
Umed
Squilibrio di tensione
U squil
Potenza istantanea
P (per fase)
±2 %
30...2000 kW
Q (per fase)
±2 %
30...2000 kVar
S (per fase)
±2 %
30...2000 kVA
Valori massimi delle potenze medie
P max (per fase)
±2 %
30...2000 kW
Q max (per fase)
±2 %
30...2000 kVar
S max (per fase)
±2 %
30...2000 kVA
Valori medi di potenza
P (per fase)
±2 %
30...2000 kW
S (per fase)
±2 %
30...2000 kVA
Valori massimi delle potenze medie
P max (per fase)
±2 %
30...2000 kW
±2 %
0 ... +1
Ep
±2 %
-1010 GWh ... +1010 GWh
Eq
±2 %
-1010 GVArh ... +1010 GVArh
Es
±2 %
-1010 GVAh ... +1010 GVAh
Fattore di potenza
PF
Energia totale
(1) Attenzione!: sugli interruttori tripolari utilizzati sulle reti 4 fili (3F + N), il morsetto VN dell’unità
di controllo Micrologic deve essere sempre collegato al neutro. In caso contrario le misure
di tensione fase / neutro possono essere errate.
55
indice analitico 56
A
Allarme
40, 43
B
Batteria
36
C
Calcolo dei valori medi di corrente
Calcolo del valore medio di potenza
Collegamento a infrarossi
Comando a distanza
Comunicazione Modbus
Connessione Modbus
Contatto
Corrente istantanea
Curve di intervento
32, 40, 52
32, 40, 52
3
52
39
32, 52
38
16, 23, 24, 25, 53
46
d
Data e ora
28, 40
E
Energia attiva, reattiva, apparente
15, 16, 44
F
Funzione cronologica degli interventi
17, 23, 25, 28
G
Guasto
14, 36
I
I t differenziale
I t terra
I2t
Identificazione dell’unità di controllo
Indirizzo
Indirizzo Modbus
53
53
11
2
38, 39, 52
30, 32, 34
L
LED
Lingua
3, 43
30
M
M2C
Massimo valore della corrente istantanea
Memoria termica
Menu Misure
38
23, 27
10, 51
43
N
Neutro protetto
Neutro protetto a metà
12
12
O
Opzione comunicazione COM
39, 40
indice analitico P
Parità
Potenza attiva, reattiva, apparente
Potenza istantanea
Presa test
Protezione Corto ritardo
Protezione del neutro
Protezione Differenziale
Protezione Guasto a terra
Protezione Istantanea
Protezione Lungo Ritardo
30, 32, 52
16, 44
15, 54
3
11, 28, 40, 51
12
13, 40
13, 17, 28, 40, 47, 51
11, 28, 40
10, 28, 40
R
Regolazione corrente Ir
Riarmo
Reset dell’energia totale attiva
Reset delle segnalazioni di guasto
Reset dei valori massimi della corrente istantanea
17
38
27
36
27
S
Selettività logica (ZSI)
Sistema ULP
Soglia Ig
Soglia Isd
49
41
17
11, 29
T
Tempo di sgancio tg
Tempo di sgancio tr
Tempo di sgancio tsd
Tempo di sgancio ∆t
Tensione fase / neutro e fase / fase
Tensione U media
Tipo di rete
3, 13, 29
3, 13, 29
3, 11, 29
13
15, 25, 40, 53
16
52
U
Unità test portatile
U squil
4
16, 53
V
Valore massimo di potenza
Valori massimi dei valori medi di potenza
Valori medi di corrente
Valore medio di potenza
Velocità di comunicazione
15, 16, 53
15, 53
16, 40, 52, 53
16, 40, 52, 53
30, 32, 39, 52
Z
ZSI o Selettività logica
49
57
Note
58
Note
59
Note
60
Note
61
Note
62
Note
63
Note
64
L’organizzazione commerciale Schneider Electric
Aree
Sedi
Uffici
Nord Ovest
- Piemonte (escluse Novara e Verbania)
- Valle d’Aosta - Liguria
- Sardegna
Via Orbetello, 140
10148 TORINO
Tel. 0112281211
Fax 0112281311
Centro Val Lerone
Via Val Lerone, 21/68
16011 ARENZANO (GE)
Tel. 0109135469
Fax 0109113288
Lombardia Ovest
- Milano, Varese, Como
- Lecco, Sondrio, Novara
- Verbania, Pavia, Lodi
Via Zambeletti, 25
20021 BARANZATE (MI)
Tel. 023820631
Fax 0238206325
Lombardia Est
- Bergamo, Brescia, Mantova
- Cremona, Piacenza
Via Circonvallazione Est, 1
24040 STEZZANO (BG)
Tel. 0354152494
Fax 0354152932
Nord Est
- Veneto
- Friuli Venezia Giulia
- Trentino Alto Adige
Centro Direzionale Padova 1
Via Savelli, 120
35100 PADOVA
Tel. 0498062811
Fax 0498062850
Emilia Romagna - Marche
(esclusa Piacenza)
Viale Palmiro Togliatti, 25
40135 BOLOGNA
Tel. 0516163511
Fax 0516163530
Via Gagarin, 208
61100 PESARO
Tel. 0721425411
Fax 0721425425
Toscana - Umbria
Via Pratese, 167
50145 FIRENZE
Tel. 0553026711
Fax 0553026725
Via delle Industrie, 29
06083 BASTIA UMBRA (PG)
Tel. 0758002105
Fax 0758001603
Centro
- Lazio
- Abruzzo
- Molise
- Basilicata (solo Matera)
- Puglia
Via Silvio D’Amico, 40
00145 ROMA
Tel. 06549251
Fax 065411863 - 065401479
S.P. 231 Km 1+890
70026 MODUGNO (BA)
Tel. 0805360411
Fax 0805360425
Sud
- Calabria
- Campania
- Sicilia
- Basilicata (solo Potenza)
SP Circumvallazione Esterna di Napoli
80020 CASAVATORE (NA)
Tel. 0817360611 - 0817360601
Fax 0817360625
Via Trinacria, 7
95030 TREMESTIERI ETNEO (CT)
Tel. 0954037911
Fax 0954037925
Supporto logistico e amministrativo
Tel. 011 4073333
Supporto tecnico
Tel. 011 2281203
Schneider Electric S.p.A.
Sede Legale e Direzione Centrale
Via Circonvallazione Est, 1
24040 STEZZANO (BG)
Tel. 0354151111
Fax 0354153200
www.schneider-electric.it
LEES GTB 320 AI
In ragione dell’evoluzione delle Norme e dei
materiali, le caratteristiche riportate nei testi e nelle
illustrazioni del presente documento si potranno
ritenere impegnative solo dopo conferma da parte di
Schneider Electric.
1-0311-2B