Parte 1 - Visit Modena

Commenti

Transcript

Parte 1 - Visit Modena
PROPOSTA DI ITINERARIO
Totale Km 2,5 - Tempo di percorrenza, senza visite, 40 minuti
L’itinerario che qui si propone segue un percorso ad anello nel centro storico di Modena, al quale si può accedere da diversi punti della
città dotati di parcheggio: Piazza Roma, Piazza Sant’Agostino, Viale
Vittorio Veneto-Palazzo dei Musei, Foro Boario.
Qualora si arrivi in treno, giunti alla stazione ferroviaria è possibile
usufruire di un taxi attrezzato per i disabili o di bus: linea 4 direzione
Latina, fermata Piazza Roma.
Per i punti di interesse storico-artistico e culturale che si incontrano
lungo il percorso si rimanda ad opportune schede di approfondimento, presenti in questa guida nella sezione dedicata ai “Musei,
Chiese e risorse artistiche cittadine”.
La descrizione del percorso ha virtualmente inizio in Piazza Roma.
Si affaccia sul lato nord di Piazza Roma il (1)secentesco Palazzo
Ducale, sede dell’Accademia Militare. Seguire il camminamento sul
lato destro/ovest della piazza. Il percorso, che si presenta lastricato
e bordato da acciottolato, incrocia Via Taglio, costeggia il sagrato
della chiesa di (8)San Giorgio e conduce all’inizio del portico di Via
Farini. Qui in estate i tavolini del locale sotto il portico possono talvolta ingombrare il passaggio. Via Taglio è l’altra direttrice dell’itinerario con cui si raccorda il percorso ad anello. Proseguire sotto
il portico di Via Farini sul cui lato destro si succedono numerose
attività commerciali. Giunti all’incrocio con la Via Emilia, seguire la
svolta a destra del portico. L’arrivo in Piazza Mazzini è preceduto
da una leggera discesa che segna l’incrocio con Vicolo Squallore.
In fondo alla piazza si affaccia la (2)Sinagoga. Si consiglia di raggiungerla portandosi sul lato sinistro/ovest della piazza, opposto a
quello dove siete.
Da Piazza Mazzini il percorso può seguire secondo due direzioni:
a) proseguire lungo la Via Emilia b) attraversare verso il Palazzo
Comunale.
a) per continuare lungo la Via Emilia si attraversa Piazza Mazzini e
si segue la serie di portici sino alla chiesa della Madonna del Voto,
di fronte all’imbocco con Corso Duomo. Sono quattro le strade che
i portici incrociano. Per dirigersi verso il (3)Duomo seguendo Corso
Duomo, si consiglia di attraversare la Via Emilia dove i portici si interrompono e si incrocia Via Rismondo, e di mantenere il lato sinistro.
b) per proseguire verso il Palazzo Comunale, appena arrivati in Piazza Mazzini, si attraversa la Via Emilia verso la Piazzetta delle Ova. Sono presenti rampe
di accesso ai due marciapiedi che bordano la piazzetta, ma attenzione alla lastricatura e, ai tavolini in estate, che occupano la parte centrale della piazza!
Seguendo uno dei due marciapiedi si raggiunge in leggera salita il portico del
Palazzo Comunale e i monumenti del Sito Unesco: Piazza Grande, il (3)Duomo e la Ghirlandina. Seguendo l’edificio sulla sinistra del portico, si raggiunge
lo scalone d’ingresso al (4)Palazzo Comunale a fianco del quale si trovano,
ponendosi di fronte allo Scalone a sinistra l’ingresso all’ascensore e a destra
l’ufficio informazioni al cittadino “Piazza Grande”. Di fronte allo scalone del
Comune si possono ammirare Piazza Grande, la Pietra Ringadora e le absidi
del Duomo. Seguendo il portico fino a dove si interrompe e si incrocia con Via
Castellaro, si può osservare all’angolo esterno del Palazzo Comunale la statua della Bonissima. Un camminamento lastricato con rampa di accesso conduce al palazzo che chiude a sud Piazza Grande, sede di una banca, da cui
si può ammirare la facciata sud del Duomo con la Porta Regia e la Porta dei
Principi. Ritornando all’altezza dello scalone del Palazzo Comunale, seguire il
tratto di portico sulla sinistra verso Via Lanfranco. Questa via corre fra la Ghirlandina e il fianco nord del (3)Duomo su cui si apre la Porta della Pescheria
(unico accesso al Duomo senza scalini). Attenzione ai paracarri al centro del
percorso! Via Lanfranco si chiude su Corso Duomo, alla destra del sagrato
del Duomo. Seguire la svolta a destra dell’edificio che delimita Via Lanfranco e
imboccare il portico di Corso Duomo che porterà a ricongiungerci con il percorso lungo la Via Emilia. Prestare attenzione all’attraversamento con la Via
Emilia in corrispondenza dell’incrocio con Via Rismondo. Proseguire a sinistra
verso la Chiesa del Voto. Continuare il percorso lungo la Via Emilia mantenendosi sul lato destro/nord. Diversi sono gli attraversamenti stradali che il percorso incrocia, talvolta segnalati da leggere discese e diverse pavimentazioni
stradali. Dopo il primo incrocio, in prossimità della Chiesa del Voto, si attraversa Piazza Matteotti che si chiude con la Chiesa di San Giovanni Battista. Al
quinto incrocio si attraversa Largo Muratori e si prosegue fino al semaforo in
fondo al Largo di Porta Sant’Agostino. Attraversare di nuovo la Via Emilia per
imboccare Viale Vittorio Veneto e dirigersi verso il (5)Palazzo dei Musei dove
al civico N° 7 si può accedere ai Musei Civici e alla Galleria Estense.
Si ripercorre a ritroso il tratto dal Palazzo dei Musei all’attraversamento in
Via Emilia per imboccare Viale Berengario. Seguire il camminamento del viale
che continua senza interruzioni fino all’incrocio con Via del Voltone. Lungo il
percorso è possibile accedere alla (9)Sede espositiva Ex Ospedale Sant’Agostino, n° civico 228 e, sul lato opposto di Viale Berengario, al “Foro Boario”
usando l’attraversamento pedonale all’incrocio con Via Bono da Nonantola.
In prossimità dell’incrocio con Via del Voltone, sul lato opposto di Viale Beren-
gario, si accede alla sede della Facoltà di Economia e Commercio. Imboccare Via del Voltone costeggiando sempre gli edifici che limitano il percorso a
destra. La strada si interrompe dove si apre Piazza della Pomposa, in fondo
alla quale si affaccia la chiesa di (7)Santa Maria della Pomposa. La piazzetta
è lastricata in acciottolato, si consiglia di continuare il percorso seguendo
la svolta a destra degli edifici ed attraversando la piazza voltando a sinistra
dove una serie di paracarri delimitano l’inizio di Via Cardinal Morone. Proseguire lungo Via Taglio costeggiando gli edifici sul lato destro. Dopo due incroci
stradali ed una strada chiusa si raggiunge l’attraversamento di Via Matteotti
(siamo alle spalle di Piazza Matteotti).
Voltare a sinistra e costeggiare l’edificio sul lato destro. Seguire la svolta a
destra che immette nel tratto pedonabile di Via Taglio. Continuare sul lato destro della strada, ma attenzione ai paracarri e ad alcune strutture di ristoranti
all’aperto.
La strada è completamente lastricata e il suo asse centrale presenta una
leggera pendenza. Via Taglio si chiude all’incrocio con Via Farini dove ci ricongiungiamo con l’inizio dell’itinerario. Seguendo la direzione a sinistra si va
verso (1)Piazza Roma e l’Accademia; proseguendo sul lato destro si imbocca
il portico di Via Farini.
b
a
PALAZZO SANTA MARGHERITA
Corso
Canalgrande
103 - 105
Sorge su un’area dove si ergeva una chiesa dedicata
a Santa Margherita. Utilizzato dal XII secolo prima come
convento poi come caserma, dal 1874 diventa sede
del Patronato dei Figli del Popolo.
con rilevazioni
video degli
accessi
All’interno del Palazzo Santa Margherita si trovano:
Galleria Civica e Museo della Figurina
Parcheggio disabili, 1 posto davanti in corso Canalgrande
Accesso a raso per entrambi dall’angolo corso Canalgrande/
via Fonteraso
Pavimentazione in ottime condizioni
MUSEO DELLA FIGURINA - civico 105
Occorre chiedere alla portineria del Palazzo (civico 103)
l’apertura della porta di ingresso (civico 105)
Ingresso fruibile
(porta di ferro e vetro, molto pesante, a due battenti 100 x100)
Bagno non fruibile (al 2° piano)
(porta larga 73, no rotazione carrozzina, wc h.40 cm)
Ascensore fruibile
(porta larga 85 cm, larghezza interna 135 cm, profondità 145 cm)
Al 2° piano porta di uscita larga 80 cm
GALLERIA CIVICA - civico 103
Tel. Punto informativo 059/2032940, centralino 059/2032911
http://www.comune.modena.it/galleria/
[email protected]
Sorta nel 1959 ,organizza mostre temporanee dedicate all’arte contemporanea e alla fotografia e grazie alle numerose collaborazioni
con prestigiosi musei, associazioni e gallerie di tutto il mondo, ha
raggiunto un alto riconoscimento anche a livello internazionale.
Ingresso fruibile
(porta larga 210 cm a due battenti)
1° sala al 2° piano porta fruibile (a due battenti larga 200 cm)
2° sala al 3° piano porta fruibile (larga 125 cm) per accedere
si chiede alla biglietteria della Galleria
Bagni fruibili si deve chiedere la chiave
(rubinetto a leva, porta pesante basculante in ferro e vetro a due
battenti 80 x 80 cm, 2°porta larga 85 cm, WC alto 50 cm, accostamento frontale, lavandino senza colonna alto 85 cm)
Ascensore fruibile
Per raggiungere l’ascensore si deve passare una porta in
ferro e vetro pesante a due battenti 75 x 75 cm.
(porta larga 88 cm, larghezza interna 130 cm, profondità 150 cm)
PALAZZO DEI MUSEI
Viale Vittorio Veneto
5-7
Destinato da Francesco III d’Este ad accogliere il Grande Albergo
Generale dei Poveri, nel 1788 fu tramutato in Albergo delle Arti e
all’interno furono allestiti opifici e manifatture. Dopo la restaurazione ospitò un ospedale militare, un carcere e alloggi di ufficiali; nel
1828 accolse il Museo Lapidario istituito da Francesco IV d’AustriaEste. Nel 1881 fu parzialmente acquistato dall’Amministrazione Comunale allo scopo di riunirvi le raccolte artistiche e bibliografiche
estensi e gli Istituti culturali civici.
All’interno del Palazzo si trovano:
all’ingresso civico 5: Museo Lapidario Estense,
Biblioteca Estense, Gipsoteca Graziosi,
Museo Civico Archeologico e Museo Civico d’Arte,
Galleria Estense e Biblioteca d’Arte Luigi Poletti
all’ingresso civico 7: Archivio Storico del Comune di
Modena
Parcheggio disabili, 10 posti a distanza di 8 metri
Pavimentazione buona, marciapiede fruibile (con scivolo)
CIVICO 5
Ingresso fruibile
(scivolo un po’ ripido, portone largo 125 cm, poi una porta basculante in legno e vetro a due battenti 76 x 76 cm).
Accesso alla reception e informazioni fruibile
(porta basculante, pesante, a due battenti 80x80 cm)
Accesso alla caffetteria fruibile
(da un lato della reception porta larga 100 cm)
Bagni si deve chiedere la chiave alla reception
n.2 riservati ai disabili.
Antibagno fruibile
(porta 93 cm, lavandino senza colonna alto 85 cm con rubinetto a
fotocellula, possibilità di rotazione carrozzina di 180°)
Bagno uomini fruibile disponibili maniglie a dx
e mancorrenti a sx,rubinetto a leva
(porta larga 80 cm.WC h. 48, con accostamento laterale sx, lavandino senza colonna alto 80 cm c on accostamento frontale, possibilità di rotazione carrozzina di 180°)
Bagno donne disponibili maniglie a sx e rubinetto a leva
(porta larga 75 cm,WC alto 48 cm, accostamento laterale dx, lavandino senza colonna alto 86 cm con accostamento frontale, possibilità di rotazione carrozzina 360°)
Ascensore fruibile
(porta larga 80 cm, larghezza interna 140 cm, profondità 155 cm)
Gipsoteca Graziosi civico 5 (tel. 059 2033100)
Istituita nel 1984 in seguito al dono, da parte degli eredi Paolo Graziosi e Rosetta Vespignani, di un importante nucleo di opere.Comprende 66 gessi, 13 dipinti e 225 tra disegni, litografie e incisioni.
Ingresso fruibile a piano terra
(porta larga 115 cm a due battenti, si apre alla richiesta, con scivolo)
Museo Lapidario Estense civico 5
Voluto nel 1828 dal duca Francesco IV d’Este, nel tempo si aggiunsero importanti manufatti provenienti dalla città e dal territorio, che
vennero ad arricchire, con numerosi reperti di alto valore storico e
artistico, le raccolte.
Ingresso fruibile a piano terra
(con scivolo, portone largo 125 cm, poi una porta in legno e vetro a
due battenti cm.120x120)
Collegamento con il punto informativo attraverso una porta
a due battenti 112x112 cm di cui sx rimane sempre aperto.
Disponibile uno scivolo un po’ripido.
Museo Civico d’Arte civico 5 (tel. 059 2033100)
[email protected],
http://www.comune.modena.it/museoarte/
Il museo si caratterizza per la ricchezza e la varietà tipologica delle
raccolte: tessuti e carte decorate,strumenti musicali, quadreria, affreschi, una preziosa raccolta di dipinti, argenti estensi
Ingresso fruibile al 3° piano
(1° porta larga 98 cm, che si apre spingendo, 2° porta a due battenti
larga 130 cm, 3° porta a due battenti 65x65 cm)
Museo Civico Archeologico Etnologico civico 5
tel. 059 2033100
[email protected],
http://www.comune.modena.it/museoarcheologico/
Un sistema continuo di vetrine ottocentesche presenta materiali
dal Paleolitico al Medioevo e attraverso le testimonianze della vita
materiale permette di seguire il percorso storico di una città e del
suo territorio. Rilevanti le raccolte relative al Neolitico e all’Età del
Bronzo, ma non mancano numerosi reperti dell’Età del Ferro, etrusca e romana. La sezione etnologica è composta da materiali che
testimoniano culture ormai scomparse o in via di estinzione.
Ingresso fruibile al 3° piano,
si entra dal Museo Civico d’Arte
(con 5 gradini alti 13 cm, ma c’è elevatore elettrico ,il cui utilizzo va
chiesto al personale del museo, oppure uno scivolo)
Biblioteca Estense civico 5 (tel. 059 222248)
[email protected]
http://www.cedoc.mo.it/estense/
La Sala espositiva presenta codici che rivestono particolare interesse dal punto di vista storico-bibliografico come la Bibbia di Borso d’Este, le due carte geografiche di maggior pregio conservate
nell’Istituto, la Carta Catalana e la Carta del Cantino, il De Sphaera,
la Carta Castiglioni. Sono inoltre presenti il Breviario di Ercole I e il
Messale di Anna Sforza.
Ingresso fruibile al 2° piano,
(1 porta larga 89 e 2° porta chiedere che venga aperta)
CIVICO 7
Necessario suonare il campanello ” Archivio storico” e
chiedere di accedere all’archivio, 1°piano.
Archivio Storico civico 7 (tel. 059 2033450)
http://www.comune.modena.it/archiviostorico/)
Conserva un’ampia e quasi completa documentazione dell’attività
politico-amministrativa di Modena: prima come “libero comune”,
poi come comunità dello Stato estense E’ uno dei pochi Archivi
Storici di Comuni di grande tradizione, la cui parte più antica non sia
stata depositata nel competente Archivio di Stato.
Ingresso principale fruibile
(ingresso dipendenti, con scivolo, porta a due battenti di cui si apre
quello sx largo 76cm,dx largo 40 cm).
Ascensore fruibile
(porta larga 90 cm,larghezza interna 110 cm profondità 145cm).
Usciti dall’ascensore si trova una porta a due battenti
70x70 cm che può aprire solo un operatore.
MUSEO DEL DUOMO
E LAPIDARIO DEL DUOMO
Via Lanfranco, 6
Tel. 059 4396969 - [email protected]
http://www.duomodimodena.it/musei/musei.html
Parcheggio
disabili, 1 posto a 20 metri in Corso Duomo
con rilevazioni
video degli
accessi
Pavimentazione ottima, a lastroni
Ingresso fruibile
(porta a due battenti larga tot.cm 125 ,una seconda porta a due
battenti ciascuno cm 57, una terza porta larga cm 95)
Per entrare nel cortile,disponibile uno scivolo poi si percorre un
tratto con pavimentazione in ghiaia e cemento
Bagno a piano terra fruibile rotazione carrozzina 360°
(con mancorrenti a dx e maniglie a sx, rubinetto a leva, porta larga
cm.90, WC h. cm.45, accostamento laterale sx e frontale, lavandino
senza colonna h.cm.80)
Museo del Duomo
Raccoglie un ricco patrimonio costituito da opere d’arte, parati e
suppellettili liturgiche, che testimonia la vitalità della Chiesa modenese nel corso dei secoli. Al primo piano
Ascensore fruibile
(porta larga cm.90 , interno largo cm.100, profondo cm.130)
Ingresso fruibile
(scivolo e porta a due battenti ciascuno cm.65)
Lapidario del Duomo
Il Museo Lapidario del Duomo conserva 150 opere tra sculture e
frammenti architettonici, tutti provenienti dalla cattedrale e databili
tra il VI e il XV secolo. A piano terra
Ingresso fruibile (porta a due battenti ciascuno cm.64)
TEATRO SAN CARLO*
Via San Carlo
Aperto solo per gruppi e su prenotazione
telefonando alla Fondazione
Tel. 059 421204 - http://www.fondazionesancarlo.it
Parcheggio disabili, 4 posti in via San Carlo
con rilevazioni
video degli
accessi
Pavimentazione a pavè in buono stato al n°5 della Via
San Carlo scivolo per entrare
Ingresso non imboccare la prima porta a sinistra ma proce-
dere nell’atrio, chiedere alla portineria l’apertura della porta
automatica per raggiungere l’ascensore fruibile (porta larga
cm.80, interno largo cm.95 e profondo cm.125) in fondo al cortile
pavimentato a mattoni. Si raggiunge il 1°piano
Ingresso fruibile
(porta a due battenti ciascuno cm.85)
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(mancorrenti a sx e maniglie a dx, rubinetto a leva, porta larga
cm.80, WC h. cm.50, con accostamento laterale sx e frontale,
lavandino senza colonna h.cm.80 con accostamento frontale)
* è visitabile anche la Chiesa: cfr sezione Chiese
GIARDINI PUBBLICI
Entrata da Corso Canalgrande
Parcheggio
1 posto riservato in Corso Cavour entro 20 mt.
Ingresso fruibile (accesso largo cm.365)
sentieri in ghiaia
Bagni fruibili con scivolo, rotazione carrozzina 180°
(con mancorrenti, a distanza circa 20 mt dalla Palazzina, porta larga
cm.86, WC h. cm.47, accostamento laterale sx,lavandino senza
colonna h.cm.80 con accostamento laterale dx e frontale)
I due bagni sono autopulenti e con rubinetteria
automatica del lavandino.
PALAZZO COMUNALE
Piazza Grande, 16
Tel. 059 2032644 Punto Informativo Palazzo Comunale
Tel. 059 2032660 Uffico Informazione e Accoglienza Turistica
con rilevazioni
degli
Il palazzo occupa due lati di Piazza Grande ed è il risultato video
accessi
di un progetto di unificazione e regolarizzazione di diversi
edifici, costruiti in epoche diverse, realizzato a partire dal XVII secolo
con l’inserimento dei portici lungo il Palazzo della Ragione, proseguiti poi fino alla torre dell’Orologio e nell’Ottocento fino al Castellaro. All’interno del palazzo sono visitabili le sale storiche.
Parcheggi riservati a disabili
n.2 in via Scudari adiacenti ingresso
Ingresso Piazza Grande
Marciapiede antistante scalone principale in buone condizioni
Ingresso fruibile
(Porta automatica che si apre con spinta, larga cm.87)
Ingresso da via Scudari, 20
Telefonando allo 059/2032644 viene aperta la porta
di passaggio fruibile (pavimento antistante ingresso un po’
sconnesso a pietroni, scivolo, mancorrenti a sx)
Ascensore fruibile
(porta larga cm.85, interno largo cm.130 e profondo cm.145)
Accesso alle sale storiche (1°piano) fruibili
(primo scivolo, porta larga cm.112 sempre aperta, secondo scivolo
quindi due porte entrambe fruibili).
Bagni (al 2°piano) fruibili rotazione carrozzina 360°
(con maniglie e mancorrenti, rubinetteria a leva, 1°porta larga
cm.87, 2°porta scorrevole larga cm 80, Wc h.cm.49, accostamento
laterale, lavandino senza colonna h.cm.78)
PALAZZO DUCALE
Piazza Roma
E’ possibile visitare Palazzo Ducale con visita guidata:
per informazioni e prenotazioni obbligatorie rivolgersi a Modenatur
059/220022 oppure Ufficio IAT 059/2032660.
http://www.esercito.difesa.it/siti_scuole/Modena/index.html
iniziato nel 1634 su disegno dell’Avanzini è un illustre esempio di
architettura civile settecentesca e uno dei più grandi palazzi barocchi d’Italia. Presenta un ‘elegante facciata con tre ordini di finestre
affiancate. Il cortile d’onore è ritenuto un capolavoro dell’architettura barocca. Da non perdere: la Sala del Trono, il Salottino d’Oro, il
Salone d’Onore e la sala dello Stringa. Oggi il palazzo è sede dell’Accademia Militare. All’ interno il Museo Storico dell’Accademia Militare contiene armi e armature, memorie, cimeli e militaria.
Parcheggi riservati a disabili n.6 in Piazza Roma
a 10 mt. dall’ingresso
Pavimentazione antistante l’ingresso a lastroni in
buone condizioni, è presente una catena retta da pilastrini
di fronte all’ingresso: il passaggio è largo cm.95
Ingresso fruibile
(porta a due battenti larga cm. 290 sempre aperta)
Ingresso alla portineria fruibile
(porta 2 battenti larghi ciascuno cm 73, 7 gradini h. cm.15, ma si
usano 2 servo-scala a poltroncina)
Ascensore fruibile Si raggiunge il 2°piano
(porta larga cm.90, interno largo cm.150 e profondo cm.125)
Accesso al Museo Storico non fruibile
(porta a due battenti larga cm.130, 5 gradini h. cm.13)
Accesso all’Appartamento di Stato non fruibile
dal Loggiato (Salone d’Onore, Salottino d’Oro, Sala del
Trono, Sala Colleoni, Sala dello Stringa) (ci sono 2 gradini)
Bagno non fruibile rotazione carrozzina 180°
(con 2 gradini, porta larga cm.72, WC h. cm.42 con accostamento
frontale, lavandino con colonna h.cm.82, con rubinetto a leva)
GEMMA 1786 - MUSEO MINERALOGICO
Largo S.Eufemia, 19
E GEOLOGICO ESTENSE
MUSEI UNIVERSITARI
c/o Dipartimento di Scienze della Terra.
http://www.gemma.unimore.it, [email protected]
Visita a richiesta 059/2055873, [email protected]
con rilevazioni
video degli
accessi
Sorge nel 1786 in seguito al lascito del vescovo di Modena Giuseppe Maria Fogliani appassionato naturalista. La collezione di “curiosità naturali” si andò sensibilmente incrementando nel tempo,
Il museo è suddiviso in tre sezioni: 1) Collezione di minerali, rocce e
pietre lavorate 2) Collezione storica di meteoriti 3) Patrimonio storico di documenti, carte e strumentazione scientifica
Parcheggi riservati a disabili n.1 adiacente
Pavimentazione buona
Ingresso fruibile
(scivolo, porta larga cm.130)
Preavvisando si può entrare con automobile nel cortile
interno dove è possibile lasciare parcheggiato il mezzo
Ascensore fruibile
(porta larga cm.89, interno profondo cm.140 , largo cm.109)
Accesso sale fruibile
(una prima porta a due battenti, di cui uno apribile largo cm.81 e
una seconda porta d’ingresso a sala principale larga cm.113)
Esiste un percorso su meteoriti con schede braille e un
percorso di conoscenza tattile.
MUSEO DI ANATOMIA
Via Berengario, 14
MUSEI UNIVERSITARI
c/o Dipartimento del Museo di Paleobiologia e dell’Orto Botanico.
Visite su richiesta solo a studenti o scolaresche tel. 059/2056973,
[email protected]
http://www.museianatomici.unimore.it/
Nella sua suggestiva esposizione ottocentesca, si articola in quattro
sale, che esibiscono raccolte di straordinario interesse per la storia
della didattica e delle discipline anatomiche. In una sala adiacente
è esposta una serie di modelli in terracotta dipinta rappresentanti
le diverse fasi della gravidanza e del parto opere di Giovan Battista
Manfredini datate 1773/’76
Parcheggi riservati a disabili n.4 adiacenti
Pavimentazione sufficentemente agibile
Ingresso fruibile
(porta a 2 battenti larga tot. cm.103 quindi 2° porta larga cm.89)
Il Museo è al primo piano con 2 rampe di scale ma è
disponibile un montascale mobile a trazione elettrica.
Accesso sale fruibile
(1° porta larga cm.76 e 2° porta larga cm.180)
MUSEO DI ZOOLOGIA
Via Università, 4
MUSEI UNIVERSITARI
visita a richiesta tel. 059/2056561 - 059/2055555
http://www.museozoologia.unimore.it/
[email protected]
con rilevazioni
video degli
accessi
Le raccolte zoologiche comprendono circa 3.500 vertebrati naturalizzati (uccelli, mammiferi, pesci, rettili), di cui un centinaio appartenenti alla fauna vertebrata del Modenese
Parcheggi riservati a disabili
n.6 posti in Corso Canalgrande, adiacente ingresso
Pavimentazione buone condizioni
Ingresso fruibile
(4 porte, in successione larghe cm.130,157,99,80, scivolo, 5° porta
di accesso alle sale larga cm.80)
Ascensore fruibile
(porta larga cm.78, interno profondo cm.98, largo cm.128)
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(con mancorrenti, rubinetteria a leva, porta larga cm.89,
wc h.cm.49, accostamento laterale,lavandino h.cm 78,
senza colonna, accostamento frontale)
ORTO BOTANICO
Viale Caduti in Guerra, 127
tel. 059/2056011, http://www.ortobot.unimo.it
[email protected]
L’Orto Botanico di Modena fu costituito nel 1758, per volontà del
Duca Francesco III d’Este, il quale dispose che una parte del Giardino Ducale fosse destinata alla “dimostrazione” delle piante medicinali. Agli anni Venti del ‘900 venne acquistato l’Erbario lichenologico
del Dottor Baglietto; la collezione insieme alle altre quivi esistenti
rende questo Erbario Lichenologico uno dei più importanti erbari
storici italiani.
Parcheggi pubblici non riservati antistanti
Ingresso da v.le Caduti in Guerra fruibile
(porta larga cm.109)
Sentieri ghiaiati percorribili con accompagnatore
Serra succulente fruibile
Bagni fruibili
(scivolo, porta automatica larga cm.130, 2° porta larga cm.92,
3° porta larga cm.84, lavandino senza colonna h.cm.73, passaggio
tra lavandino e zona wc largo cm.74, wc h. cm.49, accostamento
laterale)
TEATRO COMUNALE
LUCIANO PAVAROTTI
Corso Canalgrande, 85
Centralino Teatro 059/2033020,
http://www.teatrocomunalemodena.it.
con rilevazioni
video degli
Incaricato dell’opera l’architetto ducale Vandelli,
accessi
l’edificio s’inaugurò il 3 ottobre 1841.
Da quella data l’edificio non ha subito radicali mutamenti; attualmente presenta l’originaria facciata neoclassica con un portico a
bugnato piatto All’interno, il soffitto, da cui pende il grande lampadario collocato con l’introduzione della luce elettrica nel 1887 è decorato con ornati di Camillo Crespolani e con figure di Luigi Manzini.
Parcheggi riservati a disabili n.2 adiacenti
Ingresso fruibile
(1°porta a 2 battenti larga cm.114, 2° porta larga cm.89, 3° larga
cm.95 con scivolo un po’ ripido)
Accesso alla platea fruibile n°4 posti sempre riservati
(porta larga cm.179)
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(con mancorrenti e maniglie, porta larga cm.90, wc h.cm.39 con
accostamento laterale, lavandino h.cm.79 senza colonna,
accostamento di sbieco)
TEATRO STORCHI
Largo Garibaldi, 15
Centralino Teatro 059/2136011,
visite su prenotazione http://www.emiliaromagnateatro.com
Originale per la struttura architettonica con una duplice facciata
quella principale, a settentrione, rivolta verso piazza Garibaldi, e
quella occidentale verso il passeggio delle mura (ora viale Martiri
della Libertà) - eseguita in stile greco-romano secondo i dettami
della coeva precettistica eclettica ben nota all’architetto Maestri,
autore del progetto e colto costruttore e restauratore di residenze
per la nuova borghesia in ascesa.
Parcheggi riservati a disabili
n.2 adiacenti in v.le Nicola Fabrizi
Pavimentazione in buone condizioni
Acceso alla platea fruibile* da ingresso secondario su
v.le Fabrizi
(scivolo, porta larga cm.167, 2° porta larga cm.170)
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(rubinetti a leva, mancorrenti e maniglie, porta larga cm.88,
wc h.cm.47, accostamento laterale, lavandino h.cm.76 senza
colonna, accostamento frontale)
*aperto su richiesta chiamando il teatro preventivamente
EX OSPEDALE SANT’AGOSTINO
Via Emilia Centro, 228
SEDE ESPOSITIVA
telefono 335-1621739 - [email protected]
http://www.mostre.fondazione-crmo.it/
L’area ripristinata corrisponde ad uno spazio ampio e di grande pregio architettonico, di oltre 1.400 metri quadri, tra corridoi, ampie
sale con soffitti a volta e vani di servizio.
Parcheggi riservati a disabili
n.4 in v.le Berengario adiacenti
Ingresso da V.le Berengario fruibile con scivolo
(chiedere la chiave per ascensore allo 059/7470179 oppure
335/1621739)
Ascensore fruibile le sale sono al 1° piano
(porta larga cm.96, interno profondo cm.180, largo cm.120)
Bagno riservato fruibile
(maniglie, rubinetti a leva, porta larga cm.92, wc h. cm.50,
lavandino senza colonna h. cm.85)
MUSEO STANGUELLINI
Via Emilia Est, 756
c/o Sede Concessionaria FIAT ESSE EMME AUTO
telefono 059/361105 - 349/8181830
http://www.stanguellini.it/, [email protected]
Nato nel 1996 espone i modelli più significativi e le grandi automobili
modenesi che hanno collezionato centinaia di vittorie: Mille Miglia,
Coppa Vanderbilt, campionati europei. Sono presenti - oltre ad una
collezione tematica di veicoli e “pezzi unici” prodotti e modificati dai
primi del ‘900” - numerosi attrezzi utilizzati per la realizzazione e la
messa a punto delle auto.
Parcheggi riservati a disabili n.2
Pavimentazione antistante ingresso in buone condizioni
Ingresso fruibile con accompagnatore
(rampa lunga, ripida, non agevole, poi porta larga cm.130 e 2° porta
larga cm.112)
Si può chiedere di parcheggiare automobile nello spazio in cui
termina la rampa, ma non è assicurato sempre che ci sia spazio
Sala mostra fruibile tutto raso
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(rubinetti a leva, due porte in successione entrambe di cm.91,
lavandino h.cm.74 con accostamento laterale)
MUSEO DELL’AUTO E MOTO
D’EPOCA UMBERTO PANINI
Via Corletto, 320
Loc. Cittanova
Telefono 059/510660 Visitabile su prenotazione
http://www.maserati.it/maserati/it/it/index/passion/azienda-e-mito/museo-panini.html
La Collezione Auto Storiche Umberto Panini è una delle più belle
raccolte dedicate alla Maserati: in un caratteristico rustico in località
Cittanova di Modena sono custodite le auto che ricordano le tappe più importanti della storia del Tridente, faticosamente riunite nel
corso di tanti anni. Voluta dai fratelli Maserati e continuata da Omar
Orsi, la Collezione è rimasta pressoché intatta fino ai giorni nostri.
Parcheggio riservato visitatori adiacente
Pavimentazione in buone condizioni
Ingresso fruibile
(porta larga cm.200)
Esposizione automobili fruibile (tutto raso)
Esposizione moto non fruibile (rampa di scala senza montacarichi)
Bagno fruibile con accompagnatore (a fianco ufficio)
(gradino cm.12, porta larga cm.80, lavandino h.cm.70, senza
colonna, con accostamento frontale e laterale, rubinetteria
tradizionale, wc h.cm.40 )
FOTOMUSEO
Via Giardini, 160
Telefono 059/224418 - Fax: 059/238396
[email protected] http://www.fotomuseo.it/
Il Fotomuseo Giuseppe Panini ospita l’intera raccolta dell’Archivio
Giuseppe Panini. Conserva un milione e mezzo di foto storiche conservate; duecentomila cartoline italiane e straniere; quattromila volumi sulla fotografia e la storia locale.
Parcheggio riservato adiacente
Ingresso secondario fruibile
chiamare prima, dal Lunedì al venerdì al 059/224418
(rampa con pendenza leggera , una porta larga cm.100,
una seconda porta larga cm.83)
Montacarichi fruibile
(porta larga cm.79, interno profondo cm.125, largo cm.83)
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(con mancorrenti, rubinetteria a leva, porta larga cm.82,
wc h.cm 45, accostamento laterale a sinistra, lavandino h.cm 74
senza colonna, accostamento frontale)
RACCOLTA D’ARTE della
PROVINCIA DI MODENA
Vi.le Martiri della Libertà, 34
Centralino Tel.059/209111
Visitabile dal lunedì al venerdì 9.00/13.00, 15.00/17.30
NUCLEO STORICO di opere in Viale Martiri della Libertà
Si trova al 3° piano, esiste servo-scala per la rampa di scale che dal
piano terra porta al piano rialzato dove si trova l’ascensore.
La collezione d’arte della provincia, collocata all’interno delle sale
del palazzo, è Composta da oltre cinquecento pezzi fra dipinti, opere grafiche, sculture e arredi, dal XVI secolo ai giorni odierni, la Raccolta si è formata mediante l’azione promozionale dei fatti d’arte da
parte della Provincia e la sua attenzione al patrimonio storico-artistico. Il nucleo storico, con opere otto-novecentesche, documenta
il percorso dalle istanze accademiche al verismo e alle successive
correnti post impressionistiche, sino alle tendenze del secondo dopoguerra; fra gli artisti presenti, Giovanni Muzzioli, Giuseppe Graziosi, Casimiro Jodi, Mario Vellani Marchi, Ivo Soli, oltre a “forestieri”
in contatto con Modena come Renato Guttuso, Tono Zancanaro,
Alberto Sughi, Carlo Mattioli. E’ presente una collezione (deposito
ASP-Azienda Servizi alla Persona) di dipinti e arredi dal ‘500 all’800,
con saggi di Francesco Gessi, Girolamo Negri, Felice Rubbiani.
Parcheggio riservato disabili n.3 in viale Martiri della
Libertà adiacenti
Pavimentazione in buone condizioni
Ingresso fruibile
Ascensore fruibile
(porta larga cm.90, interno profondo cm.130 largo cm.100)
RACCOLTA D’ARTE della
PROVINCIA DI MODENA
V.le Rimembranze, 12
Centralino Tel.059/209111
Visitabile dal lunedì al venerdì 9.00/13.00, 15.00/17.30
NUCLEO MODERNO in Viale Rimembranze
con rilevazioni
video degli
accessi
Sezione d’arte contemporanea
La Raccolta possiede un ampio nucleo contemporaneo di dipinti,
sculture, grafiche, in costante arricchimento grazie alle continue
acquisizioni, soprattutto tramite le donazioni degli autori. Sono così
documentate le tendenze più interessanti che dagli ultimi decenni
attraversano la realtà artistica modenese.
Sono visibili in orario di ufficio circa 32 opere, disposte su
4 livelli
Parcheggio riservato disabili n.1 in Piazzola a fianco
dell’Edificio angolo Via Saragozza in zona ZTL
Pavimentazione antistante ingresso in ghiaia
Ingresso secondario fruibile con accompagnatore
(rampa ripida, porta a due battenti ciascuno cm.80 che viene aperta
su richiesta telefonare alla portineria 059/209618)
Ascensore fruibile
(porta larga cm.80, interno profondo cm.130 largo cm.110)
Bagno fruibile rotazione carrozzina 360°
(con maniglie, rubinetti a leva porta larga cm.80, 2°porta larga
cm.80, wc h.cm.44 con accostamento laterale, lavandino senza
colonna h. cm.74 con accostamento frontale)
DUOMO
Corso Duomo
telefono Sagrestia 059/216078
http://www.duomodimodena.it/, [email protected]
con rilevazioni
video degli
accessi
Il Duomo di Modena, opera dell’architetto Lanfranco e dello scultore Wiligelmo, è una delle espressioni più alte dell’arte romanica
in Europa. La sua costruzione risale al 1099. L’interno a tre navate
termina con un presbiterio il cui pontile costituisce il capolavoro
scultoreo di Anselmo da Campione. La sottostante cripta, sorretta
da 60 colonne con capitelli, custodisce la tomba di San Geminiano,
patrono di Modena. Di notevole interesse la facciata marmorea con
le sculture di Wiligelmo , il Rosone di Anselmo da Campione, la porta della Pescheria sul lato sinistro.
Parcheggio in corso Duomo adiacente
Pavimentazione
buone condizioni,marciapiede senza gradini.
Ingresso da vicolo Lanfranco fruibile
con accompagnatore
(la porta è a due battenti 52x52 ma è aperto solo 1 battente,
seconda porta basculante a due battenti 60x60 cm.)
SANTA MARIA DEGLI ANGELI
DEL PARADISO
Corso Cavour
Telefono 059/210304
è aperta solo su richiesta
Fu costruita nel 1596 su disegno dell’architetto Giovanni Guerra.
L’interno presenta una sola navata, sormontata da un soffitto ligneo
a cassettoni del XVI sec.. Nella quarta cappella a destra si trova un
pregevole altare in legno intagliato e dorato con una tela attribuita
alla scuola di Jean Boulanger.
Parcheggio disabili in piazza Roma e in via 3 Febbraio
entro 250 mt.
Pavimentazione Strada con asfalto un po’ sconnesso,
marciapiede con scivolo
Ingresso non fruibile
(2 gradini alti 15 cm, porta a due battenti 63x63cm)
SAN PIETRO
con rilevazioni
video degli
accessi
Via San Pietro, 1
telefono 059/214016
Annessa anticamente all’Abbazia Benedettina fondata nel 983, la
chiesa è stata ricostruita tra il 1476 ed il 1518. La facciata della chiesa è in cotto. L’interno è ricco di opere realizzate tra il ‘400 e il ‘500 di
artisti locali del tempo come il Begarelli,del quale sono le sei grandi
statue in terracotta, addossate ai pilastri della navata centrale.
Parcheggi disabili 1 in via San Pietro adiacente e 2 in via
Saragozza entro 150 mt.
Pavimentazione strada con lastre e cemento
Marciapiede con 1 gradino h. cm.3 disponibile scivolo
Ingresso fruibile
(1 gradino h.cm.15 ma c’è pedana rimovibile, porta a due battenti ciascuna cm.65 a dx aperto, poi seconda porta a due battenti
ciascuno cm.70)
SANT’AGOSTINO
con rilevazioni
video degli
accessi
Piazza Sant’Agostino 6
telefono 059/236327
Eretta nel 1338, fu completamente ripristinata tra il 1662 e il 1670.
Presenta una facciata molto sobria, mentre l’interno, ad una sola
navata, risponde ai criteri scenografici tipici dell’epoca barocca. Fra
le opere ivi contenute ricordiamo la deposizione della croce di Antonio Begarelli ed il frammento di affresco del XIV secolo proveniente dalla precedente chiesa ed attribuito a Tommaso da Modena.
Parcheggio disabili 1 in via Sant’Agostino adiacente ma
zona traffico limitato con rilevazione video degli accessi, 4
in piazza Sant’Agostino adiacenti
Pavimentazione in buone condizioni su Via Sant’agostino,
pavimentazione a ciotoli in piazza sant’Agostino
Ingresso fruibile da via Sant’Agostino
(con scivolo, necessario chiedere l’apertura di un battente porta
a due battenti, di cui uno solo aperto largo 60 cm, poi una 2°porta
automatica larga 115 cm, quindi 3° a due battenti di cui sempre
aperto quello largo 75 cm)
Per raggiungere il presbiterio c’è uno scivolo un po’ ripido.
SAN BARNABA
con rilevazioni
video degli
accessi
Via Carteria 108
Telefono 059/236327
Ricostruita nel 1660 ma completata solo successivamente, conserva dipinti ed arredi del XVIII secolo. La volta fu dipinta da Jacopo
Antonio Manini che eseguì anche le parti architettoniche e l’ornato.
Sigismondo Caula dipinse i sei medaglioni con temi allegorici e gli
scudetti a chiaroscuro.
Parcheggio disabili 1 in via Carteria
Pavimentazione Pavimentazione buone condizioni,
marciapiede alto 3cm con scivolo
Ingresso
(1 gradino alto 8 cm,porta a due battenti di cui uno sempre aperto
largo 60 cm.)
SAN GIORGIO
Via Farini 91
telefono 059/219208
Il progetto della chiesa attuale, eretta a partire dal 1647, è attribuito
a Gaspare Vigarani, coadiuvato da Cristoforo Malagola detto il Galaverna. L’interno si presenta a croce greca, con una cupola centrale.
L’altare maggiore è opera di Antonio Loraghi
Parcheggio disabili 1 in Piazza Roma
Pavimentazione in buone condizioni
Ingresso non fruibile
(3 gradini alti15 cm, poi alla soglia 1 gradino h.10cm,porta a due
battenti 55 x 55cm,poi seconda porta larga 95cm)
SAN CARLO
Via San Carlo
Telefono 059/421204 - Fondazione San Carlo
http://www.fondazionesancarlo.it,
aperta solo per gruppi e su prenotazione
con rilevazioni
video degli
accessi
La chiesa, iniziata nel 1664 su progetto dell’architetto ducale Bartolomeo Avanzini, è oggi utilizzata come auditorium. L’interno, diviso in tre
navate, presenta dipinti dei più importanti artisti del ‘600 modenese.
Parcheggi disabili n.4 in via San Carlo adiacenti
Pavimentazione in buono stato, esiste uno scivolo a
sinistra dell’ ingresso
Ingresso non fruibile
(1 gradino alto cm.18, porta a due battenti ciascuno larghi cm.75)
Bagni fruibili rotazione carrozzina 360°
(con mancorrenti, rubinetto a leva si passa prima in una sala con
disponibilità di scivolo, 2 porte larghe cm.90, WC h.cm 55 con
accostamento frontale, lavandino senza colonna alto cm.76)
SAN BARTOLOMEO
con rilevazioni
video degli
accessi
Via dei Servi, 18
Appartenente all’ordine dei Gesuiti, l’edificio venne iniziato nel 1607,
ma la facciata fu ultimata nel 1727. Arredi e dipinti risalgono in gran
parte al XVII secolo. Pregevoli sono le tribune realizzate dal Lana e
i dipinti che ornano le cappelle laterali con le Glorie di Sant’Ignazio
e San Francesco Saverio.
Parcheggi disabili 2 posti a 10 mt. dall’ingresso
Pavimentazione in buone condizioni
Marciapiede fruibile
(1 gradino h.cm.10, disponibile anche uno scivolo all’angolo della
chiesa)
Ingresso fruibile con accompagnatore
(1 gradino h. cm.5, porta a due battenti ciascuno cm.50, sempre
aperti, poi seconda porta a due battenti ciascuno cm.65)
SANT’EUFEMIA
Largo Sant’Eufemia
telefono 059/222557
La facciata è piuttosto semplice, l’interno è a pianta ottagonale e a
lati diseguali. Il presbiterio ospita un quadro del ‘600 e una statua
dell’Addolorata la cui testa era attribuita al Begarelli.
con rilevazioni
video degli
accessi
Parcheggi
disabili 1 posto
Pavimentazione in buone condizioni
Marciapiede fruibile
Ingresso fruibile
(1 gradino h. cm.3 ,porta a due battenti ciascuno di cm.48 sempre
aperti, dopo si trova una seconda porta larga cm.76)
SAN FRANCESCO
Rua Frati Minori, 19
angolo corso Canalchiaro
Telefono: 059/236218
con rilevazioni
video degli
accessi
Iniziata nel 1244 nel 1535 fu ristrutturata completamente e nel
1798 fu adibita ad usi militari. Nel 1826 il Duca Francesco IV la fece
restaurare riaprendola al culto. All’interno è possibile ammirare la
Deposizione del Cristo dalla Croce, un gruppo di tredici statue realizzate intorno al 1523 dal Begarelli.
Parcheggi disabili 2 posti in rua Frati Minori e 2 posti nel
piazzale davanti la chiesa
Pavimentazione in buone condizioni
Ingresso principle fruibile con accompagnatore
(1 gradino h. cm.8, porta a due battenti ciascuno cm.77, di cui dx
rimane sempre aperto, dopo si trova una seconda porta larga
cm.93 )
BEATA VERGINE
DELLE GRAZIE
Via Sant’Agostino
Aperta su richiesta telefono 059/223239 sig. Bertoni Emilio
con rilevazioni
video degli
accessi
Eretta all’inizio del ‘700 presenta una facciata semplice con un’unica porta centrale. L’interno è a una sola navata con abside semicircolare e 4 cappelle laterali più 2 cappellette.
Degna di nota la Cappella di San Geminiano.
Parcheggi disabili 1 posto in viale Vittorio Veneto
Pavimentazione in buone condizioni ma con ciottoli e
mattoni
Marciapiede profondo cm.120 disponibile uno scivolo
Ingresso non fruibile
(2 gradini h. cm.17 cm, porta a due battenti ciascuno cm.60)
SANTA MARIA
DELLA POMPOSA
con rilevazioni
video degli
accessi
Piazzetta Pomposa
Telefono 059/225131
E’ una delle chiese più antiche di Modena, le prime notizie risalgono
al 1153. Nel 1716 il duca Rinaldo I affida l’edificio al suo bibliotecario, storico ed erudito , Ludovico Antonio Muratori .
Tra le opere d’arte al suo interno si ricordano l’Ostensorio cesellato
dell’orafo modenese Tommaso Rinaldi, i quadri della vita di San Sebastiano di Bernardino Cervi e la Vergine in trono con i santi Sebastiano, Rocco e Geminano di Giovanni Boulanger, copia di un dipinto
del Correggio di proprietà della pinacoteca di Dresda.
Parcheggi disabili 1 posto in via Nazario Sauro a 10 mt.
Pavimentazione in buone condizioni ma con ciottoli e
mattoni
Marciapiede a raso
Ingresso fruibile
(2 porte una dopo l’altra a due battenti ciascuno di cm.65 sempre
aperte, poi un’altra porta larga cm.70 sempre aperta)
SAN GIOVANNI
BATTISTA
Via Emilia Centro
vicino Piazza Matteotti
Aperta solo in occasione di mostre ed esposizioni
con rilevazioni
video degli
accessi
Fu rifatta secondo le sembianze attuali nel 1723, su disegno di Gerolamo Frigamelica Roberti. L’interno è a pianta centrale con una
cupola elissoidale e tre altari. Viene qui custodito lo straordinario
gruppo in terracotta “Deposizione alla Croce” del plastico modenese Guido Mazzoni
Parcheggi disabili 1 posto in largo Sant’Eufemia a 100 mt.
Pavimentazione in buona condizioni
Marciapiede con gradino alto cm.17, disponibile scivolo
Ingresso non fruibile
(2 gradini h.cm.15, porta a due battenti ciascuno largo cm.46)
SAN DOMENICO
con rilevazioni
video degli
accessi
Piazza San Domenico, 13
Telefono 050/222958-219845
Ubicata nel luogo in cui fin dal 1243 i frati Predicatori eressero l’antica chiesa di San Matteo, venne considerata chiesa di corte all’arrivo
degli Este a Modena, nuova capitale del ducato, e collegata al castello da un cavalcavia fin dal 1620. L’antico edificio venne demolito
negli anni 1707-1708 per realizzare l’attuale costruzione.
Parcheggi disabili 1 posto in piazza San Domenico in
zona ZTL e 4 posti in piazza Roma
Pavimentazione in buone condizioni
Marciapiede frubile
Ingresso fruibile con accompagnatore
(1 gradino h. cm.12, porta larga cm.130, seconda porta larga cm.88)
SANTA MARIA
DELLE ASSE
Corso Canalgrande
Vicolo Santa Maria delle Asse
Aperta solo il sabato
con rilevazioni
video degli
accessi
E’ una delle chiese più antiche di Modena. La denominazione delle
Asse si deve ad un ponte di legno che, proprio nel punto dove sorge
la chiesa permetteva l’attraversamento del Canalgrande.
L’interno è semplice ed elegante, mentre le cappelle sono riccamente decorate.
Parcheggi disabili 9 posti in corso Canalgrande
Pavimentazione in buona condizioni
Marciapiede con scivolo
Ingresso non fruibile
(1 gradino h. cm.23 e altri 3 gradini h.cm.15, porta a due battenti
larga cm.220)
SAN VINCENZO
Corso Canalgrande
Visitabile previo accordi telefonando alla Parrocchia di San Biagio
tel. 059/222450
con rilevazioni
video degli
accessi
Costruita nel Seicento dall’Ordine dei Chierici Regolari Teatini.
Nell’ambizioso intento di realizzare il più importante edificio sacro
dei Seicento modenese i Teatini poterono far affidamento sull’appoggio della corte estense e si rivolsero ad architetti e scultori
come Bartolomeo Avanzini o Tommaso Loraghi cui si deve il bel
complesso del tabernacolo e dell’altare maggiore .
La chiesa ospita la Cappella funebre degli Estensi e degli AustroEstensi, fatta costruire da Francesco IV nel 1836 per accogliervi le
spoglie dei duchi sparse in varie chiese di Modena.
Parcheggi disabili 1 posto in corso Canalgrande, davanti
al tribunale
Pavimentazione in cattive condizioni
Ingresso secondario fruibile con accompagnatore
(via Gherarda) Attenzione spesso la rampa è impraticabile
perchè l’accesso è ostruito da automobili
(porta a due battenti ciascuno di cm.65, poi seconda porta di cm.84)
Interno fruibile
(tutto raso e porta di accesso al Pantheon larga cm.85)
SAN BIAGIO
Via Del carmine, 4
tel. 059/222450 - www.sanbiagiomodena.it
La chiesa sorse nel 1319 e fu ricostruita, pur conservandone l’ossatura originaria, su disegno di Cristoforo Malagola detto il Galaverna
nel 1649. L’interno, ad una sola navata, con sei arcate per lato che
ospitano gli altari laterali, presenta una profonda abside. Il coro e la
grande cupola sono dipinti da Mattia Preti.
Parcheggi disabili su viale Caduti in Guerra entro 150 mt.
Pavimentazione in buone condizioni
Ingresso principale fruibile con accompagnatore
(1 gradino h. cm.8 , porta a due battenti ciascuno cm.77, di cui dx
rimane sempre aperto,dopo si trova una seconda porta larga cm.93)
Interno navata centrale fruibile
(gradino di cm.14 prima dell’altare)
Per raggiungere lo spazio da cui ammirare la Cupola di
Mattia Preti, eventualmente, si può richiedere di entrare
dal chiostro e quindi dalla sagrestia dove non ci sono
gradini.
SINAGOGA
Piazza Mazzini
Telefono: 059/223978 Comunità Ebraica,
[email protected], visita solo su appuntamento
con rilevazioni
video degli
accessi
Il tempio israelitico è stato costruito tra il 1869 e il 1873. La sala del
Tempio è a pianta circolare con alte colonne corinzie che sorreggono il matroneo; in un’area sopraelevata rispetto alla sala si trova
l’aron, l’armadio che custodisce i Rotoli della Torah.
Parcheggi disabili in piazza Roma a 200 mt.
Pavimentazione con lastre
Marciapiede con 1 gradino h. cm.8
Ingresso principale non fruibile (da piazza Mazzini)
(3 gradini h. cm.16, porta a due battenti ciascuno cm.85, una seconda porta basculante a due battenti ciascuno cm.70 e dopo si trova
un’altra porta a due battenti ciascuno cm.70, ingresso alla Sala del
Tempio porta a due battenti ciascuna cm.66 )

Documenti analoghi