Visualizza l`articolo

Commenti

Transcript

Visualizza l`articolo
Prìncipi e Princípi: Jabberwocky: l'inferno del traduttore
Condividi
Home page
0
Altro
http://principieprincipi.blogspot.it/2012/09/jabberwocky-linfe...
Blog successivo»
Crea blog
Entra
Chi siamo
DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012
ETICHETTE
Jabberwocky: l'inferno del traduttore
Ale+Ale
Jabberwocky è forse la poesia nonsensical più famosa della letteratura inglese.
Alice la trova ‘al di là dello specchio’ e, mentre la storia che racconta ci appare istintivamente chiara, le
Alice in Wonderland
parole che la compongono sono, per noi, così fuori di senso da risultare di interpretazione
assolutamente e definitivamente ostica.
Andersen
Andrea Rauch
arte
Babalibri
Babele
Biblioteche
Bologna Book
Brunella Baldi
Fair
Cappuccetto
Carolina
rosso
D'Angelo
Chiara Carrer
Sir John Tenniel
concorsi
D’altronde lo dichiara la stessa Alice:
Corraini
Cuccumeo
Daniele Nannini
– Sembra bella ma è piuttosto diffìcile a capire! (Come vedete, non confessava
neanche a se stessa che non poteva comprenderla.) Però mi pare che mi riempia la
testa d’idee... Soltanto non so di che idee si tratti. Certo qualcuno uccise qualche
cosa: comunque sia questo è chiarissimo...
didattica
Esopo
eventi
Festival
Fiabe
Grafica popolare
Scarabottolo
1 di 6
Guido
11/09/12 10:58
Prìncipi e Princípi: Jabberwocky: l'inferno del traduttore
http://principieprincipi.blogspot.it/2012/09/jabberwocky-linfe...
H. H.
Orecchio Acerbo pubblica adesso Jabberwocky con i raffinatissimi disegni di
Raphael Urwiller e la traduzione di Masolino D’Amico: un atto, come definirlo?
d'orgoglio, di sfida, di coraggio, d’incoscienza? Secondo Fausta Orecchio, molto più
semplicemente, un atto di grande apprezzamento per i disegni di Urwiller, talento
giovane francese in bilico tra fumetto, grafica e libro d'artista.
Un Jabberwocky che non sappiamo se aprirà dibattiti ma che crediamo vedrà alzarsi
in piedi molti paladini del politically correct a dichiarare che “questo non è un libro per
bambini.” Perché le parole non sono comuni e il loro senso ci appare tosto e
incomprensibile. Però, come sosteneva Alice, ci mette in testa molte idee, anche se
non riusciamo a capirle appieno.
Illustrazione d'antan
Isola
del Tesoro
Lewis Carroll, Jabberwocky, traduzione di Masolino D'Amico, disegni di Raphael Urwiller, Orecchio
Acerbo, euro 18,00.
laboratori
Jabberwocky
Leo Lionni
Letizia Galli
Libero Gozzini
‘Twas brillig, and the slithy toves
Did gyre and gimble in the wabe;
All mimsy were the borogoves,
And the mome raths outgrabe.
librerie
libri
Libri
recuperati
Maestri
Marco Paci
Mariangela
Cibrario
Maurice Sendak
Maurizio Quarello
minimondi
mostre
Raphael Urwiller
Museo Luzzati
Beware the Jabberwock, my son!
The jaws that bite, the claws that catch!
Beware the Jubjub bird, and shun
The frumious Bandersnatch!
He took his vorpal sword in hand:
Long time the manxome foe he sought
So rested he by the Tumtum tree,
And stood awhile in thought.
Nuages
Octavia
Monaco
Orecchio
Acerbo
piccola
biblioteca immaginario
Pinocchio Pirro
Cuniberti
Premio Andersen
Robert Louis
Roberto
Stevenson
Innocenti
Sarmede
Simone Frasca
Sophie
Fatus
Storie del
Raphael Urwiller
And, as in uffish thought he sstood,
2 di 6
nostro tempo
Tapirulan
Teatro
11/09/12 10:58
Prìncipi e Princípi: Jabberwocky: l'inferno del traduttore
http://principieprincipi.blogspot.it/2012/09/jabberwocky-linfe...
The Jabberwock, with eyes of flame,
Came whiffling through the tulgey wood,
And burbled as it came!
Tiziana Roversi
Topipittori
Treno di Bogotà
One, two! One, two! And through and through
The vorpal blade went snicker-snack!
He left it dead, and with its head
He went galumphing back.
ARCHIVIO BLOG
▼ 2012 (171)
▼ settembre (5)
Librinchiostro: piccola editoria a
Lugo
Jabberwocky: l'inferno del
traduttore
Satira e politica: la moralità di
Scalarini
Stepan Zavrel: costruirsi una
casa
Illustrazione d'antan. 6. Arthur
Rackham
▶ agosto (6)
▶ luglio (15)
▶ giugno (12)
Raphael Urwiller
▶ maggio (22)
▶ aprile (27)
And hast thou slain the Jabberwock?
Come to my arms, my beamish boy!
O frabjous day! Callooh! Callay!
He chortled in his joy.
'Twas brillig, and the slithy toves
Did gyre and gimble in the wabe;
All mimsy were the borogoves,
And the mome raths outgrabe.
Difficile sempre, Jabberwocky diventa un campo addirittura minato per il traduttore
che dovrebbe tener conto del senso delle parole, delle loro deformazioni vernacolari,
della comprensibilità generale.
L’edizione ancor oggi forse fondamentale del ciclo di Alice, redatta e chiosata da
Martin Gardner, tradotta da Masolino D’Amico per Longanesi nel 1971, si dilunga
sul Jabberwocky con sette pagine di note, spulciando e sezionando ogni parola,
ricercandone gli etimo e i suoni in una puntigliosa e quasi funambolica ricerca della
quadratura del cerchio.
Molte delle parole, lo certifica lo stesso Lewis Carroll, sono la ricomposizione e la
sintesi fonetica di altre parole che, cambiando il suono, assumono nuovi significati
mediani.
▶ marzo (27)
▶ febbraio (29)
▶ gennaio (28)
▶ 2011 (242)
NEWSLETTER
Iscriviti alla newsletter del blog
mandando una e-mail a:
[email protected]
con il tuo nome e cognome
specificando nell'oggetto
Iscrizione newsletter blog
LETTORI FISSI
Un inferno per il traduttore che, alla fine di tutto, dovrebbe anche preoccuparsi di
rendere il ritmo metrico del nonsense. Inferno lastricato comunque di ottime
intenzioni se è vero che traduzioni del Jabberwocky, come ci attesta Wikipedia, sono
leggibili in tutte le lingue principali del mondo.
Sempre in Attraverso lo specchio, sarà Humpty Dumpty ad avventurarsi in una
spiegazione ‘letterale’ della prima strofa del nonsense.
Riportiamo il brano nella traduzione di Silvio Spaventa Filippi, perché la predetta
versione di Masolino D’Amico, molto filogicamente precisa, introduce nel testo
italiano tutte le parole inglesi rendendo in qualche misura faticosa e poco scorrevole la
lettura.
3 di 6
11/09/12 10:58
Prìncipi e Princípi: Jabberwocky: l'inferno del traduttore
http://principieprincipi.blogspot.it/2012/09/jabberwocky-linfe...
Sir John Tenniel
– Sentiamola, – disse Humpty Dumpty. – Io posso spiegare tutte le poesie che sono
state scritte... e molte che non sono state scritte ancora.
Questo sonava molto attraente, e Alice ripetè la prima strofa:
S’era a cocce e i ligli tarri
girtrellavan nel pischetto,
tutti losci i cincinarri
suffuggiavan longe stetto.
– Basta per cominciare, – interruppe Humpty Dumpty: – qui vi sono molte parole
difficili. “Cocce” significa le dieci della mattina, l’ora in cui si comincia a cuocere i cibi
per la colazione.
– Bene, – disse Alice, – e “ligli”?
– Ligli significa agile e limaccioso.“Li” è lo stesso che “attivo”. Due significati in una
parola sola.
– Ora comprendo, – osservò Alice pensosa, – e che sono i “tarri?”
– “Tarri” sono degli esseri simili ai tassi... alle lucertole... e ai cavaturaccioli.
– Che creature strane che debbono essere!
– Sì, – disse Humpty Dumpty, – e fanno i nidi sotto le meridiane e vivono di
formaggio.
– E che vuol dire “girtrellare”?
– Girtrellare vuol dire ruotare come un giroscopio e far buchi come un trapano.
– E il pischetto?
– La zolla d’erba intorno alla meridiana. È detta pischetto perché si espande un po’
innanzi e un po’ dietro la meridiana...
– E un po’ da ogni lato, – aggiunse Alice.
– Appunto. “Losci” poi vuol dire deboli e miserabili (ecco un’altra parola con due
significati... come un portamonete con due tasche). E “cincinnarro” è un uccellino con
le piume piantate come
aculei intorno intorno al corpo; una specie di strofinaccio vivo.
– E “suffuggiare”? Mi dispiace di darvi tanto disturbo.
– Vuol dire qualche cosa tra muggire e fischiare, con una specie di starnuto in mezzo:
però tu lo sentirai fare... nel bosco laggiù, forse; e quando l’avrai sentito, sarai
contenta. “Longe stetto.” Non
ne sono certo, ma mi pare voglia dire lontano senza tetto. Stetto, senza tetto... per
dire che avevan smarrita la strada. Chi è che t’ha ripetuto tutto questo brano
difficilissimo?
(traduzione di Silvio Spaventa Filippi)
Avevamo usato la versione di Spaventa Filippi per la nostra edizione di Attraverso
lo Specchio e, confessiamo che la motivazione principale della scelta era stata la
facilità con cui il traduttore aveva saputo rendere, nell’arco di tutto il libro, le
filastrocche, i limericks e i nonsense che lo infarciscono. Ma Spaventa Filippi era
stato il primo direttore del Corriere dei Piccoli: come dire che di ottonari se ne
intendeva parecchio.
Giabervocco
4 di 6
11/09/12 10:58
Prìncipi e Princípi: Jabberwocky: l'inferno del traduttore
http://principieprincipi.blogspot.it/2012/09/jabberwocky-linfe...
S’era a cocce e i ligli tarri
girtrellavan nel pischetto,
tutti losci i cencinarri
suffuggiavan longe stetto.
Figlio attento al Giabervocco:
ha gli artigli ed ha le zanne,
ed attento, attento al Tocco,
e disprezza il frumio Stranne!
Egli prese in man la spada,
da gran tempo lo cercava,
e sull’albero di nada
in pensiero riposava.
Mentre stava sì in pensiero
ecco il Giabervocco appare
per il bosco artugio e fiero
tutte alunche fiamme pare.
Uno e due! Ecco che fa
l’itra spada zacche, zacche.
L’erpa testa ei lascia, e va
galonfando pel pirracche.
“Hai ucciso il Giabervocco!
Vieni, figlio, che t’abbracci,
vieni, figlio, al bardelocco
dei dì lieti di limacci!”
S’era a cocce e i ligli tarri
girtrellavan nel pischetto,
tutti losci i cencinarri
suffuggiavan longe stetto.
(traduzione di Silvio Spaventa Filippi)
Pubblicato da Prìncipi e Princípi a 22:40
Consiglialo su Google
Etichette: Alice in Wonderland, Jabberwocky, Lewis Carroll, Masolino D'Amico, nonsense, Orecchio
Acerbo, Raphael Urwiller, Silvio Spaventa Filippi
Nessun commento:
Posta un commento
Inserisci il tuo commento...
Commenta come:
Pubblica
Seleziona profilo...
Anteprima
Post più recente
Home page
Post più vecchio
Iscriviti a: Commenti sul post (Atom)
5 di 6
11/09/12 10:58