(Microsoft PowerPoint - TEAM DELL\222INNOVAZIONE DIGITALE

Commenti

Transcript

(Microsoft PowerPoint - TEAM DELL\222INNOVAZIONE DIGITALE
TEAM DELL’INNOVAZIONE DIGITALE
SCUOLA PRIMARIA:
4 – Castellana Grotte – ITIS “Luigi Dell’Erba”
Teacher:: Maria Addolorata Deleonardis
Esperta in Didattica assistita dalle nuove tecnologie
(Specializzazione conseguita presso il Politecnico di Milano)
Dropbox è un servizio di cloud storage che permette di
archiviare i propri file su uno spazio online e di
sincronizzarli automaticamente su qualsiasi tipo di
device. È compatibile con Windows, Mac OS X, Linux e
con tutte le principali piattaforme del mondo mobile:
Android, iOS e Windows Phone. Questo significa che è
possibile avere documenti, foto, brani musicali e
qualsiasi altro tipo di file sempre a portata di mano e che
le modifiche vengono applicate automaticamente su tutti
i dispositivi. Basta installare la app di Dropbox ed
effettuare l’accesso a quest’ultima usando le proprie
credenziali.
Le cartelle e i file conservati su Dropbox sono privati,
possono essere visualizzati e modificati solo dal
legittimo proprietario, ma all’occorrenza possono essere
condivisi anche pubblicamente.
Google Drive è un servizio, in ambiente cloud computi
di memorizzazione e sincronizzazione online introdo
da Google nel 2012. Il servizio comprende il file hosti
il file sharing e la modifica collaborativa di docume
inizialmente fino a 15 GB gratuiti.
Il servizio può essere usato via Web, caricando
visualizzando i file tramite il web browser, oppure tram
l'applicazione installata su computer e device
Le funzionalità offerte sono molte e, oltre a numer
opzioni per la condivisione e la collaborazione in R
comprendono anche una suite di strumenti dedic
all'editing dei documenti, che permette la modif
online di testi, fogli di calcolo e presentazioni.
M EDIA SOCIALI
CHE METTONO IN COM
OMUNICAZIONE E RELAZION
CONDIVISIONE DI STATO
M EDIA SOCIALI
Servizio di rete sociale lanciato il 4 febbraio 2004,, basato su una piattaforma software scritta in vari
linguaggi di programmazione.
Il sito, fondato ad Harvard negli Stati Uniti da Mark Zuckerberg e dai suoi compagni di università, era
originariamente progettato esclusivamente per gli studenti dell'Università
dell'
di Harvard, fu presto aperto
anche agli studenti di altre scuole della zona di Boston e successivamente anche agli studenti delle scuole
superiori e a chiunque dichiarasse di avere più di 13 anni di età.
Da allora Facebook raggiunse un enorme successo diventando il secondo sito più visitato al mondo dopo
Google; ha cambiato profondamente molti aspetti legati alla socializzazione e all'interazione tra individui,
sia sul piano privato che quello economico e commerciale. È disponibile in oltre 70 lingue e ad aprile 2016
contava circa 1,65 miliardi di utenti attivi mensilmente, classificandosi come primo servizio di rete sociale
per numero di utenti attivi.
Il nome "Facebook"" prende spunto da un elenco con nome e fotografia degli studenti, che alcune università
statunitensi distribuiscono all'inizio dell'anno accademico per aiutare gli iscritti a socializzare tra loro.
M EDIA SOCIALI
Twitter è un servizio gratuito di social networking e microblogging, creato nel
marzo 2006 a San Francisco, che fornisce agli utenti, attraverso l'omonima
piattaforma, una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con
lunghezza massima di 140 caratteri (116
(
nel caso si inserisca un link o
un'immagine). Gli aggiornamenti di stato possono essere effettuati tramite il sito
stesso, via SMS, con programmi di messaggistica istantanea, posta elettronica.
Il nome "Twitter" deriva dal verbo inglese to tweet che significa "cinguettare".
Tweet è anche il termine tecnico degli aggiornamenti del servizio. I Tweet che
contengono esattamente 140 caratteri vengono chiamati Twoosh. Gli
aggiornamenti sono mostrati nella pagina di profilo dell'utente e comunicati agli
utenti che si sono registrati per riceverli.. È anche possibile limitare la visibilità
dei propri messaggi oppure renderli visibili a chiunque.
M EDIA SOCIALI
Google+ è una rete sociale gratuita creata da Google Inc. nel 2011.
Google+ include importanti novità rispetto ad altre reti sociali più affermate, introducendo nuovi contenuti
multimediali, infatti offre la possibilità di avviare sessi
ssioni audio e video, tramite ad esempio i "videoritrovi"
(chiamati hangouts), stanze virtuali dove è possibile condividere video e parlare allo stesso tempo con tutti i
componenti presenti all'interno, tramite microfono e webcam.
webcam Sempre tramite la chat gli utenti hanno la
possibilità di scambiarsi file.
Google+ presenta delle varianti e delle nuove funzionalità che lo contraddistinguono da altri social network.
Il sistema dei contatti è organizzato e suddiviso in "cerchie
cerchie" ("circles") liberamente creabili e modificabili
dall'utente. In modo predefinito sono già presenti cerchie denominate "amici",
"
"conoscenti", "lavoro",
"famiglia", "persone che seguo".
". Tale sistema mira a realizzare un buon livello di privacy.
Agendo sulle impostazioni è quindi possibile limitare la diffusione dei dati personali, di qualsiasi notizia o
pubblicazione, alle varie cerchie.
Un'altra importante funzione di Google+ è detta "Spunti" ("Sparks").
("
Questa funzione permette di creare dei
feed semplicemente dopo aver inserito in un box l'argomento interessato. Si creerà un flusso di contenuti
inerenti all'argomento scelto, che saranno poi condivisibili con i nostri amici.
[1]
M EDIA SOCIALI
CHE METTONO IN COM
OMUNICAZIONE E RELAZION
CONDIVISIONE DI IMMAGINI
Flickr è un sito web multilingua, di proprietà del
gruppo Yahoo!, che permette agli iscritti di condividere
fotografie personali. nato come strumento per ospitare
le proprie immagini da pubblicare su altri siti, ha avuto
grande successo grazie al fenomeno dei blog. In seguito
si è evoluto, diventando esso stesso una comunità
virtuale grazie ai gruppi tematici ed ai forum; anche
grazie alla crescita tecnologica ed al largo numero di
strumenti fotografici, viene utilizzato per raccogliere la
digigrafia della propria vita e rimanere aggiornati su
quella dei propri conoscenti ed amici.
Picasa è un software grafico per organizzare e modificare fotografie digitali e video.
Nel luglio 2004 Google ha acquisito Picasa da Idealab. Il programma faceva parte del pacchetto
Google Pack..
Picasa cerca le fotografie presenti sugli hard disk del proprio computer e le organizza in un
database per una rapida ricerca. Sono presenti alcuni strumenti per aggiungere effetti alle
immagini e correggerle (luminosità, contrasto ecc.) manualmente o in modo completamente
automatico, grazie alla funzione "Mi sento fortunato". Con lo stesso editor è possibile
aggiungergli effetti; prima di ogni modifica, Picasa, crea una copia della foto di backup.
È possibile creare Slideshow (presentazioni) di immagini, masterizzarle su CD e DVD, stamparle
in vari format
ati, creare filmati, screensaver e poster. Con le ultime versioni è possibile caricare su
uno spazio web di photosharing fornito da Google le proprie fotografie e condividerle con altri
utenti nei cosiddetti Web Album. Nelle ultime versioni Picasa ha implementato una tecnologia di
riconoscimento facciale, adesso presente anche in Google Foto che permette di taggare se stessi e
i volti dei propri amici agevolandone la ricerca in tutta la raccolta foto.
Infine permette di sincronizzare le foto su internet.
M EDIA SOCIALI
CHE METTONO IN COM
OMUNICAZIONE E RELAZION
CONDIVISIONE DI VIDEO IN DIRETTA E/O REGISTRATI
YouTube è una piattaforma web, fondata il 23
aprile 2005, che consente la condivisione e
visualizzazione in rete di video (video sharing).
Gli utenti possono anche votare e commentare i
video. Sul sito è possibile vedere il videoclip,
trailer, video divertenti, notizie, slideshow e altro
ancora. Di proprietà di Google Inc. dal 10 ottobre
2006, è il terzo sito web più visitato al mondo, alle
spalle di Google e Facebook.
Vimeo è un sito di rete sociale video di proprietà di IA
lanciato nel novembre 2004.
Caratteristica fondamentale di Vimeo è che non consente
pubblicazione di video pornografici o qualsiasi opera che
sia stata creata unicamente dall'utente; in questa maniera il
si pone come una vetrina internazionale per registi e crea
consentendo la possibilità di condividere e pubblicare video
altri siti e commentarli. È stato il primo sito della sua categ
a consentire il caricamento di video in alta definizione.
M EDIA SOCIALI
CHE METTONO IN COM
OMUNICAZIONE E RELAZION
CONDIVISIONE DI DOCUMENTI
SlideShare
("Condivisione
di
presentazioni") è un servizio Web 2.0
che ospita "presentazioni"( slide). Gli
utenti
possono
caricare
file
privatamente o pubblicamente nei
seguenti formati: PowerPoint, PDF,
Keynote
o
OpenDocument.
Le
presentazioni possono essere viste sul
sito stesso, su dispositivi mobili o
incapsulati in altri siti internet
[1] iPaper
Scribd è un servizio per la
condivisione di documenti, gestito
tramite un sito web, che permette
agli utenti di caricare documenti di
vari formati: i documenti sono
incorporati in una pagina web
usando il formato iPaper [1]. Nel
gennaio 2009 Scribd poteva
contare mensilmente oltre 50
milioni utenti e più di 50.000
documenti caricati ogni giorno.[
Issuu è un servizio web che permette
di caricare documenti digitali (come
portfolio, libri, riviste, giornali, e altri
media stampati) per la visualizzazione
realistica, e la loro modifica.
Si integra con i siti di reti sociali per
permettere
la
promozione
del
materiale caricato. Il servizio di Issuu
è comparabile a quello che fa Flickr
con la condivisione di foto o YouTube
con la condivisione di video.
è un complesso formato per documenti simile al PDF,, realizzato per l'utilizzo sul web, che permette agli utenti di incorporare documenti in una pagina web. iPaper è stato
realizzato con Adobe Flash, cosa che gli permette di essere visibile su diversi sistemi operativi (Windows, Mac OS X e Linux) senza dover effettuare alcuna conversione.
S TRUMENTI TECNOLOGICI
IPAD, TABLET E SURFACE
NOTEBOOK
PHABLET
PC DESKTOP ED ALL IN ONE
FOTOCAMERE & VIDEOCAMERE
TECNOLOGIE PER LA
DIDATTICA
LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE
La lavagna interattiva multimediale,
multimediale detta anche L.I.M. o
lavagna elettronica,
elettronica è una superficie interattiva su cui è
possibile scrivere, disegnare, allegare immagini, visualizzare
testi, riprodurre video o animazioni.
TECNOLOGIE PER LA
DIDATTICA
VIDEOPROIETTORE
Un videoproiettore è l'apparecchio elettronico per la visualizzazione del vid
che esegue tale visu
isualizzazione su una superficie qualsiasi attraverso un proce
di proiezione utilizzante la luce. Si contrappone al monitor che esegue invece
tale visualizzazione
one non su una superficie qualsiasi ma su una propria superfi
Normalmente laa vvisualizzazione del video avviene su quello che è chiamato
schermo per videoproiettore il quale possiede caratteristiche adatte a tale
visualizzazione.
I videoproiettori vengono anche usati nel campo scolastico, attraverso
l'uso delle lavagne interattive multimediali e ultimamente, con la nascita
del cinema digitale,
digitale videoproiettori specificatamente progettati per il
cinema.
(it.wikipedia.org)
FLIPPED CLASSROOM
FLIPPED CLASSROOM
La “classe rovesciata” o “classe capovolta” è nataa nnegli Stati Uniti circa sette anni fa, grazie all’iniziativa di
due docenti di scienze e chimica: Jonathan Bergmann e Aaron Sams. Jonathan ed Aaron non insegnano in un
grande campus, ma in una high school in Colorado, una piccola realtà rurale.
A causa delle partite delle varie squadre delle scuola,
la, e di altre attività, o per le malattie, gli studenti saltavano u
sacco di lezioni importanti. I due insegnanti si domand
ndavano come potessero fare per evitare che i loro ragazzi
rimanessero indietro, quando un giorno SAMS trovò la risposta in una rivista di tecnologia: esisteva un software
che permetteva di registrare voce ed annotazioni sopra ad una presentazione in PowerPoint.
Nel 2007 YouTube non aveva raggiunto la popolarità
rità di oggi, ma i due provarono a registrare una lezione ed a
condividerla con i loro studenti. Avevano appena creato la flipped classroom.
Gli
Gli studenti guardarono a casa la lezione registrata ed arrivavarono in classe già preparati, pronti
per fare esperienze laboratoriali, ma anche con que
uesiti che approfondivano quanto avevano visto il giorno
prima
.
Organizzazione della “Classe capovolta”
Nella didattica della “Classe capovolta” i banchi vanno disposti in
funzione del lavoro dei vari gruppi e pertanto in forma modulare in base al numero di alunni per classe.
Occorre inoltre :
una LIM o un video proiettore interattivo con adeguato PC;
un TABLET o SMARTPHON e per ogni alunno;
alunno
un breve corso di formazione di base (almeno 4 h) sia per i docenti che per gli alunni sull’utilizzo in
classe del Tablet o Smartphone, della LIM, della Piattaforma informatica di base prescelta, quale ad esempio,
una pagina di Facebook, Fidenia, Blendspace condivisa da docenti, alunni e genitori di ogni singola classe,
previa password.
BLENDSPACE
È UN SOFTWARE WEB-BASED CIOÈ UN
PROGRAMMA IN CUI TUTTE LE FUNZIONI SONO
ACCESSIBILI CON UN NORMALE WEB-BROWSER
BROWSER
Blendspace.com è un sito che richiede una
registrazione gratuita. Una volta entrati si possono
creare lezioni multimediali con titoli e sottotitoli,
assemblando testi, video, immagini, ppt, link, file
caricati dal proprio PC, da Dropbox o da
GoogleDrive. Non a caso la traduzione letterale del
nome del sito è “spazio miscela”.
Inoltre c’è anche l’opzione add quiz per realizzare
test a risposta chiusa.
IPERMEDIA E IPERMEDIALITÀ
Ipermedia - ipermedialità
TESTO, IPERTESTO, IPERMEDIA
Quando consultiamo un libro, la classica lettura utilizzata è sequenziale: leggiamo sempre in modo unidirezionale
unidimensionale.
Tuttavia, a volte, sottolineiamo e appuntiamo alcuni conc
oncetti al fine di comprenderli meglio: in questo caso il nostr
comportamento è di tipo ipertestuale.
L'ipertesto è un documento attraverso il quale è possibile
ile passare da un'informazione all'altra in modo semplice e
immediato mediante collegamenti ipertestuali, conosciuti con la parola inglese link.
L'ipermedialità utilizza simultaneamente più media, inte
tegrandoli in un unico oggetto comunicativo: testi, immagin
suoni, filmati, animazioni, ecc.
Il web diventa quindi una sorta di “repertorio”” di ipertesti;.
ipertesti
Ogni oggetto mediale è interdipendente dagli altri, ed è descritto da una tag, ossia da una etichetta che collega gli
oggetti in insiemi. In questo modo chiunque è in grado di utilizzare e riorganizzare schemi a seconda
della propria necessità di ricerca, attingere e produrre conoscenza, realizzando la cosiddetta saggezza della folla.
Il Learning Management System è una piattaforma che organizza i media, chiamati Learning Objects in insiemi
indirizzati alla formazione, un courseware fruibile a scopo formativo.
Ipermedia e scuola
LE PRESENTAZIONI IPERMEDIALI: VANTAGGI E SVANTAGGI
Le presentazioni ipermediali sono rese possibili, oltre che dal computer, dalla diffusione di nuove e potenti
apparecchiature: CD-ROM, DVD,, scanner, WEB camere, Netbook, Tablet, Smartphone.
La presentazione ipermediale può avere vantaggi e svantaggi.
Vantaggi
Svantaggi
•l'utente
l'utente è libero di cercare e approfondire informazioni in modi differenti;
•necessità di strumenti informatici;
•ha a disposizione enormi quantità di informazioni;
•disorientamento a causa di molti lin
•i documenti possono essere aggiornati con facilità;
•gli utenti che navigano con rapidità
•dispone della rapidità delle informazioni;
leggono i testi.
•dispone
dispone della compresenza di vari codici comunicativi;
•possiede informazioni non isolate ma collegate;
•percorsi
percorsi di lettura e apprendimento personalizzati e molto articolati;
•stile
stile cognitivo orientato alla ricerca e alla rielaborazione del sapere;
[1]
Def : letteralmente “insegnamento capovolto” . Questa metodologia di insegnamento trasferisce la responsabilità e la titolarità dell’apprendimento dal docente agli studenti.
Quando gli studenti hanno il controllo su come apprendono i contenuti, sul ritmo del loro apprendimento, e su come il loro apprendimento
ap
viene valutato, l’apprendimento
appartiene a loro. Gli insegnanti diventano guide per comprendere piuttosto che dispensatori di fatti, e gli studenti diventano
diventa discenti attivi piuttosto che contenitori di informazioni.
Ipermedia e scuola
L’INSEGNANTE diventa “REGISTA discreto” del processo educativo-didattico
educativo
in atto.
Il suo ruolo è quello di:
- coordinare le diverse attività
- Interagire con i propri studenti nelle fasi di co-decisione
co
- Responsabilizzare lo studente, facendolo sentire parte attiva del progetto.
LAVORO COLLABORATIVO
La costruzione collaborativa di un ipermedia,
introduce anche nuovi elementi al processo didattico-educativo:
didattico
-l’interdipendenza tra i diversi soggetti come co-costruttori
costruttori di conoscenza;
uso degli ipermedia nella didattica
-la condivisione e la ripartizione dei compiti;
-la gestione del gruppo;
uso di prodotti già
pronti per la fruizione
-il valore aggiunto proprio della collaborazione.
progettazione e costruzio
degli ipermedia
individuale
in presenza
collaborativa
a distanz
C DD
LEARNIG OBJECT
C DD
LEARNIG OBJECT
(diffusamente L.O. dal relativo acronimo)
acronimo
Oggetto didattico - contenuto digitale, risorsa digitale
Che cosa è un learning object?
unità di istruzione risorsa digitale talvolta multimediale
per l’apprendimento
Autoconsistenza obiettivo singolo o univoco
Autoconsistenza:
caratteristiche specifiche:
Modularità: aggregabile con altri L.O.
reperibilità: marcatura dei metadati
riusabilità
Interoperabilità: funziona su più piattafome
C DD
LEARNIG OBJECT
- consentono la possibilità di impiego in contesti diversi
metafora dei mattoncini di LEGO
per descrivere i LO
o delle molecole
- offrono gli incastri naturali per una ricomposizione infinita di entità più complesse.
Un LO è quindi un elemento indipendente dal contesto di creazione e di utilizzo,
utilizzo che si può aggregare ad altri
costruendo di volta in volta diverse unità didattiche che rispondano ad esigenze formative specifiche.
E BOOK E L IBRI DIGITALI
CARATTERISTICHE
TOUCH--SCREEN
TOUCH
DISPLAY
Con alto numero di PPI (cioè di
punti per pollice). Maggiore è il
numero dei PPI e maggiore è il
livello di definizione dei
contenuti su schermo.
KINDLE
TOLINO
EBOOK READER
KOBO
SONY
Alcuni modelli hanno touchscreen, altri ne sono sprovvisti.
Ma a cosa serve un touch-screen
nell’ambito degli ebook reader?
Ad esempio a sfogliare le pagine,
evidenziare i testi o selezionare i
contenuti su schermo, ecc.
Ormai tutti i principali modelli di
ebook reader sono touch, e
funzionano piuttosto bene, ma ci
sono anche degli utenti che
preferiscono farne a meno per
evitare interazioni involontarie
con il display.
ILLUMINAZIONE
gli
ebook
reader
di
fasc
media hanno un sistema
illuminazione dello schermo c
permette di leggere anche al bui
Non si tratta di un sistem
a retroilluminazione, come quel
usato su smartphone e tablet, ma
un’illuminazione diretta del displ
(per giunta regolabile) che n
affatica la vista. Gli ebook reader
fascia alta dispongono anche di
sensore di luminosità in gra
di regolare automaticamente il livel
di luminosità dello schermo in ba
alla luce dell’ambiente circostante.
COSA SAPERE SU
EBOOK READER
•L’importanza della connessione Internet – la maggior
parte degli ebook reader si può collegare a Internet in WiFi. Ciò permette di scaricare libri senza passare per il
computer, controllare le definizioni dei termini sulle
enciclopedie online e condividere contenuti sui social
network. Alcuni modelli “premium” supportano anche la
connessione in 3G, ma si tratta di una funzione tutt’altro
che fondamentale. Se vuoi risparmiare, puoi
comprare un ebook reader economico senza
connessione Internet ma – ti avverto – per utilizzarlo
dovrai scaricare i libri sul PC e a trasferirli
“manualmente” sul device.
•Memoria – i libri elettronici non occupano molto
spazio, non sono “pesanti” in termini di MB, ma
prima di acquistare un ebook reader è
comunque opportuno verificare la capacità di
archiviazione del dispositivo. Anche perché molti di
questi device non offrono la possibilità di espandere la
memoria tramite schede SD esterne.
•Store e servizi associati – quando si sceglie un ebook reader
si sceglie anche un sistema di servizi e applicazioni ad esso
associati. Tali “ecosistemi” sono composti dai negoz
digitali che utilizziamo per acquistare i libri sugli ebook reade
(es. Amazon per i Kindle o Mondadori Store per i Kobo), l
applicazioni che ci permettono di sincronizzare i nostri ebook
su smartphone e tablet e altri servizi più o meno utili tesi
semplificare la nostra vita. Ma, anche se estremament
comodi, questi “ecosistemi” sono quasi sempre chiusi. Questo
significa che, per esempio, se si acquista un libro su Kindl
Store bisogna leggerlo per forza su un dispositivo Kindle o su
una app ufficiale di Kindle.
•Formati di file supportati – i libri digitali possono
essere in vari formati: PDF, ePub, AZW, Mobi ecc. La
maggior parte degli ebook reader è in grado di
leggerli tutti senza problemi, ma ci sono delle
“eccezioni
eccellenti”.
I
Kindle
di
Amazon, ad esempio, non consentono l’apertura dei
file ePub. Per ovviare al problema bisogna scaricare un
software di conversione degli ebook (es. Calibre) sul
PC e convertire i file ePub in formati “digeriti” dal
Kindle (es. AZW o Mobi).
I PRINCIPALI READER’S
E BOOK READER
Lettore di libri elettronici
Amazon Kindle utilizza un formato
proprietario. Che cosa significa?
Significa che il formato venduto da
Amazon è disponibile solo per
Amazon. I tipi di file supportati, però,
sono:
PDF,
MOBI,
AZW,
DOC/DOCX, RTF e TXT. Una
piccola chicca – che non tutti
conoscono – riguarda il trasferimento
dei libri su Kindle via email. Ad ogni
Kindle è associato un indirizzo di
posta elettronica e, all’occorrenza, è
possibile sfruttare quest’ultimo per
inviare dei libri al lettore senza
collegarlo fisicamente al computer.
App di lettura
Il Kobo eReader è un ereader prodotto da Toronto based
Kobo
Inc.
Il
nome
dell'azienda è un anagramma di
"libro". La versione originale è stato
pubblicato nel maggio 2010 e è
stato commercializzato come un
minimalista
alternativa
ai
più
costosi e-book lettori disponibili al
momento.Come la maggior parte ereader,
il
Kobo
utilizza
una
schermata
di
inchiostro
elettronico. Le versioni tablet LCD
sono stati rilasciati tra il 2011 e il
2013.
Adobe Reader
https://get.adobe.com/it/reader/
Adobe Acrobat Reader, è uno dei
software
più
popolari
per
la
visualizzazione e la gestione dei file in
formato PDF. Considerando il fatto che
molti eBook disponibili su Internet
sono pubblicati proprio in formato PDF,
questo software può fare davvero al
caso dei lettori che amano sfogliare e
leggere libri digitali davanti allo
schermo del PC. È molto facile da
utilizzare e include una vasta gamma
di funzioni, alcune basilari, come ad
esempio l’evidenziatore, l’aggiunta di
firme e l’esportazione dei PDF in file di
testo semplici, altre avanzate.
eBook Reader anche per telefonin
supporta files nei formati epub, htm
fb2 (FictionBook).
Si tratta di uno dei più com
programmi per ebook gratuiti ed
source. Disponibile anche in li
italiana, offre in un unico pacchetto
soluzione essenziale ma efficace
leggere i libri in tutti i princ
formati digitali (ePub, fb2, plu
Mobipocket, oeb, OpenReader, ztx
pdf, ecc.), scaricare ebook dispo
gratuitamente ed organizzare la pr
libreria digitale. Il programma è m
piattaforma e disponibile anche
per dispositivi mobili, come gli
smartphone Android.
COSA POSSIAMO FARE
EDITOR’S
Editor
gratuito
di
ebook
in
formato epub e contenuti digitali per
l'editoria, la formazione e la didattica.
http://www.epubeditor.it/home/home/
SIGIL
Editor open source per e-book ePub
Applicazione multipiattaforma distribuita per
le piattaforme Microsoft Windows, Mac OS
X e Linux sotto la licenza GNU GPL.
Supporta sia l'editing WYSIWYG che quello
code-based
dei
file
ePub,
come
l'importazione di file HTML e di file di testo.
http://sigil.it.uptodown.com/
E BOOK
PUBBLICAZIONI
Servizio web che permette di caricare
documenti digitali per la visualizzazione
realistica, e la loro modifica. Si integra
con i siti di reti sociali per permettere la
promozione del materiale caricato. Il
servizio è comparabile a quello che fa
Flickr con la condivisione di foto o
YouTube con la condivisione di video.
https://issuu.com/
Piattaforma per pubblicazione di
riviste
digitali,
pubblicazioni
interattive e cataloghi on-line.
Conversione di documenti in
pubblicazioni da condividere in tutto
il mondo.
http://it.calameo.com/
GESTIONE
Gestore di libri elettronici (eBook). Può
essere usato per organizzare la libreria,
convertire i libri in vari formati e
connettersi con un lettore eReader.
http://calibre-ebook.com/
http://calibre-ebook.com/download
L IBRI DIGITALI
Didapages
http://www.softwaredid
attico.org/files/didapag
es_win8.zip
GUIDA pdf
Il mio (audio)libro
http://www.elementari-edintorni.it/programmi/audiolibro.htm
TUTORIAL pdf
http://www.educa.jccm.es/recur
sos/es/cuadernia/editor
sos/es/cuadernia/editorcuadernia/aplicacion-cuadernia
cuadernia
TUTORIAL pdf
Primi Libri
Primi Libri Illustrati
http://www.vbscuola.it/downlo
ad/ssbroggio/Primi_Libri_7.exe
Presentaz. htm
CreaLibro
http://www.leonardo
ausili.it/comarchivio/
SetupCreaLibro.zip
Youtube
MANUALE pdf
Lo scopo di Immensola è
diffusione gratuita delle
opere letterarie. Immenso
offre una mensola virtual
popolare con i migliori c
della nostra bella letterat
italiana (e non solo).
http://www.freeonline.org/
sitogratis/immensola.html
IL MIO LIBRO
http://www.lacartellabella.com/Tecnoinclu
sion/IL%20MIO%20LIBRO_software.zip
http://www.lacartellabella.com/Tecnoinclu
sion/IL%20MIO%20LIBROBIG_sw.zip
http://www.lacartellabella.com/f
iabe/RACCONTAMI%20UNA
%20STORIA.zip
MANUALE htm
TUTORIAL swf