INQUIETUDINE Nella notte di fuoco buia la mente vaga incessante

Commenti

Transcript

INQUIETUDINE Nella notte di fuoco buia la mente vaga incessante
INQUIETUDINE
Nella notte di fuoco
buia la mente vaga incessante
alla ricerca di Te, Signore.
Dove sei mio Dio? Perché non mi parli?
Rispondi al mio grido, Tu solo puoi,
sono pur sempre tuo figlio da Te voluto
per un fine che ancora ignoro
al declinare del mio umano cammino.
Figlio di un Dio muto
a Te grido, fragile e affranto,
la mia pena, i tormenti della mia anima.
Svelami, Padre, il tuo volere
segna la mia via con tratto sicuro
nel lampo fugace di questo scorcio di vita
prima dell’atteso abbraccio
e della pienezza di luce sul tuo mistero.
Dio del silenzio e della quiete,
è in Te il riposo dell’anima mia.
Dio dell’amore e della gioia
smetterò in Te di patire.
Dio della concordia e della pace
in Te sarò con tutti riconciliato.
Forse esigi da me un prezzo più alto
una prova che non riuscirei ora ad affrontare.
Forse il tuo silenzio è per forgiarmi
alle asprezze d’un maggior sacrificio
ad espiazione di colpe lontane o ignote.
Forse vuoi rendermi avvezzo
alla solitudine dell’ultimo anelito,
me che già lasciasti solo nella vita
privato d’altri affetti di là dal tuo amore.
Dio mio, dammi forza e coraggio, non mi abbandonare.
Dio della misericordia, abbi di me pietà.
Dio glorioso, sia sempre fatta la Tua volontà.
Paolo Marino (Salerno)