Programma di viaggio - Parigi

Commenti

Transcript

Programma di viaggio - Parigi
UNI EN ISO 9001:2008
«Ajoutez deux lettres à Paris: c'est le paradis… » (Jules Renard)
PARTENZA: 08/10/12
RIENTRO: 28/10/12
DOCENTI ACCOMPAGNATORI:
1.
2.
DI MAURO VINCENZA
SAULLE
ELVIRA
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
ARENARE
DE LUCA
DI SPIRITO
GERUNDO
GIAMMARINO
GRECO
LAVEGLIA
LIONE
MAROTTA
PAPARELLA
PELLEGRINO
PELUSO
QUINTIERO
VALIONI
VERGATI
LUIGI
MARZIA
ARIANNA
LUIGI
ALESSANDRA
CATERINA
CONCETTA
SABRINA
MARIA
CARMEN
GIUSEPPE
GIUSEPPE
MARIATERESA
FABRIZIO
NATASCHA
DOCENTI ACCOMPAGNATORI:
1.
2.
DI MAURO VINCENZA
SAULLE
ELVIRA
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
TRANSFERIMENTO IN BUS
Partenza: 08/10/12
TRASFERIMENTO IN BUS PER L’ AEROPORTO CAPODICHINO (NAPOLI)
GRUPPO 15 STUDENTI + 2 DOCENTI ACCOMPAGNATORI
(Prof. ssa Elvira Saulle, cell. 3404816139 – Prof.ssa Vincenza Di Mauro
3470303599)
Punto d’incontro ORE 08,00
Piazza San Giovanni (Sapri)
Volo 4254
Napoli (Capodichino) ore 13.20– Parigi (Orly) ore 15.35
Rientro: 28/10/12
TRASFERIMENTO IN BUS PER PIAZZA SAN GIOVANNI (SAPRI)
Punto d’incontro ORE 09.30
Aeroporto Capodichino (Napoli)
Volo 4253
Parigi (Orly) ore 07.20 – Napoli (Capodichino) ore 09.30
NUMERI UTILI:
Curcio Viaggi
Scario - via Rione Nuovo 7 - tel. 0974.98.60.66
numero verde 800 12 20 12 (solo da utenza fissa)
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
Dettagli volo
Compagnia aerea
“Easy jet”
Partenza: 08/10/12
Volo 4254
Napoli (Capodichino) ore 13.20– Parigi (Orly) ore 15.35
Rientro: 28/10/12
Volo 4253
Parigi (Orly) ore 07.20 – Napoli (Capodichino) ore 09.30
Punto d’incontro
Aeroporto di Capodichino (Napoli) - Banco Easy Jet ore 11.20
Si raccomanda la massima puntualità.
Il desk dell’Easy Jet verrà chiuso improrogabilmente 45 minuti prima della partenza.
Organizzazione estera:
Ammirati viaggi
Via Europa, 2
San Giuseppe Vesuviano, Napoli (NA)
P.IVA 00635271216
tel. : +39 081 5294062
Ref: Dott. Umberto Capezzuto
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
L’hotel Campanile è stato interamente rinnovato da
poco, consta di 150 camere climatizzate, tv satellitare,
connessione wi-fi, salone bar, spazio TV, 6 sale di
riunione, ristorante. La metro - fermata Porte d’Italie
(linea 7)- e del tramway sono a soli 300 metri e vi
permetteranno di organizzare giornate parigine
indimenticabili.
L’hotel si trova a 5 minuti a piedi dalla fermata del tram,
che fornisce accesso diretto alla Porte de Versailles in
meno di 20 minuti, mentre Place d'Italie è raggiungibile in 20 minuti a piedi.
Camere: 148
Servizi generali : ristorante, bar, quotidiani, terrazza, camere non fumatori, camere/strutture per ospiti
disabili, ascensore, riscaldamento, deposito bagagli, struttura interamente non fumatori, aria condizionata,
ristorante (à la carte), ristorante (a buffet)
Internet Wi-Fi disponibile gratuitamente in tutta la struttura.
Arrivo: dalle ore 15:00
Partenza: fino alle ore 12:00
Indirizzo : 2 BLD DU GENERAL DE GAULLE
94270 LE KREMLIN-BICETRE
Tel. : 0033 1 46 70 11 86
Fax : 0033 1 46 70 64 47
E-mail : [email protected]
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
Dal 1793, metà di quello che era il palazzo reale, il Palais du
Louvre, è adibito a museo. Il museo è tra i più famosi del mondo ed
è definito "il più bel museo del mondo nel più bel palazzo del
mondo". La sua collezione di quadri spazia dal XIII fino al XIX
secolo. La collezione di sculture e tesori d'arte parte dai tempi più
remoti delle antiche civiltà. La preziosa collezione di mobili e di
suppellettili raccoglie invece essenzialmente materiale del XVII e
XIX secolo. Al complesso del Louvre appartengono anche la
collezione che il banchiere James de Rotschild donò al museo nel
1936. Essa è costituita da 3.000 disegni e 40.000 incisioni. Dal 1985
è stato istituito anche un museo della moda. Il palazzo sorge sul
luogo dove preesisteva una fortezza fatta costruire nel 1214 da
Filippo II Augusto. Nel 1546 Francesco I fece abbattere il vecchio
castello e diede ordine di costruire un nuovo palazzo. Negli anni
1559-74 gli architetti Pierre Lescot e lo scultore Jean Goujon
costruirono l'ala sud e ovest del vecchio Louvre. Quasi
contemporaneamente, a 500 m. dal Louvre fu fatto costruire il
palazzo delle Tuileries.
Nel 1973 la Gare d'Orsay fu
posta sotto la tutela delle
Belle Arti e vennero così
predisposti di progetti per
recuperare
l'intero
complesso e trasformarlo in
museo. Il Musée d'Orsay fu
inaugurato nel 1986. E' un
museo di arte moderna che abbraccia l'attività delle arti figurative
dal 1848 al 1916 (esteso su 17000 metri quadri). La visita del museo è organizzata in senso cronologico. Inoltre,
all'apertura del Musée d'Orsay, la rinomata collezione degli Impressionisti fu trasferita qui dal Jeu de Paume.
Tutti i grandi maestri di questa corrente, con i quali ebbe inizio la pittura moderna (1870-1900) sono presenti
con le loro opere nella galleria superiore: Manet, Monet, Pissarro Sisley, Renoir, Degas; e i post-impressionisti
quali Van Gogh, Gauguin, Cézanne.
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
Dietro il palazzo di "Versailles" c'è la filosofia personale e politica di
Luigi XIV, ma c'è anche il gusto per il bello, l'imponente, il
sorprendente. Questa famosa reggia ha però un'origine alquanto umile:
un semplice padiglione di caccia. Con l'avvento al potere di Luigi XIV,
già nel 1661, cominciano i lavori di trasformazione che continueranno
per l'intero regno del Re Sole. "Chateau de Versailles" non è però solo il
simbolo della monarchia assolutistica di Re Sole ma anche un
capolavoro di architettura e di ingegneria idraulica per i giochi d'acqua
delle fontane dei suoi giardini. Non era da meno l'edificio la cui maestosità e sfarzo non aveva confronti.
L'opera più spettacolare era la "galleria degli specchi" lunga 75 metri e larga 10, conta 17 finestre ed altrettanti
specchi. Il soffitto della galleria venne decorato con dipinti raffiguranti le principali vittorie francesi durante i
primi anni del regno del Re Sole. A partire dal 1665 a "Versailles" vennero organizzate le prime feste reali e dal
1682 la corte vi venne completamente trasferita in pianta stabile. Statua Luigi XiV La gloria del palazzo non
durò a lungo; sopravvisse a Luigi XIV ed al suo successore Luigi XV, ma durante il regno di Luigi XVI terminò
in maniera drammatica. Nel 1789 scoppiò la Rivoluzione Francese, la monarchia venne abbattuta e la Reggia
di "Versailles", che era ritenuta uno dei simboli della monarchia e del potere assolutista del re, divenne oggetto
dei saccheggi e della furia iconoclasta dei rivoltosi. Solo nel 1837, sotto il regno di Luigi Filippo, la reggia
venne restaurata per diventare Museo della Storia Francese.Nel 1871 vi venne firmato il trattato di pace che
pose fine alla guerra franco-prussiana nonché, per ironia della sorta, qualche anno dopo, vi venne proclamata
la terza Repubblica. Nel 1919, infine, il palazzo ospitò la firma del trattato di pace che sancì la fine ufficiale del
Primo Conflitto Mondiale. Nel 1979 la Reggia di "Versailles" è stata dichiarata dall'UNESCO "patrimonio
dell'umanità".
Il Parco Disneyland è diviso in cinque paesi a tema: Main Street Usa,
Frontierland, Adventureland, Fantasyland, Discoveryland. Ognuna
di queste aree ha un tema specifico. Eccoli: Main Street Usa
riproduce una strada americana dell'inizio del XX secolo. Qui ci sono
case di legno colorate, insegne, negozi, ristoranti, la stazione e i treni
a vapore. Passano le carrozze trainate dai cavalli, automobili d'epoca
ma soprattutto le sfilate dei personaggi Disney. Se volete godervele
per bene, informatevi sugli orari delle sfilate e cercate un posto
molto tempo prima. Discoveryland É la parte di Disneyland Paris dedicata alle scoperte scientifiche e
tecnologiche. Potrete esplorare i fondali degli oceani con il sottomarino Nautilus o volare in mezzo ad un
sistema solare, grazie alle macchine volanti ispirate ai disegni di Leonardo Da Vinci. Se siete in cerca di
emozioni forti, potrete andare a fare un giro sull'esploratore spaziale Starspeeder 3000, e partire per
un'avventura intergalattica. Attenti alle piogge di meteoriti. Frontierland - Con Frontierland si entra nel
mondo della Corsa all'oro, dal tranquillo villaggio di Pocahontas fino a al treno impazzito di Big Thunder
Mountain, che vi trasporterà in una folle corsa attraverso le gallerie delle miniere del Far West. Da qui potrete
passare nella Phantom Manor, una casa in collina infestata da 999 spiriti. Se siete stanchi di emozioni forti,
potrete Imbarcarvi per una crociera nostalgica a bordo del Mark Twain o del Molly Brown, due fantastici
battelli a pale, uguali a quelli che scendevano sul Mississippi. Adventureland - Se riuscite a sopravvivere alle
sciabole dei pirati di Jack Sparrow, fate un giro sulla Adventure Isle: incontrerete Skull Rock, una roccia a
forma di teschio, piena di caverne segrete, gallerie e cascate, e Captain's Hook Pirate Ship, la famigerata nave
di Capitan Uncino. L'attrazione più bella di Adventureland è la Cabane des Robinson, un'affascinante casa
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
costruita tra i rami di un magnifico albero esotico, il fico del Banyan, dalla famiglia Robinson, dopo il
naufragio su un'isola deserta. Fantasyland - Questo è il luogo delle fiabe: Biancaneve, la Bella addormentata
nel bosco, Pinocchio, il labirinto di Alice nel Paese delle Meraviglie e Peter Pan. É il luogo per cui i bambini
vogliono andare a Disneyland Paris.
Da dove arriva il fascino di Montmartre? La collina è intasata di turisti, a tutte le ore. Gli abitanti si vantano di
essere l'unico quartiere di Parigi ad avere le vigne, ma il vino prodotto è davvero pessimo. E' vero che la Butte
è la collina dove hanno vissuto Delacroix, Picasso, Modigliani, Van Gogh e Utrillo ma oggi ci sono solo
artistelli che vendono quadri fatti in serie a poveri turisti sprovveduti e dei grandi non è rimasta neanche
l'ombra. Allora, qual è il segreto di Montmartre, che l'ha resa famosa e amata in tutto il mondo? Montmartre è
un mondo a parte. Montmartre è sempre stata qualcosa a parte rispetto a Parigi; dentro la città, ma sempre in
modo diverso, irriverente. Diversi episodi della storia hanno segnato questa diversità: nel 1871, dopo la resa
della Francia ai prussiani, abitanti di Montmartre si rifiutarono di consegnare il cannone che era a guardia
della collina. Uccisero i generali venuti a sedare la rivolta, dando inizio alla Comune di Parigi. Quando nel
corso del 1800 Parigi divenne la città della borghesia ricca e trionfante, Montmartre era il quartiere maledetto,
quello degli artisti in cerca di ispirazione e i borghesi annoiati in
cerca di emozioni forti: le prostitute, i bordelli, l'oppio, il vino
forte, il Moulin Rouge, il Cancan e il cabaret. Saint Pierre de
Montmartre Nonostante la più famosa Basilica del Sacro Cuore la
chiesa preferita dagli abitanti di Montmartre è Saint Pierre, che si
trova vicino a Place du Tertre, la piazza degli artisti che infatti in
Saint Pierre vanno a venerare Notre Dame de Beauté, la loro
patrona. Saint Pierre è ricordata anche perchè in questa chiesa, nel
1534 Ignazio di Loyola fondò la Compagnia di Gesù.
La Basilica del Sacro Cuore di Parigi (Basilique du Sacré-Cœur) è una delle principali mete di pellegrinaggio di
Parigi. Lo stile della Basilica si ispira all'architettura romana e bizantina. E' situata a nord di Parigi nella zona
collinare di Montmartre, in uno dei luoghi più alti della città. La Basilica del Sacro Cuore può essere da
qualsiasi punto di Parigi. La caratteristica forma della cupola ed il colore bianco brillante rendono impossibile
non notarla anche da grande distanza. La Basilica è di recente costruzione. Il progetto della sua realizzazione
fu approvato dopo la sconfitta francese nella guerra franco-prussiana del 1870. I francesi cattolici vollero
dedicare una basilica al Sacro Cuore di Gesù. Per questo motivo, gran parte della cittadinanza ignorò la Chiesa
del Sacro Cuore, preferendogli quella di St.Pierre de Montmartre. La costruzione fu decisa con una votazione
dell'Assemblea nazionale il 23 luglio 1873 per espiare i crimini dei comunardi e per rendere omaggio ai
cittadini francesi caduti che persero la vita durante la guerra. Il progetto fu disegnato nel 1876 dall'architetto
Paul Abadie e successivamente portato avanti da Lucien Magne che vi aggiunge il campanile. Per rendere
stabile il terreno e le fondamenta della Basilica furono realizzati pozzi sotterranei, ciascuno profondo più di 40
metri, collegati tra loro da archi sotterranei. La tipica pietra bianca utilizzata nella costruzione proviene dalle
regioni della Senna e della Marna, dalla cave di Château-Landon, dove il corso dei fiumi produce un
caratteristico limo di colore bianco. La chiesa fu conclusa nel 1914 e, a causa della prima guerra mondiale, fu
consacrata nel 1919, cinque anni dopo la conclusione dei lavori. E' attualmente uno dei monumenti francesi
più visitato dai turisti. Dalla cupola si può ammirare una spettacolare vista panoramica sulla città.
Il Quartiere Latino, dal punto di vista strettamente topografico il termine Rive Gauche designa la parte
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
meridionale della città di Parigi, sulla riva sinistra della Senna, comprendente il Quartiere Latino, SaintGermain, Montparnasse, l'università Sorbonne, il Pantheon. Dal punto di vista simbolico e culturale Rive
Gauche è anche il termine che connota i bohemien, gli artisti d'avanguardia, gli intellettuali, un certo modo di
vivere anticonvenzionale, radicale e rivoluzionario. Tutto questo avveniva negli anni sessanta. Oggi non sono
più i tempi dei circoli surrealisti ed esistenzialisti, non sono più i tempi delle barricate nelle strade intorno
all'università, non sono più i tempi della Nouvelle Vague e di Jean Paul Sartre. Eppure è sulla Rive Gauche che
ancora oggi si trovano i luoghi più vivaci e interessanti della vita culturale e artistica di Parigi. Come artista,
un uomo non può avere casa in Europa tranne che a Parigi, diceva Jean Cocteau. E a Parigi la casa degli artisti
si trova sulla Rive Gauche.
L'Arco di Trionfo, progettato dall'architetto Jean-François Chalgrin è solo uno dei tanti edifici pubblici che
Napoleone commissionò nel 1806 con evidente riferimento a quelli di Roma imperiale, quando, dopo la
battaglia di Austerlitz, era all'apice della sua potenza. La piazza al cui centro si trova l'Arco era un tempo
chiamata Place Etoile, infatti da essa partono 12 grandi strade che creano l'effetto di una gigantesca stella.
Salendo sull'edificio, che dal vivo è molto più grande di quanto non sembri in fotografia, girando intorno al
piano si vedono la Défense, la Tour Eiffel, Notre-Dame ed il Sacre Cœur. L'Avenue des Champs-Elysées è la
passeggiata irrinunciabile da fare a Parigi, un po' per motivi storici, perchè era un tempo prediletta dai membri
dell'aristocrazia, un po' per tradizione, perchè ancora oggi simboleggia lo stile e la joie de vivre di Parigi
La Torre Eiffel di Parigi, errorenamente chiamata "Torre Eifel", torre in ferro battuto, è una delle attrazioni e
dei simboli della città di Parigi. Fu progettata in occasione dell'Esposizione mondiale del 1889 dall'ingegnere
Gustave-Alexandre Eiffel (stesso ideatore della Statua della Libertà) che celebrò il centenario della
Rivoluzione francese; l'idea iniziale era quella di rimuoverla una volta terminata l'esposizione nel Campo di
Marte. Pietra miliare dell'architettura contemporanea, fu uno dei primi esempi di costruzioni in ferro battuto
realizzate su grandi dimensioni. La costruzione della Torre Eiffel di Parigi necessitò di 7.300 tonnellate di
ferro ed era alta 312,27 metri; l'altezza attuale è di 324 metri (compresa la moderna antenna televisiva). La
base è formata da quattro pilastri arcuati, i quali si uniscono a sostegno della struttura, che va assottigliandosi
verso l'alto ed è interrotta da tre piattaforme, ognuna delle quali ospita un belvedere. La Torre Eiffel è munita
di scale e ascensori; al primo piano si trova un ristorante, e alla sommità, da dove si ha un'ampia veduta di
Parigi, sono collocate una stazione meteorologica, una stazione radio e un ripetitore televisivo; un tempo vi
era anche lo studio dell'ingegnere Eiffel. Sono presenti 1665 scalini per i visitatori più sportivi e due ascensori
trasparenti salgono sino al secondo piano dove si trovano molti negozi di souvenirs. La Torre Eiffel di Parigi è
stata costruita in meno di due anni, dal 1887 al 1889; avrebbe dovuto servire da entrata alla Esposizione
Universale del 1889, una Fiera Mondiale organizzata per celebrare il centenario della Rivoluzione Francese.
Inaugurata il 31 marzo del 1889, venne ufficialmente aperta il 6 maggio dello stesso anno. Costruzione della
Torre Eiffel: Trecento metalmeccanici hanno assemblato i 18.038 pezzi di ferro forgiato, utilizzando mezzo
milione di bulloni di Torre Eiffel. Viste le condizioni di sicurezza esistenti allora a Parigi e non solo, è
sorprendente che solo un operaio perse la vita durante i lavori del cantiere (durante l'installazione degli
ascensori). La Torre Eiffel è alta con la sua antenna 304 metri - senza considerare le antenne della televisione
sulla sommità, alte ben 20 metri - e pesa 10.000 tonnellate. Era la struttura più alta nel mondo e lo rimase per
40 anni. Per il mantenimento della struttura servono 50 tonnellate di vernice ogni 7 anni. A seconda della
temperatura ambientale l'altezza della Torre Eiffel può variare di diversi centimetri a causa della dilatazione
del metallo ( sino a 15 cm più alta durante le calure estive).Nelle giornate ventose sulla cima della torre si
possono verificare oscillazioni sino a 12 cm. Quando la Torre Eiffel fu costruita, esisteva una certa resistenza
da parte del pubblico, in quanto pensavano che sarebbe stata una struttura poco estetica. Oggi giorno è
generalmente considerata uno degli esempi di arte architettonica più straordinari nel mondo.
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
COSE DA PORTARE:




Abbigliamento sportivo
Kway
Felpe o pullover
Ombrellino pieghevole
REGOLE DI COMPORTAMENTO:
1. Frequenza obbligatoria ai corsi di lingua
2. Gli studenti dovranno seguire le procedure richieste
dall’organizzazione estera
3. No alcool
4. Non è permesso fumare
5. No drugs ( immediata espulsione)
6. Gli studenti saranno responsabili per ogni danno da loro causato durante il
loro soggiorno
ATTENZIONE! NON METTETE IL DOCUMENTO
DI IDENTITA’ NELLA VALIGIA PRIMA DELLA
PARTENZA!!!
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE
UNI EN ISO 9001:2008
La Marsigliese
Inno Nazionale Francese
Nel 1792, in seguito alla dichiarazione di guerra del Re all'Austria, un ufficiale francese alloggiato a
Strasburgo, Ruoget de Lisle, scrive, nella notte tra il 25 e il 26 aprile, un "Canto di guerra per
l'armata del Reno". Il canto è ripreso dai federati di Marsiglia che partecipano all'insurrezione delle
Tuileries il 10 agosto 1792. Il suo successo è tale che è dichiarato canto nazionale il 14 luglio 1795.
Dopo varie proibizioni e riabilitazioni, è ripristinato quale inno nazionale durante la III Repubblica
(1879). Il 14 luglio 1915 le ceneri di Ruoget de Lisle sono trasferite agli Invalidi. Le costituzioni del
1946 e del 1958 ne ribadiscono il carattere di inno nazionale.
Le jour de gloire est arrivé !
Contre nous de la tyrannie,
L'étendard sanglant est levé, (bis)
Entendez-vous dans les campagnes
Mugir ces féroces soldats ?
Ils viennent jusque dans vos bras
Egorger vos fils et vos compagnes !
Refrain: Aux armes, citoyens,
Formez vos bataillons,
Marchons, marchons !
Qu'un sang impur
Abreuve nos sillons !
Avanti figli della patria
il dì glorioso arrivò.
Contro noi la tirrannia
lo stendardo cruento levò! (bis)
Sentite voi nelle campagne
feroci soldati gridar?
verranno certo fino a qui
a sgozzarvi i figli e le compagne.
Ritornello: All'armi cittadin!
Formate i battaglion!
Marciam, marciam
un sangue impur
i solchi bagna già!
Info e contatti
Associazione STEPS
P.zza Sannazzaro, 200 – 80122 Napoli
Tel . 081-662542/661185 Fax. 081-660963
Email: [email protected] Web: www.assteps.it
EXAMINATIONS
CENTRE

Documenti analoghi