Un aiuto per pagare l`affitto arriva da Comune e Regione

Commenti

Transcript

Un aiuto per pagare l`affitto arriva da Comune e Regione
La Nuova Sardegna del 26 novembre 2008
Pagina 14 - Gallura
Un aiuto per pagare l’affitto arriva da Comune e
Regione
PALAU. La boccata di ossigeno per i cittadini asfissiati dal costo dell’affitto arriva dai contributi di
Regione e Comune. Negli anni le richieste sotto l’orso sono aumentate. Un trend legato più
all’incremento demografico e alla crisi nazionale che all’impoverimento del paese. Dalla prossima
settimana i 22 cittadini che lo scorso anno hanno richiesto i contributi per tagliare i costi dell’affitto
potranno ritirare le quote. 54 mila gli euro a disposizione, 34 finanziati dalla Regione, 20 mila a carico
del Comune.
La quota comunale è destinata a crescere nel tempo per poter dare risposte a tutti i cittadini che
chiedono di accedere ai contributi. Per il bando del 2008 salirà a 30 mila euro. Gli uffici già preparano
la graduatoria. Ogni domanda viene passata ai raggi x, prima e dopo l’erogazione dei fondi. La prima
radiografia spetta agli uffici comunali che attraverso una banca dati aggiornata verificano in tempo
reale se l’utente ha diritto oppure no a usufruire dei contributi al canone di locazione. Una operazione
preventiva utile per scoraggiare i furbetti. Poi scatta il controllo di Polizia municipale, ufficio delle
entrate e guardia di finanza. Pesanti le sanzioni per chi pensa di essere più furbo dello Stato.
«Possono accedere al bando solo chi vive in un appartamento in affitto con regolare contratto - spiega
l’assessore Giovanni Cucciari (nella foto) -. Per la maggior parte si tratta di pensionati che con la sola
pensione hanno grosse difficoltà a pagare l’affitto e a condurre una vita dignitosa. Ma abbiamo anche
richieste da parte di famiglie con figli e un solo stipendio. La crescita delle domande, anno dopo anno,
non è sinonimo di un impoverimento del paese. È più legata ai prezzi molto alti degli affitti, all’aumento
della popolazione e alla crisi nazionale. Non ci consideriamo un’isola felice, ma possiamo dire di essere
ben lontani dai livelli di povertà di altre realtà della Gallura».
Anche a Palau, così come nel resto della provincia, i prezzi degli affitti non sono certo a buon mercato,
dopati dal mercato delle seconde case. Il mattone a peso d’oro impedisce, specialmente alle giovani
coppie, di acquistare casa. Per questo motivo nel piano urbanistico comunale sono previste delle aree
in cui sarà possibile acquistare lotti singoli o bifamiliari a prezzi competitivi.
(se.lu.)