Risparmio energetico, Casa Monica è di platino: un gioiello unico in

Commenti

Transcript

Risparmio energetico, Casa Monica è di platino: un gioiello unico in
MODENA
DOMENICA 18 SETTEMBRE 2016
L’ABITAZIONE DEL FUTURO
7
••
ANCHE IL SINDACO ALLA CERIMONIA
C’era anche il sindaco Gian Carlo Muzzarelli alla cerimonia,
ieri pomeriggio, per il prestigioso riconoscimento, insieme
al vice presidente della Regione, Elisabetta Gualmini
Risparmio energetico,
Casa Monica è di platino:
un gioiello unico in Italia
La ‘medaglia’ Gbc alla residenza di Andrea Serri
È LA prima in Italia, la prima ad
aver ottenuto un punteggio di 89
su 110, ricevendo così il prestigioso riconoscimento Gbc home platino. Parliamo di Casa Monica,
che si trova in via Pillio da Medicina al civico 9, residenza di Andrea Serri, responsabile comunicazione di Confindustria Ceramica e Cersaie. Un primato, quello
che può vantare la nostra città, basato sul nuovo sistema di rating,
Gbc home che prende spunto da
Leed for homes, ma che è sviluppato specificamente per le caratteristiche abitative e le diversità nel
modello costruttivo proprie della
realtà italiana. L’edificio monofamiliare rappresenta un modello
di sostenibilità. La certificazione
è stata rilasciata da Gbc Italia:
«Siamo molto contenti di celebrare la prima certificazione Gbc home platino. Casa Monica costituisce un caso esemplare per il mercato delle costruzioni residenziali
in Italia.
I RATING system della sostenibilità degli edifici stanno dimostrando di essere gli strumenti di
riferimento per supportare la committenza verso processi di progettazione e realizzazione integrati,
al fine di raggiungere elevati
obiettivi prestazionali, controllo
di tempi e di costi, e un’ottimizzazione complessiva dei processi»
dichiara Gianni Silvestrini, presidente di Gbc Italia. Questo ottimo risultato è stato raggiunto soprattutto grazie ad un lavoro di
progettazione integrata – architettonica, sismica, idraulica, domotica, elettrica – di cinque progettisti
che hanno lavorato di concerto
con i fornitori delle strutture in legno e dei materiali tecnici e di finitura. Il progetto sorge su un lotto di circa 315 metri quadrati totali, comprensivi dell’area verde.
L’abitazione si sviluppa su tre piani fuori terra, oltre ad un piano interrato. Ieri pomeriggio all’interno della ‘casa dei sogni’ si è teneuta la cerimonia di consegna del riconoscimento alla presenza del
sindaco Giancarlo Muzzarelli, della vice Presidente della Regione
Elisabetta Gualmini, del direttore
di Gbc Italia Marco Caffi e del direttore di Certiquality Armando
Romanello. La struttura del piano interrato è realizzata in calcestruzzo armato, mentre i piani
fuori terra sono realizzati tramite
strutture prefabbricate in legno.
Tutti i pavimenti interni ed esterni e le pareti del bagno sono rivestiti di ceramica italiana, per cui
sono particolarmente significativi in termini di sostenibilità am-
bientale: l’indice di riflessione solare per le ceramiche esterne che
riduce l’effetto calore; l’uso di materiali riciclati nell’impasto; la
provenienza locale (che riduce il
trasporto e con esso l’inquinamento); l’elevata trasmittanza termica
che consente un uso efficiente del
riscaldamento a pavimento.
PROMOSSA A PIENI VOTI
L’edificio ha ricevuto
un punteggio di 89
a fronte di quello massimo
di 110; rappresenta
un modello di sostenibilità
IL SISTEMA integrato di produzione dell’energia prevede l’utilizzo del solare termico, della geotermia e del fotovoltaico, abbinati ad
una pompa di calore; non è previsto l’uso di alcun combustibile fossile. L’ulteriore ottimizzazione
dei consumi energetici è affidato,
durante la stagione estiva, ad un
sistema di free cooling, il quale
permette in alcune fasi della stagione estiva di poter raffrescare
l’abitazione direttamente tramite
l’energia fornita dal terreno, senza la necessità di dover utilizzare i
compressori della pompa di calore. L’abitazione è riscaldata e raffrescata esclusivamente tramite
un impianto radiante a pavimento. È dotata anche di un impianto
di ventilazione meccanica controllata a recupero di calore, anche
con rendimenti di recupero superiori al 90%. Il sistema di ricambio aria durante la stagione estiva
ha la funzione di deumidificare i
locali. L’abitazione è dotata anche di un sistema di recupero delle acque piovane, le quali una volta raccolte in una cisterna interrata, in giardino, vengono distribuite al sistema di irrigazione e soprattutto alle cassette di scarico
dei wc. La gestione dell’intera architettura energetica è affidata ad
un sistema di controllo informatizzato ed integrato dei diversi impianti, le cui principali variabili
entrano in un sistema di domotica energetica in grado di monitorare, secondo diverse frequenze
temporali, fonti di produzione e
di consumo dell’energia al servizio dell’abitazione.
In alto Andrea Serri in primo piano. Sotto un interno
e l’esterno dell’abitazione in via Pillio da Medicina
CARATTERISTICHE
Dimensioni
Il progetto sorge su un
lotto di circa 315 metri
quadrati totali,
comprensivi di area verde
L’abitazione si sviluppa
su tre piani fuori terra,
oltre a un piano che,
invece, è interrato
Riscaldamento
Può contare di un sistema
di solare termico, della
geotermia e del
fotovoltaico; non è
previsto l’utilizzo di alcun
combustibile fossile, a
differenza delle comuni
abitazioni