manuale d`istruzione modello 700 calibratore della

Commenti

Transcript

manuale d`istruzione modello 700 calibratore della

MANUALE D’ISTRUZIONE
MODELLO 700
CALIBRATORE DELLA PORTATA IN
MASSA
© TELEDYNE INSTRUMENTS
ADVANCED POLLUTION INSTRUMENTATION DIVISION (T-API)
6565 NANCY RIDGE DRIVE
SAN DIEGO, CA 92121-2251
PROJECT AUTOMATION S.p.A.
Viale Elvezia 42
20052 MONZA (MI)
TEL:
WEB SITE:
Copyright 2004 T-API Inc.
Copyright 2005 Project Automation S.p.A.
039 28061
www.projectautomation.it
02919
REV. A1
Settembre 2005

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
AVVERTENZE DI SICUREZZA
In questo manuale abbiamo inserito avvertenze di sicurezza molto importanti, utili per voi e
per tutti gli altri. Vi raccomandiamo di leggerle con la massima attenzione.
Un’avvertenza di sicurezza vi segnala i pericoli potenziali che potrebbero cautilizzare lesioni a
voi o ad altri. Ad ogni avvertenza è associate un simbolo che evidenzia un problema di
sicurezza:
ATTENZIONE / AVVERTENZA DI CARATTERE
GENERALE: Fare riferimento alle istruzioni per dettagli sul
pericolo specifico.
ATTENZIONE: Superficie ad elevata temperatura
ATTENZIONE: Pericolo di scossa elettrica
Simbolo di intervento tecnico: Tutte le operazioni
contrassegnate con questo simbolo devono essere eseguite
solo da personale di assistenza tecnica qualificato.
ATTENZIONE
Lo strumento deve essere utilizzato solo per gli impieghi e con le
modalità descritte in questo manuale.
Un impiego dello strumento diverso da quello per cui è stato
progettato, potrebbe cautilizzare un funzionamento anomalo con
possibili situazioni di pericolosità.

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
INDICE DEI CONTENUTI
AVVERTENZE DI SICUREZZA........................................................................... I
INDICE DEI CONTENUTI ................................................................................. I
INDICE DELLE FIGURE................................................................................. III
INDICE DELLE TABELLE ................................................................................ IV
1.
INTRODUZIONE.....................................................................................1-1
1.1.
1.2.
2.
Prefazione................................................................................................. 1-1
Come utilizzare questo manuale .................................................................. 1-1
OPERAZIONI INIZIALI ..........................................................................2-3
2.1.
2.2.
Installazione ............................................................................................. 2-3
Connessioni Elettriche e Pneumatiche ........................................................... 2-3
2.2.1.
2.2.2.
2.3.
3.
Operazioni Iniziali .................................................................................... 2-10
CARATTERISTICHE, GARANZIA .............................................................3-1
3.1.
3.2.
4.
Specifiche ................................................................................................. 3-1
Garanzia ................................................................................................... 3-3
IL CALIBRATORE M700..........................................................................4-1
4.1.
4.2.
Principio di Funzionamento.......................................................................... 4-1
Descrizione dello Strumento ........................................................................ 4-4
4.2.1.
4.2.2.
4.2.3.
4.2.4.
4.2.5.
Sistema Pneumatico ............................................................................... 4-4
Scheda sensori di pressione..................................................................... 4-4
Hardware e Software del Computer .......................................................... 4-6
Scheda V/F............................................................................................ 4-6
Pannello Frontale.................................................................................... 4-6
4.2.5.1.
I LED di stato ..................................................................................... 4-8
4.2.5.2.
Interruttore di Alimentazione ................................................................ 4-8
4.2.5.3.
Modulo di Alimentazione ...................................................................... 4-8
4.2.6.
4.2.7.
4.2.8.
4.2.9.
4.2.10.
5.
Connessione alla sorgente Gas ................................................................. 2-3
Connessioni Elettriche............................................................................. 2-5
Interfaccia
Interfaccia
Interfaccia
Interfaccia
Interfaccia
I/O ....................................................................................... 4-8
RS-232 ................................................................................. 4-9
uscite di stato .......................................................................4-11
di ingresso con controllo a chiusura contatto .............................4-12
uscite di controllo a chiusura contatti .......................................4-13
IL FUNZIONAMENTO DI M700 ...............................................................5-1
5.1.
Indice dei Menu a Pannello Frontale ............................................................. 5-1
5.1.1.
5.1.2.
5.1.3.
5.1.4.
5.2.
Menu Principale...................................................................................... 5-4
Menu di SETUP....................................................................................... 5-6
Funzioni di Test.....................................................................................5-12
Protezione con Password ........................................................................5-17
Funzionamento Manuale ........................................................................... 5-18
5.2.1.
5.2.2.
5.2.3.
5.2.4.
5.2.5.
Modo Generate .....................................................................................5-18
Auto ....................................................................................................5-18
GPT .....................................................................................................5-20
GPTPS (Richiede l’opzione Fotometro)......................................................5-22
MAN ....................................................................................................5-23
i

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.2.6.
5.2.7.
5.3.
PURGE .................................................................................................5-27
Modo sequenziale.................................................................................. 5-27
Funzionamento Automatico ....................................................................... 5-28
5.3.1.
5.3.2.
5.3.3.
5.3.4.
5.3.5.
5.3.6.
5.3.7.
5.3.8.
5.3.9.
5.3.10.
5.3.11.
6.
HARDWARE/SOFTWARE OPZIONALI .....................................................6-1
6.1.
Opzione Fotometro .................................................................................... 6-1
6.1.1.
6.1.2.
6.2.
7.
Opzione Forno di Permeazione..................................................................... 6-3
Messaggi di allarme (Warning) .................................................................... 7-2
Calibrazione .............................................................................................. 7-4
Diagnostica ............................................................................................... 7-6
Misurazioni di Test ..................................................................................... 7-7
Visualizzazione e Modifica delle Variabili ....................................................... 7-9
MANUTENZIONE, REGOLAZIONE ...........................................................8-1
8.1.
8.2.
8.3.
9.
Principi di funzionamento .........................................................................6-1
Calibrazione del Fotometro .......................................................................6-1
INTERFACCIA DI COMUNICAZIONE RS-232 ...........................................7-1
7.1.
7.2.
7.3.
7.4.
7.5.
8.
Impostazione della Sequenza ................................................................. 5-28
Sequenza Automatica a Timer Controllato ................................................ 5-36
Impostazione degli input a chiusura contatti ............................................. 5-37
Impostazione delle uscite a chiusura contatto ........................................... 5-39
Impostazione sequenze tramite RS-232 ................................................... 5-40
Creazione di uno Script di sequenze ........................................................ 5-40
Sintassi dello Script di configurazione sequenze ........................................ 5-41
Sintassi di definizione sequenze .............................................................. 5-41
Sintassi degli step di sequenza ............................................................... 5-43
Caricamento dello script di configurazione sequenze.................................. 5-44
Downloading dello script di configurazione sequenze ................................. 5-44
Pulizia degli Orifizi e dei Filtri....................................................................... 8-1
Procedura di verifica perdite........................................................................ 8-2
Sostituzione del Tubo di Permeazione (Opzione) ............................................ 8-4
RISOLUZIONE DEI PROBLEMI ...............................................................9-1
9.1.
Verifica del funzionamento – Tecniche di Diagnostica ..................................... 9-1
9.1.1.
9.1.2.
9.1.3.
9.1.4.
9.1.5.
Misurazioni di Test ..................................................................................9-1
Diagnostica dei guasti con i messaggi di WARNING .....................................9-1
Diagnostica dei guasti mediante il modo DIAGNOSTIC .................................9-3
Uscita analogica del Canale di test ............................................................9-4
Calibrazione di Fabbrica ...........................................................................9-5
9.1.5.1.
Procedura di Calibrazione ADC/DAC....................................................... 9-5
9.1.5.2.
Procedura di Calibrazione di MFC........................................................... 9-6
9.1.5.3.
Calibrazione del generatore di Ozono..................................................... 9-7
9.2.
Ricerca guasti ........................................................................................... 9-9
9.2.1.
9.2.2.
9.2.3.
9.2.4.
9.2.5.
9.2.6.
9.2.7.
Scheda Tensione/Frequenza (V/F) .............................................................9-9
Modulo Alimentatore.............................................................................. 9-13
Schede sensori di Pressione/Flusso.......................................................... 9-15
Procedura diagnostiche sull’interfaccia RS-232.......................................... 9-19
Regolazione dell’alimentazione della Lampada UV ..................................... 9-19
Regolazione della Lampada del Generatore Ozono ..................................... 9-20
Procedura di regolazione del segnale di corrente residua (Dark Current) ...... 9-21
10. PARTI E KIT DI RICAMBIO PER M700 ..................................................10-1
APPENDICE A
VALORI DEI TEST FINALI M700 ......................................... A-1
APPENDICE B
SETUP SEQUENZE ............................................................... B-1
ii

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
APPENDICE C
MODULO DI MANUTENZIONE PER M700..............................C-1
APPENDICE D
SCHEMI ELETTRICI ............................................................ D-1
Indice delle Figure
Figura 2-1: Rimozione delle viti di trasporto.................................................................. 2-6
Figura 2-2: Pannello Posteriore ................................................................................... 2-7
Figura 2-3: Assegnazione dei PIN dell’interfaccia ........................................................... 2-8
Figura 2-4: Sistema collettore tipico per la calibrazione .................................................. 2-9
Figura 2-5: Visualizzazione display in impostazione gas sorgente.................................... 2-12
Figura 4-1: Layout di M700......................................................................................... 4-3
Figura 4-2: Schema circuito pneumatico....................................................................... 4-5
Figura 4-3: Pannello Frontale ...................................................................................... 4-7
Figura 4-4: Assegnazione dei pin su RS-232 ............................................................... 4-10
Figura 4-5: Interfaccia con uscita a chiusura contatto .................................................. 4-12
Figura 4-6: Interfaccia di ingresso a chiusura contatto ................................................ 4-12
Figura 5-1: Menu Principale ........................................................................................ 5-2
Figura 5-2:
Menu di Setup ......................................................................................... 5-3
Figura 8-1: Forno del Tubo di Permeazione ................................................................... 8-5
Figura 9-1: DIP switch sulla scheda V/F...................................................................... 9-11
Figura 9-2: Ponticelli sulla scheda CPU ....................................................................... 9-12
Figura 9-3: Modulo Alimentatore ............................................................................... 9-14
Figura 9-4: Scheda 1 sensori Flusso/Pressione ............................................................ 9-17
Figura 9-5: Scheda 2 sensori di Pressione................................................................... 9-18
iii

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Indice delle Tabelle
Tabella 4-1: LED di stato ............................................................................................ 4-8
Tabella 4-2: Uscite di stato su connettore 8 Pin........................................................... 4-11
Tabella 4-3: Uscite di stato su connettore 50 Pin ......................................................... 4-11
Tabella 5-1: Struttura del Menu Principale di M700 ........................................................ 5-4
Tabella 5-2: Struttura del Menu di SETUP di M700......................................................... 5-8
Tabella 5-3: Descrizione delle misure dei Test ............................................................. 5-12
Tabella 5-3: Descrizione delle misure dei Test (continua) ............................................. 5-13
Tabella 5-4: Livelli di password ................................................................................. 5-17
Tabella 6-1: Procedura di Calibrazione Zero/Span del Fotometro ..................................... 6-2
Tabella 7-1: Tipi di messaggio su RS-232 ..................................................................... 7-1
Tabella 7-2: Comandi di cancellazione messaggi avvertimento su RS-232 ........................ 7-3
Tabella 7-3: Comandi di Diagnostica su RS-232 ............................................................ 7-6
Tabella 7-4: Report di Diagnostica su RS-232 ............................................................... 7-7
Tabella 7-5: Comandi di richiesta misurazione Test tramite RS-232 ................................. 7-8
Tabella 7-6: Nomi delle variabili tramite RS-232........................................................... 7-10
Tabella 8-1: Pneumatic Valve Actuation ....................................................................... 8-3
Tabella 9-1: Messaggi di Warning sul Pannello Frontale .................................................. 9-2
Tabella 9-2: Sommario dei modi Diagnostica ................................................................ 9-3
Tabella 9-3: Uscita del Canale di Test .......................................................................... 9-4
Tabella 9-4: Subassiemi del Modulo Alimentatore ........................................................ 9-13
Tabella 9-5: Funzioni dei LED della scheda alimentatore............................................... 9-15
iv

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
1.
INTRODUZIONE
1.1.
Prefazione
Project Automation vi ringrazia per aver acquistato il modello 700. Viene offerta una garanzia
completa di anno (vedi sezione 1.2) e Project Automation sarà lieta di fornire tutto il supporto
necessario per poter utilizzare questa apparecchiatura nel modo più completo.
L'interfaccia tastiera/operatore di M700 con i suoi "tasti di comunicazione" offre un sistema
molto facile da utilizzare. Speriamo che non incontriate nessun problema con il modello 700,
ma se ciò accadesse, i test incorporati ed il sistema diagnostico vi consenteranno di
individuarlo rapidamente e facilmente. Inoltre, il nostro Servizio Assistenza Clienti è sempre a
disposizione per rispondere alle vostre domande.
1.2.
Come utilizzare questo manuale
Scopo del manuale è quello di aiutare l'operatore nell’utilizzo facile e preciso dell’apparato
M700 secondo le sue necessità. Il manuale operatore include diversi esempi tipici che possono
essere di riferimento sia per utenti inesperti che con esperienza. Essenzialmente ci sono due
modi di funzionamento di M700. Nel modo manuale (sezione 5.2) occorre la presenza di una
persona per attivare la procedura di calibrazione, ma il funzionamento è molto flessibile. Il
modo automatico (sezione 5.3) è ovviamente conveniente e consente il controllo automatico
sia in caso di attivazione manuale dal timer a software incorporato, da contatti di chiusura
remoti e sia tramite l'interfaccia RS-232. Come per altri analizzatori Teledyne API, M700
supporta funzioni estese di controllo remoto attraverso la porta seriale RS-232, compreso la
maggior parte delle funzioni in modalità manuale.
Inizialmente l'operatore dovrebbe seguire quanto descritto nella Sezione 2 “OPERAZIONI
INIZIALI” per la configurazione iniziale del source gas, per la configurazione del banco ozono e
per l’operazione iniziale per la generazione dei gas zero/span di calibrazione. Come aiuto
supplementare sono disponibili degli esempi di facile esecuzione riportati nella sezione 5.2 con
i quali l'operatore verrà guidato a navigare rapidamente e con cognizione nei menu del
software. Indicazioni di avvertenza e di attenzione sono incluse ovunque siano necessarie.
M700 può essere interfacciato con diversi sistemi di acquisizione dati quali data logger, modem
o computer. Per configurare M700 con controllo remoto da una unità centrale, fare riferimento
alla sezione 2 (installazione), alla sezione 5 (dove si spiega come programmare e configurare
le sequenze di calibrazione ed inizializzarle utilizzando sorgenti esterne) ed alla sezione 7
(dove si spiegano, dettagliatamente, tutte le informazioni per la comunicazione ed il controllo
in RS-232).
Questo manuale contiene informazioni esaustive per consentire all'operatore di operare con
M700; l’Assistenza Clienti è tuttavia a disposizione per qualsiasi difficoltà incontrata nell’utilizzo
di M700.
1-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
1-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
2.
OPERAZIONI INIZIALI
2.1.
Installazione
1.
Verificare che non ci siano danni visibili cautilizzati durante il trasporto. Nel caso,
contattare in primo luogo lo spedizioniere, e quindi Project Automation.
ATTENZIONE
Per evitare danni, maneggiare e trasportare M700 sempre con una
seconda persona
2.
Prima di mettere in funzione lo strumento, è necessario rimuovere le viti di bloccaggio di
trasporto. Rimuovere il coperchio dello strumento, vedi figura 2-1 per la posizione delle
viti.
3.
Con il coperchio rimosso, controllare sulla targhetta posta sul pannello posteriore il valore
di tensione e frequenza confrontandolo con quello della rete di alimentazione locale prima
di collegare lo strumento M700. Non inserire il cavo di alimentazione se la tensione o la
frequenza non è corretta.
4.
Verificare che non vi siano danni interni dovuti al trasporto, controllare che tutte le
schede a circuito stampato, vetri ed altri componenti siano integri.
5.
Rimettere il coperchio sullo strumento. Lo strumento non deve funzionare con coperchio
rimosso.
6.
Nell’installazione di M700, lasciare uno spazio libero di almeno 100mm sul retro dello
strumento ed almeno 25mm su ogni lato per un adeguata ventilazione.
2.2.
Connessioni Elettriche e Pneumatiche
2.2.1.
Connessione alla sorgente Gas
1.
Fare riferimento alla figura 2-2 per individuare i raccordi pneumatici sul pannello
posteriore.
2.
Collegare la linea della sorgente di zero air alla porta con etichetta Diluent In. L’aria deve
essere asciutta (punto di rugiada approssimativamente a -20°C) e la pressione compresa
fra 25 PSI - 30 PSI con un flusso in eccesso di 10 SLPM (20 SLPM in opzione).
NOTA
Se non proviene da un API M107, allora la sorgente zero air deve fornire lo zero air
in pressione continuamente a 250 cc/min per il flusso di scarico del generatore
dell'ozono e/o per il flusso di scarico del forno del tubo di permeazione.
2-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
NOTA
Utilizzare i raccordi in dotazione per collegare la linea della sorgente zero air.
Stringere prima con le dita e poi, con l'attrezzo adeguato, stringere ancora di 1
giro e ¼
3.
Collegare la linea del gas sorgente agli ingressi da CYL1 fino a CYL4. La pressione della
sorgente gas in uscita deve essere regolata fra 25 PSI - 30 PSI. Vedi sezione 2.3, punto
1 per la configurazione della porta del gas sorgente.
4.
Collegare la porta TEST GAS OUTPUT al collettore per la calibrazione. Utilizzare la
tubazione da 1/4 di pollice in Teflon con parete sottile (spessore suggerito 0.03 pollici). Si
consiglia di non superare una lunghezza massima di 3 metri.
NOTA
Il collettore di calibrazione fornisce un'interfaccia pneumatica fra il sistema di
calibrazione ed altri dispositivi (o sistemi) che utilizzano l'uscita del gas di
calibrazione. Il collettore deve avere una o più porte per i collegamenti a questi
dispositivi o sistemi esterni e deve essere progettato in modo che tutte le porte di
un collettore multiport forniscano identiche concentrazioni. L’orifizio del
collettore deve essere abbastanza grande da evitare una caduta significativa della
pressione e deve essere situato sufficientemente a valle delle porte di uscita per
evitare che dell’aria ambiente possa rientrare nel collettore a causa della
turbolenza o della dispersione sul retro. Il gas eccedente del collettore deve
essere scaricato da un orifizio adatto all’esterno del locale. Il collettore deve
essere fatto di vetro, Teflon o di altro materiale inerte e deve essere mantenuto il
più pulito possibile per evitare perdite del gas campione. La figura 2-4 riporta un
collettore tipico.
5.
Collegare la porta VENT OUTPUT PORT ad uno punto di sfiato adatto all’esterno del locale
alla pressione atmosferica.
2-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
2.2.2.
Connessioni Elettriche
1.
Fare riferimento alla figura 2-2 per i collegamenti elettrici del pannello posteriore.
2.
Se si desidera, è possibile collegare l'uscita e di comando e l’uscita di stato. Ogni gruppo
(uscita e ingresso di comando e uscita di stato) dispone di 12 canali in cui i primi 4 sono
collegati al corrispondente connettore a 8-pin (figura 2-2). Gli 8 canali restanti di ogni
gruppo sono collegati tramite il connettore a 50-pin (figura 2-3). Per informazioni più
dettagliate fare riferimento all'interfaccia RS-232 nella Sezione 4.2.7 ed allo schema
elettrico 01565 nella sezione appendici.
3.
Inoltre, si può collegare l'uscita analogica registratore ad un registratore a carta (figura
2-3) ed il connettore a 9-pin RS-232 ad un computer esterno.
4.
Collegare il cavo di alimentazione alla rete avente la corretta tensione.
5.
Passare alla Sezione 2.3 OPERAZIONI INIZIALI.
ATTENZIONE
Alta tensione all’interno del telaio.
NON guardare verso la lampada UV.
La luce UV potrebbe cautilizzare danni alla vista.
Utilizzare sempre occhiali di sicurezza (NON utilizzare occhiali di
plastica).
Collegare la porta di ventilazione sul pannello posteriore ad un punto
di uscita esterno al locale
ATTENZIONE
Non far funzionare lo strumento senza coperchio.
Prima della messa in funzione verificare il valore corretto di
frequenza e tensione della rete con i dati riportati sulla targhetta con
il Serial Number.
Non far funzionare lo strumento senza una corretta messa a terra.
Non tagliare il terminale di messa a terra sulla spina di alimentazione
Spegnere l'analizzatore prima di collegare o collegare dei
sottoinsiemi elettrici
Rimettere sempre le viti di trasporto quando si deve trasportare
l'analizzatore.
2-5

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 2-1: Rimozione delle viti di trasporto
2-6

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 2-2: Pannello Posteriore
2-7

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 2-3: Assegnazione dei PIN dell’interfaccia
2-8

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 2-4: Sistema collettore tipico per la calibrazione
2-9

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
2.3.
Operazioni Iniziali
1.
Accendere lo strumento.
2.
Il display deve visualizzare immediatamente il tipo di strumento (M700) e la
configurazione della CPU in memoria. Se non si è ancora familiari con l’M700, si consiglia
di seguire la Sezione 4 e 5 prima di continuare. Lo schema del menu a software è
riportata in figura 5-1 e figura 5-2.
3.
M700 richiede circa 30 minuti per raggiungere una temperatura per uno funzionamento
stabile di tutti i componenti interni. Se è installato il tubo di permeazione, occorrono 48
ore a 50°C per ottenere un'uscita stabile. Suggeriamo di far funzionare lo strumento a
temperatura per 48 ore prima di effettuare le verifiche di calibrazione o le regolazioni con
il tubo di permeazione.
4.
In attesa che lo strumento raggiunga la temperatura adeguata, controllare il corretto
funzionamento tramite le funzioni di diagnostica e di test di M700.
Le seguenti procedure indicano come configurare manualmente il calibratore M700 per il
corretto assegnamento delle porte, come configurare il generatore O3 e come generare
lo zero o span gas alla concentrazione voluta. La Sezione 5 fornisce le informazioni
dettagliate per quanto riguarda il funzionamento.
2-10

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Step 1 – Configurazione della porta source gas per l’assegnamento e la concentrazione della
bombola:
N° Step Azione
1.
premere
SETUP-GAS-CYLPRT1
Commento
Questa sequenza consente di assegnare un tipo di gas per la
PORTA 1 - figura 2-5. Premere ADD per configurare se è
indicato NONE. Premere il pulsante NONE fino a visualizzare il
nome del gas desiderato. Dopo avere selezionata l'unità del
gas sorgente desiderata, introdurre la concentrazione della
bombola del gas sorgente. Potete aggiungere più di un tipo di
gas (gas multi-miscela) premendo ADD o potete cancellare
l’impostazione premendo il tasto DEL.
Premendo PREV o NEXT si potrà scorrere alla configurazione
gas precedente per la stessa porta. Potete anche modificare
l’impostazione premendo EDIT. Per concentrazioni maggiori di
999.9 PPM introdurre PPT (parti per mille) o la percentuale.
Non assegnare un nome identico ad un'altra porta. Vedere la
nota qui sotto. Se si desidera cancellare la configurazione,
selezionare il tipo di gas e premere DEL. Se è stato
precedentemente configurato un solo tipo di gas per la porta e
la scelta NONE è stata cancellata, allora occorre aggiungere
NONE prima di cancellare il tipo di gas (il pulsante DEL non
viene mostrato).
2.
Premere EXIT
Premendo EXIT si memorizza le informazioni di gas sorgente
della PORT 1. Queste informazioni sono utilizzate per calcolare
la concentrazione precisa. Per assegnare altri gas sorgente ad
altre porte ripetere i punti 1 e 2 per ogni porta.
3.
Premere
EXIT-EXIT-EXIT
M700 ritorna al menu principale.
NOTA
M700 utilizza nomi di default dei gas come NONE, H2S, NO, NO2, NH3, SO2, CO
e HC. Se l'operatore sta utilizzando più di due concentrazioni differenti dello
stesso gas, compreso il gas del tubo di permeazione, occorre definire i nomi di gas
sorgente prima di introdurre la concentrazione. È possibile assegnare fino a
quattro nomi per lo stesso tipo di gas in quanto M700 dispone di quattro punti di
entrata gas. M700 registrerà questi nomi introdotti come nomi validi come pure i
nomi di default elencati sopra. Questo elenco di gas sorgente viene utilizzato ogni
volta che occorre selezionare un tipo di gas per l’impostazione della porta del gas
sorgente o del gas di calibrazione.
2-11

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 2-5: Visualizzazione display in impostazione gas sorgente
NOTA
Se non serve creare un nome differente, saltare questa sezione.
Premendo SETUP-GAS-USER-EDIT si apre un menu di editing del nome del gas , che visualizza
i nomi di default e quattro nomi aggiuntivi (cioè USR1, USR2, ecc) definibili dall’operatore nel
formato:
“GAS:NONE MS:64.1”
NONE è un nome di gas definito dall’operatore.
MS è la Massa Molare del gas.
Per esempio, SO2 ha un MS= 64.1. E utile convertire il valore tra PPM e Mg/M3
Premere NEXT fino a visualizzare il nome del gas da modificare. Con ENAB impostato a ON è
possibile abilitare il nome definito da operatore. Premere NAME per editare il nome del gas.
Premere MASS per introdurre il valore della Massa Molare del gas sorgente sotto il nome
definito dall’operatore.
2-12

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
È possibile modificare qualsiasi nome di gas premendo il pulsante sotto la cifra nella sequenza:
“-“ ''A-Z ''0-9 '. Ogni campo può avere fino a quattro cifre alfanumeriche. Il segno (-) indica
uno spazio bianco. Anche se è valido avere spazi bianchi (-) fra i caratteri, il sistema considera
il primo spazio bianco come la fine della stringa, e quindi qualsiasi cifra dopo il primo spazio
bianco viene scartata. Di conseguenza, la prima cifra deve sempre essere un carattere
alfanumerico e non un “-“. Il nome può essere un nome a carattere singolo o fino a quattro
caratteri. Premere tutti i tasti fino ad introdurre il nome desiderato, infine premere ENTER.
Questi nomi definiti dall'operatore saranno aggiunti nella lista dei nomi di default per la
configurazione della sezione gas
Se si ha stesso tipo di gas ma due concentrazioni differenti, occorre assegnare ad ognuno un
nome differente (per esempio, CO1 e CO2, COA e COB o COL e COH). I nomi per il tubo di
permeazione sono di default NO2 ed SO2, perciò occorre utilizzare nomi differenti per sorgenti
gas in bombola NO2 ed SO2 per evitare conflitti di nome. Se è utilizzato lo stesso nome per il
tubo di permeazione e per la porta del gas sorgente, M700 genererà il gas di calibrazione dalla
sorgente gas della bombola.
Configurazione del gas per il tubo di permeazione; omettere questa procedura se non è
installata l'opzione del tubo di permeazione. Premere SETUP-GAS-PERM, quindi introdurre il
tasso di permeazione in ng/min. @ 50°C. Selezionare un tipo di gas e premere ENTR.
L’impostaziopne del tubo di permeazione non consente nomi definiti dall'operatore.
Step 2 – Impostazione del generatore O3 per il funzionamento e controllo desiderati
Se non è installata l’opzione generatore O3 saltare questa procedura. Se è presente un
generatore O3 premere SETUP-GAS-O3-MODE per selezionare uno dei modi di controllo della
lampada generatore. Si consiglia la modalità BNCH se è installato il fotometro (opzione). La
modalità BNCH significa che è utilizzato un banco fotometrico per il controllo di feedback del
generatore O3. La modalità REF serve se è installato il generatore O3 senza il fotometro. La
modalità REF utilizza un controllo della risposta del rivelatore di riferimento. CNST utilizza una
tensione di lampada costante senza il controllo di feedback da parte della CPU ed è utilizzato in
genere soltanto per la ricerca guasti.
Step 3 – Generazione dello ZERO AIR:
N° Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - AUTO
Premere il pulsante del tipo di Gas fino a visualizzare
ZERO, premere ENTR. M700 inizierà a generare lo zero
air secco a 5 SLPM.
2.
Premere
STBY
Si ferma la generazione di zero air e M700 si porta in
modalità standby.
2-13

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Step 4 - Generazione dello span gas:
N° Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - AUTO
Questa sequenza consente di selezionare tipo di gas e
concentrazione. Premere il pulsante del tipo di gas fino a far
apparire un nome di gas desiderato, selezionare l'unità ed
introdurre la concentrazione dello span gas desiderato. (il
valore impostato in fabbrica è 5 SLPM. Vedere la nota qui
sotto)
2.
premere ENTR
M700 comincerà a generare una concentrazione precisa di
span gas.
3.
Premere STBY
M700 smette di generare lo span gas e si porta in modalità
standby.
NOTA
Il flusso impostato in fabbrica è a 5 LPM. Per modificarlo, premere
SETUP-MORE-FLOW, inserire il flusso desiderato e premere ENTR.
Questo è il flusso totale in uscita
M700 gestisce i flussi secondo tre modalità:.
1.
Senza intervento dell'operatore, M700 con un flusso totale di uscita di 5 LPM effettua i
calcoli per determinare il flusso di gas alla concentrazione richiesta ed il flusso del
diluente.
2.
M700 consente all'operatore di variare il flusso totale e calcolerà gli altri flussi richiesti
(SETUP-MORE-FLOW). Una volta cambiato, il nuovo valore di flusso diventa il flusso
totale per tutta la concentrazione gas generata.
3.
M700 consente all'operatore di configurare sia il flussi del diluente e quello a
concentrazione della bombola di gas (quindi, anche determinando il flusso totale),
consultare il Modo Manuale alla Sezione 5.
2-14

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
3.
CARATTERISTICHE, GARANZIA
3.1.
Specifiche
Sistema di diluizione
Precisione nella misurazione Flusso
±1% F.S.
Ripetibilità del Controllo Flusso
±0.2% F.S.
Linearità nella misurazione flusso
±0.5% F.S.
Campo Flusso dell’Aria Diluente
0 a 10 SLPM
0 a 20 SLPM (opzionale)
Campo Flusso dei Gas di Bombola
0 a 100 cc/min.
0 a 50 cc/min. (opzionale)
0 a 200 cc/min. (opzionale)
Rapporto di Diluizione (tipico)
50:1 a 2000:1
Zero Air richiesto
10 SLPM @ 30 PSIG
20 SLPM @ 30 PSIG (opzionale)
Porte di ingresso CAL gas
4
Porte di ingresso Zero Gas
1
Tempo di risposta
60 Sec. (98%)
Modulo Generatore Ozono
Uscita Generatore Ozono:
MAX Output
6 ppm LPM
MIN Output
100 ppb LPM
Tempo di risposta:
180 Sec. (98%)
Caratteristiche Generali
Pressione in entrata
20 - 30 PSIG
Campo di Temperatura
5 - 40°C
Umidità
0 - 95% RH, senza condensa
Peso
60 lbs
Dimensioni HxLxP
7”x17”x24” (18cm x 43cm x 61cm)
Condizioni ambientali
Categoria di installazione (Categoria di
Sovratensione) II
Grado di inquinamento 2
Massima altitudine operativa
10,000 ft
Alimentazione
115V∼60Hz, 220V∼50Hz, 240V∼50Hz, 250 Watt
Alimentazione
230V∼50Hz, 2.5A; campo per marchio CE
3-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
MODULO FOTOMETRO U.V. (OPZIONE)
Campo a fondo scala
Selezionabile dall’operatore
100 ppb a 10 ppm
Precisione
1.0 ppb
Linearità
1.0% della lettura
Tempo di salita/discesa
<20 sec.
Tempo di risposta(98%)
180 sec.
Spostamento dello Zero
<1.0 ppb / 7 giorni
Spostamento dello Span
<1% / 24 ore
<2% / 7 giorni
Uscita analogica Canale di Test
+/-100 mV, 1, 5(1), 10V; risoluzione di 1 parte su
1024 del campo di tensione o corrente selezionato
(selezionabile)
Uscite digitali di comando
12 (opto-isolate)
Ingressi digitali di comando
12 (opto- isolate)
Uscite digitali di stato
12 (opto- isolate)
RS-232 (standard)
(1)
5 V è raccomandato poiché la tensione di comando di MFC è 5 volts (vedi Sezione
9.2.1).
3-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
3.2.
Garanzia
Il presente manuale, tradotto in lingua italiana, ho lo scopo di semplificare la consultazione, da
parte dell’operatore, delle procedure tecniche di utilizzo del calibratore.
Questa versione, tradotta in lingua italiana, non sostituisce il manuale originale che deve
obbligatoriamente accompagnare lo strumento ed essere di riferimento ogniqualvolta ci sia un
dubbio di interpretazione.
Le condizioni di garanzia sono esclusivamente quelle previste dal contratto di fornitura Project
Automation.
3-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
.
3-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.
IL CALIBRATORE M700
4.1.
Principio di Funzionamento
Il calibratore M700 può generare gas di calibrazione diluito compreso l’ozono, la titolazione
della fase gassosa (NO2) dalle bombole di gas, o da un gas sorgente del tubo di permeazione.
Ogni concentrazione viene generata precisamente mescolando il gas con lo “zero air” diluente
in cui il rapporto di miscelazione è controllato dal regolatore di portata in massa.
Il controller della portata in massa dell'aria diluente ha una gamma di 10 SLPM (opzionale: 20
SLPM) ed il controller della portata in massa del gas ha una gamma di 100 cc/min. (opzionale:
0-50 cc/min., 0-200cc/min.). I regolatori della portata in massa assicurano un preciso rapporto
di miscelazione per la generazione di gas di calibrazione tramite precisi circuiti di controllo a
loop chiuso elettronici. La CPU calcola sia il gas richiesto che la portata dell’aria diluente
determinata dalla seguente equazione e controlla di conseguenza i corrispondenti regolatori
della portata in massa.
C f = Ci ×
GAS flow
GAS flow + AIR flow
Cf = concentrazione finale del gas diluito
Ci = concentrazione del gas sorgente
GASflow = portata del gas
AIRflow = portata dell’aria di diluizione
Il principio del GPT è basato sulla reazione veloce della fase gassosa fra NO ed O3 che produce
le quantità stechiometriche di NO2 come indicato dalla seguente equazione:
NO + O 3 → NO 2 + O 2
Essendo nota la concentrazione di NO per questa reazione, può essere facilmente determinata
la concentrazione risultante di NO2. L'ozono è aggiunto all’NO in eccesso in un contenitore di
miscelazione in vetro e l'analizzatore di chemioluminescenza rivela i cambiamenti nella
concentrazione di NO. Dopo l'aggiunta di O3, la diminuzione osservata della concentrazione di
NO sul canale NO è equivalente alla concentrazione di NO2 prodotta. La quantità di NO2
generata può essere variata aggiungendo quantità variabili di O3 dal generatore O3.
4-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
È stato determinato empiricamente che la reazione NO- O3 va a completamento (O3 residuale
<1%) se la concentrazione di NO nella camera di reazione (ppm) moltiplicato per il tempo
residuo (min.) dei reagenti è >2.75 ppm-min. M700 è progettato per soddisfare la reazione
completa basata sulle linee guida U.S.E.P.A..
M700 può disporre come opzione di un generatore di ozono per generare una gamma dinamica
di concentrazioni di ozono. Il generatore O3 dispone di tre modi differenti di controllo della
risposta della lampada a seconda delle opzioni installate. Se è installato solo il generatore O3,
l’operatore può selezionare il modo a controllo lampada costante o il modo a controllo con
riferimento rivelatore. Se è inclusa l'opzione fotometro, allora il modo di risposta del banco può
essere utilizzato per generare una precisa concentrazione di ozono.
Il tubo di permeazione consiste di un piccolo contenitore di liquido, con una piccola uscita in
PTFE. Il gas permea lentamente attraverso il PTFE ad un tasso entro la gamma di
nanogram/min. Se il tubo è mantenuto alla temperatura costante, solitamente circa 50°C, il
dispositivo fornirà una sorgente di gas stabile. La concentrazione nel tubo di permeazione è
determinata dall'uscita specifica del tubo di permeazione (ppb @ 1 slpm @ 50°C), dalla
temperatura del tubo di permeazione (°C) e dalla portata d'aria che lo attraversa (slpm).
L'uscita specifica è una funzione fissa del tubo di permeazione ed è riportata sul contenitore di
trasporto.
4-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PIC
Valve drivers
& LED's
Figura 4-1: Layout di M700
4-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.2.
Descrizione dello Strumento
4.2.1.
Sistema Pneumatico
Il sistema pneumatico del calibratore M700 è costituito dal sistema di diluizione di precisione e
dal collettore a valvole (fare riferimento alla figura 4-2 per lo schema pneumatico).
Come detto precedentemente, il sistema di diluizione di precisione genera il gas di calibrazione
diluito, comprendente l'ozono e la titolazione della fase gassosa (NO2), dalle bombole di gas, o
da un tubo di permeazione. Ogni tipo di gas è generato in modo preciso miscelando quel gas
con lo “zero air” diluente in cui il rapporto di miscelazione è controllato elettronicamente dal
controller della portata in massa.
Due contenitori di vetro accuratamente selezionati secondo le linee guida U.S.E.P.A.
consentono di ottimizzare la miscelazione gas per il metodo di titolazione in fase gassosa. Se
sono utilizzate le opzioni quali generatore ozono, forno di permeazione, o il fotometro, allora la
portata risulta controllata dagli orifizi critici di flusso. Gli orifizi non hanno bisogno di
regolazioni. Ogni orifizio di flusso critico mantiene il preciso controllo volumetrico fin tanto che
tra l’orifizio a monte e a valle viene mantenuto il rapporto critico della pressione.
Il collettore a valvole di entrata consiste di quattro valvole sulle porte del gas e di una valvola
sull’aria di diluente utilizzate per selezionare il tipo di gas e per consentere una chiusura
separata del gas a monte del controller della portata in massa. Ogni valvola è tarata fino a 40
PSI e quindi sia la pressione dello “zero air” di diluizione che la pressione del gas devono
essere fra 25 - 30 PSI e mai superiore a 35 PSI per evitare una miscelazione indesiderata del
gas. Una valvola a tre vie è aggiunta in serie a valle del contenitore di miscelazione in vetro
per evitare il trasporto indesiderabile del gas di calibrazione fuori dal collettore del campione
ed serve anche come valvola di intercettazione per fare il test di tenuta del circuito
pneumatico. Il collettore a valvole di entrata inoltre consente la pulizia del sistema pneumatico
con “zero air” pulito senza coinvolgere il controller della portata in massa.
4.2.2.
Scheda sensori di pressione
Ci sono due schede sensore di pressione installate in M700. Una scheda consiste di due sensori
di pressione per misurare la pressione di “zero air” diluente e la pressione del gas sorgente.
L'altra scheda può contenere due sensori di pressione ed un sensore della portata in massa in
funzione dei requisiti di opzione (figura 9-4). Tutte queste misure di pressione e di flusso sono
visualizzate nel menu dei test.
4-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 4-2: Schema circuito pneumatico
4-5

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.2.3.
Hardware e Software del Computer
Il calibratore M700 funziona con un micro-computer della serie 8088. Il sistema operativo
multitask del computer consente il controllo dello strumento, il monitor dei punti di test,
un'uscita analogica, l’interfaccia a “datalogger” o analizzatori e un'interfaccia operatore tramite
display, tastiera e porta RS-232. Questi processi sembrano avvenire simultaneamente ma in
realtà sono eseguite in sequenza attraverso un sistema di gestione code con priorità effettuata
dal sistema operativo in multitask. Le operazioni sono messe in coda in sequenza ed eseguite
soltanto se richieste, mettendo in risalto tutta l’efficienza del processore 8088.
Il calibratore M700 è un vero strumento computerizzato. Il microprocessore esegue la maggior
parte delle funzioni di controllo dello strumento quali controllo temperatura, portata in massa,
controllo dell'ozonizzatore e controllo dei driver delle valvole incluso l’interfaccia con
“datalogger” e analizzatori. Se è attiva l'opzione fotometro di ozono, allora lo strumento misura
la concentrazione in tempo reale nel gas ozono e fornisce il feedback per controllare
l'ozonizzatore per una concentrazione precisa del gas di calibrazione ozono. M700 adotta
soluzioni hardware e software potenti contemporaneamente a flessibilità e facilità d’uso.
4.2.4.
Scheda V/F
La V/F Board è una scheda multifunzionale caratterizzata da canali di ingresso A/D, canali I/O
digitali e canali di uscita analogici per i controller della portata in massa e per un’uscita di test.
Tramite la V/F Board, il computer interfaccia tutti i dati analogici e digitali e fornisce in uscita
tutte le funzioni di controllo
4.2.5.
Pannello Frontale
Il pannello frontale di M700 è riportato in figura 4-3. È costituito da un display a 2 righe di 40
caratteri alfanumerici, da 8 pulsanti, 3 LED, ed interruttore di alimentazione. M700 è
progettato come strumento computerizzato, e quindi tutti i funzionamenti importanti possono
essere controllati sul display del pannello frontale e con la tastiera.
Il display è diviso in 3 campi. Il campo MODE nella parte in alto a sinistra, MESSAGE nella
parte centrale in alto e MENU che occupa l'intera riga inferiore del display.
Il campo MODE indica la modalità di funzionamento corrente del calibratore. Il campo
MESSAGE mostra i valori di TEST o messaggi di avvertimento. Le funzioni di test consentono di
accedere rapidamente a molti importanti parametri operativi di M700 consentendo un controllo
rapido sullo stato di salute e sul funzionamento dello strumento. Il campo MENU è diviso in 8
zone che indicano la funzione attuale di ognuno degli 8 pulsanti (vedi sezione 5 per le
informazioni dettagliate del campo MENU).
4-6

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 4-3: Pannello Frontale
4-7

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.2.5.1.
I LED di stato
I tre LED di stato sulla destra del display indicano lo stato generale del calibratore M700. Il LED
verde indica il modo standby. Il LED giallo indica lo stato di calibrazione. Il colore rosso indica
uno stato di guasto. La tabella 4-1 riassume il significato dei LED di stato:
Tabella 4-1: LED di stato
LED
Stato
Significato
Verde
Off
On
Il Calibratore è in standby
Il Calibratore è in standby
Giallo
Off
On
Non ci sono timer automatici abilitati
Nessuna sequenza in esecuzione, ma
sono in funzione dei timer automatici
Lampeggiante
Una sequenza è in esecuzione (ma non
necessariamente controllata da un
timer)
Rosso
Off
Lampeggiante
Nessun guasto corrente
Avviso di problema
4.2.5.2.
Interruttore di Alimentazione
L'interruttore di alimentazione ha due funzioni. L'interruttore basculante controlla
l'alimentazione generale verso lo strumento. Inoltre, contiene un interruttore automatico che
se all’accensione di M700 interviene, l'interruttore di alimentazione ritorna automaticamente in
posizione Off e lo strumento non verrà alimentato.
4.2.5.3.
Modulo di Alimentazione
Il modulo di alimentazione (power supply module - PSM) fornisce la corrente AC e DC a tutto lo
strumento. Esso consiste di un alimentatore lineare con 4 uscite DC e un alimentatore
switching a 24 volt. Contiene inoltre i circuiti di commutazione per il comando delle valvole
alimentate in DC e dei diversi carichi in AC per far funzionare il fotometro, la pompa ed il forno
del tubo di permeazione.
4.2.6.
Interfaccia I/O
M700 può interfacciarsi con unità esterne quali datalogger o computer host. Questa sezione
descrive le informazioni dell’interfaccia RS-232, ingressi/uscite con contatti in chiusura e le
uscite di stato.
4-8

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.2.7.
Interfaccia RS-232
M700 usa il protocollo di comunicazioni RS-232 per poter collegare lo strumento ad una varietà
di apparati computerizzati. Il protocollo RS-232 è stato utilizzato per molti anni e quindi la sia
funzionalità è garantita. Maggiore attenzione deve essere prestata ai connettori e agli schemi
di collegamento tra M700 e i vari dispositivi.
Esempi di connessione dell’interfaccia RS-232
Esempio 1
Collegando M700 (con il cavo fornito) ad un PC IBM compatibile (connettore esterno DB-25, o
terminazione DB-25 dell'adattatore DB-9-DB-25).
In questo caso il PC è collegato come DTE e l'analizzatore come DCE (tramite il cavo fornito), e
non serve nessun modem. I collegamenti sono "diretti" cioè pin 1 – con pin 1, pin 2 – con pin
2, ecc. Di conseguenza, quello che serve è adattare il connettore sul cavo dell'analizzatore
(maschio DB-25) al maschio DB-25 del PC. Un cavo adattatore DB-25 femmina -femmina
completerà il collegamento.
Esempio 2
Collegamento di M700 ad una stampante.
In questo caso sarà necessario determinare se la stampante è vista come DCE o DTE. Alcune
stampanti possono essere configurate sia DCE o DTE con un semplice interruttore o settando
un ponticello su un DIP switch. Consultare il manuale operatore della stampante. Se la
disposizione dei pin del connettore DB-25 indica che i dati escono dal pin 2 (dalla stampante),
allora la stampante è DTE e lo strumento deve avere i ponticelli configurati secondo la
modalità DCE. Se il pin 2 del connettore DB-25 della stampante riceve i dati, allora configurare
i ponticelli dell'analizzatore in modalità DTE.
Esempio 3
Collegamento di M700 ad un modem.
Il modem è sempre configurato come DCE. Di conseguenza occorre configurare i ponticelli sullo
strumento come DTE in modo da collegare l’interfaccia al modem.
Software di comunicazione dati per un PC.
Occorre acquistare un pacchetto applicativo in modo che il computer possa trasmettere e
ricevere le informazioni dalla porta seriale di M700. Ci sono molti programmi, quello più
comune è PROCOMM. Una volta configurate le variabili in PROCOMM e che i collegamenti sono
corretti, sarà possibile comunicare con l'analizzatore. Assicurarsi che l'analizzatore sia
configurato per 2400 baud o alla velocità in baud desiderata (SETUP-MORE-COMM-BAUD) e
che PROCOMM sia configurato come riportato in figura 4-4 “assegnazione dei pin su RS-232".
4-9

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 4-4: Assegnazione dei pin su RS-232
4-10

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.2.8.
Interfaccia uscite di stato
Le uscite di stato sul pannello posteriore di M700 forniscono le condizioni dello strumento
attraverso la chiusura di contatti (tipo optoisolatore). Ci sono 12 uscite. Le prime quattro
uscite sono collegate attraverso un connettore a 8 pin identificabile dall’etichetta "STATUS
OUT" (figura 2-2). L'etichetta C identifica il segno "+" e l'etichetta E identifica il segno "-". Le 8
uscite restanti sono collegate ad un connettore a 50 pin (DB-50) con CONTROL INPUTS e l
CONTROL OUTPUTS (figura 2-2). Le assegnazioni dei pin sono elencate qui sotto.
Tabella 4-2: Uscite di stato su connettore 8 Pin
Output #
Pin #
Definizione
Condizione
1
1,2
POWER OK
CHIUSO PER ALIMENTAZIONE OK
2
3,4
SYSTEM OK
CHIUSO PER SISTEMA OK
3
5,6
CAL ACTIVE
CHIUSO PER CALIBRATORE ATTIVO
APERTO PER CALIBRATORE IN STAND-BY
4
7,8
DIAG MODE
CHIUSO IN MODALITA DIAGNOSTICA
Tabella 4-3: Uscite di stato su connettore 50 Pin
Output #
Pin #
Definizione
Condizione
5
34,35
TEM ALARM
CHIUSO PER PROBLEMA TEMPERATURA
6
36,37
PRESS ALARM
CHIUSO PER PRESENZA ALLARME
7
38,39
SPARE
8
40,41
SPARE
9
42,43
SPARE
10
44,45
SPARE
11
46,47
SPARE
12
48,49
SPARE
Nel collegare gli optoisolatori ai dispositivi esterni, occorre inserire un resistore in serie ai pin di
uscita per limitare la corrente. Gli optoisolatori possono portare una corrente fino a 50 mA DC.
La figura 4-5 mostra un esempio di collegamento tipico su un’uscita di stato tramite circuito
con optoisolatore.
4-11

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 4-5: Interfaccia con uscita a chiusura contatto
4.2.9.
Interfaccia di ingresso con controllo a chiusura contatto
La sequenza di calibrazione di M700 può essere iniziata tramite gli input esterni di comando.
Sono disponibili 12 ingressi di controllo tipo optoisolatore che possono inizializzare fino a 4096
sequenze differenti con gli ingressi a chiusura contatto. Le prime quattro uscite sono collegate
al connettore 8 pin “CONTROL IN” (figura 2-2). Le 8 uscite restanti sono collegate al
connettore a 50 pin. La Sezione 5.3.3 illustra dettagliatamente la configurazione degli input di
controllo.
Figura 4-6: Interfaccia di ingresso a chiusura contatto
4-12

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
La Figura 4-6 mostra un esempio di circuito che si interfaccia con un input di controllo. La
corrente di entrata attraverso il LED è limitata da un resistore interno per evitare danni da
sovracorrente. Una volta che connessi correttamente i canali di input, l'operatore può
configurare ogni input per specifiche istruzioni.
4.2.10. Interfaccia uscite di controllo a chiusura contatti
L'interfaccia uscite di controllo a chiusura contatti fornisce 12 uscite optoisolate verso
dispositivi di controllo esterni. La descrizione del circuito è identica a quella di figura 4-5.
Tramite questi 12 optoisolatori possono essere configurate fino a 4096 differenti uscite di
sequenza. Le prime quattro uscite optoisolate sono portate al connettore 8 pin (figura 2-2)
"CONTROL OUT". Le 8 uscite restanti sono portate al connettore 50 pin.
Come visto nella Sezione 4.2.10, se la sequenza è iniziata da una qualsiasi sorgente, M700 può
essere settato per una qualunque delle uscite di controllo programmate. Questa uscita può
essere utilizzata per sincronizzare la sequenza di calibrazione di M700 e l'unità di controllo
esterna (es. datalogger). Vedi sezione 5.3.4 per la configurazione dell'uscita a chiusura
contatti.
4-13

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
4-14

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.
IL FUNZIONAMENTO DI M700
Questa sezione tratta le caratteristiche del software del calibratore M700, progettato come
strumento controllato da computer per offrire un funzionamento facile, potente e flessibile.
Tutte le funzioni principali sono controllate dal pannello frontale e dalla tastiera attraverso un
menu facile da utilizzare. Il menu a pannello frontale è descritto nella prima sezione. Le sezioni
successive riguardano il funzionamento di M700 suddiviso in tre importanti sottosezioni:
funzionamento manuale, funzionamento automatico e funzionamento da remoto. Ogni
sottosezione contiene un esempio tipico. Per l'installazione ed le operazioni iniziali, fare
riferimento alla "Sezione 2: Come iniziare".
5.1.
Indice dei Menu a Pannello Frontale
Le seguenti pagine contengono due stili differenti di indici che consenteranno di navigare
attraverso i menu a software di M700. La figura 5-1 mostra una struttura menu "ad albero"
che consente l’immediata localizzazione di tutti i mnemonici principali e la Sezione 5.1.1 Menu
Principale fa da riferimento alla sezione del manuale che descrive più dettagliatamente lo scopo
e la funzione dei mnemonici.
5-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 5-1: Menu Principale
5-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 5-2: Menu di Setup
5-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.1.1.
Menu Principale
Tabella 5-1: Struttura del Menu Principale di M700
Livello MENU
Liv. 1
Liv. 2
Liv. 3
Liv. 4
Descrizione
Sezione di
Riferimento
TEST
TST>
Funzioni di Test. Questi pulsanti
permettono all’operatore di scorrere per
visualizzare le misure di test desiderate
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.,
Tabella 9-1
GEN
Il modo “Generate” consente all’operatore
di generare manualmente uno specifico
tipo di gas.
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
AUTO
Semplice operazione manuale per
generare un tipo di gas e concentrazione
desiderati incluso lo “zero air”.
5.2.2
GPT
Operazione Gas Phase Titration (GPT)
serve per generare la concentrazione
desiderata di gas NO2.
5.2.3
GPTP
Questo step di preset GPT simula la fase
GPT senza generare NO. Questo per avere
la generazione del solo Ozono in modo da
determinare in modo preciso il valore di
Ozono ed assicurare un valore preciso di
NO2 durante una fase GPT corrente.
5.2.4
MAN
Operazioni manuali avanzate per generare
un tipo di gas e una concentrazione
desiderate immettendo una portata di gas
sorgente target e una portata d’aria
diluente.
5.2.5
PURG
Eliminazione nel sistema pneumatico del
gas residuo dalla precedente operazione di
generazione.
5.2.6
STBY
Arresto della modalità di generazione e
ritorno di M700 al menu STND-BY.
Esempio 5.1
e 5.10
SEQ
Modo sequenziale. Si può manualmente
attivare la sequenza di preset
calibrazione. L’operatore deve impostare
le sequenze prima di utilizzare questa
funzione.
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
SETU
P
Il menu SETUP – vedi tabella seguente
5-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5-5

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.1.2.
Menu di SETUP
5-6

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Livello Menu
Liv. 1
Liv. 2
Liv. 3
Liv. 4
GAS
Descrizione
Sezione di
Riferimento
Configura i gas sorgente
CYL
Configura le porte 1-4 del gas di
bombola
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
PRT1
Configura il tipo e la concentrazione
gas per la porta 1
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
PRT2
Configura il tipo e la concentrazione
gas per la porta 2
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
PRT3
Configura il tipo e la concentrazione
gas per la porta 3
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
PRT4
Configura il tipo e la concentrazione
gas per la porta 4
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
Nome del tipo di gas definito da
operatore
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
Modifica o creazione del nome gas
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
ENAB
Abilita l’impostazione del nome gas
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
NAME
Impostazione del nome gas
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
USER
EDIT
5-7
MASS
Inserimento valore Massa Molare
Errore.

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
PERM
Impostazione tubo di permeazione
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata. & 6.2
O3
Impostazione generatore Ozono
/fotometro (opzionale)
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
MODE
Modo feedback controllo
generatore O3; CNST, REF, BNCH
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
ADJ
Regolazione output generatore O3
9.2.6
PHOT
Impostazione fotometro O3
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
BCAL
Menu di calibrazione Photometer
bench
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
DARK
Menu calibrazione Bench detector
dark
9.2.7
Tabella 5-2: Struttura del Menu di SETUP di M700
(continua)
5-8

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 5-2: Struttura del Menu di SETUP di M700 (continua)
5-9

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Livello Menu
Liv. 1
Liv. 2
Liv. 3
SEQ
Descrizione
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
Edita e crea il database delle
sequenze
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
NEXT
Passa al successivo numero di
sequenza per l’editing
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
INS
Crea il database della sequenza
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
DEL
Cancella la sequenza dal
database
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
EDIT
Operazioni di edit della sequenza
esistente
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
PRNT
Operazioni di stampa la sequenza
specificata
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
Stampa il database della
sequenza
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
CFG
Mostra la configurazione del
software
CLK
Impostazione dell’orologio
PASS
Sezione di
Riferimento
Configura le sequenze. Creazione
di un database per modificare le
sequenze di calibrazione
EDIT
PRNT
Liv. 4
TIME
Impostazione del giorno
DATE
Impostazione
della data
5-10
Abilita o disabilita l’impostazione
5.1.4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
della password
MORE
Accesso alle caratteristiche
avanzate – vedere tabella
seguente
COMM
Menu comunicazioni
BAUD
Velocità in baud su RS-232
ID
Numero ID dello strumento
FLOW
Imposta la portata di output
totale di target dello strumento
che equivale alla somma della
portata gas e portata aria
diluente.
Errore.
L'origine
riferimento
non è stata
trovata.
VARS
Edit delle variabili per operazioni
speciali sullo strumento
7.5
DIAG
Menu di diagnostica
9.1.3
5-11

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.1.3.
Funzioni di Test
NOTA
In tutte le seguenti funzioni di TEST, il valore XXXX sul display
significa una lettura fuori scala e quindi non avrà nessun valore.
Tabella 5-3: Descrizione delle misure dei Test
Misura del Test
Descrizione
ACT CAL=x.xxxx LPM
Portata attuale del gas di calibrazione
TARG CAL=x.xxxx LPM
Portata del gas di calibrazione di target
ACT DIL=x.xxx LPM
Portata attuale dell’aria diluente
TARG DIL=x.xxx LPM
Portata dell’aria diluente di target
2
Lettura del rivelatore di riferimento generatore O3
2
Portata attraverso il generatore O3
2
Tensione lampada generatore O3
2
Temperatura lampada generatore O3
CAL PRESSURE= xx.x PSIG
Pressione del gas sorgente (bombola)
DIL PRESSURE= xx.x PSIG
Pressione dell’aria diluente
REG PRESSURE=xx.x PSIG
Pressione del regolatore
ACT= xxxx ppb gas
Concentrazione attuale del gas di calibrazione
TARG= xxxx ppb gas
Concentrazione target del gas di calibrazione
BOX TEMP= xx.x C
Temperatura interna della macchina
1
Temperatura del forno del tubo di Permeazione
O3 GEN REF= xxxx MV
O3 FLOW=x.xxxx LPM
O3 GEN DRIVE= xxxx MV
O3 LAMP TEMP= xx.x C
PERM TEMP=xx.x C
(continua)
5-12

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 5-4: Descrizione delle misure dei Test (continua)
Misura del Test
Descrizione
1
Portata forno del tubo Perm
3
Lettura misura fotometro
3
Lettura riferimento fotometro
3
Portata campione fotometro
3
Temperatura lampada fotometro
3
Pressione campione fotometro
3
Temperatura campione fotometro
3
Inclinazione del fotometro
3
Deriva del fotometro
DCPS= xxxxx MV
Alimentazione DC
TIME= xx:xx:xx
Orologio corrente
PERM FLOW=x.xxxx LPM
PHOTO MEASURE=xxxx.x MV
PHOTO REFERENCE=xxxx.x MV
PHOTO FLOW= x.xxxx LPM
PHOTO LAMP= xx.x C
PHOTO SPRESS= xx.x IN-HG-A
PHOTO STEMP= xx C
PHOTO SLOPE= x.xxxx
PHOTO OFFSET=x.xxx
1
visualizzato se è istallato il tubo perm.
2
visualizzato se è installato il generatore Ozono.
3
visualizzato se è installata l’opzione fotometro.
Portata attuale gas di calibrazione - ACT CAL
Questa è la portata effettiva del gas di calibrazione attraverso il controller della portata in
massa. La portata attuale del gas deve essere la stessa della portata di target.
Portata gas di calibrazione di target - TARG CAL
Questa è la portata target del gas di calibrazione attraverso il controller della portata in massa.
Questa portata di target è calcolata da M700 in base al requisito di portata totale,
concentrazione della bombola del gas sorgente e concentrazione desiderata dell'uscita gas di
calibrazione.
Portata attuale aria di diluizione- ACT DIL
Questa è la portata effettiva dello zero air di diluizione attraverso il controller della portata in
massa. Lo Zero Air attuale deve essere avere lo stesso valore della portata di target dell'aria di
diluizione. Questo “zero air” diluente deve essere esente da agenti contaminanti per assicurare
la qualità del gas di calibrazione.
Portata di target dell’Aria di Diluizione - TARG DIL
Questa è la portata target dello “zero-air” di diluizione calcolata e che normalmente è quasi la
portata totale necessaria. La portata totale è la portata presente su TEST GAS OUT PORT del
pannello posteriore di M700 e comprendente la portata del diluente e la portata del gas
sorgente.
5-13

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Lettura di Riferimento del Generatore Ozono - O3 GEN REF
Questa è la lettura ottenuta dal rivelatore di riferimento del generatore ozono. Questo valore è
utilizzato per controllare l’uscita ozono quando è selezionata la modalità con feedback dal
riferimento durante la generazione ozono.
Flusso del generatore Ozono - O3 FLOW
Il flusso attraverso il generatore ozono è controllato dall’orifizio critico per assicurare un valore
costante. La pressione critica a monte è mantenuta costante tramite il regolatore di pressione
di precisione dell’orifizio.
Tensione di comando del generatore Ozono - O3 GEN DRIVE
Questa è la tensione di controllo lampada gestita dalla CPU per generare una concentrazione
target di ozono. Questa tensione è generata come tensione di feedback mediante tre modalità
differenti a seconda dell’opzione ordinata.
Temperatura della lampada Ozono - O3 LAMP TEMP
Questa è la lettura della temperatura del generatore di ozono. Questa temperatura è
controllata dalla CPU per mantenere stabili la temperatura della lampada e l'uscita ozono.
Pressione del Gas di Calibrazione - CAL PRESSURE
Questa è la misura della pressione del gas sorgente. Tipicamente deve essere tra 25 - 30
PSIG.
Pressione dell’aria di Diluizione - DIL PRESSURE
Questa è la misura della pressione dell’aria di diluizione. Tipicamente deve essere tra 25 - 30
PSIG.
Pressione del Regolatore - REG PRESSURE
Questa è la misura della pressione del regolatore che controlla la portata degli orifizi critici del
generatore O3 e del forno del tubo di permeazione. La pressione nominale è di 20 psig.
5-14

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Concentrazione effettiva in uscita - ACT
Questa è la concentrazione effettiva del gas di calibrazione diluito misurato dalle tensioni di
feedback dei controller della portata in massa. La concentrazione è calcolata basandosi sulla
misura del flusso attraverso i controller della portata in massa utilizzando la seguente
equazione.
C f = Ci ×
GAS flow
GAS flow + AIR flow
Equazione 5.1
Cf = concentrazione in uscita del gas diluito
Ci = concentrazione del gas sorgente
GASflow = portata del gas
AIRflow = portata dell’aria di diluizione
Concentrazione Target di uscita - TARG
La concentrazione target è una concentrazione inserita dall’operatore. M700 calcola le portate
del gas e dell’aria con la suddetta equazione. La generazione di concentrazioni insolitamente
basse o alte può portare a gas di calibrazione imprecisi. Non andare con concentrazioni inferiori
a 5% o superiori a 95% della gamma del flussometro di massa.
Temperatura interna al telaio- BOX TEMP
Questa funzione di TEST misura la temperatura all'interno del telaio di M700. Tipicamente è 2 10°C superiore alla temperatura ambiente.
Temperatura del forno di Permeazione - PERM TEMP
Questa opzione di permeazione comprende un forno per la generazione gas tramite tubo di
permeazione (tipicamente SO2 o NO2). La temperatura del forno è normalmente 50°C. La
temperatura effettiva è mantenuta stabile a ±0.1°C anche se è normale vedere la temperatura
oscillare di ±0.3°C sul display del pannello frontale dovuto alla vicinanza del sensore di
temperatura al riscaldatore.
Misurazione fotometro - PHOTO MEASURE
Questa è la lettura del canale di misurazione del fotometro. Se è installata l'opzione, il
fotometro campionerà il gas ozono diluito per controllare in modo preciso la concentrazione di
gas ozono. Nella modalità STANDBY viene visualizzato XXXX.
Riferimento fotometro - PHOTO REF
Questa è la lettura del canale di riferimento del fotometro. È utilizzata per calcolare la
concentrazione gas di ozono. Nella modalità STANDBY viene visualizzato XXXX.
5-15

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Portata fotometro - PHOTO FLOW
Questa è la portata del campione attraverso il fotometro. È tipicamente 800 cc/min quando il
fotometro è in funzione. La pompa e la valvola del fotometro sono in funzione soltanto quando
serve durante la modalità di generazione ozono e se è selezionata la modalità con banco.
Lampada fotometro - PHOTO LAMP
Questa è la temperatura della lampada sorgente in °C. Questa temperatura è mantenuta a
52°C per avere un'uscita lampada stabile.
Pressione campione fotometro - PHOTO SPRESS
La pressione del campione fotometro è misurata da un sensore a stato solido. Questo valore è
utilizzato per compensare la variazione di pressione del campione.
Temperatura campione fotometro - PHOTO STEMP
La temperatura del campione fotometro è misurata per compensare la variazione di
temperatura del campione.
Rampa del fotometro - PHOTO SLOPE
Lo slope è un termine di guadagno che determina lo ripidità della curva di calibrazione del
fotometro.
Deriva del fotometro - PHOTO OFFSET
Il parametro di deriva compensa la corrente residua del fotometro.
Alimentazione in DC - DCPS
La tensione DCPS è composta dalle tensioni 5 e ± 15 VDC nel modulo alimentatore (PSM).
Questa misura da una rapida indicazione del funzionamento corretto del modulo PSM. Il valore
nominale è 2500 mV ± 200 mV.
Tempo - TIME
Questa è la lettura attuale dell’orologio interno di M700.
5-16

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.1.4.
Protezione con Password
Il calibratore M700 dispone di protezione con password alle funzioni di configurazione e di
calibrazione per evitare regolazioni errate dello strumento. Ci sono tre livelli di password. Alla
richiesta di una password, può essere introdotta una qualsiasi delle password valide, ma la
CPU limiterà l’accesso alle sole funzioni consentite da questo livello di password. Ogni livello
consente l'accesso alle funzioni di tutti i livelli sottostanti più alcune funzioni aggiuntive. La
tabella seguente elenca i livelli di password e le funzioni consentite per ogni livello.
Tabella 5-5: Livelli di password
Password
Livello
Funzioni consentite
Nessuna password
0
GEN, SEQ,STBY,MSG, CLR
818, 101
1
SETUP, DAIG (basso livello), VARS (semplice)
717
2
Calibrazione banco fotometrico
NOTA
La password 818 può essere disabilitata. Per fare questo, premere
SETUP, introdurre 818, premere PASS e selezionare OFF. Se viene
digitata una password errata, M700 emetterà un beep quando viene
premuto ENTER.
5-17

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.2.
Funzionamento Manuale
M700 può funzionare manualmente tramite la tastiera del pannello frontale per generare il tipo
desiderato di gas, la sua concentrazione e perfino le portate specifiche. Può generare il gas di
calibrazione con uno step singolo o a più step in sequenza da un database di sequenze
programmate. Per una rapida applicazione sono riportati numerosi e facili esempi.
5.2.1.
Modo Generate
Questo modo consente all'operatore di generare manualmente il tipo desiderato di gas e di
concentrazione a specifiche portate. I tipi di gas comprendono NO, NO2, SO2, CO, HC, O3, o lo
ZERO GAS. L'installazione e le procedure iniziali di configurazione della porta del gas sorgente
sono dettagliate nella Sezione 2.3. La tabella 5-1 riporta una breve descrizione di ogni funzione
principale.
5.2.2.
Auto
Questo è un esempio semplice (AUTO implica un modo semplice piuttosto che automatico) di
procedimento manuale per generare il gas di calibrazione desiderato. Questa funzione AUTO
offre un funzionamento manuale facile e flessibile. L'operatore deve introdurre la
concentrazione del gas di calibrazione, selezionare l'unità adeguata ed il tipo di gas. Premere
GEN-AUTO, introdurre nella concentrazione desiderata mediante i tasti sotto ogni cifra,
selezionare l'unità premendo un tasto sotto il campo visualizzato sul display. Selezionare un
tipo valido di gas tramite i tasti sotto il campo dei gas. Premere ENTR. Notare che saranno
visualizzati soltanto quei nomi di gas validi configurati nella Sezione 2.3. Fare riferimento agli
esempi delle pagine seguenti.
La portata totale del gas di calibrazione è il valore sotto il menu SETUP-MORE-FLOW. M700
calcolerà la portata del gas sorgente e la portata di diluente per generare concentrazioni
precise del gas di calibrazione. La CPU registrerà l'ultima impostazione in modo da renderlo
disponibile una successiva volta.
5-18

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Gli esempi seguenti mostrano come utilizzare la funzione AUTO.
Esempio 5.1: Generare 400 ppb di span gas NO fino a quando l’operatore termina premendo
STBY.
NOTA
Nessuna porta di gas sorgente deve essere predefinita come
descritto nella Sezione 2.3, punto 1.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - AUTO
Questa sequenza di tasti consente di selezionare il
tipo e la concentrazione di span gas. Introdurre
400.0. Selezionare ppb come unità e gas NO. Il flusso
di default di fabbrica è a 5 LPM (vedi nota).
2.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare span gas NO a 400
ppb.
3.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e riporterà lo
strumento in condizioni di standby.
NOTA
Il flusso totale in uscita dello strumento è predefinito in fabbrica a 5
LPM. Questa portata può essere modificata premendo SETUP-MOREFLOW e fornendo la portata voluta in LPM.
Esempio 5.2: Generare zero air per 15 minuti, successivamente cambiare a 200 ppb di span
gas O3 per altri 15 minuti.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - AUTO
Questa sequenza di tasti consente di selezionare il
tipo e la concentrazione di span gas. Selezionare
ZERO gas (unità e concentrazione sono ignorate per
lo zero air). Il flusso di default di fabbrica è a 5 LPM.
2.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare zero air. Attendere 15
minuti.
3.
Premere
GEN - AUTO
Premendo AUTO si avrà un cambio a span gas
ozono. Introdurre 200.0 utilizzando i tasti sotto ogni
cifra. Selezionare ppb come unità e gas O3 tramite i
tasti sotto ogni campo. Il flusso di default di fabbrica
è a 5 LPM. Attendere 15 minuti
4.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e riporterà lo
strumento in condizioni di standby.
5-19

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Esempio 5.3: Generare 400 ppb di gas NO per 15 minuti, quindi cambio a modo GPT
miscelando 200 ppb di gas O3 con generazione di 200 ppb di gas NO2 per altri 15 minuti.
La generazione di gas NO seguita da GPT consenterà di determinare l'efficienza del
convertitore NO2.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - AUTO
Questa sequenza di tasti consente di selezionare il tipo e la
concentrazione di span gas. Introdurre 400.0 utilizzando i
tasti sotto ogni cifra. Selezionare ppb come unità e gas NO
tramite i tasti sotto ogni campo. Il flusso di default di
fabbrica è a 5 LPM (vedi nota nell'esempio 5.1).
2.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare il gas di calibrazione NO.
Attendere 15 minuti.
3.
Premere
GEN - GPT
Introdurre 400.0 con i tasti sotto ogni cifra per la
concentrazione di NO e premere ENTR. Introdurre 200.0 con
i tasti sotto ogni cifra per la concentrazione di O3 e premere
enter. Il flusso di default di fabbrica è a 5 LPM. Attendere 15
minuti
4.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e la riporterà M700 in
modalità standby.
Gli esempi sopra descritti mostrano soltanto alcune delle possibili combinazioni. L'operatore
può generare manualmente il gas di calibrazione desiderato utilizzando ogni combinazione dei
tipi di gas disponibili, incluso O3 (opzione), tubo di permeazione (opzione) e zero air.
5.2.3.
GPT
La funzione GPT (Gas Phase Titration - titolazione di fase gassosa) consiste nel miscelare una
concentrazione conosciuta di gas O3 con un eccesso di NO per generare il gas di calibrazione
NO2. Poiché il rapporto di miscelazione è 1 a 1, la concentrazione NO2 prodotta dalla reazione
di miscelazione completa sarà identica alla concentrazione di O3. Il volume di miscelazione GPT
di M700 è in accordo con le linee guida U.S.EPA per garantire la reazione completa della
miscelazione. Questa procedura GPT è particolarmente utile per determinare l'efficienza del
convertitore NO2.
Premendo GPT si avrà la possibilità di introdurre le concentrazioni voluti di NO e O3.
NOTA
Immettere una concentrazione NO maggiore della concentrazione O3,
preferibilmente di un fattore 2 come indicato nell'esempio 5.3, per
essere sicuri che la concentrazione di gas NO sia in eccesso della
concentrazione O3.
5-20

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Esempio 5.4: Generare 200 ppb di NO2 miscelando 400 ppb di NO e 200 ppb di O3 per 15
minuti.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - GPT
Introdurre 400.0 per la concentrazione di NO.
2.
Premere ENTR
Introdurre 200.0 per la concentrazione di O3. Il
valore di default di fabbrica del flusso è 5 LPM.
2.
Premere ENTR
Attendere 15 minuti
3.
Premere STBY
Interrompe il modo GPT e riporterà lo strumento
alla condizione di standby.
Esempio 5.5: Generare 200 ppb di gas O3 per 15 minuti, quindi cambiare a modalità GPT
miscelando 200 ppb di O3 con 400 ppb di NO per ottenere 200 ppb di NO2 per altri 15 minuti.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - AUTO
Questa sequenza di tasti consente di selezionare il
tipo e la concentrazione di span gas. Introdurre
200.0 tramite i tasti sotto ogni cifra. Selezionare
ppb come unità e gas O3 tramite i tasti sotto ogni
campo. Il flusso di default di fabbrica è a 5 LPM
(vedi nota nell'esempio 5.1).
2.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare il gas O3 di
calibrazione. Attendere 15 minuti. Determinare la
concentrazione O3 effettiva o dall'analizzatore O3
(Teledyne API M400) o dal fotometro incorporato
(opzione).
3.
Premere
GEN - GPT
Introdurre 400.0 tramite i tasti sotto ogni cifra per
la concentrazione di NO e quindi premere enter.
Introdurre 200.0 utilizzando i tasti sotto ogni cifra
per la concentrazione O3 e quindi premere enter.
Il flusso di default di fabbrica è a 5 LPM. Attendere
15 minuti. Determinare la concentrazione
effettiva NO2 dall'analizzatore NOx (es. Teledyne
API M200).
4.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e riporterà
lo strumento alla modalità standby.
Assumendo che l'efficienza della titolazione fase gassosa di NO2 sia uguale al 100%, la
concentrazione O3 effettiva dovrebbe essere lo stessa della concentrazione NO2 effettiva.
5-21

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.2.4.
GPTPS (Richiede l’opzione Fotometro)
La funzione GPTPS (Gas Phase Titration Preset - titolazione di fase gassosa predefinita) è una
prestazione supplementare per simulare la funzione GPT allo scopo di determinare
esattamente la concentrazione NO2 prima del valore GPT reale. Poiché il valore GPT è per un
rapporto 1 a 1 di miscelazione fra gas NO e O3, la concentrazione NO2 prodotta dalla reazione
completa della miscelazione sarà identica alla concentrazione O3. Di conseguenza una volta
determinata esattamente la concentrazione O3 reale, può essere determinata la concentrazione
NO2 prevista. La procedura per GPTPS è virtualmente identica alla procedura per GPT come
indicato nel seguente esempio 5.6.
Esempio 5.6: Eseguire la funzione GPTPS per 15 minuti, quindi cambiare la modalità a GPT
miscelando 200 ppb di gas O3 con 400 ppb di NO per avere 200 ppb di gas NO2 per altri 15
minuti. Questo esempio è praticamente identico all'esempio 5.5 tranne che viene utilizzato lo
step GPTPS invece della generazione di gas O3.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - GPTPS
Premere 400.0 utilizzando i tasti sotto le cifre per la
concentrazione NO e quindi premere enter.Introdurre
200.0 utilizzando i tasti sotto le cifre per la
concentrazione O3 e quindi premere enter. Il valore di
default di fabbrica è 5 LPM (vedi nota all’esempio 5.1).
2.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare il gas O3 di calibrazione
invece di miscelare il gas NO con il gas O3. Attendere 15
minuti. Determinare la concentrazione O3 reale con
l’analizzatore O3 esterno o con il fotometro incorporato
(opzione).
3.
Premere
GEN - GPT
Premere semplicemente enter NO gas. Ancora premere
enter per il setup di O3. Il flusso di default di fabbrica è
pari a 5 LPM. Attendere 15 minuti. Determinare la
concentrazione NO2 reale utilizzando l’analizzatore di
NOx.
4.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e riporta lo
strumento in modo standby.
5-22

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.2.5.
MAN
Questo modo di generazione manuale (GEN-MAN) fornisce il controllo parametri completo per
generare una concentrazione definita dall’operatore di gas di calibrazione con valori di portata
inserite dall'operatore. Diversamente dal modo AUTO, questo modo MAN consente di
introdurre sia la portata del gas che la portata dell’aria di diluente per avere il controllo della
portata totale di miscelazione del gas di calibrazione e generare in uscita un gas di calibrazione
definito. Inoltre l'operatore deve selezionare il modo di generatore ozono selezionando OFF o
uno dei modi feedback se occorre generare il gas ozono per il gas O3 di calibrazione o GPT.
Premere GEN-MAN. Il display inviterà l’operatore ad introdurre la portata del gas. Immettere la
portata di gas voluta e premere ENTR. L'unità di misura indicata è LPM (litri al minuto) con una
risoluzione di 0.1 cc/min.. Introdurre 0.0000 per “zero air” o il gas ozono di calibrazione; il
motivo per cui inserire 0.0000 è quello di assicurare che il gas di bombola non sia miscelato
con “zero air” o O3. Per altri tipi di gas incluso GPT, fornire la portata di gas voluta in LPM.
Introdurre la portata dell’aria di diluente in SLPM per diluire il gas sorgente, premere ENTR.
Selezionare OFF per disabilitare il generatore ozono o selezionare CNST, REF, o BNCH per
abilitare il generatore ozono e selezionare il modo di controllo desiderato (in funzione
dell'opzione installata). Selezionare un modo di controllo a feedback soltanto se occorre
generare il gas ozono di calibrazione o GPT.
NOTA
Si consiglia di non introdurre valori di portata inferiori a 5% o
superiori a 95% del fondo scala del controller di portata in massa.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - MAN
Questa sequenza di tasti consente di introdurre la
portata del gas sorgente in unità SLPM. Selezionare il
tipo di gas desiderato. Selezionare ZERO se si deve
generare O3.
2.
Premere ENTR
Il display richiede di inserire la portata del gas.
Introdurre la portata del gas calcolata utilizzando le
equazioni sotto riportate
3.
Premere ENTR
Il display richiede di inserire la portata dell’aria di
diluente. Inserire la portata dell’aria diluente calcolata
utilizzando le equazioni sotto riportate.
4.
Premere ENTR
Il display ora invita a impostare la concentrazione O3
e la modalità di controllo. Selezionare OFF se non
occorre la generazione di O3. In caso contrario,
selezionare BNCH se è installato il fotometro,
altrimenti selezionare REF. Per GPT, selezionare REF.
5.
Premere ENTR
M700 partirà a generare il gas di calibrazione
6.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e riporterà lo
strumento in condizione di stand-by..
5-23

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Utilizzare le seguenti equazioni per determinare la portata del gas e dell’aria di diluente.
Poiché il flusso totale del gas è definito dall'operatore in funzione dei requisiti di sistema;
Totalflow = GAS flow + AIR flow
Equazione 5.2
L'equazione 5.2 sarà un po’ differente se verrà utilizzato il generatore O3 poiché O3flow è un
valore costante ed è visualizzato sul pannello frontale come TEST MEASUREMENT. Il valore
tipico è 105 cc/min.;
Totalflow = AIR flow + O3 flow
Equazione 5.3
Nel caso di GPT;
Totalflow = AIR flow + O3 flow + GAS flow
Equazione 5.4
E dalla Equazione 5.1 nella sezione Errore. L'origine riferimento non è stata trovata.,
GASflow corrisponderà a ;
GAS flow =
C f × totalflow
Ci
Equazione 5.5
Una volta ottenuto i valore di GASflow dalla equazione 5.5, il valore di AIRflow può essere
ricavato dalle equazioni 5.2, 5.3, o 5.4 in funzione del tipo di gas
Per esempio: Calcolare le portate del gas e dell’aria di diluente se la concentrazione del gas di
bombola è di 100 PPM di SO2, la concentrazione desiderata è 400 ppb di SO2 , ed il flusso
totale di gas di test necessario è 5000 cc/min.
1.
Flusso del gas di bombola = (400 ppb x 5000 cc/min)/ 100,000 ppb
da cui risulta 20 cc/min.
2.
Siccome la portata totale di 5000 cc/min. è la somma totale delle portate dell'aria di
diluente e del gas di bombola, la portata dell’aria di diluente sarà semplicemente la
differenza fra questo flusso totale e la portata del gas di bombola
Flusso dell’aria = 5000 cc/min. - 20 cc/min.
da cui risulta 4980 cc/min..
Esempio 5.7: Generare un singolo step di 400 ppb di span gas SO2, fino a che l'operatore non
lo termini premendo STBY. Assumere che la concentrazione nel gas sorgente di bombola sia di
100 PPM di SO2 e che la portata totale sia di 5000 cc/min.. Notare che questo esempio è simile
all'esempio 5.1
In primo luogo, calcolare la portata del gas di bombola e la portata dell’aria di diluente come
indicato nell’esempio di prima utilizzando le equazioni 5.2 e 5.5.
5-24

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
1.
Utilizzando l’equazione 5.5; Gas Flow= (400 ppb x 5000 cc/min)/ 100,000 ppb
da cui risulta 20 cc/min. oppure .0200 SLPM.
2.
Dall’equazione 5.2; Air Flow = total flow - gas flow
= 5000 cc/min. - 20 cc/min.
da cui risulta 4980 cc/min. oppure 4.9800 SLPM.
Prendere nota di questi valori e continuare con le seguenti procedure:
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - MAN
Questa sequenza di tasti consente di introdurre la
portata del gas sorgente in unità SLPM. Selezionare
SO2 come tipo di gas.
2.
Premere ENTR
Il display richiede di introdurre la portata del gas.
Inserire 0.0200.
3.
Premere ENTR
Il display richiede di introdurre la portata dell’aria
diluente. Inserire 4.9800.
4.
Premere ENTR
Il display richiede di introdurre la concentrazione di
O3 e il modo di controllo. In questo esempio non è
necessario generare O3, quindi seleziona OFF per il
modo di controllo O3 - vedi la nota seguente.
5.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare 400 ppb di span gas
SO2.
6.
Premere STBY
Interrompe la generazione di span gas e lo strumento
ritorna alla modalità standby.
NOTA
Selezionare OFF per il modo di controllo O3 se occorre generare un
gas diverso da O3. Se occorre generare del gas O3 di calibrazione, allo
step 1 selezionare ZERO gas anziché SO2. La ragione è quella di
assicurare che il gas SO2 non venga miscelato con il gas O3. Quindi
inserire il valore della concentrazione, l’unità di misura e selezionare
uno dei modi di controllo – vedi l'esempio 5.8.
5-25

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Esempio 5.8: Generare 400 ppb di O3 per 15 minuti. La portata totale è pari a 5000 cc/min..
In primo luogo, calcolare la portata del gas e la portata dell’aria come indicato nell’esempio
precedente utilizzando le equazioni 5.3 e 5.5. Annotare la lettura da TEST MEASUREMENT di O3
FLOW sul pannello frontale. Notare che il flusso O3 è controllato dall'orifizio critico ed il valore
tipico è 105 cc/min. Assumendo che il flusso O3 sia 105 cc/min;
1.
Dall’equazione 2; air flow = total flow - gas flow
=5000 cc/min. - 105 cc/min.
da cui si ha 4895 cc/min. oppure 4.8950 SLPM.
Prendere nota dei valori e proseguire con le procedure sottostanti:
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
GEN - MAN
Questa sequenza consente di introdurre la portata del gas
sorgente in unità SLPM. Selezionare ZERO per il tipo di
gas. Non selezionare un altro tipo di gas.
2.
Premere ENTR
Inserire 0.0000 come valore del flusso di gas. Non inserire
un valore differente.
3.
Premere ENTR
Il display richiede di introdurre la portata dell’aria diluente.
Inserire 4.8950.
4.
Premere ENTR
Il display ora richiede di impostare il modo di controllo O3.
Selezionare BNCH se è installato il fotometro (opzione).
Selezionare REF in caso contrario. Vedere nota sotto.
5.
Premere ENTR
Inserire 400.0 per la concentrazione di O3.
6.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare 400 ppb di O3. Attendere 15
minuti.
7.
Premere STBY
Termina la generazione di span gas e lo strumento torna in
standby.
NOTA
Se occorre generare il gas O3di calibrazione, occorre selezionare ZERO gas e uno
dei modi di controllo. È consigliato il modo BNCH se è installato il fotometro. Il
modo BNCH significa che è utilizzato il banco fotometrico per il controllo feedback
del generatore O3. Il modo REF è consigliato se è installato il generatore O3 senza
fotometro. Il modo REF si riferisce al controllo feedback con rivelatore di
riferimento. Il modo CNST garantisce una tensione di lampada costante senza il
controllo feedback della CPU.
La modalità MAN può essere utilizzata come sequenze di step con specifiche portate di gas e di
aria.
5-26

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.2.6.
PURGE
PURGE eliminerà i gas residui dai passaggi precedenti. M700 apre la valvola in entrata dello
“zero air“in pressione e regola sia il controller della portata in massa dell'aria diluente (MFC1)
che il controller della portata in massa del gas sorgente (MFC2) ai massimi flussi,
rispettivamente 10 SLPM e 100 SCCPM, in modo da ripulire il circuito pneumatico di M700.
Questa aria di pulizia viene scaricata attraverso VENT OUT PORT sul pannello posteriore.
Premere PURGE per iniziare e premere STBY per terminare l’operazione.
ATTENZIONE
La funzione di PURGE non si blocca automaticamente. L’operatore
deve premere manualmente STBY per fermare questa procedura.
5.2.7.
Modo sequenziale
Manualmente possono essere predisposte delle istruzioni multiple ottenute da un database di
step pre-programmati. Questa prestazione è particolarmente conveniente per generare a più
passi dei gas. Procedere utilizzando le informazioni seguenti per avviare manualmente una
sequenza
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere SEQ
Introdurre un numero ID di sequenza pre-programmato
(vedi sezione Errore. L'origine riferimento non è
stata trovata. per l’impostazione della sequenza).
L’impostazione di fabbrica del flusso è 5 LPM.
2.
Premere ENTR
M700 comincerà a generare step multipli di gas di
calibrazione secondo le istruzioni preprogrammate della
sequenza. Ogni step della sequenza contiene le
informazioni su concentrazione, unità di misura, tipo di
gas e durata di ogni step. Una volta completata, M700
terminerà la sequenza e tornerà in modo standby.
L'operatore può terminare manualmente la sequenza e
in qualunque momento premendo il tasto STBY.
NOTA
Se l'operatore tenta di avviare un numero identificativo di sequenza non
esistente, non si avrà nessun effetto e l'azione sarà semplicemente ignorata.
Ogniqualvolta viene iniziata da una qualunque sorgente una nuova sequenza, si
avrà immediatamente l’interruzione della sequenza in corso e l’avvio della nuova
sequenza.
5-27

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.
Funzionamento Automatico
M700 è in grado di generare il gas di calibrazione utilizzando automaticamente una sequenza
preprogrammata con step di istruzione multipli. Una volta generato il database delle sequenze,
le diverse sorgenti possono inizializzare l'esecuzione di una sequenza, incluso i tasti del
pannello frontale, input a chiusura contatto, interfaccia RS-232, timer automatici e perfino
un'altra sequenza. La sequenza di programmazione sarà trattata nella prima parte della
sezione. La sequenza può essere programmata con l’interfaccia RS-232. La sequenza basata
sul timer automatico sarà trattata nella seconda parte della sezione. Nella Sezione 5.3.2, sarà
dettagliatamente spiegato con esempi il funzionamento della sequenza automatica attivata da
sorgenti remote. Una volta definita una sequenza e dato un numero, l'operatore può
controllare una sequenza completa dal pannello frontale (es. 5.2.2).
5.3.1.
Impostazione della Sequenza
Una sequenza è una database di step singoli o multipli di informazione in cui ogni step contiene
un'istruzione per generare un gas di calibrazione desiderato. Ogni singolo step è in realtà
un'istruzione, come visto nella Sezione 5.2.1 AUTO, per generare un singolo tipo di gas di
calibrazione. Questi step sono raggruppati sotto un numero identificativo definito dall’operatore
e che può essere utilizzato per richiamare una sequenza automatica di calibrazione. Una
sequenza può contenere altri numeri identificativi per generare sequenze annidate (fino a 5
livelli) o può essere ripetuta fino a 100 volte, o anche per un ciclo infinito.
NOTA
Se l'operatore tenta di generare un tipo di gas sorgente che non
esiste, non accadrà niente e l'azione sarà semplicemente ignorata
Vedi sezione2.3, step 1 per la configurazione della porta del gas
sorgente.
5-28

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Per impostare una sequenza seguire le seguenti istruzioni;
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
SETUP-SEQEDIT-INS
Questo consentirà all'operatore di definire le proprietà
per la sequenza. Possono essere generate fino a 50
differenti sequenze e una sequenza può arrivare fino a
500 step.
2.
Premere SET
Premere SET ripetutamente per selezionare NAME,
REPEAT COUNT, CC INPUT, CC OUTPUT, TIMER, e STEPS
-
NAME - sono ammessi fino a 10 caratteri. Premere
INS per aggiungere un carattere
-
REPEAT COUNT - numero di volte da eseguire
ripetutamente la stessa sequenza. Valori possibili 1 100 oppure 0 per eseguire indefinitivamente.
-
CC INPUT- specifica un input a chiusura contatto per
iniziare la sequenza da remoto utilizzando 12 input
optoisolati in grado di generare 4096 input differenti.
-
CC OUTPUT- specifica l’uscita a chiusura contatto che
è definita questa si esegue la sequenza utilizzando
12 uscite optoisolate in grado di generare 4096
combinazioni differenti di uscita.
-
IMER – abilita o disabilita i timer automatico per far
partire la sequenza tramite l’orologio interno
-
STEPS- indica il numero di passi nella sequenza. È
possibile cambiare questa proprietà per inserire,
cancellare, o modificare i passi, come GENERATE,
GPT, ecc come riportato nel seguito.
(segue tabella)
5-29

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
N. Step
3.
Azione
Premere SET fino
a che compare
STEPS, quindi
Premere EDIT-INS
Commento
Scorrere su o giù premendo PREV o NEXT per
visualizzare GENERATE, GPT, GPTPS, PURGE, STANDBY,
DELAY, EXECSEQ, e MAN. Selezionare la modalità
desiderata e inserire il valore di concentrazione, l’unità di
misura, e il tipo di gas. Premere ENTR.
-GENERATE-ENTR propone una lista di tipi di gas,
concentrazioni, e unità di misura.
-GPT-ENTR consente di inserire la concentrazione di NO e
di O3.
-GPTPS-ENTR consente la preimpostazione GPT in modo
identico a GPT.
-PURGE-ENTR per ripulire il circuito pneumatico dai gas
residui dagli step precedenti.
-STANDBY-ENTR predispone il calibratore in modalità
standby. Lo step STANDBY è inserito in automatico prima
di ogni altro step. La maggior parte delle sequenze
terminano con uno step STANDBY, tranne quando la
sequenza deve essere eseguita da un’altra sequenza
annidata - vedi esempi 5.10 e 5.13.
-DELAY-ENTR aggiunge un ritardo.
-EXECSEQ-ENTR esegue un’altra sequenza utilizzando il
suo numero ID. Consente di creare una sequenza
annidata da eseguire all’interno di un'altra sequenza.
Sono ammessi fino a 5 livelli di annidamento.
-MAN-ENTR step che consente di controllare il flusso del
gas, il flusso del diluente, la concentrazione di O3, e il
modo di controllo del generatore O3. Questa modalità
MAN può generare gas singoli o miscele di 2 gas (per
esempio GPT).
Una volta premuto ENTR, il display passa a chiedere la
durata dello step in min. (ritardo). Inserire un valore tra
0.1 e 120.0 e premere ENTR. Notare che due righe di
step costituiscono una completa istruzione e una
sequenza può contenere istruzioni multiple.
4.
Premere
EXIT-EXIT-EXITEXIT
M700 ritorna al menu principale.
Questa tabella riassume come generare una sequenza di più istruzioni. Possono essere
generate più combinazioni di step come riportato negli esempi seguenti.
5-30

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Esempio 5.9: Creare una sequenza di nome “AB” che contenga degli step per generare zero
air per 15 minuti. Per questo esempio sono ignorati i parametri come Repeat count, CC input,
CC output, e timer.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere SETUPSEQ-EDIT-INS,
quindi premere
EDIT
Il display mostrerà NAME: [ 0 ] da modificare.
Premere due volte INS per creare 2 caratteri.
Premere il tasto sotto [ 0 ] fino ad avere "A".
Premere CH> per muoversi al carattere successivo.
Premere [ 0 ] di nuovo fino ad avere "B". Quindi
premere ENTR
2.
Premere SET
finché è
presente STEPS.
Quindi premere
EDIT-INS ( step
di zero air)
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per visualizzare "
Insert STEP:GENERATE " e premere ENTR. Il
display cambia con i valori di concentrazione, unità di
misura e nome gas. Selezionare il tipo gas ZERO
(unità e concentrazione sono ignorate per zero air) e
premere ENTR. Ora il display mostra la durata dello
step “zero air”. Introdurre 15.0 per far il tempo di
ritardo e premere ENTR.
3.
Premere
EXIT-EXIT-EXITEXIT
M700 ritorna al menu principale.
Esempio 5.10: Modificare (questo esempio consente all'operatore dio modificare il
programma) la sequenza AB in CD. La sequenza AB verrà rimossa dal database sequenze.
Editare la sequenza CD per cancellare lo step STANDBY. La cancellazione dello step STANDBY
provocherà la continuazione indefinitiva dell’ultimo step della sequenza
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
SETUP-SEQ-EDIT
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per accedere al
nome di sequenza AB sul display.
2.
Premere
EDIT-EDIT
Il display mostrerà NAME: [A]B da modificare.
Premere [A] fino ad avere “C”. Premere CH> per
muoversi al carattere successivo. Premere [B] fino
ad avere “D”. Premere ENTR
3.
Premere SET fino
ad avere STEPS.
Premere EDIT
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per avere sul
display STANDBY (che dovrebbe essere l’ultima riga
degli steps).
4.
Premere DEL
(cancellazione)
Premere YES. M700 cancellerà dalla sequenza lo
step STANDBY.
5.
Premere EXITEXIT-EXIT-EXITEXIT
M700 ritorna al menù principale.
5-31

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Step STANDBY al termine di una sequenza: Una volta generato il nome della sequenza, M700
inserisce automaticamente uno step STANDBY. Una sequenza si conclude sempre con uno step
STANDBY tranne quando sia necessario continuare indefinitamente l’ultimo step della
sequenza. Una sequenza senza uno step STANDBY farà uscire dal modo sequenza, ma
continuerà a generare indefinitamente l'ultimo step della sequenza fino a che non venga
premuto manualmente STANDBY. Tuttavia, in caso di sequenza contenente una sequenza
annidata, queste non sarà terminata con STANDBY poiché questa non corrisponde alla fine
della sequenza (vedi esempio 5.13)
NOTA
Notare che la sequenza con il numero REPEAT a (0) continuerà a
ripetere indefinitamente un ciclo con tutti gli step all’interno di una
sequenza. Mentre la sequenza senza uno step STANDBY alla fine
continuerà indefinitamente soltanto l'ultimo step della sequenza.
Esempio 5.11: Generare il numero ID 11 di sequenza, un database sequenze che contenga gli
step per generare Zero Air per 15 minuti, ppb 400 di NO per 15 minuti, ppb 200 di gas O3 per
15 minuti e GPT con miscela di 400 ppb di gas NO e 200 ppb di gas O3 che risulterà pari a 200
ppb di gas NO2 per 15 minuti. Infine ripulire il sistema di calibrazione per 3 minuti. Impostare
SET COUNT a 1 (significa che la sequenza è eseguita soltanto una volta). Il flusso predefinito in
fabbrica è a 5 LPM. Per cambiare il flusso, premere SETUP-MORE-FLOW, introdurre il valore del
flusso desiderato e premere ENTR.
5-32

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere SETUPSEQ-EDIT-INS,
premere EDIT
Il display mostrerà NOME: [ 0 ] da modificare.
Premere INS due volte per generare 2 caratteri.
Premere il tasto sotto [ 0 ] fino ad avere "1". Premere
CH per muoversi al carattere seguente. Premere
ancora [ 0 ] per avere "1". Premere ENTR
2.
Premere SET
fino ad avere
STEPS. Premere
EDIT -INS ( step
zero air)
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per visualizzare
“Insert STEP:GENERATE” e premere ENTR. Il
display cambia alla concentrazione richiesta, unità e
tipo di gas. Selezionare tipo ZERO gas (unità e
concentrazione sono ignorate per lo zero air) e
premere ENTR. Ora il display mostra la durata dello
step zero air. Inserire 15.0 e premere ENTR.
3.
Premere INS (
step gas NO)
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per visualizzare
“Insert STEP:GENERATE” e premere ENTR.
Selezionare gas NO e inserire 400. Selezionare ppb
per unità di misura e premere ENTR. Inserire 15.0
per la durata e premere ENTR.
4.
Premere INS
( step gas O3)
Selezionare “Insert STEP:GENERATE” e premere
ENTR. Selezionare O3 e inserire 200. Selezionare ppb
come unità e premere ENTR. Immettere 15.0 e
premere ENTR.
5.
Premere INS
( step GPT)
Selezionare “Insert STEP:GPT” e premere ENTR.
Inserire 400 per la concentrazione di NO e premere
ENTR. Immettere 200 per la concentrazione di O3 e
premere ENTR. Inserire la durata 15.0 e premere
ENTR.
6.
Premere INS (
step PURGE)
Selezionare “Insert STEP:PURGE” e premere
ENTR. Inserire al durata di 3.0 e premere ENTR.
7.
Premere EXIT
Ritorna al livello precedente
8.
Premere SET
fino ad avere
REPEAT COUNT
Premendo EDIT si potrà cambiare il numero di
ripetizioni per la sequenza "11". Inserire il valore 1
(default). Non inserire 0 (zero) a meno che
desideriate un ciclo infinito di questa sequenza.
9.
Premere
EXIT-EXIT-EXITEXIT
M700 ritorna al menu principale.
5-33

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Esempio 5.12: Modificare la sequenza con numero ID 11 per aggiungere 40 PPM di
generazione di gas CO per una durata di 15 minuti prima della generazione di gas NO.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
SETUP-SEQ-EDIT
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per cercare il
numero 11 di sequenza. Premere EDIT.
2.
Premere SET fino a
STEPS. Premere EDIT
Scorrere su e giù con PREV or NEXT per visualizzare
la riga di step che genera 400 ppb di NO.
3.
Premere INS ( step
CO gas)
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per visualizzare
Insert STEP:GENERATE e premere ENTR.
Selezionare gas CO ed inserire 40. Selezionare ppm
come unità e premere ENTR. Inserire 15.0 e premere
ENTR. M700 automaticamente aggiusterà la
numerazione degli step.
4.
Premere EXIT-EXITEXIT-EXIT-EXIT
M700 ritorna al menu principale.
Esempio 5.13: Editare il numero ID 11 di sequenza per formare una sequenza annidata
inserendo il nome di sequenza " CD" (generata negli esempi 5.9 e modificata in 5.10) subito
dopo lo step di generazione gas NO.
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
SETUP-SEQ-EDIT
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per cercare
il numero ID 11 di sequenza. Premere EDIT
2.
Premere SET fino a
STEPS. Premere EDIT
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per avere la
riga dello step che genera 200.0 ppb di O3.
3.
Premere INS
Scorrere su e giù con PREV o NEXT per avere
sul display Insert STEP:EXECSEQ e premere
NEXT (o PREV) fino ad avere “CD”. Premere
ENTR.
4.
Premere EXIT-EXITEXIT-EXIT-EXIT
M700 ritorna al menu principale.
5-34

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Stampa del database sequenze; Per stampare l'intero database di tutte le sequenze (tramite
l'interfaccia RS-232) premere SETUP-SEQ-PRNT.
In ogni singola sequenza c’è disponibile anche un tasto PRNT (cioè SETUP-SEQ-EDIT-EDITPRNT) per stampare la sequenza attualmente visualizzata e non l’intero database sequenze.
Per esempio, per stampare la sequenza ID "11" (esempio 5.11) premere SETUP-SEQ-EDIT.
Selezionare "SEQ 11, 14 STEPS" premendo i pulsanti PREV o NEXT. Premere EDIT-PRNT.
Questo porterà alla stampa della sequenza 11.
Esempio di stampa (non dell’intero database);
NAME:
11
REPEAT COUNT:
1
CC INPUT:
DISABLED
CC OUTPUT:
DISABLED
TIMER:
DISABLED
STEPS:
14
1. GENERATE 0.0 PPB ZERO
2. DELAY 15.0 MIN
3. GENERATE 40.0 PPM CO
4. DELAY 15.0 MIN
5. GENERATE 400.0 PPB NO
6. DELAY 15.0 MIN
7. EXECUTE SEQUENCE CD
8. GENERATE 200.0 PPB O3
9. DELAY 15.0 MIN
10. GPT 400 PPB NO, 200 PPB O3
11. DELAY 15.0 MIN
12. PURGE
13. DELAY 3.0 MIN
14. STANDBY
5-35

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.2.
Sequenza Automatica a Timer Controllato
Una volta generato il database sequenze, M700 può iniziare questa sequenza a partire da un
timer software automatico incorporato. Questa caratteristica sopporta fino a 12 timer
automatici per l'esecuzione di sequenze. Ciò significa che le sequenze possono essere legate a
12 differenti timer automatici ed ogni timer può essere configurato per qualsiasi sequenza
esistente e può essere spento o acceso.
Per configurare un timer, premere SETUP-SEQ-EDIT. Utilizzare PREV o NEXT per passare alla
sequenza desiderata ed infine premere EDIT. Utilizzare il tasto SET per passare alla proprietà
del TIMER. Inizialmente il temporizzatore automatico è disabilitato, e l’impostazione corrente di
questa proprietà si presenta come segue.
SETUP D.3
<SET
TIMER:DISABLED
SET> EDIT PRNT
EXIT
Per abilitare il temporizzatore automatico premere EDIT. Il display visualizzerà.
SETUP D.3
TIMER
OFF
ENABLE:OFF
ENTR EXIT
Cambiare l’impostazione a ON e premere ENTR. Il temporizzatore ora è abilitato e
compariranno due proprietà aggiuntive nella lista delle proprietà di sequenza: “TIMER START”
e “TIMER DELTA " . “TIMER START” specifica la prima data e ora a cui la sequenza deve
iniziare. Inserire la data e l’ora utilizzando una serie di due menu sotto riportati. Il primo menu
modifica la data di inizio.
SETUP D.3
TIMER
2
9
4
APR
8
START:24-APR-98
ENTR EXIT
Il software assume che gli anni a 2-cifre da 70 a 99 corrispondono agli anni dal 1970 al 1999
e che quelli a 2-cifre da 0 a 69 siano gli anni da 2000 a 2069.
Il secondo menu consente di introdurre il tempo di inizio (ore e minuti).
SETUP D.3
0
0
:0
TIMER
0
START:00:00
ENTR EXIT
La proprietà “TIMER DELTA” specifica il tempo totale fra ogni esecuzione di sequenze, in giorni,
ore e minuti. Introdurre il tempo delta utilizzando una serie di due menu sotto riportati. Il
primo menu è per modificare il numero di giorni fra ogni esecuzione di sequenze.
SETUP D.3
0
0
0
TIMER
DELTA:1
Days
ENTR EXIT
Il secondo menu è per modificare il numero di ore e minuti fra ogni esecuzione di sequenze.
5-36

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
SETUP D.3
TIMER
DELTA:00:00
0 0 :0 0
ENTR EXIT
Impostando un delta di 0 giorni e 0 ore e minuti si disabilita il temporizzatore. I giorni, le ore
ed i minuti sono aggiunti tutti insieme in modo da formare il tempo delta totale.
Se uno qualsiasi dei 12 timer rimane attivo, allora il LED AUTO (giallo) sul pannello frontale
sarà acceso. Se è spento, allora il corrispondente timer è disattivo indipendentemente dalle
sue informazioni di setup precedenti. La configurazione dei timer è memorizzata in EEPROM a
scopo di massima protezione.
NOTA
Se l'operatore tenta di far partire un nome di sequenza che non esiste, l'azione
sarà ininfluente e semplicemente ignorata. Questo vale per qualsiasi sorgente.
Quando viene iniziata da una qualunque sorgente una nuova sequenza, termina
immediatamente la sequenza in esecuzione ed inizia la nuova.
5.3.3.
Impostazione degli input a chiusura contatti
M700 può essere fatto funzionare da sorgenti di controllo esterne per iniziare una calibrazione
in auto-sequenze. Il funzionamento con chiusura contatti da remoto farà funzionare il
calibratore in un modo “slave” e le sorgenti di controllo esterne come un datalogger avranno il
controllo delle sequenze di calibrazione.
Per configurare gli input a chiusura contatto premere SETUP-SEQ-EDIT, premere PREV e NEXT
per passare alla sequenza voluta e premere EDIT. Utilizzare i tasti <SET and SET> per
passare alla proprietà “CC INPUT". Gli input a chiusura contatto sono inizialmente disabilitati e
l’impostazione corrente della proprietà sarà.
SETUP D.3
CC INPUT: DISABLED
<SET SET> EDIT PRNT
EXIT
Per abilitare gli input a chiusura contatto per questa sequenza, premere EDIT. Deve
comparire:
SETUP D.3
CC INPUT ENABLE:OFF
OFF
ENTR EXIT
Cambiare l’impostazione a ON e premere ENTR. Si deve vedere:
SETUP D.3
<CH CH>
CC INPUT:[0]00000000000
[0]
ENTR EXIT
5-37

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Modificare il pattern di input a chiusura contatto come una stringa di caratteri, con ogni
carattere che rappresenta un input a chiusura contatto. Premere i tasti <CH e CH> per
spostare il cursore su un carattere differente all’interno della stringa; premere [ 0 ] per
cambiare il carattere sotto il cursore. Si possono solo accettare caratteri 0 o 1. Un valore 0
indica che l'input a chiusura contatto è aperto; un valore 1 indica che è chiuso.
Quando gli input esterni a chiusura contatto corrispondono al pattern per questa sequenza, la
sequenza sarà eseguita. Per esempio, se si desidera far partire la sequenza quando viene
chiuso il primo input, il pattern degli input dovrà essere.
SETUP D.3
<CH CH>
CC INPUT:[1]00000000000
[1]
ENTR EXIT
Se si vuole far partire la sequenza quando si chiude il secondo input, il patter dovrà essere.
SETUP D.3
<CH CH>
CC INPUT:0[1]0000000000
[1]
ENTR EXIT
Se si vuole far partire l la sequenza quando si chiudono il primo e secondo input, il pattern
sarà.
SETUP D.3
<CH CH>
CC INPUT:1[1]0000000000
[1]
ENTR EXIT
Le 4 cifre più a sinistra corrispondono alle 4 coppie degli input di controllo sul pannello
posteriore. Le 8 cifre restanti sono configurate sul connettore a 50 pin. Vedi la Figura 2-2.
NOTA
Se l'operatore tenta di far partire un nome di sequenza che non esiste, l'azione
sarà ininfluente e semplicemente ignorata. Questo vale per qualsiasi sorgente.
Quando viene iniziata da una qualunque sorgente una nuova sequenza, termina
immediatamente la sequenza in esecuzione ed inizia la nuova.
5-38

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.4.
Impostazione delle uscite a chiusura contatto
La configurazione delle uscite a chiusura contatto è molto simile alla configurazione degli input.
Partendo da SETUP-SEQ-EDIT, premere PREV e NEXT per portarsi alla sequenza desiderata e
premere EDIT. Utilizzare i tasti <SET e SET> per andare alla proprietà “CCOUTPUT". Le uscite
a chiusura a contatto sono inizialmente disabilitate, e l’impostazione corrente della proprietà
apparirà come segue.
SETUP D.3
CC OUTPUT:DISABLED
<SET SET> EDIT PRNT
EXIT
Con le uscite a chiusura contatto disabilitate, queste non vengono cambiate dalla sequenza in
esecuzione. Per abilitare le uscite a chiusura contatto per questa sequenza, premere EDIT.
Appare il seguente display:
SETUP D.3
CC OUTPUT ENABLE:OFF
OFF
ENTR EXIT
Cambiare l’impostazione a ON e premere ENTR. Si deve vedere il display seguente.
SETUP D.3
<CH CH>
CC OUTPUT:[0]00000000000
[0]
ENTR EXIT
Come si può vedere, configurare le uscite a chiusura contatto è virtualmente identico a
configurare gli input, salvo che ogni carattere rappresenta un output a chiusura contatto
anziché un input. Le 4 cifre più a sinistra corrispondono alle 4 coppie delle uscite di controllo
sul pannello posteriore. Le 8 cifre restanti sono configurate sul connettore 50 pin. Vedi Figura
2-2.
Ogni volta che viene eseguita questa sequenza, le uscite a chiusura contatto verranno settate
secondo il pattern definito. Per esempio, se si desidera settare la prima uscita quando la
sequenza passa in esecuzione, si avrà un pattern di output seguente.
SETUP D.3
<CH CH>
CC OUTPUT:[1]00000000000
[1]
ENTR EXIT
Se si desidera settare il prima e secondo output quando la sequenza passa in esecuzione, si
avrà un pattern di output seguente.
SETUP D.3
<CH CH>
CC OUTPUT:1[1]0000000000
[1]
ENTR EXIT
5-39

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.5.
Impostazione sequenze tramite RS-232
Il Calibratore M700 è predisposto con un'interfaccia RS-232 potente in grado di controllare il
calibratore da un computer host. A causa della doppia natura dell'interfaccia RS-232, il formato
del messaggio è stato studiato per interfacciarsi sia con stampanti che con computer host. Fare
riferimento all'interfaccia RS-232 della Sezione 4.2.7 per il collegamento di M700 ad un
dispositivo con RS-232. Fare riferimento inoltre alla Sezione 7 per altre informazioni aggiuntive
sulla RS-232.
5.3.6.
Creazione di uno Script di sequenze
Il primo passo è generare uno script che contiene la configurazione desiderata di sequenze
come se fosse un programma di computer,vedi l'esempio qui sotto.
Seqlistbegin
seqbegin
name “CD”
repeatcount 1
ccinput “100000000000”
ccoutput “100000000000”
timer enabled
timerstart 01/01/1998 00:00
timerdelta 001:00:00
stepbegin
generate 100 ppb so2
delay 10.0
generate 200 ppb so2
delay 10.0
generate 300 ppb so2
delay 10.0
generate 400 ppb so2
delay 10.0
standby
stepend
seqend
seqbegin
name “11”
seqend
seqlistend
5-40

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.7.
Sintassi dello Script di configurazione sequenze
Nelle descrizioni sintassi seguenti, le parole sottolineate sono parole chiave e devono essere
scritte esattamente come indicate. Le voci tra i segni < > sono richiesti ma senza i segni di
delimitazione. Le voci tra parentesi quadre [ ] sono facoltativi. La lettera maiuscola e lettera
minuscola non hanno rilevanza tranne nel caso del nome sequenze. È possibile includere
lettere minuscole nel nome sequenze e queste saranno mantenute. La riga con capoverso non
ha nessuna rilevanza e si può avere istruzioni multiple su una singola riga. Tuttavia ogni riga
non deve eccedere 100 caratteri di lunghezza.
Seqlistbegin
[ <zero o più definizioni di sequenza (vedi sintassi nel seguito)> ]
seqlistend
Lo script più semplice consiste di seqlistbegin seguito da seqlistend, che non definisce
sequenze. Se si osserva la configurazione sequenze utilizzando il pannello frontale di M700, le
sequenze appariranno nello stesso ordine che compaiono nello script.
5.3.8.
Sintassi di definizione sequenze
Ad eccezione della proprietà name, che deve essere sempre fornita, occorre includere soltanto
le proprietà che si desidera cambiare dall’impostazione di default.
Ad eccezione della proprietà name, che deve comparire sempre in prima posizione, è possibile
specificare le proprietà in ordine casuale.
Seqbegin
name <nome sequenza in doppia delimitazione >
[ <zero o più definizioni di sequenza (vedi tabella)> ]
[ <step sequenze (vedi sintassi nel seguito)> ]
seqend
5-41

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Sintassi delle proprietà nelle sequenze di M700
Sintassi
Descrizione
Esempio
NAME <name>
Nome definito dall’operatore per la
sequenza, lunghezza da 1 a 10 caratteri,
tra coppia di simboli di citazione.
Nome “AB”
REPEATCOUNT
<number>
Numero di volte con cui eseguire la
sequenza. 1–100: la sequenza è eseguita
tante volte quanto indica questo numero.
0: la sequenza è eseguita in modo
indefinito.
repeatcount 1
CCINPUT
DISABLED
Disabilita l’input a chiusura contatto per
questa sequenza.
ccinput disabled
CCINPUT
<pattern>
Specifica il pattern a 12 input a chiusura
contatto che inizia questa sequenza e che
abilita gli input a chiusura contatto. Il
pattern deve essere esattamente di 12
caratteri, ed è formato soltanto dalle cifre
0 e 1 ed è racchiuso tra una coppia di
simboli di citazione .
ccinput “100000000000”
CCOUTPUT
DISABLED
Disabilita l’output a chiusura contatto per
questa sequenza.
ccoutput disabled
CCOUTPUT
<pattern>
Specifica il pattern a 12 output a chiusura
contatto che viene settato da questa
sequenza e abilita gli output a chiusura
contatto. Il pattern deve essere
esattamente di 12 caratteri, ed è formato
soltanto dalle cifre 0 e 1 ed è racchiuso
tra una coppia di simboli di citazione .
ccoutput “100000000000”
TIMER ENABLED
Abilita il temporizzatore automatico.
Timer enabled
TIMER
DISABLED
Disabilita il temporizzatore automatico
Timer disabled
TIMERSTART1
<MM/DD/YYYY
HH:MM>
Rappresenta la data e l’ora in cui la
sequenza inizia la sua esecuzione. Il
formato è: mese/ giorno/ anno: minuti.
Timerstart 1/1/1998 23:59
TIMERDELTA1
<DDD:HH:MM>
Il numero dei giorni, ore e minuti tra ogni
esecuzione di sequenze. Fino ad 1 anno.
Timerdelta 366:23:59
1
Queste proprietà devono essere specificate, e saranno registrate nella sequenza, anche
se il temporizzatore automatico è disabilitato.
5-42

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.9.
Sintassi degli step di sequenza
stepbegin
<uno o più definizioni di step (vedi tabella)>
stepend
La sintassi degli step di sequenza è identica a quella dei comandi calibratore visualizzata nelle
schermate di help dello strumento tramite il comando “?”.Quando viene eseguita la sequenza,
gli step saranno eseguiti nell'ordine che compaiono nello script di configurazione.
Sintassi delle proprietà delle sequenze di M700
Sintassi
Descrizione
Esempio
GENERATE ZERO
Genera zero air.
generate zero
GENERATE <conc>
<units>1 <gas>1
Genera la concentrazione gas e unità
specificate
Generate 100.0 ppb SO2
GPT <NO conc>
<NO units>1
< O3 conc> < O3
units>1
Genera un GPT composto da NO e O3.
GPT 100.0 ppb
100.0 ppb
GPTPS <NO conc>
<NO units>1 < O3
conc> < O3 units>1
Genera un preset GPT composto da
NO e O3.
GPTS 100.0 ppb
100.0 ppb
PURGE
Genera un purge.
Purge
STANDBY
Blocca la generazione gas e pone il
calibratore in modo standby.
Standby
EXECSEQ <name>
Esegue una sequenza per nome.
Racchiudere il nome tra doppie
citazioni. Il nome non è sensibile alle
maiuscole/minuscole
EXECSEQ “def”
DELAY <minutes>
Genera un ritardo dei minuti
specificati.
Delay 10.5
MANUAL <calgas>1
<calflow> <dilflow>
<OFF | CONST | REF |
BENCH>
Genera gas sotto controllo manuale
utilizzando le impostazioni specificate
per gas, flussi e generatore O3. Se la
modalità di generatore O3 è OFF, non
specificare il set point del generatore
O3. Se la modalità è CONST, il set
point del generatore O3 è mV. Se la
modalità è REF o BENCH, il set point
del generatore O3 è PPB.
Manual SO2 0.05 1.95
off
[ < O3 generator set
point> ]
1
Unità e nomi dei gas non devono essere inseriti tra citazioni.
5-43

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
5.3.10. Caricamento dello script di configurazione sequenze
Una volta creato lo Scrypt di configurazione sequenze, occorre trasmetterla semplicemente a
M700 come qualunque altro comando. Se si utilizza un programma di emulazione su un PC,
fare un "upload" dello Scrypt come testo. La configurazione caricata sostituisce
completamente quella esistente.
Non è possibile caricare lo Scrypt di configurazione sequenze mentre M700 sta eseguendo una
sequenza. M700 deve essere in modalità standby utilizzando il comando “c standby” prima di
caricare lo Scrypt.
5.3.11. Downloading dello script di configurazione sequenze
E possibile anche fare un download della configurazione sequenze in formato Script utilizzando
il comando "c print script”. Una volta trasferito lo Script, è possibile modificarlo e caricarlo a
sistema. Il trasferimento della configurazione corrente come Script è il modo più facile per
averne uno già fatto e per rivedere la sintassi dello Script
5-44

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
5-45

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
6.
HARDWARE/SOFTWARE OPZIONALI
6.1.
Opzione Fotometro
Il fotometro è utilizzato come componente di feedback nel controllo del generatore ozono allo
scopo di assicurare un uscita O3stabile. Il fotometro è funzionante soltanto durante la modalità
di generazione O3. La pompa e la valvola del fotometro sono operativi soltanto quando è
necessario durante il modo di generazione ozono e con selezionato il modo bench. Durante il
modo GPT, la pompa e la valvola del fotometro sono disabilitati essendo il feedback di
fotometro non utilizzato.
6.1.1.
Principi di funzionamento
La rivelazione delle molecole di ozono è basata su un assorbimento di luce UV da 254 nm
dovuto a una risonanza elettronica interna della molecola O3. Il fotometro di M700 utilizza una
lampada a mercurio costruita in modo che la maggior parte della luce emessa sia a lunghezza
d'onda di 254nm. La luce dalla lampada illumina un tubo cavo di vetro che viene
alternativamente riempito con gas campione con zero gas. Il rapporto dell'intensità di luce che
passa tra lo “zero gas” e il gas campione forma un rapporto I/I0. Questo rapporto costituisce la
base per il calcolo della concentrazione di ozono.
L'intensità di luce è convertita in tensione dal modulo di rivelatore/preamplificatore. La
tensione è convertita in numero da un convertitore tensione/frequenza (V/F) con capacità di
80.000 risoluzioni di conteggio. Le intensità digitalizzate, insieme alle altre variabili, sono
utilizzate dalla CPU per calcolare la concentrazione utilizzando la nota formula.
Ogni 8 secondi il fotometro di M700 completa un ciclo di misura costituito da 2 periodi di attesa
per il tubo del campione da irradiare, e da 2 secondi per misurare l'intensità media della luce e
determinare il valore I. La valvola sul campione viene attivata per far fluire lo “zero gas” per 2
secondi seguiti da 2 secondi di misurazione dell'intensità media della luce ed ottenere il valore
I0. Misurando ogni 8 secondi la I0 si minimizzano le derive dello strumento dovute a
cambiamenti di intensità della lampada per invecchiamento e sporcizia. La pompa sul
campione del fotometro funziona soltanto durante il modo di generazione O3.
6.1.2.
Calibrazione del Fotometro
Poiché la precisione degli standard di calibrazione ottenuti da questa procedura dipende
interamente dalla precisione del fotometro, è molto importante che questi funzioni
correttamente ed in modo preciso. Il fatto che il fotometro effettui una misurazione di rapporto
(I/Io) piuttosto che una misurazione assoluta facilita questo aspetto. La calibrazione del
fotometro può essere verificata periodicamente (consigliato ogni 3 mesi) tramite una
comparazione fra il fotometro di M700 e un campione di riferimento.
6-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 6-1: Procedura di Calibrazione Zero/Span del Fotometro
N. Step
Azione
Commento
1.
Premere
SETUP-GAS-O3PHOT-BCAL-CALZERO
Questa sequenza di operazioni consente una
calibrazione del fotometro. (Occorre inserire una
password speciale 717 per lo step BCAL.)
2.
Premere ENTR
M700 inizia a generare zero gas. Il fotometro
campionerà zero gas per circa 10 minuti. Il display
frontale visualizzerà per qualche istante il menu
principale.
3.
Premere ZEROENTR
Premere YES per calibrare lo zero del fotometro.
Questo imposta la calibrazione dello zero del
fotometro. In caso contrario premere NO.
4.
Premere EXIT
M700 cessa di produrre “zero gas” e il display ritorna
al menù di calibrazione del fotometro.
5.
Premere CALSPAN-ENTR
Inserire la concentrazione desiderata e premere
ENTR per generare span gas O3. M700 campionerà lo
span gas per circa 10 minuti.
6.
Premere SPAN
Inserire la concentrazione O3 attuale misurata dallo
standard di riferimento (o dall’analizzatore ozono di
riferimento) e premere YES per calibrare lo span del
fotometro. Questo imposterà la calibrazione dello
span del fotometro. Premere NO in caso contrario.
7.
Premere EXIT
M700 cessa di produrre “span gas” e il display ritorna
al menù di calibrazione del fotometro
8.
Premere EXITEXIT-EXIT-EXITEXIT
Il display frontale ritorna al menù principale.
Un fotometro correttamente ben progettato è uno strumento di precisione e una volta fatto
funzionare adeguatamente, è probabile che funzionerà così per un certo tempo, specialmente
se rimane fisso e utilizzato in condizioni da laboratorio.
6-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
6.2.
Opzione Forno di Permeazione
Il gas sorgente del tubo di permeazione è un metodo alternativo per generare gas stabili come
SO2, NO2, ecc. Il tubo di permeazione è costituito da un piccolo contenitore di un gas
liquefatto, con una piccola finestra in PTFE che il gas permea lentamente ad una velocità nella
gamma dei nanogram/min. Se il tubo è mantenuto a temperatura costante, solitamente circa a
50°C, il dispositivo fornirà una sorgente gas stabile per un anno o più.
La concentrazione nel tubo di permeazione è determinata dall'uscita specifica del tubo di
permeazione (ng/min @ 50°C), dalla temperatura del tubo di permeazione (°C) e dal flusso
d'aria che lo attraversa (slpm). L'uscita specifica è ad una funzione fissa del tubo di
permeazione ed è riportata sul contenitore di trasporto.
La temperatura è impostata a 50.0°C. Controllare SETUP-MORE-VARS e andare alla variabile
IZS-TEMP per verificare che la temperatura sia correttamente impostata. Deve essere
impostata a 50°C con una soglia di minimo e massimo di avviso pari a 49°C e 51°C. C’è
sempre un flusso di 105cc/min attraverso il tubo di permeazione per impedire l'accumulo di
gas nella tubazione.
Questo gas sorgente del tubo di permeazione è diluito con “zero air” per generare la
concentrazione voluta del gas specifico. La concentrazione del gas può essere calcolata
utilizzando la seguente equazione;
C=
P × Km
F
dove
P = tasso di Permeazione , ng/min @ 50°C.
Km = (24.46)/peso molecolare, dove 24.46 è il volume molare in litri @ 25°C,
760mmHg . Km per SO2 = 0.382, NO2 = 0.532, H2S = 0.719, e NH3 = 1.436.
F = Portata totale (somma di 105cc/min e del flusso di diluente), cc/min.
C = concentrazione, ppm.
I tubi di permeazione richiedono 48 ore a 50°C per raggiungere un'uscita stabile. Si consiglia di
attendere questo tempo prima di effettuare verifiche di calibrazione, regolazioni o raggiungere
ad una conclusione circa il tubo di permeazione. Una volta stabilizzato M700, la risposta al tubo
di permeazione non darà un errore superiore a ± 5% se viene fornito lo “zero air” per uno
strumento M701 Teledyne API o altra sorgente zero air asciutta.
Per eventuali ricambi del tubo di permeazione fare riferimento a Teledyne API:
VICI METRONICS
2991 Corvin Drive
Santa Clara, CA 95051 USA
Phone 408-737-0550 Fax 408-737-0346
6-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
6-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
7.
INTERFACCIA DI COMUNICAZIONE RS-232
Il calibratore M700 dispone di un'interfaccia potente RS-232 utilizzata sia per generare i
risultati dei test sia per il controllo del calibratore tramite un computer host. A causa della
doppia natura dell'interfaccia RS-232, il formato del messaggio è stato attentamente impostato
per interfacciare sia le stampanti che altri computer host.
Tutte gli output di messaggio di M700 hanno il seguente formato:
“X DDD:HH:MM IIII MESSAGE<CRLF>”
Dove per “X” vale uno dei caratteri riportati nella tabella seguente e che indica il tipo di
messaggio
Tabella 7-1: Tipi di messaggio su RS-232
Carattere
Messaggio
R
Report DAS
W
Attenzione
C
Calibrazione
D
Diagnostica
T
misurazione di Test
V
Valore della variabile
?
schermata di HELP
“DDD:HH:MM” sta ad indicare il giorno dell’anno (“DDD”) come numero da 1 a 366, l’ora del
giorno (“HH”) come numero da 00 a 23, e minuti (“MM”) come numero da 00 a 59.
“IIII” è il numero a 4-cifre ID di identificazione dell’Analizzatore.
Il campo “MESSAGE” contiene informazioni sulla variabile come messaggi di warning,
misurazione di test, report DAS, ecc.
“<CRLF>” è un ritorno di riga-nuova riga (carriage return-line feed) che termina il messaggio
ed inoltre fa comparire i messaggi ordinatamente su una stampante.
L’uniformità dei messaggi in uscita rende facile la loro analisi su un computer host.
7-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
I messaggi di input su M700 hanno un formato simile a quella per i messaggi di output:
“X COMMAND<CRLF>”
“X” indica il tipo di messaggio come riportato in Tabella 7-1 e “COMMAND” è il tipo di
comando, ognuno dei quali di seguito descritto.
“<CRLF>” è utilizzato per terminare il comando. Digitando“<CRLF>” più volte è un buon
metodo per pulire il buffer di input da ogni carattere indesiderato.
7.1.
Messaggi di allarme (Warning)
Ogni volta che sul display appare un messaggio d'avvertimento, questo viene anche inviato
all'uscita RS-232. Questi messaggi sono molto utili per rintracciare un problema di sistema. Il
formato del messaggio è:
“W DDD:HH:MM IIII WARNING MESSAGE<CRLF>”
Un esempio di messaggio di avvertimento può essere:
“W 194:11:03 0000 CAL GAS PRESSURE WARN<CRLF>”
Il messaggio di avvertimento può essere cancellato tramite l’interfaccia RS-232 con un
comando tipo:
“W COMMAND<CRLF>”
dove “COMMAND” indica quale messaggio di warning si vuole cancellare. Per esempio, per
cancellare “CAL GAS PRESSURE WARN”, il computer può inviare il comando:
“W WCALPRESS <CRLF>”
Un tentativo di eliminare un avvertimento non più attivo non ha alcun effetto. La seguente
tabella riporta l’elenco dei comandi da utilizzare per cancella ogni possibile messaggio
d'avvertimento.
Esempi di altri messaggi di avvertimento:
W LIST
Elenca i messaggi di avvertimento attivi correnti
W CLEAR ALL
Cancella tutti i messaggi di avvertimento
7-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 7-2: Comandi di cancellazione messaggi avvertimento su RS-232
Comando
Messaggio di avvertimento cancellato
“W WSYSRES”
RESET DEL SISTEMA
“W WRAMINIT”
RAM INIZIALIZZATA
“W WPEMTEMP”
WARNING PER TEMPERATURA DEL TUBO DI
PERMEAZIONE
“W WPHOTOREF”
WARNING PER RIFERIMENTO FOTOMETRO
“W WO3GENREF”
WARNING PER RIFERIMENTO GENERATORE O3
“W WCALPRESS”
WARNING PER PRESSIONE CAL GAS
“W WWDILPRESS”
WARNING PER PRESSIONE DILUENTE
“W WPHOTOLTEMP”
WARNING PER TEMPERATURA LAMPADA FOTOMETRO
“W WO3GENTEMP”
WARNING PER TEMPERATURA LAMPADA GENERATORE
O3
“W WREGPRESS”
WARNING PER PRESSIONE REGOLATORE
“W WI2CDET”
INTERFACCIA I2C NON RIVELATA
“W WVFDET”
V/F CARD NON RIVELATA
“W WMFCFLOW”
WARNING PER FLUSSO CAL GAS/DILUENT
7-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
7.2.
Calibrazione
Questo sottoinsieme di messaggi riguarda il controllo calibratore da remoto. Per effettuare una
calibrazione da remoto via interfaccia RS-232, il computer host deve visualizzare un messaggio
con il seguente formato:
“C COMMAND<CRLF>”
ATTENZIONE
Il comando C COMMAND non blocca automaticamente fino a che
l’operatore non invia uno C STANDBY di stop.
NOTA
Se l'operatore tenta di avviare un ID di sequenza o un tipo di gas che
non esiste, non accadrà nulla e l'azione sarà semplicemente ignorata.
Ogni volta che da qualsiasi sorgente viene avviata una nuova sequenza, qualsiasi sequenza in
esecuzione viene immediatamente terminata ed inizia la nuova.
7-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
I comandi sono riassunti nella tabella seguente:
Messaggio di Comando
Significato
“C GENERATE conc units gas” Genera il gas di calibrazione incluso lo zero gas. Conc
corrisponde alla concentrazione gas, units a unità di misura del
gas, e gas al tipo di gas (vedi nota sotto).
“C GPT noConc noUnits
O3Conc O3Units”
Genera GPT. NoConc è la concentrazione di NO, noUnits
corrisponde all’unità di misura , O3Conc è la concentrazione di
O3, e O3Units l’unità di misura del gas O3.
“C GPTPS noConc noUnits
O3Conc O3Units”
Genera GPT-Preset. NoConc è la concentrazione di NO, noUnits
l’unità di misura gas, O3Conc la concentrazione di O3, e O3Units
l’unità di misura del gas O3.
“C PURGE”
Attiva la modalità di ripulitura.
“C EXECSEQ
sequenceNumber”
Esegue un numero di sequenza (vedi nota sotto).
“C MANUAL calGas gasFlow
dilFlow off/const/ref/bench[O3
mV / PPB]”
“C STANDBY”
Genera il gas di calibrazione compreso lo zero gas. Questo
comando funziona allo stesso modo del comando “C
GENERATE” tranne che consente il controllo della portata sia
del gas che dell’aria diluente. calGas è il tipo di gas di
calibrazione, gasFlow è la portata del gas in SLPM *, dilFlow la
portata dell'aria di diluente in SLPM *; e OFF, CONST, REF, e
BENCH sono le modalità del generatore di ozono. Questi primi
quattro parametri sono sempre richiesti. Se il modo del
generatore ozono non è OFF, è richiesto anche l'ultimo
parametro ed è interpretato come mV se il modo è CONST e
come PPB se il modo è REF o BENCH (opzione fotometro).
Interrompe la generazione del gas di calibrazione e porta lo
strumento nella modalità standby. L’utilizzatore deve inviare
questo comando per terminare ogni modalità di
calibrazione avviata eccetto quando il comando “C
EXECSEQ” è utilizzato in quanto la sequenza contiene
STANDBY come un istruzione di fine.
* Tutte le portate sono misurate in SLPM. Anche in unità di misura SLPM ci sono abbastanza
cifre significative per introdurre valori di flusso con una risoluzione di 0.1 SCCPM
7-5

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Ogni volta che si genera il gas di calibrazione, lo strumento invia un segnale all'uscita RS-232.
La tabella mostra esempi di report di stato.
Report
“C DDD:HH:MM IIII SEQ 123, CYCLE 1 OF 1”
“C DDD:HH:MM IIII 100.0 PPB SO2“
“C DDD:HH:MM IIII STANDBY”
La prima riga di tabella mostra il numero della sequenza e il ciclo (ripetizione) che viene
eseguito. (Se la sequenza è programmata per un esecuzione indefinita, la parte “OF 1”sarà
omessa.)
Per esempio, quando un controllo invia il comando per generare “zero gas”
“C GENERATE 0 PPB ZERO<CRLF>”
la CPU invierà un report di stato all’interfaccia di output RS-232
“C DDD:HH:MM IIII GENERATE 0.0 PPB ZERO<CRLF>”
7.3.
Diagnostica
Il modo Diagnostica può essere attivato sia dalla porta RS-232 che dal pannello frontale. I
comandi disponibili per la Diagnostica sono elencati in tabella.
Tabella 7-3: Comandi di Diagnostica su RS-232
Commando
Funzione
“D LIST”
Elenco di tutti i valori dei segnali I/O.
“D name”
Verifica di segnali I/O1.
“D name=value”
Impostazione dei segnali I/O2
“D LIST NAMES”
Elenco di tutti i nomi dei test di diagnostica
“D ENTER name”
Esecuzione di un test di diagnostica
“D EXIT”
Uscita dal test di diagnostica
1
E possibile la verifica di un segnale I/O per volta.
2
Occorre inviare un comando “D ENTER SIG” prima di utilizzare questo comando per
l’impostazione di un segnale I/O. Lo stato precedente del segnale I/O sarà memorizzato
quando verrà inviato il comando “D EXIT”.
3
Solo SIG e LEAK possono essere eseguiti in modalità remota.
7-6

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Questi comandi possono essere utilizzati quando il sistema diagnostico è stato attivato da
tastiera (SETUP-MORE-DIAG) o da RS-232 (“D ENTER name”).
Oltre ai comandi sopra riportati, sono stati aggiunti 3 comandi diagnostici speciali in grado di
garantire il controllo completo su un calibratore remoto. Questi comandi possono essere
eseguiti in qualunque modalità si trovi lo strumento.
Ogni volta che il modo diagnostico è attivato o annullato, verrà inviato un segnale all'uscita
RS-232. La tabella ricapitola i report diagnostici.
Tabella 7-4: Report di Diagnostica su RS-232
Report
“C DDD:HH:MM IIII ENTER DIAGNOSTIC MODE”
“C DDD:HH:MM IIII EXIT DIAGNOSTIC MODE”
7.4.
Misurazioni di Test
Tutte le misurazioni di test che possono essere visualizzati premendo il tasto di TEST sono
disponibili anche sul computer host via interfaccia RS-232. Il computer host può inviare una
richiesta per una misurazione di test, ed allora la CPU trasmetterà il valore corrente della
misurazione all'uscita RS-232. Il formato del messaggio di misurazione di test è:
“T DDD:HH:MM IIII TEST MEASUREMENT<CRLF>”
Per esempio, il formato TARG CAL in LPM potrebbe essere:
“T 194:11:29 0000 TARG CAL=1.0000 LPM <CRLF>”
Per richiedere un test, l’host potrebbe inviare un comando nel formato:
“T MEASUREMENT<CRLF>”
Per elencare tutte le funzioni di test, occorre inviare il comando “T LIST”.
La tabella seguente mostra tutti i comandi e le corrispondenti misurazioni di test. Fare
riferimento alla Sezione Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. per la
descrizione delle misurazioni di test.
7-7

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 7-5: Comandi di richiesta misurazione Test tramite RS-232
Comando
Misurazione di Test
“T ACTCALFLOW”
ACT CAL=x.xxxx LPM
“T TARGCALFLOW”
TARG CAL=x.xxxx LPM
“T ACTDILFLOW”
ACT DIL=x.xxx LPM
“T TARGDILFLOW”
TARG DIL=x.xxx LPM
“T O3GENREF”
2
“T O3GENFLOW”
2
“T O3GENDRIVE”
2
“T O3GENTEMP”
2
“T CALPRESS”
CAL PRESSURE= xx.x PSIG
“T DILPRESS”
DIL PRESSURE= xx.x PSIG
“T ACTCONC”
ACT= xxxx.x ppb gas
“T TARGCONC”
TARG= xx.x ppb gas
“T BOXTEMP”
BOX TEMP= xx C
“T PERMTEMP”
1
“T HPOTOMEAS”
3
“T PHOTOREF”
3
“T PHOTOFLOW”
3
“T HPOTOLTEMP”
3
“T PHOTOSPRESS”
3
“T PHOTOSTEMP”
3
“T PHOTOSLOPE”
3
“T PHOTOOFFSET”
3
“T x”
DCPS= xxxxx mV
“T TESTCHAN”
TEST CHANNEL= xxx.x mV
“T CLKTIME”
TIME= xx:xx:xx
O3 GEN REF= xxxx mV
O3 FLOW= x.x LPM
°3 GEN DRIVE= xxxx mV
°3 LAMP TEMP= xx C
PERM TEMP=xx C
PHOTO MEASURE=xxxx.x mV
PHOTO REFERENCE=xxxx.x mV
PHOTO FLOW= x.x LPM
PHOTO LAMP= xx C
PHOTO SAMPLE= xx.x IN-HG-A
PHOTO SAMPLE= xx C
PHOTO SLOPE= x.xxxx
PHOTO OFFSET=x.xxx
1
Mostrato se è installato il tubo di permeazione.
2
Mostrato se è installato il generatore di ozono.
3
Mostrato se è installata l’opzione fotometro.
7-8

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
7.5.
Visualizzazione e Modifica delle Variabili
La caratteristica più potente dell'interfaccia RS-232 è la capacità da parte di un computer host
di visualizzare e modificare le variabili interne dell'analizzatore. Come l'operatore modifica le
variabili nel modo setup, il computer host può modificare le stesse per mezzo dell'interfaccia
RS-232.
Per visualizzare il valore della variabile, il computer host invia un comando con il seguente
formato:
“V VARIABLE<CRLF>”
La CPU in risposta invierà un messaggio alla RS-232 con questo formato:
“V VARIABLE=VALUE WARNLO WARNHI[DATALO-DATAHI] <CRLF>”
ATTENZIONE
Prima di cambiare le impostazioni su una variabile, assicurarsi delle
conseguenze del cambiamento. Le variabili devono essere cambiate
soltanto da personale esperto di manutenzione in quanto possono
potenzialmente interferire con le prestazioni del calibratore.
In entrambi i casi "VARIABLE" è il nome della variabile che si sta osservando. "VALUE" è il
valore corrente della variabile. "WARNLO" e "WARNHI" sono i limiti inferiore e superiore per
l'allarme (warning), ma non possono comparire per tutte le variabili poiché alcune variabili non
hanno limiti di warning. "DATALO" e "DATAHI" sono i limiti inferiore e superiore per l’entry dei
dati. La CPU non imposterà il valore della variabile o i limiti di warning a valori esterni ai limiti
di entry dei dati.
I valori compresi tra parentesi quadra non sono richiesti per tutte le variabili. Se necessario, i
valori sono inclusi sulla riga di comando, separata da spazi. Per esempio, per cambiare
l'identificativo ID dello strumento, il computer host darà un comando come:
“V MACHINE_ID=1234<CRLF>”
e la CPU darà una risposta nel modo seguente:
“V DDD:HH:MM IIII MACHINE_ID = 1234 (0-9999)<CRLF>”
Per elencare le variabili occorre dare il comando “V LIST<CRLF>“. Tabella 7-6 elenca il nome
delle variabili e le corrispondenti sequenze di tasti gestibili tramite l’interfaccia RS-232.
7-9

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 7-6: Nomi delle variabili tramite RS-232
Nome variabile
Sequenza Tasti
Valori
PHOTO_LAMP
SETUP-MORE-VARS
0 - 100 deg C
O3_GEN_LAMP
SETUP-MORE-VARS
0 - 100 deg C
RS232_MODE
SETUP-MORE-VARS
0 - 32767 bits
CLOCK_ADJ
SETUP-MORE-VARS
-60 - +60 sec/day
CURR_TIME
SETUP-MORE-VARS
00:00-23:59
CURR_DATE
SETUP-MORE-VARS
xx/xx/xx
7-10

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
8.
MANUTENZIONE, REGOLAZIONE
NOTA
Le operazioni descritte in questo capitolo devono essere eseguite da
personale di manutenzione qualificato.
Il calibratore M700 deve essere controllato visivamente per verificare che il sistema sia in ordine.
Confrontare la configurazione ed i collegamenti dell'impianto idraulico con lo schema riportato nel
manuale d’uso. Verificare che tutti i collegamenti siano integri e non ci siano ostruzioni sul
percorso dei flussi. Individuare possibili perdite evidenti e rimediare. Verificare la pulizia dei
contenitori in vetro di miscelazione, del collettore e di tutte le tubazioni.
8.1.
Pulizia degli Orifizi e dei Filtri
Le opzioni quali generatore ozono, forno di permeazione, o i flussi del fotometro sono controllati
dagli orifizi critici di flusso. Gli orifizi non necessitano di regolazioni. L'orifizio di flusso critico
mantiene un controllo volumetrico preciso quando la pressione critica è mantenuta costante a
monte e a valle dell'orifizio. Il flusso del campione che attraversa il sistema pneumatico interno è
determinato dall'orifizio critico di controllo flusso e non ha regolazioni. Le seguenti procedure sono
identiche per ogni tipo di assieme orifizi (vedere figura 4-1 per la posizione di ogni assieme).
1.
Spegnere lo strumento.
2.
Rimuovere l’assieme .
3.
Con uno stecchino o un fermacarta, rimuovere la molla, il filtro, l’OR , l'orifizio e l’OR da ogni
porta
4.
Eliminare il filtro.
5.
Controllare l'orifizio osservandolo alla luce per vedere se è aperto. Se non è aperto, provare a
pulire l'orifizio con una corda sottile o ad immergerlo in un solvente tipo l’alcool metilico.
6.
Se l’orifizio non si apre, sostituirlo.
7.
Sostituire gli OR se sono deformati o se non si adattano più nella loro sede
8.
Per riposizionare l’orifizio, incominciare dall’OR, poi l’orifizio (estremità con rubino a monte),
OR, filtro, ed infine la molla.
9.
Sigillare i raccordi con nastro adesivo TFE, installare e stringere.
10. Verificare eventuali perdite.
8-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
8.2.
Procedura di verifica perdite
L'individuazione della sorgente della perdita è spesso un processo che richiede tempo. Per
facilitare i problemi connessi con l'individuazione di perdite, Teledyne API ha elaborato una
procedura di Auto Leak Check all’interno della diagnostica della strumentazione. Questa
procedura, nella maggior parte dei casi, funziona semplicemente premendo i tasti del pannello
frontale per selezionare la procedura. Ciò lo rende un processo semplice nella verifica regolare di
presenza di perdite; conviene infatti scoprire una perdita prima che questa causi un problema.
L'eccezione a questa procedura è un M700 con installata l'opzione fotometro. In questo caso sarà
necessario escludere la pompa interna sul campione di banco.
La procedura di verifica perdite viene eseguita in due fasi. Durante la prima fase, di durata circa
un minuto o per il 17% del test, la valvola di sfiato e la valvola di uscita sono chiuse e la valvola di
purge e la valvola di input sono aperte, la pressione è testata e se non raggiunge 25 psig il test
viene abortito con un messaggio “LEAK CHECK FAILED” . Se la pressione raggiunge 25 psig il test
continua chiudendo la valvola di input e monitorando la diminuzione di pressione. Se la
diminuzione pressione eccede 5 psig in cinque minuti il test si concluderà con il messaggio “LEAK
CHECK FAILED”.
Procedura di AUTO LEAK CHECK:
Se non si dispone del fotometro passare direttamente allo step 3.
1.
Rimuovere il raccordo con la tubazione Tygon dal T in ottone sulla parte posteriore del
fotometro
NOTA
Questa procedura esclude la pompa sul campione del fotometro ed il
sensore di flusso. Poiché queste pompe possono avere perdite
interne è necessario escluderle. Il sensore di flusso può essere
danneggiato se sottoposto a 30 psig, questa tecnica è necessaria per
assicurare che non avvengano danneggiamenti allo strumento.
2.
Rimuovere il raccordo dal lato pressione della pompa sul campione e collegarlo al raccordo
sulla parte posteriore del fotometro dove il raccordo è stato rimosso.
3.
Accertarsi che una sorgente di aria pulita e asciutta a 30 - 35 psig sia collegata all’orifizio
DILUENT IN sulla parte posteriore di M700.
4.
Premere SETUP-MORE-DIAG. Selezionare AUTO LEAK CHECK. Premere ENTR.
5.
Al 16% del completamento del test, registrare la lettura di pressione sul display di M700
(questo consentirà di determinare la severità di una eventuale perdita.)
6.
Al completamento del test verrà visualizzata la pressione finale. Una perdita maggiore di 2
PSIG indica una perdita importante che occorrerà individuare e riparare.
8-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
La procedura AUTO LEAK CHECK mette in pressione M700 soltanto per il primo 16% o nel
primo minuto della durata del test e questo potrebbe rendere difficile l’individuazione di
perdite. Un metodo di test con lo strumento in pressione è il seguente:
1.
Dal menu principale, premere SETUP-MORE-DIAG-ENTR-ENTR-NEXT. Accertarsi che sia
presente l’indicatore OFF. Premere JUMP-7-ENTR-OFF-OFF-ENTR. Premere JUMP-53ENTR-OFF-OFF-ENTR. Premere NEXT-OFF-OFF-ENTR. In questo modo vengono chiuse le
valvole di Output e di Vent mentre vengono aperte le valvole di Input e Purge. Ciò
consentirà l’immissione di aria pulita e asciutta a 30 - 35 PSIG dall’orifizio DILUENT IN
attraverso il calibratore.
2.
Utilizzare un rivelatore di perdite del tipo a bolla d’aria su tutte le guarnizioni e raccordi
fino a localizzare la perdita.
3.
Stringere raccordi e guarnizioni fino al completo arresto della perdita.
4.
Pulire le parti dall’eventuale residuo di soluzione utilizzata per il rivelatore a bolle.
5.
Premere EXIT-NEXT-NEXT-NEXT-NEXT-ENTR. Questo comando farà ripartire la procedura
AUTO LEAK CHECK.
6.
Ripetere questa procedura fino a che non esistano più perdite.
La tabella seguente illustra l'attuazione delle valvole durante i differenti modi di
funzionamento incluso la procedura di verifica perdite. Fare riferimento alla figura di 4-2
Schema circuito pneumatico,Tabella 9-5 Indicazione di alimentazione a LED e all'appendice D
per lo schema 1565 durante l'attuazione delle valvolea.
Tabella 8-1: Pneumatic Valve Actuation
Modo
Standby
Modo
Gen
Conc
Modo
Bench
O3 Gen
Modo
Ref O3
Gen
Gen
GPTPS
Modo
Gen GPT
Modo
Gen
Perm
Modo
Gen
Zero
Modo
Purge
Auto
leak 0 16%
Auto leak
17 100%
Inlet
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
ON
OFF
Gas
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
Valvola
Purge
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
OFF
OFF
OFF
ON
ON
ON
GPT
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
O3
OFF
OFF
ON
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
Perm
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
Ref/
Meas
OFF
OFF
SWITCH
OFF
SWITCH
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
Cal
OFF
ON
ON
ON
OFF
ON
ON
ON
OFF
OFF
OFF
Vent
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
OFF
ON
ON
8-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
8.3.
Sostituzione del Tubo di Permeazione (Opzione)
Il tubo di permeazione è contenuto nel forno nella parte posteriore – al centro dello strumento,
come indicato in figura 8-1.
1.
Spegnere M700.
2.
Rimuovere i due raccordi pneumatici e l'isolamento di gomma dalla parte superiore
dell’assieme
3.
Rimuovere le tre viti di fissaggio e la copertura del forno,
4.
Rimuovere il tubo di permeazione e installare il nuovo nello stesso alloggiamento con la
membrana rivolta verso l’alto.
5.
Riassemblare il forno ed accendere lo strumento.
Il tubo di permeazione richiede un tempo di 48 ore a 50°C per ottenere un'uscita stabile.
Attendere per tutto questo tempo prima di effettuare qualsiasi controllo calibrazione, regolazione,
o raggiungere ad una conclusione circa il tubo di permeazione.
8-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 8-1: Forno del Tubo di Permeazione
8-5

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
8-6

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.
RISOLUZIONE DEI PROBLEMI
NOTA
Le operazioni descritte in questo capitolo devono essere eseguite da
personale di manutenzione specializzato.
9.1.
Verifica del funzionamento – Tecniche di Diagnostica
Lo strumento Teledyne API contiene due livelli di diagnostica: le misurazioni di test che
possono essere osservate sempre (tranne durante la messa a punto) premendo TEST e le
operazioni di diagnostica a livello più basso che possono essere effettuati soltanto premendo
SETUP-MORE-DIAG.
9.1.1.
Misurazioni di Test
Le misurazioni di Test possono essere osservate in qualunque momento tranne durante la
messa a punto dello strumento. Per osservare una differente misurazione di test, premere
semplicemente il tasto TEST. La tabella 5-3 elenca le misurazioni di Test disponibili. L'esame di
queste misurazioni non interferisce in alcun modo con il funzionamento di M700 e possono
essere quindi liberamente osservare.
9.1.2.
Diagnostica dei guasti con i messaggi di WARNING
Quando si presenta un Warning di sistema, viene visualizzato un corrispondente messaggio e il
LED FAULT (rosso) lampeggia. Un Warning indica che è intervenuto qualcosa nel sistema che
deve essere verificato o regolato. L'omissione dell'operatore dal rispondere ad un Warning può
portare ad un degrado delle prestazioni di sistema. Gli Warning devono essere presi
seriamente in considerazione.
Quando appare un Warning, sulla riga del menu verranno visualizzati i pulsanti CLR e MSG
(quando non si è in fase di messa a punto). Premendo MSG è possibile scorrere tra i messaggi
di Warning presenti. Con CLR viene cancellato il messaggio di Warning attualmente
visualizzato e, se non vi sono ulteriori messaggi, i pulsanti CLR e MSG spariranno ed il LED
FAULT verrà spento. Se dopo aver premuto CLR rimangono ancora attivi dei messaggi, il LED
FAULT continuerà a lampeggiare ed i tasti CLR e MSG continueranno a rimanere sulla riga del
menu.
Se dopo avere cancellato un messaggio la condizione di Warning per quel messaggio è ancora
presente, il messaggio riapparirà dopo un tempo che dipende dalla frequenza del ciclo di
controllo della CPU (tipico ogni 2 o 3 secondi). Se un messaggio di Warning riappare sempre
dopo che è stato premuto CLR, occorre risolvere il problema e riavviare l'analizzatore. Alcuni
problemi sono transitori e possono quindi non riapparire dopo aver premuto CLR (per esempio
temperatura troppo alta, troppo bassa, ecc.).
Per ignorare i messaggi di Warning e visualizzare di nuovo la misurazione di test, premere
semplicemente TEST. I messaggi rimarranno attivi e potranno essere riosservati premendo
MSG.
9-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 9-1: Messaggi di Warning sul Pannello Frontale
Messaggio
Descrizione
SYSTEM RESET
Il sistema è stato acceso o resettato. Questo segnale si
presenta ogni volta che lo strumento viene acceso, come in
un guasto di alimentazione. Può anche apparire se vengono
resettate la RAM o la EEPROM.
RAM INITIALIZED
La RAM è stata cancellata e ri-inizializzata. La RAM contiene i
dati temporanei utilizzati da M700. Nessuna variabile di
configurazione viene registrata nella RAM.
CAL GAS PRESSURE
WARNING
Pressione del gas di calibrazione superiore a 30 psig o
inferiore a 25 psig. Se la pressione del gas è superiore a 33
psig o inferiore a 15 psig, la CPU disattiva per sicurezza il
gruppo valvole.
DILUENT PRESSURE
WARNING
Pressione dell’aria diluente superiore a 30 psig o inferiore a
25 psig. Se la pressione dell'aria è superiore a 33 psig o
inferiore a 15 psig, la CPU disattiva per sicurezza il gruppo
valvole.
REGULATOR PRESSURE
WARNING
La pressione regolatore inferiore a 15 PSIG o superiore a 25
PSIG.
CAL GAS/DILUENT FLOW
WARNING
La portata del gas di calibrazione o dell’aria diluente
attraverso ogni corrispondente controller della portata in
massa è inferiore del 10% del fondo scala.
V/F CARD NOT INSTALLED
La scheda V/F non è stata rivelata all’accensione. Ciò
probabilmente significa 1. Scheda non inserita nel suo
connettore, 2. Scheda difettosa.
PHOTOMETER LAMP
TEMPERATURE WARNING(
opzione )
La temperatura della lampada Fotometro è inferiore a 51°C o
superiore a 61°C.
O3 GENERATOR LAMP
TEMPERATURE WARNING(
opzione )
La temperatura del generatore O3 è inferiore a 43°C o
superiore a 53°C.
PHOTO REFERENCE
WARNING( opzione )
La lettura di riferimento Fotometro è inferiore a 2500 mV o
superiore a 5000 mV.
O3 GENERATOR
REFERENCE
WARNING(opzione)
La lettura di riferimento generatore O3 è inferiore a 50 mV.
Questo Warning è segnalato solo durante la modalità con
feedback da riferimento.
PERM TUBE TEMPERATURE
WARNING(opzione)
La temperatura del tubo di Permeazione è inferiore a 49°C o
superiore a 51°C.
9-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.1.3.
Diagnostica dei guasti mediante il modo DIAGNOSTIC
I test diagnostici sono utilizzati per contribuire a risolvere un problema e devono essere
utilizzati soltanto da tecnici esperti di manutenzione in quanto possono potenzialmente
interferire con le prestazioni del calibratore. La tabella 9-2 elenca i test diagnostici disponibili.
Per entrare nel modo di test diagnostico, premere SETUP-MORE-DIAG. Di default, il software
farà visualizzare la password di setup (818). Se l'operatore preme semplicemente ENTR,
saranno evidenziate soltanto i primi cinque test diagnostici.
Tabella 9-2: Sommario dei modi Diagnostica
Messaggio
Descrizione
SIGNAL I/O
Consente l'accesso agli input e output digitali ed analogici sulla
scheda V/F. Può essere visualizzata lo stato o il valore di tutti i
segnali. Alcuni dei segnali possono essere controllati da tastiera.
NOTA - alcuni segnali possono essere portati in stati a cui
corrispondono Warning o altri allarmi. Queste impostazioni
rimarranno effettivi fino all’uscita dal modo DIAG, e M700
riprenderà il controllo su questi segnali.
ANALOG OUTPUT
Causa la scrittura di un segnale di test verso i DAC di uscita
analogica. Il segnale consiste nei passaggi di 0%, 20%, 40%,
60%, 80%, 100% del valore dell'uscita analogica. Questo ciclo
può essere interrotto e memorizzato il valore premendo il tasto
sotto il simbolo % sul display.
DAC CALIBRATION
L'uscita analogica è creata da 4 convertitori analogico/digitali.
Due (DAC 0 e DAC 1) sono dedicati per i controller della portata
in massa. DAC 2 è per l'uscita di controllo del generatore O3 e
DAC 3 è per l'uscita del canale di test. Con questa selezione
parte una procedura di calibrazione di queste uscite.
Fareriferimento alla Sezione 9.1.4 per i dettagli.
TEST CHANNEL
OUTPUT
L'uscita del registratore sul pannello posteriore è utilizzata per
l'uscita del canale di test. Vedi sezione 9.1.4. Fare riferimento
alla Figura 2-2.
AUTO LEAK CHECK
Questa caratteristica diagnostica è parte di un'opzione con
hardware di supporto. Effettua la verifica automatica di perdite
(fare riferimento alla Sezione 8.2).
RS-232 OUTPUT
Provoca l’invio di un secondo gruppo di dati tramite la porta RS232. E’ utilizzato per individuare problemi sull’interfaccia RS-232.
Vedi sezione 9.2.4 per le tecniche di diagnosi della porta RS-232
9-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.1.4.
Uscita analogica del Canale di test
Molte delle funzioni TEST utilizzano anche una tensione analogica. Come aiuto diagnostico, è
possibile inviare una qualunque delle diverse tensioni di test in uscita alla quarta porta
analogica (DAC 3). Per inviare una misurazione di test analogica all'uscita del canale di test,
premere SETUP-MORE-DIAG e selezionare “TEST CHANNEL OUTPUT”. Premere PREV o NEXT
per scorrere alla misurazione desiderata e premere ENTR.
Tabella 9-3: Uscita del Canale di Test
#
Nome
Descrizione
Range
0
NONE
1
O3 PHOTO MEAS
Lettura della misura del rivelatore
Fotometro
0 – 5000 mV
2
O3 PHOTO REF
Lettura di riferimento del rivelatore
Fotometro
0 – 5000 mV
3
O3 GEN REF
Lettura del rivelatore di riferimento
generatore O3
0 – 5000 mV
4
SAMPLE
PRESSURE
Pressione del campione del
Fotometro
0 - 40” Hg
5
SAMPLE FLOW
Portata del campione del Fotometro
0 - 1 l/m
6
SAMPLE TEMP
Temperatura del campione del
Fotometro
0 - 75°C
7
PHOTO LAMP
TEMP
Temperatura della lampada
Fotometro
0 - 75°C
8
O3 LAMP TEMP
Temperatura della lampada
generatore O3
0 - 75°C
9
CHASSIS TEMP
Temperatura dello chassis
0 - 75°C
10
DCPS VOLTAGE
Tensione di alimentazione DC
0 – 5000 mV
11
O3 PHOTO CONC
Concentrazione del Fotometro O3
0 - 500 ppb
Quando viene selezionata una misura diversa da NONE, sul display appare una misura
aggiuntiva di test con il formato ”TEST=XXXXX.X MV” con il valore di mV attuale in uscita sulla
porta di uscita analogica di test.
C’è una variabile di setup accessibile tramite RS-232 che controlla la misurazione di test
selezionata. Questa variabile è denominata TEST_CHN_ID dove l'identificazione ID vale da 0 10 come indicato nella tabella precedente.
9-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.1.5.
Calibrazione di Fabbrica
La procedura di calibrazione di fabbrica viene eseguita in fabbrica al primo setup.
NOTA
Le operazioni descritte in questo capitolo devono essere eseguite da
personale di manutenzione specializzato.
9.1.5.1.
Procedura di Calibrazione ADC/DAC
Grazie alla stabilità dei circuiti elettronici moderni questa procedura non deve essere effettuata
più di una volta all'anno o ogni volta che viene sostituito un sotto-assieme importante o ogni
volta che viene modificata la gamma di tensione dell'uscita analogica. È importante che la
seguente procedura venga eseguita con attenzione in quanto la precisione del sistema di
diluizione dipende assolutamente dalla precisione di MFC e delle relative tensioni di controllo.
Notare che la gamma della tensione di controllo impostata di fabbrica è ± 5 volt poiché la
tensione all’ingresso di controllo di MFC è di 0 - 5 volt per coprire l’intero fondo scala. Una
volta completata questa procedura, occorre effettuare una procedura di calibrazione MFC
secondo la Sezione 9.1.5.2.
Per calibrare i convertitori DAC sulla scheda V/F, procedere nel modo seguente:
1.
Premere SETUP-MORE-DIAG-ENTR, scorre in giù fino al modo diagnostico D/A
CALIBRATION, quindi premere ENTR per eseguire la procedura di calibrazione.
2.
Premere ADC per iniziare la calibrazione. Il display indicherà "ADJUST ZERO A/D= XX.X
mV", dove XX.X mV è la tensione target che deve uscire dal DAC # 3. Mettere la sonda di
un voltmetro (utilizzare un tester da 4 cifre e ½) sui terminali + e - di uscita registratore
sul pannello posteriore di M700. Il valore visualizzato sul pannello frontale e sulla lettura
del voltmetro deve essere lo stesso (± 0.5 mV). In caso contrario, regolare il
potenziometro dello zero (R27; figura 9.1) sulla scheda V/F fino a portare identici i due
valori ( ± 0.5 mV). Notare che la lettura del voltmetro non cambia mentre si regola il
potenziometro dello zero (R27). Quando il voltmetro riporta lo stesso valore di quello
visualizzato sul pannello frontale, premere ENTR. DAC #3 è l’uscita del registratore.
3.
Il display di M700 ora mostrerà una nuova tensione nello stesso precedente formato.
Questa tensione sarà circa il 90% del range di fondo scala dell’uscita DAC. Il valore
visualizzato sul pannello frontale e sul voltmetro devono essere identici (± 3 mV). In caso
contrario, regolare il potenziometro del guadagno (R31) sulla scheda V/F fino a portare
identici i due valori (± 3 mV). Premere ENTR. Il DAC #3 è ora calibrato e sarà utilizzato
come tensione di riferimento per la calibrazione dell'ADC.
4.
Successivamente l’analizzatore passa alla procedura di calibrazione degli altri 3 DAC. Una
volta completata premere EXIT per ritornare ai menu di livello superiore.
9-5

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Il successivo setup serve per verificare la qualità della calibrazione dei circuiti ADC/DAC.
5.
Premere SETUP-MORE-DIAG-ENTR-NEXT e selezionare ANALOG OUTPUT. Verificare la
qualità della calibrazione di ADC/DAC misurando la tensione di uscita del canale di test. Il
segnale consiste nella sequenza ciclica da 0%, 20%, 40%, 60%, 80%, 100% del valore di
uscita analogica. Questa sequenza può essere interrotta ed il valore memorizzato
premendo il tasto sotto il simbolo % del display; questo valore verrà visualizzato tra
parentesi quadre ([%]). Premere ancora una volta il tasto per continuare la sequenza o
premere EXIT per terminare. I valori esatti di tensione dipendono dalle regolazioni dei DIP
switch sugli amplificatori buffer dell'uscita analogica.
9.1.5.2.
Procedura di Calibrazione di MFC
Il controller MFC (Mass Flow Controller - Controller della portata in massa) utilizza una
tecnologia elettronica avanzata per controllare in modo preciso le portate. Si consiglia di
eseguire la calibrazione di MFC ogni 6 mesi o quando viene eseguita la CALIBRAZIONE ADC/DC
DI FABBRICA (Sezione 9.1.5) o sostituito un sotto-assieme principale.
NOTA
La seguente procedura di Calibrazione può potenzialmente interferire
con le prestazioni di M700 e quindi deve essere eseguita da personale
esperto di manutenzione.
Prima di procedere con la calibrazione, è importante verificare che la portata effettiva e la
tensione di controllo applicata al MFC siano precise.
1.
Verificare la precisione di ogni tensione di controllo di MFC misurando la tensione su TP10
e TP3 sulla scheda di V/F per il controller MFC2 (aria) o su TP9 e TP3 per il controller MFC1
(gas) mentre viene effettuata la procedura di test analogico descritta nella sezione 9.1.5.1,
punto 5. Si consiglia l’utilizzo di un voltmetro digitale con display a 4 cifre. Se la tensione
di controllo differisce più di 25 mV rispetto alla tensione prevista, effettuare la procedura di
calibrazione ADC/DAC secondo la sezione 9.1.5.1.
2.
Una volta verificata la precisione della tensione di controllo, verificare la portata effettiva in
ogni MFC. Utilizzare un Master Standard Flowmeter con precisione maggiore di 1% per
determinare esattamente il flusso effettivo attraverso un controller MFC. Per sicurezza,
utilizzare “zero air” per verificare la portata e scaricare sempre in modo opportuno il gas
su uno sfiato fuori dal locale.
9-6

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Premere SETUP-MORE-DIAG e digitare la password 818 (di default), quindi scorrere fino a
visualizzare MFC CALIBRATION. Premere ENTR. Selezionare MFC1 (10 SLPM di default) per
l’MFC dell'aria diluente o MFC2 (0.1 SLPM di default) per l’MFC del gas, premere ENTR. Il
display mostrerà la prima riga della tabella di calibrazione a 20 righe interna. Ogni riga può
essere utilizzata per verificare la tensione di controllo e la portata attraverso il controller MFC o
utilizzata per modificare la tabella di calibrazione in funzione del risultato del test. DRV è la
tensione di pilotaggio su MFC e FLOW è la portata prevista in MFC. Premendo OFF-ON verrà
spento o acceso il controller MFC applicando la tensione di comando in modo da consentire il
flusso di gas su MFC. Mentre si applica la tensione di comando, misurare il flusso effettivo.
Annotare 10 letture consecutive e calcolare il valore medio. Se la portata effettiva differisce di
più del 2% dalla portata prevista, premere allora il tasto FLOW e modificare il valore inserendo
il valore medio. Continuare questa operazione per verificare la tensione di comando e la
portata effettiva per le rimanenti righe della tabella di calibrazione. Modificare se necessario.
Se sono state introdotte modifiche alla tabella, premere EXIT con il quale apparirà il seguente
messaggio:
SAVE CHANGES?
YES
NO
CANC
Premendo YES si conserveranno i cambiamenti fatti; con NO si uscirà senza salvare le
modifiche; con CANC si ritorna alla modifica della tabella. Se non è stato fatto nessun
cambiamento alla tabella, premere EXIT per ritornare al menu.
Il tasto denominato PRNT serve per stampare la tabella di linearizzazione sull'interfaccia RS232.
9.1.5.3.
Calibrazione del generatore di Ozono
Il generatore di ozono può essere calibrato rispetto ad un analizzatore ozono esterno per
determinare l'uscita del generatore di ozono. La calibrazione del generatore consente
all'operatore di introdurre la concentrazione di calibrazione desiderata direttamente in ppb.
NOTE
La seguente procedura di Calibrazione può potenzialmente interferire
con le prestazioni di M700 e quindi deve essere eseguita da personale
esperto di manutenzione.
L’analizzatore ozono esterno deve essere calibrato con una sorgente esterna di ozono prima di
effettuare questa procedura.
9-7

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Premere SETUP-MORE-DIAG, digitare la password d'accesso 818 e selezionare O3 GEN
CALIBRATION per iniziare il processo di calibrazione. M700 applicherà le tensioni di comando
lampada di: 0.5 V, 0.6 V, 0.7 V, 0.8 V, 0.9 V, 1.0 V, 1.25 V, 1.5 V, 2.0 V, 3.0 V, 4.0 V e 5.0 V.
1.
Per ogni punto di test, le macchina effettuerà una impostazione di comando lampada
attendendo 5 minuti per la stabilizzazione delle letture. Prendere il valore corrente del
rivelatore di riferimento, portata e concentrazione O3. Se è installata l'opzione fotometro,
M700 ricaverà la concentrazione da questo; altrimenti emetterà un beep a intervalli di tre
secondi in attesa che l'operatore introduca la lettura di concentrazione O3 ottenuta
dall'analizzatore O3 esterno.
2.
Durante la calibrazione, l'analizzatore visualizza la % di completamento in modo che possa
essere monitorato l’avanzamento del processo di calibrazione. La calibrazione completa
durerà 60 minuti (5 minuti per punto per 12 punti).
3.
Per abbandonare la calibrazione premere EXIT. Questa non ristabilirà i contenuti della
tabella già calcolati. Se si preme EXIT nei primi 10 minuti della calibrazione, la tabella non
verrà modificata
Al termine della calibrazione completa del generatore O3, questa tabella di calibrazione verrà
memorizzata in EEPROM. Se la RAM viene cancellata o installata una nuova PROM, questa
tabella di concentrazione verrà caricata dalla EEPROM nella RAM.
9-8

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.2.
Ricerca guasti
9.2.1.
Scheda Tensione/Frequenza (V/F)
La scheda V/F consiste di 16 canali analogici di input, ognuno accessibile da software, 8 input
digitali e 24 output digitali, ogni linea accessibile in modo indipendente, e 4 canali analogici
indipendenti di uscita. I canali analogici di input sono collegati al convertitore V/F di capacità
80.000 conteggi e risoluzione 16 bit. I comandi dal computer SBC40 ed i valori digitalizzati
ottenuti dalla scheda V/F sono inviati tramite l'interfaccia bus STD. Lo schema per la scheda è
riportata in appendice 00514.
Il funzionamento generale di questa scheda è abbastanza complesso e non serve effettuare in
campo una completa analisi di tutti i modi operativi. Tuttavia, sono descritti nel seguito alcuni
test semplici per la verifica di un canale analogico di input, dei 4 canali analogici di output, di
un input digitale e di un output digitale.
1.
Test di un input analogico della scheda V/F.
Ogni canale analogo è indirizzato attraverso un multiplexer a 16 canali programmabile. Le
probabilità sono che se un canale funziona, tutti gli altri funzionano.
1.
Accendere il sistema.
2.
Premere TEST sulla tastiera del pannello frontale fino a che compare DCPS.
3.
Il valore visualizzato deve essere 2500 ± 200 mV
Se M700 passa questo test, significa che è stato correttamente digitalizzata una tensione
composita di 2500 mV in uscita dal modulo di alimentazione. Il segnale deve essere di ± 25
mV.
1.
Test di un canale analogico di output.
Nel menu DIAGNOSTIC sul pannello frontale, è disponibile un test che genera una tensione a
gradini verso i 4 canali DAC. Il test può essere utile nella diagnosi dei guasti sulla scheda V/F.
1.
Accendere lo strumento.
2.
Entrare nel menù SETUP-MORE-DIAG.
3.
Selezionare il test ANALOG OUTPUT. Questo porta M700 a generare un pattern di tensione
a 5 gradini verso i 4 canali DAC. Il canale 3 DAC è portato al connettore REC del pannello
posteriore. Lo stato del test è indicato sul display del pannello frontale. Lo scrolling può
essere interrotto a qualsiasi tensione premendo il tasto sotto il display della percentuale
che cambia. I valori sono 0-20-40-60-80-100% della gamma di tensione che è stata
selezionata. Per esempio le tensioni potrebbero essere 0, 1, 2, 3, 4, 5 V.
9-9

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
4.
Collegare un voltmetro digitale al canale di output registratore per verificare la tensione
corretta.
NOTA
Sebbene possono essere selezionate varie gamme di tensione di
uscita tramite la configurazione di DIP switch sulla scheda V/F, la
tensione di ingresso del controller della portata in massa deve essere
da 0 a 5 volt. Di conseguenza si consiglia di impostare questa gamma
di tensione di uscita nella gamma ± 5 volt per il controllo flusso nella
gamma completa. Vedere figura 9-1 per la configurazione dei DIP
switch.
9-10

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 9-1: DIP switch sulla scheda V/F
9-11

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 9-2: Ponticelli sulla scheda CPU
9-12

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.2.2.
Modulo Alimentatore
Tabella 9-4: Subassiemi del Modulo Alimentatore
Modulo
Descrizione
Scheda alimentatore lineare
La scheda alimentatore lineare del gruppo alimentazione
riceve le diversei tensioni dal trasformatore di
alimentazione e genera le tensione +5, +15, -15, +12 VCC.
Le uscite sono portate a due connettori esterni, P2 e P3.
Vedere Figura 9-4. Il +5 è utilizzato per la CPU. Il ± 15 è
utilizzato in diverse posizioni per il funzionamento degli
amplificatori operazionali e dei circuiti integrati. Il +12 è
utilizzato per i ventilatori e le valvole.
Scheda alimentatore
switching
La scheda di alimentazione switching fornisce il +24 VCC a
4 A al modulo di alimentazione della lampada UV. E’
presente un resistore di carico sulla scheda di Switch per
mantenere stabile l'uscita in caso di carico ridotto.
Scheda di Switch
La scheda Switch svolge diverse funzioni. Prende i segnali
di logica della scheda V/F e li utilizza per commutare i
carichi 4-115 VCA e 4-12 VCC. La scheda fornisce inoltre il
punto centrale di messa a terra dello strumento. Fornisce la
tensione AC e DC non regolata come necessario. Il
connettore J2 programma i trasformatori di alimentazione
per le tensioni di in ingresso 115, 220, o 240 VCA
Trasformatori di
alimentazione
Ci sono potenzialmente 2 trasformatori di alimentazione in
ingresso nello strumento. Il trasformatore T1 a più uscite è
presente in ogni M700 e fornisce l'alimentazione in ingresso
per la scheda alimentatore lineare descritto
precedentemente. E’ presente un secondo trasformatore T2
nel caso di tensione di ingresso 220 o 240 VCA. La
selezione della tensione di alimentazione in ingresso è fatta
sul connettore P2 di programmazione che fornisce i
collegamenti opportuni per i diversi valori della tensione di
rete.
Interruttore principale di
alimentazione
Il pannello frontale contiene una combinazione di
sezionatore e interruttore di alimentazione in ingresso che è
collegato allo Modulo Alimentatore. Se viene rivelato un
sovraccarico l'interruttore scatta in posizione di riposo.
Ricommutando in ON si resetta di nuovo l'interruttore.
9-13

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 9-3: Modulo Alimentatore
Procedure diagnostiche sul Modulo di Alimentazione
La scheda di alimentazione lineare può essere testata verificando la funzione DCPS – TEST sul
pannello frontale. La lettura deve essere 2500 mV ± 200 mV. Se il valore è fuori da questo
range, occorre testare le diverse tensioni di uscita sul connettore P3, vedi schema in appendice
per la piedinatura del connettore.
La scheda di alimentazione switching può essere testata tramite i LED diagnostici posti lungo il
bordo superiore della scheda . La tabella 9-4 descrive la funzione tipica di ogni LED. La
numerazione dei LED inizia dalla parte posteriore di M700.
9-14

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 9-5: Funzioni dei LED della scheda alimentatore
N°
Funzione
Descrizione
1
Valvola del Fotometro
Valvola di commutazione I/Io del fotometro
2
Valvola di Output
Valvola a 3 vie in uscita. Normalmente
chiusa.
3
Riserva
4
Valvola GPT
Valvola a 3 vie. Attivata quando è selezionato
GPT.
5
Pompa on/off
Accende e spegne la pompa sul campione del
Fotometro
6
Riscaldatore della lampada
fotometro
Riscaldatore della lampada fotometro
7
Riscaldatore del forno di
permeazione
Riscaldatore del forno di permeazione
8
Riscaldatore del generatore O3
Riscaldatore del generatore O3
9.2.3.
Schede sensori di Pressione/Flusso
Ci sono 2 schede sensori di flusso/pressione installate in M700, ognuna con 2 sensori pressione
e un sensore flusso. Vedi figura 9-4 per lo schema di questa scheda. Da questi sensori
vengono misurati i valori di pressione e portata e visualizzati sulle funzioni TEXT del pannello
frontale. Fare riferimento alla tabella 5-4.
La prima scheda sensori è posta al centro sulla parte anteriore del telaio;
1.
Pressione del gas campione del fotometro (assoluta) - misurato direttamente su S1,
regolare R1
2.
Pressione dell'aria del regolatore (manometro) - misurato direttamente su S2, regolare R2
3.
Flusso gas campione del fotometro - S3 direttamente misurato, regolare R3
Per regolare il flusso campione, procedere come segue;
1.
Rimuovere il raccordo da 1/4" dal banco.
2.
Scorrere con le funzioni TEST fino a PHOTO FLOW.
3.
Tramite un flussometro indipendente verificare la portata all’interno del banco.
4.
Regolare R3 sulla scheda sensori flusso/pressione per far coincidere la lettura sul display
del pannello frontale con la lettura portata del flussometro.
5.
Se non si riesce a regolare, sostituire il sensore di flusso
9-15

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Per regolare la pressione campione del fotometro, procedere come segue:
1.
Rimuovere il raccordo da 1/4" dal banco.
2.
Scorrere con le funzioni TEST fino a PHOTO SAMPLE= xx.x IN-HG-A.
3.
Regolare R1 sulla scheda sensori flusso/pressione per leggere la pressione ambiente
corrente (il valore tipico al livello del mare è 29.9 Hg-In).
4.
Se non si riesce a regolare, sostituire il sensore di pressione.
Per regolare la pressione del regolatore, procedere come segue:
1.
Scorrere con le funzioni TEST fino a REGULATOR PRES.
2.
Regolare R2 sulla scheda sensori flusso/pressione per far coincidere la lettura sul display
del pannello frontale con la lettura di pressione sul manometro indipendente.
3.
Agire sul regolatore per avere la lettura 20 PSIG sulla funzione TEST.
La seconda scheda sensori è al centro sul lato posteriore.
1.
pressione gas (sorgente) (manometro) –misurato direttamente su S1, regolare R1
2.
Pressione dell’aria diluente (manometro) - misurata direttamente su S2, regolare R2
Per regolare la pressione del gas (sorgente), procedere come segue:
1.
Scorrere con le funzioni TEST fino a CAL PRESSURE.
2. Regolare R1 sulla scheda sensori flusso/pressione per abbinare l'esposizione del pannello
frontale alla pressione (calibro) del manometro indipendente.
3.
Se non si riesce a regolare, sostituire il sensore di pressione.
Per regolare la pressione dell’aria diluente, procedere come segue:
1.
Selezionare DIL PRESSURE dalle funzioni di TEST.
2. Regolare R2 della scheda di flusso/pressione per far coincidere la lettura sul display del
pannello frontale con la lettura di pressione sul manometro indipendente.
3.
Agire sul regolatore per avere la lettura di 20 PSIG sulla funzioni TEST.
Queste letture di flusso e pressione vengono filtrate per ottenere le letture sul pannello
frontale. Per una lettura stabile tramite le funzioni TEXT occorrono diversi minuti.
9-16

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 9-4: Scheda 1 sensori Flusso/Pressione
9-17

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Figura 9-5: Scheda 2 sensori di Pressione
9-18

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.2.4.
Procedura diagnostiche sull’interfaccia RS-232
Ci sono diverse prestazioni di M700 che si possono ottenere connettendosi all’interfaccia ed
eseguendo la diagnostica su RS-232 più facilmente.
Due LED sulla scheda Connettori del pannello posteriore sono collegati ai pin 2 e 3 del
connettore DB-9 della scheda. Con il ponticello in posizione di DCE (default) il LED rosso è
collegato al pin 3 del connettore DB-9. Quando i dati sono trasmessi da M700 il LED rosso
lampeggia indicando che i dati transitano su questa linea. Con M700 in funzione, il LED sarà
normalmente ON per presenza del livello logico basso. Con comando dal menu DIAGNOSTIC è
possibile inviare un pacchetto dati di un secondo alla porta. Premere SETUP-MORE-DIAG, e
scorrere fino a selezionare RS232, premere ENTR per trasmettere un pacchetto di caratteri "w"
in minuscolo.
Il LED verde è collegato al pin 2 e se il ponticello è in posizione DCE di default questo diventa il
pin su cui M700 riceve i dati. E’ acceso se i ponticelli sono correttamente configurati e se
l’apparato esterno è correttamente collegato. Questo LED riceve l’alimentazione dall’apparato
esterno. Il LED lampeggia quando i dati vengono trasmessi dall’apparato esterno verso M700.
Nella configurazione della porta RS-232, se entrambi i LED si spengono quando si collega il
cavo, significa generalmente che c’è un problema di terra. Controllare il livello di terra sul pin 5
del connettore DB-9.
9.2.5.
Regolazione dell’alimentazione della Lampada UV
Effettuare la seguente procedura soltanto se è installato il fotometro. L’alimentazione della
lampada che genera ozono non necessita di regolazioni. Per regolare l'alimentazione della
lampada fotometro procedere come segue:
1.
Rimuovere la copertura del gruppo alimentazione lampada. Collegare un voltmetro DVM al
punto di test PT10 e TP7 e regolare il potenziometro (RV1) fino a che il voltmetro DVM
non legga 20 volt ± 1 volt.
2.
Regolare la posizione della lampada del fotometro come segue:
a)
Sul pannello frontale dello strumento, premere TEST fino a far apparire PHOTO
REFERENCE=XXXX.XmV.
b)
Allentare la vite a farfalla di tenuta della lampada e ruotare la lampada fino a che la
lettura PHOTO REF sul display non sia 4500 mV ± 320 mV. Stringere di nuovo la
vite. (la gamma completa di regolazione lampada si ottiene con un ¼ di giro della
lampada. Inoltre la lettura PHOTO REF viene aggiornata circa una volta ogni sei
secondi ed occorre ruotare lentamente la lampada per avere una regolazione
adeguata.)
9-19

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
3.
Regolare il guadagno del pre-amplificatore del rivelatore del UV come segue:
a)
Rimuovere il tappo di accesso sulla copertura del rivelatore all'estremità anteriore del
banco ottico e regolare il poteziometro (R7) fino ad avere una lettura PHOTO REF sul
display di 4500 mV ± 50 mV.
b)
Se non sui riesce ad ottenere la lettura PHOTO REF a 4500 mV, aumentare la
tensione di alimentazione della lampada UV regolandol’alimentatore lampada come
descritto al punto 1.
4.
ASSOLUTAMENTE EVITARE di avere una tensione superiore a 22 volts misurata ai punti di
test.
5.
Ri-calibrare la compensazione automatica della corrente residua del rivelatore (Detector
Dark Current) premendo SETUP-GAS-O3-PHOT-DARK sul pannello frontale. Vedi sezione
9.2.7 per la procedura di regolazione della Dark Current.
9.2.6.
Regolazione della Lampada del Generatore Ozono
Questa procedura deve essere fatta soltanto in caso di sostituzione della lampada o di un suo
spostamento accidentale. La procedura regola la lampada per ottenere il funzionamento
ottimale del generatore ozono e del relativo circuito di feedback
1.
Entrare nel menu di SETUP premendo SETUP-GAS-O3-ADJ. Questo porta il circuito di
comando lampada a fornire una tensione 2.5 V costante.
2.
Se si sta installando una nuova lampada, attendere circa 30 minuti affinché l'uscita della
lampada si stabilizzi.
3.
Selezionare la funzione di test "O3 GEN REF" sul display del pannello frontale. Allentare la
lampada del generatore O3 e ruotarla fino a che la lettura sul display non sia 2500 mV ±
500 mV.
ATTENZIONE
Presenza di raggi UV. Non estrarre la lampada dal gruppo generatore
O 3.
4.
Stringere di nuovo le viti che fissano la lampada al gruppo generatore 'ozono.
5.
Rimuovere il tappo di accesso dalla copertura del preamplificatore del generatore di ozono
e regolare il potenziometro per portare la lettura sul pannello frontale a 2500mV ± 25.
La lampada di generazione O3 ed il circuito di feedback sono ora regolati. Continuare con la
Sezione 9.1.5.3 per terminare la calibrazione del generatore di ozono.
9-20

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
9.2.7.
Procedura di regolazione del segnale di corrente residua (Dark
Current)
La corrente residua del rivelatore del fotometro varia lievemente con l’invecchiamento del
rivelatore. Di conseguenza questa procedura deve essere eseguita non più di una volta all'anno
oppure ogniqualvolta un venga cambiato sotto-assieme importante (per esempio una nuova
lampada UV o l’alimentatore della lampada UV).
Per calibrare il segnale della corrente DARK, Premere SETUP-GAS-O3-PHOT-DARK.
1.
M700 spegne la lampada del fotometro. Attendere 2 minuti per stabilizzare la lettura del
rivelatore O3.
2.
Premere CAL.
3.
Premere EDIT e verificare che il valore sia 100 ± 25mV.
Questa differenza viene memorizzata e sottratta a tutte le letture future del rivelatore del
fotometro O3.
9-21

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
9-22

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
10.
PARTI E KIT DI RICAMBIO PER M700
NOTA
L’utilizzo di parti di ricambio non fornite da Teledyne API potrebbero
essere non rispondenti allo standard europeo EN61010-1.
Tabella 10-1: Lista base parti di ricambio per M700 Teledyne API (Incluso
O3 e GPT)
P.N.
Descrizione
00276-05
ASSY, CPU
00402-07
ASSY, PRESSURE SENSOR BOARD
00402-08
ASSY, PRESSURE/FLOW BOARD
00514-03
ASSY, V/F CARD
00535-00
ASSY, DETECTOR PREAMP, PHOTOMETER
00535-01
ASSY, DETECTOR PREAMP, O3 GENERATOR
00594-02
O3 GENERATOR
00704
ASSY, KEYBOARD
01930
CE ASSY, KEYBOARD
00728
DISPLAY
01139-01
ASSY, POWER SUPPLY MODULE
01139-.3
ASSY, POWER SUPPLY MODULE, CE 230V 50Hz
01383
GPT REACTION VOLUME
01454
MASS FLOW CONTROLLER, 100 CCM
01455
MASS FLOW CONTROLLER, 10 LPM
01509
ASSY, UV LAMP POWER SUPPLY
01564
ASSY, VALVE DRIVER BOARD
01236
FAN
FM007
PRESSURE REGULATOR
HE018
HEATER, 50W (IZS)
00612-01
OZONE LAMP
(continua)
10-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 10-1: Lista base parti di ricambio per M700 Teledyne API
(Incluso O3 e GPT) – (continua)
P.N.
Descrizione
OP012
UV DETECTOR
PS013
POWER SUPPLY, SWITCHING
SW006
THERMAL SWITCH
SW019
PRESSURE SENSOR, 30 PSIG
VA023
VALVE, 2-WAY, INLET MANIFOLD
VA032
VALVE, 2-WAY, INLET MANIFOLD, ANGAR
VA020
VALVE, 3-WAY, SS
Tabella 10-2: Elenco parti di ricambio fotometro per M700 Teledyne API
P.N.
Descrizione
00176-04
FLOW CONTROL
00329
THERMISTOR ASSY
00329-04
THERMISTOR ASSY
00402-09
ASSY, PRESSURE/FLOWBOARD
00508
ABSORPTION TUBE
00526-01
UV LAMP ASSY
00535-00
ASSY, DETECTOR PREAMP, PHOTOMETER
00566-01
OPTICAL BENCH
00611
ASSY, HEATER/THERMISTOR
FM004
FLOW METER, 0-1000 CC
HW094
SHOCKMOUNT, BENCH
HW123
SHOCKMOUNT, PUMP
PU020
PUMP, 115 VAC 60 Hz
PU022
PUMP REBUILD KIT
SW008
PRESSURE TRANSDUCER
VA023
SOLENOID VALVE, 3 WAY TEFLON
10-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella 10-3: Elenco parti di ricambio Tubo di Permeazione per M700
Teledyne API
P.N.
Descrizione
HE017
Heater, Reaction Cell, 12 W
OR046
O-Ring, Perm Oven
VA024
Valve, 3-Way, Vent
Tabella 10-4: KIT ricambi di Livello 1 per M700 Teledyne API
P.N.
Descrizione
01690
M700 Level 1 Spares Kit
Include:
Qty
01383
GPT Reaction Volume
1
01236
Fan
1
HE002
Heater, 50w (IZS)
1
OP005
Ozone Lamp
1
VA023
Valve, 2-Way, Inlet Manifold
1
Tabella 10-5: KIT ricambi Livello fotometro per M700 Teledyne API
P.N.
Descizione
01689
M700 Level 1 Photometer Spares Kit
Include:
Qty
00329
THERMISTOR ASSY
1
00329-04
THERMISTOR ASSY
1
00508
ABSORPTION TUBE
1
00526-01
UV LAMP ASSY
1
00611
ASSY, HEATER/THERMISTOR
1
PU022
PUMP REBUILD KIT
Tabella 10-6: KIT di Espansione per M700 Teledyne API
P.N.
Descrizione
Non Richiesto
10-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
10-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
APPENDICE A
VALORI DI
TEST
VALORI DEI TEST FINALI M700
Valore
Osservato
Unità
Range Nominale
Sezione di
Riferimento
O3 FLOW
LPM
0.100-0150
5.1.3
CAL PRESSURE
PSIG
25 - 30
2.2.1, 4.2.1
DIL PRESSURE
PSIG
25 - 30
2.2.1, 4.2.1
REG PRESSURE
PSIG
20 ± 0.3
BOX TEMP
°C
8-48
PERM FLOW
LPM
0.100 - 0.150
PERM TEMP
°C
50 ± 0.3
6.2
PHOTO MEASURE
mV
4000 – 4500
5.1.3, 6.1.1
PHOTO
REFERENCE
mV
4300 – 4500
5.1.3, 6.1.1
PHOTO FLOW
LPM
0.800 ± 0.050
5.1.3
PHOTO LAMP
°C
52 ± 1
5.1.3
PHOTO SAMPLE
IN-HG-A
30 ± 2
5.1.3
PHOTO SAMPLE
°C
5 – 40
5.1.3
-
1 ± 0.1
5.1.3
PHOTO SLOPE
5.1.3
PHOTO OFFSET
PPB
0 ± 100
5.1.3
DCPS
mV
2500 ± 200
9.2.2
Opzioni installate in Fabbrica
Opzione Installata
Power Voltage/Frequency
Rack Mount, w/ Slides
Rack Mount, w/ Ears Only
Photometer
Leak Check
Permeation Tube Oven
O3 Generator
Gas Mass Flow Controller (100 cc/min or 50
cc/min)
Air Mass Flow Controller (10 LPM or 20 LPM)
PROM #
Date
Serial #
Technician
A-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
A-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
APPENDICE B
SETUP SEQUENZE
Tabella B-1: Setup sequenze
Sequenza ID # _____________
CCINPUT______________
Step #
ESEMPIO
Modo
DATA:_______
CCOUTPUT________________
1
Generate
Concentrazione
Tipo di Gas
Durata
400 PPB
SO2
10 MIN
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
1
TIPO DI MODALITA: GENERATE, GPT, GPTPS, DELAY, PURGE, STANDBY, MAN,
EXECSEQ, AND BLEND. Nota; La Tabella B.1 è da intendersi come esempio.
B-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella B-2: Setup gas sorgente
Porta #
Tipo di Gas
Nome Gas
Concentrazione
Tabella B-3: Setup Gas di Permeazione
Tipo di Gas del Tubo
Perm
Nome Gas
B-2
Tasso di Permeazione @
50°°C

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella B-4: Setup I/O a chiusura contatto
Sequenza Numero #
CCINPUT
CCOUTPUT
Esempio: 1
010100000
100000000
B-3

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
Tabella B-5: Setup Calibrazione Auto-Timer
Timer #
Sequenza ID
#
Giorno di
Partenza
Ora di
Partenza
Giorno di
Delta
Ora di
Delta
Esempio
sequenza 11
25 APR 95
23:00
1
1:00
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
B-4

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
APPENDICE C
MODULO DI MANUTENZIONE PER M700
Tabella C-1: Modulo di manutenzione per M700
Data di ricevimento dello strumento:_____________________
Oggetto
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lig
Ago
Set
Ott
Nov
Dic
Intervallo di
Manutenzione
Controllo Bench
Tube
Pulizia trimestrale
Controllo Perdite
Trimestrale e
dopo una
manutenzione o
riparazione
Calibrazione
Bench O3
Trimestrale
Verifica tubi per
sporcizia, ecc
Ogni 6 mesi
Pulizia orifizi e
sostituzione Filtri e
O-R
Annuale
Controllo O3,
PERM, e flussi dei
banchi
Annuale dopo la
pulizia degli orifizi
Record di O3, e
flussi PERM nel
Software
Annuale dopo la
misurazione dei
flussi
Controllo flussi
MFC
Ogni 6 mesi
C-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
C-2

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
APPENDICE D
SCHEMI ELETTRICI
Tabella D-1: Indice degli schemi elettrici
Disegno No.
Nome
00402
Sensor Board Assembly
00403
Sensor Board Schematic
00514
V/F Board Assembly
00515
V/F Board Schematic
00705
Keyboard Assembly
0113917
Power Supply Wring Diagram
01217
Dual UV Lamp Assembly
01218
Dual UV Lamp Schematic
01479
M700 Motherboard Schematic
01562
M700 Valve/Status Assembly
01564
M700 Valve/Status Assembly
01565
M700 Valve/Status PCB Schematic
01930
Keyboard Assembly - CE
01931
Keyboard Schematic - CE
02222
Switch Board Assembly
02223
Switch Board Schematic
02230
DC Power Supply Assembly
02231
DC Power Supply Schematic
D-1

Calibratore portata in massa – Modello 700 – Manuale d’Istruzione, 02919 Rev. A1
PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA
D-2

Documenti analoghi