apri documento scuola primaria

Commenti

Transcript

apri documento scuola primaria
C O M U N E DI M O N T E R E N Z I O
ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE
ASSESSORATO ALLA CULTURA
ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA’
ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI
PIANO DELL’OFFERTA TERRITORIALE
A.S. 2016-2017
SCUOLA PRIMARIA
1
Carissimo Dirigente, carissime e carissimi insegnanti,
nella predisposizione delle attività per l’anno scolastico 2016-17, l’Amministrazione Comunale ha
deliberato il Piano dell’Offerta Territoriale (P.O.T.) volto a qualificare ed integrare l’offerta
formativa che l’Istituto Comprensivo andrà a predisporre.
L’obiettivo di questa scelta è di sistematizzare e raccogliere le proposte che gli Enti e le
Associazioni del territorio fanno singolarmente pervenire al vostro Istituto Comprensivo, offrendo
così per tempo un quadro completo dei progetti per agevolare la programmazione annuale,
valorizzando le singole offerte e presentando alle famiglie in maniera organica l’investimento che il
Territorio compie su bambini e ragazzi.
L’amministrazione si pone dunque in un ruolo sia propositivo, rispetto alle proprie realtà, che di
raccordo verso soggetti terzi, nella convinzione che attraverso la collaborazione e il confronto
possano nascere occasioni di apprendimento imprescindibili per i nostri ragazzi.
La valorizzazione delle proposte del territorio mira anche a rendere maggiormente consapevoli i
ragazzi delle potenzialità dei luoghi in cui vivono e delle persone che lo abitano, per renderli futuri
cittadini attivi, informati e rispettosi del proprio paese; in questo non possiamo che sottolineare il
ruolo fondamentale che la Scuola e voi insegnanti giocate nel futuro della collettività: con
consapevolezza siamo dunque qui per sostenerlo.
Il P.O.T. è stato realizzato raccogliendo le proposte che ci sono pervenute, a seguito di un
lungo lavoro di partecipazione e di una manifestazione pubblica di interesse che ha coinvolto Enti,
Associazioni del territorio, privati e l’Amministrazione Comunale stessa; il lavoro è suddiviso in 4
aree: uno per ogni ordine scolastico ed una dedicata alla formazione permanente degli adulti
(insegnanti e cittadini). Nelle singole schede sono indicati obiettivi, referenti, costi, modalità
organizzative e tempi entro i quali dare conferma della propria adesione.
Speriamo vivamente che questo strumento, che rappresenta per noi un importante atto di
indirizzo e un grande investimento, venga da Voi accolto e valorizzato e, negli anni, reso più
funzionale e ricco, grazie alle Vostre osservazioni, che volentieri accogliamo.
Nell’augurare a Voi tutti un buon lavoro per l’inizio di questo anno scolastico, siamo a
porgere i nostri più cari saluti.
L’assessore alla Cultura
Dott.ssa Silvia Cuppini
L’assessore alla Scuola e Istruzione
Dott. Giuseppe Di Lieto
L’assessore
all’Ambiente
Emanuela Pellicciari
2
INDICE OFFERTA IN FAVORE DELLA SCUOLA PRIMARIA:
Offerte Istituzionali
UFFICIO CULTURA in collaborazione con ISTITUTO PARRI – CINEMA E SHOA…………….pag.5
UFFICIO CULTURA in collaborazione con ISTITUTO PARRI – LA COSTITUZIONE ALLE
ELEMENTARI………………………………………………………………………………….………..pag.6
UFFICIO CULTURA – THE SWORD IN THE STORNE………………………………….….…….. pag.7
UFFICIO CULTURA – spettacolo teatrale della compagnia AMBARADAN “CUORE TENERO DI
MARIONETTA”…………………………………………………………….………………….………pag.8
UFFICIO CULTURA – spettacolo teatrale della compagnia FANTATEATRO “IL MALATO
IMMAGINARIO…………………………………………………………………………………..…...pag.10
UFFICIO CULTURA – PROGETTO SPETTACOLO della compagnia CreAzione dell’Associazione “La
sfera invisibile” IL VASO DELLE PAURE…………………………………………………..………….pag.11
UFFICIO CULTURA – spettacolo teatrale della compagnia FANTATEATRO – “LA CICALA E LA
FORMICA”………..……………………………………………………………………………….…...pag.12
UFFICIO CULTURA – spettacolo teatrale della compagnia AMBARADAN “UN, DUE,
TRE…..L’AMICIZIA CHE COS’E’……………………………………………………………………...pag.13
BIBLIOTECA - IL CIELO SOPRA DI NOI laboratori al Planetario………………………………….pag.15
BIBLIOTECA – STORIE IN CLASSE E PRESTITO…………………..…………………………………pag.17
BIBLIOTECA – VISITA GUIDATA IN BIBLIOTECA E PRESTITO……………………….…………..pag.19
MUSEO – NATURA E STORIA DEL PAESAGGIO – Monte Bibele……..………………….……...pag.20
MUSEO – VISITA GUIDATA “Alla scoperta dell’archeologia del territorio”………………..……pag.22
MUSEO - PERCORSI STORICI E APPROFONDIMENTI TEMATICI ……………………………..pag.23
MUSEO – LABORATORI ARCHEOLOGICI…………………….……………………………………pag.24
Offerte Associazioni del Territorio e Privati
Associazione ARKIS – A SCUOLA CON LO YOGA……………………..………………….………pag.25
Associazione ARKIS – MAMMA, PAPA’ GIOCHIAMO ALLO YOGA!......................................pag.27
AVIS – TUTTI SU PER AVIS……………………………………………………………………………pag.28
Centro Studi Yoga Gestalt – OGGI GIOCHIAMO ALLA FELICITA’……………………….………pag.29
CPGEV (corpo provinciale guardie ecologiche volontarie) - MAPPIAMO L’AMBIENTE…….…pag.30
3
CPGEV (corpo provinciale guardie ecologiche volontarie - EDUCAZIONE AL CONSUMO
CONSAPEVOLE CON
RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DI
RIFIUTI
E DELLO
SPRECO…………………………………………………………………………………………………pag.31
CPGEV (corpo provinciale guardie ecologiche volontarie - OSSERVAZIONE DELL’AMBIENTE
CIRCOSTANTE…………………………………………………………….…………………..…...…pag.32
CPGEV (corpo provinciale guardie ecologiche volontarie - CHI HA LASCIATO QUESTA TRACCIA?
…………………………………………………………………………………………………………..pag.33
CPGEV (corpo provinciale guardie ecologiche volontarie – LA ZOLLA….…………….…………pag.34
CPGEV (corpo provinciale guardie ecologiche volontarie - OGGI GIOCHIAMO CON
L’ALBERO……………………………………………………………………………….………………pag.35
Grotta di Sale di OZZANO – I BENEFICI DELL’HALOTERAPIA……………………….………….pag.36
Associazione IL CERCHIO MUSICALE - LABORATORIO ESPRESSIVO MUSICALE………….…..pag.37
PUBBLICA ASSISTENZA – LA PUBBLICA IN CLASSE………………………………………………..pag.38
NADINE SALOMONI – ESSERE CANE………………………………………………….……………pag.39
NADINE SALOMONI – COMUNICANE…………………………………………………………….pag.40
SEACOOP Società Cooperativa Sociale Onlus – SUL FILO DEL TEATRO ………………………..pag.41
SEACOOP Società Cooperativa Sociale Onlus – PERCORSI ARTE TERAPIA……………………..pag.42
SEACOOP Società Cooperativa Sociale Onlus – PROGETTO MUSICOTERAPIA………………..pag.43
4
PROPONENTE: UFFICIO CULTURA di Monterenzio in collaborazione con l’Istituto per la Storia e
le Memorie del ‘900 PARRI E-R
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: CINEMA e SHOAH
DESTINATARI: allievi ed allieve delle classi quinte della scuola primaria di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Visione guidata di un film, a scelta degli insegnanti, che tratti della
Shoah, ma si adatti ad un pubblico di giovanissimi (è possibile scegliere fra le seguenti pellicole:
“Monsieur Batignole”, “Jona che visse nella balena”, “Galline in fuga”, “Concorrenza sleale”). La
proiezione sarà introdotta e seguita da interventi che mirano ad accompagnare gli studenti nella
lettura di alcune piste interpretative.
OBIETTIVI: Iniziare a comprendere la Shoah a partire dal contesto di segregazione, qualunquismo,
disinteresse individuale che lo resero possibile.
DURATA del progetto:
n. incontri: 1 di 3 ore ciascuno a classe da svolgersi nel periodo gennaio-febbraio 2017 (in occasione
della Giornata della Memoria)
LUOGO: in classe
COSTI a carico della scuola: nessuno
COSTI a carico del Comune: il Comune versa quota di adesione annuale all’Istituto Parri
ORGANIZZAZIONE PRATICA: la richiesta deve essere fatta CONTEMPORANEAMENTE alla
Dott.ssa Cecilia Gonini [email protected] e ad Agnese Portincasa:
[email protected] almeno 45 giorni rispetto alla richiesta di calendarizzazione.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Sezione Didattica Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 Parri
E-R
CONTATTI: Dott.ssa Cecilia Gonini [email protected] tel.051-6556104;
Agnese Portincasa [email protected]
TERMINE PER DEFINIRE IL CALENDARIO: entro il 15 ottobre 2016
5
PROPONENTE: UFFICIO CULTURA Cultura Comune di Monterenzio in collaborazione con
l’Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 PARRI E-R
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: LA COSTITUZIONE ALLE ELEMENTARI
DESTINATARI: allievi ed allieve delle classi quinte della scuola primaria di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: L’incontro permette di iniziare a ragionare sulla Costituzione a
partire dai 12 principi fondamentali. Dopo la lettura e l’individuazione di opportune parole-chiave
idonee a chiarire il senso di ogni principio, i bambini sono chiamati a un lavoro di piccolo gruppo in
cui devono riconoscere e abbinare alcune immagini ai singoli principi tematizzati e a motivare la
propria scelta.
OBIETTIVI: Sviluppo di competenze nella lettura del testo costituzionale a partire dalla
concettualizzazione di principi generali espressi attraverso le parole-chiave. Sviluppo delle
competenze necessarie al lavoro di gruppo.
DURATA del progetto: entro dicembre
2016, n. incontri: 1 di 2 ore
LUOGO: in classe
COSTI a carico della scuola: nessuno
COSTI a carico del Comune: il Comune versa quota di adesione annuale all’Istituto Parri
ORGANIZZAZIONE PRATICA: la richiesta deve essere fatta CONTEMPORANEAMENTE alla
Dott.ssa Cecilia Gonini [email protected] e ad Agnese Portincasa
[email protected]
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Sezione Didattica Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 Parri
E-R
CONTATTI: Dott.ssa Cecilia Gonini [email protected] tel. 051 6556104;
Agnese Portincasa [email protected]
TERMINE PER DEFINIRE IL CALENDARIO: entro il 15 ottobre 2016
6
PROPONENTE : UFFICIO CULTURA - Comune di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “THE SWORD IN THE STORNE”
progetto-Teatro in inglese della compagnia CreAzione dell’Associazione “La sfera invisibile”
DESTINATARI: alunni delle scuole del secondo ciclo delle primarie
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
“Com’è importante la cultura!” Merlino lo ha sempre detto: “per diventare un buon re bisogna
usare il cervello, non i muscoli”: per questo, pian piano, una disavventura dopo un’altra, cercherà di
arricchire la mente di Artù e le menti del giovane pubblico.
La compagnia CreAzione affronta l'inglese da un punto di vista sia orale che scritto, attraverso l' uso
di etichette e cartelli per facilitarne la comprensione, e coinvolge direttamente i bambini all'interno
della storia fornendogli alcune semplici indicazioni di regia. Durante la rappresentazione gli attori
accompagnano passo dopo passo i bambini nella comprensione della storia e nell' apprendimento di
parole nuove, che vengono spesso ripetute per facilitarne la memorizzazione.
Gli attori variano la quantità di traduzione e di spiegazione di queste conosciutissime storie in base
alla fascia d' età che hanno di fronte. Rimanendo dentro i binari della narrazione vengono spiegati
alcuni argomenti che si affrontano comunemente durante il percorso didattico come i colori, i fiori,
gli orari, le direzioni stradali, i numeri, i cibi, gli animali …..
Il teatro può essere un valido mezzo sia di ripasso che di anticipazione delle tematiche che si
andranno poi ad affrontare nel percorso di studi.
OBIETTIVI:
facilitazione nel percorso di apprendimento della lingua inglese
valorizzazione della creatività del bambino, nonché del suo senso critico e della sua capacità di
osservazione e comunicazione;
socializzazione artistica
DURATA del progetto/spettacolo : da Novembre 2016 a maggio 2017- durata dello spettacolo 1 ora
LUOGO: Scuola o Teatro Lazzari di Monterenzio
COSTI a carico del Comune: Sala Teatrale- Siae e ogni costo inerente l’organizzazione dello
spettacolo
COSTI a carico della Scuola: eventuale trasporto a/r da Scuola a Teatro
COSTI a carico degli alunni: spettacolo a Teatro euro 6,00 ad alunno (minimo 120 partecipanti);
spettacolo a scuola euro 7,00 ad alunno (minimo 60 partecipanti); verrà rilasciato regolare titolo
di ingresso siae ad ogni bambino- insegnanti ingresso gratuito
ORGANIZZAZIONE PRATICA: lo spettacolo verrà rappresentato per un minimo di 120 spettatori
(scuole di Monterenzio e di altri Comuni limitrofi); prendere accordi preventivi con la referente del
progetto Dott.ssa Cecilia Gonini- Ufficio Cultura;
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca e Cultura, Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: entro Ottobre 2016
7
PROPONENTE : UFFICIO CULTURA - Comune di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: spettacolo teatrale della compagnia AMBARADAN “CUORE
TENERO DI MARIONETTA”
DESTINATARI: bambini scuola d'infanzia e scuola primaria (I ciclo)
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
Lo spettacolo "Cuore tenero di Marionetta", attraverso la storia della creazione di una marionetta di
gommapiuma, è lo spunto per parlare del funzionamento del corpo umano.
Gomì è una grande burattinaia, che da anni porta in giro per il mondo “spettacoli in
gommapiuma”. Vive in compagnia di tanti simpatici animaletti muppets, amici inseparabili e grandi
attori, che hanno interpretato le storie più belle da lei scritte e dirette ma.... il nuovo copione che ha
appena finito di scrivere deve avere una protagonista con braccia e gambe e nessuno dei pupazzi
della sua compagnia li possiede, sono tutti animaletti!
Oggi, però, Gomì ha un'opportunità speciale: ci sono tanti bambini a disposizione e allora decide di
coinvolgerli nella costruzione di una marionetta! I bambini e tutti i suoi pupazzi l'aiutano
nell'impresa e alla fine è davvero un capolavoro! C'è solo un problema: è troppo grande, i fili non
la sostengono. Ma Gomì è piena d'idee ed ecco quella giusta: gommapiuma intrisa di buoni pensieri,
per un cervello con cui ragionare e una pila tutta speciale, la stessa che tiene in vita il nostro corpo,
pompando sangue e distribuendo energia vitale: un CUORE!
Un cuore tenero di gommapiuma che, caricato con i baci dei bambini, regala magicamente la vita
a Marionetta.
OBIETTIVI:
 Il linguaggio teatrale, che si connota anche come strumento educativo espressivo e
coinvolgente, permette di affrontare insieme ai bambini tematiche importanti attraverso
l'effetto avvincente di personaggi, recitazione, musica e scenografie.

 Il teatro è inoltre un mezzo di educazione all'ascolto, territorio di confronto e di stimolo per
l'immaginazione dei piccoli spettatori.

 Gli spettacoli di Ambaradan sono prettamente comici, oltre che di carattere educativo. Un
elemento sempre presente all'interno degli spettacoli è l'interazione con i bambini, che sono
chiamati a partecipare insieme ai personaggi allo svolgimento delle loro avventure. In questo
caso, lo spettacolo pone l'attenzione sul funzionamento del corpo umano.
DURATA del progetto/spettacolo : da Novembre 2016 a maggio 2017- durata dello spettacolo 50
minuti
LUOGO: Scuola o Teatro Lazzari di Monterenzio
COSTI a carico del Comune: Sala Teatrale- Siae e ogni costo inerente l’organizzazione dello
spettacolo
COSTI a carico della Scuola: eventuale trasporto a/r da Scuola a Teatro
COSTI a carico degli alunni: spettacolo a Teatro euro 6,00 ad alunno (minimo 120 partecipanti);
spettacolo a scuola euro 7,00 ad alunno (minimo 60 partecipanti); verrà rilasciato regolare titolo
di ingresso siae ad ogni bambino- insegnanti ingresso gratuito
ORGANIZZAZIONE PRATICA: prendere accordi preventivi con la referente del progetto Dott.ssa
Cecilia Gonini- Ufficio Cultura;
8
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca e Cultura, Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: entro Ottobre 2016
9
PROPONENTE : UFFICIO CULTURA - Comune di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO:
spettacolo teatrale della compagnia FANTATEATRO “IL MALATO IMMAGINARIO”
DESTINATARI: alunni del secondo ciclo della scuola primaria e delle medie
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
L'ultimo spettacolo del grande commediografo francese Molière, adattato per spettatori giovani ma
non solo. Un grande classico che dopo oltre 300 anni dimostra ancora la sua attualità, e che nella
riduzione proposta mantiene la trama ed il linguaggio originale, ma con una nuova freschezza che
lo rendere perfetto per ragazzi e famiglie. Sette attori in scena, un allestimento scenico originale e le
divertenti vicende di Argante, malato immaginario preda di medici tutt'altro che capaci.
Tecnica utilizzata: teatro d'attore con coinvolgimento del pubblico
DURATA del progetto/spettacolo : da Novembre 2016 a maggio 2017- durata dello spettacolo 1 ora
LUOGO: Teatro Lazzari di Monterenzio
COSTI a carico del Comune: Sala Teatrale- Siae e ogni costo inerente l’organizzazione dello
spettacolo
COSTI a carico della Scuola: trasporto a/r da Scuola a Teatro
COSTI a carico degli alunni: euro 7,50 – verrà rilasciato regolare titolo di ingresso siae ad
ogni bambino- insegnanti ingresso gratuito
ORGANIZZAZIONE PRATICA: lo spettacolo verrà rappresentato per un minimo di 140 spettatori
(scuole di Monterenzio e di altri Comuni limitrofi); prendere accordi preventivi con la referente del
progetto Dott.ssa Cecilia Gonini- Ufficio Cultura;
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca e Cultura, Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: entro Ottobre 2016
10
PROPONENTE : Ufficio Cultura- Comune di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “IL VASO DELLE PAURE”
progetto-spettacolo della compagnia CreAzione dell’Associazione “La sfera invisibile”
DESTINATARI: alunni delle scuole dell’infanzia e primo ciclo delle primarie
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
chi non ha avuto almeno una volta a che fare con la mitica paura del buio? in questo spettacolo le
paure non restano sensazioni astratte ma diventano qualcosa di concreto, figure magiche,
personaggi da fiaba, a volte addirittura amici; un percorso per andare oltre l'apparenza, con
l'intento di far scoprire a grandi e piccini qualcosa in più su queste misteriose emozioni che
nascono nell'eta' infantile e che accompagnano per tutta la vita.
OBIETTIVI:
confronto con alcune delle paure principali: paura del buio, paura di restare da soli, paura dei
ragni, paura di non saper rispondere in modo corretto alle domande...
Anziché essere meri “spettatori passivi” (come accade purtroppo di fronte alla televisione!!), i
bambini vengono stimolati a prendere direttamente parte alle vicende del racconto tramite
opinioni, battute, gesti, interpretazione di personaggi… In tal modo si intende valorizzare la
creatività del bambino, nonché il suo senso critico, la sua capacità di osservazione e
comunicazione, promuovendo dunque un' occasione di socializzazione artistica.
DURATA del progetto/spettacolo : da Novembre 2016 a maggio 2017- durata dello spettacolo 1 ora
LUOGO: Scuola o Teatro Lazzari di Monterenzio
COSTI a carico del Comune: Sala Teatrale- Siae e ogni costo inerente l’organizzazione dello
spettacolo
COSTI a carico della Scuola: eventuale trasporto a/r da Scuola a Teatro
COSTI a carico degli alunni: spettacolo a Teatro euro 6,00 ad alunno (minimo 120 partecipanti);
spettacolo a scuola euro 7,00 ad alunno (minimo 60 partecipanti); verrà rilasciato regolare titolo
di ingresso siae ad ogni bambino- insegnanti ingresso gratuito
ORGANIZZAZIONE PRATICA: lo spettacolo verrà rappresentato per un minimo di 120 spettatori
(scuole di Monterenzio e di altri Comuni limitrofi); prendere accordi preventivi con la referente del
progetto Dott.ssa Cecilia Gonini- Ufficio Cultura;
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca e Cultura, Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: entro Ottobre 2016
11
PROPONENTE : UFFICIO CULTURA - Comune di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: spettacolo teatrale della compagnia FANTATEATRO “LA
CICALA E LA FORMICA.”
DESTINATARI: Scuole dell’Infanzia e primo ciclo della scuola primaria
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
La Cicala e la Formica sono diventate proprietarie del Pub del Tronco Secco,
dove ogni sera la Cico Cicala si esibisce con ospiti grandiosi, come il calabrone
Bombo Bee. A Pica la Formica invece tocca lavorare in cucina ed in sala per il
numeroso pubblico che accorre ogni sera e preparare le provviste per l’inverno.
Esasperata, Pica rompe la società e caccia via Cico, che deve affrontare l’inverno
senza avere una casa. La lezione sarà salutare sia per la cicala, che imparerà a
non pensare solo al divertimento, sia per la formica, che apprenderà che la vita
non è fatta solo di compiti e doveri ma anche di gioia e spensieratezza.
Tecnica utilizzata: teatro d’attore e canzoni ballate
DURATA del progetto/spettacolo : da Novembre 2016 a maggio 2017- durata dello spettacolo 1 ora
LUOGO: Teatro Lazzari di Monterenzio
COSTI a carico del Comune: Sala Teatrale- Siae e ogni costo inerente l’organizzazione dello
spettacolo
COSTI a carico della Scuola: trasporto a/r da Scuola a Teatro
COSTI a carico degli alunni: euro 6,00 – verrà rilasciato regolare titolo di ingresso siae ad
ogni bambino- insegnanti ingresso gratuito
ORGANIZZAZIONE PRATICA: lo spettacolo verrà rappresentato per un minimo di 120 spettatori
(scuole di Monterenzio e di altri Comuni limitrofi); prendere accordi preventivi con la referente del
progetto Dott.ssa Cecilia Gonini- Ufficio Cultura;
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca e Cultura, Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: entro Ottobre 2016
12
PROPONENTE : Ufficio Cultura- Comune di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: spettacolo teatrale della compagnia AMBARADAN “UN,
DUE,TRE...L'AMICIZIA CHE COS'E'”
DESTINATARI: bambini scuola d'infanzia e primo ciclo primaria
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
"Un, due, tre...l'amicizia che cos'è" è un racconto sulla scoperta dell'amicizia. Quando si è piccoli si
avvertono alcune cose che fanno paura e ci si può sentire indifesi; ma per crescere e buttarsi nella
vita è necessario riuscire a prendere coraggio e superare paure e insicurezze. L'amicizia, in questo
percorso, non può che avere un valore fondamentale.
Lella Paperella si è allontanata del suo stormo in migrazione e si è persa. Sentendosi sola, è alla
ricerca di nuovi amici ma non tutti sono adatti a lei. Dopo essere stata rifiutata da una farfalla, un
grillo e un verme, che le spiegano l'impossibilità della loro amicizia, in quanto tutti appetibili per
una papera, Lella farà la conoscenza del gatto e della volpe. Nonostante le loro lusinghe, la giovane
ochetta riesce a sfuggire al loro agguato. Impara così che, se per certi animali lei è il predatore, per
altri è la preda e quindi nemmeno in questo caso si può fare amicizia. Ma allora vuol dire che
nessun altro essere al di fuori di un'oca potrà mai diventare suo amico? A risponderle è il destino.
Senza rendersene conto, si ritrova a costruirsi un rifugio insieme ad un agnello che, come lei, si è
perso e sta fuggendo ai suoi predatori. I due, sebbene profondamente diversi, imparano a volersi
bene e a collaborare per proteggersi e nutrirsi. Nel tempo però, questa amicizia diventa una
prigione, è basata solo sulla paura dei predatori. I due finiscono per vivere esclusivamente all'interno
di un recinto con l'illusione di stare al sicuro, privandosi di ogni altro interesse. Saranno due nuovi
amici, un cervo e un corvo ad aprire gli occhi a Lella e all'agnellino. Capiscono così che non possono
nascondersi per sempre, che la vita va gustata nella sua pienezza e che crescere significa affrontare le
paure. Imparare a difendersi si può, solo facendo esperienza, magari in compagnia di un fidato
amico ed è così che Lella Paperella e Lino Agnellino partiranno insieme alla ricerca di nuove
avventure, per consolidare la loro amicizia.
OBIETTIVI:
 Il linguaggio teatrale, che si connota anche come strumento educativo espressivo e
coinvolgente, permette di affrontare insieme ai bambini tematiche importanti attraverso
l'effetto avvincente di personaggi, recitazione, musica e scenografie.

 Il teatro è inoltre un mezzo di educazione all'ascolto, territorio di confronto e di stimolo per
l'immaginazione dei piccoli spettatori.

 Gli spettacoli di Ambaradan sono prettamente comici, oltre che di carattere educativo. Un
elemento sempre presente all'interno degli spettacoli è l'interazione con i bambini, che sono
chiamati a partecipare insieme ai personaggi allo svolgimento delle loro avventure. In questo
caso, lo spettacolo è dedicato al superamento delle paure e alla scoperta del valore
dell'amicizia.
DURATA del progetto/spettacolo : da Novembre 2016 a maggio 2017- durata dello spettacolo 50
minuti
LUOGO: Scuola o Teatro Lazzari di Monterenzio
COSTI a carico del Comune: Sala Teatrale- Siae e ogni costo inerente l’organizzazione dello
spettacolo
COSTI a carico della Scuola: eventuale trasporto a/r da Scuola a Teatro
13
COSTI a carico degli alunni: spettacolo a Teatro euro 6,00 ad alunno (minimo 120 partecipanti);
spettacolo a scuola euro 7,00 ad alunno (minimo 60 partecipanti); verrà rilasciato regolare titolo
di ingresso siae ad ogni bambino- insegnanti ingresso gratuito
ORGANIZZAZIONE PRATICA: prendere accordi preventivi con la referente del progetto Dott.ssa
Cecilia Gonini- Ufficio Cultura;
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca e Cultura, Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: entro il 20 Ottobre 2016
14
PROPONENTE Biblioteca Comunale
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “IL CIELO SOPRA DI NOI” laboratori al Planetario
DESTINATARI: allievi ed allieve delle classi primarie di Monterenzio.
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: DESCRIZIONE DEL PROGETTO: per l’anno scolastico 2016 -2017
le Biblioteche del Distretto Culturale di San Lazzaro, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di
Astrofisica spaziale e Fisica Cosmica di Bologna, hanno deciso di proporre agli Istituti Comprensivi
dei propri Comuni un progetto di promozione e di divulgazione della cultura scientifica e del
relativo patrimonio delle biblioteche attraverso incontri e laboratori condotti da esperti
dell’Osservatorio astronomico di Bologna. In particolare, per le classi primarie di Monterenzio,
verranno proposte le seguenti attività:
CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE: “Viaggio nel Sistema Solare” durata 45 minuti
Nella periferia della nostra galassia, la Via Lattea, c'è una piccola stella chiamata Sole attorno alla
quale orbitano otto pianeti e innumerevoli corpi di dimensioni minori; insieme formano il Sistema
Solare. Il planetario si trasformerà in un’astronave che ci permetterà di sorvolare questi mondi, così
diversi dal nostro pianeta Terra e a volte molto bizzarri. Visiteremo il caldissimo Venere dove piove
acido solforico, cercheremo di svelare i misteri di Marte per scoprire che fine abbiano fatto gli
oceani, vedremo delle strane lune segnate dalle eruzioni di vulcani freddi e pianeti giganti fatti di
gas.
CLASSI QUARTE: “Stellarte” durata 45 minuti
Il legame tra arte e astronomia è sempre stato molto profondo, fin dagli albori della civiltà umana.
Dalle pitture rupestri risalenti al paleolitico fino alle costellazioni di Mirò, passando per gli antichi
atlanti celesti. L'arte e l'astronomia si sono evolute insieme regalandoci meravigliosi capolavori.
Come il celebre dipinto “Notte Stellata” di Van Gogh che grazie al planetario potremo ammirare in
tutto il suo splendore riproducendo il cielo che vide l’artista la notte in cui lo dipinse. Sarà un
viaggio attraverso le emozioni che ha suscitato nell’uomo la più grande opera d’arte che possiamo
ammirare: il cielo stellato.
CLASSI QUINTE: “Viaggio nel Cosmo a cavallo di un raggio di luce” durata 45 minuti
Guardando le stelle ci domandiamo quanto siano distanti da noi e tra di loro. Apparentemente ci
sembrano vicine le une alle altre perché ci appaiono come dei punti dipinti su una tela che ci
avvolge. Muovendoci nelle tre dimensioni ci accorgiamo invece che le distanze sono enormi e
differenti. In questo spettacolo cercheremo di comprendere le dimensioni del nostro Sistema Solare,
della nostra galassia e dell'universo osservabile. Incontreremo, durante il nostro viaggio, stelle molto
diverse dal nostro Sole, altri sistemi planetari, nebulose e galassie lontane. Viaggeremo nello spazio e
nel tempo usando la nostra immaginazione per varcare il limite della velocità della luce.
OBIETTIVI:
1. far conoscere a ragazzi e insegnanti l’importante patrimonio di divulgazione (libri e
materiale multimediale) che è presente nelle biblioteche da utilizzare per la scoperta
e l’apprendimento della cultura scientifica;
2. proporre la biblioteca come luogo di conoscenza a tutto campo e come partner
nell’approfondimento di ogni materia curricolare e non soltanto delle discipline umanistiche;
3. promuovere le risorse tecnico scientifiche presenti sui nostri territori, quali ad es.
l’Osservatorio Astronomico di Loiano, in collaborazione con i ricercatori dell’INAF e del
SOFOS ( Ass.ne per la divulgazione della scienza), che condurranno direttamente incontri e
laboratori previsti dal progetto;
4. far scaturire nei ragazzi curiosità e nuovi interessi di conoscenza e approfondimento delle
scienze, nonché promuovere la frequentazione dei “luoghi della scienza” con le scuole e le
famiglie.
15
DURATA del progetto:
cinque classi mercoledì 12 ottobre 2016 e cinque classi giovedì 9 febbraio 2017;
allestimento planetario dalle ore 7,30 alle ore 8,10 e smontaggio dalle ore 14,10 alle ore 13
1° incontro 8,15-9,00
2°incontro 9,10-9,55
3°incontro 10,15-11,00
4°incontro 11,10-11,55
5°incontro 13,30-14,10
LUOGO: all’interno del planetario mobile da montarsi in palestra
COSTI a carico della scuola: nessuno
COSTI a carico del Comune di Monterenzio- Distretto Culturale di San Lazzaro di Savena: euro
634,40 per 10 laboratori per 10 classi
ORGANIZZAZIONE PRATICA: prendere accordi preventivi con la referente del progetto
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servzio Biblioteca Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: 30 settembre 2016
16
PROPONENTE BIBLIOTECA COMUNALE
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “STORIE IN CLASSE E PRESTITO”
DESTINATARI: allievi ed allieve di tutte le classi elementari e dell’infanzia
DESCRIZIONE DEL PROGETTO:
proposta n. 1
a)
letture in classe a cura del gruppo dei lettori volontari della Biblioteca, e primo prestito
attraverso la consegna in classe di un libro per bambino;
b)
restituzione a cura della famiglia dopo un periodo di prestito di un mese presso la biblioteca
e ritiro di un altro libro;
attività inerente il libro svolta in classe/a casa concordata con l’insegnante.
c)
proposta n. 2
a)
letture in classe a cura del gruppo dei lettori volontari della Biblioteca, e primo prestito
attraverso la consegna in classe di un libro per bambino;
b)
restituzione durante visita in biblioteca della classe dopo un periodo di prestito di un mese e
ritiro di un altro libro;
c)
restituzione a cura della famiglia dopo un periodo di prestito di un mese presso la biblioteca
in giorno concordato (sabato mattina-data da definire) per consentire la partecipazione a
lettura animata presso la biblioteca aperta al pubblico; ritiro di un altro libro.
proposta n. 3
a)
letture in classe a cura del gruppo dei lettori volontari della Biblioteca, e primo prestito
attraverso la consegna in classe di un libro per bambino;
b)
restituzione a cura dell’insegnante dopo un periodo di prestito di un mese presso la
biblioteca e ritiro di un altro libro per bambino;
attività inerente il libro svolta in classe/a casa proposto dall’insegnante
c)
d)
restituzione a cura della famiglia dopo un periodo di prestito di un mese presso la biblioteca
e ritiro di un altro libro
NOTA: è possibile concordare con l’insegnante specifico tema di lavoro
OBIETTIVI: promozione della lettura ; accompagnare le famiglie in un percorso di promozione della
lettura che veda il genitore insieme al suo bambino protagonisti della scelta bibliografica.
DURATA del progetto/incontri : durante tutto l’anno; ogni incontro in classe ha la durata 1 ora
LUOGO: classe e biblioteca
COSTI: eventuale costo di trasporto a/r scuola-biblioteca
ORGANIZZAZIONE PRATICA: prendere accordi preventivi con la biblioteca richiedendo
appuntamento – La scuola potrà richiedere un massimo di 5 appuntamenti per le letture e consegna
libri in classe; l’orario degli incontri fissato dalla biblioteca potrà essere anche pomeridiano in
quanto legato alla disponibilità dei lettori volontari.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556105 Cecilia Gonini - [email protected]
17
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: è possibile prendere appuntamenti durante tutto l’anno
concordando le date con giusto anticipo al fine di verificare la disponibilità dei lettori volontari e
predisporre la bibliografia per la consegna in classe
18
PROPONENTE BIBLIOTECA COMUNALE
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “VISITA GUIDATA IN BIBLIOTECA E PRESTITO”
DESTINATARI: allievi ed allieve di tutte le classi delle scuole primarie e dell’infanzia di Monterenzio.
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: visita guidata al fine di far conoscere la biblioteca ai bambini
spiegando loro quali servizi e quali le sezioni sono a loro disposizione; letture animate a cura dei
lettori volontari e prestito.
La restituzione del libro prestato sarà a carco delle famiglie in giorno concordato durante il quale
sarà organizzata lettura animata aperta al pubblico
OBIETTIVI: promuovere la lettura; accompagnare le famiglie in un percorso di promozione della
lettura che veda il genitore insieme al suo bambino protagonisti della scelta bibliografica.
DURATA del progetto:
durante tutto l’anno; ogni incontro ha la durata 2 di circa due ore; potranno essere fissati un
massimo di 5 incontri
LUOGO: Biblioteca comunale
COSTI a carico del Comune: trasporto di A/R scuola-biblioteca per un massimo di 5 percorsi A/r
solo per le scuole di Monterenzio
COSTI a carico della Scuola: nessuno
ORGANIZZAZIONE PRATICA: prendere accordi preventivi con la referente del progetto;
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Resp.le Servizio Biblioteca Cecilia Gonini
CONTATTI: 051-6556104 Cecilia Gonini - [email protected]
TERMINE PER ADERIRE AL PROGETTO: è possibile concordare visite guidate durante tutto l’anno
19
PROPONENTE Museo Civico Archeologico “L. Fantini” di Monterenzio (in collaborazione con il
C.A.I. Bologna)
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: NATURA E STORIA DEL PAESAGGIO - Monte Bibele
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole primarie di Monterenzio (primo e secondo ciclo
elementare)
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Percorso escursionistico all'area di interesse archeologico e
naturalistico di Monte Bibele. Partendo a piedi dalla località di Quinzano si propone un percorso di
trekking di circa 7 km A/R alla scoperta dei beni naturali, paesaggistici e archeologici di Monte
Bibele. Il percorso è accompagnato da un archeologo specializzato e una guida C.A.I. e comprende
differenti soste per approfondire aspetti relativi alle flore e alle faune esistenti, alle risorse idriche e
geologiche del massiccio, ai luoghi abitati dagli antichi Celti ed Etruschi: l'area sacra, la zona della
necropoli, l'abitato di cui rimangono strutture archeologiche e ricostruzioni di antiche abitazioni.
A richiesta degli insegnanti, è possibile curare l'approfondimento di una tematica specifica durante la
visita guidata. Di seguito se ne elencano alcune a titolo esemplificativo: l'aspetto storico e i popoli
antichi, lo sfruttamento delle risorse idriche e naturali nella storia, lo spazio antropizzato e le sue
rappresentazioni cartografiche, la biodiversità di un'area geografica antropizzata, le aree
naturalistiche di interesse comunitario (Direttiva CEE 92/43 Habitat), la flora spontanea, e la fauna
selvatica.
OBIETTIVI: educare gli alunni alla conoscenza e al rispetto del patrimonio ambientale e culturale,
approfondire le tematiche legate al rapporto tra ambiente e società e allo sfruttamento delle risorse
naturali da parte dell'uomo, sviluppare metodologie di orientamento e interpretazione delle mappe
e della cartografia, promuovere modelli di integrazione culturale tramite l'esempio storico di
convivenza tra popoli differenti, promuovere una didattica integrata della storia con particolare
attenzione al significato delle fonti e alla definizione spazio-tempo.
DURATA del progetto:
n. incontri: 1 per ogni classe di scuola primaria interessata (durata del percorso mezza
giornata) date: da concordare con la scuola
LUOGO: ritrovo presso piazza della Pace a Quinzano, trekking lungo il massiccio di Monte Bibele
COSTI: costi a carico della scuola: costo della visita € 150,00; costi di trasporto A/R degli alunni da
Scuola a Quinzano
ORGANIZZAZIONE PRATICA: contattare il personale del Museo per definire il programma e
concordare il giorno di visita su prenotazione (prenotazione da effettuare a non più di un mese di
distanza dal giorno della visita). Le prenotazioni sono possibili per qualsiasi giorno della settimana
ad esclusione del lunedì. Ciascuna visita va intesa pre un gruppo massimo di 25 persone
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Dott.ssa Annachiara Penzo (Conservatore del Museo Civico
Archeologico di Monterenzio).
CONTATTI: contattare il personale del Museo al tel. 051 929766 o via mail a
[email protected] Un'informativa completa di tutte le attività che vengono svolte dagli
archeologi del Museo è visibile anche sul sito www.montebibele.eu
TERMINE PER DEFINIRE IL CALENDARIO CON LE INSEGNANTI: le visite sono prenotabili tutto
l'anno secondo le disponibilità del calendario di prenotazioni ed eventi del Museo e del calendario
20
di percorsi C.A.I. La prenotazione deve essere effettuata a non più di un mese di distanza dal giorno
della visita.
21
PROPONENTE Museo Civico Archeologico “L. Fantini” di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: VISITA GUIDATA “Alla scoperta dell'archeologia del
territorio”
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole primarie di Monterenzio (primo e secondo ciclo
elementare)
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Visita al Museo di Monterenzio guidata da un archeologo
specializzato. L'alta Valle dell'Idice dalla Preistoria all'età romana, gli insediamenti appenninici di
Celti, Etruschi e Italici, gli usi e i costumi degli antichi. La visita è corredata da un percorso tattile nel
quale gli allievi possono maneggiare riproduzioni di antichi reperti etruschi e celtici e di una visita
alla capanna celto-italica ricostruita all'esterno del Museo.
A richiesta degli insegnanti, è possibile curare l'approfondimento di una tematica specifica durante la
visita guidata. Di seguito se ne elencano alcune a titolo esemplificativo: l'aspetto storico e i popoli
antichi, l'alimentazione nell'antichità, la produzione di filati, tessuti e oggetti di ornamento
personale, le tecniche di combattimento di antichi guerrieri, la costruzione di una casa, la concezione
religiosa e il banchetto nell'Aldilà.
OBIETTIVI: educare gli alunni alla conoscenza e al rispetto del patrimonio culturale, promuovere
modelli di integrazione culturale tramite l'esempio storico di convivenza tra popoli differenti,
promuovere una didattica integrata della storia con particolare attenzione al significato delle fonti e
alla definizione spazio-tempo.
DURATA del progetto/n. incontri: 1 per ogni classe di scuola primaria interessata (durata del
percorso 1 ora e 30 min) da concordare con gli operatori del Museo
LUOGO: Museo Civico Archeologico “L. Fantini”, via del Museo 2, Monterenzio
COSTI: costi a carico dell'ente e della scuola. La convenzione per la gestione del Museo tra Comune
di Monterenzio e Università di Bologna prevede che la visita guidata sia gratuita con il solo
pagamento del biglietto di ingresso al prezzo ridotto di 3 euro ad allievo (gratuito per
accompagnatori). A carico della scuola eventuale costo di trasporto a/r scuola museo
ORGANIZZAZIONE PRATICA: per le attività didattiche in collaborazione con il Museo contattare il
personale per definire il programma e concordare il giorno di visita su prenotazione. Le visite
gratuite si svolgono unicamente nei giorni di apertura del Museo (mercoledì e giovedì dalle 9 alle
13; sabato e domenica dalle 10 alle 18). Le visite a pagamento sono prenotabili anche in altre
giornate ad esclusione del lunedì. Una visita guidata comprende un gruppo di massimo 25
partecipanti.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Dott.ssa Annachiara Penzo (Conservatore del Museo Civico
Archeologico di Monterenzio).
CONTATTI: contattare il personale
[email protected]
del
Museo
al
tel.
051
929766
o
via
mail
a
TERMINE PER DEFINIRE IL CALENDARIO CON LE INSEGNANTI: le visite sono prenotabili tutto
l'anno secondo le disponibilità del calendario di prenotazioni ed eventi del Museo
22
PROPONENTE Museo Civico Archeologico “L. Fantini” di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: PERCORSI E APPROFONDIMENTI TEMATICI
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole primarie di Monterenzio (secondo ciclo elementare)
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: presso il Museo di Monterenzio è possibile svolgere attività
didattiche di approfondimento di periodi storici o di tematiche connesse ai rinvenimenti
archeologici. Gli incontri sono volti ad analizzare e approfondire alcuni aspetti culturali dei popoli
antichi. Si possono concordare con gli insegnanti percorsi storici inerenti periodi/popolazioni
specifiche a scelta tra Età del Bronzo, Villanoviani ed Etruschi, Celti, Celti ed Etruschi, Romani, dei
quali viene dato un inquadramento storico con approfondimenti circa specifici usi e costumi
dell'epoca. In alternativa o in modo complementare ai percorsi storici possono essere scelti
approfondimenti di singole tematiche da concordare con gli insegnanti, tra le quali si segnalano a
titolo esemplificativo: il banchetto e i riti funerari nell’Oltretomba, storia dell’alimentazione, le armi
dei Celti e degli Etruschi, filatura e tessitura. Ogni incontro consiste in una lezione frontale
supportata da sussidi multimediali e test-verifica da svolgere in Museo o successivamente in classe
OBIETTIVI: educare gli alunni alla conoscenza e al rispetto del patrimonio culturale, sviluppare i
concetti di spazio e tempo, implementare le conoscenze storico-culturali di alcuni popoli antichi del
territorio, imparare a riconoscere e motivare le trasformazioni di tradizioni e costumi.
DURATA del progetto:
n. incontri: 1 o più per ogni classe di scuola primaria
percorso/approfondimento scelto (durata del percorso 1 ora e 30 min)
date: da concordare con la scuola
interessata
e
per
ogni
LUOGO: Museo Civico Archeologico “L. Fantini”, via del Museo 2, Monterenzio oppure aule
scolastiche
COSTI: costi a carico della scuola pari a di € 70,00 per ogni percorso/approfondimento svolto
presso la sede museale. Gli operatori Museali si rendono disponibili a svolgere gli stessi percorsi
didattici storici e tematici nelle aule scolastiche anziché nell'aula didattica del Museo senza
applicazione di maggiorazione di costo. A carico della scuola eventuale costo di trasporto a/r scuola
museo
ORGANIZZAZIONE PRATICA: per le attività didattiche in collaborazione con il Museo contattare il
personale per definire il programma e concordare il giorno di prenotazione (dal martedì alla
domenica; ciascun percorso comprende un gruppo di massimo 25 partecipanti.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Dott.ssa Annachiara Penzo (Conservatore del Museo Civico
Archeologico di Monterenzio).
CONTATTI: contattare il personale del Museo al tel. 051 929766 o via mail a
[email protected] Un'informativa completa di tutte le attività che vengono svolte dagli
archeologi del Museo è visibile anche sul sito www.montebibele.eu
TERMINE PER DEFINIRE IL CALENDARIO CON LE INSEGNANTI: le attività sono prenotabili tutto
l'anno secondo le disponibilità del calendario di prenotazioni ed eventi del Museo
23
PROPONENTE Museo Civico Archeologico “L. Fantini” di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: LABORATORI ARCHEOLOGICI
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole primarie di Monterenzio (primo e secondo ciclo
elementare)
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: presso il Museo di Monterenzio è possibile svolgere attività
laboratoriali caratterizzate da una partecipazione attiva degli allievi che, dopo un breve
approfondimento relativo alle antiche tecniche produttive, con un approccio scientifico alle materie
saranno in grado di realizzare piccoli manufatti legati ai temi trattati. Il tema del laboratorio può
essere concordato a richiesta degli insegnanti, purché attinente con attività artigianali legate
all'archeologia del territorio. A titolo esemplificativo si segnalano alcune attività possibili: il
laboratorio del vasaio (conoscenza delle antiche tecniche di lavorazione dell'argilla e
dell'introduzione del tornio, realizzazione di piccole forme vascolari a mano e con tornio, decori
delle superfici ceramiche); metallurgo per un giorno (dal minerale al metallo: estrazione, fusione e
lavorazione dei metalli nell'antichità. Dimostrazione pratica di una fusione a stampo e realizzazione
di piccoli manufatti in rame e stagno).
OBIETTIVI: educare gli alunni alla conoscenza e al rispetto del patrimonio culturale, educare alla
varietà del patrimonio culturale e al significato dell'arte e dell'immagine, sviluppare capacità di
modellare e plasmare materie.
DURATA del progetto:
n. incontri: 1 o più per ogni classe di scuola primaria interessata e per ogni laboratorio scelto (durata
del laboratorio 2 ore)
date: da concordare con la scuola
LUOGO: Museo Civico Archeologico “L. Fantini”, via del Museo 2, Monterenzio
COSTI: costi a carico della scuola pari a € 100,00 per ogni laboratorio.
ORGANIZZAZIONE PRATICA: per le attività didattiche in collaborazione con il Museo contattare il
personale per definire il programma e concordare il giorno del laboratorio su prenotazione. I
laboratori si effettuano dal martedì alla domenica e ciascun laboratorio comprende un gruppo di
massimo 25 partecipanti.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Dott.ssa Annachiara Penzo (Conservatore del Museo Civico
Archeologico di Monterenzio).
CONTATTI: contattare il personale del Museo al tel. 051 929766 o via mail a
[email protected] Un'informativa completa di tutte le attività che vengono svolte dagli
archeologi del Museo è visibile anche sul sito www.montebibele.eu
TERMINE PER DEFINIRE IL CALENDARIO CON LE INSEGNANTI: i laboratori sono prenotabili
tutto l'anno secondo le disponibilità del calendario di prenotazioni ed eventi del Museo
24
PROPONENTE: ASSOCIAZIONE “ARKIS: BEN ESSERE E YOGA IN RETE”
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: A SCUOLA CON LO YOGA
DESTINATARI: alunni e alunne delle Scuole Primarie di Monterenzio.
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Lo yoga, attraverso le posizioni col corpo, le tecniche di
rilassamento e gli esercizi di concentrazione e di respiro, offre l’opportunità di vivere emozioni
positive, di sviluppare attenzione e di apprendere in modo più efficace. Le posizioni, lavorando sugli
opposti, affinano l’attenzione, comprendono atteggiamenti di immobilità e di dinamicità,
consentono di scoprire e di perfezionare nuove abilità mettendo alla prova il proprio corpo. Gli
esercizi di respirazione aiutano a padroneggiare il respiro imparando a modularlo favorendo la
concentrazione, capacità oggi più che mai perduta non solo dai bambini e dai ragazzi, ma anche
dagli adulti. Le tecniche di rilassamento sono di grande aiuto anche per i bambini. Il rilassamento fa
vivere al corpo sensazioni di benessere e di serenità mentale e può cambiare la qualità della vita di
grandi e piccini creando un’attitudine mentale che resta dentro sé nel tempo consentendo di reagire
agli eventi in modo più equilibrato. Le tecniche di concentrazione, presentate sotto forma di gioco,
aiutano infine il bambino a fermarsi e a soffermarsi su ciò che sta facendo e, quindi, a riflettere e a
mantenere tempi di attenzione più prolungati. Con le classi di scuola primaria si transiterà
gradualmente dalla dinamicità alla staticità in base alle risposte che i bambini di volta in volta
sapranno dare. Le attività comprendono giochi mutuati da situazioni di drammatizzazione e di
motricità di vario genere abbinati a posizioni di yoga caratterizzate da equilibrio, forza, elasticità a
cui si intervalleranno momenti di riposo nei quali si concentrerà l’attenzione sul respiro e su giochi
che favoriscono la concentrazione. Al termine di ogni incontro è previsto un momento di
rilassamento in cui verranno utilizzate precise strategie adeguate ai bambini.
Il Protocollo d’Intesa sottoscritto nel 1998 tra il Ministero dell’Istruzione e la Federazione Italiana
Yoga, che prevede l’introduzione di percorsi educativi e didattici nelle scuole, consente ad
insegnanti di yoga specializzati nell'insegnamento ai bambini, di proporre alle istituzioni scolastiche
specifici percorsi di lavoro nei quali utilizzare gli “strumenti” propri di questa antica disciplina
indiana.
OBIETTIVI: il progetto si propone i seguenti obiettivi educativi:
 educare alla non violenza, al dialogo, al rispetto per le persone, le cose, la natura

 valorizzare il corpo come importante strumento di conoscenza, come sede del
raccoglimento e del silenzio interiore, come punto di partenza per sviluppare
consapevolezza

 apprendere attraverso l’esperienza consentendo al bambino di conoscere e mettersi
alla prova, di riconoscere sensazioni e limiti, di superare gli ostacoli e di diventare
più agile e flessibile

 educare la mente attraverso attività che sviluppano l’attenzione, la concentrazione,
la riflessione, l’ascolto, il rilassamento, il controllo dei pensieri, il silenzio mentale

valorizzare le proprie capacità in autonomia, ma anche in relazione agli altri,
apprendendo in tal modo le cose che uniscono e quelle che differenziano riconoscendo
così la diversità/unicità di ogni persona e predisponendo gli alunni ad accogliere ed
accettare chi è diverso per varie ragioni: cultura, handicap, genere.

sapersi dare delle regole e saperle rispettare
25
favorire l’abitudine a terminare ciò che si inizia abituando i bambini a comportamenti
rigorosi
invitare a rallentare, a mettere pause tra una postura, un respiro, un pensiero e l’altro
perché è proprio nelle pause e non nella concitazione che avviene la comprensione.
utilizzare il limite e l’errore come situazioni da cui partire per poter accettare le
proprie fragilità e fallibilità per poi trovare le giuste soluzioni.
Le insegnanti di ARKIS, Cinzia Magagni e Anna Bergonzini, sono specializzate dal
2004 nell'insegnamento dello yoga ai bambini avendo conseguito il master in Yoga
e educazione organizzato dalla Federazione Italiana Yoga in collaborazione con La
facoltà di Scienze dell'educazione dell'Università di Bologna.
Progettazione e supervisione sono tenute da Anna Bergonzini, pedagogista.
DURATA del progetto:
Il percorso è strutturato in n. 4 incontri presso la scuola che richiede l'intervento.
date: Anno scolastico 2016-2017 – Giornate e orari da concordare con la scuola
LUOGO: Scuola Primaria
COSTI (a carico della Scuola): l'intero percorso, comprensivo di incontri di programmazionepresentazione, attività pratica, materiali e spese di spostamento, ha un costo di € 15 per ogni
partecipante quale contributo all'Associazione.
PROPOSTA GRATUITA: Al termine del percorso è previsto un quinto incontro gratuito rivolto a
bambini e genitori insieme in cui si presenta, in forma di attività, ciò che è stato fatto con i bambini
in classe.
ORGANIZZAZIONE PRATICA: Per le caratteristiche del percorso, l'attività è rivolta a gruppi di
massimo 20 bambini per cui, in caso di classi più numerose, sarà necessario formare 2 gruppi che
effettueranno l'attività alternativamente, nella stessa giornata.
Se richiesto, prima dell'inizio del percorso, è possibile programmare un momento di incontro con i
genitori per presentare le attività.
Per ogni informazione e chiarimento: cell. 333 8653345; e-mail: [email protected]
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Anna Bergonzini, Presidente Associazione Arkis
CONTATTI: [email protected]
L' Associazione Arkis è disponibile fin d'ora ad un incontro informativo con le insegnanti della scuola
per fornire ogni ulteriore precisazione sul progetto.
Per ogni informazione sulle attività di ARKIS e sulle insegnanti: www.arkisbenessere.it
26
PROPONENTE: ASSOCIAZIONE “ARKIS: BEN ESSERE E YOGA IN RETE”
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: MAMMA, PAPA', GIOCHIAMO ALLO YOGA!
DESTINATARI: alunni e alunne delle Scuole Primarie di Monterenzio.
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il rapporto tra genitori e tra genitori e figli passa significativamente
attraverso i modi di essere nelle situazioni di vita quotidiana, attraverso la vicinanza, il toccarsi, il
guardarsi, il parlarsi reciprocamente in un gioco continuo di scambi comunicativi che determinano la
qualità delle relazioni e la vita futura della coppia, del bambino, della famiglia. Le attività
consistono in massaggi, giochi di movimento, di fiducia, di equilibrio, di forza intervallate a
momenti di riposo in cui si concentrerà l'attenzione sul respiro. Al termine di ogni incontro è
previsto un momento di rilassamento, insieme, in cui verranno utilizzate specifiche strategie di
coinvolgimento di adulti e bambini tra le quali, ad esempio, visualizzazioni e racconti.
OBIETTIVI:

recuperare il corpo, quel corpo bambino e adulto tanto reclamizzato dai Media, ma spesso
altrettanto mortificato nella sua importante funzione di comunicazione e di apprendimento;

offrire a genitori e figli la possibilità di ritagliare un pezzetto di tempo, oggi sempre più
prezioso e raro, per stare insieme in un clima giocoso e rilassato per conoscere meglio
sé stessi e i propri figli;

favorire l'incontro tra bambini e genitori in un contesto tranquillo e rilassato attraverso
attività di comunicazione, contatto, rilassamento, giochi di fiducia e di gruppo e posizioni
dello yoga per grandi e piccini.


Docenti:
Anna Bergonzini, Pedagogista, insegnante di yoga con master in yoga e educazione
Cinzia Magagni, insegnante di yoga con master in yoga e educazione
ORGANIZZAZIONE E DURATA del progetto
Si propongono due incontri di 1 ora ciascuno rivolti a un massimo di 9 coppie di genitori e figli in
giornate e orari da concordare con le famiglie
LUOGO: spazio comunale
COSTI: i due incontri sono gratuiti, quale contributo dell'Associazione ARKIS alle attività del paese
rivolte alle famiglie
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Anna Bergonzini, Presidente Associazione Arkis - cell. 333
8653345; e-mail: [email protected]
CONTATTI: [email protected]
Per ogni informazione sulle attività di ARKIS e sulle formatrici: www.arkisbenessere.it
27
PROPONENTE : AVIS – Gruppo territoriale di Monterenzio
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “TUTTI PER AVIS”
DESTINATARI: in favore di allievi ed allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio classe 5a
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il progetto consiste in un coinvolgente spettacolo teatrale
interattivo, realizzato dall'Associazione Culturale “Valigie Leggere”. L'iniziativa è rivolta agli studenti
dai 10 ai 14 anni per sensibilizzarli sul mondo della solidarietà del volontariato e sull'importanza di
aiutare gli altri, in particolare tramite la donazione del sangue, tramite il gioco,. Avis e “Valigie
Leggere” intendono in questo modo creare un esperimento per comprendere il legame tra
figurazione e apprendimento. Lo spettacolo è divertente, gli attori sanno trascinare il pubblico
attraverso la storia ricca di colpi di scena e di riferimenti scientifici legati al sangue e ad un corretto
stile di vita.
OBIETTIVI: Sensibilizzare i ragazzi sul mondo della solidarietà.
DURATA del progetto: 90 minuti
LUOGO: classe- scuola
COSTI a carico della Scuola: nessuno
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: nessuno
MODALITA’ DI RICHIESTA ATTIVITA’ E SCADENZE : prendere accordi con il referente Sig. Nepoti
entro il 15 Ottobre 2016
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Sig. Giampietro Nepoti - resp.le gruppo Avis Monterenzio
CONTATTI : 340.9769119 - [email protected]
28
PROPONENTE: CENTRO STUDI YOGA E GESTALT – Associazione per lo sviluppo del potenziale
personale
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “OGGI GIOCO ALLA FELICITA’
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: i bambini ricevono molto presto numerosi messaggi che
pretendono di definire ciò che è possibile e ciò che non lo è limitando il loro potenziale creativo e
fantasioso. Attraverso il gioco della lavagna magica, il disegno, il poster con l’interruttore accessospento si intende stimolare l’intelligenza emotiva ed avviare un processo di consapevolezza precoce
del proprio vissuto interiore
OBIETTIVI: l’obiettivo di ciò è abituare il bambino fin da subito a pensare ed esprimersi in modo
sempre più personale e sano, portare chiarezza circa “cosa voglio” piuttosto che “cosa NON voglio”
riconoscendo in questa differenza l’elemento principe per dare vita ad una personalità originale e ad
un adulto capace di prendersi la responsabilità di rendersi felice
DURATA del progetto: 4 incontri di 2 ore ciascuno
LUOGO: i locali della Scuola
COSTI a carico della Scuola (con eventuali spese di spostamento): 15 euro a incontro a persona –
Max 10/13 bambini più materiale di cancelleria
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: nessuno
RESPONSABILE DEL PROGETTO: dr.ssa Maria Caramalli
CONTATTI: cellulare 3391711745
29
PROPONENTE: C.P.G.E.V Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie - Bologna
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “ MAPPIAMO L’AMBIENTE “
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: spunti per l’educazione all’ambiente nelle scuole, un percorso che
insegna ad esplorare il territorio con l’aiuto della bussola, gps, binocolo
OBIETTIVI: osservare e conoscere l’ambiente a noi vicino e imparare a descriverne alcune
caratteristiche naturali utilizzando strumenti e tecnologia, attraverso i quali riflettere su che cos’è una
mappa e a cosa serve, e su come la geografia interviene nella nostra vita quotidiana
DURATA del progetto: circa 2 ore per classe programmate all’inizio e svolte nell’ambito dell’anno
scolastico 2016-2017
LUOGO: locali della scuola e territorio circostante
COSTI a carico della Scuola: proposta gratuita
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: attività prevista dalla convenzione comunale e i
C.P.G.E.V.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Alessandra Iacuzzi, Anna Carlini
CONTATTI: [email protected] [email protected] [email protected]
30
PROPONENTE: C.P.G.E.V Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie - Bologna
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “ EDUCAZIONE AL CONSUMO CONSAPEVOLE CON
RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DI RIFIUTI E DELLO SPRECO “
DESTINATARI: allievi e allieve delle Scuole Primaria di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: spunti per l’educazione all’ambiente nelle scuole
OBIETTIVI: concetto di rifiuto, acquisizione di terminologie, destino dei rifiuti, azioni e sanzioni
DURATA del progetto: circa 2 ore per classe programmate all’inizio e svolte nell’ambito dell’anno
scolastico 2016-2017
LUOGO: locali della scuola e territorio circostante
COSTI a carico della Scuola: proposta gratuita
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: attività prevista dalla convenzione comunale e i
C.P.G.E.V.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Alessandra Iacuzzi, Anna Carlini
CONTATTI: [email protected] [email protected] [email protected]
31
PROPONENTE: C.P.G.E.V Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie - Bologna
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “ OSSERVAZIONE DELL’AMBIENTE CIRCOSTANTE”
DESTINATARI: allievi ed allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: spunti per una educazione all’ambiente nelle scuole, alla scoperta
di un aspetto che normalmente è sconosciuto
OBIETTIVI: osservazione dell’ambiente circostante, delle vie e dei luoghi normalmente frequentati
dai cittadini, verifica sulla presenza o meno di rifiuti sparsi o conferiti in luoghi specifici
DURATA del progetto: circa 2 ore per classe programmate all’inizio e svolte nell’ambito dell’anno
scolastico 2016-2017
LUOGO: locali della scuola e territorio circostante
COSTI a carico della Scuola: proposta gratuita
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: attività prevista dalla convenzione comunale e i
C.P.G.E.V.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Alessandra Iacuzzi, Anna Carlini
CONTATTI: [email protected] [email protected] [email protected]
32
PROPONENTE : C.P.G.E.V. Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie - Bologna
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “CHI HA LASCIATO QUESTA TRACCIA?”
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: si tratta di un percorso di educazione ambientale che ha lo scopo
di insegnare ai bambini e ragazzi come osservare un ambiente naturale, come scoprire gli animali
che ci vivono e come tra di loro interagiscono in un ambiente molto vicino a noi
OBIETTIVI: fare conoscere il territorio e le diverse forme di vita che vi abitano, stimolare lo spirito
di osservazione, porre l’attenzione in ciò che calpestiamo, ogni tronco apparentemente morto al
suo interno è pieno di vita
DURATA del progetto: circa 2 ore per classe programmate all’inizio e svolte nell’ambito dell’anno
scolastico 2016-2017
LUOGO: locali della scuola e territorio circostante
COSTI a carico della Scuola (con eventuali spese di spostamento): nessuno
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: attività prevista dalla convenzione comunale e i
C.P.G.E.V.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Alessandra Iacuzzi, Anna Carlini
CONTATTI: [email protected]; [email protected]; [email protected]
33
PROPONENTE: C.P.G.E.V Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie - Bologna
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “ LA ZOLLA “
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: spunti per l’educazione all’ambiente nelle scuole, dopo aver
raccolto insieme ai bambini una piccola porzione di zolla, posta nelle vicinanze della scuola, li
guideremo all’osservazione delle diversità in essa presente, un piccolo mondo di specie diverse
OBIETTIVI: far conoscere ai bambini uno dei beni preziosi dell’umanità che consente la vita dei
vegetali, degli animali e dell’uomo sulla superficie della terra
DURATA del progetto: circa 2 ore per classe programmate all’inizio e svolte nell’ambito dell’anno
scolastico 2016-2017
LUOGO: locali della scuola e territorio circostante
COSTI a carico della Scuola: proposta gratuita
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: attività prevista dalla convenzione comunale e i
C.P.G.E.V.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Alessandra Iacuzzi, Anna Carlini
CONTATTI: [email protected] [email protected] [email protected]
34
PROPONENTE: C.P.G.E.V Corpo Provinciale delle Guardie Ecologiche Volontarie - Bologna
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “ OGGI GIOCHIAMO CON L’ALBERO “
DESTINATARI: allievi ed allieve delle scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: spunti per l’educazione all’ambiente nelle scuole, si richiamano le
funzioni degli alberi, determinanti per l’ambiente ma troppo spesso minacciate e ci si sofferma sulle
caratteristiche delle foglie e delle cortecce delle specie da scoprire
OBIETTIVI: utilizzando campioni di foglie, andare a caccia del loro albero
DURATA del progetto: circa 2 ore per classe programmate all’inizio e svolte nell’ambito dell’anno
scolastico 2016-2017
LUOGO: locali della Scuola e territorio circostante
COSTI a carico della Scuola: proposta gratuita
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: attività prevista dalla convenzione comunale e i
C.P.G.E.V.
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Alessandra Iacuzzi, Anna Carlini
CONTATTI: [email protected] [email protected] [email protected]
35
PROPONENTE: GROTTA DI SALE OZZANO
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: I BENEFICI DELL’HALOTERAPIA
DESTINATARI: Indicato per gli alunni della scuola primaria.
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: L’haloterapia è un metodo naturale che sfrutta le
innumerevoli proprietà del sale. E’ un ottimo mucolitico, antibatteriologico, antinfiammatorio .
All’interno della grotta, grazie alla generazione di un microclima sovrasalato respiriamo attraverso la
nostra pelle e i nostri polmoni micro particelle di cloruro di sodio che svolgono un lavoro di
“pulizia” del nostro organismo.
ATTIVITA’ DIDATTICA: Durata dell’attivita’:un’ora e mezza. La classe verrà suddivisa in 2 gruppi. Il
1° gruppo verrà accolto nella stanza del sale dove l’insegnante di scienze in collaborazione con un
nostro operatore spiegherà cosa significa rimedio naturale e l’importanza del sale per il nostro
organismo. L’altro gruppo svolgerà con un nostro operatore, un laboratorio manipolativo,
esplorativo con il sale. Trascorso metà del tempo i gruppi si alterneranno.
OBIETTIVI: La visita presso il centro unirà gli effetti dell’haloterapia al laboratorio didattico.
DURATA DEL PROGETTO: Da Gennaio a Maggio
LUOGO: Grotta di Sale Ozzano Via Emilia,138 c/o il CC La Corte
Costi a carico della Scuola: € 50.00 ad incontro.
Costi a carico del Comune di Monterenzio: Eventuali spese di spostamento.
Contatti: Maria Sindoni 051/4124797 – 320/2511824 [email protected]
36
PROPONENTE: Samuele
MONTERENZIO
Rizzi
in
collaborazione
Associazione
IL
CERCHIO
MUSICALE
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “LABORATORIO ESPRESSIVO MUSICALE”
DESTINATARI: allievi e allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: conduzione di un laboratorio musicale destinato a tutte le classi
della suola primaria (sezione Monterenzio e Pizzano) Ricalca essenzialmente le linee progettuali
dello scorso anno, con differenze migliorative ma che non spostano di fondo il percorso didattico
già esposto dettagliatamente nei progetti presentati.
OBIETTIVI: stimolare e avvicinare ragazzi allo studio di uno strumento musicale
DURATA DEL PROGETTO: 1 o più incontri (di 45/60 minuti ciascuno) a seconda della capienza
dell’anfiteatro
LUOGO: antiteatro della Scuola Primaria di Monterenzio
COSTI a carico della scuola(con eventuali spese di spostamento): nessuno
COSTI a carico del comune di Monterezio: nessun costo
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Samuele Rizzi.
CONTATTI: cellulare 3779994871 mail: [email protected]
37
PROPONENTE: PUBBLICA ASSISTENZA DI MONTERENZIO
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: LA PUBBLICA IN CLASSE
DESTINATARI: allievi ed allieve della Scuola Primaria di Monterenzio classe 4a
DESCRIZIONE DEL PROGETTO: temi trattati:
  Che cosa è la Pubblica Assistenza, il ruolo del volontario
  Cosa è il 118
  Riconoscere un’emergenza e come affrontarla in tutta sicurezza
  Com’è fatta un ambulanza e cosa contiene
  Che cosa è la Protezione Civile, presentazione video e personaggio “Civilino”
 Video Civilino, riepilogo dei contenuti del video
OBIETTIVI: conoscere il ruolo della Pubblica Assistenza e degli operatori volontari
DURATA: La durata dell’incontro è di circa due ore.
Necessita la possibilità di poter proiettare slide e video con audio.
Sarà portata un’ambulanza che dovrà essere posizionata in un luogo in sicurezza (cortile recintato o
simile), per permettere ai bambini di poter prendere confidenza con questo tipo di mezzo e dei
presidi in esso contenuto (defibrillatore etc.).
LUOGO: in classe con un massimo di due classi per incontro
COSTI: nessuno
RESPONSABILE DEL PROGETTO/CONTATTI:
Falcon Marco 3392048418 [email protected]
Malvi Cristiana 3479205280 [email protected]
38
PROPONENTE: NADINE SALOMONI
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “ESSERE CANE”
DESTINATARI: allievi ed allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: durante il primo incontro verranno presentati i bisogni
primari (mangiare, bere, dormire, veterinario); durante il secondo incontro (socializzazione,
comunicazione, relazione), durante il terzo incontro emozioni e motivazioni del cane e dell’uomo a
confronto.
OBIETTIVI: fare conoscere i bisogni del cane e il benessere dell’animale.
DURATA del progetto: 3 incontri 1 volta per settimana della durata di 60 minuti per 3 settimane
consecutive
LUOGO: Scuola dell’Infanzia di Monterenzio
COSTI a carico della Scuola (con eventuali spese di spostamento): fotocopie con fogli formato A4
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: nessuno
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Nadine Salomoni
CONTATTI : cellulare
3408400348
39
PROPONENTE: NADINE SALOMONI
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “COMUNICANE”
DESTINATARI: allievi ed allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: attraverso l’utilizzo di immagini e materiale didattico si
vuole fare conoscere la comunicazione e la diversità dell’animale, proponendo attività alla classe per
contrastare fenomeni di bullismo e per favorire l’accettazione della diversità.
OBIETTIVI: affrontare tematiche di bullismo e diversità
DURATA del progetto: 3 incontri 1 volta per settimana della durata di 60 minuti per 3 settimane
continuative
LUOGO: Scuola dell’Infanzia di Monterenzio
COSTI a carico della Scuola (con eventuali spese di spostamento): stampe con fogli formato A4
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Nadine Salomoni
CONTATTI : cellulare
3408400348
40
PROPONENTE: SEACOOP Cooperativa Sociale Onlus
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “SUL FILO DEL TEATRO” gioco e movimento: un passo
avanti
DESTINATARI: allievi ed allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: partendo dal racconto interattivo di storie e fiabe si entrerà
nel gioco dell’azione teatrale. I piccoli attori verranno stimolati a produrre azioni mimiche astratte e
concrete, a esprimersi con il corpo e con la voce, a riconoscere la propria sfera emotiva, giungendo
sempre più a compiere quei passi in avanti nella percezione dello spazio d’azione, nel rispetto delle
regole e nella collaborazione per un fine comune necessario a rafforzare un’immagine positiva di sé
OBIETTIVI: avvicinarsi alla comprensione della grammatica del gioco teatrale, esaltazione e
recupero delle capacità già presenti in ogni individuo
DURATA del progetto: 6 incontri (9 ore) solo propedeutica oppure 9 incontri (13,50 ore) con
lezione aperta finale; 12 incontri (18 ore) con spettacolo finale
LUOGO: presso la Scuola Primaria di Monterenzio
COSTI a carico della Scuola (con eventuali spese di spostamento): 6 incontri euro 300,00 + IVA; 12
incontri euro 590,00 + IVA
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: nessuno
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Frida Zerbinati
CONTATTI : Nizia Martino 3460822611
41
PROPONENTE: SEACOOP Cooperativa Sociale Onlus
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “PERCORSI ARTE TERAPIA”
DESTINATARI:allievi e allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
DESCRIZIONE DEL PROGETTO:il progetto prevede un percorso di esperienze,attività sensopercettive attraverso le quali i bambini potranno riconoscere,selezionare , classificare e interiorizzare
dati provenienti dai loro sensi. Il setting sarà allestito per stimolare la libertà espressiva e la creatività
spontanea,assicurando ad ogni partecipante e al gruppo stesso , livelli di coerenza , armonia
necessari per affrontare un viaggio interiore.
Fondamentale sarà la presenza: esserci nel qui e ora,all’interno di un contesto condiviso con altre
persone , con la voglia di stare e sostare in uno spazio simbolico neutro, con cui fare esperienza , al
fine di scoprire , accogliere e sostenere l’espressione del proprio mondo interno.
OBIETTIVI: offrire “spazi per sé” protetti e contenuti in cui ciascuno possa cominciare a sentire quel
“mondo interno” assolutamente personale che è la sua stessa essenza. Favorire la creatività
conoscendo tecniche artistiche; permettere al bambino di sentirsi libero di esprimersi;portare il
bambino alla consapevolezza delle proprie capacità espressive.
DURATA DEL PROGETTO: da un minimo di 4 ore ad un massimo di durata annuale . Un incontro
alla settimana di 1 ora ciascuno.
LUOGO: presso la Scuola Primaria di Monterenzio
COSTI a carico della scuola(con eventuali spese di spostamento): € 25,00 orari lordi
COSTI a carico del comune di Monterezio: nessuno
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Careri Aura e Cino Floriana
CONTATTI: Nizia Martino cellulare 3460822611
42
PROPONENTE: SEACOOP Cooperativa Sociale Onlus
DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “PROGETTO MUSICOTERAPIA”
DESTINATARI: allievi ed allieve delle Scuole Primarie di Monterenzio
BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO: fin dai primi attimi di vita l’elemento sonoro-corporeomusicale svolge un ruolo fondamentale in ogni persona permettendo ad ogni individuo di creare,
crescendo, ciò che viene definita identità sonoro-musicale. Purtroppo le esigenze e gli impegni che la
vita quotidiana ci chiama a svolgere, già nei primi anni di vita (sport, studio, attività musicali),
tendono ad allontanarci sempre di più da questa nostra prima forma di comunicazione, da quel
contatto intimo con noi stessi portandoci a trascurare sempre di più, anche se inconsciamente, il
nostro corpo, la nostra persona e il prossimo già da bambini. Attraverso l’utilizzo degli strumenti
musicali e dello strumento più completo che è il nostro corpo, la musicoterapia permette di ricostruire quel dialogo sonoro dimenticato, di ri-conoscere gradualmente la nostra identità sonora
per facilitare la conquista della fiducia e della collaborazione con gli altri. Il metodo utilizzato si basa
sui concetti di identità sonora e di oggetto intermediario, ovvero quello strumento che rappresenta
maggiormente ognuno di noi e che si può poi utilizzare per il dialogo. Le sedute saranno divise in
tre fasi: introduttiva, attiva e conclusiva
OBIETTIVI: generare attenzione all’ascolto per migliorare la conoscenza di sé ed entrare in contatto
con le proprie emozioni, e il proprio corpo. Favorire e facilitare le relazioni e la percezione del
mondo circostante. Stimolare la creatività. Divertirsi
DURATA del progetto: 8 incontri a cadenza settimanale per una durata di 1,5 ore. Gruppo massimo
di partecipanti richiesto è di 10 utenti
LUOGO: presso la Scuola
COSTI a carico della Scuola (con eventuali spese di spostamento): euro 37,50 orari lordi per 8
incontri totale percorso euro 300,00 lordi
COSTI a carico del Comune di Monterenzio: nessuno
RESPONSABILE DEL PROGETTO: Rita Calderara, Nizia Martino
CONTATTI : cellulare 3460822611
43

Documenti analoghi