Scarica Allegato

Commenti

Transcript

Scarica Allegato
Numero OTTO
Rivista tecnico-scientifica on-line a diffusione mirata • Organo ufficiale della AFI - Associazione Flebologica Italiana
Il dire e il fare
Introduzione alla lettura
delle linee guida europee di Scleroterapia
Linee guida europee
per la Scleroterapia
dei disturbi venosi cronici
Trattamento laser endovascolare
degli assi safenici: vi sono differenze
cliniche nell’utilizzo delle differenti
lunghezze d’onda?
È un supplemento de
Organigramma AFI
L’AMBULATORIO
MEDICO
Presidente
Dr.ssa Patrizia Pavei
[email protected]
Autorizzazione Tribunale di Bologna n. 7071 del 05/12/2000
Presidente Onorario
Dr. Alessandro Frullini
[email protected]
Direttore responsabile de L’Ambulatorio Medico
Marco Montanari
Redazione
Segretario
Dr. Paradiso Sabino
[email protected]
Dr. Maurizio Ronconi
[email protected]
Dr. Mario Forzanini
mario. [email protected]
Dr. Michele Ugliola
[email protected]
Membri eletti al Consiglio Direttivo
Dr.ssa Patrizia Pavei
[email protected]
Segreteria di redazione
Dr. Alessandro Pieri
[email protected]
VALET S. r. l.
Via dei Fornaciai 29/b - 40129 Bologna
Tel. 051 63.88.334 - Fax 051.32.68.40
[email protected] - www.valet.it
Dr. Paradiso Sabino
[email protected]
Realizzazione grafica
Responsabili ricerca medica
Dr Alessandro Pieri
[email protected]
Matteo Nuti
[email protected]
È vietata la riproduzione, totale o parziale di ogni contenuto di questa
pubblicazione senza esplicita autorizzazione dell’editore. Tutti i punti di
vista espressi in questo periodico sono quelli dei rispettivi autori e non
riflettono necessariamente quelli delle imprese alle quali appartengono,
dell’editore e delle istituzioni. Nulla intende rappresentare un consiglio
o una raccomandazione su cure e metodiche; l’editore non da garanzie
sui protocolli terapeutici citati e non riconosce alcuna responsabilità su
eventuali danneggiamenti causati da nozioni riportate sulla rivista. La rivista è spedita in abbonamento telematico. I dati anagrafici dei soggetti
interessati alla spedizione della presente rivista provengono da elenchi
pubblici e vengono trattati in conformità a quanto previsto dal “Codice
Privacy”(Digs. 196/2003). Le finalità del trattamento riguardano la spedizione in abbonamento telematico della presente rivista, di altre pubblicazioni, invio di cataloghi ed eventuali altre comunicazioni inerenti le attività
promosse dal titolare del trattamento. L’interessato può in qualsiasi momento richiedere informazione sul trattamento dei propri dati, ottenere
modifiche od opporsi in tutto o in parte, facendone richiesta via fax, lettera o e-mail, al titolare del trattamento. II titolare del trattamento è VALET
S.r.l. - Via dei Fomaciai, 29/b - 40129 Bologna (BO). Alla data della presente pubblicazione, il Responsabile del trattamento è il Sig. Daniele Morini. L’informativa integrale, completa di finalità, modalità del trattamento,
diritti dell’interessato e soggetti a cui potrebbero essere comunicati i dati,
è consultabile sul sito www.valet.it alla sezione Privacy.
Dr. Maurizio Ronconi
[email protected]
Segreteria
Elisa Bertocchi
[email protected]
Rappresentanti regionali
Dr. Loparco Oronzo Walter - Abruzzo
Dr. Rendace Michele - Calabria
Dr. Amitrano Sergio - Campania
Dr. Guarnaccia Demetrio - Campania
Dr. Casoni Paolo - Emilia-Romagna
Dr. Visintin Albino - Friuli Venezia Giulia
Dr. Nero Gianfranco - Lazio
Dr. Forfori Pietrino - Liguria
Dr. Forzanini Mario – Lombardia
Dr. Ronconi Maurizio - Lombardia
Dr. Fonti Massimo – Marche
Dr. Cristiani Alfonso - Piemonte
Dr. Paradiso Sabino - Puglia
Dr. Moretti Cesare – Sardegna
Dr. Angelino Gaetano - Sicilia
Dr. Pinzetta Claudio - Trentino Alto Adige
Dr. Rosi Gianluigi - Umbria
Dr. Gerardi Andrea – Umbria
Dr. Alvise Cavallini – Veneto
Diffusione nazionale
Medici specialisti in: anestesia e rianimazione, Angiologia e Flebologia,
Chirurgia generale, Chirurgia plastica, dermatologia, dietologia, endocrinologia, fisiatria, malattie reumatiche, Medicina sportiva e patologia vascolare, centri di Medicina e Chirurgia Estetica, estetica medica, medici
di base, studi privati di agopuntura e mesoterapia, infermieri professionali, ambulatori di chiroterapia, fisioterapia, fisiokinesiterapia e massaggi,
poliambulatori, case di cura e cliniche private, direttori sanitari: A.S.L.,
ospedali, stabilimenti termali, associazioni e istituzioni sanitarie, istituti scientifici e di ricerca, docenti e corsisti Divisione Didattica VALET:
C.P. M.A. e C.E.D.A.
2
Il dire
e il fare
EDITORIALE DI
Dr. Alessandro Frullini
Presidente Onorario AFI
D
el registro dei flebologi si parla già da un pò di tempo, si dicono molte cose e credo che sia meglio fare
un po’ di chiarezza.
Riassumo per chi non avesse seguito la vicenda. A oggi
in Italia (e in Europa) la flebologia non esiste ufficialmente,
è solo un’attività largamente praticata ma non è una vera
e propria specialità.
In alcuni paesi extra-europei è meglio organizzata come
in Argentina, dove la flebologia è un insegnamento universitario e una specialità o in USA dove si diventa flebologi
registrati dopo un percorso formativo e un esame finale.
Da noi è qualcosa che somiglia di più al “Far West”, c’è di
tutto e si diventa flebologi anche dopo aver letto un libro,
magari non tutto, basta avere la laurea in tasca.
Chi di voi non ha mai trovato un paziente che inizi la visita
dicendo: Dottore, le sclerosanti no, abbia pazienza ma le
ho già fatte, ho speso e non ho ottenuto nulla!
Se indagate su chi ha fatto il precedente trattamento tanto sgradito sono sicuro che molte volte si tratta di qualcuno “improvvisato”. Chi ha un po’ di esperienza sa bene
che non è possibile non riuscire a ottenere un risultato
trattando le teleangectasie, semmai possiamo discutere
sui casi particolari, ma in genere un certo risultato si ottiene sempre.
Ecco il Registro Italiano dei Flebologi serve proprio a questo, a certificare la formazione di chi si vuole definire Flebologo (l’effe maiuscola non è messa a caso). Si tratta di
una pubblica autocertificazione e dell’impegno a colmare
quei vuoti formativi che possono eventualmente essere
rilevati. Per esempio un chirurgo vascolare con anni di
esperienza di chirurgia tradizionale ma che non ha nessuna competenza sull’ecodoppler venoso o sulla scleroterapia, secondo me dovrebbe aggiornarsi anche su quelle
metodiche se vuole fornire un servizio di buon livello ai
propri pazienti. Poi potrà giudicare e proporre la terapia
che ritiene più opportuna, ma non per partito preso, cosa
che avverrebbe se non conoscesse affatto le alternative
terapeutiche.
In questi giorni l’Unione Europea ha fornito un assist formidabile al Registro perché sembra che ci sia la possibilità di un riconoscimento europeo della figura professionale
“flebologo”, a patto che i vari paesi membri istituiscano
un registro (alcuni come la Germania e la Polonia l’hanno
già fatto).
Sappiamo che ci sono molte perplessità ma, almeno per
questa volta, invece di dire e basta, lasciate fare chi ha
voglia e la perseveranza di fare. Se riusciremo a far diventare la Flebologia una pratica con la effe maiuscola se ne
avvantaggeranno tutti, medici e pazienti.
Buon lavoro a tutti
Dr Alessandro Frullini
Presidente Onorario AFI
Associazione Flebologica Italiana
[email protected]
DAYS
SIMPOSIO
NAZIONALE
Bologna • 27-28 Marzo 2015
Sede:
VALET - Bologna
3
E
SAV
THE
E
DAT
Introduzione alla lettura
delle linee guida
europee di Scleroterapia
L
a scleroterapia è una scienza antica, artigianale, nata
ai tempi in cui le varici venivano trattate chirurgicamente in Anestesia Generale (non sembra neanche vero
a pensarci adesso) ed il trattamento “radicale” o presunto tale, prevedeva molte giornate di degenza.
Ho vissuto in prima persona i dibattiti (anni ’70) ed i vituperi dei Chirurghi contro i “bucatori di vene”: il Paziente generalmente rifiutava un trattamento chirurgico così
invalidante, che prevedeva assenze dal lavoro per oltre
un mese, e, se gli era possibile, ricorreva ai viaggi della
speranza presso gli studi dei pochi flebologi di allora.
Nuovi sussulti chirurgici con la Chiva (1988), prima metodica ambulatoriale in Anestesia locale che però è caduta
in mano a persone improvvisate ed inesperte che hanno
non poco contribuito a vanificare i primi successi della
metodica, tuttora sicuramente valida in mani esperte.
Tutto è radicalmente cambiato nel 1997 quando Juan
Cabrera ha presentato alla Società Francese di Flebologia a Parigi i primi risultati del trattamento con la schiuma
sclerosante. Io ero presente e Juan ha presentato la Sua
relazione immediatamente dopo la mia. Ci siamo seduti
al tavolo insieme per il pranzo, ci siamo presentati ed
abbiamo subito fatto amicizia.
I presenti si sono subito accorti che si stava assistendo ad una vera e propria rivoluzione non solo nel trattamento della malattia varicosa ma anche in quello delle
malformazioni venose non (o mal) affrontabili chirurgicamente,
Conoscete tutti i fatti che sono seguiti: la ricerca dei gas
ideali, l’uso dell’ aria in piccole quantità etc. C’è stato un
fantastico boom di nuova e fervente artigianalità che ha
portato alla diffusione della metodica (Tessari, Monfreux)
mettendo a disposizione di tutti il metodo ideale per fabbricarsi la schiuma da soli, Inoltre i risultati della nuova
scleroterapia parlavano da soli.
Anche qui c’era il rischio concreto di lasciare in mano a
tanti operatori più o meno preparati o improvvisati una
metodica preziosa per i Pazienti ed allora sono state
convocate le prime riunioni (Consensus Conference Internazionali tra Esperti “veri” - Tegernsee) per mettere
opportuni paletti e delimitare metodi e campi di interesse
della Scleroterapia.
Da tutto lo sforzo per unificare e codificare la metodica
sono finalmente nate le attuali Linee guida europee, grazie anche al costante e personale impegno del nostro
Past-President Alessandro Frullini.
Sono state pensate per la tutela dei Pazienti e degli operatori ma anche per la tutela di una metodica che si è
COMMENTO DI
Dr. Alessandro Pieri
[email protected]
rivelata preziosa, di basso costo e di larga applicabilità.
Si deve prima di tutto notare che le LL GG sono Europee
(ma già in procinto di divenire “mondiali”) e non già Societarie o Nazionali. Si tratta cioè di Linee Guida unificanti e non di un insieme disperso, e talora contraddittorio,
di LL GG emanate da differenti Società Scientifiche. Ben
23 Società Flebologiche Europee hanno contribuito alla
prima stesura (draft) delle attuali LL GG che saranno sicuramente migliorabili, rivedibili, ma rimarranno a lungo
il punto di riferimento per tutti coloro che praticano o
vorranno praticare la scleroterapia.
Gli Autori sono noti a tutti e riconosciuti come Maestri
indiscussi, non solo senza autoreferenzialità ma reciprocamente garanti delle affermazioni e delle raccomandazioni condivise.
Vengono considerati e discussi in particolare gli “eventi
avversi” e le controindicazioni, le cautele e le modalità
tecniche delle metodiche sia con l’uso dei liquidi che
della schiuma sclerosante.
Viene anche sancito che l’uso delle metodiche ultrasoniche nella diagnosi, nel trattamento (eco-guidato) e
nella valutazione dei risultati costituisce uno strumento
essenziale nelle mani del flebologo. Una buona diagnostica preliminare costituisce sempre la base della buona
condotta terapeutica.
Il testo è molto ben organizzato e riflette un pensiero di
fondo concreto e condiviso ed è, a mio avviso, un modello di stesura per chi si voglia interessare di LL GG in
qualsiasi campo.
Il testo è agile, conciso, la lettura è piacevole ed allora
non viene la voglia di buttare via il tutto come spesso
succede di fronte ad altre LL GG confuse e inconcludenti. Ormai dobbiamo scegliere come passare il nostro
tempo nel doveroso compito del costante aggiornamento che il nostro lavoro richiede ed è un piacere trovare
qualcosa di veramente valido nel “mare magnum” di tutte
le cartacce che ci vengono quotidianamente propinate.
Buona ed approfondita lettura a Tutti Voi, i Vostri suggerimenti e le Vostre osservazioni e commenti saranno
graditissimi poiché, in quanto affiliati all’ AFI, abbiamo la
fortuna di poterne discuterne direttamente con uno degli
Autori e perché l’ uso di questo strumento nella Vostra
pratica farà sicuramente emergere piccoli o grandi temi
degni di essere ulteriormente indagati e precisati.
4
Linee guida europee
per la Scleroterapia
dei disturbi venosi cronici
TRADUZIONE ITALIANA DI
Dr. Alessandro Frullini
[email protected]
Dr.ssa Patrizia Pavei
[email protected]
Dr. Maurizio Ronconi
[email protected]
European Guidelines for Sclerotherapy in chronic venous disorders - E. Rabe, F. X. Breu, A. Cavezzi, P. Coleridge Smith, A. Frullini,
J. L. Gillet, J. J. Guex, C. Hamel-Desnos, P. Kern, B. Partsch, A. A. Ramelet, L. Tessari e F. Pannier - Phlebology Vol. 29(6) 2014
ABSTRACT
Obiettivo: scleroterapia è l’ablazione chimica mirata
delle varici mediante iniezione endovenosa di un di un
farmaco sclerosante in forma liquida o schiumosa. Le
vene trattate possono essere intradermiche, sottocutanea, e / o transfasciali nonché superficiali e profondi
In caso di malformazioni venose. Lo scopo di queste
guidelines è quello di fornire raccomandazioni basate
sull’evidenza per la scleroterapia con liquido e schiuma.
Metodi: questa linea guida è stata redatta per conto di
23 società flebologiche europee nel corso di una incontro nei giorni dal 7 al 10 maggio 2012 a Magonza. La
conferenza è stata organizzata dalla Società Tedesca
di Flebologia. Questa linea guida riflette lo stato attuale
delle conoscenze pubblicate nella letteratura medica.
La situazione normativa dei farmaci sclerosanti
differisce da paese a paese, ma questo non è stato
considerato in questo documento. Le raccomandazioni di queste linee guida sono classificati secondo
le raccomandazioni della task force dell’American College of Chest Physicians sulla classificazione di forza
delle Raccomandazioni e Qualità dell’evidenza delle
linee guida cliniche.
Risultati: Questa linea guida si concentra sui due farmaci sclerosanti che sono autorizzati nella maggior
parte dei paesi europei, polidocanolo e sodio tetradecil
solfato. Altri sclerosanti non sono discussi in dettaglio.
La linea guida fornisce raccomandazioni relative a indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali, concentrazioni, volumi, la tecnica e sull’efficacia del liquido e
della schiuma nella scleroterapia delle vene varicose e
delle malformazioni venose.
PREMESSA
Questa linea guida è stata redatta per conto di 23 società flebologiche europee nel corso di un meeting il
7-10 maggio 2012 a Magonza (Appendice A). Il convegno è stato organizzato dalla Società tedesca di
Flebologia. Queste linee guida illustra l’attuale stato
delle conoscenze come risulta nella letteratura medica
pubblicata. Il quadro normativo di farmaci sclerosanti
differisce da paese a paese, ma questo non è stato
considerato in questo documento. Le linee guida sono
raccomandazioni elaborate sistematicamente e pro-
5
gettate per supportare il clinico e medico nelle decisioni circa la cura appropriata dei pazienti in situazioni
cliniche specifiche. Linee guida si applicano alle ‘situazioni standard’ per prendere conto delle conoscenze
scientifiche attualmente disponibili relative al soggetto
in esame.
Linee guida richiedono revisione nel tempo e, eventualmente, modifiche per adattarsi ai più recenti evidenze
scientifiche e alla loro possibilità di essere messi in pratica nella routine quotidiana.
Linee guida non sono destinate a limitare la libertà del
medico di scegliere il metodo più appropriato di trattamento. La conformità con le raccomandazioni non garantisce sempre il successo diagnostico e terapeutico.
Linee guida non hanno alcuna pretesa di completezza. La decisione sull’opportunità di ogni azione da intraprendere è ancora la responsabilità del medico per
ogni situazione individuale.
Gli autori di queste linee guida ha scritto il testo al meglio le conoscenze sulla base della letteratura disponibile. Tuttavia, non si assumono alcuna giuridica responsabilità per la completezza delle raccomandazioni
o per il successo del terapeuta che agisce secondo le
linee guida.
Le raccomandazioni di questa linea guida sono classificate secondo American College of Chest
Physicians Task Force recommendations on Grading
Strength of Recommendations and Quality of
Evidence in Clinical Guidelines (1) (Appendice B).
Questa linea guida si concentra sui due farmaci sclerosanti che sono concessi in licenza nella maggioranza
dei paesi europei, polidocanolo (POL) e sodio tetradecil solfato (STS).
Altri sclerosanti non sono discussi in dettaglio. In generale, per motivi di responsabilità e sicurezza non è
raccomandato l’uso di sostanze non autorizzate o di
modificare la composizione originale dei medicinali. Ciò
può alterare il profilo di sicurezza ed è fatto a rischio e
pericolo del medico e senza coinvolgere la responsabilità del produttore farmaceutico.
In linea di principio, questo vale anche per l’uso di sclerosanti in schiuma prodotti mescolando un detergente
sclerosante con aria o un altro gas. Questo è un metodo consolidato e autorizzato in diversi paesi, pertantosi consiglia di utilizzare un procedura standardizzata
come descritta nel capitolo 11, 3.
DEFINIZIONE
La scleroterapia è l’ablazione chimica mirata di vene
varicose mediante l’iniezione endovenosa di un liquido
o farmaco sclerosante in forma schiumosa. Le vene
trattate possono essere intradermiche, sottocutanee
e/o transfasciali (vene perforanti) nonché vene superficiali o profonde di malformazioni venose.
Gli sclerosanti distruggono l’endotelio venoso ed eventualmente ulteriori strati della parete venosa.
Dopo una scleroterapia ottimale e dopo un lungo periodo di tempo, le vene si trasformano in un cordone
fibroso, un processonoto come sclerosi. (2-5)
Lo scopo della scleroterapia non è di conseguire trombosi del vaso di per sé (può ricanalizzarsi) ma la trasformazione definitiva in un cordone fibroso. Il risultato
funzionale è equivalente alla rimozione chirurgica di
una varice.
OBIETTIVI DELLA SCLEROTERAPIA
• Ablazione delle vene varicose;
• prevenzione e trattamento delle complicanze delle
malattia venosa cronica (CVD);
• miglioramento e / o sollievo dai sintomi venosi, miglioramento della qualità della vita;
• miglioramento della funzione venosa;
• miglioramento dell’aspetto estetico.
Questi obiettivi sono in linea con altri metodi di trattamento delle le vene varicose.
INDICAZIONI
Raccomandazione 1: Si consiglia di scleroterapia per
tutti i tipi di vene, in particolare:
• vena safena incompetente (4, 6-11) (GRADO 1A);
• vene tributarie varicose (12, 13) (GRADO 1B);
• incompetente perforante veins12,14-16 (GRADO 1B);
• varici reticolari (3, 17-21)(GRADO 1A);
• teleangectasie (7, 17-21) (GRADO 1A);
• vene varicose residue e riecidive dopo un precedente
trattamento (12, 22-27) (GRADO 1B);
• le varici di origine pelvica (GRADO 1B); 22,28,29
• varici (vene refluenti) in prossimità delle ulcere degli
arti inferiori (30-33) (GRADO 1B);
• malformazioni venose (34-36) (GRADO 1B).
Non sono trattate in queste linee guida altre indicazioni
(ad esempio varici esofagee, emorroidi,
varicocele, igroma, cisti linfatiche e cisti di Baker).
La scleroterapia con liquido viene considerata il metodo di scelta per il trattamento delle varici stadio C1
(classificazione [CEAP] clinica, eziologia, anatomia e
patologia) (varici vericolari e teleangectasie) (17, 19,
21, 37, 38)
La scleroterapia con schiuma è un’opzione aggiuntiva
di trattamento per lo stadio C1 (7, 20, 39)
Nel trattamento delle vene safena incompetenti, l’ablazione termica o la chirurgia sono metodi ben consolidati. Tuttavia, il trattamento di safene con scleroterapia
è pure un buon trattamento e un’opzione conveniente
(40-43) Questo vale in particolare per scleroterapia con
schiuma, come è stato dimostrato negli studi casocontrollo e in studi prospettici randomizzati e controllati
condotti negli ultimi anni. (4, 10, 19, 44-46)
CONTROINDICAZIONI
Raccomandazione 2: Si consiglia di considerare le seguenti controindicazioni assolute e relative. (GRADO 1C):
Controindicazioni assolute: (2, 3, 38, 47,48)
• Allergia nota al sclerosante;
• Trombosi acuta venosa profonda (TVP) e / o embolia polmonare (PE);
• Infezione locale nella zona di scleroterapia o grave
infezione generalizzata;
• Immobilità di lunga durata e confinamento a letto.
Per la scleroterapia con schiuma in aggiunta:
shunt sintomatico destro/snistro conosciuto (ad esempio forame ovale pervio sintomatico).
Le controindicazioni relative (valutazione obbligatoria
del rischio-beneficio individuale): (2, 38, 48)
• gravidanza;
• l’allattamento al seno (interrompere l’allattamento al
seno per 2-3 giorni);
• malattia occlusiva arteriosa periferica grave;
• cattive condizioni di salute generale;
• forte predisposizione alle allergie;
• alto rischio di tromboembolismo venoso (es. storia
tromboembolica, eventi, trombofilia grave conosciuta, ipercoagulabilità, cancro in fase attiva);
• trombosi venosa acuta superficiale.
• disturbi neurologici, tra cui crisi emicranica a seguito
di precedente scleroterapia con schiuma.
Il trattamento anticoagulante di per sé non rappresenta
una controindicazione alla scleroterapia (30, 49, 50)
Inoltre, si deve considerare il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto aggiornato
inserito nella confezione o le informazioni prescrittive
valide in ciascun paese.
COMPLICAZIONI E RISCHI
Se eseguita correttamente, la scleroterapia è un metodo efficiente di trattamento con una bassa incidenza di
complicazioni. (51)
Raccomandazione 3: Si consiglia di considerare i seguenti eventi avversi dopo scleroterapia (52-58)
(GRADO 1B) (Tabella 1).
Anafilassi
Lo shock anafilattico come pure l’iniezione involontaria
intra-arteriosa sono complicazioni estremamente rare
costituiscono una situazione di emergenza, (59, 60)
Raccomandazione 4: Se si sospetta l’insorgenza di
anafilassi si consiglia di interrompere immediatamente l’iniezione e attenersi alle procedure di emergenza
6
il dolore si verifica durante iniezione, l’iniezione deve
essere immediatamente interrotta.
Se si sospetta l’iniezione intra-arteriosa, una terapia
anticoagulante e trombolisi distrettuale effettuata con
catetere dovrebbero essere effettuate se possibili.
Questo potrebbe essere associato ad anticoagulazione sistemica.
La somministrazione precoce di sistemica di cortisonici
potrebbe aiutare a ridurre la flogosi. (57)
Raccomandazione 5: per evitare l’iniezione intra-arteriosa o paravenosa accidentale si consiglia di utilizzare
La guida ecografica sia per la schiuma che per la scleroterapia con liquido quando la vena bersaglio non è
visibile o non palpabile (GRADO 1C).
Raccomandazione 6: si consiglia una terapia anticoagulante e trombolisi distrettuale effettuata con catetere
se possibile eventualmente seguita da terapia anticoagulante sistemica se si sospetta l’iniezione intrarteriosa. La somministrazione precoce di cortisonici sistemici può aiutare a ridurre la flogosi(GRADO 1C).
Necrosi cutanea ed embolia cutis medicamentosa
La necrosi cutanea è stata descritta dopo iniezione perivenosa di sclerosanti in concentrazioni elevate e l’iniezione intravascolare, raramente dopo sclerosi eseguita
correttamente con sclerosanti in bassa concentrations.
(63) È stato dimostrato che l’iniezione sottocutanea di
paravenosa di POL liquido o in schiuma non è risultata
responsabile di necrosi cutanea dopo sclerosi di vene
reticolari o telangiectasie. (64)
In questo caso,un meccanismo che coinvolge passaggio del sclerosante nella circolazione arteriosa via anastomosi artero-venose o vasospasmo riflesso venoarteriosa è stato postulato. (57, 65, 66)
In singoli casi, questo è stato descritto come embolia
medicamentosa cute o fenomeno di Nicolau. (67, 68)
Raccomandazione 7: per ridurre il rischio di necrosi cutanea si consiglia di evitare le iniezioni di grande
volume. Lo sclerosante deve essere iniettato con una
pressione minima (GRADO 1C).
Disturbi visivi, cefalea ed emicrania
standard, tra cui la somministrazione di adrenalina se
appropriata (GRADO 1A).
Necrosi tissutale estesa
Le necrosi estese possono verificarsi dopo iniezione
intrarteriosa accidentale. (61, 62)
Il rischio di iniezione intra-arteriosa può essere minimizzato con guida ecografica che visualizzi e identifichi
adeguatamente le vene bersaglio vicino alle arterie. Se
7
Possono essere osservati sintomi transitori simili all’emicrania dopo ogni tipo di scleroterapia. Essi si verificano più comunemente dopo scleroterapia con schiuma che dopo liquido. (37, 52,56,69,70)
È stato suggerito che uno shunt destro-sinistro (es
PFO), presente in circa il 30% della popolazione generale, potrebbe essere un fattore di rischio, consentendo alle bolle di schiuma il passaggio nel circolo arterioso. (71-75)
I disturbi visivi che si verificano dopo la scleroterapia
possono corrispondere ad emicrania con aura e non
ad eventi ischemici cerebro-vascolari transitori. (76)
I disturbi visivi possono essere associati a parestesia e
disturbi disfasici della parola a seconda
dell’estensione della depressione dello spreading corticale che rappresenta è il correlato patologico dell’emicrania con aura.
Non c’è una chiara evidenza di una relazione tra le bolle e disturbi visivi o neurologici.
Recenti evidenze hanno dimostrato rilascio di endotelina 1 dal vaso iniettato con sclerosanti liquidi o in
schiuma. (77, 78)
Finora, nessuna anomalia è stata
osservato all’esame oftalmologico e non sono state
segnalate disturbi visivi permanenti.
Iniezioni multiple con piccole dosi singole possono
eventualmente
ridurre il passaggio dello sclerosante nelle vene profonde. (79)
Ictus e attacco ischemico transitorio
Nei disturbi neurologici precoci denominati anche
come ‘strokè in letteratura, non sono stati trovati coaguli intra-cerebrali. Questa entità non sembra corrispondere alla patologia tromboembolica. (56-58, 71,
80, 81)
In tali casi bolle d’aria nelle arterie cerebrali sono state
riportate. (81, 84)
Tra gli strokes riferiti dopo scleroterapia,
dobbiamo distinguere quelli relativi a embolia venosa
paradossa di un coagulo in genere con un inizio ritardato dei sintomi, (che sono stati anche riportati a seguito di vari metodi di trattamento delle vene varicose,
(85,86)) e l’ictus relativo all’embolia gassosa paradossa con esordio precoce che è una complicanza specifica della sclerosi con schiuma. (72, 87)
È essenziale notare che tutti i pazienti con ictus correlato a embolia gassosa paradossa con un esordio
precoce dopo scleroterapia hanno avuto una completa
o quasi completa risoluzione. Nessuno stroke con residui significativi a distanza è stato riferito al momento
attuale. (87)
TVP e EP
Nella Tabella 1, la TVP distale è elencata come una
“grave complicanza” anche se può individualmente
corrispondere a una “complicanze minore” (ad es TVP
delle vene del polpaccio).
sono disponibili pochi dati pubblicati per valutare la
frequenza effettiva della TVP dopo scleroterapia con
liquido.
La maggior parte degli studi che riportano il risultato in
pazienti trattati con la scleroterapia liquido sono vecchi
e senza valutazione duplex.
TVP sintomatica e asintomatica spesso non sono chiaramente distinte negli studi, mentre le conseguenze
cliniche probabilmente sono differenti. (93)
Eventi tromboembolici gravi (TVP prossimale, embolia
polmonare) si verificano molto raramente dopo la scleroterapia. (94, 95) La frequenza complessiva di eventi
tromboembolici è <1%; nella meta-analisi di Jia et al.
(96) la frequenza di TVP è stata dello 0,6%.
La maggior parte delle TVP sono state distali. La maggior parte dei casi sono statio asintomatici e rilevati al
duplex durante il follow-up di routine. (52, 56)
Impiegare grandi volumi di sclerosante, in particolare
nel forma di schiuma, aumenta il rischio di trombosi.
(44, 47, 80, 97)
Lo stesso vale per i pazienti con un precedente storia
di tromboembolismo o di trombofilia. (6) In tali pazienti
con questi fattori di rischio il rapporto rischio beneficio
deve essere ben definito e ulteriori misure profilattico
dovrebbero essere prese. (47, 49) Altri fattori di rischio,
come sovrappeso o mancanza di mobilità, devono essere considerate.
con insorgenza ritardata sono stati descritti sia dopo
scleroterapia con liquido che con schiuma che rappresentando episodi di trombo-embolia paradossa. (71,
84, 88-92)
Raccomandazione 9: Nei pazienti con un elevato rischio di tromboembolia come quelli con una storia di
TVP spontaneao trombofilia gravi conosciuta possiamo raccomandare:
• l’uso di tromboprofilassi farmacologica in linea con
le attuali linee guida/raccomandazioni (GRADO 1C);
• implementare la profilassi fisica (compressione, movimento) (GRADO 1C);
• Evitare l’iniezione di grandi volumi di schiuma (GRADO 1C);
• decidere caso per caso (eseguire una valutazione
del rischio beneficio sulla base dell’indicazione particolare) (GRADO 1C).
Raccomandazione 8: per i pazienti che hanno riferito
sintomi neurologici, tra cui l’emicrania in occasione di
una precedente scleroterapia si consiglia di:
• il paziente deve rimanere sdraiato per un periodo di
tempo più lungo (GRADO 2C);
• evitare l’iniezione di grandi volumi di schiuma o effettuare scleroterapia con liquido (GRADO 2C);
• il paziente deve evitare l’esecuzione di una manovra
di Valsalva subito dopo l’iniezione (GRADO 2C);
• decidere caso per caso (eseguire una valutazione
del rischio- beneficio in rapporto al caso specifico
(GRADO 2C).
Trombosi venosa superficiale
Nella letteratura, frequenze comprese tra 0% e il 45,8%
sono segnalate con un valore medio del 4,7%, (52, 57,
96) tuttavia, in letteratura la definizione di flebite dopo
la scleroterapia è controversa.
Una reazione infiammatoria nella parte iniettata della
vena non deve essere interpretata come flebite, mentre una trombosi venosa superficiale in una vena non
sottoposta all’iniezione sarebbe più adatta a questa
definizione.
La trombosi venosa superficiale dopo scleroterapia si
verifica, ma la frequenza reale è sconosciuta.
Casi isolati di ictus confermato o attacco ischemico
transitorio
8
Lesione del nervo motore
L’incidenza di lesioni del nervo dopo scleroterapia è
molto rara e inferiore agli altri metodi di trattamento per
le varici. (98)
Pigmentazione residua
La pigmentazione della cute è stata segnalata con frequenza compresa tra 0,3 e 30% nel breve periodo. (63,
99) In generale, questo fenomeno si risolve lentamente
in settimane o mesi. (100) L’incidenza di pigmentazione è probabilmente
più alta dopo sclerosi con schiuma. (52) I coaguli intravascolari devono essere rimossi mediante aspirazione
con ago o incisione con bisturi e spremitura del coagulo per ridurre l’incidenza di pigmentazione. (101) Inoltre
l’esposizione ai raggi UV post-scleroterapia deve essere evitata per le prime due settimane dopo la scleroterapia.
Raccomandazione 10: Per ridurre il rischio di pigmentazione si consiglia la rimozione di coaguli superficiali
(GRADO 1C).
Matting
Il matting, cioè la comparsa di nuove piccole teleangectasie nell’area di una vena sclerosata, è una reazione individuale imprevedibile del paziente e può
manifestarsi anche dopo un trattamento chirurgico o
termo ablativo delle varici (63). Il mancato o inadeguato
trattamento di un reflusso sottostante è,in molti casi,
causa di matting.
L’uso di alte concentrazioni o di grosse quantità di sostanze sclerosanti può portare ad una eccessiva infiammazione od occlusione del vaso con conseguente
angiogenesi.Il trattamento del matting si effettua eliminando il reflusso sottostante ed eventuali tratti di vene
pervie residue, utilizzando basse concentrazioni di
sclerosante o la flebectomia.
Altri eventi avversi
Altre possibili reazioni avverse sistemiche o locali includono: sensazione di costrizione toracica, reazioni vaso-vagali, nausea, gusto metallico, coaguli intravasali,
ematomi, ecchimosi o dolore nella sede di iniezione,
edema locale, zone indurite, macchie sulla pelle, vesciche ed eritema. Inoltre si possono avere complicanze
dovute al bendaggio, come la comparsa di flittene (vesciche nell’area di cerotti adesivi).
Raccomandazione 11: per migliorare la sicurezza della
scleroterapia con schiuma raccomandiamo:
• di iniettare nelle varici (C2) una schiuma molto viscosa (Livello 1C);
• di evitare movimenti dell’arto e del paziente per alcuni minuti dopo l’iniezione, di evitare che il paziente effettui manovre di Valsalva (Livello 1C).
9
tIl tipo di gas da usare (aria ambiente o gas fisiologico)
per preparare la schiuma è un argomento controverso. Se si utilizzano grosse quantità di schiuma, l’impiego di una schiuma sclerosante a basso contenuto
di azoto sembra ridurre la comparsa precoce di effetti
collaterali. (103, 104) Recentemente gli studi eseguiti
non hanno dimostrato alcun beneficio sull’insorgenza
di disturbi neurologici nei pazienti trattati con schiuma
sclerosante ottenuta con miscela di CO2-O2 rispetto a
quella ottenuta con aria. (105, 106)
Consenso informato del paziente
Raccomandazione 12: prima di effettuare la scleroterapia raccomandiamo di informare il paziente circa:
• possibili metodi alternativi di trattamento con i loro
pro e contro (GRADO 1B);
• la procedura scleroterapica in dettaglio e la gesione
post-trattmento (GRADO 1B)
• i maggiori rischi legati alla terapia (GRADO 1B)
• gli eventi avversi più frequenti (GRADO 1B)
• Il paziente dovrebbe essere informato sui risultati
che possono essere ottenuti con la scleroterapia e
cioè:
- sul tasso di successo e di recidive della metodica;
- sul fatto che può essere necessario un follow up a
breve - medio termine;
- che in alcuni casi possono essere necessarie ulteriori sedute di scleroterapia, soprattutto nel caso di
trattamento di varici di grosso calibro;
- che la scleroterapia con schiuma è più efficace di
quella con liquidi (GRADO 1A) e che l’uso della
guida ecografica può aiutare a prevenire l’iniezione
intra- arteriosa, ma che altre reazioni avverse possono essere più frequenti (vedi la sezione complicanze e rischi);
- Nei casi in cui sia richiesto, il paziente dovrebbe
essere informato circa l’uso off-label di alcune sostanze e degli agenti sclerosanti sotto forma di
schiuma (GRADO 1B).
Diagnosi e documentazione prima della scleroterapia
Una scleroterapia ben riuscita richiede una meticolosa pianificazione. Generalmente la scleroterapia viene
eseguita seguendo un ordine prossimo- distale nel
trattamento dei punti di fuga, e procedendo dalle varici
di maggior calibro verso quelle più piccole. Ne consegue che prima di iniziare il trattamento debba essere
eseguito un corretto inquadramento diagnostico (38).
L’inquadramento diagnostico standard nei pazienti affetti da malattie venose croniche include l’anamnesi,
l’esame clinico ed una valutazione ecodoppler (DUS)
eseguita da una persona competente. Nel caso di teleangectasie e varici reticolari al posto del DUS può
essere utilizzato il Doppler CW, anche se la tendenza è
quella di utilizzare l’indagine ecodoppler anche in questi casi.
L’esame ecodoppler eseguito in ortostatismo è particolarmente adatto per identificare tronchi safenici e
vene sottocutanee refluenti, giunzioni safeniche incontinenti, così come per evidenziare danni post-trombotici nel sistema venoso profondo e per pianificare il
trattamento. (107, 110) L’esame ecodoppler dovrebbe
inoltre specificare l’eventuale incontinenza della valvola
terminale e/o pre- terminale della vena grande safena. L’ecodoppler offre notevoli vantaggi rispetto all’uso
del Doppler CW nella valutazione pre-trattamento degli
assi safenici, inclusa la possibilità di misurare il diametro della vena. (111)
Raccomandazione 13: nella valutazione diagnostica
prima della scleroterapia raccomandiamo adeguata
anamnesi, l’esame obiettivo ed una valutazione ecodoppler. Nel caso di teleangectasie e varici reticolari
può essere sufficiente un esame Doppler CW (GRADO
1C).
L’esame ecodoppler è fortemente raccomandato prima del trattamento sclerosante di pazienti con varici
recidive. (112, 113) Anche nel caso di malformazioni
vascolari un attento ecodoppler è fortemente raccomandato. Inoltre, possono essere presi in considerazione ulteriori esami diagnostici funzionali (per esempio
foto pletismografie, flebo dinamometria, pletismografia
ad occlusione venosa) e di imaging (per es. flebografie)
(41, 116, 117)
Raccomandazione 14: l’esame ecodoppler è fortemente raccomandato prima della scleroterapia per varici
recidive dopo un precedente trattamento ed in pazienti
con malformazioni vascolari (GRADO 1B).
Prima di eseguire una scleroterapia con schiuma non
è necessario eseguire routinariamente indagini specifiche per rilevare la presenza di shunts destro-sinistro o
trombofilie. (47)
Raccomandazione 15: l’esecuzione routinaria di indagini per rilevare shuntd dx-sin o trombofilie non è raccomandata (GRADO 1C).
In corso di scleroterapia dovrebbero essere registrati
il numero di trattamenti eseguiti (iniezioni e sedute), il
farmaco utilizzato, i volumi, le concentrazioni e il rapporto aria/liquido usato per la schiuma sclerosante,
così come il metodo di trattamento scelto, e anche i
mappaggi pre e post-trattamento.
GESTIONE DELLA SCLEROTERAPIA DELLE VARICI
Agenti sclerosanti
Negli ultimi decenni varie soluzioni sclerosanti sono
state utilizzate per il trattamento delle vene varicose, a
seconda delle normative nazionali, delle tradizioni e del
diametro delle vene da trattare.
Polidocanolo (lauromacrogol 400) Il Polidocanolo (lauromacrogol 400) (POL) è disponibile in diverse concentrazioni, 0.25%,0.5%,1%, 2% e 3% (che corrispondono
rispettivamente a 5, 10, 20, 40, 60 mg per ogni fiala da
2 ml). Il POL è un detergente non ionico e un anestetico
locale. La dose di 2mg di POL/kg di peso /die non dovrebbe essere superata (vedi scheda informativa tedesca dell’Atossisclerolo (Kreussler 2012).
Per esempio in un paziente di 70Kg, la quantità totale di
POL iniettata, indipendentemente dalla quantità necessaria per il trattamento, non dovrebbe superare i 140mg.
140 mg di POL sono contenuti in:
56 ml di soluzione di POL allo 0.25%
28ml di soluzione di POL allo 0.5%
14ml di soluzione di POL all’1%
7ml di soluzione di POL al 2%
4,6ml di soluzione di POL al 3%
Tetradecilsolfato di Sodio (STS). Il tetradecilsolfato di
Sodio è un detergente anionico. Viene fornito nelle
concentrazioni di 0.2%, 0.5%, 1% e 3% (rispettivamente contenenti 2,5,10 e 30 mg/ml – dati contenuti
nelle informazioni per la prescrizione del Fibrovein del
Regno Unito (STD 2012).
Dosi eccessive di STS possono indurre emolisi dei globuli rossi e quindi i produttori raccomandano di limitare
la quantità di STS a non più di 4ml di soluzione al 3%
e non più di 10ml per tutte le altre concentrazioni per
ogni seduta di trattamento.
Scleroterapia con soluzioni sclerosanti (scleroterapia
con liquidi)
Raccomandazione 16: raccomandiamo le seguenti
dosi di concentrazione e volume per iniezione per la
10
scleroterapia liquida (GRADO 2B). Le concentrazioni ed
i volumi proposti sono indicativi e possono essere modificati a giudizio del medico esecutore. (Tabelle 2 e 3)
TECNICA D’INIEZIONE E MATERIALI
La scleroterapia può essere eseguita con o senza
guida ecografica e sotto forma di soluzione liquida o
schiumosa.
Scleroterapia semplice (a vista)
Teleangectasie e varici reticolari (C1)
Raccomandazione 17: per la scleroterapia con liquidi
di teleangectasie e di varici reticolari (C1) raccomandiamo (GRADO 1C per tutta la procedura):
• la puntura e l’iniezione delle teleangectasie e delle
varici reticolari con il paziente in posizione orizzontale;
• viene raccomandato l’uso di siringhe monouso con
scarso attrito;
• possono essere utilizzati aghi sottili (fino a 32G);
• può essere usata la tecnica dell’Air-block;
• sedute ripetute possono migliorare i risultati;
• durante il trattamento di teleangectasie e vene reticolari, lo svuotamento immediato della vena all’inizio dell’iniezione conferma l’iniezione intravenosa;
• In caso di immediato sbiancamento della cute circostante il sito d’iniezione, l’iniezione deve essere
sospesa per evitare danni cutanei;
• durante la scleroterapia con liquidi, l’iniezione intravenosa dello sclerosante deve essere eseguita
lentamente, possibilmente frazionata e verificando
il posizionamento intravenoso dell’ago;
• un forte dolore durante l’iniezione può essere indicativo di un’iniezione extra-venosa o intra-arteriosa.
In tale eventualità, l’iniezione deve essere immediatamente sospesa.
Vene varicose (C2)
Raccomandazione 18: per la scleroterapia con solu-
11
zioni liquide delle vene varicose si danno le seguenti
raccomandazioni (GRADO 1C per tutta la procedura):
• la vena può essere punta con tecnica con ago chiuso o aperto;
• la puntura diretta di una vena perforante o di una
giunzione femorale deve essere evitata;
• viene consigliato l’uso di siringhe monouso a basso
attrito e di aghi di vario diametro, in relazione all’indicazione;
• materiale per l’iniezione: l’iniezione può essere eseguita:
- con ago montato su una siringa ( per esempio da
2.5-5ml) riempita di soluzione sclerosante
- con aghi butterfly nel caso di varici poste vicino
alla cute
- con cateteri corti come opzione per la puntura dei
tronchi safenici, che consentono un’eventuale reiniezione
- con cateteri lunghi sempre per i tronchi safenici
• Nella scleroterapia con schiuma di grosse vene il diametro dell’ago non dovrebbe essere inferiore a 25G
per evitare il degrado della qualità della schiuma;
• Una volta punta la vena con la tecnica con ago chiuso è necessario verificare la posizione intravenosa
aspirando del sangue;
• Durante una seduta di scleroterapia possono essere eseguite più punture lungo la vena;
• L’iniezione avviene generalmente con il paziente sdraiato
• Nel caso di scleroterapia con liquidi, l’iniezione intravenosa dello sclerosante deve essere effettuata
lentamente; possibilmente in più frazioni e verificando
che l’ago o il catetere corto siano in posizione intravenosa
un forte dolore che compare durante l’iniezione può
essere indicativo di iniezione extravenosa o anche
intra-arteriosa. In quest’eventualità l’iniezione va immediatamente sospesa.
Scleroterapia eco guidata (UGS)
La scleroterapia eco guidata con liquidi o con schiuma
sclerosante si è dimostrata un utile metodo da utilizzare per il trattamento dell’insufficienza venosa. È par-
ticolarmente utile nel trattamento degli assi safenici,
delle tributarie, delle perforanti, delle recidive poplitee
e delle malformazioni venose (14, 120-122)
Raccomandazione 19: per la UGS raccomandiamo
(GRADO 1C per tutta la procedura):
• l’identificazione ecografica del segmento venoso da
trattare e delle arterie circostanti, prima dell’iniezione;
• nel trattamento di giunzioni safeniche e tronchi safenici refluenti raccomandiamo che almeno 1 iniezione venga effettuata nel tratto prossimale di coscia
(per la grande safena o per la vena safena accessoria anteriore) o di polpaccio ( per la vena piccola
safena);
• in tutti gli altri casi, la vena dovrebbe essere punta
nel punto più sicuro e più facilmente accessibile;
• la vena deve essere localizzata ecograficamente in
scansione longitudinale e/o trasversale;
• la vena va punta sotto guida ecografica e la punta
dell’ago va posizionata al centro del lume;
• va verificato il reflusso di sangue nell’ago o nel catetere ed alcune gocce di sclerosante o alcune bolle
vanno spinte nella vena e verificato ecograficamente il loro passaggio intravenoso prima dell’iniezione;
• l’iniezione va eseguita sotto controllo ecografico;
• la schiuma sclerosante (POL o STS) è più adatta per
l’ecosclerosi del liquido dal momento che le bolle
d’aria sono un eccellente mezzo di contrasto, che
permette la visibilità dell’agente sclerosante;
• nel controllo ecografico post-iniezione, vanno verificati la distribuzione dello sclerosante e la reazione
della vena, incluso lo spasmo venoso.
Scleroterapia con schiuma
La letteratura è ricca di articoli sulla scleroterapia con
schiuma (123) Negli ultimi anni, con il miglioramento
della tecnologia, la scleroterapia con schiuma è diventata un metodo ben codificato, soprattutto per il trattamento delle vene varicose. (7, 95, 124)
Gli sclerosanti di tipo detergente, come il POL o l’STS,
possono essere trasformati in una schiuma a piccole
bolle con speciali tecniche. Viene prodotta attraverso
la turbolenza che si crea mescolando liquido e gas in 2
siringhe collegate tra loro da un rubinetto a 3 vie (metodo Tessari). Nel metodo Tessari originale il rapporto
sclerosante/gas è di 1:4. (124, 125)
La tecnica di Tessari DSS (sistema a doppia siringa)
prevede di creare una turbolenza mescolando POL e
gas in un rapporto di 1:4, utilizzando 2 siringhe collegate tra loro da un connettore a 2 vie. Se si utilizzano
basse concentrazioni di sclerosante, la schiuma prodotta con il metodo Tessari è instabile, mentre con alte
concentrazioni è più stabile e più viscosa.
Non vi sono segnalazioni di eventi avversi attribuibili
all’uso di aria non sterile per la produzione della schiuma (126).
La scleroterapia con schiuma può essere eseguita con
(UGS) o senza (nUGS) guida ecografica. È possibile e
ritenuto appropriato trattare senza guida ecografica
vene varicose visibili o palpabili. (127, 128)
Produzione della schiuma
Raccomandazione 20: raccomandiamo per la creazione di una schiuma sclerosante, l’uso di un rubinetto a 3
vie (metodo Tessari) o di un connettore a 2 vie (metodo
Tessari DSS) per tutte le indicazioni (GRADO 1A)
Raccomandazione 21: per la formazione della schiuma
sclerosante raccomandiamo per tutte le indicazioni,
l’uso di aria (GRADO 1A) o di una miscela CO2-O2
(GRADO 2B).
Raccomandazione 22: per la produzione della schiuma sclerosante raccomandiamo un rapporto liquido/
gas di 1:4 (1 parte di liquido e 4 parti di aria) o di 1:5
(GRADO1A). Nel trattamento delle vene varicose (C2)
si consiglia l’uso di schiuma viscosa, a piccole bolle e
omogenea (GRADO 1C).
È considerato accettabile aumentare la proporzione
di sclerosante, soprattutto quando si usano sostanze
sclerosanti a basse concentrazioni.
Raccomandazione 23: raccomandiamo di far passare il
minor tempo possibile tra la produzione della schiuma
e l’iniezione della stessa (GRADO 1C).
La modifica di alcuna proprietà fisiche ( come il congelamento o il riscaldamento) possono cambiare il profilo
di sicurezza dello sclerosante.
Quantità di schiuma
Non vi sono evidenze che stabiliscano un limite massimo di volume di schiuma iniettabile per seduta. Nella precedente Consensus europea sulla scleroterapia
con schiuma, era stato indicato dagli esperti un volume
massimo di 10ml di schiuma per seduta. (47) L’incidenza di complicanze tromboemboliche e di effetti collaterali transitori (per esempio disturbi visivi) aumenta con
l’aumentare dei volumi di schiuma (82)
Raccomandazione 24: raccomandiamo un massimo di
10ml di schiuma per seduta nei casi routinari (GRADO
2B). Volumi maggiori di schiuma possono essere somministrati valutando singolarmente il rapporto rischiobeneficio (GRADO 2C).
Concentrazione di sclerosante nella scleroterapia
con schiuma
Raccomandazione 25: raccomandiamo di utilizzare le
seguenti concentrazioni in relazione al diametro della
vena da trattare. Le concentrazioni ed i volumi proposti
sono solo indicativi e possono essere modificati a giudizio del medico (Tabella 4).
Nel caso di incompetenza delle vene perforanti, di varici recidive e malformazioni venose, nella maggior parte
degli studi sono stati utilizzati POL e STS all’1%. 11
GESTIONE POST-TRATTAMENTO
Raccomandazione 26: per la gestione del post-trattamento si raccomanda di seguire le seguenti indicazioni:
12
•a
ttenta osservazione per ogni segno di comparsa di
reazione avversa (GRADO IB);
• dopo scleroterapia, può essere applicata una compressione periferica alle estremità. La compressione
può essere ottenuta sia attraverso l’utilizzo di calze
mediche compressive che di bendaggio compressivo (GRADO 2C);
• indossare ogni giorno per tre settimane calze elastiche compressive (23-32 mmHg) dopo scleroterapia
di teleangectasie migliora i risultati (GRADO 2B);
• l’immobilizzazione prolungata e i lunghi viaggi nella prima settimana dopo la sclerotrapia possono aumentare il rischio di eventi tromboembolici (GRADO IC);
• quando possibile, alla visita di follow-up dovrebbe
essere eseguita la rimozione di coaguli residui nel
lume dei vasi trattati (con o senza aiuto dell’ecografia) (GRADO IC)
FOLLOW-UP A DISTANZA
La valutazione dell’efficacia della scleroterapia include
valutazioni cliniche, morfologiche ed emodinamiche.
Outocome clinico
• valutazione clinica nella pratica quotidiana: rilevazione della presenza/assenza/incremento di vene
varicose nell’area trattata da parte del Medico e/o
del paziente;
• la valutazione clinica include anche l’evoluzione di
ulcere venose, dell’edema, dell’emorragia, dell’infiammazione, etc;
• valutazione dei sintomi: dove appropriato (per
esempio durante l’esame clinico) per la valutazione
dei sintomi dovrebbero essere utilizzatati score più
sofisticati e standardizzati quali il VCSS (Venous Clinical Severity Score) e il diario di trattamento del paziente stesso;
Outcome morfologico ed emodinamico
La morfologia delle vene trattate dovrebbe essere studiata mediante ECO-color doppler, eseguendo manovre compressive in ortostasi; condizione indispensabile
è il perfetto settaggio dell’ecografo (109).
Dovrebbero essere valutate la pervietà, l’occlusione
(totale o parziale) o la scomparsa delle vene..
La ricerca dovrebbe includere manovre dinamiche, in
accordo con le linee guida della UIP. (110)
L’esame ECO-color doppler persegue gli obiettivi riportati in tabella (Tabella 5):
Questi parametri di studio sono applicabili per qualsiasi
metodo di trattamento venoso endovascolare (LASER,
radiofrequenza, scleroterapia), e potrebbero facilitare il
confronto, soprattutto tra studi scientifici.
Dal punto di vista clinico un buon risultato consiste nella scomparsa delle vene varicose e/o dei sintomi da
vene varicose.
Dal punto di vista ECO-color doppler il risultato ottimale è la scomparsa o la completa occlusione dei tratti di
vena trattati.
Il miglioramento clinico del paziente con l’occlusione
della vena trattata ma con la persistenza di brevi tratti
di vena pervia può essere comunque considerato un
successo, almeno nel breve (o medio) termine.
13
Un ampio spettro di risultati clinici e strumentali è possibile dopo scleroterapia e questi non necessariamente corrispondono al risultato clinico.
Dove possibile, il buon risultato sulla funzione venosa
può essere dimostrato da misurazioni funzionali pre- e
post-trattamento (es. pletismografia, e misurazioni della pressione venosa). (41, 115, 117)
Raccomandazione (27): per giudicare il risultato dopo
scleroterapia raccomandiamo per le teleangectasie e
le vene varicose reticolari la valutazione del solo risultato clinico (C1), mentre nelle vene varicose (C2) e nelle
malformazioni venose (GRADO 1C) la valutazione deve
essere sia clinica che strumentale con ECO-color doppler.
EFFICACIA
La scleroterapia, sia con liquido che con schiuma, è un
metodo sicuro ed efficace per il trattamento di teleangectasie, vene varicose reticolari e sottocutanee. (4, 7,
8, 13, 17, 25, 38, 39, 46, 128, 131)
La scleroterapia con liquido è il metodo di scelta per
l’ablazione di teleangectasie e vene reticolari, consentendo un miglioramento di oltre il 90% da raggiungere
al termine del trattamento. (13, 17-19, 37, 132)
La scleroterapia con schiuma è un metodo alternativo
di ablazione delle teleangectasie e delle vene reticolari,
con tassi di occlusione ed effetti collaterali comparabili
con il liquido se usata a basse dosi.
La scleroterapia con schiuma delle vene safene varicose è significativamente più efficace che la scleroterapia con liquido. (4, 6-8, 19). Il tasso di occlusione
dipende dal diametro della vena, dalla concentrazione dello sclerosante e dal volume di schiuma iniettato.
(12,19). Confrontata con la crossectomia, lo stripping
e l’ablazione termica endovascolare la scleroterapia
con schiuma dimostra solo un lieve incremento del
tasso di ricanalizzazione/fallimento nel medio termine.
La qualità di vita e i sintomi da discomfort aumentano
così come dopo la chirurgia o il trattamento termico
endovenoso. (10)
Non vi è evidenza di un incermento del tasso di occlusione o della riduzione dei sintomi di lato sollevando
l’arto o comprimendo la crosse con sonda ecografica.
(133).
La scleroterapia con schiuma mediante utilizzo di cateteri lunghi è altrettanto efficace. (130, 134-139)
Durante il follow-up, il re-trattamento con scleroterapia dei segmenti di vena parzialmente ricanalizzati è
fortemente raccomandato e migliora i risultati a medio
termine.
La scleroterapia delle varici nelle regioni ove siano presenti ulcere venose incrementa il tasso di guarigione.
(130, 134-139)
La scleroterapia con schiuma è più efficace della scleroteraipa con liquido nel trattamento delle malformazioni venose.
La scleroterapia con schiuma è efficace nel trattamento delle vene varicose recidive dopo altri trattamenti,
delle varici di safene accessorie, delle varici non safeniche, delle vene perforanti incontinenti.
Il trattamento compressivo con calze elastiche medi-
che o bendaggio migliora i risultati della scleroterapia
per quel che riguarda la comparsa di spider nevi, così
come può ridursi l’incidenza di pigmentazioni cutanee.
(132, 142-144)
Ancora carente è l’evidenza di efficacia della compressione della vena safena dopo scleroterapia. (145)
Tuttavia, la compressione può avere qualche influenza sull’efficacia. La necessita di una ulteriore seduta di
scleroterapia sembra essere inversamente proporzionale alla pressione esercitata da tre differenti classi di
compressione di calze mediche utilizzate per tre settimane dopo scleroterapia (146) e come la compressione estrinseca selettiva può ridurre le recidive. (147) La
compressione eccentrica locale aumenta significativamente la pressione nell’area di iniezizone e può incrementare l’efficacia della scleroterapia
Raccomandazione 28: Si consiglia la scleroterapia con
liquido come il metodo di scelta per l’ablazione di teleangectasie e varici reticolari (C1) (GRADO 1A). La
scleroterapia con schiuma di vene varicose C1 è un
metodo alternativo. (GRADO 2B)
Raccomandazione 29: Si consiglia la scleroterapia con
schiuma oltre alla scleroterapia con liquido per il trattamento di safene (GRADO 1A), malformazioni venose
(GRADO 2B) e varici recidive dopo precedente trattamento, varici di safene accessorie, varici non safeniche
e di vene perforanti incompetenti (GRADO 1C).
Raccomandazione 30: Non è obbligatoria l’elevazione della gamba o la compressione della giunzione per
motivi di sicurezza durante o dopo il trattamento.(Grado 2C).
Raccomandazione 31: Si consiglia di re-trattamento
sclerosante per segmenti di vena parzialmente ricanalizzati che dovessero comparire durante il follow-up
(GRADO 1B).
Raccomandazione 32: Si raccomanda la scleroterapia
di varici nelle regioni ove siano presenti ulcere venose
per migliorare il tasso di guarigione delle ulcere stesse
(GRADO 1B).
1. Guyatt G, Gutterman D, Baumann MH, et al. Grading strength
of recommendations and quality of evidence in clinical guidelines:
report from an American College of Chest Physicians Task Force.
Chest 2006; 129: 174–81.
2. Drake LA, Dinehart SM, Goltz RW, et al. Guidelines of care for
sclerotherapy treatment of varicose and telean- giectatic leg veins. J
Am Acad Dermatol 1996; 34: 523–8.
3. Rabe E, Pannier-Fischer F, Gerlach H, et al. Guidelines
for sclerotherapy of varicose veins. Dermatol Surg 2004;30: 687–93.
4. Hamel-Desnos C, Ouvry P, Benigni JP, et al. Comparison of 1% and
3% polidocanol foam in ultrasound guided sclerotherapy of the great
saphenous vein: a randomised, double-blind trial with 2 year-followup. ‘The 3/1 Study’. Eur J Vasc Endovasc Surg 2007; 34: 723–9.
5. Chen C-H, Chiu C-S and Yang C-H. Ultrasound-guided
foam sclerotherapy for treating incompetent great saphe- nous veins
– results of 5 years of analysis and morphologic evolvement study.
Dermatol Surg 2012; 38: 851–7.
6. Hamel-Desnos C, Desnos P, Wollmann JC, Quvry P, Mako S and
Allaert FA. Evaluation of the efficacy of polidocanol in the form of
foam compared with liquid form in sclerotherapy of the long saphenous vein: Initial results. Dermatol Surg 2003; 29: 1170–5.
7. Alos J, Carreno P, Lopez JA, et al. Efficacy and safety of
sclerotherapy using polidocanol foam: a controlled clinical trial. Eur J
Vasc Endovasc Surg 2006; 31: 101–7.
8. Ouvry P, Allaert FA, Desnos P and Hamel-Desnos C.
Efficacy of polidocanol foam versus liquid in sclerotherapy of the great saphenous vein: a multicenter randomised controlled trial with a
2-year follow-up. Eur J Vasc Surg
2008; 36: 366–70.
9. Rabe E, Otto J, Schliephake D and Pannier F. Efficacy and Safety
of Great Saphenous Vein Sclerotherapy Using Standardised Polidocanol Foam (ESAF): a randomised controlled multicentre clinical trial.
Eur J Endovasc Vasc Surg 2008; 35: 238–45.
10. Rasmussen LH, et al. Randomized clinical trial compar- ing endovenous laser ablation,radiofrequency ablation, foam sclerotherapy
and surgical stripping for great saphe- nous varicose veins. Br J Surg
2011; 98: 1079–87.
11. Shadid N, Ceulen R, Nelemans P, et al. Randomized clinical trial
of ultrasound-guided foam sclerotherapy versus surgery for the incompetent great saphenous vein. Br J Surg 2012; 99: 1062–70.
12. Myers KA, Jolley D, Clough A and Kirwan J. Outcome of Ultrasound-guided Sclerotherapy for Varicose Veins: Medium-term
Results Assessed by Ultrasound Surveillance. Eur J Vasc Endovasc
Surg 2007; 33: 116–21.
14
13. Zhang J, Jing Z, Schliephake DE, Otto J, Malouf GM and Gu YQ.
Efficacy and safety of Aethoxysklerol® (polidocanol) 0.5%, 1% and
3% in comparison with pla- cebo solution for the treatment of varicose veins of the lower extremities in Chinese patients (ESA-China
Study). Phlebology 2012; 27: 184–90.
14. Guex JJ. Ultrasound guided sclerotherapy (USGS) for perforating
veins. Hawaii Med J 2000; 59: 261–2.
15. Masuda EM, Kessler DM, Lurie F, Puggioni A, Kistner RL and
Eklof B. The effect of ultrasound guided sclero- therapy of incompetent perforator veins on venous clin- ical severity scores. J Vasc Surg
2006; 43: 551–6.
16. Van Neer P, Veraart JCJM and Neumann H.
Posterolateral thigh perforator varicosities in 12 patients: a normal
deep venous system and successful treatment with ultrasound-guided sclerotherapy. Dermatol Surg
2006; 32: 1346–52.
17. Kahle B and Leng K. Efficacy of sclerotherapy in vari- cose veins
– a prospective, blinded placebocontrolled study. Dermatol Surg
2004; 30: 723–8.
18. Norris MJ, Carlin MC and Ratz JL. Treatment of essen- tial telangiectasias: Effects of increasing concentrations of polidocanol. J Am
Acad of Dermatol 1989; 20: 643–9.
19. Rabe E, Schliephake D, Otto J, Breu FX and Pannier F.
Sclerotherapy of telangiectasias and reticular veins: a double-blind,
randomized, comparative clinical trial of polidocanol, sodium tetradecyl sulphate and isotonic saline (EASI study). Phlebology 2010;
25: 124–31.
20. Uncu H. Sclerotherapy: a study comparing polidocanol in foam
and liquid form. Phlebology 2010; 25: 44–9.
21. Peterson JD, Goldman MP, Weiss RA, et al. Treatment
of reticular and telangiectatic leg veins: double-blind, prospective
comparative trial of polidocanol and hyper- tonic saline. Dermatol
Surg 2012; 38: 1–9.
22. Kakkos SK, Bountouroglou DG, Azzam M, Kalodiki E, Daskalopoulos M and Geroulakos G. Effectiveness and safety of ultrasoundguided foam sclerotherapy for recur- rent varicose veins: immediate
results. Journal of Endovascular Therapy 2006; 13: 357–64.
23. McDonagh B, Sorenson S, Gray C, et al. Clinical spec- trum of recurrent postoperative varicose veins and effi- cacy of sclerotherapy management using the compass technique. Phlebology 2003; 18: 173–86.
24. Coleridge Smith P. Chronic venous disease treated by ultrasound
guided foam sclerotherapy. Eur J Vasc Endovasc Surg 2006; 32:
577–83.
25. Coleridge Smith P. Sclerotherapy and foam sclerotherapy for varicose veins. Phlebology 2009; 24: 260–9.
26. Bradbury AW, Bate G, Pang K, Darvall KA and Adam DJ. Ultrasound-guided foam sclerotherapy is a safe and clinically effective treatment for superficial venous reflux. J Vasc Surg 2010; 52: 939–45.
27. Darvall KA, Bate GR, Adam DJ, Silverman SH and Bradbury AW.
Duplex ultrasound outcomes following ultrasound guided foam sclerotherapy of symptomatic recurrent great saphenous varicose veins.
Eur J Vasc Endovasc Surg 2011; 42: 107–14.
28. Sukovatykh BS, Rodionov OA, Sukovatykh MB and Khodykin
SP. Diagnosis and treatment of atypical forms of varicose disease of
pelvic veins. Vestn Khir Im II Grek 2008; 167: 43–5.
29. Paraskevas P. Successful ultrasound-guided foam sclero- therapy for vulval and leg varicosities secondary to ovar- ian vein reflux:
a case study. Phlebology 2011; 26: 29–31.
30. Stu¨ cker M, Reich S, Hermes N, et al. Safety and effi- ciency of
perilesional sclerotherapy in leg ulcer patients
with postthrombotic syndrome and/or oral anticoagula- tion with
Phenprocoumon. JDDG 2006; 4: 734–8.
15
31. De Waard MM and Der Kinderen DJ. Duplex ultraso- nographyguided foam sclerotherapy of incompetent per- forator veins in a patient with bilateral venous leg ulcers. Dermatol Surg 2005; 31: 580–3.
32. Hertzman PA and Owens R. Rapid healing of chronic venous
ulcers following ultrasound-guided foam sclero- therapy. Phlebology
2007; 22: 34–9.
33. Pang KH, Bate GR, Darvall KAL, Adam DJ and Bradbury AW.
Healing and recurrence rates following ultrasound guided foam sclerotherapy of superficial venous reflux in patients with chronic venous
ulceration. Eur J Vasc endovasc Surg 2010; 40: 790–5.
34. Yamaki T, Nozaki M and Sasaki K. Color duplex-guided sclerotherapy for the treatment of venous malformations. Dermatol Surg
2000; 26: 323–8.
35. Yamaki T, Nozaki M, Sakurai H, et al. Prospective ran- domized
efficacy of ultrasound-guided foam sclerother- apy compared with
ultrasound-guided liquid sclerotherapy in the treatment of symptomatic venous malformations. J Vasc Surg 2008; 47: 578–84.
36. Blaise S, Charavin-Cocuzza M, Riom H, et al. Treatment of lowflow vascular malformations by ultrasound- guided sclerotherapy
with polidocanol foam: 24 cases and literature review. Eur J Vasc
Endovasc Surg 2011; 41: 412–7.
37. Kern P, Ramelet A-A, Wutschert R, Bounameaux H and Hayoz D.
Single blind randomized study comparing chromated glycerin, polidocanol solution and polidoca- nol foam for treatment of telangiectactic leg veins. Dermatol Surg 2004; 30: 367–72.
38. Rabe E, Pannier F, Gerlach H, Breu FX, Guggenbichler S and
Wollmann JC. Leitlinie Sklerosierungsbehandlung der Varikose. Phlebologie 2008; 37: 27–34.
39. Rao J, Wildemore JK and Goldmann MP. Double-blind prospective comparative trial between foamed and liquid polidocanol and
natrium tetradecyl sulfate in the treat- ment of varicose and telangiectatic leg veins. Dermatol Surg 2005; 31: 631–5.
40. Bullens-Goessens YIJM, Mentink LF, et al. Ultrasoundguided sclerotherapy of the insufficient short saphenous vein. Phlebologie Germany 2004; 33: 89–91.
41. Schultz-Ehrenburg U and Tourbier H. Doppler-kontrollierte Vero¨ dungsbehandlung der Vena saphena magna.
Phlebol u Proktol 1984; 13: 117–22.
42. Vin F. Principes de la Scle´ rothe´ raphie des Troncs
Saphe` nes Internes. Phle´bologie 1997; 50: 229–34.
43. Gohel MS, Epstein DM and Davies AH. Cost-effective- ness of
traditional and endovenous treatments for vari- cose veins. Br J Surg
2010; 97: 1815–23.
44. Wright D, Gobin JP, Bradbury AW, et al. Varisolve
European Phase III Investigators Group. Varisolve® polidocanol microfoam compared with surgery or sclero- therapy in the management of varicose veins in the pres- ence of trunk vein incompetence:
European randomized controlled trial. Phlebology 2006; 21: 180–90.
45. Cavezzi A, Frullini A, Ricci S and Tessari L. Treatment
of varicose veins by foam sclerotherapy: two clinical series. Phlebology 2002; 17: 13–8.
46. Hamel-Desnos C, Ouvry P, Desnos P, et al.
Scle´ rothe´ rapie et thrombophilie: De´ marche pour un con- sensus
dans la scle´ rothe´ rapie chez les thrombophiles. Phle´bologie 2003;
56: 165–69.
47. Breu FX, Guggenbichler S and Wollmann JC. 2nd European Consensus Meeting on Foam Sclerotherapy, 28–30 April 2006, Tegernsee,
Germany. Vasa 2008; 37(Suppl. 71): 1–32.
48. Guex JJ. Les contre-indications de la scle´ rothe´ rapie, mise a`
jour 2005. J Mal Vasc 2005; 30: 144–9.
49. Hamel-Desnos CM, Gillet J-L, Desnos PR and Allaert
FA. Sclerotherapy of varicose veins in patients with docu- mented
thrombophilia: a prospective controlled rando- mized study of 105
cases. Phlebology 2009; 24: 176–82.
50. Gachet G and Spini L. Scle´ rothe´ rapie des varices sous anticoagulants. Phle´bologie 2002; 55: 41–4.
51. Rathbun S, Norris A and Stoner J. Efficacy and safety of endovenous foam sclerotherapy: meta-analysis for treat- ment of venous
disorders. Phlebology 2012; 27: 105–17.
52. Guex JJ, Allaert F-A and Gillet J-L. Immediate and mid-term complications of sclerotherapy: report of a prospect- ive multicenter registry
of 12,173 sclerotherapy sessions. Dermatol Surg 2005; 31: 123–8.
53. Guex JJ. Complications of sclerotherapy: an update. Dermatol
Surg 2010; 36: 1056–63.
54. Munavalli GS and Weiss RA. Complications of sclero- therapy.
Semin Cutan Med Surg 2007; 26: 22–8.
55. Weiss RA and Weiss MA. Incidence of side effects in the
treatment of telangiectasiastelangiectasias by compres- sion sclerotherapy: hypertonics saline vs. polidocanol. J Dermatol Surg Oncol
1990; 16: 800–4.
56. Gillet JL, Guedes JM, Guex JJ, et al. Side effects and
complications of foam sclerotherapy of the great and small saphenous veins: a controlled multicentre prospect- ive study including
1025 patients. Phlebology 2009; 24: 131–8.
57. Cavezzi A and Parsi K. Complications of foam sclero- therapy.
Phlebology 2012; 27(Suppl 1): 46–51.
58. Sarvananthan T, Shepherd AC, Willenberg T and Davies AH.
Neurological complications of sclerotherapy for varicose veins. J
Vasc Surg 2012; 55: 243–51.
59. Feied CF, Jackson JJ, Bren TS, et al. Allergic reactions to polidocanol for vein sclerosis. J Dermatol Surg Oncol
1994; 20: 466–8.
60. Pradalier A, Vincent D, Hentschel V, et al. Allergie aux scle´ rosants des varices. Rev Fr Allergol 1995; 35: 440–3.
61. Oesch A, Stirnemann P and Mahler F. The acute ische- mic syndrome of the foot after sclerotherapy of varicose veins. Schweiz Med
Wochenschr 1984; 114: 1155–8.
62. Grommes J, Franzen EL, Binnebo¨ sel M, et al.
Inadvertent arterial injection using catheter-assisted sclerotherapy resulting in amputation. Dermatol Surg 2010; 37: 536–8.
63. Goldman MP, Sadick NS and Weiss RA. Cutaneous necrosis, telangiectatic matting and hyperpigmentation following sclerotherapy.
Dermatol Surg 1995; 21: 19–29.
64. Schuller-Petrovic´ S, Brunner F, Neuhold N, Pavlovic´ MD and Wo¨
lkart G. Subcutaneous injection of liquid and foamed polidocanol:
extravasation is not responsible for skin necrosis during reticular and
spider vein sclero- therapy. JEADV 2011; 25: 983–6.
65. Bergan JJ, Weiss RA and Goldman MP. Extensive tissue necrosis
following high concentration sclerotherapy for varicose veins. Dermatol Surg 2000; 26: 535–42.
66. Bihari I and Magyar E´ . Reasons for ulceration after injection treatment of telangiectasia. Dermatol Surg 2001; 27: 133–6.
67. Geukens J, Rabe E and Bieber T. Embolia cutis medica- mentosa
of the foot after sclerotherapy. Eur J Dermatol
1999; 9: 132–3.
68. Ramelet AA and Parmentier L. Delayed Nicolau’s Livedoid dermatitis after ultrasound-guided sclerother- apy. Dermatol Surg 2010;
36: 155–8.
69. Van der Plas JPL, Lambers JC, van Wersch JW and Koehler PJ.
Reversible ischaemic neurological deficit after sclerotherapy of varicose veins. Lancet 1994; 343:428.
70. Ku¨ nzelberger B, Pieck C, Altmeyer P and Stu¨ cker M.
Migraine ophthalmique with reversible scotomas after sclerotherapy
with liquid 1% polidocanol. Derm Surg 2006; 32: 1410.
71. Parsi K. Paradoxical embolism, stroke and sclerotherapy.
Phlebology 2012; 27: 147–67.
72. Parsi K. Venous gas embolism during foam sclerotherapy of
saphenous veins despite recommended treatment modifications.
Phlebology 2011; 26: 140–7.
73. Morrison N, Cavezzi A, Bergan J and Partsch H.
Regarding ‘stroke after varicose vein foam injection sclerotherapy’. J
Vasc Surg 2006; 44: 224–5.
74. Passariello F. Sclerosing foam and patent foramen ovale.
The final report. In: Word Congress of the International Union of Phlebology; 2007 Jun 18–20; Kyoto, Japan. Int Angiol 2007;26:87.
75. Wagdi P. Migra¨ ne und offenes Foramen Ovale: nur ein voru¨
bergehender Hoffnungsschimmer? Kardiovasc Med 2006; 9: 32–6.
76. Gillet JL, Donnet A, Lausecker M, Guedes JM, Guex JJ and
Lehmann P. Pathophysiology of visual disturbances occurring after
foam sclerotherapy. Phlebology 2010; 25: 261–6.
77. Frullini A, Felice F, Burchielli S and Di Stefano R. High production
of endothelin after foam sclerotherapy: a new pathogenetic hypothesis for neurological and visual dis- turbances after sclerotherapy.
Phlebology 2011; 26: 203–8.
78. Frullini A, Barsotti MC, Santoni T, Duranti E, Burchielli S and Di
Stefano R. Significant endothelin release in patients treated with
foam sclerotherapy. Dermatol Surg 2012; 38: 741–7.
79. Yamaki T, Nozaki M, Sakurai H, et al. Multiple small- dose injections can reduce the passage of sclerosant foam into deep veins
during foam sclerotherapy for varicose veins. Eur J Endovasc Surg
2008; 37: 343–8.
80. Forlee MV, Grouden M, Moore DJ and Shanik G. Stroke after
varicose vein foam injection sclerotherapy.
J Vasc Surg 2006; 43: 162–4.
81. Busch RG, Derrick M and Manjoney D. Major neuro- logical
events following foam sclerotherapy. Phlebology
2008; 23: 189–92.
82. Leslie-Mazwi TM, Avery LL and Sims JR. Intra-arterial air thrombogenesis after cerebral air embolism complicat- ing lower extremity
sclerotherapy. Neurocrit Care 2009; 11: 97–100.
83. De Laney MC, Bowe CT and Higgins GLIII. Acute stroke from air
embolism after leg Sclerotherapy. West J Emerg Med 2010; 11: 397.
84. Ma RWL, Pilotelle A, Paraskevas P and Parsi K. Three cases of
stroke following peripheral venous interventions. Phlebology 2011;
26: 280–4.
85. Harzheim M and Becher H. Klockgether: Brain infarct from a paradoxical embolism following a varices oper- ation. Dtsch Med Wochenschr 2000; 125: 794–6.
86. Caggiati A and Franceschini M. Stroke following endo- venous
laser treatment of varicose veins. J Vasc Surg 2010; 51: 218–20.
87. Gillet JL. Neurological complications of foam sclerother- apy: fears and reality. Phlebology 2011; 26: 277–9.
88. Deichman B and Blum G. Cerebrovascular accident after sclerotherapy. Phlebologie 1995; 24: 148–52.
89. Kas A, Begue M, Nifle C, Gil R and Neau JP. Infarctus ce´ re´
belleux apre` s scle´ rothe´ rapie de varicosite´ s des mem- bres infe´
rieurs. Presse Med 2000; 29: 1935.
90. Hanisch F, Mu¨ ller T, Krivocuca M and Winterholler M. Stroke
following variceal sclerotherapy. Eur J Med Res 2004; 9: 282–4.
91. Picard C, Deltombe B, Duru C, Godefroy O and Bugnicourt JM.
Foam sclerotherapy: a possible cause of ischaemic stroke? J Neurol
Neurosurg Psychiatry 2010; 81: 582–3.
92. Hahn M, Shulz T and Juenger M. Late stroke after foam sclerotherapy. VASA 2010; 39: 108–10.
93. Guex JJ. Thombotic complications of the varicose dis- ease. J
Dermatol Surg 1996; 22: 378–82.
16
94. Hamel-Desnos C, Desnos P, Ferre´ B and Le Querrec A.
In vivo biological effects of foam sclerotherapy. Eur J Vasc Endovasc
Surg 2011; 42: 238–45.
95. Fabi SG, Peterson JD, Goldman MP and Guiha I. An investigation of coagulation cascade activation and induction of fibrinolysis
using foam sclerotherapy of reticular veins. Dermatol Surg 2012; 38:
367–72.
96. Jia X, Mowatt G, Burr JM, Cassar K, Cooke J and
Fraser C. Systematic review of foam sclerotherapy for varicose veins.
Br J Surg 2007; 94: 925–36.
97. Myers KA and Jolley D. Factors affecting the risk of
deep venous occlusion after ultrasound-guided sclero- therapy for
varicose vein. Eur J Vasc Endovasc Surg 2008; 36: 602–5.
98. Zipper SG. Nervus perona¨ us-Schaden nach Varizensklerosierung mit Aethoxysklerol. Versicherungsmedizin 2000; 4: 185–7.
99. Reich-Schupke S, Weyer K, Altmeyer P and Stu¨ cker M.
Treatment of varicose tributaries with sclerotherapy with polidocanol
0.5% foam. Vasa 2010; 39: 169–74.
100. Georgiev MJ. Postsclerotherapy hyperpigmentations: a
one-year follow-up. Dermatol Surg Oncol 1990; 16: 608–10.
101. Scultetus AH, Villavicencio JL, Kao TC, et al.
Microthrombectomy reduces postsclerotherapy pigmen- tation: multicenter randomized trial. J Vasc Surg 2003; 38: 896–903.
102. Ramelet A-A. Phle´bologie esthe´tique. Te´langiectasies:
possibilite´s the´rapeutiques. Cosme´tologie et Dermatologie
esthe´tique. Paris: EMC (Elsevier Masson SAS, Paris), 2010.
103. Morrison N, Neuhardt DL, Rogers CR, et al.
Comparisons of side effects using air and carbon dioxide foam for
endovenous chemical ablation. J Vasc Surg 2008; 47: 830–6.
104. Morrison N, Neuhardt DL, Rogers CR, et al. Incidence of side
effects using carbon dioxide oxygen foam for chemical ablation of
superficial veins of the lower extremity. Eur J Vasc Endovasc Surg
2010; 40: 407–13.
105. Beckitt T, Elstone A and Ashley S. Air versus physiological gas for ultrasound guided foam sclerotherapy treatment of
varicose veins. Eur J Vasc Endovasc Surg 2011; 42: 115–9.
106. Hesse1 G, Breu FX, Kuschmann A, Hartmann K and Salomon
N. Sclerotherapy using air- or CO2-O2-foam: post-approval study.
Phlebologie 2012; 41: 77–88.
107. Mercer KG, Scott DJ and Berridge DC. Preoperative
duplex imaging is required before all operations for pri- mary varicose
veins. Br J Surg 1998; 85: 1495–7.
108. Blomgren L, Johansson G and Bergquist D.
Randomized clinical trial of routine preoperative duplex imaging before varicose vein surgery. Br J Surg 2005; 92: 688–94.
109. Coleridge-Smith P, Labropoulos N, Partsch H, Myers K, Nicolaides A and Cavezzi A. Duplex ultrasound investigation of the veins
in chronic venous disease of the lower limbs – UIP consensus document. Part I. Basic principles. Eur J Vasc Endovasc Surg 2006; 31:
83–92.
110. De Maeseneer M, Pichot O, Cavezzi A, et al. Duplex
ultrasound investigation of the veins of the lower limbs after treatment for varicose veins – UIP consensus docu- ment. Eur J Vasc
Endovasc Surg 2011; 42: 89–102.
111. Rautio T, Perala J, Biancari F, et al. Accuracy of hand- held
Doppler in planning the operation for primary vari- cose veins. Eur J
Vasc Endovasc Surg 2002; 24: 450–5.
112. Franco G. Explorations ultrasonographiques des re´ cid- ives
variqueuses post-chirurgicales. Phle´bologie 1998; 51:
403–13.
113. Jiang P, van Rij AM, Christie R, Hill G, Solomon C and Thomson
I. Recurrent varicose veins: patterns of reflux and clinical severity.
17
Cardiovasc Surg 1999; 7: 332–9.
114. Lee BB, Do YS, Byun HS, Choo IW, Kim DI and Huh SH.
Advanced management of venous malformation with ethanol sclerotherapy: mid-term results. J Vasc Surg 2003; 37: 533–8.
115. Bihari I, Tasnadi G and Bihari P. Importance of sub- fascial collaterals in deep-vein malformations. Dermatol Surg 2003; 29: 146–9.
116. Brunken A, Rabe E and Pannier F. Changes in venous function
after foam sclerotherapy of varicose veins. Phlebology 2009; 24:
145–50.
117. Darvall KAL, Sam RC, Bate GR, Adam DJ and Bradbury AW.
Photoplethysmographic venous refilling times following ultrasound
guided foam sclerotherapy for symptomatic superficial venous reflux:
relationship with clinical outcomes. EJVES 2010; 40: 267–72.
118. Kreussler: Fachinformationen Aethoxysklerol 0,25%/
0,5%/1%/2%/3% Stand Oktober 2009, Chemische
Fabrik Kreussler & Co GmbH.
119. STD Pharmaceutical Products Ltd. Prescribing
Information, March 2012.
120. Kanter A and Thibault P. Saphenofemoral incompe- tence treated by ultrasound-guided sclerotherapy. Dermatol Surg 1996; 22:
648–52.
121. Grondin L, Young R and Wouters L. Scle´ rothe´ rapie e´ choguide´ e et se´ curite´ : Comparaison des techniques. Phlebologie
1997; 50: 241–5.
122. Schadeck M and Allaert FA. Re´ sultats a` long terme de la Scle´
rothe´ rapie des Saphe` nes internes. Phle´bologie
1997; 50: 257–262.
123. Wollmann JC. The history of sclerosing foams.
Dermatol Surg 2004; 30: 694–703.
124. Sadoun S, Benigni JP and Sica M. E´ tude prospective de l0
efficacite´ de la mousse de scle´ rosant dans le traitement des varices
tronculaires des membres infe´ rieurs.
Phle´bologie 2002; 55: 259–62.
125. Tessari L, Cavezzi A and Frullini A. Preliminary experi- ence with
a new sclerosing foam in the treatment of varicose veins. Dermatol
Surg 2001; 27: 58–60.
126. De Roos KP, Groen L and Leenders AC. Foam sclero- therapy: investigating the need for sterile air. Dermatol Surg 2011; 37:
1119–24.
127. Guex JJ, Hamel-Desnos C, Gillet JL, Chleir F and Perrin M.
Scle´ rothe´ rapie des varices par mousse e´ cho- guide´ e: techniques
de mise en œuvre, indications, re´ sul- tats publie´ s. Phle´bologie
2008; 61: 261–70.
128. Yamaki T, Hamahata A, Soejima K, Kono T, Nozaki M and Sakurai H. Prospective randomised comparative study of visual foam
sclerotherapy alone or in combin- ation with ultrasound-guided foam
sclerotherapy for treatment of superficial venous insufficiency: prelimin- ary report. EJVES 2012; 43: 343–7.
129. Ceulen RPM, Bullens-Goessens YIJM and Pi-Van De Venne
SJA. Outcomes and side effects of duplex-guided sclerotherapy in
the treatment of great saphenous veins with 1% versus 3% Polidocanol foam: results of a ran- domized controlled trial with 1-year
follow-up. Dermatol Surg 2007; 33: 276–81.
130. Brodersen JP. Catheter-assisted vein sclerotherapy: a
new approach for sclerotherapy of the greater saphe- nous vein with
a double-lumen balloon catheter. Dermatol Surg 2007; 33: 469–75.
131. Yamaki T, Nozaki M and Iwasaka S. Comparative
study of duplex-guided foam sclerotherapy and duplex-guided liquid
sclerotherapy for the treatment of superficial venous insufficiency.
Dermatol Surg 2004; 30: 718–22.
132. Kern P, Ramelet AA, Wu¨ tschert R and Hayoz D.
Compression after sclerotherapy for telangiectasiaste- langiectasias
and reticular leg veins. A randomized con- trolled study. J Vasc Surg
2007; 45: 1212–6.
133. Ceulen RPM, Jagtmann EA, Sommer A, Teule GJJ,
Schurink GWH and Kemerink GJ. Blocking the saphe- nafemoral
junction during ultrasound guided foam sclerotherapy – assessment
of a presumed safety-mea- sure procedure. Eur J Vasc Endovasc
Surg 2010; 40: 772–6.
134. Wildenhues B. Catheter-assisted foam sclerotherapy: a new
minimally invasive method for the treatment of trunk varicosis of the
long and short saphenous veins. Phlebologie 2005; 34: 165–70.
135. Hahn M, Schulz T and Ju¨ nger M. Sonographically
guided, transcatheter foam sclerotherapy of the great saphenous
vein. Medical and economic aspects. Phlebologie 2007; 36: 309–12.
136. Bidwai A, Beresford T, Dialynas M, Prionidis J,
Panayiotopoulos Y and Bowne TF. Balloon control of the saphenofemoral junction during foam sclerotherapy: proposed innovation. J
Vasc Surg 2007; 46: 145–7.
137. Ko¨ lbel T, Hinchliffe RJ and Lindbal B. Catheter-direc- ted foam
sclerotherapy of axial saphenous reflux. Early results. Phlebology
2007; 22: 219–22.
138. Parsi K. Catheter-directed sclerotherapy. Phlebology 2009; 24:
98–107.
139. Cavezzi A and Tessari L. Foam sclerotherapy tech- niques:
different gases and methods of preparation, catheter versus direct
injection. Phlebology 2009; 24:247–51.
140. Blaise S, Bosson JL and Diamand JM. Ultrasound- guided sclerotherapy of the great saphenous vein with
1% vs. 3% polidocanol foam: a multicentre double- blind randomised trial with 3-year follow-up. Eur J Vasc Endovasc Surg 2010; 39:
779–86.
141. Chapman-Smith P and Browne A. Prospective five year
study of ultrasound guided foam sclerotherapy in the treatment of
great saphenous vein reflux. Phlebology 2009; 24: 183–8.
142. Weiss RA, Sadick NS, Goldman MP and Weiss MA.
Post-sclerotherapy compression: controlled comparative study of
duration of compression and its effects on clin- ical outcome. Dermatol Surg 1999; 25: 105–8.
143. Goldman PM, Beaudoing D, Marley W, et al.
Compression in the treatment of leg teleangiectasia: a preliminary
report. J Dermatol Surg Oncol 1990; 16: 322–5.
144. Nootheti PK, Cadag KM, Magpantay A and Goldman MP. Efficacy of graduated compression stockings for an additional 3 weeks
after sclerotherapy treatment of reticular and telangiectatic leg veins.
Dermatol Surg 2009; 35: 53–8.
145. Hamel-Desnos C, Guias BJ, Desnos PR and Mesgard
A. Foam sclerotherapy of the saphenous veins.
Randomised controlled trial with or without compression.
Eur J Vasc Endovasc Surg 2010; 39: 500–7.
146. Zarca C, Bailly C, Gachet G and Spini L. ClassMousse
1 study: compression hosiery and foam sclerotherapy.
Phle´bologie 2012; 65: 11–20.
147. Ferrara F and Bernbach HR. La compression e´choguide
´e apre`s scle´rothe´rapie. Phle´bologie 2009; 62: 36–41.
148. Stanley PRW, Bickerton DR and Campbell WB. Injection sclerotherapy for varicose veins – a comparison of materials for applying local compression. Phlebology 1991; 6: 37–9.
DAY
P U G L I A
Trani - 31 Gennaio 2015
E
SAV
THE
E
DAT
18
Trattamento laser
endovascolare degli assi
safenici: vi sono differenze cliniche
nell’utilizzo delle differenti
lunghezze d’onda?
LAVORO PERSONALE DI
Dr. Alvise Cavallini
[email protected]
Riassunto
SCOPO DELLO STUDIO:
L’ablazione endovascolare LASER degli assi safenici è una
metodica efficace e sicura. Gli effetti collaterali più frequentemente riportati, connessi all’uso delle lunghezze d’onda
affini all’emoglobina (810 nm, 940 nm e 980 nm), sono
il dolore post-operatorio e le ecchimosi. Recentemente i
LASER con lunghezza d’onda più elevata (WSLWs: Water
Specific Laser Wavelenghts) hanno permesso di ottenere
ottimi risultati a breve termine con una riduzione degli effetti collaterali. Per chiarire quali siano i reali vantaggi clinici
nell’utilizzo delle nuove WSLWs è stata condotta una revisione della letteratura.
METODI:
Attraverso una ricerca su MEDLINE sono stati analizzati i
lavori di comparazione tra LASER con lunghezza d’onda
affine all’emoglobina e le nuove WSLWs.
RISULTATI:
Sono presenti 5 studi in Letteratura che confrontano rispettivamente: 810 vs 980 nm (Kabnik, 2006); 940 vs 1320 nm
(Proebstle, 2005); 810 vs 1320 nm (Mackay, 2006); 980
vs 1500 nm (Vuylsteke, 2011) e 980 vs 1470 nm (Duman,
2013). Questi studi riportano risultati simili: le WSLWs producono meno effetti collaterali a parità di energia erogata.
Inoltre sono state elaborate nuove fibre ottiche; l’uso delle
WSLWs con queste nuove fibre ha cambiato notevolmente
il decorso post-operatorio, con riduzione del dolore e delle
ecchimosi.
CONCLUSIONI:
Non vi è ancora evidenza scientifica che le WSLWs abbiano una efficacia maggiore a lungo termine rispetto alle
lunghezze d’onda inferiori, anche se sono state segnalate
differenze a breve termine per alcuni effetti collaterali. Restano fattori determinanti anche la quantità di energia erogata e la qualità dell’anestesia tumescente. La modalità di
erogazione dell’energia (pulsata o continua), il tipo di fibra
ottica utilizzata e la velocità di retrazione della fibra durante
il trattamento sono ulteriori fattori in grado di influenzare il
tasso di complicanze.
19
INTRODUZIONE
Nella popolazione adulta occidentale le varici rappresentano una condizione medica molto comune che colpisce
circa il 25% delle persone (range 21.8%-29.4%). Circa il
5% (range 3.6%-8.6%) sviluppa edema, discromie cutanee
ed ulcerazioni trofiche (17,14). L’incontinenza safenica è la
causa più comune di varici sintomatiche.
Il trattamento delle vene varicose mira ad alleviare i sintomi e, auspicabilmente, a ridurre il tasso di complicanze
dell’insufficienza venosa cronica (IVC), come ad esempio
gli eventi trombotici, emorragici e le ulcerazioni. La crossectomia associata allo stripping chirurgico è stato il trattamento standard per la vena grande safena (VGS); la sola
crossectomia, spesso senza stripping, quello per la vena
piccola safena. Negli ultimi 10 anni, lo stripping è stato in
gran parte soppiantato da procedure ambulatoriali percutanee che possono essere eseguite in anestesia locale o
tumescente con risultati simili a breve e medio termine, ma
con minor disagio per il paziente, una migliore qualità di vita
ed un rapido ritorno all’attività lavorativa (23, 24,15,18). Nel
2011, la Società di Chirurgia Vascolare Americana e l’American Venous Forum hanno sviluppato linee guida di pratica
clinica per la cura dei pazienti con vene varicose associate
ad IVC. Grazie alla ridotta convalescenza e alla riduzione
del dolore e della morbilità, l’ablazione termica endovascolare degli assi safenici incompetenti è consigliata rispetto
alla chirurgia tradizionale, con grado di evidenza 1B10.
Tra le metodiche “termiche”, l’ablazione laser endovascolare (EVLT: Endo-Vascular Laser Treatment) ha un tasso di
successo superiore al 90% dopo diversi anni di follow-up
e un tasso di complicanze minimo rispetto alla tradizionale safenectomia (31). Nonostante l’ottima performance
dell’EVLT, l’esatto meccanismo d’azione non è ancora
completamente chiarito. Sebbene vi sia consenso sul fatto che il danno arrecato alla parete venosa sia termico, il
meccanismo o i meccanismi che causano il danno termico
sono ancora poco chiari. Sono stati proposti diversi meccanismi potenziali: la risposta ottico-termica della parete
venosa alla luce emessa dal lase (21); la risposta termica
della parete venosa alle bolle di condensazione del vapore
che si crea durante il trattamento all’interno della vena (27);
il contatto diretto tra la punta della fibra incandescente e
la parete stessa (27, 9) ed infine, la risposta termica della
parete venosa alla diffusione del calore dalla punta stessa
(5, 33).
Questa incertezza può aver stimolato l’attuale proliferazione commerciale delle differenti lunghezze d’onda, comunemente classificate in due gruppi: il primo, con elevato
coefficiente di assorbimento per l’ossiemoglobina (810 nm,
840 nm, 940 nm, 980 nm); il secondo, con assorbimento
preferenziale per l’acqua (1064, 1320 nm, 1470 nm, 1500
nm, 1540 nm) (Fig.1).
METODI
Attraverso una ricerca su MEDLINE sono stati esaminati
tutti i lavori di comparazione tra differenti lunghezze d’onda
nell’EVLT.
RISULTATI
I risultati sono riportati in Tabella.
LUNGHEZZE
D’ONDA
LEED (J/CM)
Kabnik13, 2006
810 vs 980
49 vs 46
sì
sì
Proebstle27, 2005
940 vs 1320
24 and 63 vs 62
sì
sì
80 vs 80
Mackay16, 2006
810 vs 1320
Vuylsteke36, 2011
980 vs 1500
Duman7, 2013
980 vs 1470
103 vs 52
Trattamento e risultati riportati in Letteratura
Fig. 1: coefficiente di assorbimento e profondità di penetrazione della lunghezza d’onda 1540 nm. Confronto con una lunghezza d’onda 980 nm.
Tuttavia, non vi è alcuna prova scientifica che la lunghezza d’onda abbia effetto sui risultati a lungo termine, anche se sono state segnalate differenze a breve termine
per quanto riguarda alcuni effetti collaterali post-operatori precoci (11).
Gli effetti indesiderati più comuni riscontrati con tutti i tipi
di laser sono: ecchimosi, dolore, indurimento e fastidio
lungo il decorso della vena trattata (34); sono prevalentemente conseguenti a perforazioni della parete venosa e
alla diffusione di energia nel tessuto perivenoso.
Probabilmente insorgono quando, durante il trattamento,
la punta della fibra laser entra in contatto con la parete
della vena.
C’è una crescente attenzione alla riduzione delle ecchimosi e del dolore post-operatorio, pur mantenendo alti
tassi di obliterazione della safena trattata.
Con le lunghezze d’onda cosiddette “specifiche per l’acqua” (WSLWs: Water Specific Laser Wavelenghts) sono
segnalati alti tassi di occlusione e meno ecchimosi e dolore dopo la procedura; questo implica che le perforazioni della parete venosa sono ridotte al minimo con questi
sistemi (33, 28, 1, 25, 6) e suggerisce che il meccanismo
di azione e il tipo di danno arrecato siano diversi da quelli
ottenuti con le lunghezze d’onda dei laser specifici per
l’emoglobina. Tuttavia, i dati scientifici sono scarsi.
In questo lavoro è stata esaminata la letteratura, analizzando gli studi comparativi tra laser di diverse lunghezze
d’onda, per comprendere i benefici clinici delle WSLWs in
termini di efficacia e di tassi di complicanze postoperatorie, in particolare il dolore postoperatorio.
VANTAGGI DELLE WSLWS
AUTORI, ANNO DI
PUBBLICAZIONE
DOLORE
ECCHIMOSI
sì
sì
sì
no
no
-
Sono stati riscontrati 5 studi di comparazione: 810 vs 980
nm (13), 940 vs 1320 nm(28), 810 vs 1320 nm (16), 980 vs
1500 nm (36) e 980 vs 1470 nm (7).
Il primo studio di comparazione fu commissionato dall’American Venous Forum nel 2006 a Kabnick (13). Si tratta di
uno studio prospettico randomizzato, in cieco, per determinare gli effetti specifici di due lunghezze d’onda differenti,
810 vs 980 nm, nel trattamento della VGS incompetente;
entrambe queste lunghezze d’onda sono selettive per l’emoglobina, ma il 980 nm presenta una certa affinità anche
per l’acqua. I gruppi di pazienti erano simili per età, sesso
e per quanto riguarda i segni ed i sintomi dell’IVC. Anche
parametri di trattamento come velocità di retrazione della
fibra ottica ed energia erogata, definita “densità di energia lineare endovenosa” (LEED: Linear Endovenous Energy
Density, ovvero il rapporto tra energia erogata, espressa
in joule e lunghezza della vena trattata in centimetri) erano
simili: 49.25 J/cm vs 45.92 J/cm. La percentuale di ecchimosi era significativamente differente tra i due gruppi
trattati (P=0.0047), a favore del gruppo trattato con il diodo 980 nm. L’intensità del dolore post-procedurale è stata
significativamente inferiore nel gruppo trattato con il 980
nm rispetto al gruppo dell’810 nm (P=0.028). Flebiti superficiali erano presenti più frequentemente quando è stato
utilizzato il diodo 810 nm ed il dolore post-trattamento era
molto probabilmente correlato con questi episodi di flebite
superficiale, non con la presenza delle ecchimosi. Dopo 4
mesi di follow-up la presenza di varicosità residue visibili
era significativamente più bassa nel gruppo trattato con il
980 nm (P=0.004).
I risultati di questo e di altri studi effettuati nello stesso periodo (3, 4, 20) mettono in discussione il ruolo del sangue
durante l’EVLT. In effetti, è la parete venosa il bersaglio del
trattamento, non il sangue. Infatti, i trattamenti di ablazione termica degli assi safenici sono effettuati svuotando il
lume della vena attraverso l’elevazione dell’arto (posizione
di Trendelenburg), l’infiltrazione di soluzione salina tumescente perivenosa e la compressione manuale.
Nel 2007, uno studio sperimentale ha dimostrato, comparando il 980 nm ed il 1320 nm (21), che l’assorbimento
dell’energia da parte del sangue gioca un ruolo minore.
Questo modello matematico dimostra chiaramente che
il NdYag 1320 nm, grazie ad un migliore assorbimento
dell’energia da parte della parete venosa, richiede meno
20
Fig. 2: fibra con punta sferica (LASER.COM). Ampio angolo di emissione
dell’energia, con un cono di energia erogata in maniera radiale e simmetrica distalmente alla punta della fibra, ed una minore quantità emessa
sempre radialmente in direzione prossimale, che determina un pre-riscaldamento della parete venosa
Le ecchimosi sono significativamente ridotte (p <0.05) nel
gruppo C (1320 nm) rispetto al gruppo B (30 W, 940 nm).
Tuttavia, la difficoltà negli studi che valutano il sintomo “dolore” è la variabilità nella tolleranza al dolore tra i pazienti.
Quello che può sembrare indolenzimento a un paziente
potrebbe essere considerato un forte dolore da un altro.
Anche le misure oggettive, come registrare con attenzione l’uso di farmaci antidolorifici, possono variare, proprio
perché i pazienti hanno tolleranze diverse al dolore. Anche
determinare la quantità di ecchimosi è difficile e produce
grandi differenze inter ed intra osservatore. Pertanto, l’affidabilità di questi e di altri studi che valutano dolore ed
ecchimosi è limitata (21). Il terzo studio di comparazione16
Fig. 3: fibra con punta radiale (Eufoton). Fibra radiale ad alta frequenza; questa fibra emette l’energia radialmente a 360° dalla punta della fibra attraverso
uno spot di 200 micron.
Fig. 4: fibra con punta doppia radiale (Biolitec). I due anelli radiali distanziati
di 6 mm permettono una minore densità di energia termica distribuita con
più omogenea diffusione lungo il vaso, con evidenti benefici di azione sulla
parete venosa e riduzione di sensazioni fastidiose nel paziente
LEED per ottenere danno parietale. Questi dati confermano
i risultati clinici ottenuti da Proeblstle et al (28), che hanno
comparato il NdYag 1320 nm con un diodo 940 nm. Gli
autori hanno confrontato tre coorti di pazienti (A, B e C)
sottoposti ad EVLT della VGS utilizzando il 940 nm a 15W
(gruppo A) o 30W (gruppo B) o utilizzando il laser 1320 nm
a 8 W (gruppo C). In tutti i casi, l’energia è stata somministrata in modalità continua, con velocità di arretramento
della fibra laser costante e con l’ausilio dell’anestesia locale
tumescente. È stata erogata una LEED media di 24, 63, e
62 J/cm rispettivamente, ottenendo un tasso di obliterazione a tre mesi del 90.3% (gruppo A), 100% (gruppo B), e
97% (gruppo C). Con il 1320 nm il dolore post-operatorio
(50%) e la necessità di analgesici (36%) sono risultati significativamente ridotti rispetto al dolore (81%) e la necessità
di analgesici (67%) correlati al trattamento con il 940 nm.
21
tenta di ovviare a questo problema selezionando pazienti
affetti da incompetenza della VGS bilaterale e trattandoli
con entrambe le modalità, il NdYag 1320 nm per un arto ed
il diodo 810 nm nel controlaterale. La LEED erogata è stata
equivalente (80 J/cm). L’efficacia riscontrata è equivalente
per entrambi i gruppi, ma il dolore post-procedurale e le
ecchimosi erano più bassi nel gruppo trattato con il 1320
nm. A questo punto nella comunità scientifica si rafforza la
convinzione di una superiorità delle WSLWs e rapidamente
vengono testate due nuove lunghezze d’onda, nel 2009 la
1470 nm (25) e nel 2010 la 1500 nm (38). Tenendo conto
dei loro coefficienti di assorbimento e diffusione sulla parete venosa, si evidenzia come siano almeno cinque volte
più potenti del laser 980 nm (38). Con meno energia può
quindi essere ottenuta una distruzione più selettiva della
parete venosa. I risultati di questi studi sono molto incoraggianti; i pazienti non hanno avuto complicanze gravi e
gli effetti collaterali sono stati limitati; con il laser a diodi
1500 nm solo l’1% dei pazienti trattati ha riferito moderato
dolore post-operatorio. È interessante notare che nel 9.5%
degli arti trattati con il 1470 nm si è manifestata parestesia
nella zona trattata. Quando gli autori hanno confrontato gli
arti trattati con LEED inferiore o superiore a 100 J/cm, il
tasso di parestesia era significativamente inferiore nel primo gruppo, con il 2.3% rispetto al 15.5% dei casi trattati
con LEED superiore. Nel 2011 è stato pubblicato lo studio
comparativo tra il diodo 1500 nm ed il diodo 980 nm (36).
I tassi di occlusione completa a sei mesi non sono stati
diversi tra i due gruppi (95.5% per il 980 nm e 93.1% per
il 1500 nm). Non vi era alcuna differenza significativa nella
comparsa di ecchimosi postoperatorie (p=0.09). I pazienti
trattati con il laser 1500 nm avevano meno sensazione di
“indurimento” intorno alla vena trattata (p=0.002), meno bisogno di prendere analgesici (1.8 giorni vs 2.9 giorni) e avevano una migliore qualità di vita post-operatoria (p=0.018),
ma il tasso di soddisfazione dei pazienti non differiva nei
due gruppi. Nell’ultimo studio comparativo pubblicato (7) i
pazienti sono stati trattati con una LEED media di 103 J/cm
con un 980 nm e 52 J/cm con un 1470 nm. Le percentuali
di dolore sono state leggermente inferiori con il 1470 nm,
ma senza significatività statistica.
Vanno segnalati anche importanti progressi nel campo delle fibre ottiche. Recentemente, sono stati sviluppati nuovi
dispositivi (fibre di vetro, metallo, ceramica, oro, radiali, “tulipano” e “a punta sferica”, doppia radiale) (37,12, 2).
Nelle Figure 2, 3 e 4 sono rappresentate una fibra a punta
sferica (Laser.com, Padova), una fibra a punta radiale (Eufoton, Trieste) ed una fibra doppia radiale (Biolitec, Bonn,
Germania). In Fig. 5 sono schematizzati i patterns di emissione di energia delle diverse fibre ottiche.
Uno studio istologico (29) ha valutato il danno della parete della vena dopo EVLT con un diodo 1470 nm eseguito
utilizzando una fibra radiale, dimostrando che non vi sono
Fig. 5: Rappresentazione schematica dei patterns di emissione dell’energia.
Fibra con punta piatta, fibra con punta sferica, fibra con punta ad emissione
radiale ed infine doppia radiale
segni di danno da contatto della parete della vena con la
punta della fibra, ma necrosi coagulativa circonferenziale
progressivamente più profonda quanto più era la LEED utilizzata; lesioni da contatto erano presenti se veniva invece
utilizzata una fibra a punta piatta (Fig. 6).
Un recente studio (6) ha dimostrato che il comfort postoperatorio precoce del paziente, la soddisfazione ed il gradimento della procedura sono più alti se viene utilizzato il
1470 nm associato alla fibra radiale mentre gli effetti collaterali sono minori rispetto all’utilizzo di un 980 nm associato
ad una fibra a punta piatta.
DISCUSSIONE
Nel tentativo di ridurre la morbilità e ridurre i tempi di degenza per il trattamento endovascolare dell’IVC, negli ultimi
anni sono state sviluppate diverse tecniche mini-invasive alternative alla chirurgia: termiche con anestesia tumescente
(laser, radiofrequenza), termiche senza tumescenza (vaporizzazione), non termiche senza tumescenza (scleroterapia
ecoguidata con schiuma, colla di cianoacrilato, scleroterapia con schiuma LASER-olmio assistita -LAFOS e trattamento meccano-chimico-clarivein®) (8) ed infine non termici tumescenti (Ecoscleroterapia transcatetere con schiuma
sclerosante in anestesia tumescente). L’EVLT è una delle
più promettenti tra queste nuove tecniche, rappresentando
un metodo efficace, con un tasso di occlusione safenica di
circa il 95% (19, 22, 31, 33). Ora che tutti i ricercatori che
effettuano l’EVLT segnalano costantemente ottimi tassi di
obliterazione, il nuovo obiettivo è la riduzione del dolore e
delle ecchimosi post-trattamento. Gli studi di confronto che
abbiamo riportato sostanzialmente concordano sui risultati: laser con lunghezze d’onda elevate producono meno
effetti collaterali. L’introduzione di queste lunghezze d’onda
sembra quindi apportare un’importante innovazione tecnologica, paragonabile alla rivoluzione della schiuma nel campo della scleroterapia: la schiuma, dislocando il sangue,
entra in diretto contatto con il suo target, la parete della
vena, senza diluirsi; il vecchio assioma di R. Tournay (“ciò
che conta non è la concentrazione del farmaco sclerosante
all’interno della siringa, ma la sua concentrazione all’interno
della vena”) trova quindi soddisfazione; è possibile quindi
ridurre la concentrazione del farmaco riducendo anche i
possibili effetti collaterali. Analogamente anche le WSLWs,
grazie alla loro maggiore affinità per la parete venosa, permettono di ridurre l’energia erogata, con consensuale riduzione delle complicanze. Riportiamo alcune considerazioni
derivanti dall’accurata analisi della Letteratura.
Nello studio del Kabnic (13) i segni ed i sintomi post-trattamento sembravano molto simili per i due gruppi, con risultati significativi a breve termine (più ecchimosi la prima settimana dopo EVLT per il gruppo trattato con l’810 nm) che
non sembrano influenzare la convalescenza del paziente
nel lungo termine. Inoltre questa percentuale di ecchimosi può essere correlata a due fattori: la somministrazione
dell’anestesia, oppure la perforazione della vena che può
essere causata dall’EVLT. La somministrazione dell’anestesia tumescente tramite multiple iniezioni potrebbe causare
piccole fughe di sangue nel tessuto molle circostante, con
conseguenti ecchimosi (Fig. 7).
Il dolore post-procedura e la presenza di varici residue erano significativamente differenti tra i gruppi; tuttavia, queste
differenze sono state osservate solo in singole occasioni
durante il follow-up e non hanno portato a complicazioni particolari o a necessità di un ulteriore trattamento. È
possibile che queste differenze siano correlate a malattie
concomitanti non esaminate (ad esempio, insufficienza venosa profonda); riguardo gli effetti sull’intensità del dolore
post-operatorio devono essere effettuate ulteriori indagini.
Nello studio di Proebstle (28) il NdYAG 1320 causa meno
effetti collaterali rispetto al diodo 940 nm; abbiamo già riferito della difficoltà di valutare il dolore e di rendere oggettivabile un parametro di per sé soggettivo; vi è però un bias
nello studio: i pazienti sottoposti all’EVLT con il NdYag hanno ricevuto una LEED molto inferiore rispetto a quelli trattati
con il diodo; probabilmente quindi i pazienti hanno riferito
meno dolore anche perché l’energia erogata è stata inferiore, minimizzando le possibili complicanze. Le WSLWs sono
sicuramente molto efficaci nell’obliterare le vene, ma ri-
22
Fig. 7: ecchimosi post EVLT. Nostra esperienza; A) Incontinenza della vena
safena accessoria anteriore con varici perigenicolari (C2EpAsPr5 sec.
CEAP). B) Notare come le ecchimosi siano distribuite tutte lungo il decorso
delle iniezioni effettuate per l’anestesia tumescente
Fig. 6: microscopia ottica di un segmento di vena trattata con EVLT. Hematossilina-eosina, 2X-10X. Il Paziente è stato trattato con un diodo 1540 nm
ed una fibra a punta sferica, con erogazione dell’energia in modalità continua, 10 Watts di potenza ed un LEED di 68 J/cm; al termine della procedura
un segmento della vena trattata è stato biopsiato e fissato in formalina.
Non si evidenziano lesioni da contatto della parete della vena, ma un danno
omogeneo e diffuso della parete sino alla tonaca media (necrosi coagulativa), con numerose cavità e fessure (b), che rappresentano l’esplosione delle
molecole d’acqua all’inerno delle cellule che costituiscono la parete stessa;
le cellule presentano nuclei picnotici, il citoplasma è fortemente eosinofilo
chiedono esperienza ed attenzione da parte dell’operatore
perché possono creare danni importanti; non stupisce che
nel primo studio effettuato con il 1470 nm (25) un quarto
dei Pazienti trattati con energie elevate (>100 J/cm) abbia
manifestato parestesie. Già con il 1320 nm (21) era stato
segnalato che il coefficiente di estinzione della luce laser
(parametro correlato all’assorbimento e agli effettivi coefficienti di dispersione nel tessuto biologico attraversato) era
più elevato rispetto alle lunghezze d’onda inferiori, non solo
a livello della parete venosa, ma anche nel tessuto perivenoso, proprio dove decorrono i nervi. Questa osservazione
suggerisce che le WSWLs hanno un più alto rischio di creare danni ai tessuti non bersaglio, soprattutto se l’anestesia
tumescente non viene eseguita correttamente (21).
Probabilmente è possibile ridurre i casi di parestesia diminuendo ulteriormente la LEED e soprattutto evitando un
accesso troppo distale della VGS alla gamba, eventual-
23
mente completando la procedura con la schiuma sclerosante se rimane una porzione di VGS incompetente (2).
Gli ultimi due studi comparativi presentati hanno ridimensionato i risultati delle WSLWs riguardo ecchimosi (36) e dolore (7); in particolare Duman et al riportano che le lunghezze
d’onda non influenzano il successo tecnico o l’insorgenza
di complicazioni, anche qualora vengano usate energie inferiori. Pertanto, gli Autori suggeriscono che la quantità di
energia non è l’unico fattore decisivo per la comparsa di
complicazioni o di dolore postoperatorio. Se viene somministrata una LEED adeguata (100 J/cm per il 980 nm e 50
J/cm per il 1470 nm), i principali fattori che influenzeranno il
tasso di complicanze ed il dolore post-operatorio saranno
la qualità dell’anestesia tumescente effettuata e la velocità
di retrazione della fibra laser. Due recenti studi sperimentali
sembrano confermare queste considerazioni; il primo (30)
evidenzia che per ridurre le perforazioni, mantenere bassa la temperatura perivenosa (mediante una tumescenza
fredda) è più vantaggioso rispetto a modificare della lunghezza d’onda; il secondo (35) sostiene che la temperatura
raggiunta e la lunghezza d’onda utilizzata sono parametri
indipendenti. Gli Autori hanno testato due diverse lunghezze d’onda, 940 nm e 1470 nm, mostrando che diminuire la
velocità di retrazione (2 mm/s) o aumentare la potenza (fino
a 14 W) permette di ottenere una temperatura maggiore e
un tempo più lungo al di sopra della temperatura di denaturazione del collagene, mentre l’uso di diverse lunghezze
d’onda non influenza il profilo della temperatura.
Consideriamo infine che, come già si è verificato per le altre lunghezze d’onda, erogare una bassa energia durante
il trattamento potrebbe determinare un più alto tasso di
recidive a distanza, anche utilizzando le WSLWs. Questo
rimarrà sconosciuto fino a quando non sarà effettuato uno
studio con un lungo periodo di follow-up.
Il design della punta della fibra ha probabilmente un effetto
sostanziale sul decorso postoperatorio precoce (26).
Le fibre a punta piatta emettono il raggio laser dalla punta in direzione distale ed entrano in contatto diretto con la
parete venosa (Fig. 5). Questo porta ad un più alto tasso di
perforazioni della parete venosa (18). Le nuove fibre, come
quelle radiali o a punta sferica (Fig. 5), scaricano l’energia
radialmente attorno alla punta direttamente nella parete venosa; l’area di emissione della luce è superiore alla fibra
piatta e questo determina un effetto più omogeneo sulla
parete venosa, con meno penetrazioni e quindi meno dolore e ed ecchimososi (2, 29). Alcuni Autori hanno ipotizzato
che il danno indotto dalle WSLWs, associate con queste
fibre di recente sviluppo, crei una risposta infiammatoria inferiore a quella prodotta dalle fibre a punta piatta associate
ai laser emoglobina-specifici (29), ma ad oggi non è disponibile alcuna conferma istologica.
CONCLUSIONI
L’EVLT degli assi safenici rappresenta un trattamento sicuro ed efficace. Naturalmente la selezione dei pazienti è fondamentale, indifferentemente dal tipo di lunghezza d’onda
utilizzata.
Riguardo i benefici clinici apportati dalle WSLWs, i dati riportati dai pochi studi clinici e sperimentali effettuati sono
in parte discordanti; in particolare, non vi è alcuna prova
scientifica che le WSLWs abbiano effetto sui risultati a lungo termine, anche se differenze a breve termine sono state
segnalate per alcuni effetti collaterali. Altri parametri sono
comunque importanti, in particolare la LEED e l’anestesia
tumescente sono punti cruciali; il tipo di fibra ottica utilizzata probabilmente ha un effetto significativo per il successo del trattamento ed anche come l’energia viene erogata
(modalità pulsata o continua) e la velocità di retrazione della
fibra, sono possibili fattori che influenzano il tasso di complicazione e di dolore post-operatorio.
Sono necessari ulteriori studi per valutare l’efficacia a lungo
termine di trattamenti effettuati con le nuove fibre ottiche,
con basse potenze e basse LEED.
RINGRAZIAMENTI
Ringraziamo il Prof. Ing. Walter Cecchetti e le ditte Laser.
com (Padova), Eufoton (Trieste) e Biolitec (Bonn, Germania)
per il contributo iconografico.
BIBLIOGRAFIA
1. Almeida J, Mackay E, Javier J, Mauriello J, Raines J. Saphenous laser ablation at 1470 nm targets the vein wall, not blood.
Vasc Endovascular Surg; 2009; 43:467-472
2. Cavallini A, Marcer D, Ferrari Ruffino S. Endovenous ablation
of incompetent saphenous veins with a new 1540 nm diode laser
and ball-tipped fiber. Ann Vasc Surg. In Press
3. Desmyttere J, Grard C, Mordon S. A 2 years follow-up study of endovenous 980 nm laser treatment of the great saphenous vein: Role of the blood content in the GSV. Med Laser Appl
2005;20:283–289
4. Desmyttere J, Grard C, Mordon S. A 3 year follow-up study of
endovenous 980 nm laser treatment of the great and small saphenous veins. Lasers Surg Med 2006;38(S18):53
5. Disselhoff BC, Rem AI, Verdaasdonk RM, Kinderen DJ, Moll FL.
Endovenous laser ablation: an experimental study on the mechanism of action. Phlebology 2008;23:69–76
6. Doganci S, Demirkilic U. Comparison of 980 nm laser and baretip fibre with 1470 nm laser and radial fibre in the treatment of great saphenous vein varicosities: a prospective randomised clinical
trial. Eur J Vasc Endovasc Surg 2010;40:254-259
7. Duman E, Yildirim E, Saba T, Ozulku M, Gunday M, Coban G.
The effect of laser wavelength on postoperative pain score in the
endovenous ablation of saphenous vein insufficiency. Diagn Interv
Radiol 2013 Jul-Aug;19(4):326-9
8. Elias S, Raines JK. Mechanochemical tumescentless endovenous ablation: final results of the initial clinical trial. Phlebology
2012;27:67–72
9. Fan C-M, Anderson RR. Endovenous laser ablation: mechanism of action. Phlebology 2008;23:206–213
10. Gloviczki P, Comerota AJ, Dalsing MC, Eklof BG, Gillespie DL,
Gloviczki ML et al; Society for Vascular Surgery; American Venous
Forum. The care of patients with varicose veins and associated
chronic venous diseases: clinical practice guidelines of the Society for Vascular Surgery and the American Venous Forum. J Vasc
Surg. 2011 May;53(5 Suppl):2S-48S
11. Kabnick L. Effects of different laser wavelengths on treatment
of varices. In: Bergan JJ, editor. The vein book. 1st ed. Burlington:
Elsevier Academic Press; 2007. p. 275-82
12. Kabnick LS, Caruso JA. Are there differences between bare,
covered, or diffusion fibers for endovenous treatment of the great
saphenous vein? Veith Symposium, http://www.veithsymposium.
com/pdf/aim/1980.pdf; 2008
13. Kabnick LS. Outcome of different endovenous laser wavelength
for great saphenous vein ablation. J Vasc Surg 2006;43:88e1–7
14. Kaplan RM, Criqui MH, Denenberg JO, Bergan J, Fronek A.
Quality of life in patients with chronic venous disease: San Diego
population study. J Vasc Surg 2003;37:1047-53
15. Leopardi D, Hoggan BL, Fitridge RA, Woodruff PW, Maddern
GJ. Systematic review of treatments for varicose veins. Ann Vasc
Surg 2009;23:264-76.
16. Mackay GE, Almeida JI, Raines JK. Saphenous vein ablation:
Do different laser wavelengths translate into different patient experiences? Endovasc Today 2006 March:45-48
17. McLafferty RB, Lohr JM, Caprini JA, Passman MA, Padberg
FT, Rooke TW et al. Results of the national pilot screening program for venous disease by the American Venous Forum. J Vasc
Surg 2007;45:142–148
18. Meissner MH, Gloviczki P, Bergan J, Kistner RL, Morrison N,
Pannier F et al. Primary chronic venous disorders. J Vasc Surg
2007;46 (Suppl S):54S-67S
19. Min RJ, Khilnani N, Zimmet SE. Endovenous laser treatment
of saphenous vein reflux: long-term results. J Vas Interv Radiol
2003;14:991-6
20. Min RJ, Khilnani NM. Re: Cutaneous thermal injury after endovenous laser ablation of the great saphenous vein. J Vasc Interv
Radiol 2005;16(4):564; author reply 564–565
21. Mordon SR, Wassmer B, Zemmouri J. Mathematical modeling of 980-nm and 1320-nm endovenous laser treatment. Lasers
Surg Med 2007;39:256–265
22. Mundy L, Merlin TL, Fitridge RA, Hiller JE. Systematic review of endovenous laser treatment for varicose veins. Br J Surg
2005;92:1189-9
23. Murad MH, Coto-Yglesias F, Zumaeta-Garcia M, Elamin
MB, Duggirala MK, Erwin PJ et al. A systematic review and
meta-analysis of the treatments of varicose veins. J Vasc Surg
2011;53(Suppl 2):51S-67S
24. Nijsten T, van den Bos RR, Goldman MP, Kockaert MA,
Proebstle TM, Rabe E, et al. Minimally invasive techniques in
the treatment of saphenous varicose veins. J Am Acad Dermatol
2008;60:110–119
25. Pannier F, Rabe E, Maurins U. First results of a new 1470-nm
diode laser for endovenous ablation of incompetent saphenous
veins. Phlebology 2009;24:26–30
26. Prince EA, Soares GM, Silva M, Taner A, Ahn S, Dubel GJ, et
al. Impact of laser fiber design on outcome of endovenous ablation of lower-extremity varicose veins: results from a single practice. Cardiovasc Intervent Radiol 2011 Jun;34(3):536-41
27. Proebstle TM, Lehr HA, Kargl A, Espinola-Klein C, Rother W,
Bethge S et al. Endovenous treatment of the greater saphenous
24
vein with a 940 nm diode laser: thrombotic occlusion after endoluminal thermal damage by laser-generated steam bubbles. J Vasc
Surg 2002;35:729–736
28. Proebstle TM, Moehler T, Gul D, Herdemann S. Endovenous
treatment of the great saphenous vein using a 1320 nm Nd:YAG
laser causes fewer side effects than using a 940 nm diode laser.
Dermatol Surg 2005;31:1678-83
29. Spreafico G, Giordano R, Piccioli A, Iaderosa G, Pavei P, Giraldi E, et al. Histological damage of saphenous venous wall treated
in vivo with radial fiber and 1470 nm diode laser. Italian J Vasc
Endovasc Surg 2011;18:241-7
30. Tarhan IA, Dumantepe M, Yurdakul I, Kehlibar T, Ozler A. Local
cooling effect on perforation rates comparing the 980-1470 nm
laser wavelengths used with endovenous laser ablation: double
blind in vitro experimental study. Phlebology. 2012 Oct 3. [Epub
ahead of print]
31. Van den Bos RR, Arends L, Kockaert M, Neumann M, Nijsten
T. Endovenous therapies of lower extremity varicosities: a metaanalysis. J Vasc Surg 2009;49:230–239
32. Van den Bos RR, Kockaert MA, Neumann HA, Nijsten T. Heat
conduction from the exceedingly hot fiber tip contributes to the
endovenous laser ablation of varicose veins. Lasers Med Sci
2009:24:247–251. Erratum 24:679
33. Van den Bos RR, Kockaert MA, Neumann HA, Nijsten T. Technical review of endovenous laser therapy for varicose veins. Eur J
Vasc Endovasc Surg 2008;35:88-95
34. Van Den Bos RR, Neumann M, De Roos KP, Nijsten T. Endovenous laser ablation-induced complications: review of the literature and new cases. Dermatol Surg 2009 Aug;35(8):1206-14
35. van den Bos RR, van Ruijven PW, van der Geld CW, van Gemert MJ, Neumann HA, Nijsten T. Endovenous simulated laser
experiments at 940 nm and 1470 nm suggest wavelength-independent temperature profiles. Eur J Vasc Endovasc Surg. 2012
Jul;44(1):77-81. doi: 10.1016/j.ejvs.2012.04.017. Epub 2012
May 22
36. Vuylsteke ME, De Bo T, Dompe G, Di Crisci D, Abbad C, Mordon S. Endovenous laser treatment: is there a clinical difference
between using a 1500 nm and a 980 nm diode laser? A multicenter randomised clinical trial. Int Angiol. 2011 Aug;30(4):327-34
37. Vuylsteke ME, Thomis S, Mahieu P, Mordon S, Fourneau I.
Endovenous laser ablation of the great saphenous vein using a
bare fibre versus a tulip fibre: a randomised clinical trial. Eur J
Vasc Endovasc Surg. 2012 Dec;44(6):587-9238.
Vu y l s t e k e
ME, Vandekerckhove PJ, De Bo Th, Moons P, Mordon S. Use of
a New Endovenous Laser Device: Results of the 1,500 nm Laser.
Ann Vasc Surg 2010; 24: 205-211
DAY
TRIVENETO
Vicenza - 17 Gennaio 2015
E
SAV
THE
E
DAT
Sede:
Hotel Viest - Vicenza
Partecipa attivamente a
Continua la rubrica dedicata ai commenti dei nostri lettori inerenti a tutti gli aspetti che
gravitano attorno alla nostra professione: dal rapporto medico-paziente al racconto di esperienze lavorative personali, dalle questioni medico-legali alle esigenze pratiche del flebologo
ai nostri giorni. Ogni riflessione verrà valutata dal comitato redattore e, compatibilmente
con gli spazi della rivista, pubblicata. Sono ben gradite anche le critiche costruttive e i suggerimenti per far crescere la nostra Associazione. I commenti andranno inviati al seguente
indirizzo: [email protected]
25
Associazione Flebologica Italiana
26
26
www.associazioneflebologicaitaliana.it
Modulo d’iscrizione all’AFI
Spett. Associazione Flebologica Italiana
Piazza Caduti di Pian d’Albero, 20
50063 Figline Valdarno (FI)
C. F. 05955180483
Io sottoscritto/a il Nato/a a Residente in Via n°
Codice Fiscale Telefono Cellulare Fax Email Sito web Professione Iscritto all’ordine dei medici/ Con il n° di chiede di essere associato all’AFI per l’anno Nella qualità di SOCIO (*) (*) socio ordinario: medici e paramedici - socio sostenitore: tutti gli altri soggetti
Allegare fotocopia del bonifico bancario della quota d’iscrizione di € 60, 00
IBAN IT 79 L 06160 3791 0000007636C00
Presso la CR FIRENZE filiale INCISA
Intestato Associazione Flebologica Italiana
Causale: quota associativa anno.,,,,,,,
INVIARE PER POSTA o E-MAIL ([email protected])
INSIEME ALLA COPIA DEL BONIFICO
Garanzia di riservatezza – Il trattamento dei dati personali viene svolto nel rispetto di quanto stabilito dal decreto
legislativo 196/2003 sulla tutela della privacy. I dati sopraindicati verranno pubblicati sul motore di ricerca del sito
web dell’AFI.
Autorizzo la pubblicazione dei miei dati sul sito web dell’AFI
Data e luogo 27
Firma AFI - Associazione Flebologica Italiana
Piazza Caduti di Pian d’Albero, 20 • 50063 - Figline Valdarno (FI)
Tel. +39 055 91 57 158
www.associazioneflebologicaitaliana.it • [email protected]
EDIZIONI VALET
Via dei Fornaciai, 29/b • 40129 - Bologna (ITALY)
Tel. + 39 051 63 88 334 • Fax +39 051 326 840
www.valet.it • [email protected]

Documenti analoghi

Linee Guida FLEBOLOGIA

Linee Guida FLEBOLOGIA un laser a diodi 1470 nm e fibra radiale. La disponibilità di fibre ottiche di vario calibro permette di trattare qualsiasi vena varicosa; il costo del materiale monouso è inferiore a quello della...

Dettagli

A volte le cose cambiano... AFI DAY Puglia, un successo di molti

A volte le cose cambiano... AFI DAY Puglia, un successo di molti è consultabile sul sito www.valet.it alla sezione Privacy.

Dettagli

in questo numero

in questo numero dall’Ufficio proprietà letteraria, artistica e scientifica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. È vietata la riproduzione anche parziale di testi e foto senza espressa autorizzazione della ...

Dettagli