Relazione geologica foggia_rev_2

Commenti

Transcript

Relazione geologica foggia_rev_2
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
COMUNE DI FOGGIA
PROGETTO LIFE NATURA N. LIFE09NAT-IT-000149
“CONSERVAZIONE E RIPRISTINO DI HABITAT E SPECIE NEL PARCO REGIONALE BOSCO DELL’INCORONATA”
AZIONE A5 – REDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
REALIZZAZIONE DI 5 HA DI ZONA DI ESPANSIONE FLUVIALE PER FAVORIRE L’EVOLUZIONE DEL BOSCO PLANIZIALE
(AZIONE C2)
relazione geologica-tecnica e idrogeologica -
Luglio 2015
INDICE
1. PREMESSA ........................................................................................................................................... 3
2. UBICAZIONE DELL'AREA .................................................................................................................... 4
3. CONDIZIONI GEOLOGICHE-ARCHEOLOGICHE ................................................................................. 5
4. CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE ........................................................................................ 5
5. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE STRUTTURALI ............................................................................ 6
6. IDROGRAFIA E CARATTERI IDROGEOLOGICI ................................................................................... 8
7. STIMA DEI PARAMETRI GEOTECNICI .............................................................................................. 11
8. VINCOLI NORMATIVI .......................................................................................................................... 13
9. CARATTERI SIMICI ............................................................................................................................. 13
10. CONCLUSIONI .................................................................................................................................... 17
ALLEGATI
ALLEGATO 1 e 1A - INQUADRAMENTO TOPOGRAFICO
ALLEGATO 2 e 2A– CARTA GEOMORFOLOGICA
ALLEGATO 3 e 3A – CARTA GEOLITOLOGICA
ALLEGATO 4 e 4A– CARTA DEI VINCOLI
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 1/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
Progetto LIFE Natura N. LIFE09NAT-IT-000149
“Conservazione e ripristino di habitat e specie nel Parco Regionale Bosco
dell’Incoronata”
Azione A5 – Redazione dei progetti esecutivi degli interventi
REALIZZAZIONE DI 5 HA DI ZONA DI ESPANSIONE FLUVIALE PER FAVORIRE
L’EVOLUZIONE DEL BOSCO PLANIZIALE (AZIONE C2)
PROGETTO ESECUTIVO
Indagine geologico-tecnica e idrogeologica
Luglio 2015
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 2/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
1.
PREMESSA
Lo scrivente dott. Giovanni Scirocco per conto del Centro Studi Naturalistici Onlus ha
eseguito un'indagine geologica, geomorfologica, idrogeologica e di caratterizzazione
del suolo per la realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire
l’evoluzione del bosco planiziale (AZIONE C2), per il “Progetto LIFE Natura N.
LIFE09NAT-IT-000149 - Conservazione e ripristino di habitat e specie nel Parco
Regionale Bosco dell’Incoronata - Azione A5” – da realizzarsi lungo il torrente Cervaro
in località Bosco dell’Incoronata situato in agro del territorio di Foggia (FG).
L’indagine ha riguardato anche l’area destinata ad ospitare le rocce e terre che
verranno prodotte con la realizzazione della zona di espansione.
La relazione è stata redatta conformemente:
⋅ al D.M. 11.3.88, D.M. 14.01.2008, D.M 161/2012 e s.m.i..
In relazione agli aspetti idrogeologici, geomorfologici e litologici sono state assunte
molte informazioni bibliografiche e cartografiche verificate sul campo, accertando
l’assenza di fattori negativi che ne inficino la realizzazione, l'indagine è stata
finalizzata ad esaminare ed evidenziare, anche in prospettiva sismica, le seguenti
caratteristiche dei terreni:
⋅ condizioni geologiche e idrogeomorfologiche generali;
⋅ caratteristiche idrogeologiche;
⋅ caratteristiche geologiche-stratigrafiche e strutturali;
⋅ caratteristiche geotecniche.
Lo studio è stato articolato come segue:
⋅ Sopralluoghi sulle aree e rilievo di tutti i parametri necessari per formulare una
proposta di eventuali interventi possibili;
⋅ Sopralluogo con i progettisti;
⋅ Raccolta bibliografica del quadro geologico, idrogeologico dell’area e
rilevamento di campagna delle unità formazionali affioranti e dei dissesti
presenti;
⋅ Identificazione vincoli presenti.
⋅ Ricerca bibliografica su eventuali campagne d’indagini esistenti;
⋅ Elaborazione delle tavole grafiche e delle sezioni geologiche;
⋅ Relazione idrogeologica e geologica-tecnica.
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 3/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
I dati acquisiti nelle indagini, hanno permesso di descrivere “la situazione
litostratigrafia locale, con definizione dell’origine e natura dei litotipi, del loro stato di
alterazione e della loro degradabilità; i lineamenti geomorfologici della zona, e gli
eventuali processi morfologici e i dissesti in atto o potenziali; i caratteri geostrutturali
generali, la geometria e le caratteristiche delle superfici di discontinuità e lo schema
della circolazione idrica superficiale e sotterranea”.
Lo studio comprende e illustra la localizzazione dell’area interessata, i criteri di
programmazione, i risultati delle indagini in sito e le tecniche adottate, nonché la
scelta dei parametri geotecnici di progetto.
2.
UBICAZIONE DELL'AREA (all. 1 e 1a)
L’area d’intervento è ubicata a SE dell’abitato di Foggia, in destra idrografica del
torrente Cervaro, in particolare, c/o la località denominata Bosco dell’Incoronata (All.
1); catastalmente, gli interventi ricadono sulle particelle n. 9, 86, 194 e 226 del foglio
di mappa n. 196 del comune di Foggia
La quota topografica media è di circa 70 m s.l.m. (tavoletta 164 III SE “Carapelle” alla
scala 1: 25000 e Foglio n. 421 “Ascoli Satriano” alla scala 1:50000) (All.1).
Foto 1 – Ubicazione interventi su ortofoto di Google earth.
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 4/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
Sull’area di interesse progettuale e su quella (individuata sui terreni comunali di
Masseria Giardino in particolare, nella porzione occidentale della particella 10 del
foglio 206 – foto 2) destinata ad accogliere il materiale prodotto dalla escavazione
della zona di espansione fluviale, sono stati prelevati dei campioni di suolo (campione
S1, latitudine 41°21'41", longitudine 15°36'32; campione S2, latitudine 41°23'27",
longitudine 15°37'26") con una fustella metallica a partire dal piano di campagna e
fino alla profondità di 60 cm e consegnati al laboratorio sperimentale per prove
geotecniche GIEPI di Foggia (concessione ministeriale n. 52502 del 11/10/2004), che
ha effettuato l'analisi granulometrica dei terreni e la prova di permeabilità a carico
variabile su edometro, rilasciando l'allegato certificato n. 5303G.
Foto 2 – Ubicazione area destinata allo spandimento delle terre e rocce da scavo su ortofoto di Google earth.
3.
CONDIZIONI GEO-ARCHEOLOGICHE
Lo studio effettuato tramite l’ausilio di foto aeree, documentazione specifica e ripetuti
sopralluoghi, unitamente alla definizione dei caratteri litologici dei terreni affioranti, non
ha messo in evidenza aree d’interesse archeologico sui luoghi interessati dalle opere
in progetto e su quelle destinate ad accogliere le terre e rocce di scavo.
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 5/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
4.
CARATTERISTICHE GEOMORFOLOGICHE (all. 2 e 2a)
L’area in esame ha una morfologia leggermente inclinata verso NE incisa da solchi
torrentizi. Tale morfologia deriva dai litotipi affioranti costituiti principalmente da
depositi alluvionali con diverso grado di cementazione.
L'idrografia superficiale è l’elemento che caratterizza morfologicamente questo
territorio, infatti, quest’area è caratterizzata da depositi terrazzati di origine fluviale.
Tale morfologia deriva dai litotipi affioranti e dai processi geomorfici e tettonici
operanti sugli stessi (alluvioni). Lo studio geomorfologico effettuato anche tramite
l’ausilio di foto aeree non ha evidenziato processi e indizi d’instabilità dell’area oggetto
di tale relazione.
L’area è dissecata da larghe valli, a fondo prevalentemente piatto, che si sviluppano in
direzione circa SO-NE e sono percorse dal torrente Cervaro e dai sui principali
affluenti. Nella porzione orientale si estende una vasta piana alluvionale, nella quale si
riconoscono numerose incisioni, sia attive che abbandonate: i corsi d’acqua principali
hanno, infatti, reinciso le coperture alluvionali e scorrono, in parte incassati, nei
depositi argilloso-siltosi della Fossa bradanica.
Opere di regimazione e di canalizzazione si osservano su tutte le porzioni orientali
degli alvei dei torrenti: ciò non impedisce però che si registrino fenomeni di
esondazione di vaste aree in occasione di eventi pluviali importanti ed improvvisi, ciò
anche a causa della insuffi ciente manutenzione della rete di drenaggio di tutta l’area
occidentale.
5.
CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E STRUTTURALI (all. 3 e 3a)
L'area in esame é stata studiata sia attraverso un rilevamento geologico di dettaglio
(scala 1: 10.000) che tramite l'ausilio di foto aeree. Il rilevamento geologico,
unitamente alla stratigrafia, ha permesso di ricostruire la stratigrafia e le caratteristiche
sedimentologiche dei depositi presenti, mentre, l'utilizzo delle foto aeree ha permesso
di evidenziare le caratteristiche morfologiche d'insieme.
Dal punto di vista geologico i depositi presenti sono costituiti da:
⋅ Depositi alluvionali recenti: I depositi alluvionali del subsintema dell’Incoronata
risultano quasi ubiquitariamente reincisi lungo l’attuale corso dei principali
torrenti, a testimonianza del persistere anche in epoche recenti del sollevamento
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 6/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
regionale della zona. Le incisioni fluviali tagliano i depositi alluvionali anche per
uno spessore fino ad una decina di metri, raggiungendo a luoghi il locale tetto
delle sottostanti argille subappennine; laddove le incisioni hanno raggiunto
un’ampiezza maggiore sono ben osservabili depositi alluvionali subattuali (RPL1)
costituiti in prevalenza da ghiaie disorganizzate.
Questi depositi rappresentano il substrato sul quale verranno realizzate
tutte le opere in progetto.
Età: Olocene
⋅ Subsintema dell’incoronata (RPL1): è rappresentato dai depositi alluvionali
recenti e subattuali accumulati lungo gli alvei dei due principali corsi d’acqua
della zona (T. Celone e T. Carapelle) e dei loro affluenti maggiori. Si estendono
per aree pianeggianti e abbastanza vaste, che a luoghi mostrano un reticolo più
o meno fitto di antichi canali naturali abbandonati; parte del corso dei torrenti
principali è stato nello scorso secolo regimentato con la costruzione di numerosi
canali artificiali, nonché di canali di drenaggio perpendicolari ai corsi attuali:
queste opere avevano lo scopo di limitare i danni di non infrequenti eventi
alluvionali estremi.
Nelle estese piane alluvionali i sedimenti, in prevalenza osservati attraverso
stratigrafi e di perforazioni effettuate per diversi motivi (ricerche d’acqua,
geognostici, per fondazioni) o di numerose ma modestissime cave effimere per
estrazione di inerti, sono rappresentati da ghiaie e sabbie nelle aree più a monte
e da silt e limi in quelle più a valle.
Una datazione assoluta (tipo AMS, cod. LTL1960A) condotta su un esemplare di
Eobania vermiculata (MÜLLER) nell’area di affi oramento di questa stessa unità
nell’adiacente Foglio 422 Cerignola suggerisce un’età radio-carbonio di 6731 ±
160 anni BP.
I depositi del subsintema dell’incoronata rappresentano il substrato sul
quale verranno distribuiti le rocce e terre provenienti dalla realizzazione
della vasca di espansione.
Età: Pleistocene superiore ? - Olocene
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 7/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
L’area di interesse ricade per intero in un ampio settore di Avanfossa bradanica
limitata ad E dall’Avampaese apulo, rappresentato in affioramento dal promontorio
garganico, e ad O dai thrusts più esterni del Subappennino dauno.
Dall’inizio del Pliocene, l’evoluzione dell’Avampaese apulo e dell’Avanfossa bradanica
è controllata dalla migrazione verso E del sistema orogenetico appenninico
(RICCHETTI et al., 1988).
Nel corso del Pliocene e del Pleistocene, l’Avampaese subisce due distinte fasi di
evoluzione: prima (fra il Pliocene inferiore ed il Pleistocene inferiore) una marcata
subsidenza connessa alla subduzione appenninica e poi (nel Pleistocene medio e
superiore) un graduale sollevamento che sono state poste in relazione con l’inizio
della cosiddetta “regressione medio pleistocenica” (Auctt.).
Lo schema strutturale dei carbonati mesozoici dell’Avampaese indica l’esistenza di
una struttura regionale a gradinata ribassata verso SO, interessata da una serie di
horst e graben minori allineati nella stessa direzione. La diversa profondità alla quale
si
rinviene
il
substrato
mesozoico,
ubiquitariamente
coperto
dalle
argille
subappennine, testimonia una attività delle faglie che bordano i diversi gradini della
struttura contemporanea alla sedimentazione delle stesse argille.
L’interazione tra il sollevamento e le fluttuazioni del livello marino, connesse con le
variazioni climatiche quaternarie, ha prodotto la deposizione dei sedimenti del
supersintema del Tavoliere delle Puglie, che occupano gran parte dell’area di questa
parte del tavoliere.
6.
IDROGRAFIA E CARATTERI IDROGEOLOGICI
L’idrografia superficiale dell’area di interesse progettuale e di quella individuata per lo
spandimento delle rocce e terre da scavo è dominata essenzialmente dal Torrente
Cervaro e da una serie di canali, marane, fiumare e fossi che in esso si immettono, e
si sviluppa in direzione SO-NE con una densità di drenaggio che tende a decrescere
verso NE.
Il pattern dei reticoli idrografi del Cervaro è condizionato da effetti di eventi
geodinamici quali la recente strutturazione della fascia esterna dell’Appennino dauno,
nonché dalla presenza di importanti strutture disgiuntive (linea del Cervaro)
rappresentata da una faglia diretta (attiva nel Pleistocene inferiore), individuata da dati
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 8/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
di geologia del sottosuolo (CIARANFI et alii, 1983), questa ed altre faglie consentono
di individuare nell’area settori a differente evoluzione quaternaria.
Le più recenti fasi erosivo-deposizionali hanno determinato nei particolari l’attuale
assetto morfologico e l’andamento generale del reticolo idrografico: queste fasi sono
da porre in relazione anche ai movimenti relativi del livello marino le cui oscillazioni
sono legate alle variazioni climatiche quaternarie. Ai periodi di high stand sono da
riferire essenzialmente le fasi deposizionali dei sistemi alluvionali, a quelli di low stand
invece sono da attribuire le fasi erosive dei diversi corsi d’acqua.
Il regime idraulico del Cervaro, se pur stagionale e strettamente legato all’andamento
delle precipitazioni, è storicamente contraddistinto da rovinose piene ed esondazioni
(D’ARCANGELO, 2000) che, oltre ad ingenti danni alle infrastrutture e all’economia,
qui essenzialmente basata sull’agricoltura, causano talvolta la perdita di vite umane.
Tab. 1 Valori della portata al colmo di piena calcolati per il bacino del Torrente Cervaro (Trulli, 2010).
Sulla base del diverso grado di permeabilità e della posizione stratigrafica, le rocce affi
oranti possono riferirsi a diverse unità idrogeologiche.
La particolare situazione stratigrafica e strutturale dell’area porta a riconoscere tre
unità acquifere (MAGGIORE et al., 1996) situate a differenti profondità (fig. 1).
L’unità acquifera principale (acquifero poroso superficiale), in termini di estensione e
sfruttamento, è rappresentata dai depositi quaternari di copertura del Tavoliere. Detti
depositi, il cui spessore aumenta procedendo da SO verso NE, dove raggiunge circa
50 m, è costituita da una successione di terreni sabbioso-ghiaioso-ciottolosi,
permeabili ospitano una estesa falda idrica generalmente frazionata su più livelli. Le
stratigrafi e dei numerosi pozzi per acqua realizzati in zona, evidenziano infatti
l’esistenza di una successione di terreni sabbioso-ghiaioso, permeabili ed acquiferi,
intercalati a livelli limo-argillosi a minore permeabilità, con ruolo di acquitardi. La base
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 9/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
della
circolazione
idrica
è
rappresentata
dalle
argille
grigio-azzurre (argille
subappennine) la cui profondità di rinvenimento nell’area di Foggia è di circa 40 metri.
I diversi livelli in cui l’acqua fluisce non costituiscono orizzonti separati ma
idraulicamente interconnessi, dando luogo ad un unico sistema acquifero.
Fig. 1 - Sezione idrogeologica a NE di Foggia, rappresentativa delle condizioni idrogeologiche del’area (da
MAGGIORE et al., 2005 a).
Legenda:
1 - Depositi alluvionali attuali (Pleistocene superiore ? - Olocene);
2 - Argille subappennine con intercalazioni di corpi sabbiosi (Pliocene superiore-Pleistocene inferiore);
3 - Calcareniti e calciruditi (Pliocene - Miocene);
4 - Calcari della piattaforma apula (Cretaceo);
5 - Pozzo.
L’acqua si rinviene in condizioni di falda libera nei livelli idrici più superficiali e in
pressione in quelli più profondi. A tale sistema acquifero, nel suo complesso, si dà il
nome
di
falda
superficiale
del
Tavoliere
(MAGGIORE
&
PAGLIARULO,
2003).Trattandosi di un acquifero eterogeneo, sia in termini di spessore che di
granulometria, la potenzialità, come pure la trasmissività idraulica, variano
sensibilmente da zona a zona. In particolare, relativamente a quest’ultimo parametro,
in corrispondenza dell’area intorno a Foggia, l’acquifero risulta essere più trasmissivo
con valori di 4 x 10-3 m2/s.
L’andamento delle isopieze, mostra una generale corrispondenza con la topografia
infatti, le quote piezometriche, tendono a diminuire procedendo da SO verso NE
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 10/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
consentendo di definire una direttrice di deflusso preferenziale in tal senso
(MAGGIORE et al., 2005 b). Le variazioni stagionali dei carichi piezometrici, che
superano anche il metro, indicano l’esistenza di massimi al termine del periodo
invernale (MAGGIORE & PAGLIARULO, 2004).
Il massiccio attingimento, della falda superficiale, ne ha determinato un progressivo
esaurimento determinado un sensibile abbassamento della superficie piezometrica ed
una contestuale riduzione della produttività dell’acquifero con portate attualmente
emungibili dell’ordine di 1-3 l/s,
tuttavia, questa, ha rappresentato, e rappresenta
ancora, la principale fonte di approvvigionamento idrico per l’agricoltura locale.
Dal punto di vista composizionale, le acque della falda superficiale risultano essere da
cloruratoalcaline a bicarbonato alcalino-terrose (MAGGIORE et al, 2005 a).
Nell’area destinata allo spandimento delle terre e rocce da scavo non sono state
rinvenute falde superficiali pertanto, risultano verificate tutte le condizioni di sicurezza
e di rispetto dei limiti del decreto legislativo n. 152 del 2006 e s.m.i..
7.
STIMA DEI PARAMETRI GEOTECNICI
Nei d’intorni dell’area di interesse sono stati effettuati numerosi sondaggi per ricerca di
idrocarburi; la loro ubicazione è indicata con apposita simbologia nelle carte in scala
1:50.000 di Foggia e Ascoli Satriano; le stratigrafi dei pozzi perforati per ricerca di
idrocarburi sono state reperite negli elenchi dell’Ufficio Minerario di Napoli.
Le stratigrafie hanno fornito indicazioni utili sia sullo spessore dell’intera successione
pliocenica e quaternaria delle argille subappennine, che sulla profondità alla quale è
stato incontrato il substrato carbonatico dell’avampaese apulo.
Una stima dei parametri geotecnici del terreno alluvionale è stata effettuata mediante
una prova SCPT (standard cone penetration tests) con la quale si è riuscito ad
investigare una profondità di circa 4 m.
I dati sono stati elaborati con apposito programma di calcolo, al fine di avere una
stima delle caratteristiche geomeccaniche del terreno ad ogni profondità.
La prova ha restituito i seguenti valori di numero di colpi di infissione:
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 11/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
PROVA PENETROMETRICA DINAMICA LEGGERA n. 1
z
N Nst
(m)
0,1 3
3
0,2 12 12
0,3 9
9
0,4 7
7
0,5 5
5
Nc
Ns
γ
3
12
9
7
5
3
7
9
7
5
15,1
18,5
17,5
16,8
16,0
φ
22
25
27
25
24
Dr
E
G
k
10,0
17,9
22,5
21,5
19,4
12,1
18,5
21,0
18,5
15,7
29,8
53,0
62,8
53,0
42,1
0,6
1,4
1,8
1,4
1,0
0,6
3
3
3
3
15,1 22 15,9 12,1 29,8
0,6
0,7
3
3
3
3
15,1 22 16,6 12,1 29,8
0,6
0,8
0,9
1,0
1,1
1,2
1,3
1,4
1,5
1,6
1,7
1,8
1,9
2,0
2,1
2,2
2,3
2,4
2,5
2,6
2,7
2,8
2,9
3,0
3,1
3,2
3,3
3,4
3,5
3,6
3,7
3,8
3,9
3
3
3
2
2
2
2
2
2
2
2
2
3
3
3
4
4
4
3
3
3
4
4
4
4
4
4
3
3
3
3
3
3
4
4
4
12 12 12
6
6
6
6
6
6
14 14 14
8
8
8
17 17 17
30 30 30
12 12 12
12 12 12
11 11 11
10 10 10
9
9
9
12 12 12
11 11 11
12 12 12
10 10 10
10 10 10
24 24 24
33 33 33
34 34 33
Medie valori
3
2
2
2
3
3
3
4
4
3
3
4
12
6
6
14
8
17
30
12
12
11
10
9
10
11
11
10
10
24
33
33
15,1
14,7
14,7
14,7
15,1
15,6
15,1
15,6
15,6
15,1
15,1
15,6
18,5
16,4
16,4
19,1
17,2
19,8
21,0
18,5
18,5
18,2
17,9
17,5
18,5
18,2
18,5
17,9
17,9
21,0
21,0
21,0
17,2
0,6
0,4
0,4
0,4
0,6
0,6
0,6
0,8
0,8
0,6
0,6
0,8
2,4
1,2
1,2
2,8
1,6
3,5
6,2
2,4
2,4
2,2
2,0
1,8
2,0
2,2
2,2
2,0
2,0
4,9
6,9
6,9
1,9
22
20
20
20
22
22
22
23
23
22
22
23
28
24
24
28
26
29
30
28
28
28
27
27
27
28
28
27
27
29
30
30
25,2
17,2
14,6
15,0
15,4
19,1
19,5
19,9
23,3
23,7
21,0
21,3
24,8
42,4
30,8
31,2
47,4
36,7
53,1
70,4
45,9
46,3
44,8
43,2
41,5
44,0
46,4
46,8
45,0
45,3
69,4
81,4
81,9
34,7
12,1
9,9
9,9
9,9
12,1
12,1
12,1
14,0
14,0
12,1
12,1
14,0
24,2
17,1
17,1
26,2
19,8
28,9
38,3
24,2
24,2
23,2
22,1
21,0
22,1
23,2
23,2
22,1
22,1
34,3
40,2
40,2
19,7
29,8
22,6
22,6
22,6
29,8
29,8
29,8
36,2
36,2
29,8
29,8
36,2
76,4
47,7
47,7
84,8
58,0
96,8
142,4
76,4
76,4
72,0
67,5
62,8
67,5
72,0
72,0
67,5
67,5
122,4
152,0
152,0
59,9
Legenda
z = Profondità (m)
N = numero colpi originale
Nst = numero colpi standardizzato
Nc = Nst corretto per Bazaraa
Ns = N smussato statisticamente
γ = Peso di volume (kN/mc)
φ = Angolo d'Attrito (°)
Dr = Densita' Relativa (%)
E = Modulo di Deformabilità (MPa)
G = Modulo di Taglio (MPa)
k = Coefficiente di Winkler (Kg/cm3)
M = media dei valori
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 12/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
8.
VINCOLI NORMATIVI (all. 4 e 4a)
L’area d'interesse progettuale ricade:
• in aree prive di pericolosità da frana (sensu Piano Stralcio dell’Autorità di
Bacino della Regione Puglia) (all. 3), fatto dovuto fondamentalmente alle
ridottissime acclività dell’area;
• in aree ad elevata pericolosità idraulica (all. 4), confinate quest’ultime in
attiguità ai letti dei torrenti, defluenti a quote leggermente inferiori rispetto alle
aree terrazzate.
• in aree sottoposte a Vincolo Idrogeologico (R.D.L. 3267/23 - “Riordinamento e
riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani”) (all. 4).
L’area deputata allo spandimento delle rocce e terre da scavo ricade:
• in aree prive di pericolosità da frana (sensu Piano Stralcio dell’Autorità di
Bacino della Regione Puglia) (all. 3), fatto dovuto fondamentalmente alle
ridottissime acclività dell’area;
• in aree prive di pericolosità idraulica (sensu Piano Stralcio dell’Autorità di
Bacino della Regione Puglia) (all. 3), fatto dovuto fondamentalmente alle
ridottissime acclività dell’area;
• in non sottoposte a Vincolo Idrogeologico (R.D.L. 3267/23 - “Riordinamento e
riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani”) (all. 4).
9.
CARATTERI SISMICI
Il territorio in esame s’inserisce in un distretto sismico interessato da vari eventi
tellurici, con epicentri principalmente garganici ed appenninici.
È ben noto che i carbonati mesozoico-terziari che formano il substrato rigido dell'area
sono interessati da sistemi di faglie prevalentemente orientate NW-SE, alcune delle
quali mostrano segni evidenti di attività recente.
Anche l’area del Tavoliere pugliese (fig. 2), pur essendo caratterizzata da un tasso di
sismicità sensibilmente più basso dell'area Garganica, è stata colpita in tempi storici
da importanti eventi tellurici; in indagini sismiche a riflessione profonde, sono stati
riconosciuti segmenti che mostrano chiare evidenze di attività.
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 13/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
La pericolosità sismica di un terremoto dipende, oltre che dalla distanza epicentrale e
dall’intensità dell’evento, anche dalla diversa risposta sismica locale dell’immediato
sottosuolo (circa i primi 30 metri) su cui insistono gli stessi, sia dai diversi sistemi
costruttivi con cui sono realizzati i manufatti. Il substrato geologico superficiale, infatti,
può esaltare o al contrario smorzare in modo molto significativo l’intensità dei diversi
moti vibranti indotti sui manufatti dalle onde sismiche generate, quasi sempre, a
diversi chilometri di profondità.
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 14/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
Fig. 2 - Mappa degli epicentri dei terremoti i cui dati
compongono DBMI04. Da Stucchi, et al 2007.
Di seguito sono riportati i terremoti storici che hanno colpito questo comune e quelli
limitrofi.
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 15/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
Storia sismica di Foggia [41.460, 15.553]
Osservazioni disponibili: 51
Effetti
Earthquake occurred:
Is
Anno Me Gi Or
6
7-8
6
9
6
6-7
F
6
3
6
2
7
NF
NF
5
2
2
NF
2-3
3
3-4
5-6
F
RS
4
4-5
F
5-6
RS
3
3
4
6
3
4
3
3
3
7
5
5
6
5-6
3
NF
4
3-4
4-5
3-4
5
4
1456 12 05
1627 07 30 10 50
1694 09 08 11 40
1731 03 20 03
1805 07 26 21
1841 02 21
1846 08 08
1851 08 14 13 20
1853 04 09 12 45
1857 12 16 21 15
1873 03 12 20 04
1875 12 06
1882 06 06 05 40
1887 12 03 03 45
1889 12 08
1892 06 06
1893 08 10 20 52
1894 03 25
1904 04 08 08 22
1905 09 08 01 43 11
1905 11 26
1910 06 07 02 04
1911 02 19 07 18 30
1911 09 13 22 29
1913 10 04 18 26
1915 01 13 06 52
1916 05 17 12 50
1919 10 21 00 24
1919 10 22 06 10
1923 11 08 12 28
1925 07 28 03 33
1925 08 25 05 10
1930 07 23 00 08
1930 10 30 07 13
1931 12 03 09 32
1933 03 07 14 39
1933 09 26 03 33 29
1937 12 15 21 25
1948 08 18 21 12 20
1951 01 16 01 11
1962 08 21 18 19 30
1975 06 19 10 11
1980 11 23 18 34 52
1982 03 21 09 44 02
1984 04 29 05 02 59
1984 05 07 17 49 42
1988 04 26 00 53 45
1990 05 05 07 21 17
1991 05 26 12 25 59
1995 09 30 10 14 34
1996 04 03 13 04 35
Area epicentrale
MOLISE
Gargano
Irpinia-Basilicata
Foggiano
Molise
S.MARCO IN LAMIS
CAMPOMAGGIORE
Basilicata
Irpinia
Basilicata
Marche meridionali
S.MARCO IN LAMIS
Monti del Matese
Calabria settent.
APRICENA
TREMITI
Gargano
LESINA
GARGANO
Calabria
IRPINIA
Irpinia-Basilicata
Romagna meridionale
CHIANTI
MATESE
AVEZZANO
Alto Adriatico
GARGANO
ANZIO
MURO LUCANO
CERIGNOLA
GARGANO
Irpinia
SENIGALLIA
CERIGNOLA
BISACCIA
Maiella
CAPITANATA
Puglia settent.
GARGANO
Irpinia
MATTINATELLA
Irpinia-Basilicata
MARATEA
GUBBIO/VALFABBRICA
Appennino abruzzese
ADRIATICO CENTRALE
POTENTINO
POTENTINO
GARGANO
IRPINIA
Studio
DOM
CFTI
CFTI
CFTI
CFTI
DOM
DOM
CFTI
CFTI
CFTI
CFTI
DOM
CFTI
CFTI
DOM
DOM
CFTI
DOM
DOM
CFTI
DOM
CFTI
CFTI
DOM
DOM
DOM
CFTI
DOM
DOM
DOM
DOM
DOM
CFTI
DOM
DOM
DOM
CFTI
DOM
CFTI
DOM
CFTI
DOM
CFTI
CFTI
DOM
CFTI
BMING
BMING
BMING
BMING
BMING
nMD
P
199
65
253
50
223
13
13
102
47
337
196
97
52
142
122
72
69
29
32
827
136
376
185
103
205
1040
130
28
142
28
6
14
509
263
12
42
326
23
59
73
214
15
1317
126
709
912
78
1374
597
145
557
Io
10
10
10-11
9
10
7-8
6-7
9-10
9
10-11
8
7-8
7
8
7
6-7
8
7
6-7
11
7
8-9
7
7
7-8
11
8
5-6
7
6
6
6-7
10
9
6-7
6
8-9
5
7-8
7
9
6
10
7-8
7
8
5
7
7
6
6
COMUNE DI FOGGIA
6.96
6.73
6.87
6.34
6.57
5.40
5.33
6.33
5.90
6.96
5.88
6.07
5.28
5.52
5.55
5.07
5.44
5.17
4.98
7.06
5.32
5.87
5.38
5.14
5.40
6.99
5.85
5.02
5.53
5.01
4.83
5.09
6.72
5.94
4.62
5.13
5.68
4.72
5.58
5.27
6.19
5.14
6.89
5.20
5.68
5.93
5.43
5.84
5.22
5.22
4.92
Pag. 16/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
Mw
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
10.
CONCLUSIONI
Questa relazione è volta alla caratterizzazione geolitologica sia dell’area cui verranno
effettuati gli interventi di realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per
favorire l’evoluzione del bosco planiziale (AZIONE C2), per il “Progetto LIFE Natura N.
LIFE09NAT-IT-000149 - Conservazione e ripristino di habitat e specie nel Parco
Regionale Bosco dell’Incoronata - Azione A5” – da realizzarsi in destra idrografica
lungo il torrente Cervaro, in località Bosco dell’Incoronata, sia dell’area individuata per
lo spandimento delle rocce e terre da scavo, entrambe situate in agro del territorio di
Foggia (FG).
Le aree si dispongono su aree pianeggianti leggermente inclinate verso NE ospitante
le ghiaie disorganizzate recenti e quelle appartenenti al subsintema dell’Incoronata.
Il
rilevamento
ha
consentito
di
verificare
preliminarmente
le
condizioni
geomorfologiche e geolitologiche di superficie, in particolare, è stata verificata la piena
compatibilità geologica e geotecnica delle aree, una prova penetrometrica dinamica
leggera spinta fino alla profondità di 3.9 m di profondità e due prelievi di campioni
indisturbati.
In riferimento a quanto emerso dal rilevamento geologico e dalle indagini in situ, la
situazione dell’area dal punto di vista geologico e geognostico può essere riassunta
nei seguenti punti:
• L’intervento in progetto s’inserisce al margine di una superfice sub-orrizzontale
posta in destra idrografica del torrente Cervaro, alla quota topografica media di
70 m s.l.m. (all. 1 e 2).
• Il rilevamento geologico di campagna, i dati bibliografici e quelli restituiti
dall’analisi delle risultanze delle indagini effettuate, hanno permesso sia di
ricostruire il modello geologico del sito sia i relativi parametri nominali dei
depositi alluvionali affiornati nelle aree oggetto d’intervento:
Unità litologica
Depositi alluvionali
(da 0.0 a 3,9m)
Caratteristiche fisiche
peso di volume
naturale
γ ≅ 1.5 ÷ 21 kN/m3
Angolo di attrito
φ ≅ 22 ÷ 30 °
Densità relativa
Dr ≅ 10 ÷ 81.9 %
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 17/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
Studio di Geologia del dott. Geol. Giovanni SCIROCCO – Via Roma n° 18 – 71010 Cagnano Varano (FG)
P.IVA: 02204680710 - e-mail: [email protected]
• Da quanto riscontrato durante il rilevamento, e da quanto riportato dalla “Carta
Geomorfologica”, e dalla “Carta Inventario dei Fenomeni Franosi ed Erosivi
(sensu Piano Stralcio dell’Autorità di Bacino della Regione Puglia) della
Regione Puglia (all. 4), risulta evidente come nell’area in studio non siano
presenti fenomeni di dissesto di tipo gravitativo o forme morfologiche di
particolare rilievo. Le aree pertanto sono da ritenersi stabili dal punto di vista
geomorfologico.
• L’area della vasca di espansione ricade (all. 4) in aree classificate ad elevata
pericolosità di inondazione (sensu Piano Stralcio dell’Autorità di Bacino della
Regione Puglia), confinate quest’ultime in attiguità ai letti dei torrenti, defluenti
a quote leggermente inferiori rispetto alle aree terrazzate.
• Solo le opere in progetto (vasca e canali) ricadono in aree di intervento
sottoposte al vincolo idrogeologico (R.D.L. 3267/23 - “Riordinamento e riforma
della legislazione in materia di boschi e di terreni montani”), mentre, l’area da
utilizzare per lo spandiento delle terre e rocce è escaterna. Si precisa che, le
opere di cui la presente relazione non produrranno una perturbativa all’assetto
idrogeologico dell’area.
Cagnano Varano lì, luglio 2015
Il Geologo
Giovanni SCIROCCO
COMUNE DI FOGGIA
Pag. 18/18
“Realizzazione di 5 ha di zona di espansione fluviale per favorire l’evoluzione del bosco planiziale (azione c2)”
PROGETTO ESECUTIVO
indagine geologica-tecnica e idrogeologica – Luglio 2015
552500
Inquadramento topografico
553000
4583000
552000
4583000
551500
Comune di Foggia (FG)
4582000
4582500
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
4581500
4581500
4582000
4582500
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
551500
552000
552500
/
LEGENDA
553000
Bacino da realizzare
Canale da realizzare
552400
(
4582300
(
4582200
(
(
(
(
(
(
(
(
(
(
(
67
72
71
552200
552300
552400
552500
4582100
(
4582400
4582300
(
(
(
4582200
69
70
(
4582100
71
69
70
(
552100
70
71
(
(
((
71
69
73
68
71
67
68
69
69 70
(
69
70
4582400
71
69
70
71
68
70
70
72
69
67
68
68
69
69 71
69
70
70
71
7272
70
70
69
70
72
72
70 72
68
69
70
73
74
69
72
552500
68
68
67
552300
552200
552100
Allegato 1
549000
550000
551000
552000
Inquadramento topografico
553000
4580000
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
4579000
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
4578000
4578000
4579000
4580000
Comune di Foggia (FG)
549000
550000
551000
552000
/
LEGENDA
553000
Area di spandimento delle terre
e rocce provenienti dagli scavi
550000
550500
551000
86
551500
85
79
79
79
79
79
83
85
81
83
82
85
79
82
83
89
82
82
87
79 84
84
83
85
83
83
80
82
83
83
83
86
85
86
552000
83
83
86
88
79 83
83
79
81
82
83
79
84
86
84
87
79
82
84
82
88
79
82
82
88
80
80
82
83
81
79
88
83
83
85
80
78
82
83
85
82
82 83
82
84
81
80
80
79
84
88
80 80
83 83
79
86
87
79
82
79
80
79
81
89
88
88
100
89
89
91
89
81
86
84
89
88
80
81
85
4579500
83
84
83
79
85
4579500
89
80
84
89
92
89
89
89
80
89
95
89
84
84
81
83
89
90
90
90
90
90
83
85
89
89
89
90
89
91
89
83
87
94
89
89
83
83
80
81
89
89
85
85
89
90
80
79
88
81
89
88
86
82
83
84
81
86
81
83
86
82
80
84
87
83
79
83
83
90
82
85
90
79
81
84
91
82
82
84
81
82
84
83
82
82
87
87
89
85
90
84
82
83
84
81
85
84
91
83
83
81
82
90
4579000
4579000
86
92
84
87
89
85
89
83
86
81
84
84
86
89
85
91
85
92 90
88
89
83
81
86
81
85
86
85
86
83
81
83
90 92
82
85
82
85
81
83
90
90
82
84
90
83
90
82
85
87
90
82
86
83
4578500
4578500
82
86
90
82
84
82
87
86
82
84
91
82
85
82
83
86
89
91
86
83
87
88
89
83
85
87
83
87
82
85
92
84
87
82
85
92
85
89
91
89
85
82
87
83
83
85
84
87
84
88
88
88
91 88
90 89
92 88
92 88
89
88
89
91
91 87
88
87
91
87
87
84 85
82 82
87 82
88
89 88
83
85
89
82
87
88
82
87 82
82
88
85 81
82
84
88
90
83
85
87 82
83
87
92
83
82
89
90
89
88
88
87
87 87
83
93
550000
550500
551000
551500
552000
Allegato 1
552200
4582600
552500
72
72
71
68
71
71
71
72
69
70
70
71
70
70
72
72
68
71
71
70
71
70
68
68
69
70
69
70
70
68
71
72
72
Carta tematica
Comune di Foggia (FG)
67
70
69
71
71
4582600
551900
68
69
73
71
67
70
71
72
67
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
68
74
72
67
66
74
66
68
68
67
68
74
73
70
69
70
69
68
69
70
68
72
68
72
72
72
70
71
70
72
71
72
70
70
70
72
68
70
71
70
69
71
69
4582300
4582300
72
67
68
71
69
70
70
72
69
70
69
69
70
72
70
69
68
70
71
67
71
68
69
71
71
69
71
70
69
69
73
70
69
71
71
70
69
71
72
70
71
68
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
72
72
71
67
72
71
73
LEGENDA
71
72
71
73
73
71
74
72
72
74
4582000
4582000
71
74
71
72
Isoipse su morfologica 3D
71
551900
552200
552500
552200
73
70
69
69
70
69
68
72
68
72
70
72
72
70
72
69
68
69
69
70
70
71
69
68
Bacino da realizzare
70
70
70
70
69
71
71
70
70
69
68
70
71
67
Canale da realizzare
71
69
4582300
4582300
68
71
69
71
69
69
70
69
70
67
Carta delle pendenze (°)
72
0,00 - 2,95
552200
2,95 - 5,94
552200
74
5,94 - 8,66
68
72
67
66
74
66
8,66 - 11,58
68
68
67
68
74
11,58 - 15,14
73
70
69
70
69
69
68
72
68
72
70
72
72
70
72
69
20,71 - 31,04
68
70
70
70
70
69
71
71
70
31,04 - 52,73
70
69
68
4582300
15,14 - 20,71
68
71
70
67
71
71
4582300
71
69
70
69
69
70
67
68
69
71
71
69
69
69
73
70
69
52,73 - 90,00
70
67
72
71
Isoipse su ortofoto
552200
Allegato 2
550100
550400
550700
551000
551300
551600
83
83
85
82
83
85
82
82 83
82
84
4579600
4579600
81
84
86
87
81
86
88
84
81
85
83
84
83
85
84
84
84
81
83
85
83
83
Carta tematica
Comune di Foggia (FG)
89
83
87
83
85
85
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
88
81
83
82
84
88
86
81
86
83
86
82
4579300
4579300
84
87
83
84
83
83
82
82
85
90
84
82
84
83
82
87
87
89
85
90
84
82
83
84
85
84
83
83
4579000
4579000
86
84
87
89
85
89
83
86
84
84
86
85
85
92 90
88
89
83
86
85
86
85
86
83
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
90 92
4578700
4578700
85
85
83
90
84
90
83
90
85
LEGENDA
87
90
86
86
90
84
87
86
84
4578400
4578400
85
83
86
89
91
86
87
88
89
85
87
87
85
92
84
87
85
Isoipse su morfologica 3D
85
89
91
89
85
550100
550100
550400
550700
551000
550400
550700
551300
551000
551600
551300
551600
83
84
86
84
87
82
83
82
82
84
82
82
81
83
83
85
82
83
82
82 83
82
84
4579600
4579600
85
81
84
86
87
81
86
88
84
81
85
83
84
83
85
84
84
84
81
83
83
83
85
89
83
87
83
85
85
88
81
86
82
83
84
81
86
83
4579300
86
82
84
87
83
84
83
83
82
82
85
90
84
82
84
83
82
87
87
89
85
90
84
4579300
88
Area di spandimento delle terre
e rocce provenienti dagli scavi
82
83
84
85
84
83
83
4579000
4579000
86
84
87
89
85
89
83
86
84
84
86
85
85
92 90
88
89
83
86
85
86
85
86
83
85
85
83
90
84
90
83
90
85
87
90
4578700
4578700
90 92
86
86
90
84
87
86
84
83
86
87
88
89
85
87
87
85
92
84
87
85
4578400
4578400
85
86
89
91
85
89
89
91
Carta delle pendenze (°)
85
87
85
84
87
84
88
88
88
91 88
87
87
85
88
90 89
89
550100
89
91
92 88
88
92
87
91 87
88
88
550400
550700
551000
551300
551600
550400
550700
551000
551300
551600
0,00 - 2,95
2,95 - 5,94
5,94 - 8,66
83
84
86
84
87
82
83
82
82
82
84
8,66 - 11,58
82
81
83
83
85
82
83
82
82 83
82
84
4579600
4579600
85
81
84
86
87
81
86
88
84
81
85
83
84
83
85
84
84
84
81
83
83
83
85
89
83
87
83
11,58 - 15,14
15,14 - 20,71
85
85
88
81
86
82
83
84
88
81
86
83
82
84
87
83
84
83
83
82
82
85
84
84
83
82
87
87
89
85
90
84
4579300
4579300
86
82
83
84
85
84
83
52,73 - 90,00
4579000
4579000
31,04 - 52,73
83
86
84
87
89
85
89
83
86
20,71 - 31,04
84
84
86
85
85
92 90
88
89
83
86
85
86
85
86
83
85
85
83
90
84
90
83
90
85
87
90
4578700
4578700
90 92
86
86
90
84
87
86
84
83
86
87
88
89
85
87
87
85
84
87
85
4578400
4578400
85
86
89
91
Isoipse su ortofoto
85
89
91
89
85
87
85
84
87
84
88
88
88
91 88
87
87
85
88
90 89
92 88
88
92
89
550400
550700
89
91
91 87
88
87
88
551000
551300
551600
Allegato 2a
551800
552000
552200
552400
552600
552800
Carta geolitologica
69
72
65
71
71
70
71
67
69
69
67
72
70
67
71
70
Comune di Foggia (FG)
67
71
66
74
68
68
69
72
66
71
67
65
70
4582600
4582600
66
73
69
69
72
72
73
73
73
71
73
68
71
70
70
71
73
71
71
72
70
69
67
67
70
70
71
70
65
68
67
67
70
66
72
68
68
72
73
71
71
70
71
68
68
69
74
70
70
68
71
72
72
73
71
70
69
67
70
71
72
72
67
66
66
4582400
68
68
67
68
74
73
70
69
70
74
69
68
69
68
70
72
68
72
72
70
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
67
68
74
74
74
72
70
72
71
72
70
72
69
69
70
68
71
68
70
70
70
72
67
69
69
70
72
71
70
72
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
70
68
74
4582400
67
69
71
71
68
70
69
70
70
71
70
69
71
69
70
69
70
68
70
67
71
71
68
69
71
71
69
71
69
69
70
70
73
74
69
71
74
71
75
70
4582200
4582200
74
75
74
75
69
69
74
71
74
75
72
70
71
74
68
72
72
72
70
71
70
67
74
70
72
71
73
72
70
76
74
73
70
71
74
72
71
75
73
73
71
74
72
72
70
74
74
71
70
72
4582000
4582000
71
74
74
71
74
73
74
70
/
71
74
74
74
73
74
73
73
73
73
72
71
71
71
71
71
71
71
71
71
72
73
73
71
73
72
71
74
75
71
72
71
73
73
4581800
4581800
71
74
73
73
74
73
72
72
71
70
72
73
71
74
72
71
71
73
71
551800
552000
552200
552400
552600
LEGENDA
552800
Unità litologiche
Bacino da realizzare
Subsintema dell'Incoronata
Canale da realizzare
Depositi alluvionali recenti
552100
552200
552300
552400
74
552500
68
67
68
73
72
72
71
72
72
70
7272
70
70
70
70
71
69
69 69
68
71
70 70
70
69
67
68
68
6971
70
69
4582300
70
69
71
73
67
68
71
68
69
4582400
72
69
68 70
69
69
70
71
71
70
69
4582300
4582400
69 70
69
4582200
4582200
70
67
552100
552200
71
552300
552400
552500
4582100
4582100
72
Allegato 3
550000
550500
551000
85
83
86
551500
552000
Carta geolitologica
85
83
85
81
83
83
82
85
79
82
83
7983
82
82
83
87
81
82
83
79
84
86
80
84
79
80
Comune di Foggia (FG)
87
83
82
82
82
82
84
82
81
88
79
88
83
83
85
82
83
85
82
8283
82
84
81
80
88
84
86
87
80
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
81
89
86
88
4579500
4579500
88
84
80
88
89
81
85
83
84
83
85
84
89
80
95
84
89
84
81
83
89
85
89
91
83
83
89
83
87
83
80
81
85
85
80
88
81
83
89
82
84
88
86
81
81
86
83
86
82
80
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
84
87
83
79
81
84
83
83
90
82
82
85
90
82
81
84
82
84
83
82
82
87
87
89
85
90
84
82
83
84
81
85
84
91
83
83
81
4579000
4579000
82
90
86
84
87
89
85
89
83
81
86
84
84
86
89
85
85
92 90
88
89
83
86
85
86
85
86
83
9092
85
82
85
83
90
82
90
84
90
83
90
82
85
87
86
82
86
84
87
86
84
91
85
82
83
86
89
91
86
83
87
88
89
83
4578500
4578500
90
90
85
87
/
83
87
85
92
84
87
82
85
85
89
89
91
85
87
83
83
85
84
87
LEGENDA
84
88
88
88
9188
87
87
83
85
88
90 89
9288
89
87
89
91
87
9187
88
82
88
92
88
89 88
83
85
82
89
87
88
84
88
550000
550500
551000
551500
552000
Unità litologiche
Subsintema dell'Incoronata
Depositi alluvionali recenti
Area di spandimento delle terre
e rocce provenienti dagli scavi
550600
4579400
550800
85
87
88
86
551000
551400
83
81
83
84
86
86
551200
85
84
87
83
83
84
84
4579200
85
83
84
83
84
85
4579200
87
87
83
83
84
85
4579400
550400
84
8383
84
87
89
85
86
83
84
84
86
4579000
4579000
86
85
85
86
85
4578800
86
85
85
86
4578800
88
85
84
4578600
85
87
86
86
87
550400
550600
550800
551000
86
551200
4578600
90
551400
Allegato 3a
552200
552400
67
68
68
CARTA DEI VINCOLI
74
73
4582400
70
69
69
68
72
68
72
70
72
72
69
71
69
Comune di Foggia (FG)
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
68
70
70
72
68
69
69
70
71
67
70
4582400
70
69
70
70
70
71
70
69
71
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
70
69
68
70
71
71
67
68
69
71
69
71
69
69
73
70
69
4582200
4582200
70
/
67
72
71
552200
552400
552200
552400
74
]
W
W
Ô
l
m
?
68
68
74
70
70
69
69
68
72
68
72
70
72
71
72
69
68
71
69
Canale da realizzare
Vincolo Idrogeologici
68
Aree soggette a frane superficiali diffuse
Colamento lento
Colamento rapido
Complesso
Crollo/Ribaltamento
Scivolamento rotazionale/traslativo
70
70
72
70
69
69
70
67
4582400
4582400
73
69
Bacino da realizzare
Frane da progetto IFFI
68
67
LEGENDA
70
70
70
69
71
71
70
Piano Autorità di Bacino dei fiumi Trigno,
Biferno e Minore, Saccione e Fortore
70
69
68
70
67
71
71
68
69
71
69
71
69
69
73
70
69
Pericolosità da frana
4582200
4582200
70
Rischio frana
Pericolosità idraulica
67
72
71
552200
552400
552200
552400
74
552400
67
66
74
552200
68
72
74
66
68
68
67
74
69
68
70
70
72
71
72
70
72
69
69
67
70
68
69
71
68
70
68
72
68
72
70
69
70
72
72
70
72
71
70
71
68
71
70
69
71
70
67
71
68
71
70
68
69
71
71
69
69
69
70
67
68
71
69
70
69
68
71
69
70
70
69
73
69
68
70
70
70
67
70
69
69
70
71
70
71
69
69
70
70
70
69
71
69
71
69
69
69
73
70
70
69
4582200
4582200
4582200
4582200
70
67
67
72
72
71
552200
4582400
69
4582400
70
4582400
4582400
73
70
69
69
68
68
73
72
66
68
67
74
72
67
66
74
68
68
68
72
552400
71
552200
552400
Allegato 4
550400
550600
550800
551000
551200
551400
84
84
CARTA DEI VINCOLI
81
83
83
83
85
83
87
83
85
4579400
4579400
85
88
81
83
84
86
86
83
86
84
87
83
Comune di Foggia (FG)
Progetto LlFE Natura N. LlFE09NAT/IT/000149
84
83
83
85
84
4579200
4579200
84
83
87
87
85
84
83
84
85
84
83
Conservazione e ripristino di habitat e specie
nel Parco Regionale Bosco dell'Incoronata
AZIONE A5 - REDAZIONE DEI PROGETTI
ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI
Realizzazione di 5 ettari di zona di
espansione fluviale (Azione C2)
83
86
4579000
4579000
84
87
89
85
83
86
84
84
86
85
85
88
4578800
4578800
86
85
86
85
86
85
85
/
84
4578600
4578600
90
85
87
86
86
87
86
85
LEGENDA
Area di spandimento delle terre
e rocce provenienti dagli scavi
Vincolo Idrogeologici
86
89
550400
550600
550800
551000
551200
551400
550400
550600
550800
551000
551200
551400
Frane da progetto IFFI
]
W
W
Ô
l
m
?
84
84
84
81
83
85
83
83
83
87
83
85
4579400
4579400
85
88
81
83
84
86
86
83
86
84
87
83
84
83
83
85
4579200
4579200
84
84
83
87
87
85
84
83
84
85
84
83
85
83
86
84
84
86
4579000
4579000
84
87
Colamento lento
Colamento rapido
Complesso
Crollo/Ribaltamento
Scivolamento rotazionale/traslativo
Piano Autorità di Bacino dei fiumi Trigno,
Biferno e Minore, Saccione e Fortore
83
86
89
Aree soggette a frane superficiali diffuse
Pericolosità da frana
85
85
4578800
4578800
88
86
85
86
85
86
85
85
Rischio frana
4578600
4578600
84
90
85
87
86
86
87
86
Pericolosità idraulica
85
86
89
551200
551400
85
83
84
86
4579400
4579400
85
86
86
84
83
84
83
83
85
84
4579200
4579200
84
87
87
85
84
84
85
84
86
550400
550600
550800
551000
551200
551400
4579600
551000
551400
81
84
85
83
84
83
85
84
84
84
81
83
83
83
85
83
87
83
85
85
4579400
550800
551200
81
83
84
86
86
83
86
84
87
83
84
83
83
85
84
84
83
87
87
85
84
83
84
85
84
4579200
551000
4579600
550600
550800
4579400
550600
4579200
550400
86
84
86
4579000
4579000
4579000
85
86
4579000
84
87
84
87
89
85
86
84
84
86
85
85
85
86
85
85
85
87
86
86
87
4578600
4578600
90
86
85
86
85
86
85
85
90
85
87
86
86
87
86
85
86
89
86
87
86
88
89
550600
550800
551000
551200
551400
4578600
86
550400
550600
550800
551000
551200
551400
4578400
4578800
85
85
4578600
4578800
86
4578800
85
88
4578800
88
Allegato 4a
PER LA REGIONE PUGLIA
Area Politiche per lo Sviluppo Rurale
SERVIZIO FORESTE
SEZIONE PROVINCIALE DI FOGGIA
OGGETTO: R.D.L. 3267/1923, ART. 1 – NULLA OSTA FORESTALE – PER “PROGETTO LIFE
NATURA N. LIFE09NAT-IT-000149” - “CONSERVAZIONE E RIPRISTINO DI HABITAT E
SPECIE NEL PARCO REGIONALE BOSCO DELL’INCORONATA” - AZIONE A5 –
REDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEGLI INTERVENTI, REALIZZAZIONE DI 5 HA
DI ZONA DI ESPANSIONE FLUVIALE PER FAVORIRE L’EVOLUZIONE DEL BOSCO
PLANIZIALE (AZIONE C2) IN AGRO DEL COMUNE DI FOGGIA (FG).
DITTA Centro Studi Naturalistici Onlus
Foglio di mappa n. 196; Particelle n. 9, 86, 194 e 226
RELAZIONE IDRO-GEO-MORFOLOGICA DELL’AREA
DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA’
(RESA AI SENSI DELL’EX ART. 63 DELLA L.R. 27/85)
Il sottoscritto Dott. Geol. Scirocco Giovanni, iscritto all’Albo Professionale della Regione Puglia al
n. 394, con studio in Cagnano Varano, via Roma, n. 18- cell. 3389961318 incaricato di redigere la
Relazione Idro-geologica ai sensi del D.M. 11.03.1988 e seguenti per il progetto sopra indicato, con
la presente
DICHIARA
che detto studio è stato redatto nel rispetto del Decreto Ministeriale 11.03.1988 e seguenti; che
detto studio è stato redatto in considerazione della individuazione del Comune di Foggia (FG) tra
quelli a rischio idrogeologico molto elevato dei Piani Straordinari di cui all’art 1 della L. 3 agosto
1998, n. 267, di conversione del D.L. 180/98, così come modificata ed aggiornata dalla L.
365/2000 e seguenti; che lo scorrimento delle acque superficiali non determina nuovi canali di
scolo, che quelle di infiltrazione non subiscono alterazioni e sono libere; che le opere previste in
progetto, sia sotto l’aspetto delle fondazioni, sia sotto l’aspetto della copertura territoriale a
crearsi, non interferiscono in modo sostanziale con il regime delle acque superficiali, di
infiltrazione o di falda, e quindi non determinano turbativa all’assetto idrogeologico del suolo; che
la zona oggetto degli interventi è stabile e le nuove opere non altereranno l’equilibrio esistente.
Cagnano Varano lì, 03/06/2014
(TIMBRO E FIRMA LEGGIBILE)

Documenti analoghi