HonduRas

Commenti

Transcript

HonduRas
Capitale: Tegucigalpa
ameRica ceNTRaLe
HonduRas
Ordinamento: Repubblica presidenziale
Superficie: 112.090 km²
Popolazione: 8.448.465
Religioni: cattolica (97%), protestante (3%)
Tegucigalpa
Livello di criticità:
Lingue: spagnolo (ufficiale) e dialetti (indio e garifuna)
Moneta: lempira (HNL)
PIL pro capite: 4.700 USD
PoLITICa
Raggiunta l’indipendenza nel 1838, dopo il deludente progetto della Federazione della Province del centro america, l’Honduras partecipa alla Prima guerra mondiale combattendo contro la Germania e alla Seconda guerra mondiale al
fianco degli Stati Uniti. Nel 1963 il presidente morales viene destituito a favore del conservatore arellano, che instaura
una violenta dittatura militare durante la quale 300mila contadini salvadoregni verranno espulsi perché tacciati di rubare
lavoro. il culmine delle tensioni viene raggiunto con l’inutile Guerra del calcio contro el Salvador nell’estate del 1969. Gli
anni Settanta vedono un susseguirsi di presidenti eletti e poi rimossi con la forza. Le prime aperture democratiche si registrano solo nel 1980 con le elezioni legislative e la vittoria di córdova, cui segue la prima costituzione. Gli anni Novanta
sono ricordati per la Rivoluzione morale del liberale idiáquez e per l’uragano mitch che distrugge i frutti delle riforme
agrarie volute dal Presidente maduro. Nel 2005 viene eletto manuel Zelaya, protagonista del plateale colpo di stato del
2009, manovrato dalla corte Suprema e giustificato dall’incostituzionalità del suo tentativo di prorogare il mandato. L’episodio scatena prese di posizione a livello internazionale e il suo successore ad interim, Roberto micheletti, è riconosciuto
solo da israele e Taiwan. Nel 2009, con un astensione pari al 70%, viene eletto Porfirio Lobo Sosa del Partito Nacional,
sostituito alle presidenziali del 2013 dal nuovo candidato del partito conservatore, Juan Orlando Hernandez.
EConoMIa
Sulla crescita economica dell’Honduras - fra i Paesi più poveri dell’america centrale - continua a pesare una generale arretratezza che risale al periodo coloniale e alle pesanti ingerenze di alcune società estere. Tra il 1994 e il 1999 l’economia del
Paese è stata incrinata prima da una drammatica crisi energetica dovuta alla siccità (che ha costretto l’Honduras a importare
elettricità per circa un miliardo di dollari) e successivamente da altre catastrofi naturali, come le inondazioni dovute all’uragano Floyd. Nel 2005 un aiuto è arrivato dal Fmi e dalla Banca mondiale, che hanno cancellato il debito estero del Paese
(oltre 4.200 miliardi di dollari). L’attività industriale, concentrata a San Pedro Sula e Tegucigalpa, è incentrata sulla lavorazione
dei prodotti agricoli (zuccherifici, birrifici, tabacchifici, oleifici, conservifici, distillerie di rum) e sulla produzione di beni di
prima necessità. Nei distretti di copán e Santa Bárbara si producono cappelli di panama e stanno crescendo anche le “maquiladoras”, industrie manifatturiere che assemblano materiali provenienti dall’estero, per lo più dagli Stati Uniti. Sul fronte
energetico si estraggono in quantità considerevoli: piombo, zinco, antimonio, oro e argento. L’agricoltura, concentrata sulle
esportazioni, rende soprattutto grazie al commercio di banane e caffè. Sono rilevanti anche la pesca e la vendita dei gamberi.
ad oggi la disoccupazione è altissima e il livello di corruzione elevato, mentre l’inflazione si attesta al 5,2%.
CRITICITÀ
L’Honduras è considerato uno dei Paesi più pericolosi di tutto il centro america. il tasso di criminalità è infatti molto
alto e concentrato nelle grandi città (Tegucigalpa, San Pedro Sula, La ceiba e Puerto cortés per prime) dove la povertà
è maggiormente diffusa, ma anche nelle isole più turistiche (Roatan, Util e Guanaja). a rischio anche le strade che
collegano La Union a Limones (a nord della capitale) e Gualaco a San estaban (in prossimità della grande riserva naturale a est del Paese); così anche per le città di La ceiba, Trujillo ed el Progresso. L’Honduras, con il Guatemala e el
Salvador, appartiene al noto Triangolo del Nord del centro america, dove la criminalità organizzata è capillarmente
diffusa. Le novanta bande armate, meglio conosciute come “maras” (la più temuta è la mara Salvatrucha o mS-13),
contano oltre 180mila affiliati in tutto il territorio e costituiscono una delle reti criminali più coordinate e organizzate
al mondo nella gestione del narcotraffico, dei flussi di immigrati clandestini, del traffico di armi e del racket della
prostituzione. L’Honduras è al contempo tra i Paesi il cui rischio di subire attacchi terroristici è piuttosto basso, ma
l’ipotesi di una possibile connessione tra le organizzazioni islamiche e la maras mS-13 non è da escludere. L’intero
territorio è soggetto a rischio sismico, mentre nei dipartimenti di colon, islas de la Bahia e di Gracias a Dios è piuttosto
diffusa la malaria. È necessario assumere le dovute precauzioni anche per evitare il contagio del dengue.

Documenti analoghi

Honduras - joycard

Honduras - joycard Dal caratteristico paesino di Copan, dove il tempo sembra essersi incagliato nell’acciottolato delle stradine, alle splendide rovine Maya, visitando, oltre al parco archeologico, il museo delle scu...

Dettagli

CEE ENERGY 2005 A.p65

CEE ENERGY 2005 A.p65 Sula, Roatan e La Ceiba. Il Paese è diviso in 18 Dipartimenti e le principali città sono Tegucigalpa (la capitale), San Pedro Sula (il principale centro industriale e commerciale del Paese), Puerto...

Dettagli