l`alta via dei parchi - Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

Commenti

Transcript

l`alta via dei parchi - Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi
L’ALTA VIA DEI PARCHI
Un lungo cammino lungo l’Appennino
settentrionale
L’Alta Via dei Parchi è un itinerario da percorrere a piedi lungo
l’Appennino fra l’Emilia-Romagna, la Toscana e le Marche per
scoprire il meglio che le montagne appenniniche sanno offrire.
Partendo da Berceto, nei pressi del Passo della Cisa sull’Appennino Parmense, e giungendo al Monte Carpegna sarà possibile
attraversare le principali aree protette della Regione Emilia-Romagna. Le 27 tappe, per un totale di circa 500 km, possono
essere percorse da escursionisti che accettano la sfida di una
lunga traversata, ma anche da chi sceglie di intraprendere un
cammino di due o più giorni.
Le aree protette della Regione Emilia-Romagna attraversate
dall’Alta Via dei Parchi, oltre ai due Parchi Nazionali dell’Appennino Tosco-Emiliano e delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e al Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello, comprendono il Parco regionale delle Valli del Cedra
e del Parma, il Parco regionale dell’Alto Appennino Modenese,
il Parco regionale del Corno alle Scale, il Parco regionale dei
Laghi di Suviana e Brasimone e infine il Parco regionale della
Vena del Gesso romagnola.
La varietà degli ambienti attraversati è notevole: dai circhi glaciali dell’alto Appennino emiliano, gli splendidi laghi e le praterie d’altitudine, fino alle sterminate foreste e i limpidi torrenti
dell’Appennino romagnolo, passando per rupi vulcaniche e le
falesie di gesso della Vena del Gesso Romagnola. Altrettanto
notevole sarà per il viaggiatore il contatto con i segni della secolare presenza dell’uomo: antiche strade e ponti a schiena
d’asino, toponimi arcaici, monasteri, abbazie ed eremi, in un
contesto montano in continua e rapida evoluzione.
A corredo del progetto sono disponibili numerosi prodotti: la
cartografia, suddivisa in 8 carte dei sentieri in scala 1:50.000
che coprono l’itinerario e tutto il territorio dei parchi interessati, una guida dedicata al percorso, a cura di Mario Vianelli e
Sandro Bassi e arricchita da stupende immagini e approfondimenti storico-ambientali, un “taccuino dell’escursionista”
contenente le principali informazioni sull’itinerario e sui Parchi
interessati.
Le informazioni sulle tappe, sulle pubblicazioni e la cartografia
disponibile, oltre che sulle strutture ricettive di appoggio, sono
disponibili online sul portale dedicato all’Alta Via dei Parchi
all’interno del sito della Regione Emilia-Romagna.
IL SENTIERO
DELLE FORESTE SACRE
Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi
tra Natura e Spiritualità
“I boschi furono i primi templi dell’umanità. Nell’ombra claustrale delle foreste gli uomini antichi veneravano il mistero
della vita e della morte nell’allegoria della rinascita vegetativa molto prima che le religioni monoteiste trovassero
nel deserto il luogo privilegiato della rivelazione divina.
In ambito cristiano, l’eterno legame fra ricerca spirituale e foreste trova nelle montagne dell’Appennino
toscoromagnolo una delle sue espressioni più alte
e compiute. Il folto di questi boschi che per vastità
e bellezza non hanno eguali in Italia ha infatti
accolto da più di mille anni comunità di monaci
vissute in strettissimo rapporto con l’ambiente
circostante, da cui ricavavano prezioso legname ma dove trovavano anche le condizioni
necessarie alla contemplazione, al raccoglimento interiore e alla preghiera.”
Con queste parole Mario Vianelli, autore insieme a Sandro Bassi dei testi della
pubblicazione dedicata al Sentiero delle
Foreste Sacre, descrive sinteticamente il
rapporto tutto speciale di queste foreste
con la spiritualità e con alcuni santi uomini che qui hanno deciso di vivere la loro
esperienza cristiana. Proprio questo connubio tra natura e spiritualità è il tema del
Sentiero delle Foreste Sacre, il cui tracciato
coincide con quello dell’Alta Via: un percorso che in sette tappe ci conduce da Lago di
Ponte di Tredozio al santuario della Verna, toccando tutti i punti più significativi dal punto di
vista spirituale in questa parte di Appennino
tosco-romagnolo.
Ulteriori dettagli sulle tappe e sulle strutture ricettive di appoggio sono disponibili nella guida “Foreste Sacre” e nel DVD “Il Sentiero delle Foreste Sacre”,
editi dal Parco Nazionale. Per maggiori informazioni
consulta il sito www.parcoforestecasentinesi.it.
IL SENTIERO DELLE FORESTE SACRE
TAPPE E TEMPI DI PERCORRENZA
1° giorno > LAGO DI PONTE - SAN BENEDETTO IN ALPE
via Guido Brocchi, 7
52015 Pratovecchio (AR)
Tel.0575.50301
[email protected]
SEDE DELLA COMUNITÀ DEL PARCO
via Nefetti, 3 - 47018 Santa Sofia (FC)
Tel. 0543.971375 - Fax 0543.973034
[email protected]
UFFICIO TURISTICO
Tel. 0575.503029 - Fax 0575.504497
Aperto tutto l’anno dal lunedì al venerdì
dalle 9,00 alle 13,00
[email protected]
www.parcoforestecasentinesi.it
Tempo
8,5
3 - 4 ore
20,5
7 ore
3° giorno > CASTAGNO D’ANDREA - LA BURRAIA
12
5 - 6 ore
4° giorno > LA BURRAIA - MONASTERO DI CAMALDOLI
13
5 - 6 ore
5° giorno > MONASTERO DI CAMALDOLI - BADIA PRATAGLIA
13
4 - 5 ore
6° giorno > BADIA PRATAGLIA - RIMBOCCHI
16
5 - 6 ore
7
3 - 4 ore
2° giorno > SAN BENEDETTO IN ALPE - CASTAGNO D’ANDREA
SEDE ENTE PARCO
KM
7° giorno > RIMBOCCHI - LA VERNA