licitazione privata per la fornitura, installazione e messa in funzione

Commenti

Transcript

licitazione privata per la fornitura, installazione e messa in funzione
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI LECCE
Bando di gara per licitazione privata
1. Università degli Studi di Lecce
– Viale Gallipoli, 49 – 73100 LECCE (Tel.
0832/336219 – Fax 0832/336345). C.F. 80008870752. http://www.unile.it
2. a) La procedura di aggiudicazione sarà quella della licitazione privata, procedura
ristretta accelerata.
b) Licitazione privata, procedura ristretta, articolo 7, ottavo comma del D.Lgs.
n. 358/92 così come modificato ed integrato dal D.Lgs. n. 402/98. Verrà
utilizzata la procedura accelerata a causa dell’urgenza in seguito a specifici
vincoli temporali relativi all’implementazione dell’attività di ricerca.
c)
Fornitura, installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software.
3. a) Università degli Studi di Lecce – Centro Cultura Innovativa d’Impresa –
Facoltà di Ingegneria – Università di Lecce – Via per Monteroni, sn – 73100
LECCE.
b) Hardware CPA 3002 – Software CPA 72. Fornitura (acquisto), installazione e
messa in funzione di prodotti hardware software per la realizzazione
dell’incubatore di competenze, professionalità e comportamenti nell’area del
marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei sistemi locali “ (Cluster C022)
Importo a base d’asta: £. 529.259.000 (EURO 273.339,47) oltre IVA 20%.
c) Vedasi capitolato
d) Non sono ammesse offerte parziali
Pagina 1 di 4
4. Termine ultimo per il completamento della fornitura: entro 30 giorni
dall’aggiudicazione
5. Sono ammessi a presentare offerta anche Imprese appositamente e
temporaneamente riunite secondo le modalità di cui all’art.10 del D.Lgs. 358/92.
6. a) Le domande di partecipazione dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro le
ore 13,00 del giorno 28 maggio 2001
b) Le domande di partecipazione dovranno pervenire all’indirizzo di cui al punto 1
del presente bando.
c) Lingua o lingue: italiana
7. Termine per l’invio degli inviti a presentare offerta: entro 10 giorni dalla data di
cui al punto 6.a)
8. Cauzioni e garanzie: Le imprese partecipanti dovranno presentare una cauzione
del 5% dell’importo di aggiudicazione mediante polizza assicurativa o bancaria.
9. Le imprese dovranno possedere i seguenti requisiti minimi:
a) inesistenza nei propri confronti, nei confronti dell’Impresa e degli altri legali
rappresentanti delle cause di esclusione di cui all’art.11 lett. a), b), c), d), e), f)
D.Lgs. 358/92, come modificato e integrato dal D.Lgs. 402/1998 ;
b) di aver conseguito un volume di fatturato per forniture analoghe nel triennio
(1998-1999-2000) non inferiore a dieci miliardi di lire;
c) di aver svolto attività nel settore delle forniture, installazione e messa in funzione
di hardware e software da almeno cinque anni;
Pagina 2 di 4
10. Offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art.19, 1° comma, lett.b)
del D.Lgs. 358/92. Saranno applicati i seguenti criteri di valutazione:
a) Parametri tecnico – organizzativi: max 30 punti
b) Parametri economici: max 70 punti.
Il punteggio relativo a ciascuna offerta sarà determinato dalla somma dei punteggi
ottenuti per i criteri a) e b). Risulterà aggiudicatario del servizio il concorrente che
avrà ottenuto il punteggio complessivo più alto. Aggiudicazione anche in caso di
unica offerta valida.
11. Non esistono limitazioni al numero di fornitori.
12. Non sono consentite varianti a quanto stabilito dagli atti di gara.
13. A) Per Informazioni Amministrative: Dott. Alessandro QUARTA – Capo Ufficio
Provveditorato (tel. 0832/336219).
B) Per Informazioni tecniche: Sig. Giovanni Scognamillo – Centro Cultura
Innovativa d’Impresa, tel. 0832/320204 - Fax: 0832/325362
Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente bando si rinvia alle norme
generali di partecipazione, al capitolato d’oneri e al capitolato tecnico.
TUTELA DELLA PRIVACY. Informativa ai sensi dell’art.10 L. 675/96: i dati
raccolti saranno trattati al solo fine di procedere all’espletamento della gara
nell’osservanza delle norme in materia di appalti pubblici e saranno archiviati in
locali dell’Università degli Studi di Lecce. Tali dati saranno comunicati e/o diffusi
solo in esecuzione di precise disposizioni normative. I concorrenti potranno
esercitare i diritti loro concessi dall’art.13 della L. 675/96.
Pagina 3 di 4
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Dott. Alessandro Quarta, Capo Ufficio
Provveditorato
14. Mancata pubblicazione avviso di preinformazione.
15. Data di invio del bando: 3 maggio 2001
16. Data di ricevimento del bando da parte dell’Ufficio Pubblicazioni della
CEE: 3 maggio 2001
Lecce, 3 maggio 2001
IL DIRETTORE DELL’AREA CONTABILE
(Dott. Mario TARRICONE)
Pagina 4 di 4
NORME
DI
PARTECIPAZIONE
PREQUALIFICAZIONE
ALLA
DELLA
FASE
DI
LICITAZIONE
PRIVATA PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E
MESSA IN FUNZIONE DI PRODOTTI HARDWARE E
SOFTWARE
CULTURA
PER
LE
ESIGENZE
INNOVATIVA
DEL
CENTRO
D’IMPRESA
DELL’UNIVERSITA’DEGLI STUDI DI LECCE.
Pagina 1 di 9
NORME DI PARTECIPAZIONE ALLA FASE DI PREQUALIFICAZIONE
DELLA
LICITAZIONE
PRIVATA
PER
LA
FORNITURA,
INSTALLAZIONE E MESSA IN FUNZIONE DI PRODOTTI HARDWARE
E SOFTWARE PER LE ESIGENZE DEL CENTRO CULTURA
INNOVATIVA D’IMPRESA DELL’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI
LECCE
1. Ente appaltante: Università degli Studi di Lecce – Viale Gallipoli, 49 – 73100
LECCE
(Tel.
0832/336219
–
Fax
0832/336345).
C.F.
80008870752.
http://www.unile.it
2. a) Procedura di aggiudicazione: La procedura di aggiudicazione sarà quella
della licitazione privata, procedura ristretta accelerata.
b) Giustificazione della procedura accelerata: Licitazione privata, procedura
ristretta, articolo 7, ottavo comma del D.Lgs. n. 358/92 così come
modificato ed integrato dal D.Lgs. n. 402/98. Verrà utilizzata la procedura
accelerata a causa dell’urgenza in seguito a specifici vincoli temporali
relativi all’implementazione dell’attività di ricerca.
c) Forma contrattuale: Fornitura, installazione e messa in funzione di prodotti
hardware e software.
3. a) Luogo della Consegna: Università degli Studi di Lecce – Centro Cultura
Innovativa d’Impresa – Facoltà di Ingegneria – Università di Lecce – Via per
Monteroni, sn – 73100 LECCE.
Pagina 2 di 9
b) Oggetto dell’appalto, numero CPA: Hardware CPA 3002 – Software CPA
72.
Fornitura (acquisto), installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per la realizzazione dell’incubatore di competenze, professionalità e
comportamenti nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei
sistemi locali “ (Cluster C022)
Importo a base d’asta: £. 529.259.000 (EURO 273.339,47) oltre IVA 20%.
c) Quantità da fornire, opzioni: Vedasi capitolato
d) Divisione in lotti: non sono ammesse offerte parziali
4. Termine ultimo per il completamento della fornitura o durata del contratto e
per l’avvio o la consegna delle forniture: entro 30 giorni dall’aggiudicazione
5. Forma giuridica del raggruppamento di imprenditori: Sono ammessi a
presentare offerta anche Imprese appositamente e temporaneamente riunite secondo
le modalità di cui all’art.10 del D.Lgs. 358/92.
6. a) Data limite per il ricevimento delle richieste di partecipazione: Le domande
di partecipazione dovranno pervenire, a pena di esclusione, entro le ore 13,00 del 28
maggio 2001.
b) Indirizzo: le domande di partecipazione dovranno pervenire all’indirizzo di cui
al punto 1 del presente bando. Il plico dovrà recare le seguenti diciture:
“Domanda di partecipazione per gara fornitura (acquisto), installazione e
messa in funzione di prodotti hardware e software per la realizzazione
dell’incubatore di competenze, professionalità e comportamenti nell’area del
Pagina 3 di 9
marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei sistemi locali “ (Cluster C022) con
l’indicazione del nominativo, dell’indirizzo e del recapito telefonico e di fax
dell’Impresa mittente.
Il recapito del plico rimane a esclusivo rischio del mittente ove per qualsiasi
motivo lo stesso non giunga a destinazione entro il termine ultimo precitato.
Ove per l’invio del plico fosse utilizzato un corriere o altro servizio analogo si
precisa che la dicitura sopra indicata dovrà essere apposta anche all’esterno
dell’eventuale contenitore utilizzato dal corriere.
c) Lingua o lingue: italiana
7. Termine per l’invio degli inviti a presentare offerta: entro 10 giorni dalla data
di cui al punto 6.a)
8. Cauzioni e garanzie: Le imprese partecipanti dovranno presentare una cauzione
definitiva in misura del 5% dell’importo di aggiudicazione mediante polizza
assicurativa o bancaria.
La cauzione:
-
dovrà prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore
principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della
stazione appaltante;
-
dovrà avere scadenza coincidente con il termine del periodo contrattuale;
Lo svincolo della cauzione avverrà nei due mesi successivi alla scadenza del
contratto.
Pagina 4 di 9
9. Modalità di partecipazione e requisiti tecnici, economici e finanziari minimi:
Le imprese dovranno far pervenire, nei modi e nei termini di cui al precedente punto
6 lett. a), b) e c) i seguenti documenti:
9.1) Istanza di partecipazione alla presente gara, redatta e sottoscritta, pena
l’esclusione, dal legale rappresentante dell’Impresa, contenete le seguenti
dichiarazioni rese ai sensi degli artt. 46, 47 e 48 del D.P.R. 445/2000:
a) di iscrizione nel Registro delle Imprese presso la competente CCIAA (ovvero, in
caso di Impresa avente sede all’estero, l’iscrizione in uno dei Registri
professionali o commerciali dello Stato di residenza di cui all’art.12 del D.Lgs.
358/92, come modificato e integrato dal D.Lgs. 402/1998 per l’attività oggetto
della presente licitazione ) e l’elenco dei legali rappresentanti con relativa
qualifica;
b) di inesistenza nei propri confronti, nei confronti dell’Impresa e degli altri legali
rappresentanti delle cause di esclusione di cui all’art.11 lett. a), b), c), d), e), f)
D.Lgs. 358/92, come modificato e integrato dal D.Lgs. 402/1998 ;
c) di aver conseguito un volume di fatturato per forniture analoghe nel triennio
(1998-1999-2000) non inferiore a dieci miliardi di lire;
d) di aver svolto attività nel settore delle forniture, installazione e messa in funzione
di hardware e software da almeno cinque anni;
e) di essere a perfetta conoscenza di tutte le prescrizioni, norme e leggi vigenti che
disciplinano l’appalto in oggetto;
Pagina 5 di 9
f)
di aver preso integrale conoscenza delle clausole tutte contenute nel bando di
gara che regolano la licitazione in oggetto e di accettare le predette clausole in
modo pieno ed incondizionato.
9.2) Apposita certificazione rilasciata dagli uffici competenti dalla quale risulti che
l’Impresa è in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili,
così come prescritto dall’art.17 della legge n. 68/99.
Se l’impresa impiega meno di 15 dipendenti dovrà invece dichiarare:
che l’Impresa non è tenuta al rispetto delle norme che disciplinano il diritto al lavoro
dei disabili, avendo alle dipendenze un numero di lavoratori inferiore a 15.
9.3) Nel caso in cui le Imprese partecipanti alla gara intendono utilizzare
l’istituto della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà di cui all’art.38 e
47 del D.P.R. 445/2000, l’istanza di partecipazione con le dichiarazioni di cui al
precedente punto 9.1 lett. a), b),c), d), e), f) dovrà essere sottoscritta e presentata
unicamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità in
corso di validità del legale rappresentante.
Sono ammesse copie fotostatiche delle certificazioni, autenticate con le modalità
di cui agli artt. 18 e 19 del D.P.R. 445/2000.
9.4.) IMPRESE RIUNITE
In caso di Imprese riunite in Associazione Temporanea di Imprese:
-
il requisito di cui al precedente punto 9.1 lett.c) dovrà essere dichiarato e
posseduto per almeno il 70% dall’Impresa capogruppo e per la restante
percentuale, cumulativamente, dalla/e mandante/i in misura non inferiore per
Pagina 6 di 9
ciascuna mandante al 15%. Il totale deve, comunque, essere almeno pari al 100%
dei requisiti richiesti all’Impresa singola.
-
In particolare, sempre per il punto 9.1 lett.c), ciascuna Impresa dovrà dichiarare il
proprio fatturato nel triennio, secondo quanto sopra esposto.
-
Le dichiarazioni di cui al precedente punto 9.1. lett.a), b), d), e), f) dovranno
essere rese da tutte le Imprese del raggruppamento;
-
La cauzione di cui al precedente punto 8, deve essere resa, nel caso di
raggruppamento di imprese, dalla sola capogruppo.
-
La certificazione di cui al punto 9.2. dovrà essere posseduta da tutte le Imprese
del raggruppamento.
9.5) CAUSE DI ESCLUSIONE
Si precisa che costituiranno cause di esclusione :
-
la mancata presentazione o incompletezza di anche uno soltanto dei documenti,
dichiarazioni, certificati richiesti al precedente punto 9.1;
-
il mancato possesso di anche uno soltanto dei requisiti minimi indicati ai punti e
paragrafi precedenti;
-
la mancata presentazione, unitamente all’istanza di cui al punto 9.1, della
fotocopia del documento di identità del sottoscrittore.
Si precisa inoltre che le Imprese che partecipano a gara in forma associata non
possono far parte di altri raggruppamenti/associazioni concorrenti, né possono
partecipare a titolo individuale, pena l’esclusione dalla gara.
Pagina 7 di 9
10. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi
dell’art.19, 1° comma, lett.b) del D.Lgs. 358/92.
Saranno applicati i seguenti criteri di valutazione:
a) Parametri tecnico – organizzativi: max 30 punti
b) Parametri economici: max 70 punti.
Il punteggio relativo a ciascuna offerta sarà determinato dalla somma dei punteggi
ottenuti per i criteri a) e b).
Risulterà aggiudicatario del servizio il concorrente che avrà ottenuto il punteggio
complessivo più alto.
Aggiudicazione anche in caso di unica offerta valida.
11. Numero minimo di fornitori invitati a presentare offerte: Non esistono
limitazioni al numero di fornitori.
12. Varianti: Non sono consentite varianti a quanto stabilito dagli atti di gara.
13. Altre Informazioni:
A) Per Informazioni Amministrative: Dott. Alessandro QUARTA – Capo Ufficio
Provveditorato (tel. 0832/336219).
B) Per Informazioni tecniche: Sig. Giovanni Scognamillo – Centro Cultura
Innovativa d’Impresa, tel. 0832/320204 - Fax: 0832/325362
PERIODO DI TEMPO DURANTE IL QUALE L’OFFERENTE E’
VINCOLATO
ALLA
PROPRIA
OFFERTA:
180
giorni
dalla
data
dell’aggiudicazione definitiva.
TUTELA DELLA PRIVACY
Pagina 8 di 9
Informativa ai sensi dell’art.10 L. 675/96:
i dati raccolti saranno trattati al solo fine di procedere all’espletamento della gara
nell’osservanza delle norme in materia di appalti pubblici e saranno archiviati in
locali dell’Università degli Studi di Lecce.
Tali dati saranno comunicati e/o diffusi solo in esecuzione di precise disposizioni
normative.
I concorrenti potranno esercitare i diritti loro concessi dall’art.13 della L. 675/96.
RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il responsabile del procedimento di gara è il Dott. Alessandro Quarta, Capo Ufficio
Provveditorato dell’Università degli Studi di Lecce.
14. Data di pubblicazione della preinformazione: Mancata pubblicazione avviso di
preinformazione.
15. Data di invio del bando: 3 maggio 2001
16. Data di ricevimento del bando da parte dell’Ufficio Pubblicazioni della CEE:
3 maggio 2001
Lecce, 3 maggio 2001
IL DIRETTORE DELL’AREA CONTABILE
(Dott. Mario TARRICONE)
Pagina 9 di 9
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
– Facoltà di Ingegneria
Gennaio 2001
CAPITOLATO TECNICO PER L’ACQUISTO DEI SISTEMI HARDWARE E SOFTWARE PER LA
REALIZZAZIONE DEL PROGETTO:
“Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti nell’area del
marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali”
Soggetto giuridico attuatore del Progetto
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Facoltà di Ingegneria – Università di Lecce
Via per Monteroni, sn
73100 LECCE
Referente del Progetto
Prof. Aldo Romano
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
CLIENT STANDARD
Tav. A1 – PC certificato a norme CE, così configurato:
Case Middletower ATX
CPU Intel Pentium III 733 MHz
Mainboard per Pentium III 300~800 MHz, VIA® 694X/694Z AGPset 133MHz AGPset, 3 x 168-pin DIMM
Sockets support 16MB to 1GB PC100 SDRAM, ECC or Parity Support, 5 x 32 bit PCI, 1 x ISA and 1 x AGP
Slot, 2 USB ports Onboard, 2 x Serial Ports, 1 x Parallel Port (EPP, ECP), 1 x PS/2 Keyboard Port, 1 x PS/2
Mouse Port (Es. ASUS CUV4X)
N. 1 DIMM 256 MB SDRAM 168 pin PC100/133
N. 1 Hard disk SCSI 18 Gbyte, 7200 rpm
Controller Ultra2 Wide SCSI PCI (Es: Adaptec AHA-2940 o equivalente)
Scheda video (come da Tav. A1a)
Scheda audio (come da Tav. A1b)
DVD ROM ATAPI 16x DVD (21.6 MB/s, 85 ms), 40x CD-ROM (6.0 MB/s, 70 ms) (Es. Pioneer DVD – 105S
ATAPI Bulk Model)
Speakers dolby digital con subwoofer (Es. Microsoft Digital Sound System)
Scheda Ethernet: FastEthernet XL 10/100Mbps TX con autorilevamento, control chip Parallel Tasking II,
connettore UTP RJ45
(Es: 3Com 3C905B-TX o equivalente)
Floppy drive 3,5”
Monitor (come da Tav. Ac)
Mouse PS/2 con tasto destro e tasto sinistro dotato di rotella centrale per lo scrolling, lo zooming e il data
zooming + tappetino
(Es: Microsoft Intellimouse o equivalente)
Webcam Logitech QuickCam Pro
Tastiera italiana PS/2
Software: Windows 2000
Tav. A1a – Scheda video
Architettura a 256-bit DualBus
Bus esterno alla memoria video di 128 bit reali
AGP 1x/2x/4x, transfer rate fino a 1 GB/sec
360 MHz RAMDAC:
-360 MHz per risoluzione massima del monitor primario (fino a 2048 x 1536)
-230 MHz per risoluzione massima del monitor secondario (fino a 1600 x 1200)
-Resoluzione Multi display fino a 1600 x 1200 @ 32 bpp sul le 2 monitor
Double Data Rate (DDR) SDRAM 32 MB
API 3D supportate: OpenGL and DirectX
2D Drawing Engine
3D Rendering Engine
Uscite monitor (High resolution fino a 2056x1536), TV (NTSC, PAL)
Accelerazione per DVD playback
(Es: Matrox Millennium G450 o equivalente)
Tav. A1b – Scheda audio
Processore audio EMU10K1
Signal processing: 32 bit, 192 db, 48 kHz
3D audio
Surround audio
256-Voice Music Synthesis
Supporto per Microsoft DirectSound, Directsound3D e tecnologie derivate
CD Audio connector, AUX connector, PC Speaker connector, CD SPDIF connector, Telephone Answering
Device connector, Line In jack, Mic In jack, Line Out jack, Rear Out jack, Joystick/MIDI connector, Modem
connector
(Es: Soud Blaster Live 512 o equivalente)
Tav. A1c – Monitor
Monitor LCD Panel 15.0” TFT active matrix LCD
Screen size 15.1”/ 38,4 cm diagonal
Risoluzione massima 1024x768 a 75HZ
Horizontal pitch 0.3x0.3 mm
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
2
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
Effective viewing area 307.2x230.4
(Es: Philips Brilliance 150P)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
3
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
CLIENT MULTIMEDIALE
Tav. B1 – PC certificato a norme CE, così configurato:
Case Middletower ATX
CPU Intel Pentium III 733 MHz
Mainboard per Pentium III 300~800 MHz, VIA® 694X/694Z AGPset 133MHz AGPset, 3 x 168-pin DIMM
Sockets support 16MB to 1GB PC100 SDRAM, ECC or Parity Support, 5 x 32 bit PCI, 1 x ISA and 1 x AGP
Slot, 2 USB ports Onboard, 2 x Serial Ports, 1 x Parallel Port (EPP, ECP), 1 x PS/2 Keyboard Port, 1 x PS/2
Mouse Port (Es. ASUS CUV4X)
N. 1 DIMM 256 MB SDRAM 168 pin PC100/133
N. 1 Hard disk SCSI 18 Gbyte, 7200 rpm
Controller Ultra2 Wide SCSI PCI (Es: Adaptec AHA-2940 o equivalente)
Scheda acquisizione e trattamento audio-video:
−
Ingressi/uscite Video Component (Y, R-Y, B-Y), S-Video e Composito.
−
Ingressi/uscite Audio bilanciato (XLR) e non bilanciato.
−
Velocità di trasferimento dati fino a 7Mb/secondo.
−
Immagini a piena risoluzione: 720 x 576 PAL e 720 x 486 NTSC.
−
Ingressi/uscite Genlock
−
Processore audio integrato.
−
Campionatura audio fino a 48kHz in qualità CD.
−
Overlay hardware tramite bus PCI.
−
Software di montaggio Video Adobe Premiere, Adobe AfterEffects
−
Drivers per Windows NT, Windows 95 e Windows 98.
(Es: MiroVideo DC50)
Scheda video (come da Tav. A1a)
Scheda audio (come da Tav. A1b)
DVD ROM ATAPI 16x DVD (21.6 MB/s, 85 ms), 40x CD-ROM (6.0 MB/s, 70 ms)
(Es: Pioneer DVD – 105S ATAPI Bulk Model)
Speakers dolby digital con subwoofer (Es: Microsoft Digital Sound System)
Scheda Ethernet: FastEthernet XL 10/100Mbps TX con autorilevamento, control chip Parallel Tasking II,
connettore UTP RJ45
(Es: 3Com 3C905B-TX o equivalente)
Floppy drive 3,5”
Monitor (come da Tav. A1c)
Mouse PS/2 con tasto destro e tasto sinistro dotato di rotella centrale per lo scrolling, lo zooming e il data
zooming + tappetino
(Es: Microsoft Intellimouse o equivalente)
Webcam Logitech QuickCam Pro
Tastiera italiana PS/2
Software: Windows 2000
Tav. B1a – Scheda video
Architettura a 256-bit DualBus
Bus esterno alla memoria video di 128 bit reali
AGP 1x/2x/4x, transfer rate fino a 1 GB/sec
360 MHz RAMDAC:
-360 MHz per risoluzione massima del monitor primario (fino a 2048 x 1536)
-230 MHz per risoluzione massima del monitor secondario (fino a 1600 x 1200)
-Resoluzione Multi display fino a 1600 x 1200 @ 32 bpp sul le 2 monitor
Double Data Rate (DDR) SDRAM 32 MB
API 3D supportate: OpenGL and DirectX
2D Drawing Engine
3D Rendering Engine
Uscite monitor (High resolution fino a 2056x1536), TV (NTSC, PAL)
Accelerazione per DVD playback
(Es: Matrox Millennium G450 o equivalente)
Tav. B1b – Scheda audio
Processore audio EMU10K1
Signal processing: 32 bit, 192 db, 48 kHz
3D audio
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
4
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
Surround audio
256-Voice Music Synthesis
Supporto per Microsoft DirectSound, Directsound3D e tecnologie derivate
CD Audio connector, AUX connector, PC Speaker connector, CD SPDIF connector, Telephone Answering
Device connector, Line In jack, Mic In jack, Line Out jack, Rear Out jack, Joystick/MIDI connector, Modem
connector
(Es: Sound Blaster Live 512 o equivalente)
Tav. B1c – Monitor
Monitor LCD Panel 15.0” TFT active matrix LCD
Screen size 15.1”/ 38,4 cm diagonal
Risoluzione massima: 1024x768 a 75HZ
Horizontal pitch: 0.3x0.3 mm
Effective viewing area 307.2x230.4
(Es: Philips Brilliance 150P)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
5
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SERVER MONOPROCESSORE
Tav. C – Server certificato a norme CE, così configurato:
Case Middletower ATX
CPU Intel Pentium III 800 MHz
Mainboard per Pentium III 300~800 MHz, VIA® 694X/694Z AGPset 133MHz AGPset, 3 x 168-pin DIMM
Sockets support 16MB to 1GB PC100 SDRAM, ECC or Parity Support, 5 x 32 bit PCI, 1 x ISA and 1 x AGP
Slot, 2 USB ports Onboard, 2 x Serial Ports, 1 x Parallel Port (EPP, ECP), 1 x PS/2 Keyboard Port, 1 x PS/2
Mouse Port (Es: ASUS CUV4X)
512 MB SDRAM
N. 2 Hard disk Ultra2 Wide SCSI 18 Gbyte, 7200 rpm
Controller Ultra2 Wide SCSI RAID Mylex
N. 2 cassetti estraibili U2W SCSI con led di acceso e in funzione
Scheda video (come da Tav. A1a)
Scheda audio (come da Tav. A1b)
DVD ROM ATAPI 16x DVD (21.6 MB/s, 85 ms), 40x CD-ROM (6.0 MB/s, 70 ms) (Es: Pioneer DVD – 105S
ATAPI Bulk Model)
Speakers dolby digital con subwoofer (Es: Microsoft Digital Sound System)
Schede Ethernet: FastEthernet XL 10/100Mbps TX con autorilevamento, control chip Parallel Tasking II,
connettore UTP RJ45 (Es: 3Com 3C905B-TX o equivalente)
Floppy drive 3,5”
Monitor (come da Tav. A1c)
Mouse PS/2 con tasto destro e tasto sinistro dotato di rotella centrale per lo scrolling, lo zooming e il data
zooming + tappetino
(Es: Microsoft Intellimouse o equivalente)
Tastiera italiana PS/2
Sistema Operativo: Windows NT Server 4.0
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
6
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SERVER BIPROCESSORE
Tav. D – Server certificato a norme CE, così configurato:
N. 2 CPU Intel Pentium III 800 MHz
133MHz FSB, 256KB second level cache
512 MB SDRAM ECC
N. 2 Hard disk Ultra2 Wide SCSI 18 Gbyte, 7200 rpm estraibili hot swap
Controller Ultra2 Wide SCSI RAID
N. 2 cassetti estraibili U2W SCSI
Scheda video (come da Tav. A1a)
Scheda audio (come da Tav. A1b)
DVD ROM ATAPI 16x DVD (21.6 MB/s, 85 ms), 40x CD-ROM (6.0 MB/s, 70 ms) (Es: Pioneer DVD – 105S
ATAPI Bulk Model)
Speakers dolby digital con subwoofer (Es: Microsoft Digital Sound System)
Schede Ethernet: FastEthernet XL 10/100Mbps TX con autorilevamento, control chip Parallel Tasking II,
connettore UTP RJ45 (Es: 3Com 3C905B-TX o equivalente)
Floppy drive 3,5”
Monitor (come da Tav. A1c)
Mouse PS/2 con tasto destro e tasto sinistro dotato di rotella centrale per lo scrolling, lo zooming e il data
zooming + tappetino
(Es: Microsoft Intellimouse o equivalente)
Tastiera italiana PS/2
Sistema Operativo: Windows NT Server 4.0
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
7
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
PLOTTER
Tav. E – Plotter così configurato:
Media sizes: 800/800PS 42 inch. Max size: 42 x 600 inch
Print length: 50 ft
Print Technology: HP Color Thermal Inkjet
Print Quality, Black Best: 2400 x 1200 dpi
Print Quality, Color Best: 2400 x 1200 dpi
Print Color
Print Cartridges: 4 – black, cyan, magenta, yellow
Print cartridge capacity: 69 ml
Resolution: HP Color Layering Technology
Languages: Adobe PostScript 3, HP-GL/2, HP RTL, CALS G4, TIFF e JPEG files
Media Types: Bright White Inkjet Paper (Bond), Translucent Bond, Natural Tracing Paper, Vellum, Clear Film,
Matte Film, Coated Paper, Heavyweight Coated Paper, High-Gloss Photo Paper, Semi-Gloss Photo Paper,
Paper-Based Semi-Gloss, Satin Poster Paper, Studio Canvas, Banners with Tyvek, Colorfast Adhesive Vinyl.
Media handling: Single sheet feed, roll feed, automatic cutter
Memoria: 160 MB RAM e 6 GB hard disk
Connectivity: Centronics parallel, IEEE-1284-compliant (ECP), USB 1.1 (Windows 98 and 2000), HP
JetDirect Card for fast Ethernet 10/100Base-TX.
Garanzia 3 anni
Dimensioni: 1253 x 470 x 349 mm
(Es: HP DesignJet 800PS)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
8
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
STAMPANTE LASER B/N PER WORKGROUP
Tav. F – Stampante laser B/N con le seguenti caratteristiche tecniche minime:
Risoluzione 1200 dpi
Memoria 64 MB
Microprocessore Min. 166 MHz (RISC)
Velocità 32 ppm
Linguaggi (Adobe PostScript 3.0, PCL 5C con emulazione di colore)
Riconoscimento e switching del linguaggio: Automatico
Copia Fronte/Retro
Font residenti 100
Interfacce (10/100 baseT Ethernet, parallela Bi-directional, 2 Open DIMM slots, 2 Open EIO interface slots)
Drivers (PC, Macintosh)
Workgroup connectivity (Windows/DOS, NT, IBM OS/2 Warp, Macintosh, Unix Workstations)
Formato di stampa (A4, Letter, Legal)
(Es: HP LaserJet 8000 DN o equivalente)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
9
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
STAMPANTE LASER B/N DESK
Tav. G – Stampante laser B/N con le seguenti caratteristiche tecniche minime:
Tecnologia laser
8 ppm
600x600 dpi
Memoria 2 MB RAM
Linguaggi PCL 5e
Formati di stampa A4, letter, legal
Interfaccia Parallela bidirezionale IEEE 1284
(Es: HP LaserJet 1100se o equivalente)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
10
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
STAMPANTE A GETTO DI INCHIOSTRO
Tav. H – Stampante a getto di inchiostro con le seguenti caratteristiche tecniche minime:
B/N e colore in quadricromia
2400x1200 dpi
12 ppm in nero
10 ppm a colori
Driver per PC e MAC
4 MB built-in RAM, Buffer 4 KB
Cassetto carta 150 fogli carta comune
Interfaccia Parallel Centronics IEEE 1284/seriale MAC, USB
(Es: HP Deskjet 970cse)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
11
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
FAX LASER
Tav. I – Fax Laser con le seguenti caratteristiche tecniche minime:
Compatibilità Gruppo 3
Compressione dati: MH, MR, MMR
ECM (correzione automatica degli errori)
Velocità massima del modem (bit/ sec.): 14.400
Velocità di trasmissione (sec.): 6
Velocità di scansione (sec./ pagina): 6
Risoluzione massima (linee/ mm): 8 l/mm (orizzontali) x 7,7 l/mm (verticali)
Tecnologia di stampa: Laser
Velocità di stampa (ppm): 6
Funzione multicopia: 99 copie
Cassetto carta (standard/ massimo): 100
Memoria base (MB/ pagine): 2/ 90
Formato di lettura (massima): A4
Capacità massima A.D.F. (alimentatore automatico dei documenti): 20
Selezione rapida, un tasto: 16
Selezione codificata, a più tasti: 100
Selezione a gruppi (numero): 115
Rapporti di comunicazione:
trasmissione, di errore, giornale riepilogativo
(Es: Canon FAX L250)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
12
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
VIDEOPROIETTORE
Tav. L – Videoproiettore con le seguenti caratteristiche minime
Tecnologia
Proiettore LCD monotubo, tre pannelli TFT da 0,9
Risoluzione
Max 1280x1024, risoluzione consigliata 1024x768
Luminosità 1000 ANSI Lumen
Zoom e fuoco manuali
Ampiezza schermo
da minimo 25" (64 cm) a max 300" (762 cm)
Distanza di proiezione da min. 1,3 m a max 11,2 m
1 altoparlante integrato
Input: da PC o MAC, VCR, Videocamera, Laserdisk, DVD
Compatibilità video: NTSC/PAL/SECAM/NTSC
(Es: NEC Multisync VT540)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
13
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
LAVAGNA LUMINOSA TRADIZIONALE
Tav. M – Lavagna luminosa tradizionale con le seguenti caratteristiche minime:
Focal lens f = 280 - 300 mm
Superficie utile: 285 x 285 mm
Electronic power supply
Due lampade alogene 24 V/250 W, quick lamp changer
Fornito con carrying bag
(Es: Kindermann Famulus Reflex)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
14
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SISTEMA DI BACKUP ZIP
Tav. N – Sistema di backup ZIP con le seguenti caratteristiche tecniche minime:
Unità ZIP esterna
Capacità: 250 MB
Interfaccia: SCSI
Dotato di cavi SCSI
12 cartucce
(Es: Iomega ZIP)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
15
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SISTEMA DI BACKUP JAZ
Tav. O – Sistema di backup JAZ con le seguenti caratteristiche tecniche minime:
Unità JAZ esterna
Capacità: 2 Gb
Interfaccia: SCSI
Dotato di cavi SCSI
5 cartucce
(Es: Iomega JAZ)
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
16
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SOFTWARE PER LA PRODUTTIVITÀ INDIVIDUALE
Tav. P – Si intendono i seguenti pacchetti software:
Prodotto
Microsoft Office 2000 Professional Education
CorelDraw10 Graphic Suite
Adobe Photoshop6.0
Norton Antivirus 7.5 Corporate Edition
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
Licenze
8
1
1
1
17
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SOFTWARE GIS
Tav. Q – Si intendono i seguenti pacchetti software:
Prodotto*
SICAD Base (include GDBX)
SICAD/RBS
SICAD/IMS (10 utenti)
CDROM dei pacchetti software
Formazione su SICAD (almeno 20 giornate)
Installazione
Manutenzione di 1 anno per tutti i software
Licenze
1
1
1
* Per tutti i pacchetti software la versione deve essere quella più recente disponibile al momento della
presentazione dell’offerta.
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
18
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SOFTWARE ORACLE
Tav. R – Si intendono i seguenti pacchetti software:
Prodotto
ORACLE8i Database Enterprise Edition (CPU Intel 800MHz) NU
Support Silver ODBEE
ORACLE Warehouse Builder (OWB)
Support Silver Warehouse Builder
ORACLE Data Mining Suite
Support Silver Data Mining Suite
ORACLE Internet Application Server 8i (Oracle iAS) NU
Support Silver OASEE
ORACLE 8i Internet Developer Suite
Support Silver IDS
Formazione per tutti i pacchetti con l’esclusione dell’ORACLE8i
Database Enterprise Edition (almeno 12 giornate di formazione)
Installazione del software
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
Licenze
27
27
1
1
1
1
27
27
1
1
19
Centro Cultura Innovativa d’Impresa
Gennaio 2001
SOFTWARE ERWIN
Tav. S – Si intendono i seguenti pacchetti software:
Prodotto
ErWin 3.5.2
Formazione di almeno 2 giornate
Installazione
Incubatore di competenze, professionalità e comportamenti imprenditoriali
nell’area del marketing, l’innovazione e lo sviluppo dei Sistemi Locali
Licenze
1
20
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
UNIVERSITA’DEGLI STUDI DI LECCE
Licitazione privata per la fornitura, installazione e messa in funzione di
prodotti hardware e software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa
d’Impresa dell’Università degli Studi di Lecce (Cluster CO22)
Capitolato d’oneri
Pagina 1 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
ART.1 – Oggetto dell’appalto
Le prescrizioni che seguono si applicano alla procedura di licitazione privata, di
aggiudicazione e al relativo contratto per la fornitura (acquisto), installazione e
messa in funzione di hardware e software per la realizzazione dell’Incubatore di
competenze, professionalità e comportamenti nell’area del marketing,
l’innovazione e lo sviluppo dei sistemi locali per le esigenze del Centro Cultura
Innovativa d’Impresa dell’Università degli Studi di Lecce (Cluster CO22) per
un importo di £. 529.259.000, oltre IVA.
Art.2 – Definizione dei contraenti e dei termini
Ai fini del presente capitolato e dei successivi atti e contratti, l’Università degli
Studi di Lecce sarà definita AMMINISTRAZIONE, la Ditta fornitrice
FORNITORE.
Per Capitolato d’oneri si intende il presente documento;
Per Capitolato tecnico si intende il documento che fornisce le specifiche
tecniche minime della fornitura richiesta;
Per Offerta economica si intende il documento che contiene la richiesta
economica del fornitore per la realizzazione della fornitura così come
configurata nel capitolato tecnico;
Art.3 – Norme regolatrici
I rapporti contrattuali vengono regolati:
• Dalle
vigenti
disposizioni
di
legge
e
dal
regolamento
sull’amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello
Stato e successive modificazioni e integrazioni, da altre disposizioni
inderogabili di Legge in materia contrattuale e in materia di appalti di
forniture nella P.A.;
Pagina 2 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
• Dalle prescrizioni dell’Amministrazione contenute nella lettera di invito,
nel presente Capitolato d’oneri e nel Capitolato tecnico;
• Dalle norme contenute nel DPCM 6 agosto 1997 n. 452: “Regolamento
recante approvazione del capitolato di cui all’art.12, comma 1, del
D.Lgs. 12 febbraio 1993, relativo alla locazione e all’acquisto di
apparecchiature informatiche, nonché alla licenza d’uso dei
programmi”, ove non incompatibili con le norme contenute nel presente
capitolato;
• Dal Codice Civile per quanto non previsto dagli atti sopra indicati.
Art.4 – Realizzazione dell’opera
La fornitura, l’installazione e la messa in funzione delle apparecchiature
hardware e software richiesti deve avvenire entro 30 giorni dalla firma del
contratto.
I locali sono messi a disposizione del FORNITORE in data prestabilita e,
comunque, prima della data prevista per la consegna delle apparecchiature e del
materiale. Ove tale termine non venga osservato, la consegna della fornitura
rimane prorogata di un numero di giorni pari a quelli di ritardo
dell’AMMINISTRAZIONE nella messa a disposizione dei locali.
Art.5 – Trasporto e rischi di perdita e danni.
Durante le operazioni di trasporto, di consegna e di installazione, il
FORNITORE assume l’obbligo di sollevare l’AMMINISTRAZIONE da ogni
responsabilità per tutti i rischi di perdita e di danni subiti dalle apparecchiature,
non imputabili, direttamente o indirettamente, a dolo, negligenza o colpa grave
di quest’ultima.
Art. 6 – Collaudo
L’operazione è intesa a verificare la conformità delle apparecchiature e del
software forniti al tipo, ai modelli e alle quantità descritte nel capitolato tecnico
nonché la rispondenza alle caratteristiche tecniche minime ivi prescritte e le
condizioni di funzionamento sulla scorta di tutte le prove funzionali e
Pagina 3 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
diagnostiche stabilite per ciascun tipo di apparecchiatura e programma nei
manuali tecnici e di utente.
L’operazione è effettuata dal personale tecnico dell’AMMINISTRAZIONE o da
altro personale dalla stessa incaricato, alla presenza di incaricati del
FORNITORE, che debbono controfirmare il relativo verbale, entro e non oltre
60 ( sessanta ) giorni dalla data del verbale di consegna in funzione delle
apparecchiature, salvo diverso termine contrattuale.
Quando le apparecchiature e i prodotti, ovvero parti di essi, non superano le
prescritte prove di collaudo, le operazioni sono ripetute e continuate alle stesse
condizioni e modalità, con eventuali oneri a carico del FORNITORE fino alla
loro conclusione.
Quando la fornitura realizzata non superi, in tutto o in parte, le prove di
collaudo, l’AMMINISTRAZIONE può esercitare la facoltà di:
1. richiedere al FORNITORE che metta a disposizione a sue spese entro 20
(venti) giorni dalla data di formulazione della richiesta stessa,
apparecchiature o prodotti aggiuntivi, idonei a porre le apparecchiature e i
prodotti forniti in condizione di superare le prove di collaudo.
2. risolvere, trascorsi 60 (sessanta) giorni senza esito positivo, il contratto
per tutta o per la parte di fornitura non accettata al collaudo, e porre a
disposizione del FORNITORE i prodotti che non hanno superato le prove
per effettuare il ritiro, a propria cura e spese;
3. commettere quindi la fornitura ad altre imprese, in danno, secondo i
criteri indicati dalle vigenti disposizioni.
Quando invece le operazioni di collaudo pongono in evidenza solo guasti ed
inconvenienti che, a giudizio degli incaricati del collaudo, possono essere
eliminati, il FORNITORE assume l’obbligo di:
1. eliminare guasti ed inconvenienti in brevissimo termine e comunque entro
e non oltre 20 (venti) giorni dalla data del verbale di accertamento redatto
dagli incaricati del collaudo;
Pagina 4 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
2. richiedere un
inconvenienti.
nuovo
collaudo
non
appena
eliminati
guasti
ed
L’AMMINISTRAZIONE si riserva il diritto di provare autonomamente le
apparecchiature ed i software, onde verificarne la rispondenza alle proprie
necessità, per un periodo di 30 giorni a decorrere dalla data di installazione.
Art.7 – Responsabilità sul funzionamento
Il FORNITORE garantisce che l’intera fornitura è priva di difetti dovuti a
progettazione, errata costruzione, errata installazione, a vizi di materiale
impiegati.
Il FORNITORE assume l’obbligo di consegnare le apparecchiature e i prodotti
in perfetto stato di funzionamento, nuove di fabbrica e della più attuale
tecnologia.
Art.8 – Garanzie
Dalla data di collaudo con esito favorevole, e per tutto il periodo di garanzia, il
FORNITORE assume l’obbligo di mantenere in loco, senza alcun addebito, le
apparecchiature in condizione di regolare funzionamento.
Le apparecchiature e i prodotti devono avere una copertura minima di 12 mesi
di garanzia.
Nel caso in cui, durante la garanzia, vizi materiali, o deficienze di esecuzione
determinino l’indisponibilità delle apparecchiature o dei prodotti forniti, o loro
parti, per periodi superiori a 12 ore che, sommati superino l’ammontare di 10
(dieci) giorni, l’AMMINISTRAZIONE ha facoltà di richiedere al FORNITORE
un prolungamento della garanzia o un nuovo periodo di garanzia di 12 mesi a
decorrere dalla data di ripristino del regolare funzionamento.
Art.9 – Penalità e detrazioni
Pagina 5 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
Nel caso di ritardo, rispetto al termine previsto, nelle consegne totali o parziali
sarà applicata a carico del FORNITORE, per ogni decade di ritardo, una penale
commisurata al 5% (cinque per cento) dell’importo della fornitura.
Ove il ritardo superi 60 (sessanta) giorni dai termini previsti per la consegna,
l’AMMINISTRAZIONE si riserva di incamerare la cauzione, annullare
l’incarico e commissionare ad latra impresa la fornitura in danno del
FORNITORE.
Art.10 – Obblighi del FORNITORE nei confronti del personale dipendente.
Il FORNITORE dichiara di assumere a proprio carico ogni responsabilità ed
ogni onere per eventuali infortuni, danni e quant’altro possa essere arrecato a
persone o cose in dipendenza di omissioni o negligenze nell’esecuzione delle
prestazioni oggetto del presente atto.
Il FORNITORE si impegna, inoltre, ad ottemperare a tutti gli obblighi verso i
propri dipendenti in base alle disposizioni legislative o regolamentari vigenti in
materia di lavoro e di sicurezza del lavoro e di assicurazioni sociali, assumendo
a proprio carico, tutti gli oneri relativi.
Il FORNITORE si obbliga ad attuare, nei confronti dei propri dipendenti,
impiegati nelle prestazioni oggetto del contratto, condizioni normative e
retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro
applicabili alla data della firma del contratto, alla categoria e nella località in
cui si svolgono le prestazioni e le forniture, nonché condizioni risultanti da
successive modifiche ed integrazioni ed in genere da ogni altro contratto
collettivo successivamente stipulato per la categoria, applicabile nella località.
Il FORNITORE si impegna, altresì, a continuare ad applicare i suindicati
contratti anche dopo la scadenza e fino alla loro sostituzione.
I suddetti obblighi vincolano il FONITORE anche in caso in cui non sia
aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse.
L’AMMINISTRAZIONE, in caso di violazione degli obblighi di cui sopra e
previa comunicazione al FORNITORE delle inadempienze denunciategli
dall’Ispettorato del Lavoro, si riserva il diritto di sospendere i pagamenti ancora
non effettuati.
Pagina 6 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
I pagamenti saranno ripresi solo dopo che l’Ispettorato predetto avrà dichiarato
che il FORNITORE ha regolarizzato la propria situazione.
Il FORNITORE non potrà vantare alcun diritto per il ritardato o mancato
pagamento.
Art.11 – Deposito cauzionale
Ad affidamento avvenuto la Ditta aggiudicataria dovrà presentare entro 20
giorni dalla data di aggiudicazione una cauzione in misura del 5% mediante
polizza bancaria o assicurativa, rilasciata da imprese di assicurazioni
regolarmente autorizzate all’esercizio del ramo cauzione.
La cauzione:
- dovrà prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del
debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta
scritta della stazione appaltante;
- dovrà avere scadenza coincidente con il termine del periodo contrattuale;
Lo svincolo della cauzione avverrà nei due mesi successivi alla scadenza del
contratto.
Art.12 – Oneri fiscali e spese contrattuali
Restano a carico del FORNITORE gli oneri per le spese contrattuali, di registro
ed accessorie secondo quanto previsto dalle vigenti disposizioni.
Art.13 – Monitoraggio del servizio
L’AMMINISTRAZIONE effettuerà un’organica e puntuale attività di controllo
sulle modalità di erogazione della fornitura attuando, anche tramite esperti
tecnici di propria fiducia, un’attività di monitoraggio del contratto.
Art. 14 – Corrispettivi dei servizie modalità di pagamento
L’AMMINISTRAZIONE corrisponderà al FORNITORE la somma pattuita, in
unica soluzione, entro 90 (novanta) giorni dalla data di collaudo con esito
positivo.
Pagina 7 di 8
Licitazione privata per la fornitura , installazione e messa in funzione di prodotti hardware e
software per le esigenze del Centro Cultura Innovativa d’Impresa – Capitolato d’oneri.
Art.15 – Subappalto
Il FORNITORE non potrà subappaltare a terzi nessuna parte dei lavori e/o delle
forniture senza il consenso scritto dell’AMMINISTRAZIONE; tale restrizione
non si applica alla fornitura di materiale di impiantistica e/o componenti minori.
In ogni caso, il FORNITORE non rimane in alcun modo sollevato dai suoi
obblighi contrattuali nei confronti dell’AMMINISTRAZIONE.
ART.16 – Arbitrato
Le controversie relative alla interpretazione o esecuzione del progetto e del
successivo contratto qualunque sia la loro natura, tecnica, amministrativa e
giuridica, sono deferite al giudizio di un collegio arbitrale composto da tre
membri, due dei quali nominati dalle parti, e il terzo con funzione di Presidente,
d’accordo tra i primi due o, in difetto, dal Presidente del tribunale di Lecce.
Gli arbitri giudicheranno con lodo non impugnabile, reso secondo le regole di
rito.
Il foro competente è quello di Lecce.
Pagina 8 di 8