Leggi i testi delle liriche in programma

Commenti

Transcript

Leggi i testi delle liriche in programma
Xavier Montsalvatge ( 1912-2002): cinco canciones negras
1) Cuba dentro de un piano (Rafael Alberti)
Cuando mi madre llevaba un sorbete de fresa por sombrero /y el humo de los barco aún
era humo de habanero.
Mulata vuelta bajera... / Cádiz se adormecía entre fandangos y habaneras /y un lorito al
piano quería hacer de tenor.
...dime dónde está la flor que el hombre tanto venera. /Mi tío Antonio volvía con aire de
insurrecto. /La Cabaña y el Príncipe sonaban por los patios de El Puerto. /(Ya no brilla la
Perla azul del mar de las Antillas. /Ya se apagó, se nos ha muerto.) /Me encontré con la
bella Trinidad... /
Cuba se había perdido y ahora era de verdad. /Era verdad, no era mentira. /Un cañonero
huído llegó cantándolo en guajira. /
La Habana ya se perdió. /Tuvo la culpa el dinero... /Calló, cayó el cañonero. /Pero
después, pero ¡ah! después /fué cuando al SÍ lohicieron YES.
Cuba dentro un pianoforte
Quando mia madre portava un gelato di fragola per cappello /ed ancora era fumo di avana
il fumo dei battelli.
Mulatta vueltabajera....
Cadice di addormentava tra fandanghi e habaneras / e un pappagallo al piano voleva fare
il tenore.
Dimmi dove è il fiore che l'uomo tanto venera
Mio zio Antonio tornava con la faccia da insorto. / La Cabana e il Principe suonavano nei
patios de El Puerto. / ( non brilla più la Perla Azzurra del mare delle Antille. Eormai s'è
spenta, ormai è morta).
M'incontrai con la bella Trinidad:
Si era perduta Cuba e lo era davvero. ) Era la verità, non era bugia. / Un cannoniere in
fuga venne a cantarlo in una guajira.
Ormai si è perduta La Habana / Fu colpa del denaro
Tacque, cadde il cannoniere./
Peò dopo, ah!, però dopo / fu quando il SI si cambiò in YES
2) “Punto de habanera (Siglo XVIII)” ( Néstor Lujàn)
La niña criolla pasa con su miriñaque blanco./¡Qué blanco! / Hola crespón de tu espuma;
¡marineros contempladla! /
Va mojadita de lunas que le hacen su piel mulata. /Niña, no te quejes, tan solo por esta
tarde./ Quisiera mandar al agua/ que no se escape de pronto de la cárcel de tu falda./ Tu
cuerpo encierra esta tarde rumor de abrirse de dalia. / Niña, no te quejes, tu cuerpo de
fruta está / dormido en fresco brocado. /Tu cintura vibra fina con la noblez de un látigo./
Toda tu piel huele alegre a limonal y a naranjo. / Los marineros te miran y se te quedan
mirando. /La niña criolla pasa con su miriñaque blanco. ¡Qué blanco!
Punta di Habanera ( Secolo XVIII)
La bimba creola passa con la crinolina bianca. / Com'è bianca! / Salve, increspata di
spuma, contemplatela, marinai!/
E' inumidita di lune che le fanno la pelle mulatta. / Bimba non crucciarti, ché solo per
stasera/ Vorrei ordinare all'acqua, / di non fuggire subito dalla prigione della tua gonna. /
Stasera il tuo corpo racchiude il rumore di una dalia che si apre. / Bimba non crucciarti, il
tuo corpo è come un frutto / che dorme in un fresco broccato. / La tua vita sottile vibra con
nobiltà di staffile / Gaia la tua pelle profuma di limoni e di zàgare/ I marinai ti guardano e si
fermano a guardarti. / La bimba creola passa con la crinolina bianca. / Com'è bianca!
3) “Chévere” ( Nicolàs Guillén)
Chévere del navajazo, se vuelve él mismo navaja. / Pica tajadas de luna, mas la luna se le
acaba; pica tajadas de canto, mas el canto se le acaba; /pica tajadas de sombra, mas la
sombra se le acaba,/ y entonces pica que pica came de su negra mala !
Bullo
Bullo della coltellata, lui stesso si fa coltello:/ taglia fette di luna, ma la luna gli finisce;/
Taglia fette di canto, ma il canto gli finisce;/ Taglia fette di ombra, ma l'ombra gli finisce. / E
allora taglia e ritaglia la carne della sua cattiva negra.
4) Canción de cuna para dormir a un negrito” (Alfonso Pereda Valdés)
Ninghe, ninghe, ninghe tan chiquito, /el negrito que no quiere dormir. /Cabeza de coco,
grano de café, /con lindas motitas, con ojos grandotes /como dos ventanas que miran al
mar. /Cierra esos ojitos, negrito asustado; /el mandinga blanco te puede comer. /¡Ya no
eres esclavo! Y si duermes mucho,/ el señor de casa promete comprar /traje con botones
para ser un ‘groom.’ / Ninghe, ninghe, ninghe, duérmete, negrito,/ cabeza de coco, grano
de café.
Ninna nanna per addormentare un negretto
Ninghe, ninghe, ninghe è piccino /Il negretto che non vuole dormire. / nocina di cocco,
chicco di caffè. / Con bei riccioletti, con occhi sgranati/come finestre che guardano il
mare./ Chiudi gli occhietti, negretto impaurito / sennò l'orco bianco ti viene a mangiare. /
Più non sei schiavo! E se dormi tanto / Il padrone di casa vedrai che ti compra/ la giacca
coi bottoni per essere un “groom”,/ Ninghe, ninghe, dormi negretto, / nocina di cocco,
chicco di caffè
5) Canto Negro ( Nicolàs Guillén)
Yambambó, yambambé!
Repica el congo solongo /repica el negro bien negro;/ congo solongo del Songo /baila
yambó sobre un pie. /
Mamatomba, serembe cuserembá. /El negro canta y se ajuma, /el negro se ajuma y
canta, /el negro canta y se va. /
Acuememe serembó aé;/ yambambó, aé. /Tamba, tamba, tamba, tamba, /tamba del negro
que tumba; /tumba del negro caramba, /caramba, que el negro tumba: ¡Yamba, yambó,
yambambé!
Canto negro
Yambambó, yambambé! Batte il congo solongo / Batte il negro ben negro./Aoè Congo
solongo del Songo, / balla su un piede./ Mamatomba, serembe cuserembá./ Il negro canta
e si sbronza./ Il negro si sbronza e canta / in negro canta e se ne va / Yambambó,
yambambé! / Tamba, tamba, tamba, tamba, / tamba del negro che tombola/ Tanba del
negro, caramba / Caramba, che il negro tombola /Yambambó, yambambé! / Balla sopra un
piè.
Luciano Berio, Quattro canzoni popolari [1947]
Testi di origine popolare [II, IV] e di Jacopo da Lentini (sec. XIII) [I, III]
1). Dolce cominciamento: /canto per la più fina,/ che sia, al mio parimento,/d’Agri infino in
Messina,
/cioè la più avenente,/"O stella rilucente,/che levi la maitina,/quando m’apare davanti/li tuò
dolzi sembianti/mi ’ncendon la corina".
2). La donna ideale (canzone genovese)
L’omo chi mojer vor piar,/de quatro cosse dee spiar./La primera è com’el’è naa,/l’altra è se
l’è ben accostumaa,/l’altra è como el è formaa,/la quarta de quanto el è dotaa./Se queste
cosse ghe comprendi,/a lo nome de Dio la prendi.
3). Avendo gran disìo/dipinsi una pintura,/bella, voi somigliante,/e quando voi non
vio,/guardo 'n quella figura,/e par ch’eo v’aggia avante:/come quello che crede/salvarsi per
sua fede,/ancor non veggia inante.
Al cor m’arde una doglia,/com’om che ten lo foco/a lo suo seno ascoso,/che quanto più
lo ’n voglia/
allora arde più loco/e non po' stare inchluso:/similmente eo ardo/quando pass'e non
guardo/a voi vis'amoroso.
S’eo guardo, quando passo,/inver'voi, no mi giro,/bella, per risguardare./Andando, ad ogni
passo/
getto uno gran sospiro/che faciemi angosciare;/e certo bene ancoscio,/c’a pena mi
conoscio,/tanto bella mi pare.
4) . Il ballo (canzone siciliana)
La la la la.../Amor fa disviare li più saggi/e chi più l’ama men ha in sé misura./Più folle è
quello che più s’innamura./La la la la.../Amor non cura di fare suoi dannaggi./Co li so raggi
mette tal calura/
che non po’ raffreddare per freddura.
Jean Sibelius (1865-1957)
1) Våren flyktar hastigt
testo di Johan Ludvig Runeberg
op. 13 n. 4 (1891)
La primavera passa in fretta
“La primavera passa in fretta, /e ancor più in fretta fugge l’estate,/l’autunno indugia a
lungo/e l’inverno ancora più a lungo.
Il tuo viso, le tue guance/appassiranno per non poi rifiorire.”/Il giovane a ciò
rispose:/“Eppure nei giorni d’autunno portiamo i dolci ricordi della primavera,/ e in inverno
consumiamo il raccolto dell’estate./Passi pure la primavera,/
appassiscano pure le mie guance!/Ora pensiamo solo ad amare /ora pensiamo solo a
baciarci.”
2) Den första kyssen
testo di Johan Ludvig Runeberg
musica di Jean Sibelius
op. 37 n. 1 (1900)
Il primo bacio
La stella della sera sedeva sul bordo di/una nuvola d’argento/e nel crepuscolo laggiù da
un boschetto/una ragazzina le chiese: /“Dimmi, stella della sera, cosa si dice in cielo
/quando qualcuno dona il primo bacio alla persona amata?”/
E la timida figlia del cielo rispose: /“Gli angeli celesti in schiera guardano in terra/vedendo
in quel momento il riflesso della
loro propria luce;/solo la Morte volge lo sguardo altrove e piange.”
3) Lastu lainehilla
testo di Ilmari Calamnius
musica di Jean Sibelius
op. 17 n. 7 (1902)
Il truciolo nella corrente
Da dove viene quel truciolo di legno?/Su un’onda lievemente cullato,/così solo al calar
della sera,/in balia della corrente?
Io so da dove viene quel truciolo/sull’onda lievemente cullato./Viene dai tagli dei boschi lì
al Nord,/dalle capanne sulle Montagne Azzurre./Dove il mio amato ha abbattuto il pino,/il
mio promesso sta intagliando una barca./Presto seguirà la corrente / per raggiungere la
sua giovane sposa!
4) Flickan kom från sin älsklings möte
testo di Johan Ludvig Runeberg
musica di Jean Sibelius
op. 37 n. 5 (1900)
La ragazza di ritorno dall’incontro con il suo amato
La ragazza ritornò dall’incontro con il suo
amato / con le mani arrossate. La madre le chiese:/“Come mai quelle mani rosse?”/E la
ragazza: “Ho raccolto delle rose/
e mi sono punta con le spine.” /Un’altra volta ritornò/con le labbra arrossate e la madre le
chiese:/“Come mai quelle labbra rosse?”/E la ragazza: “Ho mangiato dei lamponi/ed il
succo ha tinto le mie labbra.”/Un giorno la ragazza tornò/con il volto pallido e la madre le
chiese:/“Come mai quel volto?”/E la ragazza: “Preparami una fossa, o madre!/Sotterrami lì
e pianta una croce. /E sulla croce scrivi queste parole:/“Un giorno ella tornò con le mani
rosse /perché il suo amato gliele aveva strette nelle sue;/un giorno ella tornò con le labbra
rosse/perché il suo amato gliele aveva baciate;/infine ella tornò con il volto pallido/per aver
scoperto l’infedeltà in colui che amava.”
5)Illalle
testo di Aukusti Valdemar Forsman
musica di Jean Sibelius
op. 17 n. 6 (1898)
Dedicato alla beata sera
Salve a te, scura, dolce, sera stellata, /amo il tuo trasognato fervore/e accarezzo i tuoi
capelli neri/che ricadono fluttuando intorno alle tue ciglia./Se solo fossi, o sera, un ponte
incantato/che potesse trasportare la mia anima lontano/con le ali libere dalle catene del
quotidiano/verso le mete dei miei ideali, ch’io stesso ora non oso raggiungere!/Sarei
l’uomo più felice quel giorno/in cui, terminate le mie fatiche e compiuti i miei doveri,/
potessi, esausto, unirmi a te,/quando la notte spiega le sue ali nere/e un velo grigio
scende su valli e colline./O beata sera, come mi affretterei a raggiungerti!
6) Var det en dröm?
testo di Josef Julius Wecksell
musica di Jean Sibelius
op. 37 n. 4 (1902)
Era un sogno?
Era un sogno che in un passato felice io fossi il tuo amato?/Quel ricordo è come una
canzone ormai finita,/ da poco... le corde vibrano ancora. /Mi ricordo una rosa selvatica da
te regalatami,/uno sguardo così timido e tenero;/mi ricordo una lacrima d’addio che
luccicava./Era tutto solo un sogno?/La vita di un sogno è breve come quella di un
anemone/su un prato verde di primavera./Il suo splendore appassisce presto/per dar
spazio ad altri fiori./Ma notte dopo notte odo una voce/
mentre verso lacrime amare:/“Nascondi queste memorie nel profondo/del tuo
cuore/perché questo è stato il tuo sogno più
bello!
7) Svarta rosor
testo di Ernst Josephson
musica di Jean Sibelius
op. 36 n. 1 (1899)
Rose nere
Dimmi perché oggi sei così triste,/tu che sei sempre gioioso e felice?/Oggi, vedi, non sono
più triste/di quando tu pensi io sia gioioso e felice,/perché le rose del dolore sono nere
come la notte./Nel mio cuore cresce una pianta di rosa/che mai, mai, smette di
tormentarmi./E sui gambi le sue spine/senza posa mi portano pena e dolore,/perché le
rose del dolore sono nere come la notte./Ma di rose ce n’è un intero tesoro,/sono bianche
come la morte, e rosse come il sangue./Crescono e crescono, mi par di morire,/nel
profondo del mio cuore mi sento lacerato, /perché le rose del dolore sono nere come la
notte.
Alfredo Casella, Quattro Favole romanesche op. 38 [1923]
Testi di Trilussa (Carlo Alberto Salustri, 1871-1950)
I. Er Coccodrillo
Ner mejo che un signore e 'na signora,/marito e moje, staveno sdrajati/su la riva der mare,
scappò fora/un Coccodrillo co' la bocca aperta/e l'occhi spaventati./La moje, ch'era sverta,/
s'aggiustò li riccetti e scappò via:/mentre ch'er Coccodrillo, inviperito,/se masticava er
povero marito/come magnasse un pollo all'osteria./Siccome er Coccodrillo, per
natura,/magna l'omo eppoi piagne, puro quello/se mise a piagne come 'na cratura.
Ogni cinque minuti/ciaripensava come li cornuti/e risbottava un antro piantarello.
Tanto ch'er giorno appresso, a l'istess'ora,/ner rivedé la povera signora/riprincipiò le
lagrime e li lagni;/sperava forse che s'intenerisse:/ma invece, sì! La vedova je disse:
Dio mio, quanto sei scemo! Ancora piagni?
II. La carità
Er Presidente d’una Società/che protegge le Bestie martrattate/s’intese domanna’ la
carità:/- Ho fame, ho fame, signorino mio, m’ariccomanno,/nun m’abbandonate, dateme un
sòrdo pe’ l’amor de Dio!/- Nun te posso da’ gnente:/- je fece er Presidente/- io nun
proteggo che le bestie sole.../- E allora - je rispose er poverello/cacciannose er cappello/
- Fatelo pe’ ‘ste povere bestiole...
III. Er Gatto e er Cane
Un Gatto soriano/diceva a un Barbone:/- Nun porto rispetto/nemmanco ar padrone,/perché
a l’occasione/je sgraffio la mano;/ma tu che lo lecchi/te becchi le bòtte:/te mena, te
sfotte,/te mette in catena/cor muso rinchiuso/e un cerchio cor bollo/sull’osso der collo./
Sicconno la moda/te taja li ricci,/te spunta la coda.../Che belli capricci!/Io, guarda, so’ un
Gatto,/so’ un ladro, lo dico:/ma a me nun s’azzarda/de famme ‘ste cose.../Er Cane
rispose:/- Ma io... je so’ amico!
IV. L’elezzione der Presidente
Un giorno tutti quanti l'animali/sottomessi ar lavoro/decisero d'elegge un Presidente/che je
guardasse l'interessi loro./C'era la Società de li Majali,/la Società der Toro,/er Circolo der
Basto e de la Soma,/ la Lega indipendente/fra li Somari residenti a Roma;/e poi la
Fratellanza/de li Gatti soriani, de li Cani,/de li Cavalli senza vetturini,/la Lega fra le Vacche,
Bovi e affiniZ/Tutti pijorno parte all'adunanza.
Un Somarello, che pe' l'ambizzione/de
fasse elegge s'era messo addosso/la pelle d'un leone,/disse: - Bestie elettore, io so'
commosso:/la civirtà, la libbertà, er progressoZ/
ecco er vero programma che ciò io,/ch'è
l'istesso der popolo! Per cui/voterete compatti er nome mio. -/Defatti venne eletto proprio
lui./ Er Somaro, contento, fece un rajo,/
e allora solo er popolo bestione/s'accorse de lo
sbajo
d'avé pijato un ciuccio p'un leone! / - Miffarolo! - Imbrojone! - Buvattaro!/ - Ho pijato
possesso: /- disse allora er Somaro - e nu' la pianto /nemmanco se morite d'accidente.
/Peggio pe' voi che me ciavete messo!/
Silenzio! e rispettate er Presidente!
De Falla: Siete canciones populares
1)El Paño Moruno
(Text: Gregorio Martínez Sierra)
Al paño fino, en la tienda,/una mancha le cayó;/Por menos precio se vende,/Porque perdió
su valor./¡Ay!
IL DRAPPO MORESCO
Sul drappo fine, nella bottega, /Una macchia è caduta. /A meno prezzo si vende,/Perché
ha perso il suo valore... Ahi!
2)Seguidilla Murciana
(Text:Folksongs)
Cualquiera que el tejado/Tenga de vidrio,/No debe tirar piedras/Al del vecino./Arrieros
semos;/¡Puede que en el camino/Nos encontremos!
Por tu mucha inconstancia/Yo te comparo/Con peseta que corre/De mano en mano;/Que
al fin se borra,/Y créyendola falsa/¡Nadie la toma!
SEGUIDILLA MURCIANA
Chiunque abbia il tetto di vetro /non deve lanciare pietre contro /quello del vicino. /Siamo
carrettieri: forse per strada ci incontreremo!
Per la tua incostanza io ti paragono /alla peseta che corre /di mano in mano, /alla fine si
leviga e, /credendola falsa, /nessuno la vuole.
3)Asturiana
(Text:Folksongs)
Por ver si me consolaba,/Arrime a un pino verde,/Por ver si me consolaba./
Por verme llorar, lloraba./Y el pino como era verde,/Por verme llorar, lloraba.
ASTURIANA
Cercando conforto /Mi avvicinai ad un pino verde, /che vedendomi piangere, piangeva, /
e il pino poiché era verde, /vedendomi piangere, piangeva!
4)Jota
(Text:Folksongs)
Dicen que no nos queremos/Porque no nos ven hablar;/A tu corazón y al mio/Se lo
pueden preguntar.
Ya me despido de tí,/De tu casa y tu ventana,/Y aunque no quiera tu madre,/Adiós, niña,
hasta mañana./Aunque no quiera tu madre...
JOTA
Dicono che non ci vogliamo bene /perché non ci vedono parlare, /ma al tuo cuore e al
mio /Possono interrogare. /Dicono che non ci vogliamo bene /perché non ci vedono
parlare.
Mi congedo da te, dalla tua casa/e dalla tua finestra /e nonostante tua madre non voglia:
/Addio bimba, a domani. /Mi congedo da te /nonostante tua madre non voglia Z
5) Nana
(Text:Folksongs)
Duérmete, niño, duerme,/ Duerme, mi alma,/ Duérmete, lucerito/ De la mañana./ Naninta,
nana,/ Naninta, nana./ Duérmete, lucerito/ De la mañana.
NINNA NANNA
Dormi bimbo, dormi, /dormi, anima mia, /dormi stellina del mattino. /Nannina
nanna,/nannina nanna, /dormi stellina del mattino.
6)Canción
(Text:Folksongs)
Por traidores, tus ojos,/voy a enterrarlos;/No sabes lo que cuesta,/»Del aire«/Niña, el
mirarlos./»Madre a la orilla Madre«
Dicen que no me quieres,/Y a me has querido.../Váyase lo ganado,/»Del aire«/Por lo
perdido,/»Madre a la orilla Madre«
CANZONE
Poiché i tuoi occhi sono traditori /io li seppellisco. /Non sai quanto mi costa, Dell’aria/
bimba, guardarli. Madre all’aura /bimba, guardarli. Madre. /Dicono che non mi vuoi bene,
/ma me ne hai voluto un tempo... /Vada via ciò che ho vinto, Dell’aria /a causa di ciò che
ho perso. Madre all’aura /A causa di ciò che ho perso. Madre.
7) Polo
(Text:Folksongs)
¡Ay! / Guardo una, ¡Ay!/ Guardo una, ¡Ay!/ ¡Guardo una pena en mi pecho,/ ¡Guardo una
pena en mi pecho,/ ¡Ay!/ Que a nadie se la diré!
Malhaya el amor, malhaya,/ Malhaya el amor, malhaya,/ ¡Ay!/ ¡Y quien me lo dió a
entender!/ ¡Ay!
POLO
Ahimé! Serbo una...Ahimé! Serbo una...Ahimé! /Serbo una pena in petto, Ahimé! /Che a
nessuno dirò! /Maledetto l’amore, maledetto! /Maledetto l’amore, maledetto! Ahimé! /
e maledetto colui che me l'ha fatto capire! Ahimé!