Links - Parco Culturale della Calabria Greca

Commenti

Transcript

Links - Parco Culturale della Calabria Greca
Si ringraziano per la gentile concessione dei loro scritti / We would like to thank the following for the kind concession of their texts
Noemi Evoli, Andrea Laurenzano, Fabio L. Macheda, Antonio T. Mingozzi, Domenico Minuto,
Alfonso Picone Chiodo, Tito Squillaci, Sebastiano Maria Venoso
Fotografie di / Photographs by
Luca Andreoni, Eleonora Bertani, Francesco Bevilacqua, Cecè Casile, Ettore Castagna, Massimo Collini,
Noemi Evoli, Domenico Fiorenza, Andrea Laurenzano, Antonio T. Mingozzi, Domenico Nucera (Mimmolino l’Artista),
Giuseppe Pontari, Tito Squillaci, Pierpaolo Storino, Sebastiano Stranges, Pasquale Valle
La cartina dell’area grecanica è di / The map of the Graecanic area is by Aldo Zucco
Disegni di / Drawings by Stefano Fraschetti
Traduzione in inglese di / English translation by Kay Mc Carthy
Graphic design by Luca Andreoni
La II Edizione della Guida è stata realizzata dal GAL Area Grecanica, in collaborazione con Calabria Letteraria Editrice,
nell’ambito del PSL Nèo Avlàci (PSR Calabria 2007/2013)
This edition of the Guide, its second, was produced by the Grecanica Area GAL association,
in collaboration with the Calabria Letteraria Editrice publishing company, as part of the PSL Nèo Avlàci (PSR Calabria 2007/2013) project
I Edizione 2002, II Edizione 2014
Pucambù
Guida al turismo sostenibile nell’Area Grecanica
A guide to sustainable tourism in the Graecanic Area
a cura di / edited by Ettore Castagna
This world is so big
I don’t know where it ends.
I won’t live as long
as to cross it all
but travelling through it
brings me joy
and the many things I see
overwhelm my heart.
Tuto còsmio ène tòsso mèga
ti egò den scero pu tegliònni
En’e zìo tòssu chrònu
ia na pào porpatònda
ti porpatònda òlo to cosmio
ècho megàli charapìa
ti torònda tòssa pràmata
mu jomònnete i cardìa
Mastr’Angelo Maisano
Questo mondo è così grande
che non so dove finisce.
Non vivrò tanto a lungo
per attraversarlo
che’ percorrendolo tutto
sento una grande gioia
che’ di vedere innumerevoli cose
mi riempio il cuore
INDICE
INDEX
I Riza… La lunga radice dei Greci di Calabria
The Riza… the Greek-Calabrian people’s ancient roots
Ettore Castagna
7
Lingua e poesia di un’antica cultura da salvare
The language and poetry of an ancient people; a cultural heritage worth saving
Ettore Castagna
25
L’area Grecanica oggi fra antiche radici e turismo sostenibile
The Graecanic area today amidst ancient roots and sustainable tourism
Ettore Castagna
35
Una cucina di pastori e contadini
The food of shepherds and farmers
Ettore Castagna
51
Musica e strumenti dell’Aspromonte greco
The music and instruments of Greek Aspromonte
Ettore Castagna
59
Danza e socialità nell’Aspromonte greco
Dance and sociality in Greek Aspromonte
Ettore Castagna
67
Paleariza, il festival della Calabria Greca
The Paleariza Festival
Ettore Castagna
77
Dalla rinascita di Pentedattilo all’esperienza dei “Borghi Solidali”
From the rebirth of Pentedattilo to the “Solidarity Village” experience
Fabio L. Macheda e
Noemi Evoli
85
Un itinerario fra i beni artistici del territorio grecanico
A tour amid the cultural heritage of the Graecanic area
Sebastiano MariaVenoso
93
Sull’artigianato greco-calabro
Graecanic-Calabrian handicraft
Tito Squillaci
101
Note sulla cultura del territorio grecanico
Cultural notes on Graecanic Calabria
Domenico Minuto
107
Natura e sentieri nella vallata dell’Amendolea
Nature and the trails of the Amendolea valley
Alfonso Picone Chiodo
129
Il Sentiero dell’Inglese
The Englishman’s trail
Andrea Laurenzano
149
La casa della tartaruga - La Caretta caretta sulle coste grecaniche
The loggerhead turtle’s home on the Graecanic coast
Antonio T. Mingozzi
159
Dormire, mangiare...
Where to eat and sleep
Ettore Castagna
164
6
I Riza… La lunga radice dei Greci di Calabria
The Riza… the Greek-Calabrian people’s ancient roots
Ettore Castagna
In the beginning was Magna Graecia, then it
came to pass that...
The Greekness of Calabria has remote, ancient
roots hailing back not only to the age of Magna Graecia but also to the history of Tema tis Calavrìas - the
western province of the Byzantine Empire on whose
behalf the region acted as an outpost for centuries.
The historical-linguistic line of continuity linking the
early Greek colonies to the Greek-speaking people of
present-day Aspromonte is extraordinary.
Even if the age of Magna Graecia is usually better
known than the Byzantine epoch, the latter had such an
important formative impact on the political and cultural history of Calabria (acting as it did as a revitalising
driving force by impacting considerably on its history)
that it is impossible to understand the history of the
area without taking it into due account. In present-day
Calabria (and Apulia), the existence of Greek-speaking
communities is undoubtedly due to the propulsive thrust
of their Byzantine cultural past. Because most of the history of Calabria and not only that of these last linguistic
vestiges of the Aspromonte district, should be re-read
in the light of this “oriental” influence, we shall begin
our journey “directly” from the world of Byzantine Italy.
In principio c’era la Magna Grecia, ma dopo
avvenne che…
La grecità in Calabria ha radici antichissime che
non si limitano alla Magna Grecia ma si legano alla
storia del Tema tis Calavrìas, la provincia occidentale dell’Impero Bizantino di cui la regione costituì per
secoli un avamposto. Certo rimane un fatto straordinario la linea di ininterrotta continuità storico-linguistica che lega le prime colonie greche agli ellenofoni
dell’Aspromonte di oggi.
Ma se è probabilmente più nota la fase magnogreca,
non altrettanto è quella bizantina che ebbe invece un
aspetto centrale non solo politico quanto soprattutto
culturale, costituendo un elemento imprescindibile di
lettura della storia regionale e facendo da rivitalizzante volano della grecità calabrese. Senza dubbio dunque la resistenza sino a tutt’oggi di comunità ellenofone in Calabria (ed in Puglia) si deve alla fondamentale
spinta propulsiva del mondo bizantino. Buona parte
della storia calabrese dunque, non solo quella degli
ultimi testimoni linguistici dell’Aspromonte, va rivista alla luce di questa cardinale finestra “orientale”.
Inizieremo dunque il nostro percorso “direttamente”
dal mondo bizantino d’Italia.
Broadening horizons… from Byzantine Italy
to Byzantine Calabria
When the Ostrogoth king Athalaric, grandson and
successor of Theodoric the Great, died in 534 AD, the
irreconcilable hereditary clashes between the Goths
provided the Emperor of the East, Justinian I (527565), with the pretext he had long been seeking to
intervene in Italy. In actual fact, this was part of an
Allargando gli orizzonti… dall’Italia bizantina
alla Calabria bizantina
Alla morte di Atalarico, nipote e successore di Teodorico, nel 534 gli insanabili scontri ereditari fra i
Goti diedero all’imperatore d’Oriente, Giustiniano I
(527-565) l’atteso pretesto per intervenire in Italia. In
generale questo faceva parte di un complessivo piano
di riconquista della sezione occidentale dell’Impero
7
overall plan to reconquer the western part of the Empire considered a part of Rome’s heritage. In southern Italy
the Byzantines came across a people with whom they shared common cultural roots: the Greek-speaking heirs
of Magna Graecia. As we know, the Latin and the Greek civilisations had coexisted for centuries within that
magnificent cultural melting pot known as the Roman Empire. As regards cultural identification with the Roman
Empire, it is interesting to note that the Byzantines called themselves Romioi, in other words, Romans. Moreover,
the surname Romeo, commonly found today in “Byzantine” Calabria also means “Roman”.
The conflict between the Goths and the Romei which lasted for over twenty years (between 535 and 554) not
only exhausted the two armies involved, but also most of Italy, the theatre of the war and the object of contention.
The “peace” that followed did not last very long. In 568 the Langobardic invasion upset the political balance of
the Italian peninsula and obliged the Byzantines to live alongside the Langobardic principalities set up in various
parts of Italy. Roughly speaking, the Langobards settled in the northern districts for some time, leaving the southern regions mainly under the Eastern Empire. As early as the sixth century AD, the Byzantine dominions were
administered politically as exarchates (during this period, the word exarchos assumed the meaning of Supreme
Military Commander). Thus, the Italian exarch became the peninsula’s highest authority. Until the Langobardic
conquest of 751, Ravenna was the seat of Italy’s exarchate due to its strategic position and its control of the Adriatic Sea. However, at the beginning of the seventh century, the borders of the Italian Byzantine dominions had
already shrunk back to the Venetian lagoon, Romagna, the Marches and the narrow Umbrian Armerina corridor
linking them to the Duchy of Rome and the strip running from Naples to the coasts of Apulia and Calabria, south
of Crati. The islands of Sicily and Sardinia belonged to the African exarchate. It was only towards the end of
the seventh century, that Sicily became a Byzantine province (Tema) whose jurisdiction also included Calabria.
During this period, the name Calavrìa was transferred from the Apulian areas of Salento, to the ancient region of
Bruttium, the area known as Calabria today.
During the early decades of the ninth century, the Arab conquest of Sicily began under the Aghlabids. The central Byzantine powers chose not to oppose this invasion since they were more interested in addressing the threat
8
considerata parte dell’eredità romana. Inoltre, senza dubbio, i bizantini trovavano nell’Italia meridionale genti di
comune radice culturale, gli eredi ellenofoni della Magna Grecia. Com’è noto, l’anima latina e quella greca avevano da sempre convissuto nella storia dell’Impero Romano in quella magnifica osmosi civile che ben conosciamo. A proposito dell’identificazione culturale con l’Impero medesimo bisogna notare che i Bizantini definivano
essi stessi Romioi in altre parole Romani. Lo stesso cognome Romeo tutt’oggi presente nella Calabria di radice
bizantina significa, in greco, “romano”.
Lo scontro fra Goti e Romei durerà circa vent’anni, dal 535 al 554, stremando non solo i combattenti quanto la
stessa Italia campo di battaglia ed oggetto della contesa. La “pacificazione” dell’Italia resse ben poco. Nel 568,
infatti, l’invasione longobarda sconvolse gli equilibri della Penisola costringendo i Bizantini ad una coabitazione
con i vari principati longobardi che si vennero a creare in vari punti d’Italia. In linea di massima per qualche
tempo i longobardi si attestarono maggiormente nel nord lasciando l’area meridionale all’Impero d’Oriente. Già
dal VI secolo, in ogni modo, i domini bizantini d’Italia vengono organizzati politicamente in Esarcato (in questo
stesso periodo s’inizia ad utilizzare la parola exarchos con il significato di comandante militare supremo). L’Esarca d’Italia era così l’autorità suprema della Penisola. Sino alla conquista longobarda del 751, sede dell’Esarcato
rimase Ravenna data la sua posizione strategica anche per il controllo dell’Adriatico. Già all’inizio del VII secolo
il territorio bizantino in Italia si era ridotto alla Laguna Veneta, alla Romagna, alle Marche settentrionali, allo
stretto corridoio umbro della Via Armerina al Ducato di Roma, a quello di Napoli alla costa pugliese ed a quello
calabrese a sud del Crati. Sardegna e Sicilia appartenevano all’Esarcato d’Africa. Solo verso la fine del VII secolo la Sicilia stessa fu trasformata in Tema con giurisdizione anche sulla Calabria. In quello stesso periodo il nome
Calavrìa fu trasferito dalla Terra Salentina all’antico Bruttium. L’odierna Calabria appunto.
Nei primi decenni del IX secolo iniziò la conquista araba della Sicilia promossa dagli Aghlabiti. La conquista
della Sicilia non fu contrastata decisamente poiché il potere centrale pareva più preoccupato di difendere gli
stessi Balcani insidiati dall’espansione islamica (gli arabi avevano, infatti, presa Creta nel 826). La presenza
araba in Sicilia favorì anche sul continente la diffusione di truppe mercenarie nordafricane al soldo degli stessi
9
of Arab expansion in the Balkans (in fact, the Arabs had already conquered Crete in 826). In Sicily, the Arabian
presence encouraged the widespread hire of mercenary troops from North Africa by continental Italy, Byzantine
duchies included. For this reason peaceful coexistence between the Saracen soldiers and the local population was
not easy. It must have been hard, from many points of view, for the local inhabitants to tell the difference between
the Arabs who swooped down on the Calabrian coasts to raid them and those who “worked” more permanently
in Italy as mercenaries. Nowadays we would define this situation as mandatorily “multi-ethnic” but, at the time,
it was rather precarious because of the unstable relationship (at times of vassalage, at time of rivalry) between
the Byzantines and the Langobardic principalities also present in the south of Italy and employing Saracen mercenaries too, so that the ethno-social milieu became even more complicated
From a political point of view, Calabria, despite the fall of Sicily, continued to be incorporated with the
neighbouring island, until the tenth century. Only then did the Byzantine administration begin, “officially”, to acknowledge the defeat of Sicily and launch the Tema tis Calavrìas. In any case, the administration of the Calabrian
Tema was never a matter for the Byzantine Empire. The Calabrian coasts were almost impossible to control and
so Saracen incursions were continual and devastating. The Arab presence in Calabria during the entire Byzantine
period, became practically stationary. The Saracen mercenary militias also led to the aggregation of real business-related communities. Reggio Calabria must have been, for a considerable length of time a multi-lingual,
multi-religious city with elements of Latin, Greek and Arabic and other forms of worship existing side by side.
Place names like that of the small Aspromonte town of Bagaladi may well owe their origin to Arabic expressions
like Baha Allah (Blessed by God).
At the end of the ninth century, Reggio, the acknowledged religious capital of Calabria, was elevated to the
status of metropolitan bishopric. A certain Leo or Leontius, is mentioned as the city’s Metropolite at the Synod of
Constantinople in 879/880. The advancement of the “prestige” of Calabria was probably due also to the gradual
loss of the Sicilian Tema, until the disastrous conquest and plunder of Syracuse by the Arabs in 878. Where possible, Byzantine politics ensured that the administrative capital of a Tema coincided with a centre of spirituality.
So, Reggio became the spiritual epicentre of most of Calabria. Its suffragan bishoprics were Vibo, Taureana,
Locri, Rossano, Squillace, Tropea, Amantea, Crotone, Cosenza, Nicotera, Bisignano and Nicastro. During this
period northern Calabria was under the jurisdiction of the metropolite of Santa Severina which comprised the
suffragan dioceses of Umbriatico, Cerenzia, Isola Capo Rizzuto and Gallipoli. The inclusion of these Apulian
dioceses, far to reach overland though not by sea, was probably due to the need to place cities, recently rebuilt
and repopulated after destruction by the Arabs by order of Basil I, under the jurisdiction of the closest new diocese. Naturally, all the attention paid by the Empire to the efficient organization of Dioceses following the Greek
rite may also be explained in terms of the centuries-old struggle between the Byzantines and the Papacy. Both
strove to maintain jurisdiction over the dioceses they possessed in an on-going contention between the Roman
and Eastern rites, while each sought to gain sway over others.
To this overall reorganization of Calabria and Apulia under Basil I we owe the repopulation of the provinces
demographically depleted by the wars with the Arabs. This repopulation was achieved in part by forced immigration of eastern servants and, in the case of Calabria, of congruous contingents of Armenian soldiers. Besides
various traces found in names used in Calabria, we find, as proof of this immigration, the place name, Rocca
Armegna (Fortress of the Armenians). This village, created around an Armenian military camp, remained of
considerable strategic importance for many centuries thanks to its imposing castle. The place was abandoned by
its inhabitants at the beginning of the 1900s. The deportation of barbarian or servile populations was part of the
ancient Byzantine tradition. Often, wherever peasants/soldiers were required in border areas or where military
risks existed, the Empire exploited this tool to reinforce its presence. This, most probably, avoided the need to
send troops in from the capital. Furthermore, Byzantium’s military effort on its western front was always inferior
to that aimed at defending its Asiatic and Balkan boundaries. The wealthy island of Sicily was lost for this very
reason. The enemy of the moment, whether Arab, Langobard or Norman, was kept at bay thanks more to diplomacy and corruption or the payment of tributes, at times quite steep, rather than to any actual recourse to arms.
As in the rest of the Byzantine world, spirituality played a central role in social and cultural life. Essentially
secular, Greek monasticism was its chief driving force. For each of the classes within the Byzantine world, from
the noble to the peasant, the monk represented a veritable existential model. In Calabria too, as elsewhere in the
10
duchi bizantini. Questo comportò una convivenza non sempre facile fra le milizie saracene e le popolazioni
locali. Doveva essere veramente labile, sotto tutti i punti di vista, agli occhi degli abitanti la distinzione fra l’arabo che piombava sulle coste calabresi per una scorreria e quello presente più stabilmente “per lavoro”, come
mercenario militare. Si tratta, comunque, del segno di una situazione forzatamente “multietnica”, diremmo con
parole d’oggi, ma resa ancor più precaria dai rapporti altalenanti dei bizantini con i principati longobardi (oscillanti fra atteggiamenti di vassallaggio e di rivalità con il mondo bizantino). Questi erano, infatti, presenti nello
stesso Mezzogiorno ed anche alle loro dipendenze operavano spesso milizie di ventura saracene confondendo
ulteriormente lo scenario.
Sotto il profilo politico, nonostante la caduta della Sicilia, la Calabria continuò ad essere ad essa assimilata sino
al X secolo. Solo allora l’amministrazione bizantina inizierà a riconoscere “ufficialmente” la sconfitta siciliana ed
a varare il Tema tis Calavrìas. D’altra parte l’amministrazione del Tema di Calabria non si presentò facile per i
bizantini. Le lunghe coste della regione erano quasi impossibili da controllare tutte e le incursioni saracene erano
continue e devastanti. La presenza araba in Calabria, per tutto il periodo bizantino assunse probabilmente anche
caratteristiche pressoché stanziali. Le milizie di ventura saracene significavano anche l’aggregazione di vere e
proprie comunità legate alla loro attività. Reggio Calabria deve essere stata a lungo una città multilinguistica e
multireligiosa con elementi latini, greci ed arabi e con forme di culto differenti che convivevano di fatto. Toponimi stessi come quello del paese aspromontano di Bagaladi si potrebbero far risalire a forme arabe come Baha
Allah (Benedetto da Dio).
Alla fine del IX secolo Reggio, riconosciutamente capitale religiosa della Calabria, fu elevata al rango di
metropoli. Tale Leone o Leonzio, è menzionato come metropolita al sinodo costantinopolitano del 879/880. L’ascesa di “prestigio” della Calabria fu, probabilmente, anche dovuta alla progressiva perdita del Tema di Sicilia,
sino alla rovinosa conquista e saccheggio di Siracusa da parte degli arabi nel 878. Quando ciò era possibile, la
politica bizantina faceva coincidere la capitale di un Tema ad un centro spirituale. Così Reggio divenne epicentro
spirituale di gran parte della Calabria. Sue suffraganee erano le sedi episcopali di Vibo, Taureana, Locri, Rossano,
Squillace, Tropea, Amantea, Crotone, Cosenza, Nicotera, Bisignano e Nicastro. Nello stesso periodo nella Calabria settentrionale sotto la metropoli di Santa Severina erano riunite le diocesi suffraganee di Umbriatico, Cerenzia, Isola Capo Rizzuto e Gallipoli. La presenza di questa diocesi pugliese, lontana via terra ma non altrettanto
via mare, era dovuta probabilmente alla necessità di subordinare alla più vicina nuova diocesi una città ricostruita
e ripopolata recentemente per ordine di Basilio I dopo le devastazioni arabe. Naturalmente tutta quest’attenzione
da parte dell’Impero alla buona organizzazione delle diocesi di rito greco va ricondotta al secolare braccio di ferro fra Bizantini e Papato. Entrambi giocavano a mantenere la giurisdizione sulle proprie diocesi in una continua
contrapposizione fra rito romano e orientale e naturalmente miravano ad acquisirne altre.
A tale complessiva riorganizzazione della Calabria e della Puglia sotto Basilio I si deve anche l’operazione di
ripopolamento delle province stremate demograficamente dalle guerre con gli arabi. Ripopolamento parzialmente conseguito con immigrazioni forzate di servi orientali e nel caso della Calabria anche con congrui contingenti
militari armeni. Oltre che varie tracce nell’onomastica calabrese, di questa immigrazione permane il toponimo di
Rocca Armegna, in italiano Rocca degli Armeni. Il paese fondato con l’insediamento di un contingente militare
armeno ebbe per alcuni secoli importanza strategica grazie all’imponente castello. Fu abbandonato dagli abitanti
solo ai primi del 1900. La deportazione di popolazioni barbare o servili era un’antica tradizione del mondo bizantino. Spesso ove necessitavano contadini/soldati, nelle zone di frontiera o a rischio militare l’Impero provvedeva con questo strumento a rafforzare la propria presenza. Questo, verosimilmente, costava meno dell’invio di
milizie dalla capitale. D’altra parte, la disponibilità militare di Bisanzio verso i suoi confini occidentali fu sempre
molto più debole rispetto alla maggiore attenzione dedicata ai confini asiatici e balcanici. La stessa ricca Sicilia
venne persa per queste ragioni. I nemici del momento, arabi, longobardi o normanni che fossero venivano tenuti
a bada più con la diplomazia e la corruzione o il versamento di tributi talvolta anche molto pesanti che con il vero
e proprio ricorso alle armi.
Come in tutto il mondo bizantino, la spiritualità aveva un ruolo centrale nella vita sociale e culturale. Il monachesimo greco, essenzialmente laico, ne fu il motore principale. Per ogni ceto sociale, dai nobili ai contadini,
il monaco rappresentava, nel mondo bizantino, un vero modello esistenziale. Anche in Calabria, come in tutto
l’Impero, fu elevato il numero dei monasteri privati costruiti spesso nei luoghi più impervi ed inaccessibili per
11
Empire, the number of private monasteries built, often in the most impervious of places to guarantee the seclusion and tranquillity monks sought, was impressive. The finest example of Calabrian monasticism is undoubtedly
that of the charismatic St. Nilus of Rossano. Of high moral status and culturally sophisticated, he enjoyed a certain degree of fame and authority during his lifetime despite the great rigor of his ascetic choice. Under the Byzantines, Calabrian monastic hagiography was such that the region was called aghiotokos or “mother of saints”.
From an economic point of view, the cultivation of the mulberry was without doubt the most profitable activity
in the Calabria of the time. The profit came not so much from the fruit as from the leaf, “targeted” for the silk-production sector. This cultivation of this plant, which requires a long maturation period before becoming profitable
(about ten years) was then mainly in the hands of the Church and, therefore, of the Byzantine Emperor, as the
production and marketing of silk were strictly controlled by the state back then. The documented presence of
thousands of productive trees provides us with an image of a wealthy Byzantine Calabria so unlike the historical
common-place view of a region depressed by war and by continuous clashes with the Arabs.
At commercial level, the Byzantine Calabrian Tema had strong ties with the Sicily of the Arabs where it
marketed its silks. So much so, that the Tarì, the Arab currency minted in Sicily at the time, circulated more in
Calabria than the local Nomisma. One should, in any case, note that the Byzantine Tema paid its inopportune
neighbours a heavy annual tribute in exchange for a ceiling on raids and incursions.
It was in Byzantine times that the tendency to shift settlements from the maritime areas to the mountains, for
reasons both of health and defence, began, given the marshy conditions of most of the region’s coastal areas. This
remained a feature of Calabria’s anthropized landscape almost to the present day, though the twentieth century
witnessed a trend to the contrary: the abandonment of inland areas in favour of more easily accessible coastal ones.
Soon, new, decisive protagonists appeared on the Southern-Italian Byzantine scene; these were the Normans.
Having come to the area originally as mercenaries, at the beginning of the eleventh century, these northern knights
began a systematic conquest of both the Byzantine temas and Arabian Sicily, then weakly governed by the Kalbids. Events came to a head also as a result of the Great Eastern Schism of 1054 which witnessed the breach be12
garantire l’isolamento e la quiete che i monaci cercavano. Esempio più alto del monachesimo calabrese è senza
dubbio la figura carismatica di San Nilo di Rossano. Di alta levatura morale e raffinata cultura egli godette di
una certa fama ed autorità già in vita nonostante il grande rigore della sua scelta ascetica. L’agiografia monastica
calabrese sotto i bizantini è ricchissima tanto da far meritare alla regione l’appellativo di aghiotokos ovvero
“madre di santi”.
Sotto il profilo economico la coltura del gelso era senza dubbio quella più redditizia in Calabria. Si trattava
di gelsi da foglia piuttosto che da frutto, “mirati” alla sericoltura. La coltivazione di questa pianta subordinata a
lunghi tempi di attesa prima di essere redditizia (circa 10 anni) era soprattutto nelle mani della Chiesa e dunque
dell’Imperatore poiché nel mondo bizantino produzione e smercio della seta erano rigorosamente controllati
dallo Stato. La presenza documentata di migliaia di alberi produttivi ci restituisce un’immagine della Calabria
bizantina come in realtà molto ricca più che depressa dalle guerre e dagli scontri continui con gli arabi come nei
luoghi comuni storici.
A livello commerciale il Tema bizantino di Calabria ebbe solidi rapporti con la Sicilia araba che costituiva
mercato per le sue sete. Tant’è che invece del Nomisma circolava il Tarì, moneta araba battuta in Sicilia. C’è in
ogni caso da notare che il Tema bizantino pagava anche agli scomodi vicini un pesantissimo tributo annuale in
cambio della limitazione di razzie e scorrerie.
In epoca bizantina va rintracciata la radice della tendenza allo spostamento degli insediamenti dal mare alla
montagna per motivi sia difensivi sia di salubrità data la condizione di palude di buona parte delle zone costiere.
Questo è rimasto sino ad ora un aspetto caratterizzante del paesaggio antropizzato in Calabria anche se proprio
nel XX secolo si è assistito al processo opposto: l’abbandono dei siti interni per quelli costieri più facilmente
raggiungibili.
Nuovi e decisivi protagonisti sulla scena storica del Mezzogiorno bizantino sono i Normanni. Giunti inizialmente come milizie di ventura nei primi anni del sec. XI, i cavalieri del Nord intrapresero la conquista
sistematica sia dei temi bizantini sia della Sicilia araba debolmente retta dai Kalbiti. Gli eventi precipitarono
13
14
tween the churches of Constantinople and Rome. This
led to substantial support by the Pope of the Normans
who were fighting against the schismatic Byzantines.
Furthermore, for three centuries, Rome had never resigned itself to the loss of its Sicilian and Calabrian
dioceses which had passed under the direct control of
Byzantium. It had always contemplated reconquering
them. In 1059, Robert Guiscard took Reggio and in
1071, with the fall of Bari, we may safely date the end
of political rule by the Byzantines in southern Italy and
the beginning of a massive Latinization of worship and
language, especially in Calabria and Sicily.
anche in relazione al grande scisma del 1054 che separò la chiesa costantinopolitana da Roma. Ciò sancì
il sostanziale appoggio del Papa ai Normanni contro i
Bizantini scismatici. Inoltre Roma, da tre secoli, non
si rassegnava alla perdita delle diocesi siciliane e calabresi poste sotto il controllo diretto di Bisanzio. Di
queste e da sempre meditava la riconquista. Nel 1059
Roberto il Guiscardo prendeva Reggio e nel 1071 con
la caduta di Bari si poteva considerare concluso il dominio politico dei bizantini sul Sud d’Italia e l’inizio
della massiccia latinizzazione del culto e della lingua,
specialmente in Calabria e Sicilia.
A thousand years of slow decline of Greek
civilization in Calabria
The fact is, that while elsewhere religious Latinization had been rather rapid, in Calabria it met with
a certain resistance, at times even with the support of
the new Norman masters. There is no question, however, of the existence of a kind of intact Byzantine world
“without Byzantium”. Already under the Normans,
even if, on the one hand, for a number of decades the
Greek cultural aristocracy of Southern Italy and of
large areas of Calabria were allowed a certain degree
of respect, on the other hand, the irreversible crisis
of the Greek-speaking world began. The Normans
themselves set up new Latin dioceses. For reasons
of prestige, to avoid being socially downgraded, the
Greek clergy Latinized themselves. The Byzantines,
therefore, had not been wrong in considering the link
between political and religious centres strategic. The
dwindling of Calabria’s Greek-speaking communities
may, therefore, be attributed partially to the progressive
Latinization of its dioceses. As Vera von Falkenhausen
observes, at the end of the Swabian phase the surviving Greek speakers were, as a rule, illiterate peasants
in no position to manage the Greek religious and economic institutions. In concrete terms, the Greek culture
changed collocation to its own disadvantage. The once
dominant culture became subaltern and more and more
rooted in the cycles and functions of an entirely oral
world like that of the shepherds and farmers. Latinization, which was to proceed at whirlwind pace from the
fifteenth century on, was favoured both by successions
of dominators of stanch Roman Catholic faith (the Angevins, the Aragonese, the Spanish) and, finally, by the
atmosphere created by the Counter Reformation.
The presence of Greek-speaking communities, however subaltern, continued to play a role in the Mediterranean context. Southern Calabria was still largely
Mille anni di lentissimo declino della Grecità
in Calabria
Sta di fatto che la latinizzazione religiosa che era
stata più rapida altrove trovò in Calabria una certa
resistenza, addirittura apparente protezione presso i
nuovi padroni normanni. Attenzione però a non immaginare una sorta di mondo bizantino intatto “senza
Bisanzio”. Già sotto i normanni se per alcuni decenni l’aristocrazia culturale greca in tutto il Sud Italia e
in larga parte della Calabria otterrà un certo rispetto,
dall’altra parte, in modo irreversibile, inizia la crisi
del mondo ellenofono. I normanni stessi impiantavano esclusivamente nuove diocesi latine. Per motivi
di prestigio, per non essere socialmente declassato, il
clero greco si latinizzò. I bizantini, dunque, non sbagliavano a considerare strategico il legame fra centri
politici e centri spirituali. La rarefazione dell’ellenofonia in Calabria può così essere parzialmente dovuta
alla progressiva latinizzazione delle diocesi. Come
osserva Vera von Falkenhausen, alla fine del periodo
Svevo gli ellenofoni superstiti erano in genere contadini analfabeti incapaci di gestire le istituzioni religiose ed economiche greche. Sostanzialmente la cultura
greca cambiò collocazione a tutto suo svantaggio. Da
cultura dominante divenne cultura subalterna, sempre
più legata ai ritmi ed alle funzionalità di un mondo
interamente orale come quello pastorale e contadino.
La latinizzazione che diverrà vorticosa dal XV secolo
in poi verrà sia incoraggiata dall’avvicendarsi di dominatori di sicura fede romana (Angioini, Aragonesi,
Spagnoli) sia, alla fine, dallo stesso clima della Controriforma.
La presenza di comunità ellenofone, per quanto subalterne continuò ad avere un suo ruolo nel contesto
mediterraneo. La Calabria meridionale era ancora sostanzialmente ellenofona ancora fra il XIV ed il XV
secolo. Tutt’oggi fortissime sono le tracce di questa
Musulupara - stampo per formaggio fresco - mould for fresh cheese (Roghudi)
15
Greek-speaking between the fourteenth and fifteenth centuries. Even today, traces of this linguistic and cultural presence are to be found in the toponomastics and onomastics, within the ethnic-anthological ambit, even in the romance
dialects of the entire region, especially those of its central-southern area. As long as the Eastern Empire continued to
exist, under the Normans, later under Frederick II and up until about 1600, inter-Mediterranean relations between the
“western” Greek speakers and the linguistic mother-country probably continued, thanks also to the trade carried out
by the Italian Maritime Republics and the constant activities of Greek sailors. One should also take into consideration
a certain amount of westward migration from the Balkans and the Greek islands which boosted the Greek-speaking presence in Calabria, especially during times of greatest Turkish pressure. The Turkish thrust into the Balkans
and Mediterranean continued despite the standstill caused by their historic defeat at Lepanto by the “Christian” fleet
(1571). A few decades after Cyprus, Crete too fell in 1669, after a siege begun in 1644. As a basic datum, one should
not overlook the fact that, historically speaking, Italy (and its particularly accessible south) has always been considered
by the Balkan peoples as a convenient haven in moments of crisis. It suffices to recall the epic sixteenth-century mi-
gration under Skanderbeg and the clandestine waves of immigrants from Albania at the close of the twentieth century.
As regards the survival of the Greek rite in Calabria, the last eastern diocese to fall was Bova (Vùa) in 1572.
Ironically, the Romanization of Bova was brought about by a bishop of Cypriot, therefore, oriental origin, called
Giulio Stavriano. The local community suddenly found itself deprived of its Greek rite due to a veritable coup
de main, which, from one day to another, simply instated the Roman rite.
The nineteenth century “becomes aware” of the Calabrian Greeks
The Greek-speaking presence in Calabria came to be overlooked for centuries. This was probably due to the
region’s condition of marginality, which grew rather acute as far back as the thirteenth century, and remained dramatic until the Unification of Italy. In the nineteenth century Greek-speaking Calabria seems to have been already
confined to the southern Ionic Aspromonte and the Locride, an area hard to reach even from the local capital Reggio
Calabria. The impervious and isolated nature of the Aspromonte territory guaranteed the endurance of a closed, one
16
presenza linguistica e culturale nella toponomastica, nell’onomastica, nel cosmo etno-antropologico, nei dialetti
romanzi stessi di tutta la regione ma in particolare nel suo segmento centro-meridionale. Sino a quando sopravvisse l’Impero d’Oriente, sotto i Normanni e poi con Federico II sino a circa al 1600 probabilmente i rapporti intermediterranei fra ellenofoni”d’occidente” e madrepatria linguistica rimasero in qualche modo attivi, favoriti anche
dai commerci delle repubbliche marinare e dalla continua attività dei marinai greci. Non si può, inoltre, escludere
una certa quantità di migrazioni verso occidente dai Balcani e dalle Isole greche che andarono a rimpinguare la
presenza ellenofona in Calabria, in particolare nel periodo di massima pressione turca. La spinta turca sui Balcani
e sul Mediterraneo continuò nonostante il freno posto dalla storica sconfitta di Lepanto ad opera della flotta “cristiana” (1571). Alcuni decenni dopo Cipro, anche Creta nel 1669 cade dopo un assedio che durava dal 1644. Come
dato di fondo non bisogna trascurare che storicamente l’Italia (ed il particolarmente accessibile Mezzogiorno) è
sempre stata vista dai popoli balcanici come sponda utile in gravi momenti di crisi. Si pensi all’epica migrazione
degli Albanesi di Skandeberg come alle ondate di immigrazioni clandestine della fine del XX secolo.
A proposito della lunga resistenza del rito greco in Calabria, sta di fatto che l’ultima diocesi orientale a cadere
fu proprio Bova (Vùa) nel 1572. La romanizzazione, ironia della sorte, avvenne proprio per mano di un vescovo
di origine cipriota e dunque egli stesso orientale, Giulio Stavriano. La comunità locale si vide privata del rito
greco con un vero e proprio colpo di mano con il quale da un giorno all’altro venne instaurato quello romano.
Il XIX secolo si “accorge” dei greci di Calabria
La presenza di ellenofoni in Calabria finì per passare sotto silenzio per secoli. Probabilmente per le condizioni
di marginalità della regione che si accentuarono fortemente già dal XIII secolo sino a divenire drammatiche con
l’unificazione nazionale. Nell’ottocento la Calabria ellenofona doveva già probabilmente limitarsi all’Aspromonte jonico meridionale, e molto probabilmente, alla locride in un’area geografica poco raggiungibile anche
dalla stessa Reggio Calabria. Il territorio impervio dell’Aspromonte, con il suo isolamento, garantì la permanenza di un’economia chiusa, diremmo di autarchica sussistenza sino in sostanza alla seconda guerra mondiale.
17
might say, autarchic survival economy which continued until after World War II. This self-sufficient world guaranteed the preservation of the language. To “discover” the presence of Greek speakers in Calabria (and Apulia) were
nineteenth-century folklorists who, in the wake of a widespread European fashion of the time, sought to collect socalled “popular songs”; among these we find a number of illustrious Italian researchers, from Tommaseo, Imbriani,
Nigra, Rubieri, D’Ancona, Pitrè (to mention some of the names still remembered today) to Comparetti.
We find it particularly interesting that, although not copious, the Graecanic world also possessed a nineteenth-century demologic literature. It was “discovered” that, besides the Salento area, a small number of villages
in southern Aspromonte continued to speak Greek. “Saggi dei Dialetti Greci dell’Italia Meridionale” by Domenico Comparetti, issued in 1866, is indicative of this renewed interest. In the introduction to his “Saggi” he describes
the rather limited number of publications regarding the language of the Greeks of Calabria and Apulia then available and makes it quite clear that he did not consider the experience of Cesare Lombroso, who had preceded him,
with in a kind of travel log of his journey through the Graecanic areas, philologically valid as it comprised “a score
of lines of the worst quality and a small number of lexical items he picked up in Bova or the nearby villages”. As
to Comparetti, himself, he admits frankly and honestly that he drew on written sources without ever setting foot
in Bova. Of the thirty-eight songs contained in his corpus, thirty-five are from a collection published ​​in Chora by
a professor from the Classical Lycée of Reggio Calabria, by the name of Tarra (elsewhere called Terra). The other
three, also from Bova and collected by Witte in 1821, come into his possession after numerous transcriptions and
editions of which the most important is the collection of Songs of the Greeks by Passow. Although they have come
down to us only in the written form, these songs hold an undeniable charm for readers.
No better qualified attention was paid to other aspects of the Greeks of Calabria by the above-mentioned Cesare
Lombroso; his observations, somewhere between the positivist and the anthropometric, refer mostly to archives
and to animal taxonomies rather than engendering any true discussion of the cultural reality and its otherness.
This is how he describes the Greek-speaking inhabitants of the Aspromonte in his “In Calabria”, a text published
in definitive form in 1898, although it had already appeared in 1862 in the “Rivista contemporanea” magazine:
Many of them, especially the rich, retain Attic traits; high foreheads, a large space between the eyes, aquiline
noses, large luminous eyes, short upper lips, small mouths, rounded skulls and chins, while all the lines of their
bodies are graceful and soave.
Their temperament is lymphatic and tense; they are refined, crafty, lascivious; their ideas are very fluid, they tend
to be deceitful and to indulge in a little theft, they are prone to song and harmony”. At the same time, however, in his
own way, he felt the need to “transcribe these few verses before Unity comes to cancel these last, prestigious vestiges of Hellenism.” Despite the philological superficiality denounced by Comparetti, Lombroso, nonetheless, took the
trouble to provide some descriptions, however sketchy, of the social and economic reality of the Greeks of Calabria.
At historical-linguistic level it was Morosi and Pellegrini who “became aware” of the Greeks of Calabria (A.
Pellegrini, Il dialetto greco-calabro di Bova, Turin, 1880) but their hypothesis according to which the origins of
the Greek-speaking communities of Calabria are to be found in immigrations from the Byzantine world between
the sixth and tenth centuries, is not corroborated by present-day scholarship.
Luigi Borrello (Bova 1871 - Palermo 1949) was at the time, an undoubtedly important figure. First of all, because, as a native of Bova, he was a privileged observer of the local culture. Secondly, because we owe a number
of important notes of foundational importance to subsequent studies of Greek Calabria to him.
The twentieth century and the profound crisis of the Calabrian-Greek world
A more qualified kind of interest in the Greeks of Calabria was shown by the scholarly community during the second half of the twentieth century, although it failed to have any significant social impact on the irreversible crisis the
Greek-Calabrian idiom had begun to experience. “Graecanic” (“small Greek”, “minor Greek” to differentiate the
Greek-Calabrian idiom from the language spoken in the mother country, that is, modern Greek) is an erudite term. Despite this, some of the Greek-speaking Calabrians, who call themselves greki, used to consider the expression “Graecanic” insulting, and, therefore, preferred to be called otherwise, for instance, Greeks of Calabria, Graeco-Calabrians, etc.
The twentieth century brought with it a severe crisis of Graecanic culture due to the enormous social and economic changes which so-called “modernity” was introducing into the area, first of all, emigration from inland
Calabria which depopulated the area and had been engendered by the anti-southern policies of the central Italian
18
Questo cosmo di fatto autosufficiente consentì la resistenza dell’idioma. “Scopriranno” la presenza dei greci di
Calabria (e di Puglia) alcuni folcloristi del XIX secolo sull’onda della generale moda europea che spingeva alla
raccolta dei cosiddetti “canti popolari” e che in Italia aveva avuto una sequenza di illustri cultori: Tommaseo,
Imbriani, Nigra, Rubieri, D’Ancona, Pitrè (per fare alcuni nomi noti ancora oggi) sino a Comparetti.
Dal nostro punto di vista registriamo come particolarmente interessante, anche se esigua, la presenza del
mondo grecanico nella letteratura demologica ottocentesca. Si “scopriva” che, oltre al Salento, anche un oramai
ristretto numero di paesi dell’Aspromonte meridionale conservava la parlata greca. “Saggi dei Dialetti Greci
dell’Italia Meridionale” di Domenico Comparetti, che esce nel 1866, è un esempio indicativo di questo rinnovato
interesse. Nella sua stessa presentazione ai “Saggi”, Comparetti traccia un panorama di edizioni sulla lingua dei
greci di Calabria e di Puglia piuttosto limitato ancora oltre la metà dell’Ottocento e lascia chiaramente intendere
quanto la stessa esperienza di Cesare Lombroso, che lo aveva preceduto con una sorta di diario di viaggio in
area grecanica non fosse qualitativa filologicamente poiché costituita in tutto da “una ventina di versi in pessimo
stato, ed un piccolo numero di vocaboli raccolti a Bova, o nei paesi greci prossimi a questa”. Comparetti, per
conto suo, fa presente molto chiaramente ed onestamente di aver attinto a fonti scritte senza mettere mai piede a
Bova. Dei trentotto canti del suo corpus, ben trentacinque provengono da una raccolta effettuata nella Chora da
un professore del Liceo Classico di Reggio Calabria, tale Tarra (altrove Terra). Gli altri tre, raccolti nel 1821 da
Witte, sempre provenienti da Bova, gli arrivano dopo numerose trascrizioni ed edizioni fra cui la più rilevante è
la raccolta di canti greci del Passow. Nonostante siano pervenuti a noi solamente nella forma del testo questi canti
conservano per il lettore un innegabile fascino.
Una migliore attenzione non sarà su altri versanti riservata ai greci di Calabria dal citato Cesare Lombroso la
cui osservazione, fra il positivista e l’antropometrico, rimanda più ad archivi ed a tassonomie animali che ad un
vero discorso su una realtà culturale e la sua alterità. Così sono descritti gli abitanti dell’Aspromonte ellenofono
in alcune pagine del suo “In Calabria” un testo definitivamente edito nel 1898 ma che era già apparso sin dal 1862
sulla “Rivista contemporanea”:
Molti di essi, specialmente i ricchi, conservano il tipo dell’Attica; fronte alta, spazio interoculare largo, naso
aquilino, occhi grandi e lucidi, labbro superiore corto, bocca piccola, cranio e mento arrotondati, tutte le linee
del corpo dolci ed aggraziate.
Il loro temperamento è linfatico e nervoso; fini, astutissimi, lascivi hanno grande mobilità di idee, tendenza al
procaccio, e un poco al furto, somma facilità al canto e all’armonia.
Mentre sentiva a suo modo l’urgenza di “trascrivere quelle pochissime strofe prima che la stregua dell’Unità
giunga a cancellare queste ultime e prestigiose vestigia dell’ellenismo”. E pur nelle patenti superficialità filologiche denunciate da Comparetti, Lombroso ebbe comunque lo scrupolo di fornire almeno alcune sempre sommarie
descrizioni della realtà sociale ed economica dei greci di Calabria.
Sul versante storico-linguistico sono Morosi e Pellegrini ad “accorgersi” dei greci di Calabria (A. Pellegrini, Il
dialetto greco-calabro di Bova, Torino, 1880) ma le loro ipotesi sull’origine della presenza ellenofona in Calabria
per immigrazione dal mondo bizantino fra il VI e il X secolo non sono oggi accreditate dagli studiosi
Luigi Borrello (Bova 1871 - Palermo 1949) è senz’altro in questa fase storica una figura importante. In primo
luogo perché bovese e quindi osservatore privilegiato della cultura locale. A lui si devono una serie di importanti
note che furono fondanti per gli studi successivi sul greco di Calabria.
Il XX secolo e la profonda crisi del mondo greco-calabro
Il più qualitativo interesse del mondo scientifico e culturale verso i greci di Calabria che si generò soprattutto
nella seconda metà del ‘900, non riuscì ad incidere socialmente intervenendo sull’irreversibile crisi della lingua
grecanica. “Grecanico” (“Piccolo” greco, greco “minore” a rilevare il carattere dialettale della lingua locale differenziandola dal greco della Madrepatria, il Neogreco) è in ogni modo un’espressione di origine colta. I greci di
Calabria definiscono sé stessi greki, taluni considerano l’espressione “grecanico” addirittura offensiva preferendo altre dizioni quali: greco di Calabria, greco-calabro, etc..
Il XX secolo portò con sé la crisi del grecanico per le enormi trasformazioni sociali ed economiche che
la cosiddetta “modernità” aveva ingenerato nell’area, prime fra le altre le scelte antimeridionaliste dello stato
unitario, l’emigrazione e lo spopolamento delle aree interne. Non sono da trascurare inoltre fattori psico-sociali
19
state. We should not underestimate a number of important psycho-social factors either. From the twenty-year fascist period on, the Greek-Calabrian language and culture were considered tantamount to social backwardness and
underdevelopment, something best “forgotten” as soon as possible. School teachers used to inflict humiliating
punishment on pupils caught speaking the “foreign” language in class and there is substantial evidence that the
expression “mi pari nu grecu” (you seem like a Greek to me) was used, even in Bova, during the nineteen thirties
and forties to call someone an idiot practically. It is most likely that it was then that the local population began to
identify Greek-Calabrian culture with economic underdevelopment and social marginalisation.
Meanwhile, from the nineteen fifties on, a series of landslides and floods affecting many inland communities
materially dispersed them together with their language. The small towns inhabited by shepherds and peasants
were “rebuilt” as anonymous coastal dormitory towns, tens of kilometres from their original mountain sites and
the populations forcibly transferred there en masse. This was the destiny of Africo in 1951 and Roghudi in 1972.
Around the same time Gallicianò and, later, Bova, following landslides (1972/1973) and an earthquake (1978),
did not escape attempts to transfer them on grounds of natural disaster or political speculation. The resistance of
the inhabitants of a number of inland Greek-speaking villages who have managed to survive, may be considered
practically miraculous given the difficult logistic and economic living conditions of the inhabitants. In fact, Gallicianò was provided with a completely tarmacked road only very recently, while Bova, the “moral capital” of the
area, i Chora tu Vùa, is still reached by an impervious winding road built at the beginning of the twentieth century.
Around 1920, the Calabrian Greek language ceased to be spoken in Cardeto, while, during the period between
the two world wars, it was still found only in the villages of Amendolèa (Amiddalia), Bova (Vùa), Gallicianò
(Gaddicianò), Condofuri (Condochuri) and Roghudi (Richùdi). It certainly ceased to be the daily tongue of
Pentedattilo, Palizzi, Staiti, Brancaleone and Africo even earlier, that is, between the end of the nineteenth and
beginning of the twentieth centuries, even if we have no precise documentary evidence of this.
Today, Greek is spoken in Calabria by the older generations of Bova and in a more fragmentary manner in Gallicianò and Roghudi Nuovo where it rarely used in public. In Condofuri and Amendolèa we find some sporadic
Collari di capra - Goat collars
20
importanti. Difatti già dal ventennio fascista in poi la lingua ed il mondo greco-calabro erano identificati come
tratti di arretratezza e di sottosviluppo da “dimenticare” al più presto. I maestri infliggevano umilianti punizioni
agli alunni sorpresi a parlare una lingua “straniera” in classe e varie testimonianze confermano che una delle più
comuni espressioni, utilizzata per dare dell’idiota a qualcuno nella stessa Bova degli anni ‘30-’40, era “mi pari
nu grecu”. Sicuramente da quel momento storico in poi il grecanico venne identificato dalle stesse popolazioni
locali con il sottosviluppo economico e l’emarginazione sociale.
Nel frattempo una serie di frane e di alluvioni che dagli anni ‘50 in poi colpirono le comunità dell’interno
finirono per disperdere materialmente le comunità medesime e con esse la lingua. I borghi pastorali e contadini venivano “ricostruiti” in anonimi paesi dormitorio sulla costa a decine di chilometri dal sito originario, gli
abitanti trasferiti in massa. Questa sorte toccò ad Africo nel 1951 ed a Roghudi nel 1972. Ma sia pressoché contemporaneamente Gallicianò che anni dopo la stessa Bova (frane nel 1972/73 e terremoto nel 1978) non furono
esenti da tentativi di trasferimento completo dell’abitato più o meno fondati su disastri naturali o appoggiati
da speculazioni politiche. È da considerarsi miracolosa la resistenza degli abitanti nei pochi borghi ellenofoni
che oggi sopravvivono nell’interno in particolare per le difficili condizioni logistiche (oltrechè economiche: da
pochissimo gode di una strada completamente asfaltata Gallicianò, la stessa “capitale morale”, i Chora tu Vùa,
Bova è ancora collegata da un impervio tracciato di primo ‘900).
Attorno al 1920 il greco di Calabria scompariva da Cardeto per poi limitarsi a cavallo delle due guerre ad
Amendolèa (Amiddalia), Bova (Vua), Gallicianò (Gaddicianò), Condofuri (Condochuri), Roccaforte del Greco (Vunì), Roghudi (Richùdi).Sicuramente scomparve ancor prima dall’uso quotidiano anche a Pentedattilo,
Palizzi, Staiti, Brancaleone e Africo fra XIX e XX secolo anche se dati precisi in tal senso non sono a nostra
conoscenza.
Oggi il greco di Calabria è parlato dalle fasce generazionali anziane di Bova, in modo più diffuso ma frammentato e quasi mai pubblico a Gallicianò ed a Roghudi Nuovo. In casi oramai isolati a Condofuri ed Amendolèa. Si
può considerare scomparso da Roccaforte.
21
22
cases, whereas it may be considered as having died
out in Roccaforte.
If most of the Greek-Calabrian linguistic heritage
has been saved, this is thanks chiefly to the fundamental and scrupulous research conducted by Gerhard
Rohlfs (Berlin 1892 - Tubingen 1986) - a German
philologist who worked “in the field” to salvage the
last vestiges of this culture. In the nineteen twenties,
and following World War I, his fundamental essays on
the subject attracted many young Italian and foreign
enthusiasts. From the nineteen sixties on, important
research was carried out by a group of young Calabrian historians and philologists, including Domenico
Minuto, Franco Mosino and Velia Critelli, who later
founded the “Calavrìa” cultural association (1986)
as well as the “La Jonica” magazine (published from
1969 to 1980). The nineteen fifties were a period during which Greek Calabrian studies flourished, thanks
to the contributions of erudite scholars like Rossi
Taibbi, Caracausi and Benito Spano, and the Greek,
Karanastasis, whose five-volume “Historical Dictionary of the Greek Dialects of Southern Italy” made a
fundamental contribution to the classification of the
priceless linguistic heritage of the Greek-speaking
communities of Calabria and Apulia.
The 1960s and 1970s proved decisive to the
Greek-speaking Calabrians who became aware of
the importance of their linguistic heritage. Several
cultural associations were founded during this period
aimed at recovering and preserving the people’s ancient cultural roots. Of these we wish to mention the
particularly active cultural associations “Cum.el.ca”,
Gallicianò, and “Ialò tu Vùa”, Bova Marina.
A law passed to safeguard ethnic minorities (no.
482 of 15th Dec. 1999) which appeared to open up
new prospects for the future of Calabrian Greeks,
yielded no appreciable fruits all told. Among other
projects, it is hoped that the Higher Regional Institute
for Greek-Calabrian Studies (I.R.S.S.E.C), whose offices already exist in Bova Marina.
What to read concerning the Byzantine
world:
- G. Ostrogorsky, Storia dell’Impero Bizantino, Turin, 1968
- V. Von Falkenausen, La dominazione bizantina
nell’Italia Meridionale dal secolo IX al secolo XI,
Bari, 1978
Si deve comunque alla fondamentale attività del
grande filologo tedesco Gerhard Rohlfs (Berlino
1892 - Tubinga 1986) ed alla sua capillare ricerca
“sul campo” se molto del patrimonio linguistico ellenofono è stato salvato. La sua attività già a partire
dagli anni ‘20 finì, in particolare dopo la guerra, per
aggregare intorno a sé ed ai suoi fondamentali scritti
tutta una serie di giovani entusiasti sia in Italia che
all’estero. Sin dagli anni ‘60 assolutamente rilevante
fu l’attività di ricerca e di animazione di un gruppo di giovani storici e filologi calabresi che diede
successivamente vita sia all’Associazione Culturale
“Calavrìa” (1986) che al periodico “La Jonica” (edito dal 1969 al 1980), in particolare Domenico Minuto, Franco Mosino e Velia Critelli. Gli anni ‘50
rappresentarono un autentico momento di fioritura
degli studi sui greci di Calabria, da Rossi Taibbi e
Caracausi a Benito Spano al greco Karanastasis che
con i cinque volumi del suo “Vocabolario Storico dei
Dialetti Greci dell’Italia Meridionale” contribuì alla
sistemazione del prezioso bagaglio linguistico dei
greci di Calabria e di Puglia.
Gli anni ‘60 e ‘70 furono comunque decisivi per la
nascita di una coscienza collettiva da parte dei greci
di Calabria circa l’importanza del proprio patrimonio linguistico. Iniziarono così a nascere una serie
di associazioni culturali che saranno poi più o meno
attive nel sostenere il recupero e la salvaguardia delle radici culturali. Fra le varie associazioni culturali
nate nel tempo segnaliamo come particolarmente
attive “Cum.el.ca” di Gallicianò e “Ialò tu Vùa” di
Bova Marina.
La legge di tutela delle minoranze etniche (15
dic. 99 n. 482) che sembrava aprire nuove prospettive per i greci di Calabria non ha dato, tutto sommato, risultati apprezzabili. Rimane ferma l’attività
dell’I.R.S.S.E.C. (Istituto Regionale Superiore Studi
Elleno-Calabri) di cui esiste da anni la struttura a
Bova Marina.
.
Cosa leggere sul mondo bizantino:
- G. Ostrogorsky, Storia dell’Impero Bizantino, Torino, 1968
- V. Von Falkenausen, La dominazione bizantina
nell’Italia Meridionale dal secolo IX al secolo XI,
Bari, 1978
23
24
Lingua e poesia di un’antica cultura da salvare
The language and poetry of an ancient people;
a cultural heritage worth saving
The Greek language of Calabria, still in use mainly in
the southern areas of Aspromonte, has been, we might
say, essentially oral for the last millennium. The fact
that the language was confined to communities of farmers and shepherds limited its versatility and vocabulary.
From the time of the fall of the Tema tis Calavrias to
the twentieth century, we cannot credibly claim a relevant written tradition for the Greek-Calabrian language,
apart from a few isolated examples like those by the
seventeenth-century Antonio De Marco “discovered”
recently by Franco Mosino. Between the nineteenth and
twentieth centuries, this language began to be written
down, availing, however, of Latin rather than Greek
characters seeing that the Greek-speaking minority using it lived on Italian soil. These are all issues regarding
the literate social classes and which the oral culture of
the Greek-speaking rural area did not have occasion to
address for centuries. Although Greek-Calabria’s recent
re-establishment of cultural relations with the linguistic
mother-country favoured resistance on the one hand, on
the other, communication was shown to be somewhat of
a problem due to the use of two different alphabets.
Dealing with a language that is undoubtedly experiencing a severe crisis, some important issues regarding the scenario need to be addressed, also in consideration of the recent, and perhaps rather tardy, law in
defence of Italian linguistic minorities.
Shall we succeed in having the Greek-Calabrian language taught in schools? And need Modern Greek be
taught alongside it to provide students with a broader view
of their ancient roots? These two difficult questions require
rather complex answers but they contain an appropriate
approach to the preservation of the Greek-Calabrian language. All other questions are of a financial nature. Without any plans for a sustainable development of inland Calabria it is likely that the area will undergo further depopulation: tipote ànthropo, tipote lòghia (no man, no word).
Ettore Castagna
Il greco di Calabria che ancora oggi resiste sull’Aspromonte Meridionale è stato, potremmo dire
nell’ultimo millennio, una lingua essenzialmente
orale. Sicuramente un uso circoscritto al mondo subalterno contadino e pastorale ne ha limitato la versatilità ed il vocabolario. Dalla caduta del Tema tis
Calavrias al XX secolo non si può, verosimilmente,
affermare che sia esistita una tradizione storica scritta del greco di Calabria a parte alcune rilevanti ma
isolate eccezioni come quella di Antonio De Marco
del 1600, “scoperta” in tempi relativamente recenti
da Franco Mosino. Fra il XIX ed il XX secolo la
lingua ha ripreso ad essere anche trascritta, ma utilizzando caratteri latini data la collocazione della
minoranza in area italiana. Tutti questi sono problemi naturalmente da categorie sociali alfabetizzate e
che l’area rurale ellenofona, di cultura orale, non si
è posta per secoli. Certo, il riaccendersi in tempi recenti di rapporti culturali con la madrepatria linguistica se da una parte ha incoraggiato la resistenza dei
greci di Calabria dall’altra ha in ogni caso posto il
problema della comunicazione e, conseguentemente,
dell’alfabeto.
Di fronte ad una lingua fortemente in crisi si pongono alcuni importanti problemi di scenario anche in
virtù della recentissima (e forse un po’ tardiva) legge
di tutela delle minoranze linguistiche italiane.
Si riuscirà ad insegnare il greco di Calabria nelle
scuole? Ed accanto ad esso bisognerà insegnare anche
il neogreco per dare una prospettiva più ampia alle
antiche radici? Sono due domande fondamentali e
di difficile risposta ma che contengono alcune delle
prospettive di salvezza per la lingua. Tutte le altre riguardano il mondo economico. Senza alcun progetto
di sviluppo sostenibile per le aree interne esse saranno
oggetto di definitivo svuotamento: tipote ànthropo, tipote lòghia (nessun uomo, nessuna parola).
25
From peasant poesy to new forms of Graecanic expression
A world of peasants and shepherds rooted in an orally-transmitted culture could hardly be expected to
leave many written traces. Essentially speaking, Greek-Calabrian culture has been transcribed rather than
written, as in the case of those Italian folklorists who began “chasing” Graecanic folk songs in the nineteenth
century. In the twentieth century the spread of literacy permitted a number of poets from the peasant world
to put their verse into writing. These poems undoubtedly stem from an traditional “oral” matrix, from what
the Greek-speaking Calabrians used to call puesiare, that is, extemporaneous verse compositions availing of
fixed, canonically accepted patterns. These traces of the traditional poetic literature of farmers and shepherds
are to be found, more or less, in all the major Greek-Calabrian poets: Bruno Casile, Mastr’Angelo Maesano
and the Siviglia brothers.
Salvino Nucera’s is quite a different case. Although he came from an essentially popular background he undertook literary studies and was therefore in a position to create his poems in the “written” form. Unquestionably
literary, at times even intellectual (in the most positive sense of the term), Nucera’s compositions represent the
highest expression of Greek-Calabrian poetry, outside of the framework of peasant puesiare.
The 20th century Greek-Calabrian poets
Bruno Casile (Bova 1923-1998)
Bruno Casile owes his fame in part to the Italian film director PierPaolo Pasolini, who “discovered” his “peasant” poetry. Casile was so reserved as to appear sullen. In actual fact, his mountain-culture reticence, so strongly
influenced by the visceral life-style of his native territory, lies at the root of his popular poetry. The following
lines felicitously express the emotional passion felt for a beloved, simple rural cosmos while efficaciously reflecting the figure of Casile.
26
Dalla poesìa contadina ad una nuova voce ellenofona
Un mondo contadino e pastorale legato ad una cultura trasmessa oralmente non ha potuto lasciare molte testimonianze scritte. Essenzialmente le voci ellenofone sono state più trascritte che scritte. Come il caso dei folcloristi italiani “a caccia” di canti popolari anche fra i greci di Calabria nel XIX secolo. Nel XX secolo, la diffusione
dell’alfabetizzazione ha fatto sì che alcuni poeti del mondo contadino abbiano in qualche modo potuto lasciare
una traccia della loro voce. Senza dubbio si tratta di testi inconfondibilmente legati ad una matrice “orale”, a ciò
che anche in area ellenofona si definiva il puesiare ciò il creare estemporaneamente, a braccio, forme poetiche
secondo i canoni tradizionali. Questa traccia pastorale e contadina si legge grossomodo nelle voci più importanti
della poesia tradizionale grecanica: Bruno Casile, Mastr’Angelo Maesano, gli stessi fratelli Siviglia.
Diverso il caso di Salvino Nucera. Per quanto anch’egli provenga da un mondo profondamente popolare, si
tratta di un autore che ha avuto l’opportunità di compiere studi letterari e di eleborare un proprio percorso in un
ambito direttamente “scritto”. Di natura senz’altro letteraria, a tratti intellettuale (nel senso migliore del termine),
è l’esperienza di questo scrittore che rappresenta oggi, fuori dal panorama del puesiare contadino, la voce più
alta della scrittura in greco di Calabria.
Poeti greco-calabri del ‘900
Bruno Casile (Bova 1923 - 1998)
Bruno Casile deve parte della sua notorietà alla “scoperta” della sua poesia “contadina” ad opera di Pasolini.
Era un uomo schivo tanto da parere scontroso. In realtà la sua riservatezza montanara legata ad un modo viscerale di vivere i luoghi e la terra di appartenenza si trovano alla radice delle sua esperienza di poeta popolare. Nei
versi che seguono l’esaltazione sentimentale di un semplice cosmo rurale profondamente amato bene riflettono
la figura di Casile.
Musulupare (Gallicianò)
27
I manamu mu gapai
mu gapai, mu gapai
jatì an da pediati
egò imme i protinì
My mother loves me,
loves me, loves me
because of her children
I am the eldest
O ciùrimu mu gapai, mu gapai, mu gapai
jatì egò sto spiti
canno panda ticandì
My father loves me,
loves me, loves me
because I always do
something in the house
O pappùmmu mu gapai
mu gapai, mu gapai
jatì tu ferro panda
mmia llampa zze crasì
My grandfather loves me,
loves me, loves me
because I always bring him
a glass of wine
I pudda mu gapai
mu gapai, mu gapai,
jatì catha mera
egò ti ddonno to faghì
The hen loves me,
loves me, loves me
because I feed her
every day
I scidda mu gapai
mu gapai, mu gapai
jatì otu o cosmo
tis tin ècame ti zzichì
The bitch loves me
loves me, loves me
because the world
created her soul
I gadara mu gapai,
mu gapai, mu gapai,
jatì ti donno ja na fai
catha mera pleo poddì.
The donkey loves me,
loves me, loves me
because I feed
more her each day
Mastr’Angelo Maesano
Mastr’Angelo Maesano (Old Roghudi 1915 - New Roghudi 2000)
Mastr’Angelo Maesano was a charismatic character, of emblematic ancient wisdom who knew how to
conjugate the limpid simplicity of his lines with events, sometimes dramatic, regarding his experiences
during the war, in a concentration camp and the destiny of his native town, Roghudi. He bore the nickname “Mastro” because he was a bricklayer by trade. Also a musician and a fine player of traditional
tragudas on the shawm. Until his death, Mastr’Angelo was a gentle but decisive representative of Calabrian Greekness.
28
Calabria dìkimu ti ìsso addimonimèni
andi Europa ìsso cipùri
athìsse mia forà kàtha domàdi
ciòla to chùma èkanne addùri
ma i àthropi ti èchome sti Roma
se afìkai na pethànnise àsce pìna
Ecìtte apàno kanè se canunài
iatì èchusi iomàti ti cilìa.
Ciuma pos ène ènan àthropo palèo
ti èrkete kanè ti se asciunnài
Oh my Calabria,
the forgotten garden of Europe
you blossomed once a week
even the land was perfumed
but the Roman masters
have let you starve to death
No one from up there looks at you
they have their bellies full
you sleep like an old man
because no one will come to wake you
I manamu mu gapai
mu gapai, mu gapai
jatì an da pediati
egò imme i protinì
Mia mamma mi ama
mi ama, mi ama
perché dei suoi bambini
io sono la più grande
O ciùrimu mu gapai, mu gapai, mu gapai
jatì egò sto spiti
canno panda ticandì
Mio padre mi ama
mi ama, mi ama
perché in casa
faccio sempre qualcosa
O pappùmmu mu gapai
mu gapai, mu gapai
jatì tu ferro panda
mmia llampa zze crasì
Mio nonno mi ama
mi ama, mi ama
perché gli porto sempre
un bicchiere di vino
I pudda mu gapai
mu gapai, mu gapai,
jatì catha mera
egò ti ddonno to faghì
I scidda mu gapai
mu gapai, mu gapai
jatì otu o cosmo
tis tin ècame ti zzichì
I gadara mu gapai,
mu gapai, mu gapai,
jatì ti donno ja na fai
catha mera pleo poddì.
Bruno Casile
La gallina mi ama
mi ama, mi ama
perché ogni giorno
le do da mangiare
La cagna mi ama
mi ama, mi ama
perché così il mondo
ha creato il suo animo
L’asina mi ama,
mi ama, mi ama
perché le do da mangiare
ogni giorno di più
Capinta - bastone da passeggio
Walking stick (Gallicianò)
Mastr’Angelo Maesano (Roghudi Vecchio 1915 - Roghudi Nuovo 2000)
Splendido, carismatico personaggio di emblematica saggezza antica, Mastr’Angelo Maesano ha saputo spesso
coniugare la limpida semplicità dei suoi versi ad un vissuto tante volte drammatico legato all’esperienza della
guerra e del campo di concentramento ed alle sorti del suo paese, Roghùdi. Il soprannome di Mastro che lo ha
accompagnato tutta la vita si deve alla professione artigiana di muratore. Musicista e raffinato cantante della tradizionale traguda sulla ciaramedda, Mastr’Angelo è rimasto sino all’ultimo un mite ma deciso testimone della
grecità calabrese.
Calabria dìkimu ti ìsso addimonimèni
andi Europa ìsso cipùri
athìsse mia forà kàtha domàdi
ciòla to chùma èkanne addùri
ma i àthropi ti èchome sti Roma
se afìkai na pethànnise àsce pìna
Calabria mia che sei dimenticata
d’Europa eri il giardino
fiorivi una volta a settimana
anche la terra profumava
ma quelli che abbiamo a Roma
ti hanno lasciata morire di fame
Ecìtte apàno kanè se canunài
iatì èchusi iomàti ti cilìa.
Ciuma pos ène ènan àthropo palèo
ti èrkete kanè ti se asciunnài
Di là sopra nessuno ti guarda
che hanno già la pancia piena
dormi come fa un vecchio
perché nessuno verrà a svegliarti
29
An èchise pìna sire tin currìa
ti èrkete i òra ti o ìlgio èchi na pettòi
Pis èkame zimìa èchi na clèi
iatì ciòla o Christò mas afudài
If you are hungry, tighten your belt
until the time comes when the sun must rise
and those who damaged things will cry
because Christ will be on our side
Agostino Siviglia (Chorìo di Roghudi 1934)
Like his brother, Salvatore, he too id a folk poet, proud to uphold his native culture. Agostino Seviglia gives
voice to sincere nostalgia for an archaic universe shattered by the “deportation” of the inhabitants of Roghudi
and Chorìo to a site near Melito.
Ghorìo dicòmmu pos eienàstise palèo
glossa dichìmu
plèo den tragudào
Oh, my village
how old you have become
oh, my tongue
you are no longer sung
Thorò to spìti ti einasti palèo
ciòla t’ambeli ti eienàsti ghierondàro.
I see my house,
it too grown old;
the vine, too,
seems withered.
Condoferro apìsso
ce clònda pào jatì
tin màna den eho plèo.
I return again
and weep because
I no longer have a mother.
Ce essà filisa, paracalò
mi fighite appòde ando horìo
Oh you, my friends,
please do not flee my village
Mathete tin glossa ton pedìo
jatì imme palèo ce egò pào.
Teach your children our language
for I am too old now, too outdated.
Salvino Nucera
Salvino Nucera (Chorìo of Roghudi 1953)
It is to Salvino Nucera that we owe a broadening of Greek-Calabrian compositional horizons; he strove to wed
this extremely ancient, sometimes rather harsh, language and its restricted lexicon to new expressive exigencies.
His efforts produced collections of poetry like Agapao na graspo (I love writing) Chimàrri (Rivoli, 1999) and the
more recently, Spichì sto monostrofiddho (Soul in a vortex, 2013). He is also the author of the first novel ever written in the Calabrian Greek idiom Chalonero (1993). His second narrative work is I Anèvasi (The Ascent, 2009).
The poet bids his final farewell to life in the following heart-rending lines
30
Irthe i ora na choristò, fili Tipote daclia. Mi arotate pu pao: den to scero. Den perro tipote methemu Afinno ston kerò ta onira charratimena. I agapi ja ti zoì manachì meni. Pucambù vjenni en’asteri lamburistò. Time has come
my friends, to leave you.
Do not cry.
Do not ask my destination:
I know it not.
I will take nothing with me.
I will leave to time
my dispersed dreams.
My love for life
alone remains.
Somewhere will rise
a bright star.
An èchise pìna sire tin currìa
ti èrkete i òra ti o ìlgio èchi na pettòi
Pis èkame zimìa èchi na clèi
iatì ciòla o Christò mas afudài
Se avrai fame stringi la cinghia
che arriva l’ora quando il sole dovrà levarsi
chi avrà fatto danni dovrà piangere
perché anche Cristo ci aiuterà
Agostino Siviglia (Chorìo di Roghudi 1934)
Simile al fratello Salvatore, anch’egli poeta popolare, nell’orgogliosa difesa della cultura d’appartenenza,
Agostino Siviglia rappresenta una sincera voce di nostalgia per un cosmo arcaico infranto dalla “deportazione”
degli abitanti di Roghudi e di Chorìo nel nuovo sito nei pressi di Melito.
Ghorìo dicòmmu pos eienàstise palèo
glossa dichìmu
plèo den tragudào
Paese mio
come ti sei fatto vecchio
lingua mia
più non canto
Thorò to spìti ti einasti palèo
ciòla t’ambeli ti eienàsti ghierondàro.
Vedo la casa
ch’è diventata vecchia
la vigna pure
che s’è appassita
Condoferro apìsso
ce clònda pào jatì
tin màna den eho plèo.
Ritorno indietro
e vado piangendo perché
la mamma non ho più
Ce essà filisa, paracalò
mi fighite appòde ando horìo
E voi amici, per favore
non fuggite il mio paese
Mathete tin glossa ton pedìo
jatì imme palèo ce egò pào.
Insegnate la lingua ai bambini
ch’io sono vecchio e passato oramai
Agostino Siviglia (in alto) e Salvatore Siviglia
Salvino Nucera (Chorìo di Roghudi 1953)
A Salvino Nucera si deve un innovativo ampliamento degli orizzonti compositivi con un percorso che tenta di
coniugare una lingua molto arcaica, dall’aspro e, talvolta, ristretto bagaglio lessicale con nuove esigenze espressive. Nascono così alcune raccolte poetiche come Agapao na graspo (Amo scrivere), successivamente Chimàrri
(Rivoli, 1999) sino a Spichì sto monostrofiddho (Anima nel vortice, 2013). Sempre a Salvino Nucera si deve il
primo romanzo in greco di Calabria Chalonero (1993) e il successivo I Anèvasi (l’Ascesa, 2009).
Struggente la lirica che segue sull’addio estremo.
Irthe i ora na choristò, fili Tipote daclia. Mi arotate pu pao: den to scero. Den perro tipote methemu Afinno ston kerò ta onira charratimena. I agapi ja ti zoì manachì meni. Pucambù vjenni en’asteri lamburistò. È giunta l’ora
del commiato, amici.
Nessuna lacrima
Non chiedete dove andrò:
non lo so.
Non porterò nulla con me.
Lascerò al tempo
sogni dispersi.
L’amore per la vita
solo rimane.
Da qualche parte spunterà
una stella lucente.
31
Markedly literary and experimental in bias is the outcome of the collaboration with the non-native speaker
of the Calabrian-Greek language, Ettore Castagna, which culminated in the publication of Seven Oriental
Songs, from which we quote a lyrical poem on the topic of estrangement from and contradictory relations with
one’s birthplace.
Middalo pricìo ene to chumama
den to scerome na ghirìzome to addismònima
Addazi culùri i arghidda tu kerù
asce màstora cosmico ftiamèni Middalo glicìo ene to chumama ena mmeli ti thorùme stin imera Icòne ti den nnorìzonde èchusi t’astra mènume crimmèni sce merìe macrìe Our land is a bitter almond
unconsciously we seek oblivion
The clay of time changes colour
laded by a cosmic potter
Our land is a sweet almond
a honey we regain by day
The stars trace unfathomable patterns
as we lie cowering in faraway places
What to read about the Greek language of Calabria:
- A. Karanastasis, Istoricòn lexicòn ton ellenicòn idiomàton tis catoitalias, 5 vols, 1984-1992
- G. Rohlfs, Lexicon Graecanicum Italiae Inferioris, Tubingen, 1964
- G. Rohlfs, Dizionario toponomastico e onomastico della Calabria, Ravenna, 1974.
- E. Brighenti, Dizionario Greco Moderno Italiano, Milano, 1927.
- G. Rossi-Taibbi, G. Caracausi, Testi Neogreci di Calabria, Palermo, 1959
- B. Spano Grecità bizantina (…), Pisa, 1960
- R. Browning, Medieval and Modern Greek, Hutchinson and Co. (Publishers) Ltd, London, Great Britain, 1969.
- G. A. Crupi, La glossa di Bova, Roma, 1980
- N. Andriotis, Etimologhicò lexicò tis kinìs neoellenikis, Thessaloniki, 1983
- F. Mosino, Storia Linguistica della Calabria, Cosenza, 1987
- F. Condemi, Grammatica Grecanica, Reggio C.,1987
- D. Minuto, La quercia greca, Reggio C. 1974
- D. Minuto, S. Nucera, M. Zavattieri, Dialoghi Greci di Calabria, Reggio Calabria, 1988
- Tegopoulos Fytrakis, Ellenico Lexico, Athena, 1993
- N. Kontosopoulos, Dialectoi kai Idiomata tis Neas Ellenikis, Athens, 1994
- A. Casile, D. Fiorenza, Ellenofoni di Calabria, Bova M., 1994
- F. Mosino, Dal greco antico al greco moderno, Reggio Calabria, 1995
- M. Katsoyannou, Le parler grico de Galliciano (Italie): description d’une langue en voie de disparition,
These de Doctorat, Paris VII, 1995.
- F. Montanari, Vocabolario della lingua greca, Torino, 1995
- Council of Europe, Report: A Programme of Case Studies Concerning the Inclusion of Minorities as Factors
of Cultural Policy and Action, Council for Cultural Co-operation (CDCC), Strasbourg, 1996
- F. Violi, Lessico grecanico-italiano-grecanico, Bova, 2001
- F. Condemi, S. Nucera, La lingua della Valle dell’Amendolea, Reggio Calabria, 2006
- F. Violi. T. Squillaci - I glossa dikima ja ta pedìa, Il Greco di Calabria per i bambini, 2014
What to read about the Greek-language poetry and culture of Calabria:
In addition to the works by the single authors mentioned here, to obtain a meaningful anthological overview
of Graecanic poetry, read:
- La poesìa ellenofona contemporanea nell’Italia del Sud, a cura di Voula Lambropoulou, Salonicco, 1997.
Segnaliamo inoltre:
- F. Violi, Storia della Letteratura grecanica, Reggio Calabria, 2000
32
Di taglio marcatamente letterario ed in un’ambito di sperimentazione la collaborazione con il non ellenofono
Ettore Castagna che ha sortito il particolare percorso di Sette Canzoni Orientali dal quale proponiamo una lirica
sul tema della lontananza e del contraddittorio rapporto con la terra d’appartenenza.
Middalo pricìo ene to chumama
den to scerome na ghirìzome to addismònima
Addazi culùri i arghidda tu kerù
asce màstora cosmico ftiamèni Middalo glicìo ene to chumama ena mmeli ti thorùme stin imera Icòne ti den nnorìzonde èchusi t’astra mènume crimmèni sce merìe macrìe La nostra terra è una mandorla amara
senza saperlo ne cerchiamo l’oblio
Muta colore l’argilla del tempo
tornita da un vasaio cosmico
La nostra terra è una mandorla dolce
un miele che ritroviamo nel giorno
Le stelle hanno disegni inconoscibili
rimaniamo acquattati in luoghi lontani
Cosa leggere sulla lingua greca di Calabria:
- A. Karanastasis, Istoricòn lexicòn ton ellenicòn idiomàton tis catoitalias, 5 voll., 1984-1992
- G. Rohlfs, Lexicon Graecanicum Italiae Inferioris, Tubingen, 1964
- G. Rohlfs, Dizionario toponomastico e onomastico della Calabria, Ravenna, 1974.
- E. Brighenti, Dizionario Greco Moderno Italiano, Milano, 1927.
- G. Rossi-Taibbi, G. Caracausi, Testi Neogreci di Calabria, Palermo,
1959
- B. Spano Grecità bizantina (…), Pisa, 1960
- R. Browning, Medieval and Modern Greek, Hutchinson and Co. (Publishers) Ltd, London, Great Britain, 1969.
- G. A. Crupi, La glossa di Bova, Roma, 1980
- N. Andriotis, Etimologhicò lexicò tis kinìs neoellenikis, Thessaloniki, 1983
- F. Mosino, Storia Linguistica della Calabria, Cosenza, 1987
- F. Condemi, Grammatica Grecanica, Reggio C.,1987
- D. Minuto, La quercia greca, Reggio C. 1974
- D. Minuto, S. Nucera, M. Zavattieri, Dialoghi Greci di Calabria, Reggio Calabria, 1988
- Tegopoulos Fytrakis, Ellenico Lexico, Athena, 1993
- N. Kontosopoulos, Dialectoi kai Idiomata tis Neas Ellenikis, Athens, 1994
- A. Casile, D. Fiorenza, Ellenofoni di Calabria, Bova M., 1994
- F. Mosino, Dal greco antico al greco moderno, Reggio Calabria, 1995
- M. Katsoyannou, Le parler grico de Galliciano (Italie): description
d’une langue en voie de disparition, These de Doctorat, Paris VII, 1995.
- F. Montanari, Vocabolario della lingua greca, Torino, 1995
- Council of Europe, Report: A Programme of Case Studies Concerning the Inclusion of Minorities as Factors
of Cultural Policy and Action, Council for Cultural Co-operation (CDCC), Strasbourg, 1996
- F. Violi, Lessico grecanico-italiano-grecanico, Bova, 2001
- F. Condemi, S. Nucera, La lingua della Valle dell’Amendolea, Reggio Calabria, 2006
- F. Violi. T. Squillaci - I glossa dikima ja ta pedìa, Il Greco di Calabria per i bambini, 2014
Cosa leggere sulla poesia e letteratura greca di Calabria:
Oltre alle opere edite dei singoli autori citati, per una “visione d’insieme”, l’unica iniziativa antologica di un
certo rilievo sulla poesia greco-calabra è:
- La poesìa ellenofona contemporanea nell’Italia del Sud, a cura di Voula Lambropoulou, Salonicco, 1997.
Segnaliamo inoltre:
- F. Violi, Storia della Letteratura grecanica, Reggio Calabria, 2000
33
34
L’Area Grecanica oggi fra antiche radici e turismo sostenibile
The Graecanic area today amidst ancient roots and sustainable tourism
Ettore Castagna
The Graecanic area? A Greek-speaking island?
Where is the Graecanic area? Do its borders and
territory coincide with the presence of the language?
These few simple questions see, to require a whole
series of complex answers.
The Graecanic Area coincides with the district of
the old Comunità Montana Versante Jonico Meridionale [the Southward-Facing Ionian Mountainside
Community] and includes, from west to east; the
following municipal areas: Melito, San Lorenzo,
Bagaladi, Roghudi, Roccaforte del Greco, Condofuri, Bova Marina, Bova, Staiti and Brancaleone. This
political-administrative arrangement does not reflect
its linguistic confines, that is, the places where the
Calabrian-Greek language is still spoken and where
it has died out.
From a cultural perspective, identifying the Graecanic area is a far more complicated matter. To the
west, Cardeto, where Greek was certainly spoken up
until 1920, is excluded from the abovementioned “administrative” district, while nearby Bagaladi, where
Greek does not seem to have ever been spoken, at
least in recent times, is included. The same may be
said of Palizzi, Staiti, San Lorenzo, Brancaleone, etc.
With this in mind, perhaps it is the case to make a
distinction between what may be considered, today, a
Graecanic Cultural Area and a Greek-speaking Island.
Area Grecanica? Isola Ellenofona?
Dov’è l’Area Grecanica? Ma i confini ed i territori coincidono con la presenza della lingua? A queste
semplici domanda sicuramente corrisponde invece
una serie più complessa di risposte.
L’Area Grecanica coincide con il comprensorio
della vecchia Comunità Montana Versante Jonico
Meridionale e coinvolge, da Occidente ad Oriente, i
territori dei comuni di Melito, San Lorenzo, Bagaladi, Roghudi, Roccaforte del Greco, Condofuri, Bova
Marina, Bova, Staiti e Brancaleone. Naturalmente
quest’organizzazione politico-amministrativa non rispecchia quelli che sono i confini linguistici. E cioè
quelli fra i siti dove ancora resiste l’idioma parlato e
quelli dove l’ellenofonia è estinta.
Culturalmente la risposta su dove sia l’area grecanica si presenta molto più complessa. Ad esempio,
sul confine occidentale, Cardeto, provatamente ellenofona sino al 1920 si trova esclusa dai confini “amministrativi”, la vicina Bagaladi, probabilmente non
ellenofona o per lo meno in tempi recenti, si trova
inclusa dai confini amministrativi medesimi. L’esempio potrebbe estendersi anche a Palizzi, a Staiti, a San
Lorenzo, a Brancaleone, etc.
In questa prospettiva forse sarà bene distinguere
un’Area Culturale Grecanica da quella che oggi è l’Isola Ellenofona.
The Greek-Speaking island
The Greek language in Calabria is, currently, undergoing an
extremely grave, maybe even irreversible, crisis. The language
is known by the older generations of Bova, in a fragmentary
manner in Amendolea and Condofùri, in a more inter-gener-
L’Isola Ellenofona
Il greco di Calabria è oggi in fortissima, forse irreversibile crisi. La lingua è conosciuta dalle fasce generazionali anziane di Bova, in modo frammentario da
quelle di Amendolea e di Condofùri, in un modo più
35
ational though almost exclusively private fashion in Gallicianò and Roghudi Nuovo. It may be considered as having died out
elsewhere. The case of the seaside town of Bova Marina is particularly interesting. Here, for reasons of immigration from the local
hinterland and a rediscovery of Calabrian-Greek by a small but significant community, the language continues to survive.
The Graecanic Cultural Area, instead…
At this point the confines of the Cultural Area are considerably broader. If we wish to include areas which, until
fairly recently, (between the nineteenth and twentieth centuries) were Greek-speaking, the territory in question would
extend from the outskirts of Reggio Calabria to the whole of Ionian Aspromonte and, probably, even as far as the
Locride district itself. If however, we refer to what Rohlfs revealed, and include the district that was Greek-speaking
at the beginning of the modern era, the Graecanic Cultural Area easily stretches as far as the Isthmus of Catanzaro.
In the light of this, the Greek-speaking Island is truly the last living testimony of a once commonly-shared
linguistic world which it is important to rediscover and safeguard more than ever, today.
Midst paleo-pathways and neo-touristic opportunities
The difficulties people have always encountered when travelling in the Graecanic area can still be “read” in its landscape
today. A solemn, harsh plateau, scored by creeks and gullies, sweet-flowering, multi-coloured hills and hovering, crumbling
coastlines like ruthless rugged blades ever ready to strike. A landscape that cannot but enthral the traveller with bizarre features like Ta Vrastarucia, The Milk Cauldrons or I Rrocca tu Ddracu, The Dragon’s Rock or the never-ending slopes reaching out from Campi di Bova, to just beyond Passo della Zita to provide a perfect view of Mount Etna and Sicily on days
when the sirocco falls silent. Even today there are still very few roads here. This territory was crossed for centuries on foot
or by mule although the past fifty years have witnessed radical changes in the anthropic geography of the Graecanic Area.
Undoubtedly lifestyles, modes of transport and, with these, the economic life of the area, have changed utterly.
Old Greek-speaking Aspromonte had no roads along which wheeled vehicles could travel except the railways and the
coastal route built between the end of the nineteenth and beginning of the twentieth centuries and, alongside these, the
winding cart-track joining Bova Marina and Bova. All the rest looked like a small solar system, a network of bridleways
and footpaths linking the commercial and artisan epicentre of Bova to the rest of the hinterland. Bova was crucial to
Ta Vrastarucia
36
diffuso generazionalmente ma oramai in ambito soprattutto privato a Gallicianò ed a Roghudi Nuovo. Si può considerare scomparsa in tutti gli altri siti. Interessante il fenomeno di Bova Marina dove permane, sia per immigrazione
dai paesi interni sia per attività di vera e propria riscoperta da parte di un piccolo ma significativo nucleo ellenofono.
L’Area Culturale Grecanica invece…
I confini dell’Area Culturale sono a questo punto ben più vasti. Se vogliamo inserire tutti i siti che fino a tempi
recenti, fra XIX e XX secolo erano ellenofoni partiamo dalle porte di Reggio Calabria sino a tutto l’Aspromonte
jonico e sino, probabilmente, alla stessa Locride. Se invece, sulla scia di quanto messo in luce da Rohlfs, vogliamo riferirci a tutta l’area ellenofona ancora all’inizio dell’Età Moderna allora l’Area Culturale Grecanica arriverà
facilmente sino all’Istmo di Catanzaro.
In questa prospettiva l’Isola Ellenofona è veramente l’ultima testimonianza vivente di un mondo linguistico
che è stato comune e che oggi più che mai è importante riscoprire e salvaguardare
Fra sentieri arcaici e possibilità del nuovo turismo
Le difficoltà storiche degli spostamenti nell’area grecanica si “leggono” tutt’ora nel suo paesaggio. Un altipiano solenne ed aspro, ricco di fiumare e di calanchi, di colline dalla fioritura dolcissima e policroma e di coste
franose come lame implacabili pronte a colpire. È un paesaggio che non può non scuotere il viaggiatore sia nei
suoi aspetti bizzarri come Ta Vrastarucia, Le Caldaie del Latte o I Rrocca tu Ddracu, la Rocca del Drago o per i
paesaggi infiniti che dai Campi di Bova, appena dopo il Passo della Zita fanno perfettamente vedere l’Etna e la
Sicilia nelle giornate quando lo scirocco tace. Nonostante le poche strade dell’oggi, questo paesaggio per secoli
è stato percorso esclusivamente a piedi o a dorso d’asino anche se gli ultimi cinquant’anni hanno portato trasformazioni radicali nella geografia antropica dell’Area Grecanica.
Senz’altro i modi di abitare, di spostarsi e con essi tutta la vita economica sono completamente cambiati.
L’Aspromonte ellenofono nella sua dimensione arcaica era senza vere strade carrabili se non la ferrovia e la statale
costiera tracciate fra la fine dell’800 ed i primi del ‘900 e con esse l’unico tortuoso percorso anch’esso carrabile da
Bova Marina a Bova. Tutto il resto somigliava ad un piccolo sistema solare nel quale una rete di mulattiere e sentieri
Fiume Amendolea - Amendolea river
37
38
anyone seeking to buy or sell who wished to avoid the
day-long trek across the mountains to Reggio or along
the coast to Bovalino. This state of affairs, which me
might define “non viable” continued for much of the
twentieth century. Right up until the 1960s, it was still
necessary to cross the mountains as far as Reggio on
foot or down to the shore, metapòdia, and catch a train.
It is interesting to note that, for example, when Africo
was abandoned in 1951, it had as yet no roads, and that
the ancient sites of Roghudi and Chorio could be only
by unpaved dirt tracks in the early 1970s. And so on, to
Gallicianò which saw the road between it and Condofuri completed only in 2001. There is little doubt, that this
kind of isolation favoured the survival of the language
and its often non-monetary, closed economy. A typical
example is that of the 1950s/1960s when the road-less
inhabitants of Roghudi still acquired everything they
needed, from textiles to medicine, by bartering farm
and dairy produce for them.
On the other hand, the Graecanic area’s foot traveller “par excellence”, the English Edward Lear, in the
middle of the nineteenth century reported that the road
ended at Melito and that the only way to travel inland
was through a web of footpaths. Lear’s route, the socalled “Englishman’s Pathway” is today the object of
an eco-touristic, excursionist revival promoted by a
number of local youth cooperative organisations. In
this sense, the work carried out in the early 1990s by
Pasquale Valle and “Naturaliter” which set up a network of rural lodgings, following in Lear’s footsteps,
may be considered pioneering. Today, “hiking” has
returned to the Graecanic Area though it sports a new
look. It provides an occasion to rediscover “slowness” and, above all, enjoy the inimitable fragrances
and panoramas of the Mediterranean mountains.
The importance of Bova, the hub of a veritable web,
is reflected in the toponomastics of the entire district.
The “conventional” name of Bova/Vua in the Graecanic area is i Chora, the town “par eccellence”, the most
important settlement in a cluster of small agro-pastoral
burghs. “Pame stin Chora” is the expression used by
Calabrian-Greeks to say “let’s go to Bova”; by Chora
they mean the “territorial capital”. In modern Greek, in
fact, the word Chora also means “district”, “territory”.
The place name Chorìo, very common in the area, is
a different story. It comes from the Byzantine Chorìon,
village. In the whole of the Graecanic Area, the various
Chorio are really hamlets, in Italian “frazioni”, related
to a local “mother” town: Chorio di Melito, Chorio di
Roccaforte, Chorio di Roghudi, Chorio di San Lorenzo.
collegava l’epicentro commerciale ed artigianale di Bova
con tutto l’entroterra. Bova era così una meta obbligata per
chi voleva vendere e comprare senza andare, con un lungo
giorno di cammino via montagna, sino a Reggio o sulla
costa sino a Bovalino. Questa situazione che potremmo
definire “non carrabile” si protrasse anche per buona parte
del XX secolo. Sino agli anni ‘60 era ancora conveniente
andare a Reggio a piedi via montagna se non guadagnare
metapòdia la marina per prendere il treno. Si pensi ad es.
che Africo fu abbandonato nel ‘51 che ancora non aveva
la strada, che i vecchi siti di Roghudi e di Chorio furono
raggiunti da una strada bianca solo nei primi anni sessanta.
Così via sino a Gallicianò che ha visto completata la strada
che la collega a Condofuri solo nel 2001. Senza dubbio
questa situazione d’isolamento consentì la sopravvivenza
della lingua insieme con un’economia chiusa, spesso non
monetaria. Un esempio per tutti è quello degli anni cinquanta/sessanta quando gli abitanti di una Roghudi senza
strada compravano di tutto, dai tessuti industriali ai medicinali, barattando con prodotti della terra e della pastorizia.
D’altra parte, il viaggiatore a piedi “per eccellenza” del
territorio grecanico, l’inglese Edward Lear, aveva potuto costatare a metà del XIX secolo che la strada finiva a
Melito e che i sentieri interni erano l’unica via di spostamento possibile. Il percorso di Lear, il cosiddetto “Sentiero
dell’Inglese” è oggi oggetto di recupero eco-turististico ed
escursionistico da parte di Cooperative giovanili locali. In
quest’ambito si può definire pionieristico, dai primi anni
‘90, il lavoro di Pasquale Valle e “Naturaliter” che ha creato
una rete di ospitalità rurale sulle tracce del viaggio di Lear.
Nell’area grecanica ritorna oggi dunque il viaggio “a
piedi” ma in una veste rinnovata. È un’occasione per
riscoprire un tempo “lento” e soprattutto gli inimitabili
profumi e panorami della montagna mediterranea.
L’importanza di Bova, centro di una vera rete di sentieri, si riflette anche nella toponomastica dell’intera
area. Il nome “convenzionale” di Bova/Vua nell’area
ellenofona è i Chora, il paese “per eccellenza”, l’insediamento più rilevante in un’area di piccoli borghi
agro-pastorali. “Pame stin Chora” è modo comune in
greco-calabro per dire “andiamo a Bova” intendendo
dunque Chora come “capoluogo territoriale”. In greco
moderno, infatti, la parola Chora assume anche il significato di “comprensorio”, “territorio”.
Diverso è il caso del toponimo Chorìo molto diffuso
nella zona. Esso proviene dal bizantino Chorìon, villaggio. In tutta l’area grecanica, i vari Chorio assumono
il carattere di piccole frazioni associate ad una località
“madre”: Chorio di Melito, Chorio di Roccaforte, Chorio di Roghudi, Chorio di San Lorenzo.
39
Calabria’s Greek-Speaking sites
Bova: is the “capital” of the Calabrian Greeks
Given its importance as “territorial capital”, Bova (Vua) has always been known in Calabrian-Greek also as I
Chora, lu paisi. In actual fact, Bova played an important administrative and religious role from Byzantine times
on. In any case, until the major crisis of the 1950s-60s Bova, with its many workshops and commercial activities,
was still the vital epicentre of the pastoral and faming economy of the entire area.
The town is of great interest to visitors because of its numerous churches and the views it offers thanks to its
lofty position at 820 m above sera level. Of its numerous buildings we wish to mention the Cathedral, Palazzo
Mesiani, the Basilica of San Leo, the small Byzantine church of Spirito Santo and the remains of the castle at
the top of the town.
Bova shares with Africo a longstanding devotion to a Greek monastic hermit, Saint Leo. The Saint’s birthplace
and relics are, naturally, a bone of contention between the two communities. Of particular interest, therefore, are
the feast-days dedicated to Saint Leo on the 5th of May and 17th August (Saint Rocco and Saint Leo).
Bova Marina: a sign of the times
On the mouth of the Sideroni torrent stands Bova Marina (Ialò tu Vùa, Spiaggia/Marina di Bova) built in fairly
recent times after it severed itself from inland Bova. It grew in importance during the early 1900s as a result of the
completion of the railroad and the Ionic coast road. Furthermore, for years the Bova Marina - Bova road built also after
the previous two works remained the Graecanic Area’s only paved route. Of interest a number of art nouveau buildings
and the presence of the dell’I.R.S.E.C. (Istituto Regionale Studi Elleno Calabri/Regional Institute of Calabrian Greek
Studies), the Museo Laografico (Census Museum) and the Università della Terza Età (Senior-Citizens’ University).
The work carried out by the local “Ialò tu Vùa” cultural association for the safeguard and preservation of the
Calabrian-Greek language, is impressive.
Bova Marina
40
I siti dell’Isola Ellenofona
Bova: la “capitale” dei greci di Calabria
Data la sua importanza come “capoluogo territoriale”, Bova (Vua) è definita da sempre in greco di Calabria
anche I Chora, lu paisi. Effettivamente Bova rivestì una certa importanza sia amministrativa che religiosa sin
da epoca bizantina. In ogni modo sino alla grande crisi degli anni ’50-’60 ancora Bova, con le sue numerose
botteghe artigiane e le sue attività commerciali, era il fondamentale epicentro di tutta l’economia pastorale e
contadina dell’area.
Tutto l’insediamento si presenta interessante per il visitatore sia per le numerose chiese che per la posizione molto
panoramica del borgo posto a 820 m sul livello del mare. Fra i vari edifici di pregio segnaliamo la Cattedrale, il
Palazzo Mesiani, la Basilica di San Leo, la chiesetta bizantina di Spirito Santo ed i resti del castello in cima al paese.
Bova condivide con Africo l’antico culto per il monaco greco eremita San Leone. Naturalmente sia i natali che
le reliquie del Santo sono storicamente contese fra le due comunità. Di un certo rilievo dunque le celebrazioni
dedicate a San Leo del 5 maggio e del 17 agosto (San Rocco e San Leo).
Bova Marina: il segno dei tempi
Collocato alla foce del torrente Sideroni, l’insediamento di Bova Marina (Ialò tu Vùa, Spiaggia/Marina di
Bova) nasce in tempi relativamente recenti staccandosi dalla più interna Bova. Si accrebbe d’importanza ai primi
del ’900 successivamente al completamento della ferrovia e della strada statale jonica. Per anni inoltre la strada
Bova Marina - Bova realizzata anch’essa successivamente alle due precedenti opere rimase l’unica strada carrabile dell’area grecanica. D’interesse sono alcuni palazzi in stile tardo liberty e la presenza dell’I.R.S.E.C. (Istituto
Regionale Studi Elleno Calabri), del Museo Laografico e dell’Università della Terza Età.
Rilevante l’impegno per la difesa e la continuità della lingua grecocalabra da parte della locale Ass. Cult. “Ialò
tu Vùa”
Bova
41
Condofùri, Amendolèa and Gallicianò: a vast territory, a long history
The Condofùri municipal area is vast indeed; varied and of great interest, from a historical and eco-environmental point of view, it contains a number of different localities. Until about the beginning of the twentieth
century, of a certain importance and endowed with municipalities of their own, were the present-day “frazioni”
of Gallicianò (Gaddicianò) and Amendolea (Amiddalia). Definitively abandoned only after the 1908 earthquake,
historic Amendolea was rebuilt as a small agro-pastoral burgh at the foot of the huge rock atop of which it is still
possible to visit the ruins of the great Ruffo castle. The strategic importance of the site and the castle are immediately evident to the visitor. It is important to add, furthermore, that, historically, it was the Amendolèa valley
and its river bed that marked the borders between Locri and Reggio. Gallicianò, the only entirely Greek-speaking
village still in existence today, deserves a special mention, although the language is used more and more only
within the family. Gallicianò is renowned in the whole area for the high degree of its conservation of Graecanic
traditions, not only the language, but the music, food, rituals, etc., too.
Condofùri (Condochùri) whose principal axis tends to extend seawards (Condofùri Marina), still maintains
administrative offices in Condofùri Superiore (Upper Condofùri). Its historical position, once marginal compared to Amendolèa and Gallicianò, as suggested by its place name (probably Condo-Chùri, “near the town”)
has been reversed due to the contemporary tendency by locals to forsake upland, inland areas in favour of more
easily accessible coastal localities.
Gallicianò and a return to eastern spirituality
As to Gallicianò, the inauguration of its small Greek-Orthodox church, Panaghìa tis Elladas (Our Lady of the
Greeks) in 1999 is of particular interest. A charming, small peasant-style church, obtained by tastefully refurbishing a house in stone in the upper part of the town it is open for religious services, along with San Giovanni
Theristis in Bivongi, and bears witness, in an atmosphere of renewed ecumenism, to a return of Orthodox Christians “as pilgrims” to ancient Greek-Orthodox sites.
Gallicianò
42
Condofùri, Amendolèa e Gallicianò: un grande territorio, una lunga storia
Il territorio del Comune di Condofùri è molto vasto, differenziato ed interessante sotto il profilo storico ed
eco-ambientale e comprende varie località. Sino a per lo meno i primi anni del ’900 erano di maggiore rilevanza
(nonché dotati di autonomi municipi) le attuali “frazioni” di Gallicianò (Gaddicianò) e la stessa Amendolea
(Amiddalia). Definitivamente abbandonata solo dopo il terremoto del 1908, l’Amendolea storica fu ricostruita in
forma di piccolo borgo agro-pastorale ai piedi della grande rocca sulla quale ancora oggi sono visitabili i ruderi
del grande castello Ruffo. L’evidenza della collocazione strategica del sito stesso e del castello salta subito agli
occhi del visitatore. Da aggiungere inoltre che in epoca storica era la valle dell’Amendolèa ed il greto del fiume
a costituire il confine fra Locri e Reggio. Un’attenzione particolare merita Gallicianò unico borgo attualmente
interamente ellenofono anche se la lingua permane qui utilizzata in un ambiente sempre più esclusivamente
domestico. Gallicianò è nota in tutta l’area per l’alta conservatività rispetto alle tradizioni grecaniche non solo in
ambito linguistico ma anche musicale, gastronomico, rituale, etc.
Condofùri (Condochùri) il cui asse principale è oramai orientato soprattutto sulla marina (Condofùri Marina),
mantiene gli uffici amministrativi a Condofùri Superiore. La sua posizione storica, un tempo marginale rispetto
ad Amendolèa ed a Gallicianò, contenuta nel toponimo (probabilmente Condo-Chùri, “vicino al paese”) è stata
ribaltata dalla tendenza generale odierna degli abitanti ad abbandonare le aree interne privilegiando i quartieri
più raggiungibili della marina.
Gallicianò e il ritorno della spiritualità orientale
Da segnalare, sempre a proposito del borgo di Gallicianò, l’apertura al culto nel ’99 della piccola chiesa ortodossa di Panaghìa tis Elladas (Madonna dei Greci). La chiesetta di graziosa struttura contadina, edificata riadattando con grande garbo una casa in pietra nella parte alta del paese, è aperta al culto e rappresenta, insieme al San
Giovanni Theristis di Bivongi la testimonianza, in un rinnovato clima ecumenico, di un ritorno “da pellegrini”
degli ortodossi in siti d’antichissimo culto greco.
Amendolea
43
This reconstruction took place thanks to the sensitivity of the architect Domenico Nucera (Mimmolino the Artist) from Gallicianò. His source of inspiration was Byzantine style religious architecture of which La Cattolica
di Stilo (Reggio Calabria) is the highest and best preserved expression.
The “Cum.el.ca” cultural association of Gallicianò seeks to defend the Graecanic culture of the area in
general.
Roghudi Vecchio - Roghudi Nuovo: one soul, two towns
O Rochùdi ti ìsso apànu Oh Roghudi, aloft atop
sto rumbùli, asce essèna, a rock, I shall
den sònno na addismonìo never forget you
These moving lines by Agostino Siviglia emblematically encompass the history of Roghùdi (Rochùdi o Richùdi). The historic site of this old Greek-speaking burgh can be seen today on top of a huge spur of rock rising
above the inland-most heart of the Amendolèa river. Its inland position, at the heart of the mountain range (and
which, as we might claim today, spelled “lack of services”) convinced the population, following the 1972 floods,
to move to the coast close to Melito. When the road is not blocked by continual landslides, it is well worth while
visiting old Roghudi despite the pitiful state of neglect in which this ancient farming and pastoral village now
finds itself. Its Chorìo “frazione” is still partially inhabited.
The anonymous new seaside town has nothing special to offer except the fact that its inhabitants still speak
Calabrian-Greek.
San Giorgio Extra: the Greek-speakers of Reggio Calabria
The constant migration from inland areas has created a Calabrian-Greek-speaking community in the city of
Reggio Calabria itself. San Giorgio Extra, one of the city’s suburbs, represents a small linguistic enclave of people from Bova, Roghùdi and Gallicianò, mostly.
Roghudi Nuovo
44
La ristrutturazione è dovuta alla sensibile figura dell’architetto Domenico Nucera (Mimmolino l’Artista) di
Gallicianò. La fonte di ispirazione è il mondo architettonico-religioso bizantino di cui La Cattolica di Stilo (RC)
è l’esempio più alto e meglio conservato.
Sul piano generale della difesa della cultura ellenofona attiva a Gallicianò è l’Ass. Cult. “Cum.el.ca”
Roghudi Vecchio - Roghudi Nuovo: un’anima, due paesi
O Rochùdi ti ìsso apànu O Roghudi che sei sopra
sto rumbùli, asce essèna, una roccia, di te
den sònno na addismonìo non mi potrò dimenticare
In questi sentimentali versi di Agostino Siviglia si racchiude l’emblematica storia di Roghùdi (Rochùdi o
Richùdi). Antico borgo ellenofono, il sito storico è ancora oggi posto su un gigantesco dente di roccia al centro
dell’imponente letto dell’Amendolèa. La collocazione molto interna nel cuore dell’area montana e quella che
potremmo sinteticamente definire oggi la “mancanza di servizi” convinsero la popolazione, in seguito agli eventi
alluvionali del 1972, ad accettare il trasferimento dell’abitato sulla costa nell’immediata prossimità di Melito.
Quando il tracciato non è penalizzato dalle continue frane, vale comunque la pena di visitare il sito storico di
Roghudi nonostante il penoso stato d’abbandono in cui versa questo magnifico borgo contadino e pastorale.
Parzialmente abitata è la frazione di Chorìo.
Senza particolari caratteristiche e un po’ anonimo è il paese nuovo posto sulla costa ma rilevante il dato che
molti dei suoi abitanti conservano la parlata greco-calabra.
San Giorgio Extra: gli ellenofoni a Reggio Calabria
La consistente immigrazione dalla aree interne ha creato una comunità greco-calabra anche nella stessa Reggio. San Giorgio Extra, uno dei quartieri dell’immediata periferia cittadina, costituisce una piccola enclave linguistica con presenze soprattutto choriate, roghudesi e gallicianesi.
Roghudi Vecchio
45
The Graecanic Area’s sites
Africo Vecchio: magnificent woods and traces of the past
Following a winding route from the slopes of Monte Lestì to the small town of Casalnuovo, along a white
unpaved road viable mainly (and in the final part exclusively) on foot, after passing through a magnificent woodland, one reaches the abandoned site of Africo Vecchio. Due to a disastrous landslide in 1951, old Africo was
abandoned and rebuilt at fifteen kilometres as the crow flies on the Ionian coast near Bianco.
When it was abanodoned definitively, it had no road for wheeled vehicles and the place was connected only
by means of a simple unpaved pathway. The difficult life conditions of the Africesi were documented by the film
director, Elio Ruffo, in 1949. In the 1920s, Umberto Zanotti Bianco, in true and noble Southern-Italian terms,
sought to defend this unfortunate pastoral village.
Accessible only by foot, to visit it one needs a considerable dose of enterprising spirit because nature has
gradually overrun the village of Africo Vecchio, which remains, nonetheless, an interesting example of an old
rural settlement.
Brancaleone: from the mountains to the sea
Built when the older uphill site was forsaken, this sea town village is known for its economy based
on the cultivation of jasmine and bergamot, the well-known essence-producing citrus fruit peculiar
to the entire Graecanic area. Today, the production of jasmine, despite the enormous social relevance
it assumed up until the 1950s/60s, has practically died out. Characteristic of Brancaleone’s upper
town, definitively abandoned during the 1970s, is its lofty strategic position which occasioned the
building of its mediaeval fortification. Sperlinga, Brancaleone’s ancient Greek name, is probably due
to thr presence to a certain number of natural caves near the village (In Latin Spelunca means Grotto.
In Greek Spileos has the same meaning). In the vicinity we also find the ruins of a Greek monastic
settlement.
Africo Vecchio
46
I siti dell’Area Grecanica: l’area grecanica
Africo Vecchio: magnifici boschi e segni del passato
Seguendo una strada tortuosa che passa dalle pendici del monte Lestì e porta al piccolo centro di Casalnuovo,
proseguendo su un tracciato bianco percorribile soprattutto (e nell’ultima parte esclusivamente) a piedi attraverso
una magnifica zona boscosa si raggiunge il sito abbandonato di Africo Vecchio. A causa di una disastrosa frana
del 1951, Africo vecchio fu abbandonato e ricostruito a circa 15 km in linea d’aria, sulla costa jonica, vicino
Bianco.
Il paese al momento del definitivo abbandono non era ancora raggiunto dalla strada carrabile ed era collegato
da un semplice sentiero. Le difficili condizioni di vita degli africesi furono documentate dal regista calabrese Elio
Ruffo nel 1949. Negli anni ’20 Umberto Zanotti Bianco con sincero e nobile spirito meridionalista ebbe modo di
sostenere la causa dello sfortunato borgo pastorale.
Da visitare a piedi con un po’ di spirito avventuroso perché la natura si è progressivamente rimpadronita dell’abitato, Africo Vecchio rimane un interessante esempio di antico insediamento rurale.
Brancaleone: dalla montagna al mare
Nato dall’abbandono progressivo dell’antico sito più a monte, il paese costiero si è caratterizzato per un’economia basata sulla coltura del gelsomino oltreché del bergamotto, il noto agrume da essenza peculiare di tutta
l’area grecanica. Oggi la coltura del gelsomino nonostante la grande rilevanza sociale assunta sino agli anni
’50/’60 si può considerare scomparsa. Caratteristica dell’antico borgo di Brancaleone superiore, definitivamente
abbandonato nel corso degli anni ’70, è quella di essere posto su un’altura in un sito strategico data anche la sua
peculiarità di insediamento fortificato medioevale. Sperlinga, l’antico nome greco di Brancaleone, è probabilmente dovuto alla presenza di una certa quantità di cavità naturali nei pressi del paese (In latino Spelunca, Grotta.
Anche il greco Spileos ha lo stesso significato). Sempre nelle vicinanze da rilevare la permanenza di resti di un
insediamento monastico greco.
Palizzi
47
Melito Porto Salvo. and Pentedattilo: from urban centre to Byzantine Nativity crib
Melito Porto Salvo has witnessed a rapid demographic increase over the past thirty years due, in particular, to
the abandonment of the inland areas. In the Byzantine era, its relative importance was due to its role as a satellite
burgh and doorway to the more important Pentedattilo.
Melito (in ancient times Melìto) owes its name to the river of the same name, potamòs tu Melìtu. In Arabic
too it was known as wadi al asal, the river of honey, due to the intensive production of honey in the area. The
second part of the place name is due to devotion to Our Lady of Porto Salvo, a seafaring name in an absolutely
rural ritual district.
Within the context of Italy’s national history, Melito is remembered for the Garibaldian landings of 1860 and 1862. The
town has grown dizzily over the past twenty years and does not contain any significant traces of its historical heritage.
The semi-abandoned ethno-architectural jewel of Pentedattilo (from Pentedàktylos, five fingers) is a totally different
case. This small town maintains its charm and is a historic treasure that deserves being known and safeguarded. Nestled within the cornice of the five sandstone pinnacles which give it its name, this tiny burgh of Byzantine origin was
abandoned during the early 1950s having been declared unsafe due to collapse and “rebuilt” quite close (Pentedattilo
Nuovo). The remains of the ancient castle are scarce and the lovely little church of Saints Peter and Paul is in woeful
conditions. The village has been, for some decades now, a source of interest not only to historians and architects but
also to an international charity which is trying to revive it by organising cultural and eco-pacifist cultural events.
Palizzi and Pietrapennata: austere rocks and incomparable wine
Palizzi, which probably takes it name from Politzion, that is, “little city”, is magnificent, with its settlement
that seems to have been carved right into its imposing rock backdrop. The huge rock face hovers above the ancient burgh with its ruined castle towering strategically atop the peak. It is worth noting that the area contains two
sulphur springs. The area is famous for its excellent wine, which Palizzi still manages to produce wine despite
the devastating fires that struck the district.
At 9 km from Palizzi at a higher altitude we find Pietrapennata. The mountain view of the surrounding area is
austerely beautiful. The tiny local church houses a lovely Gagini-school statue of the Madonna dell’Alica, once
belonging to a Byzantine sanctuary the ruins of which are still visible in Pietrapennata.
The town, naturally, has its own seaside equivalent (Palizzi Marina) on the coastal SS 106 state highway.
Roccaforte del Greco: an inimitable panorama
The Greek name for Roccaforte is Vunì (mountain) and the visitor will soon realise that this is in no way
due to chance. Situated very high up, at 971 m above sea level, this small and mainly pastoral village with its
Byzantine and Angevin historical roots, offers a magnificent view of a large part of the Amendolèa Valley as
far as the sea.
Bagaladi and San Lorenzo: the olive oil route
For visitors interested in typical produce, the territory of Bagaladi and San Lorenzo is famous for its first-quality olive oil, celebrated and sought-after all over the region.
In the San Lorenzo area, with its lovely peasant hamlet of San Pantalèo, one finds the Sanctuary of the Madonna della Cappella which houses a Byzantine icon.
Within the Bagaladi area is Sauccio of great interest to hikers with ruins of an old water mill and once a centre
famous for the construction of bagpipes, a craft no longer practiced here.
Staiti: midst Byzantines and macaroni
Not far from the small burgh of Staiti, leaving the coast road and turning left, one finds the abbey of Santa
Maria dei Tridetti, “discovered” by Paolo Orsi in1912. This Byzantine-Norman building goes back to the eleventh century but had fallen into serious disrepair by the end of the 1200s to be abandoned completely in 1500s.
In simple elegant, austere, perfect eastern style, the abbey, recently subjected to rather questionable “restoration”
in “contemporary” style, remains, nonetheless, one of the area’s significant touristic-architectural attractions.
Finally, it is necessary to mention the historic “Macaroni Fete” held in the hamlet at the end of August.
48
Melito P.S. e Pentedattilo: da un centro urbano ad un presepe bizantino
Melito ha conosciuto una veloce crescita demografica negli ultimi trent’anni dovuta in particolar modo all’abbandono delle aree interne. In età bizantina, infatti, la sua importanza era relativa collocata come borgo satellite,
sbocco al mare della più importante Pentedattilo.
Melito (anticamente Melìto) deve il proprio nome alla presenza del fiume omonimo, potamòs tu Melìtu. Anche
in arabo era definito wadi al asal, fiume del miele per l’elevata produzione di miele della zona. La seconda parte
del toponimo riguarda la devozione per la Madonna di Porto Salvo, culto soprattutto marinaro in un circondario
rituale assolutamente rurale.
Nel contesto della storia nazionale, Melito è ricordata per i due sbarchi garibaldini del 1860 e del 1862. La
cittadina è cresciuta vorticosamente negli ultimi vent’anni e non mantiene rilevanti tratti di patrimonio storico.
Assoluto gioiello etno-architettonico è invece il sito semi-abbandonato di Pentedattilo (da Pentedàktylos, cinque
dita). Il piccolo paese mantiene inalterato il suo fascino e costituisce un vero patrimonio storico da conoscere e da
tutelare. Dominato dagli imponenti cinque pinnacoli d’arenaria che impongono il nome al sito, il piccolo borgo
d’origine bizantina fu abbandonato nei primi anni cinquanta poiché dichiarato franante e “ricostruito” poco distante
(Pentedattilo Nuovo). Pochi sono i resti dell’antico castello ed anche in precarie condizioni versa la bella chiesetta
di San Pietro e Paolo. Il paese è, da decenni, al centro dell’attenzione non solo degli storici e degli architetti quando
anche del volontariato internazionale che sta cercando di rivitalizzarlo con iniziative culturali ed eco-pacifiste.
Palizzi e Pietrapennata: rocce austere e vino incomparabile
Probabilmente dal bizantino Politzion ovvero “piccola città”, Palizzi si presenta magnifica con il suo insediamento che pare cesellato nell’imponente roccia. La grande parete sporge sull’antico abitato con in cima il
castello diruto collocato strategicamente. Da segnalare inoltre che sul suo territorio sgorgano due fonti sulfuree.
Notissima in tutta l’area per il vino eccellente, Palizzi riesce a mantenere una produzione qualitativa nonostante
i devastanti incendi che hanno colpito l’area.
A 9 km da Palizzi continuando a salire si giunge a Pietrapennata. Il paesaggio montano che lo circonda è di
austera bellezza. La chiesetta locale conserva la bella statua di scuola gagginesca della Madonna dell’Alica, una
volta parte integrante di un santuario bizantino di cui i ruderi sono ancora presenti nel territorio di Pietrapennata.
Naturalmente il paese ha una sua propaggine marina (Palizzi Marina) posta sulla statale 106.
Roccaforte del Greco: un panorama inimitabile
Il nome greco di Roccaforte è Vunì (montagna) ed il visitatore si renderà subito conto che si tratta di una scelta
non casuale. Posto molto in alto, a 971 m sul livello del mare, questo piccolo paese, ad economia soprattutto
pastorale ma con radici storiche bizantine ed angioine, dispone di una magnifica vista su una larga fetta della
Valle dell’Amendolèa sino al mare.
Bagaladi e San Lorenzo: la via dell’olio
Per i visitatori interessati al prodotto tipico, c’è da segnalare la produzione olearia qualitativa dei territori di
Bagaladi e San Lorenzo. L’olio di questa zona è pregiato e richiesto in tutta l’area.
Nel territorio di San Lorenzo, insieme al grazioso piccolo borgo contadino di San Pantalèo c’è da segnalare il
Santuario della Madonna della Cappella che custodisce un’interessante icona bizantina.
Nel territorio di Bagaladi è interessante per i camminatori l’area di Sauccio con i ruderi del vecchio mulino ad
acqua ed il centro di costruzione di zampogne oramai non più attivo.
Staiti: fra bizantini e maccheroni
Nel territorio del piccolo borgo medioevale di Staiti, svoltando a sinistra sulla strada che dalla statale costiera porta
verso l’interno sorge l’abbazia di Santa Maria dei Tridetti. “Scoperta” da Paolo Orsi nel 1912. La struttura di epoca
bizantino-normanna risale all’XI secolo ma pare che già alla fine del ’200 fosse in grave decadenza e nel ’ 500 completamente abbandonata. Di graziosa semplicità ed austerità, in perfetto stile orientale, l’abbazia ha recentemente subito
dei discutibili “restauri” in stile “contemporaneo” ma rimane una tappa culturale e turistico-architettonica di tutto rilievo nell’area. Da segnalare infine l’oramai storica “Sagra del Maccherone” che si svolge in agosto nel borgo.
49
50
Una cucina di pastori e contadini
The food of shepherds and farmers
Ettore Castagna
Gàla, Crasì, Alàdi ce Sitàri.
Latte, Vino, Olio e Grano.
Milk, Wine, Oil and Wheat.
The traditional cuisine of the Graecanic Aspromonte
area is frugal; it is the food of mountain-dwellers and
yet it is tasty and full of flavoursome surprises. Some
of the ingredients used up until the 1960s are not
always readily available today. Bread, for example,
besides wheat, was often made from rye, acorn,
chestnut and other “minor” flours. To make pasta,
barley, rye, maize and so on were sometimes added to
wheaten flour. The main meat dishes contained, above
all, goat (and mutton) as well as pork.
Pig raising and the total exploitation of the animal
were, by tradition, of the utmost importance and
continue today as a very strong rural custom. While
dried ham was not produced here (as in other Calabrian
mountain districts like the Sila and Pollino), the area’s
charcuterie included, and still does, all possible byproducts of pork like sausage, “soppressata” salami, the
dry-cured shoulder muscle called “capocollo”, pickled
meat, blood sausage. Even today, the immolation of
this valuable animal is celebrated by a simple domestic
banquet called the “frittolata”. On this occasion, the
offal (brains, liver, lungs etc.) is eaten by the family and
their friends immediately after the animal is slaughtered
while the “scraps” are boiled up in a traditional cauldron
over a low fire to obtain rinds and greaves.
Pecorino is the king of traditional cheeses here and
is made of a mixture of goat’s and ewe’s milk. Also
worthy of mention are the delicious ricottas of the
area, particularly those made between the Epiphany
and Easter. At Easter, up until quite recently, people
used to make a gift of tuma, a fresh, unsalted cheese,
presented in traditional, custom-made, hand-engraved,
mulberry-wood moulds, called musulupare.
La cucina tradizionale dell’Aspromonte greco è
spartana, “di montagna” ma non per questo priva di
sapore e di gustose sorprese. Sino agli anni ‘60 prevalevano alcuni elementi base oggi non sempre reperibili. Per il pane ad es. accanto alla farina di grano era in
uso quella di segale, di ghianda o di castagna e varie
altre farine “minori”. Per le paste, il grano talvolta si
mescolava all’orzo, alla segale, al granoturco e così
via. Fra le carni, un elemento cardine era senz’altro la
capra (e la pecora) nonché il maiale.
L’allevamento e la trasformazione del maiale nel
mondo tradizionale avevano un’importanza centrale
che si mantiene tuttora molto forte nella diffusa consuetudine dell’allevamento domestico. Assente il prosciutto (comune in altre aree montane calabresi come
la Sila ed il Pollino) la salumeria locale contemplava,
e contempla, tutti i possibili derivati: salsicce e soppressate, capicolli, carne in salamoia, sanguinaccio.
Ancora oggi, il sacrificio dell’utile animale si accompagna con una festa familiare, la frittolata. Si consumano così, subito dopo la macellazione, le parti deteriorabili (cervella, fegato, polmoni, etc.) e si cuociono
a fuoco lento tutte le rimanenze nella tradizionale caldaia per ricavarne cotiche e ciccioli.
Formaggio principe della tradizione locale è il pecorino in genere di latte misto ovino e caprino. Naturalmente non mancano le eccellenti ricotte dell’area
da cercare in particolare nel periodo che va da dopo
l’Epifania sino a Pasqua. A proposito di Pasqua, resisteva sino a tempi molto recenti la consuetudine di
regalare la tuma, il formaggio fresco non salato, appositamente modellato con delle formelle tradizionali di
legno di gelso intagliato, le musulupare.
51
Below, we provide a schematic description of some dishes typical of the ancient Graecanic cooking tradition.
Lestopitta and pitta ‘rrustuta
In the Graecanic area, besides standard bread, we find a number belonging to the Mediterranean focaccia
and pitta families, bearing witness to the close links existing between the cuisine of Graecanic Calabria and
Greece.
First of all, we have lestopitta (lit. “quick pitta”), a flat, thin, unleavened disc of flour and water which is fried
Pitta ‘rrustuta (lit “roasted”) is more like bread and pizza. The dough, once kneaded and leavened, is rolled
into the usual disc although not so thin as the lestopitta. It is then baked on a stone brought to white heat in a
log fire.
Both lestopitta and pitta ‘rrustuta are two “fast” alternatives to ordinary bread.
Cordelle (Twines)
Known throughout the area, the cordella is a kind of pasta less common than macaroni. Hard
to make, it is increasingly rare to come across due to the scarcity of its basic ingredient, rye meal
(jermanu).
The dark rye flour is blended with eggs and milk, kneaded and rolled into one long, narrow, twisted
strip, without a hollow. This helicoidal “twine” is hung up to dry and then cooked in plenty of salted
water. Cordelle are often seasoned in a very simple fashion with olive oil, cheese, black and/or red
pepper.
Maccaruni
Maccaruni are a local variant of the “maccherone al ferretto” a kind of handmade pasta well known throughout
Calabria. Traditionally, having mixed the flour and water, every single string of pasta is hand rolled around a stalk
(cànnici), instead of the more usual metal stick or knitting needle (ferretto), used to create the central hollow.
Pitta ‘rrustuta
52
Qui di seguito vi segnaliamo schematicamente alcuni dei piatti tipici della cucina arcaica grecanica.
Lestopitta e pitta ‘rrustuta
Accanto al pane nell’area grecanica compaiono altre forme minori che rientrano nella grande famiglia delle
focacce mediterranee e che avvicinano la Grecìa gastronomica di Calabria alla Grecia.
In primis la lestopitta. Da acqua e farina impastate ma non lievitate si ricava un disco piatto e sottile. Questa
pittedda sarà successivamente fritta.
La pitta ‘rrustuta si avvicina maggiormente al pane ed alla pizza. L’impasto, una volta lievitato, è modellato
nella classica forma a disco ma non così sottile come avviene per la lestopitta. Dopo di che viene messo a cuocere
su una pietra resa incandescente dal fuoco a legna acceso sotto.
Sia le lestopitta che la pitta ‘rrustuta costituiscono forme alternative “rapide” del pane.
Cordelle
Conosciute in tutta l’area, le cordelle sono un tipo di pasta più rara dei Maccheroni. Una certa difficoltà
realizzativa e la sempre maggior rarità della farina di segale (jermanu) suo elemento base le rende un incontro gastronomico non facile.
La scura farina di segale si impasta con uovo e latte e si ricava un unico maccherone sfilato a mano senza
buco centrale. La lunga cordicella di pasta si arrotola nella caratteristica forma elicoidale e si lascia asciugare.
A cottura ultimata in abbondante acqua le cordelle si condiscono spesso in modo molto semplice: olio, formaggio e pepe nero e/o rosso.
Maccarruni
I maccarruni sono la variante locale della pasta casereccia diffusa in tutta la Calabria, conosciuta come “maccherone al ferretto”. Secondo il procedimento più all’antica, dall’impasto di acqua e farina si sfilano a mano i
maccheroni, uno per uno, utilizzando uno stelo (cànnici) in luogo del ferretto per ricavare il foro centrale di cottuMaccaruni
53
54
Once cooked, they are rigorously served with a goats
meat sauce, with or without tomatoes.
ra. Una volta cotta, la pasta si condisce rigorosamente
con il sugo bianco o rosso della capra in umido.
Ricchi ‘e previti (Priest’s ears)
These are tiny dumplings, made of durum wheat.
Once kneaded, the dough is cut into small chunks
which are then rolled into small balls and “scored”
using a special grooved board or a fork. Typical of
Roghudi, but quite well known throughout GreekCalabria, are dumplings made of barley meal and
potatoes.
Ricchi ‘e previti
Si tratta di minuscoli gnocchetti di farina di grano
duro. Una volta impastato e sfilato, ogni gnocco viene
“rigato” all’esterno utilizzando una tavoletta con intagliate alcune apposite scanalature. Alternativamente
si può utilizzare anche una forchetta. Tipici di Roghudi, ma conosciuti anche nel resto dell’area, sono gli
gnocchi di farina d’orzo e patate.
Tagghiulini
The most delicious version of this dish is
probably that served with chickpeas in Bova. The
pasta, made from flour and water, is rolled out until
sufficiently thin. It is then fashioned into finely cut
tagghiulini4 and served with a tasty white chickpea
soup.
Tagghiulini
La loro versione più accattivante è probabilmente
in bianco con i ceci come si fa a Bova. La pasta di
acqua e farina viene spianata e tirata con il matterello
sino a quando giunge allo spessore desiderato. Dopo
viene arrotolata e tagliata sottilmente ricavando un tagliolino piuttosto esile che ben si armonizza con la gustosa minestra bianca di ceci con cui si accompagna.
Curcudìa
Contrary to cliché which “confines” polenta to
northern Italy, this dish was common by tradition
to the entire Greek-Aspromonte area. Curcudìa is
polenta seasoned with curcuci, a local greave.
Curcudìa
Contrariamente ai luoghi comuni che “confinano”
la polenta solo al nord Italia, questo piatto era molto
diffuso sull’Aspromonte greco. In particolare la curcudìa è una polenta frammista ai curcuci, la versione
locale dei ciccioli di maiale
“Chopped” meats
In an almost exclusively pastoral economy the
meat of sheep and goats always played a primary
role. The meat of goats, wilder and leaner than
that of sheep, is the unchallenged “king” of the
area’s traditional cuisine. It is often stewed with
onions and bay leaves alone. Different cooking
modes, that have practically died out today,
existed in olden times. Particularly archaic was
the underground baking method. On a bed of sand
and ferns, in a hole in the ground, the chopped
meat, wrapped in the animal’s entrails and
seasoned with salt and spices, was laid down. It
was then covered with a second layer of sand and
ferns above which a fire was lit and allowed to
burn for ten to twelve hours.
Lamb or kid was cooked in a manner still
commonly used in the Balkans and known as “pot
roasting”. The meat, in a closed earthenware pot, is
sat on top of a layer of burning embers with a second
layer on the lid, and left to braise slowly in a kind of
open-air oven.
Le carni “minute”
In un’economia nella quale la pastorizia aveva un
ruolo di primo piano le carni ovine e caprine avevano
un ruolo alimentare altrettanto importante. In particolare la capra, più selvatica e meno grassa della pecora, è l’indiscussa carne per eccellenza della cucina
arcaica aspromontana. La principale forma di cottura è quella in umido con esclusivamente la cipolla e
l’alloro. Erano anche diffuse alcune forme di cottura
oggi quasi scomparse. Particolarmente arcaica la capra (o la pecora) sottoterra. In una fossa si predispone
un fondo di sabbia e felci. Su di esso si dispone la carne fatta a pezzi, condita con sale ed aromi e richiusa
nelle interiora. Si copre sempre con sabbia e felci e
sopra si accende un fuoco per circa dieci, dodici ore.
All’agnello o al capretto si riservava invece un tipo
di cottura conosciuta ancora oggi in tutti i Balcani. Il
procedimento si definisce “carne in tortiera”. Su un
letto di braci si dispone una pentola di coccio con dentro le carni predisposte per la cottura. Sul coperchio
sovrapposto si stende un ulteriore strato di braci e si
lascia cuocere in una sorta di forno a cielo aperto.
Cottura della capra - cooking goat
55
Salumi tradizionali - traditional sausages
Ngute/Aggute
Ngute are biscuits belong to the traditional confectionary of the Graecanic area, and associated, in particular,
with the rites of Easter. Particular in form, they are a local variation on the traditional egg biscuit. The pastry is
wrought into a number of traditional shapes (where the Byzantine cross predominates) decorated with eggs, and
which, for ritual-magical reasons, must be odd in number.
What to read on Greek-Calabrian cuisine
We wish to draw your attention to the following fundamental essay:
- Salvino Nucera, “Usi alimentari dei calabrogreci”, in the book Sapori Antichi della Calabria Greca,
published by Giuseppe Pontati editore, Reggio Calabria, 1996.
Maccaruni
56
Ngute/aggute
Ngute/Aggute
Fra i dolci tradizionali dell’area grecanica segnaliamo le ngute legate alla ritualità pasquale. Particolari anche
nella forma le ngute costituiscono la variante locale del morbido biscotto rituale all’uovo diffuso in Calabria in
occasione della Pasqua. Nell’impasto che viene lavorato modellandolo secondo alcune forme tradizionali (fra i
temi più ricorrenti compare la croce bizantina) vengono disposte da una a più uova in genere, per motivi magicorituali, sempre in numero dispari.
Leggere sulla cucina grecanica
Fra gli altri segnaliamo il fondamentale saggio:
- Salvino Nucera, “Usi alimentari dei calabrogreci” nel volume Sapori Antichi della Calabria Greca, Giuseppe
Pontari Editore, Reggio Calabria, 1996
Ngute/aggute
57
58
Musica e strumenti dell’Aspromonte greco
The music and instruments of Greek Aspromonte
Ettore Castagna
The most welcome respite for rich and poor alike is to
gather to listen to the beautiful tragude or songs, accompanied by the bagpipe and the tambourine, in impromptu
serenades performed beneath the casement of a muchloved woman, or in the evening, especially on Holy Days.
Cesare Lombroso, In Calabria,
(Giannotta Editore, Catania, 1898)
Il maggior sollazzo dei ricchi e dei poveri è quello di raccogliersi ad udire le belle tragude o canzoni, accompagnate dalla zampogna e dal tamburello
che spesso improvvisano sotto le finestre delle donne
amate, o radunandosi di sera specie di festa.
Cesare Lombroso, In Calabria,
(Giannotta Editore, Catania, 1898)
Traditional music and singing were once the only
form of entertainment known to the Aspromonte
Greeks before the advent of the “television era”. During the 1950s and ‘60s, due to natural disasters, emigration and depopulation, traditional music, as a form
of socialization in the Greek-speaking inland areas,
died out little by little.
Music and its traditional instruments once accompanied every phase of the life cycle and seasons, that
is, weddings, christenings (songs and sonate a ballu),
funerals (keening) as well as Holy Day celebrations:
the patron saint’s feast day, Christmas, New Year’s
Eve, Easter and Carnival.
Private parties also provided occasions to enjoy
music and song, and dancing in particular, as forms
of entertainment and socialization (see the following
section on Greek-Calabrian dance).
In Greek-speaking Aspromonte, during the past
few decades, the number of traditional musicians and
singers has dwindled considerably. The end of the
twentieth century, with the demise of the older generation of musicians has seen the local tradition give
way, for better or worse, to more or less innovative
forms due to the pressures of ecotourism, festivals,
emigration and new cultural models which have im-
La musica e il canto tradizionale sono state in “era
pretelevisiva” il divertimento pressoché esclusivo
in tutto l’Aspromonte Greco. Con gli anni ‘50 e ‘60
fra calamità naturali, emigrazione e spopolamento
dei paesi interni ellenofoni a mano a mano la musica
tradizionale come forma sociale è andata progressivamente scomparendo.
La musica ed i suoi strumenti accompagnavano tutte le fasi del ciclo della vita e dell’anno: matrimoni,
battesimi (canzoni e sonate a ballu), funerali (lamento
funebre) nonché le feste comandate: il Santo patrono,
Natale, Capodanno, Pasqua, Carnevale.
Tutte le feste private erano inoltre occasioni di
suono e di canto costituendo una continua occasione
di socializzazione e di divertimento (si veda la voce
successiva sulla danza) legata soprattutto ai momenti
di ballo.
Il tessuto di musicisti e cantori tradizionali dell’Aspromonte ellenofono si è progressivamente disgregato negli ultimi decenni. La scomparsa della vecchia
generazione dei musicisti ha lasciato il terreno già a
partire dagli ultimi scampoli del XX secolo a forme,
nel bene e nel male, innovative a seguito della pressione di ecoturismo, festival, emigrazione e di nuovi
modelli culturali relativi allo stesso modo di concepi59
pacted on the very conception of music, dance and instruments. At the present state of the art, the importance,
presence and repertoire of the bagpipes has diminished considerably due to a lack of generational renewal, while
the button accordion flourishes.
Deferring an in-depth analysis of both the area’s historic musical culture and its present state of development,
shall simply present some of the instruments belonging to Greek-Calabrian peasant, pastoral musical tradition.
Cerameddi, Bagpipe
The unrivalled queen of the Aspromonte district’s musical realm is the bagpipe. This instrument which accompanies traditional singing (traguda in Greek) comes in two forms in the Graecanic area:
Cerameddi a paru - the a paru bagpipe
The main characteristic of this instrument is that its two chanters are of equal length, which explains why it is
called a paru (equal). It has three drones (bass, middle-range and high) all tuned in the dominant key. The area
where this instrument can be found is vast indeed and ranges from eastern Sicily to whole of southern Calabria.
The version used in the Graecanic area is small in size and tuned somewhere between A and G.
Cerameddi a moderna - the a moderna (modern) bagpipe
This bagpipe is traditionally known as “a moderna” probably because it came into being between
the nineteenth and twentieth centuries. Its salient feature is the different lengths of its two chanters;
the left one is almost double the other. This is due, most probably, to the influence of the majestic
“keyed” bagpipe typical of the northern Reggio and the Catanzaro districts. The drones are tuned like
those of the keyed bagpipe (bass in the tonic, middle-range and high in the dominant). Here too the
tuning hovers somewhere between G and A. Like the a paru, this bagpipe is usually accompanied by
the tambourine.
The smaller-sized instruments have disappeared from the Cardeto district and have been replaced by larger
ones in a lower key (for example the a paru bagpipe in F)
Paolo Nucera, ciarameddi a moderna, (Bova)
60
re musica, danza e strumenti. Allo stato attuale l’importanza e la presenza della zampogna e del suo repertorio è
molto diminuita per scarso ricambio generazionale mentre l’organetto ha una diffusione capillare.
Rimandando ad altra sede sia l’analisi sulla cultura musicale storica dell’area sia in merito agli sviluppi che
essa ha assunto nel presente possiamo qui di seguito segnalare alcuni degli strumenti della tradizione contadina
e pastorale ellenofona
Cerameddi, Zampogna
Regina incontrastata della musica aspromontana è la zampogna. Della zampogna, strumento principe dell’accompagnamento della canzone tradizionale (in greco traguda) nell’area grecanica sono presenti due tipi:
Cerameddi a paru - Zampogna a paru
Caratteristica principale di questo strumento è quello di avere le due canne di canto di eguale lunghezza, da
qui la definizione a paru. I bordoni sono tre (basso, medio e acuto) tutti accordati in dominante. L’area della
zampogna a paru è estesisissima e va dalla Sicilia Orientale a tutta la Calabria Meridionale. La pezzatura in uso
nell’area grecanica era di piccole dimensioni con tonalità oscillanti fra il la ed il sol.
Cerameddi a moderna - Zampogna a moderna
Questa zampogna è definita tradizionalmente “a moderna” perché nata probabilmente a cavallo fra XIX e
XX secolo. Caratteristica principale è quella di avere le due canne di canto differenziate come lunghezza con il
chanter sx quasi il doppio rispetto al chanter dx. Tale peculiarità nasce con ogni probabilità dall’influenza della
maestosa zampogna “a chiave” tipica della parte settentrionale della provincia di Reggio e del Catanzarese. I
bordoni sono accordati come nella zampogna a chiave (basso in tonica, medio e acuto in dominante). Anche
qui le tonalità base oscillano fra sol e la. La zampogna a moderna (come quella a paru) suona preferibilmente
accompagnata dal tamburello.
Le piccole pezzature scompaiono nella sub-area di Cardeto per essere sostituite da strumenti di dimensioni
maggiori e tonalità più grave (ad es. il Fa nella zampogna a paru).
Suonatori di Gallicianò - Gallicianò traditional players
61
Sulàvria - Double-flute (in the Latin-based dialect Fischiotti, literally “whistles”)
During the period between the two world wars the double-flute was used as an instrument preparatory to learning the bagpipes as well as being an instrument with characteristics and a repertoire all its own. Easy to carry, this
instrument was a favourite with shepherds. At present in a critical state, people still remember how to construct
it though it is longer used as an introduction to the bagpipe.
Two different types of double-flute are typical of the area: the sicilian and the a paru, each tuned in a different
key and playing a different scale. They are made entirely from cane, a material that requires precise aging procedures and skilled craftsmanship.
Frauta - the seasonal bark flute
An “ephemeral ” instrument lasting little longer than one day, the bark flute (frauta) is made by “devitalising”
a young chestnut sapling in springtime to obtain a tube.
At one end of this tube a whistle is fashioned and the remaining wood used to create a block which channels
the air towards the hole at the base of the whistle. The sound is modulated by changing breath pressure as well as
by using a finger to vary the size of the hole.
Arganettu - the button accordion
The button accordion, a relatively recent arrival to this area (and to the rest of Calabria too), was introduced
between the two world wars. Exclusively in the two-bass version, this instrument, easy to maintain and requiring
no tuning, spread throughout the Graecanic area and began to replace the bagpipes almost completely to accompany singing and perform the tunes required on every other musical occasion.
Tambureddu - Tambourine
The principal percussion instrument of the Greek-Calabrian Aspromonte area, it belongs to the “frame drum”
Ettore Castagna, durante delle registrazioni sul campo / during a field recordings (Sauccio di Bagaladi - 1981)
62
Sulàvria - Doppio Flauto (in dialetto romanzo anche detti Fischiotti)
Sino al periodo fra le due guerre il doppio flauto si utilizzava ancora sia come strumento didattico propedeutico alla
zampogna sia come strumento con un proprio autonomo repertorio ed una sua specificità. Per la facile trasportabilità è
da sempre simbolicamente legato alla vita pastorale. Attualmente in forte crisi, permane la memoria costruttiva dello
strumento ma non più la quantità di suonatori che un tempo lo utilizzava anche come propedeutico alle zampogne.
Sono caratteristici dell’area due tipi di sulavria o fischiotti: a paru ed alla siciliana. Entrambi differenziati fra loro per
scale ed intonazione sono realizzati interamente in canna con precise caratteristiche di stagionatura e di lavorazione
Frauta - Flauto stagionale di corteccia
Strumento molto precario e di brevissima durata (in genere un giorno), il flauto di corteccia (frauta) viene
realizzato “svitando” la scorza di un pollone giovane di castagno in primavera.
Ad una estremità del tubo sonoro si ricaverà successivamente un fischio e con il legno residuo si produrrà un
tappo atto a canalizzare l’aria verso il taglio medesimo. Il suono viene modulato sia cambiando la pressione del
fiato insufflato sia orientando in diverse posizioni un dito che viene posto sull’unico foro terminale.
Arganettu - Organetto
L’organetto arriva molto recentemente nell’area (come in tutta la Calabria) in un periodo databile fra le due
guerre. Esclusivamente nella versione “due bassi” per tutto l’Aspromonte greco, lo strumento, più facile nella
manutenzione e senza problemi di accordatura, ha finito per sostituire quasi completamente la zampogna nel
repertorio sia della festa sia di accompagnamento al canto che in qualsiasi altre occasione musicale.
Tambureddu - Tamburello
Principale percussione in uso nell’Area Grecanica, questo strumento che appartiene alla famiglia dei tamburi
“a cornice” secondo la procedura più all’antica viene costruito utilizzando il cerchio di un setaccio per farina
Musica tradizionale a un matrimonio - traditional music played during a wedding (Gallicianò)
63
Cerameddi a moderna
Cerameddi a paru
Frauta
64
Sulàvria a paru e alla siciliana
family. In olden times it was made by stretching a previously cured and shaved goat’s skin over the frame
of a flour sieve, securing it and inserting pairs of small
metal discs into a number of slits around the rim.
Who constructs the instruments typical of the
Calabrian Graecanic tradition
Here we shall simply mention those who construct the
ancient instruments typical of the Calabrian Graecanic
area alone. We shall exclude all the instruments, whether
acoustic or electric, introduced more recently from elsewhere, from the guitar to the lyre (historically belonging
to the farming and pastoral world of the Locri and Monte Poro areas) to the piano accordion. Foremost and best
qualified of the instrument-makers who reintroduced
the instruments of the Calabrian Graecanic tradition, are
Sergio Di Giorgio from Reggio Calabria, Demetrio Vazzana, from Prunella di Melito, and Bruno Marzano from
Bovalino. These craftsmen distinguished themselves by
carrying out a painstaking census and documentation of
the production centres and oldest models of the traditional instruments existing here between the nineteenth
and twentieth centuries. As far back as the 1970s, Sergio
Di Giorgio pioneered a veritable rediscovery of the bagpipe and its construction methods.
nel quale si ricavano le finestre dove apporre i sonagli
di metallo. Sul cerchio, infine, si incolla una pelle di
capra che sarà stata appositamente ripulita dal pelo.
Chi costruisce gli strumenti della musica tradizionale grecanica
Ci limitiamo qui a segnalare i costruttori di strumenti
storici dell’Area Grecanica. Sono esclusi altri strumenti
di recente introduzione sia acustici che elettrici: dalla
chitarra alla lira (storicamente appartenente al mondo
contadino e pastorale della Locride e del Monte Poro)
alla stessa fisarmonica. Fra i primi e fra i migliori liutai
che hanno riproposto in questi ultimi anni gli strumenti
della Calabria Greca, possiamo citare Sergio Di Giorgio di Reggio Calabria, Demetrio Vazzana di Prunella
di Melito e Bruno Marzano di Bovalino. Tutti questi
artigiani si distinguono per aver svolto un pazientissimo lavoro di censimento e documentazione dei centri
di costruzione e più antichi modelli di strumenti musicali tradizionali prodotti nell’area fra XIX e XX secolo.
Una autentica funzione di apripista nella riscoperta della zampogna e delle sue modalità costruttive (anche) in
Area Grecanica è stata svolta da Sergio Di Giorgio già
dalla fine degli anni ’70.
65
66
Danza e socialità nell’Aspromonte greco
Dance and sociality in Greek Aspromonte
Ettore Castagna
We are aware that feasting and traditional dancing
were two of the most deeply-rooted characteristics of
the Greek-Calabrian folk world, at least until the Second World War. In the whole of Graecanic Aspromonte, including the area around Cardeto (Greek-speaking until the beginning of the twentieth century),
dancing was a skill appreciated even in the context of
the “marriage market”. People would walk miles to go
dancing on public holidays, and the everyday pace of
life might even be interrupted to favour a continuous
flow of song and dance. In traditional societies dancing, during both private (in people’s homes) and public celebrations (feast days, marriages, christenings,
carnival etc.) often provided the only chance young
people had of observing each other, albeit under the
strict surveillance of the head of the household, and
even hope to enjoy a fleeting dance together. Dancing permitted them to decipher, thanks to a complex
symbolic code of courtship, possible signs of sentimental consensus in the eyes or hands of a boy or girl.
Documentary evidence from these areas shows that a
good dancer stood a better chance of finding a spouse
because dancing permitted men to parade their agility,
skill and pride, women to appear graceful, elegant and
sensual. “Showing off,” through skilful performance
of a tarantella, could make it easier to become speedily engaged. Up until the 1960s and 1970s, a gifted
dancer was always a welcome new addition to any
family.
Before the definitive disintegration of the GreekCalabrian anthropological cosmos, which occurred
in relatively recent times, dancing was a social event
of considerable relevance, a form of communication
Certamente sappiamo che la festa e la danza tradizionale erano due elementi indissolubili nel mondo popolare greco-calabro almeno sino alla seconda guerra
mondiale. In tutto l’Aspromonte greco comprendendo
anche l’area di Cardeto (ellenofona sino al primo novecento) ballare era una condizione decisiva addirittura per potersi sposare. Si facevano chilometri a piedi
per ballare nei giorni di festa comandata e la comune
vita del paese era sospesa per consentire suono e ballo
ininterrotto. Nella società tradizionale le occasioni di
ballo, sia domestico (feste in casa più o meno occasionali) che pubblico (festa del santo, matrimoni, battesimi, carnevale, etc.) erano gli unici momenti in cui i
giovani potevano, per lo meno, guardarsi seppure sotto
il controllo ferreo del capo famiglia e magari aspirare
a fare un breve giro di danza assieme. La stessa danza
avrebbe portato con sé l’occasione di leggere, attraverso tutto il codice simbolico coreutico del corteggiamento, la possibilità di un assenso sentimentale negli
occhi o nelle mani di un ragazzo o di una ragazza. Varie testimonianze raccolte nelle aree citate confermano
che un bravo ballerino trovava più facilmente moglie.
Danzare era un’occasione per mettere in mostra destrezza, abilità e fierezza negli uomini, garbo, portamento e femminilità per le donne. “Mettersi in mostra”
con un bel giro di tarantella, in sostanza, avrebbe facilitato ed accelerato il fidanzamento. Un bravo ballerino in famiglia era cosa molto gradita. Tutto ciò ancora
sino agli anni ‘60/’70 del ‘900.
Ma danzare, prima della disintegrazione definitiva del cosmo antropologico ellenofono dell’Aspromonte, avvenuta in tempi relativamente recenti, era
comunque un fatto sociale di grande rilevanza, una
67
particularly capable of expressing a highly complex and varied series of needs, messages and moods. Traditional
dancing was sacred when performed during a religious celebration where it could invoke a blessing, seal a vow,
express devotion, while it was profoundly profane on secular occasions such as carnival, with its hedonistic and
pagan nuances (that of Bova was one of the most famous, though it stopped being held in the 1960s), remain
decidedly secular during family celebrations and an indispensable facet of nuptial and christening revels. People
walked miles, even at night when it was dark, to reach another contrada (district) in order to dance at a friend’s
get-together. Similarly, people were willing to walk for as many as seven hours simply to reach Reggio and dance
a “round” of tarantella on the Feast Day of the Virgin of the Consolation or Polsi to dance outside the sanctuary.
A Greek-Calabrian tale, “The Three Brothers”(*), documented by Luigi Bruzzana in the Bova area and published in “La Calabria” on 15th December 1889, confirms the substantial symbolic social value not simply of
dancing but of dancing well.
After their father’s death, three brothers decide to enlist in the army and seek their fortunes. While on
night duty, they each encounter a giant who challenges them to a duel. The bargain is losing their lives in
combat or being rewarded with an enchanted gift should they defeat the gigantic creature. All three brothers succeed in the enterprise and the wounded giant acknowledges their valour by making them a gift of
three magic objects: a purse that is never empty, a cape which renders the wearer invisible and a pair of
boots that permit one to run fast and dance well. When their military service comes to an end, the three
brothers begin leading a comfortable life until the youngest decides to leave, taking with him the purse
and the boots. A wicked princess, unequivocal symbol of a greedy and un-fable-like aristocracy, seizes
the two magic gifts, threatening to imprison the young hero. In the end, the giant’s first two gifts will be
68
forma comunicativa adatta ad esprimere i bisogni, i messaggi e gli stati d’animo più complessi e differenti. La
stessa danza tradizionale era sacra nelle occasioni di festa religiosa per chiedere grazia, per mantenere un voto o
per semplice devozione, profana per celebrare il Carnevale con le sue colorazioni pagane ed edonistiche (famoso
era quello di Bova, scomparso con gli anni ‘60), assolutamente laica nelle feste domestiche, immancabilmente
rituale per matrimoni e battesimi. Si percorrevano chilometri a piedi da una contrada all’altra anche la sera ed al
buio per andare a trovare un amico che “offriva da ballare” in una piccola festa familiare. Con la stessa passione
si sarebbero affrontate le sette ore a piedi per andare sino a Reggio per farsi un giro nella rota alla festa della
Madonna della Consolazione o altrettante per raggiungere Polsi e ballare fuori il santuario.
Una fiaba ellenofona “I tre fratelli”(*), raccolta probabilmente nella bovesìa e pubblicata da Luigi Bruzzano
sul numero del 15 dicembre 1889 de “La Calabria” conferma il grande valore simbolico socialmente attribuito
non solo al ballo quanto al danzare bene.
Tre fratelli dopo la morte del padre decidono di andare soldati per trovare fortuna. Uno dopo l’altro, durante
le notti di guardia, si imbatteranno in un gigante che li sfiderà a duello. Naturalmente l’alternativa è fra la morte
del soldatino o un dono magico da ricevere contrastando il gigante. Tutti e tre i fratelli riusciranno nell’impresa.
Sempre il gigante ferito ammetterà il valore del contendente consegnandogli alcuni premi fatati. Anche i doni
sono tre: una borsa inesauribilmente piena di monete, un mantello che rende invisibili ed un paio di stivaletti che
fanno correre veloce e ballare bene. Reduci dal militare i tre fratelli inizieranno a condurre una vita agiata sino
a quando il più piccolo non decide di partire portando con sé prima la borsa dei denari e poi gli stivaletti. Una
principessa cattiva, simbolo inequivocabile di una nobiltà avida e ben poco “fiabesca”, si impossesserà di questi
due doni magici con la forza, minacciando di imprigionare il piccolo eroe. Alla fine i primi due doni del gigante
69
recovered thanks to the hero’s perspicacity and the magic cape, which makes him invisible, while the evil
princess will, naturally, be punished. This tale proves the significant cultural and social status ascribed
to good dancing. In fact, when the evil princess sees how well the young hero dances, first she asks him
to give her lessons for a fortnight, but when she realizes that his virtue lies in his magic accessories, she
seizes the source, the boots.
(...) Ejai isa isa eci cindo palazzo azze abballo, embichi foreggonda. Horonda i principissa tupe:
- Posene ce foregghi otu?
- Eho tundo zugguari stuvaletti ce foregguo po dhelo ce canno qualunque abballo.
- Ce maddhenni emmena ja decapende mere, na ivro a mafdhenno ciola ego na foreszo po foregghi esu?
Otu embichissa foreggonda oli ci dio, ma i principissa en eforegghe pos eforegghe ecino.
Otu tu arripundezze:
- Dommu mia stuvaletta emmena, an ivro assoso foreszi po foregghi esu.
Otu ecino tistinediche. Eforegghe, ma en eforegghe cala.. Tupe i principissa:
- Ma eforegga cala. Dommu tinaddhi stuvaletta, na ivro afforezzo cala
Otu tinegguale ce tistin ediche. Dopu ti tes evale sta podìa, ecame prova ce foregghe cala. san ivre ti foregghi
cala, ecrasze all’armi (...)
(...) He hurried into the palace where they were feasting and entered the hall dancing. The princess asked him:
- “ How it is you dance like this?”
- “I have this pair of boots and can dance the way I like”.
- “Teach me for a fortnight and see if I can learn to dance as well as you”.
Both of them started dancing, even if the princess was not able to dance like the hero. Then she said to him:
- “Give me one of your boots to see if I can dance like you”.
So he did. Now the princess could dance but not very well. Then she said:
- “I can’t dance well. Give me the other one to see if I can dance better”.
He took off it off and gave it to her. After putting it on, the princess tried with both and found that she could
dance well. When she saw this, she called for the guards (...)
70
saranno poi riconquistati con furbizia e con l’utilizzo del mantello che rende invisibili nonché la principessa
cattiva immancabilmente punita. La fiaba ci conferma il grande valore culturale e sociale attribuito, potremmo
dire, allo “status” del buon danzatore. Difatti la principessa cattiva vedendo ballare bene il piccolo eroe prima gli
chiede lezioni di danza per ben quindici giorni ma dopo, capendo che la virtù è negli accessori fatati, si impossessa con la forza degli stivaletti.
(...) Ejai isa isa eci cindo palazzo azze abballo, embichi foreggonda. Horonda i principissa tupe:
- Posene ce foregghi otu?
- Eho tundo zugguari stuvaletti ce foregguo po dhelo ce canno qualunque abballo.
- Ce maddhenni emmena ja decapende mere, na ivro a mafdhenno ciola ego na foreszo po foregghi esu?
Otu embichissa foreggonda oli ci dio, ma i principissa en eforegghe pos eforegghe ecino.
Otu tu arripundezze:
- Dommu mia stuvaletta emmena, an ivro assoso foreszi po foregghi esu.
Otu ecino tistinediche. Eforegghe, ma en eforegghe cala.. Tupe i principissa:
- Ma eforegga cala. Dommu tinaddhi stuvaletta, na ivro afforezzo cala
Otu tinegguale ce tistin ediche. Dopu ti tes evale sta podìa, ecame prova ce foregghe cala. san ivre ti foregghi
cala, ecrasze all’armi (...)
(...) Si recò subito a quel palazzo ove si ballava ed entrò ballando. La principessa gli disse:
- Com’è che balli così?
- Ho questo paio di stivaletti e ballo come voglio
- Insegna anche a me per quindici giorni per vedere se imparo a ballare come te
Cominciarono a ballare tutti e due ma la principessa non ballava come lui. Gli disse:
- Dammi uno dei tuoi stivaletti per vedere se posso ballare come balli tu
Quello glielo diede. Ballava ma non bene. Gli disse la principessa:
- Ma io non ballo bene. Dammi l’altro per vedere se ballo bene
Se lo tolse e glielo diede. La principessa, dopo esserseli messi ai piedi fece la prova e ballava bene.
Quando vide ciò gridò all’armi (...)
Tarantella a un matrimonio - tarantella danced during a wedding (Gallicianò)
71
72
To those familiar with folk dancing, this tale may
appear contradictory. Traditionally, men and women
dance in completely different ways. Normally, even
today, a masculine (masculinu) approach is not appreciated in a woman, while a feminine (fimmininu) style
is mimicked by men only for satirical purposes. What
the princess really sought to extort from the hero was,
probably, the secret of how to dance well. It was not a
simple question, as one might be led to imagine today,
of two weeks’ dancing lessons. What the princess was
interested in was quality, what made the hero’s dancing
unique and incomparable. As a matter of fact, it was
not a question of steps and figures. When the princess
realised that the power lay in the object, she seized the
boots and called for her guards to send the hero away.
Of the various accounts relating to the importance attributed not only to dancing but to “knowing how” to
dance well as a means of “showing off ” on private and
public occasions, the story told me by Santo Crisèo, a
traditional dancer and musician from Bova, is significant. During the Second World War, Santo, then a boy,
used to take his mules to a well just outside the town to
fill barrels with water. It took a long time to fill them also
because the water flowed so slowly. For this reason, having hung his jacket on a small lemon tree, Santo used to
dance around it to practice. He imagined the music and
danced. As time went by, he enjoyed it more and more
and, at a certain point, he spent more time dancing with
the tree than filling the barrels. He continued to do this
every time he went to the spring to fetch water. In the
end, the land around the tree became so hard that nothing
grew there afterwards, not even a blade of grass.
Traditional Graecanic dancing today
From the 1960s on, “public” dancing experienced a
profound crisis reaching a negative peak in the early
2000s. Yet, on the occasion of fetes and in the culturally more conservative areas, it is still possible, with
a little bit of luck, to witness traditional dancing (momenti “a ballu”).
From the early 2000s on, the eco-touristic promotion
of the inland Graecanic areas bore positive fruits and
induced farmhouse-accommodation landlords to provide live music and dancing during dinners, parties and
on other leisure-time occasions to attract customers. Of
particular significance, recently, is the “tarantella” effect generated by various festivals held in the Reggio
area, in particular the Kaulonia Tarantella Festival at
Caulonia and the Tarantella Power Festival, held first
at Caulonia, then at Badolato. The recent group-danc-
Per chi conosce il mondo coreutico popolare questa fiaba potrebbe portare con sé una contraddizione.
Nella danza tradizionale il ballo maschile e quello
femminile sono molto differenziati. Normalmente,
ancora oggi, dalle leve più anziane non è apprezzato
uno stile masculinu in una donna e quello fimmininu è imitato dagli uomini solo ironicamente. Per cui
molto probabilmente quello che la principessa vuole carpire all’eroe della fiaba è il segreto del ballare
bene. Non si tratta, con gli occhi di oggi, della richiesta di quindici giorni di lezioni di danza. Dunque la
principessa è interessata alla qualità del ballare, a ciò
che rende quel modo unico ed insuperabile. Difatti
non è un problema di passi e di figure. Quando la
principessa comprende che la virtù è nell’oggetto, si
impossessa degli stivaletti e di colpo balla “bene”,
ottiene ciò che cerca e chiama le guardie perché caccino via il protagonista.
Fra le varie testimonianze raccolte sul valore attributo non solo al ballo ma anche al “saper ballare” inteso come ben figurare in occasioni pubbliche e private è abbastanza significativa quella riferitami da Santo
Crisèo, musicista e danzatore tradizionale di Bova.
Erano gli anni della seconda guerra mondiale. Santo,
allora ragazzino, andava a prendere l’acqua con i muli
e le botti un po’ fuori paese. Naturalmente il tempo
per riempire le botti non era breve perché fra l’altro
l’acqua di quella fonte scorreva lentamente. Fu così
che Santo prese l’abitudine di appendere la giacca ad
un alberello di limone accanto alla sorgente ed a ballare intorno alla pianta per esercitarsi. Si immaginava
la musica e ballava. Col passare del tempo ci prese
sempre più gusto sino a quando arrivò a passare molto più tempo ballando con l’albero che a riempire le
botti. La cosa andò avanti per alcuni anni e tutte le
volte che il giovanotto andava alla fonte a prendere
l’acqua. Il terreno intorno all’albero era così compatto
e calpestato che non riusciva a crescervi nulla. Santo
racconta che ancora oggi intorno a quel limone non
cresce più l’erba.
La danza grecanica oggi
Il ballo “pubblico” ha vissuto una grossa crisi
nell’area a partire dagli anni ’60 che ha trovato un
suo culmine nei primissimi anni 2000. Tuttavia nelle
occasioni di festa e nelle località più conservative
culturalmente, è possibile ancora con un po’ di fortuna assistere a momenti “a ballu”. Sempre dai primi
anni 2000, l’ecoturismo diretto verso le aree interne
è stato un fattore determinante e buona parte delle
73
ing fad born in the Salento area (for example the Notte della Taranta phenomenon) has had a growing impact on
Southern Calabria and city-dwellers who look to the tarantella as an icon of identity, a means of rediscovering places and traditions. It may seem paradoxical but this “tarantella pop” mode has only marginally affected the Paleariza
festival (www.paleariza.it) held yearly since 1997 as, by choice, it continues to host vaster-ranging, international
events. Not that it has failed to feature folk dancing, but its emphasis has not been on the “intensively thematic” like
other festivals, but on the so-called usu anticu (the old way). The phenomenon, on the whole, has managed, however, to reintroduce folk dancing as an occasion of enjoyment, especially during the summer. Certainly, looking at the
contingent reality without nostalgia for the past, it is necessary to take into consideration that the modes and forms
of dance have changed significantly. An interesting folk music and dance teaching experience is U Stegg (an ironic
rendition of the stage in the local dialect) held in Cataforìa (province of Reggio Calabria) since the 1980s. The town
in question is in the Santagata Valley and has Graecanic roots like Cardeto, situated further uphill. U stegg (www.
ustegg.it) provides two weeks (one in August, one between Christmas and the Epiphany) of full immersion in the
local dance tradition for those with a passion for dancing and an attentive non-commercial curiosity regarding the
culture of the area
(*) The late-nineteenth-century text was probably transcribed in the field by the researcher who wrote what he
heard as he heard it. This may account for the fact that we
find expressions like “foregguo” instead of “choregguo”
etc. This tale was republished by Ottavio Cavalcanti in
Re, Maghi, Briganti, Poveri e Fate..., Rubbettino, Soveria
Manelli (CZ), 1999.
Notes
Publications regarding traditional dancing in Calabria
and Aspromonte are practically non-existent even if several attempts have been made to find cultural links between
the present ethnic world of Greek-Calabrian dance and the
remote Classical Era.
The results of similar research need to be verified given
the enormous time gap involved. However, we can mention the following publications and documentaries treating
traditional Calabrian dance:
Pubblications
Il ballo della conoscenza e la tarantella della nostalgia,
Ettore Castagna, in: Viaggio in Italia, BlogFolk, Squilibri,
Rome, 2014
Sangue e onore in digitale, Ettore Castagna, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2010
U Sonu - La danza sull’Aspromonte Greco, Ettore Castagna, Squilibri, Rome, 2006
Calabria Ellenofona. Fotinì Kaimaki, Militos, Athens, 2001
Documentaries
Ci sono quelli cchi ballanu puntatu (danza, antropologia e didattica sull’aspromonte greco / Dance, anthropology and
teaching in Greek Aspromonte), by Ettore Castagna, DVCam 15’55”, in collaboration with Lab 80 Film, Bergamo 2008
Santu Criseo Mastr’i Ballu, La Storia di la Limunara (una gustosa storia di ballo tradizionale e un’etnografia
coreutica fra i greci di Calabria / A zesty account of the traditional dance and choreographic anthropology of
the Greeks of Calabria), by Ettore Castagna, DVCam 8’07”, in collaboration with Lab 80 Film, Bergamo 2008
Da Mosòrrofa a Cardeto (La danza tradizionale fra memoria e presente / Traditional dancing midst memory
and the present) di Ettore Castagna e Sergio Di Giorgio - Betacam - 19’ - Produzione Med Media (RC) - 1996
74
aziende agrituristiche hanno promosso il suono a ballo come attrattore per cene, feste e le più varie occasioni
di intrattenimento. Molto rilevante in questa fase storica più recente è stato inoltre “l’effetto tarantella” generato da alcuni festival del reggino. In particolare Kaulonia Tarantella Festival a Caulonia e Tarantella Power,
prima a Caulonia e poi Badolato. Le folle danzanti di moda salentina (valga per tutti l’esempio del fenomeno
Notte della Taranta) hanno esercitato la loro influenza anche sulla Calabria meridionale ed un pubblico urbano
sempre crescente si è indirizzato verso la “tarantella” come icona identitaria, identificandola con un percorso
di riscoperta di luoghi e tradizioni. Potrà sembrare paradossale ma la moda della “tarantella pop” ha riguardato marginalmente il festival Paleariza (www.paleariza.it) che si svolge nell’area dal 1997 poiché, per scelta
tematica, questo festival si è mantenuto orientato verso contenuti più ampi e internazionali. Ciò non significa
che il festival non abbia proposto ballo popolare ma non con l’intensività tematica di altre manifestazioni e
con una maggiore attenzione verso il cosiddetto usu anticu. Il fenomeno nel suo insieme comunque ha finito
per riproporre il ballo popolare come occasione diffusa di divertimento in particolare nel periodo estivo. Di
certo, guardando alla realtà con occhio non nostalgico del passato, bisognerà prendere atto che modalità e
forme coreutico-musicali sono significativamente mutate. Un’interessante
esperienza di didattica della musica e della danza popolare è costituita da
U Stegg (ironica versione dialettale di stage) che si tiene a Cataforìo (RC)
già dalla fine degli anni ’80. Ci troviamo nella Valle del Santagata che è a
pieno titolo di cultura grecanica come la stessa Cardeto che si trova più a
monte. U Stegg (www.ustegg.it) propone due settimane, una ad agosto e una
fra Natale e l’Epifania, di full immersion nella cultura coreutica locale ad
appassionati e curiosi con un’impostazione non commerciale e attenta alla
cultura del territorio,
(*) Il testo di fine ottocento fu probabilmente allora trascritto dal ricercatore
“così come ascoltato”, questo giustifica forme come “foregguo” in luogo di
“choregguo”, etc. La fiaba è rieditata in: Ottavio Cavalcanti, Re, maghi, briganti, poveri e fate..., Rubbettino, Soveria Mannelli (CZ), 1999.
Note
La bibliografia sulla danza tradizionale in Calabria e in Aspromonte è piuttosto esigua. Numerosi invece sono i tentativi di collegare il mondo etnocoreutico attuale direttamente con la remota età classica con risultati tutti
da verificare dato, per lo meno, l’impressionante gap temporale. In merito
alla danza tradizionale in Calabria segnaliamo comunque alcuni materiali di
riferimento.
Bibliografia:
Il ballo della conoscenza e la tarantella della nostalgia, Ettore Castagna,
in: Viaggio in Italia, BlogFolk, Squilibri, Roma, 2014
Sangue e onore in digitale, Ettore Castagna, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2010
U Sonu - La danza sull’Aspromonte Greco, Ettore Castagna, Squilibri, Roma, 2006
Calabria Ellenofona. Fotinì Kaimaki, Militos, Atene, 2001
Documentari:
Ci sono quelli cchi ballanu puntatu (danza, antropologia e didattica sull’aspromonte greco), di Ettore Castagna, DVCam 15’55”, in coll.ne con Lab 80 Film, Bergamo 2008
Santu Criseo Mastr’i Ballu, La Storia di la Limunara (una gustosa storia di ballo tradizionale e un’etnografia
coreutica fra i greci di Calabria), di Ettore Castagna, DVCam 8’07”, in coll.ne con Lab 80 Film, Bergamo 2008
Da Mosòrrofa a Cardeto (La danza tradizionale fra memoria e presente) di Ettore Castagna e Sergio Di Giorgio - Betacam - 19’ - Produzione Med Media (RC) - 1996
75
76
Paleariza, il festival della Calabria Greca
Paleariza, Greek Calabria’s Festival
The Paleariza (in Calabrian-Greek Ancient Root)
Festival is held yearly, in August, in the Graecanic
Area of Calabria. Its artistic bill presents a repertory of traditional and newly-composed ethnic, world,
world-oriented and ethno-acoustic music. From
2013 on it has tried to extend its calendar into the
winter and spring seasons. The core of its rationale
is a series of concerts and activities aimed at the
discovery and interpretation of the territory within
this magnificent burgh-studded scenario of southern
Aspromonte.
The Paleariza Festival is one of Italy’s most prestigious regional festivals. In 2011, the Italian Ministry of Tourism awarded it the “Patrimonio d’Italia” prize, conferred on cultural events which help
enhance the image of Italy and create new flows of
tourism. This special prize was awarded to the Festival for acting as a showcase of the Italian tradition and for having distinguished itself thanks to its
efforts to keep the cultural heritage of the territory
alive by renewing traditional culture and adapting it
to the changing times. Besides this celebratory detail, recognition should be sought, probably, in the
territorial stimulus the festival has delivered over the
years. Since 1997, Paleariza has not only generated
an audience but has favoured cultural exchange and
growth in a marginal district of a marginal region
like Calabria.
Paleariza is not just a festival but an area brand, a
sustainable-tourism project, a tool by which to interpret a historically rich area. It helps narrate the history of a people of shepherds and farmers, the Greeks
of Calabria, but also that of the entire eco-cultural
Ettore Castagna
Paleariza (in calabro-greco l’Antica Radice), si svolge ogni anno ad agosto nell’Area Grecanica. È un festival che sviluppa la propria proposta sulla traccia delle
musiche etniche e delle musiche dal mondo, world
oriented, etno-acustiche, di tradizione e di composizione. Dal 2013 è in corso un tentativo di allungamento del suo calendario all’inverno ed alla primavera.
Il centro della sua offerta è una programmazione di
concerti e di attività di scoperta e lettura del territorio
nel magnifico scenario di borghi interni dell’Aspromonte sud.
Il Festival Paleariza è uno dei più importanti eventi
di musica etnica regionali. Nel 2011 Paleariza è stato premiato dal Ministero del Turismo con il marchio
“Patrimonio d’Italia”, dedicato alle manifestazioni
culturali che contribuiscono a valorizzare l’immagine
dell’Italia e a generare nuovi flussi turistici. Il Premio
speciale è stato attribuito al Festival quale manifestazione della tradizione italiana che si è maggiormente
distinta per la capacità di mantenere vivo il patrimonio
culturale del proprio territorio, rinnovando le rappresentazioni tradizionali ed adeguandole al mutamento
dei tempi. Oltre al fatto celebrativo, il senso del riconoscimento va cercato, probabilmente, nell’animazione territoriale che il festival ha svolto negli anni. Dal
1997 Paleariza non ha solo creato un pubblico ma ha
favorito lo scambio e la crescita culturale in un’area
marginale nel quadro di una regione marginale come
la Calabria.
Paleariza non è un semplice festival ma un marchio
d’area, un progetto di turismo responsabile, un percorso di lettura di un’area ricca di storia. La storia di
un popolo di pastori e contadini, i greci di Calabria ma
77
heritage of southern Aspromonte, by making it the fascinating stage of Paleariza. All the past editions of
Paleariza have left their mark on the cultural life of the inhabitants of Graecania. Today people look to Greek
Calabria as a kind benchmark. A small step towards overcoming parochialism and localism, by contributing
to the idea that an entire area is capable of achievement by thinking as a network, as it has done over the past
few years. Also thanks to the festival, I believe. Organizing a concert for Paleariza is not like promoting any
other event. Our audience knows that it is entitled to expect something more complex and interesting to enjoy
within a scenario where language and landscape, food and fragrances, trekking and hospitality, music and
quality, are all to be found.
Paleariza assumes responsibility, therefore, for quality and, at the same time, for fostering the circulation
of ideas and best practices, for ensuring that art meet tourism. The steering committee’s cultural rationale (in
the case of most of the festival’s editions) was that of comparing more or less similar or different international
music and cultures. If we look at the bills from 1997 on, concessions to fad have been few and far between,
whereas first-quality artistic discourse and projects have been the keynote. Directing Paleariza is, all told,
a complex undertaking. The festival is as vast and widespread as its territorial container, the venues are all
different, no one artist or project suffices on a given evening. If in Gallicianò you find yourself at the heart of
a mountain-dwelling community, in Pentedattilo you may be among the audience in the amphitheatre where
something different is expected.
78
anche di tutto l’Aspromonte Sud è un intero patrimonio eco-culturale che rende emozionante il teatro nel quale
Paleariza va in scena. Effettivamente tutte le passate edizioni di Paleariza hanno impresso il loro segno nella vita
culturale dell’area grecanica. Oggi si parla di Calabria Greca come di una sorta di marchio di qualità. Un piccolo
passo per superare campanilismi e localismi, costruendo l’idea che un’area intera ce la può fare ragionando in
rete, forse è stato fatto in tutti questi anni. Credo proprio grazie al festival. E allora organizzare un concerto per
Paleariza non è come lavorare a una manifestazione qualsiasi. Il nostro pubblico sa che deve aspettarsi qualcosa
di più complesso e interessante e che incontrerà uno scenario nel quale lingua e paesaggio, cibi e profumi, trekking e ospitalità, musica e qualità si presenteranno assieme.
Paleariza ha dunque la responsabilità di fare qualità e, nel contempo, favorire la circolazione delle idee,
delle buone pratiche. Questo a partire dall’arte sino all’incontro turistico. La linea culturale della direzione
artistica (nella maggior parte delle edizioni) è stata quella del confronto internazionale con musiche e culture
più o meno affini e diverse. Per quanto possibile, dando un’occhiata ai cartelloni del festival dal 1997 ad oggi,
i cedimenti alle mode sono stati pochi in favore della qualificazione di discorsi, progetti, offerte artistiche.
Dirigere Paleariza è, insomma, un fatto complesso. Il Festival è grande, come la sua estensione territoriale, i
siti sono tutti differenziati fra loro, non va bene qualsiasi artista né qualsiasi progetto per quella serata. Se a
Gallicianò saremo nel cuore di una comunità che vive la montagna, a Pentedattilo ci si troverà in un anfiteatro
dove lo stesso pubblico si aspetta una cosa diversa dalla prima.
79
80
The musical and artistic events are generally
hosted by different localities with their variegated
landscapes and their multifaceted monumental and
cultural heritage.
First of all, the linguistic Greek-speaking minority is vital. Paleariza acts as a catalyst to exchange,
encounter, cultural growth within the Graecanic area,
based, as it is, on a formula that has now become historic, with the concerts providing an opportunity to
visit and read the area thanks to the availability of the
rural accommodation, the attractions, the food and
trekking facilities the festival generates.
The content of every single event takes into due account the impact that it has or may have on venues
with specific cultural, urban, social, etc. characteristics. The festivals’ chosen ethno-musical, artistic keynote is sustainability. No mega-big stages or events
having a high impact on the environment are envisaged; the emphasis is on the high quality of the events
and artists of indisputable international standing
brought into contact with the territory in the name of
communication and cultural exchange between them,
the local community and the many visitors.
The Paleariza Festival is rather complex in structure. Its foremost distinctive trait is the artistic bill
based historically on a number of issues dear to the
territory and the public: minority languages​​, ethnic,
traditional and world-oriented music, song writing,
sensitivity towards social issues, democracy and civil
society. Another element is the workshop. By workshop is meant a space where art and teaching intertwine and avail of animation and interaction with the
public.
The Paleariza Festival has never, to date, imposed
an entrance ticket in order to promote wider access to
the events on the part of both the resident community and the national and/or local tourists who come to
stay in the area to follow the events. Specific attention
has always been paid to the area’s traditional dance
(sonu at ballu / tarantella) important not only as an
artistic-musical phenomenon per se but also as an opportunity for congregating and learning.
The Paleariza Festival is organized in collaboration
with a group of Institutional and Associative Partners
present from the very first edition: the Consulate of
the Greek Republic, the Calabrian Regional administration, the Aspromonte National Park Authority,
the Provincial Administration of Reggio Calabria, the
towns of Bova, Bagaladi, Bova Marina, Brancaleone,
Condofuri, Melito Porto Salvo, Palizzi, Roccaforte
La programmazione musicale ed artistica in generale viene impaginata in un territorio diversificato dalla
presenza dei più vari patrimoni paesaggistici, monumentali e culturali.
Primo fra tutti l’elemento linguistico della minoranza ellenofona. Paleariza è catalizzatore di scambio,
incontro, crescita culturale per l’intera Area Grecanica in una formula oramai storica nella quale i concerti
sono un’occasione di visita e lettura del territorio attraverso il turismo rurale, le attrattive enogastronomiche e le proposte di trekking legate specificamene alla
programmazione.
La programmazione contenutistica di ogni singolo
evento non prescinde dalla valutazione di impatto che
lo stesso tipo di evento ha o può avere su luoghi con
specifiche caratteristiche culturali, urbanistiche, sociali, etc. La traccia artistica dell’etno-musica costituisce un segnale di scelta sostenibile. Niente grandi
palchi o eventi ad alto impatto ambientale ma elevata
qualità della proposta, artisti di indiscutibile livello
internazionale che incontrano un territorio all’insegna
della comunicazione e dello scambio culturale con la
comunità territoriale e con i molti visitatori.
Il Festival Paleariza ha una struttura piuttosto articolata. Un primo tratto distintivo è la programmazione artistica che è improntata storicamente ad alcuni temi cari
al territorio e al pubblico: le lingue minoritarie, le musiche etniche, tradizionali e world oriented, la canzone
d’autore, la sensibilità ai temi sociali, della democrazia,
della società civile. Un altro elemento è quello laboratoriale. Per laboratorio intendiamo uno spazio nel quale
il fatto artistico si intreccia con la proposta didattica,
con l’animazione e l’interazione con il pubblico.
Il Festival Paleariza storicamente non ha sin qui proposto eventi a pagamento per favorire la più ampia accessibilità al suo programma sia da parte della comunità
residente che dei turisti nazionali e/o di prossimità che
seguono la manifestazione residenzialmente durante il
suo calendario. Una specifica attenzione è stata dedicata
alla danza tradizionale del territorio (sonu a ballu/tarantella) importante non solo come fatto artistico-musicale
ma anche come momento aggregativo e didattico.
Il Festival Paleariza viene realizzato in collaborazione con un insieme di Partner Istituzionali e Associativi che sono presenti sin dalla prima edizione: il
Consolato di Grecia, la Regione Calabria, l’Ente Parco
Nazionale dell’Aspromonte, l’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, i Comuni di Bova, Bagaladi, Bova Marina, Brancaleone, Condofuri, Melito
Porto Salvo, Palizzi, Roccaforte del Greco, Roghudi,
81
del Greco, Roghudi, San Lorenzo, Staiti, Pucambù The Agency for Rural Tourism in Graecanic Calabria,
the “Most Beautiful Villages of Italy” ANCI Club, the
National Mountain and Speleological Rescue Corps’s
Aspromonte Division.
The various editions of the festival have witnessed
a steady growth in the participation of the public with
attendance peaks of extraordinary dimensions, considering the geographical marginality of the area in which
it operates and the non-commercial nature of the Festival’s programme.
Renewed international interest in world and ethnic
music and a careful promotional plan have favoured the
identification of a target capable of involving large numbers of young people usually not particularly interested in traditional, ethnic, local, etc. issues. Attendance,
of course, varies from the amazing peaks achieved by
events featuring more famous artists and held in more
easily accessible and appealing locations, which attract
people in their thousands and those where a few hundred fans flock to see lesser known artists or travel to
more marginal, inaccessible, inland venues. One of the
Festival’s most fascinating features, in terms of eco-cultural research, is the fact that it is held in the very heart
of Greek Aspromonte: the woods of Africo, the square
of the ghost town of Roghudi, the magnificent Amendolea Valley which may be reached only after a long
hard trek in search of music. Every year, in fact, the Festival, besides its musical events, organises guided tours
of the Aspromonte and meetings and debates on issues
regarding the development of the inland and Graecanic areas. The success of these excursions is proven by the
difficulties the guides encounter in keeping enrolments within the numerical limits dictated by security or logistic
requirements. Paleariza has impacted significantly on the local economy in terms both of increases the numbers
of tourists (national and local visitors including many from the nearby city of Reggio Calabria) and promotion
of typical produce. The Festival relies on minimum-size stages and avails of urban spaces, squares, the façades
of historic buildings or natural environments, as backdrops. The squares of historic centres and villages are thus
transformed into open-air concert halls and become the soul of the Festival thanks to seamless integration between the contents and their cultural and environmental containers.
82
San Lorenzo, Staiti, Pucambù - Agenzia per il Turismo
Rurale della Calabria Greca, il Club ANCI “I Borghi più
Belli d’Italia”, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e
Speleologico - Stazione Aspromonte.
Le edizioni del festival hanno conosciuto una crescita costante nella partecipazione del pubblico con picchi
di presenze straordinari commisurati all’area geografica marginale nella quale si opera e al programma non
commerciale del Festival stesso.
Il rinnovato interesse internazionale verso la world
music e la musica etnica ed un accurato progetto promozionale hanno favorito l’individuazione di un target
ampio in grado di coinvolgere anche fasce di utenza
giovanili tradizionalmente disaffezionate alle tematiche
etniche, locali, etc. Le presenze, come è ovvio, oscillano
fra i picchi molto elevati riservati agli eventi con artisti
più noti e realizzati nelle location più accessibili e attraenti e che si contano nell’ordine delle migliaia di unità e
quelle di poche centinaia di appassionati per quanto riguarda gli eventi che vedono la presenza di artisti meno
noti o location più marginali ed interne. Ed in effetti uno
dei tratti più affascinanti del festival sotto il profilo ecoculturale è proprio la sua ricerca di location nel cuore
dell’Aspromonte Greco: i boschi di Africo, la piazza del
borgo fantasma di Roghudi, i trekking alla ricerca della
musica lungo la magnifica Valle dell’Amendolea.
Il Festival prevede ogni anno difatti, oltre agli eventi musicali, la realizzazione di escursioni guidate in
Aspromonte e la realizzazione di incontri e dibattiti sulle tematiche dello sviluppo delle aree interne e dell’Area Grecanica. Il successo delle escursioni è testimoniato dalla difficoltà da parte delle guide di mantenere i
numeri degli iscritti all’interno dei numeri dettati dalle esigenze di sicurezza o di logistica.
Paleariza ha prodotto effetti indotti rilevanti sull’economia locale sia in termini di incremento delle presenze
turistiche (esterne e di prossimità dalla vicina Città di Reggio Calabria) sia in termini di promozione dei prodotti
agroalimentari tipici. Il Festival si avvale di allestimenti scenici minimi puntando ad utilizzare gli spazi urbani, le
piazze, le facciate degli edifici storici o gli ambienti naturali dove si svolgono i concerti come quinte dello spazio
concertistico. Le piazze dei centri storici e dei borghi sono state così trasformate in sale concertistiche all’aperto diventando l’anima del Festival attraverso una perfetta integrazione tra contenuti e contenitori culturali e ambientali.
83
84
Dalla rinascita di Pentedattilo all’esperienza dei “Borghi Solidali”
From the rebirth of Pentedattilo to the “Solidarity Village” experience
The rural village of Pentedattilo, located in the
Graecanic area of Calabria, stands in a picturesque
location about 30 km from Reggio Calabria, among
the hills that overlook the Ionian Sea. The village huddles at the foot of a sheer rock face (Monte Calvario) whose characteristic form, resembling a gigantic
hand, has probably given the burgh its name, from the
Greek Pentadaktylos (five fingers).
The Pentedattilo reef is one of Calabria’s most important geological landmarks. Composed of conglomerate and sandstone rock, it rests on schist and owes
its bizarre shape to a long process of atmospheric erosion. Pentedattilo stands within a daunting landscape
and an astounding environment, wedged in between
three SCI (Sites of Community Importance) areas:
the Prastarà Fortresses, the Melito Torrent and the
Sant’Elia Torrent, not far from another two important
sites, Saline Joniche and Capo d’Armi.
Of particular interest the relationship existing between the village’s small stone houses, clinging to
the slopes of Monte Calvario, and the surrounding
countryside, dominated by the Church of Saints Peter and Paul, Apostles, containing the tombs of the
members of the seventeenth-century Alberti family,
the important lay family, which ruled over the local
feudal fief from 1589 on. Behind the church, at the
very top of the village, are the ruins of the mediaeval
castle from which it is possible to catch a breath-taking downstream view of the valley with the Ionian Sea
as a backdrop, or an upstream landscape panorama
stretching right into the Aspromonte.
At the beginning of the last century, this small village, (whose solidity was partially undermined by a
Fabio L. Macheda
Noemi Evoli
Il borgo rurale di Pentedattilo, situato nell’Area
Grecanica calabrese, sorge in una pittoresca posizione
a circa 30 km da Reggio Calabria, tra le colline che si
affacciano sul Mar Ionio. Il centro è arroccato ai piedi di
una rupe (Monte Calvario) dalla caratteristica forma che
ricorda quella di una ciclopica mano, da cui molto probabilmente deriva il nome: Pentadàktylos (cinque dita).
La rocca di Pentedattilo è uno dei più importanti geositi della Calabria. Costituita da conglomerati ed arenarie, poggia su formazioni di scisti filladici e deve la sua
bizzarra forma ad un lunghissimo processo di erosione
atmosferica. Pentedattilo sorge in un contesto a forte
valenza paesaggistico-ambientale, incuneato tra tre aree
SIC (Siti di Interesse Comunitario): le Rocche di Prastarà, la Fiumara Melito, la Fiumara Sant’Elia e molto
prossimo ad altre due: Saline Joniche, Capo dell’Armi.
Particolare è il rapporto tra le piccole casette in muratura, che si inerpicano lungo il dislivello del Monte Calvario, e l’ambiente circostante tra cui domina la Chiesa
dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, che custodisce la tomba
seicentesca della famiglia Alberti, la più importante famiglia laica che regnò sul feudo a partire dal 1589. Alle
spalle della Chiesa, in cima al borgo, si trovano le rovine del Castello medievale da cui si può ammirare un
panorama mozzafiato sia verso valle, con lo Ionio sullo
sfondo, che verso le pendici preaspromontane.
Nei primi anni del secolo scorso il piccolo borgo, la
cui struttura fu in parte compromessa da numerosi eventi naturali, tra cui i distruttivi terremoti del 1783 e del
1908, iniziò a spopolarsi sempre più rapidamente, arrendendosi al fenomeno dell’emigrazione. Il centro, che
oggi conta un solo abitante in pianta stabile, venne definitivamente abbandonato sul finire degli anni ’60-’70 a
85
number of natural disasters, including the destructive earthquakes of 1783 and 1908) began to lose its population,
with increasing rapidity, as it yielded to the phenomenon of emigration. The centre of the village, which now
has only one permanent resident, was definitively abandoned in the 1960s and 1970s following a decree forcibly
evacuating the population to a new town a few miles downstream. This decree was the outcome of alleged danger
from boulders said to have fallen from the reef and considered a herald to the imminent and disastrous collapse
of the entire burgh, something which never happened. In the years that followed, the small settlement risked definitive extinction until a group of young locals, who had grown up in Pentedattilo Nuovo, decided to undertake
voluntary action aimed at recovering the old village, inspired and supported by a number of foreign artists, who,
enchanted by the magic of the place, had started to live in the town’s little houses. Having set up an association
called ARFT, these young people tried to arouse awareness and valorise the ancient Pentedattilo by organizing
cultural events and activities there. Not everyone, however, greeted this intervention favourably. ARFT was the
unhappy target of several acts of intimidation, culminating in arson in 1991, following which plans to revitalize
the old town were abandoned together with the aspirations of the young people who had set the association up,
and who, disillusioned and embittered, threw in the towel and left. The idea of ​​recovery was taken up again, however, some three years later by the AGESCI (Association of Italian Catholic Guides and Scouts) during a training
camp on pedagogy for young educators. Pentedattilo was the perfect site for the camp and the interest aroused
by the event was considered a sign and an enticement to do something and resume the work begun by the young
members of ARFT. This new experience led to the birth of the “Pro-Pentedattilo non-profit organization” which,
from its foundation in 1998 to the present, has undertaken a long journey towards the recovery, enhancement and
86
seguito di un decreto di sgombero immediato che costrinse gli ultimi abitanti a spostarsi qualche chilometro più a
valle nel nuovo abitato. Tale decreto era dovuto alla presunta pericolosità della rocca dalla quale si diceva fossero
caduti alcuni massi come preannuncio di un imminente e rovinoso crollo, di fatto poi mai avvenuto. Negli anni successivi il piccolo nucleo abitativo rischiò di sparire definitivamente fino a quando alcuni ragazzi del posto, cresciuti
nella Pentedattilo Nuova, non decisero di intraprendere azioni di volontariato volte al recupero del borgo, ispirati
e sostenuti dall’aiuto di alcuni artisti stranieri che, incantati dalla magia del luogo, avevano ripreso ad abitare le
caratteristiche casette. Riuniti in una associazione chiamata FART, questi ragazzi, cercarono di far conoscere e valorizzare l’antica Pentedattilo organizzando eventi e attività culturali. Non tutti, però, accolsero favorevolmente queste
azioni di recupero. Numerosi furono infatti gli atti intimidatori subiti dall’Associazione FART che culminarono tristemente nell’incendio del 1991 a seguito del quale il progetto di ridare nuova vita al paese antico venne abbandona-
to insieme alle speranze dei ragazzi che, delusi e amareggiati, decisero di andare via. L’idea di recupero venne però
ben presto ripresa (tre anni più tardi) dall’AGESCI (Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani) in occasione
della realizzazione di un campo di formazione sulla pedagogia dei segni rivolto a giovani educatori. Pentedattilo fu il
luogo perfetto per la realizzazione del campo e l’interesse suscitato durante l’evento fu interpretato come un segnale
e un invito a fare qualcosa in più, raccogliendo l’eredità del lavoro iniziato dai giovani della FART. Questa nuova
esperienza portò alla nascita dell’associazione “Pro Pentedattilo Onlus” che dal 1998, data della sua fondazione, a
oggi ha intrapreso un lungo percorso di recupero, valorizzazione e promozione del borgo grazie al lavoro volontario
di tantissimi giovani protagonisti dei campi di lavoro estivi e alla possibilità di usufruire di finanziamenti comunitari,
per poter impiegare manodopera specializzata per il recupero strutturale del paese e il restauro di alcune abitazioni.
87
promotion of the town thanks to the efforts of the many volunteers who frequent the summer work-camps held
there and the possibility of availing of EU funds to employ skilled labour capable of refurbishing the town and
restoring some of its dwellings. On the basis of this experience, for more than twenty years now, Pentedattilo has
become central to a local development project: “The Graecanic Area Villages’ solidary-hospitality venture”, a
sustainable promotional and supportive endeavour, involving six municipalities of the Graecanic Area (Bagaladi,
Melito PS, Montebello Ionic, Roghudi, Roccaforte, San Lorenzo).
The project, supported by the Fondazione con il Sud and active for almost four years now, involves a local
network of more than seventy organizations including local bodies, social enterprises, cooperatives, voluntary
associations, all operating within the area with a view to fighting social disadvantage, developing best fair-trade
practices, activating cultural and generational integration, contributing towards a reconstruction of the fabric of
cultural identity and strengthening relationships between the local collective reality and experiences and initiatives of national and international scope.
Today, following the intense activity generated by the Villages’ Solidarity (in charge of coordination, management and planning) still in progress, the buildings in old Pentedattilo now house a number of workshops.
Others, refurbished, have been placed at the disposal of a widespread network of accommodation facilities while
others host the “Diffused Museum of Popular Traditions” (Mu.Tra.P.), the “ Women’s Library”, exhibition halls,
didactic, anthropological and cultural laboratories, and a Presidium of the “Freedom against the Mafia” Association. A number of different entertainment activities have been organised to sustain the revival of the village.
Streets, houses, monumental staircases, squares, for example, act as backdrops to two very important cultural
88
Partendo da questa esperienza, ormai ventennale, Pentedattilo è divenuto protagonista del progetto di sviluppo
locale “I luoghi dell’accoglienza solidale nei Borghi dell’Area Grecanica”, un’opera di promozione, in chiave
sostenibile e solidale, di sei comuni dell’Area Grecanica (Bagaladi, Melito P.S., Montebello Jonico, Roghudi,
Roccaforte, San Lorenzo).
Il progetto, sostenuto dalla Fondazione con il Sud e attivo da quasi quattro anni, ha coinvolto una rete locale
di oltre settanta organizzazioni tra enti, imprese sociali, cooperative, associazioni di volontariato, che operano
sui territori con lo scopo di contrastare il disagio sociale, sviluppare buone pratiche di economia solidale,
attivare percorsi d’integrazione culturale e generazionale, contribuire alla ricostruzione del tessuto culturale
identitario e rafforzare le relazioni delle comunità con realtà, esperienze e iniziative di livello nazionale e
internazionale.
Oggi, dopo l’intensa attività di rilancio promossa dall’Agenzia dei Borghi Solidali (organo di coordinamento, gestione e servizio del progetto) ed ancora in corso, le casette del borgo antico di Pentedattilo sono sede di
alcune botteghe artigiane. Altre, rese fruibili, sono state inserite in una rete di ospitalità diffusa e altre ancora
ospitano il “Museo Diffuso delle Tradizioni Popolari” (Mu.Tra.P.), la “Biblioteca delle Donne”, alcune sale
espositive, laboratori didattici, antropologici e culturali, ed un Presidio dell’Associazione “Libera contro le
mafie”. Varie sono le attività di animazione che vengono messe in atto a sostegno della rinascita del borgo.
Viuzze, casette, scalinate, piazzette, fanno da scenario, ad esempio, a due appuntamenti molto importanti che
ogni anno richiamano migliaia di visitatori: il “PentedattiloFilmFestival”, concorso internazionale di cortometraggi giunto alla sua VIII edizione e “Oxygen”, rassegna musicale a difesa dell’ambiente e del territorio,
89
90
events which attract thousands of visitors every year:
the “PentedattiloFilmFestival” an international shortfilm competition, now at its eighth edition, and “Oxygen”, a musical event centred on the safeguard of the
environment and the territory, organized by the Coordination of Graecanic Area Associations, in favour
of the battle against the construction of a coal-fuelled
electricity plant which, if built, besides damaging the
environment seriously, would also neutralise the efforts made to promote the area, and waste the economic resources invested to date.
Within the framework of a global project, Pentedattilo, represents the main pole of attraction, an innovative experimental laboratory aimed at promoting solidarity-economy best practices and acts as the driving
force and a beacon capable of firing the enthusiasm of
other areas. The supportive-hospitality locations, the
craft workshops, the international volunteer camps,
first organised in this old village, and successfully reiterated in other areas, have led to the consolidation of
a number of setups, which, based on a solid collaborative network, now work together in close synergy, with
a view to promoting the area as a whole. In an environment inspired by territorial principles, the steering
committee aims at promoting responsible tourism by
paying particular attention to the propagation of ethical values like environmental sustainability and a legal
mind-set, capable of engendering a new kind of sensitivity towards the upkeep and use of the collective
heritage, of valorising shared resources, recovering the
area’s material and intangible heritage and fostering
intercultural and inter-generational dialogue.
Today, the Villages’ Solidarity network, which, besides the activities promoted in old Pentedattilo and
the organisation of territorial animation and marketing
campaigns, on-going volunteer work-camps for the
revitalization of the villages and the enhancement of
accommodation facilities, can count on its operative
centre at Villa Placanica (a property confiscated from
the mafia) as well as on its peripheral hubs located in
Montebello and Roghudi which have set up thematic
workshops in the municipal areas of Montebello (Territorial Ecotourism Workshop), Melito PS (Typical
produce) and Roghudi (Roghudi Nuovo’s Trade-Fair).
As part of its hospitality project, the network is in a position to organise trekking and tourist excursions to the
local countryside and surrounding towns, while providing hospitality at its hostels in Pentedattilo Nuovo,
Montebello, Ghorio Roghudi as well as in the mews of
Villa Placanica (Placanica di Pentedattilo).
organizzata dal Coordinamento Associazioni Area
Grecanica, a favore della lotta contro la costruzione
di una centrale a carbone che, se realizzata, oltre a
danneggiare irrimediabilmente l’ambiente circostante, renderebbe vani gli sforzi profusi nel processo di
promozione in atto e inutili le risorse economiche
fin’ora investite.
Nel quadro progettuale, Pentedattilo, rappresentando il principale polo di attrazione e un innovativo laboratorio di sviluppo per lo sviluppo di buone
pratiche di economia solidale, fa da volano e traino
per gli altri territori. L’esperienza dell’accoglienza
solidale, delle botteghe artigiane, dei campi di volontariato internazionali, avviata nell’antico borgo,
è stata replicata con successo negli altri ambiti territoriali ed ha portato al consolidamento di numerose
realtà che, unite in un solido network collaborativo,
oggi operano in stretta sinergia per la promozione
dell’area. In un contesto ispirato ai principi dell’approccio territorialista, orientato al turismo responsabile ed estremamente attento alla diffusione di valori etici quali la sostenibilità ambientale e la cultura
della legalità, il processo di contaminazione in atto
ha prodotto l’emergere di nuove sensibilità verso la
cura e l’utilizzo del patrimonio collettivo caratteristico, la valorizzazione dei beni comuni, il recupero
del patrimonio materiale ed immateriale presente
nell’area di riferimento, le esperienze di promozione del dialogo interculturale e dell’integrazione
generazionale.
Oggi la rete dei Borghi Solidali, oltre alle attività
localizzate nel borgo antico di Pentedattilo, organizza e promuove percorsi di animazione e marketing territoriale, un programma stabile di campi
di volontariato per la rivitalizzazione dei borghi e
la valorizzazione dei luoghi dell’accoglienza, può
contare su una sede operativa presso Villa Placanica (bene confiscato alla mafia), sui nodi periferici
dei comuni di Montebello e Roghudi e ha attivato botteghe - laboratorio tematiche nei comuni di
Montebello (Bottega di Promozione Ecoturistica
Territoriale), Melito P.S. (Prodotti tipici) e Roghudi
(Spazio Fiera di Roghudi Nuovo). Nell’ambito dei
servizi dedicati all’accoglienza la rete è in grado di
proporre itinerari escursionistici e turistici in tutti
gli ambiti progettuali e nei comuni limitrofi e può
fornire ospitalità, presso l’ostello di Pentedattilo
Nuovo, quelli di Montebello Ionico, Ghorio di Roghudi e la foresteria di Villa Placanica (Placanica
di Pentedattilo).
91
92
Un itinerario fra i beni artistici del territorio grecanico
A tour amid the cultural heritage of the Graecanic area
The route
The SS 106 national highway - Condofuri Marina
- Amendolea - Gallicianò - Bova Marina - Bova - Roghudi - Roccaforte del Greco - The SS 106 national
highway.
The SS 106 national highway - Pentedattilo - The
SS 106 national highway.
The SS 106 national highway - Staiti - The SS 106
national highway.
The territory this route cover, includes the southern
slopes of the Aspromonte and the villages of Condofuri, Roccaforte del Greco, Roghudi and Bova, as well
as the coastline cut in half by the Amendolea river.
Travelling along the national SS 106 Ionian coastal highway, we arrive at Condofuri Marina. Heading
northwards, we turn right at the S. Carlo junction and
cross the narrow bridge leading to Amendolea. This
village, 350 m above sea level, was abandoned in
1953 following flooding. At the centre of the village
one can still visit the ruins of the proto-papal church
of S. Maria Assunta, built between the thirteenth and
fourteenth centuries, rebuilt several times between the
fifteenth and eighteenth centuries. It has a single nave,
a protruding central apse and several smaller side
apses cut into the thick wall, to the right (prothesis)
and left (diaconicòn) of the central one. The gabled
roof has since caved in. The southern wall, clearly restored, has a side entrance with a flight of steps and
a buttressed wall, while there is another entrance in
the northern wall. The building measures about nine
metres by fourteen. The church has undergone several reconstructions. A wall, starting at the eastern wall
Sebastiano Maria Venoso
Il percorso
SS. 106 - Condofuri Marina - Amendolea - Gallicianò - Bova Marina - Bova - Roghudi - Roccaforte
del Greco - SS. 106.
SS. 106 - Pentedattilo - SS. 106.
SS. 106 - Staiti - SS. 106.
Il territorio è quello del versante sud dell’Aspromonte che comprende i comuni di Condofuri, di Roccaforte del Greco, di Roghudi e di Bova, compresa la
fascia litoranea, con al centro la fiumara Amendolea.
Dalla statale 106 jonica si raggiunge Condofuri
Marina. Al bivio S. Carlo, procedendo verso nord, si
arriva, dopo aver attraversato, girando a destra, uno
stretto ponte, ad Amendolea. Il centro abitato, sito
a circa 350 m s.l.m., è stato abbandonato a causa
dell’alluvione del 1953. Al suo interno si trovano i ruderi della chiesa protopapale di S. Maria Assunta. L’edificazione di questa chiesa risale ai secoli XIII-XIV
ed ha subìto dei rifacimenti nei secoli XV e XVIII. È
una chiesa a nave unica, con abside sporgente e piccole absidi, ricavate nello spessore del muro, a destra
(prothesis) e a sinistra (diaconicòn). Il tetto, crollato,
era a capanna. Presenta un ingresso, gradinato, nella
parete meridionale, visibilmente rifatta, con una scarpa che serve da contrafforte. Un altro ingresso è visibile nel muro settentrionale. Le sue dimensioni esterne sono di circa 9 m e mezzo per 14. Molti sono stati
i rimaneggiamenti che la chiesa ha subito. Un muro,
che, partendo dalla parete orientale e tagliando a circa
metà la prothesis, si congiunge con il muro occidentale, ha creato un angusto ambiente trapezoidale dove
è stato collocato un campanile. La parete esposta a
93
and cutting the prothesis in half, joins the western wall to form a trapezoid containing the bell-tower. The outer
eastern wall contains two small niches, later filled with masonry to reduce their size. At an even later stage the
central apse and these two niches were also walled.
The ruins of a multi-building castle, dating back to thirteenth century, dominate the village.
Not far from the village centre and the castle, on a mule track leading to Bova Superiore, we find three
churches.
The first, Santa Caterina, was built in the twelfth century. At present, only the wall of the apse and portions of
the side walls still stand. It has a single nave, nine metres by four. It has no right (prothesis) or left (diaconicòn)
apse, while the raised main apse is ogival. The main entrance was probably through the southern wall.
The second church, San Sebastiano, recognisable due to its cusped seventeenth-century bell tower, is not far
from Santa Caterina. Its floor-plan is regular, while its central apse is totally walled up; its main entrance was
probably through the western wall.
Continuing along the same mule track, on our left, we find the church of San Nicola. Only parts of its eastern,
western and northern walls are still standing. Its nave is four metres by five; it has a central apse and a number
of smaller lateral niches, whose frescos become less and less visible as time goes by.
At the fourth kilometre of the road leading to Condofuri, we find the right-hand turning for Gallicianò, today
a hamlet administered by Condofuri, though once a town in its own right. It is the most isolated village of the
Calabrian Graecanic area. It can be accessed only by a steep, winding road. To the north it is shielded by Mount
Scafi (1139 m), to the south by a sheer rock face, from the top of which it is possible to catch a glimpse of the
Amendolea river. This village, 600 m above sea level, is ten kilometres from the coast and is characterized by
urban settlements that developed spontaneously around the central Pietra del Corvo, now Àlimos, Square, on
one side of which stands the sizeable parish church dedicated to Saint John the Baptist. The town’s architecture
is modest, composed mostly of two-storey, terraced houses, whose stairways, in natural stone, are often external.
Normally, the ground floor is used for storage.
Amendolea
94
oriente mostra due nicchiette, tamponate con muratura per crearne altre due più piccole. Successivamente, sia
l’abside centrale che le due nicchiette, sono state coperte anch’esse con muratura.
L’abitato è dominato da un castello costituito da più edifici, appartenenti ad epoche diverse, a partire dal XIII
secolo, ridotto in stato di rudere.
A poca distanza dal castello, fuori dal centro, sulla mulattiera che conduce a Bova Superiore, si trovano altre
tre chiese.
La prima è quella di S. Caterina (sec. XII), di cui rimangono in piedi la parete absidale e parte degli altri muri.
Anch’essa è ad aula unica, di circa 9 x 4 m. Non sono presenti la prothesis e il diaconicòn; l’abside, in alzato, ha
un andamento ogivato. L’ingresso probabilmente era praticato a mezzogiorno.
La seconda, di S. Sebastiano, poco distante dalla precedente, si nota per il campanile, a cuspide, del XVII
secolo. Ha una pianta rettangolare; l’abside centrale è tamponata con muratura; l’ingresso era praticato nella
parete occidentale.
Continuando sulla mulattiera, si incontra, sempre sulla sinistra, la chiesa di S. Nicola. Di essa rimangono in
piedi i ruderi dei muri orientale, occidentale e settentrionale. È un’aula di circa 4 x 5 m, con abside centrale e
nicchiette laterali. L’ingresso doveva trovarsi nella parete meridionale. Le absidi sono affrescate, anche se i colori
stanno diventando, ormai, sempre meno evidenti.
Ritornando sulla strada per Condofuri e dopo averla percorsa per circa 4 chilometri, si incrocia, sulla destra,
il bivio per Gallicianò, oggi frazione di Condofuri, un tempo sede di comune. È il centro più isolato tra quelli
dell’area grecanica. Si raggiunge attraverso una strada a forte pendenza e molte curve. È protetto a nord dal monte Scafi, che raggiunge la quota di 1139 m, e a sud da uno strapiombo che lascia intravedere la fiumara Amendolea. Si trova a circa 10 chilometri dalla costa e ad una quota, s.l.m., di circa 600 m. È caratterizzato da una
struttura urbana a formazione spontanea con un nucleo centrale formato attorno alla piazzetta Pietra del Corvo,
oggi denominata piazza Àlimos, su un lato della quale si eleva l’imponente volumetria della chiesa parrocchiale,
dedicata a S. Giovanni Battista. L’estetica dell’edilizia è modesta. La maggior parte delle abitazioni risponde al
Bova e il castello - Bova and the castle
95
From Gallicianò, we return to the SS 106 and make our way eastwards towards the village of Bova Marina.
Not far away from here, on the top of a hill to the north, on the nearby Vena stream, it is possible, though not easy,
to visit the ruins of the church of San Niceto (eleventh century). This church has one protruding apse and two
small right and left-hand niches carved into the building’s thick eastern wall. The church portal is in the northern
wall, as its southern and the western ones are very close to a precipice, although the southern wall does contain a
side entrance. Traces of an ancient loft suggest that the building was once two-tiered. Since the two longer walls
are thicker than the shorter ones we can surmise that the roof was barrel-vaulted. As its outer sides measure six
by seven metres, its base was probably square and seems to have followed a 30-cm modular pattern.
At this point we also wish to mention the circular church of Panaghìa, in the village of Panaìa, believed to have
been built around the ninth century, as well as ruins dating back to fourth century in the San Pasquale vicinity,
and the circular San Giovanni d’Avalos tower at Capo S.
Giovanni, probably built during the Angevin period.
At the end of the town, proceeding on down the SS 106
we take a left northward turning for Bova Superiore, situated at 820 m above sea level. We climb a winding road for
fourteen kilometres until we reach the village, where it is
possible to visit the ruins of a castle, dating back to the thirteenth century and several churches including the church
of the Holy Spirit, built between the sixteenth and eighteenth centuries, San Rocco (seventeenth century), the Immaculate (seventeenth-eighteenth centuries), and San Leo,
whose silver statue is carried in procession on the 5th May,
as well as the church of the Presentation of the Virgin Mary
which, like San Leo’s, has a Baroque altar. In the hamlet of
Santa Caterina we find a church by the same name, with a
single nave and lovely later-sixteenth-century portal. In the
town centre it is possible to visit two historical landmarks,
Nesci Palace (eighteenth century) in Piazza Roma and the
Mesiani-Mazzacuva Palace (of the same period) in via S.
Costantino.
Leaving the 106, we continue northward along a secondary road until we reach the village of Roghudi, 627 m
above sea level, clinging to a rocky crag, overlooking the
two streams wash its base. This village was abandoned in
1972 because of flooding.
We carry on along a secondary road until we arrive at
Roccaforte del Greco, 971 m above sea level. To reach the
coast, which is about twenty-eight kilometres away, we
San Nicola
pass through the villages of San Lorenzo, Chorio di San Lorenzo and Melìto di Porto Salvo. From here, going
in the direction of Reggio Calabria, we catch a glimpse new Roghudi, as desolate as the ancient site, though far
less interesting.
Continuing in the same direction, along the SS 106, we come to the turning for Annà di Melito di P. S., situated on the left as we approach the coast. From here a steep five-kilometre climb leads us to the abandoned
burgh of Pentedattilo, at 454 m above sea level. A settlement of houses rises at the foot of a mountain by the
same name, with its five finger-like peaks, to the right of which flows the Sant’Elia torrent. The inhabitants of
this village, when it was seriously damaged by earthquake in 1783, moved to the coast where they founded
the village of Melito and, further inland, the hamlet of Chorio di Pentedattilo. Here, it is possible to visit the
single-nave church of the Candelora. Two-tiered, it is neo-classical in style, while its square-based bell-tower
stands to one side of the façade. Inside, the square-floored chapel of The Most Holy Sacrament, with its vaulted
roof, was built, according to Francesco Russo, in imitation of the small Byzantine church the village had when
96
tipo edilizio a schiera, su due livelli, spesso con la scala esterna in pietra naturale. Il piano terreno, molte volte,
è destinato a deposito.
Dal centro di Gallicianò, ritorniamo sulla SS. 106 e, procedendo verso est, raggiungiamo l’abitato di Bova Marina. A pochi chilometri da esso, verso nord, sul torrente Vena, in cima ad un colle impervio, si possono visitare,
non senza difficoltà, i ruderi della chiesa di s. Niceto (sec. XI). Essa si presenta con unica abside emergente e
con prothesis e diaconicòn, incorporati a nicchia nello spessore del muro orientale. L’ingresso è a settentrione (il
lato meridionale e quello occidentale sono posizionati in prossimità di strapiombi), un’apertura è presente sulla
parete a sud. È visibile una traccia di solaio per cui l’edificio risulta a due piani. Lo spessore dei due muri lunghi
è maggiore di quello degli altri due, per cui è presumibile che il tetto sia stato a botte. Le dimensioni della chiesa,
all’esterno, sono di circa m 6 x 7 e mezzo, quindi un organismo architettonico tendente ad una forma quadrata,
le cui proporzioni appaiono ritmate sul modulo di cm 30.
Da segnalare, anche, la chiesa Panaghìa, a pianta circolare, in località Panaìa, attribuita al secolo IX; i ruderi, in
località S. Pasquale, del IV secolo e la torre, a pianta circolare, di età angioina, S. Giovanni d’Avalos, in località Capo
S. Giovanni.
Alla fine del centro abitato, procedendo a est, sempre
sulla 106 jonica, si incontra il bivio per Bova Superiore,
in direzione nord. 14 chilometri di curve portano al centro
abitato, a quota 820 s.l.m. Qui è possibile visitare i ruderi del castello, del XIII secolo, le numerose chiese, tra cui
quella dello Spirito Santo, del XVI - XVII secolo, con un
portale secentesco; la chiesa di S. Rocco, del XVII secolo;
quella dell’Immacolata, del XVII - XVIII secolo; quelle di
S. Leo, la cui statua d’argento viene portata in processione
il 5 maggio, e Presentazione di Maria Vergine, entrambe
con altari barocchi. In contrada S. Caterina si trova la chiesa
omonima, a una navata con un bel portale tardocinquecentesco. Nel centro abitato, in Piazza Roma, è situato il settecentesco Palazzo Nesci ed, in via S. Costantino, il coevo
Palazzo Mesiani - Mazzacuva.
Continuando il percorso, verso nord, abbandonando la
strada principale per una secondaria, si raggiunge l’abitato
di Roghudi, a m 627 s.l.m., aggrappato ad uno sperone che
si erge sopra due torrenti che lo lambiscono alla base. Il
centro è abbandonato a causa dell’alluvione del 1972.
L’escursione continua procedendo sulla strada secondaria. Essa conduce a Roccaforte del Greco, a quota 971 s.l.m.
e distante circa 28 chilometri dalla costa, che si raggiunge Santa Maria di Tridetti
attraversando i paesi di San Lorenzo, Chorio di San Lorenzo e Mélito di Porto Salvo. Da qui, in direzione Reggio
di Calabria, subito dopo il centro abitato, si intravede, sulla destra, il nuovo abitato di Roghudi, altrettanto desolato ma meno interessante dell’antico centro.
Dalla statale 106, nella stessa direzione, raggiunto il bivio, che si trova sulla sinistra, quindi in direzione del
mare, che indica la località Annà di Melito di P. S., inizia l’erta che porta, dopo circa cinque chilometri, all’abitato, abbandonato, di Pentedattilo, a quota 454 m sul livello del mare. Un villaggio di case addossate alla base della
montagna che porta lo stesso nome, con le sue cinque sommità appuntite, a destra della quale scorre la fiumara
di S. Elia. Il paese fu gravemente danneggiato dal terremoto del 1783, tanto che la popolazione si spostò, parte
sulla marina, formando il villaggio di Melito, e parte all’interno, formando l’abitato di Chorio di Pentedattilo.
È possibile visitare la chiesa, ad unica navata, della Candelora. Essa presenta un prospetto neoclassico, a due
ordini, con un campanile quadrato, posto lateralmente alla facciata. Al suo interno si trova la cappella del SS. Sa97
the Greek-Orthodox religion was still practiced here. Of interest the now ruined Alberti castle, dating back to
sixteenth century. In the vicinity of Musa, Zonzoloso stands one of two sixteenth-century coastal towers which
the Calabrians probably used to defend themselves against pirate incursions; this is the square-based, truncated
pyramid Pentidattilo tower.
Back on the SS 106, driving, however, in the direction of Taranto, having passed Capo Spartivento (Heracleum Promontorioum) we reach the area of Brancaleone, and enter the district known as “the Jasmine
Coast”. Here, vast expanses of these white flowers, which produce a strongly-scented essential oil, once an
important local resource. Near the village of Brancaleone Marina, it is possible to visit the Sperlongara tower from the Angevin period. It has a round base and a buttress. Having passed right through the village, we
reach the turning for Staiti on the left. Following the Gulimi valley, it is possible to visit the abandoned village of Brancaleone Superiore (310 m above sea level) before reaching Staiti, twelve kilometres further on.
In Brancaleone Superiore it is possible to visit the ruins of a castle, dating back to the fifteenth-seventeenth
century as well as the church of the Annunciation (sixteenth-nineteenth century) with a sixteenth-century
portal featuring an inscribed arch and a decorated cyma. We also wish to mention the grottos found both
in the heart of the old urban area and outside the town at some distance from the more complex rupestrian
nucleus.
Continuing on the road we arrive at Staiti, 750 m above sea level, its houses ascending the hill in tiered,
step-like formation, a place where the art of weaving is still alive. When we reach the Pantano Piccolo valley
and the slopes of Mount Campolico in the vicinity of the Fiumerella torrent, a steep downhill road brings us
to the Italo-Greek monastery of Santa Maria dei Tridetti. This triple-nave, triple-apse, rectangular-floored,
15.5 by 10.25 metre basilica, is covered for two thirds by a wooden beamed roof, while the transept has
crossed-vaulted, domed and semi-capped roofing, as Paolo Orsi reported in the official register, drawn up after
visiting the church in 1913. In 1970-71 the church was restored for the first time and, at present, is undergoing
further restoration.
San Sebastiano (Amendolea)
98
cramento, a pianta quadrangolare e copertura a cupola, che Francesco Russo ritiene corrispondente alla chiesetta
bizantina del tempo in cui la cittadina seguiva ancora il rito greco. Di rilievo, anche, il Castello “Degli Alberti”,
ormai ridotto allo stato di rudere, del XVI secolo. In località Musa, Zonzoloso, invece, c’è una delle torri costiere, anch’essa del XVI secolo, che dovevano servire per difendere la Calabria dalle incursioni piratesche, la torre
Pentidattilo, a pianta quadrangolare con l’alzato in forma troncopiramidale.
Sempre dalla statale 106 ma in direzione opposta, verso Taranto, superato il Capo Spartivento (Heracleum
Promontorium), ormai nella zona denominata “Costa dei Gelsomini”, dove si incontrano distese di gelsomini dai
cui candidi fiori si produce una essenza molto odorosa, un tempo una delle maggiori risorse di questa zona, si
entra nel territorio di Brancaleone. In prossimità del centro abitato di Brancaleone Marina si può visitare la Torre
Sperlongara, di età angioina, a pianta circolare con scarpa. Percorso nella sua lunghezza il centro, sulla sinistra,
c’è il bivio per Staiti. Risalendo la valle Gulimi, prima di raggiungere, dopo 12 chilometri, il paese, si può deviare
per visitare l’antico abitato, abbandonato, di Brancaleone Superiore, a 310 metri sul livello del mare. Qui, oltre
ai ruderi del Castello del XV - XVII secolo, da segnalare la chiesa della SS. Annunziata, del XVI - XIX secolo,
con portale cinquecentesco che presenta l’arcata iscritta e la cimasa decorata. Da visitare altresì le grotte presenti
sia all’interno del centro abitato, nel suo quartiere più antico, sia fuori in un luogo alquanto appartato dal nucleo
rupestre più articolato.
Riprendendo la strada che conduce a Staiti, 750 metri sul livello del mare, con le case arroccate a gradinata
sulla montagna e dove si pratica ancora l’arte della tessitura, ed all’altezza della valle Pantano Piccolo, presso il
torrente Fiumarella, alle falde del monte Campolico, si raggiunge, attraverso una carreggiata in forte discesa, il
monastero italo-greco di S. Maria di Tridetti. Una basilica a tre navate e tre absidi orientate, a pianta rettangolare
di m 15,50 x 10,25, per due terzi coperto da un tetto ad orditura lignea a vista, mentre il transetto era difeso da
volte a crociera, a cupola ed a mezza calotta, come ci indica Paolo Orsi che ha visitato, nel maggio del 1913, e,
quindi, riportato nei cataloghi ufficiali, il monumento. La chiesa ha subito un intervento di restauro negli anni
1970-71, un successivo restauro è stato intrapreso nei primi anni duemila.
Santa Caterina (Amendolea)
99
100
Sull’artigianato greco-calabro
Graecanic-Calabrian handicraft
Although still largely unexplored, Graecanic-Calabrian handicraft is a topic of great cultural and
anthropological interest. To date, however, only a
handful of enthusiasts have shown any true interest
in a topic that begs systematic, scholarly research.
In spite of this, given the scenario, it is possible to
distinguish some of the features that permit craftsmanship to act as a mirror to the linguistic history of
the area, that is, an ancient trunk onto which a strong
Byzantine shoot was grafted. Graecanic-Calabrian
handicraft appears, above all, as a local variation on
the great Romaic cultural theme.
This thesis is based on two sets of elements, some
generic, others specific.
Among the elements we may consider generically
Byzantine in taste we find deep respect of the canon.
Those who are even only marginally familiar with
oriental iconography, know that hagiographers are
not free to paint according to personal taste; they
must follow imposed norms relating to proportion,
colour and the characteristics of the personages
portrayed. This explains why, to the layman, all the
icons of a given saint look alike, whereas, in reality, each one is unique. Similarly, to the untrained
ear all traditional bagpipe performances, based likewise on canonical rules, sound the same, although
in actual fact they cannot be, even if the musician
is the same, because no piper ever plays the same
tune twice in exactly the same way. The musician is
obliged to move within given traditional limits although he may use his stock of conventional patterns
to produce never-ending combinations. Just as the
hagiographer, while following the canon, is enabled
Tito Squillaci
Ancora in gran parte inesplorato, quello dell’artigianato dell’area grecanica rappresenta un argomento
di grande interesse dal punto di vista culturale ed antropologico. Della questione si sono interessati fino
ad ora solo pochi appassionati e mancano studi sistematici condotti da esperti, tuttavia il panorama che si
è configurato permette di individuarne i tratti caratterizzanti, che si presentano come lo specchio della
storia linguistica di questa terra: una struttura antica,
cioè, sulla quale si è impiantata una forte componente
bizantina. L’artigianato grecanico, infatti, appare soprattutto come una variante locale della grande tradizione romaica.
Questa tesi si basa su due gruppi di elementi, alcuni
di tipo generico, altri più specifici.
Tra gli elementi riferibili genericamente al gusto bizantino si ravvisa, ad esempio, il rispetto di un canone.
Chi conosce, anche solo superficialmente, l’iconografia orientale, sa che l’artista agiografo non è libero di raffigurare le scene prescelte a suo piacimento,
ma deve obbedire, nelle proporzioni, nei colori e nelle caratteristiche dei personaggi a regole ben precise.
Questo è il motivo per cui all’occhio inesperto tutte
le icone dello stesso soggetto sembrano uguali mentre, in realtà, non esistono due icone uguali. Allo stesso modo, per l’orecchio inesperto tutte le sonate per
zampogna sono uguali, mentre non possono mai essere
uguali, neanche se suonate dallo stesso artista, poiché
anche la musica tradizionale si basa sul rispetto di un
canone. Esistono cioè dei binari dentro i quali il suonatore è obbligato a muoversi, ma all’interno di essi egli
opera combinando una serie di moduli che vengono
ininterrottamente variati e reiterati. Come l’iconogra101
Gli stessi modelli nel tempo:
Plumì di Roghudi e timbro per la prosforà
Similar patterns over space and time:
a plumì from Roghudi and a prosfora seal
Coperta “cretese” e
coperta greco-calabra
“Cretan” blanket and
Greek-Calabrian blanket
102
to express his own spirituality by means of a work of art comprehensible
to all, a precise musical canon permits pipers to play in a manner far more
original than many modern musicians, obliged to repeat, note by note,
over and over again, what has been written down once and for all. Similar
respect of the canon is found in Graecanic dancing, which, despite its
fixed patterns, allows dancers great freedom of expression; the same may
be said of the area’s handicraft which is likewise based on recurring patterns, mostly geometrical (e.g. circles, squares, triangles, rhombi, friezes
etc.), combined to create typical, recognisable designs.
A second feature of Graecanic handicraft attributable to the Byzantine
mind-set, is simplicity of taste which never produces triviality or sameness but, on the contrary, generates complex motifs, especially in the case
of weaving. The same simple taste is found in the façades of Romaic
churches where combinations of basic architectural elements create precious decorations that are never either excessive or pretentious.
A third important aspect to consider is the essentially symbolic nature
of Graecanic-Calabrian art. As a matter of fact, one rarely finds lifelike
pictures of trees, flowers or animals on the craft products of the area
despite the culture’s strong agro-pastoral links. We find, instead, abstract, highly stylised, geometrical motifs of profound psychological and
spiritual significance.
One final element is the strictly religious origin of certain images, the
isometric Greek cross being one of the most frequently used, in Graecanic
textiles and wooden objects (with the exception of goats’ collars).
Apart from these more generic elements, the second set of elements
brings us to the very the heart of Byzantine civilisation and to motifs
which seem to have been copied directly from items belonging to the Romaic world.
For example, the plumì, a wooden seal used to mark ring-shaped cakes
in Roghudi, is identical to a seal found in Arta, dating back to the sixth
century and probably used on the bread used in the Divine Liturgy, the prosoforà; the papazze, female figurines, with a Greek cross on their heads, a
clear symbol of Lent, used by children in Greece at the time; the gorse-motif blanket identical to that found in Thessaly and known as Cretan.
Like other aspects of daily life (cultural, psychological and spiritual),
Graecanic handicraft may be fully understood only if related to the patterns, the tastes and values of the Romaic civilisation, which provides the
key to an interpretation not only of these patterns and motifs, but also to
the values underscoring them. Many humble everyday handcrafted articles
still bear witness to the fundamental beliefs characterising the traditional the Byzantine Calabrian way of life, which despite the difficult social
conditions of the time, were founded on the sacredness of work and life,
humility and a sense of beauty and joy (so eloquently expressed in the
splendid colours of handmade Graecanic blankets). These values, rooted
in eastern spirituality were, most probably, instilled into the people here
by the throngs of holy monks, to whom Calabria acted as mother, refuge
and cradle.
Nevertheless, although the Byzantine element remains the tradition’s essential watermark, it is not the only one to be found in Graecanic Calabrian
handicraft. Some elements refer further back, to the Magna Graecia period
fo, che nel rispetto del canone esprime pienamente la sua esperienza spirituale, realizzando nel contempo un’opera di comprensione universale, così lo
zampognaro si muove dentro il solco della tradizione, ma all’interno di esso
è assolutamente libero, molto più del musicista moderno che è obbligato a ripetere nota per nota ciò che è stato composto una volta per sempre. Lo stesso
rispetto di un canone rigido, ma che lascia al suo interno una grande libertà,
lo ritroviamo nel ballo calabrese tradizionale, ed infine anche nell’artigianato,
che è anch’esso basato su una serie di moduli, per lo più geometrici (cerchi,
rombi, quadrati, triangoli, greche, ecc.) che l’artigiano combina e varia continuamente dando vita a schemi caratteristici, tipici e ben riconoscibili.
Un secondo aspetto riferibile alla mentalità bizantina, sta nella semplicità
del gusto, che però non significa banalità o ripetitività, ma anzi si traduce in
forme estremamente complesse, soprattutto nella tessitura. È lo stesso gusto
che ci è dato vedere, ad esempio, nel gioco di mattoni che impreziosisce le
facciate delle chiese romaiche, nelle quali dalla combinazione di elementi
semplici nascono decorazioni complesse, ma mai troppo cariche o pesanti.
Un terzo, importante, aspetto è dato dalla natura essenzialmente simbolica
dell’arte greco-calabra. In essa, infatti, non si ritrovano quasi mai raffigurazioni naturalistiche, né fiori, né alberi, né animali, come ci si aspetterebbe
in prodotti appartenenti ad una cultura essenzialmente contadina e pastorale,
bensì figure geometriche ed astratte, o tutt’al più stilizzate, con profonde
valenze psicologiche e spirituali.
L’ultimo elemento, infatti, sta nell’origine palesemente religiosa di alcune raffigurazioni, ed in particolare nella presenza della croce, rappresentata
quasi esclusivamente alla greca, cioè a braccia uguali, che costituisce uno
degli elementi base tanto dell’intaglio del legno (esclusi, però, i collari per
capra) che della tessitura.
A parte questi aspetti più generici, il secondo gruppo di elementi che ci riporta prepotentemente alla civiltà bizantina è costituito da alcune raffigurazioni che sembrano tout court copiate da reperti provenienti dal mondo romaico.
Per esempio un plumì di Roghudi, cioè un timbro in legno per decorare
le ciambelle, è identico ad un timbro per la prosforà, il pane per la Divina
Liturgia, trovato ad Arta e datato al 6° secolo; papazze raffiguranti una figura
femminile con una croce greca posta sul capo sono chiaramente riferibili a
quelle raffiguranti la quaresima, diffuse tra i bambini in Grecia in tale periodo, uno schema di coperta di ginestra è indistinguibile da quello di una
coperta prodotta in Tessaglia (lì detta cretese).
Anche l’artigianato, come tanti altri aspetti (culturali, psicologici, spirituali) della vita quotidiana nell’area grecanica, acquista tutti i suoi significati
solo se rapportato agli schemi, al gusto, ai valori della civiltà romaica, nella
quale troviamo non solo i riferimenti per capire il senso di schemi e raffigurazioni, ma troviamo soprattutto i valori che hanno ispirato tali segni. In tanti
umili manufatti costruiti per l’uso quotidiano leggiamo ancora, infatti, i valori fondanti della vita tradizionale del calabrese bizantino, la quale, pur tra
le difficoltà legate alla realtà sociale dell’epoca, appare improntata sulla sacralità del lavoro, sulla sacralità della vita, sull’umiltà, sul senso del bello,
della gioia (espressa meravigliosamente negli splendidi colori delle coperte,
che testimoniano vitalità e amore per la vita). Tutti valori, questi, inculcati al
popolo calabrese, riteniamo, dalla folta schiera di santi monaci, incardinati
nella spiritualità orientale, di cui la Calabria fu madre, rifugio e culla.
Intagli tradizionali del legno
traditional wooden handicrafts
Papazze greche di Calabria e di Grecia
Greek-Calabrian and Greek puppets
103
Gli stessi modelli nel tempo:
rombi concentrici su cocci preistorici e
su coperta greco-calabra
Similar patterns over time and space:
concentric rhombi on prehistoric relics
and on a Greek-Calabrian blanket
in fact, others even to Neolithic times. Some primitive patterns like the
concentric rhombi frequently found in Graecanic textiles and carved items
as well as in pottery shards found in the countryside around Bova and dating back to Stentinellian times, while other “solar” patterns are evidently
pre-Christian. As a matter of fact, Graecanic handicraft bears witness to a
history of at least 9,000 years.
Today this age-old tradition continues to find expression only in weaving
and carving of the highest quality (e.g. spoons, dessert and cheese moulds,
goats’ collars, corset stays, blankets, tablecloths etc.). Unfortunately, these too
are gradually dying out along with the agro-pastoral world they stem from.
However, a certain effort is being made today by some Graecanic Calabrians to revive these handicrafts by “translating” the tradition in functional and modern terms to enable it to suit the demands of contemporary
life, while rediscovering and re-evaluating the values it is based on and
which are to be found even today in civilisations of Byzantine origin. The
idea is to use traditional patterns and materials (wood, broom, stone, brick
etc.) to create everyday objects, for example, stain-glass panes, tables, furniture, greeting cards, as well as larger, more complex structures like urban
fixtures, façades, paving. To date, what has been achieved, although not
very much, leaves room for hope.
Gli stessi modelli nel tempo: coperta di Roghudi e tovaglia in un affresco del Monte Athos
Similar patterns over space and time: a blanket from Roghudi and tablecloth in a fresco, Mount Athos, Greece
104
Tuttavia, se l’impronta bizantina appare preminente, essa non è l’unica presente nell’artigianato greco-calabro. Alcuni elementi, infatti, sono rapportabili
ad epoche ben più antiche, come la Magna Grecia, e più antiche ancora, fino
addirittura al neolitico. Alcuni schemi primordiali, per esempio i rombi concentrici presenti oggi sia nell’intaglio che nella tessitura, sono attestati in cocci
ritrovati nelle campagne di Bova Marina e riferibili al periodo Stentinelliano,
altre immagini sono chiaramente “solari”, quindi precristiane, ecc. L’artigianato grecanico, insomma, attesta un percorso storico di almeno 9.000 anni.
Tale lunghissima tradizione si esprime oggi in due settori soltanto, l’intaglio del legno e la tessitura, per i quali sono ancora reperibili ottime realizzazioni (cucchiai, timbri per dolci, stampi per formaggi, collari per capre,
stecche per busto, coperte, tovaglie, ecc.). Tuttavia, essendo entrambi queste
attività legate al mondo agro-pastorale, esse stando necessariamente seguendo la sua stessa sorte, e cioè quella di un forte declino.
Una possibilità di rivitalizzazione è riposta in alcuni tentativi, portati
avanti in ambienti culturali dei greci di Calabria di “tradurre” la tradizione
artigianale in termini moderni e funzionali alle sfide della società odierna,
ponendo alla base la riscoperta e rivalutazione dei suoi valori ispiratori, insiti
ancora oggi nelle culture di origine bizantina. L’idea è quella di utilizzare gli
schemi ed i materiali tradizionali (legno, ginestra, pietra, mattoni...) per realizzare oggetti di uso comune, da semplici vetrate, tavoli, mobili, bigliettini
d’auguri, fino a strutture complesse come l’arredo urbano, le facciate delle
case, i selciati delle strade, ecc. Gli esempi finora realizzati, sebbene pochi,
lasciano aperto uno spiraglio di speranza.
Modelli tradizionali: da una coperta a
un tavolino
Traditional patterns:
from a blanket to a small table
Croce d’oro ispirata ad un antico modello greco-calabro
Golden cross based on an ancient Greek-Calabrian model
Modelli tradizionali su un orologio moderno
Traditional patterns on a modern watch
105
106
Note sulla cultura del territorio grecanico
Cultural notes on Graecanic Calabria
In the area immediately east and south-east of Reggio, between the villages of Cardeto and Africo roughly,
the Graecanic tradition has been better preserved than
in the rest of Calabria, while in the province of Reggio
Calabria and the district surrounding the Amendolea
valley one finds objective evidence of some degree of
survival. The most important early twentieth-century
Calabrian Graecanic centres were Cardeto, Amendolea,
Condofuri, Gallicianò, Roccaforte, Roghudi and Bova,
while nowadays we find only Roghudi, Gallicianò and,
to a certain extent, Bova. We must point out, however,
that the Greek culture of Calabria was not exclusive to
the above-mentioned areas. In the early Middle Ages,
the whole of Calabria was culturally and linguistically
Byzantine. In the late Middle Ages, the Greek language
was still spoken in the provinces of Catanzaro and Reggio, while in the Cosenza area another branch of the
Byzantine tradition, of Albanian ethnic origin, started
to arrive bringing in its wake a language that was a hybrid of Greek and Albanian. Moreover, throughout the
Middle Ages, the planes of Gioia Tauro - once called
Saline, later Valle delle Saline and finally Piana di San
Martino or Terranova - were especially appreciated for
their Graecanic language and culture. In more modern
times, this ancient tongue was still alive and in everyday
use on the slopes of Aspromonte, in the burghs of Santa
Georgia and Cosoleto, in the Gallico valley, as well as
in all the territory east and south-east of Reggio, from
Sant’Agata to Mosorrofa, to Motta San Giovanni, Montebello, Pentedattilo, San Lorenzo and Palizzi, besides
the places mentioned above. Regardless of the different
reasons one might mention to explain the relatively recent decline of Greek culture in Calabria, it appears evi-
Domenico Minuto
Il territorio immediatamente ad est e sud est di
Reggio, all’incirca fra Cardeto e Africo, ha una tradizione grecanica che si è mantenuta più a lungo nel
tempo rispetto al resto della Calabria ed anche della
provincia reggina ed attorno alla vallata dell’Amendolea mostra ancora un residuo di vitalità oggettivamente verificabile. I suoi centri più notevoli nel
nostro secolo sono stati Cardeto, Amendolea, Condofuri, Gallicianò, Roccaforte, Roghudi e Bova,
ed oggi sono ristretti a Roghudi e Gallicianò, con
qualche testimone a Bova. Occorre, però, ricordare
che la cultura greca di Calabria non è esclusiva di
questo territorio. Infatti, nell’età altomedievale tutta la Calabria fu bizantina, anche nella lingua. Nel
basso medioevo, la lingua greca continuava ad essere parlata nel Catanzarese e nel Reggino, mentre
nel Cosentino cominciavano ad affluire i portatori di
un altro filone della medesima cultura bizantina, di
lingua mista, albanese e greca, e di etnia albanese.
Durante tutto il medioevo, la Piana di Gioia Tauro,
allora denominata Saline, Valle delle Saline e poi
Piana di San Martino o di Terranova, fu particolarmente apprezzata per la cultura e la lingua grecanica. Più tardi, in età moderna, l’antica lingua continuò a mantenersi sulle pendici dell’Aspromonte; nei
centri di Santa Georgia e Cosoleto; nella vallata del
Gallico; in tutto il territorio ad est e sud est di Reggio, da Sant’Agata a Mosorrofa, a Motta San Giovanni, a Montebello, a Pentedattilo, a San Lorenzo,
a Palizzi, oltre che nei centri menzionati all’inizio.
Quali che siano le diverse cause prossime di questa
corrosione, appare chiaro che la tradizionale cultura
greca di Calabria abbia subito un attacco sempre più
107
dent that it yielded to the increasingly overwhelming impact of other cultures, introduced initially by the foreign, later
by the local, ruling classes. I use two important adjectives here: Greek and Graecanic. The former refers to the culture
I am speaking about in general, the latter to its traditional local definition. I also mention Byzantine culture, as this is
the very matrix of Calabrian identity because it nourished the cultural life of the area for over a millennium. Finally, I
often refer to the language since this, in particular, is culture’s most immediate sign and efficient vehicle. At least four
other cultural expressions need to be taken into consideration, however: custom, craftsmanship, music and religion.
I do not intend analysing any of these five facets of culture in great detail, as each one of them would provide
more subject-matter than I need to handle here; not only, but I am more interested in reaching other kinds of conclusions. I simply wish to point out that all of them stem from a common Romaic, that is, Byzantine, cultural matrix
and that, as a result, their roots are solidly implanted in the culture of the Roman Empire. Furthermore, the language
goes back to an even remoter past, that of the Homeric era. Some of the patterns used by craftsmen here are those
which the late Classical and Byzantine cultures borrowed from prehistoric times. So its happens that decorations on
an object may resemble those found on others from the same area belonging to pre-Greek cultures, as well as those
on items found in areas distant from here though also of Romaic influence. The motifs used in handmade textiles
are enlivened by the juxtaposition of bright colours and can still be admired in those produced in the three major
centres of Roghudi, Gallicianò and Bova, and traditionally associated with Cardeto, despite the erroneous, negative and unwarranted connotation contained in the dialectical “cardolu”. In other areas of Calabria where similar
objects were also made, only those produced in the last century reveal a taste for colour comparable to that found
in present-day Graecania. Their customs are akin to those of the peoples belonging to the Byzantine empire and
their religiosity is nourished by the liturgy of the Eastern Christian Church and the Italian-Greek monastic tradition.
Furthermore, it is necessary to keep in mind two further cultural traits that characterise the people living in
this district, like those of all other regions: work and history. The prevalent occupations, at least during the two
millennia of the Christian era, were agriculture and animal farming often tantamount to economic poverty, even
destitution for many centuries, but not during the five hundred years of Byzantine rule, when work was prevalently
108
vincente da parte di altre culture, veicolate nella società calabrese dalle classi dominanti, prima forestiere,
poi anche locali. Ho usato due aggettivi simili, greco e grecanico, intendendo con il primo la caratteristica
della cultura di cui sto parlando e con l’altro la tradizionale sua definizione in ambito locale. Ho parlato anche
di cultura bizantina, perché essa è la matrice che ha creato l’identità del popolo calabrese e ne ha alimentato
per più di un millennio le forme di vita culturale. Infine, ho parlato spesso della lingua, perché essa è il segno
più immediato ed anche il veicolo più importante di una cultura. Ma, nel nostro caso, occorre considerare
almeno altri quattro ambiti di espressione della medesima cultura: le abitudini, l’artigianato, la musica e la
vita religiosa.
Non intendo analizzare particolareggiatamente nessuno di questi cinque volti della cultura grecanica, perché il discorso sarebbe necessariamente assorbito da un così vasto argomento, mentre a me preme fare altre
considerazioni. Ricordo soltanto che essi, come ho detto, sono alimentati dalla comune matrice romaica, cioè
bizantina, e pertanto, come questa, affondano le radici nella cultura dell’impero romano. La lingua, addirittu-
ra, mostra i segni di una eredità ancora più antica, che risale fino ai tempi omerici. L’artigianato usa nei suoi
schemi formali disegni che la cultura tardo antica e bizantina ha mutuato dalla preistoria; succede, così, che
l’ornato di un oggetto artigianale di questo territorio mostri concordanze con decorazioni di culture pregreche
dello stesso territorio e sia del tutto simile ad altri oggetti esemplati in località assai distanti della medesima
ecumene romaica. Nell’artigianato tessile, i disegni sono ravvivati dall’accostamento acceso dei colori: esso si
può ammirare ancora oggi nei prodotti dei tre centri maggiori, Roghudi, Gallicianò e Bova ed è ricordato per la
tradizione di Cardeto, ma con l’aggiunta di un giudizio negativo del tutto erroneo e ingiustificato, implicito nel
significato dell’aggettivo dialettale “cardolu”. In altri luoghi della Calabria reggina, dove era in vita il medesimo artigianato tessile, soltanto i manufatti che risalgono al secolo scorso mostrano una sensibilità cromatica
simile ai prodotti odierni dell’area ancora grecanica. Le abitudini sono affini a quelle dei popoli dell’impero
bizantino e la spiritualità religiosa è stata alimentata dalla liturgia della Chiesa d’Oriente e dalla tradizione
monastica italogreca.
109
110
subordinate. In actual fact, if, during the Byzantine era
small-holding played a fundamental social role in Calabria and there was no significant difference between
town and country life and culture, later, with the introduction of the Feudal system by the Normans, and
the subsequent reduction of many small landowners to
servitude, the majority of the surplus population became serfs or farm labourers, thus losing all their onetime social status and finding themselves on the verge
of mere survival while the gap between the rural areas
of production and the urban centres of power widened.
This meant that a clear distinction began to be made
between the prevalently oral cultural heritage of the
peasants and that of the urban population, because the
Illiteracy of the former assumed a negative connotation synonymous with ignorance.
In agriculture, the cultivation of superior vines for the
production and commercialisation of high-quality wines
is another ancient tradition which, from Byzantine times
to the eighteenth century, was accompanied by the cultivation of the mulberry tree for the production of silk,
an industry which thrived here for hundreds of years.
But already in the eighteenth century the production of
olive-oil began taking over, while during the nineteenth
century the cultivation of citrus fruits, in particular, the
highly appreciated bergamot, spread to many areas. As to
the pastoral sector, this ranges from the ancient tradition
of producing high-quality horse meat for exportation (at
least until the sixteenth century) to the widespread and
persistent rearing of pigs facilitated by the availability of
oak trees, which still characterise the present-day landscape along with the olive tree. Later on, horse breeding
died out while pork was gradually limited to consumption in the home and in taverns. From the later Middle
Ages on, sheep farming increased bringing greater benefits to the upper classes than to the farmers themselves.
For many centuries this kind of consumption too was
limited to a domestic or a rather modest local market.
Today goat breeding is prevalent, even if it has practically died out altogether in other areas.
On the hills, between 200 and 700 metres above sea
level, the experts have found numerous remains of prehistoric populations and cultures. Somewhat less interesting are those left behind by ancient classical Greek
culture, also because the more precious artefacts were
and continue to be stolen systematically and, hidden,
therefore, from the collective awareness, so that what
remains is often negligible, frequently damaged. Nonetheless, all these items bear witness to the ancient presence of rustic homes and farmsteads all over the area
Bisogna, inoltre, tener presenti due altri elementi
che hanno caratterizzato la vita della popolazione di
questo territorio, come di ogni altro popolo, influenzando profondamente la sua cultura: il lavoro e la
storia. Il lavoro di gran lunga predominante, almeno
nei due millenni dell’era cristiana, è stato quello di
tipo agricolo e pastorale; esso, per una larghissima
maggioranza, si è accompagnato ad un’economia
povera, in alcuni casi misera, e per molti secoli, ma
non durante il mezzo millennio di ininterrotta amministrazione bizantina, fu prevalentemente di tipo
subordinato: infatti, se in età bizantina i piccoli proprietari costituirono il nerbo della società calabrese e
non c’era differenza di vita e di cultura fra città e campagna, dopo l’introduzione del feudalesimo ad opera
dei Normanni e la conseguente riduzione allo stato
servile di molti proprietari, la classe numericamente
sovrabbondante fu quella dei servi della gleba e dei
braccianti: ma essa aveva perso ogni potere sociale e
subì secolari angarie che la condussero spesso ai limiti della sopravvivenza; nello stesso tempo si creò un
sempre maggiore divario fra i luoghi della produzione, cioè quelli rurali, ed i centri del potere, detentori
anche della cultura ufficiale.
Venne distinta nettamente la cultura contadina, precipuamente orale, da quella cittadina e la prima fu ritenuta sinonimo di ignoranza, perché il concetto di analfabetismo assunse valenze esclusivamente negative.
Nell’ambito agricolo, la coltura pregiata della vite
per il commercio del vino ha un’antichissima tradizione; ad essa si affiancò, a partire dall’età bizantina fino
a tutto il secolo XVIII, la coltivazione del gelso per la
produzione della seta, fonte di un’industria artigianale
per alcuni secoli fiorentissima, quella della tessitura.
Ma già nel secolo XVIII cominciò a prevalere la coltura dell’olivo e dal secolo scorso si impose in molte zone del territorio quella degli agrumi, fra i quali
ebbe un particolare pregio il bergamotto. Nell’ambito
pastorale, i più antichi allevamenti finalizzati all’esportazione furono quello equino, assai pregiato fino
al XVI secolo circa, e quello suino, assai persistente
ed al quale è correlata la sovrabbondanza delle querce, che caratterizzano il paesaggio odierno assieme
agli ulivi. Poi l’allevamento equino decadde e quello
suino fu ristretto e quasi esclusivamnte destinato al
consumo interno, di tipo familiare, o a quello quasi
altrettanto familiare delle osterie. A partire dal basso
medioevo venne incrementato l’allevamento ovino, a
beneficio preponderante delle classi abbienti, più che
degli allevatori. Esso per molti secoli fu un’attività
111
alongside military strongholds, like that discovered near Condofuri Marina and tombs like those discovered not only
close to the coast but also at a certain altitude. Place names containing the lexeme “dromo” and its many derivatives
reflect the important role played in the past by coastal and mountain roads, traces of which are still visible. As elsewhere, the Roman era is evident here thanks to the presence of ancient rural villas and the pottery industry. Evidence
of intensive farming and of agricultural trade lies in the presence of settlements on the lower hillsides; farming was
also carried out, however, even in areas bordering on the mountain forests, as confirmed by place names referring,
etymologically to taxes paid on arable land back then (e.g. Gallicianò and Bruzzano). From these mountain areas
comes the precious Silan pitch used in various industries and for different purposes, above all to insulate pottery. The
many cisterns and troughs that have come down to us in fairly good condition because carved in stone, as well as
the remains of paved Roman roads found within both the lower and upper hill belts, like those linking the villages of
Bruzzano and Ferruzzano, bear witness to the prevalence of intensive wine-production here, something highly appreciated all over the area from Pellaro to Palizzi to the present day. All this confirms, moreover, the tendency to settle in
areas between the lower hill belts and the mountains, something already practiced in prehistoric times.
This housing system that became prevalent in late Classical times, that is, between the fourth and sixth centuries AD, spread throughout the entire area thanks to a flourishing agricultural economy documented by the
noteworthy presence of Roman pottery traders, who sought, above all, the wine amphorae produced in the local
workshops along the coast between Pellaro and present-day Marina di San Lorenzo.
The Romaic, better known as Byzantine, civilisation, consolidated the human geography and most of the
cultural expressions of the late Roman era, included farming, bestowing on them a vitality and productivity they
maintained up until the beginning of the twentieth century, that is, for over a millennium. From the Byzantine era
on, two important novelties were introduced: first, the mulberry which became the foremost crop and secondly,
among the enterprising class, the spread of monastic and clerically owned property.
At the beginning of this long domination, several villages were built high up in the mountains, and flourished as
far as the all-powerful feudal lords and their representatives, who succeeded the Byzantines, would allow. These
112
destinata prevalentemente al consumo interno; con una modesta commercializzazione a livello locale. In tale
allevamento oggi prevale la capra, che in altri territori è ormai in estinzione.
Nelle prime e nelle seconde fasce collinari, fra i 200 e i 700 metri circa, gli esperti ritrovano infiniti segni
della presenza di popolazioni preistoriche e della loro cultura. Un poco meno interessanti sembrano le tracce
dell’età greca classica, perché quelle di un certo pregio furono e continuano ad essere sistematicamente sottratte alla consapevolezza collettiva ed i segni della cultura materiale di quella età sono trascurati e in gran parte
distrutti; essi, tuttavia, ci informano della presenza di case rustiche e fattorie, un po’ dappertutto; di fortificazioni militari, come quella ritrovata presso Condofuri Marina; di tombe, anch’esse disseminate nel territorio,
e non soltanto presso la costa, ma anche sulle alte colline; di strade, sia costiere che montane, il cui indizio
è la presenza diffusa del toponimo “dromo” e di suoi derivati. L’età romana sembra caratterizzata, qui come
altrove, dalle ville rustiche e dall’industria figulina; le tracce di questi manufatti denotano un’intensa attività
agricola ai fini della commercializzazione dei prodotti ed indicano una occupazione abitativa del territorio
disposta soprattutto intorno alle prime fasce collinari; ma le colture risalivano i colli, come ci indicano i topo-
nimi di origine prediale (come Gallicianò e Bruzzano), giungendo fino ai boschi della montagna, da dove si
estraeva l’apprezzata pece silana, necessaria per molte industrie ed anche per impermeabilizzare i contenitori
fittili. La presenza di numerosi palmenti, giunti fino a noi perché in gran parte scavati nella roccia, e dei segni
delle antiche vie romane selciate, in località poste fra le prime e le seconde colline, come nelle campagne di
Bruzzano e di Ferruzzano, dove tali palmenti sono ancora visibili a centinaia, sparsi fra i resti di villaggi e di
strade, ci indica sia la scelta preferenziale dello sfruttamento agricolo, cioè quella del vino, che fino ad oggi
è particolarmente apprezzato in tutto il territorio, da Pellaro a Palizzi, sia la tendenza a ripercorrere i modi
dell’occupazione del territorio che erano già stati preferiti in età preistorica, con una frequenza umana attestata, pertanto, soprattutto fra la prima fascia collinare e la montagna.
Questo assetto abitativo divenne predominante in età tardo antica, fra il IV e il VI secolo d.C., quando l’attività
agricola e la sua commercializzazione conobbero una particolare fioritura, documentata dalla presenza notevole
113
114
mountain burghs include Motta Sant’Agata, Cardeto,
Motta San Niceto, Motta San Giovanni, Montebello,
Pentedattilo, Bagaladi, San Lorenzo, Roccaforte del
Greco, Roghudi, Gallicianò, Amendolea, Bova, Palizzi,
Pietrapennata, Africo, Bruzzano and Ferruzzano. The
territories between Motta Sant’Agata and Montebello were linked to Reggio by a long-term bond which
was not always peaceful: the different fiefs owned by
the Greek monastery of San Nicola di Calamizzi in this
area bear witness to this fact, as well as the fierce and
proud opposition of Motta Sant’Agata to the expansionist policies of Reggio which succeeded in destroying the
flourishing village of Motta S. Niceto in the fifteenth
century. The area between Pentedattilo and Amendolea
remained under the influence of the Greek monastery of
San Salvatore di Messina for hundreds of years. Within
the ambit of this kind of influence, the centre of San
Lorenzo grew in importance. In my opinion, the name
recalls the Italo-Greek ascetic monk, Saint Lawrence,
born in Frazzanò (province of Messina, Sicily), abbot of
San Filippo di Fragalà, a monastery closely associated
with San Salvatore in Messina, Sicily; he was also abbot
of San Domenico di Gallico in the Reggio vicinity.
The relationships between the area we are examining
here and the towns around the Straits of Messina were
long-lasting, capillary and intense thanks to the property owned by the clergy, which, unlike that of the feudal
lords, reaped greater benefits because of the links between the various fiefs. Later, between the end of the
nineteenth and the last decades of the twentieth centuries, the radical modernisation of transport and roads, as
well as other cultural changes, had a significant impact
on the society of the area from the coast to the hills, a
trend which is being counteracted to some extent only
recently. The replacement by roadways of trails once
travelled only on foot or horseback has changed people’s
perception of distance. The above-mentioned villages,
for centuries interlinked and connected with Reggio, are
now considered remote, even inaccessible. The peasant
class has practically disappeared, the pastoral tradition is
dying out and the general consumer population, which
tends to be amorphous and include most people, has to
address the many problems of contemporary society’s
everyday life. Today, as in the Byzantine era, there is no
striking difference between the lifestyles of the country
and town although the situation assumes a different connotation, because, in the past, agriculture had a unifying
effect while today people suffer because of the decline in
farming and loss of identity. One clamorous sign, cause
or effect as it may be, of this new social condition, are
nei mercati romani di anfore vinarie prodotte dalle officine figuline che erano disseminate lungo la costa fra
Pellaro e l’attuale marina di San Lorenzo.
La civiltà romaica, più comunemente detta bizantina, consolidò tutti gli aspetti della cultura romana
tardo antica, compresi quelli dell’attività agricola e
della geografia antropica, e diede loro una vitalità che
rimase praticamente intatta fino alle soglie del nostro
secolo, cioè per più di un millennio, dal secolo VI al
XIX. Ma dall’età bizantina in poi furono introdotte
due notevolissime varianti: nelle coltivazioni, la predominanza della gelsicoltura; nella classe imprenditoriale, la diffusa presenza della proprietà religiosa, sia
monastica che ecclesiastica.
Verso gli inizi di questa lunga epoca cominciarono a formarsi numerosi agglomerati abitativi di altura; essi furono fiorenti finché e nella misura in cui lo
permise la prepotenza dei signori feudali succeduti
all’età bizantina e dei loro rappresentanti. Ricordo Motta Sant’Agata, Cardeto, Motta Santo Niceto,
Motta San Giovanni, Montebello, Pentedattilo, Bagaladi, San Lorenzo, Roccaforte del Greco, Roghudi,
Gallicianò, Amendolea, Bova, Palizzi, Pietrapennata,
Africo, Bruzzano, Ferruzzano. Il territorio fra Motta
Sant’Agata e Montebello mantenne a lungo legami
particolari con Reggio, anche se, spesso, tutt’altro che
pacifici: si pensi, ad esempio, alle numerose proprietà
detenute dal monastero greco di s. Nicola di Calamizzi in quest’area, oppure alla fiera avversione di Motta
Sant’Agata contro le mire espansionistiche di Reggio
che, invece, riuscì a fare distruggere nel XV secolo la
fiorente città di Motta Santo Niceto. Il territorio fra
Pentedattilo e Amendolea fu per secoli posto sotto
l’influenza del monastero greco del santissimo Salvatore di Messina; nell’ambito di questa diretta influenza sorse l’importante centro di S. Lorenzo che ricorda,
credo, nel nome, il santo asceta italogreco Lorenzo,
nativo di Frazzanò in provincia di Messina e abate del
monastero di s. Filippo di Fragalà collegato con il ss.
Salvatore; egli fu anche abate del monastero greco di
s. Domenica di Gallico vicino Reggio.
I rapporti, dunque, fra il territorio che stiamo esaminando e le città dello Stretto, furono a lungo intensi e
capillarizzati, soprattutto grazie ai beni posseduti dagli enti religiosi che, a differenza dei signori feudali,
traevano maggiore vantaggio dalle interconnessioni
fra le varie località piuttosto che dal loro isolamento.
Poi, tra il finire dell’Ottocento e gli ultimi decenni del
nostro secolo, la trasformazione radicale dei mezzi di
trasporto e gli altri fenomeni della cultura contempo115
the anonymous dormitory suburbs that have sprung up like blight wherever there is room, invading all the green areas
available. In late classical and Byzantine times, settlements were small and stood amid green fields, and each home
had its own small vegetable garden. That that era is not so very remote, is proven by the fact that many people can still
remember a time when goats were driven through the streets of Reggio as milk was delivered to the citizens.
I already mentioned the fact that illiteracy, the origins of which lay in the oral nature of peasant culture, was
judged in absolutely negative terms. This induced the dominant class to consider farming and the pastoral tradition
as synonymous with ignorance and superstition; from this it was easy to label them as backward, brutal, coarse, and
even a social hazard. Because of similar widespread prejudices, the dominant class failed not only to share or even
appreciate the human values underscoring the oral tradition, its spiritual sensitivity and age-old civilisation. As a
result, the ancient language and local dialects too are vanishing fast, along with the peasant tradition, the ancestral
religious rites of Orthodox Christian spirituality, while the age-old craft traditions are dying out as skills and artefacts are scattered and lost. The gradual disappearance of the peasant class has occurred because people wanted to
free themselves from a social condition generally considered despicable and base. The urgent need to wipe out an
identity one ought to feel ashamed of and the negative connotations with which official history had labelled it, led
to the loss of a certain cultural heritage and may be seen as one of the causes of much of today’a social degradation.
A negative appraisal of Calabrian history, especially that of the Middle Ages, something inherited from Enlightenment thinking and which still influences public opinion, was corroborated by the Marxist approach, very
popular among intellectuals until rather recently. One of the most disturbing facets of this state of affairs is that, not
only most schoolbooks and erudite local publications, but also learned scholars who are not Mediaevalists, adhere
to this prejudice. According to this view of things, the hillside settlements and dwelling places which characterised
vast areas of Calabria for over a millennium, were the result of the impelling, dramatic need to flee uphill and inland from coastal areas in the face of frequent threats of violent invaders, nearly always imagined as Saracens, and
seek refuge. The precarious physical and social living conditions that followed these geographic displacements
helped strengthen the negative connotations attributed to these settlements, where the difficult living conditions
116
ranea impressero un totale cambiamento di tendenza, dai colli alla costa, che soltanto negli ultimi anni comincia
ad essere in parte corretto da una controtendenza. La sostituzione delle vie pedestri (di uomini o di cavalcature)
con vie rotabili ha apportato una completa trasformazione nella valutazione delle distanze. Quasi tutti i centri sopra indicati, per secoli ben collegati fra di loro e con Reggio, vennero e sono in parte considerati lontanissimi, se
non addirittura inaccessibili. Nella nostra età la classe contadina è scomparsa; quella dei pastori è in declino e la
massa tendenzialmente amorfa dei consumatori, nella quale più o meno siamo ormai tutti compresi, si dibatte fra
i problemi odierni che coinvolgono tutta la società. Oggi, come nell’età bizantina, non c’è più distinzione fra città
e campagna, ma con valenze capovolte: allora si era unificati sotto il segno dell’agricoltura, oggi ci accomunano
la caduta di questa attività primaria e la progressiva perdita di ogni identità. Un segno vistoso, causa od effetto
che sia, della nuova condizione sociale, è l’allargarsi dappertutto, laddove ci siano ancora spazi disponibili, degli
anonimi quartieri dormitorio di tipo suburbano che subentrano al verde, mentre in età tardo antica e bizantina i
centri abitativi erano dappertutto piccoli e mescolati ai campi, che non solo li circondavano, ma intervallavano
le case, ciascuna delle quali, poi, aveva il suo piccolo orto. Quanto sia a noi vicina negli anni quella età possono
indicarcelo le persone che ancora oggi ricordano il passaggio delle capre per le vie di Reggio al fine di fornire il
latte fresco ai cittadini.
Ho accennato all’interpretazione dell’analfabetismo, cioè originariamente della cultura orale, come fenomeno
esclusivamente e gravemente negativo. Essa ha indotto la cultura dominante a vedere nella tradizione contadina
e pastorale soltanto i sintomi dell’ignoranza e della superstizione; da questo concetto si è facilmente passati a
quello di arretratezza e quindi di incivile rozzezza e perciò, infine, di pericolosità sociale. Gli effetti di questi
divulgati pregiudizi sono stati prima l’incapacità, non solo di partecipare, ma anche di comprendere e di apprezzare gli aspetti umani, la sensibilità spirituale e la millenaria civiltà condensati nella cultura orale; poi, la caduta
verticale dell’antica lingua (e oggi, del dialetto); quindi, il decadimento e la dissoluzione delle tradizioni culturali
contadine e, sul piano religioso, delle tradizioni avite, tutte innestate sulla spiritualità della Chiesa d’Oriente; ed
infine, la cessazione delle attività artigianali e la dispersione e distruzione dei suoi prodotti. La stessa scomparsa
117
have hardly ever been explained in terms of the “noble” landowning class’s centuries-old abuse of power. Moreover, this interpretation of Calabria’s human geography is remarkably sectorial: in fact, it is not applied to other
urban centres situated on high ground, like Orvieto, Spoleto, San Marino or Potenza, without mentioning a number
of northern-Italian and Alpine towns. The Calabrian prejudice has also an unintentionally racist ring to it. Furthermore, it fails to explain why important towns like Scilla, Scalea, Capo Rizzuto and Amantea (also dominated at
length by the Arabs in the eighth century) remained on the coast despite the raids and the fact that their ports were
less important than those of Reggio or Crotone. I have already provided a less dramatic, and (according to recent
scientific literature) more correct theory aimed at explaining the building of villages on high ground.
I actually believe that the traditional interpretation should be reversed also because most of the scholars who air their
views, because they do not live in the mountain and foothill districts they describe, are misled and take a fleeting view
of matters and are therefore not always impartial. Our highland areas are always viewed from the lowlands, so that it
generally believed that inland, mountain settlements developed when people abandoned the coast. This theory does
not take into consideration the fact that the Aspromonte has always been an area of transit as well as of occupation and
settlement. I am more and more convinced that the upper hill belts were occupied and urbanised first and that the areas
closest to the coast were inhabited later by people coming from across the mountains. This theory also helps explain
the similarities between Cardeto and Gallicianò or Roghudi mentioned above. Furthermore, if the surname “Stilitano”,
frequent in Roghudi, refers in some way to Stilo, it is hard to imagine contact between that village and Roghudi by sea
when it is easier and quicker to travel from Reggio to the Sierras, passing through Cardeto, and along the mountain
trails. In accounts regarding the local shepherds and feudal lords, the Aspromonte routes are often said to be the link
between the plains and the Ionian inland. The noble Ruffo family, for instance, which owned enormous estates on both
Calabrian coasts, from Sinopoli to Palizzi, were hardly likely to travel from one end of their property to the other by
boat, sailing through the Straits to dock in the famous mercantile sea village of Palizzi Marina before climbing the hills.
Another even stronger prejudice, found frequently among scholars, is that of considering religious ritual as a
cultural element accessory to the Calabrian folk tradition, a kind of “superstructure” and not, as it actually is, a
118
dei contadini come classe sociale è stata anche stimolata dal bisogno del riscatto da una condizione ritenuta
abietta. L’urgenza di emergere da una identità considerata infamante, inficiata da una storia valutata intieramente
con connotazioni negative, ha infine apportato la distruzione di molti beni culturali ed è stata una delle cause
dell’attuale depravazione sociale.
La valutazione negativa della storia calabrese, specialmente per l’età medievale, è retaggio di una interpretazione illuministica che ancora prevale nell’opinione comune, soprattutto perché essa è stata assunta e rafforzata
dalla cultura marxista, di gran lunga prevalente fra gli intellettuali fino a un passato recente. Fra gli aspetti più
inquietanti di questa valutazione vedo un pregiudizio che è ancor oggi accolto, non soltanto dalla maggioranza
dei manuali scolastici e dei libri di erudizione locale, ma anche, purtroppo, da eminenti studiosi che non siano
specialisti di storia medievale. Secondo questo pregiudizio, la formazione dei paesi collinari, e quindi l’assetto
abitativo di molta parte del territorio calabrese per più di un millennio, è dovuta alla drammatica ed impellente
necessità di fuggire di fronte alle continue minacce di implacabili invasori, che in genere vengono identificati
con i saraceni. Da qui il giudizio negativo sulla condizione sociale all’interno di questi abitati, la cui precarietà
fisica e sociale è ritenuta effetto della dislocazione geografica, non della secolare sopraffazione perpetrata dalla
classe dei “signori”. Una siffatta interpretazione della nostra geografia antropica è singolarmente settoriale;
infatti non sembra valere per altri centri urbani di altura, ad esempio Orvieto, Spoleto, San Marino, Potenza, per
non parlare degli insediamenti appenninici dell’Italia settentrionale o di quelli alpini. Essa è, pertanto, anche
involontariamente razzista. Né riesce a spiegare per quale motivo dei centri importanti, come Scilla, Amantea,
Scalea, Isola Capo Rizzuto, nonostante le incursioni, siano rimasti costantemente sulla costa, anche se non
giustificati dalla presenza di porti di primaria importanza, come quelli di Reggio e di Crotone: eppure, Amantea
aveva anche subito, nel corso del secolo VIII, una duratura occupazione da parte degli arabi. Ho già proposto
una interpretazione della formazione degli abitati d’altura non drammatica, ma corretta secondo le fonti in
nostro possesso ed in accordo con le valutazioni dell’attuale letteratura scientifica. Mi sia permesso, tuttavia,
di esprimere l’opinione che bisogna andare più avanti e capovolgere del tutto l’interpretazione tradizionale.
119
120
primary source of this culture. Those who consider the
extent to which the Byzantine civilisation, as the mother of Calabrian culture, is rooted in religious experience will understand how underestimation of religion
has caused misinterpretation of popular culture.
Meekness is one of the most important traits of the
people who have lived in this area for thousands of
years. When Brother Salimbene da Parma commented on the Normans who had conquered Calabria, he
described the area in biblical terms, as a place where
“ milk and honey flowed”, although he referred icastically to the population as cowards, “shit-pants and
lily-livers”. It is commonplace to despise the Byzantines for lack of military pride and their inclination to
seek to solve international disputes by means of trade
agreements and payment of tributes, something patriotic rhetoric considers disreputable as it considers the
adjective “unwarlike” not as a synonym of “pacifist”
but as a pejorative version of “lazy” and “idle”. Nowadays, maybe, now we have witnessed “humanitarian”
bombings, we are a little more inclined to see how wise
the foreign policy of the Serene Byzantine Empire was.
Similarly, the style and mind set typical of our civilisation, having taught the people the value of defence rather than attack or conquest, engendered certain social
and cultural values (like patience, moderation, silence
and endurance). It might sound strange to underline the
meekness of a population now living in an area ruled
by the Mafia. But if one considers the characteristics
of this criminal organization, its rapport with the powers that be and, therefore, with the ruling class and the
social devastation mentioned above, one comes to realise, as I do, that Mafia and bad administration - two
centuries-old sides of the same coin - rule in Calabria
precisely because the people are meek. In fact, an arrogant, overpowering minority has always oppressed and
maltreated the docile majority, incapable of defending
itself and therefore condemned to lead a miserable live.
For these reasons, silence - considered a virtue by those
obliged to defend themselves - becomes conspiracy of
silence. This complies with the local centuries-old image of public power as imposed and violently enforced.
Telling evidence of this is fear of the police and the law,
not because they seek to combat illegality, but because
they are suspected of connivance. Besides conspiracy
of silence, this meekness, this docility, also favour the
inclination to learn, which in some way, is the cause
of two more serious problems impacting on society, on
the cultural heritage and the environment. From a social point of view, people are more and more convinced
Io credo, infatti, che siccome in gran parte gli studiosi non vivono nei nostri centri d’altura e molti di
loro ne hanno una conoscenza fortuita e fugace, se
non addirittura indiretta, essi sono ingannati da un
punto di vista, che sembra, ma non è, obiettivo. I nostri centri d’altura sono visti sempre dal basso in alto
e si crede di dover seguire una storia dell’occupazione del territorio dalla costa alla montagna. Ma da
millenni l’Aspromonte è stato luogo di transito di elezione, oltre che di lavoro e di soggiorno. Io mi convinco sempre più, invece, che gli alti colli e poi, man
mano, il territorio fino alla costa, siano stati occupati
e urbanizzati da popolazioni che scendevano dalla
montagna. Questa ipotesi mi permette, ad esempio,
di motivare più agevolmente l’affinità fra Cardeto e
Gallicianò o Roghudi, alla quale ho accennato. E se
il cognome Stilitano, frequente a Roghudi, significa
qualcosa nei confronti di Stilo, non si penserà certo
a contatti intervenuti per via di mare, se tutto l’Aspromonte, da Reggio alle Serre, passando, appunto,
per Cardeto, si attraversava brevemente percorrendo
vie d’alta quota. Quali rapporti, infine, abbia sempre
intrecciato la Piana con l”arretumarina” della Jonica
attraverso l’Aspromonte, ce lo raccontano le storie
dei nostri pastori, ma anche quelle delle famiglie feudali, come i Ruffo, insediati ampiamente su tutti e
due i versanti: anch’essi, da Sinopoli a Palizzi, non
avranno certamente usato il battello per scendere al
mare, attraversare in lungo tutto lo Stretto, attraccare
al famoso fondaco di Palizzi marina e risalire i colli.
Un altro pregiudizio ancora operante fra molti studiosi è l’opinione che la tradizione religiosa sia un
elemento accessorio o, come si diceva, una sovrastruttura, nell’ambito della cultura e delle tradizioni
popolari e non, come invece è, una fonte di primaria
importanza di questa stessa cultura. Chi consideri
quanto la civiltà bizantina, madre di quella calabrese,
sia materiata di esperienza religiosa, può comprendere come la svalutazione dell’elemento religioso sia
stata causa di totali fraintendimenti nell’interpretazione della cultura popolare.
Fra i caratteri più peculiari della gente che da millenni abita il territorio in esame, credo che bisogna
indicare la mitezza. Fra Salimbene da Parma, commentando l’impresa dei Normanni che avevano occupato la nostra terra dove biblicamente “scorreva
latte e miele”, caratterizzava icasticamente i suoi
abitanti come “caccarelli e merdazoli”. È un luogo
comune disprezzare lo scarso valore militare dei Bizantini e la loro costante propensione a risolvere i
121
that power is necessarily arrogant and that rules are simply an irresponsible fiction, violence the only true form of
communication and that the only true basic of human action is money and not ancestral dignity which once placed
reciprocal respect and word of honour above all else. As far as cultural heritage and the environment are concerned,
nowadays, people tend to prefer modern colonial-type concrete buildings to simple, modest, half-hidden traditional
homes respectful of the environment. As a result of this, the old stone and shard, tile-roofed house, with a stable for
the donkey and a small kitchen garden, of the same colour as the landscape into which they blended, have all but disappeared and given way to huge of concrete parallelepiped-shaped condominia or absurd detached houses, which
speak the language of power and wealth and whose only vague reference to the faunistic environment consists in
the plaster lions and eagles squatting atop their gateposts. Even in rural areas people are growing accustomed to
squalor and insignificance. Safeguard of the area’s traditional cultural identity has lost all true relevance despite the
community’s age-old inclination to be defensive, at times even overly jealous. When, as is rarely the case, someone
actually criticises the environmental devastation taking place, he or she is strongly opposed and accused of elitist,
intellectual, pretentious caprice and the effort not seen as an attempt to recover - even if only formally- some vestige
of traditional identity also because the people meekly accept the fact that they no longer posses an identity
Another virtue typical of the Graecanic people is hospitality. Strangers should be welcomed and provided with
the very best a house has to offer offer because they are guests. This habit probably has profound and remote
roots in the religious tradition of ancient Greece. In any case, hospitality is also offered because of the Christian
obligation of show benevolence towards others and share their troubles (a wayfarer as such, is seen, as a person
who suffers) and cater for their needs, something strongly perceived by a people accustomed to defending itself.
In recent years, this attitude has favoured the development of a network of rural farmhouse accommodation, the
formation of interpersonal relationships based on friendly respect and straightforward simplicity, and also led to
the promotion of door-to-door sales of homemade produce.
Loyalty is a third virtue. A Calabrian proverb which claims that, “you can tell a man by his words, an ox by its
horns” still holds here. It is not uncommon to see keys hanging outside the doors of people’s homes, proof of the
loyal and trusting welcome available to visitors, even if strangers, a custom in strident contrast with the alarmed,
reinforced doors to which modern society has entrusted its safety. This is, I believe, the habit of respectful frankness,
to which Corrado Alvaro probably referred when speaking of the Calabrians as people who “want to be talked to”,
122
contrasti internazionali per via di accordi commerciali e pagamenti di tributi, che la retorica patriottarda ha
sempre considerato umilianti; per essa l’aggettivo “imbelle” è sentito non come sinonimo di “pacifico”, ma
come peggiorativo di “ozioso”. Forse oggi, dopo l’esperienza dei bombardamenti umanitari, siamo più propensi a capire quanta saggezza abbia ispirato la politica estera dell’Impero dei Serenissimi. Similmente, le
condizioni di vita e il modo di pensare hanno sviluppato nella nostra cultura le virtù che aiutano alla difesa,
piuttosto che gli atteggiamenti necessari per l’aggressione e la conquista: pazienza, forza di sopportazione,
sobrietà, accettazione della fatica, silenzio. Può sembrare strano sottolineare la mitezza per la nostra società
dove regna la mafia. Ma chi considera le caratteristiche di questo fenomeno criminale, le sue strettissime
connessioni con il potere e dunque con le classi da sempre dominanti, la devastazione sociale a cui ho sopra
accennato, può forse accettare la mia opinione, che la mafia e la disamministrazione, due volti secolari di
uno stesso male, qui regnino proprio perché la gente è mite: infatti, una maggioranza incapace di difendersi,
oppressa da una minoranza sempre più arrogante, acconsente, accettando così la depravazione. Per questo motivo il silenzio, virtù propria di chi deve difendersi, diventa omertà. Essa è coerente con l’interpretazione del
potere pubblico, da secoli qui subìto e interpretato come prepotenza violenta. Una spia è la paura nei confronti
delle forze dell’ordine e di tutto il sistema giudiziario, non per la loro azione di contrasto alle nefandezze, ma
per il sospetto di un loro complice coinvolgimento.
Oltre che dell’omertà, questa mitezza, che è docilità, cioè propensione ad imparare, è fonte di altri due gravissimi mali odierni, nell’ambito sociale e dei beni culturali e ambientali. Sul piano sociale, sempre più ci si convince
che il potere deve essere arrogante, che la norma è una irresponsabile finzione, che la violenza è l’unico sistema
di comunicazione, che le azioni dell’uomo debbano essere regolate in base al denaro, non ai dettami dell’avita
dignità, per cui valeva sopra ogni altro bene il rispetto reciproco e la fedeltà alla parola data. Sul piano dei beni
culturali e ambientali, la gente adotta lo squallore della cementificazione di tipo coloniale come gusto nuovo,
abbandonando il suo gusto tradizionale, intriso di umiltà, di rispetto della natura, di nascondimento. Le casette di
pietre a secco o miste a cocci, coperte di tegole, con accanto la stalla per l’asino e l’orto, tutte cose dello stesso
colore del terreno circostante e facenti un tutt’uno con esso, cedono incessantemente il posto ai grandi parallelepipedi in cemento dei condomìni oppure ad assurde costruzioni il cui unico linguaggio stilistico è quello del potere, commentato spesso da raffigurazioni di leoni e di aquile, ultimo ed assai degradato legame di tipo faunistico
123
124
person to person, regardless of title. Sometimes this attitude may degenerate into stubbornness, but this is not
usually the case in our society where downright obstinacy is laughed at and ridiculed.
At this stage it is the case to speak of a trait, less dangerous on the personal plane but damaging at collective level. Our society requires an enormously long period of time to change. When it has assumed a position,
be it right or wrong, it usually sticks to it regardless.
The vertical decline of the Graecanic language over
the past fifty years is a consequence of the disdainful
attitude shown towards Greek-speaking communities
during the first century and a half of Italian dominion
(from 1861). For many decades these Greek speakers
did not seem to grasp the scorn they were subjected
to as they held stubbornly onto their traditions. Once
they were persuaded, however, that the transmission of
the tongue was tantamount to handing down negative
values, they stopped speaking it. Efforts made over the
past thirty years by individuals and cultural associations to encourage people to transmit this ancient language from generation to generation once more, have
failed. Nowadays, even in Gallicianò and Roghudi,
where Graecanic was spoken by 100% of the population until the 1950s, it is difficult to come across a
child who still knows it, unless he has learned it outside
the family circle. Unfortunately, as we know only too
well, the loss of this ancestral idiom is nothing compared to the more serious social problems associated
with new criminality. But when will this culture regain
its ancient dignity? The answer is, humanly speaking,
very sad. The general feeling is that it is like trying to
stop an ocean liner that has run adrift with the oars of a
tiny boat. This is why it is even more urgent than ever
before to give this community back its self-respect. To
do so, words are not enough; only true respect for the
history, artistic heritage and language of the area will
succeed, sooner or later. They need to be safeguarded
because of their simple charm; above all the language
used to express them must be saved. One essential feature of any oral culture is its language.
The houses we described above, with their stables,
kitchen gardens and gravel walks, the walls built by
our ancestors and repaired generation after generation, not to mention domestic icons and other religious
objects, as well as the countryside, whole and silent,
travelled daily on foot often without shoes, gave our
people its profound sense of spirituality, a gentle loving attitude and a morality they are still faithful to. We
must defend this language wherever it continues to be
con la natura circostante. Ma soprattutto si è diffusa,
anche nei nostri ambienti rurali, l’assuefazione allo
squallore ed all’insignificanza. La difesa dell’identità
in conformità con il gusto tradizionale non ha quasi
più nessun rilievo; eppure questa società avverte fortemente l’impulso della difesa, che la porta a forme
di gelosia talvolta esasperata. Nel caso non frequente
che ci si renda conto di una qualche reazione alla devastazione dell’ambiente, essa viene spesso osteggiata, come un capriccio intellettualistico ed elitario, non
essendo compresa come tentativo di recupero, anche
formale, della propria identità: infatti, ormai la gente,
docilmente, crede di non avere nessuna identità.
Un’altra virtù caratterizzante è l’ospitalità. L’accoglienza del forestiero come persona a cui si debba
offrire il meglio che possiede la casa, proprio perché
è ospite, è una consuetudine che affonda forse le radici nella religiosità dell’antica Grecia. Comunque,
essa si connette con la benevolenza cristiana nei confronti del prossimo e con l’esperienza di compartecipazione delle sofferenze altrui (un viandante è, in
quanto tale, un sofferente) e di condivisione delle sue
necessità che viene avvertita da una società adusa al
problema della propria difesa. Questa tradizione negli
ultimi anni ha fornito un meraviglioso supporto alla
sperimentazione dell’accoglienza turistica nelle case
e nelle masserie che ha creato una rete di rapporti interpersonali alla maniera di una volta, con affettuoso
rispetto e schietta semplicità, ma anche con un interessante avvio di commercializzazione dei prodotti
caserecci da porta a porta.
Una terza virtù è la fedeltà. Il detto calabrese che
l’uomo si conosce dalla parola e il bue dalle corna
ha ancora dalle nostre parti la validità dell’esperienza
vissuta. E non è raro il caso di vedere attaccate ancora le chiavi, che dichiarano un’accoglienza pronta
e fiduciosa del visitatore, anche se è sconosciuto, in
eloquente contrasto con le porte blindate alle quali l’odierna società è costretta ad affidare la propria
sicurezza. Questa caratteristica ha influito, io credo,
sull’abitudine alla franchezza rispettosa alla quale
allude Corrado Alvaro quando dice che “il calabrese vuole essere parlato”, in un rapporto da persona a
persona, dove non vale il titolo, ma l’uomo. La fedele
pertinacia potrebbe degenerare in ostinazione: questo
difetto, tuttavia, nella nostra società è poco rilevabile;
e se si verifica un caso del genere, suscita il riso divenendo motivo di divertimento collettivo.
Dobbiamo riscontrare, invece un pericolo meno
virulento a livello personale, ma assai grave a livello
125
spoken and bring it back wherever it has died out, in order to help our people rediscover their true identity and
treat it with respect, turning their backs on the squalor that threatens it at close quarters from without, when not
actually from within. Our present-day visual-image-based society has shown us how powerful the subliminal
messages conveyed by things and emotions can be at subconscious level; this experience heightens awareness of
how serious the threat to environments, once anthropized in keeping with traditional culture, is.
And now, one final issue on which I wish to dwell briefly, that is, the traditional relationship between the local
community and nature. It was extremely simple, based on awe and usefulness, but also on contemplation. A young
man from Gallicianò, who knows the position of every single stone in every single torrent there, the number of
all the new entries in every fold and the exact number of bees, made me aware of how the landscape is covered
with flowers one spring, with green meadows the next. Nature is sovereign here and for this reason, apart from
being generous as monarchs generally are, is changeable, alters freely, while always remaining magnificent. Down
through the generations, people learnt the language and secrets of nature. For centuries they lived availing of its
resources and imitating it, acquired habits full of grace and beauty, considering these gifts of nature. For example, they learnt that the best way to curdle milk was to use the milk left in the stomach of a kid previously fed by
its mother. In the same way, they learnt that a house will remain fragrant for a considerable time if swept by a
calamitta broom. But nature is also powerful and can pose a threat to humans, so it is important to know how to
read its menacing signs too. In the traditional vocabulary of this relationship the word “ecology” does not exist.
Over the centuries, our people have failed to learn the importance of defending their natural environment because,
traditionally, this would have sounded presumptuous, as ridiculous as adding salt to the sea. This attitude, once
objectively sane and balanced, is extremely dangerous today. Today, the victory of human technology over nature,
the polluting capacity of present-day society is not considered such. Nowadays, people use common objects as
they once did those of the past. Therefore, as a rule, they do not realise that they are actually engaged in the mortal
war being waged within their territory; not only do they fail to defend it, they actually attack it. And so, the woods
are full of rubbish, the torrents chock-a-block of discarded household appliances, while the wrecked carcasses of
cars are hurled into ravines, while the hills become gigantic dumping grounds, and toxic sewage spews forth from
the subsoil. Today we even find shepherds making cheese with the powdered milk they buy at the supermarket;
they no longer tire themselves by walking, because they drive their herds seated in their cars.
Domenico Minuto. Reggio Calabria, aprile 2002
126
collettivo. La nostra società ha bisogno di tempi assai lunghi per trasformarsi. Se ha accolto una mentalità, sia
essa giusta o sbagliata, ne rimane fedelmente attaccata. La caduta verticale della lingua grecanica negli ultimi
cinquant’anni è una reazione al dileggio sprezzante che la società ellenofona ha subito in quanto tale durante il
primo secolo delle dominazione italiana. Per molti decenni gli ambienti ellenofoni sembravano non accorgersi
di questo disprezzo, attaccati alla tradizione. Ma quando si convinsero di trasmettere con la lingua un disvalore,
smisero di farlo. Gli sforzi compiuti da privati e da associazioni negli ultimi trent’anni per correggere il rifiuto
di veicolare la lingua di generazione in generazione sono falliti. Anche a Gallicianò e a Roghudi, dove, fino alla
metà del XX secolo il 100% della popolazione continuava ad usare il grecanico come lingua di conversazione
abituale, se c’è oggi qualche bambino che conosca alcune espressioni grecaniche, molto probabilmente le ha
apprese da altre fonti che non il linguaggio materno.
Purtroppo sappiamo dalle cronache che si son diffusi mali ben più dolorosi della perdita del linguaggio avito,
connessi con le mode della nuova delinquenza. Quando si riuscirà a ridare a questa società la consapevolezza della sua dignità? La risposta sembra umanamente desolante; si ha la sensazione di dover fermare un transatlantico
alla deriva con i remi di una barchetta. Tale circostanza rende ancora più pressante il dovere di restituire questa
società al rispetto di se stessa. Ciò si otterrà, prima o poi, non con le parole, bensì con il rispetto della sua storia
e dei suoi beni culturali. Essi vanno salvaguardati per il loro umile fascino, ma soprattutto per il loro linguaggio.
Infatti, una caratteristica della cultura orale è trasmettersi con il linguaggio delle cose. La casetta con la stalla e
l’orticello, alla quale ho sopra accennato, la stradina nella campagna, il muro costruito dagli antenati e rabberciato di generazione in generazione, per non parlare delle icone domestiche e di altri oggetti di culto, lo stesso
paesaggio percorso quotidianamente, spesso a piedi nudi, integro e silenzioso, hanno insegnato alla nostra gente
la sua profonda spiritualità, la sua gentile affettuosità i suoi caratteri ed il bagaglio di moralità a cui è rimasta
fedele. Bisogna difendere questo linguaggio, dove ancora persiste, e ricrearlo dove è stato distrutto, per aiutare il
nostro popolo a ritrovare se stesso, a riconoscersi con rispetto, uscendo dallo squallore che lo minaccia da vicino,
per non dire già dal di dentro. L’odierna civiltà delle immagini ci ha reso consapevoli di quanto siano efficaci a
livello subliminale i messaggi affidati alle cose ed alle sensazioni che esse suscitano inconsapevolmente: questa
esperienza accresce la nostra colpevolezza per la cancellazione degli ambienti che erano stati antropizzati in
conformità con la cultura della tradizione.
Un ultimo aspetto su cui desidero soffermarmi brevemente è il rapporto tradizionale di questa nostra società
con la natura. È un rapporto semplicissimo, di timore e di uso, ma anche di contemplazione. Un giovane di
Gallicianò, che conosce il posto di tutte le pietre in ogni torrente, i nuovi arrivi per tutti gli ovili ed il numero
di tutte le api, mi faceva notare come la primavera un anno si ammanta di fiori, un anno di verde. La natura è
sovrana e perciò, oltre che munifica come lo sono i re, è cangiante, liberamente varia, sempre splendida. La
gente, di generazione in generazione, ha appreso il suo linguaggio ed i suoi segreti ed ha vissuto usandola,
ma anche ascoltandola ed imitandola, ricavandone consuetudini piene di grazia, come un dono naturale. Ad
esempio, sa che il latte della madre rimasto nello stomaco del caprettino è il migliore ingrediente per coagulare
il latte; e sa anche che bisogna spazzare la casa con gli steli della calamitta, perché essa resti a lungo profumata. Ma la natura è potente e può divenire un pericolo per l’uomo: occorre, perciò, avere appreso bene i segni
delle sue minacce. In questo rapporto tradizionale manca la voce ecologica. La nostra gente non ha appreso di
generazione in generazione il bisogno di difendere la natura, perché questo concetto, rispetto alla sua vita tradizionale, sarebbe avvertito come una assurda presunzione, quale può essere, ad esempio, l’impegno di salare
il mare. Questo atteggiamento, oggettivamente il più sano ed equilibrato, è oggi pericolosissimo. L’odierna
vittoria della tecnica umana sulla natura, la potenza inquinante della società di oggi, non sono avvertiti come
tali. La gente usa gli oggetti quotidiani di oggi come faceva con quelli di ieri. Perciò, in genere, non si accorge dell’attacco mortale contro il suo proprio territorio e non si difende; anzi, contribuisce all’offesa. E così i
boschi diventano immondezzai, i torrenti si riempiono di carcasse di elettrodomestici, quelli delle automobili
vengono rovesciate nei burroni; i colli ospitano monumentali discariche ed il sottosuolo rigurgita di liquami
tossici. Ma ormai può capitare che anche i pastori facciano il formaggio con il latte in polvere comprato al
supermercato. Essi, d’altra parte, non si affaticano più a camminare: controllano le bestie dalle cabine delle
loro automobili.
Domenico Minuto. Reggio Calabria, aprile 2002
127
128
Natura e sentieri nella vallata dell’Amendolea
Nature and the trails of the Amendolea valley
“It is beauty made of pure geology, of the conformation of the land, the history of the earth, recollective
of a working cosmos, of the frosts of remote eras, of
oceans washing mountain tops and carving terraces as
they withdraw… here nature itself assumes the architect’s pose, while, at one with it we find the handiwork
of man; one that, through earthquake, flooding, landslide has learnt to resist nature, rock, stone, tree, man”.
(Corrado Alvaro, Itinerario italiano, 1933)
This description provided by Corrado Alvaro is one
which seems to best fit this mountain and, therefore,
the whole Graecanic area which is an integral part of
it. The mineral element (rock, stone, landslides and its
typical waterways, torrents, flowing through petrous
beds) is dominant and in it are implanted the tenacious
roots of the world of vegetables (woods, meadows, pastures, scrubland, ponds) and of humans (villages, tourist facilities, sheepfolds, charcoal kilns, crop lands).
Aspromonte (lit. Harsh Mountain)
On this extreme limb of the European continent we
find a natural environment which owes it stunningly
rare beauty to a remarkable contrast between its soaring mountain pinnacles towering to 2,000 metres above
the sea which almost surrounds it as if it were an island.
We encounter, therefore, purely mountain, at times
Alpine, zones close to the sea, here covering an area
of 3,200 square kilometres and providing an amazing variety of ecosystems and heterogeneous habitats, so enviably rich in flora and fauna as to represent a veritable hymn to biodiversity.
Geologically, the Aspromonte forms part of the
Calabrian-Peloritan massif and is one of the oldest
Alfonso Picone Chiodo
“È una bellezza di pura geologia, di conformazione
del terreno e di storia della terra, che ha il ricordo di un
cosmo operante, dei geli delle epoche remote, degli oceani che lambiscono le cime dei monti e ritirandosi hanno
scavato terrazze... è la stessa natura che prende atteggiamento d’architettura, l’opera dell’uomo che fa tutt’uno
con essa; quello che attraverso terremoti, alluvioni, franamenti, ha resistito, natura, roccia, pietra, albero, uomo”.
(Corrado Alvaro, Itinerario italiano, 1933)
La descrizione di Alvaro è una delle più calzanti su
questa montagna e quindi sull’area grecanica che ne
è parte integrante. L’elemento minerale (rocce, pietre,
frane e financo i corsi d’acqua, le fiumare, che sono
fiumi di pietra) è dominante e su di esso si radica con
tenacia il mondo vegetale (boschi, praterie, pascoli,
garighe, stagni) e quello umano (paesi, insediamenti
turistici, ovili, carbonaie, coltivi).
L’Aspromonte
In quest’ultimo lembo del continente europeo la natura è singolare e ciò deriva dal contrasto di una montagna con rilievi che arri­vano a sfiorare i 2000 metri e
con il mare che la circonda quasi come fosse un’isola.
Vi sono perciò ambienti prettamente montani e a tratti alpini ma a brevis­sima distanza dal mare, per un’e­
stensione di 3200 chilometri qua­drati con una varietà
di ecosistemi e di habitat estremamente eterogenei, con
una ricchezza di flora e fauna davvero invidiabile e unica rappresentando un vero inno alla biodiversità.
Geologicamente l’Aspromonte fa parte del massiccio calabro-pelori­tano ed è uno dei territori più antichi
della penisola. Esso infatti ini­ziò a trasformarsi quando gran parte dell’I­talia, comprese le Alpi, era coperta
129
areas of the Italian peninsula. It had already begun to change when much of Italy, including the Alps, was
under the sea. Its crystalline-granite rock is quite unlike that found in nearby formations but strangely similar to some areas of the Alps and parts of Corsica and Sardinia. This resemblance might induce one imagine
the Aspromonte as a kind of replica of the Alpine peaks and ridges. Nothing more untrue. The morphology
of the mountains of the Reggio Calabria area is softened by plateaux and terraces stepping gradually downwards, like a series of mountainside balconies overlooking the sea. Viewed from the sea, these terraces
present a distinct, almost horizontal contour, a unique phenomenon among mountain landscapes. The orographic structure of Aspromonte, recollective of a cone, is scored by myriad sourceless torrential streams,
which, given the brevity and steepness of their course, have an amazingly erosive effect on the area. At their
mouths lie vast expanses of sand, pebble and sunburnt gravel, while upstream the fury of winter waters,
forced into narrow gorges, has carved out deep valleys, veritable canyons, containing untainted wildernesses. Climatically, Aspromonte varies considerably, not only between its inland and coastal areas (the coastal
area between Capo d’Armi and Cape Teulada is one of Italy’s most arid), but also between its Ionian and the
Tyrrhenian shores, as rainfall is more abundant on the western slopes of the massif.
Nature and man in Aspromonte: a strenuous relationship
the etymology of its name (French in origin and introduced by the Normans) indicates the mountain’s most salient feature, harshness which also implies inaccessibility. This should not lead us to imagine, however, that it posed
an obstacle to communications when, in actual fact, it was long an area of transit and a vibrant source of livelihood.
The traces of human settlement which we find at the highest altitudes and in places we would consider inaccessible today, are, in fact, numerous and often the oldest.
The extraction of pitch, used in shipbuilding, medicine and winemaking, began in ancient Roman times and continued right into the eighteenth century. The ancient road connecting the Ionian Greek colonies of Magna Graecia
and the Tyrrhenian Sea, crossed the Apennine ridge in several points and was supported by a number of high-altitude
Alberi del bergamotto - bergamot trees
130
dal mare. La sua struttura granitico-cristallina è atipica rispetto a quella delle formazioni vicine ma - massima
curiosità - assai simile a quella di alcune zone delle Alpi e di parte della Corsica e della Sardegna. Così, forse, la
somiglianza con le Alpi potrebbe indurre a vedere nell’Aspromonte una sorta di riproduzione delle vette e dei cri­
nali alpini. Invece, niente di tutto ciò. La morfologia della montagna reggina è caratterizzata da forme addolcite
da altipiani e da vasti gradini che si succedono via via verso il basso, for­mando ampie distese pianeggianti sulla
costa del monte come degli immensi balconi che si affacciano sul mare. Viste dal largo, queste terrazze offrono
un netto profilo orizzontale pressoché regolare e rappresentano un fenomeno quasi unico nei paesaggi montani.
L’impalcatura orografica dell’A­spromonte, la cui forma può richia­mare alla mente quella di un cono, è fortemente
incisa dalle fiumare, corsi d’acqua a regime torrentizio e senza sorgente, che data la brevità del loro percorso e
l’accentuata pen­denza hanno una notevole capacità di erosione. La parte più prossima alla foce è una distesa ampissima di sabbia, ciottoli e ghiaia calcinata dal sole mentre più a monte la furia delle acque invernali, costrette a
scorrere in gole anguste, ha creato profondi valloni, veri e propri canyons, che racchiudono aree sel­vagge e integre.
Dal punto di vista climatico in Aspromonte si riscontrano accen­tuate differenze non solo tra le aree interne e le aree
costiere (il litorale tra Capo d’Armi e Capo Spartivento è una delle aree più aride d’Italia), ma anche tra il versante
jonico ed il versante tirrenico dato che le precipitazioni cadono soprattutto sulla parte oc­cidentale del massiccio.
Natura e uomo in Aspromonte: un rapporto difficile.
L’etimologia del suo nome (di origine francese ed introdotto dai Normanni) individua pertanto la sua caratteristica più saliente: l’asperità e perciò la sua inaccessibilità. Ciò non deve però far credere che la montagna sia
stata di ostacolo alle comunicazioni bensì luogo di transito e fonte vitale di sostentamento. I segni della presenza
umana anche alle quote più elevate e nei luoghi ora meno accessibili sono infatti numerosi e antichi. L’estrazione
della pece utilizzata nell’industria cantieristica, in enologia e in medicina risale all’epoca romana e prosegue sino
al sec. XVIII; la viabilità antica che, nel collegare le colonie magno-greche dello Jonio al Tirreno, valicava in
più punti la dorsale appenninica ed era supportata in alta quota da diversi siti fortificati; il commercio della neve,
Pini larici - larches
131
132
fortified sites. The snow trade, which continued until the
end of 1800s, saw, during the summer months, the transit of convoys of mules descending from the mountain
bringing tons of snow down to the coast; the area produced charcoal, availed of the forests and pastures, etc..
In ancient times, this kind of exploitation had a relatively soft impact on the environment, because the
population was small, but, following the steep demographic growth which began in the sixteenth and
took a further leap forward in the eighteenth century,
the pressure grew considerably. This led to a tragic
battle between man and nature, as the quest for arable or grazing land increased. A belt of settlements
enveloped the mountain and the population began to
eliminate the woods drastically, often recurring to fire,
triggering off a hydrogeological imbalance which was
further exacerbated by industrial exploitation of the
forests after World War II.
The area is still under considerable pressure from
the cattle allowed to run almost wild and graze freely,
forcing tree species like the holm oaks, for example, to
grow no taller than a bush and, therefore, never reproduce. Even more devastating is the effect of the goats
left to wander and graze freely even in the woods.
Only as recently as the 1960s was intensive reforestation undertaken by the forestry commission,
something that helped slow down serious landslides,
but which failed to take the native vegetation of the
area into due consideration.
The commission’s intervention consisted almost
exclusively in planting non-native conifers which,
decades later, have never been thinned out (see Piani di Bova). These predominantly conifer forests are
so dense that they might well be defined “woodland
deserts”. The undergrowth is non-existent and the
ground, covered in thick layers of pine needles is
highly acidic; the trees, stressed by fierce competition,
are weak and, therefore, subject to damage by snow
and susceptible to pests like the processionary moth.
Detrimental to the safeguard of some parts of the habitat was the planting of trees in the areas at no real risk
of erosion. Open areas like meadows, glades and pasturelands were covered in the usual pine, obliterating
ambits of importance to the conservation of the overall
biodiversity of the district and cancelling significant
elements that once bestowed variety on the landscape.
Finally, and this brings us up to the present, we
have the Aspromonte National Park created to protect
the mountain, and the endangered flora and fauna it
contains.
Cascate di Maesano - The Maesano Falls
attivo sino alla fine del 1800, che durante i mesi estivi
vedeva carovane di muli scendere dalla montagna e
trasportare sulla costa tonnellate di neve; la produzione di carbone, l’utilizzo di boschi e pascoli, ecc.
L’impatto di tale utilizzazione, in epoca antica, fu
tuttavia relativo grazie ad una popolazione esigua, ma
con l’intenso sviluppo demografico avviato nel Cinquecento e ripreso nel Settecento la pressione sul territorio aumentò considerevolmente. Si scatenò quindi
la tragica lotta dell’uomo con la natura alla ricerca di
terre da coltivare o di pascoli da offrire al bestiame.
Una corona d’insediamenti cinse i fianchi delle montagne ed intorno ad essi le popolazioni eliminarono
drasticamente i boschi, spesso col fuoco, innescando
un dissesto idrogeologico che fu poi acuito dai tagli
industriali condotti nel secondo dopoguerra.
Ma ancora oggi è notevole la pressione dei bovini
lasciati pascolare in stato semibrado il cui continuo
morso costringe, per esempio, essenze arboree come
il leccio a vegetare in forma di cespuglio ed in generale impedisce la rinnovazione. Ancora più radicale
è l’effetto del pascolo caprino condotto anche dentro
il bosco.
Solo negli anni ’60 del secolo scorso iniziò un’intensa attività di rimboschimento per opera dell’autorità forestale che rallentò i gravi fenomeni franosi ma
non pose attenzione alla ricostituzione dell’ambiente
naturale originario.
Gli interventi furono infatti realizzati quasi esclusivamente con conifere che dopo decenni dall’impianto non sono state diradate (vedi i Piani di Bova). Vi
sono quindi boschi fittissimi, soprattutto pinete, che
si possono definire un deserto arboreo. Il sottobosco è
inesistente; il suolo è coperto da una spessa coltre di
aghi che lo rende acidissimo; gli alberi, stressati dalla
forte competizione, sono deboli e quindi soggetti ai
danni da neve e sensibili alle infestazioni di parassiti
come la processionaria.
Dannosa per la salvaguardia di alcuni degli habitat è stata inoltre la messa a dimora di alberi anche
in terreni dove non vi era alcun rischio di erosione.
Spazi aperti quali praterie, radure, superfici destinate
a pascolo sono state coperte dai soliti pini cancellando
ambienti importanti nella conservazione della biodiversità complessiva dell’ambiente e significativi elementi della varietà del paesaggio.
Infine, e siamo ai giorni nostri, la creazione del Parco Nazionale dell’Aspromonte è il tentativo di tutelare questa montagna e quindi le emergenze floristiche
e faunistiche che essa racchiude.
133
The Aspromonte National Park
The Graecanic area lies for the most part inside the Aspromonte National Park and this is indicative of its
continuing environmental uniqueness. The history of the park is long. To safeguard this impressive and unique
mountain, the district was declared a protected area in 1968, becoming one of the three sectors of the Calabrian
National Park (the other two are on the Sila).
The small size of the area (barely 3,000 hectares) and the fragmentary manner in which it was managed did
not have a significantly protective impact on the massif, which includes most of the province of Reggio Calabria
as a whole. In recent years, however, pressure from environmentalist and trekking associations, the sensitivity of
some Calabrian politicians and the area’s increasing intake of excursionists, led to the inclusion of Aspromonte
in the list of National Parks. A Presidential Decree of the 14.01.1994 sanctioned its birth by enclosing 65,000
hectares of land belonging to 37 municipalities at altitudes ranging between 800 m and 1,956 m above sea level.
The valley of the Amendolea river
Bordered to the south by a long stretch of Ionian coastland, its valley winding its way northward, the Aspromonte creates a deep chasm as far as the slopes of Montalto, the massif’s highest peak of the massif, from which
the headwaters of the Amendolea River spring
Its highly varied vegetation is striking, with dark green woods, moist beech groves and sunny pine forests, covering
its uppermost peaks. Lower down, the mountain explodes in a kaleidoscope of flowers typical of the Mediterranean
scrub that swathes its slopes. From its highest mountain peaks down to the sea, the area is, in schematic terms, a succession of beech forest, and minor woodlands including silver fir, poplar, walnut, chestnut, deciduous oak, ilex and Mediterranean scrub. The silver fir is a particularly important ecotype both because of its high yield and its resistance to acid
rain. The Calabrian pine is long-living and known to survive for more than 400 years, reaching considerable dimensions
as several trunks struck by lightening demonstrate. Beech woods cover much of the Calabrian mountains’ upper slopes,
while the chestnut is important to the Graecanic district. It was cultivated from earliest times, as fruit-bearer and copse,
representing a valuable source of survival and supplementary income for many of the people living inland. Over the
Bova
134
Il Parco Nazionale dell’Aspromonte
L’area grecanica è per gran parte inclusa nel Parco Nazionale dell’Aspromonte e ciò è indicativo dell’unicità
degli ambienti che essa ancora racchiude. Il Parco ha alle spalle una lunga storia. In questa imponente e singolare
montagna era stata già creata nel 1968 un’area protetta: si trattava di una delle tre sezioni del Parco Nazionale
della Calabria (le altre ricadevano in Sila). Tuttavia per l’esiguità dell’area (appena 3.000 ha) e la frammentarietà
della gestione non aveva inciso in modo rilevante sulla protezione dell’intero massiccio che comprende gran
parte della provincia di Reggio Calabria. Negli ultimi anni invece le pressioni di associazioni ambientaliste ed
escursionistiche, la sensibilità di alcuni politici calabresi e il sempre maggiore afflusso di escursionisti hanno
fatto sì che l’Aspromonte venisse incluso tra i Parchi Nazionali da istituire. Ed infatti il D.P.R. del 14.01.1994 ne
sancì la nascita perimetrando circa 65.000 ha di territorio ricadenti in 37 comuni con una quota altimetrica che
va dagli 800 m ai 1956 m.
La vallata della fiumara Amendolea
Lambita a sud dal mare Ionio per un’ampia fascia costiera la vallata risale sinuosamente ma con direzione nord
l’Aspromonte scavando una profonda incisione che giunge a lambire le pendici del Montalto, cima più elevata
del massiccio e dalla quale hanno origine le sorgenti della fiumara Amendolea.
Estremamente variabile è la vegetazione. Colpisce il verde scuro dei boschi, delle umide faggete e delle solari pinete,
che l’ammantano nelle quote più elevate. Questo poi esplode nelle fioriture policrome della macchia mediterranea che
ne riveste le pendici. A partire quindi dalle quote più alte e scendendo sino a giungere al livello del mare troviamo, in una
schematica esemplificazione, pinete di pino calabro, faggete e formazioni boschive minori tra cui abete bianco, pioppo e
noce, castagno, querceti a foglia caduca, lecceti e macchia mediterranea. L’abete bianco è una presenza importante sia per
le elevate produzioni legnose che per essere un ecotipo dimostratosi resistente all’effetto delle piogge acide. Il pino calabro
è una specie longeva che può superare i quattro secoli di vita, raggiungendo dimensioni enormi, come testimoniano diversi esemplari mutilati dai fulmini. Presenza costante è il faggio che copre le pendici sino alle quote più elevate. Il castagno
è un elemento importante dell’area grecanica. La sua coltivazione ha tradizioni molto antiche in quanto sia quello da
Mulino di Foculiu, Fiumara Amendolea - Fuculiu watermill on the Amendolea
135
136
past decades, this kind of production has gradually been
abandoned, due to the depopulation of the countryside,
reduced demands for woodland produce and an insidious fungus attacking the chestnuts and causing serious
degradation, despite efforts to relaunch the sector. Within
the same vegetation belt we find deciduous trees belonging to the oak family, like the bay and turkey oak as well
as the durmast. Before concluding this brief account of
the woods I wish to mention another element of importance to the Calabrian ecosystem, the mushroom, another significant source of extra income for many families.
Closer to the sea, we find the Mediterranean scrub, and,
in the area’s shady, rugged ravines, thick ilex groves often accompanied by the oak, elm, maple, flowering ash,
hornbeam, etc., while in drier places we come across,
the Aleppo pine. On the lower slopes of the hillsides and
in lowland areas we encounter drought-and-wind-resistant wiry shrubs (rock rose, lentiscus, myrtle, heather
and broom). The district’s blanched riverbeds are often
covered in the pink and white blossoms of the oleander
blossoms and the green leaves of the tamarisk. The dry
hillside slopes are covered in tall evergreen heather trees,
whose roots provide the bole from which high-quality
pipes are made. In fact, there is a great demand for Aspromonte heather root (“ciocco”) by important Italian
and English pipe factories because of its highly valued
close grain (“fiamma”). In springtime, the gorse, with
its striking bright yellow flowers, fills the steepest ravines with colour, spreading to altitudes of up to 1,000
m above sea level. In the past, its strong wooden fibre
was retted to obtain fibre to make yarn from which rustic
textiles were woven. Of the many botanical rarities of
the area, we find the long-leaved Pteris, a variety of fern,
dating back to the Tertiary age. This plant, whose fronds
reach a height of two metres, grows spontaneously in a
number of isolated valleys. On seeing its serrated leaves,
standing by watercourses in shaded and moist areas, one
can imagine what the landscape may have looked like
in archaic times. Another rarity is the small wood of Lycian junipers on the left bank of the Amendolea river,
bearing witness to the ancient vegetation which probably
covered these clayey hills in the past. The species was
known as the cletho or clecaro to the local Greek-speakers who used it to build wooden beamed roofs and attics because of its precious, high-quality technological
traits. In the area around Bova, it is still possible to find
old houses and farmhouses with juniper-beam roofs in
excellent condition. These trees that reach a maximum
height of a mere eight metres, can live, however, for up
to 200 years.
frutto sia quello allevato allo stato ceduo hanno rappresentato una notevole fonte integrativa di reddito e di sopravvivenza delle popolazioni delle aree interne. Negli ultimi
decenni l’abbandono dovuto all’esodo dalle campagne, la
ridotta richiesta dei prodotti e l’insediamento di un temibile fungo parassita hanno provocato un graduale ma imponente degrado dei castaneti su cui è in atto un’opera di
recupero. Nella stessa fascia vegetazionale, nella famiglia
delle querce caducifoglie, sono presenti boschi di farnia e
farnetto, foreste di cerro e nuclei di rovere. Prima di lasciare gli ambienti boschivi si deve ricordare la presenza dei
funghi che, oltre ad essere una componente fondamentale
dell’ecosistema, costituiscono un’integrazione di reddito
per diverse famiglie. Avvicinandosi alla costa incontriamo
la macchia mediterranea con, nei valloni ombrosi e scoscesi, fitti boschi di leccio. A queste specie si accompagnano
spesso la roverella, l’olmo, l’acero campestre, l’orniello,
il carpino, ecc. Nelle zone più aride è da segnalare il pino
d’Aleppo. Nelle zone collinari e nelle bassure vegetano
arbusti molto resistenti all’aridità e ai venti (cisto, lentisco,
mirto, erica, ginestra, ecc.). I bianchi greti delle fiumare
poi si colorano delle fioriture bianche e rosa degli oleandri
e del verde delle tamerici. Negli ambienti aridi della collina vegeta l’erica arborea, pianta sempreverde alta anche
parecchi metri. Dalla radice di questa pianta si ricava il
“ciocco” da cui, dopo alcuni processi di lavorazione, si ottengono pipe di ottima qualità. L’erica dell’Aspromonte è
infatti molto richiesta presso le più importanti fabbriche di
pipe italiane e inglesi per la sua “fiamma” (venatura) molto fitta e pertanto pregiata. Appariscente col giallo vivo dei
suoi fiori è la ginestra che a primavera riempie di colore i
pendii più scoscesi arrampicandosi sino ai mille metri di
altezza. I rami, robustissimi, contengono fibre che, separate per macerazione, divengono materia tessile, utilizzata
nel passato per la preparazione di rustici tessuti. Tra le tante rarità botaniche presenti nell’area si può citare la Pteris
longifolia. Una felce che costituisce un tipico esempio di
flora del Terziario. È una pianta dalle fronde alte fino a due
metri che cresce spontanea in alcuni isolati valloni. Vedere
le ampie foglie frastagliate nel suo ambiente umido e ombroso, lungo alcuni corsi d’acqua, dà un’idea di quello che
doveva essere il paesaggio in epoche antichissime. Altra
rarità è un piccolo bosco di ginepro licio presente lungo la
sponda sinistra della fiumara Amendolea, nei pressi della foce, sparuta testimonianza della vegetazione forestale
che in passato ricopriva queste colline argillose. La specie
era nota alle locali popolazioni ellenofone con il nome di
cletho o clecaro, che la utilizzavano nella fabbricazione
di travi per la costruzione di tetti e solai sfruttando le pregevoli caratteristiche tecnologiche del legno. Ancora oggi
137
Even if, strictly speaking, they belong to the realm of Amendolea area’s horticultural industry, it is important
to mention two other species, the jasmine and the bergamot. In this area it is still possible to be inebriated by the
strong, sweet fragrance of the jasmine blossom, fundamental to the production of perfume. In the same area we
find the bergamot, a citrus tree whose worldwide production is limited, practically, to this narrow strip of land
and whose fruit yields a precious essential oil.
The different natural environments which comprise the Graecanic area, also support a highly varied fauna.
The species living here nowadays are, alas, a sparse representation of those which populated these regions
in prehistoric times, when the sole mantle of green forests, woods and groves then covering the Calabrian
region, provided them with shelter and sustenance. It was only in rather recent times, however, that a number of rare species like bears and deer became extinct. From the second half of the nineteenth century on,
reclamation of the marshlands along the coast, intensive deforestation and increasing urbanization caused
serious damage to the natural habitat of Calabria’s native fauna. To this must be added indiscriminate hunting
often practised without any respect for the law or the criteria of science. However, the recent creation of the
National Park of Aspromonte has provided the local fauna with several refuges in which to live and resume
their life cycles. It is in the mountains that most wild species, like the timorous wolf, unjustly hunted and persecuted down through the ages, reside. The principal target of the hunt is the boar, the undisputed king of the
Mediterranean scrubland, capable of moving unhindered through thick recesses of vegetation inaccessible
to humans. Widespread throughout the entire region following a mindless repopulation policy, it now causes
serious damage to agriculture. On the contrary, the native hare is found today only within the Aspromonte
area because the original species was hunted intensively in the past, while the European hare, introduced
some time ago, is very common. Though very difficult to come across, the wildcat also inhabits the mountain. The same is true of the skunk, badger and marten, whereas it is not unusual to encounter foxes, weasels
and ferrets. Of the rodents, we wish to mention the Southern-Italian squirrel, commonly found in the woods,
easily identified thanks to its black fur and white belly. Quite widespread, though threatened by poachers
138
nel territorio di Bova è possibile vedere antiche costruzioni con travature di ginepro che si presentano perfettamente integre. Colpiscono le modeste dimensioni degli alberi (massimo 8 metri) ma con un’età stimata di circa 200 anni.
Anche se si tratta di colture agrarie si devono infine citare alcune specie tipiche dell’area dell’Amendolea: il
gelsomino ed il bergamotto. È infatti ancora possibile inebriarsi al dolce e intenso profumo del fiore del gelsomino, utilizzato dall’industria profumiera. Nella stessa area è coltivato il bergamotto. La produzione mondiale
di questo agrume è concentrata quasi totalmente in questa ristretta fascia di terra. Il prodotto principale che si
ottiene dai frutti è l’olio essenziale, utilizzato come componente fondamentale di numerosi profumi.
La diversità degli ambienti che caratterizza l’area grecanica consente la presenza di una fauna altrettanto
varia. Le specie che ne popolano il territorio sono, tuttavia, una sparuta testimonianza di quelle presenti in
epoca preistorica, quando un unico mantello boscoso ricopriva questo territorio offrendo riparo a molti animali
selvatici. Ma si può collocare in epoche più recenti la scomparsa di animali unici quali l’orso o il cervo. A partire
dalla seconda metà dell’Ottocento, infatti, la bonifica delle vaste aree paludose presenti lungo l’orlo costiero, il
disboscamento perpetrato con metodi intensivi e la sempre maggiore urbanizzazione hanno tolto spazio vitale
alla fauna. A questo va ad aggiungersi un’attività venatoria intensa e spesso praticata senza il rispetto delle leggi
e di criteri scientifici. Tuttavia negli ultimi anni la creazione del Parco Nazionale dell’Aspromonte ha offerto alla
fauna numerosi ambienti dove riprendere i propri cicli vitali. È nei boschi montani che vive gran parte della fauna
a cominciare dal lupo. Animale elusivo è stato oggetto di caccia e persecuzione. Il cinghiale è il re della macchia
muovendosi agile in ambienti con vegetazione intricata ed impenetrabile all’uomo. La sua diffusione è ampia
e, a causa delle continue immissioni scriteriate, arreca seri danni alle colture. All’opposto è la situazione della
lepre italica fatta oggetto d’intensa caccia mentre abbondante grazie alle introduzioni è la lepre europea. Il gatto
selvatico, anche se difficile da osservare, è presente in tutte le foreste montane dell’area. Altrettanto si può dire
per la puzzola, il tasso e la martora mentre comuni e quindi più facilmente osservabili sono la volpe, la donnola e
la faina. Tra i roditori è ancora da segnalare lo scoiattolo, che si nota frequentemente nei boschi e presente in una
forma tipica dell’Italia meridionale, caratterizzata da livrea nera con la parte ventrale bianca.
139
who hunt it for its highly appreciated meat, is the dormouse. Extremely rare is the driomioid, in Italy found
only in the eastern Alps and Calabria. Of the area’s birds we wish to mention the golden eagle, which nests,
most probably, in Aspromonte, and the rare lanner and harrier hawks. Among the birds of prey found in the
forests are the goshawk, sparrow hawk, the peregrine falcon, the buzzard, hobby and kestrel, while the black
woodpecker can be heard tapping the trunks of trees looking for insects. The most common night predators
are the tawny, barn and horned owl. The rock partridge is rare because it is found only in quieter areas. In the
ranks of reptiles we find the common viper, the green western lizard, the rat snake, the strut and the tortoise.
Amphibians include the spotted salamander and a small frog, called the Apennine yellow-bellied toad, which
uses its dazzling colours to frighten off birds of prey. In some better-preserved stretches of river we find
fresh-water crabs, trout and dippers.
Finally, the invertebrates that characterize the Amendolea river valley include a number of common insects
belonging to the coleopteran, dipteran and lepidopteron genus.
Various species also belong to the cerambicyidae. Of particular importance and observed recently on the path
leading from the Menta Dam to the Maesano Falls, we find the Rosalia alpina L, 1758. This beetle is one of the
most beautiful and largest in Europe, but also one of the rarest, because it requires special conditions, are not often
found in these woodlands, in which to breed. This insect cannot be confused with any other, both because of its
beauty and the grace of its movements. The body and elytra vary from blue-grey to light blue. The elytra, bordered
in a light colour, are spotted with black. The size and shape of these dark blotches vary and distinguish one individual from another. Even the long antennae, typical of beetles belonging to the vast and diverse family of longhorns,
are characteristic. The R. alpina is found mostly in old, decaying tree cavities; to permit the larvae to develop,
this cerambicyida needs to deposit them several years running in the standing dead wood cavities of beech trees
exposed to the sun. The continuous degradation of these centuries-old forests, the almost total disappearance of its
most majestic trees, as well as the biological impoverishment of the entire local ecosystem, have caused an irreversible depletion of the R. alpina, and with it many other insect species once found in the area’s primitive forests.
140
Altrettanto diffuso, ma minacciato dal bracconaggio per la presunta bontà delle carni, è il ghiro. Molto raro
infine è il driomio, presente in Italia solo nelle Alpi nord orientali ed in Calabria. Tra l’avifauna si citano l’aquila
reale forse nidificante anche in Aspromonte, il falco lanario ed il biancone. Rapaci presenti nei boschi sono l’astore e lo sparviero e comuni sono il falco pellegrino, la poiana, il lodolaio, il gheppio ed altri. Altra presenza dei
boschi è il picchio nero del quale si può ascoltare il tambureggiare sui tronchi alla ricerca d’insetti. Tra i rapaci
notturni è raro il gufo reale mentre più diffusi l’allocco, il barbagianni, la civetta, l’assiolo. Rara è la coturnice
presente solo nelle aree meno disturbate. Tra i rettili si segnala la vipera comune, il ramarro occidentale, il biacco,
il saettone e la tartaruga. Tra gli anfibi l’ululone appenninico è un piccolo rospo con un’appariscente coloritura
del ventre che usa per scoraggiare i predatori, la salamandra pezzata e la salamandrina dagli occhiali. Nei tratti
più integri di alcune fiumare si possono poi osservare granchi, trote e il merlo acquaiolo.
Infine tra gli invertebrati che caratterizzano la fauna dell’area dell’Amendolea molto diffusi sono gli insetti
con, in particolare, gli ordini dei coleotteri, dei ditteri e dei lepidotteri.
Rappresentati da varie specie sono anche i Cerambicyidae. Tra questi ultimi di particolare importanza, anche perché
recentemente avvistato lungo il sentiero che dalla diga del Menta conduce alle cascate del Maesano, è la Rosalia alpina
L, 1758. La Rosalia è uno dei coleotteri più belli e più grandi d’Europa, ma è anche uno dei più rari, perché per riprodursi
necessita di condizioni particolari che scarseggiano nei boschi produttivi. L’insetto non può essere confuso con nessun
altro, sia per la bellezza che l’eleganza nei movimenti. Il corpo e le elitre sono da grigio-blu a blu chiaro. Le elitre,
bordate di chiaro, sono chiazzate di nero. La dimensione e la forma di queste chiazze scure sono variabili e permette di
distinguere gli individui gli uni dagli altri. Anche le lunghe antenne, tipiche dei Coleotteri appartenenti alla vasta e varia
famiglia dei Longicorni, hanno un aspetto caratteristico. La R. alpina è, infatti, legata agli alberi più vetusti, in via di
disseccamento e pieni di cavità; affinché le sue larve possano svilupparsi, infatti, il cerambicide deve disporre per diversi
anni di legno morto in piedi di faggio esposto al sole. La continua degradazione delle foreste plurisecolari e la quasi totale scomparsa degli alberi più maestosi, oltre a impoverire biologicamente l’intero ecosistema, comporta l’irreversibile
rarefazione della R. alpina, e con essa di tutte le altre specie d’insetti indissolubilmente legati alla selva primeva.
141
Among the Lepidoptera typical of the Amendolea valley we find butterflies of the genus Hipparchus, whose dark
brown front under-wings contain prominent dark eyespots surrounded by large orange or brownish-white bands,
while the lower hind wings have dark, zigzag lines and streaks not easily detectable to the naked eye. In particular, the
H. semele, seen frequently in the area, is included in the Red List of Threatened Species. The underside of its wings
is a superb example of camouflage, which permits the insect to blend seamlessly into a variety of different environments. The butterflies of this species rest for lengthy periods, hidden on tree trunks, on the ground, among pebbles or
stones. When disturbed, they take off instantly, whirling rapidly, just above the ground, before assuming their original
position near the ground, on a tree trunk or fallen branch. When they do stop, they usually do so on light-coloured
surfaces with their wings closed, though they extend their front ones so that the eyespots near the apex are clearly visible. This way, an attacking predator is likely to aim for the eyespots rather than the body. Once they feel safe again,
they lower their front wings to hide the spots under their rear wings. At night or in bad weather, the butterfly remains
motionless on trees or bushes. When they bask in the sun, they expose as much of their wing surface as possible to its
rays, to increase their body temperature rapidly This heat allows them to maintain high energy levels and stay alert at
all times, ready to fly away and intercept potential partners. In conditions of excessive heat, the butterfly tilts its wings
in the direction opposite to the sun, to avoid overheating by minimizing the amount of sunlight that reaches the wings.
This smart form of thermoregulation is used by the insect to manage its temperature efficiently.
The Amendolea river
The Amendolea river with its wide, winding bed, is the backbone of the entire Graecanic area. While in summer it is an important communications route, in winter it becomes an insuperable barrier. It irrigates the fields
and turns the wheels of mills, while guaranteeing the fertility of the areas along its banks, although it also brings
death and destruction by flooding frequently.
To become better acquainted with its most important features, we shall follow its course from the source to the
mouth. From the dawn of history, rivers have always acted as privileged routes leading to inland regions. The
142
Chiesa di San Leo - San Leo church (Africo Vecchio) - Church of San Leo (Africo Vecchio)
Tra i lepidotteri frequentanti la valle dell’Amendolea sono particolari le farfalle del genere Hipparchia, con la
superficie inferiore delle ali marrone scuro con ocelli prominenti sulle ali anteriori, immerse in un ampio arancio o fasce bruno-bianco, mentre le ali posteriori inferiormente sono cripticamente colorate di scuro con linee a
zig-zag e striature. In particolare la H. semele, avvistata di frequente nell’area è inserita nella Lista Rossa delle
specie minacciate. Il lato inferiore delle ali è un superbo esempio di pattern mimetico, consentendo all’insetto di
confondersi perfettamente in una varietà di ambienti diversi. Le farfalle di questa specie trascorrono lunghi periodi a riposo, altrettanto ben nascoste durante il riposo sui tronchi degli alberi, a terra, tra ciottoli o sassi. Quando
disturbate, prendono il volo all’istante, volteggiando rapidamente, appena sopra il terreno, prima di riposizionarsi
nelle vicinanze a terra o su un tronco d’albero o ramo caduto. Quando si fermano, di solito lo fanno su una superficie chiara e posizionano le ali chiuse, ma stendono quelle anteriori in modo che gli ocelli vicino all’apice siano
ben visibili. In questo modo, qualsiasi predatore che sferri il suo attacco, è probabile che miri agli ocelli piuttosto
che al corpo. Una volta che si sentono al sicuro, allora abbassano le ali anteriori per nascondere gli ocelli dietro la
ali posteriori. Durante la notte o in caso di maltempo, la farfalla rimane su alberi o cespugli. Quando si crogiola
al sole, si posiziona esponendo la massima area di superficie alare al sole, in modo da aumentare rapidamente la
sua temperatura corporea. Ciò consente di mantenere alti livelli di energia e di rimanere attenta in ogni momento,
subito pronta a volare e intercettare potenziali partner. In condizioni di calore eccessivo, la farfalla inclina le ali
in direzione opposta per evitare il surriscaldamento, minimizzando la quantità di luce solare che colpisce le ali. Si
tratta di una astuta forma di termoregolazione da parte dell’insetto, che così gestisce al meglio gli effetti del calore.
La fiumara Amedolea
La fiumara Amedolea con il suo ampio e sinuoso letto costituisce la spina dorsale dell’area grecanica. Via
di comunicazione nella stagione estiva e ostacolo insormontabile d’inverno. Fonte di vita per l’irrigazione dei
campi, la forza motrice dei mulini e la fertilità dei terreni prossimi alle sue rive e portatrice di morte e distruzione
nelle ricorrenti alluvioni.
Per conoscerne gli aspetti più salienti la seguiremo idealmente dalla foce sino alle sorgenti. I fiumi furono
infatti sin dall’antichità vie di penetrazione privilegiate ed in particolare le fiumare d’Aspromonte, costituite
da ampi letti asciutti per gran parte dell’anno, offrirono un facile accesso all’interno. Le fiumare sono dei corsi
d’acqua tipici della Calabria ed in particolare dell’Aspromonte orientale, non hanno una vera e propria sorgente
ma vengono rifornite da un’innumerevole serie di ruscelli che si formano nelle parti più elevate del massiccio in
seguito alle precipitazioni meteoriche e ne incidono a raggiera i fianchi. Proprio per tale motivo sono caratterizzate da una portata d’acqua molto incostante, notevole nel periodo invernale-primaverile e molto esigua in quello
estivo-autunnale. Addirittura storici e geografi come Polibio, Strabone, Barrio, Tucidide, Plinio le descrivono
come navigabili. Tale possibilità era probabilmente limitata al tratto più prossimo alla foce dove il mare penetrava per un tratto nel corso d’acqua fino a consentire un approdo, ma ciò da comunque l’idea delle profonde modificazioni che la fiumara Amendolea ha subito nel corso dei millenni. In epoche antiche, prima che l’uomo avesse
la capacità di incidere pesantemente sul territorio, la vallata grecanica era rivestita quasi ininterrottamente dalla
vegetazione che, frammentando il flusso delle acque superficiali, concorreva a rendere più costante il regime idrico della fiumara. Al dissesto idrogeologico dell’Aspromonte ha purtroppo contribuito in misura notevole l’uomo
disboscando in maniera dissennata intere montagne. Diversi paesi perciò sono stati abbandonati e rimangono
muti e deserti a testimoniare una presenza dell’uomo in luoghi ora divenuti isolati. Ognuno di essi ha una sua
storia fatta di quotidiane lotte con la natura per strappare a questa di che vivere e meritano certamente una visita.
Iniziando la risalita della fiumara Amendolea quello che balza agli occhi è l’ampiezza del letto del corso d’acqua
che in alcuni tratti è di quasi un chilometro. Proseguendo nel cammino la fiumara si restringe ed incontriamo il
castello di Amendolea che quasi ci sbarra il passo. Superata la briglia di Cavatena, un manufatto che nonostante
la mole è stato distrutto dalla piena del 1971, s’incontra il mulino di Focolio, uno delle decine di strutture che
utilizzavano l’acqua della fiumara per molire i cereali. Le pendici dei monti divengono più vicine e più avanti un
altro paese, Roghudi, abbandonato per l’alluvione del 1971, si staglia nel mezzo della fiumara, aggrappato su di
uno sperone roccioso isolato tra l’Amendolea ed il suo affluente Furria. Poco avanti la fiumara Amendolea riceve
l’affluente Colella, caratterizzato da un’enorme frana che rifornisce di notevoli quantità di detriti il corso d’acqua
principale e dalla cascata Calònero. Superata la stretta di Santa Trada inizia un tratto di gole difficilmente acces143
wide beds of the Aspromonte rivers, which remain dry most of the year, provided easy access to the mountain areas of Calabria, especially those of eastern Aspromonte. They have no real sources but are fed by several streams
that build up on the uppermost slopes of the mountains as the water from meteoric rainfalls flow downhill in fan
formation. For this very reason, the volume of their water is erratic, abundant in spring and winter, scarce in autumn and summer. Ancient historians and geographers, like Polybius, Strabo, Barrio, Thucydides and Pliny wrote
that the Calabrian rivers were navigable. They were probably referring to the stretches closest to the mouths of
the rivers where the water is deep enough to allow vessels to dock, thanks also to inroads of seawater. In any
case, these descriptions give us some idea of the great changeswhich have impacted on the Amendolea area down
through the centuries. In ancient times, when the presence of humans had little or no affect on the environment to
the extent it has today, the Graecanic valley was almost totally covered in forest, which, by breaking the flow of
surface watercourses kept the flow more constant. Unfortunately, the indiscriminate deforestation carried out in
considerably vast areas of the Aspromonte, has given rise to hydro-geological instability. For this reason, many
villages were abandoned and nowadays stand silent and empty in places once inhabited by men. Each one of
these burghs is still well worth visiting, each one has a tale to tell about the daily struggle for survival in a similarly wild and threatening environment.
As one follows the course of the Amendolea upstream, what strikes one first of all is the breadth of its bed,
which, in some places, is almost one kilometre wide. Further up, we come to castle of Amendolea castle, which
almost bars the way. Leaving behind the man-made catchment of Cavatena, destroyed by the flooding in 1971
regardless of its imposing size, one reaches the Focolio watermill - one of the dozens which once exploited water
to grind grain. As the mountain slopes draw closer, one finds another village - Roghudi - abandoned because of
flooding in 1971, towering in the middle of the wide river, clinging to a rocky crag, standing alone between the
Amendolea river and its Furria tributary. A little further on, another tributary, the Colella, characterised by an
enormous landslide, flows into the Amendolea, dragging considerable amounts of debris down into the main
watercourse and the Calònero waterfall. Having passed the S. Trada, gorges, we encounter a succession of inaccessible ravines which characterize this part of the river where several waterfalls and ponds of crystal-pure
water flow uninterruptedly even in summertime. Continuing long this pathway, the sound of gushing water acts
as a welcome companion, although at times it ceases. At some points, in fact, the river actually disappears underground to surface again further downstream. This occurs where the riverbed consists of considerably thick, soft
layers of permeable material (at certain points several tens of metres deep). In any case, one simply needs to keep
to the path until coming across pure, clear trout-filled water pools and small gushing cascades where the dippers
that build their nests here, skim across the surface of the water before swooping for insects. Near the village of
Maesano, the Amendolea river is bordered on both banks by pinewoods and presents its most impressive and
best-known “da Spana” falls. Having left the artificial reservoir of Menta behind, a thick tunnel of poplars accompanies the river until it becomes a mountain stream with its source at the foot of Montalto: the highest mountain
in Aspromonte (1,956 m above sea level).
The pathways of the soul
I first became acquainted with the pathways of the Amendolea valley as a high-school student, about thirty years
ago, during an excursion organised by our teacher Mr. Domenico Minuto. By coach we were supposed to be taken
up to Roccaforte del Greco (who but Mr. Minuto, could ever have dreamt of taking high-school students to a place
like Roccaforte!). The trip soon became a mountaineering feat because the teacher, thinking the village could be
easily reached by bus, had not realised that the vehicle would leave us several miles downhill, obliging us to clamber
up the steep ridge, at times on all fours. This climb brought us, however, face to face with the stunning beauty of the
area, which, at that time, was experiencing one of its most calamitous periods, as kidnapping was rife throughout
Aspromonte. Afterwards, I continued my meticulous exploration of the many pathways that crisscross the valley.
At first my guides were the shepherds but when I sought to investigate the areas into which they never ventured,
the fiumara intra, the course Amendolea river as far as Montalto, I could no longer count on them. For a certain
period of time, therefore, first having discovered the area on foot, then guiding groups of trekkers, I invented this
profession which has made me a gift of many unforgettable, priceless experiences and encounters like the nights
spent inside the abandoned church of Roghudi, lulled to sleep by the murmur of the torrent, the hospitality of one
144
sibili, se non con attrezzature adeguate, costituito da una serie di cascate e pozze d’acqua dove l’acqua cristallina scorre tumultuosa anche d’estate. Proseguiamo il cammino; lo scrosciante suono dell’acqua è divenuto un
compagno piacevole ma che ogni tanto scompare. In alcuni tratti infatti l’acqua finisce sottoterra scorrendo così
come un fiume sotterraneo per ricomparire più a valle. Ciò avviene dove il letto del fiume è costituito da materiali
permeabili presenti in uno spessore notevole (giungono fino a diverse decine di metri). Basta però continuare
la risalita per incontrare nuovamente limpide pozze d’acqua dove nuotano grosse trote ed impetuose cascatelle
dove nidifica il merlo acquaiolo che si vede spesso sfrecciare a pelo d’acqua e poi tuffarsi per catturare qualche
insetto. Giunti nei pressi di Maesano la fiumara è lambita dai boschi di pino calabro e forma le suggestive cascate
“da Spana”. Proseguendo verso monte e superato l’invaso artificiale del Menta, la fiumara, avvolta ormai in una
fitta galleria di faggi, acquista le caratteristiche di un torrente montano ed in tale veste trova la sua origine ai piedi
del Montalto, cima che con i suoi 1.956 m di quota è la più elevata dell’Aspromonte.
I sentieri dell’anima
Ho iniziato a conoscere i sentieri della vallata della fiumara Amendolea circa trent’anni fa da studente liceale quando,
in occasione di una gita scolastica organizzata dal prof. Domenico Minuto, ci recammo in pullman a Roccaforte del
Greco (e chi, se non lui, poteva condurre degli studenti in paesi come Roccaforte!). La gita si trasformò ben presto in
escursione quasi alpinistica perché il professore ritenne banale farci giungere in pullman sino al paese e, fermato il mezzo diversi chilometri prima, ci fece guadagnare la meta dopo una quasi scalata di un costone che superammo a quattro
zampe. Bastò questo per restare folgorato dalla bellezza dei luoghi nonostante in quel periodo l’Aspromonte vivesse
uno dei periodi più tragici per il fenomeno dei sequestri. Ho proseguito quindi con l’esplorazione meticolosa dei tanti
sentieri che innervano la vallata. I pastori sono stati la mia guida ma poi ho voluto conoscere anche i territori a loro preclusi: fiumara intra, risalendo il corso dell’Amendolea sino al Montalto. Per un periodo della mia vita poi il camminare,
il guidare i primi gruppi di escursionisti in questa montagna è stata la professione che mi ero inventata e che mi ha regalato esperienze ed incontri indelebili. Le notti trascorse dentro la chiesa abbandonata di Roghudi cullati dal mormorio
della fiumara; l’ospitalità di uno degli ultimi abitanti del paese, Rafele Favasulli, che ci accoglieva con ceste colme di
Fiumara Amendolea - Amendolea river
145
of the last of the village’s residents, Rafele Favasulli, who welcomed us with baskets of cherries, Mastrangelo who
declaimed poetry in Graecanic, the Negus at Gallicianò puzzled by those strange backpackers, endless tarantellas
and thousands of visitors enthralled by the mountain and its inhabitants. I tried inform those outside of Calabria of
the beauty of these pathways by publishing articles, writing books, holding conferences, etc.. Thanks to the work of
local hiking associations and cooperatives, the Graecanic area has witnessed the birth and development of activities
like trekking, which is becoming one of the area’s economic assets and a model of sustainable tourism.
The valley contains an extensive network of trails: from the simple to the highly challenging. Some of them
have red and white painted signposts, a kind of “Ariadne’s thread”, which permit trekkers to reach certain destinations. Others lack signposts, information boards, and the pathways are not always in good condition. In the not
too distant future, tools useful to the hiker will provided by the Aspromonte National Park. In the meantime, it is
advisable to equip oneself with up-to-date maps and/or consult expert local guides.
Here we shall, therefore, provide only a short list of the area’s sign-posted trails which the Park has included
in its Registry.
No. 102 Bova - Roghudi - Serro Slave - Carmelia - Delianova
This pathway located on the western slope of the Aspromonte links Bova and Delianova in 2-4 days and bears
witness to the strong ties between the original nuclei of Delianuova, Pedavoli and Paracorio, wfounded by the
inhabitants of Delia. From the warm Mediterranean scrub areas it passes through the thick forests of the upper
part of the massif and then crosses it.
No. 113 Ghorio Roghudi - Africo - Casello Varì
This route passes between the Amendolea basin and that of the La Verde. Of interest, the abandoned village
of Africo Antico.
No. 128 Bova - Fiumara Amendolea - Gallicianò
This pathway, somewhat troublesome in the first section, that is, the part as far as the Amendolea torrent, leads
to one of the villages where the Graecanic Calabrian traditions are best preserved.
No. 132 The Amendolea Falls (schicciu da Spana)
This short path leads to one of the most spectacular waterfalls in the Aspromonte area.
No. 152 Amendolea - Monte Brica - Bova
Passing through cultivated fields and the ruins of monasteries it links Amendolea and Bova.
Websites
www.caireggio.it
http://www.parcoaspromonte.gov.it/
http://31.195.173.235/webgis/index3.php (Regional Observatory for Biodiversity in Calabria)
Maps
Map of the Forestry Department’s outposts in the province of Reggio Calabria, scale 1:175.000 - CAI
The Parco Nazionale dell’Aspromonte’s Excursionists’ map, scale 1:25.000
Bibliography
Francesco Bevilacqua - Alfonso Picone Chiodo, Il Parco Nazionale dell’Aspromonte - Guida naturalistica ed
escursionistica, Rubbettino Editore, 1999
Edward Lear, Diario di un viaggio a piedi in Calabria, Rubbettino Ed., 2009 - The original diary by Edward
Lear, entitled Journal of a Landscape Painter in Southern Calabria, was published in 1852.
Giovanni Spampinato, Guida alla flora dell’Aspromonte, Laruffa Ed., 2002
M. Fonte, S. Grando e V. Sacco “Aspromonte - Natura e cultura nell’Italia estrema” Donzelli Editore, 2007
Rosario Previtera, Gustovagando, Edimedia, 2004
Segni dell’uomo nelle terre alte d’Aspromonte, edited by A. Picone Chiodo, Edimedia, 2005
I grandi alberi del Parco Nazionale d’Aspromonte, edited by A. Picone Chiodo, Edimedia, 2006
CamminAspromonte: 9 sentieri segnalati nel Parco Nazionale d’Aspromonte, edited by A. Picone Chiodo, CAI, 2006
Guida ai Caselli forestali della Provincia di Reggio Calabria, edited by A. Picone Chiodo, CAI, 2006
146
ciliegie; Mastrangelo a Bova che declamava in grecanico; il Negus a Gallicianò che guardava perplesso quegli strani
turisti con uno zaino sulle spalle; le tarantelle interminabili e le migliaia di escursionisti ammaliati da questa montagna
e dalla gente che l’abita. Ho cercato di far conoscere la bellezza di questi sentieri al di fuori della Calabria con articoli,
libri, conferenze ed altro e grazie all’opera delle associazioni escursionistiche e delle cooperative locali l’area grecanica
ha visto la nascita e lo sviluppo del trekking come attività economica divenendo modello di un turismo sostenibile.
La vallata è quindi dotata di una estesa rete di sentieri: da quelli più semplici a quelli più impegnativi e
avventurosi. Alcuni di essi hanno segnaletica in vernice, solitamente di colore bianco-rosso, che costituisce il
“filo d’Arianna” dell’escursionista consentendogli di raggiungere la meta prefissata. Mancano tuttavia frecce
segnaletiche, tabelloni illustrativi, una manutenzione costante dei percorsi. A questi ed altri strumenti di supporto
per l’escursionista dovrebbe provvedere in tempi non lunghi il Parco Nazionale d’Aspromonte. Nel frattempo è
consigliabile avere cartografia adeguata oppure rivolgersi a guide esperte.
Ci limitiamo quindi ad elencare sinteticamente i percorsi segnalati presenti nell’area e che il Parco ha inserito
nel proprio Catasto.
n° 102 Bova - Roghudi - Serro Schiavo - Carmelia - Delianova
Percorso che collega Bova a Delianova, posta sul versante occidentale dell’Aspromonte in 2-4 giorni ad attestare i forti vincoli tra i paesi dato che i due nuclei originari di Delianuova, Pedavoli e Paracorio, furono fondati
dagli abitanti dell’antica Delia. Dai caldi ambienti della macchia mediterranea attraversa i fitti boschi della parte
sommitale del massiccio e lo valica.
n° 113 Ghorio di Roghudi - Africo - Casello Varì
Itinerario tra il bacino della fiumara Amendolea e quello della La Verde. Interessante la visita del paese abbandonato di Africo Antico.
n° 128 Bova - Fiumara Amendolea - Gallicianò
Percorso problematico nel primo tratto sino alla fiumara, conduce ad uno dei borghi che meglio ha conservato
le tradizioni dei greci di Calabria.
n° 132 Cascate dell’Amendolea (schicciu da Spana)
Breve sentiero con meta una della cascate più spettacolari dell’Aspromonte.
n° 152 Amendolea - Monte Brica - Bova
Attraversando coltivi e ruderi di monasteri collega Amendolea con Bova.
Siti
www.caireggio.it
www.parcoaspromonte.gov.it/
http://31.195.173.235/webgis/index3.php (Osservatorio Regionale per la Biodiversità della Calabria)
Cartografia
Carta dei Caselli Forestali della Provincia di Reggio Calabria scala 1:175.000 - CAI
Carta turistico - escursionistica, Parco Nazionale dell’Aspromonte scala 1:25.000
Bibliografia
Francesco Bevilacqua - Alfonso Picone Chiodo, Il Parco Nazionale dell’Aspromonte - Guida naturalistica ed
escursionistica, Rubbettino Editore, 1999
Edward Lear, Diario di un viaggio a piedi in Calabria, Rubbettino Ed., 2009 - Il Diario originale di Edward
Lear, intitolato Journal of a Landscape Painter in Southern Calabria, venne pubblicato nel 1852.
Giovanni Spampinato, Guida alla flora dell’Aspromonte, Laruffa Ed., 2002
M. Fonte, S. Grando e V. Sacco, Aspromonte - Natura e cultura nell’Italia estrema, Donzelli Editore, 2007
Rosario Previtera, Gustovagando, Edimedia, 2004
Segni dell’uomo nelle terre alte d’Aspromonte, a cura di A. Picone Chiodo, Edimedia, 2005
I grandi alberi del Parco Nazionale d’Aspromonte, a cura di A. Picone Chiodo, Edimedia, 2006
CamminAspromonte: 9 sentieri segnalati nel Parco Nazionale d’Aspromonte, a cura di A. Picone Chiodo, CAI, 2006
Guida ai Caselli forestali della Provincia di Reggio Calabria, a cura di A. Picone Chiodo, CAI, 2006
147
148
Il Sentiero dell’Inglese
The Englishman’s trail
At the time I wrote these diaries, my fellow traveller
and I decided to make our whole trip in the simplest
and cheapest way, that is to say, on foot (...). In Calabria, we had a donkey to carry the little luggage we
had and a local guide. Since there are no guest-houses
in those provinces, except the ones on the carriage road
which runs along the western coast, we had to rely on
local family hospitality in each town we visited”.
These lines were written by Edward Lear, a traveller
and landscape painter, and are taken from “Diario di
un viaggio a piedi in Calabria e nel Regno di Napoli” - published by Editori Riuniti in 1992. In 1847 this
original hiker travelled on foot through Calabria, visiting places he defined “exotic”, to find inspiration for his
many precious prints. He stayed with local families, and
this gave him greater insight into the economic, social
and cultural background of the area. In recognition of
his visit, a number of villages in the province of Reggio Calabria, have erected monuments and plaques to
Lear as a concrete reminder of his travels.Today, many
years later, the pathways covered by this English visitor
are presented to tourists in updated form. Already in the
mid-1990s, on the basis of accounts of his experience, a
number of excursions along the nature trails linking one
village to another were organised, in the company of
local guides, with donkeys on tow to carry the luggage.
Overnight stays are arranged in the villages where
the “Englishman” stayed, though nowadays in well-furnished and well-equipped apartments providing B&B;
the hikers sleep in apartments (some inhabited by the
family, some not) and breakfast on local produce.
This kind of trek is “soft”, and intended for groups
of a minimum of six to a maximum of twenty-four
Andrea Laurenzano
Il sistema di viaggio che io e il mio compagno adottammo, allorché questi diari furono scritti, era il più
semplice ed anche il meno costoso: abbiamo, infatti
compiuto l’intero viaggio a piedi (…). In Calabria, un
asino per caricarvi quel po’ di bagaglio che avevamo
portato con noi, ed una guida (…). Poiché in quelle province non ci sono alberghi, se non sulla strada
carrozzabile che corre lungo la costa occidentale,
il viaggiatore deve sempre contare sull’ospitalità di
qualche famiglia, in ogni città che visita. Sono parole di Edward Lear, paesaggista/viaggiatore inglese, tratte da “Diario di un viaggio a piedi in Calabria e nel Regno di Napoli” (Editori Riuniti, 1992).
Nel 1847 questo originale camminatore percorse a
piedi la Calabria in luoghi che lui definì esotici e dai
cui paesaggi trasse spunto per realizzare numerose e
preziose stampe. Fu ospitato dalle famiglie dell’epoca
che lo aiutarono a comprendere meglio la realtà economica, culturale e sociale locale. A testimonianza del
suo viaggio, alcuni Comuni della Provincia di Reggio
Calabria gli hanno dedicato numerosi monumenti e targhe. Oggi, a distanza di così tanti anni, l’esperienza del
viaggiatore inglese viene riproposta in chiave moderna. Traendo spunto dal suo racconto, già a metà degli
anni ’90, è stata ideata una singolare proposta turistica basata sul viaggiare a piedi da paese a paese lungo
sentieri naturalistici, accompagnati da una o più guide
locali e da asini al seguito per il trasporto dei bagagli.
Il pernottamento avviene nei paesi collinari in cui
fu ospitato “l’inglese” in appartamenti arredati e muniti di servizi. L’offerta turistica si ispira al modello
bed & breakfast, poiché all’escursionista viene offerto
sia il posto letto (sia in appartamenti abitati dalla fa149
150
people. It is designed for those who enjoy walking
and are in good enough physical shape to walk from
between 5 and 7 hours a day for an entire week. The
walks are organised between March and June and
from late August to October. Departure is by bus from
Reggio Calabria to Prastarà di Masella, where a stele
dedicated to Edward Lear stands. Here the journey to
Pentedattilo begins and ends eight days later at Palizzi. Particular attention is paid to preparatory checks of
the trails. We cannot, however, take responsibility for
changes that may occur following these checks.
Day 1: from Prastarà to Pentedattilo
Departure: Prastarà Masella, 215 m / Fiumara di
Montebello, 196 m / Pentedattilo 280 m
Altitude gap: about 40 m downhill and 85 m uphill
Walking time: 2 hours
Distance: about 4 km
Availability of drinking water: At the bar on arrival at Pentedattilo
Municipalities encountered en route: Montebello
Ionic and Melito di Porto Salvo
Difficulty: T
Description: The trail is simple and winds through
rock formations while providing stunning views of
the village of Pentedattilo. The accommodation is
in a Hostel and / or apartments in the ancient village
of Pentedattilo. After the members of the group have
been assigned their rooms, a leader of the “Pro-Pentedattilo” association will accompany participants on a
visit of the old town and along a path around the reef.
Day 2: from Pentedattilo to Bagaladi
Departure: main square Pentedattilo
Check-in: Bagaladi - Piazza Berlinguer, 475 m
Altitude gap: about 570 m uphill, approximately
350 m downhill
Walking time: 6 hours
Distance: about 15 km
Availability of drinking water: At the bar
before setting out and at a spring at the intersection between the Paludi and Pristeo streams
Difficulty: E
Municipalities encountered en route: Melito Porto Salvo, Montebello Ionic, Bagaladi
Description: From Pentidattilo, an ethno-architectural gem, through fields in bloom, olive groves, rock
formations, extraordinary sights of the valleys of Ionian Montebello, the blue sea and the Mount Etna Strait,
before reaching Bagaladi. This is one of the Graecanic
miglia e sia in quelli non abitati) e sia la prima colazione a base di prodotti tipici.
Si tratta di un trekking non estremo, per gruppi organizzati composti da minimo 6 a massimo 24 partecipanti. È rivolto a coloro che amano camminare e
si trovano nelle condizioni fisiche adatte a sostenere,
ogni giorno per una settimana, camminate da minimo
5 a massimo 7 ore. Il trekking si attua da marzo a giugno e da fine agosto a ottobre. La partenza avviene con
corriera da Reggio Calabria per loc. Prastarà di Masella, ove è posta una stele dedicata ad Edward Lear. Qui
inizierà il cammino fino a Pentedattilo per terminare
dopo 8 giorni a Palizzi. Grande attenzione è stata posta
nella verifica degli itinerari. Tuttavia non possiamo assumerci responsabilità circa variazioni che potrebbero
avvenire successivamente alle nostre verifiche.
1° giorno: da Prastarà a Pentedattilo
Partenza: Prastarà di Masella, 215 m / Fiumara di
Montebello, 196 m/ Pentedattilo borgo 280 m Dislivello: circa 40 m in discesa e circa 85 m in salita
Tempo di percorrenza: 2 ore Lunghezza del percorso: circa 4 km
Presenza di acqua potabile: Al bar all’arrivo a
Pentedattilo
Comuni attraversati dal percorso: Montebello
Jonico e Melito di Porto Salvo
Difficoltà: T
Descrizione: L’itinerario è semplice e si snoda tra
curiose formazioni rocciose e splendide vedute sul
borgo di Pentedattilo. La sistemazione è in Ostello e/o
appartamenti del borgo antico di Pentedattilo. Dopo la
sistemazione, una guida dell’associazione “Pro Pentedattilo” accompagnerà i partecipanti in visita al borgo
antico e lungo un sentiero intorno alla rupe. 2° giorno: da Pentedattilo a Bagaladi
Partenza: Piazzetta Pentedattilo
Arrivo: Bagaladi - Piazza Berlinguer, 475 m
Dislivello: circa 570 m in salita e 350 m circa in discesa
Tempo di percorrenza: 6 ore
Lunghezza del percorso: circa 15 km
Presenza di acqua potabile: Al bar alla partenza,
fonte all’incrocio tra i torrenti Paludi e Pristeo
Difficoltà: E
Comuni attraversati dal percorso: Melito Porto
Salvo, Montebello Jonico, Bagaladi
Descrizione: Da Pentidattilo, un vero gioiello etnoarchitettonico, si cammina tra campi fioriti, uliveti,
caratteristiche conformazioni rocciose, punti panora151
152
area’s most famous olive-oil production centres. Overnight stay in one of the Diffused Hospitality homes
Day 3: from Bagaladi to Amendolea Condofuri
Departure: Bagaladi 460 m
Check-in: Amendolea Condofuri 145 m
Altitude gap: about 340 m uphill and 640 m downhill
Walking time: 5 hours
Distance: about 14 km
Availability of drinking water: a Bagaladi departure-point, San Lorenzo and San Pantaleon
Difficulty: E
Description: This pathway passes through some of
the Graecanic area’s mountain villages. Departing from
Bagaladi we arrive at San Lorenzo Superiore (787 m
asl), where, in addition to the breath-taking view, we
see the centuries-old elm standing at the centre of the
village square. From San Lorenzo the route continues in
the direction of the village of Saint San Pantaleone, and
then on in the direction of the Condofuri river through
fields once cultivated with wheat and the quaint village
of “Grotte” di Condofuri where only about 20 people
live today. Upon reaching the river, we follow it to its
conflux with the imposing Fiumara Amendolea at Rocca
di Lupo. In front of us, stands the old, abandoned village
of Amendolea perched atop an awe-inspiring rock cliff;
a steep concrete road leading upwards brings us into and
through the village of Amendolea Nuova. Overnight
stay at the nearby “Bergamotto” farm guesthouse.
Day 4: from Amendolea to Gallicianò and back to
Amendolea.
Departure: Amendolea 140 m
Check-in: Gallicianò 620 m
Altitude gap: about 620 m uphill and 536 m downhill
Walking time: 2 hours and 30 for the outward leg
and 3 hours for return leg
Distance: 13.30 km (round trip)
Availability of drinking water: at the Amendolea
departure point, several springs at Gallicianò including “the Spring of Love”
Difficulty: E
Municipalities encountered en route: Condofuri
Description: This circular route, begins behind the
guesthouse and crosses the Amendolea river. An uphill
climb takes us to the top of Mount Marada (463 m),
from where we begin seeing the houses of the Palazzine
di Gallicianò district. The latter is reached by passing
through meadows and age-old olive trees before reaching the tarmac road leading to the village of Gallicianò.
mici straordinari sulle vallate di Montebello Jonico,
sul mare blu dello stretto e l’Etna, fino a giungere a
Bagaladi. È il borgo più rinomato dell’area grecanica per la produzione dell’olio d’oliva. Pernottamento
presso case dell’Ospitalità Diffusa.
3° giorno: da Bagaladi ad Amendolea di Condofuri
Partenza: Bagaladi 460 m
Arrivo: Amendolea di Condofuri 145 m
Dislivello: circa 340 m in salita e 640 m in discesa
Tempo di percorrenza: 5 ore
Lunghezza del percorso: circa 14 km
Presenza di acqua potabile: a Bagaladi alla partenza, a San Lorenzo e a San Pantaleone
Difficoltà: E
Descrizione: Il percorso attraversa alcuni dei caratteristici borghi montani dell’area grecanica. Con partenza da Bagaladi si giunge a San Lorenzo Superiore
(787 m slm), dove oltre al panorama mozzafiato, da
spettacolo nella piazza principale un secolare Olmo.
Da San Lorenzo si continua in direzione della frazione di San Pantaleone, per poi proseguire in direzione
della fiumara Condofuri attraversando campi un tempo
coltivati a grano e la caratteristica frazione “Grotte” di
Condofuri ove vivono appena 20 persone. Giunti sulla fiumara, la si segue fino a giungere alla confluenza
dell’imponente letto della Fiumara Amendolea in località Rocca di Lupo. Di fronte, adesso, apparirà arroccato il caratteristico borgo abbandonato di Amendolea,
raggiungibile percorrendo una ripida strada in cemento
che attraversa il borgo di Amendolea Nuova. Pernottamento presso l’azienda agrituristica “Il Bergamotto”.
4° giorno: da Amendolea a Gallicianò e ritorno
ad Amendolea
Partenza: Amendolea 140 m
Arrivo: Gallicianò 620 m
Dislivello: circa 620 m in salita e 536 m in discesa
Tempo di percorrenza: 2 ore e 30 all’andata e 3
ore circa al ritorno
Lunghezza del percorso: 13,30 km (andata e ritorno)
Presenza di acqua potabile: ad Amendolea alla
partenza, diverse fonti a Gallicianò tra cui “la fonte
dell’Amore”
Difficoltà: E
Comuni attraversati dal percorso: Condofuri
Descrizione: Il percorso, ad anello, parte proprio alle
spalle dell’agriturismo ed attraversata la fiumara Amendolea. Si sale fino alla cima del Monte Marada (463 m),
da qui si inizieranno a vedere le case di località Palazzine
153
154
Here it is well worth while visiting the village itself and
its Orthodox church dedicated to Our Lady of Greece
(Panagia tis Elladas), and meeting its few inhabitants.
Some of them are the last surviving speakers of ancient
Calabrian Greek. To return to Amendolea we take a dirt
track bringing us back, in about an hour, to the bed of
the Fiumara Amendolea in the vicinity of Foculiu (255
m above sea level). From here we follow the torrent,
crossing one ford after another, until, after about an
hour and a half (the time may vary depending on the
volume and strength of the water in the torrent) we return to Amendolea. Overnight stay again at the “The
Bergamotto” farm guesthouse.
di Gallicianò. Raggiunte quest’ultime tra prati e piante
di ulivo secolari si prosegue sulla strada asfaltata che
conduce al borgo di Gallicianò. Qui sicuramente merita,
oltre la visita del borgo stesso e della chiesa Ortodossa
dedicata alla Madonna della Grecia (Panaghìa tis Elladas), un’incontro con i pochi abitanti. Sono fra gli ultimi
parlanti l’antico greco di Calabria. Per il ritorno si segue
una stradina sterrata che in circa un’ora porta sul letto
della fiumara Amendolea in località Foculiu (255 m). Da
qui si prosegue sulla fiumara, tra un guado e l’altro fino
a giungere dopo circa un’ora e mezza, anche se i tempi
variano in base alla portata d’acqua, ad Amendolea. Pernottamento presso l’azienda agrituristica “Il Bergamotto
Day 5: from Amendolea to Bova
Departure: from the “Bergamotto” farm 140 m
Check-in: Bova - Piazza Roma 820 m
Altitude gap: 680 m
Walking time: 4 hours
Distance: 8.5 miles
Availability of drinking water: The guesthouse at
the start
Difficulty: E
Municipalities encountered en route: Condofuri
and Bova
Description: The trail begins in the vicinity of the
“Bergamotto” guesthouse and winds through fields and
terraces once cultivated in durum wheat, and whose
olive groves and vineyards still produce one of the
best wines and oils of the Graecanic area. We follow a
path marked by the Reggio Calabria section of the CAI
www.caireggio.it/catasto_sentieri/. Once in Bova, a
beautiful old town well worth a long visit ; its historical
centre is considered one of “Italy’s Jewels.” Overnight
stay at one of Bova’s Diffused Hospitality locations.
5° giorno: da Amendolea a Bova
Partenza: azienda agrituristica “Il Bergamotto” 140 m
Arrivo: Bova - Piazza Roma 820 m
Dislivello: circa 680 m
Tempo di percorrenza: 4 ore
Lunghezza del percorso: 8,5 km
Presenza di acqua potabile: All’agriturismo alla
partenza
Difficoltà: E
Comuni attraversati dal percorso: Condofuri e Bova
Descrizione: Il percorso ha inizio in prossimità
dell’azienda agrituristica il Bergamotto e si snoda
tra campi e terrazzamenti un tempo coltivati a grano
duro, uliveti e vigneti che ancora oggi danno la possibilità di produrre uno dei migliori vini ed oli dell’area
grecanica. Si cammina seguendo un sentiero segnato
dalla sezione del CAI di Reggio Calabria: www.caireggio.it/catasto_sentieri/.
Arrivati a Bova, il magnifico borgo sicuramente merita una visita accurata attraverso il centro storico considerato “Gioiello D’Italia”.
Pernottamento in case dell’ospitalità diffusa di Bova.
Day 6: Bova / Roghudi Vecchio
Departure: Bova (Piazza Roma) 820 m
Check-in: Roghudi Vecchio 527 m
Altitude gap: 245 m uphill and about 500 m downhill
Walking time: 4 hours and 30 minutes
Distance: 11.90 km
Availability of drinking water: Bova, at the departure point, the spring at Verceo after a short detour
from the Bova - Mandùddhuro tarmacked road, drinking fountain at Vallone Lestizzi, Roghudi.
Difficulty: E
Municipalities encountered en route: Bova,
Condofuri, Roghudi
6° giorno: Bova /Roghudi vecchio
Partenza: Bova (piazza Roma) 820 m
Arrivo: Roghudi vecchio 527 m
Dislivello: 245 m in salita e 500 m circa in discesa
Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 circa
Lunghezza del percorso: 11,90 km
Presenza di acqua potabile: a Bova alla partenza,
fonte di Verceo con breve deviazione quando si percorre la strada asfaltata Bova/ Mandùddhuro, fontana
in prossimità del Vallone Lestizzi, Roghudi
Difficoltà: E
Comuni attraversati dal percorso: Bova, Condofuri, Roghudi
Descrizione: Questo sentiero è probabilmente uno
155
156
Description: This trail is probably one of the oldest
linking Bova, Roghudi and the inner recesses of the
Aspromonte. We follow the old path that, until the end
of the 1970s, was covered by the last inhabitants of the
valley and those from the village of Roghudi. Leaving
the Mandùdduro-Bova road behind we continue along
a well-marked trail, with its conventional red and white
signposts, one of the Bova / Delianuova routes marked
by the GEA (Aspromonte Walkers’ Association). This
takes us through the villages of Lestizzi (668 m), Spartusa (671 m), Chieromandri, Tribona (516 m). From
here we return again to the Amendolea river valley and
follow the water for about an hour until reaching the
base of the rocky outcrop on which Roghudi stands.
The return journey to Bova is by bus during which it
is worth stopping to view some rather spectacular rock
formations: le Caldaie del Latte [The Milk Cauldrons]
e la Roccia del Drago [The Dragons’ Rock]. Overnight
stay at a Diffused Hospitality guesthouse in Bova.
dei più antichi collegamenti tra Bova, Roghudi e l’Aspromonte interno. Per buona parte si percorre l’antica
mulattiera che fino alla fine degli anni settanta veniva
percorsa dagli ultimi abitanti della vallata e del borgo di
Roghudi. Da località “Mandùdduro” della via Pòlemo
di Bova si prosegue su un sentiero che è ben segnalato, dai classici segni bianco e rosso, poiché è una delle
tappe del percorso Bova/Delianuova segnato in passato
dall’associazione GEA (Gruppo Escursionisti Aspromonte). Si attraversano le località Lestizzi (668 m),
Spartusa (671 m), Chieromandri, Tribona, Noì (516 m).
Da quest’ultima località si scende sulla fiumara Amendolea per risalirla per circa un’ora fino a giungere alla
base dello sperone roccioso ove è stato costruito Roghudi. Il rientro a Bova è previsto con un transfert durante
il quale merita una sosta alle particolari conformazioni
rocciose: le Caldaie del Latte e la Roccia del Drago.
Pernottamento in case dell’ospitalità diffusa di Bova.
Day 7: from Bova to Palizzi
Departure: Bova (Piazza Roma) 820 m
Check-in: Palizzi Superiore 272 m
Altitude gap: 250 m uphill and about 700 m downhill
Walking time: 4 hours and 30 minutes
Distance: about 12 km
Availability of drinking water: Bova at the starting
point, a spring near Agrappidà
Difficulty: E
Municipalities encountered en route: Bova, Palizzi
Description: From Bova’s main square we head towards
Via Borgo and then walk through the now silent, once inhabited and cultivated, valleys as far as San Pasquale loc.
Muto (480 m) torrent. From here we take the concrete
road near Mount Agrappidà (690 m). Continuing on the
main road reach Palizzi a quaint village worth visiting
and take a break at a catoio to taste one of the the Graecanic area’s best wines. “No extraordinary place than
wild Palizzi is capable of attracting the eye of the artist”
(Edward Lear, 1847). From Palizzi a short bus journey
takes us to the Aguni farmhouse for an overnight stay or
down to the Doccica camping site on the coast.
7° giorno: da Bova a Palizzi
Partenza: Bova (piazza Roma) 820 m
Arrivo: Palizzi superiore 272 m
Dislivello: circa 250 m in salita e 700 m circa in discesa
Tempo di percorrenza: 4 ore e 30 circa
Lunghezza del percorso: circa 12 km
Presenza di acqua potabile: a Bova alla partenza,
fonte in località Agrappidà
Difficoltà: E
Comuni attraversati dal percorso: Bova, Palizzi
Descrizione: Dalla piazza principale di Bova ci si
dirige verso la Via Borgo per poi scendere, tra silenziose vallate un tempo abitate e coltivate, fino alla fiumara
San Pasquale loc. Muto (480 m). Da qui si risale lungo la strada che per la prima parte è in cemento fino a
giungere in prossimità del Monte Agrappidà (690 m).
Continuando sempre sulla strada principale si giunge a
Palizzi dove oltre la visita del caratteristico borgo non
può mancare una pausa in un catoio per degustare uno
dei migliori vini dell’area Grecanica. “Nessun posto
più selvaggio nè più straordinario di Palizzi può attirare l’occhio dell’artista” (Edward Lear, 1847). Da
Palizzi breve trasferimento per pernottamento all’Agriturismo Agunì o sulla costa presso il Camping Doccica.
Day 8: Departure.
Breakfast and departure by bus and / or train from
Reggio Calabria. In Reggio we suggest you stop at the
city’s Magna Graecia Museum which houses the famous
Riace bronzes and take a stroll along the promenade,
Italy’s most beautiful kilometre (Gabriele D’Annunzio).
8° giorno: partenza.
Prima colazione e partenza in corriera e/o treno
Reggio Calabria. A Reggio suggeriamo una sosta al
Museo della Magna Grecia dove sono custoditi i famosi Bronzi di Riace e una passeggiata sul lungomare, il più bel chilometro d’Italia (D’Annunzio).
157
158
La casa della tartaruga - La Caretta caretta sulle coste grecaniche
The loggerhead turtle’s home on the Graecanic coast
Animal species arouse various and conflicting feelings
in the human soul. Many small and inconspicuous
creatures often leave public opinion totally indifferent.
Others, like reptiles or insects, even arouse fear and
repulsion. Some, for symbolic reasons (the stork, for
instance) or because of their appearance (the panda)
or their biological or behavioural characteristics (the
elephant, the whale) have strong powers of attraction
over large sectors of public, so that today they often act
as strong reminders when fostering the green tourism
associated with protected areas. This is the case with
the larger mammals we find in wildlife parks of Africa,
or in the parks of Italy like the ibex that resides in the
Gran Paradiso National Park or the bear and chamois
that inhabit the National Park of the Abruzzo region.
Zoologists call them “flagship species” because
of their enormous strategic role within the ambit of
conservation, all the more so because their ecological
characteristics also play a key role in ecosystems:
their protection automatically involves the safeguard
of numerous other species, directly or indirectly
associated with them, thanks to the protection of
extensive habitats and natural territories.
The loggerhead (caretta caretta) sea turtle is
undoubtedly a flagship species. One measure of
its popularity is the enormous number of websites
dedicated to it, also as a reflection of the alarming
decline of the species’ overall population. If we
consider, furthermore, the animal ‘s double bond with
the land (beaches) and the sea, as well as its various
other biological peculiarities, it is easy to understand
the great naturalistic importance and attention
attributed to it by conservationists.
Antonio T. Mingozzi
Sono vari e contrastanti i sentimenti che le specie
animali suscitano nell’immaginario umano. Tantissime, piccole e poco appariscenti, sono del tutto indifferenti all’opinione pubblica. Molte, ad esempio tra
i rettili o gli insetti, provocano paura o repulsione.
Alcune, per ragioni simboliche (si pensi alla cicogna)
o in virtù del loro aspetto (il panda) o delle loro peculiarità biologiche o comportamentali (l’elefante, i cetacei), mostrano invece un forte valore attrattivo per
larghi strati dell’opinione pubblica, tanto da costituire
oggi un forte richiamo di un turismo verde legato ad
aree protette. È il caso dei grandi mammiferi dei parchi africani o, in Italia, di animali come lo stambecco
nel Parco Nazionale del Gran Paradiso o dell’orso e
del camoscio nel Parco Nazionale d’Abruzzo.
Gli zoologi le chiamano “specie bandiera” per la
grande importanza strategica che hanno nella conservazione della natura, tanto più se per le loro caratteristiche ecologiche svolgono un ruolo chiave negli
ecosistemi: la loro tutela implica automaticamente la
conservazione di numerose altre specie, a esse direttamente o indirettamente legate, attraverso la salvaguardia di estensioni di habitat e paesaggi naturali.
La tartaruga marina (Caretta caretta) è certamente
una specie bandiera. Una misura della sua popolarità
è l’elevatissimo numero di pagine Internet a lei dedicate, anche come riflesso dello stato di allarmante declino di molte sue popolazioni. Se si considera, poi, il
doppio legame di questo animale con la terraferma (le
spiagge) e il mare, nonché varie altre sue peculiarità
biologiche, se ne comprende la grande rilevanza naturalistica e le particolari attenzioni conservazionistiche
di cui è oggetto.
159
The loggerhead is one of the twenty species of rare vertebrates at risk in this country, despite being its most
frequently found chelonian (besides the green and leatherback turtle), it is the only one that nests and breeds
here. It is, in any case, an animal in danger of extinction all over the Mediterranean and therefore protected
by international and EU law. Its main breeding sites are in Greece, Turkey, Cyprus and Libya, the countries
that possess 97% of the approximately 7,200 nests built annually in the Mediterranean. Ionian Calabria, in
particular its Graecanic coastal area, is now recognized as Italy’s main sea turtle nesting place. Therefore,
it may rightly be considered this country’s only “turtle coast”. This is no mean record, though only recently
discovered. Until the end of the last century, in fact, loggerhead nesting in Italy was considered a sporadic
phenomenon, except for the Pelagic Islands (Lampedusa and Linosa), places where the nesting of this species
was most frequently reported, despite the relatively small number of cases (2-3 nests per year, in the twenty
years between 1980 and 1999).
This dearth of information was the result of lack of research. Nobody, for example, had ever carried out
targeted investigation of the Calabrian coastline, where, up until 1999, on the southern-central Ionian shores a
dozen cases of undisputed nesting were reported, all the result of accidental discovery of eggs hatched during the
height of the tourist season (August).
In the spring of 2000, the Department of Biology, Ecology and Earth Sciences, University of Calabria began
a research project (“TARTACare Calabria”, where Tarta stands for turtle and Care is a reminder of the species’
scientific name, caretta, caretta, the feminine plural of the Italian adjective meaning “little darling “ as well as
the English verb “to care”) aimed at providing a picture of loggerhead nesting on the Ionian shores of Calabria.
The UNICAL (University of Calabria), research projects, authorized by the Nature Protection Directorate of the
Italian Ministry for the Environment and carried out by a team of experienced researchers (including Salvatore
Urso, Teresa Malito, Maria Danaro, Gianni Parise), has produced results beyond all expectations. It turns out, in
fact, that the “last refuge” of the sea turtle in Italy is not that of the Pelagic Islands, but the Ionian coast of Calabria,
where this chelonian still breeds regularly, and in rather large numbers, particularly on the coast around Reggio
160
Femmina di tartaruga marina in emersione notturna su una spiaggia reggina per la nidificazione
Nocturnal close up of a female sea turtle, on a beach in the Reggio Calabria area
Caretta è una delle venti specie di vertebrati più rare e minacciate a livello nazionale, pur essendo, tra i Cheloni
marini presenti nelle acque italiane (oltre ad essa, anche la tartaruga verde e la tartaruga liuto), ancora la più frequente
e anche l’unica nidificante nel nostro paese. Si tratta, in ogni caso, di un animale a rischio di scomparsa in tutto il
Mediterraneo e perciò protetto da normative internazionali e comunitarie. I principali siti riproduttivi si rinvengono
in Grecia, Turchia, Cipro e Libia, paesi che concentrano da soli oltre il 97% dei circa 7200 nidi annualmente deposti
in Mediterraneo. La Calabria ionica e, in particolare, la parte costiera reggina coincidente con l’area grecanica, è oggi
riconosciuta come la principale area di nidificazione della tartaruga marina in Italia. Può a ragione definirsi l’unica
“costa delle tartarughe” esistente nel nostro paese. Non è un primato da poco ed è una scoperta recente. Sino alla fine
del secolo scorso, infatti, la nidificazione di Caretta in Italia era ritenuta un fenomeno oramai sporadico o occasionale,
eccezion fatta per le Isole Pelagie (Linosa e Lampedusa), isole sulle quali la nidificazione della specie risultava segnalata più regolarmente, se pur in numero esiguo di casi (2-3 nidificazioni/anno, nel ventennio 1980-1999).
Questo quadro conoscitivo era, in realtà, il risultato di una carenza di ricerche. Nessuno, ad esempio, aveva
mai effettuato monitoraggi mirati lungo le spiagge calabresi, dove (costa ionica centro-meridionale) sino al 1999
risultavano una decina di casi certi di nidificazione, tutti dovuti a rinvenimenti fortuiti di schiuse nel momento di
massima frequentazione turistica dei litorali (mese di agosto).
Nella primavera del 2000, il Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra dell’Università della Calabria dà avvio a un progetto di ricerca (progetto “TARTACare Calabria”, con riferimento a Tarta come tartaruga;
Care come richiamo al nome scientifico della specie, al plurale femminile dell’aggettivo caro e al verbo inglese “to
care”, che significa importare, preoccuparsi) volto ad accertare il quadro distributivo delle nidificazioni di Caretta
lungo la Costa Ionica calabrese. Le ricerche dell’UNICAL, autorizzate dalla Direzione Protezione della Natura
del Ministero dell’Ambiente e attuate da uno staff di ricercatori esperti (tra gli altri: Salvatore Urso, Teresa Malito,
Maria Denaro, Gianni Parise), conducono a risultati oltre ogni previsione. Si scopre, infatti, che “l’ultimo rifugio”
della tartaruga marina in Italia non sono le Isole Pelagie, bensì proprio la costa ionica della Calabria, dove il nostro
chelone si riproduce ancora regolarmente, e in numero ben più consistente, in particolare lungo il tratto di costa
Emersione di piccoli di Tartaruga marina dal nido deposto sotto la sabbia
Emergence of baby sea turtles from their nest in the sand, after hatching
161
Calabria (from Cape Bruzzano to Melito di Porto Salvo). In no way incomparable to the hundreds of nests found
in Greece, here a “mere” 15-20 hatcheries per season - depending on the year, they represent nonetheless from
between 605 to 80% of the total reported for Italy - from which over 10,000 baby turtles emerged to reach the sea
between 2000 and 2013. It should be added, that the Calabrian turtles also turned out to be a biological “unicum”,
since they present genetic characteristics - highlighted by studies conducted by UNICAL in collaboration with the
University of Rome, Tor Vergata - unlike those of any other Mediterranean loggerhead population. The future of
this important nesting area, the remains of a much larger previous population is in grave danger, however. The
habits of these amphibians clash with the increasing anthropic exploitation of the coast and sea.
The reproductive strategy of this chelonian is an eloquent example. In the Mediterranean, the laying period
begins in late May and may continue until late August, although 50% of the nests are generally built between the
mid June and mid July. Once the eggs are laid, they are placed in a dugout in the sand (between 30 and 50 cm
deep), while the female returns to the sea, abandoning the brood. The eggs are “hatched” by the heat of the sand,
for a period ranging between 45 and 70 days. Once hatched, the babies climb out of the hole and, having surfaced
(usually at night), they head straight for the sea, where they live for several years (15-20) before returning, as
adults, to reproduce on the beaches where they were born.
The risks these nests face are many, if one considers the fact that the hatching season coincides largely with the
period when these beaches are most crowded; the flattening and mechanical cleaning of the beaches, the passage
of off-road vehicles can all destroy entire broods. The artificial illumination of waterfronts, beaches or other
facilities, are, perhaps, the largest risk factor. When they leave their nests, the baby turtles are, in fact, strongly
attracted to these lights that induce them to head in the direction opposite to that of the sea, that is, towards certain
death. It should be added, that coastal erosion, largely attributable to anthropic action, has led to disappearance
of entire areas of potentially suitable nesting sites.
The survival of caretta is not related only to the period the animals spend on land, that is, successful
reproduction. The causes of the serious decline in the species’ Mediterranean populations, estimated at a total of
approximately 3,000 nesting females, are also to be found in the strong increase in mortality rates during their life
at sea, due to the impact of marine pollution, to the proliferation of seafaring traffic, and, in particular, to fishing.
It is estimated that at least 60,000 specimens are captured annually in the Mediterranean and that at least
20,000 of these are the victims of fishing in Italian waters. Surveys conducted in the Reggio Calabria area by the
University, show how fishing nets and lines cause the capture, injury or deaths of about 500 units per season. These
tend to be turtles born in other parts of the Mediterranean - above all in Greece it would seem-which come to feed
in the waters off the Calabrian coast. Conscientious awareness on the part of the fishing industry and the use of
customised fishing equipment, will - we hope - help reduce the impact and the limit the deaths of so many animals.
This is one of the main objectives of the EU-funded “LIFE Caretta Calabria” LIFE12 NAT/IT/001185, project
sponsored by UNICAL (in collaboration with other partners), and recently approved by the European Union
(European Commission, Directorate - General Environment, ENV.E.3 - Life Nature). The project also foresees
a four-year effort fin favour of the implementation of action fostering environmental restoration (reclamation of
sandy beaches and sand dunes, the limitation of coastal erosion, diminution of light pollution), through landscape
enhancement projects, aimed also at enhancing the attractiveness of the Costa dei Gelsomini/Jasmine Coast.
The safeguard of the sea turtle involves, furthermore, the protection of the sea and the beaches from
degradation. The nesting of this extraordinary animal is not incompatible with respectful seaside tourism. It is,
however, necessary to understand that beaches are not only expanses of sand, to be levelled and smoothed, but
an extraordinary and delicate natural ecosystem.
The hope is that the Ionian Coast of Reggio Calabria may become a true “turtle coast”, the only one of its
kind in Italy, the sign of a serious, conscientious pledge by governments and citizens to respect and protect these
amazing animals and the environment in which they reproduce. So, this turtle might well act as an incentive (and
“added value”) to the development within this coastal area of a kind of tourism based on intelligent preservation
and enjoyment of its unique natural resources.
Professor Antonio T. Mingozzi, Head of the project TARTACare Calabria
DiBEST, Department of Biology, Ecology and Earth Sciences, University of Calabria, Rende (Cosenza)
162
reggina (tratto da Capo Bruzzano a Melito di Porto Salvo). Certo, non si tratta di centinaia di nidi, come ancora
accade sulle spiagge della Grecia, ma “solo” di 15-20 deposizioni a stagione - che costituiscono, a secondo gli anni,
dal 60 all’80% di tutti i nidi segnalati in Italia - da cui sono emerse, per raggiungere il mare, oltre 10.000 piccole
tartarughe nel periodo 2000-2013. Si aggiunga, che le tartarughe calabresi si sono rivelate essere un “unicum” biologico, poiché mostrano caratteristiche genetiche - evidenziate dagli studi condotti da UNICAL in collaborazione con
l’Università di Roma Tor Vergata - che le differenziano da tutte le altre popolazioni mediterranee. Il futuro di questa
importante area di nidificazione, relitto di una ben più consistente popolazione del passato, è, tuttavia, fortemente a
rischio. Le abitudini di vita di questi rettili si scontrano con il crescente uso antropico delle coste e del mare.
La strategia riproduttiva di questo chelone ne è un primo esempio. Nel Mediterraneo il periodo di deposizione
inizia a fine maggio e può proseguire fino ad agosto inoltrato, anche se il 50% dei nidi è generalmente deposto
tra la metà di giugno e luglio. Una volta deposte le uova in una buca scavata nella sabbia (profonda tra i 30 e i
50 cm), la femmina di tartaruga torna in mare, abbandonando la sua nidiata. Le uova saranno “covate” dal calore
della sabbia, per un periodo variabile tra i 45 e i 70 giorni. Alla schiusa, i piccoli risalgono la cavità e, una volta
emersi (di norma nelle ore notturne), si dirigono subito verso il mare, dove trascorreranno molti anni (almeno
15-20) prima di tornare, raggiunta l’età adulta, a riprodursi sulle stesse spiagge in cui sono nate.
I rischi cui vanno incontro i nidi sono molteplici, se si considera che il periodo di schiusa coincide in larga misura
con il periodo di massimo affollamento turistico delle spiagge: lo spianamento e la pulizia meccanica degli arenili,
il passaggio di mezzi fuoristrada possono essere causa di distruzione d’intere nidiate. Così come lo sono le luci artificiali di lungomare, lidi o altro, forse il maggior fattore di rischio. Al momento dell’emersione dal nido, i piccoli di
tartaruga sono, in effetti, fortemente attratti da queste luci che li portano a dirigersi nella direzione opposta al mare,
ossia verso sicura morte. Si aggiunga che il fenomeno dell’erosione costiera, in buona parte attribuibile all’azione
antropica, ha determinato la scomparsa d’interi settori d’arenile potenzialmente idonei alla nidificazione della specie.
La sopravvivenza di Caretta non è solo legata alla fase di vita terrestre, ossia al successo della riproduzione.
Le cause del grave declino delle popolazioni mediterranee, complessivamente stimate a circa 3.000 femmine
nidificanti, sono da ricercarsi anche nel forte incremento della mortalità nella fase di vita marina. Le cause riguardano il diretto impatto che l’inquinamento marino, lo sviluppo del traffico nautico e, soprattutto, le attività di
pesca, hanno su questi animali. Si stima che almeno 60.000 esemplari siano catturati ogni anno nel Mediterraneo
e che almeno 20.000 siano quelli vittima delle attività di pesca nei mari italiani. Indagini condotte dall’Università nell’area reggina, evidenziano come la pesca con reti e palangari sia causa di cattura, ferimento o morte di
circa 500 esemplari a stagione. Si tratta, oltretutto, di tartarughe nate anche in altre parti del Mediterraneo - forse
soprattutto in Grecia - e che ritrovano nelle acque prospicienti la costa calabra importanti zone di alimentazione.
Una maturata coscienza del mondo dei pescatori, l’utilizzo di attrezzature da pesca appositamente studiate, potrà
- si spera - contribuire a ridurre l’impatto e la morte di molti animali.
È questo uno degli obiettivi che si prefigge l’importante progetto di finanziamento europeo “LIFE Caretta
Calabria” LIFE12 NAT/IT/001185, promosso da UNICAL (insieme con altri partner) e recentemente approvato
dalla Comunità Europea (European Commission, Directorate - General Environment, ENV.E.3 - Life Nature). Il
progetto prevede anche, in quattro anni di lavoro, di attuare azioni di riqualificazione ambientale (bonifica degli
arenili, restauro delle dune, contrasto all’erosione costiera, mitigazione inquinamento luminoso), tramiti di una
valorizzazione paesaggistica, e relativo incremento di attrazione turistica, della Costa dei Gelsomini.
Tutelare la tartaruga marina significa, in effetti, tutelare il mare e le spiagge dal degrado. La nidificazione di
questo straordinario animale non è incompatibile con una frequentazione turistica rispettosa degli arenili. È però
necessario che si comprenda che le spiagge non sono solo una distesa di sabbia, da spianare come si vuole, ma uno
straordinario e delicato ecosistema naturale. La speranza è che la Costa Ionica reggina possa diventare davvero la
“Costa delle tartarughe”, unica nel suo genere in Italia, nel segno di un maturato impegno delle amministrazioni e di
tutti i cittadini per il rispetto e la tutela di questi straordinari animali e dell’ambiente in cui si riproducono. Allora, la
nostra tartaruga potrebbe veramente diventare un richiamo forte (il “valore aggiunto”) per uno sviluppo turistico di
quest’area costiera, basato sulla salvaguardia e la fruizione intelligente delle sue peculiari risorse naturali.
Prof. Antonio T. Mingozzi, Responsabile Progetto TARTACare Calabria
DiBEST, Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra, Università della Calabria, Rende (CS)
163
Dormire, mangiare...
Where to eat and sleep
What has changed between 2002 when this guide was
first published and the present day as we prepare to
launch the second edition? Many things, and radically
so. Midst pros and cons, the idea of installing tourist facilities in inland areas while respecting criteria
of sustainability and enhancement of eco-environment has begun to assert itself. The hinterland itself
turned out, in actual fact, to be not only a great tourist
attractor, but it helped reverse the trend which, until
the 1980s, seemed to indicate neglect, disregard for
Graecanic Aspromonte, inevitable decline, or at most,
territorial control by the mafia. Instead, the numbers
of those providing tourist accommodation and catering services have increased considerably, in particular
over the past ten years. Of those actually operating at
the moment we have tried to provide a list regardless
of whether they provide farmhouse accommodation,
cater for trekkers, or summertime, seaside visitors.
Yet, we do not wish the list to be over general so some
brief comments accompany the data provided below.
This section of the guidebook offers a kind of “state of
the art” account of Graecanic tourist accommodation.
Generally speaking, although it is true that the numbers of the tourist sector’s stakeholders have increased
considerably, on the other hand, the “domestic debate”
over the trend the local market should take has by no
means come to an end. Are network or individual initiatives to be preferred? Is it better to invest in thematic, quality service or conform to the general tourist
market by providing more general packages, catering
for all tastes, and all types of tourist? From the point
of view of cultural policy, we consider the network of
tourist operators associated with the Pucambù Agency
a strength. Their approach provided the area’s tourist
sector with an innovative modus operandi involving
a synergy of forces, intentions and objectives, with a
view to providing not only a quality image of Greek
164
Ettore Castagna
Cosa è cambiato dal 2002? Era l’anno di uscita della prima edizione di questa guida ed oggi, mentre ne
licenziamo la seconda edizione, molte cose sono effettivamente parecchio mutate. Fra luci ed ombre, l’idea
di un turismo rivolto verso l’area interna, costruito secondo criteri di sostenibilità e di valorizzazione del patrimonio eco-ambientale ha iniziato ad affermarsi. Lo
stesso entroterra ha finito per essere l’attrattore forte del
movimento turistico attuale ribaltando quella che sembrava, fino a ben oltre gli anni ’80, la tendenza al totale
abbandono e disinteresse per l’Aspromonte Greco associato a un ineluttabile declino o, al massimo, al controllo territoriale mafioso. La quantità degli operatori
di ospitalità e di ristorazione si è invece moltiplicata,
in particolare nell’ultimo decennio. Di quelli effettivamente esistenti ed operanti abbiamo cercato di offrire
un elenco in questa sezione; ciò anche a prescindere
dall’impostazione verso un turismo rurale ed escursionistico oppure uno estivo e balneare. Ma non vogliamo
che la lista sia troppo generalista e ad alcune minime
osservazioni sui dati di fondo la accompagnano.
La sezione costituisce una sorta di sguardo allo “stato dell’arte” in merito alla ricettività turistica grecanica.
In linea generale se è vero che si sono moltiplicati gli
operatori interessati al settore, d’altro canto quello che
potremmo definire il dibattito interno al mercato locale
su quale debba essere la tendenza forte da assumere non
è certo conclusa. Meglio le logiche di rete o le iniziative solitarie? Meglio investire su tematicità e qualità o
meglio uniformarsi a un’impostazione maggiormente
generalista, buona per tutti i gusti e, magari, per tutti
i turismi? Sotto un profilo della politica culturale del
turismo riteniamo un punto di forza la rete degli operatori dell’Agenzia Pucambù. Si è trattato di una forma
innovativa per il territorio: operare in ambito turistico
unendo le forze, le intenzioni, le motivazioni non solo
per costruire un’immagine qualitativa della Calabria
Calabria but also a shared and, above all, acceptable,
respectful attitude towards the area’s environment, history and culture. The Pucambù Agency’s experience
is emblematic, especially on account of its quest for
best practices, it networking approach, the quality of
its attitude towards the environment, the local territory
and its residents. We have decided, therefore, to offer
the reader / visitor a somewhat detailed view of the
situation. We begin, and rightly so, with an account
of the Pucambù Agency’s experiences. This because
it has acted as a veritable trail blazer, undoubtedly informed by a desire for renewal and by direct interest in
the Graecanic Area as a destination towards which to
attract tourists. Following this we provide a list of all
the area’s other companies and operators.
Pucambù, the Agency for the Promotion of Rural
Tourism in Graecanic Calabria, has a long, involving and fact-studded history. Set up originally in the
1990s, it was simply a small Graecanica-area accommodation network, promoted by WWF Italy and informed by the Diffused Hospitality model.
Over the years, Pucambù has striven to strengthen
this network, which now comprises about 20 operators (farmhouse accommodation, bed & breakfast,
diffused hospitality hotels, campsites, typical restaurants, tourist services) for a total of about 240 beds
in historic centres and villages in the most beautiful
areas of Greek Calabria (Pentedattilo, Amendolea,
Gallicianò, Bova, Palizzi). It has also provided a network of hiking trails connecting the most picturesque
villages (Pentedattilo, Amendolea, Roghudi Vecchio,
Gallicianò, Bova, Staiti).
Furthermore, the Agency also provides a series of packages for excursionists (hiking, cultural tourism, wine
tasting, local visits, educational and religious tourism)
bringing visitors to Graecanic Calabria and guaranteeing a series of services to its associates and more generally to the area (transport, promotion, website, etc.).
Pucambù has promoted several campaigns to increase the
area’s tourist flow [workshops in major northern-Italian
by members of the CAI, didactic events for international
tour operators, participation in Milan’s annual tourist fair,
annual BIT in Milan, the Terrafutura and Fà la cosa giusta (lit Do the right thing), etc. events] contributed significantly to the growth of tourism in Greek Calabria.
One of the most important events that Greek Calabria
has known since 1997 is the Ethno-musical Paleariza
(Ancient Root) Festival, sponsored by the Graecanic
Area GAL in collaboration with the Pucambù Agency.
Greca ma per offrire un prodotto condiviso e, sopratutto, condivisibile nel rispetto dell’ambiente, della sua
storia e della sua cultura. L’esperienza dell’Agenzia
Pucambù è emblematica nel senso della ricerca delle
cosiddette buone pratiche, dell’iniziativa di rete, di una
certa qualità dell’approccio all’ambiente, al territorio,
alle comunità residenti. Abbiamo perciò pensato di offrire al lettore/visitatore un panorama articolato. Apre
il discorso, a buon diritto, l’esperienza dell’Agenzia
Pucambù. Ciò proprio per il suo merito di esperienza
apripista, che ha senza dubbio segnato la novità e diretto l’interesse verso l’Area Grecanica in quanto meta
per lo sguardo turistico. Segue la declinazione di tutte
le altre aziende ed operatori presenti sul territorio.
Pucambù, l’Agenzia per la Promozione del Turismo Rurale della Calabria Greca ha una storia articolata e partecipata. L’esperienza preesistente, iniziata
negli anni ’90, è quella di una piccola rete di ospitalità
nell’Area Grecanica, promossa dal WWF Italia, che si
ispirava al modello dell’ospitalità diffusa costituendo
il punto di avvio delle attività dell’Agenzia.
Pucambù, negli anni, ha operato per potenziare questa
rete che oggi è costituita da circa 20 operatori (aziende
agrituristiche, bed & breakfast, alberghi diffusi, campeggi, ristoranti tipici, servizi turistici) per un totale di circa
duecentoquaranta posti letto nei centri storici e nei borghi
più belli della Calabria Greca (Pentedattilo, Amendolea,
Gallicianò, Bova, Palizzi). Inoltre è stata realizzata una
rete di itinerari escursionistici che collega i borghi più
suggestivi (Pentedattilo, Amendolea, Roghudi Vecchio,
Gallicianò, Bova, Staiti).
L’Agenzia promuove i pacchetti turistici (turismo
escursionistico, turismo culturale, turismo enogastronomico, turismo di prossimità, turismo scolastico, turismo
religioso) della Calabria Greca e garantisce un insieme
di servizi comuni agli operatori soci e più in generale al
territorio (trasporti, promozione, sito web, etc.).
Pucambù ha realizzato numerose campagne promozionali per aumentare i flussi turistici nell’area
(workshop nelle principali città del nord con i soci del
CAI, educational con operatori turistici internazionali, partecipazione alla BIT di Milano, a Terrafutura e a
Fà la cosa giusta, etc.) che hanno contribuito significativamente ad aumentare le presente turistiche nella
Calabria Greca.
L’iniziativa più importante che caratterizza la Calabria Greca dal 1997 è il Festival Etnomusicale Paleariza
(Antica Radice). Il Festival è promosso dal GAL Area
Grecanica con la collaborazione dell’Agenzia Pucambù.
165
I SOCI E I PARTNER DELLA RETE PUCAMBÙ
MEMBERS AND PARTNERS OF THE
PUCAMBÙ NETWORK
Tel: 334 7889711
email: [email protected]
www.riorosa.it
Sede Operativa / Headquarters
Via A. Ferraro n. 14 - 89038 Palizzi Marina (RC)
Tel: 0965 769704 - Fax: 0965 769760
email: [email protected] [email protected]
www.pucambu.it
Contatti:
- Andrea Laurenzano 347 3046799
- Carmelo Pansera 348 3813681
CONDOFURI
Agriturismo Il Bergamotto
Loc. Amendolea - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 727213 / 347 6012338
email: [email protected]
Cooperativa La Nostra Valle
Ostello della Gioventù
Via Telesio snc - 89030 Condofuri (RC)
c/o Centro Giovanile “Padre Valerio Rempicci”
Tel: 0965 784877
email: [email protected]rg
www.lanostravalle.org
Trattoria “Greca”
Associazione “Zoi Greca”
Località Gallicianò - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 727021 / 349 5010588
Pizzeria Pameka
Via Peripoli n. 509 - Fraz. Marina - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 784518
BAGALADI
Ospitalità Diffusa - Società Cooperativa Grecale
c/o Porta del Parco Naz. dell’Aspromonte di Bagaladi
Via Torrente Zervo - 89060 Bagaladi (RC)
Tel: 0965 724806 / 346 6028815
Ristorante Tipico - Porta del Parco di Bagaladi
Via Torrente Zervo - 89060 Bagaladi (RC)
Tel: +39 0965 724806 +39 346 6028815 Fax +39
0965724803
www.portaparcobagaladi.it
BOVA
Società Cooperativa “San Leo”
Referente della Rete dell’Ospitalità Diffusa
Via Polemo, 89033 - 89033 Bova (RC)
Tel: 347 3046799 / 346 7159100
email: [email protected]
www.naturaliterweb.it
Azienda Agrituristica San Leo
Contrada San Leo - Campi di Bova - 89033 Bova (RC)
Tel: 347 4886553.
www.viaggicalabria.it/shopping-azienda-san-leo-88.
aspx.
B&B Kalòs Ìrtete Stìn Chora
“Ricettività in Ospitalità Diffusa” di A. Ghibaudi
Via S. Costantino 15 - 89033 Bova (RC)
Tel: 0965 762012 / 329 4388662
email: [email protected]
www.bb-kalos.viaggicalabria.it www.bb-kalos.it
Ristorante Grecanico Cooperativa “San Leo”
Via Polemo - 89033 Bova (RC)
Tel: 346 7159100 / 3473046799
email: [email protected]
BOVA MARINA
B&B Rio Rosa
Via Torrente Vena, snc - 89035 Bova Marina (RC)
166
MELITO PORTO SALVO
Associazione Pro Pentedattilo - Agenzia dei Borghi
Solidali
Ricettività in Ostello e ospitalità diffusa
Località Pentedattilo - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965026557 / 0965 771548 / 0965787092 / 320
6926592
email: [email protected]
www.borghisolidali.it - www.pentedattilo.info
PALIZZI
Agunì Agriturismo e Locanda
Contrada Gunì - Strada Palizzi Marina - Carmine 89038 Palizzi (RC)
Tel: 342 8249708 / 0965 024807 email: [email protected]
www.agriturismoaguni.it
B&B Alika
Via Plutino n. 9 - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 340 3763991 / 347 7272351
email: [email protected]
Camping Doccica
Via Nazionale - C.da Doccica - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 0964 763742 / 339 8857325
email: [email protected]
www.campeggiodoccica.com
The following is a more “generalist” list of tourist-service providers. We have tried to give as detailed an account as possible of those operating in this
sector. The reader / visitor will certainly gain some
insight into how ​​diversified, fragmented the offer is,
but we hope this list may act as a kind of map capable of bringing supply and demand into contact,
seeing how difficult it is to identify the contemporary
tourist. Does he wish to spend the night in a sleeping
bag or would he prefer to visit a museum? Does he
want a relaxing room with a hot tub or does he expect extreme trekking? Very often, apparent contradictions like these, are simply two faces of the same
coin. The modern visitor wants to spend a sleepless
night stargazing but he also wants a good concert and
a night in a hotel at a noisy seaside resort. These images are contrasting but they define the elusive modern tourist, all the same. Addessing similar diversity
can prove to be an asset if handled in terms of quality.
This involves a set of vastly complex issues we cannot handle here. This “map” is simply a first step in
the journey at hand. We must point out that carrying
out the headcount required to verify the existence of
operators or obtain their permission to include them
here, was no easy task. Midst modern entrepreneurship and atavistic suspicion our list is, nonetheless,
preparatory to drawing up a more complete map of
the companies working in the Grecanica area sometime in the future.
Quella che segue è la sezione di impostazione più
“generalista”. Si è cercato di restituire una traccia il più
possibile dettagliata degli operatori del settore. Il lettore/visitatore ne trarrà sicuramente un’idea di diversità,
forse di frammentazione ma si tratta di una mappa utile
per fare incontrare domanda e offerta data la ben nota
scarsa identificabilità del turista contemporaneo. Notte
in sacco a pelo o visita al museo? Camera riposante
con vasca idromassaggio o trekking estremo? Spesso
le contraddizioni apparenti sono facce di una medesima domanda individuale. Il visitatore moderno vorrà
passare una notte insonne a contemplare le stelle ma
vorrà sentire anche un buon concerto e la notte successiva spenderla in un hotel di impostazione urbana su un
rumoroso lungomare. Sono tutte immagini contrastanti
ma che servono a delinearne l’inafferabilità. Di fronte
ad esso, un’offerta diversificata può essere una risorsa
se gestita qualitativamente. Ciò ovviamente indirizza il
discorso verso un ambito molto ampio di cui è difficile
rendere conto in questa sede. La mappa si accontenta di
essere un primo momento di ordine in questo viaggio.
Bisogna dire che anche il semplice lavoro di censimento non è stato altrettanto semplice quando si è trattato
di verificare l’effettiva esistenza degli operatori oppure
di registrare l’elementare disponibilità ad essere inseriti
nell’elenco che segue. Fra moderna imprenditorialità e
ataviche diffidenze la nostra lista costituisce comunque
un primo passo nel disegnare la mappa delle aziende
attive nel settore in Area Grecanica.
AGRITURISMI, ALBERGHI E B&B
FARMHOUSES, HOTELS AND B&B
Tel: 339 6548595 / 0965 762701
email: [email protected]
Agriturismo Kalos-Jero
Piatti Tipici, Cucina Contadina
Via Campo - 89033 Bova (RC)
Tel: 366 3582213 / 0965 762115
www.agrikalosjero.altervista.org/home/
Agriturismo Santa Maria F.lli Taormina
Via Borgo - 89033 Bova (RC)
Tel: 347 9720281
email: [email protected]
Agriturismo Il Cielo di Bova - O Uranò Tu Vùa
Contrada Milì - 89033 Bova (RC)
Tel: 349 6448255
B&B Vùa
Via San Costantino, 23 - 89033 Bova (RC)
Tel: 349 7307262 / 0965 620987
email: [email protected]
B&B Kalòs Ìrtete Stìn Chora
“Ricettività in Ospitalità Diffusa” di A. Ghibaudi
Via S. Costantino 15 - 89033 Bova (RC)
Tel: 0965 762012 / 329 4388662/ 347 8334163
email: [email protected]
BAGALADI
Ospitalità Diffusa - Società Cooperativa Grecale
c/o Porta del Parco Naz. dell’Aspromonte di Bagaladi
Via Torrente Zervo - 89060 Bagaladi (RC)
Tel: 0965 724806 / 346 6028815
email: [email protected]
BOVA
Società Cooperativa “San Leo”
Referente della Rete dell’Ospitalità Diffusa
Via Polemo, 89033 - 89033 Bova (RC)
Tel: 347 3046799 / 346 7159100
email: [email protected]
www.naturaliterweb.it
Azienda Agrituristica Stelitano
Contrada Cavalli, Via dei Palmenti 89033 Bova (RC)
Tel: 333 5766809
email: [email protected]
Azienda Agrituristica San Leo
Contrada San Leo - Campi di Bova - 89033 Bova (RC)
167
www.bb-kalos.it
B&B Eramu
Via Castello, 46 - 89033 Bova (RC)
Tel: 347 8769999 / 348 8219300
email: [email protected]
BOVA MARINA
Agriturismo La Spina Santa
C.da Spina Santa - 89035 Bova Marina
Tel: 0965 761012 / 335 5289412
email: [email protected]
www.laspinasanta.com
Agriturismo Di Petru I “Ntoni
Contrada Lucari - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: +39 348 7053895
email: [email protected]
www.agriturismodipetruintoni.it
Agriturismo Del Pozzo
Via Linni 18 - 89035 Bova Marina (RC) Tel: 347 4229800 / 338 2593125 email: [email protected] www.agriturismodelpozzo.it
B&B Rio Rosa
Via Torrente Vena, snc - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 334 7889711
email: [email protected]
www.riorosa.it
B&B Elena
Via Tenente Pugliese, 39 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel/Fax: +39 0965 761416 / +39 339 1360972
www.bedandbreakfastelena.com
B&B Fairstar F.f.
Via Hermada, 25 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 761303
email: [email protected]
B&B Jalo Tu Vua
Via Milano, 23 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 349 6260366
email: [email protected]
B&B Marella
Via Umberto I n. 160/162 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 761106 / 338 3325641
email: [email protected]
www.bbilgelsomino-marella.it
B&B Sole e Luna
Via Magna Grecia, Località San Pasquale - 89035 Bova
Marina (RC)
Tel: 0965 764306 / 349 0631704
email: [email protected]
www.bbsoleeluna.it
B&B Venere
Via Udine - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 764373 / 349 3583656
[email protected], [email protected]
www.bed-and-breakfast.it
B&B Orlando
Via Calamità-Lardica snc - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 761416 / 327 5887801 / 338 4965126
168
email: [email protected]
www.bedandbreakfastelena.com/b&borlando/
Agriturismo Stelitano
Contrada Mazzacuva - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 333 5766809
email: [email protected]
Albergo La Primula
Via Monte Santo, 6 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel/Fax: 0965 761257 / 327.4506680
email: [email protected]
www.laprimula.eu
Camping Villaggio Turistico La Perla Jonica
Località San Pasquale - 89035 Bova Marina (RC)
email: [email protected]
Lido Marechiaro
Località San Pasquale - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 338 1769319 / 328 4693454 / 340 6174249
www.marechiarovacanze.it
Sosta Camper Mafalda
Via Sottoferrovia - loc. San Pasquale Bova Marina (RC)
Tel: 344 0300673 / 0965 761486
email: [email protected]
BRANCALEONE
Hotel Villaggio Club Altalia
Via Nazionale, 106 - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 933031 / 0964 933298
Fax 0964 933992
email: [email protected]
www.altalia.it
Hotel S. Giorgio
Via S. Giorgio SS. 106 km 62 - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 931025
www.italyfoodwine.com/sangiorgio/
Pensione 2001
Via Zelante - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 933581
B&B Villa Beatrice
Via Zelante 50 - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 933884 / 333 2512440
email: [email protected]
www.bb-villabeatrice.it
B&B Sunrise
Via Marina, - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 340 6717079
www.bbsunrise.it
B&B Galati
C/da CaLdara s.n.c.- Capo Spartivento - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 931216 / 328 1389307
email: [email protected]
CONDOFURI
Agriturismo Gemelli
Via Salinella, 45 - 89030 Condofuri (RC)
Tel 0965 784095 Fax 0965 784722
Cell. 347 0167517
email: [email protected]
www.agriturismogemelli.it
Agriturismo Il Bergamotto
Loc. Amendolea - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 727213 / 347 6012338
email: [email protected]
Agriturismo Le Grotte di Caridi
C.da Grotte, 10 - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 727074 / 347 9151154
email: [email protected]
www.legrotteagriturismo.it
B&B Agorà
SS.106 Jonica 14 - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 328 8618120
email: [email protected]
B&B Villa Vittoria
Via Pavese 7 - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 784919 / 320 5729802 Fax 0965 58905
email: [email protected]
www.villavittoria.xoom.it
B&B Shalom
SS.106 Jonica 14 - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 348 8861779 Fax 0965 1870103
email: [email protected]
www.shalom-rooms.net
B&B L’oleandro bianco
C. da Straci s.n.c. - 89030 Condofuri Marina (RC)
Tel: 349 3250720
email: [email protected]
www.oleandrobianco.com
B&B Jalò
C. da Straci 6/a Villaggio Costabella - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 45990 / 348 3898988
email: [email protected]
B&B Villa Lucia
Via Salinella - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 784916 / 349 7649884
email: [email protected]
Cooperativa Sociale La Nostra Valle
Ostello della Gioventù
Via Telesio snc - 89030 Condofuri (RC)
c/o Centro Giovanile “Padre Valerio Rempicci”
Tel: 0965 784877 Fax: 0965 062374
email: [email protected]
www.lanostravalle.org
Villaggio Jammin
Alloggi in legno Parco Giochi Relax Ristorante Pizzeria
Stabilimento Balneare
Lungomare Condofuri - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 335 8022034
email: [email protected]
www.villaggiojammin.it
Agriturismo “Zio Nino”
Azienda Agricola Agrigallo S.a.s.
Contrada Cosentino di San Carlo, 89030 Condofuri
(RC)
Tel: 331 4545202
email: [email protected]
www.agriturismozionino.it
MELITO PORTO SALVO
Associazione Pro Pentedattilo
Ricettività in Ostello e Ospitalità Diffusa
Località Pentedattilo - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 771548 / 0965 787092
www.pentedattilo.info
Agriturismo Valle di Pentedattilo
Via Giachindi n. 5 Provinciale per Pentidattilo - 89063
Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 787070 / 348 0570323
B&B Bastia “La Quiete”
Via Bastia n. 1 - Pentedattilo - 89063 Melito Porto
Salvo (RC)
Tel: 346 0218692 / 348 8422043
email: [email protected]
www.bastialaquiete.it
B&B Il Gelsomino
Via Prunella Media n. 50/a - 89063 Melito Porto
Salvo (RC)
Tel: 333 4938970
email: [email protected]
www.ilgelsomino.org
B&B Le Terrazze sul Mare
Via F.lli Rosselli n. 22 - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 346 5327425 / 0965 783512
email: [email protected]
www.terrazzasulmare.jimdo.com
B&B Nereidi
Via Sandro Pertini n. 32 - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 334 1993877 / 333 4099685
email: [email protected]
www.bbnereidi.it
B&B Ulivo
Via Caredia n. 145 - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 788317 / 349 1501320
email: [email protected]
www.xoomer.virgilio.it/bbcaredia/index.html
B&B Verso Sud
Via Filippo Turati n. 109 - 89063 Melito Porto
Salvo (RC)
Tel: 0965 781842 / 346 0975355
email: [email protected]
Hotel Serranò
Via Nazionale n. 96 - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 781333 Fax 0965 783618
www.hotelserrano.it
Villaggio Turistico Alberghiero Stella Marina
Lungomare dei Mille, 136 C.da Annà - 89063 Melito
Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 787644 Fax: 0965 787001
email: [email protected]
www.hotelstellamarina.eu
Società Cooperativa “Sta Chorìama”
Referente della Rete dell’Ospitalità Diffusa
Via Lanzaro SNC - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 347 7913720 / 327 7685251
email: [email protected]
169
MONTEBELLO JONICO - FOSSATO - SALINE
Associazione Pro Pentedattilo - Agenzia dei Borghi
Solidali
Referente territoriale Associazione “I Fossatesi nel
Mondo”
Ricettività in Ostello Montebello
Località Pentedattilo - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 026557 / 0965 771548 / 0965 787092 / 320
6926592
email: [email protected]
www.borghisolidali.it - www.pentedattilo.info
B&B La Scogliera
Via Pantanelle n. 19 - Saline Joniche - 89064 Montebello Ionico (RC)
Tel: 333 4099685
email: [email protected]
www.lascoglierabeb.it
B&B Le Saline
Via Pantanelle n. 9 Saline Joniche - 89064 Montebello
Ionico (RC)
Tel: 0965 897305 / 347 0549591
email: [email protected]
www.bblesaline.com
Albergo - Pizzeria Il Laghetto
Via Nazionale n. 5 Saline Joniche - 89064 Montebello
Ionico (RC)
Tel: 0965 782090
email: [email protected]
PALIZZI
Agunì Agriturismo e Locanda
Contrada Gunì, Strada Palizzi Marina, Carmine - 89038
Palizzi (RC)
Tel: 342 8249708 / 0965 024807
email: [email protected]
www.agriturismoaguni.it
B&B Alika
Via Plutino n. 9 - 89030 Palizzi Superiore (RC)
Tel: 340 3763991 347 7272351
email: [email protected]
[email protected]
B&B Lo Schiccio
Via XX Settembre n. 20 - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 0965 765398 / 349 2647138
B&B Altomonte
Via Garibaldi - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 338 4965032
B&B Una Finestra sul Mare
Via Nazionale n. 5 C. da Doccica - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 0965 763529 Fax 0965 763529
email: [email protected]
www.unafinestrasulmare.it
Camping Doccica
Via Nazionale - C.da Doccica - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 0965 763742 / 339 8857325
email: [email protected]
www.campeggiodoccica.com
170
ROCCAFORTE DEL GRECO
Azienda Agrozootecnica - Agriturismo Francesco
Saccà
C.da Monaca - 89060 Roccaforte del Greco
Tel: 333 8733300
email: [email protected]
[email protected]
ROGHUDI
Associazione Pro Pentedattilo - Agenzia dei Borghi
Solidali
Ricettività in Ostello Ghorio di Roghudi
Località Pentedattilo - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 026557 / 0965 787092 / 320 6926592
email: [email protected]
www.borghisolidali.it - www.pentedattilo.info
SAN LORENZO
B&B San Lorenzo Beach
Viale Maritur n. 13 - 89069 San Lorenzo (RC)
Tel: 0965 357408
email: [email protected]
RISTORANTI
RESTAURANTS
Il servizio di ristorazione è offerto anche dalle Aziende
Agrituristiche riportate nella Sezione Agriturismi, Alberghi e B&B.
Meals are also provided by the farmhouse accommodation agencies listed in the Farmhouse, Hotel and B&B
section.
BAGALADI
Ristorante Tipico - Porta del Parco di Bagaladi
Tel: +39 0965 724806 / +39 346 6028815
Fax: +39 0965/724803
www.portaparcobagaladi.it
BOVA
Ristorante Grecanico Cooperativa San Leo
Via Polemo - 89033 Bova (RC)
Tel: 346 7159100 / 347 3046799
email: [email protected]
Degustazione e Vendita Prodotti Tipici “Al Borgo”
Via Borgo, 89033 - Bova (RC)
Tel: 338 9006739
email: [email protected]
Agriturismo - Ristorante - Pizzeria
La Taverna di Bova
Via IV Novembre n. 35 - 89033 Bova (RC)
Tel: 340 1216375 / 340 9120521
email: [email protected]
www.latavernadibova.it
“La Lestopitta” Da Mimmo
Gastronomia e Rosticceria da Asporto
Via Vescovado n. 20 - 89033 Bova (RC)
Tel: 349 2658552
email: [email protected]
website: www.lalestopitta.it
BOVA MARINA
Ristorante Fairstar
Via Torrente Sideroni n. 1 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 761303 Ristorante Pizzeria Antolis
Via P. Timpano - 89035 Bova Marna (RC)
Tel: 0965 040266
Ristorante Mediterraneo
Via Hermada n. 24 - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 764971 / 338 6907496
Locanda Ristorante Klimi
SS. 106 Jonica km 46,9 - C.da Cortilivari - 89035 Bova
Marina (RC)
Tel: 0965 761081 / 340 3723667
email: [email protected]
www.klimi.it
Ristorante Pizzeria La Perla Jonica
Località San Pasquale - 89035 Bova Marina (RC)
Tel: 0965 764366
www.laperlajonica.rc.it
BRANCALEONE
Ristorante Pizzeria L’incontro
Contrada Caldara - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 931184
Ristorante Venezia
Corso Umberto I - 89036 Brancaleone (RC)
Tel: 0964 933214
CONDOFURI
Ristorante Pizzeria Agorà
Piazza Stazione Frazione Marina - 89030 Condofuri
(RC)
Tel: 0965 784578 / 339 2065695
www.ristoranteagora.com
Trattoria “Greca”
Associazione “Zoi Greca”
Località Gallicianò - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 349 5010588
Trattoria L’Antica Ricetta
Via Peripoli n. 8, 89030 Condofuri (RC)
SS Jonica Km 40
Tel: 0965 784176 / 333 4557802
email: [email protected]
Pizzeria Pameka
Via Peripoli n. 509 - Frazione Marina - 89030 Condofuri (RC)
Tel: 0965 784518
MELITO PORTO SALVO
Ristorante Bar Serranò
Via Nazionale n. 96 - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 781333 Fax 0965 783618
Bar Ristorante Pizzeria Mariu’
Via Porto Salvo - 89063 Melito Porto Salvo (RC)
Tel: 0965 771758
MONTEBELLO JONICO
Albergo - Pizzeria Il Laghetto
Via Nazionale n. 5 Saline Joniche - 89064 Montebello
Ionico (RC)
Tel: 0965 782090
email: [email protected]
Ristorante Trattoria Pizzeria
Locanda La Lanterna
Via Nazionale n. 105 - Località Saline Joniche - 89064
Montebello Jonico (RC)
Tel: 0965 782241
PALIZZI
Pizzeria Panificio Proietto Giuseppe
Via Ferdinando De Blasio - Frazione Marina - 89038
Palizzi Marina (RC)
Tel: 0965 763095 348 8990690
Trattoria Pizzeria Zorba
Via Ariella n. 7 - Frazione Marina - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 0965 763153
email: [email protected]
Ristorante La Lanterna
Via Nazionale - Contrada Lacchè - 89038 Palizzi (RC)
Tel: 0965 763695 / 328 4551125
Pizzeria La Tavernetta
Via Fiume n. 14 Frazione Marina - 89038 Palizzi (RC)
Ultima Spiaggia Ristopub
Via Marina 89038 Marina di Palizzi (RC)
Tel: 347 3624597
email: [email protected]
Microbirrificio Artigianale “Brasseria del Borgo” di
Vincenzo Vacalebri
Via Manzoni, 4 89038 Palizzi Marina (RC)
Tel: 333 4694069
email: [email protected]
Azienda Agricola Altomonte Punto Degustazione
Via Garibaldi 89038 Palizzi (RC)
Tel: 338 9196349
SAN LORENZO
Il servizio di ristorazione è offerto anche dalle Aziende
Agrituristiche riportate nella Sezione Agriturismi, Alberghi e B&B.
Meals are also provided by the farmhouse accommodation agencies listed in the Farmhouse, Hotel and B&B
section.
171

Documenti analoghi

CV Stella Scordo ITA

CV Stella Scordo ITA Kublai (Persone-Progetti-Sviluppo), in presenza di un panel composto da business planner italiani e finanziatori del credito cooperativo. Partecipazione alla mostra d’arte “Frammenti d’Arte” attrav...

Dettagli