conoscere i ritmi della ciclicita` fertile. attrezzi utili per addetti ai lavori

Commenti

Transcript

conoscere i ritmi della ciclicita` fertile. attrezzi utili per addetti ai lavori
Meet and Service s.r.l.s. Via Garibaldi, 77 – 27051 Cava Manara (PV) Tel.: 0382.552003 - fax 0382.454457 C.F./P.I.: 02478800184
[email protected] [email protected] [email protected]
www.meetandservice.com
CONOSCERE I RITMI DELLA CICLICITA’ FERTILE. ATTREZZI UTILI PER ADDETTI AI LAVORI
Responsabile Scientifico: Dr.ssa Redaelli Rosaria
Milano, 9/16/23/30 Maggio 2016
ID-PROVIDER: 4170
DESTINATATI: 25 OSTETRICHE
CREDITI FORMATIVI: 21,4
SEDE: Collegio delle Ostetriche di Milano – Via della Guastalla, 5 (MI)
QUOTA ISCRIZIONE: Per le ostetriche iscritte al Collegio euro 120,00 per quelle non iscritte euro 160,00
RAZIONALE:
definizione OMS Ginevra 1988
“I metodi naturali sono metodi che si basano sulla conoscenza dei processi biologici per cui una
gravidanza può essere ricercata o evitata grazie all’osservazione dei segni e dei sintomi della fase fertile
del ciclo mestruale. Quando si vuole evitare una gravidanza ci si deve astenere dai rapporti sessuali
durante la fase fertile del ciclo, quando la si ricerca si possono utilizzare con precisione i giorni fecondi”
La regolazione naturale della fertilità è una disciplina scientifica che negli anni ha acquisito strumenti
sempre più efficaci di ricerca, di valutazione, riconoscimenti autorevoli dell’OMS e ha riunito gruppi di
lavoro internazionali. Un esempio della sua influenza positiva, esplicitata negli ultimi anni, viene dalla
formulazione dei progetti
dell’OMS in merito alla promozione dell’allattamento al seno, che attinge
informazioni nella sessione dell’ RNF riguardante la fertilità in allattamento. Le indicazioni sono frutto di
uno studio multicentrico avente come centro propulsore la GEORGETOWN UNIVERSITY di WASHINGTON. I
requisiti per impostare nel modo corretto un breast-feeding sono gli stessi del LAM (lactational amenorrea
method), proposto anni prima per il controllo della fertilità in allattamento
“Un metodo di regolazione delle nascite è semplicemente una teoria postulata a riguardo di un dato o
fattore biologico fondamentale di fertilità, teoria che si traduce in una particolare modalità tecnico-pratica
di individuazione o accertamento di tale fattore”(Bonomi)
La Regolazione Naturale della Fertilità è UNO STUDIO FUNZIONALE e SISTEMATICO DELLA FECONDITA’
UMANA FONDATO SULLA RACCOLTA DEI DATI DI FERTILITA’ DEL CICLO FEMMINILE.
La regolazione naturale DEVE contemplare nel suo studio variabili quali: tempo, coppia, storia
anamnestica, età, ecc.
La regolazione naturale della fertilità non può prescindere dalla TOTALITA’ DELLA NATURA UMANA nella
sua componente INDIVIDUALE MASCHILE E FEMMINILE e nella sua componente RELAZIONALE
MASCHILE-FEMMINILE.
La Regolazione Naturale della Fertilità si fonda sullo studio sistematico di fattori probanti la fertilità
femminile e maschile in tutto il tempo nel quale un soggetto femminile è fertile dalla pubertà alla
menopausa.
Quali sono i segni di fertilità femminile che analizzeremo?
-muco cervicale, cervice uterina, temperatura basale.
POSSIAMO ATTESTARE LA FERTILITA’ DI UNA COPPIA SOLO DOPO UN CONCEPIMENTO AVVENUTO nel
corpo femminile
Se la coppia desidera evitare una gravidanza la sua regola sarà la CONTINENZA PERIODICA (astensione
dai rapporti) dell’attività sessuale nella fase fertile del ciclo ;se la coppia desidera un concepimento la su a
regola sarà la FREQUENZA dell’attività sessuale nella fase fertile del ciclo.
La contraccezione ha lo scopo di evitare il concepimento e questo può essere ottenuto con diverse
modalità. I contraccettivi “di barriera” agiscono interponendo una barriera meccanica all’incontro dei
gameti; essi riducono inoltre il rischio di contrarre malattie a trasmissione sessuale (MTS). I contraccettivi
ormonali interferiscono con l’assetto endocrino dell’apparato genitale femminile, alterando il processo
ovulatorio, l’endometrio ed il muco cervicale. I preparati ormonali possono essere assunti per bocca, per
via transdermica, transvaginale, sottoforma di impianti, etc. La spirale è un dispositivo (medicato o meno)
che viene introdotto nella cavità uterina allo scopo di creare un ambiente ostile all’impianto dell’embrione.
La regolazione naturale della fertilità consiste nell’identificazione, mediante l’auto-osservazione o
mediante appositi kit , della fase fertile del ciclo mestruale: i rapporti dovranno essere evitati nei giorni
identificati come fertili dal metodo utilizzato. La contraccezione di emergenza o contraccezione postcoitale
presenta un meccanismo d’azione ormonale o meccanico e viene utilizzata dopo un rapporto a rischio.
Il contraccettivo ideale dovrebbe presentare un’efficacia elevata, accanto ad una buona tollerabilità ed
accettabilità e dovrebbe essere totalmente innocuo sulla salute sia della coppia che dell’eventuale
concepito.
PROGRAMMA
9 MAGGIO 2016
13.30-14.00: Registrazione dei partecipanti
14.00-14.45: Cenni di anatomia fisiologia e influenza ormonale
14.45-15.45: Segni di fertilità: muco, cervice
15.45-16.45: Sintomo della temperatura basale
16.45-17.45: Valutazione e diagnosi di cicli ovulatori nelle epoche fertili femminili
17.45-18.00: Discussione interattiva
16 MAGGIO 2016
13.30-14.00: Registrazione dei partecipanti
14.00-15.00: Raccolta dati
15.00-16.00: Compilazione della scheda di fertilità
16:00-17.00: Interpretazione della scheda
17.00-18.00: Esercitazioni per interpretazione di schede,valutazione della scheda a deduzione di ciclicità
irregolare, indicazioni al concepimento, diagnosi differenziale
23 MAGGIO 2016
13.30-14.00: Registrazione dei partecipanti
14.00-15.00: Allattamento ed infertilità
15.00-16.00: LAM
16.00-17.30: Allattamento post Lam o senza inclusione dei criteri ,ciclicità in allattamento
17.30-18:00: Discussione interattiva
30 MAGGIO 2016
08.00-08.30: Registrazione dei partecipanti
08.30-08.45: Introduzione
08.45-09.00: Definizione di metodi contraccettivi ed intercettivi
09.00-09.30: Le caratteristiche dei contraccettivi (efficacia, reversibilità, innocuità, accettabilità)
09.30-09.45: I contraccettivi meccanici
09.45-10.45: I contraccettivi ormonali
10.45-11.00: Pausa
11.00-11.15: I dispositivi intrauterini
11.15-11.30: La regolazione naturale della fertilità
11.30-12.00: La contraccezione d’emergenza
12.00-12.20: Casi clinici
12.20-12.30: Discussione interattiva
12.30:
Questionario di valutazione
Tipologia evento: corso di aggiornamento
Ore formative: 16 – di cui 7 interattive

Documenti analoghi

- BabyComp

- BabyComp Il programma memorizza i dati della donna, calcola i valori medi delle temperature delle diverse fasi del ciclo, compie una serie di elaborazioni biomatematiche e di comparazione tra i dati rilevat...

Dettagli

Il “Lactational Amenorrhea Method” (LAM) Il Metodo Billings Pearly®

Il “Lactational Amenorrhea Method” (LAM) Il Metodo Billings Pearly® “ La donna che allatta non facendo ricorso ad alcun metodo di pianificazione familiare è sterile al 98% dei casi quando non siano trascorsi piu' di sei mesi dal parto, sia amenorroica( assenza di m...

Dettagli