CORPORATE BANKING INTERBANCARIO

Commenti

Transcript

CORPORATE BANKING INTERBANCARIO
CORPORATE BANKING INTERBANCARIO
Adeguamento alla Direttiva PSD (Payment Services Directive)
Al fine di uniformare a livello comunitario i sistemi di pagamento, dal 01 novembre 2009 è in
vigore la Direttiva 2007/64/CE.
L’effettiva applicazione in Italia parte da lunedì 01 marzo 2010 e comporta le seguenti
modifiche nella compilazione delle disposizioni di Bonifici Italia Bonifici estero ed Emolumenti
Stipendi:
• CODICE IBAN
Diventa obbligatorio il codice IBAN del beneficiario per i pagamenti con modalità
bonifici/giroconti/girofondi, a eccezione della causale “ZV000”, specifica per i rimborsi a
utenti RID.
• DATA VALUTA BENEFICIARIO e DATA ESECUZIONE
La “Data Valuta Beneficiario” viene modificata in “Data valuta Banca Beneficiario” e la
“Data esecuzione” diventa “Data esecuzione disposizione”.
Si consiglia di usare le due nuove denominazioni in alternativa tra loro, e comunque di non
specificare date inferiori a quella di invio delle disposizioni. In caso contrario, comparirà un
apposito messaggio che invita a verificare la correttezza delle date inserite.
Previ accordi specifici cliente-banca, il flusso può essere comunque inviato alla banca, alla
quale spettano le verifiche del caso.
• RICHIESTA ESITO
Nella compilazione di un bonifico, nel campo Richiesta Esito, può essere selezionato “Esito
positivo non richiesto”, qualora non si vogliano ricevere gli esiti relativi a operazioni andate
a buon fine.
• INTRODUZIONE DI UN ORARIO LIMITE “CUT OFF”
Viene introdotto un orario limite “cut off”, fissato per il Gruppo Veneto Banca alle ore 15,30.
Entro tale orario viene garantita la lavorazione dei flussi di bonifici che devono avere “Data
esecuzione disposizione” pari al giorno stesso.
I flussi inoltrati dopo tale limite orario, assumeranno come “Data di esecuzione
disposizione” il giorno successivo lavorativo.