Porcia sotto pressione - Cda Volley Talmassons

Commenti

Transcript

Porcia sotto pressione - Cda Volley Talmassons
78 | pallavolo
www.ilfriuli.it
serie d
Gioia
Atomat
■ maschile
| 2 d i c e m b r e 2 0 1 1 | N . 4 5 | il­friuli
Time out
Futura
Domovip
a rete
Blu Volley
La forza del gruppo
I
l bilancio in casa della matricola Blu Volley
è decisamente positivo.
“Salvo Casarsa, che ha
dimostrato anche contro
di noi di avere qualcosa in
più di tutte le avversarie, i
risultati ci stanno dando
ragione” conferma il dirigente Sigfrido Gressani,
analizzando il secondo
posto del team di Pavia di
Udine. “Il segreto? Credo
vada cercato nel gruppo.
Nonostante qualche nuovo innesto, la squadra è
molto omogenea. E si trova
bene pure fuori dal campo. L’unico neo sta nell’età
media abbastanza alta: un
limite legato all’assenza di
giovani leve”.
■ femminile
Lg Computers Gemona
“Largo alle giovani”
V
iaggia a buon ritmo la
Lg Computers. Che,
pur dichiarando di voler
puntare alla salvezza, naviga in piena zona play-off.
“Il nuovo tecnico Maria
Del Pin – spiegano da Gemona – ha apportato diverse modifiche, cambiando ruolo a qualche atleta.
Un lavoro che sta pagando, consentendo a tutte di
esprimersi al meglio delle proprie potenzialità.
L’obiettivo? Continuando
di questo passo, direi che
potremmo puntare a centrare la poule promozione.
Un’occasione che consentirebbe di dare ulteriore
spazio alle nostre giovani
dell’U14, già chiamate a
sostituire gradualmente le
giocatrici più esperte”.
Serie B1 - L’eccessiva voglia di riscatto porta la Domovip a giocare con troppa foga. Passo avanti
dell’Atomat, che difende il fortino Benedetti. Turno da sfruttare per Cordenons.
>> d i SI L V I A DE M I C H IE L IS
Porcia sotto pressione
L
’attaccamento alla maglia
e l’eccessiva ‘foga’ possono
essere controproducenti.
Lo sanno bene a Porcia dove,
nonostante la voglia di fare
bene, i risultati latitano. “A Padova – analizza coach Lucchetta – le ragazze hanno giocato al
di sotto delle loro possibilità. E
l’assenza di Serrapica (sicuramente ferma per almeno altre
tre gare, ndr) e una Rizzetto a
mezzo servizio non sono scuse
plausibili. La squadra, comunque, è compatta e tutte stanno
lavorando nella giusta direzione. Però, come si direbbe nella
boxe, siamo all’angolo e dobbiamo uscirne con la giusta aggressività, perché il nostro potenziale è ben diverso dal penultimo
posto”. Il calendario, sulla carta,
si fa più agevole, a partire dal
club fvg
match interno con San Donà, di
scena domenica 4 alle 18.
A udine non si passa
Soddisfatto, invece, il tecnico
dell’Atomat, Manuel Mannucci:
“Con la Vispa, l’avversaria più difficile finora ospitata al Benedetti,
abbiamo mantenuto il trend positivo in casa, dimostrando un’ottima
reazione dopo il primo set, frutto
anche della nostra maggiore freschezza fisica. Ora ci attende una
trasferta abbordabile anche se a
Viserba (sabato 3 alle 18) troveremo
una formazione rognosa, da affrontare con la dovuta concentrazione”.
Attenzione Futura
Non abbassano la guardia
nemmeno a Cordenons. Specie
dopo lo stop interno per 0-3 con
Monselice.
“Siamo incappati in una
giornata no – conferma il presidente della Piera Martellozzo,
Roberto Tulisso – e di fronte
abbiamo trovato un team di
gran lunga superiore a quanto
dichiara la graduatoria. Proprio partendo dall’analisi della
classifica, dominata dall’equilibrio, sappiamo che non possiamo concederci passi falsi.
E’ dura, ma siamo comunque
fiduciosi. E speriamo che questa settimana termini senza
intoppi, per giocare al meglio
delle nostre chance l’importante trasferta di San Donà (sabato
3 alle 20.30) e il successivo derby con Motta”.
[email protected]
Simone Codarin, universale di Talmassons
il personaggio. Simone Codarin,
13enne di Castions di strada, si è
avvicinato al volley da pochi mesi,
con la maglia del Talmassons. “Prima giocavo a calcio, ma non riuscivo più a divertirmi. Così, dopo molti
pomeriggi passati con mio fratello a
palleggiare in giardino, mi sono appassionato e ho voluto provare....e
ora non posso farne a meno!”, racconta l’universale. “La mia allenatrice è Claudia Lopez, che mi sta
insegnando tutti i fondamentali.
Difetti? E’ troppo buona! Mi piace
Traviza, l’alzatore della nazionale:
vorrei diventare come lui. E mi sto
allenando tanto anche per questo.
Il compagno preferito è Emanuele: con lui sono in perfetta sintonia,
anche perché mi consiglia sempre e
mi aiuta. Oltre alla pallavolo, adoro
computer e giochi elettronici, mangiare la pizza e, a volte, studiare. Tra
cinque anni? Mi vedo protagonista
con il Club regione, in B2 o più su...
o magari con mio fratello in serie A!”.