Q U A L C O S A R I M A N E

Commenti

Transcript

Q U A L C O S A R I M A N E
Pierfrancesco Pisani e Parmaconcerti
in collaborazione con il Comune di Urbino /Amat
presentano
MONICA GUERRITORE e CAROLINA CRESCENTINI
in
QUALCOSA RIMANE
di Donald Margulies
traduzione Enrico Luttman
regia GIORGIO DIRITTI
Un regista stimatissimo della scena cinematografica e due attrici di grande talento.
Giorgio Diritti dà vita a momenti legati dal rapporto di amicizia e scontro tra due
donne nell’arco di sei anni.
Il risultato è un confronto serrato in cui l'amicizia e la rivalità tra la scrittrice
affermata e la sua giovane allieva viene affrontato con rigore e franchezza,
richiamando alla mente (in un altro ambito) un altro scontro generazionale: il
famoso “Eva contro Eva”.
Una regia attenta fa emergere la storia delle protagoniste attraverso il semplice
gioco teatrale, scevro da ‘effetti’ e sovrastrutture.
Un lavoro quasi completamente incentrato sulle interpreti e sulla capacità di far
immedesimare subito il pubblico e far pensare di essere liberi di aprire la mente ad
un dialogo intimo, ravvicinato.
Commedia inedita in Italia – e ora in scena al Samuel J. Friedman Theatre di NY
(Broadway) – dell’acclamato drammaturgo Donald Margulies, vincitore del Premio
Pulitzer nel 2000.
“Originally produced by the Manhattan Theatre Club with funds provided by the Harold and
Mimi Steinberg Charitable Trust on April 30, 1997.
Commissioned and first produced by South Coast Repertory”
Disponibilità Febbraio – Marzo 2015
GIORGIO DIRITTI
Si forma lavorando al fianco di vari autori italiani e in particolare Pupi
Avati, con cui collabora in vari film. Realizza vari casting per film in EmiliaRomagna, tra cui La voce della luna (1990) di Federico Fellini. Partecipa
all’attività di Ipotesi Cinema, Istituto per la formazione di giovani autori,
fondato e diretto da Ermanno Olmi. Come autore e regista dirige
documentari, cortometraggi e programmi televisivi. In ambito
cinematografico il suo primo cortometraggio, “Cappello da marinaio”
(1990), è stato selezionato in concorso a numerosi festival internazionali,
tra cui quello di Clermont-Ferrand. Nel 1993 ha realizzato “Quasi un
anno”, film per la TV prodotto da Ipotesi Cinema e RAI 1.
Il suo film d’esordio, Il vento fa il suo giro (2005), partecipa a oltre 60
Festival nazionali e internazionali, vincendo oltre 36 premi. Riceve 5 candidature ai David di Donatello 2008
(fra cui Miglior Film, Miglior Regista Esordiente, Miglior Produttore e Migliore Sceneggiatura) e 4
candidature ai Nastri d'Argento 2008. Il film inoltre diventa un “caso nazionale”, restando in
programmazione al Cinema Mexico di Milano per più di un anno e mezzo.
Il secondo film, L'uomo che verrà (2009), viene presentato nella selezione ufficiale del Festival
Internazionale del Film di Roma 2009, dove vince il Gran Premio della Giuria Marc'Aurelio D'argento, il
Premio Marc'Aurelio D'oro del Pubblico e il Premio "La Meglio Gioventù". Uscito poi in sala il 22 gennaio
2010, partecipa a numerosi Festival italiani e internazionali ricevendo molti riconoscimenti importanti, tra
cui il Premio come Miglior Film, Migliore Produttore (Simone Bachini e Giorgio Diritti per Aranciafilm, Rai
Cinema) e Migliore Suono di presa diretta (Carlo Missidenti) ai recenti David di Donatello. 2010 e il Nastro
d’Argento 2010 come Miglior produttore, Migliore scenografia e Miglior sonoro in presa diretta.
MONICA GUERRITORE
Dopo il folgorante debutto a quindici anni nel Giardino dei Ciliegi con la
regia di Giorgio Strehler al Piccolo Teatro di Milano avvenuto nel 1974
viene diretta dai maggiori registi italiani, da Missiroli a De Lullo a
Gabriele Lavia.
Interprete di ruoli di grande rilievo (Giocasta, Lady Macbeth, Ofelia) dà
vita a personaggi femminili di grande forza come la Signorina Giulia di
Strindberg e Marianne in Scene da un matrimonio di Bergman.
Dal 2001 al 2004 collabora con Giancarlo Sepe e porta in tournée con
enorme successo di pubblico Madame Bovary, Carmen e La Signora
dalle Camelie.
Figura anomala nel panorama italiano ha dato vita a personaggi inquietanti anche al cinema come in
Fotografando Patrizia di Salvatore Samperi seguito da Scandalosa Gilda, Sensi e la Lupa diretta da Lavia
.Primi incassi nelle stagioni cinematografiche.
In televisione debutta nel 1977 con il primo sceneggiato a colori della Rai diretto da Sandro Bolchi, Manon
Lescaut.Torna in Rai, sul primo canale, per sua scelta, solo nel 1997, con Costanza di Pierluigi Calderoni e
nel '99 con L'amore oltre la vita. Nel marzo 2004 è Ambra in Amanti e segreti.
Nel 2004 /2007 mette in scena Giovanna DArco da lei scritto, diretto e interpretato, uno degli spettacoli
piu' visti delle ultime stagioni teatrali.
Nel 2006 è Ada Sereni nel film in due puntate "Exodus: i clandestini del mare"; la messa in onda è il 27
gennaio, il Giorno della Memoria 2007.
Nel Dicembre 2007 inizia a girare con Ferzan Ozpetek il film "Un Giorno Perfetto" mentre a Marzo 2008
viene chiamata da Mimmo Calopresti per interpretare la madre di uno dei ragazzi uccisi nel film
documentario sulla tragedia della Thyssen-Krupp.
A Maggio 2008 è sul set dell'amico Pappi Corsicato per una partecipazione nel film che segna il ritorno del
regista "Il seme della discordia"
A Settembre-Ottobre 2008 gira il film "La Bella Gente" con Antonio Catania e Elio Germano per la regia di
Ivano de Matteo.
Nel 2010 in "Sant'Agostino" ha il ruolo di "Monica" con Alessandro Preziosi e la regia di Christian Dugay,
produzione Lux Films.
Porta contemporaneamente in alcuni teatri italiani una "Lectio Magistralis" su Dante/Leopardi da lei
elaborata: "Dall'Inferno all'Infinito".
Con Mi chiedete di parlare, un testo su Oriana Fallaci da lei scritto e interpretato, conquista il Festival di
Spoleto (luglio 2011.). E' attualmente Judy Garland nel musical End of the Rainbow di Peter Quilter. Nel
cinema i suoi ultimi ruoli in una commedia "La peggior settimana della mia vita" di Alessandro
Genovesi,“Come non detto" un film sul coming out ed è in uscita un film sulla famosa manifestazione
pacifista delle donne ad Algeri del 1997 " Parfums d'Alger" diretto da R. Benhadj con la fotografia di
Storaro. Nel 2012 è Rosa Priore in "Sabato, domenica e lunedì" di Eduardo De Filippo e nel febbraio 2013
va in onda Trilussa con Michele Placido.
Ha pubblicato nel 2011 con Mondadori "La Forza del Cuore".
Nell'ottobre del 2013, insieme a Giovanni Nuti, è al Teatro Trianon di Napoli nel concerto "mentre rubavo
la vita.." 20 brani musicati dallo stesso Nuti su testi di Alda Merini
CAROLINA CRESCENTINI
Dopo la maturità scientifica, conseguita nel liceo romano Massimiliano
Massimo, Carolina Cresentini si iscrive alla Facoltà di Lettere, indirizzo
Spettacolo, e nel frattempo, attratta dalla recitazione, frequenta un buon
numero di laboratori teatrali, nonché la Scuola Azione presso il Teatro dei
Cocci, ma soprattutto il prestigioso Centro Sperimentale di Cinematografia,
dove si diploma nel novembre 2006. Inizia a muovere i suoi primi passi con
dei piccoli ruoli teatrali e televisivi, come nella miniserie tv, in onda su
Canale 5 Carabinieri - Sotto copertura (2005). Attivissima nei cortometraggi,
partecipa a: È giusto così, Autodistruzione per principianti, Natura morta, Fib
1477, ma soprattutto allo sfizioso corto horror Thermae (2005) di Chistian
Filippella.
Esordio sul grande schermo
Il suo primo ruolo cinematografico è sempre legato al genere della paura,
con il film di Alex Infascelli H2Odio (2006), dove recita accanto a Chiara
Conti e Mandala Tayde, anche se il ruolo più rilevante della sua carriera rimane quello di Azzurra in Notte
prima degli esami - Oggi (2007).
La sua carriera continua nel piccolo schermo con i telefilm Provaci ancora prof! (2007) e Boris (2007) e
passa al grande schermo con Cemento armato (2007), I demoni di San Pietroburgo (2007) e Parlami
d'amore (2008). Da qui, un bel numero di film italiani per il grande schermo: Generazione 1000 euro (2009),
Due partite con Margherita Buy, Oggi sposi di Luca Lucini. Nel 2010 la troviamo in 20 sigarette e Mine
vaganti, l'anno successivo è in Boris - Il Film e nel 2012 affianca Pierfrancesco Favino nel drammatico
L'industriale. Nello stesso anno è la protagonista femminile del film drammatico Henry, diretto da
Alessandro Piva e interpretato da Claudio Gioè e Pietro De Silva. Passa poi alla commedia nel film di Paolo
Genovese Una famiglia perfetta e Allacciate le cinture di Ferzan Ozpetek
Premi & Nomination
Nastri d'Argento 2012
Nomination miglior attrice per il film L'industriale di Giuliano Montaldo
Nastri d'Argento 2011
Premio miglior attrice non protagonista per il film 20 sigarette di Aureliano Amadei
Nastri d'Argento 2009
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Due partite di Enzo Monteleone
David di Donatello 2008
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Parlami d'amore di Silvio Muccino
Nastri d'Argento 2008
Nomination miglior attrice per il film I demoni di San Pietroburgo di Giuliano Montaldo