FIAT AVIO - B-Team Initiative

Commenti

Transcript

FIAT AVIO - B-Team Initiative
FIAT AVIO
[email protected]
1
FIAT AVIO
[email protected]
2
FIAT AVIO
Settembre 2003
• La Regione Piemonte avvia le trattative per l’acquisizione dell’
“Area ex Fiat Avio” per la realizzazione di Opere Pubbliche
• Prevede prima dell’acquisizione le caratterizzazioni del sito al fine
di quantificare lo stato di contaminazione e l’entità degli oneri di
bonifica
Febbraio-Aprile 2004
Attività di caratterizzazione:
1.
Ricostruzione storica delle attività svolte nel sito e delle sostanze
utilizzate nelle lavorazioni
2.
Indagini geofisiche Indagini geognostiche
3.
Caratterizzazione dell’acquifero Indagine analitica chimica
4.
Analisi dei livelli di inquinamento
[email protected]
3
FIAT AVIO
ATTIVITA’ SVOLTE SUL SITO INDUSTRIALE (~ 170.000 m2)
Da Inizi ‘900 fino al 2003 il sito ha ospitato
attività di:
Deposito di prodotti petroliferi
Produzione Lubrificanti
Produzione motori per aviazione
[email protected]
4
FIAT AVIO
LAYOUT STABILIMENTO 2003
[email protected]
5
Ricostruzione storica
Nel comprensorio erano svolte lavorazioni meccaniche volte alla
costruzione di particolari aeronautici per motori civili e militari (palette,
dischi ingranaggi, scatole di trasmissione e particolari per l’industria
aerospaziale) e trattamenti superficiali (galvanici, termici e di
verniciatura).
Nell’Officina 2, risalente al 1947,
vengono svolte lavorazioni meccaniche,
tornitura, fresatura, foratura e
brocciatura dei dischi turbina mediante
macchinari utilizzanti acqua emulsiva e
oli da taglio, operazioni di montaggio e
revisione di motori, prova accessori. Nei
magazzini si svolgono le attività di
imballaggio, spedizione, stoccaggio di
materiale di produzione, lavaggio e
controllo
L’Officina 3 risulta destinata
sin dal 1968 alla produzione di
palette destinate
successivamente al montaggio
dei motori a getto, ad
operazioni di stampaggio, a
trattamenti termici e superficiali
[email protected]
L’Officina 1 risulta destinata fin
dal 1968 (epoca alla quale risale
anche la sua costruzione) a
operazioni meccaniche per la
lavorazione dei metalli con
utilizzo di oli interi da taglio e
soluzioni emulsive
6
Indagini geofisiche
† Le indagini geofisiche hanno comportato una mappatura delle aree
esterne del sito mediante indagine elettromagnetica condotta
secondo una maglia regolare 4x2 m estesa all’intera area di circa
24000 m2, non occupata da edifici o da apparecchiature metalliche.
† A supporto dell’indagine elettromagnetica, sono stati eseguiti 20
rilievi con georadar su tre diverse aree, di cui due esterne ed una
interna.
† Inoltre, sono state realizzate 15 sezioni di tomografia elettrica di
resistività e di polarizzazione di lunghezza compresa fra 70 e 235 m,
per un totale di 2150 m.
[email protected]
7
Indagini geofisiche
† Tecniche di indagine
„
Mappatura elettromagnetica speditiva
„
Mappatura Rilievo Radar
„
Tomografie elettriche
† Obiettivi raggiunti
„
Individuazione di sottoservizi, cisterne e serbatoi sepolti non noti
„
Supporto alla caratterizzazione stratigrafica del sito
„
Individuazione di criticità ambientali, quali contaminazione di
suolo correlati con sondaggi
[email protected]
8
Mappatura elettromagnetica in fase
Indicativa della presenza di materiali ferromagnetici
Vecchio serbatoio individuato con eletromagnetismo e
riportato a giorno con scavo di trincea: dimensioni 1.5 m
di diametro, 7-8 m di lunghezza
Probabili serbatoi e strutture sepolte indagate
con georadar
Vecchie strutture
e sottoservizi
[email protected]
9
Tomografie elettriche
Sezioni verticali della distribuzione di resistività elettrica del sottosuolo
finalizzati a:
ƒ verificare eventuali variazioni laterali e verticali delle
caratteristiche elettriche dei materiali del sottosuolo
ƒ taratura circa le reali profondità interessate dall'indagine
elettromagnetica.
La risposta di resistività è condizionata essenzialmente dalla saturazione
in acqua e dalla presenza di materiale argilloso.
ƒ Elevati valori di resistività (superiori a 200-400 ohm*m)
sono associabili a materiali sabbioso-ghiaiosi anidri;
ƒ Bassi valori di resistività (qualche ohm*m) individuano la
presenza di orizzonti argillosi saturi.
[email protected]
10
Tomografia elettrica di resistività
Correlato con
Sondaggio S1
[email protected]
Livelli argillosi umidi con
contaminazione evidente
11
Indagini Georadar
PROFILO GEORADAR R1
a) ANTENNA 500 MHz
b) ANTENNA 100 MHz
a)
Cavità
b)
Cavità
[email protected]
12
Indagini Georadar
Probabile struttura metallica
sepolta (serbatoi) coerente con
anomalia individuata dall’indagine
elettromagnetica in subarea Q
[email protected]
13
•UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE
• UBICAZIONE INDAGINI
GEOGNOSTICHE
[email protected]
14
Indagini geognostiche
‰ Le indagini geognostiche hanno
comportato la realizzazione di sondaggi a
carotaggio continuo a rotazione a secco, di
profondità compresa tra i 15 e 45 m.
‰ Complessivamente sono stati realizzati:
ƒ
43 sondaggi di profondità variabile da 15 a
17 m, per un totale di 652 m di
perforazione;
ƒ
8 sondaggi attrezzati a piezometro di
profondità variabile da 27 a 40 m, per un
totale di 257 m di perforazione.
[email protected]
15
Sondaggi
Il numero e l’ubicazione dei sondaggi geognostici sono stati scelti,
in ottemperanza ai criteri minimi di legge, sulla base delle
risultanze dell’analisi storica del sito industriale e delle indagini
geofisiche.
[email protected]
16
Campionamento suolo e sottosuolo
Il materiale carotato è stato asportato,
classificato e conservato in cassette
catalogatrici, documentando l’attività svolta
con fotografie.
Contestualmente sono stati prelevati 243
campioni di suolo e sottosuolo, ripartiti su 53
sondaggi, a diverse profondità.
Profondità sondaggio
Materiale di riporto
Materiale “naturale non di riporto” (strato superficiale)
Profondità 5.00 – 5.50
Profondità 10.00 – 10.50
Profondità 13.00 – 15.00 (fascia di oscillazione falda)
Profondità 25.00 – 25.50 (zona satura dell’acquifero)
Base acquifero
Totale campioni
Classe campione
A
B
C
D
E
F
G
-
Numero campioni
23
46
62
45
53
8
3
243
[email protected]
17
Stratigrafie
Per ciascun sondaggio si è
proceduto a schematizzare la
stratigrafia con descrizione del
materiale recuperato per mezzo
del carotiere, indicando colore,
granulometria, stato di
addensamento, composizione
litologica degli elementi costituenti
il sedimento e a fotografare tutte le
cassette catalogatrici in cui è stato
riposto il materiale per la sua
conservazione prima del prelievo
dei campioni da inviare al
laboratorio.
[email protected]
18
Inquadramento geologico
[email protected]
19
Altre indagini ambientali
È stata svolta una specifica indagine per la valutazione della eventuale
contaminazione da fibre di amianto, individuando le aree critiche (centrali
termiche e annessi locali e cunicoli) dove sono stati prelevati 17 campioni
ritenuti significativi per caratterizzare il sito industriale, successivamente
sottoposti ad analisi.
Inoltre, è stata svolto un monitoraggio del sito per la valutazione della
eventuale contaminazione da radiazioni ionizzanti, effettuando misure
di spettrometria gamma direttamente in aria e 7 prelievi, di cui 5 campioni
di suolo da alcuni carotaggi già eseguiti. I campioni prelevati sono stati
successivamente sottoposti a misure di laboratorio.
[email protected]
20
Caratterizzazione dell’acquifero
Piezometria
16 febbraio, 1 e 9 marzo 2004
Campagne di misura della
soggiacenza della falda (nei
piezometri e nei pozzi di
emungimento già esistenti).
La carta piezometrica
ricostruita mostra che:
– la direzione di flusso
della falda è verso Est
– il gradiente idraulico
medio tra monte e
valle è di 0.0028.
[email protected]
21
Caratterizzazione dell’acquifero
Idrodinamica
16 marzo 2004
Esecuzione di Slug
Test in PM2 e PM5
finalizzati al:
Slug test
Slug test
Kr = 3.5*10-6 m/s
Kr = 5.5*10-6 m/s
T = 8.8*10-5 m2/s
T = 1.4*10-4 m2/s
– calcolo dei valori di
conducibilità
idraulica radiale Kr
– calcolo dei valori di
trasmissività T
[email protected]
22
Campionamento acque sotterranee
Nel corso di 3 distinte campagne,
sono stati prelevati 38 campioni di
acque sotterranee, presso gli 8
sondaggi attrezzati a piezometri, i 5
pozzi di emungimento già presenti
nel sito nonché 2 piezometri ubicati in
un sito limitrofo (Oval Olimpico).
Sondaggio
PM1
PM2
PM3
PM4
PM5
PM6
PM7
PM8
Pozzo 1
Pozzo 7
Pozzo 9
Pozzo 10
PM1 Oval
PM2 Oval
Totale
[email protected]
Numero campioni
statici
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
10
Numero campioni
dinamici
3
3
3
2
3
2
2
3
2
1
1
1
1
1
28
23
Indagine chimica analitica
L’indagine chimica analitica è stata condotta su 238 campioni
di suolo e sottosuolo e 38 campioni campioni di acque
sotterranee.
Le determinazioni analitiche sono state finalizzate alla stima
del livello di contaminazione del sito, in riferimento al D.M.
471/99.
[email protected]
24
Analisi di suolo e sottosuolo
Su 238 campioni di suolo e sottosuolo sono state effettuate
complessivamente 2614 determinazioni analitiche,
ottenendo circa 6000 risultati.
SUOLO E SOTTOSUOLO
Determinazioni chimico-fisiche
Residui (umidità)
Granulometrie
Idrocarburi alifatici
Sostanze organiche volatili
Metalli
Parametri inorganici (fluoruri e cianuri)
Microinquinanti organici (PCB ed IPA)
TOTALE
Numero
determinazioni
216
48
448
168
1636
92
6
2614
Numero risultati
216
150
448
3360
1636
92
66
5968
I parametri analitici da determinare sono stati individuati tra quelli
riportati in tabella in Allegato 1 al D.M. 471/99 e ritenuti significativi in
riferimento all’ubicazione del sondaggio nel sito d’indagine e alla
profondità dello strato.
[email protected]
25
Analisi di suolo e sottosuolo
In particolare, le analisi sui campioni di suolo e sottosuolo
sono state finalizzate alla ricerca dei seguenti parametri:
‰ un set di contaminanti di base (alcuni metalli, composti
organici volatili e idrocarburi) in tutti i campioni del terreno
insaturo
‰ un set di contaminanti più esteso (altri metalli) nei campioni
più superficiali di tutti i sondaggi
‰ i policlorobifenili (PCB) e gli idrocarburi policiclici
aromatici (IPA) nei sondaggi posizionati in prossimità delle
cabine elettriche e/o nei campioni in cui è stata riscontrata
presenza significativa di oli minerali pesanti.
[email protected]
26
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
27
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
28
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
29
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
30
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
31
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
32
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
33
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
34
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
35
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
36
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
37
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
38
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
39
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
40
Rappresentazione dei valori di concentrazione – Suolo e sottosuolo
[email protected]
41
Analisi acque sotterranee
Su 38 campioni di acque sotterranee sono state effettuate
complessivamente 109 determinazioni analitiche, ottenendo
1125 risultati.
ACQUE SOTTERRANEE
Determinazioni chimico-fisiche
pH e conducibilità
Cationi
Anioni
Tensioattivi anionici
Metalli
Idrocarburi alifatici
Sostanze organiche volatili
Microinquinanti organici (PCB)
TOTALE
Numero
determinazioni
16
12
12
13
15
10
19
12
109
Numero risultati
16
60
48
13
111
10
855
12
1125
I parametri analitici da determinare sono stati individuati tra quelli
riportati in tabella in allegato 1 al D.M. 471/99 e ritenuti significativi in
riferimento al sito d’indagine.
[email protected]
42
Analisi acque sotterranee
In particolare, sono stati determinati:
‰
‰
‰
‰
‰
‰
‰
‰
‰
‰
conducibilità e pH
cationi e anioni
tensioattivi anionici
inquinanti inorganici (cianuri liberi e nitriti)
metalli
idrocarburi aromatici (BTEX)
composti organoalogenati (cancerogeni e non)
idrocarburi alifatici
idrocarburi policiclici aromatici (IPA)
policlorobifenili (PCB)
[email protected]
43
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
44
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
45
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
46
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]ino.it
47
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
48
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
49
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
50
Rappresentazione dei valori di concentrazione - Acque sotterranee
[email protected]
51
Profondità medie del terreno di riporto
[email protected]
52
Analisi dei livelli di inquinamento
Volumetrie del riporto e del terreno contaminati
rispetto ai limiti del D.M. 471/99 per siti ad uso industriale
Volume
Volume
Spessore
riporto
terreno
terreno
contaminato contaminato contaminato
3
3
[m]
[m ]
[m ]
0,00
39.107,36
0,00
Officina 1
21.254,00
Profondità
riporto
contaminato
[m]
1,84
Officina 1 Est
5.499,00
0,00
30,16
0,00
165.849,84
Officina 2 Nord Ovest (intorno PM4)
Porzione officina 2 Sud Est
Officina 3 Nord
EDM
Fascia EDM
Officina 3 Sud - ex verniciatura
Area serbatoi
Centrale termica
Area vasca
25,00
7.680,00
7.615,00
236,00
1.614,00
1.194,00
800,00
400,00
1,80
0,00
4,35
4,35
4,80
0,00
0,00
3,80
0,00
5,00
0,00
10,65
0,00
3,50
0,40
0,00
45,00
0,00
33.125,25
1.026,60
7.747,20
0,00
0,00
1.520,00
0,00
38.400,00
0,00
1.486,80
0,00
4.179,00
320,00
0,00
Superficie
2
[m ]
Volume totale di riporto contaminato
82.571
Volume totale di terreno contaminato
210.236
[email protected]
53
Analisi dei livelli di inquinamento
Incremento delle volumetrie del riporto e del terreno contaminati
considerando i limiti del D.M. 471/99 per siti ad uso residenziale
21.254,00
5.499,00
1.641,00
509,00
Profondità
riporto
contaminato
[m]
0,00
0,00
1,10
2,50
Spessore
terreno
contaminato
[m]
3,16
3,16
0,00
0,00
Officina 2 Sud Est (intorno PM5)
2.000,00
0,00
Officina 3 Nord
7.615,00
Superficie
2
[m ]
Volume
Volume
riporto
terreno
contaminato contaminato
3
3
[m ]
0,00
0,00
1.805,10
1.272,50
[m ]
67.162,64
17.376,84
0,00
0,00
5,00
0,00
10.000,00
0,00
1,85
0,00
14.087,75
833,00
0,00
3,30
0,00
2.748,90
Officina 3 Centro
3.178,00
1,50
0,00
4.767,00
0,00
Piazzale Nord Ovest (intorno S47 e S16)
Piazzale Sud
Verniciatura
Piazzale centrale
Piazzale serbatoi FT (intorno PM1)
4.000,00
22.400,00
6.555,00
7.745,00
2.000,00
4,50
3,25
0,00
2,60
1,30
0,70
1,75
3,70
0,50
8,70
18.000,00
72.800,00
0,00
20.137,00
2.600,00
2.800,00
39.200,00
24.253,50
3.872,50
17.400,00
Offiicina 1
Officina 1 Est
Officina 2 Nord Ovest
Reparto lavaggio
Area sala prove
Officina 3 Sud - Zyglo
Incremento volume di riporto contaminato
Incremento volume di terreno contaminato
[email protected]
121.382
198.902
54
•
L’AREA DURANTE LE DEMOLIZIONI
[email protected]
55
•
L’AREA DURANTE LE DEMOLIZIONI
[email protected]
56
• TECNOLOGIE DI BONIFICA APPLICATE
BIOPILE
BIOVENTING
SCAVO E SMALTIMENTO IN DISCARICA
VAGLIATURA
[email protected]
57
•
TECNOLOGIE DI BONIFICA: BIOPILE
[email protected]
58
•
TECNOLOGIE DI BONIFICA: BIOPILE
[email protected]
59
•
•
TECNOLOGIE DI BONIFICA: BIOVENTING
[email protected]
60
•
TECNOLOGIE DI BONIFICA: SCAVO E SMALTIMENTO IN
DISCARICHE o VAGLIATURA
[email protected]
61
• ALCUNI DATI SINTETICI
Iniziato il procedimento nel 2004, il progetto di bonifica
dei terreni è stato approvato ad ottobre 2006
Ad oggi (gennaio 2010) ancora non è stato approvato il
progetto di bonifica della falda
E’ attivo un sistema di messa in sicurezza di emergenza
della falda
Gli interventi di bonifica del terreno (per una
destinazione d’uso commerciale) sono in corso
Costo stimato bonifica terreni: 12.000.000 €
Durata inizialmente stimata bonifica terreni: 20 mesi
[email protected]
62

Documenti analoghi