Mascarino # 29 aprile 2019

Commenti

Transcript

Mascarino # 29 aprile 2019
N. 33490/16 R.G.N.R.
N. 33530/16 R.G.G.I.P.
TRIBUNALE DI MILANO
Sezione Gip
Ordinanza di applicazione di misura cautelare personale
Il Giudice per le indagini preliminari dott. Raffaella Mascarino, letta la richiesta di applicazione di
misure cautelari personali, pervenuta in data 13 marzo 2019 integrata e modificata con atto depositato
il 13 aprile 2019 e con successivo atto depositato il 18 aprile 2019, formulata dal Pubblico Ministero,
nei confronti di:
ALTITONANTE Fabio, nato a Teramo il 11.10.1974, residente a Milano in viale Scarampo nr. 49
ARRIGO Pier Sergio, nato a Cernusco sul Naviglio (MI) il 22.02.1957, residente a Cernusco sul Naviglio
in piazza Ruffilli nr. 20
ASTI Giuseppe Guerino, nato a Paderno Dugnano il 06.11.1953. ivi residente in via A. Gramsci nr. 146
BARONCHELLI Achille Leandro, nato a Milano il 26.01.1959, residente a Milano in via Briglia dei
Contoi nr. 15
BELLI Damiano, nato a Firenze il 7.10.1967, residente a Serravalle Pistoiese (PT), p.za Brunello Biagini
nr. 14
BESANI Stefano, nato a Gallarate (VA) il 25.01.1969 ed ivi residente in via Oberdan n. 3
BILARDO Alberto, nato a Busto Arsizio (VA) il 18.08.1971, residente a Gallarate (VA), via Fogazzaro
nr. 4
BONINI Alexandre Henri, nato il 07.12.1965 in Svizzera, residente in Perledo (LC), via per Esino n. 24
BORDONARO Laura, nata a Busto Arsizio il 28.01.1966, residente a Somma Lombardo (VA) via
Maddalena nr. 24
BORGHETTI Stefano, nato a Rho (MI) il 27/11/1969, ivi residente in via Corridoni nr. 06
BORSANI Davide Celso, nato a Busto Arsizio (VA) il 13.03.1971, residente a Castellanza (VA), via V.
Veneto n. 32
BRATTA Saverio Maria, nato a Bari il 01.07.1968 ed ivi residente in via Giuseppe Papalia n. 3
CAMPANA Michele, nato a Parma il 23.11.1969, residente a Sesto San Giovanni in via Luigi Pirandello
nr. 6, piano 3
CAIANIELLO Gioacchino, nato a Napoli il 02.01.1958, residente a Gallarate in via Achille Grandi nr. 21
CAPRISTO Antonio, nato a Rossano (CS) il 04.04.1968, residente a Milano in via Giuseppe Ugolini n. 25
COCCIOLO Antonio, nato a San Calogero (VV) il 27.01.1946, residente a Rho (MI) in via Arese nr. 31
CRESCENTI Beniamino Alessandro, nato a Ospitaletto (BS) il 30.03.1954, residente a Milano, via
Astolfo, 21
CUNDARI Marta, nata a Castellanza (VA) il 13.02.1964, residente a Gallarate, via Mameli nr. 15
CUOCO Alfonso Lucio, nato a Vallata il 12.12.1972, residente a Rivolta d’Adda (CR), via Donizzetti n.
24
D'ALFONSO Daniele, nato a Milano il 19.07.1985, residente a Cesano Boscone (MI), via Salvo
D’Acquisto nr. 6, di fatto domiciliato a Milano, via Sansovino nr. 29
DE CILLIS Mauro, nato a Milano il 14.7.1954, residente a Carugate in via Mirabello 8
DI LUCIA Emanuele, nato a Ribera il 22.01.1972, residente ad Erbusco in via Degli Olmi nr. 31
DI PIERRO Matteo Bartolomeo, nato a Milano il 17.03.1976, residente a Cesano Boscone (MI), in via
XXV Aprile nr. 01
DONZELLI Massimiliano, nato a Milano il 25.01.1986, ivi residente in via Vincenzo Monti nr. 34
DONZELLI Fabio, nato a Milano il 23/02/1972, residente a Limbiate (MB) in via G. Marconi nr. 34
DONZELLI Pierangelo Fabio, nato a Milano (MI) il 20/04/1947, residente a Milano in via Pantano nr. 02
FERRARI Giuseppe, nato il 11.08.1956 a Orvinuovi (BS) ed ivi residente in via Verolanuova n. 56
GIULIANO Isaia Maria, nata a Milano il 16.07.1989, ivi residente in Via Antonio Mosca
GORRASI Carmine, nato a Busto Arsizio (VA) il 23.05.1981, ivi residente in via Della Repubblica nr. 43
GASLINI Dante Antonio, nato a Milano il 18.05.1962, residente a Pero (MI) in via Turati nr. 02
GRAMENDOLA Domenico, nato a Vibo Valentia (VV) il 13.11.1963, residente a Pregnana Milanese
(MI) in via Castellazzo nr 45/A
GRIGNOLA Cristian, nato a Monza il 19.11.1993, residente a Muggiò in via Moro nr. 06
GROSSI Andrea, nato a Treviglio il 27.1.1982, residente ad Inzago, via Dei Gigli nr. 07
GUMIERO Gianfranco, nato a Varese il 12.10.1969, residente a Caronno Varesino (VA), in via Bianchi
nr. 19
GIULIANI Massimo, nato a Broni (PV) il 10.04.1953, residente a Pavia, via Carlo Magenta nr. 17
LEROSE Lorenzo, nato a Cuggiono (MI) il 17.11.1992, residente a Settimo Milanese in via Mereghetti nr.
07
LEROSE Lorenzo, nato a Strongoli (KR) il 18.09.1964, residente a Settimo Milanese in via Cinisello nr.
4/a
MAININI Giorgio, nato a Samarate (VA) il 31.08.1950, residente a Samarate (VA) in via Milano nr. 19
MALACRIDA Pierluigi, nato a Monza il 01/05/1976, residente a Milano in via Torino n° 57
MIANO Piermichele, nato a Taranto il 12.02.1952 e residente a Gallarate (VA), piazza Risorgimento n. 10
2
MORETTI Giovanni Pietro, nato a Milano il 22.11.1950 ed ivi reisdente in via Giuseppe Gianella n. 21
MORIGGI Luigi, nato a Gorgonzola (MI) il 01.04.1963 ed ivi residente in via L. Da Vinci n. 62/2
NAPOLI Renato, nato a Milano l’11.09.1962, residente a Bollate in via A.Gramsci nr.14
NODARI Luca, nato a Rho (MI) il 17.07.1972, ivi residente in via Ospiate nr 22
ONGARI Fabio, nato a Milano il 31.05.1962, residente a Limido Comasco (CO) in via D. Alighieri nr. 09
ORMELLI Andrea, nato il 02.06.1965 ad Alessandria, residente a Monleale (AL) in via Pietra del Gallo
n. 24
PAGGIARO Leonida Emilio, nato a Villanova di Camposanpiero (PD) il 22.09.1940, soggetto AIRE con
residente in Svizzera (CH), Carona, Principale nr. 4
PALUMBO Angelo, nato a Busto Arsizio il 21.01.1978, residente a Cassano Magnago, via Leon Battista
Alberti nr. 26/B
PATIMO Luigi, nato a Bari il 02.11.1971, residente a Milano, viale Lazio nr. 24
PEDRONI Marcello, nato a Somma Lombardo il 10.03.1952, residente a Somma Lombardo (VA) in
Piazza Vittorio Veneto nr. 16
PETRONE Alessandro, nato a Busto Arsizio (VA) il 26.02.1976, residente a Milano, p.le Segrino nr. 6
PIACENTINI Alessandro, nato a Brescia il 03.07.1974, ivi residente in via Ronchi San Francesco da
Paola nr. 26
PONTI Giacomo Giuseppe, nato a Milano il 08.02.1956, ivi residente in viale Bianca Maria nr. 18
QUARTESAN Gianluca, nato a Somma Lombardo (VA) il 01.04.1967 e residente a Casale Litta (VA),
via dei Castagni n. 2
RADAELI Gian Maria, nato a Premosello-Chiovenda (VB) il 21.05.1966 e residente ad Arona (NO), via
Vittorio Veneto n.69/A
RIVA Gian Paolo, nato a Giussano (MB) il 23.8.1955, ivi residente, via Adamello nr. 16
ROSSI Paola, nata a Somma Lombardo (VA) il 09.07.1972, residente a Vergiate (VA), via Uguaglianza
nr. 56/A
RUSSO Pierluigi, nato a Brescia il 04.05.1988, residente a Mazzano (BS), via Monte Cieli Aperti n.2
SALERNO Sergio, nato a Milano il 5.8.1977, residente a Segrate (MI) Via Giorgio Amendola n 24/20
SANGIOVANNI Celestino, nato a Ponte San Pietro il 09.05.1971, residente a Cologne (BS) in via S.
Pellico n. 19
SAPORITI Giovanna, nata a Gallarate (VA) il 11.05.1967 e residente in Cassano Magnago (VA), via
Franco Brogioli n. 11/B
3
SAPORITI Paola, nata a Gallarate (VA) il 23.05.1968 e residente in Cassano Magnago (VA), via John
Fitzgerald Kennedy n. 14
SANTI Erminio, nato a Pavia il 28.08.1955 e residente a Casarile (MI), via Karl Marx n. 17
SCARIONI Giovanni, nato a Milano il 29/11/1963, residente a Garbagnate Milanese (MI) via Manzoni nr
30
SFREGOLA Domenico, nato a Cologno Monzese il 03.11.1967, residente a Basiano (MI) via Virgilio nr
18/A
SOZZANI Diego, nato a Novara il 2.10.1960, residente in San Pietro Mosezzo (NO), via Fungo n. 93
TAFURI Carmen, nata a Monza (MB) il 27.03.1964, residente a Cologno Monzese (MI) via Carrobio nr
30
TATARELLA Pietro, nato a Milano il 13.09.1983, ivi residente in via Giovanni Bertacchi nr. 01
TOLBAR Mauro, nato a Borgomanero (NO) il 31.10.1977, residente a Divignano (NO), via della Pace n.
7
TONETTI Piero Enrico, nato a Gavirate (VA) il 31.03.1950 e residente a Gallarate (VA), via Valle
Nuova, 21 sc. B int. 1
VIGANO’ Massimo, nato a Milano il 26.01.1953 ed ivi residente in via Nullo Francesco n.18
ZINGALE Giuseppe, nato a Vibo Valentia l’1.01.1965, residente a Busto Arsizio (VA), v.le Stelvio nr. 98
Ed inoltre come da integrazione di richiesta depositata il 13 aprile 2019:
COCCIA Maria Rosaria, nata a Lucera (FG) il 4.10.1966
GALLINA Andrea, nato a Galliate il 30.04.1967, residente a Novara via dei Cattaneo n. 12
RISSONE Giovanni, nato a Torino il 30.12.1969, residente a Settimo Torinese (TO) Frazione Mezzi PO n
101
ZINNA Franco, nato a Cosenza il 28.09.1958, residente a Rozzano (MI) in via Cascina Torriggio nr. 58
PER I SEGUENTI REATI:
PRIMA PARTE
NAPOLI Renato, DI PIERRO Matteo Bartolomeo, D’ALFONSO Daniele (in concorso con ARRIGO Pier
Sergio, COCCIOLO Antonio, ONGARI Fabio, DONZELLI Pierangelo, DONZELLI Massimiliano, DONZELLI
Fabio, MAININI Giorgio, BORGHETTI Stefano, GASLINI Dante Antonio, GRAMENDOLA Domenico,
GRIGNOLA Cristian, NODARI Luca, BARONCHELLI Achille Leandro, LEROSE Lorenzo (cl. 1992),
LEROSE Lorenzo (classe 1964) , MALACRIDA Pierluigi e PONTI Giacomo Giuseppe)
I.1 Reato di cui agli artt. 110, 353 c.p. perché, in concorso fra di loro
NAPOLI Renato quale rappresentante legale della EDILNAPOLI s.r.l., COCCIOLO Antonio quale
amministratore di fatto di COMOTER s.r.l., ONGARI Fabio quale rappresentante legale di ISOF
COSTRUZIONI s.r.l.; DONZELLI Pierangelo, DONZELLI Fabio e DONZELLI Massimiliano quali soci di
DAF COSTRUZIONI STRADALI s.r.l.; MAININI Giorgio quale socio di I.C.G. – IMPRESA COSTRUZIONI
EDILI STRADALI FOGNATURE s.r.l.; D’ALFONSO Daniele e DI PIERRO Matteo Bartolomeo,
rispettivamente legale rappresentante e dipendente ECOL SERVICE s.r.l.; BORGHETTI Stefano, quale
4
socio accomandatario di BORGHETTI GIARDINI s.a.s.; GASLINI Dante Antonio, quale legale rappresentante
della F.lli Gaslini s.r.l.; GRAMENDOLA Domenico, quale amministratore unico M.G. Costruzioni edili s.r.l.;
GRIGNOLA Cristian, quale socio accomandatario F.lli Grignola s.a.s.; NODARI Luca quale socio
accomandatario NODARI GIARDINI s.a.s.; BARONCHELLI Achille Leandro, quale amministratore unico
della COSTRUZIONI GENERALI BARONCHELLI s.r.l. ; LEROSE Lorenzo (cl. 1964) e LEROSE Lorenzo
(cl. 1992), quali amministratori di fatto della F.lli LEROSE s.n.c.; MALACRIDA Pierluigi, quale
amministratore di fatto della Malacrida Ambiente Viabilità Costruzioni s.r.l.; PONTI Giacomo Giuseppe quale
a.u. di TAU ENGINEERING s.r.l.
essendo stata bandita, da AMSA s.p.a., la gara di cui alla procedura aperta nr. 9/2017, avente ad oggetto
"Servizio di spargimento di fondenti salini, lamatura e ammasso e rimozione e trasporto della neve dalle vie,
piazze, depositi ATM della città di Milano, nonché, limitatamente alle città di Pero e Trezzano Sul Naviglio,
l'esecuzione delle sole attività di rimozione e trasporto della neve. Periodo: dal 15 nov. 2017 al 15 mar. 2021”
per l’assegnazione di 50 lotti (per quattro anni + due) per un importo totale di euro 4.796.904 iva esclusa,
mediante collusioni e, più precisamente, costituendo un cartello tra le imprese partecipanti al fine di concordare
ex ante il contenuto delle offerte di partecipazione alla gara, ed accordarsi sulla reciproca desistenza al fine di
spartirsi l’aggiudicazione dei lotti, turbavano il regolare svolgimento della gara stessa, e, più precisamente:
NAPOLI Renato acquisiva da ARRIGO Piero Sergio, responsabile della "funzione contrattualistica" della
società di servizi pubblici AMSA Azienza Milanese Servizi Ambientali s.p.a., l’elenco dei nominativi delle
imprese intenzionate a partecipare al bando di gara al fine di contattare i rappresentanti delle stesse onde
raggiungere l’accordo di cui sopra;
NAPOLI Renato contattava direttamente o indirettamente i rappresentanti delle altre imprese interessate,
promuovendo anche diversi incontri cui partecipavano COCCIOLO Antonio, ONGARI Fabio, DONZELLI
Pierangelo e DONZELLI Massimiliano, MAININI Giorgio, DI PIERRO Matteo Bartolomeo (per conto di
D’ALFONSO Daniele), BORGHETTI Stefano, GRAMENDOLA Domenico, NODARI Luca, MALACRIDA
Pierluigi e GRIGNOLA Cristian , BARONCHELLI Achille Leandro, LEROSE Lorenzo e PONTI Giacomo
Giuseppe;
i concorrenti si accordavano per spartirsi i singoli lotti dell’appalto, di modo che ognuna delle imprese
presentava domanda esclusivamente per il lotto di interesse con reciproca desistenza dalla partecipazione agli
altri lotti;
e così determinando un anomalo svolgimento della gara che in data 9.11.2017 veniva aggiudicata, tra l’altro, alle
seguenti ditte partecipanti all’accordo: MALACRIDA AMBIENTE VIABILITA’ COSTRUZIONI s.r.l. (9 lotti),
F.lli GRIGNOLA di Grignola Vittorio & c. s.a.s. (6 lotti), I.C.G. Impresa Costruzioni Edili Stradali Fognature
s.r.l. (2 lotti), MG COSTRUZIONI (1 lotto), DAF Costruzioni Stardali s.r.l. (1 lotto), BARONCHELLI
COSTRUZIONI GENERALI s.r.l.(1 lotto), ISOF COSTRUZIONI s.r.l. (1 lotto), ECOL-SERVICE s.r.l. (1
lotto), COMOTER s.r.l. (4 lotti), IGES – Impresa Generale Edilizia Stradale s.r.l. (3 lotti), EDILNAPOLI s.r.l.
(3 lotti).
In Milano, il 9.11.2017
NAPOLI Renato e ORMELLI Andrea (in concorso con SANGIOVANNI Celestino, CUOCO
Alfonso, CAMPANA Michele, DI LUCIA Emanuele, PIACENTINI Alessandro, ASTI Giuseppe
Guerino)
I.2. Reato di cui agli artt. 110, 56, 353 c.p. perché, in concorso fra di loro
NAPOLI Renato quale rappresentante legale della SIMEDIL s.r.l.;
ORMELLI Andrea quale dipendente della SIMEDIL S.R.L;
SANGIOVANNI Celestino quale amministratore unico “F.I.S. IMPIANTI INTERRATI”;
CUOCO Alfonso quale legale rappresentante della “EDIL COSTRUZIONI CUOCO s.r.l.”
CAMPANA Michele quale legale rappresentante della “BONATTI s.p.a.”;
PIACENTINI Alessandro e DI LUCIA Emanuele quali rappresentanti e/o dipendenti della
AENERGIA RETI s.r.l
ASTI Giuseppe Guerino quale Presidente del CDA “TAGLIABUE S.p.A.”
Nonché in concorso con tale OGGIO dipendente della “TAGLIABUE s.r.l.” e due “commerciali”
non identificati della ditta “CPL CONCORDIA SOC. COOPERATIVA”;
essendo stata bandita, da A2A Calore & Servizi s.r.l., la gara con procedura selettiva di cui alla
procedura nr. 6803040, avente ad oggetto "Posa in opera di reti teleriscaldamento in Milano e
5
provincia” per l’assegnazione di 4 lotti per un importo totale di euro 5.000.000 iva esclusa suddiviso in
cinque lotti di € 1.250.000 l’uno;
mediante collusioni e, più precisamente, promuovendo un cartello tra le imprese partecipanti al fine di
concordare, ex ante, il contenuto delle offerte di partecipazione alla gara ed accordi di reciproca
desistenza e ciò al fine di spartirsi l’aggiudicazione dei lotti,
ponevano in essere atti idonei diretti in modo non equivoco a turbare il regolare svolgimento della
gara, e più precisamente:
- partecipavano ad incontri con gli altri imprenditori interessati alla gara, finalizzati ad arrivare ad un
preventivo accordo comune per la suddivisione dei lotti mediante offerte combinate al ribasso, che
veniva inizialmente raggiunto:
- contattavano quindi un rappresentante della Soc. COOP VIRIDIA S.C. per convincerlo ad accettare
le condizioni fissate dal cartello (presentazione di offerte con una percentuale di sconto del 10%);
non verificandosi l’evento per cause estranee alla volontà degli agenti e segnatamente per la mancata
partecipazione all'accordo da parte della Soc. Coop. Viridia S.C. di Settimo Torinese.
In Milano ed altre località, dal 9 al 21 settembre 2017
SECONDA PARTE
D'ALFONSO Daniele - TATARELLA Pietro - CAIANIELLO Gioacchino - DI PIERRO Matteo
- SALERNO Sergio
II.1 Reato di cui agli artt. 416 I- II-III comma – 416 bis 1 c.p., perché, nelle loro rispettive qualità,
qualifiche e funzioni, di seguito specificate, si associavano tra loro, al fine di commettere più delitti di:
corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio laddove le dazioni delle tangenti venivano simulate
quali compensi per consulenze, in realtà mai svolte, ovvero con erogazioni liberali a soggetti politici,
effettuate in modo illecito;
turbata libertà degli incanti;
E, specificamente:
D’ALFONSO Daniele, quale promotore e organizzatore del sodalizio, laddove, in particolare,
nella sua qualità di amministratore unico e legale rappresentante della ECOL SERVICE s.r.l., con
sede in Corsico, operante nel settore della raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, di materie prime e
seconde, della pulizia delle strade/autostrade, della pulizia della neve, dello spurgo dei pozzi neri e,
più in generale, del lavaggio delle fognature, della bonifica e pulizia delle aree, al fine di intessere una
rete relazionale con i primari vertici politici regionali ed interni ad AMSA s.p.a., società facente parte
del gruppo A2A s.p.a., preposta alla fornitura, sul territorio milanese, dei servizi pubblici ambientali,
tale da assicurarsi l’aggiudicazione delle indicende gare pubbliche :
poneva in essere una sistematica attività di corruzione di TATARELLA Pietro, componente del
Consiglio Comunale di Milano, di ALTITONANTE Fabio, componente del Consiglio Regionale della
Lombardia, di DE CILLIS Mauro, procuratore della società AMSA Azienda Milanese Servizi
Ambientali s.p.a. nonché Responsabile Operativo della stessa, e di SALERNO Sergio e RIVA Gian
Paolo, questi ultimi dipendenti di AMSA s.p.a., e, quindi, di pubblici ufficiali o incaricati di un
pubblico servizio, finalizzata all’ottenimento di lavori pubblici, laddove, in particolare, in tal modo si
assicurava sia notizie privilegiate e non ancora pubbliche in merito alle indizioni delle procedure ad
evidenza pubblica, sia un’”assistenza” del tutto privatistica, da parte del personale di AMSA stessa,
nella fase prodromica all’aggiudicazione nonchè in quella di esecuzione della prestazione, in modo
tale da essere nelle condizioni di poter procedere a sistematiche turbative delle predette gare;
procedeva, in occasione della campagna 2018 per le consultazioni politiche e regionali, a sistematici
finanziamenti illeciti a soggetti politici (ALTITONANTE Fabio, SOZZANI Diego, PALUMBO
Angelo, nonché al partito “FRATELLI D’ITALIA”), tutti riconducibili alla coalizione di centro destra
che risulterà vincente nelle elezioni regionali e politiche predette;
DI PIERRO Matteo, dipendente della ECOL SERVICE s.r.l., quale partecipe, alter ego del
D’ALFONSO, individuando gli appalti da acquisire illecitamente e curando, in prima persona, i
rapporti con le strutture operative di AMSA s.p.a.
TATARELLA Pietro, componente del Consiglio Comunale di Milano e membro, tra l’altro, della
commissione consiliare urbanistica ed edilizia privata nonché della commissione "verifica e Controllo
6
Enti Partecipati", ed, infine, Vice Coordinatore per la Regione Lombardia del Partito Forza Italia,
quale partecipe, che, a fronte di una retribuzione, da ECOL SERVICE srl, di Euro 5.000,00 al mese,
il cui pagamento veniva simulato con la corresponsione di prestazioni di consulenza professionale in
realtà mai realmente svolta, oltre all’erogazione di una serie di utilità (pagamenti di biglietti aerei, di
viaggi di piacere, l’uso di una serie di autovetture, la disponibilità di una carta di credito American
Express abilitata al prelievo di contante), mettendo il D’ALFONSO in contatto con primari vertici
amministrativi regionali e di AMSA s.p.a., indicandogli, di volta in volta, i soggetti politici destinatari
delle illecite erogazioni, accreditandolo, quindi, presso detti ambienti, gli assicurava, così, un “canale
preferenziale” con la pubblica amministrazione in vista della partecipazione a gare pubbliche,
SALERNO Sergio quale partecipe che a fronte della percezione di una somma di denaro
quantificabile in almeno Euro 20.000,00, anticipava all’imprenditore notizie riservate sulla prossima
indizione, da parte di AMSA S.P.A., di gare, ovvero di procedure con invito, ed acquisiva, presso lo
stesso D’ALFONSO, i nominativi delle ditte da invitare, e, più in generale, coadiuvava, da un punto di
vista tecnico, lo stesso;
CAIANELLO Nino in qualità di partecipe, con la funzione di raccordo con gli esponenti
regionali e provinciali del mondo politico e delle istituzioni, laddove, in particolare, grazie al ruolo di
primo piano da lui svolto nel contesto politico, e quindi nelle assemblee degli enti locali ove il partito
in cui milita rappresenta una formazione politica di maggioranza, era soggetto in grado di influenzare,
in favore del sodalizio, gli organi amministrativi competenti per il buon esito delle procedure
amministrative oltre che per l’allocazione di risorse pubbliche da parte delle società a partecipazione
pubblica che egli di fatto controllava grazie alla sistematica collocazione di persone, a lui strettamente
e fiduciariamente riferibili, nei posti apicali di governance .
In particolare il CAIANELLO esercitava di fatto funzioni pubbliche nell’ambito di tutte le più
importanti società partecipate della provincia di Varese, grazie alla consapevole tolleranza degli
amministratori apicali formali che lui stesso ha contribuito in maniera determinante a far nominare nei
rispettivi ruoli direttivi ed, in tale veste, contribuiva con consapevolezza al programma associativo
operando in particolare quale garante degli interessi illeciti del sodalizio nella provincia di Varese.
Con l’aggravante, per D’ALFONSO Daniele, di aver commesso il fatto per agevolare l’attività
dell’associazione di stampo mafioso denominata ‘ndrangheta presente nel territorio di Corsico e
Buccinasco, mediante assunzione di operai addetti al “movimento terra” nella propria azienda, molti
dei quali con rilevanti pregiudizi penali, su indicazione di MOLLUSO Giosafatto (già condannato per
partecipazione ad associazione mafiosa), contribuzioni, aiuti economici, reperimento di commesse
lavorative, anche violando la normativa antimafia, in favore dell’azienda della famiglia dello stesso;
In Milano ed altri luoghi dal dicembre 2017 e permanente alla data attuale
ALTITONANTE Fabio, D’ALFONSO Daniele, PATIMO Luigi, TATARELLA Pietro (in
concorso con GIULIANO Isaia Maria)
II.2. Reato di cui agli artt. 110 c.p. e art. 7 commi 2 e 3 L. 195/1974, art. 4 comma 1 L. 659/1981
perché D’ALFONSO Daniele, TATARELLA Pietro e PATIMO Luigi, in concorso fra di loro,
erogavano a ALTITONANTE Fabio, candidato alle elezioni regionali del 4 marzo 2018, per la
Regione Lombardia, nella lista “FORZA ITALIA BERLUSCONI PER FONTANA”, un contributo
economico di complessivi Euro 25.000,00 in assenza della prescritta delibera da parte dell’organo
sociale competente e senza annotare l’elargizione nel bilancio d’esercizio, il tutto con i seguenti
contributi concorsuali:
- D’ALFONSO Daniele, quale Amministratore Unico della ECOL-SERVICE s.r.l., con sede in
Corsico, su richiesta di TATARELLA Pietro e PATIMO Luigi, faceva eseguire da MURGIA
Gianfranco, RICOTTA Stefano e PANTANI Francesca, soggetti a lui direttamente riconducibili, fra il
16 ed il 19 febbraio 2018, n. 4 bonifici bancari, per Euro 5.000,00 ciascuno, a favore del c/c n.
750884 presso BCC di Barlassina, intestato a GIULIANO Isaia Maria mandatario elettorale di
TATARELLA Pietro, a sua volta candidato nelle elezioni politiche nazionali del marzo 2018 e
provvedeva altresì il versamento dell’ulteriore importo di Euro 5.000,00 consegnato in contanti al
TATARELLA, sebbene tutte queste dazioni fossero riconducibili alla predetta società;
7
- GIULIANO Isaia Maria , quale mandatario elettorale di TATARELLA Pietro delegato ad
operare sul c/c di cui al punto che precede, disponendo, il 19 ed il 20 febbraio 2018 n. 4 bonifici
urgenti, per l’importo complessivo di Euro 22.507,65 a favore di Poste Italiane con causale
“Spedizioni Pietro Tatarella Lombardia/00330/02.2018”, laddove, invece detta somma veniva
utilizzata per far fronte si’ al pagamento di spese postali ma relative alla campagna elettorale non gia’
del TATARELLA quanto piuttosto di ALTITONANTE Fabio;
- PATIMO Luigi, quale reale finanziatore del minor importo di Euro 20.000,00 per la cui
erogazione si avvaleva dell’interposizione del D’ALFONSO ovvero delle persone a lui riconducibili,
che poi provvedeva a rimborsare;
- TATARELLA Pietro quale ideatore delle fasi operative dell’erogazione nella sua veste sia di
mandatario elettorale di ALTITONANTE sia di soggetto cui era riferibile il conto corrente gestito dal
GIULIANO Isaia Maria, come sopra precisato;
In Milano fino al 20 febbraio 2018
ALTITONANTE Fabio
II.3 Reato di cui all’art. 483 c.p. perché, attestava il falso nella dichiarazione presentata, ai sensi
dell’art. 2 L. 441/82 richiamato dall’art. 7 comma VI L. 515/1993, al Collegio Regionale di Garanzia
Elettorale presso la Corte d’Appello di Milano, dichiarando, con la formula “sul mio onore affermo
che la dichiarazione corrisponde al vero”, la veridicità della dichiarazione dei contributi elettorali
ricevuti, nella campagna elettorale per l’elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio
Regionale della Lombardia, da cui risultava:
l’avvenuta percezione di contributi, da parte di terzi, della somma di € 71.100,00, laddove, invece, lo
stesso aveva percepito anche la somma di cui al capo sub II.1 che precede;
l’avvenuto sostenimento di spese elettorali per € 57.201,44, laddove, invece, lo stesso aveva sostenuto
maggiori spese almeno per € 22.507,65 pari all’importo pagato, per spese di spedizione di materiale
elettorale a POSTE ITALIANE
In Milano 25.6.2018
PATIMO Luigi, D’ALFONSO Daniele, ALTITONANTE Fabio
II.4 Reato di cui all’art. 110-319-321 c.p. perché, in concorso tra loro, agendo ciascuno con
differenti ruoli, ed in particolare:
- ALTITONANTE Fabio nella qualità Consigliere regionale della Lombardia, componente
Commissione Sanità e politiche sociali, Commissione Territorio e Infrastrutture, Commissione
Ambiente e protezione civile, Commissione d’inchiesta ALER Milano, dunque pubblico ufficiale,
- PATIMO Luigi e D’ALFONSO Daniele quali privati corruttori,
per il compimento da parte di ALTITONANTE di singoli atti e comportamenti contrari ai doveri
d’ufficio, riconducibili alle funzioni sopraindicate e segnatamente per l'asservimento della funzione
pubblicistica agli interessi privati del PATIMO e, quindi, in violazione dei propri doveri istituzionali
di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato (art. 97 Cost.)
laddove ALTITONANTE riceveva da D’ALFONSO Daniele, quale tramite del PATIMO Luigi, la
somma di Euro 20.000,00, al fine di far ottenere il rilascio del permesso a costruire relativamente ad
un immobile sito in Milano Via Allegrenza n. 6, sottoposto a vincoli paesaggistici, di proprietà della
moglie di PATIMO Luigi, TERRIBILE Maria Teresa.
Atti contrari ai doveri d’ufficio consisti in particolare da parte di ALTITONANTE nell’attivarsi presso
l’Arch. Franco ZINNA, dirigente della Direzione Urbanistica del Comune di Milano al fine di
assicurare l’esito favorevole della predetta pratica urbanistica;
In Milano il 20.2.2018
reato inserito con integrazione di richiesta depositata il 13 aprile 2019:
ZINNA Franco e COCCIA Maria Rosaria
II.4.a Reato di cui all’art. 81 cpv.- 110-323 c.p. perché, con più azioni esecutive del medesimo
disegno criminoso, in concorso tra loro, ZINNA Franco quale Dirigente della Direzione
8
Urbanistica del Comune di Milano, COCCIA Maria Rosaria quale dipendente del predetto
Comune ed, in particolare, quale Tecnico addetto all’istruttoria della pratica edilizia di cui al
capo sub II.4 che precede e, quindi, entrambi, quali pubblici ufficiali,
nello svolgimento delle loro funzioni, in violazione di legge, ed in particolare in violazione delle leggi
59/1997 e 127/1997 e dell’art. 4 del D.Lgs. 165/2001 e del principio di imparzialità costituzionalmente
tutelato (art. 97 Cost.), consentivano ad ALTITONANTE Fabio, nella sua qualità di cui al capo sub
II.4 che precede, di ingerirsi sistematicamente nelle scelte di loro competenza ed in particolare
consentendo a quest’ultimo:
-di ottenere, in violazione dei doveri d’ufficio, informazioni sullo stato della pratica urbanistica in
corso;
- di ingerirsi, attraverso Franco ZINNA, in violazione del principio di separazione tra funzioni di
indirizzo politico e di gestione amministrativa (legge 59/1997 e 127/1997 art. 4 del già citato D.Lgs.
165/2001), nelle scelte di competenza del pubblico ufficiale Arch. Oscar CERIANI, Responsabile del
procedimento, nonché del Geom. COCCIA, tecnico addetto all’istruttoria nonché della Commissione
Paesaggio del Comune di Milano, il tutto relativamente al rilascio del permesso a costruire
relativamente all’immobile in Milano Via Allegranza n. 6, di proprietà di Maria Teresa TERRIBILE di
cui al superiore citato capo;
- di instaurare un rapporto privilegiato e di reciproco interesse fra PATIMO Luigi e l’architetto
ZINNA, nonché il geom. COCCIA anche al fine di superare, per il loro tramite, le problematiche
insorte, anche livello di Commissione Paesaggio del Comune di Milano in relazione al rilascio del
predetto atto amministrativo;
- di elaborare, in violazione del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato, plurime strategie
nell’interesse del privato corruttore, al fine di superare gli ostacoli frapposti dalla Commissione
Paesaggio;
- di strumentalizzare, in ragione del potere promanante dalla carica rivestita, il rapporto gerarchico con
il dirigente responsabile dell’ufficio Urbanistica Franco ZINNA, nell’interesse del privato corruttore
Luigi PATIMO
intenzionalmente recavano un vantaggio ingiusto anche di tipo economico agli interessi del privato
Luigi PATIMO, sponsorizzato da Fabio ALTITONANTE, favorendolo nell’accoglimento della
relativa pratica urbanistica;
In Milano fino al 20.2.2018
CRESCENTI Beniamino Alessandro, D’ALFONSO Daniele, SOZZANI Diego e TOLBAR
Mauro
II.5. Reato di cui agli artt. 110 c.p. e art. 7 commi 2 e 3 L. 195/1974, perché, in concorso fra loro
D’ALFONSO Daniele, quale quale Amministratore Unico della ECOL-SERVICE s.r.l., con sede
in Corsico della ECOL-SERVICE s.r.l., elargiva a SOZZANI Diego, componente del Consiglio
regionale del Piemonte e candidato alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, nella lista “FORZA
ITALIA-BERLUSCONI PREDIENTE”, un contributo economico di complessivi Euro 10.000,00 ,
in assenza della prescritta delibera da parte dell’organo sociale competente e senza annotare
l’elargizione nel bilancio d’esercizio, laddove, in particolare, per evitare detti incombenti formali,
l’erogazione avveniva a mezzo del pagamento della fattura n. 2/2018, fittiziamente emessa da
E.S.T.R.O. INGEGNERIA s.r.l., il cui legale rappresentante era CRESCENTI Beniamino
Alessandro, per l’importo, comprensivo di IVA, di Euro 12.688,00, laddove il CRESCENTI, previa
monetizzazione dell’incasso e trattenimento della minor somma di Euro 2.500,00 a titolo di compenso
per la mediazione, consegnava la somma stessa a TOLBAR Mauro che poi la recapitava a SOZZANI
Diego:
In Milano il 22.3.2018
CRESCENTI Beniamino Alessandro
II.6. Reato di cui all’art. 8 comma 2 D.Lgs. 74/2000 perchè, quale amministratore unico e legale
rappresentante della E.S.T.R.O. INGEGNERIA s.r.l., con sede in Milano Via Astolfo n. 21,
9
emetteva le seguenti fatture per operazioni inesistenti anche al fine di consentire a terzi l’evasione
delle imposte sui redditi e segnatamente:
-la fattura n. 2/2018, in relazione ad un’operazione oggettivamente inesistente, in quanto relativa ad
un’attività professionale di fatto mai eseguita per l’importo complessivo, comprensivo di IVA, di Euro
12.688,00, in tal modo consentendo alla società destinataria della fattura ECOL-SERVICE s.r.l. con
sede in Corsico, l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto;
- la fattura n. 4 /2018, in relazione ad un’operazione oggettivamente inesistente, in quanto relativa ad
un’attività professionale di fatto mai eseguita per l'importo complessivo, comprensivo di iva di euro
63.440,00, in tal modo consentendo alla società destinataria della fattura P.I.R.O.G,A sas di
TONETTI Piero (con sede legale in Gallarate, via Cadore n.2) l’evasione delle imposte sui redditi e
sul valore aggiunto.
In Milano, nelle date 8.3.2018 e 28.03.2018
D’ALFONSO Daniele, GORRASI Carmine (in concorso con PALUMBO Angelo)
II.7. Reato di cui agli artt. 110 c.p. e art. 7 commi 2 e 3 L. 195/1974 ed art. 4 comma 1 L.
659/1981 , perché D’ALFONSO Daniele, quale Amministratore Unico della ECOL-SERVICE
s.r.l., elargiva a PALUMBO Angelo, candidato al Consiglio regionale della Regione Lombardia
nella lista FORZA ITALIA BERLUSCONI PER FONTANA un contributo economico di
complessivi Euro 10.000,00 , in assenza della prescritta delibera da parte dell’organo sociale
competente e senza annotare l’elargizione nel bilancio d’esercizio, laddove, in particolare, per evitare
detti incombenti formali, l’erogazione avveniva, quanto ad Euro 6.000,00 a mezzo del pagamento
della fattura n. 5/2018, fittiziamente emessa da ASD BUSTO ARSIZIO 81, di cui GORRASI
Carmine era il Direttore Generale, somma che poi veniva retrocessa dallo stesso GORRASI , e,
quanto ad Euro 4.000,00 in contanti;
In Busto Arsizio il 2.3.2018
GORRASI Carmine
II.8. Reato di cui all’art. 8 D.Lgs. 74/2000 perché, quale Direttore Generale e legale
rappresentante della ASD BUSTO ARSIZIO 81 emetteva la fattura di cui al capo che precede
anche al fine di consentire ad ECO SERVIZI s.r.l. l’evasione delle imposte sui redditi;
In Busto Arsizio il 13.2.2018
GROSSI Andrea, D’ALFONSO Daniele (in concorso con BELLI Damiano e GUMIERO
Gianfranco)
II.9. Reato di cui agli artt. 110 c.p. e art. 7 commi 2 e 3 L. 195/1974, perché BELLI Damiano quale
legale rappresentante della AMBIENTHESIS s.p.a., con sede in Segrate, GROSSI Andrea quale
amministratore di fatto della stessa, elargiva al partito FRATELLI D’ITALIA ALLEANZA
NAZIONALE un contributo economico di complessivi Euro 10.000,00 , in assenza della prescritta
delibera da parte dell’organo sociale competente e senza annotare l’elargizione nel bilancio
d’esercizio, laddove, in particolare, per evitare detti incombenti formali, l’erogazione avveniva, su
richiesta di D’ALFONSO Daniele, a sua volta azionato dal GROSSI, a mezzo di bonifico effettuato, il
5.3.2018 da FONTANEL ALESSANDRA, moglie di GUMIERO Gianfranco, sul c/c intestato a
Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale, BPM fil. di Roma Montecitorio, laddove, poi, il GUMIERO
veniva rimborsato dal D’ALFONSO cui la provvista era stata consegnata, a mezzo ECOL SERVICE
s.r.l., da AMBIENTHESIS s.p.a. a titolo di una falsa nota di credito appositamente emessa;
In Roma il 5.3.2018
D’ALFONSO Daniele, DE CILLIS Mauro, SALERNO Sergio, DI PIERRO Matteo (in concorso
con SFREGOLA Domenico, TAFURI Carmen e SCARIONI Giovanni)
II.10. Reato di cui agli artt. 110 -353 I e II comma c.p. perché, in concorso fra di loro:
10
DE CILLIS Mauro quale procuratore della società AMSA Azienda Milanese Servizi Ambientali
s.p.a. nonché Responsabile Operativo della stessa;
SALERNO Sergio quale dipendente di AMSA s.p.a. predetta;
D’ALFONSO Daniele amministratore unico e legale rappresentante della ECOL SERVICE
s.r.l.;
DI PIERRO Matteo quale dipendente del D’ALFONSO Daniele e suo stretto collaboratore;
SFREGOLA Domenico e TAFURI Carmen quali membri e segretario della Commissione
aggiudicatrice della gara di cui in appresso;
SCARIONI Giovanni capo acquisti di AMSA s.p.a. e membro della Commissione aggiudicatrice della
gara di cui in appresso;
essendo stata bandita, da AMSA s.p.a., la gara di cui alla procedura ristretta n. 3/2018, avente ad
oggetto l’affidamento del “servizio di pronto intervento per analisi, rimozione, trasporto,
smaltimento/recupero dei rifiuti rinvenuti sul territorio del Comune di Milano e dei comuni della
provincia di Milano”
con collusioni e altri mezzi fraudolenti turbavano la gara stessa e, più precisamente:
a) dapprima, poiché il capitolato speciale del bando, contrariamente a quanto preventivamente
concordato, prevedeva che gli automezzi utilizzati per l’effettuazione del servizio dovessero avere
motorizzazione Euro 6 o possedere motore elettrico e che detti mezzi dovessero essere immessi nel
servizio entro e non oltre 150 giorni, e, pertanto, si trattava di requisito ritenuto non sufficientemente
selettivo, e, quindi, non tale da assicurare l’aggiudicazione alla ditta prescelta, ex ante, ECOL
SERVICE s.r.l., intervenendo il DE CILLIS, su sollecitazione di D’ALFONSO e di SALERNO, per
fornire, in modo del tutto irrituale, alla commissione aggiudicatrice, informazioni sulla SELPOWER
s.r.l., ditta avversaria tali da determinarne l’esclusione;
b) successivamente
a fronte del fatto che ECOL SERVICE s.r.l. non era in possesso
dell’autorizzazione allo smaltimento dei rifiuti con codice CER 160504 (previsti nel capitolato
speciale d’appalto) e che nella domanda di partecipazione presentata dalla ditta stessa fosse stata
allegata una polizza fideiussoria ovvero il riferimento alla stessa, priva di data di scadenza e, quindi, la
società fosse priva dei requisiti del bando, la stessa veniva invitata dalla Commissione a presentare
l’offerta , con l’accordo che, in sede di apertura delle buste, sarebbe stata fatta riserva di integrazione
della documentazione;
turbavano la relativa gara che in data 14.5.2018 veniva aggiudicata ad ECOL SERVICE s.r.l.
In Milano il 14.5.2018
reati inseriti con integrazione di richiesta depositata il 13 aprile 2019:
D’ALFONSO Daniele, DI PIERRO Matteo, GALLINA Andrea e RISSONE Giovanni
II.10.a Reato di cui agli artt. 110 - 353 bis c.p. perchè, in concorso fra di loro:
D’ALFONSO Daniele amministratore unico e legale rappresentante della ECOL SERVICE
s.r.l.;
GALLINA Andrea quale amministratore delegato di ACQUA NOVARA VCO s.p.a. società
municipalizzata con sede a Novara;
RISSONE Giovanni quale responsabile “acquisti e gare&appalti e logistica” in ACQUE
NOVARA VCO S.p.a;
con collusioni e mezzi fraudolenti consistiti nell’aver:
individuato, ex ante, la ECOL SERVICE s.r.l. quale aggiudicataria del bando di gara denominato
“procedura aperta per il servizio di spurgo condotte fognarie-pulizia vasche degli impianti del servizio
idrico integrato” e relativo alla fornitura del servizio di spurgo, pulizia e spurgo di impianti fognari del
territorio ricompreso nel perimetro del servizio di ACQUA NOVARA VCO s.p.a.”, del valore di €
5.927.220,39, suddiviso in tre lotti (Lotto 1- Nord; Lotto 2-centro, Lotto 3- Sud);
individuato, in accordo con la stessa ditta futura aggiudicataria, sia la procedura “aperta” da utilizzare
sia i requisiti da inserire nel bando di gara, nonché i prezzi da applicare;
individuato, in particolare, quale criterio di aggiudicazione quello dell’offerta economicamente più
vantaggiosa a sensi dell’art. 95 comma 3) D.Lgs. 50/2016 individuata sulla base del miglior rapporto
qualità/prezzo, considerando quali criteri di valutazione il prezzo (con attribuzione di un punteggio
massimo di 30) e la qualità del servizio (con attribuzione di un punteggio massimo di punti 70),
11
laddove, in tal modo, era assicurata l’aggiudicazione ad ECOL. SERVICE s.r.l., cui spettava un
maggior punteggio sulla qualità del servizio in relazione al suo possesso di una flotta con automezzi di
categoria inquinante euro 5 e euro 6, rispetto ai concorrenti;
e, così, violando i doveri di osservare i principi di libera concorrenza, parità di trattamento e non
discriminazione nell’affidamento dell’appalto pubblico turbavano il procedimento amministrativo
diretto a stabilire il contenuto del bando stesso e, comunque, degli atti prodromici all’aggiudicazione,
al fine di condizionare le modalità di scelta del contraente da parte dell’Ente ACQUA NOVARA VCO
s.p.a. ;
Con i seguenti contributi concorsuali:
D’ALFONSO Daniele e DI PIERRO Matteo, rispettivamente amministratore unico e dipendente di
ECOL SERVICE S.R.L. che, previ accordi, anche di natura corruttiva, così come indicato nel capo
che segue, intercorsi con GALLINA Andrea, indicavano a RISSONE Giovanni i requisiti da inserire
nel bando di gara ed i prezzi dei singoli interventi, e così concorrevano a predisporre, ex ante, elementi
essenziali del disciplinare di gara;
GALLINA Andrea quale amministratore delegato di ACQUA NOVARA VCO s.p.a. con sede a
Novara con il quale venivano instaurati gli accordi collusivi, che, pertanto, metteva in contatto i privati
con il RISSONE Giovanni, seguiva la fase di prodromica alla pubblicazione del bando e, da ultimo,
promulgava lo stesso;
RISSONE Giovanni responsabile “acquisti e gare&appalti e logistica” in ACQUE NOVARA VCO
S.p.a che manteneva, direttamente e personalmente, i contatti con i privati, con i quali concordava
elementi essenziali dell’indicendo bando di gara;
In Milano e Novara fino al 26.3.2019
D’ALFONSO Daniele e GALLINA Andrea
II.10.b. Reato di cui all’art. 81 cpv- 319-320 c.p. perché, in concorso fra di loro, agendo ciascuno
con differenti ruoli, ed in particolare:
D’ALFONSO Daniele quale A.U. della ECOL SERVICE s.r.l. e di privato corruttore;
GALLINA Andrea quale amministratore delegato di ACQUA NOVARA VCO s.p.a., società
municipalizzata;
per il compimento da parte di GALLINA Andrea di singoli atti e comportamenti contrari ai doveri
d’ufficio, riconducibili alle funzioni sopraindicate e segnatamente per l'asservimento della funzione
pubblicistica agli interessi privati del D’ALFONSO e, quindi, in violazione dei propri doveri
istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato ( art. 97 Cost.)
laddove GALLINA Andrea accettava la promessa di D’ALFONSO dell’erogazione di una somma
di denaro, allo stato imprecisata, suddivisa in tranches mensili da 2.000,00-3.000,00 da corrispondere
attraverso il pagamento, da parte della “FOR ENGINEER CONSULTING s.r.l.”, riconducibile a
ROSSI Giovanni, soggetto compiacente, di fatture, per operazioni inesistenti, oggetto di emissione da
parte della ditta individuale CARUSO Carmela Liliana, compagna del GALLINA stesso.
Atti contrari ai doveri d’ufficio in particolare consistiti nel garantire al D’ALFONSO la turbativa di
gara di cui al capo sub II.10.A. che precede, con le modalità ivi indicate;
In Novara in epoca precedente al 22.3.2019
Capo d’incolpazione modificato con atto depositato il 13 aprile 2019:
D’ALFONSO Daniele, SALERNO Sergio, RIVA Gian Paolo, DE CILLIS Mauro
II.11. Reato di cui all’art. 81 cpv- 110 - 319-320 c.p. perché, in concorso fra di loro, agendo
ciascuno con differenti ruoli, ed in particolare:
D’ALFONSO Daniele quale A.U. della ECOL SERVICE s.r.l. e di privato corruttore;
DE CILLIS Mauro quale Procuratore e Responsabile Operativo di AMSA s.p.a., e, quindi, di
pubblico ufficiale;
SALERNO Sergio e RIVA Gian Paolo quali incaricati di pubblico servizio in quanto dipendenti
di AMSA s.p.a.;
12
per il compimento da parte di DE CILLIS Mauro, SALERNO Sergio e RIVA Gian Paolo di singoli
atti e comportamenti contrari ai doveri d’ufficio, riconducibili alle funzioni sopraindicate e
segnatamente per l'asservimento della funzione pubblicistica agli interessi privati del D’ALFONSO e,
quindi, in violazione dei propri doveri istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità
costituzionalmente tutelato ( art. 97 Cost.)
laddove DE CILLIS Mauro, SALERNO Sergio e RIVA Gian Paolo ricevevano da D’ALFONSO la
somma di almeno Euro 20.000,00 e, quanto al RIVA Gian Paolo anche l’ulteriore utilità costituita
dall’assunzione del figlio RIVA Matteo presso ECOL- SERVICE s.r.l.
Atti contrari ai doveri d’ufficio in particolare consistiti:
quanto al DE CILLIS: nel mantenere rapporti privilegiati con D’ALFONSO in vista
dell’aggiudicazione di gare, bandite dalla predetta società a partecipazione pubblica, a favore della
ECOL SERVICE s.r.l., oltre all’ottenimento, sempre in via privilegiata ed informale, di informazioni
sui capitolati in corso di predisposizione;
quanto al SALERNO:
- nel tenere costantemente informato il D’ALFONSO sull’indizione, da parte di AMSA S.P.A., di
gare, ovvero di procedure e con invito, cui il privato era interessato, comunicandogli, in anticipo,
rispetto alla pubblicazione, gli elementi essenziali della procedura;
- nel prestarsi a ricevere, in caso di affidamenti di appalti sottosoglia attraverso la procedura di cui
all’art. 36 Codice Appalti, i nominativi di ditte di comodo, previamente reperiti dal D’ALFONSO, cui
inviare fittizie lettere di invito ad offrire;
- nel fungere da collegamento fra il D’ALFONSO ed i vertici dirigenziali di AMSA s.p.a. nonché i
funzionari “operativi”
Quanto al RIVA Gian Paolo, nell’attivarsi, all’interno dell’ufficio per ottenere informazioni, in merito
sempre alle gare indicende o già indette da veicolare al D’ALFONSO e, quindi, nel coadiuvare, da un
punto di vista tecnico, il SALERNO;
In Milano fino al 25.10.2018
D’ALFONSO Daniele e DE CILLIS Mauro
II.12 Reato di cui all’art. 319-321 c.p. perché, in concorso fra di loro, agendo ciascuno con differenti
ruoli, ed in particolare:
D’ALFONSO Daniele quale A.U. della ECOL SERVICE s.r.l. e di privato corruttore;
DE CILLIS Mauro quale Procuratore e Responsabile Operativo di AMSA s.p.a., e, quindi, di
pubblico ufficiale;
per il compimento da parte di DE CILLIS Mauro di singoli atti e comportamenti contrari ai doveri
d’ufficio, riconducibili alle funzioni sopraindicate e segnatamente per l'asservimento della funzione
pubblicistica agli interessi privati del D’ALFONSO e, quindi, in violazione dei propri doveri
istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato (art. 97 Cost.)
laddove DE CILLIS riceveva da D’ALFONSO la somma di Euro 100.000,00 per il compimento di atti
contrari ai doveri ufficio e, segnatamente, finalizzati a garantire l’aggiudicazione di gare, bandite dalla
predetta società a partecipazione pubblica, a favore della ECOL SERVICE s.r.l., oltre all’ottenimento,
in via privilegiata ed informale, di informazioni sui capitolati in corso di predisposizione;
In Milano in epoca precedente al 23 ottobre 2018
D’ALFONSO Daniele e TATARELLA Pietro
II.13 Reato di cui all’art. 81 cpv c.p. 319-321 c.p. perchè, in concorso fra di loro, agendo ciascuno
con differenti ruoli ed, in particolare:
D’ALFONSO Daniele quale A.U. della ECOL SERVICE s.r.l. e di privato corruttore;
TATARELLA Pietro, quale componente del Consiglio Comunale di Milano, e, quindi, di
pubblico ufficiale;
13
per il compimento da parte di TATARELLA Pietro di singoli atti e comportamenti contrari ai doveri
d’ufficio, riconducibili alle funzioni sopraindicate e segnatamente per l'asservimento della funzione
pubblicistica agli interessi privati del D’ALFONSO e, quindi, in violazione dei propri doveri
istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato ( art. 97 Cost.)
laddove TATARELLA riceveva da D’ALFONSO Daniele le seguenti somme, beni ed utilità:
la somma complessiva di almeno Euro 25.000,00 pari al pagamento di fatture emesse, da ottobre 2017
ad aprile 2018 da TATARELLA Pietro alla ECOL SERVICE s.r.l. per lo svolgimento di consulenze,
in realta’ mai effettuate;
il pagamento di un biglietto aereo, per l’Australia, a favore di CARBONE Jessica, cognata di
TATARELLA Pietro, per il prezzo di Euro 1.350,00;
il pagamento, per una cifra al momento non precisata, di un viaggio in Inghilterra, usufruito dal
TATARELLA e dal figlio Enea il 21.3.2018;
la somma di Euro 2.000,00 in contante;
l’ulteriore somma di Euro 1.500,00 che il TATARELLA provvedeva a ritirare usando la carta AMEX
del D’ALFONSO;
l’uso delle seguenti vetture: BMW tg DW811PZ; SMART tg. FM430 MK: FIAT 500 ABARTH tg.
FR747VZ;
per il compimento di atti contrari ai doveri d’ufficio e per l’asservimento della funzione agli interessi
imprenditoriali e privatistici del D’ALFONSO in violazione dei propri doveri istituzionali e di
imparzialità e correttezza e, più precisamente:
per avvicinare altre figure politiche da corrompere, finanziando illecitamente la loro campagna
elettorale o quella dei candidati a loro vicini, al fine di essere “preferiti” nell’assegnazione di appalti
da parte di società di servizi pubblici;
per acquisire, attraverso operazioni di intermediazione illecita nei confronti di altri Pubblici Ufficiali,
lavori pubblici ovvero lavori privati assegnati alla ECOL-SERVICE SRL da grosse figure
imprenditoriali “favorite” nella loro attività produttiva dai pubblici funzionari “attivati” dal
TATARELLA nei settori in cui quest’ultimo svolge le funzioni all’interno delle commissioni
consiliari;
per assicurarsi pieno appoggio e connivenza dall’interno della Commissione "VERIFICA E
CONTROLLO ENTI PARTECIPATI", sia sostanzialmente “comprando” il silenzio di TATARELLA
il quale, se pur pienamente a conoscenza delle attività corruttivi avviate con la dirigenza AMSA spa,
omette di fare le dovute segnalazioni alla commissione di appartenenza, e sia prestando la sua
funzione a richiesta degli altri sodali (D’ALFONSO Daniele, SALERNO Sergio, DE CILLIS Mauro).
In Milano fino all’ottobre 2018
TERZA PARTE
CAIANIELLO Gioacchino, PETRONE Alessandro, TOLBAR Mauro, BORDONARO Laura,
BILARDO Alberto
III.1 Reato p. e p. dall’'art. 416, co. 1 e 2, c.p., perché si associavano tra loro allo scopo di
commettere una serie indeterminata di delitti contro la P.A. ed altri ad essi funzionali, e, segnatamente,
delitti di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, delitti di turbata libertà degli incanti, delitti di
abuso d’ufficio, delitti di emissione di fatture per operazioni inesistenti, delitti di auto-riciclaggio
attraverso una collaudata e stabile organizzazione interna ed una precisa ripartizione di funzioni:
CAIANELLO, quale capo e organizzatore, sovrintende e coordina tutte le attività della
associazione, impartisce direttive agli altri partecipi, definendone compiti e modalità operative,
mantiene i rapporti con gli esponenti del mondo politico, essendo figura di assoluto rilievo nel
panorama politico di Forza Italia, a livello quantomeno regionale. Per il ruolo di primo piano che
svolge nel contesto politico, e quindi nelle assemblee degli enti locali ove il partito in cui milita
rappresenta una formazione politica di maggioranza, riesce ad influenzare gli organi amministrativi
competenti per il buon esito delle procedure amministrative, oltre che per l’allocazione di risorse
pubbliche da parte delle società a partecipazione pubblica che egli di fatto controlla grazie alla
sistematica collocazione di persone, a lui strettamente e fiduciariamente riferibili, nei posti apicali di
governance .
14
Esercita di fatto funzioni pubbliche nell’ambito di tutte le più importanti società partecipate del
varesotto, grazie alla consapevole tolleranza degli amministratori apicali formali che lui stesso ha
contribuito in maniera determinante a far nominare nei rispettivi ruoli direttivi;
PETRONE, quale partecipe, opera nella sua qualità di Assessore all’Urbanistica ed Ambiente del
Comune di Gallarate e di braccio destro di CAIANIELLO, sul versante amministrativo ed istituzionale
del Comune di Gallarate.
Con un ruolo protagonistico, partecipa alle più importanti riunioni operative del gruppo ed a tutti gli
episodi corruttivi concernenti la procedura di approvazione della variante generale al piano di governo
del territorio. Egli agisce nella piena consapevolezza del parallelo mercanteggiamento economico
delle sue funzioni e quale effettiva longa manus di CAIANIELLO nel comune di Gallarate.
In particolare, l’assessore PETRONE assicura il perseguimento degli obiettivi dell’associazione sul
versante della risoluzione delle problematiche urbanistiche di privati legati all’associazione, curando,
a tal fine, anche i rapporti con funzionari della Pubblica Amministrazione, grazie alla sua capacità di
relazionarsi agevolmente, e con efficacia, con i dirigenti dell’ufficio tecnico del comune di
GALLARATE, deputati all'istruzione dei procedimenti per gli interventi edilizi, ed in tal modo
contribuisce, con una piena, consapevole ed incondizionata adesione al programma criminoso del
sodalizio, al quale svende la sua funzione pubblica, a realizzare gli obiettivi illeciti attraverso i quali i
componenti dell’associazione ottengono utilità in denaro oltre che il rafforzamento del prestigio
criminale del sodalizio in quanto tale .
BORDONARO, quale partecipe, opera, in particolare, nella qualità di Presidente del Consiglio di
Amministrazione della società a partecipazione totalmente pubblica ACCAM S.p.A., S.p.A. (con sede
in Busto Arsizio, Strada Comunale di Arconate, 121), sotto la costante direzione di CAIAINELLO, di
cui rappresenta l’alter ego all’interno della società in house . Accetta, con piena consapevolezza. di
essere etero-diretta e strumentalizzata con riferimento a tutte le più importanti scelte gestionali
dell’azienda pubblica, con particolare riferimento alle scelte che implicano l’allocazione di risorse
pubbliche, e segnatamente, l’individuazione dei soggetti da nominare a cariche dirigenziali ,
l’individuazione dei professionisti da favorire con il conferimento di incarichi o consulenze, sovente
privi di qualsiasi utilità societaria, ma funzionali soltanto a giustificare formalmente l’esborso di
denaro pubblico in favore di persone vicine al sodalizio, ovvero disponibili a retrocedere ai
componenti del sodalizio parte dell’importo relativo all’incarico, in tal modo ottenuto. Agisce, con una
piena, consapevole ed incondizionata adesione al programma criminoso del sodalizio a cui presta le
sue capacità professionali;
BILARDO, quale partecipe, cura gli interessi dell'associazione operando nella qualità di consigliere
di amministrazione della società a partecipazione totalmente pubblica ACCAM S.p.A., e quale
segretario cittadino di Forza Italia del comune di Gallarate fino al 01.08.2018., con il compito di
mantenere le relazioni con i privati corruttori, anche grazie all’attività professionale del suo studio di
ingegneria civile che svolge in palese conflitto di interessi con i paralleli incarichi politici e di
governance di società municipalizzate. Sotto la costante etero-direzione di CAIANIELLO, egli svolge,
inoltre, il compito di mantenere gli equilibri all’interno della società in house ACCAM spa, grazie
anche al rapporto diretto che lo stesso intrattiene con il direttore generale Paola ROSSI. Agisce con
consapevole adesione al programma criminoso del sodalizio a cui presta le sue capacità professionali;
TOLBAR, quale partecipe, cura gli interessi dell’associazione operando quale “collettore” delle
dazioni illecite e quale intermediario tra il pubblico agente corrotto e il privato corruttore. Si avvale, a
tal fine, di collaboratori, di volta in volta, da lui stesso assoldati ed aventi la specifica funzione di
reperire denaro contante (da retrocedere in favore del sodalizio criminoso) mediante l’emissione di
fatture per operazioni inesistenti. Compartecipa alla materiale realizzazione di moltissimi tra i più
gravi reati-fine contestati, in relazione ad alcuni dei quali risulta anche il promotore dell’accordo
corruttivo, anche grazie ad un rapporto diretto, e via via cementificatosi, con l’organo associativo
apicale.
Sotto il profilo organizzativo, gli associati, a far data almeno dal 30.11.2017, sotto la costante
direzione verticistica di CAIANIELLO Gioacchino, si relazionavano tra loro mediante forme di
comunicazione cifrate, e si incontravano, nel corso di frequenti riunioni tenute presso il locale House
garden Café, ubicato in Gallarate, via Ferrario n.35, nonché presso lo studio professionale di
BORDONARO Laura, ubicato in Busto Arsizio, via Fratelli d’Italia n.7.
15
Attraverso le descritte ripartizioni di funzioni ed organizzazioni, gli associati si accordavano per la
scientifica programmazione e realizzazione dei plurimi delitti sopra indicati, aventi come principale
obiettivo la spoliazione, in favore del sodalizio stesso, delle risorse pubbliche delle società in house ed
il mercanteggiamento oneroso delle pratiche urbanistiche.
In Milano e Gallarate dal 30.11.2017 con condotta perdurante
TOLBAR Mauro, CRESCENTI Alessandro Beniamino, CAIANIELLO Gioacchino, BILARDO
Alberto, TONETTI Piero Enrico, PETRONE Alessandro
III.2 Reato p. e p. dagli artt. 110 c.p., 319-321 c.p. perché, in concorso tra loro, agendo ciascuno con
differenti ruoli, ed in particolare:
- PETRONE nella qualità di assessore all’urbanistica del comune di Gallarate, dunque pubblico
ufficiale, pienamente consapevole dell’accordo corruttivo;
- BILARDO nella qualità di consigliere di amministrazione dell’azienda municipalizzata
ACCAM spa (con sede in Busto Arsizio, Strada Comunale di Arconate 121), e di coordinatore del
partito di forza Italia nel comune di Gallarate e di promotore dell’accordo corruttivo;
- CAIANIELLO nella qualità di esponente apicale del partito di Forza Italia a livello
provinciale, e nella veste di promotore dell’accordo corruttivo;
- TOLBAR e CRESCENTI quali intermediari della dazione corruttiva;
- TONETTI quale privato corruttore;
per il compimento da parte di PETRONE (con il concorso di CAIANIELLO e BILARDO) di singoli
atti e comportamenti contrari ai doveri d’ufficio, tutti riconducibili alla funzione di assessore
all’urbanistica del comune di Gallarate, e segnatamente, compiuti in violazione di legge,(legge
59/1997 e 127/1997 art. 4 del già citato D.Lgs. 165/2001), ed in generale per l'asservimento della
funzione pubblicistica agli interessi privati di TONETTI, in violazione dei propri doveri istituzionali
di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato ( art. 97 Cost.), e finalizzati a
fare ottenere il cambio di destinazione urbanistica, da industriale a commerciale, al complesso
immobiliare ubicato in Gallarate, via Cadore 2 ,di proprietà della PIROGAsas di TONETTI Piero
(con sede legale in Gallarate, via cadore 2), nell’ambito della procedura di variante generale al Piano
di Governo del Territorio del comune di GALLARATE,
ricevevano per se’ e per altri (TOLBAR e CRESCENTI) la somma di 50.000 euro ( 63.440,00 iva
compresa), corrisposta dalla PI.RO.GA sas di TONETTI mediante bonifico bancario sul conto
corrente della E.S.T.R.O. INGEGNERIA srl, legalmente rappresentata da CRESCENTI (con sede
legale in Milano, via Astolfo n.4) e conto corrente acceso presso l’Agenzia n. 1 di Milano della Banca
Popolare di Sondrio e contrassegnato dal seguente IBAN IT31R0569601602000005675X11), in
adempimento della fattura per operazione inesistente n. 4 del 28 marzo 2018, dazione successivamente
retrocessa in contanti in favore dei corrotti.
Atti contrari ai doveri d’ufficio consisti in particolare da parte dell’assessore all’urbanistica
PETRONE nel:
-fornire, in violazione dei doveri d’ufficio, informazioni sullo stato delle pratiche urbanistiche in
corso;
- nell’ingerirsi sistematicamente, in violazione del principio di separazione tra funzioni di indirizzo
politico e di gestione amministrativa (legge 59/1997 e 127/1997 art. 4 del già citato D.Lgs. 165/2001),
nelle scelte di competenza del pubblico ufficiale architetto GIULIANI (capo del Raggruppamento di
professionisti incaricato, mediante gara pubblica, di redigere il servizio di redazione della variante
generale al Piano di Governo del Territorio del comune di GALLARATE), di fatto esautorandolo
dai suoi poteri, e spingendolo a compiere, con particolare riferimento all’area di via Cadore 2, oggetto
del sinallagma corruttivo, scelte contrarie rispetto a quanto da lui inizialmente deciso, e comunque
contrarie all’interesse pubblico ed alle linee di indirizzo impartite per l’area in esame dalla prima
variante generale al Piano di governo del territorio;
-nell’istaurare un rapporto privilegiato e di reciproco interesse con l’architetto MORIGGI
(componente del Raggruppamento di professionisti incaricato, mediante gara pubblica, di redigere il
servizio di redazione della variante generale al Piano di Governo del Territorio del comune di
GALLARATE) anche al fine di superare, per il suo tramite, le posizioni divergenti dell’architetto
GIULIANI, fino al punto da spingere quest’ultimo a manifestare la volontà di dimettersi dall’incarico:
16
-nell’elaborare, in violazione del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato, plurime
strategie (compreso l’utilizzo di giornalisti compiacenti) nell’interesse del privato corruttore, al fine di
superare gli ostacoli frapposti dal sindaco del Comune di Gallarate CASSANI al raggiungimento del
risultato del cambio di destinazione urbanistica del complesso immobiliare di via Cadore 2;
-nell’effettuare plurime pressioni sui funzionari dell’ufficio tecnico comunale finalizzate a sollecitare
la rapida chiusura, in favore del privato corruttore della procedura di variante, imprimendo loro una
tempistica serrata, con inevitabile sacrificio dei criteri della competenza tecnica e della completezza
nella cura dell’interesse pubblico, in particolare giungendo a far chiudere la procedura di variante
anche in assenza della relazione relativa al Piano dei Servizi;
- nello strumentalizzare, in ragione del potere promanante dalla carica rivestita, il rapporto gerarchico
con il dirigente responsabile dell’ufficio Urbanistica CUNDARI MARTA, nell’interesse del privato
corruttore, ed
in particolare congiuntamente operando delle valutazioni tecniche sulla base di
documentazione informalmente detenuta e contrastante con quella formalmente depositata nell’ambito
della procedura di variante;
In Milano, in data 12.06.2018;
FERRARI Giuseppe, RUSSO Pierluigi
III.3 Reato p. e p. dagli artt. 110- 81 cpv c.p. art 8 d.lgs.74/2000 perché, in concorso tra loro e con
più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, in tempi diversi, rispettivamente Pierluigi
RUSSO quale Legale rappresentante della LAM Energie srl. con sede a Brescia, Via Romarino
n.16, e Giuseppe FERRARI quale amministratore di fatto della medesima società, anche al fine
di consentire a terzi l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto, emettevano le seguenti
fatture in relazione ad operazioni inesistenti, in quanto relative ad attività professionali di fatto mai
eseguite, in tal modo consentendo alla società destinataria della fattura, E.S.T.R.O. INGEGNERIA srl
,con sede a Milano, via Astolfo n.4, l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto:
-fattura n. 120 del 16.4.2018 per un importo di euro 24.400
-fattura n. 121 del 19.04.2018 per un importo di euro 12.200
In Milano e Brescia nelle date 16.04.2018 e 19.04.2018
MIANO Piermichele, CAIANIELLO Gioacchino, PETRONE Alessandro, PAGGIARO Leonida
Emilio, BESANI Stefano
III.4 Reato p. e p. dagli artt. 110, 319, 321 c.p. perché, in concorso tra loro, agendo con differenti
ruoli ed in particolare:
- PETRONE nella qualità di assessore all’urbanistica del comune di Gallarate, dunque pubblico
ufficiale, pienamente consapevole dell’accordo corruttivo;
- CAIANIELLO nella veste di promotore dell’accordo corruttivo ed esponente apicale del
partito di Forza Italia a livello provinciale;
- MIANO nella veste di intermediario e di professionista incaricato dal privato corruttore;
- BESANI nella qualità di ideatore, promotore, e redattore dell’accordo corruttivo;
- PAGGIARO quale privato corruttore;
per il compimento da parte PETRONE (con il concorso di CAIANIELLO,MIANO e BESANI) di
singoli atti e comportamenti contrari ai doveri d’ufficio, tutti riconducibili alla funzione di assessore
all’urbanistica del comune di Gallarate e segnatamente compiuti in violazione di legge,(legge
59/1997 e 127/1997 art. 4 del già citato D.Lgs. 165/2001), ed in generale per l'asservimento della
funzione pubblicistica agli interessi privati di PAGGIARO, in violazione dei propri doveri
istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato ( art. 97 Cost.), e
finalizzati a fare ottenere l’accoglimento, in favore del privato corruttore PAGGIARO, del contributo
partecipativo relativo al complesso immobiliare ubicato in Gallarate via Mazzini 6-8 (edificio
soggetto a rilevanza paesaggistica e ambientale (RPA), e con fronte vincolato di proprietà della
società PASO, legalmente rappresentata dalla moglie di PAGGIARO, PRANDELLI Sonia, ma
sostanzialmente a lui riconducibile) nell’ambito della procedura di variante generale al Piano di
Governo del Territorio del comune di GALLARATE,
17
ricevevano per se’ e per altri l’utilità consistente nella rinuncia da parte di PAGGIARO a riscuotere
nei confronti di CAIANIELLO e MIANO la complessiva somma di euro 125.000, derivante dalla
condanna di CAIANIELLO e MIANO al risarcimento del danno nei confronti della parte civile
PAGGIARO nel procedimento penale conclusosi con la Sentenza n. 6582 del 9.02.2018,Sez. 2 della
Suprema Corte di Cassazione con la quale CAIANIELLO e MIANO sono stati condannati alla pena
di anni 3 di reclusione ( oltre alle ulteriori utilità consistenti nel sostanziale pagamento, da parte di
PAGGIARO, in luogo del formale debitore CAIANIELLO, delle spese legali in favore dell’Avv.
Pietro ROMANIO, per un ammontare di euro 17.000 e nel vantaggio per CAIANIELLO di ottenere la
riabilitazione penale ai sensi dell’art. 178 c.p. giuridicamente condizionata all’adempimento delle
obbligazioni civili nascenti dal reato commesso) Rinuncia al credito risarcitorio formalmente
consacrata nella simulata scrittura privata del 4.12.2018, sottoscritta
da CAIANIELLO e
PAGGIARO, ed ideata e redatta dall’avv. BESANI, promotore dell’accordo corruttivo.
Atti contrari ai doveri d’ufficio consisti, in particolare, da parte dell’assessore all’urbanistica
PETRONE, pienamente consapevole dell’accordo corruttivo, nel:
-fornire in violazione dei doveri d’ufficio informazioni sullo stato delle pratiche urbanistiche in corso;
- nell’ingerirsi sistematicamente, in violazione del principio di separazione tra funzioni di indirizzo
politico e di gestione amministrativa (legge 59/1997 e 127/1997 art. 4 del già citato D.Lgs. 165/2001),
nelle scelte di competenza dei Pubblici Ufficiali componenti il Raggruppamento di professionisti
incaricato mediante gara pubblica di redigere il servizio di redazione della variante generale al
Piano di Governo del Territorio del comune di GALLARATE ), fino ad ottenere l’introduzione nel
nuovo piano di governo del territorio di norme (all. 23 alla bozza delle Norme pubblicate ed in
particolare punto 8 lettere e) ) che consentono, a differenza del previgente regime urbanistico, in
relazione al complesso immobiliare di via MAZZINI, (edificio ubicato nel centro storico di
GALLARATE soggetto a rilevanza paesaggistica e ambientale (RPA), con fronte vincolato,) la
demolizione e la ricostruzione non fedele ovvero fuori i limiti di sagoma, ovvero esattamente quanto
richiesto da PAGGIARO con il contributo partecipativo presentato in data 18.01.2018;(obiettivo,
quest’ultimo, perseguito ma mai raggiunto da PAGGIARO con precedenti istanze avanzate
all’amministrazione comunale gallaratese negli anni precedenti , tutte sempre respinte);
-nell’istaurare un rapporto privilegiato e di reciproco interesse con l’architetto MORIGGI
(componente del Raggruppamento di professionisti incaricato, mediante gara pubblica, di redigere il
servizio di redazione della variante generale al
Piano di Governo del Territorio del comune di
GALLARATE), grazie al quale riusciva ad ottenere, fuori tempo massimo l’accoglimento, nel nuovo
piano di governo del territorio un ulteriore beneficio nei confronti della società consistente
nell’incremento del 20% del volume edificabile;
- nel manifestare esplicitamente la sua messa a disposizione del privato corruttore, rivendicando con
MIANO, professionista incaricato da PAGGIARO, la paternità delle nuove norme introdotte nel
nuovo PGT, e nel garantire personalmente ulteriore collaborazione in vista della successiva fase
esecutiva dei progetti,
In Milano e Gallarate in data 4.12.2018;
QUARTESAN Gianluca, MORIGGI Luigi, GIULIANI Massimo, CUNDARI Marta
III.5. Reato p. e p. dagli articoli 81 cpv, 110, 323, c.p., perché , in tempi diversi ed in concorso tra
loro, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, agendo ciascuno con differenti ruoli, ed in
particolare:
- GIULIANI, quale capo del raggruppamento di professionisti incaricati di redigere la nuova
variante generale al piano di governo del territorio di Gallarate, quindi Pubblico Ufficiale;
- MORIGGI, quale componente del raggruppamento di professionisti incaricati di redigere la
nuova variante generale al piano di governo del territorio di Gallarate, quindi Pubblico
Ufficiale;
- QUARTESAN quale componente della commissione paesaggio del comune di Gallarate quindi
Pubblico Ufficiale;
- CUNDARI, quale responsabile dell’ufficio tecnico del comune di Gallarate quindi Pubblico
Ufficiale;
18
nello svolgimento delle loro funzioni, in violazione di legge, ed in particolare in violazione delle leggi
59/1997 e 127/1997 e dell’art. 4 del D.Lgs. 165/2001 e del principio di imparzialità costituzionalmente
tutelato (art. 97 Cost.), consentivano all’assessore all’urbanistica PETRONE Alessandro di ingerirsi
sistematicamente nelle scelte di loro competenza ed in particolare consentendo a quest’ultimo:
-di ottenere, in violazione dei doveri d’ufficio, informazioni sullo stato delle pratiche urbanistiche in
corso;
- di ingerirsi sistematicamente, in violazione del principio di separazione tra funzioni di indirizzo
politico e di gestione amministrativa (legge 59/1997 e 127/1997 art. 4 del già citato D.Lgs. 165/2001),
nelle scelte di competenza del pubblico ufficiale architetto GIULIANI (capo del Raggruppamento di
professionisti incaricato, mediante gara pubblica, di redigere il servizio di redazione della variante
generale al Piano di Governo del Territorio del comune di GALLARATE), ;
- di istaurare un rapporto privilegiato e di reciproco interesse con l’architetto MORIGGI (componente
del Raggruppamento di professionisti incaricato, mediante gara pubblica, di redigere il servizio di
redazione della variante generale al Piano di Governo del Territorio del comune di GALLARATE)
anche al fine di superare, per il suo tramite, le posizioni divergenti dell’architetto GIULIANI in
relazione alla procedura di variante, fino al punto da spingere quest’ultimo a manifestare la volontà di
dimettersi dall’incarico;
- di istaurare un rapporto privilegiato e di reciproco interesse con il Geometra QUARTESAN al fine di
ottenere una più rapida definizione dell’iter di variante da parte della commissione paesaggio
- di elaborare, in violazione del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato, plurime strategie
(compreso l’utilizzo di giornalisti compiacenti) nell’interesse dei privati corruttori, al fine di superare
gli ostacoli frapposti dal sindaco del Comune di Gallarate CASSANI al raggiungimento del risultato
del cambio di destinazione urbanistica del complesso immobiliare di via Cadore 2;
- di strumentalizzare, in ragione del potere promanante dalla carica rivestita, il rapporto gerarchico con
il dirigente responsabile dell’ufficio Urbanistica CUNDARI MARTA, nell’interesse del privato
corruttore TONETTI, ed in particolare congiuntamente operando delle valutazioni tecniche sulla base
di documentazione informalmente detenuta e contrastante con quella formalmente depositata
nell’ambito della procedura di variante;
In tal modo intenzionalmente recavano un vantaggio ingiusto anche di tipo economico agli interessi
dei privati, sponsorizzati dall’assessore Petrone, favorendoli nell’accoglimento delle relativa pratiche
urbanistiche
In Milano ed in Gallarate dal maggio 2018 a gennaio 2019
BORDONARO Laura, CAIANIELLO Gioacchino, CRESCENTI Alessandro Beniamino,
TOLBAR Mauro
III.6. Reato p. e p. dagli artt. 110, 319, 321c.p. perché, in concorso tra loro, agendo con differenti
ruoli ed in particolare,
- BORDONARO nella qualità di Presidente del Consiglio di amministrazione della società a
totale partecipazione pubblica ACCAM spa (con sede in Busto Arsizio, Strada Comunale di
Arconate n., 121, dunque Pubblico Ufficiale, pienamente consapevole dell’accordo corruttivo;
- CAIANIELLO nella qualità di funzionario apicale di fatto di ACCAM spa. e, quindi, di
pubblico ufficiale, e comunque concorrente, nella qualità di promotore dell’accordo;
- TOLBAR quale intermediario della dazione corruttiva;
- CRESCENTI quale privato corruttore mediante la società E.S.T.R.O. INGEGNERIA S.r.l.,
con sede legale in Milano, via Astolfo n.4, da lui legalmente rappresentata;
per il compimento, da parte di BORDONARO e CAIANIELLO, di singoli atti contrari ai doveri
d’ufficio ed in violazione, nell’esercizio della loro discrezionalità, del dovere d’imparzialità della P.A.
costituzionalmente tutelato (art. 97 Cost.), promettevano ed effettivamente conferivano alla E.S.T.R.O.
INGEGNERIA S.r.l., legalmente rappresentata da CRESCENTI ,un fittizio incarico di consulenza
tecnica avente per oggetto “l’analisi dell’impianto di termovalorizzazione di Busto Arsizio al fine di
verificare la sussistenza del prosieguo dell’attività fino al 2027, di proporre attività per il
miglioramento economico e funzionale del termovalorizzatore nell’osservanza delle disposizioni di
legge, delle prescrizioni autorizzative, del rispetto della convenzione in essere con il Consorzio e di
ogni altra disposizione in materia, sia nella fase di esercizio dell’impianto di termovalorizzazione”,
19
dell’importo di 7.000,00 euro Iva esclusa( somma in parte corrisposta da ACCAM spa mediante
bonifico- per la somma di euro 3.640- sul conto corrente IBAN IT31R0569601602000005675X11
della Banca Popolare di Sondrio, Filiale di Milano Agenzia n. 1, intestato alla E.S.T.R.O.
INGEGNERIA S.r.l in adempimento della fattura per operazione inesistente n. 8 del 24 ottobre 2018.)
in cambio della promessa e della successiva retrocessione, materialmente avvenuta per il tramite di
TOLBAR, di una parte del corrispettivo previsto per l’incarico stesso, e segnatamente della somma
di 4000 euro, di cui 3000 effettivamente già retrocessi .
In Milano e Gallarate in data 24 ottobre 2018;
CAIANIELLO Gioacchino, BORDONARO Laura, BILARDO Alberto, TOLBAR Mauro,
ROSSI Paola, BONINI Henry
III.7. Reato p. e p. dagli artt.81 cpv,110- 353 c.p. perché, in concorso tra loro, e con più azioni
esecutive di un medesimo disegno criminoso, agendo con differenti ruoli ed in particolare,
- BORDONARO nella qualità di Presidente del Consiglio di amministrazione della società a
totale partecipazione pubblica ACCAM spa (con sede in Busto Arsizio, Strada Comunale di
Arconate, 121) dunque Pubblico Ufficiale, pienamente consapevole dell’accordo corruttivo;
- CAIANIELLO nella qualità di funzionario apicale di fatto di ACCAM spa e, quindi, di
Pubblico Ufficiale, e comunque concorrente nella qualità di promotore dell’accordo;
- BILARDO nella qualità di consigliere di amministrazione di ACCAM spa;
- ROSSI nella qualità di direttore generale di ACCAM SPA;
- TOLBAR quale intermediario;
- BONINI Henry quale beneficiario consapevole della turbativa;
tramite collusioni ed altri mezzi fraudolenti finalizzati a predeterminare l’esito della selezione pubblica
in favore di Bonini Henry.
In particolare, mediante accordi previamente intervenuti tra CAIANIELLO, BORDONARO,
TOLBAR, BILARDO e ROSSI, ed aventi ad oggetto la materiale predisposizione del bando di
selezione da parte di TOLBAR (estraneo alla società), materialmente avvenuta sulla base delle
specifiche caratteristiche curriculari di BONINI ( bando successivamente solo formalmente recepito e
sottoscritto dal direttore generale ROSSI), turbavano il bando per l’assunzione, a tempo determinato,
di un impiegato tecnico con funzioni di responsabile di livello q in favore di BONINI stesso.
In Milano e Gallarate in data 25.01.2019;
CAIANIELLO Gioacchino, TOLBAR Mauro, PEDRONI Marcello, CAPRISTO Antonio,
SANTI Erminio, VIGANÒ Massimo
III.8. Reato p. e p. dagli artt. 110, 319, 321 c.p. perché, in concorso tra loro, agendo con differenti
ruoli ed in particolare:
- PEDRONI nella qualità consigliere delegato della società a totale partecipazione pubblica
PREALPI SERVIZI srl (con sede in Varese, Via Peschiera n.20), dunque Pubblico Ufficiale,
pienamente consapevole dell’accordo corruttivo;
- CAIANIELLO nella qualità di funzionario apicale di fatto di PREALPI SERVIZI srl spa e,
quindi, di Pubblico Ufficiale, e comunque concorrente, quale promotore dell’accordo corruttivo;
- TOLBAR e VIGANO’ quali promotori dell’accordo corruttivo ed intermediari per la
retrocessione della dazione corruttiva;
- CAPRISTO quale privato corruttore mediante la NEW LISI spa, con sede in Milano, via San
Primo n.4, di cui è amministratore delegato;
- SANTI quale collaboratore di CAPRISTO e della NEW LISI spa, e concorrente sul versante
della programmazione e successiva dazione corruttiva;
promettevano, PEDRONI e CAIANIELLO (anche per il tramite di TOOLBAR e VIGANO’) per lo
svolgimento della loro funzioni e per il compimento di singoli atti e comportamenti contrari ai loro
doveri d’ufficio, ed in particolare per il compimento di atti contrari al principio di imparzialità
costituzionalmente tutelato ( art. 97 Cost.) e contrari alle regole previste dal d.lgs. n. 163 del 2006
(c.d. codice dei contratti pubblici), l’affidamento alla società NEWLISI SPA , con sede in Milano, via
San Primo n.4,, dell’appalto relativo alla realizzazione di un impianto di essiccazione dei fanghi
20
presso il depuratore di Sant’Antonino Ticino in Lonate Pozzolo, ricevendone in cambio, quale
preliminare dazione di una maggior somma, l’importo complessivo di 10.000 euro (somma in parte
corrisposta, mediante bonifico bancario dell’importo di 5000 euro, in data 6.11.2018, da parte della
NEWLISI spa alla GIROSCOPIO CONSULTING srl., con sede ad Arona, via Moncuccio 16,
legalmente rappresentata da Gian Maria RADAELI, quale formale pagamento di una fattura per
operazione inesistente, e successivamente retrocessa per il tramite di TOLBAR e VIGANO’ ai
pubblici ufficiali corrotti) oltre all’ulteriore utilità del pagamento delle spese di soggiorno presso
l’albergo AMBASSADOR ubicato in Rimini, viale Regina Elena n.86 ,in data 8 novembre 2018, per
CAIANIELLO, TOLBAR ed un gruppo di persone riferibili a CAIANIELLO (quali Laura
BORDONARO, presidente di ACCAM SPA, Claudio Milanese, amministratore delegato della
ECONORD spa, il commercialista Vincenzo DE RISI, Damiano BELLI, amministratore delegato di
AMBIENTHESIS SPA, Diego SOZZANI, deputato della Repubblica, Carlo GIACOMETTO,
deputato della Repubblica ).
In Milano e Gallarate in data 8.11.2018;
RADAELI Gian Maria
III.9 Reato p. e p. dall’art. art 8 d.lgs.74/2000 poiché, quale consigliere di amministrazione della
GIROSCOPIO CONSULTING srl, con sede ad Arona, via Moncuccio n.16, anche al fine di
consentire a terzi l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto, emetteva, in data
30.10.2018, una fattura per un’ operazione oggettivamente inesistente, in quanto relativa ad un’
attività professionale di fatto mai eseguita, per l'importo complessivo di euro 10.0000, in tal modo
consentendo alla società destinataria della fattura , NEWLISI spa., con sede in Milano, via San Primo
n.4, l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto.
In Milano ed Arona in data 30.11.2018;
BRATTA Saverio Maria, CAIANIELLO Gioacchino, SAPORITI Paola, SAPORITI Giovanna
III.10. Reato p. e p. dagli art. 81 cpv,110, 319, 321 c.p. perché, in concorso tra loro, con più azioni
esecutive di un medesimo disegno criminoso, in tempi diversi, agendo con differenti ruoli ed in
particolare:
- BRATTA nella qualità di amministratore delegato della società a totale partecipazione
pubblica ALFA srl. (con sede legale in Varese, via Carobbio n.3,) e, quindi, di Pubblico Ufficiale;
- CAIANIELLO nella qualità di funzionario apicale di fatto di ALFA srl, e quindi, di Pubblico
Ufficiale, e comunque di concorrente promotore dell’accordo corruttivo;
- SAPORITI Paola, assessore all’istruzione presso il comune di Cassano Magnago, e SAPORITI
Giovanna, nelle qualità di private corruttrici;
per il compimento, da parte di BRATTA CAIANIELLO, di singoli atti contrari ai doveri d’ufficio ed
in violazione, nell’esercizio della loro discrezionalità, del dovere d’imparzialità della P.A,
costituzionalmente tutelato (art. 97 Cost. )
- promettevano ed effettivamente conferivano (CAIANIELLO quale promotore dell’accordo
corruttivo, Bratta quale formale sottoscrittore dell’avviso pubblico, e pienamente consapevole
dell’accordo corruttivo), in data 15.03.2017 la carica di Sindaco effettivo del Collegio Sindacale di
ALFA srl a SAPORITI Giovanna, comportante un emolumento annuale di 4,686,58 lordi in cambio
della promessa e successiva retrocessione del 10 per cento dell’emolumento stesso, pari ad euro 500,
somma materialmente consegnata, in data 26 giugno 2018, da SAPORITI Paola a CAIANIELLO;
- promettevano ed effettivamente conferivano (in data 12.07.2018), dietro la promessa di una
ulteriore retrocessone del 10 % dell’emolumento annuale, il rinnovo dell’incarico della carica
Sindaco effettivo del Collegio Sindacale di ALFA srl.
In Milano e Gallarate in data 26.06.2018;
CAIANIELLO Gioacchino, TOLBAR Mauro, BORSANI Davide Celso, MORETTI Giovanni
Pietro
21
III.11. Reati p. e p. dagli artt. 110, 319, 321 c.p. perché, in concorso tra loro, con più azioni
esecutive di un medesimo disegno criminoso, in tempi diversi, agendo con differenti ruoli, ed in
particolare:
- BORSANI nella qualità di direttore generale della società a totale partecipazione pubblica
ALFA srl (con sede legale in Varese, via Carobbio n3), e quindi, di Pubblico Ufficiale;
- CAIANIELLO nella qualità di funzionario apicale di fatto di ALFA srl, e quindi, di Pubblico
Ufficiale, e comunque concorrente quale promotore dell’accordo corruttivo;
- TOLBAR nelle qualità di promotore dell’accordo corruttivo e di intermediario della dazione
corruttiva;
- MORETTI, tramite la società MERCURIO srl di cui è legale rappresentante, quale privato
corruttore;
per il compimento, da parte di BORSANI e CAIANIELLO , di singoli atti contrari ai doveri d’ufficio
ed in violazione, nell’esercizio della loro discrezionalità, del dovere d’imparzialità della P.A,
costituzionalmente tutelato (art. 97 Cost. ), promettevano ( BORSANI e CAIANIELLO con la fattiva
intermediazione di TOLBAR) ed effettivamente conferivano alla MERCURIO SRL, con sede legale
in Olgiate Comasco, via delle Vecchie Scuderie n.34,
legalmente rappresentata da MORETTI, un
fittizio incarico di consulenza per la somma di 14.500 euro in cambio della contro-promessa della
successiva retrocessione di una quota parte del corrispettivo, e segnatamente della somma pari 4-5
mila euro.
In Milano e Gallarate in data precedente e prossima al 19.02.2019;
CAIANIELLO Gioacchino, BRATTA Saverio Maria, BORSANI Davide Celso
III.12. Reati p. e p. dagli artt. 81cpv, 110, 353 c.p. perché, in concorso tra loro, in tempi diversi ed
in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, agendo con differenti ruoli, ed in particolare:
- BRATTA nella qualità di amministratore delegato della società a totale partecipazione
pubblica ALFA srl (con sede legale in Varese, via Carobbio n.3), e, quindi, di Pubblico Ufficiale;
- CAIANIELLO nella qualità di funzionario apicale di fatto di ALFA srl, e quindi, di Pubblico
Ufficiale, e comunque concorrente quale promotore della turbativa;
- BORSANI quale consigliere di amministrazione di ALFA srl fino al 21.2.2017;
mediante collusioni dirette a predeterminare l’esito della selezione pubblica bandita in data 3.11.2017
in favore di BORSANI, turbavano la procedura comparativa di assunzione, a tempo determinato, di un
dirigente responsabile delle attività operative a diretto riporto dell’amministratore delegato, mediante
la costituzione di una commissione valutatrice compiacente alla quale materialmente partecipava lo
stesso BRATTA nella qualità di Presidente.
In Milano e Gallarate nel mese di Marzo 2018;
CAIANIELLO Gioacchino
III.13. Reato p. e p. dagli artt. 81cpv, 648 ter1 c.p. perché, in tempi diversi ed in esecuzione di un
medesimo disegno criminoso, dopo aver commesso plurimi delitti contro la pubblica amministrazione,
taluni dei quali descritti nei capi precedenti (2-5-6-8-11-12-), impiegava parte dei relativi proventi
illeciti, costituiti da somme in contanti, nell’attività commerciale di vendita al dettaglio di opere
d’arte, operata per il tramite della società SACROGRAL S.r.l.s., con sede in Gallarate (VA),via San
Giovanni Bosco n. 14, a tal fine costituita, e, segnatamente, sia per la spese di costituzione della
società, sia per l’effettiva operatività della società ed in particolare per l’acquisto di un quadro (per
l’importo di euro 2.625) che successivamente procedeva a rivendere all’avv. Michela LONGO ( per
l’importo di euro 2.800,00, somma pagata in adempimento della fattura n. 2 del 21.12.2018), in modo
da ostacolare concretamente l’identificazione della loro provenienza delittuosa.
In Milano e in Gallarate, in data 31.12.2018
CAIANIELLO Gioacchino, ZINGALE Giuseppe
III.14. Reato p. e p. dagli artt. 110, 322 c.p. perché, in concorso tra loro, proponevano al Presidente
della regione Lombardia, Attilio FONTANA, di riuscire a far ottenere, per il tramite dell’ente AFOL
22
METROPOLITANA, di cui ZINGALE è direttore generale, consulenze onerose in favore dell’
avv. Luca MARSICO, socio dello studio professionale FONTANA-MARSICO, in cambio del
compimento, da parte del Presidente FONTANA, di atti contrari ai suoi doveri d’ufficio e compiuti
in violazione del dovere d’imparzialità della P.A, costituzionalmente tutelato (art. 97 Cost.), e,
segnatamente, consistiti nella nomina di ZINGALE alla direzione generale Istruzione Lavoro e
Formazione della regione Lombardia.
In Milano in data 3.4.2018;
con le recidive:
specifica reiterata per FERRARI Giuseppe
specifica infraquinquennale per CAIANIELLO Gioacchino e MIANO Piermichele,
specifica per VIGANO’ Massimo
semplice per TONETTI Pierenrico
23
PREMESSA METODOLOGICA e COMPETENZA
Al fine di una miglior comprensione del presente provvedimento, ritiene il giudicante di dover
evidenziare quali siano state le modalità espositive utilizzate nella redazione del medesimo.
Si è preferito adottare, per la maggior parte della trattazione, l'ordine seguito dall'ufficio del PM non
solo perché l’esposizione contenuta nella richiesta di applicazione di misure cautelari appare
contraddistinta dal carattere della esaustività e da quello della puntualità, - avendo ripercorso in
maniera completa e con dovizia di particolari le risultanze acquisite nel corso delle indagini, - ma
soprattutto perché la scelta metodologica consente una compiuta rappresentazione della complessiva
vicenda analizzata nel corso di questo procedimento.
In effetti, soltanto una lettura d'insieme e non parcellizzata dei dati probatori acquisiti e dei singoli
episodi consente di apprezzare il fenomeno criminoso oggetto di giudizio nella sua reale espansione e
gravità.
Le indagini, infatti, hanno permesso di cogliere e di fotografare un flusso costante di relazioni tra
imprenditori, pubblici ufficiali (o incaricati di pubblico servizio) e soggetti politici attraverso il quale i
principali indagati procedono sistematicamente a porre in essere condotte illecite al fine di arricchire la
propria potenza economica ed imprenditoriale e di incrementare l'influenza su diversi soggetti pubblici
ed enti territoriali, acquisendo - di fatto - il controllo di molti gangli nevralgici attraverso i quali passa
il denaro pubblico in alcune province della regione Lombardia ed anche al di fuori di questa.
Pertanto, si procederà riportando per buona parte la ricostruzione compiuta dall'Ufficio del PM
evidenziando soltanto i punti in cui la stessa non sembra trovare riscontro dall’esame degli atti; quindi
il giudicante inserirà le proprie osservazioni e valutazioni critiche sia in merito alla ricostruzione
fattuale (dal punto di vista oggettivo e da quello delle singole responsabilità soggettive) sia in merito
alla qualificazione giuridica dei fatti stessi.
Come si può apprezzare dalla consultazione del corposo fascicolo del P.M., l’indagine si è snodata
attraverso tre fasi, di cui due seguite dalla Compagnia CC di Monza ed una terza dal Gruppo GdF di
Busto Arsizio con la predisposizione di due diverse informative riepilogative (n.76761 /19 del
5.02.2019 della Compagnia Gdf. di Busto Arsizio e Nr. 878/1-219 di prot. 2019 Compagnia CC di
Monza)
In particolare, nel corso delle indagini si è verificato un collegamento investigativo con la Procura di
Busto Arsizio, che procedeva nell’ambito del p.p. 7135/2017 per ipotesi di corruzione e finanziamento
illecito ai partiti nei confronti di diversi soggetti, tra cui alcuni degli odierni indagati per cui è stata
avanzata richiesta di misura cautelare personale, vale a dire CAIANIELLO Gioacchino, D’ALFONSO
Daniele, TOLBAR Mauro, SOZZANI Diego e GORRASI Carmine.
La Procura di Busto Arsizio, con nota in data 27.04.2018, trasmetteva l’intero procedimento sia per
competenza territoriale, rappresentando come le condotte corruttive risultassero consumate in Milano
(luogo di pagamento delle indebite dazioni nei confronti di CRESCENTI Alessandro Beniamino,
legale rappresentate della società E.S.T.R.O. INGEGNERIA s.r.l. avente, appunto, sede a Milano) sia
in ragione funzionale, in considerazione della pendenza presso la Procura della Repubblica di Milano
di un procedimento connesso nel quale erano contestati reati di competenza della Direzione
Distrettuale Antimafia in quanto rientranti nel novero di quelli elencati dall’art. 51 comma 3 bis c.p.p.
Le risultanze già acquisite nell’indagine condotta dalla Procura di Busto Arsizio, successivamente
sviluppate e completate a Milano, costituiscono la terza parte della richiesta del P.M..
Prima di affrontare il merito della richiesta cautelare, occorre quindi verificare la correttezza della
scelta compiuta dalla Procura di Busto Arsizio, ed accettata dalla Procura milanese, valutando
l’effettiva sussistenza dell’ipotizzata connessione con i reati per cui stava procedendo la Direzione
Distrettuale Antimafia di Milano.
COMPETENZA
Se, infatti, non si pongono rilevanti problemi per quanto concerne le fattispecie di cui alla parte prima
e buona parte delle fattispecie di cui alla parte seconda della richiesta del P.M., essendo stato indicato
nelle provvisorie incolpazioni come luogo di consumazione del reato, nella maggior parte dei casi, la
stessa città di Milano o, comunque, comuni ricadenti del circondario meneghino, il problema della
24
sussistenza o meno della connessione e dell’individuazione della esatta tipologia della stessa diviene
rilevante per alcune incolpazioni di cui alla parte seconda (capi II.7; II.8; II.9) e per molte delle
incolpazioni elencate nella parte terza della richiesta il cui luogo di consumazione risulta indicato dal
P.M. anche in località ricadenti fuori dal circondario milanese, ma comprese nel distretto meneghino.
Ritiene pertanto il giudicante che, sia da un punto di vista logico, sia da un punto di vista strettamente
procedurale, occorra preliminarmente affrontare il problema della competenza.
Il P.M. alle pagg. 627 e ss. della sua richiesta ha evidenziato che la competenza di questo giudice
risulterebbe alternativamente determinata in base a due diversi criteri.
Competenza funzionale ex art. 51, comma 3- bis, c.p.p. e reati connessi
Premesso che la Suprema Corte di Cassazione, in punto di competenza funzionale ex art. 51, comma
3- bis, c.p.p., ha statuito i seguenti principi di diritto:
a) La competenza per territorio, nell'ipotesi di reati connessi, si determina avendo riguardo alla
contestazione formulata dal pubblico ministero, a meno che la stessa non contenga rilevanti errori,
macroscopici ed immediatamente percepibili (Fattispecie relativa al reato di ricettazione, in cui la
competenza è stata determinata con riferimento al luogo di ricezione della merce di provenienza
illecita indicato nel capo d'imputazione) [Corte di Cassazione, sez. I, 23/03/2018, n.31335];
b) con ancora maggiore aderenza al caso di specie, (Cassazione penale sez. III, 18/10/2016, n.13222)
ha chiarito il principio a mente del quale la competenza funzionale del GIP del capoluogo del distretto
va individuata solo in base alla notizia di reato, sostenendo in particolare che “Nei procedimenti per i
delitti indicati nell'art. 51, comma 3-bis, c.p.p., la competenza funzionale del giudice per le indagini
preliminari del capoluogo del distretto va individuata esclusivamente sulla base della notizia di reato
iscritta nell'apposito registro previsto dall'art. 335 c.p.p., non potendo attribuirsi rilievo – in difetto di
iscrizione di uno di tali delitti – ad eventuali prospettazioni accusatorie circa il contesto di criminalità
organizzata in cui sarebbero state commesse le condotte contestate (Fattispecie in cui la Suprema
Corte ha confermato l'ordinanza del tribunale del riesame di rigetto dell'eccezione di incompetenza
territoriale del giudice per le indagini preliminari circondariale in favore di quello distrettuale, in un
procedimento rubricato per reati comuni, con riferimento al quale il p.m., in una memoria depositata
dinanzi al tribunale, aveva prospettato che la commissione dei fatti era maturata in un contesto di
criminalità organizzata).
In senso conforme, peraltro, si è espresso un consolidato orientamento giurisprudenziale ( v. Sez. fer.,
18 agosto 2015, n. 35672, in C.E.D. Cass., n. 264512 e Sez. I, 10 maggio 2013, n. 27181, ivi, n.
256370 ) che ha costantemente ribadito il principio di diritto secondo cui nei procedimenti per i
delitti indicati nell'art. 51, comma 3-bis, c.p.p., la competenza funzionale del giudice per le indagini
preliminari distrettuale deve individuarsi sulla base della notizia di reato iscritta nel registro di cui
all'art. 335 c.p.p.;
c) In materia di procedimenti per i delitti indicati dall'art. 51, comma 3-bis., c.p.p., sussiste la
competenza del giudice per le indagini preliminari distrettuale quando la circostanza aggravante di cui
all'art. 7 d.l. n. 152 del 1991 risulti inclusa nella notizia di reato iscritta nel registro di cui all'art. 335
c.p.p., anche se in ordine alla sussistenza delle stesse non venga ritenuto esistente un quadro di gravità
indiziario (Cassazione penale sez. I, 10/05/2013, n.27181). La sentenza da ultimo richiamata, in
conformità ad un consolidato orientamento interpretativo, chiarisce come la competenza del giudice
per le indagini preliminari distrettuale sia da individuarsi avendo a esclusivo riferimento al
procedimento principale e, quindi, al tipo di notizia di reato iscritta nel registro di cui all'art. 335 c.p.p..
La competenza del giudice per le indagini preliminari distrettuale, pertanto, potrà, dirsi venuta meno
solamente nel caso in cui sia mutata la qualificazione del fatto nell'ambito del procedimento principale
e non, invece, nell'ipotesi in cui si giunga ad una riqualificazione dello stesso in sede di incidente
cautelare sulla base di una valutazione di insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza rispetto
all'aggravante del “metodo mafioso” di cui all'art. 7 del d.l. n. 152 del 1991 (In senso conforme, v.
Sez. II, 3 aprile 2012, n. 22232, inC.E.D. Cass., n. 252834; Sez. I, 22 marzo 2007, n. 15927,ivi, n.
236369; Sez. II, 30 settembre 2002, n. 39373,ivi, n. 222763; Sez. II, 8 novembre 2007, n. 45215, in
Arch. n. proc. pen., 2008, p. 323, nella quale si sottolinea come la competenza sia strettamente
correlata al tipo di notizia di reato rispetto alla quale le indagini preliminari sono suscettibili di
ulteriori sviluppi ed approfondimenti);
25
d) In tema di competenza per territorio determinata da connessione, il procedimento relativo ad un
reato ricompreso nell'elencazione nell'art. 51, comma terzo bis e comma terzo quinquies, cod. proc.
pen., esercita una "vis attractiva" rispetto ai procedimenti relativi ad altri reati ad esso connessi, anche
quando tali reati siano più gravi del primo, in deroga alla previsione contenuta nell'art. 16, comma
primo, cod. proc. pen. (Sez. 1, Sentenza n. 32765 del 03/05/2016 Cc. (dep. 27/07/2016 ) Rv. 267503 –
01).
Nel medesimo solco interpretativo, la giurisprudenza di legittimità ha stabilito che l'attribuzione delle
funzioni inquirenti per taluni reati all'ufficio del P.M. presso il tribunale del capoluogo del distretto
(tra cui, il delitto di associazione per delinquere di tipo mafioso), nel cui ambito ha sede il giudice
competente, comporta una deroga assoluta ed esclusiva alle regole sulla competenza per territorio,
anche fuori dagli ambiti distrettuali, perché stabilisce la "vis attractiva" del reato ricompreso nelle
attribuzioni di quell'ufficio inquirente nei confronti dei reati connessi anche se di maggiore gravità,
con la conseguenza che, ai fini della determinazione della competenza, occorre avere riguardo
unicamente al luogo di consumazione del reato associativo e, data la sua natura di reato permanente, al
luogo in cui ha avuto inizio la consumazione, potendosi in via residuale fare riferimento, ove detto
criterio risulti inapplicabile, ai criteri sussidiari di cui all'art. 9 cod. proc. pen.( Sez. 2, Sentenza n. 6783
del 13/11/2008 Cc. (dep. 17/02/2009 ) Rv. 243300 – 01).
Tale competenza funzionale del G.i.p. e del G.u.p. del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il
giudice competente relativa ai procedimenti per i delitti indicati nell'art. 51, comma terzo-bis, cod.
proc. pen., peraltro, non viene meno nel caso in cui, per qualsiasi ragione, cada l'originaria
imputazione in ordine al reato che detta competenza funzionale radicava, ed il procedimento prosegua
unicamente in ordine ai reati connessi (Sez. 2, Sentenza n. 22232 del 03/04/2012 Ud. (dep. 08/06/2012
) Rv. 252834 – 01).
Ed invero, anche la terza parte in cui si articola l’indagine concerne una sotto articolazione
dell’associazione per delinquere milanese, anch’essa finalizzata alla commissione di reati contro la
P.A., prevalentemente commessi nei comuni del varesotto, e che trova in Gioacchino CAIANIELLO il
suo indiscusso capo, e nei pubblici ufficiali da lui sostanzialmente indicati (rectius imposti) al vertice
di cariche amministrative o di società c.d. pubbliche, i suoi sodali. Tra l’associazione milanese e la sua
sotto-articolazione gallaratese vi sono evidenti profili di stretta interdipendenza e connessione. Come
si vedrà analizzando funditus il relativo capitolo, esistono tra le due articolazioni dei soggetti che
ricoprono un preciso ruolo di cerniera tra gli affari illeciti perpetrati a Milano e quelli realizzati presso
i comuni del Varesotto. Ruolo assolutamente protagonistico in tal senso è certamente svolto da
CAIANIELLO Gioacchino, ma non solo. Analoga funzione di messa in comunicazione delle due
realtà criminali è svolta anche da TOLBAR e da PETRONE, frequentemente presenti alle periodiche
riunioni tenutesi presso il ristorante milanese “da Berti” (così come comprovato dai servizi di
osservazione e pedinamento in atti). Il predetto ponte tra le due articolazioni territoriali si riverbera
puntualmente in intrecci frequenti tra gli appartenenti all’una e all’altra consorteria, con
avvicendamenti operativi che si registrano nella commissione dei singoli delitti-fine.
Alla luce delle precedenti coordinate ermeneutiche e fattuali, sussiste pacificamente la competenza
dell’autorità giudiziaria di Milano, essendo ravvisabile una connessione ai sensi dell’art. 12 c.p.p. tra i
reati di cui all’art. 51, comma 3-bis, c.p.p. e gli altri reati, compreso quello di associazione per
delinquere di cui al capo III.1, trattandosi di una sotto-articolazione dell’associazione per delinquere
che si radica a Milano, con evidenti elementi di connessione con essa.
Su quest’ultimo punto, il giudicante evidenzia la correttezza delle conclusioni a cui è pervenuto il P.M.
In effetti, tra i reati commessi in provincia di Varese e quelli commessi in provincia di Milano e,
segnatamente l’associazione per delinquere indicata al capo II.1, reato in relazione al quale è stata
contestata l’aggravante di cui all’art. 416 bis 1 c.p., che fa scattare la competenza funzionale della
DDA (e di riflesso di questo G.I.P.), sussiste non soltanto una generica connessione soggettiva
derivante dal fatto che alcuni dei partecipi al sodalizio milanese fanno parte o dirigono il sodalizio
avente base nel comune di Gallarate, ma anche una precisa e tipica connessione ex art. 12 lett. b)
c.p.p. sufficiente a rendere operativa la vis attractiva della competenza funzionale distrettuale.
Come si vedrà meglio affrontando il merito della richiesta cautelare, i reati commessi in provincia di
Varese rientrano nel disegno criminoso perseguito dagli associati milanesi i quali proprio in forza dei
sicuri appoggi che possono contare in quella provincia grazie alla totale disponibilità non solo del
26
vertice della sotto-articolazione gallaratese (CAIANIELLO), ma anche di importanti uomini-chiave
degli enti pubblici di maggior rilievo esistenti in provincia di Varese (PETRONE Alessandro e
BILARDO Alberto, oltre che BORDONARO Laura), possono assicurare, o addirittura garantire, agli
interlocutori pubblici o privati, con cui si interfacciano nella gestione della loro attività, la sicura
riuscita delle loro iniziative imprenditoriali in quell’area.
E’ evidente come da tale sicurezza l’associazione milanese tragga un notevole potenziamento
d’immagine e di affermazione sulla fetta di mercato in cui si trova principalmente ad operare e come
pertanto anche i reati che vengono compiuti dagli appartenenti al sodalizio varesino finiscano per
rientrare nel programma criminoso dei soggetti aventi come loro base operativa il capoluogo di
regione lombardo, disegno criminoso che si può sintetizzare nell’ampliamento del giro d’affari
dell’impresa gestita da D’ALFONSO e nell’espansione della rete di conoscenze e di canali attraverso i
quali, illecitamente, perseguire il risultato avuto di mira.
In alternativa rispetto al criterio appena illustrato l’Ufficio del P.M. evidenzia come, in ogni caso, la
competenza a decidere sulla complessiva richiesta cautelare spetterebbe a questo giudice in base al
criterio individuato dall’art. 16 c.p.p.
Connessione tra reati fine e reato associativo (primo reato più grave: corruzione Via Torino consumata
a Milano)
Peraltro, e con specifico riferimento alla terza parte in cui si articola l’indagine, sussiste un ulteriore
criterio che, in aggiunta a quello derivante dalla vis attractiva della competenza funzionale ex art. 51,
comma 3-bis, c.p.p., radica chiaramente la competenza dell’autorità giudiziaria di Milano. Esso si
ricava dalle regole processuali in punto di competenza per connessione (art. 16 c.p.p.). Come, invero,
chiarito dalla giurisprudenza di legittimità, per la determinazione della competenza per territorio, nel
caso in cui risulti la connessione tra delitto associativo e reati-fine, va applicato il criterio di cui all'art.
16 cod. proc. pen., in base al quale la competenza per territorio appartiene al giudice competente per il
reato più grave ovvero, in caso di pari gravità, al giudice competente per il primo reato. (In
motivazione la S.C. ha affermato che detta connessione è configurabile solo nell'ipotesi in cui risulti
che, fin dalla costituzione del sodalizio criminoso o dall'adesione ad esso, i singoli partecipi,
nell'ambito del generico programma criminoso, avevano già individuato uno o più specifici fatti di
reato, dagli stessi poi effettivamente commessi). (Rigetta, Trib. lib. Milano, 02/07/2015) Cass. pen.
Sez. II, 04-11-2015, n. 45337 (rv. 265031).
I delitti in contestazione nella terza parte della presente richiesta cautelare rientrano, almeno nelle loro
linee essenziali, nel programma criminoso della contestata associazione per delinquere, sussistendo sul
piano oggettivo e teleologico, una stretta connessione tra il reato associativo ed i reati fine commessi
nel quadro di un’organizzazione che nasce ab origine come ontologicamente finalizzata alla
realizzazione di plurimi delitti contro la pubblica amministrazione (connessione teleologica che, come
stabilito dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione 26/10/2017, n.53390 non necessita dell’identità
soggettiva tra gli autori dei reati connessi “Ai fini della configurabilità della connessione teleologica
prevista dall'art. 12, lett. c), c.p.p. e della sua idoneità a determinare uno spostamento della
competenza per territorio, non è richiesto che vi sia identità fra gli autori del reato fine e quelli del
reato mezzo, a condizione che risulti un effettivo legame finalistico fra i reati commessi da soggetti
diversi”).
A riprova dell’assunto appena formulato depongono le primissime risultanze delle intercettazioni, le
quali documentano incontri tra i sodali da subito finalizzati ad elaborare le specifiche strategie
corruttive dei delitti fine nel corso del tempo perpetrati.
Del resto, l’ipotizzata connessione teleologica tra delitto associativo e reati di corruzione è già stata
riconosciuta dalla Suprema Corte di Cassazione nella decisione n. 1112 del 04/12/1996
Ud. (dep. 06/02/1997) Rv. 206788 – 01, avente ad oggetto proprio il tema di applicabilità
dell'aggravante del "nesso teleologico" al delitto di corruzione propria.
Nella decisione in esame, i giudici di legittimità hanno chiarito che l'aggravante "de qua", pur non
essendo configurabile rispetto ad illeciti penali - quali l'omissione di atti di ufficio, l'abuso di ufficio,
l'omissione di rapporto, la rivelazione di segreti di ufficio, ecc. - che alla corruzione sono legati da
immediato rapporto esecutivo, ben può applicarsi a quelle altre trasgressioni di natura penale (tra le
quali si cita testualmente l' associazione per delinquere, ecc.) che, pur indirettamente ed in via mediata
27
derivanti dallo stesso fatto corruttivo, si pongano oltre le forme tipiche direttamente esplicative della
violazione degli stessi doveri, attingendo l'offesa di ulteriori e diversi interessi protetti.
In tale ottica ricostruttiva, anche i delitti di cui alla terza parte della richiesta cautelare appartengono
alla competenza territoriale dell’Autorità giudiziaria di Milano ai sensi dell’art. 16, c.p.p., tenuto conto
del fatto che il primo tra i reati più gravi contestati è quello relativo alla fattispecie di corruzione
relativa al complesso immobiliare di via Cadore/Torino, la quale, per le ragioni di seguito esposte, si
consuma a Milano (capi III.2, III.3,III.4) (pagamento della dazione corruttiva in Milano ove ha sede la
società facente capo a Crescenti Alessandro Beniamino e dove è acceso il conto corrente su cui viene
effettuato il bonifico della tangente).
Il primo reato più grave. Corruzione relativa a VIA CADORE- TORINO del Comune di Gallarate
Com’è noto, il delitto di corruzione è reato a duplice schema perché si perfeziona alternativamente con
l'accettazione della promessa o con il ricevimento effettivo dell'utilità, ma, se tali atti si susseguono, il
momento consumativo si cristallizza nell'ultimo, che assorbe, facendogli perdere di autonomia, l'atto
di accettazione della promessa, perché con l'effettiva prestazione si concretizza l'attività corruttiva e si
approfondisce l'offesa tipica del reato (Conforme sez. VI, n. 33519/06, non massimata sul punto). Sez.
6, Sentenza n. 33435 del 04/05/2006 Ud. (dep. 05/10/2006 ) Rv. 234360).
La giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione ha, inoltre, chiarito che nel caso in cui la
dazione-ricezione avvenga in più rate, il momento consumativo andrà a coincidere con quello in cui si
verifica il versamento dell’ultima rata. In tale ipotesi, infatti, le singole dazioni lungi dal poter essere
considerate un fatto esterno ed estraneo rispetto alla struttura della fattispecie corruttiva, attualizzano,
di volta in volta l’offesa all’interesse tutelato:
“Il delitto di corruzione si configura come reato a duplice schema, principale e sussidiario. Secondo
quello principale, il reato viene commesso con due essenziali attività, strettamente legate tra loro e
l'una funzionale all'altra: l'accettazione della promessa e il ricevimento dell'utilità, con il quale finisce
per coincidere il momento consumativo, versandosi in un'ipotesi assimilabile a quella del reato
progressivo. Secondo lo schema sussidiario, che si realizza quando la promessa non viene mantenuta,
il reato si perfeziona con la sola accettazione della promessa che identifica il momento di
consumazione del reato. (Fattispecie relativa a corruzione in atti giudiziari, nella quale, essendo stati
corrisposti compensi in tempi diversi, il momento di consumazione del reato è stato individuato nella
corresponsione dell'ultimo di essi)” (Conf. sez. VI, 9 luglio 2007 n. 35119, Figini, e n. 35220,
Linguiti, non massimate).
Alla luce delle pacifiche coordinate ermeneutiche in precedenza tracciate, e passando ad analizzare il
caso di specie, occorre evidenziare la circostanza per cui, a Milano viene registrata non soltanto la
prima dazione corruttiva costituita dall’accredito della provvista di denaro sul conto corrente della
E.S.T.R.O INGEGNERIA srl (acceso presso la Banca Popolare di Sondrio, agenzia n. 1 di Milano),
ma anche l’ultima retrocessione della dazione corruttiva, la quale viene effettuata da parte di
CRESCENTI a TOLBAR nel comune di Milano, e segnatamente presso lo studio di ingegneria di
Crescenti E.S.T.R.O. INGEGNERIA S.r.l ubicato in Milano alla via Astolfo n. 4.
Dalle complessive risultanze probatorie emerge, inoltre, ed incontrovertibilmente, che l’intermediario
Tolbar riceve le dazioni illecite, non soltanto nel proprio interesse, ma anche, e soprattutto, al fine di
remunerare CAIANIELLO, BILARDO e l’assessore PETRONE, in vista di un sinallagma corruttivo
avente ad oggetto lo scambio tra la corresponsione di 50.000 euro (mascherata dal pagamento a
Crescenti di una fattura per una consulenza fittizia e quindi di una fattura per un’operazione
inesistente) e la prestazione contra ius di far ottenere ai corruttori il cambio di destinazione d’uso dei
terreni di Via Cadore –via Torino nel Comune di Gallarate, già promessi in vendita dal corruttore
Tonetti alla società Tigros.
In punto di consumazione del reato di corruzione, con particolare riferimento al caso in cui pagamenti
illeciti vengono effettuati nei confronti dell’intermediario, la Suprema Corte di Cassazione ha anche
chiarito l’ulteriore principio di diritto per cui “In tema di delitto di corruzione, l'accertamento
dell'avvenuto pagamento degli eventuali intermediari non consente "ex se" l'individuazione del
momento consumativo del reato, in mancanza di altri elementi che possano ragionevolmente indurre a
ritenere che il denaro sia stato "cumulativamente" corrisposto sia per gli intermediari che per il
corrotto o, in ogni caso, perché i primi compensassero quest'ultimo.”
28
Nella parte motiva di quest’ultima decisione, la Suprema Corte ha affermato che il reato di corruzione
è una fattispecie a "concorso necessario" che, come tale, non richiede una esplicita pattuizione, ma
l'accordo tra i due o più soggetti può essere desunto dai fatti accertati. Inoltre, il patto corruttivo può
essere stretto anche attraverso l'attività di "terzi intermediari" che, concorrendo nel reato, realizzano il
collegamento e portano così a compimento il perfezionamento del pactum sceleris, purché risulti dai
fatti e nei patti che anche il pubblico ufficiale sia consenziente al patto corruttivo (Sez. 6^, 25 gennaio
1982, dep. 12 giugno 1982, n. 5913, Albertini; Sez. 6^, 26 gennaio 1982, Alvau ed altro). (Sez. 6,
Sentenza n. 33519 del 04/05/2006 Ud. (dep. 05/10/2006 ) Rv. 234398).
Orbene, ritiene su quest’ultimo punto, il giudicante che, come si vedrà meglio analizzando nel
dettaglio il relativo capitolo, nel momento in cui l’intermediario Tolbar riceve la retrocessione della
somma fittiziamente pagata a Crescenti e volta ad occultare il pagamento della tangente da parte di
Tonetti, l’intermediario agisca sia nell’interesse proprio sia nell’interesse dei corrotti vale a dire
Caianiello (quale amministratore pubblico di fatto), Bilardo (pubblico ufficiale in quanto componente
del CDA di ACCAM s.p.a., ma in questo caso agente come intermediario fra il corruttore ed i corrotti)
e Petrone (pubblico ufficiale in quanto assessore all’urbanistica pienamente consapevole dell’accordo
corruttivo sottostante)
Ritiene il giudicante che la ricostruzione del panorama giurisprudenziale operata dal P.M. sia non
soltanto estremamente puntuale ed esaustiva, ma anche perfettamente condivisibile, rispecchiando,
d’altra parte, quello che può definirsi l’orientamento maggiormente consolidato nella giurisprudenza
di merito e di legittimità.
Se dunque alla luce di entrambi i criteri di determinazione della competenza territoriale ben illustrati
dal P.M. l’evasione dell’intera richiesta cautelare spetterebbe comunque al Giudice per le Indagini
Preliminari del Tribunale di Milano, e se è vero che operare, in questa sede, una scelta tra l’uno o
l’altro criterio risulta ininfluente, è però altrettanto vero che l’opzione tra il primo e il secondo criterio
regolatore della competenza diviene rilevante per determinare, con esattezza, quale regime processuale
risulti applicabile alla complessiva indagine, con particolare riguardo alla disciplina della durata e
delle proroghe dei termini delle indagini preliminari (artt. 406 e 407 c.p.p.), alla disciplina delle
intercettazioni (artt. 266 e ss c.p.p.), con tutte le conseguenze che ne derivano in tema di utilizzabilità
degli acquisizioni investigative in atti.
Ritiene il giudicante che nel presente procedimento risulti prevalente la regola di spostamento di
competenza per connessione c.d. funzionale secondo la quale l’iscrizione nel registro delle notizie di
reato di una delle fattispecie ricomprese nell’elenco dell’art. 51 comma 3 bis c.p.p. determina una vis
attractiva che, in presenza di un’accertata connessione - anche non autonomamente sufficiente a
determinare di per sé sola lo spostamento della competenza territoriale, come la connessione ex art. 12
lett. b) c.p.p. (che, come si è visto, sussiste nella specie, rientrando i reati commessi in provincia di
Varese nel disegno criminoso perseguito dall’associazione milanese) - legittima l’applicazione della
complessa disciplina processuale specificamente dettata, in origine, per i delitti di criminalità di
stampo eversivo e di stampo mafioso e poi venutasi via via ampliando a tutta una serie ulteriore di
fattispecie criminose per le quali il legislatore ha ritenuto necessaria una deroga alle regole ordinarie in
diversi settori cruciali per lo svolgimento delle indagini quali, come si accennava, la disciplina della
durata massima delle indagini stesse e delle relative proroghe ed il regime delle intercettazioni.
Come si vedrà nel prosieguo della motivazione, anche da un punto di vista fattuale, quanto meno per
quel che concerne la valutazione della sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza a cui è limitato il
presente giudizio, dalla complessiva lettura degli atti di indagine emerge effettivamente come, almeno
rispetto ad uno dei principali indagati, Daniele D’Alfonso, emergano pesanti collegamenti con
personaggi storici della n’drangheta operante in Lombardia e coinvolti in indagini che costituiscono
ormai i caposaldi della ricostruzione del fenomeno mafioso in questa Regione.
Emergerà, in particolare, che D’Alfonso Daniele (oltre che Napoli Renato), mantiene costanti rapporti
con esponenti di famiglie di spicco della n’drangheta operante in Lombardia e agisce, nel porre in
essere le condotte criminose che gli sono ascritte, anche al fine di agevolare l’attività delle
associazioni previste dall’art. 416 bis c.p. elargendo loro somme di denaro, subappaltando in via di
fatto alle imprese dagli stesse gestite parte delle commesse prese in carico dalla propria società,
29
assumendo personale indicato dagli esponenti delle famiglie stesse, anche in violazione della
normativa antimafia.
Pertanto può anticiparsi sin d’ora che, secondo la valutazione di questo giudice, la contestazione
dell’aggravante di cui all’art. 416 bis 1 c.p. al D’Alfonso Daniele possa dirsi dimostrata a livello di
gravità indiziaria.
PRIMA PARTE
Premessa. La figura di Napoli Renato.
Come si è accennato, in seguito alla trasmissione per competenza effettuata dalla Procura di Busto
Arsizio ed alla riunione con il procedimento già pendente presso la Procura di Milano, le indagini si
sono sviluppate mediante intercettazioni telefoniche, ambientali, captatori informatici, servizi di OCP
realizzati con video riprese, acquisizioni documentali, acquisizioni e disamina tabulati telefonici,
acquisizione ed esame documentazione bancaria.
L’indagine è stata completata dall’acquisizione, presso l’ANAC, della documentazione risultante nelle
banche dati in uso a tale Autorità ed inerenti i diversi appalti pubblici oggetto di approfondimento
(vds. annotazione GDF Busto Arsizio, con CD allegato contenente gli atti estrapolati dalla P.G. in
servizio presso ANAC, in faldone 10, fg. 179, e nota di trasmissione e riepilogativa in fd. 9, fg. 87 ss.).
Parte rilevante degli episodi delittuosi, trattati nella presente indagine, sono emersi nel corso di
intercettazioni, soprattutto ambientali, ritualmente autorizzate e/o convalidate dal g.i.p., ma essi hanno
successivamente ottenuto granitico riscontro nella parallela indagine dichiarativa e/o documentale.
L’identificazione degli odierni indagati coinvolti nei dialoghi indizianti, anche in ragione della
notorietà degli stessi, è convincente e deriva dagli accertamenti svolti dalla p.g. operante e
compendiati nelle schede personali di identificazione, anch’esse confluite nella indicata informativa
finale, che offrono rassicuranti certezze circa l’identificazione dei locutori. Agli allegati delle già
menzionate informative si fa, peraltro, integrale richiamo per quanto concerne la rassegna letterale
delle trascrizioni delle conversazioni, mentre nel presente provvedimento si provvederà ad offrire
un’esposizione ragionata di tutte le conversazioni che, per la loro decisiva rilevanza probatoria,
meritano di essere riprodotte, offrendo le stesse un vivido spaccato delle attività criminose perpetrate
dagli indagati indicati in epigrafe.
Come si è accennato a proposito della competenza del giudicante ad esaminare la complessiva
richiesta di applicazione di misure cautelari e nell’effettuare l’opzione tra i due criteri alternativi
proposti dal P.M. in favore della competenza funzionale derivante dall’iscrizione, fra gli altri, anche di
un reato rientrante nell’elenco di cui all’art. 51 comma 3 bis c.p.p. (e segnatamente dell’aggravante di
cui all’art. 416 bis 1 c.p. contestata al capo II.1 a D’Alfonso Daniele), in realtà, sin dalle battute
d’inizio dell’indagine si apprezza come la stessa si muova in un territorio pesantemente pervaso dalla
criminalità organizzata di stampo mafioso, in quanto, nella regione lombarda, la materia degli appalti
pubblici, soprattutto nei settori dell’edilizia, della movimentazione terra, del trattamento dei rifiuti e
della gestione dell’ambiente in generale, costituiscono uno dei settori d’elezione in cui le diverse
imprese gestite dalle varie famiglie di n’drangheta hanno in passato avuto modo di affondare le
proprie radici e di trarre dalle risorse connesse a tali lavori pubblici linfa vitale per il loro persistere e
prosperare su vaste aree del territorio.
Queste acquisizioni possono dirsi assodate alla luce di accertamenti processuali ormai suggellati dal
passaggio in giudicato delle sentenze di condanna nell’ambito di indagini che costituiscono i caposaldi
della ricostruzione del fenomeno mafioso nell’Italia settentrionale.
La prima fase dell’ampia indagine si incentra sulla figura di NAPOLI Renato, che è a capo di due
distinte società che si occupano di lavori edilizi, movimento terra, trasporto di inerti, realizzazione di
gasdotti, acquedotti fognature ed attività collegate nell’ambito di procedure ad evidenza pubblica.
L’Ufficio del P.M. così ricostruisce l’avvio dell’indagine.
30
NAPOLI Renato è presidente del consiglio di amministrazione della SIMEDIL s.r.l. con sede in
Novate Milanese via Puecher nr 20, società partecipata al 50% dalla SIMET S.p.A. e per l’altro 50%
dalla EDILNAPOLI s.r.l., società di cui lo stesso ricopre la carica di amministratore unico.
Entrambe le società, SIMEDIL ed EDILNAPOLI sono specializzate nella gestione di commesse
pubbliche e private relative al trasporto di inerti alla realizzazione di gasdotti, acquedotti e fognature
nonché di pavimentazioni speciali e arredo urbano.
La figura di NAPOLI1 era già emersa nell’ambito dell’indagine “INFINITO” per i suoi contatti con
alcuni affiliati alla locale di Cormano, quasi tutti originari di Grotteria (RC), paese di origine della
famiglia dell’indagato.
Significativa, in tale procedimento, è la telefonata intercettata sull’utenza in uso a PANETTA Pietro
Francesco (condannato con sentenza passata in giudicato a 10 anni di reclusione poiché ritenuto a capo
della “locale” di Cormano), con MARANDO Pasquale, nel corso della quale i due facevano
riferimento al comportamento non lineare di LAURO Domenico (affiliato alla locale di Cormano,
anch’egli condannato a 8 anni di reclusione per associazione mafiosa) che si era recato da NAPOLI
Renato a chiedere del denaro: " VI DICO CHE È ANDATO A BUSSARE DA RENATO NAPOLI....!"È
ANDATO A CERCARE SOLDI A RENATO ANCORA ...!”
MARANDO Pasquale (nato a Grotteria (RC) il 18/04/1953), funzionario delle dogane, è stato
sottoposto in data 19.02.2014 alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di p.s. con
obbligo di soggiorno nel comune di Milano (MI) per la durata di anni tre per i suoi rapporti con
esponenti della ‘ndrangheta lombarda in particolare in quanto “….indagato nell’ambito del p.p.
43733/2006 per il reato di cui all’ art. 416 bis c.p. quale affiliato al locale di Cormano
(provvedimento di iscrizione del 24.11.2009), in stretti rapporti sia con il capo locale, PANETTA
Pietro Francesco, sia con altri affiliati, Magnoli Cosimo Raffaele, Lauro Domenico, Tagliavia
Giuffrida; per aver messo a disposizione del sodalizio le sue competenze professionali e politiche, sia
quale funzionario dell’Agenzia delle Dogane, sia per convogliare e raccogliere voti nelle competizioni
elettorali; ha partecipato al summit dell’associazione mafiosa tenutasi il 23.5.2009 presso "La
Masseria", di proprietà della famiglia VALLE (i cui componenti sono stati recentemente condannati
per il reato ex art. 416 bis C.p. dal Tribunale di Milano) "momento culminate di un preciso e
strategico accordo criminoso, ideato dalla cosche calabresi per ingerirsi nelle amministrazioni locali
della Lombardia", summit che aveva la finalità di promuovere la candidatura di Valle Leonardo al
consiglio comunale di Cologno Monzese; già nel 2004 MARANDO era in contatto con CHIRIACO
Carlo Antonio, direttore sanitario della ASL di Pavia….”
La frequentazione tra MARANDO Pasquale e NAPOLI Renato è proseguita nel tempo, come
dimostrano le telefonate ed i servizi di osservazione effettuati nel procedimento penale n. 8139/13
R.G.N.R. mod. 21 “Crociata”, nell’ambito del quale veniva captata una conversazione ambientale,
effettuata in data 28.04.2015 a bordo della MERCEDES ML CDI targato EA531ZE (RIT 2791/14 –
prog. 3029), nel corso della quale MARANDO informava NAPOLI di avere necessità di spostare circa
50.000 euro dal proprio conto corrente su un altro intestato a persona fittizia, per sottrarli ad una
eventuale confisca: “ora non solo se arriva qualcosa del genere non pago l’avvocato, ma me li
pignorano pure e se li prendono loro, quindi io a questo punto mi devo tutelare questi soldi che non
sono nemmeno i miei” senti hai una Banca qui, da portare questi soldi in modo che così....però deve
essere una che non ha la sede a Milano eccetera eccetera” … “e li sposto lì!...così che cazzo mi
prendono, un cazzo (inc)” … “esatto sì” … “là esatto”
NAPOLI risponde “e li sposti lì!” … “ti apri un conto tu” … “là!” … “e te li sposti lì” …
Già nelle indagini del procedimento penale “Crociata” era emerso come NAPOLI Renato fornisse
lavoro a ditte di “movimento terra” riconducibili a soggetti appartenenti alla ‘ndrangheta o a loro
familiari, tra cui quella di MOLLUSO Giuseppe, figlio di MOLLUSO Giosafatto, come si vedrà
legato anche all’imprenditore D’ALFONSO Daniele, di cui tratterà la seconda parte dell’ordinanza.
Ed infatti in occasione di una telefonata captata in data 24.11.2014 – prog. 3874, NAPOLI consigliava
a tale Gianmaria, amministratore della società DREMAR srl, che chiedeva il nome di una ditta fidata
per un lavoro di movimento terra, la ditta di MOLLUSO: RENATO: gliel’ho dato il tuo numero di
telefono a una persona, che ha detto che ti chiama… una ditta si chiama Giuseppe...ehhh MOLLUSO,
e lui ha una dittarella mi sembra...non so se si chiama ME una roba del genere; NAPOLI proponeva
1
Vds. scheda personale in faldone 3, 1 ss. ed esito analisi tabulati utenze (nota 28.02.2017) fg. 242 ss.
31
altresì a MOLLUSO altri lavori inerenti la realizzazione in subappalto di lavori di fresatura ed
asfaltatura per la rete gas di Cesano Maderno (prog. 10989 del 12.01.2015 – RIT 2386/14).
Con riferimento ai soggetti di spessore criminale in contatto con NAPOLI Renato, si segnala come
dall'analisi del traffico telefonico delle utenze a lui riconducibili (3290503479, intestata alla società
Simedil s.r.l.; 0238200150, intestata alla società Simedil s.r.l.; 0239486288, intestata a NAPOLI
Renato e attestata presso l'abitazione di Bollate (MI) via Gramsci 14) emergano i seguenti rapporti di
evidente interesse investigativo:
MOLLUSO Giuseppe, figlio di MOLLUSO Giosofatto nato a Platì 19.01.1949, appartenente alla
locale di ndrangheta di Corsico e, come già rilevato, condannato con sentenza della Corte d'Appello di
Milano ad anni 9 e mesi 3 di reclusione, per associazione mafiosa, utilizzatore dell’utenza numero
3483176061, intestata alla Società Emmegi Lavori Stradali s.r.l. (società riconducibile alla famiglia
MOLLUSO); dal 30/07/2015 al 19/01/2017 sono presenti ben 71 contatti con l’utenza mobile di
NAPOLI Renato avente numero 3290503479 e 5 contatti telefonici dal 22/10/2015 al 04/07/2016
sull’utenza fissa 0238200150 sempre in uso a NAPOLI Renato;
MARANDO Pasquale, utilizzatore ed intestatario dell’utenza numero 3335356575; dal 19/02/2015 al
17/02/2017 sono presenti 36 contatti telefonici con l’utenza mobile di NAPOLI Renato avente
numero 3290503479; funzionario delle dogane, si è già riferito come per i suoi rapporti con esponenti
della ‘Ndrangheta lombarda è stato sottoposto in data 19.02.2014 alla misura di prevenzione della
sorveglianza speciale di p.s. con obbligo di soggiorno nel comune di Milano (MI) per la durata di anni
tre;
PASTELLI Giuseppe, utilizzatore ed intestatario dell’utenza nr. 3393189317; dal 17/02/2015 al
10/02/2017 sono presenti ben 232 contatti telefonici sull’utenza mobile di NAPOLI Renato avente
numero 3290503479 e numero 4 contatti telefonici dal 13/03/2015 al 03/08/2015 sull’utenza fissa
0238200150 sempre in uso a NAPOLI Renato. Durante l’indagine “CROCIATA”, era emerso come
PASTELLI Giuseppe fosse in contatto con un gruppo di calabresi affiliati alla 'ndrangheta, attivi nel
Comune di Busto Arsizio, ed in particolare con VENTURA Pasquale ed il figlio Anselmo, crotonesi
legati alle consorterie di Isola Capo Rizzuto. VENTURA Pasquale ha riportato una definitiva
condanna ad anni 24 e mesi 4 di reclusione, per numerosi reati tra cui associazione mafiosa, estorsione
in concorso, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e rapina; VENTURA
Anselmo, a sua volta, è stato condannato ad anni 14 di reclusione tra l’altro per estorsione in concorso
ed associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Sempre nell’ambito di tale indagine, in
data 18.05.2015 è stato monitorato un incontro organizzato da PASTELLI Giuseppe tra NAPOLI
Renato, PUGLIESE Franco, BIANCHI Francesco e RUSSO Marco nei pressi della sede dell’azienda
di NAPOLI Renato a Novate Milanese (MI): BIANCHI Francesco e PUGLIESE Franco sono soggetti,
a loro volta, pluripregiudicati e contigui alle famiglie di ‘ndrangheta di Isola Capo Rizzuto (KR), e sul
conto dei quali emerge che: BIANCHI Francesco è stato condannato con sentenza passata in giudicato
ad anni 19 e mesi 2 tra l’altro per omicidio e occultamento di cadavere in concorso; PUGLIESE
Franco è stato più volte tratto in arresto per vari reati tra i quali associazione a delinquere di stampo
mafioso (art 416 bis) intestazione fittizia di beni aggravato dal favoreggiamento di associazione
mafiosa, scambio elettorale aggravato dal metodo mafioso, usura e tentata estorsione2.
PORTOLESI Pietro Paolo, utilizzatore ed intestatario dell’utenza nr. 3895304905; dal 24/02/2015 al
01/02/2017 sono presenti ben 65 contatti sull’utenza mobile di NAPOLI Renato avente numero
3290503479 e 6 contatti dal 23/11/2015 al 26/01/2016 sull’utenza fissa 0238200150 sempre in uso a
NAPOLI Renato. PORTOLESI e NAPOLI sono entrambi destinatari dell’ordinanza di custodia
cautelare NR. 05742/13 R.G.N.R. E NR.13807/13 N.R. G.I.P., emessa in data 8 luglio 2013 dal
Tribunale di Torino. Il primo ha riportato le seguenti condanne3: 23/05/2012 Sentenza di applicazione
della pena su richiesta delle parti (art. 444, 445 cpp) del G.U.P. Tribunale di Torino irrevocabile il
05/07/2012 per associazione di tipo mafioso art. 416 bis comma 1 c.p. (commesso in Volpiano
quantomeno dal 2002); 11/12/2013 Sentenza di applicazione della pena su richiesta delle parti (art.
2
L’incontro era finalizzato a presentare NAPOLI Renato a nuovi soggetti disposti a subentrare o affiancare PASTELLI Giuseppe in un
collaudato meccanismo di emissioni di fatture per operazioni inesistenti, come emerge dalla conversazione a suo tempo registrata a
bordo della Mercedes targata DY111ZT (Progr 3005 delle ore 16.00 RIT 1688/14), tra PASTELLI Giuseppe, VENTURA Anselmo e
VENTURA Pasquale.
3
Atti relativi in faldone 2, fg. 32 ss.
32
444, 445 cpp) del G.U.P. Tribunale di Torino irrevocabile il 02/07/2014 ha dichiarato inammissibile
il ricorso dalla Corte di Cassazione di Roma in data 02/07/2014 per i reati di turbata libertà degli
incanti in concorso art. 110, 353 c.p. (commesso in epoca successiva e prossima al 19/11/2012 in
Torino; violazione delle norme sulla criminalita'organizzata in concorso art. 110 c.p., art. 7 d.l.
13/05/1991 n.152 (commesso in epoca successiva e prossima al 19/11/2012 in Torino) con la recidiva:
art. 99 comma 4 2^ ipotesi c.p. (reiterata, specifica e/o infraquinquennale); violazione delle
disposizioni contro la criminalità mafiosa in concorso art. 110 c.p., art. 12 quinquies l. 07/08/1992 n.
356 (commesso in epoca successiva e prossima al 19/11/2012 in Torino e altrove). Inoltre dalle
informazioni acquisite dell’Arma territoriale di Platì, sul conto PORTOLESI Pietro Paolo risulta
quanto segue:” elemento di particolare interesse operativo poichè inserito in seno alla consorteria
mafiosa TRIMBOLI-MARANDO. Infatti da un appunto in possesso a questo Comando, fornito dal
N.O.R.M di Pavia, durante l’udienza del 28.01.1997 tenutasi a Torino presso l’aula Bunker le Vallette
nel procedimento denominato “AIELLO”, si asseriva che lo stesso fosse autista e uomo di fiducia di
MARANDO Pasquale, nato a Platì (RC) il 03.07.1963, già residente a Leini (TO) frazione Tedeschi
nr. 67, in atto catturando, poiché colpito da O.C.C. nr. 322/99 R.G.N.R. e nr. 277/99 R.P.P., emessi
dalla Corte di Appello II^ Sezione Penale di Torino in data 12.05.1999. Il MARANDO risulta essere
elemento di prim’ordine ed anello di congiunzione della ‘Ndrangheta Calabrese per la gestione degli
stupefacenti tra la Colombia e l’Italia. A tal proposito, si evince che, in data 10.01.2000, veniva
assunto, presso la ditta del fratello PORTOLESI Domenico nato a Siderno il 04.09.1979,
pregiudicato, attualmente indagato nell’Operazione “IGRES”, il fratello del catturando sopra citato,
MARANDO Rosario, nato a Platì (RC) il 18.10.1968, pregiudicato,detenuto.
Risulta inoltre che lo stesso è amico del latitante NAPOLI Gaetano, nato a Careri il 07.04.1970
anch’egli elemento di spicco per il traffico degli stupefacenti e coimputato unitamente al suddetto
Marando nell’ambito dell’operazione denominata “S.Ambrogio”, lo stesso veniva identificato durante
l’udienza tenutasi presso l’aula bunker di Torino.
L’appartenenza alla consorteria mafiosa dei TRIMBOLI può essere letta per via dei rapporti
parentali, non in linea retta, che ci sono tra sua suocera TRIMBOLI Assunta (cugina di II^ grado),
con l’ex catturando TRIMBOLI Rocco, TRIMBOLI Saverio, nato a Platì (RC) il 05.08.1974, ivi
residente in via San Pasquale nr. 58, in atto catturando, poiché colpito da O.C.C. nr. 6080/92, nr.
3000/93 R.G.N.R. e nr. 4587/93 R.G. G.I.P., emesso in data 21.03.1994 dal G.I.P. presso il Tribunale
di Torino, per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e TRIMBOLI
Giuseppe nato a Locri il 01.01.1962, attualmente scomparso, fratello dei predetti, pregiudicato
anch’egli per i reati concernenti materia di stupefacenti.”4.
Ricostruito in questi termini il panorama delle frequentazioni di Napoli, risulta evidente che
l’imprenditore può, quanto meno, dirsi assai vicino ad esponenti di spicco delle famiglie calabresi
dedite al crimine organizzato ed agenti con metodo mafioso, esponenti a cui spesso si rivolge per
ottenere o per elargire favori di vario genere, sempre nell’ambito dell’attività imprenditoriale da lui
gestita (commesse, subappalti, indicazione di possibili nuovi clienti etc.)
NAPOLI Renato si avvale della collaborazione di alcuni soggetti, che svolgono anche un ruolo di
raccordo tra lo stesso e gli amministratori delle società concorrenti con cui vengono spartiti gli appalti.
Tra questi vi sono il geometra GHIRARDI Fabrizio (dipendente di NAPOLI Renato dal maggio
2016), il geometra CALIGIURI Antonio, responsabile operativo di numerosi cantieri della SIMEDIL
4
Con riferimento a PORTOLESI Pietro Paolo, va richiamato quanto riportato alle pagg. 52 e ss. della "Scheda Personaggio" di NAPOLI
Renato, avuto riguardo al contratto di appalto stipulato in data 04.11.2014 da NAPOLI Renato per circa 400.000 euro relativo ad un
lavoro di movimento terra da effettuare all’interno del Parco tra i comuni di Bresso (MI) e Bruzzano (MI).
L’ambientale (progr 1569 - RIT 2791/14) registrata la sera del 26.02.2015 a bordo della Mercedes Ml in uso a NAPOLI Renato, fuga
ogni dubbio sulla possibilità che lo stesso non fosse a conoscenza dell’appartenenza di PORTOLESI Pietro Paolo alla criminalità
organizzata e dei suoi trascorsi giudiziari. Infatti durante la conversazione in questione, NAPOLI Renato durante il tragitto per recarsi
ad Agrate Brianza da “Domenico” (ovvero nel ristorante scelto per la cena), elenca le persone che parteciperanno alla cena, al nome
di PORTOLESI Pietro, uno dei passeggeri esclama: E TI PAREVA IO...CHE CAZZO, CI DOVEVA ESSERE CAZZO UNO ‘NDRANGHETISTA
NON PUO' MAI MANCARE!!" NAPOLI risponde: ALMENO UNO IN RAPPRESENTANZA!”, definendolo poi …”un pezzo di pane…”
L'interlocutore dice che lo sa e ricorda di aver dato lui il numero a NAPOLI dopo che è uscito (inteso scarcerato) aggiunge che
secondo il suo parere ha pagato per qualcun altro. NAPOLI lo informa che al momento sta lavorando per lui con due camion. (si
riferisce al cantiere del PARCO NORD).
33
S.r.l. ed ORMELLI Andrea, dipendente della SIMEDIL (“Direttore Tecnico” dal 11.06.2010 al
04.01.2016). NAPOLI utilizza GHIRARDI e ORMELLI per interfacciarsi con i referenti di imprese
pubbliche quali Metropolitane Milanesi (MM S.p.a. servizio idrico) e A2A S.p.a. (teleriscaldamento)
per la partecipazione alle gare d’appalto, mentre a CALIGIURI sono demandati ambiti più operativi,
relativi al controllo ed alla gestione dei vari lavori di cantiere appaltati da dette società.
CALIGIURI, già emerso nel corso dell’indagine denominata “Crociata”, è dipendente delle società di
NAPOLI, prima della EDILNAPOLI e poi della SIMEDIL, sin dal 20075.
Sin dall’inizio dell’attività tecnica si è avuta conferma del ruolo ricoperto da CALIGIURI; è
quest’ultimo infatti che, per conto di NAPOLI, organizza una cena presso un ristorante di Milano con
un personaggio poi identificato in PRATICÒ Gaetano Antonio, funzionario dell’Inps, così come
emerge dalle conversazioni intercettate (RIT 441/17 Utenza +393290503479 intestata a Simedil s.r.l.
in uso a NAPOLI Progr. 225 data 16.03.2017 ora 14:39 contattata da +393290503486 intestata a
EDILNAPOLI srl in uso a CALIGIURI ANTONIO - RIT 441/17 Utenza +393290503479 in uso a
NAPOLI Progressivo 648 Data 17/03/2017 Ora 20:32:36 - RIT 441/17 Utenza +393290503479 in uso
a NAPOLI Progressivo 651 Data 17/03/2017 Ora 20:51:27)
A seguito delle telefonate veniva predisposto un servizio di osservazione che permetteva di
identificare la persona a cui era stato rivolto l’invito e cioè PRATICÒ, funzionario INPS, alle
dipendenze della Direzione Regionale per la Lombardia responsabile degli appalti sui lavori di
manutenzione degli immobili dell’Inps a livello regionale.
Le ragioni dell’invito di PRATICÒ presso il ristorante milanese “Naxos” sembrerebbero da ricondursi
ad un appalto affidato presumibilmente ad una società di NAPOLI, così come riferisce lo stesso
NAPOLI ad un suo conoscente, informandolo in merito ai motivi della cena.
RIT 441/17 Utenza +393290503479 intestata a Simedil s.r.l. in uso a NAPOLI Progr. 696 Data
18/03/17 ora 09:27
NAPOLI:
ma no ma eravamo, là perché abbiamo finito un lavoro....un lavoro
ORESTE:
eh!
NAPOLI:
Un lavoro e....spesso diciamo, spesso, a volte ...
ORESTE:
offri la cena... si, si...
NAPOLI:
per un buon rapporto, così eccetera...e siamo usciti a cena...
ORESTE:
ma si hai fatto bene, no dai...
NAPOLI:
cose così....più che altro perché era già programmata, solo che io me né ero
dimenticato...
ORESTE:
eh...
NAPOLI:
ma infatti, ieri pomeriggio, ha chiamato a CALIGIURI...è CALIGIURI che l'ha
seguita, non l'ho seguita e poi mi ha- ma poi come è la storia lì della cena, fa dobbiamo andarlo a
prendere stasera...a Saronno.
ORESTE:
minchia....
NAPOLI:
e si ma poi è andato lui, che lui abita a Garbagnate....e li faccio - e dove è che
andiamo, non abbiamo prenotato niente? e dice non lo so, pensavo che aveva già fatto lei! ma...
ORESTE:
e invece....
NAPOLI:
in effetti ha chiamato il tipo e....non c'era problema...
ORESTE:
e si, figurati...(inc)
NAPOLI:
(inc) ma niente
ORESTE:
dai va bene...
Anche GHIRARDI Fabrizio gode della piena fiducia di NAPOLI Renato, collaborando con lo stesso
nelle scelte strategiche relative alle gare a cui partecipare6.
Primo riscontro in ordine a condotte di turbativa da parte del NAPOLI emerge in data 30.3.2017, alle
ore 09:14 (tel. 4233 in entrata sull'utenza 3290503479 - RIT 441/17), quando NAPOLI riceve la
5
Vds. annotazione 27.03.2017 – faldone 3 fg. 334 ss.
Vds. nota informativa 03.04.2017 in faldone 3, fg. 371 ss.. In particolare vds. conversazione (progg. 165 - 166 - R.I.T. 441/17 - autovettura
Mercedes Ml targata EA531ZE) tra NAPOLI Renato e GHIRARDI Fabrizio relativa ad una gara indetta da ACSM (società fusa con AGAM
dando vita ad ACSM - AGAM spa, con azionariato del Comune di Monza, A2A, Comune di Como e altri)
6
34
telefonata da parte di un uomo, che si presenta come "Piacentini di AENERGIA" , il quale esterna
l'interessamento della propria società verso l’appalto "ACSM - AGAM spa" , rappresentando a
NAPOLI, con percepibile titubanza, che pur non avendo ricevuto l'invito a partecipare ad una gara,
hanno interesse a fare un'offerta anche per assicurarsi tutti i lavori e perciò avrebbero la necessità di
organizzare un incontro con l'indagato per discutere i termini della questione parlandone di persona:
"ascolta ti rompo le scatole per l'AGAM io"..."AGAM Monza Como"..."perché scioccamente, perché
scioccamente non ci siamo mai qualificati con quegli ambienti, con quella municipalizzata insomma
diciamo" [...]"e quindi non abbiamo l'invito ovviamente" [...] "gira di qua e gira di là, so che voi
l'avete sostanzialmente e volevo...sono molto diretto io, poi magari sbaglio però" [...] "Se vi
interessava, se c'è la possibilità insomma, noi siamo interessati molto a fare l'offerta insomma
onestamente a questo lavoro, poi non so quanto il vostro interesse invece su questa gara specifica sia
concreto o meno, e sulla base di questo (INC) una trasparenza, cioè metti che non gli interessi, metti
che gli interessi parzialmente...io mi propongo insomma" [...] " per dargli una mano, per non dargliela
ecco, il problema...c'è trasparenza veramente guarda, non c'è niente" ..."a me interesserebbe fare una
offerta, una offerta fatta bene ovviamente, anche perché c'è offerta tecnica lì, per cui a prescindere da
quello, in base alle vostre intenzioni o meno, bisogna poi fare un tavolo di lavoro, insomma fare una
bella chiacchierata insomma!! ecco perché poi per tre è difficile insomma sia per le forniture, sia per
l'offerta tecnica, sia per gli importi" [...] "su questa base a me potrebbe interessare anche tutto il
discorso insomma ovviamente, ecco decidi tu quello che puoi, vuoi o hai la possibilità di fare
insomma" [...] "questo è il mio numero, per qualunque cosa mi fai sapere, poi al limite una scappata a
Milano per venirti a trovare la faccio in due secondi insomma".
NAPOLI si mostra disponibile a discutere la questione "ci mancherebbe! Niente cosa posso dirti,
adesso...a noi il lavoro interessa" [...]"non tanto quello (risata) quanto...interessa comunque prendere
qualcosa sul teleriscaldamento" [...] "anche perché adesso, di cantieri del teleriscaldamento oggi come
oggi non ne abbiamo e quindi va beh il lavoro ci interessa ovviamente" ..."niente detto questo, adesso
parlo un attimo ... io recepisco il tuo messaggio" [...] "Volentieri, volentierissimo, va bene dai (INC)
allora, ciao grazie"
Poco dopo (progr. 4256 in entrata sull'utenza 3290503479 di NAPOLI Renato - RIT 441/17) NAPOLI
viene contattato da GHIRARDI, che viene informato dell’offerta di AENERGIA Srl. I due
convengono di rifiutarla perché contano già di partecipare alla gara con un'altra impresa che, dalle
risultanze delle conversazioni e dall’esito di un’attività di OCP di riscontro è la Foti Srl di
Bulgarograsso. Verso la stessa, infatti, sarebbero in debito "eh si.. eh si! Lui l'altra volta si è reso
disponibile…ha fatto...noi abbiamo fatto.." [...] "si si, lui ...beh lui non se lo aspett…cioè se lo
aspetta...lui, tra virgolette è un favore che gli dobbiamo; l'altra volta lo abbiamo fatto assieme e adesso
ci chiede..."butta l'asino di qua!".
Giova in proposito ricordare che l’impresa FOTI è caratterizzata dalla storica presenza, nella sua
compagine, di FOTI Antonio, consigliere delegato sino all’anno 1994 e condannato per art. 416 bis
c.p.p. in quanto “contabile regionale” del clan di ‘ndrangheta “MAZZAFERRO”, ed organico del
locale di Fino Mornasco (per un più ampio approfondimento sulla figura di FOTI Antonio si rimanda
all’annotazione di P.G. Nr. 878/1-18 di prot. del 5 maggio 2017, in faldone 3 fg. 504 ss.).
Tra i compiti di GHIRARDI rientra anche l’organizzazione di momenti conviviali con soggetti
responsabili di pubblici appalti. Così, in data 16.06.2017 alle ore 11.48 veniva registrata sull’utenza in
uso a GHIRARDI Fabrizio 3456575526 (RIT. 925/17) la conversazione n. 5013, con la quale il
medesimo contattava l’Ing. COLOMBO Carlo sull’utenza 3316525480 intestata alla "MM Spa", per
rappresentargli che NAPOLI Renato sta programmando un pranzo per giovedì 22 giugno p.v.: “dodici
e mezza riuscite a venire lì in zona Bovisa? che NAPOLI voleva ...voleva mangiare un boccone
assieme”. Quest’ultimo dava la sua disponibilità comunicando inoltre il numero delle persone che
avrebbero partecipato al pranzo: “COLOMBO: noi siamo due ..quattro.. cinque!”.
Dalle successive telefonate emergeva che all’incontro conviviale avrebbero partecipato, oltre a
NAPOLI Renato, GHIRARDI Fabrizio e CALIGIURI Antonio, cinque dipendenti della MM spa di
Milano: COLOMBO Carlo Filippo, nato a Castellanza (VA) il 10.06.1969, CANEGRATI Marco, nato
a Rho (MI) il 31.12.1981, rispettivamente direttore lavori e ispettore di cantiere per il lavoro di
35
realizzazione del parco pubblico del progetto “Parco Adriano” ubicato a Milano, via Tognazzi-angolo
via Mulas, appaltato aggiudicato dalla Simedil s.r.l.. e NEGRI Enea, direttore operativo di MM S.p.A.
ORMELLI Andrea, dipendente di SIMEDIL (direttore tecnico dal 11.06.2010 al 04.01.2016) è il
principale collaboratore di Napoli. Dalla conversazione intercettata in data 1 giugno 2017 (progr. 262RIT 925/17) sull’utenza cellulare in uso allo stesso, emerge l’intenzione di NAPOLI di accordarsi con
altri imprenditori per effettuare una offerta comune per la partecipazione ad una gara d’appalto bandita
da A2A s.p.a. per il posizionamento del teleriscaldamento in via Piccolimini a Milano (zona San Siro),
identificata dalla P.G. tramite banca dati ANAC nell’appalto CIG nr. 7087578663.
Nel corso della conversazione, intrattenuta con un referente - non identificato – dell’impresa Ing. LA
FALCE s.r.l. di Milano, ORMELLI afferma esplicitamente che per riuscire ad aggiudicarsi l’appalto è
indispensabile mettersi d’accordo con gli altri partecipanti alla gara di modo da concordare prima le
offerte e poterne fare una con un ribasso intorno al 10-12%.
Ormelli:
PER QUELLO LI BISOGNA METTERSI D'ACCORDO CON CHI È CHE SONO GLI
ALTRI...NON SO QUANTO GENTE C'È D'ALTRO INVITATA...MA NON OLTRE IL 10-11%...12
DAI...
Uomo: ho capito
Ormelli:
l'altra volta l'abbiamo fatto al 9%...
(…)
Nei giorni successivi ORMELLI, in accordo con NAPOLI Renato, gestisce la questione, individuando
quale partner nella ATI un’altra impresa, la EURO SCAVI s.r.l. di Badia Polesine (RO), con cui
concordano di subappaltare alcuni lavori alla citata impresa LA FALCE.
Nel corso di una successiva conversazione (prog. 1256 del 6.06.2017), intercorsa tra ORMELLI e
GUIDUCCI Stefano (referente di EURO SCAVI s.r.l.), il primo afferma espressamente che l’azienda
di NAPOLI Renato, per cui lui lavora, è riuscita ad aggiudicarsi gli appalti e le commesse da A2A solo
grazie ai suoi ottimi rapporti all’interno di tale azienda pubblica.
Le entrature di ORMELLI Andrea all’interno della A2A S.p.A. di Milano sono evidenziate anche
dalla conversazione ambientale intercettata il 28.07.2017 a bordo dell’autovettura VW Passat trg.
DD108XX a lui in uso (progressivo 718 del 28.07.2017 ore 10.00 – RIT 1001/17) ove il medesimo,
conversando con CIAMPICA Marsilio (cognato di NAPOLI Renato) afferma nuovamente ed in modo
chiaro che la loro azienda, dopo essere stata momentaneamente estromessa da alcuni non meglio
precisati lavori, sta continuando a intrattenere rapporti lavorativi con A2A S.p.A. solo grazie al suo
intervento ed ai buoni rapporti che intrattiene con alcuni dipendenti di detta società.
Tra i collaboratori di NAPOLI Renato si registrano, a volte, dei contrasti.
Si segnala in tal senso la conversazione ambientale intercettata in data 15.12.2017 (prog. 4083 RIT
1001/17), a bordo dell’auto VW Passat di ORMELLI Andrea ed intercorsa tra quest’ultimo e
CIAMPICA Marsilio (cognato di NAPOLI Renato), nella quale il primo palesa la propria “gelosia”
nei riguardi del collega GHIRARDI Fabrizio, assunto da NAPOLI Renato quale suo interfaccia nei
rapporti con MM Spa.
Nella circostanza ORMELLI critica GHIRARDI sostenendo che costui non abbia agganci efficaci in
MM Spa, conoscendo solamente NEGRI Enea che a suo dire non è una figura determinante per le gare
d’appalto. ORMELLI prosegue affermando che le figure che contano in questo contesto, con le quali
NAPOLI dovrebbe tessere rapporti, sono i presidenti delle commissioni delle gare d’appalto, tipo
l’ing. LUIGI Mori di MM Spa ed altri "Napoli gli ha detto che il RUP non lo conoscono e lui gli ha
detto che quelli del RUP sono quelli che fanno i presidenti delle commissioni di gara e vanno
conosciuti e dice che è inutile che conosca Enea NEGRI che non conta nulla e dice che quelli che
contano sono quelli che fanno le valutazioni in fase di gara e sono presidenti delle commissioni come
MORI".
Capo I.1. LA TURBATA LIBERTÀ DELLA GARA D'APPALTO PER IL "SERVIZIO
NEVE" INDETTA, CON LA PROCEDURA APERTA N. 9/2017, DA AMSA SPA.
Il primo episodio criminoso emerso, nella sua compiutezza, dalle indagini, riguarda l'appalto pubblico
per il "Servizio neve” della città di Milano (procedura aperta nr. 9/2017 "Servizio di spargimento di
fondenti salini, lamatura e ammasso e rimozione e trasporto della neve dalle vie, piazze, depositi ATM
36
della città di Milano, nonché, limitatamente alle città di Pero e Trezzano Sul Naviglio, l'esecuzione
delle sole attività di rimozione e trasporto della neve." Periodo: dal 15 nov. 2017 al 15 mar. 2021”)
indetto da A.M.S.A. s.p.a., per l’assegnazione di 50 lotti (per quattro anni + due) per un importo totale
di euro 4.796.904 iva esclusa.
A.M.S.A. s.p.a fa parte del gruppo a partecipazione pubblica A2A (di proprietà per il 25% del
Comune di Brescia e del 25% del Comune di Milano) che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei
rifiuti urbani della città di Milano e di diversi comuni dell’Area Metropolitana Milanese.
In ordine a tale gara, relativa ad un servizio essenziale per le città dell’area quale quello dello
smaltimento della neve nel caso di abbondanti nevicate, è emerso come NAPOLI Renato ed altri
imprenditori, costituendo un unico centro decisionale coordinato, hanno presentato offerte concordate
al fine di aggiudicarsi, al minor ribasso, alcuni dei lotti previsti dal bando ed ai quali hanno concorso.
Al cartello, promosso e coordinato dallo stesso NAPOLI, con la partecipazione di DI PIERRO Matteo
Bartolomeo, dipendente di D’ALFONSO Daniele (legale rappresentante della ECOL – SERVICE
s.r.l.) hanno partecipato per le rispettive aziende i seguenti soggetti:
COCCIOLO Antonio, per la “COMOTER s.r.l.”;
ONGARI Fabio, per la “ISOF Costruzioni s.r.l.”;
DONZELLI Pierangelo, DONZELLI Massimiliano e Donzelli Fabio per la “DAF Costruzioni
Stradali s.r.l.”;
MAININI Giorgio, per la “I.C.G. Imprese Costruzioni Edili Stradali Fognature s.r.l.;
BORGHETTI Stefano, per la “Borghetti Giardini s.a.s.”;
GASLINI Dante Antonio per la “F.lli Gaslini s.r.l.”;
GRAMENDOLA Domenico, per la “M.G. Costruzioni edili s.r.l.”;
GRIGNOLA Cristian per la “F.lli Grignola s.a.s.”;
NODARI Luca, per la “Nodari Giardini s.a.s.”;
BARONCHELLI Achille Leandro per la “Costruzioni Generali Baronchelli s.r.l.”;
LEROSE Lorenzo (cl. 1992) per la IGES s.r.l.
MALACRIDA Pierluigi per la “Malacrida Ambiente e Viabilità Costruzioni s.r.l.”;
PONTI Giacomo, per la “Emmetivi Immobiliare s.r.l.” e la “TAU Engeneering s.r.l.”
In via di estrema sintesi, dall’attività tecnica è risultato che:
a) NAPOLI si era dato da fare per promuovere alcuni incontri, collettivamente o individualmente, con
tali imprenditori proprio al fine di concordare le offerte da presentare.
b) la predisposizione del cartello è stata possibile grazie all’attivo intervento di ARRIGO Sergio,
dipendente e responsabile della contrattualistica A.M.S.A. sul bando di gara del servizio neve (sul
bando viene espressamente indicato come “l’operatore economico concorrente, ai fini della piena
conoscenza dell’appalto, dovrà prendere visione dell’elenco delle vie relative ai lotti di interesse
previo appuntamento con la Funzione Contrattualistica del Servizio Neve sig. Arrigo Pier Sergio tel.
…”)7, che ha fornito informazioni di carattere riservato a NAPOLI Renato circa l’andamento del
bando, aggiornandolo sui partecipanti alla gara e sulle ditte che, inizialmente, erano rimaste fuori dal
"cartello" non avendo partecipato alle riunioni organizzate dal NAPOLI.
La necessità di prendere diretta visione dell’elenco delle vie relative ai lotti di interesse e di
contattare personalmente ARRIGO Sergio creerà l’occasione di un rapporto diretto, vis-a-vis,
con il pubblico ufficiale nel corso del quale Napoli Renato, o i suoi collaboratori, avranno modo
di ottenere informazioni riservate sul contenuto del bando e di predisporsi così a partecipare alla
gara in modo appropriato.
L’accordo tra le aziende, come si avrà modo di analizzare, ha avuto un successo solo parziale per gli
imprenditori facenti capo al gruppo organizzato da Napoli, in quanto oltre a quelle che hanno
partecipato al “cartello”, alla gara si sono presentate altre aziende che non hanno voluto farsi
coinvolgere nell’operazione di turbativa (ditta BIANCHI).
Che i contatti e gli incontri documentati fra i vari imprenditori fossero diretti a trovare un accordo
sulle modalità di partecipazione all’asta, ossia assegnazione dei lotti e relativi ribassi da presentare, lo
7
ARRIGO è in pensione dal mese di dicembre 2018
37
si evince in modo inequivocabile da alcune conversazioni (che verranno dettagliatamente riportate,
contestualizzate e commentate in seguito), “IO COME ERAVAMO RIMASTI D’ACCORDO, CI
SENTIAMO PRIMA DI FARE LO SCONTO, STO PARTECIPANDO A QUEI QUATTRO LOTTI CHE
AVEVO IO NO…LEI HA NOVITA’?” “IO VOLEVO FARE L’OFFERTA, CHE C’HO QUI IL MIO
GEOMETRA COLOMBO…QUANTO PENSA DI METTERE DENTRO…” oppure “… E IO NIENTE
..SENTI MI FA DICE GUARDA DICE (inteso suo nipote omonimo): È UNA PERSONA SIMPATICA
MI HA CHIAMATO PER LA NEVE PER QUELLO E QUELL'ALTRO ...OH METTETEVI
D'ACCORDO!! MA MICA CI DEVE MANGIARE I SOLDI CE LI DEVE MANGIARE l'AMSA
CAZZO!! NOI LAVORIAMO E L'AMSA SI MANGIA I SOLDI RAGAZZI NON È CHE ...DICE MA I
LOTTI? I LOTTI PIANO PIANO CON RENATO CI METTIAMO D'ACCORDO TUTTI ASSIEME E
BUONA NOTTE AL SECCHIO!” (conversazione tra Napoli Renato e Lerose Lorenzo (cl. 1964)
Prima di procedere alla disamina dei fatti, è opportuno sottolineare che come emerge dalla
pubblicazione dei risultati relativi all’aggiudicazione per la PROCEDURA RISTRETTA N. 32/2011
l’elenco delle società aggiudicatrici dei lotti assegnati nell’ultimo bando di gara relativo all’anno
20118, molte delle stesse saranno coinvolte nella “trattativa” attuale:
COMOTER SRL/ F.LLI LEROSE SRL; FRATELLI VERGA SNC/BORGHETTI GIARDINI SAS/
NODARI GIARDINI SAS; COMOTER SRL; D.A.F. COSTRUZIONI STRADALI SRL; EDIL BIANCHI
SRL; EDILNAPOLI SRL che in quell’occasione si aggiudicò iLotti n. 14, n.17 e n. 27; F.LLI
GASLINI SRL; ICG SRL; ISOF COSTRUZIONI SRL; LUCCHINI ARTONI SRL; MILANO
TRASPORTI SOC. COOP. A.R.L.; RICICLOPOLI SRL ;TAU ENGINEERING SRL; ECOL-SERVICE
SRL che in tale tornata si aggiudicò un lotto.
La vicenda ha inizio in data 14.07.2017, ore 10.15 (prog. 21628 – utenza 3290503479 in uso a
NAPOLI), quando NAPOLI viene contattato da ARRIGO Sergio, il quale lo avvisa dell’imminente
uscita del bando per il servizio neve (Senti, hai visto chi ha pubblicato la gara? è stata pubblicata,
no??) e delle novità in esso contenute; NAPOLI dimostra il proprio disappunto in quanto il bando di
gara non appare sufficientemente remunerativo e vorrebbe che fossero apportate delle modifiche.
RENATO:
SERGIO:
Speriamo che abbiano, aumentato un po' i prezzi.., "Sergio", che..(inc.)
Questo non te lo so' dire, non credo.. però?
Sul finire della conversazione NAPOLI fa riferimento alla necessità di un “incontrino così
tra..tra..tra.. addetti ai lavori..”, per “tirar fuori un qualcosa.. diciamo, di.. di.. utile e di efficace”
esternando quindi al pubblico ufficiale la sua intenzione di indire un momento di incontro con gli altri
imprenditori interessati alla gara.
Nella telefonata è presente un riferimento ad un “amico” di NAPOLI Renato all’interno di AMSA, poi
citato con il nome di “MAURO”. Trattasi, verosimilmente, di DE CILLIS Mauro, responsabile
operativo di AMSA, indagato nel presente procedimento e che, come si vedrà, mantiene contatti diretti
anche con NAPOLI.
In data 18.07.2017, ore 14.14 (pr. 22304 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) i due si risentono e
concordano un incontro per il giorno successivo alle 11.00: ARRIGO incontrerà, dopo di lui,
MALACRIDA, titolare della omonima società, a sua volta aggiudicatario di alcuni lotti in occasione
della precedente gara.
Il giorno successivo all’incontro con ARRIGO, NAPOLI Renato si attiva al fine di contattare le
imprese concorrenti (che hanno già come lui in passato vinto la gare per alcuni lotti e che potrebbero
avere interesse a partecipare alla nuova gara) al fine di concordare le modalità per indurre la stazione
appaltante a modificare il bando anche ipotizzando di mandare la gara deserta.
Il 20.07.2017, ore 08.38 (pr. 22565 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) interviene una
conversazione con DI PIERRO Matteo, dipendente della impresa ECOL SERVICE s.r.l. di
D’ALFONSO Daniele il quale afferma di non essere entusiasta per i prezzi indicati nella gara per la
8
PROCEDURA RISTRETTA N. 32/2011:
Servizio di spargimento di fondenti salini, lamatura e ammasso e rimozione della neve dalle vie, piazze, cimiteri, depositi ATM della città di
Milano, suddiviso in 51 lotti, cumulabili secondo le modalità descritte all’ art. 15.3 del Capitolato Speciale d’Appalto, ad eccezione del lotto
n. 50 bis, che non potrà essere cumulabile con altri lotti.
38
rimozione neve, e che viene informato da NAPOLI in ordine al fatto che sta sentendo le imprese che si
sono già aggiudicate i lotti dell’anno precedente.
MATTEO:
ciao Renato!
NAPOLI:
pronto? ciao!
MATTEO:
ti disturbo?
NAPOLI:
no no dimmi?
MATTEO:
ascolta una cortesia, tu hai visto i prezzi delle gare della neve?
NAPOLI:
si li ho visti!
MATTEO:
come ti sembrano?
NAPOLI:
uhm non buoni ..
MATTEO:
non buoni?
NAPOLI:
non buoni sono leggermente più alti di quelli degli altri anni ma di niente...
MATTEO:
si..
NAPOLI:
a fronte che però comunque ti chiedono delle cose in più
MATTEO:
tipo?
NAPOLI:
chiedono ..e tipo il mezzo aggiuntivo tipo la presenza appunto ..di solito chiedono
delle persone in più, chiedono il deposito dell'ATM
MATTEO:
ah ok!
NAPOLI:
con delle persone diciamo che erano quelle del lotto adesso chiedono le persone a
posto per il deposito Atm anche se dopo due ore le mandi a casa, capito? Hanno un po' peggiorato,
comunque voi cosa fate, siete interessati?
MATTEO:
scusa ..si ...ehm possiamo vederci che ne parliamo magari? ok?
NAPOLI:
se vuoi dai..
MATTEO:
quando ci vediamo?
NAPOLI:
tu devi andare a fare la presa visione?
MATTEO:
in teoria si no, devo andare a fare la presa visione vero?
NAPOLI:
e bisogna fare la presa visione si si
MATTEO:
e adesso guardo tutto va bene?
NAPOLI:
io ho sentito un pochino diciamo l'orientamento che ognuno si guarda poi il suo
lotto..
MATTEO:
certo
NAPOLI:
..dell'anno scorso.. in linea di massima capito? fermo restando che poi bisogna..
cioè..decidere cosa fare, IO L'AVREI VOLENTIERI MANDATA DESERTA..
MATTEO:
ah ok..
NAPOLI:
perchè ..PERCHÈ FRANCAMENTE MI ASPETTAVO CHE AGGIUSTASSERO
QUALCOSA ..inc.. che ci interpellassero ma perchè secondo me bisogna prendere atto che qua a
Milano non nevica!
MATTEO:
esatto!
NAPOLI:
la disponibilità gliela dai, quell'altro lo devi fare quest'altro lo devi fare pure però
cazzo adesso non nevica cioè avrebbero dovuto fare un qualcosa di diverso secondo me cioè fare o
tipo un cottimo dare un tot omnicomprensivo nevica si nevica no come fa l'Anas secondo me quello li
è una cosa (viene interrotto)
MATTEO:
lo fa anche Corsico no, lo faceva Corsico lo faceva Corsico
NAPOLI:
no lo fa ancora Corsico! lo fa Corsico!
MATTEO:
ah lo fa ancora Corsico..
NAPOLI:
quell'appalto lì ce l'ha la SCAMA sempre per l' A2A
MATTEO:
certo..
NAPOLI:
ce l'ha la "SCAMA STRADE" e Corsico e così ..
MATTEO:
va bene
NAPOLI:
sarebbe bello così.. quanto meno.. quanto meno che ci avessero dato una reperibilità
adeguata cioè tante volte sei reperibile con due soldi
MATTEO:
certo..
NAPOLI:
capito e devi comunque non so devi mantenergli tutta la struttura e tutto
MATTEO:
certo
39
NAPOLI:
capisci secondo me avrebbero dovuto fare un discorso del genere ma questi non ci
hanno neanche interpellato e sono andati per la loro strada..
MATTEO:
ho capito
NAPOLI:
per quello che io ..io gliela avrei mandata volentieri deserta però adesso magari se ne
parla un attimo e se ..
MATTEO:
va bene chiamami quando vai che ci vediamo e ne parliamo ok?
NAPOLI:
va bene !
MATTEO:
ti ringrazio
NAPOLI:
ok
MATTEO:
ciao grazie.
NAPOLI:
figurati ciao ciao.
NAPOLI anticipa a DI PIERRO la soluzione preferita anche dagli altri concorrenti: “ognuno si
guarda il suo lotto”, intendendo il fatto che ciascuno debba tendere ad aggiudicarsi il lotto già preso
nel corso della precedente gara.
Alle successive ore 10.50 (pr. 22607 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) i due si risentono e
NAPOLI invita DI PIERRO all’incontro con gli altri imprenditori interessati alla gara fissato per il
successivo lunedì mattina in piazza J.F. Kennedy di Milano (Conversazione trascritta integralmente
alla pag. 51 della richiesta di misura)
Alle ore 09.47 sempre del 20.07.2017 (pr. 22578 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) interviene
una conversazione con ONGARI Fabio (socio al 50% della ISOF COSTRUZIONI, con sede a Milano,
viale Crispi) nella quale i due, riferendosi alla gara, concordano di incontrare GRAMENDOLA ed altri
imprenditori il lunedì seguente in piazza J.F. Kennedy di Milano al fine di concordare una strategia
comune.
NAPOLI in tale contesto afferma di aver parlato con ARRIGO Sergio (cfr. progr. 21628 e 22304) il
quale ha detto che la fase successiva al bando verrà valutata dopo le ferie. NAPOLI afferma che
bisognerà contattare anche D.A.F. (altra società che ha in gestione vari lotti per la rimozione neve).
Si riportano solo i passi più significativi della conversazione telefonica integralmente trascritta alle
pagg. 51 e ss . della richiesta di misura.:
(OMISSIS)
Fabio: ascolta mi ha chiamato a me Gramendola .. che voleva parlarci sostanzialmente e puoi anche
immaginare per che cosa…
Renato: sì sì uh
Fabio: e io gli ho detto, guarda mi dispiace (inc)
Renato: c'ho anche una mezza idea (inc) stamattina, perchè sono andato anche io lì
Fabio: (inc), ok detto questo, io non so, io non ho sentito nessuno.. nessuno
Renato: e io ho sentito (inc), ci siamo incontrati, poi ho sentito.. io ho sentito un paio di persone, tra
l'altro dovevo chiamarti, e ti avrei chiamato, ti avrei chiamato oggi perché appunto.. niente, bisogna
che ci si veda un minuto (inc)
Fabio: sì anche secondo me, (inc) secondo me, bisogna tantomeno capire, capire..perchè io.. io
voglio stare dove sto, non me ne frega un cazzo di andare a fare (inc)
Renato sì sì, anche sì, un pò tutti (inc) credo un pò tutti, almeno..
Fabio: suppongo, però voglio dire (inc), che Gramendola, io propongo a questo punto, se ci vediamo
con (inc) e Gramendola lunedì mattina, non (inc) dove, mi viene a questo punto in Piazza Kennedy
Renato: e io direi di sì, c'è lì il bar, non so se c'è ancora quel bar lì, dove (inc)
Fabio: (inc) c'han fatto il concessionario BMW
(OMISSIS)
Renato: eh perchè penso che a questo punto, meglio che ci si veda un pochino lì, adesso lui ha detto
che chiamava il giardiniere
Fabio: sì sì
Renato: il giardiniere d'assalto lì, lo chiamava (inc) e poi c'è sempre il testa di cavolo, quelli degli
undici (inc), quello degli undici (inc)
Fabio: (inc)
Renato: eh non lo so, io gli ho detto, io non lo chiamo perchè che cazzo lo chiamo a fare
40
Fabio: ma no voglio dire (inc), credo, credo che ci sia più offerta che
Renato: sì
Fabio: che volontà
Renato: (inc)
Fabio:in fondo, in fondo, secondo me (inc)
Renato:si anche secondo me
Fabio: poi lo fai per (inc), non lo fai perchè (inc), lo fai perchè (inc)
Renato: sono d'accordo, gliel'ho anche detto agli altri, secondo me qui bisogna prendere atto del
fatto che qua non merita punto, quindi bisognerebbe fare un qualche cosa, ma tenendo in
considerazione che qui la situazione è questa, cioè la disponibilità bisogna darla, però poi non si
lavora, e bisognerebbe tenere in conto la cosa, allora è giusto che uno va andare il servizio, che da
quello che deve dare, e quando merita fanculo non merita, però il servizio va pagato, quindi secondo
me bisognava fare (inc)
Fabio: (inc) onestamente (inc) non credo, non credo che si possa considerare soddisfacente, però io
e dieci anni che rompo il cazzo su questa cosa, ma non ho mai risolto niente (si sovrappongono le
voci)
Renato: gliel'ho detto anche a Sergio, perchè io ho parlato solo con Sergio di questi qua, e gli ho
detto, Sergio ma cioè, sarebbe stato simpatico se magari dopo sei anni qualcuno dicesse "o ragà ma
secondo voi cosa possiamo"
Fabio: una volta si faceva così adesso (inc)
Renato: almeno non so, bho!.."no perchè noi sai (inc)"..benissimo ma di tutti, perchè non si
dice?..magari si trovava qualcosa d'intelligente, per migliorare le sorti di tutti insomma no..però (inc)
Fabio: oltretutto l'unico dotato di buonsenso che è Sergio (inc) tra non molto vada in pensione quindi
Renato: sì sì
Fabio: il prossimo anno è possibile?
Renato: non lo so
Fabio: (inc) parlato di pensione l'ultima volta che l'ho visto
Renato: anche a me mi aveva parlato a suo tempo, però non (inc) dire adesso
Fabio: senti una cosa (inc)
Renato: L'HO VISTO IERI.. NIENTE IO DIREI POSSIAMO VEDERCI, IO DIREI.. POSSIAMO
MAGARI FARE, CERCARE DI RECUPERARE QUALCUNO E COMINCIAMO A FARE UN PRIMO,
MAGARI UN PRIMO INCONTRO DOVE POI MAGARI SI VEDE CHI FA COSA, CHI CHIAMA
CHI, COSE DEL GENERE
Fabio: voi (inc) la scadenza, i primi di Agosto giusto?
Renato: mi sembra che, aspetta che te lo dico....il 4 si quindi...siamo molto, siamo molto a ridosso
Fabio: sì oltretutto siamo a ridosso per il fatto che ci sono le ferie
Renato: eh, vabbè poi loro penso che la fase successiva avverrà dopo le ferie, così aveva detto Sergio,
cioè che adesso intanto, vabbè raccolgono quello che, e poi se ne parla, loro la prenderanno in
considerazione dopo le ferie
Fabio: cioè scusami (inc)
Renato: no no no, tu consegni e poi loro (inc)
Fabio: a posto, sì sì
Renato: no no no (inc)
Fabio: sì ho capito, ho capito, ho capito
Renato: e poi loro la tengono lì e la guardano quando ritornano
Fabio: eh
Renato: così mi ha detto Sergio, però sai cambia poco, cioè che la guardino adesso o (inc) non
cambia niente, tanto (inc)
Fabio:(inc)...allora io direi scusami, facciamo così, (inc) lunedì mattina alle nove lì in Piazza
Kennedy
Renato: uhm va bene
Fabio: adesso chiamo (inc) e glielo dico, mal che vada ci vediamo noi tre e facciamo (inc) noi tre
Renato: sì sì alla peggio facciam così, io chiamerei comunque coso lì, la Daf
Fabio: uhmm
Renato: l'altra volta comunque è stato al suo posto, insomma non è che ha fatto
41
Fabio: e vabbè (inc) tu senti (inc), poi se vuole, se vuole far venire giù qualcuno ci mancherebbe,
sennò ne parliamo noi tre, voglio dire non è un problema
Renato: va bene, va bene
(OMISSIS)
Nella conversazione vengono citate altre imprese concorrenti, che si sono aggiudicate i lotti in passato:
la DAF (D.A.F. COSTRUZIONI STRADALI S.R.L.); GRAMENDOLA (GRAMENDOLA
Domenico, amministratore unico della M.G. costruzioni edili s.r.l.) il “giardiniere”, intendendo la
NODARI GIARDINI s.a.s. di Rho. NAPOLI anticipa che l’oggetto dell’incontro sarà la verifica di
“chi farà che cosa”
Alle ore 10.36 sempre del 20.07.2017 (pr. 22603 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) interviene
una conversazione con DONZELLI Fabio (amministratore unico della società D.A.F. COSTRUZIONI
STRADALI S.R.L.) nella quale i due, riferendosi alla gara, concordano di vedersi lunedì mattina in
Piazza J.K. Kennedy. Fabio aggiunge che se non riuscirà ad andare invierà il padre o Massimiliano (il
fratello, titolare del 33,33% delle quote societarie):
(OMISSIS)
NAPOLI:
ascolta ti chiamavo perchè sai che c'è in questi giorni c'è una faccenda da vedere..
FABIO:
ah si si si si ho capito!
NAPOLI:
voi siete sempre interessati oppure no?
FABIO:
si si e bè si si vorrei stare dentro si
NAPOLI:
ok! allora lunedì mattina alle nove ci si potrebbe vedere lì dove c'era la Mercedes
una volta in piazza Kennedy.
FABIO:
a va ben si si ok!
NAPOLI:
c'eri venuto tu l'altra volta mi sembra si ?
FABIO:
ma lunedì verrà mio padre perchè c'ho..no ma verrà li mio padre.
NAPOLI:
ah verrà lui? va bene!
FABIO:
o lui o Massimiliano dopo ti dico, comunque non ti preoccupare c'è..qualcuno c'è!
NAPOLI:
va bene dai io ..alle nove ci si vede lì dai in piazza Kennedy.
FABIO:
va bene perfetto! ok!
NAPOLI:
va bene!
FABIO:
grazie mille ciao ciao ciao
NAPOLI:
ok ciao ciao.
Si noti che nella conversazione si fa riferimento alla circostanza che il luogo dell’appuntamento
(piazza Kennedy) è già stato utilizzato per incontri in passato (“c’eri venuto tu l’altra volta”).
Alle ore 14.43 del 20.07.2017 (pr. 22648 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) interviene una
conversazione con GASLINI Dante Antonio (socio della Gaslini f.lli s.r.l.) nella quale i due si
mostrano alquanto scettici in merito alla gara di sgombero neve, commentano il comportamento di
altre società che in passato hanno avuto in appalto alcuni lotti (I.C.E.M.S. s.r.l., impresa ALLI) e
concordano di vedersi lunedì mattina in Piazza J.K. Kennedy
(OMISSIS)
Renato: ma tu lavori ancora insieme a..
Dante: bravo sì
Renato: Gramendola?
Dante: sì sì
Renato: ah ok..allora ci vediamo lunedì
Dante: lunedì dove? (inc)? hai già parlato con Fabio?
Renato: sì sì sì
Dante: vabbene vabbene
Renato: e quindi non so, se vai insieme anche tu o viene lui non lo so
Dante: me l'ha detto ieri, siccome io sono via, me lo ha detto ieri, mi fa "vediamo un pò, (inc) a posto
così, d'accordo"
Renato: si bisogna vedere (inc)
Dante: vabbene
Renato: E FARE DUE CHIACCHIERE, VOI COME (INC) SEMPRE, SEMPRE NELLA STESSA,
NELLA STESSA
42
Dante: NELLA STESSA ZONA
Renato: NELLA STESSA ZONA, VOI ANDATE BENE COSÌ COME SIETE INSOMMA?
Dante: ASSOLUTAMENTE SÌ, c'è un piccolo, c'è un piccolo problema, (inc) ha mollato in corsa
l'anno scorso, ti ricordi?...gruppo Toro l'hanno buttato dentro..ecco
Renato: sì
Dante: praticamente dovevamo prenderlo noi (inc) lasciamo stare che non ce la facciamo a farli così
tanti, ne abbiamo uno, uno è (inc) via dei Missaglia, e l'altro (inc) Piazzale Corvetto, a noi piacerebbe
andare vicino a uno o all'altro, (inc) cazzo che c'è quel pirla lì!
Renato: oh o glielo porti via di prepotenza
Dante: per forza
[…]
Renato: QUINDI I LOTTI SONO TUTTI DISPONIBILI, CI HANNO DATO DISPONIBILE ANCHE
QUELLO CHE SI SON FATTI LORO
Dante: anche i centrali a questo punto, no? ecco figurati, si vanno a fare solamente i paesi fuori dai
coglioni, eh ma bho, ci sarà gente che fa (inc), secondo te?
Renato: ma non lo so guarda, non lo so, secondo me no, cioè dove cazzo sono..anche Cereda non c'è
più, la ICI ha chiuso, (inc)
Dante: quello che ha preso, Prada non ne vuol sapere, ti ricordi Prada? non so se te lo hai
conosciuto, quello che ha preso il ramo dell'AMSA dei miei
Renato: sì, Asfalti Prada, sarebbe Ruggero
Dante: sì sì sì Ruggero Ruggero "no basta non lo faccio più", Sinopoli che aveva quello sopra di noi,
anche lui ha mollato, eh tre, quattro hanno mollato
(sovrapposizione voci)
Renato: anche Sinopoli non lo fa più?
Dante: sì me l'ha detto Gravendola, che loro (inc) meglio di me, anche Sinopoli non la fa più
Renato: oh cazzo!..cioè secondo me, te la dico così, fuori dai denti, io gliel'avrei (inc)
Dante: come le altre volte
Renato: IO GLIEL'AVREI MANDATO DESERTO, andate affanculo, perchè qua il problema è che
non nevica
Dante: madonna puttana troia
Renato: qua non nevica, (inc) non nevica, è inutile che stiamo in ballo (inc) armi e bagagli e non
nevica e non mi dai un cazzo di reperibilità e mi fai uscire con le lame attaccate per salare, cioè
c'abbiamo delle situazioni di cazzo, stupide, diciamo che sono dannose e non diciamo niente, io glielo
avrei mandato deserto, andate affanculo, o mettete le cose, secondo me qua loro, visto che non nevica
e visto che, secondo me dovevan fare un'altra cosa, fare come l'ANAS, l'ANAS nevica o non nevica ti
da un tot..fine..non nevica ti va di culo...nevica, ti va di sfiga e lavori..vaffanculo, però tu sai che tutti
gli anni hai un (si sovrappongono le voci)
Dante: che ti fai un culo della madonna e basta
Renato: hai capito? secondo me è un discorso...lo vuoi il servizio? io te lo do il servizio..vuoi 50
operai?
Dante: vuoi (inc)? ti do (inc) però non rompere i coglioni
Renato: eh ma 50 operai, gli devo dare però 50 reperibilità, perchè sennò non stanno a Natale a fare i
coglioni a casa con le famiglie, (inc) se li chiamo io che nevica o non nevica, che cazzo!..lo vuoi il
servizio? vabbene giusto (inc) ma lo devi pagare però e che cazzo cioè...invece qua è così figa,
addirittura se non stiamo attenti ci va peggio, ci facciamo il culo (inc) come i cani malati su un pezzo
di niente, capito!..cazzarola
Dante: quattro anni che non ha fatto (inc), non è mai successo, buttana (inc), (inc) Barbagallo una
roba del genere, nel '94
Renato: adesso (inc) che ci hanno calato, ci han fatto calare le braghe, han fatto lo sconto del 35%, ti
ricordi che hanno abbassato i prezzi del 35%, adesso non mi ricordo se in questa tornata (inc)
Dante: quella prima, quella prima, che c'erano ancora i miei, quella prima sì, si son calati di brutto
Renato: c'han fatto calare le braghe a tutti quanti (inc), ah giusto, che in quell'occasione lì, Fabio si è
impuntato, non ha ceduto neanche un (inc), e l'anno dopo come rivendicazione gli hanno (inc)
Dante: (inc)
43
Renato: (inc) e francamente se tu mi abbassi un prezzo a gara fatta, cioè è veramente una cosa ma ma
ma ma ma ma
Dante: maramaldesca, hai voglia altrochè!
Renato: ma porca puttana cioè, ma stai scherzando!..cioè parliamo di trasparenza
Dante: e poi se il primo (inc)
Renato: di cosa parliamo..figa cioè, poi oltretutto, guarda la considerazione che hanno, non ha
chiamato nessuno eh, potevan chiamare "oh ragà (inc) adesso rifacciamo la gara eccetera..secondo
voi cosa, qualcuno di voi c'ha in mente un qualche cosa per migliorare il servizio" cioè anche così per
cagare un pò la gente no
Dante: vero
Renato: ognuno di noi gli poteva, anche perchè ci son stati dei precedenti in cui (inc) parlati
Dante: certo
Renato: (inc)
Dante: (inc) siamo carne da macello, bisogna dire le cose giuste (inc)
Renato: cioè capì, dice "ma no vaffanculo tanto questi sono alla fame, si scannano come i cani tra di
loro"
Dante: s ì sì
Renato: (inc)
Dante: non è solo (inc) AMSA, (inc) tutte le parti, hai detto le parole giuste
Renato: certo guarda il Comune di Milano, guarda il Comune di Milano, io sono quattro anni che non
faccio più le offerte per le gare per la manutenzione straordinaria, già quando facevano il 40% di
sconto, (inc) io non partecipo più
Dante: porca troia
Renato: perchè per me, guarda, fare i salti mortali al contrario (inc) fare il 30 (inteso percentuale,
ndr), questi qui facevano il 40, ho detto vaffanculo basta, non partecipo, tanto l'anno dopo sapevamo
che andava uguale o peggio e quindi non abbiam partecipato, piano pianino (inc) adesso a fare il
60% di sconto, sugli asfalti non compri, non puoi neanche comprare il materiale, cioè come cazzo
fanno a dargli i lavori lo sa solo il Comune di Milano, cioè loro avrebbero l'obbligo di valutare le
congruità delle offerte
Dante: certo è il minimo
Renato: capito, è invece cosa cazzo, cos’è che controllano, quelli neanche il materiale si possono
comprare con quei soldi, cosa vengono a raccontare, cioè è uno schifo guarda...(inc) noi non facciam
più le gare, c'abbiam qua fior di (inc) e di persone capaci a far quei mestieri lì
Dante: certo
Renato: e vabbè, però lasciamo spazio (inc)
Dante: (inc)
Renato: c'è il Malacrida (inc) fatta lui,no!...che ti devo dire!..vuol dire che sarà più bravo di noi, non
c'abbiam mai capito un cazzo nella vita
Dante: a volte questa domanda qua te la fai, te la rifai, e quasi ci manca poco che ci credi che non
(inc) capaci a lavorare, ma poi uno come te (inc) sui mezzi e su tutto, e su tutto (inc) che non sei
l'ultimo arrivato, tu sei uno di quello che bene o male arriva su tante cose, e pure guarda cosa
succede!
Renato: però i riscontri che tornano indietro sono che questo qua non sta pagando i fornitori, che non
paga gli operai, quindi alla fine..bho..avrà ragione lui, che ti devo dire!
Dante: (inc)
Renato: bho (inc), no lo so, anche Bianchi andava avanti così, l'altro è Bianchi, l'altro è Bianchi che,
poi la fine che ha fatto (inc) è nota a tutti, che son falliti, però adesso c'è la Gubau (leggi Wu bau), e
vuol dire che il sistema è quello lì, faccio fallire una ditta, lascio i puffi, ne apro un'altra e va avanti
così..che cazzo devo fare
Dante: vabbè dai ci vediamo
Renato: abbò, senti se ci vediamo, se vieni lunedì ci vediamo, se viene il tuo socio lì', ci vediam con lui
Dante: a che ora?
Renato: alle nove
Dante: d'accordo
Renato: SEMPRE LÌ AL BAR DOVE CI SIAMO VISTI (inc)
44
Dante: vabbene ciao grazie
Renato: dai
Dante: ciao
Renato: ciao Dante ti saluto ciao ciao ciao
NAPOLI, nel suo sondaggio telefonico che precede la riunione di persona, inizia a verificare se gli
altri concorrenti sono interessati a tenere lo stesso lotto della scorsa gara, significando come ci sia la
possibilità di allargarsi anche su altri lotti.
In effetti, nell’ambiente interessato a quel genere di appalti si sono diffuse voci secondo le quali
alcune imprese, non ritenendo più remunerativo il lavoro, avrebbero deciso di non partecipare alla gara
rendendo così “disponibili” alcuni lotti per le altre concorrenti.
Napoli ipotizza una possibile spiegazione in merito alla perdita di interesse per l’attività di spalamento
e rimozione della neve, individuandola nel fatto che “a Milano non nevica” e quindi il servizio
appaltato non diviene mai operativo (e remunerativo), pur costringendo gli aggiudicatari a mettere a
disposizione dell’ente appaltante i macchinari e la mano d’opera garantiti che potrebbero essere
impiegati più proficuamente in altro genere di attività.
Una seconda spiegazione, ipotizzata da Napoli, risiede nella constatazione dell’atteggiamento di molti
pubblici amministratori che, a suo modo di vedere, sarebbe cambiato nel tempo: mentre nel passato,
prima di indire una gara, gli stessi pubblici amministratori si confrontavano con le società operanti nel
settore ed interessate all’aggiudicazione per concordare la predisposizione di un bando vantaggioso
per entrambe le parti contraenti, attualmente il versante pubblico si muoverebbe autonomamente,
imponendo unilateralmente le condizioni della gara.
Abituato al vecchio sistema, Napoli al tempo stesso si lamenta e si stupisce del fatto che alcuni
pubblici funzionari addetti alla predisposizione ed alla gestione dei bandi di gara seguano la normativa
e le regole proprie delle procedure ad evidenza pubblica ispirate ai canoni della riservatezza, della
trasparenza e dell’imparzialità: tutto ciò finisce col rendere meno remunerativo il business per le ditte
interessate.
L’unica eccezione in questo mutato atteggiamento della parte pubblica, sempre secondo il pensiero di
Napoli Renato, è rappresentata da ARRIGO Sergio, funzionario dotato di “buon senso” (e quindi
disponibile ad andare incontro alle esigenze degli imprenditori) che, purtroppo, è prossimo alla
pensione: Napoli e gli altri imprenditori del suo cartello presto perderanno pertanto un importante
interlocutore.
Il commento che precede appare utile per stigmatizzare la mentalità distorta con cui Napoli ed i suoi
interlocutori si approcciano, in generale, alla partecipazione alle gare pubbliche, il che troverà
conferma in quanto effettivamente accertato a proposito dell’episodio di cui al capo I.1 che stiamo
esaminando.
Proseguendo nell’esposizione cronologica proposta dall’Ufficio del P.M. si evidenzia quanto segue.
Alle ore 15.37 del 20.07.2017 (pr. 22665 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI – RIT 441/17)
interviene una conversazione con MAININI Giorgio (amministratore delegato e socio al 50% della
società I.C.G. – Impresa Costruzioni Edili Stradali Fognature s.r.l.), nella quale NAPOLI, utilizzando
un linguaggio allusivo (“potremmo bere un cafferino”), fa capire che lunedì mattina ci sarà un incontro
con gli altri imprenditori in merito alla gara sgombero neve; GIORGIO risponde di essere interessato
ma chiede di anticipare l’incontro per l’indomani pomeriggio poiché lunedì ha degli impegni
improrogabili. Napoli risponde che l’indomani pomeriggio non sarà possibile effettuare la riunione e si
dispiace per la defezione di Mainini al quale chiede comunque di mandare alla riunione un suo
rappresentante.
(La conversazione è riportata intregralmente alle pagg. 59-60 della richiesta di misura).
NAPOLI:
ciao Giorgio
Giorgio:
ciao..dimmi
NAPOLI:
allora, lunedì mattina potremmo bere un cafferino in Piazza Kennedy?
(…OMOSSIS)
Giorgio:
no no non posso, no no assolutamente, non è proprio possibile
NAPOLI:
e vabbè sennò (inc), c'è lì qualcuno, c'è il Fabio
45
Giorgio:
(inc) io lunedì non posso, luned' mattina Renato non posso
NAPOLI:
quel diciamo quel muratore lì che ti dicevo, quelli poi li ho contattati per il preventivo e ci
sarebbero loro, un pò tutti
Giorgio:
sì sì
NAPOLI:
capito, però cazzo se non ci sei tu
Giorgio:
i giardinieri ci sono, i giardinieri?
NAPOLI:
sì.sì, io non ho sentito questo qua di Novate, il giardiniere questo qua che mi hai detto che tu
hai (inc)
Giorgio:
eh
NAPOLI:
contatto, Fornari mi sembra che è
Giorgio:
sì sì, no io non lo conosco quello lì
NAPOLI:
allora lo chiamo io dai
Giorgio:
sì io però, se volete far domani mattina, io domani mattina ci sono
NAPOLI:
eh dovremmo...figa
Giorgio:
io proprio lunedì mattina non posso
NAPOLI:
porca puttana, tu non puoi venire, non può venire tuo cugino magari
Giorgio:
no no no siamo lì tutti in banca
NAPOLI:
ah vabbè
Giorgio:
fisicamente proprio non, non è che devo andare, devo andare in sede della Banca, hai capito
che devo chiudere una partita, se ce la faccio
NAPOLI:
senti (inc) io ti direi così, se ti va bene
Giorgio:
prova a vedere venerdì se puoi, domani se puoi
NAPOLI:
io potrei, a parte che io dovrei andare a (inc) domani mattino presto che c'è un pezzo di
merda che mi deve dar dei soldi, e devo andarlo a pestare a casa
Giorgio:
no no vabbè, ma domani pomeriggio anche
NAPOLI:
magari pomeriggio sì, per me si potrebbe anche, se vuoi posso fare un giro
Giorgio:
fai un giro di telefonate, io c'ho una riunione domani mattina alle nove e mezza e poi dopo,
io alle dieci e mezzo sono libero
NAPOLI:
potremmo esser lì alle tre, domani alle tre
Giorgio:
alle tre va benissimo, alle due, alle tre, tre e mezza, quattro e mezza
NAPOLI:
vabbò dai, vabbè provo a vedere
Giorgio:
a me va anche bene oggi, no oggi pomeriggio aspetto un appuntamento di uno in autostrada
NAPOLI:
e oggi magari non riusciamo dai
Giorgio:
che c'ho la riunione con un ingegnere, a Reggio Emilia, ciao ciao ciao, fammi sapere dai
NAPOLI:
ti faccio sapere
Giorgio:
ciao scusami ciao
NAPOLI: niente ciao ciao ciao
fine minuto 15:40:55
Alle ore 15.41 del 20.07.2017 (pr. 22670 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) interviene una
conversazione con ONGARI Fabio nella quale NAPOLI riferisce che MAININI (GIORGIO) è impegnato
lunedì mattina e quindi propone che l’incontro si tenga l’indomani pomeriggio; ONGARI risponde che gli
farà sapere. Alle ore 17.33 del 20.07.2017 (pr. 22716 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI – RIT 441/17)
interviene un’altra conversazione tra i due nella quale ONGARI riferisce che GRAMENDOLA sarebbe
disponibile per l’incontro in questione per il giorno successivo alle 17.00.
A questo punto NAPOLI Renato effettua una serie di telefonate al fine di anticipare l’appuntamento in
via Kennedy per l’indomani alle 17.00:
Ore 17.35 del 20.07.2017 – progr. 22713 avvisa DONZELLI della società D.A.F. Costruzioni;
Ore 17.37 del 20.07.2017 – progr. 22714 avvisa DI PIERRO Matteo della società ECOL Service;
Ore 17.38 del 20.07.2017 – progr. 22715 avvisa MAININI Giorgio della società I.C.G. s.r.l.;
Ore 17.43 del 20.07.2017 – progr. 22717 avvisa GASLINI Dante Antonio della società F.lli
GASLINI;
Ore 17.44 del 20.07.2017 – progr. 22718 avvisa COCCIOLO Antonio della società COMOTER s.r.l.;
Ore 18.17 del 20.07.2017 – progr. 22724 avvisa PONTI Giacomo della società EMMETTIVI
IMMOBILIARE s.r.l..
46
Dalle telefonate traspare l’interesse degli esponenti delle diverse imprese (teoricamente concorrenti) di
vedersi e l’urgenza dell’incontro.
Alle 18.15 del 20.07.2017 (pr. 22722 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI – RIT 441/17) interviene
una conversazione con MAININI Giorgio, nella quale l’interlocutore chiede conferma
dell’appuntamento delle 17.00 e NAPOLI lo rassicura aggiungendo “quelli miei li ho sentiti tutti”; poi
i due commentano se all’incontro saranno presenti anche MALACRIDA, GUBBAO (leggi W.Bau
s.r.l.) e TORO.
[…]
Renato: no..mi sembra che...GLI ALTRI QUELLI MIEI LI HO SENTITI TUTTI
Giorgio:
vabbene
Renato: non ho sentito, non ho sentito il "gubbau"..il gubbau bho! (leggasi W.Bau)
Giorgio interloquisce con soggetto che si trova insieme a lui, i due discutono sull'eventuale presenza di
"gubbau"
Renato: no no c'è
Giorgio:
c'è c'è..vabbene ciao
Renato: bisognerebbe non lo so, se vogliamo
Giorgio:
(inc)
Renato: e poi c'è sempre l'altra roba strana il "toro" lì
Giorgio:
il toro io non so
Renato: eeh...domani poi ne parliamo vediamo un pò
Giorgio:
ciao ciao
Renato: ciao ciao ciao
Alle ore 16.33 del 21.07.2017 (pr. 22826 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI – RIT 441/17)
interviene una conversazione con PONTI Giacomo (EMMETTIVI IMMOBILIARE s.r.l.) nella quale
questi avvisa NAPOLI che non riuscirà a partecipare all’incontro programmato ma gli chiede
comunque di poter ottenere l’assegnazione del lotto 23 “L'UNICA ROBA SE POSSIBILE, CHIEDO IL
FAVORE, SE POSSIBILE, PRENDERE COS’È IL 23, CHE È QUELLO, CHE È QUELLO
ATTACCATO AL MIO MAGAZZINO, ECCO PERCHÈ ALMENO” e NAPOLI lo rassicura in tal
senso.
L’aspetto significativo della telefonata è che PONTI si rivolge a NAPOLI come se fosse quest’ultimo
a decidere a chi andranno assegnati i diversi lotti, l’uomo giusto “a cui chiedere”.
La gara, come già osservato, prevedeva l’assegnazione di 50 lotti (per 4 anni + 2) per un importo totale
di euro 4.796.904 iva esclusa. Nella gara del 2011 la EDILNAPOLI si era aggiudicata 3 lotti, la
D.A.F. Costruzioni Stradali s.r.l. 2 lotti, la I.C.G. s.r.l. 2 lotti, la F.LLI GASLINI s.r.l. 3 lotti, ISOF
COSTRUZIONI s.r.l. 1 lotto, COMOTER s.r.l. 6 lotti, Ecol-Service 1 lotto.
Il servizio di o.c.p. effettuato a partire dalla ore 17.00 del 21 luglio 2017 in P.zza Kennedy di Milano
ha consentito di monitorare un incontro (effettuata sulla pubblica via), tra NAPOLI Renato e gli altri
imprenditori interessati all'appalto, tutti identificati, finalizzato alla spartizione dei lotti.
Come meglio specificato nella relativa annotazione è stata documenta la presenza di:
COCCIOLO Antonio, imprenditore edile, già socio ed amministratore unico della società
“COMOTER s.r.l.” (si reca all’incontro a bordo della vettura Citroen Berlingo di colore bianco targato
EJ461BD – intestato alla società “COMOTER s.r.l.” con sede in Lainate (MI) viale Rimembranze nr
21/7);
ONGARI Fabio (si reca all’incontro a bordo della vettura Audi A6 avant di colore grigio chiaro
targata ES034DN intestata alla “ISOF costruzioni s.r.l.”);
DONZELLI Pierangelo Fabio, (si reca all’incontro a bordo della vettura Porsche Macan di colore
grigio targata ET141TX intestata alla “Credit Agricol Leasing Italia s.r.l.” con sede in Milano via
Imperia nr.37, in locazione a DONZELLI Pierangelo);
DONZELLI Massimiliano, socio (con una quota del 33,33% ) della “DAF COSTRUZIONI
STRADALI S.R.L.”, con sede a Milano, via Pantano nr. 2 (si reca all’incontro a bordo della vettura
47
Porsche Macan di colore grigio targata ET141TX intestata alla “Credit Agricol Leasing Italia s.r.l.”
con sede in Milano via Imperia nr.37, in locazione a DONZELLI Pierangelo);
MAININI Giorgio (si reca all’incontro a bordo della vettura Volkswagen Golf di colore grigio targata
EL006AA intestata alla “ I.G.C. impresa costruzioni edili stradali e fognature s.r.l.”);
DI PIERRO Matteo Bartolomeo (si reca all’incontro a bordo della vettura Mercedes CLK di colore
verde targata CF303KG a lui intestata);
BORGHETTI Stefano, socio accomandatario della “BORGHETTI GIARDINI SAS di BORGHETTI
S. & C. s.a.s” (si reca a bordo di una vettura Fiat Punto tg. CD357KR)
GRAMENDOLA Domenico (si reca a bordo di una vettura Porsche Cayenne tg. ER511ND)
NODARI Luca, socio accomandatario della “NODARI GIARDINI s.a.s” (si reca a bordo di una
vettura Fiat 500L tg. ES796JE)
Le intercettazioni telefoniche che seguono documentano come DI PIERRO - braccio destro di
D’ALFONSO Daniele nella ECOL-SERVICE S.r.l. – abbia preso parte all’incontro per conto del
proprio titolare D’ALFONSO Daniele, il quale a causa di altri impegni lavorativi non poteva
partecipare.
Telefonata prog. 12378 del 17.05.2017 – utenza +393290503479 in uso a NAPOLI Renato (RIT
441/17)
D'ALFONSO: FINALMENTE MI CHIAMI CAZZO, C'È MATTEO (DI PIERRO Matteo - ndr.) CHE
TI RINSEGUE...
NAPOLI:
ciao Daniele!
D'ALFONSO: eh? CIAO FINALMENTE MI CHIAMI, DICO C'È IL MIO BRACCIO DESTRO CHE
TI INSEGUE DA UNA SETTIMANA, cazzo!
NAPOLI:
come ieri mi ha chiamato e gli ho risposto!
D'ALFONSO: porca miseria ..
NAPOLI:
..mi ha detto che mi ha mandato quell'affare lì..
D'ALFONSO: non mi vuole più bene Renato porca cane..
NAPOLI:
non è vero fai il bravo...a parte che io ti ho chiamato e non mi hai risposto tu scusa..
D'ALFONSO: quando?...inc...
NAPOLI:
ma come impossibile l'altro ieri ti ho chiamato un paio di volte...
D'ALFONSO: ma possibile?...inc...io richiamo sempre guarda, non rispondo ma richiamo sempre
..impossibile figurati se non richiamo te poi!
NAPOLI:
…inc…nella lista degli..
D'ALFONSO: ...ti davo la risposta per MATTEO...figurati se non ti chiamavo indietro ..
NAPOLI:
vedo che mi hai messo nella lista degli indesiderati
D'ALFONSO: ma va...(sorride)...ma scusa hai guardato quel prodotto lì allora? hai visto che ho
chiesto al cantiere mi sono interessato?
NAPOLI:
si si ho visto, adesso ho detto a Federico (VALENTINI Federico ndr.) di guardare un
attimino se riusciamo a farlo, perchè la cosa diciamo può essere interessante, se riusciamo a fornirlo
D'ALFONSO: io ho un rapporto bellissimo lì cazzo!
NAPOLI:
perchè a loro magari gli costa un botto di meno...di quello che pagano quel materiale
lì che poi non è niente di che...quello lì praticamente è un calcestruzzo molto areato...poco resistente
cioè la caratteristica che non cede che è poco resistente come un maglone un po’ più magro..
D'ALFONSO: ok
NAPOLI:
adesso vediamo cosa fare.. io ti chiamavo per un altro motivo..
NAPOLI chiede a D'Alfonso di fare fermare i suoi operai oltre le 16 e 30 per proseguire un lavoro di
raccolta presso la sede della società di NAPOLI, D'Alfonso risponde che chiamerà Matteo che è lui
che si occupa degli operai e gli farà sapere...omissis...
Telefonata prog. 22791 del 21.07.2017 – utenza +393290503479 in uso a NAPOLI Renato (RIT
441/17)
NAPOLI con D'Alfonso Daniele per il requisito (richiesto per la gara in pedemontana) Daniele dice
che sta chiamando mezza Italia. NAPOLI dice che deve chiamare Marino costruzioni che si occupa
anche del servizio neve con i trattori per AMSA. Si salutano si danno appuntamento per la sera.
48
...omissis...
Al min. 12.11.18
NAPOLI: OGGI CI SEI ALLE 17.00? (appuntamento piazza kennedy a Milano ndr.)
D'ALFONSO: no non lo sapevo, PERCHÈ VI VEDETE CON MATTEO? (DI PIERRO Matteo,
dipendente di D'ALFONSO Daniele - ndr.)
NAPOLI: EH SI VIENE MATTEO...
D'ALFONSO: io scendo da Varese, potrei fermarmi, HO I MINUTI CONTATI MA POTREI
FERMARMI, SI SI...
NAPOLI: SEI LI SULLA STRADA...CI VEDIAMO LÌ...(viene interrotto)
D'ALFONSO: ascolta ma c'è qualche padroncino con l'euro 6 fermo? ...
cambiano discorso, poi si salutano e dicono che si vedono in serata
...omissis...
Nell’informativa conclusiva CC Monza sono riportate le immagini del servizio di o.c.p. che ha
documentato la riunione; tra di esse estremamente esemplificative sono quelle nelle quali si vede che il
gruppo di imprenditori si riunisce in cerchio per visionare alcuni fogli che ha in mano DONZELLI
Massimiliano (immagini delle 17.20).
L’attività di NAPOLI volta a garantire una equa spartizione dei lotti tra le imprese interessate si è
rivolta anche verso i rappresentati delle altre società interessate all’appalto che non hanno partecipato
alla riunione in Piazza Kennedy.
Tra di essi, BARONCHELLI Achille, amministratore della società “BARONCHELLI
COSTRUZIONI GENERALI SRL, con sede a Cormano in via Cimabue nr. 26/28, contattato in data
22.07.2017, alle ore 10.08 (progr. 22879). Nel corso delle conversazioni non c'è un diretto riferimento
all'appalto ma, dal contesto in cui avviene la chiamata e dai contenuti del dialogo, è evidente che
NAPOLI ha l'esigenza di incontrarlo per concordare anche con lui il lotto per il quale poter fare
l'offerta.
Nel frattempo NAPOLI mantiene i contatti con le imprese che hanno partecipato all’incontro di piazza
Kennedy, per definire i particolari dell’accordo.
Così, nella conversazione telefonica del 25.07.2017, ore 16.32 (progr. 23415) fra NAPOLI e
COCCIOLO il primo chiede all’altro se parteciperà alla gara unitamente a LEROSE e COCCIOLO
risponde che l’ATI con LEROSE è terminata e quindi non è a conoscenza di cosa farà quest’ultimo.
In effetti nell’aggiudicazione del bando di gara del 2011 per sgombero neve del comune di Milano
indetto dalla società A.M.S.A, il lotto 35 è stato aggiudicato dalle società COMOTER SRL/F.LLI LE
ROSE SRl con un ribasso del 1,20%; i lotti 23, 39, 47, 48 e 49 sono stati aggiudicati dalla società
COMOTER SRL con un ribasso rispettivamente del 9% (per i primi due) e del 2% per i restanti tre.
NAPOLI chiede a COCCIOLO di sentire LEROSE per verificare le sue intenzioni ma COCCIOLO
risponde di essere fuori ufficio; NAPOLI afferma che proverà allora lui a contattare LEROSE e
COCCIOLO precisa che il nome del figlio di LEROSE è LORENZO. (vedasi trascrizione integrale
alle pagg. 66-67 della richiesta di misura)
Il 25 luglio, alle ore 16.35 (progr. 23418) NAPOLI chiama l’utenza 3282590156 (intestata a LEROSE
Lorenzo nato a Cuggiono (MI) il 17/11/1992) e si presenta dicendo di essere della ditta SIMEDIL e
chiede al proprio interlocutore se possano incontrarsi per un “preventivo” (senza specificare nemmeno
il tipo di lavoro connesso al preventivo); LEROSE, comprendendo il significato sotteso a tale termine,
non pone domande e si rende disponibile per l’incontro di persona fissandolo per l’indomani.
Prog. 23418 del 25.07.2017 (RIT 441/17)
Le Rose:
NAPOLI:
Le Rose:
NAPOLI:
Le Rose:
NAPOLI:
Le Rose:
pronto?...pronto?
pronto?
sì
Le Rose?
sì
buongiorno sono Renato NAPOLI impresa Simedil, EdilNAPOLI
ah sì mi dica
49
NAPOLI:
buongiorno
Le Rose:
buongiorno
NAPOLI:
salve, volevo magari, chiedere se potevamo trovarci per..volevo chiederle per un preventivo
Le Rose:
ah
NAPOLI:
se possibile
Le Rose:
domani è possibile?
NAPOLI:
volendo sì..dove siete voi? in che zona siete?
Le Rose:
a Settimo Milanese
NAPOLI:
ah a Settimo
Le Rose:
a Settimo abbiam l'ufficio, dove stiam lavorando, devo fare una lista magari
NAPOLI:
(risata)
Le Rose:
mi dica più o meno in che zona
NAPOLI:
no magari non so, io sono qui Novate Milanese, Bollate
Le Rose:
e noi siamo a Meda, e io domani sono a Meda domani mattina
NAPOLI:
sì magari ci si può vedere tanto per andare a Meda, o ci si vede qua sul passaggio, in quel
caso il caffè lo offro io
Le Rose:
e visto che più o meno siamo dello stesso mestiere deduco, visto che ci conosciamo di nome,
(inc) il dire vieni o vengo io nel tuo ufficio, occupa solo tempo, ci incontriamo in giro
NAPOLI:
volendo sì, magari ci si vede, si vede in giro..verso che orario..
Le Rose:
allora io domani mattina praticamente (inc) a Meda, e quindi devo andare lì a controllare,
intorno alle dieci io mi libero, dieci, dieci e mezzo massimo mi libero, ora (inc) salvo il numero e (inc)
chiamo
NAPOLI:
sì vabbene vabbene, sì si salva il numero, mi da uno squillo domani quando si libera, ci
becchiamo da qualche parte in giro
Le Rose:
vabbene vabbene, ok grazie mille
NAPOLI:
allora aspetto una chiamata domani
Le Rose:
certo grazie
NAPOLI:
grazie grazie saluto
Il giorno seguente, alle ore 11.41 (progr. 23519) i due si risentono e concordano di vedersi presso la
sede della ditta di NAPOLI.
Il servizio di o.c.p. permetteva di documentare l’incontro ed identificare con certezza LEROSE
Lorenzo, che accede presso la ditta SIMEDIL su un’autovettura MERCEDES ML tg. ED512RF
intorno alle 12.30.
Molto importante è la conversazione di seguito commentata in cui GRAMENDOLA Domenico (MG
COSTRUZIONI), uno dei partecipanti all’incontro di piazza Kennedy, nel conversare con NAPOLI
prima gli chiede se ha una “pala” in più in quanto la deve inserire nel lotto e poi, parlando di un
secondo incontro che si dovrebbe svolgere, lascia intendere come sia stato raggiunto un accordo di
massima (NAPOLI “CI DOVREMMO POI INCONTRARE NOI UN’ALTRA VOLTA, MI
SA…COMUNQUE DICIAMO…DOVREBBE FUNZIONARE EH…PREVENTIVO LÌ DOVREBBE
FUNZIONARE BENE…PERÒ SECONDO ME È MEGLIO CHE CI INCONTRIAMO ANCORA
UN’ALTRA VOLTA” .. “che c’è un piccolo sviluppo ma è positivo…volendo possiamo anche non
vederci, perché lo sviluppo è abbastanza positivo” e GRAMENDOLA chiede “ TU SEI SU QUELLE
INTENZIONI CHE AVEVI?” e NAPOLI risponde che lui riprenderà i lotti che aveva già in
precedenza “SI, SI IO RIMANGO DOVE SIAMO” e GRAMENDOLA dice “IO GROSSO MODO LA
STESSA COSA, DOV’ERO…” e NAPOLI aggiunge “IO HO UN LEGGERO SPOSTAMENTO, PERÒ
VA BEH…CONCORDATO QUINDI…È CONCORDATO QUINDI È COME SE RIMANESSI
DOV’ERO…CAPITO?”
Progr. 23354 del 25.07.2017, ore 10.18 .
[….]
NAPOLI Renato:
ti faccio sapere a breve dai...NIENTE POI MAGARI...MAGARI CI
DOVREMMO POI INCONTRARE UN'ALTRA VOLTA MI SA, COMUNQUE DICIAMO
DOVREBBE FUNZIONARE...PREVENTIVO LÌ DOVREBBE FUNZIONARE BENE, PERÒ, PERÒ
SECONDO ME È MEGLIO CHE CI INCONTRIAMO ANCORA UN'ALTRA VOLTA, TU CHE
50
DICI?
GRAMENDOLA Domenico:
SI, PER ME VA BENE...ANCHE LÀ L'ALTRA PERSONA?
NAPOLI Renato:
BEH SE NON È NECESSARIO, VA BEH ADESSO VEDIAMO...INTANTO
PERCHÈ...C'È UN PICCOLO SVILUPPO MA È POSITIVO QUINDI...NON, AL MOMENTO,
VOLENDO POSSIAMO ANCHE NON, NON VEDERCI PERCHÈ LO SVILUPPO È ABBASTANZA
POSITIVO...
GRAMENDOLA Domenico:
MA TU SEI SU QUELLE INTENZIONI CHE ERI?
NAPOLI Renato:
SI, SI IO RIMANGO DOV'ERO...
GRAMENDOLA Domenico:
IO GROSSO MODO LA STESSA COSA, DOV'ERO...
NAPOLI Renato:
SI, RIMANGO...IO HO UN LEGGERO SPOSTAMENTO PERÒ VA
BEH...CONCORDATO...QUINDI
GRAMENDOLA Domenico:
AH OK, VA BEH...
NAPOLI Renato:
è CONCORDATO QUINDI NON...È COME SE RIMANESSI DOV'ERO,
ECCO...CAPITO?
GRAMENDOLA Domenico:
ah, ok, ok
NAPOLI Renato:
va bene dai
Alle successive ore 18.35 (progr. 23435) i due si risentono e dopo aver conversato in merito alla
documentazione da consegnare per partecipare alla gara, GRAMENDOLA afferma che sul lotto che
dovrà fare lui, ossia il lotto 8, nel bando sono previsti 4 camion e due pale gommate “dice che
praticamente servono i quattro camion per il caricamento e due pale gommate…ALMENO SUL MIO
LOTTO INDICA COSÌ…SUL LOTTO CHE DOVREI FARE IO…IL LOTTO OTTO…”.
GRAMENDOLA Domenico:
SI...DICE CHE PRATICAMENTE SERVONO I QUATTRO CAMION PER
IL CARICAMENTO E DUE PALE GOMMATE...ALMENO SUL MIO LOTTO INDICA COSÌ...SUL
LOTTO CHE DOVREI FARE IO...
UOMO:
CHE LOTTO È QUELLO?
GRAMENDOLA Domenico:
IL LOTTO OTTO...
UOMO:
IL LOTTO OTTO...cinque meccanizzati, undici a mano...inc...due automezzi per il
caricamento, si può fare con il cassone ribaltabile
GRAMENDOLA Domenico:
esatto e quattro camion...
NAPOLI Renato:
ok ed a te manca una pala...
GRAMENDOLA Domenico:
l'ho trovata comunque adesso...
NAPOLI Renato:
ah l'hai trovata?
GRAMENDOLA Domenico:
l'ho trovata, si...
Poi la conversazione prosegue in merito alla documentazione da presentare per la gara
La MG COSTRUZIONI parteciperà, come previsto, al LOTTO 8 (con punteggio di 79,109) non riuscendo
però ad aggiudicarselo a causa dell'offerta, non concordata, fatta dalla W. BAU SRL (punteggio
complessivo di 90). Stessa cosa accadrà per il LOTTO 7 che sarà anche esso aggiudicato alla W. BAU
SRL (punteggio complessivo di 90).
Intanto, il 26.07.2017, alle ore 11.04 (pr. 23502 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI – RIT 441/17)
ARRIGO Sergio avvisa NAPOLI Renato che la ditta MALACRIDA, unitamente ad altre quattro
imprese (tutte a lui legate) si è presentata presso il suo ufficio ed ha visionato la documentazione
relativa alla gara con l’intenzione di partecipare all’aggiudicazione di tutti i lotti “...ti dico guarda per
ora c'è Malacrida che è venuto in forze...con quattro....allora uno due tre....aspetta eh...uno
due.....tre...quattro....con quattro società diverse...INC a lui....sempre lui...sono i GRIGNOLA i
MALACRIDA che...” “sono cugini insomma” “eh bravo bravo...quattro..e li han presi
tutti...tutti....han voluto la presa visione di tutti”:
Lo stesso giorno, ore 12.08 (progr. 23526) NAPOLI chiama PONTI ed i due conversano in merito
all’assegnazione dei lotti “stavo guardando un pò le cose degli altri anni…ma tu cos’è che avevi
prima? Che numero avevi prima?” e PONTI risponde che ne aveva due precisando che più tardi gli
invierà un messaggio indicandoli con precisione. Si riferisce infatti ai lotti 30 e 38 del bando sgombero
neve del 2011 indetto dall’A.M.S.A. di Milano assegnati alla società “TAU ENGINEERING S.R.L.”,
51
nella quale fino al 23.04.2016 PONTI Giacomo risultava essere Amministratore Unico. La “TAU
ENGINEERING S.R.L.” risulta partecipata con una quota del 85% di proprietà dalla società
“EMMETIVI IMMOBILIARE S.R.L.”
Il 28.07.2017, ore 16.34 (progr. 23974) NAPOLI e PONTI concordano per incontrarsi il giorno
successivo. Effettivamente il 29.07.2017, ore 10.54 (progr. 24097) i due si risentono e concordano di
vedersi in p.za Pompeo Castelli di Milano.
Un servizio di o.c.p. consentiva di documentare l’incontro in argomento, avvenuto intorno alle ore
11.23.
ONGARI Fabio, socio (con una quota del 50%) della “ISOF costruzioni s.r.l.” con sede a Milano viale
Francesco Crispi nr. 5/A, è un altro degli imprenditori che ha partecipato all’incontro di piazza
Kennedy. In data 28.07.217, ore 12.23 (progr. 23906) NAPOLI ed ONGARI Fabio si risentono e il
primo rassicura l’interlocutore dicendogli che rimangono validi gli accordi presi durante l’incontro del
21.07.2017 “LA COSA DOVREBBE ESSERE PIÙ O MENO COME…COME…CI…” e FABIO
“COME CI SIAMO DETTI”; poi NAPOLI lo ragguaglia e lo rassicura anche sul fatto che sono in
corso le trattative con le ditte riconducibili all’altra cordata (riferendosi verosimilmente a
MALACRIDA e BIANCHI) “SAI CHE CE N’ERANO DUE…INC…NO?...ANCHE LÌ FORSE SI
DOVREBBE SISTEMARE TUTTO QUEL DISCORSO, PERÒ…SAREBBE UN’OTTIMA COSA… EH”
e poi NAPOLI propone un’eventuale incontro per l’indomani. ONGARI Fabio (confermando ancora
una volta che nell’incontro di piazza Kennedy c’è stato l’accordo per la spartizione di lotti) dice che
non ci sarà aggiungendo “quindi va beh…sai esattamente…VALE QUELLO CHE CI SIAMO
DETTI…E RIMANE QUELLO CHE CI SIAMO DETTI, COMUNQUE VADA…VALE IL DISCORSO
CHE HA FATTO GIORGIO (MAININI Giorgio, presente al noto incontro, n.d.r.) PUNTO…”
Alle ore 12.17 del 26.07.2017 (pr. 23532 - utenza 3290503479 in uso a NAPOLI – RIT 441/17),
NAPOLI chiama MAININI Giorgio al quale chiede se ha sentito BIANCHI e MALA (riferendosi
evidentemente alla ditta BIANCHI e MALACRIDA entrambe interessate al bando di gara) ma
l’interlocutore afferma di non essere stato più ricontattato da nessuno dei due.
MAININI Giorgio:
Ciao Renato, non mi ha ancora chiamato quel coglione là...
NAPOLI Renato:
ciao, ne l'uno ne l'altro?
MAININI Giorgio:
chi è che doveva chiamarmi? doveva chiamarmi BIANCHI a me...
NAPOLI Renato:
eh si, ma anche l'altro lì...il...
MAININI Giorgio:
MALA...
NAPOLI Renato:
eh...
MAININI Giorgio:
no, non mi ha chiamato nessuno...adesso oggi provo a chiamare io...inc...
NAPOLI Renato:
eh perchè...si va beh...poi ci...ci vediamo ti...inc...il verde lì ha detto che è
andato lì con quattro cose...ha visto tutto...con quattro, con quattro...sai che loro...una...tre quattro
insieme loro no?
MAININI Giorgio:
si, si
NAPOLI Renato:
eh si va beh...poi può andare anche con cinquanta che...il mal di testa gli
viene poi anche a...
MAININI Giorgio:
...inc...
NAPOLI Renato:
eh infatti...ma...e come se gli viene il mal di testa...cazzi suoi...però comunque
va beh..
MAININI Giorgio:
i barboni son barboni...
NAPOLI Renato:
infatti, infatti....INVECE DI QUÀ HO FATTO UN PO DI
COSE...DOBBIAMO...DOBBIAMO VEDERCI....
MAININI Giorgio:
va bene....
NAPOLI Renato:
ho fatto quattro chiacchere...un po...
MAININI Giorgio:
va bene...vediamoci...non so, magari anche oggi pomeriggio...adesso devo
fare due o tre ...inc...ed andare in ufficio...poi devo andare in un cantiere...tu hai mica in giro un
geometra che potrebbe andarmi bene?
NAPOLI Renato:
per fare cosa? che tipo di lavori?
MAININI Giorgio:
edile e stradale...un po di tutto...
52
NAPOLI Renato:
lavoro c'è qualcosa
MAININI Giorgio:
NAPOLI Renato:
MAININI Giorgio:
NAPOLI Renato:
MAININI Giorgio:
NAPOLI Renato:
MAININI Giorgio:
NAPOLI Renato:
eh qualcosa...tra i miei no...qualcosa di, di...in giro che va cercato
fatti giù una listina che...ce la vediamo oggi e me la dai...
non so se riesco a dartela oggi, perchè oggi ...inc...però ce l'ho...
ci sentiamo oggi...
te la posso anche inviare, non c'è problema...
si, si, no, no...ci sentiamo oggi ...
ok...mi chiami tu quando ti liberi?
si ciao
ciao
La conversazione appena riportata appare significativa, in quanto segnala come vi siano imprese sicuramente
interessate a partecipare alla gara, in quanto già aggiudicatarie di alcuni lotti nella gara precedente, che
sembrano volersi “smarcare” dall’accordo proposto da Napoli. Ciò suscita la disapprovazione degli
interlocutori e la manifestazione di disprezzo verso i “non allineati” definiti “barboni”.
Il giorno successivo, 27 luglio alle ore 14.30, avviene un incontro, monitorato con servizio di o.c.p. tra
NAPOLI Renato, MAININI Giorgio, MALACRIDA Pierluigi, nato a Monza il 01/05/1976 e
GRIGNOLA Cristian, nato a Monza il 19.11.1993 (rapppresentante della GRIGNOLA di GRIGNOLA
Vittorio e C. s.a.s.), questi ultimi giunti a bordo dell’autovettura Renault Clio targata FK161ES,
intestata alla società “Malacrida Ambiente Costruzioni s.r.l.” con sede a Lesmo (MB) in via XXV
Aprile nr. 18.
L’incontro, presso il Mc.Donald della Milano Meda, organizzato al fine di trovare un accordo
soddisfacente per entrambe le “cordate” in campo, sembrerebbe avere avuto successo, come si evince
dalla conversazione delle ore 09.04 del 28.07.2017 (pr. 23837 - utenza 3290503479 in uso a NAPOLI
– RIT 441/17) nella quale NAPOLI, conversando con Achille BARONCHELLI afferma “AL
MOMENTO VA TUTTO BENE VA TUTTO ANCHE MOLTO BENE E ANCHE DELL'ALTRO ...
SULL'ALTRO VERSANTE DALL'ALTRA PARTE” “quindi sembrerebbe tutto a posto sto
aspettando una conferma però sembrerebbe tutto molto bene”.
Il riferimento all’ “altro versante” è quello appunto del gruppo di aziende che fa capo alla
MALACRIDA, che evidentemente si è mostrata favorevole all’accordo di spartizione.
[…]
Achille: no per altro se va tutto bene ok a posto!
NAPOLI:
AL MOMENTO VA TUTTO BENE VA TUTTO ANCHE MOLTO BENE E ANCHE
DELL'ALTRO ... SULL'ALTRO VERSANTE DALL'ALTRA PARTE
Achille: si si si si
NAPOLI:
quindi sembrerebbe tutto a posto sto aspettando una conferma però sembrerebbe tutto molto
bene quindi niente poi comunque il ..dobbiamo rifare un girettino di telefonate eh cioè di telefonate un girettino
magari ci vediamo per bere un caffè qualcosa..
Achille: se hai bisogno chiamami non c'è problema..
NAPOLI:
uhm comunque diciamo al momento tutto a posto perchè potrebbe anche darsi che ...con te
tanto ci siamo già detti più o meno sull'argomento, quindi se va tutto bene potrebbe anche non vederci ecco
però..
Achille: si va bene ..
Poco dopo (cfr. progr. 23871 – 28.07.2017 ore 09.50 - RIT 441/17) NAPOLI si risente con MAININI: i due
conversano in merito ad un incontro fra due terzi soggetti che aveva avuto esito negativo poiché uno dei due era
completamente impreparato e quindi i due dovranno incontrarsi di nuovo. Dalle conversazioni successive si
comprende che il riferimento è ad un incontro avvenuto tra MALACRIDA e BIANCHI (evidentemente oggetto
della conversazione del giorno precedente presso il Mc Donald’s), quest’ultimo titolare dell’ultima società
rimasta fuori dall’accordo collusivo gia in occasione della gara precedente.
Giorgio:
Renato?
NAPOLI:
si ciao Giorgio!
Giorgio:
ciao scusami un secondo ho parlato con quello là stamattina..
NAPOLI:
si?
53
Giorgio:
rivedere oggi.
NAPOLI:
Giorgio:
fuori...
ha detto che quello là è andato là stamattina ma era completamente impreparato si devono
ah ok!
ok? poi un'altra cosa scusami Renato ma mi hanno detto che in associazione ti sei tirato
Il 30.07.2017, ore 18.35 (pr. 24370 - utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) BARONCHELLI e NAPOLI
concordano di vedersi l’indomani alle ore 14.00.
Alle ore 08.48 del 01.08.2017 (cfr. progr. 24411 – utenza 3290503479 in uso a NAPOLI) MAININI, di nuovo
con linguaggio allusivo, propone a NAPOLI di contattare direttamente la persona che avevano incontrato
(evidentemente MALACRIDA) ricevendo risposta affermativa:
MAININI Giorgio:
ciao Renato...pronto?
NAPOLI Renato:
pronto
MAININI Giorgio:
pronto
NAPOLI Renato:
ciao Giorgio, com'è?
MAININI Giorgio:
dimmi tutto...
NAPOLI Renato:
tutto bene? ma poi ti...inc...qualcuno?
MAININI Giorgio:
l'ho chiamato, quello là mi ha detto che quello là non aveva, non aveva ancora dato,
dato risposta...perchè si dovevano rivedere ma non mi ha più detto niente...prova a dargli un colpo di
telefono..
NAPOLI Renato:
a quello lì...ok...
MAININI Giorgio:
quello che abbiamo visto...
NAPOLI Renato:
ok, va bon, ok...
(…)
Dopo pochissimi minuti NAPOLI Renato chiama MALACRIDA Pierluigi (pr. 24420 – utenza
329.0503479 in uso a NAPOLI Renato 01.08.2017, ore 09.03). MALACRIDA afferma infatti che per
quanto riguarda la sua “cordata” l’accordo è stato raggiunto “tutto a posto...NOI CI SIAMO
SISTEMATI...” e NAPOLI risponde “AH BENE...SENTI SE CI VEDIAMO UN MINUTO, TI VENGO
A TROVARE”. Quindi i due concordano di incontrarsi presso la ditta di NAPOLI.
NAPOLI Renato chiama MALACRIDA Pierluigi
MALACRIDA: pronto!
NAPOLI:
pronto, ciao Piero, Renato
MALACRIDA: ciao
NAPOLI:
tutto bene?
MALACRIDA: tutto a posto...NOI CI SIAMO SISTEMATI...
NAPOLI:
AH BENE...SENTI SE CI VEDIAMO UN MINUTO, TI VENGO A TROVARE?
MALACRIDA: va bene, tu dove sei?
NAPOLI:
io adesso sono a Novate
[…]
MALACRIDA: mi dai l'indirizzo che vengo io perchè mi è comodo da qua...?
La P.G. documentava l’incontro:
Dalla ditta SIMEDIL esce e si allontana l’autovettura Renault Clio colore beige,
targata FK161ES condotta da MALACRIDA Pierluigi (già identificato nel corso del
servizio di O.C.P. del 27.07.2017 con la medesima autovettura)
Nelle conversazioni successive delle ore 14.25 del 01.08.2017 (progr. 24505 – utenza in uso a
NAPOLI) MALACRIDA Pierluigi afferma di non essere riuscito a rintracciare la terza persona
(BIANCHI Vincenzo) e quindi ora si sta recando a Concorezzo; NAPOLI risponde che eventualmente
passerà di là anche lui.
ore 11.10
54
Intanto, alle ore 14.34, NAPOLI si reca presso il civico 26/28 di via Cimabue di Cormano ove ha sede
la società “BARONCHELLI COSTRUZIONI GENERALI SRL” per incontrare BARONCHELLI
(vedasi servizio di O.C.P..
Alle ore 09.19 del 02.08.2017 (progr. 24655 – utenza in uso a NAPOLI) NAPOLI riferisce di aver
sentito telefonicamente il soggetto (BIANCHI) che però si trova a Legnano. NAPOLI aggiunge che
sta provando a chiamarlo senza alcun esito e MALACRIDA risponde “SE SI FA NEGARE PERCHÉ
NON VUOLE….CAPISCI COSA VOGLIO DIRE” suggerendo a NAPOLI di andare comunque in
ufficio a cercarlo.
La conferma che la persona che i due disperatamente cercano di incontrare è BIANCHI Vincenzo
emerge dalla conversazione progr. 24523 nella quale NAPOLI chiedeva all’uomo un incontro urgente.
BIANCHI Vincenzo: si pronto...
NAPOLI Renato:
pronto?
BIANCHI Vincenzo: si
NAPOLI Renato:
ciao Vincenzo, sono Renato NAPOLI...
BIANCHI Vincenzo: ah ciao Renato...
NAPOLI Renato:
ciao, ciao...come stai?
BIANCHI Vincenzo: ma dai si vivacchia
NAPOLI Renato:
senti io sto venendo su in zona...nord...tu sei li in ufficio?
BIANCHI Vincenzo: no, sono a Saronno per un lavoro...
NAPOLI Renato:
ah a Saronno...
BIANCHI Vincenzo: ci sono domani, ci sono...
NAPOLI Renato:
domani? domani mattina?
BIANCHI Vincenzo: domani quando vuoi...mi dai un orario...ci...
NAPOLI Renato:
e se ci vediamo più tardi? tanto a Saronno siamo di strada...
BIANCHI Vincenzo: eh io però dopo devo tornare indietro che c'ho altri due impegni...cioè
se mi vuoi venire a trovare dopo in ufficio sono più in ufficio però...semmai domani,
domani...per me è meglio, ho più respiro...se mi dici anche da qualche parte ci
troviamo...senza che devi venire fino in magazzino...
NAPOLI Renato:
si, no dico se oggi...sei di strada no...da Saronno passi da...inc...
BIANCHI Vincenzo: allora facciamo una cosa...fammi finire così...e quando ho finito di
chiamo, così tu mi dici dove sei...
NAPOLI Renato:
io ti vengo incontro...
BIANCHI Vincenzo: va bene...
NAPOLI Renato:
ci vediamo da qualche parte a bere un caffè...eh...
BIANCHI Vincenzo: ti chiamo io...ti chiamo io più tardi quando ho finito qui la riunione...
NAPOLI Renato:
allora aspetto te dai...ciao grazie
BIANCHI Vincenzo: grazie a te...
Il giorno successivo (02.08.2017), alle ore 09.06 (cfr. progr. 24639) NAPOLI e MAININI si risentono
ed il primo gli comunica che l’incontro del giorno precedente è andato bene (riferendosi a quello con
MALACRIDA) aggiungendo che quest’ultimo doveva rivedere BIANCHI e che anche lui lo
incontrerà in giornata.
MAININI Giorgio:
ciao Renato
NAPOLI Renato:
ciao Giorgio
MAININI Giorgio:
COM'È ANDATA IERI CON QUELLO LÀ?
NAPOLI Renato:
ma il....bene diciamo, bene...direi bene col...lui poi dovrà rivedere di nuovo il l'uomo
lì...quell'altro lì, il suo...suo...l'uomo lì...ecco...e gli ho detto guarda però verrei a trovarlo pure io...per
tranquillità... allora poi l'ho chiamato l'uomo lì che mi ha risposto...ieri sera non siamo riusciti a vederci, gli
ho detto che lo avrei chiamato questa mattina...lui ha detto che questa mattina era disponibile...se vuoi
venire anche tu a fare un...inc...
MAININI Giorgio:
proprio non ce la faccio perchè adesso sono qui in cantiere, poi devo andare in
Metropolitane a firmare uno stato di avanzamento e dopo devo, devo tornare in ufficio che alle tre, due e
mezza...devo essere a Bergamo, devo andare a Varese che ho sentito la deficiente del...inc...che è proprio
una cretina...
NAPOLI Renato:
minchia...lì abbondano in quella struttura
55
MAININI Giorgio:
NAPOLI Renato:
MAININI Giorgio:
NAPOLI Renato:
puttana troia, ragazzi...
abbondano
dai che ti chiamo fra un minuto che c'ho gli operai...
dai...
Alle successive ore 09.11 i due si risentono (cfr. progr. 24649): MAININI chiede a NAPOLI “cosa si dice
dalle tue parti, DALLE NOSTRE PARTI” e NAPOLI risponde che due sono a posto e che per il “cornuto”
(riferendosi ovviamente a BIANCHI) non si sa.
Alle ore 09:19 del 2.8.2017, NAPOLI chiama MALACRIDA Pierluigi e lo informa di non essere
riuscito a vedere la “terza persona” (prog. 24655).
NAPOLI Renato:
Pronto?
MALACRIDA Pierluigi:
ciao dimmi...
NAPOLI Renato:
ciao Piero...hai avuto novità? niente?
MALACRIDA Pierluigi:
no..io non sono più passato perchè ho capito che avevi parlato tu
NAPOLI Renato:
no, no...ci ho parlato ieri solo che poi lui era, era a Legnano...mi fa...io oggi
dico se riusciamo ci vediamo dopo...e dice se no io domani mattina ci sono, in ufficio.. però io
continuo a chiamarlo ma non mi...non...sembra che ha il telefono spento...boh...
MALACRIDA Pierluigi:
non posso dire perchè io sono a Varese...in questo momento...poi io ci
sono fino al pomeriggio perchè poi parto...io ieri poi non sono più andato...sono andato là due
volte...sai non è che...lui non c'era...doveva richiamare alle due, poi sono andato là alle due e mezza,
tre meno un quarto e non era ancora tornato...e poi ti ho mandato il messaggio ed avevo capito che
comunque vi eravate sentiti voi...io ho lasciato perdere...
NAPOLI Renato:
ci siamo sentiti ma appunto non...ci siano sentito al telefono...dovevamo
vederci, e mi ha detto ci vediamo domani o stasera dice se riesco ti chiamo stasera...se no domani
mattina...stamattina ci sarebbe...solo che poi adesso non riesco a parlarci eh...però...
MALACRIDA Pierluigi:
...verso mezzogiorno...eventualmente provo a passar la di persona
ecco...quello che posso fare è quello
NAPOLI Renato:
lui è a Concorezzo di solito?
MALACRIDA Pierluigi:
è a Concorezzo...si...
NAPOLI Renato:
magari faccio un salto dentro e vedo...faccio prima così...
MALACRIDA Pierluigi:
si, si...non che non voglio ...però io sono andato là due volte...non
c'era...ora se si fa negare perchè non vuole....capisce cosa voglio dire...questo non lo so...
NAPOLI Renato:
capito, capito...e non lo so...adesso provo a vedere...cosa riesco...
MALACRIDA Pierluigi:
...inc...mezz'ora vai a trovarlo....
NAPOLI Renato:
si...ci dedico una mezz'oretta...
MALACRIDA Pierluigi:
perchè...non perchè io voglio diffidare...mi hai conosciuto, sono una
persona abbastanza schietta...però magari a me mi condisce via o mi da la risposta che vuole...a te
magari prende gli impegni differente...inc... la cosa che ti riguarda...quindi visto che da ieri lo
cerchiamo e a me non ha richiamato...lasciato detto PIERO che son passato io...eh quindi magari vale
la pena che vai da lui ecco...
NAPOLI Renato:
si, si faccio così dai...
MALACRIDA Pierluigi:
mi sento di consigliarti...di appoggiarti...inc...
NAPOLI Renato:
va bene...d'accordo...va bene
MALACRIDA Pierluigi:
va bene?
NAPOLI Renato:
ok va bene, ciao
MALACRIDA Pierluigi:
ciao grazie
Alle ore 11.06 NAPOLI Renato accede all’interno del civico nr. 134 di via Imbersago di Concorezzo
(dove vi è un ampio piazzale con numerosi camion per il trasporto terra) per poi uscirne dopo alcuni
minuti per imboccare una stradina adiacente, via Rancate; dopo poche centinaia di metri entra in un
cancello carraio che immette in un ampio cortile con materiale edile e di risulta con un cartello
riportante il nome della società “ASFALTI Brianza”. Alle ore 11.28 NAPOLI esce dal cancello e si
allontana.
56
Alle successive ore 11.33 (cfr. progr. 24748 – utenza in uso a NAPOLI) NAPOLI riferisce che
BIANCHI ha il telefono spento precisando di essere passato “là”, affermazione alla quale
MALACRIDA ribadisce con la frase “non vuole farsi trovare”.
Per tutta la giornata del 02.08.2017 NAPOLI cerca di chiamare BIANCHI Vincenzo senza alcun esito.
Alle ore 11.46 (cfr. progr. 24749) NAPOLI dice a MAININI di non essere riuscito a parlare con lo
“scemo” precisando di aver invece parlato con l’altro (MALACRIDA) con il quale va tutto bene.
MAININI afferma che ora proverà a chiamare il padre (di BIANCHI Vincenzo).
NAPOLI ribadisce che è necessario parlarci.
Alle ore 16.18 (cfr. progr. 24807) RENATO chiede a MAININI se ha chiamato il padre (di BIANCHI)
e MAININI risponde di essersene dimenticato e che provvederà subito
Alle 18.45 (cfr. progr. 24909) RENATO dice di essere ripassato anche nel pomeriggio (da BIANCHI), senza
trovarlo e di aver parlato con l’aiutante. MAININI risponde che “c’è anche il problema dalla nostra parte”,
lasciando intendere che anche all’interno della loro cordata non tutto era definito. Si accordano per vedersi
più tardi.
MAININI Giorgio:
ciao Renato son qui ancora a Bergamo io...appena, devo finire di firmare una
fideiussione...
NAPOLI Renato:
SONO RIPASSATO DI LÀ PER L'ENNESIMA VOLTA, SONO ANDATO DI
NUOVO...STAMATTINA E SONO ANDATO ADESSO, LUI NON C'ERA E PERÒ HO PARLATO CON IL
SUO AIUTANTE CHE...INC...QUESTE COSE QUÀ...GLI HO SPIEGATO UN BEL PO DI COSE E...
MAININI Giorgio:
SI MA C'È ANCHE IL PROBLEMA DALLA NOSTRA PARTE EH...
NAPOLI Renato:
SI?
MAININI Giorgio:
SI...DOPO...DEVO USCIRE DI QUI..CIAO, CI VEDIAMO PER FORZA...
NAPOLI Renato:
VUOI CHE CI VEDIAMO PIÙ TARDI?
MAININI Giorgio:
SI CIAO
NAPOLI Renato:
ciao
Effettivamente NAPOLI Renato, a bordo della propria autovettura Mercedes ML, alle ore 17.50 del
02.08.2017, accede all’interno della ditta “Asfalti Brianza” di Concorezzo, ove già si era recato in
mattinata, e riparte dalla stessa alle ore 18.17 (cfr. tracciato GPS installato a bordo della Mercedes
ML).
Alle 19.15 (cfr. progr. 24910) NAPOLI e MAININI concordano di vedersi a breve dove si erano visti
l’altra volta; MAININI ribadisce che qualcuno gli ha riferito “che c’è qualche problema”. NAPOLI
propone di invitare questa persona a passare da lui così ne potranno discutere. MAININI risponde che
adesso chiamerà quella persona e poi gli farà sapere.
NAPOLI Renato:
pronto?
MAININI Giorgio:
io son quà, sto partendo adesso da...son partito adesso da Gorle...Bergamo...
NAPOLI Renato:
CI VEDIAMO LÌ SU...DOVE CI SIAMO VISTI L'ALTRA VOLTA?
MAININI Giorgio:
SI, IO..VENGO IN GIÙ DI LÌ...VENGO....LÌ...SENTI UN ATTIMO, NO
PERCHÈ ADESSO FACCIO VENIRE ANCHE...(sto sbagliando strada)
NAPOLI Renato:
fai, fai tranquillo.. che non c'è fretta
MAININI Giorgio:
credo proprio di aver sbagliato anche strada io...Anzano Lombardo,
boh...penso di aver sbagliato strada porca troia...inc...si metto il navigatore...CHE C'È QUALCUNO
CHE MI HA DETTO CHE C'È QUALCHE PROBLEMA...
NAPOLI Renato:
AH...FALLO PASSARE DI QUA CHE NE PARLIAMO...
MAININI Giorgio:
EH HO CAPITO, NON È CHE GLI DICO...COME FACCIO A
DIRGLIELO...PORCO GIUDA...
NAPOLI Renato:
vuoi dirgli di venire quà da me?
MAININI Giorgio:
NON È CAPACE...ADESSO FAMMI, FAMMI VEDERE VA...FAMMI
SENTIRE, LO CHIAMO E VEDIAMO CHE COSA MI DICE...OK?
NAPOLI Renato:
VA BENE DAI...OK...IO ASPETTO QUÀ CHE MI CHIAMATE...CIAO
MAININI Giorgio:
ciao
Alle ore 19.20 (cfr. progr. 24913) NAPOLI e MAININI si accordano per vedersi dove si erano visti la
volta precedente. Incontro che effettivamente si verifica come emerge dall’intercettazione ambientale
57
a bordo del Mercedes ML delle ore 20.00 circa del 02.08.217 (progr. 124-A1) nella quale, sempre
riferendosi al bando di gara, NAPOLI dice a MAININI che quella persona è una “testa di minchia”, e
che nessuno lo ha contattato, aggiungendo che lui (NAPOLI) aveva un fogliettino con indicati tutti i
partecipanti dell’anno scorso. Poi entrambi commentano il fatto che SINOPOLI è pericoloso e
NAPOLI afferma che SINOPOLI e TORO non sono stati contattati da nessuno e quindi non si sa cosa
faranno.
PRG: 124
Data: 02/08/2017 Ora: 20:00:00 Durata: 1:00: Amb. Mercedes ML-NAPOLI R.
NAPOLI:
che non sappiamo cosa fa, quello lì faceva un lotto in centro prima
Giorgio:
sì
NAPOLI:
quel testa di minchia lì, non l'ha contattato nessuno.. adesso te lo dico come si
chiamava quello lì..quel testa (inc)
Giorgio:
avevo dato io (inc)
NAPOLI:
no, IO AVEVO UN FOGLIETTINO VERDE CON QUELLI DELL'ANNO SCORSO,
DI CHI PARTECIPAVA.. E CHI NO.. come cazzo si chiama quello figa!........Sinopoli aspetta, dove
cazzo..
Giorgio:
quello lì è pericoloso, quello lì è uno scemo.. Sinopoli (inc)
NAPOLI:
c'è Sinopoli e Toro.. non si sa che cazzo fanno, IO NON LI HO CHIAMATI, io non so
nemmeno chi cazzo sono
Nella conversazione appena riportata emergono pertanto due outsider rispetto alle due cordate già
delineate in vista della partecipazione al bando, vale a dire Sinopoli e Toro che, come si vedrà meglio
in seguito, riusciranno ad aggiudicarsi alcuni lotti
Il giorno successivo (3 agosto) alle ore 12.13 (progr. 25071) NAPOLI riferisce che non riesce a
comunicare né con la terza persona (BIANCHI Vincenzo) né con il suo geometra che aveva incontrato
ieri (si riferisce al suo “aiutante” geometra di nome Dario – cfr. progr. 24994-25056-25054-2506824999-25053-25065; ed effettivamente vi sono una serie di tentativi di chiamata diretti all’utenza
3209139151 intestata alla società ”W.BAU s.r.l.” con sede a Concorezzo, via Imbersago nr. 134/3, in
uso a tale DARIO.); entrambi concordano che questo atteggiamento è sintomatico del fatto che non
vogliono trovare un accordo e che “romperanno le palle”. MAININI inoltre afferma che il
comportamento di BIANCHI è incomprensibile in considerazione del fatto che è stato proprio lui per
primo a contattarlo; MAININI poi aggiunge che non ha parlato nemmeno con il padre. MAININI dice
che l’altro, riferendosi a MALACRIDA, è andato là e si è comportato correttamente (ossia che ha
incontrato BIANCHI come gli era stato chiesto al fine di fissare un successivo appuntamento anche
con loro) e NAPOLI precisa che in tale incontro MALACRIDA ha consegnato (a Bianchi) una lista di
possibilità (lotti per cui concorrere).
Conversazione prog. 25071 del 03.08.2017 RIT 441/17
MAININI:
ciao
NAPOLI:
ciao Giorgio
MAININI:
ciao
NAPOLI:
com'è? Dove sei?
MAININI:
qua in giro, non so (inc.) a Milano, dimmi tutto
NAPOLI:
ah
MAININI:
ad incontrare una persona...dimmi tutto
NAPOLI:
poi per quel tipo la assolutamente, non si fa trovare più nessuno...ne lui ne il geometra
MAININI:
vabbè
NAPOLI:
non rispondono ovviamente a questo punto è chiaro
MAININI:
se tu hai a che fare con dei matti, ma magari è in ferie
NAPOLI:
no non è in ferie, ieri ho parlato con il geometra mi ha detto si poi lo vedo le faccio sapere,
ci mancherebbe qua e la, su e giù...oggi non mi risponde più neanche lui...e l'ho chiamato 3-4 volte
stamattina, solo che francamente l'avrei potuto chiamare una volta sola, poi se vuoi mi richiami sennò ciao!
cioè non è che devo andar li a...
MAININI:
inc
NAPOLI:
um
MAININI:
sono barboni, sono barboni
58
NAPOLI:
solo che non so che cazzo fanno questi qua, hai capito? Mi romperanno le palle!
MAININI:
sono troppo stupidi...quando hai a che fare con uno stupido, inc...qua è scemunito, scusami,
cosa devo dire...
NAPOLI:
eh niente boh
MAININI:
io son diverso da loro, loro son diversi da me, sono diversi da te e da tanti altri...
NAPOLI:
si
MAININI:
però un cretino come quello li è dura
NAPOLI:
ma veramente!
MAININI:
ma poi che cazzo telefoni a fare a me, che cazzo mi hai telefonato a fare?
NAPOLI:
perchè ti ha chiamato lui?
MAININI:
e si, mica io l'ho chiamato...inc...non lo conosco se lo vedo non so neanche che faccia è...
NAPOLI:
pensa te
MAININI:
ma io non lo conosco, mai visto...
NAPOLI:
che faccia di merda che è questo qua!
MAININI:
ba, mi ha telefonato lui, mi ha telefonato, che glielo ha detto suo padre di parlare...inc...ma
io non l'ho mai visto, no no sono mica io, mi guardo a cercarlo
NAPOLI:
suo padre hai provato a cercarlo?
MAININI:
ma io no, adesso lo posso chiamare, ma a me mi girano anche i coglioni, scusa
NAPOLI:
anche a me
MAININI:
ad un certo punto ragazzi se tu mi chiami, io non voglio neanche avere a che fare con te, io
non voglio avere con te, mi chiami, mi dici che avevi bisogno di parlarmi, non sono mai riuscito ad
incontrarlo...io non l'ho mai incontrato eh!
NAPOLI:
ma che faccia di merda!
MAININI:
perchè quella volta che gli ho detto vediamoci, ha detto che c'era la colonna e non è
venuto...(impreca)...io non ti cerco più eh
NAPOLI:
infatti
MAININI:
io non l'ho mica visto...io non lo so che faccia ha sto signore
NAPOLI:
ma io lo so, una faccia da pirla
MAININI:
non poteva averla diversamente
NAPOLI:
infatti e va bene dai niente lasciamoli perdere, mi dispiace perchè
MAININI:
a me dispiace a me dispiace però è un coglione, cosa vuoi che faccia io?
NAPOLI:
niente che cazzo vuoi fare...
MAININI:
MA IO HO PAURA CHE...MA QUANDO È CHE VA QUELLA ROBA LI?
NAPOLI:
EH DOMANI, DOMANI BISOGNA ANDARE...
MAININI:
ok ok
NAPOLI:
ehm...
MAININI:
se questo qui non si fa...non so io...POSSO ANCHE CHIAMARE IL PADRE...MA CHE
CAZZO ME NE FREGA!
NAPOLI:
FA NIENTE, NON STAR LI A DIVENTAR MATTO e buona notte
MAININI:
inc...con un coglione
NAPOLI:
che faccia quello che vuole e buonanotte
MAININI:
poi quell'altro è andato la, io non lo so io...quello la si è comportato correttamente...
NAPOLI:
IL MALA (Malacrida - ndr.) SI...È ANDATO LA...si eran visti li e...ha dato anche una lista
di possibilità diciamo no...
MAININI:
bene
NAPOLI:
che è quella che ti ho fatto vedere anche a te
MAININI:
si...proprio frega niente inc...
Si salutano
Si può affermare con certezza che la persona che NAPOLI doveva incontrare a Concorezzo fosse
proprio BIANCHI Vincenzo, in quanto:
nelle conversazioni fra NAPOLI e l’usuario dell’utenza 3425830706, il primo chiama l’interlocutore
VINCENZO;
nella conversazione del 27.07.2017, ore 08.57 (progr. 23699) NAPOLI chiede a Sergio se può
fornirgli il numero telefonico di Vincenzo figlio di BIANCHI e Sergio fornisce il nr. 3425830706;
59
l’intestatario dell’utenza 3425830706 è PAUN Sorin (Romania, 7.06.1975), amministratore Unico
della società “SERVIZI E TRASPORTI SOCIETÀ COOPERATIVA SOC.COOP.”, con sede a
Paderno Dugnano in via Ampere nr. 1 ed unità locale in Concorezzo, via per Imberzagno nr. 134/2,
stesso indirizzo ove ha sede la società “Asfalti Brianza s.r.l.” di cui BIANCHI Vincenzo risulta essere
“Procuratore Speciale” (cfr. cessione ramo azienda fra la ditta “Lion Trasporti e Logistica s.r.l.” e la
società - nr. 91360 di Repertorio del 15.03.2017, nr. 24577 di Repertorio nr. 17637 di Raccolta –
notaio Rosanna DI MAURO, via Moscova nr. 40 Milano)
in data 19.05.2016, alle ore 04.35, presso l’area di servizio Lario Est posta lungo l’autostrada A9,
BIANCHI Vincenzo e PAUN Sorin venivano sottoposti ad un controllo stradale;
BIANCHI Vincenzo risulta essere stato proprietario, con una quota del 55%, della società “Lucchini
Artoni s.r.l. in liquidazione” già assegnataria di alcuni lotti per lo sgombero neve relativi al bando di
gara dell’A.M.S.A. del 2011;
BIANCHI Vincenzo risulta essere stato Presidente del consiglio di amministrazione della società “
MILANO TRASPORTI SOCIETÀ COOPERATIVA” anch’essa già assegnataria di alcuni lotti per lo
sgombero neve relativi al bando di gara dell’A.M.S.A. del 2011;
BIANCHI Vincenzo risulta avere avuto quote societarie nella ditta “Edil BIANCHI” il cui
amministratore attuale risulta essere il padre BIANCHI Giancarlo, società anch’essa assegnataria di
alcuni lotti per lo sgombero neve relativi al bando di gara dell’A.M.S.A. del 2011; l’attuale proprietà
della “Edil Bianchi” e composta da: BIANCHI Donatella (10%) e dalla società “JC RAOD
CONSTRUCTION S.R.L.” (90%). Quest’ultima società ha come amministratore unico proprio
PAUN Sorin ( Romania, 17.06.1975).
Mentre cerca di stabilire un proficuo contatto con il rappresentante della ditta BIANCHI, onde
convincerlo a partecipare all’accordo, NAPOLI non cessa di mantenere il collegamento con gli altri
partecipanti al cartello di imprese.
In particolare, il 02.08.2017, ore 11.06 (progr. 24731) si sente con PONTI Giacomo (che, come si
ricorderà, non aveva potuto partecipare all’incontro di P.zza Kennedy, pregando NAPOLI di inserirlo
comunque nell’accordo per ottenere il lotto del precedente bando) il quale gli chiede se ci sono novità;
NAPOLI risponde che è tutto tranquillo. Giacomo afferma di aver fatto una presa visione per tre lotti
poiché non poteva farlo solo per uno aggiungendo che allora se non si risentiranno farà come da
accordi presi, precisando che lui parteciperà solo per il LOTTO 30 "COMUNQUE IO...inc...SOLO SU
TRENTA..". Effettivamente si è accertato che la "EMMETIVI IMMOBILIARE S.R.L" ha partecipato
solo al LOTTO 30 (ottenendo un punteggio di 55.672), senza riuscire però ad aggiudicarselo a causa
della "scorrettezza" adottata dalla MALACRIDA che, sfruttando le informazioni ottenute e
conoscendo gli intenti delle imprese concorrenti, ha effettuato un'offerta aggressiva che gli ha
consentito di aggiudicarsi il lotto (punteggio complessivo 98.5).
NAPOLI Renato:
pronto
PONTI Giacomo:
si ciao
NAPOLI Renato:
ciao Giacomo...
PONTI Giacomo:
sono...scusa il disturbo...
NAPOLI Renato:
niente
PONTI Giacomo:
SENTI, NOVITÀ NESSUNA? TUTTO A POSTO?
NAPOLI Renato:
TUTTO TRANQUILLO EH...
PONTI Giacomo:
OK
NAPOLI Renato:
DOVREBBE...NON, CIOÈ NON DOVREBBE...AL MOMENTO
NESSUN PROBLEMA...
PONTI Giacomo:
ok...senti io ho fatto la presa visone...
NAPOLI Renato:
si
PONTI Giacomo:
già che c'ero ne ho fatte tre perchè non potevo andare a farne una...
NAPOLI Renato:
ok
PONTI Giacomo:
COMUNQUE IO...inc...SOLO SU TRENTA...
NAPOLI Renato:
ok va bene...
PONTI Giacomo:
SE NON TI SENTO FACCIO, FACCIO QUELLO CHE AVEVAMO DETTO,
IL BASSO E...
NAPOLI Renato:
va bene...perfetto ...bene ciao
60
In data 31.07.2017, ore 13.05 (progr. 24242) NAPOLI Renato viene contattato da LEROSE Lorenzo;
dal contenuto del dialogo si comprende che quest’ultimo ha contattato altri soggetti che non
concordano con la strategia di NAPOLI. Inizialmente la conversazione verte sulla necessita di
LEROSE Lorenzo di avere la disponibilità di due bilici per tre giorni, poi LEROSE dice “e poi…ci
dovremmo rincontrare, vediamo quando, ma ci dobbiamo rincontrare” e NAPOLI risponde “eh…va
bene…c’è qualcheeee…” e LEROSE risponde “eh purtroppo si…c’è gente che vuole ragionare a
cazzo suo”.
Alle ore 16.16 del 01.08.2017 (progr. 24531) si sentono NAPOLI e LEROSE Lorenzo, zio omonimo
di quello sentito il giorno precedente (nato a Strongoli il 18.09.1964, utilizzatore dell’utenza
3357780843, zio di LEROSE Lorenzo nato a Cuggiono (MI) il 17/11/1992). Dopo i convenevoli
LEROSE dice di aver parlato con il nipote il quale gli ha detto “… E IO NIENTE ..SENTI MI FA,
DICE GUARDA DICE (INTESO SUO NIPOTE OMONIMO): È UNA PERSONA SIMPATICA MI HA
CHIAMATO PER LA NEVE PER QUELLO E QUELL'ALTRO ...OH METTETEVI D'ACCORDO!!
MA MICA CI DEVE MANGIARE I SOLDI CE LI DEVE MANGIARE l'AMSA CAZZO!! NOI
LAVORIAMO E L'AMSA SI MANGIA I SOLDI RAGAZZI NON È CHE ...DICE MA I LOTTI? I LOTTI
PIANO PIANO CON RENATO CI METTIAMO D'ACCORDO TUTTI ASSIEME E BUONA NOTTE
AL SECCHIO!”, NAPOLI intuendo immediatamente la gravità di quello che sta affermando il proprio
interlocutore interrompe immediatamente la comunicazione dicendo che ci sono i vigili.
NAPOLI:
..dai tutto bene tutto bene!
LORENZO:
e anche noi ringraziando abbiamo un bel po' di lavoretti ce l'abbiamo per il momento
dai..
NAPOLI:
meno male dai meno male bene..
LORENZO:
eh ho sentito quel mio nipote perchè noi siamo uomini di cantiere..
NAPOLI:
infatti prima ho ...onestamente lo stavo chiamando no, e poi ho sbagliato a
schiacciare
ed ho chiamato un altro LEROSE ..comunque va bene va bene ..(sorride) ..inc..
LORENZO:
E IO NIENTE ..SENTI MI FA DICE GUARDA DICE (INTESO SUO NIPOTE
OMONIMO): È UNA PERSONA SIMPATICA MI HA CHIAMATO PER LA NEVE PER QUELLO E
QUELL'ALTRO ...OH METTETEVI D'ACCORDO!! MA MICA CI DEVE MANGIARE I SOLDI CE LI
DEVE MANGIARE L' AMSA CAZZO!! NOI LAVORIAMO E L'AMSA SI MANGIA I SOLDI RAGAZZI
NON È CHE ...DICE MA I LOTTI? I LOTTI PIANO PIANO CON RENATO CI METTIAMO
D'ACCORDO TUTTI ASSIEME E BUONA NOTTE AL SECCHIO!
NAPOLI:
..minchia! (è stupito) ..ehm va bene LORENZO senti ....scusami che sono qua con il
cell...ci sono ..ci sono i vigili..devo mettere giù!
LORENZO:
dimmi tutto! dimmi tutto!
NAPOLI:
no no ci sono i vigili devo mettere giù che se no mi danno la multa!! dopo ci sentiamo
grazie scusami!!
LORENZO:
va bene dai niente...
NAPOLI:
ciao ciao ciao ciao ciao....
Alle ore 11.41 del 02.08.2017 (progr. 24735) NAPOLI e LOROSE Lorenzo (nipote) si risentono.
La conversazione fra i due non riguarda direttamente la gara di sgombero neve, ma è utile riportarla
per due ragioni: in primis, perché LEROSE fa riferimento alla sua ditta chiamandola “IGES”
(acronimo di IMPRESA GENERALE EDILIZIA STRADALE s.r.l.), ovvero una delle imprese che
parteciperà al bando “neve” aggiudicandosi ben tre lotti; il secondo luogo, perché la conversazione
dimostra come sia consolidata la prassi di trovare un accordo quando si partecipa ad un appalto; infatti
NAPOLI avvisa e si complimenta con LEROSE Lorenzo per l’aggiudicazione di un appalto di 400
mila euro relativi ai lavori Aler a Varese. I due commentano che la gara è andata al massimo ribasso e
LEROSE ha presentato un ribasso di oltre il 30%. LEROSE chiede come NAPOLI ne sia venuto a
conoscenza e quest’ultimo risponde che ha partecipato anche lui. LEROSE si rammarica di non averlo
saputo facendogli capire che altrimenti avrebbero potuto trovare un accordo “eh non lo sapevo io
Renato, se no ti…ti dicevo…PERCHÉ LÌ…FAI IN TUTTI I MODI PER CAPIRE CHI C’È E CHI
NON C’È, MA…” e NAPOLI risponde “eh li vai a, vai a… fortuna, cosa vuoi fare” (prog. 24735 del
2.08.2017 – RIT 441/17)
61
LEROSE Lorenzo:
pronto? ciao Renato mi hai chiamato?
NAPOLI Renato:
ciao Lorenzo...come si chiama la tua ditta?
LEROSE Lorenzo:
IGES
NAPOLI Renato:
allora mi sa che hai vinto una gara stamattina...
LEROSE Lorenzo:
si probabile, ma dove?
NAPOLI Renato:
a Varese
LEROSE Lorenzo:
si, penso si...
NAPOLI Renato:
lavori dell' Aler
LEROSE Lorenzo:
Aler..si...quattrocentomila...
NAPOLI Renato:
si...l'importo non lo so...so che c'è questa gara quà, hai fatto un trenta virgola
qualcosa...
LEROSE Lorenzo:
si, una roba del genere...
NAPOLI Renato:
eh, è andata al massimo ribasso...e l'hai vinta te...
LEROSE Lorenzo:
meno male...grazie mille...grazie per l'informazione...ci tenevo a quella
gara...un altro passo avanti Renato...
NAPOLI Renato:
IGES, IGES mi sa che IGES è...
LEROSE Lorenzo:
ma c'eri pure tu in quella gara?
NAPOLI Renato:
c'ero anch'io, si...
LEROSE Lorenzo:
porca puttana...eh non lo sapevo io...perchè mi hanno invitato...
NAPOLI Renato:
anch'io...si infatti era ad inviti...io ho fatto il 20 virgola qualcosa...
LEROSE Lorenzo:
io ti dico la verità, ho sperato nel...nello storico...volevo mettere il diciotto e
settantacinque lì, poi ho detto eh...se siamo meno di dieci la vinco se no amen...ed è andata
così...meno male...
NAPOLI Renato:
perchè mi sembra che...se non ha spiegato male...mi sembra che eravamo in
sette, i partecipanti, e quindi è andata al massimo ribasso...
LEROSE Lorenzo:
EH NON LO SAPEVO IO RENATO...SE NO TI DICEVO...PERCHÈ LÌ FAI
IN TUTTI I MODI PER CAPIRE CHI C'È, CHI NON C'È, MA SE NON LO SAI...
NAPOLI Renato:
...inc...vai, tenti la fortuna, cosa vuoi fare...
LEROSE Lorenzo:
come in tutte le cose...grazie per l'informazione
NAPOLI Renato:
mi fa piacere che l'hai vinta te che ci conosciamo, piuttosto che un altro, mi fa
molto...mi spiace...inc...
LEROSE Lorenzo:
è la gara più grossa che ho vinto...fino ad ora, quindi...stiamo facendo un
passo dietro l'altro...
NAPOLI Renato:
bene, bene...inc...giusto?
LEROSE Lorenzo:
si siamo andati in...inc...quindi ora posso fare la SOITI
NAPOLI Renato:
...inc... consorzio non so come si chiama
LEROSE Lorenzo:
Consorzio Appalti Italia
NAPOLI Renato:
si
LEROSE Lorenzo:
son piccolino ancora io...i capelli bianchi non ce li ho...però piano piano, già
penso che sto facendo tanto eh...
NAPOLI Renato:
bene dai, mi fa piacere dai..ok
LEROSE Lorenzo:
grazie Renato...
NAPOLI Renato:
in bocca al lupo...ciao
In data 02.08.2017, ore 14.15 (progr. 24801) NAPOLI e LEROSE concordano di vedersi.
Alle successive ore 17.18 (progr. 24844) LEROSE chiede il numero telefonico di Luca NODARI, che
ha partecipato all’incontro di piazza Kennedy, socio accomandatario della società “NODARI Giardini
S.a.s.”. NAPOLI gli chiede se è riuscito a contattare una terza persona ricevendone risposta negativa.
In data 03.08.2017, alle ore 10.04 (progr. 25034) LEROSE Lorenzo avvisa NAPOLI di aver
depositato la documentazione per la gara in questione “io ho già presentato il preventivo, tutto a
posto…spero, speriamo…inc…”; poi la conversazione prosegue con un evidente riferimento alla ditta
BORGHETTI Giardini s.a.s./NODARI Giardini S.a.s. intenzionata ad ottenere l’assegnazione del solo
lotto 11 (mentre nel 2011 avevano ottenuto l’assegnazione dei lotti 11 e 13), infatti NAPOLI gli
chiede se “ha sentito il giardiniere per il preventivo” e LEROSE conferma.
62
NAPOLI prosegue dicendo “che sappia io, loro fanno solo quel prezzo lì..11 euro a metro quadro e
basta, e basta ” e LEROSE afferma “l’importante è che fanno il prezzo a 11 euro” e NAPOLI
aggiunge “questo è quello che mi risulta a me…volevamo…volevo…ho provato a vedere se ci
vendevano delle…delle piante a 13 euro ma non le vendono” “un altro tipo…un’altra tipo di essenza
capito?...c’ha solo…solo quelle da 11 e basta”. Che stiano utilizzando un linguaggio “cifrato” lo si
comprende dalla illogicità del discorso: infatti prima NAPOLI fa riferimento ad un preventivo del
giardiniere di 11 euro al metro quadro e dopo qualche battura afferma che il giardiniere non gli vende
le piante/essenze a 13 euro bensì solo a 11 euro. Poi NAPOLI gli chiede se per l’altro preventivo
devono preoccuparsi o meno e LEROSE risponde “vedo abbastanza tranquilla la cosa”. Infatti, come
si vedrà, la RTI Borghetti-Nodari, ha partecipato solo al LOTTO 11 ottenendo un punteggio finale di
61.25, ma è l'impresa SINOPOLI che riesce invece ad aggiudicarsi il lotto con il punteggio
complessivo di 68.
NAPOLI chiama Lorenzo LEROSE
LEROSE:
pronto
NAPOLI:
si
LEROSE:
buongiorno
NAPOLI:
ciao Lorenzo
LEROSE:
buon giorno, scusa il disturbo, IO HO GIÀ PRESENTATO IL PREVENTIVO, TUTTO A
POSTO, SPERO, SPERIAMO NON SUCCEDAN PASTICCI...
NAPOLI:
il giardiniere lo hai sentito poi per il preventivo dei giardini?
LEROSE:
si si
NAPOLI:
tranquillo?
LEROSE:
si si
NAPOLI:
CHE SAPPIA IO LORO FANNO SOLO IL PREZZO LI...11 EURO A METRO QUANDRO
E BASTA E BASTA
LE ROSE:
TI CONFERMO CHE FANNO IL PREZZO A 11 EURO E BASTA
NAPOLI:
si infatti questo è quello che risulta a me
LEROSE:
ok
NAPOLI:
quando volevo, ho provato a vedere se ci vendevano delle piante a 13 euro ma non ce le
vendono...
LEROSE:
no no ok dai
NAPOLI:
un altro tipo di essenza capito?
LEROSE:
no niente non lo hai rintracciato quindi?
NAPOLI:
no ha solo quelle da 11 e basta, va bene dai senti...
LEROSE:
ci aggiorniamo
NAPOLI:
ci aggiorniamo
[….]
NAPOLI:
va bene senti poi per quanto riguarda quella preoccupazione li diciamo...su quell'altro
preventivo li
LEROSE:
si
NAPOLI:
che facciamo ?, siamo tranquilli?
LEROSE:
si, si
NAPOLI:
quindi non facciamo...
(si sovrappongono le voci)
LEROSE:
non facciamo inc...penso proprio di si
NAPOLI:
quello che ti avevo detto io, non lo faccio?
LEROSE:
no no penso di no Renato, non ne vedo, vedo abbastanza tranquilla la cosa
NAPOLI:
speriamo dai, va bene
LEROSE:
ok
Particolarmente significativo, in ordine alla prova che l’incontro avvenuto in via Kennedy ed i
successivi contatti ed incontri fra le ditte interessate siano finalizzati alla spartizione dei lotti ed
all’accordo sul ribasso da presentare nel bando di gara, è la conversazione del 02.08.217, ore 14.50
(progr. 24806) tra COCCIOLO Antonio e NAPOLI Renato (“IO COME ERAVAMO RIMASTI
63
D’ACCORDO, CI SENTIAMO PRIMA DI FARE LO SCONTO, STO PARTECIPANDO A QUEI
QUATTRO LOTTI CHE AVEVO IO NO…LEI HA NOVITA’?”).
NAPOLI, accorgendosi dell’estrema imprudenza dimostrata dall’altro, risponde evasivamente
“ehhh…no, novità non ce ne sono, poi ci sentiamo magari in questi giorni qua..” ma COCCIOLO
prosegue dicendo “IO VOLEVO FARE L’OFFERTA, CHE C’HO QUI IL MIO GEOMETRA
COLOMBO…QUANTO PENSA DI METTERE DENTRO…”; NAPOLI ribadisce il concetto “ascolti
ci vediamo magari poi un momento fuori…facciamo due chiacchere dai…Ok?” e COCCIOLO,
dimostrando ancora una volta che è NAPOLI Renato il coordinatore dell’operazione di turbativa,
risponde che attenderà istruzioni sull’offerta da presentare dopo il loro incontro di persona “VA BENE
D’ACCORDO… ALLORA MI FERMO PER ADESSO?”
NAPOLI:
buongiorno Cocciolo
Cocciolo:
IO COME ERAVAMO RIMASTI D'ACCORDO, CI SENTIAMO PRIMA DI FARE LO
SCONTO, STO PARTECIPANDO A QUEI QUATTRO LOTTI CHE AVEVO IO NO, LEI SA NOVITÀ?
NAPOLI:
ehhhh...no, novità non ce ne sono, niente, poi ci sentiamo magari..ci sentiamo magari
in questi giorni qua
Cocciolo:
IO VOLEVO FARE L'OFFERTA, CHE C'HO QUI IL MIO GEOMETRA
COLOMBO..QUANTO PENSA DI METTERE DENTRO....
NAPOLI:
ascolti ci vediamo magari poi un momentino fuori.. facciamo due chiacchiere dai,
ok?
Cocciolo:
VA BENE D'ACCORDO, ALLORA MI FERMO PER ADESSO?..vabbene
NAPOLI:
vabbene vabbene vabbene
Il giorno successivo avviene l’incontro; infatti alle ore 10.21 (progr. 25061 – RIT 441/17) NAPOLI
Renato viene contattato da una donna che si presenta quale impiegata di COCCIOLO, e NAPOLI,
senza lasciarle il tempo di proseguire le dice “ci vediamo? Ci vediamo? Venite a fare un giro di qua?”
ottenendo immediata risposta affermativa.
In seguito vengono intercettate una serie di comunicazioni relative all’apertura delle buste da parte
della stazione appaltante dalle quali emerge che, a parte le imprese che non avevano stretto l'accordo
(SINOPOLI, TORO e W.BAU) la MALACRIDA (e le altre quattro aziende a lei legate), sfruttando le
informazioni ottenute dagli incontri con Napoli per ottenere il massimo dei vantaggi, aveva presentato
offerte su quasi tutti i lotti riuscendo ad aggiudicarsene ben 15.
In particolare, nella conversazione prog. 28564 del 4.09.2017 – RIT 441/17 parlano dell'apertura delle
buste dell'altro giorno NAPOLI lamenta che MALACRIDA ha presentato 36 offerte con le sue ditte e
Bianchi 10, MAININI dice che con BIANCHI non sono riusciti a parlare e che comunque presentare
tutte queste offerte è da incosciente perchè non riuscirebbero mai a fare il lavoro di sgombero della
neve per tutti questi lotti. In seguito NAPOLI chiede quando si possono vedere che deve fargli vedere
una cosa per fare un ragionamento. MAININI dice che questo pomeriggio è sul cantiere della RHO
MONZA e che lo chiamerà, NAPOLI specifica dice che gli vuole fare vedere una cartina per poi farla
vedere a loro (inteso agli altri partecipanti). MAININI poi chiede della ISOF, NAPOLI risponde che ci
sono solo le sue offerte, invece NODARI ha fatto offerte su 11 e 13. Per il lotto 11 San Siro hanno
partecipato NODARI, TORO e BORGHETTO. LE ROSE è da solo per il 41 e COCCIOLO è da solo
per 4 lotti. Mainini dice che chiama NAPOLI appena partirà dal suo ufficio.
Conversazione prog. 29590 del 06.09.2017 (RIT 441/17):
RUGGIERO Antonio: ti volevo chiedere una cortesia
NAPOLI: dimmi
Antonio: per quanto riguarda la neve, sai qualcosa tu?
NAPOLI: si
Antonio: io purtroppo ero giù in bassa Italia, quindi non...
NAPOLI: nel lotto dove hai partecipato tu, ci sei solo tu...
Antonio: UM BUONO, ALLORA ABBIAMO RISPETTATO PIÙ O MENO...
NAPOLI: um diciamo che è andata bene...inc...nessuno c'è venuto
Antonio: ho capito, dei tuoi invece?
NAPOLI: per tutti, perchè io ho partecipato a tre...su uno sono da solo e sugli altri due c'è la Lucchini
e...uno c'è la Lucchini e l'altro che la Grignola, Grimalservice...
64
Antonio: inc...
NAPOLI: hanno fatto...Grignola con tre ditte, Grignola Grimalservice e Malacrida ha fatto 36 offerte
Antonio: 36 offerte?
NAPOLI: si, ma questi son malati
Antonio: Madonna! Ma questi sono malati di testa...hanno i mezzi per affrontare?
NAPOLI: ma che cazzo hanno!!! non hanno niente
Antonio: ma non ti credere, questi prendono i padroncini e li mandano sti cretini
NAPOLI: si
Antonio: hai capito? si crede che è come tanti anni fa, prendevi i padroncini e li mandavi
NAPOLI: però ancora sai non è detto, ne che li ha vinte e niente, intanto ha partecipato...adesso poi
devono aprire le offerte economiche e quelle tecniche
Antonio: ma più o meno le medie non si sanno no, giusto?
NAPOLI: no non si sa niente...
Antonio: io Renato gli volevo fare il 0.5 0.6, poi ho messo tutto in mano a mia moglie e ha fatto il 5%
di ribasso...
NAPOLI: ha fatto bene
Antonio: sul lotto mio...poi adesso non lo so che percentuale esce fuori
NAPOLI: ho fatto anche io il 5%
Antonio: l'hai fatto anche tu, abbiamo indovinato allora
NAPOLI: si si anche io ho fatto il 5%...proprio il 5...quindi bo
Antonio: anche io il 5% ho fatto
NAPOLI: inc....li non conta, il ribasso conta, conta anche l'offerta tecnica diciamo, la distanza dal
magazzino eccetera
Antonio: si si
NAPOLI: nel caso tuo, tu sei tranquillo, potevi fare anche lo zero virgola che...lo prendevi lo stesso
Antonio: inc.
NAPOLI: tanto lo zero o il 5 è la stessa cosa
Antonio: sai perchè? mi interessa saperlo perchè c'è una ditta qua vicino qua che mi ha chiamato no
dico...nc...se è il Comune l'AMSA è andata in porto la gara ok
NAPOLI: si
Antonio: allora non posso venire ma se in caso contrario che sono stato scartato o quello che sia,
allora a questo punto qua io...
NAPOLI: no no
Antonio: facevo già, capito?
NAPOLI: sembra tutto a posto, tutto tranquillo nel caso tuo, il mio devo vedere però, adesso vabbè,
adesso vedremo cosa dicono, perchè io sono più vicino sia di Lucchini che di quell'altro, capito, poi
bisogna vedere adesso
Antonio: ma perchè sono venuti a rompere le palle! Non lo so!
NAPOLI: perchè sono dei deficienti, sono andati rompere i coglioni dappertutto, han fatto, ti dico ho
fatto una cartina ho messo tutti i pallini
Antonio: a proposito i camorristi i tuoi amici di qua (sorride) la TORO
NAPOLI: ah Toro, ha fatto l'offerta sull'11 che è quello di San Siro e sul 13, sono quelli che stanno
lavorando con i giardinieri, come cavolo si chiamano loro
Antonio: si si mi sembra che avevano scelto più o meno la zona loro, dall'altra parte, quindi poco ci
interessava però bisogna vedere se gli hanno rotto le palle di la poi...
NAPOLI: adesso vediamo, quando aprono le buste vediamo i ribassi i punteggi etc..
Antonio: ok. se devo venire io adesso sta qua ho fatto una settimana giù...
(…)
Prog. 30081 del 7.09.2017 : DI PIERRO Matteo chiede a NAPOLI l'esito della gara, NAPOLI dice
che loro (Ecol Service) sono gli unici a partecipare ai lotti d'interesse. In seguito parlano delle 36
offerte di Malacrida e delle società a lui legate che hanno presentato offerte anche sui lotti che
interessavano a NAPOLI.
Nella conversazione prog. 34155 del 20.09.2017 BARONCHELLI Achille chiede a NAPOLI se abbia
novità, affermando di sapere che hanno chiesto delle integrazioni ad alcuni. NAPOLI dice di sapere
chi ha partecipato ed in quale lotti; l’altro dice di non averlo visto e chiede se è stato pubblicato.
65
NAPOLI dice che se vuole glielo manda informandolo che per il lotto di suo interesse c'è un altro
contendente: GRIMALSERVICE GRIGNOLA MALACRIDA. NAPOLI dice che anche su i suoi lotti
due su tre non è da solo, Poi NAPOLI informa anche Achille sul comportamento di GRIGNOLA e
MALACRIDA che con tre società hanno fatto offerte su molti lotti.
Nella seguente conversazione NAPOLI e ARRIGO discutono di nuovo della gara (prog. 35697 – RIT
441/17).
ARRIGO Sergio:
si Renato dimmi?
NAPOLI Renato:
ciao Sergio
ARRIGO Sergio:
ciao
NAPOLI Renato:
allora?...scusa prima ero in un ufficio con un altra persona
ARRIGO Sergio:
si si si...guarda mi ha chiamato...come si chiama Mandotti...probabilmente o era lui
che chiamava per sapere appunto per sapere se c'era qualcosa ...qualche novità
NAPOLI Renato:
si
ARRIGO Sergio:
in merito alla gara
NAPOLI Renato:
si..si
ARRIGO Sergio:
guarda sono rientrato oggi dopo una settimana di ferie quindi devo sentire un pò
NAPOLI Renato:
ahn okay...perché noi non abbiamo sentito più niente
ARRIGO Sergio:
eh infatti...ma neanch'io so se ci sono delle novità...quindi lasciami un pò verificare
di sopra
NAPOLI Renato:
INC la situazione era quella di allora che...
ARRIGO Sergio:
si si si
NAPOLI Renato:
quei due pazzi lì hanno fatto....offerte a tutto spiano
ARRIGO Sergio:
si si infatti
NAPOLI Renato:
hanno hanno hanno
ARRIGO Sergio:
sono andati un pò dapppertutto a rompere le balle a tutti insomma..tutto lì
NAPOLI Renato:
ma si m.....si piu o meno diciamo....sono hanno...ma anche fra di loro si sono rotti le
palle...perche non c'è non c'è un....avevi più Bianchi Lucchini lì non c'è...non c'è un lotto dove non ha un
altro concorrente
ARRIGO Sergio:
si si si
NAPOLI Renato:
non c'è neanche un lotto dove lui è da solo....quell'altro l'ha attaccato su tutti...su
tutti..su tutti i fronti
ARRIGO Sergio:
e tu poi ti sei messo a quella nuova in più
NAPOLI Renato:
quella nuova lì che ha fatto tre...tre
ARRIGO Sergio:
si si...si
NAPOLI Renato:
si anche sul lotto 50 ci sono due offerte...c'è quella nuova
ARRIGO Sergio:
eh ma infatti...però il lotto 50...se lo fai sul 50 non puoi partecipare per le
altre...invece lui ha fatto il 50 e altre INC non ho mica capito il perchè però
NAPOLI Renato:
e allora fuori...deve essere escluso...
ARRIGO Sergio:
bho
NAPOLI Renato:
anche perchè quella ditta lì per altro...cioè...non ne ha di mezzi....quelli lì sono....
ARRIGO Sergio:
dice che sono...che sono pieni perchè hanno...INC detto forse l'ho detto anche a
te....loro sono una ditta che INC
NAPOLI Renato:
si
ARRIGO Sergio:
che fanno già neve da quelle zone lì fanno anche giardinaggio
NAPOLI Renato:
si
ARRIGO Sergio:
però ne hanno un grosso magazzino qui in...dietro la CAM
NAPOLI Renato:
ah okay
ARRIGO Sergio:
in pratica...ed è per quello che loro si sono inseriti...e naturalmente hanno
varie....INC forte in pratica hanno varie ditte INC aziende varie imprese che fanno capo a questa qui...hai
capito?
NAPOLI Renato:
ma loro sono venuti da soli qua mi sembra?...come consorzio..mi sembra eh....
ARRIGO Sergio:
eh ma...INC mi pare che è successo...c'è anche nella dicitura adesso non mi ricordo
com'era la domanda....INC non ti saprei dire adesso
NAPOLI Renato:
INC
66
ARRIGO Sergio:
INC c'erano un insieme di ...di imprese INC mha....
NAPOLI Renato:
a forse si...forse Baronchelli c'è...no Baronchelli ...
ARRIGO Sergio:
no Baronchelli ha partecipato INC
NAPOLI Renato:
non Baronchelli...c'era forse c'era Malegori forse insieme
ARRIGO Sergio:
forse forse...adesso non ti sò dire
NAPOLI Renato:
mi sembra di si...forse si...forse c'era..erano...AVR forse in ATI con qualcuno mi
sembra o era solo AVR
ARRIGO Sergio:
bhò
NAPOLI Renato:
no no c'era qualcuno in ATI con AVR mi sembra
ARRIGO Sergio:
fammi andare a vedere che vediamo un pò dov'erano la gara...INC vediamo un pò
(cerca su dei fogli e legge, ndr)... gara presa visione...e sai mi avevano mandato....quel file dove c'era
l'apertura delle buste
NAPOLI Renato:
ah io ce l'ho...quello lì è pubblico
ARRIGO Sergio:
eh si...lì c'è su la sua dicitura non so se è quella che intendo anch'io...è che adesso
non me la trovo non so dove cavolo....
[…]
ARRIGO Sergio:
si ma la cerco da sopra non è un problema
NAPOLI Renato:
si lo sò INC
ARRIGO Sergio:
eh che ce l'hanno sopra da INC perchè loro come appalti a me non è che serva più
di tanto
NAPOLI Renato:
chissà cosa cazzarola vogliono combinare bhò?
ARRIGO Sergio:
secondo me ....un pò...un pò tutta la difficoltà sta nel controllare tutta la
documentazione INC...perchè hanno richiesto parecchie cose come sempre quindi bhò....non sembra
NAPOLI Renato:
una integrazione?
ARRIGO Sergio:
allora ti ricordi che ti avevo detto forse quest'anno hanno intenzione di ....di INC sul
personale i mezzi...invece hanno ripetuto paro paro quello dell'anno...quelli degli anni precedenti...
NAPOLI Renato:
si...non hanno chiesto
ARRIGO Sergio:
INC...per quello c'hai problemi...la difficoltà...la difficoltà è che dentro ci vuole tutti
i controlli dei libretti dei mezzi
NAPOLI Renato:
i mezzi...i mezzi sono sono...sono due mezzi a lotto...cioè...sono due mezzi a lotto che
han chiesto...si eh
ARRIGO Sergio:
ah per i nuovi INC euro
NAPOLI Renato:
si..due mezzi a lotto
ARRIGO Sergio:
si ho capito ... è vero due mezzi a lotto ...ma se vai a prendere Malacrida che li ha
fatti tutti...vedi te...
NAPOLI Renato:
ma per dirti Malacrida ad esempio ha partecipato non so se con Malacrida o con
Grimal o con ...con quell'altro....con una delle tre ha partecipato a quindici lotti
ARRIGO Sergio:
eh quindi figurati te
NAPOLI Renato:
il massimo era....il massimo era dieci
ARRIGO Sergio:
era dieci infatti
NAPOLI Renato:
infatti...io parlando con Scarioni lì all'apertura..."scusi ma dieci lotti?"..."è no vabbè
lui può aggiudicarne dieci"...però ha partecipato a quindici e dico INC quindici dico "scusi eh...se lui gli
vince tutti e quindici...quali sono i cinque che togliete alle altre imprese?...cioè come fate a decidere...dov'è
il criterio?...non è previsto...non c'è un criterio no"....dice "no"....ti aggiudichi il primo immobile
cronologico...il più alto in termini di sconto...oppure cioè...non c'è un criterio...quindi come fate poi a dire
che quei quindici lì gli tolgo a NAPOLI anzichè alla ISOFOL anzichè a....
ARRIGO Sergio:
INC
NAPOLI Renato:
come fate a decidere
ARRIGO Sergio:
quello non ti so dire...non ti so dire che criterio hanno
NAPOLI Renato:
eh non era previsto capito?...eh quindi qualsiasi sia il criterio secondo me....
ARRIGO Sergio:
eh impugnabile
NAPOLI Renato:
eh...eh c'è da discutere....no perchè se li tolgono a me mi girano i coglioni a me
ARRIGO Sergio:
eh certo (ride)
NAPOLI Renato:
se li tolgono agli altri girano i coglioni agli altri no?
ARRIGO Sergio:
eh certo
67
NAPOLI Renato:
e quindi bhò non lo so....secondo me lui non poteva partecipare a quindici lotti...poi
gli hi detto scusi eh " e se i mezzi sono ...che lui cosa c'ha..deve avere dei mezzi diversi su tutti e quindici i
lotti?" dice "no va bhè però tanto lui può prenderne fino a dieci"...e allora?
ARRIGO Sergio:
(ride)
NAPOLI Renato:
quindi cosa fà....cioè se io posso prenderne per dire...c'ho un camion ho due
camion...io partecipo a quindici lotti tanto con due camion ne posso prendere solo uno...quindi di quei
quindici lotti ne prendo uno....INC....è molto lacunoso diciamo INC....la la la gara è INC...molto lacunosa
ARRIGO Sergio:
si si...il testo di gara insomma
NAPOLI Renato:
per me...voglio dire..secondo me...io come l'ho interpretata io posso partecipare
fino....posso prendere dieci lotti e quindi partecipo a dieci....non partecipo a venti con la speranza di
prenderne dieci cioè...secondo me non è così...però effettivamente non c'è neanche scritto che è cosà
insomma....INC (voci sovrapposte)...però...però queste cose qui non possono lasciare...secondo me...
ARRIGO Sergio:
no trovo strano che appunto un ufficio appalti non sappia queste cose non faccia
queste cose...mi sembra una roba proprio fuori dal normale
NAPOLI Renato:
eh bhò che te devo dì
ARRIGO Sergio:
non si spiega
NAPOLI Renato:
non lo so...va che io gliel'ho detto in gara...ho detto secondo me INC mi sembra un
pò strano cioè....se mai dico INC che sei in ritardo nel lotto io vado a controllare...cioè se INC ho
partecipato a tre e dovessi vincerli tutti e tre che me ne frega a me di che cosa succede in giro...ma se me ne
tolgono uno vado INC....ovviamente vado a fare l'accesso gli atti e vado a controllare tutto...lo farebbe
chiunque e lo farei anch'io....perchè...perchè eh cazzo (ride)....vabbe vedremo dai sperem in bene....niente io
ho partecipato a tre lotti....su uno sono l'unico partecipante
ARRIGO Sergio:
su gli altri due siete lì in 56 INC
NAPOLI Renato:
su gli altri due...su uno c'è...Lucchini... e su l'altro c'è
ARRIGO Sergio:
INC
NAPOLI Renato:
si bravo...sul 16 c'è Malacrida
ARRIGO Sergio:
bhè sul 15 poteva essere che partecipava perchè INC Silvano l'ha fatto lui
NAPOLI Renato:
si si si ci poteva stare certo
ARRIGO Sergio:
ci poteva stare...quell'altro è venuto solo a rompere le palle e basta secondo
me...tutto lì
NAPOLI Renato:
si si....anche perchè INC....complessivamente con le tre imprese ha offerto sui 36
lotti....su alcuni lotti vabbe con le sue con le sue imprese su alcuni lotti ha partecipato con due imprese sullo
stesso lotto...quindi non lo so come ragiona quello lì certo
ARRIGO Sergio:
INC da capire INC
NAPOLI Renato:
ma però eh
ARRIGO Sergio:
niente...ma io trovo che invece è stato bravo il figlio di LEROSE è stato bravo
NAPOLI Renato:
è si...lui ha partecipato su tre lotti e....
ARRIGO Sergio:
eh due..due è arrivato da solo eh...tra l'altro quello che hai lasciato tu il 27...quello
del raccordo autostradale
NAPOLI Renato:
si si
ARRIGO Sergio:
tra l'altro ed il 41 che era quello vecchio era il 13 o il 12 vecchio era
NAPOLI Renato:
si
ARRIGO Sergio:
vabbe niente è stato bravino...
NAPOLI Renato:
si ne ha presi...
ARRIGO Sergio:
da quando è stato qua anch'io non INC anch'io...vuoi entrare vuoi fare..questo e
quell'altro...guarda tu fallo su questi che..gli ho detto...magari ti trovi qualcuno si uno o due...non pensavo
non andasse lì nessuno..di quelli nuovi che abbiamo messo in gara strano...perchè è chiaro che uno l'ha
lasciato DAF per andare a prendere il suo vecchio sai quello lì di Baggio...
NAPOLI Renato:
si
ARRIGO Sergio:
quello che lui dove c'ha il deposito in pratica...e ha mollato Bruzzano ha mollato...
NAPOLI Renato:
eh si eh si
ARRIGO Sergio:
e non solo...ha mollato anche il 40 ha mollato che è andato deserto...che è quello del
monumentale
NAPOLI Renato:
si si...quello lì hai visto che è deserto....sono due o tre deserti...40 e un altro
ARRIGO Sergio:
e 42...anche quello centrale...quello che abbiamo messo in gara quest'anno
68
NAPOLI Renato:
si..si si...40 è quello con il monumentale ma adesso non c'è più il monumentale
[….]
NAPOLI Renato:
si ma poi io la vedo veramente grigia cioè...guarda che se vinc...se se se prendono
tutti quei lotti lì...ma neanche tutti una parte...se nevica sono cazzi amari secondo me....
ARRIGO Sergio:
vabbe guarda...nonostante tutti fino all'anno scorso ne avevano sette...perchè erano
partiti con nove...ma non...sono sette
NAPOLI Renato:
si
ARRIGO Sergio:
INC fatto noi perchè eh...
NAPOLI Renato:
perchè perchè
ARRIGO Sergio:
INC
NAPOLI Renato:
perchè ha fatto schifo...e tieni conto che non ha nevicato
ARRIGO Sergio:
figurati se nevica questi non lo sò
NAPOLI Renato:
eh...se nevica cosa succede...se nevica viene fuori un pandemonio
ARRIGO Sergio:
si arrangeranno eh....è chiaro che ...il fatto è che io glielo dico INC ...non siamo qua
per darti penali far le cose INC però è troppo stretto chiaramente...se tu prendi un sacco di lotti
NAPOLI Renato:
secondo me
ARRIGO Sergio:
INC un pò diventa dura eh....
NAPOLI Renato:
secondo me l'errore grosso e lo dico cosi fra me e te è stato quello di consentire alle
imprese di partecipare a dieci lotti
ARRIGO Sergio:
un po’ perché hanno messo così...non lo so guarda...io INC
NAPOLI Renato:
è sbagliato è sbagliato..dieci lotti
ARRIGO Sergio:
sono tantissimi
NAPOLI Renato:
sono tanta roba...sono tantissima roba cioè...io ne faccio tre e quando nevica....e
credo di farli seriamente...e quando nevica dobbiamo correre come i pazzi e non sai che casino che c'è qua
che sbattimento corri qui corri là fai qui fai là...ma ma da correre di brutto...io per quello che dico...ma
come cazzo fa uno ad avere la fantasia di prendere tutti quei lotti lì..ma chi cazzo c'è come...veramente ci
vuole ci vuole ci vuole coraggio.....secondo me è troppo non ci sono imprese...a Milano oggi non ci sono
imprese che INC dieci lotti
[….]
NAPOLI Renato:
io se fossi stai io a dover consigliare se dovessi...INC al posto di qualcuno che
doveva consigliare o che poteva consigliare io gli avrei detto...dieci lotti ad imprese ma neanche per i
INC...oppure okay imprese dieci lotti va bene ...allora guarda devi avere ogni lotto devi avere queste
caratteristiche queste....cioè....voglio dice che se c'è la super mega impresa che arriva da...da che cazzo ne
sò....e vuole partecipare...che partecipi però deve avere queste caratteristiche qua....fare dieci lotti a
Milano....parliamone cioè è una roba...un conto è dire va bene si sulla carta li mettiamo ma poi bisogna
tirare via la neve...eh che cazzo...non è che basta basta basta mettere le X sulle caselle senno è troppo facile
ARRIGO Sergio:
no ma io gli ho detto anche di standardizzare perchè più vi mettiamo cose più vi
mettiamo in difficoltà secondo me....per esempio il fatto della lama...che vogliono la lama che quando sai
tutte queste stronzate qui....INC (voci sovrapposte) in mezzo il Bobcat...gli ho detto toglietele che non serve a
una sega di niente.....niente niente niente niente hanno rimesso paro paro paro paro
NAPOLI Renato:
si si INC e vabbe che vuoi fa’
ARRIGO Sergio:
sai in tanti anni che si fa questo mestiere qualcosa mi avrà insegnato no? però INC
NAPOLI Renato:
INC d'altronde ti ha insegnato tanto....quello che dovrebbe insegnare a....a chi è che
non è sulla strada a chi è che non fa anche a capire quali sono i consigli giusti e quali sono quelli....quelli da
scartare...cioè....imparare ad ascoltare le persone che che ci operano...poi su quello uno dice vabbe’ okay
vediamo di migliorare...io modi per migliorare il servizio idee ne avrei tante
ARRIGO Sergio:
ma ce ne sono tante...però non ti ascoltano mai hai visto eh..hai visto
NAPOLI Renato:
io ne avrei tante...infatti mi sarei mi sarebbe piaciuto se qualcuno avesse
chiamato...."INC ragazzi perché non ci vediamo un attimo vediamo che se viene fuori qualche idea tra
voi...tra voi che operate tra noi che noi che siamo lì che INC" INC sediamoci facciamo un tavolo di dieci
persone noi e voi...cioè imprese e noi operativi eccetera vediamo se magari viene fuori qualcosa di...di
intelligente....secondo me si poteva....
ARRIGO Sergio:
ma sai che ho anche gli operativi miei mi han detto Sergio sta volta i mezzi mi devi
dire....non mi dire quali sono dimmi il numero...perchè quando vanno lì gli accertatori vanno in
casino..vanno in casino anche loro vanno...perchè sai quando "ti ho detto vieni con tutti i mezzi"...ma
69
devo...voi devo portare anche il Bobcat devo portare questo non devo portare quell'altro....minchia...gli ho
detto dobbiamo semplificare queste cose qui bisogna semplificare sia per noi che per le imprese...niente
oh...niente niente niente...non INC
NAPOLI Renato:
te lo dico anch'io guarda che arrivano i verificatori..sul posto che non sanno
neanche cosa devono fare no....
ARRIGO Sergio:
ma no...sono in confusione anche loro perché dicono....
[…]
ARRIGO Sergio:
sai che cos'è ...Renato...sono più improntati per fare il cinema non il
lavoro...l'abbiam sempre detto devono fare il cinema...no perché devono farsi vedere...tutti i mezzi questo
quell'altro....è tutto un cinema...il lavoro è un'altra cosa...e in second'ordine no?
NAPOLI Renato:
si si si
ARRIGO Sergio:
è tutto lì
NAPOLI Renato:
sono d'accordo con te
ARRIGO Sergio:
(ride)
NAPOLI Renato:
sono d'accordo con te... è così è vero
ARRIGO Sergio:
(ride) niente diciamo sempre le stesse cose ma mi sa che ci vorranno altri 100 anni
prima che cambia....
NAPOLI Renato:
bhò ehhh che ti devo dire...Sergio...sentiamo come gira questa sto...questa cosa qua
e poi INC (ride)
ARRIGO Sergio:
vabbe niente adesso aspettiamo ...vado su a vedere se c'è tutto quanto...se c'è tutto
quanto quello che è perché dopo ci vedremo perché devo passare a vedere tutti i magazzini...quindi
NAPOLI Renato:
ma è strano il fatto che però non si senta nulla perchè INC
ARRIGO Sergio:
anche perché viene tardi è poi....dopo mi tocca correre come un dannato dopo......
NAPOLI Renato:
ah si perché cioè anche noi bene o male ....dovremmo sapere qualcosa in
più...cioè....anche per organizzarci...è inutile aspettare l'ultimo momento....adesso abbiamo un minuto di
tempo per organizzarci....per chi deve cambiare lo spargi sale chi non...cioè sai ci sono anche queste cosa
qua...INC...se vinco la gara cambio lo spargi sale sennò.....sennò...
ARRIGO Sergio:
okay
NAPOLI Renato:
cosa me ne frega cioè
ARRIGO Sergio:
eh adesso fammi informare questa settimana vedo un po’ di salire su e vedo se mi
danno qualche dritta in più e poi caso mai ci sentiamo...
NAPOLI Renato:
va bene....dai se hai qualche idea magari ci sentiamo
ARRIGO Sergio:
okay va bene...ti saluto ti saluto ciao ciao ciao
NAPOLI Renato:
ciao grazie buona giornata ciao
ARRIGO Sergio:
ciao
Nella mattinata del 28 settembre l’A.M.S.A. procede all’assegnazione provvisoria dei lotti in base
all’offerta economica ed quella tecnica ed in tale circostanza emerge che a causa della ditta
MALACRIDA – che non ha mantenuto i patti - ed alla ditta BIANCHI - che non aveva aderito al
cartello – alcuni lotti sono andati persi (“c'è qualcosa che non ha funzionato a questo punto”).
Conversazione prog. 36688 del 28.09.2017 (RIT 441/17)
GRAMENDOLA (M.G. Costruzioni edili s.r.l.) dice “stai leggendo come leggo io? io niente!”
NAPOLI risponde di essere stato là, aggiunge che anche lui ne ha perso uno, poichè hanno fatto più
del 19%. GRAMENDOLA chiede se si può parlare con questa persona, NAPOLI risponde che è solo
tempo perso. GRAMENDOLA dice “c'è qualcosa che non ha funzionato a questo punto!" NAPOLI
dice che conferma e che bisogna vedersi e parlare, NAPOLI dice che fa l'accesso agli atti per
controllare tutti i mezzi e se può farlo "sbattere fuori". GRAMENDOLA chiede se terza persona c'era
agli incontri, NAPOLI non vuole parlare a telefono dice che devono vedersi e parlare. Concordano di
vedersi nel posto della scorsa volta (Piazza Kennedy a Milano) per le sei, si risentono qualche minuto
prima di partire.
Conversazione prog. 36713 del 28.09.2017 (RIT 441/17)
Mainini Giorgio ( I.C.G. s.r.l.) chiede NAPOLI com'è andata (apertura buste sgombero neve)
NAPOLI dice che ha vinto due lotti su tre e che uno lo ha perso perchè il suo concorrente ha fatto il
19,30%. POI RIFERENDOSI A TERZA PERSONA DICONO CHE È STATA CORRETTA E ANCHE
70
SE HA FATTO OFFERTA PER UN LOTTO DI UNA ZONA (NON DI LORO COMPETENZA) HA
FATTO UN RIBASSO DI 1,80% MAININI E NAPOLI CONCORDANO NEL FATTO CHE
L'OFFERTA È STATA FATTA SOLO PER PARTECIPARE. Poi criticano (Bianchi) che ha fatto il
19% di sconto e ha vinto con 75 punti anche perchè aveva un mezzo euro 6, NAPOLI dice che è
intenzionato a fare l'accesso agli atti. MAININI chiede chi ha perso i lotti, NAPOLI risponde che lui
ne ha perso uno, GRAMENDOLA li ha persi entrambi, NAPOLI cerca di far capire chi è Gramendola,
dice che ha la ditta è M.G. e che è insieme al nipote di GASLINI (DANTE). NAPOLI informa il suo
interlocutore che più tardi si vedrà con Gramendola in zona Piazza Kennedy, anche MAININI dice
che deve parlare di persona con NAPOLI, poi chiede l'esito di NODARI, NAPOLI dice che hanno
vinto il 13 mentre 11 lo hanno perso perchè lo ha preso SINOPOLI. NAPOLI dice che il lotto della
gallaratese ex GASLINI al quale era interessata la DAF lo ha preso TORO. Si risentono per
concordare l'incontro.
Conversazione Prog. 36760 del 28.09.2017 (RIT 441/17)
NAPOLI dice ad Achille (Baronchelli della Costruzioni Generali Baronchelli s.r.l.) di aver vinto il
lotto per il quale aveva partecipato. NAPOLI dice che invece lui ne ha vinti due su tre in uno era da
solo a partecipare, in uno era insieme a BUBAU (leggasi W.BAU s.r.l.) che ha preso 75 e che ha
fatto il 19,32% di sconto. (lotto 15) NAPOLI dice che solo su questo lotti "ha sparato da bastardo"
mentre su gli altri è stato più basso, NAPOLI dice che su un lotto era in concorrenza con
GRIMALSERVICE e che è riuscito a vincere per il punteggio. NAPOLI spiega ad Achille che anche
lui per il suo lotto era in concorrenza con GRIMAL Service e che Achille ha preso 74 punti mentre
l'altra azienda 60. NAPOLI dice che GRIGNOLA e MALACRIDA con le loro aziende non hanno mai
ecceduto i 10 Lotti, mentre la LUCCHINI ne ha vinto 9 lotti. e le tre società di prima "ne hanno presi
15" (ndr. Malacrida, Grignola e Grimalservice).
Achille Baronchelli chiede di Toro, NAPOLI dice che ne ha vinto uno, il lotto in concorrenza con la
DAF, lotto12 che è stato vinto da TORO. "EDEN all'orizzonte" che ha vinto due lotti il 24 e 25 in
concorrenza con Malacrida, discutono sui criteri di attribuzione dei punteggi. NAPOLI dice che ci
sono i lotti 46, 42 e 40 deserti. Poi il lotto 47 è stata vinta da Malacrida il 48 da IGES dice che sono i
LEROSE e che hanno preso tre lotti su tre. NAPOLI informa che per i lotti deserti sarà l'azienda a
decidere chi chiamare, LUCCHINI e MALACRIDA non saranno chiamati, verrà chiamati chi ha
pochi lotti. NAPOLI dice al suo int che GRAMENDOLA è rimasto fuori da tutti e due i lotti. NAPOLI
dice che GRAMENDOLA è quello insieme a GASLINI, Achille dice di conoscere DANTE che è
insieme a GRAMENDOLA li ha persi tutti e due li ha vinti BUBAU (W.Bau s.r.l.). NAPOLI dice che
anche MARINO rimasto fuori che aveva tutti i lotti della circonvallazione li ha vinti AVR. Achille dice
che è un'azienda romana e che il titolare si chiama NARDECCHIA. NAPOLI dice che con loro c'era
anche MALEGORI. Achille dice che sono quelli che hanno vinto il global service di Milano. Poi
parlano dei criteri del bando.
Al fine di discutere della situazione che è venuta a crearsi e delle eventuali contromosse da adottare
NAPOLI Renato, MAININI Giorgio e GRAMENDOLA Domenico nel pomeriggio del 28 settembre
si incontrano nuovamente a Milano in P.za Kennedy (prog. 36762 – 36764 – 36767 del 28.09.2017).
In altre conversazioni relative al bando gli interessati continuano a commentare il comportamento
scorretto delle ditte MALACRIDA e BIANCHI (prog. 36773 del 28.09.2017 – 37405 del 29.09.2017)
Del bando si parla, ancora, nella seguente conversazione con ARRIGO Sergio nella quale si fa ancora
riferimento al comportamento scorretto ed aggressivo di MALACRIDA.
Prog. 37449 del 29.09.2017
NAPOLI con Sergio parlano dell'aggiudicazione dei lotti per lo sgombero della Neve, Sergio dice che
Bianchi (W.BAU) e Malacrida si sono aggiudicati molti lotti. Sergio dice di essere stato chiamato da
GRAMENDOLA che ha perso i lotti a cui aveva partecipato. Sergio dice che non può fare niente poi
NAPOLI dice che andrà a trovare Sergio con una cartina con gli assegnatari:" già uno guardando la
cartina si deve mettere le mani nei capelli...perchè bisogna solo sperare che non nevichi.. non nevica
prendono l'impegnativa va bene così…però se nevica." Poi Sergio dice che Marino ha perso il 50
vinto da AVR, Sergio dice che la ditta di Marino( MARINO costruzioni) si occupano della neve sulla
provinciale (via Emilia). Poi NAPOLI parla della telefonata con Cocciolo che ha vinto tutti e quattro i
lotti 23/33/35/39, Sergio ha detto che Cocciolo ha chiamato anche lui. NAPOLI poi dice che la ISOF
71
ha partecipato 27 (che lo aveva NAPOLI) e al 41 e il 48 come trasporto. Il lotto 22 è stato vinto dagli
ASFALTI Prada, VERGA ha vinto il nr 13 e il nr 11 SINOPOLI BORGHETTI E TORO quest'ultimo
ha vinto il nr 12. Sergio dice che è stato chiamato da TORO poco prima di NAPOLI. Poi parlano dei
punteggi attribuiti per alcuni lotti. il 24 è stato preso da EDEM (ex Malacrida) 25 invece è stato
assegnato a Malacrida. Sergio dice che mezza Milano è di Malacrida, NAPOLI elenca i lotti assegnati
alle ditte: 4 Malacrida, 5 E 6 W.BAU nr 11 SINOPOLI, 17 BARONCHELLI, 12 TORO, 43 DAF, 21
ECOLSERVICE, 14 e 16 NAPOLI, 30 MALACRIDA e PONTI è fuori 24 EDEM 25 MALACRIDA nr
1-6-3- il nr 18 W.BAU il nr 19 GRIMALSERVICE (ex W.BAU) 26 GRIGNOLA, 28 W.BAU, 29
W.BAU, 31W.BAU, 36 GRIGNOLA (ex ZILIANI) 37 GRIGNOLA, 44-45-49 GRIGNOLA nr 10-34,
ICG 20 ISOF, nr 7 -8 W.BAU, nr 8 - 38 MALACRIDA forse anche il 47, nr 11 SINOPOLI, nr 13
VERGA. NAPOLI dice di essere incazzato per aver perso il nr 15 e dice che il suo concorrente non ha
il magazzino entro i 10 km, Sergio dice di essere con gente e deve chiudere.
In data 05.10.2017 NAPOLI contatta DE CILLIS Mauro (Responsabile Operativo di AMSA spa),
per fissare un incontro per parlare dell’esito della gara sulla neve. Si ignorano i contenuti della
conversazione.
Prog. 38843 del 5.10.2017 (RIT 441/17)
NAPOLI: Pronto?
MAURO: ciao come stai?
NAPOLI: ciao ciao MAURO bene grazie, e tu?
MAURO: tutto bene?
NAPOLI: ma si dai! si vivacchia dai ..
MAURO: l'hai vinta? io non ho ancora non mi hanno raccontato niente ..hai vinto la gara o non
l'hai vinta?
NAPOLI: si si si l'ho vinta l'ho vinta..
MAURO: ah bene ..
NAPOLI: ho vinto.. ho vinto due lotti
MAURO: ah
NAPOLI: ne ho perso uno avevo partecipato a tre ne ho perso uno ne ho vinti due! volevo venire a
fare un passetto se hai voglia di fare due chiacchiere?
MAURO: si va bene.
NAPOLI: ..inc..
MAURO: quando è che volevi venire tu?
NAPOLI: quando ..quando sei disponibile..
MAURO: allora ..fammi dare un' occhiata ..allora ..aspetta un attimo però .martedì.. il lunedì io alle
11 sono abbastanza libero..
NAPOLI: bene dai..
MAURO: eh?
NAPOLI: io alle 11 di lunedì sarò lì! vengo a trovarti dai..
MAURO: va bene ..guarda che io non sono più lì in alto sono dall'altra parte eh devi chiedere di me e
ti indirizzano loro...va bene?
NAPOLI: bisogna sempre lì in portineria ..
MAURO: esatto si!
NAPOLI: ok
MAURO: va bene?
NAPOLI: va bene!
MAURO: ciao grazie ciao ciao..
NAPOLI: ciao a lunedì ciao ciao..grazie a te ciao!
Nella chiamata prog. 39143 l’appuntamento viene fissato alle ore 9.00 per esigenze di DE CILLIS.
Prog. 1744 del 9.10.2017 ore 8.00 – ambientale ML RIT 1187/17
auto in movimento, a bordo Renato, effettua conversazione telefonica (censita sull'utenza intercettata).
Milano , Milano (Vicino a) Via Olgettina[Pr.1744 - A - 6 ore 08:50:07]: si ferma e si sente Renato che
72
comunica a donna che si deve recare dal Dott. De Cillis
[Pr.1744 - A - 6 ore 08:51:15]:scende (ha appuntamento con De Cillis, progr. 39143 utenza NAPOLI).
*******
Accedendo al sito di A2A (https://gare.a2a.eu/sourcing/tenders/resume/id/38695) è stato possibile
acquisire l'elenco delle imprese che si sono aggiudicate –definitivamente - i lotti (alla pag. 105 della
richiesta di misura è riportata una cartina con la suddivisione dei lotti ed un prospetto riepilogativo
delle ditte concorrenti, dei punteggi assegnati e delle ditte risultate aggiudicatrici).
Il reparto speciale della Guardia di Finanza presso ANAC ha individuato la procedura in esame come
gara d’appalto nr. A.M.S.A. S.p.a. (c.f./p.i. 5908960965) Servizio neve - procedura aperta n. 9/2017,
da AMSA spa (GU 5A Serie Speciale - contratti Pubblici nr. 79 del 12.07.2017)
SINTESI DEI DATI RILEVATI:
Stazione appaltante: AMSA – Azienda Milanese Servizi Ambientali S.p.A. (Acquisti Centralizzati),
con sede legale in Milano, via Olgettina n. 25 (c.f. e P.Iva: 05908960965);
Gara n.: 6755458;
Oggetto della gara: Servizio di sgombero neve dal 15 novembre 2017 al 15 marzo 2021 (con
possibilità di proroga di ulteriori 2 anni). Luogo di esecuzione del servizio: Milano, Pero e Trezzano
sul Naviglio;
Modalità di scelta del contraente: Procedura aperta;
Modalità di realizzazione: Contratto d’appalto;
Importo complessivo gara: €. 7.195.356,00.
L’importo indicato nel Bando di gara è pari ad €. 4.796.904,00, con riferimento ai seguenti periodi: 15
novembre 2017 – 15 marzo 2018 / 15 novembre 2018 – 15 marzo 2019 / 15 novembre 2019 – 15
marzo 2020 / 15 novembre 2020 – 15 marzo 2021, nonché il rinnovo del contratto, alle medesime
condizioni economiche e operative, a insindacabile giudizio di Amsa, per ulteriori 2 anni, nei periodi
15 novembre 2021 – 15 marzo 2022 / 15 novembre 2022 – 15 marzo 2023;
Data di pubblicazione del bando di gara: 11.07.2017;
Termine per il ricevimento delle offerte: 04.08.2017 ore 12:00;
Durata dell’appalto: 15.11.2017-15.03.2018; 15.11.2018-15.03.2019; 15.11.2019-15.03.2020;
15.11.2020-15.03.2021;
Criteri di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell’art. 95, comma 2, del
D.Lgs. n. 50/2016, sulla base degli elementi e pesi indicati agli artt. 15.2 e 15.3 del Capitolato Speciale
d’Appalto;
Soggetto responsabile per la parte pubblica (R.U.P.): Pezzani Stefano, nato a Milano il 13.02.1972 e
residente a Caronno Pertusella (VA), Via Cabella n. 211 (c.f.: PZZSFN72B13F205P);
Numero totale lotti: 50;
Dall’esame della documentazione ricevuta, si riporta l’elenco delle società aggiudicatrici dei lotti
assegnati:
Lotti n. 1, n.2, n. 3, n. 4, n. 9, n. 25, n. 30, n. 38, n. 47 ( TOT. 9 lotti)
MALACRIDA AMBIENTE VIABILITÀ COSTRUZIONI S.r.l. (c.f.: 07377130963)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 1: 5,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 2: 5,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 3: 5,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 4: 4,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 9: 2,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 25: 5,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 30: 5,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 38: 5,5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 47: 2,5%
Lotti n. 5, n. 6, n. 7, n. 8, n. 15, n. 18, n. 28, n. 29, n. 31, (TOT. 9 lotti)
W. BAU S.r.l. - Socio Unico (c.f.: 07638020961)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 5: 5,72%
73
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 6: 12,32%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 7: 9,99%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 8: 9,99%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 15: 19,32%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 18: 3,99%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 28: 5,72%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 29: 5,72%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 31: 5,72%
Lotti n. 10 e n. 34
I.C.G.- Impresa Costruzioni Edili Stradali Fognature S.r.l. (c.f.: 04748890151)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 10: 3,1%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 34: 3,1%
Lotto n. 11
SINOPOLI S.R.L. (C.F.: 12819770152)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 11: 16%
Lotto n. 12
Toro Costruzioni S.r.l. (c.f.: 07847200966)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 12: 10,02%
Lotto n. 13
ATI composto da: F.lli Verga (c.f.: 10126300150); Azienda Agricola Verga Alessandro Guido (c.f.:
VRGLSN72A19F205N)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 13: 7,05%
Lotti n. 14, n. 15 n. 16 (TOT. 3 lotti)
EDILNAPOLI SRL c.f.: 08083720154
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 14: 5%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 15: 10%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 16: 5%
Lotto n. 17
BARONCHELLI COSTRUZIONI GENERALI S.R.L. (C.F.: 07359070963)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 17: 1%
Ribasso unico di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 21: 7,15%
Ribasso unico di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 22: 6,15%
Lotto n. 19
GRIMAL SERVICE SOC. COOP. (C.F.: 06045580903)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 19: 4,25%
Lotto n. 20
ISOF Costruzioni S.r.l. (c.f.: 08817210159)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 20: 2%
Lotto n. 21
Ecol-Service S.r.l. (c.f.: 01378170185)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 21: 0,9%
Lotto n. 22
Asfalti Prada S.r.l. (c.f.: 00680500154)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 22: 5%
74
Lotto n. 23, n. 33, n. 35, n. 39 (TOT. 4 lotti)
COMOTER S.R.L. (C.F.: 04956940961)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 23: 3,79%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 33: 3,89%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 35: 3,99%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 39: 3,98%
Lotto n. 24
Eden all'orizzonte di Fornari Roberto (c.f.: FRNRRT71B17F205X )
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 24: 3,15%
Lotti n. 26, n. 36, n. 37, n. 44, n. 45, n. 49 (TOT. 6 lotti)
F.lli Grignola di Grignola Vittorio e c. S.a.s. (c.f.: 02488620960)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 26: 5,8%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 36: 5,8%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 37: 5,8%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 44: 3,8%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 45: 3,8%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 49: 3,8%
Lotti n. 27, n. 41, n. 48 (TOT. 3 lotti)
Impresa Generale Edilizia Stradale S.r.l. (c.f.: 08867370960)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 27: 2%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 41: 2%
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 48: 6%
Lotto n. 43
DAF Costruzioni S.r.l. (c.f.: 03867470969)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 43: 1,2%
Lotto n. 50
ATI costituito da: AVR S.p.A. (c.f.: 00787010586); Consorzio Stabile A.LP.I. S.c. a r.l. (c.f.:
08187140960); Euroambiente S.r.l. (c.f.: 00410600472); Nuova Malegori S.r.l. (c.f.: 12723981002)
Ribasso di aggiudicazione sui prezzi base di gara lotto 50: 1,99%
Lotti deserti: 32, 40, 42, 46. (TOT. 4)
Risulta di agevole lettura come tutte le società che hanno partecipato all’incontro di piazza Kennedy
abbiano concorso al bando di gara (ECOL SERVICE, EDILNAPOLI, ISOF, MG COSTRUZIONI,
DAF COSTRUZIONI, ICG, COMOTER, BORGHETTI GIARDINI e NODARI GIARDINI – queste
ultime in RTI) così come le altre società contattate, direttamente o indirettamente, da NAPOLI Renato
(EMMETIVI IMMOBILIARE, MALACRIDA, BARONCHELLI COSTRUZIONI GENERALI, f.lli
GRIGNOLA, IGES di LEROSE).
Vi sono poi altre società che non sono mai state contattate (GRIMAL SERVICE; TORO; SINOPOLI;
VERGA; ASFALTI PRADA; EDEN; ZILIANI; MARINT; RTI AVR MALEGARI
EUROAMBIENTE) ed una, la W.BAU, più volte citata durante le intercettazioni, che sembrerebbe
riconducibile proprio ai fratelli BIANCHI, che come già osservato, non hanno voluto partecipare
all’accordo.
Delle società contattate da NAPOLI si sono aggiudicati lotti: MALACRIDA AMBIENTE
VIABILITA’ COSTRUZIONI (9 lotti), F.lli GRIGNOLA (6 lotti), ICG Impresa Costruzioni Edili
Stradali Fognature s.r.l. (2 lotti), DAF COSTRUZIONI STRADALI s.r.l.(1 lotto), BARONCHELLI (1
lotto), ISOF (1 lotto), ECOLSERVICE (1 lotto), COMOTER (4 lotti), EMMETIVI (1 lotto), oltre a
IGES (3 lotti) ed ovviamente EDILNAPOLI (3 lotti).
Tre delle imprese partecipanti al “cartello” sono rimaste prive di lotti, ovvero MG COSTRUZIONI –
che parteciperà come previsto al LOTTO 8 (con punteggio di 79,109) non riuscendo però ad
75
aggiudicarselo a causa dell'offerta, non concordata, fatta dalla W. BAU SRL (punteggio complessivo
di 90) ed al LOTTO 7 che sarà anche esso aggiudicato alla W. BAU SRL (punteggio complessivo di
90) - la RTI formata da BORGHETTI GIARDINI e NODARI GIARDINI (lotto aggiudicato da
SINOPOLI) e la "EMMETIVI IMMOBILIARE S.R.L" che ha partecipato solo al LOTTO 30
(ottenendo un punteggio di 55.672), senza riuscire ad aggiudicarselo a causa della "scorrettezza"
adottata dalla MALACRIDA che, sfruttando le informazioni ottenute e conoscendo gli intenti delle
imprese concorrenti, ha effettuato un'offerta aggressiva che gli ha consentito di aggiudicarsi il lotto
(punteggio complessivo 98.5).
Riassumendo, le imprese facenti parte della cordata riconducibile all’indagato Napoli si sono
aggiudicate complessivamente 16 lotti su 46 effettivamente assegnati (4 sono andati deserti), e ciò a
non voler contare il numero di lotti aggiudicati alla cordata Malacrida (totale 16 lotti), il quale,
sfruttando le informazioni ottenute da Napoli (la lista a cui si fa riferimento nel corso delle
intercettazioni) ha fatto man bassa delle aggiudicazioni, avvalendosi comunque indirettamente della
collusione avente come effetto la turbativa di gara.
L’aggiudicazione di un così rilevante numero di lotti da parte delle aziende partecipanti al cartello
promosso da NAPOLI è stata possibile proprio in quanto le stesse si erano accordate per concorrere
solo per alcuni specifici lotti, senza quindi competere tra loro; tanto è vero che i lotti persi sono quelli
nei quali hanno concorso ditte che non sono state contattate (GRIMAL SERVICE, TORO,
SINOPOLI, ATI VERGA, ASFALTI PRADA, EDEN, ATP EUROAMBIENTE) o che si sono
rifiutate di partecipare al cartello (W. BAU s.r.l., verosimilmente, secondo quanto emerge dalle
intercettazioni, riconducibile a BIANCHI).
Nell’annotazione CC Monza n. 878-1/56 del 2.10.2017 sono riportati gli esiti delle analisi dei tabulati
telefonici tra i partecipanti alla cordata9 con elaborazione di uno schema riepilogativo delle imprese
che hanno registrato contatti telefonici tra loro nel periodo 1.10.2015 – 25.09.2017 e che dimostra
come i contatti tra gli imprenditori indagati siano costanti e ricorrenti nel corso del tempo.
Orbene dal punto di vista della valutazione degli elementi indiziari fin qui raccolti ritiene il giudicante
che emergano gravi indizi della sussistenza del reato indicato al capo I.1.
In effetti, Napoli Renato, graziealle informazioni riservate fornitegli dal pubblico ufficiale Arrigo Pier
Sergio, dipendente e responsabile contrattualistica AMSA, essendo stata bandita la gara di cui alla
procedura aperta n. 9/2017 avente ad oggetto il "Servizio di spargimento di fondenti salini, lamatura e
ammasso e rimozione e trasporto della neve dalle vie, piazze, depositi ATM della città di Milano,
nonché, limitatamente alle città di Pero e Trezzano Sul Naviglio, l'esecuzione delle sole attività di
rimozione e trasporto della neve. Periodo: dal 15 nov. 2017 al 15 mar. 2021” per l’assegnazione di 50
lotti (per quattro anni + due) per un importo totale di euro 4.796.904 iva esclusa”, ha iniziato a
prendere assidui contatti con alcune aziende operanti nel settore e segnatamente con DI PIERRO
Matteo Bartolomeo, dipendente di D’ALFONSO Daniele (legale rappresentante della ECOL –
SERVICE s.r.l.), COCCIOLO Antonio per la “COMOTER s.r.l.”; ONGARI Fabio per la “ISOF
Costruzioni s.r.l.”; DONZELLI Piarangelo, DONZELLI Massimiliano per la “DAF Costruzioni
Stradali s.r.l.”; MAININI Giorgio per la “I.C.G. Imprese Costruzioni Edili Stradali Fognature s.r.l.”;
BORGHETTI Stefano per la “Borghetti Giardini s.a.s.”; Gaslini Dante Antonio quale legale
rappresentante della Gaslini s.r.l.; GRAMENDOLA Domenico per la “M.G. costruzioni edili s.r.l.”;
Grignola Cristian per la “F.lli Grignola s.a.s.”; NODARI Luca per la “Nodari Giardini s.a.s.”;
BARONCHELLI Achille Leandro per la “Costruzioni Generali Baronchelli s.r.l.”; LEROSE Lorenzo
(cl. 1992) per la “IGES. S.r.l.”; MALACRIDA Pierluigi per la Malacrida Ambiente Viabilità
Costruzioni s.r.l.” e PONTI Giacomo per la “TAU Engieneering s.r.l.”.
Le conversazioni telefoniche individuano come i soggetti contattati da Napoli, già tutti aggiudicatari di
uno o più lotti all’esito della gara precedente, siano sostanzialmente d’accordo a mantenere lo “status
quo” cioè ad aggiudicarsi gli stessi lotti che attualmente gestiscono.
Le conversazioni mirano ad organizzare un incontro che si concretizzerà nella giornata del 21 luglio
2017 in Piazza Kennedy a Milano : il servizio di o.c.p. appositamente predisposto documenta
9
In faldone 3, fg. 1170 ss. – vds. anche annotazioni 04.09.2017 al fg. 1129 ss. e 15.09.2017 al fg. 1164 ss.
76
fotograficamente il gruppo di imprenditori che si riunisce in cerchio per visionare alcuni documenti
che ha in mano Donzelli.
Poiché non tutti gli imprenditori che Napoli ha intenzione di coinvolgere nel cartello hanno partecipato
all’incontro di piazzale Kennedy, ad esso seguirà una serie di contatti telefonici dal cui contenuto
emerge con chiarezza un accordo tra le imprese partecipanti al fine di concordare ex ante le offerte e
soprattutto al fine di attuare la reciproca desistenza nel gareggiare sui vari lotti così spartendosi la
aggiudicazione dei lotti stessi in modo sostanzialmente conforme a quello dell’ultima gara.
Nel corso dell’attività volta alla formazione del “cartello” facente capo a Napoli Renato, si profila
un’altra cordata di imprese che, apparentemente, sarebbero interessate ad altri lotti e che quindi non
entrerebbero in competizione con il primo gruppo.
L’unica impresa che fin da subito appare “non allineata” è quella facente capo a Bianchi che, in effetti,
riesce a sfuggire a tutti i pressanti tentativi di contatto telefonico o personale posti in essere da Napoli
Renato al fine di sondare le intenzioni del concorrente.
Come si è visto, non tutte le aspettative delle imprese facenti parte del cartello coordinato da Napoli
Renato si concretizzano, e ciò a causa del “tradimento” posto in essere da Malacrida il quale
sfruttando le informazioni riservate ottenute da Napoli (che a sua volta le aveva ricevute dal
funzionario infedele Arrigo Sergio) partecipa alla gara compiendo offerte su ben 15 lotti e riuscendo
ad aggiudicarsene direttamente ben nove, attraverso un atteggiamento aggressivo connotato da forti
ribassi che gli ha permesso di ottenere i punteggi più elevati. I lotti complessivamente acquisiti dalla
cordata Malacrida ammontano addirittura a 16, se a quelli aggiudicati alla sua società si assommano
quelli di Grimal-Service s.r.l. e di F.lli Grignola s.r.l.
Stessa cosa dicasi per l’impresa riconducibile a Bianchi (la W.Bau) che si aggiudicherà ben sei lotti.
Nonostante questo “imprevisto” molte delle imprese contattate direttamente o indirettamente da
Napoli sono riuscite ad aggiudicarsi tutti o alcuni dei lotti per i quali avevano presentato offerte.
In particolare, oltre alla società di Malacrida (9 lotti), la F.lli Grignola si è aggiudicata tutti e sei i lotti
a cui ambiva; la I.C.G. di Mainini Giorgio due lotti; la DAF s.r.l. dei fratelli Donzelli un lotto; la
Baronchelli s.r.l. di Baronchelli Achille Leandro un lotto; la ISOF s.r.l. di Ongari Fabio un lotto; la
Comoter s.r.l. di Cocciolo Antonio 4 lotti, la IGES s.r.l. della famiglia Lerose 3 lotti e, per quanto più
da vicino riguarda gli indagati per cui è stata avanzata richiesta di misura, la EDILNAPOLI s.r.l. 3
lotti e la ECOL-Service s.r.l. di D’Alfonso Daniele (nell’occasione rappresentato dal suo braccio
destro DI PIERRO Matteo) un lotto.
Dal punto di vista della qualificazione giuridica del fatto, appare corretta quella attribuita dal P.M.
trattandosi di una turbativa di gara consumata.
Il bene giuridico tutelato dall’art. 353 c.p. è l’interesse della pubblica amministrazione affinché le gare
si svolgano in piena libertà e regime di concorrenza, in modo da garantire al meglio il soddisfacimento
del pubblico interesse. Collusione è ogni accordo clandestino volto ad alterare o eludere il normale
svolgimento della gara, anche per mezzo del comportamento omissivo di taluno dei partecipanti (a
differenza della promessa accettata occorre un’iniziativa bilaterale, ovvero il convergere di più
condotte in correlazione strumentale tra loro); Cassazione Penale sesta sezione 08/07/2014 n. 40304:
in materia di turbata libertà degli incanti con il termine "collusione" si intende ogni accordo
clandestino, intercorrente tra soggetti privati in qualsiasi modo interessati alla gara o tra questi e i
preposti alla gara, diretto a influire sull'esito della stessa.
Il turbamento della gara consiste in una modificazione delle condizioni di svolgimento della gara, che
determini una qualunque “compromissione di libertà” o “lesione del principio di libera concorrenza”,
indipendentemente dall’esaurimento della procedura. Per Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 43408 del
23/06/2016 il turbamento (evento naturalistico del reato) può verificarsi quando la condotta
fraudolenta o collusiva abbia anche soltanto influito sulla regolare procedura della gara medesima,
essendo irrilevante che si produca un'effettiva alterazione dei suoi risultati (in motivazione, la Corte ha
precisato che tale condotta può anche consistere in uno "sviamento" del regolare svolgimento della
gara tale da determinarne uno sviluppo anomalo).
Ancora, per Cassazione, sez. 6, Sentenza n. 24477 del 04/05/2016 la condotta di collusione consiste
nell'accordo clandestino diretto ad influire sul normale svolgimento delle offerte, concretamente
idoneo a conseguire l'evento del reato, che si configura non soltanto in un danno immediato ed
77
effettivo, ma anche in un danno mediato e potenziale, attesa la natura di reato di pericolo della
fattispecie.
Con riferimento ai fatti per cui si procede si segnala, tra le molte, la sentenza della Corte di
Cassazione, Sez. 6, n. 28517 del 01/04/2014 secondo cui il collegamento, formale o sostanziale, tra
società partecipanti alla gara per l'aggiudicazione di un appalto pubblico non è di per se sufficiente a
configurare il delitto di turbata libertà degli incanti, occorrendo la prova, che si ritiene raggiunta con
riferimento alla presente ipotesi, che, dietro la costituzione di imprese apparentemente distinte, si celi
un unico centro decisionale di offerte coordinate o che le imprese, utilizzando il rapporto di
collegamento, abbiano presentato offerte concordate.
Orbene, non vi è dubbio che nella fattispecie analizzata gli accordi presi da Napoli telefonicamente o
di persona per concordare le offerte da presentare ed affinchè, sostanzialmente, ogni impresa
concorrente si aggiudicasse gli stessi lotti per i quali era risultata vincitrice nella gara precedente
rappresentino una collusione che ha avuto l’effetto di turbare il regolare svolgimento della gara
determinando, in tutto o in parte, l’avveramento delle aspettative di molti dei partecipanti.
Appare singolare al giudicante, anche per quanto si dirà nel prosieguo della trattazione, che nel
documento definitivo di approvazione dell’aggiudicazione la Edilnapoli s.r.l. di Napoli Renato che, nel
corso delle telefonate si era lamentato con i colleghi e con lo stesso Arrigo, di aver perso un lotto ( in
particolare il n. 15 vds progr. 36760 del 28.9.2017 e progr. 37449 del 29.9.2017), dopo l’incontro
personale avuto con DE CILLIS Mauro (direttore operativo di AMSA s.p.a.) programmato in data 5
ottobre 2017 (progr. 38843 del 5.10.2017) e realizzatosi il successivo 9 ottobre (progr. Amb. 1744 del
9.10.2017 ore 8.00) sia risultato aggiudicatario di tre lotti ( i nn. 14-15-16) che, sebbene non
corrispondenti a quelli gestiti in precedenza, coincidono perfettamente ai tre su cui aveva presentato
offerte.
Pur ignorando il contenuto della conversazione personale intrattenuta con DE CILLIS in data 9 ottobre
2017 presso l’ufficio del funzionario pubblico, rimane da spiegare come in seguito ad essa le
aspettative nutrite dall’indagato Napoli si siano sostanzialmente concretizzate.
In conclusione, ritiene il giudicante che, dal complesso degli elementi descritti dall’Ufficio del P.M.
nella propria richiesta e confermati dall’esame degli atti di indagine, sussistano gravi indizi di
colpevolezza relativamente al capo I.1 per tutti gli indagati per cui è stata avanzata richiesta di misura.
In particolare, Napoli Renato quale legale rappresentante di EDILNAPOLI s.r.l., Di Pierro Matteo
Bartolomeo quale dipendente e collaboratore dotato di autonomia decisionale della ECOL SERVICE
s.r.l. e D’ALFONSO Daniele legale rappresentante di quest’ultima società in concorso con molti altri
imprenditori (quasi tutti già aggiudicatari di uno o più lotti all’esito della gara precedente avente il
medesimo oggetto) e Arrigo Pier Sergio responsabile della “funzione contrattualistica” di AMSA
s.p.a. (e quindi pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio) essendo stata bandita dalla stessa
AMSA s.p.a. la gara di cui alla procedura aperta nr. 9/2017, avente ad oggetto "Servizio di
spargimento di fondenti salini, lamatura e ammasso e rimozione e trasporto della neve dalle vie,
piazze, depositi ATM della città di Milano, nonché, limitatamente alle città di Pero e Trezzano Sul
Naviglio, l'esecuzione delle sole attività di rimozione e trasporto della neve. Periodo: dal 15 nov. 2017
al 15 mar. 2021” per l’assegnazione di 50 lotti (per quattro anni + due) per un importo totale di euro
4.796.904 iva esclusa, mediante collusioni e, più precisamente, costituendo un cartello tra le imprese
partecipanti al fine di concordare ex ante il contenuto delle offerte di partecipazione alla gara, ed
accordarsi sulla reciproca desistenza al fine di spartirsi l’aggiudicazione dei lotti, turbavano il regolare
svolgimento della gara stessa.
Più precisamente, NAPOLI Renato acquisiva da ARRIGO Piero Sergio, responsabile della "funzione
contrattualistica" della società di servizi pubblici AMSA Azienza Milanese Servizi Ambientali s.p.a.,
l’elenco dei nominativi delle imprese intenzionate a partecipare al bando di gara al fine di contattare i
rappresentanti delle stesse onde raggiungere l’accordo di cui sopra.
Quindi, NAPOLI Renato contattava direttamente o indirettamente i rappresentanti delle altre imprese
interessate, promuovendo anche diversi incontri cui partecipavano COCCIOLO Antonio, ONGARI
Fabio, DONZELLI Pierangelo e DONZELLI Massimiliano, MAININI Giorgio, DI PIERRO Matteo
Bartolomeo (per conto di D’ALFONSO Daniele), BORGHETTI Stefano, GRAMENDOLA
Domenico, NODARI Luca, MALACRIDA Pierluigi e GRIGNOLA Cristian, BARONCHELLI
78
Achille Leandro, LEROSE Lorenzo e PONTI Giacomo Giuseppe; quindi i concorrenti si accordavano
per spartirsi i singoli lotti dell’appalto, di modo che ognuna delle imprese presentava domanda
esclusivamente per il lotto di interesse con reciproca desistenza dalla partecipazione agli altri lotti.
In tal modo la collusione determinava un anomalo svolgimento della gara che in data 9.11.2017 veniva
aggiudicata, tra l’altro, alle seguenti ditte partecipanti all’accordo: MALACRIDA AMBIENTE
VIABILITA’ COSTRUZIONI s.r.l. (9 lotti), F.lli GRIGNOLA di Grignola Vittorio & c. s.a.s. (6 lotti),
I.C.G. Impresa Costruzioni Edili Stradali Fognature s.r.l. (2 lotti), MG COSTRUZIONI (1 lotto), DAF
Costruzioni Stradali s.r.l. (1 lotto), BARONCHELLI COSTRUZIONI GENERALI s.r.l.(1 lotto), ISOF
COSTRUZIONI s.r.l. (1 lotto), ECOL-SERVICE s.r.l. (1 lotto), COMOTER s.r.l. (4 lotti), IGES –
Impresa Generale Edilizia Stradale s.r.l. (3 lotti), EDILNAPOLI s.r.l. (3 lotti).
Capo I.2. LA TENTATA TURBATIVA D’ASTA NELLA GARA PER L’APPALTO
DEL “TELERISCALDAMENTO” INDETTO DA A2A S.P.A.
Che il delitto appena descritto al capo I.1 non costituisca un episodio isolato nella vita imprenditoriale
di Napoli Renato, ma sia soltanto l’espressione del suo consueto modo di approcciarsi alle procedure
ad evidenza pubblica cui è interessato è dimostrato dai risultati delle indagini compendiati alle pagg.
123 e ss. della richiesta di misura relativi al delitto di cui al capo I.2.
Dalle indagini, infatti, è emerso il tentativo, posto in essere da diversi imprenditori - nuovamente
condotti ed organizzati da NAPOLI Renato, coadiuvato dal suo collaboratore ORMELLI Andrea, di
turbare la gara d’appalto, bandita da A2A S.p.a. per il teleriscaldamento nella città di Milano,
dell’importo complessivo di € 5.000.000 suddiviso in cinque lotti di € 1.250.000 l’uno.
Nelle conversazioni monitorate gli imprenditori coinvolti nella vicenda conversano in modo esplicito
degli accordi necessari ad avanzare offerte preventivamente concordate finalizzate a presentare un
ribasso sostanzialmente simile per tutti i partecipanti: “SEMBRA CHE SIA STATA TROVATA UNA
QUADRA ADESSO” “... GLI HO DETTO PRESENTATE UN'OFFERTA E STATE SOTTO IL
10%... STARE SOTTO IL 10%” “GUARDA, NOI PIÙ O MENO SI SONO ACCORDATI
COSÌ...CON 4 IMPRESE CHE DOVREBBERO PRENDERE...C'È UNA SCHEGGIA IMPAZZITA
CHE È LA CPL NON SI SA, HAN DECISO DI STARE TUTTI PIÙ O MENO SUL 10, HA DETTO
ANCHE NOI AVEVAMO QUELL'INTENZIONE LI, FORSE ANCHE QUALCOSINA IN PIÙ...”.
Con riferimento alla gara per il teleriscaldamento emerge in particolare il ruolo rivestito dagli
imprenditori ASTI Giuseppe Guerino, presidente del CDA e legale rappresentante della “Tagliabue
s.r.l.”, una delle più importanti tra quelle che hanno partecipato agli incontri preparatori della turbativa
(in data 15 settembre, a Capriolo - BS ed in data 20 settembre, presso la sede di Simedil s.r.l. a Novate
Milanese), SANGIOVANNI Celestino (amministratore unico della società “F.I.S. Impianti Interrati
S.r.l.” con sede a Grumello del Monte (BG), in via piazza invalidi sul lavoro n. 28) e CUOCO Alfonso
(amministratore unico della Edil Costruzioni Cuoco s.r.l.).
Si noti, in ordine alla figura di SANGIOVANNI Celestino, che nel corso della conversazione
ambientale intercettata il giorno 11.5.2017 sull’autovettura Mercedes ML, in uso a NAPOLI Renato
(prog. nr. 1419 ore 15:00 - RIT. 441-17), intercorsa tra NAPOLI ed il suo collaboratore ORMELLI
Andrea, era emerso che già in passato avevano stretto un accordo tra loro per l'aggiudicazione di
appalti pubblici banditi da A2A S.p.a. sempre inerenti al teleriscaldamento, ed in particolare una gara
indetta da UNIRETI s.p.a. (di proprietà di A2A s.p.a).; dal dialogo emerge come SANGIOVANNI,
dopo aver raggiunto l’accordo con NAPOLI per la spartizione di quello specifico appalto, aveva poi
stipulato un analogo accordo con un dirigente della concorrente VALTELLINA S.p.A., tradendo così
la fiducia di NAPOLI10.
10
In ordine a tale vicenda si veda informativa conclusiva Carabinieri di Monza, fg. 238 ss.. Nell’intercettazione “ambientale” a bordo della
Mercedes ML in uso a NAPOLI Renato, NAPOLI Renato e ORMELLI Andrea ricordano le fasi della loro partecipazione ad una gara d’appalto
indetta dalla A2A (inerente due lotti del teleriscaldamento) discutono degli accordi presi tra NAPOLI e SANGIOVANNI Celestino per
formulare due distinte offerte volte a spartirsi i due lotti in argomento. Nella circostanza SANGIOVANNI dopo aver raggiunto l’accordo con
NAPOLI, effettuava segretamente un analogo accordo con un ignoto dirigente della Valtellina S.p.a. "Si...adesso sul discorso pronto
intervento si son messi d'accordo loro due" ... "Si son messi d'accordo con CELESTINO, con la VALTELLINA a discapito nostro, c'hanno
inculato a noi! Poi noi facciamo gli scemi... (inc)"[...] "Senti, sto cazzo! Cioè...perchè non ci mettiam d'accordo io e te? Tanto...se è
libera...va a finire che c'è qualcun altro!". "No! guarda che c'è solo noi...qua...tim bum bam ha parlato anche con ASTI (riferndosi
79
Nella circostanza, comunque, NAPOLI Renato e ORMELLI Andrea, concordavano sul fatto che
SANGIOVANNI Celestino era stato corretto in una successiva gara d’appalto, indetta sempre dalla
A2A ed inerente la posa di alcune tubazioni, ove aveva formulato un’offerta tale da consentire che
NAPOLI si aggiudicasse l’appalto (come ricorda ORMELLI: "L'UNICA COSA È CHE HA
MANTENUTO È STATO QUELLO DI NON...NON...DI NON TIRARE IL PREZZO SULLE
TUBAZIONI, SE NO (inc) SULLE TUBAZIONI EH!" [...] "(inc) DI PAROLA, È STATO DI
PAROLA…(inc)" ).
In effetti gli accertamenti sulle gare d’appalto bandite di recente da A2A S.p.A. hanno confermato
come le tre società (Valtellina, Consital e Simedil) si siano aggiudicate rispettivamente tre gare, con
aggiudicazioni in data 12.12.2016 (CIG 6801390C92), 14.04.2016 (CIG 6634259BB5) e 17.11.2016
(CIG 6862764402).
Gli iniziali promotori degli accordi inerenti la nuova gara sul teleriscaldamento sono stati proprio
SANGIOVANNI Celestino e CUOCO Alfonso mentre NAPOLI Renato e ORMELLI Andrea hanno
assunto un ruolo rilevante solo nel prosieguo delle trattative, dopo essere stato, il primo, convinto da
CUOCO a partecipare all’incontro dove verrà raggiunto l’accordo circa la percentuale di ribasso da
presentare per la gara; sarà proprio NAPOLI Renato, per mezzo di ORMELLI Andrea, a contattare
VOLONTÈ della COOP VIRIDIA di Settimo Torinese al fine di convincerlo ad accettare le
condizioni fissate fra gli altri imprenditori coinvolti nella vicenda.
La turbativa d’asta non verrà perfezionata nonostante l’accordo intervenuto fra i diversi imprenditori
per cause indipendenti dalla loro volontà, ossia il rifiuto della stessa COOP VIRIDIA di accordarsi sul
ribasso concordato (inferiore al 10%) e costringendo in tal modo tutti gli altri imprenditori ad
annullare gli impegni già definiti “INSOMMA OGNUNO È LIBERO?” “SI OGNUNO VA PER SE
DAI! HO CAPITO!”.
Gli imprenditori coinvolti si sono incontrati tre volte per cercare di raggiungere un accordo, senza
sapere di essere monitorati dalla P.G. con appositi servizi di OCP:
in data 11 settembre 2017 in Capriolo (BS), via Molinara nr. 50 a cui hanno partecipato:
NAPOLI Renato ed ORMELLI Andrea (ditta “SIMEDIL”);
SANGIOVANNI Celestino (ditta “F.I.S. IMPIANTI”);
CUOCO Alfonso (ditta “EDIL COSTRUZIONI CUOCO”);
CAMPANA Michele (ditta “BONATTI”);
GIUDICI Andrea/Igor (ditta GALAS BITUMATI);
OGGIO, in corso di identificazione, (ditta “TAGLIABUE”);
PIACENTINI Alessandro (ditta Aenergia);
Due “commerciali” della ditta “CPL COOPERATIVA”;
RIVETTI Francesco/Alessandro (ditta “CO.RO.MET)
in data 15 settembre 2017 in Capriolo (BS), via Molinara nr. 50 a cui hanno partecipato:
NAPOLI Renato (ditta “SIMEDIL”);
CUOCO Alfonso (ditta “EDIL COSTRUZIONI CUOCO”);
un UOMO non identificato che ha accompagnato CUOCO Alfonso;
SANGIOVANNI Celestino (ditta “F.I.S. IMPIANTI”);
GIUDICI Andrea/Igor (ditta GALAS BITUMATI);
DI LUCIA Emanuele (ditta “AENERGIA”);
PIACENTINI Alessandro (ditta “AENERGIA”);
chiarametne ad ASTI della società TAGLIABUE s.p.a. già ampiamente emerso nel corso della presente attività investigativa, n.d.r.) perchè a
lui non gli interessa, lui fa pim pum pam..." e se n'è guardato bene dal parlare di VALTELLINA, no? Mentre invece lui...quel lavoro
qua...del pronto intervento sull'elettricità…c'era lui (inc) VALTELLINA, quindi loro su quello si son parlati anche prima...chè io non sono
fesso perchè...eh si…poi a noi se n'è guardato bene (inc) di VALTELLINA non è uscito...senonché guarda caso...oh oh! Il primo lotto l'ha
vinto VALTELLINA! "[...] " Perchè era il 16 mi sembra…lui aveva fatto il 10...io ho detto che stavo…sotto il 10...lui "No ma io non...io sto
appena appena su del 10 perchè tu…perchè là…perchè sai". Ma che cazzo stai su a fare? Se siamo io e te? Io faccio l'8 e tu fai l'8 e 50! O
viceversa! "No vabè perchè sai io...sotto il 10"...al lui non interessava stare su del 10! A lui interessava stare secondo! Perchè sapeva
che…lui...in quella posizione lì, cioè...davanti a noi...si garantiva il secondo lotto...cosa che è stato! Capito? Ma va bene! Io non gli ho
detto nè "A" e nè "B"! Faccio finta di essere scemo!"
80
ASTI Giuseppe (ditta “TAGLIABUE”);
RIVETTI Francesco/Alessandro (ditta “CO.RO.MET)
in data 20.09.2017 in Novate Milanese, via Puecher n. 20 (sede della SIMEDIL S.r.l. di NAPOLI
Renato)
NAPOLI Renato ed ORMELLI Andrea (ditta “SIMEDIL”);
CAMPANA Michele (ditta “BONATTI”);
SANGIOVANNI Celestino (ditta “F.I.S. IMPIANTI”);
ASTI Giuseppe (ditta “TAGLIABUE”);
PIACENTINI Alessandro (ditta “AENERGIA”).
La trattativa ha inizio in data 09/09/2017 quando ORMELLI Andrea invia a NAPOLI Renato un SMS
(prog. 50651 utenza monitorata +393290503487 intestata SIMEDIL ed in uso a ORMELLI) con la
richiesta di SANGIOVANNI di incontrarsi a Palazzolo S/O per il successivo lunedì alle ore 15.00,
“per un caffè”. Lunedì 11 settembre (prog. 51191 utenza monitorata +393290503487 intestata
SIMEDIL ed in uso a ORMELLI) SANGIOVANNI chiede al suo interlocutore di contattare anche
CUOCO Alfonso per invitarlo all’incontro che dovranno avere alle ore 15, che contestualmente
fissano in un bar nelle vicinanze del casello di Palazzolo.
Poco dopo ORMELLI invia un messaggio a CUOCO chiedendogli la disponibilità all’incontro (prog.
51193); al messaggio segue una telefonata (prog. 51195) nella quale concordano l’incontro, che si
tiene effettivamente a Palazzolo sull'Oglio per poi spostarsi presso la sede di una ditta di movimento
terra e deposito di inerti sita in CAPRIOLO (BS).
L’incontro avverrà alle ore 15 circa del 11.09.2017 all’uscita autostradale di Palazzolo sull’Oglio per
poi proseguire presso la sede della ditta” GALAS BITUMATI S.r.l.” ( di Giudici Andrea/Igor) con
sede in Capriolo (BS), via Molinara 50 (cfr. GPS autovettura Mercedes ML in uso a NAPOLI Renato).
Dalle intercettazioni telefoniche ed ambientali registrate, emerge che il gruppo di imprenditori non
riesce a raggiungere, almeno in prima battuta, un accordo sulla percentuale comune di sconto da
presentare.
Alle successive ore 17.19 NAPOLI Renato riceve una telefonata (prog 33116 (RIT. 441/17) da
CUOCO Alfonso con il quale concorda di incontrarsi all’uscita del casello autostradale di Seriate
(BG).
Dall’ascolto delle conversazioni successive (ambientale in auto - progr 1081 del 11.09.2017 ore 17.00
- RIT 1187/17) che documentano quasi integralmente il primo incontro emergono maggiori dettagli sia
sull’importo della gara sia sulle difficoltà a raggiungere un accordo con le altre ditte in quanto alcuni
imprenditori, in particolare SANGIOVANNI di FIS IMPIANTI ritengono che l’appalto debba essere
vinto da loro e che poi eventualmente daranno in subappalto alcuni lavori, soluzione evidentemente
non gradita da NAPOLI e CUOCO
La conversazione successivamente monitorata (prog 1082 delle ore 18.00 RIT 1187/17) tra NAPOLI e
ORMELLI conferma la difficoltà di trovare un accordo tra le diverse società coinvolte:
NAPOLI:
..IO IMMAGINANDO OGGI IL TELERISCALDAMENTO DI OGGI NOI
POTREMMO ANCHE DIRGLI DI NO! POTREMMO ANCHE DIRGLI VABBÈ SENTI ALLORA
FACCIAMO CHE ADESSO VE LI FATE VOI E IL PROSSIMO CI SIAMO NOI.. PERÒ ANCHE
NO È CHIARO, PERCHÉ..PERCHÉ POI IL PROSSIMO NON CI SARANNO PIÙ SOLO QUELLI
DI OGGI, MA CE NE SARANNO ALTRI..QUELLI DI OGGI NON CI SARANNO .QUELLO LÌ È
..INC.. QUESTO QUA È MILESI
ORMELLI:
..inc.. IL PROBLEMA ...PUÒ ANCHE ANDAR BENE ..INC.. QUELLO DA UN
MILIONE E DUCENTOMILA (1.200.000,00 EURO) LA PROSSIMA GARA CHE ESCE CHE
SUPERA I CINQUECENTOMILA LA FACCIAMO NOI!|PERCIÒ IL PROSSIMO LAVORO
..INC..
NAPOLI:
NON CI SARANNO SOLO LORO ...
In data 12.09.2017 (prog. 51962 – RIT 925/17) CIAMPICA chiede a ORMELLI come sia andato
l’incontro; ORMELLI risponde che non hanno raggiunto nessun accordo “NON ABBIAMO MICA
81
CONCLUSO...NO NO...” aggiungendo che comunque le trattative proseguiranno e vi sarà un secondo
incontro “ADESSO VEDIAMO ADESSO VEDIAMO....CI SARÀ ANCORA UN
APPUNTAMENTO, ADESSO VEDIAMO....LO VOGLIONO FARE MA NON PENSO CHE SIA
RISOLVIBILE QUESTA SITUAZIONE QUA”. ORMELLI puntualizza come sarebbe certamente
meglio, per tutti, se si raggiungesse un accordo.
[….]
CIAMPICA Marsilio: ma poi non mi hai detto come cazzo avete concluso...qualcosa
ORMELLI Andrea:
NON ABBIAMO MICA CONCLUSO...NO NO...
CIAMPICA Marsilio: niente? INC
ORMELLI Andrea:
NON È POSSIBILE CONCLUDERE.... NON È POSSIBILE CONCLUDERE
RAGAZZI
CIAMPICA Marsilio: ma lui ha detto la sua stronzata o no?
ORMELLI Andrea:
non ha detto un cazzo non conosce nessuno...
CIAMPICA Marsilio: non ha detto niente?...
ORMELLI Andrea:
ma pensi
CIAMPICA Marsilio: ah...cosa ha detto?
(voci sovrapposte)
CIAMPICA Marsilio: e il resto tutto apposto....ALLORA COME FACCIAMO?...OGNUNO VA PER
CAZZI SUOI?
ORMELLI Andrea:
ADESSO VEDIAMO ADESSO VEDIAMO....CI SARÀ ANCORA UN
APPUNTAMENTO, ADESSO VEDIAMO....LO VOGLIONO FARE MA NON PENSO CHE SIA
RISOLVIBILE QUESTA SITUAZIONE QUA
CIAMPICA Marsilio: eh no....SE GIÀ DA PRIMO ACCHITTO NON HANNO....NON C'È
ACCORDO...INC... andare a perdere tempo....
ORMELLI Andrea:
eh!
CIAMPICA Marsilio: oh no?
ORMELLI Andrea:
INC bho non lo sò
CIAMPICA Marsilio: va bè vediamo dai
ORMELLI Andrea:
sarebbe meglio se ci fosse un accordo...
(INC voci sovrapposte)
CIAMPICA Marsilio: come mi hai detto non mi sembra
ORMELLI Andrea:
neanche secondo me...
CIAMPICA Marsilio: come mi hai detto tu non mi sembra...poi dopo non sò io INC...
ORMELLI Andrea:
sarebbe meglio se ci fosse perché senno
CIAMPICA Marsilio: eh bhe certo...
ORMELLI Andrea:
il rischio di farti del male c'è...
L’interesse per la gara d’appalto sul teleriscaldamento da parte di NAPOLI ed ORMELLI continua a
permanere, come si deduce dalla seguente conversazione nella quale ORMELLI chiede a CUOCO
Alfonso se ci sono novità ricevendone risposta negativa “Allora egregio! Com'è sta gara come va?”
“AH BO! SONO RIMASTO A QUELLO CHE CI SIAMO VISTI L'ULTIMA VOLTA....”. I due
comunque fissano un incontro di persona (prog. 54438 del 14.09.2017 – RIT 925/17):
Che il metodo della concertazione preventiva fra i vari imprenditori in occasione delle gare di
pubblico appalto sia quello usuale lo si evince chiaramente dalla seguente conversazione nella quale
ORMELLI, conversando con CIAMPICA Marsilio (cognato di NAPOLI Renato), si lamenta del fatto
che in occasione della gara per i lavori di San Siro l’impresa aggiudicatrice non ha voluto concordare
con gli altri il ribasso ed in conseguenza ha dovuto presentare un ribasso del 40% azzerando in tal
modo il guadagno (prog. 1873 del 14.09.2017 – RIT 1001/17), aggiungendo che se “avessero
chiamato lui” sarebbe riuscito a raggiungere un accordo con gli altri partecipanti.
ORMELLI:
INVECE DI PRENDERLO (LAVORO-APPALTO) E DI FARE QUEL CAZZO
CHE VOLEVATE, SE MI CHIAMAVATE VE LO DICEVO, HANNO FATTO UNA GARA DI
82
SAN SIRO, L'HAN PRESA AL 40 % (SCONTO-RIBASSO), CI RIMETTONO I COGLIONI...SE CI
METTEVAMO D'ACCORDO A SAN SIRO, SAN SIRO SI POTEVA PORTARE A CASA CON
UN BUON PREZZO
CIAMPICA:
certo
ORMELLI:
...e li c'ha ragione, non ha ragionato male...
CIAMPICA:
no no
ORMELLI:
SCUSATE E, CIOÈ MI CHIAMAVATE COME MI AVETE CHIAMATO ADESSO,
MI CHIAMAVATE ANCHE ALLORA...ed io l'ho detto, tra l'altro ha detto (fa riferimento a ciò che
ha detto NAPOLI ad altri imprenditori nel corso dell'incontro del giorno 11.09.2017 - ndr.), io l'ho
detto a tutti, ha detto a me sta gara qua non mi interessa, volete farla, fatevela tranquillo, per cui,
BASTAVA CHE CI SI METTESSE D'ACCORDO, QUELLA GARA LI' LA PORTAVI A CASA E
CI GUADAGNAVI DEI SOLDI, LA PORTAVI A CASA AL 5%-6%
CIAMPICA:
potevi portarla anche all'1%...
ORMELLI:
1% magari mi sembra...però adesso la gara non mi interessa e...
CIAMPICA:
non mi interessa e faccio quel cazzo che voglio
ORMELLI:
e non ha tutti i torti, non ha tutti i torti... (si riferisce a NAPOLI ndr.), capito?
CIAMPICA:
CI SCANNEREMO IN CONTINUAZIONE INC. TE LO GARANTISCO IO
ORMELLI:
IN QUELLA RIUNIONE LI (DEL 11.09.2017 NDR.)...SE SI RIUSCIVA A
METTERSI D'ACCORDO, PERÒ PRESENTARE E DIRE IO SONO TAGLIABUE E SONO IL PIÙ
BELLO DEL MONDO, IO LA DEVO FARE PER FORZA, QUELL'ALTRO...
CIAMPICA:
COS'È QUESTA?
ORMELLI:
...quell'altro come si chiama...AH IO STO GIÀ LAVORANDO PER CUI LA DEVO
FARE IO, L'ALTRO E NO VABBÈ IO SONO IO E LA DEVO FARE, non è il modo più corretto per
fare le cose...
CIAMPICA:
inc.
ORMELLI:
COME SI CHIAMA, E VABBÈ CAZZO IO SONO A MILANO, SIAMO QUELLI
PIÙ VICINI CHE CI SONO E DOBBIAM MOLLARE PROPRIO NOI? EH SCUSATE!! IN PIÙ
NOI ABBIAMO IL PROBLEMA DEL FATTO CHE SENNÒ...NOI LA QUALIFICA CE
L'ABBIAMO SOLTANTO PERCHÉ...GRAZIE A ME, PUNTO!...(cambia per un istante discorso e
dice io dove la metto la macchina) PERCHÉ SENNÒ A NOI LA QUALIFICA NON CE
L'AVREBBERO MAI DATA, (impreca e dice dove la metto la macchina!)
In data 15.09.2017, CUOCO, recandosi presso la sede della SIMEDIL, convince NAPOLI Renato,
inizialmente restio, a prendere parte ad un nuovo incontro con il gruppo di imprenditori già incontrati
il giorno 11.09.2017.
Prima dell’incontro NAPOLI ed ORMELLI si risentono e conversano in merito ai dubbi circa la
possibilità di raggiungere un accordo.
I due infine concordano sul fatto che è inutile andare all’appuntamento (prog. 32553 del 15.09.2017 –
RIT 441/17).
ORMELLI:
pronto?
NAPOLI:
si..
ORMELLI:
si?
NAPOLI:
ma non so io non ho sentito nessuno di questi qua!
ORMELLI:
MA TE LO DICO IO.. ALLE DUE SEMPRE AL SOLITO POSTO!
NAPOLI:
si solo che io non posso tu non ci sei tanto ... vedi tu ..
ORMELLI:
..inc..
NAPOLI:
non so neanche bene quello che era il discorso quindi..
ORMELLI:
NON È CHE TANTO RIESCI A VENIRMI A CAPO..PENSO CHE NESSUNO ABBIA
MODIFICATO NIENTE IN QUESTA SETTIMANA...
NAPOLI:
no no infatti.. io glielo direi anche se non avete cambiato idea per me è anche inutile
venire..perché ..glielo possiamo anche dire:
se le situazione è pari alla settimana scorsa..
ORMELLI:
eh ..pari a lunedì è uguale!
NAPOLI:
gli diciamo che non veniamo e rimaniamo nel nostro brodo anche perché.. ieri abbiam fatto
83
una cosa e l'abbiam fatta per i fatti nostri (parla della partecipazione a due lotti per una gara di A2A ndr)
ORMELLI: eh .. è da metterci insieme anche quella di ieri ci deve essere anche quella di ieri ci deve essere
anche quella di ieri..
NAPOLI:
e quella di ieri l'altra volta non c'era.. non c'era neanche nessuno che ne ha parlato ...
ORMELLI: era da metterci insieme anche quelli lì.. ma di quelli che erano invitati a quella gara lì a quella di
ieri, non c'era nessuno là eh, tranne quella ragazza!.
NAPOLI:
eh
ORMELLI: degli altri non c'era nessuno..
NAPOLI:
c'era altra gente ..inc..
ORMELLI: ..inc.. avrebbero dovuto mettere insieme tutto!
NAPOLI:
questa mi piace a me quell'altra boh che cazzo ne so io sono cazzi tuoi.. ogni volta venire ah
non so ..in fin dei conti tanto ..tanto comunque sia per non non c'era niente d'interessante quindi se
conveniva.. facciamo quello che vogliamo.. piuttosto niente ma
ORMELLI: faremo il nostro, i nostri conti faremo quello che possiamo fare ..
NAPOLI:
piuttosto niente e poi chi vuole che si ammazzi.. chi ce ne voglia che si ammazzi ..così la
prossima volta magari ci pensano meglio, prima di farsi ...
ORMELLI: MA NON PUOI FARLO ..INC.. PER UN LAVORO SOLO .. INC..
NAPOLI:
perché..si può anche fare voglio dire però ..
ORMELLI: ..CI DEVI METTERE INSIEME ALTRA ROBA E SE NO ..
NAPOLI:
mi faccio turbare dice con i presupposti che ..eh qua ci sono ..qui lui là c'è l'altro e io cosa
vengo a fare? lo scemo? a guardare te? ma va a cagare va.. piuttosto facciano quello che vogliono cioè.. per
quanto mi riguarda..
ORMELLI: Infatti ..
NAPOLI:
non lo so
ORMELLI: no se ti riusciva ..
NAPOLI:
IO GLI DIREI: NOI OGGI A QUELL'ORA LÌ NON VENIAMO NÈ UNO NÈ L'ALTRO
SE VOLETE CI VEDIAMO LUNEDÌ MATTINA EH PUNTO, COS'È A MEZZOGIORNO?
ORMELLI: eh penso di si!
NAPOLI:
tanto lì basta fare una telefonata ognuno si prepara quello che deve fare, ci troviamo a metà
strada lunedì ..visto che vogliono..
ORMELLI: si si ..
[….]
ORMELLI: SI MA TANTO NON RISOLVONO NIENTE.. non so se vuoi andare te alle tre o se no per me
lunedì mattina va bene anche alle sette alle cinque alle quattro .. inc..
NAPOLI:
..inc.. ci vediamo lunedì mattina se vogliono! Se no fa niente se no facciamo finta che
ORMELLI: VA BENE ADESSO GLIELO DICO ANCHE PERCHÉ PARLARE PER TELEFONO NON È
CHE MI GARBI TANTO!
[…]
NAPOLI:
SE FOSSE UNA COSA INTERESSANTE SAREBBE DA ANDARE, NON C'È NIENTE
DI INTERESSANTE SECONDO ME SE NO PRENDERLA NEL CULO A ME NON PIACE È UNA
ROBA CHE NON...È UNO SPORT CHE NON MI PIACE .. QUINDI ..
ORMELLI: va bene dai adesso lo sento
NAPOLI:
FAN TUTTI FAN FINTA CHE FANNO TUTTI I GANASSONI MA IO QUA IO LÀ .. E
ALLORA ANDATE AVANTI A FARLO.. FATE I GANASSONI E ANDATE AVANTI VEDIAMO SE
LA PROSSIMA VOLTA RAGIONANO CON LA TESTA UN PÒ DI PIÙ .. SE RAGIONANO UN PO'
PIÙ DA INTELLIGENTI, PERCHÉ STAVOLTA QUA NON HANNO FATTO UNA FIGURA DA
PERSONE INTELLIGENTI, NON PUOI VENIRE A PROPORRE:
PRONTI VIA PARTIAMO COSÌ!
ALLORA UN, DUE, TRE...
ORMELLI: UHM QUELLA È LA NOSTRA QUELLA È LA SUA L'ALTRA È LA SUA POI CE NE
RIMANE UNO DIVIDETEVELO VOI
NAPOLI:
..in.. settantaquattro , ma vai a cagare va.. se no vieni per me ma va a cagare ..inc..
ORMELLI: no..
NAPOLI:
va buh dai
ORMELLI: ok adesso lo sento.
NAPOLI:
ok va be ciao!
84
A questo punto ORMELLI informa CUOCO che non parteciperà né lui né il suo “capo”.
La presenza di NAPOLI all’incontro era peraltro ritenuta indispensabile a tal punto che
l’appuntamento viene rinviato come emerge dalle successive conversazioni.
Alla fine l’incontro si tiene presso la GALAS BITUMATI s.r.l. di Capriolo e vi partecipano le ditte
sopra indicate.
Dalle intercettazioni telefoniche ed ambientali emerge che la nuova riunione ha consentito di
raggiungere l’accordo sulla percentuale di sconto (come si vedrà quantificata nel 10% circa) da
presentare alla gara indetta dalla A2A Spa.
Nella conversazione prog. 55829 del 18.09.2017 (RIT 925/17) CUOCO aggiorna ORMELLI di quanto
discusso e concordato durante il suddetto incontro “ABBIAMO SISTEMATO IL FILTRO.. poi...ci
vediamo oggi ne parliamo...” “mha.. SEMBRA CHE SIA STATA TROVATA UNA QUADRA
ADESSO”:
ORMELLI Andrea chiama CUOCO Alfonso LUCIO
CUOCO Alfonso Lucio:
si
ORMELLI Andrea:
si ciao
CUOCO Alfonso Lucio:
ciao
ORMELLI Andrea:
ma poi ...il caffè l'avete preso?
CUOCO Alfonso Lucio:
si...
ORMELLI Andrea:
si...
CUOCO Alfonso Lucio:
ABBIAMO SISTEMATO IL FILTRO.. poi...ci vediamo oggi ne parliamo...
ORMELLI Andrea:
MA C'ERA ANCHE COSO ... C'ERA ANCHE IL MIO CAPO?
CUOCO Alfonso Lucio:
SI SI...
ORMELLI Andrea:
AH È VENUTO?
CUOCO Alfonso Lucio:
SI
ORMELLI Andrea:
SI ... TUTTO APPOSTO ALLORA?...
CUOCO Alfonso Lucio:
mha.. SEMBRA CHE SIA STATA TROVATA UNA QUADRA ADESSO
ORMELLI Andrea:
SI È TROVATA?
CUOCO Alfonso Lucio:
SEMBRA DI SI E NON CAMBIA NEANCHE TANTO...
ORMELLI Andrea:
va bene
CUOCO Alfonso Lucio:
okay
ORMELLI Andrea:
okay
Alle ore 13.59 del 18.09.2017 (prog. 56107 – RIT 925/17) interviene una conversazione fra
ORMELLI e VOLONTÈ dipendente della Coop Viridia di Settimo Torinese (che sarà la ditta che farà
“saltare” l’accordo per la gara sul teleriscaldamento) nella quale il primo invita l’altro a bere un caffè
accordandosi per vedersi l’indomani mattina presso la sede della Simedil
ORMELLI:
pronto!
VOLONTÈ:
sono VOLONTÈ di Viridia mi ha cercato...
ORMELLI:
si...sono ORMELLI della SIMEDIL...CI SIAMO VISTI LI...PER IL LAVORO A
MILANO...ma lei prossimamente oggi o domani, dove posso trovarla? Magari beviamo un caffè...
VOLONTÈ:
io oggi sono a Torino...domani magari possiamo prenderci un caffè...visto che io sono di
Milano...inc...
ORMELLI:
Milano, di dove esattamente?
VOLONTÈ:
sono di Rho io
ORMELLI:
a per cui qua vicino a noi, noi siamo qui a Novate
VOLONTÈ:
si
ORMELLI:
se mi dice domattina...perché stasera arriva tardi lei?...
VOLONTÈ:
inc...dopodomani giusto?
ORMELLI:
infatti...
VOLONTÈ:
NOI CI VEDIAMO DOMATTINA
ORMELLI:
domattina magari, se mi dice dove? o sennò qua da noi...tanto siamo qua vicino anche per
85
prendere l'autostrada
VOLONTÈ:
Novate...
ORMELLI:
Novate in via Puecher al 20
VOLONTÈ:
domattina verso che ora?
ORMELLI:
io alle 07.30 sono in ufficio
VOLONTÈ:
facciamo 7.30-8.00
Nella conversazione che segue (prog. 56558 del 19.09.2017 - RIT 925/17) ORMELLI aggiorna
MARSANO Eugenio (dipendente della società SELENE_AMSA con il quale ORMELLI ha contatti
pressochè quotidiani) circa le ditte interessate alla gara d’appalto per il teleriscaldamento.
MARSANO Eugenio Nicola: allora?
ORMELLI Andrea:
Ehhhh....
MARSANO Eugenio Nicola: cosa bolle in pentola?
ORMELLI Andrea:
la gara del teleriscaldamento
MARSANO Eugenio Nicola: un'altra?
ORMELLI Andrea:
si quella che....che va dopo domani...
MARSANO Eugenio Nicola: quella?
ORMELLI Andrea:
ce n'è una che va domani
MARSANO Eugenio Nicola: ah ma su che cosa?
ORMELLI Andrea:
la rete di Milano...4 lotti per la manutenzione di Milano
MARSANO Eugenio Nicola: ah..e da quanto sono?
ORMELLI Andrea:
NO POCO....UN MILIONE E DUECENTO...INC...
MARSANO Eugenio Nicola: ah bhè...poca roba allora....
ORMELLI Andrea:
eh ma ci sono parecchie imprese che gli interessa....
MARSANO Eugenio Nicola: eh bhè posso immaginare
ORMELLI Andrea:
TAGLIABUE gli interessa, BONATTI gli interessa, F.I.S. IMPIANTI gli interessa
(di SANGIOVANNI Celestino ndr.), la CPL gli interessa
Di particolare rilievo in ordine ai fatti per cui si procede la conversazione ambientale che segue, n.
1989 intercettata il 19.09.2017 sull’auto VW Passat in uso a ORMELLI.
Questi, nel parlare con NAPOLI e GHIRARDI Fabrizio, afferma di aver da poco finito di parlare con
una terza persona – ovvero VOLONTÈ Dario – al quale ha riferito dell’accordo raggiunto da
NAPOLI, CUOCO e dagli altri imprenditori, sulla percentuale di sconto da presentare alla gara in
argomento, suggerendo loro di formulare una analoga offerta, che contempli un ribasso intorno al
10%.
(…)… “guarda, NOI PIÙ O MENO SI SONO ACCORDATI COSÌ...CON 4 IMPRESE CHE
DOVREBBERO PRENDERE...c'è una scheggia impazzita che è la CPL non si sa, HAN DECISO DI
STARE TUTTI PIÙ O MENO SUL 10, ha detto anche noi avevamo quell'intenzione li, forse anche
qualcosina in più... (…)”
ORMELLI afferma che VOLONTÈ era stato contattato dalla COROMET, ovvero la società
“CO.RO.MET s.r.l.” con sede a Bedizzole –BS-, il cui presidente è RIVETTI Francesco. Il cognome
“RIVETTI” emerge anche in seguito nella conversazione del 21.09.2017 fra ORMELLI e uomo della
CPL Concordia dove i due parlando dell’offerta e ribassi da presentare per la gara in argomento
riferiscono che una terza persona faceva riferimento al discorso che faceva “RIVETTI”.
NAPOLI Renato si mostra preoccupato per l’inaspettata “entrata in scena” della ditta rappresentata da
Volontè ed afferma che è meglio avvertire anche gli altri imprenditori: “FARANNO ANCHE PIÙ DEL
10...ADESSO CONVIENE MAGARI PARLARNE CON GLI ALTRI...E DIRE RAGAZZI SAPETE CHE
C'È DI NUOVO, CI SONO PURE QUESTI...” “C'È UNA SCHEGGIA IMPAZZITA CHE È LA CPL
NON SI SA, HAN DECISO DI STARE TUTTI PIÙ O MENO SUL 10, HA DETTO ANCHE NOI
AVEVAMO QUELL'INTENZIONE LI, FORSE ANCHE QUALCOSINA IN PIÙ...”.
86
Più tardi VOLONTÈ contatta ORMELLI (prog. 56828 del 19.09.2017 – RIT 925/17) comunicandogli
che il direttore generale della Coop Viridia ha intenzione di formulare uno sconto leggermente
superiore al 10% per tentare di vincere la gara, poiché si trova in grosse difficoltà economiche,
decisione che suscita sconcerto in ORMELLI perché rischia di far saltare gli accordi presi con gli altri
imprenditori in data 15.9.2017 “ALLORA ABBIAMO PARLATO... ABBIAMO PARLATO... DICIAMO
CHE... EHHHH... NOI FAREMO UN NUMERO NON TANTO DISTANTE DA QUELLO... MA NON
... DICIAMO CHE.... UN PELINO UN PÒ PIÙ ALTO... TANTO PER INC... NON NON FACCIAMO...
DICO LA VERITÀ ABBIAMO BISOGNO DI, DI TROVARE UN PÒ DI FATTURATO FATTURATO....
MA NON SPAREREMO CERTO NUMERI....DEL 20% ECCO...”.
VOLONTÈ infine, dimostrando che comunque quello dell’accordo sottobanco costituisce una prassi
comune per tutte le imprese, rassicura l’interlocutore dicendogli che se vinceranno il bando di
quest’anno poi l’anno prossimo non creeranno alcun problema e sarà come se non ci fossero “ecco
quindi...sarà inc forse qualcosa in più perché...io al numero alla fine il numero non lo sò perché poi lo
decide il Direttore Generale e lo dà alla parte inc...però m'ha fatto capire che saremo un attimino un
pò più....un pò più..va bhè dai...ehhhh....POI L'ANNO PROSSIMO COMUNQUE SIA...SE CI SIAMO
NON CI SAREMO...ECCO” “ECCO... EHHH... STAREMO FUORI”
NAPOLI Renato, seriamente preoccupato per la tenuta dell’accordo, fissa un terzo incontro, al quale
parteciperà anche ORMELLI, con altri imprenditori, tra i quali SANGIOVANNI Celestino per le ore
06.00 del giorno 20.09.2017, per discutere il da farsi.
La riunione, presso la sede della SIMEDIL, si terrà fra NAPOLI Renato/ORMELLI Andrea,
SANGIOVANNI Celestino (società F.I.S Impianti Interrati), CAMPANA Michele (società
BONATTI), ASTI Giuseppe (società TAGLIABUE).
Infatti, NAPOLI, qualche ora dopo aver saputo delle intenzioni prospettate dalla ditta COOP VIRIDIA
di Settimo Torinese chiama CAMPANA Michele (della ditta BONATTI interessato alla gara sul
teleriscaldamento che ha partecipato anche agli incontri del 11.09.2017 e del 20.09.2017 ) al quale
chiede un immediato incontro:
Ale ore 18.51 del 19.09.2017 contatta SANGIOVANNI Celestino (della ditta F.I.S. IMPIANTI
interessato alla gara sul teleriscaldamento che ha partecipato anche agli incontri del 11.09.2017, del
15.09.2017 e del 20.09.2017) al quale chiede se ha inviato il suo socio in Piemonte (riferendosi al fatto
di aver inviato un proprio emissario per convincere la COOP VIRIDIA ad aderire all’accordo sul
teleriscaldamento):
Il 20.09.2017, alle ore 09.37, al termine dell’incontro, NAPOLI contatta telefonicamente
SANGIOVANNI Celestino (prog. 34048 - 34057), il quale si era dovuto allontanare in anticipo dalla
riunione, informandolo che, a causa dell'inaspettata presa di posizione della COOP VIRIDIA
l’accordo, è saltato e tutti saranno liberi di formulare l’offerta autonomamente: "INSOMMA
OGNUNO È LIBERO?" [...] "ho capito...va bè va bè".
CELESTINO: ciao!
NAPOLI:
ciao ciao ciao
CELESTINO: ALLA FINE?
NAPOLI:
UHM NIENTE DI BUONO
CELESTINO: niente di buono
NAPOLI:
eh!
CELESTINO: va bene ..
NAPOLI:
.. purtroppo.. adesso per telefono diventa un pò difficile, il riassunto è questo qua se vuoi
vabbè ci vediamo ..tardi.. però non c'è ... (esita a parlare)
CELESTINO: SI OGNUNO VA PER SE DAI! HO CAPITO!
NAPOLI:
EH PURTROPPO È COSÌ..
CELESTINO: va bene ok
NAPOLI:
ok?
CELESTINO: d'accordo!
NAPOLI:
ciao
CELESTINO: maa si sono almeno detti di stare belli schisci oh ..
NAPOLI:
..inc..possono fare quello che vogliono!, io non ..
87
CELESTINO:
NAPOLI:
cose..
(…)
NAPOLI:
CELESTINO:
NAPOLI:
[…]
CELESTINO:
NAPOLI:
CELESTINO:
ho capito
non ..secondo me non avrebbe neanche senso.. no comunque ..considerate diciamo le varie
..secondo me non avrebbe senso...
si si infatti..
PERÒ SAI POI QUANDO È COSÌ OGNUNO FA QUELLO CHE GLI PARE PERÒ SAI
INSOMMA OGNUNO È LIBERO?
SI AH ADESSO HO CAPITO! SI SI ..
ho capito ..va bè va bè
Alle ore 11.23 del 20.09.2017 (prog. 57709) CUOCO Alfonso chiama ORMELLI al quale chiede il
nome ed il numero di telefono della persona responsabile della procedura della gara di appalto delle
ditta COOP VIRIDIA, per tentare, evidentemente, un’ultima volta di convincere l’azienda ad accettare
l’accordo.
Alle successive ore 12.15 (prog. 57798) ORMELLI Andrea chiama CUOCO Alfonso per conoscere le
novità ma questi, confermando di aver comunicato con VOLONTÈ della COOP VIRIDIA, risponde
che non vi sono più possibilità perché hanno già spedito la documentazione per la gara
“SI HO SENTITO QUELLI DI VIRIDIA E HANNO DETTO CHE L'HANNO GIÀ SPEDITA” “si ho
sentito quello là ha detto inc vedere un attimo...mi ha detto per cosa stiamo parlando di là ha detto già
fatta tutta inc… CI VEDIAMO IN QUALCHE ALTRA OCCASIONE HA DETTO...NON HA VOLUTO
NEANCHE CHE ANDAVAMO LÀ....È RIMASTO TUTTO COM'È”
Nella seconda parte della conversazione, CUOCO chiede ad ORMELLI se è interessato ad un nuovo
appalto, che indica come “quello sulle fogne”, prospettando un nuovo tentativo di accordo tra le
imprese: “A VOI INTERESSA LA QUESTIONE FOGNA... TU CE L'HAI DIETRO LA FOGNA
NO?”. ORMELLI risponde che non sono stati invitati a partecipare alla gara: “NON SO COME MAI
NON MI HANNO INVITATO” e CUOCO gli chiede di informarsi così poi potranno arrivare ad un
accordo “EH INFORMATI UN PO’” “INC SISTEMIAMOCI UN PÒ DAI VEDIAMO”.
Il 25.09.2017 ORMELLI e CUOCO si sentono nuovamente (prog. 60814), rammaricandosi ancora per
il mancato accordo ed il conseguente mancato guadagno e criticando il comportamento delle ditte che
l’hanno fatto saltare: “però ho sentito CPL mi ha detto che secondo me...adesso poi non me l'hanno
voluto dire hanno fatto più del 30% la CPL, sono veramente scemi quelli lì” Tagliabue ...Tagliabue ha
passato il 30, come noi eh” “un peccato” “UN GRAVISSIMO ERRORE PER ME” “SI SVEGLIANO
ALL'ULTIMO MOMENTO! COSA DOBBIAMO FARE?...SIAMO STATI LÀ FINO ALL'ULTIMO
“IL PROBLEMA È CHE SE NON ABBIAMO TROVATO UNA QUADRA NON FAI LA
SITUAZIONE” “VOGLIAMO FARE, TROVIAMO TUTTI GLI ACCORDI, NON VOGLIAMO
FARE, COME HO FATTO ALTRE VOLTE SPARO”. CUOCO ribadisce il concetto che prima degli
accordi intervenuti non c’era la quadra tutti erano intenzionati a presentare ribassi intorno al 20-25%,
poi dopo l’accordo intorno al 10% “ALLORA SE TU SAI CHE POI ALLA FINE NON LO FAI IL 30
PERCHÉ TUTTI QUANTI STAVANO LÀ EH... IL 20, 25 LO FACEVANO UN PÒ TUTTI...
SENZA ... SENZA NESSUNA QUADRA... POI SI ERA TROVATA LA QUADRA VA BHÈ...
PERÒ 10 PUNTI SENZA LA QUADRA NON CE LI METTEVANO INC...E PER 5 PUNTI CHE
FAI LO PERDI?...”
Riassunti in questi termini i risultati delle indagini relativi al capo d’incolpazione in esame, ritiene il
giudicante che sussistano gravi indizi di colpevolezza a carico di entrambi gli indagati per i quali è
stata avanzata richiesta di misura cautelare, vale a dire Napoli Renato e Ormelli Andrea. Costoro
infatti agendo, rispettivamente, quale legale rappresentante e quale dipendente della SIMEDIL s.r.l.,
essendo stata bandita da A2A Calore e Servizi s.r.l. la gara con procedura selettiva n. 6803040 avente
ad oggetto “Posa in opera di reti teleriscaldamento in Milano e provincia” per l’assegnazione di 4 lotti
per un importo totale di 5.000.000 euro iva esclusa suddiviso in quattro lotti da 1.250.000 euro
88
ciascuno, mediante collusioni e, più precisamente, promuovendo un accordo tra alcune delle imprese
partecipanti e segnatamente:
F.I. Impianti Interrati s.r.l. di Sangiovanni Celestino; Edil Costruzioni Cuoco s.r.l. di Cuoco Alfonso;
Bonatti s.p.a. di Campana Michele; AENERGIA RETI s.r.l. di Piacentini Alessandro e Di Lucia
Emanuele; Tagliabue s.p.a. di Asti Giuseppe Guerino; C.P.L. Concordia Soc. Coop. al fine di
determinare ex ante il contenuto delle offerte (in particolare, della percentuale massima di sconto da
praticare) e di addivenire così ad una reciproca desistenza per spartirsi i lotti, ponevano in essere, in
concorso con i rappresentanti delle imprese sopra indicate, atti idonei diretti in modo non equivoco a
turbare il regolare svolgimento della gara stessa, non riuscendo nel loro intento per cause indipendenti
dalla loro volontà e, segnatamente, per la mancata adesione all’accordo della Soc. Coop. Viridia S.C.
di Settimo Torinese.
L’improvvisa entrata in campo di quest’ultima società indurrà infatti le imprese contattate da Napoli
per la formazione del “cartello” o ad abbandonare la partecipazione alla gara o ad “andare ciascuno
per conto proprio” cioè a partecipare liberamente alla competizione.
Ciò suscita il palese disappunto degli indagati Napoli e Ormelli in quanto, secondo la mentalità
distorta con cui si approcciano a qualsiasi procedura ad evidenza pubblica, la libera partecipazione alle
gare è assolutamente antieconomica per gli imprenditori e finisce con il far risparmiare soldi all’ente
pubblico banditore.
I due, in molti colloqui e conversazioni intercettate, arrivano a teorizzare che è indispensabile per la
stessa sopravvivenza delle imprese sul mercato addivenire ad accordi vuoi nell’ambito della stessa
procedura, in modo da non farsi reciproca concorrenza e spartirsi a tavolino i vari lotti, vuoi facendo a
monte una selezione fra le procedure a cui partecipare o meno secondo un criterio di vicinanza
territoriale.
La logica è all’evidenza in aperto contrasto con quello che, pacificamente, risulta essere il bene
giuridico tutelato dalla fattispecie di cui all’art. 353 c.p. secondo i principi elaborati da dottrina e
giurisprudenza già richiamati a proposito del capo I.1.
In giurisprudenza, si ritiene certamente configurabile il tentativo di turbativa d’asta, il quale
presuppone l’inizio del procedimento di gara, altrimenti mancando l’idoneità e univocità degli atti (ad
es. caso di chi, pattuita l’astensione degli offerenti da una gara, tenti, senza riuscirvi, di procurarsi il
denaro necessario al conseguimento di tale risultato).
In proposito, per Cassazione, Sez. 6, Sentenza n. 8021 del 11/11/2015, configura il tentativo del reato
di turbata libertà degli incanti la presentazione, in occasione di una gara d'appalto, di offerte
riconducibili ad un unico centro decisionale da parte di imprese formalmente o sostanzialmente
collegate tra loro, successivamente escluse dalla competizione, in quanto l'esclusione impedisce che la
condotta collusiva influenzi positivamente l'esito finale della gara e causi la verificazione dell'evento
tipico del reato. Integra pure il tentativo l’ipotesi in cui taluno proponga ad un concorrente un accordo,
senza che questi accetti, di formulare un’offerta di comodo offrendosi di fare altrettanto in altra
procedura di gara (così da ultimo Cassazione nr. 34948 del 14.06.2018).
89
SECONDA PARTE
PREMESSA: LA FIGURA di DANIELE D’ALFONSO
Come risulta dall’informativa riepilogativa della Compagnia CC Monza cit., il soggetto che funge da
“cerniera” fra la prima parte dell’articolata indagine, e la seconda, è D'ALFONSO Daniele.
Costui, titolare della“ECOL-SERVICE S.r.l.”, con sede in Corsico, come sopra già evidenziato, figura
tra i vari imprenditori coinvolti, unitamente a NAPOLI Renato, nella turbativa d'asta relativa alla gara
d’appalto per il "Servizio neve” indetta da AMSA S.p.a (Capo I.1)
Si ricorda, in via di estrema sintesi, come dalle intercettazioni, originariamente avviate sul suo stretto
collaboratore, DI PIERRO Matteo, fosse emersa non solo la piena collusione del D’ALFONSO
Daniele nella turbativa di gara in corso (capo I.1) ma, soprattutto, il rapporto di estrema fiducia che
legava i due interlocutori e che faceva sì che proprio il DI PIERRO venisse incaricato dal suo titolare
di tenere i rapporti con la famiglia MOLLUSO.
Ci si riferisce ad esempio alla circostanza in cui, DI PIERRO, nel fare da collettore telefonico tra il suo
titolare e MOLLUSO Giuseppe, chiede a quest'ultimo (tel. 4464 ut. 3346758257 di DI PIERRO
Matteo - RIT 1491/17) "una CORTESIA PER CASO PUÒ PASSARE DI QUA CHE IL GEOMETRA
DEVE DIRE UNA COSA? (riferimento a D'ALFONSO Daniele - ndr.)" ... "SE PUÒ PASSARE DI
QUA CHE C'È IL GEOMETRA CHE LE DEVE DIRE UNA COSA", oppure il 26.10.2017, alle ore
11:56 (tel. 6789 ut. 3346758257 di DI PIERRO Matteo - RIT 1491/17), quando D'ALFONSO chiede a
DI PIERRO di farsi dire da MOLLUSO Giuseppe in quale cantiere si trova in modo che lo possa
raggiungere "L'INGEGNERE SENTILO TE PER FAVORE IN CHE CANTIERE È, CHE PASSO UN
ATTIMO DA LUI!" [...] "L'INGEGNERE! (rif. a MOLLUSO Giuseppe - ndr.)" [...] "DIGLI IN CHE
CANTIERE SEI CHE DEVO PASSARE UN ATTIMO?". La conferma che si tratta di MOLLUSO
arriva alle ore 12:03 successive (tel. 6796 ut. 3346758257 di DI PIERRO Matteo - RIT 1491/17)
quando DI PIERRO chiede a quest'ultimo "UNA CORTESIA MI PUÒ DIRE IN QUALE CANTIERE
È? CHE VOLEVA PASSARE IL SUO AMICO A SALUTARLA?"; l'incontro non avverrà per impegni di
quest'ultimo.
Emerge dalla semplice lettura di queste prime trascrizioni delle telefonate che vedono tra i soggetti
coinvolti la figura di Molluso Giuseppe come il tono delle conversazioni differisca notevolmente dal
tenore ben più gergale, colloquiale ed a volte scurrile dei dialoghi registrati tra D’Alfonso ed altri
indagati nel presente procedimento ( si pensi a quelle analizzate a proposito del capo I.1 con NAPOLI
Renato) ed esprime, secondo il giudicante, da un lato, un atteggiamento quasi deferente di D’Alfonso
verso Molluso (mai menzionato per cognome, ma solo con riferimento al titolo professionale) e,
dall’altro, l’estrema sinteticità delle conversazioni e la costante precauzione di D’Alfonso di evitare
contatti diretti, servendosi dell’intermediario Di Pierro.
Tutto ciò, per quanto meglio si vedrà in seguito, evidenzia un atteggiamento di D’Alfonso verso
l’appartenente alla famiglia di spicco della n’drangheta operante in Lombardia connotato, per un
verso, da senso di rispetto e, per altro verso, dalla consapevolezza della pericolosità dei contatti
telefonici diretti con tale interlocutore e della conseguente stringente necessità di evitarli, essendo del
tutto probabile che si tratti di una persona sotto la lente investigativa degli organi inquirenti.
In termini più espliciti, D’Alfonso evita di contattare direttamente Molluso (e per questo utilizza il suo
braccio destro Di Pierro) e preferisce incontrarlo personalmente, raggiungendolo nel luogo in cui
Molluso di volta in volta si trova, perché sa perfettamente che è figlio di uno dei più pericolosi uomini
di n’drangheta che nel passato ha operato in Lombardia (Molluso Giosofatto), ma al tempo stesso
esprime un atteggiamento se non proprio di sudditanza, di deferenza verso l’interlocutore.
Ritiene pertanto la scrivente che già dal tono delle prime telefonate e dalle modalità dei primi contatti
registrati dal momento dell’avvio dell’indagine si cominci a profilare il fumus dell’aggravante di aver
90
agito al fine di agevolare l’attività di un’associazione riconosciuta giudizialmente come riconducibile
al paradigma di cui all’art. 416 bis c.p., aggravante contestata al solo D’Alfonso al capo II.1
Prosegue il P.M. evidenziando che:
Ciò premesso, l’indagine veniva, quindi, proseguita avendo proprio il D’ALFONSO come soggetto
principale, e questo alla luce non solo dei suoi attuali rapporti, emergenti, si ripete, dall’attività
tecnica, con la famiglia MOLLUSO, sulla cui caratura criminale anche in seguito ci si soffermerà, ma
anche del ruolo dallo stesso avuto nella turbativa d'asta per il "servizio neve" nell'appalto indetto da
AMSA spa, nonchè, infine, dal suo, seppure risalente, coinvolgimento nel procedimento penale n.
4392/12 RGNR della Procura della Repubblica di Monza, per il quale fu sottoposto alla misura
cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Cesano Boscone (MI) (ordinanza n. 10102/13 RG GIP,
emessa in data 04.12.2013 dal GIP del Tribunale di Monza - Dott. Claudio TRANQUILLO), per
turbata libertà degli incanti relativa all'affidamento dei servizi di pulizia e spurgo della rete di
fognatura, dei manufatti a sifone e dei manufatti di acqua potabile esistenti nel territorio del Comune
di Milano, per il periodo 01.02.2013 - 31.01.2015", indetto da METROPOLITANE MILANESI S.p.A.
(fatto per il quale verrà successivamente assolto dal Tribunale di Milano, a cui il procedimento è stato
trasmesso per competenza territoriale).
In data 20.12.2017, avevano inizio le operazioni di intercettazione delle utenze 348-5989733 e 3355322638 (R.I.T. P.M. 1894/17) di D'ALFONSO Daniele che, sin da subito, si dimostravano
estremamente rilevanti in relazione al fatto che furono attivate mentre si programmava e quindi si
svolgeva la campagna elettorale in vista delle elezioni politiche nazionali e regionali del marzo 2018 .
In particolare, l’attività tecnica consentiva di monitorare l’effervescenza del D’ALFONSO che non
lesinava finanziamenti a vari soggetti politici al fine, dallo stesso dichiarato, di creare le premesse per
avere, un domani, favori strumentali all’espansione della sua attività imprenditoriale.
Sempre dalle intercettazioni emergeva, poi, lo stretto legame fra il D’ALFONSO e TATARELLA
Pietro (consigliere comunale di Milano attualmente in carica).
TATARELLA, a dispetto della giovane eta’, vanta un curriculum politico di tutto rispetto: ora Vice
Coordinatore Regionale per la Lombardia di Forza Italia , componente del Consiglio Comunale di
Milano e del Comitato territoriale di AFOL Metropolitana (società consortile partecipata anche da
Citta’ Metropolitana di Milano; AFOL è una partecipata che si occupa di formazione, istruzione etc. il
cui Direttore Generale è Zingale Giuseppe: vedasi capo III.14, n.d.r.), consulente di Regione
Lombardia e candidato alla Camera dei Deputati, nelle elezioni del marzo 2018, nella lista FORZA
ITALIA.
Al riguardo, valga osservare come TATARELLA emergeva sin da subito come colui che doveva
avvicinare l’imprenditore agli ambienti politici locali, operando come una sorta di “P.R.” del
D’ALFONSO e venendo retribuito con il pagamento di fatture da lui asseritamente emesse a fronte di
consulenze, dall’oggetto quanto mai fumoso che, in realtà, unitamente ad una serie di altre utilità,
meglio descritte nel capo d’incolpazione sub II.13, celano dazioni di natura corruttiva.
L’indagine, quindi, veniva estesa proprio a TATARELLA ed al ruolo da lui svolto nella frenetica
attività del D’ALFONSO di procacciamento di contatti con i futuri canali istituzionali soprattutto
regionali.
Il rapporto fra i due risulterà strettissimo e le indagini hanno dimostrato come il legame di
D'ALFONSO con TATARELLA Pietro, apparentemente giustificato da un rapporto professionale per
consulenze nel settore privato fornite dal politico all'imprenditore (periodicamente retribuite), fosse in
realtà fondato sull'impegno del consigliere comunale che, proprio sfruttando il suo peso politico ed il
ruolo all’interno dell’amministrazione locale, era in grado di mettere l’imprenditore in contatto sia con
aziende private sia, soprattutto, con la p.a. i cui appalti erano quanto mai appetibili per ECOL
SERVICE s.r.l. operante nel settore della raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, di materie prime e
seconde, della pulizia delle strade/autostrade, dello spurgo dei pozzi neri e, più in generale del
lavaggio delle fognature, della bonifica e pulizia delle aree.
Si crede opportuno evidenziare fin da questa prima disamina che Tatarella Pietro, all’interno del
Consiglio Comunale di Milano, è membro, tra l’altro, della commissione consiliare urbanistica ed
edilizia privata e, soprattutto, è membro della commissione “Verifica e Controllo Enti Partecipati”,
91
enti partecipati tra cui spicca per l’importanza degli interessi economici gestiti e dei capitali
maneggiati AMSA s.r.l. società facente parte del gruppo A2A s.p.a. preposta alla fornitura sul
territorio milanese dei servizi pubblici ambientali
Tatarella è quindi membro delle due commissioni più strategiche per il settore di attività di cui si
occupa D’Alfonso la cui impresa Ecol-Service s.r.l., come si è accennato, opera principalmente nella
fornitura dei servizi per l’ambiente.
Tatarella dalla sua posizione di membro della commissione “Verifica e Controllo Enti Partecipati” non
solo è in grado di indirizzare e mettere in contatto D’Alfonso con personaggi svolgenti funzioni apicali
o comunque nevralgiche all’interno di AMSA s.r.l. ma anche , grazie all’influenza politica di cui
dispone all’interno del consiglio e delle varie commissioni, di non far emergere, o comunque di
prodigarsi affinchè non vengano rilevate, le macroscopiche deviazioni dallo schema legale in cui
dovrebbero muoversi le procedure ad evidenza pubblica, garantendo così che, anche al superiore
livello della funzione di controllo esistente all’interno dell’ente pubblico (nella specie la Città
Metropolitana di Milano), i principi che regolano il buon andamento dell’attività della P.A. vengano
sistematicamente calpestati.
Iniziando ad analizzare, sempre in questo quadro ricognitivo preliminare, le risultanze delle operazioni
di intercettazione, prosegue l’Ufficio del P.M. nei seguenti termini.
A gennaio e, più precisamente, il 12.1.2018, veniva documentato, anche con apposito servizio di
o.c.p., uno dei primissimi incontri presso il ristorante “Da Berti” di Milano tra l'indagato
D’ALFONSO Daniele e importanti personaggi politici lombardi e, più precisamente:
TATARELLA Pietro (consigliere comunale del Comune di Milano)
ALTITONANTE Fabio (all’epoca consigliere regionale poi, a seguito delle scorse elezioni regionali,
rieletto nella lista FORZA ITALIA BERLUSCONI PER FONTANA e attualmente Sottosegretario di
Regione Lombardia con delega alla rigenerazione e sviluppo area Expo)
ZAFFRA Loris ( ex assessore e consigliere comunale di Milano in quota al PSI di B. CRAXI ed ex
presidente di ALER Milano).
CAIANIELLO Gioacchino, detto “Nino” (nato a Napoli il 02.01.1958, ex coordinatore della provincia
di Varese di Forza Italia, tutt’oggi ritenuto uno dei più influenti politici di Forza Italia in Lombardia e
la cui caratura verrà più dettagliatamente esaminata nella parte III)
A tale incontro ne seguiranno altri, molti dei quali organizzati e spesati direttamente da D’ALFONSO
Daniele, quale ad esempio la cena e successivo spettacolo di intrattenimento del 18.1.2018, presso la
discoteca “NOIR” di Lissone, ove si sono ritrovati, oltre a D’ALFONSO, TATARELLA e Fabio
ALTITONANTE , anche altri soggetti, molti dei quali affermati imprenditori, tra i quali, GROSSI
Andrea11 (v. capo II.9), BELLI Damiano12, PALETTI Mirko13 ma anche altri politici come l'avvocato
GORRASI Carmine14(v. capo II.7 e II.8), PETRONE Alessandro (v. capi III.1, III.2, III.4) 15 e
CAIANIELLO Gioacchino (capi II.1, III.1, III.2, III.4, III.6, III.7, III.8, III.10, III.11, III.12, III.13,
III.14)
Molto significativa è la telefonata fatta dal D’ALFONSO al titolare del locale per la buona riuscita
della serata che, per sua stessa ammissione, non è un’occasione di rimpatriata fra amici, ma ha finalita’
chiaramente lobbystiche.
Al riguardo valga riportarsi alla tel. 9780 del 18.1.2018, ore 15:58 - in u. da 3485989733 di
D'ALFONSO Daniele verso 3485989733 di TITTY S.P.A. in uso a tale "EMI" gestore discoteca
11
GROSSI Andrea, nato a Treviglio il 27.1.1982, destinatario di provvedimento di sequestro preventivo disposto dal Tribunale di Milano (in
data 31.03.2016 militari appartenenti al G.I.C.O. di Milano hanno dato esecuzione al decreto di confisca ex art. 24 d.lgs 159/2011 n.
15/2016, emesso dal tribunale di Milano - sezione autonoma misure di prevenzione nell'ambito del procedimento n. 102/2014 m.p., nei
confronti dei legittimi eredi di Grossi Giuseppe, nato a Milano il 09.02.1947 e deceduto in Pavia l'11.10.2011. il provvedimento in
questione ha avuto come oggetto la confisca, nei confronti di Grossi Andrea, di un credito per finanziamento soci, già vantato da Grossi
Giuseppe per euro 3.400.000,00, nei confronti della società Adami Anstalt in liquidazione, inserito nell'asse ereditario a favore dei figli).
12 Amministratore delegato Ambienthesis S.p.A., nato a Firenze il 7.10.1967.
13 nato a Milano il 3.6.1968, imprenditore nel settore immobiliare.
14 consigliere comunale di Busto Arsizio di Forza Italia.
15 PETRONE Alessandro, nato a Busto Arsizio il 26.02.1976, assessore all’urbanistica del comune di Gallarate. Si da atto che PETRONE
Alessandro ha preso parte a 4 distinti momenti conviviali con i principali indagati del presente procedimento e precisamente:
12.01.2018, 16.02.2018 e 19.02.2018 (presso ristorante da Berti di Milano) e 18.01.2018 (presso la discoteca Noir di Lissone)
92
"NOIR" di Lissone16 : "c'ho mezza FORZA ITALIA cazzo stasera...tutti quelli di Varese...tutti i numeri
uno di forza italia di Varese son lì figa...faccio una figura faccio...se va bene stasera Emi"[...]
"siccome lo so che spenderò tanto perchè tra mangiare e dopo...questi bevono come sanguisughe..".
Che la finalità sia proprio quella sopra indicata, ovvero creare i canali necessari a facilitare
l'aggiudicazione di commesse pubbliche, viene ribadito da D'ALFONSO quando, alla richiesta del
titolare del locale "devi investire, cena di rappresentanza?", D'ALFONSO risponde "aziendale
veramente non sto scherzando eh...".
Ascoltate le richieste di D’ALFONSO, il titolare del Noir gli anticipa che, per il dopocena, gli ha
riservato la saletta privata “Console”.
Nel medesimo senso si pone la conversazione intercettata, il 24.2.2018, alle ore 02:00 circa (amb. 867
Smart in uso a D'ALFONSO Daniele e TATARELLA Pietro - RIT 75/18) tra D’ALFONSO Daniele e
l'amico MACIOCCO Simone17.
Daniele:
IO SE VADO A BUSSARE IN UFFICIO QUA A MILANO DA ACCIONA, DA
SOLO...DANIELE VA LA E BUSSA...MI FATE LAVORARE
Simone:
(cambia discorso - ndr.)...inc...una brasiliana
Daniele:
si, veramente
Simone:
pensi che io sto aspettando a te! che sei un cantastorie!
Daniele:
cioè?
Simone:
che sei un cantastorie...a casa 200 ne vuole, un'ora (fa riferimento al costo di una
prostituta brasiliana a domicilio ndr.)
(RIDONO)
Daniele:
SE VADO A BUSSARE IO A MILANO...E GLI DICO FATEMI
LAVORARE...QUELLO MI GUARDAVA E MI DICEVA CHI CAZZO SEI!...NO? CAPITO?...IN
QUELL'ANNO LI...DI ACCIONA DICO...
Simone:
ah!
Daniele:
capito?
Simone:
adesso mi devi portare a casa a pippare...
(parlano di stupefacente da usare per la serata)
[Pr.867 - A - 2 ore 02:03:38]: segue trascrizione integrale
Simone:
MA MI SPIEGHI UNA COSA..
Daniele:
PORCA TROIA OH...STAI QUA PER UN INCIDENTE NO, SI (INC) UN
INCIDENTE (si riferisce a delle auto che nota fuori)
Simone:
ASCOLTA UN ATTIMO, MA (INC)
Daniele:
STASERA SÌ
Simone:
(INC)
Daniele:
STASERA SÌ
Simone:
DEI SOLDI LORO COSA SE NE FANNO?..(INC) PER FARE
Daniele:
CERTO, RISTORANTI, GRAFICO, EHH STAMPA...
Simone:
PER PORTARE TUTTI QUELLI CHE POTREBBERO ESSERE GLI ELETTORI
Daniele:
LA STAMPA, LA STAMPA DEI CARTELLONI IN CITTÀ, LA STAMPA DEI
SANTINI..
Simone:
MA RIESCONO SEMPRE A (INC) A FARTI TORNARE? (INC) SEI IL
FUORICLASSE
Daniele:
È UNA QUEST..MA DOPO SUL LAVORO DICI?
Simone:
EH
16
D'ALFONSO chiede se questa sera deve portare il libretto degli assegni per pagare chiedendo se gli farà la fattura. EMI risponde che può
pagare con la carta di credito. D'ALFONSO risponde "con la carta? ma verrà fuori una cifra, che cazzo carta...perchè siamo 15 solo a
mangiare...". EMI dice che di solito non prendono assegno ma con lui faranno un'eccezione. EMI dice che dopo cena gli ha riservato il
"privè console". D'ALFONSO DICE "MADONNA FACCIO UNA FIGURA DELLA MADONNA...C'HO MEZZA FORZA ITALIA CAZZO
STASERA...TUTTI QUELLI DI VARESE...TUTTI I NUMERI UNO DI FORZA ITALIA DI VARESE SON LÌ FIGA...FACCIO UNA FIGURA FACCIO...SE
VA BENE STASERA EMI....minchia...sei il mi Maradona cazzo...": Emi dice che non aveva posto ne a cena ne altro; D'ALFONSO lo ringrazia
ed aggiunge "siccome lo so che spenderò tanto perchè tra mangiare e dopo...questi bevono come sanguisughe...figa..." Emi chiede "devi
investire, cena di rappresentanza?" e D'ALFONSO risponde: "aziendale veramente non sto scherzando eh...". D'ALFONSO chiede cosa
devono dire all'ingresso ed EMI risponde di dire che sono con Danielino.
17
Nato a Cagliari il 12.03.1981, residente a Olbia, via Tre Venezie n. 8
93
Daniele:
È UNA QUESTIONE DI RAPPORTI, CERTO, TI PRESENTANO...OH IO SONO
IN SARDEGNA GRAZIE A LORO EH, ADESSO PARLIAMO DI (VIENE INTERROTTO)
Simone:
A MILANO? A MILANO TI DANNO UNA MANO?
Daniele:
CERTO, A MILANO VANNO DA UN COSTRUTTORE, IL COSTRUTTORE PIÙ
FORTE, VANNO E GLI DICONO "LUI È MIO AMICO, LO FAI LAVORARE PER FAVORE?",
QUELLO MAGARI GLI HA FATTO UN FAVORE, LUI GLI HA FATTO UN FAVORE A QUELLO, E
QUELLO DICE "VA BENE (INC), PIUTTOSTO CHE FAR LAVORARE UN ESTRANEO, FACCIO
LAVORARE DANIELE"..."DANIELE MI STA SIMPATICO, SI FA VOLER BENE, È UNA PERSONA
EDUCATA, LO FACCIO LAVORARE, CHE ME NE FREGA...QUELLO CHE STO FACENDO
LAVORARE ADESSO NON LO CONOSCO, NON HO RAPPORTI, PREFERISCO
FAR...CAPITO?...COM È ANDATA CON ACCIONA È NATA COSÌ, DAVANTI AD UN BICCHIERE
DI VINO...
Simone:
e lui a fronte adesso del problema di ACCIONA non può fare niente?
Daniele:
ADESSO DOMANI ANDIAMO E GLI DICE (fa riferimento a quel che
ALTOTINANTE dirà all'ing. PATIMO di ACCIONA - ndr.)"DANIELE DEVE CHIUDERE UNA
ROBA, MI HA DATO UNA GROSSA MANO, PER FAVORE, VALORIZZALO UN PÒ DI PIÙ",
QUELLO (ing. PATIMO Luigi di ACCIONA ndr.) GLI DIRÀ "VA BENE, COSA VUOI?", GLI DIRÒ,
VOGLIO 30 MACCHINE PER 3 ANNI A NOLEGGIO, NON AL PREZZO DI CATERPILLAR (fa
riferimento alla CGT Spa che è dealer di Caterpillar ndr.), QUELLO SARÀ IL PROBLEMA, IL
PROBLEMA NON È AVERLO, IL PROBLEMA SARÀ IL PREZZO...QUELLI HANNO FATTO
UN'OFFERTA DI MERDA (CGT Spa ha fatto un'offerta di noleggio ad ACCIONA a 650 euro/mese
per macchina operatrice - ndr.), CI HANNO GUASTATO LE UOVA NEL PANIERE, PERCHÈ IO A
RINNOVARE IL PREZZO DELLA SARDEGNA PER 30 MACCHINE, DOMANI MATTINA CI
METTO LA FIRMA, E FACCIAMO UN BORDELLO
Simone:
per farti guadagnare che cosa fra?
Daniele:
col prezzo che avevo?...il prezzo che avevo prima?
Simone:
a parte che se (inc) 30 macchine, (inc) finanzia (inc) poco
Daniele:
domani mattina io 30 macchine ce li ho sul piazzale
Simone:
(inc) paga a 90 giorni..inc...
Daniele:
1000 euro al mese (offerta di Daniele ad ACCIONA per noleggio macchine ndr.)
Simone:
inc.
Daniele:
1000 euro al mese per 36 mesi, se poi vendo la macchina a 10.000 euro...Simo ma che
cazzo stai dicendo! (sta facendo capire che è un lavoro molto vantaggioso)
Simone:
no no per carità...
Daniele:
io le metto domattina 30 ma...smetto di lavorare e faccio solo quello se vuoi...
[….]
Daniele:
NON DIVENTI MILIARDARIO, HAI FATTO 200.000 EURO ALL'ANNO
Simone:
tutto un potere di acquisto inc...
Daniele:
cioè
Simone:
portiamo il...
Daniele:
a ma che cazzo
Simone:
portiamo l'occasione sul tavolo e si discute
Daniele:
IL PROBLEMA SARA'...IL CANONE...IL PROBLEMA NON È FIRMARE, IL
PROBLEMA È IL CANONE...PERCHÈ QUELLI GLI HANNO FATTO L'OFFERTA A 650 ED IO
VADO FUORI A 1000...MI DICONO SCUSA A NOI STI 350 EURO (differenza preventivi tra CGT
Spa e la ECOL SERVICE Srl - ndr.) CHE DOBBIAMO DARE IN PIÙ A TE...FAI...ADESSO IO HO
FATTO 30 (macchine operatrici - ndr.) PERCHÈ HO MESSO SARDEGNA E TOSCANA INSIEME
E...HO FATTO UN DISCORSO GENERALE...COMUNQUE CON ME SPENDONO 350 EURO IN
PIÙ PER 30 MACCHINE
Simone:
gliel'ha confermato?
Daniele:
36 MESI, SPENDONO 400.000 EURO IN PIÙ, NON GLI CONVIENE IN TEORIA…
Simone:
ma a loro glielo confermano, hanno confermato? messo si carta?
Daniele:
cosa?
Simone:
quel prezzo
Daniele:
quello dei 650?...ne han già ordinate 5 e le han già portate giù
94
Questa conversazione è quanto mai interessante in quanto, come meglio verrà di seguito illustrato, si
colloca dopo che, pochi giorni prima, il D’ALFONSO si era reso disponibile ad accogliere la
richiesta, veicolatagli da TATARELLA Pietro, di effettuare, per conto dell’imprenditore Luigi
PATIMO (Country Manager per l’Italia della società spagnola ACCIONA AGUA), un finanziamento
di Euro 20.000,00 (poi aumentato ad Euro 25.000,00) a favore della campagna elettorale regionale di
ALTITONANTE.
Nel corso della predetta intercettazione, D’ALFONSO confida all’interlocutore che, grazie alle sue
entrature politiche , egli riesce ad ottenere lavori dalle grandi imprese che altrimenti non avrebbero
convenienza ad affidarli alla ECOL-SERVICE SRL, visti i prezzi maggiorati da lui applicati e, per
esemplificare il concetto, ricorre all'esempio dei rapporti d'affari esistenti con la multinazionale
spagnola ACCIONA AGUA: “SE VADO A BUSSARE IO A MILANO...E GLI DICO FATEMI
LAVORARE...QUELLO (inteso Luigi PATIMO, ndr) MI GUARDAVA E MI DICEVA CHI CAZZO
SEI!...NO? CAPITO?...IN QUELL'ANNO LI...DI ACCIONA DICO...”.
E così, proprio a partire dal gennaio 2018, le intercettazioni consentivano di monitorare la piena
disponibilità del D’ALFONSO a finanziare, direttamente o come intermediario di altri soggetti, la
campagna elettorale di una serie di uomini politici, laddove sottese alle erogazioni non vi erano di
certo motivazioni politiche quanto piuttosto di creazione di un’importante rete di relazioni utile
all’attività imprenditoriale della ECOL-SERVICE s.r.l.
In tale senso, si osservi che:
l'illecito supporto economico di D'ALFONSO alla campagna elettorale dei politici ha, per sua
stessa ammissione, la finalità di concorrere a sostenere i loro costi di propaganda (domanda di
MACIOCCO:) "DEI SOLDI LORO COSA SE NE FANNO?..(INC) PER FARE" [...] "PER PORTARE
TUTTI QUELLI CHE POTREBBERO ESSERE GLI ELETTORI", (risposta di D'ALFONSO:) "
CERTO, RISTORANTI, GRAFICO, EHH STAMPA..." [...] LA STAMPA, LA STAMPA DEI
CARTELLONI IN CITTÀ, LA STAMPA DEI SANTINI.."
il ritorno per D'ALFONSO, in termini economici, è garantito (MACIOCCO:) "MA RIESCONO
SEMPRE A (INC) A FARTI TORNARE? (INC) SEI IL FUORICLASSE" ...(D'ALFONSO:) "È UNA
QUEST…MA DOPO SUL LAVORO DICI?" [...] "È UNA QUESTIONE DI RAPPORTI, CERTO, TI
PRESENTANO...OH IO SONO IN SARDEGNA GRAZIE A LORO EH, ADESSO PARLIAMO DI ;
rispetto alla natura dei rapporti esistenti tra imprenditori e politici, come sopra anticipato,
D’ALFONSO confida che tutto verte su scambi di “favori”: “CERTO, A MILANO VANNO DA UN
COSTRUTTORE, IL COSTRUTTORE PIÙ FORTE, VANNO E GLI DICONO "LUI È MIO AMICO,
LO FAI LAVORARE PER FAVORE?", QUELLO MAGARI GLI HA FATTO UN FAVORE, LUI GLI
HA FATTO UN FAVORE A QUELLO, E QUELLO DICE "VA BENE (INC), PIUTTOSTO CHE FAR
LAVORARE UN ESTRANEO, FACCIO LAVORARE DANIELE"..."DANIELE MI STA SIMPATICO, SI
FA VOLER BENE, È UNA PERSONA EDUCATA, LO FACCIO LAVORARE, CHE ME NE
FREGA...QUELLO CHE STO FACENDO LAVORARE ADESSO NON LO CONOSCO, NON HO
RAPPORTI, PREFERISCO FAR...CAPITO?...COME È ANDATA CON ACCIONA È NATA COSÌ,
DAVANTI AD UN BICCHIERE DI VINO...”.
Oltre agli affari già esistenti, D'ALFONSO riferisce di aver inviato un'offerta ad ACCIONA per il
noleggio di macchine operatrici ad un prezzo maggiorato rispetto a quello offerto dalla CGT Spa di
Rozzano (dealer di Caterpillar) nella convinzione che ACCIONA potrebbe comunque accettare la sua
offerta, meno vantaggiosa, se gli venisse chiesto da una figura politica. D’ALFONSO riferisce a
MACIOCCO Simone che l’indomani si sarebbe recato dall’ing. PATIMO in compagnia di
ALTITONANTE Fabio che, proprio in virtù dell’impegno profuso per sostenerlo nella campagna
elettorale, avrebbe interceduto in suo favore “ADESSO DOMANI ANDIAMO E GLI DICE (fa
riferimento a quel che ALTOTINANTE dirà all'ing. PATIMO di ACCIONA - ndr.)"DANIELE DEVE
CHIUDERE UNA ROBA, MI HA DATO UNA GROSSA MANO, PER FAVORE, VALORIZZALO UN
PÒ DI PIÙ", QUELLO (ing. PATIMO Luigi di ACCIONA ndr.) GLI DIRÀ "VA BENE, COSA
VUOI?", GLI DIRÒ, VOGLIO 30 MACCHINE PER 3 ANNI A NOLEGGIO, NON AL PREZZO DI
CATERPILLAR, QUELLO SARÀ IL PROBLEMA, IL PROBLEMA NON È AVERLO, IL PROBLEMA
SARÀ IL PREZZO...QUELLI HANNO FATTO UN'OFFERTA DI MERDA (CGT Spa ha fatto
un'offerta di noleggio ad ACCIONA a 650 euro/mese per macchina operatrice - ndr.), CI HANNO
GUASTATO LE UOVA NEL PANIERE, PERCHÈ IO A RINNOVARE IL PREZZO DELLA
95
SARDEGNA PER 30 MACCHINE, DOMANI MATTINA CI METTO LA FIRMA, E FACCIAMO UN
BORDELLO”.
Nella prosecuzione del dialogo D'ALFONSO chiarisce che, il legame esistente tra l'imprenditore e il
politico, consente a lui (che a sua volta ha cointeressenze con gli stessi politici su un livello diverso) di
ottenere dei consistenti profitti, fornendo ancora l'esempio della ACCIONA Group a cui, in Sardegna,
sta noleggiano i propri mezzi con un rincaro notevole "NON DIVENTI MILIARDARIO, HAI FATTO
200.000 EURO ALL'ANNO" [...] "IL PROBLEMA SARA'...IL CANONE...IL PROBLEMA NON È
FIRMARE, IL PROBLEMA È IL CANONE...PERCHÈ QUELLI GLI HANNO FATTO L'OFFERTA A
650 ED IO VADO FUORI A 1000...MI DICONO SCUSA A NOI STI 350 EURO (differenza preventivi
tra CGT Spa e la ECOL-SERVICE Srl - ndr.) CHE DOBBIAMO DARE IN PIÙ A TE...FAI...ADESSO
IO HO FATTO 30 (macchine operatrici - ndr.) PERCHÈ HO MESSO SARDEGNA E TOSCANA
INSIEME E...HO FATTO UN DISCORSO GENERALE...COMUNQUE CON ME SPENDONO 350
EURO IN PIÙ PER 30 MACCHINE" [...] "36 MESI, SPENDONO 400.000 EURO IN PIÙ, NON GLI
CONVIENE IN TEORIA"
Valga sin d’ora osservare che le “mire” che ha D’ALFONSO sulle possibilità di business con il
gruppo ACCIONA attraverso Luigi PATIMO non siano scollegate dalla realtà: solo pochi giorni
prima, infatti, come meglio si spiegherà in seguito, proprio D’ALFONSO aveva fatto un grandissimo
“favore” proprio a PATIMO, anticipandogli, su richiesta di TATARELLA, Euro 20.000,00 destinati a
finanziare la campagna elettorale di ALTITONANTE e provvedendo con modalità a dir poco
macchinose al relativo pagamento.
D’ALFONSO ha in mano una formidabile arma nei confronti sia di PATIMO, suo debitore, ma anche
di ALTITONANTE, essendosi prestato ad eseguire le richieste del suo mandatario elettorale
TATARELLA Pietro.
In tal senso va sottolineato il contenuto dell’intercettazione ambientale (amb. 87 del 22.1.2018, ore
14:21 circa a bordo Smart in uso a D'ALFONSO Daniele - RIT 75/18) intercorsa tra il
TATARELLA Pietro, ALTITONANTE Fabio e D'ALFONSO Daniele, all'uscita del ristorante
"Da Berti".
Milano, Milano Giardini Gregor Mendel[Pr.87 - A - 3 ore 14:21:50]: auto in sosta, vicino
l'autovettura ci sono Daniele D'Alfonso, Tatarella Pietro e Fabio Altitonante
[Pr.87 - A - 3 ore 14:21:45]:seguono stralci di conversazione
Fabio:
tu mi hai detto:" io ho già detto di no"
Daniele:
ho già detto di no a tutti perchè ho parlato con Gigi (PATIMO Luigi, ndr.)
Fabio: (inc)
Daniele:
ma quando me lo dice che doveva (inc) rapporto con gli altri, a me quando me lo
dice!!
Fabio:
lui non lo sapeva neanche lui
Daniele:
eh
Fabio: fammi finire il discorso porca troia
Daniele:
sì te lo faccio finire
Fabio: (inc)
Daniele:
ti sto ascoltando, ma se non sai come funzionano i meccanismi, non puoi
Fabio: ma non è che lo so io
Daniele:
no perchè..
Fabio: quando tu mi hai detto, nel dubbio guarda che forse, io che ti ho detto, richiama e fottitene
che ci parlo io, io ti ho detto e tu mi hai detto "non li posso chiamare più", io ti ho detto questo? (inc)
è più affidabile, quindi non rompesse i coglioni, quindi (inc) e dici
Daniele:
sai cos è, che quello che dici tu, poi non è quello che (inc)
Fabio: ci vengo pure io sennò
Daniele:
sì vai avanti ti sto ascoltando, sono zitto, se non vai avanti!
[Pr.87 - A - 3 ore 14:23:11]:
(si sente Tatarella in conversazione telefonica - progr. 1397 utenza intercettata, linea 121131)
[Pr.87 - A - 3 ore 14:23:32]:
96
(segue trascrizione)
Daniele:
è inaffidabile, anche quello che ti ha detto, non ci credo, non fare i conti così
Fabio: ma vediamoci, mi dici quando
Daniele:
non fare i conti così..perchè tanto poi, fa il contrario poi
Fabio: (inc) stai lavorando (inc)
Daniele:
sto lavorando perchè mi sto muovendo io, non perchè si muove lui...eh...perchè se
fosse per lui sarei morto...adesso sai cosa ha fatto, (inc) lui, (inc) uno della Sardegna si è comportato
male con lui...adesso ha bisogno di me, hai capito?...uno della Sard, sto raccontando una cosa, però
mi devi ascoltare Fabio, sennò parli solo tu (bestemmia), uno del mio mestiere di là, che gli era
comodo, si è comportato male, sai quando lui se la prende poi dopo chiude (inc), adesso gli vado bene
io, capito!..sennò quello lì era il numero uno ed io ero un coglione
Fabio: (inc)
Daniele:
lui è.. no ma lui è così, è così, finchè gli servi deve spremere, quando ha finito (inc)
buttare la buccia
Pietro: inc.
[Pr.87 - A - 3 ore 14:24:37]:
DANIELE:
FINCHÈ
NON
LI
VEDI,
NON
CI
CREDI,
IO
SONO
TRANQUILLO...FORTUNATAMENTE MANGIO ANCHE SENZA GIGI, HO SEMINATO
TALMENTE TANTO! IO A TUTTI QUANTO HO DATO DA MANGIARE! inc.
Fabio: io cosa ti avevo detto? vai là e inc.
Daniele:
inc.
Fabio: ho capito, ho capito, tu devi andare avanti e poi inc...non ti devono rompere i coglioni...
Daniele:
io l'ho chiamato per andare avanti...inc...mi ha detto no siamo a posto, non abbiamo
bisogno di te
Fabio: manco lo volevano far entrare, allora il tema è...se lui ha preso con te...inc...
Pietro: non posso fare inc...devi essere dentro già...devi essere subappaltatore prima
Daniele:
non posso farlo dopo...basta...addirittura adesso è cambiata la legge...se do la
disponibilità ad una conformazione...non posso andare con un'altra...è cambiata la legge, una volta la
davi a tutti quanti...inc...adesso quella compagine lì deve andare con loro e se perdono non
puoi...inc...
Fabio: ...inc...IN TOSCANA LO FACCIO ENTRARE...HA PRESO UN LAVORO GROSSO IN
TOSCANA, HA PRESO UNA ROBA GROSSA, (INC) IN TOSCANA (inc)
Daniele:
MA LO DICE, POI NON LO FA!..dai Fabio cazzo, lo conosco! un pochettino meglio
di te lo conosco, un pochettino meglio dal punto di vista operativo, lo conosco?
Pietro: ci vediamo dopo? Ma tu passi da me e andiamo inc. aula
Fabio e Pietro parlano di una questione politica riguardante i dipendenti ATM
[Pr.87 - A - 3 ore 14:26:
45]:
segue trascrizione
Fabio: sei a posto adesso o no?
Daniele:
eh?
Fabio: sei a posto?
Daniele:
non sono a posto, non sono a posto Fabio, non sono a posto, non sono a posto perchè
non mi fido, non mi fido più di nessuno...
Fabio: ho capito, quando lo vedi mi mandi un whatsApp?
Daniele:
non mi fido più di nessuno, ma non devo pregare nessuno, io mangio lo stesso, non me
ne frega niente, tu non hai capito, oh hai capito o no (piuttosto alterato, scende dall'auto), hai capito
che non ho bisogno io o no?
Fabio: ho capito
Daniele:
hai capito?
Fabio: ho capito
Daniele:
io di (inc) non me ne faccio niente, faccio 5 milioni quest'anno, ho bisogno di GIGI?
(ing. Luigi PATIMO Country manager di ACCIONA Agua group) non sono nessuno, ma mangio da
solo, non mi sto vantando
Fabio: no ci mancherebbe
Pietro: quello Fabio, il problema che a te ti dice una cosa (Tatarella scende dall'auto)
97
Fabio: MA CI SARÒ PURE IO...
Daniele:
MA IO NON VADO A PREGARE, (inc), STO LAVORANDO IO, NON ME NE FREGA
NIENTE, NEANCHE DI ANDARE IN TOSCANA, io sono oltre, sono avanti anni luce, sono oltre, inc.
5 anni fa ero in crisi ora non sono più in crisi...inc...le macchine sono ferme ma sto lavorando io...non
me ne frega niente
[Pr.87 - A - 3 ore 14:27:47]:
Pietro risale in auto, in conversazione telefonica
[Pr.87 - A - 3 ore 14:27:58]:
Daniele:
bravo sei andato col tuo amico? questo è il risultato, io son rimasto fuori, e arrivano
altre aziende, perchè quelli hanno chiamato altre aziende da Brescia
[Pr.87 - A - 3 ore 14:29:01]:sale a bordo Daniele, Pietro dice che deve andare in via Filzi, Daniele
risponde che lui deve andare in MM
Daniele:
a l'altro gliel'ho accennato, vedi che ti devo parlare gli ho detto..sappilo..così impara
a stare al mondo
Pietro: quello gli dice sì sì sì
Daniele:
si vedrai (inc) quello che deve arrivare che ha detto, vediamo
Pietro: che a te della Toscana non ti ha detto un cazzo, a parte gli escavatorini
Daniele:
niente della roba che sto facendo, perchè tu sai che han fatto
Pietro: (inc)
Daniele:
TU SAI TUTTO, PERCHÈ A TE TI DICO TUTTO
Pietro: (inc) un cazzo
Daniele:
no, tu di me sai tutto, nel senso che a te le robe le dico, la roba della Toscana la sto
facendo io con Nicola (Nicola PATIMO, fratello di Luigi), e sto forzando "Smorto"..ok, che se si
incazza e vanno a dirglielo a Gigi a far la spia, faccio pure la figura di merda..ok...Nicola mi continua
a dire "devi parlare con mio fratello, devi parlare con mio fratello su ste robe, perchè sennò viene
fuori un casino", capito che anche Nicola dice "minchia se forziamo la mano qua, se quello apre sto
vaso, vede che ti ho dato una mano, mi incula no" non ha mai avuto paura però...dove vado? ah in
Filzi
Pietro: te vai e diglielo
Daniele:
ma Gigi non mi riceve, io non devo andare a dirgli
Pietro: non ti riceve?
Daniele:
no basta, non vado neanche
Pietro: è un coglione
Daniele:
io faccio le offerte, io faccio le offerte
Pietro: il discorso, è che lui ti tratta come qualsiasi dipendente, qualsiasi fornitore...
Daniele:
sei e cinquanta (650) è arrivata un'offerta..dalla CGT
Pietro: e tu gli hai fatto?
Daniele:
850
Pietro: però anche loro, stan chiedendo al mondo cazzo
Daniele:
minchia
Pietro: eh?..però questa è la 17
Daniele:
sì 17, è quella che gli ho fatto io...650 mensile più IVA
Pietro: SÌ PERÒ SMORTO È UN COGLIONE PERCHÉ LUI POTEVA CHIEDERE TRE
PREVENTIVI A CAZZO
Daniele:
ma lui deve far vedere che risolve, giustamente prende..prende come si dice, che
gliene frega a loro, mica fa squadra, mica è della squadra Smorto, lo sai..aspetta che lo mando in
CGT...
Pietro: 650 è poco
Daniele:
c'ho bisogno di Gigi io, vai a fare in culo va, 400 mila euro di merda e c'ho bisogno di
Gigi, faccio una gara di fanghi, minchia ne guadagno, non li fatturo, li guadagno...(ride)
Pietro indica la strada
[Pr.87 - A - 4 ore 14:32:07]:
Pietro e Daniele dicono che stasera andranno da Andrea (GROSSI) all'Angolo di Casa, Daniele
propone di andare a casa di Andrea e Pietro dice che possono andare anche là (inteso ristorante),
proseguono a parlare dell'offerta bassissima che ha fatto la CGT. Daniele dice che quel prezzo non
98
glielo fa in quanto solo di leasing paga 450 euro (per le macchine operatrici), IPOTIZZANO SIA UNA
STRATEGIA PER INDURRE DANIELE AD ABBASSARE L'OFFERTA
I profili di rilevanza di tale conversazione sono così sintetizzabili:
conferma come il canale di D’ALFONSO per raggiungere ACCIONA AGUA GROUP quale possibile
importante cliente, sia Fabio ALTITONANTE che si impegna a intervenire in prima persona (“ma
vediamoci, mi dici quando" [...] "ci vengo pure io sennò" [...] "richiama e fottitene che ci parlo io" nei
confronti di "Gigi" sicuramente da identificare nel Luigi PATIMO (che, come commentano i due, ha
effettivamente un fratello di nome Nicola - la roba della Toscana la sto facendo io con Nicola- ed è
l’unico soggetto con questo nome che, per quanto emerge dalle intercettazioni, ha rapporti con i due
interlocutori);
dalla stessa emergono pregressi accordi, tra ALTITONANTE e PATIMO, affinché quest'ultimo
affidasse dei lavori in subappalto a D'ALFONSO "IN TOSCANA LO FACCIO ENTRARE...HA PRESO
UN LAVORO GROSSO IN TOSCANA, HA PRESO UNA ROBA GROSSA, (inc.) IN TOSCANA (inc)" ,
anche se D'ALFONSO lamenta la poca affidabilità di PATIMO "MA LO DICE, POI NON LO FA!..dai
Fabio cazzo, lo conosco! un pochettino meglio di te lo conosco, un pochettino meglio dal punto di
vista operativo, lo conosco?";
D'ALFONSO sottolinea ai due politici come la sua situazione aziendale sia florida proprio grazie al
suo sistematico comportamento corruttivo "FINCHÈ NON LI VEDI, NON CI CREDI, IO SONO
TRANQUILLO...FORTUNATAMENTE MANGIO ANCHE SENZA GIGI, HO SEMINATO
TALMENTE TANTO! IO A TUTTI QUANTO HO DATO DA MANGIARE!"[...] "MA IO NON VADO
A PREGARE, (inc), STO LAVORANDO IO, NON ME NE FREGA NIENTE, NEANCHE DI ANDARE
IN TOSCANA, io sono oltre, sono avanti anni luce, sono oltre, inc. 5 anni fa ero in crisi ora non sono
più in crisi...inc...le macchine sono ferme ma sto lavorando io...non me ne frega niente".
Ad ulteriore riscontro della ricostruzione investigativa, quanto all’identita’ dei soggetti attori di tale
vicenda, si pone il fatto che , durante le indagini, sono stati, paralellamente, accertati forti legami
anche tra PATIMO Luigi e ALTITONANTE Fabio, a favore del quale, con le modalità di cui
all’illecito finanziamento di cui al capo d’incolpazione sub II.1, PATIMO fara’ erogare la somma di
Euro 20.000,00 creando così i presupposti per ottenere il suo intervento in una complessa vicenda
urbanistica, pendente al Comune di Milano, che vede bloccato il rilascio del permesso a costruire
relativamente ad un immobile in Via Allegranza, n. 6, pochi mesi prima acquistato dalla moglie di
Patimo, Maria Teresa TERRIBILE.
La puntuale sintesi compiuta dall’Ufficio del P.M., in questa premessa alla parte seconda della
richiesta, evidenzia uno spaccato che verrà poi analizzato nel dettaglio nell’illustrazione relativa ai
singoli capi d’incolpazione, spaccato che si caratterizza per i seguenti connotati.
D’Alfonso è un imprenditore rampante che cerca di ampliare con ogni mezzo il suo business.
Il suo business è, per sua stessa ammissione, florido, in quanto ha diverse commesse già in corso, ma
l’avidità di soldi e di potere imprenditoriale lo spinge ad ampliare la sua rete di relazioni per
svilupparsi ulteriormente.
Trova il personaggio che rappresenta la sintesi, nella città di Milano ed in Lombardia, di ciò che gli
serve per raggiungere il suo obiettivo: Pietro Tatarella, politico già affermato a livello comunale e
regionale, pubblico amministratore in posti chiave all’interno del Comune di Milano, in costante
contatto con politici e amministratori pubblici, nonché con imprenditori pubblici e privati operanti
all’interno della regione Lombardia e oltre i confini di questa, è l’uomo ideale perché in grado di
mettere in contatto, in tempi rapidi, D’Alfonso con questi personaggi tutti assolutamente idonei e, in
alcuni casi indispensabili, per far sì che D’Alfonso raggiunga il suo obiettivo di sviluppo
imprenditoriale.
Grazie alla “rete Tatarella”, D’Alfonso, come si vedrà e come già emerge dalle conversazioni sopra
riportate, riuscirà a far cambiare drasticamente l’atteggiamento di chiusura che Patimo Luigi (manager
di un colosso come ACCIONA AGUA) aveva inizialmente manifestato nel prenderlo in
considerazione come possibile destinatario delle commesse che la sua società deve conferire in Italia.
Grazie all’intervento di Altitonante, altra figura chiave del mondo politico e amministrativo del
Comune di Milano, in passato, e della Regione Lombardia, nell’attualità, presentato a D’Alfonso da
Tatarella, a Patimo viene prospettata la concreta possibilità di sbloccare la pratica edilizia del villino di
99
proprietà della moglie, la cui ristrutturazione era stata fino a quel momento sempre bocciata dal
Comune di Milano.
Non appena si profila questa opportunità Patimo incaricherà D’Alfonso di finanziare (illecitamente)
per suo conto la campagna elettorale di Altitonante alle imminenti elezioni regionali, mettendosi
tuttavia nella posizione di debolezza di dover ricambiare il grosso favore operato da D’Alfonso che,
prima o poi, andrà a “raccogliere ciò che sta seminando”.
Restando nella metafora agricola, la stagione si presenta per D’Alfonso particolarmente favorevole
all’attività di “semina”: sono in corso due competizioni elettorali molto importanti ed occorre
approfittare dell’occasione, da un lato, per farsi amici uomini politici, finanziando illecitamente la loro
campagna elettorale, (politici che - in caso di vittoria - andranno a rivestire ruoli chiave per il suo
settore di attività ed a cui a quel punto si presenterà per riscuotere il credito acquisito nei loro
confronti), e, dall’altro, per ungere le ruote dei manager pubblici o privati che appartengono allo
stesso schieramento e che, in caso di vittoria, verranno riconfermati o promossi (che, a loro volta, si
troveranno a dover ripagare i favori a suo tempo ricevuti dall’infaticabile e prodigo D’Alfonso).
Questa seconda parte dell’indagine evidenzia pertanto la figura di un privato che remunera con soldi
propri (o comunque con provviste da lui predisposte) politici e pubblici amministratori al fine di
ottenere agevolazioni illecite nei futuri rapporti con la P.A.
Ancor prima di passare all’esame delle singole contestazioni è evidente come lo schema sopra
sintetizzato implichi la commissione di fattispecie criminose quali la corruzione per atto contrario ai
doveri d’ufficio, l’illecito finanziamento ai partiti, la turbativa di gara e, a monte, la creazione di fondi
neri da cui attingere le tangenti, spesso attraverso il collaudato meccanismo dell’emissione di fatture
per operazioni inesistenti da parte di compiacenti (e remunerati) intermediari che, in alcuni casi, sono
perfettamente consapevoli della destinazione delle somme apparentemente pagate in adempimento
della F.O.I. (e poi oggetto di parziale retrodazione), mentre in altri casi si limitano a svolgere il ruolo
di “cartiera” (debitamente remunerata) rimanendo all’oscuro del destino dell’importo fatturato.
Questa prima sintetica analisi della parte seconda dell’indagine, consente altresì di cogliere i fitti
legami esistenti tra l’organizzazione messa in piedi da D’Alfonso a Milano (capo II.1) e quella
esistente in provincia di Varese, facente capo a Caianiello Gioacchino (capo III.1): le trascrizioni delle
conversazioni telefonche ed i servizi di o.c.p. sopra richiamati confermano, fin dalle prime battute
dell’attività investigativa, non solo come alle riunioni indette ( e sovvenzionate) da D’Alfonso presso
il ristorante “da Berti” partecipino anche importanti esponenti del gruppo criminale agente in
provincia di Varese (Caianiello, Petrone e Tolbar, le c.d. figure “cerniera” tra le due compagini
associative), ma anche come sia preminente l’interesse di D’Alfonso di accaparrarsi i favori e la
compiacenza dei massimi esponenti del partito “Forza Italia” operante nel varesotto: ciò è altamente
dimostrativo del fatto che il disegno criminoso perseguito dal capo (e, di riflesso, dai partecipi)
dell’associazione milanese abbracci anche le fattispecie di reato contro la P.A. da realizzarsi in
provincia di Varese e come pertanto effettivamente emerga la sussistenza della prospettata
connessione qualificata ex art. 12 lett. b) c.p.p. tra il reato di competenza distrettuale (capo II.1) ed i
reati di cui alla parte terza della richiesta.
LE MODALITA’ di CREZIONE delle PROVVISTE da UTILIZZARE nelle
VICENDE CORRUTTIVE: i rapporti con MARAZZINA Paolo
varie
Occorre ora analizzare comela frenetica attività di elargizione di somme ed altre utilità posta in
essere, nel periodo monitorato, da D’Alfonso a favore di esponenti politici o di pubblici
amministratori si sussuma in singole e specifiche fattispecie criminose lesive di diversi beni
giuridici, ma principalmente orientate a determinare un rilevantissimo vulnus ai valori tutelati a
livello costituzionale dall’art. 97 Cost. .
Le aggressive condotte poste in essere dai sodali, di volta in volta tra loro interagenti, hanno
letteralmente fatto scempio dei principi del buon andamento e dell’imparzialità dell’attività
amministrativa nella regione economicamente più importante d’Italia con intuibili pesanti
ripercussioni sulla gestione del denaro pubblico e sulla libertà dei mercati a livello nazionale,
oltre che sul corretto espletamento delle competizioni elettorali.
Uomini chiave operanti all’interno di colossi dell’imprenditoria pubblica o privata come AMSA,
100
Acciona Agua, o di importanti enti pubblici territoriali come il Comune di Milano e Regione
Lombardia si sono messi al soldo di interessi privati strumentalizzando e deviando le funzioni
pubbliche di cui sono investiti.
La disamina dei capi che seguono deve, per comodità espositiva, essere preceduta
dall’esposizione della principale modalità con cui D’Alfonso si procura le provviste di denaro in
contante che utilizza per effettuare gli illeciti pagamenti.
D’ALFONSO, appare chiaro dalle prime intercettazioni di fine dicembre 2017, ha relazioni con
un gestore di aree di rifornimento carburanti per l’esigenza di munirsi di denaro contante.
In particolare, emergeva come D’ALFONSO si incontrasse periodicamente, con cadenza quasi
giornaliera, in coincidenza con l'esigenza di sostenere spese varie, con MARAZZINA Paolo18,
titolare dell'omonima impresa individuale, operante nel commercio al dettaglio di carburante per
autotrazione, con sede legale a Trezzano sul Naviglio in via Circonvallazione snc (p.i.
06950350964), che gestisce i seguenti distributori di benzina:
- Zibido San Giacomo, SP 139 KM 6 SNC;
- Abbiategrasso (MI), Via Dante Alighieri 74;
- Assago (MI), via Valleambrosia 42;
- Cologno Monzese (MI), Viale Spagna 14.
Si riportano di seguito le conversazioni e messaggi sms tra D'ALFONSO e MARAZZINA (o la
di lui moglie RESTELLI Cristina19, la quale in vece del marito in diverse occasioni ha
provveduto alla consegna del contante per le esigenze di D’ALFONSO Daniele), nonché tra il
gestore di distributori ed i dipendenti di ECOL_SERVICE s.r.l. Gianfranco MURGIA20 e
Guerino MANTUANO21 detto “RINO”, direttore amministrativo della ditta ECOL-SERVICE
SRL a conoscenza delle illecite transazioni di denaro nonchè materiale esecutore delle relative
operazioni bancarie attraverso bonifici.
Le conversazioni dimostrano l'entità, la frequenza e le modalità esecutive adottate. Si precisa che
in sole due circostanze la richiesta di denaro contante a MURGIA è stata formulata da DI
PIERRO Matteo.
Trattandosi di conversazioni molto numerose, per evitare appesantimenti della presente richiesta,
si rinvia per la loro trascrizione integrale all’apposito allegato all’informativa riepilogatica dei
CC Monza
La P.G. operante riepilogando solo le dazioni di denaro i cui importi vengono precisati durante le
intercettazioni dal 21.12.2017 fino al 7 agosto 2018 (la somma totale è indicata quindi per
difetto) perviene ad un totale di 108.200/113.000 euro.
Chiarisce il meccanismo delle operazioni in questione una conversazione del 10.11.2018 tra
D'ALFONSO e tale "Francesco" al quale l'imprenditore confida come MARAZZINA Paolo, dal
quale acquista il carburante per i mezzi, gli abbia aperto una linea di credito che gli consente di
ricevere denaro contante fino a 20 mila euro.
Effettuati i bonifici, documentalmente riconducibili al pagamento di fatture false, D'ALFONSO
ha a disposizione altri 20 mila euro e avanti così “il mio benzinaio uguale! Benzinaio...Paolo
vengo lunedì prendo 10mila va bene!...ride...vieni!...inc…pensa che benzinaio è mio amico...un
credito fino a 20mila poi paghi! Poi quando hai pagato ancora 20mila...attento è...”.
Nell’affrontare l’argomento D’ALFONSO contatta telefonicamente MARAZZINA Paolo al
quale chiede di mettergli a disposizione la somma di 5/6 mila euro, il suo interlocutore gli da la
massima disponibilità purchè Daniele onori l’impegno di ritirare la somma “Quando vuoi
te....quanti sono?”, “Si...quando vuoi te...li tengo!”, “Mi chiami però vieni, perchè io poi li
preparo eh!”.
18
nato a Locate di Triulzi (MI) il 27.12.1966 e residente ivi residente in via Nilde Iotti 3/C;
nata a Milano il 07.12.1964, residente a Trezzano sul Naviglio in via Kennedy nr. 01.
20
nato a Sassari(SS) il 20.08.1978 residente a Cesano Boscone (MI) Via Monte Grappa n.4 ;
21 nato a Paola (CS) il 26.08.1966 residente a Milano in Via Antonio Meucci n.25, direttore amministrativo della Ecol Service srl.
19
101
(amb. 2690 del 10.11.2018 a bordo della Porsche Cayenne EM363KP - RIT 1086/18)
D'ALFONSO: il mio benzinaio uguale! Benzinaio.....Paolo vengo lunedì prendo 10mila va
bene!...ride...vieni!...inc…PENSA CHE BENZINAIO È MIO AMICO....UN CREDITO FINO A 20MILA POI
PAGHI! POI QUANDO HAI PAGATO ANCORA 20MILA...attento è...
FRANCESCO :hai sentito il ragazzino....inc...
D'ALFONSO: PIÙ MI FA LE FATTURE IL 10!
D'ALFONSO chiama al cellulare il benzinaio PAOLO (ndr. MARAZZINA Paolo, dalla utenza intercetta
3485989733 prog.143092).
D'ALFONSO : Ciao Paolino!
Paolo: Ciao Dani!
D'ALFONSO: Quando vengo martedì mattina o lunedì sera...come sei comodo?
Paolo: Quando vuoi te....quanti sono?
D'ALFONSO: Eh....5...6 !
Paolo: Si...quando vuoi te...li tengo!
D'ALFONSO: Ti chiamo!
PAOLO:
Mi chiami però vieni, perchè io poi li preparo eh!
D'ALFONSO: Mio amico...adesso ti giro il bonifico del mio amico!
PAOLO:
Ok anche di più ok!
D'ALFONSO: Va bene grazie.
PAOLO:
Però però vieni e DANY non mi porto le cose e poi non vieni ti uccido se non vieni eh e Al
minuto 11:28:30 Paolo prosegue e chiede a D'ALFONSO il mutuo residuo di una casa Daniele dice che
dovrebbero essere 150.000 circa Poalo dice che ne parleranno lunedì quando si vedranno, Daniele dice
che possono vedere la casa lunedì oppure oggi con altre persone, fine conversazione telefonica al minuto
11:29:50.
Al minuto 11: 29:51 D'ALFONSO riprende a parlare con FRANCESCO. D'ALFONSO riferendosi alla
telefonata con Paolo dice:
D'ALFONSO: Eh però vieni non me li lasciare qua!...ride...anche di più se vuoi! Non ho ancora fatto il
bonifico ciò 7mila di debito ancora da settimana scorsa!
FRANCESCO: Deve essere così DANY deve essere così tutta la gente...inc...
D'ALFONSO: No mi fa però mi da PAOLO mi da 40mila euro al mese!
FRANCESCO: Io...inc..
D'ALFONSO: Lui dice io te li do quando ho bisogno il bonifico ti chiamo! Però quando ti chiamo lo devi
fare! Mi devi dire si o no che me lo fai capito! Ma quando mi chiama se gli dico no non c'è problema ! Se
gli dico PAOLO non mi sono arrivati 10mila mi arrivano tra una settimana va bene DANY faccio conto che
non ce li hai...inc...hai capito?
FRANCESCO riferisce di suoi pagamenti.
D'ALFONSO: No questo è un amico PAOLO è una persona cià 10 stazioni di servizio fa paura! Eh
comunque una la prendo io è fuori da casa mia la prendo...inc...per giocare!
Pochi giorni dopo viene registrata un'altra richiesta di denaro da parte di D'ALFONSO che, per il
ritiro, manderà una sua dipendente. (Prog. 143970 del 12.11.2018 su utenza 3485989733 in uso a
D’ALFONSO Daniele )
Ed, ancora, nel medesimo senso si pone l’ambientale n. 7262 del 17.11.2018 a bordo dell’auto
SMART in uso a D’ALFONSO Daniele (si veda la trascrizione integrale in allegato
all’informativa finale cit.).
All’esito della disamina di questo vorticoso giro di contanti, si chiede il giudicante come possa
un imprenditore che opera nel settore dei carburanti avere una così ampia libertà di manovra nel
gestire la c.d. “cassa”: tenuto conto infatti del regime fiscale che regola il bene in questione
Marazzina dovrebbe tenere una contabilità precisissima, in considerazione degli stringenti
controlli che il commercio di carburante impone “ a monte” e “ a valle”.
Evidentemente nel caso di specie il “fornitore di contanti” di D’Alfonso può contare su margini
di manovra abbastanza ampi il che, a parere del giudicante, è estremamente sintomatico di una
102
contabilità “ in nero” che meriterà approfondimenti investigativi.
CAPI II.2, II.3 e II.4 VICENDA ABITAZIONE DI PATIMO LUIGI,
FINANZIAMENTO ILLECITO A ALTITONANTE FABIO DI COMPLESSIVI
EURO 25.000,00 E LA SUA CORRUZIONE
Riprendendo l’esposizione testuale della seconda parte della richiesta del P.M. si legge quanto
segue (pagg. 185 e ss. richiesta).
Dall’attività d’indagine svolta è emerso come, proprio a partire dai primi giorni del 2018,
D’ALFONSO, servendosi dell’attività di “consulente” del TATARELLA, sia dapprima entrato in
contatto con il locale mondo politico, in quel momento impegnato nell’imminente competizione
elettorale regionale e politica, quindi abbia proceduto ad effettuare, a titolo personale ovvero in nome
e per conto di altri soggetti, numerose elargizioni economiche a favore di una pletora di soggetti
politici che, si precisa sin da subito, risulteranno effettuati in violazione della vigente normativa in
materia di finanziamento illecito ai partiti politici e di cui alla L. 195/1974 .
In via di estrema sintesi, dall’attività tecnica è emerso come il D’ALFONSO Daniele abbia effettuato
fra il 16 ed il 19 febbraio 2018, un finanziamento, per scopi elettorali, ad ALTITONANTE Fabio, in
quel momento impegnato nella campagna elettorale per le consultazioni regionali in Lombardia, per
Euro 20.000,00 laddove l’erogazione è avvenuta, in modo quanto mai macchinoso e con il ricorso a
molteplici schermi, per conto di PATIMO Luigi, cui, in buona sostanza, D’ALFONSO aveva
anticipato il denaro.
Emergeva, altresì, il coinvolgimento nell’operazione del TATARELLA Pietro, sia quale mandatario
elettorale di ALTITONANTE, sia quale candidato alle elezioni politiche che aveva messo il c/c del
proprio mandatario elettorale, GIULIANO Isaia, a disposizione per la triangolazione dell’erogazione e
la circostanza che il D’ALFONSO, dopo aver effettuato le predette dazioni, versava, sempre su
richiesta del TATARELLA, ulteriori 5.000,00 euro.
Quanto a TATARELLA, inoltre, deve osservarsi che lo stesso, come dichiarerà nell’amb. n. 838 del
1.3.2018, conosceva da tempo PATIMO, avendo lavorato in passato proprio per ACCIONA.
Risultava, infine, che le erogazioni avevano scopi ben precisi e del tutto alieni rispetto ad una mera
liberalità a favore del soggetto politico.
Se, infatti, D’ALFONSO era interessato a “oliare” quel meccanismo di clientele politiche da lui
efficacemente illustrato nella conversazione ambientale sopra riportata con MACIOCCO Simone
(amb. 867 del 24.2.2018 a bordo della Smart in uso a D'ALFONSO Daniele e TATARELLA Pietro RIT 75/18c), PATIMO aveva la necessità di un “intervento” ad alto livello sul competente ufficio del
Comune di Milano per “sbloccare” la pratica edilizia di ampliamento e ristrutturazione edilizia
presentata dalla moglie, TERRIBILE Maria Teresa, inerente all'abitazione sita in Milano via Giuseppe
Allegrenza 7 - foglio 470 part. 352 sub 701 di 11 vani, ottenendo il parere favorevole della
Commissione per il Paesaggio e l'autorizzazione dell'Ufficio Tecnico del Comune di Milano.
Capo II.1: Il finanziamento illecito a favore di ALTITONANTE Fabio
Ciò premesso, l’esame della vicenda deve necessariamente partire dalla conversazione ambientale,
registrata il 13.02.2018 a bordo del veicolo SMART FOR TWO targato FM430MK (RIT 75/18 –
prog. 615), intercorsa tra TATARELLA Pietro e D’ALFONSO Daniele, da cui emerge come
quest’ultimo abbia ricevuto da TATARELLA la richiesta di provvedere a far pervenire, per conto di
Luigi PATIMO, la somma di 20 mila euro, destinata a sovvenzionare la campagna elettorale di
ALTITONANTE Fabio.
Come è possibile apprezzare dalla lettura dell’intercettazione, TATARELLA, inizialmente, prospetta a
D’ALFONSO il ruolo di mero soggetto interposto cui PATIMO avrebbe bonificato il denaro che poi
doveva costituire la provvista per l’erogazione ad ALTITONANTE: D’ALFONSO, tuttavia, nell’ansia
103
di dimostrarsi con l’interlocutore disponibile al massimo, si presta ad anticipare il denaro, incurante
del successivo rimborso da parte di PATIMO.
…Omissis…
Ore 14.12.37 (cambiano discorso)
TATARELLA: invece bomber...ALLORA HO VISTO L'INGEGNERE (Ing. PATIMO Luigi di
ACCIONA AGUA - ndr.) CON FABIO (ALTOTINANTE Fabio - ndr.)...
D'ALFONSO: eh
TATARELLA: eee TI BONIFICA 20...CHE PERÒ VANNO SUL MIO CONTO ELETTORALE
PERCHÈ QUELLA SPEDIZIONE LI DEVO PAGARGLIELA IO A FABIO...PER UNA
QUESTIONE DI RENDICONTAZIONI...PERCHÈ LUI TI DA...NON SO COME TE LI DA...
D'ALFONSO: INC...ME LI DA…INC...
TATARELLA: solo che il problema qual è...che c'è che venerdì dobbiamo fare il pagamento alle poste
D'ALFONSO:
domani è già mercoledì!
TATARELLA: ...quindi vuol dire che...
D'ALFONSO: io domani sera torno indietro (dalla Sardegna - ndr.), non è quello...ma non arrivano
domani
(abbassano il tono della voce)
TATARELLA:arrivano inc...glielo dico
D'ALFONSO: inc...arrivano...inc...MI DA L'OGGETTO DELLA FATTURA E...INC...
TATARELLA: no lui dice...no lui dice...NO MA IO DOPO GLIELI RICARICO EH...ED IO GLI HO
DETTO VA CHE DOVETE VEDERVI VOI DUE (ING PATIMO E D'ALFONSO - ndr.)...GLI HO
DETTO DOVETE VEDERVI VOI DUE, NON MI SCASSATE IL CAZZO! SE NON VI VEDETE
VOI E NON VI METTETE D'ACCORDO IO NON È CHE POSSO...
D'ALFONSO: INC...MI MANCA 20, NON È CHE MI MANCA 20...INC...20 INC...FATTURE
SCADUTE...INC...
TATARELLA: E LO SO...
D'ALFONSO: C'È UN ALTRO MODO INC...MI PAGA ADESSO E TIRO FUORI I 20 DA
QUALCHE PARTE...
TATARELLA: QUANDO TE LI DA, TE LI DA!
D'ALFONSO: POI QUANDO ME LI DA, ME LI DA!...PERÒ SE DOMANI LO VEDO (IN
SARDEGNA) E MI DA L'OGGETTO DELLA FATTURA È MEGLIO!...OPPURE SE TE LO DA A
TE...VAI DA GIAN, POI GLIELO PORTI SU E INC...FARTI FARE LA FATTURA...
TATARELLA: IO GLI DICO GUARDA CHE...
D'ALFONSO: PER CARICARE QUANDO LI DIAMO, A NATALE?
TATARELLA:
LUI DICE GUARDA TANTO POI GLIELI CARICO, SULLA
FIDUCIA...L'INGEGNERE...
D'ALFONSO: C'ERI ANCHE TU? (NON SI FIDA - ndr.)
TATARELLA: C'ERO ANCHE IO SI SI, C'ERO ANCHE IO...IL PROBLEMA È CHE TU DEVI
FARLI FARE DA UN CONTO PERSONALE...
D'ALFONSO: SI...INC...
TATARELLA: IL PROBLEMA È CHE SE NON ARRIVANO
D'ALFONSO: INC.
TATARELLA: VA BENE DAI CI PENSO...POI TU NEL CASO QUANDO È CHE TORNI?
D'ALFONSO: TORNO PRIMA, TORNERO' DOMANI DAI!
TATARELLA: TU QUANDO È CHE DOVEVI TORNARE?
D'ALFONSO: GIOVEDI'
TATARELLA:
VA BENE DAI! ADESSO CI...IN CASO CI SENTIAMO DAI...SE C'È
QUALCOSA CHIAMO GIAN (GIAN FRANCO MURGIA - ndr.)...ME LA VEDO CON GIAN
(MURGIA Gianfranco - ndr.)
D'ALFONSO: SI CERTO, VAI E DIGLI CHE HAI PARLATO CON ME
Il successivo 16.2.2018, nell’ambientale n. 673, (sulla SMART di D’ALFONSO), TATARELLA
Pietro e D’ALFONSO Daniele torneranno sull’argomento.
[Pr.673 - A - 4 ore 00:09:14]: si sente la voce di Daniele che ringrazia Paolo per la cena, Daniele fa
riferimento ad Alberto Sordi (Altitonante) e Pietro dice che ormai sta ballando e non lo può mollare
104
[Pr.673 - A - 4 ore 00:09:56]: salgono a bordo Daniele D'Alfonso e Pietro Tatarella (segue trascrizione
integrale)
Daniele: quell'altro "io fino a fine mese sono tiratissimo", quindi sto facendo una roba...cioè da
salvataggio GIAN (si riferisce a MURGIA Gianfranco ndr.), una roba che mi da fastidio tra l'altro
perchè…lo sai che mi dà fastidio no, eh!..ricorrere al salvaparacadute, lui fino a fine mese super tirati
Pietro: perchè quel coglione doveva fare... (si riferisce a PATIMO Luigi ndr)
Daniele: certo!..NON DOVEVA NEANCHE CHIAMARMI, LUI DOVEVA CHIAMARE SOLO IL
DIRETTORE AMMINISTRATIVO E FARMI MANDARE IL GRA (fonetico), BASTA, CAPIVO
PUNTO!..E FIDATI CHE NON ME LI DA POI EH, TE LO METTO PER ISCRITTO CHE NON
ME LI DA EH, non me ne fotte un cazzo, fa niente, però dopo lui capisce che almeno...ok?..i conti del
cazzo che fa lui...
Pietro: minchia che stanchezza oh!
…Omissis….
Daniele: BASTA, ADESSO D'ORA IN POI, DURO COSÌ, PERCHÈ NON HA CAPITO UN
CAZZO, NON HA CAPITO...FIDATI CHE GIGI (PATIMO LUIGI, NDR) NON LI METTE
QUELLI (SOLDI - NDR.), GIGI NON ME LI RIDÀ...
Pietro: C'ERO ANCH'IO, C'ERA ANCH'IO…
Daniele: non me li ridà, fidati
Pietro: (inc) coglione
Daniele: è un coglione, fa niente, non è un problema, va bene, non me li ridà fidati!
Pietro: MA NO, GLIELI DÀ, SAI PERCHÈ, PERCHÈ ADESSO HO ANCHE CAPITO IL
MOTIVO, HA VISTO, TU LO SAI CHE HA PRESO CASA NUOVA, STA PROPRIO FACENDO
UNA VILLETTA, DOVE L'HA PRESA?
Daniele: IN CENTRO...COSA CENTRA FABIO? COSA FA?
Pietro: PERCHÈ HA DOVUTO FARE UNA ROBA E HA CHIAMATO FABIO (ALTOTINANTE
FABIO - ndr.), ALLA FINE POI LO CHIAMA SEMPRE EH...
Daniele:
(inc) un coglione...ma devo arrivare il giorno prima del 4 Marzo e dire portami (inc),
ma ti sembra giusto?
….Omissis…
Daniele: C'HO 5 FRANCESCA (BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR), 5 FRANCESCO
(BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR), 5 GIAN (BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR)...E 5 MIA
MADRE MAGARI (BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR), NO MIA MADRE È SOCIA CAZZO,
MINCHIA PORCA PUTTANA, FACCIO ANCHE IL PASSAGGIO DELLE QUOTE DOMANI, MI
PRENDO LE QUOTE DA MIA MADRE VAFFANCULO...RINO NON VA BENE CHE LAVORA
DA ME, CHI CAZZO POSSO FARE...(INC)…STEFANO (INC) STEFANO, MICHIA AH?
Pietro: (inc) Stefano
Daniele: Valeria, non Stefano, Valeria
Pietro: Valeria, eh sai cos è l'unico problema però
Daniele: eh
Pietro: TUTTI QUESTI DEVONO FARE IL BONIFICO URGENTE
Daniele: sì va bene…Valeria sarà un casino però
Pietro: e infatti Valeria non va bene
Daniele: però c'ha il coso, c'ha la chiavetta
Pietro: perchè Francesco vai domani, te lo fa (inc), c'ha la chiave in Banca e ok
Daniele: Valeria (inc) chiavetta al lavoro
Pietro: quindi ha detto Gian, Francesco
Daniele: Francesca
Pietro: Francesca
Daniele: la figlia di Francesca?
Pietro: E 5 ME LI FACCIO FARE DA MIA MADRE, GLIELI DO COSÌ E BASTA
Daniele: SCUSA MA POI TU STAMPA DUE FATTURE, STAMPA GENNAIO E FEBBRAIO E
DAMMELE...
Pietro: SÌ DEVO FARTI GENNAIO...
Daniele: poi dopo eeehh però intanto
105
Pietro: intanto te la mando, sì te la mando, Gennaio te la mando
Daniele: intanto anche Febbraio (inc)
Pietro: occhio a questo scemo (utente della strada), sai che se facciamo quel lavoro lì son contento
Daniele: il cugino no, non c'è (si riferisce a chi potrebbe fare il bonifico)
Pietro: domani mattina quando tu esci da lì mi chiami e ci vediamo
Daniele: SÌ MA IO INTANTO DEVO PENSARE (INC) NON È QUELLO, CI VEDIAMO IO E TE,
NO POSSO DIRGLIELO A PAOLO EH, PAOLO GLIELI LASCIO E GLI DICO DI FARTELO EH
MINCHIA, A POSTO...DAMMI L'IBAN
Pietro: eh non ce l'ho, domani mattina ci dobbiamo vedere per quello, non ce l'ho dietro
omissis
D’ALFONSO è molto preoccupato di non tornare in possesso della somma anticipata “...NON
DOVEVA NEANCHE CHIAMARMI, LUI DOVEVA CHIAMARE SOLO IL DIRETTORE
AMMINISTRATIVO E FARMI MANDARE IL GRA (fonetico), BASTA, CAPIVO PUNTO!..E
FIDATI CHE NON ME LI DA POI EH, TE LO METTO PER ISCRITTO CHE NON ME LI DA EH,
non me ne fotte un cazzo, fa niente, però dopo lui capisce che almeno...ok?..i conti del cazzo che fa
lui" [...] "BASTA, ADESSO D'ORA IN POI, DURO COSÌ, PERCHÈ NON HA CAPITO UN
CAZZO, NON HA CAPITO...FIDATI CHE GIGI (PATIMO LUIGI, NDR) NON LI METTE
QUELLI (SOLDI - NDR.), GIGI NON ME LI RIDÀ", ma TATARELLA lo tranquillizza dicendogli,
in sua presenza, PATIMO si è impegnato a farlo senza alcuna difficoltà "C'ERO ANCH'IO, C'ERO
ANCH'IO…".
Anche questa è un’ambientale molto importante perchè dalla stessa emerge che il motivo per cui
PATIMO aveva la necessità di “ingraziarsi” ALTITONANTE era legato al problema dell’immobile di
proprieta’ della moglie M.T. TERRIBILE di cui sopra.
La spiegazione, infatti, verrà data a D’ALFONSO da TATARELLA, che risulta informatissimo:
"MA NO, GLIELI DÀ, SAI PERCHÈ, PERCHÈ ADESSO HO ANCHE CAPITO IL MOTIVO, HA
VISTO, TU LO SAI CHE HA PRESO CASA NUOVA, STA PROPRIO FACENDO UNA
VILLETTA, DOVE L'HA PRESA?" (D'ALFONSO:) "IN CENTRO...COSA CENTRA FABIO?
COSA FA?" "PERCHÈ HA DOVUTO FARE UNA ROBA E HA CHIAMATO FABIO (Altitonante
Fabio, ndr.), ALLA FINE POI LO CHIAMA SEMPRE EH"..
Sempre da tale conversazione emerge altresì come D’ALFONSO, a sua volta, per rendere più difficile
la ricostruzione dell’identità del reale soggetto finanziatore, abbia avuto l’idea di ricorrere a soggetti
diversi, a lui riconducibili, sui quali “spalmare” la somma complessiva ( "C'HO 5 FRANCESCA
(BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR), 5 FRANCESCO (BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR), 5
GIAN (BONIFICO DA 5 MILA EURO, NDR)...E 5 MIA MADRE MAGARI (BONIFICO DA 5
MILA EURO, NDR), NO MIA MADRE È SOCIA CAZZO, MINCHIA PORCA PUTTANA,
FACCIO ANCHE IL PASSAGGIO DELLE QUOTE DOMANI, MI PRENDO LE QUOTE DA MIA
MADRE VAFFANCULO...RINO NON VA BENE CHE LAVORA DA ME, CHI CAZZO POSSO
FARE...(INC)…STEFANO (INC) STEFANO, MICHIA AH?" [...] .
TATARELLA, a sua volta, è quanto mai pressante "TUTTI QUESTI DEVONO FARE IL BONIFICO
URGENTE" [...] .
Coloro che vengono, in prima battuta, individuati da D’ALFONSO come possibili esecutori dei
bonifici sono, verosimilmente, Francesca PANTANO (compagna di D’ALFONSO Daniele),
Gianfranco MURGIA , (collaboratore di D’ALFONSO Daniele all’interno della ditta ECOL Service
srl) e Stefano RICOTTA (amico di D’ALFONSO Daniele delegato della ditta EROS srl).
L'argomento del trasferimento di denaro viene ripreso nuovamente da TATARELLA e D’ALFONSO (
amb. n. 693 del 16.2.2018 a bordo della SMART in uso a D’ALFONSO) la sera stessa del 16.2.2018.
Sale a bordo Daniele da solo. Effettua diverse chiamate e messaggi vocali per organizzare la serata per
la cena.
Milano, Milano Via Benozzo Gozzoli, 51 > 51[Pr.693 - B - 2 ore 20:19:39]:
Scende dalla vettura e si incontra con uomo con cui ha preso appuntamento telefonico (MARAZZINA
106
Paolo dal quale ritira 6000 euro in contanti, n.d.r.).
[Pr.693 - B - 3 ore 20:24:41]:
Risale a bordo da solo e riparte.
20.54.24
Sale D'ALFONSO Daniele con TATARELLA Pietro al quale dice che ha parlato con tale Elio e che
gli vuole fare un'offerta di lavoro.
Daniele: "PER ME SOLO QUELLO DI FRANCESCA ARRIVERÀ LUNEDÌ..." (fa riferimento al
bonifico che Francesca ha fatto a Tatarella - ndr.)
TATARELLA: "NO BOMBER SE NON ARRIVA LUNEDÌ SIAMO MORTI, SE NON ARRIVA
LUNEDÌ SIAMO MORTI..."
DANIELE: SE NON ARRIVA NE FACCIAMO UNO ALLE 9...
TATARELLA: se non arriva lunedì siamo morti...sono andato oggi li a posta...
Daniele chiede se ha aperto l'home banking stasera. TATARELLA dice no e che lo aprirà domani.
Daniele dice che se non lo apre come fa a vedere se sono arrivati (i soldi del bonifico - ndr.)
DANIELE CONSIGLIA DI APRIRE LUNEDI MATTINA L'HOME BANKING ALLE ORE 09.00 E
SE NON CI FOSSE IL BONIFICO NE FARANNO UNO URGENTE DALLA SUA BANCA BCC E
SALVERANNO LA SITUAZIONE UGUALMENTE.
Daniele: "POI ARRIVERÀ ANCHE QUELLO DI FRANCESCA...MA TU PUOI TIRARLI VIA
VOLENDO, DARLI INDIETRO?...NO NON PUOI?"
Tatarella:VABBÈ POI TROVIAMO UN MODO DAI!
Daniele:
e ra una curiosità mia, di gestione...
Tatarella: CHI È CHE L'HA FATTO? (BONIFICO ndr.)...FRANCESCA...GIAN (MURGIA
GIANFRANCO ndr.) L'HA FATTO?
Daniele: GIAN L'HA FATTO!
Tatarella: AH L'HA FATTO
Daniele: Ste...come no?...o bomber così mi offendi...
Tatrella: perchè dici che solo lunedì si vede?
Daniele: quello di Francesca è il problema...QUELLO DI STEFANO È GIÀ ARRIVATO...ANCHE
QUELLO DI GIAN È GIÀ ARRIVATO!
Tatarella: ah è quello di Francesca il problema!!
Daniele spiega che solo Francesca ha avuto un problema con la sua Banca Intesa che ha il backoff alle
ore 12.00 e Daniele quando è arrivato da lei era in coda in banca. Tatarella dice che ora ha capito
Daniele ribadisce che se non arriverà quello di Francesca in tempo ne faranno subito un altro.
Daniele:
...5 CE LI HO QUA ( ha ritirato 6000,00 euro in contanti da
MARAZZINA)...LUNEDI' MATTINA ALLE 09.00 SE NON C'È...GIAN VA IN BANCA E NE FA
UN ALTRO DA 5 (5000 EURO)...
TATARELLA dice che va benissimo.
DANIELE: Bomber oh così mi sottovaluti oh!
TATARELLA: ti ho mai sottovalutato?
Daniele: ti ho detto che lo facevamo...basta
TATARELLA: IL PROBLEMA È SPIEGARLO A QUELLO SCEMO LI (si riferisce ad
ALTITONANTE Fabio - ndr.)
Daniele: GLIEL'HO DETTO SONO OPERATIVO?...GLI HO DETTO HAI SAPUTO? E SI AH AH
(risposta che ALTITONANTE ha dato a Daniele dopo che questo gli ha detto di aver sistemato lui la
faccenda dei 20.000 euro, suddivisi in più bonifici da 5000 cadauno - ndr.)...HO FISSATO CON
COLLINI MARTEDÌ (parole riferitegli da ALTITONANTE Fabio - ndr.)...ride MINCHIA ERA
ORA!!
TATARELLA: DAVANTI A ME ALLE 16.00, GIUSTO? UN CAFFÈ ALLE 16.00...
OMISSIS
D’ALFONSO spiega all’interlocutore l’utilità che gli è derivata, nell’immediato, dall’operazione di
finanziamento in favore di ALTITONANTE, si pavoneggia dell’abilità dimostrata a reperire il
denaro richiesto (“GLIEL'HO DETTO SONO OPERATIVO?...GLI HO DETTO HAI SAPUTO? E SI
AH AH”) e, soprattutto, precisa che il ritorno è stato immediato posto che ALTITONANTE che gli ha
107
fissato un importante appuntamento di lavoro con COLLINI (Sergio COLLINI della società COLLINI
S.p.A.) per il successivo martedì (20 febbraio 2018) “HO FISSATO CON COLLINI MARTEDÌ
(parole riferitegli da ALTITONANTE Fabio - ndr.)...ride MINCHIA ERA ORA!!”.
Come atteso, il 20 febbraio D’ALFONSO riferisce dell’imminente incontro con Sergio COLLINI
(amministratore delegato della COLLINI S.p.A società con sede legale in Trento e commerciale a
Milano che si occupa di realizzare importanti opere infrastrutturali come autostrade, ferrovie,
metropolitane, ponti e viadotti, Impianti idroelettrici e idraulici e in genere opere di edilizia civile ed
industriale) a GUMIERO Gianfranco spiegandogli che si tratta di una grossa società che realizza
ponti. Dall’attività intercettiva emerge che l’incontro avviene alla presenza di ALTITONANTE Fabio
nei pressi del grattacielo Pirelli.
Tel. progr. N. 24579 del 20.2.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 189417)
GRUMIERO: Ti vedo stasera ...inc...dalla zia?
D'ALFONSO: Ah a che ora è?
GRUMIERO: La zia ti aspetta ha detto eh ....diceva alle otto è!
D'ALFONSO:
Minchia alle otto figa sono ...inc...
GRUMIERO: Dove sei?
D'ALFONSO: Sono a un appuntamento alle quattro incontro sai quelli che fanno le costruzioni dei
ponti come si chiama COLLINI!
GRUMIERO: Ah COLLINI!
D'ALFONSO:
Ah lo incontro alle quattro!
GRUMIERO: Non li conosco li vedo mettono fuori i cartelli quando fanno i lavori!
D'ALFONSO:
Eh fanno paura ZIO!
GRUMIERO: Eh quelli li si e figa fanno tutta roba enorme loro gli zii!
D'ALFONSO:
Eh poi sono del trentino Zio sono pagatori!
GRUMIERO: Eh quello e vero è gente serie non è quello che ..inc...
D'ALFONSO:
Super seria io devo andare per quelli noi !
GRUMIERO: ...inc.
D'ALFONSO: Ho incontro alle quattro incontro il direttore Amministratore Delegato eh ..... Zio ci
vuole!
GRUMIERO: ...inc...
D'ALFONSO: Abbiamo scavatore e i bilici fermi Zio non va bene!
GRUMIERO: Eh quelli li sai anche te sono macchine che non puoi ...inc...
D'ALFONSO:
Zio pagate te le ho pagate eh non è che ci abbiamo debiti.....però l'escavatore ci
abbiamo il leasing Zio!
GRUMIERO: Lo so Zio!
D'ALFONSO: 3mila euro al mese poi Zio ti devo dire una cosa io la gara con te dell'ALFA la faccio,
ma tu devi cominciare a cambiarti i telai cazzo perchè se non prendiamo punti in giro alle gare eh!
…OMISSIS…
Ulteriori telefonate vengono intercettate sull’utenza 3485989733 in uso al D’ALFONSO nel
pomeriggio sempre del 20 febbraio (n. 24822, 24981), intercorrenti direttamente con ALTITONANTE
ovvero la sua segretaria per confermare l’appuntamento, alle ore 18,00, sotto il palazzo denominato
“Pirellone”, con Sergio COLLINI.
La prova dell’avvenuto incontro è rinvenibile nella telefonata n. 25208 delle ore 19,45, quando
D’ALFONSO, alla domanda dell’interlocutore, dove si trovasse , risponderà “eh in Regione..ho visto
Collini..stanno finendo li’ a Paderno”.
Se, quindi, è dimostrato come il D’ALFONSO sia stato immediatamente “ripagato” per il suo prezioso
intervento relativo al finanziamento PATIMO-ALTITONANTE, è altresì importante osservare come,
gia’ nei giorni precedenti, l’imprenditore si sia messo letteralmente “a disposizione” della coppia
TATARELLA-ALTITONANTE: consegna al primo somme in contanti, per alcune migliaia di euro,
che poi vengono passate al secondo (da loro soprannominato il “baccalà’”), effettua, a sua volta ed a
titolo personale, ulteriori erogazioni a titolo di finanziamento per la campagna elettorale, da’ la
disponibilita’ di carte di credito che i due usano per gli scopi più disparati il tutto, ovviamente, allo
108
scopo di rinsaldare il suo legame con il potente politico che, come poi i fatti hanno dimostrato, da li’ a
poco sarebbe stato eletto al Consiglio Regionale della Lombardia.
Valga, quindi, brevemente, ripercorrere le utilità consegnate, nel solo mese di febbraio 2018, da
D’ALFONSO Daniele ad ALTITONANTE Fabio per il tramite del TATARELLA Pietro.
Dazione di Euro 5.490,00 il 16.2.2018
Nella serata del 16.02.2018, alle ore 21:07 (progr. 694), D'ALFONSO a bordo del veicolo SMART
For TWO targato FM430MK (RIT 75/18) consegna 5.490,00 euro in contanti a TATARELLA Pietro.
Il denaro (per un importo complessivo iniziale di 6.000 euro) era stato ritirato da D'ALFONSO poco
prima (alle 20:19 in Milano via Benozzo Gozzoli), da MARAZZINA Paolo, titolare di alcune aree di
servizio ( come si è visto D’Alfonso ha la consuetudine di utilizzare il Marazzina come una sorta di
bancomat, in quanto a causa della sua attività ha sempre disponibilità di considerevoli somme di
denaro in contanti)
TATARELLA specifica che la somma di euro 5.490,00 è destinata a terzo soggetto al quale si riferisce
ironicamente e, da ricondursi ragionevolmente alla persona di ALTITONANTE "VABBE DOPO
CONTALI UGUALE...PERÒ...LEGGI SOPRA? COSÌ CAPIAMO QUANTI SONO" [...] "io ti ho
preso quattrocento (400,00 euro)...perchè sono senza soldi" [...] (TATARELLA:) "CINQUE
QUATTRO E NOVANTA...(5490,00 EURO)" [...] "COSÌ GLIELI DO A QUEL BACCALÀ!".
Omissis
Daniele:
VABBE DOPO CONTALI UGUALE...PERÒ...LEGGI SOPRA? COSÌ CAPIAMO
QUANTI SONO...(si precisa che D'ALFONSO prima di consegnare 5490 euro a TATARELLA ha
ritirato la somma contante di 6000,00 euro da Paolo MARAZZINA il benzinaio).
TATARELLA: CINQUE QUATTRO E NOVANTA...(5490,00 EURO)
Daniele:
io ti ho preso quattrocento (400,00 euro)...perchè sono senza soldi...
TATARELLA: COSÌ GLIELI DO A QUEL BACCALÀ!
Daniele dice che ha ritrovato a casa l'altra tessera Agip cosi se la può prendere lui e ne hanno una a
testa e sono sereni. Daniele chiede se sul BMW c'è il telepass.
omissis
Bonifici effettuati, il 16.2.2018, da D’ALFONSO, per conto di PATIMO Luigi, per mezzo di
MURGIA Gianfranco, PANTANO Francesca, RICOTTA Stefano ed a favore di ALTITONANTE
Fabio per complessivi Euro 20.000,00
Si tratta delle dazioni sopra ricostruite, laddove i finanziamenti, che venivano sollecitati con ansia dal
TATARELLA, servivano per pagare la spedizione dei bancali di materiale propagandistico utilizzato
da ALTITONANTE durante la campagna elettorale.
In tal senso si colloca la conversazione che segue, intercettata il 17.2.2018 (progr. 708 - amb. Smart
RIT 75/18), "e mi ha detto che i bancali li fa partire lunedì...mentre gli altri non faccio prima di
mercoledì..."; TATARELLA poi tranquillizza ALTITONANTE che i bonifici arriveranno tutti per
tempo "eh non ci ho pensato...CINQUE SONO GIÀ ARRIVATI SUL CONTO EH...ADESSO
QUINDI VUOL DIRE CHE ARRIVERANNO ANCHE GLI ALTRI" [...] "NO, ABBIAMO
ALZATO IL LIMITE A VENTI...PERÒ GLI HO DETTO GIÀ DI FARNE UNO OGGI COSÌ, COSÌ
OGGI NON CONTA SU LUNEDÌ E LUNEDÌ FACCIAMO IL RESTANTE...TRANQUILLO
SIAMO ORGANIZZATI".
TATARELLA affronta inoltre la problematica di non superare il tetto massimo di 20.000,00 euro
previsto per l’importo dei bonifici giornalieri, per tale motivo successivamente contatta la segretaria
affinchè avesse provveduto ad eseguire il primo bonifico di pagamento delle lettere per un importo di
4.960,80 euro.
Milano, Peschiera Borromeo Via Giacomo Matteotti, 25[Pr.708 - B - 12 ore 11:50:08]:
Salgono a bordo del veicolo TATARELLA Pietro ed ALTITONANTE Fabio
ALTITONANTE: è lui il responsabile delle cose eh...
TATARELLA: eh, ha chiamato ieri sera e che ti ha detto?
ALTITONANTE:e mi ha detto che i bancali li fa partire lunedì...mentre gli altri non faccio prima di
109
mercoledì...
TATARELLA: ...inc...richiamarlo...più tardi...ma con che zanza è arrivatooo, questo
qua...ALPARONE con che zanza è arrivato...
ALTITONANTE:
gente brutta...
TATARELLA: l'hai visto? ma gente brutta vera...
ALTITONANTE:
si...
TATARELLA: ma qual'è il PANDEUS? Quello in...
ALTITONANTE:
via Mercato Brera...
TATARELLA: Brera, via Mercato, indirizzo...
ALTITONANTE:
non lo devi nominare mai più...
TATARELLA: eh non ci ho pensato...CINQUE SONO GIÀ ARRIVATI SUL CONTO
EH...ADESSO QUINDI VUOL DIRE CHE ARRIVERANNO ANCHE GLI ALTRI...
ALTITONANTE:
PERCHÈ ABBIAMO IL LIMITE PER FARE I BONIFICI?
TATARELLA: NO, ABBIAMO ALZATO IL LIMITE A VENTI...PERÒ GLI HO DETTO GIÀ DI
FARNE UNO OGGI COSÌ, COSÌ OGGI NON CONTA SU LUNEDÌ E LUNEDÌ FACCIAMO IL
RESTANTE...TRANQUILLO SIAMO ORGANIZZATI...
omissis.
Nell’informativa riepilogativa si riportano le conversazioni dalle quali emergono i soggetti individuati
da D’ALFONSO Daniele per l’esecuzione dei bonifici, Francesca PANTANO (compagna di
D’ALFONSO Daniele), Gianfranco MURGIA, (collaboratore di D’ALFONSO Daniele all’interno
della ditta ECOL Service srl) e Stefano RICOTTA (amico di D’ALFONSO Daniele delegato della
ditta EROS srl).
Progr. 22810 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894-17)
DANIELE: BOMBER, AVERE PROBLEMA, TUTTI GLI ISTITUTI HANNO IL BACK OFF A
MEZZOGIORNO, NON ARRIVA STASERA ARRIVA LUNEDÌ
PIETRO: VABBÈ FA NIENTE
DANIELE: LO SO PERÒ VOLEVO ANCHE DIRTELO, LO FACCIO FARE LO STESSO?
PIETRO: SÌ SÌ, LO FACCIO LUNEDÌ MATTINA, SUBITO. QUANDO FINISCI MI FAI UN
COLPO (DI TELEFONO) MI SA CHE PASSO LÌ DA GIGI A FARE UN SALTO
DANIELE: FINISCO QUA L'ULTIMO POI TI DICO
Progr. 22848 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894-17)
DANIELE: BOMBER VA BENE, STEFANO STASERA OK, GIAN STASERA OK, FRANCES CI
PROVA CON L'HOME BANKING SE NO ABBIAMO UN'ALTRA SOLUZIONE. SONO
DAVANTI ALL'UFFICIO, VADO A MANGIARE DA MIO FRATELLO, ALLE 3 HO IL
NOTAIO...NON VENGO DA BERTI....
PIETRO: QUANDO FINISCI DAL NOTAIO CHIAMAMI
PARLANO DI APPROCI CON UNA DONNA
PIETRO:
DEVO ANDARE A ROSERIO ALLE POSTE, DEVO VEDERE SE MI
GARANTISCONO LUNEDÌ LO STESSO LA CONSEGNA, PERCHÈ ME LA GARANTIVANO
CON CONSEGNA DOMANI PAGMANETO ENTRO OGGI
DANIELE:
SE NO CI PENSA DINO
PIETRO:
MA SE DICI CHE DOPO MEZZOGIORNO NON LO CONTABILIZZANO PIÙ
DANIELE:
SÌ PERÒ BANCA A BANCA
PIETRO:
MA NON È LA STESSA BANCA
DANIELE:
CHE BANCA È?
PIETRO:
BARLASSINA
............
PIETRO:
SPERIAMO PERÒ CHE LUNEDI' ARRIVI ALTRIMENTI ABBIAMO BUCATO
DANIELE:
IO PENSAVO CHE FOSSE LUI DA TE, AVESSE APERTO LI' (dino)
PIETRO: NO, NO NON POTEVA PERCHÈ DINO NON SAPEVA LA NORMATIVA,
110
L'IMPORTANTE È NON BUCARE LUNEDI'. QUANDO FINISCI DAL NOTAIO CHIAMAMI
Progr. 23082 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894-17)
TATARELLA : DANI!
D’ALFONSO: Oh io a lui ....oh!
TATARELLA : Pronti !
D’ALFONSO: Eh quindi non mi hai detto niente sei andato cosa ti hanno detto?
TATARELLA : Dove?
D’ALFONSO: Eh sei andato alle poste?
TATARELLA : Eh lunedì massi!
D’ALFONSO: Cioè ce la fai lunedì?
TATARELLA : Lunedì devo andare lunedì mattina però entro ... inc...
D’ALFONSO: Va bene io vai da GIAN domani mattina per sicurezza !
TATARELLA : Dove ....
D’ALFONSO: Lunedì così lunedì sei apposto!
TATARELLA : Tu hai bisogno di prendere la macchina?
D’ALFONSO: Eh si dobbiamo vederci io e te oh!
Fine
Dal minuto 18:51:23, si accordano per scambiarsi le auto.
Progr. 3847 del 17.2.2018 su utenza n. 357635216 in uso a TATARELLA Pietro (RIT 105/18)
trascrizione integrale dal minuto [10:23:27]
BIANCHI:
sì
TATARELLA: stai dormendo?
BIANCHI: no, sono sotto terra, sto prendendo il passante
TATARELLA: buongiorno (si rivolge a terza persona ndr), sono sotto?
BIANCHI: terra, eh, il passante
TATARELLA: ah sul passante, ma stai andando in ufficio?
BIANCHI: sì
TATARELLA: mi fai una cortesia quando arrivi?
BIANCHI: sì
TATARELLA: eh provi a guardare il mio conto elettorale?
BIANCHI: ok
TATARELLA: Così vediamo se riusciamo a fare qualche bonifico
BIANCHI: ci sono già, ok
TATARELLA: eh va bene niente, dopo ci sentiamo allora
BIANCHI:
perfetto a tra poco
TATARELLA: grazie, ciao, ciao, ciao.
Progr. 3866 del 17.2.2018 su utenza n. 357635216 in uso a TATARELLA Pietro (RIT 105/18)
PIETRO: hai guardato il conto?
ELENA: sì ti ho mandato un messaggino, al momento ci sono 5 di MURGIA
(NDR. Gianfranco MURGIA chiamato GIAN da DANIELE D'ALFONSO nella conversazione con
PIETRO TATARELLA riguardante la vicenda dei bonifici)
parlano dell'opportunità di incominciare ad effettuare alcuni bonifici (ndr. pagamento delle spese della
campagna elettorale)
In particolare, per quanto concerne le conversazioni inerenti il pagamento effettuato da PANTANO
Francesca rilevano:
Progr.22812 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
Le conversazioni inerenti il pagamento effettuato da MURGIA Gianfranco sono le seguenti:
-Progr. 22236 del 15.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
-Progr. 22676 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
-Progr. N. 23264 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT
111
1894/17)
-Progr. 23893 del 19.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
Quanto alle conversazioni inerenti il versamento eseguito da Ricotta Stefano si rimanda alle
trascrizioni integrali di:
-Progr. 22642 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
-Progr. 22718 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
-Progr. 22737 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
-Progr. 22766 del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
-Progr. 228386
del 16.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT
1894/17)
-Progr. 23613
del 18.2.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT
1894/17)
GLI ACCERTAMENTI BANCARI RELATIVI AL FINANZIAMENTO DI EURO 20.000,00
Come risulta dall’annotazione riepilogativa CC Monza, sono stati svolti puntuali accertamenti bancari
che hanno consentito di ricostruire le modalità di effettuazione dei bonifici.
Presso la Banca di Credito Cooperativo di Barlassina risultano in essere due rapporti bancari intestati
ad ALTITONANTE Fabio e a TATARELLA Pietro:
c/c 750658 intestato a “ INSIEME POSSIAMO FARE” con legale rappresentante Fabio
ALTITONANTE e sul quale TATARELLA Pietro ha la delega ad operare;
c/c nr.750880 intestato TATARELLA Pietro Mandatario Elettorale di Fabio ALTITONANTE.
Venivano, quindi, acquisiti i relativi estratti conto per il periodo dal periodo 31.01.2018 al 30.10.2018
(nella richiesta del P.M. sono riportate le scannerizzazioni di tali documenti pagg. 209-212).
Dall’analisi del rapporto indicato per primo, in data 20.06.2018 emergeva alla voce “avere” un
accredito a mezzo di bonifico di € 827,75 (ottocentoventisette/75) con indicazione “Bonifico a vostro
favore da GIULIANO Isaia Maria donazione chiusura conto elettorale mandatario elettorale di
PIETRO TATARELLA”. All’esito degli accertamenti effettuati sulla predetta transazione, la
disposizione di bonifico eseguita a favore del conto corrente della BANCA Credito Cooperativo di
Barlassina intestato a INSIEME POSSIAMO FARE di ALTITONANTE Fabio è stata eseguita per
contanti da GIULIANO Isaia Maria mandatario elettorale di TATARELLA PIETRO, presso la filiale
di Milano della Banca di Credito Cooperativo di Barlassina.
Pertanto veniva richiesta la movimentazione del rapporto bancario della Banca di Credito Cooperativo
di Barlassina intestato a GIULIANO Isaia Maria mandatario elettorale di TATARELLA PIETRO, al
fine di individuare i bonifici ordinati da D’ALFONSO Daniele, per favorire la campagna elettorale di
ALTITONANTE Fabio (nella richiesta del P.M. sono riportate le scannerizzazioni di tali documenti
pagg. 214- 216).
Dall’esame dell’estratto conto corrente intestato GIULIANO ISAIA MARIA MANDATARIO
ELETTORALE DI TATARELLA PIETRO n.750884, emergeva alla voce “avere” le seguenti
operazioni bancarie:
in data 16/02/2018 e 19/02/2018 accrediti a mezzo di due bonifici di € 5.000,00 per un totale di €
10.000,00 proveniente dal rapporto bancario n.750884 della CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI
BINASCO-CREDITO COOPERATIVO intestato a MURGIA Gianfranco;
in data 16/02/2018 accredito a mezzo di bonifico di € 5.000,00 proveniente dal rapporto bancario
n.26879 della BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA, filiale di Cesano Boscone intestato a
RICOTTA Stefano;
in data 19/02/2018 accredito a mezzo di bonifico di € 5.000,00 proveniente dal rapporto bancario n.
00611/1000/5255 della banca INTESA SANPAOLO SPA filiale di Milano, Viale Gran Sasso 28/3
intestato a PANTANO Francesca,
per un totale in “avere” di € 20.000,00 a mezzo di n.4 bonifici con indicazione “ contributo elettorale
TATARELLA”.
112
Alla voce “dare” del conto corrente intestato GIULIANO ISAIA MARIA MANDATARIO
ELETTORALE DI TATARELLA PIETRO n.750884, in data 19/02/2018 e 20/02/2018 venivano
effettuati da GIULIANO ISAIA MARIA n.4 Bonifici urgenti per un totale di € 22.507,65 a Poste
Italiane avente IBAN: IT02E0760101600000000244202 con indicazione “Spedizioni Pietro
TATARELLA Lombardia /00330/02.2018”.
L’individuazione di ALTITONANTE Fabio come destinatario finale dell’erogazione
Alla luce del vasto compendio probatorio sopra illustrato non vi è alcun dubbio che le spedizioni
“girocontate” da TATARELLA, con il proprio conto corrente elettorale, così come implementato dai
bonifici effettuati da MURGIA, dalla PANTANO e da RICOTTA, sotto la regia di D’ALFONSO,
siano in realta’ costi della campagna elettorale di ALTITONANTE e, più precisamente, costi per la
spedizione di materiale propagandistico.
In tal senso, vanno evidenziate le seguenti conversazioni:
amb. 867 Smart in uso a D'ALFONSO Daniele e TATARELLA Pietro (RIT 75/18) del 24.2.2018 tra
D’ALFONSO Daniele e l'amico MACIOCCO Simone già riportata nella premessa alla seconda parte.
omissis
Simone:
DEI SOLDI LORO COSA SE NE FANNO?..(INC) PER FARE
Daniele:
CERTO, RISTORANTI, GRAFICO, EHH STAMPA...
Simone:
PER PORTARE TUTTI QUELLI CHE POTREBBERO ESSERE GLI ELETTORI
Daniele:
LA STAMPA, LA STAMPA DEI CARTELLONI IN CITTÀ, LA STAMPA DEI
SANTINI..
Simone:
MA RIESCONO SEMPRE A (INC) A FARTI TORNARE? (INC) SEI IL
FUORICLASSE
Daniele:
È UNA QUEST..MA DOPO SUL LAVORO DICI?
Simone:
EH
Daniele:
È UNA QUESTIONE DI RAPPORTI, CERTO, TI PRESENTANO...OH IO SONO
IN SARDEGNA GRAZIE A LORO EH, ADESSO PARLIAMO DI (VIENE INTERROTTO)
omissis
amb. n. 615 del 13.2.2018 su SMART di D’ALFONSO (RIT 75/18) tra D’ALFONSO e
TATARELLA
Omissis
TATARELLA: invece bomber...ALLORA HO VISTO L'INGEGNERE (Ing. PATIMO Luigi di
ACCIONA AGUA - ndr.) CON FABIO (ALTOTINANTE Fabio - ndr.)...
D'ALFONSO: eh
TATARELLA: eee TI BONIFICA 20...CHE PERÒ VANNO SUL MIO CONTO ELETTORALE
PERCHÈ QUELLA SPEDIZIONE LI DEVO PAGARGLIELA IO A FABIO...PER UNA
QUESTIONE DI RENDICONTAZIONI...PERCHÈ LUI TI DA...NON SO COME TE LI DA...
D'ALFONSO: INC...ME LI DA…INC...
TATARELLA: solo che il problema qual è...che c'è che venerdì dobbiamo fare il pagamento alle
poste
Omissis
Amb. 708 del 17.2.2018 sulla SMART di D’ALFONSO (RIT 75/18) tra TATARELLA e
ALTITONANTE
In questa intercettazione cui si ha conferma che effettivamente i bonifici diretti ad ALTITONANTE
sono destinati al pagamento della spedizione dei bancali (di biglietti elettorali, ndr.)
(ALTITONANTE:) "e mi ha detto che i bancali li fa partire lunedì...mentre gli altri non faccio prima
di mercoledì..."; TATARELLA poi tranquillizza ALTITONANTE che i bonifici arriveranno tutti per
tempo "eh non ci ho pensato...CINQUE SONO GIÀ ARRIVATI SUL CONTO EH...ADESSO
QUINDI VUOL DIRE CHE ARRIVERANNO ANCHE GLI ALTRI" [...] "NO, ABBIAMO
ALZATO IL LIMITE A VENTI...PERÒ GLI HO DETTO GIÀ DI FARNE UNO OGGI COSÌ, COSÌ
OGGI NON CONTA SU LUNEDÌ E LUNEDÌ FACCIAMO IL RESTANTE...TRANQUILLO
113
SIAMO ORGANIZZATI".
ALTITONANTE:
è lui il responsabile delle cose eh...
TATARELLA: eh, ha chiamato ieri sera e che ti ha detto?
ALTITONANTE:
e mi ha detto che i bancali li fa partire lunedì...mentre gli altri non faccio
prima di mercoledì...
TATARELLA: ...inc...richiamarlo...più tardi...ma con che zanza è arrivatooo, questo
qua...ALPARONE con che zanza è arrivato...
ALTITONANTE:
gente brutta...
TATARELLA: l'hai visto? ma gente brutta vera...
ALTITONANTE:
si...
TATARELLA: ma qual'è il PANDEUS? Quello in...
ALTITONANTE:
via Mercato Brera...
TATARELLA: Brera, via Mercato, indirizzo...
ALTITONANTE:
non lo devi nominare mai più...
TATARELLA: eh non ci ho pensato...CINQUE SONO GIÀ ARRIVATI SUL CONTO
EH...ADESSO QUINDI VUOL DIRE CHE ARRIVERANNO ANCHE GLI ALTRI...
ALTITONANTE:
PERCHÈ ABBIAMO IL LIMITE PER FARE I BONIFICI?
TATARELLA: NO, ABBIAMO ALZATO IL LIMITE A VENTI...PERÒ GLI HO DETTO GIÀ DI
FARNE UNO OGGI COSÌ, COSÌ OGGI NON CONTA SU LUNEDÌ E LUNEDÌ FACCIAMO IL
RESTANTE...TRANQUILLO SIAMO ORGANIZZATI...
Omissis
Ulteriore dazione di 5.000,00 in data 20.2.2018.
Il 20.02.2018 a bordo del veicolo BMW X5 targato DW811PZ (progr. 619 ), in quel momento in uso a
D’ALFONSO Daniele, quest’ultimo riferisce all’interlocutore, SALERNO Sergio, che gli sono stati
richiesti ulteriori 5.000,00 euro da stanziare in favore di ALTITONANTE Fabio e di aver provveduto
prontamente all’esecuzione del bonifico bancario (raggiungendo così un importo complessivo di
25.000 euro): "ALBERTO SORDI (ALTITONANTE Fabio - RIDONO) l'altro giorno...non lo sai
l'altro giorno...faccio quello che devo fare (NDR BONIFICI)" [...] "ieri mattina vengono, c'è un
problema, ne mancano 5, sono andato a casa, mamma vai, tutuntun bonifico".
DANIELE IN AUTO DA SOLO PARLA AL TELEFONO (CENSITE)
Milano , Milano Via Olgettina[Pr.619 - A - 3 ore 17:14:14]: SALE SERGIO MENTRE DANIELE
È AL TELEFONO CON RINO (LIN. 12030 PROGR. 24947).
(…omissis…)
DANIELE:
ALBERTO SORDI (ALTITONANTE Fabio - RIDONO) L'ALTRO
GIORNO...NON LO SAI L'ALTRO GIORNO...FACCIO QUELLO CHE DEVO FARE (NDR
BONIFICI)
SERGIO:
ME L'HAI DETTO
DANIELE:
IERI MATTINA VENGONO, C'È UN PROBLEMA, NE MANCANO 5, SONO
ANDATO A CASA, MAMMA VAI, TUTUNTUN BONIFICO"
SERGIO:
che due coglioni, domani sera gli faccio quella roba li' a Corsico...PIETRO
(TATARELLA ndr.) come sta?"
DANIELE:
"EH DIETRO A LUI (ALTITONANTE)...SI STA DISTRAENDO CON LUI...
(parlano della moglie di Sergio, parlano della serata di giovedi' al Noir)"
(…omissis…)
Messa a disposizione di carte di credito
Nella conversazione ambientale del 24.2.2018 (prog. 698 su BMW X5 tg. DW811PZ), TATARELLA
e ALTITONANTE discutono ancora di altre somme di denaro da dare chiaramente a collaboratori
impegnati nella campagna elettorale "quanto gli diamo a coso? Ce li bruciamo tutti con..con Uccio?"
[..] "8 dammeli lunedì" [..] "8 Mainini (MAININI Giorgio, imprenditore)" [..] "gli ho dato 500 a Di
114
Maggio, 500 a Ambrosini, inc". TATARELLA ad un tratto dice che chiedera’ un'altra carta di credito
a Daniele D'ALFONSO "DEVO CHIEDERE A DANIELE SE HA UN'ALTRA CARTA"
...omissis..
La restituzione del denaro da PATIMO A D’ALFONSO ed i rapporti fra i due
Se non vi è la prova documentale dell’avvenuta restituzione a d’ALFONSO delle somme da lui
anticipate a PATIMO per finanziare la campagna elettorale di ALTITONANTE, vi è però traccia,
nell’attività tecnica di un accordo fra loro intercorso in tal senso: D’ALFONSO, in particolare, ne
parla con il suo collaboratore MURGIA Gianfranco.
Sul punto valga riportarsi alla conversazione n.58385 dell’11.05.2018 tra D’ALFONSO Daniele ed il
suo collaboratore MURGIA.
Dalla telefonata si comprende che:
la restituzione avverrà mediante pagamento anticipato di fatture, intuibilmente maggiorate, emesse da
ECOL-SERVICE srl nei confronti della società ACCIONA (diretta in Italia dal country manager
PATIMO Luigi) con la quale intrattiene rapporti di carattere professionale;
viene confermato l’importo di Euro 20.000,00 come somma erogata per conto di PATIMO Luigi,
dovendosi, computare, quindi, separatamente, gli ulteriori Euro 5.000,00 versati da D’ALFONSO;
dai conteggi eseguiti in una prima battuta pare che PATIMO sia intenzionato a restituire solo
18.000,00 dei 20.000,00 anticipati da D’ALFONSO, ma nelle conversazioni seguenti si nota come
PATIMO faccia eseguire dei pagamenti anticipati nei confronti della ECOL Service corrispondendo
anche più del previsto. D’ALFONSO: “e proprio il motivo perchè vado dall'ingegnere a prendere i
soldi che mi ha dato, mi ha dato i soldi per te mi ha dato, mi ha detto come fatturarli al volo e mi ha
promesso che entro fine maggio ti fa il bonifico”, “E allora gli ho detto così minchia si è aperto subito
e mi ha detto (inteso PATIMO Luigi): " No, cazzo allora no!", Daniele: Vedrai che li messi 4 mesi fa 5
mesi fa, comunque glieli devo ridare. NO NO vabbè ho capito, dai cosa devo fare per farteli avere ? E
gli ho detto che intanto le fatture le farò con calma, le farò questo mese, ma tu fai una cosa prendi e
PAGAMI 3 MESI ANTICIPATI. E QUANTI SONO ? E SARANNO 30-40 MILA. EH VA BENE
ALLORA VA BENE. INTANTO FATTURO QUELLI LI PER TE, PERÒ SE LUI MI PAGA
SIAMO A POSTO“..."MI HA DETTO "QUANTO HAI BISOGNO?" GLI HO DETTO, FABIO MI
HA DETTO 25 (MILA EURO, NDR) "NO MA IO AVEVO DETTO 20 (MILA EURO, NDR)",
VABBÈ DAMMI QUANTO CAZZO VUOI"..."DAMMI QUANTO VUOI, QUANTO MI VUOI
DARE? "VABBÈ TI DO 20" VABBÈ, HA INIZIATO, ABBIAMO FATTO I CONTI, ALLA FINE
SONO 18 (MILA EURO, NDR), SON VENT..SON DICIOTTO, GLI HO DETTO, OH SEMPRE
DUE MANCANO.."EH DUE AVANZI UNA PIZZA", ma vattene a fanculo".
Prog. 58454 del 11.5.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
DANIELE CON MURGIA parlano del traffico.
….OMISSIS…
MURGIA :
Vabèè adesso, vabbè oggi praticamente ci siamo solo incrociati che gli ho lasciato giù
le cose. Ma alla fine come siate rimasti ? Come è andata a finire?
DANIELE :
Alla fine se MM non paga equitalia non ci parte la rateizzazione.
MURGIA :
eeeeh minchia.
DANIELE :
eeeh. Tra l'altro io avevo già trovato i soldi per la prima rata di ottobre che è 96000,
sai che c'è la rottamazione ad ottobre ?
MURGIA :
Si.
DANIELE :
E la nostra da 500.000 diventa 250.000.
MURGIA :
Minchia, e adesso? Ora bisogna aspettare che MM paghi, che figura di merda
comunque oh.
DANIELE :
Però devi trovare 96000 ad ottobre, 96000 a dicembre e 40 a febbraio. Io i primi 96 li
ho già trovati, perchè ho venduto dei camion e [INC] mi pagano i soldi e li paghiamo e la prima rata è
a posto. Il problema è la seconda rata, adesso devo tirare su la seconda rata e proprio il motivo perchè
vado dall'ingegnere a prendere i soldi che mi ha dato, MI HA DATO I SOLDI PER TE MI HA
115
DATO, MI HA DETTO COME FATTURARLI AL VOLO E MI HA PROMESSO CHE ENTRO
FINE MAGGIO TI FA IL BONIFICO.
MURGIA :
Va bene! Quanta fretta che hai, mamma mia oh.
DANIELE :
Eh vabbè, però una parte senza darti 20-25 [INC].
MURGIA :
No, non tu non tu. Scusami questo qui che avevo dietro c'era uno al culo che.
DANIELE:
ah.
MURGIA:
minchia oh.
DANIELE :
Così almeno inizia a darti i tuoi, capito?
MURGIA :
va bene va bene va bene.
DANIELE :
L'ingegnere mi ha già detto come fare. Gli ho detto guarda però bisogna fare in fretta
perchè non li ho messi io ma li ha messi Gianfri. (MURGIA Gianfranco ndr.)
MURGIA :
eeeh va bene va bene va bene.
DANIELE :
E allora gli ho detto così minchia si è aperto subito e mi ha detto "No, cazzo allora
no!" Vedrai che li messi 4 mesi fa 5 mesi fa, comunque glieli devo ridare. NO NO vabbè ho capito,
dai cosa devo fare per farteli avere? E gli ho detto che intanto le fatture le farò con calma, le farò
questo mese, ma tu fai una cosa prendi e pagami 3 mesi anticipati. E quanti sono? e saranno 30-40
mila. eh va bene allora va bene. Intanto fatturo quelli li per te, però se lui mi paga siamo a posto.
MURGIA :
Ma sta lavorando friend, lui ?
DANIELE :
eeh è iperattivo minchia sta lavorando, ha vinto anche a Potenza, ha vinto 3 anni di
reddito.
MURGIA :
Hanno visto sta [INC].
DANIELE :
Minchia sta lavorando, farà 60 milioni quest'anno ha fatto [INC].
MURGIA :
Porco zioo.
DANIELE :
Minchia fa paura oh. Ma và, forza diciamo che i cantieri non guadagnano un cazzo
eh.
MURGIA :
E però compensano poi.
DANIELE :
Però ci sono altri cantieri che poi guadagnano. Adesso quello dell' ufficio acquisti se
n'è andato Nicola è tutto contento, adesso facciamo tutti gli ordini mi ha detto friend.
MURGIA :
Minchia buono cazzo, viaaa.
DANIELE :
Minchia Nicola, anche Gigi me l'ha detto, appena se ne va quello facciamo le carte
che ti servono. Però Nicola di nascosto mi fa "Appena se ne va quello vedi cosa facciamo".
MURGIA :
Minchia ma anche questo se ne va ?
DANIELE :
Se ne andato già, ha già trovato un altro posto.
MURGIA :
eh, figa oh. Cazzo ma lì è così difficile resistere oh ?
DANIELE :
Eh si.
MURGIA :
Porca troia friend.
DANIELE :
no bhe questo era qui da tanti anni eh [INC].
MURGIA :
Oh bomber questo qui è un altro del benessere eh. Questo qui che mi son visto adesso
è un altro che di problemi ne ha pochi eh.
…omissis…
Lamentandosi dell’atteggiamento assunto da PATIMO Luigi, D’ALFONSO confida a MURGIA di
essersi messo d'accordo con il fratello di Luigi, PATIMO Nicola, per “fregarlo” con i contratti di
noleggio dei mezzi forniti dalla ECOLSERVICE SRL “Daniele dice che insieme al fratello (PATIMO
Nicola ndr.) hanno scritto tutto e che Nicola ha detto a Daniele che fregheranno l'ingegnere coi
contratti di noleggio”.
Prog. 2780,
14/05/2018
AMBIENTALE
FM430MK
SMART
FOR
TWO
Estremamente importante è, poi, la telefonata n. 65159 del 28.5.2018, di cui alla trascrizione che
segue: dalla stessa, infatti, emerge che, dopo le vicende di febbraio, i rapporti fra D’ALFONSO e
PATIMO non solo non si sono mai interrotti, ma anzi si sono rafforzati nella misura in cui il primo,
sempre nell’ottica di creare una rete di relazioni che possano procurargli occasioni di lavoro, si presta
116
ad operazioni di sovrafatturazione delle prestazioni rese da ECOL-SERVICE s.r.l. verso ACCIONA,
di cui, quindi, è divenuta fornitore, allo scopo di creare fondi che PATIMO usa per suoi scopi
meramente personali ("IO GLI HO SPIEGATO CHE ERA MEGLIO...SICCOME MI HA CHIESTO
UN ALTRO FAVORE (impreca)..." [..]"COMUNQUE SE NON TE LI DÀ QUESTA SETTIMANA
TE LI DÀ LA PROSSIMA HA DETTO..TUTTI" [..] "impreca tra l'altro sono cifre grosse non so
neanche se riesco a farglielo però va bene vediamo" [...] "dobbiamo mettere insieme tutto adesso
faremo il conto di tutti gli accessori che servono .. inc.. anche loro perchè qualcosa stanno ordinando
qualcosa aspettano per iniziare per vedere esigenze diverse di cantiere ..sai non è ...SEI ANNI DI
APPALTO NON È CHE ..POI IL NOLEGGIO SARÀ 36 PIÙ 36 EH!" , e le esclamazioni del suo
responsabile amministrativo "ah vabbè" [..] "(ride) NON FAI IN TEMPO A RECUPERARE DAL
FAVORE".
Prog. 65159 del 28.5.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
Omissis
RINO: ACCIONA quando ci da' la conferma?
DANIELE: Mercoledì mattina ti scrive Beccardino..
RINO: ah ok perfetto
DANIELE: perchè lui domani non c'è per lavoro, fa un viaggio di lavoro
RINO: così vediamo un po' ..che cosa pianificare
DANIELE: COMUNQUE SE NON TE LI DÀ QUESTA SETTIMANA TE LI DÀ LA PROSSIMA
HA DETTO..TUTTI...inc...
RINO: ah vabbè
DANIELE: IO GLI HO SPIEGATO CHE ERA MEGLIO...SICCOME MI HA CHIESTO UN
ALTRO FAVORE (impreca)...
RINO: (ride) NON FAI IN TEMPO A RECUPERARE DAL FAVORE..
DANIELE: impreca tra l'altro sono cifre grosse non so neanche se riesco a farglielo però va bene
vediamo…
RINO: il noleggio avete concluso?
DANIELE: si mi sta preparando le firme per tutto ..
RINO: uhm
DANIELE: dobbiamo mettere insieme tutto adesso faremo il conto di tutti gli accessori che
servono...inc…anche loro perchè qualcosa stanno ordinando qualcosa aspettano per iniziare per vedere
esigenze diverse di cantiere...sai non è...SEI ANNI DI APPALTO NON È CHE ..POI IL NOLEGGIO
SARÀ 36 PIÙ 36 EH!
RINIO: ah!
DANIELE:
anche loro dicono: si noi qualcosa ti ordiniamo adesso qualcosa aspettiamo perchè
tanto poi ti faremo un altro ordine, perchè vediamo in base alle esigenze del momento
RINO: certo!
Il successivo 30 maggio l’attività tecnica consentira’ di monitorare una nuova richiesta di denaro
formulata dal PATIMO nei confronti di D’ALFONSO Daniele che lo riferisce nel corso di una
conversazione telefonica a PATIMO Nicola, fratello di Luigi e suo collaboratore nella società
ACCIONA, ma in continuo dissidio con Nicola per divergenze caratteriali.
Si riporta di seguito la conversazione intercorsa tra D’ALFONSO Daniele e PATIMO Nicola nella
quale Daniele fa espressamente riferimento alla richiesta ricevuta da Luigi PATIMO consistente nel
prestito di 100.000 Euro, richiesta dopo poco sostituita con quella di accollarsi il pagamento del
noleggio a lungo termine presso la CAR & FUN di un nuovo veicolo.
Prog. 66120 del 30.05.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
D'ALFONSO: Dimmi!
PATIMO: Ciao... pronto.. pronto!
D'ALFONSO: Dimmi!
PATIMO: E niente.. ti cercava! Ha detto "vai avanti!" .. con le cose che ti ha detto!
117
D'ALFONSO: "Vai avanti!" Me ne ha dette mille di cose! "Vai avanti" con le cose che mi ha detto
cosa?
PATIMO: Infatti ho detto: "Ma che cosa? Ma che.."
D'ALFONSO: Sto arrivando! Sto arrivando! Un quarto d'ora e sono lì, venti minuti dai!
PATIMO: No è partito! Lui è in aeroporto!
D'ALFONSO: Se n'è andato?
PATIMO: Se n'è andato col taxi!
D'ALFONSO: Ah, e allora.. mi fa correre fino là... ma vaffanculo va! "Vai avanti con le cose"! Vai
avanti cosa? Beccardino non risponde... Non so se (inc) arrivati i soldi.. cosa vado avanti a fare? Eh...
PATIMO: Che cacchio ne so io? Lui (inc) infatti io ho detto "Che cosa?"
D'ALFONSO: (inc per voci sovrapposti)
PATIMO:"Lo sa lui! Lo sa lui!"
D'ALFONSO: Sto coglione!
PATIMO: Ha detto "Lo sa lui!". Vabè.. lo sa lui... messaggio in codice.. vabù!
D'ALFONSO: Ha chiesto 100K in prestito e.. così! Che c'ho io? La stampante? Ma vaffanculo va!
Beccardino ancora non mi risponde al telefono! Mo vediamo se mi risponde, mo lo chiamo..
PATIMO: Vabò, chiamalo!
…OMISSIS….
A questo punto dell’esposizione, l’Ufficio del P.M. ha riportato una serie di conversazioni intercettate
riguardanti i rapporti intrattenuti tra D’Alfonso e Patimo e concernenti appunto le richieste operate dal
secondo al primo di emettere fatture gonfiate nei confronti della società ACCIONA AQUA s.p.a. che
egli rappresenta in Italia in modo da crearsi una provvista “in nero” che egli utilizza per finalità
extraziendali.
In altra telefonata D'ALFONSO chiede all'amministratore di "CAR & FUN" di inviargli
anticipatamente il complessivo delle fatture che dovrebbe pagare PATIMO Luigi, applicandogli un
piccolo sconto "per fare scena" (in modo che non corrispondano esattamente all'importo del debito di
PATIMO), in modo che le possa pagare D'ALFONSO così come da disposizioni poco prima impartite
a RINO (contabile della ECOLSERVICE SRL).
La vicenda relativa a questa richiesta di PATIMO non forma oggetto di contestazione in quanto
sarebbe, al più, sussumibile nella fattispecie di corruzione fra privati di cui all’art. 2635 CC, oggi priva
della condizione di procedibilita’ della querela da parte di ACCIONA, ma è comunque altamente
significativa sia della spudoratezza di PATIMO sia dell’atteggiamento di più completo
assoggettamento di D’Alfonso.
Ritiene il giudicante che sia risultato opportuno fare un accenno alle conversazioni inerenti gli scambi
finanziari intercorsi tra Patimo e D’Alfonso in quanto espressivi di una modalità di agire in totale
disprezzo di qualsiasi regola (contabile, fiscale, amministrativa), idonea, da un lato, a turbare
sensibilmente la correttezza e la genuinità dei mercati e, dall’altro, a sfruttare in modo massiccio il
sistema creditizio.
Ai fini che qui interessano, appare opportuno sottolineare come, successivamente alla cooperazione di
D’Alfonso nell’erogazione del finanziamento illecito che Patimo vuole indirizzare ad
ALTITONANTE, i rapporti tra i primi due si intensificano, si opacizzano e prendono una chiara
deriva illecita.
All’esito della disamina degli elementi di prova appena esposti, ritiene il giudicante di sottolineare
ancora una volta il grande dinamismo di D’Alfonso: la analitica ricostruzione delle macchinose
modalità con cui il medesimo riuscirà ad effettuare il finanziamento di complessivi 25.000 euro a
favore della campagna elettorale di Altitonante, attraverso la intermediazione del mandatario elettorale
di quest’ultimo, (Pietro Tatarella), e per conto (almeno per la quota di 20.000 euro) dell’effettivo
sponsor dell’operazione, (Luigi Patimo), rivela come D’Alfonso non lesini tempo ed energie nel
mostrarsi disponibile ad andare incontro alle richieste dei potenti uomini politici o dei top-manager
con cui si interfaccia, al fine di gettare solide basi per dei futuri ponti di relazioni che, nelle sue
aspettative, potranno essere di grande importanza al fine di incrementare il suo giro d’affari.
118
Se, sul versante pubblico, la “fatica” di D’Alfonso verrà in effetti tempestivamente ripagata
(Altitonante non tarda ad organizzare un incontro fra lo stesso D’Alfonso e una delle più importanti
imprese a livello nazionale nel campo della realizzazione delle grandi opere pubbliche ed
infrastrutturali (Collini di Trento), sul versante “privato”, come si è accennato, i rapporti, con Patimo
diventano più vischiosi ed il sinallagma corruttivo (in questo caso sub specie di corruzione fra privati)
stenta ad evidenziarsi.
Emerge tuttavia con nettezza che in quel periodo Patimo è desideroso di accaparrarsi riserve di denaro
occulte perché, evidentemente, deve affrontare delle spese, solo in parte documentabili, per ragioni
sicuramente non legate all’azienda per cui lavora e alla quale, al contrario, con le sue manovre occulte,
sta creando notevole danno.
L’atteggiamento di Patimo troverà la sua spiegazione logica esaminando gli elementi indiziari raccolti
con riferimento al capo II.4 della provvisoria incolpazione.
Capo. II.4 Le vicissitudini della villetta in Via Allegranza a Milano, i rapporti fra
ALTITONANTE Fabio e PATIMO Luigi
Dalle intercettazioni telefoniche ed ambientali, è stato anche possibile ricostruire la reale causa
motivazionale sottesa alla dazione, da parte di PATIMO, per il tramite di D’ALFONSO, ad
ALTITONANTE Fabio della somma di Euro 20.000,00: lungi, infatti, da essere stata determinata da
comunanza politica, la dazione era strumentale a fini di ben più basso livello, essendo legata
all’intervento del politico sugli ambienti del Comune di Milano, al fine di sbloccare la pratica
urbanistica presentata per la ristrutturazione dell’immobile, sito in Milano, di proprieta’ della moglie
del manager, TERRIBILE Maria Teresa.
Prima di passare a riportare l’esposizione compiuta dall’Ufficio del P.M. a proposito di questo
episodio corruttivo, occorre ricordare le posizioni ricoperte e i ruoli giocati dai protagonisti della
vicenda:
Patimo Luigi è un top-manager della sede italiana di una grande multinazionale che, tra l’altro, svolge
anche lavori che possono essere di estremo interesse per la Ecol-Service s.r.l. di Daniele D’alfonso.
In questa vicenda, egli non interviene nella sua veste imprenditoriale, ma come privato cittadino che,
per conto della moglie, effettiva proprietaria, ha presentato, tempo addietro, una domanda volta ad
ottenere il permesso di procedere alla ristrutturazione di un immobile ad uso abitativo insistente su
zona sottoposta a vincolo paesistico.
La sua domanda era stata in passato reiteratamente rigettata.
A questo punto, entra in gioco Pietro Tatarella che, da un lato, conosce bene Luigi Patimo in quanto
lui stesso, in passato, ha lavorato proprio per ACCIONA AQUA e, dall’altro, risulta essere mandatario
elettorale per la campagna alle elezioni regionali di Altitonante Fabio e, dall’altro lato ancora, conosce
perfettamente le mire espansionistiche di Daniele D’alfonso della cui prodigalità è diretto beneficiario.
Altitonante Fabio, dal canto suo, non è solo Consigliere Regionale uscente desideroso di riconfermarsi
nella sua carica elettiva, ma, prima di essere eletto nel Consiglio Regionale, era stato, dal luglio 2009
al marzo 2013, Assessore della Provincia di Milano con delega alla pianificazione del territorio, alla
programmazione infrastrutture, al pianocasa/edilizia, all’”housing sociale”, ai rapporti con la
Conferenza dei Sindaci, allo Sportello Unico ed al Servizio Idrico Integrato.
Soprattutto, Altitonante, dal 2006 al 2011, è stato anche membro del Consiglio Comunale di Milano e
componente della Commissione urbanistica, lavori pubblici e infrastrutture: queste passate cariche gli
consentono di mantenere buoni rapporti con i suoi ex colleghi nei confronti dei quali non mostra
alcuna remora ad esercitare reiterate pressioni per sbloccare la pratica del suo finanziatore Luigi
Patimo, anche al costo di compiere atti contrari ai doveri d’ufficio.
A chiudere il cerchio, ricordiamo che Pietro Tatarella, nella sua veste di Consigliere del Comune di
Milano, è membro, tra l’altro, proprio della Commissione edilizia privata che dovrà esprimere il suo
placet per l’approvazione definitiva della pratica concernente la villa della moglie di Patimo.
Riprendendo l’analisi delle risultanze istruttorie compiuta dall’Ufficio del P.M. si evidenzia quanto
segue.
119
Di seguito verrà esposta la ricostruzione della vicenda, nella sua interezza, segnalando che, durante le
indagini, sono stati svolti anche accertamenti, delegati alla Polizia Locale di Milano al fine di
individuare, esattamente, la pratica edilizia in oggetto e la scansione temporale (si vedano sul punto le
annotazioni Polizia Locale Milano n. 9/2019)
Le intercettazioni verranno accompagnate dall’esame delle fasi procedimentali dell’iter
amministrativo che, sin qui, si sono potute ricostruire.
La prima intercettazione riferibile alla questione, veniva registrata il 23.1.2018 (in epoca antecedente
al trasferimento di denaro): PATIMO colloquiando direttamente con ALTITONANTE Fabio, parla
dell’appuntamento con una persona non meglio identificata, di un problema connesso ad un
“TERMINAL BLOCCATO”, manifesta la necessità di chiedere un consiglio di “una persona” e
ALTITONANTE, in quel momento componente del Consiglio Regionale della Lombardia si offre di
organizzare un incontro, anticipando a questi la problematica.
(vedasi :Prog. 5422 del 23.01.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT
75/18)
L’identità del soggetto con il quale PATIMO aveva bisogno di parlare per chiedere il “consiglio”
emergerà il successivo 7 febbraio, quando Fabio ALTITONANTE riceve presso il suo ufficio in
Regione Lombardia l’architetto ZINNA Franco, Dirigente della Direzione Urbanistica di Milano
Prog. 28628 del 07.02.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ALTITONANTE Fabio: Franco sei arrivato?
ZINNA Franco: eh son qui sotto ma penso che chiamano la tua segreteria ma non risponde nessuno
ALTITONANTE Fabio: ah sto arrivando sto arrivando
ZINNA Franco: okay...okay
Pochi minuti dopo, ALTITONANTE riceve una chiamata dall’Ing. PATIMO Luigi, il quale gli
riferisce che lo attende al “bar Pirelli” sito nei pressi della sede della Regione Lombardia.
ALTOTINANTE fa presente a PATIMO che lo raggiunge immediatamente con terza persona (ZINNA
Franco) e questa cosa sarà per lui una gradita sorpresa.
Prog. 28616 del 07.02.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ALTITONANTE Fabio:
eh caro
PATIMO Luigi: allora io sono sotto al...al bar Pirelli...io..posso stare 20 (venti) minuti ancora
ALTITONANTE Fabio:
no no guarda..ti faccio una sorpresa arrivo...ciao ciao
PATIMO Luigi: sorpresa...che sorpresa?...io mi sto mangiando un panino..ma tu devi mangiare?
ALTITONANTE Fabio:
no no...dai che arrivo lì
PATIMO Luigi: ma sei con qualcuno?
ALTITONANTE Fabio:
si...arrivo arrivo ciao
Immediatamente dopo ALTITONANTE chiama ZINNA Franco per incontrarsi. (prog. 28625 del
7.2.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio RIT 75/18)
ZINNA Franco:
si
ALTITONANTE Fabio:
Franco sei sopra o sei rimasto sotto?
ZINNA Franco:
sono INC sopra INC
ALTITONANTE Fabio:
a okay okay
Dopo l’incontro, il 9.2.2017 PATIMO e ALTITONANTE tornano a sentirsi: l’Ing. PATIMO Luigi
sollecita ALTITONANTE affinchè gli segnali un tecnico (“un architetto”) invitandolo a chiederne uno
a "SUO CUGINO" (di Fabio ndr.) CON IL QUALE ERA IN COMPAGNIA L'ALTRO GIORNO”,
ossia il giorno 7.2.2018.
Si ritiene fondato , alla luce della telefonata n. 28625 cit., poter identificare il “cugino” in ZINNA
Franco.
120
Prog. 29738 dell’8.02.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ALTITONANTE Fabio: ciao Gigi
PATIMO Luigi: ciao Fabio come stai?
ALTITONANTE Fabio: bene bene bene bene
PATIMO Luigi: senti...ti ricordi appena puoi di darmi quel tecnico che mi serve...
ALTITONANTE Fabio: ah si si...lo vedo domani
PATIMO Luigi: INC eh
ALTITONANTE Fabio: poi ti chiamo dopo...ciao fratellino
PATIMO Luigi: va bene ciao ciao...ciao
Prog. 31161 del 09.02.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ALTITONANTE: ciao Gigi
PATIMO:ciao Fa, come va?
ALTITONANTE: bene, bene, mo sto, ti sto recuperando un architetto, solo che ora non mi
risponde
PATIMO:ok
ALTITONANTE:eh?
PATIMO: ma secondo me la cosa ideale è che glielo consegnava quel tuo cugi... tuo cugino
ALTITONANTE:
eh lo so, eh ,ah
PATIMO: no ma tuo cugino l'altro giorno (inc.) insieme
ALTITONANTE: eh, infatti, e infatti, e infatti devo chiamare
PATIMO: ah perchè forse era più comodo con, in quel momento stesso, vabbè, comunque,
eh...
come dici di fare? (si accavallano le voci ndr)
fine trascrizione integrale al minuto [09:26:36]
Sempre dall’attività tecnica era altresì possibile ricostruire la natura dei problemi urbanistici che
“affliggevano” il PATIMO, legati ai vincoli paesaggistici che gravavano sull’immobile in Milano,
acquistato, nel giugno 2017, dalla moglie TERRIBILE MARIA TERESA.
Nota Polizia Locale di Milano n. 9/2019 accertamenti afferenti la pratica edilizia dell’immobile di Via
Giuseppe Allegranza n. 6
In primo luogo è stato possibile identificare, anche catastalmente, l’immobile, che consiste in un
villino, nei pressi di Piazza Piemonte, composto da n. 11 vani, acquistato dalla TERRIBILE, il
13.6.2017.
Tale immobile, sempre da quanto emerge dalla citata nota, ha un suo fascicolo, presso l’archivio
informatico “storico” delle concessioni edilizie del Comune di Milano, con progressivo n. 206, nel
quale sono registrate tre pratiche:
a) la n. 4291, relativa ad opere interne (realizzazione di una scala a chiocciola ed ampliamento cantina
, di cui alla richiesta del 8.3.2016), che non interessa ai presenti fini;
b) la n. 25287 riguardante la pratica con protocollo 377960 con richiedente/proprietario TERRIBILE
Teresa e progettista l’Arch. Massimo MALGALDI.
Sempre dalla consultazione di tale banca dati risulta che il 22.8.2017 era stato presentata domanda
avente ad oggetto un progetto di “ristrutturazione edilizia, nuova costruzione, ampliamento e recupero
sottotetto” ed il procedimento era iscritto come “Istruttoria Preliminare”
Come risulta dalla nota n. 17 della citata annotazione di PG, l’”istruttoria preliminare facoltativa” è
contemplata dal Regolamento Edilizio del Comune di Milano che, in buona sostanza, prevede che
l’interessato, prima di presentare il progetto edilizio ed i progetti definitivi, può fare istanza agli uffici
competenti per attivare un procedimento istruttorio preliminare che consenta l’individuazione delle
linee essenziali degli elementi caratterizzanti l’intervento e la fattibilità dello stesso. Qualora il
progetto proponga scostamenti dalle previsioni morfologiche fissate dal PGT o rientri in una delle
121
ipotesi di cui all’art. 35 del Regolamento (Convenzionamento tipologico e planivolumetrico), il
progetto preliminare deve essere accompagnato da una relazione adeguatamente motivata che, si badi,
dovrà essere positivamente valutata dalla Commissione per il Paesaggio. Gli esiti di questa fase
preliminare che, ove necessario, prevede anche la convocazione di una conferenza di servizi
preliminare e l’acquisizione del parere della Commissione Paesaggio e del Consiglio di Zona,
verranno riportati in un provvedimento i cui contenuti di accertamento e definizione saranno reiterati
senza alcuna istruttoria ulteriore nel procedimento definitivo per il rilascio del titolo. Il provvedimento
ha una validità di dodici mesi dalla sua comunicazione ed il procedimento deve concludersi entro 30
giorni.
Questa nota reca poi due inserimenti: dapprima la dicitura “ammissibile” (significando, quindi, che la
pratica era passata dalla fase di istruttoria preliminare ad atto ammissibile), la seconda, “diniegata”.
c) n. 4220 (protocollo 69550 del 12.2.2018): qui il progettista, richiamando il precedente fascicolo,
precisa che trattasi di ricalcolo della SLP e non aumento, con recupero del sottotetto e il procedimento,
questa volta, viene formulato non più come istruttoria preliminare, ma come permesso di costruire.
Anche in questo caso la TERRIBILE è la proprietaria e il MALGALDI il progettista.
Venivano, quindi, svolti ulteriori accertamenti presso la banca dati Work Flow in dotazione alla
Polizia Locale, ed emergevano altri elementi molto importanti e così sintetizzabili:
- 14.12.2017 : la Commissione Paesaggio, nella seduta n. 40, aveva non aderito alla richiesta di
verifica preliminare per l’immobile di via Allegranza, per questioni legate, in buona sostanza al
progetto.
- 31.1.2018 : l’inammissibilità del progetto viene comunicata alla proprietà dalla Direzione
Urbanistica Area Sportello Unico per l’Edilizia Unità Territoriale Municipi 7-8-9 e, in detta sede viene
subordinata anche la nuova progettazione alla presentazione di una nuova richiesta di istruttoria
preliminare
Questo breve excursus è necessario per comprendere il contenuto delle conversazioni nel prosieguo
esaminate partendo dai giorni immediatamente precedenti al 12.2.2018.
Prog. 2036 del 09.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
PATIMO chiama l'architetto CASU, dicendole di aver avuto il suo numero da Max, la donna dice che
va bene. PATIMO dice di voler coordinare le firme entro sera o al massimo domani mattina in modo
che MALESARDI possa consegnare il documento lunedì mattina. CASU dice che MALESARDI non
è ancora andato in studio a portarle le tavole strutturali. CASU aggiunge che l'architetto MALGALDI
doveva controllare il lavoro fatto da lei, per poi correggerlo e terminarlo. PATIMO chiede se
l'interlocutrice sia libera domani mattina, in modo da riuscire, dopo, a far firmare il progetto al
costruttore.
I due devono fare la spunta dei documenti occorrenti per la pratica edilizia di PATIMO che
quest'ultimo vuole firmare insieme alla donna e al costruttore entro sera o al massimo domattina.
( vedasi Prog. 2226 del 09.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18);
Prog. 2309 del 09.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18); Prog. 2572
del 10.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18); Prog. 3152 del
12.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18) ;Prog. 3334 del 12.02.2018
su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
Ricostruendo la cronologia degli eventi, sulla base di quanto emerge dalle intercettazioni sopra
richiamate:
ore 14:03 PATIMO riceve la conferma dell'avvenuto deposito della pratica
ore 14:11 PATIMO chiama ALTITONANTE per chiedergli conferma dell'incontro.
Prog. 3383 del 12.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
122
ALTITONANTE: Ciao GIGI!
PATIMO: Fabio!
ALTITONANTE: Ehi ci vediamo alle Stelline allora?
PATIMO: Io sto andando adesso devo ho un appuntamento una mezz'ora prima con una persona
ALTITONANTE: Va bene ....bene bene io finisco l'appuntamento tre e mezzo sono li!
PATIMO: Ok dai va bene!
ALTITONANTE: Ciao ciao!
PATIMO: A dopo ciao!
Ore 16:37 avviene l'incontro tra PATIMO e ALTITONANTE
Prog. 3503 del 12.02.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
ALTITONANTE: ciao Gigi
PATIMO: Fabio
ALTITONANTE: è finita?
PATIMO: sì eh...eh... hanno interrotto adesso, tu dove sei?
ALTITONANTE: io sono in Regione prendo la macchina e arrivo
PATIMO: ok, ma.. è sicuro che ce la fai a stare.. perchè altrimenti ci vediamo dopo, quando hai finito!
Oppure
ALTITONANTE: che giri fai?
PATIMO: Perchè io alle dieci devo prendere l'aereo...
ALTITONANTE: Eh no allora no...
PATIMO: alle otto accompagno mi madre, ché devono partire...
ALTITONANTE: Ma tu come sei in macchina o (inc)?
PATIMO:Io sono in macchina, qui!
ALTITONANTE: E allora avvicinati verso la Regione, no?
PATIMO: E si, perchè ci devo passare davanti! (inc)
ALTITONANTE: (inc) alle cinque ! Aspetta un attimo... però io alle cinque
PATIMO:Alle cinque che devi fare? Ma io adesso il tempo... venti minuti e sono lì ... ché devi
scendere.. mi
aspetti sotto...
ALTITONANTE: Perchè io alle Stelline (inc)
PATIMO: Eh
ALTITONANTE: Se mi aspetti venti minuti sto lì!
PATIMO: Ti aspetto qua?
ALTITONANTE: Si si! Vengo lì!
PATIMO:Va beh dai aspetto qua!
Come risulta dalla citata nota Polizia Locale di Milano, il 12.2.2018 verrà protocollata, con il n.
69550, la richiesta di permesso di costruire e non più come istruttoria preliminare ex art. 30 R.E.,
indicato nella precedente richiesta che, come visto, era stata, diniegata.
Alle ore 16:39 del giorno successivo (13.2.2018), viene registrata la chiamata n. 37658 di
ALTITONANTE a ZINNA Franco, nel corso della quale quest'ultimo lo informa che ha necessità di
incontrarlo al suo ritorno dalle vacanze.
ZINNA aggiunge che:
- dalla verifica effettuata la questione in trattazione interesserebbe la “Commissione paesaggio”;
essa potrebbe ridursi ma non essere eliminata completamente perché compresa nel decreto
legislativo del paesaggio (la problematica sarebbe quindi chiaramente connessa a vincoli paesaggistici
imposti dalla normativa di riferimento D.Lgs 42/04).
In virtù di quanto riscontrato si palesa per PATIMO Luigi l’insorgere della necessità che
ALTITONANTE intervenga in suo aiuto per superare la problematica riscontrata (riferibile ad un
permesso di costruire) per la villa acquistata a Milano dalla moglie. ALTITONANTE chiama quindi in
causa un dirigente del Comune di Milano, ZINNA Franco appunto, che si adopera fattivamente per
arginare il problema.
123
Tale interessamento spiega la contribuzione elettorale, perfezionata il successivo giorno 16 febbraio,
della somma di 20.000,00, in cui viene coinvolto , per il tramite di TATARELLA, il D’ALFONSO.
ALTITONANTE si dimostra un buon interlocutore di PATIMO, si dà da fare anche se le
problematiche amministrative sono veramente insuperabili e la vicenda si trascinerà per mesi.
Progr. 37658 del 13.2.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ZINNA Franco:
pronti
ALTITONANTE Fabio:
Franco
ZINNA Franco:
whè ciao
ALTITONANTE Fabio:
come stai?
ZINNA Franco:
bene...sono in vacanza è per quello che non INC
ALTITONANTE Fabio:
INC e quando torni?
ZINNA Franco:
sabato..ho fatto la settimana di carnevale..sto facendo
ALTITONANTE Fabio:
INC tutti in montagna
ZINNA Franco:
mh..eh...eh ti devo dare quelle cose...eh dunque una l'ho verificata che
è quella della commissione del paesaggio possiamo ridurre ma non eliminarla perchè
ALTITONANTE Fabio:
perché è una legge nazionale quindi il problema
ZINNA Franco:
no...no è nel decreto legislativo INC paesaggio
ALTITONANTE Fabio:
paesaggio
ZINNA Franco:
esatto bravo
ALTITONANTE Fabio:
INC
ZINNA Franco:
ecco questo è la...e la si deve...si potrebbe...io te la..la scrivo poi questa
poi tu la INC
ALTITONANTE Fabio:
INC
ZINNA Franco:
e poi...sto vedendo qualcosa per la...per trovarti qualcosa
ALTITONANTE Fabio:
tre cose esatto...tre cose tre cose
ZINNA Franco:
che non funziona
ALTITONANTE Fabio:
tre cose che non funzionano che con una legge regionale sul testo
unico la mettiamo apposto
ZINNA Franco:
si...
ALTITONANTE Fabio:
vabbe dai ci vediamo settimana per lunedì ci vediamo
ZINNA Franco:
si..si lunedì dai okay
ALTITONANTE Fabio:
ti abbraccio
ZINNA Franco:
INC anche a te ciao ciao Fabio
Il 16.03.2018 PATIMO Luigi chiede ad ALTITONANTE un incontro facendogli capire che è
necessario che intervenga nuovamente in suo favore poiché la pratica edilizia che è ancora ferma negli
uffici del Comune di Milano, esprimendone in senso figurato la situazione di stallo: “NO FABIO TI
DEVO PARLARE URGENTEMENTE PERCHÈ QUA LA PROCESSIONE NON CAMMINA, LA
CERA SI CONSUMA LA PROCESSIONE NON CAMMINA...” i due si incontrano nei pressi della
sede della Regione Lombardia. Dopo pochi giorni dall’incontro con PATIMO Luigi, ALTITONANTE
organizza un nuovo appuntamento con l’architetto ZINNA che avviene il successivo 23 marzo.
Progr. 70440 del 16.3.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
PATIMO LUIGI chiama ALTITONANTE Fabio
ALTITONANTE Fabio:
ciao Gigi
PATIMO LUIGI:
ti sei fatto la mascagna?
ALTITONANTE Fabio:
la mascagna...adesso ho finito...
PATIMO LUIGI:
ah...vabbè...ehhhh...
ALTITONANTE Fabio:
e ci vediamo domani dai...INC...quando INC sabato e domenica
PATIMO LUIGI:
NO FABIO TI DEVO PARLARE URGENTEMENTE PERCHÈ QUA LA
LA....LA PROCESSIONE NON CAMMINA, LA CERA SI CONSUMA LA PROCESSIONE NON
CAMMINA...
ALTITONANTE Fabio:
minchia...ma dove sei?
PATIMO LUIGI:
sono uscito adesso dall'ufficio
124
ALTITONANTE Fabio: allora incrociamoci, non so in Viale Tunisia...ci incrociamo...?
PATIMO LUIGI:
ma adesso devo passare...io ci devo passare da...allora quando sono arrivato
in Piazza Repubblica ti chiamo
ALTITONANTE Fabio: e dove mi fermo io?...vicino alla Regione?..lì vicino al bar allora
PATIMO LUIGI:
eh vabbene si
ALTITONANTE Fabio: no
PATIMO LUIGI:
sulla deviazione di là...si si si si...tanto adesso sono con le preferenziali
ALTITONANTE Fabio: okay
PATIMO LUIGI:
INC macchina mia...ciao
ALTITONANTE Fabio: vabbene okay INc
PATIMO LUIGI:
ciao
Una verosimile spiegazione di tale conversazione che, si ripete, risale al 16.3.2018, sta nel fatto che
come risulta dagli accertamenti svolti dalla Polizia Locale (inf. cit, pag. 10), il giorno precedente,
15.3.2018, si era svolta una conferenza dei servizi in cui erano state comunicate alle parti le eccezioni
riscontrate in sede di esame. In questo senso va letta la metafora utilizzata da Patimo secondo cui “la
processione non cammina”.
Proseguendo, nella disamina delle intercettazioni, il 26.3.2018, veniva captata, la seguente
conversazione
Prog. 25146 del 26.3.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
MAGALDI: Ciao Gigi
PATIMO:
Max come stai?
MAGALDI: Bene tu?
PATIMO:
Bene, bene. Senti non ti ho voluto far rompere le scatole questo fine settimana perchè
so che c'avevi un saaco di cazzi pure tuoi personali quindi, ti ho lasciato un pò tranquillo
MAGALDI: sì, vuoi che ci vediamo oggi?
PATIMO:
Eh io il problema che oggi sto partendo adesso e torno stasera tardi però stamattina mi
sono incontrato col mio amico che incontra il dirigente che probabilmente ti chia... gli ho dato il
numero, ti chiamano così, prima che tu parta perchè devi andare a Dubai
MAGALDI: mmh, sì, beh
PATIMO:
eh, quindi prima che tu parta e... ci si incontra con questi perchè... a me che cazzo me
ne frega dell'ascensore coi disabili mo che cazzo vuole questo
MAGALDI: sì certo, sì, no, infatti, mmh.. infatti
PATIMO:
quindi e... cioè mò siamo arrivati alla fase finale, adesso ho fatto due conti e un anno
fa l'abbiamo comprato, comprata la casa
MAGALDI: un anno, più o meno mmh...
PATIMO:
quindi adesso (inc.), e quindi niente, se tu riuscissi e questo ti chiama tra oggi domani.
Quando parti?
MAGALDI: eh, mercoledì mattina
PATIMO:
e quindi tra oggi e domani, eh è da andarci a parlare e gli spieghi che cosa è successo
e... perchè adesso formalmente questa ti deve mandare il verbale
MAGALDI: sì esatto, ho controllato non ho ancora ricevuto...
PATIMO:
(inc.)
MAGALDI: no non ho ancora ricevuto nessuna pec quindi non... non me l'hanno ancora mandato..
mmh
PATIMO:
eh niente praticamente facciamo così, tu ce l'hai il numero di Fabio (Altitonante ndr)?
MAGALDI: sì, no, no no, di Fabio no
PATIMO:
allora aspetta un secondo che te lo dò, così, allora a lui ho dato il tuo perchè lo deve
dare a quello lì no? Però se... ha detto che mi chiama più tardi perchè lui lo incontrava poco più tardi
però tu digli "senti ci sono oggi e domani a completa disposizione però poi mi (inc.) se ci sono (inc.)
poi cos'è successo
MAGALDI: certo
PATIMO:
e vediamo cosa dobbiamo fare perchè qua siamo tutti fermi e quindi... siamo fermi
125
MAGALDI: sì, sì, va bene
PATIMO:
tre tre cinque, ce l'hai da segnare o ti mando un sms? cosa preferisci?
MAGALDI: no, no , aspetta che me lo segno, che tanto c'ho qua l'agendina, sì dimmi pure tre tre
cinque
PATIMO:
tre tre cinque (335) , settantanove (79)
MAGALDI: sì
PATIMO:
ottantotto (88)
MAGALDI: sì
PATIMO:
nove, sei, cinque (965)
MAGALDI: perfetto, ok. va bene!
PATIMO:
ok, Allora io aspetto un attimo perchè mi ha detto che lo vedeva e poi mi faceva
sapere
MAGALDI: mmh, mmh...
PATIMO:
tu lo chiami alle tre
MAGALDI: mmh...mmh
PATIMO:
alle tre, alle quattro, lo chiami (inc.) e gli dici "senti tu sai che Gigi mi sta rompendo i
coglioni
MAGALDI: eh, eh! (ride ndr)
PATIMO:
però noi ci siamo poi resi conto che questa qua ci ha, ci ha fermato un pò tutto eh
quindi, comunque facciamo così Max, non gli dire niente al telefono
MAGALDI: no, no, no... è chiaro
PATIMO:
digli Fabio quando posso venire a trovarti, tanto lui lo capisce, e lui vedi cosa ti dice,
se ha parlato già con quello oppure...se ci parla vediamo
MAGALDI: certo, va bene dai. ok mmh...
PATIMO:
quindi noi dovremmo... aspettare che questo fa il verbale poi dovremmo fare le
controdeduzioni mandare e attendere che si riuniscano di nuovo, questo dovrebbe essere l'iter loro
MAGALDI: eh... diciamo che dal momento, sì, dal momento in cui eh si rimandano le osservazioni
alle loro richieste tecniche, riprendono i termini e non ci sono più altre possibilità per interrompere, nel
senso che l'amministrazione interrompe il procedimento solo una volta
PATIMO:
ok, poi me lo deve, me lo deve approvare per forza o lo può anche bocciare?
MAGALDI: no, può bocciare, può decidere di bocciarlo se ritiene che le controdeduzioni e il
materiale integrativo non sia soddisfacente te lo, te lo (inc.)
PATIMO:
nella parte (inc.) dell'ascensore, che cosa c'è in quello che ha chiesto che... cera un pò
problematico?
MAGALDI: no ma è tutta roba correggibile e l'unica cosa è che volevano appurare con l'ufficio dei
cementi armati se l'intervento era eccessivamente demolitivo da far perdere il diritto al recupero del
sottotetto
PATIMO:
eh però questo è pesante
MAGALDI: sì, sì, questa è la cosa sostanziale
PATIMO:
(inc.) ostativo, questo è il discorso
MAGALDI: sì, mmh... perchè altrimenti bisogna fare un altro progetto, più conservativo, che si
può, per carità, è un pò più costoso ma si può, e... fare un progetto strutturale più conservativo dove
non si demoliscono...si demolisce il meno possibile e si rinforza quello che è giusto, perchè la... la
necessità è quella della verifica, quando tu fai la sopraelevazione devi fare la verifica strutturale su
tutto l'edificio e quindi la verifica strutturale aveva comportato, così mi ha spiegato lo strutturista, tutta
una serie di interventi no
PATIMO:
sì, sì, infatti me l'ha spiegato anche a me quello là
MAGALDI: ecco esatto, quindi si tratta di modificare questo approccio progettuale alle strutture in
una maniera più conservativa per non ricade...per ricadere invece nella possibilità di recuperare il
sottotetto, questa è un pò la chiave della cosa
PATIMO:
questa è la chiave, infatti, oltre c'è l'ascensore magari è un discorso (inc.) questa è una
cosa che ti fa per andare avanti o no
MAGALDI: si
PATIMO:
quindi magari questi dell'ufficio loro si (inc.) una cazzata e blocchiamo tutto (inc.)
MAGALDI: sì, sì
126
PATIMO:
vabbè senti facciamo così, sentilo e poi magari intorno alle cinque ti richiamo oppure
mi richiami tu
MAGALDI: va bene
PATIMO:
gli dici, tanto "Fabio, ci possiamo incontrare? sono disponibile oggi e domani". Tu
digli così quello poi capisce e se ha già parlato te lo dice
MAGALDI: ok, va bene,
PATIMO:
grazie Max
MAGALDI: a te, a dopo, figurati
PATIMO:
ciao
MAGALDI:
ciao.
Prog. 76317 del 26.3.2018 su utenza 3357988965in uso ad ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ALTITONANTE:
ciao Franco!
ZINNA:
ciao sottosegretario! Come stai?
ALTITONANTE:
minchia come (inc.) io non so un cazzo, già lo sai tu?
ZINNA:
(inc.) beh dico, no, ero sono venuto, ho finito tardi là per gli orari e sono
venuto qua in consiglio e ho visto Pietro
ALTITONANTE:
ah sì, sì
ZINNA:
erano in ballo con le deleghe, poi insomma vabbè
ALTITONANTE:
un aiutino
ZINNA:
meglio, eh, un pezzettino alla volta insomma, già stare lì penso in quella,
quell'area lì insomma qualche prospettiva ci può essere anche in futuro
ALTITONANTE:
ma sì, sì. ma quando ci vediamo Franco, dai volevo salutarti
ZINNA:
sì, certo guarda
ALTITONANTE: domani
ZINNA: domani, domani no, perchè domani c'ho gli orari, perchè ho.. io sono un coglione, perchè
(inc.)
ALTITONANTE:
adesso? È troppo tardi?
ZINNA: Adesso, doma... domani sera, domani sera magari dai, domani sera. Domani sera... quando
finisco perchè ho 18 persone all'orale da fare domani dalle nove e mezza fino a quando finisco e...
ALTITONANTE:
ok aspetto la tua chiamata allora
ZINNA:
dai ti chiamo io domani e ci mettiamo d'accordo dai
ALTITONANTE:
va bene
ZINNA:
ok? in gamba, ciao ciao Fabio ciao
Effettivamente dall’analisi delle successive conversazioni emerge che i due si incontrano il 28 marzo
2018 (vedasi progr. 78086 delle ore 13:48 e il progr. 78147 delle ore 14:19)
Circa tre ore dopo il loro incontro, ZINNA richiama ALTITONANTE e gli chiede il numero di
PATIMO Luigi per contattarlo direttamente e fissare con lui un incontro per risolvere la situazione.
Prog. 78387 del 28.3.2018 su utenza 3357988965 in uso a ALTITONANTE Fabio (RIT 75/18)
ALTITONANTE: ciao Franco
ZINNA:sì, ciao Fabio, senti, siccome mi sono sempre più convinto che il suo progettista mi sembra un
pò coglione, a maggior ragione devo fa.. allora, scusami, siccome ho il numero telefonico del
progettista ma di Luigi non l'ho tenuto
ALTITONANTE:
te lo giro subito
ZINNA: me lo giri che lo chiamo e gli faccio fissare appuntamento per settimana prossima, ok? dai
ALTITONANTE:
va bene
ZINNA:
grazie, ciao, ciao, ciao
ALTITONANTE:
ciao, ciao.
127
Come preannunciato, la segretaria di ZINNA Franco contatta PATIMO Luigi e fissa con lo stesso un
incontro con l’architetto ZINNA Franco per il giorno 06.04.2018, alle ore 14.00 nell’ufficio di
quest’ultimo sito in via Bernina n. 12 a Milano.
Prog. 26987 del 29.3.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
Patimo:
Pronto?
Noemi: sì buongiorno quì è il Comune di Milano sono Noemi segreteria architetto Zinna direzione
urbanistica
Patimo:
buongiorno
Noemi:
sì buongiorno, il signor Luigi giusto?
Patimo:
sì
Noemi: ecco, mi ha dato il suo numero di telefono l'architetto Zinna mi ha detto di fissare un incontro
con lei e con il suo tecnico
Patimo:
ok
Noemi:
per il sei aprile alle ore quattordici
Patimo:
il sei è venerdì
Noemi:
sì
Patimo:
giusto? Ok
Noemi:
sì, sì
Patimo:
va bene
Noemi:
va bene?
Patimo:
sì ok
Noemi:
ci vediamo in Via Bernina dodici
Patimo:
Via Bernina sì ho (inc.) vicino, grazie
Noemi:
va bene ci vediamo arrivederci
Patimo:
buongiorno, buongiorno
Noemi:
buongiorno
Lo stesso giorno PATIMO avvisa ALTITONANTE Fabio che venerdì andrà in un luogo sottaciuto,
facendogli capire che andrà ad incontrare l’architetto ZINNA Franco. ALTITONANTE capisce e i due
cambiano immediatamente discorso.
Prog. 27116 del 29.3.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
ALTITONANTE Fabio:
ciao Gigi...
PATIMO Luigi:
come va?
ALTITONANTE Fabio:
tutto bene..
PATIMO Luigi:
allora io vado venerdì in...
ALTITONANTE Fabio:
ah, ok, ok...
PATIMO Luigi:
senti un pò...eh...ma tu parti? quando Parti?
ALTITONANTE Fabio:
io sto aspettando una roba della giunta...se son dentro, se son
fuori...boh...ho pure litigato prima perchè...mi hanno...infatti ti volevo chiamare...mi ha
chiamato...inc...allora, il sottosegretario va beh lo fai, tranquillo...a meno che non mi dici che vuoi un
assessore...purtroppo non lo puoi fare tu che sei uomo, mi dai il nome di un di una donna, e te la
nomino assessore...
PATIMO Luigi:
...inc...
ALTITONANTE Fabio:
no, no io gli ho detto...invece io sono stato, guarda ci può stare, nel
senso io ce l'ho anche il nome di una donna competente...ma se ha le sue...le sue materie...c'è la Eva
Imparato che è una delle massime esperte di...inc...quella delega lì non c'è...e allora che cazzo...inc...
PATIMO Luigi:
certo...inc...delega
ALTITONANTE Fabio:
aspetta che ti richiamo che ho la Giunta ...
PATIMO Luigi:
ok
128
Il successivo 6 aprile alle ore 14.00 circa PATIMO Luigi insieme all’architetto che cura la sua pratica
edilizia MAGALDI Massimo, raggiungono (come è evincibile dalla conversazione n. 31112 di seguito
trascritta), l’architetto ZINNA nel suo Ufficio al Comune di Milano.
All’incontro seguono una serie di conversazioni tra PATIMO ed il suo architetto attinenti le modifiche
tecniche richieste. ( vedasi Prog. 31081 del 06.04.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi
(RIT 164/18)
Segue una conversazione tra Patimo e la moglie in cui i due affrontano l’argomento della pratica
edilizia (Prog. 31112 del 06.04.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
TERRIBILE M.T.:
amore...
PATIMO Luigi:
dove stai?
TERRIBILE M.T.:
sono da Francesca...
PATIMO Luigi:
ah, salutamela...senti ma...inc...si è preso uno shampoo di...inc...
TERRIBILE M.T.:
da chi? da quello là?
PATIMO Luigi:
no, ma erano in tre...
TERRIBILE M.T.:
che è successo?
PATIMO Luigi:
è?
TERRIBILE M.T.:
che è successo?
PATIMO Luigi:
successo...
TERRIBILE M.T.: e dì...inc...sulle spine per il fatto di...inc...
PATIMO Luigi: no, praticamente è stata presentata una cosa...inc... bene proprio per niente...ti posso
dire che mi hanno fatto lo shampoo ed ha fatto un figurone di merda...però dovremmo aver trovato la
soluzione...
TERRIBILE M.T.:
cioè?
PATIMO Luigi: e la soluzione...niente avevano demolito tutto...ancora cos'è il problema? non me lo
ricordo...non me lo ricordo...è un mentecatto proprio...
TERRIBILE M.T.:
e tu che gli hai detto?
PATIMO Luigi:
io? io mi sono vergognato per lui...quelli poi parlavano soltanto con me...ma
che...inc...parlare con quella...che ...inc...appena mi ha visto, stavamo parlando soltanto delle
vecchiette e dei pugliesi...
TERRIBILE M.T.:
che...inc...
PATIMO Luigi:
no, no è un geometra...
TERRIBILE M.T.:
inc...
PATIMO Luigi: no, questa è una frase che non...purtroppo non è applicabile che perdiamo soltanto
ulteriore tempo...giovedì mattina ho già chiamato adesso, si ripresenta...quindi lavorassero la notte...va
bon?
TERRIBILE M.T.:
comunque..ognuno di noi ha un target lavorativo...inc...
PATIMO Luigi:
...inc...fino ad oggi la presenti questa pratica? un tipo di pratica del genere...
TERRIBILE M.T.: ma, ma io...vuoi sapere cosa mi manda fuori di testa no? Perchè ognuno di noi ha
dei limiti perchè anch'io nel mio lavoro...inc...se non lo sai fare perchè non lo ha mai fatto... va bene?
Puoi anche chiedere qualche tuo collega come faccio io quando non so fare una cosa...o dici io non la
so fare questa, non ti posso seguire...
PATIMO Luigi:
no ma c'è un discorso di incompetenza e, che se vuoi la puoi chiamare
ingenuità...ma proprio incompetenza e senti che tu....quelli c'abbiano l'anello al naso, capito?
questo..inc... ciao
TERRIBILE M.T.:
ciao amore...
Particolare rilievo assume la conversazione registrata, poco dopo l’incontro avvenuto tra l’arch.
ZINNA e PATIMO con il suo tecnico di fiducia, tra lo stesso ZINNA ed ALTITONANTE Fabio, da
cui emerge chiaramente l’intercessione di ALTITONANTE in favore di PATIMO e l’impegno profuso
da ZINNA che grazie alla sua presenza nella commissione paesaggio è riuscito a far passare il
progetto.
ZINNA riferisce ad ALTITONANTE dell’incontro e che nonostante l’incapacità dell’architetto che
aveva curato la pratica (Magaldi) era riuscito a fargli ottenere parere positivo dalla commissione della
129
quale faceva parte “no beh, io la buona notizia gliel'ho già data, nel senso che io ero in commissione
paesaggio e il progetto è passato, il problema adesso è un altro...” e che ora era soltanto necessario
effettuare delle modifiche al progetto “cioé, il discorso è che...vabbé poi te la racconto...comunque gli
abbiamo dato la soluzione. Gli ho detto: non perdiamo il parere favorevole della commissione,
stiamogli dentro e risolviamo inc. così almeno...però insomma la disponibilità all'architetto gli è stata
data a 360 gradi adesso deve fare alcune...deve mettere a punto alcune cose poi dopo...”.
Progr. 86270 del 6.4.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE Fabio
convenevoli iniziali
[16:48:03]
Franco: senti, è venuto...è venuto da me
Fabio: Luigi (ndr. Luigi Patimo), poveretto...spero che, spero...questo c'ha la moglie cazzo che è una
testa di cazzo
Franco: no beh, io la buona notizia gliel'ho già data, nel senso che io ero in commissione paesaggio e il
progetto è passato, il problema adesso è un altro...
Fabio: mah sì, ma è una cagata, cioé parliamo del nulla...io adesso infatti parlerò con...
Franco: no ma gli abbiamo dato la soluzione, gli abbiamo dato...
Fabio: no no però quello che dico io è che c'è troppa burocrazia no, cioè alla fine un...come cazzo si
fa uno a districare a far sto cinema, poi sta commmissione di 11 persone, uno fa i cazzi suoi
Franco: se la riduci va bene lo stesso eh Fabio
Fabio: è bisogna... ma non può essere che una commissione prenda in ostaggio il cittadino
si organizzano per incontrarsi domani
[16:49:23] riprendono il discorso
Franco: no, però volevo dirti sull'altra questione, che anche il suo architetto non è che sia...
Fabio: ma no, ma sì...ma poi c'ha tanti incompetenti, cioé...
Franco: cioé, il discorso è che... vabbé poi te la racconto...comunque gli abbiamo dato la soluzione. Gli
ho detto: non perdiamo il parere favorevole della commissione, stiamogli dentro e risolviamo inc. così
almeno...però insomma la disponibilità all'architetto gli è stata data a 360 gradi adesso deve fare
alcune...deve mettere a punto alcune cose poi dopo...
Fabio richiamerà Franco domani mattina per incontrarsi
A conferma della ricostruzione sopra esposta si pongono le risultanze degli accertamenti svolti dalla
Polizia Locale di Milano (cfr. inf. ult. cit) .
Dal documento della Direzione Urbanistica Segreteria Commissione per il Paesaggio/Ufficio Tutela
del Paesaggio- seduta n. 12 del 5.4.2018, emerge, infatti, che proprio in detta seduta, l’intervento
edilizio della TERRIBILE, finalmente, veniva ritenuto ammissibile anche se con un parere
condizionato.
Dopo il superamento dell’ostacolo rappresentato dal vincolo paesaggistico grazie all’incontro
avvenuto nell’ufficio di ZINNA Franco, (dirigente del Comune di Milano, settore pianificazione
tematica e valorizzazione aree), sempre grazie all’intercessione di ALTITONANTE, sono state
registrate diverse conversazioni intercorse tra PATIMO e una geometra che lavora presso il Comune
di Milano, COCCIA Maria Rosaria.
Valga, preliminarmente, osservare che, sempre da quanto risulta dagli accertamenti della Polizia
Locale (cfr. inf. ult. cit.), se il responsabile del procedimento era l’Arch. Oscar CERIANI, il Tecnico
addetto all’istruttoria, era proprio il geom. COCCIA Maria Rosaria.
Costei, pur esprimendo il proprio giudizio negativo in merito al lavoro eseguito dall’architetto
MAGALDI che ha curato la pratica, si rende disponibile e propone a PATIMO un incontro privato che
preceda l’ufficiale incontro alla presenza dei suoi tecnici.
L’incontro avviene il 19 aprile, nella circostanza la geometra formula delle specifiche richieste
tecniche al fine del buon esito della pratica e la consegna definitiva della documentazione.
A sottolineare il rapporto “privilegiato” tra PATIMO e la Geom. COCCIA si evidenzia che i loro
contatti telefonici sono sempre stati registrati sull’utenza mobile della donna ma nel momento in cui
130
PATIMO doveva farla contattare dal suo ingegnere, per il deposito della pratica, le chiede di fornirgli
il numero fisso dell’ufficio.
Nonostante l’impegno profuso da PATIMO e la collaborazione della geometra la pratica segue un
lungo iter di attesa a causa del pessimo operato dell’architetto MAGALDI, circostanza che richiederà
successivi interventi da parte dell’architetto ZINNA sempre attraverso la mediazione di
ALTITONANTE.
Prog. 32837 del 13.04.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
…OMISSIS…
COCCIA:
no, eh ingegnere...ascolti...lei quando è, è pronto...
PATIMO:
si....
COCCIA:
mi chiama, anche la mattina stessa...
PATIMO:
ok, però noi...inc...
COCCIA:
tenga presente una cosa...che io il mercoledì dalle nove alle dieci sono di turno in
accettazione, mentre il venerdì sono di turno alle undici, quindi dalle nove alle undici ci sono, ma ci
sono anche dopo mezzogiorno ha capito?
PATIMO:
il problema è che noi il ventitre volevamo consegnare, quindi se ci vediamo giovedì e
tutto va bene, loro...
COCCIA:
ascolti io le dico una cosa...lei la prenda con le pinze perchè...ma lei è sicuro che
questa, questo architetto sia in grado di fare quello che lei pensa...
PATIMO:
no ho preso un ingegnere di Legnano molto bravo che quando lei vedrà, si sentirà più
tranquilla...
COCCIA:
no, è sua moglie che deve essere tranquilla...
PATIM:
infatti...lei...cioè se cambiamo cavallo adesso secondo me rischiamo di perdere più
tempo...a meno che giovedì non vediamo che siamo ancora indietro, ma le posso assicurare
che...insomma ho dato una strigliata a tutti, ce la dovremmo fare...quindi....il programma era giovedì
vedere con lei le modifiche e poi...inc... consegnare, se per caso giovedì abbiamo dei problemi a quel
punto facciamo una situazione più drastica...però siccome poi ci sono tutti i ponti, Venticinque Aprile,
Primo Maggio...
COCCIA:
guardi che il Venticinque Aprile di ponti non li fà nessuno perchè c'è soltanto un
giorno, anche le scuole sono aperte, quindi...
PATIMO:
andare da uno adesso e spiegare di nuovo la cosa da zero...
COCCIA:
io non sono così convinta come lei...comunque fà niente...vediamo la settimana
prossima che ne esce...facciamo così? io no...io lo farei il passaggio più drastico però nel frattempo,
siccome questo ingegnere...
COCCIA:
allora mi scusi ingegnere...facciamo una bella cosa..tanto l'ingegnere delle strutture a
lei non serve...allora vediamo quando lei viene quà a che punto è qui lo stato dell'arte...
PATIMO:
si
COCCIA:
dopo di che valuteremo se quello che ci viene presentato è accettabile oppure no...
PATIMO:
esatto, esatto, va bene...
COCCIA:
poi lei capirà che io, insomma avrò un atteggiamento estremamente riservato con
lei...perchè con questo qua non ci voglio avere niente a che fare...
PATIMO:
no, poi ci mettiamo noi...
COCCIA:
no anche perchè mi sembra uno anche un po scalumato...cioè...non molto...inc...
PATIMO:
come dice quello, è una lunga storia...facciano così...allora lei mi faccia questa
cortesia, diamogli questa possibilità perchè questo ingegnere invece di Legnano è molto bravo...
COCCIA:
ma quello, questo di Legnano le fa le strutture?
PATIMO:
si, si assolutamente...siamo andati sabato a vedere la casa, l'abbiamo vista insieme...
COCCIA:
ok
PATIMO:
ed è una persona molto valida...vediamo giovedì cosa succede e poi decidiamo...a che
ora...alle undici le va bene? Giovedì?
COCCIA:
Giovedì quando vuole lei...io dalle nove sono in palazzo...non c'è neanche bisogno che
lei mi avvisa...mi fa chiamare dall'accoglienza e nell'eventualità un messaggino o uno squillo, non c'è
problema...
131
A queste telefonate seguiranno una serie di SMS, fra PATIMO e la COCCIA, di seguito commentati, e
che, ai presenti fini, servono per dimostrare come fra i due viene a crearsi un continuo confronto
“riservato” ed “operativo” sulla pratica urbanistica in esame.
SMS n. 33369 del 13.4.2018 su utenza 3347533383
3483890180 in uso a COCCIA Maria Rosaria
Le proporrei prima un incontro privato.
in uso a PATIMO Luigi proveniente da
SMS n. 33389 del 13.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi proveniente da
3483890180 in uso a COCCIA Maria Rosaria
Il giorno in cui verra x appuntamento mi informa e ci vediamo un po’ prima. Da me
SMS n. 35287 del 18.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi diretto a 3483890180
in uso a COCCIA Maria Rosaria
Buonasera Geometra, a che ora le viene bene domani?
SMS n. 35301 del 18.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi proveniente da
3483890180 in uso a COCCIA Maria Rosaria
Diciamo alle 11 . Mi mandi sms e scendo nell'atrio. Spero venga solo
SMS n. 35303 del 18.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi diretto a 3483890180 in
uso a COCCIA Maria Rosaria
Certo che vengo solo ma poi li facciamo venire vero?
SMS n. 35303 del 18.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi proveniente da
3483890180 in uso a COCCIA Maria Rosaria
Certamente
SMS n. 35303 del 18.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi diretto a 3483890180 in
uso a COCCIA Maria Rosaria
Sono arrivato, l'aspetto sotto.
Il tenore complessivo dei messaggi registrati fa trasparire che la Geom. COCCIA sia solita attuare una
serie di cautele ed attenzioni tese ad evitare che terzi assistano ai suoi incontri riservati con PATIMO.
Tale elemento deve essere valorizzato ove si contestualizzi la vicenda:
la COCCIA è perfettamente consapevole dell’anomala gestione della pratica e della violazione delle
regole di trasparenza e, soprattutto, di imparzialità che i contatti informali tra il suo superiore Arch.
Zinna e l’istante, attraverso l’opera di Altitonante, determinano.
In pratica, data la sua posizione sottordinata, la Geom. Coccia si mette a disposizione di Patimo ma,
consapevole della scorrettezza dell’intera procedura, cerca di essere quanto più possibile cauta ed
accorta.
Il giorno successivo, 19.4.2018, PATIMO si sente con il MALGALDI a cui spiega nel dettaglio come
dovrà essere effettuata la modifica progettuale, secondo le precise indicazioni fornite dalla Geom.
Coccia. ( si veda Prog. 35568 del 19.04.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT
164/18)
Il giorno 23.4.2018, si terrà un nuovo incontro fra PATIMO e la COCCIA (progr. 37308 del 23.4.2018
su utenza 3347533383 in uso a PATIMO) ed il giorno 24 viene intercettata (progr. 38106 del
24.4.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO) una conversazione con il MAGALDI.
Prog. 38106 del 24.04.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
MAGALDI: pronto?
132
PATIMO:
max
MAGALDI: ciao,
PATIMO:
mi senti?.
MAGALDI: si ti sento...
PATIMO:
ce l'abbiamo fatta?
MAGALDI: eh si, mi ha mandato la correzione della tavola che ho stampato, adesso vado...
PATIMO: ... inc...vociona che hai...
MAGALDI: eh si...
PATIMO:
va beh dai...ti chiamo...inc...questa stronza si toglie questa faccia di merda che ha e la
chiudiamo la storia..
MAGALDI: si, si, si...ma io ho stampato tutte le tavole dove ho corretto un pò...inc...ho adeguato a
quello che mi diceva ieri il tizio,
Viene, quindi intercettato uno scambio di sms fra PATIMO e la COCCIA da cui si comprende che
MAGALDI l’ha raggiunta in ufficio e la sta aspettando (sms di cui ai progr. 38142-38144 su utenza
3347533383 in uso a PATIMO: “Tra 10 minuti l'architetto sara giù. Un caro saluto”… Ok scendo)
Lo scambio vorticoso di SMS fra i due continuerà anche il 26 aprile, tutti intercettati sull’utenza
3347533383 in uso al PATIMO (prog. 39495 - Buonasera e scusi per l'orario. Lo strutturista ha avuto
un problema personale e oggi non ce l'ha fatta. Consegnano lunedi. Perdiamo 4 giorni ma me ne deprogr. 39496. -vo fare una ragione...Mi chiedeva se poteva chiamarla domani per chiederle un
ragguaglio. Si puo’ fare?- progr. 39499- Certo ma siamo in trasloco. Alle 10 sarò alla mia postazione.
Causa Ponte si accerti sul sito che lunedì i protocolli siano aperti. Mercoledì sicuramente- prog. 39497
- Ottimo allora la chiama alle 10 in punto. Cortesemente mi dia il numero del fisso. Un caro salutoprog. 39498 – 0288466141- progr. 39772 - Ing. B.giorno. Alle 9.30 sono in riunione e alle 12 vado. Se
lunedì protocollo ok io da mercoledì sono disponibile. Event. Faro integrare senza comunicaz- prog.
39724 - ione cio che è poco chiaro. B. Ponte a mercoledì * non capisco xche non mi ha contattato
prima e ci siamo anche visti. Sorvoliamo. Geom. Coccia)
Ancora, nella conversazione del 30 aprile la geometra COCCIA fa chiaro riferimento ad una terza
persona non meglio indicata, che è stata presentata a PATIMO e che dovrà occuparsi di farle pervenire
la pratica corredata della richiesta integrazione “anche se produrrà tutto mercoledi LEI NON
C'È...CIOÈ…, PATIMO dice che appunto faranno mercoledì, la geometra gli fa notare che lì in
ufficio hanno appena fatto un trasloco e che "CHI LUI HA CONOSCIUTO" deve passarle la pratica
completa dell'integrazione” (riferendosi all’architetto ZINNA) concludendo con una equivoca richiesta
rivolta a far eseguire a PATIMO un qualcosa di sottaciuto, come già accaduto in occasione del primo
incontro: "anche perchè io poi le suggerirei di fare un'altra cosa...pari pari a quello che ha fatto la
prima volta".
Prog. 41143 del 30.04.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
COCCIA:
ingegnere buongiorno
PATIMO: buongiorno come sta innanzitutto?
COCCIA:
io bene e lei?
PATIMO: ah bene, bene, anch'io bene...sono di ritorno...lei oggi...
COCCIA:
no, io sono ancora a casa oggi...ci sarò poi mercoledì...
PATIMO: ah oggi, oggi ha fatto il ponte, fantastico..
COCCIA:
e certo, anche perchè ho, ho la ragazzina a casa...quindi...
PATIMO: allora mi scusi se l'ho disturbata...no volevo dire...
COCCIA:
ma si immagini...
PATIMO:che io avevo, ho fatto tutto lo strutturale e stavo per andare a...stavo mandando mio fratello
a protocollare e poi mercoledì con la ricevuta del protocollo ristrutturali facciamo
anche...inc...abbiamo finito...
COCCIA:
certo...va bene...anche perchè...
133
PATIMO: entro le dodici
COCCIA:
dodici meno un quarto
PATIMO: allora non ce la facciamo
COCCIA:
perchè...
PATIMO: e perchè mio fratello è in ufficio e stava andando adesso...
COCCIA:
ma mi scusi...ma mi scusi...l'architetto cos'è, è impegnato?
PATIMO: ah guardi...non parliamo dell'architetto che non c'è...
COCCIA:no perchè allora...è venuto da me martedì...d'accordo con me che si ripresentava il giovedì,
di chiamarmi...io il giovedì non ho sentito nessuno...
PATIMO:si lo so, lo so...eh purtroppo è andata così, io non c'ero, non ho potuto...inc...adesso ho fatto
una forzatura, gli ho fatto mandare i disegni delle foto, quelle che aveva concordato...
COCCIA:
si
PATIMO:...inc...architettonici li abbiamo modificati però ho bisogno dello strutturale, della
ricevuta...lo strutturale adesso ho fatto le copie, secondo me...
COCCIA:si va beh ma...ingegnere mi scusi...anche se viene prodotto il tutto mercoledì, io non ci
sono...cioè...
PATIMO: appunto, facciamo mercoledì che dice? io volevo sentire lei se c'era...
COCCIA:si e poi tenga presente che noi abbiamo appena fatto un trasloco, quindi...no si tratta
che...chi lei ha conosciuto...
PATIMO: certo...
COCCIA:
deve passarmi questa cosa...
PATIMO: ovvio...
COCCIA:
che non me la passa con l'integrazione eh...
PATIMO:appunto...facciamo così, se lei è d'accordo mercoledì facciamo gli strutturali, giovedì
consegniamo gli architettonici e giovedì che sono io a Milano vengo così ci vediamo...
COCCIA:si anche perchè io poi le suggerirei di fare un'altra cosa...farli fare a quello che ha fatto la
prima volta
PATIMO: ok, va bene
COCCIA:
ok, arrivederci...
PATIMO: ci vediamo giovedì, grazie e scusi se l'ho chiamata...
COCCIA:
si immagini, si immagini...
PATIMO: grazie, arrivederci
Da notare che, come si rileva nel corso della telefonata, la dipendente comunale è in ferie, maciò non è
d’ostacolo ad affrontare il colloquio di lavoro con Patimo, ancora al chiaro fine di agevolare la pratica,
anche sotto il profilo della tempistica da rispettare.
Le integrazioni documentali richieste sono state affidate alla geometra COCCIA dopo che
quest’ultima ha confidato, senza mezzi termini, di essersi dovuta attivare con l’architetto del Comune
CERIANI (Arch. CERIANI Oscar Responsabile del Procedimento Area S.U.E. Ufficio Municipio 7
Milano) affinchè la pratica le venisse personalmente affidata.
Sul punto, valga, nuovamente, richiamare gli accertamenti della Polizia Locale (pag. 10 inf. cit.):
effettivamente, il 4.5.2018 venivano prodotte, così come documentalmente attestato dalla COCCIA,
le integrazioni in merito agli elaborati grafici.
L’interessamento diretto di ZINNA Franco viene citato proprio dalla geometra che afferma “se
FRANCO...FA (Franco ZINNA ndr.) NON CI SONO PROBLEMI, IO COMUNQUE LA INFORMO,
NON SI PREOCCUPI”, rassicurando PATIMO che una volta entrata in possesso della pratica
completa poteva stare tranquillo (progr. 50079 del 10.5.2018 su utenza 3347533383 in uso a
PATIMO).
Si badi come questa conversazione del 10.5.2018 sia accompagnata, da uno scambio di SMS fra
PATIMO e la COCCIA, intercettati sull’utenza 3347533383 in uso al primo (progr. 47989 Si e
arrivata integrazione. Devono unirli alla precedente. Lunedi la vedo facendo gli scongiuri. Lei nn
chiami nessuno. Le diro io. B.serata- progr. 47991 Ok. Grazie mille.- prog. 49886 Ing. B.giorno. Lei
domani ha tempo di passare in ufficio. La pratica no si e ancora vista. Vorrei parlarne con lei. Grzprog. 49889 Si integrazione. Non la hanno unita alla prima e passata a me.- progr. 49890 Io ci sono
134
solo oggi, domani sono in Sardegna.- progr. 49891 Quando torna?- progr. 49892 Vediamoci oggi se
possibile, torno mercoledi e sta passando troppo tempo.- progr. 49910 Non possiamo fare nulla. Io non
posso CHIEDERLA a Ceriani. Ci aggiorniamo mercoledi sperando che mi arrivi.- progr. 50062 Ho
saputo che e passato. Poteva dirmelo l'avrei incontrata volentieri ma servirebbe a poco. Chiami chi di
dovere. Ci aggiorniamo domani e le dico se news- progr. 50063 . B.viaggio)
Altre conversazioni utili risultano le seguenti.
Prog. 50079 del 14.05.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
…OMISSIS…
PATIMO:
sto provando ad andare adesso a vedere se becco l'architetto, e...così gli dico che
abbiamo fatto tutto e che se per cortesia può accelerare...
COCCIA:
il suo architetto? il suo? (Zinna Franco, n.d.r.)
PATIMO:
no il suo architetto... (Oscar Ceriani, n.d.r.)
COCCIA:
ok...
PATIMO:
il mio l'ho già visto quando sono venuto prima...ed era in riunione con tutti gli altri
dirigenti, quindi non è che sono stato, gli ho detto vado un secondo giù a sollecitare...allora mi ha fatto
con la testa va bene...
COCCIA:
comunque ingegnere ascolti...il giorno con l'altro non fa nessuna
differenza...l'importante che questa cosa, quando lei torna dalla Sardegna arrivi perchè se no ...
PATIMO:
inc...quello che voglio chiedere al terzo piano...
COCCIA:
ed i programmi si spostano, ha capito?
PATIMO:
appunto...se no qua...
COCCIA:
è quello il concetto...
PATIMO:
e io mò vado da Ceriani se c'è e vediamo... e lo avviso che ...
COCCIA:
a quest'ora non lo so...allora che sono le due? si ...può essere...perchè lui va a mangiare
sempre tardi...eh...
PATIMO:
...inc...lei perchè, io quando sono arrivato era l'una meno un quarto e non c'era...
COCCIA:
ah, e allora lo trova sicuro...
PATIMO:
la stanza era aperta...
COCCIA:
però tanto ascolti...lei quando arriva in portineria deve passare dai signori giù, o glielo
chiamano...
PATIMO:
ma no io non passo mai...guardi che io salgo senza passare dai signori giù...
COCCIA:
e no ma tante volte magari...
PATIMO:
no ma quello non mi conosce...
COCCIA:
non la prende bene...ha capito?
…omissis…
PATIMO:
ma una scusa, ma una scusa per andare da quello e farsi, dirgli...scusa ma mi ha
chiamato l'architetto te lo ricordi quello che... ha detto la pratica...per caso ti è arrivata?
…omissis…
COCCIA:
no, ma non si preoccupi...eh vedrà che se...FRANCO sa non ci sono problemi...
PATIMO:
ok, ok...
COCCIA:
Ok? io comunque la informo, non si preoccupi...arrivederci
PATIMO:
grazie arrivederci
COCCIA:
salve...
Si veda anche Prog. 50122 del 14.05.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT
164/18) in cui la dipendente comunale torna a rassicurare Patimo sul buon esito della sua pratica.
Si vedano poi gli SMS PATIMO-COCCIA del 15.5.2018 in cui costei conferma al primo di aver
ricevuto l’integrazione della pratica (progr. 50495- Buongiorno è sulla mia scrivania. Stia tranquillo.prog. 50503 Ottima notizia. progr. 50625 - Rifare tav sezioni aa e bb rivedere i rossi dove non vanno
sezione non prospetto. Quindi att.ne solette. La tav. 9 bis e ok . Prima arrivano prima la sca- prog.
50626 rico x oneri- progr. 50631 Che ne pensa?- progr. 50630 Posso mandare la "Architetta" che
135
materialmente fa i disegni domani mattina alle 9.30? In questo modo li corregge e nella stessa
mattinata li riconsegna)
Ancora una volta la geometra Coccia ha richiesto di apportare delle modifiche e PATIMO decide di
consegnare personalmente la pratica dopo averla fatta visionare per l’ultima volta alla stessa geometra
al fine di non incorrere in altri errori, la donna gli precisa di non poter continuare a protocollare senza
lettera tranquillizzandolo in merito al trattamento di “priorità” che gli viene riservato.
In tal senso si pongono gli SMS di cui ai progr. 51590 - Ricevuta quando vuole puo parlare con loro o
se vuole sono disponibile. Temo non sia questione di 1 gg ha invertito le sezioni. Quote di interpiano
diver- prog. 52450- Ing mi informi quando finiscono. Li guardiamo prima. Non si puo integrare cont.
Senza lettera. Tanto ha priorità. B.serata.
Il 17.05.2018, a bordo del veicolo BMW 320 targato EC827ZA (RIT 303/18), ALTITONANTE Fabio
si trova in compagnia di PATIMO Luigi che lo aggiorna in merito alla vicenda legata alla pratica
edilizia per la sua abitazione riferendo di essersi fermato a parlare con Franco (ovvero ZINNA Franco)
il quale gli avrebbe riferito che l’Architetto CERIANI avrebbe sollecitato la geometra affinchè
concludesse la pratica poiché aveva ricevuto ancora sollecitazioni (da ZINNA ndr) sottolineando come
la geometra ha reagito al sollecito ricevuto fingendo di dover controllare ancora i documenti
presentati.
Amb. progr. 795 del 17.5.2018 su BMW 320 EC827ZA di ALTITONANTE Fabio (RIT 303/18)
Omissis
Patimo Luigi:
Franco è proprio uno....poi ci siamo fermati a chiacchierare
Fabio Altitonante:
con chi?
Patimo Luigi:
con Franco....dice che questo Oscar che sarebbe un dirigente...ha detto a
questa che è la geometra..."m'ha detto oh ma mi ha chiamato di nuovo....sbrigati INC la pratica"
Fabio Altitonante
poveretta
Patimo Luigi:
quella ha fatto pure la parte "oh..ho capito mò vediamo se hanno fatto le carte
fatte bene" (Ridono)
Fabio Altitonante:
giusto
Patimo Luigi:
no ma quella è una professionista...oggi è partita già e se n'è venuta con
l'architetto...lo sai?
Il rapporto di complicità instauratosi tra la geometra COCCIA e PATIMO si evidenzia anche da
quanto emerso il 21 maggio in occasione della prevista consegna della documentazione della quale
PATIMO decide di occuparsi in prima persona. Infatti, dopo aver preso accordi con la Geometra
COCCIA per farle visionare la documentazione prima del deposito definitivo, la donna notando la
presenza dell’Architetto CERIANI al bar dove doveva incontrarsi con PATIMO lo avvisa e decidono
di attendere che questi lasci il locale affinché non li veda insieme.
Prog. 54131 del 21.05.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
dal min. 08.51.00 si trascrive:
COCCIA:
lei mi spieghi un pò dov'è arrivato...
PATIMO:
allora io sono fermo...lì...praticamente traslare tutto tra venerdì e lunedì cioè se lei
adesso ha due minuti, io adesso sto andando in ufficio e sto passando sotto il suo ufficio, ci prendiamo
un caffè, così se è a posto quelli timbrano e vengono stamattina perchè ce li ho io le carte...
COCCIA:
si, sono le nove meno dieci, lei a che ora pensa di...
PATIMO:
no ma io sono proprio qui dalla parte opposta del viale e sto andando in ufficio, se lei
mi dice che è disponibile io adesso mi faccio trovare davanti al bar?
COCCIA:
va bene, cinque minuti il tempo di arrivare
PATIMO:
ok
COCCIA:
grazie
Si salutano.
136
Prog. 54154 del 21.05.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
PATIMO:
pronto!
COCCIA:
si ingegnere, guardi che al bar sta entrando CERIANI, per cui...
PATIMO:
va bene
COCCIA:
per cui non credo sia il caso
PATIMO:
inc.
COCCIA:
allora ci parli lei va!
PATIMO:
no
COCCIA:
a meno che non venga in palazzo
PATIMO:
senta io sono con una IQ (auto Toyota IQ - ndr.) proprio di fronte l'ingresso, tanto io
devo fare delle telefonate
COCCIA:
ma lei è in macchina?
PATIMO:
sono in macchina, ho parcheggiato proprio davanti al bar
COCCIA:
ok e allora ascolti, io salgo al volo
PATIMO:
(inc. voci sovrapposte ndr.)
COCCIA:
io entro al bar, mi bevo un caffè, poi quando lui se ne va...
PATIMO:
ma lui è entrato proprio al bar?
COCCIA:
e si di solito va a fare colazione li
PATIMO:
ah ok!
COCCIA:
ok
PATIMO:
io sono davanti nella macchina piccolina
COCCIA:
ok ok ok
Verrà intercettato poi il solito scambio di SMS (prog. 54179 - C'è o è andato via?- progr. 54191 - E
qui- progr. 54195 Ok, aspettiamo....)
Il 25.5.2018 (inf. cit. Polizia Locale, pag. 10), veniva formalmente depositata la seconda tavola del
progetto che, a questo punto, si deve ritenere era stata prima visionata dalla Geom. COCCIA che, si
badi, nelle note inserite nel documento informatico esaminato, attesta che “dall’esame di quanto
prodotto, verificato il nuovo deposito dei C.A., non si hanno eccezioni da sollevare, veda comunque in
merito il funzionario” che, sempre da quanto risulta dalla citata nota, vista senza alcuna obiezione.
Analizzando le conversazioni intercorse tra Patimo e la Coccia si ha l’impressione di assistere ad un
dialogo tra un dirigente ed una propria dipendente particolarmente solerte e tranquillizzante: nessuno,
leggendo il tenore testuale dei dialoghi e dei messaggi scambiati, potrebbe pensare che gli interlocutori
sono, in realtà, l’aspirante all’accoglimento di una pratica urbanistica ed il tecnico incaricato per
seguire il progetto.
Evidentemente le direttive impartite dal Dirigente Zinna alla sua sottoposta sono state estremamente
stringenti e sono state nel senso di “dedicare” l’attività della dipendente comunale alla trattazione della
pratica di Patimo, con l’accortezza di tenere all’oscuro di questo canale privilegiato l’Arch. Ceriani,
responsabile del procedimento.
Il rapporto confidenziale fra Patimo e la Coccia proseguirà nei mesi successivi e riguardarà anche il
conteggio degli oneri di urbanizzazione.
In particolare, il 22.6.2018 viene intercettata un’interessante conversazione fra PATIMO e la
COCCIA che ha ad oggetto il problema del computo degli oneri di urbanizzazione.
Anche qui, però, l’esame della telefonata deve essere preceduto dalla considerazione che il giorno
prima, 21.6.2018, la Direzione Urbanistica Area Sportello Unico per l’Edilizia Unità Oneri di
Urbanizzazione licenziava un documento in cui venivano calcolati gli oneri di urbanizzazione primari,
secondarie di costruire, ammontanti ad Euro 67.133,70 (cfr. all. 16 inf. Polizia Locale cit.)
Di tutto ciò la COCCIA informa immediatamente il PATIMO che rimane stupito dall’entità della
somma da sborsare (vedasi Prog. 74857 del 22.06.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO
137
Luigi (RIT 164/18; Prog. 75903 del 25.06.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT
164/18) Prog. 76052 del 25.06.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
Dalle intercettazioni (progr. 77769 del 2.7.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO) emergerà
un altro incontro fra il PATIMO e la COCCIA il 2.7.2018 e uno ancora di maggior rilievo il 18.7.2018
Prog. 88684 del 18.07.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
Patimo Luigi chiama la Geometra Coccia del comune di Milano
COCCIA:
si pronto
PATIMO:
ci sono comandi? Buongiorno!
COCCIA:
buongiorno...allora ha visto che belle sorprese qua, che ci riservano?
PATIMO:
ieri sono passato io non l'ho disturbata perchè sono passato alla una ed un quarto...
COCCIA:
si
PATIMO:
e non c'era, oltre a non esserci lei non c'era nessun altro però ho lasciato detto eh...e
basta perchè non voglio lasciarle detto di fare telefonate...
COCCIA:
si ma tanto guardi...Luigi ti do del tu, parliamoci chiaramente
PATIMO:
si
COCCIA:
allora se questo voleva risolvere il problema...qui...non è che esiste solo un tecnico,
qui ne esistono una miriade, nella sua veste (ZINNA Franco ndr.) avrebbe potuto chiedere a qualcun
altro di dare...di firmare questa cosa o addirittura se la potevano firmare anche loro, quindi io non ci
vedo niente di positivo, poi questo dal 17, mo ritorna domani, cioè domani tra l'altro e giovedì, quindi
io non credo che questo giovedì che ritorna da 20 giorni di ferie si mette, si siede e fa quello che deve
fare, cioè ha capito quello che voglio dire?
PATIMO:
e lo so, però io, vabbe passerò alle due, perchè mi hanno detto che torna alle due, se
c'è alle due sennò lo chiamo proprio perchè io purtroppo alle tre e venti devo partire per Firenze, oggi
e torno stasera, poi domattina vado a Cagliari io ho pure la mia vita che purtroppo è così, dopodichè
non lo so, ci sarà ma c'è un tempo di legge, mi chiedo io?
COCCIA:
il tempo di legge si però qui bisogna anche dire una cosa...l'architetto ci ha messo
anche un pò a produrre le cose...ha capito?
PATIMO:
è certo l'architetto ci ha messo il suo, però adesso abbiamo fatto tutto, cosa dobbiamo
fare?
COCCIA:
certo, io sono senza parole
PATIMO:
certo
COCCIA:
perchè mi chiedo...se fosse stato un qualsiasi sconosciuto del mondo questi lo
facevano rinchiudere al manicomio
PATIMO:
certo
COCCIA:
e purtroppo noi dobbiamo sottostare a tutte queste cose...
Il commento della dipendente comunale ricalca esattamente l’impressione prima evidenziata dal
giudicante: mentre di solito il normale cittadino (qualsiasi sconosciuto) ogni volta che ha a che fare
con la burocrazia incontra mille difficoltà (“rischia di andare al manicomio”) Patimo può contare su un
rapporto diretto ( i due si danno del tu) proprio con il tecnico incaricato all’istruttoria della sua pratica.
Dalle intercettazioni, è possibile ricostruire come l’affaire “Via Allegranza”, avrà, nell’estate dello
scorso anno, ancora una serie di difficoltà, evidentemente emerse nel corso dell’incontro avuto con la
Geom Coccia, che spingeranno, il 18.07.2018, PATIMO Luigi a recarsi personalmente presso
l’ufficio dello ZINNA che, però, non gli riserva un trattamento molto accogliente.
La ricostruzione di quanto accaduto è traibile dalla seguente ambientale, fra PATIMO ed
ALTITONANTE Fabio, che lo sta accompagnando, a bordo dell’autovettura BMW 3L targata
FM208PP (RIT 961/18), presso lo studio notarile della moglie TERRIBILE Maria Teresa.
L’ingegnere Patimo amareggiato per il trattamento di sufficienza subito nel pomeriggio dall’architetto
Zinna rimarca che questi può permettersi di trattarlo in quel modo in virtù della decantata amicizia con
ALTITONANTE che, dopo aver tentato di giustificare l’architetto, lo rassicura riferendogli che lo
avrebbe chiamato e di essere stato lui stesso contattato poco tempo prima da Zinna per incontrarsi.
138
Amb. 776 del 18.7.2018 su BMW di ALTITONANTE (RIT 303/18)
PATIMO: oggi sono andato in via Bernina, non è andata bene lo sai?
ALTITONANTE: com'è andata?
PATIMO: non è andata bene
ALTITONANTE: in che senso?
PATIMO: perchè lui era freddo, secondo me, secondo me la segretaria è una troia, perchè io, io non
ho voluto chiamare, no ma oggi è successa una brutta cosa, che poi volevo sapere (inc.), (rumori ndr)
io gli ho mandato una mail (inc. parla a bassa voce) io (inc.) capire però io come faccio a capire (inc.)
guarda guarda il 28 (pausa ndr)... vedi 28 giugno su whatsapp, no io solo una poi oggi l'ho pure
incontrato, (abbassa la voce parole incomprensibili ndr) io non sono abituato a fare, sono stato educato
in un certo modo, "eh no ma tu mi dovevi richiamare", no però oggi è stato brutto perchè io sono
andato due giorni fa da quella troia
ALTITONANTE:
quella che tu pensi che è amica tua (si riferisce alla geom. Coccia, n.d.r.)
PATIMO: no, la segreta... no la segretaria sua (Noemi la segretaria dell’arch. Zinna, n.d.r.)
ALTITONANTE:ah!
PATIMO:ho detto, guardi quando viene (inc.) e lei mi ha detto "guardi l'altro ieri, fa lei a me, no
viene, ci sarà alle due, merco...mercoledì" oggi giusto? sono andato lunedì, ho detto no guardi io
purtroppo mercoledì devo andare a Firenze e...
ALTITONANTE: che quello rientra oggi tra l'altro
PATIMO: le posso chiedere una cortesia? eh può dire all'architetto che sono passato e che la pratica è
TERRIBILE, tanto il cognome sicuramente se lo ricorda, e ancora è ferma e sono passate tre
settimane, "va bene, va bene, sì, sì glielo dico" Oggi, preso, mi ha chiamato quella, mi ha caricato,
guardi che questo torna domani dal Messico, quello non deve fare un cazzo domani, quindi chissà
quanto dobbiamo aspettare, aspetta sono passate tre settimane
ALTITONANTE:
ho capito (ride ndr)
PATIMO: no, e poi mi ha detto un'altra cosa, no FA, mi ha detto "ma poi (radio accesa ndr) scusi
perchè stiamo tor... aspettando questo, mica esiste soltanto lui, quindi"
ALTITONANTE: vabbè intanto torna (inc.) sennò sembra...
PATIMO: tre settimane no? vabbè, allora vado da lui e questa non c'è...lui non c'è, allora alla
segretaria faccio senta..., io devo andare in viale monte Nero (rivolto ad Altitonante che lo sta
accompagnando ndr) fa...dico ha avuto modo di parlare con l'architetto? dice "eh, no, eh è sempre
mo... è sempre preso" con la faccia di cazzo l'ho guardata come per dire "ma tu sei scema" ho detto
quando torna? Aspetta... "no è andato a pranzo, tra una mezz'oretta", vabbè aspetto, mi sono messo nel
corridoio e ho aspettato come quando facevo anticamera quando andavo all'università, poi avevo visto,
lo vedo passare allora sono andato lì e lui non era in stanza e ho detto alla segretaria, ma ho avuto una
visione o è arrivato? "Sì è arrivato ma è in bagno". Vabbò, passa lui, di ritorno dal bagno con la faccia
seria fa ma... ciao architetto, mi stavo pure accingendo a salutarlo...lui è rimasto fermo, ha fatto "eh ma
io adesso non ho tempo". Mi, sono diventato rosso, poi ho contato fino a tre, ho detto vabbè aspetto,
mi sono messo là davanti alla sedia e ho aspettato. Ha finito la riunione dopo 40 minuti e ho detto alla
mia segretaria guarda portami la giacca e il portadocumenti, vieni in Via Bernina poi prendi la
metropolitana
ALTITONANTE: sì poi tu sei bravo in ste cose, scusa lo so mi sono presentato senza un cazzo qua
son disperato
PATIMO: no, no, no ma l'ho detto, detto ciao architetto scusi se,.. lui subito ha detto "scusa adesso
sono impegnato"
ALTITONANTE: eh...
PATIMO: no, ma non se lo può permettere no Fa...non ha giustificazioni, poi ha recuperato dopo,
perchè quando sono andato ho detto scusa ma io adesso sono venuto da cittadino, ma io devo aspettare
che torna uno dalle vacanze in Messico per ricalcolare gli oneri? "Eh no, ma perchè non mi hai
chiamato?" Allora gli ho detto, io sono abituato, sono stato educato a non rompere (inc.) ti dico le
stesse parole che ho detto, io sono stato educato a non tartassare la gente, ho aperto il messaggio, ti ho
chiamato, ti ho mandato un messaggio il 28, non ti ho più disturbato, hai scritto "verifico" "Eh lo so,
verifico qua c'ho tante cose, ho scritto verifico così". Ho detto ma la prossima settimana è 23 è passato
139
un mese, non esiste, perchè quando lui dice Fabio è un amico, un amico si vede quando eh...che cazzo
stiamo a fare, ma dai mica mi sta facendo cioè una cosa, io l'ho presa troppo sul lato...
ALTITONANTE:
(inc.)
PATIMO: eh ma non è giusto, non è, non funziona
ALTITONANTE:
ma perchè non dipende da lui, si ho capito però lui (inc.)
PATIMO: ma infatti mi ha detto, ma infatti c'è il dirigente, suo... che
ALTITONANTE: si prenderà la cazziata, si prenderà una cazziata
PATIMO: quella è stata un mese là, (inc.) avrà sbagliato l'architetto 4 mesi fa ma mo ha finito
l'architetto
ALTITONANTE:
tre settimane di ritardo, poi lo chiamo, aveva pure chiamo per vederci
PATIMO: no ma io quando ho visto quella faccia ho detto mamma mia che brutta cosa
[Pr.776-A-1 @ 21:46:25] parlano del percorso da seguire
da [Pr.776-A-1 @ 21:46:37]
PATIMO: ma guarda sono diventato rosso dalla rabbia, infatti gli stavo dicendo, ma scusa c'è qualche
problema, ti ho fatto qualcosa?
ALTITONANTE: ma no, ma che ca..., c'avrà pure i cazzi suoi, quello c'ha in capo tutto... poi magari
pensava pure questa cosa la dava per chiusa pure
PATIMO: senti Fa, non ho mangiato oggi, non ho avuto il tempo per pisciare, quello è tornato da
pranzo, stava là il ritmo quello è quello del Comune, è andato al bagno è uscito un attimo ha detto ah
ma com'è ancora così sta la pratica non ti preoccupare domani lo chiamo, mi ha continuato a dire ma
chi è che ce l'ha, chi c'entra chi ce l'ha Oscar Ceriani chi cazzo ce l'ha!
ALTITONANTE: non se ne ricorda
PATIMO: però il cognome di mia moglie se lo ricordava
ALTITONANTE:
eh certo quello se lo ricorda
PATIMO: no, non si può perdere un mese dopo, cioè, con il rapporto che lui dice di avere con te, non
si può perdere un mese, vai vai
Omissis
Lo sfogo di PATIMO, evidentemente abituato a vedersi tutte le strade spianate quando debba
interfacciarsi con la burcrazia suscita un certa amarezza nel constatare come, mentre i i comuni
cittadini sia assolutamente normale “subire” i ritardi, gli intralci , le formalità spesso incomprensibili
imposte dagli iter amministrtaivi, per Patimo, che non solo dal del tu al Sottosegretario di Regione
Lombardia ( di cui ha illecitamente finanziato la campagna elettorale), che non solo da del tu
all’organo apicale della Direzione Urbanistica del Comune di Milano e viene da costui personalmente
ricevuto, che non solo risulta aver avuto per tutto il corso della pratica una dipendente comunale
completamente a sua disposizione, si alteri e si innerivosisca di fronte agli ultimi passaggi relativi al
computo degli oneri di urbanizzazione.
In seguito all’incontro, il successivo 24 luglio PATIMO contatta la sua referente diretta al Comune di
Milano, la geometra Coccia, facendole capire di essere arrivato ad una svolta positiva riferendo la
citazione “Habemus Papam” ricevendo dettagliate istruzioni su come presentare i documenti in copia
richiesti. La donna gli fa notare di essere riuscita a risolvere da sola un ostacolo riguardante la copia
della documentazione paesaggistica. Ciò nonostante, il 31 luglio, dopo il deposito della
documentazione avvenuto il venerdì precedente (27 luglio) la stessa geometra lamenta la modalità di
gestione delle pratiche e critica il comportamento dei suoi superiori confessando a PATIMO che forse
sarebbe stato meglio non conoscere nessuno, lasciando chiaramente intendere di essere a conoscenza
dell’interessamento particolare a lui riservato.
Prog. 96456 del 31.07.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
Patimo Luigi chiama la Geometra COCCIA; prosegue una chiamata che aveva iniziato con Whatsapp
(pertanto non intercettata ndr).
La geometra riferisce in merito alla gestione delle pratiche lamentando la situazione. Patimo dice che
la moglie è riuscita a parlare con il tipo che le ha risposto di non aver ricevuto niente, mentre PATIMO
afferma di aver depositato venerdì. La geometra si altera e gli spiega che una volta pronto tutto, ed è
140
pronto tutto perchè lei aveva inviato una foto a Patimo che conferma di ricordare, la pratica va dal
dirigente che deve firmare e se non viene apposta questa firma non pagherà mai gli oneri e non
riceverà il permesso.
La geometra dice che ieri si è alterata per aver lasciato in pendenza una pratica finita precisando di
essere rimasta sul vago e che sono tutte scuse queste addotte.
Ore 10.55.03 (si trascrive integralmente)
COCCIA:
io veramente penso, a questo punto una persona che non conosce nessuno in che
situazione si porta...dall'altra parte le dico anche, forse ingegnere È MEGLIO NON CONOSCERE
NESSUNO...
PATIMO:
è meglio non conoscere nessuno
COCCIA:
si perchè io vedo...perchè io vedo tipo un qualcuno...come se vede una sua inc...ha
capito? cioè...
PATIMO:
certo
COCCIA:
è due mesi che siamo fermi sempre sullo stesso punto e sinceramente io non lavoro
così
PATIMO:
mo adesso vanno in ferie pure loro no? Non quello li
COCCIA:
no vabbè una è appena...no tutte e due sono andati ed han fatto delle piccole vacanze
ma ne faranno ancora, quando non lo so...sicuramente dopo il 10...però lei potenzialmente da domani
avrebbe dovuto iniziare, giusto?
PATIMO:
certo
COCCIA:
e potenzialmente lei dal giorno prima sta ancora parlando con me
PATIMO:
e si
COCCIA:
su cose che non ci riguardano, cioè possiamo stare tranquilli noi? Vabbè
PATIMO:
è una cosa allucinante, allucinante!
COCCIA:
veramente veramente, la gente non ci crede
PATIMO:
domani mi vado a presentare io la e che devo fare?
COCCIA:
no le conviene andare domani prima che questo lunedì non lo trova più
PATIMO:
è certo! no no vado domani, adesso torno stasera e domani vado, dico scusate ma...
COCCIA:
lei ingegnere lo vede subito da quanto tempo la fa aspettare fuori, secondo me quello è
un segnale, ha capito?
PATIMO:
certo, certo
(ore 10.56.43 - fine trascrizione integrale)
La geometra si rende disponibile per eventuali necessità, si aggiorneranno e si salutano.
Prog. 92366 del 24.07.2018 su utenza 3347533383 in uso a PATIMO Luigi (RIT 164/18)
Patimo chiama la Geometra Coccia del comune di Milano
COCCIA:
pronto!
PATIMO:
geometra buongiorno come sta?
COCCIA:
io bene e lei?
PATIMO:
bene bene Habemus Papam!...volevo chiederle soltanto
COCCIA:
io ieri
PATIMO:
VOLEVO CHIEDERLE SOLTANTO UNA COSA...MA LA PAESAGGISTICA?
COCCIA:
SIAMO A POSTO GLIEL'HO SCRITTO IERI
PATIMO:
e quindi che faccio? io ho qui ho tutte le carte, faccio una lettera di accompagnamento
o basta presentare le carte
COCCIA:
no faccia una lettera di accompagnamento in cui descrive esattamente cosa presenta e
facendo gli opportuni riferimenti al protocollo quello iniziale
PATIMO:
quello che mi ha mandato lui?
COCCIA:
si in modo che allegano tutto, ha capito?
PATIMO:
allora io ho qua tutto ora me la preparo
COCCIA:
ascolti, la storia della paesaggiatica io l'ho risolta ieri inc. CRIMI ho detto scusami è
vero che loro ne hanno due copie, avrebbero dovuto presentare tutte e due perchè una mi veniva
timbrata e gli veniva restituita però l'architetto è in ferie cosa facciamo, fermiamo una cosa per una
cosa così? lui all'inizio dice e ma...insomma alla fine gli ho detto senti facciamola fuori sta cosa
141
perchè, per quanto mi riguarda è durata già fin troppo inc...accordi con lui che lei non presenta niente e
va bene così...
PATIMO:
allora lui dice, devo fare la lettera di accompagnamento no?
COCCIA:
lei deve fare una istanza
PATIMO:
quindi ok, lui dice...gentilissimo architetto come indicato da responsabile del
procedimento il comune sulle seguenti informazioni...no questa è quella vecchia 29 giugno (legge una
missiva ndr.)
COCCIA:
eh...li c'è il numero del protocollo
PATIMO:
sentito il responsabile del procedimento le chiediamo di produrre in duplice copia la
bozza data e firmata dell'atto comprensivo di allegati per la inc. della determina inc...la bozza datata e
firmata ne ho due, perchè la data
COCCIA:
lei scriva mi scusi, in riferimento a quanto da lei richiesto in data...quella che mia ha
appena detto
(Geometra COCCIA consiglia di produrre tutta la documentazione completa con lettera di
accompagnamento)
PATIMO:
inc...la paesaggistica, non la scrivo?
COCCIA:
la salti perchè
PATIMO:
la salto ok
COCCIA:
perchè l'ho già risolta io sta cosa
PATIMO:
va be la predispongo e vengo a consegnarla ok?
COCCIA:
ma lei viene oggi?
PATIMO:
si volevo venire oggi perchè domani sono di nuovo in partenza io...
COCCIA:
praticamente le ferie le fa così
PATIMO:
no me le ha firmate già mia moglie
COCCIA:
ho capito, no dico le ferie le fa così
PATIMO:
no la lettera di trasmissione l'aveva preparata
COCCIA:
ok
PATIMO:
ok?
COCCIA:
ma lei quand'è che finisce di lavorare?
PATIMO:
mai guardi!
(parlano di ferie e degli impegni lavorativi di PATIMO su Madrid e delle prossime ferie di agosto)
PATIMO:
tra un pò vengo, preparo il documento
COCCIA:
mi faccia uno squillo che scendo
PATIMO:
va bene grazie mille
si salutano.
Il 6 settembre 2018 a bordo dell’autovettura BMW 3L targata FM208PP (RIT 961/18) in uso ad
ALTITONANTE Fabio viene captata una conversazione telefonica (non censita sulle utenze
monitorate probabilmente poiché eseguita mediante applicazioni mobili non intercettabili) dal
contenuto riferibile senza dubbio alla questione dell’immobile di PATIMO Luigi.
ALTITONANTE perora ancora una volta la causa di PATIMO e rivolgendosi ad un uomo che chiama
Franco (da identificarsi in ZINNA Franco) rappresenta la condizione angosciosa in cui si ritrova la
famiglia del manager che ha investito tutti i risparmi in quell’immobile chiedendo di contattarlo.
ALTITONANTE informa subito dopo PATIMO Luigi (non censita sulle utenze monitorate
probabilmente poiché eseguita mediante applicazioni mobili non intercettabili) che sarebbe stato
contattato da ZINNA Franco e lo rassicura sulla possibilità di concludere positivamente la questione.
Amb. n. 1964 del 6.9.2018 in BMW 3L tg. FM208PP in uso a ALTITONANTE Fabio (RIT 961/18)
Milano, Milano Via Vincenzo Monti, 79 > 79[Pr.1964 - A - 4 ore 09:10:02]: Fabio Altitonante sale
in macchina da solo e parte.
[Pr.1964 - A - 5 ore 09:19:11]: Squilla cellulare, chiamata non censita sull'utenza monitorata.
[Pr.1964 - A - 5 ore 09:19:13]: INIZIO TRASCRIZIONE INTEGRALE
Fabio Altitonante: ciao Franco
142
Franco: INC
Fabio Altitonante: no figurati...abbiamo un dramma familiare
Franco: INC
Fabio Altitonante: eh quelli lì non ci dormono la notte..sai...non eh
Franco: INC
Fabio Altitonante: ah...chiamalo chiamalo...chiamalo
Franco: INC
Fabio Altitonante: no lo sai perchè...perchè non è un'operazione immobiliare quella è una casa loro
che ci hanno messo i risparmi...poi...staranno bene che...quello
Franco: INC
Fabio Altitonante: vabbe vabbe dai Franco
Franco: INC
Fabio Altitonante: no chiama lui chiama lui così te lo fai venire
Franco: INC
Fabio Altitonante: okay vabbien vabbien un abbraccio...ah hai visto scusa Franco
Omissis
Patimo Luigi: Fabio
Fabio Altitonante: ehi...abbi fiducia (ride)...eh mò ti chiamerà...io adesso stavo facendo la
riunione...l'ho sentito...sta iniziando adesso...no vedrai la soluzione la trova non è mai successo questa
roba...poi non è dici un opera è casa tua una casa..cioè una casa
Patimo Luigi: INC
Fabio Altitonante:eh va bene allora passa...passa tu
Patimo Luigi: INC
Fabio Altitonante:si si che vai verso...ah no cazzo aspetta che vado...io c'ho la televisione alle 12.50...a
no va bene 12 e mezzo va bene io a mezzogiorno vado via dalla Regione
PAtimo Luigi: INC
Fabio Altitonante:mezzogiorno ed un quarto...si si si...ciao ciao ciao...
Un’ora dopo l’architetto ZINNA chiama dal proprio ufficio PATIMO Luigi (progr. 110514 su utenza
3347533383 in uso a PATIMO Luigi RIT 164/18))
Impiegata del Comune, svolgente funzione di segretaria dell'architetto ZINNA, chiama PATIMO
passandoglielo.
[10:01:06] INIZIO TRASCRIZIONE INTEGRALE
ZINNA Franco: ciao ingegnere
PATIMO Luigi: ciao buongiorno architetto
ZINNA Franco: eh...senti un pò...io adesso ho visto tutta la questione e tutta la...tutte le comunicazioni
che sono intercorse fino ad un certo punto con il tuo architetto
PATIMO Luigi: okay
ZINNA Franco: cioè questo è da fargli causa eh
PATIMO Luigi: eh lo sò
ZINNA Franco: stai INC adesso eh...se vuoi stamattina vieni qua...però voglio dire...cioè questo qui
sapeva eh...tutto sto guardando anche adesso nel dettaglio che è venuto INC..che sono stati
anche...ehhh diciamo bravi...ehh...comunque quando gli comunicavano anche formalmente le
cose...però voglio dire ha dichiarato anche del falso eh...scusami eh....ehhhh cioè non...non ha fatto le
cose fatte bene...cioè questo qui è un coglione...scusami l'espressione...
PATIMO Luigi: lo sò ma noi l'abbiamo praticamente...
ZINNA Franco: ho capito però il tema è che...il disastro l'ha fatto...io adesso guardando le cose...e
comunque gli atti...agli atti risultava tutto quello che lui avrebbe dovuto fare che non ha
fatto...sostanzialmente...o comunque che ha dichiarato...che ha fatto dichiarare...in un altra
maniera...questa è la realta delle cose...per cui ha complicato molto di più la cosa...io in questo
momento dovrei prendere e dire questa cosa qui "ha dichiarato il falso" denunciare lui e denunciare
143
te...questo è il tema...però è ovvio che non lo faccio però il tema è che questo qui meriterebbe una
causa per danni da parte vostra..da parte tua e di tua moglie
(INC voci sovrapposte)
ZINNA Franco: la risoluzione lì non è così facile se non....ehhh perchè questo tema della costruzione a
confine gli era già stato detto...gli era stato anche scritto più di una volta....e anche in conferenza dei
servizi quando lui ha partecipato...lui sapeva di questa cosa...però...nelle nelle evidenze formali anche
di ciò che è a confine...lui non ha fatto...evidenziare quello che veramente c'è sostanzialmente se n’è
fregato...è stato molto superficiale da questo INC
PATIMO Luigi: INC presentato male
(INC voci sovrapposte)
ZINNA Franco: guarda...diciamo che l'ha presentato male...non voglio pensare...perché ovviamente
pensar male sempre non va bene...però cioè se lavora così voglio dire non lo so secondo me è meglio
che cambi mestiere dal mio punto di vista...
PATIMO Luigi: e lo so ma noi ci siamo accorti poi dopo che è andata così
ZINNA Franco: eh ho capito...però siccome eravamo arrivati come...INC io poi...Ceriani è anche la
sua INC
PATIMO Luigi: INC
ZINNA Franco: mi fido cecamente...dico ma...gli ho messo a disposizione...guardate questo va seguito
bene perche deve chiudere la cosa...eh però gli diceva le cose ma poi non l'ha fatte..e ne ha fatte
altre..detto ciò qui l'unica soluzione...se vuoi ci vediamo stamattina se hai tempo..se vuoi passare
PATIMO Luigi: si..io sto finendo..si sto finendo una cosa poi posso passare
ZINNA Franco: passa di qua dai...io tanto sono fino alle due sono qui...fra una riunione e l'altra mi
stacco
PATIMO Luigi: okay
ZINNA Franco: e ti faccio vedere...quando vuoi arrivare arriva non è un problema...io avviso giù di
farti venire su...tranquillo okay
PATIMO Luigi: va bene
ZINNA Franco: dai..ci vediamo dopo
PATIMO Luigi: ciao a dopo
Quella appena riportata è una conversazione molto importante in quanto, da un lato, dimostra come
nella documentazione di supporto alla richiesta del permesso a costruire vi siano atti inificiati da
falsità. D’altro lato, conforta il giudizio sul livello di spregiudicatezza dei soggetti coinvolti il fatto che
né ZINNA si preoccupi del fatto che egli, ove non segnali, a sua volta, avrebbe responsabilità penali,
né il PATIMO pensa, neppure per un attimo, al fatto che per la moglie, che esercita la professione di
Notaio, una denuncia di falso avrebbe gravi ripercussioni anche a livello disciplinare.
Alle successive 13.21 della medesima giornata ZINNA Franco telefona ad ALTITONANTE: gli
conferma di aver incontrato PATIMO, di avergli spiegato la situazione che al momento prevede due
possibili soluzioni praticabili in tempi brevi, sottolineando più volte le irregolarità riscontrate in
termini di false dichiarazioni fatte rendere in fase istruttoria alle persone interessate imputandole,
anche per motivi di opportunità derivanti dalla volontà di non procedere nei loro confronti, ad una
netta incapacità del tecnico incaricato da PATIMO.
ALTITONANTE Fabio si lascia andare ad una difesa “a spada tratta” della povera famiglia in
“disgrazia”
Progr. 167769 del 6.9.2018 su utenza 3357988965 in uso ad ALTITONANTE
ALTITONANTE Fabio:ciao Franco
ZINNA Franco:ciao....eh ci siamo visti eh
ALTITONANTE Fabio:(ride)
ZINNA Franco:ti ha telefonato
ALTITONANTE Fabio:no...no...vabbe non lo sò però spero che INC..una famiglia in disgrazia per
una cagata cioè
144
ZINNA Franco: no non è una cagata...ho visto la pratica...è da denunciare l'architetto eh
ALTITONANTE Fabio:
si?
ZINNA Franco: eh cazzo...però lui ne è consapevole
ALTITONANTE Fabio: eh vabbe
ZINNA Franco: adesso....oggi la...la moglie va lì da...dall'amministratore del condominio a fianco..che
ha fatto delle dichiarazioni false gli ha fatto firmare
ALTITONANTE Fabio: questo qui?...l'architetto?
ZINNA Franco:eh certo...eh certo
ALTITONANTE Fabio: che incompetente
ZINNA Franco:de de...dei rilievi che...non c'entrano nulla...cioè alla fine...che più di una voolta
gliel'hanno scritto...poi dopo un pò è scomparso io pensavo che tutto era apposto....invece poi mi han
detto "guardi noi gliel'abbiam detto gliel'abbiam scritto gli abbiamo fatto vedere" e poi a lui gli
raccontava un'altra cosa...per cui gl'ho fatto vedere...ma lui ne è consapevole
ALTITONANTE Fabio: che professionista
ZINNA Franco:
ne è consapevole...per altro
ALTITONANTE Fabio: quindi l'hai visto adesso?
ZINNA Franco:si è venuto da me...abbiamo parlato...per cui c'è un piano B...
ALTITONANTE Fabio: ah vabbe
ZINNA Franco:adesso gli ho detto vedi prima questo...se l'amministratore ti fà questa cosa...te la può
fare anche subito se è uno con i coglioni...ehhhh...manca solo questo assenso dei...senno facciamo il
piano B che è riporto in commissione
ALTITONANTE Fabio: tutto il progetto
ZINNA Franco:INC con la modifica...però gliel'ho detto..."però te la faccio fare subito non ti
preoccupare questa cosa qui eh"...però mi spiace..però io
ALTITONANTE Fabio: no...senno vendono tutto...ma quella è una casa loro...INC risparmi INC
vabbe...comunque quando incontri banditi sulla tua strada...ma...ma secondo te l'ha fatto apposta o è
un incompetente?
ZINNA Franco:no è un incompetente
ALTITONANTE Fabio: è incompetente
ZINNA Franco:
incompetente
ALTITONANTE Fabio: non sa manco
ZINNA Franco:incompetente ...incompetente...non è un incompetente...gli ho detto "mi spiace
perchè"...ha detto "no no figurati"...l'aveva
da [13:23:16] a [13:23:23] nessuna registrazione
ZINNA Franco:sei finito...per cui va bhè
ALTITONANTE Fabio: quindi quando è in questi casi li devi denunciare anche per...
ZINNA Franco:eh bhè si però lui ha detto "siccome è un amico lascio perdere" e se ne è reso conto per
cui...però gli ho fatto vedere cioè all'atto pratico..guarda...la la...la corrispondenza c'è stata...poi lui è
stato...anche in conferenza gliel'hanno detto è stato scritto a verbale
ALTITONANTE Fabio: incompetente vabbe... vabbe dai ormai
ZINNA Franco:per cui volevo avvisarti
ALTITONANTE Fabio: va bene Franco
[13:23:53] FINE TRASCRIZIONE INTEGRALE
Dagli accertamenti svolti dalla Polizia Locale (cfr. inf. cit.), risulta che:
Il 15.1.2019 lo Sportello Unico per l’Edilizia Servizio Interventi Edilizi Maggiori e Condono,
licenziava un documento, a firma CERIANI e pratica trattata dalla COCCIA, indicava che la pratica
doveva ritornare alla Commissione Paesaggio per valutare due diverse finiture.
Il 24.1.2019 la Commissione Paesaggio riteneva l’intervento “ad intonaco” ammissibile e quindi
esitava un parere favorevole;
Importante osservare (pag. 12 cit. inf.) che, sempre dalla documentazione acquisita dalla Polizia
Locale, risulta l’inserimento del permesso a costruire (in fase di redazione).
145
Nel fascicolo del P.M. sono presenti le predette acquisizioni documentali che potranno essere
implementate nel momento in cui sarà possibile acquisire tutta la pratica amministrativa.
LA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEI FATTI descritti ai capi II.2, II,3 e II.4.
All’esito della disamina di questa complessa vicenda ritiene il giudicante che sussistano gravi indizi di
colpevolezza in ordine ai tre reati descritti nei capi d’incolpazione sub II.2-II.3-II.4 a carico di tutti gli
indagati per cui è stata avanzata richiesta di misura.
Cominciando con il capo II.2, emerge dall’esame complessivo degli atti che D’Alfonso Daniele,
Tatarella Pietro e Patimo Luigi, in concorso tra loro, abbiano erogato in favore di Altitonante Fabio,
candidato alle elezioni regionali del 4 marzo 2018 per Regione Lombardia, nella lista “FORZA
ITALIA BERLUSCONI PER FONTANA” un contributo economico pari a complessivi 25.000 euro
in violazione delle prescritte disposizioni di legge.
Su quest’ultimo punto è importante chiarire che il finanziamento viene effettuato da D’Alfonso
Daniele, tramite suoi emissari, in singole tranche da 5.000,00 euro.
D’Alfonso agisce, su imput di Tatarella, in un primo momento nell’interesse di Patimo, ma
conclusivamente nel proprio interesse (si è visto come D’Alfonso sia quasi sicuro che Patimo non gli
rimborserà le erogazioni anticipate, e che, in ogni caso, sia determinato a procedere al finanziamento
indipendentemente dal successivo rimborso) o, meglio, nell’interesse di Ecol-Service s.r.l..
Quanto meno, per l’ultima tranche di 5.000 euro versata da D’Alfonso a Tatarella in contanti il primo
agisce sicuramente nell’interesse esclusivo della propria società.
Questo primo episodio di finanziamento si inserisce nel più vasto progetto di D’Alfonso di cogliere
l’occasione elettorale per ingraziarsi uomini politici candidati (nell’aspettativa che vengano eletti) e
pubblici amministratori (nell’aspettativa che vengano confermati), oltre che un top-manager
dell’imprenditoria privata da cui ha interesse ad acquisire commesse di lavoro.
D’Alfonso, come più volte sottolineato e da lui stesso ammesso nel corso delle telefonate e delle
conversazioni intercettate, non agisce certo per motivazioni politiche o ideologiche, ma soltanto
nell’interesse della propria società in vista dell’ampliamento del proprio giro d’affari.
In questa prospettiva, si delinea l’illiceità del finanziamento erogato in quanto, essendo il medesimo
stato fatto nell’interesse di una persona giuridica (ECOL-SERVICE s.r.l.) l’erogazione risulta
effettuata in assenza della prescritta delibera da parte dell’organo sociale competente e senza annotare
la stessa nel bilancio d’esercizio.
Dal punto di vista delle responsabilità soggettive, si è visto che D’Alfonso, agendo in qualità di A.U.
di Ecol-Service s.r.l. , su richiesta di Tatarella Pietro e Patimo Luigi, fra il 16 e il 19 febbraio 2018, ha
fatto eseguire a Murgia Gianfranco, Ricotta Stefano e Pantani Francesca (soggetti tutti a lui
direttamente riconducibili, trattandosi rispettivamente, di un dipendente, di un amico e della compagna
di D’Alfonso) 4 bonifici bancari per euro 5.000 ciascuno sul c|c n. 750884 acceso presso la BCC
filiale di Barlassina intestato a Giuliano Isaia Maria, vale a dire il mandatario elettorale di Pietro
Tatarella (che era a sua volta candidato nelle contemporanee elezioni politiche nazionali) e ha
provveduto inoltre ad effettuare un ulteriore versamento di 5.000 euro consegnato in contanti a Pietro
Tatarella, in tal modo cercando di occultare l’effettivo autore dell’atto di liberalità, vale a dire la
società da lui gestita.
Tatarella Pietro, dal canto suo, risulta essere stato l’ideatore delle fasi operative dell’illecito
finanziamento essendo, d’altra parte, il mandatario elettorale del destinatario finale del medesimo
(Altitonante Fabio) e mettendo a disposizione, per la triangolazione necessaria a mascherare il
passaggio diretto, il c\c riferibile al proprio mandatario elettorale, Giuliano Isaia Maria, il quale, a sua
volta, in data 19 e 20 febbraio 2018 disporrà n. 4 bonifici urgenti per l’importo complessivo di
22.507,65 euro a favore di Poste Italiane con la causale “Spedizioni Pietro Tatarella
Lombardia/oo330/02.2018” laddove invece, come emerge chiaramente dal tenore delle conversazioni
registrate e sopra riportate, tale somma veniva utilizzata per il pagamento delle spese postali relative
però alla campagna elettorale di Altitonante Fabio e non di Tatarella Pietro (si ricorderà la
conversazione relativa all’urgenza di provvedere a pagare i “bancali” del materiale tipografico
propagandistico da distribuire).
146
Quanto a Patimo Luigi, si è visto come egli utilizzi D’Alfonso come intermediario per finanziare la
minor somma complessiva di 20.000 euro che egli vuole destinare a sovvenzionare la campagna
elettorale di Altitonante confidando che costui (con cui ha giàavuto contatti telefonici ed incontri
personali almento a partire dal 23 gennaio 2018 – si ricordi l’allusione al problema del “TERMINAL
BLOCCATO” e alla necessità di incontrare a questo proposito “una persona” ) provvederà a sbloccare
la pratica edilizia relativa alla ristrutturazione dell’immobile di Via Allegrenza, giacente presso
l’Ufficio Urbanistica del Comune di Milano.
Infine, Altitonante Fabio, dal tenore complessivo delle conversazioni (soprattutto quelle intrattenute
con Tatarella in cui quest’ultimo lo aggiorna costantemente sulla effettiva erogazione degli importi e
sulla disponibilità delle somme necessarie al pagamento delle varie spese affrontate durante la
campagna), risulta pienamente consapevole della artificiosa e complessa manovra.
Che Altitonante sia perfettamente consapevole che il reale finanziatore sia, per un verso, la EcolService s.r.l. e, per l’altro, Patimo Luigi, verrà dimostrato nel giro di pochi giorni dal suo immediato
interessamento per combinare un incontro a D’Alfonso con una grande impresa di costruzioni
specializzata nella realizzazione di grandi opere (la Collini di Trento) e dal suo altrettanto immediato
attivarsi presso l’Arch. Zinna Franco, Dirigente del Servizio Urbanistica del Comune di Milano, per
fare andare avanti la pratica edilizia della villa della moglie di Patimo.
A questo proposito risulta assolutamente eloquente la cronologia degli avvenimenti: dopo la prima
richiesta di aiuto del 23 gennaio 2018 da porsi in relazione alla bocciatura dell’originaria domanda (si
ricorderà l’allusione al problema connesso ad un “TERMINAL BLOCCATO” ed alla necessità di
“incontrare una persona”) Atitonante organizza un incontro a tre che si realizza il 9 febbraio 2018.
Significativamente, il 12 febbraio successivo la nuova domanda viene protocollata al Comune di
Milano e, il giorno successivo si registra una nuova telefonata tra il Consigliere Regionale e il
Dirigente all’Urbanistica.
Il finanziamento illecito viene erogato tra il 16 e il 19 febbraio 2018.
Un mese dopo (16 marzo 2018), tuttavia, Patimo torna a rivolgersi ad Altitonante perché “la
processione non cammina” espressione che, all’evidenza, allude al fatto che il giorno precedente (15
marzo) il Comune aveva comunicato a Patimo una serie di eccezioni relative alla sua istanza.
Pertanto, il 26 marzo 2018 Altitonante organizza e dopo due giorni (28 marzo) attua un ulteriore
incontro con Zinna.
Il 29 marzo 2019, il Comune di Milano, e, in particolare, la segretaria di Zinna chiama Patimo e fissa
un appuntamento per il 6 aprile successivo: in effetti, il giorno precedente (5 aprile 2018), la
Commissione Paesaggio, a cui, eccezionalmente aveva partecipato personalmente Zinna annette il
progetto con oarere favorevole anche se “condizionato”.
Successivamente, nonostante l’interlocuzione, presochè quotidiana con la Geom. Coccia, Patimo
incontra ulteriori ostacoli all’ottenimento del permesso che lo spingono a rivolgersi ulteriormente a
Altitonante che, ancora una volta, intercederà presso Zinna il quale gli evidenzierà le gravi anomalie
che presenta l’intera pratica in cui sono ravvisabili atti falsi compiuti dal progetista di Patimo e, di
riflesso, dalla di lui consorte.
Quanto alla qualificazione giuridica dei fatti, appare corretta quella prospettata dall’Ufficio del P.M.
nella richiesta.
In particolare, com’è noto, la fattispecie del finanziamento illecito ai partiti trova il proprio quadro
normativo nella pur risalente L. 195/1974 (cd. Legge Piccoli”), il cui fine era quello di pubblicizzare il
finanziamento, di far sapere chi ci fosse “alle spalle” del partito, del candidato o della corrente politica
e, quindi, di soddisfare quell’esigenza di “trasparenza” che è oggetto della tutela e ragione della
specifica incriminazione penale.
Il tema, quindi, non è tanto quello di impedire la creazione di “fondi neri” cui attingere le provviste del
finanziamento, ma fare in modo che, appunto, rendendo il finanziamento “trasparente” e, quindi,
rendendo molto più difficoltosa un’attività di “lobbysmo” in nero, risultassero limpide le modalità e,
soprattutto, le provenienze dei finanziamenti dei soggetti politici.
Tale ricostruzione è stata fatta propria dalla stessa giurisprudenza di legittimità (Sez. V 13.6.1998,
Altissimo) che ha individuato la ragione normativa del rigore dell’incriminazione nel fatto che il reato
147
è stato introdotto a tutela del valore di beni di grossa rilevanza e, più precisamente, la “trasparenza” e
la “democrazia”, fra loro inscindibilmente connessi “essendo la trasparenza del potere la condizione
prima del corretto funzionamento della democrazia, in quanto serve a garantire da una parte
l’attivazione di meccanismo di responsabilità e dall’altra una corretta formazione dell’opinione
politica. “ Ed ancora la Corte evidenzia che non a caso il relatore della Legge 1974 individuava
nell’art. 49 della Costituzione il principio tutelato dalla fattispecie penale: il finanziamento illecito
altera il libero concorso dei cittadini a determinare la politica nazionale nella misura in cui i gruppi di
pressione pubblica o privata divengono determinanti o comunque concorrono a determinare le scelte
dei partiti sulla politica nazionale.
Il legislatore, in buona sostanza, vuole reprimere movimenti finanziari occulti e così prevenire ogni
forma di commistione fra potentati economici privati e soggetti politici. Questi, secondo la Suprema
Corte, sono principi intangibili, tant’è che ogni limitazione normativa funzionale alla difesa di detti
beni non può dirsi lesiva del principio del libero concorso dei cittadini a determinare la politica
nazionale, tutelato a livello costituzionale dal richiamato art. 49.
Sotto il profilo dei soggetti attivi del reato merita evidenziare che, risiedendo la ratio legis della
novella introdotta dall'art.4 comma 1 della I. 659/81, come pure costantemente e a più riprese
affermato dalla Suprema Corte (Cass. Pen. n.1245/98 e n.585/1995), nell’esigenza di colpire il
finanziamento occulto nelle sue più capillari ramificazioni, si è affermato che, quando l’erogazione
provenga da società e non da persone fisiche, la rilevanza penale delle condotte di elargizione
sussiste quand'anche le utilità vengano erogate al singolo politico, in ragione delle sue sole qualità
soggettive, a prescindere dalla successiva destinazione di tali utilità al partito .
La norma quindi mira a colpire non soltanto il finanziamento illecito “ai partiti”, ma anche quello
destinato a singoli uomini rivestenti una carica politica.
La norma incriminatrice indica, in maniera tassativa, la qualifica soggettiva del destinatario
dell’erogazione individuandolo in un partito o in sua articolazione politico-organizzativa, in gruppi
parlamentari, nonché, in ragione dell'estensione contenuta nell'art. 4 della Legge 1981 n. 659, nei
membri del Parlamento nazionale, nei membri italiani del Parlamento europeo, nei consiglieri
regionali, provinciali e comunali, nei candidati alle predette cariche, nei raggruppamenti interni dei
partiti politici, nonché in coloro che rivestono cariche di presidenza, di segreteria e di direzione
politica e amministrativa a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale nei partiti politici.
La fattispecie incriminatrice ha per oggetto, quanto al soggetto finanziatore, l’erogazione di utilità in
assenza delle condizioni ,cumulativamente previste, consistenti nella deliberazione dell'organo sociale
competente e nell’iscrizione in bilancio; quanto, invece, al percettore, la ricezione di utilità in assenza
di dette condizioni.
Quanto alla condotta attiva, la norma vieta finanziamenti o contributi sotto qualsiasi forma, anche
indiretta: è intuitiva l’estensione dell’incriminazione che colpisce ogni forma di arricchimento del
patrimonio del beneficiario (erogazione di denaro o di beni, rinunzie, transazioni, atti di remissione del
debito, messa a disposizione di servizi e dunque anche la messa a disposizione di immobili).
Quanto all’elemento soggettivo, trattasi di un reato a dolo generico necessitante la mera conoscenza,
da parte di entrambi i soggetti che partecipano all'operazione di finanziamento occulto,
dell'insussistenza dei requisiti richiesti dalla norma al fine della liceità dell'elargizione (approvazione
del finanziamento da parte dell'organo collegiale competente e regolare iscrizione di questo nel
rispettivo bilancio di esercizio).
Orbene, ricostruite tali griglie normative ed ermeneutiche, si ritiene che la vicenda del finanziamento
in scrutinio sia pienamente sussumibile nell’evocata fattispecie delittuosa.
Quanto alla qualifica soggettiva dell’accipiens, ALTITONANTE Fabio, come più volte sottolineato, al
momento dell’erogazione era componente del Consiglio Regionale della Regione Lombardia uscente,
impegnato nella campagna elettorale di rinnovo.
Quanto al solvens, la reale riconducibilità dell’erogazione – quanto meno di 5.000, euro, ma
nell’immediatezza dell’intero importo -non gia’al D’ALFONSO come persona fisica ma alla ECOL -
148
SERVICE s.r.l. emerge dalle intercettazioni che, complessivamente lette, forniscono, sul punto, un
quadro che presta ben pochi dubbi interpretativi.
Pacifico che i bonifici, sebbene fatti da persone fisiche, fossero tutti nell’interesse di ECOL-SERVICE
s.r.l. ove si osservi che lo scopo di D’ALFONSO nel recepire le richieste di TATARELLA è quello di
favorire la propria società che deve essere, nel futuro politico di ALTITONANTE, sponsorizzata con il
conseguente ritorno in termini di occasioni commerciali. ALTITONANTE infatti si premurerà di
mettere al più presto in contatto D’Alfonso con un rappresentante di un’importantissima società avente
ad oggetto la realizzazione di grandi opere e di infrastrutture con la quale Ecol-Service s,r,l, ha buone
prospettive di cooperare .
Del pari è sempre ECOL SERVICE s.r.l. che verrà ricambiata dal PATIMO per la preziosa
interposizione dell’erogazione: dal momento dell’elargizione si è sottolineato l’improvviso cambio di
atteggiamento del manager Ing.Patimo a capo della diramazione italiana della multinazionale
ACCIONA AQUA nei confronti di Ecol-service ed inizieranno tra i due soggetti imprenditoriali tutta
una serie di scambi commerciali, in molti casi sotto più profili illeciti, da cui in ogni caso la EcolService s.r.l. trae vantaggio in termini, quanto meno, di aumento del fatturato (con tutte le implicazioni
che ne discendono in tema di sconto di fatture e di sfruttamento e strumentalizzazione del sistema
creditizio)
Si tratta, in buona, sostanza, di erogazioni che, sebbene formalmente effettuate da persone fisiche,
sono riconducibili all’ente, che, almeno a livello di aspettative, è quello destinato ad averne un ritorno
in termini economici.
In altre parole, D’Alfonso non eroga le somme come privato cittadino, ma come legale rappresentante
di una società commerciale che mira ad espandere il proprio volume d’affari grazie alle conoscenze ed
ai contatti che il politico finanziato è in grado di procurargli.
D’Alfonso, in questa partita, gioca su due fronti: si fa “ amico” Patimo e quindi si apre le porte alle
gare indette da Acciona Agua, e si mantiene amico Altitonante che potrà presentargli dei veri e propri
giganti dell’imprenditoria aventi la caratura idonea a far fare alla propria azienda il salto di qualità a
cui ambisce.
Tutto ciò avviene pacificamente in assenza della delibera del competente organo ed in assenza
dell’appostazione a bilancio: si tratta di un dato che emerge per tabulas; non essendo stata coinvolta
formalmente la società, mai si troverà l’assolvimento al duplice adempimento.
Per quanto attiene al reato sub II.3, in data 5.2.2019 l’Ufficio del P.M. provvedeva ad acquisire, presso
il Collegio Regionale di Garanzia Elettorale presso la Corte d’Appello di Milano, il rendiconto
elettorale di cui all’art. 7 L. 515/1993, depositato da ALTITONANTE Fabio: dallo stesso emerge
come la sua campagna elettorale sia stata finanziata solo con contribuzioni di terzi per un importo
complessivo di Euro 71.100,00 in cui non sono ricomprese, ovviamente, le erogazioni PATIMOD’ALFONSO
Ne consegue la falsità della relativa dichiarazione (CAPO II.3)
Quanto alle singole responsabilità, si sottolinea ancora come risulti chiarissimo il ruolo di Pietro
TATARELLA quale registra dell’operazione: è lui che richiede le erogazioni al D’ALFONSO,
patrocinando anche gli interessi di PATIMO, è sempre lui che freneticamente sollecita il pagamento
all’imprenditore, è ancora lui che mette il conto corrente del proprio mandatario elettorale GIULIANO
a disposizione sul quale far confluire, in prima battuta, i bonifici, è sempre lui che disporra’ il
pagamento di spese della campagna elettorale di ALTITONANTE.
TATARELLA è perfettamente a conoscenza dei sottesi rapporti fra il politico e PATIMO: la sua
consapevolezza in ordine all’illiceità dell’erogazione è altresì evincibile dal suo ruolo di mandatario
elettorale di ALTITONANTE.
Dal punto di vista dei motivi a delinquere, si è visto come TATARELLA conosca benissimo il
problema immobiliare di PATIMO e sappia quale autorità egli rivesta all’interno di Acciona in quanto
in passato egli stesso aveva lavorato all’interno di tale società.
149
TATARELLA conosce inoltre benissimo quali sono le mire imprenditoriali di ALFONSO e coglie
l’occasione della campagna elettorale di ALTITONANTE ( di cui è mandatario elettorale) per
soddisfare le aspettative di entrambi, naturalmente lucrando somme di denaro ed altri benefit per sé
stesso.
Infine TATARELLA conosce benissimo il passato di pubblico amministratore comunale di
ALTITONANTE che, prima di essere Consigliere Regionale, era componente della Commissione
Urbanistica , Lavori Pubblici e Infrastrutture del Comune di Milano (carica ricoperta dal 2006 al
2011): egli mantiene ancora ottimi rapporti con gli uomini chiave di quel settore assolutamente
nevralgico per l’urgente necessità familiare di PATIMO.
Parimenti chiaro il coinvolgimento di Daniele D’ALFONSO: preoccupatissimo di rimanere
nell’anonimato quale finanziatore, si rivolge ad una platea di persone, di cui si fida, per chiedere di
prestarsi, formalmente, all’erogazione dei bonifici. Confessa la strumentalità dei finanziamenti a suoi
scopi imprenditoriali, ma si guarda bene di rispettare la normativa di riferimento, peraltro con
adempimenti quanto mai elementari.
Dal punto di vista soggettivo, D’ALFONSO è perfettamente consapevole di erogare il finanziamento
in violazione della normativa vigente al punto che, oltre ad evitare di comparire personalmente (il che
avrebbe comportato una immediata identificazione con la sua veste di A.U. di Ecol-Service s.r.l.),
evita di coinvolgere la propria madre, in quanto ancora formalmente socia della stessa società.
Che D’ALFONSO non voglia soltanto entrare nelle grazie di PATIMO, ma anche in quelle di
ALTITONANTE lo si comprende dall’aggiunta – non richiesta da PATIMO – di ulteriori 5.000,00
euro che D’ALFONSO compie personalmente attraverso la dazione in contanti a TATARELLA, ad
esplicita manifestazione della cointeressenza al buon esito elettorale del candidato per la propria
società.
Ed ancora, nel reato concorre, indubbiamente, come istigatore PATIMO Luigi: costui è il reale
finanziatore dell’importo di Euro 20.000,00, che servono per ricambiare ALTITONANTE in vista del
suo interessamento per il superamento delle problematiche urbanistiche in cui è incorsa la moglie con
la casa in Via Allegranza. Indicativo è il fatto che costui, sebbene presenti una notevole capacità
contributiva (nel 2017 risulta aver dichiarato in reddito imponibile di Euro 246.530,00 come risulta
dall’acquisito Modello Unico) debba ricorrere al rampantissimo D’ALFONSO quale soggetto in grado
di interporsi: la triangolazione serviva solo per mascherare la sua identità.
Quanto poi a Fabio ALTITONANTE, anch’egli risponde dell’evocato reato: essendo perfettamente a
conoscenza del problema che affligge PATIMO e la sua consorte avente ad oggetto l’immobile da
ristrutturare, attivandosi a sua volta per “aiutare” ECOL SERVICE, essendo, in ogni caso firmatario
del falso rendiconto elettorale, è pienamente consapevole delle modalità illecite dell’erogazione. In
particolare, con riferimento a tale posizione, risulta provato il dolo del percettore del finanziamento:
molteplici sono, infatti, le conversazioni da cui emerge come egli sia perfettamente a conoscenza del
fatto che il soggetto reale finanziatore è, in prima battuta, la società di D’ALFONSO e, quindi, Patimo
Luigi.
Pacificamente integrato è poi il reato di cui all’art. 483 c.p. contestato sub II.3, sia dal punto di vista
dell’elemento oggettivo che di quello soggettivo.
I fatti come sopra ricostruiti, peraltro, sono sussumibili altresì nell’ipotesi corruttiva di cui al
provvisorio capo d’incolpazione sub II.4 quanto meno con riferimento alla somma di denaro che
PATIMO, grazie al veicolo D’ALFONSO, versa ad ALTITONANTE e che, come visto, è finalizzata a
compensarlo per quanto gia’svolto ovvero che verrà da lui svolto in merito al villino di Via
Allegrenza.
Preliminarmente, giova ricordare come la giurisprudenza di legittimità ammetta il concorso formale
tra il delitto di corruzione e quello di finanziamento illecito dei partiti posto che diverse sono le
condotte e diversi i beni giuridici tutelati: il buon andamento della p.a. in un caso ed il metodo
democratico nell’altro (Cass. Sez. VI n. 3926/1998: “Tra il reato di corruzione e quello di
finanziamento illecito dei partiti, deve ritenersi ammissibile il concorso formale in quanto diverse
sono le condotte e diversi i beni giuridici tutelati dalle rispettive norme incriminatrici: il buon
andamento della Pubblica Amministrazione, per quanto attiene alla corruzione, ed il metodo
democratico, con riguardo all'altro reato”).
150
Ne deriva quindi che ogni qual volta la dazione al pubblico ufficiale, pur integrando un’ipotesi di
finanziamento illecito all’interno di una campagna elettorale, costituisce un compenso per il favore
ottenuto, devono essere contestate entrambe le fattispecie.
In particolare, deve ritenersi che, risultando provato il collegamento fra la dazione della somma di
Euro 20.000,00 e l’interessamento di ALTITONANTE su alti ambienti del settore urbanistico del
Comune di Milano, finalizzati ad ottenere lo sblocco della pratica relativa al villino della TERRIBILE,
sussista un quadro indiziario, a carico del p.u., in merito all’ipotesi delittuosa di cui all’art. 319 c.p.,
oggetto dell’incolpazione.
La riforma del 2012 ha mutato l’assetto di disciplina dei reati di corruzione, trasformando la
corruzione incentrata su un atto conforme ai doveri d’ufficio in corruzione incentrata sulla funzione. È
noto come l’impianto originario del codice, fondato sulla compravendita di atti, abbia mostrato nel
tempo la sua inadeguatezza, in termini di effettività, davanti a contesti nei quali il mercimonio si
collocava nell’ambito di rapporti e connessioni tra soggetti pubblici e privati sganciati dal compimento
di specifici atti. In tale quadro, l’intervento del legislatore, nel ridelineare i rapporti fra il nuovo delitto
di cui all’art. 318 cod. pen. e il reato di corruzione propria, ha limitato l’ambito applicativo del primo
ai soli casi in cui l’esercizio della funzione oggetto di mercimonio sia conforme ai doveri d’ufficio,
facendo confluire nell’art. 319 cod. pen. tutti i casi di compravendita della funzione da esercitare in
violazione ai doveri d’ufficio.
In tal senso particolarmente importante è quanto statuito dalla Corte di Cassazione con la sentenza
n. 49226 del 25.09.2014, Chisso, nella cui parte motiva si legge, appunto, che "Il nuovo reato di cui
all'art. 318 cod. pen., in forza della novità del riferimento all'esercizio della funzione, ha esteso l'area
di punibilità dell'originaria ipotesi della retribuzione del pubblico ufficiale per il compimento di un
atto conforme ai doveri d'ufficio a tutte le forme di mercimonio delle funzioni o dei poteri del
pubblico ufficiale, salva l'ipotesi in cui sia accertato un nesso di strumentalità tra dazione o
promessa e il compimento di un determinato o ben determinabile atto contrario ai doveri d'ufficio,
ipotesi, quest'ultima, espressamente contemplata dall'art. 319 cod. pen., modificato dalla novella solo
nella parte attinente alla misura della pena".
Appare dunque chiaro il diverso ambito di operatività delle due norme: la nuova figura criminosa di
cui all'art. 318 c.p., nel regime delineato dalla legge n. 190 del 2012, si propone come la fattispecie
base del sottosistema relativo alle disposizioni codicistiche in tema di corruzione, costituendo la
norma di portata generale, rispetto alla quale l'asservimento della funzione che sia sfociato (anche)
nella commissione di un atto contrario ai doveri d'ufficio, ovvero nell'omissione o nel ritardo di un atto
dovuto (anche se non determinato e non determinabile ex post se non per la sua riferibilità ad un
genus), si pone come norma speciale — specialità unilaterale per specificazione — che sanziona una
tipologia specifica di atti a fronte del più generale e generico mercimonio della funzione.
Plurime e costanti sono le pronunce della Suprema Corte che ribadiscono l'assetto dei rapporti fra la
fattispecie di cui all'art. 318 c.p. e quella di cui all'art. 319 c.p. nei termini appena delineati e che
consentono in maniera incontrovertibile di qualificare i fatti oggetto di imputazione nell'ambito di
detta ultima fattispecie delittuosa.
Si rammenta in proposito la pronuncia di Sez. 6 sent. n. 9883 del 15.10.2013 — dep. 2014,
Rv. 258521 ("In tema di corruzione, lo stabile asservimento del pubblico ufficiale ad interessi
personali di terzi, attraverso il sistematico ricorso ad atti contrari ai doveri di ufficio non predefiniti,
né specificamente individuabili "ex post", integra il reato di cui all'art. 319 cod. pen., e non il più
lieve reato di corruzione per l'esercizio della funzione di cui all'art. 318 cod. pen. (nel testo introdotto
dalla legge 6 novembre 2012, n. 190”); nel medesimo senso Cass. Sez. 6 sent. n. 15959 del
23.02.2016, Rv. 266735 ("In tema di corruzione, lo stabile asservimento del pubblico ufficiale ad
interessi personali di terzi, attraverso il sistematico ricorso ad atti contrari ai doveri di ufficio non
predefiniti, né specificamente individuabili "ex post", ovvero mediante l'omissione o il ritardo di atti
dovuti, integra il reato di cui all'art. 319 cod pen. e non il più lieve reato di corruzione per l'esercizio
della funzione di cui all'art. 318 cod. pen., il quale ricorre, invece, quando l'oggetto del
mercimonio sia costituito dal compimento di atti dell'ufficio") e ancora "In tema di corruzione, lo
stabile asservimento de/pubblico ufficiale ad interessi personali di terzi realizzato attraverso
l'impegno permanente a compiere od omettere una serie indeterminata di atti ricollegabili alla
151
funzione esercitata, integra il reato di cui all'art. 318 cod. pen. (nel testo introdotto dalla legge 6
novembre 2012, n. 190), e non il più grave reato di corruzione propria di cui all'art. 319 cod. pen.,
salvo che la messa a disposizione della funzione abbia prodotto il compimento di un atto contrario ai
doveri di ufficio, poiché, in tal caso, si determina una progressione criminosa nel cui ambito
le singole dazioni eventualmente effettuate si atteggiano a momenti esecutivi di un unico reato di
corruzione propria a consumazione permanente”. (Sez. 6, n. 49226 del 25/09/2014, Chisso, Rv.
261352; Sez. 6, n. 8211 del 11/02/2016, Ferrante e altri, Rv. 266510; Sez. 6 sent. n. 47271
del 25.09.2014, Rv. 260732, n. 6056 del 23.09.2014 — dep. 2015, Rv. 262333).
Con la precisazione che, ai fini della determinazione della contrarietà dell'atto ai doveri d'ufficio,
occorre aver riguardo non solo all'astratta legittimità formale dello stesso, ma anche al percorso che ha
condotto alla sua adozione: a significare, cioè, che ove emerga che poteri discrezionalmente spettanti
al pubblico ufficiale siano stati asserviti al raggiungimento dell'esito prestabilito, con rinuncia a priori
alla imparziale comparazione degli interessi in gioco, anche in tal caso l'atto si configurerà come
contrario ai doveri d'ufficio, esulando perciò dalla sfera di applicabilità del vigente art. 318 cod. pen.
[cfr., in parte motiva, Cass. Sez. 6, sent. n. 18707de1 09.02.2016, Rv. 266991, nonché Sez. 6,
sent. n. 30762 del 14.05.2009, Rv. 244530, secondo cui, appunto, "In tema di corruzione propria,
costituiscono atti contrari ai doveri d'ufficio non soltanto quelli illeciti (perché vietati da atti
imperativi) o illegittimi (perché dettati da norme giuridiche riguardanti la loro validità ed efficacia),
ma anche quelli che, pur formalmente regolari, prescindono, per consapevole volontà del pubblico
ufficiale o dell'incaricato di pubblico servizio, dall'osservanza di doveri istituzionali espressi in norme
di qualsiasi livello, ivi compresi quelli di correttezza ed imparzialità."].
In ragione di tale nozione lata di atto contrario ai doveri d'ufficio, si afferma che l'atto oggetto
dell'accordo corruttivo non deve essere individuato nei suoi connotati specifici.
È invece sufficiente che esso sia individuabile in funzione della competenza e della concreta sfera di
intervento del pubblico ufficiale, così da essere suscettibile di specificarsi in una pluralità di singoli
atti non preventivamente fissati e programmati, ma appartenenti al genus previsto (Cass., sez. feriale,
sent. 13 agosto 2012, n. 32779, rv. 253487).
Del resto la Suprema Corte ha chiaramente affermato ( Cassazione Penale sez. 6, n. 3606 - ud.
20.10.2016, dep. 24.01.2017) che si versa nel reato di corruzione per un atto contrario ai doveri
d'ufficio quando lo stabile asservimento del pubblico ufficiale si sia anche tradotto nel compimento a
vantaggio del privato, di uno o più atti formalmente legittimi, ma non rigorosamente predeterminati
nell'an, nel quando o nel quomodo. Dunque, ai fini della integrazione del delitto di cui all'art. 319,
non è necessaria l'individuazione di uno specifico atto contrario ai doveri d'ufficio per il quale il
pubblico ufficiale abbia ricevuto somme di denaro o altre utilità non dovute, a condizione che, dal
suo comportamento,
emerga
comunque
un
atteggiamento diretto
a vanificare
la
funzione demandatagli e dunque a violare i doveri di fedeltà, di imparzialità e perseguimento esclusivo
degli interessi pubblici che sullo stesso incombono (Sez. 6 22301 del 24/05/2012 dep. 08/06/2012,
Saviolo, Rv. 254055; Sez. 6, n. 34417 15/05/2008, Leoni, Rv. 241081; Sez. 6, n. 20046
del 16/01/2008, Bevilacqua, Rv. 241184).
Orbene,considerate tali griglie interpretative, posto che l’atto oggetto di illecito mercimonio esulava
sicuramente dai poteri e dalle competenze funzionali di ALTITONANTE, ma essendo altresì indubbio
che egli ha fatto mercimonio del proprio ruolo, correttamente puo’ essere evocata la fattispecie
delittuosa oggetto d’incolpazione.
In effetti, ALTITONANTE Fabio, Consigliere Regionale Lombardia, dunque pubblico ufficiale, ha
compiuto atti e comportamenti contrari ai doveri d’ufficio asservendo la pubblica funzione di cui è
investito per mandato elettorale agli interessi privati di PATIMO Luigi in violazione dei doveri
istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità di cui all’art. 97 Cost.
In particolare, come si è più volte evidenizato, ALTITONANTE riceveva da PATIMO, per il tramite
di D’ALFONSO, la somma di euro 20.000 in cambio del suo pressante, costante e reiterato intervento
presso i responsabili della Direzione Urbanistica del Comune di Milano Milano (e segnatamente del
suo Dirigente arch. Franco ZINNA) al fine di ottenere l’approvazione della pratica relativa al rilascio
del permesso a costruire inerente il più volte menzionato immobile sito in Milano Via Allegrenza n. 6
vincolato paesaggisticamente, di proprietà della moglie di PATIMO, Maria Teresa TERRIBILE.
152
A questo proposito, deve osservarsi come PATIMO non abbia interpellato ALTITONANTE “a caso”,
nè era del tutto fortuito il fatto che abbia trovato, con estrema celerità, gli interlocutori adeguati
all’interno del Comune di Milano.
Non deve, infatti, dimenticarsi come ALTITONANTE, dal luglio 2009 al marzo 2013, sia stato
Assessore della Provincia di Milano con deleghe alla Pianificazione del Territorio, Programmazione
delle Infrastrutture, Piano casa/Edilizia, Housing Sociale, Rapporti con la Conferenza dei Sindaci,
Sportello Unico, Servizio Idrico Integrato e, soprattutto, dal 2006 al 2011, Consigliere Comunale,
componente Commissione Urbanistica, Lavori Pubblici e Infrastrutture.
Intuibile è dunque la rete di relazioni che si era creato, e che ha mantenuto, in quelle strutture.
Ed, in tal senso, va, utilmente, valorizzato anche il contenuto degli accertamenti svolti, sempre dalla
Polizia Locale, in ordine alle funzioni svolte da ZINNA, all’interno del Comune di Milano (cfr. inf. n.
9/2019 NAJ prot. del 12.2.2019).
Dal 21.10.2016, è Direttore Responsabile della Direzione Urbanistica del Comune di Milano: egli è il
Dirigente più importante a livello urbanistico e ciò spiega perché ALTITONANTE, nell’attivare le sue
“relazioni”, abbia potuto puntare direttamente al vertice.
Non solo, ma, sempre da quanto risulta dalla citata nota, la Commissione per il paesaggio del Comune
di Milano è composta da n. 11 professionisti, oltre il Sindaco: il Dirigente (e, quindi, lo ZINNA) non
ne è un componente anche se la Direzione Urbanistica è preposta al coordinamento dei lavori della
Commissione. Nonostante ciò, come si è visto, egli parteciperà personalmente alla seduta n. 12 del
5.4.2018 in cui viene esaminato l’intervento edilizio di M.T. TERRIBILE, il quale non solo viene
ritenuto “ammissibile”, ma viene espresso anche “parere favorevole” seppur condizionato.
Volendo, quindi, riepilogare la vicenda:
dopo aver incassato il diniego all’esito del primo procedimento –istruttoria ex art. 40 R.E. - PATIMO
cerca la sponda di ALTITONANTE;
ALTITONANTE che, si badi, in quel periodo era impegnatissimo in campagna elettorale, dopo aver
incassato l’illecito finanziamento, “affida” PATIMO direttamente al vertice della Direzione
Urbanistica di Milano, Arch. ZINNA. Costui tiene una posizione ambigua perché, da un lato, è quanto
mai accondiscendente (dimostrando, quindi, l’estremo potere di ALTITONANTE), ma, d’altro lato,
creato il collegamento PATIMO-COCCIA, cerca, inutilmente, di sganciarsi, tradendo con tale
atteggiamento la piena consapevolezza della totale contrarietà ai doveri propri della funzione esercitata
(primo fra tutti quello di imparzialità) della complessiva manovra;
la geom. COCCIA, nominata Tecnico incaricato dell’istruttoria della pratica, da quel momento in poi
risulta totalmente “dedicata” a far andare avanti la pratica di PATIMO con cui intrattiene plurimi
quotidiani contatti telefonici sulla propria utenza personale e per il quale si attiva in ogni modo per
ovviare agli inconvenienti relativi ai macroscopici errori compiuti dal professionista incaricato da
PATIMO nell’elaborazione del progetto, elargendo preziosi consigli su come e quando muoversi.
Tutto ciò tenendo all’oscuro del trattamento privilegiato riservato al “protetto” di Zinna il proprio
diretto superiore responsabile del Procedimento, Arch. Oscar CERIANI.
ZINNA, si spinge, per sua stessa ammissione, ad andare in Commissione Paesaggio a perorare la
causa di PATIMO;
nonostante il prezioso interessamento, la pratica si svilupperà per l’arco di molti mesi e richiederà, a
settembre 2018, un nuovo intervento “di supporto” da parte di ALTITONANTE che chiama
nuovamente ZINNA, il quale, a sua volta, non fa mistero, nel parlare con il Consigliere Regionale, di
aver rilevato nell’esame complessivo della documentazione prodotta dal progettista di PATIMO, ma
sottoscritta direttamente dall’interessata M.T. TERRIBILE - che, si badi, di professione è notaio alcune falsità per cui l’uno e l’altra andrebbero denunciati, garantendo comunque al suo interlocutore
che ometterà tale atto dovuto e che, pertanto, la famiglia PATIMO può, per quel versante, stare
tranquilla.
Il permesso a costruire, verosimilmente lo scorso mese di gennaio, è stato rilasciato.
Dal punto di vista soggettivo, merita soltanto sottolineare come non soltanto i due diretti protagonisti
siano perfettamente consapevoli del mercimonio attuato affinché Altitonante sviasse la sua funzione in
favore di Patimo, ma anche D’Alfonso sia a conoscenza dell’effettiva ragione per cui Patimo vuole
finanziare illecitamente la campagna elettorale del candidato al consiglio regionale e, prestandosi a
153
fungere da intermediario per l’erogazione della somma, dia il suo concreto contributo alla
realizzazione del sinallagma corruttivo.
CAPO II.4.a: l’abuso d’ufficio di Zinna Franco e Coccia Maria Rosaria
Dal punto di vista logico e cronologico, occorre a questo punto esaminare gli elementi di prova
riconducibili all’incolpazione di cui al capo II.4.a, la cui contestazione a Zinna Franco e Coccia Maria
Rosaria è stata elevata dall’Ufficio del P.M. con la richiesta integrativa depositata il 13 aprile 2019.
Molteplici sono gli elementi indiziari desumibili da quanto finora esposto che tratteggiano un quadro
grave in ordine alla responsabilità di entrambi i pubblici ufficiali in ordine al reato loro ascritto, sia dal
punto di vista oggettivo che dal punto di vista soggettivo.
Sul punto, non appare superfluo ricordare i principali approdi interpretativi cui è giunta la
giurisprudenza di legittimità in relazione al delitto di cui all’art. 323 c.p.
Secondo la Seprema Corte (Sez. 6 - , Sentenza n. 52882 del 27/09/2018 Ud. (dep. 23/11/2018) Rv.
274580 - 01 “In tema di abuso d'ufficio, la prova del dolo intenzionale non presuppone
l'accertamento dell'accordo collusivo con la persona che si intende favorire, potendo essere desunta
anche dalla macroscopica illegittimità dell'atto, sempre che tale valutazione non discenda dal mero
comportamento "non iure" dell'agente, ma risulti anche da elementi ulteriori concordemente
dimostrativi dell'intento di conseguire un vantaggio patrimoniale o di cagionare un danno ingiusto.
(Fattispecie in cui la Cassazione ha confermato la decisione impugnata che ha desunto l'esistenza del
dolo intenzionale dal fatto che l'imputato, nella qualità di dipendente comunale cui era stata
demandata la verifica della legittimità di opere edili, manteneva una condotta inerte e dilatoria,
nonostante la macroscopica illegittimità dell'opera e le insistenti richieste di procedere a verifica”
Ancora la Corte di Cassazione ha puntualizzato che (Sez. 3, Sentenza n. 4140 del 13/12/2017
Ud. (dep. 29/01/2018 ) Rv. 272113 – 01): “In tema di abuso d'ufficio, il requisito del vantaggio
patrimoniale va riferito al complesso dei rapporti giuridici a carattere patrimoniale e sussiste non
solo quando la condotta procuri beni materiali o altro, a favore di colui nel cui interesse l'atto è stato
posto in essere ma anche quando la stessa arrechi un accrescimento della situazione giuridica
soggettiva. (Fattispecie relativa al rilascio di un permesso in sanatoria in contrasto con lo strumento
urbanistico di zona e per opere non sanabili nonché all'omessa revoca del permesso di costruire ed
alla mancata emissione dell'ordinanza demolitoria in cui la S.C. ha precisato che tali provvedimenti e
comportamenti consentono di realizzare una situazione economicamente vantaggiosa per il privato
che, oltre a beneficiare del valore intrinseco del manufatto, può locarlo, alienarlo, e comunque
usufruirne.”
Assolutamente consolidato appare poi il principio secondo il quale (Sez. 6, Sentenza n. 17676 del
18/03/2016 Ud. (dep. 28/04/2016 ) Rv. 267171 – 01) “Il delitto di abuso d'ufficio è integrato dalla
doppia e autonoma ingiustizia, sia della condotta (che deve essere connotata da violazione di norme
di legge o di regolamento), che dell'evento di vantaggio patrimoniale (che deve risultare non spettante
in base al diritto oggettivo); ne deriva che il reato non è configurabile qualora l'accrescimento
"contra ius" della sfera patrimoniale di un privato non derivi dalla deliberata strumentalizzazione
della funzione da parte del pubblico agente che, abusando della sua funzione per finalità di carattere
privatistico, abbia violato specifici parametri normativi al fine di favorire o danneggiare qualcuno.”
Essendosi ulteriormente precisato che: (Sez. 6, Sentenza n. 48914 del 11/11/2015
Ud. (dep. 10/12/2015 ) Rv. 265474 – 01): “In tema di abuso di ufficio l'ingiustizia del vantaggio
richiesta dall'art. 323 cod. pen. deve riguardare non solo "il momento dinamico", vale a dire il fatto
causativo, ma anche il risultato dell'azione, ossia il fine perseguito dall'agente: il vantaggio cioè per
qualificarsi ingiusto non solo deve essere prodotto "non jure" ma essere esso stesso "contra jus".
Quanto alla violazione di legge, la Suprema Corte ha chiarito che (Sez. 2, Sentenza n. 46096 del
27/10/2015 Ud. (dep. 20/11/2015 ) Rv. 265464 – 01): “In tema di abuso di ufficio, il requisito della
violazione di legge può consistere anche nella inosservanza dell'art. 97 della Costituzione, nella parte
immediatamente precettiva che impone ad ogni pubblico funzionario, nell'esercizio delle sue funzioni,
di non usare il potere che la legge gli conferisce per compiere deliberati favoritismi e procurare
154
ingiusti vantaggi ovvero per realizzare intenzionali vessazioni o discriminazioni e procurare ingiusti
danni”
Particolarmente aderente al caso in esame appare poi il principio in virtù del quale: (Sez. 2,
Sentenza n. 23019 del 05/05/2015 Ud. (dep. 29/05/2015 ) Rv. 264279 – 01): “In tema di abuso
d'ufficio, la violazione di legge cui fa riferimento l'art. 323 cod. pen. riguarda non solo la condotta del
pubblico ufficiale in contrasto con le norme che regolano l'esercizio del potere, ma anche le condotte
che siano dirette alla realizzazione di un interesse collidente con quello per quale il potere è conferito,
ponendo in essere un vero e proprio sviamento della funzione”
Orbene tenuto conto dell’elaborazione sopra richiamata, i pubblici ufficiali Zinna Franco e Coccia
Maria Rosaria nello svolgimento delle loro funzioni rispettivamente di Dirigente della Direzione
Urbanistica del Comune di Milano e di dipendente del predetto Comune e, in particolare, Tecnico
incaricato dell’istruttoria della pratica edilizia relativa al rilascio del permesso a costruire relativo
all’immobile di Via Allegrenza n. 6, sottoposto a vincoli paesaggistici di proprietà della moglie di
Patimo Luigi, Maria Teresa Terribile, in concorso tra loro, in violazione di legge ed in particolare delle
leggi 59/1997, 127/1997 e dell’art. 4 del D.l.vo n. 165/2001 oltre che del principio di imparzialità
costituzionalmente tutelato dall’art. 97 intenzionalmente procuravano a Patimo ed alla di lui consorte
un ingiusto vantaggio patrimoniale consistente nel rilascio, nonostante la sottoposizione a vincoli e
l’erroneità del progetto inizialmente presentato, del permesso a costruire relativo all’immobile di cui
sopra con conseguente evidente incremento di valore del medesimo.
In particolare, violando le disposizioni di legge che prevedono la netta separazione fra la sfera
d’azione della politica e quella dell’amministrazione, consentivano a Altitonante Fabio di ingerirsi
sistematicamente nelle scelte di loro competenza, ottenendo, in violazione dei doveri di segretezza del
procedimento, informazioni riservate sullo stato della pratica urbanistica, ed imponendo determinate
scelte strategiche volte all’approvazione della pratica.
A quest’ultimo proposito le pressioni esercitate da Altitonante su Zinna lo inducevano a “dedicare” in
via pressochè esclusiva la Geom.Coccia alla trattazione della pratica in questione, con conseguente
instaurazione di un rapporto informale e privilegiato tra il Tecnico incaricato dell’istruttoria del
procedimento ed il privato istante: tale canale preferenziale consentiva di elaborare chiare strategie
nell’interesse del privato a cui veniva suggerito puntualmente come modificare gli originari progetti e
quando presentare la relativa documentazione, omettendo in molti casi l’osservanza delle formalità di
volta in volta prescritte.
Al fine di esercitare il potere promanante dalla sua carica apicale, l’Arch. Zinna Franco, in violazione
di quanto prevede il regolamento comunale, ha partecipato personalmente alla seduta della
Commissione paesaggio che alla fine ha dato parere favorevole alla realizzazione del progetto sia pure
con alcune riserve.
La Geom. Coccia, per altro verso, ha dimostrato la sua più completa disponibilità ad agevolare,
proprio sotto il profilo dell’istruttoria tecnica della pratica, le incombenze che, nei casi ordinari,
avrebbero fatto carico esclusivamente alla parte privata, in violazione del principio di imparzialità,
violazione, peraltro, assolutamente consapevole, in considerazione delle cautele adottate dall’indagata
per non far emergere tale rapporto privilegiato.
Quanto al vantaggio patrimoniale ingiusto, nella lata accezione elaborata dalla giurisprudenza di
legittimità di “accrescimento della situazione giuridica soggettiva” l’esame della complessiva vicenda
induce a ritenere che, senza l’intervento di Altitonante, la pratica di Patimo e consorte non avrebbe con
alto grado di probabilità avuto mai buon esito: le macroscopiche difformità del progetto rispetto alla
normativa vigente (più volte evidenziate proprio da Zinna e Coccia), la ravvisabilità negli atti allegati
all’istanza di profili di falsità consentono di affermare che la definitiva approvazione del progetto
abbia rappresentato per l’interessato un vantaggio ingiusto in quanto al medesimo non spettante in
base alle norme del siritto oggettivo.
Capi II.5. e II.6. IL FINANZIAMENTO ELETTORALE DI SOZZANI DIEGO
Come si è visto nell’illustrare i capi d’incolpazione sub. II.2-II.3-II.4, l’occasione della duplice
competizione elettorale induce D’ALFONSO a cogliere tutte le opportunità di sovvenzionare i politici
candidati come investimento finalizzato all’espansione della propria attività imprenditoriale.
155
In questo quadro, il monitoraggio dei contatti di D’ALFONSO Daniele portava ad evidenziare i suoi
rapporti con SOZZANI Diego22, all’epoca dei fatti componente del Consiglio Regionale del Piemonte
e, a seguito delle scorse elezioni politiche del 4 marzo 2018, eletto alla Camera dei Deputati, al quale
il 22 marzo 2018, l’imprenditore elargiva un finanziamento illecito, quantificato in euro 10.000,
mediante il pagamento (con bonifico bancario) di una falsa fattura, redatta per l’occasione dalla
società E.S.T.R.O. Energia Srl. di Milano dell’ing. Alessandro Beniamino CRESCENTI23.
L’episodio in trattazione è cristallizzato dalla conversazione ambientale n. 689, registrata il
16.02.2018, a bordo dell’autovettura Smart Fortwo di D’ALFONSO Daniele (RIT. 75-18), ove costui
nel conversare con il padre Giovanni afferma di essersi attivato per aggiudicarsi delle gare d’appalto e
per far ciò sta sostenendo economicamente la campagna elettorale di un Consigliere della Regione
Piemonte di Novara, che si è candidato al Parlamento.
Ambientale n. 689 del 16.2.2018 su SMART di D’Alfonso
Daniele: quella lì di Alessandria, quella li di Alessandria...Consigliere Regionale della Regione
Piemonte di FORZA ITALIA, NOI GLI STIAMO DANDO UNA MANO (fa riferimento a SOZZANI
Diego Consigliere della Regione Piemonte, neo eletto parlamentare), quindi noi NOVARA,
ALESSANDRIA e quello li di NOVI..NOI SIAMO MOLTO...inc...capito?...VA A ROMA LUI
ADESSO, GLI STIAMO DANDO UNA MANO PER LA CAMPAGNA DI ROMA...GLI HO
DATO...DEVO DARGLI 6000!...OPERATIVO LUI EH...INC...ALL'ENTE DELL'ACQUA DI
NOVARA, SE ESCE LA FACCIO (gara - ndr.)...E ALESSANDRIA, SIAMO MESSI BENE, SAI
RISPETTO A NON AVER NESSUNO NO? VARESE SIAMO MESSI BENE...POI STIAMO
USANDO ANCHE IL SUO LABORATORIO, STIAMO USANDO...LABORATORIO QUELLO DI
MILANO SERRAVALLE È SUO E DI SUO FRATELLO...
Alla luce delle conversazioni che intercorreranno successivamente, il riferimento operato dal
D’ALFONSO Daniele risulterà riferirsi a SOZZANI Diego (ingegnere, già Presidente della Provincia
di Novara e poi Consigliere della Regione Piemonte, oggi deputato del Parlamento Italiano).
Nella circostanza, D’ALFONSO confida al padre come i suoi sforzi per tessere “relazioni” con alcuni
politici, stiano dando i frutti sperati, che consentiranno alla loro azienda di famiglia di trarre benefici
economici, derivanti dall’aggiudicazione di gare d’appalto.
Si accerterà nel prosieguo delle indagini ed in particolare dalle intercettazioni ambientali e della posta
elettronica che il finanziamento ammonterà non a 6.000 ( come preannunciato al padre) ma a 10.000
euro.
A riscontro del sostegno economico che D’ALFONSO ha dato all’onorevole SOZZANI Diego si
evidenziano anche alcuni interessanti passaggi emersi nelle seguenti conversazioni ambientali n. 352 e
832, intercettate rispettivamente il 2 ed il 22 febbraio 2018, sull’autovettura Smart di D’ALFONSO,
ove quest’ultimo nel riferire a TATARELLA Pietro (Consigliere comunale di Milano di Forza Italia)
della sua dazione di 10.000 euro in favore di GORRASI Carmine (vicenda che verrà di seguito
commentata), afferma di aver parlato con CAIANIELLO Gioacchino, detto “Nino” in merito alla cifra
che dovrà stanziare in favore di SOZZANI Diego e che, nella circostanza, CAIANIELLO gli ha
consigliato di non superare i 10.000 euro. Daniele: “GLI HO DETTO A NINO (CAIANIELLO - ndr.)
DI DIEGO (SOZZANI Diego – ndr.)…NON PIÙ DI DIECI HA DETTO...".
I
Progressivo
Data Ora
Tipo
Descrizione
RIT
352
02/02/2018 15:00 Ambientale
SMART targata FM430MK 75-18
auto in movimento, a bordo D'ALFONSO Daniele e TATARELLA Pietro
22 SOZZANI Diego, nato a Novara il 02.10.1960, residente in San Pietro Mosezzo (NO), via Fungo n. 93, ingegnere idraulico ex presidente
della provincia di Novara, poi consigliere della Regione Piemonte, neo eletto onorevole alla Camera dei Deputati tra le fila di Forza Italia alle
ultime consultazioni elettorali.
23 CRESCENTI Alessandro Beniamino, nato il 30.03.1954 a Ospitaletto (BS), residente a Milano, via Astolfo, 21, legale rappresentante della
E.S.T.R.O. INGEGNERIA Srl. con sede in Milano, via Astolfo, 4, - P.IVA: 12754540156, esercente attività di servizi di progettazione di
ingegneria integrata
156
[Pr.352 - A - 1 ore 15:00:34]:Daniele al telefono (progr.16726)
Milano, Milano Via Carlo Freguglia, 10 > 8 - 3 > 3[Pr.352 - A - 1 ore 15:05:40]: Pietro e Daniele
scendono dall'auto nei pressi del Tribunale di Milano, Pietro dice: "guarda che è qua Carmine"
(TATARELLA Pietro vede giungere GORRASI Carmine con il quale Daniele D'ALFONSO aveva
preso appuntamento telefonico alle antecedenti ore 11.04 (vds. tel. n. 16497 ut. 348.5989733 RIT.
1894-17 in uso a D'ALFONSO) in zona Tribunale di Milano. Daniele chiede a Carmine (GORRASI)
se gli paga il caffè
[Pr.352 - A - 3 ore 15:19:46]: si avvicinano all'auto, Daniele dice: aspetto che metto giù (fa uno squillo
per lasciare il suo numero telefonico sull'utenza di DE RISI Vincenzo, amico di GORRASI Carmine vds. tel. n. 16735 delle ore 15.19. Uomo (DE RISI) dice il 15, giovedì 15, Daniele dice che sente terza
persona e poi gli scrive, si salutano e Pietro e Daniele ripartono con l'auto.
D'ALFONSO: VABBÈ DAI UN DECA! eh...oh...(si riferisce a 10.000 euro di finanziamento a
GORRASI - ndr.)
TATARELLA: va bene
D'ALFONSO: cosa dici?...ti faccio sapere eh
TATARELLA: cosa gli hai detto?
D'ALFONSO: ti faccio sapere gli ho detto...ride...PERÒ C'È UNA COSA DA CHIARIRE PRIMA
GLI HO DETTO...
TATARELLA: eh
D'ALFONSO: MARCELLO (PEDRONI Marcello24, titolare dell'agenzia ASSISOMMA di Somma
Lombardo) GLI STO DANDO 50K (50.000 euro) DI POLIZZE...EEEH...IO VI DICO TUTTO, NON
VI DICO LE COSE, O NO?...QUINDI POI VE LA VEDETE VOI CON LUI, IO NON VOGLIO
SAPERE UN CAZZO! E POI ANCHE DIEGO (SOZZANI Diego ndr.) È VENUTO E IO DIEGO
HO DETTO...DECIDETE VOI MA...SCUSAMI EH! O NO? SE SON COMPRESI IN QUESTI VA
BENE, SE C'È COMPRESO DIEGO...O NO?...
TATARELLA: inc..
D'ALFONSO: anche perchè inc...DIEGO è venuto la! (SOZZANI Diego ndr.)
TATARELLA: cambia discorso e commenta le auto ibride che oggi hanno visto entrambi fuori da
GIGI (Ristorante da GIGI a Milano, ove TATARELLA e D'ALFONSO hanno pranzato con
SOZZANI Diego e CAIANIELLO Nino - ndr.)
…omssis…
Progressivo
Data Ora
Tipo
RIT
832
22/02/2018 15:00
AMBIENTALE Smart D’ALFONSO
75-18
auto in movimento, a bordo Daniele d’ALFONSO e Pietro TATARELLA
[Pr.832 - A - 2 ore 15:06:11]: Pietro TATARELLA chiede a Daniele se a Marzo è full, e Daniele
dice che a Marzo ha 8 gare per milioni di euro a cui partecipare, E CHE SECONDO LUI LE GARE
PIÙ IMPORTANTI SONO QUELLE DEGLI SCAMBI E QUELLA DI VARESE...poi Daniele dice:
la più importante è quella di Varese (gara bandita dall'Alfa Srl.)
[Pr.832 - A - 2 ore 15:06:55]:
DANIELE:
IL MISTER SI È INVENTATO UNA ROBA!!...
TATARELLA: ...si è inventato?...
D'ALFONSO: ...SPONSORIZZAZIONE SQUADRA DI BUSTO...
TATARELLA: BUSTO COSA?
D'ALFONSO: BUSTO ARSIZIO...CALCIO...
TATARELLA: QUANTO GLI VUOI DARE?
D'ALFONSO: eh 6 e 4 IN CONTANTI...(breve pausa)...GLI HO DETTO A NINO (CAIANIELLO
- ndr.) DI DIEGO…(SOZZANI - ndr.)
TATARELLA: CHE HA DETTO?
24 PEDRONI Marcello, nato a Somma Lombardo il 10.03.1952 – assicuratore. (condannato in primo grado dal Tribunale di Varese e poi
assolto dalla Corte d’Appello di Milano con sentenza 1359/06, datata 31.03.2006 per sopraggiunta prescrizione, per i reati di cui agli artt.
81 CPV C.P. 110 - 319 - 319 BIS - 61 N. 7 C.P. 81 CPV- 61 N. 7 - 110 - 317 C.P. artt. 61 N. 7 - 81 CPV 110 - 314 C.P. 110 - 416 C.P.) Oltre ad
essere il presidente dell’associazione culturale AGORA’ Forti e Liberi di Varese (di Forza Italia), attualmente è consigliere di due importanti
società municipalizzate che gestiscono il servizio idrico in Varese la ALFA Srl. e la PREALPI SERVIZI Srl.
157
D'ALFONSO: NON PIÙ DI DIECI HA DETTO... (CAIANIELLO consiglia a D'ALFONSO di
donare a SOZZANI non più di 10.000 euro - ndr.)
…omissis…
Per una disamina completa della vicenda è necessario fare un passo indietro e tornare brevemente alla
nascita dei rapporti tra D’ALFONSO Daniele e TOLBAR Mauro25 (collaboratore dello Studio Tecnico
Associato “GREENLINE”26 di Arch. Stefano SOZZANI e Ing. Diego SOZZANI), il quale si attiverà per conto di quest’ultimo – con riferimento alla sua partecipazione in alcuni appalti.
In data 29.01.2018 si censiva il contatto telefonico tra D’ALFONSO Daniele e SOZZANI Diego
(all’epoca Consigliere della Regione Piemonte di Forza Italia), il quale dopo aver fatto presente a
D’ALFONSO di essersi candidato alle imminenti elezioni “in un seggio sicuro”, gli dice che darà il
suo numero di telefono ad un suo amico e stretto collaboratore di nome Mauro TOLBAR, con il quale
D’ALFONSO potrà incontrarsi la stessa sera in provincia di Varese. SOZZANI Diego precisa che
TOLBAR Mauro poi gli presenterà una terza persona.
Prog. 14444 del 29.01.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
Daniele:
ciao grande Diego
Diego:
come stai? ce l'ho fatta eh della candidatura
Daniele:
ce l'hai fatta, tutto bene?
Diego: si eh...e quindi adesso, si è un collegio buono, dovremmo riuscire ad essere se non (inc) il
partito, essere dentro quindi c'è la partita che poi...che poi volevo dirti...eh avevo bisogno di vederti, tu
quando sei, come sei nei tuoi spostamenti Daniele?
Daniele:
allora, io lunedì...no scusa oggi stasera vado su a Varese, tu non vieni stasera?
Diego: viene un amico mio che ti dico che è la persona con cui collabora in modo stretto con me che
si chiama Mauro Tolbar, gli lascio il tuo bigliettino...così questa sera quando viene su si presenta che
volevo che te lo, era la persona che volevo farti ricono eh conoscere...
Daniele:
va bene ok...io sono
Diego: io quando viene lì a Varese magari ti faccio, lui chiede agli amici comuni tanto gli amici sono
sempre comuni
Daniele:
io sono a Mila...io questa settimana sono ancora a Milano, poi ci vediamo
Diego: va bene, va bene, comunque con Mauro facciamo una chiacchierata che poi ci presenta questo
qua a nome mio, poi ci sentiamo che mi farebbe proprio piacere ok?
Daniele:
va bene vengo a trovarti dai ci...tu questa settimana quando sei a Novara?
Diego:
sono a Novara mercoledì pomeriggio ce la fai?
Daniele:
ce la faccio si, me lo segno subito
Diego:
dai che vieni in laboratorio che ci tengo a fartelo vedere
Daniele:
va bene dai mercoledì vengo giù
Diego:
allora io metto, ore 15 Daniele e ci vediamo in laboratorio poi quando vieni ti...
Daniele:
perfetto va bene
Diego:
ci mettiamo d'accordo
si salutano
Poco dopo, TOLBAR Mauro contatta telefonicamente D’ALFONSO e, presentatosi, dice di essere
l’amico di Diego (SOZZANI Diego). I due si danno appuntamento davanti ad un teatro di Gallarate
(VA), ove entrambi parteciperanno ad un evento non meglio precisato (progr. 14515 e 14527 del
29.1.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO)
In data 06.02.2018, SOZZANI Diego telefona (progr. 18110 su utenza 3485989733 di D’ALFONSO)
a D’ALFONSO Daniele chiedendogli esplicitamente di quantificargli l’aiuto economico che
D’ALFONSO intende fargli (L'EVENTUALE TUO AIUTO QUANTO POTREBBE ESSERE?
25 Mauro TOLBAR, nato il 31.10.1977 a Borgomanero (NO), residente a Divignano (NO), via della Pace n. 7.
26 Studio di progettazione “Greenline” dei fratelli Stefano e Diego SOZZANI, con sede a Novara in via Cairoli n. 4. - Cod. Fisc./P. Iva
02390880033
158
PERCHÈ DEVO FARE IL...LA CIFRA FINALE...",) D’ALFONSO risponde che glielo comunicherà
di persona quando si vedranno a Novara.
Il giorno 19.02.2018, D’ALFONSO Daniele incontra nuovamente TOLBAR Mauro in via Mantegna a
Milano (progr. 24067- 24082-24093-24103 su utenza 3485989733 di D’ALFONSO)
Il giorno 28.02.2018, D’ALFONSO Daniele richiama (progr. 28799 su utenza ..733 in uso a
D’ALFONSO) TOLBAR Mauro con il quale concorda di vedersi a Busto Arsizio, dato che
D’ALFONSO dovrà andare a trovare il suo amico avvocato (verosimilmente GORRASI Carmine).
Nella circostanza TOLBAR specifica che dovrà dargli alcune informazioni (va bene allora ti
do...inc…su quei due temi che mi avevi detto!".) in merito a due tematiche che D’ALFONSO aveva
rappresentato a TOLBAR.
Il giorno 02.03.2018, D’ALFONSO Daniele raggiunge a Novara Mauro TOLBAR. Concordano di
incontrarsi da Diego, ossia presso lo studio di progettazione “GREEN LINE” dei fratelli Diego e
Stefano SOZZANI, con sede a Novara in via Cairoli n. 4. (progr. 29844-2985-29883 -29885-29904 29913 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO) c'è scritto Green Line - secondo piano" Mauro dice di
entrare nella via guardando la banca sulla sinistra Mauro dice via Cairoli nr. 4 su utenza ..733 in uso a
D’ALFONSO)
Il giorno 05.03.2018, TOLBAR Mauro avvisa ( progr. 30587 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO)
D’ALFONSO Daniele che Diego SOZZANI è stato eletto e specifica che è stato eletto anche un altro
amico di Vercelli di cui D’ALFONSO e TOLBAR avevano parlato (SIAMO DENTRO...DIEGO È
PASSATO...È PASSATO...DIEGO È PASSATO È PASSATO UN AMICO DI VERCELLI È
PASSATO, QUELLO DI TORINO…CHE TI DICEVO, TI RICORDI CHE TU MI HAI DETTO MI
DEVO ORGANIZZARE, È PASSATO ANCHE LUI...”)
Nei giorni successivi i contatti tra D’ALFONSO e TOLBAR Mauro s’intensificano e particolarmente
importante è la conversazione n. 33108 (utenza …733 in uso a D’ALFONSO) del 9.3.2018, di seguito
riportata, in cui TOLBAR, oltre a dispensare consigli in merito, a quanto è dato comprendere, alla
partecipazione dell’imprenditore ad una gara (“COMUNQUE IN OGNI CASO VAI AVANTI CON
L'ITER CHE STAI FACENDO...CURIAMO MOLTO BENE LA PARTE TECNICA EH, QUESTO
È IL FEED BACK CHE MI HANNO DATO…"), si sincera se D’ALFONSO abbia ricevuto qualcosa
via mail da parte di tale "Alessandro", poi identificato nell’Ing. Alessandro Beniamino CRESCENTI,
amministratore della E.S.T.R.O. Ingegneria Srl. di Milano, il quale invierà via mail una fattura per
operazioni inesistenti a D’ALFONSO – che quest’ultimo pagherà come concordato con bonifico
bancario - proprio al preciso fine di celare l’illecito finanziamento promesso al neo parlamentare
SOZZANI Diego.
-Progr. 33108 del 09.03.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
DANIELE:
ciao..
MAURO:
ciao caro come stai?
DANIELE:
bene, tranquillo...
MAURO:
tutto a posto?
DANIELE:
si, si...oggi ho incrociato DIEGO a pranzo...
MAURO:
eh me lo ha detto...
DANIELE:
te lo ha detto?
MAURO:
si, si me lo ha detto, me lo ha detto...inc...
DANIELE:
va bene...volevo dirti se mi dai un paio di date da tenermi libero questa settimana
che...se c'è qualcuno che deve venir giù...io dico...
MAURO:
allora io ho...un appuntamento lunedì ad Alessandria...no?
DANIELE:
che non devo venire io...
MAURO:
no, no, no...
DANIELE:
ok
MAURO:
non è pru...in questa fase va bene...
159
DANIELE:
ok...
MAURO:
che così ti darò degli elementi...
DANIELE:
va bene...
MAURO:
e...
DANIELE:
Torino non andiamo in settimana...
MAURO:
e martedì ho un appuntamento a Torino...
DANIELE:
e quindi non devo venire io...questa settimana non hai bisogno di me diciamo...vai tu...
MAURO:
no questa settimana no...
DANIELE:
...inc...sto organizzando dei viaggi settimana prossima che devo andare giù in
Sardegna da me...
MAURO:
no ma guarda...comunque in ogni caso...l'iter...vai avanti con l'iter che stai facendo
DANIELE:
apposto...perfetto...infatti io volevo ...inc...
MAURO:
io direi...CURIAMO MOLTO BENE LA PARTE TECNICA EH...questo è il
feedback che mi hanno dato...
DANIELE:
va, bene, va bene vai, tranquillo...
MAURO:
ottimo...poi mi ha detto ...
DANIELE:
VOLEVO RICORDARE A DIEGO SE TU LO VEDI...INC...DI FISSARE UN
APPUNTAMENTO IN BANCA A BREVE...LA SETTIMANA PROSSIMA…
MAURO:
OK GLIELO DICO...LO VEDO LO VEDO...
DANIELE:
DIGLI PER LE IMPRESE SERVE PER L'AZIENDA...NON SO LUI CHIEDERA'
IN DIREZIONE GENERALE O GLI DIRANNO A LUI...
MAURO:
NO NO MI RICORDO MI RICORDO CHE NE AVETE PARLATO GLIELO
RICORDO COSÌ ALMENO…
DANIELE:
SE ME LO FISSA O FINE SETTIMANA O INIZIO SETTIMANA SE MI LASCIA
IN MEZZO LIBERO, OK?
MAURO:
CERTO…POI TI HA MANDATO QUEL DOCUMENTO ALESSANDRO NO?
DANIELE:
OK A POSTO ME L'HA MANDATO VIA EMAIL?
MAURO:
SI SI L'HA GIA'...A COMMERCIALE L' HA MANDATA
DANIELE:
AH A COMMERCIALE? ADESSO FACCIO CHIAMARE AH OK! ADESSO
GUARDO A CASA PERCHÈ SULLA MIA NON SI È VISTA, VA BENE
MAURO:
OK...TI VOLEVO DIRE....LUI TI SERVIVA PER POI FARE LA PRESA VISIONE
DI QUEL LAVORO…
DANIELE:
FACCIO LA PRESA VISIONE SU UN ALTRO PROGETTO POI TI DICO...
MAURO:
VA BENE QUINDI FAMMI SAPERE COSÌ MI ORGANIZZO PER FARTI
PARLARE POI CON LUI O FARTI PARLARE CON QUALCUNO DEI SUOI
DANIELE:
NOO TI AVVISO PER TEMPO NON TI CHIAMERO' MAI DALLA MATTINA
ALLA SERA
MAURO:
BENISSIMO, TI RINGRAZIO...
DANIELE:
VA BENE?
MAURO:
CIAO CARO...UN ABBRACCIO...
DANIELE:
CIAO A PRESTO...
TOLBAR propone a D’ALFONSO di vedersi il giorno successivo (15.03.2018) in Milano perché
vuole fargli conoscere una persona.
La conversazione che segue è estremamente importante per la qualificazione dei reati atteso che, nello
stesso dialogo, vengono affrontati in maniera unitaria, due temi tra loro collegati, la dazione di denaro
(per il sostegno elettorale) e l'impegno di TOLBAR (e quindi di SOZZANI, sempre messo a
conoscenza da quest'ultimo) nelle gare di appalto a cui sta partecipando D'ALFONSO "senti, eh,
volevo sapere due cose, uno se avevi fatto poi…preso in carico quel discorso della fattura e...avevi
fatto qualcosa" [...] "SENTI, NOI STIAMO...DOVREMMO AVERE QUALCHE RISCONTRO A
BREVE SU QUEI DUE TEMI, APPENA...APPENA CE L'AVRÒ, SPERO DI AVERCELO ENTRO
DOMANI" [...] "SÌ, SÌ, STO ASPETTANDO DI AVERE DEI RISCONTRI SU TUTTI I...SUI TEMI
" [...] "AVEVO UNA PERSONA CHE AVREI VOLUTO FARTI CONOSCERE".
160
Prog. 34796 del 14.3.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
D'ALFONSO: Sì?
TOLBAR:
Sì, Daniele ciao come stai? Mauro TOLBAR
D'ALFONSO: Ciao Mauro
TOLBAR:
Ciao caro, tutto a posto?
D'ALFONSO: tutto bene, sì
TOLBAR:
senti, eh, volevo sapere due cose, uno SE AVEVI FATTO POI...PRESO IN CARICO
QUEL DISCORSO DELLA FATTURA E...AVEVI FATTO QUALCOSA…
D'ALFONSO: non mi è arrivato niente eh! via mail...
TOLBAR :
Oh Madonna!
D'ALFONSO: Controlla (si accavallano le voci ndr.)
TOLBAR:
ma, te l'avevo mandata, adesso te lo man...
D'ALFONSO: sulla mia mail non è arrivato niente
TOLBAR:
oh porca troia!
D'ALFONSO: fammelo rimandare per subito che...
TOLBAR:
te l'ho mandato sul...sulla mail commerciale eh!
D'ALFONSO: ah aspetta...
TOLBAR:
te l'avevo già detto
D'ALFONSO: commerciale non la guardo io però
TOLBAR:
la mail...eh lo so, sennò mi puoi mandare un messaggino con la tua mail che te la giro, te la
faccio girare immediatamente
D'ALFONSO: sì, te la mando subito
TOLBAR:
così almeno (inc.) evadiamo quella pratica
D'ALFONSO: ma scusa, dimmi il referent...dimmi il mittente?
TOLBAR:
ESTRO ENERGIA
D'ALFONSO: come?
TOLBAR:
ESTRO, Empoli, Savona, Torino, Roma, Otranto
D'ALFONSO: E-n-e-r-g-i-a (scandisce ndr.)...ca...
TOLBAR:
vuoi che te l'anticipo su whatsapp te la giro?
D'ALFONSO: no, no, la apro io., la apro io dall'altro (inc.) ci penso io, ESTRO ENERGIA hai ricevuto
mail...lo trovo io, se vedi che ti mando il mio indirizzo mail invece me lo mandi
TOLBAR:
va bene, perfetto
D'ALFONSO: ok
TOLBAR:
SENTI, NOI STIAMO...DOVREMMO AVERE QUALCHE RISCONTRO A BREVE SU
QUEI DUE TEMI, APPENA...APPENA CE L'AVRÒ, SPERO DI AVERCELO ENTRO DOMANI
D'ALFONSO: ESTRO ENERGIA mi dice che non ha ricevuto niente lui
TOLBAR:
EH…ALLORA PROVA ALESSANDRO CRESCENTI, A PUNTO CRESCENTI
D'ALFONSO: A PUNTO CRESCENTI
TOLBAR:
ESTRO tutto attaccato, CRESCENTI ESTRO tutto attaccato, hai qualcosa?
D'ALFONSO: vediamo...Noi ci vediamo quando poi?
TOLBAR:
Parli con me?
D'ALFONSO: che ti ho scritto un messaggio l'altro giorno per sapere se c'era qualche qualche
avvistamento
TOLBAR:
SÌ, SÌ, STO ASPETTANDO DI AVERE DEI RISCONTRI SU TUTTI I...SUI TEMI
D'ALFONSO: va bene
TOLBAR:
per cui appena ho…
D'ALFONSO: se chiami eh... ci incontriamo
TOLBAR:
SPERO TRA DOMANI E DOPO AVERE EH QUESTO TIPO DI RISCONTRI E...TU
DOMANI SEI SU MILANO?
D'ALFONSO: domani no, venerdì sì
TOLBAR:
SENTI, TI HO MANDATO SU WHATSAPP, SE GUARDI, LA, LA FATTURA COSÌ
ALMENO TE LA...TE LA FAI FUORI CON LUI
D'ALFONSO: ok, va bene
TOLBAR:
eh, così almeno.. poi ti mando anche i riferimenti del contatto così parlate
D'ALFONSO: sì, sì
161
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
TOLBAR:
D'ALFONSO:
della co... del... nel caso avete bisogno
ok
senti i...ti volevo dire, domani sei su Milano?
domani no, sono in Sardegna, sono venerdì a Milano
annagg... avevo sol...
però posso venire anche da te
avevo (si accavallano le voci ndr)
avevi una persona su Milano?
SÌ, AVEVO UNA PERSONA CHE AVREI VOLUTO FARTI CONOSCERE
va beh, dai, mi libero, son qua dai...
ma, mmh...per che ora sei lì?
ma...in tarda mattinata
caffè eh! cioè non... non è che c'è tanto... da fare, capisci?
ah perchè io sono all'aero...
ti ho mandato anche, ti ho mandato anche i riferimenti del (inc.)...
fammi guardare gli orari degli appuntamenti che ho e ti dico dai
sarebbe il massimo verso mezzogiorno e mezzo l'una
ok va bene
a dopo, ciao caro
ciao , grazie.
Come appare evidente dalla telefonata appena riportata, D’Alfonso non ha mai avuto contatti con la
società (o con il legale rappresentante della stessa) che ha emesso la fattura nei confronti di EcolService s.r.l. che Tolbar gli chiede di “prendere in carico” (vale a dire di pagare), al punto che
quest’ultimo gli deve compitare la ragione sociale. Ciò costituisce prova dell’assoluta fittizietà del
documento emesso da E.S.T.R.O. Energia s.r.l. e dell’inesistenza dell’operazione a cui fa riferimento.
La conversazione appare importante anche perché in essa Mauro Tolbar mette in stretta correlazione il
pagamento della “fattura”, ovverosia dell’illecito finanziamento, e la sua opera di intermediazione tra
D’Alfonso ed alcune persone che potrebbero essergli utili per l’ampliamento del suo giro d’affari: ciò
dimostra come il finanziamento erogato da D’Alfonso sia totalmente estraneo a motivazioni politiche
o ideologiche.
Attraverso l’ascolto telefonico era altresì possibile monitorare, il 15.03.2018, un incontro fra
TOLBAR Mauro, in compagnia di una persona non identificata, e D’ALFONSO Daniele che si
portava al luogo dell’appuntamento (l’IKEA di Corsico) a bordo della SMART ambientalizzata ed in
compagnia di TATARELLA Pietro (progr. 35174- 35258- 35268 su utenza ..733 in uso a
D’ALFONSO)
Come risulta dal servizio di o.c.p. (ALL. 7/22 inf.riep. CC Monza) , i quattro uomini, una volta
incontratisi, alle ore 12.30, si portavano presso il vicino Caffè “Real Time” ove si soffermavano fino
alle 14.59.
Nella serata dello stesso giorno verranno intercettate alcune conversazioni da cui emergeva un
continuo interessamento di TOLBAR a possibili partecipazioni da parte di D’ALFONSO a gare
pubbliche che vanno dalla manutenzione e pulizia degli scambi tranviari o ferroviari ad una bandita
dalla Società Metropolitana Acque di Torino s.p.a.
Particolarmente interessante è la seguente conversazione telefonica, in cui TOLBAR, oltre ad
affrontare le solite tematiche relative alla possibile partecipazione di D’ALFONSO a gare pubbliche,
gli formula una richiesta da contenuto alquanto sibillino, ("...L'ALTRO TEMA ERA QUELLO SE
RIUSCIVI A FARMI OGGI QUEL DISCORSO LÀ" [...] "GRAZIE FAMMI STA
CORTESIA...FALLO PARTIRE OGGI PERCHÈ SE NO").
Progr. 36408 del 19.3.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
D'ALFONSO: Ciao Mauro..
TOLBAR:
ciao caro tutto bene?
162
D'ALFONSO: si si
TOLBAR:
senti due cose, hai consegnato l'offerta?
D'ALFONSO: scade mi sembra giovedì ..
TOLBAR:
NO IL 19… (scadenza gara SMAT Torino Spa – ndr.)
D'ALFONSO: scade...aspetta eh aspetta che ti dico...si SMAT si Torino si si scusa...
TOLBAR:
ci sei andato? hai presentata?
D'ALFONSO: si scade alle tre stiamo caricando adesso stiamo caricando tutto adesso..
TOLBAR:
ottimo
D'ALFONSO: ...i documenti..
TOLBAR:
ottimo
D'ALFONSO: i...inc…sono già caricati manca l'offerta tecnica
TOLBAR:
ottimo…COM'È L'OFFERTA TECNICA SEI STATO "ACCURATO" SEI
STATO?
D'ALFONSO: siccome siamo in tre...siccome siamo in tre (inteso in ATI) questa a TORINO
però no ad ALESSANDRIA eh..
TOLBAR:
si TORINO il 19...
D'ALFONSO: siccome siamo in tre, noi uno di Roma e uno di Bologna…(VENTURI
Alessandro ndr.)
TOLBAR:
eh?
D'ALFONSO: stiamo caricando tutta l'offerta tecnica...l'offerta tecnica è a punteggio cioè sui
requisiti che hai, non è sul progetto di lavorazione...ok?
TOLBAR:
si...come sei messo?
D'ALFONSO: si si no no siamo messi bene, siamo tre grossi siamo tre aziende grosse ..
TOLBAR:
bene...bene bene bene bene ...
D'ALFONSO: NON SAREMO COMPETITIVI SULLO SCONTO PERCHÈ..
TOLBAR:
va bè va bè' va bè però...
D'ALFONSO: lì ovviamente fanno più sconto di noi…
TOLBAR:
I NUMERI...L'OFFERTA TECNICA È IMPORTANTE È ESSENZIALE ..
D'ALFONSO: si si si va bene ?
TOLBAR:
bene bene perfetto ..
D'ALFONSO: l'apertura è domani andiamo domani all'apertura.
TOLBAR:
grande poi...
D'ALFONSO: poi ci vediamo ..
TOLBAR:
una volta che hai fatto l'apertura parliamo..
D'ALFONSO: va bene grazie
TOLBAR:
grazie...L'ALTRO TEMA ERA QUELLO SE RIUSCIVI A FARMI
OGGI QUEL DISCORSO LÀ...(bonifico - ndr.)
D'ALFONSO: chiamo a casa e ti sento perchè sono tutti in riunione io non sono ancora
andato in ufficio...
TOLBAR:
GRAZIE FAMMI STA CORTESIA...FALLO PARTIRE OGGI
PERCHÈ SE NO
D'ALFONSO: ti chiamo dopo pranzo..
TOLBAR:
grazie un abbraccio
D'ALFONSO: ciao
TOLBAR:
ciao.
Dalle intercettazioni captate il giorno seguente si capirà che ciò che sta sollecitando TOLBAR Mauro
è l’effettuazione di un’erogazione a favore di SOZZANI, nel frattempo eletto, da effettuarsi prima del
suo insediamento a Roma il 25 o 26 marzo 2018.
-Progr. 37070 del 20.03.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
Daniele:
ciao Mauro.
Mauro: ciao caro, scusa se ti disturbo.
Daniele:
si.
163
Mauro: ascolta, eh .. abbiamo un problema di scadenza, perchè sai che si insediano il venti .. il ventisei
se non sbaglio, il venticinque o il ventisei ..
Daniele:
si ..
Mauro: eh .. a Roma .. e noi avevamo, entro il ventitre avevamo la scadenza per fare
Daniele:
si ..
Mauro: eh .. le cose qua .. porca miseria! Scusa se ti rompo le balle.
Daniele:
io domani mattina ho una riunione, che non c'ero oggi, sono stato via tutto il giorno
per una visita. Domani mattina ho la riunione del gruppo, anche finanziaria, quindi domani mattina so
qualcosa e ti faccio fare qualcosa di urgente, ti do un resoconto, qualcosa.
Mauro: grazie, grazie, perchè, guarda, dobbiamo risolvere sta cosa entro il ventitre avevamo fatto
conto di quel discorso lì ..
Daniele:
va bene ..
Mauro: che abbiamo, che abbiamo proceduto a fare. Grazie.
Daniele:
domani .. domani mattina, prima di mezzogiorno so tutto, ti faccio fare qualcosa di
urgente prima di mezzogiorno.
Mauro: grazie.
Daniele:
ci sentiamo alle undici.
Mauro: grazie Daniel, ciao caro.
Daniele:
ciao.
Che l’espediente per mascherare la dazione di denaro in favore di SOZZANI Diego sia costituito dal
pagamento della fattura a favore della società E.S.T.R.O. Ingegneria Srl, emerge altresì dalle
intercettazioni sulla persona di TOLBAR Mauro (RIT 591/18 e 67/18), che si riportano di seguito.
Il giorno 21 marzo 2018, TOLBAR informa CRESCENTI Alessandro Beniamino del fatto che
Daniele D'ALFONSO gli ha riferito che in giornata eseguirà “la cosa” che doveva essere fatta il
precedente lunedì 19 ed afferma "per cui poi appena fa quel passaggio lì poi abbiamo...abbiamo degli
elementi per poter discutere":
Il giorno 22 marzo 2018, poi, TOLBAR riferisce a CRESCENTI di aver incontrato Daniele
D'ALFONSO, il quale oggi ha fatto "quella cosa là” e, in proposito, gli chiede di verificare "poi
verificalo tu":
Nella mattina del giorno 23 marzo 2018, TOLBAR dialoga con Diego SOZZANI, il quale chiede
informazioni sulle attività che TOLBAR ha svolto il precedente giorno. In proposito, TOLBAR gli
comunica che la ECOL "ha fatto":
Utenza
Numero
Interlocutore
intercettata
interlocutore
3482466576
Diego
67/18
2193 23/03/2018
09:44:50 (Mauro
3939353484
SOZZANI
TOLBAR)
SUNTO: Mauro per Diego. Diego chiede come è andata ieri e Mauro comunica che ECOL (Daniele
D'ALFONSO) "HA FATTO" stamattina dovrà sentire Tiziano perchè non era in ufficio e "dall'altra
parte ci sono delle novità". Successivamente parlano di un prossimo cantiere a Stresa e di alcune
problematiche ad esso connesse. Poi Mauro riferisce che lui dovrebbe prendere BILARDO per
"un'orecchietta" ma prima di fare questo ne ha parlato con NINO, il quale gli ha risposto che
avrebbe provveduto lui "adesso lo prendo io per una orecchia" e sempre NINO gli ha detto
"comunque tu diglielo" (a BILARDO); in merito, Mauro chiede a Diego:
Mauro: ...quindi io adotto sempre la stessa politica, prima lui e poi...
Diego: ..il NINO e poi la cosa..
Mauro: vado avanti così!
Diego: assolutamente!
RIT
Prog.
Data
Ora
164
In data 23 marzo a conferma che “la cosa” di cui discutono gli interessati è proprio il pagamento di
una fattura, si riporta il contenuto di una mail giunta il 23.03.2018, alle ore 13:39 all’indirizzo di posta
elettronica [email protected], in uso a Alessandro Beniamino CRESCENTI (Decreto 208/18
INT P.M.), inviata da Mauro TOLBAR:
Con la predetta mail, TOLBAR invia, in allegato, la contabile del bonifico bancario dell’importo di
12.688,00 euro, eseguito da Daniele D'ALFONSO per conto della ECOL SERVICES S.r.l., il
precedente 22.03.2018, alle ore 12:20 (tramite la Banca di Credito Cooperativo di Binasco), in favore
della E.S.T.R.O. INGEGNERIA S.r.l. di Milano, con causale “PAG. FATT. N. 2 DEL 08/03/2018”.
Il P.M. nella propria richiesta ha riportato la scannerizzazione del documento relativo ai movimenti del
conto corrente n. 000005675X11 della Banca Popolare di Sondrio, intestato alla E.S.TR.O. Ingegeria
Srl. dell’Ing. CRESCENTI Alessandro Beniamino, da cui si evince l’accredito di 12.688,00 euro a
fronte di pagamento della sopra citata fattura da parte della Ecol Serice Srl.
Come si leggerà in seguito, la dazione di denaro è di 10.000 euro mentre i 2.500 costituiscono la quota
concordata da CRESCENTI Alessandro Beniamino per la sua mediazione, pari al 25% della somma
complessiva (Euro 188,00 è verosimile che siano stati aggiunti per non indicare una "cifra tonda" e
rendere credibile il pagamento per la fatturazione di un'operazione aziendale).
Nel tardo pomeriggio del 23 marzo 2018, quindi, TOLBAR chiede a CRESCENTI se ha ricevuto la
mail in questione e di metterlo al corrente se andrà tutto a buon fine (RIT 67/18 progr. 2225)
Dopo qualche giorno, in data 26 marzo 2018, TOLBAR domanda a CRESCENTI se “quella cosa” è
andata a buon fine e quest’ultimo risponde affermativamente, comunicando all’interlocutore le
tempistiche per l’evidente restituzione dell’importo bonificatogli da D' ALFONSO. In particolare,
CRESCENTI afferma che gli darà “qualcosa”, intendendo chiaramente una parte della somma di
denaro, il successivo mercoledì 28 marzo e successivamente in due tranche:
Utenza
intercettata
3482466576
67/18
2287 26/03/2018
15:32:19 (Mauro
TOLBAR)
...omissis...fino al minuto 01:20 della conversazione.
Mauro : Senti, hai visto se quella cosa è andata a buon fine?
Alessandro : Si! Si! È andata a buon fine.
Mauro : Ah, ok. Perfetto. E...come tempistiche cosa prevedi lì?
Alessandro : E...qualcosa...mercoledì...
Mauro : Umm...
Alessandro : ...poi...nel giro di...di...non so, facciamo due
mercoledì, dai.
Mauro : Va bene. Va bene. Perfetto.
RIT
Prog.
Data
Ora
Numero
interlocutore
Interlocutore
3356353523
Alessandro
Beniamino
CRESCENTI
tranche...comunque ne parliamo
Il seguente giorno 27 marzo 2018, pertanto, TOLBAR e CRESCENTI concordano telefonicamente di
incontrarsi di persona il giorno seguente a Milano.
165
Come concordato (Cfr. allegato 6 all’annotazione di p.g. della G.diF. del 27.04.2018 prot. 255052/18 estratto brogliaccio del giorno 06.04.2018 - progr. 219 Decreto 163/18 INT P.M. emesso nell’ambito
del p.p. n. 7135/2017 R.G.N.R. Mod. 21 della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto
Arsizio – Intercettazione ambientale autovettura targata DL148LA in uso a Mauro TOLBAR), nel
pomeriggio del 28 marzo 2018, TOLBAR si reca effettivamente a Milano unitamente all’ingegnere
Massimo VIGANÒ27, persona con cui TOLBAR intrattiene assidui contatti e frequentazione.
Saliti sulla Fiat Grande Punto, targata DL148LA, in uso a TOLBAR, i due intrattengono una
conversazione (RIT 163/18 INT P.M.): VIGANÒ chiede a TOLBAR se oggi ci sarà uno “scambio” di
documenti con CRESCENTI Alessandro Beniamino, intendendo evidentemente del denaro “...lo
chiamo sentiamo cosa dice...perchè lui ha già tutta la documentazione?...l'Alessandro ha già tutti i
documenti pronti per quella roba lì?...eh ma devi solo darglieli o c’è già uno scambio?...”; TOLBAR
riferisce che lui dovrà consegnare dei documenti a CRESCENTI e, nel contempo, gli chiederà cosa ha
combinato, in quanto CRESCENTI ha “fatto ponte” per la somma di 10.000,00 euro della campagna
elettorale di Diego SOZZANI “…io c'ho qua i documenti da dargli ad Alessandro…devo dargli i
documenti, devo...devo chiedergli cosa ha combinato, deve...perchè..(Mauro abbassa il tono di
voce)...LUI C'HA FATTO PONTE PER QUEI 10.000 EURO DELLA CAMPAGNA ELETTORALE,
NO?!..che non sono i 50.000, quella è un'altra roba…”. Infatti, TOLBAR specifica che detta somma di
denaro non è sua, ma deve ridarla a Diego SOZZANI e che CRESCENTI ha già ricevuto il pagamento
della relativa fattura “…che non son miei, devo ridarglieli a Diego…comunque Massimo, allora...la
fattura gliel'han pagata settimana l'altra...10.000, gliel'ha pagata e...e oggi bisogna vedere…”. Infine,
TOLBAR riferisce quali sono le condizioni economiche richieste da CRESCENTI per eseguire tale
operazione, precisando che questi aveva inizialmente richiesto una commissione del 30% mentre si
sono poi accordati sulla percentuale del 25% ottenendo un risparmio del 5% ossia 500 euro “...io gli
ho fatto questo discorso a Max…a...ad Alessandro…lui voleva il 30…io gli ho detto 25...500….anche
se non è un cazzo, però il 5% su 10.000 euro quant'è? 500 euro?...vabbè almeno qualcosa ci...cioè,
no?!...”.
Una volta risalito da solo nell’autovettura monitorata, parcheggiata in prossimità della fermata Metro
Bonola di Milano e dopo aver incontrato di persona CRESCENTI, TOLBAR rimane per alcuni minuti
in sosta nell’abitacolo della sua auto, lasso temporale in cui vengono registrati alcuni rumori,
sicuramente compatibili con il conteggio di denaro contante.
In data 04 aprile 2018, TOLBAR si accorda con CRESCENTI per incontrarsi nuovamente di persona a
Milano il successivo venerdì 06 aprile e gli chiede se in detto incontro riuscirà a fare ancora “un
discorso quello là”, riferendosi chiaramente alla consegna di ulteriori somme di denaro “…tu venerdì
riesci a fare ancora un discorso quello là, come sei messo?...”. In merito, CRESCENTI riferisce che
dovrà vedere se in settimana gli arriveranno, intendendo il denaro contante “…devo vedere se...se
questa settimana mi arrivano…”:
Utenza
Numero
RIT
Prog. Data
Ora
Interlocutore
intercettata
interlocutore
3482466576
Alessandro
67/18
2496 04/04/2018
10:32:57 (Mauro
3356353523
Beniamino
TOLBAR)
CRESCENTI
Mauro: tu venerdì riesci a fare ancora un discorso quello là, come sei messo?
Alessandro: devo vedere se...se questa settimana mi arrivano…
Mauro: ho capito, ho capito, và bè, vedi tu, se riesci cosi almeno facciamo un passo avanti.
Alessandro: va bene, ok d'accordo.
In data 06 aprile 2018, quindi, TOLBAR e CRESCENTI concordano di incontrarsi di persona nel
primo pomeriggio, presso la stazione ferroviaria di Gallarate (VA) (RIT. 67/18 progr. 25559)
Come stabilito, alle ore 13:35 circa del 06 aprile 2018, a bordo dell’autovettura monitorata Fiat
Grande Punto, targata DL148LA, TOLBAR incontra CRESCENTI Alessandro nei pressi della
27 Massimo VIGANÒ, nato il 26.01.1953 a Milano ed ivi residente in via Nullo Francesco n.18.
166
stazione ferroviaria di Gallarate (VA). Nella circostanza, appena salito in auto, CRESCENTI consegna
a TOLBAR un’ulteriore somma di denaro in contanti, pari a 1.500,00 euro (Cfr. allegato 7
all’annotazione di p.g. della G.diF. del 27.04.2018 prot. 255052/18 - estratto brogliaccio del giorno
06.04.2018 - progr. 219 Decreto 163/18 INT P.M. emesso nell’ambito del p.p. n. 7135/2017 R.G.N.R.
Mod. 21 della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio – Intercettazione
ambientale autovettura targata DL148LA in uso a Mauro TOLBAR):
Alessandro: ...te li metto qua nel cassetto.
Mauro:
ah! Sono?
Alessandro:
mille e cinque!
Mauro:
due e cinque?
Alessandro:
mille e cinque!
Mauro:
ah, mille e cinque, ok!
In data 10 aprile 2018 (Cfr. allegato 8 all’annotazione di p.g. della G.diF. del 27.04.2018 prot.
255052/18 - estratto brogliaccio del giorno 06.04.2018 - progr. 219 Decreto 163/18 INT P.M. emesso
nell’ambito del p.p. n. 7135/2017 R.G.N.R. Mod. 21 della Procura della Repubblica presso il
Tribunale di Busto Arsizio – Intercettazione ambientale autovettura targata DL148LA in uso a Mauro
TOLBAR), sempre a bordo dell’autovettura monitorata Fiat Grande Punto, targata DL148LA,
TOLBAR dialoga nuovamente con Massimo VIGANÒ, con il quale discute dei pagamenti che
Alessandro Beniamino CRESCENTI deve ancora eseguire. In particolare, TOLBAR fa riferimento, tra
l’altro, alle somme di denaro che CRESCENTI deve restituire in relazione al finanziamento illecito
della campagna elettorale di Diego SOZZANI, ribadendo gli accordi sulle commissioni “…senti,
allora, parliamo di Alessandro, Alessandro ha finora su...(probabilmente fa un gesto)…ne ha tirati
fuori..(probabilmente fa un gesto)...no?! ok! questi qua però sono puramente…sono puramente quelli
di…del giro, no?! quelli della campagna…io non metto in tasca un cazzo…anzi io siccome…siccome
non ci mettevamo un cazzo una minchia, ad Alessandro gli ho detto "non il 30, il 25..."..."e 5 per lo
meno le spese che stiamo sostenendo", io va bene…”.
In proposito, inoltre, TOLBAR afferma che la cosa importante è essere riusciti ad “agganciare” la
ECOL SERVICES S.r.l. “…a me, ti dico la verità, a me non interessa perchè….perchè così abbiamo
agganciato ECOL, abbiamo agganciato e adesso lì andiamo...andiamo avanti, no?!...”, intendendo
chiaramente che ci sarà la possibilità di aver ulteriori profitti dalla nascente relazione con
D'ALFONSO Daniele.
In data 19 aprile 2018 (Cfr. allegato 9 all’annotazione di p.g. della G.diF. del 27.04.2018 prot.
255052/18 - estratto brogliaccio del giorno 06.04.2018 - progr. 219 Decreto 163/18 INT P.M. emesso
nell’ambito del p.p. n. 7135/2017 R.G.N.R. Mod. 21 della Procura della Repubblica presso il
Tribunale di Busto Arsizio – Intercettazione ambientale autovettura targata DL148LA in uso a Mauro
TOLBAR), sempre a bordo dell’autovettura monitorata Fiat Grande Punto, targata DL148LA,
TOLBAR conversa con Alessandro Beniamino CRESCENTI.
I due discutono delle somme di denaro che CRESCENTI deve ancora consegnare a TOLBAR in
relazione ai diversi affari che hanno in corso d’opera. Riguardo le somme inerenti il finanziamento
illecito della campagna elettorale di Diego SOZZANI da parte della ECOL SERVICES S.r.l. di
Daniele D'ALFONSO, TOLBAR chiede quando gli verrà consegnata l’ultima tranche del denaro
“...magari anche in tre tranche, non è quello il problema, no?! se non è un problema per te, però è
meglio, siamo più…più tranquilli, no?!...e....un'altra cosa che ti volevo dire, mentre quella di ECOL,
perchè io purtroppo rendo conto anche su quella, che non è roba mia quella...quella di ECOL
riusciamo...cosa fai? Facciamo...anche quella andiamo in coda?!....come ci organizziamo su quella
lì?...”. In merito, TOLBAR conferma che si tratta di somme di denaro relative a diversi “percorsi”
“…io lo so che dividono che poi non è da dividere, però siccome ho due percorsi che sono totalmente
diversi…ma dimmi tu...dimmi tu il tempo…”. Quindi, CRESCENTI afferma che, anche se trattasi di
diversi “percorsi”, per ottenere il denaro contante da restituire a TOLBAR ed al fine di evitare prelievi
diretti dai suoi conti correnti, utilizza un altro ed unico “canale” “…a me verrebbe da dirti "io ti do i
soldi e fa quel cazzo che..."…uso...uso lo stesso canale…e mi...e mi arrivano i soldi, no?! Non...non
prelevo dal conto corrente perchè…non voglio far accendere…per cui stesso canale e...e niente…”.
167
Dalla medesima conversazione emerge chiaramente che l’ultima tranche di denaro, non ancora
restituita da CRESCENTI a TOLBAR, riguardante il finanziamento della campagna elettorale di
Diego SOZZANI da parte della ECOL SERVICES S.r.l., ammonta a 4.500,00 euro, che saranno
consegnati nelle prossime settimane:
Mauro:...adesso noi siamo…con ECOL mancano..
Alessandro: 4 e 5. (intende 4.500 ndr)
Mauro: 4 e 5...Quindi questi qui riusciamo a fare un passaggio oggi, no?! non riesci!?
Alessandro: ...eh...non li voglio prelevare dal conto corrente io…
Mauro: certo.
Alessandro: perchè ho già prelevato 3.000, sto..
Mauro: si, bisogna stare..
Alessandro: devo stare...non posso superare i 3.000 al mese, mentre li volevo mettere dentro assieme
con questi altri, no?! e allora..
Mauro: eh minchia però lì...mi mandi in giro con 15.000 euro, cazzo!
Alessandro: eh..ti mando in giro...(sbuffa)
Mauro: cioè, settimana questa?!
A parere del giudicante, gli elementi sopra riassunti consentono di ritenere dimostrata la sussistenza di
un quadro gravemente indiziario con riferimento ai reati di cui ai capi sub II.5 e II.6.
In particolare: in data 22.3.2018 D’ALFONSO eroga la somma, previamente concordata anche con
Caianiello, di 10.000,00 a SOZZANI Diego: significativo il fatto che il primo contatto registrato con
quest’ultimo, in cui comunica all’imprenditore la sua condidatura in un collegio sicuro, avvenga in
data 29.1.2018.
Nella stessa conversazione il candidato lo mette in contatto con Mauro Tolbar che, dal quel momento
in poi curerà gli aspetti operativi della vicenda.
In data 6 febbraio 2018 Sozzani chiama D’Alfonso e gli chiede esplicitamente a quanto ammonterà il
suo contributo.
D’Alfonso, sul punto, si coordina con CAIANIELLO e il successivo 22 febbraio 2018 comunica
aTatarella che l’erogazione ammonterà a non più di 10.000 euro
Il 5 marzo 2018 Tolbar comunica a D’Alfonso che Sozzani è stato eletto e il 9 marzo successivo
l’imprenditore incontra il neo-deputato a pranzo.
L’operazione avviene attraverso il pagamento, da parte di ECOL SERVICE s.r.l., della fattura per
operazioni inesistenti n. 2/2018, emessa dalla E.S.T.R.O. INGEGNERIA s.r.l. di Alessandro
CRESCENTI per l’importo di Euro 12.688,00 , in quanto maggiorato di circa Euro 2.500,00 pari al
compenso da riconoscere al CRESCENTI;
CRESCENTI monetizza l’incasso e lo consegna, in contanti ed in diverse tranche, a TOLBAR che
provvederà alla consegna al destinatario finale, SOZZANI Diego.
In merito, ritiene il giudicante che sia sufficiente richiamare: la conversazione in cui D’Alfonso
(parlando con Tatarella, sempre informato di ogni iniziativa del primo) associa la fittizia
sponsorizzazione alla squadra di calcio presieduta da Gorrasi (a cui si riferisce l’ulteriore episodio di
finanziamento illecito di cui al capo II.7) alla presente vicenda, riferendo di aver chiesto a Cianiello
indicazioni in merito all’importo da erogare (“non più di dieci”); le precedenti conversazioni
intrattenute da D’Alfonso proprio con Diego Sozzani in cui quest’ultimo informa il primo di essersi
candidato in un collegio sicuro e fa presente, da un lato, il suo interesse ad approfondire le relazioni
con Ecol-Service s.r.l. e, dall’altro, gli presenta il proprio intermediario Tolbar Mauro che, da quel
momento in poi, curerà tutta la “pratica” ; D’Alfonso non ha mai conosciuto Crescenti Alessandro né
la sua società ha mai intrattenuto effettivi rapporti commerciali con E.S.T.R.O. Energia s.r.l.;
Crescenti procede alla restituzione dell’importo della fattura, scorporato dalla sua “provvigione” pari
al 25%, in diverse tranches, effettuando pagamenti in contanti a Tolbar; che l’intera operaione si
riferisca al finanziamento della campagna elettorale di Sozzani è reso evidente dal fatto che Tolbar
comunica a D’Alfonso che la dazione debba essere effettuata prima dell’insediamento effettivo di
Sozzani alla Camera dei Deputati.
168
In punto di diritto, giova svolgere alcune brevi riflessioni in ordine al fatto che, con riferimento a tale
specifico finanziamento illecito, l’occulta erogazione di utilità a favore del pubblico ufficiale è stata
dissimulata attraverso accordi con società di comodo formalmente giustificativi del pagamento, talchè
è stata elevata anche la contestazione di cui al D.Lgs. 74/2000 (capo II.6 prima parte).
In merito, la giurisprudenza di legittimità ha espressamente affermato il principio che “le operazioni
non realmente effettuate in tutto o in parte” di cui al D.Lgs. 74/2000, qualificate come “inesistenti”,
ai fini della configurabilita’ dei reati di cui agli artt. 2 e 8 del citato decreto, debbano intendersi
anche quelle “giuridicamente” inesistenti, ovvero quelle aventi una qualificazione giuridica diversa
da quella formalmente attribuitagli” (Cass. Sez. 3 n. 13975/2008). E ciò è tanto più vero quando
l’operazione dissimulata è sottoposta al trattamento fiscale diverso da quello dell’operazione
documentata.
Pertanto, quando si fatturano come prestazioni di servizi per consulenze, quelle che, invece, sono
ricezioni di somme illecitamente corrisposte, si indica un’imposta sul valore aggiunto superiore
rispetto a quella reale: questa, infatti, se dovuta per le reali attività di consulenza non è prevista per il
finanziamento illecito ai partiti nè puo’ essere “scaricata” dal soggetto ricevente la fattura nei suoi
rapporti con il fisco (Cass. Sent. 52321 del 9.12.2016).
Qualora, poi, sia accertata l’emissione di fatture aventi ad oggetto costi in realtà non deducibili, ovvero
recanti un IVA in misura superiore a quella reale, e risulti la piena consapevolezza dell’indebito
vantaggio fiscale derivante dall’uso di tali fatture, deve ritenersi integrato anche l’elemento
psicologico.
In conclusione, dell’esame della vicenda legata al finanziamento illecito di SOZZANI Diego, deve
osservarsi come le conversazioni intercettate siano estremamente significative perchè delineano uno
spaccato quanto mai disarmante, sia dell’agire di coloro che sono chiamati, con le consultazioni
elettorali, a ricoprire la delicata funzione di governare la cosa pubblica, sia, soprattutto, del “sentire”
dei privati che, come D’ALFONSO, pensano che nel nostro sistema sia necessario elagire prebende
ai politici che hanno buone possibilità di essere eletti per assicurarsi future corsie preferenziali nei
rapporti commerciali con la p.a.
Molte sono, infatti, le intercettazioni da cui emerge come TOLBAR si stia dando da fare per favorire
ECOL SERVICE s.r.l., all’inizio con risultati non brillantissimi.
È, comunque, interessante svolgere una breve panoramica sulle stesse perchè, sulla carta, si tratta di
gare per milioni di euro e quindi estremamente appetibili: il fatto che TOLBAR si sia interessato
proprio di queste dimostra, in ogni caso, la sua capacità di inserirsi in procedure amministrative,
promosse da enti, si badi, tutti in Regione Piemonte (di cui, come visto, Sozzani, era stato, prima di
essere eletto al Parlamento, componente del Consiglio Regionale), di primo livello.
E, così:
- Gara d’appalto bandita dalla SMAT Spa di Torino, per l’affidamento del servizio di spurgo e pulizia
di vasche e manufatti degli impianti di depurazione di Castiglione Torinese e Chieri Fontaneto. Valore
totale stimato: Euro 970.000,00 IVA esclusa;
- Gara bandita da “Gestione Acqua Spa” di Novi Ligure (AL) con procedura aperta per l’affidamento
del servizio di nolo cassoni, prelevo, caricamento, trasporto e smaltimento presso impianti autorizzati
di fanghi derivanti dal trattamento di acque reflue urbane: suddiviso in 4 lotti.
- Gara bandita dalla Acqua Novara VCO Spa. L’importo a base d’asta del presente appalto risulta pari
ad € 4.709.058,59 iva esclusa, di cui € 51.485,18 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso ed €.
222.973,00 per costi della manodopera, per il periodo 15 giugno 2018 – 14 maggio 2019 (durata
dell’appalto: dal 15/06/2018 al 14/06/2019 senza possibilità di tacito rinnovoTermine per il
ricevimento delle offerte: ore 12:00 del giorno 26 aprile 2018.
- Gara bandita dalla AMAG Spa di Alessandria. Procedura Aperta (CIG 7360652 A2D) per il servizio
di Pulizia e spurgo delle caditoie stradali e relativo smaltimento dei rifiuti di risulta per il periodo di
mesi 12 dell'importo di 733.541 euro.
Si osservi, per completezza espositiva, che nell’informativa riepilogativa della Compagnia Cc Monza,
più volte citata, sia descritta, in modo molto dettagliato, la vicenda relativa all’interessamento, a
169
partire da fine giugno 2018, del TOLBAR per promuovere il soggetto ECOL SERVICE s.r.l. nella
gara “Acqua Novara VCO Spa”.
La assidua attività del faccendiere TOLBAR troverà, finalmente, una concretizzazione negli episodi di
turbativa del procedimento e di corruzione contestati a D’Alfonso ( e a Di Pierro) nonché, per la parte
pubblica, a Gallina Andrea ( ed al suo collaboratore Rissone Giovanni) ai capi II.10.a e II.10.b. di cui
alla richiesta integrativa di applicazione di misure cautelari del 13 aprile 2019.
Pertanto, volendo riassumere e concludere con riguardo ai capi II.5 e II.6 primo enunciato si evidenzia
che D’ALFONSO Daniele, SOZZANI Diego, TOLBAR Mauro, in concorso tra loro, D’ALFONSO
nella sua qualità di A.U. di Ecol-Service s-.r.l. , SOZZANI quale candidato alle elezioni politiche
nazionali per la Camera dei Deputati nella lista “FORZA ITALIA-BERLUSCONI PRESIDENTE” e
TOLBAR Mauro quale intermediario, si accordavano affichè il primo elargisse un finanziamento
illecito al candidato SOZZANI: in particolare D’ALFONSO pari a 10.000 euro in assenza della
prescritta delibera da parte dell’organo sociale competente e senza annotare l’elargizione stessa nel
bilancio di esercizio. Per evitare tali incombenti formali, e quindi per celare la reale identità del
finanziatore, l’erogazione avveniva a mezzo del pagamento della fattura n. 2/2018 da ritenersi emessa
a fronte di una prestazione inesistente da parte di E.S.T.R.O. Ingegneria s.r.l., di cui è legale
rappresentante CRESCENTI Alessandro, fattura dell’importo complessivo, comprensivo di IVA, pari
ad euro 12.688,00 con l’intesa per cui, una volta ricevuto il bonifico da ECOL-SERVICE s.r.l.,
CRESCENTI avrebbe dovuto retrocedere a TOLBAR (che, a sua volta, la indirizzerà al destintario
finale, Diego SOZZANI) la complessiva somma di 10.000 euro (retrodazione che avverrà in diverse
tranches, a causa delle difficoltà economiche in cui, come vedremo, si imbatte CRESCENTI) e
trattenimento della somma di 2.500,00 euro a titolo di compenso per l’attività di intermediazione
svolta.
A quest’ultimo proposito, che le diverse tranche via via retrocesse da Crescenti a Tolbar fossero
destinate alla campagna elettorale di Sozzani è dimostrato dalle conversazioni intrattenute
dall’intermediario con Viganò in cui il primo spiega trattarsi di soldi “non propri” relativi ad
un’operazione in cui Crescenti ha fatto “da ponte”.
Quanto all’effettivo concorso di CRESCENTI Alessandro Beniamino nel reato di cui al capo II.5
ritiene il giudicante che gli indizi sopra rappresentati non appaiano dotati della sufficiente gravità per
applicare una misura cautelare all’indagato in questione: in effetti, dalle conversazioni esaminate
emerge che, soltanto dopo l’emissione della fattura per operazione inesistente, Tolbar spieghi a
Crescenti che quella somma, di cui sollecita la retrodazione, non è destinata a sé stesso ma ad altri a
cui deve render conto.
I commenti che Crescenti esprime depongono nel senso della sua totale indifferenza rispetto alla
effettiva destinazione delle somme: egli si giustifica a proposito del ritardo con cui procede alla
retrodazione in quanto, per ottenere il contante, osservando la precauzione di non prelevare dal conto
corrente somme superiori ai 3.000 euro mensili (che farebbero scattare le automatiche segnalazioni
anti-riciclaggio) utilizza un unico “canale” in cui convoglia appunto la “monetizzazione” dei diversi
compensi per le diverse f.o.i. emesse su richiesta di Tolbar nella pluralità di affari illeciti in cui verrà
coinvolto.
In termini più espliciti, non si ha prova sufficiente, a parere del giudicante, che Crescenti, al momento
dell’emissione della fattura n. 2/2018 fosse consapevole che la stessa fosse destinata a mascherare
l’illecito finanziamento a Diego Sozzani, circostanza di cui verrà messo a conoscenza da Tolbar, ma
soltanto in un momento successivo alla consumazione del reato di cui al capo II.6.
Viceversa, appaiono sussistere gli estremi, sotto il profilo della gravità indiziaria, del delitto contestato
al capo II.6 prima parte poichè, per quanto appena detto , la fattura n. 2/2018 di E.S.T.R.O. Ingegneria
s.r.l. deve considerarsi emessa a fronte di operazione giuridicamente e naturalisticamente inesistente e
ciò anche al fine di consentire ad ECOL-SERVICE s.r.l. di evadere le imposte sui redditi (annotando
la stessa come costo) e dell’imposta sul valore aggiunto (scaricando l’IVA relativa).
La disamina dei capi d’incolpazione appena compiuta appare rilevante, nella visione d’insieme
dell’indagine, in quanto registra l’entrata in scena di due personaggi, TOLBAR Mauro e CRESCENTI
170
Alessandro Beniamino, che, come si vedrà, risulteranno protagonisti anche di ulteriori gravi vicende
descritte nella terza parte della richiesta di applicazione di misura cautelare.
Mentre per CRESCENTI il ruolo rivestito, anche in tale secondo scenario, rimane quello di schermo
attraverso il quale mascherare la dazioni corruttive (attraverso lo stesso sistema di emissione, da parte
della sua società, di fatture per operazioni inesistenti e successiva retrodazione ai soggetti corrotti),
Mauro TOLBAR acquisterà sempre maggior rilevo divenendo, con l’uscita di scena “apparente” del
suo originario dominus Diego SOZZANI, in seguito alle elezioni a Deputato della Repubblica, uno dei
più significativi collaboratori di Gioacchino CAIANIELLO all’interno dell’associazione operante
nella provincia di Varese e facente capo a quest’ultimo, mantenendo tuttavia il ruolo di “figuracerniera” con l’associazione milanese, a dimostrazione della stretta connessione esistente tra le due
organizzazioni criminose.
Capi II.7. e II.8. IL FINANZIAMENTO ILLECITO A PALUMBO ANGELO ed i
RAPPORTI CON CAIANIELLO NINO
L’attività di “semina” di D’ALFONSO non si limita all’area milanese (dove attraverso il
finanziamento illecito di 25.000 euro si è assicurato i favori, per sé o per altri, di ALTITONANTE
Fabio) e alla Regione Piemonte (di cui era consigliere SOZZANI Diego poi divenuto membro della
Camera dei Deputati, - ma con un profondo radicamento in buona parte delle province piemontesi, attraverso il finanziamento illecito a sostegno della sua campagna elettorale pari a 10.000 euro) ma,
grazie alla preziosa collaborazione di CAIANELLO Gioacchino, rinforza i propri contatti politici nella
ricca provincia di Varese.
In particolare, come risulta dall’informativa Compagnia CC Monza cit., CAIANIELLO, anche
attraverso i suoi fidati collaboratori, tra i quali l’avv. GORRASI Carmine e PEDRONI Marcello,
cercherà di agevolare la ECOL SERVICE Srl di D’ALFONSO nelle gare d’appalto bandite dalla
società ALFA Srl28 (società partecipata di Varese), all’interno della quale PEDRONI Marcello è un
influente consigliere d’amministrazione.
In particolare, la Ecol Service Srl., nel marzo 2018, ha partecipato alla gara con procedura aperta per il
servizio di manutenzione delle reti fognarie e servizio spurghi 2018 (C.I.G. 73818921FD) dell’importo
di 1.300.000 euro, il cui esito non è stato però favorevole; tale possibilità – già trapelata dalle
intercettazioni telefoniche - è sfumata poiché l’intervento di CAIANIELLO-GORRASI-PEDRONI, di
seguito ricostruito, si rivelerà tardivo.
A quel punto i tre si attivavano per agevolare la “Ecol Service” nelle gare d’appalto di prossima
pubblicazione da parte delle società partecipate ALFA Srl. e Prealpi Servizi Srl.29
CAIANIELLO Gioacchino, per non comparire in prima persona in tali vicende, si avvale della stretta
collaborazione di GORRASI e PEDRONI per i seguenti motivi:
PEDRONI Marcello 30 è consigliere di due importanti società municipalizzate che gestiscono il
servizio idrico in Varese la ALFA Srl. e la PREALPI SERVIZI Srl. Egli, come documentato
dall’attività tecnica in atto, ha rapporti telefonici diretti con D’ALFONSO poiché, in qualità di
assicuratore, fornisce la copertura ai numerosi veicoli della società ECOL SERVICE Srl. con polizze
per decine di migliaia di euro;
GORRASI Carmine è un consigliere comunale di Busto Arsizio (eletto per Forza Italia), con delega
alle società partecipate e nel mese di aprile 2018 è stato nominato membro del Consiglio di
amministrazione dell’A.ATO (Autorità di Ambito Territoriale Ottimale), che è un ente provinciale, del
quale fanno parte numerosi comuni della provincia di Varese, che si occupa del governo e del
28 Alfa Srl. con sede a Varese in p.zza Libertà n. 1 – P.I. /C.F. 03481930125 – società che gestisce il servizio idrico di proprietà della
Provincia di Varese e di buona parte dei comuni della medesima provincia. Presidente CERANA Celestino e A.D. BRATTA Saverio Maria
29 Prealpi Servizi Srl. con sede a Varese in via Peschiera - è una società interamente pubblica costituita nel dicembre del 2008 e della quale
sono socie – tra gli altri - le tre principali ex municipalizzate della provincia: l'Aspem di Varese, l'Agesp di Busto Arsizio e l'Amsc di Gallarate.
Insieme, queste tre aziende detengono oltre il 60% del capitale sociale. Gli altri soci sono le cinque società ecologiche provinciali (ex
consorzi) e i comuni di Tradate e Gerenzano.
30 PEDRONI Marcello, nato a Somma Lombardo il 10.03.1952 - (condannato in primo grado dal Tribunale di Varese e poi prosciolto dalla
Corte d’Appello di Milano con sentenza 1359/06, datata 31.03.2006 per sopraggiunta prescrizione, per i reati di cui agli artt. 81 CPV C.P.
110 - 319 - 319 BIS - 61 N. 7 C.P. 81 CPV- 61 N. 7 - 110 - 317 C.P. artt. 61 N. 7 - 81 CPV 110 - 314 C.P. 110 - 416 C.P.)
171
controllo degli investimenti di tutte le società municipalizzate che gestiscono il servizio idrico
integrato, è in sostanza “il garante del servizio idrico dei cittadini”.
GORRASI Carmine, durante le passate consultazioni elettorali, era stato DIRETTORE GENERALE
del “BUSTO 81”, la squadra di calcio di Busto Arsizio, che, come di seguito si illustrerà, verrà
utilizzata per far giungere un finanziamento illecito di complessivi 10.000 euro (6.000 con bonifico
bancario e 4.000 in contanti), da parte di D’ALFONSO Daniele, e destinato alla campagna elettorale
di PALUMBO Angelo, sostenuto da CAIANIELLO Gioacchino.
L’esito delle urne è stato favorevole a CAIANIELLO e GORRASI, i quali – potendo contare su un
importante bacino di voti nella provincia varesina - sono riusciti a far eleggere come Consigliere
regionale di Forza Italia PALUMBO Angelo31, l’uomo prescelto all’ultimo momento da
CAIANIELLO, in luogo di MARSICO Luca, Consigliere regionale uscente (v. capo III.14).
È stato pertanto cristallizzato il ruolo, anche con riguardo a tale aspetto della complessa attività
d’indagine, di facilitatore e di “cerniera” fra l’organizzazione milanese e quella varesina di
CAIANELLO che, grazie alla sua notevolizzima influenza politica, è in grado di etero-dirigere molti
soggetti della p.a.
Come si vedrà nell’illustrare la parte terza dell’indagine, in effetti,pare riduttivo attribuire a
Gioacchino CAIANIELLO il ruolo di mero “facilitatore” (figura che si attaglia maggiormente
all’indagato Pietro TATARELLA), essendo egli risultato il vero e unico manovratore di ampi e
rilevantissimi settori di amministrazione pubblica nell’intera Provincia di Varese e, in misura meno
pervasiva, in Regione Lombardia.
Come si illustrerà meglio, Nino CAIANIELLO è risultato essere “il grande burattinaio” nell’attività di
insediamento di uomini chiave in enti pubblici che gestiscono rilevantissimi flussi di denaro che egli
indirizza verso destinatari a lui prossimi, ottenendone diretti benefici in termini economici (attraverso
il prelevamento di una quota percentuale sull’emolumento di volta in volta erogato dalla parte
pubblica- la c.d. “decima”) e, soprattutto, in termine di incremento del proprio potere.
L’episodio per cui si ritiene raggiunto un quadro indiziario grave è quello relativo al finanziamento
illecito operato da ECOL SERVICE s.r.l. nei confronti del PALUMBO attraverso la falsa fatturazione
della ADS Busto Arsizio.
A livello di metodologia espositiva, peraltro, deve osservarsi come la disamina di questa vicenda deve,
inevitabilmente, intrecciarsi con quella dei “ritorni” immediati che D’ALFONSO ha avuto, dopo il suo
finanziamento (o, forse meglio definirlo, investimento) a favore del PALUMBO: a partire dal marzo
2018, infatti, verrà monitorata una frenetica attività di CAIANIELLO, attraverso i suoi uomini di
fiducia, GORRASI e PEDRONI, finalizzata ad agevolare in ogni modo l’imprenditore
nell’aggiudicazione di gare bandite, in quei giorni, da società a partecipazione pubblica operanti in
Brianza.
Si premette, sempre per chiarezza espositiva, che tutta questa trattazione è importante perché utilmente
dimostrativa del reato associativo di cui al CAPO II.1.
La ricostruzione di tale finanziamento deve partire dalla conversazione ambientale n. 689 (già citata a
proposito del capo II.5 relativo al finanziamento illecito a SOZZANI Diego), intercettata il 16.02.2018
a bordo dell’auto Smart di D’ALFONSO Daniele (RIT. 75-18), ove quest’ultimo, nell’evidenziare al
padre Giovanni gli sforzi economici da lui compiuti per tessere “relazioni” con alcuni politici, a
seguito dei quali auspica di trarre interessanti benefici economici derivanti dall’aggiudicazione di gare
d’appalto, dice che ad Alessandria e a Varese “sono messi bene”, intendendo che sono appoggiati
politicamente. Daniele: “…E ALESSANDRIA, SIAMO MESSI BENE, SAI RISPETTO A NON
AVER NESSUNO, NO?...VARESE SIAMO MESSI BENE…”
…omissis…
16.37.30
Daniele: quella lì di Alessandria, quella li di Alessandria...consigliere regionale della regione
Piemonte di FORZA ITALIA, NOI GLI STIAMO DANDO UNA MANO (fa riferimento a
SOZZANI Diego Consigliere della regione Piemonte, neo eletto parlamentare), quindi noi
NOVARA, ALESSANDRIA e quello li di NOVI..NOI SIAMO MOLTO...inc...capito?...VA A
31 PALUMBO Angelo, nato a Busto Arsizio il 21.01.1978 – consigliere della Regione Lombardia di Forza Italia
172
ROMA LUI ADESSO, GLI STIAMO DANDO UNA MANO PER LA CAMPAGNA DI
ROMA...GLI HO DATO...DEVO DARGLI 6000!...OPERATIVO LUI EH...INC...ALL'ENTE
DELL'ACQUA DI NOVARA, SE ESCE LA FACCIO (gara - ndr.)...E ALESSANDRIA, SIAMO
MESSI BENE, SAI RISPETTO A NON AVER NESSUNO NO? VARESE SIAMO MESSI
BENE...POI
STIAMO
USANDO
ANCHE
IL
SUO
LABORATORIO,
SIAMO
USANDO...LABORATORIO QUELLO DI MILANO SERRAVALLE È SUO E DI SUO
FRATELLO...
(cambiano discorso)…omissis…
Poche ore dopo, sempre a bordo dell’autovettura Smart di D’ALFONSO Daniele si registrava la
conversazione ambientale n. 693, nel corso della quale D'ALFONSO riferisce a TATARELLA Pietro
che è uscita una importante gara inerente gli spurghi bandita dall’ALFA di Varese (società controllata
dalla provincia di Varese e della quale fanno parte buona parte dei comuni della provincia varesina) e
che in relazione a ciò deve sentire subito “Marcello”, del quale si lamenta poiché non lo avrebbe
avvisato tempestivamente, in modo da consentirgli di poter preparare l'offerta in maniera più accurata.
Il citato “Marcello” si identifica in PEDRONI Marcello, attuale presidente di AGORA’ Forti e Liberi
di Varese (associazione di Forza Italia nella quale sono inseriti anche CAIANIELLO Gioacchino,
detto Nino - quale presidente onorario - e GORRASI Carmine) alla cui agenzia assicurativa
"ASSISOMMA" di Somma Lombardo, D’ALFONSO versa, in relazione al contenuto delle
intercettazioni ambientali, 50 mila euro l’anno per la copertura del proprio parco veicoli.
D’ALFONSO afferma: "Oh!!! è uscita una gara in ALFA a Varese...un MILIONE E CENTO!!!" [...]
"SPURGHI! ALFA...ehm...ehm...coso...Marcello!!! "[...] "un milione e cento bomber!!! eh? ti piace eh
bomber??!!! solo che cazzo doveva avvisarmi" [...] "BOMBER DOVEVA AVVISARMI CHE
GUARDAVO ALMENO QUALCHE REQUISITO QUALCOSA...minchia coglione, stiam facendo le
polizze insieme ci siamo pure visti l'altra sera in teatro e non mi dici un cazzo...LUNEDI MATTINA
VADO DA CARMINE...LUNEDI MATTINA A MEZZOGIORNO SONO DA CARMINE, IN
UFFICIO DA CARMINE SUBITO (Gorrasi Carmine - ndr.)[...]”
Durante il dialogo sulla gara d’appalto bandita dall’ALFA Srl. di Varese, D’ALFONSO precisa a
TATARELLA che il lunedì successivo si recherà immediatamente da GORRASI Carmine dal quale si
aspetta un aiuto concreto nella gara d’appalto in esame, in virtù del suo incarico di assessore comunale
di Busto Arsizio con delega alle società partecipate.
Le speranze di D’ALFONSO in GORRASI Carmine sono ben riposte poiché quest’ultimo come già
accennato è uno dei più fidati collaboratori di CAIANIELLO, il quale - oltre ad essere in diretto
contatto telefonico con CERANA Celestino (Presidente dell’ALFA Srl. che come emerge dalle
intercettazioni pende letteralmente dalle sue labbra) - è il presidente “onorario” dell’associazione
benefica di Forza Italia denominata “AGORA’ Forti e Liberi” – sez. di Varese, il cui presidente in
carica è proprio PEDRONI Marcello che, non a caso, è anche un consigliere dell’ALFA Srl. di Varese.
Amb. n. 693 del 16.2.2018 su SMART tg. FM430MK di D’ALFONSO (RIT 75/18)
…omissis…
Daniele:
Oh!!! È USCITA UNA GARA IN ALFA A VARESE...UN MILIONE E
CENTO!!!
TATARELLA: e chi la fa?
Daniele:
eh?
TATARELLA: CHI È IL COMMITTENTE?
Daniele:
SPURGHI!
ALFA...ehm...ehm...coso...MARCELLO!!
(PEDRONI
Marcello, consigliere della ALFA Srl - assicuratore)
TATARELLA: ah!! pensavo Alfa Romeo io...
Daniele:
un milione e cento bomber!!! eh? ti piace eh bomber??!!! solo che cazzo
doveva avvisarmi...
TATARELLA: che cosa?
Daniele:
BOMBER DOVEVA AVVISARMI CHE GUARDAVO ALMENO
QUALCHE REQUISITO QUALCOSA...minchia coglione (PEDRONI Marcello che fa anche
l'assicuratore ndr.), stiam facendo le polizze insieme ci siamo pure visti l'altra sera in teatro e non mi
dici un cazzo...LUNEDI MATTINA VADO DA CARMINE...LUNEDI MATTINA A
173
MEZZOGIORNO SONO DA CARMINE, IN UFFICIO DA CARMINE SUBITO (AVVOCATO
GORRASI CARMINE - CONSIGLIERE COMUNALE DI BUSTO ARSIZIO DI FORZA ITALIA NDR.)...
TATARELLA: FAI BENE!
…omissis…
In data 22.02.2018 a bordo dell’auto Smart di D’ALFONSO si registrava un’altra importante
conversazione ambientale (n. 832), dalla quale è possibile comprendere come per mascherare la
provenienza del finanziamento diretto a PALUMBO Angelo, candidato in Regione Lombardia nella
lista “FORZA ITALIA-BERLUSCONI PER FONTANA”, GORRASI Carmine aveva pensato ad una
sponsorizzazione del D’ALFONSO all’ “ADS Busto 81”, squadra di calcio di Busto Arsizio, di cui
GORRASI Carmine è il direttore generale.
Amb. n. 832 del 22.2.2018 su SMART tg. FM430MK di D’ALFONSO (RIT 75/18)
DANIELE:
IL MISTER SI È INVENTATO UNA ROBA!!...
TATARELLA: ...si è inventato?...
D'ALFONSO: ...SPONSORIZZAZIONE SQUADRA DI BUSTO...
TATARELLA: BUSTO COSA?
D'ALFONSO: BUSTO ARSIZIO...CALCIO..."
TARATRELLA:
QUANTO GLI VUOI DARE?
D'ALFONSO: eh 6 e 4 IN CONTANTI...(breve pausa)...GLI HO DETTO A NINO (CAIANIELLO - ndr.)
DI DIEGO (SOZZANI - ndr.)
TATARELLA: CHE HA DETTO?
D'ALFONSO: NON PIÙ DI DIECI HA DETTO..." (CAIANIELLO invita D'ALFONSO a donare a
SOZZANI non più di 10.000 euro - ndr.)
…omissis…
Nei giorni successivi, dato che D’ALFONSO non aveva ancora provveduto ad effettuare la citata
sponsorizzazione, interviene nella vicenda direttamente CAIANIELLO Gioacchino.
Progr. 6088 del 28.2.2018 su utenza 3357635216 in uso a TATARELLA Pietro (RIT 105/18)
Nino: tanti, te lo dico, perché cominciando da Dante, dicono che danno una mano ma perché sei tu,
non perché è lui...(fa riferimento al contributo che Dante farà a ALTITONANTE Fabio il quale in
questa fase è coadiuvato da TATARELLA nella campagna elettorale per la rielezione a consigliere
regionale - ndr.)
Pietro: si ma quello lo so, è una costante
Nino: questo già la volta scorsa era così...SENTI MA IL NOSTRO DANIELE CHE FINE HA
FATTO? (si riferisce a D'ALFONSO Daniele - ndr.)
Pietro: ieri era in Puglia, oggi è...mi sembra in Veneto, torna domani...
Nino: DIGLI CHE C'É ANCHE LA PROVINCIA DI VARESE OGNI TANTO EH!...
Pietro: glielo dico, glielo dico...
Si salutano.
Venerdì Nino sarà "giù" (a Milano, probabilmente da Berti)
Il versamento della contribuzione di Euro 10.000,00 verrà effettuato il successivo giorno 2 marzo
quando, nel corso dell’amb.1022 sulla SMART di D’ALFONSO, quest’ultimo, si reca a Caronno
Varesino: qui incontra GUMIERO Gianfranco32 (detto zio) cui riferisce che se non andrà giù da
Carmine (GORRASI Carmine - ndr.) farà una figuraccia, poiché in quella stessa mattinata ha fatto un
bonifico da 10 mila euro anche a lui: "zio! se non vado giù da Carmine faccio una figura di cazzo,
perchè l'ho fatto anche a lui stamattina, HO FATTO UN DECA ANCHE A LUI".
32 GUMIERO Gianfranco nato a Varese il 12.10.1969, titolare di ditta individuale che si occupa di raccolta
rifiuti
174
Il fatto che D’ALFONSO specifichi a GUMIERO “che ha versato del denaro a Carmine” è rilevante
perché in quel momento D’ALFONSO e GUMIERO si stavano adoperando per effettuare un analogo
bonifico bancario (dell’importo di 10.000 euro) in favore di Fratelli d’Italia, richiesto a D’ALFONSO
dall’amico imprenditore GROSSI Andrea. (l’intera vicenda del finanziamento al partito politico
Fratelli d’Italia è analiticamente descritta nel paragrafo relativo a capo II.9).
amb.1022 su SMART tg. FM430MK di D’ALFONSO (RIT 75/18)
[Pr.1022 - A - 5 ore 13:37:21]: si avvicina Daniele, uomo gli dice "(inc) magari arriva" e Daniele dice
"ZIO SE NON VADO GIÙ DA CARMINE FACCIO UNA FIGURA DI CAZZO, PERCHÈ L'HO
FATTO ANCHE A LUI STAMATTINA, HO FATTO UN DECA (10.000 EURO) ANCHE A LUI!"
Che l’illecito finanziamento sia avvenuto con le modalità sopra indicate lo si evince dall’analisi dei
conti correnti bancari della società di calcio ASD BUSTO 81, da dove, in data 23.02.2018 alla voce
“avere”, emerge un accredito a mezzo di bonifico di € 7.320,00 (settemilatrecentoventi) con
indicazione “Bonifico a vostro favore da ECOL-SERVICE, per pagamento fattura n.5 del 13/02/2018
” (cfr. annotazione di p.g. datata 08.11.2018).
Si evidenzia che l’importo del bonifico in questione è speculare di quello concordato nel dialogo
avventuo in data 22.02.2018 (progr. 832 Ambientale SmartD’ALFONSO) nel quale D’ALFONSO
dice a TATARELLA che “IL MISTER SI È INVENTATO UNA ROBA!!...”
“...SPONSORIZZAZIONE SQUADRA DI BUSTO...” “BUSTO ARSIZIO...CALCIO...” “eh 6 e 4 IN
CONTANTI...”; infatti l’importo è costitutito da euro 6.000, più iva (22%) euro 1320, per un totale di
euro 7.320.
Ad ulteriore conforto della sopraindicata ricostruzione indiziaria, si pongono, poi, le risultanze
dell’attività tecnica, svolta nell’ottobre 2018, nei confronti di CAIANELLO Nino (allegato 3
all’annotazione 28.11.2018 GdF di Busto Arsizio).
Nel pomeriggio del 30 ottobre 2018, ( progr. 68, 69, 70, 71, 73, 75, 76, 77, 87, 89, 90, 95, 98 - RIT
1544/18 Telematica IMEI 35920707441097 in uso a Gioacchino CAIANIELLO) Nino CAIANELLO
e Mauro TOLBAR, seduti ad un tavolo dell'HAUS GARDEN CAFE di Gallarate (VA), venivano
intercettati mentre facevano il punto sui diversi “affari” illeciti che hanno corso.
Nel contesto, Nino chiede a TOLBAR di procurare degli imprenditori disposti a porre in essere false
sponsorizzazioni sportive in favore proprio dell’ ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTI
BUSTO 8133,sopra indicata, che, peraltro, è appetibile per le società in relazione alle favorevoli
normative fiscali che vengono incontro alle associazioni sportive dilettantistiche in termini di
tassazione dei redditi ed IVA34. In particolare, Nino rappresenta a TOLBAR la necessità di reperire
delle aziende disposte a “sponsorizzare” la società dilettantistica gestita da Carmine GORRASI,
specificando che si tratta di una sponsorizzazione a “parti inverse”, dove l’importo della relativa
“falsa” fattura verrà poi rigirato “… io ho bisogno però ti dicevo, poi un'altra cosa è..GORRASI..se
noi riusciamo a dare la sponsorizzazione...a parti inverse eh! cioè nel senso...la fattura..(inc.le abbassa
il tono della voce)… …poi loro lo girano, capito?!...”. In proposito, TOLBAR si mostra subito
disponibile e chiede chi gestirà tali operazioni e l’ammontare dei relativi importi “…ma lo gestiscono
loro questo discorso? ma che numeri? quanti?... …no io no ho proble…devo solo sapere il numero…”.
Nino prospetta che sia lo stesso TOLBAR a “gestire” dette operazioni fraudolente ed esprime la sua
unica necessità, costituita dal reperire le aziende disponibili, ipotizzando anche degli importi delle
33
ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTI BUSTO 81, con sede in Busto Arsizio (VA), via Valle Olona n. 12, esercente attività di enti e
organizzazioni sportive – C.F.: 01858890120.
34
Le associazioni sportive (o società) dilettantistiche in regime fiscale forfetario beneficiano di una serie di vantaggi sia in termini
di esonero di adempimenti che di aliquote impositive. Per godere del regime fiscale agevolato gli interessati devono svolgere l’attività
attenendosi a quanto previsto nello statuto e, al contempo, rispettare le direttive impartite dal Coni o dalle Federazioni sportive. Per poter
fruire dell’opzione per la determinazione forfetaria del reddito, le associazioni devono aver conseguito proventi derivanti dall’attività
commerciale per un importo non superiore a 400.000 euro (tetto elevato a decorrere dal periodo d’imposta in corso alla data del 1°
gennaio 2017). La società sportiva dilettantistica trae parecchi benefici dalla stipula di un contratto di sponsorizzazione perché, in virtù di
un regime fiscale agevolato, la legge 398/1991, oltre alla tassazione agevolata degli utili, ovvero il pagamento dell’IRES sul 3% del proprio
volume d’affari, gode della determinazione dell’IVA forfettaria ovvero, la liquidazione del 50% dell’IVA incassata per ricavi commerciali
(pubblicità, sponsorizzazioni, ecc.) e i 2/3 dell’Iva incassata sulle fatture emesse per le cessioni dei diritti televisivi e di trasmissione
radiofonica. Il resto dell’IVA resta alla sponsorizzata.
175
“false” sponsorizzazioni “…non lo so, possiamo anche...dire che te la gestisci tu, cioè vediamo… …io
ho bisogno... ...che tu mi dici "guarda io ho la ditta X....che va...20", per dire, no?! cioè..allora io so
che faccio 30…”.
A conferma che la società dilettantistica interessata all’operazione è l’ASSOCIAZIONE SPORTIVA
DILETTANTI BUSTO 81 e che, per conto della stessa, opererà Carmine GORRASI, quando
TOLBAR manifesta la sua intenzione di lasciare il locale, Nino gli chiede di attendere perché sta
intervenendo sul posto GORRASI, con il quale discuterà per la questione del “calcio” “...no aspetta,
sta arrivando Carmine… …così ti faccio parlare.....per la questione lì del calcio...e anche di
ECOMONDO, perchè questo mi sa che viene anche lui… …l'avvocato GORRASI… …lui è il..adesso
è il commissario cittadino a...Busto Arsizio...avvocato, consigliere comun… .....ed è direttore generale
della...del BUSTO 81, della scuola di calcio!...”.
Dopo pochi minuti, infatti, GORRASI si presenta presso l'HAUS GARDEN CAFE e Nino comunica a
GORRASI la vicenda illecita da realizzare di cui ha già parlato a TOLBAR, costituita dalla “storia
delle fatture” “...l'altra cosa, ho parlato con lui per la storia delle fatture di…”. Una volta che Nino si è
allontanato momentaneamente dal tavolo, TOLBAR e GORRASI rimangono soli e continuano a
parlare di politica nazionale. Nel contesto, GORRASI chiede a TOLBAR delucidazione
sull’argomento delle fatture riferitogli da Nino “…ma non ho capito cosa stava dicendo…” e questi
spiega che “…lui diceva che..che..se ci sono degli imprenditori che hanno bisogno di..di fare soldi…”.
Facendo implicitamente intendere che si tratta di condotte fraudolente già attuate e collaudate,
GORRASI risponde “…questo me lo devi dire te...dipende...(inc.le)…”. In proposito, TOLBAR
chiede se è già previsto un “parametro di partenza” ed il “taglio” “…tu non hai già un parametro di
base..di partenza?... ...che tagli però?... ..come fai?..quanto ci vuole?..quanto tempo..?...”, riferendosi
chiaramente all’entità delle sponsorizzazioni, alla relativa percentuale di “commissione” da
corrispondere per l’operazione illecita e al tempo impiegato affinché il denaro versato ritorni al
destinatario. GORRASI risponde che i tempi dell’operazione dipendono dall’importo della “falsa”
sponsorizzazione, in particolare, cita ad esempio un importo di 10.000,00 euro, in relazione al quale
può garantire tempi ristretti di restituzione mentre, per importi più elevati, necessita di maggior tempo
“…dipende, guarda, dipende proprio da...ci son quelli... …quanto vuoi, io c'ho delle
società..(inc.le)..io no ho problemi… …dipende da quanto parliamo, perchè se parliamo di 10.000
mila euro, ti dico subito… …se parliamo di..(inc.le)..30..40, mi devi lasciare un pò di tempo…
…10.000 posso...10.000 faccio 50 e 50… ...(inc.le)..più vabbè l'IVA vabbè, l'IVA è a parte, no perchè
io la recupero la metà… …come ASD..(inc.le)..è ovvio che su una roba del genere va spezzettata un
po’...”.
Chiaro è, il riscontro, anche se a distanza di mesi, delle modalità con le quali viene usata la citata
associazione dilettantistica e, più, precisamente, il suo ruolo di “collettore” di finanziamenti.
Con riferimento al finanziamento di cui al capo II.7, deve rilevarsi che la sua datazione (primi di
marzo) è molto significativa: in quei giorni, infatti, il D’ALFONSO era impegnatissimo nel
predisporre e depositare un’offerta per la partecipazione ad una gara, indetta da ALFA srl di Varese
(società partecipata dalla Provincia di Varese e da una serie di Comuni, che gestisce il servizio idrico
integrato), di cui si ha contezza dall’attività tecnica.
È altamente indicativo che, eseguito il finanziamento, D’ALFONSO attiva, tramite TATARELLA, il
canale CAIANELLO .
In tal senso deve essere valorizzata la conversazione ambientale n. 1428 del 26.03.2018 su BMW di
TATARELLA: D’ALFONSO chiede a TATARELLA se devono andare “su” (Gallarate), ad
incontrare Carmine GORRASI e CAIANIELLO Gioacchino, ricevendo la rassicurazione che non è
necessario perché GORRASI Carmine ha chiamato una terza persona che ha colloquiato con “il
presidente” e quando si vedranno a Milano GORRASI e CAIANIELLO gli diranno qualcosa in
merito.
Amb. 1428 del 26.3.2018 su BMW X5 DW811PZ in uso a TATARELLA Pietro (RIT 75/18)
Daniele:
lasciamo lei e poi andiamo su?
Pietro: non dobbiamo andare su
Daniele:
no?
176
Pietro: alle 9 e un quarto...
Daniele:
perché?
Pietro: EH PERCHÉ ALLE 9 E UN QUARTO CARMINE (NDR. GORRASI CARMINE) HA
CHIAMATO QUELLO LÌ CHE ANDAVA DAL PRESIDENTE LÌ DAL DIRETTORE...
Daniele:
quindi non andiamo su?
Pietro: eh no...alle 9 e un quarto
Daniele:
HO CAPITO PERÒ MI DEVE DIRE QUALCOSA...
Pietro: EH TE LO DICO IO COSA GLI HA DETTO...
Daniele:
ah, pensavo non ti avesse detto niente
Pietro: no no, inc.
Daniele:
tu a me non mi hai detto andiamo su alle 9
Pietro: non te l'ho detto perché me lo ha detto ieri sera...
Daniele:
ah...
Pietro: MA NON DOVEVAMO ANDARE NOI ALLE 9
Daniele:
ANDAVA LUI...(ndr. GORRASI Carmine)
Pietro: andava lui alle 9 e un quarto
Daniele:
E QUINDI POSSIAMO VEDERLO...NON VUOI VEDERLO?
Pietro: NO, POSSIAMO VEDERLO MA TANTO VENGONO A MILANO (intende che GORRASI e
CAIANIELLO li vedranno comunque a pranzo c/o il ristornate da Berti - ndr.)
Daniele:
ah ok
Pietro: TU A CHE ORA DEVI PORTARE I DOCUMENTI?
Daniele:
È TELEMATICA ALLE 3 SCADE (la partecipazione alla gara n.d.r.)
Pietro: ah ok
Lo stesso giorno ( 26.03.2018), D’ALFONSO – impaziente di concludere l’iter per la preparazione
dell’offerta economica della gara d’appalto in esame - contatta (prog. 39181 del 26.3.2018 su utenza
..733 in uso a D’ALFONSO) GORRASI per chiedergli se si vedranno a pranzo, GORRASI dice che
gli farà sapere perché dovrà prima interpellare terza persona, riferendosi, così come risulta dalla
successiva ambientale n. 208 già citata, a CAIANIELLO, con il quale – come vedremo - giungerà poi
a Milano presso il ristorante “da Berti”. (vds. relazione O.C.P. in data 26.03.2018 in all. 7/23 inf. riep.
CC Monza)
Poco dopo, come già detto, GORRASI Carmine sale sull’autovettura BMW X1 di CAIANIELLO per
recarsi con questo a Milano al ristorante (che, come risulta dall’ocp sopra indicato, sarà “Berti”): nel
tragitto gli dice che deve contattare BRATTA vale a dire l’A.D. di ALFA s.r.l.
Amb. n. 208 del 26.03.2018 BMW X1 FM414BG (RIT 303/18)
(Ore 12.34.40 - inizio trascrizione integrale)
GORRASI:
fammi sentire un attimo BRATTA perchè io boh non riesco a capire...
(GORRASI telefona a BRATTA Saverio AD di ALFA Srl) si sentono gli squilli del telefono)
Nella richiesta dell’Ufficio del P.M. è riportata la trascrizione integrale delle captazioni ambientali
avvenute all’interno del veicolo di CAIANIELLO mentre costui, in compagnia di GORRASI, si sta
recando a Milano al ristorante Berti per incontrare D’ALFONSO e TATARELLA.
Il contenuto della trascrizione, per quanto rilevante al fine di tratteggiare la figura di CAIANIELLO
quale “burattinaio” ed artefice di buona parte delle collocazioni di suoi uomini di fiducia in seguito
alle elezioni appena svolte a livello regionale e nazionale, viene omessa in quanto non direttamente
rilevante per il capo d’incolpazione che si sta esaminando.
A conferma del fatto che la gara che vede impegnato il D’ALFONSO, con l’aiuto del GORRASI, sia
quella che riguarda ALFA s.r.l. si pone la seguente conversazione, intercettata alle 14.32 del giorno
26.3 , a pranzo terminato, fra il primo e GUMIERO: D’ALFONSO dice di aver visto GORRASI a
pranzo e deve solo decidere che sconto fare nell’offerta economica (DANIELE: NIENTE DEVO
DECIDERE CHE SCONTO FARE, DAI CARMINE (GORRASI Carmine - ndr.) L'HO
177
VISTO…BASTA CI RAGIONO UN ATTIMO POI VENGO SU DA TE DOPO DAI... – Prog. 39342
del 26.3.2018 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO )
Ciò che preme osservare, in questa sede, è come chiarissima sia la logica sottesa al finanziamento
oggetto di incolpazione: lungi da essere motivata da ideali politici, l’erogazione è unicamente
finalizzata a creare canali oscuri e privilegiati ad ECOL SERVICE in vista dell’ottenimento della gara.
In tal senso sono quanto mai significative le seguenti conversazioni in cui D’ALFONSO spiega
chiaramente al padre come CAIANIELLO e GORRASI lo stiano agevolando cercando, addirittura, di
far modificare la gara stessa e mettendo un “loro uomo” in ALFA s.r.l. (costui è da identificarsi in
BORSANI Davide come emergerà dalla successiva esposizione)
Prog. 39354 del 26.03.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
Padre:
dimmi.
D'ALFONSO: eh ... mi hanno detto che adesso arriva il nuovo custode lì nel condominio .. e non c'è
problema a prendere l'appartamento, ha detto "prendilo" mi ha detto.
padre:
Quale?
D'ALFONSO: quello di oggi mi ha detto di andar tranquillo, ha detto "vai tranquillo" ..
padre:
ah, si, ho capito.
D'ALFONSO: l'appartamento prendilo ..
padre:
da dare in affitto, si, ho capito, ho capito.
D'ALFONSO: l'appartamento prendilo, non ti preoccupare, tu prendilo, dopo ..
padre:
si, ho capito ..
D'ALFONSO: se hai bisogno qualcuno che ti da una mano ..
padre:
alla .. alla .. va bene ..
D'ALFONSO: dai una stanza .. eh ..
padre:
trasloco, si, ho capito, ciao.
D'ALFONSO: capito? Quindi bisogna pensare ai numeri.
padre:
ciao.
D'ALFONSO: ciao.
Amb. 1599 del 26.3.2018 su SMART tg.FM430MK (RIT 75/18)
…omissis…
Milano , Corsico Via Palmiro Togliatti, 11 > 17 - 12 > 14[Pr.1599 - A - 5 ore 14:52:21]:Daniele si
ferma presso Ecol Service e abbassa il finestrino, si riporta in integrale
Daniele: il loro (BORSANI Davide dirigente di ALFA Srl. ndr.) si insedia il 9, 9 di Aprile...adesso,
per quello ha detto "vai, perchè dopo (inc) ne abbiamo già parlato, ci siamo pure andati, non l'abbiamo
modificata perchè non si poteva più modificare...perchè chi l'ha fatta è quello vecchio", gli ho detto,
ma l'ha fatta per qualcuno? e mi ha detto "per noi no, però..."
…omissis…
D’ALFONSO concorda con il padre di formulare un’offerta non troppo aggressiva perché ciò
potrebbe essere causa di esclusione dalla gara
Prog. 39372 del 26.03.2018 su utenza n. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
GIANNI:
Pronto!
D'ALFONSO: No! Di più NO!
GIANNI:
No no!
D'ALFONSO: Basta!
GIANNI:
Si! No.. se no..
D'ALFONSO: È al limite del giustificabile, cioè, almeno giustificabile, basta!
GIANNI:
Ma secondo me fai il 25%, non vanno oltre, secondo stai sbragando troppo!
[…..]
D'ALFONSO: Se quello di Varese lo manda , manda (inc) blindato (inc) punti siamo blindati! basta!
Io spero solo quello! Che quello manda l'altro libretto!
178
GIANNI:
No! E invece devi sperare che siano in tre e che tu faccia il miglior prezzo, e che loro
siano ultimi! E il miglior prezzo.. economico!
D'ALFONSO: Ah il miglior prezzo! Esatto!
GIANNI:
Perchè se a te danno, per esempio .. 30... ed all'altro gli danno, che ne so... 25... a loro
gli danno.. hai capito cosa...
I due si accorderanno per un ribasso del 26.66%, così come risulta dalla progr. 39489 del 26.3.2018 su
utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele.
Nei giorni successivi, sempre dall’attività tecnica, emergeranno altri incontri D’ALFONSOGORRASI verosimilmente finalizzati ad avere aggiornamenti sulla gara (progr. 44951 del 10.4.2018;
progr. 46704-46853 del 16.4.2018; prog. 50258 del 23.4.2018 tutti su utenza ..733 in uso a
D’ALFONSO).
Importante è anche rilevare come D’ALFONSO tenga sempre perfettamente informato il
TATARELLA di cosa sta accadendo.
Nel corso della seguente conversazione ambientale intercettata il 10.05.2018 a bordo dell’autovettura
Smart Two (RIT. 75-18), D’ALFONSO Daniele dice a TATARELLA Pietro di aver appreso che alla
gara Alfa Srl. hanno partecipato 5-6 aziende e che il giorno successivo (11.05.2018) si recherà da
Carmine GORRASI per chiedergli di fargli sapere qualcosa in merito.
Amb. 2680 del 10.05.2018 su SMART tg.FM430MK (RIT 75/18)
[Pr.2680 - A - 5 ore 15:42:11]:Daniele dice che ad Alessandria ha perso per due punti e mezzo
[Pr.2680 - A - 5 ore 15:43:49]:
Pietro:
domani devo andare da Damiano.
Daniele:
domani .. c'è quello lì di Mauro che non mi risponde più, cioè, quello lì di SOZZANI
non mi risponde più.
Pietro:
come mai?
[Pr.2680 - A - 5 ore 15:44:40]:
Pietro:
di altre news non abbiamo niente?
Daniele:
io voglio .. voglio chiudere Damiano domani .. minchia, guarda .. voglio chiudere
Damiano domani io, basta, dopodichè, dopodichè aspetto solo Varese.
[Pr.2680 - A - 5 ore 15:47:20]:
Pietro:
Varese niente ancora? Ma il motivo lo hai capito qual è?
Daniele:
è tanto adesso, eh? Più di un mese
Pietro:
in quanti hanno partecipato?
Daniele:
cinque o sei.
Pietro:
la gara la .. INC .. e non hanno aperto neanche i documenti.
Daniele:
no, i documenti li hanno già aperti.
Pietro:
nessuno escluso.
…OMISSIS….
[Pr.2684 - A - 6 ore 19:47:29]:
Daniele:
io alle dieci e mezza devo essere da Carmine, vengo dopo ..
Pietro:
vai dove? A Varese?
Daniele:
vado a Legnano.
Pietro:
ma Varese, non ti ha detto, non ti ha fatto sapere un cazzo?
Daniele:
minchia, niente. Infatti domani gli dico "oh, vai su". Oh, quello di Diego ( Tolbar
Mauro, n.d.r.) non risponde, è pesante sta cosa, eh?
…omissis…
179
Il giorno 14.05.2018, al termine del consueto pranzo presso il ristorante da Berti di Milano, viene
intercettata, a bordo della SMART di D’ALFONSO una fondamentale conversazione con
CAIANIELLO Gioacchino che ha, chiaramente, ad oggetto la gara ALFA s.r.l.
Amb. 2773 del 14.5.2018 su SMART D’ALFONSO tg.FM430MK (RIT 75/18)
…omissis…
[Pr.2773 - A - 4 ore 12:15:17]: segue trascrizione integrale
Nino: hai fatto quello che dovevi fare?
Daniele: e che ho fatto, niente ho fatto!
Nino: come niente hai fatto?
Daniele: e poi non rispondono
Nino: non hanno risposto?
Daniele:
no..(inc)
Nino: MA SEI ANDATO DA MARCELLO? (PEDRONI Marcello - ndr.)
Daniele: SONO ANDATO ANCHE DA MARCELLO SÌ
Nino: eh
Daniele: HA DETTO CHE GUARDAVA, sono andato da Marcello, uno perchè non sta pagando, c'ho
delle fatture scadute e non pagano (inc) incazzare
Nino: azz non pagano!
Daniele:eh e gli ho detto di guardarmele "eh ma tu me lo devi dire", gli ho detto, io non ti devo chiamare
per queste stronzate, dovrebbero pagarle in autonomia, E POI SONO ANDATO ANCHE PER
QUELLO E HA DETTO CHE GUARDAVA TUTTO....
…omissis…
Si badi che PEDRONI Marcello siede nel Cda di ALFA S.R.L. (CFR. visura CCIAA) e che i due si
fossero incontrati il precedente giorno 11 maggio risulta dai progr. 57940 e 57942 di detta data su
utenza con finale 733 in uso a D’ALFONSO.
In data 11.7.2018, a bordo dell’auto Smart viene intercettata la conversazione ambientale n. 4172, tra
D'ALFONSO Daniele e TATARELLA Pietro, che è l'ulteriore riprova di come CAIANIELLO
Gioacchino si sia – seppur in ritardo - adoperato per tentare di far aggiudicare la gara degli spurghi
bandita da Alfa Srl all’imprenditore Daniele D’ALFONSO. Emerge inoltre come TATARELLA
Pietro abbia informato D'ALFONSO di aver incontrato CAIANIELLO Gioacchino (lo scorso 9 luglio
come di consueto presso il ristorante "Da Berti"- evento documentato dalle telefonate intercettate tra
gli indagati e dalle celle radio base agganciate dai rispettivi telefoni cellulari) e di essersi lamentato
con lui dell'esito infruttuoso della gara indetta da ALFA Srl "io gliel'ho detto..." [...] "si si" [...] "eh...
non lo so lì cazzo (inc)...non va" [...]inc...IL PROBLEMA SAI QUAL'È? IL PROBLEMA NON È
QUELLO CHE È SUCCESSO...È QUELLO CHE LUI (Nino Caianiello ndr.) MILLANTA
PRIMA!"[...]"no a me mi avevan detto che due cose e quella più piccola era chiusa ma tu nei hai fatta
solo una li"; D'ALFONSO sottolinea come la seconda (gara, ndr.) di cui ha parlato CAIANIELLO non
era altro che una sciocchezza di lavoro da 10.000 euro " NON VA, NON VA, NON VA...siamo quarti,
non possiamo fare niente perchè siamo quarti...(si riferisce alla gara degli spurghi bandita da ALFA
Srl. di Varese dove la Ecol Service si è classificata 4^ - ndr.) [...] "CERTO... "È CHIUSA, È CHIUSA,
È CHIUSA" (riporta le parole che gli aveva detto Nino Caianiello)" [...] "scusa ma quella di coso cosa
faccio 10.000 euro di lavoro (inc.) HO FATTO UN DEPURATORE CON MARCELLO (PEDRONI
Marcello - consigliere di ALFA Srl. - ndr.), figa 10.000 euro!!...(pausa)"
Cnv. Amb. 4172 dell'11.7.2018 ore 19:37 - Smart - RIT 75/18
D'Alfonso:
senti con NINO cosa facciamo? (fa rif. a Nino Cainaiello ndr.)
Tatarella:
io gliel'ho detto...
D'Alfonso:
ah l'hai beccato?
Tatarella:
si si
D'Alfonso:
cosa ha detto?
Tatarella:
eh...non lo so lì cazzo (inc)...non va
180
D'Alfonso:
NON VA, NON VA, NON VA...siamo quarti, non possiamo fare niente perchè siamo
quarti...(si riferisce alla gara degli spurghi bandita da ALFA Srl di Varese dove la Ecol Service si è
classificata 4^ - ndr.)
Tatarella:
inc...IL PROBLEMA SAI QUAL'È? IL PROBLEMA NON È QUELLO CHE È
SUCCESSO...È QUELLO CHE LUI (Nino Caianiello ndr.) MILLANTA PRIMA!
D'Alfonso:
CERTO..."È CHIUSA, È CHIUSA, È CHIUSA" (riporta le parole che gli aveva detto
Nino Caianiello)
Tatarella:
no a me mi avevan detto che due cose e quella più piccola era chiusa ma tu nei hai
fatta solo una li...
D'Alfonso:
scusa ma quella di coso cosa faccio 10.000 euro di lavoro (inc.) HO FATTO UN
DEPURATORE CON MARCELLO (PEDRONI Marcello - consigliere di ALFA Srl. - ndr.), figa
10.000 euro!!...(pausa)...quando l'hai visto?
Tatarella:
l'ho visto lunedì, sono andato apposta
D'Alfonso:
no siamo pazzi cioè...SE NE VUOL MANDAR VIA TRE (tre aziende che si sono
classificate prima della Ecol Service nella gara ALFA di Varese - ndr.)
Tatarella:
ma va!
…omissis…
La vicenda è stata poi trattata direttamente tra TATARELLA e CAIANIELLO.
Il 5 novembre 2018, è stata intercettata a Milano una conversazione intercorsa tra Nino e Pietro
TATARELLA (amb. Sessione n. 4 - Attività progr. 25 - RIT 1695/18 Telematica attiva IMEI
35728109085746) nel corso della quale i due discutono di vari argomenti e, nel contesto, quest’ultimo
lo informa dell’uscita di un avviso per la manifestazione d’interesse della società di Marcello
PEDRONI, relativo al servizio di spurghi “...invece ti volevo dire una cosa...adesso è uscita lì a Varese
una manifestazione di interessi, lì da MARCELLO sulle..sempre spurghi quelle robe lì che fa
Daniele…”, riferendosi chiaramente alla in house PREALPI SERVIZI S.r.l., società nella quale
PEDRONI è consigliere delegato. Da una verifica tramite le fonti aperte internet, nella sezione “bandi
di gara” del sito della suddetta società (www.prealpiservizi.it), è stato possibile verificare l’effettiva e
recente pubblicazione dell’“avviso manifestazione d’interesse per la partecipazione ad un accordo
quadro con più operatori economici per lavori manutentivi sulle reti idriche e fognarie”, riguardante
l’esecuzione di lavori per un importo complessivo di 900.000,00 euro e con scadenza per l’invio delle
manifestazioni fissato al 30.11.2018. In merito, TATARELLA precisa che si tratta di lavori che
“…che fa Daniele…”, intendendo Daniele D'ALFONSO, e chiede a Nino di intervenire con
PEDRONI, al quale dovrà essere rappresentato di gestire “meglio” detta gara in quanto D'ALFONSO
ha già ricevuto “una inculata”, relativamente ad una precedente gara, pertanto bisogna “farla come si
deve” “…digli sta volta di gestirla meglio, l'altra volta gli ha dato una inculata cazzo!...l'altra volta ha
fatto..ha fatto un modello...per come ha tirato fuori la gara, l'altra volta ha fatto proprio un'inculata,
digli di farla come si deve… …di metterla...”. Nino si rende disponibile ad assecondare detta richiesta
e chiede a TATARELLA di concordare un incontro utile a definire l’accordo illecito “…vieni su e la
vediamo… …vieni su e vediamo...tu dimmi quando vieni..puoi venir su…”. In proposito,
TATARELLA riferisce che, nel frattempo, farà presentare a Daniele D'ALFONSO la manifestazione
d’interesse per detta gara “…vengo io...dimmi tu...intanto lui..intanto la manifestazione di... …dimmi
tu quando vederlo, intanto lui partecipa alla manifestazione di interessi…”. Quindi, Nino afferma che
contatterà a breve Marcello PEDRONI per organizzare un incontro di persona “…cazzo...no lo devo
chiamare perché stamattina come previsto… …Marcello è...è campione di canarini… …c'ha
l'allevamento di canarini… …lo vediamo al volo…”, al quale poi chiederà la “disponibilità” a porre in
esser detta condotta illecita e sollecitando TATARELLA ad inviare la manifestazione d’interesse
“…comunque adesso io chiederò la disponibilità, però non dare...uhè...dalla a breve...ok?! non
andiamo oltre i 10 giorni eh!...”.
Amb. 25 del 5.11.2018, ore 11:04 mediante Spyware IMEI 35728109***746 ut. CAIANIELLO
AL MIN. 01.30
181
TATARELLA: INVECE TI VOLEVO DIRE UNA COSA...ADESSO È USCITA LI’ A VARESE
UNA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE, LI’ DA MARCELLO (PEDRONI MARCELLO
COSIGLIERE DELLE MUNICIPALIZZATE ALFA SRL E PREALPI SERVIZI SRL -NDR.)
SEMPRE SU SPURGHI QUELLE ROBE LI CHE FA DANIELE (D'ALFONSO DANIELE NDR.)
CAIANIELLO: SI
TATARELLA: DIGLIA STA VOLTA DI GESTIRLA LUI...L'ALTRA VOLTA GLI HA DATO
UNA INCLULATA CAZZO!...L'ALTRA VOLTA HA FATTO UN MODELLO...SICCOME HAI
TIRATO FUORI LA CAVA L'ALTRA VOLTA HA FATTO L'INCULATA...DIGLI DI FARLA
COME SI DEVE
CAIANIELLO: VIENI SU CHE LA VEDIAMO
TATARELLA: DI METTERLA...
CAIANIELLO: VIENI SU... TU DIMMI QUANDO PUOI VENIR SU
TATARELLA: VENGO IO ? DIMMI TU...INTANTO LUI LA MANIFESTAZIONE DI
INTERESSE
CAIANIELLO: LO DEVO CHIAMARE PERCHÈ STAMATTINA COME PREVISTO
TATARELLA: SI
CAIANIELLO: Marcello è campione di canarini
TATARELLA: cioè?
CAIANIELLO: ha l'allevamento di canarini
TATARELLA: ha vinto?
CAINAIELLO: morto!
TATARELLA: è morto il canarino?
CAIANIELLO:
sta mattina si è svegliato e il canarino è morto...gli sono morti due canarini
TATARELLA:
INTANTO LUI PARTECIPA ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE...
CAIANIELLO:
LO VEDIAMO AL VOLO
TATARELLA: DAI!
(PAUSA)
CAIANIELLO: COMUNQUE ADESSO IO CHIEDERO' LA DISPONIBILITA'...PERÒ NON
DARE...UÈ...DALLA A BREVE...OK? MANDIAMO...INC...10 GIORNI...
TATARELLA: INC...OK PER STA ROBA QUA
Caianiello lascia Tatarella si incammina
Immediatamente, CAIANIELLO tenta di contattare telefonicamente proprio Marcello PEDRONI, il
quale risulta irraggiungibile: (prog. 30198 del 5.11.2018 su utenza ..4221 in uso a CAIANELLO)
riuscendo a dialogare i successivo 6 novembre 2018, riferendo di averlo cercato per fissare un
appuntamento con terze persone “...ho chiamato perchè ti avevo chiamato anche ieri perchè dovevo
fissare un appuntamento con te...e insieme ad altre persone…”, chiaramente riferendosi a Pietro
TATARELLA e Daniele D'ALFONSO. Nel contesto, i due si accordano per vedersi di persona di lì a
poco, presso l’abitazione di Caianiello.
Come concordato, alle ore 17:30 circa del 06 novembre 2018, (amb. 84 85, 86, 88 - RIT 1695/18
Telematica attiva IMEI 3572810908574635) Caianiello si trova unitamente a Marcello PEDRONI
presso la sua abitazione di Gallarate (VA), via Grandi n. 21, al quale “…Marcè m’ha detto..”, frase a
seguito della quale la registrazione dell’intercettazione si interrompe a causa della modalità telematica
di registrazione.Che Caianiello faccia riferimento a quanto riferitogli da Pietro TATARELLA il
precedente giorno è evidente dalle successive affermazioni dei due. Infatti, nel successivo progressivo
dell’intercettazione, Nino dispone che PEDRONI faccia una gara “come si deve” “…lì devi fa una
gara fatta come si deve…”, medesime frasi proferite da TATARELLA a Nino “…digli di farla come si
deve…”. In proposito, PEDRONI rappresenta che Daniele D'ALFONSO gli aveva in precedenza
comunicato la sua intenzione di non partecipare a detta gara “…lui ha detto che non partecipava…” e
Nino lo avvisa che, comunque, lo incontreranno “…si, però poi lo vediamo e…”. PEDRONI, ancora
una volta, manifesta la sua disponibilità all’incontro utile a definire gli accordi illeciti “…volentieri,
volentierissimo, anche perchè lì...”.
35 Si rinvia alla trascrizione in allegato inf. riep. CC Monza
182
Giova sottolineare che dopo l’incontro tra TATARELLA e CAIANIELLO, in cui il primo ha
evidenziato le lamentele di D’Alfonso, sono seguiti diversi contatti e incontri tra D’ALFONSO e
PEDRONI Marcello, propedeutici alla partecipazione alla gara in argomento ( progr. 158953 del
4.12.2018 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO – PEDRONI COSÌ TI FACCIO PARLARE CON
CHI SEGUE QUELLE COSE LÌ"; prog. 162133 del 7.12.2018 su medesima utenza PEDRONI
risponde: "DEVO VEDERTI INSIEME AL RESPONSABILE LÌ PERCHÈ ABBIAMO UNA SERIE
DI PROPOSTE DA FARTI PER VEDERE COSA PUOI FARE TU PERCHÈ QUEL BANDO NON
È PER LE CADITOIE PER QUELLE COSE...È DIVERSO È UN'ALTRA COSA").
Come concordato, in data 07.12.2018 D’ALFONSO si reca con la sua auto Fiat 500 Rivale a Somma
Lombardo (VA) ad incontrare Marcello PEDRONI per concordare con lui la strategia da mettere in
atto per aggiudicare la gara d’appalto in esame alla Ecol Service Srl.
Dal dialogo, avvenuto all’esterno dell’auto, si capisce che il lavoro in esame è una piccola gara
d’appalto relativa alla manutenzione delle reti idriche di alcuni acquedotti gestiti dalla municipalizzata
varesina, dove PEDRONI è consigliere di amministrazione: “NOI FACCIAMO DUE O TRE
SERVIZI DOVE ABBIAMO L'ACQUEDOTTO, SONO UN PAIO DI COMUNI TIENI IN MENTE
CHE DOVE GESTIAMO NOI QUEL LAVORO LI…È UN PICCOLO LAVORO DI
MANUTENZIONE…”
Nel corso della conversazione si intuisce come PEDRONI sia intenzionato ad agevolare D’ALFONSO
anche in un’altra gara non meglio specificata: “…E POI ABBIAMO...POI CE NE HO UNA DOVE
TU…”
Amb. n. 3559 del 7.12.2018 su FIAT 500 in uso a D’ALFONSO
D'ALFONSO: mi ha detto Mauro di salutarti, mi ha detto salutami Marcello
PEDRONO:
Mauro TOLBAR?...inc...
D'ALFONSO: è un casinista?
PEDRONI:
VOI SIETE UNA BANDA DI CASINISTI...
D'ALFONSO: NO VOI...NON DIRE VOI CHE FRA TE, NINO (CAIANIELLO ndr.) E CARMINE
(GOR RASI ndr.) CAZZO!...
PEDRONI:
ma lascia stare non mischiare le cose
D'ALFONSO: come non mischiare...
PEDRONI:
loro sono terroni ed io sono del Nord
(chiude la macchina e parlano all'esterno allontanandosi leggermente dall'auto)
D'ALFONSO: inc...con Mauro
PEDRONI:
ascolta...quella cosa li era diversa, noi non lo facciamo il servizio delle caditoie NOI
FACCIAMO DUE O TRE SERVIZI DOVE ABBIAMO L'ACQUEDOTTO, SONO UN PAIO DI
COMUNI TIENI IN MENTE CHE DOVE GESTIAMO NOI...inc...il progettista, quindi non è
possibile, però io ho detto ...inc...
D'ALFONSO: quella li...inc..ha le caditoie quella eh!
PEDRONI:
no! ..inc.. è poca roba c'è ben poco...QUEL LAVORO LI È UN PICCOLO LAVORO
DI MANUTENZIONE...inc...da fare insieme a lui...inc...
D'ALFONSO: " ...COSA CAZZO È USCITA COSÌ ALLORA!!" (inteso il bando di gara ndr.)
PEDRONI:
..inc..
[Pr.3559-A-3 @ 16:
26:
14]
D'ALFONSO: allora...inc...ma la gara l'avete aggiudicata con quello sconto li...quell'altra quella
la...inc...
PEDRONI:
E POI ABBIAMO...POI CE NE HO UNA DOVE TU...inc..
D'ALFONSO: non gliel'ha data...inc...
PEDRONI:
..inc.. ma non è finita ..inc..
D'ALFONSO: ..inc..martedì...inc...giovedì...inc...non alle 9 perchè ho...alle due, alle tre o alle
quattro...inc...
PEDRONI:
inc...io alle due e mezza
D'ALFONSO: da me
PEDRONI:
ci troviamo su alle due e mezza...con loro...inc...per le tre...inc...
183
D'ALFONSO: inc...si salutano
All’esito dell’esame degli elementi esposti nella richiesta del P.M. ritiene il giudicante che sussistano
gravi indizi di colpevolezza in ordine ai reati descritti nei capi d’incolpazione sub II.7 e sub II.8 a
carico degli indagati per i quali è stata avanzata richiesta di misura.
In effetti, D’ALFONSO Daniele in concorso con GORRASI Carmine, il primo nella sua qualità di
Amministratore Unico di Ecol-Service ed il secondo quale Direttore Generale e legale rappresentante
della ASD Busto Arsizio 81 si accordavano in modo che il primo elargisse in favore di PALUMBO
Angelo, candidato al Consiglio regionale della Regione Lombardia nella lista FORZA ITALIA
BERLUSCONI per FONTANA un contributo economico pari a 10.000,00 euro in assenza della
prescritta delibera dell’organo sociale competente ed in assenza di annotazione dell’elargizione nel
bilancio di esercizio .
Per effettuare tale finanziamento senza adottare le appena descritte formalità, e quindi in modo da
occultare l’effettivo autore della liberalità, i due correi si accordavano nel senso che la ASD Busto
Arsizio 81, di cui GORRASI era Direttore Generale, emettesse una fattura (la n. 5/2018)
dell’imponibile pari a 6.000 euro iva esclusa recante come causale una sponsorizzazione alla squadra
calcistica in realtà mai avvenuta (e pertanto da ritenersi emessa per operazione inesistente).
La somma di 6.000,00 euro veniva poi retrocessa dallo stesso GORRASI per finanziare la campagna
elettorale di PALUMBO.
Inoltre D’ALFONSO elargirà allo stesso GORRASI per la medesima finalità anche l’ulteriore somma
di 4.000,00 euro in contanti.
Il compendio risultante dal complessivo contenuto delle operazioni di intercettazione unito
all’importante riscontro documentale rappresentato dall’acquisizione dell’estratto di C\C non lascia
dubbi in merito alla sussistenza del reato ed alla responsabilità dei due indagati D’ALFONSO e
GORRASI.
Quest’ultimo risulta poi gravato anche da gravi indizi anche in ordine al reato di emissione di fattura
per operazione inesistente: in effetti, la fattura N. 5/2018 della ASD Busto Arsizio 81 fu emessa anche
al fine di consentire a Ecol-service l’evasione delle imposte sui redditi, oltre che di occultare l’illecito
finanziamento.
Ancora una volta, la conferma che le elargizioni di D’ALFONSO non siano fatte a titolo personale e
non siano motivate da scopi politici o ideologici, ma dalle sue mire espansionistiche in campo
imprenditoriale, si trae dalla contemporanea attività di favoreggiamento della ditta Ecol-Service s.r.l.
in tutte le gare che da quel momento in poi verranno bandite dagli enti territoriali e dalle società a
partecipazione pubblica operanti in provincia di Varese nel settore di attività collimante con quello in
cui la società di D’ALFONSO opera.
Capo II.9. IL FINANZIAMENTO DI D’ALFONSO DANIELE A FRATELLI
D’ITALIA
Si tratta di un’ulteriore erogazione effettuata, sempre in piena campagna elettorale 2018, da
D’ALFONSO Daniele: in questo caso egli, analogamente a quanto era avvenuto nella vicenda
PATIMO-ALTITONANTE di cui al capo sub II.2, si attiva in prima persona rendendosi disponibile
verso l’imprenditore Andrea GROSSI nelle operazioni di finanziamento illecito del partito Fratelli
d’Italia.
La vicenda è così sintetizzabile:
- GROSSI intende finanziare la campagna elettorale del partito Fratelli d’Italia con una contribuzione
di 10 mila euro e, non volendo figurare come finanziatore, chiede a D’ALFONSO di curare le
modalità di esecuzione del finanziamento:
184
- viene organizzato un complesso passaggio di denaro per cui il bonifico al partito viene fatto,
materialmente, da Gianfranco GUMIERO36 (imprenditore nel settore dei servizi ecologici e
autospurghi e dal 25.05.2014 Assessore all’ecologia, ambiente e pubblica sicurezza del Comune di
Caronno Varesino), per il tramite di sua moglie FONTANEL Alessandra37.
Il GUMIERO viene, quindi, rimborsato da Daniele D’ALFONSO, che a sua volta riceverà il denaro da
GROSSI Andrea attraverso fatturazioni per operazioni inesistenti/note di credito (definito un “premio
produzione” fatturato dalla società Ambienthesis della famiglia GROSSI in favore della Ecol Service
Srl.).
Il giorno 27.02.2018 D’ALFONSO Daniele e il padre Gianni, mentre si trovano a bordo dell’auto
Smart, fanno riferimento a Andrea GROSSI il quale ha chiesto a D’ALFONSO di fare una donazione
al partito dell’On. LA RUSSA, ovvero “Fratelli d’Italia”
amb. 946 intercettata il 27.02.2018 a bordo dell’auto Smart - RIT 75/18
Si fermano a fare benzina.
Durante il tragitto uomo effettua chiamata e dice di essere Gianni quello degli spurghi.
A bordo Daniele e Gianni (padre di Daniele ndr).
[Pr.946-A-2 @ 09:09:38]
09.14.01
DANIELE: ANDREA (GROSSI ANDREA - ndr.) MI HA CHIESTO DI FARGLI UNA DONAZIONE
AL PARTITO DI COSO…DI COME SI CHIAMA…DI LA RUSSA
…omissis…
Il 2.3.2018 D’ALFONSO Daniele , nel corso dell’ambientale riferisce che deve andare da un amico
del padre per far eseguire un bonifico da 10.000 € per la campagna elettorale del partito Fratelli
D’Italia (Cnv. Amb. 1021 intercettata il 02.03.2018 a bordo dell’auto Smart - RIT 75-18)
Amb. n. 1021 del 2.3.2018 su SMART D’ALFONSO
Daniele:
DEVO TROVARE UNO CHE FA...DEVO ANDARE ADESSO DA UN AMICO DI
MIO PADRE (NDR. GIANFRANCO GUMIERO) MI FA UN BONIFICO DA DIECIMILA EURO
(10.000 euro) A "FRATELLI D'ITALIA"...
Uomo: eh?
Daniele:
UN CASINO 'STA CAMPAGNA OH!
Come anticipato, il soggetto individuato da D’ALFONSO per eseguire la citata operazione bancaria è
GUMIERO Gianfranco, detto “Franco”, che D’ALFONSO contatta telefonicamente nella tarda
mattinata della medesima giornata, proponendogli un incontro per chiedergli il favore
tel. 29798 del 02.03.2018 ut. 3485989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
Daniele dice a GUMIERO che alle tre è a Castellanza e che deve vederlo perchè ha bisogno subito di un
favore, Gianfranco dice che lo aspetta.
INIZIO TRASCRIZIONE MINUTO 12:32:50
Gianfranco: com è zio?
Daniele: zio dove sei?
Gianfranco: dimmi, sono qua a Carnago, te dove sei?
Daniele: IO ALLE TRE SONO A CASTELLANZA, DEVO VENIR DA TE CHE HO BISOGNO UN
FAVORE…
36
Gianfranco GUMIERO nato il 12.10.1969 a Varese, titolare della Gumiero Gianfranco Spurghi (P.I:01950870129) con sede a Caronno
Varesino via Bianchi 19, specializzata in servizi ecologici, edilizi e di autospurghi eletto assessore nel Comune di Caronno Varesino il
25.05.2014, con delega all’ecologia, ambiente e Pubblica Sicurezza
37
FONTANEL Alessandra, nata a Varese il 13.02.1972 (moglie di GUMIERO Gianfranco)
185
Gianfranco: VIENI VIENI TI ASPETTO…
Daniele: devo vederti al volo
Gianfranco: va bene ci vediamo
Daniele: eh
Gianfranco: va bene ti aspetto
Daniele: sei su? rimani su?
Gianfranco: son qua, son qua io
Daniele: va bene ciao
Gianfranco: c'hai le gomme da neve, qua nevica
Daniele: c'ho tutto
Gianfranco: bho ci vediamo qua, quando arrivi chiamami son qua
Daniele: ciao
FINE TRASCRIZIONE MINUTO 12:33:18
Alle successive ore 13.34, D’ALFONSO Daniele, a bordo della sua auto Smart, giunge a Caronno
Varesino ed incontra GUMIERO Gianfranco (chiamato “zio”) e a cui riferisce che se non andrà giù
da Carmine (GORRASI Carmine, consigliere di Forza Italia nel Comune di Busto Arsizio ndr.) farà
una figuraccia, poiché in quella stessa mattinata ha fatto un bonifico da 10 mila euro anche a lui: "zio
se non vado giù da Carmine faccio una figura di cazzo, perchè l'ho fatto anche a lui stamattina, HO
FATTO UN DECA ANCHE A LUI”.
Valga, sul punto richiamare l’amb. n. 1022, già illustrata trattando il capo sub II.6 e II.7
Pochi secondi dopo aver incontrato GUMIERO, D’ALFONSO chiama il padre Gianni e gli conferma
la disponibilità di GUMIERO Gianfranco, detto Frank e di sua moglie Alessandra (FONTANEL
Alessandra, nata a Varese il 13.02.1972) ad effettuargli il favore che gli aveva chiesto Andrea
(GROSSI Andrea) e nell’occasione specifica che è meglio – per non destar sospetti - che il bonifico lo
facciano loro poiché sono di Varese
tel. 29826 del 2.3.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
GIANNI: Dimmi Dany!
DANIELE: FRANK (GUMIERO Gianfranco ndr) a posto mi ha detto di si…
GIANNI: che cosa?
DANIELE: QUEL FAVORE LÀ DI ANDREA ME LO FA…adesso arriva...inc...
GIANNI: si si
DANIELE: MA È MEGLIO PERCHÈ LORO SONO DI VARESE QUELLI LÀ CAPITO? Perfetto
meglio...
GIANNI: ma lo fa?
DANIELE: si si lo fa adesso arrivava la ALE gli fa subito tutto! FA IL CONTRIBUTO A POSTO...
GIANNI: bene
DANIELE: TE LI DO IO STAI TRANQUILLO VAI A POSTO TRANQUILLO
GIANNI:EH?
DANIELE: TRANQUILLISSIMO NON AVEVA PROBLEMI...GLI HO DETTO DETTO PAPA' SE LO
FAI TU È MEGLIO CHE SEI DI QUA...SI SI SI NON C'È PROBLEMA HA DETTO...
GIANNI: VE BENE
DANIELE: VA BENE?
Poi cambiano discorso parlano delle condizioni del tempo
Le successive conversazioni telefoniche tra D’ALFONSO e GUMIERO fanno emergere in maniera
dettagliata che il bonifico in argomento è stato materialmente effettuato dalla moglie di GUMIERO
chiamata “ALE” (FONTANEL Alessandra). In particolare Daniele dice alla donna di attenersi
all’utilizzo dell’IBAN riportato sul biglietto cartaceo che lui stesso ha ricevuto dal richiedente
(GROSSI Andrea) ed al quale dovrà renderlo.
tel. 29893 del 2.3.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
Gianfranco: pronto?
186
Daniele: oh
Gianfranco: eh
Daniele: COSA HAI FATTO?
Gianfranco: CINQUE MINUTI E ARRIVA L'ALE, POI TI CHIAMO
Daniele: Dio santo, speriamo (inc)
Gianfranco: (inc) sta arrivando, sta venendo indietro
Daniele: NO LA BANCA HA CHIUSO ORMAI
Gianfranco: E NON PUOI FARLO COSÌ CON IL COSO, COL COMPUTER
Daniele: FARÀ COL COMPUTER LEI
Gianfranco: DAI ADESSO COME ARRIVA TI CHIAMO
Daniele: ciao
tel. 29941 del 2.3.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
In data 2 marzo 2018, Alessandra FONTANEL, moglie di Gumiero, mentre sta effettuando il bonifico
bancario tramite home banking, precisa a D’ALFONSO che l’IBAN che c’è scritto sul bigliettino che
le ha fatto avere non corrisponde al nominativo del beneficiario (ossia che verosimilmente non è l’iban
ufficiale del partito Fratelli d’Italia – Alessandra: “IO HO CONTROLLATO L'IBAN
DELLA...DELL'INTESTATARIO CHE MI HAI DATO…È DIVERSO DA QUESTO QUI! ADESSO
IO NON SO SE È DIVERSO...EH...PERCHÈ OGNI SEDE...O C'È UN IBAN SOLO DOVE
RICEVONO TUTTO...”).
Ascoltate le parole di Alessandra, D’ALFONSO le dice di fidarsi di lui e di procedere ad effettuare il
bonifico sull’IBAN riportato sul bigliettino perchè non l’ha trascritto lui, bensì gli è stato a sua volta
consegnato da terza persona e che tanto il denaro a lui lo ridaranno: “…SI NO FA NIENTE...LI
DEVO METTERE IO TANTO, NON È CHE QUELLO...TANTO A ME ME LI DANNO QUINDI
EH EH...”
Gianfranco: pronto?
Daniele:
oh
Gianfranco: dimmi
Daniele:
HAI FATTO TUTTO?
Gianfranco: NO È ARRIVATA ADESSO ALE
Daniele:
vai
Gianfranco: (inc) ASPE CHE TE LA PASSO COSÌ TI SPIEGA UN ATTIMO (INC) COME DEVE FA
Ale:
pronto?
Daniele:
ciao Ale
Ale:
ciao
Daniele:
VEDI COME SEI COMODA, SE VUOI FARLO O DALL'AZIENDA O PRIVATI...
Ale:
ehm...ok...va sempre bene?
Daniele:
FAI DUE O TRE PRIVATI....
Ale:
VA SEMPRE BENE?
Daniele:
VAN BENE TUTTI E DUE...CON L'AZIENDA LO SCARICHI NON C'È NIENTE DI
MALE...SEI A POSTO...CIOÈ È PROPRIO...CIOÈ LO SCARICHI TUTTO…
Ale:
MA I DATI?
Daniele:
C'È TUTTO LI SUL BIGLIETTINO CHE TI HO DATO...
Ale:
NON C'È NIENTE QUI...C'È SOLO L'IBAN...
Daniele:
C'È L'IBAN E C'È L'INTESTAZIONE...
Ale:
AH COSI E BASTA? SENZA...
Daniele:
BASTA...BASTA...A POSTO...È COSI CHE SI FA...I CONTRIBUTI SI FAN COSI...LI
HO FATTI ANCHE IO...COME SEI PIÙ COMODA VEDI TU...
Ale:
va bene....
Daniele:
va bene?
Ale:
ok...
Daniele:
PRIVATO NON LO SO SE LO SCARICHI PRIVATO...INC SONO SICURO VEDI
TU...FAI I RAGIONAMENTI CON FRANK...
Ale:
ok...MA DEVO FARLO ADESSO?
187
Daniele:
SI SE LO FAI STASERA È MEGLIO COSI VEDONO LA DATA DI ESECUZIONE
LORO...E SONO A POSTO...
Ale:
dopo lo mando a te?
Daniele:
dopo lo puoi mandare a me si...
Ale:
dammi la tua e mail...
Daniele:
mandamelo su whatsapp...
Ale:
ok...va bene...
Daniele: grazie...ciao Ale un abbraccio.
tel. 29960 del 2.3.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
Alessandra (FONTANEL Alessandra) chiama D'ALFONSO Daniele. Si riporta la telefonata
integralmente.
Daniele:
inc...TI MANCANO DIMMI? CHE DATI TI MANCANO?
Alessandra:
NON SO COME FUNZIONA...LA PRIMA COSA CHE MI CHIEDONO È UNA
CONTABILE...
Daniele:
CIOÈ UNA CONTABILE...
Alessandra:
I DATI SONO DIVERSI DA EH...UNA CONTABILE PER GIUSTIFICARE...LA
DONAZIONE...
Daniele:
aspetta ehm...
Alessandra:
MI ARRIVA UNA CONTABILE NON SO COME FUNZIONA IO...NON HO MAI
FATTO COSE DEL GENERE...
Daniele:
TI ARRIVA LA CONTABILE? SI!!!
Alessandra:
certo che mi arriva...
Daniele:
tu l'hai inserito? si...tu l'hai inserito?
Alessandra:
NO...LO STO FACENDO MA MI SONO VENUTI TREMILA DUBBI...ANCHE
PERCHÈ HO GUARDATO L'IBAN È DIVERSO DA QUESTO QUI...ADESSO IO NON SO SE OGNI
SEDE HA IL SUO IBAN...
Daniele:
cioè il nominativo e intestazione è diverso?
Alessandra:
ALLORA...IO HO CONTROLLATO L'IBAN DELLA...DELL'INTESTATARIO CHE
MI HAI DATO...
Daniele:
si...
Alessandra:
DOVE SCRIVE...È DIVERSO DA QUESTO QUI! ADESSO IO NON SO SE È
DIVERSO...EH...PERCHÈ OGNI SEDE...O C'È UN IBAN SOLO DOVE RICEVONO TUTTO...
Daniele:
NO NO TU FALLA A QUELLO DEL BIGLIETTO...CHE NON SBAGLIAMO...
Alessandra:
che è una sede?
Daniele:
che è una sede, si!
Alessandra:
è una sede eh! siccome io non so...mi sono venuti un pò di dubbi...
Daniele:
e ma guarda che anche io se ero li...neanche io...anche io se ero li non mi rispondevo
alla domande perchè io ho solo quello...capito?
Alessandra:
PERCHÈ QUESTO IBAN POTREBBE ESSERE DI CHIUNQUE, capisci?
Daniele:
no!
Alessandra:
messo cosi...
Daniele:
eh...no...
Alessandra:
EH IO NON POSSO SAPERE...IO MI DEVO FIDARE SOLO DI TE...
Daniele:
NO, TU FIDATI DI QUELLO CHE C'È SCRITTO LI...BASTA!
Alessandra:
ok...
Daniele:
PERCHÈ QUELLO ME LO HAN DATO, NON LO HO COPIATO...QUELLO È
USCITO COSÌ...CIOÈ È ORIGINALE CAPITO?
Alessandra:
si si...
Daniele:
non è che l'ho copiato male...
Alessandra:
SI SI SAI CHE PUÒ ESSERE DI CHIUNQUE...IO VOLEVO...IO MI DEVO FIDARE
FIDUCIA TUA EH!
Daniele:
ho capito...
Alessandra:
si ok!
188
Daniele:
SI MA IO QUELLA NON TE L'HO COPIATO...QUINDI CHI ME LO HA DATO HA
SBAGLIATO SE SBAGLIA CAPITO? EHEH...SON CAZZI LORO...EH...PERCHÈ IO QUELLO TE
LO HO DATO ORIGINALE NON HO...NON L'HO COPIATO A MANO...
Alessandra:
PERCHÈ L'IBAN HO FATTO UN CONFRONTO È GIUSTAMENTE TUTTO
DIVERSO...QUINDI IO DEVO FIDARMI DI QUELLO CHE MI DICI TE...
Daniele:
del bigliettino? si si si...
Alessandra:
e si eh!
Daniele:
si fidati di quello!
Alessandra:
va bene...
Daniele:
FIDATI DI QUELLO...POI CONSERVALO CHE LO CONFRONTIAMO CHE
GLIELO RIPORTO...PERCHÈ È PROPRIO ORIGINALE...
Alessandra:
(risata) vedi te...
Daniele:
e si eh!
Alessandra:
vedi te!
Daniele:
MICA MI POSSONO DIRE HAI SBAGLIATO...C'È SCRITTO COSI! EH EH!
QUELLO ME LO HANNO DATO IO QUELLO LI HO...
Alessandra:
sappi che potrebbe essere di chiunque messo cosi eh!
Daniele:
va bene non fa niente...
Alessandra:
va bene...
Daniele:
dammelo...han sbagliato loro a scrivere...eh eh...problemi loro...giusto?
Alessandra:
CON I SOLDI DI ALTRI PERÒ EH!! (risata)
Daniele:
SI NO FA NIENTE...LI DEVO METTERE IO TANTO, NON È CHE
QUELLO...TANTO A ME ME LI DANNO QUINDI EH EH...
Alessandra:
va bene allora mi fido di quello che dici tu eh!
Daniele:
si...fidati...
Alessandra:
ciao Dani...
Daniele:
ciao.
Poco dopo, D’ALFONSO fa capire al padre di aver ricevuto la foto della ricevuta del bonifico, ragion
per cui gli chiede di chiamare GUMIERO per ringraziarlo del favore.
tel. 29963 del 2.3.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
Daniele: chiama a Frank per favore ringrazialo...(inteso GUMIERO Gianfranco ndr.)
Giovanni: lo ringraz...eh lo so...l'ho chiamato, l'ho sentito prima...
Daniele: no basta basta, NO PERCHÈ MI HA MANDATO IL COSO...MI HA MANDATO LA
COSA...LA FOTO...(inteso del bonifico effettuato)
Giovanni: va bene ciao
In data 6.3.2018 ore 19:35 D’ALFONSO Daniele comunica telefonicamente al suo collaboratore DI
PIERRO Matteo Bartolomeo che il giorno seguente dovrà recarsi presso la sede dell’Ambienthesis (di
GROSSI Andrea) per riferire all’amministratore delegato Damiano BELLI che il favore che gli
avevano chiesto è stato effettuato e che il bonifico lo ha materialmente effettuato GUMIERO Franco,
in modo che possano facilmente individuare il bonifico
tel. 31121 del 06.03.2018 ut. 3485989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
DANIELE: DOMANI DEVI ANDARE PER CASO SU IN AMBIENTHESIS?
DI PIERRO: no devo andare da AMOS domani
DANIELE: ti fermi sulla strada, sulla strada da DAMIANO (Damiano BELLI – A.D. di Ambienthesis ndr.) DI E GLI DICI CHE QUEL FAVORE LÌ CHE MI HA CHIESTO GLIEL'HAI FATTO CON
GIANFRANCO "GUMI" (GUMIERO Gianfranco) GLI LASCI I DATI NOME E COGNOME DI
"GUMI "
DI PIERRO: a va bene ok va bene!
DANIELE : capito?
DI PIERRO: cioè dati ...telefono anche?
189
DANIELE: no! DAGLI SOLO NOME E COGNOME COSÌ CAPISCONO BASTA…
DI PIERRO: va bene! ok va bene ok va bene!
DANIELE : digli di dov'è e basta
DI PIERRO: va bene ok va bene…ci penso io ok
DANIELE: DIGLI QUEL FAVORE CHE HAI CHIESTO A DANI...OK?
Il giorno seguente (07.03.2018) D’ALFONSO ricorda a DI PIERRO di passare in “Ambienthesis Spa”
e di concordare con Damiano BELLI le modalità “di sconto” che dovranno praticare a D’ALFONSO
su qualche fattura dell’anno precedente, in modo che D’ALFONSO possa recuperare il denaro da
restituire a GUMIERO Gianfranco per il bonifico (da 10.000 euro) effettuato il 02.03.2018 per conto
di GROSSI Andrea al partito Fratelli d’Italia. Nella circostanza D’ALFONSO Daniele per far
comprendere meglio il suo intento a DI PIERRO, afferma che quelli di Ambienthesis gli daranno una
sorta “di premio di produzione”
tel. 31269 del 07.03.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
DI PIERRO: soltanto i dati devo lasciargli no?
DANIELE: si
DI PIERRO: va bene ok ciao ciao
DANIELE: POI DEVI CONCORDARE CON LUI UNO SCONTO SULL'ANNO SCORSO CHE TI
RIDÀ INDIETRO QUEI SOLDI LÌ, LUI LO SA...
DI PIERRO: SULL'ANNO SCORSO?
DANIELE: SI! TI DA' UN PREMIO PRODUZIONE TI DA'…
DI PIERRO: va bene ok va bene, ok
DANIELE: lo concordi con lui, TI DICE COME FARE LA COSA, DIGLI LO VORREMMO
SULL'ANNO SCORSO GLIEL'AVEVO GIÀ DETTO ANCHE IO…LUI DOVEVA VEDERE SE
POTEVA...
DI PIERRO: va bene ok ciao ciao
DANIELE: ciao.
La seguente conversazione telefonica intercettata in data 19.06.2018 ed intercorsa tra D’ALFONSO ed
il suo dipendente MANTUANO Guerino, detto Rino, evidenzia chiaramente che la Ambienthesis Spa
della famiglia GROSSI38 ha di fatto restituito la somma di denaro di 10.000 euro a D’ALFONSO
attraverso una nota di credito e quest’ultimo – non avendo ancora provveduto – deve a sua volta
restituire tale somma a GUMIERO Gianfranco e alla moglie FONTANEL Alessandra, i quali hanno
materialmente effettuato il 02.03.2018 il bonifico al partito Fratelli d’Italia, quale finanziamento
illecito da parte di GROSSI Andrea. Nella circostanza D’ALFONSO si farà inviare una fattura per
operazioni inesistenti da GUMIERO, titolare dell’omonima società di spurghi, che la Ecol Service srl
provvederà immediatamente a pagare.
tel. 31269 del 07.03.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO - RIT 1894/17
DANIELE:
HO UN PROBLEMA GUMIERO GLI DEVO DARE QUEI SOLDI LÀ...
RINO: GUMIERO?
DANIELE:
SI! QUEI SOLDI LÀ DI QUEL FAVORE CHE MI AVEVA FATTO CHE...CHE
AMBIENTHESIS HA FATTO LA NOTA DI CREDITO...QUINDI TI FACCIO FARE LA FATTURA,
TE LA FACCIO MANDARE E BISOGNA PAGARLA SUBITO!
RINO: prima sistemiamo sta cosa qua del DURC le cose poi dopo facciamo quelle là..
DANIELE:
Le vuole entro domani...
RINO: eh Dani e se dopo mi si blocca il DURC?...cioè...
DANIELE:
ha aspettato due mesi...ha aspettato due mesi lui…e lo so...
38
Si veda l’annotazione nr. 878/1-234 del 28.02.2019 in faldone 11, relativa al collegamento societario esistente fra le società
AMBIENTHESIS s.p.a. e GROSSI Andrea, socio accomandante della RAPS s.a.s., proprietaria al 100% della ADAMI s.r.l., proprietaria al 100%
della GREEN HOLDING s.p.a., proprietaria al 10,628% della AMBIENTHESIS s.p.a.; il capitale sociale di quest’ultima risulta suddiviso tra
GREEN HOLDING s.p.a., BLUE HOLDING s.p.a. e GEA s.r.l.. Dalle intercettazioni risulta comunque come la società sia di fatto gestita da
GROSSI Andrea
190
RINO: ho capito però..
DANIELE:
tu le hai usate le note di Credito eh?
RINO: le ho usate relativamente perchè comunque ancora non gli ho pagato il saldo...
DANIELE:
non gli hai pagato il saldo (inteso ad Ambienthesis) ma le hai usate quel mese lì che ti
servivano che l'hai messa...te la sei usata sul quel mese lì...di tre...sei mesi fa, quattro mesi fa, MI HA
FATTO LA CORTESIA LI DEVO PAGARE QUINDI...è una emergenza mi ha detto che è
un'emergenza e devo soddisfarla...
RINO: lo so ma noi ci blocchiamo con questa cosa finchè non sistemiamo i pagamenti dell'inps poi
rischiamo che rimaniamo bloccati con il DURC
Daniele:
Rino non so se hai capito, IO GLI DEVO DARE I SOLDI PERCHÈ MI HA FATTO
UNA CORTESIA...NON SONO I SOLDI…INC…DI CASA MIA, non so se hai capito?
Rino: ho capito, ho capito però ti devo far presente che poi dopo...che poi dopo avremo un
problema...
Daniele:
punto non è che ci sono altri problemi...È IN DIFFICOLTÀ E DEVO DARGLI I
SOLDI PERCHÈ MI HA FATTO UN FAVORE 4 MESI FA, te lo devo rispiegare? mi devo ancora
giustificare?
Rino: no no
Daniele insiste con Rino affinchè provveda perchè deve ridare subito i soldi a GUMIERO per il favore
ottenuto 4 mesi fa e Rino ribadisce che lui voleva solo far capire a Daniele che così potrebbe
bloccarsi il DURC
Daniele:
IL PROBLEMA DEL DURC NON SONO I 10.000 EURO (importi del bonifico che
Daniele/Rino devono fare a GUMIERO per restituirgli i soldi che questo gli aveva anticipato tempo
prima ndr.)...PERCHÈ NON TI STO FACENDO FARE 100.000 EURO DI BONIFICO, TI STO
FACENDO FARE 10.000 EURO, OK?
tel. 75759 del 19.6.2018 ut. 348.5989733 di D'ALFONSO – (RIT 1894/17)
RINO: Si!
DANIELE:
Chiama su da Gumiero per la fattura , se ti è arrivata o no.
RINO: Mi è arrivata!
DANIELE:
Ah! Cosa ti ha scritto?
RINO: "Noleggio a caldo di nostra autobotte a spurgo combinate, effettuata presso vostri cantieri siti
in Milano, costo complessivo 10mila". Datata oggi , 10+IVA, 12 e due. "Noleggio a caldo di nostra
autobotte a spurgo combinate"
DANIELE: Minchia poteva farlo esente, cazzo! Perchè ha fatto "+ IVA"?
RINO: Perchè esente? Per quale motivo esente?
DANIELE:
No! Noi come abbiamo avuto il coso? 10+IVA? O di più?
RINO: Penso "10 + IVA" (inc).. perchè il servizio può anche essere esente IVA.. ma noi...
DANIELE:
Lascia stare! Noi come abbiamo avuto il (inc)?
RINO: Eh.. aspetta... da Ambienthesis?
DANIELE:
Dieci compreso IVA o Dieci + IVA?
RINO: No no, aspetta, io ricordo 10 + IVA, aspetta un secondo..
DANIELE:
(inc) allora è (inc)
RINO: Sto controllando in contabilità...
DANIELE:
Se noi avessimo avuto 10 compreso IVA, lei doveva farti diversamente...
RINO: Ehm..io...
DANIELE:
IL quello che ha fatto lei.. il bonifico che ha fatto lei, è esente da IVA, eh! È Dieci!
RINO: Ha fatto lei chi?
DANIELE:
Quello che ha fatto lei, la GUMIERO!
RINO:
Ah! Eh ma lì è per una partita di giro, quindi...allora.. Ambienthesis.. vediamo un po'
che cosa ci ha fatturato, ci ha fatto la nota di credito... si 10 + IVA.. 11mila!
DANIELE:
Come "11Mila"? 12mila!
RINO: No! + IVA al 10!
DANIELE:
Ah! Hai visto?
RINO: IVA al 10! IVA al 10!
191
DANIELE:
Vedi che non è uguale?
RINO: Questa è 11mila ed il GUMIERO è 12 e 2!
DANIELE:
Vedi che non è uguale?
RINO:
L'imponibile è uguale! 10mila per entrambe! Però qui c'è l'IVA al 10 e quest'altro
invece c'è l'IVA al 22
DANIELE:
E noi dovevamo farla uguale, cazzo! Perchè non c'è il formulario...vabe.. amen... va
bene..
RINO: Si sballa, sballa finanziariamente 1200, ma l'IVA tu la scarichi!
DANIELE:
Si certo!
RINO: L'imponibile coincide, comunque!
DANIELE:
Poi è una tantum, l'annoti e basta..
RINO: Eh..
DANIELE:
stavolta e basta...
RINO: Eh.. è corretto così...per me è corretto così!
DANIELE:
Non è che tutti gli anni, tutti i mesi facciamo sta roba.. è una cosa particolare...
capirai.. insomma... così almeno... riesco a non far parlare le persone... vaffanculo.. coglioni... mi sono
tolto un peso guarda! Il pensiero di essere in debito per un favore... fanculo (inc)
Gli accertamenti bancari svolti consentivano di acquisire, presso Banco BPM, il resoconto del conto
corrente interessato con le movimentazione dal periodo 01.03.2018 al 15.03.2018 sul conto nr.
001/02078/00142369 intestato a GUMIERO Gianfranco. Nella richiesta dell’Ufficio del P.M. è
riportata la scannerizzazione del documento
Dall’analisi del rapporto, in data 05.03.2018 emergeva alla voce “260 – vostra disposizione” un
bonifico di € 10.000 (diecimila) con indicazione “Vs. disp. Rif. MB0B70141114/90338315 favore
Fratelli d’Italia”.
All’esito degli accertamenti effettuati sulla predetta transazione, la disposizione di pagamento eseguita
dal conto corrente BPM intestato a GUMIERO Francesco è stata effettuata in favore dell’IBAN
IT21B0558403264000000000119, intestato al partito Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale c.f.
97730580582, acceso presso la filiale di Roma, Montecitorio.
Dal controllo effettuato presso il portale internet www.fratelli-italia.it emergeva che il conto corrente
nr. IT21B0558403264000000000119 è quello specificatamente dedicato alla sezione “tesseramento”.
Dalla modulistica allegata “scheda adesione in formato .pdf” si rilevava che le tipologie di adesione
variano da un minimo di 10€ ad un massimo di 500€
La vicenda come sopra ricostruita risulta ampiamente sussumibile nel capo sub II.9 laddove è chiara
sia la riconducibilità del finanziamento alla società di Grossi Andrea e non certo alla persona fisica che
materialmente operano, sia la finalità dissimulatoria dell’operazione tesa ad impedire l’identificazione
del reale erogante della liberalità.
Dal punto di vista delle responsabilità individuali, dall’esame degli atti emerge la sussistenza di gravi
indizi di colpevolezza in ordine al reato di cui al capo II.9 in capo a tutti gli indagati per cui è stata
avanzata richiesta di misura.
In effetti GROSSI Andrea, – il cui nome, si ricorderà, era già emerso nelle battute iniziali
dell’indagine come partecipante alla serata organizzata da D’ALFONSO presso il locale NOIR di
Lissone (vedasi premessa parte seconda) e che ritornerà in seguito a proposito dell’attività di
faccendiere svolta da Tatarella e degli appalti che la ECOL-Service s.r.l. via via acquisisce grazie
all’intermediazione del Consigliere Comunale - nella sua qualità di amministratore di fatto di
Ambienthesis s.p.a. e D’ALFONSO Daniele (in concorso – quanto meno – con GUMIERO
Gianfranco) si accordavano in modo che il secondo effettuasse una elargizione al partito Fratelli
d’Italia-Alleanza Nazionale pari ad euro 10.000 in assenza dei prescritti adempimenti formali,
raggiungendo questo risultato attraverso l’effettuazione di un bonifico da parte della moglie del
GUMIERO, FONTANEL Alessandra, che in data 5 marzo 2018 versava appunto la somma di 10.000
euro sul C|C intestato a tale partito ed acceso presso la filiale della BPM di Roma Montecitorio.
192
Di seguito, il GUMIERO veniva rimborsato da D’ALFONSO attraverso una fattura emessa dalla ditta
individuale del primo a fronte di operazione giuridicamente e naturalisticamente inesistente, che EcolService s.r.l. pagava.
A sua volta, la società di D’ALFONSO veniva rimborsata dalla società facente capo a GROSSI
Andrea attraverso l’emissione di una nota di credito simulata come “premio di provvigione” per il
corrispondente importo di 10.000,00 euro.
Dal punto di vista della valutazione dell’episodio all’interno della complessiva indagine svolta, è
opportuno rimarcare come l’imprenditore GROSSI, volendo anch’egli sfruttare l’occasione della
campagna elettorale in corso, ma, evidentemente, non sapendo a quali strumenti ricorrere per
dissimulare il finanziamento illecito al partito Fratelli d’Italia, si rivolga, per così dire, a colpo sicuro,
all’amico e collega D’ALFONSO Daniele: è evidente che nel giro delle amicizie di D’ALFONSO (di
cui fa parte GROSSI Andrea come risulta dalla serata al night-club) si è sparsa la voce che costui,
tramite Tatarella, conosce il know-how dell’illecita operazione ed è disponibile a prestarsi per far
raggiungere ai propri conoscenti lo stesso risultato.
Questa constatazione ha evidenti riflessi a proposito del riconoscimento dell’esistenza di una struttura
organizzativa messa in piedi da D’ALFONSO ed operante a Milano, costituita essenzialmente dalla
rete di relazioni e dal flusso di informazioni di cui egli dispone grazie allo stretto legame intessuto con
il politico Pietro TATARELLA, con evidenti ripercussioni a proposito del reato associativo di cui al
capo II.1
LA CORRUZIONE ALL’INTERNO DI AMSA S.P.A.
Capo II.10. LA TURBATIVA DELLA GARA BANDITA da AMSA S.P.A. PER IL
SERVIZIO DI PRONTO INTERVENTO PER ANALISI, RIMOZIONE,
TRASPORTO, SMALTIMENTO/RECUPERO DEI RIFIUTI RINVENUTI SUL
TERRITORIO DEL COMUNE DI MILANO E DEI COMUNI DELLA PROVINCIA
Come si ricorderà, la presente indagine trae le mosse proprio da un episodio relativo ad una turbativa
di gara bandita da AMSA s.p.a. (capo I.1) che vedeva coinvolti, oltre a NAPOLI Renato, anche due
dei soggetti indagati per i reati di cui alla seconda parte della richiesta di misura, vale a dire
D’ALFONSO Daniele ed il suo collaboratore DI PIERRO Matteo.
Le articolate attività tecniche hanno consentito di evidenziare l’esistenza, all’interno della
municipalizzata AMSA s.p.a., un vero e proprio “sistema” corruttivo, di cui D’ALFONSO è, per la
parte privata, indiscusso protagonista insieme al suo braccio operativo Di Pierro, ed in cui sono
coinvolti, per la parte pubblica, Mauro DE CILLIS, Sergio SALERNO e Gian Paolo RIVA.
Come risulta dalla nota della Polizia Locale di Milano del 4.2.2019, ben chiari sono i ruoli di questi tre
indagati.
Mauro DE CILLIS riveste molteplici cariche nel gruppo A2A, in cui è entrato nel 1985: siede nel Cda
di GELSIA AMBIENTE s.r.l. (partecipata da A2A INTEGRAMBIENTE s.r.l.), di A2A AMBIENTE
s.p.a., è amministratore unico di A2A INTEGRAMBIENTE s.r.l e, per quanto più da vicino interessa,
è Procuratore di AMSA s.p.a. nonché Responsabile Operativo della stessa.
Valga anche osservare che, sempre come risulta dalla citata nota, nel suo ruolo di dirigente
responsabile, egli ha molteplici funzioni fra cui quella del coordinamento della funzione commerciale,
responsabile del budget e del piano di investimenti, oltre a sovraintendere 5 dirigenti delle unità
operative di AMSA dislocate sul territorio fra cui quelle di Primaticcio (di cui è dirigente Gian Paolo
RIVA) e Olgettina (più volte citata nella presente vicenda)
RIVA Gian Paolo è dipendente AMSA almeno dal 1997 e dirige l’unità operativa di Primaticcio.
193
SALERNO Sergio è dipendente AMSA dal 2000, allo stato non è stato possibile identificare, con
esattezza, con che mansioni, ed è segretario aziendale in igiene ambientale A2A in rappresentanza del
sindacato FIADEL.
Le acquisizioni investigative dimostrano che :
i rapporti tra D'ALFONSO e SALERNO, prima, e tra il primo e DE CILLIS Mauro, poi, sono nati
grazie all'intervento di TATARELLA Pietro;
le singole operazioni di illecite acquisizioni di lavori pubblici da parte della ECOL-SERVICE SRL,
rientrano in un progetto estremamente più ampio che, in prospettiva, secondo il programma criminoso
ideato dagli interessati (DE CILLIS ha infatti manifestato l'intenzione di esternalizzare importanti
servizi ora svolti con personale proprio), consentirà all'impresa di D'ALFONSO di aggiudicarsi un
numero sempre maggiore di lavori pubblici;
il pagamento delle tangenti avviene con cadenze regolari, all'incirca mensili, permettendo così la
circolazione del contante con maggior sicurezza, evitando che l'imprenditore debba anticipare ai
pubblici funzionari somme rilevanti;
il ruolo di TATARELLA Pietro è stato decisivo per l'avvio delle illecite relazioni, ma ha anche
un'importante "funzione di sicurezza" per il sodalizio che chiaramente è messo al riparo da qualunque
problema o pericolo connesso ad eventuali controlli da parte di uno dei soci di riferimento di AMSA
s.p.a. e, cioè, il Comune di Milano, ove, si ricordi, TATARELLA è membro della commissione del
Consiglio Comunale di "Verifica e Controllo Enti Partecipati";
Valga, in via preliminare, svolgere alcune brevi considerazioni sull’importanza di AMSA S.P.A.
L'Azienda Milanese Servizi Ambientali spa (AMSA spa), società partecipata interamente dal Gruppo
A2A (quote azionarie così suddivise: 25% Comune di Milano; 25 % Comune di Brescia; 49,2% altri
azionisti/mercato; 0,8% A2A S.p.A. - azioni proprie) ha un capitale sociale di Euro 10.000.000,00 per
oggetto (come indicato nello statuto) la fornitura di servizi in ambito ambientale con finalità
pubblicistiche39 “l’attività di gestione dei servizi preordinati alla tutela del suolo, dell’aria,
dell’ambiente e alla pulizia e spazzamento delle aree ed al decoro urbano, mediante l’espletamento
delle seguenti attività: Raccolta, trasporto, trattamento, selezione e stoccaggio dei rifiuti solidi urbani
ed assimilabili agli urbani, pericolosi e non, speciali assimilabili agli urbani e non, inclusi i pericolosi,
in ottemperanza alle norme vigenti; Raccolte differenziate dei rifiuti; Recupero, riutilizzo e riciclo dei
residui, parti o materiali, di qualsivoglia provenienza, purché suscettibili di trasformazione; Sgombero
della neve; Diserbo delle aree pubbliche e private; Manutenzione del verde su aree pubbliche e
private; Spurgo e disostruzione dei pozzetti stradali, dei pozzi neri, pulizia delle caditoie e fognature;
Depurazione delle acque; Rimozione e trasporto di rifiuti abbandonati anche in discariche abusive;
Ritiro e trasporto rifiuti cimiteriali trattati; Pulizia meccanizzata e manuale del suolo pubblico nonché
servizi accessori integrativi; Pulizia dei mercati; Progettazione, costruzione, attivazione e gestione di
impianti per lo stoccaggio e il trasferimento dei rifiuti; Gestione di stazioni di trasferimento di rifiuti
urbani e di stazioni di conferimento di rifiuti raccolti in modo differenziato anche di titolarità di terzi.”
Al 30 giugno 2018 ha dichiarato per il 2017 un utile di oltre 32 milioni di euro (32.661.653 euro).
Solare è l’importanza economica della società e pacifica è altresì la natura di ente pubblico di AMSA
S.P.A.
A tale proposito, oltre alla giurisprudenza formatasi in sede civile 42, valga richiamare la
giurisprudenza di legittimità (da ultimo Cass. Pen. sez. II, n. 29480 del 7.2.2017) che, in tema di truffa
aggravata, ha affermato, con criteri trasponibili nel caso in esame, che anche gli enti a formale
struttura privatistica devono qualificarsi come "pubblici", in presenza dei seguenti requisiti:
a) la personalità giuridica;
39 La Cassazione Civile a Sezioni Unite, Sentenza n. 9096/2005, che ha affermato che: "La qualificazione di un ente come società di capitali
non è di per sé sufficiente ad escludere la natura di istituzione pubblica, dovendo procedersi ad una valutazione in concreto, caso per caso,
sicché la natura d'istituzione pubblica è configurabile allorché la detta società, le cui azioni siano possedute prevalentemente, se non
esclusivamente, da un ente pubblico, costituisca lo strumento per la gestione di un servizio pubblico e quindi faccia parte di una nozione
allargata di pubblica amministrazione".
194
b) l'istituzione dell'ente per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale aventi carattere
non industriale o commerciale;
c) il finanziamento della attività in modo maggioritario da parte dello Stato, degli enti pubblici
territoriali o di altri organismi di diritto pubblico, oppure la sottoposizione della gestione al controllo
di questi ultimi o la designazione da parte dello Stato, degli enti pubblici territoriali o di altri organismi
di diritto pubblico, di più della metà dei membri dell'organo di amministrazione, di direzione o di
vigilanza.
Detti requisiti possono essere positivamente riscontrati in capo ad AMSA S.P.A: trattasi, infatti, di
società per azioni partecipata, per la maggioranza dai Comuni di Milano e Brescia (che, si badi,
partecipano anche in A2A S.P.A.), destinata ad operare solo nei confronti di un’area territoriale ben
delimitata e preposta all'attività consistente nella fornitura dei servizi pubblici locali sopra indicati che
non hanno certamente, almeno quale oggetto principale, un carattere industriale o commerciale.
Da tali considerazioni, ne discende che:
DE CILLIS, in relazione al suo ruolo apicale, rientra, sicuramente, nella categoria dei pubblici
ufficiali;
SALERNO e RIVA, sebbene meri dipendenti, rientrano, proprio in forza del tipo di attività “pubblica”
svolta da AMSA s.p.a., in quella di incaricati di un pubblico servizio.
Le prime intercettazioni di rilievo, da cui traspare un rapporto collusivo tra D'ALFONSO e
SALERNO Sergio, dipendente di AMSA spa, ma soprattutto potente sindacalista della FIADEL (sigla
maggioritaria in AMSA con oltre 800 iscritti) - elemento questo che costituisce chiave di lettura dei
suoi rapporti con altissimi vertici aziendali - vengono registrate il 20.2.2018, quando, alle ore 16:27,
DI PIERRO Matteo chiama D'ALFONSO Daniele per segnalargli delle problematiche connesse ad
una gara, in quel momento, ancora non identificata.
I due, in particolare, discutono dei requisiti indicati nel bando, da loro censurati in quanto considerati
poco restrittivi e D'ALFONSO preannuncia che interverrà personalmente per risolvere la faccenda.
tel. 24873 in us. da 3485989733 in uso a D'ALFONSO Daniele, verso ut. 3346758257 di DI PIERRO
Matteo
Matteo:
si
Daniele:
mi hai chiamato
Matteo:
si
Daniele:
eh
Matteo:
niente ho visto la gara un pò no...
Daniele:
eh
Matteo:
loro per i mezzi euro 6
Daniele:
uhm
Matteo:
e per le certificazioni iso danno tempo cinque mesi alla (inc)
Daniele:
cazzata
Matteo:
pur di averle...capito
Daniele:
che cazzata
Matteo:
capito?
Daniele:
cinque mesi?
Matteo:
150 giorni si
Daniele:
ma perchè?
Matteo:
eh perchè son dei coglioni...però vabbè c'è la procedura negoziata ancora eh...cioè
capito?
Daniele:
poi ti deve dare un punteggio
Matteo:
no no no...al massimo ribassa
Daniele:
quindi uno che fa il ribasso, fa il ribasso basta
Matteo:
punto basta fine (inc)...la documentazione la dovete presentare l'ultimo step entro il 20
marzo
195
Daniele:
ah allora adesso possono dire ok va bene...hanno partecipato questi ok...poi dopo non
mi piacciono l'annullo
Matteo:
bravo perchè là dicono guardi io devo...i mezzi e le...le certificazioni le otterrò come
previsto da capitolato
Daniele:
no ma zero, sbagliato...niente devo andare...basta...vado io basta...ciao
Matteo:
ciao
Daniele:
immediatamente ciao
Matteo:
ciao
Due minuti dopo, ore 16:29 del 20.2.2018, D'ALFONSO Daniele chiama SALERNO Sergio
(dipendente di AMSA spa) chiedergli un incontro urgente perché le cose non vanno bene "emergenza
emergenza dove sei?" [...] "no vengo io da te dai basta" [...] "vengo io da te stai lì .. ciao".
tel. 24874 in uscita da 3485989733 in uso a D'ALFONSO Daniele, verso ut. 3382497928 di
SALERNO Sergio.
SERGIO:
DANIELE:
SERGIO:
DANIELE:
SERGIO:
DANIELE:
SERGIO:
DANIELE:
SERGIO:
DANIELE:
SERGIO:
DANIELE:
SERGIO:
Tutto bene?
male dove sei?
qua. te?
emergenza emergenza dove sei?
in OLGETTINA (sede amsa NDR)
Quanto stai lì?
Quanto vuoi quanto vuoi! Ti aspetto?
Io sono da SORDI (si riferisce a Fabio Altitonante ndr) perchè tu devi stare lì fisso si?
eh
no vengo io da te dai basta
si dai come vuoi!
vengo io da te stai lì .. ciao
ciao ciao..
Mezz'ora dopo, D'ALFONSO raggiunge il dipendente AMSA spa per affrontare la problematica,
oggetto di un'importante intercettazione ambientale40 , di cui infra, da cui si comprende che è stata
indetta una gara "con procedura ristretta" ma i requisiti (veicoli Euro 6, mezzi elettrici, una serie di
certificazioni) indicati nel bando non sono secondo D'ALFONSO sufficientemente restrittivi perché
l'arco di tempo prescritto (5 mesi) consentirebbe a troppe imprese di riunirli e parteciparvi.
Questo passaggio della discussione è estremamente significativo in quanto sintomatico del previo
accordo collusivo intercorso per cui D’ALFONSO è o deve essere sicuro di essere l’aggiudicatario. Ed
in tal senso si colloca anche la circostanza che gli interlocutori, non facendo alcun cenno all'oggetto
della gara sul quale verte la discussione, avevano già preso accordi sulla specifica commessa pubblica
("È USCITA LA GARA!" [...] "sono dei coglioni!!")
Il problema sono, si ripete, i requisiti da inserire nel bando "l'euro 6, l'elettrico, tutte le certificazioni..
no! LE HA MESSE. sai quanto tempo hai per comprarle? cinque mesi da quando vinci! bè cazzo così
apri, così apri la strada anche, anche al salumiere cazzo! troppo tempo!" [...] "non metterlo! devi
averlo, se no non puoi partecipare! o se no metti 30 giorni" [...] "no io non ho parole!".
Il problema, secondo D'ALFONSO può essere comunque superato visto che, non trattandosi di una
procedura aperta ma di una manifestazione di interesse che non sarebbe quindi vincolante per AMSA
e che potrebbe revocarla "di bello c'è che non l'ha fatta aperta, ha fatto la manifestazione, quindi vede
chi c'è e poi la può annullare".
SALERNO, con disinvoltura perché chiaramente consapevole delle proprie entrature in AMSA,
conferma che allora si potrà sistemare "OK, ALLORA LA SISTEMIAMO".
Proseguendo il discorso poi D’ALFONSO si mostra contrariato e preoccupato dell’annullamento della
gara poiché rischiano di dare “NELL’OCCHIO” trattandosi di un comune di grandi dimensioni come
40 progr. 619 del 20.2.2018 - a bordo di BMW x5 - RIT 75/18
196
Milano “È UNA GARA SUL COMUNE DI MILANO, NON È SEGRATE, CESANO, CORSICO,
UN COMUNELLO DEL CAZZO”.
D’ALFONSO non mostra di essere assolutamente sorpreso, ma solo preoccupato, dal fatto che la gara
in questione possa essere annullata, così come prontamente affermato da SALERNO, dimostrando una
disinvoltura tale da far ragionevolmente ritenere che:
i rapporti “corruttivi” con SALERNO sono consolidati e risalenti nel tempo;
in passato SALERNO sia stato effettivamente in grado di influenzare le gare a tal punto da
ingenerare in D’ALFONSO la certezza che il primo abbia la capacità di intervenire in modo risolutivo
sulle vicende legate ad AMSA
i due interlocutori si riferiscono ad una terza persona – nota ad entrambi – che
evidentemente ha il potere di predisporre i bandi di gara e, successivamente, di annullarli: è chiaro che
i due intendano riferirsi ad una persona che riveste un ruolo apicale all’interno di AMSA.
Nel corso della conversazione ambientale, SALERNO riceve una telefonata e passa l'apparecchio
telefonico a D'ALFONSO il quale scambia alcune battute con l'interlocutore (dal tabulato telefonico
dell'utenza 3382497928, in uso a SALERNO si rilevava una telefonata in entrata, alle ore 17:19 del
20.2.2018, della durata di 55 secondi, proveniente dall'utenza 3662322535, intestata a RIVA Gian
Paolo; i due concordano nel vedersi l'indomani al ristorante "Da BERTI").
D'ALFONSO, subito dopo, come per ricollegarla alla telefonata appena conclusa, dice a SALERNO
Sergio "Matteo va bene, Matteo va da Dio, ha alzato anche il ritmo, poi alla squadra piace" ..."sono
proprio contento di Matteo...cazzo sono proprio".
Tra i dipendenti della ECOL- SERVICE SRL figura effettivamente RIVA Matteo, nato a Milano il
20.5.1982, già residente in Giussano via Adamello 16, figlio di RIVA Gian Paolo, nato a Giussano il
23.8.1955, già sindaco di Giussano (2009 - 2014) e attuale dirigente di AMSA - INPDAP SPA
Sentito ciò SALERNO chiede il nominativo di un altra persona che sarebbe stata recentemente assunta
da D'ALFONSO su richiesta di terze persone:
[...]
SERGIO:
CHI È CHE GLI HAI FATTO...? vabbè uno che mi hai detto...adesso vado...
DANIELE:
QUELLO GLIEL'HO PRESO A POSTO, NON SO COME VA, SENTIAMO COME
VA?
SERGIO:
vado a trovarlo adesso...cazzo fa l'operaio?
DANIELE:
CERTO, MA SE DIVENTA BRAVO PER ME PUO' FARE ANCHE LA SCALATA,
NON È UN PROBLEMA... gli vendo anche la ditta (ridono), non è un problema, ASPETTA CHE
SENTIAMO COME VA...COSÌ GLI MANDI UN MESSAGGIO CHE LUI È CONTENTO...
SERGIO:
com'è che si chiama?
DANIELE:
che cazzo... no te lo dico... come si chiama lo sa lui (DI PIERRO Matteo che sta
chiamando)...
Daniele telefona alla ECOL SERVICE e parla con Matteo DI PIERRO (LIN. 12030 PROGR. 24956.
Il dipendente di cui parlano con Daniele e Sergio è TURINA Maurizio).
[...]
Rispetto a quest'ultimo nominativo indicato in ambientale (TURINA Maurizio), appreso
telefonicamente da DI PIERRO (LIN. 12030 PROGR. 24956), si è accertato che in realtà tra i due vi è
stato un fraintendimento. L'altra persona recentemente assunta su richiesta esplicita di DE CILLIS
Mauro, responsabile operativo di AMSA SPA, è tale GAETANO Luca, nato a Monza il 2.3.1979
(assunto presso la Ecol Service in data 19.02.2018).
Si riportano le trascrizioni integrali in quanto di estremo rilievo
(amb. 619 del 20.2.2018 - a bordo di BMW x5 - RIT 75/18):
Milano , Milano Via Olgettina[Pr.619 - A - 3 ore 17:14:14]:
SALE SERGIO MENTRE DANIELE È AL TELEFONO CON RINO (LIN. 12030 PROGR. 24947).
SERGIO:
cazzo è successo?
DANIELE:
è uscita la gara!
SERGIO:
eh..
DANIELE:
sono dei coglioni!!
SERGIO:
perché?
197
DANIELE:
L'EURO 6, L'ELETTRICO, TUTTE LE CERTIFICAZIONI.. NO! LE HA MESSE.
SAI QUANTO TEMPO HAI PER COMPRARLE? CINQUE MESI DA QUANDO VINCI! BÈ
CAZZO COSÌ APRI, COSÌ APRI LA STRADA ANCHE, ANCHE AL SALUMIERE CAZZO!
TROPPO TEMPO!
SERGIO:
troppo? cioè ..
DANIELE:
non metterlo! devi averlo, se no non puoi partecipare! o se no metti 30 giorni.
SERGIO:
che cazzo metti a fare cinque ..
DANIELE:
no io non ho parole!
SERGIO:
ma chi è che lo ha fatto?
DANIELE:
di bello c'è che non l'ha fatta aperta, ha fatto la manifestazione, quindi vede chi c'è e
poi la può annullare.
SERGIO:
OK, ALLORA LA SISTEMIAMO
DANIELE:
PERÒ PORCA PUTTANA, MA MINCHIA MA PERCHÈ DEVI FARLA E
ANNULLARLA, DAI NELL'OCCHIO, FIGA, COME FAI AD ANNULLARLA, DEVI AVERE
QUESTO, PUNTO BASTA! È UNA GARA SUL COMUNE DI MILANO, NON È SEGRATE,
CESANO, CORSICO, UN COMUNELLO DEL CAZZO, 100.000... io sto facendo Busto adesso,
stesso lavoro 140.000 due anni, 70 e 70... questi cazzo ma sono dei pirla, stanno lavorando così bene
porca puttana, il lavoro viene benissimo"
SERGIO:
me l'hai detto, ma sono contenti tutti, va bene dai"
[….]
Squilla il telefono di Sergio, fa rispondere a Daniele, scherzando dice che sono impegnati, che
lavorano (non come l'interlocutore che è in ufficio), che tengono i rapporti sul territorio, che portano
avanti la campagna elettorale...si accordano per pranzare da Gigi (DA BERTI) giovedi'.
DANIELE:
Matteo va bene, Matteo va da Dio, ha alzato anche il ritmo, poi alla squadra piace...
SERGIO:
gli parlo
DANIELE:
sono proprio contento di Matteo...cazzo sono proprio... (il figlio di Riva, dipendente di
Ecol-Service s.r.l., ndr)
[….]
DANIELE:
STO GUARDANDO COSA SCADE DI ALTRO (GARE), ABBIAMO 8 GARE A
MARZO, PORTAFOGLIO 8 MLN (RIDONO), UNA ROBA ALLUCINANTE, TANTISSIMO FIGA
SERGIO:
BISOGNA LAVORARE, BASTA CHE SI MUOVE ALBERTO SORDI
(ALTITONANTE FABIO NDR.), QUALCOSA DEVE FARE!
DANIELE:
alle sei c'ho un appuntamento per me
SERGIO:
...io due cose gli devo chiedere domani...
poi parla al telefono (sempre la telefonata sopra menzionata lin. 12030 progr. 24956), nell'attesa che
gli passino MATTEO DI PIERRO, DANIELE DICE A SERGIO: POI DOVEVA USCIRE 1 E 2
(1.200.000) È USCITA 900 (900.000 importo gara AMSA ndr.)
Al termine della conversazione con DI PIERRO, i due interlocutori si riferiscono ad una persona
recentemente assunta da Ecol-Service , identificandola erroneamente in Maurizio TURINA ( si tratta
in realtà di GAETANO Luca, v. infra), Daniele dice a Sergio: MANDAGLI IL MESSAGGIO DIGLI
PER ORA VA BENE IL RAGAZZO...( messaggio diretto a chi ne aveva richiesto l’assunzione, ndr)
L’assunzione di un dipendente alla ECOL-SERVICE s.r.l., correttamente identificato in GAETANO
Luca, a titolo di favore fatto da D’ALFONSO a DE CILLIS viene esplicitata dal contenuto delle
seguenti conversazioni.
Il 27.1.2018, viene intercettata una telefonata di DE CILLIS Mauro a D'ALFONSO Daniele: l'alto
dirigente di AMSA richiede di assumere il suo vicino di casa rimasto senza lavoro. D'ALFONSO si
mette a disposizione e gli anticipa che lo potrà incontrare la prossima settimana
Progr. 13764 del 27.1.2018 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO Daniele
Daniele:
buongiorno Mauro!
Mauro: come stai Daniele? Tutto bene?
Daniele:
si, un pò influenzato, però bene...
Mauro: sei? conciato?
198
Daniele:
un pò influenzato!
Mauro: non ho capito un cazzo, devo dirti la verità! (sorride)
Daniele:
aspetta che non prende... sono un pò inflenzato, però bene, tutto bene.
Mauro: eh va beh... ma non sei andato in Africa?
Daniele:
no, vado via il 4!
Mauro: eh... senti, ti chiamavo per questa ragione... perchè so che tu, sei... io c'ho un mio vicino di
casa che faceva l'imprenditore nel senso che faceva gli allestimenti dei capannoni industriali e che
aveva una sua società...
Daniele:
ok, si.
Mauro: va beh... è finito in un... è uno di origini calabrese, un ragazzo molto bravo, una persona a
modo...
Daniele:
mh
Mauro: ...è finito in un casino, nel senso che delle società che dovevano pagargli soldi sono saltate,
ma per cifre significative...
Daniele:
certo.
Mauro: adesso questo qua è in difficoltà e sta cercando lavoro, lui gestiva anche uomini... no?
Daniele:
va bene.
Mauro: volevo chiederti... ti può andar bene uno?
Daniele:
si.
Mauro: è anche uno sveglio, è un calabrese, sveglio, veramente un bravo ragazzo, ti può andar bene?
Daniele:
si! fammelo... fammi contattare che lo incontro settimana prossima, subito, lunedì.
Mauro: va bene, allora cosa faccio? gli dò il tuo cellulare? posso darglielo o gli do un altro numero?
Daniele:
si! ma va! dagli il mio, tranquillo.
Mauro: gli do allora il tuo e gli dico di chiamarti quando?
Daniele:
lunedì... la mattina sono via... fammi chiamare sotto mezzogiorno.
Mauro: va bene, io gli dico di chiamarti a mio nome.
Daniele:
tranquillo!
Mauro: comunque, te lo segnalo perchè è un veramente bravo ragazzo, poi gestiva gli uomini,
quindi...
Daniele:
se merita gli diamo una mano, tranquillo!
Mauro: si si, poi sfruttalo, nel senso che è uno bravo, se no non te lo avrai detto, eh, cioè!
Daniele:
non ti preoccupare.
Mauro: ...mentre quello che ti ho accennato l'altra volta è uno che... è un ex muratore, questo qua è un
pò più erudito, è un ragazzo, è un gran lavoratore, ecco!
Daniele:
quanti anni ha?
Mauro: 39.
Daniele:
va benissimo.
Mauro: ok.
Daniele:
lo incontro subito lunedì, tranquillo.
Mauro: va bene, ok, grazie.
Daniele:
grazie Mauro.
Mauro: ciao, ciao, figurati, ciao.
Daniele:
ciao.
La telefonata è significativa in quanto dimostra l’assoluta disponibilità di D’Alfonso ad
accondiscendere alle richieste di De Cillis: senza neppure avere notizie precise sul curriculum della
persona da assumere, accetta immediatamente di incontrarlo.
Significativi appaiono anche ulteriori elementi:
il candidato si presenterà a nome di De Cillis;
non si tratta del primo episodio il cui il dirigente raccomanda qualcuno perché sia assunto da
D’alfonso;
la “sudditanza” dell’imprenditore è tale che egli conclude la telefonata ringraziando la persona a cui
sta facendo un favore.
199
Puntualmente, lunedì 29 gennaio, tale "Luca", identificato in GAETANO Luca, nato a Monza il
2.3.1979, residente a Carugate via Mirebello 6 (vicino di DE CILLIS Mauro, residente a Carugate in
via Mirabello 8) chiama41 D'ALFONSO Daniele e viene fissato un incontro in ditta.
Nella telefonata42 delle ore 16:35 (29.1.2018) SALERNO Sergio chiede se aveva ricevuto la chiamata
del “capo” “TI HA CHIAMATO IL CAPO?".
Certa è l’identificazione del “capo” nel DE CILLIS alla luce del seguito della conversazione, quando
D'ALFONSO conferma che incontrerà in serata terza persona "SI SI MI HA CHIAMATO,L'HO
CHIAMATO APPOSTA LO VEDO STASERA IL TIPO": poco dopo D'ALFONSO richiama 43
GAETANO Luca che, come visto, viene assunto sulla base della raccomandazione del DE CILLIS al
quale dice di prendere un appuntamento con il suo responsabile di Corsico per le ore 12:00.
Ad ulteriore conferma si pone, il 1.2.2018, la telefonata 44 fra D’ALFONSO e DE CILLIS Mauro, al
quale viene confermato che "il ragazzo" è stato assunto” (da banca dati INPS risulta alle dipendenze
della ECOL Service srl dal 19.02.2018).
Si tratta di conversazioni di estremo interesse perchè denotano i rapporti clientelari abilmente intessuti
da D’ALFONSO con Salerno, con Riva e con De Cillis.
Tornando ai rapporti fra ECOL-SERVICE e la p.a., deve osservarsi come sia stato possibile
identificare, con precisione, il bando cui fanno riferimento D’ALFONSO e SALERNO nella
conversazione sopra riportata in quello indetto da AMSA s.p.a. con procedura ristretta N. 3/18 ( è agli
atti l’estrapolazione della pubblicazione estratta dal sito della partecipata).
Il bando di gara è indubbiamente quello sopra riportato poiché nella parte dedicata al "Capitolato
Speciale" figurano effettivamente i dettagli indicati in ambientale:
"AL FINE DI RIDURRE GLI IMPATTI AMBIENTALI, GLI AUTOMEZZI UTILIZZATI PER
L’EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DOVRANNO AVERE MOTORIZZAZIONE EURO 6
(GASOLIO E\O BENZINA E\O METANO) O POSSEDERE MOTORE ELETTRICO. I MEZZI
EURO 6 (GASOLIO E\O BENZINA E\O METANO) O CON MOTORE ELETTRICO DOVRANNO
ESSERE IMMESSI IN SERVIZIO ENTRO E NON OLTRE 150 GIORNI"
In relazione al citato bando, la procedura concorsuale non prevede la nomina di una commissione
esterna deputata all’assegnazione della gara.
La “procedura ristretta” è una procedura amministrativa disciplinata dall’art. 61 del Codice degli
Appalti ed in base alla stessa, in via di estrema sintesi:
qualsiasi operatore economico può presentare una domanda di partecipazione in risposta ad un avviso
di indizione di gara, fornendo le informazioni richieste dall’amministrazione aggiudicatrice ai fini
della selezione qualitativa:
il termine minimo per la ricezione delle domande di partecipazione è di 30 giorni dalla data di
trasmissione del bando di gara o, se è utilizzato un avviso di preinformazione come mezzo di indizione
della gara, dalla data dell’invio dell’invito a confermare l’interesse;
a seguito della valutazione da parte delle amministrazioni aggiudicatrici delle informazioni fornite,
soltanto gli operatori economici invitati possono presentare un’offerta.
41 Tel. 14289 del 29.1.2018, ore 10:45, in us. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele, verso 3939028739 di GAETANO Luca - rit 1894/17) "Luca
chiama D'Alfonso al quale dice che il suo numero gli è stato dato da MAURO DE CILLIS, Daniele dice che dovrebbe passare nel suo ufficio e
che lo richiama per fargli sapere a che ora".
42 Tel. 14418 del 29.1.2018, ore 16:35, in us. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele, verso 3382497928 di SALERNO Sergio - rit 1894/17)
"Sergio con Daniele parlano della mancata candidatura di TATARELLA, POI SERGIO DICE: "TI HA CHIAMATO IL CAPO?" DANIELE DICE: "SI SI
MI HA CHIAMATO,L'HO CHIAMATO APPOSTA LO VEDO STASERA IL TIPO (LUCA ndr.)...".
43 Tel. 14477 del 29.1.2018, ore 20:23, in us. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele, verso 3939028739 di GAETANO Luca - rit 1894/17)
"Daniele richiama Luca (persona segnalata da DE CILLIS) al quale dice che gli prende un appuntamento per le 12 con il suo responsabile
presso la loro sede di Corsico".
44 (tel. 15943 del 01.02.2018, ore 13:58, in entrata su 3485989733 di D'ALFONSO Daniele, da 3355991646 di DE CILLIS Mauro) "DANIELE
CON MAURO DE CILLIS CONVENEVOLI POI DICE CHE HA INCONTRATO QUEL RAGAZZO CHE È STATO ASSUNTO al quale ha spiegato che il
lavoro è duro, DE CILLIS dice che dovrebbe essere abituato al lavoro duro e se va bene ok altrimenti dice di "dargli un ritorno" Daniele dice
che lo farà. Poi DE CILLIS fa riferimento alla candidatura di Tatarella "che non è finita bene " e di averlo appreso da SERGIO (Salerno Sergio),
Daniele dice che è terzo in un brutto collegio, DE CILLIS dice che non lo ha chiamato ma dice a Daniele di comunicargli (a Tatarella) che è
molto dispiaciuto. DANIELE DICE PENSA CHE LORIS (ZAFFRA Loris ndr.) C'E' RIMASTO MALE QUANDO LO HA SAPUTO, MAURO DICE: ANCHE
LORIS IO LO VEDO SETTIMANA PROSSIMA.."
200
Poiché trattasi di “procedura ristretta” è stata nominata come da prassi, una commissione con membri
interni all’azienda appaltante (AMSA Spa) ed in tal senso si colloca la tel. 78788 del 24.4.2018, ore
13:06 (in entrata su 3346758257 di DI PIERRO Matteo, RIT 1491/17, proveniente dall’utenza nr
3351046465) nella quale l’interlocutore di DI PIERRO Matteo si presenta come SCARIONI “Capo
dell’ufficio acquisti di AMSA nonché membro della commissione di gara in questione”.
Si tratta di SCARIONI Giovanni nato a Milano il 29/11/196345 dirigente capo dell’ufficio acquisti di
AMSA spa, nonché firmatario della procedura ristretta nr 3/2018 (CIG 7316555430) ovvero del bando
di gara in trattazione.
Di Pierro:
Pronto?
Scarioni:
Si DI PIERRO?
Di Pierro:
Si? Salve..
Scarioni:
Buondì sono SCARIONI DI AMSA, CAPO DEGLI ACQUISTI E SONO ANCHE IN
COMMISSIONE DI GARA PER STA GARA DEGLI ...
Di Pierro:
Salve salve
Scarioni:
Salve..senta ci manca ancora una roba qua
Di Pierro:
Nooo
Scarioni:
no lo dico io a lei non lei a me!
Di Pierro:
no guardi sono portato al suicidio oggi eh..
Scarioni:
eh ho capito che è portato al suicidio eh noi pure ..
Di Pierro:
mi dica?
Scarioni:
come si fa a scrivere una roba che dice: attualmente risulta coperta da garanzia ..l'ha
scritta lei questa qua?
Di Pierro:
si l'ho scritta io!
Scarioni:
...questa lettera qua l'ha scritta lei ne è a conoscenza perchè se no magari la leggo e
non sa di cosa sto parlando ..
Di Pierro:
certo parliamo di ecoeternit..
..omissis..
Da sottolineare come, sin dall’inizio, le modalità con cui i soggetti deputati a vagliare le proposte
presentate dalle diverse socità contattino i dipendenti di Ecol-Service s.r.l. sono tutt’altro che rituali: la
mancanza di documentazione a sostegno dei requisiti indicati ( le c.d. integrazioni) dovrebbero essere
comunicate dall’ente appaltante tramite pec, mentre nel caso di specie si assiste ad una telefonata
diretta tra uno dei membri della commissione interna ed il braccio destro di D’Alfonso.
Altri membri della commissione desumibili dalle conversazioni riportate nel seguente capitolo (tel.
77298 tel 77347 del 20.01.2018 e tel 78804 del 24.04.2018 registrate sull’ut. 3346758257 di DI
PIERRO Matteo – in entrata da 0227298 - RIT 1491/17), sono da identificare in :
SFREGOLA Domenico nato a Cologno Monzese il 03.11.1967, residente a Basiano (MI) via Virgilio
nr 18/A.46
TAFURI Carmen nata a Monza (MB) il 27.03.196450, residente a Cologno Monzese (MI) via Carrobio
nr 30.47
Inoltre con nota nr 0152855/2018 datata 22.11.2018, la Guardia di Finanza - Nucleo Speciale
Anticorruzione –Gruppo vigilanza contratti pubblici 2 sezione di Roma, indicava PEZZANI Stefano
nato a Milano il 13.02.197248 quale R.U.P. della gara in oggetto.
( si veda il report indicato come scheda 8 della Guardia di Finanza di Roma allegato in atti).
SCHEDA N. 8
GARA - Stazione appaltante
SOCIETÀ
PARTECIPANTI
AGGIUDICATARIE CONOSCIUTE
NOTE
45 Residente a Garbagnate Milanese (MI) via Manzoni nr 30
46 In data 30.03.2010 denucia un furto nel suo armadietto presso la sede di AMSA di via Olgettina nr 35.
47 In data 09/12/2013 presentava denuncia di smarrimento dichiarando di essere responsabile amministrativa e Logistica di AMSA.
48 Residente a Caronno Pertusella (VA) via Cabella n. 211.
201
O
A.M.S.A.
s.p.a.
(c.f./p.i. scadenza 20.03.2018
5908960965)
gara della c.d. "raccolta dei rifiuti
pericolosi" Procedura ristretta n°
3/2018 (CIG 7316555430)
Ecol Service s.r.l. (c.f./p.i. 01378170185)
SINTESI DEI DATI RILEVATI:
Stazione appaltante: AMSA – Azienda Milanese Servizi Ambientali S.p.A. (Acquisti Centralizzati),
con sede legale in Milano, via Olgettina n. 25 (c.f. e P.Iva: 05908960965);
Oggetto della gara: P.R. 3/2018 per il servizio di pronto intervento per analisi, rimozione, trasporto,
smaltimento/recupero dei rifiuti rinvenuti sul territorio del comune di Milano e dei comuni della
provincia di Milano;
Modalità di scelta del contraente: Procedura ristretta;
Modalità di realizzazione: Contratto d’appalto;
Importo complessivo gara: €. 1.080.000,00 (Note: €. 900.000,00 + eventuale facoltà di applicare
quanto previsto dall’art. 106, comma 12 del D.Lgs. 50/2016: “12. La stazione appaltante, qualora in
corso di esecuzione si renda necessario un aumento o una diminuzione delle prestazioni fino a
concorrenza del quinto dell'importo del contratto, può imporre all'appaltatore l'esecuzione alle stesse
condizioni previste nel contratto originario. In tal caso l'appaltatore non può far valere il diritto alla
risoluzione del contratto”);
Data di pubblicazione del bando di gara: 28.02.2018;
Termine per il ricevimento delle offerte: 20.03.2018 ore 12:00;
Durata dell’appalto: tre anni dall’inizio del servizio;
Criteri di aggiudicazione: Criterio di cui all’art. 95, comma 4, lett. b), D.Lgs. n. 50/2016, al
concorrente che avrà indicato il maggior sconto percentuale unico;
Soggetto responsabile per la parte pubblica (R.U.P.): Pezzani Stefano, nato a Milano il 13.02.1972 e
residente a Caronno Pertusella (VA), Via Cabella n. 211 (c.f.: PZZSFN72B13F205P);
Numero totale lotti: 1;
N°
CIG
Importo (€.) Oggetto
Aggiudicataria (1)
lotto
P.R. 3/2018 per il servizio di
pronto intervento per analisi,
rimozione,
trasporto,
1
7316555430 1.080.000,00 smaltimento/recupero dei rifiuti Ecol-Service S.r.l.
rinvenuti sul territorio del
comune di Milano e dei comuni
della provincia di Milano
Società partecipanti:
Colombo Biagio S.r.l. (c.f.: 08010130154);
Ecol-Service S.r.l. (c.f.: 01378170185);
Aggiudicataria: Ecol-Service S.r.l.;
Data aggiudicazione: 14.05.2018;
Importo di aggiudicazione: €. 900.000,00.
Anche a questo proposito la cronologia degli eventi appare assolutamente significativaDalla scheda ufficiale, la data di pubblicazione risulta essere il 28.02.2018: tuttavia la telefonata in cui
Di Pierro comunica a D’Alfonso che “ è uscita la gara” e ne illustra nel dettaglio i contenuti del
capitolato risale al 22 febbraio 2018.
All’evidenza il dipendente di Ecol-Service s.r.l. doveva aver avuto la notizia in forma “ non ufficiale”
Identificata la gara, bisogna, però ripercorrere le “mosse” degli indagati finalizzate ad assicurare la sua
aggiudicazione alla ECOL SERVICE s.r.l.
202
Dopo la prima intercettazione ambientale sopra riportata del 20.2.2018 (amb. 619 - a bordo di BMW
X5 - RIT 75/18), in data 22.2.2018, presso il noto luogo di ritrovo di Milano nei pressi della Regione
Lombardia, il ristorante "Da Berti", viene documentato (all. 7/20 inf. riep.) un incontro che prova
come SALERNO Sergio ("SOGGETTO 1") , sia persona vicina, oltre che all'imprenditore
D'ALFONSO Daniele, anche alle figure di primo piano come TATARELLA Pietro, ALTITONANTE
Fabio e ZAFFRA Loris.
Questo incontro è particolarmente significativo perchè attesta le entrature di Sergio SALERNO, con
alti livelli della politica locale, e, contemporaneamente, costituisce il punto di inizio dell’attività
frenetica del dipendente AMSA di adoperarsi al fine di assicurare al D’ALFONSO l’aggiudicazione
della gara.
Valga, al riguardo, osservare che, come risulterà da molte delle conversazioni captate, SALERNO ha
bisogno di denaro per far fronte alle cure della figlia gravemente malata anche se, poi, non lesinera’ di
dilapidare parte dei soldi illecitamente guadagnati, attraverso le corruzioni ricostruite, in attività più
“frivole” 49
Trattasi, quindi, di soggetto particolarmente debole ed ideale destinatario di proposte corruttive.
Dalle intercettazioni di seguito commentate emerge come SALERNO non si muova, però, in modo
autonomo, ma sempre su disposizione del potente Mauro DE CILLIS , Direttore Operativo di AMSA.
Gli espedienti utilizzati saranno i più eterogenei, quali la veicolazione, a chi di dovere, di notizie su
precedenti guai giudiziari in cui erano incappate le ditte competitor e la pressione esercitata sui
componenti della commissione interna al fine di trattare con “un occhio di riguardo” ECOL SERVICE
S.R.L., benchè la società non sia affatto adeguata ad offrire la garanzia di rendere un servizio ottimale
(in effetti, risulterà aggiudicataria benchè priva delle autorizzazioni a trattare rifiuti con i codici CER
indicati nel capitolato e priva di serie polizze fideiussorie).
Il 20.3.2018, vale a dire lo stesso giorno in cui è fissata la scadenza per presentare le domande, viene
intercettata una conversazione telefonica (progr. 36969 in uscita ut. 3485989733 di D'ALFONSO
Daniele - RIT 1894/17), tra D'ALFONSO e SALERNO Sergio che, seppur in modo criptico, ha come
reale oggetto la manifestazione di interesse in trattazione: in particolare D'ALFONSO chiede quanti
sono i partecipanti e l'interlocutore si impegna a farglielo sapere entro il giorno seguente.
[Daniele al telefono con Sergio che è in ufficio].
Daniele:
IERI MATTEO HA FATTO TUTTO L'ITER (Gara appalto AMSA - ndr.) MA POI SI
PUÒ SAPERE QUANTI SIAMO A QUESTA CENA O NO?
Sergio:
SI CERTO CHE SI PUÒ SAPERE..."
Daniele:
ma domani ormai...
Sergio: NO NO VA BÈ ADESSO. SI DOMANI SI PER FORZA DOMANI TI DICO...(il termine
per la presentazione delle offerte scade proprio il 20 marzo 2018 alle ore 12.00, n.d.r.) COSÌ
PRENOTIAMO EVENTUALMENTE... OH CHI C'È C'È CHI NON C'È NON C'È TI FACCIO
SAPERE I NUMERI PERÒ, PRECISI..."
Daniele cambia discorso e poi ribadisce che si sentiranno domani non appena avrà i "numeri", (con
evidente riferimento al contenuto delle offerte). Daniele chiede la prossima cena con PAOLINO
quando la farà ( si riferisce a Riva Gian Paolo). Sergio risponde Giovedì.
Il giorno successivo (21.3.2018) i due tornano a sentirsi telefonicamente (progr. 37257 in uscita ut.
3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17) "SALERNO Sergio chiede a Daniele se possono
vedersi due minuti. Daniele dice che è impegnato e poi chiede "perché male?", SERGIO DICE NO,
SPECIFICA CHE HA "RACCOLTO LE PRENOTAZIONI..." e che si devono vedere. Daniele chiede
se è male Sergio dice di no.
49 durante l’attività tecnica svolta nei confronti di SALERNO Sergio sono emerse numerosissime conversazioni dalle quali si evince che lo
stesso frequente abitualmente prostitute (che incontra a casa propria o presso l’abitazione delle stesse). Le prestazioni sessuali hanno un
costo di svariate centina di euro ad incontro (cfr. progr. 811-847-61621-78422-78590-79790-79798-83264-83969-71937-71957-7838878389-78429-79776-79765-79766-79785-79790-79792-79795-79798-83265-83268-83264-83269-100883-100899-100915-104045-104050106077 - UTENZA 3382497928 in uso a SALERNO Sergio - R.I.T. 591/18).
203
Alle successive ore 19:54 i due si accordano telefonicamente per vedersi (progr. 37581 in uscita ut.
3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17) "Daniele che dice di essere al civico 47 davanti
la Mondadori dice District si chiama".
Altro elemento che chiaramente emerge dalle intercettazioni è il ruolo svolto da TATARELLA Pietro
nel contesto di quanto sta accadendo:
alle 19.53 circa del 21.3.2018, TATARELLA e D'ALFONSO incontrano Sergio SALERNO (amb.
1484 Smart - RIT 75/18) "Milano , Milano Via Marghera, 34 > 22 - 51 > 31[Pr.1484 - A - 7 ore
19:53:03]:scendono (si incontrano con Sergio, progr.37581)";
alle 20.30 circa del 21.3.2018, TATARELLA e D'ALFONSO risalgono in auto dopo aver incontrato
Sergio SALERNO e, poco dopo, commentano il fatto di essere rimasti solo in due (a partecipare alla
gara, n.d.r.), condizione migliore di quella che potevano mai aspettarsi (amb. 1485 Smart - RIT
75/18):
[Pr.1485 - A - 7 ore 20:50:39]:
PIETRO:
due va bene, io pensavo partecipassero cazzo in ..
DANIELE:
minchia io avevo una paura bomber..
PIETRO:
eh?
DANIELE:
avevo paura ..
PIETRO:
pensavo sei sette..(inteso ditte concorrenti)
DANIELE:
io pensavo almeno cinque ..quattro, sette non l'avrei mai pensato ma cinque si! due
minchia.. (cambiano ancora discorso)
Alle ore 12:49 del 22.3.2018, Sergio SALERNO chiede un incontro a D'ALFONSO Daniele (progr.
37848 in uscita ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17) "Sergio chiede a Daniele se
riescono a vedersi 5 minuti, Daniele dice di essere a Pavia con i kart e chiede se vuole che gli mandi
MATTEO (DI PIERRO) Sergio dice che va benissimo e di mandarlo in via PRIMATICCIO tra un'ora.
Poi Sergio passa il telefono a Paolino (da identificarsi in RIVA Paolo dirigente AMSA, il figlio
Matteo lavora per la Ecol Service Srl) convenevoli. Paolo gli chiede come va Matteo (figlio) e Daniele
dice che è in ufficio a Trezzano".
Alle ore 16:37 D'ALFONSO fissa un incontro tra 10 minuti con Sergio SALERNO (progr. 39490 in
uscita ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17).
Alle 16.53 circa del 26.3.2018, salgono a bordo SALERNO Sergio e D'ALFONSO Daniele; nel corso
del dialogo (amb. 1601 Smart - RIT 75/18) SALERNO informa D'ALFONSO che ci sono elevatissime
probabilità che rimanga solo nella manifestazione di interesse indetta da AMSA "ABBIAMO
STUDIATO MI SA CHE RIMARRAI DA SOLO.." [...] "cos'è che vedevi il grigio? vedevi il buio
come se ce l'avessero con te INVECE ACCENDIAMO LA LUCE.."; è già evidente da questa prima
fase che SALERNO sta agendo unitamente ad altri complici (coniugando i verbi alla prima persona
plurale del presente indicativo).
(amb. 1601 del 26.3.2018, ore 16:53 a bordo Smart - RIT 75/18)
sale a bordo Salerno Sergio
SERGIO:
andiamo a berci un caffè lì a Milano due qua che è' all'aperto, torna indietro...
Daniele mette in moto e chiede a SERGIO se ha rapporti con quello che effettua i pagamenti, (inteso
di AMSA) Sergio conferma e chiede cosa gli deve riferire, Daniele dice che il venerdì scadono 38 k, e
il 31 del mese è sabato bisogna chiedere se paga venerdì o se paga lunedì e se le carte sono giuste per
non avere sorprese Sergio dice che gli farà sapere.
SERGIO:
…ABBIAMO STUDIATO MI SA CHE RIMARRAI DA SOLO..
DANIELE:
(ride) andiamo dimmi la strada ..
SERGIO:
cos'è che vedevi il grigio? vedevi il buio come se ce l'avessero con te invece
accendiamo la luce..
DANIELE:
ride …..
…omissis…
204
Durante l'incontro (ore 16:59 del 26.3.2018), fuori dall'auto monitorata, viene intercettata una
telefonata tra D'ALFONSO Daniele e il suo collaboratore fidato DI PIERRO Matteo (progr. 37848 in
uscita ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17).
L'oggetto del dialogo viene volutamente omesso "ti faccio una domanda capiscimi al volo..
contestualizzala la mia domanda" ma, le risultanze investigative consentono di comprenderne
chiaramente i contenuti. In attesa di risposta Daniele si rivolge alla persona che ha vicina e dice:
ASPETTA CHE FORSE TAO NON VA BENE (Daniele, come emerge dall'ambientale, è in
compagnia di SALERNO Sergio)" ..."TAO AMBIENTE50 andava bene a posto di FER.OL.MET51? "
... "ma non ha tutti i codici"
D'ALFONSO è appena venuto a conoscenza della denominazione dell'altra impresa concorrente che,
come confermato durante il dialogo del giorno successivo con TATARELLA Pietro (amb. 1623 Smart
- RIT 75/18) è la SELPOWER52 di Concorezzo.
Si riporta integralmente la conversazione telefonica.
In attesa di risposta Daniele si rivolge alla persona che ha vicina e dice: ASPETTA CHE FORSE TAO
NON VA BENE (Daniele, come emerge dall'ambientale, è in compagnia di SALERNO Sergio)
DI PIERRO: si?
D'ALFONSO: ti faccio una domanda capiscimi al volo.. contestualizzala la mia domanda.. TAO
AMBIENTE andava bene a posto di FER.OL.MET? "
DI PIERRO: ma penso di si sicuramente si ..
D'ALFONSO: andava bene?
DI PIERRO: si
D'ALFONSO: ma non ha tutti i codici..
DI PIERRO: eh penso di si ..devo controllare
D'ALFONSO: ok! SELPOWER?
DI PIERRO: SELPOWER non so se ha i pericolosi eh?
D'ALFONSO: ok! va bene ..eh .. poi ce n'è un altro che si chiama EFFEDUE ma io non so chi sia ...
ma gli impianti devono essere white list?
DI PIERRO: no gli impianti no ..no no no
D'ALFONSO: ok
DI PIERRO: perché ti han chiesto ...ehm si anche noi han fatto alcune cose ti hanno ..inc..
D'ALFONSO: va bene...ti chiamo ..guarda che ti sta chiamando anche GALIANI che ha bisogno ciao
DI PIERRO: ciao.
Il giorno successivo (27.3.2018) D'ALFONSO conversa (amb. 1623 Smart - RIT 75/18) con
TATARELLA Pietro della questione; si apprende che:
D'ALFONSO ha mostrato a SALERNO Sergio le sentenze di condanna della società SANGALLI spa
(processo in cui era coinvolto lo stesso D'ALFONSO per turbata libertà degli incanti e per il quale è
stato assolto) che risulterebbe a suo dire in ATI con la SELPOWER srl di Concorezzo (MB) (l'altra
impresa che ha manifestato l'interesse per la gara di AMSA spa) che D'ALFONSO sta, attraverso
SALERNO Sergio e DE CILLIS Mauro tentando di far escludere, dimostrando come essa abbia
indicato un impianto (di discarica) di proprietà della SANGALLI spa, impresa che quindi non
riunirebbe i requisiti per i trascorsi giudiziari avuti; l'incontro è quello indicato al progr. 1601 Smart RIT 75/18 quando D'ALFONSO e SALERNO, anticipato l'argomento in auto, si appartano in un
vicino bar "ah..Sergio che mi sono spostato..ho tirato fuori tutte le sentenze, capito, quindi lui gli
chiederà "va bene, datemi.. la visura di SELPOWER, del loro impianto, ok Sangalli è in ATI, è
comproprietario, ok, comproprietario di questo impianto è.." DOPO SE LA DEVE GIOCARE
MAURO (DE CILLIS MAURO, NDR)".
50 TAO AMBIENTE SRL di Arcore.
51 FER. OL. MET. spa di San Giuliano Milanese.
52 dal sito della Sangalli spa (http://www.sangallimpresa.it/) si apprende che, "nel mese di ottobre 2014 l'Impresa Sangalli Giancarlo & C.
S.r.l. ha investito circa tre milioni di euro con un partner industriale per acquisire la società Selpower S.r.l., che possiede l'impianto di
Concorezzo (MB) più grande della Lombardia per lo smaltimento e il trattamento dei rifiuti"
205
Secondo D'ALFONSO i vertici di AMSA avrebbero già posto il veto sulla società concorrente "però
già la Presidenza gli ha detto di non dargli soldi a questo, di non dare soldi al loro concorrente..cioè
siamo messi troppo bene, nel senso che, SIAMO SOLO IN DUE"
TATARELLA Pietro, mostrando il suo disprezzo per le regole esclama "E METTESSERO UN
PUNTEGGIO DEL CAZZO!"..."MA QUANDO LA BUTTANO FUORI ADESSO?"..." ok, adesso
questi due li invitano alla gara";
D'ALFONSO precisa che hanno la facoltà di escluderne una "questi due qua, puoi decidere di
invitarne anche uno, perché dici, quello non mi piace, invito questo"; i due concordano che "possono
fare quello che vogliono".
Si riporta il dialogo in forma integrale.
Pr.1623 - A - 1 ore 14:01:27]:auto in movimento, a bordo Daniele
[Pr.1623 - A - 1 ore 14:08:48]:segue trascrizione integrale
Daniele:
devo dirgli a Sergio..aspetta..ma i fogli che erano qua, li hai messo via tu?
Pietro:
qua dietro eh
Daniele:
ah..Sergio che mi sono spostato..ho tirato fuori tutte le sentenze, capito, quindi lui gli
chiederà "va bene, datemi.. la visura di SELPOWER, del loro impianto, ok Sangalli è in ATI, è
comproprietario, ok, comproprietario di questo impianto è.. DOPO SE LA DEVE GIOCARE
MAURO (DE CILLIS MAURO, NDR)
Pietro:
e quelli possono dire "vabbè non vado (inc), vado in un altro impianto"
Daniele:
ma sì!
Pietro:
non fai un cazzo
Daniele:
però già la Presidenza gli ha detto di non dargli soldi a questo, di non dare soldi al loro
concorrente..cioè siamo messi troppo bene, nel senso che, siamo solo in due
Pietro:
e mettessero un punteggio del cazzo!
Daniele:
eh ormai è tardi, devi rifare tutto se (inc) adesso
Pietro:
ma quando la buttano fuori adesso?
Daniele:
questa è una manifestazione d'interesse, (inc)
Pietro:
ok, adesso questi due li invitano alla gara
Daniele:
questi due qua, puoi decidere di invitarne anche uno, perché dici, quello non mi piace,
invito questo
Pietro:
POSSONO FARE QUELLO CHE VOGLIONO
Daniele:
POSSONO FARE QUELLO CHE VOGLIONO
Nella prosecuzione del dialogo (amb. 1624 Smart del 27.3.2018 ore 15:56 - RIT 75/18 ) D'ALFONSO
comunica a TATARELLA che ha necessità di incontrare Sergio (SALERNO Sergio, ndr.) per
consegnargli le sentenze sopra citate "senti vediamo un attimo a SERGIO (SALERNO SERGIO ndr)
che gli dò le sentenze queste qua ..inc..".
Si riporta integralmente la conversazione:
[Pr.1624 - A - 11 ore 15:56:15]:
DANIELE:
senti vediamo un attimo a SERGIO (SALERNO SERGIO ndr) che gli dò le sentenze
queste qua ..inc..
PIETRO:
dov'è?
DANIELE:
(..chiama Sergio) squilli ..ha preso un mezzo Sergio un classe C SW bellissima
PIETRO:
e la brava?
DANIELE:
l'ha venduta ..squilli
Effettivamente alle ore 16:11 si incontrano con SALERNO (amb. 1625 Smart del 27.3.2018 - RIT
75/18), in Milano , Milano Via Francesco Melzi D'Eril si fermano con SALERNO Sergio che si
avvicina all'auto ironicamente dice: voi con i Kart e noi a lavorare.. scendono dall'auto (per consegna
sentenze di Sangalli, ndr).
206
Il 6.4.2018 DI PIERRO chiede telefonicamente a D’ALFONSO se aveva avuto modo di incontrare
SALERNO e l'imprenditore conferma dicendogli che ormai tutto ciò che si poteva fare è stato fatto,
ora è compito loro (funzionari AMSA spa) completare l'iter in senso favorevole per ECOL-SERVICE
SRL "noi abbiamo fatto le integrazioni e loro pure basta.....non c'è niente da fare...il suo capo è tornato
giovedì adesso vediamo" [...] "Sergio l'ho visto niente adesso la palla è in mano a loro....la palla è in
mano a loro basta". Addirittura D'ALFONSO azzarda l'idea che era meglio fargli inserire tra i requisiti
di possedere un fatturato pari a quella della ECOL-SERVICE SRL "ormai non possiamo fare più
niente...stavo pensando un'altra cosa...dovrebbe...doveva chiedere il....fatturato identico per gli ultimi
mesi"[...] "per dodici mesi...identico....è contro la legge identico?...si" [...] "identico non ce l'hanno
loro secondo me quell'importo lì"[...] "le cose terrestri le possiamo fare le cose extraterrestri no...se
vogliono...si adottano" [...] "va bhè basta oh le cose da fare le abbiamo fatte basta".
( vedasi tel. 43719 del 6.4.2018, ore 20:54 ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17)
A partire dal 20 aprile 2018, viene intercettato un gruppo di conversazioni quanto mai significative in
ordine al ruolo di DE CILLIS nella turbativa in disamina .
In buona sostanza, infatti, se risulta che D’ALFONSO, in concomitanza con una problematica insorta
nella gara, si mantiene in contatto con il DE CILLIS, deve altresì essere sottolineato il contenuto della
frase, pronunciata dal membro della commissione, SCARIONI, che nel corso della tel. 78788 del
24.4.2018 si lascerà andare con la frase: “è inutile che poi dopo mi dice DE CILLIS quante robe gli
chiediamo perchè vi lamentate anche da lui”.
In ogni caso: in quei giorni, da quanto si comprende dalle intercettazioni, la commissione di AMSA
s.p.a. aveva richiesto un’integrazione della documentazione, già presentata da ECOL SERVICE srl, da
depositare entro il successivo giorno 23.
La richiesta, formulata via e-mail da tale Dott.ssa Bersani, mette in agitazione DI PIERRO Matteo
tel. 77296 del 20.4.2018 ore 11:20 ut. 3346758257 di DI PIERRO Matteo - verso ut. 390227298 - RIT
1491/17
Bersani:
pronto?
Matteo: signora Bersani?
Bersani:
sì sono io, buongiorno
Matteo: salve, sono Matteo dell'Ecol Service, scusi se la disturbo, che ho il suo contatto
Bersani:
sì sì mi dica, mi dica
Matteo:
(inc) mail
Bersani:
sì sì
Matteo: però leggo, non per altro, scadenza il 23 che è lunedì
Bersani:
eh sì..e lei dice, c'è poco tempo
Matteo: no che le aziende son chiuse per il ponte più che altro
Bersani:
a siete chiusi durante questo ponte?
Matteo: non io, non io, le aziende a cui devo chiedere i documenti, me l'han già detto che sono chiuse
Bersani:
ah ho capito, e senta, noi comunque abbiam tenuto conto del fatto che poi il 26, (inc)
scadenza delle offerte, per cui la data più opportuna era questa, semmai lo faccio presente alla
Commissione e vediamo cosa si può fare
Matteo: perchè non so neanche se..come documentazione
Bersani:
uhm
Matteo: non lo so come finirla (inc)
Bersani:
guardi senta, facciamo così, io prendo atto appunto della sua richiesta e lo faccio
presente alla Commissione e vediamo il da farsi, eh?
Matteo: va bene, va bene
Bersani:
mi lascia gentilmente il suo recapito?
Tre minuti dopo, alle ore 11.23, DI PIERRO contatta Roberto SFREGOLA (membro e segretario della
commissione giudicatrice); dalla telefonata si apprende come la ECOL-SERVICE srl:
- abbia ricevuto la terza richiesta di integrazione di documentazione (circostanza da considerare
nell'esame degli atti di gara e delle motivazioni indicata da AMSA spa nell'esclusione dell'impresa
207
concorrente attraverso la documentazione fornita da D'ALFONSO) "Quindi noi quella scadenza
l'abbiamo data proprio per permettere alle società concorrenti di riuscire a fare l'offerta! Cioè non è
che ce la siamo sognata! Il problema che siamo già alla terza integrazione che vi richiamo su questa
gara qui! Ora in definitiva cioè non è che ha tutta questa roba da presentare!" ;
- non possiede tutti i codici di smaltimento dei rifiuti con codice Cer 160504 (gas in contenitori a
pressione, compresi gli halon, contenenti sostanze pericolose) "Il problema ce l'avete su 160504!" [...]
"Eh...però non ....eh eh....cioè...eh eh... il problema che l'autorizzazione dell'impianto SAI dice
esattamente proprio quello accetta le bombolette spray ma non le bombole!";
-non ha prodotto ancora le garanzie finanziarie necessarie "Cioè anche perchè è veramente è banale
cioè se quel sul 160504 160505 la sua posizione è quella cioè quindi non deve fare altro che spiegare..
inc.. la quale spiega sua posizione non resta niente di che che la garanzia finanziaria!"
( si veda la trascrizione integrale di tel. 77298 del 20.4.2018 ore 11:23 ut. 3346758257 di DI PIERRO
Matteo - da 0227298 - RIT 1491/17)
La conversazione riprende al minuto 11:29:15 con il dottore SFREGOLA.
SFREGOLA: Pronto!
DI PIERRO: Mi dica dottore!
SFREGOLA: Mi scusi e veramente scusi! Eh eh allora come le dicevo io non sono come avrà capito,
perchè occupandomi di appalti non sono uno esperto in materia di autorizzazione! Cioè la
commissione per come sulla base delle documentazioni autorizzative voi avete presentato ha verificato
questo! Ma non è detto che la commissione non si possa sbagliare cioè voglio dire se lei ritiene quanto
scritto da noi non è corretto, perchè il discorso delle bombole contenente il gas estintori secondo lei è
160505.....
DI PIERRO: Certo!
SFREGOLA: Allora la vostra posizione è quella la che verrà presa in esame!
DI PIERRO: Senza avere comunque un riscontro che possa essere o positivo magari o!
SFREGOLA: No noi per forza vi dobbiamo dare un riscontro se voi ci rispondete a questa qua noi
dobbiamo per forza darvi un riscontro!
DI PIERRO: Certo certo certo!
SFREGOLA: Cioè lei mi sta dicendo guardi che le bombole contenenti gas estintori non è 160504
ma è 160505!
DI PIERRO: Esatto!
SFREGOLA: Quindi vi siete sbagliati!
DI PIERRO: Ho capito!
SFREGOLA: Però quello che voglio dire io il 160505 vediamo ANNA se mi dai un attimo il
capitolato! Era previsto dagli atti di gara?
DI PIERRO: Certo certo!
SFREGOLA: Voi questo 160505 come l'avete soddisfatto cioè non vorrei che fosse un refuso di
CER ecco !
DI PIERRO: Non è un refuso di CER non è un refuso di CER!
SFREGOLA: No intendevo dire la nostra comunicazione ! Cioè invece di scrivere 160504 avremmo
dovuto scrivere 160505! Mi da l'ultima comunicazione inviata al signore? La penultima si.... gas in
contenitore a pressione 160504 con l'asterisco e 160505 quindi erano previsti tutti e due!
DI PIERRO: Esatto!
[…..]
SFREGOLA: Il problema che cosa è nato è stato generato dal fatto che vi avevamo chiesto
integrazioni sul 160504!
DI PIERRO: Si!
SFREGOLA: Voi li avete presentate ma le 160504 appunto si parla accetta le bombolette spray!
DI PIERRO: Esatto!
SFREGOLA: Ecco che cosa distinta dai dati...inc...diversa di quella da quella voce 160504, quindi
da come me l'ha detta lei il suo discorso abbia una sua logica!
DI PIERRO: Certo!
SFREGOLA: Ora io siccome non sono un tecnico!
208
DI PIERRO: Certo!
SFREGOLA: Naturalmente quello che le dico io lei metta per iscritto queste deduzioni che fa!
DI PIERRO: Certo!
SFREGOLA: Cioè che 1605005 come da nostra comunicazione del 12 aprile già risultava
soddisfatto con gli impianti AMBIENTESIS ORBASSANO e POLI RECUPERI e quindi noi lo
verifichiamo!
[….]
SFREGOLA: Mi raccomando inviate il prima possibile la documentazione anche cioè noi abbiamo
messo lunedì, ma se riuscite anche oggi è molto meglio!
DI PIERRO: Va bene!
SFREGOLA: Perchè poi dobbiamo mettervi in condizioni poi di formulare l'offerta!
DI PIERRO: Certo, va bene la ringrazio dottore salve grazie!
SFREGOLA: Grazie!
Non riuscendo a superare gli ostacoli e, visti i rischi di esclusione dalla gara, DI PIERRO contatta
D'ALFONSO per metterlo a conoscenza di tutto. Una volta appreso che il suo titolare è in procinto di
andare a pranzo proprio con DE CILLIS Mauro e SALERNO Sergio, gli chiede un rapido
appuntamento "Daniele dice che ha un pranzo alle 12.30 da Mauro, Matteo dice che è opportuno
vedersi prima perché deve parlargli" precisandogli che è una cosa che ha attinenza proprio con DE
CILLIS/SALERNO "una cosa sua".
Prog. 77309 del 20.4.2018 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO
Daniele D'ALFONSO chiama Matteo DI PIERRO. Trascrizione integrale:
Daniele:
oh dimmi!
Matteo: scusa, tu sei in zona? ci possiam vedere oggi (inc) dirti una cosa al volo...
Daniele:
mi devi dire una cosa al volo? dove sei?
Matteo:
e secondo te dove sono? in ufficio!
Daniele:
no, io ho un pranzo alle 12 e mezza con Mauro.
Matteo:
e allora...(inc)... dove ti vedi tu, da lui?
Daniele:
eh su, là vicino a lui...
Matteo:
ci possiamo vedere allora?
Daniele:
ma prima?
Matteo:
eh se è mezzogiorno, devo venire (inc)... ma dimmi dove...
Daniele:
eh (inc) io sto andando la... o sei a casa... no, non ce la fai, no.. devo essere là alle 12 e
mezza io...
Matteo:
ma ci vediamo là da lui?
Daniele:
no! devo essere in un posto là da lu... alle 12 e mezza! vicino a lui!
Matteo:
se mi dici dove, ci vediamo...
Daniele:
eh (bestemmia) Matteo! poi son sempre cagate, figa!
Matteo: no perchè è una cosa "sua" eh, capito? eh quello dico, sennò ti dicevo ci vediamo dopo pranzo
e (inc) offrirmi il caffè, anche!
Daniele:
va beh, ti mando l'indirizzo, vieni là quando vuoi e... appena puoi... non lasciare
l'ufficio scoperto!
Alle 12:26 successive, la commissione di gara conferma a DI PIERRO che il problema sulle
autorizzazioni allo smaltimento dei rifiuti con codici CER 160504 sussiste.
Prog. 77347 del 20.4.2018 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO
Dottor SFREGOLA chiama Matteo DI PIERRO. Trascrizione integrale:
[…
Dott. Sfregola: eh, no, mi hanno specificato che 160504 può essere sia le bombolette spray che gli
estintori, non è il 160505! Quindi tutto il discorso che lei aveva accennato, non ha ragione di esistere...
cioè, il problema è che nell'autorizzazione in questione, riguarda sul 160504 l'annotazione specifica
che c'è scritto contenitori spray... mi segue? e quindi non gli estintori...
Matteo:
si.
209
Dott. Sfregola: gli estintori sono anche 160504.
Matteo:
anche, ah sono anche gli estintori si, si... ma sono anche 160505!
Dott. Sfregola:
si ma quelli pericolosi sono 160504 e siccome noi raccogliamo anche quelli
pericolosi, 160504, per questo noi gli abbiamo chiesto proprio la specifica.
Matteo:
si però la... allora, gli estintori a polvere sono non pericolosi, che son quelli che
raccolgono per strada.
Dott. Sfregola: eh no, qua invece dicono che (inc) noi raccogliamo anche i contenitori, gli estintori
160504 pericolosi... la maggior parte sono questi.
Matteo:
si ma è forviante la cosa, capisce?
Dott. Sfregola:
eh non è forviante... cioè la posizione di AMSA è che con 160504 si raccolgono
anche gli estintori classificati come rifiuto pericoloso.
Matteo: ma è uno scrupolo vostro che viene fatto, questo...
Dott. Sfregola: no, non è uno scrupolo nostro.
Matteo:
no, cioè si si no, va beh per carità, per carità...
Dott. Sfregola: non è uno scrupolo nostro, cioè col 160504 vengono classificati come pericolosi, sia
le bombolette spray e sia gli estintori... tant'è vero che 160505 dice "gas in contenitore a pressione
diversi di quelli di cui alla voce 160504", ma quelli diversi di cui alla voce 160504 sono quelli non
pericolosi, ma qua invece stiamo parlando di pericolosi...
[….]
Giova, a questo punto, ricordare che nel "capitolato speciale d'appalto" relativo alla gara in questione
(servizio di pronto intervento per analisi, rimozione, trasporto, smaltimento/recupero dei rifiuti
rinvenuti sul territorio del comune di Milano e dei comuni della provincia di Milano) è prescritto
all'art. 1 "OGGETTO DELL'APPALTO":
"L’Appalto ha per oggetto il servizio di pronto intervento per campionamento/analisi di
classificazione/caratterizzazione, rimozione, trasporto, smaltimento/recupero dei rifiuti rinvenuti sulle
pubbliche vie, aree pubbliche e private comunque soggette ad uso pubblico del Comune di Milano e
dei Comuni della Provincia di Milano. Oggetto di appalto saranno principalmente le seguenti tipologie
di rifiuto:
- sostanze inorganiche e organiche CER: 16.03.03*/16.03.04-16.03.05*/16.03.06
- gas in contenitori a pressione CER: 160504*/160505
- prodotti chimici organici/inorganici di scarto CER: 16 05 07*/16 05 09-16 05 08*/160509
Etc.
Il CER 160504 si differenzia dal CER 160505 poiché il primo si riferisce ai "gas in contenitori a
pressione (compresi gli halon), contenenti sostanze pericolose", mentre il secondo ai restanti "gas in
contenitori a pressione, diversi da quelli di cui alla voce 160504".
Alle 13:52 DI PIERRO chiama D'ALFONSO che è a pranzo con DE CILLIS per informarlo che, il
Dott. ZOCCA (Gianmarco Zocca, Responsabile Contratti Terzi di AMSA spa), è telefonicamente
irraggiungibile; D'ALFONSO si rivolge quindi a DE CILLIS Mauro, chiedendogli se ZOCCA è
presente al lavoro; poi riprende a parlare con DI PIERRO e lo invita a riprovare a chiamarlo e
eventualmente andarci di persona lunedì; poi gli preannuncia che lo richiamerà appena finito il pranzo.
Valga osservare come, in quel momento, D’ALFONSO era a pranzo con DE CILLIS presso il
Ristorante Grigliamania (cfr. ocp in allegato 7/27 inf. riep.)
Successivamente verrà intercettata la seguente conversazione:
Prog. 77489 del 20.4.2018 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO
Daniele D'ALFONSO chiama Matteo DI PIERRO. Trascrizione integrale:
Daniele:
pronto?
Matteo: si?
Daniele:
dove sei?
Matteo:
in ufficio.
Daniele:
cos'hai fatto?
210
Matteo: eh ho chiamato, non m'ha risposto...ho chiamato in ufficio ma la sua collega m'ha detto che è
in riunione (inc)
Daniele:
che?
Matteo:
è in una riunione e non è ancora rientrato.
Daniele:
andava a Città Metropolitana, non so dove cazzo è finito... l'han rapito, figa!...eh va
bene, aspettiamo... comunque a lui gliel'ho spiegato, ha capito e in più adesso andava lì...e ha detto
"provo a passare dentro anch'io"...il problema che lui (Mauro De Cillis, n.d.r.) da qua a lunedì si
dimentica, poi...perchè non è.. cioè, comunque... a parte che c'ha mille cazzi, però...
Matteo:
va beh.
Daniele:
comunque io gliel'ho spiegato, adesso vediamo... che cazzo ti devo dire, oh?
Omissis
Come già anticipato, DE CILLIS ricompare in una conversazione intercorsa il successivo 24 aprile tra
DI PIERRO e SCARIONI di AMSA (capo acquisti e membro della commissione della gara i parola).
Il funzionario contesta al collaboratore di D’ALFONSO che il documento fornito in merito alla
garanzia finanziaria sulla ditta Ecoeternit non indica la prevista data di scadenza: DI PIERRO cerca di
addurre inutili giustificazioni e SCARIONI mette la conversazione in viva voce affinchè possano
sentire anche gli altri membri della Commissione.
Vista l’insistenza di DI PIERRO nel sostenere la validità del documento fornito, SCARIONI manifesta
il proprio disappunto sottolineando il trattamento di favore avuto nei loro confronti: “scusi un attimo
Di Pierro, è già buono che l'ho chiamata e non le ho scritto subito. Cioé se noi dobbiamo chiedere le
robe che sono previste qua, gli chiediamo le cose che sono previste qua, punto. Se parla di una
garanzia finanziaria e la garanzia finanziaria non c'è, noi gliela chiediamo perché la gara è fatta così, le
facciamo sempre, vogliamo arrivare fino alla fine, deve essere tutto a posto, perché poi succede niente,
niente succede qualcosa…” rimarcando come sia intervenuto nella vicenda DE CILLIS Mauro “È
INUTILE CHE POI DOPO MI DICE DE CILLIS QUANTE ROBE GLI CHIEDIAMO PERCHÉ VI
LAMENTATE ANCHE DA LUI...CIOÈ BASTA!”.
Nel corso della telefonata si apprende chiaramente come, i membri della commissione, pur in
mancanza dei necessari requisiti di bando, ammettono la ECOL-SERVICE SRL alla successiva fase di
invio delle offerte economiche, a patto che sani poi i requisiti mancanti “ho capì... io non so cosa dirle,
comunque adesso noi facciamo così, noi le facciamo due righe dicendo che apriamo comunque la gara
e poi dopo questa roba qua ce la deve dare perché sarà vincolato poi ad un'eventuale aggiudicazione...e
intanto lei se la facesse dare, aspetti un attimo (SCARIONI parla con gli altri membri della
commissione) eh vabbé ho capito, le diamo la possibilità di mettere dentro l'offerta, lei mette l'offerta,
poi la risolveremo dopo a valle dell'apertura delle offerte “, “va bene, va bene, non c'è problema,
adesso lei faccia l'offerta, le scriveremo adesso che manca sta roba qua, che procederemo comunque
all'apertura delle offerte... con riserva poi di sistemare la situazione, una roba del genere”.
tel. 78788 del 24.4.2018, ore 13:06, in entrata su 3346758257 di DI PIERRO Matteo, proveniente da
3351046465 di SCARIONI Giovanni - RIT 1491/17
Scarioni (capo acquisti e membro commissione AMSA - gara pericolosi) in viva voce con la
Commissione della Gara. Scarioni contesta la mail di Ecoeternit in cui il decreto della garanzia
finanziaria è mancante della data di scadenza. La Commissione chiede se esiste la garanzia finanziaria
in corso di validità, chiedono l'invio del documento di autorizzazione. Di Pierro si lamenta perché
asserisce che Ecoeternit non vuole fornirgli la documentazione richiesta da AMSA.
[13:12:23]
Scarioni:
scusi un attimo Di Pierro, è già buono che l'ho chiamata e non le ho scritto subito.
Cioé se noi dobbiamo chiedere le robe che sono previste qua, gli chiediamo le cose che sono previste
qua, punto. Se parla di una garanzia finanziaria e la garanzia finanziaria non c'è, noi gliela chiediamo
perché la gara è fatta così, le facciamo sempre, vogliamo arrivare fino alla fine, deve essere tutto a
posto, perché poi succede niente, niente succede qualcosa...
Matteo:
scusi solo un attimo...
Scaroni:
È INUTILE CHE POI DOPO MI DICE DE CILLIS QUANTE ROBE GLI
CHIEDIAMO PERCHÉ VI LAMENTATE ANCHE DA LUI... CIOÈ BASTA!
211
Matteo: ascolti, io gli ho mandato una mail chiedendo in maniera espressa: buongiorno, inc,. società
AMSA è a richiedere vostra garanzia finanziaria richiesta dal decreto 10... 37 del 10 febbraio 2015.
Quello che mi chiedete voi è loro di tutto... punto... mi hanno risposto 2 giorni dopo perché ieri 23
aprile il decreto... 37 è solo una modifica dell'AIA 7486 del 28/07/2010
Scarioni:
sì ma ... ho capito, ma quello che non capisco io: se quella vale 5 anni dal 2010, faccia
parlare, faccia chiamare noi questi di Ecoeternit ma se c'hanno una garanzia che vale 5 anni e non 10,
se lei vede che è 10, mi dica dove è scritto 10 che guardiamo noi e ce la facciamo andare bene, ma se
c'è scritto che vale 5 anni dal 2010 arriva al 2015, ci vuole dare la nuova o no? Mi sembra talmente
normale
Matteo:
ma non sono io che non ve la voglio dare, perché aspetti...
Scarioni:
ho capì... io non so cosa dirle, comunque adesso noi facciamo così, noi le facciamo
due righe dicendo che apriamo comunque la gara e poi dopo questa roba qua ce la deve dare perché
sarà vincolato poi ad un'eventuale aggiudicazione... e intanto lei se la facesse dare, aspetti un attimo
(Scarioni parla con gli altri membri della commissione) eh vabbé ho capito, le diamo la possibilità di
mettere dentro l'offerta, lei mette l'offerta, poi la risolveremo dopo a valle dell'apertura delle offerte
Matteo:
va bene, io guardi...
Scarioni:
va bene? però glielo dica alla Ecoeternit, piuttosto faccia chiamare anche noi, non c'è
problema
Matteo: ascolti, facciamo così, permettete. Adesso io se mi mandate la presentazione dell'offerta la
farò, verrò personalmente io nei vostri uffici, mettiamo in viva voce, parliamo con questi signori di
Ecoeternit, che purtroppo, se no li avremo già chiamati, ma lavorano soltanto dalle 7 alle 13 in
continuato, sentiamo cosa ci dicono loro
Scarioni:
va bene, va bene, non c'è problema, adesso lei faccia l'offerta, le scriveremo adesso
che manca sta roba qua, che procederemo comunque all'apertura delle offerte... con riserva poi di
sistemare la situazione, una roba del genere
Matteo:
va bene, ok, va bene, la ringrazio
Scarioni:
capito? facciamo così
si salutano
SCARIONI, dopo la conversazione avvenuta in viva voce alla presenza di TAFURI e SFREGOLA,
richiama DI PIERRO precisandogli di essersi allontanato dalla riunione e gli chiede di indicargli con
precisione il punto in cui sarebbe indicata la data di scadenza della garanzia richiesta, rendendosi
disponibile ad un incontro per chiarire direttamente con la Ecoeternit garantendo il buon fine
dell’operazione: “senta facciamo una roba dai, adesso noi le scriviamo questa roba qua, poi lei
faccia sta offerta, dopo l'aggiudicazione...”, “ci vediamo, chiamiamo questi qua e la risolviamo, cioè
non mi sembra una roba... se è come dice lei è così, se è come diciamo noi ci deve essere un
documento e basta, non mi sembra così drammatica dai”.
DI PIERRO: allora a pagina nove...a capo del verso uno punto due...c'è scritto le garanzie
finanziarie devono essere prestate ed accettate in conformità con quanto stabilito dall'IGR 1946104
tenendo conto che inc.è pari a dodici anni...28.07.2022 termine massimo per il riesame con valenza del
rinnovo dell'autorizzazione...
SCARIONI: andiamo a vedere...andiamo a vedere e poi ci sentiamo DI PIERRO...facciamo così?
DI PIERRO: va bene...
SCARIONI: se è sbagliato non c'è problema ci mancherebbe...senta adesso noi comunque..le
liberiamo il discorso che dobbiamo mettere dentro l'offerta a fare contributi eccetera...
DI PIERRO: ok...
SCARIONI: vabbè la scadenza è dopodomani...quindi bisogna fare veloci...
DI PIERRO: va bene ok...ti ringrazio e buon lavoro...
SCARIONI: se lei ha bisogno eventualmente un giorno in più ce lo dica in tempo utile, cioè vuol
dire non ce lo dica alle undici del ventisei eh!
DI PIERRO: no io se posso richiamo sempre a questo numero SCARIONI?
SCARIONI: si chiami me non c'è problema...
DI PIERRO Matteo chiama SCARIONI Giovanni, la conversazione si riporta integralmente.
212
La problematica rilevata dalla Commissione persiste.
Infatti, alle ore 13:34 (24.4.2018), TAFURI chiama DI PIERRO per ribadirgli che, da una verifica
effettuata, quanto indicato dalla ECOL-SERVICE SRL non è sufficiente a sanare la problematica
inerente alla garanzia finanziaria. Tenuto conto di ciò, SFREGOLA informa DI PIERRO che
l'ammissione alla presentazione dell'offerta con riserva di assegnazione dell'appalto, qualora la gara
venga aggiudicata a Ecol Service, subordinatamente alla presentazione del documento mancante
(l'autorizzazione è efficace se viene accettata la garanzia finanziaria richiesta nell'autorizzazione
stessa), condizione questa che non risulterebbe coerente con quanto indicato nel bando di gara (Vedasi
tel. 78804 del 24.4.2018, su utenza 3346758257 di DI PIERRO Matteo)
TAFURI:
però sull'autorizzazione la garanzia finanziaria è richiesta...l'ha vista anche
lei
DI PIERRO: si, ma signora però le chiedo una cortesia...c'è un BURLE che parla di questo
autorizzazione...cioè un bollettino unico della regione Lombardia
TAFURI:
ok sul bollettino uno della Regione Lombardia le garanzie finanziarie non ci sono. Noi
abbiamo bisogno del documento perchè comunque negli atti di gara vanno allegati i documenti...cioè è
questo il discorso...noi non possiamo scaricare dal sito qualcosa che non c'è tra l'altro. No è un
documento che comunque richiediamo in fase di gara e dobbiamo archiviarlo nei documenti
DI PIERRO: io le ho inviato tutto quello che è stato possibile dare da parte di eco eternit
TAFURI:
ma scusi un attimo....Eco Eternit sicuramente è un pezzo di carta che ha, non è che
non può non può non avere...quindi eh purtroppo voglio dire
DI PIERRO: ma signora mi scusi, il BURLE integra la polizza fidejussoria mi perdoni eh...il
BURLE lo integra
[….]
DI PIERRO: con un telefono, mettiamo in vivavoce e sentiamo cosa ci risponde il sig. dott. Matteo
di Ecoeternit
TAFURI:
ma guardi come le diceva Scarioni possiamo chiamar, cioè può telefonare direttamente
a noi eh non è un problema...
DI PIERRO: no no si si guardi (si sovrappongono le voci)
TAFURI:
ci parliamo direttamente noi per capire di che cosa...
[…]
TAFURI:
certo, allora lei ha dichiarato, scusi lei ha scritto che comunque l'impianto è coperto da
garanzia finanziaria, l'ha scritto?
DI PIERRO: si
TAFURI:
e quindi quella garanzia, la copertura con quale garanzia finanziaria c'è? ce la potete
produrre quella copertura?
DI PIERRO: ma purtroppo non gliela posso produrre io
TAFURI:
eh vabbè chi per lei, voglio dire l'impianto è non è possibile che non possa produrre
quella copertura...
[…..]
SFREGOLA: senta diciamo che comunque rimane valido quello che le ha già detto Scarioni, cioè
noi adesso la mettiamo in condizioni di presentare l'offerta, le facciamo una comunicazione scritta
dicendo che manca ancora questo documento e che in ogni caso la validità dell'eventuale offerta se
dovesse essere la migliore e, sarà subordinata alla presentazione di questo documento...quindi ehm
non cambia niente rispetto a (inc)
SFREGOLA: no no aspetti...mi faccia finire di parlare così è chiaro...non cambia niente rispetto a
quello che le ha detto prima Scarioni, quello che le volevamo far sapere...che siccome lei ci ha chiesto
di verificare quello che era scritto su quell'autorizzazione, non l'abbiamo verificato ma non va bene
ancora, quindi...adesso non le facciamo una comunicazione ufficiale, in modo tale che lei possa
comunque presentare offerta così come richiesto dagli atti di gara, perchè comunque deve presentare
tutta la documentazione amministrativa più deve fare l'offerta economica e le preciseremo che
comunque l'eventuale eh, è subordinata a alla pres...
DI PIERRO: ecco io le dico già come ho detto a Scarioni Tafuri che la presentazione di questo
documento sarà la mia presenza nei vostri uffici con il telefono che (inc) con questi signori qua e
vediamo cosa ci rispondono...
213
SFREGOLA: si si
[…]
DI PIERRO: scusi ehh
SFREGOLA: dice l'autorizzazione per avere efficacia deve avere la garanzia finanziaria accettata
dagli enti competenti....funzionano tutte così le autorizzazioni...determino e gli dice la presente
autorizzazione è efficace se viene accettata la garanzia finanziaria richiesta nell'autorizzazione
La problematica riscontrata viene rimarcata anche nelle successive telefonate (n. 78810 e 78830 del
24.4.2018 su utenza 3346758257 in uso a DI PIERRO Matteo) in cui, prima SFREGOLA e poi
SCARIONI ribadiscono come l'ammissione avverrà con riserva.
Si è ritenuto opportuno riportare analiticamente tutte le numerose e nutrite conversazioni intercorse tra
Di Pierro ed i vari membri della commissione interna di AMSA deputata a decidere in merito alle
proposte relative all’appalto di cui si tratta per sottolineare, ancora una volta, le modalità
assolutamente irrituali dei rapporti fra parte pubblica e parte privata e per evidenziare, da un lato,
l’autonomia e la competenza con cui Di Pierro interloquisce di questioni tecniche con i funzionari
pubblici e, dall’altro, le evidenti pressioni a cui costoro sono sottoposti per cercare di andare incontro
in ogni modo a Ecol-Service, pressioni che emergono dalle reiterate rassicurazioni che, coloro che
dovrebbero controllare e verificare la bontà dell’offerta della società di D’Alfonso, si premurano di
manifestare al suo braccio destro.
Tali rassicurazioni sono evidentemente dettate dalla consapevolezza dei membri della commissione
che anche le eventuali lacune ravvisate nell’offerta presentata da Ecol-Service rispetto ai requisiti
richiesti dal bando potranno essere colmate in un secondo momento in quanto l’aggiudicazione della
società di D’Alfonso è già stata decisa a tavolino da qualcuno che opera al di sopra degli stessi
funzionari.
In effetti, occorre considerare che, l'art. 10.1 del capitolato speciale del bando "DOCUMENTAZIONE
AMMINISTRATIVA ON LINE" prescrive che:
"Le società che intendono presentare offerta dovranno, entro il termine indicato dalla lettera d’invito, allegare on line nelle
apposite sezioni predisposte nella piattaforma, la seguente documentazione redatta in lingua italiana:
1. l'allegato 4 "dichiarazione sostitutiva dell'impresa offerente" compilato in ogni suo campo e firmato digitalmente dal
Legale Rappresentante. Per i concorrenti non residenti in Italia, documentazione idonea equivalente secondo la legislazione
dello stato di appartenenza, resa utilizzando l'allegato 4 dichiarazione sostitutiva dell'impresa offerente" del presente
Capitolato e firmato digitalmente dal Legale Rappresentante;
2.
garanzia a corredo dell’offerta, ai sensi dell’art. 93 del D.Lgs 50/2016 e s.m.i., firmata digitalmente dall’istituto
bancario/assicurativo emittente o in alternativa copia dello stesso documento accompagnato da dichiarazione di autenticità
firmata digitalmente dal Legale Rappresentante dell’operatore economico concorrente, di € 18.000,00, redatta nelle forme
di legge e in particolare conforme alle prescrizioni di quest’ultima norma, con validità dal __/__/2018 al __/__/2018
contenente, pena l’esclusione, l’impegno del fideiussore a rilasciare la garanzia per la cauzione definitiva, di cui all’art. 103
del D.lgs. 50/2016 e s.m.i., qualora l’offerente risultasse aggiudicatario (la garanzia a corredo dell’offerta sarà incamerata
dall’Impresa Appaltante nel caso in cui ricorra la condizione di cui all’art. 93 comma 6 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.);
N.B. Solo qualora venga allegata la copia della suddetta garanzia accompagnata da dichiarazione di autenticità firmata
digitalmente dal Legale Rappresentante, l’originale della stessa dovrà essere presentata all’impresa appaltante, entro i
termini previsti per la ricezione delle offerte. La busta contenente l’originale della garanzia dovrà essere appositamente
chiusa, indicante all’esterno il numero, l’oggetto della gara, la ragione sociale, i recapiti, telefonici e fax, il contenuto della
stessa: “originale garanzia provvisoria” e presentata ad Amsa – Portineria Centrale – via Olgettina, 25 – 20132 Milano.
Qualora la suddetta fideiussione venga ridotta ai sensi dell’art. 93 comma 7 del D.lgs. 50/2016 e s.m.i., dovrà essere altresì
allegata in piattaforma, nelle medesima sezione prevista per allegare la garanzia provvisoria, copia della certificazione ivi
prevista.
Alle successive ore 14:37, SCARIONI, esce dalla riunione allontanandosi quindi dagli altri
commissari di gara e riprende riservatamente, l'argomento con DI PIERRO
Prog. 78831 del 24.4.2018 su utenza 3346758257 in uso a DI PIERRO Matteo
214
DI PIERRO: Si pronto!
SCARIONI: Sono SCARIONI!
DI PIERRO: Si!
SCARIONI: Mi ridica il punto dove c'è scritto dove quello di dodici anni per favore! Sono uscito
dalla riunione!
DI PIERRO: Allora il pul è...pausa
SCARIONI: Ma se vale dodici anni perchè ...inc... nella comunicazione che ha scritto lei c'è scritto
ci manda lo scrin della cosa e dice che non hanno ancora accettato non ancora ci sono le modalità
diverse per la presentazione della fideussione cos’è che ha scritto adesso non ho i documenti davanti!
Se valeva dodici anni che senso aveva allora mettere quella roba li!
DI PIERRO: È ancora in validità! Addirittura non c'ha scadenza con la....addirittura non ha
scadenza!
SCARIONI: Ma! Non lo so senta facciamo una roba dai! Adesso noi scriviamo questa roba qua!
Poi lei faccia sta offerta dopo dopo l'aggiudicazione!
DI PIERRO: Poi ma ci vediamo io e lei e ne parliamo con...
si accavallano le voci
SCARIONI: Eh....ci vediamo e chiamiamo questi qua e la risolviamo cioè non mi sembra una roba
se se come dice lei è così se come diciamo noi ci deve essere un documento e basta dai!
DI PIERRO: Va bene!
SCARIONI: Non mi sembra così drammatica dai!
DI PIERRO: Va bene ok la ringrazio SCARIONI!
SCARIONI: Saluti
DI PIERRO: Arrivederci!
D’ALFONSO tiene costantemente informato TATARELLA dell’andamento della procedura e
soprattutto dell’operato di DE CILLIS che, “ha chiuso i pericolosi” ed in tal senso si pone:
amb. 2306 del 2.5.2018 su autovettura BMW X5 DW811PZ di TATARELLA (RIT 75/18)
(Amb. 2306 - RIT 75/18 - del 2.5.2018 ore 00:42)
D'Alfonso Daniele:
Sergio è tranquillo...per quella roba lì...Sergio
Tatarella Pietro:
per la roba della figlia
D'Alfonso Daniele:
no siamo usciti l'altra sera mi ha raccontato di Mauro...c'eri...c'eri già quando
l'aveva chiusa no?...ha chiuso i pericolosi...non lo sapevi?
Tatarella Pietro:
no
D'Alfonso Daniele:
ma non c'eri...non te l'ho potuto dire...l'ha chiusa
Tatarella Pietro:
cioè?
D'Alfonso Daniele:
e li ha esclusi...non so come ha fatto per escludere...è riuscito ad escludere
Tatarella Pietro:
hai notizie?
D'Alfonso Daniele:
ma certo INC...non mi ricordavo che tu non c'eri...
Tatarella Pietro :
io non lo sapevo
D'Alfonso Daniele:
adesso dovrebbe arrivarci la PEC questa settimana
Tatarella Pietro:
cinque anni?
D'Alfonso Daniele:
3...
Tatarella Pietro:
INC
D'Alfonso Daniele:
aspettiamo la PEC...speriamo non facciano ricorso...però vabbe se l'han fatta
loro l'hanno fatta blindata nel senso che....no?...sai sai che non è che la fanno INC...
(Ridono)
D'Alfonso Daniele:
vuole farci partire subito con...adesso sta preparando INC cose...è un
professionista (pausa)
...omissis ...
215
Al termine della parte di dialogo di interesse D'ALFONSO informa, in maniera sarcastica che, con la
definizione di questa gara, stanno guardando già ai prossimi appalti da aggiudicarsi "VUOLE FARCI
PARTIRE SUBITO CON...ADESSO STA PREPARANDO inc. COSE...È UN PROFESSIONISTA
(pausa)".
Lo stesso giorno 2.5.2018, D'ALFONSO viene informato da DI PIERRO che sono stati convocati per
l'indomani in AMSA spa per dei chiarimenti sulla ECOETERNIT .
tel. 53351 del 2.5.2018, ore 14:51 (entrata 3485989733 di D'ALFONSO da 3346758257 di DI
PIERRO Matteo)
D'ALFONSO Daniele: pronto
DI PIERRO Matteo: si scusa...domani alle due e mezza...hanno convocato in Amsa...per la gara dei
pericolosi...
D'ALFONSO Daniele: io ho il treno alle quattro...si va bene...
DI PIERRO Matteo:
hai il treno alle quattro?
D'ALFONSO Daniele: si
DI PIERRO Matteo:
allora ci vediamo direttamente alle due e mezza là?
D'ALFONSO Daniele: ci vediamo alle due e mezza là e poi vado in stazione e me ne vado...
DI PIERRO Matteo:
va bene...va bene okay...va bene...okay
D'ALFONSO Daniele: okay?...come mai?...non si sà
DI PIERRO Matteo: mi hanno chiesto...INC quella cosa...un chiarimento su ecoeternit e il fatto
della...e il fatto delle prese il costo del personale queste cose qua diciamo...solo questo
D'ALFONSO Daniele: ma la convocazione é mia o tua....
DI PIERRO Matteo:
se vuoi ci vado solo io...
D'ALFONSO Daniele: no no vai solo tu...
DI PIERRO Matteo:
vado solo io va bene
D'ALFONSO Daniele: vai solo tu..vediamo cosa è successo poi capito?...
DI PIERRO Matteo:
va bene..okay...va bene
D'ALFONSO Daniele: io...io stasera passo da Sergio...
DI PIERRO Matteo:
va bene okay
D'ALFONSO Daniele: va bene...vediamo cos'è...se ci sono vengo anch'io poi
DI PIERRO Matteo:
INC va bene okay
Effettivamente, alle ore 22:20 del 2.5.2018 i due si incontrano, ma è SALERNO a recarsi a casa di
D'ALFONSO (vedasi tel. 53575 ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894-17)
La mattina successiva D'ALFONSO dice (progr. 53659 del 3.5.2018 ore 10:15 - ut. 3485989733 di
D'ALFONSO Daniele) a DI PIERRO di essere andato vanamente a chiedere (a SALERNO Sergio,
ndr.) i motivi della convocazione "eh per oggi...adesso sono andato a chiedere poi INC" [...] "non lo so
perché ti han chiamato bho?" e l'interlocutore risponde che hanno esigenza di avere dei chiarimenti
"no...per chiedere un chiarimento...un chiarimento mi han chiesto"; D'ALFONSO sottolinea quindi
come ciò sia irrituale atteso che le richieste di chiarimenti vanno formalizzate via PEC.
progr. 53659 del 3.5.2018 - ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
domanda a loro...
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
dire
si
oh dimmi
non lo so perche ti han chiamato bho?
chi?
eh per oggi...adesso sono andato a chiedere poi INC
ma lo so perchè io...ma lo so perche mi hanno chiamato... io gli ho fatto la
per chiederti integrazioni ancora?
no...per chiedere un chiarimento...un chiarimento mi han chiesto
un chiarimento te lo fa via pec mica te lo faccio via...capito cioè cazzo vuol
216
DI PIERRO Matteo:
vado là a vedere cosa devo fare bho...vediamo un pò
D'ALFONSO Daniele: che chiarimento c'è?...bho va bhè...
[10:16:36]
Fine trascrizione integrale
Alla luce di come è stato condotto l’intero iter procedimentale relativo alla gara oggetto di scrutinio,
suscita facie sarcasmo il richiamo operato da D’Alfonso nella parte finale della conversazione
all’inosservanza delle fomalità prescritte: tutta la fase prodromica alla presentazione delle offerte è
stata contrassegnata da un vero e proprio mercanteggiamento tra i membri della commissione e Di
Pierro ed ora D’Alfonso si stupisce del fatto che la richiesta di chiarimenti non sia pervenuta per le vie
rituali.
Al termine dell'incontro (ore 15:21 del 3.5.2018) DI PIERRO e D'ALFONSO tornano a sentirsi e, l'iter
per l'assegnazione di un appalto pubblico da 900.000 mila euro per tre anni, sembra aver perso del
tutto i suoi tratti formali: le problematiche che erano state evidenziate e che hanno determinato
l'accoglimento dell'offerta della ECOL-SERVICE SRL con riserva (condizione non prevista dal
bando), si sono poi tradotte in una richiesta di "giustificazioni" sui costi della manodopera e una
"telefonata" alla ECOETERNIT per un chiarimento.
Nel prosieguo delle telefonata DI PIERRO lo informa di aver incontrato DE CILLIS "ho visto Mauro"
e l'affermazione suscita la risata dell'imprenditore "ah (ride) minchia...".
Il collegamento operato da Di Pierro tra la banalità degli adempimenti richiesti dalla commissione per
sciogliere positivamente la “riserva” a cui era stata condizionata l’aggiudicazione e la presenza di DE
CILLIS (collegamento che suscita il commento ironico di D’Alfonso) merita di essere evidenziato in
quanto dimostra come il “regista” dell’intera operazione sia stato, in virtù dei poteri di cui è investito il
Direttore operativo di AMSA.
D'ALFONSO chiede dapprima se ha avuto modo di incontrare in AMSA "Mauro" (DE CILLIS
Mauro, ndr.) e su quando sarà definita la gara (dei c.d. "pericolosi"): "cosa ti han detto però
l'aggiudicazione arriva questo?" e DI PIERRO gli riporta la domanda retorica di uno dei commissari
"il tipo Scarioni se ha detto "allora volete vincere questa gara qua o no?" INC siamo qua apposta
eh" [...] "niente..io gli ho spiegato due cose...ho detto guarda che dobbiamo fare così così così e così
..."a va bene" ad INC messo il secondo di qua "a va bene" okay grazie" [...] "no INC...io non mi
sono esposto non ho detto chi siamo cosa siamo INC...io sono venuto qua perchè mi avete chiamato
voi...c'erano quei quattro somari là capito quindi".
Le risposte suscitano ironia in D'ALFONSO "cosa ti ha detto che (ride) hai vinto...minchia che
roba...che ti ha detto un cazzo che hai vinto?" [...] "(ride) che coglione che è Scarioni...che pirla".
Al termine del dialogo D'ALFONSO gli chiede se ha incontrato SALERNO "hai visto Sergio no?" ma
DI PIERRO dice di aver visto solo DE CILLIS che, alla presenza di tale "GALLO" (verosimilmente
un dipendente di AMSA impiegato nell'ufficio che segue le gare), si è sincerato che fosse tutto a posto
"no Sergio no non l'ho visto...non l'ho visto" [...] "no c'era Mauro che era con....fa "allora?" fà
"tutto bene INC" stiamo andando su gli fa Gallo no...vediamo un pò....faccio".
progr. 53982 - ore 15:21 del 3.5.2018 - ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
D'ALFONSO Daniele:
DI PIERRO Matteo:
[15:22:35]
cosa ti han chiesto?
mi han chiesto le le....la giustifica della..della manodopera e basta
poi arriva aggiudicazione
si devono fare una chiamata a EcoEternit e basta
una chiamata?
a Ecoeternit per un chiarimento loro e basta....
dai....
ho visto Mauro
ah (ride) minchia...
e niente
217
[….]
D'ALFONSO Daniele: cosa ti han detto però l'aggiudicazione arriva questo?
DI PIERRO Matteo: il tipo Scarioni se ha detto "allora volete vincere questa gara qua o no?" INC
siamo qua apposta eh....
D'ALFONSO Daniele: (ride) che coglione che è Scarioni...che pirla...
DI PIERRO Matteo: niente..io gli ho spiegato due cose...ho detto guarda che dobbiamo fare così
così così e così ..."a va bene" ad INC messo il secondo di qua "a va bene" okay grazie....
D'ALFONSO Daniele: cosa ti ha detto che (ride) hai vinto...minchia che roba...che ti ha detto un
cazzo che hai vinto?
DI PIERRO Matteo: no INC...io non mi sono esposto non ho detto chi siamo cosa siamo INC...io
sono venuto qua perchè mi avete chiamato voi...c'erano quei quattro somari là capito quindi....
D'ALFONSO Daniele: certo
DI PIERRO Matteo: questo è quanto
D'ALFONSO Daniele: fulminati
DI PIERRO Matteo: si...non sanno bene INC....
D'ALFONSO Daniele: ma si son bruciati dai...eh?
DI PIERRO Matteo: eh ma la INC...infatti devo andargli a parlare di alcune cose INC farle bene
che senno poi....si parte male e è un casino.....vediamo un pò come fare il tutto...ci dobbiamo vedere
parlare con la Tafuri altre due cose INC
D'ALFONSO Daniele: hai visto Sergio no?
DI PIERRO Matteo: no Sergio no non l'ho visto...non l'ho visto
D'ALFONSO Daniele: INC
DI PIERRO Matteo: la devo chiamare INC
D'ALFONSO Daniele: mh
DI PIERRO Matteo: non l'ho chiamata...no c'era Mauro che era con...fa "allora?" fà "tutto bene
INC" stiamo andando su gli fa Gallo no...vediamo un pò....faccio...attendiamo la notizia...dobbiamo
solo attendere e basta...e poi basta semplice...oh ci sentiamo dopo
D'ALFONSO Daniele: va bene ciao
DI PIERRO Matteo: ciao
Alle ore 21:37 dello stesso giorno (3.5.2018) SALERNO chiede un feedback a D'ALFONSO "oh sei
andato lì?" il quale lo tranquillizza dicendogli che gli aspetti formali non sono stati trattati mentre
hanno richiesto solo delle banali precisazioni "gli han chiesto...le altre cose ufficiali non gliel'han dette
perchè perché non potevano però è una cagata...a posto" [...] "si sono andato sono andato...avevano
bisogno di un chiarimento a posto", aggiungendo che, se ci fosse stato un problema terze persone lo
avrebbero riferito a SALERNO "NON TI HA DETTO UN CAZZO PERÒ VA BENE" e quest'ultimo
conferma l'assenza ostacoli "NO VA BEN..".
progr. 54332 ore 21:37 del 3.5.2018 - ut. 3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 1894/17
[21:38:15]
D'ALFONSO Daniele: oh Sè
SALERNO Sergio:
oh sei andato lì?
D'ALFONSO Daniele: si sono andato sono andato...avevano bisogno di un chiarimento a posto
SALERNO Sergio:
ah okay...una cagata era?
D'ALFONSO Daniele: non gli han chiesto...le altre cose ufficiali non gliel'han dette perchè perche
non potevano però è una cagata...a posto
SALERNO Sergio:
bon bon va bene..va bene
D'ALFONSO Daniele: non ti ha detto un cazzo però va bene
SALERNO Sergio:
no va ben....
Alle ore 14:45 dell'8.5.2018 viene registrata una telefonata tra D'ALFONSO e DI PIERRO: il primo
dice di aver saputo da DE CILLIS che è stata indirizzata alla ECOL-SERVICE SRL una lettera di
richiamo o di ammonimento per una violazione degli accordi contrattuali inerenti alla raccolta
dell'amianto, che prevedeva invece l'applicazione di una penale, raccomandandosi che la cosa non si
218
ripeta ("AH HO VISTO MAURO (Mauro DE CILLIS di AMSA con il quale ha pranzato - ndr.) MI
HA DETTO CHE È PARTITA UNA LETTERA BRUTTA PER L'AMIANTO..." [..] "no dei
documenti...SULL'AMIANTO CHE SEI ANDATO A PRENDERE...CHE HAI FATTO UN
ERRORE" [..] "ah ok...NO DICE NON TI HO FATTO LE PENALI PER NON ROMPERTI IL
CAZZO PERÒ LO VEDI, NON SUCCEDE NIENTE, DAGLI UNA OCCHIATA, MI
RACCOMANDO NON FARLO PIÙ SUCCEDERE, MI HA DETTO")
tel. 56130 dell'8.5.2018, ore 14:45, telefonata in uscita da ut. 3485989733 in uso a D'ALFONSO
Daniele verso ut. 3346758257 di DI PIERRO Matteo (rit 1894/17)
(ore 14.47.55)
D'ALFONSO: AH HO VISTO MAURO (Mauro DE CILLIS di AMSA con il quale ha pranzato ndr.) MI HA DETTO CHE È PARTITA UNA LETTERA BRUTTA PER L'AMIANTO...
DI PIERRO: ma già da mo!...
D'ALFONSO: ah non è di questi giorni?
DI PIERRO: no...già fatto e già risposto e finita già
D'ALFONSO: no dei documenti...SULL'AMIANTO CHE SEI ANDATO A PRENDERE...CHE HAI
FATTO UN ERRORE
DI PIERRO: ...QUELLO LI, QUELLO LI GIA' FATTO, GIA' RISPOSTO, GIA' RISOLTO
TUTTO...È ROBA DI UN MESE FA QUASI EH!
D'ALFONSO: ah ok...NO DICE NON TI HO FATTO LE PENALI PER NON ROMPERTI IL
CAZZO PERÒ LO VEDI, NON SUCCEDE NIENTE, DAGLI UNA OCCHIATA, MI
RACCOMANDO NON FARLO PIÙ SUCCEDERE, MI HA DETTO...
DI PIERRO: ti dico io mi sono attenuto a quello che hai fatto tu...tu mi hai detto, la prima volta con
l'amianto mi hai dato un codice per l'amianto e un codice per il terreno contaminato
D'ALFONSO: si
DI PIERRO: io ti porto via sia uno che l'altro...la seconda volta tu mi hai messo soltanto l'amianto
DI PIERRO continua a spiegare come si è giustificato (con AMSA Spa) sostenendo che prima gli
dicono di fare una cosa poi l'altra, quindi non hanno una linea precisa e lui gli ha risposto in questi
termini
Questa conversazione, sebbene non riconducibile alla gara in trattazione, è però significativa dei
continui interessamenti di DE CILLIS sulle vicende della ECO-SERVICE s.r.l. e, stante il suo alto
ruolo dirigenziale all’interno di AMSA s.p.a. e l’assenza di diversi rapporti con l’impresa, denota
l’estrema opacità delle reali cause motivazionali sottese a questa estrema attenzione: l’inadempienza di
Ecol-Service a cui avrebbe dovuto far seguito l’irrogazione di penali da parte dell’ente committente
viene sanzionata esclusivamente con una lettera di richiamo.
In tal senso si colloca anche l’ambientale n. 2637 dell’8.5.2018 intercettata a bordo della SMART di
D’ALFONSO: in quel momento sull’auto egli è in compagnia di SALERNO Sergio che accenna alla
possibilità, indicata proprio dal DE CILLIS, di pilotare anche un’altra gara, relativa al servizio di
spurgo 53 ed a quello dell’ aree pubbliche recintate destinate ai cani 54 su cui ci si soffermerà in seguito.
Si tratta di un’ambientale molto importante in quanto:
delinea, chiaramente, il ruolo del DE CILLIS quale vero artefice e regista delle turbative di gare dirette
ad avvantaggiare il D’ALFONSO;
chiarisce come gli accordi collusivi non si fermeranno alla gara dei “pericolosi” ma riguarderanno
molte altre procedure
53 dal sito ufficiale di AMSA spa (http://www.amsa.it/gruppo/cms/amsa/cittadini/milano/servizibase/parchi_giardini.html) "Amsa effettua
anche lo spurgo e la pulizia dei 36.000 pozzetti presenti nelle aree verdi milanesi, che vengono realizzati con le stesse metodologie dei
pozzetti delle sedi stradali. La frequenza di spurgo è stabilita su richiesta del Settore competente del Comune di Milano in base alle
necessità di drenaggio dei singoli pozzetti. Nel caso un pozzetto si ostruisca per eventi accidentali Amsa interviene immediatamente e ne
ripristina il funzionamento, utilizzando frese e altri utensili per la rimozione meccanica degli oggetti che causano le ostruzioni.
Nel caso in cui la pulizia non fosse risolutiva e si rendesse necessario un intervento strutturale, è compito di Amsa segnalare
immediatamente il problema al settore competente del Comune di Milano."
54 dal sito AMSA spa "Nelle aree per cani Amsa effettua la raccolta quotidiana dei rifiuti e rifornisce i dispenser per la distribuzione gratuita
dei sacchettini destinati alla raccolta delle deiezioni".
219
(amb. 2637 dell'8.5.2018 - a bordo della SMART in uso a D'ALFONSO Daniele - RIT 75/18).
[Pr.2637 - A - 4 ore 20:32:55]: risale a bordo insieme a SALERNO Sergio (dipendente AMSA),
Daniele dice che Mauro (DE CILLIS) gli ha detto che lui (Sergio) è bravo e che gli ha fatto una
sviolinata, poi dice che Mauro gli ha parlato di Paladino e che non lo può vedere e Sergio dice che con
Florio non ce la può fare, Sergio dice che Mauro lo ha denunciato per diffamazione, e Daniele dice di
averci mangiato due volte con Paladino insieme a Paolo
[Pr.2637 - A - 4 ore 20:34:12]: si trascrive integralmente:
SALERNO:
mi ha fatto (Mauro DE CILLIS ndr.) andare a parlare con il suo responsabile
tecnico quello degli spurghi...
D'ALFONSO: mi ha chiamato stamattina MAURO (Mauro DE CILLIS)...aspetta che ti racconto...mi
ha chiamato Mauro...
SALERNO:
VEDRAI CHE LA FACCIAMO ANCHE QUELLA!
D'ALFONSO: ascolta...mi fa guarda che sto dando il tuo numero ad un mio responsabile che vuole
venire a vedere come fai le caditoie...
SALERNO:
SALA!
D'ALFONSO: ti do il numero gli ho detto del mio geometra...dagli il numero del mio geometra (DI
PIERRO Matteo ndr.)
SALERNO:
umh
D'ALFONSO: gliel'ho già dato...adesso fissano, un giorno che sono i ragazzi in campo vanno a
vederlo...
SALERNO:
va bene!
D'ALFONSO: MA SALA QUAL'È?
SALERNO:
È IL CAPO DIPARTIMENTO DI OLGETTINA, MA È QUELLO CHE HA IN
MANO GLI SPURGHI…
D'ALFONSO: MA C'HAI RAPPORTI TU SI?
SALERNO:
FRATERNO!
D'ALFONSO: BASTA A POSTO OK!
SALERNO:
L'HO FATTO FARE APPOSTA!
D'ALFONSO: se non lo convince devi dire all'operatore oh sta roba non...a Luca gli deve dire no
guarda che non mi convince
SALERNO:
quando è me lo dici...
D'ALFONSO: ok ti dico il giorno che vanno
SALERNO:
vado con lui io
D'ALFONSO: a posto!
SALERNO:
stiamo insieme, vengo a vedere come lavorate...
D'ALFONSO: va bene...io ho già avvisato i miei...ai miei gliel'ho detto, mio padre ma perchè
vengono a vedere?...eh ride...GLI STIAMO PREPARANDO IL PACCHETTO! CON MOLTA
CALMA PERÒ STIAMO PREPARANDO IL PACCHETTO
SALERNO:
e ma calma...
D'ALFONSO: SI LUI DICE IO PER FINE ANNO LA BUTTO DENTRO (la gara d'appalto inerente
spurghi e pulizia caditoie - ndr.)
SALERNO:
gennaio
D'ALFONSO: come cazzo fare...basta va bene, risate!
SALERNO:
ADESSO BASTA CHE CHIUDIAMO ANCHE L'AREA CANI...COSÌ SIAMO
BELLI (si sente che si sfregano le mani)
D'ALFONSO: MI FA TU SEI TUTTO A POSTO, SEI TRANQUILLO? GLI HO DETTO MAURO
(DE CILLIS Mauro ndr.) IO SONO TRANQUILLO!
SALERNO:
anche perchè sugli spurghi tu sei il numero uno!
D'ALFONSO: NO, MI FA SUI PERICOLOSI (gara AMSA per raccolta di rifiuti pericolosi ndr.) MI
FA SEI TRANQUILLO? IO SONO TRANQUILLO GLI HO DETTO, LA PEC NON MI È
ARRIVATA PERÒ...COME NON È ARRIVATA! (parole di Mauro DE CILLIS ndr.) CAZZO VA A
GUARDARE, DIMMELO CHE IO VADO A GUARDARE VABBÈ PERÒ SEI TRANQUILLO, SI
GLI HO DETTO MI AVETE DETTO DI SI, FA MA MATTEO CAZZO MI FA, L'HO VISTO IO
MATTEO (DI PIERRO ndr.) E GLIEL'HO DETTO L'ALTRO GIORNO CHE È PASSATO DI
220
QUA...(impreca contro altro utente della strada)...GLI HO DETTO MAURO MI FIDO A POSTO
CIOÈ PER ME E COME SE FOSSE ARRIVATA, ERA PER DIRTI CHE LA PEC NON È
ARRIVATA, poi dopo...
SALERNO:
strano che non l'hanno ancora mandata
D'ALFONSO: NON È ARRIVATA HO DETTO QUINDI SAI...GIUSTAMENTE LE CARTE,
NO PERÒ GUARDA NON TI PREOCCUPARE HO FATTO UN ROBA BLINDATA MI FA!
(D'ALFONSO riporta le parole di MAURO DE CILLIS - ndr.)
Omissis
Che le frasi di D’ALFONSO non siano una millanteria è dimostrato dal fatto che, effettivamente, la
stessa mattina, alle ore 9,45, DE CILLIS aveva chiamato D’ALFONSO parlando proprio della gara
per la pulizia dei pozzetti.
Progr. 55902 su utenza3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele
DE CILLIS Mauro chiama D'ALFONSO Daniele, la conversazione si riporta integralmente.
D'ALFONSO: Ciao Mauro buongiorno...
DE CILLIS: Ciao Daniele come stai?
D'ALFONSO: tutto bene e tu?
DE CILLIS: stai bene? abbastanza bene! Senti, ti chiamavo per questa ragione...
D'ALFONSO: si...
DE CILLIS: mmm...io sto ragionando ehm...tu...ti ricordi quando siam..io sono qui con il mio
responsabile delle emergenze no?
D'ALFONSO: si...
DE CILLIS: tu mi hai parlato rel..adesso noi stiamo ragionando su una prospettiva eventuale di
gara...sugli spurgo pozzetti...
D'ALFONSO: si...
DE CILLIS: ehm...tenendo presente che tu mi hai detto che ormai le vo...quelle che usate voi...ma
anche quelle che usano i vostri concorrenti hanno una modalità che possono consentire il controllo
dell'esecuzione del servizio...
D'ALFONSO: esatto...
DE CILLIS: ecco...allora io volevo da te avere un nominativo perchè vorrei mandare SALA, che
lui si chiama Massimiliano SALA il capo di tutte le emergenze...
D'ALFONSO: si...
DE CILLIS: a vedere come funziona questa certificazione di servizio e anche le attrezzature che voi
avete, perchè mi han detto che voi avete anche degli strumenti particolari di distruzione eccetera
eccetera...
D'ALFONSO: ti mando il numero di Luca che è il ragazzo quello che segue le caditoie...eh...lo
chiama prende appuntamento e vanno fuori a vederlo...
DE CILLIS: va bene casomai tu preavvertilo, lo faccio chiamare...tu mi mandi il numero di Luca...
D'ALFONSO: ti mando il numero di Luca...
DE CILLIS: tu lo preavverti...ecco lo preavverti eh glielo dici eh?
D'ALFONSO: ok...
DE CILLIS: ok?
D'ALFONSO: subito...
Tornando alla gara per i “pericolosi”, il 18.5.2018 intercorrerà una telefonata di D'ALFONSO a
SALERNO (progr. 60540 ut. 3485989733 in uso a D'ALFONSO Daniele - RIT. 1894-17) che la
comunicazione formale in PEC dell'aggiudicazione della gara è giunta pochi giorni prima "LA
SETTIMANA SCORSA È ARRIVATA TE L'HO DETTO"
Come risulta dagli accertamenti, svolti presso ANAC, la gara era stata realmente aggiudicata alla
ECOL SERVICE s.r.l.
tel. 60540 ore 12:56 del 18.5.2018 ut. 3485989733 in uso a D'ALFONSO Daniele - RIT. 1894-17
Sergio:
È ARRIVATA LA NOTIZIA SI??
Daniele:
CHE NOTIZIA?
221
Sergio:
Daniele:
LA PEC!
LA SETTIMANA SCORSA È ARRIVATA TE L'HO DETTO...
CAPO II.10: LA TURBATIVA DELLA GARA E LA QUALIFICAZIONE GIURIDICA
Si legge a questo punto nella richiesta di applicazione di misure cautelari avanzata dall’Ufficio del
P.M.:
“Alla luce di quanto sopra esposto, si ritiene che la vicenda relativa al BANDO “RIFIUTI
PERICOLOSI” come sopra ricostruita ed illustrata, sia connotata da gravi indizi di colpevolezza con
riferimento alle fattispecie delittuose di cui all’art. 353 c.p. e 353 bis c.p.”
Questo giudice evidenzia sin d’ora che nella formulazione del provvisorio capo d’incolpazione sub
II.10 non si fa alcun accenno alla figura criminosa di cui all’art. 353 bis c.p., ma vengono richiamati
esclusivamente gli artt. “110-353 I e II comma c.p.”
Prosegue l’Ufficio del P.M. evidenziando quanto segue.
Richiamando quanto sopra già esposto in ordine alle coordinate giurisprudenziali sull’interpretazione
della normativa, valga, in questa sede, svolgere alcune brevissime considerazioni sulla “turbata liberta’
del procedimento di scelta del contraente” di cui all’art. 353 bis c.p. Trattasi di ipotesi residuale
introdotta al fine di evitare ogni vuoto di tutela e che risponde all’esigenza di prevenire condotte che,
tendendo ad aggirare il fisiologico confronto competitivo nelle gare pubbliche, si traducono
direttamente in una forzatura della regolarità del modello procedimentale prescelto dalla P.A. per
l’individuazione della controparte contrattuale.
Di conseguenza, l’illecita interferenza nel procedimento amministrativo finalizzata a condizionare,
con violenza o minaccia, con doni, promesse, collusioni o altri mezzi fraudolenti, le modalità di scelta
del contraente, determina già di per sè l’applicazione della fattispecie penale.
Si tratta, poi, di un reato comune che necessita di dolo specifico nel senso che il soggetto attivo è
chiunque (mentre quello passivo è senz’altro la Pubblica Amministrazione) avente l’elemento
psicologico del dolo specifico, dovendo l’agente essere animato dallo scopo di condizionare le
modalità di scelta del contraente da parte della P.A., senza che il raggiungimento di tale risultato rilevi
ai fini della perfezione del delitto. La consumazione del reato, infatti, coincide con il momento in cui
si determina l’alterazione dell’iter di indizione della gara.
Trattasi inoltre di reato a forma vincolata, ossia può essere commesso soltanto in uno dei modi
tassativamente indicati nella norma ossia mediante minaccia, violenza, doni, promesse, collusioni o
altri mezzi fraudolenti
Per la sussistenza del reato è necessario il turbamento del procedimento amministrativo diretto a
stabilire il contenuto del bando di gara ovvero di altro atto ritenuto equipollente.
Di conseguenza, si rende necessario che l’evento lesivo si concentri sulla c.d. fase di indizione della
gara e segnatamente che l’approvazione del bando subisca una vera e propria contaminazione per
effetto dell’intervento dell’autore del reato.
Cosa poi si intenda per “procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando di gara
ovvero di altro atto equipollente” può evincersi solo in concreto, ossia facendo riferimento alle
peculiarità del meccanismo di gara cui è fatto obbligo uniformarsi alle stazioni appaltanti per
l’individuazione degli operatori economici che possono presentare offerte per l’affidamento di un
contratto pubblico, e quindi se debba trattarsi di procedure di affidamento di lavori, servizi, forniture
aperte, ristrette o negoziate.
La giurisprudenza, posta di fronte alla definizione del rapporto fra la turbata libertà degli incanti (art.
353 c.p.) e la turbata liberta’ nella scelta del contraente (art. 353 bis c.p.), sostiene che il secondo è un
reato di pericolo per il cui perfezionamento occorre che sia posta, concretamente, in pericolo la
correttezza della procedura di predisposizione, a prescindere dall’effettiva modificazione dell’atto di
indizione del concorso.
Quando, poi, il fine è raggiunto, nel senso che il bando (o l’atto equipollente) è illegittimamente
modificato e la gara successiva risulta realmente turbata, trova applicazione l’art. 353 c.p.
222
Sottolinea a questo punto il P.M. che: Ciò premesso, si ritiene che quanto ricostruito, porti a ritenere la
sussumibilita’ della condotta nell’alveo di entrambe le fattispecie.
Dalle intercettazioni sopra commentate, emerge, chiaramente come gia’ prima dell’insorgenza delle
varie problematiche, di carattere formale, che si metteranno di traverso all’aggiudicazione della gara
ad ECOL SERVICE s.r.l., erano intercorsi accordi collusivi in ordine al contenuto del bando stesso
che, suscitando la reazione stizzita di D’ALFONSO (sono dei coglioni) non erano stati del tutto
rispettati.
Si ricordi, infatti, l’amb. 619 del 20.2.2018 - a bordo di BMW x5 intercorsa fra D’ALFONSO e
SALERNO
Ma l’attività manipolatoria della procedura amministrativa è continuata anche dopo l’emanazione
dell’atto formale con il quale la P.A. ha manifestato la propria volontà di contrarre.
In punto di collusioni ed altri mezzi fraudolenti valga osservare l’operare congiunto del DE CILLIS,
del SALERNO e del D’ALFONSO: si tratta di condotte tra loro strumentalmente collegate in vista
dell’alterazione del normale svolgimento del procedimento amministrativo diretto a stabilire, non solo
il contenuto del bando, quanto piuttosto di quello che ne può essere considerato l’atto equipollente e,
cioè, le delibere di aggiudicazione nella misura in cui la gara è stata aggiudicata ad ECOL-SERVICE
s.r.l. nonostante le criticità evidenziate.
Pacifica è, ancora, l’esistenza di accordi occulti tra partecipanti: in tal senso depone il contenuto delle
conversazioni telefoniche ed ambientali sopra illustrate.
Questo giudice ritiene parzialmente corretta la ricostruzione fattuale appena esposta dall’Ufficio del
P.M., ma non concorda a proposito della configurabilità del concorso fra le fattispecie delineate
dall’art. 353 I e II comma c.p. (che - lo si ripete - è l’unica formalmente contestata nella formulazione
del capo d’incolpazione sub II.10) e dall’art. 353 bis c.p.
Quest’ultima previsione incriminatrice è stata introdotta dal legislatore proprio al fine di punire tutte le
condotte prodromiche all’indizione della gara (e quindi alla pubblicazione del relativo bando),
momento che, per costante giurisprudenza, era considerato il discrimen per configurare il tentativo di
turbativa di gara: le condotte poste in essere prima di quel momento, infatti, prima dell’introduzione
del reato di cui all’art. 353 bis c.p. erano considerate penalmente irrilevanti, essendo gli atti diretti a
turbare la gara stessa considerati non idonei, e quindi inoffensivi del bene giuridico tutelato.
In questo senso si veda: Cass. Sez. 6, Sentenza n. 27719 del 05/02/2013 Ud. (dep. 24/06/2013) Rv.
255601 - 01 “Il reato di turbata libertà degli incanti di cui all'art. 353 cod. pen. - a differenza della
fattispecie prevista dall'art. 353 bis cod. pen. - non è configurabile, neanche nella forma del tentativo,
prima che la procedura di gara abbia avuto inizio, ossia prima che il relativo bando sia stato
pubblicato, dovendosi ritenere carente in tale situazione il presupposto oggettivo per la realizzazione
delle condotte previste dalla norma incriminatrice”.
Nello stesso senso: Sez. 5, Sentenza n. 25091 del 11/05/2016 Cc. (dep. 16/06/2016 ) Rv. 267324 - 01 :
“Il reato di turbata libertà degli incanti di cui all'art. 353 cod. pen. - a differenza della fattispecie
prevista dall'art. 353 bis cod. pen. - non è configurabile, neanche nella forma del tentativo, prima che
la procedura di gara abbia avuto inizio (e cioè prima della pubblicazione del relativo bando),
dovendosi ritenere carente in tale situazione il presupposto oggettivo per la realizzazione delle
condotte previste dalla norma incriminatrice”.
Nel momento in cui tuttavia la gara viene bandita ed il relativo procedimento viene effettivamente
turbato (e quindi si produce l’evento del reato di cui all’art. 353 c.p.), deve ritenersi che la fattispecie
di cui al successivo art. 353 bis c.p. rimanga assorbita nella incriminazione ex art. 353 c.p., per i
principi che regolano il rapporto di specialità fra le norme penali (dovendosi considerare l’art. 353 c.p.
speciale rispetto alla più generica figura di cui al 353 bis c.p.) e la c.d. progressione criminosa.
In questo senso, seppur non esplicitamente, paiono esprimersi le seguenti massime della Suprema
Corte:
Sez. 6, Sentenza n. 29267 del 05/04/2018 Cc. (dep. 26/06/2018 ) Rv. 273449 - 01 “Il delitto di turbata
libertà del procedimento di scelta del contraente, previsto dall'art. 353-bis cod. pen., è un reato di
pericolo, posto a tutela dell'interesse della Pubblica Amministrazione di poter contrarre con il miglior
offerente, per il cui perfezionamento è necessario che sia posta concretamente in pericolo la
correttezza della procedura di predisposizione del bando di gara, ma non anche che il contenuto di
223
detto provvedimento venga effettivamente modificato in modo tale da condizionare la scelta del
contraente”
Sez. 6, Sentenza n. 24477 del 04/05/2016 Cc. (dep. 13/06/2016 ) Rv. 267092 - 01 “Nel delitto di
turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, previsto dall'art. 353 bis cod. pen., la
condotta di collusione consiste nell'accordo clandestino diretto ad influire sul normale svolgimento
delle offerte, concretamente idoneo a conseguire l'evento del reato, che si configura non soltanto in un
danno immediato ed effettivo, ma anche in un danno mediato e potenziale, attesa la natura di reato di
pericolo della fattispecie.”
Sez. 6, Sentenza n. 6259 del 27/01/2016 Ud. (dep. 15/02/2016 ) Rv. 266313 - 01 “In tema di turbata
libertà degli incanti, integrano il reato previsto dall'art. 353 cod. pen. i comportamenti manipolatori
che incidono sulla formazione di un bando di gara poi adottato, non rilevando che essi siano stati
commessi prima dell'art. 353-bis cod. pen., atteso che in quest'ultima fattispecie incriminarice
rientrano, invece, le condotte manipolatorie del procedimento non seguite dalla emissione del bando e
quelle di manipolazione dell'"iter" procedurale che non abbiano, tuttavia, influenzato la legittimità del
bando poi adottato. (In motivazione, la Corte ha chiarito che le condotte da ultimo indicate erano
penalmente rilevanti, ai sensi degli artt. 56 e 353 cod. pen., anche prima della entrata in vigore
dell'art. 353 bis cod. pen.)”.
Ritiene il giudicante che, quanto appena evidenziato, trovi una conferma nella clausola di esclusione
contenuta nell’art. 353 bis c.p. “salvo che il fatto costituisca più grave reato”: orbene se le fattispecie
base di cui all’art. 353 comma I c.p. prevedono una pena coincidente con quella di cui all’art. 353 bis
c.p., la fattispecie di cui al secondo comma dell’art. 353 c.p., pacificamente ricorrente nella specie
essendo alcuni dei correi indubbiamente persone preposte dalla legge o dall’Autorità agli incanti, è
punita con una sanzione detentiva e pecuniaria che, nel minimo edittale, risulta superiore alla pena
prevista dall’art. 353 bis c.p.
Sulla natura della previsione contenuta nel primo capoverso dell’art. 353 c.p. si veda:
Sez. 6, Sentenza n. 28157 del 17/06/2014 Cc. (dep. 30/06/2014 ) Rv. 261903 - 01 “Ai fini della
configurabilità del reato di turbata libertà degli incanti, è rilevante anche l'accordo collusivo tra il
soggetto preposto alla gara ed uno dei partecipanti alla stessa, posto che la circostanza aggravante di
cui all'art. 353, comma secondo, cod. pen., riferita al soggetto preposto alla gara per il solo fatto
della funzione ricoperta, ha riguardo a tutte le condotte previste dal primo comma del medesimo
articolo”.
Sez. 6, Sentenza n. 18310 del 24/04/2007 Cc. (dep. 11/05/2007 ) Rv. 236455 - 01 “L'aggravante
prevista dall'art. 353, comma secondo, cod. pen. ha natura di circostanza speciale che, rientrando tra
quelle concernenti le qualità personali del colpevole e non tra quelle inerenti alla persona del
colpevole, non è soggetta al regime di cui all'art. 118 cod. pen., bensì a quello ordinario previsto
dall'art. 59, comma secondo, stesso codice, sicché essa si comunica al correo, se da costui conosciuta
o ignorata per colpa”.
Quanto al caso concreto, vi è da rimarcare come la reazione stizzita manifestata da D’ALFONSO nella
conversazione intrattenuta con DI PIERRO di fronte alla lettura del bando di gara (progr. tel.
24873),se sicuramente è indicativa del fatto che D’ALFONSO avesse già manifestato, quanto meno a
SALERNO, il suo interesse per le attività rientranti nell’oggetto della gara (peraltro ricadenti in quelle
normalmente svolte dalla sua impresa), possa essere interpretata nel senso opposto a quello
propugnato da P.M.: la mancanza di seri contatti e di seri accordi collusivi con i soggetti preposti alla
gara aveva fatto sì che la formulazione originaria del bando non fosse affatto conforme alla aspettative
di D’ALFONSO, prevedendo requisiti troppo generici ed ampi, idonei a consentire la manifestazione
di interesse da parte di una vasta platea di interessati.
A mitigare il malcontento di D’ALFONSO vi è la constatazione che si tratta di una semplice
manifestazione di interesse sicchè l’ente pubblico banditore potrà in seguito sempre annullarla.
Come si è visto, il modus operandi adottato nella specie da AMSA s.p.a. suscita la riprovazione di
TATARELLA che evidenzia come bandire una gara e poi, ove gli aspiranti non soddisfino le
aspettative della parte pubblica, annullarla, è circostanza che rischia di “dare nell’occhio” anche se,
come convengono i due sodali all’esito di altra conversazione, i pubblici amministratori hanno in
subjecta materia una discrezionalità così ampia che “possono fare quello che vogliono”.
224
Alla luce di quanto precede, ritiene il giudicante che sussistano gravi indizi di colpevolezza a carico
degli indagati per cui è stata avanzata richiesta di misura cautelare in ordine al reato indicato al capo
II.10.
Nella turbativa della gara in esame, come visto, intervengono moltissimi soggetti, alcuni “in chiaro”
altri, rimanendo in secondo piano, ma abili registi dell’operazione.
Palese è la responsabilità dei membri della Commissione: come visto la normativa del codice appalti e
la normativa secondaria delle direttive ANAC dettano linee quanto mai stringenti sulla procedura
ristretta. L’azienda presenta la propria domanda a partecipare e o ha i requisiti, ed allora verrà
ammessa all’offerta, o non li ha ed allora non verrà ammessa. Tertium non datur.
Quanto succede, invece, con ECOL SERVICE s.r.l. è del tutto eccentrico: pur in presenza di
vistosissime carenze dei requisiti (quella relativa ai codici CER è la più palese), si svolge tutta
un’interlocuzione fra la p.a. ed il privato per “sistemare” la cosa, giungendo al paradosso che
D’ALFONSO viene messo nelle condizioni di presentare l’offerta con riserva, vale a dire salva la
possibilittà di “mettere a posto” in seguito i requisiti mancanti.
D’ALFONSO, a sua volta, coadiuvato dal fedelissimo DI PIERRO, è freneticamente in contatto con le
alte sfere di AMSA S.P.A. che costituiscono la sua “garanzia”.
SALERNO Sergio emerge come il “braccio operativo” del DE CILLIS e colui che deve, per suo
conto, tenere in via privilegiata i rapporti con il D’ALFONSO.
DE CILLIS solo apparentemente ha un ruolo sfuggente ma, oltre al quadro indiziario e logico
apprezzabile da chiunque legga, contestualizzando le sopra illustrate intercettazioni, tre sono i
fortissimi elementi di prova a suo carico.
Da un lato la più volte ricordata frase di SCARIONI (amb. n. 78788 del 24.4.2018) a DI PIERRO sul
fatto che “è inutile che poi mi dice DE CILLIS quante robe gli chiediamo perchè vi lamentate anche
da lui”. È chiaro che SCARIONI è “costretto” a favorire D’ALFONSO e l’unico che puo’ avere un
simile potere è proprio, in relazione al suo ruolo interno ad AMSA, il DE CILLIS
D’altro lato, la gia’ citata ambientale n. 2306 del 2.5.2018, quando D’ALFONSO, parlando con Pietro
TATARELLA dice “in chiaro” che DE CILLIS ha chiuso i pericolosi.. e li ha esclusi.
Infine si ricordi l’ambientale n. 2637 del 8.5.2018, in cui D’ALFONSO, parlando con SALERNO, nel
riferire una frase di DE CILLIS, dirà “guarda ho fatto una roba blindata” , rassicurandolo, quindi, in
ordine al fatto che la gara non si presta a ricorsi amministrativi.
A completamento della procedura, si osserva come la “riserva” a cui era subordinata la aggiudicazione
da parte di Ecol-Service s.r.l. si sia risolta in una banale richiesta di chiarimenti e in una telefonata di
conferma alla società interessata da alcune attività in sub-appalto.
Si ricorda che Di Pierro nel tranquillizzare D’Alfonso in merito al buon esito dell’incontro a
chiarimenti per cui era stato convocato, sottolinei di aver visto, negli uffici di AMSA, proprio De
Cillis con il quale ha scambiato poche parole d’intesa a proposito del confronto appena sostenuto.
Pertanto D’ALFONSO Daniele, DE CILLIS Mauro, SALERNO Sergio e DI PIERRO Matteo nelle
rispettive qualità di amministratore unico di Ecol-Service s.r.l., Procuratore e Direttore Operativo
dell’ente appaltante AMSA s.p.a., dipendente di AMSA s.p.a. e dipendente e stretto collaboratore di
D’ALFONSO, in concorso tra loro, essendo stata bandita da AMSA s.p.a. la gara di cui alla procedura
ristreta n. 3/2018 avente ad oggetto l’affidamento del “servizio di pronto intervento per analisi,
rimozione, trasporto, smaltimento/recupero dei rifiuti rinvenuti sul terriotorio del Comune di Milano e
dei comuni della provincia di Milano”, con collusioni turbavano la gara stessa.
In particolare, poiché il capitolato del bando prevedeva che gli automezzi utilizzati per effettuare il
servizio richiesto dovessero avere motore Euro 6 o motore elettrico e che i partecipanti alla gara
dovessero dimostrare di avere le relative certificazioni entro 150 giorni dalla pubblicazione (requisito
ritenuto non sufficientemente selettivo – si ricorderà l’efficace espressione utilizzata da D’Alfonso per
commentare con disappunto tale clausola : “così partecipa anche il salumiere”-), alla rimostranze di
D’ALFONSO, al fine di escludere la possibile competitor di ECOL-Service s.r.l., Salerno non solo ha
indicato al correo il nominativo delle altre società partecipanti, ma , in modo del tutto irrituale, ha
veicolato alla commisssione aggiudicatrice informazioni relative alla SELPOWER s.r.l. (in particolare
sentenze relative a violazioni ambientali poste in essere dai rappresentanti di tale società o dalle
società ad essa collegate) che ne hanno determinato l’esclusione dalla gara.
225
In secondo luogo, poiché ECOL-Service non era in possesso dell’autorizzazione allo smaltimento dei
rifiuti aventi codice CER 160504 (inclusi nel capitolato speciale d’appalto) e non aveva allegato alla
domanda di partecipazione una polizza fidejussoria conforme ai requisiti richiesti dal capitolato stesso,
alcuni membri della Commissione aggiudicatrice (su pressione di DE CILLIS) sollecitavano
D’ALFONSO ed il suo collaboratore DI PIERRO a presentare comunque l’offerta con l’accordo che,
all’apetura delle buste, sarebbe stata fatta una riserva di integrazione della documentazione mancante.
Come si è visto, effettivamente Ecol- Srvice s.r.l. è riuscita ad aggiudicarsi attriverso queste collusioni
e alla conseguente turbativa delle regole di svolgimento della gara, l’appalto di cui al bando n. 3/2018
di AMSA s.p.a.
II.11 Le altre gare (pozzetti, aree cani, trasporto rifiuti pericolosi) e la corruzione di De
Cillis Mauro, Salerno Sergio e Riva Gian Paolo
Definita la gara sui cc.dd. "pericolosi" (gara a procedura ristretta n. 3/2018), D’ALFONSO ed i suoi
sodali si mettono all'opera per far destinare nuovi lavori pubblici alla ECOL-SERVICE SRL.
Attraverso l’attività tecnica verranno monitorati altri accordi collusivi con riferimento a:
gara cani
gara pozzetti
gara trasporto rifiuti pericolosi
Queste vicende saranno trattate in modo alquanto sintetico, in quanto non essendo stato possibile
comprendere l’evolversi e la chiusura delle relative procedure, Il P.M. non ha ritenuto di dover
formulare contestazioni, anche solo provvisorie.
Tuttavia, la disamina delle evidenze emergenti dall’attività di intercettazione risulterà, comunque,
utile, al fine di delineare l’estrema opacità dei rapporti abilmente tessuti da D’ALFONSO con la
Dirigenza AMSA s.p.a.
Le vicende in esame risulteranno poi estremamente utili al fine di esaminare il programma criminoso
tendenzialmente aperto perseguito dall’associazione di cui al capo II.1
- GARA DEI “POZZETTI”, GARA “AREA CANI” e GARA “TRASPORTO RIFIUTI
PERICOLOSI”
La gara denominata “dei pozzetti” è vicenda gia’ emersa nell’analizzare gli elementi di prova relativi
al capo II.10.
In particolare, l’ambientale n. 2637 dell’8.5.2018 intercettata a bordo della SMART di D’ALFONSO
fa emergere che in quel momento sull’auto egli è in compagnia di SALERNO Sergio che accenna alla
possibilità, indicata proprio dal DE CILLIS, di pilotare anche un’altra gara, relativa al servizio di
spurgo55 ed a quello delle aree pubbliche recintate destinate ai cani 56 su cui ci si soffermerà in seguito.
Si tratta di un’ambientale molto importante in quanto:
a. delinea, chiaramente, il ruolo del DE CILLIS vero artefice e regista delle turbative di gare dirette ad
avvantaggiare il D’ALFONSO;
b. chiarisce come gli accordi collusivi non si fermeranno alla gara dei “pericolosi” ma riguarderanno
molte altre procedure
Che le frasi di D’ALFONSO in merito alle prospettive di essere avantaggiato in altre gase profilategli
da De Cillis non siano una millanteria è dimostrato dal fatto che, effettivamente, la stessa mattina, alle
55 dal sito ufficiale di AMSA spa (http://www.amsa.it/gruppo/cms/amsa/cittadini/milano/servizibase/parchi_giardini.html): Amsa effettua
anche lo spurgo e la pulizia dei 36.000 pozzetti presenti nelle aree verdi milanesi, che vengono realizzati con le stesse metodologie dei
pozzetti delle sedi stradali. La frequenza di spurgo è stabilita su richiesta del Settore competente del Comune di Milano in base alle
necessità di drenaggio dei singoli pozzetti. Nel caso un pozzetto si ostruisca per eventi accidentali Amsa interviene immediatamente e ne
ripristina il funzionamento, utilizzando frese e altri utensili per la rimozione meccanica degli oggetti che causano le ostruzioni.
Nel caso in cui la pulizia non fosse risolutiva e si rendesse necessario un intervento strutturale, è compito di Amsa segnalare
immediatamente il problema al settore competente del Comune di Milano.
56 dal sito AMSA spa: "Nelle aree per cani Amsa effettua la raccolta quotidiana dei rifiuti e rifornisce i dispenser per la distribuzione
gratuita dei sacchettini destinati alla raccolta delle deiezioni".
226
ore 9,45, DE CILLIS aveva chiamato D’ALFONSO parlando proprio della gara per la pulizia dei
pozzetti.( si ricordi Progr. 55902 su utenza3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele in cui
l’imprenditore e il dirigente si accordano per far visionare ad un tecnico di AMSA gli strumenti di cui
Ecol-Service dispone a proposito di quel servizio)
Nell’ambientale n. 2636 del 8.5.2018 DI PIERRO e D'ALFONSO affrontano brevemente la questione
dell'appalto dei cc.dd. "pozzetti" che DE CILLIS sta preparando inserendovi il requisito del possesso
di strumentazione atta a localizzare il mezzo, condizione che consentirebbe alla ECOL -SERVICE
SRL di aggiudicarsela senza grosse difficoltà.
D'ALFONSO rimarca che il ruolo centrale di DE CILLIS che predisporrà la gara per fine anno, inizi
2019 e che ha intenzione di esternalizzare tutti i servizi di AMSA "Si! Luca li porta a vedere convince
quelli li quello li che è....POI DOPO MAURO PREPARA LA GARA PER FINE ANNO L'ANNO
PROSSIMO!" [...] "Si ormai l'anno prossimo! Ha preso i camion!" [...] "progetto si! Lui vuole darlo
via tutto! Lui vuole dare via tutta la città! Col col tempo nel senso con eh....lui vuole dare via tutto!
Non lo vuole più fare!".
Entrambi fiutano l'affare (DI PIERRO:) "Certo ...inc...è una perdita di tempo per loro!" [...] "Però sono
buone!" e D'ALFONSO sottolinea come gli abbiano detto di prepararsi per l'affidamento delle cc.dd.
"aree cani" "Poi vuole fare anche le cose eh...poi mi ha detto guarda sto preparando le aree cani
preparati!" (vedasi amb. 2636 del 8.5.2018 ore 19:12 - RIT 75/18)
In data 12.6.2018 viene, nel frattempo, intercettata una conversazione telefonica nella quale RIVA
Gian Paolo informa SALERNO di aver appreso dal figlio Matteo (che, come sopra visto, è stato
appena assunto da D’ALFONSO Daniele) che in Ecol-Service sono nel totale caos organizzativo,
poiché stanno prendendo vari lavori che poi non sono in grado di portare a termine, dichiarando
persino falsamente di aver compiuto attività mai effettivamente eseguite.
Progr. 21137 del 12.6.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO Sergio (RIT 591/18)
(ore 17:27:19 - inizio trascrizione integrale)
SALERNO:
non questa settimana ma settimana prossima vado...chiamo il Matteo e glielo dico,
martedì o mercoledì prossimo andiamo fuori a cena
RIVA:
e fatti raccontare va
SALERNO:
si si, perchè è successo qualcosa? Ha raccontato qualcosa a te?
RIVA:
mi ha detto in poche parole che li è un disastro atomico
SALERNO:
a sti livelli?
RIVA:
a tutti i livelli è un disastro, però te lo fai dire da lui
SALERNO:
va bene, va bene
RIVA: CIOÈ PRENDONO IL LAVORO MA NON SONO IN GRADO DI
FARLO...COMPILANO... DICHIARANO CHE HAN FATTO QUELLO CHE NON HAN FATTO,
SONO DELLE COSE ALLUCINANTI, QUINDI LA VEDO MOLTO MALE...
SALERNO:
va bene
RIVA:
però fattelo dice con calma da Matteo
SALERNO:
mica con troppa calma a questo punto
RIVA:
eh
SALERNO:
martedì o mercoledì prossimo...per forza ci vediamo, vabbè
RIVA:
vabbè io domani son di li
SALERNO:
ci vediamo domani noi
RIVA:
sono in Olgettina
SALERNO:
ci vediam domani noi
RIVA:
Ok
SALERNO:
ciao Paolo
RIVA:
a domani, ciao
Si tratta di conversazione che, in questa sede, merita di essere segnalata perchè si pone ad ulteriore
conferma degli anomali rapporti che legano la ECOL SERVICE srl ad AMSA s.p.a.: RIVA, anziché
evidenziare le inadempienze in via formale, il che porterebbe a sanzioni per l’appaltatrice, si limita a
227
segnalarle a SALERNO in modo che egli possa parlarne con D’ALFONSO ed evitare che assumano
proporzioni ancor più serie.
Prima di esaminare le varie gare, però, è utile soffermarsi sul contenuto di una conversazione,
intercettata il 18.6.2018, fra D’ALFONSO e SALERNO in cui, in buona sostanza, i due, oltre a
commentare la definitiva chiusura della gara sui “pericolosi”, fanno una sorta di “planning” per il
futuro, individuando, come prossimi obiettivi, la gara sui “pozzetti”, quella “dell’area cani” e quella
dei “trasporti dei rifiuti urbani”.
Importante è osservare anche che SALERNO si faccia dare, proprio nel corso di tale conversazione, da
D’ALFONSO il nome di due società (PALOMA 2000 e SILVABELLA) che, come si vedrà in
seguito, verranno invitate dalla municipalizzata, a partecipare alla seconda gara citata.
In data 18.6.2018, D’ALFONSO si reca presso la sede AMSA a bordo del veicolo monitorato BMW
X5 (RIT 75/18) a bordo del quale sale SALERNO Sergio; quest'ultimo riceve da Daniele i nominativi
di due società (una cooperativa e una ONLUS) che si stanno iscrivendo quali fornitori AMSA al fine
di poter, all'esito di un'indagine di mercato avviata da AMSA spa, essere invitate a presentare l'offerta
per l'appalto per la distribuzione dei sacchetti per la raccolta delle deiezioni dei cani all'interno delle
aree verdi a essi destinate (gara cd. “area cani”)
amb. 3445 del 18.6.2018, ore 11:08 a bordo BMW X5 - RIT 75/18:
…OMISSIS….
Salerno Sergio: vabbè avra fatto il giro....c'ha dammi il nome và...
D'Alfonso Daniele:
a Paloma 2000 (ridono)...ahhh Paloma...Paloma...Paloma e l'altra...facciamone
una di scorta che non si sa mai....
Salerno Sergio: si Paloma 2000?
D'Alfonso Daniele:
si Paloma 2000 Scarl...
Salerno Sergio: okay
D'Alfonso Daniele:
e l'altra...ehhhh...aspetta eh...Paloma 2000 Scarl
Salerno Sergio: okay
D'Alfonso Daniele:
e l'altra è...si chiama...Cooperativa Silvabella...lo sto facendo scrivere oggi eh
adesso sta scrivendo
[….]
Salerno Sergio: per i...che cazzo era?
D'alfonso Daniele:
l'aree cani?
Salerno Sergio: l'aree cani...questo è aree cani....
D'alfonso Daniele:
eh mi ha invitato qua e poi un'altra cosa era...aspetta c'è un'altra cosa eh
Salerno Sergio: eh...cos'è che era?...(abbassa la voce) fermati eh (bestemmia)
D'alfonso Daniele:
aspetta aspetta fammi ragionare...devo...devo fermarmi...era...chi ha invitato lì
chi ha invitato per i trasporti no?....non mi ricordo più...era per i trasporti?
Salerno Sergio: si i trasporti ma...i trasporti INC
D'alfonso Daniele:
COSA TI HA DETTO DEI TRASPORTI NIENTE?...
Salerno Sergio: no INC ...stò aspettando te io....
D'alfonso Daniele:
allora qua è....aspetta che metto l'aria
Salerno Sergio: la trovo io dai apposto
D'alfonso Daniele:
non mi ricordo più
Salerno Sergio: ghè pensi mi...tanto vado a prenderlo io il biglietto
D'alfonso Daniele:
chi ha invitato qua e chi ha invitato dove?
Salerno Sergio: che volevi sapere delle robe...vabbè dai ci penso io tanto....
D'alfonso Daniele:
chi ha invitato all'area cani....
Salerno Sergio: (a bassa voce) tanto questo ci penso io ....
D'alfonso Daniele:
io sono pronto...questa qua ho visto...ma tu sai quanto costa a voi?...non lo sai
Salerno Sergio: no..però
D'alfonso Daniele:
ho visto solo 10 persone 10 milioni di sacchettini...
Salerno Sergio: ci penso io..ti faccio sapere tutto...
D'alfonso Daniele:
i giorni...c'è scritto tutto lì...sono due lotti da 5 persone
Salerno Sergio: si...perchè dividi la città in due capito...
D'alfonso Daniele:
dividi la città in due...ho visto....infatti c'è anche scritto chi eh....c'è anche
scritto chi....quanti chi deve andare in due e chi da solo...io però lì non la farei come EcolService
228
Salerno Sergio: no
D'alfonso Daniele:
queste due
Salerno Sergio: eh...e servirebbe anche che tu
D'alfonso Daniele:
perchè questo scade domani...tu devi invitarle domani
Salerno Sergio: INC adesso
D'alfonso Daniele:
ma una una si sta iscrivendo adesso...questa si è iscritta stamattina puoi
invitarla...
Salerno Sergio: okay
D'alfonso Daniele:
questa devi invitarla domani mattina
Salerno Sergio: domani mattina...
D'alfonso Daniele:
INC accesso alla cosa alla manifestazione subito....anche stasera ma sul
tardi...adesso si iscrive...queste sono sociali...sono due big
Salerno Sergio:
okay...ehhhmmm...che ti volevo dì..vabbè niente dai apposto...ci penso io
D'alfonso Daniele:
trasporti cosa facciamo dobbiamo decidere
Salerno Sergio:
ecco...sai cosa ti volevo dire...siccome lì non cre...adesso io mi informo poi ti
faccio sapere se vale la pena o no...ma eventualmente se ti iscrivi e non pe...perdi...
D'alfonso Daniele:
io mi son già iscritto
Salerno Sergio: va bho basta apposto
D'alfonso Daniele:
io sono già iscritto io...aspetta che ti dò conferma
Salerno Sergio: giusto per sapere se...ti dico se c'è margine spazio ma...ti faccio sapere
D'alfonso Daniele:
metti che c'è qualcuno che lo sbaglia di quelli
Salerno Sergio: hai fatto bene comunque a iscriverti per carità...dubito che sbagliano
D'alfonso Daniele:
i documenti?...no
Salerno Sergio: vabbè però eh
D'alfonso Daniele:
però no sai eh INC...novità dei pozzetti?
Salerno Sergio: ritorni me li da adesso
D'alfonso Daniele:
te lì da adesso lui?
Salerno Sergio: si
D'alfonso Daniele:
no...PER CAPIRE COSA FARE DEI TRASPORTI PERCHÈ SCADE A
LUGLIO...PERCHÈ C'È...C'È IL SOPRALLUOGO CHE SCADE (gara AMSA con procedura aperta
13-2018 - Trasporto rifiuti urbani e speciali - con scadenza 06.07.2018 - ndr.)
Salerno Sergio: fra oggi e domani facciamo
D'alfonso Daniele:
vai
[….]
D'alfonso Daniele:
oggi scade?
Salerno Sergio: INC (rumore di sportello anche Daniele scende dal mezzo, ndr)...oggi scade il ricorso
eh....18....sui pericolosi non ha fatto niente nessuno
Valga premettere che la comprensione di tale ambientale richiede brevi cenni sui cd. affidamenti sotto
soglia.
Nelle "Linee Guida" fornite da ANAC inerenti alle "Procedure per l’affidamento dei contratti pubblici di importo
inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, indagini di mercato e formazione e gestione degli elenchi di
operatori economici", nel paragrafo "4.2 Il confronto competitivo", nella selezione degli operatori economici, si
prescrive che:
"4.2.1 Una volta conclusa l’indagine di mercato e formalizzati i relativi risultati, ovvero consultati gli elenchi di
operatori economici, la stazione appaltante seleziona, in modo non discriminatorio gli operatori da invitare, in
numero proporzionato all’importo e alla rilevanza del contratto e, comunque, in numero almeno pari a cinque,
sulla base dei criteri definiti nella determina a contrarre ovvero dell’atto equivalente. La stazione appaltante
tiene comunque conto del valore economico dell’affidamento.
4.2.2 Ai sensi dell’art. 36, comma 2, lett. b), del Codice la stazione appaltante è tenuta al rispetto del criterio di
rotazione degli inviti, al fine di favorire la distribuzione temporale delle opportunità di aggiudicazione tra tutti
gli operatori potenzialmente idonei e di evitare il consolidarsi di rapporti esclusivi con alcune imprese. La
stazione appaltante può invitare, oltre al numero minimo di cinque operatori, anche l’aggiudicatario uscente,
dando adeguata motivazione in relazione alla competenza e all’esecuzione a regola d’arte del contratto
229
precedente. Il criterio di rotazione non implica l’impossibilità di invitare un precedente fornitore per
affidamenti aventi oggetto distinto o di importo significativamente superiore a quello dell’affidamento
precedente".
La conversazione è fin da subito chiarissima e dimostra come sia proprio D’ALFONSO (il diretto
interessato) che, in modo del tutto irrituale, fornisce a SALERNO i nomi degli operatori da
utilizzareper gli inviti che, da quanto pare emergere dalla telefonata, verranno usati dall’imprenditore
per aggiudicarsi la gara: PALOMA 2000 COOPERATIVA SOCIALE A RESPONSABILITÀ
LIMITATA57, con sede legale a Milano in Viale Tunisia n.10, e COOPERATIVA SOCIALE
SILVABELLA ONLUS58, con sede legale a Mortara (PV) Piazza Martiri della Libertà n.8.
Non solo, ma l’intercettazione è quanto mai significativa del fatto che le gare che vedono in campo
l’accoppiata D'ALFONSO-SALERNO sono molte, tant’è che lo stesso D’ALFONSO si confonde,
parla di quella per l’area cani, ricevendo dall’interlocutore una risposta stupefatta ("l'aree cani...questo
è aree cani" [..] "che volevi sapere i numeri lì i nomi di chi cazzo era venuto..invitato...su che cos'è che
era...";); con estrema nonchalance passa, poi, a parlare dell’appalto per i cc.dd. "trasporti" (Procedura
Aperta 13-2018 Servizio di caricamento e trasporto rifiuti urbani e speciali) ("aspetta aspetta fammi
ragionare...devo...devo fermarmi....era...chi ha invitato lì chi ha invitato per i trasporti no?....non mi
ricordo più....era per i trasporti?" [...] "COSA TI HA DETTO DEI TRASPORTI NIENTE?" ).
L'altra gara in preparazione, come sopra chiaramente esposto e per la quale l'intervento di DE CILLIS
è ampiamente dimostrato, è quella c.d. "dei pozzetti" ovvero della pulizia delle caditorie stradali che
uscirà tra fine 2018 o inizio anno nuovo e che stanno "cucendo su misura” sui requisiti posseduti dalla
ECOL-SERVICE SRL.
Attraverso l’accesso al sito di AMSA, è stato possibile identificare, con sicurezza una delle tre gare
oggetto dell’interessante ambientale 3445 cit.
Ad ulteriore riscontro, si pone quanto accertato della Guardia di Finanza - Nucleo Speciale
Anticorruzione – Gruppo vigilanza contratti pubblici 2 - sezione di Roma indicata come scheda nr 10,
relativo alla gara 13/2018 - CIG. 75127304EB "Servizio di caricamento e trasporto rifiuti urbani e
speciali" dell'importo di euro 7.044.170 (si veda la scheda 10 allegata all’informativa):
amb. 3475 - a bordo di BMW X5 in uso a D'ALFONSO Daniele - RIT 75/18:
Daniele in auto
Milano, Milano Via Olgettina[Pr.3475 - A - 2 ore 17:06:20]: sale in auto Sergio Salerno il quale
mentre sale in auto dice:"indagine di mercato, non era la gara era un'indagine di mercato, comunque li
chiama, gli ho detto invita tutti, gli ho già dato i nomi, ha fatto...
[….]
Sergio: mi ha detto la gara spurghi tutto bene, mi ha detto guarda che quella lì è una roba
grossa, gli ho detto ok facciamo quello che c'è da fare punto.. che mezzo è questo qua?
[...
Daniele:
ma lui quando lo vediamo? Non lo vediamo?
Sergio: MAURONE? (Mauro DE CILLIS ndr)
Daniele:
eh
Sergio: quando vogliamo, quando vuoi te, glielo dico
Daniele: ma lui parte figa, non lo vediamo più, domani è mercoledì io sono in Sarda (Sardegna), basta
Sergio: lui va via...non va via settimana prossima però...
[….]
Daniele: area cani cosa facciamo? Quindi abbiamo fatto...
Sergio: area cani non c'è la gara, non hanno ancora preparato un cazzo
57 Dalla visura camerale presidente del consiglio di amministrazione della società cooperativa risulta GIULIANI Tullio Pietro, nato a Milano
il 16.12.1963, residente a Peschiera Borromeo (MI) via Quasimodo 2/4 con il quale D’ALFONSO Daniele nel corso dell’indagine ha
effettuato 161 conversazioni telefoniche, GIULIANI Tullio Pietro è titolare inoltre di un centro elaborazione dati con sede a Milano viale
Monza n. 55.
58 Presidente del consiglio di amministrazione risulta essere BONANNO Carlo, nato a Mortara (PV) il 10.03.1972 e residente a Voghera (PV)
viale Montebello n. 14, con D’ALFONSO Daniele è censito un solo contatto in data 30.03.2018.
230
Daniele:però c'è stato l'interesse a partecipare?
Sergio: non è una manifesta... indagine di mercato, punto, non c'entra una minchia, capito?
…OMISSIS…
Daniele:
venerdì a pranzo ci sei che ci salutiamo col Paolo? Come sei messo, venerdì sera parte
lui... vediamolo, vediamolo, vediamolo che gli devo chiedere anche di Buccinasco, mio papà mi ha
chiesto. Mi ha detto cosa devo fare devo andare o non devo andare
(Sergio telefona a Mauro De Cillis lin. 12536 progr. 24382 Sergio chiede a Mauro se è libero per
venerdì a pranzo, Mauro risponde che sarà già in vacanza).
Sergio:
torna venerdì 29
Daniele:
sarà incasinato quando torna
Sergio:
ma non verrà neanche a lavorare o farà un salto
Daniele:
lui torna qua a lavorare il 2
Sergio:
il 2, 3 o 4 è buono
Daniele:
MA POI LA GARA SCADE IL 12 (fanno erroneamente riferimento al 12 luglio 2018
come data di scadenza della gara AMSA inerente trasporto rifiuti urbani e speciali 13/2018 che è
invece prevista nel bando per il 6 luglio 2018 - ndr.), QUINDI STIAMO CALMI, IL 2 GLIELA
FACCIO LA BATTUTA, GLI DICO SCUSA UN ATTIMO, MA COM'È MI FAI BUTTARE
DENTRO NELL'ATI? GLIELO DICI TU, SE MI DICE SÌ VAI NELL'ATI CHE MI CHIAMA
LUI È UN'ALTRA ROBA, METTIAMO UNA MACCHINA A GIRARE E L'ANNO DOPO
TUTUTUM...
PERCHÉ
DOBBIAMO
ENTRARE,
DOBBIAMO
ENTRARE
PESANTEMENTE.
Particolarmente importante appare quest’ulteriore spezzone di conversazione:
Sergio:
senti una roba invece, te hai fatto 2 valutazioni su questa roba qua?
Daniele:
SÌ HO FATTO DUE VALUTAZIONI IN BASE AGLI ULTIMI NUM...
(COMMENTANO UNA RAGAZZA CHE PASSA - ndr.) SI HO FATTO DUE VALUTAZIONI SU
UNA BASE... NON SO SARANNO 20/25 E QUINDI SONO...ASPETTA CHE TI DICO...HO
FATTO ALLORA LA BASSA, LA SITUAZIONE PIÙ BASSA HO FATTO COSÌ ALL'ANNO
(MOSTRA QUALCOSA) PER 3 ANNI, PERÒ LA DEVO RIVEDERE POTREBBE
AUMENTARE
Sergio : ma no sono ..inc..
Daniele:
la base è questa il minimo è questo..
Sergio:
va bene dai..
Daniele:
PERCHÉ FAI CONTO CHE FACCIO COSÌ DI FATTURATO, HO FATTO IL
10% È COSÌ PER 36 MESI NO SCUSA 2X36 MESI, QUESTA È LA BASE CHE HO FATTO,
POI DOPO PUÒ SOLO AUMENTARE...
Sergio:
ascolta va bene così ..
Daniele:
nel senso che non può andare più sotto di così,
Sergio:
ci mancherebbe..
Daniele:
questa è la cifra più o meno, devo fare un po' delle valutazioni,
Sergio:
va già bene così, ci mancherebbe,
Daniele:
PUÒ ARRIVARE FAI CONTO CHE DA QUA PUÒ ARRIVARE A 90 POI..
Sergio:
ma si ..
Daniele:
MA MENO DI SETTANT...MENO DI QUESTO NO!
Sergio:
uno due tre che ..
Daniele:
certo la somma di tutto!!
Sergio:
poi vediamo di fare anche...
Daniele:
sai cosa c'è, che io vorrei fare una cosa unica perché c'è dentro anche le piazze quindi
volevo arrotondare..
Sergio:
no ma Dany!! non esagerare..
Daniele:
no perché è giusto fare un discorso di tutto, perché cioè le piazze non le abbiamo
conteggiate 3 anni, cioé...capito?
Sergio:
ASCOLTA, QUELLE TIENITELE NON TI HA CHIESTO...INC…QUALCUNO HA
ALZATO IL DITINO...DETTO A, B, C
Daniele:
ma no però non è giusto...inc...
231
Sergio:
no no no no...
Daniele:
quindi il minimo e il massimo è quello lì. Va bene? ok?
Sergio:
TRANQUILLO!
Daniele:
Va bene o non va bene?
Sergio:
ci vediamo...
Daniele:
non va bene?
Sergio:
ma va da via il culo...
Daniele:
ma se non andava bene me lo dicevi?
Sergio:
ma tu sei un pazzo, non mi devi dire ste robe qua
Daniele:
se non non andava bene me lo dicevi?
Sergio:
ascolta DANI...
Daniele:
me lo dicevi come rapporto? cioè mi dicevi Dani non va bene?
Sergio:
VA BE-NI-SSI-MO!
Daniele:
se non andava bene ..se non fosse andato bene mi avresti detto:
Sergio:
Io cosa ti ho detto? fai tu! punto.
Daniele:
..sempre mi hai detto a me..
Sergio:
Ma sei tu oh..sei tu che c'hai la gestione tua, ma stiamo scherzando? Per dirti a
te..inc..ma ..
Daniele:
no no
Sergio:
per chi mi hai preso? Guarda che qua siamo sereni, non è che siamo alla
disperazione...
Daniele:
no quello lo so..
Sergio: ALLORA SI DEVE FARE LE COSE FATTE BENE, GIUSTE, SENZA NESSUN TIPO
PROPRIO DI IMPOSIZIONI..inc..non siam mica quella gente lì...
omissis
Come si puo’ agevolmente riassumere, vari sono i temi che vengono affrontati da D’ALFONSO e
SALERNO:
per l’affidamento del servizio di distribuzione dei sacchetti per la raccolta delle deiezioni degli animali
nelle aree verdi cittadine destinate ai cani, verrà utilizzata la procedura di cui all’art. 36 Codice
Appalti con gli inviti diretti alle ditte individuate dall’appaltante all’esito di un’indagine di mercato.
Sul punto D’ALFONSO ribadisce di aver fornito due dei nominativi da invitare “fittiziamente” e
significativo che i due interlocutori parlino di una terza persona, da cui il SALERNO ha ricevuto
assicurazioni sul buon esito della gara, ovviamente sempre per ECOL SERVICE s.r.l.
Per la gara avente ad oggetto il trasporto dei rifiuti urbani SALERNO consiglia ad un D’ALFONSO
molto perplesso (..se non c’è spazio non c’è spazio) di partecipare (.. si puo’ fare, partecipa! per come
l’hai impostata te, vediamo cosa succede..), e comunue lo rassicura informandolo che sempre la terza
persona, il cui nominativo resta sottointeso dai due interlocutori, avrebbe garantito l’aggiudicazione
della gara spurghi (mi ha detto la gara spurghi tutto bene, mi ha detto guarda che quella li’ è una roba
grossa, gli ho detto ok facciamo quello che c’e da fare punto)
È ragionevole e fondato affermare che il lui di cui si parla nella conversazione sia DE CILLIS:
quando, infatti, nel corso della conversazione, D’ALFONSO, senza mai cambiare argomento, dice
“ma lui quando lo vediamo?”, SALERNO risponde “MAURONE..quando vogliamo, quando vuoi
te, glielo dico?”. SALERNO, poi, passa subito dalle parole ai fatti chiamando immediatamente DE
CILLIS (TEL. 24382) chiedendogli la sua disponibilità’ per un pranzo il successivo venerdì.
Si badi come tale passo della conversazione dimostri il ruolo di SALERNO come colui che tiene
direttamente i rapporti con DE CILLIS sempre ben attento a non farsi coinvolgere in conversazioni
telefoniche “imbarazzanti” con l’imprenditore.
La conversazione appena esaminata assume poi centrale importanza in quanto in essa D’Alfonso
perviene alla determinazione quantitativa, sia pure entro un determinato range, della tangente da
corrispondere al gruppo AMSA: facendo “due valutazioni” su quanto ipotizza di ricavare dalla gara
dei pericolosi che si è appena giudicato e dalle gare in cui sarà favorito nel prossimo futuro compie dei
calcoli aritmeci e perviene a stabilire una dazione oscillante fra i 70.000 ed i 90.000 euro, oscillazione
che dipenderà dall’effettiva resa economica dell’attività svolta.
232
Salerno, nel corso del dialogo, come si avrà modo di rimarcare anche in seguito, tende a sottolineare
come la determinazione del quantum sia rimessa esclusivamente alle valutazioni di D’Alfonso al quale
“non è stato chiesto niente” in quanto i pubblici ufficiali e gli incaricati di pubblico servizio coinvolti (
e primo fra tutti Salerno) non sono ridotti alla “disperazione”.
In altri termini, Salerno tiene a precisare che la dazione è ben accetta ( in quanto la gara dei pericolosi
è stata turbata per intervento dei dipendenti AMSA a favore di D’Alfonso) ma l’entità del corrispettivo
del sinallagma corruttivo a tale ultima prestazione illecita viene rimessa al corruttore.
Si vedrà, in seguito, come l’apparente distacco dalle questioni veniali da parte di Salerno sia soltanto
un atteggiamento volto ad ingenerare in D’Alfonso l’esistenza di un rapporto di fiducia e di stima, se
non proprio di amicizia, ma celi la più totale cupidigia del dipendente AMSA, costantemente alla
ricerca di canali per finanziarsi.
Sempre dalle conversazioni captate nel luglio 2018, emerge come il gruppo D’ALFONSO-DI
PIERRO-SALERNO siano impegnati su un’ulteriore versante: la gara, sempre bandita da AMSA, per
la raccolta dei rifiuti pericolosi sulla provincia di Pavia, analoga a quella che si sono aggiudicati, con
le modalità sopradescritte, per Milano. (tel. N. 110137 del 4.7.2018 su ut. 3346758257 di DI PIERRO
Matteo RIT 1491/17)
I due poi affrontano brevemente il tema dei lavori per la cc.dd. "Area Cani" di cui sopra, e DI PIERRO
riferisce che AMSA spa farà comunque una gara (ad evidenza pubblica); Matteo dice che per l'area
cani vogliono un rilancio e poi faranno poi comunque la gara, Daniele dice di fare un ribasso a 1,350
rispetto a uno e mezzo che avevano fatto e di inviarla. Matteo dice che gli deve parlare di persona
Nella serata sempre del giorno 4 luglio, veniva intercettata un’ulteriore conversazione intercorsa fra
SALERNO Sergio e RIVA Gian Paolo59, di cui si è già trattato perchè il figlio Matteo è stato assunto
da ECOL SERVICE srl.
RIVA chiede notizie di "Daniele" (D'ALFONSO Daniele, ndr.) che si trova in Sardegna e
SALERNO lo informa che sta organizzando un pranzo per la settimana seguente preannunciandogli
che "CI DOVREMMO VEDERE PER LE COSE NOSTRE...QUEL CHE AVEVAMO IN
BALLO INSOMMA CHE TI HO DETTO...CAPITO?...".
progr. 30223 del 4.7.2018, ore 18:58 in uscita da ut. 3382497928 in uso a SALERNO Sergio diretta a
ut. 3355761594 in uso a RIVA Gian Paolo - RIT 591/18:
SALERNO
Sergio chiama RIVA Paolo. Argomenti lavorativi e sindacali.
(ore 19.03.15 - inizio trascrizione integrale)
RIVA:
Daniele sta bene? Daniele...
SALERNO:
Daniele sta bene è in Sardegna
RIVA:
ah beato lui
SALERNO:
SETTIMANA PROSSIMA CI DOVREMMO VEDERE, STA COMBINANDO UN
PRANZO E POI VABBÈ CI DOVREMMO VEDERE PER LE COSE NOSTRE...QUEL CHE
AVEVAMO IN BALLO INSOMMA, CHE TI HO DETTO...CAPITO?...
RIVA:
E DIGLI CHE SONO STUFO IO DI VEDERLO...
SALERNO:
(ride)
RIVA:
devi dirgli è stanco di vederti, figa!
SALERNO:
va bene, va bene, va bene
RIVA: no però, però sta facendo, sai che lui ha lì il Sindaco di Corsico no...voleva far una roba con
lui, con MAURO e con te...ieri, ieri sera lì ho visti comunque a lui e PIETRO...mi ha detto ma Paolo
l'occhio come va? gli ho detto adesso è in ferie...è andato bene l'occhio per ora, insomma sempre sotto
controllo...no mi fa quando rientra però ci dobbiamo vedere per forza...poi loro vanno via...cioè
andiam via tutti ad agosto in pratica...E QUINDI MI HANNO DETTO CHE TI VOLEVANO
VEDERE, MI HAN CHIESTO DI TE...MI HA CHIESTO PIETRO DI TE...gli ho detto ma te che
cazzo c'hai in testa di...iniziare a pensare che cazzo vuoi far dopo...dopo non nel senso...durante...e
minchia l'ho visto, l'ho visto pensieroso comunque...ovviamente, vedremo
RIVA:
ho capito ebbè
SALERNO:
comunque vedremo dai, POI QUANDO RIENTRI LI VEDIAMO, VA BENE?
59 nato a Giussano il 23.8.1955, già sindaco di Giussano (2009 - 2014)
233
RIVA:
va bene dai
La sera del giorno dopo, 5 luglio, D'ALFONSO si attiva con SALERNO per accertare la fondatezza di
quanto appreso da DI PIERRO a proposito della gara a Pavia. Nella telefonata60 delle ore 20:32,
D'ALFONSO chiede, in maniera allusiva, guardandosi bene dal non essere compreso da terzi, se la
gara d'appalto per la raccolta dei rifiuti pericolosi sarà fatta anche su Pavia; SALERNO non esclude
che possa essere così.
L'argomento non viene ulteriormente approfondito ma il messaggio di D'ALFONSO, considerato
quanto fino ad ora intercettato, costituisce una richiesta di acquisizione di informazioni interne alla
società di servizi "Daniele chiede: ma il lavoro che sta facendo Matteo (raccolta rifiuti pericolosi ndr)
è vero che viene rifatto anche a Pavia? Sergio: "può essere..." Daniele dice che lui (inteso Matteo) gli
ha dato questa notizia si salutano".
Il giorno 6 luglio nel corso della telefonata61 intercorsa tra D'ALFONSO e DI PIERRO, il primo mette
al corrente il secondo del contenuto della telefonata della sera prima con SALERNO, ovvero che
quest'ultimo era all'oscuro della gara su Pavia e, si osservi, emerge anche che tale ZOCCA Gianmarco,
un funzionario di AMSA spa62, ha contattato DI PIERRO, su direttiva di DE CILLIS, per chiedergli la
disponibilità a pulire i pluviali all'interno delle scuole di Milano (presumibile affidamento di lavori
sottosoglia); D'ALFONSO chiaramente lo autorizza a dare la disponibilità.
Tornando ai rapporti con RIVA, costui, il 12.7.2018, chiede telefonicamente a SALERNO di
informarsi su quali basi è stato redarguito il figlio Matteo (dipendente di ECOL-SERVICE SRL),
chiedendogli maggiore presenza sul posto di lavoro; chiede a SALERNO di investire del problema lo
stesso D’ALFONSO dicendogli che, se gradisce una maggior presenza del figlio in azienda, deve
corrispondergli un adeguamento salariale; SALERNO si impegna a parlarne direttamente con DI
PIERRO Matteo, braccio operativo dell’imprenditore.
Progr. 32932 del 12.7.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO Sergio (RIT 591/18):
RIVA: poi cosa ti dovevo dire...ah Matteo mi ha detto stamattina che ieri o l'altro ieri Daniele si è un
pò, l'ha trattato un pò così e così perchè è un mese e mezzo che non fa il sabato mattina
SALERNO:
eh
RIVA:
mi sembra un pò scemo
SALERNO:
si mi sembra una stupidata questa qua, si ci penso io, ci parlo io
RIVA:
avrà avuto i coglioni girati
SALERNO:
a facile! Ci penso io
RIVA:
vabbè ho capito però quelli li...
SALERNO:
chiamo il Matteo allora dai
RIVA:
no lascia stare...lo sappiamo io e te punto chiuso che cazzo ce ne frega
SALERNO:
però volevo capire delle robe, hai capito?
RIVA: io volevo capire perchè intanto ha detto ha detto ha detto non ha mai fatto un cazzo lo lascia li
che alla fine lo sai meglio tu di me...
SALERNO:
si me lo ha spiegato
RIVA:
alla fine gli resta in tasca 1000 euro
SALERNO:
me lo ha detto
RIVA:
voglio dire, figa se vuoi qualcosa metti li anche qualcosa no coglione
60 progr. 83383 del 5.7.2018 ore 20.32 in uscita da ut. 3485989733 di D'ALFONSO verso ut. 3382497928 di SALERNO - rit 1894-17
"Daniele chiede: ma il lavoro che sta facendo Matteo (raccolta rifiuti pericolosi ndr) è vero che viene rifatto anche a Pavia? Sergio: "può
essere..." Daniele dice che lui (inteso Matteo) gli ha dato questa notizia si salutano".
61progr. 110838 del 6.7.2018, ore 10.52 in uscita da ut. 3346758257 in uso a DI PIERRO Matteo vero ut. 3485989733 in uso a D'ALFONSO
Daniele- RIT 1491/17.
Daniele con Matteo parlano dell'infortunio di Giorgio. Matteo poi informa Daniele che "per l'area cani" faranno una procedura aperta
Daniele dice che prima faranno la manifestazione.
Matteo: di quello di Pavia te l'ho detto" Daniele: Sergio è caduto dal pero vabbè la settimana prossima vedo.." Matteo poi dice che
GIANMARCO (ZOCCA Gianmarico di Selene AMSA) su input di Mauro (DE CILLIS) gli ha chiesto la disponibilità per pulire i pluviali all'interno
delle scuole di Milano, Daniele dice di dargli la disponibilità. (vds. ut. DI PIERRO per telefonata con ZOCCA Gianmarco ndr.)
62 da fonti aperte https://www.pleiade.it/amsa/pleiade/pleiade?pagina...amsa-983-0_1 è inquadrato in AMSA spa tra i "responsabili" dei
"GESTIONE CONTRATTI TERZI".
234
SALERNO:
certo ma è evidente come li stimoli la gente a lavorare, anche perchè Matteo mi dice
che fa anche call center, i formulari, l'impiegato comunque di gestione, mi ha detto un pò, mi ha
spiegato esattamente poi le mansioni che fa i lavori che fa che un pò tutti che fanno un pò tutto
insomma dai, va bene però gli parlo, io ci penso io dai...lunedì tu sei in Olgettina?
RIVA:
si
Ciò premesso, fondamentali sono le intercettazioni captate dal 30.7.2018, quando DE CILLIS informa
telefonicamente SALERNO Sergio che ha appena autorizzato il suo direttivo ad adottare un non
meglio indicato provvedimento chiestogli dallo stesso SALERNO il venerdì precedente "DE CILLIS
dice che per la cosa che gli ha chiesto venerdì è tutto a posto precisando che i "miei" mi hanno
chiesto l'autorizzazione e lui (I) l'ha concessa" (Progr. 38701 del 30.7.2018 su utenza 3382497928
in uso a SALERNO Sergio )
Che l'atto autorizzativo riguardi D'ALFONSO non vi sono dubbi atteso che, nove minuti dopo,
SALERNO informa l'imprenditore dell’esito positivo di una sottaciuta questione: “È A POSTO
QUELLA ROBA LÌ EH..." e D'ALFONSO conferma di averlo appena saputo "SEI IL
NUMERO UNO!".
Immediatamente dopo SALERNO chiede un incontro in vista della sua imminente partenza per le
vacanze estive programmata per l'indomani "SALERNO GLI DICE DI FARSI SENTIRE QUANDO
ARRIVA COSÌ SI VEDRANNO, SPECIFICANDOGLI CHE DOMANI LUI (SALERNO) DEVE
PARTIRE. DANIELE CONFERMA" (progr. 94500 del 30.7.2018 su utenza 3485989733 in uso a
D’ALFONSO)
La precedente telefonata viene registrata alle ore 13:55 del 30.7.2018 e solo dopo 30 minuti circa,
viene intercettata la seguente ambientale fra SALERNO e RIVA Paolo.
(amb. 1152 del 30.7.2018, ore 14:31, a bordo Fiat 500 targata FD690JZ di SALERNO Sergio – RIT
726/18):
SALERNO:
io domani mattina dovrei partire e dovrei vedere il DANIELE...che lui come arriva
oggi gli ho detto...passi da me...gli ho detto che domani parto...
RIVA:
dov'è che vai?
SALERNO:
a Bisceglie...
RIVA:
a vai giù...
SALERNO:
si...e quindi...prima che...
RIVA:
domani mattina sono in Olgettina...
SALERNO:
perfetto...a che ora arrivi?
RIVA:
tra le nove e mezza e le dieci...
SALERNO:
perfetto, potrebbe essere ottimo...lui come arriva oggi lo vedo, gli parlo e gli dico
guarda domani mattina ti...ci dobbiamo vedere dieci meno un quarto toh...io figa devo partire
cazzo...va beh...
Il ragionevole sospetto che l’incontro fra SALERNO e D’ALFONSO avesse quale sua ragione
giustificatrice la consegna di una somma di denaro al primo risulta suffragato dai seguenti elementi
indiziari.
In primo luogo, deve osservarsi come, proprio in vista dell'incontro con SALERNO Sergio,
D'ALFONSO, avendo necessità di recuperare del contante, prende immediatamente contatti con
MARAZZINA Paolo, che, come sopra visto ,è il suo "distributore" di denaro contante.
In particolare, D’Alfonso alle ore 14:40 chiama MARAZZINA e lo informa che nella giornata
successiva si vedrà il bonifico accreditato e, alle ore 16:00, passerà qualcuno da lui (per il ritiro del
contante) "Daniele dice a Paolo che domani vedrà il bonifico accreditato; Daniele farà passare
qualcuno da Paolo alle 16". Alle 16:00 MARAZZINA ricorda a D'ALFONSO di avvisare che (terza
persona, ndr.) sta per andare all'incontro; quest'ultimo dice che informerà la persona incaricata (progr.
94552 e 94612 del 30.7.2018 su utenza 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele).
In secondo luogo, alle ore 17:33 SALERNO e D'ALFONSO tornano a sentirsi telefonicamente e
concordano di vedersi sotto l'abitazione della compagna di quest'ultimo; ore 17:48 SALERNO informa
telefonicamente63 D'ALFONSO di essere sotto casa (della compagna di quest'ultimo); ore 17:50 circa,
235
il veicolo in uso a SALERNO (RIT 726/18) si ferma in via Sansovino sotto l’abitazione della
compagna di D'ALFONSO (PANTANO Francesca); ore 18:00, D'ALFONSO chiama MARAZZINA
Paolo che non risponde al telefono e, nel frattempo, dice a SALERNO Sergio che è in sua compagnia
(se ne riconosce chiaramente la voce) "NON HO UN CAZZO A CASA PERCHÈ MI È
AVANZATO STAMATTINA .."; ore 18:24 D'ALFONSO chiama nuovamente MARAZZINA, ma
anche questa volta senza esito e, nel mentre squilla il telefono, D'ALFONSO si rivolge ancora a
SALERNO Sergio (è riconoscibile ancora la voce) proponendogli di inviargli un amico che
trascorrerà le vacanze anche lui in Puglia (come SALERNO) per portarglieli giù, rimarcando come
questa soluzione sarebbe preferibile considerato che l'onere di effettuare il viaggio con il contante a
seguito lo avrebbe lui e non SALERNO “VA MOLTO, PERÒ, SENNÒ IO HO UN RAGAZZO
CHE VIENE GIÙ... CHE VIENE GIÙ A MONOPOLI IN VACANZA, PERÒ NON SO
QUANDO CAZZO PARTE...PERCHÈ POI TU A INCROCIARLO DA MONOPOLI
QUANTO C'HAI? TRA L'ALTRO SAREBBE PERFETTO PERCHÈ LUI, TE LI PORTA GIÙ
LUI!” (progr. 38774-38797 del 30.7.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO Sergio e progr.
94684 e 94692 del 30.7.2018 su utenza 3485989733 in uso D’ALFONSO Daniele).
Si apprenderà dalle successive telefonate che i due si sono accordati per rivedersi l'indomani mattina;
in ogni caso, SALERNO informa immediatamente RIVA Gian Paolo che l’incontro non c’è stato
e che, essendo cambiati i programmi, dovranno vedersi l'indomani nella tarda mattinata (Prog.
38807 del 30.7.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO Sergio ).
In terzo luogo, il giorno dopo, 31 luglio, SALERNO torna a chiamare D’ALFONSO che lo informa
che egli ha appuntamento alle 13.00, "io devo andare all'una..." al che SALERNO rinuncia e rinvia ad
un incontro dopo le ferie (Prog. 38952 del 31.7.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO
Sergio ). A quel punto, sempre SALERNO, avverte RIVA dicendogli “non ce la facciamo a vederci
eh” riferito al fatto che è saltato l’incontro con D’ALFONSO e conseguentemente anche il loro (progr.
38952 e 38965 del 31.7.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO Sergio).
Dall’esame del traffico telefonico della mattina che ha interessato l’utenza di D’ALFONSO si
apprende che la persona che doveva vedere prima di SALERNO era ancora una volta MARAZZINA
Paolo al quale D'ALFONSO sollecita l'incontro finalizzato al recupero della somma di denaro da
consegnare a SALERNO.
Si veda la trascrizione integrale della tel. 94845 del 31.7.2018 ore 10:45 in uscita ut. 3485989733 di
D'ALFONSO verso 3398433850 di MARAZZINA Paolo - RIT 1894/17
La vicenda, che si assume essere di natura corruttiva, avrà il suo epilogo al rientro dalle vacanze
estive, a settembre 2018.
Il 7.9.2018 veniva predisposto un servizio di o.c.p. al fine di documentare l'incontro presso il
ristorante “Grigliamania” di piazza Sire Raul a Milano (luogo già utilizzato il 20.04.2018 da DE
CILLIS, SALERNO, D’ALFONSO e ZAFFRA Loris per un “pranzo d’affari”), tra SALERNO
Sergio, D'ALFONSO Daniele ed DE CILLIS Mauro, chiamato da SALERNO nel corso della
telefonata64 del 30.8.2018 “il Maestro” (l'appellativo era già stato utilizzato da SALERNO il giorno
21.04.2018 quando, nel raccontare telefonicamente65 al coindagato RIVA Paolo, del pranzo avvenuto
il giorno prima sempre in piazza Sire Raul, specifica che vi era anche il “Maestro d’orchestra”
identificato dal servizio di O.C.P. del 20.04.2018 in Mauro DE CILLIS).
Il pranzo era stato concordato nei giorni precedenti: il 31 agosto 2018, infatti, viene intercettata, sulla
FIAT 500 di D’ALFONSO l’ambientale n. 1203 in cui SALERNO Sergio dice a D’ALFONSO di
segnarsi per il 7 alle ore 13, a pranzo, che andranno in Sire Raul e di non parlare troppo al telefono.
Il giorno 5.9.2018, poi, verrà intercettata la tel. n. 47126 sull’utenza 3382497928 in uso a SALERNO
al quale D’ALFONSO chiede se venerdì è confermato che andranno in palestra assieme e SALERNO
risponde affermativamente.
Orbene, venendo ai fatti del giorno 7 settembre 2018, sono integralmente ricostruibili con le
intercettazioni ed i servizi di ocp.
64 (tel. 104374 del 30.8.2018, ore 17:27, in uscita da 3485989733 di D'ALFONSO Daniele, diretta a 3382497928 di SALERNO Sergio - RIT
1894/17) "D'ALFONSO DANIELE riferisce a SALERNO SERGIO che sta andando lì. SALERNO replica: "IL 07 (SETTE) COME SEI MESSO?
D'ALFONSO DANIELE: LIBERI!. SALERNO SERGIO: PERFETTO! VEDIAMO IL MAESTRO! D'ALFONSO DANIELE: VA BENE!" .
65 Tel n. 629 del 21.04.2018 sull’utenza di SALERNO - RIT. 591-18
236
Alle ore 12,13 viene intercettata, sull’utenza 3382497928 in uso a SALERNO Sergio, la tel. n. 46516
in cui DE CILLIS dice che venerdì dovrebbe avere un altro incontro e chiede se il loro è confermato e
SALERNO risponde "è confermato...perchè tu mi hai detto che...che eri più tranquillo..." e DE
CILLIS ribatte che allora sposterà l'altro appuntamento; SALERNO dice "all'una lì...in quel
po...poi ti vengo a trovare e te lo dico di persona" (appuntamento in piazza Sire Raoul di Milano
con D'ALFONSO, n.d.r.).
SALERNO Sergio e DE CILLIS Mauro
SALERNO:
come stai?
DE CILLIS: ciao Sergio, tutto bene?
SALERNO:
si te?
DE CILLIS: abbastanza bene...senti ti chiamavo per questa ragione a me mi han chiesto venerdì di
vedermi uno...per lavoro
SALERNO:
si
DE CILLIS: a pranzo però tu mi avevi detto che...che c'era una app...è confermato? Pronto, pronto
SALERNO:
è confermato perchè tu mi avevi detto che eri più tranquillo...
DE CILLIS: va bene allora niente sposto questo qui, va bene
SALERNO:
all'una lì...in quel po...poi ti vengo a trovare e te lo dico di persona (appuntamento in
piazza Sire Raoul di Milano con D'ALFONSO, n.d.r.).
DE CILLIS: va bene
Con riferimento alle ultime conversazioni deve sottolinearsi l’uso di terminologia in codice (“andare
in palestra”) sintomatica della volontà di mascherare la reale causa motivazionale dell’incontro e la
cautela usata da SALERNO nell’omettere di indicare, telefonicamente, il luogo dell’appuntamento,
preferendo comunicarlo a DE CILLIS di persona.
Il pranzo del 7.9.2018 è preceduto dalle telefonate:
delle ore 12:5566, tra SALERNO e D'ALFONSO, in cui quest'ultimo informa di essere a 3 km (dal
ristorante);
delle ore 12:5667, tra DE CILLIS e SALERNO, nel corso della quale quest'ultimo informa che la terza
persona è in arrivo (i due sono chiaramente d'accordo nel non nominare D'ALFONSO al telefono).
Svolgimento del servizio di o.c.p.:
12.30 Inizio servizio. Il dispositivo si colloca nei pressi del ristorante "GRIGLIAMANIA" sito in
Milano, p.za Sire Raul nr. 4.
12.55 DE CILLIS Mauro, a bordo dell’autovettura Mercedes GLC, di colore scuro, targata
66
Nr. monitorato
Intestatario
Usuario
RIT
+393382497928
DIPEND.ENTI LOCALI PROV.DI M FEDERAZ.ITAL.AUTONOMA
SALERNO SERGIO
591-18
Nr. interlocutore
Intestatario interlocutore
Usuario interlocutore
+393485989733
ECOL SERVICE SRL
D'ALFONSO DANIELE
Progressivo
Data Ora
Tipo
Chiamante
Chiamato
48040
07/09/2018 12:55
AUDIO
+393382497928
+393485989733
Sintesi
SALERNO con D'ALFONSO al quale chiede se si vedranno. Daniele dice di essere a 3 km. Sergio dice anche lui e che si vedranno li.
67
Nr. Monitorato
+393382497928
Intestatario
Usuario
DIPEND.ENTI
LOCALI
PROV.DI
M SALERNO SERGIO
FEDERAZ.ITAL.AUTONOMA
Intestatario interlocutore
Usuario interlocutore
SELENE spa AMSA
DE CILLIS MAURO
Data Ora
Tipo
Chiamante
Chiamato
07/09/2018 12:56
AUDIO
+393355991646
+393382497928
RIT
591-18
Nr. Interlocutore
+393355991646
Progressivo
48041
Sintesi
DE CILLIS Mauro chiama SALERNO Sergio il quale dice che sta parcheggiando. Mauro chiede se è il solito posto in quanto non hanno la
prenotazione. Sergio dice di non preoccuparsi che sta arrivando (inteso che si riferisce a D'ALFONSO Daniele, sentito nella telefonata
precedente che gli ha riferito di essere a 3 km ndr). Sergio dice di essere al semaforo e che arriva tra un minuto. DE CILLIS dice che allora
entreranno dentro facendosi i fatti loro
237
12.58
13.08
13.15
14.41
14.45
FG185EA, giunge e parcheggia davanti al ristorante. Dopo essere sceso dal veicolo accede
all’interno dell’esercizio pubblico.
SALERNO Sergio, a bordo dell’autovettura FIAT 500 Abart di colore grigio metallizzato,
targata FD690JZ, giunge a parcheggia davanti al ristorante. Dopo essere sceso dal veicolo
accede all’interno dell’esercizio pubblico.
D’ALFONSO Daniele, a bordo dell’autovettura FIAT 500 Abart Rivale di colore blu
metallizzato, targata FR747VZ, giunge e parcheggia davanti al ristorante. Dopo essere sceso
dal veicolo accede all’interno dell’esercizio pubblico.
D’ALFONSO Daniele, SALERNO Sergio e DE CILLIS Mauro vengono notati conversare
seduti ad un tavolo.
D’ALFONSO Daniele, SALERNO Sergio e DE CILLIS Mauro si alzano e si salutano, escono
dal locale pubblico, salgono sulle rispettive autovetture con le quali erano giunti e si
allontanano.
Fine servizio.
Immediatamente dopo essere partiti con le rispettive autovetture, D’ALFONSO e SALERNO si
fermano e si incontrano in via Pompeo Cambiasi (distante poche centinaia di metri dal ristorante dal
quale erano partiti); in tale circostanza:
D’ALFONSO consegna del denaro contante che, come si accerterà in seguito, sarà nell’ordine di
15.000,00 euro a SALERNO "si sente maneggiare della carta da parte di Daniele"; segue
l'esclamazione di D'ALFONSO: "DOPO CONTALI…";
SALERNO chiede di fornirgli il nominativo di altre due ditte che dovranno partecipare ad una gara
bandita per un numero di lotti imprecisato; in relazione a ciò D’ALFONSO chiede a SALERNO di
informarsi sul numero esatto di lotti e di fargli avere una fotocopia della pagina indicante il punteggio
ed i criteri di aggiudicazione della gara;
D'ALFONSO gli fornisce il primo nominativo della ditta che parteciperà alla gara in trattazione (non
meglio precisata), ovvero la SILVABELLA di Mortara (ditta già precedentemente utilizzata nella gara
cd. " Aree Cani");
SALERNO, al fine di eludere eventuali investigazioni in atto, si raccomanda con D’ALFONSO di non
scrivere niente “ehi non mi mandare un cazzo, non mi scrivere niente” (non lasciare nessuna traccia
tramite messaggi telefonici o e-mail);
Si apprende che relativamente alla predetta gara, di cui non vi è ancora certezza del numero di lotti,
D'ALFONSO ne ha parlato con DE CILLIS durante il pranzo "PERÒ MI DEVI DIRE SE SON TRE
O DUE, PERCHÈ POI ALLA FINE NON HO CAPITO CHE CAZZO HA FATTO, CHE LUI
PENSA CHE SO TUTTO, MA NON SO UN CAZZO".
(amb. 1373 del 7.9.2018, ore 14:43, a bordo Fiat Rivale di D'ALFONSO Daniele - RIT 1251/18)
[Pr.1373 - A - 3 ore 14:43:15]: sale a bordo Daniele che scherza con Sergio in merito all'auto, dice a
Sergio di cambiarla e che chiamerà lui Mocarelli per ordinarla, poi riparte
Milano , Milano Via Pompeo Cambiasi, 1 > 11 - 2[Pr.1373 - A - 3 ore 14:44:45]:si ferma con
SALERNO Sergio
[Pr.1373 - A - 3 ore 14:44:57]: si riporta in integrale
SI SENTE MANEGGIARE DELLA CARTA DA PARTE DI DANIELE (rumore vicino ai
microfoni)
Daniele:
DOPO CONTALI…
Sergio: sì
Daniele:
sì, se n’è andato? (parla con Francesca in conversazione telefonica, progr.108032)
Sergio: come rimaniamo poi?
Daniele:
cosa?
Sergio: mi devi dare i nomi poi bene (inc)
Daniele:
aspetta un attimo Fra che ti chiamo (in conversazione telefonica)
Sergio: fai quello che devi fare dai
Daniele:
no no no
Sergio: MI SERVONO I NOMI DELLE DUE.. DA INVITARE
Daniele:
AH PERCHÈ È A INVITO?
238
Sergio: NO NON LO SO, AH È VERO PARTECIPI TU, È VERO SCUSAMI, È VERO, È VERO
Daniele:
IO E ALTRI DUE
Sergio: perfetto
Daniele:
QUANTI LOTTI HA FATTO? FATTI DIRE
Sergio: non lo so, mi faccio (inc)
Daniele:
FATTI DIRE, COSÌ TI DICO I NOMI
Sergio: va bene, bò basta
Daniele:
allora, una ce l'avevi, che è SILVABELLA
Sergio: sì..Penelope..
Daniele:
Silvabella
Sergio: Penelope
Daniele:
Penelope qual è?
Sergio: la Cooperativa
Daniele:
no che Penelope, non dir cazzate (intendono riferirsi a Paloma scarl, ndr)
Sergio: come cazzo si chiamava?
Daniele:
una Silvabella
Sergio: vabbè, mi faccio dire i lotti e ci vediamo
Daniele:
e l'altra..
Sergio: EHI NON MI MANDARE UN CAZZO, NON MI SCRIVERE NIENTE
Daniele:
aspetta, sto chiamando per chiedere il nome
Sergio: non mi dire niente, tanto..
Daniele:
Silvabella te la puoi già segnare
Sergio: ok, va bene dai
Daniele:
che è Mortara, di Pavia
Sergio: sì va bene
Daniele:
io e un altro
Sergio: va bene
Daniele:PERÒ MI DEVI DIRE SE SON TRE O DUE, PERCHÈ POI ALLA FINE NON HO
CAPITO CHE CAZZO HA FATTO, CHE LUI PENSA CHE SO TUTTO, MA NON SO UN
CAZZO
Sergio: no va bene, glielo..
Daniele:
non so quanti ne avrà fatti, mi sa che ne ha fatti quattro eh
Sergio: glielo chiedo
Daniele:
eh
Sergio: io gli chiedo quanti lotti, hai bisogno di sapere e basta, giusto?
Daniele:
eh sì basta, eh no, e i punti
Sergio: e i punti
Daniele: come ha fatto, no va bene dai sennò, sì forse è meglio i punti, oh ma una cazzo di pagina coi
cosi, così almeno sapevamo il progetto prima cazzo
Sergio: come la vuoi fare dimmi?
Daniele:
la copia della pagina che dice i punti, che dice i criteri
Sergio: ok, vuoi la copia della pagina, va bene!
Daniele:
così so prima capito, ho un pò più di tempo, perchè devo farne tre
Sergio: va bene.. ciao
Daniele:
ciao grazie
I due si vedranno martedì, poi Daniele lo invita stasera per un compleanno ma Sergio declina [Pr.1373
- A - 3 ore 14:47:20]: Daniele riparte
La dazione della tangente al SALERNO è chiarissima così come è chiaro che la stessa è legata
all’attività continuamente svolta dal pubblico dipendente per “assistere” D’ALFONSO nei suoi
eterogenei rapporti con AMSA s.p.a..
Molte sono le cose per le quali SALERNO viene pagato: passaggio di informazioni, il suo essere il
trait d’union con DE CILLIS che, come di vedrà meglio in seguito, è l’unico ad avere il potere
necessario per emettere o per far emettere gli atti ed i provvedimenti amministrativi necessari per
239
portare a termine le turbative: D’ALFONSO remunera SALERNO in quanto è il “proprio uomo”
all’interno di AMSA, ma sa bene che le decisioni finali spettano a De Cillis.
In tal senso va evidenziato il contenuto della conversazione svoltasi nel ristorante quel giorno, oggetto,
a sua volta, di intercettazione ambientale (amb. n. 113819 e 114819) che, sebbene non di ottima
captazione tecnica, consente di affermare come il pranzo avesse ad oggetto, ancora una volta,
questioni attinenti agli appalti.
D’ALFONSO dira’, chiaramente rivolto a DE CILLIS,
“…manda fuori una gara
ponte…inc…trattativa privata…inc…di sconto e ancora non ci hanno fatto sapere niente e non
capiamo il perché…lavoratori…inc…nominativo…inc…l’anno prossimo" [..] "Gianmarco è stato
bravo…inc…puoi dire le stesse cose in altro modo…inc…Gianmarco è duro è rigido" (si tratta
indubbiamente di ZOCCA Gianmarco, "Responsabile Contratti Terzi di AMSA spa", emerso nel corso
delle indagini: il 20.4.2018 quando DI PIERRO informa D'ALFONSO che sono sorti problemi
inerenti alle loro autorizzazioni nella gara della raccolta dei rifiuti pericolosi e D'ALFONSO, nel
mentre è a pranzo con DE CILLIS, chiede al dirigente se ZOCCA Gianmarco fosse o meno a lavoro,
offrendosi poi DE CILLIS stesso di recarsi direttamente da ZOCCA68.
(amb. del 7.9.2018, delle ore 13:15, presso ristorante "GRIGLIAMANIA" di Milano p.za Sire
Raul 4, autorizzata con RIT 1343/18):
(NR. 113819)
(al minuto 00.55) D’ALFONSO Daniele “…manda fuori una gara ponte…inc…trattativa
privata…inc…di sconto e ancora non ci hanno fatto sapere niente e non capiamo il
perché…lavoratori…inc…nominativo…inc…l’anno prossimo…inc…”
(al minuto 06.07) D’ALFONSO: "Gianmarco è stato bravo…inc…puoi dire le stesse cose in altro
modo…inc…Gianmarco è duro è rigido"
(al minuto 08.17) D’ALFONSO Daniele: “una demolizione grossa puoi…inc…di giorno demoliamo e
di notte…inc…blocchiamo tutto il traffico…inc…non tutto il giorno con i camion…inc…le porto qua
in cava…inc…è brava, lavora in azienda, è brava…nooo mi dice io però devo vendere, voglio vendere
a uno che però… inc…va lì, gli dice…inc…caricare…”
(NR. 114819)
(al minuto 00.00) D’ALFONSO Daniele: “…non gliel’ho chiesto io di farlo…inc…ti giuro, ti giuro
che non gli ho chiesto…gli ho chiesto solo una co…di darmi una mano…inc…poi abbiamo
firmato…inc…”
(al minuto 03.24) D’ALFONSO Daniele: “…dagli una mano…dai…una mano…inc…”
(al minuto 04.58) D’ALFONSO Daniele “…però quello è fortuna, sai che io…”
Altro elemento che deve essere segnalato è relativo al fatto che DE CILLIS e SALERNO avevano
preventivato la sosta e l'incontro post pranzo, nel corso del quale è stata corrisposta da D'ALFONSO la
tangente, ed evitato a DE CILLIS di assistere alla commissione del delitto esponendosi inutilmente ai
conseguenti rischi di subire controlli.
Da un'attenta ricostruzione dei fatti69, si è accertato che, pur sapendo DE CILLIS e SALERNO che
sarebbero andati a pranzo assieme:
sono partiti entrambi negli stessi orari dalla sede AMSA spa di Milano via Olgettina a bordo di due
autovetture diverse;
dopo il pranzo sono rientrati entrambi direttamente nella medesima sede AMSA di via Olgettina sulle
proprie rispettive autovetture senza incontrare alcuno, ad eccezione ovviamente di D'ALFONSO per
quanto riguarda il SALERNO, o comunque fare altre soste.
68 Alle 13:52 DI PIERRO chiama D'ALFONSO che è a pranzo con DE CILLIS per informarlo che, il Dott. ZOCCA (Gianmarco Zocca,
Responsabile Contratti Terzi di AMSA spa), è telefonimamente irraggiungibile; D'ALFONSO si rivolge quindi a DE CILLIS Mauro, chiedendogli
se ZOCCA è prensente a lavoro; poi riprende a parlare con DI PIERRO e lo invita a riprovare a chiamarlo e evenutalmente andarci di persona
lunedì; poi gli preannuncia che lo richiamerà appena finito il pranzo. Al termine del pranzo D'ALFONSO informa DI PIERRO che DE CILLIS
ha compreso il problema e che proverà a recarsi lui stesso da ZOCCA.
69 ore 12:52 SALERNO Sergio sale a bordo della vettura monitorata (RIT 726/18) e parte dal parcheggio di AMSA di via Olgettina diretto al
ristorante "GRIGLIAMANIA"; ore 12:48 la cella del telefono di DE CILLIS Mauro (335.5991646 - RIT 726/18) aggancia la cella di "ATM Cascina Gobba" che copre la sede AMSA di via Olgettina di Milano; ore 14:40 circa termina il pranzo (cfr. verbale fine intercettazione
ambientale nelle vicinanze tavolo da pranzo); 14:43 SALERNO sale a bordo della propria vettura (progr. 2088 RIT 726/18); ore 14:51
l'utenza di DE CILLIS (335.5991646 - RIT 726/18) aggancia la cella di "ATM - Cascina Gobba" che copre la sede AMSA di via Olgettina di
Milano; ore 14:55, SALERNO rientra, a bordo dell'autovettura monitorata (RIT 726/18) nel parcheggio di AMSA di via Olgettina.
240
Fermo restando quanto fino ad ora accertato sul conto di DE CILLIS, non vi è una motivazione
plausibile, se non quella sopra evidenziata, per spiegare perché SALERNO e DE CILLIS abbiano
utilizzato due autovetture diverse per raggiungere la stessa destinazione (dove, tra l'altro, considerato il
luogo e l'orario, la possibilità di trovare parcheggio risulta ardua, tanto che SALERNO alle ore 14:10
circa si trova costretto a spostare la propria vettura - progr. 2088 - RIT 726/18), provenendo entrambi
dallo stesso luogo di lavoro e dovendo tornare dopo pranzo nel medesimo posto.
Proseguendo nel riepilogare i fatti accaduti il 7.9.2018, alle 15.13, quindi appena rientrato in ufficio
(ore 14:55 l'autovettura di SALERNO rientra nel parcheggio di AMSA di via Olgettina - RIT 726/18),
SALERNO chiama RIVA Paolo, che si trova nell’ufficio della sede AMSA di Via Primaticcio, al
quale richiede un incontro.
Sentita l'indisponibilità di RIVA a raggiungerlo, SALERNO gli chiede di non allontanarsi senza
preavviso perché ha esigenza di incontrarlo quanto prima, precisando che sarebbe meglio che venisse
lui (RIVA, ndr.) da SALERNO "eh dai che mi fai una cortesia, se ti muovi te è meglio" (esigenza
chiaramente connessa al possesso di 15.000 euro in contanti).
La battuta di SALERNO che segue "PORTO UNA LISTA DELLA SPESA CHE NON HAI
NEANCHE IDEA!", essendo immediatamente successiva alla richiesta di incontro con RIVA, è
logicamente riferita alle ulteriori richieste poco prima ricevute da D'ALFONSO che non possono
essere indirizzate ad una figura apicale come quella ricoperta da DE CILLIS Mauro ma vanno gestite
ad un livello direttivo inferiore "QUANTI LOTTI HA FATTO? FATTI DIRE" [..] " come ha fatto, no
va bene dai sennò, sì forse è meglio i punti, oh ma una cazzo di pagina coi cosi, così almeno sapevamo
il progetto prima cazzo" [..]"la copia della pagina che dice i punti, che dice i criteri" [..] "così so prima
capito, ho un pò più di tempo, perchè devo farne tre".
L'esigenza di SALERNO di incontrare RIVA, dopo aver ricevuto la "mazzetta" da D'ALFONSO
assume rilevanza anche perché logicamente collegata:
A) al colloquio intercettato in ambientale il 30.7.2018 70 tra RIVA Paolo e SALERNO Sergio, nel
corso del quale quest'ultimo lo avvisa che ha fissato un appuntamento con D'ALFONSO in
vista delle vacanze estive (SALERNO: "io domani mattina dovrei partire e dovrei vedere il
DANIELE...che lui come arriva oggi gli ho detto...passi da me...gli ho detto che domani parto"
[...] "si...e quindi...prima che..." [...] "perfetto, potrebbe essere ottimo...lui come arriva oggi lo
vedo, gli parlo e gli dico guarda domani mattina ti...ci dobbiamo vedere dieci meno un quarto
toh...io figa devo partire cazzo...va beh");
B) alla ricostruzione dei fatti avvenuti nel pomeriggio sempre del 30.7.2018 quando, a seguito del
mancato pagamento della tangente da parte di D'ALFONSO per sopravvenuta impossibilità a
reperire il contante, SALERNO provvede a darne immediata comunicazione71 a RIVA Gian
Paolo (ore 18:43), annunciandogli che, essendo cambiati i programmi, dovranno vedersi
l'indomani nella tarda mattinata.
La dazione di denaro era stata infatti differita al rientro delle vacanze estive come di fatto avvenuto il
7.9.2018.
Si riporta integralmente la conversazione telefonica tra RIVA e SALERNO: (progr. 48102 del
7.9.2018 ore 15:15 in uscita dall'ut. 3382497928 di SALERNO vero l'utenza 3662322535 di RIVA
Gian Paolo - RIT 591/18):
70 (amb. 1152 del 30.7.2018, ore 14:28 a bordo Fiat 500 in uso a SALERNO Sergio - RIT 726/18)
71
Nr. monitorato
Intestatario
Usuario
RIT
+393382497928
DIPEND.ENTI
LOCALI
PROV.DI
M SALERNO SERGIO
591-18
FEDERAZ.ITAL.AUTONOMA
Nr. interlocutore
Intestatario interlocutore
Usuario interlocutore
+393662322535
RIVA PAOLO
Progressivo
Data Ora
Tipo
Chiamante
Chiamato
38807
30/07/2018 18:43
AUDIO
+393662322535
+393382497928
Sintesi
SALERNO Sergio riferisce a RIVA Paolo che si vedranno in tarda mattinata. Riva dice a Sergio che deve dirglielo in quanto ha cambiato i programmi e
chiede se deve raggiungerlo. Sergio dice di si per forza e che si risentono domani mattina.
241
RIVA:
si!
SALERNO:
eh dove sei?
RIVA:
in ufficio...
SALERNO:
um...fino a che ora stai li?
RIVA:
non lo so...
SALERNO:
eh vabbè non ti muovi da la?
RIVA:
per adesso no, se mi muovo ti avviso
SALERNO:
eh dai che mi fai una cortesia, se ti muovi te è meglio
RIVA:
no ma non vengo di li eh...ascolta io ieri ho fatto 3 ore di macchina
SALERNO:
...il papa, o il papa il papa ! (appellativo ironico a significare che RIVA è restio a
muoversi dalla sua sede, n.d.r.)
RIVA: io stamattina ho fatto due ore e mezza di colonna, ieri tre ore per andare a casa...oh sono
esaurito guarda
SALERNO:
ma tu guarda...ma fammi fare il tuo autista a me!
RIVA:
inc...deficiente
SALERNO:
e appunto (ride)...fammi sapere più o meno fino a che ora stai la e vedo cosa possiamo
fare, SENNÒ CI DOBBIAMO VEDERE IN QUALCHE MODO, vedi tu, sennò dobbiam vederci
lunedì o martedì vedi tu...
RIVA:
E NON ROMPERE IL CAZZO, PIGLIA LA MACCHINA E VIENI QUI
SALERNO:
eh vabbè, va bene!...PORTO UNA LISTA DELLA SPESA CHE NON HAI
NEANCHE IDEA!...
RIVA:
vaffanculo
Si salutano
Alla luce di questi elementi nonchè delle intercettazioni del successivo mese di ottobre (dalle quali
emergerà la dazione al SALERNO di una seconda tranche della tangente concordata), è da ritenersi
che RIVA fosse il destinatario di parte del denaro.
L'episodio del 7.9.2018 si chiude, comunque, alle ore 15.28 quando viene registrata una rilevante
conversazione telefonica fra SALERNO e D’ALFONSO nel corso della quale, il primo, mascherando
il reale oggetto della conversazione con linguaggio allegorico, avvisa D'ALFONSO che gli ha
consegnato "15" (verosimilmente mila euro) al posto dei "20" "DANI...VA CHE NELLA MAIL
CHE MI HAI DATO...PRIMA CHE CI SIAMO SALUTATI" [..] "ERANO SBAGLIATI I
VALORI EH...PER DIRTELO...POI CI VEDIAMO MARTEDI NOI." [...] "CIOÈ ERANO
QUINDICI (15) GRADI ALLA FINE E NON VENTI! (20)". Ammesso anche che non fosse stato
registrato il colloquio a cui si riferisce SALERNO "quando si sono salutati" (circostanza in cui sono
state consegnate delle banconote) risulterebbe comunque difficile tentare di dare un senso compiuto
allo scambio di battute dei due interlocutori nel corso della telefonata:
SALERNO avrebbe ricevuto una mail da D'ALFONSO nella quale sarebbero stati indicati
erroneamente dei "valori" di temperatura che D'ALFONSO attribuisce al fatto di essere uscito di casa
"così " ("PERCHÈ IO SONO VENUTO VIA COSI DI CASA") e, rendendo ancora meno
comprensibile la spiegazione ad una problematica men che meno chiara, precisa che il termostato è
guasto ("MA NO IL TERMOSTATO NON FUNZIONA...QUANDO C'HAI CALDO FA
FREDDO...È UN CASINO GUARDA" !!).
progr. 48115 del 7.9.2018 ore 15:28 in uscita dall'ut. 3382497928 di SALERNO vero l'utenza
3485989733 di D'ALFONSO Daniele - RIT 591/18
D'ALFONSO: si...
SALERNO:
DANI...VA CHE NELLA MAIL CHE MI HAI DATO...PRIMA CHE CI SIAMO
SALUTATI (dopo uscita ristorante Grigliamania di piazza Sire Raul di Milano per pranzo con DE
CILLIS ndr.)...eh...
D'ALFONSO: si...
SALERNO:
ERANO SBAGLIATI I VALORI EH...PER DIRTELO...POI CI VEDIAMO
MARTEDI NOI...
D'ALFONSO: CIOÈ ERANO QUINDICI (15) GRADI ALLA FINE E NON VENTI! (20)
242
SALERNO:
eh si...esatto!
D'ALFONSO: ho capito perchè...va bene...
SALERNO:
LA RISTRUTTURAZIONE LI ERA...NO...PER DIRTELO...ALMENO...
D'ALFONSO: NO NO È GIUSTO INFATTI PERCHÈ IO SONO VENUTO VIA COSI DI CASA...
SALERNO:
VA BENE POI...È SOLO PER NOTIZIA...
D'ALFONSO: MA NO IL TERMOSTATO NON FUNZIONA...QUANDO C'HAI CALDO FA
FREDDO...È UN CASINO GUARDA...
SALERNO:
eh che cazzo ti devo dire li bisogna trovare per regolare...ciao...
D'ALFONSO: ciao!
Si tratta di una prima tranche di denaro perchè, secondo gli accordi corruttivi intercettati nel corso
della conversazione ambientale del 19.6.2018 tra SALERNO e D'ALFONSO (progr. 3475 - BMW X5
- RIT 75/18), l'imprenditore doveva corrispondere ai PP.UU. di AMSA una somma che oscillava tra i
70.000 e 90.000 euro, a cui è giunto moltiplicando la somma orientativa che si aggira intorno ai 20 /
25 mila euro "NON SO SARANNO 20/25" per tre anni di contratto "LA SITUAZIONE PIÙ BASSA
HO FATTO COSÌ ALL'ANNO (MOSTRA QUALCOSA) PER 3 ANNI".
Appare opportuno riportare per esteso l’ambientale appena richiamata:
Daniele:
SÌ HO FATTO DUE VALUTAZIONI IN BASE AGLI ULTIMI NUM...
(COMMENTANO UNA RAGAZZA CHE PASSA - ndr.) SI HO FATTO DUE VALUTAZIONI SU
UNA BASE... NON SO SARANNO 20/25 E QUINDI SONO...ASPETTA CHE TI DICO...HO
FATTO ALLORA LA BASSA, LA SITUAZIONE PIÙ BASSA HO FATTO COSÌ ALL'ANNO
(MOSTRA QUALCOSA) PER 3 ANNI, PERÒ LA DEVO RIVEDERE POTREBBE AUMENTARE
Sergio :
ma no sono ..inc..
Daniele:
la base è questa il minimo è questo..
Sergio:
va bene dai..
Daniele:
PERCHÉ FAI CONTO CHE FACCIO COSÌ DI FATTURATO, HO FATTO IL 10%
È COSÌ PER 36 MESI NO SCUSA 2X36 MESI, QUESTA È LA BASE CHE HO FATTO, POI
DOPO PUÒ SOLO AUMENTARE...
Sergio:
ascolta va bene così ..
Daniele:
nel senso che non può andare più sotto di così,
Sergio:
ci mancherebbe..
Daniele:
questa è la cifra più o meno, devo fare un po' delle valutazioni,
Sergio:
va già bene così, ci mancherebbe,
Daniele:
PUÒ ARRIVARE FAI CONTO CHE DA QUA PUÒ ARRIVARE A 90
POI..
Sergio:
ma si ..
Daniele:
MA MENO DI SETTANT...MENO DI QUESTO NO!
Sergio:
uno due tre che ..
Daniele:
certo la somma di tutto!!
Sergio:
poi vediamo di fare anche...
Daniele:
sai cosa c'è, che io vorrei fare una cosa unica perché c'è dentro anche le piazze quindi
volevo arrotondare..
Sergio:
no ma Dany!! non esagerare..
Daniele:
no perché è giusto fare un discorso di tutto, perché cioè le piazze non le abbiamo
conteggiate 3 anni, cioé...capito?
Sergio: ASCOLTA, QUELLE TIENITELE NON TI HA CHIESTO...INC…QUALCUNO HA
ALZATO IL DITINO...DETTO A, B, C
Daniele:
ma no però non è giusto...inc...
Sergio:
no no no no...
Daniele:
quindi il minimo e il massimo è quello lì. Va bene? ok?
Sergio:
TRANQUILLO!
Daniele:
Va bene o non va bene?
Sergio:
ci vediamo...
Daniele:
non va bene?
243
Sergio:
ma va da via il culo...
Daniele:
ma se non andava bene me lo dicevi?
Sergio:
ma tu sei un pazzo, non mi devi dire ste robe qua
Daniele:
se non non andava bene me lo dicevi?
Sergio:
ascolta DANI...
Daniele:
me lo dicevi come rapporto? cioè mi dicevi Dani non va bene?
Sergio:
VA BE-NI-SSI-MO!
Daniele:
se non andava bene ..se non fosse andato bene mi avresti detto:
Sergio:
Io cosa ti ho detto? fai tu! punto.
Daniele:
..sempre mi hai detto a me..
Sergio: Ma sei tu oh..sei tu che c'hai la gestione tua, ma stiamo scherzando? Per dirti a te..inc..ma ..
Daniele:
no no
Sergio:
per chi mi hai preso? Guarda che qua siamo sereni, non è che siamo alla
disperazione...
Daniele:
no quello lo so..
Sergio: ALLORA SI DEVE FARE LE COSE FATTE BENE, GIUSTE, SENZA NESSUN TIPO
PROPRIO DI IMPOSIZIONI..inc..non siam mica quella gente lì...
omissis
D’ALFONSO azzardava delle previsioni sulla complessiva entità della remunerazione corrispettiva
rispetto ai favori ottenuti, sbilanciandosi a dire “non meno di 70” intendendo 70.000 euro in tre anni
(durata dell’appalto vinto) e “fino a 90” (novantamila euro qualora il margine di guadagno per
l’impresa avesse dovuto rivelarsi particolarmente favorevole).
La previsione di D’ALFONSO era chiaramente destinata a sondare se, come ordine di grandezza, la
remunerazione per la mercificazione della pubblica funzione (o del pubblico servizio) potesse essere
ritenuta congrua dall’interlocutore, a cui chiede - con insistenza - se, data la natura confidenziale del
rapporto che li lega, in caso di una tangente troppo bassa, SALERNO avrebbe evidenziato il suo
disaccordo.
In tale circostanza, SALERNO, parlando vis-a-vis con l’imprenditore, con cui ha tutto l’interesse di
mantenere un duraturo e remunerativo rapporto, mostra un atteggiamento signorile e distaccato
rispetto alle questioni attinenti al vil denaro: SALERNO ( ed i suoi colleghi di AMSA) non
appartengono certo alla categoria dei pubblici dipendenti che pretendono una determinata percentuale
sui lavori assegnati alle imprese dagli stessi favorite e rimette alla discrezionalità ed alla generosità di
D’ALFONSO la determinazione dell’ammontare effettivo della mazzetta che, evidentemente, sarà
commisurata all’effettivo rendimento dell’attività appaltata.
Che SALERNO sia assai meno disinteressato alle questioni economiche come vorrebbe dare a vedere
è però dimostrato dalla immediata e netta puntualizzazione che egli, con linguaggio criptico ma
inequivoco, intende subito far rimarcare a D’ALFONSO rispetto a quanto prospettatogli nella
conversazione appena analizzata: effettuato il conteggio delle banconote ricevute all’interno dell’auto
di D’Alfonso (il quale, opportunamente, ne rimanda la verifica da parte dell’accipiens a separata sede,
onde evitare discussioni) SALERNO rimarca che “i gradi” sono 15 e non 20, al che D’ALFONSO, in
evidente imbarazzo, si giustifica dicendo di essere “uscito così di casa” (quasi fosse stato preso alla
sprovvista): infine i due concordano nel senso che “il termostato” dovrà essere aggiustato, con chiara
allusione al fatto che i successivi incontri e la prosecuzione del loro rapporto corruttivo darà occasione
per pareggiare i rapporti dare-avere.
Tornando ai rapporti SALERNO-RIVA, in data 21.9.2018 viene intercettata un’ambientale tra RIVA
Paolo e SALERNO Sergio. In un passaggio del dialogo l'attenzione dei due viene attirata da
un'autovettura in transito con targa del Principato di Monaco "va che mezzo abbiam davanti!" [..]
"embè è targata Monaco..." che RIVA collega idealmente al Direttore Operativo di AMSA spa "chi
è DE CILLIS?" sottolineando che si tratta del paese in cui quest'ultimo avrebbe depositato il denaro
prezzo di recenti corruzioni "eh...LE ULTIME MAZZETTE CHE HA PRESO!!!LE HA MESSE
LA!" [...] "EH! (AFFERMATIVO)...MONZA LE METTEVA...IN SVIZZERA...IN
LIECHTENSTEIN..."; secondo la replica di SALERNO, quello indicato sarebbe il luogo
consigliatogli da ZAFFRA Loris, già condannato per corruzione (con il quale DE CILLIS, da quanto
244
emerso nel corso delle indagini, ha intrattenuto rapporti) "LI È LORIS...ZAFFRA CHE GLI DICE
DOVE METTERLI...SICURO", circostanza che non trova d'accordo RIVA "no a quei tempi la
lui...erano abbinati ad altri barboni".
Amb. 2422 del 21.9.2018, ore 12:00, a bordo Fiat 500 di Salerno Sergio - RIT 726/18
A bordo sempre SALERNO Sergio e RIVA Paolo.
Milano , Milano Cavalcavia Cascina Gobba[Pr.2422 - B - 1 ore 12:00:38]:
SALERNO:
va che mezzo abbiam davanti!
RIVA:
chi è DE CILLIS?
SALERNO:
embè è targata Monaco...
RIVA:
eh...LE ULTIME MAZZETTE CHE HA PRESO!!!LE HA MESSE LA!
SALERNO:
tutte li?
RIVA:
EH! (AFFERMATIVO)...MONZA LE METTEVA...
SALERNO:
IN SVIZZERA...
RIVA:
IN LIECHTENSTEIN...
SALERNO:
inc...e li è il Loris che lo suggerisce (Loris ZAFFRA ndr)...
RIVA:
eh?
SALERNO:
LI È LORIS...ZAFFRA CHE GLI DICE DOVE METTERLI...SICURO...
RIVA:
no a quei tempi là lui...erano abbinati ad altri barboni...
SALERNO:
si?
RIVA:
...vai piano (bestemmia)...
SALERNO:
è tardi Paolo...
RIVA:
ERA ABBINATO A CAPPELLO...(Salvatore CAPPELLO - ex Direttore generale di AMSA
spa coinvolto insieme ad altre persone nell'indagine della GdF di Monza per corruzione, turbativa d'asta,
truffa e emissione di false fatture - Procura di Monza ndr.)
SALERNO:
ah! loro si appoggiavano...
RIVA:
andavano insieme...
SALERNO:
mamma mia...bravi però eh!
RIVA:
brava gente...figa...
[..omissis..]
Anche questa conversazione è altamente significativa in ordine al fatto che la somma di denaro
consegnata brevi manu a SALERNO da parte di D’ALFONSO fosse, almeno in parte, destinata anche
al dirigente DE CILLIS che, a parere dei suoi più stretti collaboratori, è persona se non proprio
“adusa” a ricevere mazzette, comunque già in rapporti, nel passato, con personaggi coinvolti in gravi
indagini per corruzione proprio all’interno di AMSA (Salvatore Cappello).
Significativo che i due dipendenti AMSA ritengano di essere a conoscenza anche dei “paradisi fiscali”
verso cui DE CILLIS era, ed è, solito convogliare i proventi dell’illecito mercimonio delle sue
funzioni, essendo consigliato in tali condotte da personaggi che, da decenni, sono presenti sulla scena
politico-amministrativa milanese e sono stati coinvolti in indagini relative a reati contro la P.A.,
personaggi con i quali, come confermato dai plurimi servizi di o.c.p. svolti nell’ambito del presente
procedimento, DE CILLIS continua ad avere frequenti contatti (il riferimento è a ZAFFRA Loris).
In tal senso pare doversi anche segnalare un’ulteriore ambientale, del 4.10.2018, a bordo della Smart
FM430MK di D'ALFONSO, tra quest'ultimo e TATARELLA Pietro, di estrema importanza perché:
nel riferirsi a DE CILLIS Mauro, l'imprenditore precisa che (non esponendosi direttamente visto che le
dazioni di denaro e gli accordi corruttivi vengono presi sempre e solo con SALERNO Sergio che è
colui che tiene i contatti diretti e riceve le dazioni dei contanti) questi potrebbe fare anche il bandito
senza correre il rischio di essere scoperto "è bravo oh!..io (inc) a tutti, DOPO MAURO QUELLO
DI SERGIO" [...] "che Mauro quello di Sergio volendo potrebbe fare anche il bandito che non lo
becca nessuno", confermando, ancora una volta, il pieno coinvolgimento negli accordi corruttivi del
Direttore Operativo di AMSA spa;
245
si ha certezza che TATARELLA è a conoscenza, non solo della collusione finalizzata
all'assegnazione di appalti e lavori sottosoglia (come sopra riportato), ma anche di come D'ALFONSO
li ottenga attraverso il pagamento di "tangenti" "eh?..ADESSO C'È SERGIO CHE..(risata)" [...]
"IO LO STO TENENDO A STECCHETTO" [...] "sì (inc) FACCIO FINTA CHE NON POSSO,
CHE CAZZO DEVO DIRGLI BOMBER, POI DA UNA PARTE PENSO CHE VANNO PER
LA SUA BIMBA, PER LE CURE, E ALLORA MINCHIA OGNI TANTO"; tali persone (DE
CILLIS e SALERNO, ndr.) vengono ritenute da TATARELLA affidabili
"un
personaggio..PERSONE SERIE"; è bene precisare come, a dispetto delle convinzioni degli
interlocutori che sottolineano come SALERNO utilizzi le somme di denaro riscosse per curare la figlia
(effettivamente malata), nel corso delle indagini, come sopra visto, è emerso che i destini delle
tangenti sono anche di minor livello morale.
Amb. 6201 del 4.10.2018 ore 08.15 a bordo Smart FM430MK di D'ALFONSO RIT. 75/18
Milano , Assago (Vicino a) Strada senza nome[Pr.6201 - A - 1 ore 08:00:05]: scende in ADS
…OMISSIS…
[Pr.6201 - A - 4 ore 08:30:06]:segue trascrizione integrale
Pietro:
con noi guadagnano tutti eh!
Daniele:
(inc) persona perbene
Pietro:
(inc) sì è bravo
Daniele:
è bravo oh!..io (inc) a tutti, dopo Mauro quello di Sergio (Mauro De Cillis quello di
Sergio Salerno, n.d.r.)
Pietro:
serio
Daniele:
che Mauro quello di Sergio volendo potrebbe fare anche il bandito che non lo becca
nessuno
Pietro:
(inc)
Daniele:
eh?..ADESSO C'È SERGIO CHE..(risata)
Pietro:
un personaggio..persone serie
Daniele:
IO LO STO TENENDO A STECCHETTO
Pietro:
sì?
Daniele:
sì (inc) FACCIO FINTA CHE NON POSSO, CHE CAZZO DEVO DIRGLI BOMBER,
POI DA UNA PARTE PENSO CHE VANNO PER LA SUA BIMBA, PER LE CURE, E ALLORA
MINCHIA OGNI TANTO...(inc) fa Francesca "si però guarda che lui spende tutto lo stipendio lo
spende per le cure della bimba"
Pietro:
(inc) costano
Daniele:
minchia!
Omissis
La dazione della tangente, peraltro, “confessata” da D’ALFONSO nella conversazione poc’anzi
commentata, non interrompe i rapporti con SALERNO che, nel mese di ottobre, risulterà
impegnatissimo a fare gli interessi del D’ALFONSO nella gara per gli “spurghi”.
In data 5.10.2018, alle ore 16:15 (amb. 2762 a bordo Fiat 500 Abarth in uso a Salerno Sergio - RIT
726/18) viene registrata una conversazione tra D'ALFONSO e SALERNO.
I due si intrattengono proprio su tale gara, ampiamente sopra trattata perché oggetto di diverse
significative intercettazioni (tra le quali l'amb. 2637 dell'8.5.2018 - a bordo della SMART in uso a
D'ALFONSO Daniele - RIT 75/18, ma non solo), dalle quali emergevano i propostiti collusivi diretti
ad affidare questa ulteriore gara a D'ALFONSO attraverso l'interessamento di DE CILLIS, il quale
aveva provveduto ad inviare un suo dirigente per constatare le caratteristiche di localizzazione e
controllo a distanza possedute dai mezzi della ECOL-SERVICE. Alla stregua di quanto accertato per
la gara per la raccolta dei rifiuti pericolosi (nella quale, tra i requisiti del bando, figurava la dotazione
per le imprese concorrenti di automezzi "EURO 6"), la possibilità di localizzare i mezzi impiegati è
chiaramente uno dei requisiti tecnologici da inserire nel bando, che consentirà di allontanare i
concorrenti che ne sono sprovvisti.
SALERNO tranquillizza D'ALFONSO sul fatto che la gara in questione sarà da lui vinta "LA
SPURGO QUELLA È ROBA TUA...A POSTO" [..] "CURIAMO LA SPURGO E BASTA..." e
l'imprenditore
conferma
il
suo
interessamento
"QUELLA
È
ROBA
MIA
246
SPACCHIAMO...FACCIAMO I NUMERI..." aggiungendo un aspetto di grande interesse che
dimostra come il gruppo si stia già indirizzando verso nuove opportunità di lavori che, per voler di DE
CILLIS, saranno a breve esternalizzati da AMSA spa " AH MA SAI COSA MI HA DETTO IL
INC...a parte che inc come un coglione...QUEL PIRLA DI MAURO (DE CILLIS ndr.) L'ALTRO
GIORNO...e perchè io i cestini li voglio dare via tutti adesso, l'ho chiamato per chiedergli se mi
dava quel prodotto li no...no è una esclusiva A2A è un casino, vabbè ok non me li dà, ho trovato
un prodotto parallelo e l'ho messo in gara, nel progetto di qua l'ho messo..." [..] "E GUARDA TI
AVVISO IO L'ANNO PROSSIMO...SERGIO NON LO SA ANCORA, ma devo dirlo io adesso
voglio dare via tutti i cestini, eh la Madonna gli ho detto! SI SI DIVISO IN LOTTI E GIÀ SO
COME FARE, DIVISO IN LOTTI, CONTROLLO, TELECONTROLLO E PREPARATI
CHE..." [..] "SI MA DIVISA IN 4 LOTTI..." [..] "LE AZIENDE LE PRENDONO, NON VA
BENE CHE LE PRENDONO CHI LO FA? QUANTA GENTE FANNO I CESTINI? TE LE DO
IO 4 AZIENDE..." facendo emergere anche quale sarà il danno per la pubblica amministrazione:
D'ALFONSO precisa che le ditte da lui indicate, che si aggiudicheranno l'appalto diviso in quattro
lotti, per potersi poi far carico dei dipendenti che usciranno da AMSA, dovranno vincere la gara con
un ribasso minimo, dell'1% "FANNO 1% DI SCONTO E ASSUMONO, MANTENGONO I
LIVELLI..."; SALERNO manifesta il suo disaccordo perché, così facendo, perderebbe cospicue
somme di denaro riferite alle quote che i dipendenti di AMSA versano per l'iscrizione al suo sindacato
"..mi deve regalare la villa che c'ha a Carugate, Mauro (inteso DE CILLIS ndr.)...per fare una
cosa del genere...ma no ragazzi...perdo troppi soldi...c'ho troppa gente li..." [..] " no...la gente ci
manda a fanculo...vogliono stare in AMSA...hai capito?" [..] "è un pazzo...si fa male...".
amb. 2762 del 5.10.2018, ore 16:15, a bordo Fiat 500 Abarth in uso a Salerno Sergio - RIT
726/18)
[Pr.2762 - B - 5 ore 16:15:48]: a bordo Daniele D'ALFONSO con SALERNO Sergio
Daniele:
[…]...fatture da Berti pagate oggi...a posto...massacrato...non vado più a mangiare...
Sergio:
ma lì non devi più andare...
Daniele:
li abbiamo finito...io quelli li non voglio vedere più a nessuno di quel ramo
li...( si rierisce al gruppo di Caianiello, ndr)
Sergio:
no anche perchè cosa ti han portato?
Daniele:
ma non chiudono, non chiudono...non chiudono!!! oh vuoi capire che non
chiudono...minchia...eh...tutte balle!!...a Varese tutte balle...
Sergio:
(risata)...
Daniele:
ma va va...
Sergio:
va bene....
…OMISSIS…
Sergio scende dalla macchina. I due continuano a conversare distanti dalla vettura, la conversazione è
incomprensibile.
[Pr.2762 - B - 8 ore 16:30:05]: Sergio risale a bordo e dice: [….]
Sergio:
cura....ehm...CURIAMO LA SPURGO E BASTA...
Daniele:
CURIAMO?
Sergio:
LA SPURGO QUELLA È ROBA TUA...A POSTO!
Daniele:
QUELLA È ROBA MIA SPACCHIAMO...FACCIAMO I NUMERI...AH MA SAI COSA
MI HA DETTO IL INC...a parte che inc come un coglione...QUEL PIRLA DI MAURO (DE CILLIS
ndr.) L'ALTRO GIORNO...e perchè io i cestini li voglio dare via tutti adesso, l'ho chiamato per
chiedergli se mi dava quel prodotto li no...no è una esclusiva A2A è un casino, vabbè ok non me li da,
ho trovato un prodotto parallelo e l'ho messo in gara, nel progetto di qua l'ho messo...
Sergio:
bene!
Daniele:
E GUARDA TI AVVISO IO L'ANNO PROSSIMO...SERGIO NON LO SA ANCORA,
ma devo dirlo io adesso voglio dare via tutti i cestini, eh la Madonna gli ho detto! SI SI DIVISO IN
LOTTI E GIÀ SO COME FARE, DIVISO IN LOTTI, CONTROLLO, TELECONTROLLO E
PREPARATI CHE...
Sergio: verrà fuori una guerra la, la vedrai l'immondizia, preparati a raccogliere l'immondizia no i
cestini, perchè li facciamo un cinema...
Daniele:
SI MA DIVISA IN 4 LOTTI...
247
Sergio:
ma quale divisa in 4 lotti!
Daniele:
LE AZIENDE LE PRENDONO, NON VA BENE CHE LE PRENDONO CHI LO FA?
QUANTA GENTE FANNO I CESTINI? TE LE DO IO 4 AZIENDE...
[Pr.2762 - B - 8 ore 16:31:29]: Sergio Salerno risponde al telefono e si da appuntamento con uomo
[Pr.2762 - B - 8 ore 16:31:52]:
Daniele:
te le do io 4 serie che te li assumono, cazzo te ne frega!
Sergio:
no no
Daniele:
fanno 1% di sconto e assumono, mantengono i livelli...
Sergio: ..mi deve regalare la villa che c'ha a Carugate, Mauro (inteso DE CILLIS ndr.)...per fare una
cosa del genere...ma no ragazzi...perdo troppi soldi...c'ho troppa gente li...
Daniele:
si se rimangono scusa...se rimangono?
Sergio:
no...la gente ci manda a fanculo...vogliono stare in AMSA...hai capito?
Daniele:
e staccali che cazzo ne so...
omissis
Sempre a ottobre 2018 viene intercettata, il giorno 17 (amb. 3049 a bordo Fiat 500 di SALERNO
Sergio - RIT 726/18), una conversazione fra SALERNO e RIVA Paolo, che si lamenta con
SALERNO del mancato pagamento a Matteo RIVA (figlio di RIVA Paolo e assunto nella ECOLSERVICE SRL ma in procinto di cambiare attività lavorativa) degli arretrati "domani dì al coglione
(inteso D'ALFONSO Daniele ndr) che deve pagare gli arretrati a Matteo" [...] "cioè deve dargli gli
arretrati, deve dargli sto mese, deve dargli..." e SALERNO sottolinea che (D'ALFONSO Daniele,
ndr.) deve regolarizzarsi anche con il pagamento delle somme di denaro pattuite "OK, CHE
CHIUDIAMO I CONTI, CHIUDIAMO I CONTI" [..] "GLI ARRETRATI ANCHE NOSTRI".
(amb. 3049 del 17.10.2018 ore 15:10 a bordo Fiat 500 di SALERNO Sergio - RIT 726/18)
..omissis ..
Alle 15.10.45
Paolo: domani dì al coglione (inteso D'ALFONSO Daniele ndr) che deve pagare gli arretrati a
Matteo (RIVA Matteo Figlio di Paolo ndr.)...
Sergio:
OK, CHE CHIUDIAMO I CONTI, CHIUDIAMO I CONTI...
Paolo:
cioè deve dargli gli arretrati, deve dargli sto mese, deve dargli...
Sergio: GLI ARRETRATI ANCHE NOSTRI...(inteso i soldi che SALERNO e RIVA prendono da
Daniele D'ALFONSO ndr).
Paolo:
deve anche dargli la...
Sergio:
liquidazione
Paolo:
la liquidazione...
Sergio:
si quella quando...che vuol dire
Paolo:
inc...mongolo
Sergio:
che cazzo te ne frega!
Paolo:
CHIUDI I NOSTRI!
Sergio:
SI
Paolo:
...parli con Matteo e vedi un pò i cazzi che devi fare
Sergio:
va bene
Paolo:
a posto cosi? e poi io domani sono di là...
Sergio:
e allora ci vediamo domani...
Paolo:
quando tu rientri dal pranzo, con la brochure...
Sergio:
ti por...te la porto li...
Paolo:
o prima o dopo perchè c'è di mezzo un'ora di comitato...
Sergio:
beato te...
Paolo:
vaffanculo..ciao...
Sergio:
ciao Paolo...
Paolo:
grazie.
RIVA Paolo scende e Sergio riparte.
[Pr.3049 - B - 7 ore 15:38:47]: rientra in Amsa
248
Da questa conversazione emerge, nuovamente, la corriferibilità della dazione anche al RIVA.
Puntualmente giungono le emergenze investigative che confermano (esattamente due giorni dopo la
precedente intercettazione ambientale tra SALERNO e RIVA Paolo nella quale i due rivendicano
l'ulteriore denaro promesso) la consegna di una somma di denaro non quantificata di D'ALFONSO a
SALERNO Sergio.
A parlarne (progr. 6560 del 19.10.2017 ore 07:00 a bordo Smart di D'ALFONSO - RIT 75/18) è lo
stesso D'ALFONSO che confida alla compagna di dover dare dei fogli e del denaro a SALERNO
"DEVO DARGLI QUESTI FOGLI QUA" [..] "DEVO DARGLI QUESTI SOLDI QUA A
SERGIO...QUESTI FOGLI".
Progressivo
6560
Data Ora
19/10/2018 07:00
Tipo
Ambientale Smart D'ALFONSO
RIT
75-18
auto in movimento, a bordo Daniele e Francesca
[Pr.6560 - A - 1 ore 07:01:52]: DANIELE DICE "DEVO DARGLI QUESTI FOGLI QUA" E
FRANCESCA CHIEDE "COME?" E DANIELE "DEVO DARGLI QUESTI SOLDI QUA A
SERGIO...QUESTI FOGLI", poi dice che ieri ha discusso con Sergio, dice che si è sentito preso per il
culo, e che gli ha detto che per lui (Daniele) non è una questione di soldi, e che se lo costringe a
litigare litigheranno, Daniele fa riferimento ai 4 che Daniele deve licenziare ed al fatto che Sergio ne
sistema solo uno, senza fare causa, Daniele dice che questo è figlio di uno..(non si pronuncia,
potrebbe riferirsi a Riva), Daniele dice che ha detto a Sergio che questo li deve prendere tutti e 4
oppure faranno causa
Milano, Milano Via Francesco Nava, 32 > 24 - 31 > 31[Pr.6560 - A - 2 ore 07:09:28]:scendono
[Pr.6560 - A - 9 ore 07:54:32]: auto in movimento, a bordo Daniele, effettua conversazioni telefoniche
censite
Immediatamente dopo, alle ore 08:32 (19.10.2018), la Fiat 500 di SALERNO Sergio si ferma a
Milano via Ronchi nei pressi della pasticceria "Ungaro" dove si incontra con D'ALFONSO Daniele.
Un quarto d'ora dopo (08:48), SALERNO conversa con D'ALFONSO nelle vicinanze dell'auto
monitorata (RIT 726/18); il dialogo che segue all'incontro non risulta di particolare interesse ma, nella
parte conclusiva, quando SALERNO è ormai solo nella vettura, in procinto di partire, esterna ad alta
voce le sue intenzioni "mi dici questo qui...io mi muovo adesso che cazzo me ne frega...ANZI
POTREI ANDARE IN OLGETTINA, PAGARE...", chiaramente riferite all'esigenza di ripartire
con i correi la somma di denaro appena ricevuta.
(Amb. 3090 del 19.10.2018 ore 08:00 Fiat 500 in uso a SALERNO - RIT 726/18)
Milano, Milano Via Ronchi, 36 > 30 - 47 > 39[Pr.3090 - B - 3 ore 08:32:51]: Si ferma e scende in
pasticceria UNGARO (si incontra con D'ALFONSO Daniele ndr).
[Pr.3090 - B - 6 ore 08:48:19]:
omissis
Sergio risale in auto da solo e dice:
otto e cinquanta.. la gallina canta... mi dici questo qui...io mi muovo adesso che cazzo me ne
frega...ANZI POTREI ANDARE IN OLGETTINA, PAGARE...
Riparte e va in AMSA.
Poi di fatto, nel corso della mattinata, alle successive ore 10:26 e 12:55, SALERNO informa
dell’incontro avvenuto con D’ALFONSO, sia RIVA Paolo, con il quale si dovrà incontrare nel fine
settimana o il successivo lunedì, sia DE CILLIS Mauro al quale fa un rapido cenno all’incontro al
termine della conversazione telefonica.
Prog. 68208 del 19.10.2018 ore 10.26 ut. 3382497928 in uso a SALERNO Serfgio (RIT 591/18)
Sergio:
pronto
Paolo:
ola
Sergio:
ue allora
Paolo:
sei vivo?
Sergio:
si te tutto apposto?
Paolo:
si
249
Sergio:
stamattina ho visto il professore con gli occhialini eh Daniele
Paolo:
eh
Sergio: magari ti vengo a trovare sto fine settimana...vengo a respirare un pò di aria buona in
Brianza se ci sei...
Paolo:
(inc)
Sergio:
senò lunedì come vuoi tu eh, come vuoi tu...dimmi tu...dimmi tu
Paolo:
vediamo domani
FINE TRASCRIZIONE [10:26:58]
Prog. 68379 del 19.10.2018 ore 12.55 ut. 3382497928 in uso a SALERNO Sergio (RIT 591/18)
TRASCRIZIONE DA [12:56:07]
DE CILLIS Mauro:
va bene, ok bravo. Ok, grazie, ciao
SALERNO SERGIO: ho visto il Daniele anche
DE CILLIS Mauro:
ciao
SALERNO SERGIO: ciao
A partire da ottobre 2018, l’effervescenza di D’ALFONSO è massima:
18.10.2018 DI PIERRO informa il suo titolare che sono stati invitati a due gare di AMSA, suscitando
le lamentele di D’ALFONSO in quanto SALERNO è stato pretermesso.
Amb. n. 6547 del 18.10.2019 su SMART in uso a D’ALFONSO
DANIELE D'ALFONSO : DANIELE
DI PIERRO MATTEO : MATTEO
INCOMPRENSIBILE : [INC]
Milano, Milano Via del Nord[Pr.6547 - A - 2 ore 18:29:33]: Da adesso si trascrive integralmente.
MATTEO:
COMUNQUE SONO USCITE, STAVO DICENDO, DUE GARE DI AMSA CHE CI
HANNO INVITATO NO...
DANIELE:
Gliel'hai detto a Sergio?
MATTEO :
Eh?
DANIELE :
GLIEL'HAI DETTO A SERGIO? (SALERNO Sergio ndr.)
MATTEO :
No, prima andiamo a vederle perchè sono a procedura negoziata. Lo sai [INC]?
DANIELE :
Ma certo, lo sanno tutti.
MATTEO :
Ah ok.
DANIELE :
GLIELO DEVI DIRE PERÒ. LAVORA LÀ, CAZZO!
MATTEO :
UNA È DEI SERBATOI
DANIELE :
No!
MATTEO :
LI DEVI FARE IL PREZZO A CORPO, DEVI FARE.
DANIELE :
Quanto? Quanto?
MATTEO :
Tu! Tu devi fare il prezzo. Non c'è base.
DANIELE :
Non c'è base.
MATTEO :
Non c'è base. Devi fare tu il prezzo, quindi un milione di euro devi mettere. No?
Capito? Lì sarebbe bello [INC]. No ?
DANIELE :
QUESTA LA FACCIAMO!
MATTEO :
Ok.
DANIELE :
QUANTI SERBATOI?
MATTEO :
DUE SERBATOI SONO
DANIELE :
Grossi quanto?
MATTEO :
Bisogna fare il sopralluogo obbligatorio
DANIELE :
Bucati.
MATTEO :
Bucati esatto. ( risata )
DANIELE :
Se son bucati te la prendi nel culo a terra.
MATTEO :
No no. Se la mettono nel culo loro. Fanno la bonifica loro così. Fanno.
DANIELE :
Ah! TU DEVI SOLO TIRARLA VIA, QUALIFICARLA E ANDARE VIA.
MATTEO :
Come se fosse bonifica e rimozione dei serbatoi, poi quello che c'è intorno [INC].
DANIELE :
Aaah!
MATTEO :
Saranno all'interno di vasche di contenimento immagino. ok ?
DANIELE :
Va bene, allora non c'è la terra che te la prendi nel culo.
250
MATTEO :
NO NO. E DUE, C'È DA FARE IL TRASPORTO, TI DICEVO DELLA..CHE NE SO
DEI POZZETTI DELLA FOGNATURA ALL'INTERNO IN SILLA E PORTARE VIA DELLE ACQUE
DA OLGETTINA.
DANIELE:
Minchia oh !
[Pr.6547 - A - 2 ore 18: 31:
12]: Daniele chiama telefonicamente SALERNO Sergio dicendogli
che gli deve parlare (cfr. progr.129621 ut. Daniele), chiusa la conversazione.
Milano, Milano Via del Nord[Pr.6547 - A - 2 ore 18: 31:
41]:
Da adesso si trascrive
integralmente.
DANIELE:
Figa oh! PER QUELLO CHE MI COSTI, (BESTEMMIA) SE NON FAI COME
TI DICO VEDI...MI COSTA UNA CIFRA! E va bene, ok dai fammi pensare come cazzo fare!
Serbatoi, due grossi. Gli sparo un 50.000 euro [INC] chiamo a Davide.
…omissis…
Il 19 novembre 2018, DI PIERRO contatta tale POLETTI di AMSA in merito ad una gara, allo stato
non ancora identificata attraverso la consultazione delle fonti aperte, ma dai due definita quella
definita “delle vasche”, (procedura negoziata 424): il POLETTI da’ preziose informazioni
all’interlocutore su come l’offerta di ECOL SERVICE è stata valutata coma “la migliore”
(progr. 160622 del 19.11.2018 ut. 3346758257 in uso a DI PIERRO Matteo (RIT 1491/17):
POLETTI:
Pronto!
DI PIERRO: Si.. Poletti?
POLETTI:
Si!
DI PIERRO: Buondì! Matteo Ecolservice! Disturbo?
POLETTI:
No, mi dica. spero che non ci siano problemi? Non so a fare che cosa...
DI PIERRO: No..
POLETTI:
Perfetto! Allora mi fa solo piacere sentirla...
DI PIERRO: devo soltanto (inc) un chiarimento... se mi può dare un'informazione.. lei sa nulla ..
(inc) dirmi delle gare on-line sia quello delle vasche che quello dei serbatoi... punto di domanda?
POLETTI:
Allora quella delle vasche la sta seguendo un mio collega... se vuole glielo passo così
le dice... (inc)
DI PIERRO: No ma solo per (inc)
POLETTI:
Aspetti.. (ndt parla con terza persona: "Ecolservice.. (inc) mandato una richiesta di
chiarimenti). Vi ha mandato una richiesta di chiarimenti? per i casellari? Ma lei non l'ha ricevuta?
DI PIERRO: allora la parte amministrativa la controlla l'avvocato Mosca...
POLETTI:
Ah..
DI PIERRO:
io arrivo più sul fatto del concretismo...
POLETTI:
Va bene... (ride)
DI PIERRO: (inc) concretismo
POLETTI:
Eh comunque adesso glielo passa... mentre quella dei....? L'altra...?
DI PIERRO: Era la bonifica dei due serbatoi.. si ricorda?
POLETTI:
Bonifica dei due serbatoi... non l'ho seguita io però...
DI PIERRO: ah ah ok....
POLETTI:
Mi da qualche riferimento in più?
DI PIERRO: Era una gara fatta...
POLETTI:
Eh mi dia i numeri dai...
DI PIERRO: 27.. aspetti eh...
POLETTI:
Ma di quanto tempo fa mi scusi?
DI PIERRO: Eh sarà scaduta venti giorni fa, quindici giorni fa..
POLETTI:
Minchia (ride) scusi il francesismo
DI PIERRO: (inc)
POLETTI:
Mi dia qualche riferimento in più, io non ne so niente...quella delle vasche adesso le
passo il mio collega ed adesso le dice tutto...
DI PIERRO:
Ok!
POLETTI:
E quella dei serbatoi e sei da qualche riferimento in più io le posso dire chi la
seguiva...
251
DI PIERRO: Un attimo solo scusi eh..
POLETTI:
Si
DI PIERRO: Allora...(inc) la procedura è la 4 - 2 - 4
POLETTI:
Aspetti eh.. provo ad andare a vedee.. un secondo chi la seguiva.. un attimo...
DI PIERRO: Si si...
POLETTI:
(inc) il protocollo...protocollo acquisti.. PN.. 4-2-4.. un attimo che esporto e... ehm...
esporto in excel un secondo.. apre.. (inc) (legge scheramate desktop ndt - non utile).
DI PIERRO: Ok..
POLETTI:
Un secondo...
DI PIERRO: Si...
POLETTI:
Eh mi dice le ...aspetti eh...
DI PIERRO:
(inc)
POLETTI:
.... aspetti un secondo che provo a chiedere ad un mio collega (parla con un collega e
chiede se può entrare nel protocollo AMSA - (inc)) un attimo ancora eh...
DI PIERRO: (inc)
POLETTI:
.... NICOLATO Renato.. ok... la faccio chiamare... aspetti eh.. mi da il numero
cortesemente? Suo!
DI PIERRO: 3346758257..
POLETTI:
Adesso se ha tempo la faccio parlare col...
DI PIERRO: Va bene... va bene
POLETTI:
Eh un secondo ancora, allora il mio collega mi ha detto che la vostra per quanto
riguarda le .. le... non i serbatoi...
DI PIERRO: Le vasche...
POLETTI:
LE FOSSE! QUELLE DI OLGETTINA E DI SILLA! È LA MIGLIORE
OFFERTA DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO , GLI HA FATTO UNA RICHIESTA DEI ...
DI PIERRO: chiarimenti?
POLETTI:
No! Aspetti! Ha chiesto...i casellari... una notifica sui casellari...
DI PIERRO: esatto!
POLETTI:
Mi dica se (inc) confermo...
DI PIERRO: Se vuole le passo l'avvocato Mosca così parlan direttamente loro...
Si comprende che ECOL SERVICE è riuscita, nel frattempo, ad aggiudicarsi, un’ulteriore gara AMSA
dell’importo di 150.000 euro
Prog. 159986 del 05.12.2018 ut. 3485989733 in uso a D’ALFONSO Daniele (RIT 1894/17)
INIZIO TRASCRIZIONE [08:42:27]
Daniele:
lo sa che abbiamo vinto una gara in AMSA ieri?
Rino:
no
Daniele:
cavoli...io e Ottavio abbiamo vinto un'altra gara in AMSA piccolina però
Rino:
piccolina quanto?
Daniele:
150
Rino:
eh vebbè
FINE TRASCRIZIONE [08:42:41]
In data 13.11.2018 D’ALFONSO, previ contatti telefonici per concordare l’appuntamento (prog.
144546 su utenza ..733 in uso a D’ALFONSO, prog. 79429, su utenza 3382497928 in uso a
SALERNO,) incontra SALERNO Sergio, il quale giunge sul luogo dell’incontro a bordo del suo
veicolo FIAT 500 ABARTH, in compagnia di un collega; i due si allontanano quindi dal mezzo
monitorato per parlare liberamente. L’argomento trattato viene invece riportato da D’ALFONSO a
TATARELLA Pietro alle successive ore 17.00 quando, fuori dal veicolo SMART Two (RIT 75/18),
gli riferisce di aver incontrato SALERNO che lo ha informato di una nuova gara indetta da AMSA alla
quale avrebbe dovuto partecipare con la società AMBIENTHESIS, che però ha intenzione di
partecipare unitamente ad un’altra impresa. TATARELLA, dopo aver informato D’ALFONSO che a
breve sarà contattato da OSNATO per un lavoro di bonifica, lo esorta, in merito alla notizia
"confidenziale" acquisita da SALERNO sull'imminente uscita della gara di AMSA Spa, a prendere
252
contatti con "Andrea" (GROSSI Andrea di Ambienthesis). D’ALFONSO segue il consiglio ricevuto
recandosi subito dopo presso la sede di AMBIENTHESIS (rilevamento GPS del veicolo).
Amb. 7170 del 13.11.2018 ore 17.00 Smart FM430MK in uso a D’ALFONSO (RIT 75/18): auto in
movimento, a bordo Pietro, effettua conversazioni telefoniche censite
Milano , Milano (Vicino a) Corso San Gottardo, 24 > 18 - 19 > 19[Pr.7170 - A - 3 ore 17:17:20]:
scende incontra Daniele
[Pr.7170 - A - 3 ore 17:19:15]: Pietro chiede a Daniele se ha visto Sclavi e Daniele conferma, Pietro
dice a Daniele che lo chiamerà Osnato per un lavoro di bonifica,
[Pr.7170 - A - 3 ore 17:24:55]:
Daniele:
ho visto Sergio..boh vediamo..ah minchia, un problema, è uscita una gara di AMSA
Pietro: eh
Daniele: Ambhientesis mi ha detto "no, non la faccio con te, la faccio con SEM (fonetico)", ora becco
Damiano e lo insulto
Pietro: e ma diglielo subito ad Andrea oh, (inc) chiamalo subito, ma stai scherzando
Pietro continua a dire di chiamare Andrea
[Pr.7170 - A - 4 ore 17:26:21]: Daniele riparte
Come suggerito da TATARELLA Pietro, D’ALFONSO Daniele si reca presso la sede di
Ambienthesis (amb. n. 7172 del 13.11.2018 su SMART D’ALFONSO)
Orbene, volendo a questo punto, procedere alla valutazione degli indizi relativi al reato di cui al capo
II.11, così come modificato in seguito all’integrazione depositata dall’Ufficio del P.M. in data 13
aprile 2019, ritiene il giudicante che emerga un quadro di gravità indiziaria idoneo a sostenere
l’applicazione di una misura cautelare personale.
In particolare, le certe dazioni di denaro ed altre utilità corrisposte da D’ALFONSO a “dipendenti
AMSA”, per il momento impersonalmente considerati, non possono che essere messe in relazione al
conclamato trattamento privilegiato che l’impresa gestita dal solvens riceve nell’ambito di svariate
procedure di gara gestite dall’importante società partecipata.
Dal punto di vista della ricostruzione del sinallagma corruttivo, si è registrata la promessa
esplicitamente diretta da D’ALFONSO a SALERNO di corrispondere, nell’arco del triennio, una
somma variabile tra i 70.000 e i 90.000 euro, promessa concretizzatasi con la certa dazione di 15.000
euro in contanti operata in data 7 ottobre 2018 all’interno della vettura di D’ALFONSO al termine del
pranzo a cui partecipò anche DE CILLIS e nella ulteriore corresponsione di denaro contante a cui
D’ALFONSO fa riferimento nel corso della conversazione ambientale intrattenuta con la compagna
Francesca PANTANO in data 19.10.2018.
Al denaro contante si sommano altre utilità: volendo tralasciare i dispendiosi pasti consumati presso il
ristorante “Da Berti” sovvenzionati da D’ALFONSO, è certo che l’imprenditore assume alle proprie
dipendenze il figlio di uno degli indagati, RIVA Gian Paolo, presso Ecol-Service, nonché, come si
vedrà, assume alle sue dipendenze una persona espressamente indicatagli da DE CILLIS e diversi
dipendenti AMSA che SALERNO invia a effettuare colloqui presso Ecol-Service affinchè, su sua
raccomandazione, vengano assunti dalla società di D’ALFONSO.
Dal versante pubblico, i dipendenti AMSA, agendo ciascuno nella sfera di competenza che il ruolo
ricoperto riserva loro, risultano aver compiuto atti contrari ai doveri d’ufficio, asservendo la funzione
(o il servizio) pubblico agli interessi privati di D’ALFONSO in violazione dei propri doveri
istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità costituzionalmente tutelato.
L’asservimento delle funzioni e dei servizi pubblici ha, in concreto, reso possibile l’aggiudicazione a
ECOL-Service s.r.l. della gara n. 3/2018 di cui al capo II.10, dell’ulteriore gara per l’importo di
150.000 euro cui si fa riferimento nella conversazione di cui al progressivo n. 159986 del 05.12.2018,
nonchè l’ottenimento di informazioni privilegiate e costanti circa le gare indicende relativamente al
loro oggetto ed ai requisiti richiesti, procedure che D’ALFONSO si predispone a manipolare,
ovviamente con l’attività di intermediazione dei funzionari all’interno di AMSA, fin dalle fasi
prodromiche, indicando i nomi delle imprese compiacenti da invitare (con le quali, all’evidenza, ha già
intessuto accordi per la spartizione dei lotti e/o per la reciproca desistenza) e facendo pervenire in
253
anticipo all’ente banditore i requisiti tecnici di cui la sua azienda dispone in modo che il bando relativo
sia configurato “ a sua immagine e somiglianza”.
Quanto alla singole responsabilità, in merito ai rapporti D’ALFONSO-SALERNO, pare opportuno
compiere il punto delle risultanze investigative: moltissime sono le conversazioni da cui emerge lo
strettissimo rapporto fra i due. In aggiunta, deve osservarsi come il legame corruttivo sia talmente
stabile da determinare D’ALFONSO a riporre totale fiducia in SALERNO, di cui l’imprenditore
apprezza il fatto di non essere pressante nella richiesta del tantundem.
In tal senso si pone l’amb. n. 3445 del 2.12.2018 su SMART di D’ALFONSO in cui costui,
parlando con la compagna PANTANO Francesca, dice : “NO VABBÈ MA SERGIO È BRAVO
NON È...NON È DI UNO DI QUELLI CHE DICE "MI DEVI DARE SENNO NON FACCIO"...LUI
DICE "QUANDO CE LI HAI ME LI PORTI" DICE...”.
In data 11.12.2018, nel corso della seguente conversazione telefonica, D’ALFONSO informa
SALERNO di essersi aggiudicato un'altra gara bandita da AMSA relativa alle sopra evidenziate
“VASCHE” di Olgettina. La gara al momento è in fase di individuazione poiché della stessa si
conosce solo l’importo che è di 150.000 euro.
Prog. 93152 del 11.12.2018 su utenza 3382497928 in uso a SALERNO: SALERNO chiama
D'ALFONSO
D'ALFONSO: ma farlo un giorno prima no?...pronto...
SALERNO:
stai mang...stai cenando?
D'ALFONSO: no no ma va...
SALERNO:
ma va ci sentiamo dopo...
D'ALFONSO: sto facendo l'aperitivo...
SALERNO:
eh...tutto bene?
D'ALFONSO: eheee...
SALERNO:
cosa è successo?
D'ALFONSO: na merda!
SALERNO:
perchè?
D'ALFONSO: MI CHIAMANO I FENOMENI OGGI DA LI DA TE (AMSA SPA)...NO CORRI!
CORRI QUA CHE DOBBIAMO INIZIARE I LAVORI...FIGA GLI HO DETTO "OH...TRA PIAZZE E
VASCHE CAZZO!" GLI HO DETTO SIETE TUTTI FENOMENI DENTRO LI...CIOÈ AGGIUDICATA
TRE GIORNI FA CHE CAZZO CORRI LI ADESSO? A FARE IL LAVORO...
SALERNO:
mamma mia...
D'ALFONSO: cioè...ho detto va bene...eh ci vediamo domani che cazzo vi devo dire...un attimo
cazzo...
SALERNO:
vabbè fenomeni...vabbè...
…omissis…
A conferma dell’alta considerazione che SALERNO gode in D’ALFONSO, si pone la telefonata in
appresso indicata tra D'ALFONSO e tale SICILIA Andrea, nel corso della quale quest'ultimo afferma
di aver saputo che Sergio (SALERNO Sergio - ndr.) sta cercando di far lavorare D'ALFONSO "EH
SERGIO, SERGIO È NUMERO UNO, NUMERO UNO. M'HA DETTO, MI FA, GUARDA,
STO CERCANDO.. FA, STIAMO CERCANDO DI... DI LAVORARE UN PÒ CON DANI, ho
detto gua che Dani è un ragazzo sia lui che il papà, super per bene, mi fa no ma guarda li conosco,
conosco bene, gli ho detto"; D'ALFONSO sentito ciò ammette che SALERNO è assolutamente
affidabile perchè conclude le cose (inteso aggiudicazione di lavori pubblici - ndr.) "SAI COS'È CHE,
SAI COS'È, CHE È UNO CHE CHIUDE LE COSE, CIOÈ UNA ROBA ALLUCINANTE SÌ", e
SICILIA ribadisce come SALERNO all'interno di AMSA abbia un peso rilevantissimo "eh ma tu hai
capito che in AMSA, veramente io sono stato con lui... eh più volte, sono stato anche in giro una
giornata con lui, MINCHIA VERAMENTE È FORTISSIMO! FIGA GUARDA, FORSE È IL
NUMERO UNO EH!".
[Tel. 86718 del 13.7.2018, ore 10:09, in entrata su 348.5989733 di D'ALFONSO da ut. 380.7861239 RIT 1894/17]:
D'ALFONSO: Andre...
254
ANDREA:
Oh ma tu hai capito il mondo quant'è piccolo veramente, a parte gli scherzi?
D'ALFONSO: eh, a me lo dici? Certo che ho capito!
ANDREA:
Guarda che veramente guarda, non ho parole! Eh io con...con Sergino (Sergio
SALERNO ndr.) me ne vado tutti gli anni, me ne vado a fare una settimana di ferie con lui io eh!
D'ALFONSO: veramente
ANDREA:
tutti gli anni, sì, sì, sì. Tutti gli anni con le famiglie, belli belli tranquilli, poi noi ce ne
scappiamo la notte a farci i mirti in Sardegna, andiamo sempre, eh...ci facciamo le nostre sca...ci
scappiamo nel villaggio da qualche parte
D'ALFONSO: numero uno eh! Minchia un personaggio
ANDREA:
EH SERGIO, SERGIO È NUMERO UNO, NUMERO UNO. M'HA DETTO, MI FA,
GUARDA, STO CERCANDO…FA, STIAMO CERCANDO DI...DI LAVORARE UN PÒ CON DANI,
HO DETTO GUA CHE DANI È UN RAGAZZO SIA LUI CHE IL PAPÀ, SUPER PER BENE, MI FA
NO MA GUARDA LI CONOSCO, CONOSCO BENE, GLI HO DETTO
D'ALFONSO: SAI COS'È CHE, SAI COS'È, CHE È UNO CHE CHIUDE LE COSE, CIOÈ UNA
ROBA ALLUCINANTE SÌ.
ANDREA:
EH MA TU HAI CAPITO CHE IN AMSA, VERAMENTE IO SONO STATO CON
LUI... EH PIÙ VOLTE, SONO STATO ANCHE IN GIRO UNA GIORNATA CON LUI, MINCHIA
VERAMENTE È FORTISSIMO! FIGA GUARDA, FORSE È IL NUMERO UNO EH!
D'ALFONSO: quando passa, c***o lì si muove...
ANDREA:
eh lo so, lo so, lo so
D'ALFONSO: è allucinante!
ANDREA:
e come, e come c***o conosci a Maurino tu? Come sei finito a conoscere a Maurino?
(De Cillis, n.d.r.)
D'ALFONSO: No me l'ha presentato lui Mauro
ANDREA:
Ah, ah, ah ok ok
D'ALFONSO: no
ANDREA:
PERCHÈ È AMICO DI...DI CO...DI PIETRO NO? DI...(Tatarella, n.d.r.)
D'ALFONSO: SÌ, DI PIETRO
ANDREA:
Ah ok ok
D'ALFONSO: no, no, me l'ha presentato lui ma anche a Pietro gliel'ha presentato lui (Salerno ha
presentato De Cillis a Tatarella)
ANDREA:
sì, sì, sì, sì. Mauro è ultro pe...un altro giusto, se hai bisogno di qualche favore,
Maurino si muove bene dappertutto eh? lì a Elia gli ha fatto avere il passaporto in un giorno
quindi...un'altra volta quindi...(inc.) in gamba [.. irrilevante..]
Un’altra dazione verrà monitorata il 25.10.2018, quando D’ALFONSO incontra SALERNO al quale
consegna un’altra tranche del denaro
(D'ALFONSO:) "due e cinque" [..] " SI SENTE CHE DANIELE CONTA DEI SOLDI, CONTA
FINO A 37". Durante l'incontro si parla di una precedente dazione di denaro di “TREMILA EURO
" [..] "MA L'ALTRA VOLTA COS’ È CHE MANCAVA, CHE AVEVO SBAGLIATO I CONTI?"
[...] "NO DI 100 EURO, MI HAI DETTO "GUARDA CHE SONO 1400
(MILLEQUATTROCENTO/00 EURO, NDR) E NON 1500 (MILLECINQUECENTO/00 EURO,
NDR)" [..] "NON TI RICORDI PIÙ?..CHE LI HAI CONTATI E MI HAI DETTO "GUARDA CHE
HAI SBAGLIATO CENTO EURO"....NO CINQUECENTO (500)" [...] "TI HO DATO TRE (3)?".
I due si accordano per le future consegne del denaro che, per cautela, non supereranno le 3.000 euro
"ADESSO FACCIO UN PÒ DI STAMPERIA ANCORA E TI DICO, 3 K OGNI VOLTA,
PIANO PIANO, NO MA È VERO, NON VA BENE ANDARE IN GIRO CON TROPPA
ROBA"
Amb. n. 6715 del 25.10.2018 su SMART D’ALFONSO
[Pr.6715 - A - 3 ore 18:09:39]: auto in movimento, a bordo Daniele
Milano, Milano (Vicino a) Via Olgettina[Pr.6715 - A - 3 ore 18:11:01]:scende sempre in AMSA,
incontra Mauro De Cillis (vds progr. 134168 ut. Daniele, ndr)
[Pr.6715 - A - 5 ore 18:46:08]: auto in movimento, a bordo Daniele, chiama Sergio Salerno, il quale
dice che sta uscendo
255
[Pr.6715 - A - 5 ore 18:46:27]: Daniele dice "due e cinque" (parla da solo)
[Pr.6715 - A - 5 ore 18:51:18]: SI SENTE CHE DANIELE CONTA DEI SOLDI, CONTA FINO
A 37
[Pr.6715 - A - 5 ore 18:53:15]: segue trascrizione integrale (i due si trovano a bordo delle rispettive
autovetture)
Daniele:
vai avanti te..vai avanti te
Sergio:
dove vuoi andare?
Daniele:
un bar del cazzo..sotto casa tua, dove vuoi
Sergio:
devi andare verso di là (inc)
Daniele:
io poi vado a casa
Sergio:
(inc)
Daniele:
un minuto...MA L'ALTRA VOLTA COS’È CHE MANCAVA, CHE AVEVO
SBAGLIATO I CONTI?
Sergio:
(inc)
Daniele:
NO DI 100 EURO, MI HAI DETTO "GUARDA CHE SONO 1400
(MILLEQUATTROCENTO/00 EURO, NDR) E NON 1500 (MILLECINQUECENTO/00 EURO,
NDR)"
Sergio:
non mi ricordo
Daniele:
NON TI RICORDI PIÙ?..CHE LI HAI CONTATI E MI HAI DETTO "GUARDA CHE
HAI SBAGLIATO CENTO EURO"....NO CINQUECENTO (500)
Sergio:
NO ERA GIUSTO, ERA…TU MI HAI DATO 500 IN PIÙ, MA ERANO 500 IN MENO
Daniele:
AH TONDI, OK...
Sergio:
TRE (3) MI HAI DATO
Daniele:
TI HO DATO TRE (3)?
Sergio:
FINORA...
[Pr.6715 - A - 5 ore 18:54:18]: Sergio dà indicazioni stradali a Daniele, i due proseguono il tragitto,
Daniele conta i soldi
Milano , Milano Via Feltre[Pr.6715 - A - 6 ore 18:58:11]: incontra Salerno Sergio
Segue,poi, l’ambientale n. 6716: all'esterno dell'auto Daniele in conversazione telefonica, all'esterno è
presente anche Salerno Sergio
[Pr.6716 - A - 1 ore 19:32:44]: segue trascrizione integrale
Sergio:
ci sentiamo domani?
Daniele:
saranno nove mesi che gli dico fate (inc) di amianto in più (inc) dei ragazzi (inc) (si
riferisce alla conversazione telefonica appena conclusa, ndr)
Sergio:
(risata)
Daniele:
grazie
Sergio:
grazie a te
Daniele:
ADESSO FACCIO UN PÒ DI STAMPERIA ANCORA E TI DICO, 3 K OGNI
VOLTA, PIANO PIANO, NO MA È VERO, NON VA BENE ANDARE IN GIRO CON
TROPPA ROBA
Sergio:
no va bene
Riassumendo, dall’attività tecnica è stato possibile monitorare le seguenti promesse ed i seguenti
pagamenti:
- il 19.06.18 D’ALFONSO promette una somma ricompresa fra i 70.000 ed i 90.000 euro in tre anni
(quindi 20.000/30.000 euro all’anno) per l’aggiudicazione di tre gare in A.M.S.A. (cfr. progr. 3475
del 19.06.18 - – Amb. Bmw x5);
- il 07.09.18 D’ALFONSO consegna a SALERNO la somma di 15.000,00 euro72 “CIOÈ ERANO
QUINDICI (15) GRADI ALLA FINE E NON VENTI! (20) “(cfr. progr. 1373 del 07.09.18 – Amb.
Rivale Daniele e progr. 48115 del 07.09.18 – ut. 3382497928 Salerno);
- 19.10.18 D’ALFONSO consegna a SALERNO la somma di 1500 euro73 (cfr. progr. 6560 del
19.10.18 – Amb. Smart Daniele e progr. 3090 del 19.10.18 – Amb. 500 Salerno);
72 l’importo di tale somma viene spiegato al punto 5
73 l’importo di tale somma viene spiegato al punto 5
256
- 25.10.18 D’ALFONSO consegna 3700 euro a SALERNO “Daniele dice "due e cinque" (parla da
solo).” “si sente che Daniele conta dei soldi, conta fino a 37”; (cfr. progr. 6715 - 6716 del 25.10.18 –
Amb. Smart Daniele)
Nel corso della medesima ambientale, i due poi conversano in merito alle somme fino ad ora
consegnate da DANIELE e agli errori commessi da quest’ultimo nella consegna del denaro “MA
L'ALTRA VOLTA COS’È CHE MANCAVA, CHE AVEVO SBAGLIATO I CONTI?” “NO DI 100
EURO, MI HAI DETTO "GUARDA CHE SONO 1400 E NON 1500" “NON TI RICORDI
PIÙ?..CHE LI HAI CONTATI E MI HAI DETTO "GUARDA CHE HAI SBAGLIATO CENTO
EURO"....NO CINQUECENTO” e SALERNO risponde “NO ERA GIUSTO, ERA…TU MI HAI
DATO 500 IN PIÙ, MA ERANO 500 IN MENO” ed infine SALERNO aggiunge che fino ad ora ha
ricevuto 3.000 euro.
Questo scambio di battute ci permette di affermare che:
- per le dazioni di denaro documentate fino ad ora, SALERNO ha percepito in tutto 3.000 euro;
- la somma di denaro consegnata in data 07.09.2018 (punto 2) è stata verosimilmente di 15.000,00
anziché i 20.000,00 originariamente concordati;
- la somma di denaro consegnata in data 19.10.2018 (punto 3) è stata di 1500 euro poiché, anche se
non indicata esplicitamente nelle conversazioni, la si può ricavare da una deduzione logica:
SALERNO afferma che fino ad ora ha ricevuto 3.000 euro, nella prima dazione D’ALFONSO ha
consegnato 1500 euro e quindi automaticamente la seconda dazione di denaro deve essere stata
necessariamente di 1500 (3000 - 1500= 1500).
- D’ALFONSO promette di consegnare d’ora in poi il denaro in “tranche” da 3.000 euro.
- 02.12.18 D’ALFONSO consegna a SALERNO una somma imprecisata di denaro “no vabbè ma
Sergio è bravo non è…non è di uno di quelli che dice “mi devi dare senno non faccio”…lui dice
“QUANDO CE LI HAI ME LI PORTI” dice”74 (cfr. progr. 3445 del 02.12.18 – Amb. 500 Rivale
Daniele).
- 16.12.18 D’ALFONSO consegna a Salerno una somma imprecisata di denaro (cfr. progr. 3780 del
16.12.18 – Amb. 500 Rivale D’Alfonso).
Di seguito si riporta una tabella che sintetizza graficamente quanto appena affermato:
Linea
Sio
RIT
DATA
PRO
G.
UTENZA
12159
75/18
19/06/18
3475
Amb. Bmw X5 da 70.000 a
Dani
90.000 euro
per tre anni
12881
1251/1
8
1373
07/09/18
Amb.
Rivale
1
2
12536
Somme
Somme
date
in pagate
precedenza
500
15.000,
euro
48115
11664
591/18
75/18
12748
726/18
11664
75/18
25/10/18
6715
12881
1251/1
8
02/12/18
6716
3445
3
6560
19/10/18
3090
4
6
Somme
promesse
3382497928
Amb.
Smart
Dani
Amb.
500
Salerno
Amb.
Dani
Smart 3000 euro
Amb.
500
Rivale Dani
74 frase pronunciata da D’ALFONSO e detta a Pantano Francesca immediatemente dopo l’incontro con Salerno.
257
1500
euro
3700
euro
Importo
imprecis
12881
7
1251/1
8
16/12/18
3780
ato
Importo
imprecis
ato
Amb.
500
Rivale Dani
TOTALE
70.000/90.00
0 euro
>
20.200
Euro
A proposito di SALERNO Sergio non appare residuare alcun dubbio in ordine al fatto che egli,
sistematicamente, svenda il pubblico servizio di cui è incaricato in favore di D’ALFONSO Daniele e
che da questi venga periodicamente e costantemente remunerato: il P.M. ,a questo proposito, utilizza
l’espressione: “Salerno a libro-paga di D’Alfonso”.
In effetti, dall’ultima conversazione analizzata pare proprio essere questa l’intenzione di D’ALFONSO
che, acquisita la piena fiducia nel dipendente AMSA, pensa di corrispondergli periodicamente 3.000
euro indipendentemente dall’importanza delle informazioni ricevute o dall’attività di favoreggiamento
in concreto compiuta, proprio perché confida nel fatto che il loro rapporto sarà duraturo, stabile e
fruttuoso.
In altri termini, D’ALFONSO retribuisce SALERNO affinchè anche in futuro, come già per il passato,
egli lo tenga costantemente informato in merito alla prossima indizione di gare o di procedure ad
invito da parte di AMSA s.p.a. , gli comunichi in anticipo elementi essenziali del contenuto del bando
e della procedura, acquisisca da D’ALFONSO, nel caso di affidamento di appalti sottosoglia
attraverso la procedura di cui all’art. 36 Codice Appalti, i nominativi delle ditte “di comodo” cui
inviare lettere di invito ad offrire, così da manipolare e distorcere i meccanismi di assegnazione delle
procedure ad evidenza pubblica.
SALERNO infine viene remunerato perché continui a svolgere costantemente funzioni di
collegamento fra D’ALFONSO ed i vertici di AMSA s.p.a (primo fra tutti DE CILLIS) ed altri
funzionari di volta in volta operativi nelle singole procedure.
Quanto a RIVA Gian Paolo, la sua posizione appare più sfumata, ma non per questo gli indizi a suo
carico possono considerarsi meno gravi.
Investito di mansioni che implicano anche un diretto rilievo esterno (RIVA è direttore dell’unità
operativa di Primaticcio, uno degli ambiti territoriali in cui AMSA S.p.a. ha suddiviso il territorio di
competenza, dipendente, quanto ai controlli, direttamente da DE CILLIS), RIVA è più accorto nel
tenere i contatti diretti con D’ALFONSO.
E’ chiaro tuttavia come molte delle informazioni di cui SALERNO dispone provengano proprio da
RIVA, il quale pertanto in tal modo compie atti contrari ai doveri d’ufficio in violazione dei suoi
doveri istituzionali di correttezza e del principio di imparzialità di cui all’art. 97 Cost. ricevendo, in
cambio, da D’ALFONSO la sua quota parte di remunerazione in denaro (si vedano a questo proposito
gli incontri successivi al ricevimento della somma di 15.000 euro da parte di Salerno e le eloquenti
conversazioni con quest’ultimo trattenute a proposito di pareggiare i conti con D’Alfonso), nonché
l’ulteriore utilità rappresentata dall’assunzione del proprio figlio Matteo alle dipendenze di ECOLService s.r.l.
Singolare, e significativo, a questo proposito il dialogo intrattenuto con SALERNO, in cui RIVA
riporta i malumori espressi dal figlio per il fatto di essere stato richiamato da D’ALFONSO in quanto
poco disponibile a garantire la sua presenza in ufficio nella giornata del sabato. RIVA, prendendo le
parti del congiunto, fa notare a SALERNO che il datore di lavoro dovrebbe incentivare il proprio
dipendente dal punto di vista economico ove pretenda dal medesimo un maggior numero di ore
lavorate ed invita SALERNO a farsi latore di queste rivendicazioni retributive, approfittando
dell’occasione per pareggiare con D’ALFONSO anche i rapporti dare-avere di loro spettanza, con
inequivoco riferimento alle periodiche dazioni corruttive.
Più delicata e complessa appare la valutazione degli indizi a proposito di DE CILLIS Mauro che, in
base all’originaria richiesta di misura, non figurava tra gli indagati per i quali l’Ufficio del P.M. aveva
ritenuto emergere gravi indizi in relazione al capo d’incolpazione sub. II.11.
258
Con integrazione depositata il 13 aprile 2019, l’Ufficio del P.M. evidenziava quanto segue.
“Alla luce delle più recenti risultanze dell’attività tecnica in corso 75, è da ritenersi che con riguardo al
capo d’imputazione II.11 sussista un quadro gravemente indiziario anche con riferimento alla
posizione di DE CILLIS Mauro.
Orbene, il 19.03.2019 a bordo dell’auto Fiat 500 Rivale (RIT. 1251-18) veniva intercettata la seguente
conversazione fra TATARELLA e D’ALFONSO: il primo, appreso da D’ALFONSO che Mauro DE
CILLIS potrebbe essere oggetto di indagine a seguito dell’arresto del suo uomo di fiducia, Roberto
Natalino VENUTI,76 (avvenuto il 14.03.2019 ad opera della Guardia di Finanza di Taranto a seguito di
O.C.C.C. n. 6742/18 R.G.G.I.P. emessa dal G.I.P. del Tribunale di Taranto in ordine al reato di
corruzione), consiglia prudentemente a D’ALFONSO che è meglio se si fermino (“…STIAMO
FERMI…”).
Roberto Natalino VENUTI, è un manager di LINEA AMBIENTE S.R.L., controllata dalla LINEA
GROUP HOLDING s.p.a., a sua volta rientrante nel gruppo A2A S.P.A. e, nell’ambito del predetto
procedimento penale condotto dalla Procura di Taranto, è accusato di aver corrotto l’ex presidente
della provincia di Taranto TAMBURRINO per l’ampliamento di una discarica di Grottaglie (TA)
gestita da Linea Ambiente, dopo il diniego della provincia di Taranto e del TAR.
Che il VENUTI sia in contatto con DE CILLIS è documentato dal fatto che, nel corso
dell’intercettazione telefonica dell’utenza n. 335.5991646 (RIT. 726-18), in uso a DE CILLIS Mauro
venivano censite n. 7 conversazioni telefoniche (di carattere lavorativo o per vedersi di persona) in
uscita verso l’utenza 334.3113166, in uso a Roberto Natalino VENUTI.
Si riporta la trascrizione integrale della citata conversazione ambientale:
Prog. 6003 del 19.3.2019 in FIAT 500 RIVALE in uso a D’ALFONSO
Mezzo in movimento, a bordo Pietro Tatarella e Daniele D'Alfonso.
[Pr.6003 - A - 3 ore 12:21:41]: INIZIO TRASCRIZIONE INTEGRALE
Tatarella Pietro:
ieri ho beccato Mauro
D'Alfonso Daniele:
eh
Tatarella Pietro:
l'ho beccato...per caso DE CILLIS
D'Alfonso Daniele:
ma è vero questo casino che sta succedendo?
Tatarella Pietro:
cos'è questo casino?
D'Alfonso Daniele:
la roba per LGH della Puglia...sai chi è quello della Puglia che è andato....
Tatarella Pietro:
m’han detto che hanno arrestato quello a Melfi...
D'Alfonso Daniele:
si
Tatarella Pietro:
MA CHI È?
D'Alfonso Daniele:
EH UN SUO AMICO UN SUO UOMO
Tatarella Pietro:
INC
D'Alfonso Daniele:
Venuti...porca troia (arrestato dirigente di Linea Ambiante Roberto Natalino
VENUTI per corruzione dalla GDF di Taranto – ndr.)
Tatarella Pietro:
veramente?
D'Alfonso Daniele:
si...
Tatarella Pietro:
si mi ha detto qualcosa però...mi sembrava tranquillo...
D'Alfonso Daniele:
si?...dobbiamo chiamare Loris per domani...non so se Sergio...ha solo cercato di
depistarmi o se...
Tatarella Pietro:
perchè?
D'Alfonso Daniele:
ha detto che c'è un occhio...un...una lente di ingrandimento
Tatarella Pietro:
su di chi?
D'Alfonso Daniele:
su INC...su Mauro
Tatarella Pietro:
si?...come mai?
D'Alfonso Daniele:
eh un pò per questa cosa di LGH che ha fatto esplodere poi una serie di cose....
Tatarella Pietro:
STIAM FERMI
D'Alfonso Daniele:
eh?
Tatarella Pietro:
STIAMO FERMI
75 Informativa n. 878/1-223 prot. CC Monza del 4.4.2019
76 nato a Saronno il 25.12.1968, residente a Cesano Maderno via De Medici n. 51/B
259
D'Alfonso Daniele:
non so se è vero se Sergio esageri
[Pr.6003 - A - 3 ore 12: 22:47]: procedono in macchina in silenzio
[Pr.6003 - A - 3 ore 12: 23:25]: Pietro dice che domani è in Commissione e saluta Daniele e chiede come sia
messo lui, Daniele dice che deve stare dietro a Dario (nuovo dipendente Ecol Service)
[Pr.6003 - A - 3 ore 12: 23:45]: scendono dal mezzo
All’esterno del mezzo
[Pr.6003 - A - 3 ore 12:23:54]:
Tatarella Pietro:
ehhh...per quella roba...no dicevo di Mauro...non lo so che cazzo può essere però...
D'Alfonso Daniele:
chiama Loris dov'è domani
Tatarella Pietro:
certo INC
[Pr.6003 - A - 3 ore 12: 24:00]: incomprensibile
[Pr.6003 - A - 3 ore 12: 24:20]:
D'Alfonso Daniele:
però siccome ci sono anche gli altri INC
In via generale deve osservarsi l’altissimo grado di attendibilità di tale conversazione: essa intercorre
fra due soggetti che, come visto, sono fra loro strettamente legati in relazione alla sistematica attività
corruttiva dagli stessi posta in essere nei confronti di una pletora di soggetti.
Non solo. Si tratta di captazione ambientale e, quindi, in un luogo che i due interlocutori ritengono
essere particolarmente sicuro ed al riparo da “ascolti” terzi.
Da tale ambientale emerge che:
a) colui che ha veicolato a D’ALFONSO le preoccupazioni relative a DE CILLIS (c’è un occhio, una
lente di ingrandimento..su Mauro) é SALERNO Sergio (Sergio);
b) gli interlocutori esternano timori riguardo la possibilità che l’indagine pugliese possa estendersi ed
arrivare fino a DE CILLIS;
c) la precauzione adottata è quella di star fermi;
Tale scambio di battute consente di rileggere il contenuto del materiale indiziario posto a base
dell’evocato capo d’incolpazione, laddove, in particolare, è da ritenersi che per la scrutinata vicenda
corruttiva, sussistano gravi indizi di colpevolezza anche a carico del DE CILLIS.
Valga premettere che DE CILLIS, nella sua veste di Responsabile Operativo di AMSA s.p.a., ha varie
funzioni, fra le quali quella del coordinamento della funzione commerciale, responsabile del
budget e del piano di investimenti e sovraintende 5 dirigenti delle unità operative di AMSA
dislocate sul territorio fra cui quella di Primaticcio (di cui è dirigente Gian Paolo RIVA) e
Olgettina (più volte citata nella presente vicenda).
Ne deriva, quindi, come prima conseguenza, che ben difficilmente un singolo dipendente delle unità
operative o, più in generale, della società, potrebbe assumere iniziative autonome ed all’insaputa del
dirigente.
A ciò si aggiunga come pacifici siano i rapporti tra D'ALFONSO e DE CILLIS Mauro, nati
grazie all'intervento di TATARELLA Pietro.
Orbene, l’ambientale registrata in data 19 marzo 2019 consente di coagulare gli elementi indiziari già
emersi a carico di DE CILLIS in ordine al capo sub II.11quale destinatario di parte della tangente
pagata il 7.9.2018 o quanto meno come soggetto perfettamente consapevole che tra D’Alfonso e due
dei suoi subalterni è in atto un accordo corruttivo che implica, come contrprestazione, il compimento
da parte dello stesso De Cillis di atti contrari ai doveri del suo ufficio.
E’ pacifico che il 7.9.2018 si tenne, all’esito di accordi pregressi, un incontro conviviale presso il
ristorante “Grigliamania” di piazza Sire Raul a Milano (luogo già utilizzato il 20.04.2018 da DE
CILLIS, SALERNO, D’ALFONSO e ZAFFRA Loris per un “pranzo d’affari”), tra SALERNO
Sergio, D'ALFONSO Daniele e DE CILLIS Mauro, chiamato da SALERNO nel corso della
telefonata77 del 30.8.2018 “il Maestro” (l'appellativo era già stato utilizzato da SALERNO il giorno
77 (tel. 104374 del 30.8.2018, ore 17:27, in uscita da 3485989733 di D'ALFONSO Daniele, diretta a 3382497928 di SALERNO Sergio RIT 1894/17) "D'ALFONSO DANIELE riferisce a SALERNO SERGIO che sta andando lì. SALERNO replica: "IL 07 (SETTE) COME SEI
MESSO? D'ALFONSO DANIELE: LIBERI!. SALERNO SERGIO: PERFETTO! VEDIAMO IL MAESTRO! D'ALFONSO DANIELE:
VA BENE!" D'ALFONSO prosegue dicendo che domani gli porteranno la batteria per la Fiat 500 quando porta la moglie all'aeroporto
260
21.04.2018 quando, nel raccontare telefonicamente78 al coindagato RIVA Paolo, del pranzo avvenuto
il giorno prima sempre in piazza Sire Raul, specifica che vi era anche il “Maestro d’orchestra”
identificato dal servizio di O.C.P. del 20.04.2018 in Mauro DE CILLIS)
Così come pacifico che, al termine di tale incontro, D’ALFONSO ebbe a consegnare una somma di
denaro a SALERNO.
Plurimi sono gli elementi che consentivano di ritenere che il DE CILLIS fosse stato della “partita”:
a) il pranzo era stato concordato fra SALERNO e D’ALFONSO d’intesa con DE CILLIS (tel. n.
46516 in cui DE CILLIS dice che venerdì dovrebbe avere un altro incontro e chiede se il loro è
confermato. SALERNO risponde "è confermato...perchè tu mi hai detto che...che eri più tranquillo..."
e DE CILLIS ribatte che allora sposterà l'altro appuntamento; SALERNO dice "all'una lì...in quel
po...poi ti vengo a trovare e te lo dico di persona" ). Da rimarcare, a quest’ultimo proposito,
l’accortezza utilizzata da SALERNO nel non indicare per telefono il luogo dell’appuntamento,
preferendo recarsi di persona da DE CILLIS per confermarglielo. Tale precauzione non si
spiegherebbe se non nell’ottica che i due interlocutori fossero perfettamente a conoscenza del fatto che
la riunione conviviale fosse prodromica al pagamento della tangente.
b) Il pranzo del 7.9.2018 è preceduto dalle telefonate:
- delle ore 12:5579, tra SALERNO e D'ALFONSO, in cui quest'ultimo informa di essere a 3 km (dal
ristorante);
- delle ore 12:5680, tra DE CILLIS e SALERNO, nel corso della quale quest'ultimo informa che la
terza persona è in arrivo (i due sono chiaramente d'accordo nel non nominare D'ALFONSO al
telefono).
c) DE CILLIS si porterà, alle ore 12.55, al luogo convenuto con la propria macchina e verrà raggiunto,
tre minuti dopo, da SALERNO; al termine del pranzo ognuno dei due si allontana a bordo del
rispettivo veicolo
Tale circostanza nonpuò ritenersi casuale, ma perfettamente organizzata al fine di evitare a DE
CILLIS di essere presente al momento della dazione tangentizia che da lì a poco si verificherà.
Dalla ricostruzione dei fatti81 si è accertato che, pur sapendo DE CILLIS e SALERNO che sarebbero
andati a pranzo assieme:
SALERNO SERGIO ringrazia e riferisce che le cose li gli hanno detto che dovrebbero essere apposto. D'ALFONSO risponde che lo sa,
perchè gli hanno scritto dicendo che domani dovrebbero essere a posto. D'ALFONSO continua riferendo che sta andando a prendere i
biglietti (ndr. Gran Premio di Monza) SALERNO SERGIO conclude dicendo che va bene".
78 Tel n. 629 del 21.04.2018 sull’utenza di SALERNO - RIT. 591-18
79
Nr. monitorato
Intestatario
Usuario
RIT
+393382497928
DIPEND.ENTI LOCALI PROV.DI M FEDERAZ.ITAL.AUTONOMA
SALERNO SERGIO
591-18
Nr. interlocutore
Intestatario interlocutore
Usuario interlocutore
+393485989733
ECOL SERVICE SRL
D'ALFONSO DANIELE
Progressivo
Data Ora
Tipo
Chiamante
Chiamato
48040
07/09/2018 12:55
AUDIO
+393382497928
+393485989733
Sintesi
SALERNO con D'ALFONSO al quale chiede se si vedranno. Daniele dice di essere a 3 km. Sergio dice anche lui e che si vedranno li.
80
Nr. monitorato
+393382497928
Intestatario
Usuario
DIPEND.ENTI LOCALI PROV.DI M
SALERNO SERGIO
FEDERAZ.ITAL.AUTONOMA
Intestatario interlocutore
Usuario interlocutore
SELENE spa AMSA
DE CILLIS MAURO
Data Ora
Tipo
Chiamante
Chiamato
07/09/2018 12:56
AUDIO
+393355991646
+393382497928
RIT
591-18
Nr. interlocutore
+393355991646
Progressivo
48041
Sintesi
DE CILLIS Mauro chiama SALERNO Sergio il quale dice che sta parcheggiando. Mauro chiede se è il solito posto in quanto non hanno la
prenotazione. Sergio dice di non preoccuparsi che sta arrivando (inteso che si riferisce a D'ALFONSO Daniele, sentito nella telefonata
precedente che gli ha riferito di essere a 3 km ndr).Sergio dice di essere al semaforo e che arriva tra un minuto. DE CILLIS dice che allora
entreranno dentro facendosi i fatti loro
81 ore 12:52 SALERNO Sergio sale a bordo della vettura monitorata (RIT 726/18) e parte dal parcheggio di AMSA di via Olgettina diretto
al ristorante "GRIGLIAMANIA"; ore 12:48 la cella del telefono di DE CILLIS Mauro (335.5991646 - RIT 726/18) aggancia la cella di
"ATM - Cascina Gobba" che copre la sede AMSA di via Olgettina di Milano; ore 14:40 circa termina il pranzo (cfr. verbale fine
intercettazione ambientale nelle vicinanze tavolo da pranzo); 14:43 SALERNO sale a bordo della propria vettura (progr. 2088 RIT 726/18);
261
- sono partiti entrambi negli stessi orari dalla sede AMSA spa di Milano via Olgettina a bordo di due
autovetture diverse;
- dopo il pranzo sono rientrati entrambi direttamente nella medesima sede AMSA di via Olgettina
sulle proprie rispettive autovetture senza incontrare alcuno, ad eccezione ovviamente di D'ALFONSO
per quanto riguarda il SALERNO, o comunque fare altre soste.
d) il pranzo aveva, sicuramente, ad oggetto le indicende gare: in tal senso va evidenziato il contenuto
della conversazione svoltasi nel ristorante quel giorno, oggetto, a sua volta di intercettazione
ambientale (amb. n. 113819 e 114819).
D’ALFONSO dira’, chiaramente rivolto a DE CILLIS, “…manda fuori una gara
ponte…inc…trattativa privata…inc…di sconto e ancora non ci hanno fatto sapere niente e non
capiamo il perché…lavoratori…inc…nominativo…inc…l’anno prossimo" [..] "Gianmarco è stato
bravo…inc…puoi dire le stesse cose in altro modo…inc…Gianmarco è duro è rigido”
e) dopo che D’ALFONSO ha consegnato la somma di Euro 15.000,00 a SALERNO, i due iniziano a
parlare dei nominativi da invitare ad una non meglio precisata gara, SALERNO si raccomanda con
D’ALFONSO di non scrivere niente “ehi non mi mandare un cazzo, non mi scrivere niente”. Sempre
in tale contesto, emerge, si badi bene, che di tale gara, di cui non vi è ancora certezza del numero di
lotti, D'ALFONSO ne ha parlato con DE CILLIS durante il pranzo "PERÒ MI DEVI DIRE SE SON
TRE O DUE, PERCHÈ POI ALLA FINE NON HO CAPITO CHE CAZZO HA FATTO, CHE
LUI PENSA CHE SO TUTTO, MA NON SO UN CAZZO".82
Si è visto quanto accadde al rientro di SALERNO in AMSA s.p.a. ed alla sua impellenza di
comunicare a RIVA Gian Paolo il “buon esito” della riunione ("PORTO UNA LISTA DELLA SPESA
CHE NON HAI NEANCHE IDEA!).
Benchè non siano stati evidenziati analoghi contatti con DE CILLIS, si ritiene che ciò sia giustificato
dal fatto che, nel comunicare con il Dirigente, SALERNO, come si è visto, adotti maggiori cautele
rispetto a quelle utilizzate con il complice RIVA.
Alla luce dell’intercettazione del 19.3.2019, diventa inoltre più chiaro e concreto il motivo
dell’anomalo e macchinoso spostamento di DE CILLIS per raggiungere il ristorante e per allontanarsi
dallo stesso.
Come si è visto, SALERNO e DE CILLIS usano due autovetture diverse per raggiungere la stessa
destinazione (dove tra l'altro, considerato il luogo e l'orario, la possibilità di trovare parcheggio risulta
ardua: non a caso, SALERNO alle ore 14:10 circa si trova costretto a spostare la propria vettura progr. 2088 - RIT 726/18), pur provenendo entrambi dallo stesso luogo di lavoro e dovendo tornare
dopo pranzo nel medesimo posto.
Che ciò avvenga non per tenere il DE CILLIS all’oscuro dei rapporti corruttivi con D’ALFONSO, ma
per cautelarlo facendo sì che il pagamento non avvenga in sua presenza, appare discendere dalla
logica, prima che dalla constatazione dei rapporti anomali che legano direttamente DE CILLIS a
D’ALFONSO e che ci apprestiamo a evidenziare.
L’utilizzo delle cautele consistenti nel non menzionare il nome di D’ALFONSO nel corso delle
telefonate intercorse prima del pranzo tra SALERNO e DE CILLIS, nel non riferire al telefono il
nominativo del ristorante ove è in programma il pranzo, nell’utilizzare due autovetture diverse pur
essendo diretti e dovendo far rientro nello stesso posto, sono tutti elementi che depongono
univocamente nel senso della perfetta consapevolezza da parte del funzionario AMSA dello scopo
della riunione e del fatto che all’esito della stessa vi sarà il pagamento della tangente.
DE CILLIS nonostante le cautele adottate vuole presenziare personalmente al pranzo, tanto che,
come emerge dalla conversazione telefonica con SALERNO, sposta un altro concomitante
impegno.
Tale presenza non può che essere indicativa del fatto che DE CILLIS intende confermare la sua
partecipazione all’accordo corruttivo e sia totalmente consapevole della tangente che D’ALFONSO
ore 14:51 l'utenza di DE CILLIS (335.5991646 - RIT 726/18) aggancia la cella di "ATM - Cascina Gobba" che copre la sede AMSA di via
Olgettina di Milano; ore 14:55, SALERNO rientra, a bordo dell'autovettura monitorata (RIT 726/18) nel parcheggio di AMSA di via
Olgettina.
82 amb. 1373 del 7.9.2018, ore 14:43, a bordo Fiat Rivale di D'ALFONSO Daniele - RIT 1251/18
262
si appresta a pagare: ciò è necessario e sufficiente ad affermare la sua responsabilità concorsuale,
tenuto conto del fatto che solo De Cillis, e non certo Salerno o Riva, avevano all’interno di AMSA
il concreto potere di avantaggiare D’Alfonso in maniera così pesante ed incisiva come
l’illustrazione della turbativa di gara di cui al capo II.10 ha permesso di evidenziare.
D’altra parte, ciò appare in linea con gli insegnamenti della giurisprudenza in tema di corruzione.
In effetti, secondo l’interpretazione letterale e il maggioritario orientamento della Suprema Corte
rientra nello schema legale del reato di cui all’art. 319 c.p. anche l’ipotesi che il soggetto ultimo,
avvantaggiato dalla vendita delle funzioni pubbliche, non sia colui che compie l'atto contrario ai suoi
doveri, ma una terza persona, legata al pubblico ufficiale.
Si tratta ques’ultima di un’acquisizione del tutto consolidata presso la giurisrudenza di
legittimità(Cass., n. 2006 del 1996, Cass., n. 277 del 1993; Cass. N. 3523 DEL 07/11/2011RV.
251651; Cass. pen. Sez. VI Sent., 26/03/2013, n. 28264 rv. 255609).
Naturalmente, condizione essenziale per la configurabilità in tali ipotesi della fattispecie corruttiva,
come chiarito anche dalla Suprema Corte di Cassazione nelle pronunce citate, è che il soggetto
pubblico abbia piena consapevolezza del pagamento della tangente come conseguenza del suo
agire.
Il delitto di corruzione è, quindi, configurabile se ed in quanto il patto di corruzione coinvolga il
pubblico ufficiale (o l’incaricato di pubblico servizio) che ha il potere di adottare l’atto contrario ai
doveri d’ufficio oggetto del sinallagma.
Passando al caso di specie, la complessive risultanze probatorie esaminate non lasciano trasparire
dubbi a tale ultimo riguardo.
Mauro De Cillis, personalmente legato a D’Alfonso, con cui intrattiene plurime frequentazioni e
conversazioni, partecipa in modo attivo all'attività di collusione dando luogo ad un prolungata opera
di atti contrari ai suoi doveri d’ufficio finalizzati a favorire l’impresa di D’Alfonso.
Si ricordi, a questo proposito, quanto D’Alfonso e Tatarella commenteranno a proposito delle modalità
con cui De Cillis ( o comunque per sua indicazione i funzionari direttamente preposti) sia riuscito ad
escludere l’impresa concorrente di Ecol-Service e come il rischio che l’aggiudicazione venga
impugnata sia molto remoto in quanto l’organo apicale di AMSA ha fatto un’aggiudicazione
blindata.
Il concetto che si tenta di esprimere è stato chiarito con la seguente consolidata massima “il delitto di
corruzione, attiva o passiva (artt. 318, 319 cod. peni.), può sussistere se ed in quanto il patto di
corruzione coinvolga il pubblico ufficiale (o l'incaricato di pubblico servizio). Ne consegue che, ogni
qual volta vi sia un intermediario, l'azione corruttrice non deve arrestarsi a quest'ultimo, ma deve,
quanto meno, essere nota al pubblico ufficiale competente ad emettere l'atto di mercimonio; deve,
cioè, potersi ricavare univocamente dai fatti il consenso del pubblico ufficiale (o dell'incaricato di
pubblico servizio) alla pattuizione illecita. Sez. 6, Sentenza n. 277 del 01/02/1993.
In tal senso la Suprema Corte ha precisato che la corruzione è configurabile anche nel caso in cui il
denaro o l’utilità siano percepite da un intermediario, a condizione che l’azione corrutrice non si
arresti a quest’ultimo ma sia quantomeno nota al pubblico ufficiale competente ad emettere l’atto
di mercimonio: deve, perciò potersi ricavare univocamente dai fatti il consenso del pubblico
ufficiale (o dell’incaricato di pubblico servizio) alla pattuizione illecita (sul punto, vedi Cass. pen.,
sez. VI, 27 marzo 1993, n. 277, Binasco e altro).
Nel caso che ci occupa pertanto la mancata dimostrazione che una quota delle somme ricevute da
Salerno sia entrata nella sfera patrimoniale di De Cillis non osta all’affermazione della sua
responsabilità concorsuale: ciò che rileva, e che emerge pacificamente dagli elementi indiziari raccolti,
è che De Cillis avesse il potere di compiere gli atti contrari ai doveri d’ufficio promessi ed elargiti a
D’Alfonso e fosse pienamente consapevole che tale illecita attività fosse remunerata attraverso denaro
contante o altre utilità percepite da dipendenti pubblici a lui sottoposti e con lui in stretto contatto.
In realtà, il verbo "riceve", impiegato dall' articolo 319 c.p. non esige il materiale passaggio del denaro
o della utilità dalle mani del pubblico ufficiale competente ad emettere l’atto contrario ai doveri
d’ufficio.
263
Diversamente verrebbero escluse dal campo della corruzione tutte quelle ipotesi - ben note alla
giurisprudenza (Cass., n. 2006 del 1996, Cass., n. 277 del 1993) - in cui il denaro viene incassato da un
soggetto collettore o intermediario. Rimane in tale ipotesi, invero,intatto il nucleo essenziale della
corruzione, che è anche la ragione della sua rilevanza penale, e cioè la esistenza di un nesso
sinallagmatico tra l'esercizio sviato delle funzioni e il pagamento di un prezzo da parte del privato.
Il principio è stato ribadito anche di recente dalla Suprema Corte di Cassazione in una importante
decisione, la cui massima recita “Possono costituire prezzo del reato di corruzione anche somme di
denaro che siano state erogate a soggetti terzi e non al funzionario pubblico”.( Cass. pen. Sez. VI
Sent., 26/03/2013, n. 28264 (rv. 255609)
E’ da premettere che la Corte di Cassazione ha ripetutamente affermato il principio di diritto che ad
integrare il reato di corruzione non occorre una esplicita pattuizione ma l’accordo corruttivo può
essere desunto dai fatti accertati. Non è pertanto necessario un accordo tra intraneus ed extraneus
attraverso una presa di contatto diretta tra il Pubblico ufficiale ed il privato. Il patto corruttivo può
essere stretto anche attraverso l’attività di terzi intermediari che , concorrendo nel reato, realizzano il
collegamento e portano così a compimento il perfezionamento del pactum sceleris, purché risulti dai
fatti e nei fatti che anche il pubblico ufficiale sia consenziente al patto corruttivo. 83
Applicando tale consolidato orientamento giurisprudenziale al caso di specie se ne ricava
incontrovertibilmente, alla luce delle risultanze probatorie in precedenza esaminate, che quand’anche
De Cillis non fosse stato diretto destinatario di una quota parte della dazione corruttiva percepita da
Salerno ( e, per il tramite di quest’ultimo, da Riva) è, invero fuor di dubbio il rapporto tra l’erogazione
dell’utilità e la condotta contra ius sul piano pubblicistico e, dall’altro, la consapevolezza dell’
intraneus di porre in essere una condotta perché altri, e segnatamente Salerno e Riva, ne percepiscano
una remunerazione.
Considerato il ruolo subordinato e la mancanza di effettivo potere decisionale nella definitiva
aggiudicazione degli appalti da parte degli incaricati di pubblico servizio SALERNO e RIVA, soltanto
il Direttore Operativo e Procuratore di AMSA s.p.a., vale a dire DE CILLIS, poteva, compiendo atti
contrari ai doveri d’ufficio, effettivamente determinare l’aggiudicazione della gara n. 3/2018 a EcolService s.r.l. nonostante tale società non possedesse almeno due importanti requisiti richiesti nel bando
(ECOL-Service non era in possesso dell’autorizzazione allo smaltimento dei rifiuti aventi codice CER
160504 e non aveva allegato alla domanda di partecipazione una polizza fidejussoria conforme ai
requisiti richiesti dal capitolato stesso).
E soltanto DE CILLIS, grazie alla documentazione che D’ALFONSO veicolerà tramite SALERNO,
aveva il potere di escludere dalla gara le società concorrenti (nella specie, SELPOWER s.r.l.)
Si è già scritto che molte sono le cose per le quali SALERNO viene pagato: passaggio di informazioni,
il suo essere il trait d’union con DE CILLIS, il suo, in buona sostanza, essere l’uomo di D’ALFONSO
all’interno di AMSA.
Questo è quello che SALERNO può “vendere” a D’ALFONSO.
Ma le scelte relative all’oggetto delle gare da bandire e le caratteristiche della procedura
amministrativa sottostante sono tutte al di fuori della sua portata ed, invece, di competenza, diretta o
indiretta, del DE CILLIS
Pertanto anche dando per ammesso che non vi sia prova che il denaro incassato da SALERNO abbia
come co-destinatario anche DE CILLIS, a quest’ultimo non può certo imputarsi un semplice e
penalmente irrilevante atteggiamento di connivenza (peraltro, quale Direttore responsabile, egli
potrebbe rispondere della corruzione di cui si tratta ex art. 40 cpv c.p. essendo l’organo apicale
rivestito indubbiamente di una posizione di garanzia a tutela degli interessi dell’ente), ma un vero
apporto concorsuale consistente, dal punto di vista materiale, dall’effettivo compimento di atti contrari
ai doveri del suo ufficio esulanti dai poteri dei subalterni e, dal punto di vista psicologico, dalla piena
consapevolezza che quello sviamento di potere viene remunerato da un privato.
In questa prospettiva, SALERNO Sergio emerge come il “braccio operativo” del DE CILLIS e colui
che deve, per suo conto, tenere in via privilegiata i rapporti con il D’ALFONSO.
83
Ad integrare il reato di corruzione non occorre una esplicita pattuizione, ma l'accordo tra i due soggetti può essere desunto dai fatti
accertati. Il patto corruttivo, inoltre può essere stretto anche attraverso l'attività di terzi intermediari che, concorrendo nel reato,
realizzano il collegamento e portano così a compimento il perfezionamento del pactum sceleris, purché risulti dai fatti e nei patti che
anche il pubblico ufficiale sia consenziente al patto corruttivo. ( V mass n 114738).* Sez. 6, Sentenza n. 5913 del 25/01/1982.
264
DE CILLIS, solo apparentemente ha un ruolo sfuggente, ma, oltre al quadro indiziario e logico
apprezzabile da chiunque legga, contestualizzando le sopra illustrate intercettazioni, tre sono i
fortissimi elementi di prova a suo carico.
Da un lato la più volte ricordata frase di SCARIONI (amb. n. 78788 del 24.4.2018) a DI PIERRO sul
fatto che “è inutile che poi mi dice DE CILLIS quante robe gli chiediamo perchè vi lamentate
anche da lui”. È chiaro che SCARIONI subisce pressioni per favorire D’ALFONSO e l’unico che può
avere un simile potere è proprio, in relazione al suo ruolo interno ad AMSA, il DE CILLIS
D’altro lato, la già citata ambientale n. 2306 del 2.5.2018, quando D’ALFONSO, parlando con Pietro
TATARELLA, dice “in chiaro” che DE CILLIS ha chiuso i pericolosi.. e li ha esclusi.
Infine si ricordi l’ambientale n. 2637 del 8.5.2018, in cui D’ALFONSO, parlando con SALERNO, nel
riferire una frase di DE CILLIS, dirà “guarda ho fatto una roba blindata”, rassicurandolo, quindi, in
ordine al fatto che la gara non si presta a ricorsi amministrativi.
D’altra parte, se DE CILLIS fosse estraneo alle vicende corruttive che si concretano sotto i suoi occhi,
di cosa dovrebbe essere preoccupato in conseguenza dei fatti tarantini, se il suo operato fosse
perfettamente regolare?
Alla luce dell’ambientale registrata in data 19 marzo 2019 tra D’ALFONSO e TATARELLA, acquista
un valore ulteriormente indiziante il contenuto della conversazione, risalente al 21.9.2018, fra RIVA e
SALERNO in cui i due riservavano giudizi non certo lusinghieri a proposito di DE CILLIS. ("eh...LE
ULTIME MAZZETTE CHE HA PRESO!!!LE HA MESSE LA!" [...] "EH!
(AFFERMATIVO)...MONZA LE METTEVA...IN SVIZZERA...IN LIECHTENSTEIN..)84
Parimenti significativa, nell’ottica in esame, risulta l’intercettazione ambientale del 4.10.2018, a bordo
della Smart FM430MK di D'ALFONSO, tra quest'ultimo e TATARELLA Pietro.85
In tale conversazione, D’ALFONSO, nel riferirsi a DE CILLIS Mauro, riferisce espressamente che: "è
bravo oh!..io (inc) a tutti, DOPO MAURO QUELLO DI SERGIO" [...] "che Mauro quello di Sergio
volendo potrebbe fare anche il bandito che non lo becca nessuno", confermando, ancora una volta,
il pieno coinvolgimento negli accordi corruttivi del Direttore Operativo di AMSA spa.
La conversazione fotografa con terminologia icastica ciò che l’indagine ha effettivamente consentito
di accertare in modo netto: attraverso l’intermediazione dei suoi sottoposti (segnatamente SALERNO
e RIVA) DE CILLIS mercanteggia la sua funzione pubblica rimanendo nell’ombra, cautelandosi in
ogni modo da possibili tracce dirette tra sé stesso ed i privati corruttori con cui si incontra o con cui
dialoga soltanto quando risulti assolutamente indispensabile.
D’altra parte, che anche De Cillis sia diretto destinatario di diverse utilità dispensate da D’Alfonso
è dimostrato dal contenuto di alcune, pur non frequenti, conversazioni intrattenute direttamente con
l’imprenditore, in cui il pubblico ufficiale si fa avanti in prima persona per chiedere favori consistenti
nell’assunzione presso Ecol-Service s.r.l. di persone raccomandate dal primo, richieste prontamente
soddisfatte da D’ALFONSO quale ulteriore contropartita ai favoritismi di cui gode all’interno di
AMSA che possono concretizzarsi soltanto con l’intervento dell’organo apicale.
In questo senso non è superfluo ricordare che secondo la Corte di Cassazione. (Cfr. Cass., Sez. VI,
27.6.2013, n. 29789) “In tema di corruzione, la nozione di « altra utilità », quale oggetto della
dazione o promessa, ricomprende qualsiasi vantaggio materiale o morale, patrimoniale o non
patrimoniale, che abbia valore per il pubblico agente”
Il “ritorno” patrimoniale che acquisisce De Cillis nel far assumere da D’Alfonso le persone da lui
raccomandate si deve valutare nell’ottica del complessivo meccanismo clientelare imbastito da uno dei
massimi dirigenti di AMSA, il cui potere si dispiega anche oltre i confini dell’azienda che amministra.
Capo II.12. LA CORRUZIONE DI DE CILLIS Mauro
84 Amb. 2422 del 21.9.2018, ore 12:00, a bordo Fiat 500 di Salerno Sergio - RIT 726/18
85 Amb. 6201 del 4.10.2018 ore 08.15 a bordo Smart FM430MK di D'ALFONSO RIT. 75/18
265
Evidenzia a questo proposito l’Ufficio del P.M.:
“Come già osservato quando si è esaminato il capitolo delle tangenti date alla coppia SALERNORIVA, DE CILLIS ha un ruolo centrale nell’attività, eufemisticamente parlando, di lobbysmo che pone
in essere il D’ALFONSO.
Se dalle intercettazioni non è mai emerso il pagamento di una tangente direttamente a DE CILLIS,
come quanto ricostruito per SALERNO (e per RIVA), gli elementi indiziari raccolti sono risultati
sufficientemente gravi ad affermarne una responsabilità concorsuale nel delitto di cui al capo II.11.”
Ritiene il P.M. che a carico di DE CILLIS si configurino anche gravi indizi in relazione ad una distinta
fattispecie corruttiva descritta al capo II.12.
Sul punto, si evidenzia il contenuto di una conversazione ambientale (n. 6668 del 23.10.2018 a bordo
della SMART tg FM430MK) in cui D’ALFONSO, parlando con il fidatissimo TATARELLA,
confessa di aver corrisposto al direttore operativo di AMSA una tangente di Euro 100.000,00 per avere
“tre robe”
(amb. 6668 del 23.10.2018 ore 19:00 a bordo Smart FM430MK - RIT 75/18)
...omissis...
[Pr.6668 - A - 5 ore 19:37:47]: segue trascrizione integrale
Daniele:
ho visto Loris (ZAFFRA Loris, ndr)
Pietro: eh..che ti ha detto?
Daniele:
e gli ho detto, ascolta, io ti dico le robe, io a me..Nino (Caianiello Gioacchino, ndr)
eh, io non voglio saper (inc), non mi parlar di Nino..mi fa "minchia ho saputo che sei un pò
incazzato", gli ho detto, guarda se devo dirti la verità, tu