La macchina di Savery - Simone per la scuola

Commenti

Transcript

La macchina di Savery - Simone per la scuola
ESTENSIONE ON LINE
La macchina di Savery
Materiale occorrente:
• una beuta codata da 500 ml;
• una beuta codata da 1.000 ml;
• un becher da 400 ml;
• due tappi di gomma;
• due termometri;
• due tubi a «U» di vetro;
• un tubo di vetro con rubinetto;
• 4 tubi di gomma;
• una pinza di Mohr;
• una vaschetta di plastica;
• un bunsen;
• tre treppiedi.
Pericoli:
• le istruzioni vanno eseguite in maniera scrupolosa per evitare scoppi e pericolose
emissioni di vapore;
• controllare che i tappi siano fissati energicamente alle beute e che siano a perfetta
tenuta.
Principio
Se, con l’ausilio del vapore, si aumenta la temperatura in un contenitore munito di appositi rubinetti a tenuta, e lo si fa poi raffreddare, la diminuzione
della temperatura provoca la condensazione del vapore residuo.
Questa condensazione provoca una depressione che può aspirare l’acqua da
un contenitore che si trova a un livello più basso.
Schema della macchina (figura 1)
La macchina è formata da:
• una caldaia (A) che produce vapore;
• un contenitore (B) che contiene il fluido di trasmissione;
• un contenitore di raccolta (C);
• una vaschetta di scarico (D).
Metodica
Figura 1 La macchina di Savery
Fase di espansione del vapore (figura 1):
1) tappare il tubo di collegamento della vaschetta (D) con la pinza (3) e aprire
i rubinetti 1 e 2. Così i fluidi possono passare da A in B per poi finire in C;
2) scaldare la caldaia A portando all’ebollizione il fluido in essa contenuto;
3) il vapore attraversa il rubinetto (1), entra nel contenitore (B) e spinge il
fluido dello stesso contenitore (B) nel becher (C).
Fase di condensazione del vapore.
Quando quasi tutta l’acqua del contenitore B passa nel becher C (figura 2):
1) chiudere i rubinetti 1 e 2;
2) aspettare che il contenitore B si raffreddi (si può velocizzare l’operazione
bagnando ripetutamente con un panno umido le pareti esterne della beuta
codata, come rappresentato in figura 3).
1
ESTENSIONE ON LINE
In questo modo il vapore presente all’interno del contenitore B condensa, generando
una depressione.
Figura 2 Il fluido del contenitore B viene spinto
nel becher C
Figura 3 Si raffredda il contenitore B con un
panno
Figura 4 La condensazione causa la depressione, che di conseguenza provoca l’aspirazione
Fase di aspirazione.
Aprire il rubinetto 3: si verifica l’aspirazione dell’acqua dalla vaschetta D al contenitore B (figura 4).
2

Documenti analoghi