La Cronaca del Veneto 1 settembre 2016

Commenti

Transcript

La Cronaca del Veneto 1 settembre 2016
58.000 Spedizioni
Cronaca del Veneto.com
Quotidiano on-line di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza
GIOVEDÌ 1 SETTEMBRE 2016 - N. 1756 ANNO 08 - QUOTIDIANO ON-LINE E CARTACEO - Fondatore e Direttore: ACHILLE OTTAVIANI
Aut.Trib.Vr n° 41356 del 20/01/1997 - Alcogram Srl - Editori di rete - Via Leone Gaetano Patuzzi, 5 - 37121 Verona - C e n t r a l i n o 0 4 5 5 9 1 3 1 6
F a x 0 4 5 8 0 6 7 5 5 7 E - m a i l : r e d a z i o n e @ t v v e n e t o . c o m - St a m p a i n p r o p r i o - w w w. c r o n a c a d e l v e n e t o . c o m / i t / n e t / o r g
GRANDI MANOVRE
EMERGENZA SCUOLA
TANTI SUPERPRESIDI
MA SOLO “REGGENTI”
La scuola riapre i battenti con due
gravi emergenze: la carenza di
docenti e di presidi, chiamati a
governare non più una scuola ma un
territorio vasto. Insomma veri e proprio manager: sono i superpresidi,
calati da Roma a causa dei tagli decisi dal governo per rispettare il tetto
della spesa. Nel Veneto sono 135 i
presidi reggenti nominati dall'Ufficio
scolastico regionale, guidato da
Daniela Beltrame. I colloqui iniziati
lunedì proseguiranno in attesa di
completare il puzzle. Se consideriamo che in tutto, i presidi delle scuole di ogni ordine e grado sono 579, si
nota subito che i reggenti sono il
23% dei dirigenti titolari. Una situazione definita «catastrofica» da
quasi tutti i sindacati di categoria,
che, in passato, nella nostra regione
non si era mai verificata. «In questo
modo, visto che per ogni preside
reggente lo Stato risparmia 25.000
euro lordi all'anno perché costa solo
un terzo rispetto ad uno che ha la
titolarità giuridica, nel solo Veneto il
ministero del Tesoro risparmia ben 3
milioni e 375 mila euro» sottolinea
Salvatore Totò Mazza, segretario
regionale della Cgil-Scuola.
Daniela Beltrame
OK
MOSE, SALTA IL MATRIMONIO
N ESSUN ACCORDO PER IL RILANCIO DELLA SOCIETÀ
M ANTOVANI RIDIMENSIONATA DOPO LO SCANDALO .
PREOCCUPATI I 370 DIPENDENTI. INCOGNITA PARTECIPATE
Nessun matrimonio in vista in
casa Mantovani, scrive il Mattino
di Padova: né con Cimolai, né
con Rizzani De Eccher. Nessun
passaggio di quote, nessun
accordo per il rilancio della società ridimensionata dallo scandalo
Mose. Il sole d’agosto, a quanto
pare, non ha portato alcuna novità sostanziale su una questione
che da più parti è guardata con
vivo interesse. In prima battuta
dagli oltre 370 dipendenti di
Mantovani che sperano in un
cambio di rotta dopo l’uscita di
scena di Piergiorgio Baita (arrestato per le vicenda Mose), scandalo le cui dimensioni non sono
ancora ben del tutto definite (il
processo a carico di una parte dei
responsabili non si è ancora concluso). Tornando alle trattative
d’agosto, le due società di costruzioni (Cimolai e De Eccher) avevano intavolato nel mesi scorsi
negoziati separati, in modo da
esplorare il terreno che potesse
portare a una acquisizione di
quote consistenti dell’azienda
padovana di proprietà di
Serenissima Holding spa (società
totalmente detenuta dalla famiglia Chiarotto), a sua volta socia
Sonia Bergamasco
La madrina della 73esima edizione della
Mostra del Cinema di Venezia, arriva
alla Lido. 50 anni, ha studiato al Piccolo
di Milano insieme a Giorgio Strelher.
Carmine Damiano
nel Consorzio Venezia Nuova e zione e costruzione della superimpegnata, appunto, nella costru- strada a pedaggio A4-Jesolo), dal
zione del Mose. A rendere la Consorzio Veneti Nuova Romea
società ora presieduta dall’ex (realizzazione nuova Romea,
questore Carmine Damiano, progetto sfumato) ad Adria
poco appetibile, più della crisi, Infrastrutture, le cui perdite di
sarebbe il portafoglio delle parte- bilancio (835 mila euro nel 2014)
cipate, che in un momento in cui sono ritenute di «carattere dureil mercato è in stagnazione, rap- vole». Fino a Hydrostudio
presenta un’incognita non da Consulting Engineering srl che
poco: dal Consorzio Cdp (ha dopo aver registrato una perdita
come oggetto la progettazione e di 946 mila euro, sta per essere
la costruzione del grande raccor- ceduta «ad altri operatori».
do anulare di Padova) al
Cesare Albertini
Consorzio via del Mare (progetta-
Francesco Modesto
L’ex calciatore del Padova è stato arrestato
dai carabinieri del Ros con altre 14 persone nell’ambito di un’inchiesta per usura ed
estorsioni aggravate da finalitià mafiose.
GUARDA IL SITO CRONACADELVENETO.COM E SEGUICI SU
KO
Cronaca del Veneto
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 2
Regione
Assopopolari
SCUOLA&DISABILI: CARENZA
SOSTEGNO
DI
INSEGNANTI
DI
Donazzan: «Da anni denunciamo questa mancanza – la Regione
COOP BRASILIANE
INCONTRO A ROMA
con risorse proprie ha tamponato emergenza, ora tocca al Governo»
«Da anni la Regione denuncia
sistematicamente la cronica carenza di insegnanti di sostegno
negli istituti veneti di ogni ordine e
grado: con un rapporto di un docente assegnato ogni 2,10 alunni,
il Veneto è la regione più sguarnita d’Italia. Finché il bilancio lo ha
consentito abbiamo provveduto,
con risorse proprie, ad offrire ‘pacchetti orario’ per aumentare la presenza di insegnanti di sostegno.
Ma da sei anni a questa parte, in
presenza di trasferimenti statali
dimezzati, la Regione non è più
nelle condizioni di farsi carico di
competenze non proprie». Così
l’assessore Elena Donazzan,
prende posizione in merito alla richiesta di intervento che la Fede-
Giuseppe De Lucia Lumeno
Elena Donazzan
razione italiana per il superamento dell’handicap le rivolge per colmare il divario tra scuole del Sud
e del Nord nel sostegno scolastico ai ragazzi disabili. «É vero –
prosegue Donazzan – nelle scuole venete mancano almeno mille
insegnanti di sostegno. Invito la
Fish e tutte le associazioni dell’handicap – conclude assessore –
a stare dalla nostra parte e a sostenere la Regione e gli enti locali
nella difficile interlocuzione avviata
con il Ministero dell’Istruzione».
BOOM DI FURTI NEI NEGOZI E
NELLE BOTTEGHE ARTIGIANE
Se nel complesso i furti sono in
diminuzione, quelli nei negozi
commerciali e nelle botteghe artigiane, che rappresentano il 10%
circa del totale dei furti denunciati, sono invece in fortissima crescita. Negli ultimi 10 anni sono
aumentati del 170%. Nel 2014 le
denunce hanno sfiorato le
106.500 unità: tra furti e spaccate
è stato calcolato che si sono verificati mediamente 292 reati di
questo tipo al giorno; 12 ogni ora,
praticamente uno ogni 5 minuti. E
non è da escludere che negli ultimi 20 mesi la situazione sia peggiorata ulteriormente. A lanciare
l’allarme sicurezza nei negozi e
nelle botteghe artigiane è l’Ufficio
studi della CGIA che ha elaborato i dati Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Istat. «L’impiego sempre
più massiccio dei sistemi di video-
sorveglianza, delle inferriate, delle porte blindate,
degli impianti di antifurto e
il ricorso agli istituti di vigilanza hanno trasformato
moltissime attività economiche in piccoli bunker
– segnala il coordinatore
dell’Ufficio studi della
CGIA Paolo Zabeo –
nonostante ciò, le statistiche ci dicono che le attività di prevenzione e di contrasto ai furti non sono riuscite a scoraggiare i malintenzionati. Anzi». «Le
regioni più colpite – segnala il
segretario della CGIA Renato
Mason – sono quelle del CentroNord. Sia in termini assoluti sia in
rapporto alla popolazione residente, Emilia Romagna, Liguria,
Lombardia, Toscana, Piemonte,
Veneto e Lazio sono state le real-
Renato Mason
tà più colpite da questo reato contro il patrimonio. Sebbene i furti
presso le attività economiche
siano in costante crescita anche
nel Mezzogiorno, il fenomeno al
Sud presenta una dimensione
meno preoccupante che nel resto
del paese».
Si tiene oggi a Roma un incontro
tra l’Associazione Nazionale Banche Popolari e una delegazione
del sistema cooperativo brasiliano
SICREDI. “Le comunità che cooperano crescono”. Con questo slogan, SICREDI, il Sistema del Credito Cooperativo, confedera 121
cooperative di credito, attraverso
una rete di 1.501 filiali, presenti in
21 stati del Brasile. Nell’ambito di
una organizzazione verticale le
cooperative partecipano al controllo di cinque soggetti: SICREDI
Participações S.A., una Confederazione, una Fondazione e un
Banco cooperativo che governa le
specifiche società operanti nella
distribuzione di prodotti assicurativi, carte di credito e nei servizi consortili. Il sistema SICREDI rappresenta oltre 3,3 milioni di soci ed è
una delle tre principali organizzazioni del sistema della cooperazione di credito brasiliana. L’incontro
nasce dal reciproco interesse di
approfondire la conoscenza della
struttura dei rispettivi movimenti
cooperativi bancari. Giuseppe De
Lucia Lumeno, segretario generale di Assopopolari, considera l’incontro «una testimonianza dell’interesse mostrato nei confronti
della cooperazione bancaria italiana e un elemento di soddisfazione,
a conferma della tradizionale
vocazione internazionale del
mondo cooperativo». Sempre
secondo De Lucia Lumeno «la
vitalità, il dinamismo e la funzione
di supporto all’economia reale che
svolge il credito popolare attraverso il sostegno alle comunità locali
e alle famiglie, ha una storia, una
presenza e un futuro riconosciuti
internazionalmente».
GUARDA IL SITO CRONACADELVENETO.COM E SEGUICI SU
Cronaca del Veneto
Cronaca di Belluno
UN ASSAGGIO DI
CORTINA D’AMPEZZO A
CHEF … AL MASSIMO
L’eccellenza gastronomica di
Cortina d’Ampezzo sarà ospite
domenica 4 settembre nel cuore
dell’appennino Emiliano. Lo chef
Fabio Pompanin parteciperà
infatti a Chef al Massimo, la kermesse gastronomica che in poche
ore ha registrato il tutto esaurito
arrivando a vendere 2.000 biglietti,
a cui si deve aggiungere una lunga
lista d’attesa. “Carpaccio di cervo
leggermente affumicato con dressing al lampone e cipolla croccante”, questo il piatto che lo chef del
Ristorante Al Camin di Cortina
d’Ampezzo presenterà a Monzuno accanto alle creazioni gastronomiche di grandi nomi della ristorazione italiana, a conferma del
talento di Fabio Pompanin, per tutti
“Fabietto”. Un evento a tutta carne,
quella della Macelleria Zivieri, in
memoria di Massimo Zivieri "artista capace di trasmettere, dall’allevamento alla tavola, una storia di
saperi antichi e attuali". “Fabietto” –
come tutti lo chiamano - è uno
Chef attento alla qualità degli
ingredienti, che sceglie personalmente e con cura. Le materie
prime per i suoi piatti sono prodotti
del territorio, possibilmente a chilometro zero e a filiera controllata.
Nella sua cucina però ci sono
anche altri ingredienti provenienti
da varie regioni d’Italia, ma sempre
prodotti DOC, DOP e IGP. Tra le
sue ricette si trovano piatti genuini,
il meglio della tradizione italiana,
una cucina locale creativa con
qualche tocco esotico.
Fabio Pompanin
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 3
Cronaca di Padova
CONSEGNATI PRIMI TESSERINI
PER LA STAGIONE VENATORIA
É iniziata la consegna dei tesserini per la stagione venatoria
2016-2017. I richiedenti possono
ritirarli presso gli uffici Caccia e
Pesca o presso le varie sedi degli
Ambiti Territoriali di Caccia. «Domenica 18 settembre – ha dichiarato il presidente della Nuova
Provincia di Padova Enoch Soranzo - si apre la nuova stagione
di caccia e i nostri uffici si sono attrezzati prontamente per la distribuzione di circa 6mila tesserini e
del relativo calendario venatorio
in formato tascabile che fornisce
tutte le indicazioni e le informazioni utili. Le associazioni di cacciatori ci avevano segnalato un ritardo
nella consegna dei tesserini
dovuto alla Regione del Veneto,
ma ci siamo immediatamente
Enoch Soranzo
attivati per sollecitarne la distribuzione che avverrà quindi regolarmente. Con l’inizio della nuova
stagione venatoria proseguiranno
assiduamente anche i controlli
effettuati dalla Polizia Provinciale
e dagli organi di vigilanza competenti per un costante monitorag-
gio su tutto il territorio». Il periodo
consentito per la caccia va dal 18
settembre al 30 gennaio 2017 e
in questo arco temporale è consentito abbattere, sia in forma
vagante che da appostamento,
esemplari di fauna selvatica
appartenenti a diverse specie.
Cronaca di Vicenza
COLDIRETTI A FIANCO DI CHI
ÉCerantola
STATO
COLPITO
DAL
SISMA
e Palù: «Da Vicenza container per azienda in difficoltà
e nelle prossime settimane nuovi interventi di solidarietà»
«Abbiamo risposto subito
può essere interrotta, noalla disperazione di tante
nostante le calamità, perché
aziende agricole colpite dal
gli animali devono mangiare
terribile sisma che ha
ed il latte deve essere
messo in ginocchio il
munto tutti i giorni». Quasi
Centro Italia, così abbiamo
mille aziende agricole ed
inviato un container prezioallevamenti tra le campagne
so per un’attività in difficoltà.
del Lazio, dell’Umbria e
Siamo consapevoli, tuttadelle Marche, infatti, si trovavia, che si tratta di una gocno ad affrontare grosse difficia nel mare, ma rapprecoltà. A sostegno della soliMartino Cerantola e Roberto Palù
senta comunque un primo
darietà tra agricoltori sul teratto di solidarietà. Nelle prossime pochi giorni dal drammatico ritorio con l’impiego di trattori e
settimane valuteremo ulteriori e sisma che ha colpito il Centro ruspe aziendali, la Coldiretti ha
più specifici interventi, per dare Italia, facendo proprie le parole attivato un’unità di crisi per aiutauna risposta mirata a persone ed del presidente nazionale Ro- re le aziende agricole colpite con
aziende colpite dal sisma». Con berto Moncalvo: «in questa la collaborazione dell’Associaqueste parole il presidente pro- fase è importante garantire liqui- zione italiana allevatori, ma
vinciale di Coldiretti Vicenza, dità alle aziende agricole per anche il cibo garantire l’alimentaMartino Cerantola ed il direttore assicurare continuità all’attività zione degli animali con l’aiuto dei
Roberto Palù intervengono a delle imprese agricole, che non Consorzi agrari d’Italia.
GUARDA IL SITO CRONACADELVENETO.COM E SEGUICI SU
Cronaca del Veneto
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 4
Cronaca del Veneto
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 5
Cronaca di Venezia
AVA SU MODIFICA AI PERCORSI
NUOVI
DELLA
REGATA
STORICA
Stea: «Il Comune doveva convocare un tavolo di servizio
con attività imprenditoriali e commerciali prima di decidere»
Stefania Stea, Vicepresidente vicaria dell’Associazione Veneziana Albergatori e
titolare del Ca’ Nigra Resort,
è lapidaria: il cambio di percorso previsto dal Comune
di Venezia per la Regata storica del 4 settembre doveva
essere prima condiviso con
la città. «Ci siamo trovati davanti a cose fatte. Non crediamo che l’intenzione sia di
fare in modo che questa importante iniziativa non diventi
motivo di disagio dei cittadini. Le
ragioni sono di altre, ma in ogni
caso questo modo la pubblica
amministrazione cambia il percorso storico della Regata privando parte della città della possibili-
Stefania Stea
tà di poter godere di questo importante evento storico. Cambiare il percorso della regata significa
soprattutto snaturare lo stesso
evento della sua storia e della sua
specificità». Il ritardo nella comunicazione da parte delle istituzioni
ha scaturito la disapprovazione da parte dell’AVA: molte strutture ricettive che rientravano nel tragitto tradizionale, incluso fino alla Stazione di Santa Lucia, avevano organizzato eventi e attività d’intrattenimento per
ospiti e cittadini veneziani.
«La comunicazione da parte
del Comune di Venezia ci è
pervenuta a mezzo stampa:
ci chiediamo se sia questa la
maniera di agire. Le attività produttive e imprenditoriali dovevano
essere interpellate per condividere le ragioni di questa scelta: non
è così che si rilancia l’evento storico di Venezia. Invece così non è
stato».
Cronaca di Treviso
COMPETITIVITÀ PMI FULCRO
DELL’INCONTRO A CA’ TRON
23 milioni di micro, piccole e
medie imprese rappresentano
l’intelaiatura per la crescita economica, l'innovazione, l'occupazione e l'integrazione sociale dell’UE
a 28 Paesi. La Commissione
Europea, attraverso i programmi
Horizon2020 e COSME, e le Regioni italiane, con il POR FESR
2014-2020, forniscono tutti gli
strumenti utili a promuovere
un'imprenditorialità di successo e
a migliorare il contesto delle attività per le PMI, che arrivano a fornire 75 milioni di posti di lavoro. In
questo contesto si inserisce l’incontro «Promozione dell’innovazione e politiche a supporto della
competitività delle PMI», in programma martedì 6 settembre
dalle ore 9.15 presso la sala Con-
Cronaca di Rovigo
AL VIA "COLTIVIAMO
AGRICOLTURA
SOCIALE"
Incentivare i progetti di agricoltura
sociale sviluppando un nuovo
metodo di imprenditoria. É questo
l’obiettivo
del concorso
“Coltiviamo Agricoltura Sociale”,
istituito da Confagricoltura e
l’Onlus Senior - L’Età della
Saggezza, in collaborazione con
Rete delle Fattorie Sociali e Intesa
Sanpaolo, riservato a imprenditori
agricoli singoli o associati, cooperative sociali che esercitano attività agricola e altre forme di associazione di promozione sociale. Il
concorso è stato presentato ufficialmente al “Meeting di Rimini
per l’amicizia tra i popoli” e prevede l’assegnazione di 50.000 euro
al progetto più significativo in questo ambito. «Un’ iniziativa - ha
spiegato il presidente della Onlus
Senior - L’età della Saggezza,
nonché presidente dell’Associazione pensionati di Confagricoltura Rovigo, Rodolfo Garbellini che conferma il nostro impegno
nel valorizzare le iniziative di agricoltura riconducibili alla solidarietà
tra le generazioni, all’occupazione
e all’assistenza socio sanitaria dei
soggetti più deboli, alla tutela dei
diritti civili e all’inclusione sociale
nelle zone rurali». Le proposte
devono distinguersi per il carattere
innovativo, per la capacità di
rispondere a una criticità ben identificata del territorio, nonché per
metodi di valutazione e di comunicazione appropriati. Beneficiari
finali possono essere i minori e i
giovani in situazione di disagio
sociale, gli anziani, i disabili e gli
immigrati che godono dello stato
di rifugiato e richiedenti asilo.
Giuseppe Fedalto
vivium di H-FARM a Ca’ Tron.
L’incontro, che analizza le opportunità fornite dal nuovo schema di
finanziamento SME Instrument a
supporto dei progetti di innovazione, vedrà coinvolte molteplici realtà: Unioncamere del Veneto, gui-
data da Giuseppe Fedalto, Veneto Innovazione ed ENEA nell’ambito della rete Enterprise
Europe Network; H-FARM, APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea e la
Scuola Superiore Sant’Anna.
Rodolfo Garbellini
GUARDA IL SITO CRONACADELVENETO.COM E SEGUICI SU
Cronaca del Veneto
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 6
Cronaca di Verona
SOL D’ORO VA IN AUSTRALIA
Per la prima volta a Melbourne dal 5 al 9 settembre
Conto alla rovescia per Sol
d'Oro Emisfero Sud, la sfida tra
i migliori gli oli extravergine prodotti in primavera al di sotto dell’equatore in programma per la
prima volta in Australia a
Melbourne dal 5 al 9 settembre.
La competizione itinerante organizzata da Veronafiere vede la
partecipazione delle produzioni
oleicole di Argentina, Cile, Perù,
Brasile, Uruguay, Australia,
Nuova Zelanda e Sudafrica.
Ancora aperte le iscrizioni, massimo due campioni per azienda,
fino al 31 agosto su www.solagrifood.com. «Veronafiere con
questa iniziativa amplia e consolida la propria rete di eventi
all’estero che copre oggi tutti i
continenti. Dopo il successo
delle prime due edizioni di Sol
d’Oro Emisfero Sud in Cile e
Sudafrica – spiega Giovanni
Giovanni Mantovani
Mantovani, direttore generale nali». All’Investment Centre
di Veronafiere –, quest’anno in Victoria sono in programma
Australia abbiamo la collabora- anche la degustazione guidata
zione e la sponsorship del degli oli vincitori, dedicata a
Governo di Victoria che ha giornalisti di settore e operatori
del
canale
visto nel concorso, considerato specializzati
il più importante al mondo, uno ho.re.ca., e tre seminari rivolti
strumento per incentivare la ai rappresentanti dell’industria
crescita qualitativa della produ- oleicola australiana per approzione locale di olio extravergine fondire le opportunità commere per la sua promozione com- ciali dell’olio australiano sui
merciale sui mercati internazio- mercati internazionali.
A FINE OTTOBRE
BANCO E BPM, LA FUSIONE
PRONTA AL TEST DECISIVO
Per i dirigenti sindacali della
Banca Popolare di Milano e del
Banco Popolare il rientro dalle
ferie sarà dei più impegnativi.
Sul tavolo ci sarà il processo di
integrazione tra i due istituti, un
percorso iniziato nella primavera scorsa ma atteso a un test
decisivo alla fine di ottobre,
quando i soci saranno chiamati a votare congiuntamente la
fusione e l’addio allo status di
cooperativa. In vista di quell’appuntamento dalla seconda settimana di settembre dovrebbe
partire la sfilza delle assemblee
dei dipendenti che, per ovvie
ragioni, saranno particolarmente delicate alla Bpm . Fabi,
Uilca, Fisac-Cgil e First-Cisl
puntano a creare una grande
mobilitazione. Al momento non
Giuseppe Castagna e Pier Francesco Saviotti
è chiaro che consistenza dacali hanno espresso parere
numerica abbia il movimento favorevole alla fusione sposandei contrari alla fusione Milano- do il progetto industriale diseVerona. Il sospetto è che si trat- gnato dagli amministratori deleti di frange minoritarie, ma il gati Giuseppe Castagna e Pier
fronte degli indecisi potrebbe Francesco Saviotti. Questo
comunque rivelarsi decisivo. però non significa che la partita
Già nei mesi scorsi le sigle sin- sia chiusa.
AL GREEN FESTIVAL
BIOLOGICO
E SOSTENIBILITÀ
Tre giorni dedicati al biologico,
alle buone pratiche e al rispetto
per l’ambiente con conferenze,
show-cooking e laboratori pratici per adulti e bambini, oltre alla
mostra-mercato eco-bio e alla
musica live in ogni serata. La
terza edizione del Verona
Green Festival si terrà da venerdì 2 a domenica 4 settembre,
sempre nell’affascinante cornice di Forte Gisella a Verona in
via Mantovana 117. L’evento,
organizzato dal giornale online
Veronagreen.it in collaborazione con il Movimento per la
Decrescita Felice ed il patrocinio
del Comune di Verona, vuole
essere un’occasione di incontro
e allo stesso tempo di sensibilizzazione. La principale novità di
quest'anno è la cena bio-vegetariana di Anteprima di venerdì 2
settembre con percorso gastronomico aperto a tutti e degustazione di vini bio con quattro cantine della provincia. Da sabato
pomeriggio a domenica sera il
Verona Green Festival vero e
proprio: aziende, artigiani e
imprese agricole che operano
nel rispetto dell'ambiente popoleranno Forte Gisella. Tra i temi
delle conferenze di quest’anno,
l’importanza di riqualificare il
patrimonio immobiliare esistente puntando sul risparmio energetico e la messa in sicurezza
antisismica degli edifici. Si parlerà poi di cambiamento climatico,
economia collaborativa e comunità resilienti, cooperative energetiche ed una proposta per il
verde pubblico da parte del
Comitato Verona Sud.
La scorsa edizione
GUARDA IL SITO CRONACADELVENETO.COM E SEGUICI SU
Cronaca del Veneto
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 7
IL SETTEMBRE DELL’ACCADEMIA 2016
XXV EDIZIONE
TEATRO FILARMONICO
ore 20,30
Mercoledì 7 settembre
Domenica 25 settembre
LONDON SYMPHONY
ORCHESTRA
ORCHESTRA
DELL’ACCADEMIA
NAZIONALE DI SANTA
CECILIA
Gianandrea Noseda direttore
Wagner, Debussy, Rachmaninov
Lunedì 12 settembre
ORCHESTRA DEL
MAGGIO MUSICALE
FIORENTINO
Zubin Mehta direttore
Schubert, Bruckner
Sabato 17 settembre
BAMBERGER
SYMPHONIKER
Christoph Eschenbach direttore
Saleem Ashkar pianoforte
Beethoven, Brahms
Sir Antonio Pappano direttore
Gil Shaham violino
Rossini, Čajkovskij, Saint-Saëns
Mercoledì 28 settembre
ORCHESTRA
DELLA FONDAZIONE
ARENA DI VERONA
Francesco Ommassini direttore
Jan Lisiecki pianoforte
Rossini, Chopin, Čajkovskij
Martedì 4 ottobre
ALEXANDER LONQUICH
pianoforte
Schumann, Chopin
Giovedì 22 settembre
FILARMONICA
DELLA SCALA
Riccardo Chailly direttore
Daniil Trifonov pianoforte
Schumann
Venerdì 7 ottobre
MAHLER
CHAMBER ORCHESTRA
Daniel Harding direttore
Mozart
Biglietteria: via Roma 3 - Verona lunedì - sabato, ore 10-12 e 17-19
Conferme abbonamenti dal 26 maggio all'8 giugno
Nuovi abbonamenti dal 9 al 15 giugno Biglietti dal 29 agosto
Informazioni: tel. 045 800 91 08 - fax 045 801 26 03 - [email protected]
www.accademiafilarmonica.org
In caso di necessità l’Accademia Filarmonica di Verona si riserva di modificare il programma
Cronaca del Veneto
Leggi tutto su industriaefinanza.com
QUOTIDIANO ON.LINE DEL VENETO 1 SETTEMBRE 2016 - 8
106MILA COPIE E-MAIL IN
EDICOLA
Il quotidiano economico-finanziario del Nord Italia
GIOVEDÌ 1 SETTEMBRE 2016 - NUMERO 1821 ANNO 19 - QUOTIDIANO ONLINE, VIA FAX E IN EDICOLA - FONDATORE E DIRETTORE: ACHILLE OTTAVIANI
AUT. TRIB. DI VERONA N° 41356 DEL 20/01/1997 - ALCOGRAM SRL - EDITORI DI RETE - VIA LEONE GAETANO PATUZZI, 5 - 37121 VERONA TELEFONO 045591316 - FAX 0458020812 - E-MAIL: [email protected] - STAMPA IN PROPRIO - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
CGIA DI MESTRE
LA NOTA DI MEDIOBANCA
FATTURE DA PAGARE?
“RITARDI SURREALI”
TERREMOTI ASSICURATI
I tempi medi di pagamento per
i beni e servizi acquistati dalla
P.A. si sono ridotti da 82 giorni
(nel periodo 1 giugno 2014-31
maggio 2015, cioè prima dell'obbligo della fattura elettronica) a 54 giorni (dato dall'1 giugno 2015 a 31 maggio 2016).
Lo rilevano i tecnici del Mef
ricordando che attualmente
viene monitorato oltre il 50% di
pagamenti e che nel periodo
considerato si sono registrate
27,2 milioni di fatture per un
importo pari a 157,8 miliardi. Di
queste ne sono state pagate
14,8 milioni per 112,6 miliardi.
Per la CGIA, però, la risposta
"ha del surreale e sottolinea
che il Tesoro è "in difficoltà" e
"sforna dati parziali per
nascondere l'inefficienza della
P.a.". "Ma come - si chiedono
gli artigiani veneti - grazie alla
fatturazione elettronica il Mef
ha la possibilità di monitorare
tutte gli acquisti della nostra
amministrazione pubblica e ci
forniscono solo il 50% dei
pagamenti senza dirci a quali
importi si riferiscono? Nella
prassi sta succedendo che
vengono pagati in tempi ragionevolmente brevi le fatture di
importi minori, mentre stanno
allungando i tempi delle fatture
di importi con cifre importanti". La Cgia ha rilevato che le
P.A devono 65 miliardi di euro
ai fornitori, evidenziando che il
tempo medio di pagamento è
di 131 giorni.
SALE
NEI
MAGGIORI EVENTI CATASTROFICI SONO STATI
SPESI CIRCA 122 MILIARDI. SEMPRE RESPONTA
DAL PARLAMENTO LA PROPOSTA DI POLIZZA OBBLIGATORIA
Negli ultimi cento anni in Italia si
è verificato ogni tre anni un terremoto di magnitudo superiore ai
5,5 gradi Richter. E i costi sono
stati elevati. Una nota di
Mediobanca Securities, come
scrive MF, cita un rapporto del
Consiglio nazionale degli ingegneri che calcola in 122 miliardi
(a valori attuali) le risorse pubbliche spese per gli interventi nei
maggiori simsi che hanno colpito l'Italia dal terremoto del 1968
che sconvolse la Valle del Belice
in Sicilia, a quello in Emilia
Romagna del 2012.Nel Belice
l'importo attualizzato degli interventi è stato di 9,1 miliardi, mentre per la ricostruzione dopo il
sisma che colpì il Friuli Venezia
Giulia nel 1976 sono serviti 18,5
miliardi. Per il terremoto del 1980
in Irpinia e Basilicata le spese
hanno raggiunto i 52 miliardi,
mentre nell'ultima forte scossa,
prima di quella del 24 agosto
scorso, che nel 1997 si è abbattuta in Umbria e Marche, i costi
sono stati di 13,5 miliardi. Il più
recente terremoto dell'Aquila del
2009 ha toccato la cifra stimata
di 11-14 miliardi (i lavori di ripristi-
Chiara Nasi
Appassionata di running, l'imprenditrice è
presidente di Cir Food il colosso della ristorazione collettiva con l'obiettivo di raggiungere quota 800 milioni di fatturato.
Matteo Renzi sui luoghi del terremoto
no dureranno secondo le previ- vanti dai crolli delle abitazioni.
sioni fino al 2026), un importo Considerando la cifra massima
simile a quello ipotizzato per indicata da Fitch, 200 milioni, e
ricostruire le aree dell'Emilia assumendo che Generali e
Romagna devastate nel 2012 Unipol abbiamo ciascuna una
(circa 13 miliardi). Il governo quota di mercato del 20-30%, ne
Monti nel 2012, poi quello Letta deriva un impatto complessivo di
e da ultimo Renzi, hanno pre- 40-60 milioni, prima della riassisentato la proposta di una poliz- curazione. In base alle attese di
za obbligatoria per i rischi di un intervento di quest'ultima pari
catastrofi naturali. Ma il Par- al 60% delle pedite totali, come
lamento l'ha sempre respinta. accaduto nel terremoto dell'AMa c'è chi ha iniziato a quantifi- quila per Unipol , ciò vuol dire
care le perdite per gli assicurato- che, al netto della riassurazione,
ri. Nei giorni scorsi Fitch ha il conto finale per Generali e
quantificato tra i 100 e i 200 Unipol dovrebbe essere nell'ormilioni le perdite per le compa- dine di 16-24 milioni per ciascugnie, tutte principalmente deri- na", sottolinea Mediobanca .
Tim Cook
SCENDE La Commissione
europea ha giudicato
illegali gli accordi fiscali tra la Apple e
l’Irlanda che dovrà recuperare 13 miliardi
di tasse. La firma dell’Ad sugli accordi.
VAI SUL SITO INDUSTRIAEFINANZA.COM E SEGUICI SU
GUARDA IL SITO CRONACADELVENETO.COM E SEGUICI SU

Documenti analoghi