Blitz alla guardia medica

Commenti

Transcript

Blitz alla guardia medica
-MSGR - 05 LATINA - 25 - 18/01/16-N:
Latina
[email protected]
www.ilmessaggero.it
METEO
Viterbo
Rieti
ROMA
Latina
Frosinone
Lunedì 18
Gennaio 2016
Redazione: Piazza del Mercato, 11 T 0773/663235 F 0773/663282
Basket, A2
II derby
va al Rieti
Benacquista
sconfitta: 74-66
Calcio, serie D
Fondi fermato
dal Serpentara
Aprilia in casa
batte il Torrecuso
Calcio, serie B
Servizi a pag. 32
Servizi a pag. 31
Abbruzzino a pag. 31
Latina dopo il successo:
nuovo modulo e altri stimoli
Contro il Novara Somma ha provato il 4-3-2-1. In campo si è rivisto
Milani e in porta buon esordio per Ujkani, Mariga è apparso arrugginito
Blitz alla guardia medica
Tiziano Ferro:
relax pontino
per ricaricare
le batterie
Linea telefonica sempre occupata, i cittadini chiamavano il 118 per questioni
non urgenti. L’intervento dei carabinieri fa scoprire che l’impianto era staccato
`
Il telefono era staccato, la cornetta lontana dall’apparecchio e per
questo a chiunque lo componesse
risultava occupato già dopo i primi numeri.
La linea non è quella di un servizio qualsiasi, ma della guardia
medica di Latina che la notte tra
sabato e ieri era praticamente irraggiungibile.
Numerosi i cittadini che trovando occupato si sono rivolti al 118
per questioni che nulla avevano a
che vedere con l’imminente pericolo di vita. Alla centrale per
l’emergenza, di fronte all’ennesima telefonata e al fatto che la
guardia medica non rispondesse,
si sono preoccupati. Vuoi perché
chiamate per questioni banali rischiavano di “ingolfare” la linea
di emergenza e vuoi perché C’era
qualcosa che evidentemente non
andava.
Lo hanno appurato poco dopo i
carabinieri, entrando nella sede
che si trova nel perimetro dell’ospedale “Santa Maria Goretti”.
Il telefono segnalava occupato già
facendo il numero perché era
staccato. Sono stati identificati i
sanitari in servizio e un’informativa sarà inviata in Procura. L’ipotesi alla quale si lavora è quella di
interruzione di pubblico servizio.
Del Giaccio a pag. 27
«Cimitero, cresce
la cremazione:
inutile ampliare»
IL CANTAUTORE
Gaeta, l’indagine della polizia
Lungo il canale scoprono tre fucili
Tre fucili da caccia sono
stati scoperti dai poliziotti
del commissariato di Gaeta.
Al termine di approfondite
indagini, gli agenti del
vicequestore Maurizio
Mancini sono giunti in
località Canzatora dove
alcune fonti confidenziali
indicavano trovarsi la
refurtiva di un colpo
precedente. Hanno battuto
tutte le stradine che da
Pontone portano in via
dell'Agricoltura (strada
Consortile) fino ad arrivare
ad un canale, dove le armi
giacevano incustodite,
insieme a ben 110 cartucce.
Il furto era accaduto la notte
di Capodanno a Gaeta.
Servizio a pag. 29
Guardia medica, telefoni fuori uso
Gaeta. Denunciato il ragazzo sull’auto: guidava ubriaco
Per Enrico Forte, candidato sindaco del Pd
la gestione deve tornare nelle mani del Comune
IL CASO
Ampliare il cimitero urbano di
Latina è inutile: basta realizzare
il forno crematorio; intanto, però, la gestione del sito torni pubblica, nelle mani del Comune.
Ecco l’idea del candidato sindaco del Pd, Enrico Forte, che esamina la vicenda, all’indomani
delle notizie sui primi pagamenti della tassa sulle sepolture, affermando che «gli effetti della
privatizzazione hanno creato
non poche perplessità».
Il punto è che l’ampliamento
previsto dalla convenzione con
Ipogeo, e l’approvazione del cui
progetto è alla firma del commissario Giacomo Barbato, sarebbe superfluo. Basta, secondo
Forte, razionalizzare gli spazi e
le sepolture attuali. «Il cimitero
- afferma - deve dotarsi di un impianto di cremazione, per andare incontro a una richiesta già
importante. Le famiglie devono
oggi rivolgersi a impianti fuori
provincia, come Viterbo o Salerno, con grande dispendio di denaro e dovendo rispettare lunghe liste d’attesa. Questa è una
battaglia di civiltà». Forte mette
in fila anche i numeri: nel 2015,
sono state effettuate 439 cremazioni, quando nel 2012 erano
196, nel 2013 282, e nel 2014 383:
una crescita costante.
«Se pensiamo - prosegue Forte - che in un anno a Latina si registrano circa mille decessi, con
un numero di cremazioni sempre maggiore, si può pensare
che ogni ipotesi di ampliamento per aggiungere nuovi loculi
sia del tutto inutile. I vantaggi
per i cittadini di Latina che sceglieranno tale servizio sarebbero molti, a partire da quello economico, visto che le tariffe per i
residenti sarebbero agevolate».
Per tutto questo, Forte afferma
che «si dovrà tentare la strada
di un ritorno alla gestione pubblica del cimitero». La realizzazione del crematorio è prevista
nel progetto di finanza di Ipogeo, ma nei mesi scorsi si era
fatta avanti anche un’altra società, facendo scaturire una battaglia legale.
Andrea Apruzzese
© RIPRODUZIONE RISERVATA
I suoi fan minacciano di boicottare il festival di Sanremo perché, a quanto pare, lui non ci sarà sebbene si vociferasse che sarebbe tornato anno come ospite d’onore o conduttore di una
serata. Non potranno che fare
piacere tutte queste dimostrazioni di affetto a Tiziano Ferro
che, in questi giorni è riuscito a
ritagliarsi un po’ di tempo per
tornare nella sua città. Probabilmente ha bisogno di un po’ di
relax pontino per ritemprarsi
dopo le fatiche del suo ultimo
tour che ha registrato sold out
ovunque. Ieri il cantante è stato
avvistato in un esclusivo ristorante sulle sponde del lago di
Paola assieme a un gruppo di
amici.
Sono arrivati verso l’una e si sono concessi un gustosissimo
pranzo a base di pesce. Il proprietario, Mario Petrucci, ha
servito loro insalata di finocchio con gambero scottato, carpaccio di gambero, polpo in insalata, fiore di zucca con ripieno di gamberi. Dopo questi sfiziosi antipasti Tiziano Ferro e i
suoi commensali hanno ordinato spigole e sogliole ed hanno
accompagnato le portate con
RISTORANTE
ETNICO
IN CITTA’
E PRANZO
SULLE SPONDE
DEL LAGO
DI SABAUDIA
Schianto in scooter, muore a 17 anni
E’ morto finendo con il suo scooter contro un’auto sul lungomare Caboto a Gaeta. La vittima è Nicola
Fusco, 17 anni di Itri. Il 25enne alla guida dell’auto dopo aver bevuto è stato denunciato. Fronzuto a pag. 29
del buon vino. Forse stava festeggiando il suo ultimo successo. “TZN – the best of Tiziano
Ferro” si è piazzato al secondo
posto degli album più venduti
in Italia nel 2015. Oppure semplicemente aveva voglia di un
po’ di tranquilla vita con gli
amici di sempre. E se ieri ha fatto tappa a Sabaudia, sabato è
stato avvistato a Latina, sempre
al ristorante. Stavolta però ha
scelto un locale cinese e giapponese in via Isonzo. Un cliente,
suo vicino di tavolo, ha raccontato di averlo sentito ordinare,
con l’inconfondibile voce che lo
ha reso celebre, pollo al curry e
pollo al limone. Dimostrazione
che Tiziano non appena può
torna nella sua città per la quale
non ha mai nascosto di provare
un grande amore. Proprio a Natale aveva fatto il giro del web il
videomessaggio canoro nel quale faceva gli auguri natalizi dalla sua stanza nella casa di Latina. Tzn, Sanremo e meno, vive
un momento di grandissimo
successo nazionale e internazionale. Basti pensare che all’edizione di “The Voice”, in Angola, un concorrente, nei giorni
scorsi, ha scelto di interpretare
proprio “Imbranato”, in italiano. Tiziano ha conquistato anche l’Africa.
Ebe Pierini
© RIPRODUZIONE RISERVATA
-TRX IL:17/01/16
22:12-NOTE: