renzo lancianese

Commenti

Transcript

renzo lancianese
RENZO LANCIANESE
Candidato alla carica di Consigliere in rappresentanza degli Atleti per la F.A.S.I.
quadriennio olimpico 2013-2016
Nato a Roma il 10/02/1967
Residente attualmente a San Cesareo (Roma)
E mail: [email protected]
Tessera FASI: 73871
Studi
Maturità scientifica
Studi universitari di Biologia
Scuola Ispettori Guardia di Finanza
Economia e Legislazione per l’impresa
Formazione
Corso di Alta Qualificazione Alpestre (oggi equiparata a Tecnico di Soccorso Alpino)
Istruttore militare di Alpinismo
Guida Cicloturistica Ambientale
Istruttore ROWING
Membro A.N.F.I. “ATLETI FIAMME GIALLE”
Professione
Ispettore Capo G.di F.
Comandante S.A.G.F. (Soccorso Alpino Guardia di Finanza)
Security Manager presso TOROC (Comitato Olimpico e Paralimpico TORINO 2006)
Security Planning Consultant per Comitato Olimpico LONDRA 2012
Security Manager – Sport Manager - (attuale)
Encomi e riconoscimenti da parte di Guardia di Finanza, F.B.I., Servizi Diplomatici Italiani e USA, Comitati
Olimpici,UNICEF
Esperienze sportive di rilievo nella mia “seconda vita”, da disabile (amputazione dita mani e piedi a seguito di
un congelamento riportato scendendo dalla vetta dell’Aconcagua - 7000 m. – nel 1997):
- Ciclismo e Canoa: gare nazionali ed internazionali come normo (anche se disabile) e come CIP,
per la Canoa in Nazionale 2008-2010
- Canottaggio
(nota: ultime due edizioni della Vogalonga a Venezia totalmente sponsorizzato da
C.C. Aniene- FIC- CIP Lazio – Inail )
- Arrampicata Sportiva: Gare Speed e Lead di Coppa Italia , Campionato Italiano, Mondiale di
Arco 2011 e Rock Master 2012 (“purtroppo” non nella categoria
Amputati che mi spettava ) sempre con la Nazionale Paraclimbing.
Nelle varie discipline, vinti titoli nazionali e regionali, oltre a partecipazioni Mondiali di grande eco ed
impegno atletico-sportivo.
N.B. : vasta esperienza nel mondo dell’Alpinismo e Sport correlati, ma questo non lo menziono per
brevità e perché non appartiene alla sfera attuale.
Perché mi candido?
Cui prodest? Dicevano i Latini… sì, a chi e cosa giova votare Renzo Lancianese?..Gli elettori sapranno leggere i c.v.,
sportivi e di vita, chiedere o leggere info al riguardo, andare “a sensazione” … per giungere ad una conclusione
(che detta da me potrebbe sembrare demagogica e di opportunità politica) : è una persona tenace, determinata,
esperta, capace, umile e saggia quando serve, e sicuramente è un’ “anima libera”, ovvero quando fa qualcosa
cerca di farla al meglio delle sue possibilità e dei limiti che possono essere raggiunti, se lo fa è perché crede in
qualcosa. “Ci sono momenti in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo”, così scrisse O. Fallaci
nel 2001, ed io dico che ci sono momenti della vita in cui senti di poter dire la tua, di farti sentire, guardando ed
ascoltando gli interlocutori; un dovere che nasce da una passione.
Dai “diamanti non nasce niente”…si sa, invece dalle idee nascono le azioni, e dalle azioni i fatti, che, se mossi da
passione, entusiasmo, esperienza e saggezza, unite alla capacità di “ascoltare”, raccogliere, interpretare, avranno
sicuramente efficacia e positività.
Un candidato che “ piace” a molti , anche ad alcuni dell’altra lista, perché quando si hanno obiettivi comuni o
simili, i mezzi e le strategie per raggiungerli diventano solo strumenti, strade da scegliere di comune accordo.
Non faccio promesse, ma sono sicuro che mi impegnerò su tre elementi:
-
essere CONSIGLIERE (avere un ruolo “attivo” nel consiglio...in tutti i sensi);
essere RAPPRESENTANTE (gli atleti potranno contare su di me come interlocutore ed espressione
delle loro rimostranze, richieste e desideri);
continuare ad essere ATLETA ( se il fisico me lo permetterà… Comunque, chi è in vetta ed ha scalato la
parete conosce la via e le difficoltà e gioie che le sono proprie)
La cosa “divertente”, ma istruttiva, è che mi sono unito a questa “cordata” dopo uno scontro diretto (scritti dal
tono deciso e di carattere, quasi insulti e rimproveri) con uno degli esponenti di punta, e questo secondo me è lo
spirito giusto di come fattivamente si costruisce la “famiglia” materiale e spirituale degli arrampicatori.
Come in famiglia, in azienda, nei grandi eventi in cui interagiscono più aree funzionali (tutti esperienze provate
sulla mia pelle), il confronto/scontro è decisamente costruttivo, sinonimo di idee e di carattere, ma deve sempre
nascerne un risultato unanime ed univoco dettato dalla volontà del perseguimento di obiettivi comuni.
Il programma che ho deciso di supportare è visibile al seguente link
https://docs.google.com/open?id=0B-K8P_wZZWEsenBXT1hsem82WW8
Grazie a chi crederà in me.

Documenti analoghi