per-corso per coppie in cammino verso il sacramento del matrimonio

Commenti

Transcript

per-corso per coppie in cammino verso il sacramento del matrimonio
PER-CORSO PER COPPIE IN CAMMINO
VERSO IL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO
BREVE PRESENTAZIONE DEL METODO E DEI CONTENUTI
Il per-corso per coppie in cammino verso il Sacramento del Matrimonio è strutturato su cinque
incontri, in parrocchia a Castellarano, il giovedì sera, dalle 21,00 alle 22,30. La domenica successiva
all’ultimo giovedì, le coppie sono invitate a partecipare alla S. Messa domenicale della sera, in
Campiano, dove viene fatta una preghiera di benedizione per i fidanzati e viene consegnato loro
l’attestato di presenza al per-corso appena concluso.
Sono previsti tre cicli di incontri ogni anno: febbraio/marzo, aprile/maggio e ottobre/novembre,
Gli incontri sono guidati da un prete e da due coppie di sposi come accompagnatori. Sono in
programma anche interventi di persone con esperienza che, di volta in volta, si alternano per
approfondire temi specifici.
I fidanzati sono invitati a partecipare non solo come uditori, ma ad interagire portando il loro
punto di vista, domandando, condividendo esperienze, aprendosi il più possibile, rispondendo
favorevolmente agli stimoli che gli accompagnatori mettono in campo. Per molte coppie, la
partecipazione a questi incontri è vissuta un po’ come una costrizione, un obbligo da adempiere;
questo porta a volte ad una presenza passiva. Se fosse possibile superare questo ostacolo, con la
partecipazione attiva dei fidanzati gli incontri sarebbero molto più proficui e avvincenti.
Dobbiamo avere il coraggio di cercare altri cammini. Si potrebbe puntare senza tentennamenti
sulla testimonianza di coppie con esperienza di vita matrimoniale. Probabilmente la pastorale in
preparazione al matrimonio diventerebbe più incisiva, autentica, coinvolgente. Il contatto diretto
tra giovani coppie e coppie di navigata esperienza, faciliterebbe la trasmissione della “bellezza e
della gioia dell’annuncio evangelico in riferimento al matrimonio e alla famiglia”. La testimonianza
di coniugi che hanno saputo navigare tra i marosi degli anni e dei problemi, certamente
susciterebbe nei giovani stima e attrattiva.
All’inizio di ogni incontro è prevista una riflessione di circa 15 minuti sulla Parola di Dio animata dal
prete. Fa eccezione il primo incontro che prevede all’inizio un momento di presentazione: i
partecipanti e gli accompagnatori, si presentano riferendo il proprio nome, età, lavoro, tempo di
fidanzamento/matrimonio, numero degli eventuali figli ecc. Subito dopo la presentazione, il prete
propone la riflessione sulla Parola di Dio.
Nel primo giovedì viene illustrato, attraverso una metafora, il motivo di fondo del trovarsi insieme.
Preparare il matrimonio vuol dire certamente preoccuparsi della casa, dei mobili, della cerimonia,
dei vestiti, degli invitati, del fotografo, del coro … cose molto importati, ma vi sono aspetti
altrettanto, se non più importanti, da prendere in esame, per celebrare il matrimonio da credenti
in Gesù Cristo. Si prosegue ponendo l’attenzione sul passaggio da innamoramento ad amore
maturo, dall’io al noi. Il vero amore richiede la conoscenza di se stessi e del partner. Il tema della
conoscenza di se stessi viene affrontato attraverso il diagramma di Victor Frankl, per poi giungere
alla parola chiave del primo incontro: ascolto.
Nel secondo incontro si affronta il tema della comunicazione, la sua importanza, il suo legame con
l’ascolto, la gestione dei conflitti, il pericolo della non comunicazione legata all’eccessiva
preoccupazione del fare: lavoro, hobby, altre attività personali, ecc..
Nel terzo incontro si sviluppa il tema della sessualità vista alla luce della parola di Dio [Genesi 1-2]
e dei documenti della Chiesa [Gaudium et spes – Vaticano II – Nº 50]; donazione completa di se,
stessa dignità tra uomo e donna, uomo e donna creati a immagine di Dio, responsabilità nella
libertà di comune accordo formandosi una retta coscienza alla luce della Parola interpretata dal
Magistero della Chiesa. Vengono inoltre presentati i metodi anticoncezionali, contraccettivi,
metodi naturali e non. Nel caso in cui il tema della sessualità occupi tutto il tempo dell’incontro, la
presentazione dei metodi anticoncezionali viene spostata all’incontro successivo.
Nel quarto incontro si approfondisce il tema dei valori: il significato e la loro importanza, valori
come indice di maturità e affidabilità, valori condivisi e compatibili tra loro all’interno della coppia.
Si conclude proponendo la domanda: genitori si nasce, si diventa o ci si improvvisa? Questo
argomento viene sviluppato attraverso l’esperienza diretta delle coppie che accompagnano e
spiegando il significato corretto del termine educare, come punire, come rispondere alle domande
dei figli, e i sensi di colpa.
Nel quinto ed ultimo incontro il prete presenta il Sacramento del Matrimonio: suo significato e sue
influenze, l’essere inseriti in una Chiesa particolare e il rito in se.
Il per-corso termina ritrovandosi tutti insieme la domenica sera successiva all’ultimo incontro
[salvo diversa datazione da decidere in base ad esigenze particolari], per partecipare alla S. Messa,
dove il prete fa una speciale preghiera di benedizione per fidanzati e dove viene consegnato
l’attestato di partecipazione agli incontri.
Il matrimonio sigilla un amore tra un uomo e una donna e se c’è amore vero c’è Dio perché Dio è
Amore. Con la vostra unione siate testimoni dell’Amore di Dio nel mondo.
Equipe che accompagna il per-corso
dei fidanzati in preparazione al matrimonio.
L'arte del dono e dell'accoglienza
O Signore, nel mio cuore, si è acceso l'amore per una creatura che anche tu conosci e ami.
Tu ci hai fatti incontrare l'uno con l'altro, perché non restassimo soli.
0 divino Spirito, ti ringrazio di questo dono che mi inonda di una gioia profonda,
mi rende simile a te che sei l'amore e mi fa comprendere il valore della vita che tu mi hai donato.
Fa' che io non sciupi questa immensa ricchezza, che tu mi hai messo nel cuore:
insegnami che l'amore è un dono e non può mescolarsi con nessun egoismo.
Ti prego, Signore, per chi mi aspetta e mi pensa, per chi ha messo in me il suo avvenire,
per chi mi starà accanto per tutta la vita:
rendici degni l'uno dell'altro, rendici l'uno all'altro di esempio e aiuto.
Preparaci al matrimonio, alla sua grandezza, alle sue responsabilità,
così che fin d'ora le nostre anime posseggano i nostri corpi e regnino nell'amore.
(Paolo VI)

Documenti analoghi