Eurizon Soluzione Cedola Più Novembre 2020

Commenti

Transcript

Eurizon Soluzione Cedola Più Novembre 2020
Eurizon Soluzione Cedola
Più Novembre 2020
Relazione semestrale
al 30 giugno 2016
INDICE
SOCIETÀ DI GESTIONE
FONDI GESTITI
Il DEPOSITARIO
SOGGETTI CHE PROCEDONO AL COLLOCAMENTO
FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO
NOTA ILLUSTRATIVA
RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2016:
- SITUAZIONE PATRIMONIALE
- PRINCIPI CONTABILI E CRITERI DI VALUTAZIONE
- ELENCO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI
2
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
SOCIETÀ DI GESTIONE
La società di gestione EURIZON CAPITAL SGR S.p.A., di seguito “la SGR” o “la Società”, è stata costituita con la
denominazione di “EUROFOND - Società di Gestione di Fondi Comuni di Investimento Mobiliare S.p.A.” in data 22
dicembre 1983 a Torino con atto del notaio Dott. Ettore Morone, n. repertorio 39.679.
In data 1° agosto 1991, contestualmente all'incorporazione di “SANPAOLO – HAMBROS – Società Internazionale Gestione
Fondi S.p.A.”, la SGR ha assunto la denominazione sociale di “SANPAOLO FONDI – Gestioni Mobiliari S.p.A.”. In data 1°
ottobre 1999, contestualmente all'incorporazione della “Sanpaolo Asset Management SIM S.p.A.”, ha assunto la
denominazione sociale di SANPAOLO IMI ASSET MANAGEMENT SGR S.p.A..
La SGR ha incorporato in data 1° settembre 2003 “BANCO DI NAPOLI ASSET MANAGEMENT SGR p.A.”, in data 1° maggio
2004 “EPTAFUND SGR p.A.”, in data 29 dicembre 2004 parte di “SANPAOLO IMI WEALTH MANAGEMENT S.p.A.”, in data 29
dicembre 2005 “SANPAOLO IMI INSTITUTIONAL ASSET MANAGEMENT SGR S.p.A.”, in data 7 aprile 2008 parte di “EURIZON
INVESTIMENTI SGR S.p.A.”, in data 31 dicembre 2008 “Intesa Distribution Services S.r.l.” e in data 31 dicembre 2011
“Eurizon AI SGR S.p.A.”.
L'attuale denominazione sociale di “EURIZON CAPITAL SGR S.p.A.” è stata assunta in data 1° novembre 2006.
La Società è iscritta all'Albo delle Società di Gestione del Risparmio, tenuto dalla Banca d'Italia ai sensi dell'articolo 35
del D. Lgs. 58/98, al n. 3 nella Sezione Gestori di OICVM e al n. 2 nella Sezione Gestori di FIA.
La Società ha sede legale in Milano, Piazzetta Giordano Dell'Amore 3.
Sito Internet: www.eurizoncapital.it
La durata della SGR è fissata sino al 31 dicembre 2050, mentre l'esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Il capitale sociale sottoscritto e interamente versato è di euro 99.000.000 ed è integralmente posseduto da Intesa
Sanpaolo S.p.A., che svolge l'attività di direzione e coordinamento.
La composizione degli Organi Sociali è la seguente:
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
Prof.
Prof.
Dott.
Prof.
Prof.
Avv.
Avv.
Prof.
Prof.ssa
Prof.ssa
Andrea BELTRATTI
Daniel GROS
Tommaso CORCOS
Giovanni Battista BISOGNI
Emanuele Maria CARLUCCIO
Fabrizio GNOCCHI
Piero LUONGO
Andrea MORA
Federica SEGANTI
Paola Annunziata Lucia TAGLIAVINI
Presidente
Vice Presidente – Consigliere indipendente
Amministratore Delegato e Direttore Generale
Consigliere indipendente
Consigliere indipendente
Consigliere indipendente
Consigliere
Consigliere indipendente
Consigliere indipendente
Consigliere indipendente
COLLEGIO SINDACALE
Dott.
Dott.
Prof.
Dott.
Dott.
Massimo BIANCHI
Massimo BROCCIO
Gabriele Sergio CIOCCARELLI
Eugenio Mario BRAJA
Luciano Matteo QUATTROCCHIO
Presidente
Sindaco effettivo
Sindaco effettivo
Sindaco supplente
Sindaco supplente
SOCIETÀ DI REVISIONE
KPMG S.p.A.
3
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
FONDI GESTITI
Eurizon Capital SGR gestisce i seguenti OICVM (Organismi di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari) e FIA (Fondi di
Investimento Alternativi) aperti:
SISTEMA MERCATI - OICVM
GAMMA DEDICATI - OICVM
Eurizon Azioni America
Passadore Riserva 2 anni
Eurizon Azioni Area Euro
Eurizon Azioni Asia Nuove Economie
Eurizon Azioni Energia e Materie Prime
Eurizon Azioni Europa
Eurizon Azioni Finanza
Eurizon Azioni Internazionali
Eurizon Azioni Italia
Eurizon Azioni Pacifico
Eurizon Azioni Paesi Emergenti
Eurizon Azioni PMI America
Eurizon Azioni PMI Europa
SISTEMA STRATEGIE DI INVESTIMENTO - OICVM
Eurizon Rendimento Assoluto 2 anni
Eurizon Rendimento Assoluto 3 anni
Eurizon Profilo Flessibile Difesa
Eurizon Profilo Flessibile Equilibrio
Eurizon Profilo Flessibile Sviluppo
Eurizon Soluzione 10
Eurizon Soluzione 40
Eurizon Soluzione 60
Eurizon Riserva 2 anni
Eurizon Azioni PMI Italia
ALTRI FONDI - OICVM
Eurizon Azioni Salute
Eurizon Strategia Flessibile 15
Eurizon Azioni Tecnologie Avanzate
Eurizon Breve Termine Dollaro
Eurizon Obbligazioni Cedola
Eurizon Obbligazioni Emergenti
Eurizon Obbligazioni Euro
Eurizon Obbligazioni Euro Breve Termine
Eurizon Obbligazioni Euro Corporate
Eurizon Obbligazioni Euro Corporate Breve Termine
Eurizon Obbligazioni Euro High Yield
Eurizon Obbligazioni Internazionali
Eurizon Tesoreria Euro
FONDI GUIDA ATTIVA - OICVM
Eurizon Guida Attiva Ottobre 2018
Eurizon Guida Attiva Dicembre 2018
Eurizon Guida Attiva Aprile 2019
Eurizon Guida Attiva Maggio 2019
Eurizon Guida Attiva Luglio 2019
Eurizon Guida Attiva Ottobre 2019
Eurizon Guida Attiva Dicembre 2019
Eurizon Guida Attiva Aprile 2020
Eurizon Guida Attiva Più Novembre 2020
Eurizon Guida Attiva Più Aprile 2021
SISTEMA RISPOSTE - OICVM
Eurizon Guida Attiva Più Maggio 2021
Eurizon Team 1
Eurizon Guida Attiva Più Giugno 2021
Eurizon Team 2
Eurizon Team 3
Eurizon Team 4
Eurizon Team 5
Eurizon Bilanciato Euro Multimanager
Eurizon Obbligazioni Strategia Flessibile
Eurizon Obiettivo Rendimento
Eurizon Rendita
FONDI CEDOLA ATTIVA - OICVM
Eurizon Cedola Attiva Maggio 2018
Eurizon Cedola Attiva Più Maggio 2018
Eurizon Cedola Attiva Top Maggio 2020
Eurizon Cedola Attiva Giugno 2018
Eurizon Cedola Attiva Più Giugno 2018
Eurizon Cedola Attiva Top Giugno 2020
Eurizon Cedola Attiva Top Luglio 2020
FONDI PROTETTI - OICVM
Eurizon Cedola Attiva Top Ottobre 2020
Eurizon Strategia Protetta III Trimestre 2011
Eurizon Cedola Attiva Top Dicembre 2020
Eurizon Strategia Protetta I Trimestre 2012
Eurizon Cedola Attiva Top Aprile 2021
Eurizon Strategia Protetta II Trimestre 2012
Eurizon Cedola Attiva Maggio 2019
Eurizon Strategia Protetta I Trimestre 2013
Eurizon Cedola Attiva Più Maggio 2019
SISTEMA ETICO - OICVM
Eurizon Azionario Internazionale Etico
Eurizon Diversificato Etico
Eurizon Obbligazionario Etico
Eurizon Cedola Attiva Top Maggio 2021
Eurizon Cedola Attiva Luglio 2019
Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019
Eurizon Cedola Attiva Top Luglio 2021
4
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
FONDI CEDOLA ATTIVA - OICVM
Eurizon Multiasset Equilibrio Giugno 2021
Eurizon Cedola Attiva Ottobre 2019
Eurizon Multiasset Prudente Giugno 2021
Eurizon Cedola Attiva Più Ottobre 2019
Eurizon Multiasset Crescita Ottobre 2021
Eurizon Cedola Attiva Top Ottobre 2021
Eurizon Multiasset Equilibrio Ottobre 2021
Eurizon Cedola Attiva Dicembre 2019
Eurizon Multiasset Prudente Ottobre 2021
Eurizon Cedola Attiva Più Dicembre 2019
Eurizon Multiasset Strategia Flessibile Maggio 2023
Eurizon Cedola Attiva Top Dicembre 2021
Eurizon Multiasset Strategia Flessibile Giugno 2023
Eurizon Cedola Attiva Aprile 2020
Eurizon Multiasset Strategia Flessibile Ottobre 2023
Eurizon Cedola Attiva Più Aprile 2020
Eurizon Cedola Attiva Top Aprile 2022
Eurizon Cedola Attiva Top Maggio 2022
FONDO DISCIPLINA ATTIVA - OICVM
Eurizon Disciplina Attiva Ottobre 2021
Eurizon Cedola Attiva Top Giugno 2022
FONDI CEDOLA DOC - OICVM
Eurizon Cedola Attiva Top Ottobre 2022
Eurizon Cedola Doc Febbraio 2019
Eurizon Cedola Attiva Top Novembre 2022
Eurizon Cedola Doc Aprile 2019
Eurizon Cedola Attiva Top Aprile 2023
Eurizon Cedola Attiva Top Maggio 2023
Eurizon Cedola Attiva Top Giugno 2023
Eurizon Cedola Attiva Top Ottobre 2023
FONDI GESTIONE ATTIVA - OICVM
Eurizon Gestione Attiva Classica Giugno 2018
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Giugno 2018
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Giugno 2018
FONDI SOLUZIONE CEDOLA - OICVM
Eurizon Gestione Attiva Classica Luglio 2018
Eurizon Soluzione Cedola Maggio 2020
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Luglio 2018
Eurizon Soluzione Cedola Più Maggio 2020
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Luglio 2018
Eurizon Soluzione Cedola Giugno 2020
Eurizon Gestione Attiva Classica Ottobre 2018
Eurizon Soluzione Cedola Più Giugno 2020
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Ottobre 2018
Eurizon Soluzione Cedola Ottobre 2020
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Ottobre 2018
Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020
Eurizon Gestione Attiva Classica Dicembre 2018
Eurizon Soluzione Cedola Novembre 2020
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Dicembre 2018
Eurizon Soluzione Cedola Più Novembre 2020
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Dicembre 2018
Eurizon Soluzione Cedola Aprile 2021
Eurizon Gestione Attiva Classica Aprile 2019
Eurizon Soluzione Cedola Più Aprile 2021
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Aprile 2019
FONDI FLESSIBILE OBBLIGAZIONARIO - OICVM
Eurizon Flessibile Obbligazionario Maggio 2021
Eurizon Flessibile Obbligazionario Più Maggio 2021
Eurizon Flessibile Obbligazionario Giugno 2021
Eurizon Flessibile Obbligazionario Più Giugno 2021
Eurizon Flessibile Obbligazionario Ottobre 2021
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Aprile 2019
Eurizon Gestione Attiva Classica Maggio 2019
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Maggio 2019
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Maggio 2019
Eurizon Gestione Attiva Classica Luglio 2019
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Luglio 2019
Eurizon Gestione Attiva Classica Ottobre 2019
FONDI MULTIASSET REDDITO - OICVM
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Ottobre 2019
Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2019
Eurizon Gestione Attiva Classica Dicembre 2019
Eurizon Multiasset Reddito Dicembre 2019
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Dicembre 2019
Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2020
Eurizon Gestione Attiva Classica Aprile 2020
Eurizon Multiasset Reddito Maggio 2020
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Aprile 2020
Eurizon Multiasset Reddito Giugno 2020
Eurizon Gestione Attiva Classica Maggio 2020
Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Maggio 2020
Eurizon Multiasset Reddito Novembre 2020
Eurizon Gestione Attiva Classica Giugno 2020
Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Giugno 2020
Eurizon Multiasset Reddito Maggio 2021
Eurizon Gestione Attiva Classica Ottobre 2020
Eurizon Multiasset Reddito Giugno 2021
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Ottobre 2020
Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2021
Eurizon Gestione Attiva Classica Novembre 2020
FONDI MULTIASSET - OICVM
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Novembre 2020
Eurizon Multiasset Crescita Giugno 2021
5
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
FONDI GESTIONE ATTIVA - OICVM
Eurizon Gestione Attiva Classica Aprile 2021
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Aprile 2021
Eurizon Gestione Attiva Classica Maggio 2021
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Maggio 2021
FONDI GESTIONE ATTIVA - FIA APERTI NON RISERVATI
Eurizon Gestione Attiva Classica Luglio 2017
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Luglio 2017
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Luglio 2017
Eurizon Gestione Attiva Classica Settembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Settembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Settembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Classica Novembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Novembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Novembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Classica Dicembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Dicembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Dicembre 2017
Eurizon Gestione Attiva Classica Febbraio 2018
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Febbraio 2018
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Febbraio 2018
Eurizon Gestione Attiva Classica Aprile 2018
Eurizon Gestione Attiva Dinamica Aprile 2018
Eurizon Gestione Attiva Opportunità Aprile 2018
FIA APERTI RISERVATI
Eurizon Low Volatility - Fondo Speculativo
Eurizon Multi Alpha - Fondo Speculativo
Eurizon Weekly Strategy - Fondo Speculativo
6
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
IL DEPOSITARIO
Il Depositario dei Fondi è “State Street Bank International GmbH - Succursale Italia” (di seguito, il “Depositario”), via
Ferrante Aporti 10, Milano, iscritta al n. 5757 dell'Albo delle Banche tenuto dalla Banca d'Italia e aderente al Fondo di
Protezione dei Depositi dell'associazione delle banche tedesche.
Il Depositario, precedentemente denominato State Street Bank GmbH - Succursale Italia, ha assunto dal 5 aprile 2016
l'attuale denominazione in “State Street Bank International GmbH - Succursale Italia”, per effetto del consolidamento in
State Street Bank International GmbH dei business di diverse entità europee del Gruppo State Street.
Il Depositario adempie agli obblighi di custodia degli strumenti finanziari ad esso affidati e alla verifica della proprietà
nonché alla tenuta delle registrazioni degli altri beni. Il Depositario detiene altresì le disponibilità liquide del Fondo e,
nell'esercizio delle proprie funzioni:
- accerta la legittimità delle operazioni di vendita, emissione, riacquisto, rimborso e annullamento delle quote del
Fondo, nonché la destinazione dei redditi dello stesso;
- provvede al calcolo del valore della quota del Fondo;
- accerta che nelle operazioni relative al Fondo la controprestazione sia rimessa nei termini d'uso;
- esegue le istruzioni della Società di Gestione se non sono contrarie alla legge, al Regolamento o alle prescrizioni degli
Organi di Vigilanza.
7
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
SOGGETTI CHE PROCEDONO AL COLLOCAMENTO
Il collocamento delle quote del Fondo è stato effettuato dalla Società di Gestione, che opera esclusivamente presso la
propria sede sociale, nonché per il tramite dei seguenti soggetti:
a) Banche
Banca CR Firenze S.p.A., Banca di Bologna - Credito Cooperativo S.c.r.l., Banca Prossima S.p.A., Banco di Napoli S.p.A.,
Carilo - Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A., Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna S.p.A., Cassa di Risparmio del
Friuli Venezia Giulia S.p.A., Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A., Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A., Cassa di Risparmio
di Fermo S.p.A. - Carifermo, Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia S.p.A., Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.
A., Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A., Casse di Risparmio dell'Umbria S.p.A., Intesa Sanpaolo S.p.A., Nuova Banca delle
Marche S.p.A., Nuova Cassa di Risparmio di Ferrara S.p.A..
8
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
FONDO COMUNE D'INVESTIMENTO
Il fondo “EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020” è stato istituito dalla SGR in data 30 luglio 2015, ai sensi del
Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio emanato dalla Banca d'Italia con il Provvedimento del 19 gennaio
2015.
Il Regolamento del Fondo non è stato sottoposto all'approvazione specifica della Banca d'Italia in quanto rientra nei casi
in cui l'approvazione si intende rilasciata in via generale.
Il vigente Regolamento di gestione è entrato in vigore il 15 settembre 2015.
La sottoscrizione delle quote del Fondo è stata effettuata esclusivamente durante il “Periodo di Sottoscrizione”,
compreso tra il 15 settembre 2015 ed il 24 novembre 2015.
La durata del Fondo è fissata al 31 dicembre 2023 salvo proroga. La scadenza del ciclo di investimento del Fondo è
stabilita al 30 novembre 2020.
Entro i sei mesi successivi alla scadenza del ciclo di investimento, il Fondo sarà oggetto di fusione per incorporazione nel
fondo “Eurizon Profilo Flessibile Difesa” ovvero in altro fondo caratterizzato da una politica di investimento omogenea o
comunque compatibile rispetto a quella perseguita dal fondo “Eurizon Profilo Flessibile Difesa”, nel rispetto della
disciplina vigente in materia di operazioni di fusione tra fondi.
Ai partecipanti al Fondo sarà preventivamente fornita apposita e dettagliata informativa in merito all'operazione di
fusione; i medesimi partecipanti potranno in ogni caso richiedere, a partire dal 25 novembre 2020, il rimborso delle
quote possedute senza applicazione di alcuna commissione.
Il Fondo, denominato in euro, è di tipo a distribuzione dei ricavi. La SGR provvede alla distribuzione ai partecipanti di
almeno il 30% dei ricavi conseguiti nella gestione di ciascun Fondo con periodicità annuale, con riferimento all'ultimo
giorno di valorizzazione di ogni anno solare (1° gennaio - 31 dicembre).
I ricavi oggetto di distribuzione sono costituiti dai proventi da investimento (interessi, dividendi ed altri proventi) su
strumenti finanziari quotati e non quotati, dai proventi delle operazioni di pronti contro termine e di prestito titoli e
dagli interessi attivi su disponibilità liquide e su depositi bancari, al netto degli oneri finanziari (interessi passivi ed altri
oneri finanziari) e degli oneri di gestione, come risultanti dalla relazione di gestione del Fondo relativa al periodo di
riferimento per la distribuzione dei ricavi. E' facoltà del Consiglio di Amministrazione deliberare, secondo il proprio
prudente apprezzamento, tenuto conto della situazione di mercato e dell'obiettivo di cui al successivo paragrafo, la
distribuzione in tutto o in parte degli utili su titoli e su parti di OICR realizzati al netto di eventuali perdite nonché i
risultati realizzati delle operazioni di copertura di strumenti finanziari quotati e non quotati ed i risultati realizzati delle
operazioni in strumenti finanziari derivati non di copertura.
L'ammontare così distribuito non rappresenta il risultato effettivo del Fondo nel periodo, in quanto non vengono prese in
considerazione né le plusvalenze né le minusvalenze. Per tali ragioni, la distribuzione potrebbe anche essere superiore al
rendimento effettivo di gestione del Fondo (variazione del valore della quota), rappresentando - in tal caso - un rimborso
parziale del valore delle quote. La SGR perseguirà comunque l'obiettivo di contenere le distribuzioni dei ricavi e dei
risultati realizzati relativi ai titoli, agli OICR ed agli strumenti finanziari derivati che potrebbero comportare un rimborso
parziale del valore delle quote.
Hanno diritto alla distribuzione dei ricavi i partecipanti esistenti il giorno di approvazione da parte del Consiglio di
Amministrazione della relazione di gestione del Fondo relativa al periodo di riferimento per la distribuzione dei ricavi. I
diritti rivenienti dalle cedole non riscosse si prescrivono ai sensi di legge a favore del Fondo.
La distribuzione dei ricavi viene effettuata per la prima volta con riferimento ai ricavi conseguiti nell'anno solare 2016 e,
per l'ultima volta, con riferimento ai ricavi conseguiti nell'anno solare 2020.
La partecipazione al Fondo si realizza attraverso la sottoscrizione di quote o il loro successivo acquisto a qualsiasi titolo.
La sottoscrizione di quote può avvenire solo a fronte del versamento di un importo corrispondente al valore delle quote
di partecipazione.
I partecipanti al Fondo possono, in qualsiasi momento, chiedere alla SGR il rimborso totale o parziale delle quote
possedute.
Il rimborso può avvenire a mezzo bonifico ovvero a mezzo assegno circolare o bancario non trasferibile all'ordine del
richiedente.
Il valore del rimborso è determinato in base al valore unitario delle quote del giorno di ricezione della domanda da parte
della SGR. Quando nel giorno di ricezione della domanda non è prevista la valorizzazione del Fondo, il valore del
rimborso è determinato in base al primo valore del Fondo successivamente determinato.
9
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
La SGR provvede, tramite il Depositario, al pagamento dell'importo nel più breve tempo possibile e non oltre il termine di
quindici giorni dalla data in cui la domanda è pervenuta, salvi i casi di sospensione del diritto di rimborso.
Caratteristiche del Fondo
Il Fondo di tipo aperto, rientrante nell'ambito di applicazione della Direttiva 2009/65/CE, appartiene alla categoria
“Flessibili” e fa parte del “Sistema Eurizon Novembre 2020/Novembre 2022”.
In relazione allo stile gestionale adottato dal Fondo non è possibile individuare un benchmark coerente con i rischi
connessi con la politica di investimento del Fondo.
Il Fondo, di tipo flessibile, adotta una politica di investimento fondata su una durata predefinita, leggermente superiore
a 5 anni. La scadenza del ciclo di investimento del Fondo è stabilita al 30 novembre 2020.
Gli investimenti sono effettuati in strumenti finanziari di natura obbligazionaria, monetaria e/o azionaria, senza alcun
vincolo in ordine all'area geografica, alla valuta di denominazione ed alla categoria di emittente; gli strumenti finanziari
di natura azionaria non possono comunque superare il 20% delle attività del Fondo.
Gli strumenti finanziari di natura obbligazionaria e/o monetaria sono rappresentati da emittenti governativi, organismi
sovranazionali/agenzie ed emittenti societari, senza alcun vincolo in ordine al merito di credito degli emittenti.
La durata media finanziaria (duration) del Fondo è inferiore a 6 anni e potrà subire frequenti e significative variazioni.
Il Fondo può inoltre investire:
- in depositi bancari denominati in qualsiasi valuta, fino al 100% del totale delle attività;
- in OICR specializzati nel settore immobiliare/infrastrutture (ad esempio, OICVM e FIA aperti non riservati, FIA chiusi
quotati e non quotati), fino al 10% del totale delle attività.
La politica di investimento sopra descritta può essere perseguita mediante l'investimento in parti di OICVM e FIA aperti
non riservati, compatibili con detta politica di investimento, fino al 100% del totale delle attività. Gli investimenti in
parti di FIA aperti non riservati non possono comunque complessivamente superare il 20% del totale delle attività.
L'utilizzo di strumenti finanziari derivati è finalizzato alla copertura dei rischi, alla buona gestione ed all'investimento.
Gli strumenti finanziari derivati possono essere utilizzati per assumere posizioni corte nette. L'esposizione complessiva in
strumenti finanziari derivati non può essere superiore al valore complessivo netto del Fondo e deve risultare coerente
con la politica di investimento. Tale esposizione è calcolata secondo il metodo degli impegni.
Lo stile di gestione è flessibile. La scelta delle proporzioni tra classi di attività, la selezione delle diverse aree
geografiche di investimento, delle diverse valute e dei singoli strumenti finanziari (ad esempio, azioni, obbligazioni,
derivati ed OICR) potranno variare in base alle analisi macroeconomiche, finanziarie e dei mercati, tenuto conto altresì
della durata residua dell'orizzonte d'investimento del Fondo e della performance già conseguita. La selezione degli
strumenti obbligazionari, in particolare, viene effettuata sulla base di scelte strategiche in termini di durata media
finanziaria (duration), di tipologia di emittenti (governativi/societari), di ripartizione geografica (Paesi emergenti/Paesi
sviluppati) e valutaria (euro/valute diverse dall'euro). Con riferimento ai singoli strumenti finanziari, gli stessi sono
selezionati mediante un approccio che combina l'analisi fondamentale a quella valutativa e tecnica, tenuto conto
dell'affidabilità degli emittenti e della liquidità del mercato di riferimento.
La scelta degli OICR è effettuata attraverso processi di valutazione di natura quantitativa e qualitativa, tenuto conto
della specializzazione del gestore e dello stile di gestione adottato, nonché delle caratteristiche degli strumenti
finanziari sottostanti. Gli OICR sono selezionati fra quelli gestiti dalla Società di Gestione e da altre Società del Gruppo
(OICR “collegati”) e quelli gestiti da primarie società, sulla base della qualità e persistenza dei risultati e della
trasparenza nella comunicazione, nonché della solidità del processo d'investimento valutato da un apposito team di
analisi. La gestione è caratterizzata dall'utilizzo di metodologie statistiche per il controllo del rischio di portafoglio.
A prescindere dagli orientamenti di investimento specifici del Fondo, resta comunque ferma la facoltà di:
- effettuare investimenti in strumenti finanziari non quotati, nei limiti previsti dalle vigenti disposizioni normative;
- detenere liquidità per esigenze di tesoreria;
- assumere, in relazione all'andamento dei mercati finanziari o ad altre specifiche situazioni congiunturali, scelte per la
tutela dell'interesse dei partecipanti, che si discostino dalle politiche d'investimento.
Il Fondo può inoltre:
- acquistare titoli di società finanziate da società del Gruppo di appartenenza della SGR;
- negoziare strumenti finanziari con altri patrimoni gestiti dalla SGR;
- investire in parti di altri OICR gestiti dalla SGR o da altre società alla stessa legate tramite controllo comune o con una
considerevole partecipazione diretta o indiretta.
10
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
La SGR ha facoltà di effettuare operazioni in divise estere (es. acquisti e vendite a pronti ed a termine, ecc.) ed
utilizzare strumenti di copertura del rischio di cambio, coerentemente con la politica di investimento del Fondo. La SGR
ha inoltre la facoltà di utilizzare tecniche di gestione efficiente del portafoglio (quali ad esempio operazioni di pronti
contro termine, riporti, prestito titoli ed altre operazioni assimilabili) coerentemente con la politica di investimento del
Fondo e nel rispetto dei limiti e delle condizioni stabilite dalle vigenti disposizioni normative.
Spese ed oneri a carico del Fondo
Le spese a carico del Fondo sono:
- la commissione di collocamento, nella misura dell'1,75%, applicata sull'importo risultante dal numero di quote in
circolazione al termine del “Periodo di Sottoscrizione” per il valore unitario iniziale della quota del Fondo (pari a 5 euro).
Tale commissione è imputata al Fondo e prelevata in un'unica soluzione al termine del “Periodo di Sottoscrizione” ed è
ammortizzata linearmente entro i 5 anni successivi a tale data mediante addebito giornaliero sul valore complessivo
netto del Fondo;
- la provvigione di gestione a favore della SGR pari allo 1,10% su base annua, calcolata ogni giorno di valorizzazione sul
valore complessivo netto del Fondo; la misura mensile della provvigione di gestione è pari a 1/12 dell'aliquota annua
sopra riportata. La provvigione di gestione è prelevata mensilmente dalle disponibilità del Fondo stesso il primo giorno di
calcolo del valore unitario della quota del mese successivo a quello di riferimento.
Nel “Periodo di Sottoscrizione”, la provvigione di gestione è stata pari allo 0,30% su base annua, calcolata e prelevata
secondo le modalità di cui sopra. A decorrere dal giorno successivo alla scadenza del ciclo di investimento, la provvigione
di gestione è pari all'1,05% su base annua, calcolata e prelevata secondo le modalità di cui sopra;
- la provvigione di incentivo a favore della SGR pari al 20% del minor valore maturato nel periodo intercorrente tra il 1°
dicembre di ogni anno ed il 30 novembre dell'anno successivo (di seguito, “anno convenzionale”) tra:
- l'incremento percentuale del valore della quota del Fondo rispetto al più elevato valore registrato dalla stessa
nell'ultimo giorno di valorizzazione degli anni convenzionali precedenti;
- la differenza tra l'incremento percentuale del valore della quota del Fondo e l'incremento percentuale del valore del
parametro di riferimento nell'anno convenzionale.
Il valore della quota del Fondo utilizzato ai fini del calcolo della provvigione di incentivo tiene conto anche dei proventi
distribuiti.
La provvigione è applicata dal 1° dicembre 2015 fino alla scadenza del ciclo di investimento previsto per il Fondo e viene
calcolata sul minore ammontare tra il valore complessivo netto medio del Fondo nell'anno convenzionale ed il valore
complessivo netto del Fondo disponibile nel giorno di calcolo.
La provvigione di incentivo si applica solo se, nell'anno convenzionale:
- il rendimento del Fondo risulti positivo e superiore al rendimento del parametro di riferimento;
- il valore della quota del Fondo risulti superiore al più elevato valore registrato dalla stessa nell'ultimo giorno di
valorizzazione degli anni convenzionali precedenti.
Il parametro di riferimento è il “Barclays Euro Treasury Bills Index + 1,10%”.
Il calcolo della commissione è eseguito ogni giorno di valorizzazione, accantonando un rateo che fa riferimento
all'extraperformance maturata rispetto all'ultimo giorno dell'anno convenzionale precedente.
Ogni giorno di valorizzazione, ai fini del calcolo del valore complessivo del Fondo, la SGR accredita al Fondo
l'accantonamento del giorno precedente e addebita quello del giorno cui si riferisce il calcolo.
La commissione viene prelevata il primo giorno lavorativo successivo alla chiusura di ciascun anno convenzionale.
E' previsto un fee cap al compenso della SGR pari, per ciascun Fondo, alla provvigione di gestione fissa a cui si aggiunge il
100% della stessa; quest'ultima percentuale costituisce il massimo prelevabile a titolo di provvigione di incentivo.
In fase di prima applicazione della provvigione di incentivo, il più elevato valore registrato dalla quota del Fondo sarà
quello rilevato nel periodo intercorrente tra la data di apertura del “Periodo di Sottoscrizione” ed il 30 novembre 2015;
- il compenso riconosciuto al Depositario per l'incarico svolto. Tale importo è calcolato ogni giorno di valorizzazione sul
valore complessivo netto del Fondo, nella misura massima dello 0,07% su base annua;
- le spese di pubblicazione del valore unitario delle quote e dei prospetti periodici del Fondo;
- le spese degli avvisi inerenti alla liquidazione del Fondo, alla distribuzione dei ricavi, alla disponibilità dei prospetti
periodici nonché alle modifiche del Regolamento richieste da mutamenti della legge ovvero delle disposizioni di
vigilanza;
- gli oneri della stampa dei documenti destinati al pubblico nonché gli oneri derivanti dagli obblighi di comunicazione alla
generalità dei partecipanti, purché tali oneri non attengano a propaganda e a pubblicità o comunque al collocamento
delle quote del Fondo;
- le spese per la revisione della contabilità e dei rendiconti del Fondo, ivi compreso quello finale di liquidazione;
11
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
- gli oneri finanziari per i debiti assunti dal Fondo e le spese connesse;
- le spese legali e giudiziarie sostenute nell'esclusivo interesse del Fondo;
- il contributo di vigilanza dovuto alla Consob nonché alle Autorità estere competenti, per lo svolgimento dell'attività di
controllo e di vigilanza. Tra tali spese non sono in ogni caso comprese quelle relative alle procedure di
commercializzazione del Fondo nei paesi diversi dall'Italia;
- gli oneri di intermediazione inerenti alla compravendita di strumenti finanziari o di parti di OICR, all'investimento in
depositi bancari nonché gli oneri connessi alla partecipazione agli OICR oggetto dell'investimento;
- gli oneri fiscali di pertinenza del Fondo.
Il pagamento delle suddette spese, salvo quanto diversamente indicato, è disposto dalla SGR mediante prelievo dalla
disponibilità del Fondo con valuta non antecedente a quella del giorno di effettiva erogazione.
In caso di investimento in OICR collegati, sul Fondo acquirente non vengono fatte gravare spese e diritti di qualsiasi
natura relativi alla sottoscrizione e al rimborso delle parti degli OICR acquisiti. La SGR deduce dal proprio compenso, fino
a concorrenza dello stesso, la remunerazione complessiva (provvigione di gestione, di incentivo, ecc.) percepita dal
gestore degli OICR “collegati”.
Regime fiscale
La SGR, ai sensi della Legge 10/2011, applica una ritenuta sul reddito realizzato direttamente in capo ai partecipanti.
La ritenuta viene applicata nella misura del 26%, ad esclusione dell'eventuale componente positiva riferibile a proventi
maturati sulle quote del fondo possedute al 30 giugno 2014, sulla quale rimane applicata l'aliquota previgente del 20%,
così come previsto dal DL 66/2014, convertito dalla Legge n. 89 del 23 giugno 2014. La quota parte dei redditi
riconducibile all'investimento in titoli governativi italiani ed equiparati e in obbligazioni emesse da Stati esteri white list
e loro enti territoriali partecipa in misura ridotta, per il 48,08% del relativo ammontare (62,5% fino al 30 giugno 2014) al
reddito fiscalmente imponibile. I proventi riferibili ai titoli pubblici italiani ed equiparati sono determinati
proporzionalmente alla percentuale media dell'attivo investita direttamente, o indirettamente per il tramite di altri
organismi di investimento.
Per i redditi che si realizzeranno nel corso del primo semestre 2017, la porzione di reddito riferibile agli investimenti in
titoli governativi ed equiparati sarà pari a 68,8%, corrispondente alla media delle percentuali rilevate alla fine del
secondo semestre 2015 (69,4%) e del primo semestre 2016 (68,3%).
Si ricorda che per i redditi realizzati nel corso del secondo semestre 2016, la porzione di reddito riferibile agli
investimenti in titoli governativi ed equiparati è pari a 69,4%, corrispondente alla percentuale rilevata alla fine del
secondo semestre 2015 (69,4%).
Il reddito imponibile in capo al partecipante corrisponde ai proventi distribuiti in costanza di partecipazione al Fondo o
alla differenza tra il valore di rimborso, di liquidazione o di cessione delle quote e il costo medio ponderato di
sottoscrizione o acquisto delle quote medesime, rilevati dai prospetti periodici. Tra le operazioni di rimborso sono
comprese anche quelle realizzate mediante operazioni di spostamento tra Fondi. La ritenuta è applicata anche
nell'ipotesi di trasferimento delle quote a rapporti di custodia, amministrazione o gestione intestati a soggetti diversi
dagli intestatari dei rapporti di provenienza, incluse le operazioni di trasferimento avvenute per successione o
donazione.
Nel caso in cui il partecipante realizzi una perdita, tale minusvalenza può essere portata dal partecipante in diminuzione
di plusvalenze realizzate su altri titoli, nel medesimo periodo d'imposta o entro il quarto successivo. Per effetto del
passaggio dell'aliquota di tassazione dal 20% al 26%, l'ammontare delle minusvalenze realizzate fino al 31 dicembre 2011
verrà computato nella misura del 48,08%, mentre l'ammontare delle minusvalenze realizzate dal 1° gennaio 2012 al 30
giugno 2014 verrà computato nella misura del 76,92%.
Durata dell’esercizio contabile
L'esercizio contabile ha durata annuale e si chiude l'ultimo giorno di valorizzazione di ogni anno solare, che corrisponde
all'ultimo giorno di borsa aperta.
12
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
NOTA ILLUSTRATIVA
Scenario Macroeconomico
Il primo semestre 2016 ha visto un'alternanza tra fasi di tensione sui mercati finanziari e parziali recuperi.
L'anno ha preso avvio in modo turbolento, sulla scia delle analogie con quanto già vissuto durante le tensioni del
precedente agosto. L'inizio, a dicembre 2015, del rialzo dei tassi d'interesse da parte della Federal Reserve (Fed), le
pressioni al rialzo sul dollaro USA, la nuova svalutazione della valuta da parte della Cina e la concomitante discesa del
prezzo del petrolio hanno dato la sensazione agli operatori finanziari di un'agenda di politica economica senza
coordinamento, facendo scendere le Borse in modo pronunciato. I mercati hanno letto nel calo del prezzo del petrolio la
spia della bassa crescita economica, temendo che la forte discesa dell'ultimo anno e mezzo si potesse tradurre in
fallimenti per le società del settore con impatti negativi per l'economia.
La tensione è stata acuta fino ad inizio febbraio. Successivamente la volatilità è scesa e le attività di rischio hanno
recuperato, in larga parte, le perdite registrate in precedenza. I mercati hanno trovato sostegno soprattutto nell'impegno
della Cina a non svalutare in modo sistematico il cambio e nella disponibilità della Federal Reserve a procedere in modo
graduale nel rialzo dei tassi, tenendo in considerazione le necessità di un'economia globale ancora fragile. Da segnalare
anche l'aumento degli stimoli monetari da parte della Bank of Japan (BoJ) e della Banca Centrale Europea (BCE). Si è
trattato di interventi con minori implicazioni per il quadro generale, ma particolarmente importanti per avere fatto
ridiscendere i tassi di interesse in Giappone e nell'Eurozona.
Alla chiusura del primo trimestre, il recupero dei listini azionari è apparso in via di esaurimento. Da un lato, l'adozione di
un'agenda di politica coordinata a livello internazionale ha fornito motivi di rassicurazione per i mercati, ma dall'altro
lato, il contesto presentava ancora elementi di incertezza legati ad una crescita generalmente debole e molto
diversificata tra le diverse aree.
I dati macroeconomici del secondo trimestre hanno mostrato un miglioramento della crescita USA, dopo il deludente
primo trimestre, una prosecuzione della crescita in Eurozona e deboli segnali di stabilizzazione per le economie
emergenti. Ne è emerso comunque un quadro ancora fragile per l'economia globale, caratterizzato da un ritmo di
crescita modesto e inflazione ai minimi.
L'atteggiamento delle banche centrali è stato generalmente accomodante anche nel secondo trimestre. La BCE ha
proseguito le iniezioni di liquidità, tramite acquisti di titoli di Stato, a cui si sono affiancati interventi sui titoli
obbligazionari emessi dalle società (i cosiddetti “titoli corporate”). Anche la BoJ ha proseguito l'allentamento
quantitativo. Sono state però deluse le attese di nuove misure espansive per il Giappone, che il mercato si attendeva alla
luce di una crescita economica debole e uno yen forte. Il nulla di fatto da parte della Bank of Japan ha ulteriormente
rafforzato lo yen e indebolito la Borsa giapponese. Ma soprattutto ha ravvivato il dibattito sul fatto che gli spazi di azione
delle politiche monetarie siano ormai ridotti ai minimi. Anche le decisioni della Fed sono apparse in un qualche modo
congelate. Leggendo i verbali del FOMC (“Federal Open Market Committee”, l'organismo della Banca Centrale
statunitense che regola la politica monetaria e che, tra i vari compiti, definisce il livello dei tassi d'interesse ufficiali), è
emerso che i membri della Fed avrebbero voluto alzare i tassi una seconda volta dopo la mossa di dicembre 2015. La
decisione è stata però accantonata, soprattutto per le incertezze legate al referendum del Regno Unito, ma anche per
dati del mercato del lavoro statunitense che, negli ultimi mesi, hanno deluso le aspettative dei mercati. Da segnalare
che alcune banche centrali dei Paesi emergenti hanno approfittato del calo dell'inflazione per tagliare i tassi. È stato il
caso di Russia e India che avevano sospeso le manovre di allentamento lo scorso anno, a causa del rischio inflazione, e
nonostante un debole contesto macroeconomico.
L'evento di chiusura del semestre è stato il referendum (tenutosi il 23 giugno) del Regno Unito sulla sua permanenza
nell'Unione Europea. La vittoria del “LEAVE” (ossia, l'uscita dall'UE) ha colto di sorpresa i mercati. Vittime principali del
voto britannico sono state la sterlina, scesa in pochi giorni ai minimi da metà anni '80 contro dollaro, e le Borse europee.
Minore l'impatto sui listini azionari lontani dall'Europa (USA ed emergenti).
Il tema Europa e i rischi di contagio globale che potrebbero derivarne rimarranno molto probabilmente al centro
dell'attenzione dei mercati per i mesi a venire.
In tale contesto, il mercato obbligazionario mondiale ha chiuso il primo semestre 2016 con un guadagno del 6,7% espresso
in valuta locale (indice JPM Global). Performance positive anche a livello delle principali aree geografiche con, ad
esempio, la zona Euro e gli Stati Uniti che hanno segnato il +5,7% e i Paesi emergenti che hanno mostrato una crescita
del 12,3% (performance espresse in valuta locale).
Bilancio leggermente negativo per il mercato azionario globale che ha chiuso il semestre con un ribasso dello 0,7% (indice
MSCI World in valuta locale). Si è però osservata una forte dispersione dei risultati a livello di aree geografiche: la zona
Euro ha accusato una perdita del 9,3%, in larga parte accumulata nell'ultimo mese a seguito dell'inatteso esito del
referendum del Regno Unito; la performance in valuta locale per i Paesi emergenti e per gli Stati Uniti appare invece
13
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
positiva e rispettivamente pari al 3,5% e al 3,2%.
Sul mercato dei cambi, il semestre si è chiuso con un rafforzamento dell'euro del 2,3% verso il dollaro statunitense e del
12,8% rispetto alla sterlina. La moneta unica si è invece indebolita del 12,8% contro lo yen.
La dinamica valutaria ha influito sulle performance espresse in euro dei mercati esterni alla zona Euro. Il mercato
azionario mondiale, ad esempio, ha visto amplificare la perdita espressa in euro all'1,6% (rispetto al -0,7% espresso in
valuta locale). L'obbligazionario globale registra un guadagno in euro dell'8,1% (rispetto al +6,7% espresso in valuta
locale).
Commento di gestione
Per quanto riguarda la componente azionaria, il peso massimo regolamentare è pari al 20% del portafoglio. Nel corso del
periodo, il peso azionario è variato da un minimo del 6,5% ad un massimo del 15% circa.
Il posizionamento azionario è stato costruito tramite fondi azionari flessibili e strumenti derivati (futures sugli indici
EuroStoxx50 e FtseMib e opzioni sull'indice EuroStoxx50). Il peso della componente azionaria è gradualmente diminuito
nel corso del primo semestre, in particolare riducendo l'esposizione ai corsi azionari europei. Nel corso del secondo
trimestre, in chiave di diversificazione e riduzione del rischio, il Fondo ha sottopesato anche la componente azionaria
americana rispetto a quella europea, tramite strumenti derivati; tale posizionamento di sottopeso è stato
successivamente chiuso con profitto. Sono state utilizzate in maniera dinamica le opzioni per ottimizzare il profilo
rischio/rendimento del portafoglio e per aumentare l'esposizione al mercato azionario tenendo sotto controllo il rischio.
La duration del portafoglio, nel corso del periodo, è variata da un minimo di 0,5 anni ad un massimo di 2,5 anni circa. La
gestione della duration è stata particolarmente dinamica in chiave di copertura del rischio derivante dai rialzi dei tassi
d'interesse.
La componente obbligazionaria governativa in titoli è stata in media del 58% circa del portafoglio ed è costituita da titoli
obbligazionari governativi con scadenze medio/lunghe emessi da Italia, Stati Uniti, Spagna, Portogallo e, in misura
residuale, in titoli sovranazionali e agenzie governative. La componente obbligazionaria a spread è stata in media
costituita per circa il 15% da titoli dei Paesi Emergenti, per circa il 9% da emissioni societarie Investment Grade e per
circa il 13% da emissioni societarie High Yield. Il Fondo inoltre ha implementato posizioni tattiche principalmente
attraverso l'uso di derivati, tra le quali si segnala una posizione corta di duration sull'obbligazionario cosiddetto "core"
(vendita di futures sul decennale tedesco e francese e, in corso di semestre e in maniera opportunistica, anche sul
decennale statunitense), a completa copertura dell'esposizione al movimento dei tassi che deriva dall'investimento in
titoli corporate, emergenti e anche dei titoli di Stato americani. Il Fondo, nel corso del periodo di riferimento, ha
diminuito l'esposizione percentuale della componente in titoli di Stato italiani, spagnoli e portoghesi, riducendone il
tratto a medio e lungo termine. Inoltre è stata ridotta la duration complessiva del portafoglio. Nella prima parte del
semestre è stata azzerata la componente investita in titoli di Stato irlandesi a favore della componente a spread,
principalmente titoli societari High Yield.
Il Fondo ha avuto una posizione lunga di dollaro verso euro, gestita dinamicamente nel corso del semestre, e una
posizione lunga di yen verso euro, chiusa con profitto nel primo trimestre. Con l'avvicinarsi del referendum inglese, il
Fondo ha assunto anche una posizione corta di sterline contro euro; successivamente tale posizione è stata in larga parte
ridotta con profitto. Inoltre, il Fondo presenta una posizione su un paniere di valute emergenti, tramite fondi della casa,
in chiave di diversificazione del rischio.
Nell'implementazione di posizioni volte a trarre profitto da movimenti tattici di duration, curva dei rendimenti e
differenziali di rendimento tra i vari segmenti di mercato, si è optato per l'utilizzo di derivati al fine di ridurre i costi di
transazione e sfruttare la maggiore liquidità di tali strumenti rispetto ad altri.
Il Fondo è soggetto principalmente al rischio di sfavorevole andamento dei prezzi dei titoli obbligazionari che può
dipendere sia dal movimento di risalita dei tassi che dal movimento di allargamento degli spread dei Paesi ed emittenti
in cui il Fondo può investire. A tal fine si è cercato di implementare strategie di copertura dal rischio risalita dei
rendimenti. Il Fondo è soggetto altresì a movimenti avversi della componente azionaria e dell'esposizione valutaria, in
particolare sui mercati emergenti.
Nel periodo di riferimento sono stati utilizzati derivati con finalità di copertura.
Nel corso del primo semestre del 2016 la performance del Fondo è stata negativa. Contributo negativo da parte della
componente azionaria e della posizione di copertura di duration tramite futures sui titoli di Stato tedeschi e francesi.
Lievemente positivo il contributo giunto dai titoli dei Paesi periferici dell'Eurozona e della componente titoli societari.
Positivo il contributo dell'esposizione ai titoli di Stato americani e della componente del portafoglio investita nei titoli di
Stato emergenti, sia in valuta forte che in valuta locale. Particolarmente positivo il contributo della componente
14
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
valutaria.
Data la natura flessibile del Fondo, la composizione del portafoglio potrà cambiare anche significativamente nel corso
della vita del prodotto, ma sempre nel rispetto del limite di VAR. Il Fondo è costruito per beneficiare in pieno da un
restringimento del differenziale dei tassi d'interesse rispetto ai Paesi cosiddetti "core" e da una diminuzione del premio
per il rischio della componente investita in mercati emergenti ed emissioni societarie. L'obiettivo è l'ottimizzazione del
rendimento dati i limiti di rischio e l'orizzonte temporale attraverso allocazione strategica di lungo periodo e scelte
tattiche.
Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura del semestre
Non si rilevano eventi significativi successivi alla chiusura della presente relazione di gestione, ovvero che possono avere
un impatto rilevante sulla situazione patrimoniale e reddituale del Fondo al 30 giugno 2016.
Attività di collocamento delle quote
Si ricorda che il Fondo è caratterizzato da un "Periodo di Sottoscrizione" che risulta essere chiuso. Si segnala che i
rimborsi del periodo risultano essere pari a euro 8.878.117.
Milano, 28 luglio 2016
IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
15
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2016
La Relazione semestrale del Fondo si compone di una Situazione patrimoniale e di una Nota illustrativa ed è stata redatta
conformemente agli schemi stabiliti dal Provvedimento Banca d'Italia del 19 gennaio 2015.
I prospetti contabili sono redatti in unità di euro, senza cifre decimali, a eccezione del valore della quota, che viene
calcolato in millesimi di euro.
Come espressamente previsto dal Provvedimento di riferimento, i prospetti allegati sono stati posti a confronto con i dati
relativi al periodo precedente.
L'Assemblea degli Azionisti di Eurizon Capital SGR S.p.A. del 20 marzo 2013 ha incaricato KPMG S.p.A. della revisione
legale del bilancio d'esercizio e della revisione contabile delle relazioni dei Fondi comuni d'investimento aperti istituiti
dalla SGR per gli esercizi 2013 - 2021.
16
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
SITUAZIONE PATRIMONIALE
ATTIVITA'
Situazione al
30/06/2016
Valore complessivo
Situazione a fine
esercizio precedente
In percentuale del
totale attività
Valore complessivo
In percentuale del
totale attività
A.
STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI
387.805.744
94,1
411.879.814
A1.
Titoli di debito
355.867.424
86,4
373.900.195
86,0
A1.1
titoli di Stato
246.260.220
59,8
266.028.071
61,2
109.607.204
26,6
107.872.124
24,8
31.938.320
7,7
37.979.619
8,7
880.819
0,2
357.747
0,1
A1.2
altri
A2.
Titoli di capitale
A3.
Parti di OICR
B.
STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI
B1.
Titoli di debito
B2.
Titoli di capitale
B3.
Parti di OICR
C.
STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI
C1.
Margini presso organismi di compensazione e garanzia
C2.
Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati
C3.
D.
Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non
quotati
DEPOSITI BANCARI
D1.
A vista
D2.
Altri
E.
94,7
1.776
0,0
879.043
0,2
357.747
0,1
10.848.874
2,6
9.429.598
2,2
9.328.449
2,3
7.955.421
1,8
F.
PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI
ASSIMILATE
POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA'
F1.
Liquiditα disponibile
F2.
Liquiditα da ricevere per operazioni da regolare
171.116.744
41,4
142.007.667
32,7
-169.596.319
-41,1
-140.533.490
-32,3
12.768.248
3,1
13.078.557
3,0
4.104.685
1,0
5.346.552
1,2
F3.
Liquiditα impegnata per operazioni da regolare
G.
ALTRE ATTIVITA'
G1.
Ratei attivi
G2.
Risparmio di imposta
G3.
Altre
TOTALE ATTIVITA'
8.663.563
2,1
7.732.005
1,8
412.303.685
100,0
434.745.716
100,0
17
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
SITUAZIONE PATRIMONIALE
Situazione al
30/06/2016
PASSIVITA' E NETTO
H.
FINANZIAMENTI RICEVUTI
I.
PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE
Valore complessivo
Situazione a fine
esercizio precedente
Valore complessivo
67.158
L.
STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI
L1.
Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati quotati
L2.
Opzioni, premi o altri strumenti finanziari derivati non quotati
M.
DEBITI VERSO I PARTECIPANTI
8.410
60.898
M1.
Rimborsi richiesti e non regolati
8.410
60.898
M2.
Proventi da distribuire
M3.
Altri
2.472.826
2.229.060
391.667
422.718
2.081.159
1.806.342
N.
ALTRE PASSIVITA'
N1.
Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati
N2.
Debiti di imposta
N3.
Altre
N4.
Vendite allo scoperto
TOTALE PASSIVITA'
2.548.394
2.289.958
Valore complessivo netto del fondo
409.755.291
432.455.758
Numero delle quote in circolazione
85.475.934,312
87.331.740,680
4,793
4,951
Valore unitario delle quote
Movimenti delle quote nell'esercizio
Quote emesse
0,000
Quote rimborsate
1.855.806,368
Milano, 28 luglio 2016
IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
18
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
Andamento del valore della quota
Nel periodo di riferimento, la performance del Fondo, al netto delle commissioni applicate, è stata pari a -3,19%.
19
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
Principi contabili
Nella redazione del presente documento vengono applicati i principi contabili di generale accettazione per i fondi comuni
d'investimento e i criteri di valutazione previsti dal Regolamento in accordo con quanto espressamente disposto dalla
Banca d'Italia. Tali principi contabili, coerenti con quelli utilizzati nel corso del periodo per la predisposizione dei
prospetti giornalieri e della Relazione di gestione annuale, sono di seguito riepilogati.
Criteri contabili
Gli acquisti e le vendite di titoli e di altre attività sono contabilizzati nel portafoglio del Fondo sulla base della data di
effettuazione dell'operazione, indipendentemente dalla data di regolamento dell'operazione stessa. Nel caso di
sottoscrizione di titoli di nuova emissione la contabilizzazione nel portafoglio del Fondo avviene invece alla data di
attribuzione.
Le operazioni di pronti contro termine non modificano il portafoglio titoli, ma vengono registrate a voce propria alla data
di conclusione del contratto per un importo pari al prezzo a pronti. La differenza tra il prezzo a pronti e quello a termine
viene rilevata per competenza lungo la durata del contratto.
La vendita o l'acquisto di contratti future su titoli nozionali influenzano il valore netto del Fondo attraverso la
corresponsione o l'incasso dei margini di variazione i quali incidono direttamente sulla liquidità disponibile e sul conto
economico mediante l'imputazione dei differenziali positivi/negativi. Tali differenziali vengono registrati secondo il
principio della competenza, sulla base della variazione giornaliera tra i prezzi di chiusura del mercato di contrattazione e
i costi dei contratti stipulati e/o i prezzi del giorno precedente.
Le opzioni, i premi e i warrant acquistati e le opzioni emesse e i premi venduti sono computati tra le attività/passività al
loro valore corrente. I controvalori delle opzioni, dei premi e dei warrant non esercitati confluiscono, alla scadenza,
nelle apposite poste di conto economico.
I costi delle opzioni, dei premi e dei warrant, ove i diritti connessi siano esercitati, aumentano o riducono
rispettivamente i costi per acquisti e i ricavi per vendite dei titoli cui si riferiscono, mentre i ricavi da premi venduti e
opzioni emesse, ove i diritti connessi siano esercitati, aumentano o riducono rispettivamente i ricavi per vendite e i costi
per acquisti dei titoli cui si riferiscono.
Le differenze tra i costi medi ponderati di carico e i prezzi di mercato relativamente alle quantità in portafoglio
originano minusvalenze e/o plusvalenze; nell'esercizio successivo tali poste da valutazione influiranno direttamente sui
relativi valori di libro. Gli utili e le perdite su realizzi riflettono la differenza fra i costi medi ponderati di carico e i
prezzi relativi alle vendite dell'esercizio. Le commissioni di acquisto e vendita corrisposte alle controparti, qualora
esplicitate sono imputate a costo nella voce “I3. Altri Oneri” della Sezione Reddituale della relazione di gestione.
Gli interessi e gli altri proventi su titoli, gli interessi sui depositi bancari, gli interessi sui prestiti, nonché gli oneri di
gestione, vengono registrati secondo il principio della competenza temporale, mediante il calcolo, ove necessario, di
ratei attivi e passivi.
I dividendi maturati su titoli azionari in portafoglio vengono registrati dal giorno della quotazione ex cedola, al netto
della ritenuta d'imposta ove applicata.
Le sottoscrizioni e i rimborsi delle quote sono registrati a norma di Regolamento del Fondo, nel rispetto del principio
della competenza temporale.
Criteri di valutazione
Il prezzo di valutazione dei titoli in portafoglio in ottemperanza a quanto disposto dalla normativa vigente è determinato
sulla base dei seguenti parametri:
- i prezzi unitari utilizzati, determinati in base all'ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato di negoziazione, sono
quelli del giorno di Borsa aperta al quale si riferisce il valore della quota;
- per i titoli di Stato italiani è l'ultimo prezzo rilevato sul Mercato Telematico (MOT) e, in mancanza di quotazione, il
prezzo rilevabile dai providers presenti nella Pricing Policy;
- per i titoli obbligazionari quotati negoziati presso il Mercato Telematico (MOT) è il prezzo trade e, in mancanza di
questo, il prezzo rilevabile dai providers presenti nella Pricing Policy;
- per i titoli quotati presso altri mercati regolamentati, è l'ultimo prezzo ufficiale disponibile entro le ore 24 italiane del
giorno al quale si riferisce il valore della quota. Se il titolo è trattato su più mercati si applica la quotazione più
significativa, tenuto conto anche delle quantità trattate e dell'operatività svolta dal Fondo. Nel caso in cui nel mercato di
20
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
quotazione risultino contenuti gli scambi ed esistano elementi di scarsa liquidità, la valutazione tiene altresì conto del
presumibile valore di realizzo determinabile anche sulla base delle informazioni reperibili su circuiti internazionali di
riferimento oggettivamente considerate dai responsabili organi della SGR;
- per i titoli e le altre attività finanziarie non quotati, compresi quelli esteri, è il loro presumibile valore di realizzo sul
mercato, individuato su un'ampia base di elementi di informazione - oggettivamente considerati dai responsabili organi
della SGR - con riferimento alla peculiarità del titolo, alla situazione patrimoniale e reddituale degli emittenti, alla
situazione del mercato ed al generale andamento dei tassi di interesse;
- per le opzioni, i warrant e gli strumenti derivati trattati in mercati regolamentati è il prezzo di chiusura del giorno
rilevato nel mercato di trattazione; nel caso di contratti trattati su più mercati è il prezzo più significativo, anche in
relazione alle quantità trattate sulle diverse piazze e all'operatività svolta dal Fondo;
- per le opzioni, i warrant e gli strumenti derivati non trattati in mercati regolamentati è il valore corrente espresso dalla
formula indicata dall'Organo di Vigilanza; qualora i valori risultassero incongruenti con le quotazioni espresse dal
mercato, la SGR riconsidera il tasso d'interesse “risk free” e la volatilità utilizzati, al fine di ricondurne il risultato al
presunto valore di realizzo;
- per la conversione in Euro delle valutazioni espresse in altre valute si applicano i relativi cambi correnti alla data di
riferimento comunicati da WM Reuters. Le operazioni a termine in valuta sono convertite al tasso di cambio a termine
corrente per scadenze corrispondenti a quelle delle operazioni oggetto di valutazione;
- per i titoli strutturati non quotati la valutazione viene effettuata procedendo alla valutazione distinta di tutte le singole
componenti elementari in cui essi possono essere scomposti; per titoli strutturati si intendono quei titoli che incorporano
una componente derivata e/o presentano il profilo di rischio di altri strumenti finanziari sottostanti. In particolare, non
sono considerati titoli strutturati i titoli di Stato parametrati a tassi di interesse di mercato e i titoli obbligazionari di
emissione societaria che prevedono il rimborso anticipato.
21
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020
Elenco analitico dei principali strumenti finanziari detenuti dal Fondo
Totale
Altri strumenti finanziari
Controvalore
in euro
27.216.372
21.643.600
20.274.416
15.282.350
14.345.741
11.722.956
11.287.744
9.328.389
7.708.273
7.364.025
7.059.792
6.724.797
6.690.924
5.458.114
5.364.825
5.158.044
4.970.400
4.928.754
4.901.991
4.554.171
4.399.835
4.192.916
4.182.961
4.050.766
4.025.099
3.885.613
3.322.316
3.306.854
3.295.777
3.230.700
3.011.166
2.705.733
2.672.004
2.281.836
2.254.179
2.236.843
2.098.440
2.043.662
2.010.346
1.915.200
1.731.293
1.719.199
1.617.967
1.319.025
1.257.324
1.164.192
1.151.054
1.085.025
1.066.588
1.063.816
276.283.407
111.522.337
% su Totale
attività
6,7%
5,2%
4,9%
3,7%
3,5%
2,8%
2,7%
2,3%
1,9%
1,8%
1,7%
1,6%
1,6%
1,3%
1,3%
1,3%
1,2%
1,2%
1,2%
1,1%
1,1%
1,0%
1,0%
1,0%
1,0%
0,9%
0,8%
0,8%
0,8%
0,8%
0,7%
0,7%
0,6%
0,6%
0,5%
0,5%
0,5%
0,5%
0,5%
0,5%
0,4%
0,4%
0,4%
0,3%
0,3%
0,3%
0,3%
0,3%
0,3%
0,3%
67,1%
27,0%
Totale strumenti finanziari
387.805.744
94,1%
Titolo
Quantità
BTPIL 1.65 04/20
EEF BOND EM LC
BTPIL 1.25 10/20
BTP 9 11/23
T 3.125 05/19
T 4.75 08/17
TII 1.75 01/28
T 4 08/18
SPGB 5.85 01/22
T 9 11/18
T 6.25 05/30
BTPIL 2.15 11/17
T 7.25 08/22
SPGB 6 01/29
PGB 5.65 02/24
BTP 4.75 09/44
BTP 5 09/40
PGB 3.85 04/21
PGB 4.95 10/23
BTPIL 0.5 04/23
T 2 11/22
PGB 4.75 06/19
EPSF EM.BD TR-I
EEF-FL BET T R-Z
TII 2.125 02/41
SPGB 5.5 04/21
T 6 02/26
SPGB 4.3 10/19
T 6.625 02/27
BTPS 2.7 03/47
PGB 4.1 04/37
T 8.125 08/21
T 8 11/21
TII 2.125 02/40
PGB 4.35 10/17
SPGB 5.4 01/23
BTP 7.25 11/26
SPGB 3.8 04/24
BTP 3.25 09/46
BTP 5 08/39
SPGB 4.8 01/24
SPGB 4.4 10/23
EEF Az StrFlex
SCHAEFF 3.5 05/22
GS 2.5 10/21
REPHUN 6.375 03/21
TURKEY 3.25 03/23
CCK 4 07/22
NUMFP 6 05/22
UCGIM FR 04/17
25.717.000
224.054
19.339.000
9.700.000
14.910.000
12.440.000
9.390.000
9.660.000
5.898.000
6.830.000
4.990.000
6.526.000
5.460.000
3.558.000
4.510.000
3.420.000
3.270.000
4.510.000
4.240.000
4.483.000
4.670.000
3.798.000
30.424
5.969
3.100.000
3.090.000
2.620.000
2.890.000
2.435.000
3.000.000
2.903.000
2.220.000
2.180.000
1.750.000
2.143.000
1.700.000
1.340.000
1.679.000
1.670.000
1.260.000
1.340.000
1.364.000
14.570
1.290.000
1.160.000
1.136.000
1.320.000
1.020.000
1.220.000
1.060.000
22
EURIZON SOLUZIONE CEDOLA PIÙ NOVEMBRE 2020

Documenti analoghi