Scheda descrittiva P02

Commenti

Transcript

Scheda descrittiva P02
SCUOLA MEDIA STATALE “M.G. VIDA”
SINTESI DEL PIANO OFFERTA FORMATIVA
SINTESI PROGETTO
Sezione 1 - Descrittiva
1.1 Denominazione progetto
Indicare Codice e denominazione del progetto
P 02 - Laboratori per il disagio Vida
1.2 Responsabile del progetto
Bonazzoli Laura – Moschini Anna
•
1.3 Obiettivi
Descrivere gli obiettivi misurabili che si intendono perseguire, i destinatari a cui si rivolge, le finalità e le metodologie
utilizzate. Illustrare eventuali rapporti con altre istituzioni.
La scuola, come luogo privilegiato dell’incontro tra società e minori, si trova a fare i conti, oggi più
che mai, con la distanza che si è creata tra la cultura dei giovani e quella da essa proposta. Questa
difficoltà di incontro ha conseguenze particolarmente pesanti sui ragazzi provenienti dagli ambienti
culturalmente più poveri e finisce per tradursi spesso in non comunicazione, in disadattamento,
disagio e insuccesso. E’ necessario che la scuola sappia “costruire” situazioni adatte ad accogliere
tutti e che permettano a tutti di entrare in relazione con essa. Questo è il primo passo per una
scuola che sia promotrice di successo formativo e non tanto trincea contro il disagio.
Particolarmente efficace a questo scopo si rivela la didattica laboratoriale che consente ai discenti
di fare esperienze dirette, mettendo in pratica procedure e concetti, usando strumenti e materiali
vari, superando i limiti della più tradizionale trasmissione orale delle conoscenze da parte dell'insegnante. Mentre agisce l'alunno impara perché è attivo, consapevole della situazione didattica che
sta vivendo; interagisce, coopera, riflette, progetta e rispetta accordi comuni e impegni presi. La
pratica laboratoriale riveste dunque la funzione importante di dare risposte adeguate per migliorare
l'aspetto relazionale di ogni alunno e per facilitare l'acquisizione di nuove conoscenze ed abilità che
si potranno poi consolidare in vere e proprie competenze.
Per tali ragioni la Scuola Media Vida intende attivare nell’anno scolastico 2014 - 2015 per gli alunni
con bisogni educativi speciali e in situazione di disagio e di disabilità un percorso di laboratori, imperniati su attività manipolative, costruttive e grafico pittoriche da svolgersi presso la scuola in ora rio mattutino. Tre sono i progetti predisposti per l’anno scolastico in corso: “Ho perso la bussola”,
“A mani libere” e “Progetto giardino”.
Il progetto “Ho perso la bussola” prevede attività laboratoriali di giardinaggio, cucina, moda,
bricolage e grafica al computer, finalizzate ad offrire agli alunni esperienze di lavoro in diversi
contesti e con diversi materiali ed attrezzi. Scopo del progetto è quello di individuare attitudini,
desideri, potenzialità dei ragazzi cheli porti a costruire un’immagine di sé relativa al futuro
scolastico e professionale. Per gli alunni di terza il progetto integra il percorso di orientamento che
la scuola già offre attraverso l’esperienza degli stages in due istituti scolastici cittadini.
Il progetto “A mani libere” prevede nell’anno scolastico 2014/15 due percorsi sulla natura:
le quattro stagioni e i frutti di stagione, da rielaborare attraverso disegni da colorare o utilizzando la
tecnica del collage;
gli animali e gli ambienti di appartenenza (del bosco, della fattoria e del mare) realizzando con la
pasta di sale un plastico che evidenzi le differenze tra i vari ambienti.
Il progetto Giardino, sfruttando lo splendido spazio verde di cui la nostra scuola dispone, intende
offrire un’occasione di crescita e di benessere con un’attività manuale all’aria aperta contribuendo
nel contempo a rendere maggiormente fruibile da tutti il giardino scolastico sia per attività
didattiche sia per attività ludico-ricreative: pic-nic, concerti, lezioni all'aria aperta.
1
FINALITA' GENERALI
I “Laboratori per il disagio” intendono
 ampliare la gamma delle possibilità esperienziali dei ragazzi in situazione di disagio o
disabilità all’interno della scuola con attività pratico – manuali alternative e/o parallele al
tradizionale percorso scolastico
 aumentare nei ragazzi la consapevolezza delle proprie attitudini ed abilità;
 stimolare l’autostima nelle situazioni di scarsa motivazione;
 sostenere l’apprendimento con percorsi individualizzati;
 contribuire, attraverso le attività pratiche proposte, al successo scolastico e formativo e
all’orientamento scolastico e professionale
OBIETTIVI COMUNI AI DIVERSI PROGETTI
 Promuovere il benessere individuale
 Promuovere attività che stimolino nuovi interessi
 Potenziare l’autostima e la sicurezza personale
 Potenziare le capacità individuali
 Stimolare la creatività
 Sviluppare la capacità di lavorare in gruppo in modo organizzato
 Potenziare la capacità di autocontrollo e autodisciplina
 Sviluppare le potenzialità di ogni ragazzo nel sapersi relazionare con gli altri
 Potenziare i tempi di autonomia nello svolgimento di un compito
 Migliorare il rispetto del materiale personale e comune.
 Sviluppare la manualità fine a seconda delle potenzialità
 Sviluppare le abilità di organizzazione spaziale
 Saper riprodurre in sequenza le fasi del lavoro
OBIETTIVI SPECIFICI DEI DIVERSI PROGETTI
PROGETTO “HO PERSO LA BUSSOLA”
Laboratorio di GIARDINAGGIO:
• Saper utilizzare semplici attrezzi di giardinaggio
• Saper seguire le indicazioni orali nell’esecuzione del lavoro
• Saper piantare semi o bulbi in vaso o direttamente nella terra
• Prendersi cura dei germogli seminati
• Provvedere alla cura dello spazio del giardino
• Saper ricostruire oralmente le fasi del lavoro, il materiale utilizzato e i procedimenti
Laboratorio di CUCINA
• Saper seguire le indicazioni orali nell’esecuzione di semplici ricette di cucina
• Saper utilizzare semplici attrezzi di cucina
• Conoscere le unità di peso e di capacità
• Saper individuare correttamente quantità e peso degli ingredienti richiesti
• Saper amalgamare i diversi ingredienti
• Saper ricostruire oralmente le fasi del lavoro, il materiale occorrente e i procedimenti
• Saper apparecchiare correttamente la tavola
Laboratorio di MODA
• Saper utilizzare semplici strumenti di lavoro
• Saper misurare e tagliare sempre più correttamente
• Saper seguire le indicazioni orali nell’esecuzione degli elaborati
• Sviluppare la creatività personale
• Saper ricostruire oralmente le fasi del lavoro, il materiale occorrente e i procedimenti
Laboratorio di BRICOLAGE
• Saper seguire le indicazioni orali nell’esecuzione del lavoro
• Saper utilizzare semplici strumenti e alcune tecniche specifiche
• Misurare e tagliare correttamente i materiali
2
•
•
•
Saper assemblare il materiale in modo idoneo
Saper manipolare
Saper ricostruire oralmente le fasi del lavoro, il materiale occorrente e i procedimenti
Laboratorio di GRAFICA
• Saper utilizzare correttamente l’apparecchio fotografico utilizzato (proprio o fornito dalla
scuola)
• Migliorare la capacità di inquadrare in modo personale e creativo il soggetto scelto
• Saper utilizzare un semplice programma di grafica a computer per personalizzare
l’immagine eseguita
• Saper eseguire autonomamente tutte le fasi del lavoro: scatto dell’immagine, inserimento
della foto nel computer, manipolazione grafica dell’immagine
• Saper ricostruire oralmente le fasi del lavoro, il materiale occorrente e i procedimenti
PROGETTO “A MANI LIBERE”
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
acquisire consapevolezza dell’ambiente, dei materiali e degli strumenti operativi;
fare esperienza di lavoro con diversi materiali (plastilina, pasta di sale, materiali riciclati,
prodotti alimentari)
fare esperienza di lavoro con strumenti di vario tipo;
apprendere una tecnica operativa;
potenziare le capacità oculo-manuali nell’utilizzo di attrezzi e materiali;
prolungare i tempi di ascolto e di attenzione nelle diverse fasi dell’attività;
ripetere, con sempre maggiore autonomia, azioni e procedure già note;
fare semplici scelte all’interno dell’attività proposta;
personalizzare il proprio elaborato;
rispettare le più elementari regole di lavoro in un piccolo gruppo;
creare insieme l’ambiente di lavoro, secondo i bisogni insieme rilevati;
partecipare alla scelta e agli acquisti di materiali e/o strumenti necessari;
saper accettare e prestare aiuto durante il lavoro;
rispettare il materiale comune e lo spazio provvedendo anche al riordino finale;
migliorare la capacità di attesa e il rispetto dei tempi di lavoro.
PROGETTO GIARDINO
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Riconoscere i diversi tipi di piante presenti nel giardino
Riconoscere i cambiamenti stagionali nei diversi tipi di piante
Imparare a piantare semi o bulbi in vaso o direttamente nella terra
Imparare ad utilizzare semplici attrezzi da giardinaggio
Provvedere alla cura delle piante del giardino
Provvedere alla più semplice manutenzione del giardino
Rispettare le più elementari regole di lavoro in un piccolo gruppo;
Saper accettare e prestare aiuto durante il lavoro;
Rispettare il materiale comune e lo spazio provvedendo anche al riordino finale;
Migliorare la capacità di attesa e il rispetto dei tempi di lavoro.
Esperire il concetto di “cura”, di responsabilità
DESTINATARI:
PROGETTO “HO PERSO LA BUSSOLA”
Alunni con disabilità delle classi seconde e terze. La partecipazione avviene in accordo con le
famiglie e con il Consiglio di classe.
Nell’anno scolastico 2014/2015 verranno coinvolti in alcuni laboratori alunni con disabilità delle
scuole primarie in ingresso il prossimo anno nell’ambito del progetto “Cresco e …..cambio scuola”.
PROGETTO “A MANI LIBERE”
Alunni con varie disabilità delle classi prime, seconde e terze
3
PROGETTO GIARDINO
Alunni B.E.S.delle classi prime, seconde e terze
Alunni con problemi emotivi, comportamentali, di attenzione e di socializzazione delle classi prime,
seconde e terze. Si prevede la partecipazione di circa 8 alunni divisi in due o tre gruppi.
METODOLOGIE COMUNI
Il lavoro si svolge in piccoli gruppi formati da alunni di classi diverse e con capacità e potenzialità
differenti, che frequentano i laboratori in orario scolastico previo accordo con il Consiglio di Classe
e con le famiglie.
E’ garantita la presenza di insegnanti curricolari e di sostegno e di assistenti alla persona.
Nel corso di ogni lezione, il docente assegnerà ad ognuno dei partecipanti la propria mansione.
Compiti e mansioni verranno appositamente calibrati e personalizzati in base alle caratteristiche
motorie e psico-relazionali dei ragazzi. Si cercherà tuttavia di coinvolgere tutti i ragazzi in tutte le
fasi del lavoro.
All’interno di ogni laboratorio l’attività verrà illustrata ai ragazzi nelle sue linee generali e lasciata
aperta ad eventuali modifiche creative che essi stessi intendano apportare.
Le diverse attività culmineranno nell'elaborazione di un prodotto finito, che darà ai ragazzi la possibilità di constatare concretamente i frutti del loro lavoro e di riceverne la conseguente gratificazione.
Le attività di laboratorio costituiscono parte integrante della valutazione educativa e didattica di
ogni alunno. In particolare saranno valutati la socializzazione, intesa come capacità di saper collaborare, di accettare e prestare aiuto; la partecipazione, intesa come attenzione e interesse alle attività proposte; l’impegno e il metodo di lavoro
RAPPORTI CON ALTRE ISTITUZIONI
Fondamentale, per l’attuazione dei progetti “Ho perso la bussola” e “A mani libere”, è l’apporto del
personale della Cooperativa Sentiero già in servizio nella scuola.
In tutti i progetti si cercherà inoltre la collaborazione con persone che hanno esperienza nei diversi
ambiti laboratoriali che, a titolo gratuito, presteranno la loro assistenza, ed eventualmente anche
con gli istituti professionali e i centri di formazione professionale della città. In particolare per il
Progetto giardino si prevede la collaborazione con l’Istituto superiore “Stanga”
1.4 Durata
Descrivere l'arco temporale nel quale il progetto si attua, illustrare le fasi operative individuando le attività da svolgere in
un anno finanziario separatamente da quelle da svolgere in un altro.
I “Laboratori per il disagio” si svolgono in orario scolastico.
Per ciascun laboratorio del progetto “Ho perso la bussola” si prevedono quattro lezioni della
durata di due ore che si terranno settimanalmente il lunedì (2° e 3° ora) con inizio da metà o fine
ottobre 2014 e termine entro il mese di maggio 2015.
Il progetto “A mani libere” si snoda nel corso di tutto l’anno scolastico, da ottobre a maggio, una
volta alla settimana. L’attività prevede l’utilizzo di due ore curricolari il sabato (4 - 5 ora).
Il progetto giardino prevede due incontri settimanali della durata di due ore a partire dal
secondo quadrimestre.
1.5 - Risorse umane
Indicare i profili di riferimento dei docenti, dei non docenti e dei collaboratori esterni che si prevede di utilizzare. Indicare i
nominativi delle persone che ricopriranno ruoli rilevanti. Separare le utilizzazioni per anno finanziario
La progettazione e la gestione dei laboratori è curata da personale interno (docenti curricolari, di
sostegno e assistenti alla persona) e avviene in stretto rapporto con i Consigli di classe. Il
coinvolgimento di tutti i docenti è condizione indispensabile per evitare che i progetti siano vissuti
come un’esperienza interessante, utile per la socializzazione, ma isolata dal contesto scolastico più
strettamente inteso.
Saranno coinvolte anche persone esterne che hanno esperienza nei diversi ambiti laboratoriali
proposti ed eventualmente docenti di istituti professionali e di centri di formazione professionale
4
Responsabili dei progetti “Ho perso la bussola” e “A mani libere” sono le prof.sse Bonazzoli Laura
e Giorgi Grazia Patrizia
Responsabile del Progetto Giardino è la prof.ssa Moschini Anna Maria. Gli alunni lavoreranno
sotto la guida dell’insegnante Santini Valeria
1.6 - Beni e servizi
Indicare le risorse logistiche ed organizzative che si prevede di utilizzare per la realizzazione.
Separare le spese da effettuare per anno finanziario.
Beni:
•
•
•
•
•
•
Aula attrezzata per la realizzazione delle attività manipolative, costruttive e grafiche previste
Laboratorio di informatica
Giardino della scuola
Materiali inerenti i singoli laboratori
Materiali di cancelleria
Semplici attrezzi
Costi
I costi previsti nei diversi progetti dei “Laboratori per il disagio” sono finalizzati all’acquisto di
materiali. E’ prevista una spesa complessiva di Euro 700,00 proveniente da Fondi comunali 2014
(Euro 77,85), dai Contributi di iscrizione dell’ A.S 2013/2014 (Euro 60,00) e dai contributi di
iscrizione dell’ A.S.2014/2015 (Euro 562,15).
Spesaa 1nno 2014: € 77,85
Spesa anno 2015: € 622,15
La cifra totale risulta così ripartita:
PROGETTO “HO PERSO LA BUSSOLA”
 300,00 Euro
PROGETTO “A MANI LIBERE”
 200, 00 Euro
PROGETTO GIARDINO
 200,00 Euro
IL RESPONSABILE DEL PROGETTO
Bonazzoli Laura
5
\\Server\scambio\Edda\PROGRAMMA ANN. E ASSESTAM\PROGRAMMA ANNUALE 2015\P02 PROGETTO LABORATORI PER IL DISAGIO
VIDA.doc
6

Documenti analoghi