L`abc della ragioneria

Commenti

Transcript

L`abc della ragioneria
L’abc della ragioneria
Istruzioni per l’uso: il contenuto delle parentesi va studiato come il resto; solo dopo averle comprese, potete saltarle e rendere così più scorrevole
il testo. Rassegnatevi: a non essere oggetto di domanda nelle verifiche saranno solo le eventuali parti scritte in carattere verde; tutto il resto,
qualsiasi sia il colore e la dimensione del carattere, ai fini della valutazione va prima di tutto compreso e poi possibilmente imparato.
1) Gestire l’azienda.
1.1)
Premessa
pag. 1
1.2)
Nulla si può governare senza informazioni
pag. 1
1.3)
Dati di stock e dati di flusso
pag. 2
2) Il Patrimonio lordo, i debiti e il patrimonio netto.
2.1)
2.2)
2.3)
Il patrimonio lordo
I debiti
Il patrimonio (o capitale) netto
3) L’utile (o la perdita) e il capitale netto.
pag. 3
pag. 5
pag. 6
pag. 7
4) Il reddito come confronto fra produzione e distruzione: il “conto economico” pag. 8
5) Approfondimenti su reddito e capitale netto.
pag. 14
6) La funzione della contabilità.
pag. 18
7) Le regole di registrazione in “partita doppia”.
6.1)
6.2)
6.3)
Il conto
6.1.1) I conti patrimoniali
6.1.2) I conti di reddito
Le tre regole
I tre “trucchi”
pag.
pag.
pag.
pag.
pag.
19
20
21
22
23
0
1) Gestire l’azienda.
1.1) Premessa.
Tutti gli esseri umani per vivere devono agire, e lo fanno indossando l’abito della azienda
(parola che non a caso deriva dal latino “facenda”, cioè cosa da fare), di produzione o di erogazione che sia (e
secondo me è il caso che tu ridia un occhio agli appunti “Attività umana, beni, aziende, produzione e consumo”…).
Per agire occorre prendere decisioni, e ogni azienda, poiché opera continuamente, è quindi
impegnata in una incessante attività decisionale. Questo vale sia per le aziende di erogazione (come
la famiglia o lo stato italiano) sia per quelle di produzione (come il caldarrostaio o la Apple). Queste pagine
le ho scritte riferendomi alle aziende di produzione, ma la gran parte dei concetti che vi appaiono
sono applicabili anche a quelle di erogazione
Per chi non avesse ancora digerito gli appunti “Attività umana, beni, aziende, produzione e
consumo” dell’anno scorso, ricordo la definizione di azienda che là indicai come quella che
massimizza il rapporto “efficacia / lunghezza” (anche se non sono sicuro sia la migliore in assoluto):
organismo che utilizza beni e lavoro per produrre qualcosa che soddisfa esigenze umane
.
1.2) Nulla si può governare senza informazioni.
Dovendo prendere tantissime decisioni, tutte le aziende [sia quelle di erogazione (a
partecipazione
volontaria) come la “Famiglia Rossi”
obbligatoria) come lo “stato italiano” e
e la “Casa di Carità S. Girolamo”, sia le aziende di erogazione (a partecipazione
il “comune di Reggio Emilia”, sia le aziende di produzione (a partecipazione volontaria
e di proprietà privata) come “Max Mara S.p.A.” e “Esselunga S.p.A.” sia, infine, le aziende di produzione (a partecipazione
volontaria e di proprietà pubblica) come l’ “Enia-Iren S.p.A.” e le “Farmacie Comunali Riunite S.p.A.”] sono tutte
accomunate, oltre che dal fatto che producono beni utilizzando lavoro e altri beni, da una stessa
necessità: avere informazioni.
Per prendere decisioni più corrette, infatti, occorre conoscere, avere informazioni, cioè dati.
Questo vale per qualsiasi iniziativa si voglia realizzare: una vacanza in Grecia (quanto costa il volo e il
noleggio auto? Quanto invece il traghetto? E il bed & breakfast o la mezza pensione? Quali sono i possibili orari di
imbarco? Ci sono posti liberi in quel campeggio? ecc.), una focaccia cumulativa ai primi di giugno alla
piscina di Baiso (prezzo di ingresso, eventuali sconti comitive, biglietto dell’autobus, coincidenze per rientrare a
casa in orario normale ecc.), la distribuzione di gnocco, pizze e panini a scuola (quali sono i costi di
acquisto e i prezzi di vendita, quali le preferenze degli studenti, quante le tasse da pagare, quanto il consumo di benzina,
quanto la paga dei dipendenti ecc.), o la conquista di una quota del 10% del mercato del cibo per gatti in
Gran Bretagna (quante sono le vendite complessive attuali, quante di queste sono nei supermercati e quanti nel
dettaglio specializzato, quanto pesano i vari marchi della distribuzione ecc.).
Quando la realtà che si vuole conoscere è semplice, allora poche saranno le informazioni
necessarie e semplice potrà essere anche il sistema di raccolta dei dati.
Ad esempio: per decidere se studiare o no storia ti è sufficiente sapere quanti tuoi compagni
non hanno ancora il voto e se l’Aleotti ha fissato una verifica scritta, tutte informazioni che non hai
difficoltà a trovare se solo scrivi puntualmente e in modo ordinato sul diario le principali vicende
scolastiche. Oppure: se vuoi informazioni sul campionato di calcio per decidere come compilare la
schedina, è sufficiente che ogni settimana annoti i risultati delle partite, l’elenco dei giocatori
infortunati e squalificati e tenga conto dei punti accumulati dalle varie squadre. Tutto semplice,
tanto che ci riescono perfino i giornalisti.
Quando invece la realtà da conoscere è estesa, varia e complessa come lo è quella di
un’azienda di produzione che non abbia dimensioni microscopiche (= piccolissime), più complesso e
sofisticato dovrà essere il metodo di annotazione dei fatti che accadono se si vogliono avere dati
sufficienti per decidere correttamente.
1
La “ragioneria” è la disciplina che insegna a ricavare una parte rilevante delle informazioni
necessarie per conoscere e quindi gestire (guidare, prendere decisioni informate e perciò migliori) una
azienda, e il metodo di annotazione dei fatti che coinvolgono l’azienda utilizzato dalla ragioneria è
chiamato “partita doppia” (il motivo di questo nome lo si intuirà solo in seguito). Seppure perfezionatosi nel
tempo, il metodo della partita doppia che si utilizza per registrare i fatti aziendali è in uso ormai da
alcuni secoli e non c’è nessuna speranza che da qui a qualche mese possa essere semplificato o reso
più divertente, perciò rassegnatevi.
1.3) Dati di stock e dati di flusso.
In economia (ma non solo) le grandezze che si possono misurare con riferimento a un istante
(cioè quelle che “si fotografano”) sono dette “variabili (o dati) di stock” (esempi di dati di stock sono il denaro
in cassa, il numero dei dipendenti, il valore delle scorte, i residenti in Italia ecc.).
E’ la stessa cosa che si può
dire per la quantità d’acqua presente in una vasca: per sapere quanta ce n’è in questo momento, la
misuro e posso dire: adesso nella vasca ci sono 120 litri; se però un rubinetto è aperto o il tappo
perde, la quantità d’acqua presente nella vasca varia in ogni istante.
Sempre in economia (ma non solo) le grandezze che si riferiscono a un periodo (a un intervallo di
tempo, cioè quelle che “si filmano”) sono definite “variabili (o dati) di flusso” (esempi di dati di flusso sono
l’output (il valore della produzione), gli input (il valore dei fattori produttivi), i ricavi di vendita, il P.I.L., il numero
annuo di assunzioni, il consumo di benzina, gli arrivi di immigrati ecc. ).
E’ la stessa cosa che si può dire per
un flusso d’acqua: dire che un rubinetto butta 10 litri significa nulla, in quanto occorre riferire la
quantità a un periodo di tempo: con 10 litri al secondo allagate la casa, con 10 litri l’ora non vi
lavate nemmeno i denti.
Quando descriviamo un fenomeno per mezzo di un dato di stock è come se di quel
fenomeno stessimo facendo vedere una fotografia, nel senso che quel dato rappresenta la quantità
esistente in quel momento, quantità che si è accumulata nel passato a causa di tutte le vicende
capitate dall’inizio fino a quell’istante, l’istante in cui la foto è stata scattata. Se dico che a Natale
pesavo 76 chili, quel dato è il risultato finale di tutti i miei acquisti di peso e i miei dimagrimenti da
quando sono nato fino al Natale del 2012. E’ la fotografia del mio peso scattata il 25.12.2012.
Quando descriviamo un fenomeno per mezzo di un dato di flusso è come se di quel
fenomeno stessimo facendo vedere un filmato, nel senso che quel dato evidenzia come quel
fenomeno è variato in un certo periodo, il periodo in relazione al quale è espresso il dato.
Se il 21 settembre dico che il mio cane negli ultimi tre mesi è dimagrito di 5 chili, sto
rappresentando quello che è successo al peso del cane durante l’estate, come se facessi vedere in un
film le vicende relative al peso di Frey (= nome del mio cane, ma poiché è un pastore tedesco si pronuncia Frai).
Chiarito questo, vi resta da interiorizzare che il patrimonio è un dato di stock, mentre il
reddito è un dato di flusso. Il concetto è semplice e piuttosto intuitivo:
-
se venite a sapere che Pinco oggi ha 10 milioni di euro depositati in banca e nessun debito,
siete sì certi che Pinco è ricco, ma non sapete quanto guadagna: potrebbe guadagnare molto
come anche quasi nulla, e magari vive mangiandosi i suoi risparmi;
-
se scoprite che Pallino guadagna 20.000 € al mese, siete sì certi che ha un ottimo reddito, ma
non sapete nulla sulla sua ricchezza: potrebbe possedere tre ville e 10 milioni in contanti
come avere solo debiti perché vive in un albergo di lusso e spende più di quanto guadagna.
2
2)
Patrimonio, debiti e capitale netto.
Di erogazione o di produzione che sia (d’ora in avanti, comunque e come ho già detto, mi riferirò a
quella di produzione, anche se quasi tutto ciò che scrivo va bene anche per le aziende di erogazione), l’azienda, per
svolgere la sua attività, deve comunque utilizzare, oltre al lavoro di qualcuno, anche dei beni.
2.1) Il patrimonio lordo.
Per patrimonio (o capitale o attivo) lordo aziendale si intende sia l’insieme dei beni di cui
l’azienda ha la proprietà, sia il loro valore complessivo.
Babbo Natale non esiste, e nemmeno la Befana. Ecco perché solitamente per avere un bene
occorre comprarlo, e per comprarlo: 1. o si usa ricchezza propria – i ragionieri direbbero “mezzi
propri” o “capitale proprio” – , 2. o si usa ricchezza altrui, ad esempio soldi avuti in prestito, cioè
debiti – per i ragionieri “capitale di terzi” (i “terzi” essendo gli “altri” rispetto a noi) – .
I mezzi propri e i debiti hanno una cosa in comune: la funzione (= lo scopo), cioè servono per
la stessa cosa, acquisire ciò di cui necessita l’azienda.
Il capitale proprio e il capitale di terzi (cioè i debiti) sono quindi entrambi “fonti di finanziamento”,
le sorgenti da cui l’azienda attinge per entrare in possesso dei beni necessari per operare.
Da quel che si è appena detto risulta allora che, inevitabilmente, vi è sempre coincidenza fra
il patrimonio lordo (l’intero attivo aziendale) e le fonti di finanziamento (capitale proprio e capitale di terzi)
che hanno reso possibile la sua acquisizione (cioè l’acquisizione dei beni che compongono il patrimonio lordo).
Le fonti di finanziamento, repetita iuvant (= giova, è utile ripetere), si distinguono quindi fra
debiti (detti anche passività o capitale di terzi, cioè altrui) e capitale – o patrimonio – proprio o netto.
Così, se in un certo momento il patrimonio lordo di un’azienda è 1.000, allora
necessariamente la somma dei suoi debiti e del capitale netto sarà 1.000.
Qui sotto potete vedere uno schema frequentemente usato per descrivere la struttura del
patrimonio di una azienda in un certo momento.
Situazione patrimoniale dell’azienda Pinca Pallina alla mezzanotte del 19/9/2012
ATTIVO (o patrimonio lordo o impieghi) FONTI di FINANZIAMENTO
Immobili
x
|
Attrezzature
y
|
Scorte
w
|
Crediti
z
|
Liquidità
Totale impieghi (o attivo)
(o patrimonio lordo o capitale investito)
j
Capitale proprio (o capitale netto)
(o passivo o patrimonio netto)
h Capitale di terzi (debiti)
k
-------
|
| -------
1.000
|
1.000
Totale fonti di finanziamento
(o totale passivo e netto)
Nella prossima pagina, invece, vi riporto la situazione patrimoniale al 31/12/2009 e quella
più recente al 30/6/2013 dichiarata da Telecom Italia S.p.A., azienda nota anche a voi e tra le più
grosse d’Italia (anche come numero di dipendenti: ne ha circa 80.000, di cui i 2/3 in Italia e quasi 30.000 all’estero).
3
I dati che leggete nei due prospetti sono espressi in milioni di euro, perciò il dato del totale
attivo (leggibile, nell’ultima riga del primo prospetto in 86.181) e del capitale netto (27.120) e dei debiti
(complessivamente di 59.061 €) ci dicono che il valore dei beni di proprietà della Telecom alle ore 24 del
31 dicembre 2009 era pari a oltre 86 miliardi di euro e che la Telecom questi beni li aveva ottenuti
facendo debiti per oltre 59 miliardi e utilizzando un patrimonio proprio di oltre 27 miliardi di euro.
Situazione patrimoniale dell’azienda Telecom al 31/12/2009 (dati in milioni di euro)
ATTIVO (o patrimonio lordo o impieghi)
FONTI di FINANZIAMENTO
Immobilizzazioni immateriali
49.909 |
Immobilizzazioni materiali
14.902 |
Altre immobilizzazioni
Scorte
4.920 |
379 |
Crediti a breve v/clienti
Altro attivo a breve
Disponibilità liquide
40.773 Debiti a lunga scadenza
7.491 |
10.761 Debiti a breve v/fornitori
118 |
7.527 Altri debiti a breve scad.
8.462 |
------------------------------------------------------------
Totale attivo
(o totale impieghi ecc.)
27.120 Patrimonio netto (o capitale netto ecc.)
(di cui 1.596 utile dell’anno 2009)
|
86.181 |
----------------------------------------------------------------
86.181
Totale passivo e netto
(o totale fonti di finanziamento)
Situazione patrimoniale dell’azienda Telecom al 30/6/2013 (dati in milioni di euro)
ATTIVO (o patrimonio lordo o impieghi)
FONTI di FINANZIAMENTO
Immobilizzazioni immateriali
37.686 |
Immobilizzazioni materiali
14.847 |
Altre immobilizzazioni
Scorte
Crediti a breve v/clienti
Altro attivo a breve
Disponibilità liquide
4.208 |
536 |
7.095 |
50 |
6.627 |
----------------------------------------------------------------
Totale attivo
(o totale impieghi ecc.)
20.478 Patrimonio netto (o capitale netto ecc.)
(al netto della perdita dell’ultimo anno)
|
71.049 |
34.785 Debiti a lunga scadenza
9.137 Debiti a breve v/fornitori
6.531 Debiti finanziari a breve scad.
118 Debiti per imposte sul reddito
--------------------------------------------------------------------
71.049
Totale passivo e netto
(o totale fonti di finanziamento)
Confrontando la situazione patrimoniale (la fotografia) della Telecom a fine 2009 con quella a
metà 2013 si nota che negli ultimi tre anni e mezzo questi valori sono tutti diminuiti ( di circa 15,1
miliardi l’attivo, 8,5 i debiti e di oltre 6,6 miliardi il capitale netto).
Col tempo comprenderete il significato delle varie voci; già conoscete quello di “totale
attivo”, ora chiariamo il significato di “debiti” e poi di “capitale netto”. Vi anticipo subito che,
diversamente da quello di “debito”, il concetto di “capitale netto” è tutt’altro che semplice, tanto è
vero che quasi nessun magistrato lo comprende, nemmeno quelli che indagano ed emettono
sentenze sulla veridicità del capitale netto dichiarato in bilancio dall’imprenditore (e in questo modo
non di rado condannano degli innocenti e assolvono dei colpevoli di reati finanziari; meglio sarebbe se adottassero il
sistema dell’immortale giudice Brigliadoca (Francois Rabelais (1494 – 1553) “Gargantua e Pantagruele”, cap. XXXIX)).
4
2.2) I debiti.
Un debito è un impegno (quasi sempre ad effettuare il versamento di una certa somma di denaro) da
assolvere (= da adempiere, da onorare, da svolgere) entro una certa scadenza.
Un debito può derivare:
1) da una precedente entrata di denaro: una banca, uno strozzino o un qualche altro finanziatore ha
prestato quella somma all’azienda. In questo caso il debito viene detto “di finanziamento”. I debiti
di finanziamento, quindi, nascono e muoiono nello stesso modo, attraverso un movimento di denaro
(salvo, ovviamente, il caso del debito che non viene rimborsato per insolvenza del debitore: in questo caso il debito
muore lo stesso, ma di malattia).
2) da un precedente acquisto di fattori produttivi: il fornitore ha consegnato il bene o prestato il
servizio e l’azienda acquirente (= che ha comprato) si è impegnata a pagare più avanti nel tempo,
magari dopo tre mesi (magari non sarebbe male se tu dessi una riguardata agli appunti “Proprietà, compravendita
e I.V.A.” sempre dell’anno scorso). In quest’altro caso il debito viene detto “di fornitura”, o “di
regolamento” o, ma è sempre la stessa cosa, debito “di funzionamento”.
2.3) Il patrimonio netto (o anche “capitale netto”).
Meno intuitivo del concetto di debito è quello di capitale proprio – o capitale netto – che,
come ho già detto, è la sola altra possibile fonte di finanziamento di ogni azienda.
Per comprendere cos’è il “capitale netto” è quindi necessario un impegno non superficiale,
altrimenti nelle verifiche rischiate di fare come i magistrati nei processi e nelle sentenze che
riguardano i bilanci aziendali: dire e scrivere cose senza senso.
Il capitale netto – o, ripeto, capitale proprio o anche semplicemente il "netto" – può essere definito
con due sistemi diversi: 1) attraverso una differenza; 2) con una somma.
1)
Per quello che si è già detto è ovvio che il valore del capitale proprio di un'azienda in
un certo istante è dato dalla differenza fra il suo patrimonio lordo (o totale attivo, cioè
- come già sappiamo - il valore dei beni di cui l’azienda è proprietaria) meno i suoi debiti (cioè il
valore del capitale di terzi che stanno finanziando l'azienda). Questa definizione è certamente
corretta, ma non contribuisce un gran che a far capire come il capitale netto si forma, né
da dove deriva o da cosa è costituito.
2)
Il capitale netto in un certo istante (= in un certo momento) della vita dell'azienda è
determinabile anche come somma: è la sommatoria degli apporti e degli utili
prodotti, al netto dei prelievi e delle perdite subite, dalla nascita dell’azienda fino a
quell'istante.
Non mi aspetto che tale definizione sia immediatamente comprensibile: è evidente infatti
che, se si vuole afferrarne il senso, è necessario avere chiari i significati di apporto e di prelievo, di
utile e di perdita, ma anche il collegamento fra l’utile (o la perdita) e lo stesso capitale netto.
Cominciamo quindi col chiarire in poche righe i significati di “apporto” e di “prelievo”.
5
Per quanto riguarda gli apporti, possiamo cavarcela dicendo che sono trasferimenti a titolo
gratuito (e quindi non in conseguenza di una compravendita) di beni (e in genere si tratta di denaro, ma possono
essere anche beni "in natura", come un edificio o una gru) dal patrimonio personale dell’imprenditore o
dei soci al patrimonio dell’azienda, trasferimenti che possono essere effettuati sia alla nascita
dell’impresa che durante la sua vita.
I prelievi, invece, sono esattamente il contrario, in quanto sono trasferimenti di beni (e
anche in questo caso si tratterà più spesso di denaro, ma potrebbero essere anche beni “in natura” come ad esempio un
vecchio computer dell’ufficio amministrativo che l’imprenditore si porta a casa per darlo alla figlia affinché si eserciti
all’uso di excel) estratti dal patrimonio dell’impresa per finire nel patrimonio personale
dell’imprenditore o dei soci ed essere da loro utilizzati per fini familiari; spesso i prelievi vengono
definiti anche “spese extra-gestione”.
Per cercare di chiarire i concetti di utile e di perdita e il loro collegamento con il capitale
netto, occorrono invece maggiori sforzi (quegli sforzi di comprensione che in genere molti magistrati non fanno
convinti come spesso sono di essere onniscienti): le prossime cinque pagine hanno tale scopo.
3)
L’utile (o la perdita) e il capitale netto.
Cominciamo da un esempio: un’azienda ceramica alle sette del mattino del 20 settembre ha
questa situazione patrimoniale:
Situazione patrimoniale “Ceramica Fantasiosa” alle ore 7 del mattino del 20/9/2013
valori attivi (impieghi)
|
fonti di finanziamento (passivo e netto)
fabbricati
1.000.000
|
900.000
macchinari e attrezzature
3.000.000
|
3.020.000
100.000
|
80.000
-
|
scorte di caolino
scorte di piastrelle
crediti v/clienti
cassa
totale impieghi
1.400.000
-
debiti v/fornitori
debiti v/banche
debiti v/dipendenti
|
|
1.500.000
__________ |
__________
5.500.000
5.500.000
|
capitale netto
totale fonti di finanziamento
poi nelle successive cinque ore, dalle 7 alle 12, produce delle piastrelle utilizzando 20.000 € di
caolino, 62.000 € di gas metano, il lavoro di 100 dipendenti a 20 € l’ora e macchinari e attrezzature
il cui valore, per effetto dell’usura, diminuisce di 8.000 €; a mezzogiorno, infine, consegna a un
cliente le piastrelle prodotte in mattinata per 250.000 € che dovranno essere pagati dopo 90 giorni.
6
Vediamo ora, supponendo che questi siano gli unici fattori produttivi utilizzati e le uniche
operazioni effettuate in quelle 5 ore, quale sarà
1) la situazione patrimoniale a mezzogiorno; 2) l’utile (il reddito, il guadagno) ottenuto nel periodo
(quello che va dalle 7 del mattino al mezzogiorno del 20 settembre). Risposte:
1) Situazione patrimoniale alle ore 12.00 del 20 settembre
valori attivi (impieghi)
|
fonti di finanziamento
fabbricati
1.000.000
|
962.000
macchinari e attrezzature
2.992.000
|
3.020.000
80.000
|
90.000
-
|
scorte di caolino
scorte di piastrelle
crediti v/clienti
1.650.000
cassa
-
totale impieghi
5.722.000
debiti v/fornitori
debiti v/banche
debiti v/dipendenti
|
|
1.650.000
capitale netto
|
5.722.000
totale fonti
2) Utile (reddito, guadagno, profitto) ottenuto durante la mattina del 20 settembre
250.000
-
(20.000 + 62.000 + 100x5x20 + 8.000) =
valore della produzione
-
ricavi
meno
150.000
valore dei fattori produttivi consumati =
costi
uguale
utile (o reddito)
guadagno
Il maggior valore di ciò che l’azienda ha prodotto (le piastrelle) rispetto al valore di
quanto ha consumato nel periodo (metano, caolino, lavoro, macchinari e attrezzature) ha provocato
un aumento di pari importo nel capitale netto, cioè un arricchimento dell’azienda, e quindi –
indirettamente – anche del suo (o dei suoi, se l’azienda è di proprietà di vari “soci”) proprietari.
I ragionieri dicono che, in quel periodo di tempo, l’azienda ha prodotto utili (o un reddito
positivo) per 150.000 euro.
L’incremento del capitale proprio da 1.500.000 a 1.650.000 euro verificatosi quella
mattina euro è stato originato dall’attività della azienda che, essendo efficiente, ha creato dal
nulla 150.000 di nuova ricchezza, avendo prodotto beni (le piastrelle) che valgono 250.000 €
utilizzando solo 100.000 € di risorse (le materie prime, il lavoro, il consumo delle macchine).
Ma i 150.000 € di capitale netto in più non si trovano in un determinato (= in un particolare) bene
di cui l’azienda ha la disponibilità; non si trovano certamente in cassa o in banca (infatti nulla è
successo quella mattina alla cassa e al c/c bancario): in realtà i 150.000 € di valore creato dal nulla sono
nascosti nella differenza positiva fra l’incremento dell’attivo (5.722.000 – 5.500.000 = 222.000 €) e
l’aumento dei debiti (4.072.000 – 4.000.000 = 72.000 €), variazione originata dai fatti accaduti in quelle 5
ore. E infatti 222.000 – 72.000 fa 150.000.
L’azienda ha incrementato (= aumentato) da sé la propria ricchezza, la fonte di finanziamento
“capitale proprio”: in questo senso si dice che l’utile, facendo aumentare il capitale proprio (o
capitale netto), “autofinanzia” l’azienda.
7
Se l’imprenditore, soddisfatto per come stavano andando le cose nella mattinata ed eccitato
per l’abbigliamento della giovane segretaria, prima di mezzogiorno le avesse regalato un anello di
diamanti pagandolo con 50.000 euro presi dal conto corrente della ditta, allora avrebbe effettuato,
come già sappiamo, un "prelievo" (o "spesa extra-gestione").
I debiti bancari sarebbero così diventati 3.070.000 (3.020.000 + 50.000) e il capitale netto aziendale
sarebbe aumentato, in quella mattinata, non più di 150.000 ma di soli 100.000 euro, diventando di
“soli” 1.600.000 € (e non 1.650.000 come sarebbe successo nel caso la segretaria fosse stata anziana).
Attenzione: l’utile sarebbe rimasto quello di prima (150.000 €), perché l’azienda quel valore
aggiuntivo l’ha comunque creato, ma il capitale netto sarebbe aumentato di 50.000 in meno per
effetto del prelievo fatto ai danni dell’azienda e a favore della segretaria (e, presumibilmente o almeno
nelle sue intenzioni, in via indiretta anche a beneficio dell’imprenditore).
Si può notare, quindi, come i prelievi di beni dall’impresa per fini extra-aziendali
provochino una corrispondente diminuzione del capitale netto, per cui se in un certo periodo, a
fronte di un utile prodotto di X, si hanno prelievi di beni per scopi extra-aziendali per un valore di Y,
allora il capitale netto, in quel periodo, si modificherà per un importo pari a X – Y.
Più in generale è possibile affermare questa uguaglianza: dato un certo periodo di
tempo (ad esempio dal 1/1/2013 al 31/12/2013) il capitale netto esistente alla fine del
periodo (al 31/12/2013) è sempre pari al capitale netto iniziale (cioè quello al 1/1/2013) più
l'utile guadagnato (o meno la perdita subita) nel periodo (cioè, sempre nell’esempio, l'anno
2013), più eventuali apporti effettuati nel periodo e meno eventuali prelievi fatti
sempre nel periodo.
4) Il reddito come confronto fra produzione e distruzione: il conto economico
Dal § 1.4.1) dei soliti appunti “Beni, aziende, economia, scambi ecc.” dovreste avere imparato
che “la produzione è tutto ciò che aumenta il valore dei beni disponibili sulla terra e utili a soddisfare,
direttamente (nel caso di produzione di beni di consumo) o indirettamente (se si producono beni di produzione), i
bisogni.
Voglio che vi soffermiate ancora a riflettere sul fatto che, seppure sia innegabile che i fattori
della produzione siano il lavoro e i beni, il valore dei beni prodotti – cioè la loro capacità di soddisfare
bisogni – non proviene però totalmente dal valore dei beni distrutti e del lavoro impiegato: se
l’azienda è efficiente, infatti, una parte del valore di ciò che ha prodotto semplicemente prima non
esisteva ed è quindi stato creato al suo interno. Se così non fosse, se il valore non si creasse ma
fosse solo possibile assorbirlo dai fattori produttivi per trasferirlo in una produzione di pari valore,
allora non si spiegherebbe perché un tempo sulla terra eravamo pochi milioni quasi tutti poveri e
affamati mentre ora siamo sette miliardi e quasi tutti opulenti e sazi.
Nella prossima pagina vi riscrivo gli stessi concetti già visti nell’esempio della ceramica. Lo
faccio non perché sia rincretinito, ma per esercitarvi nella comprensione di testi scritti senza l’aiuto
della concretezza offerta dagli esempi (testi che, fra l’altro, vi capiteranno spesso se affronterete studi
8
Voi sforzatevi di abbinare quanto leggerete qui con quello che ho scritto nell’esempio
della ceramica nelle due pagine precedenti.
universitari).
L’attività aziendale di produzione, quando è efficiente, ottiene beni per 100 € distruggendone
altri che, però, valgono 100 – X , in cui X è il numero positivo che misura la creazione di valore.
Il valore (X €) che l’azienda efficiente crea con la sua attività si inserisce nel suo patrimonio
e, a meno che non le sia prelevato per utilizzarlo a scopi extra-aziendali, l’arricchisce.
Dalla situazione patrimoniale dell’azienda non si riesce però a comprendere come questi X €
di valore siano stati prodotti; anzi, poiché la situazione patrimoniale si riferisce a un certo istante, e
poiché nell’istante nulla cambia e quindi anche nulla si produce, una singola situazione patrimoniale
non può nemmeno informare se l’azienda è efficiente (cioè produce ricchezza) o inefficiente (cioè
distrugge ricchezza). Per avere questa informazione io devo confrontare due fotografie dell’azienda
(due situazioni patrimoniali) scattate in due momenti diversi, e se verifico che nel lasso di tempo (= nel
periodo) compreso fra i due istanti fotografati l’azienda si è arricchita senza l’intervento di apporti,
allora saprò che è efficiente, cioè che crea ricchezza.
Ma anche in questo modo, cioè avendo a disposizione due fotografie scattate in momenti
diversi, non ho ancora alcuna informazione relativa al modo in cui quella ricchezza aggiuntiva si è
creata. Per sapere come l’azienda ha creato (o distrutto, nel caso di azienda inefficiente) ricchezza mi
occorre in realtà il filmato di ciò che ha fatto nel periodo, in modo da scoprire cosa ha prodotto e
cosa ha utilizzato per produrre. Ebbene, il filmato dell’attività aziendale svolta in un periodo di
tempo ci viene offerto da un altro documento (“altro” rispetto la “situazione patrimoniale”): il “Conto
economico” di quel periodo.
Come vedremo meglio più avanti, lo stato patrimoniale e il conto economico insieme
formano il “Bilancio” aziendale, che è lo strumento più efficace per organizzare e rendere
facilmente leggibili le informazioni sulla realtà complessiva di un’azienda.
Nella sua forma tradizionale e didatticamente più efficace il conto economico è
rappresentato, allo stesso modo già visto per lo stato patrimoniale, con due sezioni contrapposte:
una di sinistra (dare) e una di destra (avere). Nella sezione di destra si descrive ciò che è stato
prodotto nel periodo, in quella di sinistra ciò che è stato utilizzato (consumato) per produrre.
Conto economico dell’azienda Pinca Pallina del periodo 1/1/2013 – 30/6/2013
INPUT (fattori produttivi consumati)
(produzione ottenuta) OUTPUT
Materie prime
Lavoro dipendente
Lavoro autonomo
Usura immobilizzazioni
Reddito [ 1.000 – (x + y + w + z) ]
Totale a pareggio
x
y
w
z
|
|
|
|
j Produzione di HKL
h Produzione di JY&
u
-------
|
| -------
1.000
|
1.000
Totale valore della produzione
Nelle prossime due pagine trovate qualche esempio reale di conto economico, a cominciare
da quello relativo al primo semestre 2013 della Telecom. Se volete dati più dettagliati cliccate su
http://www.telecomitalia.com/content/dam/telecomitalia/it/archivio/documenti/Investitori/Semestrali/2013/Relazione%20finanzi
aria%20semestrale%20al%2030%20giugno%202013.pdf
9
Conto economico Telecom 1/1/2013 – 30/6/2013 (dati in milioni di €)
INPUT (fattori produttivi consumati, costi)
(produzione ottenuta, ricavi) OUTPUT
Acquisti di servizi, componenti e materiali di cons. 6.154
| 13.760
Ricavi di vendita
Aumento delle rimanenze di compon.-mat.di cons. – 114
|
278
Attività realizzate non per la vendita
Costi per il personale dipendente
1.931
|
1.489
Proventi finanziari (interessi attivi, utili su
Altri costi operativi
941
|
cambi ecc.)
Ammortamenti
2.589
|
Accantonamenti, svalutazioni e altri oneri
2.294
|
110 Altri ricavi e proventi
Oneri finanziari (interessi passivi, oneri da partecipaz.) 2.436
|
Imposte sul reddito
633
|
15.637 Totale valore della produzione (milioni di €)
|
|
(1.227) Reddito (perdita) del periodo
----------------------------| -------------------------Totale costi (milioni di €)
16.864
|
16.864
Totale a pareggio
Dalla lettura di questo conto economico si trae, fra le altre, l’informazione che la Telecom
nel primo semestre di quest’anno ha “perso” 1.227.000.000 €, in quanto ha prodotto beni (per lo più
servizi telefonici) per un valore di 1.227 milioni di € inferiore al valore dei fattori produttivi
consumati.
Può essere utile, anche per allenarsi a maneggiare i numeri grandi e dare loro un significato
più comprensibile, fare un paio di considerazioni: se ipotizziamo che le utenze telefoniche gestite
dalla Telecom siano 50 milioni e che il secondo semestre del 2013 sarà simile al primo, allora
risulta che il ricavo medio annuo unitario (per ogni utente) della Telecom è circa 550 € (13.760 x 2 / 50),
e che l’azienda perde circa 50 € l’anno per ogni cliente (o, visto dall’altra parte, si può dire che in media ogni
utente Telecom paga 50 € l’anno in meno rispetto ai costi che l’azienda sostiene per produrre e fornirgli il servizio).
Qui sotto, invece, trovate il conto economico relativo all’intero anno 2009 della “LANDI
RENZO S.p.A.”, la nota azienda reggiana leader mondiale nel settore degli impianti a gas GPL e a
metano per autotrazione.
LANDI RENZO S.p.A.
Conto economico 1/1/2009 – 31/12/2009 (dati in €)
INPUT (fattori produttivi consumati, costi)
Materie prime, componenti e materiali di cons. 108.204.354
Acquisti di servizi e uso di beni di terzi
62.276.234
Costi per il personale dipendente
12.517.140
|
(produzione ottenuta, ricavi) OUTPUT
206.143.215 Produzione impianti e componenti
|
|
1.510.809 Proventi finanziari
(interessi attivi, utili da
partecipazioni e utili su cambi)
Ammortamenti (consumo immobilizzazioni)
Accantonamenti, svalutazioni e altri oneri
Oneri finanziari (interessi passivi, perdite su cambi ecc.)
Imposte
Utile netto anno 2009 (208.366.819 – 198.212.196)
4.181.885
3.113.867
2.666.856
5.251.860
|
|
|
|
10.154.623
|
------------------------------------------
Totale a pareggio
208.366.819
712.795 Altri ricavi e proventi
---------------------------------------
|
208.366.819 Totale valore della produzione
Leggendo questo conto economico e confrontandolo con quello precedente della Telecom si
nota subito, oltre alla grande differenza dimensionale fra le due aziende (il valore della produzione della
Landi Renzo è circa 150 volte minore di quello di Telecom (circa 200 milioni annui contro 15.000 milioni semestrali)), la buona
efficienza dell’azienda reggiana (in grado di creare annualmente ricchezza dal nulla pari a circa il 5% del valore
degli input che usa (10 milioni/198 milioni = 5%)) cui si contrappone l’inefficienza del colosso telefonico
che distrugge più del 7% del valore degli input che usa per produrre (1.227 mil./16.800 mil. = 7,3%).
10
Nelle due prossime pagine, invece, trovate il bilancio 2011 (e cioè la situazione patrimoniale al 31
dicembre 2011 e il conto economico dell’anno 2011) della GEOX S.p.A e dell’ IREN S.p.A.
Il bilancio della GEOX descrive un’azienda efficiente che crea ricchezza e con una solida
situazione patrimoniale; il bilancio dell’IREN, invece, mostra un’azienda in difficoltà non in grado di
creare ricchezza e con una situazione patrimoniale in rapido peggioramento a causa dell’accumularsi di
debiti. Accumulare debiti può essere, in sé, sia negativo che positivo: dipende dal motivo e dal modo in
cui ci si indebita; se mi indebito per fare investimenti produttivi e redditizi (cioè se gli investimenti finanziati
dall’indebitamento mi faranno aumentare la differenza fra il valore della produzione e i costi di produzione di un importo
maggiore degli interessi che sarò costretto a pagare sul debito aggiuntivo )
allora quell’indebitamento è una scelta
razionale e positiva; se invece mi indebito per regalare dei soldi alla segretaria [come in pratica ha fatto
l’IREN, che nel 2011 si è indebitata anche per distribuire oltre 121 milioni di € ai suoi azionisti (= ai suoi proprietari, e cioè – nel
caso dell’IREN – soprattutto ai comuni di Torino, Genova, Reggio Emilia e Parma, tutti notoriamente e incessantemente affamati di soldi da
spendere e distribuire nel territorio comunale in modo che i cittadini siano più soddisfatti e alle prossime elezioni votino ancora gli stessi
allora quell’indebitamento è una scelta folle e negativa: se un’azienda ha già una
situazione patrimoniale precaria, indebitarsi per permettere ai proprietari di fare dei prelievi significa
schiacciare l’acceleratore che la porterà alla rovina (perché ai costi già eccessivi rispetto al valore della produzione
si aggiunge il costo degli interessi passivi da pagare sull’ulteriore indebitamento).
partiti che sono al potere)]
Una lettura anche superficiale dei due bilanci a confronto permette di rilevare che:
a) per quanto riguarda la situazione patrimoniale
- L’Iren ha un patrimonio lordo circa 10 volte maggiore di Geox (7.023 milioni contro 649 milioni di €);
- L’Iren ha un patrimonio netto circa quadruplo di quello di Geox (1.845 milioni contro 446 milioni di €);
- I debiti dell’Iren sono oltre 25 volte più di quelli di Geox (5,179 miliardi di € contro 202 milioni);
-
Ne risulta che mentre Iren si finanzia per quasi i ¾ con il capitale di terzi (5.179 / 7.023 = 73,7%), Geox
finanzia coi debiti solo meno di 1/3 il suo attivo patrimoniale (202 / 649 = 31,1%); lo stesso concetto si
può esprimere dicendo che il rapporto fra capitale netto e patrimonio lordo è pari a circa ¼ in Iren
(1.845 / 7.023 = 26,3%) e più di 2/3 in Geox (446 / 649 = 68,9%).
Il rapporto Capitale Netto / Patrimonio Lordo
[ o C.N. ÷ (C.N. + Debiti) ] viene detto “Indice di indipendenza finanziaria”. Il suo valore è, ovviamente,
sempre compreso fra 0 e 1 (o fra 0% e 100%, che sono la stessa cosa di 0 e 1) e la sua crescita segnala la
diminuzione della dipendenza dell’azienda dalle fonti di finanziamento esterne (o, ed è la stessa cosa, più
il suo valore è vicino allo zero e più l’azienda è impiccata finanziariamente).
b) per quanto concerne il conto economico
- Il reddito (l’utile prodotto o la perdita subita, l’ammontare di nuova ricchezza creata o distrutta dall’azienda ) è
positivo per Geox e pari al 6% del valore dei fattori produttivi consumati (si può dire che Geox nel 2011
ha trasformato beni e servizi (materie prime, lavoro, beni capitali ecc.) che valevano 840 milioni di euro in altri beni ( scarpe nuove)
il reddito di Iren, invece, è negativo e pari al – 3% degli
input utilizzati (108 milioni di perdita su 3,655 miliardi di costi fa il – 3%);
- Gli interessi passivi netti (cioè al netto di quelli attivi, 7.645 – 2.544 = 5.101 migliaia di €) sono per Geox pari
a 5,1 milioni di euro e quindi meno dello 0,6% del valore della produzione (5.101 / 890.531 = 0,57%);
per Iren, invece, sono di 67 milioni di € (94.137 – 27.103 = 67,034 migliaia) e quindi a quasi il 2% del
valore della produzione (67.034 / 3.547.215 = 1,89%). E’ superfluo dire che la maggiore incidenza degli
oneri finanziari sul fatturato di Iren rispetto a Geox discende inevitabilmente dalla sua minore
autonomia finanziaria, cioè dal fatto che Iren è meno capitalizzata di Geox, un altro modo, questo,
per dire che è più indebitata.
- Non è possibile fare altri utili confronti in quanto le voci dei conti economici delle due aziende non sono
fra loro omogenee (ad esempio il costo dei dipendenti in Geox è compreso nei costi di acquisto e produzione ecc.).
che valgono 50 milioni di più (e 50 / 840 fa il 6%));
11
SITUAZIONE PATRIMONIALE al 31/12/2011
GEOX S.p.A. (dati in migliaia di €) Passivo e Patrimonio Netto
31/12/2011 31/12/2010
31/12/2010 31/12/2011
Attivo
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Immobilizzazioni finanziarie
Altre immobilizzazioni
Immobilizzazioni
Rimanenze
Crediti v/clienti
Attività finanziarie a breve t.
Altre attività a breve termine
Liquidità
Attività correnti
67.222
63.658
1.287
42.848
175.015
196.610
154.171
16.305
21.801
84.794
473.681
68.621
25.921
67.306
342.377
1.215
58.003
182.235
426.301
172.085
2.372
124.525
8.091
4.046
554
25.818
2.291
114.200
13.308
Riserve
Risultato d'esercizio
446.428 Patrimonio netto
2.119 Fondo T.F.R. dipendenti
8.061 Fondi rischi e oneri
358 Debiti finanziari a lungo t.
2.249 Altri debiti a lungo termine
12.787 Passività non correnti
440.674
26.773
28.891
9.814
183.300
648.696
Capitale sociale
45.093
117.822
TOTALE ATTIVO
25.921
370.339
50.168
622.909
622.909
133.013 Debiti v/fornitori
11.336 Debiti finanziari a breve t.
33.314 Passività correnti non finanziarie
11.818 Debiti tributari
189.481 Passività correnti
648.696 TOT. PASSIVO E PATRIMONIO NETTO
CONTO ECONOMICO anno 2011
Valore dei fattori produttivi (Costi) GEOX S.p.A. (dati in migliaia di €)Valore della produzione (Ricavi)
2011
2010
2010
2011
Costo acquisto-produz. del venduto
Costi di vendita e distribuzione
Pubblicità e promozioni
Costi generali e amministrativi
Oneri atipici
Oneri finanziari
Imposte
Tot.costi
Risultato netto (utile)
Totale a pareggio
478.140
45.581
45.935
234.521
582
7.645
27.959
840.363
50.168
435.146
731.915
Ricavi calzature
0
755.068
132.204
2.544
715
44.730
118.161
47.420
1.817
228.977
890.531
851.893
851.893
890.531
VALORE DELLA PRODUZIONE
Ricavi abbigliamento
Proventi finanziari
Altri proventi
827
4.554
32.236
793.890
58.003
12
SITUAZIONE PATRIMONIALE al 31/12/2011
IREN S.p.A. (€ x 1.000)
Passivo e Patrimonio Netto
31/12/2011 31/12/2010
31/12/2010
31/12/2011
Attivo
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Immobilizzazioni finanziarie
Altre immobilizzazioni
Immobilizzazioni
Rimanenze
Crediti v/clienti
Attività finanziarie a breve t.
Altre attività a breve termine
Liquidità
Attività correnti
1.412.420
2.839.521
533.132
202.676
4.987.749
1.300.575
1.276.226
2.645.218
662.290
708.743
143.104
Capitale sociale
Riserve
Risultato d'esercizio
163.509
4.818.045
67.931
1.239.730
377.235
305.909
44.758
2.035.563
2.081.620
45.227
94.327
1.115.235
195.133
377.281
1.829.263
293.116
255.189
144.548
2.373.912
1.844.706 Patrimonio netto
86.791 Fondo T.F.R. dipendenti
231.057 Fondi rischi e oneri
2.051.413 Debiti finanziari a lungo t.
260.561 Altri debiti a lungo termine
2.629.822 Passività non correnti
1.975.407
955.677
1.041.103
328.580
12.560
2.337.920
TOTALE ATTIVO
1.276.226
676.370
- 107.890
7.023.312
6.793.452
6.793.452
1.040.014 Debiti v/fornitori
1.155.554 Debiti finanziari a breve t.
315.476 Passività correnti non finanziarie
37.740 Debiti tributari
2.548.784 Passività correnti
7.023.312 TOT. PASSIVO E PATRIMONIO NETTO
CONTO ECONOMICO anno 2011
Valore dei fattori produttivi (Costi)
IREN S.p.A. (€ x 1.000)
Valore della produzione (Ricavi)
2011
2010
2010
2011
1.682.008
Servizi e godimento beni di terzi
940.605
Costo del personale
262.565
Oneri diversi di gestione
71.345
Lavori interni capitalizzati
28.208
Ammortamenti
209.293
Accantonamenti e svalutazioni
297.461
Oneri finanziari
94.137
Altri componenti negativi redd.
11.414
Imposte sul reddito
114.485
Tot.costi
3.655.105
Risultato netto (utile)
- 107.890
Totale a pareggio 3.547.215
Materie prime e merci
-
1.620.894
3.143.024
860.960
1.344
266.214
25.826
71.119
259.678
3.254.248
632
27.103
265.232
Ricavi per beni e servizi
Variazione rimanenze lavori in corso
Proventi finanziari
Altri proventi
29.853
204.177
61.132
86.657
6.709
104.742
3.252.751
177.121
3.429.872
3.429.872
3.547.215 VALORE DELLA PRODUZIONE
13
5)
Ripasso e approfondimenti su reddito e capitale netto
5a) Il valore del capitale (o patrimonio) netto di un’azienda (cioè il totale dei valori attivi meno i
debiti) è un dato che deve essere riferito a un istante (le sette del mattino di un dato giorno, la mezzanotte
del 31/12/2012 ecc.), in quanto esso varia di continuo nel tempo per effetto delle cose che accadono
senza soste (acquisti, lavorazioni, vendite, insoluti (= mancati pagamenti) da clienti, incidenti ecc.).
5b) Il dato che esprime il reddito (positivo o negativo, cioè utile o perdita che sia) di un’azienda
è un dato che, per avere significato, deve essere riferito ad un certo periodo di tempo (un’ora, un
giorno, un trimestre, un anno ecc.): dire che Tizio con la sua azienda guadagna 8.000 euro, non significa
nulla se non si riferisce quel guadagno a un periodo di tempo (guadagnare ottomila euro l’anno è altra cosa
che guadagnarli in un mese o in un giorno). La stessa cosa, oltre che per il reddito, vale per i ricavi e per i
costi, nel senso che anch’essi vanno riferiti a un periodo di tempo.
5c) Per determinare il reddito ottenuto da un’azienda in un certo periodo, si possono
seguire due strade (riporto l’esempio di pagina 6 e 7):
1) determinare, attraverso il confronto fra valori attivi e debiti, il valore del patrimonio netto
aziendale sia all’inizio che alla fine del periodo e sottrarre il primo dal secondo:
1.650.000
1.500.0000
=
150.000
capitale netto finale
meno
capitale netto iniziale uguale reddito – utile – del periodo)
2) sottrarre dal valore della produzione ottenuta nel periodo il valore dei fattori produttivi
impiegati:
250.000
(valore produzione)
–
62.000
(val. metano)
–
20.000
–
8.000
–
(val. caolino) (val. consumo impianti)
10.000
(val. lavoro)
=
150.000
(utile del periodo)
L’analogia con la vasca continua: quando si vuole sapere di quanto è aumentata in un certo
tempo l’acqua in una vasca, si può procedere in due modi arrivando allo stesso risultato: 1) misuro
la quantità d’acqua presente nella vasca all’inizio e quella alla fine del periodo e poi faccio la
differenza fra i due valori; 2) misuro l’acqua entrata nel periodo e quella uscita nello stesso periodo
e faccio la differenza fra i due dati. (la quantità d’acqua iniziale e finale rappresenta il capitale netto iniziale e
finale, l’acqua entrata nella vasca dal il rubinetto è il valore della produzione e l’acqua uscita è il valore dei fattori
produttivi consumati)
Al concetto di guadagno imparato alle elementari (guadagno = ricavo – costo, e che è più
corretto esprimere così: utile = valore della produzione meno valore dei fattori produttivi
consumati), si può affiancare anche quello di guadagno visto come incremento nel tempo di
ricchezza, vale a dire:
utile = patrimonio netto finale meno patrimonio netto iniziale.
5d) Il patrimonio netto di un’azienda può diminuire anziché aumentare nel tempo.
Così come in un certo periodo in una vasca il livello dell’acqua può calare perché può uscire
più acqua di quanto ne entri, anche nell’azienda può capitare che il capitale netto, nel tempo,
diminuisca. Questo può accadere in due casi: 1) quando in un certo periodo il valore della
produzione ottenuta è minore del valore dei fattori produttivi utilizzati (cioè quando si è in presenza
di un reddito negativo, di una perdita); 2) quando in un certo periodo vengono effettuati prelievi
eccessivi (eccessivi nel senso di superiori alla somma fra gli utili e gli eventuali apporti).
Il primo caso è ciò che capita alle aziende che prima o poi spesso, e per fortuna, falliscono.
Per fortuna perché il loro fallimento, la loro uscita di scena, è un bene: impedisce loro di continuare
a distruggere ricchezza, vale a dire di consumare risorse che valgono più dell’output che realizzano,
e quindi impedisce loro di continuare ad impoverire la collettività.
5e) E’ possibile che un’azienda abbia un patrimonio netto negativo.
Ciò capita quando i debiti diventano maggiori del patrimonio lordo. Qui l’analogia con il
serbatoio d’acqua non vale più: per quanta poca sia l’acqua, non può essercene meno di nulla.
14
Qui sotto vediamo, con un esempio, come può accadere che il patrimonio netto di
un’azienda diventi negativo.
Pierino è un vostro coetaneo pieno di iniziativa. Il 28/9/2013, dopo anni di estati a raccogliere
pomodori e a vendemmiare e di risparmi sulla paghetta settimanale, Pierino ha accumulato nel suo
salvadanaio 20.000 € in contanti. Irretito (= incantato, circuìto, raggirato, turlupinato, ingannato) da un blog di un
sedicente (= autoproclamatosi) esperto del settore, lo stesso giorno Pierino decide di iniziare l’attività di
allevatore di rinoceronti, apportando nella nascitura (= in procinto di nascere, che sta per nascere) azienda i suoi
20.000 € di risparmi che aveva nel salvadanaio: la situazione patrimoniale della neonata azienda
“Pierinoceronti” è così schematizzabile:
Situazione patrimoniale al 28/9/2013 ditta “PIERINOCERONTI”
valori attivi (impieghi)
(euro x 1.000)
(euro x 1.000)
fonti di finanziamento
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- -------------------
cassa
totale attivo (patrimonio lordo)
20
----20
|
|
|
|
0
20
----20
debiti
patrimonio (capitale) netto
totale fonti di finanziamento
Il 30/9/2013 Pierino acquista due
rinoceronti per 100.000 €, versando un
acconto di 15.000 € in contanti e
impegnandosi a pagare i rimanenti 85.000
€ entro fine mese; nello stesso giorno
acquista poi una gabbia per 10.000 €, che
paga con un assegno tratto su di una banca che gli ha concesso un fido (cioè che si è impegnata a
prestargli dei soldi).
Alla sera del 30/9/2013 la situazione patrimoniale sarà così:
Situazione patrimoniale al 30/9/2013 ditta “PIERINOCERONTI”
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
valori attivi (impieghi)
(euro x 1.000)
attrezzature
10
rinoceronti
100
cassa
5
totale attivo (patrimonio lordo)
115
| (euro x 1.000)
|
85
|
10
|
20
|
115
fonti di finanziamento
debiti v/fornitori
debiti v/banche
capitale netto
totale fonti di finanziamento
Si può notare che la ricchezza della Pierinoceronti (il suo patrimonio – o capitale – netto) è
rimasta quantitativamente uguale a prima (20.000 euro). Il suo patrimonio si è però trasformato
qualitativamente: l’originaria situazione (20.000 € in banconote e monete) si è modificata, ed ora vi è
un patrimonio lordo che vale 115.000 € (due rinoceronti, la gabbia e 5.000 € in contanti), per ottenere il
quale sono stati accesi debiti per 95.000 € (verso fornitori e banche). Il patrimonio, al netto dei debiti,
vale però 20.000 € come prima. Questo perché, nel frattempo, l’azienda di Pierino non ha ancora
prodotto nulla né ha consumato alcun fattore produttivo; nulla (nessun valore) è stato creato e nulla
(nessun valore) è stato distrutto.
Come già sappiamo, si dice che l’attivo aziendale (o patrimonio lordo) di 115.000 è finanziato
da 95.000 di capitale di terzi (fornitori e banca) e da 20.000 di capitale proprio (o capitale netto o
patrimonio netto).
La notte fra il 30 settembre e il primo ottobre c’è un temporale, e un fulmine stecchisce
entrambi i rinoceronti. Al mattino, dopo un drammatico ma inutile tentativo di rianimare i
rinoceronti con la respirazione bocca a bocca, Pierino vende per 6.000 euro i corni (antenati del viagra)
ad un cinese depresso che paga immediatamente e in contanti, e nel pomeriggio vende le carcasse
per 2.000 € ad un macellaio estroso (= bizzarro, originale), che si impegna a pagare entro fine marzo.
15
Se ipotizziamo che non siano state fatte altre operazioni e che le attrezzature non si siano né
danneggiate né usurate, la situazione patrimoniale della “Pierinoceronti” è, alla sera dell’1/10/2013,
questa:
Situazione patrimoniale all’1/10/2013 ditta “PIERINOCERONTI”
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- -------------------
valori attivi (impieghi)
attrezzature
rinoceronti
cassa
crediti v/clienti
totale attivo (patrimonio lordo)
(euro x 1.000)
10
0
11
2
23
|
|
|
|
|
|
(euro x 1.000)
85
10
- 72
23
fonti di finanziamento
debiti v/fornitori
debiti v/banche
capitale netto
totale fonti
Ecco quindi che il capitale netto è diventato negativo ( - 72.000 €).
Ora calcoliamo il reddito (la perdita) del periodo dal 30 settembre al primo ottobre 2013
della ditta “Pierinoceronti” con i due sistemi che già conosciamo:
1) calcolato come differenza fra capitale netto finale meno capitale netto iniziale:
capitale netto finale:
– 72.000;
capitale netto iniziale:
+ 20.000
reddito del periodo: - 72.000 - 20.000 = meno 92.000 (predita)
2) calcolato come differenza fra valore della produzione e valore dei fattori produttivi consumati:
valore della produzione: (i corni e le carcasse dei rinoceronti)
valore dei fattori produttivi consumati: (i rinoceronti vivi)
8.000
100.000
reddito del periodo: 8.000 – 100.000 = meno 92.000
L’imprenditore Pierino si è impoverito di 92.000 euro, passando da un patrimonio netto
positivo di 20.000 € a uno negativo per 72.000 €. Infatti Pierino inizialmente aveva 20.000 € di
risparmi in contanti, mentre ora si ritrova con beni che valgono sì 23.000 €, ma anche con debiti per
95.000 (e 23.000 meno 95.000 fa – 72.000).
5f) Il valore del capitale netto aziendale e l’utile prodotto sono fortemente influenzati
da considerazioni e stime soggettive: se diamo l’incarico a 10 diversi periti, tutti ugualmente
capaci ed onesti, di stabilire quale è il patrimonio netto di una certa azienda in un certo momento,
o qual è l’utile di un certo periodo, riceveremo 10 risposte diverse, e tra di loro anche fortemente
differenziate. Questo perché le risposte sono pesantemente influenzate da valutazioni e stime che
dipendono necessariamente da considerazioni e modi di ragionare assolutamente personali: quanto
valgono i prodotti già finiti ma che non siamo ancora riusciti a vendere? Quanto valgono, adesso, le
attrezzature acquistate l’anno scorso per 145.000 euro e che, forse, potremo utilmente adoperare
ancora per cinque anni? Quanto vale il brevetto da noi depositato, che ci permette di adottare in
esclusiva nei prossimi 10 anni un certo processo produttivo? Quanto vale, ammesso che valga
ancora qualcosa, il credito di 200.000 euro che vantiamo verso quel cliente che ha delle difficoltà
finanziarie? Quale è il valore (negativo) del risarcimento che saremo costretti a dare a quella
casalinga di Voghera che ci ha fatto causa perché è rimasta sfregiata al volto a causa di un difetto di
fabbricazione di un nostro frullatore? ecc. ecc. ......
16
In effetti, una valutazione oggettiva (certa e esatta) del capitale netto può essere fatta
unicamente dopo aver “liquidato” l’azienda, cioè dopo aver: a) venduto tutti i beni attivi
aziendali, b) incassato il prezzo di vendita, e c) aver saldato tutti i debiti; in pratica dopo avere
trasformato l’intero patrimonio in denaro contante. Il denaro che rimane in cassa dopo queste
operazioni darà la misura – questa volta, finalmente, certa – del patrimonio netto che l’azienda
durante la sua vita aveva accumulato: soltanto dopo la liquidazione, infatti, non c’è più la necessità
di fare delle stime e delle considerazioni soggettive, essendo il valore del denaro contante un dato
certo.
Ed allora è anche vero che l’unico periodo di cui può essere calcolato con certezza
l’utile è quello che va dalla nascita alla liquidazione dell’azienda, cioè il periodo che copre
l’intera vita dell’impresa: questo perché è l’unico periodo di tempo dei cui due estremi sono noti,
con certezza, gli importi del capitale netto.
Vi faccio notare, però, che liquidare un’azienda significa farla morire, ed uccidere un
organismo per verificare con l’autopsia se era sano o malato, cioè se stava producendo utili od
accumulando perdite, se stava quindi creando o distruggendo ricchezza, è cosa assai poco ragionevole.
Necessariamente, allora, occorre fare delle verifiche periodiche durante la vita dell’azienda,
e queste verifiche le si fa redigendo il cosiddetto “bilancio” aziendale.
Normalmente le aziende di produzione fanno un bilancio ogni 3 o 6 mesi per fini “interni”, e
cioè per tenere adeguatamente sotto controllo la situazione. Sono, invece, obbligate per legge a
farlo una volta all’anno (fotografando, in genere, la situazione al 31 dicembre di ogni anno ) e a renderlo
pubblico per via telematica inviandolo alla CCIAA (Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura),
in modo che chiunque sia interessato possa, collegandosi via Internet con la CCIAA, informarsi
sulla situazione di qualsiasi azienda (in realtà solo delle aziende che hanno forma giuridica di società di capitali,
ma impareremo più avanti cosa questo significa). Tra gli interessati, oltre ai fornitori, alle banche e ai
finanziatori in genere dell’azienda, vi è anche lo stato, il quale – famelico – controlla quante
imposte l’azienda deve pagare.
Al di là dell’obbligo di legge, è comunque indispensabile fare queste verifiche periodiche
della situazione, ma bisogna anche essere consapevoli che la rappresentazione di una azienda non
può che essere offerta per “valori”, e che questi valori sono tutti (con le sole eccezioni delle banconote e
monete in euro e dei debiti pure in euro) non oggettivi in quanto frutto di stime e di impressioni di chi si è
assunto il compito e la responsabilità di fare il bilancio, allo stesso modo in cui la “Gioconda” è la
rappresentazione di Monna Lisa Gherardini così come la mente di Leonardo la vedeva, o il “De
bello Gallico” riporta i fatti accaduti più di duemila anni fa nella Gallia nel modo in cui Giulio
Cesare li vedeva. Chi sa di ragioneria sa, quindi, che non si può pretendere un bilancio “vero”,
perché non esiste il “vero” valore delle cose; ciò che, legittimamente, si può e si deve pretendere
è unicamente un bilancio fatto bene e “onesto”, che vuol dire fatto senza errori causati da
incapacità professionale e redatto con l’intento di informare correttamente i terzi, e non invece con
la volontà di far credere loro cose diverse da quelle che noi, in coscienza, pensiamo siano vere (ma
che potrebbero essere diverse da come le vediamo).
Qui sotto vi metto un paio di immagini di Luca Pacioli, il frate Francescano che scrisse,
cinque secoli fa, un testo che ha contribuito enormemente alla diffusione del metodo di rilevazione
dei fatti aziendali della partita doppia, sistema che i mercanti veneziani adottarono per primi e che
poi si diffuse in tutto il mondo. Ho
inserito le immagini di colui che è
considerato il padre della ragioneria
non solo per riempire la pagina ma
anche perché, osservando l’espressione
del suo volto, vi rassegniate alla
pallosità dell’argomento.
17
6)
Funzione della contabilità.
Vedremo nei prossimi anni che il “bilancio”, materialmente, è un documento che si compone
di vari elaborati, ma tra questi i due di gran lunga più importanti sono la “situazione patrimoniale”
(o “stato patrimoniale”, che abbiamo già incontrato qualche pagina fa) e il “conto economico”.
La situazione patrimoniale funge (= svolge la funzione) da fotografia dell’azienda in un certo istante
(quindi i dati che appaiono sono tutti di stock), ad esempio alla mezzanotte del 31/12/2012, mentre il
conto economico svolge il compito di filmato di ciò che è accaduto nell’azienda in un certo
periodo (quindi tutti i dati che in esso appaiono sono di flusso), ad esempio tra il 1/1/2012 e il 31/12/2012.
In altre parole: mentre lo stato patrimoniale descrive l’azienda come è in un certo momento (quali
beni possiede e quanto valgono, e di che tipo sono e a quanto ammontano i debiti che ha), il conto economico ci fa
vedere cosa l’azienda ha fatto in un certo periodo (cosa ha prodotto e quanto vale ciò che ha prodotto in un
certo periodo e cosa e quanto vale ciò che ha utilizzato per produrre).
Il “bilancio” (detto anche “bilancio d’esercizio”) è la sintesi, il risultato finale della continua e
meticolosa (= diligente, attenta, precisa, ordinata) rilevazione (= annotazione, registrazione) dei fatti che accadono
nell’azienda e dell’attento e impegnativo lavoro di elaborazione dei dati ottenuti.
La “contabilità” in senso ampio è la disciplina che insegna come registrare ed elaborare i fatti
aziendali (sia quelli che collegano l’azienda all’esterno, sia quelli interni di produzione) per permettere di
controllare ciò che accade e di avere informazioni utili per decidere cosa fare.
La “contabilità generale” (che è campo di lavoro per ragionieri) è quella parte della contabilità che
si occupa di registrare i fatti che collegano l’azienda con l’esterno e di elaborarli per dare –
tra l’altro – una descrizione dell’azienda la più realistica possibile attraverso il “bilancio
d’esercizio”.
La “contabilità industriale” (che è campo di lavoro per ingegneri) si occupa, invece, dei fatti
interni di produzione e ha lo scopo – tra l’altro – di rilevare, di calcolare i costi di produzione
(e infatti è anche detta “contabilità dei costi”).
La tecnica usata per registrare i fatti aziendali che mettono in relazione l’azienda con
l’ambiente economico (in pratica con le altre aziende) è detta “partita doppia”.
Il “sistema informativo” dell’azienda, nella sua parte relativa alla contabilità generale,
serve soprattutto a questo: a descrivere e a capire nel modo migliore possibile (meno peggiore) come
sta di salute e come sta andando verso i suoi obiettivi un’azienda. Solo un ragioniere fanatico e
stupido o i profani (= ignoranti, inesperti) di economia aziendale (come i magistrati e gli avvocati) possono
credere che i bilanci debbano essere rappresentazioni certe e precise dell’azienda; ma pur sapendo
che il risultato finale del lavoro non sarà mai del tutto attendibile, nondimeno è assolutamente
necessario impegnarsi per cercare di conoscere quale è la situazione, perché – come detto all’inizio
e ripetuto più volte – per poter prendere le decisioni migliori è indispensabile avere dei dati su cui
basarsi, e dei dati per quanto possibile attendibili.
Occorre quindi sforzarsi continuamente per migliorare sempre più il “sistema informativo”
aziendale, cioè tutto il processo di raccolta ed elaborazione dei dati relativi ai fatti che accadono
senza soste in azienda (acquisti, vendite, pagamenti, incassi, consumi, trasformazioni, entrate e uscite di merci,
tempi di lavoro dei dipendenti ecc.), processo che porta, come risultato finale, alla determinazione del
reddito e del patrimonio netto, i due indicatori di gran lunga più significativi della salute di
un’azienda.
18
7)
Le regole di registrazione in “partita doppia”
7.1)
Il “conto”.
Lo strumento di base del metodo (chiamato “partita doppia”) di
rilevazione dei dati relativi ai fatti “esterni” di gestione (cioè delle cose che capitano e che mettono in
contatto l’azienda con l’ambiente esterno) è il “conto”, un foglio (un tempo un pezzo di carta, ora un file)
intestato a un elemento aziendale e diviso verticalmente in due parti dette “sezioni”; la sezione di
sinistra è chiamata “Dare”, quella di destra “Avere”. I termini “Dare” e “Avere” delle due sezioni
avevano, ai tempi di Luca Pacioli, un significato collegabile ai due verbi, ma nel corso dei secoli
l’evolversi della ragioneria ha fatto sì che ora il loro significato non sia altro che “Destra” e
“Sinistra”. Si chiamassero “Dario” e “Amilcare” sarebbe la stessa cosa (anzi, sarebbe meglio perché gli
studenti farebbero meno errori).
Ogni fatto che abbia determina una modifica del patrimonio e che coinvolge l’azienda con il
mondo esterno lo si registra nei conti; in questo modo, col tempo, ogni conto recepisce, nell’ordine
cronologico determinato dal momento in cui il fatto è accaduto, sempre più dati. La differenza fra
le sommatorie dei dati annotati nelle due sezioni è detta “saldo” del conto, e se la somma degli
importi scritti in dare è maggiore di quelli scritti in avere si dirà che il conto presenta un “saldo
dare” (nel caso opposto si dirà che il conto ha “saldo avere”)
Nei due esempi qui sotto si possono leggere i fatti (le operazioni) accaduti tra il 22 e il 25
settembre che hanno coinvolto, rispettivamente, la cassa aziendale e il c/c che l’azienda ha aperto
presso la banca Credem.
(1.30.001 e 2.40.014 sono i due codici numerici, memorizzati nell’archivio contabile del sistema informativo aziendale,
che identificano i due conti: quando si vuole visualizzare un conto si digita, indifferentemente, o il suo codice numerico
o il suo nome in chiaro. La “P” a destra è la segnalazione – molto scolastica – che si tratta di un conto “patrimoniale”;
i conti, come vedremo fra poco, si suddividono infatti in due categorie: conti Patrimoniali (P) e conti Reddituali ( R)).
1.30.001 CASSA CONTANTI
P
dare
Avere
Data
descrizione accadimento
Saldo
22.9.2013
Saldo al 21.9.2013 (alla mezzanotte del 21.9.2013)
22.9.2013
Versamento su c/c 3845/b CREDEM
23.9.2013
Prelievo da bancomat
24.9.2013
Acquisto benzina (targa ED101YZ)
50,00
D 851,00
24.9.2013
S.do fatt. prot. 1.651/12 fornitore MpM srl
300,00
D 551,00
D 944,21
543,21
500,00
D 401,00
D 901,00
2.40.014 CREDEM c/c n. 3845/b
P
Data
descrizione accadimento
Dare
22.9.2013
Versamento contanti
543,21
23.9.2013
Prelievo da bancomat
500,00
25.9.2013
Assegno n. xy a saldo fatt. zt fornitore Pinco snc
1.200,00
25.9.2013
Bonifico da cliente Conip sas a s.do ns fatt. n. 497
1.000,00
avere
Saldo
D 543,21
D
43,21
A 1.156,79
A
156,79
19
7.1.1) I conti patrimoniali
I conti patrimoniali sono quelli che hanno come oggetto elementi aziendali il cui valore è un
dato di stock.
E’ il caso, ad esempio, dei due conti appena visti. Il conto “cassa contanti”, infatti, esprime
il valore del denaro presente in cassa, valore che ha un significato solo se riferito a un determinato
istante: alla mezzanotte del 21.9.2013 in cassa c’erano 944,21 €; alla mezzanotte del giorno dopo
(22 settembre) il valore della cassa era calato a 401,00 € a causa del prelievo di 543,21 € effettuato
quando (in un’ora imprecisata) quel contante è stato portato alla banca “CREDEM” per aprire il conto
corrente bancario. Alla fine del giorno seguente (23 settembre) il valore della cassa è salito a
901,00 € per effetto dell’immissione dei 500 € prelevati dal conto corrente attraverso il bancomat;
durante il giorno successivo (24 settembre) il valore della cassa ha subito due peggioramenti a causa:
prima dell’acquisto in contanti di 50 € di benzina, poi per il pagamento, sempre in contanti, di una
debito di 300 € che avevamo nei confronti del fornitore MpM srl.
Come potete vedere, leggendo le registrazioni fatte nel conto si ottengono informazioni su
quando è cambiato il valore dell’oggetto del conto patrimoniale (prima colonna “data”), perché si
sono avute queste variazioni (seconda colonna, “descrizione fatto”), di quanto ogni operazione ha
modificato il valore dell’oggetto del conto (sezioni “dare” e “avere”), se la variazione è stata in senso
migliorativo (nel caso l’importo sia in “dare”) o peggiorativo (nel caso sia in “avere”) e, infine, sulla
dimensione che l’oggetto del conto (nell’ultima colonna “saldo”) aveva in un qualsiasi momento, dalla
nascita dell’azienda fino all’ultimo giorno di cui si sono annotate le operazioni.
Si può dire che dalla lettura di tutto ciò che appare annotato in un singolo conto patrimoniale
si ottiene il racconto di tutta la vita dell’oggetto di quel conto (nell’esempio la cassa contanti, ma avrei
potuto scegliere di raccontarvi la storia di come il valore dell’auto targata ED101YZ o il valore di qualsiasi attrezzatura
o bene durevole di proprietà dell’azienda è cambiato dal momento dell’acquisto in poi, oppure la storia di tutti i
cambiamenti avvenuti in un qualsiasi rapporto di credito o di debito verso un particolare soggetto, come in effetti vi
faccio qui sotto),
da quando quell’elemento è entrato a far parte del patrimonio dell’azienda.
Nel conto patrimoniale “c/c n. 3845/b presso CREDEM” annotiamo tutte le operazioni che
modificano il credito (oppure il debito) che la nostra azienda ha nei confronti della banca
CREDEM. Fino al mattino del 22 settembre l’oggetto del conto (il rapporto di c/c fra noi e quella
banca) non esisteva. Durante la giornata del 22 abbiamo aperto il c/c (a cui la banca ha assegnato il codice
3845/b) depositandovi 543,21 € in contanti, e poiché quel giorno nessuna altra operazione fra noi e la
banca ha interessato quel conto, alla sera del 22 settembre noi avevamo un credito di 543,21 € nei
confronti del CREDEM. Il giorno dopo, 23 settembre, il nostro credito peggiora di 500,00 € perché
attraverso il bancomat ci facciamo restituire dalla banca una parte dei nostri soldi, cosicché alla
mezzanotte del 23 il valore del nostro credito (il nostro denaro depositato sul c/c) è di soli 43,21 €. Il 25
settembre, (approfittando che la banca si era impegnata a prestarci fino a un massimo di 10.000 € autorizzandoci ad
andare “in rosso” (cioè a debito) sul conto corrente ), abbiamo pagato con un assegno 1.200,00 € il fornitore
Pinco snc, e in questo modo il saldo del conto è peggiorato di 1.200, passando da un credito di
43,21 a un nostro debito nei confronti della banca di 1.156,79 €; pertanto il saldo da “dare” si è
trasformato in saldo “avere”. Lo stesso giorno (25 settembre) il nostro cliente Conip sas invia 1.000 €
sul nostro conto 3845/b del CREDEM per saldare un debito che aveva verso di noi, così il valore
dei nostri debiti verso la banca migliora, portandosi da un saldo passivo di 1.156,79 a un saldo,
ugualmente passivo, ma di soli 156,79.
20
7.1.2) I conti di reddito
I conti di reddito hanno come oggetto dati aziendali di flusso. Sono, quindi, tutti quei
conti in cui si annotano i consumi dei fattori produttivi (degli input) e la produzione degli output.
Vediamo, ad esempio, il conto “carburante” tenuto da un’azienda di trasporto (un corriere,
ACT, taxista o quello che ti pare) che, per svolgere la sua attività, utilizza due automezzi.
3.45.001 CARBURANTE
R
Data
descrizione accadimento
dare
avere
03.01.2013
targa CD543AF
80,00
D
03.01.2013
targa ED101YZ
105,00
D 185,00
05.01.2013
targa ED101YZ
75,50
D 260,50
07.01.2013
targa CD543AF
119,50
D 380,00
Saldo
80,00
La lettura del conto “carburante” ci informa su quando (colonna “data”) e per quali importi
(colonna “dare”) sono stati fatti i rifornimenti di carburante nella prima settimana dell’anno. Leggendo
la colonna “saldo”, poi, ci si informa su quale è, cumulativamente, il valore dei rifornimenti fatti
dall’inizio dell’anno fino alla data che ci interessa (dall’inizio dell’anno al 3 gennaio 185 €; dal
primo al 7 gennaio 380 €; se leggessimo il conto ad esempio il 30 settembre 2013, dalla colonna
“saldo” potremmo immediatamente ottenere il dato del valore complessivo dei rifornimenti fatti nei
primi nove mesi dell’anno. In ogni caso si tratta di dati di flusso, cioè di dati che, appunto, fanno
riferimento a un periodo di tempo.
Lo studente attento obietterà: all’inizio della pagina c’è scritto che i conti di reddito “sono
tutti quei conti in cui si annotano i consumi dei fattori produttivi (degli input)”, ma nel conto
“carburante” usato nell’esempio sono stati registrati gli acquisti, e non è detto che tutta la benzina
acquistata sia stata consumata; così se la benzina del rifornimento fatto il 7 gennaio fosse ancora
quasi tutta nel serbatoio dell’automezzo alla sera di quel giorno, sarebbe un errore dire che durante
la prima settimana dell’anno sono stati consumati 380 € di benzina: il dato corretto sarebbe
certamente minore, magari 275 €.
Lo studente è certamente attento e sveglio, ma ignora ancora (perché lo studierà fra due pagine)
che per semplicità quando si acquista il carburante così come qualsiasi altro input destinato a essere
consumato in poco tempo, si fa finta che sia già stato totalmente utilizzato.
Qui sotto, infine, un esempio di conto (di reddito) con registrate alcune operazioni di produzione.
4.03.054 SERVIZI di TARSPORTO
Data
04.01.2013
04.01.2013
05.01.2013
descrizione accadimento
Ns fatt. n. 1 cliente Aldini
Ns fatt. n. 2 cliente Bisi s.r.l.
Ns fatt. n. 3 cliente Capperi s.p.a.
dare
R
avere
140,00
204,00
1.000,00
Saldo
A
140,00
A
344,00
A 1.344 ,00
Compresa la funzione del “conto”, ora impariamo come vi si registra ciò che capita.
Le regole per registrare nei “conti” i fatti che accadono sono tre (a, b, c), a cui si aggiungono
altrettanti “trucchi” (t1, t2, t3) riconducibili però ad un’unica logica (per questo li ho chiamati tutti “t”).
21
7.2)
a)
Le tre regole.
(a1) Le operazioni che fanno migliorare il saldo di un conto patrimoniale si registrano a
sinistra (in dare) del conto patrimoniale interessato. Così, ad esempio:
•
l’incasso di 5 biglietti da 100, migliorando il valore attivo della nostra cassa, lo registriamo
scrivendo 500 nella sezione dare del conto “cassa contanti”;
•
se paghiamo un debito di 1.000 € che avevamo nei confronti di un nostro fornitore,
registreremo 1.000 in dare del conto “debiti v/fornitori” perché il saldo (passivo) del conto è
migliorato, essendo diminuito di 1.000 €.
a)
(a2) Le operazioni che, invece, fanno peggiorare il saldo di un conto patrimoniale si
registrano a destra (in avere) del conto patrimoniale interessato. Così, ad esempio:
•
se i ladri ci rubano un martello pneumatico che valeva 600 € (ed era registrato in contabilità
per un valore di 600 €), registreremo 600 in avere del conto “attrezzature” perché il loro valore è
peggiorato;
•
se otteniamo un mutuo (= un prestito) di 500.000 € da una banca, registriamo 500.000 in
avere del conto “debiti” perché il suo saldo è peggiorato (i nostri debiti, che sono un valore passivo,
sono aumentati); e se volessimo trarre dalla contabilità informazioni più dettagliate utilizzeremmo
non un conto generico come “debiti” ma uno più specifico intestato al soggetto che ci ha erogato il
prestito, ad esempio “mutuo banca CREDEM”
b)
(b1) Le operazioni che provocano un consumo di fattori produttivi (un costo, un
componente negativo di reddito: sono tutti sinonimi) si registrano in dare (a sinistra) del conto
reddituale interessato. Così, ad esempio:
•
se abbiamo consumato per ¼ la mola da 400 € con la quale affiliamo i coltelli, registreremo
100 in dare del conto di reddito “usura attrezzature” (un ragioniere scriverebbe “ammortamento
attrezzature”;
•
se facciamo pulire gli uffici della nostra ditta da una impresa di pulizie per 350 €,
registreremo 350 in dare del conto di reddito “acquisti servizi” (se volessimo informazioni più
dettagliate probabilmente utilizzeremmo un conto più specifico come “acquisti servizi di pulizia”).
b)
(b2) Le operazioni che provocano un aumento del valore della nostra produzione (un
ricavo, un componente positivo di reddito) si registrano in avere (a destra) del conto reddituale
interessato. Così, ad esempio:
•
se progettiamo per la DUCALE un nuovo distributore automatico di bevande calde per un
compenso di 90.000 €, registreremo quell’importo in avere del conto reddituale “servizi di
progettazione”;
•
se un dentista cura un dente cariato per 200 €, registra 200 in avere del conto di reddito
“otturazioni”.
c)
Ogni operazione provoca necessariamente registrazioni sia in dare (di uno o più conti) che
in avere (di uno o più conti), e il totale degli importi annotati in dare deve essere uguale al totale
degli importi annotati in avere.
E’ questa regola, tra l’altro, ad aver originato il nome “partita
doppia” con il quale è stato chiamato il metodo di registrazione dei fatti aziendali. Fu anche
cominciando a usare questa regola per primi – nel medio evo – che i mercanti italiani divennero i
migliori del mondo: con questa metodo gli errori di distrazione e di calcolo si ridussero
enormemente rispetto al sistema contabile (la “partita semplice”) usato in precedenza.
22
7.3) I trucchi
Come già si è detto, i trucchi sono tre, e la logica unitaria che è alla loro base mira a
semplificare la vita dei poveri contabili addetti alla registrazione dei fatti aziendali. Infatti,
l’Adamo dei ragionieri, essendosi reso conto che il registrare ogni fatto che accade in azienda
avrebbe imposto una mole (= un volume, una quantità) di lavoro insostenibile, ebbe una idea brillante:
registrare man mano che accadono solo i fatti che mettono in rapporto l’azienda con il mondo
esterno, ed invece tenere conto dei fatti che si svolgono all’interno dell’azienda soltanto nel
momento in cui si vuole determinare la situazione patrimoniale ed il reddito prodotto (cioè nel
momento in cui si vuole fare il “bilancio”).
Esemplifico per chiarire il concetto, prendendo in considerazione l’azienda “Cantina sociale
di Coviolo s.c.r.l.”. L’operazione di pigiatura dell’uva, che si svolge al suo interno a inizio autunno,
implica certamente l’uso di fattori produttivi (l’uva, il torchio, il lavoro degli operai ecc.) e
contemporaneamente l’ottenimento di una produzione (il mosto e il vino). Sarebbe però assurdo
quantificare ed annotare istante per istante (o anche solo giorno per giorno) i valori coinvolti in queste
operazioni che si svolgono internamente all’azienda. Ed allora ci si limita a registrare il valore dei
fattori produttivi nel momento in cui li si acquista, ed il valore della produzione nel momento in cui
la si vende (momenti in cui l’azienda ha un rapporto con l’esterno ). Ma poiché l’acquisto di un input non
necessariamente coincide con il suo consumo e poiché può esserci produzione anche senza vendita,
quando si vuole verificare l’andamento dell’azienda attraverso la redazione dello stato patrimoniale
e del conto economico si rende necessario apportare delle correzioni ai dati risultanti dalle sole
registrazioni dei fatti “esterni”. Queste correzioni i ragionieri le chiamano “scritture di
assestamento”.
Spiegata (spero) la natura comune dei tre trucchi, andiamo a vederli (t1, t2 e t3).
t1)
Il consumo di fattori produttivi che esauriscono la loro utilità rapidamente, cioè o nel
momento in cui vengono usati (l’uva, il carburante, l’energia elettrica, il lavoro, lo shampoo della
parrucchiera o le arance dell’ortolano ecc.) o comunque entro un anno perché non sono destinati a
durare a lungo (le biro, le lampadine i (gli, per l’Aleotti) pneumatici ecc.), non viene registrato nel
momento in cui avviene bensì viene registrato nel momento dell’acquisto del fattore produttivo
stesso, fingendo che esso si sia immediatamente e totalmente consumato.
Nel momento in cui si vorrà determinare l’esatta situazione patrimoniale e calcolare il
reddito guadagnato si dovrà poi: a) effettuare una registrazione di assestamento (= di aggiustamento,
correttiva) per aggiungere fra i valori attivi patrimoniali il valore di questi fattori produttivi
eventualmente non consumati e perciò ancora presenti in azienda; b) effettuare un’altra correzione
in contabilità per andare a diminuire il valore – in precedenza registrato in eccesso – degli input
consumati.
Ecco quindi perché quando Alice Sgombri acquista le esche o il carburante per la barca,
oppure quando Mangiafuoco acquista la biada per il cavallo non si registra l’aumento del valore
delle scorte nel conto patrimoniale “scorte di materiali di consumo” ma, invece, il valore dell’input
viene annotato in un conto di reddito (come consumo).
23
t2)
Il consumo di fattori produttivi che offrono la loro utilità per lungo tempo (più di un
anno, come gli automezzi, le poltrone della parrucchiera, gli scaffali dell’ortolano ecc.) non viene
registrato né nel momento in cui avviene né nel momento dell’acquisto del fattore produttivo, bensì
viene registrato soltanto nel momento in cui si vuole determinare la situazione patrimoniale e
il reddito dell’azienda (cioè quando si fa il “bilancio” aziendale).
Quando si acquista il fattore produttivo “duraturo” si registra in un conto patrimoniale
l’aumento del valore presente in azienda di quel fattore produttivo (attrezzatura, macchinario o altro che
sia), dopo di che si finge che il fattore produttivo conservi intatto il suo valore nonostante l’uso che
se ne sta facendo, ed è soltanto quando si decide di determinare il patrimonio ed il reddito (cioè
quando si fa il bilancio aziendale) che si apportano le correzioni con delle scritture di assestamento.
Infatti in quel momento si dovrà: a) diminuire il saldo del conto patrimoniale in cui è stato
inserito il valore del bene al momento dell’acquisto (registrando in avere la diminuzione del suo valore) in
modo da correggerne il valore contabile facendo in modo che rispecchi la realtà; b) registrare in un
conto di reddito tale diminuzione di valore in quanto rappresenta il consumo del fattore produttivo
durevole (e quindi la si registrerà in dare del conto “ammortamento” (che significa perdita di
valore, usura).
Ad esempio, se la sarta Lucia Cecati il 12/3/2013 acquista una nuova macchina da cucire del
valore di 1.140 € (pagando 40 € in contanti e impegnandosi a pagare il resto fra 90 giorni) in
contabilità l’operazione viene registrata in questo modo (in grassetto):
(data di questa registrazione: 12.3.2013)
Dare Attrezzature (P) avere
------------------------------(s.i.)
xy |
(1)
1.140 |
dare
debiti v/fornitori (P) avere
-----------------------------------------|
yx (s.i.)
|
1.100 (1)
dare cassa contanti (P) avere
---------------------------------------(s.i.) xyz |
|
40 (1)
Dopo di che mentre Lucia usa (ed usura) la macchina da cucire non si registra nulla; ed è
soltanto quando si decide di determinare il reddito prodotto nel periodo nonché la nuova situazione
patrimoniale (cioè quando si fa il bilancio aziendale, ad esempio il 31.12.2013) che si farà la seguente
registrazione di assestamento (ammortamento) (in grassetto e ipotizzando che l’uso abbia causato una
diminuzione del valore della macchina da cucire di 150 ):
dare
Attrezzature (P)
avere
dare
ammortamento attrezzature (R) avere
----------------------------------------------------------------------------------------------------------(s.i.)
xy |
|
(1)
1.140 |
|
| 150 (data di questa registrazione: 31.12.2013) 150
|
24
Si può quindi dire che quando si registra l’acquisto di un fattore produttivo si commette in
ogni caso, consapevolmente, un errore: se l’acquisto riguarda un bene che si esaurisce nel momento
dell’utilizzo (come il lavoro del dipendente o lo sciampo per il parrucchiere) allora si commette l’errore di
registrarne il consumo in anticipo rispetto al momento effettivo; se invece l’acquisto riguarda un
bene che è in grado di offrire la sua utilità per molto tempo (come la poltrona o le forbici del parrucchiere)
allora si commette l’errore di registrarne il consumo (l’ammortamento) in ritardo rispetto al momento
dell’effettivo utilizzo. Ecco perché, quando attraverso il bilancio si vuole dare l’immagine della
situazione dell’azienda a una certa data e la descrizione di ciò che è accaduto in un certo periodo
(periodo che termina in quella data) ci si deve preoccupare di andare a correggere gli errori fatti
registrando le operazioni aziendali durante il periodo, e queste correzioni si inseriscono attraverso
altre registrazioni contabili chiamate “scritture di assestamento”.
t3)
La produzione di valore viene registrata non nel momento in cui la si realizza, bensì
quando ciò che è stato prodotto (bene materiale o immateriale che sia) viene venduto. Il valore di ciò
che è stato prodotto ma non ancora venduto viene considerato (aggiunto) soltanto nel momento
in cui si vuole determinare la situazione patrimoniale e il reddito dell’azienda (cioè quando si fa il
“bilancio” aziendale). In quella occasione si dovranno anche togliere dal valore della produzione le
eventuali vendite di beni prodotti in momenti precedenti il periodo osservato, ma questo lo
vedremo più avanti.
Così se per esempio la sarta Lucia Cecati negli ultimi mesi del 2012 ha prodotto 3 abiti da
sposa per un valore complessivo di 15.000 €, e li ha venduti, per 15.000 €, nei primi mesi del 2013,
quei 15.000 € di valore dovranno risultare nel valore della produzione dell’anno 2012 e non
dell’anno in cui c’è stata la vendita (e quindi faranno aumentare il reddito del 2012 e non quello del 2013). Le
registrazioni che si faranno in contabilità sono queste:
-
Al momento della materiale produzione degli abiti non si registra nulla (è un’operazione interna).
Quando (supponiamo alla fine dell’anno 2012) si vuole fare il bilancio dell’azienda, allora
occorrerà rilevare il componente positivo di reddito e l’incremento del valore patrimoniale costituito
dagli abiti in magazzino, valutati 15.000 € e pronti per la vendita:
dare
scorte di prodotti finiti (P)
avere
dare
valore della produzione (*) (R) avere
----------------------------------------------------------------------------------------------------------15.000
|
(data di questa registrazione: 31.12.2012)
|
15.000
(*) In realtà si usa un conto, ovviamente pur sempre di Reddito, chiamato “variazione rimanenze prodotti”
25
- Quando (nel 2013) si vendono gli abiti (supponiamo proprio per 15.000 e con pagamento posticipato ) si
registra:
dare
vendite abiti da sposa (R) avere
dare crediti v/vlienti (P)
avere
--------------------------------------------------------------------------------------------------------|
15.000
(data di questa registrazione: x.y. 2013)
15.000
|
Supponiamo ora, per semplificare l’esempio, che nel corso del 2013 non avvenga alcuna
altra operazione al di fuori della vendita di quegli abiti: quando – probabilmente il 31.12.2013 – si
farà il bilancio successivo, bisognerà riportare il valore corretto delle scorte di prodotti finiti, e
allora occorrerà ridurre il valore contabile che è errato in quanto risulta ancora di 15.000 €
nonostante non vi sia alcun abito pronto per la vendita (e in contabilità appaiono, invece, ancora 15.000 € di
abiti in scorta perché all’atto della vendita le registrazioni non coinvolsero il conto Patrimoniale “scorte di prodotti
finiti” il cui saldo, pertanto, è rimasto quello del 31.12.2012).
Ecco allora che si procederà con questa altra
scrittura di assestamento (datata 31.12.2013):
dare
scorte di prodotti finiti (P)
avere
dare variazione rimanenze prodotti (*) (R) avere
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------(saldo iniziale ) 15.000
|
|
| 15.000 (data di questa registrazione: 31.12.2013) 15.000 |
(*) In realtà si usa un conto, ovviamente pur sempre di Reddito, chiamato “variazione rimanenze prodotti”
In questo modo i 15.000 € in dare del conto di reddito “variazione rimanenze prodotti”
compensano, annullandoli, i 15.000 € in avere del conto di reddito “vendite abiti da sposa”, in modo
che nel conto economico dell’anno 2013 i componenti positivi di reddito (ricavi) risultino
complessivamente pari a zero (15.000 meno 15.000 = zero) come deve essere in quanto nel corso
del 2013 nulla è stato prodotto.
Se nel 2013 gli abiti fossero venduti a un valore diverso rispetto alla valutazione inserita nel
bilancio chiuso al 31.12.2013 (ad esempio 18.000 €) allora il conto economico dell’anno 2013 sarebbe
stato coinvolto per la differenza (nell’esempio, avrebbe registrato un utile di 3.000 €).
26

Documenti analoghi