Relazione sanitaria anno 2008

Commenti

Transcript

Relazione sanitaria anno 2008
Azienda USL 2
Lucca
RELAZIONE SANITARIA AZIENDALE
Dati attività anno 2008
DG 06
Rev. 0
Pag. 1 d 284
DG 06
RELAZIONE SANITARIA AZIENDALE
Dati attività anno 2008
Deliberazione n. 460 del 25 Giugno 2009
Data
Rev.
Redatto
Verificato
Verificato
Approvato
25/6/2009
0
Direttori UU.OO.
Epidemiologia –
Sistema Informativo
Programmazione e
Controllo
Direttore
Sanitario
Direttore
Amministrativo
Direttore
Generale
INDICE
I N D I C E...........................................................................................................................................................2
SEZIONE I
IL QUADRO EPIDEMIOLOGICO ..............................................................................................5
1.1 LA STRUTTURA DEMOGRAFICA.................................................................................................................................. 6
1.2
LO STATO DI SALUTE ED I BISOGNI SANITARI DELLA POPOLAZIONE (CON RIFERIMENTO AI FLUSSI CODIFICATI E AD
EVENTUALI ESPERIENZE LOCALI E STUDI AD HOC)............................................................................................................ 9
1.2.1
Comportamenti importanti per la salute (con particolare riferimento ad alimentazione, fumo, alcol,
consumo sostanze illecite e tossicodipendenze).......................................................................................................... 9
1.2.1.1 Disturbi del comportamento alimentare .........................................................................................................................9
1.2.1.2 Alcool...........................................................................................................................................................................11
1.2.1.3 Fumo e tabagismo ........................................................................................................................................................12
1.2.2
Utilizzo dell’ospedale da parte dei residenti ............................................................................................ 15
1.2.2.1 Attività di degenza presso le strutture ospedaliere aziendali ........................................................................................15
1.2.2.2 Tipologia della patologia trattata..................................................................................................................................16
1.2.2.3 Nascite, aborti e IVG....................................................................................................................................................17
1.2.2.4 Attrazioni – Fughe........................................................................................................................................................17
1.2.2.5 Attività ambulatoriale...................................................................................................................................................18
1.2.3
1.2.4
Mortalità generale e per cause ................................................................................................................. 18
Malattie infettive ....................................................................................................................................... 21
1.2.4.1 Le Malattie Infettive.....................................................................................................................................................21
1.2.4.2 Tubercolosi e Micobatteriosi........................................................................................................................................27
1.2.4.3 AIDS - Incidenza e mortalità........................................................................................................................................29
1.2.5
Campagne di Vaccinazione ...................................................................................................................... 30
1.2.5.1 Campagne di vaccinazioni dell’infanzia.......................................................................................................................31
1.2.5.2 Campagna di Vaccinazione Antinfluenzale 2007-2008 ...............................................................................................38
1.2.6 Infortuni sul lavoro ......................................................................................................................................... 39
1.2.7
Handicap .................................................................................................................................................. 40
1.2.8
Patologia psichiatrica............................................................................................................................... 46
1.2.9
La non autosufficienza dell’anziano ......................................................................................................... 47
1.3
ELEMENTI SIGNIFICATIVI VERIFICATISI NELL’ANNO CHE HANNO MODIFICATO LO STATO DI SALUTE ................... 52
1.3.1
Rapporti tra eventuali problemi emergenti a livello ambientale e stato di salute .................................... 52
1.3.2
Modificazioni della struttura economica, della struttura demografica e ripercussioni sullo
stato di salute........................................................................................................................................................ 54
SEZIONE II
2.1
2.2
GLI OBIETTIVI STRATEGICI PERSEGUITI ED I RISULTATI RAGGIUNTI...........................56
IL QUADRO SINTETICO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI PERSEGUITI E DEI RISULTATI RAGGIUNTI: ........................... 57
LE AREE DI CRITICITÀ E GLI ELEMENTI SIGNIFICATIVI VERIFICATISI NELL’ANNO: ................................................ 72
SEZIONE III IL PROFILO GESTIONALE-ORGANIZZATIVO ED ECONOMICO- FINANZIARIO .................74
3.1
L’ORGANIZZAZIONE ........................................................................................................................................... 75
3.1.1
Principali adempimenti ( L.R. 40/05, L.R. 41/05, PSR 2005/2007): ....................................................... 75
3.1.2
L’articolazione distrettuale....................................................................................................................... 75
3.1.3
Gli accordi interaziendali ......................................................................................................................... 76
3.2
I LIVELLI DI ASSISTENZA..................................................................................................................................... 76
3.2.1
I servizi ospedalieri in rete ....................................................................................................................... 76
3.2.2
I servizi sanitari territoriali ed il loro sviluppo ........................................................................................ 78
3.2.3
La prevenzione collettiva .......................................................................................................................... 83
3.3
LA GESTIONE DEI SERVIZI................................................................................................................................... 85
3.3.1
La gestione diretta .................................................................................................................................... 85
3.3.2
La gestione esterna (sanità privata, volontariato, onlus) ......................................................................... 85
3.3.3
La gestione associata................................................................................................................................ 85
3.3.4
Gli scambi interaziendali.......................................................................................................................... 85
3.4
L’EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO ........................................................................................................... 86
3.4.1
La struttura della spesa per livelli di assistenza (tabelle n. 6, 7, 7a)........................................................ 86
3.4.2
Azioni intraprese per la razionalizzazione dell’uso delle risorse:............................................................ 86
3.5
LO SVILUPPO DELLA RETE DEI PRESIDI ............................................................................................................... 88
3.5.1
Stato di avanzamento alla data del 31/12/2008 del programma triennale per gli interventi di nuova
edificazione o di riorganizzazione funzionale di strutture esistenti.......................................................................... 88
3.5.1.1 Interventi finanziati (tabella n. 8 – sezione VI - corredo documentale): ......................................................................88
3.5.2
Stato di avanzamento del programma di interventi di mantenimento del patrimonio strutturale e
strumentale ............................................................................................................................................................... 91
SEZIONE IV LE POLITICHE AZIENDALI PER LA QUALITA’.....................................................................93
4.1
4.2
4.3
4.4
4.5
4.6
4.7
4.8
4.9
4.10
4.11
4.12
4.13
4.14
4.15
QUALITÀ AZIENDALE ......................................................................................................................................... 94
IL PERCORSO ASSISTENZIALE ............................................................................................................................. 94
LA COMUNICAZIONE .......................................................................................................................................... 95
LA CARTA DEI SERVIZI ....................................................................................................................................... 96
LA PARTECIPAZIONE E LA TUTELA...................................................................................................................... 96
I TEMPI DI ATTESA .............................................................................................................................................. 97
LA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE............................................................................... 98
LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE.............................................................................................. 99
LA BIOETICA ...................................................................................................................................................... 99
LA FORMAZIONE DEL PERSONALE .................................................................................................................... 100
L’ACCREDITAMENTO ....................................................................................................................................... 101
LE SPERIMENTAZIONI GESTIONALI.................................................................................................................... 102
LE POLITICHE PER L’INNOVAZIONE................................................................................................................... 102
I PROGRAMMI INTERAZIENDALI DI INTERESSE REGIONALE PROPOSTI DALLE AZIENDE SANITARIE ..................... 106
LA VALORIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE DELL’ASSISTENZA SANITARIA NELLE ZONE INSULARI E MONTANE ..... 107
SEZIONE V
LE POLITICHE DI SETTORE ...............................................................................................113
5.1
PREVENZIONE COLLETTIVA ................................................................................................................... 114
5.1.1 Prevenzione igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro...................................................................................... 114
5.1.2 Igiene e sanità pubblica................................................................................................................................. 123
5.1.3 Igiene degli Alimenti e Nutrizione ................................................................................................................. 126
5.1.4 Sanità Pubblica Veterinaria .......................................................................................................................... 138
5.1.4.1 - UO Sanità Animale - UO Igiene degli Allevamenti e Produzioni Zootecniche .....................................................138
5.1.4.2 - U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale ......................................................................................................142
5.1.5 Medicina legale ............................................................................................................................................. 146
5.1.6 Laboratorio di Sanità Pubblica ..................................................................................................................... 150
5.2
PROGETTI OBIETTIVO ...................................................................................................................................... 153
5.2.1
La tutela della salute mentale ................................................................................................................. 153
5.2.1.1 Le Unità Funzionali di Salute Mentale Adulti............................................................................................................155
5.2.1.2 U.F. Salute Mentale Infanzia e Adolescenza.............................................................................................................163
5.2.2
Salute della donna, procreazione responsabile, infanzia e adolescenza ................................................ 168
5.2.3
Prevenzione e cura delle condotte di abuso e delle dipendenze ............................................................. 174
5.2.4
Handicap ................................................................................................................................................ 182
5.2.5
Tutela della salute degli anziani ............................................................................................................. 193
5.3
AZIONI PROGRAMMATE ........................................................................................................................... 198
5.3.1
Miglioramento delle condizioni di vita dei nefropatici cronici ............................................................... 198
5.3.2
Lotta contro i tumori e l’assistenza oncologica....................................................................................... 202
5.3.3
Donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule .................................................................................... 206
5.3.4
Lotta alle malattie metaboliche (diabete, fibrosi cistica) ......................................................................... 209
5.3.5
Prevenzione delle malattie cardiovascolari.............................................................................................. 212
5.3.6
Organizzazione dei servizi alcologici ....................................................................................................... 214
5.4
IL PIANO SANGUE E PLASMA................................................................................................................... 215
5.5
IL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA E URGENZA................................................................................. 218
5.5.1
Attività Centrale Operativa 118 ............................................................................................................... 218
5.5.2
U.O. Medicina e Chirurgia d’Accettazione e Urgenza – PS Lucca.......................................................... 225
5.5.3
Attività di Pronto Soccorso – PO Valle del Serchio ................................................................................. 229
5.6
LA RETE INTEGRATA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA.............................................. 233
5.7
ASSISTENZA PROTESICA .......................................................................................................................... 235
5.8
INTEGRAZIONE DELLE MEDICINE COMPLEMENTARI NEGLI INTERVENTI PER LA SALUTE ......... 236
5.9
LA POLITICA DEL FARMACO ................................................................................................................... 239
SEZIONE VI
CORREDO DOCUMENTALE .............................................................................................244
6.1
TABELLE:......................................................................................................................................................... 245
Tabella n. 1 - L'articolazione distrettuale: l'assetto a fine anno rispetto a quello programmato nel PAL. ........... 245
Tabella n. 2 - I servizi ospedalieri in rete: andamento dei ricoveri. .................................................................. 246
Tabella n. 3 - I servizi ospedalieri in rete: andamento dei ricoveri dei residenti per tipologia di struttura e
confronto con l'anno precedente. ........................................................................................................................... 247
Tabella n. 4 - I servizi ospedalieri in rete: posti letto in esercizio.......................................................................... 247
Tabella n. 5 - I servizi sanitari territoriali e il loro sviluppo: assistenza domiciliare integrata, cure domiciliari,
strutture e modalità assistenziali innovative........................................................................................................... 248
Tabella n. 6 - La struttura della spesa per livelli di assistenza: anno 2008 e confronto con l'anno precedente. 249
Tabella n. 7 - La struttura della spesa per le convenzioni nazionali . Anno 2008. ............................................. 250
Tabella n. 7/a - La struttura della spesa per i trasporti sanitari ............................................................................ 250
Tabella n. 8 - Lo sviluppo della rete dei presidi: il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione o di
riorganizzazione funzionale (interventi finanziati) - dato aziendale ...................................................................... 251
Tabella n. 9 - Il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione di riorganizzazione funzionale
(interventi finanziati) - dato aziendale.................................................................................................................... 252
Tabella n. 10 - Il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione di riorganizzazione funzionale
(interventi finanziati) - dato aziendale.................................................................................................................... 253
Tabella n. 11 - Qualità aziendale: i progetti di miglioramento più significativi (max 5) portati a conclusione
nell'anno ................................................................................................................................................................. 254
Tabella n. 12 - La comunicazione: Iniziative di comunicazione interna * ........................................................... 255
Tabella n. 13 - La comunicazione: Iniziative di comunicazione esterna *........................................................... 257
Tabella n. 14 - La comunicazione: costi aziendali ............................................................................................... 260
Tabella n. 15 - La carta dei servizi: gli impegni dichiarati.................................................................................. 261
Tabella n. 16 - La promozione della cultura della salute: interventi realizzati nell’anno. .................................... 268
Tabella n. 17 - La promozione della cultura della salute: dati di spesa ................................................................ 273
Tabella n. 18 - La formazione del personale: tematiche e ambiti formativi dell'azienda...................................... 274
Tabella n. 19 - La formazione del personale: esperienze significative portate a conclusione nell’anno.............. 275
Tabella n. 20 - La formazione del personale: investimento aziendale ................................................................... 277
Tabella n. 21 - L’accreditamento: elenco dei presidi del “Programma accreditamento” accreditati nell’anno di
riferimento .............................................................................................................................................................. 278
ALLEGATO Tab. 21 - L’accreditamento................................................................................................................ 283
6.2
INDICATORI SPECIFICI PER LIVELLO DI ASSISTENZA (CALCOLATI PER AZIENDA E PER ZONA) ............................. 284
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
SEZIONE I
IL QUADRO EPIDEMIOLOGICO
1.1 LA STRUTTURA DEMOGRAFICA
1.2 LO STATO DI SALUTE ED I BISOGNI SANITARI DELLA
POPOLAZIONE (CON RIFERIMENTO AI FLUSSI CODIFICATI E
AD EVENTUALI ESPERIENZE LOCALI E STUDI AD HOC)
1.2.1 Comportamenti importanti per la salute (con particolare
riferimento ad alimentazione, fumo, alcol, consumo sostanze illecite
e tossicodipendenze)
1.2.2 Utilizzo dell’ospedale da parte dei residenti
1.2.3 Mortalità generale, per cause e mortalità evitabile
1.2.4 Malattie infettive
1.2.5 AIDS, incidenza e mortalità
1.2.6 Infortuni sul lavoro
1.2.7 Handicap
1.2.8 Patologia psichiatrica
1.2.9 La non autosufficienza dell’anziano
1.3 ELEMENTI SIGNIFICATIVI VERIFICATISI NELL’ANNO CHE
HANNO MODIFICATO LO STATO DI SALUTE
1.3.1 Rapporti tra eventuali problemi emergenti a livello ambientale
e stato di salute
1.3.2 Modificazioni della struttura economica, della struttura
demografica e ripercussioni sullo stato di salute
5
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.1 LA STRUTTURA DEMOGRAFICA
Il quadro demografico della popolazione residente nel territorio della ASL 2 di Lucca è
rappresentato dall’andamento dei principali indicatori della dinamica demografica.
Tra questi, il bilancio demografico è basato sul rapporto tra gli incrementi legati ai nuovi nati
e agli immigrati e le riduzioni conseguenti alle morti ed alle emigrazioni.
Nella Tabella 1 vengono riportati alcuni indici demografici per singolo comune presente nel
territorio dell’ASL; i dati presenti nella tabella sono stati forniti dagli Uffici Anagrafi dei
relativi Comuni.
Sulla base di tali dati si rileva che la popolazione del territorio di competenza dell’ASL 2, al
31/12/2008 risulta di 224.211 abitanti (con un aumento di 2.162 persone rispetto al 2007),
di cui 109.917 maschi (48,6%) e 116.456 femmine (51,4%), percentuali invariate rispetto
all’anno precedente.
L’ulteriore suddivisione del territorio dell’ASL nella due Zone-Distretto evidenzia che nella
zona Piana di Lucca risiedono 167.058 abitanti, rappresentanti il 73,8% dell’intera
popolazione della ASL, mentre il restante 26,2% (59.315) risiede nella zona Valle del
Serchio.
Si confema ancora, come negli anni precedenti, una forte presenza di anziani (soggetti di
età superiore ai 65 anni) nella popolazione, con il 23,2% sul totale; la presenza di anziani è
più elevata nella Zona Val di Serchio (25,8%) rispetto alla Piana di Lucca (22,3%).
Continua il lieve trend in aumento della quota dei soggetti giovani al di sotto dei 14 anni:
12,6%, contro il 12,4% del 2007.
Continua anche l’andamento in diminuzione dell’indice di vecchiaia, ovvero il rapporto fra la
popolazione anziana (oltre 65 anni) e quella giovane (sotto i 14 anni): 183,7% nel 2008
contro 186,8% nel 2007.
L’indice di dipendenza (rapporto tra la popolazione improduttiva dal punto di vista
economico rispetto a quella potenzialmente produttiva), mostra ancora un trend in leggero
aumento, con un valore del 55,8% nel 2008 contro il 55,4% nel 2007 e il 55,3% nel 2006.
La valutazione di questi indici all’interno del territorio di competenza della ASL evidenzia
una diversa ripartizione fra le due Zone, con caratteristiche che confermano la presenza di
una popolazione tendente ad un maggiore invecchiamento nella Valle del Serchio.
Gli indicatori demografici rappresentati in Tabella 2 e forniti dall’Agenzia Regionale di
Sanità sono aggiornati al 2006; questi permettono un inquadramento ed un confronto della
situazione demografica dell’ASL 2 nell’ambito dell’Area Vasta di appartenenza e della
Regione Toscana:
•
Il quoziente di incremento totale della popolazione risulta positivo (10,18‰) e con un
forte incremento rispetto all’anno precedente; è nettamente superiore sia alla media
regionale (5,04‰) che al dato medio di Area Vasta (4,58‰) e dopo la ASL di Prato è
il valore più alto in Toscana.
•
Il quoziente di incremento migratorio, pari a 12,96 x 1000, è il valore più alto tra le
ASL Toscane, nettamente superiore al dato medio regionale regionale (7,30 x 1000).
•
Il quoziente di incremento naturale (il rapporto tra natalità e mortalità rispetto alla
popolazione residente) risulta negativo, come in tutte le ASL della regione Toscana
ad eccezione della ASL 4 di Prato.
6
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Tabella 1 – Popolazione totale e per classi di età - Indici demografici totali e per comune di
residenza del territorio di competenza dell’ ASL 2 Lucca.
Dati di popolazione al 31-12-2008 forniti dagli Uffici Anagrafi Comunali
COMUNI
TOTALE
Barga
Bagni di Lucca
Borgo a Mozzano
Coreglia Antelminelli
Fabbriche di Vallico
TOTALE MEDIA VALLE
Camporgiano
Careggine
Castelnuovo G.
Castiglione G.
Fosciandora
Gallicano
Giuncugnano
Minucciano
Molazzana
Piazza al Serchio
Pieve Fosciana
San Romano
Sillano
Vagli Sotto
Vergemoli
Villa Collemandina
TOTALE GARFAGNANA
TOTALE VAL DI SERCHIO
Altopascio
Capannori
Lucca
Montecarlo
Pescaglia
Porcari
Villa Basilica
TOTALE PIANA DI LUCCA
TOTALE ASL 2
10.262
6.569
7.339
5.238
512
29.920
2.318
616
6.138
1.898
635
3.936
498
2.338
1.159
2.501
2.419
1.469
734
1.017
339
1.380
29.395
59.315
14.334
45.627
88.537
4.568
3.779
8.451
1.762
167.058
226.373
Idipendenza = [ ((65+)+(0-14)) / (15-64) ] x 100
15-64
%
62,0
62,1
64,2
63,4
55,1
62,7
61,0
59,4
64,7
63,0
59,5
63,3
58,0
58,8
61,8
64,3
62,4
62,0
61,9
62,4
58,7
61,1
62,4
62,6
67,3
64,5
64,3
66,4
62,3
67,2
64,1
64,8
64,2
0-14
%
12,5
11,4
12,2
13,4
11,5
12,3
11,1
9,1
12,3
11,3
10,1
12,2
9,2
8,8
9,0
11,0
11,8
11,8
10,4
8,4
6,2
10,7
11,0
11,7
15,0
13,0
12,5
13,9
12,9
14,0
10,9
13,0
12,6
65+
%
25,6
26,5
23,6
23,1
33,4
25,0
28,0
31,5
23,0
25,8
30,4
24,5
32,7
32,4
29,2
24,8
25,8
26,1
27,8
29,2
35,1
28,3
26,5
25,8
17,7
22,4
23,3
19,7
24,7
18,8
25,0
22,3
23,2
Indice
dipendenza
61,4
61,0
55,7
57,6
81,6
59,5
64,0
68,3
54,5
58,8
68,0
57,9
72,3
70,0
61,9
55,6
60,3
61,3
61,7
60,2
70,4
63,7
60,1
59,8
48,6
55,0
55,6
50,6
60,4
48,9
56,1
54,4
55,8
Indice
vecchiaia
205,4
232,9
193,8
172,0
289,8
203,2
252,1
346,4
186,8
228,5
301,6
200,8
354,3
367,5
326,0
225,1
218,2
220,7
268,4
349,4
566,7
265,3
240,1
220,5
117,5
172,0
186,4
142,1
191,0
133,8
229,7
171,9
183,7
Ivecchiaia = [ (65+) / (0-14)] x 100
•
ll tasso di natalità (8,82 x 1000) risulta superiore sia al dato medio di Area Vasta
(8,42 x 1000) che al valore regionale (8,68x1000).
•
ll tasso di fecondità totale (1,31 x 1000), che esprime il numero medio di figli per
donna in età fertile (15-49 anni) risulta leggermente superiore sia al dato medio di
Area Vasta (1,24 x 1000) che al valore medio regionale (1,28x1000). E’ da tenere
presente che un tasso di 2,1 figli per donna corrisponde al numero di figli che
ciascuna donna dovrebbe avere per sostituire nella generazione successiva se
stessa e il proprio partner.
•
Il tasso di mortalità generale standardizzato, per l’ASL 2, relativo al triennio 20042006, è pari a 540,95 x 100.000 ed è superiore al valore medio regionale in modo
7
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
statisticamente significativo. Valori statisticamente superiori al dato medio regionale
si registrano anche considerando i tassi di mortalità separatamente per i due sessi.
Tabella 2 – Indicatori demografici di movimento naturale e migratorio: Confronto ASL 2
(totale e per zona) con i valori della Toscana e dell’Area Vasta Nord Ovest: - Anno 2006.
(fonte: Elaborazione Agenzia Regionale di Sanità)
Zone SocioSanitarie e
ASL di
residenza
Nuovi iscritti
Quoziente Quoziente
all´anagrafe
di
di
Quoziente di dall´estero
incremento incremento incremento
per 1.000
migratorio
naturale
totale
abitanti
dati x 1.000 residenti
ASL 2 Lucca
Valle del
serchio
Piana di
Lucca
Area Vasta
NORDOVEST
REGIONE
TOSCANA
valore
inferiore
valore
superiore
Tasso di
natalità
Tasso di
fecondità
totale
Tasso di
mortalità
generale
standardizzato
§
12,96
-2,78
10,18
5,06
8,82
1,31
540,95
3,29
-4,89
-1,60
5,25
7,65
1,22
545,28
16,55
-2,00
14,54
4,99
9,25
1,34
539,39
7,54
-2,96
4,58
4,39
8,42
1,24
523,30
7,30
ASL 1
Massa
Carrara:
4,15
ASL 2
Lucca:
12,96
-2,26
ASL 9
Grosseto:
-4,55
5,04
ASL 1
Massa e
Carrara:
0,16
ASL 4
Prato: 10,35
6,15
ASL 1
Massa e
Carrara:
3,21
ASL 4
Prato: 9,60
8,68
ASL 9
Grosseto:
7,69
1,28
ASL 12
Viareggio:
1,19
500,14
ASL 10
Firenze:
475,12
ASL 4
Prato:
10,95
ASL 4
Prato: 1,55
ASL 12
Viareggio:
547,57
ASL 4
Prato: 2,31
§ periodo 2004-20206, tasso standardizzato sulla popolazione europea x 100.000.
Tabella 3 - Speranza di vita per sesso e fasce di età - ASL 2 e Toscana - Anno 2006.
(fonte: Elaborazione Agenzia Regionale di Sanità)
ASL di residenza
Speranza di vita
alla nascita
Maschi
Speranza di vita Speranza di vita a Speranza di vita a
alla nascita
65 anni
65 anni
Femmine
Maschi
Femmine
(anni)
ASL 2 - Lucca
78,3
83,9
17,5
21,5
Area Vasta NORDOVEST
78,6
84,2
17,6
21,8
REGIONE
TOSCANA
79,2
84,6
18,0
22,1
valore inferiore
ASL 1 Massa
Carrara: 77,6
ASL 2 Lucca: 83,9
ASL 1 Massa
Carrara: 17,0
ASL 2 Lucca: 21,5
valore superiore
ASL 11 Empoli: 80,1
ASL 4 Prato: 85,3
•
ASL 11 Empoli: 18,7 ASL 4 Prato:
22,6
La speranza di vita alla nascita nel 2006 (Tabella 3) che nella ASL 2 è di 78,3 anni
nei maschi e 83,9 anni nelle femmine, risulta in leggero aumento in entrambi i sessi
rispetto al dato relativo al 2005, ma risulta il valore più basso fra tutte le ASL. I valori
per l’Area Vasta Nord Ovest (78,6 nei maschi e 84,2 nelle femmine) risultano i più
8
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
bassi fra le tre aree vaste e sono inferiori al dato medio regionale (79,2 e 84,6
rispettivamente nei maschi e nelle femmine).
1.2
LO STATO DI SALUTE ED I BISOGNI SANITARI DELLA
POPOLAZIONE (CON RIFERIMENTO AI FLUSSI CODIFICATI E AD
EVENTUALI ESPERIENZE LOCALI E STUDI AD HOC)
1.2.1 Comportamenti importanti per la salute (con particolare riferimento
ad alimentazione, fumo, alcol, consumo sostanze illecite e
tossicodipendenze)
Nel presente capitolo vengono descritti i comportamenti importanti per la salute sopra
indicati e le soluzioni organizzative di prevenzione e di controllo di tali fattori di rischio
attivate presso l’Azienda.
1.2.1.1 Disturbi del comportamento alimentare
L’alimentazione e la nutrizione rappresentano fattori molto importanti nel determinismo
dello stato di salute, per l’oramai dimostrato legame tra abitudini alimentari e varie
patologie.
Dati epidemiologici
Uno dei più frequenti disturbi del comportamento alimentare è rappresentato dall’obesità,
un importante fattore di rischio per la salute per le frequenti complicanze cardiovascolari e
muscolo-scheletriche, e per la stretta associazione con diabete ed ipertensione.
Il sistema di misura dell’obesità è rappresentato dall’indice di massa corporea (IMC o BMI –
body mass index), che, secondo i criteri dell’OMS, prevede quattro classi:
- sottopeso, per valori di IMC < 18,5
- normopeso, per valori di IMC compresi tra 18,5 e 24,9
- sovrappeso, per valori di IMC compresi tra 25,0 e 29,9
- obeso, per valori di IMC ≥ 30,0
In Toscana, sulla base dell’indagine Multiscopo ISTAT (fonte ARS – anno 2006), il 34,1%
della popolazione di 18 anni e più risulta in sovrappeso (il 25,1% nelle femmine e il 44,0%
nei maschi), e il 10,3% obesa; i normopeso rappresentano il 52,9% dei soggetti mentre il
2,8% risulta sottopeso.
Dall’indagine dello studio PASSI del 2007 (soggetti in età 18-69 anni) fatta a livello
regionale è risultato che il 30,1% degli intervistati è in sovrappeso, il 9,6% è obeso, mentre
il 3,0% risulta sottopeso.
Nell’ASL 2, l’indagine fatta nel 2006 su un campione specifico aziendale sempre nell’ambito
dello studio PASSI, è risultato che il 31,5% degli intervistati è in sovrappeso, l’8,0% è
obeso, mentre il 3,0% risulta sottopeso. Complessivamente quindi, quasi il 40% dei soggetti
risulta in eccesso ponderale.
Differenziando per età, nei soggetti di 50 anni o più la percentuale di persone in sovrappeso
o obese sale al 56,8%.
9
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
L’analisi per sesso fa rilevare che nei maschi i soggetti in sovrappeso o obesi risultano il
50,5% degli intervistati, mentre nelle femmine tale gruppo rappresenta il 28,7%.
Nel 2007 è stata promossa dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali
insieme con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca un’iniziativa
denominata “OKkio alla SALUTE”, che ha lo scopo di raccogliere informazioni su peso
corporeo, altezza, alimentazione e attività fisica dei bambini delle scuole primarie per
valutarne le modifiche nel tempo e promuovere azioni di miglioramento
Sulla base dei risultati dell’indagine 2008, nell’Area Vasta Nord Ovest il 7,9% dei bambini è
risultato obeso, il 25,4% sovrappeso e il 66,7% sotto-normopeso. Complessivamente 3
bambini su 10 presenta un eccesso di peso (sovrappeso o obesità).
Il problema del sovrappeso e dell’obesità colpisce in egual misura maschi e femmine.
A livello di abitudini alimentari, è ormai riconosciuta l’importanza di alcuni alimenti nel
proteggere dall’insorgenza di alcune malattie: il dato di un’associazione protettiva fra
l’elevato consumo di frutta e verdura e neoplasie è infatti consolidato.
Per questo motivo viene consigliato il consumo di frutta e verdura tutti i giorni: l’adesione
alle raccomandazioni internazionali prevede il consumo di almeno cinque porzioni di frutta e
verdura al giorno (“5 a day”).
Nell’ASL 2, sempre all’interno dello studio PASSI, è risultato che il 24,0% dei soggetti ha
dichiarato di aderire alla regola del “5 a day”, con una quota maggiore nella popolazione
femminile: 31,7% contro il 16,2% nei maschi.
Azioni di controllo
L’azienda ASL 2 ha attivato, già da diversi anni, alcuni gruppi interdisciplinari per il controllo
dei disturbi del comportamento alimentare. Tra questi si rilevano:
1) Il Gruppo Interdisciplinare per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA)
Il gruppo interdisciplinare è stato istituito, fin dal marzo 1999 (Delibera n° 471), all’interno
del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) ed attualmente opera in un’area che comprende
le due UU.FF. Adulti e Infanzia/Adolescenza, l’U.O. di Pediatria e l’U.O. di Medicina.
Obiettivi:
Il gruppo si è proposto di intervenire sui D.C.A. anche nelle loro manifestazioni più
complesse e di rivolgere una particolare attenzione alle fasi di esordio di questa patologia
che si manifesta, nella maggioranza dei casi, nell’età adolescenziale.
Il disturbo del comportamento alimentare va considerato un disturbo complesso che può
sottendere diversi quadri psicopatologici e che si configura come un arresto del percorso
evolutivo individuale; ne consegue pertanto che tale patologia richiede un approccio
articolato e una presa in carico prolungata nel tempo da parte di diversi operatori.
Essendo tale gruppo inserito all’interno del Dipartimento di Salute Mentale, si fa riferimento
al rispettivo paragrafo per i dati e le azioni conseguite nel 2008.
2) Il Centro di Nutrizione Clinica e Nutrizione Artificiale Domiciliare
Con delibera n 704 del 20-10-2008 il gruppo multidisciplinare aziendale ospedaliero e
territoriale viene assorbito dal Centro di Nutrizione Clinica e NAD a direzione aziendale.
Tale struttura è dotata di un ambulatorio attivo al mattino con possibilità di Day Hospital
presso il P.O. di Lucca e si avvale dell’ambulatorio della U.O. di Medina generale del P.O
della Valle del Serchio.
E’ attivo un n° telefonico mobile per la reperibilità del Medico del Centro nelle ore diurne.
10
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Il coordinatore del centro riunisce il team multidisciplinare con cadenza mensile per
discutere casi clinici e monitorare l’attività svolta.
E’ stato altresì deliberato un percorso assistenziale al paziente in nutrizione artificiale
(supplementazione orale, NE, NP o mista).
Tale percorso prevede la presa in carico dei pazienti in nutrizione artificiale sia in ospedale,
su segnalazione del Medico di reparto che a domicilio su segnalazione dei MMG e Pediatri
di libera scelta. Dopo la valutazione dello stato nutrizionale da parte di un Medico del
Centro sia in regime di degenza che a domicilio viene redatto un piano nutrizionale
individuale che può prevedere la supplementazione orale, la NE, la NP o un regime misto
assicurato a domicilio dal medico del centro, dal MMG o pediatra di libera scelta, dagli
infermieri dell’ADI.
I casi pediatrici sono seguiti in collaborazione con le Unità Operative dell’AO Meyer di
Firenze e dei PP.OO. di Lucca e Pisa.
Il numero dei pazienti in terapia nutrizionale parenterale seguiti a domicilio sono 28 mentre i
pazienti a domicilio in nutrizione enterale e supplementazione orale sono 354 a Lucca e
161 in V.D.S.
Negli ultimi mesi si è assistito ad un incremento di nutrizione artificiale attraverso PEG,
trattandosi di pazienti neurologici e oncologici.
L’età media dei pazienti in NA e di circa 70aa, mentre la durata media del trattamento in NP
è di 3 mesi.
In linea con gli altri centri nazionali le patologie principali che hanno portato a intraprendere
la nutrizione artificiale sono esiti di ictus cerebri con disfagia, disfagia in M.di Parkinson e
S.L.A, demenze, neoplasie del tratto digestivo, neoplasie polmonari, casi di insufficienza
renale cronica e insufficienza respiratoria.
Per ciò che riguarda la sorveglianza epidemiologica dei disturbi del comportamento
alimentare si fa riferimento alla sezione specifica relativa all’attività dell’U.O di Igiene
alimenti e nutrizione.
1.2.1.2 Alcool
Il consumo continuativo di bevande alcoliche costituisce un importante fattore di rischio per
l’insorgenza di varie patologie croniche, tra cui la cirrosi epatica ed, in misura minore,
alcune neoplasie maligne (soprattutto se combinato con il fumo di tabacco).
Dati epidemiologici
In base ai dati dell’ultima indagine Multiscopo ISTAT (fonte ARS – anno 2006), risulta che
in Toscana le persone di 14 anni e più che dichiarano di non essere bevitori sono il 27,3%
della popolazione, con una differenza tra i due sessi: 39,3% delle femmine contro il 14,2%
dei maschi.
Sempre in base ai dati della stessa indagine, risulta che i toscani (oltre i 14 anni) che
dichiarano di consumare più di mezzo litro di vino al giorno sono il 6,3% (10,9% dei maschi
e 2,2% delle femmine).
Dall’indagine dello studio PASSI del 2007 (soggetti in età 18-69 anni) risulta che in Toscana
complessivamente il 18% degli intervistati può essere ritenuto un consumatore di alcol a
rischio (fuori pasto e/o forte bevitore e/o “binge”).
A livello di ASL 2, sempre dalla stessa indagine descritta precedentemente (studio “PASSI”
del 2006), risulta che il 29,0% degli intervistati (soggetti nella fascia di età 18-69 anni) non
ha assunto alcuna bevanda alcolica nell’ultimo mese; differenziando per sesso, nei maschi
la quota è pari al 18,2%, contro il 39,6% delle femmine.
I “bevitori a rischio”, che includono le tre categorie di “forti bevitori”, “binge” (ovvero coloro
che hanno l’abitudine di consumare eccessive quantità in una sola occasione) e “bevitori
11
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
fuori pasto”, rappresentano il 18,5% del campione intervistato.
Considerando separatamente le tre categorie (e tenendo presente che un soggetto può
essere incluso in più di una categoria), risulta che i “forti bevitori” (definiti come coloro che
bevono più di 3 unità di bevanda alcolica al giorno per i maschi, e più di 2 unità al giorno
per le femmine) sono il 5,5% degli intervistati, i bevitori “binge” rappresentano l’8,5% e i
“bevitori fuori pasto” il 9,0%.
Azioni di controllo
Le azioni per il controllo di tale fattore di rischio sono di competenza del SerT e descritte nel
relativo capitolo.
1.2.1.3 Fumo e tabagismo
Il fumo rappresenta uno dei principali fattori di rischio nell’insorgenza di numerose patologie
cronico-degenerative che colpiscono in primo luogo gli apparati respiratorio e
cardiovascolare.
Dati epidemiologici
In Toscana, sulla base dei dati dell’indagine Multiscopo ISTAT (fonte ARS – anno 2006),
risulta che il 22,9% della popolazione (di 14 anni e più) si dichiara fumatore (il 27,5% dei
maschi e il 18,7% delle femmine), il 25,5% ex-fumatore e il 51,6% non fumatore.
L’8,6% della popolazione regionale si dichiara forte fumatore (oltre 20 sigarette il giorno).
Dall’indagine dello studio PASSI del 2007 (soggetti in età 18-69 anni) risulta che in Toscana
circa il 29% degli intervistati si dichiara fumatore.
Nell’ ASL 2, dall’indagine condotta nell’ambito dello studio “PASSI”, risulta che il 25,0%
degli intervistati (soggetti nella fascia di età 18-69 anni) ha dichiarato di essere fumatore;
anche qui la quota più elevata si registra nei maschi (30,3%) rispetto alle femmine (19,8%).
I non fumatori rappresentano il 51,5% del totale degli intervistati, mentre gli ex-fumatori
sono il 23,5%.
Il fumo, come è stato già detto, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per molte
patologie tumorali, cardiovascolari e dell’apparato respiratorio.
Azioni di controllo
Centro Anti Fumo
Il Centro Anti-Fumo della ASL 2 di Lucca è attivo dall' Ottobre 1997, ai sensi della L.R. n.
65/96, secondo in Toscana come anzianità solo al Centro della Azienda Ospedaliera di
Pisa.
Dalla fine del 2005 è stato attivato un secondo Centro nella Zona Valle del Serchio.
Nella delibera 1447 del 23 Luglio 1997 avente come oggetto “ Prevenzione delle malattie
indotte da fumo di tabacco, il Centro Anti-fumo di Lucca è definito come: “..…proiezione sul
territorio delle attività ambulatoriali della U.O. di Pneumologia…..”.
A) Sede CAF Zona Piana di Lucca: c/o Poliambulatorio Zona Distretto Viale Giusti Lucca
Orario di apertura al pubblico : Martedì ore 8,30 - 13,30
B) Sede CAF Zona Valle del Serchio : c/o Ospedale Castelnuovo Garfagnana
12
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Orario apertura al pubblico : Martedì e Venerdi ore 9,30- 11,30
Accessi : impegnativa del Medico Curante ed appuntamento tramite CUP.
Prestazioni erogate dal Centro Anti fumo:
1) Prima visita di accoglienza (durata prevista: 1 ora) comprendente:
- autocompilazione di questionari
a) Fagerstom
b) comportamentale
c) motivazionale
- anamnesi e counseling sul fumo
- visita pneumologica
- spirometria
- determinazione di Ossido di carbonio nell'espirato e della carbossi emoglobina
derivata
- eventuale prescrizione di trattamento farmacologico (NRT, bupoprione,
vareniclina)
- eventuale prescrizione di altra terapia di pertinenza pneumologica
2) Visite di controllo (durata prevista 20 min) consigliate a una, quattro, otto, dodici e sedici
settimane, comprendenti :
- counseling
- visita pneumologica
- determinazione dell'ossido di carbonio nell'espirato e della carbossiemoglobina
derivata.
- controllo terapia
3) Visita Psicologica personale(durata prevista 30 min)
4)Gruppi di auto-aiuto condotti da Psicologa (durata : 1 ora ,periodicità : due riunioni/mese)
5) Follow-up previsto a sei mesi e ad un anno
Personale operante nell’anno 2008 (tutto part-time):
A) CAF di Lucca
- 1 Medico Pneumologo, Responsabile operativo del Centro, in servizio c/o U.O.
di Pneumologia, presente al Centro una mattina alla settimana
- 1 lavoratore (Psicologo) dipendente dal “Consorzio Equilibra” assegnato al CAF
di Lucca dalla Regione Toscana.
B) CAF Zona Valle del Serchio
- 1 Medico Sert, un Operatore Professionale e la collaborazione dello Specialista
Pneumologo in servizio c/o Medicina di Castelnuovo Garfagnana.
Come in altre ASL della nostra Regione si ricorda che, dal gennaio 2003, ha avuto
applicazione il Progetto della Regione Toscana (delibera regionale 114 del 4.2.2002) che
recepisce una convenzione sottoscritta il 29.5.2001 tra i Ministeri della Sanità e del Lavoro
e Previdenza Sociale ed il Consorzio Equilibra.
Tale progetto prevede tra l’altro l’impiego nei centri anti fumo dei lavoratori socialmente utili
con lo scopo di supportarne e potenziarne le attività. In questo ambito un lavoratore è stato
assegnato anche al nostro centro.
Tale progetto regionale non prevede oneri a carico delle singole ASL.
13
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Prestazioni erogate nell' anno 2008:
Prime visite e prese in carico: 73 c/o CAF Lucca + 16 c/o CAF Zona Valle del Serchio
Visite di controllo: 220 c/o CAF Lucca, 82 c/o CAF Zona valle del Serchio
Pazienti presi in carico anche dallo Psicologo c/o CAF Lucca: 10
Partecipanti a gruppi di auto mutuo aiuto: 30
Tipologia dell’utenza:
Dall’ottobre ‘97 ad oggi i Centri hanno preso in carico più di 1000 pazienti, in grande
maggioranza in b.c.g. o portatori di patologie di base pneumologiche cliniche o sub-cliniche
(asma e bpco) e cardio vascolari.
Sporadici casi di multi-dipendenze sono stati avviati al SeRT.
Non si registrano tra gli utenti significative differenze di sesso od età.
Follow-up a un anno:
- Astinenza totale dal fumo: 32%
- Riduzione significativa (> 50%) di sigarette fumate: 45%
- Prosecuzione dell’ abitudine al fumo: 23%.
Altre attività:
- Come già negli anni precedenti, anche nel corso dell’anno 2008 il Centro ha
collaborato attivamente con i Progetti dell’ HPH della Regione Toscana, in
particolare con il Progetto HPH Ospedale senza Fumo, che si è provveduto ad
integrare e coordinare con il Progetto Nazionale AIPO Ospedali senza fumo
(già iniziato dal 1998). In particolare, dal Novembre 2004 è attivo un “Punto anti
fumo”, all’interno dell’ Ospedale presso gli ambulatori della U.O. di
Pneumologia, dedicato alla prima accoglienza del personale dipendente;
- come già negli anni precedenti il Centro, in collaborazione con la U.O. di
Educazione alla Salute, ha promosso iniziative nelle scuole con il
coinvolgimento di 1 scuola elementare, 11 scuole medie inferiori, 3 Istituti
superiori per un totale di 43 classi e di 918 alunni;
- sono stati attivati incontri di aggiornamento mirati alle tematiche del tabagismo
rivolti ai Medici di Base ed ai Farmacisti;
- sono state effettuate attività di informazione mediante interventi sui media;
- si sono svolte, a cura del CAF, n. 2 edizioni del Corso HPH Ospedali senza
fumo, cui la Regione ha assegnato 8 crediti ECM con la attiva partecipazione di
n. 60 dipendenti ASL
Le strumentazioni diagnostiche in uso sono al momento adeguate e sufficienti.
Il Centro Antifumo della Valle del Serchio
Anche per l’Anno 2008 il Centro Antifumo della Valle del Serchio ha continuato la sua
attività accogliendo 15 nuovi utenti.
L’attività del Centro Antifumo si svolge al mattino dalle ore 9,30 alle ore 11,30 nei giorni di
martedì e venerdì. Il martedì è dedicato alle prime visite e ai controlli, il venerdì solo ai
controlli che vengono successivamente effettuati con frequenza bisettimanale per le prime
tre settimane, poi settimanalmente per le successive quattro settimane. Segue il follow-up
dopo un mese, due mesi, sei mesi, un anno.
14
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.2 Utilizzo dell’ospedale da parte dei residenti
Nel 2008 il numero totale di ricoveri dei residenti ovunque ricoverati (34.382) appare ancora
in riduzione: rispetto all’anno precedente si registrano 57 ricoveri in meno, tutti relativi ai
residenti nella Zona Valle del Serchio (-128 casi), mentre la Piana di Lucca mostra un
incremento di 71 casi.
Il grado di copertura del fabbisogno interno (cioè la quota di residenti curati presso le
strutture dell’ASL, calcolato non conteggiando le case di cura accreditate) risulta in lieve
aumento rispetto all’anno precedente (68,0% contro il 67% del 2007).
Nella Tabella 4 sono riportati i dati riferiti ai ricoveri per residenti nel periodo 2005-2008.
Tabella 4 - Andamento Ricoveri - Periodo 2005 – 2008
Totale ricoveri residenti
ASL2
di cui
ricoveri residenti Zona di Lucca
2005
2006
2007
2008
35.230
34.849
34.439
34.382
25.249
25.183
25.185
25.256
9.981
9.666
9.254
9.126
24.460
24.006
23.546
23.396
874
852
816
815
9.896
9.991
10.077
10.171
ricoveri residenti Zona VdS
Ricoveri residenti
nei Presidi ASL 2
Ricoveri residenti
nelle Case di Cura (già compresi nel totale)
Fughe
(solo regionali)
Attrazioni
(solo regionali)
Popolazione residente
ASL 2
4.348
4.217
3.866
3.284
215.964
216.465
219.509
219.509
Tasso Ospedalizzazione ASL
163,10
161,00
156,90
156,63
N.B: Il tasso di ospedalizzazione per il periodo 2005–2008 è stato calcolato utilizzando l’aggiornamento della popolazione
fornito dalla RT, costituito, rispettivamente, dalle popolazioni ISTATal 31/12/2005-2008 con l’aggiunta di una stima dei
ROM e degli stranieri immigrati.
La lettura dei dati evidenzia una lieve riduzione del numero dei ricoveri all’interno di un
quadro abbastanza stabile, legato anche al miglior utilizzo dell’ospedale per acuti, con
incremento dell’appropriatezza dei ricoveri.
Il tasso di ospedalizzazione nel 2008 (156,6/1000 abitanti) conferma il trend in riduzione
che si è manifestato nel quinquennio, in una popolazione che appare in aumento, a
conferma della riduzione dei ricoveri e del miglioramento dell’appropriatezza degli stessi.
Appaiono stabili i ricoveri nelle Case di Cura accreditate presenti sul territorio dell’ASL 2 (-1
ricoveri rispetto al 2007).
1.2.2.1 Attività di degenza presso le strutture ospedaliere aziendali
I ricoveri totali effettuati presso le nostre strutture sanitarie, nel corso del 2008, sono stati
26.680 (in riduzione di 732 pazienti rispetto al 2007) di cui 23.396 residenti (-150) e 3.284
attrazioni (-582).
15
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Anche nel 2008 la valutazione delle modalità di ricovero, confrontando ricoveri ordinari e
ricoveri in DH, evidenzia, nelle strutture ospedaliere della ASL, un aumento, in percentuale,
del ricorso al DH: si è registrata, infatti, una percentuale del 30,6% di ricoveri in DH sul
totale dei ricoveri, rispetto al 29,4% del 2007.
L’analisi degli indicatori di performance nel 2008 fa rilevare un aumento valore del peso
medio dei DRG per i ricoveri ordinari (1,33 vs 1,26 del 2007) e per i ricoveri in DH (0,90 vs
0,87).
La degenza media non evidenzia invece grosse modificazioni rispetto al 2007: si rileva solo
una lievissima riduzione risultando di 7,6 giorni vs 7,8 per i ricoveri ordinari.
Il tasso di occupazione dei posti letto, sempre calcolato secondo le direttive regionali, risulta
notevolmente migliorato passando dal 68,8% del 2006 al 79,8% del 2007 e al 80,8% nel
2008 (anche legato alla riduzione del numero totale dei posti letto).
Il tasso di operatività aziendale globale (relativo, naturalmente, ai soli reparti chirurgici) fa
rilevare un valore medio del 79,7% in aumento rispetto al 2007 (77,6%), ed in particolare
risulta del 77,6 vs 75,9% precedente presso il P.O. Campo di Marte di Lucca, e del 91,2%
vs 87,4% presso il P.O. Valle del Serchio.
Aumenta il tasso di operatività aziendale relativo ai ricoveri ordinari, presentando un valore
aziendale del 76,5% vs 75,0 %
Aumenta anche il tasso di operatività aziendale relativo alla Day Surgery: 83,4% vs 81,2%.
1.2.2.2 Tipologia della patologia trattata
Anche per il 2008 l’analisi dei ricoveri in base alla tipologia delle patologie trattate,
conferma la variabilità già evidenziata negli anni precedenti, con erogazione di tipologie di
prestazioni molto eterogenee. Tale variabilità è, come già precisato in altre occasioni,
anche conseguenza della presenza, nei due Presidi Ospedalieri, di tutta la gamma delle
specialità di base e di due specialità a valenza regionale (chirurgia plastica e medicina e
traumatologia sportiva).
I primi 20 DRG rappresentano infatti il 35,5% circa del totale delle patologie trattate,
confermando, in sostanza, l’eterogeneità delle tipologie trattate in azienda.
Risulta quasi invariata, rispetto all’anno precedente, la tipologia dei DRG più frequenti
prodotti nelle strutture ospedaliere dell’ASL. In particolare i DRG in assoluto più frequenti
sono risultati anche per il 2007 il DRG 391 - Neonato normale ed il 373 - Parto vaginale
senza cc.
I tre DRG successivi sono stati, in ordine, l’87 - Edema polmonare ed insufficienza
respiratoria, il 316 - Insufficienza renale e il 410 – Chemioterapia.
A seguire si rileva il DRG 14 – Malattie cerebrovascolari, il 381 - Aborto con dilatazione e
raschiamento con aspirazione o isterotomia, ed il 503 – Interventi sul ginocchio senza
diagnosi principale.
In pratica, si sono riconfermate, rispetto allo scorso anno, tutte le tipologie di ricovero più
frequenti.
16
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.2.3 Nascite, aborti e IVG
I parti nelle strutture sanitarie dell’ ASL2 nel corso del 2008 sono stati 1429, di cui 876
presso il PO di Lucca e 553 presso il PO di Barga. I neonati sono stati 886 a Lucca e 557 a
Barga. I nati morti sono stati 4 a Lucca e 4 a Barga.
Nel PO di Lucca i parti spontanei sono stati 630 e quelli con taglio cesareo 246 (pari al
28%). 5 parti sono stati espletati in acqua.
Nel PO di Barga i parti spontanei sono stati 392 e quelli espletati con taglio cesareo 161
(pari al 29,1%).
Se si fa riferimento all’indicatore stabilito dall’Istituto Superiore S.Anna relativamente ai tagli
cesarei cosiddetti “depurati”, relativi a neonato a termine, singolo, in presentazione di
vertice (NTSV), la percentuale degli interventi in azienda si attesta su valori del 22%,
corrispondente ai valori di riferimento.
I parti spontanei eseguiti in parto analgesia sono stati 304 (di cui poi 33 sono evoluti in TC
durante il travaglio) a Barga e 11 a Lucca, dove l’attività è iniziata nel mese di agosto.
Gli aborti spontanei sono stati 141 a Lucca e 80 a Barga, per un totale di 221.
Le IVG a Lucca sono state 253, significativamente inferiori rispetto agli anni precedenti.
A Barga sono state 16.
1.2.2.4 Attrazioni – Fughe
Attrazioni
Nel 2008 sono stati effettuati 3.284 ricoveri di soggetti non residenti (calcolati secondo le
nuove direttive della R.T) di cui 1.536 residenti in Area Vasta Nord Ovest, 960 toscani di
altre aree vaste, 527 extra-regione, 78 STP e 156 apolidi. Viene quindi confermato il trend
in riduzione della mobilità attiva.
Le principali tipologie di DRG delle attrazioni sono risultate quelle relative ai ricoveri per
interventi sul ginocchio senza diagnosi principale seguite da quelle relative all’evento
nascita, parto vaginale e neonato sano, e da quelle per malattie maggiori della cute.
Fughe
Per quanto riguarda le fughe in Toscana (il dato extra-regionale non è ancora disponibile)
ed esclusi i ricoveri nelle case di cura lucchesi convenzionate, nel 2008 sono state 10.171
con un aumento di 94 casi rispetto all’anno precedente.
Tra queste, le prestazioni non producibili (ricoveri per alta specialità), sono state 779 ed
hanno inciso per il 7,6 % sul totale, contro un 12% dell’anno precedente.
Tra le specialità presenti, i DRG di fuga più frequenti sono stati: il 373 - Parto per via
vaginale, il 42 - Interventi sulle strutture intraoculari escluso retina, iride, cristallino, il 410 –
Chemioterapia, il 359 – Interventi su utero ed annessi, il 209 – Interventi maggiori sulle
articolazioni e sugli arti, il 503 – Interventi sul ginocchio senza diagnosi principale, il 381 Aborto con dilatazione e raschiamento con aspirazione o isterotomia.
La quota maggiore di ricoveri per alta specialità e/o per specialità non presenti è
rappresentata soprattutto dai DRG 5 – Interventi sui vasi extra-cranici, DRG 75 - Interventi
maggiori sul torace DRG 109 - Altri interventi cardiotoracici senza CEC, DRG 1 Craniotomia età > 17 eccetto per traumatismo e DRG 105 - Interventi sulle valvole
cardiache senza cateterismo cardiaco.
17
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.2.5 Attività ambulatoriale
Escludendo il Dipartimento di Prevenzione, inserito in un conteggio a parte e quindi non è
raffrontabile coni dati degli anni precedenti, le prestazioni ambulatoriali (essenzialmente
erogate presso i PP.OO.) risultano in lieve riduzione per quel che riguarda i pazienti interni
(1.235.752 nel 2008 vs 1.239.628 nel 2007); in aumento, invece sia le prestazioni per
esterni erogate a residenti (4.499.609 vs 4.047.713 ) che le attrazioni (178.877 vs 142.819)
Le fughe ambulatoriali all’interno della Toscana risultano 370.883, quindi in lieve aumento
rispetto all’anno precedente (345.873).
1.2.3 Mortalità generale e per cause
Lo studio della mortalità generale e per cause specifiche è stato effettuato sulla base dei
dati di mortalità più recenti attualmente disponibili, forniti dal Registro di Mortalità Regionale
(RMR), relativi all’anno 2007.
In questo anno nella ASL 2 sono stati registrati 2.512 morti totali fra i residenti (63 in più
rispetto al 2006), di cui il 47,4% maschi e il 52,6% femmine.
L’analisi delle cause di morte per l’anno 2007 evidenzia quanto segue:
• considerando la distribuzione percentuale sulla popolazione totale (maschi +
femmine, (
•
• Figura 1) le cause di decesso più frequenti risultano, come negli anni precedenti, le
malattie del sistema circolatorio con il 40,8%, seguite dai tumori totali con il 27,7% e
dalle malattie dell’apparato respiratorio con il 7,2%; al quarto posto con il 4,2% del
totale si trovano le morti per cause accidentali e quelle per malattie del sistema
nervoso;
• se invece si esaminano i due sessi separatamente si registrano alcune differenze:
nei maschi la percentuale di morti per malattie del sistema circolatorio risulta al
primo posto, ma con una percentuale di poco superiore a quella dei morti per
tumori (34,7% contro 31,7%); seguono le malattie dell’appartato respiratorio
(10,3%) e le morti per cause accidentali (5,1%). Tra le patologie tumorali, la
mortalità per tumore al polmone risulta al primo posto, seguita dal tumore
dell’intestino. Considerando invece le malattie del sistema circolatorio, la prima
causa di morte è rappresentata dalle malattie ischemiche del cuore;
nelle donne la principale causa di morte è rappresentata dalle malattie del
sistema circolatorio, che rappresentano poco meno della metà dei decessi totali
(46,3%). Seguono i decessi per tumori totali (24,0%), quelli per malattie del
sistema nervoso (4,6%) e la mortalità per malattie dell’apparato respiratorio
(4,3%). Tra le patologie tumorali, le prime tre cause di morte sono rappresentate
dal tumore della mammella, da quello dell’intestino e dal tumore del polmone,
mentre tra le malattie del sistema circolatorio la causa principale è
rappresentata dalle malattie cerebrovascolari.
Considerando i tassi standardizzati dell’ultimo triennio (2005-2007, standard popolazione
europea), nella ASL 2 si registrano eccessi significativi di mortalità rispetto alla media
regionale per le seguenti cause: mortalità generale in entrambi i sessi; malattie
18
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
dell’apparato respiratorio e cause accidentali nei maschi, e malattie dell’apparato
circolatorio nelle femmine.
Figura 1 – ASL 2, anno 2007: distribuzione percentuale per patologia delle principali cause
di morte dei residenti. Maschi + Femmine.
Maschi+Femmine
4,2
4,2
3,8
3,5
8,7
40,8
7,2
27,7
MALATTIE APPARATO CIRCOLATORIO
TUMORI
MALATTIE APPARATO RESPIRATORIO
MALATTIE SISTEMA NERVOSO
CAUSE ACCIDENTALI
MALATTIE APPARATO DIGERENTE
MALATTIE ENDOCRINE, METABOLICHE, IMMUNITARIE
ALTRO
Andamento della mortalità generale nel periodo 1987-2007
Per valutare l’andamento della mortalità generale nella ASL 2, l’arco di tempo in esame
(1987-2007) è stato analizzato ed ulteriormente suddiviso in quattro quinquenni periodi
(1987-91, 1992-96, 1997-2001, 2002-2007) e confrontato con l’andamento della mortalità
regionale (Figura 2).
Sia nei maschi che nelle femmine l’andamento dei tassi nei periodi sopra indicati evidenzia
una riduzione della mortalità nell’ASL 2, in linea con quanto avviene in Regione Toscana;
nei maschi però i valori si mantengono sempre nettamente al di sopra del dato medio
regionale.
Lo stesso andamento si registra considerando separatamente le due zone – Piana di Lucca
e Val di Serchio (Figura 3); per queste due l’andamento della mortalità, ad eccezione dei
maschi nel periodo 1987-96, dove le due zone presentano maggiori differenze con tassi
tendenzialmente più alti nella Valle del Serchio, nel restante decennio è molto simile a
quello aziendale.
19
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Figura 2 – Andamento della mortalità nella ASL 2 e in Toscana. Periodo 1987-2007. Tassi
standardizzati diretti x 100.000 (standard: popolazione europea).
1200
Maschi
1050
900
750
600
450
300
Femmine
150
0
1987-1991
Toscana F
1992-1996
1997-2001
ASL 2 F
Toscana M
2002-2007
ASL 2 M
Figura 3 – Andamento della mortalità nella ASL 2 e nelle due zone-distretto: Piana di Lucca
e Val di Serchio. Periodo 1987-2007. Tassi standardizzati diretti x 100.000 (standard:
popolazione europea).
1200
Maschi
1050
900
750
600
450
300
Femmine
150
0
1987-1991
ASL 2 F
ASL 2 M
1992-1996
1997-2001
Val di Serchio F
Val di Serchio M
20
2002-2007
Piana di Lucca F
Piana di Lucca M
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.4 Malattie infettive
1.2.4.1 Le Malattie Infettive
Nell’anno 2008 sono state notificate dall’ASL 2 n. 1.144 malattie infettive appartenenti alle
Classi dalla I° alla V° così come individuate dal DM 15/12/1990, di cui 135 sono
segnalazioni relative a soggetti “morsicati” da animali.
Tabella 5 - Incidenza delle principali Malattie Infettive notificate dall’ASL 2, distinte per
Zone, relative a soggetti residenti e non residenti – Periodo 2003-2008
PIANA DI LUCCA
Malattia infettiva
Blenorragia
Tetano
Diarrea Infettiva
Epatite A
Epatite B
Epatite C
Legionellosi
Leishmaniosi viscerale
Leptospirosi
Meningite Meningococcica
Meningo-Encefalite Virale
Morbillo
Parotite Epidemica
Pertosse
Rickettsiosi
Rosolia
Salmonellosi non Tifoidea
Scarlattina
Sifilide
Varicella
TOTALE
2003
0
0
13
12
4
3
2
1
1
0
4
18
1
0
0
0
30
41
4
179
313
2004
2
0
42
17
17
3
1
0
0
1
2
0
1
0
1
0
21
38
5
73
227
2005
1
0
43
8
12
2
5
0
0
1
4
0
1
0
2
0
17
37
13
74
220
2006
1
0
87
8
12
3
2
0
0
1
2
0
1
2
0
2
31*
107
7
39
304
2007
1
0
105
3
11
2
0
0
0
1
5
0
1
3
1
0
30
170
1
239
572
2008
0
1
105
14
7
4
2
0
0
0
1
6
2
0
1
3
29
268
4
300
747
2007
0
1
2
2
1
0
0
3
0
0
1
10
10
2
42
74
2008
0
4
1
2
0
1
1
0
5
1
0
19
6
3
72
114
*Un soggetto è risultato positivo per Salmonella in due occasioni diverse e per ceppi diversi
VALLE DEL SERCHIO
Malattia infettiva
Blenorragia
Diarrea Infettiva
Epatite A
Epatite B
Epatite C
LIsteriosi
Legionellosi
Meningo-Encefalite Virale
Morbillo
Meningite meningococcica
Pertosse
Salmonellosi non Tifoidea
Scarlattina
Sifilide
Varicella
TOTALE
2003
1
1
8
2
1
0
1
2
2
0
0
18
7
0
141
184
2004
0
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
17
0
0
64
82
21
2005
1
4
1
5
0
0
2
0
0
0
0
24
1
1
25
64
2006
0
4
2
0
0
0
0
0
0
0
0
7
0
1
6
20
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Tabella 6 - Incidenza alcune Parassitosi notificate dall’ASL2 nel 2008 relative a soggetti
residenti e non residenti
Pediculosi Capitis
Scabbia
Tinea Capitis
Tinea Corporis
10*
29
2
4
*Si segnala che nella Zona/Distretto della Piana sono stati effettuati, dal personale sanitario distrettuale, 17
interventi nelle Scuole Materne/Elementari con consegna di opuscoli per la prevenzione/trattamento della
Pediculosi del capo, a seguito di segnalazione, da parte del Direttore del singolo Istituto, della possibile
presenza di tale Parassitosi.
Tabella 7 - Casi di alcune malattie infettive in residenti ASL 2 – Periodo 2003-2008
PIANA DI LUCCA
Malattia Infettiva
Blenorragia
Diarrea infettiva
Epatite A
Epatite B
Epatite C
Legionellosi
Meningite Meningococcica
Meningo-Encefalite Virale
Morbillo
Pertosse
Parotite Epidemica
Rosolia
Rosolia in gravidanza
Rosolia congenita
Salmonellosi non Tifoidea
Scarlattina
Sifilide
Rickettsiosi
Tetano
Varicella
TOTALE
2003
0
12
7
2
1
2
0
2
18
0
1
0
0
0
29
41
4
0
0
177
296
2004
2
43
13
9
2
1
1
1
0
0
1
0
0
0
27
38
4
1
0
70
213
2005
1
35
7
9
1
6
1
2
0
0
1
0
0
0
18
37
11
1
0
73
203
2006
1
84
6
6
0
4
1
2
0
0
1
0
0
0
31
106
5
0
0
39
286
2007
1
104
2
9
2
1
1
6
0
3
1
0
0
0
30
170
1
1
0
239
571
2008
0
99
10
2
3
1
0
1
9
0
2
3
1
1
29
268
4
0
1
301
735
VALLE DEL SERCHIO
Malattia Infettiva
Blenorragia
Epatite A
Epatite B
Epatite C
Diarrea infettiva
Legionellosi
Listeriosi
Meningite meningococcica
Meningo-encefalite virale
Morbillo
Pertosse
Salmonellosi non Tifoidea
Scarlattina
Sifilide
Varicella
TOTALE
2003
1
8
2
1
1
1
0
0
2
2
0
17
7
0
144
186
2004
0
0
0
0
1
0
0
0
0
0
0
17
0
0
64
82
2005
1
1
5
0
4
2
0
0
0
0
0
24
1
1
24
63
2006
0
2
0
0
4
0
0
0
0
0
0
8
0
1
6
21
2007
0
2
3
1
1
0
0
0
5
0
1
10
10
2
42
77
2008
0
1
2
0
4
1
1
1
0
4
0
19
6
3
72
114
22
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Nelle Tabella 5 e Tabella 6 vengono riportati i dati relativi alle notifiche di alcune malattie
infettive relative a soggetti residenti e non residenti sul nostro territorio ma la cui malattia è
stata diagnostica da medici operanti nell’ ASL 2.
Nel corso del 2008 si è registrato un aumento dei casi in entrambe le Zone, anche se si
conferma la netta prevalenza di notifica nella Zona Piana di Lucca, confermata anche dai
dati della Tabella 2 relativa alle malattie infettive a carico dei soli residenti.
In Tabella 7 si riportano i dati di alcune malattie infettive relative esclusivamente a soggetti
residenti sul nostro territorio.
Di seguito si riportano alcune osservazioni relative a malattie infettive in aumento o in
diminuzione rispetto all’anno precedente.
in particolare le malattie che si rilevano in aumento sono:
1 - Morbillo:
dopo un’assenza di segnalazioni dal 2003, quando le notifiche misero in evidenza un
modesto “picco epidemico”, nel corso del 2008 si è rilevata la presenza del virus del
Morbillo Tabella 7.
I soggetti residenti che si sono ammalati nel corso del 2008 (13 casi compresi quelli
comunicati da altre ASL) prevalgono nella fascia di età 1- 15 anni seguita dalla fascia 1630 anni. (Figura 4)
E’ stato possibile effettuare la conferma sierologica della malattia (IgM anti-Morbillo
positive) in 10 casi; in 1caso è stato possibile procedere anche alla ricerca dell’RNA virale
nelle urine presso l’Istituto Superiore di Sanità, grazie alla tempestività della notifica da
parte del Pediatra di libera scelta ed alla disponibilità della famiglia.
Nessun soggetto risultava vaccinato; un caso, residente nella Zona Piana di Lucca, viveva
in una comunità nomade presso la quale si era sviluppato, nel periodo estivo, un focolaio
epidemico che aveva interessato diversi soggetti non vaccinati e non residenti nella nostra
azienda, che per motivi di vicinanza abitativa si sono rivolti alle strutture sanitarie dell’ASL 3
di Pistoia.
I dati sopra riportati confermano una situazione di controllo del morbillo e non di
eliminazione, come rilevato anche dai dati di copertura vaccinale riportati in altro paragrafo
della presente relazione: la copertura con una dose di vaccino anti-M/MPR, pur
mantenendosi in genere a livelli medio-alti (>= 90%), non è sufficiente a impedire la
circolazione del virus e di conseguenza sono da aspettarsi episodi epidemici ad intervalli
anche superiori a 5 anni in rapporto all’accumulo nel tempo di un numero congruo di
suscettibili.
Figura 4
Distribuzione per classi di età casi MORBILLO in
residenti nell'Az. USL 2 anno 2008
6
5
6
5
4
n. casi 3
2
1
0
2
1
classi di età
1-15 anni
16- 30 anni
31- 40 anni
23
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
2 - Rosolia - Rosolia In Gravidanza - Rosolia Congenita:
con DM 14/10/04 è stata resa obbligatoria la notifica della “Sindrome da rosolia congenita”
e l’“Infezione della rosolia in gravidanza” al fine di monitorare i casi di tali patologie
nell’ambito del Piano Nazionale e Regionale di Eliminazione del morbillo e della rosolia
congenita. Nel corso del 2008 è stato segnalato un caso di rosolia in gravidanza in un
giovane donna trasferitasi da adulta sul territorio dell’ASL 2 e che svolge una attività
lavorativa collegata con l’ambiente scolastico. Successivamente, dopo il parto, è giunta
segnalazione di un caso di rosolia congenita nel neonato che viene al momento controllato
presso un centro pediatrico ospedaliero di altra azienda ASL territorialmente vicino alla
residenza della famiglia.
I 3 casi di Rosolia segnalati in residenti della Zona Distretto Piana di Lucca riguardano
soggetti maschi, di età compresa tra 17 e 27, non vaccinati: la diagnosi è stata in due casi
solo “clinica” mentre in 1 caso è stato possibile effettuare la conferma sierologia della
malattia (IgM anti- Rosolia positive) e la ricerca dell’RNA virale nelle urine presso l’Istituto
Superiore di Sanità grazie alla tempestività della notifica da parte del MMG e alla
disponibilità del malato. Per quanto riguarda l’ambito “lavorativo” dei casi, si rileva che un
soggetto svolge attività sanitaria di Odontoiatra, uno è uno studente mentre un altro è un
libero professionista.
3 - Epatite virale A:
si tratta di soggetti residenti nell’ASL 2 non vaccinati per l’epatite A. Su 11 casi, 10 sono
maschi; la fascia di età più interessata è quella 31-50 (Figura 5). Se si esaminano i fattori di
rischio dichiarati dai soggetti nell’ambito dell’indagine epidemiologica raccolta tramite il
questionario nazionale SEIEVA, fermo restando che un soggetto può presentare più fattori
di rischio, si rileva al primo posto il consumo di pesce crudo/frutti di mare che, unitamente al
consumo di acqua non di acquedotto, confermano la possibile origine alimentare della
patologia, anche se altri fattori emergenti, ad esempio di tipo sessuale, potrebbero avere un
ruolo nella trasmissione della malattia (Figura 6).
Figura 5
Distribuzione per classi di età casi epatite virale
acuta A - USL 2 anno 2008
7
8
6
n. ca si 4
3
1
2
0
1
cla ssi di e tà
18-30
31-50
24
>51
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Figura 6
Fattori di rischio dichiarati dai casi di epatite virale
acuta A (11 soggetti) residenti nell'Az. USL2
acqua pozzo o
s orge nte
11%
convive nte
partne r
s e s s uale
pos itivo pe r HAV
tatuaggio
6%
6%
rapporti
s e s s uali > 1
par tne r e /o
occas ionali
11%
s oggior ni fuor i
cas a
16%
callista/manicure
6%
trattamento
dentario
11%
rasatura barbiere
6%
cons um o fr utti
m ar e e /o pe s ce
crudo
27%
4 – Varicella:
I casi di varicella indicano che anche nel 2008 è proseguito il fenomeno epidemico iniziato
nel 2007 quando le segnalazioni aumentarono notevolmente rispetto agli anni precedenti
(Tabella 7).
5 - Scarlattina
Si conferma anche per il 2008 la tendenza all’aumento dei casi di scarlattina, con netta
prevalenza delle segnalazioni nella Zona Distretto Piana di Lucca (Tabella 7).
6 - Sifilide
Il numero dei casi di sifilide (7 casi in residenti) anche se maggiore rispetto al 2007, è
comunque in linea con i dati degli anni precedenti (Tabella 7).
Le malattie che si rilevano in diminuzione sono:
Epatite virale acuta B e C:
per tali epatiti si conferma la prevalenza nel sesso maschile (su 7 casi, 5 sono maschi); le
persone coinvolte hanno un’età superiore ai 35 anni (solo un soggetto affetto da epatite C
è di età inferiore); i casi di Epatite B riguardano soggetti non sottoposti a vaccinazione antiepatite B nell’infanzia in quanto non appartenenti alle coorti di nascita previste dalla
normativa nazionale. Se esaminiamo i fattori di rischio dichiarati dai soggetti nell’ambito
dell’indagine epidemiologica raccolta tramite il questionario nazionale SEIEVA, fermo
restando che un soggetto può presentare più fattori di rischio, si rileva che la trasmissione
per via sessuale rappresenta uno dei principali fattori di rischio (Figura 7).
25
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Figura 7
Fattori di rischio dichiarati dai casi(numero 7) di
epatite virale acuta B e C in soggetti residenti
nell'Az.USL2
trattamento medico
ambulatoriale
6%
acqua pozzo o
sorgente
6%
convive nte/
partner
s es suale
pos itivo per HCV
17%
soggiorni fuori
cas a
12%
trattamento
dentario
12%
rasatura barbiere
12%
consumo f rutti
mare e/o pesce
crudo
18%
rapporti s es suali
> 1 partner e /o
occasionali
17%
Di seguito si riportano, infine, le malattie che sono risultate stabili rispetto all’anno
precedente:
1 – Diarree infantili:
I casi di “diarree infantili”, alla cui voce sono registratati le infezioni da Rotavirus ed
Adenovirus che si verificano prevalentemente nei primi anni di vita, continuano a essere
segnalati con discreta frequenza nella Zona Distretto Piana di Lucca.
2 – Parotite:
Anche gli esigui casi di parotite epidemica diagnosticati negli anni passati riguardavano i
residenti nella Zona Distretto Piana di Lucca. Nel 2008 sono stati registrati due casi in
soggetti maschi adulti di 45 e 49 anni, non vaccinati: in un caso la diagnosi è stata solo
“clinica”, mentre nell’altro è stato possibile effettuare la conferma sierologia della malattia
(IgM anti-Parotite positive).
3 – Meningite meningococcica:
Da alcuni anni si mantengono stabili ed in numero molto basso (1 caso l’anno dal 2004) i
casi di Meningite meningococcica. Come agente eziologico del caso del 2008, che
riguarda un giovane di 20 anni, è stato individuato il Meningococco sierogruppo C. Per
prevenire tale patologia la Regione Toscana mette a disposizione da alcuni anni un vaccino
per i bambini e gli adolescenti (per questi ultimi l’offerta del vaccino viene effettuata in
occasione dell’invito per la 5° dose anti-difterica/tetanica/pertosse, in genere a 14 anni).
4 – Legionellosi:
Anche nel 2008 è giunta una segnalazione di Legionellosi, da un’altra ASL, in un soggetto
che aveva “dormito” due notti in una struttura alberghiera della Piana di Lucca; gli
accertamenti ambientali disposti hanno rilevato la presenza di Legionella nell’impianto
idrico dell’acqua calda in concentrazioni maggiori di 1000 UFC/l. Il rilevamento di tale
germe negli impianti di distribuzione interna dell’acqua in collettività alberghiere mette in
evidenza la necessità che tali strutture attivino programmi di prevenzione e controlli mirati
come indicato dalle Linee guida ufficiali per prevenire la patologia infettiva legata alla
presenza ambientale della Legionella.
26
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Per gli altri due casi, uno si rileva a carico di un soggetto con soggiorno in uno Stato Estero
nel periodo di incubazione della malattia (Turchia) mentre per un altro caso non sono
emersi fattori di rischio.
Tra le malattie infettive di Classe 1, nel corso del 2008 è stato segnalato, dall’U.O.
Pediatria, un caso di “Tetano forma frustra” in una ragazza di 14 anni regolarmente
vaccinata con ciclo di base, il 1° richiamo a 5-6 anni di età ed in attesa di invito per il 2°
richiamo a 14 – 15 anni. Non erano ancora trascorsi 10 anni dall’ultima dose (mancavano 2
mesi al compimento dei 10 anni) quando la paziente è stata coinvolta in un incidente
stradale riportando un’ampia ferita profonda ad un arto. Il soggetto non ha effettuato alcun
tipo di profilassi in quanto veniva riferito “di essere vaccinata per il tetano”. Dopo una
settimana dall’incidente, sono iniziati a comparire episodi di rigidità con ipertono degli arti
inferiori, inarcamento del tronco senza perdita di coscienza. Ricoverata presso il Presidio
Ospedaliero dell’ASL 2, è stata sottoposta a somministrazione di Ig anti-tetano per via
intramuscolo ed a dose di richiamo di vaccino con netto miglioramento del quadro clinico e
successiva dimissione per risoluzione del caso.
Si riportano, infine, nei paragrafi seguenti, gli andamenti relativi a due malattie importanti
come la tubercolosi e l’AIDS.
1.2.4.2 Tubercolosi e Micobatteriosi
Nell’anno 2008 sono stati notificati dall’ASL 2 n. 23 casi di Tubercolosi:
- 2 casi sono risultati essere residenti in altre Aziende USL (ambedue nuovi casi e a
carico di soggetti extracomunitari);
- 21 casi sono risultati essere residenti nell’ASL 2 (8 a carico di soggetti
extracomunitari), di cui 12 residenti nella Piana di Lucca e 9 nella Valle del
Serchio.
Tabella 8 - Notifiche casi di Tubercolosi e Micobatteriosi in soggetti residenti e non
residenti nell’ASL 2, distinti per zone – Anno 2008
PIANA DI LUCCA
0-14
M
F
TBC Polmonare
TBC extrapolmonare
TBC polmonare ed
extrapolmonare
TBC disseminata polmonare ed
extrapolmonare
TOTALE
VALLE DEL SERCHIO
15-24
25-64
M
F
M
1
1
3
F
>65
M
F
1
4
2
1
1
0-14
M
F
15-24
M
TBC Polmonare
TBC extrapolmonare
TOTALE
1
9
25-64
F
M
1
2
1
F
3
Totale
casi
notificati
6
6
1
3
>65
M
F
3
1
1
5
14
Totale
casi
notificati
7
2
9
Totale in
soggetti
residenti
5
5
1
1
12
Totale in
soggetti
residenti
7
2
9
Dall’esame dei 21 casi a carico di residenti emerge che:
- 12 casi sono residenti nella Zona Piana di Lucca (5 sono immigrati: 1 dallo SriLanka, 1 dal Marocco, 3 dalla Romania); di questi:
9 “casi nuovi”
27
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
-
3 “recidive”
9 casi sono residenti nella Zona Valle del Serchio (3
Marocco e 1 dalla Romania); di questi:
9 “casi nuovi”
0 “recidive”
sono immigrati: 2 dal
Tabella 9 - Tubercolosi in residenti nell’ ASL 2 distinti per zone – Periodo 2004-2008
PIANA DI LUCCA
TBC Polmonare
TBC extrapolmonare
TBC polmonare ed extrapolmonare
TBC disseminata miliare polmonare
TOTALE
Micobatteriosi
TOTALE
VALLE DEL SERCHIO
TBC Polmonare
TBC extrapolmonare
TBC polmonare ed extrapolmonare
TBC disseminata miliare polmonare
TOTALE
Micobatteriosi
TOTALE
Anno
2004
13
2*
2
0
17
0
0
Anno
2004
3
1
0
0
4
0
0
Anno
2005
14
7
0
1
22
0
0
Anno
2005
2
0
0
0
2
1
1
Anno
2006
18
3
6
0
27
1
1
Anno
2006
3
1
2
0
6
1
1
Anno
2007
6
5
1
0
12
1
1
Anno
2007
5*
2
0
0
7*
0
0
Anno
2008
5
5
1
1
12
0
0
Anno
2008
7
2
0
0
9
1*
1*
* Segnalazione di malattia in residente nella nostra Az.USL notificata da altra Azienda USL
Quindi, l’andamento dell’infezione tubercolare, dal 2004 ad oggi, nei residenti della Zona
Distretto Piana di Lucca mostra una situazione stabile del numero dei casi negli ultimi due
anni, con tendenza alla diminuzione dal 2004 in poi; circa la metà dei casi segnalati sono a
carico di soggetti immigrati..
Nella Zona Distretto Valle del Serchio si rileva un aumento costante anche se di lieve entità
dal 2004 in poi; un terzo dei malati sono immigrati.
I soggetti immigrati provengono prevalentemente dall’Est Europeo (Romania) seguiti dal
Marocco.
Tabella 10 - Paese di provenienza dei casi notificati di Tubercolosi in extracomunitari
residenti e non nell’ASL2 – anno 2008.
N. soggetti
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
Paese di provenienza
Anno di arrivo in italia
Filippine
1998
Marocco (Residente)
1995
Marocco (Residente)
2006
Marocco (Residente)
2000
Romania (Residente)
2004
Romania
2007
Romania(Residente)
2004
Romania(Residente)
2007
Romania(Residente)
2005
Sri Lanka (Residente)
2002
TOTALE n°10 (solo 8 sono residenti presso l’ASL 2)
28
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.4.3 AIDS - Incidenza e mortalità
L'Agenzia Regionale di Sanità ha elaborato i dati del Registro regionale AIDS dal 1985 al
2007: nella Figura 8 è riportato l’andamento dei tassi di incidenza e di prevalenza in
Toscana, mentre nella Figura 9 è riportata la distribuzione percentuale dei casi di AIDS di
soggetti adulti residenti in regione, per categoria di trasmissione e anno di diagnosi.
Figura 8 – Andamento dei tassi di incidenza e prevalenza di AIDS in Toscana: periodo
1988-2006.
L’ andamento dei casi di AIDS in Toscana (soggetti residenti per anno di diagnosi e sesso),
è analogo a quello nazionale: dal 1996, con l’introduzione dei farmaci antiretrovirali, le
diagnosi sono progressivamente diminuite.
L’ incidenza dei malati di AIDS si mantiene stabile intorno ai 100 casi per anno.
L’ incidenza per aziende USL presenta differenze territoriali: si è registrata una diminuzione
in tutte le Aziende, tranne un leggero aumento a Massa Carrara e a Lucca dal triennio
2002-2004 al triennio 2005-2007. Negli ultimi tre anni il tasso di incidenza più basso si è
registrato nell’Azienda USL di Siena (0,5 per 100.000 abitanti) mentre quello più elevato
nell’Azienda USL di Livorno (con 4,5 nuovi casi ogni 100.000 abitanti).
Per quanto riguarda la modalità di trasmissione il 1998 è l’anno in cui si è registrata
un’inversione di tendenza, che ha comportato un cambiamento significativo, tuttora in atto:
la via di trasmissione prevalente diventa quella sessuale e, in particolar modo,
eterosessuale e ad oggi la situazione risulta invariata.
29
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Figura 9 – Distribuzione percentuale dei casi di AIDS di soggetti adulti residenti in Toscana
per categoria di trasmissione e anno di diagnosi. Toscana, anni 1985-2006.
A livello di ASL i dati più recenti disponibili sono quelli forniti sempre dall’Agenzia Regionale
di Sanità (Tabella 11), aggiornati al 2007.
Tabella 11 – Numero di casi incidenti e prevalenti di AIDS (anno 2007), e confronto con i
valori medi regionali dei tassi standardizzati indiretti (periodo 2005-2007).
ASL di residenza
Numero di
casi
incidenti
Anno 2007
Tasso standardizzato
indiretto di incidenza e
LC 95%
Anni 2005-2007
Numero di
casi
prevalenti
Anno 2007
Tasso standardizzato
indiretto di prevalenza e
LC 95%
Anni 2005-2007
ASL 2 - Lucca
REGIONE
TOSCANA
valore minimo
valore massimo
8
114
123,96 (76,61-182,64)
100
69
1217
95,69 (82,50-109,96)
100
ASL 7 Siena: 19,78
ASL 6 Livorno: 153,77
ASL 7 Siena: 55,94
ASL 6 Livorno: 152,26
(fonte: Agenzia Regionale di Sanità ARS - Toscana)
L’ ASL 2 presenta un tasso standardizzato indiretto di incidenza superiore al valore
regionale e un tasso standardizzato indiretto di prevalenza inferiore al dato medio
regionale, ma nessuno dei due in modo statisticamente significativo.
1.2.5 Campagne di Vaccinazione
Le campagne di vaccinazione sono relative sia a quelle dell’infanzia (bambini al 24° mese
di vita), quelle obbligatorie, che quelle anti-Morbilllo, Parotite, Rosolia (MPR) con copertura
vaccinale nelle coorti di nascita dal 1992 al 2005, che infine la vaccinazione anti-HPV di
recente introduzione.
A parte viene trattata la vaccinazione antinfluenzale.
30
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.5.1 Campagne di vaccinazioni dell’infanzia
Le vaccinazioni dell’infanzia riguardano bambini al 24° mese di vita e sono l’anti-Difterica,
Tetanica, Pertosse, Poliomielite, Epatite B, Haemophilus di tipo b(Hib), Meningococco C e
MPR.
Il Piano Nazionale Vaccini indica l’obiettivo di almeno il 95% di copertura vaccinale per la 3°
dose (ciclo di base) DTaP- EpatiteB-Polio-Hib nei bambini di 24 mesi.
I dati di vaccinazione rilevati al 31/12/08 in soggetti residenti appartenenti alla coorte di
nascita 2006 sono buoni, in sintonia con quelli registrati nel passato, sia a livello di ASL 2
(Figura 10) che delle due Zone-Distretto Piana di Lucca e Valle del Serchio (Tabella 12): in
quest’ ultima registriamo valori superiori al 98%.
Se esaminiamo i dati per singolo centro vaccinale distrettuale aziendale, rileviamo la
massima adesione alle vaccinazioni a livello dei centri vaccinali di Borgo a Mozzano,
Fornoli, Gallicano e Piazza al Serchio (100% di copertura). Il valore del 93,8% per la
vaccinazione anti-Hib rilevato presso il CSS Turchetto è espressione del fatto che a tale
centro afferisce una popolazione di immigrati già vaccinata proveniente da Paesi dove il
vaccino anti-Hib non viene effettuato.
Per quanto riguarda la vaccinazione anti-Meningococco C, la Regione Toscana con
Deliberazione del 7/3/05 n. 379 ne ha disposto l’offerta gratuita non solo ai nuovi nati ma
anche ai soggetti di età da 1-5 anni, attraverso azioni di recupero (dai nati del 2000 in poi).
La stessa normativa indica l’obiettivo di raggiungere il valore di copertura vaccinale del 95%
nei nuovi nati; il Figura 10 riporta l’andamento della copertura al 24° mese, il cui
rilevamento, alla fine di ogni anno, è iniziato dal 31/12/06. E’ evidente un notevole
incremento dal 2006 (1° anno di rilevazione) al 2008: in particolare (Tabella 12) nei nati del
2006 valutati al 31/12/08 notiamo una copertura di oltre il 90% in tutti i centri vaccinali, con
punte sopra il 96-97% presso i CSS di Gallicano e Castelnuovo Garfagnana, ad esclusione
di Fornaci di Barga dove si registra una copertura di appena il 78,7%, contro una copertura
del 96% per le altre vaccinazioni sopra indicate (16 soggetti che apparentemente non
hanno aderito risiedono nel comune di Barga, 15 nel comune di Coreglia Ant.lli ed 1 in
quello di Fabbriche di Vallico).
Il Figura 11 descrive l’andamento, a livello dell’ASL 2, delle coperture vaccinali delle coorti
di nascita dal 2000 in poi valutate al 31 dicembre degli anni 2006-2007-2008: è rilevabile
nel corso degli anni un aumento del dato vaccinale in tutte le classi di età, raggiungendo
valori superiori al 90% al 31 dicembre 2008 nella coorte di nascita 2006, a conferma
dell’offerta del vaccino ai soggetti che hanno avuto accesso ai servizi territoriali.
Se esaminiamo però il dato per Zone (Figura 12), notiamo che l’aumento negli anni, pur
evidente in entrambe le Zone, è nettamente maggiore nella Piana di Lucca; il Figura 13 che
rileva il dato di copertura al 31/12/2008 nelle coorti di nascita citate, conferma la maggiore
adesione alla vaccinazione nella Piana rispetto alla Valle, con un netto divario tra le due
aree in tutte le coorti (ad es. coorte 2005: 91,5% versus 75,5; coorte 2004: 80,7 versus
70,3 ecc).
31
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Tabella 12 - Centri vaccinali distrettuali ASL 2 - Coperture vaccinali al 24° mese - anno di
nascita 2006 - Dati al 31/12/08
Centro vaccinale
distrettuale
Anti-POLIO
%
Anti-DTaP
%
Anti-Hib
%
95,8*
AntiEpatite B
%
95,8
95,3
AntiMPR/M
%
90,8**
AntiMeningococco C
%
91
Css S.Anna(Comuni di
95,9
Css Capannori (comune
96,8
96,6*
96,3
96,1
94,6**
94,4
Css Turchetto (comuni di
96,9
96,6
96,6
93,8
93,5**
91,6
Zona Piana di Lucca
96,4
96,2
96,1
95,2
92,4
92
Css Borgo a Mozzano
100
100
100
100
100
94,5
100
100
100
100
95,3
93
96
96
96
96
89,3
78,7
Css Gallicano (comuni di
100
100
100
100
94,7
97,4
Css Casteln. Garf.na
98,3
98,3*
98,3
97,5
97,5
96,6
Css Piazza al Serchio
100
100
100
100
100
94,7
Zona Valle del Serchio
98,2
98,2
98,2
98
94,8
89,8
Lucca e Pescaglia)
di Capannori)
Altopascio, Porcari, Villa
Basilica e Montecarlo)
(Comune di Borgo a Mozzano)
Css Fornoli (comune di
Bagni di Lucca)
Css Fornaci di Barga
(comuni di Barga, Coreglia
Ant.lli, Fabbriche di Vallico)
Gallicano, Molazzana,
Vergemoli)
(Comuni di Castelnuovo
Garfagnana,Pieve Fosciana,
S.Romano,
Camporgiano,Careggine,Vagli
, Villa
Colllemandina,Fosciandora,
Castiglione Garfagnana)
(Comuni di Piazza al Serchio,
Minucciano, Giuncugnano e
Sillano)
*Si rileva che 1 soggetto css di Capannori, 3 soggetti css S.Anna ed 1 soggetto css Castel.Garf.
hanno effettuato ciclo di base per anti-TETANO e non DTaP
**Si rileva che 1 soggetto css di Capannori, 1 soggetto css S.Anna e 6 soggetti css Turchetto .
hanno effettuato come prima dose Morbillo nel loro Paese di origine
Per la vaccinazione anti-MPR al 24° mese, il Piano Nazionale e Regionale di Eliminazione
del Morbillo e della Rosolia congenita prevede il raggiungimento di una copertura del 95%
nei nuovi nati.
Il Figura 10 mostra l’andamento della copertura vaccinale al 24° mese a livello dell’ASL 2
negli ultimi 4 anni, rilevando valori sopra il 90%. Se analizziamo il dato per Zona/Distretto,
notiamo un discreto incremento della copertura nel 2008 nella Zona Valle del Serchio che
sfiora il 95% contro una lieve flessione nella Piana dove non raggiunge il 93%.
Se analizziamo il dato per singoli centri vaccinali notiamo che, nella Valle, il centro di
Fornaci di Barga non raggiunge la copertura del 90%; nella Piana il CSS di Capannori si
avvicina al 95% mentre presso il CSS di S. Anna si registra una copertura di poco inferiore
al 91%.
Per quanto riguarda le vaccinazioni dell’Infanzia a 5-6 anni (4° dose antiDifterica/Tetanica/Pertosse), la copertura (Tabella 13) mostra un andamento simile nelle
32
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
due Zone-Distretto, con valori inferiori al 95%, obiettivo previsto dall’attuale Piano
Nazionale vaccini.
Figura 10 - Coperture vaccinali al 24° mese – Periodo 2005-2008 – ASL 2
% copertura vaccinale
Coperture vaccinali al 24° mese (dati dal 2005 al
2008)
Azienda USL 2
100
95
90
85
80
75
70
65
60
55
50
antipolio DT+DTP
HB
Hib
M+MPR
meningo
cocco C
dati al 31/12/2005
96,6
96,6
96,4
95,4
91,6
0
dati al 31/12/2006
96,9
96,9
96,6
95,8
93,5
59,2
dati al 31/12/2007
96,8
96,7
96,5
96,2
93
85,7
dati al 31/12/2008
96,8
96,6
96,6
95,8
92,9
91,5
Figura 11 - Vaccinazioni anti-meningococcica – Coperture vaccinali 2006-2008 – ASL 2
% copertura
vaccinale
Azienda USL 2-Vaccinazione anti
meningococcica nei nati dal 2000 al 2006:
coperture vaccinali dal 2006 al 2008
100
95
90
85
80
75
70
65
60
55
50
2000
2001
2002
2003
2004
2005
anno di nascita
al 31/12/2006
al 31/12/2007
33
al 31/12/2008
2006
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Figura 12 - Vaccinazioni anti-meningococco – Coperture vaccinali 2000-2006 – Confronto
tra le due zone distretto – ASL 2
% copertura
Az. USL 2: vaccinazione anti meningococco C nati dal 2000 al 2006confronto fra le due Zone
100
95
90
85
80
75
70
65
60
55
50
45
40
35
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
anno di nascita
Piana al 31/12/2006
Valle al 31/12/2006
Piana al 31/12/2007
Valle al 31/12/2007
Piana al 31/12/2008
Valle al 31/12/2008
Figura 13– Vaccinazioni anti-mentingococco – Copertura vaccinale 2000-2006 al 31-12-08
Vaccinazione anti meningococcica nei nati dal
2000 al 2006 al 31/12/2008
100
80
60
40
20
0
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
Piana di Lucca
65,1
75,3
80,5
82,6
80,7
91,5
92
Valle del Serchio
55,5
62,4
70,9
66,4
70,3
75,5
89,8
anno di nascita
34
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Figura 14 - Vaccinazione anti-Morbilllo, Parotite, Rosolia al 24° mese – Periodo 2005-2008
Vaccinazione anti-Morbillo/Parotite/Rosolia al
24°mese - dal 2005 al 2008
100
95
90
85
80
Piana di Lucca
Valle del Serchio
2005
2006
2007
2008
92
93,7
93,9
92,4
90,4
92,6
90,1
94,8
anno di nascita
Tabella 13 - Coperture vaccinali dell'infanzia per la 4° dose DT/DTPa - Dati vaccinali relativi
a soggetti di 7 anni di età residenti al 31/12/08 – Coorte di nascita 2001.
Residenti al 31/12/08 coorte di nascita 2001
Vaccinati DT/DTPa al
31/12/08
ASL 2
1924
1695
Copertura vaccinale al
31/12/08
%
88,4
Zona Piana di Lucca
1466
1296
88,4
Zona Valle del Serchio
458
399
87,1
Campagna di vaccinazione anti-Morbilllo, Parotite, Rosolia
La campagna di vaccinazione anti-Morbilllo, Parotite, Rosolia (MPR) con copertura
vaccinale nelle coorti di nascita dal 1992 al 2005, è proseguita nell’ASL 2 anche nel 2008
con l’offerta attiva e gratuita per la popolazione infantile, secondo le indicazioni del “Piano
Regionale per l’eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita” di cui alla Delibera n.
1284 dell’1/12/03.
Di seguito si riportano alcune osservazioni sull’andamento della copertura vaccinale anti–
Morbillo intesa come vaccinazione anti-MPR (solo una piccola quota, bambini di maggiore
età ed immigrati, ha effettuato la sola vaccinazione anti-Morbillo-M) nei soggetti
appartenenti alle coorti di nascita dal 1992 al 2005 messi a confronto al 31 dicembre degli
anni 2006-2007 e 2008 (Tabella 14).
Naturalmente, la popolazione di ogni coorte di nascita varia ogni anno: il dato mostra un
aumento, ma al di là del numero assoluto dobbiamo rilevare che la popolazione varia al suo
interno con movimenti di immigrazione ed emigrazione che fanno variare anche la
copertura vaccinale e di conseguenza il livello di protezione della popolazione, se lo stato
vaccinale dei soggetti “nuovi entrati” nella collettività non viene attentamente valutato.
35
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Per la 1° dose, i dati al 31 dicembre 2008 variano da valori dell’ 88,9% nella coorte 1992 a
valori del 94,6 nella coorte del 2005, confermando l’adesione alla vaccinazione nell’età
infantile.
Per la 2° dose a 5-6 anni, l’adesione è ancora modesta, non raggiungendo in molte coorti di
nascita l’80%.
In Tabella 15 si riportano i dati per Zona Distretto: sia per la 1° dose che per la 2° dose si
segnala una maggiore adesione nella Piana di Lucca.
Tabella 14 - Campagna MPR - Coorti di nascita dal 1992 al 2005 - Dati al 31/12/08 in
soggetti residenti (popolazione estrapolata dall’anagrafe dei Centri vaccinali - ASL 2
N.ro
residenti
al
31/12/06
N.ro
residenti
al
31/12/07
N.ro
residenti al
31/12/2008
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
1850
1775
1753
1791
1809
1746
1850
1841
1794
1840
1838
1852
1874
1778
1766
1813
1825
1792
1871
1877
1836
1890
1875
1906
1877
1799
1788
1838
1839
1805
1898
1898
1868
1924
1917
1921
2004
2005
1864
Nv
1907
1912
1945
1946
Anno
nascita
Copertura
vaccinale
1° dose
M o MPR
al
31/12/06
%
88,9
89,1
91,3
92,6
91,8
91,2
91,1
92,4
93,8
92,4
92,5
94,1
Copertura
vaccinale
1° dose M
o MPR al
31/12/07
%
Copertura
vaccinale
1° dose M
o MPR al
31/12/08
%
Copertura
vaccinale 2°
dose M o
MPR al
31/12/08 %
89,1
89,2
90,4
91,7
92,7
90,6
90,8
91,4
93,1
93,7
92,9
93,8
88,9
89,0
89,8
90,5
92,3
90,4
89,6
90,9
92,9
92,4
92,8
94,3
93,5
93,6
93,0
93,2
94,6
76,5
75,5
71,0
72,9
75,6
79,1
70,5
76,2
82,1
81,7
81,8
n.v. (ancora
in corso nel
2009)
n.v
n.v
Copertura
vaccinale
2° dose
M o MPR
al
31/12/06
%
72,1
72,1
71,5
72,8
75,4
82,3
71,1
75,2
78,9
54,9
1,5
Tabella 15 - Campagna MPR- Coorti di nascita dal 1992 al 2005 - Dati al 31/12/08 in
soggetti residenti (popolazione estrapolata dall’anagrafe dei Centri vaccinali nella Zona
Distretto Piana di Lucca e nella Zona Distretto Valle Del Serchio.
Zona Piana di Lucca
Anno
nascita
1992
1993
1994
1995
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
Zona Valle del Serchio
N.ro
residenti
al
31/12/08
Copertura
vaccinale 1°
dose M o MPR
al 31/12/08 %
Copertura
vaccinale 2°
dose M o MPR
al 31/12/08 %
N.ro
residenti
al
31/12/087
Copertura
vaccinale 1°
dose M o MPR
al 31/12/08 %
Copertura
vaccinale 2°
dose M o MPR
al 31/12/08 %
1418
1343
1368
1352
1377
1357
1422
1427
1448
1466
1480
1472
1500
1506
90,6
90,7
91,0
91,6
93,0
90,4
89,9
92,1
93,3
92,9
92,4
94,6
94,1
95,2
79,80
78,5
73,8
76,3
76,6
80,7
74,8
82,5
86,2
84,7
83,7
n.v
n.v.
n.v.
459
456
420
486
462
448
476
471
420
458
437
449
445
440
83,4
84,0
86,0
87,2
90,5
90,4
88,4
87,5
91,4
90,8
94,3
93,3
90,1
92,5
66,0
66,7
61,9
63,4
72,5
74,3
57,8
57,1
67,9
71,8
75,3
n.v
n.v
n.v
36
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Campagna di vaccinazione anti-Papillomavirus (HPV)
Con Delibera Regionale n. 1020 del 27/12/07 è stato dato l’avvio alla Campagna di
vaccinazione contro il Papilllomavirus, per la prevenzione delle lesioni cancerose e precancerose determinate dalla infezione da HPV. Pertanto nel corso del 2008 l’offerta attiva
del vaccino, con invito alle famiglie, ha interessato le adolescenti nate nel 1997 mentre la
vaccinazione è stata resa disponibile, in regime di gratuità, anche per le ragazze nate nel
1996 in caso di richiesta da parte delle famiglie.
La vaccinazione anti-HPV prevede la somministrazione di tre dosi IM nel braccio: al tempo
0, dopo un mese e dopo 6 mesi dalla prima dose. L’adesione alla vaccinazione, valutata
come prima dose, è risultata maggiore nella coorte di nascita che ha ricevuto l’invito a
domicilio (Tabella 16); il dato aziendale fa rilevare per la 1° dose, coorte del 1997, il 68,1%
contro il 43,4% per la coorte del 1996). I dati a livello di Zona/Distretto sono sovrapponibili
anche se dall’analisi per singolo centro vaccinale emerge una copertura nettamente più
bassa presso Fornaci di Barga (1° dose nate nel 1997: 33,9%).
Si rileva che la maggior parte delle adolescenti deve completare il ciclo nel corso del 2009
durante il quale altre coorti di nascita saranno coinvolte nella vaccinazione, secondo le
indicazioni regionali di cui alla delibera regionale n.856 del 27/10/08 e successivo decreto
dirigenziale dell’1/12/08 numero 5856.
Tabella 16 - Campagna anti-HPV - Coorti di nascita 1997 e 1996 - dati al 31 dicembre
2008
Centri vaccinali
S.Anna
Capannori
Turchetto
ZONA
Piana di Lucca
Borgo a Mozzano
Fornoli
Fornaci di Barga
Gallicano
Castel.Garf.na
N.ro
residenti
nate
1997
362
175
122
% 1°
dose
% 2°
dose
% 3°
Dose
% 1°
dose
% 2°
dose
% 3°
dose
10,8
6,3
3,3
N.ro
residenti
nate
1996
394
173
118
67,1
74,9
70,5
55
60
68
43,9
54,3
28
36
46,2
11,9
1
2,3
0
659
42
20
62
30
56
69,8
73,8
75
33,9
60
80,4
58,7
71,4
75
30,6
60
80,4
8,2
0
5
9,7
26,7
32,1
685
27
26
71
14
81
43,8
22,2
19,2
28,2
50
59,3
34,5
14,8
19,2
18,3
28,6
43,2
1,2
0
0
1,4
0
2,5
Piazza al Serchio
ZONA
Valle del Serchio
15
80
66,7
20
27
66,7
48,1
0
225
63,1
60,9
16
246
42,3
30,1
1,2
ASL 2
884
68,1
59,3
10,2
931
43,4
33,3
1,2
Conclusioni
I dati relativi allo stato vaccinale della popolazione infantile nella nostra Azienda USL sopra
esposti mostrano in generale una buona copertura per le vaccinazioni indicate dal
Calendario regionale, anche se il dato relativo ad alcune di queste (es.anti-MPR, antimeningococco C e DTP a 5-6 anni) deve essere ulteriormente migliorato ed occorre un
attento monitoraggio a livello dei centri vaccinali per mettere in atto precocemente iniziative
di recupero dei soggetti non ancora vaccinati.
I Centri vaccinali, in particolare, si devono sempre più confrontare con una popolazione
residente “in movimento” per cui occorre un controllo costante e continuo da parte del
personale sanitario addetto alle vaccinazioni per “recuperare” lo stato vaccinale dei soggetti
37
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
“nuovi entrati” nelle comunità territoriali offrendo loro le vaccinazioni in caso di non
completa “copertura”
Per aumentare la copertura delle vaccinazioni previste dal Calendario regionale occorre,
inoltre, porre una attenzione sempre maggiore verso quelle famiglie che, pur non rifiutando
esplicitamente le vaccinazioni, non si presentano ai servizi vaccinali.
In questo processo di adesione consapevole da parte dei genitori ai programmi vaccinali le
figure del PLS e del MMG, unitamente agli operatori distrettuali, assumono un ruolo sempre
più determinante.
1.2.5.2 Campagna di Vaccinazione Antinfluenzale 2007-2008
Anche per l'anno 2008 l’ASL 2 si è impegnata in prima linea nella vaccinazione
antinfluenzale, con una notevole adesione sia tra gli utenti che nel personale sanitario che
è stato oggetto di una specifica campagna di sensibilizzazione e vaccinazione.
Nell'ambito della campagna sono state somministrate oltre 58.098 dosi di vaccino con una
copertura della popolazione totale pari al 25.9%.
Grazie alla collaborazione dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta è
stato possibile raggiungere una copertura superiore all’ 80% nella popolazione ultra 65enne
ed egualmente soddisfacente è il dato relativo alle fase d’età fino a 18 anni, nonostante
l’incremento della popolazione.
Tabella 17 - Valori di copertura vaccinale antinfluenzale - ASL2 Lucca e zone –
Campagna 2007-2008.
Categorie
0–4
anni
5 – 14
anni
Classi di Età
15–24
25 –
anni 64 anni
Soggetti di età pari o superiori a 65 anni
Totale
42163
80,5%
Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e
adulti di età inferiore a 65 anni affetti da
condizioni morbose predisponesti alle
complicanze (come indicato in Circolare)
Bambini e adolescenti in trattamento a lungo
termine con acido acetilsalicilico, a rischio di
Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
Donne che saranno nel secondo e terzo
trimestre di gravidanza durante la
stagione epidemica
Individui di qualunque età ricoverati
presso strutture per lungodegenti
Medici e personale sanitario di
assistenza
Contatti familiari di soggetti ad alto
rischio
Soggetti addetti a servizi pubblici di primario
interesse collettivo
Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto
con animali che potrebbero costituire fonte di
infezione da virus influenzali non umani
Categoria non nota
TOTALE
884
628
367
7973
9852
21
193
71
396
234
21
38
38
42
196
238
104
372
476
138
1346
2073
199
1097
1296
4
266
270
232
1134
1671
58098
25,9 %
Popolazione di Lucca n. 224.211 (pop.31/12/2007 indicata dalla R.T. e fornita dall’U.O. S.I.)
Popolazione > 65 anni di Lucca n. 52.076 (pop. 31/12/2007 indicata dalla R.T. e fornita dall’U.O. S.I.)
38
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
1.2.6 Infortuni sul lavoro
Gli infortuni sul lavoro negli ultimi anni appaiono in generale calo. E’ tuttavia legittimo
chiedersi quanto questo fenomeno possa essere dovuto ad una diminuzione delle notifiche
legata alle dinamiche del mercato del lavoro (maggior numero di lavoratori precari). Inoltre
la rilevazione dei dati, basata sui certificati del pronto soccorso e sulle denunce di infortunio
trasmesse dall’Inail, non è esaustiva in quanto entrambe queste fonti non sono in grado di
rilevare tutti gli infortuni che avvengono nel nostro territorio. Questo problema non è
risolvibile a livello locale e si auspicano iniziative regionali sul flusso in tempo reale dei dati
relativi agli infortuni.
Il settore maggiormente colpito da infortuni mortali fino al 2005 appare essere l’edilizia, con
la prevalenza della modalità per caduta dall’alto. Dal 2006, tuttavia, già 2 infortuni mortali si
sono verificati in selvicoltura.
Dal 2002 non si verificano infortuni mortali per ribaltamento dei carrelli, che viceversa erano
frequenti negli anni precedenti, e sui quali è stato attuata un specifica campagna di
prevenzione.
Da un esame delle modalità di accadimento degli infortuni sottoposti ad inchiesta nel 2008
è possibile evidenziare alcuni punti:
− la caduta dall’alto è una frequente causa di infortuni gravi, oltre che mortali, in
edilizia e fra le più frequenti anche negli altri comparti
− fino agli anni ‘90 molti infortuni mortali si sono verificati nelle cartiere per incastro fra
rulli. Grazie a numerosi interventi sulla sicurezza delle macchine per cartiera, l’ultimo
infortunio mortale con tale dinamica si è verificato nel 2000. Tale modalità si ripete
tuttavia, anche se generalmente con conseguenze assai più lievi, in alcuni infortuni
sottoposti ad inchiesta nel comparto cartario che, ancorché poco numerosi sono
potenzialmente molto gravi. Nel 2007 tale dinamica ha causato due infortuni con
gravi amputazioni.
− si segnalano, per la potenziale pericolosità, gli infortuni che continuano a verificarsi
per investimento da carrello elevatore che procede a retromarcia a causa della
mancanza di visibilità anteriore per il carico ingombrante
− in una cartiera si è verificato un caso di nube tossica nello stabilimento per erronea
miscelazione di agenti chimici
I dati relativi agli infortuni mortali, per il periodo 2005-2008, suddivisi per comparto
lavorativo, sono riportati nelle tabelle seguenti. Relativamente alle malattie professionali
negli ultimi anni sono costantemente in aumento le denunce di malattie osteoarticolari,
probabilmente anche in seguito a modifica del sistema assicurativo, che, permettendone
una maggiore indennizabilità rispetto al passato, ne aumenta l’emersione. Si tratta
soprattutto di malattie del rachide in seguito ad esposizione a movimentazione manuale di
carichi o a vibrazioni (es. conducenti di mezzi di trasporto). Una discreta quota è
rappresentata anche da patologie dell’arto superiore in seguito a movimenti ripetitivi. Si
segnala nel 2008 un episodio di intossicazione da piombo in 5 lavoratori di un cantiere edile
in seguito a sverniciatura da infissi antichi di vernici al piombo. Oltre ai 5 intossicati, circa 30
lavoratori dello stesso cantiere, transitati nelle vicinanze dei locali inquinati, hanno
presentato segni di esposizione a piombo.
39
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Tabella 18 - Infortuni sul lavoro nella ASL 2 (TOT) e suddivisi per zone (Valle del Serchio e
Piana di Lucca) - Anni 2005-2008
2005
2006
2007
2008
COMPARTI
VdS
PdL
TOT
VdS
PdL
TOT
VdS PdL
TOT
VdS PdL
TOT
Agricolo
119
113
232
119
89
208
90
84
174 104
76
180
Alimentare
7
117
124
22
106
128
12
82
94
16
82
98
Calzaturiero
3
32
35
2
13
15
1
29
30
0
8
8
Cartario
165
258
423
143
209
352 115
200
315 121
150
271
Chimico
64
73
137
86
52
138
40
48
88
40
44
84
Edile
129
171
300
139
153
292 110
138
248
77
139
216
Estrattivo
16
12
28
21
11
32
13
4
17
19
2
21
Legno
20
14
34
17
16
33
11
18
29
9
21
30
Metalmecc.
137
169
306
156
118
274 123
102
225 117
98
215
Tessile
7
15
22
3
11
14
11
11
3
2
5
Terziario
400
639
1039
314
574
888 320
492
812 186
458
644
Vario
109 1266
1375
86 1322
1408
50 1293
1343
59 1181
1240
4055 1108 2674
3782 885 2501
3386 751 2261
3012
TOTALE
1176 2879
Di cui GRAVI *
111
362
473
102
384
486
56
301
357
50
308
358
% gravi
11,66%
12,85%
10,54%
11,89%
*Per infortuni gravi si intendono quelli che hanno prognosi iniziale maggiore di 20 gg. e/o hanno provocato
fratture o con modalità di accadimento che fa supporre violazioni alle norme di sicurezza
Tabella 19 - Infortuni mortali nella ASL 2 (TOT) e suddivisi per zone (Valle del Serchio e
Piana di Lucca) - Anni 2005-2008
COMPARTO
Selvicoltura
Agricoltura
Cartario
Metalmec.
Terziario
Chimico
Estrattivo
Edile
TOTALE
VdS
0
0
0
0
0
0
0
1
1
2005
PdL
0
0
0
0
1
0
0
1
2
TOT
0
0
0
0
1
0
0
2
3
VdS
0
0
0
0
0
0
0
0
0
2006
PdL
1
0
1
0
0
0
0
0
2
TOT
1
0
1
0
0
0
0
0
2
VdS
0
0
0
0
0
0
0
0
0
2007
PdL
0
0
0
0
0
1
0
0
1
TOT
0
0
0
0
0
1
0
0
1
VdS
1
0
0
0
0
0
0
0
0
2008
PdL
0
0
0
0
0
0
0
0
0
TOT
1
0
0
0
0
0
0
0
1
Tabella 20 – Malattie professionali denunciate nella ASL 2 - Anni 2005-2008
Malattia Professionale
2005
2006
2007
2008
Ipoacusia da rumore
Malattie osteoarticolari e tendinee
Broncopneumopatie e mal. vie
aeree sup.
Neoplasie
Mal. Cutanee
S. di Reynaud
Intossicazioni professionali
Patologia oculare
TOTALE
76
79
38
91
109
22
76
144
28
68
7
4
8
-
8
4
14
1
10
2
15
-
212
249
276
1.2.7 Handicap
Zona Distretto - Piana di Lucca
40
252
10
6
3
19
5
1
364
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Il quadro generale riguardante il settore dell’Handicap presenta le seguenti caratteristiche:
• n° 2651 soggetti portatori di handicap da 0 a 64 anni conosciuti dai servizi
dell’ASL 2 zona di Lucca al 31.12. 2008.
• n° 2406 soggetti (relativi al punto 1) accertati ai sensi art. 4 della L.104/92
dall’insediamento delle commissioni.
• n° 1616 accertati in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3 della
L.104/92 dall’insediamento delle commissioni.
Tabella 21 - Suddivisione dei soggetti per patologie e classi di età al 31/12/2008.
Tipologia
Classi di età
0-3
24
46
8
54
129
Psichico
Fisico
Sensoriale
Plurihandicap
TOTALE
4-18
413
230
41
121
698
19-25
108
96
13
52
269
26-39
60
185
24
115
384
40-64
97
497
42
422
1058
Totale
702
1054
128
761
2651
Al 31/12/2008 l’handicap prevalente fino a 18 anni risulta quello psichico con n° 437 casi
accertati; segue quello fisico con n° 276, la pluriminorazione con n° 175 ed infine il
sensoriale con 49 casi.
Nella fascia di età 19 – 64, invece, è prevalente l’handicap fisico con n° 678 casi accertati,
seguito dalle situazioni di pluriminorazione con n° 468 casi, l’handicap psichico con n° 240
casi e l’handicap sensoriale con n° 71 casi.
Grafico sulle tipologie di handicap
(fasce d'età - minori e adulti)
800
600
400
0/ 18 anni
(minori)
18/ 64 anni
(adulti)
Psichico
Fisico
200
Sensoriale
0
Pluri-handicap
Inoltre si può rilevare, come la Tabella 22 e il grafico successivi dimostrano attraverso la
comparabilità di tre anni (2003, 2007 e 2008), il considerevole aumento dei soggetti
conosciuti dall’Azienda USL.
Tabella 22 - Dati riguardanti il numero dei soggetti per patologie negli anni 2003, 2007 e
2008.
Tipologia
Psichico
Fisico
Sensoriale
Pluri-handicap
TOTALE
Anno 2003
507
654
76
287
1524
Anno 2007
628
925
112
614
2279
41
Anno 2008
702
1054
128
761
2651
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Grafico sull'aumento dei soggetti conosciuti dall'Az. USL
1200
1000
Psichico
800
Fisico
600
Sensoriale
400
Pluri-handicap
200
0
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
Tabella 23 - Dati riguardati le Commissione per l’accertamento dell’handicap (art.4
L.104/92) relativi all’anno 2008.
Commissioni operanti
Sedute nell’anno
Domande di accertamento pervenute nel 2008
Domande giacenti al 1.1.08 pervenute in anni precedenti
Domande esaminate e definite nel 2008
Domande archiviate (decessi, assenze, rinunce, etc.)
Domande giacenti al 31.12.2008
N°
“
“
“
“
“
1
130
1216
187
1050
91
262
Possiamo rilevare, se confrontiamo nuovamente gli anni 2003, 2007 e 2008, come sia
accresciuto anche il numero degli interventi delle commissioni per il riconoscimento
dell’handicap (L.104/92).
Tabella 24 – Dati riguardanti l’aumento delle Commissioni per l’accertamento dell’handicap
confrontabili negli anni 2003, 2007 e 2008.
Commissioni operanti
Sedute nell’anno
Domande pervenute
Domande giacenti al 1.1 dell’anno pervenute in anni
precedenti
Domande pervenute e definite nell’anno
Domande archiviate (decessi, assenze, rinunce, etc.)
Domande giacenti al 31.1
N° Anno
2003
1
47
481
N° Anno
2007
1
95
887
N° Anno
2008
1
130
1216
90
440
156
794
1050
49
82
96
187
91
262
187
I dati della Tabella 24 riguardano l’aumento degli interventi dell’U.O. Assistenza Sociale
quale componente costitutiva della commissione medico-legale per l’accertamento
dell’handicap, e dimostrano a distanza di anni un notevole incremento di attività dovuta
all’aumento del dato sulla popolazione disabile e la maggiore richiesta di servizi da parte
dei cittadini.
42
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Grafico riguardante l'incremento delle'attività delle Commissioni (L.104/ 92)
Commissioni operanti
1400
1200
1000
800
600
400
200
0
Sedute nell'anno
Domande Pervenute
Domande giacenti al 1
gennaio
Domande pervenute e
definite
Domande archiviate
2003
2007
Domande giacenti al 31
dicembre
2008
I dati indicati in Tabella 25 evidenziano che l'accertamento di handicap è rivolto
prevalentemente agli adulti ed in particolare alla fascia di età > 64 anni. In effetti:
• il 60,19 % degli accertati con esito positivo riguarda soggetti oltre i 64 anni;
• il 21,48% degli accertati con esito positivo riguarda soggetti 40-64 anni;
• il 5,04 % degli accertati con esito positivo riguarda soggetti 26-39 anni ;
• l’ 1,48 % degli accertati con esito positivo riguarda soggetti 19-25 anni ;
• il 9,0 % degli accertati con esito positivo riguarda soggetti 4-18 anni ;
• il 2,77 % degli accertati con esito positivo riguarda soggetti 0-3 anni.
Tabella 25 - Commissione per l’accertamento dell’handicap – Dati per classi di età. (Dati
relativi a tutto l’anno 2008).
Classi di età
0-3
4-18
19-25
26-39
40-64
> 64
TOTALE
Domande esaminate
con Esito Positivo
28
91
15
51
217
608
1010
di cui in situazione
di gravità
28
54
9
30
126
512
759
Domande esaminate
con Esito Negativo
0
4
0
7
18
11
40
Grafico riguardante le percentuali delle domande esaminate con esito positivo
0-3 anni ( 2,77 %)4-18 anni (9,00 %)
19-25 anni (1,48 %)
26-39 anni (5,04 %)
40-64 anni (21,48
%)
> 64 anni (60.19%)
43
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Grafico riguardante la percentuale degli esiti sul totale dei casi esaminati nell’anno
800
700
Domande
esaminate in
situazione di
gravità (75,14 %)
600
500
400
Domande
esaminate senza
sit. di gravità
(24,86 %)
300
200
100
0
I piani abilitativi riabilitativi globali (P.A.R.G.) elaborati dai gruppi operativi multidisciplinari
(G.O.M.) alla data del 31.12.2008 sono stati n. 910.
La domanda di servizi e interventi specifici a carattere sociosanitario espressa dal numero
di nuovi P.A.R.G. attivati nel 2008 confermano la tendenza, già messa in rilievo negli anni
precedenti, di una maggiore richiesta di interventi e servizi che integrano il sociale con il
sanitario, da parte di persone disabili non più giovani, che possano favorire ulteriormente la
loro autonomia ed indipendenza.
Tabella 26 – L’handicap nella scuola.
Asilo
Materna
Element.
Media
Media Sup.
Università
Totale
A.S. 2003-2004 A.S. 2004-2005 A.S. 2005-2006 A.S. 2006-2007 A.S. 2007-2008
2
4
6
6
57
27
36
42
42
92
92
113
105
197
93
96
85
81
85
95
110
126
139
2
299
323
356
360
395
Zona Valle del Serchio
Il quadro generale settore handicap presenta le seguenti caratteristiche:
• n. 1188 soggetti portatori di handicap da 0-64 conosciuti dai servizi dell’ASL 2 Zona
Valle del Serchio al 31.12.2008.
• n. 922 soggetti accertati ai sensi art. 3 e 4 della L. 104/92 dall’insediamento della
commissione.
• n. 661 accertati in situazione di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3, della L. 104/92.
Suddivisione dei soggetti con handicap per patologia e classi di età nel 2008
44
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Tipologia
Psichico
Fisico
Sensoriale
Plurihandicap
Totale
Classi Di Eta'
0–3
4 - 18
19 - 25
26 – 39
40 – 64
Totale
11
26
101
57
21
87
266
43
17
9
34
103
46
42
12
65
165
115
249
55
158
577
316
391
97
384
1188
40
77
Da un analisi dei dati si evidenzia, come già riportato anche l’anno scorso, un aumento dei
soggetti accertati in situazione di handicap nella fascia di età 40-64 anni (577) pari circa
all’17,7% in più rispetto all’anno 2007 (503).
Rispetto al 2007 la prevalenza fino a 18 anni dell’handicap è la tipologia di plurihandicap
con n. 127 casi accertati; segue l’handicap psichico n.112 casi, il fisico n. 83 casi e il
sensoriale n. 21.
Nella fascia di età 19-64 risulta prevalente l’handicap fisico con n.308 casi accertati, seguito
dalle situazioni di plurihandicap n.257, psichico n. 204 e sensoriale n.76.
Dati riguardanti le Commissioni per l’accertamento dell’handicap:
• Commissioni operanti n. 2
• Sedute nell’anno n. 59
• Domande di accertamento pervenute nel 2008 n. 358
• Domande giacenti al 1/01/08 pervenute in anni precedenti n. 110
• Domande esaminate e definite nel 2008 n. 458
• Domande archiviate (decessi, assenze, rinunce, ecc..) n. 50
• Totale domande giacenti al 31.12.2008 n. 63
Classi Di Eta’
0-3
4-18
19-25
26-39
40-64
>64
Totale
Di Cui In Situazioni Di
Gravita’
7
12
1
8
52
245
325
Domande Esaminate
Con Esito Positivo
7
26
1
23
74
315
446
Domande Esaminate
Con Esito Negativo
5
7
12
I dati sopraindicati vengono riportati al fine di evidenziare che il lavoro della commissione
per l’accertamento di handicap è rivolto prevalentemente agli adulti ed in particolare alla
fascia di età > 64 anni:
• Il 71% degli accertati con esito positivo riguarda soggetti oltre i 64 anni
• Il 17% fascia d’età 40 – 64 anni
• Il 5% fascia d’età 19 - 39 anni
• Il 7% fascia d’età 0 - 18 anni
Si evince che una percentuale significativa della domanda di accertamento di handicap è
quindi rivolta ad ottenere i benefici generali della L. 104/’92 e non all’accesso di interventi
e/o servizi specifici legati ad una presa in carico multidisciplinare.
Nel 2008 si mantiene il trend acquisito nel 2007 che si aggira intorno ad un flusso di utenza
di circa 800 casi.
L’handicap nella scuola
45
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Scuola infanzia
Scuola primaria
Scuola secondaria
Primo grado
Scuola secondaria
Secondo grado
A.S.
2004-2005
17
51
25
A.S.
2005-2006
16
57
33
A.S.
2006-2007
10
59
35
A.S.
2007-2008
21
51
31
26
27
34
44
1.2.8 Patologia psichiatrica
I servizi del D.S.M. per la tutela della salute mentale in età adulta nell’anno 2008 hanno
seguito 4961 utenti (3187 nella zona Piana di Lucca, 1774 nella Valle del Serchio), di cui
1817 nuovi casi (1234 nella Piana di Lucca, 583 nella Valle del Serchio), con un incremento
dell’8,91% degli utenti totali e del 2% dell’incidenza di nuovi casi rispetto al 2007.
I servizi per la tutela della salute mentale dell’infanzia e dell’adolescenza hanno avuto in
carico nell’anno 2375 utenti (1702 nella Piana di Lucca, 673 nella Valle del Serchio), dei
quali 751 hanno avuto per la prima volta accesso al servizio nel 2007, con un incremento
del 5,8% degli utenti totali e del 6,37% dell’incidenza di nuovi casi rispetto al 2007.
Per i pazienti adulti la prevalenza, rispetto alla popolazione della ASL di età superiore ai 18
anni, è stata del 2,58% (2,56% per la Piana e 3,48% per la Valle).
Per i pazienti minorenni la prevalenza, rispetto alla popolazione della ASL di età inferiore ai
18 anni, è stata del 6,95%.
Nel corso dell’anno i ricoveri per residenti ASL nel SPDC di Lucca, calcolati come
dimissioni del 2008, sono stati 300: 251 ricoveri hanno riguardato soggetti residenti nella
Zona Piana di Lucca (166 soggetti) e 49 ricoveri hanno riguardato soggetti residenti nella
Zona Valle del Serchio (38 soggetti). Il tasso di ospedalizzazione dei pazienti psichiatrici
rapportato alla popolazione residente è pertanto di 1,32 ricoveri ogni 1.000 abitanti.
Il 77% dei ricoveri in SPDC ha riguardato situazioni di acuzie in patologie di tipo psicotico.
Nel 2008 sono state inoltre registrate in SPDC n. 47 “attrazioni” da altre ASL e n. 28 “fughe”
in regione (16 per residenti nella Piana di Lucca e 12 per residenti nella Valle).
Distribuzione per fasce di età degli utenti totali, vecchi e nuovi, visti nel 2008 nei servizi di
salute mentale dell’età adulta (incluse le consulenze presso il Pronto Soccorso):
- <18 anni
0,5%
- 18-30 anni 11,0%
- 31-50 anni 36,8%
- 51-60 anni 18,0%
- >60 anni 33,7%
Fasce di età per gli utenti nuovi in assoluto dell’anno (primo contatto con il servizio nel
2008) e dei ‘rientri’ (nuovi contatti nel 2008 a distanza di almeno due anni dal precedente
accesso) per l’anno 2008, per i servizi di salute mentale dell’età evolutiva (non include i casi
già in carico dagli anni precedenti):
0-3 anni 16,0%
4-6 anni 24,7%
7-9 anni 22,4%
- 10-12 anni 17,4%
- 13-15 anni 10,2%
- 16-18 anni 8,1%
>18 anni 1,2%
46
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
I nuovi casi di Disturbi del Comportamento Alimentare afferiti al gruppo di lavoro
dipartimentale (al quale collaborano la U.O. di Medicina ad indirizzo gastroenterologico e
la U.O. di Pediatria) sono stati 19 (8 minori, di cui uno di sesso maschile, e 11 adulti); il
range di età dei nuovi casi minorenni è compreso tra 12 e 17 anni; i casi complessivamente
i seguiti sono stati 32 (19 minori e 13 adulti), con un incremento del 77% rispetto all’anno
precedente.
I nuovi casi di diagnosi di disturbi dello spettro autistico sono stati 9, con un range di età
compreso tra 21 mesi e 4 aa e 10 mm; i casi in età evolutiva complessivamente in carico
sono 53.
1.2.9 La non autosufficienza dell’anziano
Zona distretto Piana di Lucca
Al 31.12.2008 la popolazione della Piana di Lucca è risultata di 167.058 abitanti, il 22,28%
dei quali è ultrasessantacinquenne (valore assoluto 37.219). Rispetto al 2007 la
popolazione totale è aumentata di 1.922 unità e la popolazione ultrasessantacinquenne è
aumentata di 405 unità.
La Zona registra inoltre, rispetto al 2007, una presenza di soggetti anziani in età 65-79 anni
del 15,59 % (valore assoluto 26.043; 157 in meno rispetto al 2007) e una presenza di >80
anni del 6,69 % (valore assoluto 11.176, 248 in più rispetto al 2007).
L’indice di vecchiaia, che è diminuito di tre punti percentuali rispetto al 2007, mostra come
ogni 100 soggetti con età inferiore a 14 anni siano presenti, in Zona, 171,9 anziani
ultrasessantacinquenni.
All’interno della Zona distretto, Villa Basilica è il Comune con la percentuale più elevata di
ultrasessantacinquenni (il 25,30% della popolazione).
La popolazione totale ripartita sui 7 Comuni della Zona è di 167.058 abitanti; il Comune con
più abitanti è Lucca (88.537) ed il Comune con meno abitanti è Villa Basilica (1.762
abitanti).
La popolazione nel periodo 1998-2008 ha avuto, nella Zona, il seguente andamento:
pop/anno
Popolazione
pop. >65
Percentuale
1998
156.672
33.472
21,36
2000
157.664
33.782
21,42
2002
158.546
34.469
21,74
2004
160.894
35.452
22,03
2006
162.551
36.403
22,39
2007
165.136
36.814
22,29
2008
167.058
37.219
22,28
Nel decennio la popolazione totale è aumentata di 10.386 unità e la popolazione anziana è
aumentata di 3.747 unità passando dal 21,36% del 1998 al 22,28% del 2008.
L’aumento di popolazione è costante e per la popolazione anziana la crescita è omogenea
(quasi 1 punto percentuale nel decennio) rispetto alla popolazione totale.
Nei due grafici sottostanti è rappresentato l’andamento della popolazione nel periodo 19982008 nella Zona Piana di Lucca.
47
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
168000
166000
164000
162000
160000
158000
156000
154000
152000
150000
popolazione
1998
2000
2002
2004
2006
2007
2008
38000
37000
36000
35000
> 65 anni
34000
33000
32000
31000
1998
2000
2002
2004
2006
2007
2008
Incidenza degli ultrasessantacinquenni sul totale della popolazione
22%
> 65 anni
pop 0/64
78%
Si riporta inoltre l’indice di vecchiaia
INDICE DI VECCHIAIA
> 65 ANNI = 37.219
< 14 ANNI = 21.651
60000
50000
40000
37219
> 65 anni
30000
< 14 anni
20000
10000
0
21651
Valle
48
171,9
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Zona-Distretto Valle del Serchio
Al 31.12.2008 la popolazione della Valle del Serchio è risultata di 59.315 abitanti, il 25,75%
dei quali è ultrasessantacinquenne (valore assoluto 15.274). Rispetto al 2007 la
popolazione totale è aumentata di 240 unità mentre la popolazione ultrasessantacinquenne
è aumentata di 12 unità.
Dal 1998 ad oggi questo è il secondo anno in cui si registra un inversione di tendenza;
mentre fino al 2006 si era registrata una diminuzione della popolazione totale, in questi
ultimi due anni si evidenzia un aumento della stessa.
La Zona registra inoltre, rispetto al 2007, una minore presenza di soggetti anziani in età 6579 anni del 17,68% (valore assoluto 10.489, 66 in meno rispetto al 2007) e un’aumentata
presenza di >80 anni del 8,07% (valore assoluto 4.785, 76 in più rispetto al 2007).
L’indice di vecchiaia, che è diminuito di due punti percentuali rispetto al 2007, mostra come
ogni 100 soggetti con età inferiore a 14 anni siano presenti, in Zona, 220,47 anziani
ultrasessantacinquenni.
Nella Zona sono sempre 6 i Comuni (Careggine, Fabbriche di Vallico, Fosciandora,
Giuncugnano, Minucciano, e Vergemoli che, tra l’altro, sono tra i più piccoli per numero di
residenti) con una percentuale di ultrasessantacinquenni superiore al 30%; Vergemoli con
la percentuale del 35,1% è il Comune con il più elevato valore percentuale di anziani.
La popolazione totale ripartita sui 21 Comuni della Zona Valle del Serchio è di 59.315
abitanti; il Comune con più abitanti è Barga (10.262 ed il Comune con meno abitanti è
Vergemoli (339 abitanti).
Sono 6 i Comuni con meno di 1.000 abitanti e, in media, la popolazione per comune è di
2.824 abitanti (1.837 media abitanti per comune della Garfagnana e 5.984 media abitanti
per comune della Media Valle del Serchio)
Comuni Media Valle
Popolazione 2008
% >65
Barga
Bagni di Lucca
Borgo a Mozzano
Coreglia Antelminelli
Fabbriche di Vallico
Totale
10.262
6.569
7.339
5.238
512
29.920
26,58
26,52
23,59
23,12
33,40
25,00
Comuni Garfagnana
Camporgiano
Careggine
Castelnuovo
Castiglione
Fosciandora
Gallicano
Giuncugnano
Minucciano
Popolazione
%>65
2.318
27,96
616
31,49
6.138
22,97
1.898
25,76
635
30,39
3.936
24,49
498
32,73
2.338
32,38
Comuni Garfagnana
Molazzana
Piazza al Serchio
Pieve a Fosciana
S.Romano
Sillano
Vagli di Sotto
Vergemoli
Villa Collemandina
Totale
Popolazione
%>65
1.159
29,25
2.501
24,75
2.419
25,80
1.469
26,14
734
27,79
1.017
29,20
339
35,10
1.380
28,26
29.395 26,51
La popolazione nel periodo 1998-2008 ha avuto, nella Zona, il seguente andamento:
Pop / anno
Popolazione
pop. >65
Percentuale
1998
60.132
14.308
23,79
2000
59.577
14.445
24,24
2002
59.025
14.574
24,70
49
2004
58.850
14.823
25,1
2006
58.619
15.098
25,75
2007
59.075
15.262
25,83
2008
59.315
15.274
25,75
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Nel decennio la popolazione totale è diminuita di 817 unità a fronte di un aumento della
popolazione anziana (+ 966 unità) passando dal 23,79% del 1998 al 25,75% del 2008.
Nei due grafici sottostanti è rappresentato l’andamento della popolazione nel periodo 19982008 nella Zona Valle del Serchio.
15.400
15.200
15.000
14.800
14.600
> 65 anni
14.400
14.200
14.000
13.800
1998
2000
2002
2004
2006
2008
60.500
60.000
popolazione
59.500
59.000
58.500
58.000
57.500
1998
2000
2002
2004
2006
2008
Incidenza degli ultrasessantacinquenni sul totale della popolazione
26%
> 65 anni
pop. 0 /64
74%
Si riporta inoltre l’indice di vecchiaia
Indice di Vecchiaia
> 65 Anni = 15.274
< 14 Anni = 6.928
50
220,47
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
25000
20000
15000
15274
> 65 anni
< 14 anni
10000
5000
0
6928
Valle
Dati Aziendali
Disponibilità di posti letto in strutture residenziali
Di seguito si riportano i posti letto disponibili in RSA a gestione diretta o convenzionate
presenti nella ASL 2; i dati sono stati raffrontati con l’indice determinato nel Piano
Regionale di Assistenza Sociale ( PRAS)
Anno 2008
Abitanti
> 65 anni
P.L. N.A.
Indice aziendale
Piana di Lucca
Valle del Serchio
Totale Az. Usl 2
167.058
59.315
226.373
37.219
15.274
52.493
268
177
445
0,72
1,16
0,85
Indice Pras del
337/94
1,6%
Si conferma l’assenza della lista di attesa ed i tempi di inserimento sono molto contenuti
(nell’ordine di giorni dal momento della presentazione della domanda). Nel 2008 è stato
messo a regime il funzionamento dei Punti Insieme e dei Punti Unici di Accesso
Quote sanitarie
Nella tabella e nel grafico sottostanti è descritto l’andamento nel triennio della spesa
sostenuta per quote sanitarie, a favore di soggetti anziani non autosufficienti ricoverati nelle
strutture convenzionate presenti in ogni Zona e al di fuori del territorio aziendale.
Quote sanitarie
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
Piana di Lucca
2.694.380
2.992.020
2.967.615
2.887.126
2.971.266
3.642.402
3.500.000
3.629.155
3.701.914
Valle del Serchio
516.030
847.180
1.101.605
1.075.477
1.124.560
1.427.100
1.002.000
996.000
1.082.635
TOTALE
3.210.410
3.839.200
4.069.220
3.962.603
4.095.826
5.069.502
4.502.000
4.625.155
4.784.489
n.b. nel febbraio 2009 la regione Toscana ha rideterminato la quota sanitaria con effetto retroattivo dal 1°
gennaio 2008 (+ € 1,21 giornalieri per il 2008 e ulteriori € 1,24 per il 2009)
51
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
4.000.000
3.000.000
Piana di Lucca
2.000.000
Valle del Serchio
1.000.000
0
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2008
Valutazione del grado di autosufficienza
La Commissione per l’accertamento del grado di autosufficienza, nel periodo 2003-2008 ha
effettuato le seguenti visite utilizzando il protocollo regionale previsto dalla delibera GRT
402/2004.
Anno
2003
2004
2005
2006
2007
2008
1.3
Piana di Lucca
N. Visite N. non autosuff.
331
223
246
153
248
184
274
222
238
187
406
376
Valle del Serchio
N. Visite N. Non autosuff.
81
61
81
67
84
68
88
79
87
78
133
128
N. Visite
412
327
332
362
325
410
Totale
N. Non autosuff.
304
220
252
301
265
340
ELEMENTI SIGNIFICATIVI VERIFICATISI NELL’ANNO CHE HANNO
MODIFICATO LO STATO DI SALUTE
1.3.1 Rapporti tra eventuali problemi emergenti a livello ambientale e
stato di salute
Nel 2008 non vi sono state particolari emergenze sanitarie di ordine ambientale nell’ASL 2,
se non il ripresentarsi delle problematiche già a suo tempo note, relative ai comparti acqua,
aria e suolo. In particolare vi sono stati 5 incendi che hanno coinvolto attività produttive nel
territorio della Piana di Lucca e che hanno visto l’intervento del Gruppo Siti Inquinati per la
presenza di amianto in tutti i siti coinvolti ed in un caso, ditta CIRES Porcari, per la
presenza di acido cianidrico (HCN) nei prodotti di combustione, senza conseguenze per la
popolazione. Infine nel caso della Cartiera Fenili, a seguito dell’esplosione di un serbatoio
di olio diatermico, è stato necessario imporre delle misure a tutela della popolazione,
vietando il consumo di alcuni prodotti agricoli nell’area interessata.
Acqua
Lo stato della risorsa idrica a Lucca non ha rilevato particolari condizioni di stress dovuti a
fattori ambientali e, seppur con qualche variazione climatica, la disponibilità della risorsa
idrica si è mantenuta accettabile nel corso dell’anno. Sono comunque sempre presenti i
fenomeni di inquinamento “storici” già a suo tempo evidenziati per la presenza di alogenati
(tricloro e tetra cloro etilene), idrocarburi (MBTE e IPA) e fitofarmaci.
52
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Aria
La qualità dell'aria continua ad essere significativamente influenzata dalle condizioni
climatiche generali e dalla notevole quantità di traffico veicolare che attraversa sia la Piana
di Lucca che il fondovalle della Valle del Serchio, nonché dalla presenza dei numerosi
impianti industriali. Spesso solo in presenza di alcune condizioni meteorologiche, si
verificano emissioni maleodoranti che arrecano disagio direttamente alla popolazione
abitante nelle zone limitrofe. Il Dipartimento di Prevenzione è stato fortemente impegnato
nel controllo delle emissioni degli impianti civili, dove, salvo rare situazioni di rischio reale,
spesso si trattava di contestazioni tra privati che fortunatamente non corrispondevano a
pericoli per la salute.
Suolo
Il territorio sia della Piana di Lucca sia nella Valle del Serchio, è interessato da bonifiche di
inquinamenti da incidenti, da attività produttive e da sversamenti fognari. Nel 2008 sono
stati esaminati ai fini della bonifica 15 nuovi siti, prevalentemente da idrocarburi e
sversamenti di reflui industriali e civili. Questa attività è seguita in prima persona dal
Dipartimento di Prevenzione tramite un apposito gruppo di lavoro operativo dal 2001,
“Gruppo siti inquinati”, che partecipa alla definizione e caratterizzazione dei siti da
bonificare e controlla l’espletamento delle procedure operative per quanto riguarda gli effetti
sulla salute umana e la sicurezza sui luoghi di lavoro.
Campi Elettromagnetici
Nell’ambito di questo settore, il Dipartimento ha continuato l’opera di assistenza alle
Amministrazioni e di risposta ed informazione alla popolazione. Fermo restando che
permane lo stato di criticità relativo al sito di Maggiano dove ancor oggi sono presenti livelli
di CEM vicini ai limiti imposti per legge per gli elettrodotti e sui quali si ritiene sia necessario
continuare ad intervenire alfine di ridurre l’esposizione della popolazione a tali livelli, non si
rilevano situazioni di particolare criticità.
Infine il Dipartimento è stato coinvolto nel processo di Valutazione di Impatto Ambientale
(VIA) relativo a diverse opere in fase di definizione, tra le quali vale la pena ricordare
l'impianto di cogenerazione proposto dalla Lucart a Diecimo, Borgo a Mozzano, e
l'ampliamento di Cava Pedogna nel comune di Pescaglia. La rilevanza di tali opere, hanno
portato il Dipartimento alla richiesta in ambedue i casi di una precisa e più completa
valutazione da un punto di vista sanitario di tutti i possibili effetti diretti ed indiretti nocivi
alfine di garantire il più possibile la popolazione residente. Nel caso di Cava Pedogna la
procedura si è chiusa negli ultimi mesi del 2008, con la richiesta di interventi di mitigazione
rilevanti dovuti alla natura del materiale estratto, che presenta concentrazioni di silice
cristallina anche superiori al 30% e che rappresenta al momento una fonte notevole di
polveri di inerti in grado, se non controllate e ridotte, di indurre danni potenziali alla salute
umana e dell’ambiente.
53
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
Vista di insieme dei due siti oggetto di VIA: A - Cava Pedogna e B - Lucart S.p.A. (da
GoogleMap)
1.3.2 Modificazioni
della
struttura
economica, della
demografica e ripercussioni sullo stato di salute
struttura
Le problematiche relative alla struttura demografica con ripercussioni sulla stato di salute
nel 2007 risultano sovrapponibili a quelle già evidenziate negli anni precedenti.
Si riconferma quindi l’andamento della struttura demografica degli ultimi anni, caratterizzato
da un trend negativo, in senso numerico, della popolazione residente, ovvero il numero
delle nascite continua ad essere inferiore rispetto al numero delle morti: tale trend negativo
è ancora compensato dalla popolazione immigrata, per cui alla fine il bilancio demografico
continua ad essere positivo.
L’età media e la speranza di vita si elevano anno dopo anno e la mortalità, pur con un
andamento globale pressoché costante o in lieve riduzione, rimane, per alcune cause,
ancora superiore alle medie regionali, andamento comune con tutte le altre ASL della
fascia costiera.
Il progressivo invecchiamento della popolazione continua a determinare un maggiore
impegno in termini di servizi di assistenza ospedaliera, assistenza domiciliare e disponibilità
di farmaci e cure.
54
Relazione Sanitaria – Sezione I: Il quadro epidemiologico
_______________________________________________________________________________________
La domanda di salute della popolazione anziana è un problema molto sentito anche a
livello nazionale in quanto, a fronte di un impegno di più della metà delle risorse totali
dedicate alla sanità, non si riesce a garantire un’ assistenza equa ed omogenea su tutto il
territorio.
Quindi si riconferma l’importanza dell’adozione di strumenti e progetti che abbiano come
obiettivo la prevenzione nella popolazione adulta ed anziana con particolare attenzione alla
prevenzione delle malattie infettive ad esempio tramite l’impiego dei vaccini, alla
sorveglianza nei confronti delle patologie respiratorie determinate da fattori ambientali e/o
patologici, e alla prevenzione degli incidenti stradali e domestici.
55
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
SEZIONE II
GLI OBIETTIVI STRATEGICI PERSEGUITI
ED I RISULTATI RAGGIUNTI
2.1 IL QUADRO SINTETICO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI
PERSEGUITI E DEI RISULTATI RAGGIUNTI
2.2 LE AREE DI CRITICITÀ E GLI ELEMENTI SIGNIFICATIVI
VERIFICATISI NELL’ANNO
56
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
2.1
IL QUADRO SINTETICO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI
PERSEGUITI E DEI RISULTATI RAGGIUNTI:
L’Azienda USL 2 di Lucca, in linea con il nuovo Piano Sanitario Regionale 2008-2010, si è
trovata pronta alle nuove sfide e ai nuovi bisogni del Sistema Sanitario Toscano,
affrontato attraverso una profonda riorganizzazione delle rete ospedaliera, un
consolidamento delle attività delle Aree Vaste, degli ESTAV e l’avvicinamento alla Società
della Salute, determinando il passaggio da un sistema competitivo tra Aziende Sanitarie
ad un modello di cooperazione e di integrazione.
Tale percorso ha introdotto forti elementi d’innovazione che costituiscono l’impalcatura di
un modello stabile ed in grado di adeguarsi ai nuovi scenari.
In merito alla gestione, il vincolo principale che ha caratterizzato il 2008 è stato quello di
uno scenario di rigore, sostanzialmente isorisorse rispetto all’anno precedente.
E’ in questo panorama di estrema attenzione all’utilizzo delle risorse che sono stati
individuati e perseguiti gli obiettivi strategici nel 2008.
In questo contesto, l’Azienda USL 2 di Lucca considera strategici temi quali il confronto
con le istituzioni del territorio, con il Terzo Settore e con la Sanità Privata e la
valorizzazione dei professionisti nel governo clinico del sistema.
L’Azienda ha sviluppato gli indirizzi strategici regionali secondo i livelli di assistenza
Prevenzione Collettiva, Assistenza Territoriale e Assistenza Ospedaliera, declinandole
attraverso una programmazione triennale.
Inoltre l’Azienda ha individuato nuove opportunità per operare sulle determinanti
fondamentali della salute, per migliorare gli stili di vita e per promuovere programmi ed
iniziative di educazione alla salute, da un lato attraverso il rafforzamento delle capacità dei
cittadini di fare scelte consapevoli per la propria salute (empowerment) con l’acquisizione
di stili di vita sani, dall’altro lato avviando strategie integrate e intersettoriali tra i diversi
settori del sistema sanitario e con tutte le componenti sociali, economiche, ambientali e
culturali del territorio.
L’obiettivo è quello di agire utilizzando i nuovi modelli organizzativi territoriali come la
Società della Salute e lo strumento programmatorio dei Piani Integrati di Salute. Questo
dovrebbe determinare lo sviluppo di azioni intersettoriali che promuovano stili di vita sani e
consapevoli, una migliore gestione delle patologie croniche e una sanità di iniziativa che
non aspetta sulla soglia dei servizi il cittadino ma orienta l’attività verso i soggetti più fragili
e bisognosi d’assistenza.
Le direttrici principali della programmazione 2008-2010 sono orientate dunque allo
sviluppo del Chronic Care Model, al consolidamento dei servizi rivolti ai cittadini “non
autosufficienti” e al potenziamento e riorganizzazione del percorso riabilitativo e alla
medicina d’iniziativa.
Allo stesso tempo l’Azienda sta procedendo all’adeguamento del modello di gestione della
fase acuta delle patologie, operando una stretta integrazione con l’offerta dei servizi
territoriali attraverso:
• forte integrazione dell’attività ospedaliera con quella territoriale;
• sviluppo e potenziamento delle eccellenze;
• adeguamento delle attrezzature tecnologiche, tenendo conto dei limiti delle
attuali strutture;
• informatizzazione della rete ospedaliera e collegamento con il territorio ed i
medici di medicina generale;
• accreditamento degli stabilimenti ospedalieri della Valle del Serchio.
57
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Nell’ambito dell’assistenza ospedaliera nel prossimo triennio risulterà fondamentale
mantenere l’attenzione al collegamento alla rete integrata di Area Vasta, puntando alla
forte caratterizzazione di alcune eccellenze nelle attività di Radioterapia, della Banca delle
Cornee, della Medicina dello Sport e del Laboratorio di Sanità Pubblica di Area Vasta,
dando un ulteriore impulso per la piena attivazione dell’informatizzazione con i progetti del
CUP di Area Vasta e del RIS-PACS.
Per quanto attiene al processo di aggiornamento e revisione delle risposte sanitarie
questo è contestuale ad un percorso di adeguamento dei presidi in termini strutturali,
strumentali e di risorse umane. Gli interventi principali hanno riguardato il piano di
accreditamento dei Presidi della Valle del Serchio, il percorso di realizzazione del Nuovo
Ospedale di Lucca e un adeguamento strutturale della rete dei presidi aziendali territoriali,
in particolare:
• l’ampliamento e riorganizzazione del Centro Socio Sanitario di Piazza al Serchio;
• la ristrutturazione funzionale dei locali dell’ex-scuola di Gallicano per la nuova
sede del dipartimento di prevenzione e del SERT della Valle del Serchio;
• la ristrutturazione funzionale del complesso Villetta (San Romano) con l’apertura
dell’Hospice;
• la realizzazione del Centro Socio-Sanitario di Fornoli;
• la realizzazione della nuova sede del dipartimento di salute mentale a Fornaci di
Barga;
• l’apertura del dipartimento di prevenzione, del laboratorio di Area Vasta e del
centro socio-sanitario a Capannori;
• l’apertura dell’ospedale di comunità a Marlia;
• l’apertura dell’Hospice e del Nucleo Comi, a San Cataldo (Maggiano);
Tutti questi interventi hanno rappresentano un presupposto indispensabile per il
raggiungimento degli obiettivi socio sanitari indicati dalla Regione e contenuti nella
programmazione strategica aziendale.
Gli obiettivi derivati dalla programmazione strategica hanno trovato attuazione attraverso
le azioni e gli interventi declinati secondo i livelli di assistenza Prevenzione Collettiva,
Assistenza Territoriale e Assistenza Ospedaliera.
La Prevenzione Collettiva
Per l’Attività di Promozione è stata realizzata una campagna di informazione per la
riduzione degli incidenti domestici, che ha riguardato in particolare oltre alla parte edilizia,
il recupero delle coperture in amianto e la sicurezza degli impianti di riscaldamento
domestici. Per quanto riguarda l’Alimentazione e Salute, è proseguito il progetto regionale
orientato alla lotta all’obesità e al miglioramento degli stili di vita, alla sorveglianza
nutrizionale presso le RSA e il proseguimento del “progetto celiachia” e del counseling
nutrizionale.
Riguardo all’Attività Sanitaria, la campagna regionale di vaccinazione contro il morbillo, la
rosolia e la parotite è stata continuata in modo da mantenere la copertura vaccinale sopra
il 92%.
E’ stato messo a disposizione della popolazione il vaccino contro la varicella e quello
contro il rotavirus.
In accordo con le direttive regionali, il vaccino contro il tumore del collo dell’utero (HPV) è
stato proposto attivamente alle ragazze nate nel 1997, e su adesione spontanea a quelle
58
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
nate nel 1996. L’adesione a questo nuovo vaccino è stata buona, mediamente superiore
al 50%.
Per quanto riguarda le vaccinazioni obbligatorie si è continuato a mantenere i buoni livelli
di copertura vaccinale raggiunti.
Per gli utenti in età adulta è stata effettuata vaccinazione antinfluenzale,
antipneumococcica ed antidiftotetanopertosse. La campagna di vaccinazione
antinfluenzale si è avvicinata nella copertura degli ultra 65enni all’80%.
Nel 2008 il percorso del miglioramento della qualità del Dipartimento della Prevenzione ha
portato all’acquisizione della certificazione ISO per la Sanità Pubblica Veterinaria mentre è
iniziato il percorso anche per l’Igiene degli Alimenti e Nutrizione che lo concluderà nel
2009.
Per quanto attiene ai controlli particolare attenzione è stata rivolta alla Sicurezza negli
Ambienti di Lavoro dove è stata incrementata di oltre il 10% l’attività di ispezione e
controllo, in applicazione sia del protocollo d’intesa siglato in Prefettura che delle precise
indicazioni regionali (DGR 330/08).
Sono continuati inoltre i piani mirati per la prevenzione e la sicurezza sui luoghi di lavoro
(piano sulla movimentazione, piano per la sicurezza nei cantieri edili, piano per la
sicurezza nelle cave) attraverso il rafforzamento del rapporto con gli Enti preposti e con le
Organizzazioni sindacali per la verifica del monitoraggio degli infortuni e con incontri
collettivi sia con i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza che con le aziende ed i
medici competenti.
Il Laboratorio di Sanità Pubblica di Area Vasta, centro di eccellenza regionale, ha risposto
in maniera integrata ai bisogni analitici di tutti i Dipartimenti di prevenzione delle Aziende
di Area Vasta, in particolare nei settori di:
• Biotossicologia acque ed alimenti;
• Agenti chimici e tossicologia occupazionale;
• Agenti fisici, polveri e fibre.
Per quanto riguarda il sistema di raccolta e trasporto campioni, secondo l’accordo dei
Direttori Generali, di affidare tale sistema all’ESTAV, ha preso avvio la fase progettuale.
Nell’ambito dello Sviluppo Strutturale e Adeguamento Funzionale per le nuove opere per il
settore della prevenzione di particolare importanza risulta la struttura del Dipartimento con
sede a Capannori che è stata completata e sono già in fase avanzata le finiture interne, gli
impianti ed è stata avviata la progettazione esecutiva per l’installazione di pannelli
fotovoltaici.
In Valle del Serchio è in corso la progettazione preliminare della nuova sede del
dipartimento della prevenzione a Gallicano.
L’Assistenza Territoriale
Riguardo all’Assistenza Territoriale è stato dato particolare impulso allo sviluppo delle
forme associative dei Medici di Medicina Generale verso il modello di riferimento del
Chronic Care Model che trova la sua premessa nei progetti a favore dell’anziano fragile e
della non autosufficienza già attivati nella nostra azienda.
Nel corso del 2008, si sono definiti i nuovi contenuti dei Protocolli d’Intesa tra l’Azienda
USL e le Unità di Cure Primarie (UCP) con la quale si precisa la natura e il contenuto dei
rapporti tra l’ASL 2 e le Unità di Cure Primarie, nonché lo schema degli obiettivi e degli
indicatori di verifica.
59
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
E’ proseguita inoltre l’attività di cure primarie di Barga, Castelnuovo Garf. e Altopascio,
istituite nel 2007, mentre nel 2008 è stata avviata l’attività di Borgonuovo.
Nella Unità di Cure Primarie di Castelnuovo e Altopascio sono stati inseriti in maniera
stabile il servizio di continuità assistenziale (guardia medica); inoltre le Unità di Cure
Primarie hanno iniziato a gestire in maniera autonoma i prelievi domiciliari dei loro assistiti
e si è proceduto all’acquisto di un’idonea strumentazione per il controllo ambulatoriale e
domiciliare dei pazienti in cura con anticoagulanti orali.
Infine l’accordo con i medici di medicina generale sull’appropriatezza prescrittiva dei
farmaci insieme all’accordo del programma distributivo con le farmacie convenzionate
pubbliche e private, ha permesso un avvicinamento della spesa farmaceutica aziendale ai
livelli medi della spesa farmaceutica regionale.
In merito alla riorganizzazione dell’Unità Funzionale Attività Sanitarie di Comunità (UF
ASC) nel corso del 2008 è stato consolidato il modello organizzativo del servizio di
Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) che già dal 2007 aveva previsto turni di servizio
pomeridiani (12 h /24 h) e accessi domiciliari programmati nei giorni festivi a favore di
pazienti che necessitano di prestazioni assistenziali sanitarie quotidiane. Tale attività nei
giorni festivi e prefestivi è stata integrata con l’attività dei Medici di Continuità
Assistenziale.
Sono state inoltre individuate funzioni specifiche anche con l’attribuzione di incarichi
professionali per l’ADI, per le cure palliative, per l’attività del Punto Unico di Accesso
(PUA) e infine per le cure intermedie.
E’ stato inoltre individuato il responsabile zonale della Unità di Valutazione
Multidimensionale (UVM) e resa maggiormente attiva e funzionale tale struttura.
- Sviluppo dei Percorsi Integrati Ospedale-Territorio
Il potenziamento dell’attività dell’Assistenza Domiciliare Integrata, con estensione
dell’orario sulle 12 ore, ha favorito il miglioramento e consolidamento dei percorsi di
gestione dei pazienti con Scompenso Cardiaco, Broncopneumopatia Cronico Ostruttiva
(BPCO) e esiti di Ictus.
Per il 2008, nella Piana di Lucca e nella Valle del Serchio, sono proseguiti i percorsi
formativi per il personale sanitario, indirizzati alla gestione dei pazienti con scompenso
cardiaco e con insufficienza respiratoria cronica, al fine di completare una
riorganizzazione iniziata nel 2007 con il consolidamento dei percorsi oncologici in Valle del
Serchio e le iniziative formative effettuate nella Piana di Lucca.
Sno stati attivati, inoltre, i percorsi assistenziali post-dimissione per pazienti affetti da
patologia oncologica in fase avanzata, esiti di ictus e esiti di frattura di femore, con il
coinvolgimento diretto del Punto Unico di Accesso (PUA), delle cure intermedie e
dell’Assistenza Domiciliare Integrata.
Nel corso dell’anno 2008 sono stati attivati i percorsi per la sorveglianza attiva dello
scompenso cardiaco cronico, in particolare per i soggetti con ricoveri ripetuti.
Si è consolidato il percorso oncologico ospedale-territorio grazie all’attività del Servizio di
Cure Palliative domiciliari esteso a tutta l’Azienda, l’apertura dell’Hospice a San Cataldo,
ed è stata consolidata l’attività oncologica ospedaliera in Valle del Serchio, secondo le
direttive della Regione Toscana per le zone carenti. Per sopravvenute esigenze del
presidio ospedaliero di Castelnuovo è stata differita l’apertura dell’Hospice che sarà
ricollocato presso la struttura di Villetta a San Romano.
Si è ulteriormente consolidato nel corso dell’anno 2008 il percorso riabilitativo così come
definito dalla deliberazione regionale 595/2005. Alla realizzazione del percorso n. 1
60
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
“attività motoria adattata”, alle palestre coinvolte in Valle del Serchio e Piana di Lucca, si
sono aggiunte la Piscina di Gallicano e una nuova Palestra a Barga.
In Valle del Serchio, i percorsi 2 e 3 per pazienti maggiormente impegnati hanno una loro
definizione consolidata e vengono applicati grazie all’attività valutativa e riabilitativa dei
medici e dei terapisti, con il rispetto dei tempi di attesa per la presa in carico, stabiliti dalla
delibera stessa. Nella Piana di Lucca si è provveduto ad una riorganizzazione della Unità
Operativa Recupero Funzionale (UORF) e dei servizi territoriali che ha consentito nel
2009, la riapertura a CUP del percorso 2, mentre il percorso 3 ha avuto un notevole
incremento in conseguenza della realizzazione di snodi funzionali sul territorio.
Contestualmente, in questo scenario in evoluzione, alla luce del DPCM del 1 aprile del
2008 è stato decretato il passaggio di competenze in materia di tutela della salute dei
detenuti ed internati (adulti e minori) dal Ministero di Grazia e Giustizia al Servizio
Sanitario Nazionale. L’azienda ha dunque avviato un percorso che si svilupperà nel corso
del 2009 che ha richiesto un forte impegno di condivisione e di riorganizzazione dei
processi per fare fronte alle disposizioni della Regione Toscana sul tema della Salute in
Carcere.
- Sviluppo delle Cure Intermedie
La linea strategica di sviluppo delle Cure Intermedie nel 2008, ha seguito un percorso che
ha posto l’attenzione sia ai pazienti dimissibili dall’ospedale, che necessitano di assistenza
in una struttura residenziale, sia ai pazienti con riacutizzazioni di patologie croniche non
più trattabili a domicilio.
Nel corso del 2008, per la Piana di Lucca, sono stati attivati:
• 7 posti letto di hospice e 4 posti letto di nucleo comi vegetativi presso la struttura di
S. Cataldo a Maggiano;
• 4 posti letto per cure intermedie a turn over medio alto (degenza media 15 – 20 gg)
presso la RSA aziendale Il Sole di Altopascio, dedicati prevalentemente a pazienti
anziani con esiti di frattura di femore (protocollo operativo condiviso con UO
Ortopedia e traumatologia e UO Riabilitazione);
• 9 posti letto di ospedale di comunità presso la Struttura di Marlia di cui 5 in media
dedicati a pazienti anziani con esiti di ictus cerebri (protocollo condiviso con UO
Neurologia e UO Recupero Funzionale).
Queste azioni si vanno ad aggiungere a quanto realizzato nella Valle del Serchio, nel
corso del 2008, dove è stata posta particolare attenzione allo sviluppo dell’appropriatezza
dei percorsi assistenziali, che hanno permesso una tempestiva attivazione delle dimissioni
ospedaliere per l’inserimento nelle strutture di Gallicano e Giuncugnano.
Ulteriore sviluppo delle cure intermedie avverrà con l’apertura dei 5 posti di hospice
presso la RSA di Villetta di San Romano.
- Riorganizzazione della Rete di Emergenza e dei Punti Territoriali di Continuità
Assistenziale
Un sistema già particolarmente avanzato ed efficace come quello dell’EmergenzaUrgenza è stato reso ancora più efficiente portando a termine il processo di
riorganizzazione iniziato nel 2007, e che ha già prodotto significativi risultati.
La riorganizzazione della Rete di Emergenza e dei Punti Territoriali di Continuità
Assistenziale ha riguardato esclusivamente la Valle del Serchio per completare il sistema
aziendale dei servizi di questo settore.
Nel corso del 2008, è stato infatti riorganizzato il Punto di Emergenza Territoriale (PET) di
Fornaci di Barga con il suo trasferimento presso il Presidio Ospedaliero di Barga dove si
integra con la continuità assistenziale e l’attività dei reparti ospedalieri.
61
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Inoltre sono stati ultimati i lavori di ampliamento del Centro Socio Sanitario (CSS) di
Piazza al Serchio che permetterà l’attivazione del servizio di primo soccorso nel punto
PET anche qui integrato con il servizio di continuità assistenziale e con la istituenda
medicina di gruppo.
Di particolare importanza per la continuità delle cure e l’integrazione delle risorse di Area
Vasta, va sottolineata l’abilitazione al volo notturno della piazzola dell’elisoccorso a
Castelnuovo Garfagnana.
- Prelievi Domiciliari
Nel 2008 è stata realizzata una importante riorganizzazione e potenziamento dei punti
prelievo, anche attraverso la riformulazione delle convenzioni con il volontariato e una
stretta integrazione con il centro prelievi ospedaliero.
Il servizio prelievi presso i Centri Socio-Sanitari (CSS) e punti prelievo della Zona Distretto
Piana di Lucca è stato potenziato in particolare attraverso l’incremento del numero di
giorni in cui il servizio è attivo.
In Valle del Serchio si è consolidata la collaborazione con le Associazioni di Volontariato
con l’attivazione presso il P.O. di Castelnuovo Garf. del punto unico di registrazione ed
inserimento dati relativi ai prelievi domiciliari gestito dalla Misericordia di Castelnuovo
Garfagnana in collegamento telematico con il laboratorio analisi.
Questa innovazione ha permesso una razionalizzazione degli interventi a domicilio, la
riduzione del tempo di raccolta di campioni e l’invio in tempo utile all’Ospedale di Lucca.
L’integrazione Socio-Sanitaria
- Assistenza alla persona Non autosufficiente
Nel 2008 l’attività si è concentrata sulla fase pilota del progetto di assistenza continuativa
alla persona non autosufficiente (progetto badanti, ricoveri temporanei di sollievo nelle
RSA, attivazione centro diurno Alzheimer), definito in accordo con le Articolazioni Zonali
delle Conferenze dei Sindaci, che si è conclusa positivamente riguardo il raggiungimento
degli obiettivi.
I suddetti progetti sono stati approvati e finanziati dalla Regione Toscana.
E’ importante sottolineare come nel corso del 2008 è stata inoltre approvata e sottoscritta
nelle due zone tra l’Azienda, i Comuni e la Provincia, “l’Intesa Interistituzionale per il
governo dell’assistenza continua alla persona non autosufficiente”.
Tale accordo rappresenta un primo passaggio fondamentale per il governo integrato del
Fondo che a regime verrà gestito dalla costituenda Società della Salute.
- Potenziamento dell’Attività Consultoriale
L’attività consultoriale è stata rimodulata e rafforzata con il coinvolgimento attivo di più
figure professionali che compongono l’equipe consultoriale (medico ginecologo, ostetrica,
assistente sociale, psicologo e mediatore culturale). Il nuovo modello prevede la presenza
di attività consultoriale per ogni Centro Socio-Sanitario con la presa in carico del caso da
parte dell’ostetrica, con accesso libero. L’ostetrica provvederà ad avviare il percorso e, se
è necessario, attiverà direttamente l’intervento delle altre professionalità consultoriali.
In particolare è stato consolidato il centro consultoriale presso il Distretto di viale Giusti
come sede principale per il consultorio familiare e consultorio adolescenti, utilizzando
locali dedicati.
In particolare, il servizio è stato potenziato con un incremento di ore settimanali dell’orario
globale per le attività consultoriali nella Zona Distretto Piana di Lucca, presso la sede
consultoriale principale di Viale Giusti, nelle sedi consultoriali periferiche di S.Anna e
S.Vito e presso il Punto Donna all’Ospedale Campo di Marte con personale della Zona
Distretto.
62
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Anche in Valle del Serchio è stato attivato il consultorio ostetrico-ginecologico con sede
centrale presso il Centro Socio-Sanitario di Gallicano con la presenza integrata del medico
ginecologo, dell’ostetrica, del pediatra, dello psicologo e dell’assistente sociale. Inoltre è
stato attivato sia il consultorio familiare che il consultorio giovani.
Infine è stato realizzato il completamento della rete informatica presso le sedi consultoriali
delle Zone Distretto con attivazione di un applicativo specifico utilizzato per l’inserimento
diretto delle informazioni e registrazione “alla fonte” delle attività per la produzione del
flusso informativo regionale periodico già dal mese di gennaio 2008.
- Sviluppo della Salute Mentale
In particolare per la Neuropsichiatria Infantile, nella Piana di Lucca, è stato realizzato un
ulteriore miglioramento dei percorsi di gestione del paziente affetto da disturbi dello
spettro autistico e contemporaneamente è stata effettuata una ricerca di appropriatezza
degli interventi riabilitativi nei diversi settori neuropsicologici e neuromotori.
Per il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) sono state effettuate modifiche
organizzative e strutturali per garantire una maggiore sicurezza all’interno delle strutture,
attraverso il rinnovo arredi e messa a norma dei locali, con apertura esterna di un giardino
dedicato e la realizzazione di spazi diversificati per la pratica clinica e per alcuni momenti
ricreativi.
Nella Piana di Lucca, è stato particolarmente significativo il potenziamento dell’attività del
Centro Salute Mentale (CSM), ampliando il livello di assistenza intensivo del CSM sulle 12
ore.
Nell’ambito dell’assistenza e cura dei pazienti psichiatrici, nel corso del 2008, sono stati
adottati dei protocolli con SERT, Salute Mentale Infanzia e Adolescenza (SMIA),
Dipartimento di Emergenza e Urgenza (DEU), Salute Mentale Adulta (SMA) della VdS e
delle procedura per la gestione del rischio clinico.
Infine sono stati intensificati i contatti di rete con Comuni e Provincia per i PIS e per la
creazione di un gruppo di lavoro specifico sull'"abitare in SM"e sugli inserimenti lavorativi.
Nel corso dell’anno 2008 in Valle del Serchio è stata potenziata l’integrazione fra l’area di
osservazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Castelnuovo di Garfagnana e la
residenza “Balfoia” che ha ulteriormente migliorato e qualificato l’attività di gestione delle
emergenze e urgenze psichiatriche.
E’ stata inoltre completata la nuova residenza assistenziale presso il Centro Socio
Sanitario di Fornaci di Barga. L’attività del centro inizierà nell’anno 2009 e questo
completerà il ciclo assistenziale dei pazienti con problemi di salute mentale che vede
l’attivazione della risposta alla crisi negli ambulatori territoriali, nel Pronto Soccorso di
Castelnuovo di Garfagnana, nella residenza di Balfoia, nella struttura residenziale e nel
Centro di Riabilitazione di Fornaci di Barga.
Il percorso assistenziale della salute mentale attivato nella Valle del Serchio ha portato ad
una ulteriore riduzione dei ricoveri in SPDC.
- Servizio Tossicodipendenze (SerT)
Il SerT nel corso del 2008, ha realizzato programmi terapeutici farmacologici, psicosociali
e integrati in favore di soggetti con dipendenza da sostanze d’abuso illegali (oppiacei,
cannabinoidi, cocaina e altri stimolanti-allucinogeni) e legali (alcol, nicotina, farmaci) e
programmi terapeutici specifici in favore di soggetti con dipendenze comportamentali.
Sono stati inoltre realizzati interventi multidisciplinari in favore delle donne
tossicodipendenti attraverso il “Progetto Donna”, rivolto alla popolazione femminile con
obiettivi di prevenzione primaria e secondaria, correlati alle specificità e ai bisogni
dell’identità di genere.
63
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Sono proseguite, in collaborazione con la UO Psichiatria, le attività di gestione della
struttura residenziale aziendale “Villa Adelasia” (Nozzano, Lucca) nella quale sono inseriti
utenti tossico-alcoldipendenti con grave comorbilità psichiatrica (doppia diagnosi).
Nell’ambito della prevenzione, sono state realizzate attività per il controllo e riduzione della
patologia infettiva nei tossico-alcoldipendenti (vaccinazioni antiHAV, antiHBV e screening
per Epatite C, HIV e TBC) e per il consumo a rischio di alcol in ambiti specifici come
quello lavorativo. Inoltre sono state realizzate attività di prevenzione primaria del disagio
giovanile in ambito scolastico, in collaborazione con la U.O. Educazione alla Salute e con
il Forum Provinciale Permanente per la prevenzione dell’uso di sostanze della Prefettura
di Lucca.
Sempre per i giovani, è importante sottolineare l’impegno nella prevenzione degli incidenti
stradali correlati al consumo di sostanze legali e illegali, in collaborazione con la Prefettura
di Lucca e le Forze dell’Ordine.
Infine in relazione alle nuove diposizioni regionali in materia di salute nelle carceri, sono
stati realizzati programmi terapeutici farmacologici e psicosociali integrati in favore di
soggetti ristretti nella Casa Circondariale di Lucca, per i quali opera un’equipe costituita da
medici e assistenti sociali della U.F. SerT di Lucca che prende in carico sia gli utenti
alcol/tossicodipendenti della Zona-Distretto Piana di Lucca e della Valle del Serchio che
gli utenti provenienti da altri SerT della Toscana, di altre Regioni ed extracomunitari.
- Piano Integrato di Salute (PIS)
Nel corso dell’anno 2008 le Zone Distretto, insieme alle Articolazioni Zonali della
Conferenza dei Sindaci, alle Comunità Montane e alla Provincia hanno elaborato il Profilo
di Salute delle Zone-Distretto.
Il passo successivo per il 2008 è stata l’elaborazione del Piano Integrato di Salute che
rappresenta lo strumento idoneo per integrare le risorse sociali e sanitarie dei Comuni, del
Volontariato e delle Aziende Sanitarie al fine di garantire la continuità del percorso
assistenziale.
- Potenziamento del percorso del PUA-COAD (Punto Unico di Accesso-Centrale
Operativa dell’Assistenza Distrettuale)
Nel corso del 2008 l’obiettivo di potenziamento del PUA-COAD, come livello organizzativo
fondamentale del coordinamento ospedale-territorio e in particolare della non
autosufficienza, si è concretizzato attraverso una serie di importanti azioni. In particolare
le attività si sono indirizzate nell’affidare ruoli di responsabilità e nel riconoscimento di
specifiche competenze, secondo le direttive aziendali e regionali.
E’ stato applicato un regolamento operativo dei servizi territoriali e una collaborazione con
il servizio ADI e il servizio Cure Intermedie per garantire la continuità del percorso
assistenziale, in particolare nel caso di pazienti segnalati dall’ospedale.
E’ stata rafforzata la collaborazione con le Unità Operative ospedaliere e con il Nucleo
Operativo per i Rapporti con l’Assistenza Domiciliare Integrata (NORA) per l’applicazione
del protocollo ospedale – territorio, parte integrante del regolamento operativo dei servizi
territoriali.
E’ stata avviata una importante collaborazione con i medici di medicina generale per
l’individuazione dei reali bisogni assistenziali dei pazienti, in particolare quelli complessi
socio-sanitari e la definizione dei Piani Assistenziali Personalizzati (PAP).
Per la Piana di Lucca, la sede del PUA-COAD è stata individuata in Viale Giusti presso la
sede della Zona Distretto, mentre per la Valle del Serchio la sede è nel Presidio
ospedaliero di Castelnuovo Garfagnana.
64
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Sono stati definiti i percorsi e le modalità di accesso alle prestazioni individuando il PUACOAD come centro per la gestione degli interventi di assistenza domiciliare segnalati dai
reparti ospedalieri, dai medici di medicina generale e dai servizi sociali.
La Centrale Operativa gestisce anche i ricoveri negli Ospedali di Comunità delle Zone
Distretto e tutti gli altri interventi, sia sanitari che sociali, di assistenza e supporto alla
persona non autosufficiente.
Anche le attività di cure palliative, assistenza ai soggetti stomizzati ed ai soggetti in terapia
con nutrizione artificiale domiciliare, sono gestite dalle due Centrali Operative della Valle e
della Piana.
- Punti Insieme
Nel corso del 2008 in relazione alle indicazioni regionali e ai relativi obiettivi di governo
dell’integrazione ospedale-territorio, l’azienda ha posto l’attenzione sull’importanza
dell’individuazione di un sistema di protezione sociale e di cura per le persone non
autosufficienti sulla base dei principi generali di universalità nell’accesso alle prestazioni,
di integrazione delle politiche sanitarie e di quelle sociali, di sostegno alla domiciliarità, di
coinvolgimento delle comunità locali nella attuazione e nella valutazione degli interventi.
Il percorso ha quindi dato vita ad una “Fase Pilota” con la quale si è avviato anche il
processo di ridefinizione degli assetti istituzionali e dei livelli organizzativi che ha portato
all’apertura di 24 Punti Insieme su tutto il territorio aziendale, come strutture per
l’informazione, l’accoglienza e l’avvio del percorso assistenziale dei cittadini, con
diffusione capillare sul territorio presso i Comuni, le sedi dei distretti e nei centri sociosanitari, come da indicazioni regionali.
- L’assistenza farmaceutica
Gli obiettivi regionali sull’appropriatezza prescrittiva e sul contenimento della spesa
farmaceutica sono stati perseguiti attraverso una serie di interventi differenziati che hanno
riguardato l’accordo con le farmacie convenzionate pubbliche e private per la distribuzione
per conto, la distribuzione diretta del farmaco e l’attivazione di una figura professionale
con il ruolo supportare i professionisti nella scelta della molecola farmacologica più
adeguata al quesito clinico, privilegiando, dove previsto dalle linee guida internazionali, i
farmaci a brevetto scaduto.
Nel corso del 2008 è stato ulteriormente implementato il progetto di approvvigionamento
dei prodotti farmaceutici tramite magazzino ESTAV.
In particolare, dopo una prima fase di sperimentazione che ha coinvolto 5 centri di scarico
(5 reparti) si è proceduto, nel secondo semestre dell’anno, al collegamento di tutti i centri
di scarico ospedalieri, di Lucca e VDS, al magazzino ESTAV.
Entro la fine dell’anno pertanto tutti i reparti ospedalieri hanno attivato la modalità di
richiesta telematica verso la farmacia, che, una volta validate le richieste, ha provveduto
all’inoltro diretto al magazzino ESTAV, che ha effettuato a sua volta la preparazione delle
cassette per l’invio alla piattaforma aziendale (presso le farmacie), con successiva
consegna ai centri richiedenti.
Le farmacie ospedaliere della nostra ASL hanno iniziato a ridurre le scorte di magazzino,
compatibilmente con la progressiva ottimizzazione del servizio reso da ESTAV.
La U.O. Farmaceutica Ospedaliera, in coordinamento con le pari strutture di Area Vasta,
ha avviato con l’ESTAV la stesura di un protocollo operativo delle procedure organizzative
integrate.
Nel 2008 è proseguito, a cura delle UUOO Farmaceutiche, il progetto di erogazione dei
farmaci a doppia via di distribuzione in DPC (distribuzione per conto) ed è stato
completato il passaggio alla forma indiretta, tramite accordo con le farmacie
convenzionate, della gestione dell’assistenza integrativa territoriale (sistema WEBCARE).
65
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
- Tempi di attesa
Il rispetto dei tempi di attesa costituisce da anni uno degli obiettivi prioritari della
programmazione aziendale ed uno degli obiettivi di budget delle macrostrutture e dei
centri di responsabilità aziendali.
L’Azienda USL 2 di Lucca monitora in modo puntuale e costante tutte le liste di attesa
delle prestazioni specialistiche ambulatoriali e di ricovero, garantendo in modo particolare
il rispetto dei tempi per le visite specialistiche prioritarie, come previsto dalla DGRT
262/2006 e per le prestazioni di diagnostica per immagini contenute nella DGRT
867/2006.
E’ stata rafforzata la rete integrata tra strutture pubbliche e strutture private accreditate,
così da soddisfare la domanda di prestazioni di diagnostica strumentale e visite
ambulatoriali.
Tra le principali azioni poste in essere, sono state implementate le priorità d’accesso, in
particolare per la radiologia tradizionale, concordando con i medici prescrittori attraverso
l’apposizione sull’impegnativa della dizione “primo accesso” quando la prestazione
riguarda un accertamento diagnostico.
Per quanto concerne la gestione delle liste di attesa per i ricoveri programmati, in tutte le
UUOO chirurgiche dei presidi ospedalieri aziendali i ricoveri sono gestiti tramite agende
informatizzate.
Allo stato attuale sono in fase di elaborazione agende informatizzate per la gestione di
tutti i ricoveri ospedalieri programmati, al fine di amministrare in modo equo e trasparente
le proposte di ricovero dei medici di medicina generale e degli specialisti, nonché per la
adeguata gestione delle classi di priorità attribuite.
Tale sistema rappresenta la base informativa necessaria per la implementazione di nuovi
modelli organizzativi (come la week surgery, già introdotta, e l’ospedale per intensità di
cure), che hanno come obiettivo prioritario l’appropriatezza del ricovero nonché la presa in
carico del cittadino durante tutto il suo percorso assistenziale da parte del tutor clinico,
figura deputata a garantire la continuità del percorso stesso.
L’Assistenza Ospedaliera:
- Riorganizzazione delle Unità Operative Chirurgiche e Mediche secondo il modello
per intensità di cure
Per la realizzazione degli obiettivi previsti dal Piano Sanitario Regionale 2008-2010 e da
indicazioni regionali, l’impegno e l’attenzione si sono rivolti primariamente verso la
realizzazione del modello assistenziale per intensità di cure e delle sue implicazioni.
In primo luogo si è consolidato il processo di deospedalizzazione, conseguenza anche
dello sviluppo di percorsi diagnostico-terapeutici di continuità ospedale-territorio e il
potenziamento della rete di residenzialità territoriale e della relativa rimodulazione dei
regimi di ricovero nei confronti delle degenze brevi.
A conferma di ciò, si è rilevata una costante tendenza all’aumento delle attività in regime
diurno (day hospital, day surgery e one-daysurgery) e del potenziamento dell’attività
chirurgica programmata sul ciclo settimanale.
In particolare la riorganizzazione dell’attività chirurgica nei due Presidi, che ha coinvolto
tutte le specialità, ha consolidato un settore specifico dedicato ai ricoveri in degenza breve
con chiusura dello stesso nel week-end. Di conseguenza è stato ridimensionato il ruolo
della degenza pre e postoperatoria a favore della deambulazione precoce e del
tempestivo ritorno alle proprie abitudini di vita.
Una ulteriore tappa di avvicinamento al modello per intensità di cure è stato il
rinnovamento strutturale delle Medicine, avviato nel 2007 e concluso quest’anno con la
rimodulazione
strutturale
delle
diverse
specialità
mediche
(Dermatologia,
Gastroenterologia, Nefrologia, Oncologia e Medicina Interna) in un unico padiglione.
66
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
L’unificazione delle specialità in un’unica area medica, ha dato la possibilità di introdurre
la figura del medico tutor e dell’infermiere referente, come responsabili del percorso
diagnostico-terapeutico e della continuità ospedale- territorio.
In modo funzionale alla creazione di un’area dedicata al regime di ricovero in fase acuta, è
stata attivata l’area di Day Hospital unica nella medesima struttura per le specialità prima
individuate.
La gestione dei pazienti in fase acuta, in un modello per intensità di cure, ha come
elemento cardine il ruolo del Pronto Soccorso nella definizione del percorso dell’utente:
per questo sono stati potenziati i posti letto di Osservazione Breve Intensiva, con la
creazione degli stessi presso il Presidio della Valle del Serchio, per la stabilizzazione e la
definizione diagnostico-terapeutica o per la valutazione in presunzione di dimissione.
In conseguenza delle azioni intraprese è stato rilevato già alla fine del 2008 una riduzione
della degenza media, con particolare attenzione al contenimento dell’inappropriatezza dei
ricoveri e delle prestazioni ambulatoriali.
- Miglioramento della Qualità dell’Assistenza
Nel corso del 2008 sono state rafforzate le eccellenze e sviluppata l’offerta su alcune
attività come la Stroke Unit in Neurologia, potenziata con l’attività di fibrinolisi e con un
rapido inquadramento diagnostico del paziente già nella fase territoriale (118).
In questa logica di potenziamento dell’offerta nel corso del 2008 è stato esteso l’orario di
attività dell’acceleratore lineare in grado di garantire la copertura della domanda sia sul
territorio dell’azienda che in ambito di Area Vasta.
Nell’ambito dello stabilimento ospedaliero di Barga si è provveduto al mantenimento
dell’attività aziendale di procreazione assistita di I° livello presso la U.O. di Ostetricia e
Ginecologia.
Nell’ottica della riqualificazione dell’offerta ospedaliera, in conseguenza della necessità di
soddisfare una sempre crescente domanda e nel rispetto dei tempi d’attesa, è stata
incrementata l’attività ambulatoriale. E’ stata inoltre estesa la possibilità di prenotare le
prestazioni a livello territoriale (farmacie, UCP) e attivato un CUP di secondo livello per la
presa in carico dell’utente fin dall’inizio del suo percorso.
E’ stato potenziata in Valle del Serchio l’attività di assistenza oncologica ospedaliera,
secondo le direttive della Regione Toscana per le zone carenti, realizzando un percorso
condiviso con l’ U.O. di Oncologia del Presidio Ospedaliero di Lucca. Il completamento
della rete di servizi in una logica di continuità ospedale-territorio avverrà per la Valle del
Serchio, così come già realizzato a Lucca, con l’apertura dell’Hospice.
Gli obiettivi regionali sull’appropriatezza prescrittiva e sul contenimento della spesa
farmaceutica sono stati perseguiti attraverso una serie di interventi differenziati che hanno
riguardato l’accordo con le farmacie convenzionate pubbliche e private per la distribuzione
per conto, la distribuzione diretta del farmaco e l’attivazione di una figura professionale
con il ruolo di supporto per i professionisti nella scelta della molecola farmacologica più
adeguata al quesito clinico, privilegiando, dove previsto dalle linee guida internazionali, i
farmaci a brevetto scaduto.
E’ stato sviluppato il settore dedicato al Rischio clinico, indirizzando gli sforzi verso la
valutazione della cartella clinica, del consenso informato, degli audit sugli eventi sentinella
e l’applicazione delle linee guida ministeriali. Inoltre è attivo il percorso di accreditamento
di alcune strutture per garantire l’adesione alle linee guida ministeriali e sviluppare un
percorso clinico-assistenziale definito.
E’ inoltre proseguito il percorso di umanizzazione e miglioramento della qualità
dell’assistenza attraverso il progetto Health Promoting Hospitals, anche grazie a specifici
progetti sulla qualità percepita come: Ospedale senza dolore, Ospedale senza alcol,
Umanizzazione (comunicazione, consenso informato, ecc.), Ospedale amico del bambino;
67
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
inoltre sono state promosse attività specifiche di miglioramento dell’informazione all’utente
nonché dell’accoglienza e comfort delle strutture.
In relazione all’attenzione verso l’utente, non solo in riferimento ai bisogni di salute ma
anche all’accoglienza dello stesso, sono stati realizzati lavori di riassetto logisticoorganizzativo dei Presidi Ospedalieri con l’apertura di nuovi locali di degenza e di un
nuovo ingresso presso lo Stabilimento Ospedaliero di Castelnuovo di Garf.na dove
trovano collocazione tutti i servizi essenziali (CUP, Cartelle cliniche, Accettazione, ecc) per
il cittadino e un adeguato collegamento a tutte le degenze.
- La Libera Professione
Particolare attenzione merita inoltre la complessa attività legata alla nuova impostazione
dell’attività libero-professionale intramoenia. La Regione ha infatti elaborato una strategia
di graduale passaggio dal previgente regime autorizzativo ad una situazione di
organizzazione della stessa ed ha ultimato il processo di riconduzione ad unicità
strutturale dell’esercizio della attività libero-professionale dei propri dirigenti. Tale
percorso, che ha preso avvio dalla reale conoscenza del fabbisogno spazio-temporale e
dalla situazione esistente, è stato condotto inserendo il governo dell’attività liberoprofessionale intramuraria all’interno della programmazione strategica aziendale. Su tale
scelta indubbiamente ha avuto notevole peso la necessità di superare l’istituto della libera
professione cosidetta “allargata” ovvero presso locali in diretta disponibilità del singolo
dirigente medico. In ragione di ciò l’Azienda è impegnata a fornire locali, attrezzature
idonee e supporto tecnico-amministrativo a tutti i propri professionisti ed a tutti i
professionisti di altre aziende del S.S.N. che ne avessero fatto richiesta.
Sono inoltre stati firmati gli atti individuali di organizzazione della libera professione per
ogni singolo dirigente. La stretta connessione tra programmazione aziendale e libera
professione è evidenziabile nelle schede allegate all’atto individuale di organizzazione
della libera professione, che riportano gli obiettivi di budget ed in particolare gli indicatori di
competenza per il miglioramento della performance aziendale, coerenti con le linee
aziendali di programmazione. Si tratta di specifici obiettivi regionali, che coinvolgono
soprattutto le UU.OO. di ricovero, ma in alcuni casi sono trasversali a tutte le strutture
aziendali, con indicatori elaborati e monitorati dal Laboratorio Management e Sanità
(MeS) della Scuola Superiore S.Anna, nell’ottica della valutazione multidimensionale delle
performance delle aziende sanitarie toscane.
- Sviluppo strutturale e tecnologico
Nel corso del 2008 gli interventi principali che riguardano l’assistenza ospedaliera sono
stati:
- installazione di nuova TAC a 64 strati che ha consentito anche l’attivazione della
metodica di angio-TC coronaria;
- ristrutturazione del Padiglione 2 (seconda fase) – P.O. Campo di Marte;
- realizzazione delle scale antincendio Padiglione 1 e Padiglione 3 – P.O. Campo
di Marte;
- ampliamento del Pronto Soccorso mediante due prefabbricati con corpi di
collegamento diretti con il resto della struttura;
- opere complementari all’adeguamento antisismico dell’aggregato strutturale n°2 –
Stabilimento Ospedaliero di Castelnuovo Garf.na;
- adeguamento sismico e funzionale Padiglione D (fase 3-4) – Stabilimento
Ospedaliero di Barga;
- Rivelazione incendi Padiglione 1 – P.O. Campo di Marte;
- Realizzazione nuova sala parto Stabilimento Ospedaliero di Barga;
- Realizzazione Nuovo parcheggio Stabilimento Ospedaliero di Barga
68
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Oltre alle opere sopra citate sono stati sviluppati una serie di lavori di manutenzione
straordinaria, presso varie strutture aziendali, al fine dell’installazione di nuove
apparecchiatura e miglioramento delle strutture per una ricettività più adeguata sia per gli
utenti che per gli operatori.
Nel corso del 2008 si è proseguito nello sviluppo delle Tecnologie Informatiche e del
Sistema Informativo Ospedaliero, con la realizzazione della nuova “sala macchine” presso
il P.O. Campo di Marte con conseguente ampliamento ed ammodernamento della rete
telematica aziendale con particolare riferimento alla sicurezza, all’affidabilità e alla
continuità di servizio.
Sono state realizzate le attività necessarie a livello aziendale per la realizzazione del
progetto RIS PACS di Area Vasta (predisposizione del sito e installazione delle
tecnologie).
Inoltre la U.O. Tecnologie e Procedure informatiche ha partecipato alle iniziative
promosse a livello Regionale per la messa a regime del sistema NAL/NAR di gestione dei
flussi informativi e ha contribuito alla sperimentazione dell’anagrafe regionale per la
riconciliazione dei dati sugli assistiti e l’allineamento dell’anagrafica centralizzata
aziendale.
Sviluppo delle Tecnologie Informatiche e del Sistema Informativo Territoriale:
vedi punto 4.13b
Valutazione della performance aziendale sulla base degli indicatori del bersaglio del
MeS
Il Laboratorio Management e Sanità ha elaborato un sistema multidimensionale di
valutazione della performance delle Aziende Sanitarie Toscane, con i seguenti obiettivi:
- consentire un monitoraggio costante dei risultati delle Aziende Sanitarie
- fungere da strumento di benchmarking fra le Aziende
- permettere, a scadenze periodiche, di analizzare il risultato e confrontarlo con
l’obiettivo
- attivare processi di miglioramento per il raggiungimento dell’obiettivo, ove se ne
presenti la necessità
Tale sistema di valutazione delle performance è strutturato in una “ottica sistemica” che
prende in considerazione sei dimensioni ritenute strategiche:
- Valutazione salute della popolazione;
- Valutazione perseguimento strategie regionali;
- Valutazione socio sanitaria;
- Valutazione esterna;
- Valutazione interna;
- Valutazione economico-finanziaria ed efficienza operativa.
La dimensione grafica del sistema di valutazione è rappresentato da un bersaglio (
Figura 15) costituito da cinque fasce concentriche di colori che variano dal rosso (dove si
posizionano gli indicatori negativi) al verde scuro (indicatori positivi). A ciascuna fascia è
associato un punteggio numerico (Tabella 27).
69
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Figura 15
Tabella 27 - Fasce di valutazione e punteggi
Valutazione
Performance molto scarsa
Performance scarsa
Performance media
Performance buona
Performance ottima
Colore
Punteggio
0-1
1-2
2-3
3-4
4-5
Analizzando le performance dell’Azienda USL 2, il bersaglio mostra un quadro positivo, in
particolare per quanto riguarda la capacità di perseguimento degli obiettivi regionali su
donazioni di organi e copertura vaccinale e per quanto concerne la valutazione esterna,
ossia il punto di vista degli utenti, molto favorevole relativamente all’assistenza
domiciliare, ai servizi distrettuali ed al livello di soddisfazione sul Pronto Soccorso.
Altri punti di eccellenza si riscontrano nell’efficacia assistenziale delle cure primarie (i tassi
di ospedalizzazione per scompenso e diabete sono i più bassi a livello regionale) e
nell’equilibrio economico-reddituale dell’Azienda.
70
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Nel complesso la performance globale è positiva e con un trend generale di miglioramento
nel 90% degli indicatori anche se permangono degli elementi critici che, per l’anno 2008,
sono rappresentati dai seguenti indicatori:
•
C7.1 - % parti cesarei depurato (NTSV):
Il dato è in miglioramento nel periodo 2007-2008 ma il valore del 24% non aggancia
l’obiettivo regionale
•
C5.2 – Tempestività intervento frattura di femore
Il dato è in netto miglioramento nel periodo 2007-2008 (30% nel 2007 – 40% nel 2008) ma
rimane lontano l’obiettivo regionale del 65%
•
E2 – Tasso di assenteismo
Sono in corso interventi tesi a migliorare il clima interno ed i rapporti interpersonali tra le
diverse figure professionali e si stanno affrontando alcune situazioni di disagio lavorativo
(es. lontananza dal domicilio) ed organizzativo per aumentare gli aspetti motivazionali ed il
senso di appartenenza.
•
F10 – Spesa Farmaceutica
Sono in corso interventi tesi a migliorare le due componenti dell’indicatore (spesa
convenzionata e spesa per distribuzione diretta). Sono stati programmati incontri con i
Medici di Medicina Generale e con i capi dipartimento per pianificare possibili soluzioni al
problema.
L’assunzione di un farmacista facilitatore aziendale per l’utilizzazione dei farmaci a
brevetto scaduto dovrebbe portare un’inversione di tendenza già dai primi mesi del 2009.
- L’Area Vasta
Nel corso del 2008, sono stati effettuati incontri per la definizione del progetto CUP di
Area Vasta che consentirà di garantire al cittadino le prestazioni richieste non solo
nell’ambito della propria azienda, ma all’interno di un contesto geografico più ampio.
Inoltre, il CUP di Area Vasta sarà uno strumento che consentirà di gestire in modo
trasparente la totalità dell’offerta, ricercando sempre il massimo di efficienza nell’offrire le
prestazioni più appropriate a ciascun bacino di utenza.
In relazione al confermato impegno nel percorso di informatizzazione della diagnostica per
immagini, sono proseguite le azioni per la realizzazione del Progetto RIS-PACS, che
permette l’acquisizione, trasmissione e archiviazione delle immagini in forma digitale
collegandola con l’anagrafica del paziente.
Le principali azioni in merito al Progetto RIS-PACS sono state:
• Definita tempistica implementazione
• Formazione in corso
• Attivazione procedura firma digitale
• Allestimento della sala server per il sistema RIS-PACS presso il P.O. di Lucca.
Durante l’anno l’Azienda USL 2 di Lucca ha contribuito attivamente all’implementazione
dell’attività del magazzino centrale ESTAV a Migliarino, entrato in funzione nel 2007 con la
gestione dei farmaci per tutte le Aziende sanitarie, partecipando alla seconda fase che
vedrà la gestione centralizzata anche dei dispositivi medici, delle protesi, del materiale per
dialisi.
71
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
Inoltre il 2008 è stato interessato dal progressivo passaggio all’ESTAV delle seguenti
funzioni:
• gestioni reti informative e tecnologie informatiche, con particolare riguardo
all’integrazione e all’organizzazione del Centro Unificato di Prenotazione (CUP);
• gestione del patrimonio in materia di manutenzione, appalti e alienazioni;
• gestione delle procedure concorsuali per il reclutamento del personale;
• gestione delle procedure per il pagamento delle competenze del personale.
Per quanto concerne le funzioni attinenti alle risorse umane (procedure concorsuali e
procedure per il pagamento delle competenze del personale) esiste già un piano
concordato a livello di Area Vasta e si sta procedendo in base al programma stabilito.
Proseguono e saranno ulteriormente intensificate le attività integrate fra le Aziende USL di
Area Vasta sia nell’ambito dei Dipartimenti interaziendali sia dei Dipartimenti della
Prevenzione.
A livello di Area Vasta esiste, dal 2002, un coordinamento costituito dai responsabili delle
strutture della formazione delle 6 aziende comprese nell’AV nord-ovest, cui si sono
aggiunte tra il 2006 e 2007 l’ESTAV e la Fondazione Monasterio (ex CNR).
Questo gruppo di lavoro ha monitorato la realizzazione del piano di AV approvato dalla
Regione Toscana a dicembre 2004 ed ha progettato, sulla base degli input dettati dal
comitato dei Direttori Generali delle aziende di Area Vasta, il Piano di Formazione di Area
Vasta con valenza triennale a partire dal 2008.
Tale Piano è stato elaborato tenendo conto dei seguenti principali obiettivi formativi,
trasformati in proposte progettuali: sviluppare competenze manageriali; sviluppare
competenze professionali; sviluppare competenze organizzative e di programmazione;
sviluppare gli strumenti del governo clinico; migliorare la comunicazione con l’utente.
Il piano è fase di attuazione operativa con lo svolgimento, durante l’anno 2008 e con
l’inizio del 2009, di quasi tutti i corsi in esso contenuti
2.2
LE AREE DI CRITICITÀ
VERIFICATISI NELL’ANNO:
E
GLI
ELEMENTI
SIGNIFICATIVI
In sintesi le aree di criticità e gli elementi significativi verificatesi nell’anno e per le quali
sono state attivate azioni a carattere prioritario sono:
• Sicurezza nei luoghi di lavoro: è stata implementata di oltre il 10% l’attività di
verifica sui settori maggiormente a rischio. Gli interventi principali hanno riguardato
l’adozione di piani mirati nel settore estrattivo, della movimentazione, nell’edilizia;
• Consolidamento e sviluppo delle Zone Distretto, sotto l’aspetto organizzativo e
gestionale. Alcuni importanti strumenti sono stati la prosecuzione della
programmazione attraverso i Piani Integrati di Salute, la firma dell’Intesa
Interistituzionale per il governo della non autosufficienza e la programmazione
congiunta con la Medicina Generale, che assume un ruolo determinante nella
gestione dei soggetti più fragili e bisognosi d’assistenza, nell’ambito del modello
regionale di medicina d’iniziativa.
• Sviluppo delle cure intermedie, con attivazione di hospice e nucleo comi
(Maggiano), di posti letto per esiti di frattura di femore (Altopascio), esiti di ictus
(Marlia).
• Consolidamento delle attività consultoriali, con utilizzo di locali dedicati e piena
inrtegrazione di tutte le figure professionali componenti l’èquipe
72
Relazione Sanitaria – Sezione II: Gli obiettivi strategici perseguiti ed i risultati raggiunti
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
•
•
•
Gestione e monitoraggio dei tempi d’attesa (vedi par. 2.1), che ha richiesto un
costante impegno anche per l’emergere di alcune criticità in alcuni settori della
diagnostica pesante (TC) e della diagnostica ecografica.
Sviluppo complessivo delle attività di Pronto Soccorso e dell’Emergenza-Urgenza
attraverso l’ultimazione del miglioramento organizzativo e strutturale del PS (già in
corso) con sviluppo ulteriore degli aspetti sull’accoglienza e sulla comunicazione.
Revisione del percorso di ricovero dal PS con i Dipartimenti Ospedalieri al fine di
migliorare l’appropriatezza del ricovero, soprattutto su alcune patologie per le quali
è opportuno attuare l’osservazione diretta in Reparto e non il ricovero immediato.
Nel corso del 2008 è migliorata l’attività del PS di Castelnuovo grazie all’attivazione
dei posti letto di Osservazione Breve Intensiva (OBI). Sono stati inoltre riorganizzati
i due Punti di Emergenza Territoriale (PET) di Castelnuovo Garfagnana e di Barga
inserendoli nella realtà ospedaliera come continuità assistenziale del DEU.
Organizzazione della rete ospedaliera finalizzata:
- all’integrazione tra i presidi ospedalieri delle due zone e con i presidi delle
Aziende di Area Vasta;
- alla realizzazione delle attività necessarie a livello aziendale per la
realizzazione del progetto RIS PACS di Area Vasta (predisposizione del sito
e installazione delle tecnologie).
- alla sperimentazione del modello di continuità assistenziale intra-ospedaliera
attraverso la figura del Tutor Clinico e del Tutor assistenziale. Le due figure,
medica ed infermieristica, sono indispensabili per lo sviluppo della
comunicazione e della informazione al paziente ed ai suoi familiari
soprattutto per gli aspetti educazionali utili per la prevenzione di ricadute o
complicanze. Questo nuovo modello presuppone, al momento della uscita,
la consegna del piano di follow-up insieme alla lettera di dimissione, con le
prestazioni e cure cui il paziente dovrà sottoporsi, prenotando direttamente
le stesse con posti dedicati a CUP.
Potenziamento dell’attività oncologica in Valle del Serchio, incrementando la
presenza dello specialista oncologo dedicato alla struttura CORD e Day-Hospital in
collegamento con l’Oncologia di Lucca, per rendere omogenea presa in carico del
paziente e protocolli terapeutici utilizzati.
Integrazione di Area Vasta sotto il profilo tecnico-amministrativo nell’ambito
dell’ESTAV.
Prosecuzione delle procedure per la realizzazione del nuovo Ospedale di Lucca.
Altre criticità a livello ospedaliero nella Piana di Lucca sono stati gli appoggi in area
chirurgica di pazienti di pertinenza medica.
Tale fenomeno ha avuto una certa rilevanza in concomitanza degli stati epidemici influenzali
invernali con ripercussioni organizzative e assistenziali a livello dei reparti chirurgici.
Al fine di contenere il fenomeno è stata programmata la realizzazione, nel primo semestre
2009, della Discharge Room e del reparto di degenza per bassa complessità di cure e
assistenza, con l’abolizione degli appoggi in area chirurgica di pazienti medici.
A livello del PO Valle del Serchio, inoltre, le criticità rilevate sono state l’allungamento
delle liste di attesa in alcuni settori della diagnostica radiologica e della diagnostica
ecografica nella prima metà dell’anno. Successivamente l’offerta è migliorata grazie
all’integrazione con l’U.O. di Radiologia di Lucca.
73
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
SEZIONE III IL PROFILO GESTIONALEORGANIZZATIVO ED ECONOMICOFINANZIARIO
3.1 L’ORGANIZZAZIONE
3.1.1 Principali adempimenti ( L.R. 72/97, L.R. 72/98, PSR
1999/2001)
3.1.2 L’articolazione distrettuale
3.1.3 Gli accordi interaziendali
3.2 I LIVELLI DI ASSISTENZA
3.2.1 I servizi ospedalieri in rete
3.2.2 I servizi sanitari territoriali ed il loro sviluppo
3.2.3 La prevenzione collettiva
3.3 LA GESTIONE DEI SERVIZI
3.3.1 La gestione diretta
3.3.2 La gestione esterna (sanità privata, volontariato, onlus)
3.3.3 La gestione associata
3.3.4 Gli scambi interaziendali
3.4 L’EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO
3.4.1 La struttura della spesa per livelli di assistenza (tabelle n. 6, 7,
7a)
3.4.2 Azioni intraprese per la razionalizzazione dell’uso delle risorse
3.5 LO SVILUPPO DELLA RETE DEI PRESIDI
3.5.1 Stato di avanzamento alla data del 31/12/2007 del programma
triennale per gli interventi di nuova edificazione o di
riorganizzazione funzionale di strutture esistenti
3.5.2 Stato di avanzamento del programma di interventi di
mantenimento del patrimonio strutturale e strumentale
74
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
3.1
L’ORGANIZZAZIONE
3.1.1 Principali adempimenti ( L.R. 40/05, L.R. 41/05, PSR 2005/2007):
•
Regolamento aziendale:
- è stato adottato lo Statuto Aziendale con deliberazione DG 243 del
27/04/2007. E’ stata prodotta un bozza di Regolamento Aziendale (in corso
di approvazione), la cui revisione si è resa necessaria a seguito delle
modifiche apportate alla LR 40/2005 con la LR 60/2008 nonché a seguito
delle modifiche apportate alle Aree Dipartimentali con la creazione del
Dipartimento delle Politiche del Farmaco (Del. 334 del 27/05/2008).
•
PAL:
- è stato approvata l’intesa interistituzionale per il governo dell’assistenza
continua alla persona non autosufficiente tra l’Azienda, i comuni delle due
Zone Distretto e la Provincia di Lucca. Nella Zona Valle del Serchio si è
provveduto all’aggiornamento del Piano Sociale di Zona 2008.
•
Programma attuativo annuale:
- con deliberazione DG n. 61 del 31/01/2008 è stato approvato il libro di
budget 2008.
•
N° programmi operativi zonali approvati
•
Bilancio preventivo
- approvato
SI
•
Bilancio di esercizio
- approvato
SI
•
Atti di concertazione interaziendali di contenuto programmatico-organizzativo
approvati relativi a:
- sviluppo in rete dei servizi ospedalieri
SI
- erogazione dei servizi sanitari territoriali
SI
- erogazione dei servizi di prevenzione collettiva
SI
n. 2
La programmazione aziendale declinata nel documento di budget aziendale, deriva da
obiettivi strategici di rilevanza regionale, assegnati annualmente dal Direttore Generale e
tradotti in indicatori specifici contenuti nel bersaglio elaborato dal MES del Laboratorio
Sant’Anna.
A livello aziendale, al fine di una maggiore condivisione e responsabilizzazione sugli
obiettivi anche di carattere economico-finanziario, è utilizzata una metodologia
sperimentale di assegnazione di un budget economico-finanziario alle macrostrutture
aziendali (Presidio Ospedaliero, Zone-Distretto, Prevenzione, Centro Direzionale).
3.1.2 L’articolazione distrettuale
Vedere il punto: L’attività distrettuale al capitolo “2.1.Il quadro sintetico degli obiettivi
strategici perseguiti e dei risultati raggiunti”
75
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
3.1.3 Gli accordi interaziendali
Sono state avviate o rinnovate alcune collaborazioni con Aziende ed Enti Regionali,
nelle quali in alcuni casi l’Azienda funge da committente. Tra esse spiccano:
1. Convenzione con l’Azienda USL 3 di Pistoia per prestazioni di consulenza
specialistica intraoperatoria da parte di dipendenti medici della U.O.
“Medicina Nucleare del P.O. di Lucca.
2. Rinnovo fino al 30/06/2008 della Convenzione con il Centro per lo Studio e la
Prevenzione Oncologica “C.S.P.O.” di Firenze (Istituto Scientifico della
Regione Toscana) per l’istituzione del Registro Tumori Toscano nell’ambito
territoriale dell’Area Vasta Nord Ovest. Struttura organizzativa interessata:
U.O. Epidemiologia, dott.ssa Daniela Giorgi.
3. Convenzione con l’Azienda Meyer di Firenze per l'acquisizione di prestazioni
specialistiche nella disciplina di Urologia Pediatrica a favore di pazienti in
carico alla UO Pediatria dell'Azienda USL 2 di Lucca. Struttura organizzativa
interessata: U.O Pediatria del P.O. di Lucca.
4. Rinnovo fino al 30/06/2008 della Convenzione con il Centro per lo Studio e la
Prevenzione Oncologica “C.S.P.O.” di Firenze (Istituto Scientifico della
Regione Toscana) per prestazioni medico-specialistiche nelle attività di
screening mammografico. Struttura organizzativa interessata: Centro per la
Prevenzione Senologica, dott.ssa Enrica Ercolini. Convenzione in attesa di
regolarizzazione da parte del CSPO come da nota dell'U.O.Affari Generali e
Legali n.66653 del 24/10/2008.
5. Convenzione con l’Università di Genova - Dipartimento di Informatica,
Sistemistica e Telematica (DIST) per una collaborazione nel campo della
Ingegneria della Riabilitazione presso l'Ospedale S. Francesco di Barga.
Struttura organizzativa interessata: U.O. Recupero e Rieducazione
Funzionale del P.O. di Barga, dott. Luigi Grimaldi.
6. Rinnovo Convenzione con l’Azienda USL 9 di Grosseto per la consulenza
riguardante l'attività di sorveglianza fisica per l'acceleratore lineare "Linac"
della ditta Elekta". Struttura organizzativa interessata: U.O Fisica Nucleare,
dott. Alessandro Lazzari.
Sono attivi inoltre i seguenti accordi:
Tipologia
Struttura
organizzativa
Consulenza
Neurochirurgia
Radioterapia
Consulenza
Attività
Endocrinologia
Attività
Citogenetica e
Genetica molecol.
Servizio interaziendale
C.U.P
3.2
Aziende interessate
Stato di attivazione
A.O.U. Pisana
Ausl 12 Viareggio
A.O.U. Pisana
A.O.U. Pisana
attiva
attiva
attiva
attiva
Area Vasta N.O.
attivo
I LIVELLI DI ASSISTENZA
3.2.1 I servizi ospedalieri in rete
L’ottimizzazione dell’attività ospedaliera (tabella n.2 – sezione VI)
76
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
Il piano dell’attività dell’assistenza ospedaliera nel 2008 ha perseguito gli obiettivi per il
miglioramento della qualità dell’assistenza sia sotto il profilo dell’appropriatezza sia sotto
quello della capacità di rispondere adeguatamente ai bisogni della popolazione e alle
indicazioni regionali.
Per quanto riguarda gli indicatori di attività si veda il paragrafo 1.2.2 – “Utilizzo
dell’ospedale da parte dei residenti”.
Si è inoltre proceduto a:
riassetto logistico ed organizzativo dei 2 presidi Lucca e Valle del Serchio con
ottimizzazione dell’utilizzo dei posti letto.
riqualificazione dell’offerta ospedaliera con aumento dell’attività in DH/DS ed
ambulatoriale
Le azioni effettuate per il perseguimento degli obiettivi concordati sono state le seguenti:
• Miglioramento organizzativo del settore chirurgico con riassetto delle tipologie degli
interventi fra Ordinario – DS e Ambulatoriale per ottimizzare l’utilizzo del Blocco
Operatorio e delle Salette chirurgiche.
• Ulteriore sviluppo della Week Surgery alla Urologia ed una più forte integrazione del
personale infermieristico.
• Presa in carico diretta da parte delle UU.OO. per il Follow-up del Paziente senza
ricorso al MMG
• Miglioramento organizzativo e strutturale del PS con sviluppo ulteriore degli aspetti
sull’accoglienza e sulla comunicazione
• Revisione del percorso di ricovero dal PS con i Dipartimenti Ospedalieri al fine di
migliorare l’appropriatezza del ricovero, soprattutto su alcune patologie per le quali è
opportuno attuare l’osservazione diretta in Reparto e non il ricovero immediato.
• Revisione condivisa del percorso interno al PO del Paziente dai Reparti di Terapia
Intensiva e Sub-Intensiva ai reparti di degenza ordinaria.
• Rete integrata tra le due Cardiologie (Piana e Valle del Serchio) per la gestione dei
Pazienti da sottoporre a Coronarografia e/o Angioplastica.
• Progetto di realizzazione di una Area di Sub-Intensiva mista (chirurgicapneumologica-internistica-cardiologica) al II Piano (area adiacente alla UO di
Cardiologia).
• Unificazione delle due Medicine ed integrazione con la degenza della
Gastroenterologia per una gestione unica dei posti letto assegnati alla Unità
Operativa.
• Creazione di un’Area a bassa complessità assistenziale.
77
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
• Attivazione camere a bassa carica microbica insieme al trasferimento della Oncologia
al IV Piano.
• Sperimentazione del modello di continuità assistenziale intra-ospedaliera creando la
figura del Tutor Clinico e del Tutor assistenziale. Le due figure, una Medica ed una
Infermieristica, sono indispensabili per lo sviluppo della comunicazione e della
informazione al paziente ed ai suoi familiari soprattutto per quegli aspetti di
educazione utili per la prevenzione di ricadute o complicanze.
l trend di deospedalizzazione (tabelle n. 3, 4 – sezione VI)
Nell’anno 2008 l’azienda ha continuato a seguire con attenzione la problematica relativa
all’appropriatezza dei ricoveri, secondo le direttive regionali con azioni finalizzate alla
deospedalizzazione e miglioramento dell’appropriatezza dei DRG-ARI i cui risultati sono
stati:
stabilizzazione della tendenza alla trasformazione della tipologia dei ricoveri da
ordinari in DH o DS
mantenimento del trend di trasformazione in attività ambulatoriale dei DRG relativi ad
interventi sul cristallino e sul tunnel carpale
allineamento agli standard regionali dei DRG medici e chirurgici ad alto rischio di
inappropriatezza
stabilizzazione della degenza media e preoperatoria in base alle indicazioni Regionali
riduzione dei ricoveri 0-1 giorno
Inoltre per aumentare l’appropriatezza dei Ricoveri Ospedalieri sono state realizzate linee
guida condivise dal Pronto Soccorso, MMG e le diverse UU.OO. per le patologie il cui
ricovero sfocia nei DRG ARI, che hanno permesso un allineamento agli standard regionali
e un incremento del numero di pazienti in osservazione. Per il mantenimento delle
degenza media preoperatoria è stata potenziata l’attività di preospedalizzazione.
Gli esiti della concertazione
Vedi “Programmazione di Area Vasta” nel paragrafo 2.1 e “Scambi interaziendali” al
paragrafo 3.3.4.
3.2.2 I servizi sanitari territoriali ed il loro sviluppo
Zona Piana di Lucca
Nel mese di ottobre 2008, dopo un percorso di condivisione e formazione del personale
sia dell’ASL che dei Comuni della Zona Distretto Piana di Lucca, sono stati attivati 14
Punti Insieme.
I Punti Insieme che costituiscono una rete di accoglienza collegata con il Punto Unico di
Accesso – Centrale Operativa per l’Assistenza Distrettuale (PUA-COAD) di v.le Giusti,
sono:
1. Lucca, Distretto v.le Giusti
78
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
2. Lucca, CSS S.Anna
3. Lucca, CSS Lucca centro
4. Lucca, CSS S.Vito
5. Lucca, Servizi Sociali comunali
6. Lucca, Servizio Sociale di Ponte e Moriano
7. Capannori, CSS p. Moro
8. Capannori, CSS Marlia
9. Capannori, CSS S.Leonardo in Treponzio
10. Montecarlo, Servizi Sociali comunali
11. Montecarlo, CSS Turchetto
12. Altopascio, Servizi Sociali comunali
13. Villa Basilica, Servizi Sociali comunali
14. Pescaglia, Servizi Sociali comunali
Gli orari di apertura sono diversificati a seconda della disponibilità del personale nelle
varie sedi.
In linea di massima, comunque, almeno per i Punti Insieme che corrispondono a sedi
aziendali, i centri sono aperti almeno 3 giorni alla settimana per 2 ore.
Ogni Punto Insieme, che si avvale di operatori dipendenti (in media 2 per ogni Punto
Insieme) anche con ruoli diversi (sanitario, sociale, amministrativo) individuati presso le
varie strutture, accoglie le domande degli utenti per persone non autosufficienti attraverso
la compilazione di una scheda di segnalazione da parte dell’utente che si presenta ovvero
aiutato dagli operatori del P.I.
La scheda così compilata è inviata per FAX dagli operatori del P.I. al PUA-COAD, dove le
segnalazioni sono valutate dal Gruppo di Progetto (Medico, Assistente sanitaria,
Assistente sociale) ed è avviato il percorso di presa in carico dell’assistito non
autosufficiente, con un primo contatto garantito entro 72 ore dalla segnalazione.
Obiettivo prioritario condiviso da tutti gli operatori impegnati nei vari servizi è quello di
evitare viaggi inutili degli utenti da una struttura all’altra (anche per chi si presenta fuori
orario rispetto a quello ufficiale del Punto Insieme), sapendo che potrà essere sufficiente
la compilazione della scheda di segnalazione in dotazione a tutti i Punti Insieme ovvero
una richiesta di chiarimenti telefonica al PUA-COAD.
I Punti Insieme svolgono la prima fase del percorso di valutazione per il riconoscimento
del grado di non autosufficienza, determinato dall’Unità di Valutazione Multidimensionale
(UVM) e la definizione del Piano Assistenziale Personalizzato (entro un mese dalla
segnalazione), in parallelo a quello che viene attivato dai reparti ospedalieri per i pazienti
in dimissione che presentano bisogni assistenziali complessi socio-sanitari.
Nel corso del 2008 sono stati attivati:
- 7 posti letto di hospice e 4 posti letto di nucleo comi vegetativi presso la
struttura di S. Cataldo a Maggiano.
- 4 posti letto per cure intermedie a turn over medio alto (degenza media 15 –
20 gg) presso la RSA aziendale Il Sole di Altopascio, dedicati
prevalentemente a pazienti anziani con esiti di frattura di femore (protocollo
operativo condiviso con UO Ortopedia e traumatologia e UO Riabilitazione)
- 9 posti letto di ospedale di comunità presso la Struttura di Marlia di cui 5 in
media dedicati a pazienti anziani con esiti di ictus cerebri (protocollo
condiviso con UO Neurologia e UO Riabilitazione)
Dati di attività: (vedi tabella allegata al cap. 5.2.5)
79
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
Di conseguenza il Punto Unico d’Accesso – Centrale Operativa per l’Assistenza
Distrettuale (PUA-COAD), integrato dal mese di ottobre da un’assistente sociale
comunale, ha consolidato la sua funzione di punto di supporto logistico e di
coordinamento non solo per l’assistenza domiciliare, ma anche per la presa in carico di
pazienti nell’ambito delle cure intermedie e per le problematiche di natura sociale creando
quotidiani rapporti anche con i servizi sociali dei Comuni della Piana di Lucca.
Il PUA-COAD si è confermato come punto di riferimento sul territorio per il personale
infermieristico impegnato nei vari presidi periferici, per i medici di medicina generale e per
il personale dei reparti ospedalieri.
Nel corso del 2008 presso il PUA-COAD sono stati registrati circa 7.000 nuovi contatti.
Segnalati dall’Ospedale di Lucca – Campo di Marte:
Tipologia di assistenza erogate a domicilio
Anno
Assistenza infermieristica e
integrata (n.pazienti)
Numero di accessi
infermieristici
Numero di prestazioni
infermieristiche
Assistenza a pazienti
oncologici (ADO) (n. pazienti)
Assistenza programmata del
MMG
(n. pazienti in ADP e ADI)
Assistenza specialistica (visite
domiciliari)
Prelievi (numero prelievi)
Prelievi (numero stimato
pazienti)
Assistenza protesica per
incontinenti (n. assistiti)
Assistenza protesica per
pazienti allettati o non
deambulanti (n. presidi
consegnati)
Assistenza farmaceutica con
consegna medicinali (n.
consegne)
Nutrizione artificiale (n.
pazienti)
Rieducazione motoria (n.
pazienti)
289 nel 2007
290 nel 2008
2004
585
2005
1.169
2006
1.063
2007
925
2008
828
-
-
-
8.790
13.521
-
-
-
30.568
47.445
126
111
196
139
220
2.707
3.169
2.544
2.100
2.228
479
560
587
510
525
21.553
23.961
27.888
25.111
900
(stima)
3.549
1.000
(stima)
3.402
1.200
(stima)
3.524
1.100
(stima)
3.499
30.212
di cui 3.351
effettuati da
AAVV
1.300
(stima)
3.502
1.894
3.505
2.629
3.311
3.792
641
3.150
2.864
2.492
2.525
175
172
192
365
288
64
56
-
-
-
Le Attività Consultoriali
Nel corso del 2008 l’orario globale per le attività consultoriali nella Zona distretto Piana di
Lucca è stato potenziato di 13 ore settimanali (da 22 a 35 ore / settimana), in particolare:
80
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
-
potenziamento specifico di 10 ore in v.le Giusti, sede consultoriale principale,
trasformando ore di ambulatorio CUP e trasferendo le 4 ore di consultorio di
Marlia
attivazione con 5 ore settimanali del Punto Donna presso l’Ospedale Campo di
Marte con personale della Zona Distretto, trasformando ore di ambulatorio CUP
potenziamento di 2 ore presso le sedi consultoriali periferiche di S.Anna e S.Vito.
Completamento dell’equipe consultoriale con co-presenza degli operatori diversificata a
seconda della tipologia delle varie sedi secondo le direttive regionali.
Completamento della rete informatica presso le sedi consultoriali della Zona distretto con
attivazione dell’applicativo Caribel utilizzato per l’inserimento diretto delle informazioni e
registrazione “alla fonte” delle attività per la produzione del flusso informativo regionale
periodico già dal mese di gennaio 2008.
Zona Valle del Serchio
PUA-COAD
Nel corso dell’anno 2008 si è consolidata l’attività del Punto Unico di Accesso (P.U.A.C.O.A.D.) collocato nel Presidio ospedaliero di Castelnuovo Garfagnana.
Sono stati definiti i percorsi e le modalità di accesso alle prestazioni. Il P.U.A.- C.O.A.D. è
diventato il centro per la gestione degli interventi di assistenza domiciliare segnalati dai
reparti ospedalieri, dai medici di medicina generale e dai servizi sociali.
La Centrale Operativa gestisce anche i ricoveri nei due Ospedali di Comunità della Zona
(n. 218 ricoveri anno 2008) e tutti gli altri interventi, sia sanitari che sociali, di assistenza e
supporto alla persona non autosufficiente.
Le attività di cure palliative, assistenza ai soggetti atomizzati ed ai soggetti in terapia con
nutrizione artificiale domiciliare sono gestite dalla Centrale Operativa.
Prelievi Domiciliari
Si è consolidata la collaborazione con le Associazioni di Volontariato, con l’attivazione,
presso il P.O. di Castelnuovo, del punto unico di registrazione ed inserimento dei dati
relativi ai prelievi domiciliari gestito dalla Misericordia di Castelnuovo, in collegamento
telematico con il laboratorio analisi.
Questa innovazione ha permesso una razionalizzazione degli interventi a domicilio, la
riduzione del tempo di raccolta di campioni e l’invio in tempo utile all’Ospedale di Lucca.
Assistenza alla persona non autosufficiente
Per quanto riguarda la fase pilota del progetto di assistenza continuativa alla persona non
autosufficiente (progetto badanti, ricoveri temporanei di sollievo nelle RSA, attivazione
centro diurno Alzheimer) si è conclusa positivamente con il raggiungimento degli obiettivi.
I suddetti progetti sono stati approvati e finanziati dalla regione toscana.
Attività Consultoriale
E’ stato attivato il consultorio ostetrico-ginecologico con sede centrale presso il CSS di
Gallicano con la presenza integrata del medico ginecologo, dell’ostetrica, del pediatra,
dello psicologo e dell’assistente sociale.
E’ stato attivato sia il consultorio familiare che il consultorio giovani.
Riorganizzazione dell’U.F. A.S.C.
81
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
Per quanto riguarda la Valle del Serchio, sono state individuate funzioni specifiche, anche
con l’attribuzione di incarichi professionali, sia per l’ADI e le cure palliative che per
l’attività del PUA-COAD e delle cure intermedie.
E’ stato inoltre individuato il responsabile zonale della unità di valutazione
multidimensionale (UVM).
Ulteriore sviluppo delle forme associative dei medici di medicina generale e dei pediatri di
libera scelta
E’ proseguita l’attività di cure primarie di Barga e Castelnuovo Garfagnana.
Nella U.C.P. di Castelnuovo è stato inserito in maniera stabile il servizio di continuità
assistenziale. Le due U.C.P. hanno iniziato a gestire in maniera autonoma i prelievi
domiciliari dei loro assistiti.
Si sono concluse positivamente le procedure di gara per l’acquisto di una di un’idonea
strumentazione per il controllo ambulatoriale e domiciliare dei pazienti in cura con
anticoagulanti orali.
Sviluppo dei percorsi assistenziali integrati ospedale-territorio
Si è ulteriormente consolidato nel corso dell’anno 2008 il percorso riabilitativo così come
definito dalla deliberazione regionale 595/2005. Alla realizzazione del percorso n. 1
“attività motoria adattata”, alle 5 palestre si sono aggiunte la Piscina di Gallicano e una
nuova Palestra a Barga.
I percorsi 2 e 3 hanno una loro definizione consolidata e vengono applicati grazie
all’attività valutativa e riabilitativa dei medici e dei terapisti, con il rispetto dei tempi di
attesa per la presa in carico, stabiliti dalla delibera stessa.
Nel corso dell’anno 2008 sono stati attivati i percorsi per la sorveglianza attiva dello
scompenso cardiaco cronico, in particolare per i soggetti con ricoveri ripetuti.
Nel corso del 2008 si è consolidato il percorso oncologico ospedale-territorio grazie
all’attività del Servizio di Cure Palliative domiciliari.
Si è consolidata inoltre l’attività oncologica ospedaliera secondo le direttive della Regione
Toscana per le zone carenti. Per sopravvenute esigenze del P.O. di Castelnuovo è stata
differita l’apertura dell’Hospice che sarà ricollocato presso la RSA di Villetta San Romano.
Sviluppo delle cure intermedie
Nel corso dell’anno 2008 è stata posta particolare attenzione allo sviluppo
dell’appropriatezza dei percorsi assistenziali permettendo una tempestiva attivazione delle
dimissioni ospedaliere per l’inserimento nelle strutture di Gallicano e Giuncugnano.
Ulteriore sviluppo delle cure intermedie avverrà con l’apertura dei 5 posti di hospice
presso la RSA di Villetta san Romano
Riorganizzazione della rete di emergenza urgenza e dei punti della continuita’
assistenziale
E’ stato riorganizzato il punto PET di Fornaci di Barga con il suo trasferimento presso il
Presidio Ospedaliero di Barga dove l’attività si integra con la continuità assistenziale e
l’attività dei reparti ospedalieri.
Sono stati ultimati i lavori di ampliamento del CSS di Piazza al Serchio che permetterà
l’attivazione del servizio di primo soccorso nel punto PET anche qui integrato con il
servizio di continuità assistenziale e con la istituenda medicina di gruppo di medicina
generale.
Rapporti con i Medici di Medicina Generale
L’accordo con i medici di medicina generale sull’appropriatezza prescrittiva, insieme
all’accordo con le farmacie convenzionate pubbliche e private per la distribuzione per
82
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
conto ed all’attività di distribuzione diretta del farmaco, ha permesso un riallineamento
della spesa farmaceutica aziendale ai livelli medi della spesa farmaceutica regionale.
Nel corso del 2008 si è ulteriormente consolidata l’attività dell’associazionismo medico
verso il modello di riferimento del Cronic Care Model che trova la sua premessa nei
progetti a favore dell’anziano fragile e della non autosufficienza già attivati nella nostra
azienda.
Piano Integrato di Salute
Nel corso dell’anno 2008 la Zona Distretto, insieme all’Articolazione Zonale della
Conferenza dei Sindaci ed alle Comunità Montane, ha elaborato ed approvato il Profilo di
Salute della Zona-Distretto.
Si è poi impostato e sviluppato il lavoro relativo all’elaborazione del Piano Integrato di
Salute arrivando contemporaneamente alla definizione approvazione e sottoscrizione con
gli EE.LL. e le Associazioni di Volontariato del Patto Territoriale per il Welfare Locale
secondo le indicazioni definite dalla Regione Toscana.
3.2.3 La prevenzione collettiva
Nel 2008 sono stati realizzati i seguenti obiettivi principali:
•
•
•
•
•
•
•
•
Programmazione e attivazione di tutti gli obiettivi di prevenzione previsti dal P.S.R. per
l’anno in corso, in particolare di quelli che riguardano la sicurezza negli ambienti di
lavoro: piani mirati e straordinari nel settore estrattivo, della movimentazione, delle
cartiere e cartotecniche, nell’edilizia e nell’applicazione della direttiva macchine;
osservatorio infortuni sul lavoro e malattie professionali.
Il comitato territoriale per l’igiene e la sicurezza nei luoghi di lavoro si è riunito ed ha
operato regolarmente con la partecipazione di tutte le componenti.
E’ continuato molto proficuamente il confronto con gli Enti preposti e con le
Organizzazioni sindacali per la verifica del monitoraggio degli infortuni sul lavoro e per
una costante attenzione ai programmi di prevenzione è stato costante.
Integrazione ed omogeneizzazione degli interventi tra i Dipartimenti di Prevenzione di
Area Vasta, in tema di sicurezza delle cave e sulle patologie da sovraccarico.
Continua è stata la collaborazione con gli uffici ambiente comunali per la valutazione
delle ricadute sulla salute della popolazione dei vari inquinanti (polveri, rumore, onde
elettromagnetiche, amianto, antiparassitari, ecc).
L’osservatorio epidemiologico dipartimentale per le zoonosi trasmesse da artropodi
vettori ha operato come previsto soprattutto nel periodo estivo in collaborazione con i
servizi di pronto soccorso degli ospedali e con i medici di medicina generale; è
continuata la gestione e il controllo dell’anagrafe bovina; si è verificato un
miglioramento della qualità igienica del latte lungo tutta la filiera produttiva.
E’ proseguita l’attività di sorveglianza nutrizionale nei soggetti anziani nelle RSA
pubbliche e la sorveglianza della ristorazione collettiva soprattutto in età scolastica.
Sempre attivo e operativo il sistema SARAM (sistema allerta regionale mangimi e
alimenti) che ha visto attivamente impegnati gli operatori dell’igiene degli alimenti e
della veterinaria. Si è svolto un importante convegno sugli stili di vita e sulla corretta
alimentazione.
Sanità pubblica veterinaria: sono state mantenute le qualifiche sanitarie conseguite per
gli animali da allevamento così come lo stato di indennità del bacino idrografico del
fiume Serchio. E’ migliorata la qualità delle anagrafi degli animali. E’ proseguita
83
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
l’attività di monitoraggio della trichinellosi in ambiente silvestre per il raggiungimento
della qualifica di zona indenne.
Alimentazione e salute: è proseguito il progetto regionale orientato alla lotta all’obesità
e al miglioramento degli stili di vita, alla sorveglianza nutrizionale presso le RSA e il
proseguimento del “progetto celiachia” e del counseling nutrizionale.
La campagna di vaccinazione anti-influenzale ha permesso il raggiungimento del 78%
di copertura nelle popolazione anziana ultra sessantacinquenne e la distribuzione
gratuita anche del vaccino antipneumococcico; nella campagna di vaccinazione MPR
(morbillo, rosolia, parotite) si è raggiunta una copertura superiore al 90% nella
popolazione infantile al 24° mese di età. Il vaccino antirotavirus è stato messo a
disposizione della popolazione infantile.
Si è realizzato il progetto regionale di medicina dei viaggiatori del quale il Dipartimento
di Prevenzione è referente assieme alla ASL di Firenze. Si sono svolti tutti gli incontri
previsti con gli operatori di tutti gli ambulatori delle AA.SS.LL. della Regione ed è stata
definita una griglia comune di dati da raccogliere in maniera omogenea per permettere
di valutare tutta l’attività di tutela dei viaggiatori internazionali che viene svolta.
L’Osservatorio Medico Legale per la prevenzione e la gestione dei conflitti, per il
contenzioso e per il rischio clinico ha svolto una importante attività. Con il contributo
del clinical risk manager (direttore della U. O. Medicina Legale) si è raggiunto
l’obiettivo di accreditamento istituzionale dell’azienda in ambito di gestione del rischio
clinico e dei sinistri a livello medico legale. L’attività delle commissioni per l’invalidità
civile ha visto un notevole aumento delle visite riuscendo a mantenere i tempi di attesa
entro gli obiettivi previsti.
Miglioramento del rapporto con i cittadini e del sistema della comunicazione: è stato
potenziato lo sportello unico della prevenzione, con il rispetto dei tempi di risposta da
parte dell’ufficio coordinamento attività produttive, ampliamento dell’attività del sito web
dipartimentale (aumento del numero di accessi e del numero di pagine visitate da
parte di utenti esterni) che prevede ora anche le news di area vasta. E’ stato attivato il
progetto per la comunicazione interna al Dipartimento di Prevenzione che ha superato
la fase sperimentale.
Si è realizzato il progetto regionale PASSI (Progressi delle Aziende Sanitarie per la
Salute in Italia) che prevede mensilmente 28 interviste telefoniche di cittadini estratti a
sorte.
Continuo sviluppo della struttura organizzativa del Dipartimento mediante la regolare
attività del comitato direttivo che si è riunito 11 volte. Il coordinamento di tutta l’attività
di formazione del personale ha permesso di svolgere direttamente molte iniziative,
alcune anche a livello regionale e nazionale. Si è avviato un percorso dipartimentale
per la qualità che ha visto coinvolti, in questa prima fase, una trentina di operatori sotto
la guida di un esperto esterno.
E’ continuato l’adeguamento delle sedi della Piana di Lucca e della Valle del Serchio.
Le UU. FF. della veterinaria hanno ottenuto la certificazione, e quelle dello IAN hanno
iniziato il percorso.
In presenza dell’accreditamento definitivo del laboratorio di Area Vasta U.O.
Biotossicologia Alimenti e Acque, il Laboratorio di Sanità Pubblica di Area Vasta ha
svolto la sua intensa attività riuscendo a rispondere alle richieste di analisi dei
Dipartimenti di Prevenzione delle 5 ASL dell’Area Vasta.
84
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
3.3
LA GESTIONE DEI SERVIZI
3.3.1 La gestione diretta
L’Azienda ha continuato a privilegiare la gestione diretta dei servizi di natura sanitaria,
indirizzandosi verso il completo soddisfacimento dei bisogni sanitari della popolazione
residente cercando di ridurre le fughe ed i tempi di attesa e concertando la tipologia e la
quota di prestazioni da far erogare alle strutture sanitarie accreditate presenti sul territorio.
3.3.2 La gestione esterna (sanità privata, volontariato, onlus)
I servizi di sanificazione ambientale, lava-nolo e di supporto sono affidati in gestione
integrata (global service) ad un consorzio di imprese aggiudicatario della gara condotta a
livello di ESTAV.
I restanti servizi sono affidati a aziende esterne tramite procedure di evidenza pubblica.
Per quanto concerne la sanità privata, le strutture private accreditate lucchesi sono
inserite nella programmazione aziendale, in conformità al fabbisogno sanitario rilevato,
con progetti finalizzati all’aumento del grado di copertura interna della domanda dei
residenti, alla riduzione dei tempi di attesa ed al contenimento delle fughe per attività di
ricovero ed ambulatoriali, attraverso la negoziazione di un budget con la direzione
aziendale.
In particolare per alcuni visite specialistiche e prestazioni diagnostiche e per alcuni DRG
chirurgici sono stati concordati i volumi necessari per ottenere la riduzione delle attese per
i residenti della nostra ASL.
E’ rimasto inalterato inoltre il tetto di attività per i residenti extra ASL.
Per quanto riguarda il volontariato, presso l’Azienda è attiva la Consulta delle associazioni
di volontariato ed il Tavolo degli Organismi di tutela, composta dalle associazioni che
hanno stipulato con l’Azienda un protocollo d’intesa.
Nel settore dell’assistenza domiciliare al malato oncologico le associazioni Don Baroni ed
AIL, supportano, attraverso apposite convenzioni, le attività domiciliari erogate a livello
distrettuale.
3.3.3 La gestione associata
L’ASL 2 continua la partecipazione al progetto regionale di e-government (MIR, NALNAR, RIS-PACS), per lo scambio telematico di informazioni e per la interoperabilità tra
enti e tra gli attori del sistema sanitario toscano.
3.3.4 Gli scambi interaziendali
L’Azienda USL 2 ha partecipato al processo di programmazione di Area Vasta,
articolato nei seguenti obiettivi:
• riorganizzazione dell’assistenza ospedaliera;
• interazione tra ospedale e territorio;
• sviluppo del CUP di Area Vasta;
• progressiva messa a regime delle funzioni di supporto organizzativo e logistico
previste per gli ESTAV.
85
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
3.4
L’EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO
Nel corso dell’esercizio 2008 l’Azienda, attraverso il perseguimento degli obiettivi
precedentemente fissati per il miglioramento del risultato economico, ha potuto mantenere
il bilancio in equilibrio realizzando anche quest’anno un piccolo utile (superiore a quello
conseguito nello scorso esercizio ma sempre su livelli che possono definirlo un pareggio).
Viene confermato, pertanto, il trend migliorativo iniziato in passato e destinato a
mantenersi anche nel futuro esercizio.
La situazione finanziaria dell’Azienda non presenta attualmente situazioni di sofferenza: il
ricorso all’anticipazione da parte dell’Istituto cassiere (in aumento rispetto all’esercizio
precedente) consente di soddisfare anche tutte le richieste di pagamento dei fornitori di
beni e servizi. A Tal uopo viene effettuato costantemente un monitoraggio per mantenere
i tempi di pagamento di questi ultimi a livelli ottimali.
3.4.1 La struttura della spesa per livelli di assistenza (tabelle n. 6, 7, 7a)
La tabella 6 - sezione VI mostra, con riferimento all'anno 2008, la ripartizione delle risorse
tra i diversi livelli di assistenza. Si può notare una sostanziale coerenza rispetto alle
indicazione del PSR 2008-2010 che individua nel paragrafo 9.1, nella sezione in cui sono
specificati i criteri di accesso al fondo ordinario di gestione delle Aziende USL, una
ripartizione delle risorse tra le diverse tipologie di assistenza. In effetti la ripartizione
risultante è la seguente: macrolivello della prevenzione 4,40% (5% tabella regionale);
macrolivello assistenza sanitaria territoriale 53,43% (53% tabella regionale); macrolivello
assistenza ospedaliera 42,18 % (42% tabella regionale).
Osservando il dettaglio dei macrolivelli, si evidenzia l'ancora elevato assorbimento di
risorse dell'assistenza farmaceutica (15,97%) rispetto alle indicazioni del PSR (14%).
Questa voce è la determinante principale del maggior peso dell'assistenza territoriale
rispetto alle previsioni del PSR.
Le tabelle 7 e 7a - sezione VI riportano il dettaglio della spesa per le convenzioni mediche
nazionale e per i trasporti sanitari.
3.4.2 Azioni intraprese per la razionalizzazione dell’uso delle risorse:
a) - personale dipendente, attuazione dell’accordo stipulato a livello regionale nel corso
del 1998, con le OO.SS. che prevede una gestione controllata del turn-over:
NO
Nel 2008 è stata infatti, dopo non meno di un lustro, ridefinita la nuova dotazione organica
aggiornata alle attuali necessità aziendali ed è stato approvato il Piano Assunzioni relativo
al triennio 2008-2011
Differenza tra n° unità di personale dipendente presente a fino anno
e n° unità di personale dipendente previsto sul PAL /
N° unità di personale dipendente previsto sul PAL x 100
(riportare numeratore, denominatore, indicatore calcolato) 11/2739 = 0,40%
b) - attivazione di forme di gestione interaziendale di procedure tecnico-amministrative
per acquisti e manutenzione.
86
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
1
TIPOLOGIA PROCEDURA
PROGRAMMAZIONE ATTIVITA’ CONTRATTUALE 2008
2
SELEZIONE AI SENSI LRT 87/97 PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO ALL'
INTERNO DEL P.O. " CAMPO DI MARTE "DI LUCCA.
3
SELEZIONE AI SENSI DELLA DELIBERA 87/97 PER LA GESTIONE DI UNA CASA
FAMIGLIA PER DISABILI PSICHICI
4
SELEZIONE AI SENSI LR 87/97 PER LA FORNITURA DEI SERVIZI DI ANIMAZIONE E
RIABILITAZIONE FUNZIONALE NELLE RR.SS.AA A DIRETTA GESTIONE AZIENDALE
5
SELEZIONE AI SENSI LR 87/97 PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIVALENTE
S. CATALDO.
6
ACQUISTO AUTOMEZZI MEDIANTE ADESIONE A CONVENZIONE CONSIP.
7
RECEPIMENTO PIANO STRAORDINARIO INVESTIMENTO 2008 - 2010.
8
CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO ANNUALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA ALLA
COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO "B" IL PONTE, AI SENSI DELLA L. 381/91 E DELLA LR
87/97.
9
CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO ANNUALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA ALLA
COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO "B" ARIOSTO, AI SENSI DELLA L. 381/91 E DELLA LR
87/97.
c) - spesa farmaceutica territoriale: programmi attivati per la riduzione
del consumo di farmaci:
SI
se si, specificare:
- elaborazione e distribuzione ai medici di medicina generale di reports
dettagliati quali quantitativi sulla prescrizione del singolo medico, delle
forme associative ed equipes territoriali (ET)
- conduzione di riunioni con i referenti di ET per l’implementazione dei
contenuti della delibera GR 148/07 e successive modifiche
- modifica del prontuario terapeutico alla dimissione ospedaliera in linea
con gli obiettivi regionali;
- monitoraggio a campione delle prescrizioni farmaceutiche soggette a
nota AIFA
- convocazione dei medici prescrittori e valutazione dell’appropriatezza
prescrittiva da parte dell’apposita Commissione aziendale;
SI
d) - attivazione sistema di budget:
Servizi ospedalieri in rete:
livello di contrattazione
_______________________________________
presidio area funz. altro (specificare*)
X
* Aziendale
87
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
Servizi territoriali di zona:
livello di contrattazione
______________________________________________________
dip.to prevenzione
zona
distretto unità funz.
x
altro (specificare*)
* Aziendale
La retribuzione di risultato è correlata anche al raggiungimento degli
obiettivi di budget:
3.5
SI
LO SVILUPPO DELLA RETE DEI PRESIDI
L’Azienda ha proseguito il proprio programma d’investimenti, finanziato per la parte
prevalente in base a risorse statali e regionali, che vede interessati sia i due presidi
ospedalieri che i presidi territoriali.
3.5.1 Stato di avanzamento alla data del 31/12/2008 del programma
triennale per gli interventi di nuova edificazione o di
riorganizzazione funzionale di strutture esistenti
3.5.1.1 Interventi finanziati (tabella n. 8 – sezione VI - corredo documentale):
Presidi ospedalieri
1) Ristrutturazione Padiglione n°2 (seconda fase) – P.O. Campo di Marte
E’ stato affidato l’incarico in seguito ad una gara di progettazione ed inoltre è stata
sviluppata la progettazione preliminare e parte della progettazione definitiva; l’opera
prevede una serie di interventi di manutenzione straordinaria e di adeguamenti normativi
per migliorare la funzionalità e la sicurezza della parte vecchia del padiglione in attesa
della sua riconversione funzionale al momento in cui sarà trasferita l’attività ospedaliera.
2) Scale antincendio Pad.1 e Pad.3 – P.O. Campo di Marte
I lavori stanno procedendo e le strutture delle scale sono state realizzate; l’impresa
esecutrice è in ritardo ed è in penale rispetto agli obblighi contrattuali; l’intervento
consente un sostanziale miglioramento del livello di sicurezza dei due padiglioni in quanto
in grado di garantire l’esodo in caso di evento critico.
3) Adeguamento reparto dialisi P.O. Campo di Marte - Lucca
Sono stati effettuati i lavori per gli spogliatoi, la sala di attesa ed il magazzino. Sono in
avanzata fase le prime due stanze di degenza
4) Opere complementari all’adeguamento antisismico dell’aggregato strutturale n°2,
realizzazione hospice e nuovo ingresso – P.O. Valle del Serchio - Castelnuovo
Sono state eseguiti molti interventi in economia che hanno interessato l’intero aggregato e
le zone esterne immediatamente limitrofe; tutti gli interventi sono stati finalizzati a
migliorare la fruibilità dell’aggregato ed a migliorare la funzionalità degli impianti.
88
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
5) Adeguamento sismico e funzionale padiglione D (fase 3 - 4) – P.O. Valle del Serchio Barga
Sono proseguiti per tutto l’anno i lavori che verranno conclusi entro il primo semestre
2009; con questo intervento si completa l’adeguamento antisismico e di prevenzione
incendi dell’intero padiglione nonché l’adeguamento funzionale del piano primo.
6) Rivelazione incendi Padiglione n°1 – P.O. Campo di Marte
E’ stato affidato l’incarico in seguito ad una gara di progettazione ed inoltre è stata
sviluppata la progettazione preliminare e parte della progettazione definitiva; questo
intervento farà conseguire all’intero padiglione un maggior grado di sicurezza rispetto alla
prevenzione incendi.
7) Nuovi parcheggi P.O. Valle del Serchio – Barga
E’ stata sviluppata la progettazione definitiva ed esecutiva ed indetta la gara di appalto; il
Comune di Barga ha avviato le procedure di esproprio per consentire l’immissione in
possesso delle aree. I lavori sono stati aggiudicati. Con quest’opera l’ospedale di Barga,
oltre ad essere dotato di un numero di posti auto in grado di soddisfare sia il personale di
servizio che gli utenti, può disporre anche di un secondo nuovo accesso.
8) Adeguamento normativo e funzionale 1° lotto – P.O. Valle del Serchio – Barga
E’ stato approvato il progetto preliminare; si tratta della nuova costruzione in ampliamento
di una sala chirurgica da destinare all’attività di ostetricia e da mettere in diretto
collegamento con il nuovo Blocco parto in corso di ultimazione al piano primo dell’edificio.
9) Adeguamento normativo e funzionale 1° lotto – P.O. Valle del Serchio – Barga
E’ stato approvato il progetto preliminare; si tratta della nuova costruzione in ampliamento
di una sala chirurgica da destinare all’attività di ostetricia e da mettere in diretto
collegamento con il nuovo Blocco parto in corso di ultimazione al piano primo dell’edificio.
10) Ampliamento ed adeguamento Pad. C - P.O. Valle del Serchio – Barga
E’ stata aggiudicata la gara ma per un ricorso l’inizio lavori slitta al 2009.
Zona distretto Piana di Lucca
1) Opere complementari alla ristrutturazione della Casa di riposo di Marlia - Capannori
Si sono verificate alcune difficoltà nel rilascio della Concessione edilizia e
successivamente le lavorazioni esterne sono state di fatto rallentate dall’eccezionale
piovosità autunnale. I lavori sono stati iniziati e saranno completati entro il primo trimestre
2009; con questo intervento viene riconfigurata la zona antistante l’ingresso principale,
allontanando le auto verso le apposite zona di sosta e allestendo un’ampia area a verde
attrezzato da utilizzare per gli ospiti della RSA.
2) Nuova sede centro diurno per disabili – Capannori
Sono state apportate al progetto alcune modifiche migliorative su richiesta del Servizio
sociale. Il progetto definitivo è stato presentato per il rilascio delle autorizzazioni di legge;
con questo intervento si costruisce un nuovo edificio che consentirà di trasferire le attività
di assistenza ai disabili oggi collocate al piano terra dell’edificio di Carraia
3) Progetto preliminare adeguamento funzionale C.S.S. Turchetto; Progetto esecutivo
primo lotto – Montecarlo
E’ stato approvato il progetto esecutivo e sono iniziati i lavori; l’intervento è finalizzato ad
ottenere, con un modesto ampliamento, le condizioni per un sostanziale miglioramento
89
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
funzionale dell’edificio e dovrebbe essere propedeutico ad un successivo intervento di
adeguamento funzionale e normativo dell’intero edificio.
Zona distretto Valle del Serchio
1) Nuova RSA – S.Romano
Sono stati ultimati i lavori nel mese di Settembre e sono stati iniziati i collaudi; sono inoltre
in corso di esecuzione alcuni lavori complementari; con quest’intervento vengono
realizzati 20 posti di RSA che potranno consentire i successivi interventi di adeguamento
funzionale e normativo della attigua vecchia RSA nonché una riconversione funzionale
della Villa Grassi-Landi.
2) Adeguamento Centro socio sanitario Fornaci di Barga - Barga
Sono proseguiti i lavori con notevoli difficoltà a causa dell’Impresa esecutrice; è quasi
ultimata la seconda fase. Con la fine dell’anno 2008 l’impresa è in penale rispetto agli
obblighi contrattuali. Si tratta di un complesso intervento di adeguamento funzionale e
normativo dell’intero corpo centrale dell’ex Ceser, molto difficile e lungo da realizzare in
quanto sviluppato per ben quattro fasi successive a causa della necessità di mantenere
sempre in esercizio l’attività sanitaria all’interno dell’edificio.
3) Nuova Residenza psichiatrica – Fornaci di Barga - Barga
Sono stati ultimati i lavori nel mese di Ottobre e sono stati iniziati i collaudi; sono inoltre in
corso di esecuzione alcuni lavori complementari. L’edificio di nuova costruzione ha le
caratteristiche proprie della civile abitazione ed è stato inserito nel contesto dell’ex Ceser
per mezzo di una adeguata progettazione architettonica che ha rispetto i vincoli di tutela
storica degli edifici circostanti.
4) Ampliamento Centro socio sanitario – Piazza al Serchio
Sono stati ultimati i lavori nel mese di Ottobre e sono stati iniziati i collaudi; sono inoltre in
corso di esecuzione alcuni lavori complementari. Questo intervento rappresenta la prima
fase del più ampio intervento di potenziamento dell’intero Centro socio-sanitario, che
vedrà con la seconda fase l’adeguamento normativo e funzionale dell’edifico già esistente
di cui al punto successivo.
5) Adeguamento Centro socio sanitario – Piazza al Serchio
E’ stato approvato il Progetto esecutivo e la relativa gara di appalto verrà attivata agli inizi
del 2009; viene riorganizzata la distribuzione interna degli spazi e vengono rifatti gli
impianti e le finiture, ed inoltre viene adeguata la struttura in cemento armato in modo da
renderla conforme alle ultime normative in materia.
6) Nuova cabina elettrica Css Fornaci di Barga
E’ stata modificata la collocazione della cabina a causa dei vincoli di tutela della
Soprintendenza, rendendo necessaria la modifica e l’integrazione della documentazione
presso il Comune. Questa cabina si è resa necessaria a fronte dei maggiori consumi
soprattutto dopo l’estensione degli impianti climatizzazione estiva.
Dipartimento della prevenzione
1) Nuova sede del Dipartimento della prevenzione – Capannori
Sono proseguiti i lavori per tutto l’anno, le strutture sono state completate e sono in fase
avanzata le finiture interne e gli impianti. E’ l’opera più importante attualmente in corso sia
per dimensioni fisiche che per rilevanza economica; con questo intervento potrà essere
90
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
trasferita in una sede più adeguata e razionale tutta l’attività del Dipartimento oggi
collocata presso l’edificio di Carraia ed in conseguenza quest’ultimo immobile potrà
essere alienato per recuperare l’investimento fatto dall’Azienda.
2) Opere complementari alla Nuova sede del Dipartimento della prevenzione
E’ stato sviluppato uno studio tecnico-economico per l’installazione di pannelli fotovoltaici
sulla copertura dei diversi edifici ed è stata avviata la progettazione esecutiva. Si potranno
installare pannelli adatti a produrre circa 70 Kw di potenza elettrica, in grado di garantire
circa il 50 % del fabbisogno energetico dell’intero edificio.
Nuovo Ospedale di Lucca
L’attività svolta nell’anno 2008 da parte dell’Azienda e da parte dell’associazione
denominata SIOR, costituita tra le quattro Aziende USL interessate dai nuovi ospedali
toscani, è la seguente:
-
svolgimento delle procedure ex art.15 del Testo unico sugli espropri per
consentire l’accesso alle aree del nuovo ospedale;
istruttoria di valutazione del progetto definitivo al fine di consentirne
l’approvazione;
istruttoria di preparazione della Conferenza dei Servizi per ottenere le
autorizzazioni di legge;
svolgimento della Conferenza dei servizi;
approvazione del progetto definitivo e dichiarazione di pubblica utilità;
istruttoria delle varianti al progetto da introdurre in fase di progettazione
esecutiva;
In parallelo sono state svolte le azioni necessarie per il monitoraggio dell’Accordo di
programma sottoscritto dalla Regione Toscana con l’Azienda, il Comune, la Provincia e le
varie Soprintendenze competenti; l’attività svolta nel corso del 2008 è la seguente:
Partecipazione alle sedute del Collegio di vigilanza e redazione dei relativi verbali;
Resoconto al Presidente del Collegio di vigilanza dei ritardi sugli adempimenti previsti
dall’Accordo di programma;
Nel mese di Ottobre il SIOR ha individuato l’Azienda USL 2 per lo svolgimento della gara
europea relativa all’affidamento del servizio di verifica per la validazione dei progetti
esecutivi dei quattro nuovi ospedali.
L’attività svolta è la seguente:
- Predisposizione degli atti di gara
- Pubblicazione del bando
- Gestione delle richieste di chiarimento e dell’accesso agli elaborati
- Gestione nomina e convocazione Commissione di gara.
3.5.2 Stato di avanzamento del programma di interventi
mantenimento del patrimonio strutturale e strumentale
di
Oltre alle opere sopra citate, sono state sviluppate una serie di attività di manutenzione
straordinaria per il mantenimento ed il miglioramento del patrimonio aziendale per circa
2.845.000,00 Euro.
Tra gli interventi di maggiore rilevanza si evidenziano:
91
Relazione Sanitaria – Sezione III: Il profilo gestionale-organizzativo ed economico-finanziario
_______________________________________________________________________________________
L’ampliamento delle sale di attesa del Pronto Soccorso P.O. Campo di Marte Lucca;
- La realizzazione della nuova sala CED aziendale c/o P.O. Campo di Marte Lucca;
- L’installazione di una TAC 64 slices P.O. Campo di Marte Lucca;
- L’installazione di un litotritore per medicina sportiva P.O. Campo di Marte Lucca;
- L’adeguamento 1° fase reparto Chirurgia P.O. Valle del Serchio - Castelnuovo G.
- Il termine dei lavori di adeguamento del parcheggio P.O. Valle del Serchio –
Castelnuovo G.;
Sono stati inoltre predisposti con ESTAV N.O. gli atti che hanno consentito di effettuare la
gara per l’installazione di pannelli fotovoltaici in varie sedi aziendali per complessivi 300
Kw.
-
Vedere le seguenti tabelle riepilogative:
a)
Per le strutture ospedaliere (tabella n. 9 – sezione VI – corredo documentale)
b)
Per le strutture territoriali (tabella n.10 – sezione VI – corredo documentale)
92
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
SEZIONE IV
LE POLITICHE AZIENDALI PER LA
QUALITA’
4.1 QUALITÀ AZIENDALE
4.2 IL PERCORSO ASSISTENZIALE
4.3 LA COMUNICAZIONE
4.4 LA CARTA DEI SERVIZI
4.5 LA PARTECIPAZIONE E LA TUTELA
4.6 I TEMPI DI ATTESA
4.7 LA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE
AMMINISTRATIVE
4.8 LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE
4.9 LA BIOETICA
4.10 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE
4.11 L’ACCREDITAMENTO
4.12 LE SPERIMENTAZIONI GESTIONALI
4.13 LE POLITICHE PER L’INNOVAZIONE
4.14 I PROGRAMMI INTERAZIENDALI DI INTERESSE
REGIONALE PROPOSTI DALLE AZIENDE
SANITARIE
4.15 LA VALORIZZAZIONE E LA QUALIFICAZIONE
DELL’ASSISTENZA SANITARIA NELLE ZONE
INSULARI E MONTANE
93
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
4.1
QUALITÀ AZIENDALE
E’ adottato un documento che delinea le politiche/strategie
di qualità delle strutture organizzative:
SI
se si, specificare:
DG08 - Politica per la Qualità – Linee di indirizzo per le Strutture Organizzative
E’ stato redatto un piano, a valenza triennale, per
il miglioramento della qualità:
se si, specificare:
DG09 - Piano Miglioramento della Qualità – Triennio 2007-2009
SI
Esiste nell’azienda una struttura organizzativa (o un responsabile/referente,
in relazione alla complessità dell’azienda) che presiede alle attività di
valutazione e miglioramento della qualità:
SI
Nella tabella n. 11 – sezione VI corredo documentale sono riportati i progetti di
miglioramento portati a conclusione nel 2008 che riguardano complessivamente i diversi
aspetti della qualità (organizzativa, professionale, percepita).
Altre iniziative attivate per il miglioramento della qualità dei servizi (es. partecipazione a
programmi di accreditamento professionale fra pari, partecipazione a programmi di
valutazione interaziendali, ecc.):
1) Formazione su “Gestione del Sistema Qualità nell’Azienda Usl 2 Lucca Strategie
Aziendali e Programmazione 2009”
L’obiettivo, infatti era di dare ampia diffusione dei principi di Gestione della Qualità ai
Direttori ed Infermieri Coordinatori delle UU.OO./UU.FF. in priorità di Accreditamento
Istituzionale, per migliorare l’organizzazione con una corretta pianificazione e sviluppo del
Sistema Qualità, alla luce dell’esperienza di Accreditamento Istituzionale e certificazione
UNI EN ISO.
Con il Corso, effettuato in data 2 ottobre 2008, è stata fornita la Formazione per la
gestione dei processi e delle procedure interne.
Sono stati elencati ed approfonditi nelle slides i requisiti previsti dalla normativa, le azioni
intraprese dall’Azienda in questi anni, le procedure aziendali redatte e consultabili in
intranet sul sito della U.O. Assicurazione Qualità. Per migliorare l’informazione, la
comunicazione interna ed avere le evidenze documentali, ai presenti è stato consegnato
un elenco di tutte le procedure aziendali, quasi come una lista di distribuzione,
mantenendo per ricevuta la copia delle firme di presenza.
4.2
IL PERCORSO ASSISTENZIALE
Il percorso assistenziale si può definire come la modalità organizzativa che assicura
tempestivamente al cittadino, in forme coordinate, integrate e programmate, l’accesso
informato e la fruizione appropriata dei servizi sociosanitari in relazione ai bisogni
accertati.
Il percorso assistenziale è lo strumento organizzativo che consente di valorizzare la
continuità delle cure e promuovere la personalizzazione dell’assistenza.
94
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
In particolare nel corso dell’anno 2008, particolare attenzione è stata rivolta ai seguenti
percorsi:
• ictus
• scompenso cardiaco
• riabilitazione ambulatoriale
• frattura di femore
• diabete
• broncopneumopatie croniche ostruttive (BPCO)
Lo sviluppo dei percorsi assistenziali è avvenuto attraverso:
• l’attivazione di gruppi di lavoro specifici, multidisciplinari e multiprofessionali
• il coinvolgimento diretto dei cittadini, con interviste e focus group
• il coinvolgimento all’interno del processo dei rappresentanti delle Associazioni di
Volontariato e Tutela.
4.3
LA COMUNICAZIONE
E’ stato adottato un piano di comunicazione aziendale:
SI
Le attività di comunicazione interna sono state orientate principalmente alla
sensibilizzazione e al coinvolgimento del personale, a favorire la condivisione degli
obiettivi aziendali, la motivazione, e creare una visione comune della mission aziendale.
Le iniziative di comunicazione esterna sono state sviluppate nell’ottica di valorizzare il
ruolo centrale dei cittadini e delle comunità, quali interlocutori privilegiati per garantire la
qualità dei servizi e indirizzare la domanda verso livelli di maggiore appropriatezza.
In particolare sono state realizzate specifiche azioni di comunicazione per la promozione
del nuovo ospedale, sia nei confronti degli operatori che dell’esterno.
La comunicazione rappresenta infatti una leva strategica per l’attuazione delle politiche
orientate al cambiamento, in quanto permette di condividere in maniera consapevole le
scelte effettuate con la comunità sulla quale le stesse andranno ad incidere.
Per quanto riguarda gli strumenti di comunicazione, è da evidenziare che nel 2008, è stata
attivata nel Presidio Ospedaliero di Lucca la TV aziendale a circuito chiuso “TELE 2
SALUTE”, con l’obiettivo primario di promuovere conoscenze su tematiche di interesse
sanitario. Attraverso la rete televisiva interna vengono diffusi messaggi sui corretti stili di
vita, fornite informazioni su servizi e attività erogati dall’Azienda e anche comunicazioni
specifiche relative alla degenza in ospedale.
La Newsletter “Salutiamoci”, pubblicazione attivata nell’aprile 2008, rappresenta un altro
importante strumento di comunicazione con la società civile oltre che con gli operatori
dell’Azienda, che sono, nello stesso tempo, target e soggetti promotori dell’iniziativa.
Si tratta infatti di un periodico in formato elettronico, composto di testi sintetici e non
autoreferenziali, con taglio spiccatamente informativo, firmati direttamente dagli operatori.
Per rispondere alle reali esigenze dei cittadini immigrati, è stato proseguito il servizio di
mediazione linguistica informazione e orientamento ai servizi e alle prestazioni socio
sanitarie “InfopointSalute”, che prevede:
- sportelli di mediazione linguistica
- servizio di “pronto intervento” telefonico di traduzione
- servizio di traduzione scritta di documenti sanitari presentati dai cittadini stranieri
95
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
La finalità è quella di migliorare l’accesso e l’utilizzo dei servizi sanitari da parte dei
cittadini stranieri attraverso azioni non solo di informazione, ma anche di orientamento e
accompagnamento, nonché di favorire la comunicazione tra operatori e cittadini stranieri.
Numero di punti informativi localizzati in presidi territoriali ed ospedalieri, collegati all’URP,
per zona:
zona 1
zona 2
totale
1
2
3
Esistenza di un punto esclusivamente dedicato per l’informazione telefonica:
SI
Sono stati attivati protocolli d’intesa con altre amministrazioni per la creazione
di sportelli unici:
SI
4.4
LA CARTA DEI SERVIZI
Aggiornamento nell’anno della Carta:
SI
La carta è parte integrante del piano per il miglioramento continuo della qualità:
SI
L’azienda, nel periodo di riferimento, ha adottato standard, intesi come obiettivi
aziendali da raggiungere per migliorare la qualità dei servizi:
(se si, compilare la tabella n.15 – sezione VI)
SI
Gli impegni e gli standard sono stati pubblicizzati:
SI
(se si specificare gli strumenti utilizzati):
Conferenza dei Servizi – Diffusione Carta dei Servizi – Incontri con le Associazioni di
Volontariato e gli Organismi di Tutela
Gli standard specifici di qualità sono obiettivo di budget per il personale:
4.5
SI
LA PARTECIPAZIONE E LA TUTELA
Convocazione nell’anno della conferenza dei servizi:
La Conferenza dei Servizi riferita all’anno 2007 si è svolta in data 1 febbraio 2008
se si, sono stati portati al confronto pubblico i risultati della
valutazione del sistema carta:
NO
Sono stati stipulati protocolli con le associazioni di volontariato e tutela:
SI
E’ stata attivata la Commissione Mista Conciliativa:
SI
E’ stata definita una procedura per l’analisi dei reclami:
SI
E’ stato pubblicizzato il diritto al reclamo:
se si, specificare le modalità:
Locandine numero verde – Opuscolo informativo URP - Diffusione Carta dei
servizi – Conferenza dei Servizi – Associazioni di volontariato e di tutela
SI
96
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Numero reclami pervenuti all’U.R.P.:
n.
187
Numero reclami mandati in CMC:
n.
5
Sono state intraprese azioni di miglioramento a seguito dei reclami:
SI
se si, specificare:
- potenziamento del servizio prenotazioni per la libera professione
- revisione della segnaletica dei presidi territoriali
- modifica procedure per la rimozione dei gessi
- sensibilizzazione del personale infermieristico di PS sul rispetto della privacy e
del segreto professionale
- ampliamento delle sedute degli interventi oculistici alla cataratta
4.6
I TEMPI DI ATTESA
Per il governo delle liste di attesa vedi par. 2.1.
Sul versante del monitoraggio prosegue la verifica costante dei tempi di attesa in
particolare per le sette visite specialistiche indicate dalla Regione Toscana per il “loro
ruolo di indicatore di efficienza e di efficacia del sistema” in quanto visite “caratterizzate da
un’alta richiesta e correlate a possibili patologie con alto impatto sulla salute”.
Le sette visite specialistiche prioritarie sono:
• visita cardiologica
• visita dermatologica
• visita ginecologica
• visita neurologica
• visita oculistica
• visita ortopedica
• visita otorinolaringoiatrica
Inoltre, peculiare attenzione è dedicata al monitoraggio dei tempi delle prestazioni di
diagnostica per immagini contenute nella DGRT 867/2006: ecografie ostetricoginecologiche ed internistiche, Rx dirette e con mezzo di contrasto, il cui primo accesso
deve essere garantito entro 30 giorni in almeno in uno dei presidi aziendali o delle
strutture private accreditate.
Preme evidenziare che secondo la normativa regionale, si intende per primo accesso
quella prestazione che:
a. innesca la presa in carico dell’assistito rispetto ad un determinato bisogno
assistenziale;
b. di norma viene richiesta da un prescrittore esterno (medico di medicina generale,
pediatra di libera scelta, ecc.);
c. la relativa prenotazione viene effettuata da punti di prenotazione CUP;
d. può concludersi con la soddisfazione del quesito diagnostico mediante la
refertazione, ma può attivare anche ulteriori prestazioni che si rendono necessarie
per soddisfare il bisogno dell’assistito.
A livello regionale è stato adottato un sistema di prenotazione in grado di gestire l’accesso
alle prestazioni specialistiche erogate da tutti i presidi e i servizi delle aziende medesime
(riferimento all’allegato 3 della delibera n. 851/98 “Articolo 3, comma 10 del D.Lgs. 29
97
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
aprile 1998, n. 124. Criteri per la determinazione dei tempi massimi per l’erogazione delle
prestazioni”). In particolare:
- Il sistema è facilmente accessibile sotto il profilo logistico e procedurale, con
regole di accesso identiche per ogni punto di prenotazione della stessa
azienda.
- Il sistema è adeguatamente pubblicizzato.
- Il sistema è adeguatamente controllabile da parte del cittadino.
- La prenotazione delle prestazioni viene rilasciata contestualmente alla
presentazione della richiesta da parte del cittadino .
- Le prenotazioni sono registrate su agende aperte a scorrimento.
- Gli appuntamenti sono personalizzati, con indicazione dell’orario e della
struttura di esecuzione della prestazione.
- Gli appuntamenti sono adeguatamente scaglionati al fine di evitare affollamenti
nelle sale di attesa.
- E’ prevista l’integrazione delle prenotazioni in relazione alla programmazione di
prestazioni multiple.
Sulla base di tale sistema le 10 prestazioni specialistiche (tra le prestazioni specialistiche
ambulatoriali e le prestazioni specialistiche in D.H. di cui agli allegati 1 e 2 della D.G.R.
851 del 27/07/98) che, nel mese di giugno 2008, presentavano a livello aziendale i
maggiori tempi di attesa (prestazioni critiche) erano:
1. visita oculistica
21 giorni
2. attivato il primo accesso per cui le prestazioni previste dalla 867/2006 sono
erogate entro 30 giorni ad eccezione delle seguenti:
- radiografia con contrasto delle ghiandole salivari:
36 giorni
- urografia endovenosa:
36 giorni
- radiografia dei tessuti molli della faccia, capo e del collo: 45 giorni
- radiografia completa della colonna sotto carico:
4 giorni
Non si segnala nessuna prestazione per la quale si registra, per il ritiro del referto, un
tempo di attesa superiore a 10 gg.
Sono stati messi in atto interventi specifici di coordinamento e integrazione fra personale
sanitario strutturato e convenzionato per migliorare le situazioni critiche.
Gli esiti del monitoraggio dei tempi di attesa nelle branche di radiodiagnostica, cardiologia
e oculistica sono stati positivi.
Al 31 dicembre 2008 tutte le visite sono risultate al di sotto dei 15 gg di attesa a livello
aziendale; le prescrizioni per ecografie e Rx con mezzo di contrasto mostrano tempi di
circa 30 giorni se presentano le caratteristiche di “primo accesso”, mentre per una Rx
diretta la lista di attesa ha una aspettativa più breve.
4.7
LA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE
L’Azienda, nel corso dell’anno 2008, ha provveduto ad una analisi delle procedure
amministrativo-contabili presenti in Azienda, con la finalità di arrivare alla predisposizione
di un manuale delle procedure suddette utile ai fini del perseguimento dell’obiettivo finale
relativo alla certificazione di bilancio (che dovrebbe essere conseguito con il bilancio di
esercizio 2009).
98
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Il lavoro condotto, oltre a consentire una mappatura delle procedure aziendali, ha
permesso anche lo sviluppo di un’analisi critica volta ad evidenziare le criticità e gli
elementi di miglioramento anche nel rispetto dei principi contabili individuati dalla Regione
Toscana per le Aziende Sanitarie.
Tale programma si sta avviando verso la fase finale della verifica del lavoro fatto ai fini
dell’atto finale della certificazione di bilancio, attribuita, secondo le indicazioni regionali,
ad una società di revisione esterna all’Azienda.
4.8
LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SALUTE
La pianificazione delle azioni di educazione alla salute è stata rapportata:
1- alle priorità regionali:
SI
2- alle scelte aziendali relative ai bisogni del territorio
SI
Sono state individuate strategie di interazioni con enti e istituzioni territoriali
SI
se si, specificare:
Lavoro di rete con le istituzioni del territorio le scuole e le Associazioni di Volontariato
Sono state realizzate azioni di educazione alla salute in collaborazione
con altre aziende sanitarie:
SI
Vedere tabelle n. 16 e n. 17 – sezione VI – corredo documentale.
4.9
LA BIOETICA
• Istituzione Comitato etico locale:
Se si, sottocomitato sperimentazione farmacologica:
SI
SI
• Strumenti organizzativi di supporto:
Ufficio di segreteria:
NO
Altro:
SI
Il Comitato etico per la sperimentazione clinica dei medicinali ha una segreteria tecnico
scientifica.
• Periodicità con cui si riunisce il Comitato etico locale:
mensile ⌧ bimestrale semestrale Periodicità con cui si riunisce il Comitato etico per la sperimentazione clinica dei
medicinali:
mensile ⌧ bimestrale semestrale • Indicare le attività svolte dal Comitato etico locale:
1.
2.
3.
Consulenze (richiesta di pareri):
Formazione (per i membri del CEL e/o personale aziendale):
Educazione/informazione sui temi bioetici:
(convegni, seminari, conferenze aperti all'utenza)
99
SI
NO
SI
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
4.
altro (linee guida, documenti, regolamenti):
NO
Numero di pareri espressi (dal sottocomitato sperimentazione farmacologia) per la
sperimentazione clinica dei medicinali:
n. 21
così suddivisi: 13 studi farmacologici, 1 procedura sperimentale, 7 studi osservazionali.
4.10 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE
Il percorso si è avviato con una prima fase di analisi e di individuazione dei principi
generali e degli obiettivi dai quali far scaturire le proposte di formazione, condotta a livello
di Direzione Strategica Aziendale.
Principi generali e obbiettivi sono stati illustrati a tutti i responsabili di dipartimento, dei
coordinamenti dei tecnici sanitari e del personale infermieristico, nel corso delle riunioni
tenute in fase di programmazione dalla Direzione Generale e sanitaria, per cui l’attività
formativa è stata strettamente legata agli obbiettivi generali aziendali e di singolo
Dipartimento. In tale occasione è stato dato l’input ai responsabili di discutere e di
raccogliere i bisogni formativi del personale da tutte le strutture organizzative e
professionali. L’analisi dei bisogni formativi di ogni singola struttura e professionalità si
raccorda quindi con la programmazione aziendale. In questa fase c’è l’apporto degli
animatori della formazione che coadiuvano i responsabili di struttura nell’analisi dei
bisogni formativi.
La raccolta delle proposte e la redazione del piano è curata dalla UO Formazione,
naturalmente a seguito di un confronto con la direzione aziendale e presentata alle OOSS
del comparto e della dirigenza
Finalità formative a cui sono stati prevalentemente orientati gli interventi realizzati a livello
aziendale con risorse proprie, al netto dei finanziamenti regionali a destinazione vincolata,
in riferimento alla tabella n.18
L’attività della formazione per il 2008 si è sviluppata tenendo conto delle strategie
aziendali, ispirate ai principi generali di programmazione Regionale, Aziendale e di Area
Vasta. Gli eventi realizzati hanno tenuto conto degli ambiti formativi individuati e dei
principi generali dettati dalla Direzione in fase di programmazione. I corsi hanno affrontato
molte problematiche con particolare attenzione agli aspetti riguardanti la qualità
relazionale interna ed esterna (11 eventi), le tematiche dell’emergenza-urgenza (20), la
prevenzione e promozione della salute (14), la formazione degli operatori in relazione
all’attuazione di nuovi modelli organizzativi e/o di nuove professionalità (9) ed è inoltre
continuata l’attività formativa sul rischio clinico. Oltre a questi aspetti “trasversali “ molti
corsi sono stati fatti per l’aggiornamento specifico relativo alla professionalità ed alla
struttura organizzativa (46).
Da sottolineare l’impulso dato alla cosidetta “Formazione sul campo”, in particolare
sviluppatasi attraverso le riunioni di aggiornamento di reparto, che ha rappresentato il 25%
di tutta l’attività erogata. Altra caratteristica qualificante nell’attività realizzata è la multi
professionalità delle partecipazioni verificatasi nel 75% dei corsi.
Gli eventi realizzati hanno tutti avuto i crediti ECM dalla Commissione Regionale, così
dando un contributo notevole agli operatori sanitari dell’azienda per ottemperare agli
obblighi che la legge prevede.
Nel realizzare i corsi ci si è avvalsi, per la docenza, per lo più di risorse interne all’azienda
o comunque del SSR ricorrendo ad esterni solo nei casi indispensabili, ciò ha consentito
la valorizzazione delle professionalità interne ed il contenimento dei costi.
100
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Numero delle attività formative a livello aziendale ricomprese nella programmazione
annuale:
124
Specificare quante di queste sono state concluse:
117
Numero ore di formazione obbligatoria effettuate in azienda: 2970
Numero interventi di formazione realizzati non ricomprese nel programma annuale: 19
N° unità di personale coinvolte in attività formative/N° totale personale X100 (specificare
numeratore = 2600, denominatore = 2073) indicatore = 80%
Riportare max 3 esperienze significative concluse nell’anno, indicando per ciascuna di
esse quanto riportato in tabella 19 (vedi tab. 19)
Analizzare e commentare la tabella n. 20 relativa ai finanziamenti e ai dati di spesa.
Dall’analisi della spesa (tabella n. 20 - sezione VI) emerge che il 76% è destinata alla
formazione collettiva aziendale.
Questa scelta dell’azienda, peraltro ormai consolidata negli anni, ha l’obiettivo di garantire
la maggior aderenza possibile ai bisogni formativi aziendali con il vantaggio di una
ottimizzazione delle risorse economiche e di utilizzo del personale. Si sottolinea che la
sostenibilità economica per la realizzazione dell’attività aziendale è stata possibile anche
in virtù dell’utilizzo frequente delle risorse presenti in azienda, sia in termini di docenze
che di organizzazione logistica. L’utilizzo della docenza interna del resto è una
raccomandazione della Regione ed un suo ulteriore risvolto positivo consiste nella
valorizzazione professionale degli operatori interni. Si rileva peraltro che sono state
soddisfatte le esigenze formative proposte dalle varie strutture dell’azienda anche per
quanto riguarda l’aggiornamento l’individuale. Da sottolineare infine gli introiti incassati
con il pagamento di quote di iscrizione per la partecipazione di esterni a corsi aziendali ed
a corsi organizzati ad hoc
Formazione di base
Le considerazioni sue esposte e le tabelle seguenti sono riferite all’attività di formazione
del personale dipendente, si vuole però evidenziare che l’attività di formazione sviluppata
dalla Azienda Usl 2 riguarda anche la formazione di base, sono state infatti realizzate le
seguenti iniziative:
• 1 Corso Operatore Socio-Sanitario Formazione
• 1 Corso Operatore Socio-Sanitario Formazione Complementare
• Laurea di 1° Livello in Infermieristica – Sede Decentrata Università di Pisa
1 corso limitatamente alle materie professionalizzanti.
2 corsi completi (materie professionalizzanti ed argomenti medico-scientifici), in seguito ad
attivazione di specifica convenzione con Università di Pisa
4.11 L’ACCREDITAMENTO
Stato di attuazione del programma accreditamento per il 2006-2008 (tabella n.21 –
sezione VI):
E’ stato utilizzato “Il manuale per la verifica dei requisiti generali e specifici per accreditare
le strutture sanitarie pubbliche e private” ai fini della autovalutazione interna:
SI
101
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Se si, specificare:
N° strutture organizzative coinvolte nel programma di autovalutazione /
N° totale strutture organizzative X 100
(riportare numeratore, denominatore e indicatore calcolato):
100% delle strutture organizzative in accreditamento (n° 28)
4.12 LE SPERIMENTAZIONI GESTIONALI
Non sono state attivate sperimentazioni gestionali nuove rispetto all’anno precedente.
4.13 LE POLITICHE PER L’INNOVAZIONE
a) Il programma di acquisizione e gestione di nuove tecnologie al servizio della
salute
U.O. Tecnologie Sanitarie
Modalità di predisposizione del piano investimenti:
durante gli incontri di programmazione / budget occorsi con i vari Dipartimenti Aziendali,
tra i mesi di Ottobre e Dicembre 2007, erano state raccolte le richieste di nuove
attrezzature sanitarie. Successivamente tali richieste erano state valutate insieme alla
Direzione Aziendale. Per quanto riguarda le richieste di sostituzione l’UO Tecnologie
Sanitarie aveva effettuato una ricognizione “sul campo” per verificare, da un punto di vista
tecnico, l’effettiva malfunzionalità / obsolescenza / non sicurezza delle attrezzature di cui
era stata chiesta la sostituzione e successivamente era stato elaborato un piano di
sostituzione del quale era si era presentata una proposta alla Direzione Aziendale. Infine
era stato stilato il piano di rinnovo delle attrezzature sanitarie per l’anno successivo,
approvato dalla Direzione Aziendale.
Gli obiettivi principali perseguiti sono stati i seguenti:
- garantire un adeguato rinnovo delle attrezzature presenti nei vari Servizi, con
particolare riguardo per quelle che presentano i maggiori problemi di funzionalità
e/o sicurezza; tale rinnovo è possibile grazie al continuo monitoraggio delle
richieste di interventi di manutenzione che l’U.O. Tecnologie Sanitarie effettua
durante l’anno; una consistente parte del rinnovo delle attrezzature viene infatti
proposta personalmente dal Direttore U.O. Tecnologie Sanitarie, a seguito delle
analisi ed elaborazioni fatte sui dati raccolti durante l’anno;
- garantire il contributo di tutte le componenti sanitarie utilizzatrici alla
predisposizione del piano attrezzature, mediante la loro partecipazione alla
stesura del piano stesso durante gli incontri di programmazione e/o budget tra i
Responsabili di Dipartimento, i Direttori delle UU.OO. sanitarie, e la Direzione
Aziendale.
Investimenti tecnologici realizzati nell’anno 2008:
Diamo di seguito descrizioni delle principali attrezzature acquistate nei singoli Dipartimenti,
specificando il loro ambito di utilizzo. Si premette che la scelta del tipo di attrezzature
acquistate è sempre fatta di comune accordo tra la componente tecnica (U.O. Tecnologie
102
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Sanitarie) e medica (Primario del Servizio interessato); in tal modo si cerca sempre di far
cadere la preferenza sulle attrezzature tecnologicamente più valide e quindi in grado di
assicurare una migliore funzionalità per il servizio, anche quando tale scelta comporta una
spesa maggiore per l’Azienda.
Di questo fatto è possibile avere riscontro esaminando la documentazione relativa alle
procedure di gara effettuate, in particolar modo per quelle a maggior contenuto
tecnologico.
Dipartimento Chirurgico Lucca:
- Sale Operatorie: sostituzione passamalati (105.000 Euro) e pompe infusionali
(14.000), acquisto accessori per tavoli operatori (Euro 70.000)
- Urologia: aggiornamento ecografo (Euro 37.000), acquisto ottiche ed accessori
per laparoscopia (Euro 32.000), acquisto attrezzature per Ambulatorio (19.000)
- Cardiologia: acquisto ventilatore polmonare (Euro 20.000)
- Chirurgia Plastica: acquisto dermotomo (Euro 20.000) ed accessori per trapani
operatori (10.000)
- ORL: acquisto attrezzature varie per Sala Operatoria e Ambulatorio (Euro 30.000)
Dipartimento Diagnostica:
- Laboratorio Analisi Lucca e Castelnuovo: centrifughe refrigerate (35.000 Euro)
- Medicina Nucleare: aggiornamento densitometro osseo (Euro 11.000)
- Tossicologia: acquisto apparecchiatura per manipolazione liquidi (Euro 40.000)
- Anatomia Patologica: sostituzione processatore ed inclusore (Euro 47.000)
Dipartimento Medico Lucca:
- Pneumologia: sostituzione ventilatori polmonari per Subintensiva (Euro 40.000),
aggiornamento spirometro Ambulatorio Broncologia (Euro 26.000), sostituzione
sistema trattamento broncoscopi (Euro 34.000)
Dipartimento Materno Infantile:
- Ostetricia Lucca: acquisto ecografo (Euro 33.000) e cardiotocografi (Euro 25.000)
- Ostetricia Barga: acquisto ecografo (Euro 30.000)
Dipartimento Ospedaliero Lucca:
- Endoscopia Digestiva Lucca: sostituzione attrezzature varie e
trattamento endoscopi (Euro 116.000)
- Pronto Soccorso Lucca: acquisto ventilatori polmonari (Euro 40.000)
sistema
Dipartimento Ospedaliero VdS :
- Pronto Soccorso Castelnuovo: acquisto ventilatore polmonare (Euro 20.000)
- Medicina Barga: acquisto ventilatori polmonari (Euro 40.000), e sistema
monitoraggio (Euro 14.000)
- Endoscopia Digestiva Barga e Castelnuovo: sostituzione endoscopi e sistema
trattamento endoscopi (Euro 93.000)
Si riporta di seguito una tabella riassuntiva degli investimenti effettuati in ambito
ospedaliero ed extraospedaliero.
Acquisizione apparecchiature elettromedicali anno 2008:
Spesa effettiva 2008
Ospedaliere
Extra Ospedaliere (compreso Dip. Prevenzione)
103
1.300.000
100.000
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
b) Il potenziamento del sistema informativo del servizio sanitario regionale
U.O. Tecnologie e Procedure Informatiche
Nel corso del 2008, relativamente ai progetti di maggior interesse aziendale, risultano
completate le seguenti fasi:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Acquisizione delle tecnologie e degli apparati per la realizzazione della nuova
“sala macchine” presso il P.O. di Lucca
Ampliamento ed ammodernamento della rete telematica aziendale con
particolare riferimento alla sicurezza, affidabilità ed estensione territoriale;
Aggiornamento tecnologico del parco hardware (server, client e apparati di
rete) obsoleto ed attivazione di nuove postazioni di lavoro;
Consolidamento delle nuove procedure aziendali per la gestione
amministrativa e contabile dell’Azienda (attivazione nuove funzionalità);
Estensione della procedura Web di “richieste prodotti farmaceutici” a tutti i
reparti dei PP.OO. aziendali ed integrazione delle procedure aziendali con la
nuova procedura relativa alla gestione della Logistica a livello di Area Vasta;
Attivazione della procedura di Area Vasta per la gestione degli stipendi del
personale dipendente;
Attivazione della nuova procedura per la “refertazione ambulatoriale”;
Attivazione della nuova procedura per la “gestione Agenda di Pronto
Soccorso”;
Attivazione della nuova procedura per la “gestione Cartella Anestesiologica”;
Attività necessarie a livello aziendale per la realizzazione del progetto RIS
PACS di Area Vasta;
Proseguimento della trasformazione dei RUP in CUP retrosportello;
Supporto alla programmazione di Area Vasta (ESTAV).
La U.O. Tecnologie e Procedure informatiche ha partecipato alle iniziative promosse a
livello Regionale per la messa a regime del sistema NAL/NAR e la sperimentazione
dell’anagrafe regionale DBSIS e, a livello di Area Vasta Nord Ovest, per le seguenti
attività:
•
•
•
•
•
•
Nucleo Interaziendale Tecnico (N.I.T.);
progetto “RIS/PACS”
progetto “Logistica e Magazzino Unico”
progetto “Risorse Umane – Stipendi e Concorsi”
progetto “Reti”
progetto “Sistema Informativo Ospedaliero”
U.O. Sistema Informativo Programmazione e Controllo
Sistema Informativo Aziendale:
• Supporto informatico al processo di Budget
• Estensione dei modelli di Report Builder del DataWareHouse ai flussi
informativi regionali
• Formazione interna sui nuovi strumenti di fruizione del DataWareHouse
104
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
•
Messa a regime dei flussi ex art. 50 nei tempi e nei volumi previsti dalla
Regione Toscana
Inizio sperimentazione del modulo Refertazione Ambulatoriale integrata nel
CUP
Prosecuzione del processo di riorganizzazione delle attività del Sistema
Informativo
Partecipazione alle iniziative regionali e di A.V. sui Flussi Informativi e al NIT
c) altri eventuali progetti innovativi finanziati direttamente dall’azienda
Non sono stati realizzati progetti innovativi finanziati direttamente dall’azienda.
d) sistema di controllo delle prescrizioni farmaceutiche
La lettura ottica delle ricette
Il sistema aziendale prevede la lettura del 100% delle ricette spedite dalle farmacie
pubbliche e private. La lettura ottica delle ricette viene effettuata mensilmente a cura di
una ditta privata incaricata dalla nostra azienda che provvede alla rilevazione completa di
tutti i dati presenti sulla ricetta.
Tale rilevazione permette di:
- evidenziare eventuali differenze contabili rispetto a quanto dichiarato dalle
farmacie nelle distinte mensili;
- evidenziare difformità rispetto a quanto previsto dalla convenzione nazionale;
- ottenere i dati relativi alle ricette a favore di cittadini non residenti che saranno
oggetto di compensazione;
- ottenere un archivio delle prescrizioni utilizzabile per analisi più complesse;
Le singole farmacie consegnano, per convenzione, insieme alle ricette del SSN anche un
dischetto contenente i dati minimi relativi alle ricette spedite nel mese.
Tali dati vengono elaborati in via preliminare dalla stessa ditta, e attraverso l’incrocio con
la banca dati farmaci si ottengono informazioni quali-quantitative sulla prescrizione.
Vengono sottoposte a lettura ottica anche tutte le ricette spedite dalle nostre strutture di
distribuzione diretta farmaci.
Nel 2008, a cura della UO Farmaceutica Ospedaliera, è stato implementato un nuovo
modello standardizzato di ricetta ad uso interno, che consente una lettura più agevole e
completa di tutti i dati della ricetta, con attribuzione sicura del medico prescrittore
attraverso la presenza di una barra ottica.
Vengono rilevati inoltre tutti i dati delle ricette erogate in regime di “Distribuzione per conto
– DPC” dalle farmacie convenzionate sul territorio.
Tutti i dati rilevati vanno ad alimentare i flussi regionali per il monitoraggio della spesa e la
compensazione tra aziende.
Il monitoraggio dei dati di prescrizione
La software house incaricata della lettura ottica delle ricette produce mensilmente reports
dettagliati, quali-quantitativi delle prescrizioni farmaceutiche per medico, forma associativa
ed Equipe territoriale.
105
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Una ulteriore fase di monitoraggio dei dati di prescrizione viene attuata attraverso il
sistema ARGO, gestito dal centro di calcolo CINECA di Bologna, con cui la nostra azienda
è attualmente convenzionata.
ARGO è un sistema di monitoraggio on-line distribuito su Internet; si basa su una Extranet
costruita con la tecnologia IANUS del Cineca che garantisce la sicurezza e la riservatezza
dell’informazione.
Il sistema utilizza i dati provenienti dalla lettura delle singole ricette e quelli relativi ai
ricettari consegnati ai medici, che la nostra azienda invia con flusso mensile.
Presso il Cineca sono inoltre depositati e periodicamente aggiornati gli archivi dei medici,
assistiti e farmacie.
Altre fonti del sistema sono i dati territoriali dell’ISTAT e l’archivio farmaci.
I dati vengono organizzati in “banche dati” seguendo un percorso di acquisizione e verifica
basato su diverse fasi; al termine del processo le informazioni vengono rese disponibili
per l’analisi on-line agli operatori.
La tecnologia Cineca ci permette di utilizzare il database relazionale per analisi anche
molto complesse e/o su periodi molto ampi ( es:confronto tra anni ).
Il progetto ARNO del Cineca offre inoltre la possibilità di analizzare i dati aggregati relativi
a popolazioni più ampie, costituite dall’insieme delle aziende italiane che partecipano al
progetto ARGO.
Nell’ambito del Progetto ARNO sono state realizzate alcune pubblicazioni relative alla
prescrizione in medicina generale, pediatria e popolazione anziana.
A livello locale i dati elaborati dalla nostra U.O. di Farmaceutica Territoriale permettono di
produrre diversi tipi di reports per la direzione aziendale, utili a supporto delle decisioni di
politica del farmaco.
L’archivio dei Piani Terapeutici
I Piani Terapeutici vengono sottoposti presso le strutture di distribuzione diretta farmaci e
la Farmaceutica Territoriale ad un processo di acquisizione costituito da diverse fasi:
- controllo della completezza della compilazione;
- controllo della conformità della diagnosi alla nota AIFA;
- eventuale contatto con il medico prescrittore per ulteriore verifica.
Con l’attivazione, dal 2007, del progetto per la “Distribuzione per conto – DPC” anche le
farmacie convenzionate sono tenute a verificare l’esistenza dei Piani Terapeutici e ad
inviarne copia alla Farmaceutica Territoriale, o in mancanza, ad inviare copia della ricetta
spedita.
Se la scheda è ritenuta conforme si procede alla registrazione su apposito archivio
computerizzato.
Le ricette contenenti farmaci con nota AIFA e/o obbligo di Piano Terapeutico vengono
identificate utilizzando il sistema ARGO, archiviate separatamente e sottoposte a verifica
attraverso l’incrocio con i dati dell’archivio dei piani terapeutici.
Le ricette che risultano mancanti del relativo registro vengono sottoposte alle commissioni
aziendali preposte, per la eventuale contestazione al medico prescrittore.
4.14 I PROGRAMMI INTERAZIENDALI DI INTERESSE REGIONALE
PROPOSTI DALLE AZIENDE SANITARIE
Stato di realizzazione dei programmi in cui è prevista una compartecipazione finanziaria
della Regione:
106
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
a) Banca delle Cornee
(Vedi punto 5.3 - Azioni Programmate)
b) Laboratorio della Prevenzione (Vedi punto 5.1 - Prevenzione Collettiva)
c) Assistenza ai casi di comorbidità psichiatrica (doppia diagnosi)
4.15 LA VALORIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE DELL’ASSISTENZA
SANITARIA NELLE ZONE INSULARI E MONTANE
La valorizzazione e la qualificazione dell’assistenza nella Zona-Distretto Valle del Serchio
si realizza attraverso il potenziamento della rete assistenziale extra ospedaliera che ha i
suoi seguenti principali livelli di assistenza:
• Emergenza-Urgenza -118
• Assistenza domiciliare
• Assistenza Primaria (Medicina e Pediatria di Base e Continuità Assistenziale)
• Ospedali di Comunità e Residenze Sanitarie Assistenziali
• Assistenza anziani non autosufficienti
• Trasporti sanitari
• Formazione
• Prevenzione patologie da abusi
Assistenza sanitaria negli ambienti insulari e montani. Relazione sui progetti annuali 2008
Si tratta di interventi da realizzare in varie aree della Zona Distretto Valle del Serchio:
Consolidamento e potenziamento dell’offerta residenziale
1- Centro diurno per handicap di Pieve Fosciana
Descrizione: l’intervento consiste nel garantire la compartecipazione sanitaria alla
gestione dell’attività ad alta integrazione socio sanitaria svolta nel Centro Diurno. Ciò in
base al D.P.C.M. 14/02/01 così come recepito dall’allegato n. 3 del P.S.R. 2008/2010.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Beatrice Benelli;
- Strutture aziendali coinvolte: U.O. Assistenza Sociale Valle del Serchio, U.F.
Assistenza Sociale Valle del Serchio;
- Altre strutture coinvolte: Comuni della Garfagnana, Comunità Montana della
Garfagnana.
2- Interventi strutturali RSA Villetta – San Romano
Descrizione: l’intervento consiste nel rifacimento integrale delle fognature esterne delle
strutture di Villetta II e Villetta III, nella realizzazione dell’impianto a pannelli solari e nelle
sistemazioni esterne ed opere complementari varie collegate al funzionamento della
struttura complessiva.
- Responsabile del Progetto: Ing. Gabriele Marchetti;
- Struttre aziendali coinvolte: U.O. Nuove Opere, U.F. Assistenza Sociale Vds;
- Altre strutture coinvolte: Comuni della Garfagnana, Comunità Montana della
Garfagnana.
Consolidamento e potenziamento del sistema di emergenza urgenza
3- Potenziamento e implementazione attività P.S. Vds nell’ambito della riorganizzazione
dell’emergenza territoriale come previsto nel Piano di Innovazione e Sviluppo
107
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Descrizione: la Zona Distretto Valle del Serchio si caratterizza per la distribuzione della
popolazione su un territorio esteso e con caratteristiche orografiche ed altimetriche tali da
rendere difficili i collegamenti viari. E’ pertanto di vitale importanza presidiare il territorio
con servizi di emergenza/ urgenza in grado di offrire in loco le risposte medico chirurgiche
di I° livello, e di stabilizzare i pazienti che hanno necessità di essere trasferiti in altri
ospedali.
L’attività di pronto soccorso è consolidata con l’attivazione di quattro posti letto di
osservazione.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Emanuela De Franco;
- Strutture Aziendali coinvolte: Direzione Sanitaria Presidi Ospedalieri, U.O.
Centrale Operativa 118, S.A. Pronto Soccorso Presidio Ospedaliero Vds ;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds.
4- Guardia attiva anestesiologica
Descrizione: tale intervento qualifica il punto nascita della Valle del Serchio adeguandolo
agli standard assistenziali previsti dal Piano Sanitario Regionale con la presenza di
anestesisti sulle 24 h. Inoltre permette di rispondere alle direttive regionali sul “parto
indolore” per quelle partorienti che ne facessero richiesta.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Emanuela De Franco;
- Strutture Aziendali coinvolte: Direzione Sanitaria PP.OO., U.O. Anestesia e
Rianimazione Vds, U.O. Ostetricia e Ginecologia Vds.
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds.
5- Collegamenti telemetrici P.O. Valle del Serchio - 118
Descrizione: implementazione del sistema di trasmissione dati (telemetria) dai mezzi di
soccorso alle strutture ospedaliere di riferimento (C.O. 118, U.O. Cardiologia) ed alle
Associazioni di Volontariato.
Tale sistema consente di: disporre di specialisti indipendentemente dal luogo in cui abita il
paziente, migliorando l’assistenza nelle comunità montane; accrescere la qualità delle
decisioni del medico; garantire un controllo continuo dei parametri vitali da parte della
centrale operativa con possibilità di modificare e/o implementare in tempi rapidi la risposta
sanitaria più appropriata e garantire lo scambio dei dati relativi alla missione tra le AA.VV.
e C.R.I. e la C.O. 118.
Lo stanziamento permette il completamento del sistema già attivato parzialmente con i
fondi 2006 e 2007 e in grado di coprire sia le zone montane della Valle del Serchio sia i
Comuni di Villa Basilica e di Pescaglia.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Lencioni Maria Grazia;
- Strutture aziendali coinvolte: U.O. C.O. 118, U.O. Cardiologia Lucca e Vds,
U.O. Pronto Soccorso Lucca e Vds, U.O. Tecnologie Sanitarie, U.O.
Tecnologie Informatiche;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds, AA.VV. e C.R.I..
6- Stand by trasporti ordinari
Descrizione: garantire i trasferimenti in urgenza dal Presidio Ospedaliero della Vds alle
strutture di riferimento aziendali, di area vasta e regionali, di pazienti particolarmente critici
o con patologie altamente complesse (Ictus, Infarto etc.) nei tempi più rapidi possibili. Tale
sistema consente di disporre in maniera permanente di un mezzo di soccorso attrezzato
immediatamente pronto a partire.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Lencioni Maria Grazia;
- Strutture aziendali coinvolte: Dipartimento Emergenza Urgenza;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds, AA.VV. .
108
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Questi progetti rispondono alla necessità di facilitare la fruibilità dei servizi socio sanitari ai
cittadini delle zone montane.
Consolidamento e potenziamento delle attività socio-sanitarie
7- Assistenza Domiciliare Integrata socio sanitaria
Descrizione: consolidamento ed ampliamento dell’assistenza domiciliare integrata gestita
attraverso la Centrale Operativa del Servizio Domiciliare Vds (C.O.A.D.) in raccordo con le
attività domiciliari del servizio sociale. Mantenimento della gestione complessiva dei
prelievi a domicilio della Vds al Volontariato con la conseguente utilizzazione del
personale aziendale nell’assistenza domiciliare di 2^ e 3^ livello sulle 12 ore. Estensione
del servizio con l’avvio dell’ assistenza domiciliare programmata nei giorni festivi e
prefestivi. Rinnovo parco macchine ADI con relativa rottamazione degli automezzi
sostituiti.
- Responsabile del Progetto: Dr Franco Chierici
- Strutture Aziendali coinvolte: U.F. Attività Sanitarie di Comunità Vds, UF.
Assistenza Sociale Vds, Direzione Sanitaria PP.OO;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds, Associazioni di
Volontariato.
8- Potenziamento dell’assistenza riabilitativa territoriale
Descrizione: con Delibera 595/2005 la Regione Toscana ha ridisegnato i percorsi
riabilitativi prevedendo una maggiore integrazione fra i percorsi specialistici attivati sul
territorio e le attività riabilitative legate ai casi complessi da attivare in Ospedale. Un ruolo
particolare in questi percorsi assumono gli aspetti riabilitativi inseriti nelle cure prestate
nelle RR.SS.AA.
Pertanto è necessario l’ulteriore ampliamento dell’attività riabilitativa svolta nelle RRSSAA
a gestione diretta.
- Responsabile del Progetto: Dr Luca Cinquini;
- Strutture Aziendali coinvolte: U.F. Assistenza Sociale Vds, U.O. Riabilitazione
Territoriale Vds, Direzione Sanitaria PP.OO., U.O. Riabilitazione;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds.
9- Punti territoriali decentrati di prelievo e di analisi
Descrizione: mantenimento e potenziamento dei punti di prelievo ematici territoriali in
collaborazione con gli Enti Locali e le Associazioni di Volontariato.
- Responsabile del Progetto: Dr Franco Chierici
- Strutture aziendali coinvolte: U.F. Attività Sanitarie di Comunità Vds e Piana di
Lucca, U.F. Assistenza Sociale Vds e Pdl, Direzione Sanitaria PP.OO;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds e Pdl, Associazioni
di Volontariato.
10- Potenziamento attività ambulatoriale Valle del Serchio
Descrizione: garantire l’implementazione e l’apertura di ambulatori specialistici in base alle
necessità rilevate di volta in volta relative alle prestazioni con tempi di attesa critici.
- Responsabile del Progetto: Dr Franco Chierici
- Strutture aziendali coinvolte: U.F. Attività Sanitarie di Comunità Vds, Direzione
Sanitaria PP.OO;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds ,
11- Borse di Studio afferenti le Scuole di Specializzazione della Facoltà di Medicina e
Chirurgia dell’Università degli Studi di Pisa
109
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Descrizione: l’Azienda USL 2 Lucca ha concordato con l’Università di Pisa la disponibilità
a finanziare alcuni contratti di formazione specialistica (Borse di Studio) afferenti le Scuole
di Specializzazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia nelle specialità di Anestesia,
Radiologia, Cardiologia ed Endocrinologia riservate a studenti residenti in Valle del
Serchio. Ciò con l’obbiettivo di valorizzare risorse professionali provenienti dal territorio
della Zona Distretto Valle del Serchio.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Emanuela De Franco
- Strutture aziendali coinvolte: Direzione Sanitaria PP.OO;UU.OO. Cardiologia,
Anestesia, Radiologia, Medicina;
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds, Università degli
Studi di Pisa
12- Progetto Servizio Alcologia Valle del Serchio
Descrizione: l’imponente diffusione del fenomeno “alcool” nella Valle del Serchio, emerge
chiaramente dai dati epidemiologici. Infatti confrontando i dati 2006 con le stime regionali
(tenendo presente che già la Toscana occupa un triste primato rispetto all’intera nazione,
secondo i dati ISTAT), si evince quanto segue:
- rapporto alcolisti/residenti: Toscana 0,5‰ residenti; Valle del Serchio 2,8‰
residenti
- ricoveri ospedalieri per patologia alcol-correlata: Toscana 4% totale ricoveri; Valle
del Serchio 30% totale ricoveri
Appare evidente quindi la necessità e l’urgenza di rispondere a questa emergenza che
caratterizza la Zona Distretto Valle del Serchio formando una rete di assistenza integrata
tra Salute Mentale, Ser.T. ,Servizio Sociale e MMG in grado di operare una prevenzione
primaria e secondaria della patologia alcolica.
- Responsabile del Progetto: Dr Dino Lombardi
- Strutture aziendali coinvolte: U.F. Salute Mentale Adulti Vds, U.F. Ser.T. Vds,
Servizio Sociale Vds; Servizio Educazione Sanitaria
- Altre strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Vds, Associazioni di
Volontariato MMG Vds.
13- Attività di prevenzione Endemia Gozzigena Vds
Descrizione: come è noto la Valle del Serchio è una zona ad endemia gozzigena.
L’intervento è mirato al mantenimento della convenzione con l’Università di Pisa per
l’attività di screening ambulatoriali e controlli effettuati sulla popolazione da parte dei
professionisti dell’Università.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Emanuela De Franco,
- Strutture aziendali coinvolte: Direzione Sanitaria PP.OO., U.O. Medicina Vds;
U.F. Attività Sanitarie di Comunità Vds.
- Altre strutture coinvolte: Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa.
14- Integrazione socio sanitaria C.M. Media Valle del Serchio
Descrizione: il progetto consiste nell’implementazione di una serie di interventi ulteriori a
quelli in atto nelle aree dell’alta integrazione socio sanitaria. In specifico si prevede il
potenziamento di interventi riabilitativi, socio riabilitativi a livello domiciliare a favore in
particolare di disabili, pazienti psichiatrici, anziani non autosufficienti.
- Responsabile del Progetto: Dr.ssa Beatrice Benelli;
- Strutture Aziendali coinvolte: UU.FF. Assistenza Sociale Vds, UU.OO.
Assistenza Sociale Vds;
- Altre Strutture coinvolte: Comunità Montana Media Valle del Serchio e relativi
comuni.
110
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
15- Centro Salute Villa Basilica
Descrizione: il progetto è in fase di attivazione. Il finanziamento integra i finanziamenti
concessi negli anni precedenti consentendo il completamento dell’adeguamento
strutturale dell’edificio individuato.
- Responsabile del Progetto: Dr Marco Farnè;
- Strutture aziendali coinvolte: U.F. Attività Sanitarie di Comunità Pdl;
- Altre strutture coinvolte: Comune di Villa Basilica.
16-Sorveglianza anziani ultra 75 enni Pescaglia + ambulatori medici-adeguamento
strutturale
Descrizione: il progetto è stato attivato con i finanziamenti concessi negli anni precedenti e
prevede la sorveglianza attiva della popolazione ultrasettantacinquenne per tutto l’anno. Il
finanziamento consente di mantenere la sorveglianza attiva e garantisce anche la
conclusione dell’adeguamento strutturale di un fabbricato utilizzato come punto di
erogazione dell’Azienda USL 2 e ambulatori medici.
- Responsabile del Progetto: Dr Marco Farnè;
- Strutture Aziendali coinvolte: U.F. Attività Sanitarie di Comunità Pdl, U.F.
Assistenza Sociale Pdl;
- Altre Strutture coinvolte: Comune di Pescaglia, Associazioni di Volontariato.
17- Sostegno alle attività di programmazione integrata - Ufficio Unico di Piano
Descrizione: nella previsione dell’avvio delle Società della Salute si è concordato di
procedere intanto alla definizione del Piano Integrato di Salute. Per raggiungere questo
obbiettivo si è costituito l’Ufficio di Piano della Valle del Serchio per il cui funzionamento è
necessario stanziare una somma ad integrazione a quanto è già stato stanziato sulla
parte sociale.
- Responsabile del Progetto: Dr Stefano Biggeri;
- Strutture Aziendali coinvolte: U.F. Assistenza Sociale Vds, U.O. Epidemiologia;
- Altre Strutture coinvolte: Comuni e Comunità Montane Valle del Serchio,
Associazioni di Volontariato.
18-Acquisto autovetture per attività territoriali CM aziendali
Descrizione: adeguamento del parco macchine dedicato all’ attività svolta nel territorio
delle comunità montane aziendali. Agli acquisti corrisponderanno le relative rottamazioni
degli automezzi obsoleti.
- Responsabile del Progetto: Dr Franco Chierici;
- Strutture aziendali coinvolte: U.O. Programmazione Acquisti e Logistica,
UU.FF. Attività Sanitarie di Comunità Vds e Pdl;
- Altre Strutture coinvolte: Comuni Valle del Serchio e Comunità Montane Valle
del Serchio.
Ospedali di Comunità
Nel corso del 2008 il numero complessivo di ricoveri negli Ospedali di Comunità di
Gallicano e di Giuncugnano ha raggiunto la cifra di 218 con il seguente andamento:
111
Relazione Sanitaria – Sezione IV: Le politiche aziendali per la qualità
_______________________________________________________________________________________
Dati ricoveri Ospedale di Comunità di Gallicano
Osp. Barga
Osp Lucca
Domicilio
Altri Ospedali
Totale Donne
Osp.
Castelnuovo
Osp. Barga
Osp. Lucca
Domicilio
Altri Ospedali
Totale Uomini
Totale ricoveri
mese
gen-08
feb-08
mar-08
apr-08
mag-08
giu-08
lug-08
ago-08
set-08
ott-08
nov-08
dic-08
Uomini
Provenienza
Osp.
Castelnuovo
Donne
Provenienza
1
2
2
6
2
1
2
0
2
3
4
2
1
1
0
0
1
1
2
0
0
3
2
0
0
0
2
1
0
0
1
1
0
2
0
1
2
2
2
2
2
1
1
4
1
0
1
2
0
1
0
1
0
0
0
0
1
1
0
1
4
6
6
10
5
3
6
5
4
9
7
6
2
0
1
1
2
2
3
1
1
2
1
2
1
3
0
0
0
0
3
0
1
1
2
0
0
0
1
1
1
0
0
1
0
1
0
0
2
1
1
1
1
0
0
1
1
0
1
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
1
0
0
5
4
3
3
4
2
6
3
3
5
4
3
9
10
9
13
9
5
12
8
7
14
11
9
Totale dal 1/01/08 al 31/12/08
116
Dati ricoveri Ospedale di Comunità di Magliano
Osp. Barga
Osp Lucca
Domicilio
Altri Ospedali
Totale Donne
Osp.
Castelnuovo
Osp. Barga
Osp. Lucca
Domicilio
Altri Ospedali
Totale Uomini
Totale ricoveri
mese
gen-08
feb-08
mar-08
apr-08
mag-08
giu-08
lug-08
ago-08
set-08
ott-08
nov-08
dic-08
Uomini
Provenienza
Osp.
Castelnuovo
Donne
Provenienza
2
2
0
3
3
0
2
6
2
3
1
2
0
0
0
1
1
1
0
0
0
0
0
1
2
3
1
1
0
0
1
0
1
1
1
0
1
0
0
2
3
3
1
2
1
1
1
2
0
0
0
0
0
0
1
0
0
1
0
0
5
5
1
7
7
4
5
8
4
6
3
5
1
3
1
1
0
0
3
0
4
2
1
1
0
0
0
1
0
0
1
1
0
0
0
0
2
1
0
1
0
0
0
0
0
1
3
1
1
0
1
1
0
0
0
1
0
2
0
3
0
1
0
0
0
0
1
0
0
0
2
0
4
5
2
4
0
0
5
2
4
5
6
5
9
10
3
11
7
4
10
10
8
11
9
10
Totale dal 1/01/08 al 31/12/08
102
112
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
SEZIONE V
LE POLITICHE DI SETTORE
5.1 PREVENZIONE COLLETTIVA
5.2 PROGETTI OBIETTIVO
5.2.1 La tutela della salute mentale
5.2.2 Salute della donna, procreazione responsabile,
infanzia e adolescenza
5.2.3 Prevenzione e cura delle condotte di abuso e
delle dipendenze
5.2.4 Handicap
5.2.5 Tutela della salute degli anziani
5.3 AZIONI PROGRAMMATE
5.4 IL PIANO SANGUE E PLASMA
5.5 IL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA E
URGENZA
5.6 LA RETE INTEGRATA DEI SERVIZI DI
ASSISTENZA RIABILITATIVA
5.7 ASSISTENZA PROTESICA
5.8 INTEGRAZIONE DELLE MEDICINE
COMPLEMENTARI NEGLI INTERVENTI
PER LA SALUTE
5.9 LA POLITICA DEL FARMACO
113
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
5.1
PREVENZIONE COLLETTIVA
Gli obiettivi prioritari principali perseguiti nel 2008 dal Dipartimento di Prevenzione sono
riportati al punto 3.2.3.
Di seguito vengono descritte le attività svolte nel 2008 dal Dipartimento di Prevenzione con
particolare riferimento a:
prevenzione igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro
igiene e sanità pubblica
igiene degli alimenti e nutrizione
sanità pubblica veterinaria
laboratorio di sanità pubblica
medicina legale
5.1.1 Prevenzione igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro
Popolazione lavorativa
Tabella 28 - Popolazione lavorativa - ASL 2 (Fonte: flussi informativi 2008 inail-ispeslregioni)
A29_Comparti
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
01 Agroindustria e pesca
171,9
198,1
199,9
501,5
527,8
586,9
541,5
02 Estrazioni minerali
247,5
270
274,8
280,7
279
266
246,1
03 Industria Alimentare
1459,1
1423,4
1499,8
1476,5
1521,5
1566,4
1496,9
04 Industria Tessile
4752,7
4871,8
4397,4
4143,7
3997,4
3288
3285,6
82
120
127
131,3
90,5
80,5
79,4
06 Industria Legno
1596,9
1522,5
1522,2
1508,5
1447,9
1341,9
1333
07 Industria Carta
6015,1
6252,3
6418,1
6280,4
6309,5
6177,3
6259,5
08 Industria Chimica e Petrolio
2056,8
2064,2
2003,3
1875,6
1775,3
2088,7
2175,1
09 Industria Gomma
139,8
128
128,3
131,1
126
120,7
132
10 Ind. Trasf. Non metalliferi
886,4
893,2
957,2
960,5
1010,8
935,6
937,6
11 Industria Metalli
1018
1046
996
960,1
793
762,1
785
12 Metalmeccanica
5403,1
5845,6
6073,2
6472,6
6592,3
6456
6585,5
339,3
438,2
405,4
688,5
475,4
426,1
446,1
1184,5
1090,9
1198,5
1070,9
1134,5
964,7
982,5
210,7
207,1
222
246
278
421
473,2
16 Costruzioni
6223,3
6835
7804
8240,4
8599,7
8738,5
8919,7
17 Commercio
5140,5
5556,7
5555,8
5486,2
5383,3
5753,1
5735,9
18 Trasporti
1937,9
2211
2068,5
2092,3
5127,3
2178,8
2255,2
19 Sanità
4780,9
3868,2
4061,8
3851,6
4040,5
4223,1
4402,4
05 Industria Conciaria
13 Industria Elettrica
14 Altre industrie
15 Elettricità Gas Acqua
20 Servizi
23628,9 25514,1
126,3
26966 26856,4 27988,5 31696,9 33309,5
99 Comparto non determinabile
194,7
TOTALE
67470 70482,6 73490,3 74383,3 78598,4 79037,9 81438,5
114
611,1
1128,5
1100,2
965,6
1056,8
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Le particolarità del nostro territorio, nel quale l’occupazione ha una tenuta relativamente
buona rispetto alla situazione nazionale, sono le seguenti:
1) per quanto riguarda l’industria primaria, si segnala la presenza di cave di varie
tipologie, e principalmente di marmo, nella Valle del Serchio. Tale attività, pur
avendo un limitato numero di addetti, richiede una sorveglianza costante per
l’elevato rischio infortunistico e di patologie da lavoro. E’ inoltre presente, specie
nella Valle del Serchio, un’attività di selvicoltura che negli ultimi anni si è rivelata a
forte rischio infortunistico. Anche l’agricoltura si è rivelata un’attività spesso
pericolosa (specie in relazione all’utilizzo di macchine agricole), non solo per i
lavoratori, ma anche per gli hobbisti.
2) per quanti riguarda l’industria manifatturiera, il territorio è caratterizzato da una forte
presenza dell’industria cartaria e di quella metalmeccanica che in parte è un’indotto
della prima. Non manca tuttavia una notevole varietà di settori manifatturieri,
compresa l’industria chimica e della trasformazione del tabacco. Ridimensionata
appare attualmente la presenza di calzaturifici, che negli anni ’90 erano
notevolmente rappresentati specie nella piana di Lucca
3) Per quanto riguarda il terziario, oltre ai settori tradizionali, si segnala la presenza di
numerosi addetti impiegati in cooperative di facchinaggio che operano nelle cartiere.
Rapporti con altri enti
La consapevolezza dell’influenza dei fattori sociali sulla sicurezza del lavoro è da vari anni
patrimonio delle Istituzioni Pubbliche della provincia di Lucca; in tal senso si è consolidato,
nel corso degli anni, il rapporto con altri Enti attraverso il “Comitato Territoriale per la
prevenzione nei luoghi di lavoro” ex art. 27 D.Lgs. 626/94, che si occupa di organizzare
operativamente le collaborazioni fra Enti e di concordare linee guida comuni su particolari
argomenti.
Nel 2007 e 2008 le energie del Comitato si sono concentrate sulla realizzazione di
campagne straordinarie per la vigilanza soprattutto in edilizia. Nel 2008 il Comitato, inoltre,
ha organizzato un seminario aperto alle Forze Sociali sulle attività svolte. E’ stata inoltre
lanciata l’iniziativa formativa “Imprese Virtuose”, da parte del Comitato in collaborazione
con la Scuola edile di Lucca.
Il 2008 è stato un anno di transizione e di cambiamenti dato che, in seguito all’emanazione
della Legge 123/07, il coordinamento del Comitato Territoriale è transitato dalle Aziende Usl
alle Amministrazioni Provinciali, e successivamente di nuovo alle ASL. In Lucchesia tali
passaggi sono stati agevoli in quanto i vari Enti, compresa la Provincia, già da anni
collaboravano a numerose iniziative comuni oltre all’elaborazione di protocolli d’intesa con
la Prefettura.
Inoltre le UU.FF. Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, per la natura dei loro
compiti, hanno frequenti rapporti con la Magistratura, con la quale è da anni attiva una
collaborazione che prevede l’impegno di nostri TdP presso la Procura per il disbrigo delle
pratiche relative alla prevenzione nei luoghi di lavoro.
Attività di promozione della prevenzione e di facilitazione dell’accesso alle strutture
La promozione della prevenzione nei luoghi di lavoro è un’attività istituzionale delle ASL che
viene svolta, oltre che con iniziative ad hoc, anche nel corso delle attività di vigilanza ed
autorizzative, che sono utilizzate quale occasioni per informare e sensibilizzare gli utenti
sulle problematiche dell’igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro.
115
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Le occasioni più “istituzionalizzate” di promozione sono state comunque le seguenti:
Seminari per RLS, RSPP e Professionisti organizzati dalle UU.FF. Prev. Sic. Luoghi
Lavoro:
1. Seminario su sicurezza nelle cave 07/03/2008 c/o Comunità Montana Borgo a
Mozzano
2. Seminario Comitato Territoriale Prov. di Lucca 26/06/2008 Amm.ne Provinciale di
Lucca – Sala Maria Luisa
3. Corso “Alcol e Lavoro” 12 e 13/06/2008 c/o ex ONMI
Inoltre:
-
-
Incontri con parti sociali:
1. Incontro con RLS cartotecniche 18/01/2008
2. Incontro con RLS cartiere 25/01/2008
3. Incontro con Medici Competenti 15/03/2008
4. Incontro con aziende cartotecniche per rulli goffratori 07/04/2008
N. 10 Interventi in incontri/seminari/convegni organizzati da forze sociali ed
associazioni di professionisti.
N. 4 uscite del Notiziario per RLS “La voce della prevenzione”
Campagna “alcol e lavoro”: Interventi di educazione alla salute, in
collaborazione con il SERT di Lucca, in 7 aziende.
Educazione alla salute nelle scuole: Interventi in 3 scuole
Infine:
1. Vengono regolarmente fornite informazioni ed assistenza a qualunque utente (Datori
di Lavoro, lavoratori, consulenti, ecc.) che le richieda sia telefonicamente che di
persona. A tale scopo è funzionante anche un Numero Verde.
2. N. 1 operatore dedicato allo Sportello Unico di Prevenzione a Carraia per 6 giorni
alla settimana, assistenza mediante front-office 1 g./sett. a Bagni di Lucca e ½ g/sett
a Castelnuovo Garfagnana.
3. Costante aggiornamento del sito WEB dipartimentale (regolarmente utilizzato per
divulgazione procedure di accesso e materiali di aggiornamento), che è andato
sempre più arricchendosi negli anni e costituisce ormai un importante punto di
riferimento anche al di fuori del nostro territorio
4. Assistenza alle gestanti lavoratrici mediante il piano mirato “Promozione della salute
della lavoratrice in periodo di gravidanza e puerperio” (realizzazione di progetto di
area vasta: organizzazione distribuzione opuscoli e somministrazione questionari nei
distretti e formazione personale dei distretti, interviste telefoniche alle gestanti,
inserimento dati dei questionari)
Attività di formazione
1. Docenza a corsi di formazione per i soggetti aziendali della sicurezza, organizzati da
vari enti ed associazioni per un totale di 115 lezioni e circa 600 ore, che hanno
interessato oltre 2000 discenti.
2. Educazione sanitaria nelle scuole in collaborazione con l’U.O. “Educazione alla
salute” (interventi in n. 3 scuole per complessive 11 lezioni, 40 ore di lezione, circa
400 ragazzi)
3. Dal 2006, è stato messo in atto un progetto finanziato dalla Regione Toscana, che
prevede interventi di formazione alla sicurezza da realizzare direttamente in cantiere,
in collaborazione con i CPT locali. La ASL 2 è stata una delle poche nella regione
che ha realizzato un congruo numero di interventi, grazie anche ai buoni rapporti di
collaborazione con le forze sociali. Nel 2008 tale iniziativa inoltre è confluita
116
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
nell’iniziativa “Imprese virtuose” promossa dall’Organismo territoriale provinciale per
la prevenzione nei luoghi di lavoro
Interventi di formazione in cantieri edili
N° lezioni
N° lavoratori edili formati
Anno 2008
20
230
Attività di vigilanza ed autorizzativa
Complessivamente l’attività di vigilanza è stata la seguente:
Indicatori
2004
2005
2006
2007
2008
Interventi in azienda di iniziativa e su
richiesta
Sopralluoghi (con esclusione delle
verifiche impiantistiche)
Verifiche impiantistiche
Notizie di Reato
Sequestri/Dissequestri
Indagini ambientali
Notifiche Direttiva Macchine
Inchieste infortuni
Pareri su nuovi insediamenti
produttivi, bonifiche d’amianto ed altri
(richiesti da vari Enti)
755
796
763
798
924
1553
1482
1489
1458
1732
4978
430
11
17
3
154
nc
4562
489
13
14
1
222
1111
4212
539
8
18
4
227
873
4169
615
25
25
4
117
553
4000
694
15
19
2
134
585
L’attività del 2008 si è mantenuta su standard elevati, anche di qualità, se si considera l’alto
numero di notizie di reato contestate, che implica un forte impegno temporale e tecnicoprofessionale. Ugualmente molto impegnative sono state le indagini ambientali, di cui
tuttavia permane la necessità, nonostante che il forte interesse dell’opinione pubblica per gli
infortuni porti a sottovalutare i rischi di malattia professionale.
Per liberare risorse che permettessero tali attività si è viceversa cercato di ridurre le
inchieste per infortunio sul lavoro, la cui valenza preventiva è spesso inferiore rispetto agli
interventi di iniziativa.
Attività sanitaria
Indicatori
Idoneità sanitarie
apprendisti e minori
Altre visite mediche
Astensioni anticipate dal lavoro per
gravidanza
2004
2005
2006
2007
2008
1459
1050
740
257
76
227
381
246
221
296
448
443
391
431
385
I Medici sono inoltre impegnati in numerose commissioni medico-legali, nelle quali hanno
effettuato complessivamente circa 5.000 visite collegiali.
Vibrazioni trasmesse a tutto il corpo
Nell’ambito del progetto multicentrico “Vibrisk”, ed in collaborazione con i Medici
competenti, sono stati somministrati questionari sulla patologia del rachide in lavoratori
117
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
esposti a vibrazioni total body, a escavatoristi nelle cave, e a carrellisti nelle cartiere.
Sono inoltre stati somministrati questionari sulle vibrazioni al sistema mano-braccio ad
operai forestali e misurate le vibrazioni dei macchinari utilizzati in collaborazione con il
laboratorio di Sanità Pubblica di Area Vasta, nell’ambito di un progetto di area vasta.
Attività programmata per Piani Mirati
Nel 2008, come già negli anni precedenti, si è cercato di dare impulso all’attività
programmata per piani mirati di intervento, in quanto è quella che meglio permette di
svolgere un’azione preventiva e che maggiormente coinvolge le diverse componenti
aziendali nella ricerca di soluzioni ai problemi di sicurezza.
L’intento di tale attività, è stato quello di rimuovere le situazioni di rischio professionale, ma
anche di responsabilizzare i soggetti aziendali della sicurezza e, nel caso dell’edilizia, i
Coordinatori per la sicurezza.
Gli interventi sono consistiti in ispezioni nelle Aziende, colloqui con le varie componenti
aziendali, emissione di verbali di prescrizioni e successive rivisite alla scadenza dei tempi
concessi per l’ottemperanza.
Alcuni piani mirati di comparto hanno interessato la globalità dei rischi presenti nelle
Aziende, mentre altri hanno approfondito alcuni aspetti a maggior rischio.
In tutti i sopralluoghi sono stati presi contatti con le figure istituzionali previste dal D.Lgs.
626 e successivamente dal D.Lgs. 81/2008, dando particolare risalto alla figura dell’RLS sia
per quanto riguarda la rilevazione dei rischi che per quanto riguarda le bonifiche da mettere
in atto.
Tabella 29 - Piani Mirati di Prevenzione per comparto – Anni 2005-2008
PIANI MIRATI
Cartiere
Cartotecniche
Agricoltura
Piccole aziende e lavori
atipici
Rischio
chimico/cancerogeni
Tintolavanderie
Edilizia
Riv. prod. fitosanitari
Estrattivo
Movimentazione
Rischio caduta dall’alto
in manutenzione
Strutture sanitarie
TOTALE interventi per
PIANI MIRATI
N. interventi in
aziende
2005
26
8
-
N. interventi in
aziende
2006
47
12
-
N. interventi in
aziende
2007
37
13
11
N. interventi in
aziende
2008
27
9
4
-
-
24
44
19
13
20
13
12
113 cantieri
18
41
40
170 cantieri
57
30
219 cantieri
54
25
291 cantieri
-
16
19
26
3 strutture
private +
accreditamento
strutture
pubbliche altra
Area Vasta
280
15 strutture
private +
accreditamento
strutture
pubbliche altra
Area Vasta
344
14 strutture
private +
accreditamento
strutture
pubbliche altra
Area Vasta
436
8 strutture
private +
accreditamento
3 strutture
pubbliche altra
Area Vasta
511
118
61
25
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Piani mirati regionali
-
Rischi psicosociali: indagine in 2 cooperative
Rischi professionali per il sistema mano-braccio: misura delle vibrazione trasmesse
dalle attrezzature e questionari anamnestici ai lavoratori sulla patologia da
vibrazioni in 2 aziende
I risultati di alcuni piani mirati meritano alcune considerazioni riportate di seguito.
Edilizia
L’attività di vigilanza in edilizia è riportata nel seguente prospetto:
Indicatori
2004
2005
2006
2007
2008
N° cantieri
N° imprese
N° violazioni su rischio caduta dall'alto
N° violazioni dei committenti
N° violazioni dei coordinatori
N° tot. Violazioni
N° sequestri
159
228
63
18
13
103
2
113
246
75
7
24
210
4
170
301
110
9
26
233
3
219
351
145
6
42
400
7
291
508
203
6
35
292
1
La vigilanza nei cantieri, particolarmente intensa nel 2008 sia per quantità che per qualità,
si è concentrata in particolare sui rischi di caduta dall’alto e cadute entro scavi stradali.
Si è posta particolare attenzione alla progettazione della sicurezza del cantiere, come
evidenziato anche dall’elevato numero di sanzioni ai professionisti.
In proporzione al numero di cantieri ispezionati, il numero complessivo di violazioni alle
norme di sicurezza riscontrate non è elevato, probabilmente anche in relazione alla più
intensa attività di vigilanza nel settore messa in campo negli ultimi anni ed alla diversa
impostazione della nuova normativa (D.Lgs.81/2008). E’ viceversa elevato il n° di aziende e
lavoratori autonomi interessati dalle ispezioni, data l’elevata frammentazione del tessuto
produttivo in edilizia.
Dal 2006, è stato messo in atto un progetto finanziato dalla Regione Toscana, che prevede
interventi di formazione alla sicurezza da realizzare direttamente in cantiere, in
collaborazione con i CPT locali. L’ASL 2 è stata una delle poche nella regione che ha
realizzato un congruo numero di interventi, grazie anche ai buoni rapporti di collaborazione
con le forze sociali (v. sopra).
Movimentazione meccanica
Nel 2002, data la rilevanza del problema nel nostro territorio, è stato elaborato, in
collaborazione con gli altri Enti del Comitato territoriale, un Piano di Sicurezza sulla
Movimentazione che è stato finanziato dalla Regione Toscana. L’attuazione di tale piano è
iniziata nel 2002, con incontri con le parti sociali e con alcune attività di vigilanza sulla
movimentazione.
Sulla base dei primi sopralluoghi conoscitivi e di incontri anche con rivenditori di carrelli
elevatori, nel 2003 è stato elaborato un protocollo di sicurezza e di intervento sulla
movimentazione meccanica. I successivi interventi sono stati effettuati secondo il protocollo
elaborato, modificato nel 2004 per consentire la scelta fra un maggior numero di dispositivi
(comunque certificati e valutati) di trattenuta al posto di guida dei carrelli elevatori. Il
119
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
protocollo di intervento adottato da questa ASL è stato diffuso alle forze sociali con varie
iniziative di sensibilizzazione, ed ha portato le Aziende a mettere in atto soluzioni innovative
rispetto alla prassi nel resto d’Italia, in particolare rispetto ai sistemi di trattenuta del
conducente sul carrello elevatore aggiuntivi alla cintura di sicurezza.
Le attività messe in atto hanno elevato complessivamente il livello di sicurezza in quanto
nel corso dei primi 3 anni, come desumibile dai grafici sotto riportati, i controlli evidenziano
una diminuzione delle infrazioni sulla maggior parte dei fattori di rischio della
movimentazione.
Negli ultimi anni (2007 e 2008) i controlli sono stati allargati ad altri comparti rispetto al
cartario, nel quale la sensibilizzazione su questo tema è maggiore.
Pertanto la situazione è più variegata, anche se è registrabile un generale miglioramento
della movimentazione meccanica.
Saranno comunque necessari interventi più incisivi di comunicazione per diffondere i
risultati ottenuti nel comparto cartario (dove peraltro i rischi da movimentazione meccanica
sono maggiori) agli altri comparti.
Il seguente grafico confronta la percentuale di aziende con carenze sui diversi fattori di
rischio della movimentazione, riportando in colori diversi le percentuali del 2004 – 2005 –
2006 – 2007 – 2008
Il seguente grafico confronta la percentuale di carrelli con carenze sui diversi aspetti,
nell’anno 2004 (su 206 carrelli controllati), nel 2005 (su 247 carrelli controllati) nel 2006 (su
103 carrelli controllati) nel 2007 (su 99 carrelli controllati) nel 2008 (su 66 carrelli controllati).
Negli ultimi anni i controlli hanno interessato aziende di minori dimensioni.
120
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Comparto carta
Nelle cartiere si è messo in atto, nel 2007 e 2008, un controllo sistematico delle
ribobinatrici, che negli anni ’90 avevano provocato numerosi infortuni gravi e mortali e che
erano state oggetto di specifici interventi e protocolli di sicurezza concordati con le parti
sociali.
Sono stati effettuati accertamenti sulla totalità delle cartiere operanti sia nella zona Piana di
Lucca, 22 aziende, che nella Valle del Serchio, 14 aziende, centrando l’attenzione su
direttive, protocolli e metodi di utilizzazione delle ribobinatrici, sulle protezioni meccaniche
installate sulle stesse e sul mantenimento dei dispositivi di protezione richiesti nel corso di
precedenti visite ispettive.
Complessivamente sono state controllate 55 macchine delle quali 31 sono risultate
rispondenti alla normativa vigente per la prevenzione degli infortuni e 24 sono state oggetto
di richiesta di interventi migliorativi. Inoltre tre macchine, formate dal complesso
ribobinatrice – fasciatore, unite senza soluzione di continuità, sono state seguite per le
procedure di marcatura “CE” dell’insieme.
Dalla analisi dei risultati si evidenzia che la proporzione tra le macchine conformi e le
macchine oggetto di prescrizioni si attesta, ancora, intorno al 50%.
121
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Le violazioni riscontrate sono in maggioranza riconducibili alla cattiva manutenzione dei
dispositivi di sicurezza installati sulle macchine; spesso infatti sono stati trovati dispositivi di
blocco non più in grado di svolgere la funzione per cui erano stati montati perché rotti,
deformati in seguito ad urti, bisognosi di pulizia o di taratura poiché andati fuori asse.
In alcuni casi si è trattato invece della necessità di aggiornare dispositivi di sicurezza che
l’attuale tecnologia permette di migliorare.
Per quanto riguarda le cartotecniche una particolare attenzione è stata dedicata al rischio di
afferramento degli arti da parte di zone di imbocco fra rulli in movimento.
Su questo argomento sono stati fatti incontri con gli RLS e con le Aziende è si è giunti alla
stesura di indicazioni di sicurezza, diffuso alle parti sociali e disponibile sul sito web del
Dipartimento di Prevenzione. Sono stati così resi trasparenti i criteri cui fanno riferimento
per la vigilanza i Tecnici della ASL.
Considerazioni e criticità
Il settore industriale lucchese negli ultimi anni ha attuato molti interventi, specie nel
comparto cartario.
In questo comparto l’impiego convergente dell’attività di assistenza, con i vari protocolli di
sicurezza concordati con le parti sociali e dell’attività di vigilanza hanno dato un buon
contributo al miglioramento della sicurezza delle macchine e della movimentazione.
Si è così assistito alla scomparsa, negli ultimi anni, di infortuni mortali, solo 5-6 anni fa
molto comuni, provocati da mancanza di sicurezza delle macchine per la carta, e da
ribaltamenti dei carrelli elevatori.
Tuttavia viene da numerosi Rappresentanti dei Lavoratori segnalato un preoccupante
aumento dei ritmi di lavoro che, insieme ad una generale tendenza all’adempimento
formale degli obblighi di legge, rischia di riportare il rischio infortunistico a livelli elevati.
In questo settore resta critica talvolta la situazione dell’igiene del lavoro sia per la difficoltà
di adattamento di alcune macchine ed impianti che non sono stati progettati per
un’adeguata protezione da polveri e rumore, sia per lo sviluppo tumultuoso che ha avuto il
settore, con il conseguente affollamento di impianti negli spazi preesistenti nonché con i
conseguenti aumenti dei ritmi di lavoro.
Il piano mirato sulla sicurezza della movimentazione meccanica ha evidenziato alcune
criticità in questa attività trasversale a tutti i settori produttivi, proponendo peraltro alcune
soluzioni a livello locale di cui sarebbe utile una ulteriore diffusione:
- come sopra riportato, l’installazione di chiusure laterali sui carrelli elevatori
(sportelli o body-guard ) ha permesso di evitare alcuni infortuni gravi o mortali
per schiacciamento del conducente sotto le strutture del carrello. Tale
soluzione è stata adottata dalle aziende in seguito ad una specifica campagna
di vigilanza di questa ASL, che non si è accontentata dell’installazione di
cinture di sicurezza, giudicate troppo facilmente eludibili e poco accette ai
lavoratori.
- È stato firmato un protocollo d’intesa con le parti sociali sui contenuti minimi
della formazione del carrellista.
- Una criticità è rappresentata dai rischi legati alla mancanza di visibilità
anteriore dai carrelli elevatori che trasportano carichi ingombranti. In questi
casi buona parte dei libretti di istruzione del carrello indicano come corretta la
progressione in retromarcia; questo non garantisce una buona visibilità ed
obbliga ad una postura scorretta, creando rischi notevoli nel caso che siano
necessari spostamenti di varie centinaia di metri per buona parte del turno
122
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
lavorativo. Su questo argomento l’ASL 2 si è fortemente impegnata nella
ricerca di soluzioni, presentate in un affollato seminario nel giugno 2007 e
riportate in un numero del bollettino “La voce della Prevenzione”. Nel 2008 è
iniziata in alcune aziende la sperimentazione di soluzioni, tuttavia ancora
parziali.
Nel settore edile, nel quale, dato l’elevato turnover di aziende, è difficile stabilizzare risultati
di prevenzione, si comincia ad assistere ad un miglioramento delle condizioni di sicurezza,
anche se molto c’è ancora da fare.
L’elevato ricorso in questo settore al lavoro nero, ma anche alla frammentazione delle
aziende, ne rende i lavoratori particolarmente ricattabili ed esposti al rischio infortunistico.
In aggiunta alla comune attività di vigilanza, per elevare stabilmente il livello di sicurezza del
comparto, sono state messe in atto molte iniziative (formazione in cantiere; formazione,
sensibilizzazione e vigilanza sui professionisti).
In edilizia sono inoltre frequentemente sottovalutati i rischi di natura igienistica. Nel 2008 è
emerso con drammaticità (5 intossicati e 30 esposti) il problema della sverniciatura di infissi
antichi, che venivano rivestiti con vernici al piombo.
Nel settore estrattivo, oltre ai tradizionali rischi legati alla stabilità dei fronti ed alle cadute
dall’alto, si va aggiungendo il rischio legato all’eccessivo sfruttamento dei bacini e dei
ravaneti, anche grazie all’enorme modernizzazione delle attrezzature, che comporta un
aumento dei ritmi di lavoro con conseguente minor rispetto delle cautele.
Un’altra problematica che richiede particolare attenzione è il mutamento del mercato del
lavoro, con conseguente aumento del lavoro temporaneo specie per i giovani. Questo
quadro richiede la messa in atto di specifiche azioni volte a limitarne gli effetti negativi
sull’igiene e sicurezza del lavoro.
Infine, anche se non meno importante, va notato che la professionalità richiesta agli
operatori delle UF Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro è sempre maggiore, dato
il continuo aggiornamento normativo (nel 2008 è stata affrontata la sfida del Testo Unico) e
le tumultuose innovazioni tecnologiche. In questo contesto, poi, per ottenere veramente
risultati di prevenzione, è indispensabile una adeguata motivazione, che porti ad individuare
ed affrontare, ancorché difficili, i problemi più gravi nei luoghi di lavoro del territorio.
5.1.2 Igiene e sanità pubblica
Vaccinazioni adulti
Durante l'anno 2008 sono state effettuate, nelle sedi di Carraia e di Bagni di Lucca, presso
il Suzie Clarke, le seguenti vaccinazioni per l'età adulta:
Vaccinazioni
Anti-epatite A
Anti-epatite B
Anti-epatite A+B
Anti-tifica parenterale
Anti-tifica orale
Anti-influenzale
Anti-pneumococcica
Anti-rabbia
Anti-haemophilus influenzae.
Lucca
39
195
117
223
116
132
61
1
2
123
Valle del Serchio
60
93
26
67
0
148
0
2
2
Totale
99
288
143
290
116
280
61
3
4
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Anti-tetanica
Anti-difto-tetano
Anti-difto-tetano-pertosse
Anti-meningococcica C
Anti-meningococcica A, C, W e Y
Anti-varicella
Anti-rosolia
Anti-MPR
TOTALE
31
201
137
1
37
39
35
20
1387
18
58
0
33
12
1
4
1
525
49
259
137
34
49
40
39
21
1912
Tali vaccinazioni sono il risultato della attività di prevenzione delle patologie nell'adulto sia a
titolo privato, sia in relazione agli interventi di sanità pubblica legati alla sorveglianza delle
malattie infettive (contatti e post-esposizione) e alla prevenzione sui luoghi di lavoro.
Medicina del viaggiatore
Un particolare aspetto dell’attività della prevenzione delle malattie infettive è legato alla
Medicina del Viaggiatore, che ha visto, da diversi anni a questa parte, consolidarsi il ruolo di
riferimento dell’attività ambulatoriale.
I dati di attività di quest’anno sono illustrati nella tabella seguente e sono relativi
all’ambulatorio di Carraia, a quello di libera Professione e all’ambulatorio Suzie Clark di
Bagni di Lucca.
Tabella 30 - Medicina dei viaggiatori internazionali
Attività
Anti-febbre gialla
Anti-epatite A
Anti-epatite B
Anti-epatite A+B
Anti-tifica parenterale
Anti-tifica orale
Anti-difto-tetano
Anti-difto-tetano-pertosse
Anti-colera
Anti-meningococcica A, C, W e Y
Anti-encefalite da zecche
Vaccinazioni
Counselling
Farmacoprofilassi antimalarica
Lucca
Valle del Serchio
L. Professione
111
279
57
144
148
62
130
54
31
61
13
1090
525
142
37
61
93
26
43
0
54
0
0
11
0
325
74
55
35
64
8
99
31
19
22
15
8
12
0
313
190
38
Acque potabili
Zona Piana di Lucca
Nel corso del 2008 si è continuato a svolgere l’attività di monitoraggio della qualità
dell’acqua di pubblici acquedotti tramite campionamenti alla distribuzione (Tabella 31), nel
rispetto delle indicazioni contenute nel Dec.leg.31/01 in vigore dal 25/12/03 e controlli
analitici mirati su alcune fonti di approvvigionamento, come di seguito riportato:
1. controllo dei parametri Tricloroetilene e Tetracloroetilene presso i pozzi di S. Filippo
1 e 2 (acquedotto Civico di Lucca);
124
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
2. controllo dei parametri Tricloroetilene e Tetracloroetilene presso il pozzo INCIS
(acquedotto Civico di Lucca) dotato di filtri a carboni attivi per abbattere i composti
sopra indicati. L’attingimento è localizzato in un’area soggetta a monitoraggio
nell’ambito dell’inquinamento da Organoalogenati emerso nel 1997 nella frazione di
Lucca S. Donato. Nell’ambito di tale monitoraggio sono proseguiti i controlli sui pozzi
spia dell’acquedotto di Gattaiola e sui pozzi dello stesso Acquedotto, localizzato
lungo la direzione di falda dell’inquinamento sopra riportato.
3. è proseguito, nel rispetto delle disponibilità offerte dal dipartimento ARPAT, il
monitoraggio del parametro antiparassitari nell’acqua di pozzi di pubblici e acquedotti
per i quali si è evidenziato un possibile rischio legato al rilevamento di coltivazioni
agricole a ridosso dei pozzi.
Tabella 31 - Campioni acqua potabile (“routine” e “verifica”) prelevati ai sensi del D.L.31/01
da acquedotti pubblici – Anno 2008 - Zona Piana di Lucca
Tipo di Campioni
Numero
Positivi (superamento valori di parametro Dec.leg.31/01
Chimici
“Routine”
267
“Verifica”
67
n.3 prelievi non conformi per Cloro residuo maggiore del
valore consigliato;
n.4 prelievi non conformi per pH
Microbiol.
“Routine”
288
“Verifica”
87
N.ro 6 campioni non conformi per parametri microbiologici
Totale 709
11 (6 chimici e 5 microbiologici)
TOTALI verifica
e routine chimici
e microbiol.
Zona Valle del Serchio
Si riportano di seguito (Tabella 32) il riepilogo numerico degli esami eseguiti sui campioni di
acque potabili nella Zona distretto Valle del Serchio.
Tabella 32 - Campioni acqua potabile (“routine” e “verifica”) prelevati ai sensi del D.L.31/01
da acquedotti pubblici – Anno 2008 - Zona Valle del Serchio
Esami di routine
Esami di verifica
Chimici
Microbiologici
Chimici
Microbiologici
418
393
54
54
Valutazione complessiva ASL 2
I risultati di tali esami confermano la buona qualità dell’acqua che non presenta problemi di
inquinamento chimico, né da fitofarmaci, né da contaminanti ambientali.
Rari fenomeni di alterazione dei parametri chimici si sono verificati per intorbidamento
dovuto principalmente a presenza di ferro.
125
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Resta invece il problema dei microinquinamenti microbiologici legati alla superficialità delle
sorgenti per limitare i quali viene fatto largo uso della pratica della clorazione che non viene
ben accettata dalla popolazione, anche in considerazione delle oscillazioni della stessa che
a volte possono provocare spiacevoli alterazioni organolettiche dell’acqua.
5.1.3 Igiene degli Alimenti e Nutrizione
I Servizi di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione delle Aziende USL sono, da tempo,
chiamati a sostenere un complesso processo di cambiamento, focalizzato sulle molteplici
tematiche che attengono al rapporto tra alimentazione e salute.
Accanto agli adempimenti legati ai principi generali sulla sicurezza alimentare, sanciti dalla
normativa comunitaria (il cd. “pacchetto igiene”), quali quelli connessi ai controlli integrati su
tutta la catena alimentare, alla tracciabilità dei prodotti, agli interventi basati sull’analisi del
rischio, vanno sviluppandosi in maniera rilevante le funzioni di prevenzione nutrizionale.
L’evidenza scientifica sui determinanti nutrizionali impone la necessità di una azione
preventiva che abbia le caratteristiche di una vera ed organica strategia di comunità che
ponga al centro i cittadini come parte attiva del processo.
Nella prevenzione dell’obesità tale strategia si basa in primo luogo sull’analisi delle attività
realizzate e la loro valenza in termini di efficacia, e si concretizza con un insieme di azioni
coordinate e sinergiche volte all’acquisizione di stili di vita corretti.
Il D.M. 16 ottobre 1998 attribuisce ai SIAN tale funzione e riconosce espressamente gli
ambiti essenziali di intervento che si sviluppano intorno alle due materie fondamentali di
“Igiene degli Alimenti” e “Igiene della Nutrizione”.
L’Igiene degli Alimenti presuppone l’ottemperanza ai vincoli normativi europei e nazionali
per garantire ai consumatori un alimento sicuro, seguendo la filiera alimentare dalla
produzione alla tavola; rappresenta la continuità con il passato anche se tutte le attività di
competenza sono state programmate alla luce delle caratteristiche che ispirano le attuali
leggi in quanto sono stati ridefiniti in maniera radicale i livelli di responsabilità degli operatori
economici che agiscono, a vario titolo, all’interno della filiera alimentare e le modalità di
intervento degli organismi preposti ai controlli.
Nell’ambito dell’Igiene della Nutrizione i SIAN sono chiamati a svolgere funzioni per le quali
è necessario garantire il supporto culturale e l’integrazione pluridisciplinare di varie
professionalità.
Il progetto speciale “Alimentazione e Salute”, di cui al PSR 2005-2007, il Piano Nazionale
della Prevenzione 2005-2007 e il Programma del Ministero della Salute “Guadagnare
Salute”, hanno individuato, tra le priorità, la lotta all’obesità e al soprappeso.
Gli elementi cardine su cui si ritiene necessario investire sono:
- la sorveglianza nutrizionale, quale attività in grado di fornire dati e informazioni utili
ad orientare i programmi e le azioni volti a migliorare e mantenere la salute dei
cittadini;
- la promozione di sani stili di vita, da perseguire attraverso azioni dirette all’adozione
di comportamenti consapevoli, all’inserimento dell’attività fisica tra le attività
quotidiane, al monitoraggio della ristorazione collettiva;
- il counseling nutrizionale.
126
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Le strategie della prevenzione e della promozione della salute devono prevedere l’adozione
di metodi, strumenti e linguaggi efficaci e mirati in relazione al target e agli obiettivi specifici
da raggiungere.
Igiene degli Alimenti
Il controllo ufficiale
L’attività di controllo ufficiale dei prodotti alimentari e delle bevande è effettuata tramite
interventi di vigilanza ed accertamenti analitici che si articolano in un complesso sistema di
verifiche finalizzate a prevenire i rischi per la salute pubblica, proteggere gli interessi dei
consumatori, assicurare la corretta applicazione delle norma comunitarie.
NUMERO DI UNITA'
NUMERO DI UNITA' CONTROLLATE (1)
NUMERO DI ISPEZIONI (2)
NUMERO DI UNITA' CON INFRAZIONI
TOTALE CAMPIONI PRELEVATI
CAMPIONI NON REGOLAMENTARI
NUMERO INFRAZIONI
a) igiene generale
b) igiene (HACCP, formazione personale)
c) composizione
d) contaminazione (diversa da quella microbiologica)
e) etichettatura e presentazione
f) altro
PROVVEDIMENTI
a) amministrativi
b) notizie di reato
0
441
34
33
7
93
198
37
55
0
12
1056
61
73
2
46
4
0
0
97
4
0
0
0
8
0
3
1
3
1
0
1
2
0
E
CONFEZIONAT
ORI CHE
TOTALI
VENDONO
PREVALENTE
MENTE AL
collettiva (cod.
08)
RISTORAZION
E
dettaglio (cod.
04)
soggetti a
vigilanza (cod.
soggetti
05) ad
autorizz.
sanitaria (cod.
06)
pubblica (cod.
07)
TRASPORTI
DISTRIBUZION
E
ingrosso (cod.
03)
PRODUTTORI
E
PRIMARI
(cod. 01)
CONFEZIONAT
ORI (cod. 02)
PRODUTTORI
Tabella 33 – Attività di controllo degli alimenti – ASL 2 – Anno 2008.
1253
66
77
11
13
256
42
42
3
18
328
43
40
2
12
0
13
3
2
0
1
2
3
0
1
1
0
0
3633
287
320
25
194
0
29
1
0
0
0
3
6
6
Per l’anno 2008 i risultati globali per l’ASL 2 dell’attività di controllo ufficiale sono riportati
nel Modello A, previsto dal decreto ministeriale 8 ottobre 1998, di cui alla Tabella
sottostante.
Il SIAN ha sottoposto a controllo 287 imprese alimentari, corrispondenti al 12,6% delle unità
totali presenti sul territorio; i suddetti controlli hanno evidenziato irregolarità in 25 imprese
alimentari, corrispondenti al 11,4% delle imprese controllate.
Sono state effettuate globalmente 320 ispezioni che hanno riguardato interventi in tutte le
fasi della filiera alimentare ed hanno interessato tutte le classi di attività (produttori e
confezionatori–distribuzione–trasporti–ristorazione–produttori e confezionatori che vendono
prevalentemente al dettaglio). Le attività ispettive hanno interessato principalmente le fasi
della ristorazione e della distribuzione, ed hanno riguardato in misura decrescente i
produttori e confezionatori, la vendita al dettaglio, i trasporti.
La percentuale più elevata di irregolarità è stata riscontrata principalmente nelle seguenti
classi di attività: produttori e confezionatori (10,5%), ristorazione (7%), distribuzione(4,9%),
produttori e confezionatori che vendono prevalentemente al dettaglio (2,15%).
La tipologia di infrazioni riscontrate hanno riguardato, in ordine decrescente:
127
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
- igiene generale (10%), voce che comprende sia l’igiene delle unità ispezionate, quali
ad esempio i locali e le attrezzature, che l’igiene del personale e la prevenzione delle
contaminazioni;
- igiene (7,2%), voce che comprende l’HACCP (analisi dei punti critici di controllo) e la
formazione del personale;
I provvedimenti amministrativi adottati (tra cui rientrano le prescrizioni, la sospensione
temporanea o la revoca delle autorizzazioni) ammontano a 6, inoltre sono state effettuate 6
notizie di reato.
Tossinfezioni Alimentari
La Regione Toscana, con Delibera 1241/99, ha istituito il Centro di Riferimento Regionale
sullo Studio delle Tossinfezioni Alimentari (Ce.R.R.T.A), realizzando uno specifico e
dedicato sistema di sorveglianza epidemiologica delle patologie correlate al consumo di
alimenti.
Il Ce.R.R.T.A. tra le sue funzioni, ha quella di raccogliere le denunce ed i rapporti relativi
ad episodi isolati od epidemici di tossinfezioni alimentari. Con Delibera Regionale n. 245/02
sono state approvate le“Linee Guida: l’indagine epidemiologica in caso di tossinfezione
alimentare”.
I dati relativi ai focolai epidemici ed ai casi singoli sono riportati su apposite schede
utilizzate per effettuare l’indagine epidemiologica e, ad episodio concluso, vengono inseriti
in data-base informatizzato predisposto per il focolaio epidemico e per il caso singolo.
Periodicamente le schede vengono inviate per e-mail all’articolazione sub-regionale del
Ce.R.R.T.A Toscana nord-ovest con sede a Pistoia presso l’U.O. Igiene degli Alimenti, che
provvede ad inviarli a Firenze, presso l’U.O.C. di Igiene Pubblica del Dipartimento
Regionale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà.
I casi di tossinfezione alimentare di seguito descritti non sono sempre sovrapponibili ai dati
registrati con il SIMI per le singole Zone, in quanto rispondono a criteri di classificazione
differenti stabiliti dalle Linee Guida, in merito ad esempio alla residenza del soggetto
colpito, alla effettuazione dell’inchiesta epidemiologica, al luogo di ricovero ecc.
I casi di intossicazione da funghi sono gestiti dai tecnici micologi afferenti all’Ispettorato
Micologico.
In caso di sospetta intossicazione l’intervento, su richiesta telefonica, è attivato
generalmente da personale medico del P.S.
I micologi offrono la loro consulenza, effettuano l’indagine epidemiologica su apposita
modulistica e attuano l’analisi micologica diretta ed indiretta sui funghi o su residui dei pasti
ingeriti, quando disponibili.
Si segnala lo scarso numero delle notifiche pervenute con la conseguente sottostima della
numerosità delle tossinfezioni alimentari, quest’anno particolarmente significativa per la
Zona Valle del Serchio.
Zona Piana di Lucca
Casi singoli
tossinfezione alimentare – n. 162
128
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Il numero totale delle notifiche pervenute presso il servizio d Igiene Pubblica della Zona
Piana di Lucca e delle inchieste epidemiologiche effettuate nell’anno 2008 relative ai casi
singoli di malattie trasmesse da alimenti è pari a 162.
Trattasi di soggetti residenti e non residenti nella Zona Piana di Lucca. Nel grafico 1 e nella
tabella n. 1 sottostanti si legge la ripartizione fra i vari agenti eziologici individuati tramite
coprocoltura e/o esami ematochimici e pervenuti tramite notifica.
Il grafico 2 indica la distribuzione mensile dei casi di rotavirus e adenovirus che
costituiscono il 66% delle notifiche pervenute.
intossicazione da funghi – n. 1
Si registra un caso di intossicazione da funghi con ricorso al P.S. del P.O di Lucca per
vomito e diarrea; i funghi esaminati appartengono al genere Leccinum Duriusculum raccolti
nel proprio terreno.
Figura 16
Tabella 34
Figura 17
Agente Eziologico
Yersinia Enterocolitica
Escherichia Coli
Salmonella
Campylobacter Jejuni
Epatite A
Adenovirus
Rotavirus
Shighella
A.Hydrophila
Totale
N.
2
6
29
2
14
9
99
0
1
162
%
1%
4%
18%
1%
9%
5%
61%
0%
1%
100
%
Nella Figura 16 e Figura 17 sono riportati i casi singoli di tossinfezione alimentare e le
relative percentuali sul totale delle notifiche pervenute.
In merito ai casi di salmonellosi, nell’anno 2008, i soggetti colpiti nella fascia di età 0-14
anni costituiscono il 70% del totale. Gli adulti di età compresa fra 15-55 costituiscono l’ 8%,
e gli adulti oltre 55 anni costituiscono il 20%.
L’età media dei bambini 0-14 colpiti è di 3,3 anni.
Il numero dei ricoveri è pari al 58% sul totale dei soggetti affetti. Il ricovero dei bambini è
avvenuto prevalentemente presso l’U.O. Pediatria del P.O. di Lucca.
Il 55,8% dei soggetti consuma abitualmente almeno un pasto fuori casa non correlato alla
tossinfezione alimentare (si tratta di bambini e adolescenti che consumano il pranzo presso
le mense scolastiche).
129
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
In nessun caso è stato possibile individuare con l’inchiesta epidemiologica l’alimento che ha
causato la tossinfezione alimentare.
Le notifiche di rotavirus hanno costituito il 61% di tutti i casi notificati; il 100% dei soggetti
colpiti è stato ricoverato presso la U.O. Pediatria. Il 34,4 % dei soggetti ha un’età compresa
tra 0 - 1 anno. La Figura 17 evidenzia la distribuzione mensile dei casi di rotavirus e
adenovirus.
Nella Piana di Lucca sono stati notificati 14 casi singoli di epatite A.
Dall’anamnesi degli intervistati risulta che solo in due casi la vacanza all’estero (Egitto) può
essere correlata alla malattia. In altri 4 casi risulta il consumo di frutti di mare.
Nei restanti casi non emerge alcun dato significativo. Nella Figura 18, Figura 19 e Figura 20
sono riportati i dati relativi alla distribuzione per età e sesso della malattia e l’incidenza dei
casi negli anni 2003-2008 nel territorio di competenza dell’ASL 2.
Figura 18
Figura 19
130
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Figura 20
Focolai epidemici
tossinfezione alimentare – n. 2
Si sono registrati n. 2 focolai epidemici di cui uno avvenuto in ambito familiare nel corso di
una cena di compleanno.
Il secondo focolaio è avvenuto a seguito del consumo di un pranzo presso un ristorante.
Il sopralluogo presso il ristorante ha consentito di campionare alcuni alimenti utilizzati nella
preparazione del pranzo risultati negativi per gli agenti patogeni ricercati. Il calcolo dei tassi
di attacco ha individuato come alimento responsabile i maccheroni al sugo di funghi.
intossicazione da funghi – n. 1
Si segnala 1 focolaio epidemico da ingestione di funghi nel corso di una cena in ambito
familiare: l’inchiesta epidemiologica effettuata dal micologo presso il P.S. del P.O di Lucca
ha fornito i seguenti dati: consumo di funghi Armillaria Mellea (chiodino) raccolti nel proprio
terreno, sbollentati e messi sott’olio; 6 soggetti sintomatici con nausea, vomito e diarrea; 1
soggetto ricorso al P.S.
Zona Valle del Serchio
Casi singoli
tossinfezioni alimentare - n. 20
Il numero totale delle notifiche e delle relative inchieste epidemiologiche effettuate nell’anno
2008 relative ai casi singoli di malattie trasmesse da alimenti è pari a 20.
Nella tabella si legge la ripartizione fra i vari agenti eziologici individuati tramite coprocoltura
e/o esami ematochimici.
Si segnalano 2 casi di rotavirus di residenti nella Zona Valle del Serchio notificati presso
ISP Piana di Lucca, dove è stata effettuata l’inchiesta epidemiologica. I casi notificati di
salmonellosi riguardano prevalentemente bambini di età media di 4 anni e tre casi
riguardano soggetti adulti ultrasessantacinquenni; non è stato possibile individuare con
certezza l’alimento responsabile anche se nell’anamnesi compaiono alimenti tipo uova,
salsiccia, contatto con volatili ecc.
131
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Figura 21
Tabella 35
Agente Eziologico
Salmonella
Rotavirus
Epatite A
Totale
N.
19
2
1
20
%
77%
8%
15%
100%
Tabella 36 - Numero tossinfezioni/intossicazioni - Anno 2008
Piana Di Lucca
Valle Del Serchio
Totale
Casi Singoli
163
20
183
Focolaio Epidemico
3
0
3
Gruppo Fitosanitari
Si descrive di seguito l’attività di controllo e vigilanza effettuata nel corso dell’anno 2008
secondo le disposizioni della D.G.R.T. n. 118 del 08/02/99 e del Decreto del Ministero della
Salute del 09/08/02 “Adozione del Piano di controllo ufficiale su commercio e impiego dei
prodotti fitosanitari per il quinquennio 2002-2006”.
Ispezioni presso le rivendite e depositi di prodotti fitosanitari
Nel territorio di competenza dell’ASL 2 sono presenti 41 rivendite di prodotti fitosanitari
autorizzate, di cui 24 sono localizzate nella Zona Piana di Lucca e 17 nella Zona Valle del
Serchio.
Di seguito sono riportati i dati relativi alle ispezioni effettuate:
Tabella 37- Esito controlli effettuati presso le rivendite di prodotti fitosanitari
N. Rivendite - Zona Piana Di Lucca
24
N. Rivendite - Zona Valle Del Serchio
17
Totale Rivendite Esistenti = 41
N. Ispezioni
N. Verifiche
24
N. Ispezioni
17
Totale Ispezioni = 41
23
N. Verifiche
17
Totale Verifiche = 40
132
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tabella 38 - Irregolarità riscontrate presso le rivendite di prodotti fitosanitari
Irregolarità Riscontrate
Mancanza di Autorizzazione Sanitaria
Mancanza o non validità Certificato di abilitazione
Mancanza dei requisiti igienico sanitari
Inappropriate condizioni di trasporto
Formulati commerciali non registrati
Prodotti fitosanitari revocati
Scorretta gestione dei documenti di vendita
Assenza schede di sicurezza
Inosservanza disposizioni comunali
* totale irregolarità
Zona Piana di Lucca
0
0
1
0
0
0
0
0
1
2
Zona Valle del Serchio
0
0
0
0
0
0
0
0
0
* le irregolarità riscontrate hanno dato esito a prescrizioni di adeguamento
Ispezioni presso le aziende agricole - Aziende agricole Zona Piana di Lucca
L’attività di controllo, congiunto con personale afferente ad ARPAT, U.F Igiene Pubblica e
Igiene Alimenti e con personale afferente all’U.F. Sanità Pubblica Veterinaria, settore Igiene
degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, ha riguardato 6 aziende agricole ad
indirizzo produttivo prevalentemente cerealicolo, viticolo, olivicolo e florovivaistico,
quest’ultima azienda con terreni presenti nell’area di rispetto del pozzo di captazione
dell’acquedotto Luciani.
Sono stati oggetto di verifica, oltre alla corretta gestione (stoccaggio, utilizzo, stato di
revisione) dei prodotti fitosanitari, i requisiti igienico-sanitari relativi alla produzione primaria
previsti dall’allegato I del Regolamento CE 852/04, la rintracciabilità, la produzione
zootecnica, la corretta gestione dei rifiuti.
Nel corso delle ispezioni viene utilizzata una chek-list congiunta per la rilevazione di dati di
interesse igienico-sanitario ed ambientale. Le criticità emerse hanno riguardato la corretta
gestione, detenzione e applicazione dei prodotti fitosanitari, in particolare la mancanza nella
sede aziendale delle suddette registrazioni documentate e l’erronea o incompleta
compilazione del registro dei trattamenti con i prodotti fitosanitari, la presenza in azienda di
prodotti revocati, la mancata applicazione delle istruzioni riportate in etichetta.
Tabella 39 - Esito controlli presso le aziende agricole
Dati Aziende Agricole
Aziende agricole
controllate
Superficie aziende in ettari
Ispezioni effettuate
U.O. Igiene Alimenti
Arpat
6
U.F.Sanità Pubblica
Veterinaria
6
263,70
6
263,70
6
263,70
6
133
6
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tabella 40 - Tipologia accertamenti effettuati in azienda e non conformità registrate
Irregolarità Riscontrate
Non possesso del patentino
Presenza/uso di prodotti fitosanitari non registrati o revocati
Non idoneità dei locali destinati al deposito dei prodotti fitosanitari
Presenza contemporanea in un locale di derrate alimentari e di prodotti fitosanitari
Mancata comunicazione art.4 L.R. n. 36/99, non conformità registro trattamenti, tracciabilità, non
conformità reg. CE 852/04
Mancanza del deposito per i prodotti fitosanitari
Materiale non pertinente nel deposito fitosanitari
Non applicazione prescrizioni riportate in etichetta dei prodotti fitosanitari
Scorretta gestione rifiuti speciali pericolosi
totale irregolarità riscontrate
1
1
0
0
2
0
0
2
0
6
Nulla-osta trattamento diserbante nel settore extra agricolo
Comunicazioni trattamento diserbante nel settore agricolo
Tabella 41 - Rilascio di nulla-osta igienico-sanitario per trattamento diserbante settore
extra-agricolo
Nulla-osta
n. nulla-osta rilasciati
n. pareri negativi
* n. pareri con limitazioni
n. aree trattate
n. aree trattate oggetto di verifica
documentale
Zona Piana Di Lucca
12
4
3
109
109
Zona Valle Del Serchio
5
5
5
* Sono state imposte delle limitazioni in quanto il trattamento con prodotto diserbante interessava aree di
rispetto di un pozzo pubblico di approvvigionamento idrico.
Tabella 42 - Comunicazioni trattamenti diserbanti nel settore agricolo
Comunicazioni
comunicazioni pervenute
richiesta di integrazioni documentali
integrazioni pervenute
Zona Piana Di Lucca
329
42
20
Zona Valle Del Serchio
8
-
* le integrazioni documentali sono state richieste per mancanza del n. di registrazione del prodotto
fitosanitario utilizzato, della denominazione del prodotto, della classe tossicologica. A tali richieste hanno
risposto il 100% degli utilizzatori
La valutazione delle comunicazione riguarda la completezza dei dati, la presenza e
l’esattezza del numero di registrazione, il nome commerciale del prodotto, il principio attivo,
il campo di impiego, l’eventuale revoca del prodotto da parte del Ministero della Salute.
Nulla-osta gas tossici
Riguardo all’impiego del gas tossico bromuro di metile, in considerazione del nuovo
Regolamento CE 2037/2000 e del Decreto del Ministero dell’Ambiente e della tutela del
territorio del 9 agosto 2004, il nulla-osta viene rilasciato in base alla deroga per usi critici.
Viene effettuata una verifica della completezza e conformità della documentazione inviata
dalla Questura di Lucca nonché una verifica della etichetta e delle scheda tecnica del
prodotto utilizzato tramite il programma FITOGEST.
I prodotti prevalentemente utilizzati sono il Bromuro di metile e la fosfina. Non risultano
rilasci di nulla-osta nella zona Valle del Serchio.
134
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Zona Piana Di Lucca
strutture/aree trattate
Molini
Pastifici
Terreni agricoli
Manifattura tabacchi
Centro stoccaggio cereali
n. trattamenti
2
0
2
0
0
TOTALE
4
Controllo ufficiale dei residui di prodotti fitosanitari nelle matrici alimentari ortofrutticole e
negli alimenti di origine animale.
Per l’anno 2008 il numero complessivo dei campioni per la ricerca multiresiduo ammonta a
54, di cui 2/3 effettuati nella Zona Piana di Lucca e 1/3 nella Zona Valle del Serchio, pari
rispettivamente a 35 e 19.
Nella Tabella 43 sono riportati i campioni effettuati secondo il piano regionale per la ricerca
multiresiduo e i relativi risultati analitici e gli esiti dei campioni di matrici alimentari di origine
animale, limitatamente ai residui di prodotti fitosanitari (D.G.R.T. n. 9 del 09/01/06).
Tabella 43
N. CAMPIONI
EFFETTUATI
D . G . R . T n. 164/04
N. CAMPIONI PROGRAMMATI
N.CAMPIONI
EFFETTUATI
RISULTATI
ANALITICI
ASSENA
RESIDUI
RESIDUI
<
LIMITE
Matrice
Cereali
Vino
Olio
Zona Piana Di
Lucca
9
2
1
Conserve/omogeneizzati
Frutta
Ortaggi
Erbe infusionali
Succo di frutta
caffè
TOTALE
TOTALE
Zona Valle
Del Serchio
5
1
1
2
9
12
1
35
Zona Piana
Di Lucca
7
4
1
1
5
6
19
5
5
9
1
1
33
54
Zona Valle
Del Serchio
5
8
8
21
12
4
1
5
9
16
1
1
49
54
PIANO NAZIONALE RESIDUI
D.G.R.T. n. 9/06
MATRICE
N.
CAMPIONI
PRINCIPIO RICERCATO
ESITO ANALISI
Miele al favo
Tessuto adiposo
(ovocaprini)
Fegato bovino
4
1
Coumaphos
PIRETROIDI
< 0,01 mg/Kg
negativo
1
negativo
Tessuto adiposo bovino
1
Antiparass.
Benzimidazolici
Antiparass.
Organofosforati
135
negativo
4
1
5
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Igiene Della Nutrizione
Counseling Nutrizionale
Nel 2008 è proseguita l’attività dell’ambulatorio di counseling nutrizionale. Hanno usufruito
del servizio 12 soggetti in sovrappeso o obesi con conseguente attivazione di 2 gruppi e un
totale di 2 incontri.
Il servizio rimane sottoutilizzato e pertanto non esistono liste di attesa.
Attività di comunicazione su corretta alimentazione e idonei stili di vita
Nel corso del gennaio 2008 sono stati effettuati 13 incontri con studenti delle prime classi
del Liceo Scientifico “Vallisneri” di Lucca.
Nel novembre 2008 sono stati effettuati 15 incontri con studenti delle prime classi dell’I.S.I.
Barga.
I temi trattati negli incontri hanno riguardato l’igiene nutrizionale e i corretti stili di vita.
Pareri sui menù scolastici, aziendali e delle strutture per anziani
Sono stati espressi pareri sui menù scolastici dei Comuni di Villa Collemandina e Villa
Basilica e sul menù della RSA di Borgo a Mozzano.
Sorveglianza nutrizionale in anziani istituzionalizzati
La U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione del Dipartimento Prevenzione dell’ASL 2, attraverso
un’apposita equipe, continua l’attività di sorveglianza nutrizionale sulla popolazione anziana
ospite delle R.S.A presenti nel territorio di competenza.
Vengono regolarmente sottoposte a controllo le seguenti R.S.A: R.S.A. Monte S. Quirico,
R.S.A. “Arcobaleno” e “Villa S. Maria” a Maggiano, R.S.A “Pia Casa” a Lucca, R.S.A. “Villa
Gori “ a Marlia, R.S.A. “Pierotti” a Coreglia Antelminelli, R.S.A. “Grassi” a S. Romano
Garfagnana, R.S.A. “G. Pascoli” e “Belvedere” a Barga.
Ogni tre mesi, vengono registrati, da parte del personale di assistenza, il peso o, nei
soggetti allettati, la circonferenza brachiale; i risultati ottenuti vengono trasmessi alla nostra
U.O. cui compete la registrazione delle misurazioni e la loro valutazione.
Solo in caso di indicatori antropometrici o parametri bioumorali (albuminemia,
transferrinemia, colesterolemia, linfociti) indicativi di un rischio malnutrizione, viene
effettuata una verifica diretta, da parte del gruppo, per una valutazione più accurata della
situazione. Naturalmente, anche in caso di nuovi ingressi è prevista una prima visita da
parte del nostro gruppo con somministrazione del test MNA e valutazione antropometrica e
nutrizionale.
In totale, nel corso del 2008 sono stati sottoposti a sorveglianza 300 soggetti, con netta
prevalenza per il sesso femminile (71,7%) e per età superiori a 75 anni (93,7%), distribuiti
nelle 9 RSA (quattro della Zona “Valle del Serchio” e cinque RSA della Zona “Piana di
Lucca”).
L’82,3% dei soggetti risulta con adeguato stato nutrizionale, l’ 11% a rischio e solo il 6,7%
in stato di malnutrizione.
Da notare che all’interno dei soggetti “con adeguato stato nutrizionale” si colloca una
rilevante quota di obesi (BMI > 30) che rappresenta il 17,7% del totale degli anziani valutati.
Dai dati in possesso la percentuale di soggetti malnutriti rimane nettamente inferiore a
quanto riportato in letteratura per indagini simili. Risulta in leggero decremento la
percentuale dei soggetti obesi con BMI > a 30 (dal 19% del 2007 al17,7% attuale).
136
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Lo Sportello della Nutrizione
Nel corso del 2008, è proseguita l’attività degli Sportelli nutrizionali in alcuni Istituti
Scolastici, situati nella Piana di Lucca e in Media Valle del Serchio; in particolare:
•
•
•
•
•
•
Liceo Scientifico “A. Vallisneri” di Lucca
Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e Ristorativi "Fratelli Pieroni" (Barga)
Liceo "Giovanni Pascoli" (Barga)
Liceo Classico "Ludovico Ariosto" (Barga)
Istituto Tecnico Commerciale "Alberto Magri" (Barga)
Istituto Tecnico Industriale "Enzo Ferrari" (succursale di Borgo a Mozzano)
L’attività consiste nell’apertura quindicinale, per una durata di due ore, all’interno degli
Istituti, di uno spazio di ascolto al quale possono accedere tutti gli studenti che ne fanno
richiesta e dove vengono attuati colloqui utilizzando le tecniche del counseling nutrizionale
e cercando di coinvolgere attivamente i ragazzi nel loro processo di cambiamento e di
acquisizione di nuove abitudini salutari.
Nel 2008 abbiamo effettuato 95 incontri e registrato, nelle due zone, 49 accessi.
Indagini sulla qualità nutrizionale dei pasti serviti nelle mense
Continua l’attività di verifica quali-quantitativa sui menù scolastici forniti nelle mense
comunali presenti sul territorio della ASL 2, effettuata in collaborazione con gli uffici mensa
dei Comuni.
Nel corso del 2008 sono state effettuate 9 verifiche in scuole ubicate nei Comuni di Lucca,
Gallicano, Bagni di Lucca, Castelnuovo Garfagnana, Piazza al Serchio.
Progetto “OKkio alla salute” - Sorveglianza nutrizionale nell’età evolutiva
L’ASL 2, nell’ambito del programma interministeriale “Guadagnare Salute”, partecipa al
progetto nazionale “OKkio alla salute”, elaborato dal Ministero dell’Istruzione e del Ministero
della Salute, di sorveglianza nutrizionale dei bambini delle scuole primarie che permetterà,
da un lato, di conoscere la situazione nutrizionale dei bambini e, dall’altro, di seguire nel
tempo i cambiamenti della scuola necessari a fare della stessa l’ambiente ideale per
migliorare le condizioni di salute dei bambini, specie per ciò che riguarda il loro stato
nutrizionale e il loro livello di attività fisica.
Il target di riferimento è rappresentato dai bambini della Scuola Primaria. Lo scopo è quello
di rilevare lo stato nutrizionale della popolazione infantile attraverso la determinazione delle
misure antropometriche (peso e altezza per calcolare l’indice di massa corporea – IMC) e
delle abitudini alimentari.
Nel 2008 è stata eseguita la rilevazione dei parametri antropometrici, sono state
somministrate ai dirigenti scolastici schede sull’ambiente scolastico, e fatti compilare
questionari ai bambini e ai genitori.
All’indagine hanno partecipato il 100% delle scuole (n° 8 Scuole Primarie: “S.Domenico
Savio – Capannori; Capoluogo – Capannori; “Don Sirio Politi” – Viareggio; “Poli” –
Gallicano; “Piegaio” – Pescaglia; “S. Concordio” – Lucca; “A. Manzoni” – Marlia; “F. Orsi” –
Porcari) e delle classi campionate per un totale di 155 bambini.
La misura della “risposta” delle famiglie ovvero la percentuale di bambini/famiglie che ha
partecipato all’indagine è un importante indicatore di processo. Solo il 2,4% dei genitori ha
inviato il rifiuto per la misurazione dei propri figli.
137
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Questo valore è risultato inferiore a quello nazionale (3%) e regionale (3,4%). Questo dato
sottolinea una buona gestione della comunicazione tra ASL, scuola e genitori.
Nel corso del 2009 il programma prevede la comunicazione dei dati agli Istituti scolastici
coinvolti nell’iniziativa, attraverso riunioni, incontri, assemblee da organizzare con il
personale docente, i genitori e i bambini. Per tale attività è prevista una specifica, ulteriore,
attività di formazione per gli operatori che dovranno presentare i risultati, al fine di
concordare gli strumenti migliori per una comunicazione efficace.
5.1.4 Sanità Pubblica Veterinaria
5.1.4.1 - UO Sanità Animale - UO Igiene degli Allevamenti e Produzioni Zootecniche
1 - Il comparto zootecnico:
Nel 2008 sono state mantenute le qualifiche di territorio Ufficialmente Indenne per
Tubercolosi Bovina, Brucellosi Bovina, Leucosi Bovina Enzootica e Brucellosi ovina e
caprina definite dalla Decisione CE 23 marzo 2007.
Il mantenimento di questo stato sanitario di eccellenza comporta facilitazioni per gli
allevatori nelle movimentazioni degli animali da allevo e riduzione dei costi per la pubblica
amministrazione per la esecuzione delle prove sugli animali.
La definizione del campione di aziende di allevamento da sottoporre a test ha tenuto conto
quindi della necessità di coprire nel quinquennio tutti gli allevamenti bovini con riproduttori
cui si sono aggiunti allevamenti selzionati con la metodica della valutazione del rischio
ormai consolidata.
Nel corso del 2008 non sono stati rilevate positività per TBC, Brucellosi bovina, Leucomi,
Bovina Enzootica.
E’ stato invece registrato un focolaio di Brucellosi Ovi-caprina a carico di un allevamento di
animali di razza garfagnina. Sono stati abbattuti 4 capi risultati positivi al test sierologico.
L’indagine epidemiologica ha consentito di stabilire con certezza l’origine extra ASL della
patologia introdotta con la immissione di alcuni capi provenienti da altra regione. Sono
comunque stati rintracciati tutti gli animali della stessa partita pervenuti ad altri allevamenti
della stessa razza e con l’abbattimento dei positivi e la revoca della qualifica sanitaria
all’allevamento posto sotto controllo il rischio di diffusione. Il focolaio non è ancora estinto
dovendo ripetere le prove fino a riacqusizione della qualifica per l’allevamento interessato.
Nel comparto suino (zona già accreditata per Malattia Vescicolare Suina) sono intervenute
nel corso del 2008 alcune nuove disposizioni normative che rendono la qualifica per MVS
più restrittiva dovendo procedere a conferma per singolo allevamento a seguito di prove
effettuate non solo sugli effettivi con riproduttori ma anche su una quota di ingrassi.
Tale procedura è stata attuata malgrado il notevole aggravio in termini di assorbimento di
risorse. Mantenuto lo stato di bacino idrico indenne da malattie del pesce (bacino fluviale a
monte dello sbarramento del Piaggione indenne da malattie infettive).
L’esito favorevole delle prove per ricerca di Trichinellosi in cinghiali cacciati e nei suini
allevati fa prevedere il conseguimento di qualifica di regione indenne da Trichinellosi entro il
2009. Questo nuovo traguardo consentirà di ridurre l’impegno nel settore potendo passare
alla esecuzione delle ricerche a campione rispetto all’attuale gravoso impegno di verifica
richiesto per tutti i suidi.
Questi risultati di eccellenza sono stati possibili grazie al rapporto di stima e fiducia che
intercorre tra allevatori, e le loro associazioni e gli operatori della ASL.
138
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Il declino della zootecnia lucchese pare inarrestabile anche se è più lento che in altre realtà
toscane.
Gli allevatori che rimangono possono però usufruire per rimanere quanto più possibile nel
mercato delle migliori condizioni sanitarie esistenti.
Le consistenze del patrimonio zootecnico (specie principali) al 31-12-2008 sono:
Anno
All. Bovini
Capi. Bov.
All. Ovini
Capi Ovini
All. Suini
Capi Suini
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
1003
982
984
925
646
597
539
517
6421
6032
6105
5085
4586
4404
4026
3901
356
354
352
335
440
553
520
536
15180
15090
15086
14615
16092
13058
12919
12858
368
351
356
359
650
690
695
485
2958
2060
2048
2452
1139
2356
1268
1763
I dati 2008 sono derivati dalla Banca Dati Nazionale.
Le notevoli oscillazioni sono da imputare al progressivo miglioramento di affidabilità dei dati
conseguente alla attivazione delle relative anagrafi in Banca Dati Nazionale.
Per i comparti ovino, caprino, suino le consistenze sono calcolate a partire dal dato
prodotto dagli allevatori in occasione del censimento annuale.
La gestione delle anagrafi degli animali richiede un grosso sforzo in termini di assorbimento
di risorse umane ma garantisce una più adeguata conoscenza della situazione reale
ottenere con la massima definizione e, soprattutto, la possibilità di procedere con la
programmazione puntuale degli impegni di campagna.
1.1 - Anagrafe degli animali
L’Anagrafe Bovina dell’ASL 2, pienamente operativa anche grazie all’impegno delle
Associazioni Professionali di categoria, resta tra le migliori a livello regionale sia per
affidabilità che per numero di controlli operati in allevamento. Ampiamente superato il
numero minimo dei controlli previsti con esito prevalentemente favorevole.
L’Anagrafe degli ovini e caprini ha funzionato per tutto il 2008 in forma obbligatoria per il
censimento dei capi, e per la comunicazione delle movimentazioni delle partite di animali.
Ottimo il risultato ottenuto (confronto con valori nazionali e regionali) anche grazie al
coinvolgimento delle Associazioni di categoria.
Notevole lo sforzo per ottenere e registrare in BDN anche nel corso del 2008 le consistenze
dei capi allevati (rilevazione annuale al 15 marzo).
L’Anagrafe suina è stata decisamente migliorata nel 2008 con l’esclusione dalla banca dati
nazionale della tipologia di allevamento per autoconsumo. Nel 2008 si è proceduto con una
operazione di qualificazione del dato procedendo a comunicazioni agli allevatori con capi 0
sulla necessità di procedere alla chiusura dell’allevamento in assenza di ingresso di nuovi
animali.
L’Anagrafe avicola è stata attivata nel 2006 a seguito della emergenza Influenza aviaria.
Poche le posizioni professionali innumerevoli i detentori di allevamenti per auto-consumo
che producono un carico amministrativo enorme.
1.2 – Altri eventi notevoli
Nel 2008 ha proseguito l’attività nel comprensorio della Piana di Lucca un centro di transito
temporaneo per spoglie animali (gestione ASCIT) cofinanziato dalle amministrazioni
comunali della zona.
139
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Una risposta semplice e di basso costo alle problematiche di smaltimento di animali morti
destinati alla termodistruzione
Il settore apistico non ha subito variazioni notevoli nel corso dell’anno 2008 per quantità di
alveari e numero di allevatori malgrado in occasione di incontri di allevatori si percepisca
disagio dovuto a episodi di mortalità collegati a interventi in agricoltura con prodotti
ammessi ma con notevole tossicità per le api.
Nel mese di ottobre 2008 abbiamo sostenuto un Audit di sistema della Regione Toscana
per la verifica delle attività relative ad un piano straordinario di intervento a seguito
prescrizioni della Comunità Europea. Non sono state rilevate Non Conformità a carico del
settore veterinario.
Sono state di nuovo rilevate carenze di organigramma (Direttore Uo Igiene allevamenti e
produzioni zootecniche e Direttore UO Tecnici della prevenzione SPV).
2 - Epidemiologia:
2.1 - Encefalite di West-Nile.
Nell’anno 2008 è stato svolto un complesso protocollo di sorveglianza di questa insidiosa
zoonosi. Nei mesi da maggio a settembre è stata realizzata una stazione di polli sentinella
che sono stati sottoposti a prelievo sierologico con cadenza quindicinale per evidenziare la
eventuale circolazione del virus. Questo intervento è stato affiancato da una serie di test su
equini dislocati in zone a rischio di infezione e a monitoraggio delle popolazioni dei ditteri
vettori.
Non è stata dimostrata circolazione virale.
2.2 – Influenza aviaria
Gli interventi di monitoraggio epidemiologico realizzati sono stati identici agli anni
precedenti sia pure con la maggior visibilità accordata dal fenomeno mediatico.
Non si sono avuti episodi di circolazione virale.
2.3 - Encefalite Spongiforme Bovina e altre TSE
Prosegue l’attività di selezione genetica di ovini resistenti alla Scrapie.
Gli allevatori che hanno aderito al Piano regionale hanno potuto verificare i vantaggi
economici derivanti dalla possibilità di vendere riproduttori con qualifica superiore.
L’andamento favorevole di questa seconda fase incoraggia a procedere con il progetto di
selezione genetica con l’obiettivo di raggiungere lo stato di territorio indenne.
3 - Igiene urbana veterinaria:
Per tutto il 2008 sono stati erogati nel comparto solo interventi di natura sanitaria.
Gli obiettivi prefissati per il comparto (sterilizzazioni, profilassi della rabbia, anagrafe
canina,educazione sanitaria) sono stati raggiunti.
Pienamente funzionante nella zona Valle del Serchio l’accordo tra tutte le amministrazioni
comunali (con l’eccezione di Sillano e Fabbriche di Vallico) ed una struttura canile privata
per la dotazione di posti canile e l’effettuazione delle catture dei cani vaganti.
Da registrare un episodio di salmonellosi registrato al canile di Lucca a seguito di
somministrazione di mangime contaminato ( in fase di produzione). Sono strati adottati i
necessari provvedimenti anche di natura penale nei confronti del produttore (stabilimento
altra regione).
140
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
4 – Osservatorio delle malattie trasmesse da artropodi vettori
L’evoluzione del precedente gruppo operativo multiprofessionale in Osservatorio rende
l’idea dell’investimento che si intende effettuare in questo settore epidemiologico.
Davvero rilevante nel 2008 le attività svolte dall’Osservatorio.
Anche per il 2008 è stato accolto e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di
Lucca un progetto di ricerca di patogeni in zecche che hanno punto esseri umani.
L’Osservatorio sarà strumento strategico in caso di epidemie di West Nile Disease, Dengue
(vedi situazione di emergenza registrata in Emilia-Romagna settembre 2008) per la
conoscenza delle popolazioni di vettori e dei fattori climatici che ne condizionano l’ampiezza
così come oggi è utile per la conoscenza della distribuzione del rischio acarologico e delle
patologie ad esso collegate (Borelliosi, Ricketsiosi spp, TBE).
5 - Farmacosorveglianza e controllo di filiera dell’alimentazione animale
L’attività nel 2008 ha compreso la esecuzione dei campionamenti previsti da Piani
Nazionali e Regionali. Il controllo di filiera assorbe molte risorse. Il controllo sugli alimenti
somministrati agli animali da reddito è impegnativo ma strategico per tutelare la salute dei
consumatori.
Importanti interventi di ispezione nel settore della produzione primaria di alimenti per
animali e l’industria molitoria realizzati in equipe con il servizio IAN.
6 - Attività di organizzazione della U.O.
Nel 2008 sono state svolte le seguenti azioni professionali:
a) Raccolta dati attività in allevamento
Mantenimento del flusso acceso nel 2002. Organizzazione dei flussi relativi alla esecuzione
dei controlli in allevamento con la creazione di una scheda di report delle attività svolte con
la doppia finalità di ottenere un data base gestionale (input dati della scheda) ed
l’uniformazione delle modalità di intervento.
Trasferimento delle registrazioni al software Prodotti Finiti.
Coordinamento tra le due zone
Inoltro di disposizioni professionali alle due zone (Responsabili di U.F.), partecipazione alle
fasi di programmazione, presenza fisica e verifica della corretta compilazione di alcuni
documenti. Predisposizione di modulistica e supporti normativi ondine (software Robot e
Prodotti Finiti)
b) Formazione
Ancora qualche problema di accesso alla ECM per quello che riguarda l’aggiornamento
individuale (carenza di fondi finalizzati).
7- Gestione dell’ UF Sanità Pubblica Veterinaria (UF SPV) – Zona Piana di Lucca
Nel 2008 la UF SPV ha conseguito con il primo audit (14-16 luglio) la certificazione ISO
9001:2000 senza necessità di procedere ad Azioni Correttive. Lo sforzo è stato collettivo.
Un obiettivo dovuto e voluto che a fronte dell’assorbimento di risorse notevole ha portato
ordine e semplificazione nella erogazione del servizio.
I continui nuovi carichi di lavoro derivanti da obblighi normativi richiedono adozione di
procedure sempre più automatizzate (vedi lo sforzo per realizzare la fatturazione in tempo
reale di prestazioni pre-pagate).
141
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
5.1.4.2 - U.O. Igiene degli Alimenti di Origine Animale
Nel corso del 2008, l’attività istituzionale svolta dall’U.O. di Igiene degli Alimenti di Origine
Animale, nei controlli ispettivi sugli animali da macello, sulle carni e sugli altri alimenti di
origine animale, ha evidenziato un equilibrio, rispetto ai valori 2007, a fronte di vari
avvenimenti importanti avvenuti nell'anno.
Comparto bovino
Si conferma il superamento della crisi BSE, ma il consumo di carne fresca è leggermente
diminuito. In questo anno si è provveduto anche ad una razionalizzazione della rete di
macellazione.
Dati: Bovini adulti macellati
6452
Vitelli macellati
208
Comparto ovino
Il deciso miglioramento della situazione sanitaria relativamente della Febbre Catarrale degli
Ovini nelle province in Toscana in generale non ha prodotto un altrettanto miglioramento
nel settore che continua ad accusare difficoltà economiche, soprattutto nella maggiore
industria di macellazione presente sul nostro territorio che ha notevolmente ridotto l’attività
solo in parte compensate dall’aumento di attività dell’altro impianto di macellazione.
Sempre nel settore ovino per l’anno 2008 il lavoro di campionamento per scrapie
(encefalopatia spongiforme ovi-caprina) è rimasto costante e 85% dei campioni regionali
sono stati fatti a Lucca con 529 prelievi
A seguito del campionamento non sono stati evidenziati focolai di scrapie.
Dati: Ovini Adulti macellati
11442
Caprini adulti
549
Agnelli e capretti
70949
Comparto Suino
Anche in questo settore si è registrato una riduzione degli impianti di macellazione e una
razionalizzazione del lavoro; il resto si è mantenuto sui livelli degli anni precedenti
E’ proseguita la organizzazione delle macellazioni domiciliari attraverso i concentramenti
dove vengono portati a visita i visceri degli animali macellati a domicilio, in giorni e orari
stabiliti.
La necessità di avere dati epidemiologici su trichina nel territorio ASL 2 ha portato ad un
accordo con la Provincia di Lucca Settore Caccia per la ricerca di Trichine anche sui
cinghiali cacciati.
Dati: Prelievi su suini macellati per autoconsumo
1084
Prelievi su suini macellati in stabilimenti
953
Tot 2037
Comparto avicolo
Dopo l'emergenza Influenza Aviaria non ci sono state ripercussioni in questo settore.
142
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Comparto produzione di Miele e Prodotti dell'alveare
Raggiunge numeri di assoluta importanza sia come attività primaria che come laboratori di
produzione .
Comparto Latte
Settore importante per la presenza sul nostro territorio di uno stabilimento di trattamento
termico, stabilimenti di trasformazione in prodotti caseari di livello industriale, artigianale, e
aziendali annesse ad allevamenti ovini. Sono presenti anche 5 distributori automatici di latte
crudo per il consumo diretto che nell’anno 2008 a seguito di ordinanza ministeriale sono
stati oggetto di ripetuti controlli.
Sopralluoghi
I sopralluoghi nelle industrie alimentari e l'attività di Supervisione Veterinaria sono stati
rivolti essenzialmente al miglioramento della gestione delle procedure di autocontrollo delle
varie attività produttive, per adeguare l'industria alimentare all'applicazione dei Reg 852853/04/CE ed alla responsabilità diretta del produttore nei confronti della sicurezza
alimentare.
L’anno 2008 è stato caratterizzato dall’adeguamento al reg. 2073/2005 sui criteri
microbiologici degli alimenti che ha comportato una revisione dei piani di autocontrollo di
tutte le imprese alimentari rispondente ai criteri di sicurezza alimentare e criteri di igiene di
processo. I risultati ottenuti sono buoni e con qualche difficoltà tutti gli stabilimenti
riconosciuti e moltissimi registrati sono a regime.
Sempre nell’anno 2008 è proseguita l’opera di classificazione delle imprese alimentari
secondo livelli di rischio in base alle linee guida emanate dalla Regione Toscana e questo
ha reso possibile la programmazione delle attività di controllo. Anche gli esercizi registrati
sono stati classificati secondo la valutazione del rischio nelle imprese al dettaglio e nel
2009 è stata possibile la programmazione secondo tali criteri.
Sempre nelle industrie alimentari di settore sono stati verificati anche i sistemi di
tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti che sono stati messi alla prova dal Sistema di
allerta divenuto completamente operativo.
Prelievi
L’esecuzione di prelievi di campioni nel contesto del Piano Nazionale Residui su ormoni,
farmaci e contaminanti ambientali nelle carni di animali macellati nella nostra ASL non ha
evidenziato situazioni di rischio particolari.
E’ stata registrata la presenza in un campione di residuo di antibiotico in un animale
proveniente da altra ASL nei limiti previsti dalla norma ma sprovvisto di dichiarazione di
accompagnamento. Questo è un dato importantissimo da portare a conoscenza del
consumatore ed anche degli operatori economici, infatti dimostra come il sistema di
prevenzione su trattamenti illeciti, farmaci, contaminanti sia attivo e funzionante e che le
derrate provenienti da alimenti di origine animale siano sicure anche riguardo questi aspetti.
Per quanto attiene alla vigilanza programmata per il controllo microbiologico degli alimenti
negli esercizi di vendita, e nell'industrie alimentari, in questo anno si è registrate 4 positività
per salmonella una per listeria.
Non si sono registrati di casi di tossinfezioni alimentari di particolare interesse o gravità a
fronte del riscontro di positività a patogeni riscontrate in alimenti.
143
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
E’ continuato il programma di educazione sanitaria presso le scuole ed istituti sulla corretta
gestione degli alimenti in ambito domestico in modo da creare una coscienza igienica di
base e prevenire le tossinfezioni alimentari che in questo ambiente possono manifestarsi.
Da sottolineare al riguardo la collaborazione con l’Ufficio di Educazione Sanitaria.
Formazione
Ancora qualche problema di accesso alla ECM per quello che riguarda l’aggiornamento
individuale (carenza di fondi finalizzati).
Gestione dell’ UF Sanità Pubblica Veterinaria – Zona Valle del Serchio
Nel 2008 la UF SPV ha conseguito con il primo audit (14-16 luglio) la certificazione ISO
9001:2000 senza necessità di procedere ad Azioni Correttive. Lo sforzo è stato collettivo.
Un inportante obiettivo voluto dalla Regione Toscana che ha comportato un assorbimento
di risorse notevole, ma ha portato ordine e semplificazione nella erogazione del servizio.
I continui nuovi carichi di lavoro derivanti da obblighi normativi richiedono adozione di
procedure sempre più automatizzate (vedi lo sforzo per realizzare la fatturazione in tempo
reale di prestazioni pre-pagate).
Considerazioni finali
Sintesi Dati Di Attività
UGB Macellati
Campionamenti effettuati
10905
24 + 553 prelievi per TSE + 2812 prelievi per
Trichine
4
28
204
198
3
26
Illeciti penali
Sanzioni amministrative
Prescrizioni impartite
Controlli UVAC
Sospensioni attività
Indagini allerte
Osservatorio Patologie PV attività 2008
Nel corso del 2008 l’attività dell’Osservatorio si è concentrata sull’analisi del rischio per la
popolazione residente rispetto alle patologie trasmesse da zecche (TBD), tenendo in
considerazione i risultati ottenuti negli ultimi 3 anni.
Di fatto la statistica locale relativa alle TBD indicava come la zoonosi più importante fosse
la Febbre Bottonosa del Mediterraneo (FBM), sostenuta da Rickettsia conorii.
Di questa patologia, nel decennio 1996-2005 si sono verificati circa una quindicina di casi
(dati ufficiali delle denunce).
Dal 2006 in poi è stata notata una alta incidenza (10 casi in 2 anni, ed alcuni casi incerti) di
una nuova rickettsiosi non ancora segnalata nel nostro Paese, una linfoadenopatia
(TIBOLA) sostenuta da Rickettsia slovaca.
Pertanto nell’analisi del rischio si è tenuto conto del diverso ciclo vitale che stabilizzava i
due patogeni nel nostro ambiente: da una parte R. conorii veicolata dalla zecca del cane il
Riphicephalus sanguineus, un vettore ben adattato ad un habitat domestico, dall’altra R.
slovaca, veicolata da Dermacentor marginatus, questa ultima adattata ad ambienti naturali
e tipicamente collegata ad animali selvatici ed in particolare al cinghiale. Evidentemente,
144
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
poiché l’uomo si infetta attraverso il morso della zecca, le prospettive di venire in contatto
con un vettore sono molto diverse se consideriamo il divario ecologico ed etologico tra le
due specie in causa. Di conseguenza i fattori di rischio che espongono all’infezione sono
molto diversi. Infatti se il rischio di infezione da R. conorii era molto alto soprattutto in
proprietari di cani e comunque in chi condivideva ambienti abitati da un cane, poiché
R.sanguineus non si allontana mai dal suo ospite di elezione, al rischio di infezione da
R.slovaca sono particolarmente esposti i frequentatori di boschi, gli abitanti di frazioni
collinari o montane ecc.
Di fatto la distribuzione dei casi di queste due rickettsiosi è completamente diversa, poiché
nel caso di FBM il 90% dei casi riguarda la Piana di Lucca, dove risiede la maggior parte
della popolazione canina, mentre nel caso di TIBOLA oltre il 70% dei casi riguarda la Valle
del Serchio (Figura 22).
Figura 22
Nel corso del 2008 sono stati elaborati i dati relativi alla prevalenza di infezione dei
Dermacentor.
Il dato è stato ottenuto con analisi di biologia molecolare su campioni di zecca estratti da
capi abbattuti nel corso della stagione di caccia 2007-2008 e provenienti da tutti i distretti
dell’ATC 12 ed 11, permettendo di ottenere una copertura dell’intero territorio provinciale.
Il 66.47% (95% CI: 58.84% – 73.51%) della popolazione locale di cinghiali è risultato
infestato da D. marginatus ed il 30.58% (95% CI: 22.53% - 39.61%) dei campioni di zecca
sono risultati positivi alla PCR per R. slovaca.
Non sono state notate significative differenze di infestazione e di prevalenza di infezione tra
le varie zone di cattura. Il dato riferisce una prevalenza di infezione molto alta, che ci allinea
come rischio acarologico a zone dell’Est dell’Europa, come la Slovachia, piuttosto che alla
Francia o al Portogallo dove sono riferite prevalenze di infezione molto più basse, attorno al
15%. Un dato quindi di notevole interesse, infatti il 33% dei casi di morsicatura da
Dermacentor può trasmettere TIBOLA e questo deve essere tenuto in considerazione dal
medico che valuta pazienti con sintomi compatibili ed a rischio di esposizione in base ai
fattori sopra riportati.
145
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Le indagini di biologia molecolare hanno permesso anche di identificare una rickettsia non
ancora segnalata in Italia, di incerta patogenicità per l’uomo. Nell’insieme questi dati
saranno portati all’attenzione della comunità scientifica internazionale con pubblicazione
attualmente in corso di ultimazione.
Per quanto riguarda l’attività formativa, il progetto realizzato in collaborazione con la ASL 8
di Arezzo, dedicato allo “sviluppo di sistemi informativi geografici per i Dipartimenti della
Prevenzione” è iniziato nel 2007. A breve si apriranno le lezioni del 2° anno, per le quali è
prevista attività di formazione a distanza ed è stata predisposta una piattaforma e-learning
basata su software Dokeos.
5.1.5 Medicina legale
In base agli indirizzi del P.S.R. 2008/2010 e alle disposizioni aziendali la U.O. di Medicina
Legale era tenuta ad assicurare prestazioni agendo su aree di lavoro complesse quali:
- tutela dei portatori di menomazioni
- sicurezza sociale
- accertamento della morte
- diritto al lavoro
- bioetica
- tutela dei diritti dei cittadini
- appropriatezza delle prestazioni
- attività di consulenza per prevenzione dei conflitti, gestione del contenzioso
- attività di gestione del rischio clinico.
Tenuto conto degli obiettivi da raggiungere nell’anno 2008 si può rilevare quanto segue:
Tutela dei portatori di menomazioni/Diritto al lavoro degli invalidi
Gli obiettivi specifici erano i presenti:
Contenimento dei tempi per il rilascio delle certificazioni di competenza con in particolare la
riduzione dei tempi di attesa delle visite collegiali per l’invalidità civile, l’handicap, la
disabilità a fine di integrazione lavorativa.
In tal senso si sono raggiunti i seguenti risultati:
1 - Tempi di attesa visite collegiali, invalidità civile ed handicap
Le azioni consistevano nella monitorizzazione delle domande e nel mantenimento di un
numero adeguato di visite nei collegi medici senza risorse aggiuntive.
L’indicatore da rispettare era quello della realizzazione degli inviti a visita entro 80 gg per le
domande di invalidità civile e di handicap, 60 gg per la commissione patenti e 30 gg per i
collocamenti mirati in assunzione.
In merito al monitoraggio, i dati del 2008 confrontati con quelli del 2007, ci indicano che,
complessivamente in Lucca e VdS, l’attività ha subito un incremento complessivo del 6% in
ambito di invalidità civile, cecità, sordomutismo e un netto incremento quantitativo del 24%
circa in ambito di handicap:
- Invalidità civile, cecità, sordomutismo: 2008 - visite esitate: 5044 (3566 Lucca e
1478 VdS) rispetto al 2007 (visite esitate 4702: 3041 Lucca e 1661 VdS);
146
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Handicap: 2008 - visite esitate 1517 (1059 Lucca e 458 VdS) rispetto al 2007(visite
esitate 1162:804 Lucca e 358 VdS).
Le medie aziendali teoriche delle visite nelle tre sedi, costruibili al 31 dicembre 2008, sono
le seguenti per eccesso:
- Invalidità civile: 77 gg;
- Handicap: 79 gg.
Concludendo l’indicatore della realizzazione degli inviti a visita entro 80 gg sia per
l’invalidità civile che per l’handicap è stato rispettato, tenuto conto che gli inviti vengono
inviati di norma 20 gg prima della visita e tenuto conto anche delle ulteriori anticipazioni a
visita dei casi di revisione a seguito dell’accordo interistituzionale del 2008.
-
Con l’informatizzazione degli accertamenti di IC ed H la struttura medico-legale di Lucca si
è allineata al livello del comune quadro qualitativo regionale, risolvendo a suo tempo i
problemi formativi del personale amministrativo in materia di uso dei computer.
Nel 2008 si è comunque raggiunto un numero minimo di 20 invitati ad ogni seduta di
invalidità civile, (tre in più rispetto al 2007), tenuto anche conto di pratiche doppie (IC +H).
Per compensare l’introduzione della anticipazione delle visite oncologiche e dell’aumento
della domanda di riconoscimenti e per le visite di revisione si è provveduto ad aumentare il
numero delle sedute sia di IC che di H nei limiti possibili con la collaborazione data da altri
settori professionali.
Personale
Si è garantito sia in VdS che presso Lucca un aumento progressivo degli accertamenti da
un minimo di 17 ad un massimo di 20 persone in IC e aumentando ulteriormente il numero
delle commissioni.
Per quanto riguarda la VdS (Fornaci di Barga) e la Piana di Lucca i dati ci hanno indicato di
continuare a rafforzare la presenza medico-legale.
2 - Tempi di attesa delle visite per collocamenti mirati in assunzione
Le azioni consistevano nella monitorizzazione delle domande e nel mantenimento di un
numero adeguato di visite nei collegi medici con le risorse programmate.
I casi definiti sono stati nel 2008 ben 338, (253 nella Zona di Lucca e 85 nella VdS).
L’indicatore da rispettare era quello della realizzazione degli inviti a visita entro 30 gg.
Tale obiettivo è stato rispettato entro i trenta gg.
Sicurezza Sociale e Diritto al Lavoro
1 - Tempi di attesa delle visite per commissione patenti
Le azioni consistevano nella monitorizzazione delle domande e nel mantenimento di un
numero adeguato di visite nei collegi medici con le risorse programmate.
Il numero delle sedute è stato portato da tre fino anche a 4 alla settimana e anche di
sabato, quando possibile.
E’ da tenere infatti di conto che il carico di lavoro nelle commissioni patenti è andato
aumentando sempre dal 2002 in poi; in particolare:
- 2002:3517 visite;
- 2003:4019 visite;
- 2004:4401 visite;
- 2005:4587 visite;
- 2006:4679 visite;
147
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
- 2007:4636 visite;
- 2008:5025 visite.
L’indicatore da rispettare era quello della realizzazione degli inviti a visita entro 60 gg.
Visti i tempi di attesa all’ultima commissione del 23/12/2008 di 35 gg, la proiezione teorica
al 31 dicembre 2008 dei tempi di attesa è di 43 gg, considerando i casi prenotati il
18/11/2008.
L’indicatore è dunque rispettato ed ampiamente al di sotto dell’obiettivo aziendale di
budget.
2 - Altre attività collegiali
Sono state regolarmente svolte in ambito di ricorsi per la ZTL, porto d’armi, cambio
mansioni, pensionamenti, cause di servizio, corte dei Conti, diritto ad esenzioni tasse etc..
3 - Medicina necroscopica
È stato riorganizzato il settore ed è continuata una attività di collaborazione con la Procura
della Repubblica su tutto il territorio aziendale.
Medicina Legale
Gruppo/Progetto aziendale “Rischio clinico e Osservatorio per la prevenzione della gestione
dei conflitti e del contenzioso”
Appropriatezza delle prestazioni/Consulenze per il Sistema di Pubblica Tutela : diritti dei
cittadini/Bioetica
Le azioni erano riferite all’attuazione del piano presentato in Regione Toscana il 30 ottobre
2005 e deliberato dal DG con deliberazione 629 del 12 settembre 2006 senza risorse
aggiuntive, che rappresenta il piano del 2006 con gli sviluppi per il 2007 e il 2008,
confermati dai piani di budget annuali.
Nel 2008 sono state normalmente svolte le attività organizzative di coordinamento,
attuazione, supervisione e valutazione della gestione del rischio clinico al livello aziendale.
La attività del GGRC(gruppo rischio clinico) aziendale della ASL 2 si è svolta attraverso
riunioni abitualmente mensili/bimensili e lavori di sottogruppi, aperte al contributo di tutti i
settori aziendali impegnati sul fronte della gestione del rischio clinico.
Il lavoro del GGRC, 7 riunioni nell’anno 2008, si è integrato con quello dell’Osservatorio
medico-legale aziendale.
L’Osservatorio medico-legale ha messo a disposizione del GGRC notizie sulle criticità
rilevate nei 66 sinistri esaminati ed oggetto di parere.
In base a questi dati nel 2008 sono stati organizzati due audit su cartella clinica e consenso
informato e due incontri con le UO di Ortopedia e con le UO di Ostetricia e Ginecologia.
Nel 2008 è stata dato attuazione ad un forte piano di Formazione ECM accreditato:
- Corso Facilitatori con il raggiungimento di un numero di 57 formati su 32 UO
partecipanti rispetto alle 41 strutture aziendali esistenti;
- Corso Utenti con il raggiungimento di 843 operatori formati in grado cosi’ di fare
incident reporting tra i quali 7 Direttori di UO;
- Corso su comunicazione interprofessionale e rischio clinico con 12 operatori
formati dell’Area Chirurgica, della Riabilitazione e del Coordinamento
infermieristico;
- Corso di formazione utenti del rischio clinico per Medici di Medicina Generale;
148
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Corso utenti e facilitatori aperti a operatori delle UO non ospedaliere e Privato
accreditato.
I risultati del 2008 del sistema di gestione del rischio clinico sono più che buoni tanto che la
funzione dell’incident reporting ha dato avvio insieme allo studio dei casi derivanti dal
contenzioso a vari audit (13 con 64 UO partecipanti), e mortality e morbidity review,
(26M&MR per 28 UO coinvolte), dati per difetto rispetto alla attività svolta non reportata.
Numerose sono state, in conseguenza degli Audit e delle M&MR, le revisioni di procedure
di UO e di Presidio Ospedaliero, con la piena collaborazione della Direzione Sanitaria del
Presidio Ospedaliero con 10 azioni di miglioramento solo in merito agli audit e su varie
materie:
- Cartella clinica, consenso informato, prevenzione di scambi di farmaci,
prevenzione e gestione della anafilassi perioperatoria, prevenzione degli errori di
terapia, gestione dell’informazione per evitare comunicazioni discordanti, sicurezza
della tecnologia TC e RM rispetto a blackout elettrico, procedure terapeutiche e
diagnostiche varie in ambito SERT, procedure in ambito di accertamenti di
invalidità civile, handicap e collocamento mirato.
Sono state altresi’ implementate numerose buone pratiche cliniche in vari reparti:
- Mani pulite; Prevenzione degli errori di terapia; Corretta identificazione del
paziente; Prevenzione delle cadute in ospedale; Corretto uso degli antibiotici;
Utilizzo della scheda terapeutica unica, Prevenzione e gestione della distocia di
spalla e dell’emorragia postpartum; Profilassi antitrombotica in ortopedia.
Parallelamente sono state avviate le richieste di accreditamento volontario dei reparti che si
sentivano già pronti nella piena applicazione delle buone pratiche.
Sono state anche avviate altre iniziative in tema di gestione del rischio nutrizionale e della
terapia con anticoagulanti orali.
E’ stata avviata anche l’Autovalutazione della corretta compilazione della cartella clinica ed
infermieristica e la Revisione dei moduli di consenso informato. I risultati indicano di
proseguire con queste iniziative.
-
Le Raccomandazioni pervenute dal Ministero della Salute sono tutte state oggetto di
diffusione formale come richiesto dalla Regione Toscana ed oggetto di discussione a fini
applicativi con produzione di varie procedure interne di Presidio Ospedaliero e/o di piani
specifici come per l’SPDC o la Radiologia:
- Cloruro di Potassio–KCL; Ritenzione di garze, strumenti o altro materiale all’interno
del sito chirurgico; Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della
procedura; Prevenzione del suicidio di paziente in ospedale; Prevenzione della
reazione trasfusionale da incompatibilità AB0; Prevenzione della morte materna
correlata al travaglio e/o parto; Prevenzione della morte, coma o grave danno
derivati da errori in terapia farmacologica; Prevenzione degli atti di violenza a
danno degli operatori sanitari; Prevenzione degli eventi avversi conseguenti al
malfunzionamento dei dispositivi medici/apparecchi elettromedicali.
A completare il quadro interviene il lavoro dell’Ufficio AALL insieme a quello della UO di
Medicina Legale in materia di gestione del contenzioso con casi civili e penali seguiti con
risultati positivi e con un presente monitoraggio dei sinistri, studio legale e medico-legale
dei casi e controllo delle riserve assicurative, fatto che ha permesso anche per la fine del
2008 di non aumentare la spesa del premio assicurativo, confermando il trend di risparmio
degli ultimi tre anni di circa 400.000 euro all’anno.
149
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
5.1.6 Laboratorio di Sanità Pubblica
Il Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Area Vasta Toscana Nord Ovest (LSP) opera a
supporto e integrazione dell’attività di prevenzione collettiva dei Dipartimenti di Prevenzione
(DP) delle Aziende UU.SS.LL. dell’Area Vasta (AV) (ASL N° 2 di Lucca, ASL N° 12 della
Versilia, ASL N° 5 di Pisa, ASL N° 6 di Livorno) e degli altri Enti della Pubblica
Amministrazione. Può erogare prestazioni anche per soggetti privati.
Nel 2005 le attività biotossicologiche hanno conseguito la conformità alla norma europea
UNI CEI EN ISO/IEC 17025 e a quanto previsto dall’art.3 del D.Lgs. 156/97 in relazione ai
metodi di prova accreditati. Il LSP è iscritto nell’elenco dei laboratori riconosciuti dall’ISS al
numero 0039.
Il LSP costituisce una UFC con due UOC così denominate: “Biotossicologia Alimenti ed
Acque” e “Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale”
Programmazione e bilancio
Con deliberazione n. 287 del 14.04.05 del Direttore Generale dell’ASL 2 è stato predisposto
il regolamento di organizzazione del LSP. E’ stato istituito un comitato di coordinamento del
LSP, formato dai direttori dei DP di AV e dal direttore del LSP, che effettua la
programmazione annuale dell’attività.
Il LSP predispone un bilancio elaborando un conto economico preventivo ed effettuando
una verifica a consuntivo, entrambe sottoposte alla approvazione dei cinque direttori
generali (DDGG) delle ASL di AV che contribuiscono, assieme alla Regione Toscana, alla
copertura dei costi della produzione del laboratorio, finalizzato al pareggio di bilancio.
E’ stato attivato un sistema di contabilità analitica per la valutazione del costo delle
determinazioni analitiche elaborando un modello che, partendo dai fattori produttivi
impiegati, porta alla valutazione dei costi reali delle prestazioni.
Sistema di raccolta e trasporto dei campioni
Per quanto riguarda il sistema di raccolta e trasporto campioni, avendo i DD.GG. di AV
effettuato gli incontri con le OO.SS., ha preso avvio la fase progettuale, d’accordo con
ESTAV, alla cui realizzazione sta lavorando la Ditta Alliance Healthcare. Questo laboratorio
sta offrendo alla Ditta la massima collaborazione per pervenire ad uno schema di trasporto
campioni in linea con le normative previste in particolare per quanto riguarda le procedure
del mantenimento della catena del freddo.
Il progetto ed il conseguente preventivo andrà quindi approvato dal Comitato di AV.
Qui si intende sottolineare l’importanza, nella previsione della rete LSP e del sistema
integrato, della opportunità di avere un sistema di trasporto campioni affidabile e già
realizzato. Infatti nelle stesse delibere regionali sul sistema integrato richiamate, si
sottolinea la necessità di avere anche un efficiente sistema di trasporto campioni.
Sistema integrato dei laboratori della prevenzione e rete dei tre LSPAV
La realizzazione del sistema integrato, che ha preso avvio dal PSR, in particolare al punto
5.2.11, è proseguita con le delibere di GRT n. 839 del 20.10.08 e n. 932 del 17.11.08,
rispettivamente in merito alla approvazione di uno schema di protocollo tra Regione, Arpat,
IZS e OO.SS. e conseguentemente ai criteri operativi per la realizzazione del sistema
integrato.
150
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Quindi sul BURT del 19.11.08 è stata pubblicata la L.R. n. 60 sulla disciplina del sistema
sanitario regionale, che all’art. 57, comma 3, tratta dei laboratori di sanità pubblica di area
vasta (LSPAV), precisando che gli stessi costituiscono sul territorio regionale un servizio a
rete, ed istituendo contemporaneamente la funzione regionale di coordinamento della rete,
finalizzata ad assicurare le modalità operative di raccordo, nonché razionalizzare e
programmare la ripartizione delle risorse, degli investimenti e delle attività.
La delibera di GRT 932, all’allegato A, entra nel dettaglio del modello di sistema integrato
prefigurando in un cronoprogramma le linee di indirizzo regionali.
L’aspetto di assoluto rilievo ed impegno relativamente alla rete del LSPAV è il passaggio di
competenze in materia di analisi chimiche sulle acque e sugli alimenti. In particolare,
mentre le analisi sugli alimenti verranno effettuate da un unico centro regionale (LSP FI),
quelle sulle acque verranno svolte a livello di LSPAV prevedendo entro il 2009 il
trasferimento delle analisi routinarie dai Dip. Prov. Arpat ai LSPAV ed il completamento
entro il 2010.
Per il nostro LSP si tratta di un notevole impegno, la cui fattibilità, soprattutto in termini di
risorse, dovrà essere valutata sia nell’ambito delle procedure previste per il sistema
integrato ma soprattutto nell’ambito della razionalizzazione delle attività della rete dei tre
LSPAV.
Allo stato attuale Il LSP ha le 5 linee produttive sotto descritte, di cui le prime tre nell’ambito
della UOC Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale e le ultime due nell’ambito della
UOC Biotossicologia Acque e Alimenti:
• agenti chimici e tossicologia occupazionale
• agenti biologici
• agenti fisici, polveri e fibre
• biotossicologia acque
• biotossicologia alimenti
Descrizione attività analitiche attuali (marzo 2009)
Il LSP svolge complessivamente attività nei settori sotto descritti erogando prestazioni, oltre
che per i DP, anche per soggetti pubblici e privati.
•
Biotossicologia acque
o
o
o
o
o
•
analisi microbiologiche di acqua per il consumo umano
analisi microbiologiche di acqua di piscina
analisi microbiologiche di acqua per la dialisi
analisi microbiologiche di acqua termale
analisi microbiologiche di acqua di sorgente
Biotossicologia alimenti
o analisi microbiologiche su campioni di alimenti e bevande nelle fasi di:
produzione e vendita diretta (pasticcerie, gelaterie, ecc.); trasformazione e
distribuzione (mercati, supermercati, ecc.), somministrazione e ristorazione
collettiva
o controlli ambientali nella fase di produzione
o controllo ufficiale sulle acque minerali
o determinazione degli indici e degli indicatori di qualità igienico-sanitaria e di
buona prassi di produzione
151
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Alla luce dei nuovi regolamenti CE in materia di igiene e sicurezza alimentare, c’è da
attendersi una diversa strategia di programmazione in materia di campionamento con
conseguenti riflessi sulle corrispondenti analisi.
•
Agenti Chimici e Tossicologia Occupazionale
o analisi di sostanze organiche volatili su campioni aerodispersi in ambienti di
vita e di lavoro
o analisi di metalli su sostanze e polveri in aria
o ricerca di metaboliti e sostanze nei liquidi biologici su personale esposto ad
agenti di rischio chimico in ambienti di lavoro (Es: SOV, metalli)
L’attività analitica è legata all’utilizzo di strumentazione ad alta tecnologia ed i dati
necessitano di elaborazioni complesse con l’allungamento dei tempi di refertazione. E’
quindi importante una programmazione dei campionamenti per campagne o piani mirati
che consentano un uso continuativo e ottimale della strumentazione in dotazione.
•
Agenti fisici, polveri e fibre
o determinazione della silice su campioni in massa e su filtri
o identificazione e classificazione di fibre di amianto e di altra natura;
valutazione dello stato di conservazione delle lastre di eternit
o prelievo e conteggio di polveri e fibre aerodisperse in MOCF ed in SEM
o misurazioni di campi elettromagnetici (es: 50 Hz, Radiofrequenze, Radiazione
ottica)
o misurazioni di rumore e determinazione requisiti acustici passivi degli edifici
o determinazioni delle vibrazioni in ambienti di vita e di lavoro
o determinazioni microclimatiche
Anche per queste attività analitiche valgono le considerazioni già espresse relativamente
alle analisi chimiche. Inoltre l’acquisto del microscopio elettronico a scansione (SEM) ha
completato la dotazione del laboratorio polveri e fibre, consentendo analisi rapide di
restituibilità per i cantieri di bonifica dell’amianto in matrice friabile (es: vapordotti area
geotermica dell’Alta Val di Cecina).
•
Agenti biologici
o analisi microbiologiche per la prevenzione delle infezioni ospedaliere (tamponi
ambientali, controllo di sterilità delle autoclavi degli ospedali, controllo della
qualità dell’aria e delle superfici nelle strutture ospedaliere)
o analisi preventive e di verifica per legionelle in impianti domestici, sanitari,
alberghieri
o analisi microbiologiche in ambienti di vita e di lavoro
152
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Attività analitiche (prestazioni e valorizzazione)
Tabella 44 - Prestazioni erogate nell’anno 2008 espresse come parametri:
Biotossicologia Acque
Parametri
Biotossicologia Alimenti
Parametri
Biotossicologia Acque e Alimenti - Totale
Parametri
28151
16010
Valorizzazione (€)
Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale (agenti chimici)
Parametri
Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale (agenti fisici, polveri e fibre)
Parametri
Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale (agenti biologici)
Parametri
Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale
44161
526.468
7921
4102
8354
Totale
Parametri 20377
Valorizzazione (€) 499.202
Confronto tra 2008 e 2007:
Biotossicologia
Campioni
Parametri
2007
2008
10299
47569
10128
44161
22375
20377
69944
64538
Igiene Industriale e Tossicologia Occupazionale
Parametri 2007
LSP
Attività
Commento sintetico
Il valore della produzione è stato calcolato sulla base del vecchio tariffario per poter
effettuare confronti con l’anno precedente, ma si è comunque stimato nel 50% l’aumento
che deriva dalla introduzione del nuovo tariffario, che verrà applicato nel 2009.
Per quanto riguarda l’attività non si osservano modifiche rilevanti rispetto al 2007.
5.2
PROGETTI OBIETTIVO
5.2.1 La tutela della salute mentale
Il Dipartimento di Salute Mentale
Il Dipartimento di Salute Mentale è la struttura organizzativa della ASL finalizzata alla
promozione della salute mentale, alla prevenzione cura e riabilitazione dei disturbi psichici,
nonché di quelli neurologici e neuropsicologici in età evolutiva.
La sua organizzazione risponde alle indicazioni del Piano Sanitario Regionale, secondo il
modello del dipartimento tecnico-scientifico composto da strutture organizzative
153
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
multiprofessionali (le Unità Funzionali); garantisce la formulazione e l’attuazione di progetti
terapeutico-riabilitativi individualizzati ed integrati; dispone di presidi articolati in rete in
modo da assicurare l’unitarietà dei percorsi terapeutici ed assistenziali.
Il Dipartimento di Salute Mentale assicura la risposta all’urgenza-emergenza per i disturbi
mentali sia a livello territoriale che ospedaliero, in collegamento con il Dipartimento
dell’Emergenza Urgenza e con i Medici di Medicina Generale.
Operano nel DSM due UU.FF. per la Salute Mentale Adulti (una per la zona Valle del
Serchio e una per la zona di Lucca) e una U.F. per la Salute Mentale Infanzia e
Adolescenza per tutto il territorio dell’azienda.
Delle UU.FF. Adulti fanno parte psichiatri, psicologi, infermieri ed educatori professionali;
della U.F. Infanzia e Adolescenza neuropsichiatri infantili, psicologi, logopedisti, terapisti
della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, educatori professionali ed infermieri.
Il modello di riferimento
Lo stile di lavoro dei servizi, in costante contatto con altre realtà operative, si ispira al
modello comunitario ed integrato con la rete sociale locale, con specifico riferimento al
paradigma bio-psico-sociale, che integra i vari sistemi terapeutici (psicologici, farmacologici,
socioriabilitativi), adeguandoli ai bisogni del singolo paziente, in un progetto terapeutico
personalizzato sottoposto a una costante verifica in itinere. Il lavoro in équipe e la riunione
di programmazione e verifica costituiscono gli elementi essenziali del percorso di cura, fin
dal momento dell’accoglienza.
La promozione della salute e l’attività preventiva, aspetti imprescindibili dell’impegno nel
settore della salute mentale, completano la mission dei servizi.
Costante è l’attenzione alla centralità del cittadino utente e al suo contesto familiare, con
l’incentivazione dei contatti con le associazioni e la programmazione di iniziative di rete e di
“empowerment”.
Principali obiettivi del 2008
I principali obiettivi dipartimentali hanno riguardato:
1. La differenziazione delle risposte al paziente critico. A tal proposito sono state
proposte diverse gradazioni di risposta alla crisi:
a. il ricovero nel reparto Diagnosi e Cura dell’ospedale di Lucca per i pazienti in
condizioni critiche che necessitano di un ambiente altamente contenitivo e di
un elevato livello di intensità di assistenza sanitaria;
b. l’inserimento a breve termine nella struttura residenziale psichiatrica La
Balfoia per pazienti che necessitano in fase critica dell’allontanamento dal
contesto ambientale e presentano un bisogno inferiore di intensità di
assistenza sanitaria (sperimentazione che precede l’apertura di un’apposita
struttura residenziale a rapido turn over e alta intensità assistenziale);
c. il ricorso all’area di osservazione del P.S. dell’ospedale di Castelnuovo e al
‘centro crisi’ (nell’arco delle 12 ore dei giorni feriali) presso il CSM di Lucca,
nelle situazioni di minore impegno psicopatologico e di minore rischio auto ed
eterolesivo.
E’ in continua evoluzione la sperimentazione di tecniche di accoglienza e di
assistenza in regime di emergenza, ispirata a metodiche di nursing e counseling
non coercitivi, orientati alla collaborazione persuasiva e conciliante.
2. La riqualificazione dell’offerta residenziale.
Prosegue, in entrambe le zone, l’impegno nella creazione di un gradiente verso
l’abitare supportato e autonomo, che ha portato nella Piana di Lucca all’apertura di
un nuovo gruppo appartamento per tre utenti, mentre continua l’attiva partecipazione
ai tavoli istituzionali per stimolare politiche di settore degli enti locali sul tema
dell’abitare.
154
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
3. L’incremento dell’efficienza dei ricoveri in SPDC, con particolare attenzione alla
continuità con il territorio sia in fase di invio che di dimissione.
4. La collaborazione tra UFSMA, UFSMIA, U.O. di Pediatria e DEU per la gestione
dell’emergenza psichiatrica dell’età evolutiva.
5. La continuità progettuale nel passaggio dei pazienti dal servizio dell’età evolutiva ai
servizi degli adulti, sia per quanto riguarda la patologia psichiatrica che la patologia
neuromotoria isolata o associata a ritardo mentale.
6. La collaborazione con le associazioni di tutela, degli utenti e dei familiari.
Per favorire la partecipazione attiva dei familiari e degli utenti alla programmazione e
alla verifica delle attività del Dipartimento, come indicato dalle linee guida regionali
sull’organizzazione dei dipartimenti di salute mentale, nel maggio del 2008 è stata
istituita una Consulta del Dipartimento di Salute Mentale, formata dai rappresentanti
dei gruppi di auto aiuto degli utenti, associazioni di familiari e associazioni di tutela
che si occupano di salute mentale e che fanno parte degli organismi di
partecipazione a livello di zona/distretto.
7. La stesura di progetti terapeutico-riabillitativi personalizzati
8. Il progetto “Oltre la borsa lavoro”, che persegue lo scopo di inserire alcuni pazienti
nel modo del lavoro.
Formazione e aggiornamento del personale del dipartimento
Rappresentano un momento vitale e indispensabile per il miglioramento continuo, avendo
ben chiaro il nesso tra alta qualità del personale e alta qualità del servizio sanitario. Nel
corso del 2008 sono stati affrontati i più importanti e controversi temi della clinica, della
deontologia medica e dell’organizzazione, alcuni dei quali sono stati condivisi tra servizi per
gli adulti e servizi per l’infanzia e l’adolescenza. Si riportano di seguito gli argomenti
principali: il nursing psichiatrico, la doppia diagnosi, l’aggressività, il siucidio, il superamento
della contenzione fisica, la gestione della cronicità, l’approccio cognitivo-comportamentale
nei disturbi esternalizzati dell’infanzia, strumenti di valutazione funzionale nei disturbi dello
spettro autistico.
5.2.1.1 Le Unità Funzionali di Salute Mentale Adulti
Unità Funzionale Salute Mentale Adulti – Zona Piana di Lucca
Dati di attività 2008
La U.F.S.M.A. di Lucca ha avuto in carico nell'arco del 2008 n° 3.187 pazienti, di cui n.
1.234 nuovi (che hanno avuto un primo contatto col servizio nel corso dell’anno).
La prevalenza rispetto ai residenti della Zona sopra i 18 anni è del 2,56%.
Le attività domiciliari infermieristiche e le prestazioni educativo-riabilitative degli educatori
rappresentano per la zona di Lucca un settore di specifico investimento; 1651 sono gli
utenti che hanno usufruito di prestazioni infermieristiche, ambulatoriali e domiciliari, e 216
gli utenti con prestazioni educative, individuali e di gruppo.
Le prestazioni al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Lucca e le consulenze nell'intera area
ospedaliera testimoniano, anche per il 2008, l'alta richiesta nei confronti degli psichiatri in
turno presso il SPDC sulle 24 ore.
155
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Figura 23 - Andamento degli utenti e dei nuovi utenti della zona della Piana di Lucca
3000
2400
1800
Utenti totali
Nuovi utenti
1200
600
0
2004
2005
2006
2007
2008
I ricoveri nel reparto SPDC (calcolati come dimissioni nell’anno) sono stati in totale 347 nel
2008; 251 riguardano residenti della zona della Piana, 49 ricoveri hanno riguardato
residenti della zona della Valle del Serchio, 47 sono attrazioni di residenti extra-ASL .
Sono 140 i soggetti che hanno frequentato i laboratori di arte-terapia, provenienti in parte
dalle strutture gestite dalla Salute Mentale, diurne e residenziali, in parte dal territorio.
L’unità funzionale si è orientata verso un’organizzazione basata sulle priorità cliniche, pur
con difficoltà nel mantenere intatto un modello comunitario di rete, capillare e diffuso,
decentrato a livello territoriale.
Risorse umane e strutturali
Personale:
Al 31/12/08 la UFSMA di Lucca disponeva di:
- 13 Medici Psichiatri (di cui 1 Direttore di U.F.).
- Personale infermieristico (comprende sia SPDC-ospedale sia CSM-territorio):
o 1 Capo Sala
o 23 Infermieri Professionali (di cui 1 di cooperativa)
o 19 Infermieri Generici/OSS (di cui 2 di cooperativa)
- 8 Educatori Professionali (di cui 4 di cooperativa)
- 1 Amministrativo ( con mansioni ridotte)
Strutture:
Vengono di seguito riportate le risorse strutturali dell’unità funzionale, corredate da brevi
note circa l’attività svolta.
Le strutture ed i presidi gestiti dalla U.F.SMA di Lucca sono:
A) Un Centro di Salute Mentale
Oltre l’attività ambulatoriale, al fine di ridurre i ricoveri in ambiente ospedaliero, si è
consolidata nel 2008 presso il CSM l’accoglienza della domanda in regime di emergenzaurgenza iniziata nel 2006 con il trasferimento del centro nella sua attuale sede.
B) Un S.P.D.C. (14 posti letto, di cui 2 posti Area Osservazione, fino al 31/12/08)
Fino al 31/12/08 i posti letto sono stati 14, di cui 2 area osservazione.
156
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
L’ attenzione data alla continuità con il territorio, sia in fase di invio che di dimissione, ha
incrementato l’efficienza dei ricoveri.
Continua l’impegno alla diminuzione mirata , fino a zero, delle contenzioni fisiche.
Il tema del rischio clinico è stato affrontato a livello di prevenzione di atti aggressivi e
suicidari attraverso uno studio condotto insieme con il direttore della U.O. di Medicina
Legale e mediante cambiamenti strutturali ed organizzativi all’interno del reparto.
Il riassetto comprende una maggiore separazione tra maschi e femmine ed una migliore
collocazione della stanza infermieri e degli ambulatori interni. Quasi tutti gli arredi sono stati
rinnovati e si sono create situazioni di migliore vivibilità nell’uso degli spazi interni.
La collaborazione con la Coordinatrice infermieristica ha permesso di migliorare la qualità
dell’assistenza infermieristica nel Reparto SPDC, orientando sempre più gli operatori,
anche attraverso la formazione, ad un impatto relazionale persuasivo e non custodialistico.
Con l’organizzazione interna del Reparto in atto dal settembre 2004 (responsabilità unica
CSM/SPDC) si sono uniformate le pratiche ed i percorsi, si sono rese più agevoli le pratiche
di ricovero e dimissione, e più frequenti gli incontri per la valutazione clinica dei casi, la
supervisione ed i momenti comuni di formazione accreditata.
Si riscontrano ancora criticità relative ai ricoveri cosiddetti ”sociali” (ritardo nel dimettere
alcuni soggetti a causa della difficoltà a reperire adeguate soluzioni sociali all’esterno
dell’Ospedale) e difficoltà nella gestione di soggetti a doppia diagnosi (rappresentano circa
il 16% dei ricoveri), soprattutto quando si determinano più presenze contemporanee di
pazienti con questa problematica.
C) Rete ambulatoriale
- Centro socio-sanitario S. Anna
- Centro socio-sanitario S. Vito
- Centro socio-sanitario Capannori
- Centro socio-sanitario di Marlia-Camigliano
- Centro socio-sanitario Turchetto
D) 4 Strutture semiresidenziali:
- Centro Diurno "Villa S.Marco"
Eroga attività riabilitative programmate, anche riferite a diversi laboratori e a piccoli
gruppi di arteterapia, secondo progetti terapeutici individualizzati. Frequenti sono
anche le attività svolte all’esterno del centro, in collegamento con gli altri presidi
semiresidenziali e residenziali e con la rete territoriale urbana ed extraurbana.
- Centro Attività Diurna di Camigliano
Il centro lavora con attività riabilitative su un gruppo di 13 pazienti per 32 ore a
settimana.
- I due laboratori protetti del “Progetto Lavoro”
Il Progetto lavoro, articolato in due moduli, propone percorsi di inclusione sociale e di
riabilitazione lavorativa. Il primo modulo, organizzato in due aree graduate
scalarmente con differenti livelli di sostegno terapeutico, persegue in una prima fase
obiettivi di autonomia di base, personale e sociale, e successivamente di abilità più
legate ad un percorso di lavoro. Il secondo, suddiviso in quattro fasi, ha la finalità della
progressiva acquisizione di capacità e competenze spendibili nel mercato del lavoro e
di un ruolo attivo in termini di produttività sociale; è destinato alle persone che hanno
raggiunto il livello di idoneità al lavoro attraverso la seconda area del primo modulo del
progetto e/o persone segnalate dai distretti socio-sanitari, dai centri per l'impiego e da
altre agenzie territoriali.
157
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Il Progetto Lavoro ha coinvolto nel 2008 67 pazienti: 47 nel primo modulo e 20 nel
secondo.
I pazienti che hanno usufruito di borse lavoro sono stati 85; 8 gli inserimenti lavorativi
effettivi realizzati nel corso dell’anno.
E) 3 Strutture residenziali:
- Casa Famiglia "Le Margherite"
Struttura composta da 2 villette a schiera (per 8 pazienti), a S.Maria del Giudice.
Rispetto agli anni precedenti, si riscontra una maggiore integrazione con i servizi
CSM; le residue difficoltà gestionali dipendono in parte dalle caratteristiche degli utenti
ospitati (alcuni provenienti da esperienze di ospedale Psichiatrico).
La degenza è a lungo termine, orientata a piani psico-sociali di riabilitazione con
assistenza sulle 24 ore. Come ipotizzato da tempo, potrebbe essere riprogettata una
nuova modalità operativa, con la graduale sostituzione da parte di appartamenti
assistiti.
- Casa Famiglia La Fenice"
(8 posti letto)
Offre assistenza 24/24 ore per patologie psichiatriche che necessitano di degenza a
medio termine.
La formazione e la dotazione organica del personale, appaiono al momento più
idonee per un’assistenza a soggetti meno impegnativi e più vicini al termine del
percorso socio-assistenziale.
- Casa Famiglia “La Magnolia"
(8 posti letto)
Ospita 8 pazienti con patologie psichiatriche che necessitano di assistenza 24/24 ore
per periodi a medio-lungo termine. L’esperienza è allo stato attuale da giudicarsi
positiva, visti i risultati ottenuti con pazienti anche molto impegnativi sul piano clinico,
nonostante il turn-over elevato del personale di assistenza. La struttura si è trasferita
nell’agosto al Borgo Giannotti.
I pazienti seguiti nel corso dell’anno nelle tre Case Famiglia sono stati 31 (su 24 posti letto
totali)
F) 5 Gruppi-appartamento
Sono soluzioni abitative nelle quali viene realizzata, con varia modalità e in cogestione con
Cooperative, un’assistenza attenuata. Permettono l’attuazione di programmi di inclusione e
promozione sociale per utenti abbastanza autonomi. 19 sono i pazienti inseriti nei Gruppiappartamento nel 2008 (su un totale di 14 posti). In particolare:
- La Casa Ritrovata”, a S.Anna (ospita due utenti donne)
- “Futura” a S.Anna, (5 ospiti); è una struttura assistita per 12 ore, è rivolta a 5-6
pazienti con patologia attenuata e prevalenti bisogni sociali.
- “La Gabbianella” a S.Margherita; ospita tre donne con gravi problematiche mentali,
inserite in un percorso educativo e terapeutico di riavvicinamento ai propri figli
(progetto sperimentale di sostegno alla genitorialità).
- Un appartamento a S.Vito (5 ospiti).
- “I Tigli” a S.Maria a Colle; questo nuovo gruppo appartamento è stato aperto nel
luglio del 2008 con un finanziamento della Regione Toscana che realizza il
“progetto Network – abitare in rete”.
Progetti di miglioramento qualitativo in atto e programmati
Residenzialità /Alloggi e Percorso PIS-Articolazione zonale:
158
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Persistono difficoltà nell’inserimento abitativo e lavorativo dei pazienti che stanno
concludendo il percorso assistenziale. Le attuali strutture residenziali ospitano ancora
alcuni pazienti assistiti nell'ex Ospedale Psichiatrico, con scarse prospettive di dimissione,
e le risorse alloggiative per coloro che hanno terminato il percorso terapeutico risultano
insufficienti.
Tale problematica è stata affrontata nel percorso dei Piani Integrati di Salute iniziato nel
2007. La SMA ha partecipato attivamente ad incontri con l’Ufficio di Piano e al gruppo di
lavoro interistituzionale ed, insieme con i Servizi sociali della ASL e dei Comuni, ha
collaborato alla compilazione di un progetto riguardante l”Abitare in Salute Mentale”,
specificatamente rivolto all’individuazione di percorsi di accesso facilitato all’edilizia
popolare ed al reperimento di risorse assistenziali per il sostegno dell’autonomia abitativa.
Un “tavolo di lavoro” sulla Salute Mentale è attualmente in svolgimento.
Assistenza domiciliare:
E’ sempre in atto un intenso programma di intervento domiciliare, sia da parte di personale
sanitario che sociale, allo scopo anche di alleggerire il carico dei familiari coinvolti nella
gestione quotidiana di pazienti difficili cronicizzati.
Continuano inoltre gli interventi speciali di sostegno al mantenimento presso il proprio
domicilio di pazienti di particolare impegno psicopatologico, che nel 2008 hanno riguardato
79 soggetti: 23 seguiti nell’ambito del progetto di counseling domiciliare integrato, 20 che
hanno usufruito di appoggi educativi domiciliari e 36 assistiti a domicilio mediante
convenzione con associazioni di volontariato.
Sostegno alle famiglie:
E’ stato riprogettato un nuovo ciclo di incontri del Corso Psicoeducazionale rivolto a familiari
di pazienti particolarmente difficili.
Progetti riabilitativi sperimentali
Metodologia “I Cantieri della Salute”:
Dopo corsi intensivi svolti fuori sede nei servizi dai quali è partita questa sperimentazione
riabilitativa e dopo una successiva opera di adattamento alla nostra realtà socio-culturale, è
iniziata l’applicazione di una metodologia terapeutico-riabilitativa che si propone un
coinvolgimento piuttosto intensivo degli utenti assistiti, compresi i familiari e soggetti
appartenenti al contesto significativo. Considerato il carattere sperimentale e non
convenzionale della metodologia, la SMA ha iniziato le attività specifiche all’interno del
CSM, per poi spostarle all’esterno nel 2009, una volta raggiunti i primi risultati.
Inserimenti familiari assistiti ("Affidi"):
Sono 49 i pazienti complessivamente inseriti nell’arco del 2008 in famiglie ospitanti (19 a
tempo pieno e 29 a tempo parziale). L’attività del Gruppo Affidi di pubblicizzazione e ricerca
prosegue e il gruppo operativo multidisciplinare è stato richiesto da molte ASL, toscane e
non, per formare operatori sul tema, vista la consolidata esperienza raggiunta nel settore,
che vede la ASL di Lucca al primo posto in Italia tra le ASL che hanno aderito a questa
particolare forma di inclusione sociale per disabili psichici.
Arte-terapia:
Attualmente sono attivi 10 laboratori di arteterapia che impegnano le loro risorse con circa
140 soggetti in trattamento; i risultati clinici e psicosociali verificati risultano incoraggianti.
Considerato il carattere ‘complementare’ e sperimentale di tali terapie, l’intera rete delle
attività è stata riorganizzata, con crescente coinvolgimento dell’associazione di promozione
sociale “Archimede” e riduzione dell’impegno di risorse economiche del settore sanitario.
159
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Attività di gruppo
Nel 2008 sono proseguite e sono state incrementate le attività dei seguenti gruppi:
-Gruppo clinico al CSM per pazienti
-Gruppo clinico in Reparto SPDC
-Gruppo per familiari di pazienti
-Gruppo per familiari affidatari
-Gruppi di riabilitazione legati ai “Cantieri della Salute”
-Gruppi di supervisione AVO
-Gruppi BALINT per Medici di Medicina Generale
-Gruppi a mediazione artistica(“Arte e salute”)aperti a pazienti,operatori,volontari
-Gruppi Psicoeducazionali per pazienti
-Gruppi clinici all’interno delle Case famiglia
-Gruppo di Auto aiuto all’esterno del CSM
Attività di prevenzione
Molta attenzione ancora è stata prestata al settore della prevenzione dove gli operatori
hanno attuato progetti di formazione e sensibilizzazione a vari livelli, privilegiando tuttavia
per il 2008 le situazioni più complesse.
In particolare sono stati eseguiti corsi con insegnanti orientati al miglioramento delle
capacità di lettura dei bisogni giovanili.
Collaborazione con enti ed associazioni
Fondamentale per il servizio è il rapporto con le numerose associazioni e con i volontari
singoli che seguono, sostengono ed arricchiscono la rete sociale delle attività di
reinserimento e di riabilitazione. Citiamo solo alcune esperienze.
Intensa è la collaborazione con l’associazione dei familiari FASM che affianca
costantemente il dipartimento nel monitoraggio dei bisogni e promuove numerose iniziative
socioriabilitative, ricreative e di sensibilizzazione della popolazione che vedono la piena
collaborazione di tutto il personale.
Il Centro Nazionale per il Volontariato sostiene le attività riabilitative della Salute Mentale
ormai da molti anni. L’AVO ha portato, con la sua presenza in SPDC, un forte contributo al
processo di cambiamento del reparto. L’Associazione ”Don Baroni”, dopo un corso di
formazione, ha concluso un progetto di collaborazione con volontari per l’assistenza
domiciliare integrata di soggetti anziani alla dimissione dal Reparto SPDC.
Molto importanti infine, per il loro contributo al superamento dello stigma e alla
realizzazione di attività di riabilitazione psicosociale, sono l’associazione “Archimede” per la
promozione sociale dei prodotti dei laboratori di arte-terapia e artigianali e “Il Tulipano”,
gruppo di Auto-Aiuto nato con il supporto esterno della U.F.SMA.
Unità Funzionale Salute Mentale Adulti - Zona Valle del Serchio
Dati di attività 2008
L’U.F. Salute Mentale Adulti della Valle del Serchio nel 2008 ha avuto in carico 1774
pazienti, di cui 583 nuovi utenti (soggetti che hanno avuto il primo contatto nel corso
dell’anno).
La prevalenza in base ai residenti della Zona sopra i 18 anni è stata del 3,47%, valore che
si pone ad un livello alto rispetto agli indici medi regionali per i servizi di salute mentale
160
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
adulti.
L’elevata affluenza di pazienti con problemi psichiatrici presso il servizio pubblico può
essere spiegata con una buona capacità di attrazione (rispetto al settore privato) e con
un’offerta differenziata e innovativa.
Figura 24 - Andamento degli utenti totali e dei nuovi utenti della Valle del Serchio
1800
1600
1400
1200
1000
Utenti totali
800
Nuovi utenti
600
400
200
0
2004
2005
2006
2007
2008
Intensa è stata nel corso dell’anno l’attività domiciliare di tipo multiprofessionale,
prevalentemente infermieristica; 454 sono gli utenti che hanno usufruito di prestazioni
infermieristiche; 112 quelli seguiti dagli educatori professionali.
I ricoveri presso il SPDC di Lucca di pazienti residenti in Valle sono stati 46.
Risorse umane e strutturali
Personale:
Al 31/12/08 la UFSMA della Valle del Serchio disponeva di:
- 7 medici psichiatri (di cui 1 Responsabile dell’U.F. e 1 Direttore di U.O.)
- 4 psicologi, di cui 1 in malattia e 2 impegnati anche in altre attività
- 5 educatori professionali
- 1 caposala.
- 20 infermieri professionali
- 1 infermiere generico.
- 1 o.s.s.
- 2 o.t.a.
- 1 amministrativo a tempo parziale.
Strutture:
Vengono di seguito riportati i presidi di cui dispone l’unità funzionale, con brevi note circa
l’attività svolta.
A) Un Centro di Salute Mentale aperto a Fornaci di Barga dall’ottobre 2005
Oltre l’attività ambulatoriale, vengono svolte attività articolate per settori funzionali, con
équipe multiprofessionali specializzate:
- promozione sociale, integrazione lavorativa e artigianato creativo;
161
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
- arte-terapia e terapie espressive di gruppo (Musica, Teatro, Biodanza);
- attività ludico-ricreative, sportive e di socializzazione;
- promozione della salute mentale.
Prosegue l’attività dei tre gruppi di studio:
- per gli inserimenti lavorativi (in collaborazione con il Servizio Sociale),
- per la residenzialità e gli affidi,
- per la valutazione e la ricerca scientifica.
B) Rete ambulatoriale
- Castelnuovo di Garfagnana (aperto 12 ore nei giorni feriali),
- Piazza al Serchio,
- Gallicano,
- Borgo a Mozzano.
C) Una struttura semiresidenziale (Centro Diurno di Fornaci di Barga)
Eroga attività riabilitative programmate e supporta una serie di iniziative con valenza
terapeutico-riabilitativa: laboratorio di Teatro-terapia, laboratorio di espressività e
drammatizzazione, atelier di scrittura musicale creativa, gruppo di Biodanza per utenti con
problemi psicogeriatrici, gruppo di Biodanza aperto (in collaborazione con l’Associazione
“Progetto Donna” di Castelnuovo), trattamenti complementari psicocorporei e
transpersonali, laboratorio di cucito e manifattura tessile, gruppi di auto-aiuto per utenti
psichiatrici, gruppi di conversazione in lingua inglese.
I pazienti in trattamento riabilitativo sono stati 87.
L’attività riabilitativa (e di reinserimento sociale) viene intesa come percorso inseparabile e
quindi in continuità con l’attività preventiva e di cura, nell’ambito di un progetto terapeutico
personalizzato.
Tutti i trattamenti riabilitativi sono monitorati con valutazioni di esito, secondo i criteri stabiliti
da una sperimentazione regionale che coinvolge 21 centri diurni della Toscana.
35 sono le borse lavoro erogate agli utenti nel 2008.
D) Una struttura residenziale
La UFSMA della Valle del Serchio ha attualmente a disposizione una sola struttura
residenziale, “La Balfoia”, situata in località Villetta, nel comune di S. Romano di
Garfagnana.
Dispone di 14 posti costituiti da 7 appartamenti autogestiti e semiautogestiti. Ha una
copertura sulle 24 ore. Gli inserimenti sono caratterizzati da un’alta flessibilità riabilitativa.
Dal 2005, con l’inizio della sperimentazione relativa all’ampliamento delle risposte alla
gestione della crisi, la struttura è stata sempre più utilizzata per inserimenti ad alta
intensità, secondo i criteri di un rapido turn over.
La struttura si è quindi articolata in:
- un modulo a lunga assistenza, rivolto ad ospiti che non possono contare su una
rete familiare o sociale: 7 sono i posti occupati nel 2008 da pazienti cronici;
- un modulo ad alta intensità riabilitativa per inserimenti in fase intensiva (della
durata massima di 90 giorni), che nel 2008 ha accolto in totale 39 pazienti.
Tutti gli inserimenti in struttura sono monitorati con valutazioni di esito.
Progetti di miglioramento qualitativo
Il principale progetto innovativo portato avanti nel 2008 riguarda la sperimentazione della
residenzialità modulare a rapido turn over, esposta in precedenza tra gli obiettivi
dipartimentali e tra le attività della struttura residenziale di Balfoia. Tale sperimentazione è
162
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
propedeutica alla realizzazione di un Servizio di Salute mentale in grado di erogare risposte
extraospedaliere differenziate ed appropriate nell’arco delle 24 e alla creazione di un
“modello sistemico ad alta integrazione con approccio olistico”.
E’ in funzione dal 2007 un centro di Consulenza e Terapia Familiare, che offre uno spazio
terapeutico specifico ai problemi relativi alle dinamiche familiari.
Progetti riabilitativi sperimentali
Sono in atto numerosi progetti di promozione sociale e sanitaria, che fanno costante
riferimento al confronto e alla cooperazione con enti locali, associazioni e cittadini e alla
interazione ed integrazione con gli altri servizi socio-sanitari.
Citiamo di seguito alcuni progetti realizzati in parternariato, finanziati con contributi di enti o
fondazioni:
- L’Arca dell’alleanza ovvero il ritorno della nave dei folli
- Progetto MUSA
- MUSA Intercultura
- Sinergie Creative
- Modello Olistico per la Salute Mentale
- Servizio Integrato di Alcologia
- Photos & Pathos: luci ed emozioni in Alta Garfagnana
Collaborazione con enti ed associazioni
Alla luce dell’attuale Piano Sanitario Regionale e della logica dei Piani Integrati di Salute,
sono state realizzate azioni di promozione sociale in stretta collaborazione con enti locali ed
associazioni operanti sul territorio. La promozione di opportunità lavorative per gli utenti
psichiatrici rappresenta uno degli aspetti più problematici del percorso terapeuticoriabilitativo.
Particolarmente strutturata è la collaborazione con l’Associazione di Promozione Sociale
“Filo d’Arianna”. Grande rilevanza sociale ha assunto il laboratorio/bottega di riabilitazione
psico-sociale gestito a Gallicano in collaborazione con questa associazione, nel quale si
svolgono un laboratorio di artigianato e una scuola di ceramica artistica.
Costante è la collaborazione con l’Associazione ACAT ed il supporto ai gruppi di automutuo aiuto per alcolisti in trattamento.
Attività di prevenzione
E’ proseguita l’attività educativa svolta in alcune scuole medie inferiori e superiori dagli
operatori della UFSMA. Una forte valenza preventiva, come è intrinseco negli interventi a
favore della salute mentale, è presente inscindibilmente in tutte le attività riabilitativa e di
reinserimento sociale svolte dalla U.F.SMA.
5.2.1.2 U.F. Salute Mentale Infanzia e Adolescenza
L’ Unità Funzionale di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza è la struttura operativa
interdisciplinare deputata alla prevenzione, alla diagnosi, alla cura e alla riabilitazione delle
patologie neurologiche, neuropsicologiche e/o psichiatriche dell’infanzia e dell’adolescenza
(da 0 a 18 anni) e di tutti i disordini dello sviluppo del bambino nelle sue varie linee di
espressione (psicomotoria, linguistica, cognitiva, intellettiva e relazionale).
163
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
La U.F. opera secondo una modalità organizzativa multiprofessionale, atta a garantire
completezza nella diagnosi e nella valutazione funzionale, appropriatezza del progetto
terapeutico, coerenza degli interventi di cura. La presa in carico complessiva e
longitudinale, che comprende sia le prestazioni diagnostiche che l’attuazione e il
monitoraggio di interventi terapeutici e riabilitativi successivi alla diagnosi, include famiglia
e contesti di vita.
Nella ASL2 l’U. F. Salute Mentale Infanzia e Adolescenza ha valenza aziendale e copre,
con personale dedicato a ciascuna zona, il territorio di entrambe le zone-distretto.
Dati di attività 2008
Gli utenti seguiti nel 2008 dalla U.F. di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza sono stati
complessivamente 2375; di questi 751 hanno avuto accesso al servizio per la prima volta
nel 2008; 142 sono reingressi, per problematiche di nuova insorgenza, di soggetti visti in
anni precedenti.
Gli utenti totali, così come i nuovi casi, sono aumentati rispetto all’anno precedente,
confermandosi il trend in atto da alcuni anni. Dal 1997 al 2008 gli utenti sono aumentati del
120%; la crescita negli ultimi 5 anni è del 37,21% e il livello di saturazione è decisamente
superato.
La prevalenza rispetto ai residenti di età inferiore ai 18 anni è molto elevata (6,95%) e
superiore alla media regionale.
Figura 25 - Andamento degli utenti totali e dei nuovi utenti della UFSMIA
2400
2200
2000
1800
1600
1400
1200
1000
800
600
400
200
0
Utenti totali
Nuovi 'assoluti'
Nuovi + 'rientri'
2003
2004
2005
2006
2007
2008
Nota: negli ultimi 2 anni sono stati considerati anche i reingressi
Le prestazioni sono erogate da medici neuropsichiatri infantili, psicologi, fisioterapisti,
logopedisti, educatori professionali ed infermieri.
Le patologie prevalenti sono costituite da:
- patologie psichiatriche (in prevalenza: disturbi di personalità, disturbi della condotta,
disturbi dell’umore, disturbi d’ansia, disturbi generalizzati dello sviluppo di tipo
autistico, disturbi del comportamento alimentare, psicosi);
- patologie neurologiche, centrali e periferiche, fisse ed evolutive, di eziologia varia, con
prevalenza delle paralisi cerebrali infantili;
- ritardo mentale;
164
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
- disturbi specifici di sviluppo (Disturbi Specifici del Linguaggio, Disturbi Specifici
dell’Apprendimento);
- disturbi neurosensoriali (in prevalenza ipoacusie congenite)
Tra gli utenti in carico, 1036 sono quelli che hanno usufruito di prestazioni di riabilitazione; a
tutti i casi è stato garantito l’apporto multiprofessionale integrato nella pianificazione
dell’intervento terapeutico-riabilitativo e nel suo monitoraggio.
Risorse umane e strutturali
Personale:
Al 31/12/08 la U.F. disponeva, per le due zone, di:
- 7 dirigenti medici neuropsichiatri infantili (di cui 1 responsabile di U.O. e U.F.,
coordinatore del dipartimento)
- 5 dirigenti psicologi (di cui uno impegnato presso un servizio comunale per 6 ore
settimanali) e uno psicologo a contratto per 14 ore settimanali
- 16 logopedisti (di cui una impegnata part time in un altro servizio e 4 di
cooperativa).
- 8 fisioterapiste (7 di ruolo e 1 di cooperativa)
- 2 educatori professionali (1 di ruolo e 1 di cooperativa)
- 1 infermiere professionale
- 1 assistente sanitaria
- 1 OSS di cooperativa
- 1 operatore tecnico IV livello
Sedi:
Nella Zona Piana di Lucca:
• Un Centro Ambulatoriale integrato, anche sede del coordinameno della U.F., presso
l’ospedale Campo di Marte
• Sedi decentrate di erogazione di terapie riabilitative:
o Centro socio-sanitario di S.Anna
o Centro socio-sanitario di Capannori
o Centro socio-sanitario del Turchetto
Nella Zona Valle del Serchio:
• Sedi ambulatoriali integrate presso:
o Centro socio-sanitario di Fornaci di Barga
o Centro socio-sanitario di Castelnuovo Garfagnana
• Sede decentrata di erogazione di terapie riabilitative presso il centro socio-sanitario
di Piazza al Serchio
Attività nel settore della patologia psichiatrica
Nel settore dalla patologia psichiatrica si continua a registrare un incremento della
complessità delle situazioni sul piano clinico e socio-ambientale, con un aumento delle
emergenze legate sia all’acuzie psicopatologica che a crisi del contesto; la presa in carico
di situazioni così critiche risulta molto impegnativa per un servizio già ‘saturo’ e che non
dispone di strutture residenziali e di strutture intermedie.
Le risorse ancora disponibili nel 2008 relative al progetto sperimentale “Chirone”, finanziato
dalla regione, e gli appoggi educativi domiciliari destinati al mantenimento a domicilio dei
pazienti psichiatrici gravi hanno permesso di fornire interventi di sostegno domiciliari,
intensivi, ad alcuni adolescenti affetti da disturbi psicopatologici caratterizzati da
comportamenti dirompenti di grave entità.
165
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
I pazienti così assistiti nel 2008 sono stati 20, di cui 9 nuovi inserimenti nel corso dell’anno.
L’intervento psicoeducativo è stato svolto da personale di cooperative convenzionate con la
ASL per il settore della salute mentale; il collegamento diretto e strutturato con i
neuropsichiatri infantili e gli psicologi della U.F. e con gli operatori del servizio sociale ha
garantito la completa integrazione di tali interventi nel processo di cura dei singoli pazienti.
La valutazione complessiva di questa sperimentazione è molto positiva; nel corso del 2008
non è stato realizzato alcun inserimento in comunità terapeutica con allontanamento
dall’ambiente familiare. A conclusione di questa fase emerge l’esigenza di potenziare
questa modalità integrata di intervento e di affiancarla ad iniziative più strutturate di presa in
carico intensiva, secondo una logica (nel senso di organizzazione e di risorse) di centro
diurno.
A causa della necessità di rispondere ad un numero crescente di emergenze psichiatriche
adolescenziali, in assenza di strutture e risorse dedicate a livello locale, e non potendo
contare al momento su risposte tempestive da parte dell’unica struttura di area vasta
autorizzata al ricovero delle urgenze psichiatriche dell’età evolutiva, è stata
sperimentalmente attivata la collaborazione di DEU, UFSMA e U.O. di Pediatria per
l’accoglienza delle emergenze. Emerge, tuttavia, la necessità di ripensare, anche oltre il
livello locale, l’organizzazione dei servizi di fronte ai mutamenti in atto, evidenziandosi con
sempre maggiore forza la necessità di spazi e di risorse dedicate alla patologia psichiatrica
adolescenziale ed alle situazioni critiche in particolare.
Prosegue l’attività del gruppo di lavoro dedicato al trattamento integrato dei Disturbi
Generalizzati dello Sviluppo (autismo) in fase precoce, con incremento dei casi in carico.
Per le caratteristiche intrinseche del lavoro riabilitativo in questo settore, si evidenzia la
necessità di estendere sempre più i trattamenti oltre i confini dell’intervento ambulatoriale.
I casi di disturbo dello spettro autistico in carico nel 2008 con progetti terapeutici
comprendenti trattamenti multidisciplinari integrati sono stati 53, di cui 29 di età inferiore ai
6 anni; i casi nuovi sono stati 9, con un range di età compreso tra 21 mesi e 4 aa e 10 mm.
I trattamenti riabilitativi e psicoeducativi, individuali e in piccolo gruppo, nella fascia di età 16 anni hanno fatto riferimento ai modelli evolutivi più idonei a garantire la effettiva
personalizzazione dell’intervento (Developmental Intervention Model – DIR e Thérapie
d’Echange et de Développment –TED).
L’intervento riabilitativo ha coinvolto attivamente la famiglia e gli insegnanti-educatori. Tutti i
soggetti hanno infatti ricevuto un progetto riabilitativo individualizzato scritto, comprendente
indicazioni estese ai contesti di vita, e nel maggio 2008 è stata effettuata una formazione
teorico-pratica rivolta ad alcuni degli operatori forniti dal comune per interventi assistenziali
di base a scuola e a domicilio; tale formazione è stata calibrata sulle specifiche
caratteristiche dei casi in carico e mirata alla condivisione degli obiettivi riabilitativi
perseguiti nel contesto clinico ambulatoriale.
Per quanto riguarda l’attività di diagnosi e trattamento dei Disturbi della Condotta
Alimentare, alla quale partecipano part-time tre operatori della UFSMIA (due neuropsichiatri
infantili e uno psicologo), nel 2008 sono stati seguiti 19 minori, di cui 8 nuovi casi (età
compresa tra 12 e 17 anni). Tutti i casi hanno usufruito di un intervento nutrizionale
integrato nel progetto terapeutico e, per 12 casi, alla psicoterapia individuale si è affiancata
la terapia della coppia genitoriale (con la collaborazione delle due psicologhe della UFSMA
di Lucca afferenti, part-time, al gruppo di lavoro). Il decorso clinico dei casi che hanno
avuto un accesso tempestivo al servizio conferma l’importanza del rilevamento precoce
nell’evitare la cronicizzazione della patologia.
166
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Attività nell’area neurologica e neuropsicologica e nel settore della riabilitazione
neuromotoria, cognitiva e logopedica
Molto elevato è il numero di richieste di inquadramento diagnostico per patologie di sviluppo
e per problemi neurologici, che sta portando ad un incremento significativo dei tempi di
attesa per la prima visita e, successivamente, per la terapia riabilitativa. Questa
sproporzione – che tende a crescere nel tempo - tra valenze disponibili e richieste di
intervento (appropriate) ha indotto ormai da anni a mettere in atto tutte le misure possibili
per garantire uso efficiente delle risorse ed equità nell’accesso alle terapie.
Sono stati definiti criteri rigorosi per la verifica dell’indicazione al trattamento e per la
definizione della durata e dell’intensità dei cicli terapeutici.
Un intervento logopedico, cognitivo o neuromotorio ha interessato oltre il 43% degli utenti
complessivi del servizio.
I pazienti in riabilitazione presso l’UFSMIA nel 2008 sono stati 1036; 858 sono i pazienti
che hanno ricevuto trattamenti logopedici o cognitivi, 221 i pazienti sottoposti a trattamento
neuromotorio, 54 i pazienti con trattamenti di tipo psicoeducativo. Dei pazienti complessivi
in riabilitazione, 97, affetti da patologie complesse, hanno usufruito di più tipologie di
trattamento nel corso dell’anno.
L’attività riabilitativa logopedica e cognitiva ha riguardato prevalentemente le seguenti
patologie: Disturbi Specifici del Linguaggio, Disturbi Specifici dell’Apprendimento, ritardo
mentale di vario grado, quadri cognitivi ‘borderline’, ipoacusie congenite (con specifica
competenza ed esperienza del servizio nel trattamento riabilitativo degli impianti cocleari),
autismo ad alto funzionamento.
L’attività riabilitativa di tipo neuromotorio ha riguardato paralisi cerebrali infantili, patologie
muscolari e neuromuscolari, patologie dismofogenetiche complesse, paralisi ostetriche,
malattie neurodegenerative, esiti di traumi cranici, esiti di neoplasie cerebrali.
L’attività psicoeducativa ha interessato i disturbi dello spettro autistico in fase precoce.
Anche per il 2008 è stato mantenuto l’impegno, formativo e organizzativo, al miglioramento
continuo della qualità e dell’appropriatezza degli interventi riabilitativi, con la definizione di
protocolli diagnostici e terapeutici e di protocolli di valutazione degli esiti in alcune patologie
neuromotorie e con la prosecuzione della formazione di secondo livello sulla
Comunicazione Aumentativa Alternativa applicata alla riabilitazione delle gravi disabilità
comunicative e cognitive.
Attività istituzionali nel settore della disabilità
Le attività prevalenti nel settore della disabilità (oltre le attività riabilitative sopra citate, che,
in questo ambito, sono principalmente rivolte alla patologia neurologica, all’autismo, al
ritardo mentale e all’ipoacusia congenita) hanno riguardato:
- l’espletamento delle procedure previste dalla legge 104 per tutti i casi di handicap
psichico o neurologico certificati per il sostegno didattico: stesura della relazione di
Diagnosi Funzionale per tutti i nuovi ingressi e passaggi di grado (129 casi nel
2008); almeno due riunioni l’anno, per ciascun caso, con insegnanti e genitori per
la stesura/aggiornamento del Profilo Dinamico Funzionale (1202 incontri,
solitamente con partecipazione multiprofesionale, per 551 casi );
- le riunioni dei GOM finalizzate ad assicurare l’ integrazione degli aspetti riabilitativi
sanitari e sociali nelle situazioni di handicap grave (473 riunioni per 229 casi);
- la partecipazione del neuropsichiatra infantile alle sedute delle Commissioni per
l’accertamento dello stato di handicap (Art.4, L.104/92);
- la consulenza ai centri socio-riabilitativi per i casi di età inferiore ai 18 anni;
167
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
la prescrizione di ausili riabilitativi ed ortesi a pazienti in carico al servizio, affetti da
patologie neurologiche (253 prescrizioni/valutazioni ortesiche per 104 pazienti).
Il servizio è naturalmente impegnato anche nel rilascio di relazioni cliniche, diagnostiche e
funzionali, richieste dai genitori dei pazienti ai fini del riconoscimento dello stato di handicap
o dell’invalidità civile.
-
Attività di prevenzione e interventi sul disagio psichico
Interventi strutturati, diretti e indiretti, di prevenzione secondaria vengono rivolti a particolari
gruppi di soggetti a rischio.
Interventi diretti sono stati realizzati, come di consueto per questa U.F., attraverso:
• la collaborazione con i servizi sociali comunali nella gestione di casi di grave disagio
psicosociale in età infantile e adolescenziale la collaborazione con il Tribunale per i
Minorenni, che in situazioni di rischio o di conclamato disagio sottoposte alla sua
attenzione dispone interventi valutativi, di monitoraggio o di presa in carico
terapeutica da parte della UFSMIA
• il supporto al Centro Affidi in situazioni problematiche di affido extra-familiare
• Interventi indiretti sono stati realizzati attraverso:
• la consulenza specialistica ‘riservata’ e con carattere di urgenza, rivolta agli
insegnanti nell’ambito del progetto Mi.Ri.A.M. (minori a rischio di abuso e
maltrattamento), attivo da otto anni, finalizzato al rilevamento precoce di situazioni di
sospetto abuso sessuale o maltrattamento nei confronti di minori
• la consulenza agli insegnanti, previo consenso dei genitori dei pazienti, per casi (non
handicap) seguiti dal servizio per disturbi comportamentali e difficoltà relazionali
rilevate in ambiente scolastico (583 le consulenze agli insegnanti per 395 casi).
5.2.2 Salute della
adolescenza
donna,
procreazione
responsabile,
infanzia
e
Anche nel 2008 è proseguita, nell’ambito del programma rivolto a favorire una procreazione
responsabile, l’attività del Consultorio giovani, come pure quella del Progetto Donna, in
collaborazione tra SERT, UO Ostetricia e Ginecologia e UO Pediatria.
Percorso nascita
Nel 2008 è proseguita l’attività relativa al Percorso Nascita sia al Punto Donna che nei
consultori, con l’ulteriore consolidamento del Punto Donna. Al Punto Donna vengono
effettuate le seguenti prestazioni ed attività inerenti la gravidanza:
• consegna all’ inizio della gravidanza dei libretti regionali da parte dell’ostetrica
(complessivamente sono stati consegnati 2137 libretti di gravidanza: di questi,
1724 al Punto Donna, 245 al consultorio del Turchetto, 97 a S.Anna, 55 a S.Vito,
12 in Viale Giusti, 4 all’ex-Enpas))
• esecuzione delle visite ostetriche
• esecuzione delle ecografie
• prelievo di liquido amniotico (amniocentesi)
• prelievo per tampone vaginale a partire dalla 34 settimana
• corsi di preparazione alla nascita (con la partecipazione di ostetriche, ostetricoginecologi, pediatri, psicologhe, pediatri di libera scelta)
• colloqui con le coppie di genitori che decidono di donare il sangue del cordone
ombelicale
168
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
attività del Progetto donna (frutto della collaborazione tra il SERT, la U.O.
Ostetricia e Ginecologia e la U.O. Pediatria per la definizione di un percorso
nascita per le donne tossicodipendenti, attività già in essere da alcuni anni)
corsi di massaggio infantile
inoltre, visite ginecologiche, colposcopia, ambulatorio per la menopausa.
A Barga sono stati consegnati 460 libretti di gravidanza.
Attività di donazione del Sangue del Cordone Ombelicale.
E’ proseguita l’attività di donazione del Sangue del Cordone Ombelicale nei 2 presidi
ospedalieri.
Di seguito vengono riportati in dettaglio i dati relativi a tutte le fasi della donazione, dai
colloqui che attestano le idoneità alla donazione fino al bancaggio effettivo delle sacche
presso la Banca regionale e al follow-up successivo.
N. Colloqui idoneità effettuati
N. Idoneità attestate
N. Donazioni effettuate
N. Donazioni inviate (peso > 150 g)
N. Donazioni scarse (peso < 150 g)
N. Donazioni bancate
N. Follow-up
Non prelevate per controindicazioni ostetriche
Non prelevate per fuori orario
Lucca Barga
97
106
88
94
47
30
24
23
22
7
8
10
13
12
31
40
7
14
Attività di promozione, protezione, sostegno dell’allattamento al seno
Da diversi anni viene perseguita nell’Ospedale di Lucca ed ha portato al riconoscimento da
parte dell’UNICEF dell’Ospedale di Lucca come OSPEDALE AMICO DEL BAMBINO
(BFH). La consegna della Targa che attesta tale Accreditamento è stata consegnata
dall’Assessore Regionale alla Sanità e dal Presidente UNICEF Italia al Direttore Generale
dell’Azienda, in presenza degli operatori coinvolti, il 27 maggio 2008.
L’Ospedale di Lucca è quindi il 17⁰ Ospedale in Italia ad aver conseguito questo
importante riconoscimento.
In questa sede si ricorda l’impegno di tutte le figure professionali delle Unità Operative di
Ostetricia e di Pediatria nell’applicare i 10 punti previsti per la promozione, protezione,
sostegno dell’allattamento al seno (Tabella 45) che ha portato ad una progressiva
trasformazione delle routine ospedaliere.
Tabella 45 – Passi OMS/UNICEF per l’allattamento al seno
•
•
•
•
•
definire un protocollo scritto per l’allattamento al seno da far conoscere a
tutti gli operatori sanitari
preparare tutti gli operatori sanitari per attuare completamente questo
protocollo
informare tutte le donne in gravidanza sui vantaggi e i metodi di
realizzazione dell’allattamento al seno
aiutare le madri perché comincino ad allattare entro mezz’ora dal parto
mostrare alle madri come allattare e come mantenere la secrezione
lattea anche nel caso in cui vengano separate dai neonati
169
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
•
•
non somministrare ai neonati alimenti e liquidi diversi dal latte materno,
tranne che su precisa prescrizione medica
sistemare il neonato nella stessa stanza della madre (rooming-in), in
modo che trascorrano insieme 24 ore su 24 durante la permanenza in
ospedale
incoraggiare l’allattamento al seno a richiesta tutte le volte che il neonato
sollecita il nutrimento
non dare tettarelle artificiali e succhiotti ai neonati durante il periodo di
allattamento
favorire la creazione di gruppi di sostegno alla pratica dell’allattamento al
seno, in modo che le madri vi si possano rivolgere dopo essere state
dimesse dall’ospedale
Banca del latte
La raccolta del latte umano donato, in Ospedale e al domicilio delle donatrici, prosegue con
sempre maggiore impegno.
Le donne donatrici sono state 17, con una raccolta di 146 litri di latte. Di questi, 98 litri sono
stati donati al Meyer e 23 ad un bambino residente in Media Valle del Serchio con
insufficienza renale cronica.
Con delibera 28/04/2008 la Regione Toscana ha formalizzato la costituzione delle Rete
delle Banche del Latte Umano Donato (Re.BLUD) in Toscana.
Si riconosce che la Banca del Latte Umano Donato è un servizio realizzato con lo scopo di:
• selezionare
• raccogliere
• controllare
• conservare
• trattare
• distribuire
il latte di donna messo volontariamente e gratuitamente dalle donatrici a beneficio di
bambini con specifiche necessità mediche.
La Re.BLUD Toscana viene a costituire un network fra le 6 Banche esistenti in Regione
(Meyer, Lucca, Versilia, Arezzo, Siena, Grosseto) che consente di superare le variabili
operative e di agire con omogeneità.
Si ricorda in questa sede che in Italia attualmente sono 17 gli Ospedali accreditati BFH
dall’UNICEF e 23 le Banche del Latte Umano Donato e che solo in 2 realtà (Pordenone e
Lucca) questi 2 aspetti sono consolidati.
Corsi di accompagnamento alla nascita
Hanno partecipato 443 donne a Lucca e 43 a Barga.
Visite domiciliari postpartum
Sono state richieste da 243 donne a Lucca e si sono articolate in 3 prestazioni per ogni
donna per un totale di 729 visite. A Barga sono state richieste da 149 donne, con un totale
di 437 visite.
Fecondazione assistita
A Barga viene eseguita una attività di fecondazione assistita di primo livello: sono in corso
di elaborazione i dati relativi alle inseminazioni effettuate nel corso dell’anno.
170
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Prevenzione
L’azione di prevenzione si è realizzata attraverso lo screening del carcinoma del collo
dell’utero: i Pap test eseguiti nell’ambito dell’ASL 2 sono stati 10.860, di cui 7202 a Lucca e
3658 a Barga.
E’ proseguita l’attività dell‘Ambulatorio della menopausa, rivolto alla prevenzione dei disturbi
che si verificano in tale età e al trattamento delle patologie conseguenti, che si è esplicitata
in 50 visite.
Assistenza in sala parto e neonatale
A Lucca nel 2008 sono nati 886 bambini. A tutti i parti è stato presente il pediatra. 102
neonati sono stati ricoverati in Patologia neonatale (68 direttamente alla nascita, 34 nelle
prime ore di vita). Le cause che più frequentemente hanno motivato il ricovero sono state:
prematurità, ridotto accrescimento intrauterino, distress respiratorio, ittero, asfissia,
cardiopatie congenite, nati da madre sieropositiva per HIV, ittero.
Nessun neonato è deceduto.
12 neonati sono stati trasferiti nelle terapie intensive neonatali di riferimento regionale (6
a Pisa, 3 presso la Cardiochirurgia dell’OPA di Massa, 3 al Meyer di Firenze).
Nel 2007 è stato attivato il servizio di trasporto neonatale (STEN) dell’Area Vasta Nord
Ovest: se si rende necessario trasferire un neonato sofferente in un centro di 3 livello, il
trasferimento viene quindi effettuato dall’equipe dedicata al trasporto. E’ così funzionante
un’attività in rete per livelli di assistenza, che consente il trasferimento rapido dei neonati
con specifiche condizioni cliniche in centri di riferimento ed il back transport, per cui diversi
bambini, superato il periodo acuto, sono nuovamente inviati nell’Ospedale di provenienza
per completare le terapie. Questo vale ovviamente anche per i bambini nati in un Centro di
livello superiore dopo un trasferimento in utero.
Nel corso dell’anno 10 neonati sono stati ricoverati provenienti da Pisa, 4 dal Meyer, 1 da
Prato, 1 dall’OPA, 1 da Barga.
Nella VdS sono nati 553 bambini, dei quali 77 sono stati ricoverati. 9 neonati sono stati
traferiti: 3 a Lucca come centro di 2⁰ livello, 3 a Pisa, 2 a Massa,1 a Firenze. Nessun
neonato è deceduto.
Anche in questo caso al momento del parto è stato presente il pediatra.
A Lucca sono stati segnalati al Registro Toscano delle Malformazioni congenite 43 bambini,
di cui 4 con malformazioni multiple. In particolare, 15 sono risultati affetti da cardiopatie
congenite, 10 da malformazioni dell’ apparato scheletrico, 5 da anomalie urogenitali, 4 da
malformazioni dell’orecchio, 2 della cute, 1 dell’occhio, 1 dell’apparato gastrointestinale, 1
della bocca, 1 da altri organi.
Sono state segnalate 7 sindromi (2 S. di Down, 1 S. di Klinefelter, 1 situs viscerum
inversus, 1 S. di Zellweger, 2 fibrosi cistica: vedi paragrafo relativo).
A Barga i bambini segnalati al Registro Toscano delle Malformazioni congenite sono stati
15, di cui 5 affetti da cardiopatie, 3 da anomalie genitourinarie, 4 da anomalie scheletriche,
1 da anomalie cromosomiche, 2 classifcate come altre.
Umanizzazione delle cure
E’ proseguito il percorso che dura ormai da alcuni anni con lo sviluppo di tutte quelle attività
ed iniziative volta a favorire un atteggiamento assistenziale che contribuisca ad umanizzare
l’assistenza e a rendere meno gravosa la degenza dei piccoli pazienti.
171
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
In questa ottica è proseguita la collaborazione con l’Associazione Ridere per Vivere che si
estrinseca nella presenza regolare di clown in reparto per 2 giorni alla settimana, ma anche
in occasione di eventi particolari organizzati in determinati periodi o su chiamata per
prestazioni diagnostiche/terapeutiche in cui la presenza dei clown è particolarmente
rassicurante per il bambino.
Regolare è anche la presenza in Reparto dei volontari dell’ABIO (Associazione Bambini in
Ospedale).
Particolare attenzione viene posta al controllo del dolore. In età neonatale e pediatrica il
dolore è stato a lungo sottostimato e sottovalutato. Diversi fattori hanno contribuito a
favorire un maggior interesse ed attenzione: una migliore comprensione della fisiologia del
dolore, migliori capacità diagnostiche, l’aumento di frequenza di malattie croniche spesso
dolorose, lo sviluppo di scale adeguate per la valutazione del dolore da parte del bambino,
la maggior disponibilità di farmaci più specifici e la migliore comprensione del loro
meccanismo di azione, la possibilità di utilizzare metodiche non farmacologiche per il
controllo del dolore.
Le modalità con cui è possibile aiutare un bambino che prova dolore con la valutazione con
le apposite scale ed il relativo trattamento, farmacologico o non farmacologico, sono di
pertinenza di tutte le figure professionali che si trovano ad operare nei raparti di
Neonatologia e di Pediatria, a diversi livelli e con competenze diverse, ma con un obbiettivo
comune.
Sempre nell’ambito di un programma di umanizzazione delle cure è proseguita, con mille
difficoltà legate alla estemporaneità nel reperire finanziamenti ad hoc, l’attività di massaggio
infantile, svolta da infermiere appositamente formate e competenti. I trattamenti, che si
articolano in una serie di 4-5 incontri per famiglia sono stati 33 nel corso dell’anno,
decisamente al di sotto delle richieste, proprio per le difficoltà sopra segnalate.
Attività ambulatoriale
Le prestazioni ambulatoriali sono andate incontro ad un significativo incremento rispetto
all’anno precedente.
Si sono consolidate le attività indirizzate in senso subspecialistico, così come previsto dal
Progetto Obbiettivo Materno Infantile dell’aprile 2000:
- follow-up del neonato a rischio, cui è collegata l’attività di ecografia
transfontanellare
- neonatologia
- neuropediatria
- diabetologia
- endocrinologia
- adolescentologia
- gastroenterologia e disturbi della nutrizione
- allergologia
- nefrourologia
E’ stata confermata la convenzione con l’Ospedale Meyer per l’effettuazione di visite
urologiche.eseguite dal Dr. A. Danti, Direttore della UO Urologia dello stesso Ospedale,
nell’ambito della costituzione del Dipartimento Nefrourologico previsto dalla delibera
regionale, relativa alla Rete Regionale MaternoInfantile.
La convenzione prevede un accesso mensile (4 ore) per consulenze urologiche. Gli
eventuali interventi chirurgici programmati sono eseguiti presso l’Ospedale Meyer. L’attività
è stata accolta con molto favore, non solo dai pediatri ospedalieri, ma anche dai pediatri di
libera scelta ed è valutabile anche in relazione al numero di consulenze richieste (circa 20
per ogni seduta). In questo modo la quasi totalità dei bambini con problematiche urologiche
viene gestita direttamente in Reparto (se non sono richiesti interventi chirurgici) o,
172
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
comunque, in ambito regionale, secondo quanto previsto dalla citata delibera, qualora si
rendano necessarie procedure più particolari (indagini diagnostiche come la scintigrafia e la
UroRMN o interventi chirurgici).
Lo stesso tipo di impostazione organizzativa, con attività ambulatoriali “subspecialistiche”
viene applicato anche presso la SA di Barga, con aspetti diversi in relazione a
considerazioni epidemiologiche: in tale sede attualmente l’attività subspecialistica è
indirizzata soprattutto nei settori di neuropediatria, di allergologia, di ecografia addominale.
Inoltre, è proseguito il programma che prevede la somministrazione dei vaccini obbligatori e
facoltativi nelle sedi ospedaliere di Barga e Castelnuovo: sono state eseguite 1824
vaccinazioni.
Oltre ai ricoveri e alle visite ambulatoriali specialistiche programmate sono state effettuate,
sia a Lucca che a Barga, numerosissime visite per accesso diretto nell’ambito delle 24 ore,
con punte di massima intensità durante le ore notturne e soprattutto durante i giorni festivi.
Si è cercato di razionalizzare gli accessi con l’attivazione di un programma informatico in
rete con il PS generale.
Nella pratica, per ogni paziente che accede alla U.O.Pediatria (direttamente nella maggior
parte dei casi, in numero più contenuto con richiesta di PS o del 118), l’infermiera lo
accoglie, lo registra, valuta la necessità della differibilità o dell’immediatezza dell’intervento
medico attribuendo un codice di priorità (triage).
Il flusso di pazienti esterni che accedono direttamente al Reparto è imprevedibile, specie in
periodo epidemico (nell’età pediatrica la patologia infettiva ha enorme rilevanza). In pratica,
e questo rappresenta un caso unico nell’assistenza sanitaria ospedaliera, le U.O. di
Pediatria vengono a rappresentare contemporaneamente strutture volte all’assistenza per
la degenza e per l’emergenza, oltre che per l’assistenza in sala parto e per la patologia
neonatale.
Le richieste di intervento diretto sono in continuo aumento e vengono sempre più vissute
dagli utenti, a torto o a ragione, come urgenze. Nel 2008 sono state oltre 4500 a Lucca,
oltre 2300 a Barga. Di fatto, questo rappresenta un elemento di criticità.
Area di osservazione temporanea
Si è confermata, contribuendo a costituire un filtro significativo per favorire la
deospedalizzazione e garantire la maggior appropriatezza possibile dei ricoveri.
Il numero delle osservazioni temporanee è stato 912 a Lucca e 360 a Barga.
Si sottolinea l’utilità di queste modalità di assistenza che vanno incontro alle giuste
esigenze della popolazione, ma che costituiscono un carico di lavoro importante per il
personale sanitario, lavoro che rischia di non essere adeguatamente valorizzato.
La degenza o l’osservazione temporanea per un periodo inferiore alle 24 ore di un
bambino, e soprattutto di un lattante, comporta, infatti, l’assistenza ed il monitoraggio delle
condizioni del paziente, oltrechè una grande flessibilità nell’adottare l’esecuzione di
interventi diagnostici e terapeutici alle peculiarità dell’età (un prelievo o un’iniezione in un
bambino può comportare l’impegno di 2-3 persone, la visita può richiedere oltre mezz’ora) il
posizionamento di un catetere venoso o l’applicazione di una infusione venosa deve a volte
essere ripetuta perché il bambino non collabora. L’osservazione temporanea rappresenta
un importante strumento di gestione di molte condizioni cliniche, ma comporta un notevole
carico di lavoro e necessita di una maggiore valorizzazione, anche in termini di
riconoscimento economico (es. una “sorta” di DRG, come è stato definito in alcune
Regioni).
173
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Ricoveri
I ricoveri ordinari a Lucca è stato di 473 e quelli in DH sono stati 228, per un totale di 701
(degenza media 4,25 giorni). 14 bambini (12 ricoverati e 2 dell’area di osservazione) sono
stati trasferiti nelle strutture di riferimento regionale di 3⁰ livello, essenzialmente perché
affetti da patologie chirurgiche. In particolare, 10 sono stati trasferiti al Meyer, 3 a Pisa, 1
all’OPA. 3 bambini sono deceduti.
A Barga i RO stati 160, quelli in DH 10.
Le patologie per cui più frequentemente si è reso necessario trattenere i pazienti sono
rappresentate, nell’ordine, da disturbi della nutrizione e malattie dell’apparato
gastroenterico, malattie dell’apparato respiratorio, del sistema nervoso centrale, del sistema
endocrino.
Nella consapevolezza che il bambino deve stare in ospedale il minor tempo possibile, è
stata ridotta la degenza media, con l’organizzazione di valutazioni cliniche, di laboratorio e
radiologiche postricovero.
5.2.3 Prevenzione e cura delle condotte di abuso e delle dipendenze
Il Dipartimento di Coordinamento Tecnico per le Dipendenze si articola in due unità
funzionali, l’U.F. SerT Zona-Distretto Piana di Lucca e l’U.F. SerT Zona-Distretto Valle del
Serchio, che aggregano e coordinano il personale in proiezione dalle strutture organizzative
professionali (U.O. Medicina delle Farmacotossicodipendenze, U.O. Psicologia, U.O.
Assistenza Sociale, U.O. Assistenza Infermieristica Territoriale, U.O. Riabilitazione
Funzionale), e svolgono le funzioni operative necessarie all’erogazione delle prestazioni
previste dal DPR n.309/1990 e successive modifiche, dalla Delibera GRT n.990/2004 e
dalla Delibera CRT n.70/2005 e successive modifiche.
Risorse di personale
Psicologi
Assistenti Sociali
SerT Zona-Distretto Piana di
Lucca
2 Dirigenti I° livello di cui 1
R.U.F. *
2 Specialisti Convenzionati ( per
monte
ore
totale:
56
ore/settimana)
1Specialista sostituto a tempo
determinato
3
3
Educatori Professionali
Infermieri Professionali
O.S.S.
Personale Amministrativo
4
4
1
1 amministrativo
Medici
SerT Zona-Distretto Valle del
Serchio
2 Dirigenti I° livello di cui 1
R.U.F. *
1
2 di cui 1 a tempo pieno e 1 a
18 ore/settimana
2
4
1
amministrativo
ore/settimana
a
18
*R.U.F. = Responsabile Unità Funzionale
L’attività
Nelle UU.FF. SerT sono state individuate diverse Aree di intervento, all’interno delle quali si
svolgono le seguenti attività finalizzate alla promozione della salute, prevenzione, diagnosi,
cura e riabilitazione della tossicodipendenza, dell’alcoldipendenza e degli altri stati di
dipendenza da sostanze e comportamentali:
174
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
• Programmi terapeutici farmacologici, psicosociali e integrati in favore di soggetti con
dipendenza da sostanze d’abuso illegali (oppiacei, cannabinoidi, cocaina e altri
stimolanti-allucinogeni) e legali (alcol, nicotina, farmaci) e in favore di soggetti con
dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo patologico);
• Interventi multidisciplinari in favore delle donne tossicodipendenti;
• Interventi multidisciplinari in favore di tossico-alcoldipendenti ricoverati nei presidi
ospedalieri;
• Partecipazione all’attività del Centro Antifumo della Zona-Distretto Piana di Lucca con
un dirigente psicologo a tempo parziale
• Interventi multiprofessionale presso il Centro Antifumo della Zona-Distretto Valle del
Serchio;
• Programmi terapeutici nella struttura residenziale aziendale “Villa Adelasia” (Nozzano,
Lucca) per tossico-alcoldipendenti con grave comorbilità psichiatrica (doppia
diagnosi);
• Programmi terapeutici residenziali in comunità terapeutiche convenzionate per
tossico-alcoldipendenti;
• Prevenzione della patologia infettiva nei tossico-alcoldipendenti (vaccinazioni antiHAV,
antiHBV e screening per Epatite C, HIV e TBC);
• Programmi terapeutici farmacologici e psicosociali integrati in favore di soggetti
afferenti all’Area Penale (Casa Circondariale di Lucca, Ufficio Esecuzione Penale
esterna);
• Programmi terapeutici farmacologici, psicosociali e integrati in favore di soggetti inviati
o segnalati dalle Prefetture in alternativa all’applicazione delle sanzioni amministrative;
• Prevenzione del disagio giovanile in ambito scolastico, interventi di educazione alla
salute e in ambiti specifici come il mondo del lavoro;
• Formazione professionale e inserimenti lavorativi dei tossico-alcoldipendenti in fase
riabilitativa;
• Raccolta dati;
• Aggiornamento degli operatori (seminari interni, corsi, giornate di studio, convegni)
• Monitoraggio del rischio clinico con esecuzione di Audit.
Dal Dicembre 2008 è stato istituito presso il P.O. di Lucca , su indicazione di Delibera GRT
n. 502/2008 e successive modifiche e Delibera DG ASL 2 n. 598/2008, il Centro di
Consulenza Alcologico il cui compito è di coadiuvare la Commissione Medica Locale negli
accertamenti finalizzati alla revisione delle capacità fisiche e psichiche per la guida di
autoveicoli in casi di violazione dell’art. 186 del Nuovo Codice della Strada.
L’analisi dell’utenza dei SerT
Nella Tabella 46 sono riportati i dati numerici relativi a tutti gli utenti dei SerT della della
Zona-Distretto Piana di Lucca e della Zona-Distretto Valle del Serchio al 31.12.2008,
suddivisi in maschi e femmine, residenti e non residenti nel territorio di competenza
dell’Azienda USL, distinti nel modo seguente:
a) Attivi = casi che hanno avuto almeno un contatto con i SerT nel corso del 2008;
b) Presi in carico = casi per i quali è stato predisposto almeno un programma terapeutico
nel corso del 2008. Per i soggetti non residenti presi in carico è stata rilasciata
autorizzazione scritta da parte dei SerT competenti per residenza per il trasferimento
dell’attuazione del programma terapeutico e assistenziale.
175
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tabella 46 – Quadro generale dell’utenza dei SERT al 31.12.2008
Residenti
Piana di Lucca
M
F
T
636
176
812
Valle del Serchio
M
F
T
265
62
327
M
901
Totali
F
238
T
1139
Non Residenti
311
42
353
12
3
15
323
45
368
Totali
947
218
1165
277
65
342
1224
283
1507
in Residenti
497
145
642
227
50
277
724
195
919
Non residenti
154
8
162
7
2
9
161
10
171
Totali
651
153
804
234
52
286
885
205
1090
Attivi
Presi
Carico
Nella Tabella 47 sono riportati i dati relativi agli utenti attivi del 2008, distinti in nuovi e
vecchi utenti, suddivisi in base alla sostanza d’abuso primaria.
Tabella 47 – Utenti attivi al 31.12.2008 (nuovi utenti e vecchi utenti) distinti in base alla
sostanza d’abuso primaria
Sostanza d’abuso
Eroina
Piana di Lucca
Nuovi Vecchi Totali
126
493
619
Valle del Serchio
Nuovi Vecchi Totali
15
116
131
Nuovi
141
Totali
Vecchi
609
Totali
750
Cocaina
33
69
102
2
4
6
35
73
108
Cannabinoidi
71
61
132
22
24
46
92
105
197
55
176
231
43
89
132
98
265
363
34
47
81
15
12
27
49
59
108
Alcol
*
Altre dipendenze
Totali
319
846
1165
97
245
342
416
1091
1507
*Altre dipendenze: ecstasy, anfetamine, benzodiazepine, nicotina, gioco d’azzardo patologico
Nel 2008 sono entrati in contatto per la prima volta con i SerT 411 nuovi utenti, dei quali
323 nel SerT della Zona-Distretto Piana di Lucca e 88 nel SerT della Zona-Distretto Valle
del Serchio.
Nella Tabella 48 sono riassunti i dati relativi all’utenza dei Servizi di Alcologia dei SerT delle
due Zone-Distretto.
Tabella 48 – Quadro generale dell’utenza dei servizi di alcologia dei SERT al 31.12.2008
Attivi
Presi
Carico
Residenti
Piana di Lucca
M
F
T
115
85
200
Valle del Serchio
M
F
T
104
22
126
M
219
Totali
F
107
T
326
Non Residenti
20
11
31
5
1
6
25
12
37
Totali
135
96
231
109
23
132
244
119
363
in Residenti
112
85
197
94
19
113
206
104
310
Non residenti
19
11
30
4
1
5
23
12
35
Totali
131
96
227
98
20
118
229
116
345
Nella Tabella 49 sono riportati i dati relativi ai tossicodipendenti da eroina che nel 2008
hanno svolto in sedi diverse (ambulatorio, domicilio e ospedale) programmi terapeutici con
metadone.
176
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tabella 49 – Utenti che hanno svolto programmi terapeutici con metadone nel 2008
Residenti
Piana di Lucca
M
F
T
269
54
323
Valle del Serchio
M
F
T
62
12
74
M
331
Totali
F
66
T
397
Non Residenti
72
16
88
2
1
3
74
17
91
Totali
341
70
411
64
13
77
405
83
488
Nella Tabella 50 sono riportati i dati relativi agli utenti tossicodipendenti da eroina che nel
2008 hanno svolto in sedi diverse (ambulatorio, domicilio e ospedale) programmi terapeutici
con buprenorfina.
Tabella 50 – Utenti che hanno svolto programmi terapeutici con buprenorfina nel 2008
Piana di Lucca
F
T
12
65
Valle del Serchio
M
F
T
20
3
23
M
73
Totali
F
15
T
88
Residenti
M
53
Non Residenti
12
1
13
0
0
0
12
1
13
Totali
65
13
78
20
3
23
85
16
101
Nella Tabella 51 sono riportati i dati relativi ai programmi terapeutici e socio-riabilitativi in
regime di misura alternativa alla pena detentiva: si tratta di interventi terapeuticoassistenziali complessi effettuati sempre in accordo e in collegamento con l’Ufficio
Esecuzione Penale Esterna (U.E.P.E. ) di competenza.
Tabella 51 – Numero dei programmi terapeutici svolti in regime di esecuzione penale
esterna nel 2008
Piana di Lucca
Valle del Serchio
Totali
M
F
T
M
F
T
M
F
T
Affidamento al Serv. Sociale
6
1
7
3
0
3
9
1
10
Sospensione pena
6
1
7
0
0
0
6
1
7
Arresti domiciliari
14
0
14
4
1
18
1
19
Detenzione domiciliare
3
0
3
1
0
1
4
0
4
Obblighi dimora
2
0
2
0
0
0
2
0
2
Libertà vigilata
1
0
1
0
0
0
1
0
1
Totali
32
2
34
8
1
9
40
3
43
T
46
5
Tabella 52 – Utenti inviati e segnalati dalle prefetture nel 2008
Inviati (art. 75 DPR 309/90)
Piana di Lucca
M
F
T
38
2
40
Valle del Serchio
M
F
T
6
0
6
M
44
Totali
F
2
Segnalati (art. 121 DPR 309/90)
72
8
80
19
2
21
91
10
101
Totali
110
10
120
25
2
27
135
12
147
Di cui arrivati al SerT
65
5
70
20
1
21
85
6
91
177
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Nella Tabella 52 sono riportati i dati dell’utenza afferita ai SerT nell’ambito dell’area di
intervento “Prefettura”. La normativa vigente prevede che le Prefetture (oggi Uffici
Territoriali del Governo) segnalino o inviino ai SerT casi con problematiche di
tossicodipendenza affinché i servizi valutino l’opportunità e la possibilità di elaborare in loro
favore programmi terapeutici in alternativa alle previste sanzioni amministrative.
Prevenzione della patologia infettiva
A partire dal 1996 nei SerT è stato dato un notevole impulso all’attività di prevenzione della
patologia infettiva correlata all’abuso di sostanze. In particolare, nel settembre 1996 è
iniziata la vaccinazione anti HBV e lo screening per la Tbc e, dalla fine del 1998, è iniziata
anche la vaccinazione anti HAV. I dati numerici sono complessivamente soddisfacenti,
anche se la particolarità dell’utenza rende molto difficoltoso il suo reclutamento (Tabella 53
e Tabella 54). Va anche segnalato che gli utenti nati dal 1982 in poi sono stati già vaccinati
per l’Epatite B in età infantile secondo le norme vigenti.
Tabella 53 – Prevenzione della patologia infettiva nel 2008 (n. casi)
Nuovi vaccinati anti-epatite A
Piana di Lucca
IC
C
T
2
2
4
Nuovi vaccinati anti-epatite B
4
2
Intradermoreazione alla tubercolina
0
9
IC= vaccinazione in corso; C= vaccinazione completa
Valle del Serchio
IC
C
T
0
6
6
IC
2
Totali
C
8
T
10
6
1
5
6
5
7
12
9
0
3
3
0
12
12
Tabella 54 – Prevenzione della patologia infettiva dall’anno 1996 al 2008 (n. casi)
Vaccinati anti-epatite A
Piana di Lucca
IC
C
T
26
256 282
Vaccinati anti-epatite B
29
260
Valle del Serchio
IC
C
T
20
49
69
IC
46
Totali
C
T
305 351
289
3
126
129
32
386
418
0
344 344
IC= vaccinazione in corso; C= vaccinazione completa
0
145
145
0
489
634
Intradermoreazione alla tubercolina
Il “Progetto Donna” del SerT della Zona-Distretto Piana di Lucca
Il SerT della Zona Piana di Lucca, in collaborazione con l’Area Materno-infantile (U.O.
Ostetricia e Ginecologia e U.O. Pediatria), con il Dipartimento di Salute Mentale (U.O
Infanzia e Adolescenza) e l’ U.O. Dermatologia del Presidio Ospedaliero “Campo di Marte”
di Lucca, ha strutturato il “Progetto Donna” rivolto alla popolazione femminile in carico con
obiettivi di prevenzione primaria e secondaria, correlati alle specificità e ai bisogni
dell’identità di genere (educazione alla salute, alla sessualità, alla contraccezione, sostegno
alla gravidanza e alla maternità, consulenze Legge 194/87, prevenzione, diagnosi e
trattamento delle malattie Sessualmente Trasmesse). L’attività viene svolta sia presso il
SerT che in proiezione presso il “Punto Donna” dell’ O.C. Campo di Marte (U.O. Ostetricia e
Ginecologia).
178
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tabella 55 – Utenti inserite nel progetto donna nel 2008 (SerT - Piana Di Lucca)
Residenti
Non residenti
Totali
Donne che hanno aderito al Progetto
130
0
130
Visite ginecologiche effettuate
140
0
140
IVG
1
0
1
Gravidanze
6
0
6
Donne orientate al lavoro
20
0
20
Tutoring psico-educativi neonatali
6
0
6
Neonati seguiti dalla Pediatria
6
0
6
Tabella 56 – Utenti inserite nel progetto donna nel 2008 (SerT - Valle Del Serchio)
Residenti
Non residenti
Totali
Donne che hanno aderito al Progetto
21
0
21
Visite ginecologiche effettuate
11
0
11
IVG
0
0
0
Gravidanze
2
0
2
Donne orientate al lavoro
1
0
1
21
o
21
1
0
1
1
0
1
Casi che hanno seguito un
psicoeducativo genitoriale
Tutoring psico-educativi neonatali
percorso
Neonati seguiti dalla Pediatria
L’utenza con abuso/dipendenza da cocaina, l’utenza politossicodipendente, le nuove
modalità di consumo, e l’utenza con comorbilità psichiatrica (doppia diagnosi)
Come già segnalato nelle precedenti relazioni sanitarie si rileva un aumento della richiesta
di trattamenti per utenti che usano cocaina e allucinogeni, mentre diminuisce la richiesta di
cura per l’ecstasy e analoghi,e in particolare le amfetamine. Oltre alla cocaina viene
sempre più frequentemente utilizzato il crack, la ketamina, il GHB e il popper, eroina non
più per via ev, ma fumata, con conseguente rapida insorgenza della dipendenza, specie
nell’utenza con età inferiore ai 30 anni.
Nella maggior parte dei soggetti, sempre più frequentemente si riscontra la presenza di
poliabuso/dipendenza con associazioni fra le diverse sostanze (eroina, cannabinoidi,
cocaina e alcol, soprattutto, ma anche stimolanti-allucinogeni e benzodiazepine).
Nel 2008 è proseguita la gestione dei casi con comorbilità psichiatrica (coesistenza di
disturbi da dipendenza e di altri gravi disturbi mentali), oggetto anche di specifici progetti
regionali nei quali l’Azienda USL di Lucca da anni svolge un ruolo centrale. Dal 2000
prosegue l’attività della struttura residenziale “Villa Adelasia” (Nozzano, Lucca), aperta con
un progetto sperimentale nel settembre 2000 e destinata ad ospitare 12 soggetti tossico179
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
alcoldipendenti con doppia diagnosi (compresenza di disturbi da dipendenza e di gravi
disturbi mentali) (Tabella 57).
Tabella 57 – Utenti inseriti nella struttura “C.T. Villa Adelasia” nel 2008
M
13
8
21
Residenti
Non Residenti
Totali
F
4
1
5
T
17
9
26
L’andamento della domanda e il rapporto con la modificazione dei consumi
Rispetto al 2007, nel 2008 si è osservato un aumento della richiesta di trattamento tra i
minori con fasce di età comprese tra i 13 -15 anni e i 16-19 anni.
E’ necessario implementare la collaborazione con la U.O. di NeuroPsichiatria Infantile sia
per un corretto assessment diagnostico che per un trattamento adeguato che coinvolga le
famiglie. Inoltre nella maggioranza dei casi riguardanti minori è rilevante la copresenza di
disturbi psichiatrici, in particolare disturbi della condotta, disturbi dell’umore e ADHD.
Riguardo alla comorbidità psichiatrica, sembra sempre più urgente pensare e realizzare
modelli operativi idonei ad affrontare la complessità di tale problematica in modo
strutturalmente integrato con i Servizi di Salute Mentale.
Le dipendenze comportamentali
Un altro settore che negli ultimi anni è stato curato dal SerT di Lucca è quello delle
cosiddette dipendenze senza sostanze o comportamentali, in particolare il gioco d’azzardo
patologico, per le quali si è strutturata una equipe dedicata composta da psicologo,
educatore e medico psichiatra..
Nelle Tabella 58 è riportata la casistica afferita nel 2008 al Centro Ambulatoriale per la cura
del Gioco d’Azzardo Patologico.
Tabella 58 – Utenti del centro ambulatoriale per la cura del gioco d’azzardo del SerT Piana
Di Lucca nel 2008
Attivi
Presi in Carico
Utenti *
Residenti
Non residenti
Totali
Residenti
Non residenti
Totali
M
16
8
24
8
5
13
F
5
1
6
2
0
2
T
21
9
30
10
5
15
(*) Sono stati regolarmente seguiti (individualmente e/o in gruppo) anche i familiari (uno per ciascun caso) degli
utenti attivi.
Il servizio pubblico
Nel 2008 l’assetto organizzativo dei SerT, basato sulla presa in carico globale dei casi (e
delle situazioni di disagio connesse) mediante il concorso delle prestazioni delle diverse
figure professionali componenti le équipes assegnate alle diverse aree di intervento, è stato
modificato e migliorato secondo i criteri di qualità e trasparenza richiesti dalle procedure di
accreditamento.
La U.F. SerT Zona-Distretto Piana di Lucca e la U.F. SerT Zona Distretto Valle del Serchio
hanno superando i controlli della Commissione Regionale per l’accreditamento e ottenuto
l’accreditamento dei servizi ambulatoriali.
180
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
E’ proseguita la sperimentazione della chiusura nei giorni festivi del SerT della Zona Piana
di Lucca che è stata estesa anche all’U.F. SerT della Valle del Serchio per cui gli utenti, nel
caso in cui sono necessari interventi urgenti, si rivolgono al Pronto Soccorso dei P.O. di
Lucca, Barga e Castelnuovo Garfagnana.
Nell’orario di apertura dei SerT sono state garantite (senza tempi di attesa) l’accoglienza e
l’accettazione diretta dei soggetti con patologia da dipendenza e/o dei loro familiari, la
valutazione multiprofessionale individualizzata e l’erogazione dei percorsi assistenziali
multidisciplinari necessari in base alla natura bio-psico-sociale dei disturbi legati all’abuso e
alla dipendenza da sostanze o ad altre forme di dipendenza.
Attività di studio e ricerca
Le problematiche delle dipendenze sono in costante evoluzione e il SerT, date le
competenze acquisite dagli operatori, il numero e la tipologia dell’ utenza, è un osservatorio
privilegiato per la ricerca. Pertanto nel 2008 sono state proseguite diverse collaborazioni
per attività di ricerca nell’ambito della dipendenza da sostanze e comportamentali in
particolare con il Dipartimento di Neuroscienze della AOU di Pisa e la U.F. SerT di Lucca.
Il rapporto tra servizio pubblico e privato sociale
Nell’anno 2008 i SerT hanno mantenuto regolari rapporti di collaborazione con il privato
sociale in particolare per l’inserimento di tossicodipendenti e alcoldipendenti in programmi
terapeutici residenziali o semiresidenziali.
Tabella 59 – Utenti che hanno svolto programmi terapeutici in comunità terapeutica nel
2008
TD
AD
DD**
Ceis LU
Piana di Lucca
M
F
T
13
2
15
Valle del Serchio
M
F
T
3
1
4
M
16
Totali
F
3
T
19
Altre CT*
13
4
17
5
1
6
18
5
23
Totali
26
6
32
8
2
10
34
8
42
Ceis LU
3
3
6
0
0
0
3
3
6
Altre CT*
0
0
0
0
0
0
0
0
0
Totali
3
3
6
0
0
0
3
3
6
Ceis LU
0
0
0
0
0
0
0
0
0
Altre CT*
10
2
12
2
0
2
12
2
14
Totali
10
2
12
2
0
2
12
2
14
16
5
21
3
1
4
19
6
25
Altre CT
23
6
29
7
1
8
30
7
37
Totali
39
11
50
10
2
12
49
13
72
Ceis LU
Totali
*
*) Comunità terapeutiche riconosciute come Enti Ausiliari, convenzionate con le Aziende USL, e comunità
terapeutiche private non riconosciute come Enti Ausiliari.
**) Utenti tossicodipendenti o alcoldipendenti con comorbilità psichiatrica.
Nella Tabella 59 sono riportati i dati relativi agli utenti, che nel corso del 2008 hanno svolto
programmi terapeutici residenziali o semiresidenziali in comunità terapeutiche (esclusi i casi
inseriti nella struttura residenziale aziendale “Villa Adelasia”). L’assessorato alla sanità della
181
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Regione Toscana richiede ai SerT un costante monitoraggio degli ingressi e delle dimissioni
degli utenti tossico/alcoldipendenti e della spesa attraverso la raccolta annuale dei dati
secondo la Delibera GRT 1165/2002.
Il rapporto con gli istituti penitenziari
I SerT forniscono l’assistenza specialistica ai tossicodipendenti in stato di detenzione nella
Casa Circondariale di Lucca, che dichiarano il proprio stato di tossicodipendenza e fanno
esplicita richiesta di essere presi in carico dai SerT stessi.
L’èquipe multidisciplinare del SerT della Zona di Lucca, assegnata all’attività nella Casa
Circondariale di Lucca, prende in carico tutti i detenuti che richiedono di essere seguiti e li
segue in stretta collaborazione con il personale carcerario ed il Servizio Sanitario
Penitenziario, il cui Presidio Tossicodipendenze è passato in regime convenzionale all’ASL
2 (Decr. Lgs. 230/1999). Nella Tabella 60 sono riportati i dati relativi agli utenti che hanno
svolto programmi terapeutici farmacologici, psico-sociali o integrati in regime di detenzione
nella Casa Circondariale di Lucca.
Quest’anno è stata chiusa la sezione femminile e le detenute sono state trasferite presso
altri carceri per cui non sono presenti dati riferiti alla popolazione carceraria di sesso
femminile.
Tabella 60 – Utenti che hanno svolto programmi terapeutici nella casa circondariale di
lucca nel 2008
Residenti
M
19
F
0
T
19
Non Residenti
75
0
75
Extra-comunitari
37
0
37
Senza Fissa Dimora
2
0
2
133
0
133
Totali
5.2.4 Handicap
Zona-distretto Piana di Lucca
Gli obiettivi del settore handicap definiti dall’U.O. Assistenza Sociale della Zona Distretto
di Lucca, per l’anno 2008, sono stati i seguenti:
1. Mantenere i livelli essenziali di assistenza garantiti anche attraverso processi di
integrazione con gli enti locali quali corresponsabili istituzionali in materia di handicap.
2. Garantire la continuità delle prestazioni socio-riabilitative presso i tre Centri diurni
“Peter Pan”, “Carlo del Prete” e Carraia, che accolgono soggetti disabili psichici, fisici,
sensoriali e plurihandicap dall’età di 16 a 64 anni. La gestione interna è affidata,
tramite convenzione, alle Cooperative sociali “Insieme” di Lucca e “Pro.ges” di Parma.
Le strutture vanno ad integrare la rete dei servizi della Zona Distretto di Lucca,
garantendo una copertura assistenziale giornaliera che va dalle ore 8 alle 18 per 5
giorni settimanali.
3. Realizzare interventi e attività tese a favorire lo sviluppo di opportunità sociali e
personali della persona disabile, con lo scopo di rafforzare abilità residue e
aumentare il livello delle autonomie possibili, articolando la gamma di risposte sulla
182
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
prevalenza delle caratteristiche riabilitative o socio-assitenziali del piano di intervento
personalizzato.
4. Consolidare processi di integrazione sociale, scolastici e lavorativi attraverso la
partecipazione degli operatori componenti dei GOM agli incontri interistituzionali (ASLComuni-Scuola-Genitori) per la definizione dei profili dinamici funzionali (PDF) e dei
progetti educativi personalizzati (PEP).
5. Favorire il mantenimento di soggetti disabili in situazione di gravità, riconosciuti con
alto carico assistenziale, nel loro contesto di vita, con modalità d’offerta di prestazioni
economiche equivalenti alla quota sanitaria dei servizi residenziali.
6. Favorire forme di sostegno alle famiglie con soggett disabile con interventi di sollievo e
supporto.
7. Partecipare, con la R.T., alla sperimentazione del sistema di implementazione del
modello di classificazione ICF, che, dopo il compimento della sperimentazione
aziendale conclusosi nel 2007, si avvia al proseguimento attivando, in specifici
servizi, esperienze pilota di verifica della fattibilità.
8. Continuità della partecipazione ai Progetti Regionali e completamento della fase
sperimentale sulla “Vita indipendente e autodeterminata” entro il 31/12/2008.
9. Mantenimento e perfezionamento degli interventi riguardanti l’organizzazione
gestionale riferite alle equipe multidisciplinari presenti nei tre Centri Diurni della Zona
Distretto.
10. Messa a punto di un regolamento aziendale riguardante l’organizzazione e
programmazione degli interventi dei Centri Diurni della Zona Distretto, in
collaborazione con gli addetti referenti della Zona Valle del Serchio.
11. Conclusione del processo di revisione gestionale dell’offerta attuale dei servizi
residenziali, finalizzato al cambiamento organizzativo e gestionale della R.S.A.
l’Arcobaleno con l’espletamento-l’aggiudicazione della gara d’appalto per
l’esternalizzazione della Struttura Polivalente S. Cataldo con i tre Moduli RSA, RSD e
Hospice.
12. Definire, attraverso l’apertura di un tavolo di partecipazione e di confronto diretto
(referenti per la gestione associata dell’handicap per la zona Piana di Lucca (Comuni,
USL e ANFFAS), la prassi organizzativa e il sistema dei erogazione dei servizi
(attivazione degli interventi di sostegno socio-educativo domiciliare e scolastico dei
giovani soggetti disabili).
Interventi nella scuola
Gli interventi hanno riguardato in prevalenza l’individuazione, l’elaborazione e l’attivazione
docenti/operatori/genitori, di percorsi assistenziali, educativi, sociali e/o riabilitativi
personalizzati (PARG) per i soggetti riconosciuti dalla L.104/ 92 in condizioni di handicap
(dal nido alla scuola media superiore).
La normativa prevede infatti l’espletamento di tale metodica per tutti i soggetti valutati dalla
Commissione medico-legale e almeno due incontri nell’anno scolastico fra GOM–ScuolaGenitori per la programmazione iniziale e verifica finale per ogni soggetto inserito.
I soggetti inseriti negli Istituti scolastici (dall’Asilo all’Università) e sui quali sono stati attivati
interventi specifici sono in totale 395, in progressivo aumento rispetto al 2006 come si
evince nella Figura 26.
183
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Figura 26- Aumento dei soggetti disabili inseriti negli istituti scolastici
400
350
A.S. 2002/ 2003
300
A.S. 2003/ 2004
250
A.S. 2004/ 2005
200
A.S. 2005/ 2006
150
A.S. 2006/ 2007
100
A.S. 2007/ 2008
50
0
I soggetti che hanno usufruito dell’assistenza alla persona in ambito scolastico sono in
totale 132, mentre quelli che hanno usufruito di ausili per gli apprendimenti sempre in
ambito scolastico sono in totale 25.
Progetto Regionale di sperimentazione della Vita indipendente e autodeterminata (Del.
GRT n.794 del 2/8/2004)
Il 2008 è il 3° (ed ultimo) anno di applicazione del progetto di sperimentazione regionale
“Assistenza Personale finalizzata alla vita indipendente ed autodeterminata” il cui obiettivo
è quello di destinare risorse finanziarie a cittadini con disabilità gravi atte a sostenere la loro
indipendenza.
Il monitoraggio e le valutazioni sui risultati della sperimentazione sono state effettuate dagli
operatori incaricati dall’ASL. Sono state effettuate in collaborazione con l’Agenzia
Regionale di Sanità quale titolare dell’incarico del controllo del processo sperimentale e dai
colloqui e verifiche con le persone interessate è possibile evidenziare, rispetto all’inizio, un
notevole incremento della qualità di vita sotto l’aspetto dell’autonomia, della partecipazione
sociale e di relazione.
La sperimentazione sembra evidenziare due tipologie di vita indipendente: una riguarda le
persone disabili adulte che, a seguito di malattie e traumi, portano disabilità importanti. Si
tratta di soggetti che hanno una forte consapevolezza e lottano con tutti i mezzi per
mantenere o migliorare i loro livelli di autonomia e di indipendenza.
Diversa è la situazione di chi, disabile fin dalla nascita, diventato adulto, deve affrontare
l’impatto con l’ambiente, decentrarsi dalla propria famiglia.
La dimensione lavoro/possibilità di svolgere un lavoro e di essere produttivi, e il distacco
dalla famiglia sono aspetti che possono innescare un ciclo virtuoso in cui gradualmente la
persona disabile può determinare/rideterminare livelli più elevati di indipendenza fino a
provvedere da solo.
L’integrazione interistituzionale
1. Interventi di “Aiuto alla persona ed alla famiglia” (legge 104/92)
Questa tipologia d’intervento risponde ai bisogni di sostegno e supporto che evidenziano i
nuclei familiari con componenti disabili al loro interno. L’obiettivo prioritario è quello di
fornire strumenti utili per superare le difficoltà connesse allo svolgimento dei fondamentali
atti della vita quotidiana e favorire l’integrazione con la comunità di vita ed altre realtà
territoriali.
184
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Sono state pertanto promosse azioni mirate a:
- Prevenire, rimuovere e/o limitare le possibili cause di emarginazione del disabile
- Supportare il contesto familiare per il mantenimento della persona disabile nel
nucleo di appartenenza
- Promuovere forme e modalità di interventi integrati attraverso lo sviluppo del lavoro
di rete con il coinvolgimento dell’associazionismo e del terzo settore.
I soggetti che hanno beneficiato dell’intervento con erogazione del contributo economico di
“Aiuto alla persona” nell’anno 2008, attraverso le indicazioni fornite dai GOM, sono stati 34.
Come per gli scorsi anni, a causa della limitatezza delle risorse a disposizione rispetto alle
richieste pervenute, è stato necessario effettuare ulteriori scelte “selettive” in base ai criteri
di accesso elaborati dalla U.O. di Assistenza Sociale ed approvati dal G.O.I.F.
Il finanziamento dei contributi economici sono di provenienza del Piano Sociale di Zona e
sono concordati con la Gestione Associata in materia di Handicap dell’articolazione Zonale
della Conferenza dei Sindaci della Piana di Lucca a cui compete la gestione amministrativa
degli interventi alla persona.
Anche nell’anno 2008 il servizio di “Assistenza alla persona” è stato fornito quasi totalmente
in forma indiretta, con contributo economico alla famiglia, in particolar modo a situazioni in
cui è stato verificato un carico assistenziale familiare particolarmente gravoso per la
complessità e multiproblematicità della situazione.
2. Interventi di supporto socio–terapeutico-educativo per minori
L’implementazione di questa tipologia d’intervento, iniziata da una progettazione congiunta
fra l’U.F.S.M. Infanzia e Adolescenza e U.O. Assistenza Sociale, in base ad una
valutazione effettuata sui bisogni sociali e clinici emergenti nella fascia minorile con
patologie particolarmente complesse sia sul versante clinico che terapeutico, richiede
interventi personalizzati con competenze professionali qualificate.
Tali forme d’intervento, idonee a supportare ed integrare efficacemente i progetti terapeutici
e socio-riabilitativi individualizzati con grossa valenza di supporto anche al nucleo familiare,
hanno sicuramente limitato il possibile ricorso a ricoveri precoci in strutture residenziali.
I progetti di intervento individuali sono proposti dai GOM di competenza e realizzati con la
supervisione e il coordinamento della NPI.
Gli interventi attivati nel corso dell’anno 2008 sono stati n. 6.
Gli interventi di sostegno socio-educativo-assistenziali scolastici ed extrascolastici
Il servizio di appoggio socio-educativo-assistenziale è rivolto a persone in età scolastica in
situazione di handicap con deficit intellettivi e relazionali che necessitano di interventi di
assistenza specialistica accertata dall’Azienda Sanitaria.
Le prestazioni sono svolte dall’ANFFAS Onlus di Lucca, in convenzione con il Comune di
Lucca – Gestione Associata dell’Handicap, ha come oggetto le attività in materia di
handicap di cui agli artt. 33 e 34 della LRT 41/2005, incarichi relativi agli interventi socioeducativi-assistenziali rivolti a soggetti disabili psicofisici.
Tali prestazioni, che fanno capo a risorse degli Enti Locali, sono proposte dai GOM come
facenti parte del progetto individualizzato sul soggetto.
Durante l’anno 2008 si è costituito un tavolo di lavoro interistituzionale (Comune/ASL) per il
miglioramento dei livelli di qualità degli interventi di cui sopra, al fine di ottimizzare e definire
prassi metodologiche ed organizzative condivise tra le istituzioni coinvolte.
185
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
L’esperienza estiva nel Comune di Capannori
E’ stato attivato, in collaborazione con il Comune di Capannori, un progetto per la
sperimentazione di percorsi di socializzazione e di apprendimento per l’utenza disabile,
frequentante la scuola superiore, in risposta ai bisogni di sollievo presentate dalle famiglie
durante il periodo estivo.
6 soggetti con disabilità psico/fisica, tra cui qualcuno anche in situazione di gravità, hanno
potuto sperimentare un periodo di due mesi (luglio e agosto) con l’Associazione “..Tra fili
d’erba” di Tempagnano.
L’esperienza, affiancata da operatori addetti all’assistenza e da personale docente esperto
che ha messo a disposizione una vasta area rurale agricola attrezzata, ha reso possibile la
messa in atto di una serie di attività a contatto con la natura, il mondo animale e agricolo,
dove l’utente ha potuto sperimentare, oltre alle attività di gruppo, atti riguardanti
l’apprendimento diretto di gestione dell’animale da fattoria, l’orto e il frutteto, la
concimazione, semina e raccolto, nonché la preparazione di marmellate o altro inerente ai
prodotti presenti
I Centri Diurni socio – riabilitativi
Il Centro Diurno Socio Riabilitativo è una struttura semiresidenziale che offre un servizio
assistenziale e riabilitativo rivolto a soggetti con disabilità grave in età con fascia di età dai
18 ai 64 anni.
I Centri Diurni della Zona Distretto si stanno sempre più delineando nelle loro specificità in
risposta ai bisogni dell’utenza, correggendo e ottimizzando le organizzazione interna, sia
per far fronte alle esigenze dei soggetti disabili giovani, con potenzialità da spendere e
risorse da sostenere e convogliare, sia i soggetti disabili più “anziani”, per far fronte ai
bisogni di tipo prevalentemente assistenziale e di socializzazione, di mantenimento delle
capacità acquisite.
L’equipes multidisciplinari presenti all’interno di essi, in cui sono rappresentate varie figure
sanitarie e sociali appartenenti all’Azienda Sanitaria e alle Cooperative Sociali appaltate,
permettono la realizzazione dei percorsi riabilitativi individualizzati, svolgono interventi di
controllo e verifica dei modelli organizzativi interni, sull’efficienza ed efficacia dei percorsi in
atto.
Nella formulazione dei progetti annuali delle attività, prevale la ricerca degli interventi che
incoraggino l’inclusione sociale, con la partecipazione ad attività culturali e socio-ambientali
presenti nel territorio e oltre (collaborazione con gli istituti scolastici, adesione ai Progetti
Regionali, partecipazione ad eventi, iniziative culturali, ricreative, mondo produttivo e la rete
cittadina ecc.).
Il regolamento unico di funzionamento dei centri diurni per disabili
E’ stato costituito un gruppo di lavoro aziendale, di coordinamento tra le due Zone per la
messa a punto di un documento unico per la regolamentazione dell’organizzazione
complessiva del funzionamento dei Centri Diurni.
Il lavoro è stato attivato per tutto l’anno 2008 ed è stato portato a termine con la
collaborazione dei responsabili dell’handicap delle due zone e dei rappresentanti delle
cooperative sociali convenzionate per la gestione interna dei centri.
Esso ha rappresentato l’opportunità di affrontare insieme nodi critici dell’organizzazione
gestionale, i rapporti interni ed esterni con la rete locale dei servizi pubblici e del privato
sociale. Ha permesso di evidenziare nel dettaglio le caratteristiche dei singoli centri, l’offerta
proponibile all’utenza con gli orari il personale, le attività presenti, con l’intento di offrire
186
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
maggiore chiarezza e trasparenza, non solo agli interessati, quando possibile e ai loro
familiari, ma anche all’interno della stessa rete dei servizi aziendali.
La specificità e particolarità di ognuno dei tre Centri, Carraia, Peter Pan e Carlo del Prete,
ha permesso di fornire una più ampia gamma di risposte a bisogni espressi da tempo dal
territorio, e questo è stato possibile evidenziarlo formalmente con un atto importante come
il regolamento.
Il Centro Diurno di Carraia
Il Centro Diurno, gestito in convenzione dalla Cooperativa Sociale Insieme, con orario di
apertura dalle 8 alle 17,30, per dare risposte di sollievo più efficaci alle famiglie di soggetti
non autosufficienti e permettere così il loro mantenimento nella propria abitazione, ha dato
molto spazio ed importanza al rapporto continuativo con le famiglie, per rendere comuni e
rafforzare, con azioni concordate, gli obiettivi dei progetti individuali degli utenti.
Il quarto modulo, che prevede l’inserimento di soggetti in età avanzata, costituito nel 2006
per gli utenti più anziani del centro, caratterizzati da una buona autonomia nelle abilità del
quotidiano ma con abilità strumentali e cognitive discretamente compromesse, è stato
inserito, dopo un’iniziale periodo di sperimentazione, nel modello organizzativo del centro.
Nel Centro sono inseriti 29 disabili. La suddivisione del Centro è stata mantenuta in quattro
moduli così suddvisi:
1) Modulo con utenza grave: 12 soggetti non autosufficienti con gravi deficit psico-fisici.
Sono previste attività sia di gruppo che individuali idonee e specifiche per persone
che presentano forme gravi di handicap con minime capacità di autonomia e
relazionali, scarso o nullo uso della parola. E’ stata fatta un’ulteriore suddivisione in tre
sotto-gruppi dove vengono svolte attività specifiche, manuali, motorie, di stimolazione.
Esse coinvolgono i diversi canali sensoriali (tatto,vista, udito e olfatto).
2) Modulo con utenza medio-grave: 6 soggetti con disabilità medio-grave e patologie
diverse, con ridotte capacità di autonomia e uso della parola, difficoltà di movimento,
comportamenti instabili ed enormi difficoltà relazionali. Sono programmate attività di
terapia occupazionale e focalizzate alla riabilitazione ed al mantenimento di due
aspetti in particolare:l’autonomia del quotidiano e l’orientamento spazio-temporale.
3) Modulo con utenza medio-lieve: 5 soggetti che presentano una certa eterogeneità per
i livelli di competenza. Essi hanno in modo completo mantenuto le autonomie
personali e la comunicazione verbale, le abilità di base e cognitive, si presentano
sufficientemente strutturate.
4) Modulo con utenza in età avanzata: in questo gruppo sono stati inseriti i soggetti più
anziani del centro che sono 7. Si è riscontrata l’esigenza di costruire questo gruppo in
cui vengono svolte attività di stimolazione sensoriale come nel modulo dei più gravi,
ma anche attività di stimolazione cognitiva, per rinforzare e mantenere l’orientamento
spazio-temporale, l’attenzione, il linguaggio espressivo e recettivo e altre funzioni
cognitive.
Nell’anno 2008 è stata data continuità agli obiettivi prefissati negli anni precedenti, nel
rispetto dell’autonomia e abilità acquisite nell’ottica della crescita individuale e dello
sviluppo dell’integrazione sociale dell’utenza inserita.
Centro Diurno “Peter Pan”
Il centro, aperto dal Gennaio 2006, è gestito dalla Cooperativa Sociale “Insieme” in
convenzione con l’ASL 2. Aperto dalle ore 8 alle ore 17 accoglie soggetti disabili psichici in
187
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
età giovanile e attiva forme di intervento mirate all’aiuto alla persona nonché al recupero, al
mantenimento e allo sviluppo di abilità individuali sociali.
Il primo obiettivo è stato quello di predisporre ed adeguare l’ambiente fisico e relazionale
alle persone inserite in gruppi costituiti da un numero massimo di 8 giovani adulti con
handicap psichico e manifestazioni di comportamento auto ed etero-aggressivo.
Sono soggetti giovani che per le problematiche legate alla doppia diagnosi, hanno
sperimentato ricoveri più o meno prolungati in strutture residenziali. La stabilità e la
continuità della relazione operatore/utente costituiscono per queste persone elementi
significativi per dare valore e senso (sul piano socio-riabilitativo) alla loro presenza nel
Centro. Ogni attività è pertanto di tipo personalizzato e basata su una relazione
interpersonale; si caratterizzano per la riattivazione o la conservazione dello stato di realtà,
l’orientamento spazio-temporale ed il rinforzo continuo per il mantenimento di livelli di
autonomia nelle attività del quotidiano ed in quelle strumentali.
E’ stato necessario, data la multiproblematicità sociale e sanitaria delle situazioni
contemplate, come azione imprescindibile, supportare i genitori ai quali si riconosce la
gravosità ed il peso della gestione della situazione altamente problematica e complessa. Si
ritiene doveroso infatti evidenziare che il Centro ha permesso di contenere e gestire (anche
con supporto alle famiglie) rilevanti “crisi” dei ragazzi e delle famiglie ed evitare il ricorso
all’istituzionalizzazione.
Anche per il Centro Diurno “Peter Pan” nell’anno 2008 è stata data continuità agli obiettivi
prefissati negli anni precedenti, nel rispetto dell’autonomie e abilità acquisite nell’ottica della
crescita individuale e dello sviluppo dell’integrazione sociale dell’utenza inserita.
Le attività svolte all’interno del centro sono di tipo ludico, espressivo, manuale e motorio.
Attenzione precipua è stata data alla relazione con l’utente, ai disagi ed alle difficoltà
comunicative che quotidianamente l’utente portava. Questo, insieme ai colloqui con i
genitori, ha permesso un lavoro individualizzato e sempre monitorato nel tempo.
Centro Diurno “Carlo del Prete”
Il centro Diurno è gestito dall’agosto 2007 dalla cooperativa sociale Pro.Ges di Parma.
La specificità organizzativa del Centro Diurno si colloca nella duplice differenziazione del
servizio rivolto all’utenza: da un lato utenti con gravi deficit di carattere cognitivo, motorio,
caratterizzati da un maggior bisogno assistenziale; da un lato utenti con competenze
cognitive evolute che esprimono un maggior bisogno di carattere educativo: gli utenti sono
dunque suddivisi in due moduli a seconda delle caratteristiche e di bisogni individuali.
I due moduli che si differenziano rispetto alla finalità:
1. socio-educativo-assistenziale per persone con disabilità plurime che richiedono
intensità di sostegno assistenziale di tipo estensivo per i quali è pressoché impossibile
altra forma d’inserimento sociale. Il modulo accoglie 14 persone e sono previsti anche
inserimenti part-time e su progettazione mirata.
2. socio-educativo-abilitativo-riabilitativo per soggetti disabili il cui livello di potenzialità
costituisce il presupposto per lo sviluppo degli apprendimenti legati ai percorsi di
autonomia possibili (“Gruppo Intermedio”) per proseguire poi con successivi percorsi
personali con minore connotazione assistenziale. Sono accolte 7 persone e sono
previsti anche progetti part-time integrati con l’istituzione scolastica.
Per ogni modulo sono previste figure professionali di educatori, o.s.s. e terapisti
occupazionali.
L’equipe multisciplinare, costituita da varie figure professionali dell’’ASL e il rappresentante
della cooperativa, supervisiona e definisce con i GOM territorialmente competenti e le
famiglie interessate, i progetti individualizzati degli ospiti, le attività interne ed esterne al
Centro.
188
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Come ormai accade da diversi anni, alcuni ragazzi del modulo socio-educativo-abilitativoriabilitativo (Gruppo Intermedio) hanno partecipato a varie iniziative (promosse dalle rete
locale e regionale) come soggiorni al mare, o in campeggio, in barca a vela ecc..
E’ stato possibile sperimentare quattro nuovi progetti presso la sede della struttura, di cui
uno in collaborazione con l’Istituto “Nottolini”, che hanno visto la partecipazione degli ospiti
del Centro Diurno:
1. Progetto Sperimentale “Comicoterapia con l’H”
L’U.O. di Assistenza Sociale ha avviato, presso il Centro Diurno Socio-riabilitativo per
disabili “Carlo del Prete”, la possibilità di attivare un’esperienza nuova di contatto con i
clown dottori e il metodo “Comicità e salute”, comico-terapia attiva, già presente presso il
presidio ospedaliero di Lucca e in varie realtà toscane.
Preliminare alla richiesta progettuale è stata l’idea di allargare le opportunità di contatto con
realtà valide esterne, che potessero aumentare il bagaglio degli interventi riabilitativi già
esistenti all’interno del centro diurno.
Il progetto è stato articolato nell’attivazione di un laboratorio di comico-terapia per gli ospiti
della struttura, ed è stato svolto con la collaborazione dell’Associazione “Ridere per vivere”
di Lucca, che lavora nell’ambito socio-sanitario con la formazione e l’applicazione nelle
pediatrie della figura professionale del clown-dottore e l’organizzazione e gestione dei
laboratori di comico terapia anche in altri vari ambiti.
La geletologia (più comunemente comico terapia) è la disciplina che studia la relazione tra
il fenomeno del ridere e la salute.
Nella fattispecie questo laboratorio sperimentale, denominato “Comicoterapia con l’H”,
poiché mirato alle persone disabili, da una lato ha caratteristiche di reinserimento sociale,
riduzione dello svantaggio sociale, ed è finalizzato al mantenimento delle capacità
cognitivo/comportamentali e neuromotorio dei partecipanti, dall’altro punta a fornire
un’esperienza positiva e gratificante sia per i livelli di autostima, sia, di conseguenza, per il
miglioramento delle suddette capacità.
Il progetto è iniziato a settembre 2007 e i destinatari sono 12 utenti del modulo socioeducativo-assistenziale, e nelle occasioni delle feste, anche le loro rispettive famiglie.
E’ stata positiva l’integrazione dei clown con gli operatori e con la struttura, apportando una
diversa e utile metodologia di approccio ed un sostegno “comico” per la vita di tutti i giorni.
Il progetto si è concluso positivamente e ha contribuito ad alleggerire il clima interno con
occasioni di incontro e di gioco su vissuti degli ospiti, degli operatori e dei loro familiari.
La fase sperimentale è terminata nell’autunno 2008; successivamente il progetto di
collaborazione con l’Associazione “Ridere per Vivere” entrerà a far parte del progetto di
gestione affidato alla cooperativa Pro.Ges .
2. Progetto Sperimentale – “Laboratorio Informatico”
Il progetto ha inteso proporre ad una fascia di utenti presenti all’interno del Centro Diurno
“Carlo del Prete” (il Gruppo Intermedio), un percorso di alfabetizzazione informatica per la
messa a punto di un Giornalino interno del Gruppo da restituire ai familiari, servizi a
cedenza periodica.
Conoscere l’uso del computer e le sue funzioni, usare la navigazione su Internet come
strumento di approfondimento dei propri interessi, dare gli strumenti per ipotizzare un
eventuale formazione più strutturata e amplificare la capacità di elaborazione e
condivisione con l’esterno delle attività, momenti di vita del centro, sono obiettivi
perseguibili previsti dal progetto.
189
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Il gruppo è stato seguito dagli operatori e da un docente esperto, che hanno seguito i
ragazzi nel lavoro di apprendimento attraverso lezioni teorico pratiche. Sono stati costruiti e
stampati durante l’anno 4 numeri del giornalino “Il Girasole”, dove vengono raccolte le
esperienze più significative del gruppo di utenti, dando voce e protagonismo al loro modo
di essere e di vivere le esperienze.
La fase sperimentale terminerà nei primi mesi dell’anno 2009; successivamente il progetto,
che prevede la collaborazione con un docente esperto, verrà adottato direttamente dalla
cooperativa Pro.Ges come attività costituente il progetto di gestione per il 2009.
3. Progetto – Partecipazione al Corso per l’acquisizione della patente di computer diretto a
soggetti con disabilita’ presso l’istituto Nottolini di Lucca
Il progetto, nato grazie alla collaborazione con l’Istituto Scolastico “Nottolini” di Lucca, in
risposta ai bisogni rilevati nell’utenza disabile inserita nei Centro Diurni, e strutturato
essenzialmente nello svolgimento di un corso per l’acquisizione della patente di computer,
ha visto l’adesione di cinque ospiti del Centro Diurno “Carlo del Prete”.
Gli interventi hanno portato alla costituzione di un opuscolo di raccolta di antiche ricette
lucchesi raccolte dai soggetti iscritti e dagli anziani frequentanti il Centro Socio-culturale per
anziani “Chiavi d’oro” di Lucca; il progetto ha visto la sua conclusione a metà dell’anno
2008, con la restituzione degli attestati di frequenza rilasciati all’interessati.
L’esperienza, che ha reso possibile la sperimentazione di nuovi meccanismi di inclusione
sociale, senza preclusioni, ha fatto registrare una forte risposta partecipativa dell’utenza
all’evento, con un indice altissimo di presenza degli iscritti.
L’accesso alle tecnologie informatiche può costituire un elemento per l’integrazione del
soggetto disabile nel rispetto del diritto e delle pari opportunità, ed offre opportunità di
nuovi percorsi di sperimentazione al di là dei risultati raggiunti.
4. Estate al Del Prete
Nell’anno 2008 è stato sviluppato un progetto sperimentale presso il Centro Diurno, che ha
previsto l’apertura pomeridiana dei mesi di luglio e agosto.
L’obiettivo principale è stato quello di offrire la possibilità di frequentare la struttura per tre
volte la settimana ad 8 nuovi utenti disabili minorenni non inseriti al centro.
Sono state appositamente studiate delle attività ludico-creative e di socializzazione, con
l’accompagnamento e il sostegno di alcuni operatori (educatore, terapista occupazione e
oss) della cooperativa sociale Pro.Ges.
L’iniziativa ha permesso anche di rispondere ai bisogni relativi ad interventi di sollievo alle
famiglie durante il periodo estivo in soggetti frequentanti gli istituti scolastici, e di ottimizzare
l’utilizzo della sede del centro.
La verifica dell’esperienza ha portato a risultati positivi; i partecipanti hanno formato un
gruppo affiatato e coeso, nonostante le età diverse, prendendo parte attivamente alle
iniziative preposte.
La Struttura Polivalente “S. Cataldo”
L’Azienda USL ha indetto una selezione tra le Cooperative sociali e consorzi per
l’attuazione di un Progetto per la gestione delle Struttura Polivalente “S.Cataldo”, ubicata
nell’area di Maggiano.
La struttura è costituita dai seguenti moduli:
1. un modulo dedicato ad Hospice di 7 posti letto
2. un modulo dedicato ad RSA di 30 posti letto
3. un modulo dedicato ad RSD di 17 posti letto
190
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
A fine anno 2008 è stata indetta la gara d’appalto per l’aggiudicazione della gestione del
progetto per la Struttura polivalente in riferimento ai 3 moduli, per la messa a punto e
compimento dell’RSD.
Borse-Lavoro
Le persone che in totale nel corso del 2008 hanno usufruito di interventi di “Borsa lavoro”
risultano essere n. 121 di cui 85 soggetti in carico all’equipe di Salute Mentale (area
psichica) e 36 soggetti in carico ai GOM distrettuali (area disabilità).
Anche nel corso del 2008 sono state privilegiate azioni tese a dimettere dal circuito
assistenziale “protetto” soggetti disabili in carico all’equipe territoriali e opportunamente
valutati e ritenuti in grado di sperimentare un reale inserimento nel mondo del lavoro, alla
luce della normativa introdotta dalla L.68/99.
In sintesi il quadro riassuntivo dell’andamento delle persone in situazione di borsa-lavoro
può essere così riassunta:
Situazione di partenza al 29 dicembre 2007
Borse lavoro Socio assistenziali (budget sociale dei Comuni)
Borse lavoro Terapeutico riabilitative (budget azienda USL)
Totale Borse Lavoro
84
27
111
Nuove Borse lavoro attivate nell’anno 2008
Borse lavoro Socio assistenziali (budget sociale dei Comuni)
Di cui area salute mentale
Di cui area disabilità intellettiva/fisica/sensoriale
Borse lavoro Terapeutico riabilitative (budget azienda USL)
Di cui area salute mentale
Di cui area disabilità intellettiva/fisica/sensoriale
Totale nuove Borse Lavoro attivate nell’anno
8
1
7
2
2
0
10
Borse lavoro concluse nell’anno 2008
Borse lavoro Socio assistenziali (budget sociale dei Comuni)
Di cui area salute mentale
Di cui area disabilità intellettiva/fisica/sensoriale
Borse lavoro Terapeutico riabilitative (budget azienda USL)
Di cui area salute mentale
Di cui area disabilità intellettiva/fisica/sensoriale
Totale nuove Borse Lavoro concluse nell’anno
9
4
5
2
2
0
11
Situazione Borse Lavoro al 31 dicembre 2008
Borse lavoro Socio assistenziali (budget sociale dei Comuni)
Borse lavoro Terapeutico riabilitative (budget azienda USL)
Totale nuove Borse Lavoro attivate nell’anno
92
29
121
IL risultato delle assunzioni, è stato ottenuto grazie ad un proficua collaborazione con vari
Enti e Istituzioni che si occupano di lavoro sul territorio della Piana di Lucca, soprattutto i
contatti costanti con il “Centro per l’Impiego” della Provincia, ci hanno permesso di gestire
191
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
tutti gli aspetti più significativi e rilevanti dell’inserimento lavorativo, in riferimento alla
L.68/99.
Attraverso l’obiettivo principale di favorire lo sviluppo di una rete di lavoro sinergico, sono
stati coinvolti, nel Progetto BL, la Provincia di Lucca, il Comune di Lucca e le Cooperative
Sociali del territorio .
Insieme sono stati costruiti o ri-costruiti dei percorsi di integrazione di soggetti svantaggiati
nel reale “Mondo del lavoro” e attraverso l’utilizzo dell’esperienza socio-lavorativa delle
Borse Lavoro è stato possibile attuare un pre-avviamento o pre-addestramento per aiutare
il soggetto ad integrarsi gradualmente alle regole e all’ambiente lavorativo, creando
opportunità di crescita e di realizzazione personale e professionale .
Nell’anno 2008 sono state fatte 6 assunzioni, per 2 utenti (area salute mentale) presso la
Provincia di Lucca, e 4 utenti (2 area salute mentale e 2 area disabilità) presso l’Azienda
USL.
Zona-distretto Valle del Serchio
Centri diurni socio riabilitativi
Nella Zona sono presenti due Centri Diurni per questa tipologia di soggetti: il Centro Diurno
con sede a Fornaci di Barga, e il Centro Diurno “Il Granaio” con sede nel Comune di Pieve
Fosciana
Il Centro Diurno di Pieve Fosciana, è stato inagurato da circa un anno (17 Novembre 2007).
In questo primo anno le attività nella nuova struttura, molto spaziosa e dotata di arredi e
attrezzature nuove e più adeguate per lo svolgimento dei vari laboratori, si sono consolidate
con buoni risultati nella lavorazione di piccoli manufatti.
Il Centro Diurno attualmente ospita n. 21 soggetti medio-gravi (un nuovo inserimento nel
2008) con presenza giornaliera, e n. 2 soggetti medio-gravi con presenza a giorni alterni su
progetto specifico; l'ASL 2 ha appaltato la gestione di tale servizio ad una Cooperativa
Sociale con un nuovo appalto iniziato 17 settembre 2007.
Gli interventi educativi e di riabilitazione in atto prevedono di individuare, per ogni soggetto,
interventi specifici con azioni finalizzate al conseguimento degli obiettivi, valorizzando e
potenziando le capacità residue e le autonomie personali individuali.
Per quanto riguarda il Centro Diurno di Fornaci di Barga i locali sono stati ristrutturati e
attrezzati con nuovi arredi e attrezzature; il Centro è perfettamente funzionante ed idoneo
per ospitare soggetti con handicap medio-grave.
Attualmente il Centro ospita n. 19 soggetti medio-gravi (un nuovo inserimento nel 2008), il
personale è composto da una dipendente dell'Azienda e da cinque operatori dipendenti da
una Cooperativa Sociale a cui è stata affidata con una nuova gara la gestione del Centro.
Gli interventi più significativi in entrambi i Centri sono:
- attività di assistenza diretta alla persona, finalizzata anche al mantenimento di
livelli di autonomia personale (igiene quotidiana cura, della propria immagine,
igiene alimentare);
- attività occupazionali, manuali, ricreative ludico-espressive (sperimentazione di
attività di laboratorio);
- attività di collegamento con l'ambiente esterno per partecipare ad iniziative
culturali, sportive, di tempo libero del territorio; .
- sostegno alle famiglie e coinvolgimento delle stesse nelle programmazione delle
attività.
192
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tra le attività svolte è considerata particolarmente significativa il laboratorio teatrale per il
coinvolgimento sia dei ragazzi che frequentano i due Centri Diurni, sia di soggetti disabili
del territorio, nonché degli operatori che attraverso esercizi espressivi vocali e gestuali
esprimono le loro emozioni e la loro capacità di comunicare. Da alcuni anni sono stati
coinvolti nel progetto di teatro alcuni alunni delle scuole elementari di Gallicano ed
ultimamente anche alcuni alunni delle scuole elementari di Pieve Fosciana che hanno
lavorato faccia a faccia con i ragazzi disabili rendendo facile l’incontro fra due mondi così
diversi.
Quest’anno il progetto prevede un approfondimento di questo percorso di integrazione con
l’avvio di un laboratorio più articolato e in grado di accogliere più classi della stessa scuola.
Continua la programmazione, la verifica ed il controllo delle attività da parte del
Responsabile dei Centri, che fa capo all' Area Funzionale di Assistenza Sociale, coadiuvata
da una Psicologa, e la piena collaborazione con i GOM distrettuali che elaborano i progetti
individuali e seguono il processo di vita del soggetto portatore di handicap, il quale
mantiene la sua appartenenza al territorio. Inoltre, un altro elemento diventato essenziale
per la gestione dei Centri è l'incontro mensile del gruppo degli operatori e dei referenti dell'
ASL 2, con i rappresentanti dei genitori dei ragazzi inseriti, per la programmazione e la
verifica delle attività svolte nei relativi Centri
Il gruppo dei soggetti inserito nei Centri presenta un’età media sempre più alta, questo
comporta una ridefinizione dei programmi delle attività che devono essere maggiormente
rispondenti alle caratteristiche legate all’età anagrafica e alla tipologia di handicap.
5.2.5 Tutela della salute degli anziani
Zona Piana di Lucca
Gli obiettivi realizzati nel corso dell’anno 2008 sono stati:
1. Istituzione e avvio del centro cure palliative (hospice) presso la struttura residenziale
S.Cataldo di Maggiano;
2. Conclusione dei lavori presso la Rsa Don A.Gori di Marlia;
3. Aggiudicazione dell’appalto per la gestione della RSA IL Sole di Altopascio e avvio
dell’attività;
4. Predisposizione degli atti per avviare le procedure di gara per la gestione della struttura
polifunzionale Don A.Gori di Marlia;
5. Consolidamento degli inserimenti temporanei nelle strutture residenziali.
Relativamente al punto 1- Istituzione e avvio del centro cure palliative (hospice) presso la
struttura residenziale S.Cataldo di Maggiano
La struttura, già aperta come RSA, disponendo di locali al piano terra adeguati per
accogliere utenza non autosufficiente, è stata arredata con l’intenzione di realizzare 2
moduli (uno per malati terminali e uno per persone in stato vegetativo permanente) che
sono stati avviati nel corso dell’anno.
La gestione del complesso residenziale è stata affidata ad un’associazione temporanea di
impresa (con cooperative sociali) con la supervisione e la direzione di personale aziendale
(medico palliativista, coordinatore infermieristico, assistente sociale)
Relativamente al punto 2 - Conclusione dei lavori presso la Rsa Don A.Gori di Marlia
Il lungo percorso di ristrutturazione della struttura residenziale si è concluso nel 2008. La
struttura evidenzia ancora dei problemi legati alla dissonanza tra i tempi di progettazione e
193
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
quelli di realizzazione dell’intervento che lasciano la struttura con un’organizzazione che si
discosta un pò da quello che prevede l’attuale normativa (entrata in vigore nell’anno 2008).
Relativamente al punto 3 - Aggiudicazione dell’appalto per la gestione della RSA Il Sole di
Altopascio e avvio dell’attività
Nell’anno 2008 è terminata la procedura di gara per l’affidamento della gestione della RSA
Il Sole e pertanto nel febbraio è stata avviata l’attività realizzando un modulo di RSA da 16
posti letto, un modulo di ospedale di comunità da 4 posti letto e prevedendo, all’interno
della struttura, un’unità per cure primarie.
Relativamente al punto 4 - Predisposizione degli atti per avviare le procedure di gara per la
gestione della struttura polifunzionale Don A.Gori di Marlia
L’articolata procedura per predisporre il capitolato ed il bando di gara per la gestione
dell’intero complesso residenziale Don A.Gori di Marlia è stata avviata nel settembre 2008 e
si concluderà nell’anno 2009. Comune di Capannori, Azienda Usl 2 e Capannori Servizi
hanno discusso molti punti il cui chiarimento definizione ha orientato la predisposizione
degli atti.
Relativamente al punto 5 - Consolidamento degli inserimenti temporanei nelle strutture
residenziali
Le strutture residenziali della Piana di Lucca sono tradizionalmente orientate ad accogliere
soggetti non autosufficienti che necessitano di inserimenti “definitivi”. Solo a partire
dall’anno 2008, disponendo delle RR.SS.AA. a gestione diretta (Il Sole e L’arcobaleno) e
successivamente realizzando un modulo nella RSA Don A. Gori di Marlia, è stato possibile
accogliere con maggiore regolarità persone che necessitano di inserimenti temporanei
(convalescenza, riabilitazione, ecc.)
Nel corso del 2008 sono stati attivati
- 7 posti letto di hospice e 4 posti letto di nucleo comi vegetativi presso la struttura di
S. Cataldo a Maggiano.
- 4 posti letto per cure intermedie a turn over medio alto (degenza media 15–20 gg)
presso la RSA aziendale Il Sole di Altopascio, dedicati prevalentemente a pazienti
anziani con esiti di frattura di femore (protocollo operativo condiviso con UO
Ortopedia e traumatologia e UO Riabilitazione)
- 9 posti letto di ospedale di comunità presso la Struttura di Marlia di cui 5 in media
dedicati a pazienti anziani con esiti di ictus cerebri (protocollo condiviso con UO
Neurologia e UO Riabilitazione)
Dati di attività: vedi Tabella 61.
Tabella 61
RSA ARCOBALENO Struttura S. Cataldo
Posti letto 30
N° ospiti trattati nel 2008
Residenziali
27
temporanei
6
diurni
1
deceduti
4
trasferiti
6
Centro Cure Palliative Hospice Struttura S. Cataldo
194
totale
44
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Posti Letto 7
Data apertura
21/01/2008
N° giornate
N° paz Trattati degenza erogate degenza media
73
1734
23,75
Nucleo Coma Struttura S. Cataldo
Posti letto 5
Data apertura
21/07/2008
N° giornate
N° paz Trattati degenza erogate
10
546
Ospedale di Comunità Marlia
Data Apertura
Data ultimazione lavori
27/10/2008
05/12/2008
N° giornate
N° paz Trattati degenza erogate degenza media
24
381
15,88
tipologia utenti trattati
neurologici
ortopedici
altro
14
5
5
RSA IL SOLE Struttura Altopascio
Data apertura
04/02/2008
Posti letto N° 20
Periodo
febb- luglio
agosto-dicembre
Utilizzo Posti Letto
residenziali
di sollievo cure intermedie
16
4
16
4
N° ospiti trattati nel 2008
Residenziali
16
Posti residenziali
deceduti
trasferiti/dimessi
5
3
195
totale
24
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Posti ric. Sollievo e cure interm.
N° giornate
N° paz Trattati degenza erogate degenza media
63
911
14,46
Zona Valle del Serchio
Gli obiettivi realizzati nel corso dell’anno 2008 sono stati:
1. completamento dei lavori di realizzazione di Villetta 3 presso la RSA Villa Grassi Landi
con sopralluoghi e verifiche tecniche al fine di elaborare un capitolato di arredi idoneo alla
struttura;
Nell’anno sono stati effettuati vari sopralluoghi e riunioni tecniche al fine di programmare la
sistemazione impiantistica e per disporre in maniera ottimale le attrezzature necessarie per
i servizi generali (lavanderia, cucina, bagno assistito, mensa, cucinetta di piano); con il
personale della struttura sono state definite inoltre le attrezzature da acquisire (es. servizi
igienici per ospiti, attrezzature per bagno assistito, per la cucina e la lavanderia).
In particolare con le UU.OO. Nuove Opere, Manutenzione e Igiene Pubblica e del Territorio
sono stati concordati i progetti relativi ai locali destinati alla ristorazione (cucina,dispensa e
sala pranzo) e al servizio di lavanderia (lavanderia e stireria).
È stato predisposto il capitolato che ha permesso di avviare la gara per l’acquisto degli
arredi.
2. espletamento della gara gestita dall’ESTAV per l’arredo del modulo Villetta 3;
Una volta predisposto il capitolato per l’acquisto degli arredi di villetta 3 è stata espletata la
gara, a livello di ESTAV ed è stata aggiudicata la fornitura.
Il Modulo, da avviare nel 2009, avrà una capacità ricettiva di 20 posti e consentirà il
trasferimento di ospiti del modulo Villetta 2 per ristrutturare l’edificio che verrà destinato a
moduli per la residenzialità temporanea anche di persone con malattie in fase terminale o
in stati vegetativi persistenti.
3. predisposizione della convenzione per l’avvio del Centro Diurno Alzheimer di
Castelnuovo Garfagnana
Nel mese giugno 2008 è stata deliberata la convenzione con la Misericordia di Castelnuovo
Garfagnana per l’avvio del Centro diurno Alzheimer da 17 posti per il quale l’Azienda si è
convenzionata, intanto per 6 posti. La struttura entro la fine dell’anno 2008 ha iniziato a
funzionare a pieno regime.
4. mantenimento del numero dei ricoveri di sollievo e della temporaneità dei ricoveri in RSA,
rispetto all’anno precedente;
E’ proseguita l’attività in essere presso le RRSSAA Paoli Puccetti di Gallicano e Nobili di
Giuncugnano; detta attività ha consentito 91 ricoveri temporanei nell’anno.
Complessivamente i ricoveri temporanei nelle RRSSAA a gestione diretta hanno
rappresentato il 60% dei ricoveri totali effettuati (111 su 185). Questo dato evidenzia un
aumento numerico degli inserimenti rispetto all’anno 2006 (111 rispetto a 91) e soprattutto
connota la strategia praticata nelle strutture a gestione diretta nelle quali è privilegiata la
scelta di far rientrare al domicilio, dopo un periodo di riabilitazione e di sollievo, le persone
non autosufficienti.
196
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
5. completamento dei lavori di realizzazione della terrazza presso il modulo Alzheimer nella
RSA Pierotti di Coreglia
Presso la RSA Pierotti di Coreglia si sono conclusi i lavori per mettere in sicurezza la
terrazza in modo da renderla fruibile da soggetti affetti da patologia di Alzheimer. In questo
modo è stato realizzato un percorso continuo interno/esterno protetto e sicuro in modo da
lasciare libertà di movimento ai soggetti inseriti.
La terrazza è dotata anche di opportune coperture che la rendono pienamente utilizzabile in
tutte le ore della giornata.
La realizzazione, lasciando piena libertà di movimento agli ospiti dovrebbe ridurre i disturbi
di comportamento.
6. Sono stati rispettati gli impegni previsti dalla Carta dei Servizi
Disponibilità di posti letto in strutture residenziali
Di seguito si riportano i posti letto disponibili in RSA a gestione diretta o convenzionate
presenti nella ASL 2; i dati sono stati raffrontati con l’indice determinato nel Piano
Regionale di Assistenza Sociale ( PRAS)
Anno 2008
Abitanti
> 65 anni
P.L. N.A.
Indice aziendale
Valle del Serchio
59.315
15.274
177
1,16
Indice Pras del
337/94
1,6%
Si conferma l’assenza della lista di attesa ed i tempi di inserimento sono molto contenuti
(nell’ordine di giorni dal momento della presentazione della domanda). Nel 2008 è stato
messo a regime il funzionamento dei Punti Insieme e dei Punti Unici di Accesso.
Quote sanitarie
Nella tabella e nel grafico sottostanti è descritto l’andamento nel periodo 2000-2008 della
spesa sostenuta per quote sanitarie, a favore di soggetti anziani non autosufficienti
ricoverati nelle strutture convenzionate presenti in ogni Zona e al di fuori del territorio
aziendale.
Quote sanitarie
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
Valle del Serchio
516.030
847.180
1.101.605
1.075.477
1.124.560
1.427.100
1.002.000
996.000
1.082.635
* nel febbraio 2009 la regione Toscana ha rideterminato la quota sanitaria con effetto retroattivo dal 1° gennaio
2008 (+ € 1,21 giornalieri per il 2008 e ulteriori € 1,24 per il 2009)
197
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
1.500.000
1.000.000
Valle del Serchio
500.000
0
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2008
Valutazione del grado di autosufficienza
La Commissione per l’accertamento del grado di autosufficienza, nel periodo 2003-2008 ha
effettuato le seguenti visite utilizzando il protocollo regionale previsto dalla delibera 214/91.
Anno
N. Visite
81
81
84
88
87
133
2003
2004
2005
2006
2007
2008
5.3
5.3.1
Valle del Serchio
N. Non autosuff.
61
67
68
79
78
128
AZIONI PROGRAMMATE
Miglioramento delle condizioni di vita dei nefropatici cronici
Zona-distretto Piana di Lucca
L’U.O. Nefrologia dell’ospedale Campo di Marte si occupa della prevenzione, diagnosi e
cura delle patologie renali e dell’ipertensione arteriosa. Questa attività, svolta intensamente
ha permesso di ridurre notevolmente il numero degli ingressi in dialisi.
L’attività di dialisi ospedaliera per insufficienza renale acuta e cronica è particolarmente
intensa e si accompagna alla dialisi domiciliare e alla dialisi decentrata presso il Centro
Socio Sanitario di Marlia. Presso la U.O. Nefrologia vengono applicate tutte le metodiche
dialitiche extracorporee e peritoneali e viene eseguito il follow-up dei pazienti trapiantati
renali.
Ner Reparto di Degenza vengono ricoverati pazienti affetti da patologie nefrologiche, dalle
glomerulonefriti all’insufficienza renale acuta e cronica, tutte le complicanze dell’uremia
cronica e le complicanze mediche del trapianto renale.
L’attività di day-hospital è rivolta in particolare ai pazienti affetti da glomerulonefriti, ai
soggetti trapiantati immunodepressi, oppure che presentano rigetto acuto.
L’Attività di day service è un servizio rivolto ai pazienti affetti da ipertensione arteriosa e
follow-up (controlli periodici) dei soggetti trapiantati, che consente di effettuare, in tempi
198
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
rapidi e con una semplificazione delle procedure di accesso, esami clinici e strumentali
finalizzati alla diagnosi e alla cura.
L’Attività ambulatoriale è così articolata:
- Ambulatorio di prevenzione e cura delle nefropatie
- Ambulatorio per lo studio e la terapia dell’ipertensione arteriosa
- Monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa
- Ambulatorio di pre-dialisi
- Ambulatorio trapianti
- Ambulatorio di dialisi extracorporea
- Ambulatorio di dialisi peritoneale
- Ambulatorio di dialisi extracorporea decentrata.
Sostegno psicologico
Nel 2008 è stato attivato un sostegno psicologico per i pazienti in dialisi e per coloro che
devono essere avviati alla dialisi e al trapianto mediante sedute collettive o singole grazie
alla collaborazione con gli psicologi dell’azienda.
L’iniziativa ha riscosso notevole entusiasmo.
Progetto Dialisi Vacanze (ospiti 2008)
Anche quest’anno è stato portato avanti il progetto Dialisi Vacanze, come sollecitato dalla
Regione Toscana, al fine di facilitare la mobilità dei pazienti emodializzati all’interno e al di
fuori della regione. Il progetto ricalca quello già effettuato l’anno scorso e che ha riscosso
un buon successo. Trattati 34 pazienti provenienti da: Italia, Europa, Australia e Stati Uniti,
per un totale di 291 trattamenti di dialisi extracorporea eseguiti prevalentemente nelle ore
serali.
Risorse e attività
Nefrologia
Posti letto n.
Posti osservazione n.
Ricoveri totali
Osservazioni n.
di cui n. trasformate in ricovero
dimessi
Day Hospital N° pazienti
per un totale di giorni
Visite Ambulatoriali nefrologiche n.
Applicazioni Holter pressorio n.
Visite Ambulatorio Predialisi n.
Visite ambulatoriali paz. in Dialisi Peritoneale n.
Visite pazienti trapiantati n.
Day Service Ipertensione n.
Consulenze svolte per altre U.O. n.
199
14 ordinari + 2 day hospital
1
573
93
0
93
45
255
1810
353
363
142
423
99
452
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Dialisi
Letti tecnici Ospedale di Lucca n.
così distribuiti
25
HBsAg neg
HCV pos
HBsAg pos
Urgenza
Letti tecnici CDAL di Marlia n.
20
2
2
1
9
Riepilogo Prestazioni
Trattamenti dialitici totali n.
di cui:
ambulatoriali
domiciliari
in regime di ricovero
19.467
16.285
3.182
953
Lucca:
ambulatoriali n.
in regime di ricovero n.
12.593
953
CDAL Marlia:
ambulatoriali n.
2.739
Totale pazienti in trattamento dialitico al 31.12.07 n.
di cui:
Pazienti in Dialisi Extracorporea n.
Pazienti in Dialisi Peritoneale n.
112
100
12
Bilancio demografico del Centro
Dialisi extracorporea
Totale paz. (prevalenti al 31/12/2008) n.
di cui HBsAg pos. n.
HCV pos. n.
Totale nuovi pazienti trattati nel 2008:
Nuovi pazienti immessi nel protocollo dialitico
cronico extracorporeo (incidenti): n.
Pazienti usciti dal trattamento dialitico cronico
extracorporeo
di cui:
per trapianto renale
per trasferimento ad altro Centro Dialisi
per decesso
passati in dialisi peritoneale
100
0
5
81
32
11
6
5
10
0
Pazienti trattati per Insufficienza Renale Acuta n.
di cui:
Ripresa funzionalità renale n.
Cronicizzati n.
di cui trasferiti presso altro Centro Dialisi
(per residenza)
Deceduti n.
Trattamenti continui per shock e/o sepsi in Rianimazioni e/o UTIC n°
Trattamenti
200
41
19
8
3
11
102
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Dialisi peritoneale
Totale pazienti in dialisi peritoneale durante il 2008 ( incidenti + prevalenti) n.
Pazienti usciti dal protocollo dialitico peritoneale n.
di cui:
Trapiantati n.
Passati ad HD n.
Deceduti n.
Nuovi pazienti immessi nel protocollo dialitico peritoneale(incidenti) n.
Totale pazienti al 31.12.08: n.
N. complessivo dei giorni di trattamento
19
8
5
1
2
7
12
4201
Trapianto renale
16
Pazienti attualmente tipizzati e in lista di attesa per
trapianto renale n.
Pazienti trapiantati durante l’anno n.
Totale pazienti trapiantati dal 1990 ad oggi n.
8 (4 dalla HD, 1 dalla PD, 1 predialisi)
106
Zona-distretto Valle del Serchio
Obiettivi
Copertura dei bisogni di salute in ambito nefrologico, sia in elezione che in urgenza, per la
popolazione della Valle del Serchio.
Azioni
Attività ambulatoriale nefrologica e servizio di emodialisi: dal lunedì al sabato, con
reperibilità festivo-notturna per le urgenze.
Risultati
Servizio di Emodialisi
Trattamenti
effettuati:
Pz. nuovi entrati
Pz. deceduti
Pz. trasferiti ad altro
servizio
Pz. trasferiti a tratt.
conservativo
Pz. trattati per IRA
Pz.
trattati
in
urgenza
Pz. presenti al 31/12
Pz. fuori USL in
dialisi vacanza
Pz. in lista di attesa
trapianto renale
Pz.
trattati
con
Prisma
Posti letto elezione
Posti letto urgenza
Posti
letto
contumaciali
Monitor
Castelnuovo
1915
2007
Barga
3343
TOTALE
5258
Castelnuovo
2120
2008
Barga
3359
TOTALE
5479
4
3
2
8
9
3
12
12
5
11
6
0
19
11
3
30
17
3
0
1
1
0
0
0
1
20
1
10
2
30
6
21
2
13
18
34
13
6
21
4
34
10
16
5
25
2
41
7
1
0
1
1
2
3
7
5
12
19
1
20
8
1
1
11
1
2
19
2
3
8
1
1
11
1
2
19
2
3
11
14
25
11
15
26
201
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Ambulatorio Nefrologico
Visite nefrologiche
effettuate
Tempi d’attesa
2007
Barga
380
Castelnuovo
400
una
settimana
TOTALE
780
15 gg
Castelnuovo
439
2008
Barga
673
1-7 gg
TOTALE
1112
1-7 gg
Nelle due sedi le richieste di visite nefrologiche urgenti da parte dei medici di base vengono
gestite direttamente dal medico specialista ed effettuate entro due giorni.
Le visite dell’ambulatorio di pre-dialisi vengono eseguite dal medico specialista assistito da una
infermiera del reparto.
5.3.2
Lotta contro i tumori e l’assistenza oncologica
Attività di Accoglienza ITT (Istituto Tumori Toscano) (ex CORD)
Per garantire una migliore diagnosi e cura ai pazienti affetti da tumore la Regione Toscana
ha creato, presso le Aziende Sanitarie una Rete di servizi: la Rete Oncologica Regionale.
La porta di accesso è Accoglienza ITT (Istituto Tumori Toscano) ex C.O.R.D., centro
oncologico di riferimento dipartimentale, dove per ciascun paziente viene valutato il
percorso di diagnosi e cura più adatto ed un follow-up.
Tabella 62 – Prestazioni eseguite dall’Accoglienza ITT.
Prestazioni
Anno
2001
Anno
2002
Anno
2003
Anno
2004
Anno
2005
Anno
2006
Anno
2007
Anno
2008
Visite
1784
2527
2591
2527
2757
2715
3434
5700
Esami E
Ecografie
Rx
Visite specialistiche
TAC
Mammografie
Endoscopie
Biopsie
Ecocardiogramma
E.C.G.
BOM
Ecografie cmc
PET
RMN
Densitometrie
948
739
502
203
273
94
111
46
12
53
12
0
0
21
0
1882
1315
837
198
410
152
65
12
41
20
39
0
9
31
3
1945
1617
815
509
422
268
202
26
44
19
39
0
23
38
7
2315
2002
874
704
485
317
245
36
47
45
76
25
58
43
5
2300
2048
913
618
461
349
267
30
77
84
97
29
35
53
15
1933
1735
708
539
358
311
229
16
83
88
122
8
60
40
19
2101
1989
1074
822
432
253
4281
4017
1902
1643
900
327
525
161
329
221
240
47
211
128
EMG
6
0
8
12
5
9
Rimozione Port
0
0
0
0
12
13
PFR
0
15
7
8
12
5
93
62
119
262
scintigrafia
202
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Per quanto riguarda Accoglienza ITT dell’ASL 2 di Lucca, l’attività è nettamente aumentata
rispetto all’anno precedente.
Si allega la tabella delle prestazioni richieste (strumentali, visite specialistiche) e delle
prestazioni eseguite (visite oncologiche) negli anni 2001-2008.
Attività di screening
Anche nel 2008 è proseguita, nella ASL 2, l’attività di prevenzione secondaria, sulla base
degli indirizzi della Regione Toscana, attraverso i tre programmi di screening, di cui due
rivolti alla popolazione femminile – lo screening per la prevenzione del tumore della cervice
uterina tramite Pap-test e lo screening mammografico per la diagnosi precoce del tumore
della mammella – ed uno ad entrambi i sessi: lo screening per la prevenzione del tumore
del colon retto tramite il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci.
L’organizzazione e l’invio delle lettere di invito per tutti e tre i programmi viene effettuata
centralmente presso l’U.O. di Epidemiologia, tramite l’apposito software di gestione degli
screening, attivo dalla fine del 2002.
Di seguito sono riportati i risultati preliminari, relativi all’anno 2008, dei tre screening.
1) Screening per il tumore della cervice uterina
Nel 2008 l’estensione del programma di screening, cioè la quota annuale di popolazione
bersaglio invitata a partecipare gratuitamente al test, è risultata del 90,7% (Tabella 63).
L’adesione all’invito cioè la partecipazione allo screening, è pari al 45,8%, superiore a
quella dell’anno precedente (44,0%) ma inferiore al valore medio regionale (l’ultimo dato
disponibile è relativo al 2007), che risulta del 51,3%. Il dato medio nazionale per il 2007
(presentato all’ultimo convegno dell’Osservatorio Nazionale Screening) risulta del 39,8%.
L’adesione risulta più elevata nella zona distretto Valle del Serchio rispetto alla Piana di
Lucca.
Tabella 63 - Screening per il tumore della cervice uterina – Anno 2008.
Pop.
bersaglio
annuale *
Zona Piana di Lucca
Zona Val di Serchio
Totale ASL 2 Lucca
* pop. ISTAT al 31/12/2007
N. donne
Invitate
15.096
5.210
20.306
2008
13.579
4.840
18.419
Estensione
%
N. donne
rispondenti
Adesione
%
89,95
92,90
90,71
2008
5.716
2.723
8.439
42,09
56,26
45,81
2) Screening per il tumore della mammella
Il programma di screening mammografico nella ASL 2 viene realizzato, per le donne
residenti nella Zona Piana di Lucca, tramite invito presso una sede fissa, mentre per quelle
residenti nella Zona Val di Serchio il servizio è affidato ad una Unità Mobile di Screening.
Nel 2008 l’estensione del programma di screening è stata pari al 98,8% (Tabella 64),
superiore al dato registrato nello scorso anno (92,5%).
203
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
L’adesione globale risulta simile al dato dello scorso anno (56,1% contro il 56,9%); si
registra comunque una differenza di adesione nelle due zone: 60,8% nella Piana di Lucca e
55,1% in Val di Serchio.
L’adesione registrata nel 2008 è superiore al valore accettabile GISMa per questo
indicatore (50%), ma inferiore al dato medio toscano per il 2007 che è del 65,2%.
Il valore medio nazionale di adesione grezza per il 2007 è pari a 56,1%.
Tabella 64 - Screening mammografico – Anno 2008.
Pop.
bersaglio
annuale *
Zona Piana di Lucca
10.923
Zona Val di Serchio
4.034
Totale ASL 2 Lucca
14.957
* pop. ISTAT al 31/12/2007
N. donne
Invitate
Estensione %
2008
12.260
2.521
14.781
112,24
62,49
98,82
N. donne
rispondenti
Adesione
%
2008
6.754
1.532
8.286
55,09
60,77
56,06
3) Screening per il tumore del colon-retto
Nel 2008 l’estensione del programma di screening, cioè la quota annuale di popolazione
bersaglio invitata a partecipare gratuitamente al test, è risultata del 93,4% (Tabella 65),
superiore alla quota di popolazione invitata nell’anno precedente(84,7%).
L’adesione nel 2008, pari al 44,2%, risulta nettamente superiore rispetto al dato aziendale
dello scorso anno (32,0%). Non emergono differenze di partecipazione tra le due zone
distretto.
Il livello di adesione per la ASL 2 risulta inferiore al valore medio regionale pari al 51,4%
(ultimo dato disponibile relativo al 2007), ma vicino al dato medio nazionale che è 46,3%
(sempre relativo al 2007).
Tabella 65 - Screening per tumore del colon retto – Anno 2008.
Pop.
bersaglio
annuale *
Zona Piana di Lucca
Zona Val di Serchio
Totale ASL 2 Lucca
* pop. ISTAT al 31/12/2007
21.058
8.181
29.239
N. soggetti
Invitati
Estensione
%
N. soggetti
rispondenti
Adesione
%
2008
20.053
7.253
27.306
95,23
88,66
93,39
2008
8.883
3.180
12.063
44,30
43,84
44,18
Attività CORAT
Nel corso dell’anno 2008 il CORAT (Centro Oncologico di Riferimento per Assistenza
Territoriale) ha svolto un’attività di sensibilizzazione e di coordinamento principalmente
rivolta all’Assistenza Sanitaria di base secondo i principi dell’Accordo Aziendale per la
medicina generale 2002-2004.
204
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
In particolare il CORAT ha attivato un gruppo di lavoro composto da medici di medicina
generale, medici dell’attività distrettuali e medici ospedalieri per la definizione dei percorsi
assistenziali per i pazienti affetti da patologia oncologica.
Tali percorsi troveranno piena realizzazione nell’ambito dei livelli assistenziali distrettuali, e
saranno finalizzati soprattutto alla riorganizzazione delle attività infermieristiche per
l’assistenza domiciliare, ed in particolare all’erogazione di prestazioni al domicilio dei
pazienti anche nelle fasce pomeridiane e nei giorni festivi.
Tale riorganizzazione è stata ed è tuttora oggetto di studio e di valutazione da parte del
Coordinamento Infermieristico Aziendale.
Nel corso del 2008 il CORAT ha coordinato, tramite i servizi distrettuali e avvalendosi anche
del contributo dell’Associazione Don Baroni, un’adeguata assistenza domiciliare che ha
riguardato, in parte, pazienti oncologici a domicilio per i quali si è ritenuto appropriato, in
fase di dimissione, un trasferimento dall’ospedale direttamente presso l’Hospice oncologico
S.Cataldo di Maggiano o presso le Case di Cura Santa Zita e Barbantini, secondo il
protocollo sperimentale dei ricoveri intermedi.
Inoltre è stata stipulata una convenzione con l’AIL (Associazione Italiana Leucemia) per
l’assistenza domiciliare dei malati leucemici.
Attività Comitato Tecnico-Scientifico
Il Comitato tecnico-scientifico del Dipartimento Oncologico, nel 2008, ha proseguito
l’attività, già intrapresa negli anni precedenti, di coordinamento dell’attività dei Gruppi di
Studio Multidisciplinari, tesa alla revisione e all’aggiornamento delle linee guida e dei
percorsi diagnostico-terapeutici nelle singole patologie oncologiche.
In particolare è stata realizzata una revisione della casistica del P.O. Campo di Marte
riguardante il trattamento dei tumori della mammella in stadio iniziale sottoposti, nell’ambito
di uno studio sperimentale di fase II, a irradiazione del solo letto tumorale con brachiterapia
interstiziale.
Ad oggi presso il P.O. Campo di Marte sono state sottoposte a tale trattamento numerose
pazienti, ed attualmente i risultati di questa nuovo metodica di trattamento sembrano
essere promettenti: i dati rilevati con la revisione sono stati confrontati con quelli riportati
della letteratura nazionale.
Un identico percorso è stato effettuato per quanto riguarda la brachiterapia prostatica con
impianto permanente di sorgenti radioattive.
Nel 2008 si è del tutto consolidata l’attività di brachicurieterapia. Questa attività, propria
dell’U.O. di Radioterapia, iniziata nel 2004, ha trovato dal 2007 piena realizzazione e
consenso. Dall’inizio dell’attività sono stati trattati un considerevole numero di pazienti per
patologie neoplastiche della mammella, del corpo e della cervice uterina, del canale anale,
della prostata e del distretto testa-collo.
In particolare nella nostra Azienda prosegue l’impiego della brachiterapia interstiziale,
nell’ambito di uno studio sperimentale di fase II approvato dal Comitato Etico, nel
trattamento delle neoplasie della mammella in stadio iniziale, dopo chirurgia conservativa.
Ad oggi, con la collaborazione dei medici della Chirurgia Senologica, numerosi pazienti
affette da tumore della mammella in stadio iniziale sono state sottoposte a impianto
perioperatorio brachiterapico, per l’irradiazione del solo letto tumorale.
I vantaggi di questa tecnica sono: riduzione dei tempi di trattamento (il trattamento viene
concluso in 4-5 giorni a fronte del trattamento standard, che ha una durata media di circa 6
settimane con ovvia ricaduta sulla lista di programmazione per i trattamenti con RT
esterna), riduzione della tossicità locale (viene irradiato il solo letto operatorio e non tutta la
205
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
mammella), pieno rispetto del timing con la chemioterapia che, quando indicata può essere
eseguita in tempi precoci.
Inoltre questo trattamento si è dimostrato anche esportabile, in quanto l’impianto viene oggi
eseguito anche presso la Chirurgia dell’ASL 12 della Versilia. La valutazione del risultato in
termini di controllo locale della malattia, visto il breve follow-up, non può ancora essere
fatta, mentre la cosmesi risulta essere ottimale.
Inoltre, sempre dal 2005, la brachiterapia con impianto permanente ecoguidato di sorgenti
di I125 per il trattamento delle neoplasie prostatiche intracapsulari, ha trovato larga
applicazione. Dall’inizio di questa attività sono infatti stati eseguiti, dall’equipe costituita da
un medico radioterapista, un chirurgo urologo ed un Fisico Sanitario, numerosissimi
interventi brachicurieterapici per il trattamento delle neoplasie prostatiche, con ricaduta
sulla riduzione della tossicità locale, rispetto ai trattamenti tradizionali quali la
prostatectomia radicale.
I dati relativi ai trattamenti brachicurieterapici nelle neoplasie della mammella e della
prostata vengono raccolti in un data-base e sono costante oggetto di aggiornamento e
verifica dei risultati da parte del Comitato tecnico-scientifico del Dipartimento Oncologico,
oltre che di pubblicazioni scientifiche.
5.3.3
Donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule
L’ufficio del Coordinamento Donazioni ha sede nell’ambito della Direzione Sanitaria e si
occupa di donazione di organi, tessuti e cellule dell’Azienda di Lucca (per la donazione di
sangue e sangue del cordone ombelicale vedi par. 5.4).
Gli ambiti di collaborazione sono vari, ad esempio nell’organizzazione della CAM
(commissione accertamento morte), nelle morti encefaliche in Rianimazione, il passaggio
dati alla Procura della Repubblica in tutti i tipi di donazione (Organi, Tessuti e Cornee), la
facilitazione di vari problemi attinenti al processo della donazione.
Il Procurement di Organi e Tessuti è regolamentato dai documenti OTT (Organizzazione
Toscana Trapianti) e procedure aziendali elaborate dal Medico e Infermiere del
Coordinamento.
Il Coordinamento Donazioni si occupa di diffondere tali documenti e procedure alle UU.OO.
coinvolte nel processo di donazione ed in particolare:
- Direzione Sanitaria
- Rianimazione
- Neurologia
- Blocco Operatorio
- Anatomia Patologica
- Laboratorio Analisi
- Immunoematologia e Medicina Trasfusionale
Il personale infermieristico è in carico alla propria Unità Operativa e ha rapporti di lavoro
part-time con il Coordinamento Donazioni, rendendosi disponibile come parte attiva nella
formazione, oltre alla partecipazione a riunioni e aggiornamenti.
E’ in programma l’organizzazione di prelievo di cornea direttamente nel PO Valle del
Serchio, nelle sedi di Barga e Castelnuovo; a tutt’oggi, in caso di donazioni volontarie per
multi tessuto (Valvole cardiache, Tessuto Osseo e Cute) si organizza il trasporto alle sale
operatorie dell’ospedale Campo di Marte.
Nel 2008 le tipologie di donazione sono state:
206
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Donazione di cornee
2007
84
168
54
N. donatori
N. cornee
N. cornee idonee
2008
45
90
35
Donazione di valvole cardiache
Donatori di valvole cardiache in a.c.r.
2007
2008
N. donatori
1
1
(Dal Febbraio del 2007 l’attività di prelievo di V. C. è stata sospesa fino a metà luglio del 2008 )
Donazione di tessuto osseo
Donatori di tessuto osseo in a.c.r.
2007
2008
N. donatori
6
3(+3*)
*Per motivi organizzativi del CTO di Firenze non sono stati effettuati 3 prelievi di Tessuto Osseo.
Donatori di tessuto osseo in m.e.
2007
2008
0
2007
7
2008
6
2007
2008
0
2007
5
2008
4
N. donatori
Donazione di tessuto cutaneo
Donatori di tessuto cutaneo in a.c.r.
N. donatori
Donatori di tessuto cutaneo in m.e.
N. donatori
Donazione di organi
Donatori di organi
N. donatori
Si sono inoltre registrati:
- Numero di decessi con lesioni cerebrali in terapia intensiva:
21
- Numero di accertamenti di morte encefalica eseguiti:
4
- Numero di donatori:
2
- Numero di opposizioni familiari:
2
- Numero di arresti cardiaci in corso di accertamento di m.e.:
0
- Numero di opposizioni del magistrato:
0
- Numero di deceduti che presentavano una controindicazione medica prima
dell’inizio dell’accertamento di morte encefalica:
0
- Numero di potenziali donatori in cui si è evidenziato un motivo di esclusione
durante l’accertamento di m.e.:
0
207
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
-
Numero di donatori di cui nessun organo prelevato è stato utilizzato: 0
Numero di donatori in cui almeno uno degli organi prelevati è stato
successivamente impiantato:
1
Per quanto riguarda l’attività di informazione alla popolazione, sono stati effettuati degli
incontri, dedicati alla donazione in genere, con i ragazzi delle scuole superiori della
provincia di Lucca in collaborazione con l’U.O. Educazione alla Salute. In particolare
presso:
• Liceo scientifico Vallisneri
• Istituto Tecnico Giorgi
• Liceo Maiorana
Sono state effettuate delle manifestazioni con coinvolgimento della popolazione:
• Giornata della donazione con l’intervento degli Sbandieratori di S.Anna oltre alla
presenza di un punto informativo in associazione con l’ AIDO in Piazza San Michele
a Lucca
• Cerimonie di ringraziamento dei donatori: Messa di Santa Lucia nella Cappella
dell’Ospedale
E’ stata infine effettuata informazione indiretta:
• Giro della Toscana (nella settimana 21/27 Giugno)
• Conferenza stampa a palazzo Orsetti con i trapiantati, il Coordinatore Medico e
Infermieristico e il Presidente dell’AIDO locale.
• Numero di articoli di giornali relativi alla donazione comparsi sulla stampa locale: 3
• Numero di articoli di giornale relativi al trapianto comparsi sulla stampa locale: 3 (una
donazione di organi segnalata a livello nazionale)
Per quanto riguarda la formazione del personale, è stato organizzato il corso “La donazione
di Cornee, Tessuti e Placenta” in 3 edizioni (due a Lucca e 1 a Barga e Castelnuovo).
Sono state inoltre svolte attività didattiche da parte del coordinatore e dell’equipe di
coordinamento tramite corsi di formazione organizzati per personale sanitario; in
particolare:
Donazione:
•
•
22 Ottobre 2008 - Lucca Campo di Marte
30 Ottobre 2008 - Castelnuovo Garfagnana
Rischio Clinico
•
•
”Segnalazione e gestione di eventi e reazioni avverse nel sistema regionale dei
trapianti” con la partecipazione dei coordinamenti locali e del personale del
laboratorio sia locale che di area vasta.
“Qualità e sicurezza nel coordinamento locale della donazione di organi tessuti e
cellule” che prevede altri 3 incontri con un lavoro finale sugli eventi sentinella, sulla
formazione e rischio clinico.
Tali incontri sono stati condivisi con il personale del Coordinamento Donazioni in un
incontro informativo e formativo.
208
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Si è prospettata una raccolta di dati sugli eventi sentinella oltre ad un test da distribuire al
personale per individuare le carenze formative e le difficoltà oggettive con ipotesi di azione
di miglioramento della qualità.
5.3.4
Lotta alle malattie metaboliche (diabete, fibrosi cistica)
Diabete e malattie metaboliche
La malattia diabetica ha un alto tasso di prevalenza nella popolazione in generale ed è in
continuo aumento tanto da far parlare di “Epidemia Diabete”.
Inoltre l’aumento della vita media della popolazione diabetica per le migliorate condizioni di
vita, per le maggiori conoscenze della malattia e quindi miglior terapia, comporta un
aumento di anni di malattia per paziente, con la inevitabile comparsa delle complicanze e
quindi un aumento notevole del numero di pazienti con complicanze micro e
macrovascolari.
A prova di ciò è il continuo aumento dei pazienti diabetici che afferiscono al Servizio di
Diabetologia e Malattie Metaboliche dell’Ospedale di Lucca dove nel 2008 è stato raggiunto
il numero di 7.800.
Il progressivo aumento delle persone affette da diabete che afferiscono alla Struttura
Diabetologica rende sempre più necessaria l’implementazione della ”gestione integrata“del
paziente diabetico. Il coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale assieme ai medici
specialisti del Servizio di Diabetologia nella gestione di questi malati, completato da
un’opera di formazione-informazione dei pazienti e, più in generale, della collettività,
consente un miglior controllo della malattia stessa e un’efficace opera di prevenzione
primaria.
L’attuazione di percorsi assistenziali programmati seguendo le indicazioni di protocolli e
linee guida, già discussi e analizzati dalle maggiori Società Scientifiche di Diabetologia
(SID, AMD), dai medici del Servizio di Diabetologia e medici di Medicina Generale, produrrà
un miglioramento complessivo della qualità dei servizi e una minore spesa.
Nel 1999 è stato istituito presso il Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche,
l’ambulatorio del “piede diabetico” con notevoli risultati pratici come la riduzione dei ricoveri
per tale patologia.
Nel 2008 abbiamo assistito circa 700 pazienti per “piede diabetico” sia neuropatico che
ischemico e neuro-ischemico. Con l’apporto del podologo abbiamo potuto incrementare
l’opera di prevenzione sia primaria che secondaria di questa temibile complicanza.
Durante il 2008 abbiamo continuato e incrementato, con la fondamentale collaborazione
dell’Associazione Diabetici Lucchesi, l’assistenza domiciliare a quei pazienti, che, per vari
motivi, non possono afferire al nostro Servizio.
E’ stato, inoltre, attivato un Percorso Diagnostico-Terapeutico Assistenziale (PDTA) che
permette in tempi rapidi di attuare procedure arteriografiche e di rivascolarizzazione delle
arterie degli arti inferiori, con la fattiva collaborazione della U.O. Medicina Generale del
nostro Presidio Ospedaliero e della U.O. Radiodiagnostica I – Sezione di Diagnostica ed
Interventistica Vascolare dell’Azienda Ospedaliera Pisana.
L’indirizzo di maggior specializzazione del Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche è
stato confermato con l’istituzione di un ambulatorio dedicato al Diabete Gestazionale che è
la complicanza medica più frequente della gravidanza, gravata da una elevata morbilità sia
neonatale (macrosomia) che materna (idramnios, ipertensione, eclampsia, parto prematuro
e taglio cesareo). Nel 2008 abbiamo assistito 102 pazienti affette da Diabete Gestazionale.
209
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Dall’Aprile 2001 è in vigore il Nuovo Codice della Strada e all’art. 119 comma 2bis recita
che l’accertamento dei requisiti psico-fisici per il conseguimento e la revisione della patente
di guida ai diabetici deve essere effettuata dai medici specialisti diabetologi dell’Unità
Sanitaria Locale. Nel 2008 sono stati rilasciati, 703 certificati medici per il rinnovo-rilascio
della patente di guida.
E’ stato dimostrato scientificamente che la popolazione diabetica che conosce la propria
malattia, ossia che è educata, ha meno complicanze della popolazione non educata.
Per questo motivo presso il Servizio di Diabetologia sono in atto corsi di educazione,
prevalentemente individuali, che si svolgono regolarmente, dedicati a tre argomenti
principali quali l’educazione alimentare, con il fondamentale l’apporto della dietista,
l’educazione per la prevenzione del “piede diabetico”, l’educazione alla gestione della
terapia insulinica e all’autocontrollo-autogestione domiciliare mediante la determinazione
della glicemia su sangue capillare con stick glicemici. Questo prezioso lavoro è reso
possibile anche dalla collaborazione con le Associazioni di Volontariato, che si sono rese
ampiamente disponibili. Compatibilmente con le forze a disposizione si cercherà di
sviluppare ulteriormente questa parte di attività giudicata di estrema importanza anche in
collaborazione con gli ambulatori divisionali dei presidi ospedalieri di Barga e Castelnuovo
Garfagnana.
Nel 2008 è stata ulteriormente ampliata l’informatizzazione del Servizio di Diabetologia.
Da alcuni mesi l’U.O. di Oculistica è in rete con il Servizio e nell’ambulatorio dedicato ai
pazienti diabetici ha adottato la cartella informatizzata del servizio. Questo permette al
medico oculista di avere in tempo reale l’iter diagnostico-terapeutico del paziente in esame
e di inserire nella cartella la prestazione diagnostica o azione terapeutica.
Sarebbe auspicabile, e in questo senso andranno i futuri sforzi, che questo percorso fosse
adottato anche dagli altri specialisti che sono attori del “disease management” del paziente
diabetico.
Figura 27 - Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche - Presidio Ospedaliero di Lucca ASL 2
Numero dei pazienti afferenti al Servizio
Infine nel giugno 2007 il Servizio di Diabetologia si è trasferito definitivamente in una nuova
sede situata nel padiglione C dell’Ospedale “Campo di Marte”.
210
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
La nuova sede è stata ristrutturata a regola d’arte secondo le esigenze del tipo di lavoro, è
ampia, facilmente raggiungibile senza barriere architettoniche, corredata di tutti i servizi per
i pazienti i quali hanno notevolmente apprezzato la nuova sistemazione.
Figura 28 - Ambulatorio per la cura e prevenzione del “Piede Diabetico”
Numero di Pazienti afferenti all’ambulatorio dedicato al “Piede Diabetico”
Figura 29 - Ambulatorio per la cura del “Diabete in gravidanza”
Numero di Gestanti indirizzate al Servizio di Diabetologia per un’alterazione
del metabolismo glucidico
Fibrosi cistica e malattie metaboliche
Lo screening per la fibrosi cistica viene eseguito su tutti i neonati.
I campioni sono inviati al Centro di riferimento regionale presso l’A.O. Meyer di Firenze, con
cui prosegue in maniera proficua una attiva collaborazione. I bambini risultati positivi allo
screening vengono richiamati per il retesting e l’esecuzione del test del sudore.
In Reparto viene regolarmente eseguito il test del sudore dopo stimolazione con pilocarpina
per la definizione della diagnosi di fibrosi cistica.
211
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tutti i neonati sono stati sottoposti agli screening previsti (fibrosi cistica, ipotiroidismo,
fenilchetonuria, malattie metaboliche).
A Lucca sono stati richiamati 2 neonati per il retesting della fibrosi cistica, che sono poi
risultati affetti; nessuno bambino è stato richiamato a Barga.
4 neonati a Lucca e 2 a Barga sono stati richiamati per il retesting delle malattie
metaboliche: nessuno di loro è poi risultato affetto.
5.3.5
Prevenzione delle malattie cardiovascolari
Zona Piana di Lucca
La prevenzione delle malattie cardiovascolari costituisce una importante obiettivo
aziendale, in termini di difesa della salute dei Cittadini, che ha inizio a livello prenatale
quando la diagnosi si propone di riconoscere precocemente le alterazioni morfologiche e/o
funzionali delle strutture cardiache e vascolari. A Lucca presso l’U.O. di Cardiologia
continua ad essere attivo un servizio di diagnosi ecocardiografica prenatale.
La prevenzione prosegue con controlli successivi alla nascita ed in età pediatrica, per
coloro cui sono stati evidenziati problemi congeniti con complesse cardiopatie situazioni
ereditarie critiche.
Nell’adulto la prevenzione ha lo scopo di limitare attacchi acuti (prevenzione primaria), di
evitare le complicazioni, rallentare il processo di cronicizzazione e favorire il recupero del
cardiopatico (prevenzione secondaria).
In quest’ultimo contesto si pone la Riabilitazione Cardiologica, che si configura strumento
fondamentale di prevenzione secondaria come somma di interventi richiesti per garantire le
migliori condizioni fisiche, psicologiche e sociali in modo che i pazienti con cardiopatia
cronica o subacuta possano conservare o riprendere il proprio ruolo nella società. Essa è
parte integrante di quel programma di continuum del trattamento di un cardiopatico.
Nella UO di Cardiologia di Lucca è attivo un Centro ambulatoriale di Riabilitazione
cardiologica, accreditato a livello regionale, che svolge attività assistenziale in continua
crescita anche nell’ultimo anno 2008.
Gli Obiettivi della prevenzione secondaria in riabilitazione mirano alla riduzione della
mortalità, alla riduzione di frequenza di reospedalizzazione, al miglioramento della qualità di
vita.
Le componenti cliniche essenziali che adottiamo nell’inquadramento dei pazienti sono:
• la stratificazione prognostica e stima del rischio cardiovascolare globale
• l’ottimizzazione della terapia e stabilizzazione clinica
• il programma di training fisico controllato
• l’educazione e il counseling con interventi multifattoriali finalizzati a modificare lo stile
di vita e favorire il ritorno ad una vita attiva
• un intervento psicocomportamentale
• l’impostazione di un adeguato follow-up individualizzato e a lungo termine
La U.O. di Cardiologia attraverso l’ambulatorio di Riabilitazione Cardiologica si fa carico
anche di diffondere le informazioni di tipo preventivo per:
• identificare e modificare i fattori di rischio, ridurre la morbilità e la mortalità
cardiovascolare;
212
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
•
imparare a identificare i sintomi della patologia coronarica acuta;
informare la popolazione sulle procedure organizzative da attuare in caso di attacco
coronarico;
informare i cardiopatici noti sui sintomi, sull’uso dei farmaci e sui percorsi;
sostenere e organizzare le attività di prevenzione primaria e secondaria con
interventi mirati e considerando la funzione di prevenzione come risorsa strategica
per la gestione globale delle patologie cardiologiche.
La Unità Operativa di Cardiologia ha implementato sul territorio la diffusione dei dati emersi
la Campagna Educazionale Regionale di sensibilizzazione per medici condotta dalla
Sezione Toscana dell’Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO), dai
quali è emerso che nell’ASL 2 esiste un quadro di alto rischio cardiovascolare in un
cittadino ogni tre residenti che hanno più di due fattori di rischio:
Abitudine al fumo:
Inattività fisica:
Soprappeso:
Obesità:
Uomini
Uomini
Uomini
Uomini
50.000
54.000
80.000
17.000
Donne 35.000
Donne 74.000
Donne 58.000
Donne 19.000
Questi dati inevitabilmente devono indurre una più appropriata prescrizione di farmaci come
le statine.
Rilievo infarti e consumo antipertensivi e statine (ASL 2 Lucca)
Consumo antipertensivi: Uomini 23.267
Donne 28.601
Statine:
Dosi unitarie prescritte 4.121.135
Totale infarti anno 2006: Totale 678 (tasso per 100.000 ab 467,7, media regionale 421,0).
Si segnala che la mortalita’ per infarto della Cardiologia di Lucca è inferiore alla media
regionale (7.47% Cardiologia Lucca VS 10.5% media regionale ospedaliera).
Conclusioni:
• Emerge una rilevante presenza della patologia cardiovascolare
• La Cardiologia di Lucca è in grado di monitorare sufficientemente e bene le Malattie
cardiovascolari.
• Esiste una scarsa conoscenza della distribuzione dei principali fattori di rischio nella
nostra realtà
• La Cardiologia di Lucca resta l’unico centro accreditato a livello aziendale per fare
riabilitazione cardiologica e per divulgare in modo organico e programmato attività di
prevenzione cardiovascolare primaria e secondaria
Zona Valle del Serchio
Obiettivi
Copertura dei bisogni di salute in ambito cardiologico, sia in elezione che in urgenza, per la
popolazione della Valle del Serchio.
Azioni
Attività di cura e assistenza per degenza sia in elezione che in urgenza in reparto presso lo
stabilimento di Castelnuovo. Attività di consulenza in P.S. per le urgenze presso il DEU di
Castelnuovo. Attività ambulatoriale cardiologica presso le seguenti strutture:
213
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
• Stabilimento Ospedaliero di Castelnuovo
• Stabilimento Ospedaliero di Barga
• Strutture ambulatori territoriali di Borgo a Mozzano, Fornoli e Piazza al Serchio
(solo prestazioni di 1° livello)
Risultati
Ambulatorio Cardiologico
2007
17.255
682
5.823
2008
20.779
779
2.418
2007
2008
550
534
5.8 gg
74.1%.
141 ricoveri (24%)
81
Totale:
497
475
5.8gg.
65.2%
Visite cardiologiche per esterni residenti
Visite cardiologiche per esterni non residenti
Consulenze al DEU e reparti
Attivita’ Assistenziale in Reparto
Reparto UTIC/postUTIC
Ricoveri ordinari/urgenti
di cui residenti
degenza media
tasso di occupazione posti letto
“sindrome coronaria acuta".
pazienti inviati per
Emodinamica di Lucca
Cateterismo Cardiaco
Emodinamica di Pisa
/Coronarografia
Ricoveri Osservazionali
Impianti Pacemaker definitivi
PM tradizionali
Defibrillatori impiantabili (ICD)
PM biventricolari con associata funzione ICD.
134
225
105
Totale:
191
86
161
175
71
6
1
62
8
3
Attivita’ Riabilitazione di II^ Fase
Programma Riabilitativo Ambulatoriale Ospedale di Barga
5.3.6
2007
85
2008
89
Organizzazione dei servizi alcologici
Nella Zona Piana di Lucca e nella Zona Valle del Serchio sono attivi due Servizi
Interdipartimentali di Alcologia, nei quali operano due equipes multidisciplinari, formate da
personale appartenente a diverse strutture organizzative territoriali ed ospedaliere, in
collegamento con i medici di medicina generale, il privato sociale, le forze del volontariato e
i gruppi di auto-aiuto (Club Alcolisti in Trattamento, Alcolisti Anonimi).
Nel 2008 è proseguita l’attività di consulenza del Servizio di Alcologia della Zona Piana di
Lucca presso i reparti del Presidio Ospedaliero di Lucca.
In particolare è in atto da diversi anni una fattiva collaborazione con l’U.O. di
Gastroenterologia, presso la quale vengono inviati gli utenti che necessitano di una
disintossicazione e di trattamento internistico delle Patologie Alcolcorrelate in regime di
ricovero e in regime di Day Hospital.
214
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Quest’anno i ricoveri in regime ospedaliero sono diminuiti a favore degli interventi
programmati in regime di Day Hospital che hanno durata media di 10 giorni.
Inoltre gli utenti alcoldipendenti e/o con patologie alcolcorrelate vengono inviati presso
l’Ambulatorio di Gastroenterologia per monitorarne le condizioni cliniche dopo la dimissione
e per valutare la patologia internistica dei nuovi utenti che accedono al SerT con un
percorso assistenziale che permette di programmare ed eseguire le visite specialistiche
entro 15 giorni dalla richiesta.
E’ stato possibile implementare, per il servizio di alcologia del SerT Zona-Distretto Piana di
Lucca, l’attività clinica diagnostico-terapeutica in favore degli utenti alcolisti con comorbilità
psichiatrica grazie ad un progetto specifico che ha previsto l’intervento di uno psichiatra a
convenzione per 20 ore/settimana dal mese di dicembre.
Nell’attuale organizzazione dei SerT è previsto che, oltre al personale assegnato a tempo
parziale ai Servizi di Alcologia, anche altri operatori forniscano prestazioni a favore dei casi
con problematiche alcol-correlate nelle diverse aree di intervento, in particolare nella Casa
Circondariale e nelle Comunità Terapeutiche.
E’ proseguita l’attività di prevenzione dell’abuso di alcol sia in ambito scolastico che in altri
ambiti territoriali in stretta collaborazione con l’U.O. Educazione alla Salute, anche
nell’ambito del progetto HPH “Ospedali liberi da alcol” e il Dipartimento di Prevenzione.
5.4
IL PIANO SANGUE E PLASMA
Obiettivi di riferimento:
a. obiettivi generali e specifici dell’autosufficienza di sangue e plasma;
b. promozione della donazione, in collaborazione con le Associazioni Donatori
ed in relazione alle loro politiche di attività;
c. perseguimento di elevati livelli di sicurezza degli emocomponenti e
plasmaderivati;
d. attuazione del percorso assistenziale del donatore e del ricevente;
e. mantenimento della certificazione di conformità del Sistema di Gestione per la
Qualità alla Norma UNI EN ISO 9001:2000, nell’ambito del Dipartimento di
Diagnostica - Area di Laboratorio;
f. valorizzazione del Comitato aziendale per il buon uso del sangue, mirata a
standardizzare i consumi trasfusionali su livelli di comprovata appropriatezza,
in ambito medico e chirurgico;
g. adeguamenti strutturali.
La pianificazione delle attività delle Strutture Trasfusionali dell’Azienda per il triennio 20082010 ha fatto riferimento al PSR 2008-2010, Cap. 5.6.1.4 “Il Piano Sangue”, nonché, per
l’anno 2008, all’atto di programmazione regionale: Deliberazione della Giunta Regionale
Toscana n. 195/2008 - “Programma d’azione 2008 per il Sistema Trasfusionale Toscano”.
Oltre alle strutture e funzioni aziendali, gli attori del processo di programmazione sono le
Associazioni dei Donatori di Sangue, il Centro Regionale Sangue (CRS), e l’Industria
convenzionata per la produzione di plasmaderivati, anche in relazione agli obiettivi
strategici sovra-aziendali posti a base della mission dei Servizi di Medicina Trasfusionale
dalla programmazione nazionale e regionale.
215
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale
(Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale di Lucca e Sezioni Trasfusionali di
Castelnuovo di Garfagnana e Barga)
Risultati anno 2008
Obiettivi
Strumenti attuativi
Risultati rilevati
1)
Autosufficienza
sangue
e
promozione
della
donazione
Consolidamento dell’organizzazione
della raccolta.
Partecipazione alla promozione della
donazione.
a) La produzione di globuli rossi
è risultata inferiore dello 0,5%
rispetto agli obiettivi posti dalla
DGR 195/2008, nonostante il
numero delle donazioni totali
abbia
fatto
registrare
un
incremento del 1,9%.
b) E’ stata mantenuta la totale
autosufficienza locale.
c) E’ stato mantenuto il livello di
compensazione attiva a favore
delle Aziende sanitarie carenti
della Regione
d) E’ stato apportato un
contributo all’ autosufficienza
nazionale
mediante
alcune
cessioni extra-regionali.
a) La produzione di plasma da
frazionamento e da aferesi è
risultata inferiore del 4.7
%
rispetto agli obiettivi posti dalla
DGR 195/2008, nonostante il
numero delle donazioni totali
abbia
fatto
registrare
un
incremento del 1,9%.
Consolidamento dell’organizzazione
2)
Autosufficienza della raccolta.
Partecipazione alla promozione della
plasma
donazione.
Sistematico frazionamento del 100%
di unità di sangue intero.
Rendere disponibili, mediamente,
70-80 sedute di plasmaferesi/aferesi
multicomponenti alla settimana, di
cui 40-44 presso il SIMT di Lucca e c) E’ stata mantenuta la totale
15-18 in ciascuna delle Sezioni.
autosufficienza locale di albumina
.
ed è stato reso totalmente
autosufficiente il sistema di
distribuzione
diretta
dei
concentrati di Fattore VIII antiemofilico plasmaderivato.
Indicatori e/o note.
N. unità di globuli rossi
prodotti
N. unità di emocomponenti
cedute ad altre Aziende
della Regione
N. unità di emocomponenti
cedute ad altre Aziende
extra-regionali.
Litri di plasma prodotti da
donazione di sangue intero
Litri di plasma da aferesi
prodotti
Nessun
acquisto
sul
mercato di albumina e
Fattore VIII plasmaderivato
Litri di plasma conferito
all’Industria
per
la
produzione
di
farmaci
plasmaderivati
d) E’ rimasto costante il livello di
conferimento
di
plasma
all’Industria per la produzione di
farmaci plasmaderivati.
esclusivo
a
donatori a) I donatori dell’anno 2008 sono Non sono state segnalate
3)
Sicurezza Ricorso
stati al 100% donatori periodici.
malattie trasmissibili post
sangue e suoi periodici.
Definizione procedurale dei criteri di
trasfusionali nel corso del
derivati
selezione del donatore mirati alla b) Le procedure di selezione 2008.
prevenzione
delle
malattie risultano conformi ai nuovi decreti
trasmissibili.
ministeriali (D.M. 03.03.2005),
Uniformare rigorosamente tutti i che recepiscono le pertinenti
processi
che
influenzano
la raccomandazioni comunitarie.
sicurezza degli emocomponenti alle
vigenti disposizioni di legge ed alle
specifiche
raccomandazioni
comunitarie.
V. anche successivo punto 5.
documentata
4)
Attuazione Definizione
del
percorso processo di donazione.
assistenziale
del donatore
del Le
prescrizioni
procedurali
relative al processo di donazione
sono inserite nel
Sistema di
gestione per la Qualità certificato
in conformità alla norma ISO
9001:2000, e sistematicamente
applicate.
216
Nota. La configurazione
procedurale è coordinata
all’interno del Sistema di
gestione per la Qualità di
Area e di Unità Operativa
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Obiettivi
Strumenti attuativi
Risultati rilevati
Indicatori e/o note.
5)
Attuazione
del
percorso
assistenziale
del ricevente
Definizione
documentata
del
processo
di
assegnazione
e
distribuzione degli emocomponenti in
osservanza
alle
linee
guida
ministeriali per il buon uso del
sangue e redazione di procedure
gestionali ed operative riferite al
monitoraggio
dell’appropriatezza
delle richieste trasfusionali, alla
determinazione della compatibilità
pre-trasfusionale, alla sicurezza delle
operazioni di assegnazione, alla
rilevazione degli eventi avversi della
trasfusione anche in relazione alle
basilari norme di emovigilanza.
Definizione delle strategie per
assicurare ai pazienti ricoverati ed
ambulatoriali livelli uniformi di terapia
trasfusionale, in particolare nelle
situazioni di emergenza e urgenza.
a) Le prescrizioni procedurali
relative al processo di donazione
sono inserite nel
Sistema di
gestione per la Qualità certificato
in conformità alla norma ISO
9001:2000, e sistematicamente
applicate.
N. richieste non conformi
rispetto alle linee guida per il
buon uso del sangue
approvate
a
livello
aziendale.
b) Il 100% delle richieste sono
valutate per l’appropriatezza, con
riferimento alle linee guida per il
buon uso del sangue approvate
dal Comitato Aziendale per il
Buon Uso del Sangue e alle
Raccomandazioni per il corretto
utilizzo di emocomponenti e
plasmaderivati emanate dal CRS.
Funzionamento del Comitato per il Si mantiene un equilibrato utilizzo
6)
dei globuli rossi.
Valorizzazione buon uso del sangue.
Permane un discreto utilizzo
del
Comitato
inappropriato di plasma fresco
aziendale per il
congelato e di albumina, per
buon uso del
quanto
con
trend
in
sangue
miglioramento.
7)
Certificazione
del Sistema di
gestione per la
Qualità
in
conformità alla
Norma UNI EN
ISO 9001:2000.
Dati
derivanti
dal
monitoraggio
dell’utilizzo
appropriato
degli
emocomponenti
e
plasmaderivati,
con
particolare riferimento al N.
richieste di plasma fresco
congelato non conformi al
protocollo aziendale.
Mantenimento della certificazione del Superamento
della
verifica Certificato
del
Sistema
Sistema di gestione per la Qualità in ispettiva per il rinnovo della Qualità
Cermet
N.
conformità alla Norma UNI EN ISO certificazione ISO 9001:2000 3810/SIT1-A.
9001:2000.
effettuata in data 15.09.08 da
parte
dell’Ente
certificatore
(Cermet).
L’attività della U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale comprende inoltre:
1. la selezione e la valutazione delle donazioni di staminali da cordone ombelicale
2. la selezione e la tipizzazione dei donatori di midollo osseo e cellule staminali
periferiche
In merito alla donazione di sangue da cordone ombelicale, la selezione della coppia e la
valutazione di idoneità, incluse le indagini sierologiche previste per legge, viene effettuata
dalla U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale. Le donazioni di sangue da
cordone ombelicale sono raccolte dalla U.O. Ginecologia e Ostetricia e dopo una ulteriore
valutazione di idoneità da parte della U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale,
sono inviate alla Banca del Cordone di Pisa che procede al bancaggio. Il follow up della
mamma e del bambino il cui cordone è stato bancato è, infine, di competenza della U.O.
Immunoematologia e Medicina Trasfusionale.
217
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Anno
Ospedale
Colloqui idoneità
Idoneità attestate
Donazioni effettuate
Donazioni inviate
Donazioni non inviate
Donazioni bancate
Follow-up effettuati
Lucca
97
88
47
46
7
8
13
2008
Barga
106
94
30
23
7
10
12
Totale
203
182
77
69
14
18
25
In merito all’attività di reclutamento dei donatori di midollo osseo si sta concludendo il
percorso per ottenere l’accreditamento EFI del laboratorio di tipizzazione HLA.
Anno 2008
Nuovi Donatori iscritti nel Registro
Attivazione II° Livello
Donatori usciti dal Registro per limiti di età
5.5
5.5.1
75
13
15
IL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA E URGENZA
Attività Centrale Operativa 118
Nel 2008 la centrale operativa 118, ha incrementato tutti i dati di attività connessi al
trasporto sanitario.
L’attività della Centrale Operativa 118 – Emergenza sanitaria territoriale
Alla centrale operativa 118 sono arrivate, nell’anno 2008 sulle linee registrate, circa
200.000 chiamate.
I servizi gestiti sono stati 61395 di cui:
• Soccorsi Primari 25322
• Soccorsi Secondari 5393
• Guardia Medica 9625
• Consulenze
12733
• Informazioni 2016
• Trasporti Prenotati 8800
• False/Scherzi 465
La ripartizione percentuale dei servizi gestiti è riportata nel grafico seguente.
218
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Classificazione
3,2%
14,3%
0,7%
41,2%
20,7%
8,7%
15,6%
Legenda: Soccorsi primari 41.2%; Soccorsi secondari 8,7%; Guardia Medica 15.6%;
Consulenze 20.7%; Informazioni 3.2%; Trasporti prenotati 14.3%; False/Scherzi 0,7 %.
Soccorsi primari e secondari
I soccorsi primari a cui è seguito l’invio di un mezzo di soccorso, sono stati 25.322
I pazienti soccorsi sono stati complessivamente 36.748
I codici di invio, in base alla presunta criticità della chiamata, sono stati:
- Codice Rosso (molto critico): 5606 pari al 22,1% del totale delle chiamate
- Codice Giallo (critico):
9816 pari al 38,7 % del totale delle chiamate
- Codice Verde (poco critico): 7257 pari al 28,6 % del totale delle chiamate
- Codice Bianco (non critico): 2643 pari al 7,7 % del totale delle chiamate
La ripartizione percentuale dei codici è riportata nel grafico sottostante.
7,7%
22,1%
28,6%
1
2
3
4
38,7%
I soccorsi secondari, per
complessivamente 5393.
trasferimenti
ad
219
altre
strutture
sanitarie
sono
stati
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Soccorsi primari - Punti di Emergenza Territoriale suddivisi per Associazione/Ente
Associazione/Ente
Croce Rossa Lucca
Soccorsi
2707
P
Croce Verde Lucca
3382
P
1109
188
989
254
1517
531
992
739
60
5
508
50
2526
23
7
48
11
107
791
103
13
1838
59 soccorsi primari
17 soccorsi secondari
B
B
Pc
Pc
Pc
P
P
P
Pc
Pc
Pc
Pc
P
B
B
B
B
B
B
B
B
P
Croce Verde di Ponte a Moriano
Croce Rossa Bagni di Lucca
Croce Verde di Porcari
Misericordia di Altopascio
Misericordia di Montecarlo
Misericordia di Barga
Misericordia di Borgo a Mozzano
Misericordia di Castelnuovo
Misericordia di Camporgiano
Misericordia di Gorfigliano
Misericordia di Piazza al Serchio
Misericordia di Sillano
Misericordia di Lucca
Misericordia di Vagli
Misericordia di Careggine
Misericordia di Gallicano
Misericordia di Corsagna
Misericordia di Marlia
Misericordia di Capannori
Misericordia di Massa Macinaia
Croce Rossa di Villa Basilica
Automedica Lucca
Elisoccorso
Legenda: P punto emergenza con medico - B punto emergenza - Pc punto d’emergenza gestito da più
associazioni
Esiti
La maggior parte dei trasporti, primari e secondari, si sono conclusi regolarmente (21.395),
i trasporti annullati sono stati una percentuale molto bassa (1.100), scanso/rifiuta ricovero
circa 2827. I pazienti deceduti sono stati 546.
Pazienti gestiti: Sesso e Fascia d’età
Globalmente i pazienti soccorsi sono stati 22.392,con una prevalenza per le femmine
(12.793) rispetto ai maschi (9.599).
La fascia d’età che più frequentemente è ricorsa al servizio 118 è stata quella oltre i 76 anni
(10.700 pazienti):
HOO = 0-14 anni
793
H15 = 15-60 anni
8280
H61 = 61-75 anni
4698
H76 = > 75 anni
11385
220
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Luogo d’intervento
I dati relativi al luogo dove è accaduto l’evento e quindi dove è stato inviato il soccorso,
dimostrano che le chiamate arrivano prevalentemente dalle abitazioni private,
secondariamente dalla strada:
- Casa
13338
- Strada
6999
- Impianti lavorativi
568
- Impianti sportivi
304
- Scuole
282
- Uffici ed Es.Pubbl.
2718
- Altri luoghi
1113
Ipotesi patologia prevalente
In base a quanto previsto dalla normativa nazionale, di seguito elenchiamo le principali
patologie che sono state gestite dal sistema d’emergenza 118.
C-1 Traumatica
C-2 Cardiocircolatoria
C-3 Respiratoria
C-4 Neurologica
C-5 Psichiatrica
C-6 Neoplastica
C-7 Intossicazione
C-8 Altra Patologia
C-9 Patologia Non Identificata
C-10 Etilista
8841
5479
2797
1183
251
130
194
5787
468
192
Motivo della Chiamata
I principali motivi per cui è stato richiesto l’intervento del 118 sono stati:
Aggressione
Allergia
Altro Trauma
Caduta
Difficoltà Respiratoria
Dolore Addominale
Dolore Arti Inf.
Dolore Arti Sup.
Dolore Dorsale
Dolore Toracico
Emergenze Ostetriche
Emorragia
Intossicazioni
Lesioni
Mal di testa
Perdita di coscienza
Sospetto Psichiatrico
Trauma Stradale
Ustioni
Malore
Morso animale
116
35
230
2364
2335
908
97
42
121
1415
84
245
106
116
111
1361
218
1590
17
3366
22
221
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Trasporti prenotati
Sono stati complessivamente 8.800 nel 2008. La CO 118 oltre a garantire l’organizzazione
dei viaggi ordinari prenotati, ha continuato la verifica insieme al personale amministrativo
della Zona Distretto della Valle del Serchio, per l’utilizzo appropriato delle ambulanze e la
corretta applicazione del regolamento dei trasporti sanitari creando nel frattempo un flusso
informativo relativo alle diverse tipologie dei trasporti, grazie anche alla connessione
informatica che è stata realizzata tra CO 118 e ufficio dei trasporti della zona/distretto della
Valle del Serchio.
2008
GENNAIO
DICEMBRE
Numero
Spesa
Viaggi Aziendali Az. Usl 2
Emergenza/Urgenza
Diagnostica e Trasferimenti Osp.
Dimissioni /Ammissioni Osp.
Territorio
Dializzati
Altri
Totale
Viaggi Zona Distretto Lucca
Emergenza/Urgenza
Diagnostica e Trasferimenti Osp.
Dimissioni /Ammissioni Osp.
Territorio
Dializzati
Altri
Totale
Viaggi Zona Distretto Valle del Serchio
Emergenza/Urgenza
Diagnostica e Trasferimenti Osp.
Dimissioni /Ammissioni Osp.
Territorio
Dializzati
Altri
Totale
Differenza
% Spesa
%
219 1% € 32.027,49
838 19% € 55.141,36
306 4% € 19.232,66
1.039 7% € 87.640,70
-1.182 -7% -€ 44.422,59
480 18% € 24.970,74
1.700 3% € 174.590,36
6%
16%
7%
10%
-5%
21%
6%
Numero
22.053
5.140
7.822
15.179
14.980
3.110
68.284
560.327,58
408.641,11
295.183,92
924.825,21
817.477,01
142.846,45
€ 3.149.301,28
16.501
1.827
6.342
9.239
9.832
1.994
45.735
388.585,13
158.117,20
228.685,77
474.014,59
535.468,06
89.882,40
€ 1.874.753,15
262
303
331
1.001
-797
486
1.586
2%
20%
6%
12%
-7%
32%
4%
€
€
€
€
-€
€
€
22.377,31
22.359,02
14.892,68
45.847,01
48.942,26
18.779,78
75.313,54
6%
16%
7%
11%
-8%
26%
4%
5.552
3.313
1.480
5.940
5.148
1.116
22.549
171.742,45
250.523,91
66.498,15
450.810,62
282.008,95
52.604,05
€ 1.274.188,13
-43
535
-25
38
-385
-6
114
-1%
19%
-2%
1%
-7%
-1%
1%
€ 9.650,18
€ 32.782,34
€ 4.339,98
€ 41.793,69
€ 4.519,67
€ 5.830,96
€ 98.916,82
6%
15%
7%
10%
2%
12%
8%
222
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Servizi effettuati, coordinati dalla CO 118 – emergenza e ordinari - divisi per associazioni:
Cvlucca
Cvcastelnuovo
Cvponte A Moriano
Cvporcari
Cv Guamo
Cri Bagni Di Lucca
Cri Lucca
Cri Villa Basilica
4797
960
1953
1212
11
626
4934
515
Misericordia Altopascio
Misericordiabarga
Misericordiaborgo
Misercamporgiano
Misercapannori
Misercareggine
Misercastelnuovo
Misercorsagna
Misergallicano
Misergiuncugnano
Misergorfigliano
Miserlucca
Misermarlia
Misermassamacinaia
Miserminucciano
Misermontecarlo
Miserpiazza
Misersillano
Miservagli
537
3291
1586
263
1820
21
2289
110
451
9
116
4115
455
386
0
3037
983
26
346
Ospedali di destinazione
L’ospedale di destinazione per tutti i tipi di trasporti è stato l’ospedale di Lucca 15.630.
Le altre destinazioni sono state:
Ospedale di destinazione
Ospedale di Castelnuovo
Ospedale di Barga
Ospedale della Versilia
Ospedale S.Chiara
Ospedale di Pescia
Ospedale di Cisanello
Ospedale Meyer
Ospedale di Massa
Ospedale di Pontedera
Ospedale di Carrara
Ospedale di Careggi
Ospedale di Livorno
Ospedale di Pistoia
CTO Firenze
Ospedale Empoli/Fucecchio
Numero accessi
4102
1499
44
217
174
93
38
32
8
5
9
125
3
4
7
223
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Attività medici Continuità Assistenziale
Il numero di accessi domiciliari continua a diminuire come è già stato evidenziato negli anni
precedenti. Infatti il numero complessivo per tutta la nostra ASL è stato complessivamente
di 9.625 di cui:
Postazioni
Accessi Domiciliari
Bagni di Lucca
603
Barga
Castelnuovo
Gallicano
600
564
240
Capannori
Lucca
Piazza al Serchio
1399
3240
449
Ponte a Moriano
1143
Altopascio
Coreglia
1405
212
Integrazione con eliambulanza regionale
Nell’anno 2008 l’elicottero è stato utilizzato 76 volte di cui 59 volte per soccorsi primari, 17
volte per soccorsi secondari (trasferimento tra presidi ospedalieri).
Come negli anni passati, l’elicottero è stato utilizzato prevalentemente nelle zone montane
o comunque con morfologia orografica complessa.
Sono stati completati i lavori per l’atterraggio notturno della piazzola ubicata a Pieve
Fosciana, operativa nel 2008
Potenziamento emergenza territoriale
La centrale operativa ha raggiunto due importanti obbiettivi al fine di garantire un percorso
territorio/ospedale adeguato e concordato tra le diverse figure professionali, per la gestione
dei pazienti con:
• Ictus ischemico.(protocollo rosso stroke)
• Sindrome coronarica acuta con ST sopraslivellato.
A tale proposito, oltre a collaborare alla realizzazione di protocolli di gestione con le diverse
unità operativa coinvolte (Pronto soccorso, cardiologia, neurologia, radiologia), si è
completata la rete per la trasmissione dei dati sanitari, in particolare ECG, SpO2, frequenza
cardiaca e pressione arteriosa.
Infatti ogni punto d’emergenza della nostra ASL 2 è dotata di un sistema di trasmissione
dati collegato con la centrale operativa 118, con le UTIC di Lucca e Castelnuovo e con la
CO 118 di Pistoia per quei pazienti della nostra azienda che possono afferire all’ospedale di
Pescia.
Per quanto riguarda il protocollo “Rosso Stoke” ci sono stati incontri con direttore dell’U.O.
neurologia ed è stato deciso di dare maggior attenzione ad alcuni quadri clinici “pitfall”
come le vertigini ed il drop attack.
I minimi cambiamenti apportati, sono stati indirizzati a garantire a tutti i cittadini della asl 2,
colpiti da stroke, la terapia fibrinolitica se indicata e assistenza ospedaliera qualificata.
224
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Gestione delle vie aeree : nuovi presidi
Nell’ambito del miglioramento delle capacità cliniche ed operative del personale sanitario,
l’impegno si è concentrato sulla gestione e controllo delle vie aeree difficili: paziente
traumatizzato o ambiente ostile. A tale scopo dopo una prima fase di studio è stato
introdotto il device nominato AIR TRAQ che permette facile laringoscopia attraverso un
visore esterno che ci rimanda l’immagine grazie ad un sistema di specchi incorporati nella
lama. Ciò permette di evitare l’esecuzione delle manovre di allineamento dei tre assi
(iperestensione del capo).
Uso CPAP
Già iniziato negli anni precedenti con il sistema Boussignac si è studiato un metodo per la
sua applicazione anche a pazienti con BPCO, grazie all’impiego di regolatori di FiO2 da
abbinare alla valvola di Boussignac.
PPS ed Automedica
Dal giugno 2008 abbiamo inoltre un PPS (Punto di Primo Soccorso) attivo 24/24 h presso il
presidio ospedaliero di Barga, ed un’auto medica (medico ed infermiere 118) sempre
presso il suddetto presidio ospedaliero, è inoltre attiva una seconda automedica su Lucca
che lavora 12/12 h nei giorni feriali.
Formazione e Aggiornamento
In base agli accordi con le associazioni del volontariato, anche quest’anno sono stati
organizzati corsi di BLSD rivolti ai volontari delle associazioni stesse con formazione di
circa 100 persone..
Gli infermieri della centrale operativa hanno partecipato, come formatori, ai corsi di BLS e
BLSD organizzati dall’U.O. Formazione del Personale per il personale medico e
infermieristico della nostra ASL.
Inoltre molti medici ed infermieri hanno partecipato al corso PBLS organizzato dalla nostra
ASL e tre operatori, 2 medici ed un infermiere sono diventati formatori.
Durante il 2008 i medici e gli infermieri dell’emergenza territoriale hanno partecipato
all’organizzazione e attuazione dei corsi di I e II livello per la formazione dei volontari delle
associazioni del volontariato.
Sono stati organizzati corsi interni per la gestione del paziente con cardiopatia ischemica e
per la gestione del paziente con Ictus e per il controllo delle vie aeree.
Medici e infermieri professionali hanno partecipato al corso di “Psicologia dell’emergenza”
organizzato dalla nostra ASL.
Inoltre si è tenuto a Lucca il corso di “Gestione della risposta telefonica”, tenuto dal dott.
Ghiselli del 118 di Torino, cui hanno partecipato tutti gli infermieri della C.O. e molti medici
che svolgono attività in C.O.
Sono stati organizzati anche 6 corsi di assistenza sanitaria rivolti ai marittimi.
La centrale operativa 118 ha partecipato, in concerto con le CO 118 di Empoli e Pistoia,
all’organizzazione del XI° Congresso Nazionale d’Emergenza-Urgenza tenutosi a Pistoia.
5.5.2
U.O. Medicina e Chirurgia d’Accettazione e Urgenza – PS Lucca
Dati di attività
Nell’anno 2008 gli accessi totali in urgenza all’Ospedale di Lucca sono stati 64.508.
225
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Si ricorda che una parte degli accessi in urgenza (2.796) sono stati gestiti con accesso
diretto all’U.O. di Pediatria per cui gli accessi accettati al Triage del PS sono stati 61.712.
Relativamente all’anno 2007 in cui gli accessi complessivi in urgenza totali erano stati
60.928 si è pertanto registrato un incremento del 5,8%.
Questo incremento si è verificato soprattutto per un aumento degli accessi classificati come
Codici a priorità intermedia (Verdi) e Elevata (Gialli e Rossi), sia in termini percentuali che
in termini assoluti (CV da 34% a35% CG e CR 15,8 a 19,7%).
La motivazione di questo trend in aumento è probabilmente duplice: da un lato la
popolazione sempre più anziana e gravata da multiple comorbidità va incontro, nell’arco
dell’anno, a ripetute acuzie; dall’altro è stato elaborato dalla Regione Toscana un criterio
unificato per l’attribuzione dei codici colore che è divenuto più “garantista” con la
conseguenza di spostare “in avanti” la codifica dei pazienti.
Nonostante l’aumento degli accessi il potere di filtro ai ricoveri è rimasto sostanzialemente
invariato, mostrando anzi un lieve miglioramento: sono infatti stati disposti 7.323 ricoveri
d’urgenza corrispondenti all’11,3% degli accessi totali al Triage e al 14,5% degli accessi
completamente gestiti in PS.
Attività di Osservazione
Dei pazienti totali quelli sottoposti ad Osservazione presso l’Area di Osservazione del PS
sono stati 4.713 con un ulteriore lieve incremento nel numero dei pazienti trattati: gli
indicatori di ricovero sono migliorati 80,75% di pazienti dimessi e 19,25% di ricoverati.
La casistica relativa ai pazienti osservati mostra una sempre maggiore complessità delle
patologie affrontate, a testimonianza del ruolo sempre maggiore che questa funzione
svolge nei confronti dell’utenza e del suo ruolo di filtro ai ricoveri.
Utilizzazione della Diagnostica per immagini
La tabella che segue evidenzia le richiesta effettuate dalla nostra U.O. negli ultimi 5 anni,
con dati stabili.
Questi valori, in numero assoluto, esprimono comunque una discreta riduzione rispetto al
trend in aumento degli ultimi anni, riduzione legata tra l’altro all’attivazione di una linea
guida elaborata con il Gruppo regionale del rischio clinico, sul trauma distrattivo del rachide
cervicale, fonte in passato di numerose richieste inappropriate di Rx tradizonali. D’altro
canto è aumentato il numero dei pazienti sottoposti a TC, come lecito attendersi dal
momento che gli attuali indirizzi vedono, rispetto al passato, questo mezzo diagnostico
indicato come prima scelta in molte patologie (Embolia polmonare, Politrauma severo ecc).
Anno
2008
2007
2006
2005
2004
Rx (n° assoluto)
25.584
27.203
27.633
25.463
25.463
TC (n°assoluto)
4.786
4.391
4.070
4.111
3.847
Anno
2008
2007
2006
2005
2004
Rx /accesso gestito in PS
0.50
0,56
0,5
0,5
0,5
TC/accesso gestito in PS
0.09
0,09
0.08
0,08
0,08
226
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Utilizzazione della Diagnostica di Laboratorio
La tabella seguente evidenzia le richieste effettuate negli ultimi 5 aa:
Anno
2008
2007
2006
2005
2004
Esami richiesti
104.251
92.468
76.502
71.599
59.536
N° esami / accessi
2
1,9
1,5
1,4
1,2
La tendenza ad un sempre piu’ elevato utilizzo della diagnostica di laboratorio è legato
sicuramente alla maggiore complessità della casistica trattata (aumento dei codici a mediaalta priorità) e alla necessità di garantire filtro ai ricoveri; sicuramente gioca un ruolo anche
l’atteggiamento “difensivo” che le crescenti problematiche medico–legali hanno fatto
assumere ai Medici in generale e ai Medici di PS in particolare; entrambi i fenomeni sono
già stati segnalati ma nessuno dei due ha trovato soluzione.
Nella spiegazione del dato, anche se in modo marginale, vanno considerate anche
problematiche tecniche di difficile soluzione per cui alcuni esami che compaiono nel dato
finale vengono a essere conteggiati due volte (campioni emolizzati, errori di inserimento
che non possono essere cancellati ecc).
Aspetti Strutturali e Organizzativi
La struttura del PS generale ha subito nello scorso anno notevoli cambiamenti, legati
all’attuazione della Delibera Regionale 140, che hanno portato ad un rimodellamento
dell’accoglienza al PS e al potenziamento di alcune funzioni ad esso correlate (Radiologia
d’urgenza).
La Sala d’attesa per pazienti deambulanti e accompagnatori è stata separata dalla Sala
d’attesa per pazienti barellati. La prima è stata notevolmente ampliata, riarredata e il livello
di comfort è stato potenziato. In tale Sala è disponibile H12 un OSS, adeguatamente
formato, con funzioni di accoglienza, informazione e sorveglianza sanitaria.
La Sala d’attesa per i pazienti barellati è stata ricavata in un ampio box prefabbricato che
può accogliere fino ad un massimo di 10-12 pazienti barellati e alcuni dei rispettivi
accompagnatori: tale area è utilizzata anche come attesa per pazienti già visitati da uno dei
Medici, quando debbano aspettare per essere chiamati a effettuare RX, TC, Eco, o
consulenze o debbano effettuare terapie di breve durata, fino alla definitiva rivalutazione da
parte di chi li ha in carico.
Questa area è controllata H24 da un OSS con le stesse funzioni di quello situato
all’esterno, anche se con una più spiccata attività di sanitaria e di assistenza.
Per quanto riguarda le aree interne lo studio del Capo Sala e dell’Amministrativo è stato
spostato in un box prefabbricato di volume più piccolo, con adiacente uno spazio da
dedicare a attività di accoglienza e comunicazione “delicate” (colloqui riservati con i
familiari, visite specialistiche Psichiatriche, comunicazione di eventi luttuosi ecc ).
Numerosi altri lavori di ammodernamento e riorganizzazione sono iniziati nel 2008 e
termineranno nel corso del 2009.
Da segnalare, anche se strutturalmente lo spazio è rimesto invariato, l’effettiva attivazione
H 24 della Radiologia d’Urgenza annessa al PS, attiva per quanto riguarda la Radiologia
tradizionale e l’Ecografia.
227
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Dotazione Tecnologica
È stata potenziata con l’acquisizione di un terzo ventilatore per la metodica di Ventilazione
non invasiva.
Personale
Nel corso del 2008 il numero dei Medici è rimasto invariato fino al settembre quando,
sempre attraverso i fondi della Delibera 140 è stata acquisita una nuova unità, per incarico.
Analogamente il personale infermieristico è stato aumentato di 2 Unità, permettendo, tra
l’altro, durante le ore diurne di poter disporre di un’Unità in più per effettuare il Triage;
soprattutto è aumentato il numero degli OSS per far fronte al notevole potenziamento
dell’attività di accoglienza e controllo, come più sopra delineato.
Formazione
Nel Dicembre si è conclusa nella nostra Area Vasta il terzo Corso Regionale di
Certificazione per Medici d’ Emergenza detto Corso Harvard: un Medico di questa U.O. ha
partecipato e superato con successo l’esame finale.
Altre iniziative di formazione locale (di U.O., Multidisciplinare o Aziendale) nel corso del
2008 sono state:
- Corso per la Gestione della Scheda Terapeutica Unica (Medici e infermieri)
- Corso sul Risk Management (Medici)
- La gestione della Trombosi Venosa Profonda (Medici)
- Corso per la gestione delle emergenze Cardiologiche in Sala Emergenza. (Infermieri)
- Retraining Corso gestione emergenze –urgenze traumatiche (Infermieri)
Rapporti con l’utenza (dati certificati dall’U.O. Comunicazione e Marketing)
Nel 2008 sono state registrate (dati U.O. Comunicazione e Marketing) 9 segnalazioni (dato
in netta riduzione) per presunti disservizi o incidenti sanitari così suddivise a seconda degli
aspetti preminenti:
• n. 3 segnalazioni come aspetto tecnico professionale (n.3 presunti errori diagnosticoterapeutici)
• n. 1 segnalazioni come aspetto burocratico/amministrativo e organizzativo (n. 1
ticket)
• n. 1 segnalazioni come aspetto informazioni (n. 1 di tipo sanitario relativa al
consenso informato
• n. 4 segnalazioni come aspetto relazionale (n. 3 rapporti con il personale Medico, 1
con il personale infermieristico)
Al di là delle problematiche attinenti aspetti professionali, si sono analizzati in particolare gli
aspetti relativi alla umanizzazione, informazione e comunicazione, coinvolgendo ogni volta
l’operatore interessato nel percorso di revisione e rivalutazione dell’evento.
Gestione del rischio clinico
È stata formalizzata l’incarico di facilitatore relativamente alle problematiche di rischio
clinico per uno dei Medici della U.O.
Durante l’anno sono stati effettuati incontri di Audit e Mortality&Morbidity Review, per
comprendere e correggere eventuali problematiche di tipo organizzativo o professionale al
fine di ridurre il rischio clinico.
È stato attivato il controllo di conformità delle cartelle cliniche prodotte e completata la
stesura dei modelli per raccogliere il consenso informato per le procedure invasive in PS.
Sono state riviste e precisate alcune procedure gestionali di tipo organizzativo e clinico.
228
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Indicatori di attività previsti dalla delibera regionale 140/2008
La DRT 140/2008 prevede il rispetto di alcuni indicatori relativi a tempi di attesa e di
processo.
Tempo di attesa pazienti con Codice Verde: obiettivo: 1 ora
Risultati 2008
entro 1 h:
78,0%
tra 1-2 h:
16,4%
oltre 2 h:
0,6%
Tempi di permanenza per pazienti dimessi al termine degli accertamenti:
(obiettivo per tutti i Codici: max 4 ore)
Risultati 2008
entro 4 h:
92%
tra 4 e 6 h:
7%
oltre 6 h:
1%
Conclusioni
I dati sopraelencati attestano la stabilità dei risultati di questa U.O. in termini di efficacia ed
efficienza relativamente ai bisogni di risposta dell’utenza, nel rispetto dell’appropriatezza
delle prestazioni erogate e della “mission” ad essa assegnata.
L’aumento globale della domanda avvenuto a carico della patologia di maggiore impatto
professionale e organizzativo ha creato un riallineamento su livelli più elevati nell’uso delle
risorse e comporta, per le oggettive difficoltà che derivano dalla maggior complessità dei
casi, altrettanta difficoltà nel rispetto degli indicatori regionali collegati alla delibera 140.
5.5.3
Attività di Pronto Soccorso – PO Valle del Serchio
Globalmente nell’anno 2008, il PS della Valle del Serchio ha effettuato 16.210 prestazioni
sanitarie, con 2185 ricoveri e 1535 osservazioni, con un decremento, rispetto al 2007 di
680 accessi.
Dal 15 Giugno 2008, tuttavia, il Punto di Soccorso di Barga ha cessato di esistere come
emanazione del PS di Castelnuovo ed è stato trasformato in Punto DEU. Da quella data le
prestazioni effettuate in quella sede non compaiono più nel sistema informatico First Aid del
Pronto Soccorso e non sono quindi registrate come prestazioni di Pronto Soccorso VdS.
Dopo questo evento le prestazioni del Pronto Soccorso di Castelnuovo sono quindi
relativamente aumentate (complessivamente nel 2008 sono state 14.309, con un
incremento di 1702 prestazioni), e quelle di Barga diminuite (meno 2399 accessi).
Globalmente il tasso di ricovero è sceso nel 2008 dal 15% al 13,6% degli accessi.
I pazienti avviati in Osservazione del PS sono stati 857 con successivi 115 ricoveri e 46
trasferimenti in altre sedi. Il tasso di dimissione dall’osservazione è quindi salito al 81,3%.
Nel 2007 le Osservazioni effettuate dal PS erano state 410 ed avevano esitato nell’80% di
dimissioni dirette (332 dimissioni dal PS).
Nel 2008 sono state effettuate 937 prestazioni INAIL. Nel 2007 erano state effettuate 985
prestazioni.
I dati sono riferiti alle reali prestazioni urgenti di PS, in quanto i ricoveri programmati e DH
dal 2002 vengono effettuati come accettazioni amministrative a cura, comunque, degli
operatori di PS (nella totalità dei casi a Castelnuovo ed in parte a Barga).
229
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Per ciò che concerne la suddivisione per sede, la seguente tabella sintetizza i dati attuali
(2008) ed i dati degli anni precedenti (2007-2005):
Anno 2008
Sede
Castelnuovo
Barga
Accessi
14309
1884
% Ricoveri
13,6
12,4
Ricoveri
1949
233
Osservazioni
1383
152
Dimissioni
10977
1499
Anno 2007
Sede
Castelnuovo
Barga
Accessi
12607
4283
% Ricoveri
14,8
15,3
Ricoveri
1868
657
Osservazioni
1104
179
Dimissioni
9500
3316
Anno 2006
Sede
Castelnuovo
Barga
Accessi
12956
4851
% Ricoveri
14,8
13,5
Ricoveri
1917
657
Osservazioni
874
178
Dimissioni
9665
3758
Anno 2005
Sede
Accessi
% Ricoveri
Ricoveri
Osservazioni
Dimissioni
Castelnuovo
12399
15,6
1941
621
9837
Barga
4674
15,1
707
209
3758
Le richieste di visite specialistiche nel 2008 sono state globalmente 5142 (6285 nel 2007,
meno 1143) che, rapportate agli accessi (richieste di visita specialistica/accessi) sono
diminuite, sul valore di 0,31 (0,37 l’anno precedente).
Per ciò che concerne i consumi di laboratorio e di radiologia, in passato i dati estrapolabili
dal software precedentemente in uso permettevano solamente una stima generale (sul
primo semestre 2005) delle richieste di utilizzo della radiologia (senza riferirsi alle specifiche
proiezioni radiologiche) e del numero globale dei prelievi ematici fatti in PS).
Attualmente la stima è precisa essendo effettuata dal First Aid.
Nel 2007 sono state richieste 9644 prestazioni di radiologia tradizionale, 1135 TC e 1639
ecografie. I rapporti con gli accessi totali si collocano pertanto sui seguenti valori:
- Prestazioni di Radiologia tradizionale/accessi di PS: 0,57
- TC/accessi: 0,067
- Ecografie:/accessi: 0,096
Nel 2008 sono state richieste 1585 ecografie (- 54), 1246 TC e 8817 prestazioni di
radiologia tradizionale (-827).
- Prestazioni di Radiologia tradizionale/accessi di PS: 0,53
- TC/accessi: 0,077
- Ecografie:/accessi: 0,09
Gli esami di laboratorio effettuati nel 2008 sono stati complessivamente 45.379 con Area di
osservazione funzionante per 12 mesi
Gli esami di laboratorio effettuati nel 2007 erano stati complessivamente 42.654, ma con
area di osservazione attiva per 5 mesi.
230
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tempi di attesa utenti
I tempi di attesa dell’utenza per ottenere le prestazioni sono contenuti. L’80% dell’utenza ha
avuto accesso in PS entro 30 minuti. Solo il 4,8% ha atteso più di un’ora. Il tasso di
abbandono durante l’attesa è del 1,3%.
Situazione ambientale
Dal 2007 sono stati allestiti a Castelnuovo i locali per l’Area di Osservazione dotati di 4 posti
letto, di cui due monitorizzati. Dal Luglio del 2007 è funzionante l’area di osservazione cui
sono acceduti nel 2008 pazienti, con un tasso di dimissione dell’80%.
Dotazione tecnica
Gli spazi del PS di Castelnuovo sono stati adeguatamente attrezzati per poter assumere la
loro specifica funzione di sale di visita (medica e chirurgica) e sala di emergenza. Nel 2008
è stato acquisito un ventilatore Vela per Ventilazione invasiva e non, ed è stato
adeguatamente istruito il personale al suo uso.
In PS è disponibile un ecografo multifunzione con possibilità di effettuare in loco ecografie
d’urgenza, ecografie toraciche, ecocardiografie, ecografie vascolari con supporto
colordoppler e tutta l’ecografia interventistica d’urgenza.
I vari corsi effettuati, alcuni con certificazione Nazionale SIMEU, hanno adeguatamente
istruito all’ecografia d’urgenza tre medici del PS, che sono praticamente autonomi. Altri due
stanno effettuando il training necessario.
E’ stato acquisito un broncoscopio e un videolaringoscopio.
L’attività ecografica autonoma in PS nel 2008 ha prodotto 520 referti scritti su pazienti di
PS/Osservazione. A ciò vanno aggiunti un numero, non inferiore a 100, di ecografie (anche
interventistiche) a vario titolo effettuate per i reparti ospedalieri ed un numero di esami
ecografici superiore a 2-300, su pazienti di PS attuati da altri tre Medici di PS che hanno
raggiunto nel 2008 un addestramento ecografico accettabile.
Il totale si stima pertanto in oltre 1100 esami istituzionali, che hanno prodotto un evidente
alleggerimento dell’attività della Radiologia.
Il personale di PS è stato adeguatamente istruito alle funzioni di Triage. In sede di Triage
vengono correntemente impiegate metodiche di valutazione del dolore, nell’ambito delle
attività per l’”Ospedale senza dolore” .
Nel 2008 è stato implementato l’impiego della ventilazione non invasiva sia con ventilatore
meccanico Vela che con maschera e valvola di Boussignac, anche in Area Osservazione.
A tale scopo sono stati organizzati corsi specifici di addestramento.
Sia a Castelnuovo che a Barga sono state predisposte le scorte di materiale, dotazioni
tecniche e farmaci per affrontare situazioni di elevato afflusso di feriti in PS.
Analogamente sono disponibili le dotazioni sanitarie per affrontare, attraverso la squadra di
soccorso del PS, le urgenze intraospedaliere.
A Castelnuovo è attivo il sistema informatico First Aid
Aggiornamento
Nell’anno 2008 hanno avuto luogo presso il PS Val di Serchio le seguenti attività di
aggiornamento:
• Sedute di aggiornamento sul rischio clinico
• Formazione di facilitatori del rischio clinico
• Incontri di Aggiornamento per il personale Infermieristico
• Corso di Triage per alcuni operatori IP
• Stesura di linee guida sull’Area di Osservazione e sul Triage
• Corso di Ecografia Infermieristica per gli accessi venosi difficili, e valutazione pelvica
con cateterismo vescicale.
231
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
•
•
•
•
Partecipazione di personale del PS come docenti e come osservatori a corsi presso
altre ASL (Roma) come preparazione all’istituzione della Scuola Nazionale di
Ecografia presso il PS di Castelnuovo (deliberata dalla SIMEU in Aprile 2007)
Collaborazione di aggiornamento e ricerca con il DEU del Policlinico Gemelli (UCSC)
di Roma, con l’Ospedale Niguarda di Milano e con l’Area di Emergenza
dell’Ospedale di Tolmezzo (UD), con la Medicina d’Urgenza di Pinerolo, con la
Fisiopatologia Respiratoria del Gemelli di Roma.
Collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze nell’ambito del progetto
Medicina d’Urgenza della Regione Toscana.
Corsi base e monotematici della SIMEU con valenza nazionale
Rapporti con l’utenza
Nonostante la quota significativa di inappropriatezza degli accessi, i rapporti con l’utenza
sono soddisfacenti.
Nell’anno 2008 non si sono registrate segnalazioni di presunti disservizi in cui sia stata
evidenziata una responsabilità diretta del PS
Controlli di qualità
E' in atto, dall'inizio del 2002, un monitoraggio dei rientri precoci (entro i 10 giorni
successivi) dei pazienti che vengono dimessi dai PS.
Tale indagine ha la finalità di selezionare i motivi di prestazioni ripetute sullo stesso
paziente per l'identificazione di possibili lacune assistenziali dell'accesso primario.
L'analisi di questi dati permette di revisionare criticamente, ed eventualmente modificare, gli
iter diagnostico terapeutici del Servizio.
Tutti i codici rossi che accedono in PS vengono singolarmente analizzati.
Conclusioni
I dati sopra esposti confermano una lieve diminuzione delle prestazioni globali in PS
rispetto all’anno precedente, ma un netto aumento delle prestazioni specifiche effettuate a
Castelnuovo (+ 1702), relative alla cessazione dell’attività del punto di soccorso di Barga
(nell’ultimo semestre 2008). Nel 2009 si prevede un incremento di utenza a Castelnuovo di
almeno 3000 unità.
E’ evidente anche un aumento della complessità delle stesse, soprattutto ai fini di una
migliore definizione diagnostica tesa verso ricoveri più contenuti, più selezionati ed
appropriati o attraverso osservazioni intensive brevi.
E' da rilevare ancora una quota di prestazioni improprie di PS che trovano la loro origine in
una tendenza diffusa a livello nazionale.
A fronte di ciò, si osserva una diminuzione dell’impiego di risorse relative a visite
specialistiche, di radiologia tradizionale e di ecografia, un incremento modesto delle risorse
TC e, più marcato, di esami di laboratorio. Questi ultimi dati trovano una parziale
giustificazione nell’apertura tutto l’anno dell’Area di Osservazione
Notevole è l’attività autonoma di diagnostica ecografica effettuata in PS (oltre 1000 esami,
comprendenti ecocardiografie, ecografie toracice e colordoppler).
Infine, i controlli di qualità che sono già in atto, mirano a mantenere a livelli accettabili la
"morbilità" del sistema ed a garantire rapporti ottimali con l'utenza.
E’ in atto una politica di educazione sanitaria continua e di fattiva collaborazione con
strutture di emergenza urgenza nazionali di rilievo.
232
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
5.6
LA RETE INTEGRATA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA
- Riorganizzazione dei servizi di assistenza riabilitativa (percorso assistenziale,
adeguamento rete dei servizi ospedalieri, riequilibrio dotazione posti per riabilitazione
residenziale e diurna extraospedaliera)
Specificamente, nel corso dell’anno 2008, sono stati perseguiti obiettivi che si identificano
con punti critici sostanziali:
1. una migliore definizione e conseguente adeguamento dei percorsi riabilitativi (in
particolare quello riguardante i pazienti ortopedici e quello riguardante i pazienti
affetti da sclerosi multipla).
2. Svisceramento del problema della continuazione del trattamento riabilitativo in
pazienti cosiddetti “cronici” (soprattutto pazienti neurologici). Tale problema potrebbe
essere coadiuvato nel trovare una soluzione dall’applicazione allargata della delibera
595 che prevede il percorso I (Attività Motoria Adattata) anche per soggetti neurolesi
centrali.
3. Concreta risposta di degenza riabilitativa per pazienti gravi (soprattutto neurolesi
centrali) in fase immediatamente post-acuta; tali pazienti non possono
temporaneamente essere sottoposti a trattamento riabilitativo in codice 56. La
risposta corretta è quella rappresentata dall’attivazione di RSA. Recentemente (RSA
di Altopascio) è stata inaugurata una struttura di tale tipo anche nella piana di Lucca.
L’offerta riabilitativa neuromotoria e neuropsicologica si esprime in attività di ricovero
ospedaliero intensivo ordinario, in attività medico specialistica ed in prestazioni riabilitative
svolte in forma ambulatoriale.
Il complesso delle attività è organizzato come rete integrata dei servizi riabilitativi e vede
coinvolti in equipe multidisciplinari i professionisti sanitari in relazione alle diverse patologie
da trattare. L’esigenza di rispondere alla crescente domanda della popolazione residente
sia in termini qualitativi che quantitativi ha reso necessario attrezzarsi per un’offerta
riabilitativa che preveda articolazioni operative territoriali in grado di favorire l’accesso degli
utenti. Proprio per questo, oltre alle prestazioni effettuate nei tre stabilimenti ospedalieri,
sono attivi, sul territorio aziendale, centri d’erogazione nella Zona Distretto di Lucca e centri
di erogazione nella Zona Distretto della Valle del Serchio per compensare le difficoltà
d’accesso indotte dalle caratteristiche geografiche che le sono proprie.
L’U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale (U.O.R.R.F.) svolge:
1. attività riabilitativa intensiva in regime di ricovero presso lo stabilimento di Barga sia
per patologie ortopediche che per patologie neurologiche che prevedono
l’interazione del fisiatra e del fisioterapista;
2. attività di riabilitazione neuropsicologica e della disfagia ad opera del neuropsicologo
e della logopedista;
3. attività di rieducazione vescicale ad opera dell’internista, dell’urologo e dell’infermiere
professionale;
4. attività di rieducazione alle ADL primarie, ad opera del fisiatra, del fisioterapista,
dell’operatore socio sanitario;
5. attività che sono dirette a soddisfare le esigenze dei residenti e dei pazienti
provenienti da altre aziende sanitarie.
233
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
La metodica utilizzata per la riabilitazione neuromotoria
“accorciamento muscolare e sollecitazione a trazione”.
è
quella
denominata
La Sezione Aggregata alla U.O.R.R.F. ospedaliera, senza posti letto, presente nel Presidio
Campo di Marte svolge compiti di consulenza fisiatrica e attività di rieducazione funzionale
mediante i fisioterapisti della U.O. Riabilitazione Funzionale (U.O.R.F.) di Lucca sui pazienti
ricoverati nei diversi reparti (ortopedia, medicine, neurologia, cardiologia, pneumologia,
rianimazione, ostetricia, pediatria e malattie infettive).
A questi si aggiungono la selezione dei pazienti per il trattamento in regime di degenza
presso la struttura di recupero e rieducazione funzionale di Barga, le visite ambulatoriali per
gli esterni a cui si affiancano prestazioni fisioterapiche ambulatoriali e le attività di
consulenza domiciliare sui pazienti non trasportabili.
Nel Centro Socio Sanitario di Fornaci di Barga la U.O.R.F. Valle del Serchio eroga attività
riabilitative ambulatoriali e domiciliari per i residenti nella zona, con proiezioni in alcuni
centri socio sanitari della Valle del Serchio e presso il Poliambulatorio annesso allo
stabilimento ospedaliero di Castelnuovo Garfagnana, per garantire la necessaria continuità
terapeutica anche ai dimessi dal reparto recupero e rieducazione funzionale di Barga.
La rete dei servizi territoriali di riabilitazione si completa con il Centro di San Leonardo in
Treponzio dove è garantita la continuità assistenziale ai pazienti dimessi da Barga, e
trattamenti ambulatoriali ai residenti nella Zona Distretto di Lucca, comprese le prestazioni
di terapia fisica qualora siano previste nei pacchetti relativi alla delibera regionale 595.
Le forme d’accesso al servizio di riabilitazione ambulatoriale avviene previa visita fisiatrica
richiesta dal Medico di Medicina Generale, prenotabile attraverso il Centro unico
prenotazioni, mentre i pazienti ricoverati nei reparti per acuti accedono al servizio mediante
la consulenza fisiatrica che elabora insieme al fisioterapista il programma riabilitativo
individuale.
L’accesso può anche avvenire direttamente senza il filtro della visita Fisiatrica su richiesta
di prestazioni riabilitative da parte del Medico di Medicina Generale o di altri specialisti
come previsto dalla delibera regionale 595.
Oltre alle attività di riabilitazione sopra citate, sono erogate, all’interno del presidio
ospedaliero di Lucca, prestazioni riabilitative logopediche in ORL per i disturbi della voce e
di deglutizione, riabilitazione di tipo vestibolare e, nell’U.O. Oculistica, riabilitazione dei
disturbi visivi. In tale ambito i tecnici della riabilitazione collaborano con il medico specialista
alla definizione della diagnosi dei disturbi audiofonologici visivi e dei disturbi dell'attenzione
e della memoria.
Prosegue l’attività di screening per la prevenzione dei disturbi visivi in età precoce, in
ambito delle attività sanitarie di comunità in collaborazione con le direzioni didattiche di
Lucca e della Valle del Serchio, e un’attività di follow-up per bambini nati a rischio sui casi
seguiti dall’U.O. Pediatria.
Nell’anno 2005 è stato completato l’accreditamento istituzionale con il parere positivo
espresso dalla commissione Accreditamento riguardo al reparto di Barga (U.O. R.R.F.; S.A.
alla medesima U.O. R.R.F.; Riabilitazione cardiologia sia del presidio ospedaliero di Lucca
sia di quello di Barga; presidi ambulatoriali di Fornaci di Barga e San Leonardo in
Treponzio).
Risultati 2008
L’attività di reparto ha interessato circa 300 pazienti.
234
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Il maggiore sforzo da parte dei professionisti ha permesso di dare risposta alle patologie più
gravi riguardanti prevalentemente pazienti affetti da patologie neurologiche centrali (ictus,
emorragie celebrali) sia in fase acuta che in pazienti stabilizzati, ma anche per le affezioni a
carico del sistema nervoso periferico.
In misura sempre crescente gli interventi riabilitativi in regime di ricovero riguardano pazienti
ortopedici operati di protesi d’anca e di ginocchio.
- Interventi assistenziali riabilitativi per l’età evolutiva e le disabilità neuropsichiche
Le terapie riabilitative in campo neuromotorio, logopedico e cognitivo per l’età evolutiva (018 anni) in regime ambulatoriale sono state erogate da parte del personale della
riabilitazione della U.F. di Salute Mentale dell’Infanzia e dell’ Adolescenza.
I casi in trattamento continuativo e/o ciclico sono stati 1036.
Nel dettaglio:
- 858 sono i pazienti che hanno ricevuto trattamenti logopedici o cognitivi
- 221 i pazienti sottoposti a trattamento neuromotorio
- 54 i pazienti con trattamenti di tipo psicoeducativo
Dei pazienti complessivi in riabilitazione, 97, affetti da patologie complesse, hanno usufruito
di più tipologie di trattamento nel corso dell’anno.
A tutti i casi è stato garantito l’apporto multiprofessionale integrato nella pianificazione
dell’intervento terapeutico-riabilitativo
5.7
ASSISTENZA PROTESICA
Nel corso dell’anno 2008, si è registrato a livello aziendale un aumento della spesa per
l’acquisto di protesi, ortesi ed ausili rispetto al 2007. L’incremento di spesa deriva, in gran
parte, per la Zona Distretto della Piana di Lucca dall’acquisizione di dispositivi di alto costo
come la sostituzione integrale di esoprotesi per impianti cocleari e per la Zona distretto
Valle del Serchio dall’acquisizione di un maggior numero di ausili di importo elevato tipo
standing e seggioloni polifunzionali, attrezzature finalizzate a consentire agli assistiti il
miglior recupero possibile delle funzioni lese.
Per quanto concerne il riutilizzo degli ausili, il risultato, in generale, è stato positivo in
entrambe le Zone Distretto, infatti, il numero degli ausili riciclati è aumentato come il
corrispondente dato concernente alla loro valorizzazione.
La spesa per la manutenzione dei presidi affidata alle ditte esterne è stata sostanzialmente
stabile rispetto al 2007, si denota una lieve maggiorazione della spesa nella Zona Distretto
Piana di Lucca ed una diminuzione nella Zona Distretto Valle del Serchio, dati che
stabilizzano, appunto, la situazione aziendale.
Nella Tabella 66 sono riportati i dati concernenti l’attività protesica erogata nel corso del
2007 e 2008, con i relativi raffronti.
235
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Tabella 66 - Attività Ufficio Ausili e Protesi – Confronto anni 2007-2008.
N° ausili acquistati
riciclabili
Spesa per ausili riciclabili acquistati -Iva
esclusa
N° dispositivi acquistati personalizzati
con accessori
Spesa per dispositivi personalizzati
acquistatiIva esclusa
N° interventi manut. - ditte esterne
Spese manut.ditte esterne - Iva esclusa
N° ausili riciclati
Valorizzazione ausili riciclati - Iva
esclusa
5.8
2007
2008
ZPL
1020
1494
VDS
ZPL
346
€ 592.964,00
601
€ 538.131,00
+255
- € 54.833,00
VDS
ZPL
€ 140.523,00
8501
€ 187.358,00
9644
+ € 46.835,00
+1143
VDS
ZPL
VDS
4442
€ 1.089.523,00
€ 526.666,00
5002
€ 1.237.515,00
€ 526.578,00
+560
+€ 147.992,00
-€
88,00
ZPL
VDS
ZPL
VDS
ZPL
VDS
ZPL
40
31
€ 12.544,00
€ 13.331,00
1166
1055
€ 383442,00
43
20
€ 15.355,00
€
9.518,00
1639
1089
€ 418.314,00
+3
-11
+ € 2.811,00
- € 3.813,00
+473
+34
+ € 34.872,00
VDS
€ 263.386,00
€
268.704,00
+ € 5.318,00
INTEGRAZIONE DELLE MEDICINE
INTERVENTI PER LA SALUTE
Confronto
2007-2008
+474
COMPLEMENTARI
NEGLI
I dati relativi all’attività clinica svolta dall’Ambulatorio nel periodo 1° gennaio – 31 dicembre
2008 sono illustrate nelle tabelle che seguono.
L’attività dell’ambulatorio si svolge in 2 mattine alla settimana, mercoledì e giovedì, dalle
ore 8.30 alle ore 13.30 mentre l’Ambulatorio di omeopatia per la donna è aperto il lunedì
dalle ore 9.30 alle ore 16.30.
Mentre per l’anno 2007, come nel 2006, l’attività del servizio era stata gestita attraverso la
convenzione con la Cooperativa del Consorzio So & Co, nel 2008 la convenzione con la
Cooperativa è stata conclusa nel mese di giugno. Il servizio è stato messo a concorso in
attuazione dell’applicazione regionale dell’ANC per la specialistica ambulatoriale.
E’ inoltre proseguita nel corso dell’anno l’attività del Centro di informazione sul farmaco
omeopatico e di farmacovigilanza, che consiste nella raccolta di telefonate degli utenti che
richiedono informazioni su dosaggi, modalità di assunzione, controindicazioni dei farmaci
omeopatici e le segnalazioni di eventuali reazioni avverse.
Come sempre l’impegno maggiore è stato il lavoro a livello regionale, a livello di
Assessorato che a livello di consiglio regionale, che ha portato all’approvazione della legge
regionale di regolamentazione dell’esercizio delle Medicine Complementari approvata nel
mese di febbraio dal Consiglio Regionale Toscano, nonché della definizione e poi
approvazione del suo protocollo applicativo, condiviso dall’Ordine dei medici e degli
odontoiatri regionale, nonchè dall’Ordine dei veterinari e da quello dei farmacisti.
Si è conclusa la partecipazione al progetto europeo COST E39 - Working Group e, infine, è
continuata l’attività del Tavolo interregionale Medicine Complementari presso la
236
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Commissione Salute che ha elaborato un documento per la regolamentazione a livello
nazionale della formazione in questo settore.
Come avvenuto nelle precedenti edizioni, l’Ambulatorio di Lucca ha partecipato a maggio
alla manifestazione "Terra Futura", Fortezza da Basso di Firenze la quinta edizione della
fiera internazionale sulle innovazioni per la sostenibilità ambientale e sociale.
In collaborazione con gli altri Centri regionali toscani di riferimento e la Commissione
regionale per le MnC sono stati prodotti 4 numeri del Notiziario regionale delle medicine
non convenzionali, MNC TOSCANA.
E’ stato organizzato il Seminario internazionale: “Innovazione e sviluppo in sanità:
l’integrazione delle medicina complementari e tradizionali nei Sistemi sanitari pubblici”
promosso dal Programma ART, UNOPS/UNDP e dalla Regione Toscana. Firenze 29-31
ottobre 2008, a cui hanno partecipato rappresentanti dei Ministeri della Salute e
Associazioni di Afganistán, Albania, Bolivia, Cile, Cuba, Ecuador, El Salvador, Gabón,
Guatemala, India, Irán, Líbano, Mali, Marocco, Mozambico, Pakistan, Rep. Dominicana,
Serbia, Siria, Sri Lanka, Sudáfrica e Venezuela.
L’attività dell’Ambulatorio e della Rete Toscana di Medicina Integrata sono stati presentati
in ottobre al 1st European Congress for Integrative Medicine, a Berlino, il 7-8 Novembre
2008, organizzato dall’Università Charitè di Berlino, a cui hanno partecipato rappresentati di
associazioni e società scientifiche di settore, dei produttori farmaceutici e delle associazioni
dei pazienti di tutti i paesi d’Europa.
Attività clinica dell’Ambulatorio di omeopatia per la donna
Dal novembre 2003 fino al 31 dicembre 2008 il totale delle pazienti visitate presso
l’Ambulatorio di omeopatia per la donna è stato di 804, di cui 138 nel 2008. Nell’ ultimo
anno le visite di controllo sono state 278, mentre sono 416 le visite effettuate
complessivamente nel 2008, con un’età media di 43 anni (da un minimo di 13 anni a un
massimo di 69 anni). La stragrande maggioranza delle pazienti (84.5%) proviene dalla
Provincia di Lucca, mentre il 15.5% anche da altre province e regioni.
Le patologie ginecologiche prese in esame con maggiore frequenza sono state: i disturbi
della menopausa: 47%, le irregolarità del ciclo mestruale: 19% e le infezioni croniche
vaginali: 12 %. Tra i problemi non ginecologici segnaliamo un 11.0% con problematiche
psicologiche (ansia, depressione, anoressia, attacchi di panico).
Dati relativi dell’Ambulatorio di omeopatia
Dal settembre 1998 fino al 31 dicembre 2006 il totale dei pazienti visitati per la prima volta,
cioè il numero complessivo dei nuovi pazienti, è stato di 2141.
I pazienti quindi complessivamente visitati presso l’Ambulatorio di omeopatia e
l’Ambulatorio di omeopatia per la donna della ASL 2 Lucca sono stati 2945.
Numero complessivo di visite realizzate nel periodo settembre 1998 – dicembre 2008
(circa 9 anni e 3 mesi di attività): 5613
Numero prime visite (settembre 1998 – dicembre 2007): 2141
Numero controlli (settembre 1998 – dicembre 2007): 3472
237
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Numero complessivo visite realizzate nel 11° anno di attività
(periodo gennaio-dicembre 2008): 645
Numero prime visite (gennaio 2007-dicembre 2008): 219
Numero controlli (gennaio 2007-dicembre 2008): 426
I pazienti sono stati in prevalenza di sesso femminile: 1393 (65%) mentre i pazienti di
sesso maschile sono 748 (35%) con età media di 33 anni (da un minimo di 3 mesi a un
massimo di 88 anni).
La stragrande maggioranza dei pazienti: 1675 (78.2%) proviene dalla Provincia di Lucca,
464 (21.8%) invece da altre province e regioni.
Avevano utilizzato la terapia convenzionale per il trattamento delle patologie in atto al
momento della visita 1470 pazienti, cioè il 68.7%.
La maggioranza dei pazienti 1515 (70.7%) in precedenza non era mai ricorsa all'omeopatia
per la cura dei propri disturbi. Invece hanno dichiarato di aver già utilizzato una terapia
omeopatica in precedenza 620 dei pazienti (29.3%) totali.
I pazienti dell'Ambulatorio omeopatico di Lucca sono in prevalenza studenti (19.9%),
impiegati (18.6%), e pensionati (8.3%). Una buona percentuale è rappresentata da
insegnanti: 6.8%, casalinghe: 6.0%, e personale sanitario: 5.9%, composto soprattutto da
infermieri e medici dell'ospedale stesso.
Le patologie prevalenti oggetto di terapia omeopatica presso l'Ambulatorio di Lucca sono
anche quelle per le quali si hanno in letteratura più evidenze scientifiche di efficacia del
trattamento, cioè le patologie: respiratorie 29.5%; dermatologiche 15.4%; gastrointestinali
13.2%; psicologiche 11.8%.
Le patologie prese in esame con maggiore frequenza sono state:
• disturbi derivanti da sindrome ansioso depressiva, 165 casi, 7.7% delle
psicopatologie;
• delle forme respiratorie come l'asma allergica, 105 (4.9%) casi, bronchiale 58 (2.7%)
soprattutto le rinocongiuntiviti allergiche 163 (7.6%).
• casi pediatrici con infezioni acute respiratorie recidivanti: 143 (6.7%), tonsilliti, 50
(2.3%) e otiti ricorrenti 38 (1.8%).
• dermatite: atopica 118 (5,5%)e allergica 26 (1,2%).
• patologie del tratto digestivo: sindrome da intestino irritabile 119 casi (5.6 %), gastrite
65 (3.0%).
Follow up dei pazienti
Sono stati considerati i pazienti affetti da patologie croniche e/o recidivanti, che sono
ritornati per la visita di controllo dopo un intervallo di tempo minimo di 2 mesi.
Il totale dei pazienti presi in esame è quindi di 961 su 2141 visitati (44.9 %). Di questi 961
pazienti seguiti, 340 sono maschi (35.4%) e 621 sono femmine (64.6%)
Effetto della terapia
I pazienti sono stati catalogati a partire dalla diagnosi del principale disturbo per cui
venivano a consulto, e quindi è stata fatta una tabella di valori dell'eventuale miglioramento
ottenuto per quella sintomatologia dopo la terapia omeopatica, corrispondente alla
238
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
percentuale di miglioramento riferito dal paziente stesso in relazione all'entità del disturbo al
momento della prima visita, sul modello della Glasgow Homeopathic Outcome Scale.
Su 961 pazienti totali monitorati nel follow up (da settembre 1998 a dicembre 2008):
Peggioramento
= (-1) lieve
5 (0.5%)
Nessun miglioramento
= (0)
94 (9.8%)
Miglioramento del 20-30%
= (1) lieve
189 (19.7%)
Miglioramento del 40-50%
= (2) buono
198 (20.6%)
Miglioramento del 60-80%
= (3) importante 284 (29.5%)
Miglioramento dell'80-100%
= (4) risoluzione 191 (19.9%)
5.9
LA POLITICA DEL FARMACO
a) Progetto 2008 per la consegna diretta dei farmaci di proprietà dell’Azienda USL 2 in
“Distribuzione Per Conto – DPC” – in collaborazione con le Farmacie Territoriali
Convenzionate
L’ U.O. Farmaceutica Territoriale, in collaborazione con le strutture ospedaliere aziendali,
ha provveduto al controllo gestionale del buon andamento della DPC (distribuzione per
conto farmaci) su tutto il territorio aziendale, secondo l’accordo siglato tra ASL e
Associazioni sindacali farmacisti (Delibera DG 934 del 29/12/06, ”Adozione dell’accordo per
l’estensione della distribuzione diretta dei medicinali, di cui all’all.2 del DM 22/12/2000 ed
all’allegato B della delibera GRT n 135/2002, alle farmacie convenzionate siglato tra
Azienda USL n.2 di Lucca Federfarma e Cispel “.
Il progetto prevede una “Commissione Valutazione Accordo” istituita con Del. N 408/2007,
per il monitoraggio del sistema.
Nel complesso l’attivazione del nuovo sistema distributivo ha permesso di raggiungere gli
obiettivi prefissati di contenimento della spesa farmaceutica territoriale, consentendo al
cittadino la massima capillarità per l’accesso all’assistenza farmaceutica, unitamente
all’acquisto da parte dell’ASL 2 dei farmaci alle condizioni previste dalla legge.
b) Progetto 2008 per la distribuzione dei prodotti di assistenza integrativa tramite le
farmacie pubbliche e private.
In base all’accordo di cui alla Delibera del Direttore Generale ASL 2 n. 106 del 5/3/07
”Recepimento dell’accordo per la distribuzione diretta dei prodotti per assistenza integrativa
attraverso le farmacie pubbliche e private siglato tra ASL 2 Lucca Federfarma e Cispel”,
nell’anno 2007 è stato attivato il nuovo sistema di gestione assistenza integrativa.
Tale sistema prevede l’utilizzo di una piattaforma web (Webcare-Studiofarma) che
permette la gestione on-line delle autorizzazioni e delle consegne: gli assistiti infatti
attraverso questo nuovo sistema possono recarsi in una qualsiasi Farmacia del territorio
per prelevare la fornitura nelle quantità e con le modalità che preferiscono rispettando le
autorizzazioni definite dalla ASL. Il sistema permette di avere un controllo in tempo reale
dell’andamento dei consumi e della spesa.
c) Erogazione diretta farmaci - attraverso il ”Punto Farmaceutico di Continuità” presso gli
Ospedali Campo di Marte di Lucca e S.Croce di Cast. Garfagnana.
Il progetto di erogazione diretta dei farmaci ad alto costo, iniziato in regime di Day Hospital
o somministrazione ambulatoriale (Delibere G.R. 931/97 e 1440/97) nel giugno 1998, e
239
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
successivamente convertito nel progetto di erogazione diretta dei farmaci con nota 37, è
stato continuato come erogazione diretta dei farmaci di cui al PHT (Prontuario Ospedale
Territorio) e dei farmaci di cui alla delib GR 135/02. Attualmente l’erogazione diretta
riguarda i farmaci a doppia via di distribuzione, i farmaci prescritti alla dimissione da
ricovero e visita ambulatoriale, ai pazienti in ADI, ADP e residenti in RSA.
Tale progetto coinvolge varie strutture e soggetti: i reparti ospedalieri, i distretti, la farmacia
ospedaliera, la farmaceutica territoriale, le RSA, i medici di medicina generale ed i pediatri
di libera scelta.
Il progetto assume un’importanza strategica per la nostra azienda in quanto permette di
ottenere un notevole risparmio di risorse economiche fornendo al tempo stesso un servizio
qualificato ai cittadini. Agli assistiti in dimissione o in cura presso le nostre strutture
ambulatoriali viene fornita una prestazione più completa, con l’immediata disponibilità dei
farmaci essenziali per il proseguimento della cura al domicilio.
Per gli assistiti che hanno difficoltà a recarsi presso le strutture di erogazione diretta è attivo
un servizio di consegna domiciliare, che viene gestito in collaborazione con le associazioni
di volontariato.
Con la Delibera G.R. N .424 del 12-06-2006, che istituisce il “Punto Farmaceutico di
Continuità”, le attività di distribuzione diretta aziendali vengono ad essere ricompresse
come parte integrante tra le attività farmaceutiche aziendali.
d) Valutazione dell’appropriatezza prescrittiva
- Richieste di singoli pazienti
Con la delibera GR n.493/01 si autorizzano le aziende USL ad erogare gratuitamente agli
assistiti che ne facciano richiesta farmaci non concedibili dal SSN, ma che si ritengono
necessari per la particolare situazione clinica, e che comportino una notevole spesa a
carico del cittadino, oltre a quanto già concesso dal SSN.
A seguito di tale delibera è stato istituito un apposito gruppo di lavoro aziendale,
denominato G.A.P. (Gruppo per l’Appropriatezza Prescrittiva), che è preposto all’analisi
delle domande per la verifica della concedibilità dei farmaci richiesti secondo i criteri della
delibera regionale.
- Controllo delle prescrizioni soggette a Piano Terapeutico (PT)
I Piani Terapeutici vengono registrati su apposito programma informatico e archiviati presso
la Farmaceutica Territoriale.
Le ricette spedite presso le farmacie convenzionate e contenenti farmaci soggetti a Piano
Terapeutico vengono identificate utilizzando il sistema ARGO, archiviate separatamente e
sottoposte a verifica attraverso l’incrocio con i dati dell’archivio dei PT
Le ricette che risultano mancanti del relativo PIANO vengono sottoposte alla verifica del
responsabile di Zona Distretto, per l’eventuale contestazione al medico prescrittore.
e) La farmacovigilanza su farmaci e vaccini
Le linee direttive nazionali in tema di farmacovigilanza prevedono la creazione di un ‘Centro
di farmacovigilanza’ in ciascuna azienda USL. In base alla del.Reg.n. 613/2004 e
1180/2005 è stato attivato un sistema regionale che prevede una struttura organizzata su
tre livelli (ASL - Area Vasta - Regione) che collaborano attivamente e adottano le
necessarie iniziative atte a promuovere le segnalazioni spontane.
Nella nostra azienda le funzioni di farmacovigilanza sono assegnate alla U.O. Farmaceutica
Territoriale, individuando come responsabile il direttore dell’U.O., che ha attualmente
l’accesso diretto alla rete telematica di sorveglianza nazionale per l’inoltro di tutte le
segnalazioni di reazione avversa che pervengono al centro.
240
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Nel 2008 sono stati condotti 3 corsi aziendali sulla farmacovigilanza per i MMG ed è
proseguita l’attività di informazione per i medici prescrittori e la sensibilizzazione degli stessi
alle problematiche della farmacovigilanza, anche attraverso l’aggiornamento costante del
Sito Intranet Farmaceutica- Sezione Farmacovigilanza.
f) La vigilanza sui Dispositivi medici (Decreti 42/93 e 46/97 Art.57 Finanziaria 2003 CUD)
DM 22/9/2005 E DM 15/11/2005
Presso la farmacia ospedaliera sono attivi i servizi di vigilanza sulle reazioni avverse da
Dispositivi Medici. La vigilanza si è attuata anche attraverso la partecipazione attiva alle
gare di area vasta, attraverso la stesura dei capitolati, l’attenta valutazione delle
caratteristiche dei prodotti e la scelta degli stessi.
g) Il contenimento della spesa farmaceutica convenzionata
Nel 2008 la farmaceutica territoriale ha collaborato alle iniziative intraprese dai responsabili
di zona-distretto per il contenimento e la qualificazione della spesa farmaceutica, attraverso
la predisposizione dei reports personalizzati per i medici di medicina generale, e di altre
tabelle descrittive dell’andamento della spesa, da utilizzare nell’ambito degli incontri con i
singoli medici e con i gruppi o Equipe Territoriale, a livello zonale e nell’ambito degli accordi
aziendali.
h) Il contenimento della spesa ospedaliera per farmaci e dispositivi medici
Nel 2008 la farmaceutica ospedaliera ha collaborato alle iniziative intraprese dalla direzione
del presidio ospedaliero per il contenimento e la qualificazione della spesa ospedaliera, alla
luce delle assegnazioni di budget ai singoli reparti.
i) Elaborazione del PTAV – NO
Nel 2008 è proseguita l’attività di aggiornamento del nuovo prontuario terapeutico di Area
Vasta a cura della Commissione Terapeutica di Area Vasta, a cui partecipano 3
rappresentati per ciascuna azienda USL. Il lavoro di revisione è finalizzato alla stesura di un
unico prontuario da adottare in tutti gli ospedali dell’area vasta che corrisponda a criteri di
efficacia e appropriatezza.
l) Sito Intranet Farmaceutica - programma TERAP
Il sito Intranet della Farmaceutica Aziendale viene costantemente aggiornato a cura della
U.O. Farmaceutica, e contiene informazioni utili per un uso più sicuro ed appropriato dei
farmaci e per la conoscenza puntuale e il rispetto delle norme di prescrizione.
Il Prontuario terapeutico di Area Vasta e il Repertorio dei farmaci disponibili alla dimissione
ospedaliera è stato messo a disposizione di tutti i medici dipendenti tramite la Intranet
Aziendale (Sito Farmaceutica) attraverso il programma TERAP.
TERAP è un sistema, consultabile sia nella versione Internet, sia nella versione Intranet
che permette di creare e mantenere aggiornato Prontuario Terapeutico Aziendale,
divulgandolo immediatamente sull'intera rete informativa Ospedaliera e Territoriale. I medici
possono ottenere le informazioni piu' aggiornate, per una corretta applicazione del PTO.
TERAP fornisce contemporaneamente, sia le informazioni amministrativo/istituzionali, sia
quelle derivate dagli studi di sperimentazione clinica, dedicando ampi spazi
documentaristici alla valutazione critica (Evidence Based Medicine) dei dati proposti da
questi ultimi.
241
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Il sistema contiene al suo interno tutto il prontuario nazionale (PTN), maggiormente
implementato e organizzato da uno staff di farmacisti, 343 schede di Educazione al
Paziente pronte per essere stampate e allegate alla lettera di dimissione, modificabili dal
medico curante.
TERAP e' dotato di un assistente auto-compilatore del MODULO ADR Ministeriale per la
segnalazione di sospetta reazione avversa da farmaco (ADR).
Terap permette di effettuare la prescrizione direttamente sul modulo di ricettazione SSN
attraverso la proposizione a video e la compilazione da parte del medico dei campi previsti
dal ricettario SSN. Qualora la prescrizione su ricettario SSN comprende due farmaci, il
sistema effettua automaticamente la verifica delle interazioni tra gli stessi e propone un
semaforo che identifica se esiste una interazione e quale sia il livello di gravità.
Nel sistema è presente una BACHECA, che si configura come un'area dedicata e riservata
alla divulgazione interna dei documenti istituzionali e amministrativi appartenenti all'azienda
USL.
242
Relazione Sanitaria – Sezione V: Le politiche di settore
_______________________________________________________________________________________
Allegato a
SCHEDA-PROGETTO CON I RISULTATI RAGGIUNTI
243
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
SEZIONE VI
CORREDO DOCUMENTALE
Tabella n. 1 - L'articolazione distrettuale: l'assetto a fine anno rispetto a quello
programmato nel PAL
Tabella n. 2 - I servizi ospedalieri in rete: andamento dei ricoveri
Tabella n. 3 - I servizi ospedalieri in rete: andamento dei ricoveri dei residenti per
tipologia di struttura e confronto con l'anno precedente
Tabella n. 4 - I servizi ospedalieri in rete: posti letto in esercizio
Tabella n. 5 - I servizi sanitari territoriali e il loro sviluppo: assistenza domiciliare
integrata, cure domiciliari, strutture e modalità assistenziali
innovative
Tabella n. 6 - La struttura della spesa per livelli di assistenza: anno 2002 e
confronto con l'anno precedente
Tabella n. 7 - La struttura della spesa per le convenzioni nazionali
Convenzioni mediche nazionali
Tabella n. 7/a - La struttura della spesa per i trasporti sanitari
Tabella n. 8 - Lo sviluppo della rete dei presidi: il patrimonio immobiliare,
interventi di nuova edificazione o di riorganizzazione
funzionale(interventi finanziati) - dato aziendale
Tabella n. 9 - Il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione di
riorganizzazione funzionale (interventi finanziati) - dato aziendale
Tabella n. 10 - Il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione di
riorganizzazione funzionale (interventi finanziati) - dato aziendale
Tabella n. 11 - Qualità aziendale: i progetti di miglioramento più significativi (max
5) portati a conclusione nell'anno
Tabella n. 12 - La comunicazione: Iniziative di comunicazione interna
Tabella n. 13 - La comunicazione: Iniziative di comunicazione esterna
Tabella n. 14 - La comunicazione: costi aziendali
Tabella n. 15 - La carta dei servizi: gli impegni dichiarati
Tabella n. 17 - La promozione della cultura della salute: dati di spesa
Tabella n. 18 - La formazione del personale: tematiche e ambiti formativi
dell'azienda
Tabella n. 19 - La formazione del personale: esperienze significative portate a
conclusione nell’anno
Tabella n. 20 - La formazione del personale: investimento aziendale
Tabella n. 21 - L’accreditamento: elenco dei presidi del “Programma
accreditamento” accreditati nell’anno di riferimento
ALLEGATO Tab. 21 - L’accreditamento
244
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
6.1 TABELLE:
Tabella n. 1 - L'articolazione distrettuale: l'assetto a fine anno rispetto a quello
programmato nel PAL.
ASSETTO
PROGRAMMATO
NEL PAL
DENOMINAZIONE DEL
DISTRETTO
Valle
Serchio
ASSETTO
ALLA FINE
DELL'ANNO
2008
COMUNI
DELL'AMBITO
DISTRETTUALE
Barga, Bagni di Lucca,
a
Mozzano,
del Borgo
Coreglia
Ant.lli,
Fabbriche di Vallico,
Camporgiano,
Careggine, Castelnuovo
di Garf.na, Castiglione di
Garf.na,
Fosciandora,
Gallicano, Giuncugnano ,
Minucciano, Molazzana ,
Piazza al Serchio, Pieve
Foswciana, S. Romano
in Garf.na, Sillano , Vagli
Sotto, Vergemoli, Villa
Collemandina
POPOLAZIONE DENOMINAZIONE
DEL DISTRETTO
Lucca
Pescaglia
Capannori
Porcari
Altopascio
Montecarlo
Villa Basilica
Lucca
59.315
Valle
Serchio
COMUNI
DELL'AMBITO
DISTRETTUALE
del
Barga, Bagni di Lucca,
Borgo
a
Mozzano,
Coreglia
Ant.lli,
Fabbriche di Vallico,
Camporgiano,
Careggine,
Castelnuovo di Garf.na,
Castiglione di Garf.na,
Fosciandora, Gallicano,
Giuncugnano
,
Minucciano, Molazzana
, Piazza al Serchio,
Pieve Foswciana, S.
Romano in Garf.na,
Sillano , Vagli Sotto,
Vergemoli,
Villa
Collemandina
Popolazione
Totale
245
POPOLAZIONE
167.058
59.315
226.373
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 2 - I servizi ospedalieri in rete: andamento dei ricoveri.
Anno 2008
Ricoveri per residenti
ovunque ricoverati
escluso STP
Ricoveri
presidi
nei
34.382
propri
Ricoveri per residenti
ricoverati nei propri
presidi
Ricoveri per non
residenti
23.396
Totale
26.680
3.284
Indici di efficienza relativi ai
propri presidi
Durata Tasso
di Indice
di
media occupazione rotazione
%
della
degenza
o
del
ciclo
Ricoveri per
Ciclo
7,6
80,8
38,8
acuti
continuo
18.176
Di cui
4,8
198,3
101,0
DH
8.179
Riabilitazione Ciclo
27,5
83,5
11,1
continuo
332
Di cui
DH
0
Grado di copertura del 68,0
fabbisogno interno
Indice di attrazione
12,3
N.B.: i ricoveri sono conteggiati indipendentemente dall’onere della degenza e dalla posizione a
compensazione; sono esclusi i neonati sani, i DH farmacologici, i ricoveri in strutture non convenzionate; le
giornate conteggiate sono quelle dei dimessi dei ricoveri filtrati secondo le direttive della regione Toscana.
246
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 3 - I servizi ospedalieri in rete: andamento dei ricoveri dei residenti per tipologia
di struttura e confronto con l'anno precedente.
Tasso di
ospedalizzazione
Anno precedente
N° ricoveri per
residenti
Funzioni di base
Funzioni regionali
Totale
Anno di
riferimento
N° ricoveri per
residenti
Funzioni di base
Funzioni regionali
Totale
USL
AO
PRIVATO ALTRO TOTALE
26.633
344
26.977
3.852
1.737
5.589
USL
AO
26.341
373
26.714
4.006
1.819
5.825
1.495
41
1.536
217
120
337
Anno 2007
146,7
10,2
156,9
32.197
2.242
34.439
PRIVATO ALTRO TOTALE
1.478
33
1.511
204
128
332
Anno 2008
145,9
10,7
156,6
32.029
2.353
34.382
Tabella n. 4 - I servizi ospedalieri in rete: posti letto in esercizio
Posti letto *
Presidi
di zona
medico
chirurgic medicina salute materno
o
e
mentale infantile TOTALE
cardiore traumato
spiratori
logia
o
Sport
ciclo D.H. ciclo D. ciclo D.H ciclo D.H ciclo D.H ciclo D.H.
conti
conti H. conti . conti . conti . conti
nuo
nuo
nuo
nuo
nuo
nuo
2 14 0 32
6 347 64
1) Lucca 141 37 152 19 8
2) Valle
del
Serchio
Totale
141
aziendal
e
37
152 19
8
2
14
0
32
6
Posti
letto
riabilitazione
attività
ordinaria
ciclo D.H
cont .
inuo
0
0
121
19
32
0
468
83
32
0
alta
specialità
ciclo D.H.
conti
nuo
(*) Posti letto al 31/12/2008 per dipartimento esclusi letti tecnici (dialisi, nido, pronto soccorso), sulla base del
nuovo assetto organizzativo
247
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 5 - I servizi sanitari territoriali e il loro sviluppo: assistenza domiciliare integrata,
cure domiciliari, strutture e modalità assistenziali innovative
Assistenza domiciliare
integrata
NUMERO PAZIENTI IN ADI (anno precedente)
2319
NUMERO PAZIENTI IN ADI (anno di riferimento)
1582*
OBIETTIVO DI FINE TRIENNIO
* di cui 154 pazienti seguiti come ADI di terzo livello dal medico palliativista). Non sono stati
conteggiati i casi relativi ai prelievi domiciliari che vengono in gran parte effettuati dal personale
delle associazioni di volontariato.
Cure domiciliari
ATTIVATE NEL
2008
N. PAZIENTI
TRATTATI
PAZIENTE ONCOLOGICO
374
374
PAZIENTE AFFETTO DA
AIDS
PAZIENTE TERMINALE
24
24
OBIETTIVO
PAZIENTI PER
ANNO
PAZIENTE AFFETTO DA
PATOLOGIE SOCIALI
Strutture e modalità assistenziali
innovative
POSTI TECNICI TRATTAMENTI CASI PER ANNO
PER ANNO
FORESTERIA
ALBERGO SANITARIO
OSPEDALE DI
COMUNITÀ
DIURNO PER
PRESTAZIONI
SPECIALISTICHE
OSPEDALIZZAZIONE
DOMICILIARE
248
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 6 - La struttura della spesa per livelli di assistenza: anno 2008 e confronto con
l'anno precedente.
Spesa anno 2008 per livelli di assistenza
Spesa in €
totali parziali
1 Prevenzione collettiva
2 Assistenza sanitaria territoriale
4,40%
-0,01%
204.865.886
204.865.886
53,43%
-0,80%
5,64%
-0,08%
2.2 Farmaceutica
61.227.816
2.3 Distrettuale
2.3.1 Attività distrettuali
2.3.2 Emergenza sanitaria territoriale
26.877.914
16.478.940
3.254.865
1.876.288
4,30%
0,02%
0,85%
-0,12%
0,49%
0,02%
15,97%
-0,01%
7,01%
-0,40%
4,50%
-0,29%
2,51%
-0,11%
2,20%
0,17%
0,91%
0,07%
0,60%
0,05%
0,59%
0,04%
0,10%
0,00%
2,81%
0,04%
2,81%
0,04%
0,00%
0,00%
14,40%
-0,34%
7,33%
-0,07%
7,07%
-0,27%
4,00%
0,01%
11.941.901
3,11%
0,06%
3.395.199
0,89%
-0,05%
0,93%
-0,03%
0,79%
-0,04%
0,14%
0,01%
0,46%
-0,15%
42,18%
0,80%
17.236.833
9.641.082
8.447.474
3.508.533
2.300.421
2.260.533
377.986
2.5 Assistenza ai non autosufficienti
2.5.1 Residenziale
2.5.2 Semiresidenziale
10.787.897
2.6 Specialistica
2.6.1 Specialistica
2.6.2 Diagnostica strumentale
55.210.147
2.7 Salute mentale
SPDC, semiresidenziale e
2.7.1
ambulatoriale
2.7.2 Residenziale
15.337.100
10.787.897
-
28.112.823
27.097.323
2.8 Dipendenze sert e alcolismo
2.8.1 Ambulatoriale
2.8.2 Residenziale
3.585.331
2.9 Hospice e ospedale di comunità
1.782.116
Totali
diff. % tra spesa anno 2007
e anno 2008 per i totali di
gruppo
16.862.695
21.610.093
3 Assistenza ospedaliera
3.1 Ricovero ospedaliero
3.2 Emergenza urgenza
% su totale
16.862.695
2.1 Assistenza sanitaria di base
2.1.1 Medicina generale
2.1.2 Pediatria di libera scelta
2.1.3 Attività di continuità assistenziale
2.4 Riabilitazione
2.4.1 Riabilitazione funzionale
2.4.2 Handicap
2.4.3 Assistenza protesica
2.4.4 Assistenza termale
totali di gruppo
3.029.537
555.794
161.732.902
161.732.902
153.985.644
7.747.258
383.461.483
383.461.483
249
40,16%
0,82%
2,02%
-0,02%
100,00%
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 7 -
La struttura della spesa per le convenzioni nazionali . Anno 2008.
Spesa in euro
Totali parziali
totali di gruppo
20.012.931
1. Medicina generale (ACN/MMG/03.05)
di cui -1.1. Medicina generale
16.535.218
-1.2. Medicina emergenza sanitaria territoriale
1.739.454
-1.3. Medicina continuità assistenziale
1.706.337
-1.4. Medicina dei servizi
31.922
3.937.972
2. Pediatria di libera scelta (ACN/PLS/12.05)
2.397.615,21
3. Specialistica ambulatoriale (ACN/2005)
26.348.518,21
TOTALE
Tabella n. 7/a - La struttura della spesa per i trasporti sanitari
Trasporti sanitari:
Totali parziali
totali di gruppo
Spesa in euro
Trasporti sanitari ordinari
2.588.973,70
Trasporti sanitari di emergenza
560.327,58
3.149.301,28
TOTALE
250
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 8 - Lo sviluppo della rete dei presidi: il patrimonio immobiliare, interventi di
nuova edificazione o di riorganizzazione funzionale (interventi finanziati) - dato aziendale
Settore di intervento
Flusso di spesa
previsto per il 2008
Ospedali
Spesa effettiva
2008
2.251.118,43
AIDS
Anziani
1.237.562,73
Disabili
Psichiatria
700.124,61
Poliambulatori
Distretti
436.998,51
Altro
5.470.535,59
Totale
10.096.329,85
Valori espressi in euro
NB:questa tabella contiene solo gli interventi appaltati per Nuove costruzioni e/o ristrutturazioni
251
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 9 - Il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione di riorganizzazione
funzionale (interventi finanziati) - dato aziendale
Edilizia ospedaliera:
Settore di intervento
Risorse finanziarie
previste per il 2008
Spesa effettiva 2008
Mantenimento strutture
1.506.244,60
Mantenimento impianti tecnologici
743.995,76
Acquisizione e manutenzione apparecchiature elettromedicali
Valori espressi in euro
di cui per "programma accreditamento":
interventi
Risorse finanziarie
previste per il 2008
(PAL/PAO)
Spesa effettiva 2008
NB: questa tabella contiene solo gli interventi di straordinaria manutenzione.
252
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 10 - Il patrimonio immobiliare, interventi di nuova edificazione di riorganizzazione
funzionale (interventi finanziati) - dato aziendale
Edilizia extraospedaliera:
Settore di intervento
Risorse finanziarie
previste per il 2008
Mantenimento strutture
Spesa effettiva 2008
3.045.789,62
Mantenimento impianti tecnologici
174.505,60
Acquisizione e manutenzione apparecchiature elettromedicali
di cui per "programma accreditamento":
interventi
Risorse finanziarie
previste per il 2008
(PAL/PAO)
Valori espressi in euro
NB: questa tabella contiene solo gli interventi di straordinaria manutenzione.
253
Spesa effettiva 2008
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale – Tabelle
______________________________________________________________________________________
Tabella n. 11 - Qualità aziendale: i progetti di miglioramento più significativi (max 5) portati a conclusione nell'anno
Descrizione
Obiettivo
Risultati raggiunti
Mantenimento Certificazione UNI EN ISO 9001:
dell’Area di Laboratorio e delle singole UU.OO. ( 2000 (numero di registrazione 3810 del 23/07/03)
U.O. Analisi Chimico Cliniche, U.O. Anatomia in seguito a Verifica Ispettiva Esterna dell’Ente di
Certificazione Cermet effettuata a Settembre
Patologica, U.O. Biochimica Clinica, U.O.
.
Immunoematologia e Medicina Trasfusionale) 2008.
1) Certificazione UNI EN ISO 9001: 2000
2) Accreditamento Regionale attività
del Coordinamento
Tessuti
Donazione
Organi
Miglioramento continuo dell’attività nell’Area di Laboratorio con
monitoraggio di indicatori, effettuazione di azioni correttive e di
miglioramento, revisione di procedure e protocolli condivisi,
Verifiche Ispettive Interne propedeutiche alla Verifica Ispettiva
Esterna.
Superamento Audit effettuato dalla Commissione Miglioramento del Sistema Qualità interno con revisione del
e Regionale dell’ Organizzazione Toscana Trapianti Manuale Qualità, recepimento delle indicazioni scaturite dall’
(OTT) in data 10/11/08.
Audit 2007, avvio di Azioni correttive e di miglioramento.
3)Certificazione UNI EN ISO 9001:2000 della Certificazione UNI EN ISO 9001:2000 (numero di Miigllioramento del Sistema Qualità interno.
registrazione 229699) in seguito a Verifica
Ispettiva Esterna dell’ Ente di Certificazione
Bureau Veritas Certification efettuata in data
29/05/08.
4) Certificazione UNI EN ISO 9001: 2000 delle Certificazione UNI EN ISO 9001: 2000 (numero di Miglioramento continuo dell’attività nelle due UU.FF. con
monitoraggio di indicatori, effettuazione di azioni correttive e di
UU.FF. Sanità Pubblica Veterinaria della Zona registrazione rispettivamente SQ 082823 e SQ
082823/1
del
04/08/08)
in
seguito
a
Verifica
miglioramento, redazione di procedure e protocolli condivisi,
Piana di Lucca e della Zona Valle del Serchio.
Ispettiva Esterna dell’Ente di Certificazione CSI diffuse via Web.
Certificazione e Testing effettuata a Luglio 2008.
.
U.O. Cardiologia del P.O. di Lucca.
254
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 12 - La comunicazione: Iniziative di comunicazione interna *
Descrizione
Obiettivo
Strumenti adottati per la
verifica dell' iniziativa
numeri
pubblicati
News mensili - distribuzione Maggiore consapevolezza e 12
nell’anno
mensile con la busta paga di un condivisione degli
foglio informativo contenente una obiettivi/politiche aziendali
sintesi dei principali fatti del mese,
assunzioni
e
pensionamenti,
relazioni sindacali, avvisi vari,
risultati
di
progetti
specifici,
comunicazioni a richiesta
della Servizi
messi
in
rete/
Rete intranet - servizi a supporto Miglioramento
accesso del personale ai
delle attività interne, informazioni di conoscenza
servizi
servizio, flussi interni, modulistica, dell’organizzazione
aziendale, sviluppo delle
documentazione varia
relazioni interne e della
collaborazione fra UU.OO.
Diffusione giornaliera della
Rassegna stampa - Diffusione di Sviluppo senso di
appartenenza
rassegna stampa attraverso
articoli di interesse sanitario e
la rete intranet aziendale
aziendale pubblicati sui quotidiani
nazionali e locali
Indagini per la rilevazione del
clima interno - il clima interno
organizzativo è l’espressione della
morale delle persone e della loro
capacità di far fronte agli impegni
con convinzione e partecipazione
Individuare il grado di
soddisfazione di tutte le
componenti interne del
sistema azienda
Numero dipendenti coinvolti
nell’indagine/numero di
questionari compilati
255
In corso
Conclusa
Se conclusa riportare i risultati conseguiti
Pubblicati 12 numeri/anno, inviati a tutti i
dipendenti dell’Azienda USL in allegato alla
busta-paga
X
X
La rassegna stampa viene pubblicata
giornalmente sul sito intranet aziendale
X
Tasso di risposta: 59.02%
X
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
I giovedì del Direttore e del
personale – Incontri periodici rivolti
a tutto il personale su temi di
interesse aziendale
Organizzazione incontri;
Sviluppo senso di
informazione ai dipendenti
appartenenza;
tramite locandine e posta
Condivisione degli
obiettivi/politiche aziendali elettronica
Attivazione del Forum
Forum in intranet su argomenti - Sviluppo senso di
appartenenza;
di interesse aziendale - Creazione
- Favorire la conoscenza
sulla intranet e di un BLOG dove
tutti gli utenti possono esporre e
degli obiettivi aziendali
condividere argomenti e discussioni
Carta dei servizi - informazioni ai Maggiore consapevolezza e Conferenza dei servizi,
diffusione degli
diffusione della carta
cittadini su prestazioni erogate,
obiettivi/politiche aziendali
modalità di accesso, orari, sedi,
numeri telefonici e personale di
riferimento, standard, impegni,
modalità di tutela e partecipazione
* in riferimento anche ai temi della Carta dei Servizi
256
Realizzazione di incontro con tutto il personale
a cadenza mensile
X
Il progetto operativo è stato realizzato e
attivato in via sperimentale.
X
X
È stata organizzata la Conferenza dei Servizi –
la Carta dei Servizi è stata distribuita
internamente alle varie strutture organizzative
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 13 - La comunicazione: Iniziative di comunicazione esterna *
Descrizione
Analisi dei reclami Rilevazione delle
insoddisfazioni espresse dai cittadini-utenti e monitoraggio
delle azioni di miglioramento
attuate
Sito internet - Prestazioni erogate, modalità di accesso,
sedi, orari, numeri telefonici,
personale di riferimento, ecc
Obiettivo
Strumenti adottati In corso
per
la
verifica
dell'iniziativa
Assicurare la tutela dei diritti Rispetto
delle
e la partecipazione;
procedure previste
Migliorare la qualità dei dal regolamento di
pubblica tutela
servizi
Soddisfare
le
esigenze Implementazione e
informative
dei
cittadini sviluppo del sito
attraverso una maggiore internet aziendale
visibilità e completezza delle
informazioni
sui
servizi
erogati dall’Azienda;
Facilitare l’accesso ai servizi
Comunicazione attraverso i - Facilitare l’accesso ai servizi Comunicati stampa,
conferenze stampa,
ed alle prestazioni;
mass media - Prestazioni
erogate, modalità di accesso e - Promuovere conoscenze su interviste,
temi di interesse sanitario
trasmissioni
di erogazione, cambiamenti
organizzativi,
innovazioni, - Favorire la partecipazione e televisive a tema su
l’acquisizione di corretti stili emittenti locali e
punti di eccellenza, risultati
di vita
sulla TV a circuito
raggiunti, attività istituzionale
chiuso
- Prosecuzione
“Infopoint salute” servizio - Migliorare l’accesso e
l’utilizzo dei servizi sanitari
servizio di
di mediazione linguistica da parte dei cittadini stranieri
mediazione
Assicurare le risorse
attraverso azioni di
linguistica,
informative e orientative che
informazione, orientamento,
informazione e
permettano ai cittadini stranieri
accompagnamento;
orientamento ai
di relazionarsi ai servizi
- Favorire la comunicazione
servizi e alle
sanitari e di conoscere e
prestazioni socio
tra operatori e cittadini
individuare i percorsi per
stranieri
sanitarie nei
affrontare i loro problemi di
Centri Socio
salute
Sanitari
individuati;
- Servizio di
“pronto
257
Conclusa
Se conclusa riportare i risultati conseguiti
Effettuata la gestione e monitoraggio delle
segnalazioni nel rispetto delle procedure
X
E’ stato realizzato il progetto di riorganizzazione
del sito web, a cura del gruppo di lavoro aziendale
appositamente costituito;
Aggiornamento delle pagine attuali
X
Le azioni previste sono state realizzate
X
Le azioni previste sono state realizzate
X
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
intervento
telefonico di
traduzione”;
- Servizio di
traduzione di
documenti
sanitari
presentati dai
cittadini stranieri
dell’immagine Avvio pubblicazione
Newsletter “Salutiamoci” – Promozione
aziendale e miglioramento della newsletter in
periodico
in
formato comunicazione con la società formato elettronico
elettronico, composto di testi civile”
sintetici e non autoreferenziali,
con
taglio
informativo,
La pubblicazione del periodico è stata avviata nel
mese di aprile
X
spiccatamente
firmati
direttamente dagli operatori.
Rilevazione della
soddisfazione degli utenti Indagini per rilevare
l’esperienza e il grado di
soddisfazione degli utenti dei
servizi sanitari
-
-
Il nuovo Ospedale Incontri finalizzati
all’informazione e al
coinvolgimento degli
organismi rappresentativi
dei cittadini, sia a livello di
rappresentanza politica che
di associazionismo
Incontri finalizzati
all’informazione e al
coinvolgimento interno
Informazione ai cittadini
attraverso gli organi di
Conoscere il punto di vista del cittadino e di individuare quali
aspetti dell’assistenza sanitaria ricevuta siano soddisfacenti e
quali
dovrebbero
essere
migliorati
Realizzazione
indagini
Pubblicizzazione
delle indagini e
dei risultati
Promuovere la conoscenza e il consenso
sulle
strategie
aziendali
attraverso
la condivisione degli obiettivi che
sono alla base delle azioni
programmate, sia all’interno
che all’esterno dell’Azienda
Realizzazione
incontri
Divulgazione
dell’informazione
attraverso gli
organi di
informazione
locali
258
Le azioni previste sono state realizzate
X
Le azioni previste sono state realizzate
X
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
informazione locali
Carta dei servizi e Guide si
servizi:
informazioni
ai cittadini
su
prestazioni
erogate, modalità di accesso, orari, sedi, numeri telefonici e
personale
di
riferimento, standard, impegni, modalità di
tutela e partecipazione
Assicurare la tutela dei diritti,
la partecipazione;
Facilitare
l’accesso
alle
prestazioni;
Migliorare la conoscenza dei
servizi offerti
Aggiornamento
periodico
Pubblicazione
della Carta dei
Servizi sul sito
internet
Distribuzione
delle guide
nell’ambito dei
Presidi aziendali
* in riferimento anche ai temi della Carta dei Servizi
259
Le azioni previste sono state realizzate
X
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 14 - La comunicazione: costi aziendali
Costi sostenuti nell'anno in corso
Interventi comunicazione interna
Euro 116.781,22
Interventi comunicazione esterna
Euro 132.956,81
Personale
Euro 613.563,06
Totale
Euro 863.301,09
260
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 15 - La carta dei servizi: gli impegni dichiarati
Impegni dichiarati sulla carta dei servizi
Settore di interesse
L’Azienda si impegna a garantire la riconoscibilità del personale
che svolge servizio al pubblico
Aspetto relazionale
L’Azienda si impegna a garantire il miglioramento dei rapporti tra
gli utenti e il personale ad immediato contatto con essi
Aspetto relazionale
L’Azienda si impegna a garantire nei presidi di ricovero
l’estensione delle fasce orarie di visita
Umanizzazione
261
Standard di qualità
nell’anno
100% del personale al
pubblico con elementi di
riconoscimento
Indicatore calcolato sull’anno
di riferimento
Numero del personale dotato del
cartellino di riconoscimento /
numero totale del personale
a) Numero del personale ad
a) Tutto il personale addetto al immediato contatto con utenti che
pubblico ha frequentato corsi ha seguito corsi di formazione/
di formazione iniziati nell’anno numero totale del personale ad
precedente;
immediato contatto con utenti;
b) Decremento percentuale
b) Numero reclami sugli aspetti
reclami sugli aspetti relazionali relazionali/ numero totale dei
reclami
a) Esistenza di procedura scritta
a) Presenza nel 100% delle
che precisa gli orari in cui non è
strutture di degenza della
possibile l’ingresso in relazione
procedura scritta;
alle diverse esigenze nelle varie
b) presenza nel 100% delle
strutture;
strutture di opuscolo
b) Informazioni all’utente su
accoglienza
opuscolo accoglienza
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
a) Esistenza di procedura scritta
che consenta la presenza
“continua” di un familiare accanto
ai bambini e la continuità
a) Presenza nel 100% delle
scolastica in caso di ricovero
strutture di degenza della
prolungato
procedura scritta;
b) informazioni all’utente su
b) presenza nel 100% delle
opuscolo accoglienza;
strutture di degenza
L’Azienda si impegna a consentire per la degenza dei bambini la
c) disponibilità di un arredo
dell’opuscolo di accoglienza;
presenza continuativa di un familiare, la continuità scolastica in
Umanizzazione
idoneo a riposare per i familiari
c) presenza per ogni posto
caso di ricovero prolungato, spazi dedicati al gioco
dei bambini ricoverati;
letto di un arredo idoneo a
d) presenza nelle U.O. di
riposare per i familiari dei
pediatria di spazi dedicati al
bambini ricoverati;
gioco;
d) presenza di uno spazio
e) m.q. di superficie degli spazi
giochi nella U.O. di Pediatria;
destinati a scopi ricreativi per
bambini ricoverati in U.O. di
Pediatria/N° posti letto in
Pediatria
a) Presenza nel 100% delle
strutture di degenza
a) Informazione riportata sul
dell’informazione sul foglio
foglio accoglienza anche nelle
accoglienza;
lingue straniere più importanti;
b) esistenza procedura
b) a richiesta, possibilità presenza
aziendale che consenta la
L’Azienda si impegna a garantire la mediazione culturale per
Ministro del proprio culto;
Umanizzazione
possibilità della presenza del
persone straniere e di diverse religioni
c)disponibilità all’occorrenza di
proprio ministro di culto;
personale addetto o gruppo
c) presenza nel 100% dei
interpretariato;
Presidi di guida informativa in
d) presenza di guida informativa
cui, tra l’altro, sia esplicitata la
ai servizi per stranieri
possibilità di poter attivare un
mediatore culturale
262
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
a) Presenza di personale e
strutture in grado di garantire una
qualità di vita consona alla dignità
della persona (es. non
accanimento terapeutica, terapia
Prevista procedura per
del dolore);
accedere a terapie palliative,
L’Azienda si impegna a garantire l’umanizzazione del momento
b) iniziative formative e
Umanizzazione
terapia del dolore;
informative e consulenza di centri
della morte
realizzazione iniziative
ospedalieri ad hoc (terapie
formative e informative
palliative, terapia del dolore);
c) n. personale coinvolto in
percorsi formativi;
d) n. terapie del dolore e terapie
palliative effettuate
a) Presenza di linee telefoniche
dedicate e/o esistenza di un
a) Presenza di linee
numero telefonico informativo;
telefoniche dedicate e/o
esistenza di un numero verde b) presenza di sito internet
aziendale con informazioni
per l’ informazione;
L’Azienda si impegna a garantire la piena funzionalità e visibilità Informazione e
b) presenza di sito internet
aggiornate; n. di accessi al
dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico
comunicazione
con informazioni aggiornate
sito/mese;
c)presenza nel 100% dei
c) presenza in ogni presidio
presidi aziendali di almeno un aziendale di almeno un punto
punto informativo collegato
informativo collegato all’URP;
all’URP ;
d) n.° punti informativi localizzati
in presidi aziendali/n.°totale zone;
a) Esistenza di un numero
telefonico dedicato;
Esistenza di numero
b) orario del servizio nell’arco
telefonico unico dedicato
L’Azienda si impegna a garantire la presenza di un numero
della giornata;
all’orientamento del
telefonico unico dedicato all’orientamento del cittadino/utente per Informazione e
c) n.linee telefoniche dedicate
cittadino/utente per l’accesso
l’accesso ai servizi sanitari, attivo per tutto l’arco della giornata, e comunicazione
/popolazione di riferimento;
ai servizi sanitari, attivo per
la sua visibilità
d) n. contatti
tutto l’arco della giornata e
telefonici/popolazione x 1000;
garanzia della sua visibilità
e) strumenti utilizzati per
pubblicizzare il servizio;
Numero degenti che hanno
L’Azienda si impegna a garantire la consegna, all’atto del
Consegna dell’opuscolo
Informazione e
ricevuto l’opuscolo
ricovero, di un opuscolo informativo sul presidio di ricovero per gli
informativo al 100% dei
comunicazione
informativo/numero totale dei
aspetti che interessano il paziente
ricoverati
ricoverati
263
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Presenza di uno spazio
L’Azienda si impegna a garantire alle Associazioni di Volontariato
Informazione e
dedicato in almeno un presidio
e Tutela con le quali ha stipulato protocolli di intesa gli spazi per
Presenza di spazio dedicato
comunicazione
ospedaliero
l’attività di accoglienza/informazione nei confronti del cittadino
L’Azienda si impegna a garantire i processi di informazione e di
espressione del consenso informato da parte del paziente o di
chi per esso
Informazione e
comunicazione
Azienda si impegna a garantire l’ottenimento di notizie cliniche da
Informazione e
parte del ricoverato stesso e/o dei familiari, nel rispetto della
comunicazione
privacy del paziente
L’Azienda si impegna a garantire la consegna ai dimessi della
relazione sanitaria per il medico di medicina generale o per il
pediatra di libera scelta
Informazione e
comunicazione
L’Azienda si impegna a garantire criteri di accuratezza ,
completezza, leggibilità e identificabilità dell’operatore nella
documentazione clinica
Informazione e
comunicazione
L’Azienda si impegna a garantire il funzionamento dell’UCAP (
Ufficio Coordinamento Attività Produttive)
L’Azienda si impegna a garantire la piena funzionalità del
Numero Verde per la prevenzione degli incidenti sul lavoro
Informazione e
comunicazione
Informazione e
comunicazione
264
a) Esistenza di una procedura
specifica;
b) informazione riportata sul
foglio accoglienza;
Rispetto delle modalità
c) registrazione sulla cartella
previste dalla procedura
clinica;
d) %reclami;
e) % utenti informati rispetto al
totale
a) Esistenza di una procedura
scritta di livello aziendale che
preveda per ogni struttura
organizzativa l’acquisizione di
Presenza nel 100% di Unità
notizie cliniche da parte del
Operative di degenza di
ricoverato e/o dei familiari del
cartello informativo su medico ricoverato, nel rispetto della
di riferimento, ubicazione
privacy del paziente;
stanza in cui il medico riceve i b) % Unità Operative in cui è
familiari, orario di ricevimento affisso un cartello in cui vengono
indicati: medico di riferimento,
ubicazione stanza in cui il medico
riceve i familiari, orario di
ricevimento
Numero dimessi a cui viene
consegnata la relazione sanitaria
Consegna della relazione a
per il medico di medicina
tutti i pazienti dimessi
generale o pediatra di libera
scelta/numero totale dei dimessi
% Casi di documentazione
sanitaria (cartella clinica, cartella
Incremento documentazione
infermieristica, referti) conformi a
sanitaria conforme
questi criteri sul totale (indagine a
campione)
Tempo di attesa massimo
Tempo di attesa per la
uguale a 30 giorni
valutazione del procedimento
Esistenza e funzionalità del
Esistenza di una procedura scritta
Numero Verde
per la gestione del Numero Verde
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Numero prestazioni specialistiche
Incremento di prestazioni
L’Azienda si impegna a garantire per l’accesso alle prestazioni
e diagnostiche di routine con
specialistiche di routine e
specialistiche e diagnostiche di routine il tempo massimo previsto Tempi e accessibilità
accesso entro i tempi
diagnostiche entro tempi di
dai provvedimenti regionali
previsti/numero totale prestazioni
attesa massimi previsti
specialistiche
Numero referti consegnati dopo 5
Incremento dei referti
giorni/numero totale dei referti
L’Azienda si impegna a garantire la consegna dei referti analitici
consegnati con tempo di
Tempi e accessibilità
consegnati esclusi gli esami che
entro 5 giorni, salvo tipologie di esami dichiarati
attesa inferiore o uguale a 5
appartengono a tipologie
giorni
particolari dichiarate
Esistenza di una procedura
uniforme che garantisca
L’Azienda si impegna a garantire, nel caso che l’assistito decida,
Soddisfazione del 100% delle all’utente, nonostante il
nonostante il disservizio subito , di fruire comunque della
Tempi e accessibilità
richieste
disservizio subito, di fruire
prestazione, l’esecuzione della stessa entro le 72 ore successive
comunque della prestazione entro
le 72 ore successive
Progressivo aumento dei
Numero ambulatori dei MMG e
L’azienda si impegna a garantire un graduale aumento del
MMG e dei PLS collegati al
dei PLS collegati al CUP /N°.
numero di ambulatori dei Medici di Medicina Generale (MMG) e
Tempi e accessibilità
CUP secondo quanto previsto totale ambulatori dei MMG e dei
dei Pediatri di Libera Scelta (PLS) collegati al CUP
dalla DGR 734/2002
PLS
Possibilità di prenotazione e
a) Numero prenotazioni
L’Azienda si impegna a garantire al cittadino/utente la
disdetta telefonica per tutte le telefoniche/numero totale
prenotazione e la disdetta telefonica delle prestazioni
Tempi e accessibilità
prestazioni specialistiche,
prestazioni prenotate;
specialistiche ad eccezione di alcuni particolari esami
salvo eccezioni dovute a
b) esistenza procedura per le
particolari necessità tecniche disdette
a) Informazioni all’utente sulle
modalità di consegna della copia
della cartella clinica riportate
Raggiungimento del 100% di
L’Azienda si impegna a fornire informazioni complete e accurate
sull’opuscolo informativo e sul
effettiva corrispondenza tra la
sulle modalità di consegna della copia della cartella clinica,
sito internet aziendale,
Tempi e accessibilità
procedura pubblicizzata e le
comprensive dei tempi massimi di attesa per la consegna della
comprensive dei tempi massimi
modalità di attuazione della
copia della cartella
b) Numero di giorni entro i quali
stessa
viene consegnata la cartella
clinica al paziente dal giorno della
richiesta
Esistenza nel presidio di protocolli
L’Azienda si impegna a garantire l’esistenza nel presidio
Esistenza di procedure per le di dimissioni protette che
Ospedaliero di protocolli di dimissioni protette che prevedano il
Tempi e accessibilità
dimissioni protette nel 100%
prevedano il coinvolgimento dei
coinvolgimento dei servizi territoriali per alcuni particolari percorsi
dei presidi
servizi territoriali per alcuni
dichiarati
particolari percorsi dichiarati
265
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Assenza in ogni presidio di
ricovero di camere di degenza Numero camere di degenza con
L’Azienda si impegna a ridurre progressivamente le camere con
Aspetti alberghieri e comfort
con oltre 4 posti letto entro i
oltre 4 posti letto/Numero totale
oltre quattro posti letto
termini previsti dal piano di
camere di degenza
adeguamento
Presenza di due o più menù , per
EL’Azienda si impegna a garantire la possibilità di prenotare la
Possibilità per i ricoverati e gli i pazienti a dieta libera
scelta tra due o più menù , per i pazienti a dieta libera, al mattino
Aspetti alberghieri e comfort
ospiti delle RSA di prenotare il prenotabile, al mattino o il giorno
o il giorno prima rispetto al momento della somministrazione del
menù su due o più alternative prima rispetto al momento della
pasto
somministrazione del pasto
L’Azienda si impegna a garantire un’idonea segnaletica interna
Presenza nel 100/% degli
Presenza di idonea segnaletica
ed esterna al fine rispettivamente di agevolare l’accesso alle
Struttura e logistica
edifici aziendali di una idonea
interna ed esterna agli edifici
strutture e l’orientamento all’interno di esse
segnaletica
Possibilità per i cittadini di
Predisposizione di fogli informativi
L’Azienda si impegna a garantire la predisposizione di fogli
ricevere fogli informativi
Aspetti burocratico
aggiornati per procedure
informativi per procedure amministrative/sanitarie complesse (es.
aggiornati per procedure
amministrativi
amministrative/sanitarie
rilascio certificato invalidità, rilascio protesi)
amministrative/sanitarie
complesse
complesse
a) Rispetto delle modalità di
gestione delle
a) Presenza di una procedura
L’Azienda si impegna a garantire l’esistenza di una procedura
segnalazioni/reclami previste scritta per la gestione dei reclami;
per la gestione dei reclami che rispetti il tempo massimo di
b) N°azioni di miglioramento/N°
dalla procedura
Tutela e ascolto
esposti presentati per gli aspetti
risposta di 30 gg e che utilizzi l’analisi dei reclami per migliorare
b) 70% di azioni di
la qualità dei servizi
miglioramento realizzate
organizzativi (*100)
rispetto ai reclami pervenuti
per gli aspetti organizzativi
266
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
a) Effettuazione della rilevazione
della soddisfazione degli utenti
anche con il supporto delle
associazioni di volontariato e
tutela con cui l’Azienda intrattiene
a) Tasso di risposta: almeno il
specifici rapporti;
70% ;
b) Numero delle strutture
b) realizzazione di almeno una
organizzative di degenza nelle
L’Azienda si impegna a effettuare annualmente, in modo
indagine di soddisfazione nei
quali è stata effettuata almeno
sistematico, la rilevazione della soddisfazione/gradimento degli
Tutela e ascolto
presidi ospedalieri
una indagine di soddisfazione
utenti
dell’Azienda;
degli utenti/Numero totale
b) incremento n° presidi
strutture organizzative di degenza
territoriali che hanno realizzato
c) Tasso di risposta rispetto ai
indagini di soddisfazione
dimessi contattati;
d) n.° presidi territoriali in cui sono
state effettuate indagini di
soddisfazione/ totale dei presidi
territoriali
(*) Settore di interesse:
a = aspetti relazionali
b = umanizzazione
c = informazioni
d = tempo
e = aspetti alberghieri e comfort
f = strutture e logistica
g = aspetti burocratici amministrativi
h = tutela e ascolto
i = altro (specificare)
267
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 16 - La promozione della cultura della salute: interventi realizzati nell’anno.
Tematica
Obiettivo
Target
Strumenti
Raggiugimen
to
dell’obiettivo
SI
Predisposizione del Progettare in un lavoro di rete tutte le iniziative di
“Piano Aziendale di promozione della salute sul territorio
educazione alla Salute,
anno 2008”
Prevenzione AIDS
Prevenire l’infezione da virus HIV, prevenire la
discriminazione delle persone HIV positive,
Azioni:
1) Mostra Stop AIDS per gli studenti scuole medie
superiori della Valle del Serchio e realizzazione
autoguida alla Mostra da parte degli studenti.
2) Concerto “Associazioni di Volontariato e terzo
settore AIDS” rivolto a tutta la popolazione.
3) Concorso per studenti delle scuole medie
inferiori
e superiori al fine di realizzare prodotti
multimediali per la prevenzione dell’AIDS e lotta
alla discriminazione. È stata realizzata una
tavola
rotonda su tematiche del concorso
4) In collaborazione con la Mediateca Regionale di
Firenze sono stati realizzati un cortometraggio
dal titolo”Abbiano ancora bisogno del Lupo”.
Realizzazione di un clip rivolto ai giovani dal
titolo “Condom à porter” da utilizzare nelle
discoteche.
Direttori Macrostrutture
e Responsabili delle
UU.OO., dei
Dipartimenti, delle
AA.FF., Capo Sala di
Area, EE.LL., Scuola,
Associazioni di
volontariato
Studenti
Popolazione tutta
in parte
X
Stand informativi,
gadget, materiale
didattico, materiale
cartaceo (depliant,
opuscoli ecc)
X
X
Studenti scuole medie
inferiori e superiori
Popolazione adulta
Cortometraggio
Giovani
clip
268
NO
Ostacoli al pieno
raggiungimento
dell'obiettivo
x
Progetto
pluriennale
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
“Con il diabete si Sensibilizzare tutta la cittadinanza sul problema del
diabete, evidenziando l’importanza dell’attività fisica
può”
e di sani stili di vita, sono stati coinvolti i giovani da
6 a 14 anni per far capire che con questa patologia
cronica si possono praticare discipline sportive. La
manifestazione, inserita tra le attività degli ospedali
che promuovono salute è stata
organizzata
dall’Associazione Giovani diabetici di Lucca.
Tavola rotonda sull’argomento.
Salute , Affettività, L’obiettivo del corso ha mirato ad acquisire abilità
manuali, tecniche pratiche o pratiche in tema di :
sessualità
consapevoli in una programmazione di interventi di educazione
società che cambia: all’affettività e alla sessualità consapevoli, migliorare
le capacità relazionali, comunicative e organizzative
Laboratorio
formativo
per in tema di educazione e promozione della salute, in
quanto i consultori familiari e giovani sono chiamati
operatori
a confrontarsi in uno scenario di continuo
cambiamento. Laboratorio formativo con operatori
dei consultori espletato sia nella Zona Valle del
Serchio e nella Zona Piana di Lucca.
Attività
di
Educazione
e
Promozione
della
Salute nelle scuole
di ogni ordine e
grado
Tra i temi sviluppati
si indicano:
1. Educazione
Alimentare
Popolazione
Ragazzi dai 6 ai 14 anni Gadget,
CONI, Società sportive: informativi
atletica Virtus Lucca,
Lucca Volley, scuola di
Scherma, Centro Arti
Marziali di Lucca.
depliant x
Operatori dei consultori Progetto di ricerca- x
familiari e consultorio intervento sui bisogni
giovani
dei
giovani
nel
campo
della
sessualità
e
dell’affettività
Mantenere e accrescere la salute attraverso
l’educazione a comportamenti sani per uno sviluppo Insegnanti alunni
globale e armonico della persona mediante una
programmazione integrata Scuola Az. USL
Far acquisire ai giovani il concetto di “cibo e salute”
orientandoli ad un consumo consapevole nel rispetto
di un sistema agronomico volto al benessere Insegnanti alunni
dell’uomo ed alla tutela dell’ecosistema che lo genitori
circonda.
269
Materiale
diverso
inerente le varie
tematiche
Giochi e schede
didattiche, opuscolo
“Per la salute della
donna”,
opuscolo
“Alimentazione
e
sport”
X
X
Progetti
pluriennali
2. Prevenzioni
incidenti e nozioni
di primo soccorso
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Eliminare o quantomeno ridurre il numero degli
incidenti evitabili nelle diverse fasce di età.
Materiale audiovisivo
Insegnanti alunni
Saper riconoscere i rischi ed i pericoli, sviluppare nei
e ludico didattico,
giovani comportamenti che consentano di prestare
slide
un soccorso appropriato
3. Prevenzione AIDS
Prevenire l’infezione da virus HIV
Educare all’amore responsabile, sviluppare nei
giovani conoscenze mirate a favorire comportamenti
adeguati, combattere pregiudizi nei confronti delle
persone
sieropositive
mediante
attività
pluridisciplinari e metodologie interattive nelle classi,
partecipazione alla Tavola Rotonda organizzata in
occasione della Giornata Mondiale lotta all’AIDS
4. Lotta al
Tabagismo
Ridurre l’incidenza dei nuovi fumatori tra i giovani e
sensibilizzare i fumatori alla disasueffazione ed al
cambiamento dello stile di vita stimolandoli a trovare
alternative che influiscano su comportamenti liberi
dal fumo. Organizzazione della Giornata mondiale
senza fumo che vuole essere un momento di
riflessione e di connessione tra attività effettuate
durante l’anno e la programmazione di un percorso
educativo da avviare nell’anno successivo
5. Prevenzione
Tossicodipendenze
Rendere consapevoli i giovani sui danni provocati
dall’uso di sostanze agendo anche sullo sviluppo
dell’autostima e dell’etica riflettere sulle modalità
comunicative che gli adulti adottano nei confronti di
adolescenti e giovani, e viceversa attraverso incontri
nelle classi.
6. Prevenzione
Alcolismo
Far acquisire maggior consapevolezza sulle
conseguenze e i disturbi collaterali all’abuso delle
sostanze alcoliche Prevenzione degli incidenti
stradali su alcol e guida al fine di
diffondere
la
cultura
dei
Materiale audiovisivo
e ludico didattico,
slide
Materiale audiovisivo
e ludico didattico,
slide
Lavori
grafici,
musicali e teatrali
prodotti
dagli
studenti.
X
X
X
Materiale
informativo,
questionari,
slide,
materiale didattico
Insegnanti ,alunni
comportamenti
270
Materiale didattico,
questionari,
slide,
materiale
informativo.
Testo
“Alcool piacere di
x
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
conoscerti”
responsabili quando si è alla guida di
autoveicoli.
7. Sport e sostanze
Dopanti
8. Star bene a
Scuola e star
bene insieme
Educare il giovane a vivere lo sport come pratica Insegnanti, alunni
divertente e di svago insegnandogli che la più
grande vittoria è quella che si ottiene migliorando se
stessi, non battendo gli altri e che arrivare secondi
non significa essere dei falliti.
Materiale didattico,
questionari,
slide,
materiale
informativo, articoli di
cronaca inerenti l’uso
del
doping
nello
sport.
Migliorare la comunicazione interpersonale tra alunni Insegnanti, alunni
e insegnanti/genitori e saper leggere precocemente
alcuni segnali mediante dinamiche di gruppo che, se
trascurati, possono creare situazioni di disagio
scolastico.
Migliorare le relazioni interpersonali tra il gruppo
classe, gli insegnanti ed i genitori
Materiale
slide.
Fornire conoscenze e strumenti in grado di favorire
uno sviluppo della personalità che porti a vivere la Insegnanti, alunni
9. Educazione
sessualità responsabilmente,saper leggere ed
sessuale
e interpretare i bisogni legati a processi di
relazionale-affettiva
cambiamento che investono non solo la sfera fisica,
ma anche la spera psichica, relazionale e socio
culturale di appartenenza, saper cogliere i diversi
orientamenti sessuali in un’ottica di rispetto e di non
discriminazione,informare sui metodi contraccettivi e
sulle malattie sessuali in genere, mediante attività
interattive, incontri dibattito tra esperti, alunni,
insegnanti e genitori
10. Educazione alla
Genitorialità
Offrire ai partecipanti (genitori e insegnanti), Insegnanti, genitori
un’esperienza centrata sull’acquisizione di una
maggiore consapevolezza
delle dinamiche
relazionali adulto-bambino, del ruolo dei genitori e
271
didattico,
Materiale didattico,
slide,questionario,
racconti,
testi
di
educazione sessuale
della Erickson
Materiale
predisposto ad hoc
per lavori di gruppo e
simulate,
slide,
X
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
analizzare criticamente i comportamenti e le
cartelloni, pennarelli
apprensioni per poter vivere serenamente i
ecc..
cambiamenti psicosomatici ed evolutivi dei propri
figli
11.Sensibilizzazione
alla donazione di
sangue, organi e
tessuti
Permettere a studenti e cittadini di avvicinarsi
all’argomento della solidarietà verso le persone che Insegnanti e alunni
non hanno altre possibilità di terapia
Favorire un comportamento equilibrato nei confronti del
problema e approfondire le conoscenze sulla tematica.
Progetto HPHospedali che
promuovono
salute
Favorire la trasformazione degli ospedali in ambienti
organizzativi che promuovono salute. Progetti
attivati: Ospedali senza fumo,
Ospedali senza alcol, Umanizzazione e accoglienza
degli ospedali
Elaborare strategie che facilitino la comunicazione
nell’Azienda
Promuovere
motivazione e
benessere in
Azienda
Questionari,
materiale didattico e
informativo
Operatori, pazienti, tutta Materiale informativo
la comunità
(depliant)
Tutti
i
aziendali
272
X
dipendenti Strumenti informativi
Corso di formazione
Eventi dedicati.
X
x
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 17 - La promozione della cultura della salute: dati di spesa
Costi aziendali
Costi presunti nel
PAL per il ....
Costi sostenuti nel
2008
Interventi di educazione alla salute
153.446,40
Personale
313.884,54
Totale
467.330,94
Copertura con finanziamenti non afferenti al F.S.R.
Fondi U.E.
Altre forme di finanziamento
in euro
273
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 18 - La formazione del personale: tematiche e ambiti formativi dell'azienda
N° interventi
in sede
11
Tematiche e ambiti formativi
qualità relazionale interna ed esterna;
etica e deontologia degli interventi assistenziali e socio-assistenziali
formazione degli operatori in relazione all’attuazione di nuovi modelli
organizzativi e/o di nuove professionalità;
formazione manageriale per dirigenza e quadri intermedi con particolare
attenzione alle tematiche della programmazione, del controllo di gestione e
delle procedure di assicurazione della qualità;
prevenzione e promozione della salute;
integrazione socio-sanitaria attraverso la costruzione ed attuazione di
protocolli e linee guida;
formazione ed orientamento per i neo assunti
qualificazione degli operatori con particolare attenzione alle tematiche
dell’emergenza-urgenza;
Errore in medicina
formazione specifica
organizzativa;
relativa
alla
professionalità
274
ed
alla
struttura
2
9
8
14
3
1
20
3
46
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 19 - La formazione del personale: esperienze significative portate a conclusione nell’anno
1) PROTOCOLLO-GESTIONE DELLE ULCERE DEGLI ARTI INFERIORI
Bisogno/finalità
Settori/figure Obiettivi
Indicatori
Ore
eseguire con
appropriatezza e
competenza il
trattamento delle
ulcere vascolari
Pers.
standardizzare le procedure ;
Infermieristico conoscere tecniche di bendaggio ;
Area Medica, saper effettuare medicazioni
avanzate; conoscere i metodi di
chirurgica,
zona distretto debridement
Stesura di protocolli 13 per
operativi
ediziozne
(2)
Spesa Verifiche
Stesura
protocolli
Risultati
Valutazione
Stesura di 2
protocolli
operativi
a) gestione
dell’ulcera
venosa
granuleggiante
b) gestione
dell’ulcera
necrotica non
infetta
Corso molto
coinvolgente con
una parte cospicua
di formazione sul
campo che ha
portato alla
costruzione di un
percorso
approfondito e
condiviso
2)- IL CAMBIAMENTO DEL MODELLO ORGANIZZATIVO IN AREA CHIRURGICA
Bisogno/finalità
Settori/figure Obiettivi
implementare il
cambiamento del
modello organizzativo in
area chirurgica
Personale
infermieristico
dell’area
chirurgica
Indicatori
Ore
obiettivi aziendali, responsabilità Elaborazione di 32 per
professionali e nuovi modelli
progetti specifici edizione
organizzativi in relazione al
(2)
modello di assistenza per
intensità di cure
275
Spesa
Verifiche
Risultati
Valutazione
Gruppi di lavoro per
l’elaborazione di progetti
Elaborazione di
progetti su
a)
riorganizzazione
del personale
infermieristico e
o.s.s. ;
b)
ottimizzazione
lista operatoria
c)
organizzazione
degenza media;
d)
organizzazione
di spazi ed
attrezzature.
Corso molto
coinvolgente
con una
parte
cospicua di
formazione
sul campo
che ha
portato alla
costruzione
di un
percorso
approfondito
e condiviso
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
3)- PROTOCOLLI VALUTATIVI NELLE LESIONI OSTETRICHE DEL PLESSO BRACHIALE E NEL TORCICOLLO MIOGENO CONGENITO
Bisogno/finalità
migliorare
l’appropriatezza e la
qualità degli interventi
riabilitativi fisioterapici
nelle lesioni ostetriche
del plesso brachiale e
nel torcicollo miogeno
congenito
Settori/figure
Obiettivi
Indicatori
miglioramento delle competenze
tecnico-professionali degli operatori per
la valutazione ed il trattamento
riabilitativo dei bambini affetti da lesioni
ostetriche del plesso brachiale e da
torcicollo miogeno
congenito.Acquisizione da parte degli
operatori del servizio di una omogenea
conoscenza e modalità operativa nella
gestione degli interventi riabilitativi
Stesura linee guida e
protocolli
276
Ore Spesa Verifiche
Studio di casi
clinici
Risultati
Valutazione
protocollo
operativo
sulla
valutazione
nelle LOPB
nel bambino
sino al 5°
anno di vita e
protocollo
operativo
sulla lesione
ostetrica del
plesso
brachiale nel
bambino
Valutazione
positiva con
applicazione del
protocollo su 10
casi clinici
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 20 - La formazione del personale: investimento aziendale
Costi aziendali:
Costi sostenuti
nel 2008
Interventi formativi
Personale
Totale
Copertura con finanziamenti non afferenti al F.S.R.:
importi in €.
Fondi U. E.
Fondi derivanti da quote di iscrizione
97.600,00
Altre forme di finanziamento
(*) Al netto delle compensazioni passive
Utilizzo fondi aziendali:
Costi sostenuti per interventi formativi per Importi in €
tipologia
Formazione obbligatoria aziendale
185.000,00
Formazione obbligatoria individuale
59.000,00
Formazione a carattere facoltativo
Materiale bibliografico e multimediale
Totale interventi
-----------60.000,00
304.000,00
277
Costi sostenuti: %
sul costo totale
aziendale (*)
304.000
0.07
321.000,00
0,08
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Tabella n. 21 - L’accreditamento: elenco dei presidi del “Programma accreditamento” accreditati nell’anno di riferimento
Attività1
Denominazione
Sede
Codifica
Radiologia Diagnostica
B1.2
Medicina Nucleare
B1.3
Radioterapia
B1.6
Chirurgia Ambulatoriale
B1.7
Dialisi
B1.8
Centro Ambulatoriale Recupero
e Riabilitazione Funzionale
(cardiologica)
(Decreto Regione Toscana
n° 300 del 24/01/06)
Cardiologia Invasiva
(Decreto Regione Toscana
n° 2723 del 06/06/06)
B2.1
Attività non
compresa
nel
DGR
498/2001
Centro Ambulatoriale Recupero B2.1
e Riabilitazione Funzionale
(neuro-motulesi)
(Decreto Regione Toscana
n° 300 del 24/01/06)
B1.1
Medicina di Laboratorio
(Analisi
Chimico-Cliniche
e
Microbiologia Aziendale)
Medicina di Laboratorio
B1.1
(Biochimica Clinica)
Presidio
Denominazione
codice2
denominazione
indirizzo
Presidio Ospedaliero della Zona Edificio “A e B” - Padiglione 1 e
Padiglione 3
Presidio Ospedaliero della Zona Edificio “C” –
Padiglione 2
Presidio Ospedaliero della Zona Edificio “A e B” - Padiglione 1 e
Padiglione 3
Presidio Ospedaliero della Zona Edificio “A e B” - Padiglione 1 e
Padiglione 3
Presidio Ospedaliero della Zona Edificio “A e B” - Padiglione 1 e
Padiglione 3
Presidio Ospedaliero della Zona
Edificio “A e B” - Padiglione 1 e
Padiglione 3
Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della 090604
55100 - Lucca
Zona di Lucca - “Campo di
Marte”
Presidio Ospedaliero della Zona Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della 04001A
Edificio “A e B” - Padiglione 1 e 55100 - Lucca
Zona di Lucca - “Campo di
Padiglione 3
Marte”
Presidio Ospedaliero della Zona Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della 090604
Edificio “C” –
55100 - Lucca
Zona di Lucca - “Campo di
Padiglione 2
Marte”
Presidio Ospedaliero della Zona - Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
Edificio “F” Padiglione 6
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Presidio Ospedaliero della Zona - Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
Edificio “G” padiglione 7
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
278
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Presidio Ospedaliero della Zona - Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
Radiologia Diagnostica (Risonanza B1.2
Magnetica)
Edificio “RMN” Padiglione 13
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Medicina di Laboratorio
(Centro Prelievi Ospedaliero)
B1.1
Presidio Ospedaliero della Zona - Via Barbantini - S. Marco – Presidio Ospedaliero della Zona 090604
Edificio “E” Padiglione 5
55100 - Lucca
di Lucca - “Campo di Marte”
Radiologia Diagnostica
B1.2
B1.8
Chirurgia Ambulatoriale
B1.7
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
della Zona 090603 01
Dialisi
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Edificio“Centrale”
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
della Zona 090603 01
C1.3
Area di Degenza
(Medicina Generale, Chirurgia
Generale,
Ortopedia
e
Traumatologia, Cardiologia)
Day Hospital
C1.4
(Medicina Generale)
Day Surgery
C1.5
(Chirurgia Generale, Ortopedia e
Traumatologia)
Pronto Soccorso Ospedaliero
C1.1
Reparto Operatorio
C1.7
Servizio di Sterilizzazione
C1.11
Servizio
di
Disinfestazione
Disinfezione
Servizio Cucina e Dispensa
e C1.12
C1.13
279
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
della Zona 090603 01
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Servizio Lavanderia e Guardaroba C1.14
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce” Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero della Zona 090603 01
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
Edificio“Centrale”
(LU)
Servizio Mortuario
C1.15
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce” Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero della Zona 090603 01
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU)
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
Edificio“Centrale”
(LU)
Medicina di Laboratorio
B1.1
(Analisi
Chimico-Cliniche
e
Microbiologia Aziendale)
Gestione Farmaci e Materiali C1.10
Sanitari
Radiologia Diagnostica
B1.2
Area di Degenza
(Medicina Generale, Ostetricia e C1.3
Ginecologia, Pediatria con Nido,
Recupero
e
Rieducazione
Funzionale- cod.56) (Decreto
Regione Toscana
n° 301 del 24/01/06)
Day Hospital
C1.4
(Medicina Generale, Pediatria)
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU
Edificio “Ambulatori”
Stabilimento Ospedaliero “ S. Croce”
– Castelnuovo di Garfagnana ( LU
Edificio “Ambulatori”
Stabilimento
Ospedaliero
“
S.
Francesco “ Barga Edificio “D”
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero della Zona 090603 01
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dell' Ospedale 55032 Presidio Ospedaliero della Zona 090603 01
Castelnuovo di Garfagnana Valle del Serchio
(LU)
Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Stabilimento Ospedaliero “
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero
(LU)
Zona Valle del Serchio
della 090603 02
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Day Surgery
(Ostetricia e Ginecologia)
C1.5
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Punto Nascita-Blocco Parto
C1.6
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Reparto Operatorio
C1.7
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Pronto Soccorso Ospedaliero
C1.1
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Servizio di Sterilizzazione
C1.11
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
280
Servizio
di
Disinfestazione
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Disinfezione C1.12
Stabilimento
Ospedaliero
“
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
Francesco “ Barga Edificio “D”
(LU)
Valle del Serchio
C1.13
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Servizio Lavanderia e Guardaroba C1.14
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Servizio Mortuario
C1.15
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “D”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Dialisi
B1.8
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “B”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Stabilimento Ospedaliero “
Francesco “ Barga Edificio “B”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero
(LU)
Zona Valle del Serchio
Stabilimento
Ospedaliero
“
Francesco “ Barga Edificio “C”
S. Via dei Frati 55051 Barga Presidio Ospedaliero della Zona 090603 02
(LU)
Valle del Serchio
Centro Socio- Sanitario di
Leonardo in Treponzio (LU)
Comunale
–
S. Via
S. Presidio Zona Distretto Piana __
Leonardo in Treponzio – di Lucca
55012- Capannori - Lucca
Servizio Cucina e Dispensa
Centro Ambulatoriale Recupero
e Riabilitazione Funzionale
B2.1
(cardiologica)
(Decreto Regione Toscana
n° 301 del 24/01/06)
Medicina di Laboratorio
B1.1
(Analisi
Chimico-Cliniche
e
Microbiologia Aziendale)
Centro Ambulatoriale Recupero
B2.1
e Riabilitazione Funzionale
(neuro-motulesi)
(Decreto Regione Toscana
n°4762 del 02/09/05)
Radiologia Diagnostica
B1.2
Centro Socio-Sanitario di Marlia
Chirurgia Ambulatoriale
B1.7
Centro Socio-Sanitario di Marlia
Dialisi
B1.8
Centro Socio-Sanitario di Marlia
Radiologia Diagnostica
B1.2
Centro Socio-Sanitario di Turchetto
281
della 090603 02
via del Parco loc. Vaccheria Presidio
Marlia 55014 – Capannori - Zona Distretto Piana di Lucca
(Lucca)
via del Parco loc. Vaccheria Presidio
Marlia 55014 – Capannori - Zona Distretto Piana di Lucca
(Lucca)
via del Parco loc. Vaccheria Presidio
Marlia 55014 – Capannori - Zona Distretto Piana di Lucca
(Lucca)
P.zza P. Nenni – Turchetto Presidio
n°1 55015 Montecarlo (LU)
Zona Distretto Piana di Lucca
__
__
__
__
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
Centro Ambulatoriale per il
trattamento
dei B2.4
Presidio Ambulatoriale per il Via Pfanner - S.Marco - Presidio
0901021
Tossicodipendenti (Ser.T)
trattamento dei Tossicodipendenti 55100 - Lucca
Zona Distretto Piana di Lucca
(Decreto Regione Toscana
n° 595 del 19/02/08)
Centro Ambulatoriale
Recupero
e
Riabilitazione
B2.1
Funzionale
(neuro-motulesi)
(Decreto Regione Toscana
n° 4763 del 02/09/05)
Centro
Ambulatoriale
per
il
trattamento dei Tossicodipendenti B2.4
(Ser.T)
(Decreto Regione Toscana
n° 2872 del 26/06/08)
Centro Socio-Sanitario di Fornaci Via dell’Asilo- Fornaci di Presidio Zona Distretto
di Barga
Barga – 55052 – Barga - del Serchio
Lucca
Presidio Ambulatoriale per il Via
Letizia
n°45 Presidio
Zona
trattamento dei Tossicodipendenti 55023 Bagni di Lucca (LU) Valle del Serchio
“Susie Clarke”
1) riportare la denominazione e la codifica di cui all'allegato
2) riportare lo stesso codice utilizzato per i flussi ministeriali
282
Valle __
Distretto 0901022
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
ALLEGATO Tab. 21 - L’accreditamento
• SEZIONE B: individua alcune tipologie di attività sanitarie erogate a livello ambulatoriale.
La Sezione B è suddivisa in due sottosezioni:
Sottosezione B1= Prestazioni di specialistica e diagnostica
Sottosezione B2= Prestazioni di base
Nell’ambito della sottosezione B1 vengono individuate le seguenti tipologie di prestazioni:
Medicina di Laboratorio
(B1.1)
Radiologia Diagnostica
(B1.2)
Medicina Nucleare
(B1.3)
Cardiologia
(B1.4)
Endoscopia
(B1.5)
Radioterapia
(B1.6)
Chirurgia Ambulatoriale
(B1.7)
Dialisi
(B1.8)
Medicina Fisica e Riabilitazione
(B1.9)
Medicina dello Sport
(B1.10)
Nell’ambito della sottosezione B2 vengono individuati determinati momenti organizzativi caratterizzanti
l’attività territoriale di base, relativamente a:
Centri e Presidi Ambulatoriali di Recupero e Riabilitazione Funzionale (B2.1)
Centro di Salute Mentale
(B2.2)
Consultorio Familiare
(B2.3)
Centro Ambulatoriale per il trattamento dei Tossicodipendenti
(B2.4)
• SEZIONE C: prestazioni sanitarie in regime di ricovero a ciclo continuativo e diurno per acuti
Pronto Soccorso Ospedaliero
(C1.1)
Rianimazione e Terapia Intensiva
(C1.2)
Area di Degenza
(C1.3)
Day Hospital
(C1.4)
Day Surgery
(C1.5)
Punto Nascita-Blocco Parto
(C1.6)
Reparto Operatorio
(C1.7)
Frigoemoteca
(C1.8)
Anatomia Patologica
(C1.9)
Gestione Farmaci e Materiale Sanitario
(C1.10)
Servizio di Sterilizzazione
(C1.11)
Servizio di Disinfezione e Disinfestazione
(C1.12)
Servizio Cucina e Dispensa
(C1.13)
Servizio Lavanderia e Guardaroba
(C1.14)
Servizio Mortuario
(C1.15)
•
SEZIONE D: prestazioni sanitarie a ciclo continuativo e diurno in fase post-acuta
Presidi di Riabilitazione Funzionale dei soggetti
portatori di Disabilità Fisiche, Psichiche e Sensoriali
(D1.1)
Presidi di Tutela della Salute Mentale:
Centro Diurno Psichiatrico e Day Hospital Psichiatrico
(D1.2)
Presidi di Tutela della Salute Mentale: Struttura Residenziale Psichiatrica (D1.3)
Strutture di Riabilitazione e Strutture
Educativo-Assistenziali per i Tossicodipendenti
(D1.4)
283
Relazione Sanitaria – Sezione VI: Corredo documentale - Tabelle
_______________________________________________________________________________________
6.2
INDICATORI SPECIFICI PER LIVELLO DI ASSISTENZA
(CALCOLATI PER AZIENDA E PER ZONA)
284

Documenti analoghi