Pluralismo Commerciale - Confcommercio Reggio Emilia

Commenti

Transcript

Pluralismo Commerciale - Confcommercio Reggio Emilia
Anno LVIII n. 1 Dicembre 2013 / Gennaio 2014
Direzione e Redazione: Via G. Valle, 10 - Tel. 0522 708511
Autorizzazione N° 99 del Tribunale di Reggio Emilia dell’8-5-1956
Poste Italiane s.p.a. - Spedizioni in abbonamento Postale - D.L. 353/2003
(conv. in L.27/02/2004 n°46) art. 1, comma 1, DCB - Reggio Emilia
Coop
Conad
Pluralismo
Commerciale
Conad
Coop
Conad
Conad
Coop
Gaia
Ph. M. Ercolani
L’App che migliora lo shopping!
Scaricala subito!
CON GAIA SARAI SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOVITÁ DELLO SHOPPING A REGGIO EMILIA E PROVINCIA.
Diponibile
RICEVERAI TUTTE LE NEWS
SU per
OFFERTE SPECIALI, ULTIMI ARRIVI, INIZIATIVE PARTICOLARI, PROMOZIONI,
APERTURE DI NUOVI LOCALI, EVENTI E TANTO ALTRO ANCORA...
Diponibile per
Gaia
Disponibile per
Android
Disponibile gratis per iPhone e Android. Scaricala subito e partecipa
al Contest su Facebook. www.confcommercio.re.it/app
Confcommercio ti dà Valore!
Tabellare_app.indd 1
VIA GIGLIOLI VALLE, 10 - 42124 REGGIO EMILIA
TEL. 0522 708511 - FAX 0522 708764
WWW.CONFCOMMERCIO.RE.IT
con il contributo di
25/10/12 12:52
In questo
numero
Come cambia la città
Il Piano Operativo Comunale
per Reggio
pag 2
la Finanziaria 2014
pag 5
Mercati straordinari
Novellara, Serrare le fila
Credito
Cofiter si fa in sette
Notizie in breve
Iscom - I corsi di formazione
pag 8
pag 9
pag 11
pag 13
Direttore Responsabile
Paolo Pignoli
Comitato di redazione
M. De Lucia, A. Grande,
P.P. Occhiali, P. Novelli, R. Arnò
Pubblicità e grafica
Confcommercio
Via G. Valle, 10 - 42124
Reggio Emilia
tel. 0522 708511
fax 0522 708764
Stampa: Nova
1
A. Grande
Come cambia la città
Il Piano Operativo Comunale
per Reggio
Le Osservazioni di Confcommercio
territoriale di 9886mq, deve oggettivamente riPOC, ovvero come rianimare il comparto edile a
tenersi, sotto il profilo urbanistico, funzionale
spese del commercio. Sono infatti una decina
Il tutto
e commerciale, accessorio e complementare
le nuove grandi e medie strutture di vendita
nel più totale
rispetto alla contigua iniziativa Coop, la cui
che terranno i natali nell’arco del prossimo
disinteresse di una
superficie territoriale è pari a 46.282mq.
quinquennio. Lo scenario che si profila è una
Città catatonica
Ciò integra gli estremi di una palese e graresa dei conti (o magari un “biscotto”) tra le
ve violazione dell’articolo 2.2 della DCR n.
principali “griffe” della distribuzione alimentare.
1265/1999, il quale prevede che: “il livello
Il tutto nel più totale disinteresse di una Città
dell’area commerciale è definito dalla
catatonica e, indipendentemente dal certificato
presenza o meno di singole grandi strutture di
di nascita, dell’intera classe politica nostrana. Unica vox
in deserto clamans, la nostra. In attesa del risveglio, livello superiore… o dalla superficie territoriapubblichiamo pertanto le Osservazioni al Piano Operativo le. Si definisce di livello superiore l’area commerciale integrata… quando superi la superficie
Comunale che abbiamo presentato il 2 gennaio scorso.
territoriale di 5 ettari”. Si configura quindi, sempre
per effetto del disposto di cui al predetto punto 2.2, un
polo funzionale, e quindi, di riflesso, un’ulterioOSSERVAZIONE 1: BARAGALLA
re violazione di legge, in particolare dell’articolo
Area Sviluppo Produttivo
A-15, comma 2, lett. c), dell’Allegato alla legge
Come ampiamente documentato e formalmente rilevato, regionale n. 20/2000, in ragione della mancata
l’intervento in osservazione, che insiste su una superficie previsione negli strumenti sovraordinati (in spe-
2
cifico POIC e PSC). Né al riguardo può essere controdedotto che trattasi di “zone urbanistiche distinte”, perché anche in questo caso non si terrebbe in conto quanto
dispone l’articolo 1.8 della più volte citata Delibera Regionale, laddove essa determina chiaramente che:
”L’area commerciale integrata… è configurabile come complesso organico quanto a fruibilità
per gli utenti e dotata di servizi esterni comuni,
ma costituita da più unità edilizie autonome realizzate o da realizzarsi anche in tempi diversi.
Dal punto di vista della collocazione urbanistica, dell’organizzazione insediativa, dell’accessibilità e degli effetti sul territorio queste zone
sono da considerare unitariamente nell’ambito
di un piano urbanistico attuativo; poiché la realizzazione, anche se per parti, deve avvenire
nell’ambito di un piano urbanistico unitario, la
superficie di vendita complessiva delle medie e
grandi strutture di vendita deve essere prevista
nel progetto urbanistico e costituisce riferimento
ai fini dell’applicazione delle norme specifiche
sugli standard urbanistici e sulle dotazioni di
parcheggi pertinenziali e di aree per il carico e
scarico merci di cui ai punti 5.1 5.2.”. Al di là delle
questioni di taglio giuridico, dovrebbe bastare il semplice buonsenso (e magari qualche rilievo fotografico o un
semplice sopralluogo), per rendersi conto del fondamento
logico di quanto asserito e delle inevitabili - difficilmente
preventivabili nella loro, comunque grave, portata - ripercussioni sul traffico di provenienza dall’Asse Attrezzato
e/o da Rivalta; al punto da essere nient’affatto infondato
il timore che, di riflesso, ne risulti fortemente appesantito
anche il traffico di attraversamento delle circostanti zone
residenziali.
Et de hoc satis.
Come meglio si evidenzierà in successiva, specifica Os-
servazione, il caso non è isolato, a conferma di una
sorprendente disinvoltura nell’approcciare la materia del
commercio, sia in chiave giuridica che, più in generale,
politico-economica. Ne deriva una conseguente falsa rappresentazione delle potenzialità di sviluppo della rete distributiva nel prossimo quinquennio, in specie nella zona
sud della città, che certifica il fondamento di tutte le obiezioni già rappresentate da questa Associazione in sede di
Osservazioni al Piano Strutturale.
MODIFICA PROPOSTA
Riduzione della quota di superficie territoriale eccedente
i limiti previsti dall’articolo 2.2 DCR n. 1253/1999 (circa
6.000 metri quadrati).
OSSERVAZIONE 2: CELLA, VIA G.B. VICO
Insediamento struttura non alimentare
Non si comprende se gli esercizi commerciali ivi previsti
debbano essere considerati singolarmente oppure siano
inseriti in un’unica struttura e dunque in un centro commerciale. In entrambi i casi risultano violate le disposizioni
normative di riferimento. Se infatti si è in presenza di un
centro commerciale, la funzione e quindi gli usi e quindi
gli standard urbanistici devono essere considerati in ragione del dimensionamento complessivo della superficie commerciale (che parrebbe attestarsi sui 3.500mq di sv.)!!!
Posto che peraltro, se questo è il caso - ma anche qui la chiarezza è la grande assente - una
struttura NA di 2.000mq di sv non costituisce
una medio piccola, ma una medio grande struttura di vendita!!
Qualora invece si trattasse di insediamento commerciale
composto da singole medie strutture poste in unità edilizie
separate, occorre una più puntuale specificazione della
Area Baragalla, quando il troppo stroppia
Una macroscopica violazione di legge, del
Piano Territoriale Provinciale e del Piano
Strutturale Comunale, un sonoro schiaffo alla
programmazione dei grandi insediamenti commerciali. Questa la sintesi dei motivi che hanno indotto la
Confcommercio ad avanzare a Regione, Provincia e
Comune Capoluogo una formale richiesta di revoca dei
provvedimenti amministrativi con cui sono stati licenziati
gli interventi in via Inghilterra e nell’adiacente area ex
Bowling, dove, ad una manciata di metri dalla grande struttura commerciale in quota COOP (5300mq),
è previsto un’ulteriore impianto commerciale di notevole consistenza ed altre attività paracommerciali ed
artigianali. Le norme regionali di urbanistica commerciale parlano chiaro: la superficie territoriale massima
utilizzabile in quella zona può avere una consistenza
massima di 50.000mq di superficie territoriale, mentre
l’area complessiva occupata dai due interventi è pari a
56.000mq. Tradotto in termini più accessibili: uno dei
due è di troppo e l’applicazione della normativa non
può essere oscurata, nemmeno dietro al paravento di
spezzatini edilizi. Troppo pesanti il carico urbanistico e
le ricadute sulla viabilità e sugli assetti complessivi delle
zone circostanti, considerato che strutture similari non
possono sorgere, per espressa previsione legislativa, in
prossimità di insediamenti abitativi, né essere raggiungibili attraversando zone residenziali. Insomma, tutto il
contrario di quello che si sta verificando. Per inciso, il
sovraccarico di traffico veicolare potrebbe costituire un
intralcio non da poco anche per i mezzi di soccorso,
visto che la sede della Croce Verde è lì a due passi. Ma
il caso non è isolato. Una grave forma di ossessione
morbosa per i luoghi di cura sembra infatti essere la
principale caratteristica del POC adottato il 28 ottobre
scorso, un Piano ad altissima concentrazione di fosforo
che, con diabolica perseveranza, programma un altro
centro commerciale in via Luxemburg, a meno di un tiro
di schioppo da Villa Verde, con vista Ospedale.
3
superficie territoriale occupata, ai fini della compatibilità con il PTCP/POIC, ai sensi dell’articolo 1.4 della DCR
1253/1999.
Inoltre non è affatto chiaro l’assetto merceologico della
struttura: infatti a pag. 11 delle NTA si parla di struttura
non alimentare, mentre nella corrispondente scheda del
PO 4.1 la superficie è suddivisa in alimentare (1500mq
sv) e non alimentare (2000mq sv).
stralci funzionali rispetto ad un eventuale parere negativo della Sovrintendenza.
MODIFICA PROPOSTA
Stralcio della previsione, in ragione dell’incertezza delle condizioni che ne subordinano la effettiva realizzabilità.
MODIFICA PROPOSTA
Norma e previsione insediativa commerciale da riscrivere
completamente, previa verifica di compatibilità con le disposizioni regionali di riferimento.
OSSERVAZIONE 3: GAIDA, VIA NEWTON
Struttura Ricettiva
A quanto sembra di comprendere, la concreta attuabilità dell’intervento in Osservazione è subordinata al
determinarsi di una serie di condizioni. In ragione di
ciò, e tenuto conto che esso prevede la realizzazione
di una struttura ricettiva, la sua conferma, in sede di
approvazione definitiva del POC, apparirebbe forzata.
Messaggio pubblicitario con finalità promozionali. Approvazione subordinata alla valutazione del merito creditizio. Per le condizioni contrattuali ed economiche
si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela nel sito Internet della Banca e presso ogni Filiale. Gennaio 2014
Da chiarire inoltre la compatibilità dello sviluppo per
4
OSSERVAZIONE 4:
SAN MAURIZIO, VIA FERRARIS
Struttura ricettiva
L’uso relativo alle attività ricettive/alberghiere appare
incongruo rispetto alla localizzazione, considerando
che poco più avanti lungo la stessa direttrice se ne trova già un altro. E d’altra parte se l’intervento è soggetto
ad attuazione diretta in base al RUE, non se ne comprende l’inserimento nel POC.
MODIFICA PROPOSTA
Collocazione incongrua, qualora si tratti di albergo,
considerato che poco più avanti ne sorge un altro. Da
chiarire inoltre il motivo dell’inserimento nel POC.
FACCIAMO SQUADRA
PER LA CRESCITA.
COnTI, FInAnzIAMEnTI E SERvIzI BPER:
Un’OFFERTA COMPLETA PER FAR CRESCERE LA PMI
BPER riserva alle PMI un’offerta di servizi e proposte per la
gestione delle attività economiche, con caratteristiche chiare
e su misura per le esigenze di specifici settori, ulteriormente
arricchita grazie alla costante collaborazione con le prinicipali
Associazioni di Categoria.
nOn SEI AnCORA CLIEnTE? ChIAMACI AL
nUMERO GRATUITO 800.205.040
bper.it
P.P. Occhiali
La Finanziaria 2014
È stata pubblicata sul S.O. n. 87/L della G.U. 27.12.2013, n. 302 la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. “Legge di
stabilità 2014”, in vigore dall’1.1.2014, che si compone di 1 articolo suddiviso in 749 commi, le cui novità sono di seguito
sintetizzate.
AUMENTO DETRAZIONE IRPEF LAVORO DIPENDENTE
Relativamente alla detrazione IRPEF per i redditi di lavoro dipendente, prevista dall’art. 13, comma 1, TUIR sono stati modificati:
gli importi della detrazione;
le soglie di reddito cui è collegata la detrazione spettante.
In particolare la detrazione è ora così determinata:
reddito complessivo
Detrazione spettante
non superiore a - 8.000
- 1.880
superiore a - 8.000 ma non a - 28.000
- 978 + 902 x - 28.000 - reddito complessivo = - 20.000
superiore a - 28.000 ma non a - 55.000
- 978 x - 55.000 - reddito complessivo = - 28.000
Sono abrogati gli incrementi della detrazione, previsti dal comma 2 del citato art. 13, in presenza di un reddito complessivo superiore a - 23.000 e fino a - 28.000.
DETRAZIONE INTERVENTI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
A seguito delle modifiche apportate all’art. 14, DL n. 63/2013 è disposta un’ulteriore proroga della detrazione IRPEF / IRES
relativamente ai lavori di riqualificazione energetica nella misura del:
65% per le spese sostenute nel periodo 6.6.2013 - 31.12.2014 (anziché 31.12.2013);
50% per le spese sostenute dall’1.1 al 31.12.2015.
Relativamente agli interventi su parti comuni condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il condominio la detrazione spetta nella misura del 65% con riferimento alle spese sostenute nel periodo 6.6.2013 30.6.2015 (anziché 30.6.2014) e del 50% per le spese sostenute dall’1.7.2015 al 30.6.2016.
DETRAZIONE INTERVENTI RECUPERO PATRIMONIO EDILIZIO
Modificando l’art. 16, DL n. 63/2013 è disposta un’ulteriore proroga della detrazione
IRPEF, con il tetto massimo di - 96.000, per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui all’art. 16-bis, comma 1, TUIR.
In particolare la detrazione è riconosciuta nella misura del:
50% per le spese sostenute nel periodo 26.6.2012 - 31.12.2014 (anziché
31.12.2013);
40% per le spese sostenute dall’1.1 al 31.12.2015.
Dal 2016 la detrazione spetterà nella misura prevista a regime (36%, con il limite
di spesa di - 48.000).
Detrazione zone sismiche
Con la modifica del comma 1-bis del citato DL n. 63/2013 è stabilito che la detrazione per le spese relative agli interventi finalizzati all’adozione di misure antisismiche, ex art. 16-bis, comma 1, lett. i), TUIR, attivate dal 5.8.2013 su edifici ricadenti nelle
zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) ex OPCM 20.3.2003, n. 3274,
riferite a costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive, spetta nella misura del:
65% per le spese sostenute nel periodo 6.6.2013 - 31.12.2014 (anziché
31.12.2013);
50% per le spese sostenute dall’1.1 al 31.12.2015.
Detrazione acquisto mobili / elettrodomestici
È prorogata dal 31.12.2013 al 31.12.2014 la detrazione IRPEF del 50%, riconosciuta ai
soggetti che usufruiscono della detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio, per le
spese sostenute per l’acquisto di mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione nonché di grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni).
L’agevolazione spetta dunque per le spese sostenute dal 6.6.2013 al 31.12.2014 ed è calcolata su
5
un importo non superiore a - 10.000. È previsto che l’ammontare della spesa agevolabile non può essere superiore a quella dei
lavori di ristrutturazione cui la stessa deve essere necessariamente collegata.
Va evidenziato che l’art.1, comma 2, lett. a) del citato DL n. 151/2013 ha soppresso detta limitazione.
PERDITE SU CREDITI
Per effetto dell’ulteriore modifica dell’art. 101, comma 5, TUIR, è previsto che, ai fini della deducibilità delle perdite su crediti, la
sussistenza degli elementi certi e precisi si realizza, inoltre, “in caso di cancellazione dei crediti dal bilancio operata in applicazione dei principi contabili”.
Tale novità è applicabile dal periodo d’imposta in corso al 31.12.2013 (in generale, dal 2013).
DEDUCIBILITÀ CANONI DI LEASING
Sono nuovamente modificate le regole di deducibilità dei canoni di leasing, prevedendo, tra l’altro, l’equiparazione di trattamento
per imprese e lavoratori autonomi.
In particolare è stato modificato il periodo minimo di deducibilità dei canoni. Infatti, ancorché rimanga confermato che gli stessi
possono essere dedotti in un lasso di tempo che non può essere inferiore a quello fissato dal comma 7 dell’art. 102 TUIR,
legato al periodo d’ammortamento risultante dall’applicazione dei coefficienti ministeriali, il periodo minimo è ora pari:
alla metà per la generalità dei beni mobili;
a 12 anni per i beni immobili.
Rimane confermato in misura corrispondente all’intero periodo d’ammortamento il periodo minimo di durata del leasing
avente ad oggetto i veicoli a deducibilità limitata ex art. 164, TUIR.
Le predette novità sono applicabili ai contratti stipulati dall’1.1.2014.
SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE TRAMITE DISTRIBUTORI AUTOMATICI
È disposto che i prezzi delle somministrazioni di alimenti e bevande tramite distributori automatici, effettuate in attuazione di contratti stipulati entro il 4.8.2013, possono essere rideterminati in aumento al solo fine di adeguarli all’incremento dell’aliquota IVA dal
4% al 10% decorrente dall’1.1.2014.
VARIAZIONI ALIQUOTE E DETRAZIONI
Entro il 15.1.2015 possono essere disposte, mediante apposito DPCM, variazioni delle aliquote d’imposta nonché riduzioni delle agevolazioni e detrazioni vigenti, salva l’approvazione, entro l’1.1.2015, di specifici Provvedimenti che assicurino
maggiori entrate o riduzioni di spesa mediante interventi di razionalizzazione della spesa pubblica.
INDENNIZZO ROTTAMAZIONE LICENZE
É prorogato al 31.12.2016 l’indennizzo di cui al D.Lgs. n. 207/96 riconosciuto agli operatori del settore commerciale e turistico che cessano l’attività nei 3 anni precedenti il pensionamento di vecchiaia nel periodo 1.1.2012 - 31.12.2016.
Le domande possono essere presentate entro il 31.1.2017.
Conseguentemente è prorogato fino al 2018 l’aumento dello 0,09% della contribuzione della Gestione IVS commercianti.
CONTRASTO RIMBORSI INDEBITI mod. 730
Con l’intento di contrastare l’erogazione di indebiti rimborsi IRPEF nell’ambito del mod. 730, entro 6 mesi dalla scadenza del
6
termine di trasmissione dei modelli l’Agenzia delle Entrate procede alla verifica della spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia in presenza di un rimborso superiore a - 4.000, anche determinato da eccedenze IRPEF di anni precedenti.
La nuova disposizione è applicabile alle dichiarazioni presentate a partire dal 2014.
CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ
È prevista la proroga al triennio 2014-2016 del contributo di solidarietà introdotto dall’art. 2, comma 2, DL n. 138/2011 (3%
del reddito complessivo eccedente il limite di - 300.000).
NUOVA IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)
È istituita la nuova Imposta unica comunale, c.d. “IUC”, basata sui seguenti 2 presupposti impostivi:
1. possesso di immobili, collegato alla relativa natura e valore;
2. erogazione e fruizione dei servizi comunali.
Detta imposta è quindi articolata nelle seguenti 2 componenti:
la prima, l’“IMU”, di natura patrimoniale, dovuta dal possessore degli immobili, esclusa l’abitazione principale;
la seconda, riferita ai servizi, a sua volta articolata:
- nella “TASI” (Tributo per i servizi indivisibili), a fronte della copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili del
Comune;
- nella “TARI” (Tassa sui rifiuti), per la copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani (è abrogata
la TARES).
playPorter
Sincronizzati
con l’ambiente!
play Porter
Sincronizzati con l’ambiente!
•
•
•
•
Accessoillimitatoalcentrostorico24/24h
Sostagratuitaintuttalacittà
Noleggiodeducibiledalletasse
80kmdiautonomiacon2,50eurodi
ricarica(8h)
• Quattropostiespazioavolontà
• Pubblicitàinmovimento
puoipersonalizzaregratuitamenteilPortercon
iltuologo
L’auto elettrica a 150 euro* AL MESE per 6 mesi tutto compreso.
•Parcheggiogratuito
•Centronolimits
L’ Econoleggio è facile e conviene:
150€/mesedal1°al6°mese
200€/mesedal7°al12°mese
250€/mesedal13°al24°mese
REGGIO EMILIA
•Assistenzagarantita
www.ariamia.com
facebook.com/AriamiaPlayporter
0522 927654
*i prezzi si intendono iva esclusa
7
D. Prampolini Manzini
Mercati straordinari
Novellara, serrare le fila
«Soltanto lavorando insieme si possono portare
a casa i risultati sperati»
In merito al mancato mercato
collaborazione tra operadi Forte dei Marmi previsto
tori locali ed eventualcertamente
il 29 dicembre scorso a
mente operatori venuti
troppa leggerezza
viene riservata
Novellara, riteniamo opda fuori, se la manial comparto del
portuno fare alcune prefestazione fosse nata
commercio nel Comune
cisazioni affinché si ricon la chiarezza e la
di Novellara
conduca la vicenda all’intrasparenza che per
terno dei giusti contorni.
l’ennesima volta è venuIn un momento di gravissita a mancare a Novellara.
ma crisi economica come quello
Non vogliamo pensare alla malafeche stiamo vivendo, la cosa più dede, ma certamente troppa leggerezza
leteria è creare fratture tra operatori
viene riservata al comparto del comcommerciali, in questo caso commermercio nel Comune di Novellara. Basti
cianti in forma fissa e ambulanti, in
pensare al futuro insediamento di una
quanto lavorare il più possibile in sigrande struttura Bennet, alla vicenda
nergia può in qualche modo cercare
dell’outlet di qualche mese fa, alle
di alleviare gli effetti disastrosi che il
cartelle impazzite relative all’imposta
continuo calo dei consumi sta produdi pubblicità o alla Tares con aliquote
cendo.
record per l’intera provincia.
L’esasperazione degli animi è un terDecisioni prese senza soppesare gli
reno fertile per i malintesi o le male
effetti potenziali, su cui si è cercato di
interpretazioni e un’Amministramettere una pezza sempre a posteriozione responsabile dovrebbe
soppesare bene ogni decisione
e da ogni punto di vista prima
di prendere determinati provvedimenti.
È comprensibile la rabbia degli operatori in sede fissa che vedono svanire
un’occasione per portare gente a Novellara, ma è altrettanto giusto tutelare
quei commercianti ambulanti che tutto
l’anno operano per animare il mercato settimanale, sfidando le intemperie
oltre che la concorrenza di operatori
improvvisati, mercati contadini, hobbisti, e così via. La verità è che si
poteva studiare una forma di
ri.
Si cerca la collaborazione degli
operatori e delle associazioni
sempre e solo quando c’è da
correre ai ripari per rimediare
a pasticci già fatti e cosa ancor
più grave si esasperano gli animi di una categoria che ormai è
allo stremo.
Non sono queste le basi su cui si può
pensare di operare. Il senso della cabina di regia deve essere un altro.
Ora è opportuno che i commercianti
serrino di nuovo le fila, ricordando
che solo lavorando assieme e facendo ascoltare un’unica voce, si possono portare a casa i risultati sperati, si
tratti di decidere come svolgere una
manifestazione o bloccare un outlet,
pensando prima di tutto al bene generale e non solo al singolo interesse
di bottega.
In vigore la legge sugli hobbisti
Nonostante qualche tentativo di
ostruzione messo in scena da alcuni
amministratori locali, il 1° gennaio
scorso è finalmente entrata in vigore
la nuova legislazione sugli hobbisti.
Il privato non imprenditore professionale che intenda partecipare a mercati e mercatini è pertanto obbligato
a munirsi di un tesserino identificativo
8
rilasciato dal Comune di residenza,
che lo abilita a partecipare a un massimo di dieci manifestazioni all’anno
per non più di due anni, anche non
consecutivi, nell’arco di un quinquennio.
Superato tale limite, chi voglia proseguire l’attività dovrà richiedere la normale autorizzazione al commercio su
aree pubbliche.
Sono esclusi dall’obbligo di possesso
del tesserino i minorenni che partecipano alle manifestazioni a loro riservate, nonché gli espositori presenti
nelle mostre zoologiche, filateliche,
numismatiche, mineralogiche, che
non abbiano prevalente finalità commerciale.
P. Novelli
Credito
Cofiter si fa in sette
Sette schede per sette prodotti
Cofiter è una cooperativa di garanzia che si riistituti di credito e per gli enti pubblici territoriali.
L’Ufficio
volge alle imprese emiliano-romagnole e ai liCofiter presta garanzia per agevolare il ricorso al
credito
beri professionisti, impegnandosi nei confronti
credito delle micro, piccole e medie imprese e
Confcommercio di
Reggio Emilia (0522
dell’istituto di credito a garantire una parte del
dei liberi professionisti, operando con le princi708511) è a disposizione per
finanziamento erogato. Cofiter rappresenta
pali banche presenti sul territorio per: liquidità,
approfondire l’argomento
quindi il punto di riferimento fondamentale per
investimenti, operazioni a breve termine. Inoltre
e preparare le pratiche
chi si impegna attivamente sul territorio e, allo
Cofiter seleziona le imprese per l’accesso ai constesso tempo, l’interlocutore privilegiato per gli
tributi pubblici, di cui è gestore.
1° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI MUTUO CHIROGRAFARIO PER INVESTIMENTO
FORMA TECNICA
Mutuo chirografario destinato all’acquisto azienda/immobile/sub
ingresso/e/o rinnovo di attrezzature
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 500.000,00
DURATA MASSIMA
Max: 10 anni (oltre eventuale pre-ammortamento)
AMMONTARE GARANZIA
10% - 30% - 50% dell’importo finanziato
ALTRE INFORMAZIONI
Pre-finanziamento massimo 12 mesi
2° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI MUTUO IPOTECARIO PER INVESTIMENTO
FORMA TECNICA
Mutuo ipotecario destinato all’acquisto-rinnovo di attrezzature /
acquisto-rinnovo immobile sede dell’attività
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 500.000,00
DURATA MASSIMA
Max: 15 anni (oltre eventuale pre-ammortamento)
AMMONTARE GARANZIA
10% - 30% - 50% dell’importo finanziato
ALTRE INFORMAZIONI
Pre-finanziamento massimo 12 mesi
9
3° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI MUTUO PER CREDITO DI ESERCIZIO (IPOTECARIO/
CHIROGRAFARIO)
FORMA TECNICA
Mutuo chirografario/ipotecario per esigenze di liquidità aziendale
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 100.000,00
DURATA MASSIMA
Max: 7 anni
AMMONTARE GARANZIA
30% - 50% dell’importo finanziato
4° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI MUTUO PER CONSOLIDAMENTO DEBITI (IPOTECARIO/CHIROGRAFARIO)
FORMA TECNICA
Mutuo chirografario/ipotecario
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 100.000,00
DURATA MASSIMA
Max: 7 anni chirografario (elevabile a 10 anni con garanzie reali) Max 15 anni ipotecario
AMMONTARE GARANZIA
30% - elevabile al 50% dell’importo finanziato in presenza di
garanzie reali
5° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI FIDEJUSSIONE BANCARIA
FORMA TECNICA
Fidejussione bancaria
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 200.000,00
DURATA MASSIMA
Max: 7 anni
AMMONTARE GARANZIA
50%
6° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI MUTUO PER INVESTIMENTI L.R. 40/2002
INCENTIVI RIVOLTI ALL’OFFERTA TURISTICA
FORMA TECNICA
Mutuo chirografario/ipotecario destinato a interventi di
ristrutturazione/riqualificazione offerta turistica
Contributo in abbattimento tassi = 1,5 punti per i primi 10 anni
limitatamente a - 750.000,00
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 300.000,00
DURATA MASSIMA
Max: 15 anni (oltre eventuale pre-finanziamento)
AMMONTARE GARANZIA
20% dell’importo erogato
ALTRE INFORMAZIONI
Pre-finanziamento massimo 12 mesi
7° SCHEDA PRODOTTO: GARANZIA A FRONTE DI MUTUO AI SENSI DELLA LEGGE 108/96 - ANTIUSURA
FORMA TECNICA
Mutuo chirografario/ipotecario a favore di soci a cui la banca
ha rifiutato un finanziamento per il quale il Confidi aveva dato
disponibilità al rilascio della garanzia pari almeno al 50%
dell’erogato
IMPORTO MASSIMO GARANTITO
Max - 127.500,00
DURATA MASSIMA
Max: 10 anni
AMMONTARE GARANZIA
85% dell’importo erogato
L’Ufficio credito di Confcommercio di Reggio Emilia (tel. 0522 708511)
è sempre a disposizione per approfondire l’argomento, preparare le pratiche
e raccogliere i documenti da allegare alle richieste di garanzia.
10
Notizie in breve
Trattativa CCNL Commercio e Terziario
Ha preso ufficialmente il via la contrattazione per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro del
Commercio dopo alcuni mesi di preparazione interna,
sia da parte datoriale che da parte sindacale. Entrambe
le parti sono ben consapevoli del fatto che il contesto economico rende questa tornata contrattuale particolarmente
delicata, per questo si è stabilito un fitto calendario che permetta di trovare soluzioni nuove per andare incontro alle
esigenze di imprese e lavoratori. Chiaramente le paventate
controriforme normative legate al Job Act, potranno condizionare alcune parti contrattuali, per cui la Commissione
trattante è in attesa di avere l’articolato dettagliato onde
evitare che si crei conflittualità tra la legislazione nazionale
e il contratto collettivo.
Rinnovo CCNL Turismo
Il 18 gennaio 2014 Federalberghi e Faita (imprese
ricettive e del turismo all’aria aperta) hanno sottoscritto con le organizzazioni sindacali di categoria l’ipotesi d’accordo per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro del Turismo
20 febbraio 2010, scaduto il 30 aprile 2013. L’accordo
non è stato firmato invece da FIPE (pubblici esercizi) e FIAVET (agenzie di viaggio). Per le parti che lo
hanno sottoscritto, il contratto avrà una durata di 40 mesi
(dal 1º maggio 2013 al 31 agosto 2016), con un primo
aumento salariale, pari a 17,60 euro, che sarà pagato a
febbraio 2014. Sono previste ulteriori quattro rate di identico importo, che determineranno un aumento complessivo di
88 euro, che arriverà a regime ad aprile 2016.
Rinnovo organi camerali CCIAA
Reggio Emilia 2013-2018
La Regione Emilia Romagna con decreto del Presidente Errani in data 23 dicembre 2013 ha nominato i nuovi membri del Consiglio Camerale per il mandato 2013-2018; per
Confcommercio Imprese per l’Italia Reggio Emilia sono
state nominate Donatella Prampolini, Paola Silvi e
Francesca Lombardini. Il nuovo Consiglio si è insediato
il 16 gennaio scorso, data in cui è stato eletto Presidente
della CCIAA di Reggio Emilia Stefano Landi.
considerata un investimento per il futuro, non una spesa,
specialmente dove si vuole ottenere un più alto valore aggiunto.» Un ringraziamento particolare della Presidenza,
della Giunta Confcommercio e del Consiglio Iscom va alla
presidente uscente Loretta Romani per l’impegno e il lavoro svolto fin dalla creazione di Iscom Reggio 25 anni fa.
Incontro per unione Comuni
di Sant’Ilario-Campegine-Gattatico
Lunedi 2 dicembre presso l’auditorium di Casa Cervi a
Gattatico, si è svolto un incontro per la presentazione della fusione dei Comuni di Sant’Ilario D’Enza, Campegine
e Gattatico. All’incontro erano presenti le amministrazioni
comunali, le associazioni di categoria, gli enti locali e i
cittadini. Dall’incontro è emerso un percorso condiviso per
ridurre le spese di gestione del territorio e aumentare la
qualità dei servizi locali. Molti servizi quali Polizia Municipale, Casa di Riposo, Pubblica assistenza, ecc. sono già
condivisi e funzionano bene. Saranno diverse le tappe ancora da affrontare ma l’idea è piaciuta a molti. E’ nato un
comitato il cui sito internet (www.fusionecomuni.
it) è strutturato per dare risposte a chiunque ne
voglia sapere di più.
Consegnato il primo premio del concorso
per promuovere il centro storico di Reggio
Consegnata il 17 gennaio scorso la FIAT 500 messa in
palio dal Concorso “Compra in Centro e centra la fortuna” realizzato nell’ambito del progetto di valorizzazione
del centro storico “C’entro Reggio Emilia”. Oltre 100mila
cartoline, distribuite da 300 attività economiche
del centro storico che hanno aderito all’iniziativa, hanno partecipato all’estrazione. Il progetto “C’entro Reggio
Emilia” è nato per la valorizzazione e la gestione condivisa del centro storico da parte del Tavolo unico di Coordinamento del Commercio, composto da Comune di Reggio
Emilia, Camera di Commercio, Confcommercio e altre associazioni di rappresentanza, e costituisce la cornice comune all’interno della quale vengono realizzate iniziative,
manifestazioni e nuove strategie per sostenere il cuore della
città.
Aurelio Trevisi è il nuovo presidente
di Iscom Reggio
Giovedì 16 gennaio scorso l’Assemblea di Iscom Reggio,
l’istituto di formazione di Confcommercio Reggio Emilia,
ha rinnovato i propri vertici. Il nuovo presidente è Aurelio Trevisi, imprenditore e consulente nel settore dell’igiene alimentare e componente della Giunta provinciale di
Confcommercio. Nel Consiglio direttivo siedono anche il
nuovo vicepresidente Alessandro Grande e i consiglieri
Luigi Davoli, Lorena Prandi e Gino Virgilli. «Con
la crisi -ha dichiarato Aurelio Trevisi- molte imprese sono
state chiuse, molte hanno cessato l’attività, i consumi sono
crollati: le persone restano e su quelle bisogna investire
per uscire da questa situazione. La formazione dev’essere
Nel mese di gennaio è mancata all’affetto dei suoi cari
la signora Olga Spaggiari, madre di Paolo Pignoli,
Vicepresidente vicario di Confcommercio Reggio Emilia e
Direttore de Il Commerciante. La Presidenza, la Giunta, la
Direzione e i Dipendenti di Confcommercio, Ascom Servizi e
delle altre società ed enti collegati partecipano al dolore dei
famigliari e delle tante persone che le hanno voluto bene.
11
NUOVE APERTURE - Via Valle - Palazzo Confcommercio
ACCOR SPACE ABBIGLIAMENTO FIRMATO - CALZATURE - VALIGERIA - INTIMO
BAR BUDDAH CON SERVIZIO DI RISTORAZIONE
AFFITTASI IN REGGIO EMILIA
UFFICIO - VIALE OLIMPIA N. 13 (R.E.)
MQ. 400 PIANO PRIMO (DIVISIBILI IN N. 2 UNITA’) RISCALDAMENTO AUTONOMO-ARIA CONDIZIONATA
MAGAZZINI PER ARCHIVIAZIONE DOCUMENTI CONTABILI
DA MQ. 15 A MQ. 100 Via Giglioli Valle Reggio Emilia - Viale Olimpia n. 13 Reggio Emilia
UFFICI
Via Giglioli Valle n. 4 (RE) - mq. 195 - mq. 85 ARREDATO, anche collegabili fra loro
RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO AUTONOMI AMPIO PARCHEGGIO
UFFICI
Via Maiella (Centro Comm.le Reggio Sud) - mq. 140 + 115
NEGOZIO/AGENZIA BANCARIA
Via Martiri di Cervarolo n. 19 mq. 250 + magazzino
ARIA CONDIZIONATA E RISCALDAM.AUTONOMI
UFFICI
VIA MANICARDI N. 10 (RE) - Mq. 300 PIANO PRIMO RISCALD. AUTONOMO
ARIA CONDIZIONATA AMPIO PARCHEGGIO LOCALI ADIACENTI E COLLEGABILI
TRATTATIVA DIRETTA CON LA PARTE LOCATRICE Per informazioni tel. ore ufficio 0522/286366 cell. 3483107340
Cedesi attività caffetteria e pranzi veloci
zona fiera Reggio Emilia. Mq 100.
Distesa estiva e possibilità di fare concerti. Tutto arredato.
Ampio parcheggio.
Per informazioni: 347 8053355 (Francesca)
Affittasi
Prestigioso ufficio 85 mq, 3 vani + servizi
Via Guido Da Castello angolo Via Emilia - Reggio Emilia
1° piano, ascensore, riscaldamento indipendente
CANONE INTERESSANTE - 340 9078683
Si cede avviata attività di parrucchiera
con 5 posti lavoro, 2 lavatesta, magazzino e arredamento
nuovo con parcheggio comodo, ottima posizione, a Rubiera(RE)
Per informazioni 338 9118645
12
i Corsi di
Formazione
SICUREZZA SUL LAVORO
CORSO RSPP – Basso rischio
Responsabile Servizio Prevenzione e
Protezione - Per datori di lavoro
(art.32 e 34 del D.lgs. 81/08 e accordo Stato
Regione del 11/01/2012)
16 ore
RINNOVO RSPP – Basso rischio
Ogni 5 anni - Per datori di lavoro (art.32
e 34 del D.lgs. 81/08 e accordo Stato Regione del
11/01/2012)
6 ore
200 € (+ IVA 22%)
Data svolgimento
20 e 27 marzo
dalle 15,30 alle 18,30
80 € (+ IVA 22%)
4 ore
50 € (+ IVA 22%)
Data svolgimento
11 marzo
RINNOVO ANTINCENDIO
Basso rischio
dalle 15,00 alle 17,00
2 ore
(D.M. 10/03/98 e D.lgs. 81/08)
CORSO PRONTO SOCCORSO
12 ore
30 € (+ IVA 22%)
Data svolgimento
18, 25 marzo e
1 aprile
dalle 14,30 alle 18,30
150 € (+ IVA 22%)
RINNOVO PRONTO SOCCORSO
Ogni 3 anni - (D.M. 338/03 e D.lgs. 81/08)
Aziende gruppo B e C
4 ore
CORSO per DIPENDENTI
Corso di formazione obbligatorio sulla
sicurezza sul lavoro per collaboratori e
lavoratori dipendenti (come da D.lgs.
81/08)
4 ore (parte generale)
4 ore (parte specifica)
RINNOVO per DIPENDENTI
Rinnovo ogni 5 anni della formazione
sulla sicurezza sul lavoro per
collaboratori e lavoratori dipendenti
(come da D.lgs. 81/08)
Corso professionale per il commercio e
la somministrazione di alimenti e
bevande. Lezioni dalla data di inizio nei
giorni: lunedì, martedì, mercoledì e
venerdì dalle 18,00 alle 22,00
100 ore
CORSO AGENTI D’AFFARE IN
MEDIAZIONE
Lezioni dalla data di presentazione nei
giorni: lunedì, martedì, mercoledì e
venerdì dalle 19,00 alle 22,00
200 ore
Inizio il 04 MARZO
Lezioni il lunedì,
martedì, mercoledì e
venerdì.
dalle 18,00 alle 22,00
500 € (ESENTI IVA)
Presentazione il
3 marzo ore 18,30
Orario delle lezioni
dalle 19,00 alle 22,00
850 € (ESENTI IVA)
dalle 14,30 alle 18,30
(D.M. 10/03/98 e D.lgs. 81/08)
(D.M. 338/03 e D.lgs. 81/08)
dalle 14,30 alle 18,30
CORSO SAB
Data svolgimento
11 marzo
CORSO ANTINCENDIO
Basso rischio
Aziende gruppo B e C
Date svolgimento
6,13,20,27 marzo
CORSI ABILITANTI
6 ore
Data svolgimento
1 aprile
dalle 14,30 alle 18,30
50 € (+ IVA 22%)
CORSI LIBERI
CORSO HACCP
Autocontrollo igienico sanitario sulla
produzione e preparazione degli
alimenti
4 ore
RINNOVO per ALIMENTARISTI
Corso di rinnovo attestato Alimentaristi
come previsto da L.R. 11/2003
(ex libretto sanitario)
3 ore
CORSO BARMAN
La figura del barman professionale, le
tecniche del lavoro, le prospettive
occupazionali ed i rapporti con i clienti. Al
termine verrà rilasciato Attestato di
frequenza.
15 ore
Parte Generale
27 marzo
Data svolgimento
3 aprile
dalle 14,30 alle 18,30
50 € (+ IVA 22%)
Data svolgimento
10 Aprile
dalle 15,00 alle 18,00
40 € (ESENTI IVA)
Presentazione il
10 aprile ore 18,30
Orario delle lezioni
dalle 19,00 alle 22,00
200 € (+ IVA 22%)
dalle 14,30 alle 18,30
50 € (+ IVA 22%)
Parte Specifica
2 aprile
CORSO RINNOVO RLS
dalle 14,30 alle 18,30
Rinnovo annuale per il Rappresentante
dei Lavoratori per la Sicurezza per
imprese che occupano dai 15 ai 50
lavoratori
4 ore
Data svolgimento
27 marzo e 2 aprile
CORSO RINNOVO RLS
50 € (+ IVA 22%)
dalle 15,30 alle 18,30
75 € (+ IVA 22%)
Rinnovo annuale per il Rappresentante
dei Lavoratori per la Sicurezza per
imprese che occupano più di 50
lavoratori
8 ore
Data svolgimento
20 marzo
dalle 14,30 alle 18,30
50 € (+ IVA 22%)
Data svolgimento
20 e 27 marzo
dalle 14,30 alle 18,30
100 € (+ IVA 22%)
Le iscrizioni per ogni Corso saranno ritenute valide se corredate di fotocopia dell’avvenuto bonifico e se pervenute entro 5 giorni precedenti la
data di inizio del corso. Pagamento a mezzo bonifico bancario: Beneficiario: ISCOM REGGIO- Via Giglioli Valle,10, Reggio Emilia
IBAN: IT06K0503412801000000001860
13
www.sigmarealco.it
Dal 1959 il Gruppo Realco mette
a disposizione delle Imprese
straordinarie possibilità diversificate
di mercato, tutti vantaggi del know
how di un marchio storico del food.
Il Cash&Carry di prodotti alimentari ricercati per soddisfare le esigenze
dei possessori di Partita IVA della piccola e media impresa
Via Rosmini,9 - Tel. 0522 560 000 - 0522 560 875 - Fax 0522 569 553
[email protected] - Località Rivalta - 42123 Reggio Emilia
Una sicura opportunità di investimento
Direzione e Uffici: Via Pertini, 15 - 42124 Reggio Emilia - Tel. 0522 3888 - Fax 0522 304 267