Programma_Tech4ability

Commenti

Transcript

Programma_Tech4ability
Tech4ability
Tecnologia e innovazione a supporto della
disabilità
6 Maggio 2014 Ore 16.00
Via Ampère 61/a, Milano
Il termine “tecnologie assistive” deriva dall’inglese “assistive technology” e sostituisce la
parola “ausilio”. In particolar modo la parola “assistive” indica l'impiego che queste
tecnologie hanno nel facilitare l'interazione uomo-macchina per persone diversamente
abili. L'implementazione di tali tecnologie nel vissuto quotidiano di una persona può aiutarla
ad esprimere il suo naturale potenziale e a rimanere più facilmente inserita nel tessuto sociale
e produttivo.
Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che,
recentemente, hanno contribuito a migliorare la vita delle persone disabili, facendole
sentire parte viva della società e del mondo produttivo. Molti ricercatori e operatori del settore
sottolineano inoltre come questi strumenti possano costituire anche il mezzo privilegiato per
supportare ed agevolare il processo inclusivo sociale. Le tecnologie assistive, infatti,
contribuiscono a semplificare la vita di ogni persona disabile, grazie all’utilizzo di strumenti
tecnologici in grado di sopperire alle difficoltà che si presentano spesso in tali soggetti.
La diffusione capillare di tecnologie a basso costo, il notevole incremento delle potenzialità e
capacità di calcolo dei device in commercio (PC, laptop, smart phone, tablet, console da
gioco, ecc..), la diffusione di modelli software as a service e di servizi cloud, costituiscono un
ecosistema assolutamente fertile per lo sviluppo e il miglioramento continuo di soluzioni
tecnologiche assistive a forte carattere di innovatività e con notevole potenzialità di generare
impatto. Così, se da una parte vengono sviluppate sempre nuove e più potenti tecnologie a
sostegno dell’autonomia personale dei soggetti diversamente abili, dall’altra aumenta la
complessità dei processi di scelta, selezione e utilizzo delle tecnologie nel singolo contesto
d’uso. Si fa inoltre urgente l’esigenza di continua formazione dedicata e di aggiornamento
autorevole per tutti i professionisti che operano nel settore, volta all’aumento di conoscenze
ma anche all’acquisizione di competenze mirate all’intervento diretto.
L’evento Tech4ability intende dunque portare all’attenzione di professionisti, terapisti, medici e
tecnici alcune delle innovazioni sviluppate di recente nel settore delle tecnologie assistive,
individuandone vantaggi e svantaggi e mettendo a confronto punti di vista ed esperienze di
associazioni, addetti ai lavori, personale medico, operatori dell’assistenza domiciliare e
disabili. In particolare, saranno oggetto di discussione le soluzioni sviluppate da Xtensa, Fifth
Element e MediaHospital, di seguito brevemente descritte. A chiusura dei lavori sarà offerto
un rinfresco ai presenti, che avranno anche la possibilità di provare e ottenere informazioni
inerenti le tre soluzioni presentate.
Xtensa
Ha sviluppato EyeAssist, uno strumento a basso costo che consente a
pazienti affetti da gravi disturbi motori (sclerosi laterale amiotrofica, distrofia
muscolare,..) di comunicare, effettuare chiamate di emergenza, utilizzare
programmi di intrattenimento (es. vedere un film, sfogliare fotografie,…). Il
prodotto si base su una semplice architettura hardware, composta da poche
componenti facilmente reperibili sul mercato (camera e sensori di tipo
consumer ma di buona qualità) e sposta invece la complessità sulla parte di
algoritmi di riconoscimento e, più in generale, sulla componente software.
Fifth Element
FFifth Element è la prima piattaforma basata sull'interazione gestuale e
innovativi servizi di remote support per fare terapie abilitative per i bambini
che soffrono di “Disturbi dello Spettro Autistico (DSA)". Fifth Element sfrutta
la telecamera Kinect per promuovere l’apprendimento e la terapia attraverso
l’interazione del corpo, con obiettivi specifici, personalizzabili sulle necessità
del singolo bambino. Grazie alla potenza del Cloud Computing, la
piattaforma permette di portare la terapia direttamente a casa e essere
sempre in contatto con uno specialista.
Oltre all'autismo, specialisti di molte altre patologie (disturbi specifici
dell'apprendimento, alzheimer, Ictus, riabilitazione post traumatica e
sportiva,...) sono interessati a usare Fifth Element con i loro pazienti.
MediaHospital
MediaHospital® è impegnata nello sviluppo di tecnologie che possano
supportare, aiutare e velocizzare il percorso terapeutico/assistenziale del
paziente, sia all’interno della struttura ospedaliera, che nel “privato” della
propria casa. Il sistema di tele-riabilitazione alla base di MediaHospital®
nasce come strumento rivolto ai bisogni di riabilitazione di pazienti affetti da
malattie croniche. Attraverso un servizio sostenibile e integrato, MH®
prevede un programma di riabilitazione neuro-motorio e neuro-cognitivo in
grado di aiutare i pazienti e i care-giver a migliorare le funzioni limbiche, a
rallentare il deterioramento cognitivo e a lavorare su deficit linguistici
associati alle patologie croniche.
In collaborazione con:
Make a Cube
3
2

Documenti analoghi

presentazione ATG, Assistive technology group

presentazione ATG, Assistive technology group and Communication Technologies) che punta a mettere la tecnologia al servizio dei problemi delle persone che hanno bisogno di comunicare, di essere autonome, di essere supportate nei movimenti e ne...

Dettagli

Tecnologie Assistive - the CP

Tecnologie Assistive - the CP per ridurre questa quantità di dispositivi per categorie generali e aiutarci a capire la portata della funzionalità di ciascuno di essi. Siamo comunque di fronte ad una miriade di modi alternativi...

Dettagli