scarica il libretto

Commenti

Transcript

scarica il libretto
2015
Musica
inVilla
39ª edizione
Cagnola
Villa Cagnola
Gazzada Schianno
1
Con il patrocinio di:
Cultura, Identità
e Autonomie della Lombardia
Con il contributo di:
VILLA CAGNOLA
GAZZADA SCHIANNO
[email protected]
www.prolocogazzadaschianno.it
2
Ingresso e 15 · Ridotti e 10
Segreteria organizzativa tel. 0332 875120 · 0332 461304
Gli organizzatori assicurano l’esecuzione dei concerti
anche in caso di maltempo
3
Sabato 13 giugno · ore 21,00
Sabato 18 luglio · ore 21,00
Orchestra “Il Mosaico”
Fabio di Casola, clarinetto
Claude Hauri, violoncello
Corrado Greco, pianoforte
Concerto per l’estate
Pietro Borgonovo, direttore
h
Domenica 21 giugno · ore 21,00
Flautando con Mozart
h
Venerdì 24 luglio · ore 21,00
Flûte 4et
Omaggio a C.P.E. Bach
Giovedì 25 giugno · ore 21,00
h
Chiara Nicora, fortepiano
Fabio De Leonardis, violoncello
Alberto Cesaraccio, oboe
Orchestra del Civico Liceo Musicale di Varese
Giovedì 30 luglio · ore 21,00
Francesca Dellea, flauto · Walter Zagato, violino
Gustavo Fioravanti, viola · Marco Radaelli, violoncello
Mendelssohn dall’infanzia alla fede
Claudio Andriani, direttore
Concerto fuori programma
h
Venerdì 26 giugno · ore 21,00
6:35 AM, l’ora del Jazz
Omaggio a Giorgio Gaslini
Felice Clemente trio
h
Giovedì 2 luglio · ore 21,00
Tu potrai mangiare
Compagnia dell’Eremo
Antonio Zanoletti, direzione artistica
Spettacolo fuori programma
h
Abendlied Ensemble
h
Ciak, si suona!
Ensamble Dodecacellos
Arianna Menesini, violoncello solista
Oscar Trabucchi, percussioni
Angelica Depaoli, vocalist
Andrea Albertini, pianoforte e direzione
h
Domenica 2 agosto · ore 21,00
Pianoforte in quartetto
Quartetto Artaria
Alessandro Commellato, pianoforte
Ulrike Hofmann, violoncello
Salvatore Quaranta, violino
Giuseppe Russo Rossi, viola
h
Sabato 4 luglio · ore 21,00
Giovedì 6 agosto · ore 21,00
Orchestra Camerata Ducale di Vercelli
I Pomeriggi Musicali di Milano
Le violon noir
Guido Rimonda, direttore
h
Mercoledì 8 luglio · ore 21,00
Alma Llanera
Trio Sembrar para cosechar
M. Italiani, G. Bellanca, S. Scarpolini, tenori
C. Buttè, soprano
G. Tampalini, chitarra · L. Scarpolini, voce recitante
h
Venerdì 10 luglio · ore 21,00
Oggi cantano le belle mitragliatrici….
“Grande Orfeo”
M. Chiodetti, ideazione e regia · M. Cavinato, soprano
C. Donadoni, voce recitante · F. Miotti pianoforte
4
Aimez-vous Brahms?
Bacco all’opera
Paolo Belloli, direttore
h
Sabato 8 agosto · ore 21,00
Sogno di una notte di mezz’estate
Orchestra della Svizzera italiana
Pietro Mianiti, direttore
h
Venerdì 4 settembre · ore 21
Recital pianistico
Vincitori del concorso “Magnificat”
del Conservatorio di Gerusalemme
Concerto fuori programma
5
Orchestra “Il Mosaico”
L’orchestra nasce nel 2008 insieme all’associazione culturale
“Il Mosaico”, della quale è il primo e più grande progetto.
Al suo interno collaborano artisti che fanno parte delle migliori
orchestre lirico sinfoniche toscane: Maggio Musicale Fiorentino, orchestra regionale toscana, orchestra del Gran Teatro
Puccini di Torre del Lago.
L’orchestra ha già al suo attivo numerosi concerti e si è esibita
in importanti sale e luoghi dal notevole prestigio storico come
piazza della Signoria a Firenze in occasione della Festa della
Musica, villa il Ventaglio a Firenze per la Festa dell’Europa in
collaborazione con la Sovrintendenza per i Beni architettonici
ed il paesaggio e l’Arengario di Palazzo Vecchio sempre a Firenze in collaborazione con l’associazione Harmonia.
Grazie alla collaborazione con l’associazione “Il Parnaso” l’orchestra si è esibita alle rinomate terme “Il Tettuccio” per la
stagione lirica di Montecatini Terme dal 2010 al 2012.
L’orchestra, come sua attività istituzionale, partecipa dal 2013
alla rassegna “Note di... Classica e altri suoni”, che si svolge a
Empoli; in tale contesto ha eseguito nel 2013 “Un coro all’opera” (raccolta di alcuni dei più bei cori del melodramma italiano), nel 2014 il “Te Deum” di Charpentier ed il “Magnificat”
di Bach. Il 20 maggio 2015 eseguirà “Cavalleria Rusticana” di
Pietro Mascagni, evento a cui parteciperanno più di 120 artisti
tra coro, soli e orchestra.
L’orchestra è già stata ospite a Gazzada per la rassegna “Musica in Villa” nel 2012, 2013 e 2014, sotto la guida del suo
direttore principale Alessandro Bartolozzi.
Pietro Borgonovo
Nato a Milano, Pietro Borgonovo si distingue nella direzione
di produzioni sinfoniche e operistiche per prestigiosi festival
e teatri. Da segnalare la presenza al Salzburger Festpiele, al
Maggio Musicale Fiorentino, alla Biennale di Venezia, al Ravenna Festival. Dirige all’Arena di Verona, al teatro dell’Opera
di Roma, alla Fenice di Venezia, al Carlo Felice di Genova e le
principali orchestre in Italia, Europa e Stati Uniti.
La Fondazione teatro La Fenice gli affida la direzione della
prima mondiale dell’opera “Medea” di Adriano Guarnieri. Allo
spettacolo è assegnato il premio Abbiati 2003 e la motivazione
mette in risalto la “raffinata esecuzione musicale e scenica che
ha restituito l’audace ricercatezza della concezione compositiva e multimediale”.
Giovanissimo si impone quale solista di oboe tra i più affermati sulla scena mondiale e si esibisce nelle principali sale
e nei maggiori festival internazionali, dal teatro alla Scala al
Musikverein di Vienna, al festival d’Automne di Parigi, dalla
Filarmonica di San Pietroburgo alla Fondazione Gulbenkian
di Lisbona.
Pietro Borgonovo è direttore artistico della Giovine Orchestra
Genovese e dal 2003 del Concorso internazionale di Musica
G. B. Viotti di Vercelli.
6
Sabato 13 giugno
ore 21,00
Concerto per l’estate
Franz Schubert (1797-1828)
Sinfonia n. 4 in do minore D 417 “Die Tragische”
Adagio molto - Allegro vivace
Andante
Menuetto: Allegro vivace
Allegro
Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92
Poco sostenuto - Vivace
Allegretto
Presto
Allegro con brio
Orchestra Il Mosaico
Giuseppe Borgonovo
Direttore
7
Francesca Dellea
Studia flauto traverso, al conservatorio di Zurigo ottiene il Lehrdiplom e il Konzertdiplom “Orchester” e il diploma all’Universität für
Musik di Graz. Vince diversi concorsi tra i quali il premio “Berti
Alter-Stiftung” e la borsa di studio “Yvonne Lang-Chardonnens”.
Collabora con diversi compositori e orchestre tra le quali: l’orchestra sinfonica Svizzera dell’Accademia, dell’Opera di Zurigo e della
Svizzera italiana. È membro della Società svizzera di Pedagogia musicale e insegna al Conservatorio della Svizzera italiana.
Domenica 21 giugno
ore 21,00
Flautando
con Mozart
Walter Zagato
Diplomato in violino al conservatorio G. Verdi di Torino. Vince
la borsa di studio “D. Giannini” e i concorsi “Lorenzo Perosi” e
“ Vittorio Veneto”. Nel 2001 suona a palazzo Spinola di Genova i prestigiosi violini “Sivori” e “Cannone” appartenuti a Paganini. Si esibisce come violino di spalla in importanti orchestre:
Filarmonica di Torino, Tre Tenori di Modena, teatro alla Scala,
e teatro regio di Torino. Dal 2005 è sostituto violino di spalla
dell’orchestra della Svizzera italiana e primo violino del Quintetto Bislacco. Suona un violino Ansaldo Poggi del 1978.
Gustavo Fioravanti
Diplomato in violino e viola al conservatorio G. Verdi di Torino. Come prima viola solista fa parte dell’orchestra Giovanile
Italiana, poi presso l’orchestra Filarmonica di Torino. Vince i
concorsi: Internazionale di musica da camera di Stresa, di Acqui Terme e per giovani esecutori di Asti. Con il Trio di Torino
vince il II° premio al Concorso internazionale di musica da
camera di Trapani. Come prima viola collabora con le più importanti Orchestre italiane, oltre quella Sinfonica Nazionale
della Rai e della Rsi. Ricopre il posto di seconda viola al teatro
Regio di Torino. È componente del Quintetto Bislacco. Suona
una viola Giuseppe Ornati del 1952.
Marco Radaelli
Diplomato in violoncello al conservatorio G. Verdi di Milano.
Collabora con l’orchestra del teatro alla Scala e come primo
violoncello con la Camerata Salzburg. Suona nelle più importanti orchestre in Italia e all’estero, tra cui: Filarmonica della
Scala di Milano, teatro Regio di Torino, orchestra Sinfonica
della Rai di Torino, orchestra della Rsi di Lugano. Violoncellista del Quintetto Bislacco e fondatore dell’ensemble Risognanze, svolge l’attività concertistica nei più importanti festival internazionali di musica contemporanea. Vince numerosi
concorsi di musica da camera tra i quali il Rotary Milano e il
primo premio all’Orpheus International Prijs 2004 di Anversa.
Suona un violoncello Marino Capicchioni del 1945.
8
Fabio Arnaboldi (1977)
Preludio
Wolfgang Amadeus Mozart (1756 - 1791)
Quartetto in Re Maggiore KV 285
Allegro
Adagio
Rondeau: Allegretto
Quartetto in Do Maggiore KV 285b
Allegro
Tema e Variazioni
Quartetto in Sol Maggiore KV 285a
Andante
Tempo di Minuetto
Flûte 4et
Francesca Dellea
flauto
Walter Zagato
violino
Gustavo Fioravanti
viola
Marco Radaelli
violoncello
9
Civico Liceo Musicale “R. Malipiero”
Società Cooperativa “Musica per Varese”
Il Civico Liceo musicale del comune di Varese svolge da oltre 50 anni una fondamentale e insostituibile attività di insegnamento musicale per gli abitanti di Varese e provincia. Dal
mese di settembre 2010 la didattica del liceo è stata affidata,
dopo un concorso pubblico, alla Società cooperativa “Musica
per Varese” che intende mantenere e sviluppare il livello d’eccellenza raggiunto dalla scuola.
Il percorso didattico del liceo risulta attualmente così strutturato:
Corsi di orientamento per i bambini dai quattro ai nove
anni comprendenti lezioni di educazione musicale attiva, un
coro di voci bianche, il giro degli strumenti, per una scelta
consapevole dello strumento musicale, lezioni individuali di
strumento e collettive in preparazione all’attività orchestrale.
Corsi principali per i ragazzi dagli undici anni nei quali, seguendo gli indirizzi e i programmi dei Conservatori di stato, è
possibile studiare i seguenti strumenti: composizione, violino,
viola, violoncello, contrabbasso, flauto oboe, fagotto, clarinetto,
sassofono, tromba, corno, trombone, flauto, pianoforte, chitarra,
canto lirico, canto moderno, fisarmonica, organo, arpa, percussioni, clavicembalo oltre tutte le materie complementari.
Corsi di musica moderna rivolti ai ragazzi che desiderano
una seria preparazione. Sono previste lezioni di chitarra elettrica, basso elettrico, pianoforte moderno e tastiere, batteria, teoria e lettura musicale, ensemble con gruppi omogenei. Inoltre
il liceo privilegia l’esperienza strumentale e vocale collettiva offrendo l’opportunità di prendere parte al coro di voci bianche, al
coro, al coro da camera, all’orchestra dei bambini, all’orchestra,
all’orchestra di chitarre, a gruppi d’insieme per tutti gli strumenti che, disponibili a partecipare a concerti e manifestazioni culturali, spesso si esibiscono in Varese e provincia. Il liceo dispone
anche della più importante biblioteca musicale della provincia
di Varese nella quale sono disponibili spartiti musicali di musica
d’insieme per ragazzi, parti e partiture, riviste specializzate, enciclopedie, saggi, oltre a più di 1000 compact disc.
Il progetto didattico e artistico del Civico Liceo Musicale
“Riccardo Malipiero” di Varese è realizzato grazie
alla generosità delle seguenti famiglie e imprese:
Simona e Claudio Milanese,
Roberto e Achille Babini Cattaneo,
Giovanpaolo Lucifero, GPM Insurance Broker
Giovedì 25 giugno
ore 21,00
Mendelssohn
dall’infanzia alla fede
Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Sinfonia n. 11 K 84 in re mag.
Allegro – Largo – Allegro
Felix Mendelssohn Bartholdy (1809-1847)
Sinfonia per archi n. 13 in do minore
Grave – Fuga: Allegro molto
Salmo 42 op. 42
Wie der Hirsch schreit (Martin Luther)
Come la cerva assetata cerca un corso d’acqua
Cantata per soprano solo, Coro e ensemble da camera
Coro
Wie der Hirsch schreit (Lento e sostenuto)
Come la cerva assetata cerca un corso d’acqua
Aria
Meine Seele dürstet nach Gott (Adagio)
L’anima mia è assetata di Dio
Recitativo
Meine Tränen sind meine Speise (Non troppo lento)
Le mie lacrime sono diventate il mio cibo
Coro
Denn ich wollte gern hingehen (Non troppo lento)
Torna il ricordo e non posso venir meno
Coro
Was betrübst du dich, meine Seele (allegro maestoso assai)
Perché t’abbatti anima mia?
Coro
Mein Gott, betrübt ist meine Seele (Andante)
L’anima mia è abbattuta
Quintetto
Der Herr hat des Tages verheissen seine Güte (Allegro moderato)
L’Eterno, di giorno, mandava la sua benignità
Coro
Was betrübst du dich, meine Seele (Allegro maestoso assai)
Perchè t’abbatti anima mia
Orchestra del Civico Liceo Musicale
Claudio Andriani Direttore
Germano Cortesi, maestro preparatore fiati
Maria Teresa Balsemin, soprano
Comune di Varese · Assessorato alla Cultura
Civico Liceo Musicale “Riccardo Malipiero”
Società Cooperativa “Musica per Varese”
(in convenzione con il Conservatorio “G. Verdi” di Como
Prot. n. 7214 del 29.11.2012)
10
Coro del Civico Liceo Musicale
Gabriele Conti, direttore
Saggio di fine anno dell’Orchestra del Civico Liceo Musicale
Concerto fuori programma
Ingresso € 5
11
Felice Clemente Trio
C’é il jazz che viene prima di John Coltrane e quello che viene
dopo: per decidere la propria strada, un musicista li deve conoscere entrambi. Felice Clemente lo ha fatto prendendo ad esempio Trane e Joe Henderson: spine e velluto nello stesso soffio…
Un jazz sincero, pulsante, mediterraneo nel quale ogni battuta –
come diceva Giorgio Gaslini – «deve generare tensione». Musica
coerente con sé stessa, quella di 6:35 AM, e che serve a chi pensa
che il jazz sia troppo complesso per poterne capire qualcosa.
(Davide Ielmini – Dalle note di copertina al cd)
Venerdì 26 giugno
ore 21,00
6:35 AM, l’ora del jazz
Omaggio a Giorgio Gaslini
Felice Clemente
Sassofonista, clarinettista e compositore. Definito da Enzo Siciliano su “Repubblica” «il miglior giovane sassofonista italiano» e da “Cadence magazine” (Usa) «un talento destinato a fare
la storia del jazz», Felice Clemente è stato votato tra i migliori
sassofonisti dell’anno nei referendum “Top Jazz”, “Musica Jazz”
e “Jazzit Award”. La sua attività discografica è composta da 10
dischi da leader e co-leader e da 15 dischi come sideman. Il suo
ultimo cd, “6:35 AM” è dedicato alla nascita della figlia Sara.
Massimo Manzi
Studia a Roma con Iannaccone e Tommaso e si perfeziona con
Max Roach, Elvin Jones, Peter Erskine, Jack DeJohnette e
Steve Gadd. Nel 1989 e 1990 suona a Umbria Jazz e nel 1999
al Blue Note di Tokyo con Richard Galliano e Furio Di Castri.
Batterista particolarmente apprezzato dalla stampa specializzata per la sua duttilità stilistica e per lo swing, svolge l’attività
concertistica al fianco dei maggiori jazzisti oggi in circolazione.
Paolino Dalla Porta
Inizia a suonare la chitarra a 10 anni e la studia alla “Scuola Civica di Milano”. Contemporaneamente si dedica alla musica Jazz
e al contrabbasso. Ha tenuto concerti tra il Vecchio e il Nuovo
Continente, collaborando con i maggiori protagonisti della scena jazz mondiale e della musica contemporanea ed elettronica.
Compone musica per film e documentari, insegna contrabbasso
in conservatori e a Siena Jazz. Ha al suo attivo più di 120 dischi,
come leader e coautore. Nel 2008 ha vinto il premio della rivista
“InSound” come miglior contrabbassista italiano.
Daniele Di Gregorio
Studia al conservatorio “G. Rossini” di Pesaro e si diploma in
Strumenti a Percussione. Collabora in ambito classico con Rossini Opera Festival, R. Muti, C. Abbado, C. Scimone. Studia jazz
con Giorgio Gaslini, diventandone presto stretto collaboratore. Si
specializza in marimba e vibrafono diventando uno tra i più grandi
esperti a livello internazionale. Compone colonne sonore e suona
per artisti quali T. De Piscopo, Mina, L. Dalla, C. Consoli, Jovanotti, e P. Conte, col quale stringe una e duratura collaborazione.
Felice Clemente
Enjoy it
Paolino Dalla Porta
Canguri urbani
Secret love
Felice Clemente
The wave
To Sara
Mal d’Africa
Fabio Nuzzolese
The river
Felice Clemente
Triade
Massimo Manzi
Minoranze
Felice Clemente trio
Felce Clemente
Sax tenore e soprano
Paolino Dalla Porta
Contrabbasso
Massimo Manzi
Batteria
Ospite speciale
Graphic Designer - Editore
12
Daniele Di Gregorio
Marimba e Vibrafono
13
Compagnia dell’Eremo
La Compagnia dell’Eremo è un’associazione teatrale e culturale. Nasce negli anni ’90 con l’intento di scandagliare e
proporre materiali del sacro e del profano con forte caratura
civile: per 12 anni all’Eremo di Santa Caterina, sul lago Maggiore, ha presentato autori come Bernanos (“Diario di un curato di campagna”), Milosz (“Miguel Manara”), Luzi (“Pietra
oscura”), Claudel (“L’annuncio a Maria”). Al Sacro Monte
sopra Varese e al Chiostro di Voltorre, la Compagnia ha trattato testi su Massimiliano Kolbe, Charles de Foucauld, David Maria Turoldo, Sant’Ambrogio, nonché letture di scrittori
come Testori, Péguy, Rebora. Tra il teatro profano si ricorda
“Il sole negli occhi” e “Lettere al fratello Theo”, che ha visto
più di cento repliche. In collaborazione con Fabio Battistini,
ha messo in scena diversi spettacoli per i Vesperali nella cattedrale di Lugano, tra cui “È mezzanotte dottor Schweitzer”
di Gilbert Cesbron e “Omaggio a Testori”. Ha collaborato con
la RSI, presentando “La sinfonia pastorale di André Gide” e
“Tienimi le mani” sul carteggio tra Dino Campana e Sibilla
Aleramo. Ha messo in scena “Ciò che conta è amare”, realizzato in collaborazione con la Fondazione ambrosiana Paolo
VI, spettacolo rappresentato anche nel Duomo vecchio di
Brescia, in preparazione della visita di Papa Benedetto XVI
alla città. Inoltre “Teresa di Calcutta”, “Il più bel commento
al Vangelo”, “Juan de la Cruz”, “Un cuore per Dio”, “Jacques
Fesch”, “Tranfiguratio malis”, “La mia natura è fuoco” e “Le
ardenti parole di Angela da Foligno”. Nel 2014 la compagnia
ha realizzato “Lolek il Grande. Alla radici di Giovanni Paolo
II”, ancora in tournée. Inoltre “Echi alpini”, un spettacolo
dedicato alla Ritirata di Russia e alla Grande Guerra.
Giovedì 2 Luglio
ore 21,00
Tu potrai mangiare
Scrittura e cibo alle prove di teatro
Lo spettacolo
In concomitanza con Expo 2015 “Nutrire il pianeta, energia
per la vita”, lo spettacolo vuole gettare una luce sul valore del
cibo nella Scrittura, per evidenziare come, attraverso il nutrimento, Dio si fa incontro all’uomo, nel suo anelito più concreto ma al tempo stesso per alimentare un altro desiderio,
più intimo, di assoluto.In scena ci sono 5 attori che recitano
pagine della Bibbia, ora con toni più leggeri, ora con toni più
drammatici: si trovano di volta in volta a vestire i panni di chi,
nella Scrittura, ha trattato con il cibo. Un excursus riguardante i temi legati al nutrimento, nella consapevolezza che
“non di solo pane vive l’uomo” (Mt 4,4) e nel comandamento
di Gesù “voi stessi date loro da mangiare”, perché attorno al
pane, sacro e umile, si crea la comunità, secondo l’invito del
Risorto “venite a mangiare”. Non diversamente accde sul palcoscenico, per gli attori che devono passare dall’arte alla vita,
in uno spettacolo che è anche omaggio alla grande letteratura
teatrale, da Shakespeare a Pirandello, da Dario Fo a Testori.
14
Compagnia dell’Eremo
Sergio Di Benedetto
Drammaturgia
Fabio Sarti, Angelo Zilio, Gabriella Carrozza,
Alessio Gigante, Andrea D’Asaro
Attori
Antonio Zanoletti
Direzione artistica
Spettacolo fuori programma
Ingresso libero
Orchestra Camerata Ducale di Vercelli
Fondata nel 1992 come prima formazione musicale dedicata a
valorizzare l’opera di Giovan Battista Viotti, dal 1998 la Camerata
Ducale è l’orchestra stabile del Viotti Festival, la stagione concertistica di Vercelli che fin dalle prime edizioni si è affermata come
una delle realtà musicali più interessanti del panorama nazionale
e internazionale. All’interno del Festival la compagine ha eseguito
un repertorio estremamente vasto, dal 1700 ai giorni nostri, con
solisti quali Lonquich, Faust, Accardo, Hewitt, Lortie, Mintz,
Ughi, Spivakov, Maisky, Lucchesini, Igudesman&Joo, Galliano,
Pace, Carmignola, Avital e molti altri. La Camerata Ducale è ospite nelle più prestigiose stagioni concertistiche nazionali e estere.
Da ricordare i concerti in Francia, Giappone, Guatemala, Stati
Uniti, Bahrain, Georgia e Sudafrica. Nel 2011 con EMI è stato
pubblicato il Cd “Libertango in Tokyo” con protagonista Richard
Galliano. Dal 2012, fino al 2018, la Camerata Ducale è coinvolta, con il direttore e violino solista Guido Rimonda, nel Progetto
Viotti-Decca: 15 Cdcontenenti l’integrale delle composizioni per
violino e orchestra, numerosi inediti e prime registrazioni mondiali. Sempre per Decca ha realizzato “Le Violon Noir”, il Cd dedicato alle musiche del mistero.
Sabato 4 luglio
ore 21,00
Le violon noir
Dedicato a Massimo
Guido Rimonda
Ha esordito all’età di tredici anni eseguendo le sonate di Arcangelo Corelli nello sceneggiato televisivo Rai “Per Antonio Vivaldi”
di Alberto Basso, regia di Massimo Scaglione, dove nella duplice
veste di attore e violinista ha interpretato la parte di Vivaldi fanciullo. Durante il percorso di studi al Conservatorio G. Verdi di
Torino sotto la guida di Edoardo Oddone, rimane affascinato dalle
composizioni e dalla vita di Giovan Battista Viotti. Si specializza
con Corrado Romano, a Ginevra, poi si dedica alla valorizzazione
delle opere del compositore piemontese, fondando diverse attività
a lui dedicate. Nel 1992 crea la Camerata Ducale e nel 1998, in
collaborazione con la città di Vercelli, è tra i promotori del Viotti Festival, nel ruolo di direttore musicale. Parallelamente suona
nelle più importanti sale concertistiche del mondo come solista:
negli Stati Uniti, Georgia, Sud Africa, Guatemala, Giappone. In
Italia è protagonista in importanti concerti a Roma (Accademia di
Santa Cecilia), Firenze (Amici della Musica), Cremona (Museo
del violino), Torino (Auditorium Lingotto), Milano (Serate Musicali), Trieste (Politeama Rossetti) e in molte altre città, per un
totale di oltre 1.000 esibizioni come violino solista e direttore.
È stato assistente dei maestri Giuliano Carmignola e Franco Gulli
alla Scuola di alto perfezionamento musicale di Saluzzo. È docente di violino al Conservatorio “G. Cantelli” di Novara.
La sua attività discografica attualmente conta oltre 30 Cd realizzati con Chandos, Emi, Fabbri Editore, Delos, Bongiovanni,
Decca Universal. Suona lo Stradivari del 1721 “Jean Marie Leclair” (Le Noir) definito da G.B.Somis “La voce di un angelo”.
Pietro Antonio Locatelli (1695-1764)
Trauersymphonie in fa minore
Christoph Willibald Gluck (1714-1787)
Danza degli spiriti beati da Orphée et Euridice
Giuseppe Tartini (1692-1770)
Sonata in sol minore “Il trillo del diavolo”
versione per violino e orchestra di R. Zandonai
(cadenza G. Rimonda)
Joseph-Maurice Ravel (1875-1937)
Pavane pour une infante défunte
Niccolò Paganini (1782-1840)
Le streghe op. 8
John Towner Williams (1932)
Theme from Schindler’s List
Henryk Wieniawski (1835-1880)
Légende in sol min. op. 17
Niccolò Paganini (1782-1840)
“Maria Luisa – Gran Duchessa di Parma”
Tema e variazioni
Orchestra Camerata Ducale
16
Guido Rimonda
Direttore e Violino
17
Sembrar para cosechar
(Seminare per raccogliere)
Il Trio Sembrar Para Cosechar è nato a Milano da una originalissima idea musicale ma, soprattutto, dalla bella amicizia
nata fra Rodolfo Gemio Fernandez (di nazionalità boliviana),
Massimiliano Italiani e Silvio Scarpolini, tre tenori, artisti del
Coro del teatro alla Scala. Appassionati di canzoni della cultura ispano-latino-americana, nonché delle melodie napoletane tradizionali, sono essi stessi gli arrangiatori dei brani che
propongono, in forma polifonica a tre voci uguali ma diversissime fra loro, secondo uno stile insolito e personale, che
trae ispirazione e allo stesso tempo vuole rendere omaggio
all’ineguagliabile “Trio Los Panchos”.
Nei numerosi concerti finora eseguiti in varie città italiane, in
Giappone e negli Usa (con l’affascinante “Misa Criolla” di Ariel Ramirez), il Trio è stato accompagnato da grandi musicisti,
e in particolare dalla prestigiosa chitarra di Giulio Tampalini
(vincitore del premio “Andres Segovia”).
Nel 2003, dopo i successi ottenuti in Italia e all’estero, hanno
pubblicato il primo album, intitolato “Como la Cigarra”.
Giuseppe Bellanca, Massimiliano Italiani e Silvio Scarpolini,
sono i tre tenori, componenti il Trio, che si esibiranno in questo concerto.
Giulio Tampalini
Vincitore di alcuni dei maggiori concorsi internazionali di chitarra, a cominciare dal primo premio al concorso “Narciso Yepes”
di Sanremo (presidente della giuria Narciso Yepes), al Tim di
Roma nel 1996 e nel 2000 e al “De Bonis” di Cosenza, fino ai
premi ottenuti al “Pittaluga” di Alessandria, al “Fernando Sor” di
Roma e al prestigioso “Andrès Segovia” di Granada. Tiene concerti da solista e accompagnato da orchestre sinfoniche in tutta
Italia, Europa, Asia e America, figurando in importanti rassegne
concertistiche e nei maggiori festival musicali. Nel 2001 ha partecipato al Concerto di Natale in Vaticano in onore del Papa.
Nel 2003 il suo doppio Cd “Francisco Tarrega: Opere complete
per chitarra” (Edizioni Concerto) è stato premiato con la Chitarra d’Oro al VI Convegno internazionale di Chitarra di Alessandria come miglior Cd dell’anno. Innumerevoli sono le opere
di compositori contemporanei a lui dedicate. Giulio Tampalini
è docente di chitarra al conservatorio “A. Buzzolla” di Adria ed è
regolarmente invitato a tenere corsi e masterclass in tutta Italia
e all’estero. Recentemente si è esibito come solista in Cina con
l’orchestra sinfonica di Wuhan eseguendo i maggiori concerti
italiani per chitarra e orchestra. Nel 2014 gli è stato conferito a
Milano il premio nazionale delle Arti e della Cultura.
18
Mercoledì 8 Luglio
ore 21,00
Alma Llanera
Serenate & musiche della tradizione
spagnola e latino americana
Federico García Lorca (1898-i936)
Tlas morillas desjaen
Andajaleo
Nana de sevilla
La tarara
Manuel De Falla (1876-1946)
Siete canciones populares espanolas
EI Pano moruno – Seguidilla murciana – Asturiana – Jota –
Nana – Cancién – Polo
Joaquín Rodrigo (1901-1999)
Quatro madrigales amatorios
¿Con qué la lavaré? – Vos me matasteis –
¿De dénde venis, amore? – De los alamos vengo, madre
Trio Sembrar para cosechar
Lucina Scarpolini
Voce recitante
Massimiliano Italiani - Giuseppe Bellanca Silvio Scarpolini
Tenori
Chiara Buttè
Soprano
Giulio Tampalini
Chitarra
19
Mario Chiodetti
Venerdì 10 Luglio
Giornalista e collezionista di dischi, spartiti e libri su musica e
teatro, da oltre vent’anni, con vari gruppi, realizza spettacoli che
ripercorrono la storia dell’intrattenimento musicale, dalla Scapigliatura milanese alla Belle époque, fino agli anni Trenta del Novecento. Nel 2009 ha fondato l’ensemble Grande Orfeo, formato
stabilmente dall’attrice Rosa Sarti e dal pianista F. Miotti, e nel
quale si alternano cantanti, attori e musicisti di diversa estrazione.
Oggi cantano
le belle mitragliatrici...
Francesco Miotti
Diplomato in pianoforte e direzione di coro al conservatorio di
Milano, ha diretto per dodici anni la Corale di San Vittore a
Varese e fondato, nel 1982, il Gruppo Polifonico “Josquin Després” che tuttora dirige. Suona stabilmente nel duo Artemides
con il flautista italo-francese Jean-Charles Candido, e nel gruppo Grande Orfeo di Varese. Insegna al conservatorio di Como.
ore 21,00
Musiche, letture, divagazioni
sulla Grande Guerra
Marichiara Cavinato
Nata nel 1990, si è diplomata in canto lirico al conservatorio di
Milano con Adelina Scarabelli. Dal 2010 studia per conseguire la
laurea in viola e didattica musicale. Nel maggio 2010 ha cantato
il ruolo di Serpina ne “La Serva Padrona” di Pergolesi, e quello di
Andromaca nell’opera moderna scritta da Claudio Gay. Liederista
apprezzata, con Grande Orfeo è stata voce solista negli spettacoli
dedicati alla figura di G. Strepponi e alla musica della Belle époque.
Claudia Donadoni
Attrice, autrice, cantante e giornalista pubblicista. Diplomata alla
“Paolo Grassi” di Milano, si specializza nel filone della narrazione
in teatro con l’attore, regista e drammaturgo M. Baliani. Laureata
in Scienze della comunicazione, ha studiato tecnica vocale e canto
jazz e operato nella didattica teatrale. È attiva come attrice e cantante in compagnie professioniste di teatro per ragazzi, musicale
e di prosa. Ha appena concluso la tournée nazionale di “Traviata
opera teatrale” Tda teatro (ruolo Margerita Gautier), e recitato ne
“Il male di Vivere” percorso lirico musicale dedicato a Montale.
Lo spettacolo
L’intrattenimento presentato dal Grande Orfeo prende spunto dalla
riscoperta di una rivista satirica pubblicata a Torino negli anni della
Grande Guerra: “Numero”. Il giornale fu fondato da Eugenio Colmo,
in arte Golia (così lo soprannominò, per l’alta statura, il compagno di
scuola Gozzano) straordinario illustratore e caricaturista. Le copertine e le illustrazioni che Golia eseguì nel primo anno della guerra europea per “Numero”, attestano, infatti, una vena prorompente, leggera e briosa, assecondata dagli articoli, ironici e pungenti. Oltre alle
letture mutuate dal periodico torinese, lo spettacolo potrà contare su
brani di scrittori della Grande Guerra: da Bellini a Agnoletti, Serra,
Cambini, Cicconcelli, da Verona e Comisso. Non mancheranno poi
le voci di grandi poeti come Saba e Ungaretti, e le musiche originali
del tempo di guerra, da “’O surdato ‘nnammurato”, “Le Campane di
San Giusto”, alla “Leggenda del Piave”, “Bel soldatin”, “Bambola”,
“La ragazza neutrale”, “Passa la ronda”, “Soldato ignoto”.
20
Testi di
Agnoletti, Serra, Ungaretti, Saba,
Da Verona, Comisso, Cicconcelli
Musiche di
Cannio, Tagliaferri, E. A. Mario, Gill,
Arona, Burgmein, Ranzato
Grande Orfeo
Mario Chiodetti
Ideazione e regia
Francesco Miotti
Pianoforte
Mariachiara Cavinato
Soprano
Claudia Donadoni
Voce recitante
21
Fabio Di Casola
Nel settembre del 1990 primo clarinettista, si è aggiudicato il
concorso internazionale di esecuzione musicale di Ginevra. Grazie a questa affermazione è stato invitato a festival musicali di rilievo internazionale: Festival di Berlino sotto la direzione di Claudio Abbado, d’Evian di Mstislav Rostropovich e di Lockenhaus
con Gidon Kremer. Casola ha inoltre ottenuto il Grand Prix Patek
Philippe, premio svizzero della musica contemporanea, e vinto
il concorso internazionale di musica contemporanea di Stresa.
Nel 1998, a Ginevra, è stato eletto “musicista svizzero dell’anno”.
Ha suonato come primo clarinetto nell’orchestra della Tonhalle
di Zurigo, nella Sinfonica di Basilea, nell’orchestra della Svizzera
italiana e nel Musikkollegium di Winterthur. È professore di clarinetto e di musica da camera presso la Musikhochschule di Zurigo
e direttore artistico del festival di musica da camera “Klang”.
Sabato 18 luglio
ore 21,00
Aimez-vous
Brahms?
Claude Hauri
Violoncellista, inizia giovanissimo a studiare con Taisuke Yamashita fino al diploma presso il Conservatorio di Lugano. Prosegue poi con Raphael Wallfisch, con il quale ottiene il diploma
di perfezionamento alla Musikhochschule di Winterthur, Alain
Meunier e Zara Nelsova. Violoncello solista dell’Ensemble Nuovo Contrappunto di Firenze e dell’Ensemble Algoritmo di Roma,
ha suonato come primo violoncello nella Youth World Orchestra
della Jeunesses Musicales. Quale solista svolge un’intensa attività concertistica in tutta Europa, Australia e Sud America. Si è
esibito con numerose orchestre, tra cui l’Orquesta Sinfonica Nacional Argentina. Moltissime le prime esecuzioni e le collaborazioni con compositori quali S. Sciarrino, L. De Pablo e P. Glass.
Numerosi i concerti in diretta radiofonica per emittenti quali Ssr
Rsi, Drs, Rai e incisioni discografiche edite da Amadeus, Jecklin,
Nuova Era, Brilliant, Szene Schweiz. Suona uno splendido violoncello di Gian Battista Zanoli, liutaio italiano del ‘700.
Corrado Greco
Si è diplomato in pianoforte all’Istituto “Bellini” di Catania e
perfezionato con A. Mozzati e con B. Canino. Al conservatorio
di Milano si è diplomato in Composizione e in Musica Elettronica dove ora insegna. Premiato in concorsi pianistici nazionali e internazionali, suona stabilmente come solista e con
orchestra per importanti istituzioni musicali italiane e all’estero. Intensa la sua attività cameristica: vanta collaborazioni con
gruppi da camera e solisti di fama quali M. Ancillotti, A. e R.
Bonucci, M. Caroli, M. Quarta, G. Sollima, T. Vassiljeva, L.
Windsor. Negli ultimi anni ha via via intensificato la sua presenza internazionale esibendosi con successo in molti paesi
europei, Egitto, Etiopia e Indonesia. Ha suonato nella Conway
Hall a Londra e ha effettuato due tournée in Giappone. Recentemente ha tenuto concerti a due pianoforti con Bruno Canino, ha eseguito il Concerto di Chausson (con Rodolfo Bonucci) per Milano Classica, il Primo Concerto di Šostakovich
con l’orchestra da Camera di Praga e il Quintetto di Dvorak
con l’Amarcord Quartett Berlin (dei Berliner Philharmoniker).
È stato invitato negli Stati Uniti a tenere concerti e un master
class presso l’università di Northwestern.
22
Johannes Brahms (1833-1897)
Sonata op. 120 n. 1 per clarinetto e pianoforte
Allegro appassionato. Sostenuto ed espressivo
Andante un poco Adagio
Allegretto grazioso
Vivace
Sonata op. 38 per violoncello e pianoforte
Allegro non troppo
Allegretto quasi Menuetto
Allegro
Trio op. 114 per clarinetto, violoncello e pianoforte
Allegro
Adagio
Andantino grazioso
Allegro
Fabio di Casola
clarinetto
Claude Hauri
violoncello
Corrado Greco
pianforte
23
Abendlied Ensemble
Formato da musicisti versatili con al loro attivo molteplici concerti in varie formazioni cameristiche si occupa di promuovere
la musica del periodo barocco e classico anche con strumenti
originali. I suoi componenti hanno suonato con prestigiose orchestre in Italia e all’estero.
Chiara Nicora
Diplomata in pianoforte con il massimo dei voti, e successivamente in clavicembalo, si perfeziona poi con S. Perticaroli, A.
Lonquich, L. Romanini e M. Mika. e per la musica barocca
con L. Alvini, C. Banchini, R. Gini, M. Henry, E. Fadini. Svolge attività concertistica sia come pianista che come cembalista
collaborando con Milano Classica, I Solisti di Pavia, l’Ensemble concertante d’archi della Scala, con cui ha suonato in varie
città italiane ed estere anche in qualità di solista. Ha inciso per
le case discografiche Bongiovanni, Map e Frame, Brilliant. Si è
laureata in discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo
(Dams) presso l’università di Bologna conseguendo il massimo
dei voti e la lode e in Musicoterapia alla “Cittadella” di Assisi.
E’ docente al conservatorio di Piacenza.
Fabio De Leonardis
Diplomato sotto la guida del maestro Paternoster, e premiato
in importanti concorsi in Italia e all’estero, si è perfezionato
con maestri di fama mondiale quali Sergio Patria, Arturo Bonucci, Michael Flaksman, Elias Arizcuren. Ha collaborato con
diverse orchestre quali l’orchestra della Provincia di Bari, del
teatro Petruzzelli, del teatro Comunale di Bologna, da Camera
di Bologna, Kammermusick di Napoli e con l’Ente concerti
Marialisa de Carolis. Ha tenuto concerti in tutta Italia, tournées in Francia, Spagna, Austria, Germania, Olanda, Malta,
Argentina e Giappone. Attualmente insegna Musica da Camera al conservatorio di Sassari.
Alberto Cesaraccio
Oboista e compositore, si è perfezionato con Pietro Borgonovo
e Hans Elhorst. Ha suonato per i maggiori enti italiani (Accademia Chigiana di Siena, Festival dei Due Mondi di Spoleto,
Festivals di Taormina, Serate Musicali di Milano, Accademia
Filarmonica Romana, Festival SpazioMusica ed Ente Lirico di
Cagliari, Festival de la Rive Gauche di Torino, Roma Europa
Festival, Unione Musicale di Torino), e svolto tournées in Libano, Siria, Egitto, Austria, Spagna, ex Jugoslavia, Repubblica
Ceca, Ungheria, Montenegro, Francia, Germania, Belgio, Portogallo, Australia, Giappone, Usa, Messico e Kazakistan. Ha
registrato per la Rai e inciso per la Frequenz, la Edipan e la
Bongiovanni. Già primo oboe solista dell’orchestra Sinfonica
di Sassari, dal 1980 insegna oboe al conservatorio di Sassari.
24
Venerdì 24 luglio
ore 21,00
Omaggio a
C.P.E.Bach
Carl Philipp Emanuel Bach (1714-1788)
Concerto Wq 23 in re minore per fortepiano e orchestra
Allegro
Poco andante
Allegro assai
Concerto Wq. 164 in si b magg. per oboe e orchestra
Allegretto
Largo e mesto
Allegro moderato
Concerto Wq 170 n.1 in la per violoncello e orchestra
Allegro assai
Andante
Allegro assai
Abendlied Ensemble
Chiara Nicora
fortepiano
Fabio De Leonardis
violoncello
Alberto Cesaraccio
oboe
25
Giovedì 30 luglio
ore 21,00
Ciak, si suona!
Le più belle colonne sonore di tutti i tempi
Nino Rota (1911-1979)
Dodecacellos – Ensemble di violoncelli
Neonata formazione da camera che ha avuto il suo debutto
nell’aprile del 2010 per la serata conclusiva di “Perosiana” festival di musica sacra, insieme al grande attore Ugo Pagliai. L’idea
del direttore Andrea Albertini è quella di creare un gruppo che
diffonda la musica “colta” strumentale attraverso trascrizioni da
lui stesso effettuate per il più affascinante tra gli strumenti ad
arco. Il repertorio abbraccia tutta la storia della musica. Si parte
infatti dal binomio barocco Bach–Haendel, per passare attraverso indimenticati romantici, come Mascagni e Saint-Saëns,
e giungere infine alla musica dei nostri tempi, con particolare
attenzione per il repertorio scritto per la settima arte: Rota, Piazzolla, Morricone, Mancini. Il gruppo si avvale della collaborazione solistica della violoncellista Arianna Menesini, solista dei
Rondò Veneziano. Recentemente l’ensemble ha concluso il festival internazionale di musica da film “A. F. Lavagnino” esibendosi insieme alla coppia di attori Ugo Pagliai e Paola Gassman.
Nel novembre 2014 i Dodecacellos sono stati invitati a Bergamo
per il concerto di chiusura del Festival violoncellistico “A.Piatti”.
Ensemble Dodecacellos
Arianna Menesini
violoncello solista
Oscar Trabucchi
percussioni
Angelica Depaoli
vocalist
Andrea Albertini
pianoforte e direzione
Omaggio a Nino Rota
“Amarcord” (1973 – Federico Fellini)
“Il Padrino” (1972 – Francis Ford Coppola)
“Il gattopardo” (1963 – Luchino Visconti)
Ennio Morricone (1928)
C’era una volta il west
“C’era una volta il west” (1968 – Sergio Leone)
Fantasia di temi
I knew i loved you
“C’era una volta in america” (1984 –Sergio Leone)
Piero Piccioni (1921-2004)
Storia di un italiano
Omaggio ad Alberto Sordi
Nicola Piovani (1946)
La vita è bella
“La vita è bella” (1997 – Roberto Benigni)
Astor Piazzolla (1921-1992)
Ad Astor
“Enrico IV” (1984 – Enrico Bellocchio)
“Lezioni di tango” (1997 – Sally Potter)
Henry Mancini (1924-1994)
Moon River
“Colazione da Tiffany” (1961 – Blake Edwards)
Dmitri Shostacovich (1906-1975)
“Eyes wide shut” (1999 – Stanley Kubrick)
Harold Arlen (1905-1986)
Over the rainbow
“Il mago di Oz” (1939 – Victor Fleming)
John Kander (1927)
New York New York
“New York New York” (1977 – Martin Scorsese)
26
27
Salvatore Quaranta
Inizia gli studi di violino all’età di sei anni e si diploma presso
il conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. A 17 anni interpreta alla Rai il concerto n° 2 di H. Wieniawsky, per violino e
orchestra. Nel 2002 consegue il diploma superiore di solismo
al Konservatorium Von Amsterdam. È vincitore di numerosi e
importanti concorsi nazionali e internazionali. Collabora con I
Pomeriggi Musicali, La Scala di Milano, l’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, Champs Elysée di Parigi, l’orchestra
da Camera di Venezia, l’orchestra di Engelberg, diretto da prestigiose bacchette.
Domenica 2 agosto
ore 21,00
Pianoforte in quartetto
Alessandro Commellato
Ha studiato a Milano con Carlo Vidusso e si è perfezionato con
Pier Narciso Masi, Evgeny Malinin e Sergio Fiorentino. È vincitore di concorsi nazionali e internazionali. Si è esibito come solista con l’orchestra del teatro alla Scala di Milano, della Fenice
di Venezia, Sinfonica Toscanini di Parma e Verdi di Milano; la
Filarmonica di Praga e dell’Accademica di San Pietroburgo. Ha
effettuato tournée in Usa, Russia, Giappone e Australia. Al teatro
alla Scala ha interpretato “Cherì” (F. Poulenc - R.Petit), “Autour
de Chopin”, “Coro di Morti” di Petrassi. Alla Fenice di Venezia è
stato solista in “Medea” di Adriano Guarnieri. Ha registrato per la
Rai: “Kennst du das Land”, “Alma Brasileira”, “Mozart e Rossini”.
Ulrike Hofmann
Dopo un’intensa formazione alla Scuola superiore di musica di
Berlino, di Praga e all’Accademia Karajan della Filarmonica di
Berlino, nel 2003 ottiene il diploma Solistico alla Hdk di Berlino.
Vince il concorso “Deutsche Musikwettbeverb” e viene selezionata alla rassegna “Konzerte Junger Künstler”. Successivamente
vince i concorsi “Domenico Gabrielli” di Berlino, Internazionale
di Marktneukirchen e Domnick “Violoncello Preis”. È stata violoncello solista alla Komische Oper di Berlino e attualmente fa
parte dell’orchestra Sinfonica della Radio di Stoccarda. Dal 2000
è membro del quartetto “Le Musiche” di Berlino.
Giuseppe Russo Rossi
Si è diplomato all’età di diciassette anni in violino al conservatorio Piccinni di Bari e in musica d’insieme all’Accademia
nazionale di Santa Cecilia di Roma, vincendo il premio Sinopoli patrocinato dalla Presidenza della Repubblica. Durante la
sua carriera vince numerosi concorsi e premi internazionali,
collabora con l’orchestra della Scala di Milano, tiene un importante recital trasmesso in diretta Rai Radio 3 Suite e partecipa a concerti con celebri artisti quali Salvatore Accardo,
Bruno Giuranna, Antonio Meneses, Laura De Fusco, Mariana
Sirbu. Esegue la Sinfonia Concertante di Mozart al fianco di
Salvatore Accardo con l’orchestra di Padova e del Veneto, il
concerto “Der Schwanendreher” di Paul Hindemith con l’orchestra Filarmonica di Roma e recital trasmessi in diretta per
la Radio nazionale di Praga e irlandese.
28
Wolfgang Amadeus Mozart, (1756-1791)
Quartetto per pianoforte e archi in sol minore k478
Allegro
Andante
Rondò
Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Quartetto per pianoforte e archi in mi bemolle op.16a
Grave. Allegro ma non troppo
Andante cantabile
Rondò. Allegro ma non troppo
Quartetto Artaria
Alessandro Commellato
pianoforte
Ulrike Hofmann
violoncello
Salvatore Quaranta
violino
Giuseppe Russo Rossi
viola
29
Giovedì 6 agosto
ore 21,00
Bacco all’Opera
Orchestra I Pomeriggi Musicali di milano
Nell’immediato dopoguerra l’impresario teatrale Remigio Paone e
il critico musicale Ferdinando Ballo lanciarono una nuova formazione con l’intento di dare alla città un’orchestra da camera con
un solido repertorio classico ed una specifica vocazione alla contemporaneità. Il debutto, avvenne il 27 novembre 1945 al teatro
Nuovo di Milano. L’orchestra contribuì notevolmente alla divulgazione popolare in Italia della musica dei grandi del Novecento
censurati durante la dittatura fascista: Stravinskij, Hindemith,
Webern, Berg, Poulenc, Honegger, Copland, Yves, Français. I
Pomeriggi Musicali avviarono così una tenace attività musicale e
oggi contano su un vastissimo repertorio che include i capolavori
del Barocco, del Classicismo e del primo Romanticismo insieme
alla gran parte della musica moderna e contemporanea. Oltre che
nello storico teatro Dal Verme di Milano, sede dell’orchestra, svolge la sua attività presso il teatro alla Scala, nelle principali città
lombarde e nelle maggiori sale da concerto europee.
Paolo Belloli
Diplomato in tromba presso l’Istituto musicale “Gaetano Donizetti” di Bergamo, si è poi dedicato alla direzione d’orchestra
imponendosi all’attenzione del pubblico e della critica in Italia e
all’estero. Allievo di Donato Renzetti, si è diplomato in direzione
d’orchestra presso la Scuola di alto perfezionamento di Pescara
frequentando anche il Corso d’opera. Ha studiato composizione
e nel 2005 si è laureato in direzione e composizione per orchestra di fiati al conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano.
Ha al suo attivo la direzione di diverse formazioni orchestrali:
orchestra da camera “Milano Classica”, “Guido Cantelli”, Sinfonica di Pescara, da Camera “Filarmonia”, Filarmonica Italiana, “I Pomeriggi Musicali” di Milano, Opera National Theatre,
Stara Zagora (Bulgaria), Soai University, Osaka (Giappone),
l’Unc Symphony Orchestra, Raleigh(Usa), orchestra della Meredith College - Nord Carolina (Usa). Collabora con i solisti
del teatro alla Scala e artisti di fama internazionale. Dal 2009
ha assunto l’incarico di direttore principale con l’orchestra Filarmonica Italiana. Dal 2011 collabora con l’orchestra de “I
Pomeriggi Musicali” di Milano ed è direttore dell’Under13 orchestra Ricordi Music School.
30
Gioachino Rossini (1792-1868)
da La Gazza Ladra Sinfonia
“Egli venne, o mia Lucia, come bacco trionfante”
Pietro Mascagni (1863-1945)
da Cavalleria Rusticana - Intermezzo
“Viva il vino spumeggiante”
“Mamma, quel vino è generoso”
Gaetano Donizetti (1797-1848)
da Elisir d’amore - Preludio e coro d’introduzione
“Quanto è bella, quanto è cara”
“Chiedi all’aura lusinghiera”
“Prendi per me sei libero”
Johann Strauss (1825-1899)
“Vino, donne e canto” (valzer)
C. Lombardo (1869-1959)- V. Ranzato (1882-1937)
da La duchessa del Bal Tabarin
“Frou Frou del Tabarin”
Franz Léhar (1870-1948)
da La vedova allegra
“Vo’ da Maxim”
Johann Strauss (1825-1899)
da Die Fledermaus
“Ouverture”
Giuseppe Verdi (1813-1901)
da La Traviata
“Libiam ne’ lieti calici”
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Manuel Pierratelli
Tenore
Sarah Tisba
Soprano
Paolo Belloli
Direttore
31
Orchestra della Svizzera italiana
Costituita nel 1935 a Lugano, è stata diretta da grandi personalità musicali e ha collaborato con compositori quali Mascagni, R.
Strauss, Honegger, Milhaud, Martin, Hindemith, Berio, Henze e
Penderecki. Composta da 41 musicisti stabili, si è esibita nelle più
prestigiose sale di città come Vienna, Amsterdam, San Pietroburgo, Parigi, Salisburgo, Roma e al teatro della Scala di Milano con
Salvatore Accardo. Al suo attivo numerose produzioni discografiche e il cofanetto per i primi dieci anni del Progetto Martha Argerich. Dal 2015 è guidata dal direttore tedesco Markus Poschner.
Sabato 8 agosto
ore 21,00
Sogno di una notte
di mezz’estate
Il Concerto dell’OSI propone due brani virtuosistici di Ponchielli e
Bottesini, presenti con i medesimi interpreti nel Cd & libro“ Menu
per orchestra” edito da Armando Dado Editore (Locarno 2015).
Pietro Mianiti
Studia viola, composizione e direzione d’orchestra. Ha collaborato
in qualità di prima viola con importanti orchestre liriche e sinfoniche italiane. È stato direttore d’orchestra in Perù e in Portogallo
e consulente artistico del teatro Massimo di Palermo. Ha diretto
con l’orchestra Sinfonica della Rai e debuttato al teatro San Carlo
di Napoli, all’Arena di Verona e al teatro alla Scala di Milano. È titolare della cattedra di viola al conservatorio di Milano e direttore
ospite dell’orchestra dell’Accademia teatro alla Scala.
Corrado Giuffredi
Diplomato al conservatorio di Parma, è primo clarinetto solista
dell’Osi. Ha collaborato con la Filarmonica della Scala sotto la
direzione di Riccardo Muti e Daniel Barenboim. Vanta importanti
collaborazioni nel repertorio cameristico e numerose incisioni per
Emi, Decca, Brilliant, Arts, Aura, Fonè e RaiTrade. È docente di
clarinetto a Modena e Città di Castello. Suona un clarinetto progettato per lui da Morrie Backun.
Paolo Beltramini
Primo premio ai concosi internazionali della Primavera di Praga
(1996) e di musica da camera di Trapani; secondo al concorso di
musica da camera di Parigi. È stato ospite di rinomate istituzioni concertistiche d’Europa, Africa, Asia e America. Come primo clarinetto
collabora con le orchestre del Concertgebouw di Amsterdam, dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Mahler Chamber, de Chambre
de Lausanne e la Filarmonica della Scala. Ha registrato concerti per
la Rai, la Rsi ed altre emittenti europee. È primo clarinetto dell’Osi e
titolare della cattedra di clarinetto alla Hochschule di Luzern.
Walter Zagato
Diplomato in violino al conservatorio G. Verdi. Finalista di concorsi nazionali e internazionali, e vincitore del Concorso nazionale
Biennale di violino di Vittorio Veneto (1985) e del Perosi di Biella
(1994). Nel 2001 a Genova, suona i prestigiosi violini “Sivori” e
“Cannone” appartenuti a Paganini. Ha collaborato con l’orchestra
del teatro alla Scala e la Filarmonica della Scala. Dal 2000 è primo
violino dell’Osi e primo violino del Quintetto Bislacco. Suona un
violino Marino Capicchioni del 1967.
Enrico Fagone
Contrabbassista diplomato al conservatorio G. Nicolini di Piacenza.
Partecipa a importanti festivals, vince concorsi nazionali e internazionali ed è premiato da importanti riviste specializzate. Oltre all’Osi,
collabora con la Filarmonica della Scala, l’orchestra dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia, il teatro dell’Opera di Roma e l’orchestra
Sinfonica Nhk di Tokyo. Tiene masterclasses a New York e a Parigi,
è docente al conservatorio della Svizzera italiana a Lugano e direttore
artistico del concorso internazionale Giovanni Bottesini.
32
Amilcare Ponchielli (1834-1886)
Il Convegno, divertimento per due clarinetti e orchestra
Giovanni Bottesini (1821-1889)
Passione amorosa per violino e contrabbasso
Felix Mendelssohn (1809-1847)
Sogno di una notte di mezz’estate
Ouverture – Intermezzo – Notturno – Scherzo
Orchestra della Svizzera italiana
Paolo Beltramini
Clarinetto
Corrado giuffredi
Clarinetto
Walter Zagato
Violino
Enrico Fagone
Contrabbasso
Pietro Mianiti
Direttore
PLASTILUX s.r.l.
33
Istituto Magnificat di Gerusalemme
Scuola di musica (dal 1995) della Custodia francescana di Terra Santa, situata nel cuore della città vecchia di Gerusalemme,
per l’educazione alla pacifica convivenza, allo sviluppo di rapporti di reciproca stima e di rispetto tra allievi e professori di
diverse origini sociali e confessionali. Presso l’istituto Magnificat cristiani, ebrei e musulmani imparano insieme l’arte della
musica di alto livello che permette loro di accedere a diplomi e
riconoscimenti universitari europei. La scuola oggi ospita oltre
200 giovani allievi e circa 18 insegnanti. Si sostiene con l’organizzazione di concerti e di altre produzioni musicali di studenti
e professori e con la generosità di sostenitori e donatori.
Il concorso “Nikolaus De La Flüe”
Il M.O.M. Magnificat Open Music Festival “Nikolaus De La
Flüe”, giunto alla quinta edizione, è riservato agli allievi dell’Istituto Magnificat, ai giovani pianisti palestinesi e agli studenti
di pianoforte iscritti nelle scuole palestinesi. L’obbiettivo è di
individuare e promuovere giovani musicisti che in futuro possano intraprendere la carriera professionale, come esecutori o
insegnanti, nel contesto della società palestinese. Il concorso
2015 si è svolto dal 30 aprile al 21 maggio tra diverse categorie,
suddivise in base al grado di difficoltà dei brani da eseguire,
con un brano obbligatorio e un altro a scelta.
L’Associazione Amici del Magnificat
L’Associazione Amici del Magnificat (Melide – TI), sostiene
con ogni mezzo l’Istituto Magnificat di Gerusalemme. È legata
alla Custodia di Terra Santa da una Convenzione di Collaborazione. Sponsorizza il Concorso Pianistico annuale dell’Istituto
Magnificat di Gerusalemme, e invita alcuni vincitori all’estero,
facendosi carica delle sppese di viaggio e di soggiorno, per dare
vari concerti.
Per saperne di più: www.magnificatinstitute.org
Venerdì 4 settembre
ore 21,00
Recital Pianistico
Vincitori del 16° concorso
Magnificat di Gerusalemme
Opere di
Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Amadeus Mozart (1756-1791)
Fryderyk Chopin (1810-1849)
Franz Joseph Haydn (1732-1809)
Basel Awwad – Fadi Sabat – Mohammad Al Shaikh
Fadi Sabat, nato a Gerusalemme il 14 agosto 2002, ha
iniziato lo studio del pianoforte a 7 anni e dal 2010 frequenta l’Istituto Magnificat. Si è distinto con successo in diversi
concorsi pianistici, vincendo al “Qattan Foundation Price” nel
2013, al “Palestinian Chopin” nel 2014, al “Palestine National
Competition” nel 2014 e l’“Austrian Hospice” nel 2015.
Fadi Sabat
è nato a Gerusalemme il 2 maggio 2002. Dal
2010 ha studiato pianoforte all’Istituto Magnificat con Katia
Samson e dal 2014 con Emma Spitkowsky. Ha ottenuto il primo premio della sua categoria nelle ultime quattro edizioni del
Concorso Pianistico “Nikolaus de la Flüe” dell’Associazione
Amici del Magnificat.
Mohammed Al-Shaikh è nato in Russia il 22 mar-
zo 2003. Ha iniziato a studiare pianoforte alla Barenboim
Foundation di Ramallah, dove vive, dal 2013 all’Istituto Magnificat con Emma Spitkowsky. Ha vinto il 1° premio della sua
categoria nell’edizioni del Concorso Pianistico “Nikolaus de la
Flüe” del 2013, 2014 e 2015. Nel 2014 ha vinto il 1° premio
juniores al Concorso Pianistico F. Chopin, indetto a Betlemme dalla Società F. Chopin e il 1° premio nel concorso indetto
dal Conservatorio Nazionale Palestinese.
Concerto fuori programma
Ingresso € 5
35
Villa Cagnola
Un’oasi di accoglienza aperta tutto l’anno
Gran Buffet
Villa Cagnola
Tutte le sere degli spettacoli
dalle ore 19,00
Ricco assortimento di cibi preparati dalla cucina di Villa
Cagnola, comprendente, tra l’altro, anche due primi piatti
(uno caldo e uno freddo), una vasta scelta di salumi,
formaggi e verdure di qualità, per finire con una selezione
di nostri dolci al cucchiaio.
Sempre inclusi acque, vini della casa e cocktail analcolici.
70 camere
Sale meeting fino a 150 persone
Eventi enogastronomici
Banchetti e ricevimenti
Iniziative pastorali
Collezione d’arte
Iniziative culturali
Parco di oltre 270.000 mq
Via Guido Cagnola 21
Gazzada-Schianno (VA)
tel. 0332.46.13.04 · fax 0332.87.08.87
[email protected]
www.villacagnola.it
36
€ 15,00
a persona
prenota subito il tuo tavolo anche dal nostro sito web.
Il Bar è attivo tutte le sere
disponibili gelati, caffè espresso, amari, bibite
e ogni altra bevanda
Il Ristorante di Villa cagnola
è sempre aperto per ogni genere di banchetto
da una semplice cena informale…
fino al più accurato ricevimento nuziale.
Info e prenotazioni
tel. 0332.46.13.04
[email protected]
www.villacagnola.it
37
Note di sapori
Notte di note
Fino al 30 settembre 2015 il pubblico di Musica in Villa, grazie
alla convenzione stipulata con la Confesercenti di Varese, potrà
ottenere uno sconto del 10% sui menù offerti dagli esercizi di ristorazione aderenti all’iniziativa. Per usufruire dell’agevolazione è
sufficiente presentare al ristoratore convenzionato un biglietto del
concerto insieme a un programma di sala.
Fino al 30 settembre 2015 il pubblico di Musica in Villa, grazie
alla convenzione stipulata con alcuni alberghi, potrà ottenere uno
sconto del 10% sui pernottamenti.
Per usufruire dell’agevolazione è sufficiente presentare all’albergo
convenzionato un biglietto del concerto insieme a un programma
di sala.
Elenco esercizi aderenti:
• Ristorante Le Damine
Via S. Alessandro 2 - Castronno - Tel. 0332 892535
• Ristorante Al Pravello
Via Bertini, 3 - Viale Aguggiari, 26 - 21100 Varese (VA)
Tel: 0332-214000 - Fax: 0332-239553
• Ristorante al Tranvai d’Antan
Via Libertà 2 - Casalzuigno (VA) - Tel. 0332 623231
• Bar Nilo
Viale Borri 90 - Varese - Tel. 0332 263870
• Ul Taribul
Via San Michele 198 - Malgesso - Tel. 0332 706530
• Vineria del Croce
Via C. Croce 8 - Varese - Tel. 0332 287944
• Enoteca Il Torchio di Elica
Via Monte Generoso 8 - Gaggiolo - Tel. 0332 414325
• Albergo Ristorante Bologna
Via Broggi 7 - Varese - Tel. 0332 234362
• Trattoria Pizzeria Santa Lucia
Via Carcano 14 - Varese - Tel. 0332 280780
• Ristorante Crotto Valtellina
Via Fiume 11 - Malnate (VA) - Tel. 0332 427258
• Ristorante Da Venanzio
Via Olona 38 - Induno Olona (VA) - Tel. 0332 200333
• Osteria Degli Artisti
Via Roma 40 - Castiglione Olona (VA) - Tel. 0332 859021
• Ristorante Serafino
Piazza S. Bernardino 1 - 21045 Gazzada (VA) - Tel. 0332 462454
• Ristorante Antico Crotto Gesiola
Via Gesiola 24 - 21030 Orino - Tel. 0332 631387
• Ristorante La Brasserie
Via Piave 7 - 21045 Gazzada (VA) - Tel. 0332 462044
• Ristorante Pizzeria La Voce del Mare
Via Piave 15 - 21022 Azzate (VA) - Tel. 0332 890470
• Osteria Posta Vecchia
Via Italia Libera 12 - 21045 Gazzada (VA) - Tel. 0332 464484
Elenco esercizi aderenti:
• Art Hotel
Via Bertini, 3 - Viale Aguggiari, 26 - 21100 Varese (VA)
Tel. (+39) 0332 214000 - Fax (+39) 0332 239553
[email protected]
• Villa Cagnola Centro Convegni Ospitalità
Tel. 0332 461304 - 0332 873005 - Fax 0332 870887
[email protected]
• Ristorante con alloggio
Piazza S. Bernardino, 1 - 21045 Gazzada
Tel. (+39) 0332 462454
• Hotel – Ristorante
Via G. Macchi, 61 - 21100 Varese
tel: 0332-310022
in collaborazione con:
38
39
MILL CAR s.r.l.
AUTOVETTURE DI TUTTE LE MARCHE
Via Gallarate, 70 · 20145 Gazzada (VA)
Tel. 0332 870820 · Fax 0332 463445
www.millcar.it
Via I Maggio, 6 - 21020 Buguggiate (Va) – Italy
Tel. +39 0332 809 711 · Fax +39 0332 454 041
www.tecniplast.it
SKF Sealing Solutions – RFT S.P.A.
Via Primo Maggio · 21045 Gazzada Schianno (VA) · Italy
Tel: +39 0332 872302 · Fax: +39 0332 872306
BRUNELLO – VARESE
CRS SINERGIE SRL - AGENZIA DI ASSICURAZIONE
VIALE BORRI 193 - 21100 VARESE
Tel: 0332-812300 - Fax: 0332-812222
GRAPHIC DESIGNER – EDITORE
Via Del Casluncio, 49 · Varese · Tel. 348.41.24.460
www.benzoni.it
PLASTILUX s.r.l.
lavorazione materie plastiche
GALLARATE – GAZZADA
Via C. Battisti, 8 · 21045 Gazzada Schianno (Varese)
Tel. 0332 462254 · Fax 0332 462022 · [email protected]
Balzarini S.n.c.
Marmi – Graniti – Pietre – Edilizia – Arte Funeraria
Via Gallarate, 17 – 21045 Gazzada Schianno (Varese)
Tel. 0332 462462
Salumificio Mentasti
di Mentasti Luigi Emilio
Via Roma, 12 · 21045 Gazzada Schianno (VA)
tel./fax 0332 462424 · cell. 335 6446034 · [email protected]
Osteria Posta vecchia
Via Italia Libera, 12
21045 Gazzada Schianno (Va)
Tel. 0332.464484
Chiuso domenica sera e lunedì
postavecchia.wix.com
Via Vicenza, 20 – 21040 Oggiona S.Stefano
FOR.B.A.R. s.r.l. · Arredo e Forniture per Bar, Alberghi, Ristoranti
Via Cesare Battisti, 42/B · 21045 Gazzada Schianno (VA)
0332 400540 · [email protected]
LABRASSERIE
Wine Bar, Restaurant & Pizzeria
Via Piave, 7 - Gazzada (Varese)
Tel. 0332 462044
PANIFICIO SAVELLI
Via Trieste, 3 · 21020 Buguggiate (VA)
Tel. 348 6903357 · fax 0332 457517
Via Roma, 25 · Tel. 0332 461197
GAZZADA · VARESE
MORO Forniture Industriali
di Biotti Maurizio e C. snc
Via Campo di Maggio, 44
21022 Brunello (VA)
tel. 0332 870129 - 0332 870753
fax 0332 460677
[email protected]
ELECTRO-TECHNIC EQUIPMENTS · AUTOMOTIVE HARNESSES
Via Scerei, 4 · 21020 Casciago (VA)
www.gzelettrotecnica.it
PASTICCERIA · CAFFETTERIA · GELATERIA
Via Piave, 158 · 21022 Azzate (VA)
Tel. 0332 458490 · Fax 0332 890350
www.prolineitalia.com
UNIFARCO S.p.A.
Via Cal Longa, 62
32035 Santa Giustina (BL)
0437.806192
www.ceramol.it
Produzione: Via Mazzini, 51 – Albizzate – Tel. 0331 993679
www.isea.it – [email protected]
GIBAPLAST
LORUSSO
VIA MATTEOTTI, 9 – GAZZADA – VARESE
via Vittorio Veneto 11 Varese tel 0332 830400
[email protected]
Bollate (MI) – Tel (+039) 02.383.024.45/47 – Fax: 02.3830.2790
s.a.s.
LAVORAZIONE MATERIE PLASTICHE
GAZZADA SCHIANNO
CASTRONNO
Fabrizio Di Pietro – Private Banker
Stampi · Stampaggio articoli tecnici
Tel. 0332 462071 · GAZZADA SCHIANNO
P.zza Giovine Italia, 6 – 21100 Varese
Tel. 0332 294211 – Fax 0332 240541– Cell. 348 2665276
e-mail: [email protected]
Via Milano 160 · 21042 Caronno Pertusella (Varese)
Tel. 02/9659031 · Fax 02/9650382
www.difacooper.com
DOMENICO e F.lli s.n.c. ·
IMPRESA EDILE ARTIGIANA
Via Stazione, 3 · 21045 Gazzada Schianno (VA)
Tel. 0332 463569 · Fax 0332 460413
Cucina tradizionale
Enoteca
Gastronomia
Catering
Via Cavour, 75 - Buguggiate (VA)
Tel. 0332.459164 - Fax: 0332.454997
[email protected] - www.bottegadeisapori.biz
…innovators in maintenance!
Via del Lavoro 33 · 21048 Solbiate Arno (VA)
tel.0331-993313 · fax 0331-993337
www.novatio-group.com · [email protected]
Via Mugnai 51 · Morazzone (Varese)
Tel./Fax 0332463254 · cell. 3392508078
www.cascinaronchetto.it
STUDIO MASSOFISIOTERAPICO
Via Varese, 12 – 21045 Gazzada Schianno (VA)
Studio 0332.87.03.30
Alessandro 348.23.056.95 – Claudio 335.58.462.58
Gastronomia Self Service
Lunch Break
Servizio Catering
di Lombardo Salvatore
Progettazione
Prevenzione incendi e sicurezza in azienda e cantiere
Busto Arsizio · Piazza Trento Trieste, 2
Tel. 0331 326196 · Fax 0331 677652 · [email protected]
Battesimi · Comunioni · Cresime ·
Matrimoni · Feste private
Via Caracciolo, 11 · 21100 Varese
tel e fax 0332 225193 · [email protected]
Addobbi floreali curati da:
• COMPUTER • HARDWARE • SOFTWARE • SITI INTERNET
• ASSISTENZA TECNICA • SICUREZZA INFORMATICA
Via Roma, 41/B · 21040 Castronno (VA)
Tel. 0332 892760 · Fax 0332 893569
[email protected] · www.athix.it
46
GAZZADA – Via A. De Gasperi, 3 – Tel. 0332 461155
VARESE – Via Carnia, 133 – Tel. 0332 265888
47
48

Documenti analoghi