Geochelone pardalis pardalis

Commenti

Transcript

Geochelone pardalis pardalis
Geochelone pardalis pardalis
DISTRIBUZIONE
Zone di savana e zone aride, nella parte ovest del Sud Africa e in Namibia.
HABITAT
Geochelone pardalis frequenta zone secche e di savana dal livello del mare sino ad altopiani ad oltre 2500 metri
di altitudine, soggette a lunghi periodi di siccità alternati a stagioni piovose.
DIMENSIONI MASSME
Circa 40-45 cm, anche se spesso raggiunge i 60 cm, con i maschi a raggiungere le dimensioni maggiori.
CARATTERISTICHE COMPORTAMENTALI(abitudini)
Carattere tranquillo, solitamente accetta i conspecifici, ad eccezione dei maschi durante il periodo riproduttivo.
MANTENIMENTO IN CATTIVITA'
Terrario (min 2,5x2 metri di base) con ampie aperture per garantire un ottima circolazione dell’aria. L’umidità
ambientale non dovrebbe superare il 50-55%. Obbligatorio l’utilizzo di lampade a buone emissione di UV, visto
l’habitat di provenienza.. Bisognerà inoltre fornire il terrario di lampade ad incandescenza per il riscaldamento
temperatura di 30-32 gradi nella zona di “basking”, 25-26 gradi nel resto. Come materiale di fondo si possono
utilizzare materiali quali fieno, trucioli depolverati e altri materiali che non trattengano l’umidità. Una bassa
ciotola per l’acqua può essere utilizzata per 2 o 3 giorni la settimana. Allevamento all’aperto solo nei mesi
estivi, in ampi recinti con fondo di terra misto a sabbia per renderlo maggiormente secco. Un recinto di minimo
4x4 metri può essere sufficiente per una coppia, deve essere esposto interamente in zone che ricevano la
maggior esposizione al sole per la maggior parte della giornata. Il recinto deve comprendere un rifugio per le
ore notturne e un basso cespuglio per riparare le testuggini nelle ore più calde. Una parte di esso può essere
lasciata incolta, per consentire alle tartarughe di “pascolare” con le erbe selvatiche. Si lasci a disposizione un
ampio sottovaso, profondo pochi cm, con acqua sempre pulita. In caso di abbassamenti repentini della
temperatura è consigliabile riportare gli esemplari in terrario per evitare malattie da raffreddamento.
ALIMENTAZIONE
La dieta sarà composta per la maggior parte da erbe selvatiche di campo, come il tarassaco o dente di leone,
trifoglio selvatico e addirittura erba di campo. Integrare con lattuga, cicoria, radicchi rossi e verdi, zucchine e
carote grattugiate. Per aumentare il contenuto di fibre aggiungere fieno in pellets per conigli ed erba medica
Evitare frutta e cibi di origine animale. Importante un aggiunta al cibo con calcio e un integratore vitaminico
specifico per rettili vegetariani un paio di volte la settimana.
RIPRODUZIONE
Possibile già ad una taglia di 25-28 cm. Il maschio cercherà di costringere la femmina all’accoppiamento con
colpi della corazza e con morsi alle zampe posteriori e al capo della femmina. Una volta “costretta” la femmina,
il maschio salirà posteriormente sul carapace per l’accoppiamento vero e proprio. Il nido consiste in una buca
profonda in media dai 25 ai 35 cm. Le uova deposte possono essere come minimo una decina, in media 10-15 in
G.pardalis pardalis. Incubazione ad una temperatura di 30-32 gradi. I tempi di schiusa variano molto, in media
100-130 giorni, in alcuni casi oltre i 300 giorni.
LETARGO
Non effettuato, rimane attiva tutto l’anno.
STATUS GIURIDICO
E' compresa nella Convenzione di Washington (C.I.T.E.S.) in Appendice 2 , Allegato B.

Documenti analoghi

Geochelone radiata - Tarta Club Italia

Geochelone radiata - Tarta Club Italia Geochelone radiata è una specie erbivora. La dieta in cattività deve essere composta almeno per l’80% di vegetali come, trifoglio, dente di leone ed altre erbe selvatiche. Sono indicati tutti i tip...

Dettagli

Geochelone Pardalis - Ambulatorio veterinario Alba

Geochelone Pardalis - Ambulatorio veterinario Alba La ciotola dell'acqua va sempre messa a disposizione in modo che gli animali possano bere e fare il bagno. Bisogna accertarsi che l'acqua sia molto bassa, per evitare che la tartaruga anneghi. L'ac...

Dettagli

Geochelone elegans - Tarta Club Italia

Geochelone elegans - Tarta Club Italia Nonostante si adatti bene alla cattività non si tratta di una specie adatta a chi e’ alle prime armi.Le misure minime del ternario per poter allevare una coppia o un trio di un maschio e due femmin...

Dettagli

Geochelone (Chelonoidis) nigra

Geochelone (Chelonoidis) nigra habitat che dell’aspetto di queste testuggini Frequenta sia le zone costiere che l’interno delle isole in cui vive. DIMENSIONI MASSIME Circa 130-150 cm nei maschi, le femmine rimangono più piccole....

Dettagli