Paul Ginsborg Salviamo l`Italia

Commenti

Transcript

Paul Ginsborg Salviamo l`Italia
1861-2011: un bilancio dell’Italia in declino
Paul Ginsborg
Salviamo l’Italia
Un serrato confronto tra le origini e lo stato
attuale del nostro Paese.
Per guardare l’Italia di oggi con gli occhi degli
uomini del Risorgimento.
SAGGISTICA
1
In questo libro confluiscono due immagini speculari di Paul
Ginsborg: quella dell’attento storico di fatti italiani e
quella del vivace polemista.
Uno «strano italiano» che vorrebbe che l’Italia recuperasse
orgoglio, importanza e bellezze.
Perché l’Italia va salvata, anche se appare avviata a un
degrado inesorabile proprio in concomitanza con
l’anniversario dell’Unità del Paese. Ma se vale la pena
salvare l’Italia, chi lo farà? Nel Risorgimento sono stati gli
esuli, i volontari, in gran parte artigiani e giovani borghesi
con in testa una propulsiva
idea di progresso. Ma oggi?
Paul Ginsborg, nato a Londra nel 1945, già professore all'Università di Cambridge, dal 1992
insegna Storia dell’Europa contemporanea nella Facoltà di Lettere di Firenze. È autore di Storia
d'Italia dal dopoguerra a oggi. Società e politica 1943-1988 (Einaudi, Torino 1989), Storia d’Italia
1943-1996. Famiglia, società, Stato (Einaudi, Torino 1998), L’Italia del tempo presente. Famiglia,
società civile, Stato. 1980-1996 (Einaudi, Torino 1998), e Daniele Manin e la rivoluzione veneziana
del 1848-49 (Feltrinelli, Milano 1978 ed Einaudi, Torino 2007). Ha anche curato il volume Stato
dell'Italia (Il Saggiatore, Milano 1994). Nel 2003 ha pubblicato per Einaudi negli «Struzzi»
il saggio Berlusconi, nel 2004 Il tempo di cambiare («ET Saggi», 2005) e nel 2006 La democrazia
che non c'è («Vele»).
VELE • E 10,00 • PP. 100 • 978880620226-2