vincenzo scamozzi - la vecchia padova

Commenti

Transcript

vincenzo scamozzi - la vecchia padova
VINCENZO SCAMOZZI
Scamòzzi, Vincenzo. - Architetto e trattatista (Vicenza 1548 o 1552 - Venezia 1616), tra i maggiori esponenti
dell'architettura veneta. Ricevette una prima educazione dal padre, l'architetto-carpentiere Giandomenico
(1526 circa - 1582), noto soprattutto come assiduo studioso dell'opera teorica di S. Serlio, di cui preparò
anche un compendio pubblicato postumo col decisivo contributo del figlio Vincenzo (1584). Sebbene venga
ricordato essenzialmente come autore di un ambizioso trattato in sei volumi (Dell'idea dell'architettura
universale, iniziato nel 1591 e pubblicato a Venezia nel 1615), S. si impone, tra i teorici del sec. 16º, anche
per aver realizzato un cospicuo numero di architetture.
Contemporaneamente alle sue prime esperienze costruttive (palazzo Godi a Vicenza, 1569, rimaneggiato;
villa Verlato a Villaverla, 1574; villa detta Rocca Pisana a Lonigo, 1576; palazzo Trissino, oggi TrissinoTrento, a Vicenza, 1577-79), S. avviava la sua costante produzione teorica pubblicando il Trattatello sulla
prospettiva (1576) e i Discorsi sopra le antichità di Roma (commento a 40 disegni di B. Pittoni, 1582). I
ripetuti viaggi a Roma (1578-81, 1585-86, 1598, dove ebbe modo di studiare e rilevare le architetture
antiche) e gli stimoli ricevuti dalle opere di A. Palladio, M. Sanmicheli, J. Sansovino, o dai suoi committenti
veneziani (M. Barbaro e Jacopo Contarini), contribuiranno alla configurazione della sua originale architettura
basata su sperimentali accostamenti degli elementi del linguaggio classico, tendenti a una sorta di eclettismo
fondato su principî metodologici scientifico-razionali che attiveranno anche l'interessamento di architetti
anglosassoni, quali I. Jones. Attivo anche a Venezia fin dagli anni Settanta, oltre a varî progetti (due per il
ponte di Rialto) e interventi nel complesso di S. Niccolò dei Tolentini (1590-95), nella chiesa di S. Trovaso
(1609) o in S. Giacomo di Rialto (altare della Scuola degli orefici, 1601-06) costruì, a completamento della
libreria sansoviniana di S. Marco, le Procuratie Nuove (1581-98, fino alla decima arcata, completate da B.
Longhena nel 1663) e il palazzo Contarini a S. Trovaso (1609-16).
Nei primi anni del Seicento viaggiò presso le principali corti d'Europa: fu chiamato a redigere progetti per la
cattedrale e per il palazzo vescovile di Salisburgo (1604-07 e 1611-12). Tra le sue numerose opere, di cui
molte alterate o distrutte, si ricordano inoltre quelle vicentine (completamento della scena del teatro Olimpico
di Palladio, 1584; palazzo Trissino al Corso, odierno municipio, 1592-1616), cui si aggiungono il teatro di
Sabbioneta (1588-90, di cui restano facciata e gradinata con loggia) e varî completamenti o progetti di ville
(villa Girolamo Cornaro a Piombino Dese, 1591-95; villa Duodo e cappella di S. Giorgio a Monselice, 159197; villa Godi a Sarmego, 1597-98; ecc.).

Documenti analoghi

VITA DI ANDREA PALLADIO Andrea Palladio nasce a Padova, il 30

VITA DI ANDREA PALLADIO Andrea Palladio nasce a Padova, il 30 All’epoca della conoscenza con il Trissino risale il cambiamento del nome (Palladio) ma soprattutto l’importantissimo viaggio a Roma, dove Trissino lo accompagnerà nel 1541. A Roma Andrea vedrà tut...

Dettagli

Vincenzo Scamozzi

Vincenzo Scamozzi Villa verla (VI) (1574), costruì a Lonigo (VI) la Villa detta Rocca Pisana (1576) e a Vicenza Palazzo Trissino (1577-79). Ripresa l’attività a Venezia, costruì, continuando la libreria di S. Marco,...

Dettagli