SABATO DOMENICA La ragione di Bin Laden missionario

Commenti

Transcript

SABATO DOMENICA La ragione di Bin Laden missionario
29-30 settembre 2007 in anno 151 post Freud natum
Lettura di:
S. Freud
L’avvenire di un’illusione
OSF 10
La ragione di Bin Laden missionario
Tra le “grandi” dimensioni del mondo e quelle personali, c’è non solo contiguità, ma identità.
Facciamo ora un ampio benché rapido giro in cielo prima di atterrare sulla terra da cui non ci siamo
mai staccati.
La ragione di Bin Laden sta in una formula che ho appena inventato:
I=C–P
dove I sta per Islam, C per Cristianesimo, P per il pensiero proprio a Cristo pensatore (idea
negatissima, dove andremmo a finire?)
Bin Laden ha ragione allorché, Urbi et Orbi come il Papa, invita gli occidentali cominciando dagli
americani a convertirsi in massa all’Islam (lo aveva già fatto Ahmadinejad):
spiritualmente infatti siamo già lì da molto tempo, a un passo dall’Islam, come si dice “fatto trenta
facciamo trentuno”.
In tempi storiograficamente rintracciabili è vero che C è – P:
1. in fondo l’Islam potrebbe integrare almeno il Paradiso dantesco nel corpus letterario e anche
teologico islamico, a condizione di pochi e forse non indispensabili emendamenti;
2. a sua volta Dante era stato anticipato da Anselmo d’Aosta all’inizio del secondo millennio
dell’era cristiana, il primo islamico quasi dichiarato di questa:
il suo celebre “argomento” recita che Dio è ciò di cui non si può pensare nulla di più “grande”,
ossia “Dio è grande” che è l’incipit del Corano, da cui segue tutto del Corano e dell’Islam (e Anselmo
ne fa discendere tutti gli attributi divini e ogni altra cosa del cristianesimo)
3. ma in fondo già il Profeta Mohammed (“Maometto”) aveva constatato C – P, e ciò gli è bastato
per passare all’equazione C – P = I:
l’equazione l’ho scritta io, ma non ne sono geloso e non fatico a prestarla al Profeta, che continuo a
considerare il massimo genio religioso dell’umanità, a partire dal constatare sociologicamente che
almeno nella sua area geografica (Arabia) il Cristianesimo era già diventato C – P.
Cristo invece aveva preso tutt’altra strada:
l’aveva fatta finita con la religione e il sacro, mentre con l’ellenismo l’avevano già fatta finita altri
ebrei prima di lui e lui con loro.
© Opera Omnia di Giacomo B. Contri
THINK! di Giacomo B. Contri
SABATO DOMENICA
In fondo “cristianesimo” dovrebbe significare riscatto (red-enzione) del corpo, cioè tornare nella
libera disponibilità di esso come in uno habeas corpus anteriore, per emendazione del pensiero
debilitato da una presupposta imputazione non giudicata (“peccato originale”):
omnes peccavimus?: chi l’ha detto?, giudicatemi!
Dio stesso ha ritenuto un profitto per lui diventare e restare uomo, è questa l’unica buona notizia o
“Vangelo”.
Dal peccato imputato (non ancora giudicato) risultava un corpo asservito alle condizioni della
causalità naturale (bisogno, patologia medica, medicina, dolori del parto) e sociale (lavoro socialmente
necessario o servo, “sudore”),
e un pensiero assoggettato alla psicopatologia (sintomo, inibizione, angoscia, fissazione,
documentati tra le conseguenze della Caduta), incapace di farsi legge del corpo (habeas corpus).
Anche Freud ha fatto un ampio giro per il cielo, senza “ucci ucci sento odor di cristianucci”, e
senza mai perdere di vista la terra, con la formula (mia):
R=C–P
dove R sta per Religione, di cui l’Islam è solo la principale interpretazione almeno a livello mondiale,
dico “Religione” come Oggetto astratto che ci sovrasta, anche con l’imperativo a pensarne
presuppostamene bene; C sta per corpo; P per il pensiero individuale sotto attacco.
Cristo essendo “asceso”, almeno narrativamente, con il nostro corpo, ciò significa che non si è mai
staccato dalla terra:
possiamo dire “Finalmente un atterraggio!”
Resta da capire che se un uomo fosse veramente guarito, sarebbe invisibile per i nostri ciechi occhi
visionari:
infatti a partire dall’indomani dell’ascensione corporea del sullodato, abbiamo ricominciato tutto da
capo, tornando a ellenizzare tutto, diventando platonici, ricostituendo il Cielo infernale dell’Oggetto
persecutorio.
Devo ora trascurare la forza che ha nell’Islam l’idea di istinto sessuale, natura naturalmente
maschile (tutti sanno ciò che diciamo con Freud, che non c’è istinto sessuale), con Urì come gentili
carrozzerie:
se fossi una donna islamica porterei il burqa anche a Londra, almeno coprirei pudicamente non le
grazie femminili bensì il mortifero predicato “carrozzeria”.
Non è questione di “diritti umani”.
Milano, 29-30 settembre 2007
© Opera Omnia di Giacomo B. Contri